L'inaugurazione della Filiale di Porcari L INFORMAZIONE DEL GRUPPO CARISMI PER I SOCI. Editoriale. Carismi e Territorio. In Vetrina.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L'inaugurazione della Filiale di Porcari L INFORMAZIONE DEL GRUPPO CARISMI PER I SOCI. Editoriale. Carismi e Territorio. In Vetrina."

Transcript

1 quicarismi ANNO III - USCITA N 1 - MAGGIO 2012 L INFORMAZIONE DEL GRUPPO CARISMI PER I SOCI Editoriale L'estratto del Presidente Alessandro Bandini Bilancio dell'amministratore Delegato Divo Gronchi Carismi e Territorio Occupazione giovanile. Carismi stabilizza i giovani lavoratori In Vetrina Conto Zero Davvero: la nuova campagna pubblicitaria Soci Intervista ad Aldo Donati L'inaugurazione della Filiale di Porcari

2 2 maggio2012 EDITORIALE EDITORIALE MAGGIO A Il bilancio 2011 Il Presidente Alessandro Bandini CInserisci il testo Gentili Socie, stimati Soci, il 2011 è stato un anno complicato per tutti. La crisi internazionale, originata dalla mancanza di fiducia nella trasparenza dei bilanci sia delle banche prima, sia di importanti Paesi poi, si è riflessa in modo rilevante nell economia reale e, quindi, sugli investimenti, sull occupazione e sui consumi della nostra nazione. L intero sistema creditizio italiano si è trovato ad operare in questo contesto. La Toscana e la Cassa di Risparmio di San Miniato vivono la realtà italiana ed il bilancio 2011 della Cassa risente dello stato di salute del tessuto economico in cui opera. I dati di bilancio, sotto l aspetto economico, sono crudi. L esercizio 2011 si è chiuso con una perdita di 25,7 milioni di euro a livello consolidato di gruppo. Preme tuttavia evidenziare che le sole cifre non illustrano il complesso lavoro fatto ed i risultati ottenuti in una situazione difficile per aziende e famiglie. La Cassa ha cercato di dare tutto il suo contributo per mitigare gli effetti della crisi attuando anche molteplici iniziative a sostegno delle famiglie e delle imprese in difficoltà. Ne sono esempio gli accordi con l ABI e le operazioni attivate direttamente dalla Banca per la sospensione delle rate di mutui e finanziamenti che permettono sia ad aziende che a privati di congelare il pagamento delle rate anche per un periodo di 12 mesi; le operazioni di anticipo della Cassa Integrazione per garantire stabilità retributiva ai lavoratori e alle loro famiglie a tassi di interesse agevolati che, nell ambito della provincia di Pisa per effetto di una convenzione appositamente sottoscritta nel 2009 e recentemente rinnovata, sono sostenuti interamente dalla stessa Amministrazione Provinciale; l adesione ai fondi di garanzia per gli investimenti e per la liquidità delle imprese della Regione Toscana; i vari accordi con i Comuni per garantire ai fornitori l anticipo dei crediti vantati nei loro confronti. Nel complesso la Cassa ha tenuto, le masse patrimoniali sono stanzialmente ai livelli del 2010, come la struttura dei costi e dei ricavi. I fattori che hanno inciso sul risultato sono essenzialmente legati alla valutazione dei crediti e delle partecipazioni. Per i primi sono significativamente aumentati i crediti deteriorati e quindi gli accantonamenti in totale 30,9 milioni con un incremento del 120% sul Per quanto riguarda le partecipazioni, il Consiglio di Amministrazione ha ritenuto, in linea con la prudenza richiesta nei momenti difficili, di prendere atto del ridotto valore della Cassa di Risparmio di Volterra, partecipazione che da sola ha inciso per 13,2 milioni. Rettifica che peraltro non incide sul Patrimonio di Vigilanza e sui ratios della Banca. Il contesto descritto ha reso necessaria una rivisitazione del Piano Industriale che tenga presente le attuali difficoltà e ponga le basi per un futuro riposizionamento della Banca, entro il 2013, nella media di benchmark di riferimento. Gli interventi programmati per il prossimo triennio mirano ad un generalizzato contenimento dei costi, ad un ulteriore rafforzamento del recupero di efficienza e di produttività già intrapreso nel 2011, oltre ad un potenziamento della nostra capacità di fornire soluzioni veloci e personalizzate ai risparmiatori ed agli imprenditori che si avvalgono dei nostri servizi. La Cassa di Risparmio di San Miniato è da quasi due secoli la Banca verso la quale le famiglie e le piccole e medie imprese del territorio ripongono la propria fiducia sia per la tutela dei propri risparmi, sia per il finanziamento dei passi importanti della vita e dei progetti imprenditoriali. Questi sono gli aspetti fondamentali ed i valori sui quali continueremo ad impostare la nostra attività anche nel futuro, confermando e rafforzando in toto e la nostra mission di Banca a sostegno delle iniziative delle aziende e delle famiglie del territorio. l'amministratore Delegato Divo Gronchi I dati sono crudi ma la Cassa ha cercato di mitigare gli effetti a sostegno delle famiglie e imprese

3 4 MAGGIO2012 CARISMI PER I CLIENTI CARISMI PER I CLIENTI MAGGIO Dopo Viareggio, ancora due nuove Agenzie ad insegna Cassa di Ri sparmio di San Miniato inaugurazione della Filiale di Bientina inaugurazione della Filiale di Porcari Carismi apre a Bientina e Porcari: sempre più vicini a famiglie e imprese Dopo l apertura a Viareggio alla fine del 2011, con i nuovi insediamenti di Bientina e Porcari si è conclusa la prima fase del progetto di riposizionamento della rete di vendita previsto dal piano di rilancio elaborato dal Presidente assieme al Direttore Generale Divo Gronchi per il consolidamento della presenza di CARISMI sul territorio toscano. Lo scorso 5 marzo è stata inaugurata la nuova Filiale di Bientina, attiva già da gennaio sotto la guida del Direttore Giulio Mainardi. L apertura del nuovo sportello CARISMI in piazza Vittorio Emanuele nel pieno centro della cittadina bientinese davanti al municipio e alla Pieve di Santa Maria Assunta, dove sono conservate le spoglie di San Valentino Martire, completa la presenza Carismi nell interland di Pontedera e consolida la vocazione della Banca per la toscanità e il rapporto con il territorio e con i cittadini. All inaugurazione, insieme al Direttore della nuova agenzia Giulio Mainardi, al suo team e a molti colleghi, erano presenti il Presidente Carismi Alessandro Bandini, il Sindaco di Bientina Corrado Guidi, il Presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di San Miniato Antonio Guicciardini Salini con il Vice Gianfranco Rossi e il Direttore Generale della Banca Divo Gronchi. Crediamo in questo territorio, nelle sue potenzialità, negli sforzi delle imprese per superare il momento difficile, ha affermato il Presidente Bandini poco prima del taglio del nastro. La nostra Banca è riuscita a mantenere salda la propria autonomia negli anni e continua a proporsi ai risparmiatori e agli imprenditori ribadendo la sua origine toscana e la ferma volontà di impiegare nelle nostre zone i depositi che la clientela ci affida, offrendo un servizio capillare e diffuso. Essere al servizio del territorio è il nostro valore distintivo nel quale, auspichiamo, i cittadini toscani si possano riconoscere, basandovi la propria scelta di Banca. Parole condivise anche dal Direttore Generale Divo Gronchi: Vogliamo essere competitivi e pronti a dare risposte. Siamo una banca della Toscana e Bientina è nel cuore della nostra regione. Qui, sulla piazza centrale del paese, abbiamo l obiettivo di proporre quella vicinanza e quella familiarità alle famiglie e alle imprese che ha determinato il successo di Carismi nelle zone di origine. Una Banca, dunque, che fa della territorialità il proprio tratto distintivo portando avanti la sua mission storica di aiuto e supporto allo sviluppo dell economia locale, sostenendo le iniziative dei commercianti e degli artigiani e andando concretamente incontro alle esigenze delle famiglie, specialmente in momenti delicati come quello attuale, cercando di dare il proprio contributo perché la crisi possa essere presto superata. Il 16 aprile è stata la volta del taglio del nastro della nuova filiale di Porcari, in via Roma 132. Anche in questa occasione, a fianco del Direttore della Filiale Massimiliano Geri e del suo staff, erano presenti le principali autorità locali e i vertici della Banca. Gli ultimi posizionamenti territoriali hanno l obiettivo di avvicinarci alla nostra clientela continuando a proporre uno stile di banca personale, diretto e molto vicino alle specifiche esigenze delle singole realtà locali. Un auspicio che è stato subito raccolto dal Sindaco di Porcari, Baccini che ha posto l accento sulla necessità di instaurare buoni rapporti con le banche per dare nuova energia alle imprese: C è bisogno di una ripartenza per rilanciare l economia. E la banca deve essere amica del cittadino e delle imprese. Il Direttore Generale Divo Gronchi, confermando piena fiducia nel nuovo progetto manageriale che è stato chiamato a condurre: Sono fermamente convinto delle potenzialità che la Cassa di Risparmio di San Miniato può ancora esprimere Con le nuove aperture la Cassa consolida una rete di vendita composta da 88 filiali distribuite per la maggior parte in Toscana, con una presenza in tutte le province della regione, oltre due punti vendita a Roma ed uno a Milano per proseguire la sua tradizione di banca a sostegno delle iniziative delle imprese e delle famiglie del territorio. La Banca si propone alla clientela con un messaggio di efficienza: risposte veloci e soluzioni valide per i risparmiatori e gli imprenditori. Certo, aprire una filiale in questo momento è un segno di coraggio, ma noi crediamo nel territorio e nella competitività delle proposte che abbiamo preparato per i cittadini e le imprese. Massimiliano Geri Direttore della Filiale di Porcari il Direttore della Filiale di Bientina Giulio Mainardi insieme al Direttore Generale

4 6 MAGGIO2012 FOCUS ECONOMIA FOCUS ECONOMIA MAGGIO Mercati finanziari: il primo trimestre 2012 Gli Stati Uniti rappresentano una tra le principali aree economiche da cui sono arrivati segnali incoraggianti Stefano Costagli - Direzione Servizi Finanziari Carismi Si prevede una contrazione complessiva dello 0,3%, seguita poi da una timida ripresa solo a partire dal 2013 Lo scenario macroeconomico è caratterizzato da una rallentamento dell'attività economica globale. L'obiettivo principale dei governi, delle famiglie e delle imprese rimane sempre quello di ridurre l'indebitamento, pertanto sia il credito che i consumi risultano deboli. Secondo le più recenti stime, durante il 2012 la crescita economica globale dovrebbe rallentare di circa un punto percentuale, passando dal 3,8% al 2,8%, seguita poi da un'accelerazione nel corso del Tuttavia stanno emergendo alcuni segnali di stabilizzazione che non lasciano più intravedere un ulteriore peggioramento del quadro congiunturale. Gli Stati Uniti rappresentano una tra le principali aree economiche da cui sono arrivati alcuni segnali incoraggianti, soprattutto per quanto riguarda l'andamento del mercato del lavoro. La crescita degli occupati nel settore non agricolo ha accelerato significativamente dalla fine dello scorso anno (superando da dicembre 2011 a febbraio 2012 la soglia critica delle nuove unità mensili) e allo stesso tempo il tasso di disoccupazione ha registrato cali significativi (dopo il picco del 10% toccato a fine 2009 le ultime rilevazioni sono arrivate fino all'8,2%). La ripresa del mercato del lavoro ha alimentato, a sua volta, la crescita del reddito delle famiglie e la dinamica dei consumi (pari ai 2/3 del PIL), favorendo il miglioramento del comparto manifatturiero (in particolare il settore auto). I dati sulla ripresa del mercato del lavoro americano, peraltro un pò deludenti all'ultima rilevazione di marzo, non devono però essere enfatizzati oltre misura: il miglioramento del tasso di disoccupazione è, almeno in parte, solo apparente perché un numero crescente di persone ha abbandonato la ricerca di un posto ed è uscita dalla forza lavoro. Gli sviluppi sul mercato del lavoro sono anche un aspetto critico per le elezioni presidenziali di novembre, quando Barack Obama cercherà la propria riconferma. Dalla Seconda guerra mondiale in poi, solo Ronald Reagan, nel 1984, è riuscito a farsi rieleggere con una disoccupazione superiore al 6% (allora era al 7,2%). Nel biennio 2012/2013 la crescita economica Usa dovrebbe risultare abbastanza moderata, intorno al 2%. Il Governatore della Fed, Ben Bernanke, ha evidenziato che in questo momento i due target che guidano l'atteggiamento della politica monetaria, stabilità dei prezzi e piena occupazione, puntano entrambi a un mantenimento di "tassi eccezionalmente bassi" (un tasso sui Fed Funds compreso tra 0% e 0,25%) almeno sino alla fine del L'ultimo meeting del FOMC e le più recenti dichiarazioni dei membri della FED hanno, però, rafforzato l'opinione che una terza fase di "quantitative easing" (aumento della base monetaria mediante l'acquisto di titoli sul mercato) sia meno probabile. Un atteggiamento che ha contribuito ad aumentare la volatilità dei mercati azionari che si è registrata all'inizio del mese di aprile. La stretta creditizia (c.d. credit crunch per il quale il sistema bancario, costretto a ridurre i propri bilanci per aumentare il proprio capitale, determina a sua volta una riduzione del credito all economia reale), il processo di generale riduzione dell indebitamento da parte di famiglie e imprese, il processo di consolidamento fiscale adottato dai principali governi (aumento delle imposte e taglio della spesa pubblica) sono i fattori che hanno contribuito ad indebolire l economia dell eurozona. Per l anno in corso si prevede una contrazione complessiva dello 0,3%, seguita poi da una timida ripresa solo a partire dal 2013 (+0,7%), con significative divergenze fra un Paese e l altro della regione. Per i paesi periferici, infatti, il quadro è abbastanza fragile. In questo caso si parla di una vera e propria fase recessiva, con alcuni paesi, come la Spagna, che registrano peggioramenti particolarmente significativi. Nel paese iberico la caduta di quotazione degli immobili ha innescato un brusco aumento della disoccupazione che, nel corso degli ultimi anni, si è quasi triplicata (dal minimo decennale dell'8% di metà 2007 siamo arrivati al 23% alla fine del 2011). Nel frattempo il rapporto debito pubblico/pil sta crescendo a causa del forte squilibrio tra entrate e uscite statali, ben oltre le stime di consenso. Per contrastare gli attacchi della speculazione il governo spagnolo ha deciso dalla fine di marzo una manovra finanziaria molto pesante (complessivamente circa 37 miliardi) per rispettare l obiettivo imposto dall Ue di riportare il deficit pubblico al 5,3% nel 2012, dopo l 8,5% ereditato nel 2011 (invece del 6% previsto) dal precedente governo. Anche l'italia non fa particolare eccezione. Le varie manovre correttive dei conti pubblici, elaborate dal governo a partire dal secondo semestre dello scorso anno, hanno avuto un pesante effetto sulla congiuntura. L'obiettivo dichiarato è quello di arrivare nel 2013 ad un avanzo primario (differenza tra entrate e uscite al netto della spesa per gli interessi) del 5% del PIL e, in prospettiva, ad una riduzione del rapporto debito/pil. Le previsioni elaborate dalla Commissione Europea stimano per l'anno in corso un calo del PIL intorno all'1,3%. Si tratta di valori che, a parere di alcuni analisti, potrebbero costringere il governo ad implementare una nuova manovra correttiva allo scopo di recuperare ulteriore gettito. Un'ipotesi che l esecutivo Monti ha finora escluso, sulla base delle aspettative di un aumento delle entrate fiscali tramite la lotta all evasione ed a condizione che i tassi di interesse sul debito non tornino sui livell dello scorso novembre. La Banca Centrale Europea, mediante operazioni di rifinanziamento straordinarie al sistema bancario con durata fino a 3 anni, ha fornito alle banche liquidità per quasi miliardi di, mitigando così gli effetti derivanti dalla contrazione del credito. Ma, nonostante il ricorso a strumenti non convenzionali, una politica monetaria molto espansiva non sarà sufficiente a evitare una recessione europea, ma permetterà solo di attenuarne gli effetti. Il successo dei piani di consolidamento fiscale sono, in generale, subordinati ad una crescita economica più vigorosa di quella attuale. È per questo che si rende necessario sia stimolare il potenziale di crescita dell'economia mediante riforme strutturali sia restituire una maggiore competitività alle imprese. Così facendo sarà possibile compensare il calo della domanda interna con quella estera, attualmente non adeguatamente supportata dal tasso di cambio. L'inflazione della zona euro, che attualmente viaggia sul 2,7% su base annua e sull'1,5% escludendo le componenti più volatili (alimentari ed energia), non rappresenta, per il momento, una minaccia rilevante, nonostante sia oltre la soglia di attenzione della banca centrale. Nell ambito dei paesi emergenti, il contributo all espansione economica globale degli ultimi anni da parte della Cina potrebbe ridursi (la crescita per l anno in corso dovrebbe scendere intorno all 8% dal 9,2% del 2011, al disotto delle attese di inizio anno). Una tendenza che potrebbe aprire lo spazio a manovre di stimolo monetario nel corso dei prossimi mesi. Il focus dei mercati finanziari è sempre quello della crisi del debito sovrano della zona euro. Le azioni straordinarie promosse dalla BCE alla fine dello scorso anno (taglio complessivo di 50 bp del tasso di interesse di riferimento, operazioni di rifinanziamento con durata triennale, ampliamento delle tipologie di collaterale e dimezzamento del coefficiente di riserva obbligatoria) hanno allentato considerevolmente le tensioni ed incrementato la fiducia degli investitori nei confronti dei principali paesi periferici. Contemporaneamente va sottolineata l importanza dell accordo raggiunto tra i vari governi europei per una maggiore disciplina in materia di bilancio (c.d. fiscal compact) e l aumento della dotazione dei meccanismi salva stato (EFSF - European Financial Stability Facility, ESM - European Stability Mechanism), grazie a maggiori segnali di apertura mostrati da parte della Germania. Infine, il secondo piano di aiuti a favore della Grecia da 130 mld di euro e l esito positivo della ristrutturazione del debito pubblico del paese ellenico hanno evitato un default disordinato e contribuito a ridurre i rischi di contagio. La diminuzione dell'avversione al rischio ha favorito una riduzione considerevole dei rendimenti dei titoli di stato italiani dai picchi toccati sulla fine dello scorso anno, che contestualmente hanno registrato performance molto positive. Ad esempio il rendimento del BTP a 2 anni dopo aver toccato l'8% a fine novembre 2011 è rapidamente diminuito fino all'1,7% di inizio marzo (in concomitanza con la seconda asta di rifinanziamento della BCE), per poi iniziare una fase di correzione dopo la metà di marzo fino al 3,4% su rinnovati timori circa lo stato di salute delle finanze spagnole. In modo esattamente speculare si è mosso anche il differenziale di rendimento (c.d. "spread") dei titoli italiani nei confronti degli analoghi tedeschi: sul tratto decennale siamo passati dai 575 bp di metà novembre fino a 275 bp di metà marzo, per poi risalire nuovamente fino a 373 bp. Al momento è difficile pensare a una riduzione del debito fino a quando i tassi di crescita nominale resteranno ben al di sotto dei rendimenti nominali dei bond. Infatti, nonostante gli sforzi fatti finora, alcuni analisti temono che il Portogallo, e in una certa misura anche la Spagna, debbano ricorrere all'aiuto finanziario dell'unione europea. Una situazione che potrebbe costringere la BCE a riprendere il programma di acquisto di titoli sul mercato secondario, momentaneamente interrotto. Nel frattempo i rendimenti delle obbligazioni governative emesse da paesi con un alto merito creditizio rimangono su livelli storicamente bassi, a testimonianza della estrema scarsità di asset sicuri. Ad es. per quanto riguarda la Germania il 2 anni rende appena lo 0,13% e il 10 anni l'1,75%. Positive, infine, le performance nella prima parte dell'anno anche da parte dei principali mercati azionari: considerando anche l'effetto del cambio spiccano quelle del mercato americano (+8%) e quella dei mercati emergenti (+11%). In Europa le performance sono sempre positive ma più contenute (in media il 3%). Unica eccezione negativa Piazza Affari, in calo nel periodo di circa il 5%, a causa del peso rilevante del settore finanziario, un comparto la cui redditività è stata particolarmente penalizzata dalla volatilità dei titoli di stato e dalla difficoltà della congiuntura economica. Il Presidente Barack Obama Il Governatore della Fed Ben Bernanke il presidente Mario Monti

5 8 DICEMBRE2011 CARISMI E IL TERRITORIO CARISMI E IL TERRITORIO DICEMBRE Occupazione giovanile. Carismi stabilizza i giova ni lavoratori In controtendenza rispetto all andamento delle assunzioni, l Istituto ha confermato a tempo indeterminato ben 67 giovani lavoratori In un momento in cui la disoccupazione giovanile assume proporzioni sempre più imponenti e diventa un tema prioritario anche nei vertici internazionali, la Cassa di Risparmio di San Miniato sceglie di stabilizzare dieci giovani lavoratori precari. Le problematiche in materia di lavoro giovanile sono sempre più spesso sui tavoli degli esponenti di governo e sono uno degli ambiti principali sui quali concentrare l impegno per la crescita anche a livello europeo. Nell incontro tra Monti e la Merkel a Roma, lo scorso marzo, la crisi occupazionale delle nuove generazioni ha avuto un peso prioritario, ritornando in più momenti tra le dichiarazioni di entrambi. Dobbiamo creare posti di lavoro, soprattutto per i giovani. Siamo convinti che il governo italiano si concentrerà su questo ha affermato Angela Merkel, alla quale Mario Monti ha fatto seguito: In questa fase in cui la crisi finanziaria più acuta sembra decisamente superata, non ci si può rilassare né dal punto di vista delle politiche interne, né da quello delle politiche europee. Carismi e Confindustria Livorno: una nuova convenzione per i servizi bancari alle imprese del territorio Occorre che nell Unione Europea si presti analoga attenzione per la crescita, soprattutto per il lavoro giovanile. Negli ultimi anni Carismi ha dimostrato sensibilità verso il tema dell occupazione. In controtendenza rispetto all andamento delle assunzioni, che hanno registrato cali anche nel settore creditizio, l Istituto ha confermato a tempo indeterminato ben 67 giovani lavoratori. Di questi, 57 sono stati stabilizzati nel 2011, al termine dei quattro anni dell apprendistato, attivato per assecondare le necessità di organico che la crescita esponenziale della Banca aveva fatto registrare a partire dal 2000 e che ha portato all apertura di nuovi sportelli (due terzi in più rispetto ai 53 sportelli già esistenti) e al raddoppio della copertura geografica (12 province rispetto alle 6 originarie). Gli ultimi 10, entrati definitivamente in organico a marzo scorso, sono tutti giovani che avevano collaborato negli uffici e nelle filiali per lunghi periodi maturando significativi periodi di esperienza e professionalità all interno dell azienda. Carismi e la scuola Una borsa di studio per i diplomati dell ITC Cattaneo di San Miniato Un importante contributo, quello che la Cassa di Risparmio di San Miniato ha riservato anche quest anno ai diplomati più meritevoli dell ITC Cattaneo, l Istituto superiore di San Miniato che, con la propria offerta formativa ed i numerosi progetti attivati, si posiziona tra le migliori proposte scolastiche della zona. La Banca ha infatti attribuito una borsa di studio del valore di 100 euro agli studenti che hanno conseguito la maturità con il massimo dei voti. Ovviamente insieme al contributo, da considerare come incoraggiamento per il proseguimento degli studi nella formazione universitaria o per le prime esperienze lavorative professionalizzanti, Carismi ha messo a disposizione dei neo-doplomati il conto corrente Carismi TWB, il pacchetto di conto corrente studiato appositamente per i giovani dai 18 ai 30 anni completo di tutti i servizi per l utilizzo delle proprie disponibilità finanziarie, totalmente gratuito e adesso, in promozione fino al 30 giugno, anche senza l imposta di bollo che, se dovuta, rimane a carico della Banca. I premi sono stati consegnati agli studenti durante la Festa del Merito che si è svolta lo scorso 25 febbraio presso il Centro Studi I Cappuccini concesso come di consueto alla Scuola dalla Banca per questa cerimonia. I ragazzi sono stati accolti e salutati dal Direttore Scolastico Salvatore Caruso e dai massimi esponenti della Banca e della Fondazione Crsm: Voi siete il futuro, ha detto nel suo saluto ai ragazzi il Vice Presidente Lang. Non perdete mai di vista il rispetto della persona, - ha commentato il Direttore Divo Gronchi vi sarà utile per entrare nella società in punta di piedi, forti dei vostri studi, per realizzare i vostri sogni e quelli dei vostri genitori. Infine, il Vice Presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di San Miniato, Gianfranco Rossi, intervenendo con un richiamo diretto al carattere prioritario che il mondo dei giovani riveste nell ambito dei piani di sostegno al territorio della Fondazione, ha aggiunto: I giovani sono uno degli obiettivi strategici della Fondazione che, nell ambito delle proprie possibilità, sostiene progetti mirati di formazione sul territorio per supportare i giovani nella scelta dell impostazione del loro percorso di vita. Gli alunni della Scuola G. Giusti di La Scala in visita agli uffici di Carismi Terra Nostra è un progetto della Scuola primaria G. Giusti di San Miniato località La scala - che ha l obiettivo di avvicinare al territorio gli alunni delle classi quinte attraverso visite dirette alle realtà economiche, culturali e sociali più significative. É nell ambito di questo percorso che i ragazzini, oltre al Palazzo Municipale, all ufficio postale, al presidio ASL, alla farmacia e ad altri soggetti rappresentativi della vita sociale ed economia di San Miniato, hanno potuto entrare in contatto diretto anche con la struttura direzionale di una banca, visitando gli uffici della sede centrale della Cassa di Risparmio di San Miniato. Circa 40 ragazzi per due "appuntamenti guidati presso le strutture aziendali di via Trento, a La Scala. Gli alunni hanno mostrato grande interesse e curiosità per le attrezzature, soprattutto per quelle di videosorveglianza della centrale accentrata, per il funzionamento del sistema informatico e per il servizio di videoconferenza. La visita, nella quale si è parlato anche della Banca e della sua funzione nell economia del territorio, è stata senz altro costruttiva ed ha permesso ai bambini di guardare la Cassa di Risparmio dal suo interno lasciando loro un ricordo, che ci auguriamo rimarrà vivo anche nel futuro. Per agevolare l accesso al credito delle aziende associate, Cassa di Risparmio di San Miniato e Confindustria Livorno hanno messo a punto un nuovo accordo per agevolare la comunicazione tra impresa e istituto di credito. Un traguardo importante in un momento in cui il 58% delle aziende non riesce ad ottenere dalle banche i finanziamenti richiesti e in cui l incertezza dei tempi di risposta può anche rivelarsi fatale. Uno specifico fascicolo informativo individua le informazioni necessarie alla Banca per conoscere al meglio l impresa, il suo business e le sue prospettive. Grazie a tale accordo, le aziende associate a Confindustria Livorno che si presenteranno alla Banca, avranno risposta alle richieste avanzate in un massimo di 30 giorni ed una riduzione del 50% delle spese di istruttoria. La collaborazione con Confindustria Livorno - sottolinea Daniele Puccioni, Responsabile della Divisione Mercato di Cassa di Risparmio di San Miniato - testimonia la volontà della nostra Banca di costruire un sistema a favore del tessuto produttivo locale. La nostra è, infatti, una delle ormai poche realtà della regione che mantiene salda la vocazione di Banca del territorio.

6 10 MAGGIO2012 IN VETRINA IN VETRINA MAGGIO Conto Zero Davvero: per la nuova campagna pubblicitaria la Cassa di Risparmio di San Miniato coinvolge aziende e volti del territorio la locandina della campagna éon air la nuova campagna pubblicitaria della Cassa di Risparmio di San Miniato per i Conti a Costo Zero, i conti correnti comprensivi di tutti i servizi necessari per un efficace gestione delle finanze personali in offerta senza nessun costo e con il risparmio totale dell imposta di bollo, 34,20 euro annui di cui si fa carico la Banca. Un operazione nella quale Carismi ha coinvolto, in piena sintonia con i valori che da sempre persegue, aziende e volti del territorio. Persone straordinariamente normali che vivono in luoghi concreti della terra Toscana. Persone che lavorano, che vivono la società in Mi ha semplificato la vita! Faccio acquisti, gestisco le utenze con sicurezza e senza spese. Servizi inclusi a costo Zero: Operazioni illimitate - Internet Banking - Carnet assegni Domiciliazione utenze - Bancomat europeo Carismi Life Nessuna imposta di bollo - Nessun canone annuo Numero Verde maniera attiva e che testimoniano la volontà della Banca di confermare la piena integrazione con il territorio anche nella realizzazione della propria comunicazione pubblicitaria. Una scelta precisa e piena di significato, da parte della Cassa di Risparmio di San Miniato, quella di realizzare la propria campagna pubblicitaria in ambiti familiari e quotidiani della vita del territorio, evocando la normale straordinarietà della terra e della gente toscana. Persone vere, chiamate per nome, ma che rappresentano un intero mondo fatto della cultura e dei Agos Ducato è il primo operatore del mercato del credito al consumo in Italia Persone vere, chiamate per nome, rappresentano la cultura del territorio a cui la Banca si rivolge valori tipici di queste parti. Una Banca che sta loro vicino e che crea prodotti su misura per le necessità delle loro famiglie o delle aziende che conducono. A n n a m a r i a e Sandra, ad esempio, abitano a Empoli. Nella vita sono amiche e colleghe all Associazione Filo d Argento. La loro vita da pensionate ha ritmi vivaci e impegni piacevoli: molto diversi rispetto a quelli che si potrebbero immaginare nella terza età. Il gruppo del coro, le prove e le tournée della compagnia teatrale amatoriale, viaggi rilassanti e tanto, tanto entusiasmo. Sono proprio Anna e Sandra, che con le loro foto scattate presso la Vivai Piante Giuliani di San Miniato Basso, promuovono il conto ai pensionati, anche nella versione presenta un amico. I clienti Carismi, infatti, hanno la possibilità di accedere alla promozione del conto a costo zero anche presentando la Banca ed il nuovo conto ad un amico. Enzo e Samuel, invece, sono operai al Calzaturificio Quadrifoglio di San Miniato Basso. Gli scatti li ritraggono in un momento di lavoro quotidiano all interno del laboratorio, fra le linee di produzione in piena e fervente attività. Sono loro i personaggi ai quali la Banca affida la comunicazione nei confronti dei lavoratori dipendenti, l altro target al quale è rivolta la campagna pubblicitaria. L accesso al conto a costo zero, infatti, presuppone come unico vincolo l accredito costante dello stipendio o della pensione sul conto corrente. Un unico vincolo, ma tanti vantaggi per i sottoscrittori del nuovo Conto Zero Davvero della Cassa di Risparmio di San Miniato. Un nome che è anche un modo di dire, con un davvero tutto toscano che conferma la reale e totale gratuità del conto e dei servizi ad esso collegati: la carta bancomat valida in tutta Europa grazie al marchio V-Pay di Visa; l internet banking, per gestire comodamente da casa il proprio conto con il computer; il carnet assegni e la domiciliazione delle bollette di luce, acqua e gas; un numero illimitato di operazioni sul conto. Tutto, appunto, a Costo Zero Davvero, compresa l imposta di bollo che rimane totalmente a carico della Banca, con un risparmio di 34,20 euro l anno. Agos Ducato. Una nuova partnership per l offerta di prestiti personali Importanti novità dallo scorso marzo nell offerta di Prestiti Personali della Cassa di Risparmio di San Miniato. Grazie ad un importante accordo di partnership con Agos Ducato, società finanziaria specializzata del settore, il collocamento di prestiti personali alla clientela privata Carismi sarà effettuato esclusivamente con prodotti di finanziamento a marchio Agos Ducato. Agos Ducato S.p.A. nasce nel 2009 dall integrazione tra Agos e Ducato, entrambe aziende leader nel mercato del credito al consumo e dei prestiti personali, rispettivamente appartenenti al Gruppo Crédit Agricole ed al Gruppo Banco Popolare. Agos Ducato è il primo operatore del mercato del credito al consumo in Italia, con una quota di mercato del 15,1%. La sua esperienza, il know-how e la specializzazione nelle differenti linee di prodotto, dai finanziamenti finalizzati all acquisto di beni e servizi, ai prestiti personali, alle carte di credito revolving, consentirà alla Cassa di Risparmio di San Miniato di fornire un servizio altamente qualificato, con tempi di risposta brevi, efficacia nella risoluzione dei problemi, confermando in tutto e per tutto la sua particolare attenzione alla customer care. Grazie a processi collaudati e ad una tecnologia all avanguardia, capace di gestire oltre quattro milioni e mezzo di operazioni all anno, 7 giorni su 7, 24 ore su 24, attraverso il nuovo partner la banca sarà in grado di ricevere l esito della richiesta di finanziamento in tempi brevissimi dall inoltro. Un primo passo, questo, nella ricerca di una maggiore efficienza mantenendo intatta la capacità di offrire ai clienti la migliore consulenza e la sicurezza di prodotti certificati e a condizioni di mercato fortemente concorrenziali.

7 12 MAGGIO2012 MADE IN TUSCANY MADE IN TUSCANY MAGGIO Intervista a Aldo Donati Patron del Gruppo Ausonia di Santa Croce sull Arno Aldo Donati nel suo ufficio La conceria Ausonia di Santa Croce sull Arno, leader nella produzione di pelli conciate al vegetale, è stata fondata nel 1946 da Marino Donati. Un progetto imprenditoriale vincente, del quale si fa oggi interprete il figlio Aldo, Socio Carismi, impegnato dal 1964 nell importante compito di portare avanti una tradizione di famiglia e un modo naturale di conciare le pelli. Lo stabilimento di via del Fontino a Santa Croce sull Arno, nel cuore del distretto conciario toscano, è stato costruito fra il 2000 e il Oggi i 13mila metri quadrati dell edificio ospitano l intero ciclo di p ro d u z i o n e dei pellami, in uno spazio moderno ed estremamente piacevole. I nuovi macchinari, per lo più ideati dallo stesso Donati per aumentarne l efficienza e la maneggevolezza, sono dotati di computer che controllano e archiviano automaticamente tutti i dati di produzione. Signor Donati, la Ausonia nasce nel 1946 e diventa presto leader La conceria leader nella produzione di pelli conciate al vegetale nella produzione di pelli conciate al vegetale per borse, valige, cinture, piccola pelletteria e arredamento. Quali sono i valori fondanti sui quali ha basato la crescita ed il successo della sua impresa? Dal 1964 ad oggi ho vissuto giorno per giorno la crescita di questa azienda, prima sul mercato italiano, poi su quello europeo fino all America e alla Cina. È un progetto al quale ho sempre creduto, nel quale ancora oggi credo fortemente e al quale dedico tutto me stesso. I valori di questa azienda sono innanzitutto la qualità delle nostre pelli, che selezioniamo con estrema cura e trattiamo con concianti vegetali. Crediamo molto nell importanza del rapporto col cliente e lo seguiamo cercando di soddisfarne sempre le esigenze con prodotti personalizzati. Quando parla della sua azienda associa due termini apparentemente molto diversi fra loro, come tradizione e innovazione. Cosa li lega così inscindibilmente? Il mondo si evolve e stare al passo coi tempi è importante. La tecnologia serve proprio a questo: è impensabile oggi lavorare come si faceva cinquanta anni fa. L innovazione permette di lavorare meglio, con meno fatica e in maniera più efficiente. Ma d altra parte la qualità dei nostri prodotti sta tutta nella tradizione, nelle formule immutate nel tempo e nei prodotti naturali, privi di cromo. Si pronuncia eco friendly, ma l attenzione all ambiente è molto più che un semplice slogan. Nella sua azienda come ha affrontato la problematica ambientale e come è riuscito a coniugare positivamente tecnologia e ambiente? Qui in azienda lavoriamo le pelli utilizzando esclusivamente prodotti naturali, i tannini, privi di componenti nocive. In più ci siamo certificati EMAS ed ISO per la gestione dei dati ambientali. I nostri reflui si possono trattare e non danno alcun problema a livello di inquinamento perché non contengono metalli pesanti come cromo, zirconio o titanio. Un made in Italy che non è solamente di alta qualità, ma che è profondamente connesso con il territorio e la sua gente, con la cultura e la quotidianità di chi vive la conceria. Un valore, condiviso anche dalla Cassa di Risparmio di San Miniato fin dalla sua fondazione. Secondo lei quanto continua ad essere vincente questa strategia pensando al futuro? Il vero made in Italy nasce solo qui, sul nostro territorio, dalle nostre mani. L importanza di seguire interamente la lavorazione dei nostri prodotti è ciò che li rende unici e inconfondibili. È vero, c è chi ha preferito far lavorare i suoi prodotti all estero, ma non è la stessa cosa. Noi abbiamo scelto di fare tutto qui, nel nostro stabilimento di Santa Croce, mettendoci tutta la nostra esperienza e la nostra professionalità. Dall alto della sua esperienza imprenditoriale, quali sono a suo parere gli elementi vincenti che una banca come la Cassa di Risparmio di San Miniato deve possedere per mantenere ed accrescere il proprio posizionamento sul mercato? La banca deve rimanere accanto ai clienti come ha sempre fatto, specie in un momento difficile come quello attuale; deve continuare ad ascoltarne le necessità e i bisogni, anche se riconosco che non è facile. La mia azienda si affida ai moltissimi servizi offerti dalla Cassa di Risparmio di San Miniato, alla quale io per primo sono legato da una profonda affezione. Nei miei ricordi di bambino la Banca è spesso presente, come un elemento importante, che accomunava l attività e la vita del nostro paese e della sua gente. Oggi come allora la considero garanzia di un servizio di qualità e calibrato esattamente sulle mie esigenze. Lo staff della Filiale di Santa Croce insieme ad Aldo Donati

8 14 MAGGIO2012 CARISMI SOLIDARIETà MONDO VALORE PIÙ MAGGIO I nuovi progetti solidali In Terra Santa finanziati da The People of San Miniato Le Convenzioni Carismi Valore Più Scoprile nello spazio web riservato agli azionisti su Tof Economy, Society and Peace in the Middle-east, l Istituzione creata nel 2004 dalla Fondazione Cassa di Risparmio di San Miniato e dalla Banca, assieme alla Regione Toscana, ha fra i suoi obiettivi principali quello di favorire la nascita di piccole attività manifatturiere, sostenerne il consolidamento, incoraggiare progetti originali e innovativi in una zona certo non facile come il Medio Oriente. Da quasi dieci anni, con assiduità e impegno, la The People of San Miniato Foundation aiuta a creare solidarietà e fratellanza tra i popoli che vivono in Terra Santa e in particolare fra Israeliani e Palestinesi, attraverso il finanziamento di piccoli progetti di investimento. Il bando promosso lo scorso dicembre, il terzo dal 2005, ha permesso di selezionare progetti di creazione e consolidamento di he People of San Miniato Foundation for the Advancement piccole attività produttive e manifatturiere a Betlemme e Gerusalemme Est, concentrandosi in particolar modo su donne e giovani laureati. Nel febbraio scorso, il Presidente e il Vicepresidente della San Miniato Foundation, Massimo Bacchereti e Alessandro Bandini, si sono recati in delegazione in Terra Santa, per analizzare le domande raccolte nell ambito del bando e per riunire il Comitato Tecnico di Valutazione formato da Israeliani e Palestinesi. Tra le proposte più interessanti per Betlemme, risaltano l idea di un bar di genere e l installazione di serre per ortaggi a ridosso del Muro; un fotografo per promuovere il turismo alternativo e sostenibile; uno studio di ingegneria e una clinica veterinaria mobile. Tra le iniziative presentate per Gerusalemme Est, sono state molto apprezzate il servizio di orientamento per studenti e un macchinario per la placcatura utile alla formazione degli argentieri. Durante il soggiorno in Terra Santa, il Presidente e il Vicepresidente dell Istituzione hanno anche potuto incontrare il nuovo Console Generale d Italia a Gerusalemme Giampaolo Cantini. La sede operativa di The People of San Miniato Foundation, infatti, si trova a Gerusalemme Est, proprio presso il Consolato Italiano. Visita istituzionale della delegazione anche alla Custodia di Terra Santa, alla Camera di Commercio di Betlemme, al Peres Center, per confrontarsi e discutere con i più grandi conoscitori della realtà locale i prossimi possibili sviluppi sul piano delle relazioni internazionali. Il progetto e l opera di The People of San Miniato Foundation sono stati oggetto, l 11 marzo scorso, di un interessante ed approfondito reportage su The Marker, il quotidiano economico più letto in Israele (paragonabile a IlSole- 24Ore Italiano). L articolo è visibile sul sito smb/ L a Cassa di Risparmio di San Miniato sta costantemente ampliando le convenzioni con le Aziende a vantaggio dei propri Soci. Sempre più azionisti Carismi titolari di un attività, infatti, sono entrati a far parte del network B2B Socio Carismi e hanno proposto una convenzione esclusiva riservata alla comunità dei Soci Carismi. Tra le più interessanti convenzioni stipulate, quella proposta dall agenzia di viaggi Il Gabbiano di Fucecchio del Gruppo Vantravel che attraverso il servizio Club Viaggi consente a chi ha l esigenza di programmare con largo anticipo le proprie vacanze, di usufruire di un ampia scelta e notevoli sconti, spendendo le stesse cifre di chi acquista un classico viaggio last minute. Soci Carismi Valore Più Tour Armenia Dal 12 al 20 maggio 2012 una meta un po insolita: l Armenia. È un paese di forti contrasti, la cui posizione ha condizionato la storia ed il carattere della popolazione. Caratteristica dell Armenia è proprio la ricchezza del patrimonio artistico-religioso con una grande concentrazione di chiese e monasteri. Quota di partecipazione: 1.580,00 euro per persona in doppia (minimo 15 partecipanti); supplemento singola 230,00 euro Domenica 20 maggio 2012 Tour dell Isola d Elba, sosta e visita a Portoferraio, pranzo a bordo e sosta con visita a Porto Azzurro. Quota di partecipazione: adulti 75,00 euro, bambini (2/10 anni) 55,00 euro Dal 15 al 25 giugno 2012 Tour West Usa. Los Angeles & Universal Studios - Las Vegas - Bryce Canyon, Gran Canyon & Monument Valley - San Francisco. Quota di partecipazione: 2.400,00 euro per persona in doppia; supplemento singola 680,00 euro Per informazioni contattare l'ufficio Marketing Inoltre, i Soci Carismi hanno la possibilità di conoscere e acquistare a prezzi scontati i prodotti delle prestigiose linee cosmetiche del Dr. Taffi. Creme e profumi densi di Toscana al 20% di sconto, semplicemente recandosi in uno dei venti punti vendita e presentando la Carta Carismi Valore Più oppure acquistando direttamente on-line sul sito shop.drtaffi.com. Un modo semplice ed efficace per creare valore aggiunto offrendo vantaggi e condizioni di acquisto agevolate in una vasta gamma di settori. Ad esempio quello delle auto, con la convenzione fra Carismi e il gruppo Peragnoli, che offre l estensione di un anno della garanzia prevista dalla fabbrica, sia sul nuovo che sull usato, oltre al 10% di sconto sul totale fattura per le spese di assistenza postvendita. Inoltre, per le aziende con parco auto, consulenza gratuita per valutarne la gestione con il noleggio a lungo termine Arval. Infine, ultima in ordine di tempo, la convenzione stipulata con l azienda agricola Mediterranea Belfiore della famiglia Ciarlo. Fondata nel 1952 dal padre Donato, la piccola attività a carattere familiare di Cecina è adesso gestita dalle tre figlie, Simonetta, Antonella ed Emiliana, orgogliose della diversità dei loro prodotti, apprezzati dai clienti perché naturali, biologici e soprattutto di qualità. Sul sito l azienda si descrive in questo modo: Lontani per scelta dai ritmi della produzione industriale, prepariamo così le nostre specialità, con la cura di chi ha fatto della qualità un motivo di orgoglio. Il crescente consenso dei consumatori che sanno bene apprezzare la diversità dei nostri prodotti, è la migliore conferma per questo nostro modo di lavorare. Mediterranea Belfiore offre ai Soci Carismi i suoi Prodotti del Cuore scontati del 10%, dietro presentazione della Card Soci Carismi Valore Più. Con Carismi Valore Più i Soci hanno sempre nuove opportunità. Per scoprirle tutte basta entrare nell area dedicata agli azionisti su I Soci titolari di aziende che desiderano entrare a far parte del B2B Soci offrendo beni o servizi a condizioni riservate, possono contattare direttamente la direzione marketing al numero oppure inviare un all indirizzo Nella foto al centro Francesca Cioni collaboratrice in loco, Laura Biancalani della Fondazione Cassa di Risparmio di San Miniato e Alessandro Bandini Presidente Cassa di Risparmio di San Miniato. Nelle foto ai lati alcuni dei beneficiari del Progetto di microcredito in Terra Santa Le Convenzioni scoprile nello spazio web riservato ai soci

9 Foto di copertina Filiale di Porcari 2012 Reg. Tribunale di Firenze n del 21/04/2010 Direttore responsabile Carla Francone Redazione Alessia D Anteo, Paola Vanni Progetto grafico Cristiana Innocenti Editore EDIMEDIA Srl, via Volturno 10/12A Sesto F.no (FI) Tel Stampa Industria Grafica Valdarnese Chiuso in redazione il 00/04/2012 Info EDIMEDIA POSTE ITALIANE - TARIFFA PAGATA POSTA TARGET CREATIVE C1/3475/2008

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 1. QUADRO MACROECONOMICO INTERNAZIONALE Negli ultimi mesi del 2011 si è verificato un peggioramento delle prospettive di crescita nelle principali economie

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI SECONDO TRIMESTRE 2012

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI SECONDO TRIMESTRE 2012 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI SECONDO TRIMESTRE 2012 1. EVOLUZIONE DELLA CRISI ECONOMICA INTERNAZIONALE Nel secondo trimestre del 2012 le incertezze sull evoluzione della crisi greca e le difficoltà del

Dettagli

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Gregorio De Felice Chief Economist Intesa Sanpaolo Roma, 24 febbraio 2014 Agenda 1 Le prospettive macro nel 2014-15 2 Credito ed economia reale nell area

Dettagli

L ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI Lo scenario attuale e gli strumenti a disposizione per imprenditori e consulenti di impresa

L ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI Lo scenario attuale e gli strumenti a disposizione per imprenditori e consulenti di impresa L ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI Lo scenario attuale e gli strumenti a disposizione per imprenditori e consulenti di impresa La situazione dell accesso al credito per le piccole e medie imprese che costituiscono

Dettagli

Convocata l Assemblea dei Soci per venerdì 25 e sabato 26 aprile, rispettivamente in prima e seconda convocazione.

Convocata l Assemblea dei Soci per venerdì 25 e sabato 26 aprile, rispettivamente in prima e seconda convocazione. Veneto Banca rafforza il patrimonio promuovendo un operazione di aumento di capitale in opzione ai soci fino ad un massimo di 500 milioni di euro e la conversione del prestito obbligazionario convertibile

Dettagli

Documentazione I PIIGS Chi controlla Eurolandia? Strumenti e prospettive dopo il caso Grecia

Documentazione I PIIGS Chi controlla Eurolandia? Strumenti e prospettive dopo il caso Grecia Documentazione I PIIGS Chi controlla Eurolandia? Strumenti e prospettive dopo il caso Grecia SCENARI E POLITICHE DI STABILITÀ E CONVERGENZA La tabella 2.1 mostra come l anno da poco concluso sia stato

Dettagli

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE (febbraio 2015) Il ciclo internazionale, l area euro ed i riflessi sul mercato interno Il ciclo economico internazionale presenta segnali favorevoli che si accompagnano

Dettagli

Aprile 2014. Nota congiunturale sintetica

Aprile 2014. Nota congiunturale sintetica Aprile 2014 Nota congiunturale sintetica Eurozona La dinamica degli indicatori di fiducia basati sulle indagini congiunturali fino a marzo è coerente con il perdurare di una crescita moderata anche nel

Dettagli

MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso

MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso Moda e lusso nell attuale contesto macroeconomico Intervento di Gregorio De Felice Chief Economist, Intesa Sanpaolo 8 Novembre 2013 (Sintesi)

Dettagli

RAPPORTO BANCHE 1/2 0 1 5

RAPPORTO BANCHE 1/2 0 1 5 RAPPORTO BANCHE 1/2015 N. 1-2015 Il Rapporto Cer-Banche è frutto della ricerca in campo bancario svolta in questi anni dall'istituto. Il programma di attività ha condotto alla costruzione di un modello

Dettagli

La Cassa Depositi e Prestiti viene da lontano ed il suo lungo percorso storico è caratterizzato da tre

La Cassa Depositi e Prestiti viene da lontano ed il suo lungo percorso storico è caratterizzato da tre (bozza non corretta) Accesso al credito: il ruolo di Cassa depositi e prestiti. Gli strumenti di sostegno alle PMI ed alle Pubbliche Amministrazioni" GIOVEDI' 14 GIUGNO 2012 FERMO (Sala dei Ritratti -

Dettagli

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro)

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro) Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

Aggiornamento sui mercati obbligazionari

Aggiornamento sui mercati obbligazionari Aggiornamento sui mercati obbligazionari A cura di: Pietro Calati 20 Marzo 2015 Il quadro d insieme rimane ancora costruttivo Nello scorso aggiornamento di metà novembre dell anno passato i segnali per

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 1. IL QUADRO MACROECONOMICO I primi dati delle indagini congiunturali indicano una ripresa della crescita economica mondiale ancora modesta e disomogenea

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Relazione Semestrale al 25 giugno 2013

Relazione Semestrale al 25 giugno 2013 Relazione Semestrale al 25 giugno 2013 Fondo comune di investimento mobiliare aperto di diritto italiano armonizzato alla Direttiva 2009/65/CE INDICE Considerazioni Generali - Commento Macroeconomico...

Dettagli

Indagine sulle micro, piccole e medie imprese: sintesi dei principali risultati

Indagine sulle micro, piccole e medie imprese: sintesi dei principali risultati Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la Politica Industriale, la Competitività e le Piccole e Medie Imprese ex Div. VIII PMI e artigianato Indagine sulle micro, piccole e medie imprese:

Dettagli

Global Asset Allocation

Global Asset Allocation Global Asset Allocation L impatto dell incremento dei rendimenti obbligazionari sul ciclo economico e sulla nostra view Aprile 0 Punti chiave PROSPETTIVE Giordano Lombardo Group CIO, Pioneer Investments

Dettagli

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 19/ del 9// Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca. Italia:

Dettagli

CONGIUNTURA FLASH. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO. Anno 2012. N. Doc A 8 Pagine 5

CONGIUNTURA FLASH. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO. Anno 2012. N. Doc A 8 Pagine 5 5 Fonte Elaborazioni ANES MONITOR su ANALISI MENSILE DEL CENTRO STUDI CONFINDUSTRIA 2 5 Nello scenario globale si accentua la divaricazione tra le grandi aree. Gli USA conservano un moderato incremento

Dettagli

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014)

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014) RESeT INTERNAZIONALE Fondo Monetario Internazionale FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE ED. IT. DI ALDO CARBONE 19 Giugno 2014 Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell

Dettagli

TrendRa, l'indagine di CNA sull andamento economico e occupazionale dell artigianato a Ravenna

TrendRa, l'indagine di CNA sull andamento economico e occupazionale dell artigianato a Ravenna TrendRa, l'indagine di CNA sull andamento economico e occupazionale dell artigianato a Ravenna Venerdì 9 Ottobre 2015 Si intravede qualche segnale di ripresa, ma i principali indicatori economici rimangono

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 16 DICEMBRE 2010 Microimprese ancora in affanno ma emergono i primi timidi segnali di miglioramento negli investimenti Calano

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento LE NUOVE MISURE FISCALI Taglio del cuneo fiscale, riduzione dell Irap e maggiore tassazione delle rendite finanziarie. Questi i tre maggiori interventi del nuovo premier, ma quale effettivo impatto avranno

Dettagli

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A L economia del Veneto Venezia, 17 giugno 2014 Le imprese L'eredità della crisi Indice del PIL (2007=100) Nel Nord Est la riduzione cumulata del PIL è di 8 punti percentuali.

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

Consumi finali delle famiglie pro-capite

Consumi finali delle famiglie pro-capite Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI Silvano Carletti * Nei suoi primi cinque appuntamenti (l ultimo a fine settembre 2015) il Targeted Longer-Term Refinancing Operations (TLTRO)

Dettagli

ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE Il Fondo Pensione aperto Zurich Contribution è stato, come noto, istituito dal Consiglio di Amministrazione di Minerva Vita S.p.A. (oggi Zurich

Dettagli

Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole conferma redditività, liquidità e sostegno all economia reale anche nel primo semestre 2012

Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole conferma redditività, liquidità e sostegno all economia reale anche nel primo semestre 2012 Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole conferma redditività, liquidità e sostegno all economia reale anche nel primo semestre 2012 Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole continua a generare redditività malgrado

Dettagli

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015 Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2015 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.09 POLITICA FINANZIARIA

Dettagli

Dopo il crollo nella crisi, gli investimenti ripartono. Cruciale sostenerli per avere una crescita più robusta

Dopo il crollo nella crisi, gli investimenti ripartono. Cruciale sostenerli per avere una crescita più robusta 1-08-2015 Numero 15-11 NOTA DAL CSC Dopo il crollo nella crisi, gli investimenti ripartono. Cruciale sostenerli per avere una crescita più robusta Tra il e il gli investimenti fissi lordi si sono contratti

Dettagli

L economia delle Province autonome di Trento e di Bolzano

L economia delle Province autonome di Trento e di Bolzano Filiali di Trento e di Bolzano L economia delle Province autonome di Trento e di Bolzano Bolzano, 18 giugno 2013 L ECONOMIA REALE Nel 2012 l economia delle province autonome di Trento e di Bolzano si è

Dettagli

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO Ufficio Comunicazione&Studi Confartigianato del Veneto ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO INDAGINE CONGIUNTURALE ANDAMENTO 2 SEMESTRE 2010 PREVISIONE 1 SEMESTRE 2011 In collaborazione con INDAGINE

Dettagli

Lo stato della finanza pubblica in Italia

Lo stato della finanza pubblica in Italia di Angelo Giubileo. Lo stato della finanza pubblica in Italia Crisi produttiva e aumento del debito pubblico In ambito europeo, la situazione di crisi internazionale ha avuto forti ripercussioni sul rapporto

Dettagli

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SINTESI PER LA STAMPA EUROPEAN OUTLOOK 2014 Motori accesi, manca lo "start" SETTEMBRE 2013 Si tratta di un rapporto riservato. Nessuna parte

Dettagli

Investire nella crescita: l innovazione finanziaria a sostegno dello sviluppo

Investire nella crescita: l innovazione finanziaria a sostegno dello sviluppo Investire nella crescita: l innovazione finanziaria a sostegno dello sviluppo 13 FORO DI DIALOGO ITALIA SPAGNA Contributo degli intermediari finanziari italiani, coordinato dal Prof. Rainer Masera, al

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Comunicato stampa RISULTATI DEL 1 SEMESTRE DEL GRUPPO CARIPARMA FRIULADRIA Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Utile Netto

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

Produzione. MANIFATTURA e MERCATI. Le PMI dopo sette anni di crisi

Produzione. MANIFATTURA e MERCATI. Le PMI dopo sette anni di crisi Produzione MANIFATTURA e MERCATI Le PMI dopo sette anni di crisi Produzione MANIFATTURA e MERCATI Le PMI dopo sette anni di crisi Realizzata da CNA Produzione In collaborazione con Centro Studi CNA MANIFATTURA

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

È TEMPO DI PIANIFICARE NON BASTA PIÙ INVESTIRE INVESTIRE 500.000? ECCO GLI ULTIMI PORTI SICURI COSTRUIRSI UNA RENDITA CON GLI AFFITTI

È TEMPO DI PIANIFICARE NON BASTA PIÙ INVESTIRE INVESTIRE 500.000? ECCO GLI ULTIMI PORTI SICURI COSTRUIRSI UNA RENDITA CON GLI AFFITTI www.effemagazine.it NOVEMBRE 2014 MENSILE - ANNO 4 - NUMERO 11 - NOVEMBRE 2014 POSTE ITALIANE SPA - SPEDIZIONE IN ABBONAMENTO POSTALE - 70% - LO/MI 5,00 EURO 4,00 EURO TORNA L AVVERSIONE AL RISCHIO ECCO

Dettagli

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007)

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) CRS PO-MDL 1 GLI SCENARI ECONOMICI Prima di affrontare una qualsiasi analisi del mercato del lavoro giovanile, è opportuno soffermarsi sulle caratteristiche

Dettagli

Nota Congiunturale Numero 2 Giugno 2009

Nota Congiunturale Numero 2 Giugno 2009 Nota Congiunturale Numero 2 Giugno 2009 Comitato per la qualificazione della spesa pubblica Comitato per lo sviluppo provinciale Sandro Trento Enrico Zaninotto Quadro internazionale: 2010 migliore, ma

Dettagli

Proposta riservata a CRAL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA. Agos Ducato al fianco dei migliori partner

Proposta riservata a CRAL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA. Agos Ducato al fianco dei migliori partner Proposta riservata a CRAL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Agos Ducato al fianco dei migliori partner Agos Ducato: breve profilo Società leader in Italia Agos Ducato è la prima società di credito ai consumatori

Dettagli

Le imprese in questo nuovo scenario.

Le imprese in questo nuovo scenario. Banche credito tassi - imprese: un nuovo scenario Le imprese in questo nuovo scenario. 1 Mercoledì 26 ottobre 2011, ore 16.00 Palazzo Bonin - Corso Palladio 13 Vicenza Aspetti fondamentali del nuovo scenario:

Dettagli

TrendRA RAPPORTO CONGIUNTURALE ED ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA Anno 2014 e prime tendenze 2015.

TrendRA RAPPORTO CONGIUNTURALE ED ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA Anno 2014 e prime tendenze 2015. TrendRA RAPPORTO CONGIUNTURALE ED ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA Anno 2014 e prime tendenze 2015. Questa mattina, nel corso di una conferenza stampa a cui hanno partecipato il direttore, Massimo

Dettagli

A tre anni dalla crisi dell euro: un austerità fallimentare?

A tre anni dalla crisi dell euro: un austerità fallimentare? A tre anni dalla crisi dell euro: un austerità fallimentare? di Antonio Misiani Il 19 ottobre 2009 il primo ministro greco, George Papandreou, annunciò che i conti pubblici ellenici erano drammaticamente

Dettagli

80 GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO

80 GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO 80 GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO INTERVENTO DEL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA DOTT. ANTONIO FAZIO Sommario 1. La congiuntura internazionale 1 2. La condizione dei mercati finanziari 3 3. La congiuntura

Dettagli

Il credito in Toscana. III trimestre 2014

Il credito in Toscana. III trimestre 2014 Il credito in Toscana III trimestre 2014 Firenze, Febbraio 2015 Il contesto di riferimento Prosegue il rallentamento dei prestiti concessi dalle banche al settore privato italiano (-1,7% il dato di agosto

Dettagli

Fonte: indagine UniCredit 2010 sulla fiducia I RISULTATI PRINCIPALI. Indice di fiducia complessivo

Fonte: indagine UniCredit 2010 sulla fiducia I RISULTATI PRINCIPALI. Indice di fiducia complessivo COMUNICATO STAMPA Settimo Rapporto UniCredit sulle Piccole Imprese La ricerca di nuovi mercati: la sfida delle piccole imprese fra cambiamento e tradizione Presentato a Roma, lo studio è stato dedicato

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

Random Note 1/2015. Qui di seguito le nostre principali assunzioni relativamente agli scenari macroeconomici:

Random Note 1/2015. Qui di seguito le nostre principali assunzioni relativamente agli scenari macroeconomici: Random Note 1/2015 OUTLOOK 2015 : VERSO LA NORMALIZZAZIONE? La domanda a cui, con la nostra analisi di inizio anno, cerchiamo di dare una risposta è se nel 2015 assisteremo ad un ritorno alla normalizzazione

Dettagli

CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO

CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO 2 NOTA ECONOMICA Ripresa sostenuta dei consumi cosmetici nel 2010 nonostante le tensioni sulle propensioni d acquisto di larghe fasce di consumatori.

Dettagli

POSTE ITALIANE: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RICAVI E RISULTATO OPERATIVO IN CRESCITA

POSTE ITALIANE: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RICAVI E RISULTATO OPERATIVO IN CRESCITA POSTE ITALIANE: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RICAVI E RISULTATO OPERATIVO IN CRESCITA Ricavi totali: 23,9 miliardi, +6,0% ( 22,6 miliardi al 30.09.2014) Risultato

Dettagli

Il Sentiment del mercato immobiliare e l Indice Fiups

Il Sentiment del mercato immobiliare e l Indice Fiups Il Sentiment del mercato immobiliare e l Indice Fiups I Quadrimestre 2014 Roma, luglio 2014 I risultati del questionario per la rilevazione del Sentiment del mercato immobiliare Primo Quadrimestre 2014

Dettagli

Nota di sintesi per la stampa Dati maggio 2010

Nota di sintesi per la stampa Dati maggio 2010 Nota di sintesi per la stampa Dati maggio 2010 OSSERVATORIO FENEAL-UIL/CRESME Antonio Correale, Segretario Generale FeNEAL UIL: La crisi non è affatto finita nell edilizia. Per il 2010 previsioni nere:

Dettagli

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano Gregorio De Felice Chief Economist 1 Credito alle imprese in forte crescita negli ultimi 1 anni La recente flessione del credito segue un periodo

Dettagli

La crisi del settore bancario in Europa

La crisi del settore bancario in Europa La crisi del settore bancario in Europa 26 ottobre 2011 Christine Lagarde, direttrice del Fondo Monetario Internazionale, già ad agosto aveva dichiarato che occorrevano circa 200 miliardi di Euro per ricapitalizzare

Dettagli

Comunicato stampa del 12 agosto 2015

Comunicato stampa del 12 agosto 2015 Comunicato stampa del 12 agosto 2015 Cassa di Risparmio di Bolzano torna all utile nel primo semestre 2015, approva il Piano Strategico 2015/2019 e si prepara a lanciare l aumento di capitale. Il Consiglio

Dettagli

Fondo Invest Real Security. Assemblea dei Partecipanti 11 dicembre 2014

Fondo Invest Real Security. Assemblea dei Partecipanti 11 dicembre 2014 Fondo Invest Real Security Assemblea dei Partecipanti 11 dicembre 2014 Considerazioni generali del mercato Il mercato immobiliare italiano nel corso degli ultimi mesi ha assistito ad una attenuazione della

Dettagli

Da sempre abbiamo creduto in un sogno, la nascita di una Società Finanziaria attenta ai desideri dei nostri clienti.

Da sempre abbiamo creduto in un sogno, la nascita di una Società Finanziaria attenta ai desideri dei nostri clienti. 13 1 2 Da sempre abbiamo creduto in un sogno, la nascita di una Società Finanziaria attenta ai desideri dei nostri clienti. Credion Società Finanziaria Spa nasce nel 2006 grazie alla grinta e alla determinazione

Dettagli

Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012

Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012 CASSA DI PREVIDENZA - FONDO PENSIONE PER I DIPENDENTI DELLA RAI E DELLE ALTRE SOCIETÀ DEL GRUPPO RAI - CRAIPI Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012 SETTEMBRE 2012 Studio Olivieri

Dettagli

Al tuo fianco, sempre.

Al tuo fianco, sempre. Al tuo fianco, sempre. PIER GUIDO, imprenditore agricolo, Socio. LA DIFFERENZA È QUI. Scegliere Banca d Alba significa poter contare sulla più grande Banca di Credito Cooperativo in Italia per compagine

Dettagli

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43 RAPPORTO BANCHE SOMMARIO E CONCLUSIONI 3 LA CONGIUNTURA BANCARIA IN EUROPA 7 L attivo bancario 8 Gli impieghi 8 I crediti deteriorati 14 I titoli in portafoglio 17 Le azioni e partecipazioni 19 Le passività

Dettagli

Mathema Advisors: Market Report. Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014

Mathema Advisors: Market Report. Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014 Mathema Advisors: Market Report Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014 CONTENUTI Pag.3 - Analisi Macro: Quadro Globale Pag.6 - Analisi del Rischio Pag.9 - Disclaimer 2 Analisi Macro Quadro

Dettagli

TEA68TFI. materiali didattici per la seconda prova scritta delle discipline economico-aziendali COMPETENZE

TEA68TFI. materiali didattici per la seconda prova scritta delle discipline economico-aziendali COMPETENZE TEA68TFI materiali didattici per la seconda prova scritta delle discipline economico-aziendali COMPETENZE Istituti Tecnici - Settore Economico Indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing TEMA DI ECONOMIA

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Focalizzazione su efficienza operativa del Gruppo» Costi amministrativi in calo dell 1,1% a termini omogenei

COMUNICATO STAMPA. Focalizzazione su efficienza operativa del Gruppo» Costi amministrativi in calo dell 1,1% a termini omogenei COMUNICATO STAMPA PRESS OFFICE Tel. +39.040.671180 - Tel. +39.040.671085 press@generali.com INVESTOR RELATIONS Tel. +39.040.671202 - Tel. +39.040.671347 - generali_ir@generali.com www.generali.com RISULTATI

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

La Cultura della Previdenza Riformare il Patto di stabilità per la crescita interna

La Cultura della Previdenza Riformare il Patto di stabilità per la crescita interna Università LUM Jean Monnet - Trani European Week 9-10-11 maggio 2013 Cassa Nazionale di Previdenza e Assistenza La Cultura della Previdenza Riformare il Patto di stabilità per la crescita interna Intervento

Dettagli

XVI Convegno AIAF ASSIOM FOREX

XVI Convegno AIAF ASSIOM FOREX XVI Convegno AIAF ASSIOM FOREX Relazione introduttiva Gregorio De Felice, Presidente AIAF Napoli, 13 febbraio 2010 1 Signor Governatore, Autorità, Signori Delegati, sono ormai trascorsi quasi mille giorni

Dettagli

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Ottobre 2014 Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Eurozona Previsioni "La ripresa nella zona euro sta perdendo impulso, la crescita del PIL si è fermata nel secondo trimestre, le informazioni

Dettagli

2. Una economia equilibrata con un cuore pulsante industriale e turistico

2. Una economia equilibrata con un cuore pulsante industriale e turistico L analisi che il CRESME ha condotto, sulla base dell incarico ricevuto da ANCE COMO, con il contributo dalla CAMERA DI COMMERCIO DI COMO e sostenuto da Ordine degli Architetti, Ordine degli Ingegneri di

Dettagli

Le banche e le assicurazioni

Le banche e le assicurazioni IV 1 La redditività delle banche quotate Nei primi nove mesi del 213 la redditività delle principali banche quotate, misurata rispetto agli attivi ponderati per il rischio (RWA), è stata connotata da andamenti

Dettagli

Cari presidenti, Ministro Rachid, signore e signori,

Cari presidenti, Ministro Rachid, signore e signori, COSMIT FEDERLEGNOARREDO ISALONI (Milano, 22 Aprile 2009) INTERVENTO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO ON. CLAUDIO SCAJOLA Cari presidenti, Ministro Rachid, signore e signori, sono molto lieto di partecipare

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO ASSOFIN - CRIF - prometeia OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO DICEMBRE 2008 NUMERO VENTICINQUE INDICE DEL VOLUME COMPLETO pag.9 PREMESSA TEMI DEL RAPPORTO 11 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO 15

Dettagli

Crisi in Europa, peculiarità e scenari

Crisi in Europa, peculiarità e scenari Crisi in Europa, peculiarità e scenari Appunti della lezione tenuta presso l'università di Trieste - Scienze Internazionali e Diplomatiche di Gorizia - insegnamento di Geografia Economica Gorizia, aprile

Dettagli

INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE PREVISIONI DI ANDAMENTO DELL INDUSTRIA IN LIGURIA NEL TERZO TRIMESTRE 2013

INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE PREVISIONI DI ANDAMENTO DELL INDUSTRIA IN LIGURIA NEL TERZO TRIMESTRE 2013 INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE PREVISIONI DI ANDAMENTO DELL INDUSTRIA IN LIGURIA NEL TERZO TRIMESTRE 2013 Le previsioni delle imprese manifatturiere liguri per il terzo trimestre 2013 hanno confermato alcuni

Dettagli

L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 2013

L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 2013 CAMERA DI COMMERCIO DI FIRENZE L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 213 U.O. Statistica e studi III 213 Da questo trimestre inizia la pubblicazione di un

Dettagli

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio C E N S I S Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio III Quadrimestre 2008 Monitor Lazio è promosso dall Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli

Il mercato assicurativo internazionale nel 2012. (quote % del mercato mondiale) Altro 36,0% Premi totali 4.612 mld Usd. Italia 3,1% Germania

Il mercato assicurativo internazionale nel 2012. (quote % del mercato mondiale) Altro 36,0% Premi totali 4.612 mld Usd. Italia 3,1% Germania Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 6 DICEMBRE 2005 CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA OVERVIEW CAPITOLO 1 FATTI E TENDENZE INDICE 1.1 L economia internazionale

Dettagli

CONGIUNTURA FLASH APRILE 2014

CONGIUNTURA FLASH APRILE 2014 5 APRILE 2014 Fonte Elaborazioni ANES MONITOR su ANALISI MENSILE DEL CENTRO STUDI CONFINDUSTRIA 2 5 Le economie avanzate accelerano, le emergenti frenano ancora. Per la crescita globale la somma è positiva,

Dettagli

Professor Claudio Cacciamani Dottoressa Sonia Peron - Università di Parma -

Professor Claudio Cacciamani Dottoressa Sonia Peron - Università di Parma - Il Sentiment del mercato immobiliare e l Indice Fiups II Quadrimestre 2014 Milano, novembre 2014 I risultati del questionario per la rilevazione del Sentiment del mercato immobiliare Secondo Quadrimestre

Dettagli

CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO

CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO 2 NOTA ECONOMICA Tenuta del consumo di prodotti per la cura del corpo e per il benessere personale. Anche nel periodo a cavallo tra il 2009 e i primi

Dettagli

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi Nel 200 si prevede che la ricchezza finanziaria delle famiglie in Europa centro-orientale raggiungerà i 1 miliardi di euro, sostenuta da una forte crescita economica e da migliorate condizioni del mercato

Dettagli

VIEW DI MERCATO: DALL ANALISI MACRO ALL ASSET ALLOCATION STRATEGICA

VIEW DI MERCATO: DALL ANALISI MACRO ALL ASSET ALLOCATION STRATEGICA VIEW DI MERCATO: DALL ANALISI MACRO ALL ASSET ALLOCATION STRATEGICA relatori: Alessandro Stanzini, Fabio Bottani Corso istituzionale - Neo private banking: una prima formazione tecnico relazionale VIEW

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI DELL ESERCIZIO 2006

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI DELL ESERCIZIO 2006 COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI DELL ESERCIZIO 2006 2006 ANNO DI SVOLTA PER SEAT PAGINE GIALLE CON UN SECONDO SEMESTRE IN FORTE CRESCITA GRAZIE ALLE INNOVAZIONI

Dettagli

News > Italia > Economia - Martedì 05 Marzo 2013, 17:00

News > Italia > Economia - Martedì 05 Marzo 2013, 17:00 " Social bond UBI..." Ubi Banca punta sul social bond con Cesvi Obbligazioni a sostegno del progetto Cesvi per la sicurezza alimentare in Uganda da Ubi" Barbara Conti In Italia arriva il prestito obbligazionario

Dettagli

26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T

26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T STATI UNITI REALE Pil 1,8% t/t 0,4% t/t 1,6% a/a 1,7% a/a Consumi privati 2,6% t/t 1,8% t/t 1,9% a/a 1,8% a/a 3% t/t 14% t/t 5,5% a/a 7,2% a/a 0,4% t/t 13,2% t/t non residenziali 3,7% a/a 5,5% a/a 14%

Dettagli

Fondo Pensione Gruppo Intesa Sanpaolo

Fondo Pensione Gruppo Intesa Sanpaolo Call center: 02.30329329 dalle 8.30 alle 17.00 dal lunedì al venerdì (tenere a portata di mano il codice iscritto) http://www.fondopensionegruppointesasanpaolo.it Newsletter n. 1 2015 IN QUESTO NUMERO

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 31/7/1 Pagina 1 Questa

Dettagli

Poligrafici Editoriale

Poligrafici Editoriale COMUNICATO STAMPA (redatto ai sensi della Delibera Consob n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modifiche e integrazioni) Il Consiglio di Amministrazione approva la Relazione Finanziaria semestrale

Dettagli

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione ATTIVITÀ FINANZIARIE Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione Il settore dell intermediazione monetaria e finanziaria ha acquistato rilevanza nel corso degli ultimi vent anni:

Dettagli

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI DEI PRIMI ANNI NOVANTA E LA CRISI ATTUALE

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI DEI PRIMI ANNI NOVANTA E LA CRISI ATTUALE DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI LA CRISI DELLE COSTRUZIONI DEI PRIMI ANNI NOVANTA E LA CRISI ATTUALE ESTRATTO DALL OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI GIUGNO 2012 LA CRISI

Dettagli

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 33 Macroarea Nord 33 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 38 Macroarea Sud2 41

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 33 Macroarea Nord 33 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 38 Macroarea Sud2 41 RAPPORTO BANCHE SOMMARIO E CONCLUSIONI 3 LA CONGIUNTURA DELLE BANCHE EUROPEE 7 L attivo 8 Gli impieghi 8 I crediti deteriorati 15 I titoli in portafoglio 16 Le azioni e partecipazioni 19 Le passività 20

Dettagli