Capitolato speciale d appalto SERVIZIO DI FACCHINAGGIO, TRASLOCO E TRASPORTO COSE PER LE NECESSITA DEI DIVERSI SERVIZI COMUNALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolato speciale d appalto SERVIZIO DI FACCHINAGGIO, TRASLOCO E TRASPORTO COSE PER LE NECESSITA DEI DIVERSI SERVIZI COMUNALI"

Transcript

1 Capitolato speciale d appalto SERVIZIO DI FACCHINAGGIO, TRASLOCO E TRASPORTO COSE PER LE NECESSITA DEI DIVERSI SERVIZI COMUNALI Periodo 1/7/ /06/2017 1

2 INDICE ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO ART. 2 DURATA E IMPORTO PRESUNTO DELL APPALTO ART. 3 OBBLIGATORIETA DELL OFFERTA ART. 4 AGGIUDICAZIONE ART. 5 ELEMENTI DI VALUTAZIONE E PONDERAZIONE ATTRIBUITA ART. 6 OFFERTE ANORMALMENTE BASSE ART. 7 ADEGUAMENTO DEL CORRISPETTIVO ART. 8 GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 9 SUBAPPALTO ART. 10 DIRETTORE DELL ESECUZIONE DEL CONTRATTO ART. 11 AVVIO DELL ESECUZIONE DEL CONTRATTO ART. 12 DIVIETO DI MODIFICHE INTRODOTTE DALL ESECUTORE ART. 13 VARIANTI INTRODOTTE DALLA STAZIONE APPALTANTE ART. 14 VARIAZIONI ENTRO IL 40% ART. 15 LA SOSPENSIONE DELL ESECUZIONE DEL CONTRATTO. IL VERBALE DI SOSPENSIONE ART. 16 VERIFICA DI CONFORMITA ART. 17 TERMINI PER AVVIARE LA VERIFICA DI CONFORMITA E SOGGETTI COMPETENTI AD EFFETUARLA ART. 18 LA VERIFICA DI CONFORMITA : IL PROCESSO VERBALE ART. 19 ONERI RELATIVI ALLE OPERAZIONI DI VERIFICA DI CONFORMITA ART. 20 VALUTAZIONI DEL SOGGETTO CHE PROCEDE ALLA VERIFICA DI CONFORMITA ART. 21 EMISSIONE DEL CERTIFICATO DI VERIFICA DI CONFORMITA ED IRREGOLARITA ART. 22 CONTESTAZIONI CHE L ESECUTORE PUO INSERIRE NEL CERTIFICATO DI VERIFICA DI CONFORMITA ART. 23 OBBLIGHI ED ONERI GENERALI E SPECIALI A CARICO DELLA DITTA APPALTATRICE ART. 24 STIPULAZIONE DEL CONTRATTO E RELATIVE SPESE ART. 25 OBBLIGHI VERSO I DIPENDENTI ART. 26 OBBLIGHI DEL PERSONALE ADDETTO AL SERVIZIO ART. 27 MODALITÀ DEI PAGAMENTI ART. 28 CAUZIONE ART. 29 PENALITÀ ART. 30 ART. 31 RISOLUZIONE DEL CONTRATTO CONTROVERSIE CONDIZIONI PARTICOLARI 2

3 ARTICOLO 1 OGGETTO DELL APPALTO Oggetto del presente appalto è l affidamento del servizio di facchinaggio e di trasloco e relativa sistemazione di arredi, attrezzature varie e movimentazioni logistiche specializzate (es. trasporto opere d arte) per gli uffici comunali e giudiziari e le scuole del territorio cittadino, con eventuale trasferimento alle discariche autorizzate di beni mobili e materiali fuori uso e di rifiuti derivanti dall attività sopra indicate. E inoltre oggetto del presente appalto il servizio di trasporto e posa in opera di materiale ed attrezzature per le manifestazioni (palchi, pedane, tavoli, ecc.). ARTICOLO 2 DURATA E IMPORTO PRESUNTO DELL APPALTO Il contratto avrà durata di anni due, con decorrenza presunta dal 1 luglio 2015 e scadenza il 30 giug no 2017 senza necessità di disdetta delle parti. Entro due mesi della scadenza del contratto, l Amministrazione Comunale accerterà la sussistenza di ragioni di convenienza e di pubblico interesse per il rinnovo del contratto medesimo per un periodo di due anni e, ove verificata detta convenienza, comunicherà al contraente la volontà di procedere al rinnovo. Se allo scadere del termine naturale previsto dal contratto, per ragioni impreviste sopravvenute e comunque non derivanti da inerzia della stazione appaltante, la stessa non avesse ancora aggiudicato il servizio per il periodo successivo, l Impresa sarà obbligata a continuarlo per un periodo non superiore a mesi sei, alle stesse condizioni contrattuali e operative vigenti alla data di scadenza. L importo complessivo presunto relativo al periodo / è pari ad ,00= al netto dell IVA. Gli oneri di sicurezza (scaturenti dal DUVRI) non soggetti a ribasso ammontano ad 34,50= al netto dell IVA. ARTICOLO 3 OBBLIGATORIETA DELL OFFERTA L offerta dovrà avere validità di almeno 180 giorni successivi alla data di scadenza del termine per la presentazione e avrà valore di proposta contrattuale irrevocabile ai sensi dell art del Codice Civile. Mentre con la presentazione dell offerta la ditta è immediatamente obbligata nei confronti del Comune, per il Comune il rapporto obbligatorio nascerà solo dopo il provvedimento di aggiudicazione definitiva e la stipulazione del contratto. Il Comune si riserva, comunque, la facoltà, a suo insindacabile giudizio, di procedere o meno all aggiudicazione. ARTICOLO 4 AGGIUDICAZIONE Il servizio di facchinaggio sarà aggiudicato mediante procedura aperta, ai sensi dell art. 55 del D. Lgs. 163/2006, applicando quale criterio per la valutazione delle offerte quello dell offerta economicamente più vantaggiosa, ai sensi dell art. 83, co. 1, D.L gs. 163/2006, teso a garantire il miglior rapporto tra 3

4 qualità e prezzo. Sarà ritenuto aggiudicatario il soggetto la cui offerta avrà ottenuto il punteggio più alto, risultante dalla somma dei punteggi attribuiti ai seguenti elementi: 1) progetto tecnico: massimo punti 60 2) prezzo: massimo punti 40 Il progetto tecnico verrà giudicato in base agli elementi di valutazione indicati nella tabella di seguito riportata (per la descrizione dei quali si rinvia all articolo successivo). La tabella riporta anche il punteggio massimo attribuibile per ciascun criterio e sub-criterio. Nr criterio 1 Nr sub criterio Descrizione Valore sub criterio Valore criterio Sistema organizzativo per lo svolgimento del servizio Modalità operative e progetto di gestione del servizio, suddivise per tipologia di intervento 15 (trasloco arredi di un ufficio, gestione manifestazioni/eventi, allestimento seggio elettorale 1.2 Modalità e periodicità del controllo e della verifica della qualità dei servizi erogati ed evidenziazione dei relativi indicatori 1.3 Strategie aggiuntive atte a garantire la continuità degli operatori assegnati e l immediatezza e l adeguatezza delle sostituzioni 1.4 Organizzazione operativa del progetto per la gestione degli interventi non previsti, sia nei giorni feriali che in quelli festivi 1.5 Formazione professionale degli operatori Requisiti ambientali Utilizzo di imballaggi costituiti da materiale 5 riciclato 2.2 Proposte per la riduzione degli imballaggi in termini di qualità, peso e volume Utilizzo di mezzi di trasporto a basso impatto 2 ambientale TOTALE 60 Ai sensi dell art.83, co.5, D.Lgs.163/2006 e s.m.i., l individuazione dell offerta economicamente più vantaggiosa e la determinazione della graduatoria delle offerte saranno effettuate attraverso l individuazione di un unico parametro numerico finale, dato dalla somma dei punteggi attribuiti per i singoli elementi di valutazione determinati con le modalità di seguito indicate. 4

5 a) Assegnazione di un coefficiente variabile tra 0 ed 1, attribuito discrezionalmente dai singoli commissari sulla base dei criteri motivazionali specificati per ogni singolo elemento al successivo art. 5 e sulla scorta della seguente scala di giudizi: Criterio motivazionale Valutazione discrezionale Coefficiente Nulla 0 Individuato per ogni singolo elemento Estremamente insufficiente 0,1 Gravemente insufficiente 0,2 Scarso 0,3 Insufficiente 0,4 Sufficiente 0,5 Più che sufficiente 0,6 Discreto 0,7 Buono 0,8 Molto buono 0,9 Ottimo 1 b) Successivamente si procederà a calcolare la media dei coefficienti che ogni commissario ha attribuito alle proposte dei concorrenti su ciascun sub-criterio; c) Verrà attribuito il coefficiente uno al valore medio massimo e proporzionati linearmente a tale media massima gli altri valori medi. d) Una volta così stabiliti i coefficienti definitivi per i sub-criteri, gli stessi verranno moltiplicati per i valori dei sub-criteri, per ottenere i sub-punteggi. Di seguito si procederà per ciascun criterio, alla somma dei punteggi così attribuiti ai relativi singoli sub-criteri. Il risultato di tale somma costituisce il punteggio attribuito a ciascun criterio. e) Da ultimo, si procederà alla somma dei punteggi attribuiti a ciascun criterio. Il risultato di tale somma costituisce il Punteggio tecnico totale attribuito a ciascuna offerta tecnica, senza procedere ad ulteriore riparametrazione anche nel caso in cui nessuna offerta ottenga come punteggio totale il valore massimo attribuibile al progetto tecnico. Per quanto riguarda l offerta economica, il concorrente dovrà presentare una dichiarazione (redatta secondo il modello allegato al Disciplinare di gara) indicante il prezzo complessivo offerto ed il conseguente ribasso percentuale rispetto all importo a base di gara. L attribuzione dei punteggi verrà effettuata attraverso l assegnazione di un coefficiente variabile tra 0 ed 1, in base alle seguenti regole: - coefficiente 1 alla migliore offerta presentata (Rmax = maggior ribasso percentuale offerto); - coefficiente 0,90 al valore medio dei ribassi (Rmed); - coefficiente 0 all importo a base di gara. Alle offerte intermedie (Ri) verrà assegnato un coefficiente variabile tra 0 ed 1, così calcolato: quando Ri <= Rmed: Pi = X * (Ri / Rmed) quando Ri > Rmed: Pi = X + (1 - X) * (Ri - Rmed) / (Rmax - Rmed) 5

6 dove: Pi è il coefficiente attribuito all'offerta i-esima rispetto al requisito del prezzo Ri è il ribasso dell'offerta i-esima Rmed è il ribasso medio (media aritmetica) tra le offerte ritenute valide Rmax è il massimo ribasso offerto fra tutte le offerte ritenute valide X è il coefficiente correttivo posto uguale a 0,90 Non sono ammesse offerte in aumento. Nel caso in cui l applicazione della formula comporti l attribuzione di punteggi a più cifre decimali, verranno computati i primi due decimali, con arrotondamento del secondo decimale all unità superiore ne caso in cui il terzo decimale sia maggiore o uguale a cinque. Una volta determinato, per ciascuna offerta, il valore del coefficiente variabile tra zero ed uno, si procederà a moltiplicare tale valore per il peso attribuito al criterio, di modo da ottenere il punteggio attribuito all offerta per l elemento prezzo. Ai sensi dell art.83, co.2, D.Lgs.163/2006, con riferimento agli elementi concernenti l offerta tecnica, saranno ritenuti idonei e quindi ammessi alla fase successiva di valutazione delle offerte economiche soltanto i concorrenti che ottengano, per l offerta tecnica complessivamente considerata un punteggio pari almeno a 30; qualora tale soglia non venga raggiunta, non si procederà alla valutazione dell offerta economica e si considererà escluso il concorrente dalla gara. Si precisa inoltre che: - si procederà all aggiudicazione anche in presenza di una sola offerta (economica e tecnica) valida, sempre che sia ritenuta congrua e conveniente, con riserva di non aggiudicare; - in caso di parità del punteggio finale, si aggiudicherà il servizio all Impresa che ha ottenuto il miglior punteggio per l offerta tecnica; - in caso di parità assoluta (ossia in caso di parità sia sotto il profilo dell offerta tecnica che di quella economica) si procederà mediante sorteggio. La gara prevede lo svincolo dell'offerta decorsi 180 giorni dalla scadenza del termine per la presentazione delle offerte. ARTICOLO 5 ELEMENTI DI VALUTAZIONE E PONDERAZIONE ATTRIBUITA 6

7 Per la valutazione degli elementi qualitativi inerenti l offerta tecnica, di seguito descritti, il concorrente dovrà presentare una relazione suddivisa in 8 capitoli (uno per ogni sub-criterio di valutazione), avente le seguenti caratteristiche: - la relazione dovrà essere redatta in lingua italiana, in formato A4; - ogni capitolo dovrà avere quale intestazione/titolo l indicazione dell elemento cui fa riferimento; - la relazione non dovrà superere le 20 (venti) facciate, stampate solo fronte, prevedendo un massimo di 25 righe per ogni pagina, redatte con caratteri ed interlinea tali da renderle facilmente leggibili; - ai capitoli potrà essere eventualmente allegata documentazione grafica o fotografica. Sulla scorta della relazione tecnica presentata dal concorrente, le offerte verranno valutate con le modalità esplicitate al precedente art. 4, avendo riguardo agli aspetti di seguito indicati. 1) Sistema organizzativo per lo svolgimento del servizio 1.1) Modalità operative e progetto di gestione del servizio, suddivise per tipologie di intervento - max punti 15 Il concorrente dovrà precisare la soluzione tecnico funzionale prevista per lo svolgimento del servizio in termini di organizzazione dell azienda e modalità operative suddivise per i seguenti tipi di intervento: 1 - traslochi arredi e suppellettili di un ufficio, 2 gestione manifestazioni/eventi che prevedano posa sedie, tavoli, transenne e montaggio palchi, 3 - allestimento seggio elettorale. Verrà attribuito il massimo del punteggio all offerta la cui proposta garantisca un servizio qualitativamente valido, senza nessun danno, riducendo al minimo i disagi dell utenza di volta in volta interessata. 1.2) Modalità e periodicità del controllo e della verifica della qualità dei servizi erogati ed evidenziazione dei relativi indicatori - max punti 10 Il concorrente dovrà descrivere il sistema di autocontrollo che intende utilizzare per garantire la conformità del servizio reso alle prestazioni pattuite e per la verifica del livello di soddisfazione del personale dell Amministrazione Comunale rispetto alle prestazioni erogate. Verrà attribuito il massimo punteggio all offerta la cui proposta garantisca un efficiente sistema di interfaccia con il referente comunale, attraverso un monitoraggio costante che permetta di adottare azioni correttive tempestive, evitando o limitando ogni genere di disservizio. 1.3) Strategie aggiuntive atte a garantire la continuità degli operatori assegnati e l immediatezza e l adeguatezza delle sostituzioni - max punti 10 Il concorrente dovrà descrivere le soluzioni che intende proporre per garantire la continuità degli operatori assegnati e le modalità di sostituzione del personale in caso di necessità (ferie, malattia, ecc.). Verrà attribuito il massimo punteggio alle soluzioni che riducano al minimo il turn over degli operatori, al fine di favorire una migliore conoscenza delle esigenze specifiche dei settori e dei locali di deposito attrezzature comunali e che garantiscano tempestività ed adeguatezza nelle sostituzioni, nonché la capacità di affrontare situazioni straordinarie, non previste o non programmate, relative sempre alla sostituzione del personale. 1.4) Organizzazione operativa del progetto per la gestione degli interventi non previsti, sia nei giorni feriali che in quelli festivi - max punti 10 Il concorrente dovrà descrivere le soluzioni che intende proporre per la gestione degli interventi non previsti, sia nei giorni feriali che in quelli festivi. Verrà attribuito il massimo punteggio alle soluzioni che dimostrino tempestività nelle risposte e capacità di affrontare situazioni ed eventi eccezionali. 7

8 1.5) Formazione professionale degli operatori - max punti 5 Il concorrente dovrà indicare puntualmente il tipo di formazione del personale impiegato e l ulteriore percorso formativo e di aggiornamento a cui il personale stesso sarà sottoposto, con esclusione della formazione prevista per legge (contratti di formazione, apprendistato). Sarà maggiormente premiata l offerta che assicuri una professionalità degli operatori impiegati atta a garantire la regolare e corretta esecuzione del servizio per tutta la durata del contratto. 2) Requisiti ambientali 2.1) Utilizzo di imballaggi costituiti da materiale riciclato - max punti 5 Il concorrente dovrà elencare gli imballaggi che intende utilizzare per l esecuzione del servizio.sarà attribuito il massimo punteggio in caso di utilizzo di imballaggi costituiti esclusivamente da materiale riciclato, in quanto si intende premiare l utilizzo costante negli interventi di prodotti a basso impatto ambientale 2.2) Proposte per la riduzione degli imballaggi in termini di quantità, peso e volume - max punti 3 Il concorrente dovrà descrivere eventuali proposte utili alla riduzione degli imballaggi. 2.3) Utilizzo di mezzi di trasporto a basso impatto ambientale - max punti 2 Il concorrente dovrà elencare i veicoli che intende utilizzare per l esecuzione del servizio. Sarà valutato prioritariamente l utilizzo di mezzi di trasporto a basso impatto ambientale, secondo la scala così riportata: 1. veicoli a trazione elettrica; 2. veicoli a trazione ibrida (detti ibridi e bimodali); 3. veicoli con esclusiva alimentazione a metano o GPL; 4. veicoli con alimentazione bifuel ARTICOLO 6 OFFERTE ANORMALMENTE BASSE Il Comune valuterà la congruità delle offerte in relazione alle quali sia i punti relativi al prezzo, sia la somma dei punti relativi agli altri elementi di valutazione, siano entrambi pari o superiori ai quattro quinti dei corrispondenti punti massimi previsti dal bando di gara. In ogni caso potrà valutare la congruità di ogni altra offerta che, in base ad elementi specifici, appaia anormalmente bassa. In caso di anomalia dell offerta, il Comune richiederà all offerente le giustificazioni ai sensi dell art. 87 del Decreto Legislativo n. 163 del 12 aprile ARTICOLO 7 ADEGUAMENTO DEL CORRISPETTIVO Il corrispettivo si intende immodificabile nel primo anno di validità del presente appalto. Esso potrà essere soggetto ad adeguamento solo all inizio del secondo anno in misura corrispondente alle variazioni che si siano verificate nel costo della manodopera e/o dei materiali, e comunque non superiore alla variazione annua percentuale dell indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati. 8

9 La richiesta di adeguamento dovrà essere rivolta all Amministrazione Comunale mediante lettera raccomandata con ricevuta di ritorno almeno 4 mesi prima della scadenza del primo anno di prestazioni. Tale termine è stabilito a pena di decadenza. L adeguamento sarà operato sulla base di apposita istruttoria, ai sensi dell art. 115 D. Lgs. 163/06, tendente a comparare il prezzo pattuito con quello di mercato e, se riconosciuto, decorrerà dall inizio dell anno contrattuale successivo alla presentazione della richiesta. ARTICOLO 8 GESTIONE DEL SERVIZIO L Impresa si impegna a gestire il servizio secondo le indicazioni e modalità previste dal presente capitolato e dalla scheda tecnica allegato A) al capitolato speciale d appalto e di questo facente parte integrante e sostanziale. ARTICOLO 9 SUBAPPALTO Fatto salvo il divieto di subappalto dell intera prestazione e previa autorizzazione del committente, ciascuna ditta potrà indicare nell offerta le parti del servizio che intende eventualmente subappaltare a terzi o, in caso contrario, a specificare che non intende servirsi del subappalto. In ogni caso, l indicazione dell intenzione di avvalersi di subappaltatori lascia impregiudicata la responsabilità della ditta aggiudicataria. Per la disciplina del subappalto si applicano le disposizioni contenute nell art. 118 del Decreto Legislativo n. 163 del 12 aprile 2006 e dell art. 298 del D.p.r. 207/2010. ARTICOLO 10 DIRETTORE DELL ESECUZIONE DEL CONTRATTO L Amministrazione prima dell esecuzione del contratto provvederà a nominare un direttore dell esecuzione, con il compito di monitorare il regolare andamento dell esecuzione del contratto. Il nominativo del direttore dell esecuzione del contratto verrà comunicato tempestivamente all impresa aggiudicataria. ARTICOLO 11 AVVIO DELL ESECUZIONE DEL CONTRATTO L esecutore è tenuto a seguire le istruzioni e le direttive fornite dalla stazione appaltante per l avvio dell esecuzione del contratto. Qualora l esecutore non adempia, la stazione appaltante ha facoltà di procedere alla risoluzione del contratto. Il direttore dell esecuzione redige apposito verbale di avvio dell esecuzione del contratto in contraddittorio con l esecutore. Il verbale viene redatto in doppio esemplare firmato dal direttore dell esecuzione del contratto e dall esecutore e una copia conforme può essere rilasciata all esecutore, ove questi lo richieda. 9

10 Qualora, per l estensione delle aree o dei locali, o per l importanza dei mezzi strumentali all esecuzione del contratto, l inizio dell attività debba avvenire in luoghi o tempi diversi, il direttore dell esecuzione del contratto provvede a dare le necessarie istruzioni nel verbale di avvio dell esecuzione del contratto.nel caso l esecutore intenda far valere pretese derivanti dalla riscontrata difformità dello stato dei luoghi o dei mezzi o degli strumenti rispetto a quanto previsto dai documenti contrattuali, l esecutore è tenuto a formulare esplicita contestazione sul verbale di avvio dell esecuzione, a pena di decadenza. ARTICOLO 12 DIVIETO DI MODIFICHE INTRODOTTE DALL ESECUTORE Nessuna variazione o modifica al contratto può essere introdotta dall esecutore, se non è disposta dal direttore dell esecuzione del contratto e preventivamente approvata dalla stazione appaltante. Le modifiche non previamente autorizzate non danno titolo a pagamenti o rimborsi di sorta e, ove il direttore dell esecuzione lo giudichi opportuno, comportano la rimessa in pristino, a carico dell esecutore, della situazione originaria preesistente, secondo le disposizioni del direttore dell esecuzione. ARTICOLO 13 VARIANTI INTRODOTTE DALLA STAZIONE APPALTANTE La stazione appaltante può introdurre variazioni al contratto nei seguenti casi: a) per esigenze derivanti da sopravvenute disposizioni legislative e regolamentari; b) per cause impreviste e imprevedibili, accertate dal responsabile del procedimento o per l intervenuta possibilità di utilizzare materiali, componenti e tecnologie non esistenti al momento in cui ha avuto inizio la procedura di selezione del contraente, che possono determinare, senza aumento di costo, significativi miglioramenti nella qualità delle prestazioni eseguite; c) per la presenza di eventi inerenti alla natura e alla specificità dei luoghi sui quali si interviene, verificatisi nel corso di esecuzione del contratto. Sono inoltre ammesse, nell esclusivo interesse della stazione appaltante, le varianti, in aumento o in diminuzione, finalizzate al miglioramento o alla migliore funzionalità delle prestazioni oggetto del contratto, entro i limiti e condizioni stabilite dall art. 311 del d.p.r. 207/2010. Inoltre, l esecutore ha l obbligo di eseguire tutte quelle variazioni di carattere non sostanziale, non comportanti maggiori oneri per l esecutore e che siano ritenute opportune dalla stazione appaltante. ARTICOLO 14 VARIAZIONI ENTRO IL 40% L entità del servizio, indicata nel presente capitolato, ha per l Ente valore indicativo. La ditta esecutrice nei casi elencati alla a), b), c) del precedente articolo è, pertanto, tenuta ad eseguire il servizio sia per le maggiori come per le minori quantità rispetto a quelle indicate nell avviso di gara, nei limiti di 2/5 di quest ultima o del valore del contratto, senza aver diritto a reclamare, per tale motivo, indennità o compensi di sorta fatta eccezione, in caso di incremento del servizio, del corrispettivo per la maggiore quantità di prestazioni richieste. In questo caso il corrispettivo verrà attribuito alle medesime condizioni contrattuali pattuite per l intero servizio. Nel caso in cui la variazione superi tale limite la stazione appaltante procede alla stipula di un atto aggiuntivo al contratto principale dopo aver acquisito il consenso dell esecutore. 10

11 ARTICOLO 15 LA SOSPENSIONE DELL ESECUZIONE DEL CONTRATTO. IL VERBALE DI SOSPENSIONE Il direttore dell esecuzione ordina la sospensione dell esecuzione delle prestazioni del contratto qualora circostanze particolari ne impediscano temporaneamente la regolare esecuzione. Di tale sospensione verranno fornite le ragioni. La sospensione della prestazione, potrà essere ordinata per: a) avverse condizioni climatiche; b) cause di forza maggiore; c) altre circostanze speciali che impediscano l esecuzione o la realizzazione a regola d arte della prestazione. Il direttore dell esecuzione del contratto, con l intervento dell esecutore o di un suo legale rappresentante, compila apposito verbale di sospensione. Non appena sono venute a cessare le cause della sospensione, il direttore dell esecuzione redige i verbali di ripresa dell esecuzione del contratto. Nel verbale di ripresa il direttore indica il nuovo termine di conclusione del contratto, calcolato tenendo in considerazione la durata della sospensione e gli effetti da questa prodotti. L appaltatore non potrà sospendere a nessun titolo, neppure parzialmente, lo svolgimento del servizio, salvo essere stato esplicitamente autorizzato in forma scritta dall'amministrazione Comunale di Cremona. Tale eventuale inadempienza contrattuale legittimerà l immediato incameramento del deposito cauzionale, l estinzione di eventuali pendenze debitorie da parte del committente nonché eventuali azioni civili e penali. ARTICOLO 16 VERIFICA DI CONFORMITA L esecuzione dell appalto è soggetto a verifica di conformità al fine di accertarne la regolare esecuzione, rispetto alle condizioni ed ai termini stabiliti nel contratto. Nei casi in cui le particolari caratteristiche dell oggetto contrattuale non consentono la verifica di conformità per la totalità delle prestazioni contrattuali, è fatta salva la possibilità di effettuare, in relazione alla natura dei servizi ed al loro valore, controlli a campione con modalità comunque idonee a garantire la verifica dell esecuzione contrattuale. ARTICOLO 17 TERMINI PER AVVIARE LA VERIFICA DI CONFORMITA E SOGGETTI COMPETENTI AD EFFETUARLA La verifica di conformità è avviata entro venti giorni dall inizio del servizio e verrà condotta nel corso dell esecuzione del contratto con periodicità almeno trimestrale. L amministrazione si riserva di condurre la verifica di conformità nel corso dell esecuzione in ogni caso in cui ne ravvisi l opportunità. La verifica di conformità è effettuata dal direttore dell esecuzione del contratto. 11

12 ARTICOLO 18 LA VERIFICA DI CONFORMITA : IL PROCESSO VERBALE Il direttore dell esecuzione dà tempestivo avviso all esecutore del giorno della verifica di conformità, affinché quest ultimo possa intervenire. Della verifica di conformità è redatto processo verbale. I processi verbali sono sottoscritti da tutti i soggetti intervenuti. ARTICOLO 19 ONERI RELATIVI ALLE OPERAZIONI DI VERIFICA DI CONFORMITA Le operazioni necessarie alla verifica di conformità sono svolte a spese dell esecutore. L esecutore, a propria cura e spesa, deve mettere a disposizione del soggetto incaricato della verifica di conformità i mezzi necessari ad eseguirli. Nel caso in cui l esecutore non ottemperi a siffatti obblighi, il direttore dell esecuzione o il soggetto incaricato al controllo dispongono che sia provveduto d ufficio, deducendo la spesa dal corrispettivo dovuto all esecutore. ARTICOLO 20 VALUTAZIONI DEL SOGGETTO CHE PROCEDE ALLA VERIFICA DI CONFORMITA Il soggetto che procede alla verifica di conformità indica se le prestazioni sono o meno collaudabili, ovvero, riscontrandosi difetti o mancanze di lieve entità riguardo all esecuzione, collaudabili previo adempimento delle prescrizioni impartite all esecutore, con assegnazione di un termine per adempiere. Con apposita relazione riservata il soggetto che procede al controllo espone il proprio parere sulle contestazioni dell esecutore e sulle eventuali penali sulle quali non sia già intervenuta una risoluzione definitiva. ARTICOLO 21 EMISSIONE DEL CERTIFICATO DI VERIFICA DI CONFORMITA ED IRREGOLARITA Il soggetto incaricato della verifica di conformità rilascia il certificato di verifica di conformità quando risulti che l esecutore abbia completamente e regolarmente eseguito le prestazioni contrattuali. In caso di mancata o ritardata esecuzione del servizio, l Amministrazione si riserva la facoltà: di far eseguire il servizio da altri fornitori, con addebito alla ditta aggiudicataria della differenza del maggior costo sostenuto, mediante rivalsa sulle fatture o sulla garanzia definitiva; in quest ultimo caso la stessa dovrà essere immediatamente integrata; di applicare una penale secondo quanto stabilito dal presente capitolato. ARTICOLO 22 CONTESTAZIONI CHE L ESECUTORE PUO INSERIRE NEL CERTIFICATO DI VERIFICA DI CONFORMITA Il certificato di verifica di conformità viene trasmesso per la sua accettazione all esecutore, il quale deve firmarlo nel termine di 15 giorni dal ricevimento dello stesso. All atto della firma egli può aggiungere le contestazioni che ritiene opportune, rispetto alle operazioni di verifica di conformità. 12

13 Il Comune si riserva il diritto, per fondati e gravi motivi, di chiedere l esclusione dal servizio di quei dipendenti che non fossero ritenuti idonei. L appaltatore dovrà comunicare al entro 7 giorni dall inizio del servizio, il nome di un suo incaricato (Responsabile Tecnico), con luogo di residenza, indirizzo e telefono dello stesso, che abbia la facoltà ed i mezzi occorrenti per adempiere a tutte le provvidenze e agli adempimenti degli oneri contrattuali. ARTICOLO 23 OBBLIGHI ED ONERI GENERALI E SPECIALI A CARICO DELLA DITTA APPALTATRICE L Impresa si assume in proprio ogni responsabilità in caso di infortuni ed in caso di danni arrecati per manchevolezza o trascuratezza nell esecuzione delle prestazioni a persone e cose sia di proprietà dell Amministrazione Comunale che di terzi. E inoltre responsabile, secondo le norme del Codice Civile (art. 1693) per la perdita o avaria di materiali trasportati, ed è tenuta al risarcimento integrale dei danni derivanti all Amministrazione Comunale. L Impresa sarà pure responsabile dell onestà e dell idoneità del proprio personale e, comunque, dei danni che fossero arrecati a cose, persone ed immobili, nell esecuzione dei lavori. L Impresa appaltatrice si obbliga alla completa ottemperanza di tutte le disposizioni legislative e dei regolamenti riguardanti l assicurazione infortunistica, previdenziale e mutualistica dei propri dipendenti addetti ai lavori sopra specificati e della legge sulla prevenzione e la sicurezza del lavoro assumendone la piena responsabilità in caso di inadempienza. La ditta si impegna inoltre ad applicare nei confronti del proprio personale dipendente il vigente contratto di lavoro e tutti gli aggiornamenti che intervengono nel corso del tempo, comprensivi degli accordi integrativi previsti a livello territoriale. Il Comune si riserva di chiedere durante l appalto l intervento e le verifiche di competenza dell Ispettorato del Lavoro competente. L Impresa dovrà essere altresì munita di una polizza assicurativa RCT/RCO per un valore di almeno (unmiliocinquecentomila) euro. L Amministrazione Comunale non risponderà per ogni causa ed evento con l Impresa vincitrice dell appalto. La Ditta Appaltatrice dichiara inoltre, ai sensi e per gli effetti della Legge 13 agosto 2010 n. 136 e s.m.i. sull obbligo della tracciabilità dei flussi finanziari che : a) utilizzerà uno o più conti correnti bancari o postali, accesi presso banche o presso la Società Poste Italiane s.p.a. dedicati alle commesse pubbliche per i movimenti finanziari relativi alla gestione del presente appalto; b) comunicherà al Comune di Cremona gli estremi identificativi dei conti correnti di cui al punto precedente, nonché le generalità ed il codice fiscale delle persone delegate ad operare su di essi, entro sette giorni dalla loro accensione; c) prevederà nei contratti che saranno sottoscritti con imprese a qualsiasi titolo interessate a lavori/servizi/forniture oggetto del presente appalto, quali ad esempio subappaltatori/su contraenti, la clausola con la quale ciascuno di essi assume gli obblighi di tracciabilità dei flussi finanziari di cui alla citata legge, a pena di nullità assoluta dei contratti stessi; d) se ha notizia dell inadempimento agli obblighi di tracciabilità finanziaria da parte dei soggetti di cui alla precedente lettera c), a risolvere immediatamente il rapporto contrattuale con la 13

14 controparte, informando contestualmente sia il Comune di Cremona che la Prefettura-Ufficio Territoriale del Governo territorialmente competente; e) si impegnerà a verificare che eventuali subfornitori rispettino le indicazioni normative della Legge 13 agosto 2010 n. 136 e s.m.i. in materia di obbligo della tracciabilità dei flussi finanziari ARTICOLO 24 STIPULAZIONE DEL CONTRATTO E RELATIVE SPESE La ditta che risulterà aggiudicataria si impegna a stipulare il relativo contratto entro il termine stabilito dalla comunicazione da parte dell Ufficio Contratti. Qualora la ditta non adempia gli obblighi indicati nella suddetta comunicazione, il Comune si riserva di revocare l aggiudicazione ponendo a carico della ditta le eventuali ulteriori spese che dovessero affrontare per la stipulazione con altro contraente, tenendola comunque indenne delle eventuali prestazioni effettuate nel frattempo. Tutte le spese contrattuali concernenti il contratto sono a carico del fornitore. ARTICOLO 25 OBBLIGHI VERSO I DIPENDENTI La ditta si obbliga a rispettare tutti gli obblighi verso i propri dipendenti imposti dalle vigenti disposizioni legislative e regolamentari in materia di lavoro e assicurazioni sociali, assumendone gli oneri relativi. La ditta regola, nei confronti dei propri dipendenti, il trattamento giuridico e retributivo dei propri dipendenti secondo condizioni non inferiori a quelle risultanti dai contratti collettivi di lavoro vigenti per la categoria e nella località in cui si svolgono le lavorazioni, nonché condizioni risultanti da successive modifiche ed integrazioni e da ogni contratto collettivo, successivamente stipulato per la categoria e applicabile nella località. La ditta è obbligata a continuare ad applicare dette condizioni anche dopo la scadenza dei contratti collettivi e fino alla loro sostituzione. Gli obblighi di cui sopra vincolano la ditta anche se essa non aderisca alle associazioni stipulanti i contratti collettivi di lavoro o abbia receduto dalle stesse. In caso di violazione degli obblighi sopra menzionati, il Comune provvede a denunciare le inadempienze accertate all Ispettorato del lavoro, dandone comunicazione alla ditta. ARTICOLO 26 OBBLIGHI DEL PERSONALE ADDETTO AL SERVIZIO Le operazioni di facchinaggio devono essere condotte da personale professionalmente capace e fisicamente idoneo, a conoscenza delle modalità di esecuzione del servizio e delle misure di sicurezza previste dal Decreto Legislativo n. 81 del 2008 e s.m.i. e dotato delle migliori attrezzature disponibili idonee a risolvere, di volta in volta, le diverse necessità di intervento. Il personale addetto al servizio: - deve essere a conoscenza delle modalità di espletamento dello stesso, qualificato e ritenuto idoneo a svolgere le relative funzioni; - deve essere dotato dall Impresa di divisa, mantenendo la stessa costantemente in condizioni decorose, nonché di cartellino di riconoscimento riportante la denominazione dell Impresa, nominativo del dipendente e corredato di foto-tessera dello stesso. 14

15 L Impresa deve impegnare tutti i dipendenti ad osservare il più scrupoloso segreto su quanto dovesse venir a loro conoscenza in occasione dell attività svolta, pena l applicazione delle sanzioni previste in caso di violazione e la risoluzione del contratto. ARTICOLO 27 MODALITÀ DEI PAGAMENTI I pagamenti verranno effettuati entro 30 giorni dal ricevimento delle fatture mensili per il servizio svolto ovvero, successivamente all intervento, per altri interventi (es. allestimento seggi elettorali). La fattura dovrà essere accompagnata dalla relativa documentazione comprovante la regolare esecuzione del lavoro e il riepilogo giornaliero di ore lavorate, attrezzature impiegate ed altre prestazioni svolte, controfirmata dal referente comunale. L Amministrazione Comunale si riserva di verificare la regolarità contributiva, previdenziale ed assicurativa, tramite la richiesta del Durc. In caso di esito negativo i pagamenti saranno sospesi fino alla regolarizzazione della posizione, ovvero sarà intrapresa la procedura sostitutiva di pagamento a compensazione dei debiti verso gli Istituti creditori. Alla scadenza dei termini di pagamento decorreranno gli interessi legali di mora, calcolati al tasso di interesse applicato dalla BCE maggiorato dell 8 per cento. ARTICOLO 28 CAUZIONE La Ditta sarà obbligata, in sede di stipulazione del contratto, al versamento di una cauzione definitiva ai sensi dell art. 113 del D. Lgs. 163/2006. ARTICOLO 29 PENALITÀ Qualora per qualsiasi motivo imputabile all'appaltatore il servizio non venga espletato nel rispetto di quanto previsto nel presente capitolato, l Amministrazione applicherà le penali di seguito specificate, previa contestazione scritta dell inadempienza trasmessa via fax. L Impresa ha facoltà di presentare le proprie controdeduzioni scritte entro il termine di 10 (dieci) giorni dal ricevimento della lettera di contestazione. INTERVENTI DI FACCHINAGGIO per la mancata esecuzione della prestazione richiesta dal responsabile del, penale giornaliera pari a 200, oltre al costo sostenuto dall'amministrazione per far eseguire ad altri il mancato servizio; per ogni ora di ritardo rispetto al termine stabilito per l esecuzione del servizio (intervento, sopralluogo, preventivo), penale pari ad 50. Per ogni episodio di mancato rispetto delle norme di sicurezza qualora non si sia verificato alcun incidente o grave anomalia, penale pari ad 1.000,00 per ogni episodio di mancato rispetto delle norme di sicurezza qualora si sia verificato un incidente o grave anomalia, penale pari ad 2.000,00. REFERENTE DELL'APPALTATORE. mancata comunicazione del caposquadra/coordinatore da parte dell'appaltatore entro i termini previsti dal presente capitolato, penale pari a euro 100,00 per ogni giorno di ritardo. SISTEMA DI AUTOCONTROLLO. 15

16 La mancata attivazione e il mancato rispetto del sistema di autocontrollo comporterà l'applicazione di una penale mensile pari a 100 per ogni mese di ritardo. ATTREZZATURE TECNICHE E MATERIALI Attrezzature e materiali non adeguati ai servizi da espletare, penale pari ad euro 200,00=. in caso di: - non reperibilità del caposquadra/coordinatore incaricato dall impresa - impiego di personale non addestrato ed in grado di garantire il livello di efficienza del servizio - carenze sul rendimento del servizio l Amministrazione applicherà, caso per caso, a propria discrezione, penali sino ad un massimo del 10% dell importo netto del contratto biennale. Le penalità verranno detratte dagli importi fatturati nei mesi successivi. In ogni caso l'amministrazione si riserva di far eseguire ad altri il mancato o incompleto servizio e di acquistare il materiale occorrente a spese dell'appaltatore, rivalendosi sulle fatture o sulla cauzione qualora l impresa, appositamente diffidata, persista nell inadempimento, anche dopo le contestazioni. ARTICOLO 30 RISOLUZIONE DEL CONTRATTO L Amministrazione Comunale si riserva la facoltà di procedere alla risoluzione del contratto in caso di: frode nell esecuzione degli obblighi contrattuali; sospensione o interruzione del servizio da parte dell appaltatore per motivi non dipendenti da cause di forza maggiore; mancato rispetto di quanto previsto dal progetto tecnico presentato dall aggiudicatario in sede di gara; mancato rispetto degli obblighi previsti dalle leggi vigenti in materia previdenziale, assicurativa, antinfortunistica e dei contratti di lavoro nazionale e locali; subappalto non espressamente autorizzato; cessione dell azienda, cessazione dell attività, oppure in caso di concordato preventivo, di fallimento o messa in liquidazione della ditta aggiudicataria; interruzione ingiustificata del servizio; revoca delle licenze o di qualsiasi tipo di autorizzazione; comminazione di n. 5 penalità per lo stesso tipo di infrazione nel corso del contratto e la diffida ad adempiere per iscritto; applicazione di penali per un importo complessivo maggiore del 10% dell importo netto contrattuale; altre inadempienze che rendano difficile la prosecuzione dell appalto. La risoluzione del contratto avverrà con un mese di preavviso senza che la ditta stessa possa accampare pretesa alcuna e con ogni riserva per azioni di ulteriori danni, per i quali il Comune si avvarrà anche della cauzione versata, fermo restando la necessità che anche dopo il preavviso il servizio venga effettuato. ARTICOLO 31 CONTROVERSIE 16

17 Per la definizione di ogni eventuale controversia inerente l esecuzione del presente appalto è esclusa la giurisdizione arbitrale. FIRMA PER ACCETTAZIONE CONDIZIONI PARTICOLARI L Amministrazione Comunale si riserva la facoltà di recedere dal contratto in applicazione degli articoli n e n del Codice Civile.- FIRMA PER ACCETTAZIONE 17

18 Allegato A) SCHEDA TECNICA DESCRIZIONE DEL SERVIZIO Il servizio comprende le seguenti prestazioni: 1) movimentazione interna: smontaggio, imballaggio, disimballaggio e rimontaggio di beni mobili (arredi, pareti divisorie, materiale vario d ufficio, attrezzature, libri e raccoglitori, archivi, suppellettili, tende e tendaggi, ecc.); 2) movimentazioni tra le diverse sedi comunali: smontaggio, imballaggio, trasporto con adeguati mezzi tra edifici, disimballaggio e rimontaggio di beni mobili (arredi, pareti divisorie, materiale vario d ufficio, attrezzature, libri e raccoglitori, archivi, suppellettili, tende e tendaggi, ecc.); 3) movimentazioni esterne: trasporto con adeguati mezzi dei materiali di interesse del Comune, 4) trasporto attrezzature per manifestazioni, commemorazioni, ecc. (palchi, pedane, sedie, transenne, ecc.) anche durante giorni festivi, prefestivi e/o in orario notturno; 5) movimentazioni logistiche specializzate (es. trasporto opere d arte musei); 6) lavori di selezione di materiale di scarto e conferimento in discarica; 7) facchinaggio in occasione di operazioni elettorali (allestimento seggi, installazione tabelloni per la propaganda elettorale); 8) piccoli lavori accessori di falegnameria e fabbro. La ditta appaltatrice è responsabile, secondo le norme del Codice Civile (art. 1693) per la perdita o avaria di materiali trasportati, ed è tenuta al risarcimento integrale dei danni derivanti all Amministrazione Comunale. Per il servizio oggetto del presente capitolato, il Comune di Cremona, sulla base dei dati storicizzati, ha stimato il seguente monte orario complessivo, sul quale dovrà essere computata l offerta economica: Descrizione Monte ore 24 mesi Operaio per operazioni di carico/scarico in orario feriale diurno Operaio per operazioni di carico/scarico in orario feriale notturno 100 Operaio per operazioni di carico/scarico in orario festivo diurno 120 Operaio per operazioni di carico/scarico in orario festivo notturno 60 Operaio + autocarro in orario feriale diurno Operaio + autocarro in orario feriale notturno 100 Operaio + autocarro in orario festivo diurno 60 Operaio + autocarro in orario festivo notturno 40 Operaio + autocarro con sponda idraulica in orario feriale diurno 40 18

19 Operaio + autocarro con sponda idraulica in orario feriale notturno 20 Operaio + autocarro con sponda idraulica in orario festivo diurno 20 Operaio + autocarro con sponda idraulica in orario festivo notturno 20 Il Comune si riserva di variare, in aumento o in diminuzione, le prestazioni sino ad un massimo del 40%. Il conteggio delle ore non deve comprendere i tempi di percorrenza dalla sede dell Impresa Aggiudicataria a quella dove deve essere effettuato l intervento e viceversa. RICHIESTE E TEMPI DI RISPOSTA Il Comune di Cremona richiederà via o via telefono, di volta in volta, in relazione alle proprie esigenze le prestazioni di facchinaggio e trasporto, specificando il numero di facchini, la sede, la data e l orario di inizio delle prestazioni. I tempi di risposta alle richieste per il servizio di facchinaggio sono così definiti: 1. per la movimentazione di beni nell ambito della stessa sede: la data di attivazione del servizio sarà stabilita di volta in volta, fermo restando che sarà cura dell Amministrazione Contraente formalizzare la richiesta di intervento almeno tre giorni prima dell esecuzione dello stesso compilando l elenco degli oggetti da movimentare di cui sopra; 2. Per la fornitura di prestazioni di sola manovalanza: la data di attivazione del servizio sarà definita di volta in volta, con un preavviso di almeno 24 ore. PERSONALE Ai fini di una ordinata conduzione dei lavori, la società aggiudicataria dovrà individuare un Responsabile del servizio, che svolga il ruolo di interlocutore unico nei confronti dell Amministrazione. Dovrà altresì nominare un operaio capo-squadra. Lo stesso dovrà tenere ogni contatto con il Responsabile Allestimenti del, per ricevere richieste ed istruzioni e modalità attinenti allo svolgimento del servizio. Il caposquadra/coordinatore, oltre alla presenza in loco, dovrà sempre garantire l immediata reperibilità mediante telefono cellulare. AUTOMEZZI ATTREZZATURE MATERIALE D USO Il Fornitore deve utilizzare, nell espletamento del servizio, macchine e attrezzature adeguate ai servizi da espletare, di sua proprietà o nella sua disponibilità. Tali strumenti devono essere rispondenti alle norme di buona tecnica ed in regola con le norme vigenti in materia di prevenzione infortuni; adeguati alle caratteristiche dei materiali da trasportare e compatibili con l uso dei locali, tecnicamente efficienti e mantenuti in perfetto stato, nonché dotati di tutti quegli accorgimenti ed accessori atti a proteggere e salvaguardare l operatore e i terzi da eventuali infortuni. Le attrezzature messe a disposizione dell Amministrazione Comunale devono essere almeno le seguenti: 19

20 - autocarri da 50 quintali fino a 115 quintali, forniti di sponda idraulica; - furgonati fino a 35 quintali; - autoscale di altezza fino a 20 metri, con montacarichi di portata utile per circa 150 kg; - rulli, funi, scale, pallet e transpallet; - materiale di consumo e imballaggio (scatoloni, casse e quanto necessario per effettuare le operazioni di carico, scarico e trasporto, salvaguardando l integrità dei beni trasportati). Si precisa che tale materiale dovrà essere messo a disposizione gratuitamente da parte della ditta aggiudicataria che, una volta terminate lo operazioni di movimentazione, dovrà provvedere a ritirarlo e smaltirlo a norma di legge. Sono a carico dell impresa aggiudicataria tutte le spese per parcheggi e concessioni di autorizzazioni, licenze e permessi, nonché ogni altro onere connesso alle operazioni di trasloco. PREZZI DEI SERVIZI Il prezzo complessivo del servizio che il Comune di Cremona corrisponderà al Fornitore, è determinato dai prezzi offerti in sede di gara, relativamente a: - ora/uomo operaio nei diversi orari - ora uomo + autocarro nei diversi orari - ora uomo + autocarro con sponda idraulica nei diversi orari Si precisa che: - il costo orario dell autocarro, non verrà riconosciuto in caso di servizi effettuati in sede stabile per una durata superiore alle ore 4; - il corrispettivo per materiali di imballaggio (cartoni, nastro adesivo, spago, etichette, ecc.) e utilizzo di pallett e transpallet è compreso nel costo del Facchinaggio/trasloco. Ai fini della formulazione dell offerta, si precisa altresì quanto segue: Orario feriale diurno: dal lunedì al venerdì, dalle ore 6 alle ore 22.00; il sabato dalle ore 6.00 alle ore 14.00; Orario feriale notturno: Orario festivo diurno: Orario festivo notturno: tutti i giorni dalle alle 6.00 dalle alle dei prefestivi settimanali escluso il sabato; dalle ore alle ore 6.00 di ogni giorno feriale preceduto da festivo; dalle ore alle ore del sabato e tutti i giorni festivi (dalle ore 6.00 alle 22.00; dalle del sabato alle ore 6.00 di domenica ed in tutti i casi di festività consecutive, dalle alle 6.00 dei giorni festivi settimanali, preceduti da un feriale e non da giorno festivo, dalle alle di domenica e di ogni festività seguita da un giorno feriale. Per quanto riguarda l utilizzo di attrezzature speciali (quali autogru, autoscale, ecc.), il prezzo sarà di volta in volta concordato tra il Fornitore e il Comune. 20

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

Art. 1 Oggetto del servizio

Art. 1 Oggetto del servizio CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASLOCHI NEGLI ISTITUTI SCOLASTICI, NEI CENTRI SCOLASTICI, NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE E NEGLI UFFICI DI COMPETENZA PROVINCIALE

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI FACCHINAGGIO CON GESTIONE DEL CICLO LOGISTICO COMPRENSIVA DEL MONITORAGGIO INFORMATIZZATO E TRASPORTO COSE ALL INTERNO E TRA LE VARIE SEDI ISTAT DI ROMA CAPITOLATO TECNICO 1 INDICE 1. OGGETTO

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto. Rep. n. Prot. n. 2009/ Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.) REPUBBLICA ITALIANA Il giorno..

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica GARA D APPALTO PER LA STIPULA DI UN CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO DI MOBILIO E ATTREZZATURE IN DOTAZIONE

Dettagli

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA VÉÅâÇx w MARIGLIANO cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA ENTE APPALTANTE: Comune di Marigliano Corso Umberto 1-80034 Marigliano

Dettagli

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA 1 Art. 1 Premessa Il presente disciplinare costituisce, con il bando e il capitolato speciale

Dettagli

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIPARTIMENTO PER I BENI ARCHIVISTICI E LIBRARI DIREZIONE GENERALE PER I BENI LIBRARI E GLI ISTITUTI CULTURALI PUBBLICO INCANTO TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio e traslochi.

OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio e traslochi. Allegato alla determinazione n. 42/APPR del 27/11/2014 composto da n. 29 fogli (fronte/retro) Spett.le ditta OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:268701-2013:text:it:html Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE Sezione

Dettagli

00185 Roma Via Castelfidardo, 41

00185 Roma Via Castelfidardo, 41 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI SEDE DEGLI UFFICI DELL ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEI VETERINARI (VIA CASTELFIDARDO, 41), DELLE PARTI COMUNI DELL IMMOBILE

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it Allegato 4) Regolamento... li... ALLA SRT - SOCIETA PUBBLICA PER IL RECUPERO ED IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI S.p.A. Strada Vecchia per Boscomarengo s.n. 15067 NOVI LIGURE AL Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3.

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3. CAPITOLATO DI APPALTO PER LA FORNITURA DI MATERIALE INFORMATICO PER I SITI MUSEO CIVICO F.L.BELGIORNO FOYER TEATRO GARIBALDI CENTER OF CONTEMPORARY ARTS PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta PIAZZA MUNICIPIO C.F.81000730853 P.IVA. 01556350856 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE (periodo dall 01/01/2011

Dettagli

COMUNE DI GENZANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA C.A.P. 00045

COMUNE DI GENZANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA C.A.P. 00045 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA, SORVEGLIANZA E PULIZIA, NELLE SCUOLE DELL INFANZIA PARITARIE COMUNALI TRUZZI E G. RODARI DI GENZANO DI ROMA ANNI SCOLASTICI 2012/2013-2013/2014-2014/2015,

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO

Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO AFFIDAMENTO ANNUALE DELLA GESTIONE DELLA CASA FAMIGLIA PER DISABILI ADULTI SITA IN LARGO FRATELLI LUMIERE, 36, NONCHÉ QUELLA DEL CENTRO DIURNO SE FINANZIATO DA ROMA CAPITALE

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD Le presenti condizioni generali di acquisto disciplinano il rapporto tra il Fornitore di beni, opere o servizi, descritti nelle pagine del presente Ordine e nella

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 1 ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 www.plusogliastra.it plusogliastra@pec.it ISTANZA DI PARTECIPAZIONE LOTTO DESCRIZIONE BARRARE IL LOTTO

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

è stata acquisita la documentazione antimafia di cui all art.84 del D.Lgs. n.159/2011 ed il DURC attestante la regolarità e correntezza contributiva

è stata acquisita la documentazione antimafia di cui all art.84 del D.Lgs. n.159/2011 ed il DURC attestante la regolarità e correntezza contributiva CONTRATTO PER IL SERVIZIO DI FACCHINAGGIO, TRASPORTO E SUPPORTO OPERATIVO PER GLI UFFICI, CENTRALI E DISTACCATI, DELL ACI IN ROMA E PER L UFFICIO PROVINCIALE ACI DI ROMA CIG n.5393972e7e tra L AUTOMOBILE

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

2) RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: Ins. Maria Lorizio Istruttore Direttivo Amm.vo

2) RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: Ins. Maria Lorizio Istruttore Direttivo Amm.vo COMUNE DI PUTIGNANO BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA PER IL SERVIZIO DI FACCHINAGGIO E DI POSIZIONAMENTO, TENUTA IN EFFICIENZA E RIMOZIONE TRANSENNE E SEGNALETICA MOBILE. Allegato A alla determina dirigenziale

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

Azienda Unità Locale Socio Sanitaria

Azienda Unità Locale Socio Sanitaria Regione del Veneto Azienda Unità Locale Socio Sanitaria OVEST VICENTINO Servizio: UOA APPROVVIGIONAMENTI Data: 29 dicembre 2010 Spett.le Ditta Prot. n.: 46520 da citare nella risposta Vs. rif.: Oggetto:

Dettagli

PROVINCIA DI GENOVA NS. RIFERIMENTI

PROVINCIA DI GENOVA NS. RIFERIMENTI PROVINCIA DI GENOVA OGGETTO Servizio di trasloco, trasporto, facchinaggio, movimentazione e consegna di beni vari per le esigenze degli immobili della Provincia di Genova COMMITTENTE/CONTRAENTE Direzione

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Allegato alla determinazione dirigenziale n. 1/2011 AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Ufficio di Segreteria Giuridico-Amministrativa U.O. Affari Generali, Giuridici e di Raccordo Istituzionale Via V.

Dettagli

A.R.T.E. GENOVA BANDO DI GARA D APPALTO DI SERVIZI

A.R.T.E. GENOVA BANDO DI GARA D APPALTO DI SERVIZI A.R.T.E. GENOVA BANDO DI GARA D APPALTO DI SERVIZI I.1) STAZIONE APPALTANTE: A.R.T.E. Azienda Regionale Territoriale per l Edilizia della Provincia di Genova via B. Castello civ.3 16121 Genova tel. 010.53901

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Comune di Prato. Servizio Risorse Umane. Concorso pubblico per l assunzione di n. 1 Funzionario Progettista Impianti (cat. D1)

Comune di Prato. Servizio Risorse Umane. Concorso pubblico per l assunzione di n. 1 Funzionario Progettista Impianti (cat. D1) Comune di Prato Servizio Risorse Umane Concorso pubblico per l assunzione di n. 1 Funzionario Progettista Impianti (cat. D1) 1 Prova Scritta- Quiz con risposte esatte le risposte esatte sono sottolineate

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA ALLEGATO E) CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA Regione Toscana DG Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Settore Politiche di Welfare regionale, per la famiglia e cultura della legalità, C.F.

Dettagli

UTILIZZO DEI METODI MULTICRITERI O MULTIOBIETTIVI NELL OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA. Filippo Romano 1

UTILIZZO DEI METODI MULTICRITERI O MULTIOBIETTIVI NELL OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA. Filippo Romano 1 UTILIZZO DEI METODI MULTICRITERI O MULTIOBIETTIVI NELL OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA Filippo Romano 1 1. Introduzione 2. Analisi Multicriteri o Multiobiettivi 2.1 Formule per l attribuzione del

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003)

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003) Sezione della logistica Repubblica e Cantone Ticino Via del Carmagnola 7 Dipartimento delle finanze e dell'economia 6501 Bellinzona Divisione delle risorse Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA Spett.le ACSM-AGAM S.p.A. Via P. Stazzi n. 2 22100 COMO CO Oggetto: Dichiarazione sostitutiva in merito al possesso dei requisiti di ordine generale prescritti dall

Dettagli

FONDO DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELLA PUBBLICA SICUREZZA

FONDO DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELLA PUBBLICA SICUREZZA GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA. PREORDINATA ALL AFFIDAMENTO AI SENSI DEL D. LGS. 163/06 DEI SERVIZI DI PULIZIA DEI LOCALI, DEGLI IMPIANTI SPORTIVI E DELLE ATTREZZATURE PRESSO IL CENTRO SPORTIVO DELLA

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

La Direzione dei Lavori

La Direzione dei Lavori La Direzione dei Lavori L istituzione della Direzione lavori. Ai sensi dell art.10, comma 1, lett.l, del Reg., l istituzione dell ufficio di direzione dei lavori è promossa dal responsabile del procedimento

Dettagli

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi COSTRUZIONI Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi di Mauro Cappello Mauro Cappello GEOCENTRO/magazine pubblica, di Mauro Cappello, Ingegnere e Ispettore Verificatore

Dettagli

LETTERA D INVITO SI INVITA. codesta Ditta a partecipare alla procedura di gara in oggetto, secondo le modalità di seguito indicate.

LETTERA D INVITO SI INVITA. codesta Ditta a partecipare alla procedura di gara in oggetto, secondo le modalità di seguito indicate. Roma, 5 marzo 2010 AREA COORDINAMENTO AFFARI AMMINISTRATIVI Ufficio Affari Amministrativi Contabilità e Bilancio Prot. UAA-AIFA F.3./a.23734/P OGGETTO: Gara d appalto mediante cottimo fiduciario per l

Dettagli

Verbale consegna lavori in via d urgenza

Verbale consegna lavori in via d urgenza Mod. ATE.03.03 Pag.1 di pag 5 AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VERONA Finanziamento: Lavori: per la realizzazione di....in Comune di Importo lavori di appalto: Affidamento

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA

AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA In esecuzione della deliberazione di Giunta Comunale n. 17 del 14.02.2011 è indetta trattativa privata per

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA.

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. CIG: 5066492974 Quesito 1 Domanda: Nel Capitolato Tecnico

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO. L'anno duemila..., il giorno del mese di...in Roma

SCHEMA DI CONTRATTO. L'anno duemila..., il giorno del mese di...in Roma SCHEMA DI CONTRATTO L'anno duemila..., il giorno del mese di.....in Roma TRA Lottomatica Group S.p.A. con sede in Roma, Viale del Campo Boario n. 56/d - 00154 Codice Fiscale e Partita IVA n. 08028081001,

Dettagli

PROCEDURA APERTA SUDDIVISA IN 5 LOTTI PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIDATTICA PRESSO IL SISTEMA DEI MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE

PROCEDURA APERTA SUDDIVISA IN 5 LOTTI PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIDATTICA PRESSO IL SISTEMA DEI MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE CAPITOLATO D ONERI PROCEDURA APERTA SUDDIVISA IN 5 LOTTI PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIDATTICA PRESSO IL SISTEMA DEI MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE 2 PREMESSA Zètema, in virtù del Contratto di Servizio

Dettagli

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA 1.1. ) ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA Largo Arrigo VII, 5-00153 Roma (Italia) ; centralino 06/5717621;

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

Codice Identificativo Gara, CIG: 03154838CC

Codice Identificativo Gara, CIG: 03154838CC ACCORDO QUADRO BIENNALE PER I SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO DI MOBILI, MACCHINE ED ARREDI PER UFFICIO, APPARECCHIATURE INFORMATICHE ED ELETTRONICHE, DOCUMENTAZIONE CARTACEA DA TRASFERIRE NELLA NUOVA

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

Spett.le * * * Si invita a far pervenire, esclusivamente a mezzo raccomandata o posta celere oppure consegnato a mano, presso

Spett.le * * * Si invita a far pervenire, esclusivamente a mezzo raccomandata o posta celere oppure consegnato a mano, presso LETTERA INVITO A TRATTATIVA PRIVATA APERTA per Fornitura di Servizi di TRASLOCO di mobili e documenti da ufficio da Roma, Via Cristoforo Colombo 283/A (8 piano) a Roma, Quintino Sella, 42, CIG: Z9C0C2C891

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012 Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE Direzione Generale per la regolazione e dei contratti pubblici Circolare prot. n.

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

Condizioni Generali di Contratto per gli Appalti di forniture delle Società del Gruppo Ferrovie dello Stato

Condizioni Generali di Contratto per gli Appalti di forniture delle Società del Gruppo Ferrovie dello Stato Direzione Affari Legali e Societari LEGALEONLINE Documento Normativa di Gruppo Documenti correlati: Condizioni Generali di Contratto per gli Appalti di forniture delle Società del Gruppo Ferrovie dello

Dettagli

COMUNE DI CAMPORGIANO

COMUNE DI CAMPORGIANO COMUNE DI CAMPORGIANO PROVINCIA DI LUCCA Piazza Roma n. 1 Tel. 0583/618888 Fax. 0583/618433 C.F. 00398710467 E-mail : demografico@comune.camporgiano.lu.it CAPITOLATO D APPALTO AFFIDAMENTO MEDIANTE PROCEDURA

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura adottate dall'associazione olandese Grossisti di Prodotti di Floricoltura ( Vereniging van Groothandelaren in Bloemkwekerijproducten

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE

PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI CROTONE Prot. n. 25161 del 21/05/2012 BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA Fornitura di Prodotti Disinfestanti e Derattizzanti

Dettagli