Finanza Locale Monitor. Servizio Studi e Ricerche Settembre 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Finanza Locale Monitor. Servizio Studi e Ricerche Settembre 2014"

Transcript

1 Servizio Studi e Ricerche

2 Fiscalità locale e dinamiche della tassazione dei Comuni 2 Tendenze delle entrate dei Comuni 3 La ricomposizione della struttura delle entrate: meno trasferimenti, più imposte 3 Le principali voci di entrata 5 Un commento alle tendenze in corso 10 Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche Industry and Banking Il debito delle Amministrazioni locali 15 Dinamica del debito locale e centrale 15 Il rispetto del limite di indebitamento 19 Il debito locale distinto per comparti e strumenti 20 Ripartizione territoriale del debito locale 23 Un confronto internazionale 24 L Irap: come ridurla? Quali coperture? Quale finanziamento alternativo per la A cura di: Laura Campanini Hanno collaborato: Marina Barbini Sara Signorini Ref. Ricerche sanità? 26 Le caratteristiche dell Irap 27 Quanto è il gettito dell Irap 28 Le ragioni dell impopolarità e le critiche all Irap 30 La risposta alle critiche 31 L abolizione dell Irap: possibili ipotesi 31 La svalutazione fiscale 34 In conclusione 36 Riferimenti bibliografici 37

3 Fiscalità locale e dinamiche della tassazione dei Comuni La finanza dei Comuni è materia oggetto di ampie trasformazioni. Il cambiamento è legato sia al percorso di aggiustamento dei conti pubblici, realizzato parzialmente negli anni scorsi e in attesa di completamento nei prossimi, sia all evoluzione del rapporto centro-periferia in virtù dell aumento degli spazi di autonomia tributaria concessi agli Enti. Nel corso degli ultimi anni i Comuni hanno evidenziato una ricomposizione della struttura delle entrate a favore di un aumento del peso delle entrate tributarie, che ha compensato la flessione dei trasferimenti. Di fatto i Comuni hanno ricevuto la possibilità di aumentare i tributi a fronte di riduzioni dei trasferimenti, senza però ricevere spazi di discrezionalità nella determinazione delle aliquote. Si può quindi affermare che, a fronte dell aumento del peso delle entrate tributarie sul complesso delle entrate, l autonomia tributaria sia rimasta contenuta. Di fatto, la possibilità di variare le aliquote ha riguardato soprattutto l addizionale Irpef dei Comuni, che ha continuato ad aumentare. Allo stesso tempo, è in corso una revisione delle caratteristiche della tassazione del comparto immobiliare. Oltre ai continui cambiamenti degli ultimi anni (basti ricordare le tensioni politiche del 2013 che hanno portato all abolizione dell IMU sulla prima casa), è di recente approvazione la riforma delle altre imposte del comparto, con l introduzione dell Imposta unica comunale (IUC). Inoltre, è avviata la fase di revisione dei valori catastali, che porterà a nuove variazioni. L IMU ha portato a un significativo inasprimento della tassazione degli immobili. Tale tendenza, al di là della ratio della misura in sé, ha avuto certamente un effetto pro-ciclico sul settore immobiliare. D altra parte, va anche ricordato come le stesse raccomandazioni della Commissione Ue all Italia spingono a modificare la tassazione in modo da favorire i redditi dei fattori produttivi, gravando in misura maggiore sui consumi e sugli immobili. Questo rende possibile l apertura di altre revisioni della struttura delle imposte locali, dato che gli immobili sono tradizionalmente una base imponibile ottimale per la tassazione in ambito locale. Il tema della finanza locale è da diversi anni al centro dell attenzione sia per i numerosi cambiamenti intervenuti nella struttura della tassazione, che per il rilevante contributo che è stato richiesto negli anni scorsi alla finanza locale ai fini di assecondare il risanamento dei conti pubblici. Basti pensare alle continue modifiche registrate negli ultimi due anni dall imposizione comunale sugli immobili, ai vari progetti di riforma, di cui l abolizione delle Province è uno dei passaggi più recenti. E certo quindi che la finanza locale è un work in progress, destinato a registrare nuovi cambiamenti anche in futuro, ed è anche certo che tali cambiamenti avranno conseguenze sui comportamenti e sull andamento dell economia nei diversi territori. In particolare, è probabile che, sulla base dell evoluzione della riorganizzazione degli Enti dopo l abolizione delle Province, i Comuni, soprattutto quelli più grandi, diventeranno ancora più i protagonisti delle politiche in ambito locale. A fronte di tale mutamento di prospettiva, la realtà delle finanze comunali degli ultimi anni rivela una situazione ben più grama, vincolata dalle contingenze della crisi, da limiti sempre più stringenti dal lato delle risorse, e dal pesante contributo fornito dai Comuni al risanamento delle finanze pubbliche italiane. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche 2

4 Tendenze delle entrate dei Comuni Nel corso degli ultimi anni le entrate dei Comuni hanno registrato un andamento molto debole. La discontinuità nell andamento storico di questa variabilee è apprezzabile anche visivamente dal grafico seguente, che descrivee il livello delle entrate complessive espresse a valori correnti. Secondo la contabilità nazionale nel 2012,, ultimo anno disponibile, le entrate complessive dei Comuni si sonoo posizionate su un livello del 4 per cento inferiore al precedente massimo m del Tenendo conto dell andamento della popolazione ed esprimendo i dati al netto dell inflazione, si calcola una riduzione dellee entrate pro-capite reali dell 8 per cento. Tale contrazione è avvenuta in presenza di vincoli stringenti sull evoluzione dei saldi dovuti alle regole del Patto di Stabilità interno, che hanno portato a realizzare nel 2012 un avanzo pari a ben un miliardo e 600 milioni di euro. L effetto congiunto della riduzione dellee entrate e dell obiettivo di miglioramento del saldo si è tradotto in una compressione delle spese del 6.5 per cento nel triennio in termini nominali, ovvero più di 4 miliardi. In termini reali la spesa pro- in un capite si è contratta di oltre il 10 per cento. Se si pensa che tale diminuzione è avvenuta periodo di grave recessione, in cui Comuni hanno dovuto fronteggiare diverse situazioni di ampio disagio sociale, si coglie la dimensione degli sforzi delle autorità locali. Entrate delle Amministrazioni comunali Note: mln di euro. Fonte: elaborazioni REF Ricerche su dati Istat La ricomposizione della struttura delle entrate: meno trasferimenti, più imposte La discontinuità in termini di andamento delle entrate complessive si è anche accostata ad un cambiamento nella rispettiva composizione. Come si osserva dalla tavola seguente, nel corso degli anni si verifica una riduzione dell incidenza deii trasferimenti, accompagnata da un aumento del peso delle entrate cosiddettee extratributarie, oltre che da un rialzo significativo s delle entrate tributarie, soprattutto nel corsoo del Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche 3

5 Struttura semplificata dei conti delle Amministrazioni comunali. Entrate Conti economici nazionali, milioni di euro Entrate tributarie 18,760 20,443 17,627 16,764 16,863 17,990 23,861 Dirette 2,686 3,695 3,905 3,808 3,910 4,664 5,851 Addizionale comunale all'irpef 1,563 2,467 2,922 2,812 2,892 3,217 3,899 Imposta comunale sugli immobili (Ici) - Aree edificabili Imposta municipale unica (IMU) - Aree edificabili Indirette 16,074 16,748 13,722 12,956 12,953 13,326 18,010 ICI 11,441 11,980 9,105 8,895 9,084 9,230 0 IMU ,004 Imposta concess edilizie 3,311 3,427 3,280 2,752 2,530 2,494 2,010 Imposte comunali sulla pubblicità e sulle affissioni Trasferimenti 27,433 25,787 30,439 33,468 30,527 29,211 23,116 Entrate proprie extra-tributarie 15,857 16,532 17,012 17,406 17,640 17,883 17,799 Totale entrate 62,050 62,762 65,078 67,638 65,030 65,084 64,776 Totale entrate correnti 54,226 53,442 56,479 59,169 57,416 58,136 58,266 Totale entrate in conto capitale 7,824 9,320 8,599 8,469 7,614 6,948 6,510 Fonte: elaborazioni REF Ricerche su dati Istat Struttura semplificata dei conti delle Amministrazioni comunali. Entrate Incidenza delle voci principali Entrate tributarie 30,2 32,6 27,1 24,8 25,9 27,6 36,8 Dirette 4,3 5,9 6,0 5,6 6,0 7,2 9,0 Addizionale comunale all'irpef 2,5 3,9 4,5 4,2 4,4 4,9 6,0 Imposta comunale sugli immobili (ICI) - Aree edificabili 1,0 1,2 0,9 0,8 0,9 0,9 0,0 Imposta municipale unica (IMU) - Aree edificabili 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,9 Indirette 25,9 26,7 21,1 19,2 19,9 20,5 27,8 ICI 18,4 19,1 14,0 13,2 14,0 14,2 0,0 IMU 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 23,2 Imposta concess edilizie 5,3 5,5 5,0 4,1 3,9 3,8 3,1 Imposte comunali sulla pubblicità e sulle affissioni 0,7 0,6 0,6 0,6 0,6 0,7 0,7 Trasferimenti 44,2 41,1 46,8 49,5 46,9 44,9 35,7 Entrate proprie extra-tributarie 25,6 26,3 26,1 25,7 27,1 27,5 27,5 Totale entrate 100,0 100,0 100,0 100,0 100,0 100,0 100,0 Fonte: elaborazioni REF Ricerche su dati Istat Dinamica delle entrate (2006=100, valori correnti) Totale entrate correnti Totale entrate in conto capitale Fonte: elaborazioni REF Ricerche su dati Istat L aumento dell incidenza delle entrate tributarie sul totale delle entrate dei Comuni è stato un processo storico complesso, verificatosi in corrispondenza delle modifiche agli spazi di autonomia tributaria, che sono stati concessi agli Enti nel corso del tempo. Peraltro, si è trattato per lo più di spazi concessi a fronte di una riduzione dei trasferimenti, per cui dal punto di vista degli Enti la riduzione dei trasferimenti e l aumento delle entrate tributarie si sono al più Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche 4

6 compensati nel corso del tempo. I cambiamenti nella struttura della finanza comunale si sono difatti verificati contestualmente al più generale processo di aumento della pressione fiscale complessiva. Tuttavia, i tagli ai trasferimemti hanno riguardato anche la componente in conto capitale che non ha poi trovato una adeguata compensazione con altre entrate in conto capitale. Il risultato è, quindi, stato quello di una flessione molto più accentuata per le entrate in conto capitale delle Amministrazioni locali: tra il 2009 e il 2012 la flessione cumulata è stata pari al 23% in termini nominali. Il che significa che i Comuni hanno notevolmente ridotto la propria capacità di spesa per investimenti. Agli Enti decentrati sono state attribuite entrate tributarie sostitutive dei trasferimenti dal centro, e peraltro con spazi molto ristretti di variazione delle aliquote o di cambiamento delle basi imponibili. Tra il 2011 e il 2012 le entrate tributarie registrano una accelerazione del 32% in termini nominali, grazie all introduzione dell Imu, con base imponibile maggiorata e rivalutata rispetto all Ici. Nel contempo, la riduzione dei trasferimenti dal centro alla periferia non ha dato sempre luogo ad analoghe riduzioni di altre imposte raccolte dal centro. Di fatto, quindi, lo spostamento della tassazione dal centro alla periferia è avvenuto senza necessariamente implicare una contrazione delle entrate destinate a finanziare le Amministrazioni centrali. Ne derivano altre due considerazioni. La prima è che ciò che dal punto di vista dell Amministrazione centrale è stato un taglio di spesa (i minori trasferimenti ai Comuni) si è risolto in un aumento delle entrate (raccolte dai Comuni). La seconda è che l aumento della tassazione è avvenuto a livello locale, ma che delle maggiori entrate che ne sono derivate hanno beneficiato i bilanci dell Amministrazione centrale. È come se il costo politico del risanamento sia stato in parte scaricato sulla periferia, e non a caso il contributo dei Comuni al risanamento delle finanze pubbliche di questi anni è stato superiore a quello osservato in altri livelli dell Amministrazione. Le principali voci di entrata L andamento delle diverse voci che compongono le entrate dei Comuni è quindi in buona misura un riflesso delle decisioni operate dal centro, e quindi della sostituzione di trasferimenti dal centro alla periferia, prevalentemente con tributi locali. Le tendenze di ciascuno di essi hanno riflesso quindi soprattutto cambiamenti nella normativa, che possono essere brevemente sintetizzati. L addizionale comunale all Irpef. L unico tributo che negli ultimi anni ha visto attribuire ai Comuni spazi di autonomia tributaria è l addizionale comunale all Irpef. Si tratta di una componente significativa, visto che da essa sono derivati nel 2013 quasi quattro miliardi e mezzo di entrate, ovvero circa un quinto delle entrate tributarie dei Comuni. La crescita degli ultimi anni è integralmente legata all aumento delle aliquote, data la fase di stagnazione delle basi imponibili dell Irpef, ovvero i redditi delle famiglie. A questo proposito, è sufficiente ricordare che il gettito Irpef al netto delle addizionali locali ha presentato addirittura una contrazione a prezzi correnti nel corso degli ultimi tre anni. Il D.L. 138/2011 prevede un aliquota massima dello 0,8%, che può essere adottata da tutti i Comuni senza vincoli all incremento annuale. La dimensione dell aumento registrato dall Irpef dei Comuni dopo lo sblocco delle aliquote è ragguardevole, quasi del 50%. L entità dell incremento è anche dovuta al fatto che questa è una delle poche voci su cui i Comuni avevano la possibilità di variare le aliquote, e per questa ragione hanno utilizzato pressoché completamente gli spazi a loro disposizione. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche 5

7 Nel 2012 un Amministrazione comunale su cinque non ha applicato alcuna addizionale (1.547 Comuni su 8.092). Oltre la metà dei Comuni ha scelto di adottate un aliquota unica, spesso con esenzioni per i redditi più bassi (1.300 Comuni su 4.500). Duemila Enti hanno optato per sistemi progressivi e quindi introdottoo aliquote multiple. Addizionale comunale all'irpef Note: mln di euro. Fonte: elaborazioni REF Ricerche su dati Istat L imposta sulle concessioni edilizie La maggior parte delle imposte degli Enti locali l fa riferimento come base imponibilee al settore immobiliare. Si tratta come noto di uno dei segmenti dell economia che hanno descritto d la maggiore contrazione dell attività nel corso degli ultimi anni. Il gettito dell imposta sulle concessioni edilizie si è quasi dimezzato nel giro di pochi anni, proprio in conseguenza della stagnazione dell attività del settore dell edilizia. Imposta sulle concessioni edilizie Note: mln di euro. Fonte: elaborazioni REF Ricerche su dati Istat: Dall ICI all IMU La tassazione del comparto immobiliare è stata s d altra parte interessataa da ampie modifiche nel corso degli anni passati. Il passaggio più importante è stato rappresentato dall introduzione dell Imposta comunale sugli immobili, che ha sostituito l ICI. Il gettito dell ICI era rimasto stabile sino al 2011, dato che le aliquote erano state portate vicino aii massimi dai Comuni, e non vi erano dunque ulteriori spazi di aumento. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche 6

8 Imposizione sugli immobili - gettito di pertinenza dei Comuni Note: mln di euro. Fonte: elaborazioni REF Ricerche su dati Istat: La situazione ha subito una modifica nel 2012 con il Governo Monti, che ha introdotto l IMU (con aliquota base del 4 per mille sulle prime case e 7.6 per le altre). Nel passaggio da ICI a IMU il gettito complessivo dell IMU ha realizzato una crescita di ben 13 miliardi rispetto all ICI. Il gettito IMU che afferisce ai Comuni (rappresentato nel grafico precedente) è solamente una quota del gettito IMU complessivo. Nel 2012 la normativa prevedeva che allo Stato S fosse assegnato il 50% del gettito provenientee da patrimonio diverso dall abitazione principale, calcolato ad aliquote standard. Il gettito di pertinenza dei Comuni è risultato pari a più di una volta e mezzo ill gettito della vecchia ICI, con un incremento di circa 6 miliardi. Ne è seguito un acceso dibattito che ha poi condotto all abolizione del tributo sulle prime abitazioni nel 2013, sino alla riforma generale della fiscalità sull immobiliare in vigore dal Su questo aspetto occorre puntualizzaree che l abolizione dell IMU sulle primee case ha effettivamente ridotto il gettito complessivoo dell IMU (da 22 miliardi 800 milioni a 199 miliardi e 200 milioni). La riduzione del gettito derivante dall abrogazione IMU sulle prime case è andata però interamente a decurtare la quota di pertinenza dell Amministrazione centrale, e questo spiega perché le entrate dei Comuni non nee abbiano risentito. Nel 2013 peraltro i Comuni, nell incertezza sull evoluzione dell intera tassazione dell immobiliare, hanno cercato di compensare i potenziali mancati introiti aumentando ulteriormente l addizionale comunale all Irpef, che ha quindi protratto il trend crescente in corso da diversi anni, e le aliquote IMU sugli altri immobili. Questo ha quindi comportato un incremento anche delle aliquote sugli immobili strumentali delle imprese, una scelta non del tutto appropriata considerando la fase di estrema difficoltà dell economia. L imposta unica comunale, IUC Nel 2013, con il cambio di Governo, la normativa è stataa oggetto di modifiche in senso ampio, contestualmente all abolizione completa dell IMU sulle prime case. Si è quindi definita una nuova imposta, l Imposta Unica Comunale (IUC)( compostaa di tre parti: l IMU (imposta sugli immobili, che non si applicaa alle prime case); la TASI (imposta per i servizi indivisibili, come l illuminazione pubblica,, la polizia municipale, l arredo urbano); la TARI (relativa alla raccolta e smaltimento dei rifiuti). Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche 7

9 La Tasi, si caratterizza per gravare anche sulle prime case (e quindi consente di recuperare parte del gettito che si è perso attraverso l abrogazione dell IMU sulle prime case) ed è dovuta per una quota variabile, tra il 10 e il 30 per cento, dagli inquilini. Ai fini del gettito complessivo per i Comuni appare quindi utile guardare non solo all evoluzione dell IMU, ma alla somme di IMU e Tasi. In generale, l unico vincolo posto ai Comuni è che la somma di IMU e Tasi non superi le aliquote della vecchia IMU, ed è probabile che tutti Comuni posizioneranno le aliquote in prossimità del massimo loro consentito. Il gettito 2014 di IMU e Tasi dovrebbe pertanto approssimare quello della vecchia IMU 1. Inoltre, il meccanismo delle detrazioni che erano previste per le abitazioni principali nel caso dell IMU non si applica nel caso della Tasi. Non è quindi escluso che nel complesso di IMU e Tasi a perderci possano essere proprio i proprietari di prime case con rendita catastale bassa che di fatto erano esentati dal pagamento della vecchia IMU grazie al meccanismo delle detrazioni 2. Infine, al prelievo IMU-Tasi si aggiunge la Tari che sostituirà la Tares per quanto riguarda il servizio rifiuti. Secondo alcune analisi 3 l intera tassazione dell immobiliare, nel 2014 potrebbe aumentare perché il gettito della Tasi supererà quello della componente Tares per i servizi indivisibili. La Banca d Italia nella relazione annuale ha presentato il risultato di un analisi effettuata per i Comuni capoluogo, dove si evidenzia che il prelievo sulle abitazioni principali nel 2014, fatto di Tari+Tasi, sarebbe di poco superiore al 2013 mantenendo le aliquote ai minimi. Invece, se i Comuni decidessero di spingere ai massimi le aliquote, il prelievo si riporterebbe su valori prossimi al 2012 quando vigeva ancora l IMU prima casa. Altre entrate L aumento delle entrate extra-tributarie dei Comuni rappresentato nelle tavole precedenti, ancorché modesto, è riconducibile all andamento di diverse voci. La contabilità nazionale non classifica la tassa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani e la tassa per l occupazione degli spazi e aree pubbliche fra le imposte in quanto rientrano tra i proventi di tariffe o canoni, che derivano per definizione da pagamenti forniti in contropartita di un servizio, che dovrebbero essere positivamente correlati al volume del servizio stesso, anche se come le imposte sono corrisposti obbligatoriamente alla Pubblica Amministrazione, com è il caso del servizio di smaltimento rifiuti. Uno degli aspetti che hanno caratterizzato le politiche dei Comuni è stato l aumento della pressione sui costi dei servizi al fine di sopperire ai vincoli nelle fonti di finanziamento di tipo istituzionale. Sono quindi aumentate le tariffe degli asili, il contributo per le mese e anche le 1 L aliquota base della Tasi è fissata all 1 per mille, quindi per le abitazioni principali vi è la possibilità che il prelievo sia inferiore rispetto all IMU del In realtà ciò non è scontato in quanto la facoltà per i comuni di variare le aliquote è solo limitata ad un aliquota complessiva del 6 per mille, in linea con la precedente aliquota massima IMU sulle abitazioni principali. Lo stesso vale per le seconde case, che pagheranno IMU e Tasi, e per le quali il vincolo presuppone che la somma delle due aliquote non superi il massimo previsto nel 2012 per l IMU (10,6 per mille). 2 La Tasi, a differenza dell IMU, non prevede detrazioni base che siano uniformi a livello nazionale per le abitazioni principali, e potrebbero quindi darsi effetti redistributivi sfavorevoli verso le abitazioni principali con rendite catastali basse. Per questa ragione un intervento correttivo sulla Tasi ha previsto la possibilità per il 2014 di aumentare l aliquota al di sopra del 2,5 per mille di ulteriori 0,8 punti, al solo scopo di finanziare detrazioni. 3 Agnoletti C, Bocci C., Ferretti C., Lattarulo P. (2013) Quanto ci costa la Tasi, in la voce.info 19 dicembre Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche 8

10 riscossioni per le sanzioni. Nei grafici seguenti si fa riferimento all andamento di alcune a voci principali, dal cui andamento traspare con evidenza comee le Amministrazioni comunali abbiano di fatto forzato sul costo dei servizi erogati ai cittadini. Occorre rammentare come questo tipo di servizi costituisca in buona misura una sortaa di spesa obbligata per i cittadini, il cui rincaro r non solo incide con effetti redistributivi regressivi (dato che l incidenza di queste voci sul reddito è decrescente al crescere del reddito) ma può anche in alcuni casi condurre ad una esclusione dalla fruizione del servizio, facendo venire meno una dellee principali ragioni per cui tali servizi vengono offerti del pubblico piuttosto che dal privato. Entrate delle Amministrazioni comunali: Assistenza scolastica, trasporto,, refezione, altri servizi Note: mln di euro. Fonte: Bilanci consuntivi delle Amministrazioni comunali Entrate delle Amministrazioni comunali: Viabilità, circolazione stradale, trasporti pubblici locali Note: mln di euro. Fonte: Bilanci consuntivi delle Amministrazioni comunali Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche 9

11 Entrate delle Amministrazioni comunali: Asili nido e scuolee materne Note: mln di euro. Fonte: Bilanci consuntivi delle Amministrazioni comunali Un commento alle tendenze in corso Perché l aumento del carico fiscale sugli immobili Come abbiamo visto, le innovazioni principali dal punto di vista della struttura delle entrate dei Comuni riguardano la materia della tassazione del comparto immobiliare. L ipotesi di d affidare il finanziamento degli Enti locali a un imposta legata agli immobili riflette diversi ordini di motivazioni. Innanzitutto, si tratta di un indicatore di capacità contributiva che può migliorarne la quantificazione integrando la sola misura in base al reddito annuo. D altra parte, in una realtà come quella italiana, in cui la ricchezza delle famiglie evidenza una distorsione verso il possesso di immobili rispetto ad altre attività alternative, il basso carico fiscale sulla rendita degli immobili (compreso implicitamente il fitto figurativo percepito da chi abita nella propria abitazione) costituisce un fattore distorsivo della distribuzione del carico fiscale. In secondo luogo, negli ultimi anni è stata da più parti sottolineata l esigenza di spostare il carico fiscale in una direzione più favorevole alla crescita economica. In particolare, si è sottolineata s l esigenza di aumentare la redditività deii fattori produttivi, capitale e lavoro, in modo da stimolarne l offerta. Occorrerebbe dunque ridurre r le imposte sul capitale e sul lavoro preferendo invece imposte che dovrebbero avere un minore impatto sulla crescita nel lungo periodo. p Fra queste, si suggeriscono le imposte ambientali, volte a scoraggiare la produzione di esternalità negative, le imposte sui consumi e le patrimoniali. Vi è inoltre un rilievo specifico assegnato agli a immobili come base imponibile per la tassazione locale. Questi difatti non hanno mobilità in funzione deii diversi livelli dell imposta, e ad essi di fatto sono riconducibili, almeno in via indiretta, molti dei servizi e quindi delle spese a carico delle Amministrazioni comunali (principio del beneficio). L ipotesi è quindi quella di tassare il contribuente utilizzando il possesso dell immobile come indicatore di tutta una serie di servizi erogati a latere di esso (fognatura, strade, illuminazione, pubblica sicurezza). Si tratta di una scelta che appare appropriata se l obiettivo è anche quello di estituire spazi di autonomia tributaria ai Comuni. Lo spostamento del carico fiscale sugli immobili e la crisi dell edilizia A parte gli aspetti che motivano la scelta di aumentare laa tassazione sugli immobili in generale, in direzione opposta conducono considerazioni di natura congiunturale, riferite alla specifica fase attraversata dal settore delle costruzioni. Di fatto questa scelta è apparsa assolutamente Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche 10

12 infelice dal punto di vista congiunturale, considerando che il settore immobiliare è caratterizzato oggi da una fase di profonda crisi. La politica fiscale rispetto all immobiliare avrebbe operato in una direzione pro-ciclica, mantenendo una tassazione degli immobili relativamente leggera, almeno nel confronto con altri Paesi, nella fase di boom del mercato immobiliare degli anni duemila, e aumentandola proprio nel momento di massima difficoltà. Il passaggio IMU-ICI avrebbe difatti incrementato il gettito complessivo (inclusivo della quote di compartecipazione dell Amministrazione centrale) di più di 10 miliardi. Una riduzione del rendimento atteso di questi asset di tale entità avrebbe un effetto a regime sul valore di tali asset significativo 4. In ogni caso è evidente l impatto pro-ciclico di una manovra di questo genere; dopo un lungo periodo di relativa resistenza, i prezzi delle case hanno difatti iniziato a scendere anche in Italia. In una fase in cui la redditività attesa dell investimento in immobili è decurtata dal timore che la discesa delle quotazioni possa continuare, un ulteriore peggioramento delle convenienze, attraverso l aumento delle imposte sugli immobili non di residenza, non poteva che peggiorare le cose. A margine di tale considerazione possiamo ricordare anche come i Comuni svolgano un ruolo importante all interno della filiera delle costruzioni anche come driver di domanda dal lato delle opere pubbliche. Sul punto basti qui rammentare come gli investimenti in costruzioni degli Enti locali abbiano registrato negli ultimi anni un crollo che non ha precedenti storici, contribuendo ad acuire la crisi del settore. I problemi: l aggiornamento dei valori catastali A fronte delle valutazioni sopra sintetizzate, vi sono diversi elementi di perplessità sollevati da più parti in relazione alla situazione attuale relativa alla tassazione degli immobili. Uno dei problemi che emergono riguardo all IMU è rappresentato dal mancato aggiornamento dei valori catastali, da cui ne discende una scarsa corrispondenza con l effettivo valore di mercato degli immobili. L ammontare dell IMU nei diversi Comuni può quindi risultare anche molto diverso a parità di immobile sulla base del diverso valore catastale. Nel caso delle imprese, il valore catastale dell immobile in cui viene svolta l attività d impresa (ad es. un capannone o un negozio) graverà dunque in maniera diversa a seconda del Comune di appartenenza e, d altra parte, essendo l IMU legata ad una base imponibile che non riflette i redditi dell impresa si possono dare casi di elevata incidenza dell IMU su attività in difficoltà a fronte di un incidenza inferiore su aziende caratterizzate da una buona redditività. Secondo le più recenti stime dell Agenzia delle Entrate, il valore di mercato del patrimonio abitativo è 2,25-2,42 volte superiore al corrispondente valore imponibile ai fini dell IMU (rispettivamente per le abitazioni principali e per le abitazioni diverse dalla prima). Il disallineamento dei valori contabili dai valori reali ha poi un significativo effetto distributivo: lo scostamento tende a crescere per gli immobili di maggior valore, dipende dall eta dell immobile, è diverso fra centri di maggiori o minori dimensioni, è anche legato al territorio. 4 Considerando un valore storico del rapporto prezzo/affitti del 5%, l ordine di grandezza della perdita del valore di equilibrio dell intero stock di immobili su cui si paga l IMU sarebbe pari a circa 200 miliardi, pari a circa il 13 per cento del PIL. Non è però possibile stabilire sulla base di tale quantificazione in che misura l andamento effettivo dei prezzi delle case abbia risentito effettivamente dell aumento dell IMU, anche in considerazione degli altri fattori che hanno condizionato negativamente l andamento del mercato immobiliare nella fase più recente. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche 11

13 I punti cardine della riforma del catasto, così sulla carta, dovrebbero quindi garantire una distribuzione del carico fiscale più equa, prendendo in considerazione più fattori per determinare il valore degli immobili e di conseguenza la base imponibile dell imposta. Il cambio dell unità di misura per determinare il valore dell immobile (non più vani ma metri quadrati), dovrebbe garantire una distribuzione più corretta del carico fiscale, adottando un riferimento più puntuale e preciso che definisca la dimensione dell immobile. Inoltre, le linee guida della riforma del catasto contengono un riferimento ad ambiti territoriali del mercato immobiliare di riferimento : si tratta di un dettaglio di informazione che può avvicinare sensibilmente la base imponibile al valore reale dell immobile, riducendo in questo modo il disallineamento insito nelle rendite catastali attualmente vigenti. Al concetto di rendita catastale dovrebbe poi sostituirsi la rendita media ordinaria, determinata come media dei canoni di locazione degli immobili appartenenti alla stessa zona nei tre anni precedenti. Oltre al riferimento territoriale vi è anche quindi un riferimento temporale, dovrebbe avere lo scopo di tenere conto delle fluttuazioni del mercato immobiliare. In generale, l operazione dovrebbe in aggregato avvenire a parità di gettito complessivo, pertanto singoli immobili che al momento risultano particolarmente avvantaggiati potrebbero invece essere interessati da revisioni significative del valore catastale rispetto allo staus quo, con conseguenti aumenti dell imposta. E lecito attendersi rincari per le abitazioni localizzate in centri storici e comuni turistici, che dovrebbero essere compensati da sconti per le abitazioni situate in provincia o in periferia. L IMU come imposta impopolare Le vicende più recenti in tema di tassazione degli immobili non possono che essere riconducibili alla forte avversione nell opinione pubblica verso la tassazione delle case rispetto ad altri tipi di basi imponibili. Questo punto spiega anche la centralità che questo genere di imposte ha ricevuto nel dibattito politico, e quindi anche i frequenti cambiamenti della relativa normativa. Una ragione della peculiare impopolarità dell IMU sta nella stessa ampia diffusione della proprietà immobiliare in Italia. Questo comporta che sia direttamente assoggettata all imposta una larga fetta della popolazione che percepisce il reddito (figurativo) derivante dalla proprietà dell abitazione di residenza. Conta anche il fatto che, rispetto ad altre imposte, quelle sulla casa non hanno un sostituto d imposta, ma sono pagate direttamente dal contribuente, che dunque acquisisce maggiore consapevolezza dell onere sostenuto. D altra parte, in un contesto in cui l asset allocation delle famiglie italiane appare distorta su asset reali, con l arrivo della crisi, e con la caduta del mercato immobiliare, è emerso con chiarezza il problema della mancanza di liquidità di tali asset. Persone in difficoltà, con problemi di liquidità ma con buoni patrimoni, si sono ritrovate a sperimentare da una parte difficoltà a vendere, e dall altra aumenti della tassazione. L autonomia tributaria è ancora limitata Alla luce dei cambiamenti avvenuti nella struttura delle entrate dei Comuni, è abbastanza evidente lo spostamento verso un maggiore peso dei tributi rispetto alle altre entrate. Il processo che ha portato a questo cambiamento vede da un lato una sostituzione fra trasferimenti ed entrate, e dall altro una scarsa capacità dei Comuni di incidere effettivamente sui tributi propri sia in termini di basi imponibili che di aliquote. L impossibilità di politiche discrezionali fa sì che le entrate tributarie rappresentino una sorta di variabile esogena, determinata esternamente, rispetto agli equilibri delle finanze comunali. Di fatto, almeno dal lato delle entrate, la Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche 12

14 discrezionalità delle politiche dei Comuni si esercita ancora quasi esclusivamente in relazione all andamento delle entrate extra-tributarie. Un confronto internazionale Fino all introduzione dell IMU nel 2012 l Italia si posizionava fra i paesi con il minor prelievo sugli immobili. Nel 2011 le entrate da imposte sugli immobili erano pari allo 0,6% del PIL nel nostro Paese e rappresentavano l 1,4% delle entrate complessive. La media Ocse era pari all 1,1% del PIL 5. Fra i maggiori paesi europei solo la Germania attribuiva minore rilevanza alla tassazione sugli immobili (entrate pari allo 0,4% del PIL). Con il 2012 e l introduzione dell IMU il nostro Paese compie un significativo balzo in avanti. Il grafico seguente riporta il prelievo sul patrimonio immobiliare in rapporto al prodotto interno lordo nell anno La serie storica, che parte dal 2000, mostra come il prelievo sulla proprietà immobiliare sia rimasto costante fino al 2008, quando viene introdotta l esenzione del pagamento dell ICI sull abitazione principale, che ha portato tale valore dallo 0,8% allo 0,6%. Con l introduzione dell IMU nel 2012, la conseguente eliminazione dell esenzione sulla prima casa e la rivalutazione dei coefficienti applicati alle rendite catastali, il rapporto tra prelievo della tassazione immobiliare e PIL si colloca su valori in linea con la media dei Paesi europei. Infine la figura illustra il prelievo sugli immobili sul totale delle entrate nel Prelievo sulla proprietà immobiliare sul PIL 4 3, ,5 2 1,5 1 0,5 0 Germania Francia Regno Unito Spagna Italia Fonte: Oecd 5 Si considerano le imposte ricorrenti sugli immobili, che tipicamente assumono la forma di versamenti annuali dovuti dal proprietario, il cui importo è legato a una qualche misura del valore della proprietà, periodicamente rivalutata o indicizzata. Non sono quindi considerate le imposte una tantum su trasferimenti di proprietà.. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche 13

15 Prelievo sulla proprietà immobiliare sulle entrate complessive Germania Francia Regno Unito Spagna Italia Fonte: Oecd Dinamica del prelievo sulla proprietà immobiliare Iin Italia (in % al PIL) 1,6 1,4 1,2 1 0,8 0,6 0,4 0, Fonte: Oecd Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche 14

16 Il debito delle Amministrazioni locali Il debito pubblico ha proseguito lungo un sentiero in crescita attestandosi per la Pubblica Amministrazione nel suo complesso al per cento. L aumento dello stock di debito è dipeso unicamente dalle Amministrazioni centrali, mentre il debito delle Amministrazioni locali nel 2013 si è ridotto rispetto all anno precedente. Nel 2013 il debito locale ha visto una contrazione di circa 6.5 miliardi, da 115 a 108.5, riducendosi di quasi 0.4 punti in quota di PIL. Il peso dello stock di debito locale sul prodotto si è quindi riportato al di sotto del 7 per cento già dal 2013, valore che non si osservava dal 2005, e che peraltro sarebbe confermato dai dati più recenti sul debito di maggio 2014 rapportato al PIL previsto per quest anno nell ultimo Def. Il debito regionale si è ridotto di più di 3 miliardi, mentre per Comuni e Porvince la riduzione è stata meno pronunciata in valore assoluto: circa 1.5 miliardi in meno per i primi, e mezzo miliardo in meno per le seconde. La sola componente del debito locale che è aumentata nell ultimo anno è quella relativa al pagamento dei debiti commerciali arretrati alle imprese. A partire dal maggio del 2013 le Amministrazioni locali hanno fatto ricorso alle anticipazioni di liquidità messe a disposizione nel fondo statale istituito per il finanziamento del pagamento degli arretrati. Questa operazione si è tradotta in un aumento del debito locale non consolidato, che da maggio 2013 a maggio 2014 è aumentato complessivamente di circa 7 miliardi. La Legge di Stabilità per il 2014 ha riportato all 8 per cento il limite per contrarre nuovo indebitamento, in questo modo solo l 8% dei Comuni non lo rispetta in base ai dati In calo del debito locale è diffuso su tutto il territorio ma permangono criticità diverse. Dal confronto internazionale emerge che l Italia presenta un valore del debito locale in rapporto al PIL decisamente inferiore, sebbene il debito/pil complessivo sia tra i più elevati d Europa. Dinamica del debito locale e centrale Il 2013 è stato per la finanza pubblica italiana un anno che può definirsi di passaggio. L intonazione della politica fiscale è rimasta restrittiva, ma si è decisamente ammorbidita rispetto al Lo si può vedere nella correzione intervenuta sull avanzo primario strutturale della PA, che nel 2012 era aumentato di due punti di PIL, mentre nel 2013 è migliorato solo di mezzo punto in rapporto al prodotto. Il debito pubblico ha però proseguito lungo un sentiero in crescita, superando la soglia del 130 per cento del PIL, attestandosi per la pubblica amministrazione nel suo complesso al per cento, e il dato più recente di maggio 2014 segnala un valore record di quasi 2170 miliardi di euro. In parte l aumento dell incidenza del debito sul PIL è dipeso dalle risorse stanziate per la riduzione dei debiti commerciali delle pubbliche Amministrazioni verso le imprese (circa un sesto). Anche la contrazione del denominatore ha inciso sull aumento del peso dello stock di debito pubblico sul prodotto. In ogni caso, l aumento del fabbisogno delle AP è stato consistente nel 2013: si è passati dai circa 66 miliardi del 2012 a quasi 77 miliardi, a cui è in larga parte attribuibile l incremento dello stock di debito pubblico dello scorso anno. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche 15

17 Questa lettura della dinamica recente del debito pubblicoo non è però comune a tutti i comparti della PA. L aumento dello stock di debito è difatti dipeso unicamente dalle Amministrazioni centrali, mentree il debito delle Amministrazioni locali nel 2013 si è ridotto rispetto all anno precedente. Più precisamente, nel 2013 il debito locale ha visto una contrazione di circa 6.5 miliardi, da 115 a 108.5, riducendosi di quasi 0.4 punti in quota di PIL. Tutte le Amministrazioni decentrate hanno osservatoo una riduzione del proprio stock di debito. In particolare, il debito regionale si è ridotto di più dii 3 miliardi, mentre per Comuni e Provincee la riduzione è stata meno pronunciata p in valore assoluto: circa 1.5 miliardi in meno per i primi, e mezzo miliardo in meno per le seconde. Stock di debito della PA Note: mld di euro. Fonte: elab. REF Ricerche su Banca d'italiaa Inoltre, anche nei dati più recenti relativi ai a primi mesi di quest anno il debito locale evidenzia una tendenza opposta alle Amministrazioni centrali. A maggio 2014, infatti, lo stock di debito delle Amministrazioni locali si posizionava su valori di poco superiori ai 107 miliardi, facendo registrare una contrazione rispetto allo stesso mese dell anno precedente di circa 7 miliardi e mezzo. Lo stesso non può dirsi per il debito centrale, che invece a maggio 2014 superava i 2mila miliardi di euro, oltrepassandoo il dato di maggio 2013 di quasi 100 miliardi. La dinamica del debito locale prosegue, quindi, lungo un sentiero decrescente per cui, nonostante la caduta del prodotto in termini reali osservata in questi anni, anche in rapporto al PIL si osserva una contrazione evidente. Il peso dello stock di debito locale sul prodotto si è difatti riportato al di sotto del 7 per cento già dal 2013, valore che nonn si osservava dal d 2005, e che peraltro sarebbe confermato dai dati più recenti sul debito di maggio 2014 rapportato al PIL previsto per quest anno nell ultimo Def. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche 16

18 Debito pubblico in rapporto al PIL Fonte: Elab. REF Ricerche su Banca d'italia e Istat; valori in % del PIL La contrazione del debito delle Amministrazioni locali è il risultato delle politiche particolarmente rigorose che hanno caratterizzato i livelli di governo decentrati negli ultimi anni. Nell ultimo triennio le misure di contenimento dell indebitamento netto hanno inciso fortemente sul saldo della PA a tutti i livelli di Governo. Il deficit delle Amministrazioni centrali si è ridotto notevolmente dal picco negativo del 2009, e lo stesso vale per le Amministrazioni locali, che nel 2012 hanno totalizzato un avanzo di circa un miliardo, e hanno chiuso il 2013 con un sostanziale pareggio. I dati evidenziano anche come lo sforzo richiesto alle Amministrazioni locali sia stato relativamente più gravoso. Negli ultimi anni, il peso delle Amministrazioni locali sull indebitamento netto complessivo della PA si è difatti ridotto fino al pareggio dello d scorso anno. Il ruolo delle Amministrazioni locali nel fornire i servizi alla popolazione è rimasto però in questi anni sostanzialmente invariato, come testimonia il dato sull incidenza della spesa locale sul totale della PA, che è rimasto più o meno costante nell ultimoo decennio. Si ravvisa quindi una certa asimmetria nella condotta finanziaria dei diversi livelli di governo, che rispecchia la divergenza nell andamento del debito locale, in continua discesa, rispetto a quello centrale che invece seguita a crescere. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche 17

19 Indebitamento netto delle amministrazioni pubbliche Note: mln di euro. Fonte: elab. REF Ricerche su Istat Peso delle Amministrazioni locali sulla PA: incidenza di spese e saldo sul totale Note: in % sul totale PA (esclusa previdenza). Fonte: elab. REF Ricerche su Istat La sola componente del debito locale chee è aumentataa nell ultimo anno è quella relativa al pagamento dei debiti commerciali arretrati alle imprese. Questa componente è visibile solamente considerando il dato relativo al debito non consolidato, ovvero non depurato delle passività che costituiscono attività di altri Enti della PA. A partire dal maggio del 2013 le Amministrazion locali hanno fatto ricorso alle a anticipazioni di liquidità messe a disposizione nel fondo statale istituito per il finanziamento del pagamentoo degli arretrati. Dai dati SIOPE emerge in effetti un cospicuo incremento nel 2013 degli incassi derivanti da anticipazioni di cassa e da mutui e prestiti a carico di altri Enti del settore pubblico, sia per gli Enti locali (+1.77 miliardi le anticipazioni di cassa, +1.9 miliardi i prestiti dal settore pubblico), che per le Regioni (+3.4 miliardi le anticipazioni di cassa). Questa operazione si è tradotta in un aumento del debito locale non consolidato, che da maggio 2013 a maggio 2014 è aumentato complessivamente di circa 7 miliardi. L aumento registrato è quindi dipeso unicamente dalle anticipazioni di liquidità e dai prestiti contratti con l Amministrazionee centrale chee hanno determinato un aumento del debito locale nei confronti dell Amministrazione centrale complessivamente pari a circa 15 miliardi negli ultimi dodici mesi 6. In generale, come sottolineato nel bollettino economico della 6 L evoluzione negli anni passati dello stock di debito locale detenuto dalle amministrazioni centrali è influenzata dal passaggio di Cassaa Depositi e Prestiti da amministrazione statale a società per azioni controllata dal Mef (nel 2003), che ha determinato uno spostamento di parte del debito locale che non figura più tra gli elementi di consolidamento. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche 18

20 Banca d Italia dello scorso aprile, parte della contrazionee dell esposizione finanziariaa degli Enti locali verso gli intermediari finanziari e sul mercato obbligazionario potrebbe essere stata favorita anche dall aumento delle risorse disponibili per il pagamento dei debiti commerciali. Debito locale detenuto dall'amministrazione centrale Note: mln di euro. Fonte: elab. REF Ricerche su Banca d'italia L incremento complessivo del debito non consolidato c è stato quindi mitigato dalla contrazione c delle altre componenti del debito locale. In particolare, come evidenzia il grafico seguente, sia l emissione di titoli che l accensione di prestiti sono in forte calo per gli Enti locali, con la sola differenza che mentre la componente titoli, già di per sé più contenuta, attraversa una fase calante già da un quinquennio circa, la contrazione dei prestiti contratti con il settore privato e la CDP è un fenomeno relativamente più recente. Le componenti del debito locale Note: mld di euro media mobile. Fonte: elab. REF Ricerche su Banca d'italia Il rispetto del limite di indebitamento Le politiche restrittive sugli Enti locali hanno interessato non solo la componente del deficit, ma anche direttamente la capacità di contrarre debito da parte delle Amministrazioni. Numerose sonoo le disposizioni legislative che sono intervenute a regolare le condizioni di accesso all debito per gli Enti territoriali, sempre in direzione limitativa. Per i Comuni, il limite per l emissione di nuovo debito e la contrazione di nuovi mutui è calcolato come il rapporto tra la spesa per il servizio del debito (ovvero la spesa per interessi passivi annuali, al netto dei contributi regionali e statali) e il totale delle entrate correnti. Questa percentuale limite è stata ridotta gradualmente negli anni, passando dall iniziale 255 per cento disposto dal TUEL nel 2000, Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche 19

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE Sistema tributario Insieme di tributi intesi come prestazioni di denaro obbligatorie (art. 53 Costituzione) L obbligatorietà vs. la contribuzione volontaria dovrebbe

Dettagli

I.U.C. Imposta Unica Comunale

I.U.C. Imposta Unica Comunale COMUNE DI MARCON I.U.C. Imposta Unica Comunale Con la Legge n. 147/2013 (Legge di stabilità 2014) è stata istituita a decorrere dal 01/01/2014 l Imposta Unica Comunale (IUC). L imposta unica comunale (IUC)

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE PROSPETTO DELLE ENTRATE DI BILANCIO PER TITOLI, TIPOLOGIE E CATEGORIE PREVISIONI DI COMPETENZA

BILANCIO DI PREVISIONE PROSPETTO DELLE ENTRATE DI BILANCIO PER TITOLI, TIPOLOGIE E CATEGORIE PREVISIONI DI COMPETENZA Pag.1 ENTRATE CORRENTI DI NATURA TRIBUTARIA CONTRIBUTIVA PEREQU 1010100 Tipologia 101: Imposte, tasse e proventi assimilati 1010106 Imposta municipale propria 2.019.505,00 2.019.505,00 2.019.505,00 1010108

Dettagli

ANALISI DEL DISEQUILIBRIO FINANZIARIO E PIANO DI RIENTRO DI ROMA CAPITALE

ANALISI DEL DISEQUILIBRIO FINANZIARIO E PIANO DI RIENTRO DI ROMA CAPITALE ANALISI DEL DISEQUILIBRIO FINANZIARIO E PIANO DI RIENTRO DI ROMA CAPITALE 3 luglio 2014 Sommario Premessa... 5 Sintesi dei risultati e conclusioni... 6 I risultati principali... 7 Conclusioni... 10 Il

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it COMUNE DI CELLE LIGURE PROVINCIA DI SAVONA VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it Ufficio Entrate Tributarie e Tariffarie A decorrere

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

COMUNE DI NE Provincia di Genova

COMUNE DI NE Provincia di Genova COMUNE DI NE Provincia di Genova COPIA Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza del 28.04.2014 Reg. Verb. N. 5 OGGETTO: GESTIONE COMPONENTE TASI (TRIBUTO SERVIZI INDIVISIBILI) ANNO 2014. L anno duemilaquattordici

Dettagli

Audizione dell Ufficio parlamentare di bilancio sull attuazione e le prospettive del federalismo fiscale

Audizione dell Ufficio parlamentare di bilancio sull attuazione e le prospettive del federalismo fiscale Audizione dell Ufficio parlamentare di bilancio sull attuazione e le prospettive del federalismo fiscale Tendenze dell autonomia tributaria degli enti territoriali di Alberto Zanardi Consigliere dell Ufficio

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Il federalismo fiscale in Italia dagli anni 90 a oggi

Il federalismo fiscale in Italia dagli anni 90 a oggi Agenzia della Regione Autonoma della Sardegna per le Entrate - - - - - * * * * - - - - - Il federalismo fiscale in Italia dagli anni 90 a oggi Per federalismo fiscale si intende l attribuzione della titolarità

Dettagli

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N 26 del 30/09/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI DELL'IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) - ANNO 2014 L'anno 2014, addì trenta

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni CIRCOLARE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 11 maggio 2010 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE PROT. 10968/2010 Ai Comuni Alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti

IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti Premessa L IMU comporta un forte aumento del prelievo patrimoniale sugli immobili (pari al 233% dell ICI) gran parte del quale va a beneficio

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

3. Determinazione dei servizi a domanda individuale e relativi costi di gestione

3. Determinazione dei servizi a domanda individuale e relativi costi di gestione 1. Approvazione addendum al contratto di concessione della progettazione, realizzazione e gestione di impianti fotovoltaici asserviti ad immobili di proprietà del Comune di Casapinta 2. Verifica quantità

Dettagli

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Come noto, l'imu sostituisce, in caso di immobili non locati, l'irpef e relative addizionali riguardanti i redditi fondiari. Il Mod. 730/2013, è stato di conseguenza

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

SETTORE POLITICHE FINANZIARIE BILANCIO E TRIBUTI VADEMECUM TASI

SETTORE POLITICHE FINANZIARIE BILANCIO E TRIBUTI VADEMECUM TASI SETTORE POLITICHE FINANZIARIE BILANCIO E TRIBUTI Che cos'è la TASI VADEMECUM TASI E' il tributo dovuto per la copertura dei servizi indivisibili. Il presupposto E' il possesso o la detenzione a qualsiasi

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL'INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI. a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi

OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL'INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI. a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL'INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi Luglio 2014 L Osservatorio congiunturale sull industria delle costruzioni è curato dalla

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria IMU - che cos'è L IMU si continua a pagare sulle case di lusso (categorie A/1, A/8 e A/9), sulle seconde case e su tutti gli altri immobili (ad esempio laboratori, negozi, capannoni, box non di pertinenza

Dettagli

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti.

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. CIRCOLARE N. 23/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. La legge di

Dettagli

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B L articolo 2 commi da 39 a 46 del D.L. 262/2006 conv. L. 286/2006 aveva previsto per gli enti locali

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

Processo verbale delle deliberazioni del Consiglio Comunale

Processo verbale delle deliberazioni del Consiglio Comunale COMUNE DI CESENA Processo verbale delle deliberazioni del Consiglio Comunale Seduta del 31/07/2014 - delibera n. 57 OGGETTO: TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (IUC-TASI) - ALIQUOTE E ALTRE MISURE APPLICATIVE

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto

Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto Negli ultimi mesi lo scenario europeo ha avuto un'evoluzione nuova e positiva. I margini di flessibilità del Fiscal Compact sono

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 C OMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO PROVINCIA DI TREVISO Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

COMUNE DI MAGLIANO IN TOSCANA PROVINCIA DI GROSSETO

COMUNE DI MAGLIANO IN TOSCANA PROVINCIA DI GROSSETO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ADUNANZA STRAORDINARIA DI 1 CONVOCAZIONE SEDUTA PUBBLICA N 25 DEL 14/08/2014 COPIA Oggetto: Tributo per i Servizi Indivisibili (TASI) - Aliquote per l'anno

Dettagli

La cedolare secca. Chi, cosa, come, quando e perché

La cedolare secca. Chi, cosa, come, quando e perché La cedolare secca Chi, cosa, come, quando e perché La cedolare secca è una novità di quest anno. Osserviamola più da vicino e scopriamo in cosa consiste. Partiamo dal principio Le regole generali E per

Dettagli

Unione Province Italiane. Una proposta per il riassetto delle Province

Unione Province Italiane. Una proposta per il riassetto delle Province Unione Province Italiane Una proposta per il riassetto delle Province Assemblea Unione Province Italiane Roma - 06 dicembre 2011 A cura di: Prof. Lanfranco Senn Dott. Roberto Zucchetti Obiettivi dello

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Provincia di Bologna COPIA n. 28 del 30.04.2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Il giorno 30 aprile 2014 alle ore 20.30 nella sala consiliare del Municipio, previa l'osservanza di tutte le formalità

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

DECRETO FINANZA LOCALE

DECRETO FINANZA LOCALE Dossier n. 37 Ufficio Documentazione e Studi 23 aprile 2014 DECRETO FINANZA LOCALE Con questo provvedimento si apportano alcune correzioni alla legge di stabilità 2014 e al TUEL (Testo Unico degli Enti

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

IMMOBILI. Art.1. Art.2

IMMOBILI. Art.1. Art.2 Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 010100 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www..comune.marta.vt.it REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo G ennaio 2015 L ACE L articolo 1 del decreto Salva Italia (D.L. n. 201 del 6 dicembre 2011, convertito con modificazioni nella L. n. 214 del 2011) ha

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Roma, 28 aprile 2015

Roma, 28 aprile 2015 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti RISOLUZIONE N. 42/E Roma, 28 aprile 2015 Oggetto: Estensione alla modalità di versamento F24 Enti pubblici dei codici tributo utilizzati con il modello F24 per

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

LE TENDENZE DI MEDIO-LUNGO PERIODO DEL SISTEMA PENSIONISTICO E SOCIO-SANITARIO

LE TENDENZE DI MEDIO-LUNGO PERIODO DEL SISTEMA PENSIONISTICO E SOCIO-SANITARIO LE TENDENZE DI MEDIO-LUNGO PERIODO DEL SISTEMA PENSIONISTICO E SOCIO-SANITARIO Previsioni elaborate con i modelli della Ragioneria Generale dello Stato aggiornati al 2014 Roma, Giugno 2014 Il presente

Dettagli

RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2012

RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2012 Comune di Villafranca Padovana Provincia di Padova RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2012 a cura della Giunta Comunale art. 151, comma 6 e art. 231 D.Lgs.267/2000 Pag. 1 1. IL CONTESTO PREMESSA Il

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI 5 2008 l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI INDICE 1. IL REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE 2 La definizione 2 I redditi assimilati al lavoro dipendente

Dettagli

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale MODELLO 730/204 redditi 203 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Mod. N. Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011 Elementi innovativi e principali impatti Agenda 1. Il modello contabile previsto dal D.lgs 118/2011 Contesto normativo

Dettagli

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013 Circolare n. 12/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 maggio 2013 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dall articolo 1, comma 1,

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

RAPPORTO 2014 SUL COORDINAMENTO DELLA FINANZA PUBBLICA

RAPPORTO 2014 SUL COORDINAMENTO DELLA FINANZA PUBBLICA SEZIONI RIUNITE IN SEDE DI CONTROLLO RAPPORTO 2014 SUL COORDINAMENTO DELLA FINANZA PUBBLICA 2014 MAGGIO 2014 ----------------- SEZIONI RIUNITE IN SEDE DI CONTROLLO ---------------- Rapporto 2014 sul coordinamento

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese

Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese 16 Annual Assicurazioni de Il Sole 24 Ore Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese Intervento del presidente dell Ania Aldo Minucci Milano, 28 ottobre 2014 1 Sono particolarmente contento

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli