Il cucciolo La crescita e principali cure

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il cucciolo La crescita e principali cure"

Transcript

1 1 Centro veterinario alla Ressiga Il cucciolo La crescita e principali cure Dr. Roberto Mossi, medico veterinario

2 2 Chi già condivide la propria vita con un cane troverà nelle prossime righe uno spunto di riflessione sulle necessità del proprio animale e alcuni consigli per una convivenza serena con il cane e con le persone che lo circondano. La gestione errata del rapporto cane/proprietario frequentemente è la reale causa dei problemi che abbiamo con il nostro amico a quattro zampe. 1. La scelta La scelta del cucciolo è il passo fondamentale per il futuro proprietario, spesso risulta molto difficile visto che i criteri di scelta sono molteplici. Innanzitutto si presuppone che vi sia la consapevolezza dell impegno che richiede il possesso di un cane soprattutto in termini di tempo da dedicargli, in caso di dubbio è opportuno rimandarne l acquisto. Sicuramente il colloquio con un veterinario, un esperto cinofilo ed alcuni proprietari di cani può rivelarsi molto utile positivo. In questo modo si viene confrontati con questioni o realtà che magari non ci si immagina. La scelta di un cane piuttosto che un altro non dovrebbe mai essere dettata da fattori estetici o mode, anche se chiaramente il fattore emozionale ha un ruolo molto importante nella scelta. Dobbiamo inoltre tenere presente che un cane ha una durata di vita dagli 8-14 anni, tempo durante il quale dobbiamo garantire al nostro amico una vita e un trattamento adeguato. I costi, sia per l acquisto, ma anche per il mantenimento (cibo, spese veterinarie, pensioni eccetera) possono risultare anche onerose da sostenere. In ogni caso ritengo che la scelta di una cane debba essere in modo responsabile. Criteri che possono e devono influenzare la scelta del cane Razza: Taglia: Età: Sesso: Scopo e uso: Costo: Una precisa conoscenza delle razze canine e delle loro caratteristiche sia morfologiche che comportamentali è un presupposto essenziale per la scelta di un cane, ogni razza ha delle caratteristiche abbastanza definite. Occorre inoltre tenere in considerazione le malattie tipiche della razza. La grandezza del cane da adulto può rivelarsi un fattore limitante, specialmente se la forza fisica del proprietario non è in grado di controllare un cane di taglia grossa. L età del cane può essere presa in considerazione durante la scelta, a volte, è più opportuno rivolgere la propria scelta a un cane già adulto piuttosto che ad un cucciolo. Vi sono delle differenze caratteriali tra maschi e femmine della stessa razza, in genere le femmine sono più attaccate al proprietario, al contrario i maschi risultano, specialmente al momento dei calori, più indipendenti. La scelta del cane andrebbe anche presa in funzione dell uso che poi ne vogliamo fare: cane da agility, da difesa, da compagnia, da valanghe eccetera. Il costo di un cane di razza si aggira, a dipendenza della razza, tra i 1000 e i 1500 SFr; vi sono razze ricercate in cui il prezzo del cucciolo arriva anche a SFr.

3 3 2. L acquisto L acquisto di un cane non è paragonabile all acquisto di una macchina o di qualsiasi altro oggetto, anche se in genere anche l atto di compravendita di un animale è regolato da un contratto di acquisto. A mio avviso è molto importante avere un buon rapporto con l allevatore, bisogna diffidare dei commercianti di cani. La scelta del cucciolo dovrebbe avvenire, se possibile, tra più esemplari, in modo che si possa selezionare il cane che ci sembra più idoneo al nostro carattere. Sarebbe buona cosa farsi accompagnare da una persona esperta in modo da evitare errori grossolani nella scelta. La fretta è spesso cattiva consigliera. Il contratto di acquisto contiene quasi sempre un termine di garanzia per eventuali difetti nascosti del cane. La garanzia è limitata nel tempo quindi sarebbe opportuno far visitare il cane dopo l acquisto dal proprio veterinario. Il cucciolo non dovrebbe essere allontanato dalla madre prima delle 10 settimane di età (meglio a 12 settimane), infatti è molto importante una permanenza sufficientemente lunga con la madre. Cuccioli allontanati troppo presto dalle madri risultano spesso instabili nel carattere e di difficile gestione. Il cucciolo al momento in cui entra in nostro possesso dovrebbe già essere stato vaccinato due volte, sverminato ed essere munito di pedigree e tatuaggio o microchip. L allevatore dovrebbe darci tutte le indicazioni necessarie per superare i primi giorni a casa e fornirci l alimento che il cucciolo è abituato a mangiare in modo da non avere problemi conseguenti al cambio di alimentazione. 3. Come tenerlo La detenzione dei cani, come di tutti gli altri animali, è regolamentata dalla Legge federale sulla protezione degli animali del 9 marzo Agli animali va riservato un trattamento che tiene conto nel miglior modo possibile delle loro necessità. 2 Chiunque si occupa di animali deve, nella misura consentita dalle circostanze, aver cura del loro benessere. 3 È vietato infliggere ingiustificatamente ad animali dolori, sofferenze, lesioni o spavento. Principi da considerare per la detenzione di un cane: 1. Il detentore si impegna ad educare, rispettare e gratificare il proprio cane. 2. Il detentore presta particolare attenzione al suo cane in presenza di bambini. 3. Il detentore del cane si comporta in maniera rispettosa del prossimo. 4. Il detentore del cane è attento agli altri animali. 5. Il detentore del cane si comporta in maniera rispettosa dell ambiente. 6. Il detentore del cane rispetta i regolamenti comunali.

4 4 4. Cure e vaccinazioni Il cucciolo in crescita non necessita di cure particolari se non di una corretta alimentazione. A questo proposito vi sono sul mercato diversi tipi di alimenti adatti allo scopo. In genere il cucciolo appena acquistato è gia stato vaccinato una o due volte. Si vaccinano i cani contro diverse malattie (epatite, cimurro, parvovirosi, tosse da canile, leptospirosi). La prima vaccinazione va eseguita a due mesi di età con un richiamo dopo 3-4 settimane (immunizazione di base), la vaccinazione va poi ripetuta annualmente. In Svizzera non sussiste più l obbligo della vaccinazione contro la rabbia, essa è obbligatoria solo per coloro che si recano all estero ( attenzione!!! in alcuni paesi come Inghilterra e Svezia bisogna eseguire i test per determinare il livello di anticorpi nel sangue 6 mesi prima del passaggio della frontiera, informazioni al sito 5. Valori fisiologici Nella seguente tabella sono riassunti i principali valori fisiologici del cane: Apertura degli occhi Eruzione dei denti di latte Svezzamento naturale Separazione dalla madre Eruzione dei denti permanenti Pubertà Ciclo sessuale Durata del calore Periodo fertile Durata della gestazione ca. 10 giorno di vita dopo 12 giorno di vita dopo 32 giorno di vita ca. 12 settimana 4-6 mesi 6-14 mesi 1 2 calori all anno ca. 21 giorni giorno del calore giorni Numero di cuccioli per cucciolata 3-10 Speranza di vita 5-8 anni fino a anni Temperatura corporea Pulsazioni Frequenza respiratoria Assunzione giornaliera di liquidi fino a pulsazioni al minuto respiri al minuto ml/kg al giorno

5 5 6. Pratiche vietate È importante che un detentore di cani sappia quali sono le pratiche vietate nel nostro paese: 1. Taglio coda e orecchie Secondo la legge sulla protezione degli animali in Svizzera dal è vietato il taglio delle orecchie dei cani (art. 22 lett. g LFPA) e dal il taglio della coda (art. 66 OPAn). L'articolo 66.1.h. OPAn completa queste disposizioni: "è proibito recidere la coda ai cani e praticare interventi chirurgici volti a trasformare le orecchie dei cani in orecchie cadenti". È vietato inoltre "offrire, vendere o esporre cani con orecchie o code recise che hanno subito l'intervento o sono stati importati infrangendo le disposizioni svizzere sulla protezione degli animali" (Art i.). Tale legge prevede infatti che l'importazione di cani dalle orecchie e/o dalla coda mozza è vietata. Eccezioni a questo divieto sono fatte per cuccioli appartenenti a cittadini stranieri che entrano in Svizzera solo per un breve soggiorno e per cuccioli che vengono sdoganati come masserizie di trasloco. 2. Facilitazioni di tenuta È vietato procedere ad interventi chirurgici per facilitare la tenuta di animali da compagnia, come la resezione dei denti e degli artigli. Fanno eccezione l asportazione della falange supplementare dei cani e gli interventi per prevenire la riproduzione. 3. Doping È vietato somministrare prodotti farmaceutici per influenzare le prestazioni nelle competizioni sportive. 4. Altri interventi Nei rapporti con in cani sono vietati l eccessivo rigore e gli spari di punizione, nonché l utilizzazione di collari con aculei interni. Non devono essere utilizzati mezzi ausiliari che infliggano all animale ferite o forti dolori oppure che lo eccitino notevolmente o gli incutano forte paura. L impiego di dispositivi a scarica elettrica o che emettono segnali acustici o agiscono con sostanze chimiche è vietato; sono eccettuati i fischietti d addestramento e l impiego a regola d arte di recinzione di terreni. Su domanda, l autorità cantonale può autorizzare eccezionalmente per scopi terapeutici l utilizzazione di dispositivi secondo il capoverso 3 a persone che si dimostrano in possesso delle necessarie capacità. Per i cani da traino e per l addestramento di cani da caccia l ordinanza sulla protezione degli animali prevede disposizioni speciali.

6 Fonte: (veterinario cantonale) 6

buone vacanz e! Viaggio con il mio cane o il mio gatto

buone vacanz e! Viaggio con il mio cane o il mio gatto Così trascorrerà un viaggio piacevole: Mi informo anticipatamente presso il Paese di destinazione o il veterinario: Paese con rabbia urbana? Identificazione? Mi occupo del viaggio di ritorno in Svizzera

Dettagli

buone vacanz e! Viaggio con il mio cane o il mio gatto

buone vacanz e! Viaggio con il mio cane o il mio gatto Così trascorrerà un viaggio piacevole: Mi informo anticipatamente presso il Paese di destinazione o il veterinario: Paese con rabbia urbana? Identificazione? Mi occupo del viaggio di ritorno in Svizzera

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DEI

REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DEI Allegato alla deliberazione della C.S. n. 74 del 21/06/2011 COMUNE DI GRICIGNANO DI AVERSA REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DEI CANI PROGETTO ADOTTA UN AMICO Progetto adotta un amico 1 Indice Articolo 1 Oggetto...

Dettagli

4.1 Gli obblighi di legge del buon proprietario: cani e proprietari buoni cittadini

4.1 Gli obblighi di legge del buon proprietario: cani e proprietari buoni cittadini 4.1 Gli obblighi di legge del buon proprietario: cani e proprietari buoni cittadini - Un buon proprietario ricorda sempre che non tutti amano i cani e rispetta le esigenze altrui - Adottare un cane implica

Dettagli

www.zampadicane.it Guida alle Vaccinazioni

www.zampadicane.it Guida alle Vaccinazioni VACCINAZIONI Le vaccinazioni da fare al proprio cane sono parecchie, alcune sono obbligatorie ed alcune facoltative e possono essere consigliate dal veterinario in casi specifici. Vediamo nel dettaglio

Dettagli

Mi piacerebbe avere un cane

Mi piacerebbe avere un cane Mi piacerebbe avere un cane Posso permettermi di avere un cane? Riflettete sui seguenti punti: Se non succedono imprevisti, instaurerete con il vostro cane un rapporto intenso destinato a protrarsi per

Dettagli

Convenzione europea per la protezione degli animali da compagnia Approvata a Strasburgo il 13 novembre 1987

Convenzione europea per la protezione degli animali da compagnia Approvata a Strasburgo il 13 novembre 1987 Convenzione europea per la protezione degli animali da compagnia Approvata a Strasburgo il 13 novembre 1987 Preambolo Gli Stati membri del Consiglio d Europa, firmatari della presente Convenzione, considerando

Dettagli

FEDERAZIONE CINOLOGICA INTERNAZIONALE REGOLAMENTO INTERNAZIONALE DI ALLEVAMENTO

FEDERAZIONE CINOLOGICA INTERNAZIONALE REGOLAMENTO INTERNAZIONALE DI ALLEVAMENTO FEDERAZIONE CINOLOGICA INTERNAZIONALE REGOLAMENTO INTERNAZIONALE DI ALLEVAMENTO Si ricorda che per quanto attiene alle iscrizioni dei cani al Libro genealogico italiano, vigono le disposizioni del Disciplinare

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 270 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato VILLECCO CALIPARI Disciplina del rapporto tra uomo e cane per la prevenzione delle morsicature

Dettagli

Movimentazione comunitaria dei cani e gatti

Movimentazione comunitaria dei cani e gatti Verona 18 aprile 2013 Movimentazione comunitaria dei cani e gatti Alberto Camerini Dipartimento di Prevenzione -Servizio Veterinario Multizonale. acamerini@ulss.tv.it alberto-camerini@regione.veneto.it

Dettagli

COMUNE DI TERNO D ISOLA Provincia di Bergamo

COMUNE DI TERNO D ISOLA Provincia di Bergamo COMUNE DI TERNO D ISOLA Provincia di Bergamo REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LA PRESENZA DEI CANI IN AREE URBANE PUBBLICHE, DI USO PUBBLICO E/O APERTE AL PUBBLICO, NONCHE LA LORO DETENZIONE ALL INTERNO DI CORTILI

Dettagli

PROVINCIA DI CAGLIARI

PROVINCIA DI CAGLIARI COMUNE DI VILLASOR PROVINCIA DI CAGLIARI REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DEI CANI IL SINDACO Walter Marongiu IL SEGRETARIO COMUNALE Dott.ssa Maria Domenica Areddu Allegato alla delibera di Consiglio comunale

Dettagli

UNITA OPERATIVA SEMPLICE DIPARTIMENTALE L.34/97 ANAGRAFE CANINA

UNITA OPERATIVA SEMPLICE DIPARTIMENTALE L.34/97 ANAGRAFE CANINA UNITA OPERATIVA SEMPLICE DIPARTIMENTALE L.34/97 ANAGRAFE CANINA Le funzioni di questo servizio sono le seguenti: Anagrafe canina informatizzata (iscrizione, cancellazione, trasferimenti di residenza, trasferimenti

Dettagli

La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano

La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano VISTO gli articoli 2, comma 2, lett. b) e 4, comma 1 del decreto legislativo 28 agosto 1997,

Dettagli

PRONTUARIO SANZIONI Legge regionale 20 luglio 2006, n. 16 "Lotta al randagismo e tutela degli animali di affezione"

PRONTUARIO SANZIONI Legge regionale 20 luglio 2006, n. 16 Lotta al randagismo e tutela degli animali di affezione Provincia di Milano Direzione Centrale Polizia Provinciale e Protezione Civile PRONTUARIO SANZIONI Legge regionale 20 luglio 2006, n. 16 "Lotta al randagismo e tutela degli animali di affezione" Coordinamento

Dettagli

COMUNE DI PIEVE LIGURE PROVINCIA DI GENOVA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETENZIONE E LA CIRCOLAZIONE DEI CANI

COMUNE DI PIEVE LIGURE PROVINCIA DI GENOVA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETENZIONE E LA CIRCOLAZIONE DEI CANI COMUNE DI PIEVE LIGURE PROVINCIA DI GENOVA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETENZIONE E LA CIRCOLAZIONE DEI CANI APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI C.C. 21 DEL 31 MAGGIO 2005 1 ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1.

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE C.C.N. 09 DEL 26.03.2007. COMUNE DI VIGNALE MONFERRATO Provincia di Alessandria

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE C.C.N. 09 DEL 26.03.2007. COMUNE DI VIGNALE MONFERRATO Provincia di Alessandria ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE C.C.N. 09 DEL 26.03.2007 COMUNE DI VIGNALE MONFERRATO Provincia di Alessandria REGOLAMENTO PER LA TUTELA DEL CANE Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1. Il regolamento è finalizzato

Dettagli

Sezione 1: Considerazioni generali

Sezione 1: Considerazioni generali Ordinanza dell UFV concernente la detenzione di animali da laboratorio, la produzione di animali geneticamente modificati e i metodi utilizzati nella sperimentazione animale (Ordinanza sulla sperimentazione

Dettagli

CENTRO DI FORMAZIONE RICONOSCIUTO ENCI CORSO PER ADDESTRATORI CINOFILI RICONOSCIUTI ENCI

CENTRO DI FORMAZIONE RICONOSCIUTO ENCI CORSO PER ADDESTRATORI CINOFILI RICONOSCIUTI ENCI ASD INDIANA LAKOTA CENTRO DI FORMAZIONE RICONOSCIUTO ENCI organizza: CORSO PER ADDESTRATORI CINOFILI RICONOSCIUTI ENCI Sez.1: Addestratori per cani da utilità, compagnia, agility e sport Corso conforme

Dettagli

P r o v i n c i a d i L e c c o REGOLAMENTO PER LA DETENZIONE E LA TUTELA DEI CANI

P r o v i n c i a d i L e c c o REGOLAMENTO PER LA DETENZIONE E LA TUTELA DEI CANI U NIONE DEI COMUNI L O M B ARDA DELLA VALLETTA P r o v i n c i a d i L e c c o REGOLAMENTO PER LA DETENZIONE E LA TUTELA DEI CANI Approvato con deliberazione dell Assemblea n. 14 del 29/07/2014 INDICE

Dettagli

Il piano di marketing 2014

Il piano di marketing 2014 Il piano di marketing 2014 I nostri indirizzi Relazione Conoscenza Condivisione Documento di proprietà di Rifugio Valdiflora S.r.l. 2 I nostri progetti La forte connotazione territoriale: la relazione

Dettagli

L ABC DEL CUCCIOLO E DEL GATTINO. 1. Una scelta responsabile

L ABC DEL CUCCIOLO E DEL GATTINO. 1. Una scelta responsabile L ABC DEL CUCCIOLO E DEL GATTINO 1. Una scelta responsabile L adozione di un cucciolo o un gattino rappresenta indubbiamente una scelta che non va affrontata a cuor leggero, ma meditata con ponderatezza.

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA SANITA PUBBLICA VETERINARIA, DELLA SICUREZZA ALIMENTARE E DEGLI ORGANI COLLEGIALI PER LA TUTELA DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA ANIMALE E DEI FARMACI

Dettagli

Documento scaricato dal sito internet ENCI: www.enci.it 1

Documento scaricato dal sito internet ENCI: www.enci.it 1 ANNO 2011 COMMISSIONE DI DISCIPLINA 2a ISTANZA Decisione 19 gennaio 2011 n. 1 Procedimento disciplinare Decisione dei probiviri passata in giudicato - Inammissibilità appello Procedimento disciplinare

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

Per conoscere di più il tuo animale SCHEDE ANIMALI CANI

Per conoscere di più il tuo animale SCHEDE ANIMALI CANI SCHEDE ANIMALI CANI 2010 Per conoscere di più il tuo animale Clinica Veterinaria Omniavet S.r.l. P.zza G. Omiccioli 5-00125 Roma Tel 0652453374 fax 0652455210 - info@omniavet.it IL CANE Un membro della

Dettagli

COMUNE DI CAROVIGNO (Provincia di Brindisi) VI Settore Gestione del Territorio Urbanistica Sezione Attività Produttive SUAP Polizia Amministrativa

COMUNE DI CAROVIGNO (Provincia di Brindisi) VI Settore Gestione del Territorio Urbanistica Sezione Attività Produttive SUAP Polizia Amministrativa CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI RICOVERO, MANTENIMENTO, CUSTODIA, INTERRAMENTO DEI CANI RANDAGI E GESTIONE DEL CANILE MUNICIPALE DEL COMUNE DI CAROVIGNO. Art. 1 SCOPI E LIMITI Il (qui

Dettagli

COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE PROVINCIA DI RAVENNA REGOLAMENTO PER LA CONDOTTA DELLA POPOLAZIONE CANINA

COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE PROVINCIA DI RAVENNA REGOLAMENTO PER LA CONDOTTA DELLA POPOLAZIONE CANINA COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE PROVINCIA DI RAVENNA REGOLAMENTO PER LA CONDOTTA DELLA POPOLAZIONE CANINA - Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 4 del 30/01/2006 - esecutivo dal 20 febbraio 2006

Dettagli

GUIDA AI SERVIZI. - reperibile (reperibilità continua: diurna e notturna, feriale e festiva) - in grado di assicurare l intervento in tempi brevi.

GUIDA AI SERVIZI. - reperibile (reperibilità continua: diurna e notturna, feriale e festiva) - in grado di assicurare l intervento in tempi brevi. GUIDA AI SERVIZI SERVIZIO DI CATTURA E CUSTODIA DEI CANI VAGANTI La presenza di cani randagi costituisce un problema sia sotto l aspetto sanitario sia per quanto riguarda la sicurezza dell abitato. La

Dettagli

ENPA: ENTE NAZIONALE PROTEZIONE ANIMALI

ENPA: ENTE NAZIONALE PROTEZIONE ANIMALI ENPA: ENTE NAZIONALE PROTEZIONE ANIMALI 1 ) Cosa fa Enpa? La protezione animali da tantissimi anni si impegna garantire il benessere degli animali. a Enpa nasce nel 1871 per volontà di Giuseppe Garibaldi!

Dettagli

COMUNE DI SAN MARCELLINO (Provincia di Caserta)

COMUNE DI SAN MARCELLINO (Provincia di Caserta) COMUNE DI SAN MARCELLINO (Provincia di Caserta) 1. Il regolamento è finalizzato a tutelare il benessere della popolazione canina domestica presente nel territorio del comune e a disciplinare la convivenza

Dettagli

Ordinanza concernente l allevamento di animali

Ordinanza concernente l allevamento di animali Ordinanza concernente l allevamento di animali 916.310 del 7 dicembre 1998 (Stato 5 dicembre 2006) Il Consiglio federale svizzero, visti gli articoli 10, 24 capoverso 1, 144 capoverso 2, 145 capoverso

Dettagli

PROPRIETARIO Cognome e nome

PROPRIETARIO Cognome e nome SCHEDA INFORMATIVA INGRESSO PER L'ACCESSO ALLA PENSIONE. IL PROPRIETARIO: deve esibire il documento di identità personale e deve lasciare il libretto sanitario del cane, il certificato di microchip, eventualmente

Dettagli

COMUNE DI MORDANO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO POPOLAZIONE CANINA SU AREE PUBBLICHE

COMUNE DI MORDANO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO POPOLAZIONE CANINA SU AREE PUBBLICHE COMUNE DI MORDANO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO POPOLAZIONE CANINA SU AREE PUBBLICHE Approvato con D.C.C. n.71 del 22.10.2004 INDICE Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art. 8 Art. 9 Art.

Dettagli

Grazie al contributo della. micro chip. anagrafe canina informatizzata edizione 2007

Grazie al contributo della. micro chip. anagrafe canina informatizzata edizione 2007 Grazie al contributo della micro chip anagrafe canina informatizzata edizione 2007 Hanno realizzato questo opuscolo: micro chip Annalisa Lombardini Azienda USL Modena Dipartimento di Sanità Pubblica Servizio

Dettagli

DIRITTI degli animali e DOVERI dei cittadini. SCUOLA SECONDARIA di I GRADO REGIONE POLIZIA DI STATO PIEMONTE. Edizioni Nesos - Torino

DIRITTI degli animali e DOVERI dei cittadini. SCUOLA SECONDARIA di I GRADO REGIONE POLIZIA DI STATO PIEMONTE. Edizioni Nesos - Torino POLIZIA DI STATO QUESTURA DI TORINO CITTA DI TORINO A.S.L. TO1 Azienda Sanitaria Locale Torino REGIONE PIEMONTE SCUOLA SECONDARIA di I GRADO DIRITTI degli animali e DOVERI dei cittadini Edizioni Nesos

Dettagli

Indice. Mi prendo cura del mio cane 3

Indice. Mi prendo cura del mio cane 3 Cani Indice Mi prendo cura del mio cane 3 Particolarità dei cani 4 Movimento 4 Spazio e luoghi di riposo 5 Alimentazione e abbeveraggio 5 Contatti sociali 6 Il cane e l uomo 7 Cosa occorre sapere prima

Dettagli

QUESTURA DI TORINO UFFICIO PREVENZIONE GENERALE Squadra Cinofili

QUESTURA DI TORINO UFFICIO PREVENZIONE GENERALE Squadra Cinofili QUESTURA DI TORINO UFFICIO PREVENZIONE GENERALE Squadra Cinofili L Organico della Squadra Cinofili della questura di Torino è composto da: 4 UNITA CINOFILE DA ORDINE PUBBLICO/POLIZIA GIUDIZIARIA 4 UNITA

Dettagli

LEGGE REGIONALE TOSCANA N.

LEGGE REGIONALE TOSCANA N. LEGGE REGIONALE TOSCANA N. 43 dell 8 aprile 1995 Norme per la gestione dell' anagrafe del cane, la tutela degli animali d' affezione e la prevenzione del randagismo Modificata ed integrata da LEGGE REGIONALE

Dettagli

Sommario. Introduzione...11 di Luigi Venco. Capitolo 1 Meticcio o di razza?...15 di Luigi Venco

Sommario. Introduzione...11 di Luigi Venco. Capitolo 1 Meticcio o di razza?...15 di Luigi Venco 00 Cani 24-10-2006 12:47 Pagina 5 Sommario Introduzione................................................11 Capitolo 1 Meticcio o di razza?...............................15 Capitolo 2 Storia ed evoluzione

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali ORDINANZA 3 marzo 2009 Ordinanza contingibile ed urgente concernente la tutela dell'incolumita' pubblica dall'aggressione dei cani. (G.U. Serie

Dettagli

COMUNE DI FLORIDIA REGOLAMENTO COMUNALE SULLA DETENZIONE DI CANI E SULLA LOTTA AL RANDAGISMO DELIBERATO DAL CONSIGLIO COMUNALE. Provincia di Siracusa

COMUNE DI FLORIDIA REGOLAMENTO COMUNALE SULLA DETENZIONE DI CANI E SULLA LOTTA AL RANDAGISMO DELIBERATO DAL CONSIGLIO COMUNALE. Provincia di Siracusa COMUNE DI FLORIDIA Provincia di Siracusa Settore V - Ufficio Ecologia REGOLAMENTO COMUNALE SULLA DETENZIONE DI CANI E SULLA LOTTA AL RANDAGISMO DELIBERATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON VERBALE N.20 DEL 04/05/2009

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DEI CANI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DEI CANI COMUNE DI CELLAMARE (Prov. di Bari) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DEI CANI Approvato con deliberazione di C.C. n. 41 del 30/11/2004 1 Finalità 1. Il presente regolamento detta norme

Dettagli

ARTICOLO 1 Oggetto del regolamento e principi generali. ARTICOLO 2 Ambito d applicazione e definizioni. ARTICOLO 3 Raccolta deiezioni solide

ARTICOLO 1 Oggetto del regolamento e principi generali. ARTICOLO 2 Ambito d applicazione e definizioni. ARTICOLO 3 Raccolta deiezioni solide REGOLAMENTO COMUNALE DISCIPLINANTE LA PRESENZA DEI CANI NELLE AREE PUBBLICHE, DI USO PUBBLICO E/O APERTE AL PUBBLICO, NONCHE SULLA LORO DETENZIONE ALL INTERNO DI CORTILI E/O GIARDINI PRIVATI ARTICOLO 1

Dettagli

UNITA OPERATIVA SEMPLICE DIPARTIMENTALE L.34/97 ANAGRAFE CANINA

UNITA OPERATIVA SEMPLICE DIPARTIMENTALE L.34/97 ANAGRAFE CANINA UNITA OPERATIVA SEMPLICE DIPARTIMENTALE L.34/97 ANAGRAFE CANINA Le funzioni di questo servizio sono le seguenti: Anagrafe per animali d affezione della Regione Lazio informatizzata (iscrizione, cancellazione,

Dettagli

INTRODUZIONE Sport cinofili in acqua (SCIA) FIDASC Cinowork SCIA Small Large Velocità, Slalom, Ricupero, Tuffi

INTRODUZIONE Sport cinofili in acqua (SCIA) FIDASC Cinowork SCIA Small Large Velocità, Slalom, Ricupero, Tuffi INTRODUZIONE Sport cinofili in acqua (SCIA) (nuoto ecc.) della FIDASC è una specialità agonistica della disciplina Cinowork il cui fine è quello di far avvicinare le masse ad una attività sportiva che

Dettagli

COMUNE DI GHILARZA. Provincia di Oristano

COMUNE DI GHILARZA. Provincia di Oristano COMUNE DI GHILARZA Provincia di Oristano Regolamento Comunale per la tutela del benessere della popolazione canina domestica e la disciplina della convivenza tra l uomo e l animale Approvato con deliberazione

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. DIRITTI degli animali e DOVERI dei cittadini REGIONE. a cura di BOTOLO, il tuo amico con la coda! POLIZIA DI STATO PIEMONTE

SCUOLA PRIMARIA. DIRITTI degli animali e DOVERI dei cittadini REGIONE. a cura di BOTOLO, il tuo amico con la coda! POLIZIA DI STATO PIEMONTE POLIZIA DI STATO QUESTURA DI TORINO CITTA DI TORINO A.S.L. TO1 Azienda Sanitaria Locale Torino REGIONE PIEMONTE SCUOLA PRIMARIA DIRITTI degli animali e DOVERI dei cittadini a cura di BOTOLO, il tuo amico

Dettagli

Pelo, piume o squame: in Svizzera, i nostri amici animali sono molto amati!

Pelo, piume o squame: in Svizzera, i nostri amici animali sono molto amati! Pelo, piume o squame: in Svizzera, i nostri amici animali sono molto amati! Secondo l Ufficio federale di statistica, il 30% delle case svizzere possiede un animale domestico. 1.38 milioni di gatti e 500'000

Dettagli

Ordinanza sulla protezione degli animali (OPAn)

Ordinanza sulla protezione degli animali (OPAn) Ordinanza sulla protezione degli animali (OPAn) del Il Consiglio federale svizzero, visto l articolo 32 capoverso 1 della legge del 16 dicembre 2005 1 sulla protezione degli animali (LPAn), ordina: Capitolo

Dettagli

I primi passi con un cucciolo

I primi passi con un cucciolo I primi passi con un cucciolo 15 I primi passi con un cucciolo Abbiamo preso Metchley dal canile quando aveva nove settimane. Già durante il suo primo giorno da noi ho iniziato l addestramento con il tocco

Dettagli

Fare scienze: dalla lettura di una storia affascinante sino ad un incontro speciale

Fare scienze: dalla lettura di una storia affascinante sino ad un incontro speciale Fare scienze: dalla lettura di una storia affascinante sino ad un incontro speciale Sempre più in questi ultimi anni ci siamo rese conto che è possibile promuovere, ovvero trasmettere in modo efficace,

Dettagli

C O M U N E D I A L A ----------------------- Provincia di Trento NORME PER LA DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DI ANIMALI NEL COMUNE DI ALA

C O M U N E D I A L A ----------------------- Provincia di Trento NORME PER LA DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DI ANIMALI NEL COMUNE DI ALA C O M U N E D I A L A ----------------------- Provincia di Trento NORME PER LA DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DI ANIMALI NEL COMUNE DI ALA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 20 dd. 24.05.1996

Dettagli

http://www.statoregioni.it/dettagliodoc.asp?iddoc=39335&idprov=11501&tipodoc=2&conf=csr

http://www.statoregioni.it/dettagliodoc.asp?iddoc=39335&idprov=11501&tipodoc=2&conf=csr Modifiche al Regolamento Tutela Animali dei Comuni della Valdera Articolo 3 Eliminare i commi 2 e 5 Gli ambiti di esclusione non hanno senso in quanto vi sono già le legge speciali a disciplinare le materie

Dettagli

Nelle prossime 7 pagine riportiamo la nota informativa e le condizioni di adesione alla polizza Assipetcvit.!

Nelle prossime 7 pagine riportiamo la nota informativa e le condizioni di adesione alla polizza Assipetcvit.! ASSIPETCVIT (assicurazione sanitaria per il cane e per il gatto) Gentile Cliente Assipetcvit è l assicurazione sanitaria per il cane e per il gatto realizzata dal Gruppocvit in collaborazione con FATA

Dettagli

IN VIAGGIO CON IL CANE E IL GATTO. Illumina la loro vita.

IN VIAGGIO CON IL CANE E IL GATTO. Illumina la loro vita. IN VIAGGIO CON IL CANE E IL GATTO Al giorno d oggi ci capita di viaggiare molto e spesso ci piace che i nostri animali da compagnia vengano con noi. Viaggiare può essere difficile per i nostri amici a

Dettagli

1 Vita Hexin Pomata per le ferite e per la pelle

1 Vita Hexin Pomata per le ferite e per la pelle Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport DDPS Esercito svizzero Forze terrestri Formazione d addestramento della logistica Capo S vet CC S vet e anim Es 3000

Dettagli

Allevamenti abusivi di animali da compagnia: applicazione della L.R. n. 5/2005 e della L. n. 189/2004

Allevamenti abusivi di animali da compagnia: applicazione della L.R. n. 5/2005 e della L. n. 189/2004 Allevamenti abusivi di animali da compagnia: applicazione della L.R. n. 5/2005 e della L. n. 189/2004 Giuseppe Diegoli La tutela degli animali da compagnia: attività di controllo e provvedimenti negli

Dettagli

26.10.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 41. Art. 23 - Cani morsicatori LEGGE REGIONALE 20 ottobre 2009, n. 59

26.10.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 41. Art. 23 - Cani morsicatori LEGGE REGIONALE 20 ottobre 2009, n. 59 26.10.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 41 3 Art. 20 - Aree e percorsi destinati ai cani. SEZIONE I Art. 21 - Accesso negli esercizi pubblici, commerciali e nei locali ed uffici aperti

Dettagli

Quando i cambiamenti oscurano i loro giorni Scopri come aiutare il tuo animale ad affrontare le situazioni di disagio

Quando i cambiamenti oscurano i loro giorni Scopri come aiutare il tuo animale ad affrontare le situazioni di disagio Quando i cambiamenti oscurano i loro giorni Scopri come aiutare il tuo animale ad affrontare le situazioni di disagio Illumina la loro vita. Ti è mai capitato di vivere queste situazioni assieme al tuo

Dettagli

CITTA' DI TORINO DIREZIONE CENTRALE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SERVIZIO SERVIZI INTEGRATI Ufficio Studi e Formazione

CITTA' DI TORINO DIREZIONE CENTRALE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SERVIZIO SERVIZI INTEGRATI Ufficio Studi e Formazione CITTA' DI TORINO DIREZIONE CENTRALE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SERVIZIO SERVIZI INTEGRATI Ufficio Studi e Formazione CIRCOLARE N. 82 Operativa OGGETTO: Polizia Amministrativa. Regolamenti comunali Tutela

Dettagli

Città di Vigevano REGOLAMENTO DI TUTELA DEGLI ANIMALI SUL TERRITORIO COMUNALE APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. 78 DEL 12/12/2005.

Città di Vigevano REGOLAMENTO DI TUTELA DEGLI ANIMALI SUL TERRITORIO COMUNALE APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. 78 DEL 12/12/2005. Città di Vigevano REGOLAMENTO DI TUTELA DEGLI ANIMALI SUL TERRITORIO COMUNALE APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. 78 DEL 12/12/2005. 1 Art. 1: definizioni 1. La definizione generica di animale, quando non

Dettagli

Raccolta Normativa della Regione Toscana 1

Raccolta Normativa della Regione Toscana 1 Legge regionale 20 ottobre 2009, n. 59 Norme per la tutela degli animali. Abrogazione della legge regionale 8 aprile 1995, n. 43 (Norme per la gestione dell anagrafe del cane, la tutela degli animali d

Dettagli

astoplastica Riduttiva

astoplastica Riduttiva astoplastica Riduttiva 1 MASTOPLASTICA RIDUTTIVA Quando una donna ha le mammelle molto grandi e cadenti può accusare una serie di disturbi dovuti al peso eccessivo; male alla schiena e al collo, irritazioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ADOZIONE DI CANI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE RICOVERATI NELLA STRUTTURA CONVENZIONATA CON IL COMUNE DI ISCHIA.

REGOLAMENTO PER L'ADOZIONE DI CANI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE RICOVERATI NELLA STRUTTURA CONVENZIONATA CON IL COMUNE DI ISCHIA. REGOLAMENTO PER L'ADOZIONE DI CANI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE RICOVERATI NELLA STRUTTURA CONVENZIONATA CON IL COMUNE DI ISCHIA. ART. 1 - Finalità La finalità del presente regolamento è l incentivazione

Dettagli

PROTOCOLLO ADOZIONE CANI

PROTOCOLLO ADOZIONE CANI PROTOCOLLO ADOZIONE CANI Partendo dal testo del Decreto legislativo 43/2010 della Regione Lazio che al punto E.2 recita Un adozione consapevole e responsabile rappresenta uno strumento essenziale per far

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL BENESSERE DEGLI ANIMALI E PER UNA MIGLIORE CONVIVENZA CON LE PERSONE

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL BENESSERE DEGLI ANIMALI E PER UNA MIGLIORE CONVIVENZA CON LE PERSONE CITTA DI VERCELLI ASSESSORATO ALL ECOLOGIA E QUALITA URBANA REGOLAMENTO COMUNALE PER IL BENESSERE DEGLI ANIMALI E PER UNA MIGLIORE CONVIVENZA CON LE PERSONE 1 -I I PRINCIPI Art. 1 - Profili istituzionali

Dettagli

CANE L UOMO E IL MIGLIORE AMICO DEL EDIZIONE 2006

CANE L UOMO E IL MIGLIORE AMICO DEL EDIZIONE 2006 L UOMO E IL MIGLIORE AMICO EDIZIONE 2006 DEL CANE?Una guida ai doveri, agli obblighi, ma anche ai diritti per una pacifica convivenza fra umani e quattrozampe Assessorato alle politiche dell Agricoltura

Dettagli

Il mio nuovo cucciolo: cosa fare ma soprattutto cosa non fare! COME COMUNICARE

Il mio nuovo cucciolo: cosa fare ma soprattutto cosa non fare! COME COMUNICARE Il mio nuovo cucciolo: cosa fare ma soprattutto cosa non fare! Dott. Simone Agostini, Medico Veterinario Ambulatorio Veterinario San Giorgio in Bosco tel. 0499450520-3478941059 Come sicuramente moltissimi

Dettagli

A.N.P.A.N.A Associazione Nazionale Protezione Animali Natura Ambiente Ente O.N.L.U.S. PROTEZIONE CIVILE E AMBIENTALE - GUARDIE ECOZOOFILE

A.N.P.A.N.A Associazione Nazionale Protezione Animali Natura Ambiente Ente O.N.L.U.S. PROTEZIONE CIVILE E AMBIENTALE - GUARDIE ECOZOOFILE A.N.P.A.N.A Associazione Nazionale Protezione Animali Natura Ambiente Ente O.N.L.U.S. PROTEZIONE CIVILE E AMBIENTALE - GUARDIE ECOZOOFILE SEZIONE TERRITORIALE PROVINCIALE DI NOVARA Via Monte San Gabriele

Dettagli

Ordinanza contingibile ed urgente concernente la tutela dell'incolumità pubblica dall'aggressione dei cani. (2)

Ordinanza contingibile ed urgente concernente la tutela dell'incolumità pubblica dall'aggressione dei cani. (2) O.M. 3 marzo 2009 (1). Ordinanza contingibile ed urgente concernente la tutela dell'incolumità pubblica dall'aggressione dei cani. (2) (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 23 marzo 2009, n. 68. (2) Emanata

Dettagli

Riflessioni importanti prima dell'adozione

Riflessioni importanti prima dell'adozione QUESTIONARIO PRE-ADOZIONE Siberian Husky - Rescue Italia dal 1997 www.siberianhuskyrescueitalia.org UN CANE E PER SEMPRE! Gli animali sono compagni di vita e sono componenti effettivi del nucleo familiare

Dettagli

IN VIAGGIO INFORMAZIONI IMPORTANTI SU ANIMALI, ALIMENTI E SOUVENIR

IN VIAGGIO INFORMAZIONI IMPORTANTI SU ANIMALI, ALIMENTI E SOUVENIR IN VIAGGIO INFORMAZIONI IMPORTANTI SU ANIMALI, ALIMENTI E SOUVENIR 1 2 INDICE 3 Introduzione 4 Condizioni specifiche per i vari Paesi 7 Derrate alimentari e pericolo di epizoozie 13 Viaggiare con animali

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE CONTRO I MALTRATTAMENTI, SULLA DETENZIONE E LA TENUTA DEGLI ANIMALI

REGOLAMENTO COMUNALE CONTRO I MALTRATTAMENTI, SULLA DETENZIONE E LA TENUTA DEGLI ANIMALI 78 REGOLAMENTO COMUNALE CONTRO I MALTRATTAMENTI, SULLA DETENZIONE E LA TENUTA DEGLI ANIMALI ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 208/I0087623 P.G. NELLA SEDUTA DEL 28/11/2005 Capitolo I

Dettagli

SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE:

SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE: CONVENZIONE TRA L AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI PERO E LA DITTA ALLEVAMENTO CASCINA CROCE PER LA CONCESSIONE IN GESTIONE DEL SERVIZIO DI RICOVERO A MANTENIMENTO DEI CANI VAGANTI CATTURATI SUL TERRITORIO

Dettagli

Giovani lavoratori SCHEDA INFORMATIVA. I. Principi fondamentali. Requisiti per il datore di lavoro. Assicurazioni. Basi legali

Giovani lavoratori SCHEDA INFORMATIVA. I. Principi fondamentali. Requisiti per il datore di lavoro. Assicurazioni. Basi legali Giovani lavoratori SCHEDA INFORMATIVA Stato: luglio 2008 www.sse-sbv-ssic.ch L ordinanza sulla protezione dei giovani lavoratori, entrata in vigore il 1 gennaio 2008, ha abbassato a 18 anni l'età di protezione

Dettagli

Ente Nazionale della Cinofilia Italiana

Ente Nazionale della Cinofilia Italiana Ente Nazionale della Cinofilia Italiana NORME TECNICHE LIBRO GENEALOGICO DEL CANE DI RAZZA Decreto Ministeriale 21203 8 marzo 2005 REGISTRI DEGLI ALLEVATORI E DEI PROPRIETARI Art. 1 1. Al registro degli

Dettagli

- Riproduzione riservata - 1

- Riproduzione riservata - 1 Riproduzione - aspetti ginecologici; La trasformazione morfologica in adulto (pubertà) avviene nei cani in un periodo che può variare dai 6 ai 24 mesi a seconda della razza e della taglia. Il pieno sviluppo

Dettagli

Prenditi cura di Felix & Fido ad un prezzo conveniente

Prenditi cura di Felix & Fido ad un prezzo conveniente Prenditi cura di Felix & Fido ad un prezzo conveniente Validità delle offerte LUGLIO - AGOSTO - SETTEMBRE 2013 In collaborazione con Vetefarma Srl Prodotti 19, 50 17,50 ACTINORM Cani e gatti 90 compresse

Dettagli

Animali domestici: cure mediche sempre più perfezionate

Animali domestici: cure mediche sempre più perfezionate Animali domestici: cure mediche sempre più perfezionate Che gli Svizzeri siano affezionati ai propri animali da compagnia è ormai noto. In passato, le cure veterinarie erano limitate allo stretto necessario,

Dettagli

DALLA PARTE DEGLI ANIMALI LAV PROVINCIA DI BERGAMO

DALLA PARTE DEGLI ANIMALI LAV PROVINCIA DI BERGAMO DALLA PARTE DEGLI ANIMALI LAV PROVINCIA DI BERGAMO Progetto per il contenimento del randagismo: I mesi della sterilizzazione FINALITÀ Il Progetto si propone di: incentivare la sterilizzazione dei cani

Dettagli

I pet owner in Italia Approccio alla salute e al benessere animale

I pet owner in Italia Approccio alla salute e al benessere animale I pet owner in Italia Approccio alla salute e al benessere animale ! " " #$%&''& (% % )*+ %&,-...''/ Nota Metodologica %0"1'.0"1 2 &34,3 $!"# " $!% &' ( )* + ),-+ +.. +! ++ +./0112" "*0".. -*3*4/ 4141"051012"-*3*4/6.0(

Dettagli

Approvato con deliberazione del CC n. 50 in data 28/11/2003.

Approvato con deliberazione del CC n. 50 in data 28/11/2003. COMUNE DI VILLANOVA MONDOVI Provincia di Cuneo Approvato con deliberazione del CC n. 50 in data 28/11/2003. 1 ART. 1 BENESSERE DEGLI ANIMALI 1. Chiunque detiene un animale da affezione o accetta, a qualunque

Dettagli

Gatti in EU: 64.448.500 Europa :84.705.500

Gatti in EU: 64.448.500 Europa :84.705.500 Normativa nazionale Normativa nazionale e regionale animali d affezione Pet in Europa Cani in EU: 60.226.400 Cani in Europa: 84.705.5500 1. Russia : 12.500.000 2. Italia: 7.000.000 Gatti in EU: 64.448.500

Dettagli

CIRCOLARE N. 51/D. Roma, 23 dicembre 2005. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane Loro Sedi.

CIRCOLARE N. 51/D. Roma, 23 dicembre 2005. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane Loro Sedi. CIRCOLARE N. 51/D Protocollo: 17014 Roma, 23 dicembre 2005 Rif.: Allegati: Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane Alle Direzioni Circoscrizionali dell Agenzia delle Dogane Agli Uffici delle

Dettagli

Anagrafare i cani è un dovere

Anagrafare i cani è un dovere Anagrafare i cani è un dovere Proteggili Chiedi al tuo veterinario 2012 Anagrafare i cani è un dovere Per assicurare il controllo del randagismo; Garantire la salute pubblica e l incolumità dei cittadini;

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE E IL COORDINAMENTO DEL SERVIZIO PROVINCIALE DI RECUPERO DEGLI UNGULATI FERITI IN PROVINCIA DI VARESE

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE E IL COORDINAMENTO DEL SERVIZIO PROVINCIALE DI RECUPERO DEGLI UNGULATI FERITI IN PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE E IL COORDINAMENTO DEL SERVIZIO PROVINCIALE DI RECUPERO DEGLI UNGULATI FERITI IN PROVINCIA DI VARESE APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO PROVINCIALE N. 27 DEL 23/06/2009

Dettagli

COMUNE DI DAONE PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO PER LA DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DI ANIMALI NEL COMUNE DI DAONE

COMUNE DI DAONE PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO PER LA DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DI ANIMALI NEL COMUNE DI DAONE COMUNE DI DAONE PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO PER LA DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DI ANIMALI NEL COMUNE DI DAONE Allegato alla deliberazione consigliare n.29 del 10.05.2001 PARTE PRIMA - NORME GENERALI

Dettagli

Norme del C.C., C.P., C.C.P. Attività sanzionatoria

Norme del C.C., C.P., C.C.P. Attività sanzionatoria Corso di formazione per operatori di canili martedi, 29 ottobre 2013 Norme del C.C., C.P., C.C.P. Attività sanzionatoria t.p.a.l.l. dr. arch nino garofalo dal Codice di Procedura Penale Titolo III Polizia

Dettagli

COMUNE DI ALBAREDO D ADIGE Provincia di Verona REGOLAMENTO DI IGIENE URBANA VETERINARIA

COMUNE DI ALBAREDO D ADIGE Provincia di Verona REGOLAMENTO DI IGIENE URBANA VETERINARIA COMUNE DI ALBAREDO D ADIGE Provincia di Verona REGOLAMENTO DI IGIENE URBANA VETERINARIA Il Sindaco MENEGAZZI Paolo Silvio L Ass.re all Ecologia/Ambiente SAVOIA Andrea S O M M A R I O Art. 1 Finalità...1

Dettagli

00.000. del... Onorevoli presidenti e consiglieri,

00.000. del... Onorevoli presidenti e consiglieri, 00.000 Messaggio concernente una modifica della legge sulla circolazione stradale (revoca della licenza di condurre dopo un'infrazione commessa all'estero) del... Onorevoli presidenti e consiglieri, con

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE. di iniziativa del Consigliere:

PROPOSTA DI LEGGE. di iniziativa del Consigliere: CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA LIGURIA PROPOSTA DI LEGGE STEFANO QUAINI di iniziativa del Consigliere: Avente a oggetto: MODIFICAZIONI ALLA LEGGE REGIONALE 22 MARZO 2000, N. 23 (TUTELA

Dettagli

Quando si programma un viaggio e si prevede di partire con il proprio animale di affezione, è bene

Quando si programma un viaggio e si prevede di partire con il proprio animale di affezione, è bene Vademecum Quando si programma un viaggio e si prevede di partire con il proprio animale di affezione, è bene organizzarsi per tempo, almeno 2 mesi prima, in modo tale da poter adempiere agli obblighi previsti

Dettagli

Quegli ospiti SGRA. Cosa fare per garantire il minor di rischio al nostro animale? Innanzi tutto precisiamo che esistono due tipi di parassitosi:

Quegli ospiti SGRA. Cosa fare per garantire il minor di rischio al nostro animale? Innanzi tutto precisiamo che esistono due tipi di parassitosi: Quegli ospiti SGRA Con la bella stagione molti proprietari non perdono l opportunità di uscire con il proprio cane. Ciò favorisce senz altro il benessere di entrambi ma può comportare degli inconvenienti.

Dettagli

ORDINANZA MUNICIPALE SULLA CUSTODIA DEI CANI

ORDINANZA MUNICIPALE SULLA CUSTODIA DEI CANI ORDINANZA MUNICIPALE SULLA CUSTODIA DEI CANI (del 29 maggio 2012) aggiornata con RM del 12.05.2014 Ordinanza sulla custodia dei cani pag. 1 ORDINANZA MUNICIPALE SULLA CUSTODIA DEI CANI (del 29 maggio 2012)

Dettagli

Riflessioni importanti prima dell'adozione

Riflessioni importanti prima dell'adozione LEGA NAZIONALE PER LA DIFESA DEL CANE SEZIONE DI SALERNO UN CANE E PER SEMPRE! Gli animali sono compagni di vita e sono componenti effettivi del nucleo familiare di chi li adotta, dunque prima di adottare

Dettagli

VISTO il decreto ministeriale n.22383 del 3 giugno 2003 con il quale sono state apportate alcune modifiche alle predette norme tecniche;

VISTO il decreto ministeriale n.22383 del 3 giugno 2003 con il quale sono state apportate alcune modifiche alle predette norme tecniche; Ministero delle Politiche Agricole e Forestali DIPARTIMENTO DELLA QUALITA DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI E DEI SERVIZI DIREZIONE GENERALE PER LA QUALITA DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI E LA TUTELA DEL CONSUMATORE

Dettagli

SIPS Società Italiana Pro Segugio L. Zacchetti

SIPS Società Italiana Pro Segugio L. Zacchetti NORME TECNICHE LIBRO GENEALOGICO DEL CANE DI RAZZA REGISTRI DEGLI ALLEVATORI E DEI PROPRIETARI Art. 1 1. Al Registro degli allevatori previsto all'art. 7 lett. a), del disciplinare del Libro genealogico

Dettagli

Aiuto all'esecuzione: Pescatori con la lenza

Aiuto all'esecuzione: Pescatori con la lenza Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni DATEC Ufficio federale dell'ambiente UFAM Dipartimento federale dell interno DFI Ufficio federale della sicurezza

Dettagli