;4 ;4 < '*%"!!!"+,...73 '-4(.%!...74

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ";4 ;4 < '*%"!!!"+,...73 '-4(.%!...74"

Transcript

1

2

3 '*%"!!!"+,...73 '-4(.%!...74 %%!% %%!%...75 '/+%%%!%...75 '0!%!%%!%...75 '1%.!((!%%!%...77 *2%%!%! )++! ++! %+!! 8 ''/910%...78 *+%++! %+!! 8!''/910%:...78 *#!%!++! %+!! 8!''/910 %: 78 *& %.! ((! ++! %+!! 8!''/910 % 79 ;4 ;4 <...80 % % "!...80 *'% %!!"+,...80 **% % %%!%...81 *-% "!+%...82 */% "!+%%%!%...82 *0 "!"! *1! "! %+!! <%!($$%.!!%+ <%!($$%.!!% <%!($$ #.!!% (!(, (!(, &(!(,!"$, '!%+!(!(,!"$,...89 =; 6; ;...92 $ $!% " *$!% " ! $""" /%!% " )+"!"$++"...95 =;)4 4 54> 54>...97 )4"% 4"% 5+,!"%" "% 5+, $%!"%%$,...97 /2)%%!+!%% "!++!%" 99 /) %%$,!! $+3! 3!% 3!!! +3!%!( "!"!!%+" $$ 99 /#)+!!!($!% 100 /&)+!!!(+ 101 /')!%!,! $$ 102 /*)"""$ %+ 103 /-)+! +% "% %%"!$+3!((, +"%%" 105 /0)+% "!((,!$ /1)+!"% %%"!((,!$ )!(, )"$!!"+, #)+% $%%%

4 0&)" ')"!$ % *)"+!%$+!!" )!%%!%!! /)%%!"!+$ %+!! )%%"% )"!% !5$ "!7 ( "!7 % #+!("!+!...114!""!!!(!""!!!( & "% ""!% " '+!! *!( / 3!! !%% %" $$! % $$ ) "+$"%! )%3 $$3+3%3! %"+ %" )"%% #)$$!$ &)%!% ')!" *) "%! )!%+% %" $$ /) "!% $$ )%%! %! %% )+!3"" 3.%! ) " =; (" (" )("!,!" #)!7 % &) 7 %! ') 7 % *) 7 % < < "!%%"% "!%%"% )" /)" )% )! %!!" '#.!+" $%!" # &! $""" 9 7 % 9#!,!+(!7 % 6 7 %+!"... 3

5 !!" 7 %% +,! %("!"! "! % $%! % "3.A 7! %%! +.. ( "%! % 7,!!( # %B +,!% "9!%("(%( "!!"! (% 3 + %.! %%!" &!(%C! + $+ 5%"!5+,!": "! 33%"( "!%%7,.%:!,!!! %"!! %+: %%$,!! "3! """!:! "$%%""!!+%!!": 7 %%(.!%"3!+%!+,! D # $% ( B % (!+!! 3 B! 7 %!% $%++3%!% ((!3!% (! $""" 3%!+! (+! 3!% (! $"""%! ((!)( ( 4

6 %! + $% ++3 % ((!?% 7 % % (! %!+!"!3% ((!%!7!%%(!%"+%+! % ((! E %%%!!+%. %,!B+ (;""); ; F % (!(!!B"!!!!!% %( (%?! %C % "!! "!%%%3 $ % 7 (( (% 3 %!" % %%+7!!!.%!%"! $+5++%:% ("!%%%%.%%!"!%$!5 % %!( "%! %%!#*G!% ( %% "!! (3.A!%5+, % $% +3!"!% (!($$ ""$:$+ A% $!!!!3% % %+! % $ %%%!35 ""!%%%% "! +($$!%! + + % "!%5+"!9"!3%H!(!! "! 3 ;! %!!+,!!% %( (%! %37!!%$ "!(!%! + + % " %"" +"3 %("! "!! %H!(!! "! 3 ;% (%!$ %""! """);I 9 %%% ( 3%%%73% $7.! % (!! """(!);(I 9( 5

7 %%% ( %%% 7 % $ 7! % ((!!!($$$,)I4 I4 9 + %%%%%3% $7.! % (!!($$$,(!)(I4 (I4 9( + %%%%%3% $7!% ( (! ) (!+!+.% + $% ++!(! ) F5.%+!"! F %% % (! + ( 7! %" %! %%!!!"!+ ;);,$ ;,$ F,!" % % $3 %"! "3!%%+ ( "%! %% & &!"!" ( B%!% (!! (!!(3!%%3!%%!"3!+,"!+,+3!!;%% %C %%3!% 3 3 +! % 3%.J+ "" % #3*2: %+"!($$? 3!!"3 +. %%3 + %!(?!%"!+!+,%!+% %! % $$ +3! $ : 6

8 %$$""!( #3*2: % "!".%% % 5""! #3*2 %+ % %%.""!#3*2C$$ (%3"$3 %%%+!"" %%..% %%%!+%% (!!("!;!(! %% +!%"! + 3!!;%% %37!!C %"!.! %! "" % #3*23.3.3!!"! %%!!"!+!5$!"! ;. %% %%%!%$ "!. $$.!(, $$!5 3 (3 7 %3 7 C!%!3$!%(" "3!( %%!!!"! 4.% +!%+".3 %!! $% + %%!%3 A % """3,! +3! +!$ %% ( % % 5 "" +, (!% (!+ %%$ ( B%!B%!"""%!!(! %%3 % %$"3 3+! % %!!% ( C $3 3 %!%"% *23%!B%% %" ( 023!!( %3 %%. % 3#2!%3%+%.B33 %! " 3"! % % % $$ ( %!". %% % 5""!#3*2%+ % %%.""!#322 % %..% % %%%!+ %%(! ( 7

9 ! ) I9( I9( F!!(% (% ((! K()"" ""!(!( B""! % (! ($$% %!!!%"(L!% C %!%%!%!!$$L: $!%!!!: %!%%!%! %! ""!L$%%% C 7!!%?+!B+% 7!!!( %!B%!B?% K "" "" B!!B"" 7 %$! +! %! 7! +! % 3 ++ B 3 7!B!%%! %!?%!B!%% % % ( A K8 8""%%!($$ ""%%!($$ B!!!! ""! +(:.! B!!5""%!+%((+%((!!" +3 5"" %!! 5""! %! "" %%! %% %(( L!" +3 5"" %!!5""+!!4 9!+ 4 A+!%"%%! +% ( 4!($$ 4I 8K B!!%!!!% (!% %+"" ! ($$! %!($$A +!($$ %!!!% ( 8

10 % % %+! %!!( + 3%!+% 5!(!($$ % +!%%% K4 )""+ ""+ % ( + +! ($$ % ( $$?!(! )%" %"!!( ( ")%"!" %"!" %)%" %"!%!!%! ()%" %"!($$!($$ B!%" %!! % ( %+!(!,3!!+%"! 3!%!%!?%H!(! %!%"!%!%!% % "! %! %+ D#0*! &22'1#!%"!!+%"! %% %+ %"! 5!%" $$ +!!+%!!+% $I9K( F("$%% '!("!(" $%)!"!"! $"""! $"""C %!3. $$%"!%%3 (!! "3 %%!!%$ "!B7 3!B 3! (" 3!%!(3 $$ "3 +!""3 $$%+" + 3!%+"!%!! $"""%!C %!3% %!B$$3! 7 3!" 3 +%3 "" %!7 3 9

11 .%!(%+"%3 %" $$""%3. $$! $"""C %%%!( %!37! %%% +! % "!%! +,! %! %("! $! %"!%+"3 %%%%"!.+%% %. % "!B%!!+,! +! % %"!B % "D&9#22#3!%"!B % $ 5,$A7 %$!$+..+%% "5 +! 3 %%"!""! 3! %%(" % $ %!!% 7!! $!!(!(%!!( %". %! 3 %! %3 %+! +?%!%%!% E%%""3 + %"!%!( %"! % %?( %% 7! %?%H %!( %! % %!%!B!( %!!" (!" +$!B!(% %% %+ 7!!! %!!( % ( B""!B!3% %!! %!B!( %!!?$! (!(%(!!( +% +% 7 % 7! % %H %!(. %!%%" % 10

12 !(% %!!(. $$ +%7!! %((%+% 7 % 2312% %3% %!%!B!(!(%!!( %((%+ %! 7 (7! %3 %!%!B!( %% %! %7!%((%+%7! %! % (2312 F (!(! %!B!(?% $O O!O%3 % % $3 3 %! %" % 3*23 %!B%% %" "". % + B! % (! B%" "! % "" %". %=! % (%+% %%% "" %". %3% %!+%3+ A%!%J % %, + % ( %% *2G! % (!+%%3% %% %"%(!!3%!!%! 3!$$+""!!#3*23! "!% (!72'27-22!% (! +3%%%% "".!%%3A %% %!!+%!%%% +! % "! ""3 A %% % "! +" ( "% %+%. %" $$% (!! %%!!!%! %%% $$3!". B""! % ( #3/2! $ #'2!3!%3%+" 3%3.B""%(#22. +!! %% %%$% %!"!!% +?+!!! %%3 %%"! 7!+ %% 11

13 %! %+3% %%!!%!7 %! "! 3 %H!(!!(!%+"%!"3%%%%!! +! D?%%!#& ( $+ %!! 5#!!%!(%% %!! (%%.. 7 %%$!%+#12&#22' %! #00 ++?7 + +!%!(%!% +!%% ( +"! "!!$%!$%!(% + "!! "! + 7 '2G!, ( % 5 5+!$%+!"! + % "?8 D +! %!(%+! %+!%+ 5,(! "! A ( +% +!"! *("!+,%! ("!+,%! 5%% 5+,%+!. 7 (%%7 % +!!35%%!3! ""(%%3! ""!:+, E %% (!3!"!%"!! 12

14 5+,%+!. 7 (%%7 % +!3% +%!(%%!(!!%$ "3!% ( %%($C +!!!: +!!!!%"!%"(%%!%%% C %"! +C %"!!% +% (! +!% *27:!%!+! +!C %" +% (%!%"!+(*2273%C!%!+!C%"%H!( %&9&910 ' +% (! +! %!%"!+(0227:!!%!+! +!C %" +% (!+!% 0227(*227:!%!+!C%"+% (!+!%!(!%!+!:!%!+!!+% 3!%!+!! '*22 7!% (! +!! %!22227!% (!+! (!+!C % % (! +!! %" %!3 %%!5'!%'91103%!5!!% +!3%7!$.3%(( 3+7! (7 $! 3!$ 5%%"!!5%"!+! % %% (! +! 7!!% ""3!%3+"3 ((3%+"3%+" 7 A +% 5%%! 3.J %"! +%%.J!$5%%"! % (! +!! %"..! % %+ +!! $! +$%!((?%% 3+!!3! 5!"! A %! 92!% (! +! 7! 7 %%% *22 7 % (! *22 7 % (! +! A %!92(!9'% (!( ((! 7 %!%%3 A$$%%"!!!5$$ 5%" 5 3. % % " "! 5/ 13

15 ! % '9110 %!! 5%! 9+!!+%!7 %%%+! ++ 5%" 7 %% +"!"" % (! +!! %! 7 %!%!% (!+!!%"! %%%!!%!+!7 L%"% % %!%" %( % ( %! (% %"! %+" % : %%!. $$ %" +,?7 5$!%!% C! +C 7 7 %"3 %! %3!%!%"!+3%+ 5+ %"!!% :!5"C3%!!+%C "! + % 3 % %+!! %!+% 7!!!% % (! +! %%+% '*227!!%!+% 7!!!% % (!+!% %%+22227: "! + (3% %+!!%!!% % ( % %%+ (! '*22 7! % (! +! %!22227% % (% * % % 5"! %"! +! 5$! L,!"!%.!( " 3 %! L %"! +3 + %".!! %! +!3! %" + %% %.J ""!+, : "3!($ %%! +!+3%%!% (!+!%%+: 7 % $%! %3%( %%"!%%!!% (3%+!+% +%! 3 %!! 3 5! 7 %% +,!!( 14

16 % 3+,3+,+! %+" 5!+! L%!! 9!!% %% A ( $ %%7 ( %! L,!" ""! ""%!+%! +%! " $%3!5""" %!+3!5%%$,! ((% 7 %" %! %! 5$! $% +: ++%! ""+.J!""%(+""%,!" +!5A!(!%"! %!%! +% 3!% (!(%! + % 5.! L %!! %! + % % % (!* %!( ( "7 %!!! +%"""( "! ( +, %%!! "! +!+! +!("!" $%.". "% % "!$.! + %+" % %+! %!!%!% % 3!%"! +3!+ %% ( #3*2 8'302: (! %! ##901 % ( +"! % 3 %+! +%"!!%3%%!7#*322 """!+ %% %%+ + +!$"! % #*&! #& %%("%.! %%("%.!!( %" 7 % %+ +3 " 5+,! %3!! 3%+.!7 %3 %!%3%!5 15

17 %%%(%!C!%5+, %3 "3! %!(! $"%!+!.+: ((3%!3 %%.3%! 3$! # "!+!3%!%%"3%! 3%!3% $$.+3! $$%: $%(3%+"!!(!!%!: ((.3 $! %!+!+,!+3 +:! %%!%%%! + (( "3+33+!: ""3!%.+ "!%A "!3% " & % 3%!3%(.! $$%3 %%3 "! % A $!("!$: %+" $!( $+3 %%%%! +: # %.L!! :!!%!% (% 7#!.""% 0: ""3!%: %%!%%: %!.. %%! % ++! %% %+": +!3%!3 &!!%!% ((7#!.""( 0: %""!!%!%: +%%! : %.( " %%%+%%( 16

18 !%!%C %!3.#32: $!+%%%% % ((7' 7 $72%!% %%+: %"!!$$+ % (!71 %7'! %:!+%%!!%"!%!7' 5""! 3! (!("! &3227!#:%!% 7 + (7 3 5""% % 5!%%! +!+ 5""!! 3! 5$ ( % (!903%+!.+%!%!%!" %"! 3 %!+ %%++%!(%$! %% +!5%.!%" 7 $ +!: % (! +(% 7! +!+ %% ( 9#3 %% 7!+ %! % "" +!+"! %+" %% %% +! "! "!:7 %%%+"!+%%!!! %"(".%% $!5!( * + $! $! & %% %% %"!!%%+%%!!! % +%!%3%+ %!,!"!%"?% $.3 $$ L%+" 3!!++%.! %!+%!(%%7!%%. %% +"3? ( 7 %!3% $! (++!53! "! ""! 3 (%!%!% C "" #3'2!% "! %!%"$+3"3! +$: 17

19 "" #3*2!%! +,! +3 "!%: "" #3#2 "!$ %+"3 ""!% %+"! +,! + " %"!%%% : ( 9*? %!! + """!%!+ %% %3 + +!$$!$..3%!"%"C %!% %+"! L,$!+%%!.%.!%%"( %%""":! +% 7! +%! %% ( $$!+%% "% ""!! %!!!! $ %!+%%%%%,$:.""!!!% %+"! $$!+ %% ( 32 3 % ($$ %%+! %%3!+ %%! 2!! ".""!%.% %+ +%%.!+ %% (3#2: % E%+(! %%!'22 7!% ( : +% A + 5!(% 5"! :, %% 5! (%! + +. (%% % %+ 5 "!!&: % %!+ %% %%$!+%3%! %%!$3%%%!++!%! : %!+%%!!!""(3223 %!! """! %%!+ %% % %!"%"C 5!%%!+,%%+% ($$L! +( %%,%+ L! +, $ %!+, %% +% %% % $!+!!: 18

20 7 + %%!.(%%!!+, %% %! %"! $ %: 5!%%!+%%%! +"!!3.J %! +"( :!$!++ $2312:%!(3!$3!+%%+ %" $!!#322!(!,:!+ % %% % %(.. +%! #&-901! $$! $..3 ( 5&3 5'3 '# #3503+0#:!+ % %% %! %!! $$ &22'1113 -# P B "!!+ 1*9-9 % %%! %("!! %%! % %%.3.J!+"!%"Q /%" %"(($$+% $! " %("! %"! +!%"! %%+% ($$ %! + % "3 9%"3%%$%.C (!% "3+!5%"!% ( +!%%3!+%%%! +% $ % (! %%. (!%"! +!( 5""!%%% % ( +! 23*%$!! %H! E % %% ( *322!%(! (%!(%! 3.!(.%% %%%(! ( E%% % ((!12D!(!!%+%"!"!+% $%%+ $%(! %%%! ($$ +!(% ++ %"!(%!! 19

21 ! +% $ % %!( % "..! %%%!($$3 % %% " % %!( % %% %% (%%%!+% $ <%+ 7 +%!("!% $%%. %%!% +(%%%!%"!(!%" $$!+ %%!3*2 F %% """! %! %%. ( %" $$.J!% (% SCHIZZO A ALTEZZA MASSIMA PRESCRITTA PER LE VARIE ZONE H h4 h3 h2 h6 h1 d d h5 D1 D5 min. 5m min. 5m D2 D6 D3 D4 caso generale D1 = D2 = D3 = X h1 h2 h3 H = altezza fabbricato D = distanza minima X = indice di visuale libera 20

22 SCHIZZO B h1 d d h2 D1 D2 D EDIFICI COSTRUITI SULLO STESSO LOTTO D = D1 + D2 =X (h1 + h2), ma sempre maggiore-uguale a 10 mt SCHIZZO C H 90 X.H < X.H1 H1 pareti che ammettono aperture di categoria S1 ed S2 21

23 SCHIZZO D1 L P>L/2 P profondità L larghezza Si applica il criterio di visuale libera se le pareti sono finestrate, non si applica se hanno solo finestre di scala SCHIZZO D2 L P<L/2 Non si applica il criterio di visuale libera SCHIZZO E X.H H D 45 D 45 X.H1 X.H D H1 X.H1 SOLUZIONE PLANIMETRICA CON SPIGOLI RAVVICINATI 22

24 ("!+!" ("!+!" 0 "! +! "!! ( ",!!( % &9#22#% 1 "%! +! "%!%(%!+ %% "!!!(3! &9#22#%# 2 % %( +! % %( % + %+" +"""!. %!!(! &9#22#%& 1 Il testo dell'art.31, lett. a) della Legge n.457/1978 è il seguente: interventi di manutenzione ordinaria, quelli che riguardano le opere di riparazione, rinnovamento e sostituzione delle finiture degli edifici e quelle necessarie ad integrare o mantenere in efficienza gli impianti tecnologici esistenti. 2 Il testo dell'art.31 lett. b) della Legge n.457/1978 è il seguente: interventi di manutenzione straordinaria, le opere e le modifiche necessarie per rinnovare e sostituire parti anche strutturali degli edifici, nonchè per realizzare ed integrare i servizi igenico-sanitari e tecnologici semprechè non alterino i volumi e le superfici delle singole unità immobiliari e non comportino modifiche delle destinazioni d'uso. 3 Il testo della lett. c) dell Allegato alla L.R. 25/11/2002 n 31 è il seguente: ''restauro scientifico'', gli interventi che riguardano le unità edilizie che hanno assunto rilevante importanza nel contesto urbano territoriale per specifici pregi o caratteri architettonici o artistici. Gli interventi di restauro scientifico consistono in un insieme sistematico di opere che, nel rispetto degli elementi tipologici, formali e strutturali dell'edificio, ne consentono la conservazione, valorizzandone i caratteri e rendendone possibile un uso adeguato alle intrinseche caratteristiche. Il tipo di intervento prevede: il restauro degli aspetti architettonici o il ripristino delle parti alterate, cioè il restauro o ripristino dei fronti esterni ed interni, il restauro o il ripristino degli ambienti interni, la ricostruzione filologica di parti dell'edificio eventualmente crollate o demolite, la conservazione o il ripristino dell'impianto distributivoorganizzativo originale, la conservazione o il ripristino degli spazi liberi, quali, tra gli altri, le corti, i larghi, i piazzali, gli orti, i giardini, i chiostri; consolidamento, con sostituzione delle parti non recuperabili senza modificare la posizione o la quota dei seguenti elementi strutturali: murature portanti sia interne che esterne; solai e volte; 23

25 % %%++ +! % % %++ % ("" %+"! 3( &9#22#%' # % +! % +! (! 3!5%% +! % +!!((%3 &9#22#%* & % "!" +! % "!"! ("" %("! %!"3!( &9#22#%- scale; tetto, con ripristino del manto di copertura originale; l'eliminazione delle superfetazioni come parti incongrue all'impianto originario e agli ampliamenti organici del medesimo; l'inserimento degli impianti tecnologici e igienico-sanitari essenziali 4 Il testo della lett. d) dell Allegato alla L.R. 25/11/2002 n 31 è il seguente: ''interventi di restauro e risanamento conservativo'', gli interventi edilizi rivolti a conservare l'organismo edilizio e ad assicurare la funzionalità mediante un insieme sistematico di opere che, nel rispetto degli elementi tipologici, formali e strutturali dell'organismo stesso, ne consentono destinazioni d'uso con essi compatibili. Tali interventi comprendono il consolidamento, il ripristino e il rinnovo degli elementi costitutivi dell'edificio, l'inserimento degli elementi accessori e degli impianti richiesti dalle esigenze dell'uso, l'eliminazione degli elementi estranei all'organismo edilizio 5 Il testo della lett. e) dell Allegato alla L.R. 25/11/2002 n 31 è il seguente: ''ripristino tipologico'', gli interventi che riguardano le unità edilizie fatiscenti o parzialmente demolite di cui è possibile reperire adeguata documentazione della loro organizzazione tipologica originaria individuabile anche in altre unità edilizie dello stesso periodo storico e della stessa area culturale. Il tipo di intervento prevede: il ripristino dei collegamenti verticali od orizzontali collettivi quali androni, blocchi scale, portici; il ripristino ed il mantenimento della forma, dimensioni e dei rapporti fra unità edilizie preesistenti ed aree scoperte quali corti, chiostri; il ripristino di tutti gli elementi costitutivi del tipo edilizio, quali partitura delle finestre, ubicazione degli elementi principali e particolari elementi di finitura 6 Il testo della lett. f) dell Allegato alla L.R. 25/11/2002 n 31 è il seguente: ''interventi di ristrutturazione edilizia'', gli interventi rivolti a trasformare gli organismi edilizi mediante un insieme sistematico di opere che possono portare ad un organismo edilizio in tutto od in parte diverso dal precedente. Tali interventi comprendono il ripristino o la sostituzione di alcuni elementi costitutivi dell'edificio, l'eliminazione, la modifica e l'inserimento di nuovi elementi ed impianti, nonché la realizzazione di volumi tecnici necessari per l'installazione o la revisione di impianti tecnologici. Nell'ambito degli interventi di ristrutturazione edilizia sono ricompresi anche quelli consistenti nella demolizione e successiva fedele ricostruzione di un fabbricato identico, quanto a sagoma, volumi e 24

26 # 5$! +! % "!"% %3 %%! !!%%%!!50 110!(!% +" %!"3 ++! + %+% 5 $$!!(!!5!(%%%:7 % %!(% %!" 5""!!! #3'2!$! $"3!#3#2!%+"7!3!%3 $ %: 5""! A!! +!!% ""% 302 +% ( : (SS % % %++S %% (( % +! $+!% %%%!"% %%3.J %%% ( + + % %% $! %%% S%! " S.! " % +! %% 7,.! % %!! ( +!" 3!($ (!3 % 9-/ : %% %! % %%3 $!5!(!+F 7!3 + %%$3 "!! 3 (! %!53!".+ (,! % 3 %!! %"3 """!$$%!!%!(! %%$!+";$%3.%!%% 7,.!%++%3, area di sedime, a quello preesistente, fatte salve le sole innovazioni necessarie per l'adeguamento alla normativa antisismica e per l'installazione di impianti tecnologici; 7 Tale deroga è consentita in quanto le aperture in falda possono ricevere, in genere, la quantità di luce proveniente dall intera volta celeste, senza alcuna ostruzione esterna: pertanto, qualora le aperture siano ubicate sia in falda sia a parete va inteso che queste ultime concorrono al raggiungimento di 1/16 solo in ragione della metà della loro superficie. La superficie illuminante così definita, misurata al lordo degli infissi, deve anche essere apribile per garantire un idonea ventilazione dei locali e può essere integrata con ventilazione continua naturale mediante prese d aria o con ventilazione continua meccanica, variabile in funzione della destinazione dei locali 25

27 %(. %"!%!! (,! (!!+ + (%% ($!!%%+! " %! +!%%+!. % ""! $"! % %% A % $!!C %"!. " %! #2! % " ( B%%$,,! 3""": %"!. $$!;%!7322#2! % "3 +( B%%$,,! ""5$!!%!+%% ( %". % :.J " +!!!% +!"% % %%3 +! %%% ( $+3!+ ++%"! % C ""!%: : %!!+%!%%%+!% "!"": % %H!( %% %% "" % %+!%% &7 %%%%!%!! )" "%!$,##009! 22#22 P. 5"! -2'1103) ($+!%%%Q '+! +! +% " +! + % " """! + (!"3.%%35""! (% %("! : 7 % + + ( &9#22#%0 8 Il testo della lett. f) dell Allegato alla L.R. 25/11/2002 n 31 è il seguente: ''interventi di nuova costruzione, gli interventi di trasformazione edilizia e urbanistica del territorio non rientranti nelle categorie definite alle lettere precedenti. Sono comunque da considerarsi tali: 26

28 %(".3 ( 3 %7 ( +% "+ +! ($$ "! " 3.!+ (!!"!5!" +!!( "! &9#22#%3! %% "! +!5!( + ( & *+!% +!% " $% +!% " $%%+%% "! %!"! &9#22#%1 -" "!(%!" ( %%.(!%!!%+!+ la costruzione di manufatti edilizi fuori terra o interrati, ovvero l'ampliamento di quelli esistenti all'esterno della sagoma esistente, fermo restando per gli interventi pertinenziali, quanto previsto al punto g.6); gli interventi di urbanizzazione primaria e secondaria realizzati da soggetti diversi dal Comune; la realizzazione di infrastrutture ed impianti, anche per pubblici servizi, che comporti la trasformazione in via permanente di suolo inedificato; l'installazione di torri e tralicci per impianti radio-ricetrasmittenti e di ripetitori per i servizi di telecomunicazione da realizzare sul suolo; l'installazione di manufatti leggeri, anche prefabbricati, e di strutture di qualsiasi genere che siano utilizzati come abitazioni, ambienti di lavoro, oppure come depositi, magazzini e simili, e che non siano diretti a soddisfare esigenze meramente temporanee; gli interventi pertinenziali che le norme tecniche degli strumenti urbanistici, in relazione alla zonizzazione e al pregio ambientale e paesaggistico delle aree, qualifichino come interventi di nuova costruzione, ovvero che comportino la realizzazione di un volume superiore al 20 per cento del volume dell'edificio principale; la realizzazione di depositi di merci o di materiali, la realizzazione di impianti per attività produttive all'aperto ove comportino l'esecuzione dei lavori cui consegua la trasformazione permanente del suolo inedificato 9 Il testo dell'art.31, lett. e) della Legge n.457/1978 è il seguente: interventi di ristrutturazione urbanistica'', gli interventi rivolti a sostituire l'esistente tessuto urbanisticoedilizio con altro diverso, mediante un insieme sistematico di interventi edilizi, anche con la modificazione del disegno dei lotti, degli isolati e della rete stradale 27

29 &9#22# % 2 / %!$ %!$! %! $ 7 ("! &9#22#% 0 %"! 3 3 "" $$!!%%"!%(%!+%.!(" +! (!% 3 7 %+3.!+"!+$ %%"! %. 5+,!(!%(++.!(3. (%% %%+37!L!-2 5!!% $$ ( $!% %!!%!%%3 $ ""!(( %! %% $$!%3%!.! %+%"! 7 (%3!%+3: E%% %!.!!("!"" $$(%%$3!+%!?%! %"3 %3% %3 "!!!!? S+ + B! $ S % +C 10 Il testo della lett. i) dell Allegato alla L.R. 25/11/2002 n 31 è il seguente: ''demolizione, gli interventi di demolizione senza ricostruzione che riguardano gli elementi incongrui quali superfetazioni e corpi di fabbrica incompatibili con la struttura dell'insediamento. La loro demolizione concorre all'opera di risanamento funzionale e formale delle aree destinate a verde privato e a verde pubblico. Il tipo di intervento prevede la demolizione dei corpi edili incongrui e la esecuzione di opere esterne 11 Il testo della lett. l) dell Allegato alla L.R. 25/11/2002 n 31 è il seguente: ''recupero e risanamento delle aree libere, gli interventi che riguardano le aree e gli spazi liberi. L'intervento concorre all'opera di risanamento, funzionale e formale, delle aree stesse. Il tipo di intervento prevede l'eliminazione di opere incongrue esistenti e la esecuzione di opere capaci di concorrere alla riorganizzazione funzionale e formale delle aree e degli spazi liberi 28

30 3%! $$: +3"" B "!%" $$:!+: $! $$%+": (%!%% %+"!U: ++"7! $: ":!%% (%!!(: (%%!3+"%:! %?3 % (%%"!%: %%"$: %"! (9%%$:!%!:!"( 1)4"!!%"!5 4"!!%"!5 % B+ %%!(.3. %% %(" (%.3!!%"!B %!$3%!%"!"!% 3!+%.J( " %!% "$+: ( "!"3("3 %% +3( " 3 + %%" $$B!%+"3+,! +! ( %% $:( "! %+"3 + % %!! +, 3 +3 %3 "! +!(!"!7!! + % %!!! % "%%!%++"! "!+%7 $+! "$. 7 % 29

31 %!%"!5 %% %+"%%%!(.!!%, %( -!B#-! #*99#22#3D&# # $% + #2 $%++ %!! +,! %("!" $%.3 ( +%!% $% 3!(%+% ""!!5 " # $%++%($C!"+ $$: B!":!!!%!%!! +:!!"+ $$:!"++:!!"++:!+:! $:!7 (" $!%+ "!!"! & 3 $ % +3!! ("! +"!,! "%%$! %" $%"+!% '!B$. $$ %"! $%++ E.!% B!" + " ++ % B%%$,! + +%3! "!%%! (%%% $! %% $ %+ 12 Art. 26, comma 6, di L.R. 25/11/2002 n Non costituisce mutamento d'uso ed è attuato liberamente il cambio dell'uso in atto nell'unità immobiliare entro il limite del 30 per cento della superficie utile dell'unità stessa e comunque compreso entro i 30 mq. Non costituisce inoltre mutamento d'uso la destinazione di parte degli edifici dell'azienda agricola a superficie di vendita diretta al dettaglio dei prodotti dell'impresa stessa, purché contenuta entro il limite del 20 per cento della superficie totale degli immobili e comunque entro il limite di 250 mq. Tale attività di vendita può essere altresì attuata in strutture precarie o amovibili nei casi stabiliti dagli strumenti urbanistici. 30

32 #$ $!! $%++!"++! "!.%A% 4< %! 3 %%!B+3!"!B%!! ": %!%%C2229C#2223+!""!!,3 ( % 3 % (3!%"3!!3: % C*22! "!B+3 B!+! "! %!(%% ( +!+3!C ) +! +! %%!"! %%"%: ) % " (!7 %%: )!3!3(!!! "3 7!+%+L!+ (% : ) +$,%: ) + +: %..! % 3 +!!( %% %% "" 5 % + 3.!%"! %!%"%%%!5 '/! ''*911 %. % %!" %%!(: %"(!%C*223% " ((!5! +! % %3( 2 8 *3!"!! %: %+%" % C#22! %3! +!%! % C*22 B!"!!+%!%" $%.!!+% ( +%%!!($ 7! %!! ($$3 %!3!3 ""!$7 B!"!%"" +!%"! ( 3 %"! +! ""? """% %+" ""3 %" $$! %%. B!"! 7 %+!%$3.A B!"! %%!%% 31

33 !+ %%! % C22 %" %! %! % $ ( B"!$..B $"!.%%7..: %" ( % C*22 B!"!!" +!%"!B % +! " %! + % %+ %%(!+% : % +!!! $"""!!!%$ "3 + % % +3!("! $$%+"?!3%+!!!!!"!+! $$3 (3!B3(3! %!! ".!+ 3! %%3 %!!(!C % (!B+: % (%: % (= B+!"!%"!+%3 +%( + % ": % ((!: % ((!! %,! +3 %!B!!!: % ( 9 + %%.A %%! + ""$3!% %! +!%"!B %%%: % ( 9+ %%.A%%!+ ""$% %,!B+3!%%!+!%"!B %%%:!! """(!!9!!($$$, (!! %%! + ""$ %,! +: % (!%! $"""3!% % (%!3% (.3% (+! $$! $""" 3 % ( : % (!%! $"""%!3 7 +%:! %%!7 %! : % ( +!% +! + +!!: 32

34 ""!!(!+!"!!: %.!%.!! $""" %!: "!++%!?3%3,! """!! $""""%!%%% """: +!("! 7,!B+ (C %"%!!! $!$: +! $$B!"!%%"!! %"!+!+:! (! % "!"!: ": % +!! $"""?%3%%3 (%+B"!%+"3"" $ %3""!( %! %.!%% %( 7! +% %%%.!+ %+?%C%!!+%! %%"( +: + $ %%!( + 3( % + (! +!%("!"!: %+5!" %!!++%5 "!! $""" 3 7, +%3 "" %!7!3!%! +""!!!":(,!5$ % 7! %!+! "! +%. 7 ("! % %%+(!!"!5!"! %!(!T %%:!%!! $"""3!%! +, + " %!(". B+ B$("%(!!+, + B%!B % 33

35 %. ($,!B%! $, %$, B%%!!! %!3"!%3+ %(. "!+%%(!!!$"! ; 4 "!+C B%! % $ 3 3.!!( %%3 B% % B%! %%"!!%:!%"! %. ( "3 (.!B+%$: B %"!! "!: + "! " %!! +(9%3 7! %%%!$$%%%7 %!+: "!5! $$ ":!!%!(: + "! 4 %.! +"3.!+,!% ( %.!%%!!% 3 $$.!%! %! 7 +%!B#0!/ 1'#3*2?03-%1-/3 3! "+ +3 %%+!C ) %% 3 %$3! %% B% "!! $"""%!: ) B%% "!! +! $"""3.AB%% "!% "!! $"""%!: )! "!% %%+(%!++%!! ": ) B!!, "!! $"""( 7! + 7 %! $%+"%%%: ) " (" B!! $$.!+!+" +"3!%+% %%!,3!+%% %%++(!%%!% 34

36 %%!% """!! $"""!%($$ K 4 ++!!+!4!< A.%3 (, B#/! */29'3 (!B%"! $.!! %! %! %%$,!B7! "! %%"!%!!++! % 3% 7 A% 7 A%!! +! 44<3!+ %%!% %% %!." ( % %%$,!%!!%3 %%. %%%!% ""!+ """ ) %!!" 6 $.3!!" 6.3 % +!+% $+% %% +! $"" %%! %'#9#22' """!5!%!3% +! B! + %% % %!!,!!+%! +! B% "! (!"!%%! """! 4D!! <"! %+L 3 % +! +.!%+L +"!! %%!! P6 Q! %!! "! (! %+" """!! $"""+%!37 3"!! %+"3 %! """!!+%! 3 7.%!%(! "!5+.%!+ "++!+! 7 %% + "!%.5++!!3! 3+3! $%!!"!!%"!B %! "!+ % %! ".!%+ B%! % %%$! + ($$ %%?+"% %. ( "3 (.!B+ %! : "!+ %%% $!C$ 35

37 + $! 3 %? ##)$! $! $%++!"++!%! +%! 3 "%(!+! %%%3 +%! %% %% $%++,!#2! "!!!("!% %!+, ( (3 7 %%! %+ %$3 7 +%!" """%+ + #& + +! +"!" %! """ %+!(% + +! +"!"% %! ++ """ %+ % %"3.J! "?%!( %! "" $$!+%! P $$Q!(!0?%!5%"3% "" 5 "!%" $$3 +3 %3!. + %+" $$3 $ %% (!5!( % %" % % ( %!!( %% %" $! ( %! %% %+"!.: (!!!"7 3% $3.%.3+3: 36

38

39

40 @%3 % (!(+3! + (! 9!5+ $% +3 +!" 5$ 9 5! %!!! +3! 7 3 5!"!!%"!5 % 3 7! %%3! % %% 3 @+ ++! $+3 """3 %%3 3 3 $ %%3 " %( 3 (!5 + $!+ %% ($%! ( ; '!+ % 5!"!5+ 5 $"3!5$3, (!5+! +.J3 %!! &3 ($(%%!%!%$ " %%,!5!5!"3! +!!!3.! 5++!!3 +! %%$!!%%%!+! $$ (! % "!! +(! % % %!: %%$!! % %!!! """ %+!! %"!%%%! &2! %"!!!! """ %+3 %%$!! 5%! ++!!(+! %!: %!5 """ %+ ( 7 %+!!!! " %!5$$3% %%$,3! %! + $%!!" = %+("!!! "%!! '3 %%$!!(.%% 5%%!!! " %3 *!!!%"!!! 5!!.%! +!5"!!! %"!! " +:!% &2!!!.%! "3 +,.+!5 ((!! "5%% 39

41

42 4!%!5+,!" #' 5!" % 5!" A %%$!! + %("! ( +3 5%" %" %! 5+!"!.%! %%!!!"+,!.3( "!5+35;((%% # % "!!! " +,!!! %!%%!%!!%%% 7!! +,!"3 + % (! (,!" $,3.J +!!" %% ((! ##3#& #'! % ##2#22'3'#: ( %. + $$ %% 5%% ("%! %% %+!! +%! % 3 5!!! %3 %!! 3.J 5!"3!% 3! ++!! %%! %+ (+!. 7 + $$ %!%%!% 3!(!(,!" $,3.J!("%%"+!"++! $%3%% $3!"! 7 %% %". %!5+!"!5%"! 3 (! %% 5"! + 5!" %"+ & (! %! %%! %! (! (,!"$,3% 7 %%!3+7 % %,%!.! % %%3!!%!++ 41

43 ' % %H $ %% (!57 %"3.! ("! %+"3!! %%% 7!3%%(!"""!5+!" #* % % %A%%$!!.. """!! +!$%+"3 """3 % "3 3 %%"3 +" +%!B+B! +3.BB% "! ($$!$! %! % %%+ 7 +%!! %+&"1103' #! 7 + +B!! "!$%+"3+ %+B3 3 +B %.! $.3 %+" %! $.!!("3%+"! & B(%+7!%%!B#/!!%+&" 1103 #3 %! +%! B '3!!! + "! $ "! +!!!+%%! %%" % +"! "!B7 %!%%%!0#! #' 1103 #03 3! "3! + + ' # % %% 3 +!%%"!.+ (%%( $$ %%3 B%% ("%!%%! +%!%3 B!!!! """%3%!! 3.B ("!%$ + % 7 +B " % " %!% %%% +"! B#'!!%+&"1103# * % 3%.%!%%3% % (B %! 3 %%%%!% 3!!!%%% % +%! (" %%3 $%3%".B!.!("!B+ % %%+! "" % % + - ; %!! 6 A % ( %%""!%"$!%!!5)+443/03%! 42

44

45

46

47

48 7!+$%+%% %%!! """ %%! 5 '#! %'#9#22'3 %! %! + "! +! %(" %% 7!(!51!5! %)!12'#22.!5&3 &92#%C%%!C (,!5+%%" : # "!5+ % $$+! 7, %%: &,!5+ % + %! +: ' ""3( %%"3!5+ % % % % $3 %%! $ ""! (%%!3% +.3! + "+% 3+(!(,!+%%! (!%%"!!%H!!!+$$ $+%%!5#'3#-#0! #2922% 7!5+,!+(!! #3! ( (!!("! P$+! 7, %%Q %% %% %! $+!! " %("(%%!! $!+%"""" ((! ++!!+ % A!!+! "%%+!"%".""""!!(!!.!+%! ( "! +!,3!!,! +"! + %%3 %%! %!"!+! " %(" %%$ " + %% $%3% (,C! %.3! + % +! (3!.!..3.J!.!% +!": +%!!%+ $!+% +!+ %!! %%! 3 "%+!!: 7 ("!%%!!! + %% ++ "! + + %%! 47

49 ! +,(7!%%!% %!;!5!"3!%!+,.!+%%"% %! (" $+! 7,!!! % %%+(%! %!! %("3 +, + %! +! ""!% % % $3 %%! $3 + %% 7,. %5%"!%%%!+! +(!,! + %! +? %% + " %.!((!+!5+% %%3.%%!%+" %! % + %+!! +3!%"!+ %%(% $%!! $. 5$! "!!! """ %% (3 $!+! ++!%(3%, %% ( ( +"..! 5%"! + 7! $ %%!! 3 7!(% %%% %.!,! + $3 + " E %%! 7.3 %3!(%3 7 7!$3% 3. %% %% %! %% +% 7 + ((! %("3%! $ (!$7 %3 ( "! 7 % %%%?3 3 %(%3! %% %3 3 (3 + %! $ %% %% %! "!%%%! % %%% + % 7!+ "!%!!P Q% E (( 52! -92#P!!( %% "! 7,.%%!QC(!(%P % "%!+!%("!. +%+3!% +. %.. ( "3! 5!,%3 %%!.Q = 5+ % %%%. $$! (! + % 3! + "5!3%,+! E %%. +% +%! %(. " ("""!%"!5!5% 48

50 %3. %$$( %+,!!7 ("3.$$% $%%!!%"! (3 ( "3! "! + + +!, %%.3 %!+"!5! %!12'#22 "+(!%%%!5+%!! '3 %.%!5&! &9#22# % %,% ((3(3 (!5 %% ("!!!+%%) $%$5%!+"3 +( "! % % L % %%!(:(3A3%%!3! 3! +3! 7 $3! +% 3!!, 3! %"! 7.% E!(P%%!%Q 7 % % ( %%" A %!;,! '2 '!!!! +C %% A ( 7! %3! L %%$ !+%,! % 3 3!%!!% 3 %!( " ""!( % %$:!%"!!+! (+% ( + "! $,! % 3 7 "! % ". % 3! "!!!5!,!5$%%)$ 5%! + " %%) $! %3 %+$%(%%!%3 E!%%$%C + + %+3 %!%!,%%37 % $ %%%%%: # % %%"% ( ""+3!% "!3! +! "%"+%%+ ", + % %+3!! 5%"! %"%%! %%% $,%%3..!. +!,!%%%(!"" 5$: &!! +!! +%$ % "" 5! +! % %%$ 7 % % 49

51 !+, %% 3 ((.J + ( % $%!%%+"!%%7,.! % &2 %% 7,.C."!!"" %% 7,. % B"!B+, % + ( 3!! S."!!""S3.!, + "! %% % %!."!!""!(% (BC! ++%!%! '!B#0:!,! + " ( "! + "++: "!B%! + 3 " %("! %!!(. %(+!! +% ( %+: %%$,!% %%+ %%( %! (++3,%%%% :!"9% +$!5%" %%%, ( "! :.""?$,! 3 %( "3 "! % +! % 3 ""!: + "! 7,. (!+:!,! (! %? %%! + #!."!!""!+ %% +! & = %%7,.%. %% %%!7 77 7!%%!."!!""3 + 7 (!!%% 50

52 4+,!"$"( +,!"$"( &+,!"$ +,!"$ %% %% $+ + +! "! $..3.J! 3!5'! &9#22#- - %%%% $+$!B % B, $!&2!% (!B, %%% 7 % &2 73!%"!!!(!B"!% (!+!!!!!!B%%%%3.J!#2!% (!$ 7!#*27:+,!+! E%%%H % +$ %%$!% $%?-!5#-! &#+,!" +,!""!( "!( %%!5*! &9#22#3" % $! 5 "! +%! "!% $% +3( 5+"! %%% ++( 5+"! %% +! ((! $% +3% %% % +%!"%%C +,!"$: "%!: % %%++: % "!"!%,$3!%%3.J!!(%+%!! :!"%"% "!($$!"PQ 16 Il testo del comma 1 dell art.4 della L.R. 25/11/2002, n 31 è il seguente: 1. Nel rispetto delle normative di settore aventi incidenza sulla disciplina dell'attività edilizia, sono attuati liberamente: gli interventi di manutenzione ordinaria; gli interventi volti all'eliminazione delle barriere architettoniche, qualora non interessino gli immobili compresi negli elenchi di cui al Titolo I del D.Lgs. 29 ottobre 1999, n. 490, nonché gli immobili aventi valore storico-architettonico individuati dagli strumenti urbanistici comunali e qualora non riguardino elementi strutturali e non comportino la realizzazione di manufatti alteranti la sagoma dell'edificio; le opere temporanee per attività di ricerca nel sottosuolo, che abbiano carattere geognostico o siano eseguite in aree esterne al centro edificato. 51

53 %!,!+!+%!7! " EA%%%+%!+%!% $% 52

54 64 64 %%" %%" $+ $+ &&("!$+ ("!$+!% %!%% %%+3+,!"3.%!3%% $+ """ A % $!3%+ %! %3 %%! $! % " $+%!! " %%! % ++! %+!! 8 ''/9510% %%%%%($%B$% %% + %$+!%,!,!!+$""%!% ++%!%"!!%!B"!+%%"!!!" $+!+ %% ( 3! %" %! ("! $% +! %%% % % % B%%+"! + %%3 %%3!3 (%3 $!! %3 %!. +(!(,A(( %%+%!%! (" $% 3 7 %% +! 3%! 7!%%!B 13 # &3! #2!#222 &'+ +%%$+ %%$+ % %% $+ +!% 3.!+ 7 %% +! (, $%.!!"3.J!% ""3%! $%%C - 3 +! +! "" %! %!!! 3 %%!B&'! %0%#2223#-/!B'2! #2!#222: 53

INTERVENTI EDILIZI CONSEGUENTI AL SISMA IVA

INTERVENTI EDILIZI CONSEGUENTI AL SISMA IVA INTERVENTI EDILIZI CONSEGUENTI AL SISMA IVA QUALIFICAZIONE GIURIDICA DEGLI INTERVENTI Art.31 L.457/1978 Allegato L.R. 31/2002 IDENTIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI Titolo abilitativo Dichiarazione sostitutiva

Dettagli

Servizio di documentazione tributaria

Servizio di documentazione tributaria Titolo del provvedimento: Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia. (Testo A). (N.D.R.: Il termine di entrata in vigore del presente testo unico e' stato prorogato

Dettagli

Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire

Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire Interventi edilizi e titoli abilitativi, in questo articolo analizziamo le definizioni di CIL,

Dettagli

ART. 18 RESTAURO E RISANAMENTO CONSERVATIVO

ART. 18 RESTAURO E RISANAMENTO CONSERVATIVO ART. 18 RESTAURO E RISANAMENTO CONSERVATIVO * Definiscono gli interventi rivolti a conservare l'organismo edilizio e ad assicurarne la funzionalità mediante un insieme sistematico di opere che nel rispetto

Dettagli

PROCEDURE EDILIZIE: INTERVENTI EDILIZI RIFERIMENTI NORMATIVI dicembre 2011 art. 10 comma 1 DPR 380/01 art. 10 c.1 DPR 380/01

PROCEDURE EDILIZIE: INTERVENTI EDILIZI RIFERIMENTI NORMATIVI dicembre 2011 art. 10 comma 1 DPR 380/01 art. 10 c.1 DPR 380/01 PdC PROCEDURE EDILIZIE: INTERVENTI EDILIZI RIFERIMENTI NORMATIVI dicembre 2011 art. 10 comma 1 DPR 380/01 art. 10 c.1 DPR 380/01 art. 3 comma 1 lett. e) DPR 380/01 [art.27 lett. e) LR 12/05] a) gli interventi

Dettagli

TIPOLOGIA INTERVENTO TITOLO ABILITATIVO RIFERIMENTO NORMATIVO DESCRIZIONE INTERVENTO COSTI. D.P.R. 380/01 art. 6 modificato dall'art. 5 L.

TIPOLOGIA INTERVENTO TITOLO ABILITATIVO RIFERIMENTO NORMATIVO DESCRIZIONE INTERVENTO COSTI. D.P.R. 380/01 art. 6 modificato dall'art. 5 L. TIPOLOGIA INTERVENTO TITOLO ABILITATIVO RIFERIMENTO NORMATIVO DESCRIZIONE INTERVENTO COSTI ordinaria manutenzione D.P.R. 380/01 art. 6 e L.R. 12/05 art. 27 gli interventi edilizi che riguardano le opere

Dettagli

COME SCEGLIERE LA PROCEDURA EDILIZIA CORRETTA

COME SCEGLIERE LA PROCEDURA EDILIZIA CORRETTA COME SCEGLIERE LA PROCEDURA EDILIZIA CORRETTA Per facilitare l'individuazione del procedimento più appropriato si forniscono di seguito alcune indicazioni di carattere generale, sottolineando che con l'entrata

Dettagli

LE PROCEDURE EDILIZIE E LA DISCIPLINA DEI TITOLI ABILITATIVI. Analisi di alcuni casi pratici

LE PROCEDURE EDILIZIE E LA DISCIPLINA DEI TITOLI ABILITATIVI. Analisi di alcuni casi pratici LE PROCEDURE EDILIZIE E LA DISCIPLINA DEI TITOLI ABILITATIVI. Analisi di alcuni casi pratici Relatori: Arch. Alberto Biraghi, responsabile del settore tecnico del Comune di Albiate Avv. Marco Locati, libero

Dettagli

D.L. 21/06/2013 n 69 Decreto del fare convertito in legge dalla L. 09/08/2013 n 98

D.L. 21/06/2013 n 69 Decreto del fare convertito in legge dalla L. 09/08/2013 n 98 D.L. 21/06/2013 n 69 Decreto del fare convertito in legge dalla L. 09/08/2013 n 98 a) «interventi di manutenzione ordinaria», gli interventi edilizi che riguardano le opere di riparazione, rinnovamento

Dettagli

Alma Mater Studiorum - Università di Bologna

Alma Mater Studiorum - Università di Bologna Alma Mater Studiorum - Università di Bologna REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE IN ECONOMIA DEI LAVORI DI COMPETENZA DELL UFFICIO TECNICO (BOLOGNA E POLI SCIENTIFICI DIDATTICI ROMAGNOLI) INDICE GENERALE Articolo

Dettagli

TESTO UNICO DELL EDILIZIA

TESTO UNICO DELL EDILIZIA TESTO UNICO DELL EDILIZIA di cui al D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia (G.U. n. 245 del 20 ottobre 2001- supplemento ordinario n.

Dettagli

COMUNICAZIONE DI ATTIVITA EDILIZIA LIBERA D.P.R. 380/2001 e s.m.i., art. 6 comma 2

COMUNICAZIONE DI ATTIVITA EDILIZIA LIBERA D.P.R. 380/2001 e s.m.i., art. 6 comma 2 Mod. A.E.L.2 pratica n. Al Comune di TICINETO Servizio Edilizia COMUNICAZIONE DI ATTIVITA EDILIZIA LIBERA D.P.R. 380/2001 e s.m.i., art. 6 comma 2 Il sottoscritto residente a via n. telefono in qualità

Dettagli

ALLEGATO A - IL REGIME DELLE AUTORIZZAZIONI -

ALLEGATO A - IL REGIME DELLE AUTORIZZAZIONI - ALLEGATO A - IL REGIME DELLE AUTORIZZAZIONI - Intervento Manutenzione ordinaria (articolo 6, comma 1, lettera a: articolo 3, comma 1, lettera a) Libero Titolo Eliminazione di barriere architettoniche che

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA PER RIDUZIONE DELLA BASE IMPONIBILE IMU AL 50% PER INAGIBILITA O INABITABILITA ED EFFETTIVO NON UTILIZZO

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA PER RIDUZIONE DELLA BASE IMPONIBILE IMU AL 50% PER INAGIBILITA O INABITABILITA ED EFFETTIVO NON UTILIZZO PROTOCOLLO N Data Al Comune di OTRANTO Settore Tributi Via Basilica n. 10 73028 OTRANTO (LE) PEC: segreteria.comune.otranto@pec.rupar.puglia.it DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA PER RIDUZIONE DELLA BASE IMPONIBILE

Dettagli

Attività edilizia libera. Attività soggette a comunicazione

Attività edilizia libera. Attività soggette a comunicazione REGIMI PROCEDURALI A CUI È SOGGETTA L ATTIVITÀ EDILIZIA IN SICILIA APPENDICE NORMATIVA Attività edilizia libera (Art. 6 L.R. 37/85) Per la realizzazione degli interventi edilizi rientranti nel "regime

Dettagli

S P A Z I O R I S E R V A T O A G L I U F F I C I C O M U N A L I

S P A Z I O R I S E R V A T O A G L I U F F I C I C O M U N A L I S P A Z I O R I S E R V A T O A G L I U F F I C I C O M U N A L I AL COMUNE DI T O R T O N A S P O R T E L L O U N I C O P E R L E D I L I Z I A C O M U N I C A Z I O N E D I A T T I V I T A D I E D I

Dettagli

Manutenzione ordinaria

Manutenzione ordinaria Manutenzione ordinaria Allarme (impianto) Androne Antenna Balconi Caldaia Caloriferi condizionatori Cancelli esterni Canna fumaria Cantine e Riparazione senza innovazioni o con sostituzione di alcuni elementi

Dettagli

enricomilone@hotmail.com Manarch nov.2013

enricomilone@hotmail.com Manarch nov.2013 enricomilone@hotmail.com Manarch nov.2013 CIL CILA SCIA PdC TIPI DI LAVORI EDILIZI La esecuzioni di lavori in edilizia è regolata da leggi e regolamenti. I lavori di nuova costruzione sono generalmente

Dettagli

tabella A 640 per le destinazioni residenziali e in 275 per quelle non residenziali. mediamente tabella B fabbricati collabenti

tabella A 640 per le destinazioni residenziali e in 275 per quelle non residenziali. mediamente tabella B fabbricati collabenti AGGIORNAMENTO DEI CRITERI DI STIMA DEL VALORE COMMERCIALE DELLE AREE FABBRICABILI DEL TERRITORIO COMUNALE AI FINI DELLA DETERMINAZIONE DELL IMU PER L ANNO 2013 E PRINCIPI PER L ACCERTAMENTO ANNI PRECEDENTI

Dettagli

Attività edilizie e titoli abilitativi

Attività edilizie e titoli abilitativi Attività edilizie e titoli abilitativi quando, dove e come rr 27 luglio 2012 rev 1.01 Attività edilizia libera interventi edilizi per i quali non è richiesto alcun titolo abilitativo, né è prevista alcuna

Dettagli

[STANDARD RESIDENZIALI] Circolare n. 425 del Ministero dei Lavori Pubblici del 20 01 1967 art. 6. Aspetti qualitativi. Barriere architettoniche.

[STANDARD RESIDENZIALI] Circolare n. 425 del Ministero dei Lavori Pubblici del 20 01 1967 art. 6. Aspetti qualitativi. Barriere architettoniche. Barrier free design [STANDARD RESIDENZIALI] Circolare n. 425 del Ministero dei Lavori Pubblici del 20 01 1967 art. 6. Aspetti qualitativi. Barriere architettoniche. [EDIFICI SOCIALI] Circolare del Ministero

Dettagli

SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA

SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA COMUNE DI MONTESE Provincia di Modena Via Panoramica, 60-41055 Montese Sportello Unico Tel. 059 971112 fax 059 971125 C.F. 00273460360 SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA Da presentare entro 15 giorni dalla Comunicazione

Dettagli

Piano Regolatore Generale 2003

Piano Regolatore Generale 2003 Piano Regolatore Generale 2003 Regolamento Urbanistico COMUNEDI AREZZO Assessorato Urbanistica, Edilizia, CentroStorico Direzione Servizi per il Territorio Ufficio Pianificazione Urbanistica Illustrazionedel

Dettagli

Fiscal News N. 168. Manutenzione immobili e aliquota IVA agevolata. La circolare di aggiornamento professionale 18.06.2014

Fiscal News N. 168. Manutenzione immobili e aliquota IVA agevolata. La circolare di aggiornamento professionale 18.06.2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 168 18.06.2014 Manutenzione immobili e aliquota IVA agevolata Categoria: IVA Sottocategoria: Aliquota applicabile Nell ambito degli interventi

Dettagli

Fiscal News N. 105. Aliquota IVA 10% e beni significativi. La circolare di aggiornamento professionale 26.03.2015 R.M. 25/E/2015

Fiscal News N. 105. Aliquota IVA 10% e beni significativi. La circolare di aggiornamento professionale 26.03.2015 R.M. 25/E/2015 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 105 26.03.2015 Aliquota IVA 10% e beni significativi R.M. 25/E/2015 Categoria: IVA Sottocategoria: Aliquote applicabili Nell ambito degli interventi

Dettagli

SETTORE TECNICO URBANISTICO. UFFICIO EDILIZIA ed URBANISTICA OGGETTO:

SETTORE TECNICO URBANISTICO. UFFICIO EDILIZIA ed URBANISTICA OGGETTO: COMUNE DI ISOLA D'ASTI Provincia di Asti P.zza Merlino, 1 - C.a.p. 14057 - Tel. 0141-958134 Fax 0141-958866 sito internet: www.comune.isoladasti.at.it - e-mail: urbanistica@comuneisoladasti.it p.e.c.:

Dettagli

COMUNE di CERRO AL LAMBRO Provincia di Milano UFFICIO TECNICO

COMUNE di CERRO AL LAMBRO Provincia di Milano UFFICIO TECNICO COMUNE di CERRO AL LAMBRO Provincia di Milano UFFICIO TECNICO PRATICA EDILIZIA N. AL RESPONSABILE DELL UFFICIO TECNICO DEL COMUNE DI CERRO AL LAMBRO Piazza Roma, 11 20070 Cerro al Lambro (MI) DENUNCIA

Dettagli

PIANO REGOLATORE GENERALE

PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNE DI COTIGNOLA PIANO REGOLATORE GENERALE DISCIPLINA PARTICOLAREGGIATA DELLA ZONA STORICA Norme di Attuazione DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N.24 DEL 20 MAGGIO 2003 DI CONTRODEDUZIONE ALLE OSSERVAZIONI

Dettagli

TIMBRO PROTOCOLLO N. PRATICA

TIMBRO PROTOCOLLO N. PRATICA TIMBRO PROTOCOLLO BOLLO COMUNE DI RIVIGNANO N. PRATICA Nominativo del dichiarante (1)...... SI n altri titolari oltre al presente dichiarante NO... (in caso di più dichiaranti, compilare una scheda anagrafica

Dettagli

COMUNE DI SANTA MARIA NUOVA Provincia di Ancona. Il Responsabile dell Area Gestione del Territorio Geom. Donato Carbonari

COMUNE DI SANTA MARIA NUOVA Provincia di Ancona. Il Responsabile dell Area Gestione del Territorio Geom. Donato Carbonari COMUNE DI SANTA MARIA NUOVA Provincia di Ancona Il Responsabile dell Area Gestione del Territorio Geom. Donato Carbonari Il Sindaco Santicchia Angelo Il Segretario Comunale Dott. Bonetti Angelo Approvato

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA : RELAZIONE ASSEVERATA

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA : RELAZIONE ASSEVERATA COMUNE DI FOIANO DI VAL FORTORE Provincia di Benevento SPORTELLO UNICO EDILIZIA Via Nazionale SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA : RELAZIONE ASSEVERATA Il sottoscritto TECNICO PROGETTISTA: codice

Dettagli

COMUNE DI OLBIA ELABORATO: TAVOLA All. B. Norm e di Attu a zion e APPROVAZIONI. PROGETTIS TA In g. Da n ilo Ma n zottu S CALA

COMUNE DI OLBIA ELABORATO: TAVOLA All. B. Norm e di Attu a zion e APPROVAZIONI. PROGETTIS TA In g. Da n ilo Ma n zottu S CALA COMUNE DI OLBIA Provin cia di Olbia - Te m pio OGGETTO: PROGETTO DI VARIANTE NON S OS TANZIALE AL COMPARTO DI ZONA AH OS PEDALIERA S ITA IN COMUNE DI OLBIA, LOCALITA' TANNAULE. ELABORATO: Norm e di Attu

Dettagli

Schema per il Calcolo del Contributo di Costruzione

Schema per il Calcolo del Contributo di Costruzione Schema per il Calcolo del Contributo di Costruzione Suddivisione contributi Oneri di Urbanizzazione U1 - Primaria U2 - Secondaria D - Trattamento e Smaltimento rifiuti (solo per destinazioni produttive)

Dettagli

COMUNE DI RIO NELL'ELBA (Prov. di Livorno) Via G.Garibaldi, 38 57039

COMUNE DI RIO NELL'ELBA (Prov. di Livorno) Via G.Garibaldi, 38 57039 tel. 0565-943411 fax.0565-943021 COMUNE DI RIO NELL'ELBA (Prov. di Livorno) Via G.Garibaldi, 38 57039 C.F.:82001450491 SETTORE-EDILIZIA E URBANISTICA U.O. - EDILIZIA PRIVATA DOCUMENTAZIONE NECESSARIA DA

Dettagli

Firenze, 12 dicembre 2013 Sala Blu Il Fuligno LE CASISTICHE D INTERVENTO E LE DIFFICOLTÀ DI APPLICAZIONE DELLA NORMATIVA A CURA DI SOLANGE SAURO

Firenze, 12 dicembre 2013 Sala Blu Il Fuligno LE CASISTICHE D INTERVENTO E LE DIFFICOLTÀ DI APPLICAZIONE DELLA NORMATIVA A CURA DI SOLANGE SAURO INTONACOMUNI Firenze, 12 dicembre 2013 Sala Blu Il Fuligno LE CASISTICHE D INTERVENTO E LE DIFFICOLTÀ DI APPLICAZIONE DELLA NORMATIVA A CURA DI SOLANGE SAURO Ordine Architetti Pianificatori Paesaggisti

Dettagli

PRATICA n. DATA : COGNOME O DENOMINAZIONE NOME CODICE FISCALE / PARTITA IVA. Residenza Anagrafica. COMUNE Provincia FRAZIONE C.A.P. VIA / PIAZZA N.c.

PRATICA n. DATA : COGNOME O DENOMINAZIONE NOME CODICE FISCALE / PARTITA IVA. Residenza Anagrafica. COMUNE Provincia FRAZIONE C.A.P. VIA / PIAZZA N.c. Al Signor SINDACO del COMUNE DI LARI Provincia di Pisa Servizio Tecnico U.O. Assetto del Territorio Edilizia Privata Piazza Vittorio Emanuele II, 2 56035 Lari (Pisa) PARTE RISERVATA UFFICIO PROTOCOLLO

Dettagli

TABELLA SINOTTICA DELLA DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI EDILIZI

TABELLA SINOTTICA DELLA DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI EDILIZI TABELLA SINOTTICA DELLA DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI EDILIZI PREMESSA: Entrata in vigore della nuova disciplina degli interventi edilizi prevista dalla L.R. n. 15 del 2013 La disciplina degli interventi

Dettagli

Le semplificazioni e i procedimenti introdotti. dal decreto del fare in edilizia

Le semplificazioni e i procedimenti introdotti. dal decreto del fare in edilizia SAMANTA RICCO LUCA GRASSI mercoledì, martedì, 23 18 settembre 2014 2013 Le semplificazioni e i procedimenti introdotti Giornata del Decreto del fare dal decreto del fare in edilizia DISPOSIZIONI IN MATERIA

Dettagli

COMUNE DI CELLINO SAN MARCO

COMUNE DI CELLINO SAN MARCO COMUNE DI CELLINO SAN MARCO Provincia di Brindisi REGOLAMENTO COMUNALE DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO RELATIVO AI PERMESSI DI COSTRUIRE E ALLE DENUNCE DI INIZIO ATTIVITA, NONCHE ALLE SANATORIE EX LEGGE

Dettagli

Barriere Architettoniche

Barriere Architettoniche Segnalazioni Settore Attività amministrative e finanziarie per il Governo del territorio febbraio 2010 Barriere Architettoniche (30 settembre 2009) Barriere architettoniche negli edifici privati Abbattimento

Dettagli

Comune di Trissino Provincia di Vicenza

Comune di Trissino Provincia di Vicenza Comune di Trissino Provincia di Vicenza MODULISTICA ONLINE 2014 www.comune.trissino.vi.it servizi tecnici pianificazione e sviluppo del territorio edilizia privata Definizione dei TIPI di INTERVENTO aggiornato

Dettagli

VADEMECUM PER L APPLICAZIONE DELLE DIVERSE PROCEDURE EDILIZIE SEMPLIFICATE, IN FUNZIONE DEL TIPO DI INTERVENTO PREVISTO

VADEMECUM PER L APPLICAZIONE DELLE DIVERSE PROCEDURE EDILIZIE SEMPLIFICATE, IN FUNZIONE DEL TIPO DI INTERVENTO PREVISTO COMUNE DI PIADENA Provincia di Cremona Sede Municipale: Piazza Garibaldi n. 3 - Tel. 0375.98125 - Fax n. 0375.98733 VADEMECUM PER L APPLICAZIONE DELLE DIVERSE PROCEDURE EDILIZIE SEMPLIFICATE, IN FUNZIONE

Dettagli

DOMANDA DI RILASCIO DEL CERTIFICATO DI CONFORMITA EDILIZIA E AGIBILITA

DOMANDA DI RILASCIO DEL CERTIFICATO DI CONFORMITA EDILIZIA E AGIBILITA Timbro protocollo Bollo Comune di Crespellano Provincia di Bologna Al Responsabile dello Sportello Unico per l Edilizia DOMANDA DI RILASCIO DEL CERTIFICATO DI CONFORMITA EDILIZIA E AGIBILITA Ai sensi della

Dettagli

(Provincia di Ancona) REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

(Provincia di Ancona) REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE Comune di Sirolo (Provincia di Ancona) REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE (Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 42 del 29.11.2010) CAPO I GENERALITA Art. 1 - Oggetto

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DI ASSEVERAZIONE (artt. 24 e 26, L.R. 11 novembre 2009, n. 19)

RELAZIONE TECNICA DI ASSEVERAZIONE (artt. 24 e 26, L.R. 11 novembre 2009, n. 19) Allegato 4 al decreto n. 949/2015 ex art. 3 Regolamento di attuazione LR 19/2009 SCHEDA 4 - ASSEVERAZIONI Ufficio Tecnico Comunale Sportello Unico Edilizia AL COMUNE DI SAN DANIELE DEL FRIULI Sportello

Dettagli

San Martino Buon Albergo 5HJRODPHQWR(GLOL]LR

San Martino Buon Albergo 5HJRODPHQWR(GLOL]LR 7,72/2,,,ƒ '(),1,=,21, $UW±'HILQL]LRQHGLHOHPHQWLXUEDQLVWLFRHGLOL]L 1. 6XSHUILFLH7HUULWRULDOH: è la superficie di territorio comprendente la superficie fondiaria e le aree per l'urbanizzazione primaria

Dettagli

Facoltà di Architettura

Facoltà di Architettura BOZZA DI LAVORO Facoltà di Architettura C.d.L. Magistrale in Architettura (Restauro) Esercizio professionale a.a. 2013/2014 parte 13 Arch. Armando Bueno Pernica arm.bueno@gmail.com studiobueno.jimdo.com

Dettagli

Prontuario inerente la determinazione del contributo di costruzione

Prontuario inerente la determinazione del contributo di costruzione Prontuario inerente la determinazione del contributo di costruzione GENERALITA 1. Fatti salvi i casi di riduzione o esonero di cui all'articolo successivo del presente manuale, il proprietario dell immobile

Dettagli

DOMANDA DI RILASCIO DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA (articoli 24 e 25 del d.p.r. n. 380 del 2001; articoli 3.1.7 e 3.1.8 del R. L. I.

DOMANDA DI RILASCIO DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA (articoli 24 e 25 del d.p.r. n. 380 del 2001; articoli 3.1.7 e 3.1.8 del R. L. I. Comune di Agnadello Provincia di Cremona Area Tecnica Sportello Unico edilizia Responsabile del procedimento: P.G. Marca da bollo da euro 14,62 DOMANDA DI RILASCIO DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA (articoli

Dettagli

QUESITO ALIQUOTA IVA SU RISTRUTTURAZIONE PRIMA CASA

QUESITO ALIQUOTA IVA SU RISTRUTTURAZIONE PRIMA CASA QUESITO ALIQUOTA IVA SU RISTRUTTURAZIONE PRIMA CASA ATTENZIONE: la risposta ai quesiti è stata formulata attenendosi alle leggi vigenti all' epoca della richiesta. Pertanto si consiglia di verificare se

Dettagli

22.06.2011 Risposte ad ulteriori quesiti posti :

22.06.2011 Risposte ad ulteriori quesiti posti : 22.06.2011 Risposte ad ulteriori quesiti posti : - le tavole della proposta progettuale dovranno essere possibilmente su supporto cartaceo normale; - la relazione di fattibilità economica ed il preventivo

Dettagli

MODELLO PER IL CALCOLO DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

MODELLO PER IL CALCOLO DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE CITTÀ DI FOLIGNO AREA GOVERNO DEL TERRITORIO E BENI CULTURALI Servizio Sportello Unico Edilizia Servizio Edilizia Via dei Molini, 20/a Corso Cavour, 89 MODELLO PER IL CALCOLO DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia TESTO PRESENTATO DALLA GIUNTA REGIONALE INDICE. Capo I Disposizioni generali

Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia TESTO PRESENTATO DALLA GIUNTA REGIONALE INDICE. Capo I Disposizioni generali I TESTO PRESENTATO DALLA GIUNTA REGIONALE INDICE Capo I Disposizioni generali Art. 1 - (Finalità e oggetto) Art. 2 - (Regolamento di attuazione) Art. 3 - (Definizioni dei parametri edilizi) Art. 4 - (Definizioni

Dettagli

Regolamento Urbanistico Edilizio Comunale

Regolamento Urbanistico Edilizio Comunale PROVINCIA DI NAPOLI Regolamento Urbanistico Edilizio Comunale (ai sensi dell art. 28 della Legge Regionale 16/2004) COLOPHON: Redazione: UTC di Sorrento: il Dirigente ing. Guido Imperato Consulenza: con

Dettagli

PRONTUARIO DEI TITOLI EDILIZI

PRONTUARIO DEI TITOLI EDILIZI PRONTUARIO DEI TITOLI EDILIZI (aggiornato al 21/07/2013) Di seguito la tabella, non esaustiva, degli interventi edilizi e dei relativi titoli abilitativi necessari. LEGENDA: CIL : Attività Edilizia Libera

Dettagli

COMUNE DI MUSSOLENTE Provincia di Vicenza Ufficio Tecnico

COMUNE DI MUSSOLENTE Provincia di Vicenza Ufficio Tecnico COMUNE DI MUSSOLENTE Provincia di Vicenza Ufficio Tecnico Piazza della Vittoria n. 1 36065 MUSSOLENTE Tel. 0424578423 Fax. 0424878134 P.I. 00262470248 ufficio.tecnico@comune.mussolente.vi.it MARCA DA BOLLO

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

ISTRUZIONI PER LA DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE ISTRUZIONI PER LA DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE Il presente fascicolo ha lo scopo di dettare dei criteri applicativi generali, sulla base delle disposizioni di cui agli art.81 88 e 110-112

Dettagli

PRIME INDICAZIONI OPERATIVE SULL'APPLICABILITA' DELLA SCIA NEL COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO PER L'ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI EDILIZI

PRIME INDICAZIONI OPERATIVE SULL'APPLICABILITA' DELLA SCIA NEL COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO PER L'ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI EDILIZI PRIME INDICAZIONI OPERATIVE SULL'APPLICABILITA' DELLA SCIA NEL COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO PER L'ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI EDILIZI Con l'approvazione del DL 70/2011 entrato in vigore il 14 maggio 2011

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Estratto degli articoli oggetto di modifica

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Estratto degli articoli oggetto di modifica PIANO OPERATIVO COMUNALE Adottato con Delibera di C.C. N. 22 del 15 marzo 2011 Approvato con Delibera di C.C. N. 78 del 27 settembre 2012 COMUNE DI BERTINORO PROVINCIA DI FORLI -CESENA NORME TECNICHE DI

Dettagli

RELAZIONE ASSEVERATA DEL PROGETTISTA resa ai sensi dell articolo 26, comma 1, della Legge Regionale 11.11.2009, n 19 Codice Regionale dell Edilizia

RELAZIONE ASSEVERATA DEL PROGETTISTA resa ai sensi dell articolo 26, comma 1, della Legge Regionale 11.11.2009, n 19 Codice Regionale dell Edilizia RELAZIONE ASSEVERATA DEL PROGETTISTA resa ai sensi dell articolo 26, comma 1, della Legge Regionale 11.11.2009, n 19 Codice Regionale dell Edilizia Il sottoscritto cognome e nome nato/a a provincia il

Dettagli

P.R.G. DI URBINO 1994 TERZA PARTE LINEE NORMATIVE 201.III.A5

P.R.G. DI URBINO 1994 TERZA PARTE LINEE NORMATIVE 201.III.A5 P.R.G. DI URBINO 1994 TERZA PARTE LINEE NORMATIVE 201.III.A5 Norme Tecniche di Attuazione ALLEGATO 4: Centro storico 1 L allegato 4 è costituito dalle presenti norme e dagli elaborati grafici di seguito

Dettagli

Definizioni urbanistico edilizie inserite nella DAL 279/2010 come modificata dalla Delibera G.R. n 994 del 7 luglio 2014

Definizioni urbanistico edilizie inserite nella DAL 279/2010 come modificata dalla Delibera G.R. n 994 del 7 luglio 2014 Definizioni urbanistico edilizie inserite nella DAL 279/2010 come modificata dalla Delibera G.R. n 994 del 7 luglio 2014 DAL n 279/2010 Il 28 gennaio 2014 sono entrate in vigore le Definizioni tecniche

Dettagli

PRONTUARIO DEI TITOLI EDILIZI (aggiornato al 23 novembre 2014)

PRONTUARIO DEI TITOLI EDILIZI (aggiornato al 23 novembre 2014) PRONTUARIO DEI TITOLI EDILIZI (aggiornato al 23 novembre 2014) LEGENDA: AEL : Attività Edilizia Libera CIL : Comunicazione Inizio Lavori CILA : Comunicazione Inizio Lavori Asseverata SCIA : Segnalazione

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE PER GLI INTERVENTI DI EDILIZIA RESIDENZIALE

DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE PER GLI INTERVENTI DI EDILIZIA RESIDENZIALE DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE PER GLI INTERVENTI DI EDILIZIA RESIDENZIALE Definizione del contributo di costruzione: Si definisce contributo di costruzione l importo dovuto all amministrazione

Dettagli

VOLUMI E SUPERFICI IN EDILIZIA Tratto da D. Borri, Lessico Urbanistico, Ed. Dedalo, BARI

VOLUMI E SUPERFICI IN EDILIZIA Tratto da D. Borri, Lessico Urbanistico, Ed. Dedalo, BARI VOLUMI E SUPERFICI IN EDILIZIA Tratto da D. Borri, Lessico Urbanistico, Ed. Dedalo, BARI RICHIAMI DI TECNICA URBANISTICA SUPERFICIE URBANA Insieme delle superfici occupate da costruzioni ed attrezzature,

Dettagli

Barriere Architettoniche

Barriere Architettoniche Segnalazioni Settore Attività amministrative e finanziarie per il Governo del territorio ottobre 2009 Barriere Architettoniche (da I QUADERNI Consulente IMMOBILIARE, Suppl. al n. 845 del 30 settembre 2009)

Dettagli

COMUNE DI LORENZANA Provincia di Pisa. SETTORE 2 GESTIONE del TERRITORIO, ATTIVITA PRODUTTIVE, POLIZIA MUNICIPALE www.comune.lorenzana.pi.

COMUNE DI LORENZANA Provincia di Pisa. SETTORE 2 GESTIONE del TERRITORIO, ATTIVITA PRODUTTIVE, POLIZIA MUNICIPALE www.comune.lorenzana.pi. COMUNE DI LORENZANA Provincia di Pisa SETTORE 2 GESTIONE del TERRITORIO, ATTIVITA PRODUTTIVE, POLIZIA MUNICIPALE www.comune.lorenzana.pi.it REGOLAMENTO E TABELLE PARAMETRICHE DI CALCOLO PER LA DETERMINAZIONE

Dettagli

SETTORE URBANISTICA, EDILIZIA PRIVATA E SPORTELLO UNICO PER LE IMPRESE ABBATTIMENTO ALBERI

SETTORE URBANISTICA, EDILIZIA PRIVATA E SPORTELLO UNICO PER LE IMPRESE ABBATTIMENTO ALBERI SETTORE URBANISTICA, EDILIZIA PRIVATA E SPORTELLO UNICO PER LE IMPRESE ABBATTIMENTO ALBERI Deve essere presentata comunicazione relativa all abbattimento degli alberi. Solo nel caso in cui le piante interessate

Dettagli

NORMATIVA e PROCEDURE per INTERVENTI EDILIZI

NORMATIVA e PROCEDURE per INTERVENTI EDILIZI NORMATIVA e PROCEDURE per INTERVENTI EDILIZI Normativa di riferimento Attività libera e Comunicazione Inizio Attività Legge n. 73 del 22 maggio 2010 che riscrive l art. 6 del DPR 380/2001 Comunicazione

Dettagli

REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE

REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE COMUNE DI MONTIGNOSO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE Variante artt. 26 47 62 63 Progettisti: Arch. Stefano Francesconi Geom. Giovanni Antonio Del Freo Testo Eliminato = Evidenziato

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO ARTICOLO 2 DEFINIZIONI

ATTO DI INDIRIZZO ARTICOLO 2 DEFINIZIONI ATTO DI INDIRIZZO PER I PROCEDIMENTI DI COMPETENZA COMUNALE DEFINITI DAGLI ARTICOLI 4, 5, 6 bis, 7, 8, 9 E 11 bis DELLA LEGGE REGIONALE 28 DICEMBRE 2009 N. 19 Misure urgenti per il rilancio economico,

Dettagli

COMUNE DI SPEZZANO ALBANESE PROVINCIA DI COSENZA

COMUNE DI SPEZZANO ALBANESE PROVINCIA DI COSENZA COMUNE DI SPEZZANO ALBANESE PROVINCIA DI COSENZA DETERMINAZIONE SETTORE : 3 N 241 del Reg. Sett Data 19/11/2004 AREA TECNICO - MANUTENTIVA N 1501 del Reg. Gen. Al Responsabile Settore FINANZIARIO Al Segretario

Dettagli

DICHIARAZIONE ASSEVERATA

DICHIARAZIONE ASSEVERATA III SETTORE - USO ED ASSETTO DEL TERRITORIO Servizio Territorio Urbanistica e Ambiente STD 10.09.03 (agg. 03/2014) DICHIARAZIONE ASSEVERATA DA ALLEGARE ALLA COMUNICAZIONE DI FINE LAVORI E DOMANDA DI CERTIFICATO

Dettagli

COMUNE DI CITTADELLA PROVINCIA DI PADOVA

COMUNE DI CITTADELLA PROVINCIA DI PADOVA COMUNE DI CITTADELLA PROVINCIA DI PADOVA Palazzo Mantegna Via Indipendenza, 41 35013 Cittadella (PD) P.I 00731540282 C.F. 81000370288 Tel. 049-9413411 Fax 049-9413419 4 SETTORE EDILIZIA PRIVATA ED URBANISTICA

Dettagli

Art. 101 Volume dell'edificio

Art. 101 Volume dell'edificio Comune di Padova Settore Edilizia Privata Settore Pianificazione Urbanistica Piano Regolatore Generale Nuovo Regolamento Edilizio Comunale Approvato con Deliberazione del C.C. n. 41 del 05/06/2006 In vigore

Dettagli

Aral 83 S.r.l. Consulenze e servizi

Aral 83 S.r.l. Consulenze e servizi Informativa per la clientela studio Aral Ai gentili Clienti OGGETTO: Decreto sblocca Italia: stop alla DIA Gentile Cliente, con il Decreto Legge Sblocca Italia gli interventi di ristrutturazione in casa

Dettagli

ELENCO DEGLI INTERVENTI DELEGATI ALLE AMMINISTRAZIONI COMUNALI O UNIONI DEI COMUNI

ELENCO DEGLI INTERVENTI DELEGATI ALLE AMMINISTRAZIONI COMUNALI O UNIONI DEI COMUNI Allegato A alla Delibera G.R. n. 13/5 del 28 marzo 2012 ELENCO DEGLI INTERVENTI DELEGATI ALLE AMMINISTRAZIONI COMUNALI O UNIONI DEI COMUNI TABELLA PER ZONE URBANISTICHE Relative ai seguenti procedimenti

Dettagli

CITTÀ DI LISSONE (Provincia di Monza e della Brianza)

CITTÀ DI LISSONE (Provincia di Monza e della Brianza) Prot. 27547 Lissone, 3/6/2016 DISPOSIZIONI IN MERITO ALL ACCESSIBILITÀ DEI DISABILI AI LOCALI O SPAZI IN EDIFICI PRIVATI APERTI AL PUBBLICO PREMESSO che l art. 1, del Decreto del Presidente della Repubblica

Dettagli

SOSTITUTIVA DEL PERMESSO DI COSTRUIRE per interventi di cui alla tabella A (articolo 22 comma 3 D.P.R. n 380 del 2001)

SOSTITUTIVA DEL PERMESSO DI COSTRUIRE per interventi di cui alla tabella A (articolo 22 comma 3 D.P.R. n 380 del 2001) COMUNE di MAGLIANO DE MARSI Provincia di L Aquila Via S. Maria di Loreto n.8 cap 67062 Tel. 0863/516 - FAX 0863/515018 P.I. 001820906 E-Mail info@comune.maglianodemarsi.aq.it Protocollo Generale Al Sig.

Dettagli

DI GUSPINI (VS) - SETTORE URBANISTICA OPERE PUBBLICHE

DI GUSPINI (VS) - SETTORE URBANISTICA OPERE PUBBLICHE AGI COMUNE DI GUSPINI (VS) - SETTORE URBANISTICA OPERE PUBBLICHE MODULO DI RICHIESTA AGIBILITÀ PROTOCOLLO GENERALE Marca da Bollo 16,00 NUMERO PROTOCOLLO AGIBILITÀ ANNO 201 AL SINDACO DEL COMUNE DI GUSPINI

Dettagli

MANUALE SCHEMATICO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA

MANUALE SCHEMATICO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA MANUALE SCHEMATICO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA CONTENUTO: TABELLA TIPI DI INTERVENTO PROCEDURE VINCOLI TABELLA TIPI DI INTERVENTO PROCEDURE PER SANATORIE - SANZIONI ELENCO MODULISTICA DELLO SPORTELLO

Dettagli

Allegato A Interventi liberi Interventi ammissibili con D.I.A. Interventi ammissibili con Permesso di costruire

Allegato A Interventi liberi Interventi ammissibili con D.I.A. Interventi ammissibili con Permesso di costruire Allegato A Interventi liberi Interventi ammissibili con D.I.A. Interventi ammissibili con Interventi Titolo abilitativo Ampliamento di locali - senza aumento della Slp (spostamento di tavolati interni

Dettagli

RECUPERO EDILIZIO DI ABITAZIONI,

RECUPERO EDILIZIO DI ABITAZIONI, RECUPERO EDILIZIO DI ABITAZIONI, su singole unità anche rurali (Detrazioni Irpef 50% fino a 96mila euro di spesa per unità immobiliare, utilizzabili in 10 anni). Misure antisismiche su abitazioni principali

Dettagli

COMUNICAZIONE DI OPERE NON SOGGETTE AD ATTO ABILITATIVO ( art. 6 comma 1 lett. a), b),c),d),e) DPR 380/2001 e s.m.i.)

COMUNICAZIONE DI OPERE NON SOGGETTE AD ATTO ABILITATIVO ( art. 6 comma 1 lett. a), b),c),d),e) DPR 380/2001 e s.m.i.) Prot. COMUNE DI TERNO D ISOLA Provincia di Bergamo Via Casolini, n. 7-24030 Terno d Isola (BG) Tel. 035/49.40.001 - fax 035/90.44.98 www.comune.ternodisola.bg.it tecnico@comune.ternodisola.bg.it PRATICA

Dettagli

- all art. 12 - Zone "A" (Zona territoriale 4 del Put) - 1. Per le zone "A" valgono le disposizioni di cui all'articolo 10.

- all art. 12 - Zone A (Zona territoriale 4 del Put) - 1. Per le zone A valgono le disposizioni di cui all'articolo 10. Premesso: Che l attività urbanistico-edilizia sul territorio comunale è disciplinata, oltre che dalla normativa sovraordinata vigente, dal Piano Regolatore Generale, con relative N.T.A., e dal Regolamento

Dettagli

Il proprietario dell immobile può effettuare l intervento senza effettuare nessuna comunicazione al Comune

Il proprietario dell immobile può effettuare l intervento senza effettuare nessuna comunicazione al Comune Utilizzando la tabella sotto riportata è possibile verificare per ogni singolo intervento quale procedura adottare per procedere all esecuzione dei lavori. Manutenzione Ordinaria Il proprietario dell immobile

Dettagli

Fondamenti di diritto urbanistico L intervento sul patrimonio edilizio esistente: dal testo unico del 2001 alla SCIA

Fondamenti di diritto urbanistico L intervento sul patrimonio edilizio esistente: dal testo unico del 2001 alla SCIA Università di Pisa Facoltà di Ingegneria AA 2014/2015 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE-ARCHITETTURA Luisa Santini TECNICA URBANISTICA I Fondamenti di diritto urbanistico L intervento sul patrimonio

Dettagli

Al Responsabile dello Sportello Unico per l edilizia del Comune di Rovato

Al Responsabile dello Sportello Unico per l edilizia del Comune di Rovato P.G. CAT. VI CL. 03 FASC. 01 DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA (articoli 22 e 23 del d.p.r. n. 380 del 2001) ordinaria per interventi di cui alla successiva tabella B (articolo 22, commi 1 e 2, d.p.r. n. 380

Dettagli

Comune di Segariu (Provincia del Medio Campidano)

Comune di Segariu (Provincia del Medio Campidano) (Provincia del Medio Campidano) Interventi ammessi in assenza di Piano particolareggiato del Centro matrice (zona A) approvato dalla RAS AGOSTO 2012 Progettista Architetto Alan Batzella PREMESSA Nella

Dettagli

La Legge Regionale 20 aprile 2015 n. 17 RIORDINO E SEMPLIFICAZIONE IN MATERIA EDILIZIA

La Legge Regionale 20 aprile 2015 n. 17 RIORDINO E SEMPLIFICAZIONE IN MATERIA EDILIZIA Comune di Jesi Sportello Unico Edilizia Incontro con i professionisti 26 maggio 2015 La Legge Regionale 20 aprile 2015 n. 17 RIORDINO E SEMPLIFICAZIONE IN MATERIA EDILIZIA LEGGE REGIONALE 20 APRILE 2015

Dettagli

ing. Fulvio Bartoli coordinatore del Settore Urbanistica, Edilizia privata e Ambiente del Comune di Imola

ing. Fulvio Bartoli coordinatore del Settore Urbanistica, Edilizia privata e Ambiente del Comune di Imola ing. Fulvio Bartoli ing. Fulvio Bartoli coordinatore del Settore Urbanistica, Edilizia privata e Ambiente del Comune di Imola L attività edilizia libera Il PdC I frazionamenti L Attività Edilizia Libera

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento

Provincia Autonoma di Trento Provincia Autonoma di Trento COMUNE di: REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL CONTRIBUTO DI CONCESSIONE Legge provinciale 5 settembre 1991 n. 22 e s.m. 1 INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione pag. 3 Art.

Dettagli

Costruire o ristrutturare casa

Costruire o ristrutturare casa Costruire o ristrutturare casa Che cos'è utile sapere quando si costruisce o si ristruttura una casa Interventi edilizi I servizi prestati: Regolamento Zone agricole Manutenzione ordinaria: Riparazione

Dettagli

COMUNE DI GALLIO Provincia di Vicenza PIANO REGOLATORE GENERALE VARIANTE PER I CENTRI STORICI DEL CAPOLUOGO E DELLA FRAZIONE DI STOCCAREDDO

COMUNE DI GALLIO Provincia di Vicenza PIANO REGOLATORE GENERALE VARIANTE PER I CENTRI STORICI DEL CAPOLUOGO E DELLA FRAZIONE DI STOCCAREDDO COMUNE DI GALLIO VARIANTE PER I CENTRI STORICI DEL CAPOLUOGO E DELLA FRAZIONE DI STOCCAREDDO SCHEDA DI RILEVAMENTO E DI NORMATIVA N. 182 UNITA DI RILEVAMENTO / CENTRO STORICO del Capoluogo della frazione

Dettagli

Protocollo Allo Sportello Unico per l Edilizia Comune di Bazzano

Protocollo Allo Sportello Unico per l Edilizia Comune di Bazzano Protocollo Allo Sportello Unico per l Edilizia Comune di Bazzano Pratica U.T. Cod. Eco SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA PARTE C) (art. 20 L.R 25/11/2002, n. 31 e art. 104 del R.E.) PER L ASSEVERAZIONE DEI REQUISITI

Dettagli

SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA

SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA Il Servizio Edilizia privata si occupa di atti abilitativi e di controllo sui lavori edili eseguiti da parte di privati ed imprese su tutto il territorio cittadino, suddiviso

Dettagli

REGOLAMENTO EDILIZIO

REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNE DI SENIGALLIA Provincia di Ancona REGOLAMENTO EDILIZIO Codice di Pratica AREA TECNICA TERRITORIO AMBIENTE Dirigente: Ing. Gianni Roccato Progetto originale: Arch. Enrica De Paulis Rielaborazione:

Dettagli