The Systems Thinker. DIALOGIC LEADERSHIP William N. Isaacs. Volume 10 Number 1Feb 1999

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "The Systems Thinker. DIALOGIC LEADERSHIP William N. Isaacs. Volume 10 Number 1Feb 1999"

Transcript

1 TheSystemsThinker Volume10Number1Feb1999 DIALOGIC LEADERSHIP WilliamN.Isaacs Trad.diJacopoNicelli ProofreadingdiLorenzoCampese 2012SocietyforOrganizationalLearning Quandol annoscorso,lasocietàmonsantoel AmericanHomeProducts,hannoannullatolaloro fusione,da34,4miliardidi$,nonèdipesonédaunamancanzadisinergiastrategicaodimercato, né dall intrusione dell ente di regolamentazione. Secondo un articolo del New York Times, l accordoèfallito acausadiunainsormontabilelottadipoteritraiceodelledueaziende (The NewYorkTimes,14Ottobre,1998http://tiny.cc/uzajo). Lefratturenelleinterazioniumaneenellacomunicazione,giocanounruolofondamentalenella vita organizzativa. Nel caso della Monsanto e di American Home Products, gli Amministratori Delegati delle due aziende avevano stili di Leadership molto differenti. Uno trascorreva la sua pausa pranzo giocando a pallacanestro con gli impiegati. L altro si rifiutava di trasferirsi nella nuovasededell aziendae preferiva rimanereincontatto con isuoi piùstretticollaboratori, via mail.piùpassavailtempoepiùidueleaderiniziaronoamettereindiscussioneireciprociscopie decisioni. Per esempio, quando uno dei due CEO propose un candidato per la posizione di Direttore Amministrativo, l altro divulgò una comunicazione secondo cui questa persona non sarebbemairiuscitoaricoprirelaposizione.ognunodeidueavevalasensazionechel altrostesse cercandodicompromettereilsuoruoloelasuaazienda.infine,hannodimostratodinonessere ingradodilavorareinsiemeelafusioneènaufragata.

2 Alcunevolte,anchel efusionidiapparentesuccessomostranorapidamentesegnalididifficoltà.. Ottomesidopolaloroiniziativa,Citigroup,larecentefusionediTravelersGroupeCiticorp,ha licenziatojamesdimon,lapersonachehaagitodamediatoretraleparti,,echecisiaspettava chesarebbestatoilsicuroerededeidueceo.dimongodevadiampiorispetto;lasuadipartita non è dipesa da risultati scadenti bensì, a detta di un manager, da questioni di politica aziendale. I dirigenti che sono stati intervistati in seguito, hanno dichiarato che il tracollo dell affare tra Monsantoel AmericanHomeProducts nonèstatoneimiglioriinteressidegliazionisti echela sorprendenteuscitadiscenadidimon èstatalacosamiglioreperilbusiness. Tuttavia,questi tipididiscorsi,occultanoladescrizionefedelediciòcheèaccaduto.secondolacronaca,inmolte situazioni,ileaderhannoraggiuntolivelliinopportunidiconflittualitàcircauninsiemequestioni sostanziali: controllo estremo ini uno scenario coceo, appartenenza ad executive team di rilievoeiltempismodell integrazionedivariecultureebusiness. Infine,lepersonecoinvolte,non sono riuscite a trovare una modalità efficace per pensare e parlare insieme e per risolvere le questionicomplessechestavanoaffrontando. Seppure nessuno di noi viene abitualmente coinvolto in modo diretto da fusioni miliardarie,, complesseevacillanti,siamoprobabilmenteabituatiasituazionianalogherispettoalledifficoltà nellacomunicazione, allacarenzadifiduciaealmodoincuiquestesituazionicompromettonoin modosostanzialelaperformanceorganizzativa.comepossiamoquindicrearedegliambientiche possonotrasformarequestedifficoltàinsuccessi? Questo articolo analizza come la Leadership Dialogica, un approccio che si è sviluppato dai concettiprincipali nelcampodel dialogo,possaportareallosviluppodicontestichepossono dissiparela aframmentazioneefaremergerelasaggezzacollettiva. IlConcettodiDialogo Nellanuovaeconomiaebasatasullaconoscenzaesulnetworking,lacapacitàdiparlareepensare insieme, è una fonte di vantaggio competitivo e di efficacia organizzativa. Questo è dovuto al fatto che il genere umano crea, perfeziona e condivide conoscenza attraverso il dialogo. In un

3 mondoincuilatecnologiahaportatoall erosionedeitradizionalilivelligerarchicieincuiaziende cheeranoprecedentementeconcorrenti(comeexxonemobil),contemplanodiandareanozze,il l collantechetieneinsiemelecosenonèpiù dire mabensì conversare. Iltermine dialogo originadalgrecoesignificail flussodisignificati.l essenzadeldialogoè nella domanda che fa emergere idee, percezioni e comprensione, che le persone non hanno ancora. Di norma non succede così: normalmente arriviamo preparati adeguatamente ad una conversazione importante. Per molti di noi è un fatto comune, quello di non aver sorprese durantenostreriunioni.tuttavia,questaèl antitesideldialogo.ildialogoesistenelmomentoin cuivengonoesploratelesituazionidiincertezzarispettoallequalinessunohadellerisposte.in questomodo,siiniziaapensareinsiemeenonsemplicementeamanifestaredeivecchipensieri.. Nel dialogo, le persone imparano ad utilizzare le energie della diversità per sviluppare la loro saggezzacollettiva. IlDialogopuòesserecontrappostoa discussione,unaparolal ecuiradicisignificano rottura.. Lediscussioni,sonoconversazioniincuilepersonedifendonoemantengonolelorodifferenze.La speranza è che la lotta di opinioni illumini dei percorsi produttivi per generare azione e comprensione. Nella pratica, tuttavia, la discussione sovente regredisce fino a diventare un dibattito rigido in cui le persone si percepiscono come opinioni da accogliere o rifiutare e non comepartnerdiunarelazioneviventeevitale.questiscambisimanifestanocomeuninsiemedi stradeasensounicoeirisultatifinalisonosoventeciòche lepersonenonauspicavano;discussionipolarizzateincui Gli esseri umani,, creano, le persone trattengono informazioni vitali e precludono perfezionano e condividono opzionicreative. conoscenza, attraverso la Seppurepotrebbeavereunsensoavereundialogochesi conversazione. rifà al nostro repertorio, può sembrare sia illusorio che antiquato. Altempostesso,rimaneilfattocheognisforzo strategico ed organizzativo necessita ad un certo punto, chelepersonesisiedanoeparlinoinsieme.infine,nullapuòsostituireilcontattointerpersonale.. Sfortunatamente,moltideinostridiscorsirinforzanoiproblemichecerchiamodirisolvere.Ciòdi cui c è bisogno, è un nuovo approccio alla conversazione, una modalità che dia la possibilità ai managerdifaremergereitalenticollettivielasaggezzainutilizzata. La LeadershipDialogica èilterminechehoassegnatoaunmododiesprimerelaleadership,, che con assiduità, svela, attraverso la conversazione, il potenziale creativo nascosto in ogni situazione.visono4distinteabilitàasupportodiquestoprocesso:l abilitàdi: 1. Suscitarel opinionesinceradellepersone 2. Ascoltareprofondamente 3. Rispettareedarecredibilitàl egittimaaipuntidivistadeglialtri 4. Ampliarelaprospettivaelaconsapevolezza Inaltreparole,ilLeaderDialogicoèequilibratoestimolaequilibrio,perchériesceadesprimere tuttequattroleabilitàedèingradodiattivarleneglialtri. Questo concetto è ben illustrato da una vecchia storia su Gandhi. Un uomo si recò in visita da Gandhi con suo figlio, lamentandosi che mangiava troppi zuccheri. L uomo chiese consiglio.. Gandhipensòperunmomentoepoirispose, Andateviaetornatetratregiorni. L uomofece come gli venne detto e tornò dopo tre giorni. A questo punto Gandhi disse al ragazzo, Devi smetterladimangiarecosìtantizuccheri. Ilpadredelragazzo,,aquelpuntoeradisorientatoe chiese, Perchéhaavutobisognoditregiorniperdirgliquellacosa? Gandhirispose, Perprima cosadevoessereioasmetteredimangiarezuccheri. Inmodoanalogo,laLeadershipDialogica

4 richiede la condizione di essere un esempio vivente di ciò di cui si parlasignifica, dimostrare questequalitànellavitaquotidiana. QuattrocapacitàdiazionedeiLeaderDialogici LequattroqualitàdelLeaderDialogico,descritteprecedentemente,sonorispecchiateindiverse tipologiediazionicheunapersonapuòintraprendereinqualsiasiconversazione.questeazioni sonostateidentificatedadavidkantor,unnototerapistafamigliare(vedereilfourplayermodel a p.2 ). Kantor suggerisce che alcune persone muovono danno vita ad idee e propongono direzione. Altri seguono concludono ciò che viene detto da altri, aiutano le persone a dare chiarezza ai loro pensieri e forniscono il loro supporto a ciò che sta accadendo. Altri ancora si oppongono contestanoquellochevienedettodaglialtrienemettonoindiscussionelavalidità. E altri curiosano (si comportano da spettatore e osservano) fanno caso a ciò che accade e fornisconolaloroprospettivainmeritoallesituazioni. Osservare i comportamenti delle persone, può dare approfondite informazioni rispetto alla qualitàdellelorointerazioni(relazioni),efornireindicazionisulladirezionedalorointrapresase verso il dialogo o verso la discussione. Per esempio, in un sistema dialogico, una persona può assumere qualsiasi dei quattro ruoli in ogni momento. Seppure le persone hanno dei ruoli preferiti,ogniindividuoèingradodimuovereedareinizio,seguireecompletarelecose,opporsi eosservareefornireprospettive.nessunruoloèmeglioopeggiodeglialtri.sonotuttinecessari pergarantireilbuonfunzionamentodelsistema.mentrelepersoneprendonoattodiquestivari ruoliepossonoagirepartendodalfattodiriconoscerli,inizianoacreareunaseriediinterazioni cheagisconoperportarelaconversazioneversounequilibrio. Inunsistemachesiallontanadallostatodiequilibrio,ècomunechelepersonesianointrappolate in una delle quattro posizioni. Per esempio, alcuni sono intrappolati nel ruolo di muovere; esprimonoun ideaeprimachesiastata,metabolizzataoagita,propongonoun altraideaepoi un altra ancora, rendendo difficile agli interlocutori, concentrarsi e comprendere le priorità. Tuttavia, le forme più significative di relazioni non dialogiche, sono le interazioni ritualizzate e ripetitiveincuisiritrovanoabitualmentelepersone,checosìfannoinmododiescludereunaopiù posizioni. NelcasodellafusionedellaMonsanto,adesempio,idueCEOsiritrovaronointrappolatiinuna dinamicaincui,unodavavitaadunaazioneel altrosiopponevaelaneutralizzava,facendosìche il primo mettesse in campo una azione di contrasto con ancora maggior vigore. In seguito, il conflittosiintensificòalpuntochel accordofucompromesso. Unaintensasequenzacombinatamuovereopporre,agita,comeinquestocaso,dapartedeidue attoridielevatoprofilo,impedisceallealtrepersonecoinvolte,dimettereinattoipropriruolidi curiosare e seguire. Le persone che svolgono il ruolo di curiosare, che sono in grado di rendersicontodelleinterazioniinefficaci,spessodivengono disabilitati,pensandochenessuno abbiainteressenellorocontributo,utileadidentificareciòchestaaccadendo.quindi,vieneperso illorobagagliodiconoscenze.altempostesso,lepersonecheavrebberoinclinazioneadagireil ruolodiseguireunaol altrapersona,peraiutarliadarecompletezzaaciòchevienedetto,sene stannoindisparte,perlapauradiesserecolpitidalfuocoincrociato.ilrisultatofinale,èchela relazionerimanesquilibrata. Lanaturaelaqualitàdeidiversiruolipuòspessocausaredeiproblemi.Peresempio,chisvolge preferibilmente il ruolo di opposizione, viene visto dagli altri come piantagrane, perché gli oppositori, mettono in discussione la saggezza diffusa, mentre gli altri vorrebbero che ci fosse accordo.perquestomotivo,sovente,lealtrepersoneliescludono.ilfattodinonriconoscereil valore delle prospettive di chi si oppone, fa sì che le altre persone coinvolte, alzino la voce e alcunevolte,aumentinoiltonocriticodeilorocommenti.inquesticasi,lepersonepercepiscono

5 lacritica,manonloscoposottostante,cheèquasisemprequellodichiarire,correggere,portare equilibrioointegritàallasituazione. Il leader dialogico, cercherà spesso modalità per ristabilire l equilibrio nelle interazioni delle persone.peresempio,potrebberafforzarelepersonechesioppongonosesonotroppodebolio stimolare le persone che osservano se gli altri, non condividono le loro informazioni. Facendo spazio, in modo genuino, per coloro che vogliono accettare la sfida, fa sì che le altre persone,, attenuinoillorotonodivocestridenteedamaggioripossibilitàachideveascoltarlidisentireciò chedicono.rafforzandoestandoalfiancodellepersonechehannoinformazionidelicateevitali, glioffrelapossibilitàdirivelarle.qui,lasempliceregolaè:prestareattenzionealleazioni(ruoli) ) mancantiefornirleinprimapersonaoincoraggiarealtriafarlo. BilanciareL AdvocacyeL Inquiry Unadimensionefondamentaleneldialogo,èl emergerediunprecisoequilibriotraleposizioni che le persone patrocinano (Advocatesupportano) e la loro volontà di effettuare una ricerca (Inquire)deipuntidi vistapropriedeglialtri.iprofessorichrisargyrisedonschönhannoper primipropostoiconcettidi Advocacy einquiry perfavorireleconversazionichepromuovono l apprendimento (una spiegazione più approfondita è presente nel loro libro Organizational Learning, AddisonWesley, 1978). Nella maggior parte delle situazioni, è l Advocacy a farla da padrone:le epersonesonoformate(modellate)adesprimereilloropuntodivistaconla amaggiore tempestività possibile. Come a volte viene detto, le persone non ascoltano, si ricaricano. r Attribuisconosignificatiedascrivonomotivazioni,senzanemmenosvolgereunaricerca(Inquiry) ) rispettoaciòcheglialtriintendevanoovolevanodire.questo,èciòcheèchiaramenteavvenuto,, nella situazione della fusione descritta precedentemente. Una azione di Advocacy bellicosa reprimel Inquiryel apprendimento. IlFourPlayermodelattribuisceulterioresignificatoallerelazionechesiinstauratraAdvocacye Inquiry (vedere Bilanciare l Advocacy e l Inquiry ). Per agire in modo adeguato l azione di Advocacy, è necessario muovere ed opporsi in modo corretto. Per attuare l Inquiry, bisogna seguire e osservare. Al tempo stesso, l assenza di qualsiasi dei quattro elementi compromette l interazione. Per esempio, qualcuno che si oppone, ma omette di dire ciò che pensa (cioè, muove),saràmenoefficacenellasuaazionediadvocacy.inmodoanalogo,chisegueciòchegli altri dicono ( dimmi di più ) enon offrono mai la loro prospettiva, possono acquisire maggiori informazionimaaltempostessononapprofondir Inquiry.Quindil immaginedelmodello

6 Equilibrare Advocacy e Inquiry mette in risalto un altro modo per analizzare gli accadimenti all internodiunaconversazioneefornireilnecessarioequilibrio. QuattroazioniperlaLeadershipDialogica L azione equilibrata, nel senso qui descritto, è una necessaria precondizione per il dialogo.. Tuttavia,nonèsufficiente.Ildialogoèunoscambioqualitativamentedifferente.ILeaderDialogici hannol orecchiofinoperquestadifferenzainterminiqualitativiesonocontinuamenteallaricerca digenerarlainlorostessieneglialtri.horilevatochevisonoquattrodistinteazionichehannoil potenzialedisvilupparelaqualitàdellaconversazione..questequattroazionicorrispondoinmodo efficaceallequattroposizionidescritteprecedentemente. Adesempio,èpossibilemuovereconmodalitàdifferenti:dicendolaveritàedincoraggiandole altre persone a fare lo stesso, o imponendo il proprio punto di vista nei confronti degli altri. È possibileopporsiconlaconvinzionedisapernepiùdichiunquealtro,oassumereunaposizione umile e rispettosa, attraverso la quale si prende coscienza del fatto che i propri colleghi posseggonounasaggezzadicuinonsièpienamentealcorrente.inmodoanalogo,èpossibile seguire, ascoltando in modo selettivo, attribuendo la propria interpretazione di ciò che l interlocutorestadicendo.inalternativa,sipuòascoltareinmodocompassionevole,basandola propriacomprensionediciòchevienedettosulleesperienzeosservabilidirettamente.infine,è possibileosservareapartiredall ideachesolovoiavetelapossibilitàdivederecomestannole coseo,inalternativa,,sospenderelepropriecertezze,accettandocheglialtripossonoavereuna prospettivarispettoallaqualesietemiopi.perpoterfaredellescelteconsapevoliecomportarcidi conseguenza, è necessario diventare consapevoli delle proprie intenzioni e dell impatto delle nostreazionineiconfrontideglialtri. Qui,visono4comportamentisuggeriti:direciòchesipensaveramenteedincoraggiareglialtria comportarsinellostessomodo;ascoltaredapartecipante;rispettarelacoerenzadeipuntidivista deglialtrieposporrelepropriecertezze.ognicomportamentorichiedeunosviluppoeunacura intenzionale(vedere LequattroazioniperleLeadershipDialogica ).

7 Direcente,duranteuncorsochestavofacilitando,unmanagermihadetto, Sa,misonosempre allenatoaparlare.tuttavianonmisonomaipreparatoadascoltare. Questoèdovutoalfattoche diamo per scontato l ascolto, seppure sia molto difficile farlo in modo adeguato. Seguire adeguatamente,richiedelanecessitàdisvilupparecapacitàdiascolto,piuttostocheattribuirein modo semplicistico un significato alle parole di altri. Seguire in modo profondo, significa compenetrarsiconqualcunoalpuntodiparteciparepienamentenellacomprensionedicomegli altricomprendono.tuttociòchecirimanequandononascoltiamo,èlanostrainterpretazione. Dialtrettantaimportanza,èlacapacitàdiascoltareinsieme.Ascoltareinsieme,significaimparare adesserepartediuninsiememaggiore;lavoceeilsignificato,chenonemergonosolodame,ma datuttinoi.sovente,ildialogohalacaratteristicadiessereunamanifestazionecondivisa,incuiil parlareinsieme,fasìchelepersonesirendonocontochestavanopensandoallastessacosa.sono colpiti,quandoinizianoasentireipropripensieriemergeredallaboccadeglialtri.spessononè necessario prendere delle decisioni, il successivo passo adeguato (corretto/funzionale/migliore) diventaovviopertutti.questogenerediflusso,seppureraro,divienepossibilequandoallentiamo la presa, rispetto a ciò a cui pensiamo, e ascoltiamo quello che gli altri potrebbero pensare. In questesituazioni,iniziamononsoloaseguircireciprocamente,manotiamoancheilflussodella comparsadisignificatoinseperse. Il rispetto, è l azione che modifica la qualità della nostra opposizione. Come dice Humberto Maturana, il rispetto significa vedere le persone come altri significativi. Una atmosfera di rispetto incoraggia le persone a cercare il significato di ciò che gli altri dicono e pensano. Rispettaresignificaascoltarelacoerenzadeiloropuntidivistaanchesetroviamoinaccettabileciò chedicono. Peter Garrett, un mio collega, negli ultimi quattro anni, ha avuto sessioni di dialogo, nei penitenziari di massima sicurezza in Inghilterra. Settimanalmente, Peter, ha a che fare, con i peggioriepiùviolenticriminalidelpaese.insieme,hannoottenutodeirisultatiragguardevoli.ad esempio,iprigionierisirifiutanodipartecipareaqualsiasialtrasessionemanonseneperdono una sul dialogo. I colpevoli, che iniziano gli incontri, parlando in modo incomprensibile, e che convivono con delle profonde ferite emotive, progressivamente imparano ad esprimere i loro pensierieadascoltare.peter,haunastraordinariaabilitànelrispettarelepersone,chefasìche rafforzierassicurilagenuinitàaltrui.questasuamodalità,gliconsentedimettereallaprovae opporsiaciòcheidetenutidiconosenzaprovocareinloroalcunareazioneviolenta.glihochiesto dicondividerel apprendimentoprincipalechehatrattodalsuolavoro.mihadettoche L Inquiry elaviolenzanonpossonocoesistere. Ilverorispettofacilital Inquiryallostatopuro. Quandoascoltiamoqualcunocheparla,citroviamodifronteadunadecisionecritica(dilemma). Daunlato,possiamoopporcialpuntodivistadelnostrointerlocutore.Possiamoprovareafarein modochel altrapersonacomprendaedaccettiil giusto mododivederelecose.andiamoalla ricercadielementiinconfutabilichedannosostegnoallanostraidea,rispettoalfattocheglialtri sisbaglianoedattenuiamol evidenzachepotrebbefarrisaltareinostridifettidilogica.questo comportamento genera ciò che un giornalista del New York Times ha chiamato monologhi seriali invecedeldialogo. Dall altro lato possiamo imparare ad interrompere la nostra opinione e le certezze che la sostengono.sospenderesignificache,nesopprimiamociòchepensiamo,neglidiamoappoggio (advocate)conconvinzioneunilaterale.piuttosto,esponiamoilnostropensieroinmodochadiaa noieaglialtrilapossibilitàdivederloecomprenderlo.semplicemente,prendiamocoscienzadei nostripensierieliosserviamomentreemergono,senzasentirelanecessitàpressantediagirein

8 conseguenzaadessi..questomododiaffrontareinostripensierihailpotenzialediliberareuna sostanziale quantità di energia creativa. Sospendere significa quindi osservare con consapevolezza, che ci da la possibilità di osservare ciò che sta accadendo con maggiore oggettività. Adesempio,inunasessionedidialogocondeimetalmeccaniciedeidirigenti,unrappresentante sindacalehadetto dobbiamometterefineaquestaparolasindacale.quandolasentitevoidite Mmmm. Quandolasentiamonoidiciamo Ahh. Perchésuccedecosì?Questaaffermazione,ha sollecitato un livello di riflessione mai riscontrato precedentemente tra i manager e i rappresentantisindacali.nellanostraricerca,sievidenziailfattochelasospensioneèunadelle moltepliciazionichesonoessenzialiperfavorireildialogo. Infine, esprimere i nostri pensieri, è forse uno degli aspetti maggiormente sfidanti della Leadership Dialogica. Il poeta David White, nel suo libro The Heart Aroused parla di ComunicazioneCoraggiosa checi hasempremessoinsoggezione. Questoaccade, dicelui,in quantomanifestainmodoevidentelanostravitainteriore.parlareapertamenteimplicailfattodi svelare ciò che è vero per ognuno di noi,, al di là di qualsiasi influenza esterna che potrebbe condizionarci. Nel dicembre del 1997, attorno ad un tavolo affollato nel palazzo presidenziale in Tatarstan,, Russia, un gruppo di ufficiali anziani, Russi e Ceceni, e i loroospiti,o stavano cenando insieme.. Durantelagiornata,vieranostateparecchietensioninelterritorio.LaCeceniaavevadirecente dichiarato la loro indipendenza anche attraverso attacchi di guerriglierig e azioni terroristico militaricontroirussi.iceceniavevanoscioccatoilmondoforzandol esercitorussoalritiroead acconsentire alle loro richieste di riconoscere alla Cecenia lo statuss di indipendenza. I Ceceni nutrivanomoltadiffidenzaversogliaccademicieipoliticioccidentali,chesieranoriunitiinsieme inquellasala;icecenitemevanochetuttociòfosseilrisultatodeltentativorussodifarderagliare leintenzionidiindipendenzacecene.dalcantoloro,i Russi,temevanodiaggiungerelegittimitàa ciòcheconsideravanogiàessereunasituazionecomplicataeproblematica. E comunque, nonostante tutti questi sospetti, dopo un paio d ore le persone iniziarono a rilassarsi. Al primo ILeaderDialogici brindisi della serata, il negoziatore/facilitatore sviluppanol ascolto,il dell incontro, si alzò in piedi e disse, Fino a un paio di rispetto,lasospensionee giorni fa, ero con mia madre nel Nuovo Messico, negli l espressione Stati Uniti. Sta morendo di cancro. Ho dibattuto con lei circa l opportunità di venire qui e partecipare a questo incontro.ma,quandolehodetto,chevenivoquiafacilitareildialogotratuttivoi,inquestoluogo importantedelleterra,mihaordinatodivenirequi.nonc èstataalcunadiscussione.equindi,, eccomiqui.alzoquestocalicein onoredituttelemadri. Seguìun lungomomentodisilenzio nellasala. Èdurantemomenticoraggiosicomequestochevienesentitalavoceautenticadiciascuno.Tali manifestazionidionestàeveritàpossonofareinmododifarciuscire(trascendere)danoistessi.. Ci mostrano un orizzonte più ampio e danno prospettiva alle cose. Momenti come questi, ci rammentano della nostra resilienza e ci spingono ad impegnarci maggiormente nel superare qualsiasi difficoltà stiamo affrontando. Quando ci muoviamo esprimendo la nostra parte più autentica,diamounnuovoordineallecose,,sviluppiamonuovepossibilitàecreiamo.

9 Modificarelaqualitàdell azione I Leader Dialogici sviluppano questi quattro aspetti ascoltare, rispettare, sospendere ed esprimere consestessieduranteleconversazionichehannoconglialtri.cosìfacendo,elevano la qualità dell interazione in modi significativi e al tempo stesso modificano i risultati che le personeottengono.ometteredicomportarsiconquestaprospettiva,limitalanostravisualeeci rendemiopiallealternativechepotrebberoessereutiliatutti. Peresempio,delcasodellafusionedellaMonsanto,nonsembrachegliADsisianocomportati rispettandolacoerenzadeipuntidivistareciproci.ognunohatrovatolaposizionedell altrovia via sempre meno accettabile. Seppure non ne siamo completamente certi, sembra che i due contendentinonabbianoriflettutosulleprospettivediversedalleproprie,pregiudicandoquindila possibilità di ampliare le alternative. In questo caso, il paradosso è che sospendendo il proprio punto di vista e lasciando spazio al fatto che la prospettiva dell altra persona possa avere una validità, potrebbe aprire delle porte che diversamente rimarrebbero chiuse. Bloccandosi in un insieme rigido di azioni, i due leader hanno escluso la possibilità di intraprendere un approccio qualitativamentedifferente quellocheavrebberoaltresìpotutoagireseavesseroapplicatole quattroazionidialogichedescritteprecedentemente. LaLeadershipDialogicaconcentralapropria attenzione suduelivellicontemporaneamente:la natura delle azioni che le persone intraprendono durante una interazione e la qualità delle interazioni.ilmodellodikantorèunsupportopoderosonelfavorireladiagnosidell assenzadi equilibrio nell azione in qualsiasi conversazione. Osservando quale prospettiva del modello è mancante, è possibile iniziare a riflettere sulle motivazioni di questo stato delle cose e quindi acquisirerilevantiinformazionisullemotivazioniriguardolasituazionenelsuocomplesso. La Leadership Dialogica può manifestarsi ovunque, a qualsiasi livello organizzativo. Mentre le persone applicano i principi descritti precedentemente, imparano a pensare insieme, aumentando quindi le probabilità di creare quelle relazioni estese necessarie per sviluppare il successonellanuovaeconomia. WilliamN.IsaacsèilpresidentediDia Logos,unasocietàdiconsulenzaconsedeaCambridge,Massachusetts,e professoreall MITSloanSchoolofManagement.Questoarticoloètrattodalsuonuovolibro,Dialogueandthethe ArtofThinkingToghether,pubblicatonelmaggiodel1999daDoubleday.

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 6 formatori dei CFP di cui 47 del CIOFS FP e 6 del CNOS - FAP Dall analisi dei dati emerge che l 8 % dei formatori conosce abbastanza

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

una forza creativa si fonda anche sulla capacit di condividere valori e traguardi.

una forza creativa si fonda anche sulla capacit di condividere valori e traguardi. la forza di un idea una forza creativa si fonda anche sulla capacit di condividere valori e traguardi. una forza creativa Comer Group, da gruppo di aziende operanti nel settore della trasmissione di potenza,

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Rapporto di indagine con interviste ai volontari delle associazioni partecipanti a Riguardiamoci il Cuore 2011

Rapporto di indagine con interviste ai volontari delle associazioni partecipanti a Riguardiamoci il Cuore 2011 Rapporto di indagine con interviste ai volontari delle associazioni partecipanti a Riguardiamoci il Cuore 2011 Presentazione Si presenta l indagine qualitativa, effettuata con interviste, nel mese di luglio

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE Progetto di formazione Questo progetto si articola in due diversi interventi: - un corso/laboratorio per

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

NOI CON GLI ALTRI CAMERUN

NOI CON GLI ALTRI CAMERUN NOI CON GLI ALTRI CAMERUN Solidarietà e cooperazione come valori fondanti per le nuove generazioni Promosso da: Fondazione Un cuore si scioglie onlus, in collaborazione con la Regione Toscana e Mèta cooperativa

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale Che cos è lo sport? Lo sport viene definito come l'insieme delle attività, individuali

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

La salute vien mangiando

La salute vien mangiando La salute vien mangiando Progetto di Arricchimento dell Offerta Formativa Curricolo Verticale di Scienze Classi II A II B Scuola Primaria L. Illuminati a. s. 2013/2014 Insegnanti Leopardi Anna F., Moffa

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

LA COMUNICAZIONE E GLI ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE

LA COMUNICAZIONE E GLI ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE LA COMUNICAZIONE E GLI ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE UMANA Proprietà semplici della comunicazione Un essere umano è coinvolto fin dall inizio della sua esistenza in un complesso

Dettagli

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA Dr.ssa Anita Casadei Ph.D L istanza psichica del Sé è il cardine centrale della teoria di Kohut, u Quale totalità psichica che si sviluppa e si consolida

Dettagli

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Fondamenti teorici Vygotskji Zona di Sviluppo Prossimale Feuerstein VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Esperienza di Apprendimento Mediato

Dettagli

Dalla Mente Alle Relazioni la Sfida Emergente

Dalla Mente Alle Relazioni la Sfida Emergente Dalla Mente Alle Relazioni la Sfida Emergente LA SFIDA EDUCATIVA Kenneth J. Gergen La mia proposta è che la principale sfida del sistema educativo del nostro secolo sia quella di sostituire la tradizionale

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

E. Bisetto e D. Bordignon per

E. Bisetto e D. Bordignon per Personal Branding pensare, creare e gestire un brand a cura di E. Bisetto e D. Bordignon per Cosa significa Personal Branding Come si fa Personal Branding Come coniugare Brand Personale e Brand Aziendale

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

La teoria storico culturale di Vygotskij

La teoria storico culturale di Vygotskij La teoria storico culturale di Vygotskij IN ACCORDO CON LA TEORIA MARXISTA VEDEVA LA NATURA UMANA COME UN PRODOTTO SOCIOCULTURALE. SAGGEZZA ACCUMULATA DALLE GENERAZIONI Mappa Notizie bibliografiche Concetto

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

SICUREZZA NELL EMERGENZA

SICUREZZA NELL EMERGENZA SICUREZZA NELL EMERGENZA Come le emozioni intralciano la ragione e influenzano la capacità di mettere in atto quanto appreso Dott.ssa Elena Padovan Centro congressi alla Stanga Padova, 14 ottobre 2011

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 COMUNICATO STAMPA La Regione che vogliamo: la CIDA organizza il confronto con i candidati alla Presidenza della regione Toscana 29 Aprile

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac 2 Titolo: Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Autrice: Marie Sexton, www.mariesexton.net Traduzione: Amneris

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

COSA FARE SE SI È VITTIMA DI STALKING? Strategie d azione

COSA FARE SE SI È VITTIMA DI STALKING? Strategie d azione COSA FARE SE SI È VITTIMA DI STALKING? Strategie d azione Non esiste un'unica soluzione che vada bene per ogni situazione di molestie assillanti. Le strategie d azione rivelatesi efficaci nel contrastare

Dettagli

Organizzazione, efficienza e gestione del personale nello studio professionale Comunicazione, leadership, motivazione, delega, riunioni

Organizzazione, efficienza e gestione del personale nello studio professionale Comunicazione, leadership, motivazione, delega, riunioni VideoFisco - VideoLavoro ottobre 2014 Organizzazione, efficienza e gestione del personale nello studio professionale Comunicazione, leadership, motivazione, delega, riunioni a cura di Eros Tugnoli 1 COMUNICAZIONE

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

1. Qual è l'idea e il progetto che si intende realizzare (il servizio o l'attività e le sue caratteristiche)?

1. Qual è l'idea e il progetto che si intende realizzare (il servizio o l'attività e le sue caratteristiche)? Il Progetto Caratteristiche del progetto 1. Qual è l'idea e il progetto che si intende realizzare (il servizio o l'attività e le sue caratteristiche)? L idea è di creare un centro giovani in Parrocchia

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Signor Vasiliev, quando ha imparato l arte marziale russa chiamata Systema?

Signor Vasiliev, quando ha imparato l arte marziale russa chiamata Systema? Il modo in cui l acqua scorre Intervista con Vladimir Vasiliev Articolo di Mark Hemels tratto da Meibukan Magazine n. 3 - Settembre 2004 Traduzione: Paolo Verrone Vladimir Vasiliev è direttore e capo istruttore

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli

Uno per tutti, tutti per uno.

Uno per tutti, tutti per uno. Uno per tutti, tutti per uno. Bologna, 09/02/2015 Dainese Roberto Educare attraverso il Cooperative Learning: stile attributivo e competenze metacognitive Chiara Trubini Marina Pinelli Psicologia - Università

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona?

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Nel Western Australia, la legge permette di redigere una dichiarazione anticipata di trattamento per stabilire quali cure si vogliono

Dettagli

Francesca CAPRA Teresina MAFFIOLETTI BAIMA

Francesca CAPRA Teresina MAFFIOLETTI BAIMA I.C. CORIO SCUOLA PRIMARIA C.A.Anglesio di ROCCA CANAVESE Progetto di lettura Francesca CAPRA Teresina MAFFIOLETTI BAIMA CLASSE SECONDA PERCHè UN PROGETTO DI SPERI MENTAZI ONE Gruppo di lavoro I.N. CURRICOLO

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli