SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA"

Transcript

1 (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: COMUNE DI BRESCIA 2) Codice di accreditamento: NZ ) Albo e classe di iscrizione: Regione Lombardia 3 CARATTERISTICHE PROGETTO 4) Titolo del progetto: 5) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): Patrimonio artistico e culturale (D) Cura e conservazione biblioteche (01) 6) Descrizione dell area di intervento e del contesto territoriale entro il quale si realizza il progetto con riferimento a situazioni definite, rappresentate mediante indicatori misurabili; identificazione dei destinatari e dei beneficiari del progetto: La città di Brescia conta abitanti ed ha una superficie territoriale di kmq 90.68, suddivisa in 5 circoscrizioni. [dati rilevati ed elaborati al dall ufficio di Informazione statistica del Comune di Brescia]. L età media della popolazione è di 44,7 anni, superiore di 1,6 anni al dato nazionale. La popolazione anziana raggiunge quasi un quarto degli abitanti: infatti hanno superato i 65 anni d età ben residenti (pari al 23,4% del totale; gli over 75 sono l 11,8%). L indice di vecchiaia è pari a 177,8 - superiore di 34,8 punti alla media nazionale (143).

2 I bambini/ragazzi fino a 15 anni di età residenti nel comune sono (pari al 13,3% del totale). In totale a Brescia per ogni 100 persone in età attiva ne risultano quasi 58 in età non attiva (indice di dipendenza strutturale = 57,72 - media nazionale = 52). [dati rilevati ed elaborati al dall ufficio di Informazione statistica del Comune di Brescia in assenza di dati aggiornati al 2010]. In questo articolato contesto territoriale e sociale operano le numerose strutture aderenti al Sistema bibliotecario urbano: la biblioteca Queriniana - che è anche biblioteca capoluogo di provincia - la mediateca Lino Monchieri, l emeroteca scientifica e di attualità, varie biblioteche specialistiche (del Museo di scienze naturali, dell Istituto Pasquali-Agazzi) e 8 biblioteche di base. Queste ultime svolgono funzioni di pubblica lettura e di diffusione dell informazione e valorizzazione del patrimonio culturale della città; forniscono un servizio di consultazione, prestito diretto e prestito interbibliotecario di documenti di varia natura, con particolare attenzione all acquisto e alla diffusione del materiale documentario rivolto ai bambini e ragazzi; sono dotate di postazioni di navigazione internet, svolgono attività di promozione alla lettura rivolte sia a bambini sia ad adulti ed inoltre sono punto di incontro per particolari categorie di cittadini anziani, bambini, stranieri, diversamente abili, disoccupati e casalinghe che trovano in esse un luogo accogliente e di vivace interazione sociale, con un ampia scelta di offerte culturali aggiornate e rispondenti ai bisogni e agli interessi della comunità. Il patrimonio documentario delle 8 biblioteche di base è composto da libri, giornali, riviste e materiale multimediale ed è collocato a scaffale aperto; sono inoltre disponibili postazioni internet che permettono la consultazione gratuita della rete e il rapido reperimento di informazioni anche grazie a banche dati in abbonamento. Le biblioteche cooperano in modo strutturato e continuativo con le istituzioni pubbliche e private senza scopo di lucro presenti sul territorio, affiancano e sostengono progetti di diffusione della cultura, promuovendoli capillarmente nei quartieri della città. In particolare: La Biblioteca del Villaggio Prealpino opera, insieme alla vicina Biblioteca di Casazza, nella Circoscrizione Nord della città (19,36 Kmq, densità territoriale 2157). Il territorio conta complessivamente abitanti, di cui risultano di età inferiore ai 15 anni (pari al 12,3% del totale) e ben di età superiore ai 65 anni (pari al 27,6% del totale). I quartieri della circoscrizione Nord vivono quindi in maniera ancor più acuta

3 questa situazione di progressivo invecchiamento della popolazione: Mompiano su una popolazione complessiva di abitanti vede over 65 (in percentuale il 30,46%), il Villaggio Prealpino conta il 32% di popolazione over 65 (1.343 su 4.186) mentre l apice di questo trend è toccato da Casazza col 33,8 % di popolazione sopra i 65 anni. L indice di vecchiaia è di 240, e risulta assai più alto dell indice di vecchiaia dell intera città (177,4 - già sopra la media nazionale); allo stesso modo l indice di dipendenza strutturale è di 65,4 contro la media cittadina di 57,72. [dati elaborati al 31/12/2009 dall Ufficio di Rilevazione Statistica del Comune di Brescia in assenza di dati aggiornati al 2010] Il contesto socio-economico è connotato da un diffuso tenore di vita medioalto e da una presenza capillare di servizi. Infatti la realtà territoriale della circoscrizione NORD ospita numerose istituzioni culturali e sociali quali scuole di tutti gli ordini e gradi, l ospedale civile, l università degli studi (Facoltà di medicina e di Ingegneria), la casa dello studente ISU, l università per gli anziani, le case di riposo e di cura, i centri diurni per disabili, i centri sociali e di aggregazione, etc.. Le condizioni di vita e l elevato indice d invecchiamento favoriscono una presenza numerosa sul territorio circoscrizionale di donne straniere impiegate in attività di colf e badanti. Tuttavia, a fronte del supporto assistenziale e del positivo contributo alla qualità della vita familiare che esse apportano nel tessuto comunitario locale, non corrisponde ancora un adeguato tasso d'integrazione sociale e di partecipazione alla vita collettiva dei quartieri della circoscrizione, sia per l assenza di servizi destinati che di luoghi atti a favorire l incontro e l interscambio culturale. La biblioteca si confronta pertanto con un tessuto demografico molto polarizzato, le cui caratteristiche sociali lo individuano come soggetto particolarmente adatto alla fruizione dei servizi culturali e informativi da essa erogati. Indicatori: Patrimonio Prestiti annui (di cui sul patrimonio per bambini) Utenti attivi (di cui 383 sono bambini/ ragazzi fino ai 14 anni di età) Orario di apertura 25 ore settimanali su 5 giorni (da martedì a sabato) Operatori 1 bibliotecario + 1 operatore Postazioni internet al pubblico 1 Acquisizioni annue Visite di classi scolastiche 50

4 La Biblioteca di San Polo opera, insieme alla Biblioteca di Buffalora, nella Circoscrizione Est di Brescia, su un territorio di 22,82 Kmq, (densità territoriale 2.496) che conta abitanti, di cui il 14,4% ha un età inferiore a 15 anni (= ab.) e il 23% ha un età pari o superiore a 65 anni (=5.320 ab.); tali caratteristiche demografiche abbattono, in questa circoscrizione, l indice di vecchiaia al 129,7 (49,8 punti sotto la media cittadina) e allo stesso modo l indice di dipendenza strutturale cala al 48,4 (9,3 meno della media cittadina). [dati elaborati al 31/12/2009 dall Ufficio di Rilevazione Statistica del Comune di Brescia in assenza di dati aggiornati al 2010] Il territorio ospita istituzioni culturali e sociali quali scuole di tutti gli ordini e gradi, ospedali, case di riposo, centri diurni per disabili, centri sociali, circoli per anziani, etc. Si tratta di quartieri della periferia sud-est di Brescia, fittamente popolati, con forte presenza di popolazione giovanile. Il territorio è composto da zone molto diverse tra loro. La recente nascita (il progetto di pianificazione urbanistica risale al 2000) e lo sviluppo di una nuova ampia area ad uso residenziale denominata Sanpolino, sorta tra il quartiere di San Polo nuovo e San Polo vecchio, priva di molti servizi, la individua come zona della città segnalata ad alto rischio per la forte urbanizzazione e la conseguente mancanza di organizzazione sociale, per la carenza di luoghi d incontro e di servizi alla popolazione. Nella previsione di allargare anche a quest area il raggio dei suoi servizi e svilupparvi un punto prestito, la biblioteca rappresenta un opportunità per i cittadini come luogo di incontro, di scambio e di condivisione di memoria, come possibilità di accedere alle fonti della cultura. Indicatori: Patrimonio Prestiti annui (di cui 5967 su patrimonio per bambini) Utenti attivi (di cui 439 bambini e ragazzi fino ai 14 anni di età) Orario di apertura 25 ore settimanali su 5 giorni (da martedì a sabato) Operatori 1 bibliotecario + 1 operatore Postazioni internet al pubblico 1 Acquisizioni annue 1000 Visite di classi scolastiche 50

5 Abbiamo individuato come destinatari alcune tra le fasce d età più deboli di una società (bambini, adolescenti diversamente abili, donne straniere, anziani), che anche nella nostra città soffrono di scarse opportunità educative/aggregative aggravate dalla fragilità di contesti familiari molto deboli. Per loro si intende continuare l esperienza avviata nell anno in corso, esperienza che richiede tempi più lunghi per coinvolgere e conquistare la fidelizzazione di persone cui destinare pratiche partecipative attraverso un processo di cittadinanza attiva che le rende parte integrante di questa crescita. All esperienza del progetto precedente viene aggiunto un ulteriore step che consiste nella formazione all utilizzo dei servizi tecnologici offerti dalle biblioteche. Il progetto si propone di generare coesione sociale individuando nei beneficiari l intera collettività: in un ottica di crescita partecipata dell offerta culturale e di consolidamento del tessuto comunitario dei quartieri, i servizi bibliotecari intendono assumere un ruolo propositivo per la crescita sociale. Riteniamo quindi che il raggiungimento dell autonomia, l integrazione e la riduzione del digital divide portino giovamento a tutta la comunità cittadina. 7) Obiettivi del progetto: Le biblioteche di pubblica lettura hanno da sempre svolto un ruolo chiave nei processi di crescita e di costruzione di identità di ciascun territorio. Negli ultimi anni i repentini mutamenti sociali e tecnologici hanno messo in discussione questo ruolo, tanto da dover avviare riflessioni sulla mission delle biblioteche e attivare strategie di riavvicinamento dell utenza. Questo progetto prova a recuperare questi elementi promuovendo le capacità di utilizzo delle tecnologie digitali come strumento di accesso ad un sapere più ampio, non trascurando un approccio tradizionale al libro ed alla lettura. Il progetto si realizzerà nelle biblioteche decentrate del Villaggio Prealpino e di San Polo. Nell ambito delle finalità istituzionali della Biblioteca definite dal Manifesto Unesco per le biblioteche pubbliche e dalla normativa regionale vigente individuata dalla l.r. 81/85 (che sono quelle di qualificare ed incrementare la fruizione, l aggiornamento e la conservazione delle risorse, sviluppando i servizi di accesso all informazione), gli obiettivi del progetto sono: 1. Lo sviluppo del servizio agli utenti con particolare attenzione agli anziani, ai bambini, ai giovani adulti, alle donne straniere e alle persone diversamente

6 abili; 2. La cura e la revisione del patrimonio documentario, affinché possa rispondere con tempestività alle esigenze informative della comunità e sia sempre adeguato, per igiene e buono stato di conservazione, alla consultazione e al prestito; 3. La promozione delle risorse attraverso l organizzazione di visite guidate alla scoperta della biblioteca e dei libri posseduti per scolaresche delle scuole materne, elementari e medie; attività di promozione alla lettura con il sussidio di laboratori, letture animate e spettacoli basati su opere letterarie; 4. La conoscenza e l incentivazione dell utilizzo delle competenze informatiche e dei supporti digitali per la lettura di libri, riviste e per l accesso all informazione in rete; 5. La capacità di coinvolgimento della comunità locale che rende la biblioteca luogo strategico di scambio culturale. L affiancamento dei volontari del SCN nell attività delle biblioteche mira ad accrescere la qualità dei servizi offerti e permette contemporaneamente al volontario di acquisire una serie di competenze, relative al funzionamento di una biblioteca di pubblica lettura, di sistemi informatici, di programmazione e attuazione di iniziative, di relazione con l utenza. In particolare si intende promuovere ed accrescere un servizio qualitativamente e quantitativamente più attento verso particolari categorie di cittadini deboli, anche in collaborazione con associazioni che già cooperano con i servizi di biblioteca e con istituzioni interessate ad integrare e rafforzare i servizi educativi e sociali erogati con la crescita culturale della collettività. Obiettivo 1 Il progetto si propone lo sviluppo e il potenziamento dei servizi rivolti alla cittadinanza, offrendo una maggiore e più approfondita assistenza alle richieste dell utenza, con particolare attenzione all utilizzo delle nuove tecnologie. I volontari in servizio civile saranno coinvolti nelle principali operazioni di relazione col pubblico e front-desk: attività di prestito e di ricollocazione a scaffale del materiale librario e multimediale, erogazione di informazioni bibliografiche, allestimento di scaffali tematici, utilizzo e ricerca di informazioni su opac e banche dati in dotazione alla biblioteca. Si prevede di poter avvicinare l utenza alla conoscenza ed utilizzo del patrimonio della biblioteca e di migliorare la ricerca ed il reperimento dell informazione. Il progetto Biblioteca, tecnologia e comunità sarà attuato in collaborazione con alcune realtà che hanno già collaborato lo scorso anno con le nostre biblioteche, proponendo loro un ulteriore step rivolto ai servizi informatici forniti dalla biblioteca.

7 Abbiamo individuato quattro realtà presenti sul territorio: 1. Cooperativa dei lavoratori; 2. Cooperativa La mongolfiera, Servizio formazione autonomia (SFA); 3. Cooperativa Il Calabrone. 4. Dipartimento di salute mentale, 2 centro psicosociale degli Spedali Civili di Brescia; 1. Presso la Cooperativa lavoratori di Mompiano, già punto di incontro e socializzazione per molti anziani del quartiere, è stato attivato, in collaborazione con la Biblioteca del Villaggio Prealpino, un punto promozione e prestito del patrimonio documentario della biblioteca. Il senso della collaborazione scaturisce dalla constatazione che una vasta area geografica della circoscrizione nord, ed in particolare il quartiere di Mompiano, è esclusa dal servizio bibliotecario, soprattutto per quelle fasce di popolazione che non possono raggiungere autonomamente o con mezzi pubblici per mancanza di collegamenti diretti la biblioteca. Con il gruppo di anziani che fanno capo alla Cooperativa dei lavoratori stiamo già lavorando nell anno corrente con il progetto Una biblioteca per il suo territorio, ma riteniamo di dover consolidare e proseguire la collaborazione per dare più respiro all integrazione del gruppo nella realtà della biblioteca ma anche per proporre una crescita con un progetto più articolato e rivolto all utilizzo delle nuove tecnologie. Infatti, se il primo anno abbiamo proposto un approccio al servizio bibliotecario con attività di promozione, consultazione e prestito, ora proponiamo un approfondimento mirato alla ricerca dell informazione attraverso mezzi tecnologici, pur rimanendo valida la proposta dell uso tradizionale della biblioteca. Con il progetto Biblioteca tecnologia e comunità si intende quindi rafforzare la fidelizzazione al punto prestito ed inoltre promuovere un processo di conoscenza e utilizzo delle tecnologie digitali. Con la collaborazione della Cooperativa sociale Il calabrone si intendono offrire agli utenti alcuni incontri di formazione gratuiti volti a trasmettere l alfabetizzazione informatica, nonché la conoscenza dei servizi digitali offerti dal Comune, con particolare riferimento alla biblioteca (sevizi online del Sistema bibliotecario urbano e accesso alle risorse digitali del Settore biblioteche quali Medialibrary On line ). In tal senso la Cooperativa dei lavoratori si impegna a mettere a disposizione gratuitamente i propri locali e a supportare fattivamente il progetto garantendo la disponibilità di alcuni volontari per le operazioni di trasporto del materiale; la Cooperativa Il calabrone si impegna a fornire il supporto informatico per la realizzazione dei corsi; la biblioteca, con il coinvolgimento dei volontari del servizio civile si impegna a strutturare ed organizzare gli incontri che vertono sull utilizzo dei servizi bibliotecari, nonché ad illustrare opac e banche dati in dotazione al Servizio bibliotecario urbano. Inoltre il volontario del SCN, una volta formato, avrebbe il ruolo di curare - con la sovrintendenza del proprio OLP i rapporti tra l utenza e la Cooperativa dei

8 lavoratori per indirizzare, in base agli interessi emersi negli incontri, i contenuti delle proposte; collaborare con la stessa per il mantenimento di un punto prestito promuovendo con letture tematiche il patrimonio della biblioteca. 2. Sempre nell ambito dell Obiettivo 1, la biblioteca del Villaggio Prealpino intende instaurare una collaborazione con il Servizio formazione all autonomia (SFA) della Cooperativa La mongolfiera, servizio rivolto a persone diversamente abili che, per le loro caratteristiche, non richiedono centri ad alta protezione, ma interventi utili a creare consapevolezza, autodeterminazione, autostima e maggiori autonomie spendibili per il proprio futuro, nell ambito dell'ambiente familiare, sociale, professionale. La biblioteca di quartiere è vissuta quindi come servizio molto radicato nella comunità locale, prossima ai luoghi di vita delle persone, in grado di intercettare una pluralità di soggetti, di creare condizioni di vicinanza attraverso un coinvolgimento attivo. L idea progettuale propone di compiere azioni finalizzate all incremento della sensibilità civica, oltre che alla promozione del servizio bibliotecario. Il gruppo è costituito da otto/dieci giovani adulti in età compresa tra i 18 e i 25 anni: ad essi sarà rivolto un intervento che prevede la lettura di quotidiani e la discussione di argomenti di attualità. Gli incontri si svolgeranno durante l orario di apertura della biblioteca e saranno aperti a tutta l utenza. Alcuni quotidiani saranno a disposizione in forma cartacea, altri, sia italiani sia stranieri, saranno ricercabili in banche dati messe a disposizione dalla biblioteca. Per far questo occorrerà istruire il gruppo che ha già un alfabetizzazione informatica - alla ricerca mirata dell informazione nella rete e il reperimento di articoli full text presenti nelle banche dati. Saranno quindi necessari i supporti informatici forniti dalla Cooperativa Il Calabrone. La biblioteca, con il coinvolgimento del volontario di servizio civile, si impegna quindi a strutturare ed organizzare incontri, a proporre argomenti di interesse ad illustrare e promuovere servizi bibliotecari, opac e banche dati in dotazione al Servizio bibliotecario urbano. Inoltre, al fine di fornire esempi positivi per rafforzare l autostima ed incoraggiare alla maggiore autonomia i giovani dello SFA, sarà presentata l esperienza di un ragazzo che ha fatto parte del gruppo ed ora è inserito in maniera continuativa nel lavoro della biblioteca, in particolare nella promozione delle risorse multimediali. 3. Il nostro obiettivo, attraverso quest'azione, è di avvicinare progressivamente colf e badanti di nazionalità non italiana ai servizi culturali e informativi della biblioteca, al fine di favorirne e accrescerne l acculturazione, l integrazione e il senso di appartenenza comunitaria, in linea con i principi espressi dal Manifesto

9 Unesco riguardo alle finalità delle biblioteche pubbliche di tutela e promozione della crescita culturale e democratica, individuale e collettiva 1. L idea progettuale richiama un lavoro sul territorio della città avviato dalla Cooperativa Il calabrone, che mira a rafforzare i legami di coesione sociale ed a promuovere la crescita dei vincoli comunitari tra popolazione italiana e migrante. Riteniamo di perseguire tale obiettivo ponendo a disposizione spazi e strumenti, anche multimediali, in grado di soddisfare le esigenze informative della potenziale classe d utenza individuata tramite la consultazione online di quotidiani e testate estere; offrendo la possibilità di reperire documenti di svago in lingua originale, favorendo l avvicinamento ai servizi bibliotecari attraverso aperture straordinarie domenicali ed iniziative promozionali e culturali correlate. Il volontario del SCN, con l aiuto del personale bibliotecario, partecipa alla costruzione di fondi in lingua originale e alle aperture straordinarie del servizio nei giorni festivi. La cooperativa Il Calabrone si impegna a fornire operatori per realizzare un piano di socializzazione tra le donne straniere al fine di formare un gruppo di lavoro coeso. In cambio, metterà a disposizione il proprio laboratorio informatico mobile, che le biblioteche utilizzeranno per la promozione dei propri servizi informatizzati anche ad altri gruppi di utenti (vedi punto 1, 2 e 4) 4. La biblioteca di San Polo intende continuare la collaborazione con il Dipartimento salute mentale degli Spedali civili di Brescia già da qualche tempo avviato. Con questo progetto si vuole coinvolgere un gruppo di pazienti seguiti dal 2 centro psicosociale del Dipartimento di salute mentale, che offre interventi di tipo psicologico, sociale e socio-assistenziale proprio nel territorio della circoscrizione est di Brescia. L idea nasce dalla convinzione, maturata nel corso delle positive esperienze già avviate, che introdurre persone con disagio mentale in un luogo di cultura e socializzazione alternativo al luogo di terapia possa essere un fattore di crescita personale molto importante. Il progetto vuole promuovere la coesione sociale offrendo un luogo di aggregazione socio-culturale unitamente ai servizi della biblioteca. Gli incontri hanno lo scopo di creare una conoscenza reciproca tra operatori culturali, volontario del servizio civile, ragazzi, operatori sociosanitari; una successiva tappa sarà la scoperta guidata del luogo-biblioteca, delle sue risorse e delle professionalità che vi lavorano. Particolare attenzione sarà posta alla conoscenza degli strumenti informatici che consentono il reperimento dell informazione in maniera veloce e mirata. 1 La partecipazione costruttiva e lo sviluppo della democrazia dipendono da un'istruzione soddisfacente, così come da un accesso libero e senza limitazioni alla conoscenza al pensiero, alla cultura e all informazione. La biblioteca pubblica, via di accesso locale alla conoscenza, costituisce una condizione essenziale per l'apprendimento permanente, l'indipendenza nelle decisioni, lo sviluppo culturale dell'individuo e dei gruppi sociali. [ ] I servizi della biblioteca pubblica sono forniti sulla base dell'uguaglianza di accesso per tutti, senza distinzione di età, razza, sesso, religione, nazionalità, lingua o condizione sociale. Servizi e materiali specifici devono essere forniti a quegli utenti che, per qualsiasi ragione, non abbiano la possibilità di utilizzare servizi e materiali ordinari, per esempio le minoranze linguistiche. Da Manifesto UNESCO per le biblioteche pubbliche, pubblicato in «AIB Notizie» 7 (1995), n. 5, p. 1-2

10 In collaborazione con la Cooperativa Il Calabrone - che fornisce il supporto informatico per la realizzazione dei corsi - la biblioteca, con il coinvolgimento del volontario, si impegna a strutturare ed organizzare gli incontri che vertono sull utilizzo dei servizi bibliotecari, nonché ad illustrare opac e banche dati in dotazione al Servizio bibliotecario urbano. Inoltre il volontario del SCN, una volta formato, avrebbe il ruolo di studiare - con la sovrintendenza del proprio OLP un percorso cognitivo ed emotivo che induca allo stimolo alla curiosità e alla ricerca dell informazione tramite risorse multimediali. Obiettivo 2 Il progetto si propone di ottimizzare e velocizzare i tempi inerenti all acquisizione, alla cura e alla revisione del patrimonio librario, operazione indispensabile per il buon funzionamento del servizio e per garantire con costanza e metodicità l aggiornamento delle collezioni. La presenza di volontari in servizio civile, adeguatamente formati a tal scopo, consentirà di poter ridurre sensibilmente i tempi dell iter del libro (che vanno dalla selezione del documento da acquistare, alla sua acquisizione, inventariazione, ingressatura, catalogazione, etichettatura e collocazione a scaffale fino, nel caso di documenti desueti o rovinati, alla procedura di scarto e sdemanializzazione). Inoltre, grazie ad un tempestivo monitoraggio e alla conseguente revisione del patrimonio verrà migliorata la qualità dell informazione e il suo più rapido aggiornamento. Obiettivo 3 L idea progettuale propone di incrementare le collaborazioni con le Associazioni e le istituzioni presenti sul territorio circoscrizionale, col fine di rendere capillare ed incrementare la conoscenza del servizio da parte della popolazione residente. In particolare saranno programmate attività finalizzate ad estendere la fruizione del servizio bibliotecario al di fuori della biblioteca stessa, per raggiungere quelle fasce sociali che hanno maggiori difficoltà ad accedere all informazione offerta dal servizio bibliotecario. Per quanto concerne i bambini, il progetto intende implementare l attività di promozione alla lettura coinvolgendo insegnanti, genitori ed educatori. La previsione è di accrescere negli adulti la consapevolezza dell importanza della lettura rivolta a figli ed alunni, possibilmente sviluppando un approccio consapevole al mondo dell editoria infantile, attraverso un opera di consulenza e informazione bibliografica (riferimento principale rimane il progetto nazionale Nati per leggere).

11 Si mira così a sensibilizzare i genitori sulla lettura ad alta voce, che resta una strada privilegiata per generare una passione radicata e duratura verso la lettura ed arricchire e approfondire il rapporto con i propri figli. Con la lettura ad alta voce il corpo e il pensiero, lo sguardo e l udito sono coinvolti in un affascinante intreccio di dinamiche affettive e cognitive che stimolano l immaginazione e la creatività. Le attività di promozione alla lettura saranno condotte con il sussidio di laboratori di costruzione del libro e letture animate. Obiettivo 4 L acquisto e lo sviluppo di nuove tecnologie da parte del Sistema bibliotecario urbano, consente di proporre a tutta l utenza strumenti per mettere in circolo saperi attraverso quotidiani, libri, file audio e video in formato digitale. Si intende così favorire l inclusione di tutti i cittadini nella società dell informazione, ben consapevoli che le nuove tecnologie, pur offrendo opportunità infinite, hanno determinato meccanismi di esclusione di una significativa parte della popolazione che ha difficoltà ad approcciarsi alla conoscenza digitale. Per questo motivo l intento del progetto è di offrire a tutta la cittadinanza, ma in particolare a cittadini a rischio di digital divide un opportunità per avvicinarsi alle tecnologie digitali. Il programma prevede una breve presentazione di interesse generale (Internet: a cosa serve, come ci si collega, la pagina web, esempi di indirizzi; i motori di ricerca; la posta elettronica) per poi porre l attenzione soprattutto sui sevizi offerti dal comune di Brescia ed in particolare dalle biblioteche (opac del Sistema bibliotecario urbano e dei sistemi bibliotecari con cui si effettua un prestito interbibliotecario gratuito, banche dati in uso presso le biblioteche di Brescia ) Il volontario del SCN parteciperà, dopo esser stato debitamente istruito e sotto la supervisione dell OLP, all istruzione dei gruppi individuati proponendo alcune lezioni di presentazione. Obiettivo 5 1. Il contesto territoriale e sociale in cui opera la biblioteca di San Polo è considerato ad alto rischio sia per la forte urbanizzazione e la conseguente mancanza di struttura sociale, sia per la mancanza di luoghi d incontro, di scambio e di condivisione della memoria. La cooperativa sociale Il Calabrone ha attivato iniziative sul territorio mirate all integrazione e alla coesione sociale. In collaborazione con questa ed altre realtà presenti si vuole costruire un progetto denominato Archivio della memoria popolare che si prefigge di valorizzare e diffondere la pratica della memoria e del ricordo come essenziale processo di coesione e di cittadinanza attiva attraverso la raccolta di testimonianze autobiografiche e ricordi individuali degli abitanti del territorio del quartiere di S. Polo a Brescia. Lo scopo dell azione è anche quello di rendere visibile e

12 familiare la biblioteca a tutti i suoi abitanti e rafforzarne le potenzialità come un luogo che riesce a coniugare memoria e novità, tradizioni e nuove tecnologie. Il ruolo della biblioteca è di fungere da riferimento logistico e organizzativo per promuovere sollecitando i propri utenti a partecipare attivamente alla raccolta delle memorie, prevedendo momenti di restituzione pubblici e conviviali ed eventi dedicati alla cura e cultura della memoria locale come patrimonio collettivo. Nel progetto si intendono coinvolgere i volontari del SCN, che, guidati da educatori e bibliotecari, parteciperanno alla raccolta e alla rielaborazione delle testimonianze, all organizzazione di eventi culturali volti a promuovere la cultura locale. 2. Sempre la biblioteca di San Polo ha in programma alcune rassegne cinematografiche a tema da proporre negli spazi della biblioteca in orario serale. L iniziativa, oltre la proiezione del film, offre l occasione di vedere come registi di fama internazionale hanno trasportato sullo schermo altrettanti romanzi d autore. Per l organizzazione e lo svolgimento di quest attività si prevede la presenza del volontario del SCN, cui per l occasione sarà richiesta la disponibilità a svolgere orario serale. 3. Nella biblioteca del Villaggio Prealpino intendiamo avviare un iniziativa denominata Donalibro che è necessaria per rinnovare parte del patrimonio della biblioteca e per offrire ai nostri utenti una scelta di documenti aggiornati, puliti ed in buono stato. La scarsità di fondi a disposizione dell acquisto libri ci ha spinto ad organizzare, come già successo in altre realtà simili alla nostra, una manifestazione di solidarietà da parte dei nostri utenti per il rinnovo del patrimonio dei classici, che sono molto utilizzati soprattutto dagli studenti ed hanno quindi necessità di essere spesso rinnovati. In ricorrenze particolari, quale quella del Natale, si prepareranno giochi (tombola, pesca, ) per incoraggiare e rendere giocoso il gesto del dono. I cittadini potranno essere così direttamente coinvolti nella costruzione di una biblioteca viva e vicina alle loro necessità. Il lavoro del Volontario del SCN consisterà, in collaborazione con il bibliotecario, nell individuare il patrimonio obsoleto e rovinato, preparare ed allestire l iniziativa con addobbi, colori e giochi, attuare modalità di ringraziamento per i donatori, contrassegnare i libri donati, partecipare alla lavorazione del circuito del libro al fine di poter mettere i doni al più presto a disposizione degli utenti. Indicatori: Incontri con anziani che frequentano la Cooperativa dei lavoratori per attività di punto prestito, promozione del libro, gruppi di lettura, alfabetizzazione informatica e servizio bibliotecario online Min. 8 visite in un anno

13 Incontri di lettura di quotidiani, reperimento di articoli full text, azioni di coesione sociale rivolti a giovani adulti facenti capo al servizio formazione all autonomia della Cooperativa La mongolfiera Servizio bibliotecario per badanti coordinate dalla Cooperativa Il Calabrone con acquisto e reperimento di documenti in lingua originale Percorsi guidati di lettura e ricerca dell informazione presso la Biblioteca di San Polo rivolti a persone con disagio mentale seguite dal Dipartimento di salute mentale degli Spedali Civili di Brescia Movimentazione materiale documentario presso punto prestito a Mompiano Attività di promozione culturale (spettacoli, mostre, letture) organizzate con il coinvolgimento di istituzioni scolastiche e associazioni territoriali Sviluppo dei servizi rivolti al pubblico Nell ambito del circuito del libro : messa a disposizione del pubblico, a seguito di catalogazione, di materiale disponibile al prestito (in particolare novità editoriali) Incontri dedicati all informatizzazione e alla ricerca dell informazione con gruppi di anziani della Cooperativa lavoratori, giovani adulti della Cooperativa La mongolfiera, Servizio SFA, persone con disagio mentale del Dipartimento di salute mentale degli Spedali Civili, donne straniere della Cooperativa Il calabrone Rassegne cinematografiche in orario serale presso la biblioteca di San Polo Incontri con la popolazione di San Polo per la costruzione dell Archivio della memoria Iniziativa Donalibro presso la biblioteca del Villaggio Prealpino 6 incontri 10 incontri di cui 5 in giorni festivi 8 incontri 1000 volumi 30 incontri Riduzione dei tempi di attesa per il reperimento e prestito del materiale ad un massimo di 5 minuti Riduzione dei tempi d attesa per accedere ai prestiti Min 10 incontri Min. 2 con 5 incontri ciascuna Min. 5 Min. 1

14 8) Descrizione del progetto e tipologia dell intervento che definisca in modo puntuale le attività previste dal progetto con particolare riferimento a quelle dei volontari in servizio civile nazionale, nonché le risorse umane dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: 8.1 Complesso delle attività previste per il raggiungimento degli obiettivi Il progetto verrà realizzato con le seguenti modalità: Prima fase: ACCOGLIENZA E FORMAZIONE L accoglienza dei volontari sarà seguita dall erogazione ai medesimi della formazione generale e specifica. Seconda fase: REALIZZAZIONE inserimento graduale dei volontari nelle attività previste dal progetto e descritte al punto 8.2. Attività di tutoring dei volontari; Monitoraggio del progetto, degli obiettivi individuati e delle attività svolte; Messa in atto di eventuali azioni correttive; Terza fase: VALUTAZIONE Valutazione finale del progetto, con specifico riferimento al raggiungimento degli obiettivi, verifica del grado di soddisfazione del volontario e dell O.L.P. Stesura della certificazione delle competenze acquisite. Cronogramma ATTIVITÀ Formazione generale Formazione specifica e graduale inserimento MESE Realizzazione del progetto Tutoring Monitoraggio Valutazione/verifica finale Prima fase: ACCOGLIENZA E FORMAZIONE All avvio del progetto i volontari saranno accolti e presentati agli operatori locali di progetto di riferimento. Inizieranno da subito la

15 formazione generale (che si svilupperà nei primi 5 mesi) e quella specifica che ha lo scopo di fornire i fondamenti teorici e di base riferiti al progetto. Seconda fase: REALIZZAZIONE Durante il primo mese (fase di formazione) i giovani del SCN verranno inseriti gradualmente nelle sedi di progetto, al fine di facilitare la conoscenza del contesto organizzativo e dei servizi offerti dalla biblioteca. In questo modo si ritiene di facilitare una presa di contatto con gli obiettivi e le azioni del progetto, con la possibilità di poterne riflettere nel gruppo della formazione. Al termine del percorso di formazione specifica (dopo il terzo mese) i giovani possiederanno gli strumenti minimi necessari per realizzare le diverse attività del progetto. In questa fase i volontari saranno inseriti nelle diverse articolazioni del progetto le cui attività vengono di seguito elencate: Obiettivo 1 Lo sviluppo del servizio agli utenti con particolare attenzione agli anziani, ai bambini e ai giovani adulti, alle donne straniere e ai diversamente abili Il perseguimento dell obiettivo n. 1 prevede lo sviluppo di servizi rivolti all utenza attiva della biblioteca, attraverso servizi più rapidi e veloci, ma anche nuove proposte per raggiungere gli utenti potenziali che hanno difficoltà a recarsi nelle strutture bibliotecarie. In particolare: Anziani Consolidamento di punti prestito già esistenti presso quartieri della circoscrizione Nord non direttamente raggiunti dal Servizio bibliotecario, con finalità di raggiungere le fasce deboli della cittadinanza che non possono autonomamente recarsi presso le biblioteche; percorsi di alfabetizzazione informatica con particolare riguardo all utilizzo dei servizi online forniti dalla biblioteca.

16 Giovani adulti inseriti in servizi di formazione all autonomia Azioni di coesione sociale con il territorio in cui è inserita la biblioteca, organizzazione di incontri di lettura di quotidiani e riviste, reperimento di articoli full text, anche stranieri, attraverso la ricerca in banche dati dedicate. Persone con disagi psichici Percorsi guidati all interno della biblioteca, promozione e conoscenza degli strumenti informatici rivolta a persone con problemi psichici, in collaborazione col Dipartimento di salute mentale degli Spedali Civili Bambini Donne straniere Cura e revisione del patrimonio per bambini, soggetto ad usura rapida e ricambio veloce; costruzione di specifiche sezioni tematiche che facilitino genitori, insegnati e bambini nel reperimento di testi d interesse; visione presso la Vetrina editoriale per bambini e ragazzi delle novità più significative in termini qualitativi, per orientare gli acquisti. Promozione di spazi di aggregazione e informazione, acquisizione di libri in lingua originale, presentazione e offerta di banche dati per la lettura dei quotidiani delle zone di provenienza. Obiettivo 2 Cura e revisione del patrimonio librario Il perseguimento dell obiettivo n. 2 si otterrà con la cura e la revisione del patrimonio librario. Interesserà in particolare l iter del libro e la revisione del patrimonio. Più specificatamente: Circuito del libro: Sono previsti nuovi ingressi/anno per biblioteca. Il lavoro prevede l ordine presso il fornitore,

17 Revisione patrimonio: del il ritiro del materiale, il controllo delle bolle, la verifica dell integrità, la timbratura, l ingressatura, la catalogazione, l etichettatura, l attribuzione di codice a barre, la copertinatura, la collocazione a scaffale. Si ritiene, grazie alla presenza di volontari in servizio civile, di poter ridurre i tempi di lavorazione, con conseguente offerta aggiornata delle novità editoriali e riduzione dei tempi d attesa. Sono previste uscite/anno per biblioteca. Il lavoro consiste nell individuazione dei documenti obsoleti, e/o usurati tramite griglie di valutazione, controllo a catalogo, eventuale sostituzione o collocazione in altra biblioteca, procedura di scarto qualora si rendesse necessario eliminare fisicamente il documento. Si ritiene in tal modo di poter fornire un offerta di documenti aggiornata ed ordinata, migliorando la qualità dell informazione in biblioteca. Obiettivo 3 Promozione delle risorse della biblioteca Il servizio è rivolto ad un utenza potenziale, ma non ancora attiva della biblioteca. Sono previste attività di promozione che coinvolgano le diverse realtà presenti sul territorio della circoscrizione (scuole, associazioni di volontariato, cooperative, ecc.) e iniziative personalizzate rivolte agli anziani, ai bambini, giovani adulti e alle persone diversamente abili, in modo da far conoscere i servizi offerti. Anziani Collaborazione con la Cooperativa dei lavoratori, ubicata nella circoscrizione Nord, per diffondere sul territorio il piacere della lettura, promuovere nuove forme di approccio ai servizi bibliotecari

18 automatizzati, favorire occasioni di incontro e socializzazione anche corsi per la consultazione di opac e banche dati. Bambini Persone diversamente abili Promozione, in collaborazione scuole, di attività di lettura rivolte a bambini in età scolare e prescolare nell ambito del progetto nazionale Nati per leggere; attività di gare di lettura tra classi. Sensibilizzare genitori ed educatori sull importanza della lettura ad alta voce con incontri specifici. Creare occasioni di socializzazione, rafforzare l autonomia e l autostima attraverso la lettura, l utilizzo dei computer e la ricerca dell informazione. Donne straniere Creare occasioni di socializzazione, fornire informazione e documenti in lingua originare, diminuire il digital divide. Giovani adulti Creare occasioni di socializzazione, informare e stimolare il senso critico su argomenti di attualità, offrire strumenti di reperimento veloce dell informazione. Obiettivo 4 Incentivazione all utilizzo delle competenze informatiche e dei supporti digitali Il servizio si rivolge in particolare a categorie di persone che hanno difficoltà ad approcciarsi alla tecnologia digitale. I corsi prevedono 3/4 incontri per ciascun modulo. Il laboratorio sarà così organizzato: Strumentazione Laboratorio mobile informatico composto da 10 computer con connessione internet ed un operatore tecnico fornito dalla Cooperativa Il calabrone.

19 Programma di ciascun modulo Obiettivo: uso del pc connesso online. Internet: cos è, come funziona, alcune parole chiave; I quotidiani online: copiare e salvare un testo dal web; I motori di ricerca; Come inserire una pagina nei preferiti; Usare le opzioni di internet (impostare la homepage, sicurezza); La posta elettronica: esempi di account di posta gratuiti, aprire una propria casella, inviare, ricevere, inoltrare una , allegare file; Il sito del Comune di Brescia; I servizi online e le banche dati delle biblioteche del Sistema bibliotecario urbano. Obiettivo 5 Coinvolgimento della comunità locale nello scambio culturale Il raggiungimento di questo obiettivo coinvolge tutta la cittadinanza dei quartieri dove sono ubicate le biblioteche. In particolare: Archivio della memoria Prevede la raccolta di testimonianze autobiografiche e ricordi personali degli abitanti del quartiere di San Polo, con registrazione, rielaborazione, montaggio degli interventi e produzione di un DVD e un libro. Donalibro Iniziativa volta alla raccolta di doni per incrementare ed aggiornare parte del patrimonio della biblioteca. La manifestazione è ravvivata da giochi organizzati per rendere giocoso e partecipato il gesto del dono. In particolare si rende necessario individuare il patrimonio da svecchiare, organizzare giochi, preparare pacchettini da pescare e biglietti di

20 ringraziamento per i donatori, attivare il processo del circuito del libro per integrare i doni nel patrimonio della biblioteca. Terza fase: VALUTAZIONE Nell ultimo mese di servizio verrà effettuata la valutazione finale del progetto. In particolare verrà rilevato il raggiungimento degli obiettivi nonchè il grado di soddisfazione del volontario e dell Operatore Locale di Progetto. Si procederà quindi alla stesura della certificazione delle competenze acquisite da ciascun volontario. 8.2 Risorse umane complessive necessarie per l espletamento delle attività con la specifica delle professionalità impegnate e la loro attinenza con le predette attività Risorse umane delle biblioteche decentrate Villaggio Prelapino Dipende nti Volontari/ Non dipendenti Dipende nti San Polo Volontari/ Non dipendenti Bibliotecario 1 1 Operatori 1 1 Volontari Cooperativa 3 Lavoratori Volontari Cooperativa 2 La mongolfiera servizio formazione all autonomia Operatore sanitario 3 Spedali civili Dipartimento di salute mentale II Centro psico-sociale Volontari Cooperativa 2 sociale Il calabrone Insegnanti Ruolo ed attività previste per i volontari nell ambito del progetto Il volontario è impegnato in prevalente attività di affiancamento a progetti rivolti all utenza (come illustrato nella descrizione dell area di intervento del contesto territoriale) e in attività di sostegno alle operazioni di gestione della biblioteca. Le attività specifiche dovranno integrarsi con le normali procedure di gestione dei servizi così da rendere il volontario partecipe all intero flusso

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: GIARDINO BRANCACCIO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: Educazione e Promozione culturale: 01 Centri di aggregazione (bambini, giovani, anziani):

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTU E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE

DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTU E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTU E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione dei progetti di servizio civile nazionale da realizzare

Dettagli

Biblio 1.1 storie & memorie biblioteche trevigiane tra memoria e modernità

Biblio 1.1 storie & memorie biblioteche trevigiane tra memoria e modernità SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA 1) Ente proponente il progetto: ASSOCIAZIONE COMUNI DELLA MARCA TREVIGIANA - Via Terraglio, 58 31022 Preganziol (TV) Enti co-progettanti:

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

CARATTERISTICHE PROGETTO

CARATTERISTICHE PROGETTO ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO 1) Ente proponente il progetto: Confederazione Nazionale delle Misericordie d Italia 2) Codice di accreditamento: NZ00042 3) Albo e classe di iscrizione: Nazionale

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

ENTE SERVIZIO CIVILE DON ORIONE NZ00051

ENTE SERVIZIO CIVILE DON ORIONE NZ00051 ENTE SERVIZIO CIVILE DON ORIONE NZ00051 SCHEDA PROGETTO SEDE OPERATIVA ROMA (RM) CENTRO DON ORIONE MONTE MARIO CODICE SEDE 98090 SETTORE ASSISTENZA 06 DISABILI [ TITOLO PROGETTO Riabitare il mondo Ente

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA SEDE LEGALE CASTELLO N. 77 SEDE AMMINISTRATIVA SAN POLO N. 2123 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA ISTITUTO PER I BENI ARTISTICI, CULTURALI E NATURALI SOPRINTENDENZA PER I BENI LIBRARI E DOCUMENTARI

REGIONE EMILIA-ROMAGNA ISTITUTO PER I BENI ARTISTICI, CULTURALI E NATURALI SOPRINTENDENZA PER I BENI LIBRARI E DOCUMENTARI REGIONE EMILIA-ROMAGNA ISTITUTO PER I BENI ARTISTICI, CULTURALI E NATURALI SOPRINTENDENZA PER I BENI LIBRARI E DOCUMENTARI ISTITUTO PER I BENI ARTISTICI, CULTURALI E NATURALI DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA,

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave CARTA DEI SERVIZI Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave Provincia Reg. le di Catania 1 1. Premessa La presente Carta dei Servizi rappresenta

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 REGIONE ABRUZZO Servizio Politica Energetica, Qualità dell aria, SINA Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 anno scolastico 2014-2015 1. PREMESSA La Regione Abruzzo - insieme al MIUR (Ministero della Pubblica

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE

UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione dei progetti di servizio civile nazionale da realizzare in Italia e all

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE Ente proponente il progetto: O.N.M.I.C. - Opera Nazionale Mutilati Invalidi Civili- Codice di accreditamento: NZ01189 Albo e

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Vivi un mondo accessibile con Abiliatour. www.abiliatour.it

Vivi un mondo accessibile con Abiliatour. www.abiliatour.it Vivi un mondo accessibile con Abiliatour www.abiliatour.it Che cos è Abiliatour O.N.L.U.S. L Associazione Abiliatour O.N.L.U.S. ha come scopo principale l assistenza e l aiuto alle persone disabili e alle

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE

DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE Prot. n. 21096/II/1 dell 11 giugno 2009 UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE VISTA la Legge 8 luglio 1998, n. 230, recante "Nuove norme in materia di obiezione

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

Allegato C REQUISITI ALTRI SERVIZI ALLA PERSONA. Requisiti Altri servizi alla persona

Allegato C REQUISITI ALTRI SERVIZI ALLA PERSONA. Requisiti Altri servizi alla persona REQUISITI ALTRI SERVIZI ALLA PERSONA Requisiti Altri servizi alla persona Note per la compilazione delle schede dei requisiti Il legale rappresentante o l'operatore individuale compila una scheda dei requisiti

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

ANPAS ASSOCIAZIONE NAZIONALE PUBBLICHE ASSISTENZE. Albo nazionale. PASS (Pubbliche Assistenze per i Servizi Sociali) GARANZIA GIOVANI

ANPAS ASSOCIAZIONE NAZIONALE PUBBLICHE ASSISTENZE. Albo nazionale. PASS (Pubbliche Assistenze per i Servizi Sociali) GARANZIA GIOVANI CARATTERISTICHE PROGETTO ENTE Ente proponente il progetto: ANPAS ASSOCIAZIONE NAZIONALE PUBBLICHE ASSISTENZE Codice di accreditamento: NZ 01704 Albo e classe di iscrizione: Albo nazionale 1 CARATTERISTICHE

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Che cos è il Centro diurno regionale Ai Gelsi? Il nuovo Centro diurno socio-assistenziale con sede a Riva San Vitale si inserisce nel

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli