;4 ;4 < '*%"!!!"+,...73 '-4(.%!...74

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ";4 ;4 < '*%"!!!"+,...73 '-4(.%!...74"

Transcript

1

2

3 '*%"!!!"+,...73 '-4(.%!...74 %%!% %%!%...75 '/+%%%!%...75 '0!%!%%!%...75 '1%.!((!%%!%...77 *2%%!%! )++! ++! %+!! 8 ''/910%...78 *+%++! %+!! 8!''/910%:...78 *#!%!++! %+!! 8!''/910 %: 78 *& %.! ((! ++! %+!! 8!''/910 % 79 ;4 ;4 <...80 % % "!...80 *'% %!!"+,...80 **% % %%!%...81 *-% "!+%...82 */% "!+%%%!%...82 *0 "!"! *1! "! %+!! <%!($$%.!!%+ <%!($$%.!!% <%!($$ #.!!% (!(, (!(, &(!(,!"$, '!%+!(!(,!"$,...89 =; 6; ;...92 $ $!% " *$!% " ! $""" /%!% " )+"!"$++"...95 =;)4 4 54> 54>...97 )4"% 4"% 5+,!"%" "% 5+, $%!"%%$,...97 /2)%%!+!%% "!++!%" 99 /) %%$,!! $+3! 3!% 3!!! +3!%!( "!"!!%+" $$ 99 /#)+!!!($!% 100 /&)+!!!(+ 101 /')!%!,! $$ 102 /*)"""$ %+ 103 /-)+! +% "% %%"!$+3!((, +"%%" 105 /0)+% "!((,!$ /1)+!"% %%"!((,!$ )!(, )"$!!"+, #)+% $%%%

4 0&)" ')"!$ % *)"+!%$+!!" )!%%!%!! /)%%!"!+$ %+!! )%%"% )"!% !5$ "!7 ( "!7 % #+!("!+!...114!""!!!(!""!!!( & "% ""!% " '+!! *!( / 3!! !%% %" $$! % $$ ) "+$"%! )%3 $$3+3%3! %"+ %" )"%% #)$$!$ &)%!% ')!" *) "%! )!%+% %" $$ /) "!% $$ )%%! %! %% )+!3"" 3.%! ) " =; (" (" )("!,!" #)!7 % &) 7 %! ') 7 % *) 7 % < < "!%%"% "!%%"% )" /)" )% )! %!!" '#.!+" $%!" # &! $""" 9 7 % 9#!,!+(!7 % 6 7 %+!"... 3

5 !!" 7 %% +,! %("!"! "! % $%! % "3.A 7! %%! +.. ( "%! % 7,!!( # %B +,!% "9!%("(%( "!!"! (% 3 + %.! %%!" &!(%C! + $+ 5%"!5+,!": "! 33%"( "!%%7,.%:!,!!! %"!! %+: %%$,!! "3! """!:! "$%%""!!+%!!": 7 %%(.!%"3!+%!+,! D # $% ( B % (!+!! 3 B! 7 %!% $%++3%!% ((!3!% (! $""" 3%!+! (+! 3!% (! $"""%! ((!)( ( 4

6 %! + $% ++3 % ((!?% 7 % % (! %!+!"!3% ((!%!7!%%(!%"+%+! % ((! E %%%!!+%. %,!B+ (;""); ; F % (!(!!B"!!!!!% %( (%?! %C % "!! "!%%%3 $ % 7 (( (% 3 %!" % %%+7!!!.%!%"! $+5++%:% ("!%%%%.%%!"!%$!5 % %!( "%! %%!#*G!% ( %% "!! (3.A!%5+, % $% +3!"!% (!($$ ""$:$+ A% $!!!!3% % %+! % $ %%%!35 ""!%%%% "! +($$!%! + + % "!%5+"!9"!3%H!(!! "! 3 ;! %!!+,!!% %( (%! %37!!%$ "!(!%! + + % " %"" +"3 %("! "!! %H!(!! "! 3 ;% (%!$ %""! """);I 9 %%% ( 3%%%73% $7.! % (!! """(!);(I 9( 5

7 %%% ( %%% 7 % $ 7! % ((!!!($$$,)I4 I4 9 + %%%%%3% $7.! % (!!($$$,(!)(I4 (I4 9( + %%%%%3% $7!% ( (! ) (!+!+.% + $% ++!(! ) F5.%+!"! F %% % (! + ( 7! %" %! %%!!!"!+ ;);,$ ;,$ F,!" % % $3 %"! "3!%%+ ( "%! %% & &!"!" ( B%!% (!! (!!(3!%%3!%%!"3!+,"!+,+3!!;%% %C %%3!% 3 3 +! % 3%.J+ "" % #3*2: %+"!($$? 3!!"3 +. %%3 + %!(?!%"!+!+,%!+% %! % $$ +3! $ : 6

8 %$$""!( #3*2: % "!".%% % 5""! #3*2 %+ % %%.""!#3*2C$$ (%3"$3 %%%+!"" %%..% %%%!+%% (!!("!;!(! %% +!%"! + 3!!;%% %37!!C %"!.! %! "" % #3*23.3.3!!"! %%!!"!+!5$!"! ;. %% %%%!%$ "!. $$.!(, $$!5 3 (3 7 %3 7 C!%!3$!%(" "3!( %%!!!"! 4.% +!%+".3 %!! $% + %%!%3 A % """3,! +3! +!$ %% ( % % 5 "" +, (!% (!+ %%$ ( B%!B%!"""%!!(! %%3 % %$"3 3+! % %!!% ( C $3 3 %!%"% *23%!B%% %" ( 023!!( %3 %%. % 3#2!%3%+%.B33 %! " 3"! % % % $$ ( %!". %% % 5""!#3*2%+ % %%.""!#322 % %..% % %%%!+ %%(! ( 7

9 ! ) I9( I9( F!!(% (% ((! K()"" ""!(!( B""! % (! ($$% %!!!%"(L!% C %!%%!%!!$$L: $!%!!!: %!%%!%! %! ""!L$%%% C 7!!%?+!B+% 7!!!( %!B%!B?% K "" "" B!!B"" 7 %$! +! %! 7! +! % 3 ++ B 3 7!B!%%! %!?%!B!%% % % ( A K8 8""%%!($$ ""%%!($$ B!!!! ""! +(:.! B!!5""%!+%((+%((!!" +3 5"" %!! 5""! %! "" %%! %% %(( L!" +3 5"" %!!5""+!!4 9!+ 4 A+!%"%%! +% ( 4!($$ 4I 8K B!!%!!!% (!% %+"" ! ($$! %!($$A +!($$ %!!!% ( 8

10 % % %+! %!!( + 3%!+% 5!(!($$ % +!%%% K4 )""+ ""+ % ( + +! ($$ % ( $$?!(! )%" %"!!( ( ")%"!" %"!" %)%" %"!%!!%! ()%" %"!($$!($$ B!%" %!! % ( %+!(!,3!!+%"! 3!%!%!?%H!(! %!%"!%!%!% % "! %! %+ D#0*! &22'1#!%"!!+%"! %% %+ %"! 5!%" $$ +!!+%!!+% $I9K( F("$%% '!("!(" $%)!"!"! $"""! $"""C %!3. $$%"!%%3 (!! "3 %%!!%$ "!B7 3!B 3! (" 3!%!(3 $$ "3 +!""3 $$%+" + 3!%+"!%!! $"""%!C %!3% %!B$$3! 7 3!" 3 +%3 "" %!7 3 9

11 .%!(%+"%3 %" $$""%3. $$! $"""C %%%!( %!37! %%% +! % "!%! +,! %! %("! $! %"!%+"3 %%%%"!.+%% %. % "!B%!!+,! +! % %"!B % "D&9#22#3!%"!B % $ 5,$A7 %$!$+..+%% "5 +! 3 %%"!""! 3! %%(" % $ %!!% 7!! $!!(!(%!!( %". %! 3 %! %3 %+! +?%!%%!% E%%""3 + %"!%!( %"! % %?( %% 7! %?%H %!( %! % %!%!B!( %!!" (!" +$!B!(% %% %+ 7!!! %!!( % ( B""!B!3% %!! %!B!( %!!?$! (!(%(!!( +% +% 7 % 7! % %H %!(. %!%%" % 10

12 !(% %!!(. $$ +%7!! %((%+% 7 % 2312% %3% %!%!B!(!(%!!( %((%+ %! 7 (7! %3 %!%!B!( %% %! %7!%((%+%7! %! % (2312 F (!(! %!B!(?% $O O!O%3 % % $3 3 %! %" % 3*23 %!B%% %" "". % + B! % (! B%" "! % "" %". %=! % (%+% %%% "" %". %3% %!+%3+ A%!%J % %, + % ( %% *2G! % (!+%%3% %% %"%(!!3%!!%! 3!$$+""!!#3*23! "!% (!72'27-22!% (! +3%%%% "".!%%3A %% %!!+%!%%% +! % "! ""3 A %% % "! +" ( "% %+%. %" $$% (!! %%!!!%! %%% $$3!". B""! % ( #3/2! $ #'2!3!%3%+" 3%3.B""%(#22. +!! %% %%$% %!"!!% +?+!!! %%3 %%"! 7!+ %% 11

13 %! %+3% %%!!%!7 %! "! 3 %H!(!!(!%+"%!"3%%%%!! +! D?%%!#& ( $+ %!! 5#!!%!(%% %!! (%%.. 7 %%$!%+#12&#22' %! #00 ++?7 + +!%!(%!% +!%% ( +"! "!!$%!$%!(% + "!! "! + 7 '2G!, ( % 5 5+!$%+!"! + % "?8 D +! %!(%+! %+!%+ 5,(! "! A ( +% +!"! *("!+,%! ("!+,%! 5%% 5+,%+!. 7 (%%7 % +!!35%%!3! ""(%%3! ""!:+, E %% (!3!"!%"!! 12

14 5+,%+!. 7 (%%7 % +!3% +%!(%%!(!!%$ "3!% ( %%($C +!!!: +!!!!%"!%"(%%!%%% C %"! +C %"!!% +% (! +!% *27:!%!+! +!C %" +% (%!%"!+(*2273%C!%!+!C%"%H!( %&9&910 ' +% (! +! %!%"!+(0227:!!%!+! +!C %" +% (!+!% 0227(*227:!%!+!C%"+% (!+!%!(!%!+!:!%!+!!+% 3!%!+!! '*22 7!% (! +!! %!22227!% (!+! (!+!C % % (! +!! %" %!3 %%!5'!%'91103%!5!!% +!3%7!$.3%(( 3+7! (7 $! 3!$ 5%%"!!5%"!+! % %% (! +! 7!!% ""3!%3+"3 ((3%+"3%+" 7 A +% 5%%! 3.J %"! +%%.J!$5%%"! % (! +!! %"..! % %+ +!! $! +$%!((?%% 3+!!3! 5!"! A %! 92!% (! +! 7! 7 %%% *22 7 % (! *22 7 % (! +! A %!92(!9'% (!( ((! 7 %!%%3 A$$%%"!!!5$$ 5%" 5 3. % % " "! 5/ 13

15 ! % '9110 %!! 5%! 9+!!+%!7 %%%+! ++ 5%" 7 %% +"!"" % (! +!! %! 7 %!%!% (!+!!%"! %%%!!%!+!7 L%"% % %!%" %( % ( %! (% %"! %+" % : %%!. $$ %" +,?7 5$!%!% C! +C 7 7 %"3 %! %3!%!%"!+3%+ 5+ %"!!% :!5"C3%!!+%C "! + % 3 % %+!! %!+% 7!!!% % (! +! %%+% '*227!!%!+% 7!!!% % (!+!% %%+22227: "! + (3% %+!!%!!% % ( % %%+ (! '*22 7! % (! +! %!22227% % (% * % % 5"! %"! +! 5$! L,!"!%.!( " 3 %! L %"! +3 + %".!! %! +!3! %" + %% %.J ""!+, : "3!($ %%! +!+3%%!% (!+!%%+: 7 % $%! %3%( %%"!%%!!% (3%+!+% +%! 3 %!! 3 5! 7 %% +,!!( 14

16 % 3+,3+,+! %+" 5!+! L%!! 9!!% %% A ( $ %%7 ( %! L,!" ""! ""%!+%! +%! " $%3!5""" %!+3!5%%$,! ((% 7 %" %! %! 5$! $% +: ++%! ""+.J!""%(+""%,!" +!5A!(!%"! %!%! +% 3!% (!(%! + % 5.! L %!! %! + % % % (!* %!( ( "7 %!!! +%"""( "! ( +, %%!! "! +!+! +!("!" $%.". "% % "!$.! + %+" % %+! %!!%!% % 3!%"! +3!+ %% ( #3*2 8'302: (! %! ##901 % ( +"! % 3 %+! +%"!!%3%%!7#*322 """!+ %% %%+ + +!$"! % #*&! #& %%("%.! %%("%.!!( %" 7 % %+ +3 " 5+,! %3!! 3%+.!7 %3 %!%3%!5 15

17 %%%(%!C!%5+, %3 "3! %!(! $"%!+!.+: ((3%!3 %%.3%! 3$! # "!+!3%!%%"3%! 3%!3% $$.+3! $$%: $%(3%+"!!(!!%!: ((.3 $! %!+!+,!+3 +:! %%!%%%! + (( "3+33+!: ""3!%.+ "!%A "!3% " & % 3%!3%(.! $$%3 %%3 "! % A $!("!$: %+" $!( $+3 %%%%! +: # %.L!! :!!%!% (% 7#!.""% 0: ""3!%: %%!%%: %!.. %%! % ++! %% %+": +!3%!3 &!!%!% ((7#!.""( 0: %""!!%!%: +%%! : %.( " %%%+%%( 16

18 !%!%C %!3.#32: $!+%%%% % ((7' 7 $72%!% %%+: %"!!$$+ % (!71 %7'! %:!+%%!!%"!%!7' 5""! 3! (!("! &3227!#:%!% 7 + (7 3 5""% % 5!%%! +!+ 5""!! 3! 5$ ( % (!903%+!.+%!%!%!" %"! 3 %!+ %%++%!(%$! %% +!5%.!%" 7 $ +!: % (! +(% 7! +!+ %% ( 9#3 %% 7!+ %! % "" +!+"! %+" %% %% +! "! "!:7 %%%+"!+%%!!! %"(".%% $!5!( * + $! $! & %% %% %"!!%%+%%!!! % +%!%3%+ %!,!"!%"?% $.3 $$ L%+" 3!!++%.! %!+%!(%%7!%%. %% +"3? ( 7 %!3% $! (++!53! "! ""! 3 (%!%!% C "" #3'2!% "! %!%"$+3"3! +$: 17

19 "" #3*2!%! +,! +3 "!%: "" #3#2 "!$ %+"3 ""!% %+"! +,! + " %"!%%% : ( 9*? %!! + """!%!+ %% %3 + +!$$!$..3%!"%"C %!% %+"! L,$!+%%!.%.!%%"( %%""":! +% 7! +%! %% ( $$!+%% "% ""!! %!!!! $ %!+%%%%%,$:.""!!!% %+"! $$!+ %% ( 32 3 % ($$ %%+! %%3!+ %%! 2!! ".""!%.% %+ +%%.!+ %% (3#2: % E%+(! %%!'22 7!% ( : +% A + 5!(% 5"! :, %% 5! (%! + +. (%% % %+ 5 "!!&: % %!+ %% %%$!+%3%! %%!$3%%%!++!%! : %!+%%!!!""(3223 %!! """! %%!+ %% % %!"%"C 5!%%!+,%%+% ($$L! +( %%,%+ L! +, $ %!+, %% +% %% % $!+!!: 18

20 7 + %%!.(%%!!+, %% %! %"! $ %: 5!%%!+%%%! +"!!3.J %! +"( :!$!++ $2312:%!(3!$3!+%%+ %" $!!#322!(!,:!+ % %% % %(.. +%! #&-901! $$! $..3 ( 5&3 5'3 '# #3503+0#:!+ % %% %! %!! $$ &22'1113 -# P B "!!+ 1*9-9 % %%! %("!! %%! % %%.3.J!+"!%"Q /%" %"(($$+% $! " %("! %"! +!%"! %%+% ($$ %! + % "3 9%"3%%$%.C (!% "3+!5%"!% ( +!%%3!+%%%! +% $ % (! %%. (!%"! +!( 5""!%%% % ( +! 23*%$!! %H! E % %% ( *322!%(! (%!(%! 3.!(.%% %%%(! ( E%% % ((!12D!(!!%+%"!"!+% $%%+ $%(! %%%! ($$ +!(% ++ %"!(%!! 19

21 ! +% $ % %!( % "..! %%%!($$3 % %% " % %!( % %% %% (%%%!+% $ <%+ 7 +%!("!% $%%. %%!% +(%%%!%"!(!%" $$!+ %%!3*2 F %% """! %! %%. ( %" $$.J!% (% SCHIZZO A ALTEZZA MASSIMA PRESCRITTA PER LE VARIE ZONE H h4 h3 h2 h6 h1 d d h5 D1 D5 min. 5m min. 5m D2 D6 D3 D4 caso generale D1 = D2 = D3 = X h1 h2 h3 H = altezza fabbricato D = distanza minima X = indice di visuale libera 20

22 SCHIZZO B h1 d d h2 D1 D2 D EDIFICI COSTRUITI SULLO STESSO LOTTO D = D1 + D2 =X (h1 + h2), ma sempre maggiore-uguale a 10 mt SCHIZZO C H 90 X.H < X.H1 H1 pareti che ammettono aperture di categoria S1 ed S2 21

23 SCHIZZO D1 L P>L/2 P profondità L larghezza Si applica il criterio di visuale libera se le pareti sono finestrate, non si applica se hanno solo finestre di scala SCHIZZO D2 L P<L/2 Non si applica il criterio di visuale libera SCHIZZO E X.H H D 45 D 45 X.H1 X.H D H1 X.H1 SOLUZIONE PLANIMETRICA CON SPIGOLI RAVVICINATI 22

24 ("!+!" ("!+!" 0 "! +! "!! ( ",!!( % &9#22#% 1 "%! +! "%!%(%!+ %% "!!!(3! &9#22#%# 2 % %( +! % %( % + %+" +"""!. %!!(! &9#22#%& 1 Il testo dell'art.31, lett. a) della Legge n.457/1978 è il seguente: interventi di manutenzione ordinaria, quelli che riguardano le opere di riparazione, rinnovamento e sostituzione delle finiture degli edifici e quelle necessarie ad integrare o mantenere in efficienza gli impianti tecnologici esistenti. 2 Il testo dell'art.31 lett. b) della Legge n.457/1978 è il seguente: interventi di manutenzione straordinaria, le opere e le modifiche necessarie per rinnovare e sostituire parti anche strutturali degli edifici, nonchè per realizzare ed integrare i servizi igenico-sanitari e tecnologici semprechè non alterino i volumi e le superfici delle singole unità immobiliari e non comportino modifiche delle destinazioni d'uso. 3 Il testo della lett. c) dell Allegato alla L.R. 25/11/2002 n 31 è il seguente: ''restauro scientifico'', gli interventi che riguardano le unità edilizie che hanno assunto rilevante importanza nel contesto urbano territoriale per specifici pregi o caratteri architettonici o artistici. Gli interventi di restauro scientifico consistono in un insieme sistematico di opere che, nel rispetto degli elementi tipologici, formali e strutturali dell'edificio, ne consentono la conservazione, valorizzandone i caratteri e rendendone possibile un uso adeguato alle intrinseche caratteristiche. Il tipo di intervento prevede: il restauro degli aspetti architettonici o il ripristino delle parti alterate, cioè il restauro o ripristino dei fronti esterni ed interni, il restauro o il ripristino degli ambienti interni, la ricostruzione filologica di parti dell'edificio eventualmente crollate o demolite, la conservazione o il ripristino dell'impianto distributivoorganizzativo originale, la conservazione o il ripristino degli spazi liberi, quali, tra gli altri, le corti, i larghi, i piazzali, gli orti, i giardini, i chiostri; consolidamento, con sostituzione delle parti non recuperabili senza modificare la posizione o la quota dei seguenti elementi strutturali: murature portanti sia interne che esterne; solai e volte; 23

25 % %%++ +! % % %++ % ("" %+"! 3( &9#22#%' # % +! % +! (! 3!5%% +! % +!!((%3 &9#22#%* & % "!" +! % "!"! ("" %("! %!"3!( &9#22#%- scale; tetto, con ripristino del manto di copertura originale; l'eliminazione delle superfetazioni come parti incongrue all'impianto originario e agli ampliamenti organici del medesimo; l'inserimento degli impianti tecnologici e igienico-sanitari essenziali 4 Il testo della lett. d) dell Allegato alla L.R. 25/11/2002 n 31 è il seguente: ''interventi di restauro e risanamento conservativo'', gli interventi edilizi rivolti a conservare l'organismo edilizio e ad assicurare la funzionalità mediante un insieme sistematico di opere che, nel rispetto degli elementi tipologici, formali e strutturali dell'organismo stesso, ne consentono destinazioni d'uso con essi compatibili. Tali interventi comprendono il consolidamento, il ripristino e il rinnovo degli elementi costitutivi dell'edificio, l'inserimento degli elementi accessori e degli impianti richiesti dalle esigenze dell'uso, l'eliminazione degli elementi estranei all'organismo edilizio 5 Il testo della lett. e) dell Allegato alla L.R. 25/11/2002 n 31 è il seguente: ''ripristino tipologico'', gli interventi che riguardano le unità edilizie fatiscenti o parzialmente demolite di cui è possibile reperire adeguata documentazione della loro organizzazione tipologica originaria individuabile anche in altre unità edilizie dello stesso periodo storico e della stessa area culturale. Il tipo di intervento prevede: il ripristino dei collegamenti verticali od orizzontali collettivi quali androni, blocchi scale, portici; il ripristino ed il mantenimento della forma, dimensioni e dei rapporti fra unità edilizie preesistenti ed aree scoperte quali corti, chiostri; il ripristino di tutti gli elementi costitutivi del tipo edilizio, quali partitura delle finestre, ubicazione degli elementi principali e particolari elementi di finitura 6 Il testo della lett. f) dell Allegato alla L.R. 25/11/2002 n 31 è il seguente: ''interventi di ristrutturazione edilizia'', gli interventi rivolti a trasformare gli organismi edilizi mediante un insieme sistematico di opere che possono portare ad un organismo edilizio in tutto od in parte diverso dal precedente. Tali interventi comprendono il ripristino o la sostituzione di alcuni elementi costitutivi dell'edificio, l'eliminazione, la modifica e l'inserimento di nuovi elementi ed impianti, nonché la realizzazione di volumi tecnici necessari per l'installazione o la revisione di impianti tecnologici. Nell'ambito degli interventi di ristrutturazione edilizia sono ricompresi anche quelli consistenti nella demolizione e successiva fedele ricostruzione di un fabbricato identico, quanto a sagoma, volumi e 24

26 # 5$! +! % "!"% %3 %%! !!%%%!!50 110!(!% +" %!"3 ++! + %+% 5 $$!!(!!5!(%%%:7 % %!(% %!" 5""!!! #3'2!$! $"3!#3#2!%+"7!3!%3 $ %: 5""! A!! +!!% ""% 302 +% ( : (SS % % %++S %% (( % +! $+!% %%%!"% %%3.J %%% ( + + % %% $! %%% S%! " S.! " % +! %% 7,.! % %!! ( +!" 3!($ (!3 % 9-/ : %% %! % %%3 $!5!(!+F 7!3 + %%$3 "!! 3 (! %!53!".+ (,! % 3 %!! %"3 """!$$%!!%!(! %%$!+";$%3.%!%% 7,.!%++%3, area di sedime, a quello preesistente, fatte salve le sole innovazioni necessarie per l'adeguamento alla normativa antisismica e per l'installazione di impianti tecnologici; 7 Tale deroga è consentita in quanto le aperture in falda possono ricevere, in genere, la quantità di luce proveniente dall intera volta celeste, senza alcuna ostruzione esterna: pertanto, qualora le aperture siano ubicate sia in falda sia a parete va inteso che queste ultime concorrono al raggiungimento di 1/16 solo in ragione della metà della loro superficie. La superficie illuminante così definita, misurata al lordo degli infissi, deve anche essere apribile per garantire un idonea ventilazione dei locali e può essere integrata con ventilazione continua naturale mediante prese d aria o con ventilazione continua meccanica, variabile in funzione della destinazione dei locali 25

27 %(. %"!%!! (,! (!!+ + (%% ($!!%%+! " %! +!%%+!. % ""! $"! % %% A % $!!C %"!. " %! #2! % " ( B%%$,,! 3""": %"!. $$!;%!7322#2! % "3 +( B%%$,,! ""5$!!%!+%% ( %". % :.J " +!!!% +!"% % %%3 +! %%% ( $+3!+ ++%"! % C ""!%: : %!!+%!%%%+!% "!"": % %H!( %% %% "" % %+!%% &7 %%%%!%!! )" "%!$,##009! 22#22 P. 5"! -2'1103) ($+!%%%Q '+! +! +% " +! + % " """! + (!"3.%%35""! (% %("! : 7 % + + ( &9#22#%0 8 Il testo della lett. f) dell Allegato alla L.R. 25/11/2002 n 31 è il seguente: ''interventi di nuova costruzione, gli interventi di trasformazione edilizia e urbanistica del territorio non rientranti nelle categorie definite alle lettere precedenti. Sono comunque da considerarsi tali: 26

28 %(".3 ( 3 %7 ( +% "+ +! ($$ "! " 3.!+ (!!"!5!" +!!( "! &9#22#%3! %% "! +!5!( + ( & *+!% +!% " $% +!% " $%%+%% "! %!"! &9#22#%1 -" "!(%!" ( %%.(!%!!%+!+ la costruzione di manufatti edilizi fuori terra o interrati, ovvero l'ampliamento di quelli esistenti all'esterno della sagoma esistente, fermo restando per gli interventi pertinenziali, quanto previsto al punto g.6); gli interventi di urbanizzazione primaria e secondaria realizzati da soggetti diversi dal Comune; la realizzazione di infrastrutture ed impianti, anche per pubblici servizi, che comporti la trasformazione in via permanente di suolo inedificato; l'installazione di torri e tralicci per impianti radio-ricetrasmittenti e di ripetitori per i servizi di telecomunicazione da realizzare sul suolo; l'installazione di manufatti leggeri, anche prefabbricati, e di strutture di qualsiasi genere che siano utilizzati come abitazioni, ambienti di lavoro, oppure come depositi, magazzini e simili, e che non siano diretti a soddisfare esigenze meramente temporanee; gli interventi pertinenziali che le norme tecniche degli strumenti urbanistici, in relazione alla zonizzazione e al pregio ambientale e paesaggistico delle aree, qualifichino come interventi di nuova costruzione, ovvero che comportino la realizzazione di un volume superiore al 20 per cento del volume dell'edificio principale; la realizzazione di depositi di merci o di materiali, la realizzazione di impianti per attività produttive all'aperto ove comportino l'esecuzione dei lavori cui consegua la trasformazione permanente del suolo inedificato 9 Il testo dell'art.31, lett. e) della Legge n.457/1978 è il seguente: interventi di ristrutturazione urbanistica'', gli interventi rivolti a sostituire l'esistente tessuto urbanisticoedilizio con altro diverso, mediante un insieme sistematico di interventi edilizi, anche con la modificazione del disegno dei lotti, degli isolati e della rete stradale 27

29 &9#22# % 2 / %!$ %!$! %! $ 7 ("! &9#22#% 0 %"! 3 3 "" $$!!%%"!%(%!+%.!(" +! (!% 3 7 %+3.!+"!+$ %%"! %. 5+,!(!%(++.!(3. (%% %%+37!L!-2 5!!% $$ ( $!% %!!%!%%3 $ ""!(( %! %% $$!%3%!.! %+%"! 7 (%3!%+3: E%% %!.!!("!"" $$(%%$3!+%!?%! %"3 %3% %3 "!!!!? S+ + B! $ S % +C 10 Il testo della lett. i) dell Allegato alla L.R. 25/11/2002 n 31 è il seguente: ''demolizione, gli interventi di demolizione senza ricostruzione che riguardano gli elementi incongrui quali superfetazioni e corpi di fabbrica incompatibili con la struttura dell'insediamento. La loro demolizione concorre all'opera di risanamento funzionale e formale delle aree destinate a verde privato e a verde pubblico. Il tipo di intervento prevede la demolizione dei corpi edili incongrui e la esecuzione di opere esterne 11 Il testo della lett. l) dell Allegato alla L.R. 25/11/2002 n 31 è il seguente: ''recupero e risanamento delle aree libere, gli interventi che riguardano le aree e gli spazi liberi. L'intervento concorre all'opera di risanamento, funzionale e formale, delle aree stesse. Il tipo di intervento prevede l'eliminazione di opere incongrue esistenti e la esecuzione di opere capaci di concorrere alla riorganizzazione funzionale e formale delle aree e degli spazi liberi 28

30 3%! $$: +3"" B "!%" $$:!+: $! $$%+": (%!%% %+"!U: ++"7! $: ":!%% (%!!(: (%%!3+"%:! %?3 % (%%"!%: %%"$: %"! (9%%$:!%!:!"( 1)4"!!%"!5 4"!!%"!5 % B+ %%!(.3. %% %(" (%.3!!%"!B %!$3%!%"!"!% 3!+%.J( " %!% "$+: ( "!"3("3 %% +3( " 3 + %%" $$B!%+"3+,! +! ( %% $:( "! %+"3 + % %!! +, 3 +3 %3 "! +!(!"!7!! + % %!!! % "%%!%++"! "!+%7 $+! "$. 7 % 29

31 %!%"!5 %% %+"%%%!(.!!%, %( -!B#-! #*99#22#3D&# # $% + #2 $%++ %!! +,! %("!" $%.3 ( +%!% $% 3!(%+% ""!!5 " # $%++%($C!"+ $$: B!":!!!%!%!! +:!!"+ $$:!"++:!!"++:!+:! $:!7 (" $!%+ "!!"! & 3 $ % +3!! ("! +"!,! "%%$! %" $%"+!% '!B$. $$ %"! $%++ E.!% B!" + " ++ % B%%$,! + +%3! "!%%! (%%% $! %% $ %+ 12 Art. 26, comma 6, di L.R. 25/11/2002 n Non costituisce mutamento d'uso ed è attuato liberamente il cambio dell'uso in atto nell'unità immobiliare entro il limite del 30 per cento della superficie utile dell'unità stessa e comunque compreso entro i 30 mq. Non costituisce inoltre mutamento d'uso la destinazione di parte degli edifici dell'azienda agricola a superficie di vendita diretta al dettaglio dei prodotti dell'impresa stessa, purché contenuta entro il limite del 20 per cento della superficie totale degli immobili e comunque entro il limite di 250 mq. Tale attività di vendita può essere altresì attuata in strutture precarie o amovibili nei casi stabiliti dagli strumenti urbanistici. 30

32 #$ $!! $%++!"++! "!.%A% 4< %! 3 %%!B+3!"!B%!! ": %!%%C2229C#2223+!""!!,3 ( % 3 % (3!%"3!!3: % C*22! "!B+3 B!+! "! %!(%% ( +!+3!C ) +! +! %%!"! %%"%: ) % " (!7 %%: )!3!3(!!! "3 7!+%+L!+ (% : ) +$,%: ) + +: %..! % 3 +!!( %% %% "" 5 % + 3.!%"! %!%"%%%!5 '/! ''*911 %. % %!" %%!(: %"(!%C*223% " ((!5! +! % %3( 2 8 *3!"!! %: %+%" % C#22! %3! +!%! % C*22 B!"!!+%!%" $%.!!+% ( +%%!!($ 7! %!! ($$3 %!3!3 ""!$7 B!"!%"" +!%"! ( 3 %"! +! ""? """% %+" ""3 %" $$! %%. B!"! 7 %+!%$3.A B!"! %%!%% 31

33 !+ %%! % C22 %" %! %! % $ ( B"!$..B $"!.%%7..: %" ( % C*22 B!"!!" +!%"!B % +! " %! + % %+ %%(!+% : % +!!! $"""!!!%$ "3 + % % +3!("! $$%+"?!3%+!!!!!"!+! $$3 (3!B3(3! %!! ".!+ 3! %%3 %!!(!C % (!B+: % (%: % (= B+!"!%"!+%3 +%( + % ": % ((!: % ((!! %,! +3 %!B!!!: % ( 9 + %%.A %%! + ""$3!% %! +!%"!B %%%: % ( 9+ %%.A%%!+ ""$% %,!B+3!%%!+!%"!B %%%:!! """(!!9!!($$$, (!! %%! + ""$ %,! +: % (!%! $"""3!% % (%!3% (.3% (+! $$! $""" 3 % ( : % (!%! $"""%!3 7 +%:! %%!7 %! : % ( +!% +! + +!!: 32

34 ""!!(!+!"!!: %.!%.!! $""" %!: "!++%!?3%3,! """!! $""""%!%%% """: +!("! 7,!B+ (C %"%!!! $!$: +! $$B!"!%%"!! %"!+!+:! (! % "!"!: ": % +!! $"""?%3%%3 (%+B"!%+"3"" $ %3""!( %! %.!%% %( 7! +% %%%.!+ %+?%C%!!+%! %%"( +: + $ %%!( + 3( % + (! +!%("!"!: %+5!" %!!++%5 "!! $""" 3 7, +%3 "" %!7!3!%! +""!!!":(,!5$ % 7! %!+! "! +%. 7 ("! % %%+(!!"!5!"! %!(!T %%:!%!! $"""3!%! +, + " %!(". B+ B$("%(!!+, + B%!B % 33

35 %. ($,!B%! $, %$, B%%!!! %!3"!%3+ %(. "!+%%(!!!$"! ; 4 "!+C B%! % $ 3 3.!!( %%3 B% % B%! %%"!!%:!%"! %. ( "3 (.!B+%$: B %"!! "!: + "! " %!! +(9%3 7! %%%!$$%%%7 %!+: "!5! $$ ":!!%!(: + "! 4 %.! +"3.!+,!% ( %.!%%!!% 3 $$.!%! %! 7 +%!B#0!/ 1'#3*2?03-%1-/3 3! "+ +3 %%+!C ) %% 3 %$3! %% B% "!! $"""%!: ) B%% "!! +! $"""3.AB%% "!% "!! $"""%!: )! "!% %%+(%!++%!! ": ) B!!, "!! $"""( 7! + 7 %! $%+"%%%: ) " (" B!! $$.!+!+" +"3!%+% %%!,3!+%% %%++(!%%!% 34

36 %%!% """!! $"""!%($$ K 4 ++!!+!4!< A.%3 (, B#/! */29'3 (!B%"! $.!! %! %! %%$,!B7! "! %%"!%!!++! % 3% 7 A% 7 A%!! +! 44<3!+ %%!% %% %!." ( % %%$,!%!!%3 %%. %%%!% ""!+ """ ) %!!" 6 $.3!!" 6.3 % +!+% $+% %% +! $"" %%! %'#9#22' """!5!%!3% +! B! + %% % %!!,!!+%! +! B% "! (!"!%%! """! 4D!! <"! %+L 3 % +! +.!%+L +"!! %%!! P6 Q! %!! "! (! %+" """!! $"""+%!37 3"!! %+"3 %! """!!+%! 3 7.%!%(! "!5+.%!+ "++!+! 7 %% + "!%.5++!!3! 3+3! $%!!"!!%"!B %! "!+ % %! ".!%+ B%! % %%$! + ($$ %%?+"% %. ( "3 (.!B+ %! : "!+ %%% $!C$ 35

37 + $! 3 %? ##)$! $! $%++!"++!%! +%! 3 "%(!+! %%%3 +%! %% %% $%++,!#2! "!!!("!% %!+, ( (3 7 %%! %+ %$3 7 +%!" """%+ + #& + +! +"!" %! """ %+!(% + +! +"!"% %! ++ """ %+ % %"3.J! "?%!( %! "" $$!+%! P $$Q!(!0?%!5%"3% "" 5 "!%" $$3 +3 %3!. + %+" $$3 $ %% (!5!( % %" % % ( %!!( %% %" $! ( %! %% %+"!.: (!!!"7 3% $3.%.3+3: 36

38

39

40 @%3 % (!(+3! + (! 9!5+ $% +3 +!" 5$ 9 5! %!!! +3! 7 3 5!"!!%"!5 % 3 7! %%3! % %% 3 @+ ++! $+3 """3 %%3 3 3 $ %%3 " %( 3 (!5 + $!+ %% ($%! ( ; '!+ % 5!"!5+ 5 $"3!5$3, (!5+! +.J3 %!! &3 ($(%%!%!%$ " %%,!5!5!"3! +!!!3.! 5++!!3 +! %%$!!%%%!+! $$ (! % "!! +(! % % %!: %%$!! % %!!! """ %+!! %"!%%%! &2! %"!!!! """ %+3 %%$!! 5%! ++!!(+! %!: %!5 """ %+ ( 7 %+!!!! " %!5$$3% %%$,3! %! + $%!!" = %+("!!! "%!! '3 %%$!!(.%% 5%%!!! " %3 *!!!%"!!! 5!!.%! +!5"!!! %"!! " +:!% &2!!!.%! "3 +,.+!5 ((!! "5%% 39

41

42 4!%!5+,!" #' 5!" % 5!" A %%$!! + %("! ( +3 5%" %" %! 5+!"!.%! %%!!!"+,!.3( "!5+35;((%% # % "!!! " +,!!! %!%%!%!!%%% 7!! +,!"3 + % (! (,!" $,3.J +!!" %% ((! ##3#& #'! % ##2#22'3'#: ( %. + $$ %% 5%% ("%! %% %+!! +%! % 3 5!!! %3 %!! 3.J 5!"3!% 3! ++!! %%! %+ (+!. 7 + $$ %!%%!% 3!(!(,!" $,3.J!("%%"+!"++! $%3%% $3!"! 7 %% %". %!5+!"!5%"! 3 (! %% 5"! + 5!" %"+ & (! %! %%! %! (! (,!"$,3% 7 %%!3+7 % %,%!.! % %%3!!%!++ 41

43 ' % %H $ %% (!57 %"3.! ("! %+"3!! %%% 7!3%%(!"""!5+!" #* % % %A%%$!!.. """!! +!$%+"3 """3 % "3 3 %%"3 +" +%!B+B! +3.BB% "! ($$!$! %! % %%+ 7 +%!! %+&"1103' #! 7 + +B!! "!$%+"3+ %+B3 3 +B %.! $.3 %+" %! $.!!("3%+"! & B(%+7!%%!B#/!!%+&" 1103 #3 %! +%! B '3!!! + "! $ "! +!!!+%%! %%" % +"! "!B7 %!%%%!0#! #' 1103 #03 3! "3! + + ' # % %% 3 +!%%"!.+ (%%( $$ %%3 B%% ("%!%%! +%!%3 B!!!! """%3%!! 3.B ("!%$ + % 7 +B " % " %!% %%% +"! B#'!!%+&"1103# * % 3%.%!%%3% % (B %! 3 %%%%!% 3!!!%%% % +%! (" %%3 $%3%".B!.!("!B+ % %%+! "" % % + - ; %!! 6 A % ( %%""!%"$!%!!5)+443/03%! 42

44

45

46

47

48 7!+$%+%% %%!! """ %%! 5 '#! %'#9#22'3 %! %! + "! +! %(" %% 7!(!51!5! %)!12'#22.!5&3 &92#%C%%!C (,!5+%%" : # "!5+ % $$+! 7, %%: &,!5+ % + %! +: ' ""3( %%"3!5+ % % % % $3 %%! $ ""! (%%!3% +.3! + "+% 3+(!(,!+%%! (!%%"!!%H!!!+$$ $+%%!5#'3#-#0! #2922% 7!5+,!+(!! #3! ( (!!("! P$+! 7, %%Q %% %% %! $+!! " %("(%%!! $!+%"""" ((! ++!!+ % A!!+! "%%+!"%".""""!!(!!.!+%! ( "! +!,3!!,! +"! + %%3 %%! %!"!+! " %(" %%$ " + %% $%3% (,C! %.3! + % +! (3!.!..3.J!.!% +!": +%!!%+ $!+% +!+ %!! %%! 3 "%+!!: 7 ("!%%!!! + %% ++ "! + + %%! 47

49 ! +,(7!%%!% %!;!5!"3!%!+,.!+%%"% %! (" $+! 7,!!! % %%+(%! %!! %("3 +, + %! +! ""!% % % $3 %%! $3 + %% 7,. %5%"!%%%!+! +(!,! + %! +? %% + " %.!((!+!5+% %%3.%%!%+" %! % + %+!! +3!%"!+ %%(% $%!! $. 5$! "!!! """ %% (3 $!+! ++!%(3%, %% ( ( +"..! 5%"! + 7! $ %%!! 3 7!(% %%% %.!,! + $3 + " E %%! 7.3 %3!(%3 7 7!$3% 3. %% %% %! %% +% 7 + ((! %("3%! $ (!$7 %3 ( "! 7 % %%%?3 3 %(%3! %% %3 3 (3 + %! $ %% %% %! "!%%%! % %%% + % 7!+ "!%!!P Q% E (( 52! -92#P!!( %% "! 7,.%%!QC(!(%P % "%!+!%("!. +%+3!% +. %.. ( "3! 5!,%3 %%!.Q = 5+ % %%%. $$! (! + % 3! + "5!3%,+! E %%. +% +%! %(. " ("""!%"!5!5% 48

50 %3. %$$( %+,!!7 ("3.$$% $%%!!%"! (3 ( "3! "! + + +!, %%.3 %!+"!5! %!12'#22 "+(!%%%!5+%!! '3 %.%!5&! &9#22# % %,% ((3(3 (!5 %% ("!!!+%%) $%$5%!+"3 +( "! % % L % %%!(:(3A3%%!3! 3! +3! 7 $3! +% 3!!, 3! %"! 7.% E!(P%%!%Q 7 % % ( %%" A %!;,! '2 '!!!! +C %% A ( 7! %3! L %%$ !+%,! % 3 3!%!!% 3 %!( " ""!( % %$:!%"!!+! (+% ( + "! $,! % 3 7 "! % ". % 3! "!!!5!,!5$%%)$ 5%! + " %%) $! %3 %+$%(%%!%3 E!%%$%C + + %+3 %!%!,%%37 % $ %%%%%: # % %%"% ( ""+3!% "!3! +! "%"+%%+ ", + % %+3!! 5%"! %"%%! %%% $,%%3..!. +!,!%%%(!"" 5$: &!! +!! +%$ % "" 5! +! % %%$ 7 % % 49

51 !+, %% 3 ((.J + ( % $%!%%+"!%%7,.! % &2 %% 7,.C."!!"" %% 7,. % B"!B+, % + ( 3!! S."!!""S3.!, + "! %% % %!."!!""!(% (BC! ++%!%! '!B#0:!,! + " ( "! + "++: "!B%! + 3 " %("! %!!(. %(+!! +% ( %+: %%$,!% %%+ %%( %! (++3,%%%% :!"9% +$!5%" %%%, ( "! :.""?$,! 3 %( "3 "! % +! % 3 ""!: + "! 7,. (!+:!,! (! %? %%! + #!."!!""!+ %% +! & = %%7,.%. %% %%!7 77 7!%%!."!!""3 + 7 (!!%% 50

52 4+,!"$"( +,!"$"( &+,!"$ +,!"$ %% %% $+ + +! "! $..3.J! 3!5'! &9#22#- - %%%% $+$!B % B, $!&2!% (!B, %%% 7 % &2 73!%"!!!(!B"!% (!+!!!!!!B%%%%3.J!#2!% (!$ 7!#*27:+,!+! E%%%H % +$ %%$!% $%?-!5#-! &#+,!" +,!""!( "!( %%!5*! &9#22#3" % $! 5 "! +%! "!% $% +3( 5+"! %%% ++( 5+"! %% +! ((! $% +3% %% % +%!"%%C +,!"$: "%!: % %%++: % "!"!%,$3!%%3.J!!(%+%!! :!"%"% "!($$!"PQ 16 Il testo del comma 1 dell art.4 della L.R. 25/11/2002, n 31 è il seguente: 1. Nel rispetto delle normative di settore aventi incidenza sulla disciplina dell'attività edilizia, sono attuati liberamente: gli interventi di manutenzione ordinaria; gli interventi volti all'eliminazione delle barriere architettoniche, qualora non interessino gli immobili compresi negli elenchi di cui al Titolo I del D.Lgs. 29 ottobre 1999, n. 490, nonché gli immobili aventi valore storico-architettonico individuati dagli strumenti urbanistici comunali e qualora non riguardino elementi strutturali e non comportino la realizzazione di manufatti alteranti la sagoma dell'edificio; le opere temporanee per attività di ricerca nel sottosuolo, che abbiano carattere geognostico o siano eseguite in aree esterne al centro edificato. 51

53 %!,!+!+%!7! " EA%%%+%!+%!% $% 52

54 64 64 %%" %%" $+ $+ &&("!$+ ("!$+!% %!%% %%+3+,!"3.%!3%% $+ """ A % $!3%+ %! %3 %%! $! % " $+%!! " %%! % ++! %+!! 8 ''/9510% %%%%%($%B$% %% + %$+!%,!,!!+$""%!% ++%!%"!!%!B"!+%%"!!!" $+!+ %% ( 3! %" %! ("! $% +! %%% % % % B%%+"! + %%3 %%3!3 (%3 $!! %3 %!. +(!(,A(( %%+%!%! (" $% 3 7 %% +! 3%! 7!%%!B 13 # &3! #2!#222 &'+ +%%$+ %%$+ % %% $+ +!% 3.!+ 7 %% +! (, $%.!!"3.J!% ""3%! $%%C - 3 +! +! "" %! %!!! 3 %%!B&'! %0%#2223#-/!B'2! #2!#222: 53

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI:

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI: COMUNE DI FINALE EMILIA (Provincia di Modena) P.zza Verdi, 1 41034 Finale Emilia (Mo) Tel. 0535-788111 fa 0535-788130 Sito Internet: www.comunefinale.net SERVIZIO URBANISTICA E EDILIZIA PRIVATA AUTOCALCOLO

Dettagli

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI Nel presente fascicolo verranno definiti e trattati i seguenti argomenti: a. Parametri Urbanistici; b. Edifici e parti di Edificio; c. Standard Residenziale per Abitante;

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI. Prof. Ing. Francesco Zanghì LAVORI PRIVATI AGGIORNAMENTO 07/04/2013

Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI. Prof. Ing. Francesco Zanghì LAVORI PRIVATI AGGIORNAMENTO 07/04/2013 Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zanghì LAVORI PRIVATI AGGIORNAMENTO 07/04/2013 NORMATIVA DI RIFERIMENTO: DPR N 380 DEL 06/06/2001 (TUE) Il Testo Unico per l Edilizia

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA (aggiornata a gennaio 2014) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... pag. 3 IL PIANO CASA IN TOSCANA... pag. 4 INTERVENTI DI AMPLIAMENTO....pag. 5 INTERVENTI DI DEMOLIZIONE

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 Contenuto ed ambito del Regolamento Edilizio

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 Contenuto ed ambito del Regolamento Edilizio TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Contenuto ed ambito del Regolamento Edilizio 1. Ogni attività che comporta trasformazione, anche temporanea, urbanistica ed edilizia del territorio comunale, è disciplinata

Dettagli

TESTO UNICO PER L EDILIZIA DPR 380/01 E SUE SUCCESSIVE MODIFICHE ED INTEGRAZIONI

TESTO UNICO PER L EDILIZIA DPR 380/01 E SUE SUCCESSIVE MODIFICHE ED INTEGRAZIONI TESTO UNICO PER L EDILIZIA DPR 380/01 E SUE SUCCESSIVE MODIFICHE ED INTEGRAZIONI PARTE I Attività edilizia TITOLO I - Disposizioni generali Capo I - Attività edilizia Art. 1 (L) - Ambito di applicazione

Dettagli

Comune di Santa Croce sull Arno

Comune di Santa Croce sull Arno Comune di Santa Croce sull Arno Provincia di Pisa REGOLAMENTO URBANISTICO NORME DI ATTUAZIONE A cura degli estensori del piano Ing. Riccardo Ciuti Arch. Luca Tosi Parte prima - Norme generali Art. 1 Elaborati

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE PROVINCIA DI FIRENZE AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE Variante normativa al Regolamento Urbanistico vigente di adeguamento al "regolamento di attuazione dell'articolo 144 della L.R. n. 1/2005

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

Gli oneri concessori

Gli oneri concessori Laboratorio di di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Modulo di Estimo Integrazione al costo di produzione: gli oneri concessori Proff. Coll. Renato Da Re Federica Di Piazza Gli oneri concessori

Dettagli

CITTA DI PALAZZOLO SULL OGLIO (Provincia di Brescia)

CITTA DI PALAZZOLO SULL OGLIO (Provincia di Brescia) CITTA DI PALAZZOLO SULL OGLIO (Provincia di Brescia) NUOVO REGOLAMENTO EDILIZIO (art. 4 D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 articoli 28 e 29 legge regionale 11 marzo 2005, n. 12) Adottato con D.C.C. n. 33 del

Dettagli

CAPO I ORDINAMENTO DELLE COMPETENZE A REGIME

CAPO I ORDINAMENTO DELLE COMPETENZE A REGIME Legge regionale n.20 del 21 agosto 1991. Riordino delle competenze per l'esercizio delle funzioni amministrative in materia di bellezze naturali. (B.U. 11 novembre 1991, n. 12). (vedi circolare prot. n.

Dettagli

ANALISI DELLE NOVITÀ IN EDILIZIA INTRODOTTE DAL DECRETO DEL FARE

ANALISI DELLE NOVITÀ IN EDILIZIA INTRODOTTE DAL DECRETO DEL FARE ANALISI DELLE NOVITÀ IN EDILIZIA INTRODOTTE DAL DECRETO DEL FARE Il decreto legge 69/2013 ha introdotto significativi cambiamenti nel settore dell edilizia: nel presente dossier analizziamo le più importanti

Dettagli

RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE (art. 20, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380 artt. 7, d.p.r. 7 settembre 2010, n. 160)

RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE (art. 20, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380 artt. 7, d.p.r. 7 settembre 2010, n. 160) Al Comune di Pratica edilizia Sportello Unico Attività Produttive Sportello Unico Edilizia del Protocollo Indirizzo PEC / Posta elettronica RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE (art. 20, d.p.r. 6 giugno

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

La pubblicazione del testo non ha carattere di ufficialita'

La pubblicazione del testo non ha carattere di ufficialita' Testo vigente LEGGE REGIONALE 20 aprile 2015, n. 17 Riordino e semplificazione della normativa regionale in materia di edilizia ( B.U. 30 aprile 2015, n. 37 ) La pubblicazione del testo non ha carattere

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

P.R.G. PIAZZOLA SUL BRENTA COMUNE DI NORME DI ATTUAZIONE PADOVA. Versione aggiornata AGOSTO 2009

P.R.G. PIAZZOLA SUL BRENTA COMUNE DI NORME DI ATTUAZIONE PADOVA. Versione aggiornata AGOSTO 2009 COMUNE DI PIAZZOLA SUL BRENTA P.R.G. PADOVA Versione aggiornata AGOSTO 2009 NORME DI ATTUAZIONE PROGETTAZIONE arch. Vasco Camporese arch. Piergiorgio Tombolan COLLABORATORI TECNICI arch. Italo Tussardi

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

REGOLAMENTO. Comune di FIRENZE

REGOLAMENTO. Comune di FIRENZE REGOLAMENTO EDILIZIO Comune di FIRENZE REGOLAMENTO EDILIZIO Approvato con delibera C.C. n. 14 del 25/03/2014 INDICE SEZIONE I Disposizioni generali Capitolo I Natura e contenuti del regolamento edilizio

Dettagli

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G.

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. CRITERI E PROCEDURA PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO PER L INSTALLAZIONE DI

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI 5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI In questo capitolo, dopo aver definito il concetto di «coefficienti correttivi», verranno esaminati nel dettaglio i coefficienti di riduzione previsti dalla Circolare del Ministero

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO Dipartimento Economia e Promozione della Città Settore Attività Produttive e Commercio U.O. Somministrazione, manifestazioni, artigianato e ricettive 40129 Bologna Piazza Liber Paradisus, 10, Torre A -

Dettagli

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9 Indice Parte Prima Premessa... pag. 2 Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3 Parte Seconda A) Definizioni. pag. 9 B) Disposizioni riguardanti aspetti generali. 10 C) Disposizioni in materia di

Dettagli

Deliberazione della Giunta Comunale n 161 del 05.11.2012 immediatamente eseguibile.

Deliberazione della Giunta Comunale n 161 del 05.11.2012 immediatamente eseguibile. Deliberazione della Giunta Comunale n 161 del 05.11.2012 immediatamente eseguibile. Oggetto: INDIRIZZI APPLICATIVI IN MERITO ALLE PROCEDURE PER LA DETERMINAZIONE E L'APPLICAZIONE DELLA FISCALIZZAZIONE

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Sportello Unico per l edilizia (SUE). Linee guida per l attuazione della fase sperimentale ai sensi della Delib.G.R. n. 37/17 del 12.9.2013.

Sportello Unico per l edilizia (SUE). Linee guida per l attuazione della fase sperimentale ai sensi della Delib.G.R. n. 37/17 del 12.9.2013. Allegato alla Delib.G.R. n. 52/20 del 23.12.2014 Sportello Unico per l edilizia (SUE). Linee guida per l attuazione della fase sperimentale ai sensi della Delib.G.R. n. 37/17 del 12.9.2013. Art. 1 Finalità

Dettagli

Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici

Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici Allegato 1 Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici 1. Premessa 1.1 Ambito di applicazione ed efficacia. Ai sensi dell art. 9, comma 3, della legge regionale n. 19 del 2008,

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 6232 LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 Semplificazioni del procedimento amministrativo. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile 2001, n. 11 (Norme sulla valutazione dell impatto ambientale),

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI AVVERTENZA Nella tabella viene usato il termine per fare riferimento ai partecipanti al condominio, mentre viene usato il termine per far riferimento ai partecipanti

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R.

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VIGENTE MODIFICATO ARTICOLO 31 ZONE AGRICOLE 1. Sono considerate zone agricole assimilabili alle zone E del D.M. n

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n. 13 47100 Forlì Unità Segreteria mariateresa.babacci@comune.forli.fo.it

Dettagli

Regol@mento edilizio ed urbanistico

Regol@mento edilizio ed urbanistico . Comune di Spoleto Direzione Pianificazione Urbanistica Regol@mento edilizio ed urbanistico.......... Il Regolamento edilizio ed urbanistico è stato adottato dal Consiglio comunale con la deliberazione

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

FONDO PENSIONE TELEMACO DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI

FONDO PENSIONE TELEMACO DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI FONDO PENSIONE TELEMACO DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI Art. 1. Norme generali 1.1 Come stabilito dal D.Lgs 252/2005, l Associato può richiedere un anticipazione sulla posizione individuale maturata: a)

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE -

REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE - REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE - 1 2 Art. 1 - OGGETTO E DEFINIZIONI 1. Il presente regolamento disciplina la collocazione su suolo pubblico e privato delle strutture temporanee a servizio di locali ad

Dettagli

REGOLAMENTO SANZIONI OPERE ABUSIVE IN AREE DI VINCOLO PAESAGGISTICO AMBIENTALE

REGOLAMENTO SANZIONI OPERE ABUSIVE IN AREE DI VINCOLO PAESAGGISTICO AMBIENTALE ALLEGATO alla Delibera Consiglio Comunale n 47 del 21.12.2006 Comune di Vezzano Ligure Provincia della Spezia Area Pianificazione Territoriale Urbanistica Edilizia Privata REGOLAMENTO SANZIONI OPERE ABUSIVE

Dettagli

COMUNE DI VITTORIA REVISIONE PIANO REGOLATORE GENERALE PROGETTO: UFFICIO TECNICO COMUNALE - SETTORE URBANISTICA - ATTUAZIONE

COMUNE DI VITTORIA REVISIONE PIANO REGOLATORE GENERALE PROGETTO: UFFICIO TECNICO COMUNALE - SETTORE URBANISTICA - ATTUAZIONE . REGIONE SICILIA COMUNE DI VITTORIA Provincia di Ragusa REVISIONE PROGETTO: UFFICIO TECNICO COMUNALE - SETTORE URBANISTICA - ARCH. NUNZIO BARONE (Capogruppo) ARCH. EMILIO GIANSANTI ING. EMANUELE GULINO

Dettagli

Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Condono Edilizio ROMA CAPITALE

Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Condono Edilizio ROMA CAPITALE ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici Ufficio Condono Edilizio Ufficio Diritto di Accesso Agli Atti Mod. 10/E (10.06.2013 )

Dettagli

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Edificio Ai sensi dell art. 3 del ordinanza sul Registro federale degli edifici e delle abitazioni, l edificio è definito come segue: per

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive Bollo 14,62 AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE STRUTTURE DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE (COM 4A - D.A. 8/5/2001) Ai sensi della L.r.

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

REGOLAMENTO EDILIZIO

REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNE DI BIBBONA PROVINCIA DI LIVORNO REGOLAMENTO EDILIZIO (Testo Unico dei Comuni della Bassa Val di Cecina) ANNO 2013 Bibbona, Gennaio 2013 Visto: Il Sindaco Fiorella Marini Il Responsabile Area Edilizia

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO Legge Regionale n 12 del 20/03/1998 Disposizioni in materia di inquinamento acustico emanata da: Regione Liguria e pubblicata su: Bollettino. Uff. Regione n 6 del 15/04/1998

Dettagli

PARTE PRIMA PARTE PRIMA. LEGGE REGIONALE 7 Aprile 2015 N. 12 Disposizioni di adeguamento della normativa regionale. pag. 2

PARTE PRIMA PARTE PRIMA. LEGGE REGIONALE 7 Aprile 2015 N. 12 Disposizioni di adeguamento della normativa regionale. pag. 2 Mercoledì 15 Aprile 2015 Anno XLVI N. 12 PARTE PRIMA CONDIZIONI DI VENDITA: Ogni fascicolo 2,50. La vendita è effettuata esclusivamente in Genova presso la Libreria Giuridica- PARTE PRIMA 3 SOMMARIO LEGGE

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

ALLEGATO ALL ATTO DELIBERATIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 30 del 24/25.02.03 (P.D. n. 2769 dell 08.02.02)

ALLEGATO ALL ATTO DELIBERATIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 30 del 24/25.02.03 (P.D. n. 2769 dell 08.02.02) Direzione Centrale Sviluppo del Territorio e Mobilità REGOLAMENTO EDILIZIO ALLEGATO ALL ATTO DELIBERATIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 30 del 24/25.02.03 (P.D. n. 2769 dell 08.02.02) ESECUTIVO IL DELIBERA

Dettagli

Legge regionale 10 luglio 2008, n. 12. Il Consiglio regionale ha approvato. LA PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA. la seguente legge:

Legge regionale 10 luglio 2008, n. 12. Il Consiglio regionale ha approvato. LA PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA. la seguente legge: Legge regionale 10 luglio 2008, n. 12 Norme per i centri storici. Il Consiglio regionale ha approvato. LA PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA la seguente legge: TITOLO I FINALITÀ E AMBITO DI APPLICAZIONE

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A.

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE P.R.G. VIGENTE In base alla tavola di Zonizzazione del P.R.G. vigente l area oggetto dell intervento è normata come

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

L'Iva agevolata in edilizia. Vademecum operativo

L'Iva agevolata in edilizia. Vademecum operativo L'Iva agevolata in edilizia Vademecum operativo novembre 2011 INDICE 1.0 - EDILIZIA ABITATIVA 1.1 - PRIMA CASA 1.1.1 - Aliquota iva 4%: cessione e prestazione di servizi dipendenti da contratti di appalto

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 COMUNE DI VIGONZA UNITA OPERATIVA TRIBUTI GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 Il decreto legge 21 maggio 2013 n 54 ha sospeso il versamento dell'acconto IMU per alcuni

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA INDICE Art. 1 (Oggetto) Art. 2 (Definizioni) Art. 3 (Ambito di applicazione) Art. 4 (Istituzione dello Sportello Unico

Dettagli

COMUNICAZIONE EFFETTUAZIONE

COMUNICAZIONE EFFETTUAZIONE Esente da bollo N.B.: presentare almeno 10 giorni prima dell inizio SPAZIO PER ETICHETTA PROTOCOLLO COMUNALE Si consiglia di presentare in triplice copia di cui n.1 timbrata dall Ufficio PROTOCOLLO da

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno).

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). Mod. 2 - imprese COMUNE DI... D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). MODULO PER IMPRESE Attività produttive, industriali, agricole, zootecniche, commerciali, artigianali, turistiche,

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

LEGGE 28 Gennaio 1977, N. 10 - (Bucalossi) (G.U. 29-1-1977, N. 27) NORME PER LA EDIFICABILITA' DEI SUOLI

LEGGE 28 Gennaio 1977, N. 10 - (Bucalossi) (G.U. 29-1-1977, N. 27) NORME PER LA EDIFICABILITA' DEI SUOLI LEGGE 28 Gennaio 1977, N. 10 - (Bucalossi) (G.U. 29-1-1977, N. 27) NORME PER LA EDIFICABILITA' DEI SUOLI Art. 1. (trasformazione urbanistica del territorio e concessione di edificare) Ogni attività comportante

Dettagli

Legge 6 agosto 1967, n. 765 MODIFICAZIONI ED INTEGRAZIONI ALLA LEGGE URBANISTICA 17 AGOSTO 1942, N. 1150. (G.U. 31 agosto 1967, n.

Legge 6 agosto 1967, n. 765 MODIFICAZIONI ED INTEGRAZIONI ALLA LEGGE URBANISTICA 17 AGOSTO 1942, N. 1150. (G.U. 31 agosto 1967, n. Legge 6 agosto 1967, n. 765 MODIFICAZIONI ED INTEGRAZIONI ALLA LEGGE URBANISTICA 17 AGOSTO 1942, N. 1150 (G.U. 31 agosto 1967, n. 218) INDICE Art. 1... 2 Art. 2... 2 Art. 3... 2 Art. 4... 3 Art. 5... 3

Dettagli