RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2012"

Transcript

1 Comune di Villafranca Padovana Provincia di Padova RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2012 a cura della Giunta Comunale art. 151, comma 6 e art. 231 D.Lgs.267/2000 Pag. 1

2 1. IL CONTESTO PREMESSA Il Comune, in quanto azienda erogatrice di servizi a diretto beneficio della collettività, non fa eccezione al principio per cui ogni organizzazione economica individua i propri obiettivi primari, programma il reperimento delle risorse, destina i mezzi disponibili per realizzare quanto programmato e valuta l efficacia dell azione svolta, con modalità costanti nel tempo per consentire la comparabilità dei risultati. Il Decreto legislativo n. 267/2000 prevede le tecniche e gli strumenti di corretta rendicontazione della gestione delle risorse comunali. In particolare l art. 227 comma 1 dispone che la dimostrazione dei risultati di gestione avvenga mediante il rendiconto, il quale comprende il conto del bilancio, il conto economico ed il conto del patrimonio. L approvazione del Rendiconto della gestione è il naturale momento di riscontro della capacità o, più spesso, della possibilità economica e finanziaria di tradurre obiettivi inizialmente ipotizzati in risultati materialmente conseguiti. E proprio in questa occasione che il Consiglio, la Giunta, i Responsabili dei servizi hanno la possibilità di verificare i risultati complessivamente ottenuti nel corso dell anno precedente. Il legislatore ha inserito l obbligo di allegare apposita relazione dell Amministrazione ai documenti contabili annuali di rilevazione e dimostrazione dei risultati di gestione, in cui sono indicati i criteri e le scelte di gestione adottate. L obiettivo viene raggiunto con la presentazione della Relazione al Rendiconto della gestione. La presentazione delle Relazione della Giunta Comunale al Rendiconto della gestione dell esercizio 2012 rappresenta un elemento del processo di programmazione e controllo di bilancio previsto dal Decreto legislativo n. 267/2000 che risponde all esigenza di sviluppare una completa conoscenza dei fatti interni di gestione dell Ente. Al Rendiconto della gestione è allegata una relazione illustrativa della Giunta che esprime le valutazioni di efficacia dell azione condotta sulla base dei risultati conseguiti in rapporto ai programmi e ai costi sostenuti. 1 Nella relazione prescritta dall'articolo 151, comma 6, l'organo esecutivo dell'ente esprime le valutazioni di efficacia dell'azione condotta sulla base dei risultati conseguiti in rapporto ai programmi ed ai costi sostenuti. Evidenzia anche i criteri di valutazione del patrimonio e delle componenti economiche. Analizza, inoltre, gli scostamenti principali intervenuti rispetto alle previsioni, motivando le cause che li hanno determinati. 2. La relazione al Rendiconto della gestione 2012 si propone, quindi, di esporre i dati più significativi dell attività dell Ente: i dati finanziari, le risultanze gestionali, e quelle economico-patrimoniali. Queste tre prospettive permettono di formulare valutazioni sull efficacia dell attività svolta. Da questo documento l organo consiliare può dunque trarre elementi di valutazioni dell efficacia dell'azione condotta dalla Giunta sulla base dei programmi analizzando i risultati conseguiti in relazione agli scostamenti principali intervenuti rispetto alle previsioni, alle cause che li hanno determinati e ai costi sostenuti. Dal punto di vista finanziario l ordinamento prevede che Il Conto del bilancio dimostra i risultati finali della gestione autorizzatoria contenuta nel Bilancio annuale rispetto alle previsioni. 3 Le informazioni di natura finanziaria non riguardano solo la gestione del bilancio di competenza 2012, ma anche la gestione dei residui 2012 e precedenti di entrata e spesa alla fine dell esercizio Ciò risponde alla esigenza di chiarezza e di precisione nella rappresentazione dei dati contabili e comporta l obbligo di effettuare anche per il 2012 l operazione di revisione generale dei residui attivi e passivi. Tale operazione è parte essenziale del procedimento di approvazione del rendiconto finanziario. L Ente, con la verifica sulle entrate e uscite residuali delle precedenti gestioni, adegua in ogni esercizio le poste conservate a consuntivo, verificandone la congruità con i principi contabili. Tale metodo sistematico consente un agevole comparazione dei dati della gestione. Il conto economico, ricostruito a partire dai dati finanziari, consente di raffrontare i risultati ottenuti con i costi sostenuti e rappresentare l incidenza della gestione sul patrimonio dell ente. A tal fine il prospetto di conciliazione tra contabilità finanziaria ed economica evidenzia i criteri di valutazione del conto del patrimonio e delle componenti economiche. L attuale classificazione del rendiconto economico patrimoniale si avvicina a quella privatistica (IV Direttiva CEE) tentando di uniformare ed armonizzare le terminologie tra pubblico e privato. 1 D.Lgs n. 267/2000, Art. 151 comma 6; 2 D.Lgs n. 267/2000, Art. 231 comma 1 3 D.Lgs n. 267/2000, Art. 228 comma 1 Pag. 2

3 Infine, l analisi degli Indicatori finanziari ed economici generali dei servizi istituzionali, a domanda individuale e a carattere produttivo consentono di esprimere un giudizio in termini di efficacia ed efficienza del livello raggiunto nella gestione dei servizi erogati. POPOLAZIONE, TERRITORIO ED ORGANIZZAZIONE L organizzazione comunale opera costantemente a contatto con il proprio territorio e i cittadini in esso residenti. Il rapporto fra numero di dipendenti e dimensioni del territorio (anagrafiche e ambientali) costituisce uno dei parametri per valutare se, compatibilmente con le risorse disponibili, la struttura comunale sia idonea o meno al raggiungimento degli obiettivi generali. Nelle tabelle che seguono saranno proprio messi a confronto i dati relativi all organico dell Ente con le caratteristiche generali del territorio comunale (popolazione e territorio). POPOLAZIONE Popolazione legale al censimento 2001 n Popolazione residente alla fine del penultimo anno precedente n di cui: maschi n n. femmine n n. nuclei familiari n comunità convivenze n Popolazione all 1/01/2011 (penultimo anno precedente) n Nati dell anno n Deceduti nell anno n. 86. saldo naturale n Immigrati nell anno n Emigrati nell anno n. 276 n. saldo migratorio n Popolazione al 31/12/2011 (penultimo anno precedente) n di cui In età prescolare (0/6 anni) n In età scuola obbligo (7/16 anni) n In forza lavoro 1 occupazione (17/29 anni) n In età adulta (30/65 anni) n In età senile (oltre 65 anni) n Tasso di natalità ultimo quinquennio: anno Tasso di mortalità ultimo quinquennio: anno tasso 0,80 0,87 0,76 0,66 0, Popolazione massima insediabile come da strumento urbanistico vigente abitanti n Livello di istruzione della popolazione residente: tasso 1,16 1,21 1,18 0,93 1,39 Pag. 3

4 1.2 - TERRITORIO Superficie in Kmq. 24, RISORSE IDRICHE * Laghi n *Fiumi e torrenti n STRADE * Statali Km circa *Provinciali Km circa *Comunali Km 79 *Vicinali Km circa *Autostrade Km PIANI E STRUMENTI URBANISTICI VIGENTI Se SI data ed estremi del provvedimento di approvazione Piano regolatore adottato si PRG adottato con D.C.C. n. 56 del 30/09/96 Piano regolatore approvato si PRG approvato con D.G.R. n del 26/05/98 Programma di fabbricazione no Piano edilizia economica e popolare si su PRG adottato con D.C.C. n. 56 del 30/09/96 PIANO INSEDIAMENTO PRODUTTIVI Industriali si su PRG adottato con D.C.C. n. 56 del 30/09/96 Artigianali si su PRG adottato con D.C.C. n. 56 del 30/09/96 Commerciali si su PRG adottato con D.C.C. n. 56 del 30/09/96 Altri strumenti (specificare) Esistenza della coerenza delle previsioni annuali e pluriennali con gli strumenti urbanistici vigenti (art.170, comma 7, D.L.vo 267/2000) Pag. 4

5 PERSONALE anno 2012 CATEGORIA PREVISTI IN PIANTA ORGANICA AL 31/12/2011 IN SERVIZIO AL 01/01/2012 NUMERO PREVISTI IN PIANTA ORGANICA AL 31/12/2012 IN SERVIZIO AL 31/12/2012 NUMERO D D C B B A totali Dati e indicatori relativi al personale Abitanti al Dipendenti al Costo del personale (intervento I) ,24 N abitanti per ogni dipendente 368,22 Costo medio per abitante 98,95 Pag. 5

6 2. I RISULTATI FINANZIARI IL BILANCIO E LA GESTIONE FINANZIARIA Il Risultato di amministrazione (avanzo o disavanzo) è composto dalla somma dei risultati conseguiti nella gestione finanziaria della Competenza e dei Residui. Il Risultato della gestione della Competenza (parte corrente e investimento) fornisce un ottimo parametro di valutazione della capacità dell Ente di utilizzare le risorse che si sono rese disponibili nel corso dell esercizio (accertamenti). Il Risultato della gestione dei Residui offre invece utili informazioni sull attendibilità e la precisione con cui erano stati assunti gli accertamenti e gli impegni nei precedenti esercizi. Dal punto di vista della gestione di Competenza, un Conto del bilancio che riporti un rilevante Avanzo di amministrazione potrebbe segnalare una certa difficoltà nella capacità di spesa o una sottostima delle risorse stanziate in Bilancio. Al contrario, una situazione di Disavanzo che non sia dovuta al verificarsi di circostanze imprevedibili, potrebbe essere il sintomo di una crisi finanziaria emergente. Il legislatore ha posto alcuni vincoli da rispettare sia in fase previsionale sia durante l esercizio (variazioni di bilancio e salvaguardia degli equilibri di bilancio) affinché non si vengano a creare a consuntivo gravi squilibri tra accertamenti e impegni della competenza e si rimanga fedeli al principio generale del mantenimento dell equilibrio finanziario. Il bilancio di previsione è deliberato in pareggio finanziario complessivo. Inoltre le previsioni di competenza relative alle spese correnti sommate alle previsioni di competenza relative alle quote di capitale delle rate di ammortamento dei mutui e dei prestiti obbligazionari non possono essere complessivamente superiori alle previsioni di competenza dei primi tre titoli dell entrata [...]. 4 Gli Enti locali [...] rispettano durante la gestione e nelle variazioni di bilancio il pareggio finanziario e tutti gli equilibri stabiliti in bilancio per la copertura delle spese correnti e per il finanziamento degli investimenti [...]. 5 Inoltre la gestione dei Residui, per un imprevista eliminazione di crediti (residui attivi), può provocare la formazione di un Disavanzo di amministrazione emergente, difficilmente ripianabile per mancanza di risorse immediatamente disponibili. Per questo motivo il legislatore ha previsto delle norme poste a salvaguardia degli equilibri di bilancio. [...] Qualora i dati della gestione facciano prevedere un disavanzo di amministrazione per squilibrio [...] della gestione dei residui, l organo consiliare adotta le misure necessarie a ripristinare il pareggio. 6 4 D.Lgs. n. 267/2000, Art. 162 comma 5 5 D.Lgs. n. 267/2000, Art. 193 comma 1 6 D.Lgs. n. 267/2000, Art. 193 comma 2 Pag. 6

7 IL RISULTATO DI AMMINISTRAZIONE 2012 Concorrono alla determinazione del Risultato di amministrazione la gestione della Competenza e la gestione dei Residui. Un risultato finale positivo conseguito nell esercizio potrebbe derivare anche dalla somma di un Disavanzo della gestione di Competenza e di un Avanzo della gestione dei Residui. Il Conto del bilancio dell esercizio finanziario 2012 chiude complessivamente con un Avanzo di uro ,50. I dati esposti fanno riferimento alla gestione finanziaria complessiva (Competenza e Residui) e forniscono quindi informazioni a carattere generale sullo stato delle finanze dell Ente, utili come primo approccio, ma insufficienti per conoscere quali siano stati i fattori che hanno prodotto il saldo finale. Il saldo della gestione di cassa è un dato estremamente importante ai fini della determinazione dell avanzo di amministrazione esposto a totale nella rendicontazione. Mentre il fondo iniziale di cassa riportava disponibilità di ,03 la chiusura del 2012 quantificava il fondo finale in ,32. Al netto del saldo iniziale di cassa la gestione dei Residui termina con un disavanzo di ,73 mentre la gestione di Competenza termina con un disavanzo di ,09. La somma algebrica dei saldi gestione dei residui, competenza e del Fondo di cassa al 01/01/2012 portano ad un avanzo di amministrazione di ,50. I dati complessivi della gestione sono riportati nel prospetto che segue, in cui sono posti in risalto sia i movimenti di cassa (riscossioni e pagamenti) sia le operazioni sui residui attivi e passivi. L ultima riga espone il Risultato di amministrazione complessivo. QUADRO RIASSUNTIVO GESTIONE FINANZIARIA ESERCIZIO 2012 RESIDUI COMPETENZA TOTALE Fondo iniziale di cassa (A) ,03 Riscossioni , , ,23 Pagamenti , , ,94 Risultato gestione di cassa (B) , , ,32 Residui attivi , , ,40 Residui passivi , , ,22 Risutato gestione residui (C) , , ,82 AVANZO DISPONIBILE (+) o DISAVANZO (-) ,50 Pag. 7

8 CONCILIAZIONE DEI RISULTATI FINANZIARI La conciliazione tra il risultato della gestione di competenza e il risultato di amministrazione scaturisce dai seguenti elementi: Gestione di competenza Totale accertamenti di competenza ,99 Totale impegni di competenza ,14 SALDO GESTIONE COMPETENZA ,15 Gestione dei residui Maggiori residui attivi riaccertati + Minori residui attivi riaccertati ,19 Minori residui passivi riaccertati ,70 SALDO GESTIONE RESIDUI ,51 Riepilogo SALDO GESTIONE COMPETENZA ,15 SALDO GESTIONE RESIDUI ,51 AVANZO ESERCIZI PRECEDENTI APPLICATO ,00 AVANZO ESERCIZI PRECEDENTI NON APPLICATO ,14 AVANZO (DISAVANZO) DI AMMINISTRAZIONE AL ,50 Pag. 8

9 LA GESTIONE DEI RESIDUI L attività di riaccertamento dei residui tramite la verifica della sussistenza dei titoli di debito o credito provenienti dalla gestione 2012 e dagli anni precedenti, è stata compiuta con l ausilio dei responsabili dei servizi, ai sensi dell art. 228 comma 3 del Decreto Legislativo 267/2000. Eventuali disavanzi sono generalmente prodotti dal venire meno di crediti (residui attivi), divenuti prescritti, inesigibili o dichiarati insussistenti. Il fenomeno non è particolarmente rilevante se non quando l eliminazione di crediti è tale da causare un disavanzo nella gestione dei residui non compensato dall eventuale avanzo della gestione di Competenza. Il rendiconto 2012 è caratterizzato da un avanzo della gestione residui e un disavanzo della gestione di competenza. E importante considerare l andamento dei tassi di smaltimento della gestione dei Residui stessi, definiti come la capacità e la rapidità dell Ente di riscuotere i crediti (residui attivi) e di utilizzare pienamente le somme impegnate (residui passivi) nel corso degli esercizi precedenti. La gestione dei Residui provenienti dal conto del bilancio 2012 e precedenti evidenzia, alla data del 31/12/2012, un buon livello di esaurimento del rapporto tra residui attivi/passivi. La percentuale degli accertamenti da portare a residui attivi 2012, pari a uro ,40 risulta pari al 56,66% dei residui passivi 2012 che sono pari a uro ,22. Residui attivi Il totale dei residui attivi provenienti dal conto del bilancio dell esercizio 2012 e precedenti ha la seguente movimentazione: riporto definitivo al 1/01/2012 uro ,83 incassi al 31/12/2012 uro ,69 percentuale di esaurimento pari al 22,47% In particolare: per il titolo I la percentuale di esaurimento è 48,77% per il titolo II la percentuale di esaurimento è 24,82% per il titolo III la percentuale di esaurimento è 26,62% per il titolo IV la percentuale di esaurimento è 20,03% per il titolo V la percentuale di esaurimento è 0,00% per il titolo VI la percentuale di esaurimento è 6,86% La voce importante ancora da incassare è costituita da trasferimenti di capitale per uro ,49. La valutazione richiesta dal Decreto Legislativo 267/2000, in fase di riaccertamento dei titoli effettivi di credito, e ha dato questo risultato: Minori entrate: uro ,19 Le Minori Entrate dei Residui provengono dal Titolo I per ,33 dal Titolo II per ,77, dal Titolo III per ,09 e dal Titolo IV per ,00. Residui passivi Il totale dei Residui passivi provenienti dal conto del bilancio dell esercizio 2012 e precedenti ha la seguente movimentazione: riporto definitivo al 1/01/2012 uro ,72 pagato al 31/12/2012 uro ,34 percentuale di esaurimento pari al 30,15% L'esame analitico dei titoli di debito, ha portato al seguente risultato: per il titolo I la percentuale di esaurimento è 55,90% per il titolo II la percentuale di esaurimento è 21,85% per il titolo III la percentuale di esaurimento è per il titolo IV la percentuale di esaurimento è 35,96% Pag. 9

10 da: Le voci importanti ancora da pagare, al netto delle somme stralciate per insussistenza sono costituite spese correnti (funzioni varie) uro ,16 realizzazione opere pubbliche (Tit. II ) uro ,95 La valutazione richiesta dal Decreto Legislativo 267/2000, in fase di riaccertamento dei titoli effettivi di credito, e ha dato questo risultato: Minori spese: uro ,70 I minori Residui passivi derivano da economie effettuate al titolo 1 (Spese correnti) per uro ,51 al titolo II (Spese di investimento) per uro ,00 e al Titolo IV (Partite di giro) per ,19. LA GESTIONE COMPETENZA Il Quadro Generale Riassuntivo della Gestione Finanziaria della Competenza 2012 (intesa come differenza fra Entrate e Uscite di stretta pertinenza dell esercizio) evidenzia un disavanzo di gestione per uro ,15. La gestione della Competenza permette di valutare in che misura siano state utilizzate nel corso dell'esercizio le risorse a disposizione. L analisi della destinazione dei mezzi finanziari distingue le risorse volte garantire: il funzionamento dell Ente (BILANCIO CORRENTE) gli interventi in c/capitale (BILANCIO INVESTIMENTI) le operazioni prive di significato economico (MOVIMENTI DI FONDI) le semplici operazioni per conto terzi (PARTITE DI GIRO). Di norma, il Bilancio corrente dovrebbe chiudersi in avanzo, il Bilancio investimenti dovrebbe chiudersi in pareggio o più opportunamente in disavanzo (e solo più raramente in avanzo), il Bilancio dei movimenti di fondi e quello delle partite di giro in pareggio. RIEPILOGO BILANCIO DI COMPETENZA 2012 BILANCIO DI COMPETENZA ACCERTAMENTI IMPEGNI RISULTATO Bilancio corrente , , ,95 Bilancio investimenti , , ,10 Bilancio movimento fondi Bilancio partite di giro , , , , ,85 Pag. 10

11 LA GESTIONE CORRENTE Gli Enti locali forniscono alla collettività un ventaglio di prestazioni. Si tratta essenzialmente di fornitura di servizi, tipica del settore pubblico mentre la produzione di beni rientra solo occasionalmente tra le attività esercitate dal Comune. La fornitura di servizi si caratterizza per la prevalenza del costo del personale sui costi complessivi d impresa. Il Comune, per erogare i servizi alla collettività, sostiene spese di funzionamento destinate all acquisto di beni e servizi, al pagamento degli oneri del personale, al rimborso delle annualità in scadenza dei mutui in ammortamento. Le spese correnti vengono stanziate per erogare i servizi mediante il personale, l acquisto di beni e materie prime, l acquisto di servizi, l erogazione di trasferimenti correnti (contributi), il pagamento degli interessi passivi, imposte e tasse, ecc.. La corretta gestione del bilancio corrente impone che le spese di funzionamento siano interamente finanziate dalle entrate correnti. Le spese correnti devono essere dimensionate in base alle risorse disponibili, rappresentate dalle entrate tributarie, dai trasferimenti di Stato, Regione e altri Enti e dalle entrate extra-tributarie. I fattori di maggiore rigidità del Bilancio corrente dell Ente locale sono rappresentati dal costo del personale e dal rimborso delle quote capitale dei mutui in ammortamento. Solo quando l incidenza degli stipendi e dei mutui è tale da impedire l attività istituzionale dell Ente, si creano i presupposti giuridici per lo stato di dissesto finanziario. Per questi motivi, è di primaria importanza il controllo del parametro del costo annuo del personale. La spesa totale per il 2012 di ,24 con un rapporto dipendenti/popolazione di 1 a 368 e una spesa media di euro 98,95 per abitante. Il livello di indebitamento è l altra componente più rilevante della rigidità del bilancio. L ammontare degli interessi passivi pagati nel corso dell anno è risultata pari al uro ,87 con un incidenza del 4,10 % sul totale delle entrate correnti ben inferiore al predetto limite del 8% previsto per legge per l anno Per il 2012 l ammontare del rimborso delle quote capitale è stata di uro ,44 comprensiva della somma di euro ,93 utilizzata per l estinzione anticipata di mutui. La situazione del comune di Villafranca Padovana evidenzia una situazione positiva rispetto ai citati parametri di rigidità di gestione corrente del bilancio. Il prospetto che segue riporta il quadro delle principali componenti della gestione corrente, con l indicazione degli importi e delle relative percentuali di incidenza. Il Conto del bilancio della gestione corrente di competenza, indica il risultato finale di avanzo pari a uro 7.991,95. Pag. 11

12 GESTIONE CORRENTE 2012 ENTRATE: Accertamenti di competenza PARZIALE TOTALE % Titolo 1 _ Tributarie ,57 78,30 Titolo 2 _ Trasferimenti di capitale ,69 3,35 Titolo 3 - Extratributarie ,02 16,54 Entrate straordinarie Avanzo applicato a bilancio corrente ,51 Introiti da concessioni edilizie destinati a manutenz.ordinaria + - Mutui passivi a copertura disavanzi + - Totale risorse straordinaria , ,51 1,81 Totale Entrate Bilancio corrente ,79 100,00 USCITE: Impegni di competenza PARZIALE TOTALE % Titolo 1 - Correnti ,40 Ammortamento beni patrimoniali - - Uscite nette Titolo , ,40 93,14 Titolo 3 - Rimborso di prestiti ,44 Anticipazioni di cassa - - Uscite nette Titolo , ,44 6,86 Uscite straordinarie Disavanzo applicato al bilancio Totale Uscite Bilancio Corrente ,84 100,00 RISULTATO BIL. CORRENTE COMPETENZA Totale entrate correnti ,79 Totale uscite correnti ,84 Risultato Bilancio Corrente Avanzo (+) o Disavanzo (-) 7.991,95 La gestione corrente presenta alla data del 31 dicembre 2012 una percentuale di esaurimento del rapporto tra stanziamenti/accertamenti o impegni e un rapporto tra accertamenti/ impegni correnti: accertamenti finali, pari a uro ,99 costituiscono il 49,21% dello stanziamento assestato di entrata corrente, pari a uro ,16; impegni finali, pari a uro ,14, costituiscono il 50,59 % dello stanziamento assestato della spesa pari a uro ,16; accertamenti finali in conto gestione corrente, pari a uro ,99 costituiscono il 97,27 % degli impegni finali. Pag. 12

13 LA GESTIONE DEGLI INVESTIMENTI Il risultato finale della gestione investimenti di norma termina in pareggio. Qualora il risultato finale della gestione degli investimenti sia positivo, con un eccedenza quindi delle risorse accertate rispetto agli impegni assunti, questa quota di avanzo di amministrazione deve venire obbligatoriamente destinata a finanziamento di spese in conto capitale, conservando così l originario vincolo di destinazione. Nel 2012 l Ente ha finanziato le opere pubbliche tramite l utilizzo dell avanzo di amministrazione, i proventi da oneri di urbanizzazione e con contributi dalla Regione del Veneto e dalla Provincia. Il prospetto che segue riporta il quadro delle principali componenti della gestione degli investimenti, con l indicazione degli importi e delle relative percentuali di incidenza. Il Conto del bilancio della gestione degli investimenti di competenza, indica il risultato finale di disavanzo pari a uro ,10. BILANCIO INVESTIMENTI 2012 ENTRATE: Accertamenti di competenza PARZIALE TOTALE Titolo 4 - Alienazione beni, trasferimenti di capitale ,79 Riscossione di crediti - Ammortamento beni patrimoniali - Introiti concessioni edilizie dest a manutenzioni ord. - Risorse Titolo 4 nette , ,79 Titolo 5 - Accensione di prestiti + - Mutui per investimenti + - Mutui a copertura disavanzi - - Risorse Titolo 5 nette - - avanzo di amministrazione destinati a investimenti , ,49 Totale Entrate Bilancio investimenti ,28 USCITE: Impegni di competenza Titolo 2 - In conto capitale ,38 Concessione di crediti - - Totale Uscite Bilancio investimenti , ,38 RISULTATO BIL. INVESTIMENTI COMPET ,38 Totale entrate investimenti ,28 Totale uscite investimenti ,38 Risultato Bilancio Investimenti Avanzo (+) o Disavanzo (-) ,10 La percentuale totale di esaurimento del rapporto tra stanziamenti/accertamenti o impegni e il rapporto tra accertamenti/ impegni e tra riscossioni/pagamenti in conto investimenti risulta: impegni finali in conto gestione investimenti, pari a uro ,38, costituiscono il 17,08% dello stanziamento assestato spesa pari a uro ,00; pagamenti finali in conto investimenti in conto competenza, pari a uro ,79 costituiscono il 7,68 % degli impegni finali in conto investimenti, pari a uro ,38. Pag. 13

14 LE FONTI DI FINANZIAMENTO DEGLI INVESTIMENTI DI COMPETENZA Gli investimenti per il 2012 risultano finanziati come da prospetto seguente: oneri di urbanizzazione avanzo di amm.ne e avanzo economico mutui alienazione immobili contributi TOTALE , ,59 0,00 0, , ,38 I MOVIMENTI DI FONDI I movimenti di fondi costituiti dagli stanziamenti di bilancio per anticipazioni di tesoreria (titolo V dell entrata e titolo III della spesa) non incidono sull attività del Comune in quanto sono operazioni finanziarie da effettuare per far fronte a temporanee carenze di cassa. Anche per l esercizio 2012 il Comune non ha fatto ricorso a tali operazione di finanziamento di cassa. LE PARTITE DI GIRO L ultimo tipo di movimenti che interessano il Bilancio di competenza sono le Partite di Giro. Questi movimenti non incidono sull attività finanziaria del Comune, in quanto sono operazioni finanziarie effettuate per conto terzi che trovano la dovuta compensazione tra entrate e spese. In particolare, nell ambito della gestione degli stipendi, vengono effettuate operazioni dall Ente in qualità di sostituto d imposta: le ritenute fiscali e contributive entrano in contabilità nelle partite di giro all atto dell erogazione dello stipendio, per uscirne al momento del versamento mensile al Ministero delle Finanze. Il prospetto delle Partite di Giro di norma riporta il pareggio tra accertamenti in entrata e impegni in uscita. PARTITE DI GIRO 2012 ENTRATE: Accertamenti di competenza PARZIALE TOTALE Titolo 6 - Partite di Giro ,92 Totale Entrate Partite di Giro ,92 USCITE: Impegni di competenza PARZIALE TOTALE Titolo 4 - Partite di Giro ,92 Totale Uscite Partite di Giro ,92 RISULTATO PARTITE DI GIRO COMPETENZA ,92 Totale entrate partite di giro ,92 Totale uscite partite di giro ,92 Risultato Partite di Giro Avanzo (+) o Disavanzo (-) 0,00 Pag. 14

15 I RISULTATI GESTIONALI FINANZIARI Quadro Riassuntivo delle entrate anno 2012 ENTRATE Previsioni anno 2012 iniziali Previsione anno 2012 definitiva Accertamenti di competenza anno 2012 % accert./ prev. Definitiva Tributarie , , ,57 96,78 Contributi e trasferimenti , , ,69 76,38 Extratributarie , , ,02 64,54 TOTALE ENTRATE CORRENTI , , ,28 88,52 Proventi oneri di urbanizzazione destinati a manutenzione ordinaria patrimonio Avanzo di amministrazione applicato per spese correnti , ,51 100,00 TOTALE ENTRATE UTILIZZATE PER SPESE CORRENTI E RIMBORSO PRESTITI (A) , , ,79 88,70 Alienazione di beni e trasferimenti di capitale e riscossione di crediti , , ,00 7,69 Proventi di urbanizzazione destinati a investimenti , , ,79 95,02 Accensione mutui passivi Altre accensioni prestiti - Avanzo di amministrazione applicato per: Fondo ammortamento Finanz.to investimenti , ,49 TOTALE ENTRATE C/CAPITALE DESTINATE A INVESTIMENTI (B) , , ,28 Riscossione di crediti Anticipazioni di cassa (D) , ,37 - TOTALE MOVIMENTO FONDI (C) , , ,92 42,39 TOTALE GENERALE ENTRATE (A+B+C+D) , , ,99 50,60 16,91 Pag. 15

16 PROGRAMMAZIONE Entrate tributarie Valutazione, per ogni tributo, dei cespiti imponibili, della loro evoluzione nel tempo, dei mezzi utilizzati per accertarli. ICI: Imposta Comunale sugli Immobili è stata sostituita dall Imposta Municipale Propria I.M.U. I.M.U. L articolo 13 del decreto legge n. 201 del 6 dicembre 2011, convertito con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214 anticipa in via sperimentale e per tutti i Comuni del territorio nazionale l applicazione dell Imposta municipale propria per il triennio , rimandando al 2015 l applicazione dell IMU a regime (come prevista dal D.Lgs. n. 23 del 2011). Il Comune di Villafranca Padovana ha stabilito di applicare le seguenti aliquote di imposta: 0,5% per le abitazioni principali ed una pertinenza per ciascuna unità immobiliare delle categorie catastali C/2, C/6 e C/7, con detrazione di euro 200,00 per abitazioni principali e relative pertinenze, la detrazione è maggiorata in misura di +50,00 euro per ogni figlio convivente minore di 26 anni, fino a 400,00 euro (quindi con detrazione massima di euro 600,00); 0.2% per i fabbricati rurali strumentali; 0,9% per gli altri fabbricati, terreni agricoli ed aree edificabili. Il gettito comunale previsto per ciascuno degli anni è stato stimato con le aliquote di cui sopra in euro ,00. PUBBLICITA` E PUBBLICHE AFFISSIONI - L`imposta è corrisposta per la diffusione di messaggi pubblicitari per la propria attività commerciale o professionale. Le tariffe sono fissate dal D.LGS. 507/93. Il Comune di Villafranca Padovana rientra nella tipologia di comuni di classe V^. A partire dal 1/7/2005 la gestione è stata concessa alla ditta ABACAO S.p.A. Le previsioni per il 2012 comportano un gettito di ,00. Nel il gettito è quantificato in ,00 per il 2013 e ,00 per il TOSAP Per il 2012 il Comune intende mantenere l attuale tassa. Non si procederà alla trasformazione in canone per l occupazione permanente o temporanea del suolo in quanto il canone presenta dei limiti sia in ragione dell incertezza nella natura giuridica dell entrata sia problemi di ordine gestionale. La base imponibile è ormai consolidata (mercato, sottosuolo e occupazioni temporanee). Il gettito è pari a ,00 per l anno 2012, ,00 per il 2013 e ,00 per il ADDIZIONALE COMUNALE IRPEF: -Tra le entrate tributarie, di particolare rilevanza è la volontà di non applicare l addizionale comunale IRPEF. ADDIZIONALE SUL CONSUMO DELL ENERGIA ELETTRICA - L addizionale è confluita dall anno 2012 nel fondo sperimentale di riequilibrio. TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI Dal 1 gennaio 2013 come previsto dall art.14 della legge n. 214 del la Tarsu e la Tia sono sostituite dal Tributo Comunale sui Rifiuti e sui Servizi. La gestione del servizio rifiuti è posta in capo al Comune e quindi prevista nel bilancio di previsione in entrata di ,00 a fronte di una spesa di ,00. Il differenziale che ammonta a ,00 è dovuto all applicazione di una maggiorazione tariffaria a copertura dei costi relativi ai servizi indivisibili. L importo di ,00 verrà trattenuto dallo Stato dal Fondo Sperimentale di Riequilibrio. FONDO SPERIMENTALE DI RIEQUILIBRIO I trasferimenti statali per l anno 2012 sono stati rideterminati, a seguito dell applicaizone dell IMU, in particolare il Fondo di riequlibrio. Il gettito di euro ,00 per l anno 2012 risente dei tagli operati dall articolo 28 c. 7 del D.L. 201/11 e dall art. 14 c. 2 del D.L. 78/10 e detto importo comprende sia l ex compartecipazione al gettito IVA che l addizionale comunale sull energia elettrica. L applicazione dell IMU a disciplina di base, nelle espresse previsioni della legge, deve avvenire a parità di risorse disponibili sia per l insieme dei Comuni, sia per ciascun ente. In pratica, il maggior gettito rispetto a quanto introitato con l ICI viene compensato da una riduzione di pari importo del fondo sperimentale di riequilibrio di cui all art. 2 comma 3 del D.Lgs. 23. Nel 2013 e 2014 il Fondo subirà un ulteriore taglio pari alla maggiorazione tariffaria del Tributo Comunale sui Rifiuti e sui Servizi. Nel 2014 con il rinnovo dell Organo consiliare il Comune subirà una decurtazione del Fondo pari ad euro ,00 per i risparmi sui costi della politica. Pag. 16

17 STATO DI ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA anno 2012 I.M.U. e Fondo Sperimentale di riequilibrio L articolo 13 del decreto legge n. 201 del 6 dicembre 2011, convertito con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214 anticipa in via sperimentale e per tutti i Comuni del territorio nazionale l applicazione dell Imposta municipale propria per il triennio , rimandando al 2015 l applicazione dell IMU a regime (come prevista dal D.Lgs. n. 23 del 2011). Il Comune di Villafranca Padovana ha stabilito di applicare le seguenti aliquote di imposta: 0,5% per le abitazioni principali ed una pertinenza per ciascuna unità immobiliare delle categorie catastali C/2, C/6 e C/7, con detrazione di euro 200,00 per abitazioni principali e relative pertinenze, la detrazione è maggiorata in misura di +50,00 euro per ogni figlio convivente minore di 26 anni, fino a 400,00 euro (quindi con detrazione massima di euro 600,00); 0.2% per i fabbricati rurali strumentali; 0,9% per gli altri fabbricati, terreni agricoli ed aree edificabili. Il gettito comunale accertato nell anno 2012 ammonta ad euro ,95 e già interamente incassato alla data odierna. Il Ministero ha quantificato il Fondo sperimentale di riequilibrio in euro ,18, regolarmente accertato ed incassato per euro ,31. PUBBLICITA` E PUBBLICHE AFFISSIONI Il gettito accertato risulta pari a uro ,20 di cui euro ,46 già incassati. TOSAP L accertamento è pari ad euro ,00. ADDIZIONALE SUL CONSUMO DELL ENERGIA ELETTRICA. Gli incassi ammontano ad euro 4.155,85. Esercizio 2010 Esercizio 2011 Esercizio Anno 2012 (previsione di Esercizio Anno 2012 bilancio) E N T R A T E Accertamenti Accertamenti Previsione assestata Esercizio Anno 2012 Accertamenti scostament o della col.5 rispetto alla col.4 Imposte , , , , ,39-4% Tasse , , , , ,00 0% Tributi Speciali ed altre entrate proprie , , , ,18 TOTALE , , , , ,57-3% Contributi e trasferimenti correnti PROGRAMMAZIONE Valutazione dei trasferimenti erariali programmati in rapporto ai trasferimenti medi nazionali, regionali e provinciali. Il trasferimento per fondo sviluppo degli investimenti è stato previsto per euro ,68 sulla base dei mutui in essere al 1/1/2012. I trasferimenti correnti della Regione per ciascuno degli anni 2012/2013 e 2014 ammontano ad euro , Considerazione sui trasferimenti regionali in rapporto alle funzioni delegate o trasferite, ai piani o programmi regionali di settore. I trasferimenti regionali per il finanziamento di funzioni trasferite si prevedono per l importo di uro 2.000,00 per ciascuno degli anni 2012,2013 e Pag. 17

18 Illustrazione altri trasferimenti correlati ad attività diverse (convenzioni, elezioni, leggi speciali, ecc.) Sono stati previsti i trasferimenti dal Comune di Limena di ,00 per il triennio a seguito della compartecipazione alle spese per l utilizzo del plesso scolastico di Taggì di Sotto da parte di alunni provenienti da tale Comune; e trasferimenti da parte del Comune di Campodoro per ,00 a seguito della convenzione relativa al personale Altre considerazioni e vincoli. Lo Stato ha ridotto costantemente i propri trasferimenti costringendo gli enti locali ad attuare una politica di riduzione dei costi, accompagnata da una maggiore leva fiscale per poter mantenere lo stesso standard nell erogazione dei servizi. STATO DI ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA anno 2012 Valutazione dei trasferimenti erariali. Si confermano i trasferimenti per fondo sviluppo degli investimenti che è stato previsto per euro ,66 sulla base dei mutui in essere al 1/1/2012. In aggiunta sono stati comunicati euro quale contributo per oneri accertamenti medici e 3.170,21 quale cinque per mille anno 2009 ed euro 5.660,08 per contributi testi scolastici. Valutazione dei trasferimenti regionali Risultati conseguiti Risultano incassati contributi per fondo locazione per euro ,32. Sono previsti in aggiunta trasferimenti correnti della Regione pari ad euro ,00 per borse di studio già incassati ed euro 4.400,00 per contributi per il progetto lavoratori senza ammortizzatori sociali. E N T R A T E Esercizio Anno 2010 Accertamenti Esercizio Anno 2011 Accertamenti Esercizio Anno 2012 (previsione di bilancio) Esercizio Anno 2012 Previsione assestata Esercizio Anno 2012 Accertamenti scostamen to della col.5 rispetto alla col.4 Contributi e , , , , ,95 0% trasferimenti correnti dello Stato Contributi e , , , , ,32-47,55% trasferimenti correnti della Regione Contributi e 659,38 929, , , ,35 0% trasferimenti dalla Regione per funzioni delegate Contributi e 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0 trasfer.ti da parte di organismi comunitari e internazionali Contributi e , , , , ,07-8,74% trasferimenti da altri enti del settore pubblico TOTALE , , , , ,69-23,63% Pag. 18

19 PROGRAMMAZIONE Proventi extratributari Analisi quali-quantitative degli utenti destinatari dei servizi e dimostrazione dei proventi iscritti per le principali risorse in rapporto alle tariffe per i servizi stessi nel triennio. TIA Dal 2006 l intero servizio integrato di raccolta e riscossione del servizio rifiuti è svolto da ETRA SpA.. 1 gennaio 2013 la Tia è sostituita dal Tributo Com unale sui Rifiuti e sui Servizi. SERVIZI PUBBLICI A DOMANDA INDIVIDUALE Tra i servizi pubblici soggetti a copertura percentuale della spesa i più rilevanti in termini di entrate sono il servizio di refezione scolastica e l illuminazione votiva. Di seguito si riporta un quadro sintetico dei costi e dei proventi relativi ai servizi del bilancio di previsione 2012, che stimano un tasso di copertura della spesa pari al 76,38% Per una analisi puntuale e specifica delle singole tariffe si rinvia a quanto riportato nella relativa deliberazione di approvazione delle stesse Dimostrazione dei proventi dei beni dell ente iscritti all entità dei beni ed ai canoni applicati per l uso di terzi, con particolare riguardo al patrimonio disponibile. L Ente dispone nel proprio patrimonio di alcuni beni dati in uso a terzi ed in particolare l edificio polifunzionale, la sala comunitaria e la casa delle associazioni, inaugurata nel 2004, utilizzati dalle varie associazioni presenti sul territorio. SERVIZIO PERSONALE BENI E SERVIZI ALTRO TOTALE ENTRATE % impianti sportivi e palestre 2.400, , , ,00 35,49% sale riunioni 1.800, , , ,00 38,31% mense scolastiche 900, , , ,00 94,86% illuminazione votiva 8.000, , , ,00 96,05% manifestazioni culturali 1.000, , , ,00 37,74% TOTALE , , , ,00 76,38% Pag. 19

20 STATO DI ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA anno 2012 SERVIZIO PERSONALE BENI E SERVIZI ALTRO TOTALE ENTRATE % impianti sportivi e palestre 2.350, , , ,00 9,14% sale riunioni 1.800, , , ,50 26,18% mense scolastiche 900, , , ,83 93,71% illuminazione votiva 5.350, , , ,59 140,79% manifestazioni culturali 1.000, , , ,00 22,48% TOTALE , , , ,92 50,71% E N T R A T E Esercizio Anno 2010 Accertame nti Esercizio Anno 2011 Accertamen ti Esercizio Anno 2012 (previsione di bilancio) Esercizio Anno 2012 Previsione assestata Esercizio Anno 2012 Accertamen ti scostament o della col.5 rispetto alla col.4 Proventi dei servizi pubblici , , , , ,18-3,00% Proventi dei beni dell'ente , , , , ,18 1,80% Interessi su anticipazioni e crediti Utili netti delle aziende spec. e partecipate, dividendi di società 4.113, , , , ,84-2,01% , , , , ,00 Proventi % , , , , ,82 diversi TOTALE , , , , ,02-35,47% Pag. 20

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

3. Determinazione dei servizi a domanda individuale e relativi costi di gestione

3. Determinazione dei servizi a domanda individuale e relativi costi di gestione 1. Approvazione addendum al contratto di concessione della progettazione, realizzazione e gestione di impianti fotovoltaici asserviti ad immobili di proprietà del Comune di Casapinta 2. Verifica quantità

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011 Elementi innovativi e principali impatti Agenda 1. Il modello contabile previsto dal D.lgs 118/2011 Contesto normativo

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0 Numer o Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 Previsione 2012 Previsione 2013 1 16/08/2011 E 1011060 E 75-0 1011060: ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IRPEF

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

COMUNE DI NE Provincia di Genova

COMUNE DI NE Provincia di Genova COMUNE DI NE Provincia di Genova COPIA Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza del 28.04.2014 Reg. Verb. N. 5 OGGETTO: GESTIONE COMPONENTE TASI (TRIBUTO SERVIZI INDIVISIBILI) ANNO 2014. L anno duemilaquattordici

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE PROSPETTO DELLE ENTRATE DI BILANCIO PER TITOLI, TIPOLOGIE E CATEGORIE PREVISIONI DI COMPETENZA

BILANCIO DI PREVISIONE PROSPETTO DELLE ENTRATE DI BILANCIO PER TITOLI, TIPOLOGIE E CATEGORIE PREVISIONI DI COMPETENZA Pag.1 ENTRATE CORRENTI DI NATURA TRIBUTARIA CONTRIBUTIVA PEREQU 1010100 Tipologia 101: Imposte, tasse e proventi assimilati 1010106 Imposta municipale propria 2.019.505,00 2.019.505,00 2.019.505,00 1010108

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2013

CONTO DEL BILANCIO 2013 CONTO DEL BILANCIO 03 IMPEGNI PER SPESE CORRENTI I N T E R V E N T I C O R R E N T I Personale Acquisto di beni di Consumo e/o di Materie Prime Prestazioni di servizi Utilizzo di Beni di terzi Trasferimenti

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70 REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Definizioni e denominazioni 3 Art. 2 - Ambito

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 C OMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO PROVINCIA DI TREVISO Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

PARTE PRIMA: REALIZZAZIONE DEI PROGRAMMI E RISORSE ATTIVATE

PARTE PRIMA: REALIZZAZIONE DEI PROGRAMMI E RISORSE ATTIVATE COMUNE DI GONARS PARTE PRIMA: REALIZZAZIONE DEI PROGRAMMI E RISORSE ATTIVATE La relazione al rendiconto in sintesi Contenuto e logica espositiva 1 Programmazione, gestione e controllo 2 Il rendiconto finanziario

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

I PRINCIPI CONTABILI PER GLI ENTI LOCALI

I PRINCIPI CONTABILI PER GLI ENTI LOCALI MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE OSSERVATORIO PER LA FINANZA E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI LOCALI I PRINCIPI CONTABILI PER

Dettagli

ANALISI DEL DISEQUILIBRIO FINANZIARIO E PIANO DI RIENTRO DI ROMA CAPITALE

ANALISI DEL DISEQUILIBRIO FINANZIARIO E PIANO DI RIENTRO DI ROMA CAPITALE ANALISI DEL DISEQUILIBRIO FINANZIARIO E PIANO DI RIENTRO DI ROMA CAPITALE 3 luglio 2014 Sommario Premessa... 5 Sintesi dei risultati e conclusioni... 6 I risultati principali... 7 Conclusioni... 10 Il

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno Ministero dell Economia e delle Finanze DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO di concerto con il Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI VISTO il decreto

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 COMUNE DI TAINO Provincia di Varese Prot. N. 3207 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Copia N. 6 del 28/04/2014 OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 L'anno

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

Principio contabile della contabilità finanziaria. 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui

Principio contabile della contabilità finanziaria. 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui Principio contabile della contabilità finanziaria 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui Il riaccertamento straordinario dei residui è l attività prevista dall articolo 3 comma 7, del presente

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO COPIA Reg. pubbl. N. lì CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO DETERMINAZIONE N. 569 DEL 28-08-2013 - CORPO DI POLIZIA LOCALE - OGGETTO: Canone per utilizzo Pos gsm della Cassa di Risparmio del

Dettagli

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N 26 del 30/09/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI DELL'IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) - ANNO 2014 L'anno 2014, addì trenta

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

IMMOBILI. Art.1. Art.2

IMMOBILI. Art.1. Art.2 Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 010100 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www..comune.marta.vt.it REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B L articolo 2 commi da 39 a 46 del D.L. 262/2006 conv. L. 286/2006 aveva previsto per gli enti locali

Dettagli

Comune di Cotignola ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - PROGETTO RPP: RESPONSABILE: UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI

Comune di Cotignola ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - PROGETTO RPP: RESPONSABILE: UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR005 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. COMUNICAZIONE UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it COMUNE DI CELLE LIGURE PROVINCIA DI SAVONA VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it Ufficio Entrate Tributarie e Tariffarie A decorrere

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012 COMUNE DI MORGONGIORI PROVINCIA DI ORISTANO IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. anno 2012 VADEMECUM ILLUSTRATIVO Con l art. 13 del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, convertito in Legge 22 dicembre 2011, n. 214

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA DISPONE Prot. n. 2012/74461 Approvazione del modello di versamento F24 Semplificato per l esecuzione dei versamenti unitari di cui all articolo 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997 n. 241 e successive modificazioni

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria IMU - che cos'è L IMU si continua a pagare sulle case di lusso (categorie A/1, A/8 e A/9), sulle seconde case e su tutti gli altri immobili (ad esempio laboratori, negozi, capannoni, box non di pertinenza

Dettagli

I.U.C. Imposta Unica Comunale

I.U.C. Imposta Unica Comunale COMUNE DI MARCON I.U.C. Imposta Unica Comunale Con la Legge n. 147/2013 (Legge di stabilità 2014) è stata istituita a decorrere dal 01/01/2014 l Imposta Unica Comunale (IUC). L imposta unica comunale (IUC)

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE Sistema tributario Insieme di tributi intesi come prestazioni di denaro obbligatorie (art. 53 Costituzione) L obbligatorietà vs. la contribuzione volontaria dovrebbe

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Provincia di Bologna COPIA n. 28 del 30.04.2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Il giorno 30 aprile 2014 alle ore 20.30 nella sala consiliare del Municipio, previa l'osservanza di tutte le formalità

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale MODELLO 730/204 redditi 203 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Mod. N. Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI

ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI ARMONIZZAZION DI SISTMI CONTABILI D. Lgs. 118/2011 Maggio 2014 Le origini: il federalismo fiscale Legge 5/5/2009 n. 42 Delega al Governo in materia di FDRALISMO FISCAL in attuazione dell art. 119 della

Dettagli

COMUNE DI MAGLIANO IN TOSCANA PROVINCIA DI GROSSETO

COMUNE DI MAGLIANO IN TOSCANA PROVINCIA DI GROSSETO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ADUNANZA STRAORDINARIA DI 1 CONVOCAZIONE SEDUTA PUBBLICA N 25 DEL 14/08/2014 COPIA Oggetto: Tributo per i Servizi Indivisibili (TASI) - Aliquote per l'anno

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 Funzion 9 0 3 Servizio. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0 Segreteria

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI

IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI SOMMARIO IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI 1. Premessa 2. Funzioni del rendiconto della gestione 3. Quadro normativo di riferimento 4. Attività operative per la predisposizione del rendiconto

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito RISOLUZIONE N. 69/E Roma, 16 ottobre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 2, comma 5, d.l. 25 giugno 2008, n. 112 IVA - Aliquota agevolata - Opere di urbanizzazione primaria

Dettagli

Decreto Legge 6/7/2011 n. 98 (G.U. 6/7/2011 n. 155) Disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria

Decreto Legge 6/7/2011 n. 98 (G.U. 6/7/2011 n. 155) Disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria Legge n. 111 del 15 luglio 2011 - Conversione in legge, con modificazioni, del DL 98/11 recante disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria. (GU n. 164 del 16-07-2011) Decreto Legge 6/7/2011

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno Ministero dell Interno Osservatorio per la finanza e la contabilità degli enti locali FINALITA E POSTULATI DEI PRINCIPI CONTABILI DEGLI ENTI LOCALI Testo approvato dall Osservatorio il 12 marzo 2008 1

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2007

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2007 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 007 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 9 0 3 5.00 7.00.00 Servizio

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel 730: Reddito lavoro dipendente Punto

Dettagli