Il Piccolo 15 giugno 2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Piccolo 15 giugno 2015"

Transcript

1 Il Piccolo 15 giugno 2015 Trieste cronaca pag. 15 Brevi Sanità. Incontro Ugl-Telesca su Burlo e appalti No al taglio dei finanziamenti al Burlo e sì alla definizione in tempi brevi di un nuovo sistema normativo per gli appalti in Fvg. Sono le richieste avanzate dal coordinatore regionale Ugl, Matteo Modica, insieme ai colleghi della segreteria regionale Roberto Salandra e Roberta Vlahov, durante un incontro con l assessore regionale Maria Sandra Telesca Trasloco di Cattinara, sindacati in allarme Cgil, Cisl e Uil temono tagli di posti letti e disagi con il trasferimento di cinque piani al Maggiore di Gianpaolo Sarti. Il maxitrasloco di cinque piani della torre medica di Cattinara, che i vertici aziendali intendono spostare al Maggiore e al Centro tumori di via Pietà, agita il fronte sindacale. L operazione era stata annunciata nei giorni scorsi dal commissario straordinario dell'azienda per l'assistenza sanitaria n.1 Triestina e dell Azienda Ospedaliero-universitaria Ospedali riuniti di Trieste, Nicola Delli Quadri. Il tutto, stando alle previsioni, avverrà entrò il 2016 e potrebbe interessare tra i centocinquanta e i duecento pazienti. Il passaggio temporaneo di struttura consentirà l avvio dei lavori di riqualificazione dell ospedale, ma Cgil, Cisl e Uil temono disagi. E, soprattutto, l inizio del percorso di riduzione di posti letto in corsia indicato dalla riforma sanitaria regionale sulla base dei decreti nazionali. «I lavori sono certamente da fare ammette Rossana Giacaz della Cgil-Funzione pubblica ma speriamo che questi spostamenti non siano il preludio ai tagli annunciati. Spesso spiega con le chiusure temporanee dei reparti si innescano anche altre manovre, come avvenuto per la sostituzione degli infissi. In quel caso sono stati tolti ben dieci letti. Questa è la nostra preoccupazione, dobbiamo stare molto attenti a quanto viene attuato. Perché il problema non sono tanto gli aspetti logistici, quanto piuttosto la diminuzione dei servizi ai pazienti». Una preoccupazione condivisa da Luca Tracanelli della Uil. «Gli spostamenti di cui parla la direzione erano annunciati ricorda il sindacalista purtroppo in passato si era visto che quando venivano fermati provvisoriamente i reparti per interventi di manutenzione o altro, poi qualcosa non si riattivava più. Certamente prosegue un trasloco del genere comporterà anche grosse difficoltà al personale e all utenza. Saranno settimane con grandi criticità, la Uil sarà attenta a segnalare tutti i disagi che dovessero presentarsi. In ogni caso conclude l iter che porterà al calo di posti letto dovrà essere accompagnato da nuovi modelli organizzativi in grado di assicurare nel tutto e per tutto l assistenza ai pazienti. Auspichiamo che l azienda sia in grado di fronteggiare al meglio il cambiamento». Massimo Bevilacqua, segretario della Cisl Funzione pubblica invita alla calma. «Il programma di riduzione dei posti letto era ampiamente noto. Ricordo il dato afferma un totale di 449. È chiaro che questo è già stato deciso dalla riforma e che quindi adesso non ha più senso contestare. Per ogni novità, come si sa, ci vuole un po di tempo per accettare e adeguarsi alle modifiche. Ciò che chiediamo rileva il sindacalista è che nell attuazione non si perda di vista l attenzione ai servizi. E che, soprattutto, il trasloco sia gestito nel miglior modo possibile, così da arginare disagi e problematiche. Non soltanto per i pazienti, ma anche per medici e infermieri». 1

2 L INTERVENTO DI Melegaro & Tirani Come scegliere bene i vacini da prendere La prevenzione delle malattie attraverso gli interventi di vaccinazione è comunemente ritenuta una delle maggiori conquiste di sanità pubblica del XX secolo. Ogni anno, più di 100 milioni di bambini vengono vaccinati in tutto il mondo, permettendo di evitare circa 2,5 milioni di morti. I programmi vaccinali hanno condotto all eradicazione del vaiolo, alla quasi raggiunta eradicazione della polio, alla riduzione del 75 per cento delle morti causate da morbillo. Tuttavia, stiamo assistendo a una nuova e profonda rivoluzione nel campo dell offerta vaccinale che merita di essere attentamente considerata. Nel prossimo decennio un numero sempre più elevato di vaccini sarà immesso sul mercato. Circa vaccini, contro malattie infettive e non di primaria importanza pubblica, si trovano, infatti, nelle diverse fasi dei trial clinici (es.: HIV, malaria, dengue, epatite C, Alzheimer, carcinoma pancreatico, cancro ovarico, melanoma). Questo porterà a una notevole pressione, da parte dei diversi portatori di interesse, delle aziende produttrici e degli stessi governi, per introdurli all interno dei piani vaccinali nazionali e regionali, determinando un impatto economico e organizzativo sul sistema sanitario nazionale non ancora completamente prevedibile, costringendo probabilmente a rivedere gli attuali calendari di somministrazione. La sfida maggiore all interno di un processo decisionale di questo tipo sarà sicuramente rappresentata dalle difficoltà di modulare le ristrettezze economiche odierne e i costi dei programmi di salute con i reali bisogni della popolazione. La produzione e la commercializzazione dei nuovi vaccini, infatti, anche in virtù delle nuove tecnologie utilizzate (per esempio, la reverse technology, metodica attraverso cui si sequenzia l intero genoma del microrganismo per selezionare gli antigeni migliori da includere nel vaccino), avverrà con costi nettamente superiori rispetto a quelli dei vaccini precedenti. Questo avrà effetti rilevanti sulle politiche vaccinali, costringendo a scelte sempre più accurate ed efficaci, nonché a una più attenta valutazione delle priorità degli investimenti. I decisori politici saranno chiamati sempre più a comportamenti responsabili, attenti e trasparenti nelle modalità di spesa del denaro pubblico e allocazione delle risorse. I nuovi vaccini dovrebbero essere sottoposti a valutazioni di Health Technology Assessment in cui vengano considerate, secondo le raccomandazioni ufficiali dei maggiori organi competenti (quali l Organizzazione mondiale della sanità), le condizioni epidemiologiche locali delle singole patologie, gli effetti diretti e indiretti dei programmi che si intendono introdurre, la loro costo-efficacia. È difficile prevedere se i servizi vaccinali (già ridotti al minimo per personale e risorse economiche) saranno in grado di reggere l aumento di carico. E c è anche da chiedersi quali saranno gli effetti sull adesione alle nuove offerte da parte della popolazione. *www.lavoce.info Go Monfalcone cronaca pag. 16 Rinnoviamo Cisint: «Il caso delle Terme? Responsabilità tutta politica» «Hanno ragione a essere molto preoccupati i gestori delle Terme Romane visto che fino ad ora hanno avuto solo promesse». Questo il commento del consigliere Anna Maria Cisint (Obiettivo: Rinnoviamo Monfalcone) sulla vicenda del polo curativo. «Il problema - sottolinea in una nota - non è soltanto ottenere l accreditamento ma soprattutto il convenzionamento economico dalla Regione, di 665mila euro all anno, pare che questo però sarà arduo. Il consigliere Ziberna e l'ex presidente Tondo, su nostra sollecitazione, si sono attivati in tal senso ma non hanno avuto rassicurazioni dalla Regione anche perché l assessore Telesca, che sta tagliando i fondi della sanità con il macete, è in imbarazzo e lo stesso direttore Marcolongo non ha avuto parole rassicuranti». «A dirla tutta su questo - prosegue Cisint -, c'è una grande responsabilità politica delle amministrazioni 2

3 comunali, sindaco in primis, visto che Tondo, dopo aver effettuato le verifiche con la sua segreteria, ci ha sottolineato con sorpresa che durante il suo mandato da presidente, e nemmeno nell'anno in cui è stato assessore alla Sanità, è stato mai investito a tal proposito. Ciò è molto grave visto che il comune nel piano finanziario approvato e che reggeva l investimento economico delle terme, basava proprio su questa entrata la possibilità di rimanere a galla». «Il rischio ora - conclude Cisint - è che le Terme Romane vengano restituite al Comune con una perdita di valore del bene costruito anche con soldi pubblici, con un problema grande come una casa nei confronti della società che ha creduto all ente e quindi si è indebitata, e soprattutto con l'impossibilità per la nostra comunità di utilizzare un servizio apprezzato e molto richiesto come testimoniano alcuni medici di base sentiti sul punto. Invece ora, prima che manchi definitivamente l'ossigeno, va spinto con determinazione il piede sull'acceleratore della Regione anche spiegando che, grazie ad una incisiva campagna promozionale con Federterme che ha già ampiamente riconosciuto il valore del servizio, probabilmente unico in Regione, il turismo sanitario potrebbe rappresentare un vantaggio ad ampio spettro». Gorizia provincia Anonimo dona 25mila euro per le cure oncologiche L importo servirà all acquisto di un attrezzatura all ospedale di Monfalcone. Raccolta di fondi a Cormons CORMONS. Un benefattore cormonese che ha voluto restare anonimo ha donato 25mila euro per l'acquisto di un macchinario per le cure oncologiche da destinare all'ospedale di Monfalcone. La donazione dello sconosciuto cormonese è una delle tante fatte dai cittadini sotto il Quarin nella raccolta fondi promossa da un'associazione che ha nel maresciallo dei Carabinieri di Cormons Paolo Capparelli il referente locale: «Si, stiamo raccogliendo la somma necessaria per donare all'ospedale monfalconese delle attrezzature da utilizzare in campo oncologico - conferma Capparelli - e abbiamo avuto la fortuna e l'onore di ricevere molto sostegno dai cormonesi, in particolare da un benefattore che ha voluto però restare anonimo». E a partecipare alla colletta è stato anche il consiglio comunale cormonese: l'ultima seduta infatti ha visto la proposta della vicesindaco Lucia Toros di devolvere il gettone di presenza a favore di questa iniziativa, in modo che anche la politica cormonese potesse dare un proprio contributo ad una causa così importante. Ed è proprio nel corso dell'assemblea civica che la Toros ha rivelato l'esistenza di un cormonese capace di destinare da solo ben 25 mila euro a questa iniziativa. «La persona, che ringraziamo calorosamente, ha voluto contribuire con una somma davvero molto importante - ha sottolineato la Toros - un esempio di come la comunità cormonese sia molto attenta alla solidarietà, all'aiuto verso gli altri chiunque essi siano ed in particolare nel caso in questione alla lotta contro ogni tipo di tumore». Due temi, quello della solidarietà e quello della salute, molto caldi in queste settimane a Cormons: da un lato infatti il fronte-profughi, con l'annunciato arrivo nella cittadina collinare di una quindicina di persone ospitate in appartamenti privati sotto la gestione dell'ics nell'ambito di un accordo che vede coinvolti anche Comune, Provincia e Prefettura. Dall'altro il caso della rimozione dell'amianto dall'ex caserma di Brazzano, tema sul quale maggioranza ed opposizione hanno battagliato aspramente proprio nell'ultimo consiglio con lo sferzante attacco dei capogruppo di Terra Cormonese Mario Riz: «Avete avviato la rimozione dell'amianto in ritardo solo dopo le nostre sollecitazioni ed il documento emanato dall'asl - ha sottolineato - perdendo così un mese e mezzo di tempo. Il sindaco Patat per giorni dopo la redazione del documento dell'asl ha continuato a dire che non c'era alcun pericolo». Piccata la risposta del sindaco: «Il giorno successivo all'emanazione del documento come giunta ci siamo attivati chiudendo il sito e predisponendo l'iter per la rimozione dell'amianto stesso. Come Riz sa la burocrazia ha i suoi tempi: oppure pensava che il giorno dopo avremmo potuto dare in mano le chiavi dell'ex caserma ad una ditta?». Intanto il Pd cormonese commenta: «Già in sede di bilancio avevamo chiesto perché non fossero stati destinati dei fondi alla messa in sicurezza dell'ex sito militare di Brazzano. L'urgenza dell'intervento era chiara fin da allora». Matteo Femia 3

4 Messaggero Veneto 15 giugno 2015 Regione Domani un convegno Anziani e disabili danno i voti alla sanità digitale UDINE. Il tema della digitalizzazione della sanità è al centro di un convegno che Federsanità Anci Fvg insieme a Regione, Ordine dei giornalisti, Azienda ospedaliero-universitaria di Udine e Ass 4 ha organizzato per domani, dalle 9.30, nell auditorium della Regione in via Sabbadini a Udine. In preparazione al convegno sono stati realizzati alcuni questionari dalla parte dei cittadini, proprio per conoscere e monitorare il reale utilizzo di alcune fasce di utenti ai servizi online attualmente disponibili. In particolare hanno partecipato al sondaggio persone anziane e disabili, nonché 350 famacie. «L obiettivo - illustrano i promotori - è quello di garantire una vera centralità di ogni cittadino, intorno al quale devono muoversi informazioni e prestazioni, con l attenzione posta alla salute, agendo in modo prioritario sui determinanti, dell ambiente e della popolazione, che interagiscono con la persona. È questo un impegno da rendere concreto, sia superando gli attuali modelli, che privilegiano l informazione come elemento proprio dei servizi e specifico delle attività di prestazione, prendendo atto che le informazioni sono del cittadino e per la salute». Go Cormonese Anonimo cormonese dona 25 mila euro per cure oncologiche Prosegue la raccolta fondi dell associazione di Capparelli Si acquisterà un macchinario per l ospedale di Monfalcone CORMÒNS. Un benefattore cormonese che ha voluto restare anonimo ha donato 25 mila euro per l'acquisto di un macchinario per le cure oncologiche da destinare all ospedale di Monfalcone. Questa donazione è una delle tante fatte dai cittadini sotto il Quarin nella raccolta fondi promossa da un associazione che ha nel maresciallo dei Carabinieri di Cormòns Paolo Capparelli il referente locale: «Sì, stiamo raccogliendo la somma necessaria per donare all ospedale monfalconese delle attrezzature da utilizzare in campo oncologico - conferma Capparelli - e abbiamo avuto la fortuna e l onore di ricevere molto sostegno dai cormonesi, in particolare da un benefattore che ha voluto però restare anonimo». A partecipare alla colletta è stato anche il consiglio comunale cormonese: l ultima seduta ha visto la proposta della vicesindaco Lucia Toros di devolvere il gettone di presenza a favore di questa iniziativa, in modo che anche la politica cormonese potesse dare un proprio contributo ad una causa così importante. Ed è proprio nel corso dell assemblea civica che la Toros ha rivelato l esistenza di un cormonese capace di destinare da solo ben 25 mila euro a questa iniziativa: «La persona, che ringraziamo calorosamente, ha voluto contribuire con una somma davvero molto importante - ha sottolineato la Toros -, un esempio di come la comunità cormonese sia molto attenta alla solidarietà, all aiuto verso gli altri chiunque essi siano e in particolare nel caso in questione alla lotta contro ogni tipo di tumore». Due temi, quello della solidarietà e quello della salute, molto caldi in queste settimane a Cormòns. Da un lato il fronte-profughi, con l annunciato arrivo nella cittadina collinare di una quindicina di persone ospitate in appartamenti privati sotto la gestione dell Ics, nell ambito di un accordo che vede coinvolti anche Comune, Provincia e Prefettura. Dall altro il caso della rimozione dell amianto dall ex caserma di Brazzano, tema sul quale maggioranza e opposizione hanno battagliato aspramente proprio nell ultimo consiglio con lo sferzante attacco dei capogruppo di Terra Cormonese Mario Riz: «Avete avviato la rimozione 4

5 dell amianto in ritardo solo dopo le nostre sollecitazioni e il documento emanato dall Asl - ha sottolineato -, perdendo così un mese e mezzo di tempo. Il sindaco Patat per giorni, dopo la redazione del documento dell Asl, ha continuato a dire che non c era alcun pericolo». Piccata la risposta del sindaco: «Il giorno successivo all emanazione del documento, come giunta ci siamo attivati chiudendo il sito e predisponendo l iter per la rimozione dell amianto stesso. Come Riz sa - spiega il sindaco -, la burocrazia ha i suoi tempi: oppure pensava che il giorno dopo avremmo potuto dare in mano le chiavi dell ex caserma a una ditta?». Intanto, il Pd cormonese commenta: «Già in sede di bilancio avevamo chiesto perché non fossero stati destinati dei fondi alla messa in sicurezza dell ex sito militare di Brazzano. L urgenza dell intervento era chiara fin da allora». Matteo Femia Cividale pag. 20 Autista e infermiere fanno nascere una bimba A Visinale a bordo di un ambulanza da Cividale, i due angeli custodi hanno aiutato la madre a dare alla luce la piccola in casa di Lucia Aviani. CIVIDALE. Di angeli custodi, lei, potrà ben dire quando sarà grande di averne avuti due, nel momento in cui è venuta al mondo. E mica convenzionali, concedete il termine: nessuna ostetrica, nessun ginecologo accanto alla sua mamma. A far nascere la piccina, sul lettone dei genitori, sono stati l autista di una delle due ambulanze in dotazione all ospedale di Cividale e l infermiere che prestava servizio sul mezzo nella notte fra sabato e domenica. Il medico, pur allertato tempestivamente dai due, è arrivato nell abitazione teatro dell avventura quando Visinale di Corno di Rosazzo, ormai, aveva un abitante in più. Ecco, dunque, lo scenario di questa storia a lieto fine, che s è conclusa con un gioioso fiocco rosa e rappresenta una chiara riprova dell importanza dei servizi sanitari (d emergenza, in primis) di prossimità. In altre parole, non ci fosse stata l ambulanza del pronto soccorso di Cividale, la madre della piccola avrebbe dovuto cavarsela da sola e chissà con quali esiti. Invece è andato tutto bene e quella che oggi si può raccontare è una vicenda che ha i tratti della favola. Erano le 4 meno un quarto quando il 118 ha raccolto la richiesta di aiuto di un uomo il padre della neonata trovatosi di fronte agli inequivocabili segnali di un parto imminente. Immediata la partenza di un mezzo dal pronto soccorso cividalese: l infermiere di turno, però, tutto si aspettava tranne che di diventare protagonista - di lì a poco, con l autista appunto di una nascita lampo. L idea era di raggiungere il posto, sincerarsi delle condizioni della donna e verificare se fosse possibile il trasporto a Udine. Nel frattempo è partita una chiamata cautelativa all ospedale di Udine, con la richiesta di un automedica a Visinale: il dottore, però, come detto, al suo arrivo ha trovato il lavoro bell e fatto. Giunti nell abitazione della coppia, che ha già altri tre figli, i due colleghi si sono resi conto che di margini d attesa non ce n erano. Sono tornate utili, a quel punto, le nozioni in tema parto che, per regolamento, sono impartite pure agli autisti di ambulanza. Ma, si capisce,fra teoria e pratica c è un abisso. La lucidità e la professionalità dei due operatori ha tuttavia colmato ogni lacuna ed evitato che partoriente e marito finissero in preda al panico. La signora è stata distesa sul letto matrimoniale appena in tempo per accogliere la creatura. Gli angeli custodi sono riusciti a farle emettere il primo vagito e solo allora, con l esserino fra le braccia, hanno potuto tirare un sospiro di sollievo. E pensare che la madre, la cui gravidanza era a termine, solo poche ore prima era stata rimandata a casa dall ospedale. 5

6 Lettere SANITÀ. Travolti dalla burocrazia La semplicazione dell'apparato burocratico è da sempre la promessa più demagogica e, nello stesso tempo, più utopistica di ogni governo. Demagogica perché risponde a un principio di giustizia sentito da tutti; utopistica, perché sembra un sogno in Italia, come mostra la recente indagine del commissario Cottarelli, che ha passato al setaccio i rami dell'amministrazione per metterne a nudo sprechi e doppioni. Prima ancora ci aveva provato, ma per semplice propaganda, il leghista Calderoli. Si ricorderà che nelle sue vesti di ministro per le riforme del governo Berlusconi aveva inscenato un "rogo" di cartacce burocratiche in piazza, per dimostrare alla pubblica opinione l'intenzione di fare sul serio. Il fatto è che Calderoli non ha fatto sul serio. Un caso esemplare di semplificazione amministrativa in negativo riguarda il sistema sanitario socio-assistenziale. Tutti avranno qualche anziano in casa, ora o in futuro. Ecco il percorso da seguire per prendersene cura. Numeriamo i passaggi burocratici, per semplificare. 1) L anziano si ammala, va in ospedale e passa alla non autosufficienza. 2) In attesa che i parenti si organizzino, viene parcheggiato. 3) Prima di uscire, il fisiatra ne prescrive gli ausili: stampelle, sedia a rotelle e quant'altro. 4) Ma per ottenerli bisogna rivolgersi all'asl. 5) Poi ci si reca di persona a ritirarli alla ditta convenzionata. 6) L'anziano torna a casa e non si sa che fare. L'assistenza domiciliare del Comune (sempre on demand) vacilla disperatamente tra un malato e l'altro. 7) Tramite passaparola ci si procura una badante, possibilmente "in nero". 8) Nel frattempo, il medico di famiglia compila un modulo per constatare la non autosufficienza del paziente. 9) Con il modulo precompilato il familiare va al Caaf più vicino, che inoltra la richiesta per l'accompagnatoria (circa 450 euro). 10) Passano settimane. L'anziano è convocato all'asl per la visita della Commissione: una specie di esame di maturità (on demand) dovrà attestarne la non autosufficienza per godere del sussidio. 11) Poi si torna a casa e si aspetta. Altri mesi. Se ci sono soldi in cassa (quindi non sei mai sicuro), ti arriva il sussidio. Altrimenti altre richieste all'asl (on demand) 12) Purtroppo la badante garantisce la sicurezza assistenziale, ma non quella sanitaria. Questo lo scopri solo vivendo, e più volte vai in pronto soccorso perché il tuo caro ha delle crisi. 13) Inizia l'odissea alla ricerca di una casa di riposo (on demand). C'è una banca dati regionale con le disponibilità di accoglienza? Un sogno. Qui Internet serve solo per i video giochi di Fantozzi. Il parente va in pellegrinaggio da casa in casa. In genere c'è sempre la lista d'attesa (on demand), e attendi. Poi, il miracolo: si apre un varco, diciamo così, e ottieni un posto letto. 14) Anche qui seguono scheda Bina, Cud, 730, impegnative scritte di copertura della retta. Diciamo dai 1800 ai 3000 euro mensili a seconda delle tasche. Ma per il tuo caro fai i salti mortali, come è giusto, fino alla deprivazione, per accudirlo. E' pur sempre tua madre o tuo padre, no? Ti ha accudito in fasce? Ti ha mantenuto negli studi? O)ra lo accudisci tu. Viene dal cuore, prima che dal senso del dovere. 15) Non ce la fai a integrare la retta abnorme e presenti al Comune il nuovo Isee, indicatore di redditi a punteggio, per un qualche contributo (on demand). 16) Ma per questo devi produrre altri quindici (15!) documenti (on demand). 17) Poi di nuovo sempre in lista d'attesa al Caaf. 18) Magari nel frattempo una qualche legge (di cui sei all'oscuro, ma "la legge non ammette ignoranza", offre (on demand) un sussidio uno tantum ai familiari. 19) Alla fine il parente, dopo "l'odissea on demand", e prima di finire pure lui all'ospedale (psichiatrico), scrive una lettera al giornale per chiedere se non ci sia spazio in Italia, come in Germania, per una qualche "Agenzia per la Terza età". Livio Braida Udine 6

per i cittadini non comunitari

per i cittadini non comunitari Progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA Fondo Europeo per l Integrazione dei Cittadini dei Paesi Terzi GUIDA AL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE per i cittadini non comunitari INDICE Glossario 4 Informazioni

Dettagli

Lettori: 951.000 Diffusione: 267.228. Dir. Resp.: Roberto Napoletano. 25-OTT-2014 da pag. 14

Lettori: 951.000 Diffusione: 267.228. Dir. Resp.: Roberto Napoletano. 25-OTT-2014 da pag. 14 Lettori: 951.000 Diffusione: 267.228 Dir. Resp.: Roberto Napoletano 25-OTT-2014 da pag. 14 Stabilità. Boschi: "Il taglio al fondo per i malati di Sla può essere rivisto in Parlamento" http://www.quotidianosanita.it/stampa_articolo.php?articolo_id=24002

Dettagli

PRESENTAZIONE OPUSCOLO. Patologie oncologiche e invalidanti. Quello che è importante sapere per le lavoratrici e i lavoratori.

PRESENTAZIONE OPUSCOLO. Patologie oncologiche e invalidanti. Quello che è importante sapere per le lavoratrici e i lavoratori. PRESENTAZIONE OPUSCOLO Patologie oncologiche e invalidanti. Quello che è importante sapere per le lavoratrici e i lavoratori Roma 19 aprile 2012 Sala D Antona Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

IV CONGRESSO NAZIONALE FEDERSANITÀ ANCI ROMA 15 16 OTTOBRE 2014 RASSEGNA STAMPA

IV CONGRESSO NAZIONALE FEDERSANITÀ ANCI ROMA 15 16 OTTOBRE 2014 RASSEGNA STAMPA IV CONGRESSO NAZIONALE FEDERSANITÀ ANCI ROMA 15 16 OTTOBRE 2014 RASSEGNA STAMPA ARTICOLO SOLE 14 OTTOBRE 2014 ARTICOLO SOLE ONLINE 15 OTTOBRE 2014: per leggere la notizia completa vai su http://www.sanita.ilsole24ore.com/art/regioni

Dettagli

Ci sono gesti che sono semplici, che non

Ci sono gesti che sono semplici, che non famiglia oggi Donare, per salvare una vita di Giorgia Cozza Storia di Laura e della sua grave malattia. E di come la speranza possa di nuovo tornare, attraverso un donatore di midollo osseo che risiede

Dettagli

5 - IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

5 - IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 1 5 - IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PRESENTAZIONE E OBIETTIVI Il Servizio di Assistenza Domiciliare (S.A.D.) è un servizio di aiuto a carattere professionale realizzato presso il domicilio delle

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. Data 5 Novembre 2014. Le contraddizioni della sanità pubblica lodigiana

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. Data 5 Novembre 2014. Le contraddizioni della sanità pubblica lodigiana Pagina 1 di 7 rassegna stampa Data 5 Novembre 2014 IL CITTADINO Lodi Le contraddizioni della sanità pubblica lodigiana Lettere & opinioni Rossi proprio come Renzi non si confronta con il sindacato Codogno

Dettagli

Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate!

Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate! Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate! Il Consiglio d'europa è un'organizzazione internazionale con 47 paesi membri. La sua attività coinvolge 150 milioni

Dettagli

SANITÀ: A FEBBRAIO SCIOPERI MEDICI FAMIGLIA FIMMG CONTRO MANOVRA

SANITÀ: A FEBBRAIO SCIOPERI MEDICI FAMIGLIA FIMMG CONTRO MANOVRA SANITÀ: A FEBBRAIO SCIOPERI MEDICI FAMIGLIA FIMMG CONTRO MANOVRA Roma, 14 gen. (Adnkronos/Adnkronos Salute) - I medici di famiglia della Fimmg pronti a dare battaglia contro gli effetti della manovra 'salva-italià

Dettagli

"Emergenza Migranti"

Emergenza Migranti Via Giacomo Cusmano 24 90142 Palermo www.asppalermo.org Unità di Crisi Aziendale Piano Interno di Intervento "Emergenza Migranti" 1 Premessa Unità di Crisi Aziendale Piano Interno di Intervento "Emergenza

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Ultima revisione: Aprile 2014 PARTE GENERALE 1. PRESENTAZIONE DELLA FONDAZIONE SCARPARI FORATTINI ONLUS L ente trae origine dalle disposizioni testamentarie

Dettagli

PRIMA SESSIONE QUALI MODELLI NELLA SFIDA ALLA COMPLESSITA DELLA FRAGILITA

PRIMA SESSIONE QUALI MODELLI NELLA SFIDA ALLA COMPLESSITA DELLA FRAGILITA PRIMA SESSIONE QUALI MODELLI NELLA SFIDA ALLA COMPLESSITA DELLA FRAGILITA Antonio Brambilla Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Regione Emilia Romagna Il tema della fragilità è un tema estremamente

Dettagli

PARTE III LA VALUTAZIONE DELLA CAPACITà DI PERSEGUIMENTO

PARTE III LA VALUTAZIONE DELLA CAPACITà DI PERSEGUIMENTO PARTE III LA VALUTAZIONE DELLA CAPACITà DI PERSEGUIMENTO Delle strategie REGIONALI (B) a cura di Sara Barsanti Introduzione L area di valutazione del conseguimento delle strategie regionali (area B) ha

Dettagli

Le sfide di un utenza in continua evoluzione

Le sfide di un utenza in continua evoluzione SENIORnet Le sfide di un utenza in continua evoluzione Venezia Mestre 8/4/2014 Dott.sa Emma Nardin Coordinatore tecnico Servizio Adulti Anziani GLI SCENARI DEMOGRAFICI LE FAMIGLIE DEGLI ANZIANI LE DOMANDE

Dettagli

La newsletter dell'azienda Speciale Gallazzi Vismara Numero 2 - maggio 2015

La newsletter dell'azienda Speciale Gallazzi Vismara Numero 2 - maggio 2015 La newsletter dell'azienda Speciale Gallazzi Vismara Numero 2 - maggio 2015 FESTA DI PRIMAVERA Il 29 marzo la Casa di Riposo Gallazzi Vismara ha dato ufficialmente il benvenuto alla primavera, una stagione

Dettagli

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 II QUADRO DEMOGRAFICO Dal Rapporto 2010 sulla non autosufficienza in Italia In Italia le persone con

Dettagli

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione Perchè L A.S.L. deve farsi carico dei costi sanitari derivanti dagli interventi assistenziali rivolti ad anziani non autosufficienti, pertanto si avvale della Commissione per avere una valutazione tecnica

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

La seconda settimana di Novembre 2012

La seconda settimana di Novembre 2012 Crescere informa La Rassegna stampa diventa Internazionale aperta a più paesi A cura di Crescere Insieme Onlus www.crescereinsiemeonlus.org La seconda settimana di Novembre 2012 Notiziario con articoli

Dettagli

Azienda Speciale Servizi alla Persona

Azienda Speciale Servizi alla Persona Azienda Speciale Servizi alla Persona ANZIANI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI E DISABILI (S.A.D.) Cosa offre il servizio SAD L'assistenza domiciliare è un tipo di servizio erogato direttamente

Dettagli

PIATTAFORMA DEI SINDACATI PENSIONATI SPI-CGIL, FNP-CISL, UILP-UIL DELLA LOMBARDIA SULLA NON AUTOSUFFICIENZA

PIATTAFORMA DEI SINDACATI PENSIONATI SPI-CGIL, FNP-CISL, UILP-UIL DELLA LOMBARDIA SULLA NON AUTOSUFFICIENZA PIATTAFORMA DEI SINDACATI PENSIONATI SPI-CGIL, FNP-CISL, UILP-UIL DELLA LOMBARDIA SULLA NON AUTOSUFFICIENZA Con l allungamento della vita, l età media e le condizioni fisiche e psichiche le caratteristiche

Dettagli

Rassegna Stampa. Sabato 23 febbraio 2013

Rassegna Stampa. Sabato 23 febbraio 2013 Rassegna Stampa Sabato 23 febbraio 2013 Rassegna Stampa realizzata da SIFA Srl Servizi Integrati Finalizzati alle Aziende 20129 Milano Via Mameli, 11 Tel. 0243990431 Fax 0245409587 Rassegna del 23 febbraio

Dettagli

38. N.2/2011 - IO INFERMIERE

38. N.2/2011 - IO INFERMIERE L ambulatorio infermieristico: un nuovo modello organizzativo volto a rispondere alle nuove e crescenti necessità sanitarie della cittadinanza. Indagine conoscitiva condotta presso la ASL di Lecce 1 OMS,

Dettagli

Gli anziani in lista. i servizi?

Gli anziani in lista. i servizi? 44 4 2012 ESPERIENZE li a partire dagli strumenti e dalle modalità operative rispetto a cui la cooperazione sociale ha sviluppato maggiori eccellenze. Accanto alla sfida storica della cooperazione sociale,

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

Il Piccolo 5 ottobre 2015

Il Piccolo 5 ottobre 2015 Il Piccolo 5 ottobre 2015 Regione La sanità investe su esami e cure hi tech La Regione, con un riparto bis di quasi 19 milioni, finanzia 36 interventi dalle risonanze più all avanguardia alle ambulanze

Dettagli

Le cure primarie in Italia: verso quali orizzonti di cura ed assistenza

Le cure primarie in Italia: verso quali orizzonti di cura ed assistenza Le cure primarie in Italia: verso quali orizzonti di cura ed assistenza Le cure primarie in Italia oggi: i risultati dell Osservatorio Tematiche esplorate Cittadini No Profilo campionatura del rispondente

Dettagli

SERVIZI SOCIALI DEL COMUNE

SERVIZI SOCIALI DEL COMUNE SERVIZI SOCIALI DEL COMUNE - Attività e Servizi - I Servizi Sociali del Comune di Cinto Caomaggiore operano nel territorio offrendo ai cittadini informazione e sponsorizzazione dei servizi presenti e si

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido.

Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido. Torino 16 ottobre 2013 Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido. CENTRO ACCOGLIENZA LA RUPE Dott.ssa Piera Poli Pubblico, privato

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. 13 Novembre 2015

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. 13 Novembre 2015 Pagina 1 di 5 rassegna stampa 13 Novembre 2015 IL CITTADINO Lodi Pronto soccorso radiologico all ospedale Domani mattina si inaugurerà il Pulmino alao per gli ammalati Faremo gli esami Dna ai pazienti

Dettagli

Come ti immagini gi insegnanti?

Come ti immagini gi insegnanti? a Come ti immagini gi insegnanti? Quello dell insegnante è un ruolo complesso, in cui entrano in gioco diverse caratteristiche della persona che lo esercita e della posizione che l insegnante occupa nella

Dettagli

Saggiamente La garanzia della protezione, la tranquillità del capitale.

Saggiamente La garanzia della protezione, la tranquillità del capitale. Saggiamente La garanzia della protezione, la tranquillità del capitale. 2 Il miglioramento della qualità della vita e i progressi della medicina stanno modificando le nostre abitudini e le nostre aspettative

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

COMUNE DI VALDISOTTO (Provincia di Sondrio)

COMUNE DI VALDISOTTO (Provincia di Sondrio) COMUNE DI VALDISOTTO (Provincia di Sondrio) OGGETTO: Esame ed approvazione Regolamento per l erogazione degli interventi economici di assistenza sociale. IL CONSIGLIO COMUNALE Premesso che la legge 08

Dettagli

Toscana: firmata intesa per tutela lavoratori Province

Toscana: firmata intesa per tutela lavoratori Province 107200 203656 745 ACCEDI REGISTRATI OROSCOPO SEGUI IL TUO OROSCOPO Fatti Soldi Salute Intrattenimento Magazine Sostenibilità Immediapress Multimedia AKI Ariete Finanza Economia Lavoro Euro Fondi News Soldi.

Dettagli

FONDAZIONE. Bartolomea Spada Schilpario Valle di Scalve O.N.L.U.S. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI

FONDAZIONE. Bartolomea Spada Schilpario Valle di Scalve O.N.L.U.S. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI per servizio di ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA REVISIONI N. Descrizione Data 0 Redazione documento 20 giugno 2012 1 Pagina 6, modifica prima riga 15

Dettagli

4. IL PUNTO DI VISTA DEL VOLONTARIATO

4. IL PUNTO DI VISTA DEL VOLONTARIATO 12949_09 Disparità nell accesso dei malati oncologici ai trattamenti terapeutici e assistenziali 4. IL PUNTO DI VISTA DEL VOLONTARIATO ONCOLOGICO: ASSISTENZA DOMICILIARE, SOSTEGNO PSICOLOGICO E INFORMAZIONE

Dettagli

Assessorato alla Città Solidale - Direzione Servizi alla Persona Progetto Affido Familiare. Affido Near. Ottobre 2005

Assessorato alla Città Solidale - Direzione Servizi alla Persona Progetto Affido Familiare. Affido Near. Ottobre 2005 Assessorato alla Città Solidale - Direzione Servizi alla Persona Affido Near Ottobre 2005 Perché un progetto affido neonati Nel 2001 gli abbinamenti erano attuati a livello territoriale: in mancanza di

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

I PENSIONATI VOGLIONO DELLE RISPOSTE

I PENSIONATI VOGLIONO DELLE RISPOSTE CGIL SPI TORINO TORINO TORINO I PENSIONATI VOGLIONO DELLE RISPOSTE Nel corso degli ultimi anni la fase di contrattazione con i Comuni sulle loro politiche di bilancio, è andata incontro a molte difficoltà.

Dettagli

PROGETTO PER VOLONTARI FAMIGLIE e BADANTI PROMOSSO DA ASSOCIAZIONE DIRITTI ANZIANI TRENTO

PROGETTO PER VOLONTARI FAMIGLIE e BADANTI PROMOSSO DA ASSOCIAZIONE DIRITTI ANZIANI TRENTO A.D.A. - Associazione Diritti Anziani Ente Nazionale a carattere assistenziale D.M. n 59/C24029(A)142 del 10/01/2001 Via Matteotti n 20/1-38100 Trento C.F. 96051750220 Tel. 0461/376114 Fax 0461/376199

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Comunicato n. 332 12 dicembre 2007 Ministero della Salute UFFICIO STAMPA Senato approva Ddl proposto dal Ministro Turco sulla semplificazione degli adempimenti amministrativi connessi alla tutela della

Dettagli

Quando un figlio è malato: diritti e servizi sociali per la famiglia

Quando un figlio è malato: diritti e servizi sociali per la famiglia diritti e servizi sociali per la famiglia Cari Genitori, Questa brochure si propone di offrirvi sinteticamente informazioni utili e consigli pratici per orientarvi nel sistema dei servizi sociali e scolastici,

Dettagli

Invecchiare con cura: tutelare la libertà di scelta dell anziano e dei familiari

Invecchiare con cura: tutelare la libertà di scelta dell anziano e dei familiari Nono Seminario regionale della Rete europea dei difensori civici Cardiff 22 24 giugno Seconda sessione: Promuovere i diritti di una popolazione che invecchia Invecchiare con cura: tutelare la libertà di

Dettagli

Tratto da Prospettive assistenziali n. 175, luglio settembre 2011 www.fondazionepromozionesociale.it

Tratto da Prospettive assistenziali n. 175, luglio settembre 2011 www.fondazionepromozionesociale.it Tratto da Prospettive assistenziali n. 175, luglio settembre 2011 www.fondazionepromozionesociale.it ALLUCINANTI LE DICHIARAZIONI DEL MINISTRO SACCONI SULLA SOCIAL CARD E SULLE ESIGENZE DEI SOGGETTI DEBOLI

Dettagli

Assemblea dei Soci A.P.I.Bi.M.I. onlus

Assemblea dei Soci A.P.I.Bi.M.I. onlus Assemblea dei Soci A.P.I.Bi.M.I. onlus Rovereto, 20 aprile 2012 RELAZIONE PRESIDENTE Cari amici, grazie per la vostra presenza alla nostra assemblea che quest anno abbiamo programmato in un giorno settimanale,

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. 4/5/6/7 Aprile 2015

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. 4/5/6/7 Aprile 2015 Pagina 1 di 6 rassegna stampa 4/5/6/7 Aprile 2015 IL CITTADINO Lodi In ospedale cantieri avanti tutta (04/04/2015) Foroni respinge il matrimonio con pavia: «lodi autonoma» (04/04/2015) Lettere & opinioni

Dettagli

Progetto pilota ROMAINFORMA: Sportello Informativo per la tutela della salute e per la prevenzione delle epatiti B e C.

Progetto pilota ROMAINFORMA: Sportello Informativo per la tutela della salute e per la prevenzione delle epatiti B e C. Progetto pilota ROMAINFORMA: Sportello Informativo per la tutela della salute e per la prevenzione delle epatiti B e C. Data inizio: Novembre 2006 Durata: 2 anni Dove: Comune di Roma Soggetto proponente:

Dettagli

RASSEGNA STAMPA Giovedì, 04.09.2014

RASSEGNA STAMPA Giovedì, 04.09.2014 RASSEGNA STAMPA Giovedì, 04.09.2014 Il Sole 24 Ore 1 Per gli stipendi pubblici blocco anche nel 2015 La Repubblica 1 Eterologa lo strappo dei governatori Il Secolo XIX - Ed. Levante 1 Eterologa al via

Dettagli

Tenersi per mano nella società dell incertezza.

Tenersi per mano nella società dell incertezza. Tenersi per mano nella società dell incertezza. Ricerca Spi Cgil Lombardia-AASter, settembre 2004 Discorsi sugli anziani. Viviamo, anziani e non anziani, nel postmoderno. Che in prima approssimazione si

Dettagli

ASCOLTO Secondo noi l ascolto è la necessaria premessa per l accoglienza e la comprensione dei bisogni della persona malata e dei suoi familiari.

ASCOLTO Secondo noi l ascolto è la necessaria premessa per l accoglienza e la comprensione dei bisogni della persona malata e dei suoi familiari. LA CARTA DEI VALORI ASCOLTO Secondo noi l ascolto è la necessaria premessa per l accoglienza e la comprensione dei bisogni della persona malata e dei suoi familiari. DIGNITÀ Ci impegniamo ogni giorno per

Dettagli

Una manovra di rigore ed equità.

Una manovra di rigore ed equità. Una manovra di rigore ed equità. Ispirata all'art. 3 della Costituzione: "È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che impediscono il pieno sviluppo della persona".

Dettagli

L età anziana si distingue in almeno due grandi aree: gli anziani giovani (60-75 anni), e gli anziani anziani o grandi anziani (76 e oltre).

L età anziana si distingue in almeno due grandi aree: gli anziani giovani (60-75 anni), e gli anziani anziani o grandi anziani (76 e oltre). Quando si diventa anziani? Quando la carriera lavorativa termina e ci si ritira dalla vita attiva. Il pensionamento, quindi, è convenzionalmente l inizio dell età anziana. L età anziana si distingue in

Dettagli

COMUNE DI TORRE S. SUSANNA. (Provincia di Brindisi) ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI

COMUNE DI TORRE S. SUSANNA. (Provincia di Brindisi) ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI ALLEGATO UNICO ALLA DELIBERAZIONE DI G. C. N. 194 DEL 21.11.2002 COMUNE DI TORRE S. SUSANNA (Provincia di Brindisi) ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

Dettagli

SOMMARIO TUTTI INSIEME A VEDERE I MONDIALI

SOMMARIO TUTTI INSIEME A VEDERE I MONDIALI n. 49-18 giugno 2014 IN QUESTO NUMERO PARLIAMO CON VITTORIO FEDERICO, PRESIDENTE AUSER TORINO Estate purtroppo molto spesso vuol dire anche solitudine. La città si svuota, parenti e vicini di casa vanno

Dettagli

R ELAZIONE DEL PRESIDENTE

R ELAZIONE DEL PRESIDENTE R ELAZIONE DEL PRESIDENTE Assemblea degli iscritti anno 1999 Il 1998 è stato caratterizzato da grandi attese e da rinvii infiniti per la professione infermieristica, accompagnato da eventi importanti per

Dettagli

LA STRATEGIA DEL COLIBRÌ Di Giuliano Marrucci. GIULIANO MARRUCCI Qui bisogna dimostrare che è facile questa faccenda qua, eh?

LA STRATEGIA DEL COLIBRÌ Di Giuliano Marrucci. GIULIANO MARRUCCI Qui bisogna dimostrare che è facile questa faccenda qua, eh? LA STRATEGIA DEL COLIBRÌ Di Giuliano Marrucci Qui bisogna dimostrare che è facile questa faccenda qua, eh? Se lo faccio pure io.. Se ci riesci pure te siamo a cavallo! Giusta? Sì. Ci siamo? Guarda com'è

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Lombardia Libera Bollettino a cura del Gruppo Lega Nord in Regione Lombardia

Lombardia Libera Bollettino a cura del Gruppo Lega Nord in Regione Lombardia Lombardia Libera Bollettino a cura del Gruppo Lega Nord in Regione Lombardia (Fonti utilizzate: agenzia di stampa Lombardia Notizie e sito web Regione Lombardia) Gruppo Lega Nord restituisce residui scorsa

Dettagli

Newsletter N. 6/2014

Newsletter N. 6/2014 Consiglio Regionale Lazio Newsletter N. 6/2014 Cari amici, siamo giunti alla fine del primo semestre, arrivano le vacanze e con esse la stagione ideale per rilassarci: al mare, in montagna, in campagna

Dettagli

Allegato 1.1.) Piano delle vaccinazioni

Allegato 1.1.) Piano delle vaccinazioni Allegato 1.1.) Piano delle vaccinazioni Premessa Sulla base della Intesa tra Stato, Regioni e Province Autonome sancita lo scorso 23 Marzo 2005 e relativa al Piano Nazionale per la Prevenzione, il Ministero

Dettagli

ALLEGATO ALLA CARTA DEI SERVIZI ANPAS EMILIA ROMAGNA

ALLEGATO ALLA CARTA DEI SERVIZI ANPAS EMILIA ROMAGNA DENOMINAZIONE: ASSISTENZA PUBBLICA PARMA (onlus) INDIRIZZO: PARMA 43125 V.LE GORIZIA 2/A TELEFONO E FAX: 0521/224922 0521/224920 MAIL: amministrazione@apparma.org ANNO DI FONDAZIONE: 1902 CARTA DEI SERVIZI

Dettagli

Venerdì 21 FEBBRAIO 2013 Lo sciopero dei ginecologi e le risposte dei

Venerdì 21 FEBBRAIO 2013 Lo sciopero dei ginecologi e le risposte dei Lo sciopero dei ginecologi e le risposte dei partiti http://www.quotidianosanita.it/stampa_articolo.php?articolo_id=13602 Page 1 of 2 22/02/2013 quotidianosanità.it Venerdì 21 FEBBRAIO 2013 Lo sciopero

Dettagli

La certificazione ISO 9001:2000 e la documentazione infermieristica

La certificazione ISO 9001:2000 e la documentazione infermieristica La certificazione ISO 9001:2000 e la documentazione infermieristica Darinka Daneu, Barbara Ianderca, Flavio Paoletti e Claudia Rusgnach 1 Le Norme ISO 9001:2000 sono valide a livello internazionale. Esse

Dettagli

AMatera medici e odontoiatri si informano sulla deontologia professionale. Successo di pubblico per la

AMatera medici e odontoiatri si informano sulla deontologia professionale. Successo di pubblico per la SUD Dall Italia Storie di Medici e Odontoiatri AVELLINO BARI BRESCIA CAGLIARI MATERA PESCARA PISTOIA SIENA TARANTO di Laura Petri L ORDINE DI BARI SI IMPROVVISA GALLERIA D ARTE Successo di pubblico per

Dettagli

AREA PERSONE DIVERSAMENTE ABILI

AREA PERSONE DIVERSAMENTE ABILI IV.5. AREA PERSONE DIVERSAMENTE ABILI IV.5.1. Analisi dei problemi e definizione degli obiettivi Problemi e fabbisogni dell Ambito Costa sud 2 nell area Disabilità : Bisogno di supporto per le famiglie

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

L IMPATTO ECONOMICO DELL EMOFILIA E DELLE COAGULOPATIE CONGENITE SULLE FAMIGLIE

L IMPATTO ECONOMICO DELL EMOFILIA E DELLE COAGULOPATIE CONGENITE SULLE FAMIGLIE QUESTIONARIO INCHIESTA L IMPATTO ECONOMICO DELL EMOFILIA E DELLE COAGULOPATIE CONGENITE SULLE FAMIGLIE LUGLIO/AGOSTO 2001 10 La Federazione delle Associazioni Emofilici, con la collaborazione del nostro

Dettagli

Con la Ricerca possiamo fare molto. INSIEME

Con la Ricerca possiamo fare molto. INSIEME ONCOLOGIA PEDIATRICA Con la Ricerca possiamo fare molto. INSIEME QUANDO I BAMBINI SOFFRONO SOFFRIAMO TUTTI. Per questo abbiamo voluto impegnarci davvero nell oncologia pediatrica clinica creando il progetto

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI 2014

CARTA DEI SERVIZI 2014 CARTA DEI SERVIZI 2014 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA INDICE: PREMESSA 2 METODOLOGIA DI LAVORO 2 ARTICOLAZIONE DELLE RESPONSABILITA 3 IL PERCORSO DI CURA 3 COME OTTENERE LE CURE DOMICILIARI 3 I PRINCIPI

Dettagli

Il ruolo di sentinella del Medico di Famiglia

Il ruolo di sentinella del Medico di Famiglia Il ruolo di sentinella del Medico di Famiglia R A F F A E L L A M I C H I E L I Segretario Nazionale Società Italiana Medicina Generale Nonostante il titolo della mia relazione sia Il ruolo di sentinella

Dettagli

Cosa si intende con il termine congedo? congedo di maternità congedo di paternità

Cosa si intende con il termine congedo? congedo di maternità congedo di paternità 1 GUIDA AI CONGEDI PER LA CONCILIAZIONE Questo testo riscritto dal Comitato Unico di garanzia della Provincia di Varese raccoglie le principali informazioni utili per orientarsi nell ambito dei congedi

Dettagli

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto Indice Cominciamo 7 La curiosità di Alice 9 Un po di imbarazzo 25 Innamorarsi 43 Fare l amore 55 Concepimento 71 Gravidanza 83 La nascita 95 Il nostro corpo: le donne 111 Il nostro corpo: gli uomini 127

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. A cura di Gian Piero Di Folco uff.stampa.difolco@farmacap.it

RASSEGNA STAMPA. A cura di Gian Piero Di Folco uff.stampa.difolco@farmacap.it RASSEGNA STAMPA A cura di Gian Piero Di Folco uff.stampa.difolco@farmacap.it Sommario Rassegna Stampa Pagina Testata Data Titolo Rubrica Primo Piano 41 Il Messaggero - Cronaca di Roma 11/06/2015 "MI HANNO

Dettagli

COMUNE DI MEDE GIUNTA COMUNALE VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 39. Seduta del 7 MARZO 2011 ore 15.00. Presidente: GIORGIO GUARDAMAGNA SINDACO

COMUNE DI MEDE GIUNTA COMUNALE VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 39. Seduta del 7 MARZO 2011 ore 15.00. Presidente: GIORGIO GUARDAMAGNA SINDACO COMUNE DI MEDE GIUNTA COMUNALE VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 39 Seduta del 7 MARZO 2011 ore 15.00 Presidente: GIORGIO GUARDAMAGNA SINDACO Presenti gli Assessori comunali: MORENO BOLZONI ALBERTO GROSSI GUIDO

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE ANZIANI E DISABILI

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE ANZIANI E DISABILI COMUNE DI MONTICELLI D ONGINA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE ANZIANI E DISABILI Art. 1. (Istituzione del Servizio) Il presente Regolamento disciplina gli interventi a sostegno della mobilità

Dettagli

Fondazione Promozione Sociale ONLUS Via Artisti 36, 10124 Torino 011.8124469 fax 011.8122595 info@fondazionepromozionesociale.it

Fondazione Promozione Sociale ONLUS Via Artisti 36, 10124 Torino 011.8124469 fax 011.8122595 info@fondazionepromozionesociale.it Fondazione Promozione Sociale ONLUS Via Artisti 36, 10124 Torino 011.8124469 fax 011.8122595 info@fondazionepromozionesociale.it Torino, ottobre 2004 Gentili Presidenti e Spettabili Redazioni, Vi scriviamo

Dettagli

VERSO LE REGIONALI 2015

VERSO LE REGIONALI 2015 VERSO LE REGIONALI 2015 COMMITTENTE SOGGETTO CHE HA EFFETTUATO IL SONDAGGIO NUMEROSITÀ DEL CAMPIONE METODOLOGIA DATE IN CUI È STATO EFFETTUATO IL SONDAGGIO LIGURIA CIVICA DIGIS SRL 1.000 CASI CATI 13-14

Dettagli

Commento CGIL al NUOVO ISEE

Commento CGIL al NUOVO ISEE Commento CGIL al NUOVO ISEE Con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (n.d.r. DPCM 3.12.2013), è stato adottato il nuovo ISEE (indicatore della situazione economica equivalente). Il testo raccoglie

Dettagli

OSPEDALE CULTURALMENTE COMPETENTE, ASSOCIAZIONI, MEDIATORI CULTURALI: SINERGIE PER L ACCESSO AI SERVIZI E PER L INTEGRAZIONE DEI MIGRANTI

OSPEDALE CULTURALMENTE COMPETENTE, ASSOCIAZIONI, MEDIATORI CULTURALI: SINERGIE PER L ACCESSO AI SERVIZI E PER L INTEGRAZIONE DEI MIGRANTI Conoscere il Servizio Sanitario Nazionale Progetto OSPEDALE CULTURALMENTE COMPETENTE, ASSOCIAZIONI, MEDIATORI CULTURALI: SINERGIE PER L ACCESSO AI SERVIZI E PER L INTEGRAZIONE DEI MIGRANTI Co-finanziato

Dettagli

Informazione economica e crisi delle imprese. Seminario Ordine dei Giornalisti di Sicilia Catania, 15 luglio 2014

Informazione economica e crisi delle imprese. Seminario Ordine dei Giornalisti di Sicilia Catania, 15 luglio 2014 Informazione economica e crisi delle imprese Seminario Ordine dei Giornalisti di Sicilia Catania, 15 luglio 2014 IL FATTO NARRATO Ancora senza soldi i dipendenti Liotrix. Verso un tavolo in Prefettura?

Dettagli

Ministero della Salute. Programma Nazionale per la prevenzione degli effetti sulla salute da ondate di calore - Estate 2011

Ministero della Salute. Programma Nazionale per la prevenzione degli effetti sulla salute da ondate di calore - Estate 2011 Ministero della Salute Programma Nazionale per la prevenzione degli effetti sulla salute da ondate di calore - Estate 2011 Premessa Per ondata di calore si intende una condizione meteorologica che persiste

Dettagli

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il distretto sanitario di Cividale si presenta A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il Distretto è una struttura dell Azienda per i servizi sanitari territoriali

Dettagli

15 proposte concrete per migliorare la vita delle donne

15 proposte concrete per migliorare la vita delle donne 15 proposte concrete per migliorare la vita delle donne (e quella degli uomini) Per un maggior sostegno alla maternità e alla paternità 1 UNA TUTELA PER TUTTE LE MAMME L Italia ha uno dei tassi di natalità

Dettagli

rassegna stampa 2 Dicembre 2014 IL CITTADINO Lodi Scala mobile ferma in ospedale, ora non si può nemmeno risalire

rassegna stampa 2 Dicembre 2014 IL CITTADINO Lodi Scala mobile ferma in ospedale, ora non si può nemmeno risalire Pagina 1 di 6 rassegna stampa 2 Dicembre 2014 IL CITTADINO Lodi Scala mobile ferma in ospedale, ora non si può nemmeno risalire Codogno Il caso ospedale finisce ancora sotto i riflettori Casalpusterlengo

Dettagli

CASTELLO NEWS N 1 SUBITO AL LAVORO. Cari castellani,

CASTELLO NEWS N 1 SUBITO AL LAVORO. Cari castellani, CASTELLO NEWS N 1 SUBITO AL LAVORO Cari castellani, è la prima occasione utile per sentirci con un po' più di calma dopo queste due settimane, a parte qualche post su Facebook che ha tentato di dar conto

Dettagli

Donne tra passato e futuro in rapporto alla famiglia, il lavoro, la società e la politica

Donne tra passato e futuro in rapporto alla famiglia, il lavoro, la società e la politica Donne tra passato e futuro in rapporto alla famiglia, il lavoro, la società e la politica Il Segretario Confederale Liliana Ocmin Indice I valori delle donne, i valori della Cisl pg. 3 Il sistema di Welfare

Dettagli

OSPEDALI E PUNTI MEDICI AVANZATI (PMA)

OSPEDALI E PUNTI MEDICI AVANZATI (PMA) Assessorato politiche per la salute Situazione terremoto 31 maggio 2012 ore 17 Provincia di Modena Ospedale di Mirandola OSPEDALI E PUNTI MEDICI AVANZATI (PMA) Evacuato dopo la prima scossa del 20 maggio.

Dettagli

A.N.I.Ma.S.S. ONLUS. Associazione Nazionale Italiana Malati di Sindrome di Sjögren CHI SIAMO

A.N.I.Ma.S.S. ONLUS. Associazione Nazionale Italiana Malati di Sindrome di Sjögren CHI SIAMO A.N.I.Ma.S.S. ONLUS Associazione Nazionale Italiana Malati di Sindrome di Sjögren CHI SIAMO >> CHI SIAMO L Associazione A.N.I.Ma.S.S. ONLUS Associazione Nazionale Italiana Malati Sindrome di Sjögren, è

Dettagli

Carta dei Servizi. APPARTAMENTI CON SERVIZI RESIDENZA PROTETTA Villa Carpi

Carta dei Servizi. APPARTAMENTI CON SERVIZI RESIDENZA PROTETTA Villa Carpi Carta dei Servizi APPARTAMENTI CON SERVIZI RESIDENZA PROTETTA Villa Carpi PREMESSA La Fondazione Santa Clelia Barbieri, (in onore della Santa Bolognese canonizzata il 9 aprile 1989), è un ente Ecclesiastico

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI ZOGNO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 1 TITOLO I NORME GENERALI DEL SERVIZIO Art. 1 Campo di intervento Il Comune di Zogno, nell ambito del Servizio Assistenza, eroga le prestazioni

Dettagli

Associazione Angela Serra per la Ricerca sul Cancro Onlus

Associazione Angela Serra per la Ricerca sul Cancro Onlus Associazione Angela Serra per la Ricerca sul Cancro Onlus È sempre la parabola del granello di senape che alla fine dimostra la sua validità. Un messaggio che non cade nel vuoto ma suscita prima interesse,

Dettagli

associazione per il bambino in ospedale Amico ABIO

associazione per il bambino in ospedale Amico ABIO associazione per il bambino in ospedale numero 34 maggio 2015 Amico ABIO UDINE Periodico quadrimestrale di informazione di ABIO Udine Onlus Direttore Responsabile: Paola Del Degan Redazione: Paola Caselli,

Dettagli

NUOVE DIVISE VECCHI SISTEMI.

NUOVE DIVISE VECCHI SISTEMI. Vita di Squadra Milano Comunicato Settimanale dedicato agli operatori U.P.G. S.P. N 04 del 21 Maggio 2013 NUOVE DIVISE VECCHI SISTEMI. E da tanti, troppi anni che il personale operativo attende le nuove

Dettagli

REGOLAMENTO ATTUATIVO SERVIZIO TRASPORTO SOCIALE ANZIANI E DIVERSAMENTE ABILI

REGOLAMENTO ATTUATIVO SERVIZIO TRASPORTO SOCIALE ANZIANI E DIVERSAMENTE ABILI REGOLAMENTO ATTUATIVO SERVIZIO TRASPORTO SOCIALE ANZIANI E DIVERSAMENTE ABILI ART. 1 FINALITA Il trasporto sociale fa parte, in linea generale, della rete degli interventi programmati dal Piano Sociale

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli