Finito di stampare nel Settembre 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Finito di stampare nel Settembre 2014"

Transcript

1 I programmi dell Unione Europea a sostegno delle PMI e l azione dell ICE-Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Una panoramica delle principali opportunità di finanziamento per le Piccole e Medie Imprese italiane

2 Questo prodotto è stato realizzato dall ICE - Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane, Uffi cio Partenariato industriale e Rapporti con OO.II. e Uffi cio di Bruxelles. Finito di stampare nel Settembre 2014 ICE - Agenzia 2014

3 3 Introduzione Nel corso degli anni l Unione Europea ha sviluppato molteplici programmi di fi nanziamento ed è oggi il principale donatore a livello internazionale. In linea con la strategia Europa 2020, e in continuità con il precedente Quadro Finanziario Pluriennale (QFP) la Commissione europea punta a rilanciare l economia dell UE verso un modello di sviluppo economico, più intelligente, sostenibile e solidale. Queste tre priorità intendono aiutare la crescita dell UE e degli Stati membri, per conseguire elevati livelli di occupazione, produttività e coesione sociale. Per raggiungere tali obiettivi diversi programmi di fi nanziamento sono stati previsti per il periodo per aiutare le piccole e medie imprese (PMI) europee a stimolare la loro crescita, poteziarne l innovazione e incrementarne la competitività sul mercato europeo e globale. Tali programmi forniscono molteplici opportunità alle PMI europee interessate ad operare sia nel mercato unico dell Unione europea, sia nel mercato esterno (attraverso progetti di cooperazione a loro volta suddivisi per aree geografi che e settoriali) mediante diverse forme di sostegno fi nanziario quali appalti, sovvenzioni, prestiti e, in alcuni casi, garanzie. A seconda delle loro esigenze, le PMI possono benefi ciare di: fi nanziamenti europei indiretti, la cui gestione è affi data alle autorità nazionali e regionali dei singoli Stati Membri attraverso i fondi strutturali, nonchè agli istituti fi nanziari accreditati dalla Commissione europea e dotati di risorse comunitarie, attraverso prestiti, partecipazioni azionarie, garanzie e altre forme ibride di fi nanziamento; fi nanziamenti a concessione diretta, ovvero fi nanziamenti erogati direttamente dalla Commissione europea attraverso le proprie Direzioni Generali e/o Agenzie Esecutive. Le PMI possono inoltre benefi ciare di misure di assistenza non fi nanziaria per la fornitura di servizi a sostegno delle imprese. Lo scopo della presente brochure è di offrire una panoramica informativa sulle opportunità offerte dal QFP dell UE per il periodo nelle politiche e nei settori di maggiore interesse per le PMI italiane, e presentare in forma sintetica le modalità di partecipazione ai bandi e accesso ai fi nanziamenti.

4 4 Programmi UE per le PMI

5 5 Indice I programmi dell Unione europea a sostegno delle PMI 1. L ICE-Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Le attività dell Agenzia ICE a sostegno dell accesso delle imprese italiane agli strumenti e programmi di fi nanziamento UE (Uffi cio di Bruxelles/Uffi cio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali) La Commissione europea Rappresentanza Permanente d Italia presso l Unione europea Le strategie di assistenza dell UE Panoramica sulle tipologie di fi nanziamento e le strategie di assistenza dell UE: fondi a gestione indiretta e diretta - programmi tematici e geografi ci - appalti e sovvenzioni Fondi a gestione diretta Programmi di azione esterna dell UE IPA II Strumento per l assistenza alla preadesione Instrument for Pre-accession Assistance Iniziativa Adriatico-Ionica (IAI) IPA Adriatico CBC ENI Strumento europeo per il Vicinato European Neighbourhood Instrument ENI CBC FES - Fondo europeo di sviluppo European Development Fund DCI Strumento per la cooperazione allo sviluppo Development Cooperation Instrument PI - Strumento di partenariato per la cooperazione con i Paesi Terzi Partnership Instrument Programmi Intra-comunitari destinati alle imprese Horizon Programma Quadro per la Ricerca e l Innovazione Strumento per le PMI COSME Programma per la competitività di imprese e PMI Accesso al credito Enterprise Europe Network...44

6 LIFE - Programma per l ambiente e l azione per il clima Erasmus per giovani imprenditori Europa Creativa Programma di sostegno ai settori culturale ed audiovisivo Fondi a gestione indiretta: i Fondi strutturali/cenni Istituzioni fi nanziarie partecipate dall Unione europea BEI - Banca europea per gli investimenti BERS Banca europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo FEI Fondo Europeo degli Investimenti Come accedere a programmi e fondi Come venire a conoscenza delle opportunità di fi nanziamento: le fonti d informazione Convenzione ICE-MATTM (Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare)...63 Programmi UE per le PMI

7 7

8 8 1. L ICE-Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane L ICE-Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane è un ente dotato di personalità giuridica di diritto pubblico, sottoposto ai poteri di indirizzo e vigilanza del Ministero dello Sviluppo Economico che li esercita, per le materie di rispettiva competenza, d intesa con il Ministero degli Affari Esteri e sentito il Ministero dell Economia e delle Finanze. Attività L Agenzia ICE ha il compito di agevolare, sviluppare e promuovere i rapporti economici e commerciali italiani con l estero - con particolare attenzione alle esigenze delle piccole e medie imprese, dei loro consorzi e raggruppamenti - e opera al fi ne di sviluppare l internazionalizzazione delle imprese italiane, nonché la commercializzazione dei beni e servizi italiani nei mercati internazionali. Attraverso la sede di Roma, l Uffi cio di Milano e la rete nel mondo l Agenzia svolge attività di informazione, assistenza, promozione a imprese e istituzioni, di formazione a imprese e a giovani laureati e promuove la cooperazione nei settori industriale, agricolo e agro-alimentare, della distribuzione e del terziario. L Agenzia ICE opera all estero nell ambito delle Rappresentanze diplomatiche italiane, in sinergia con le organizzazioni imprenditoriali e gli altri soggetti pubblici e privati interessati, assicurando un supporto coordinato alle imprese e reti nazionali che si impegnano nel processo di internazionalizzazione con l obiettivo di promuovere l immagine del prodotto italiano nel mondo e l Italia quale destinazione degli investimenti esteri. Nello svolgimento delle proprie attività, l Agenzia opera in stretto raccordo con le regioni, le camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura, le organizzazioni imprenditoriali e gli altri soggetti pubblici e privati interessati, ai sensi di linee guida e di indirizzo strategico in materia di promozione ed internazionalizzazione delle imprese assunte dalla Cabina di Regia istituzionale. Programmi UE per le PMI

9 9 L Agenzia ICE è on line su: sito riservato alle aziende italiane, con informazioni sui mercati esteri, sulle attività dell Agenzia ICE, sui servizi informativi e di assistenza, sulle attività promozionali; The Made in Italy Offi cial Portal - sito riservato agli operatori esteri, con informazioni sulla produzione italiana e banca dati The Made in Italy Business Directory delle aziende italiane esportatrici.

10 10 2. Le attività dell Agenzia ICE a sostegno dell accesso delle imprese italiane agli strumenti e programmi di finanziamento UE (Ufficio di Bruxelles/Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali) Per aumentare la competitività delle imprese italiane e favorire la loro partecipazione alle gare ed ai programmi fi nanziati dalla Commissione europea e dagli Organismi Internazionali, l Agenzia ICE svolge azioni di informazione, assistenza e partenariato a favore di imprese e società di consulenza italiane, per poter accrescere la loro presenza tra i principali fornitori di servizi, beni e lavori, fi nanziati con i diversi strumenti comunitari. Se, da un lato, i programmi intra-comunitari previsti a benefi cio degli Stati membri aiutano le aziende italiane nello sviluppo dei loro progetti per l acquisizione di nuove tecnologie e nuovi processi produttivi, dall altro, i programmi comunitari di cooperazione con i Paesi in adesione e con gli altri Paesi terzi danno alle imprese l opportunità di inserirsi nelle diverse aree del mondo con una presenza strategica. Le suddette attività a sostegno delle imprese italiane vengono realizzate sia dalla Uffi cio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali/Linea Affari Europei della Sede di Roma, sia dall Uffi cio di Bruxelles. La Linea Affari Europei, presso la sede ICE di Roma, svolge azioni di informazione, assistenza e networking a favore delle imprese e società di consulenza italiane, attraverso, in particolare, la realizzazione di seminari informativi all estero ed in Italia sui vari programmi e sui vari paesi e settori interessati, in particolare in occasione dell uscita dei bandi di gara, incontri informativi ed azioni di formazione, assistenza tecnica e di Institution Building per operatori esteri. Inoltre, agisce in veste di animatore e partner privilegiato per l Italia del Centro dello Sviluppo dell Impresa CDE di Bruxelles (http://www.cde.int/), in virtù del quale l Agenzia ICE assume un ruolo di intermediario e facilitatore per le istanze delle PMI italiane interessate ad accedere ai contributi del CDE e realizzando un programma di attività promozionali congiunte con l organismo comunitario, fi nalizzate a favorire lo sviluppo del partenariato fra le PMI italiane e quelle dei paesi ACP. Programmi UE per le PMI

11 11 L uffi cio di Bruxelles dell Agenzia ICE svolge, con riferimento ai numerosi programmi UE, le seguenti attività: dare informazioni a carattere generale e di primo orientamento sui diversi programmi UE previsti a sostegno delle imprese; fornire un più mirato supporto informativo, segnalando le più interessanti opportunità di fi nanziamento comunitarie attraverso una newsletter mensile, oltre che mediante la realizzazione di seminari informativi settoriali, con particolare attenzione ai programmi di aiuto esterno della UE; effettuare il monitoraggio del TED (la versione online del Supplemento alla Gazzetta uffi ciale dell Unione europea ), per l individuazione degli inviti a presentare le proposte e dei bandi di gara (servizi, lavori, forniture) di interesse per le imprese; partecipare alle sessioni informative che accompagnano il lancio dei diversi inviti a presentare proposte; prestare assistenza in fase di partecipazione alle gare mediante, tra l altro, l illustrazione delle modalità procedurali e realizzative della singola proposta nell ambito del programma comunitario di proprio interesse, nonché il supporto eventualmente necessario in fase di networking e costituzione del consorzio; fornire servizi personalizzati di assistenza e follow-up nei rapporti tra le imprese e le istituzioni comunitarie (in particolar modo, la Commissione europea), in merito ai progetti e programmi comunitari di interesse.

12 12 3. La Commissione europea La Commissione europea (Ce), fra le varie attribuzioni che le competono, gestisce il bilancio dell UE e attribuisce i fi nanziamenti. La CE è quindi il riferimento più importante per chi ha a che fare con i fi nanziamenti comunitari poiché essa gestisce l attuazione delle politiche dell Unione e l erogazione dei fondi europei attraverso i vari Programmi descritti di seguito, quali Horizon 2020, COSME, ecc.. A tale scopo la Commissione europea è strutturata in servizi chiamati Direzioni Generali (DG). Per quanto riguarda l attività imprenditoriale, la Direzione Generale Imprese ed Industria è quella dedicata a promuovere lo sviluppo delle PMI e dell economia dell UE. La Commissione, attraverso la DG Imprese ed Industria, promuove politiche di sostegno, di ricerca e sviluppo, per l innovazione e l internazionalizzazione, operando anche a favore dello sviluppo dello spirito imprenditoriale, dell artigianato e delle imprese dell economia sociale. Il documento di riferimento per le PMI è lo Small Business Act per l Europa, che gli stati membri si sono impegnati ad attuare assieme alla Commissione Europea. Altre Direzioni Generali di interesse per le PMI, in quanto impegnate nel promuovere politiche a loro favore, oppure quali veicoli per offrire opportunità d affari, sono: la DG Agricoltura e Sviluppo Rurale, la DG Energia, la DG Affari Marittimi e Pesca, la DG Ambiente, la DG Mobilità e Trasporti e la DG Azione per il Clima, per tutte le imprese dei settori indicati, la DG Allargamento e la DG Sviluppo e Cooperazione, per opportunità nei Paesi in fase di accessione all UE ed in quelli in via di sviluppo, la DG Ricerca e Innovazione, dedicata trasversalmente a tutti i settori economici. Ovviamente, per l importanza e la prevalenza della legislazione comunitaria, l attività di tutte le Direzioni Generali della Commissione Europea si rifl ette sulla conduzione di attività d impresa, sia direttamente che indirettamente. Indirizzi utili Sito della Commissione Europea Programmi UE per le PMI

13 13 4. Rappresentanza Permanente d Italia presso l Unione Europea La Rappresentanza Permanente svolge un ruolo centrale nei rapporti fra le Autorità italiane e le istituzioni dell Unione Europea sia nella condotta dei negoziati nelle apposite istanze del Consiglio dell Unione Europea, sia nella cura delle relazioni con le altre istituzioni e servizi, in particolare il Parlamento Europeo, la Commissione europea ed il Servizio Europeo per l Azione Esterna. Obiettivo principale della Rappresentanza Permanente è quello di promuovere e difendere le posizioni italiane nell ambito dell Unione Europea, in particolare (ma non solo) nelle istanze preparatorie delle riunioni del Consiglio dei Ministri. In questo quadro, la Rappresentanza Permanente partecipa all elaborazione ed alla gestione dell insieme delle politiche dell Unione Europea: mercato interno, agricoltura, pesca, politica dei consumatori, turismo, trasporti, telecomunicazioni, occupazione, industria, sanità, ricerca, ambiente, educazione, relazioni esterne, questioni fi nanziarie e di bilancio, giustizia e affari interni. La Rappresentanza Permanente assicura il monitoraggio della presenza dei funzionari italiani nelle Istituzioni europee. A questo scopo esiste un uffi cio specifi co (Uffi cio per il monitoraggio della presenza di funzionari italiani presso le istituzioni europee) che ha il compito di mantenere aggiornato il quadro dei funzionari italiani in servizio presso le Istituzioni europee a Bruxelles. Indirizzi utili Rue du Marteau, Bruxelles Tel.:

14 14 5. Le strategie di assistenza dell UE L impegno fi nanziario dell UE è essenzialmente destinato a ridurre le disparità di reddito e di condizione sociale, a promuovere la mobilità resa possibile dall apertura delle frontiere interne, a garantire libertà, sicurezza e giustizia all interno delle frontiere dell Ue e a salvaguardare la diversità culturale. Una parte dei fi nanziamenti è diretta agli stati Membri; un altra parte rilevante è diretta oltre le frontiere dell Unione. La cooperazione esterna dell UE è diretta sia ai Paesi in via di Sviluppo, sia ai paesi emergenti ed industrializzati ed include, quindi, aspetti propri della cooperazione allo sviluppo e della cooperazione cosiddetta economica, fi nanziaria, tecnica. Le misure di assistenza si basano sulla defi nizione di una programmazione pluriennale (ci troviamo attualmente nel periodo fi nanziario ) che stabilisce le priorità d azione e gli ambiti di intervento dell assistenza comunitaria in un determinato arco di tempo, attraverso lo sviluppo di programmi specifi ci. Programmi UE per le PMI

15 15 6. Panoramica sulle tipologie di finanziamento e le strategie di assistenza dell UE: fondi a gestione indiretta e diretta - programmi tematici e geografici - appalti e sovvenzioni Fondi a gestione indiretta e diretta A titolo esemplifi cativo, i diversi programmi fi nanziati dalla UE possono ripartirsi in due grandi categorie: fondi a gestione indiretta e fondi a gestione diretta. Fondi a gestione indiretta sono i fondi strutturali, destinati a realizzare le politiche di coesione economica e sociale dell UE a sostegno delle sue regioni meno sviluppate, per colmare le disparità economiche ed infrastrutturali esistenti. In tal caso, la gestione e la responsabilità dell utilizzo dei fondi viene attribuita alle autorità nazionali e regionali dei singoli Stati membri, a seguito del trasferimento a questi ultimi da parte della stessa UE delle proprie risorse fi nanziare, assegnate sulla base di appositi programmi nazionali. Invece, i fondi a gestione diretta, destinati a realizzare le politiche di intervento dell UE, sono erogati e gestiti direttamente dalla Commissione europea mediante l intervento delle proprie Direzioni Generali, delle Delegazioni dell UE nei Paesi terzi (in pratica l Ambasciata dell UE in quei paesi) e/o delle proprie Agenzie esecutive. A quest ultimo proposito si segnalano in particolare l Agenzia esecutiva per le piccole e medie imprese (EASME) e l Agenzia esecutiva per l istruzione, gli audiovisivi e la cultura (EACEA). Tuttavia, nel caso dei programmi UE di azione esterna, occorre precisare che la responsabilità della concreta gestione della gara può essere attribuita, oltre che alle Delegazioni dell UE presenti nei vari paesi benefi ciari (tale procedura viene denominata deconcentrazione ), anche alle stesse autorità dei paesi benefi ciari (in tal caso si parla di decentralizzazione ).

16 16 Programmi tematici e geografici A seconda delle diverse politiche perseguite dalla UE, i fondi a gestione diretta fi nanziano programmi che intervengono su settori ben specifi ci (ambiente, ricerca, trasporti, industria, ecc.). In tal caso, come è facilmente intuibile, tali programmi vengono defi niti tematici. Come vedremo più in dettaglio nei paragrafi successivi, per il periodo l UE ha previsto tutta una serie di programmi tematici diretti, tra l altro, al fi nanziamento della ricerca e dell innovazione (Horizon 2020), della competitività delle imprese (COSME), della salvaguardia dell ambiente (LIFE), dell istruzione e della formazione (Erasmus), della promozione della cultura e degli audiovisivi (Europa Creativa). Tuttavia, nell ambito delle proprie relazioni con i Paesi terzi, a fi anco di alcuni programmi tematici (come, ad esempio, lo Strumento per promuovere la democrazia e i diritti umani nel mondo - EIDHR), l UE ha previsto soprattutto l adozione di una serie di programmi geografi ci, i cui paesi benefi ciari vengono ricompresi all interno di determinate aree geo-economiche, la cui defi nizione è strettamente connessa alle stesse politiche perseguite dalla UE in tema di allargamento (IPA), vicinato (ENI) e cooperazione allo sviluppo (DCI) oppure ad accordi internazionali, dei quali la stessa UE è parte (FES - Fondo Europeo di Sviluppo). Modalità di erogazione fondi: appalti e sovvenzioni Riguardo, poi, le modalità di erogazione del fi nanziamento, sia nel caso di fondi a gestione indiretta, sia in quello di fondi a gestione diretta, i diversi interventi vengono realizzati mediante la pubblicazione sia di gare di appalto (Call for Tenders) per servizi, lavori e forniture, sia di inviti a presentare proposte (Call for Proposals). Nel primo caso, la realizzazione dei lavori o la fornitura dei beni e dei servizi viene fi nanziata al 100% dalla UE, mentre nel caso degli inviti a presentare proposte chi propone il progetto è chiamato a partecipare al suo co-fi nanziamento in percentuali variabili a seconda del programma (per un analisi più dettagliata, si veda il successivo capitolo 10 incentrato su come accedere a programmi e fondi). Programmi UE per le PMI

17 17 7. Fondi a gestione diretta 7.1 Programmi di azione esterna dell UE In un epoca in cui l ordine mondiale sta cambiando rapidamente e le economie emergenti come Cina, India e Brasile stanno affermando la loro infl uenza, l Europa deve essere unita e giocare un ruolo attivo nel plasmare il cambiamento globale. La Direzione Generale per lo Sviluppo e la Cooperazione - Europaid della Commissione europea gestisce i programmi di aiuto esterno dell UE e si occupa della distribuzione degli aiuti in tutto il mondo. L obiettivo generale dell azione esterna è infatti quello di garantire che l Unione europea sia all altezza delle sue ambizioni nel promuovere la democrazia, la pace, la solidarietà, la stabilità e la riduzione della povertà nei Paesi terzi, e per contribuire a salvaguardare il bene pubblico globale. Gli strumenti di fi nanziamento di azione esterna consentono inoltre all UE di rafforzare ulteriormente il suo ruolo sulla scena mondiale e promuove i suoi interessi e valori. L UE concentra il suo lavoro con i paesi partner esterni intorno a quattro priorità politiche: allargamento, vicinato, cooperazione con i partner strategici, cooperazione allo sviluppo.

18 18 Programmi di aiuto esterno dell'ue verso i paesi terzi IPA II Strumento di Preadesione Instrument for Preaccession (Paesi candidati e candidati potenziali UE) ENI Strumento europeo per il Vicinato European Neighbourhood Instrument (Paesi ai confini orientali e meridionali dell UE) DCI Strumento per la Cooperazione allo Sviluppo Development Cooperation Instrument (Paesi America Latina, Asia, Asia Centrale, Medio Oriente, Sud Africa) FES (Fondo europeo di Sviluppo) e CDE (Centro per lo sviluppo dell impresa) Paesi ACP Programmi UE per le PMI

19 19

20 20 Le principali differenze con la programmazione dello scorso settennato risiedono nei principi posti alla base della medesima: Un approccio differenziato con diverse forme di cooperazione Concentrazione della spesa Maggiore fl essibilità Semplifi cazione delle norme Maggiore attenzione ai diritti umani, alla democrazia e alla buona governance Sforzi congiunti tra Stati membri e istituzioni dell UE L importo complessivo approvato per il pacchetto delle relazioni esterne è di 51,42 miliardi di euro per il periodo , suddiviso fra i seguenti strumenti fi nanziari: Strumento per l assistenza alla pre-adesione, IPA II (Instrument for Pre-accession Assistance), Strumento europeo di vicinato, ENI (European Neighbourhood Instrument), Strumento di cooperazione e sviluppo, DCI (Development Cooperation Instrument), Strumento di partenariato, PI (Partnership Instrument), è il principale elemento di novità del pacchetto , elaborato sulla base del precedente strumento per la cooperazione con i paesi industrializzati (ICI), Strumento che contribuisce alla stabilità ed alla Pace, IcSP (Instrument contributing to Stability and Peace), Strumento per promuovere la democrazia ed i diritti umani nel mondo, EIDHR (European Instrument for Democracy & Human Rights). Un ulteriore fi nanziamento di 30,50 miliardi di euro sarà messo a disposizione per la cooperazione con i paesi dell Africa, dei Caraibi e del Pacifi co (ACP) ed i paesi e territori d oltremare (OCT), attraverso l 11 Fondo europeo di sviluppo (FES, European Development Fund), che rimarrà al di fuori del bilancio dell UE. Programmi UE per le PMI

21 IPA II Strumento per l assistenza alla preadesione (Instrument for Pre-accession Assistance) Preparato in collaborazione con i paesi benefi ciari, sulla base della positiva esperienza dello strumento precedente, l IPA II stabilisce un nuovo quadro per l assistenza alla preadesione per il periodo La novità più importante dell IPA II è il suo focus strategico. I Country Strategy Papers sono gli specifi ci documenti strategici di programmazione, realizzati per ciascun benefi ciario, per periodi pluriennali. Questi garantiranno un maggiore coinvolgimento da parte dei benefi ciari, attraverso l integrazione con le rispettive agende per le riforme e lo sviluppo. Un Multi-Country Strategy Paper affronterà le priorità della cooperazione regionale e la cooperazione territoriale. Bosnia Erzegovina Serbia Albania Montenegro Kosovo Macedonia Turchia IPA II (Strumento di preadesione per i paesi candidati)

22 22 Obiettivi L IPA II è stato concepito per rispondere al meglio alle esigenze dei paesi benefi ciari in ambito di preadesione, in modo da perseguire priorità, quali consolidamento dello stato di diritto e protezione dei diritti fondamentali, governance economica e competitività, sviluppo socio-economico, cooperazione regionale, recepimento dell acquis comunitario. Esso opererà in base a regole semplifi cate e l assistenza sarà realizzata in modo da essere più fl essibile ed in linea con gli specifi ci bisogni ed orientata ai risultati, così da conseguire: un attenzione rivolta ad un numero limitato di aree e settori; un più stretto collegamento tra le strategie per l allargamento e le priorità per l assistenza; un riferimento più stretto ai bisogni dei paesi benefi ciari, in modo da garantire l accesso all assistenza senza distinzioni, basate sullo status del paese (candidato o potenziale candidato); una riduzione degli oneri amministrativi: emanazione di documenti strategici di programmazione pluriennali Country and Multi-Country Strategy Papers alla base di una programmazione di assistenza sequenziata e ben pianifi cata, per consentire alla Commissione di concentrarsi maggiormente sugli obiettivi, piuttosto che sul meccanismo di preparazione di progetti singoli; una possibilità di sfruttare maggiori fondi e sinergie per consentire la realizzazione degli investimenti necessari da effettuare: il nuovo strumento fornirà una maggiore cooperazione con le istituzioni fi nanziarie internazionali ed altri donatori, per l utilizzo di strumenti fi nanziari innovativi; un miglioramento dell effi cacia dell assistenza, mediante una maggiore fl essibilità nell allocare i fondi a favore di azioni maggiormente orientate al risultato. Paesi benefi ciari Ex Repubblica Iugoslava di Macedonia, Islanda, Montenegro, Serbia, Turchia, Albania (paesi candidati); Bosnia-Erzegovina, Kosovo* (paesi candidati potenziali). * Tale designazione non pregiudica le posizioni riguardo allo status ed è in linea con la risoluzione 1244(1999) dell UNSC e con il parere della CIG sulla dichiarazione di indipendenza del Kosovo. Bilancio Il bilancio fi nale approvato è pari a 11,70 miliardi di euro. Questo permetterà la continuazione del lavoro di successo iniziato con il precedente IPA nel promuovere importanti riforme nei paesi candidati. Programmi UE per le PMI

23 23 Indirizzi utili Sito DG Allargamento Sito DG Allargamento IPA II Sito Europaid ricerca bandi https://webgate.ec.europa.eu/europeaid/online-services/index.cfm?do=publi.welcome&userlanguage=en IAI - Iniziativa Adriatico-Ionica L Iniziativa Adriatico-Ionica (IAI) nasce nel 2000 con la sottoscrizione, da parte dei Ministri degli Affari Esteri di 6 Paesi rivieraschi, della Dichiarazione di Ancona sulla cooperazione regionale, come strumento a sostegno della stabilità economica e politica e del processo di integrazione europea. Dal 2006 anche Serbia e Montenegro sono membri effettivi dell IAI, che risulta dunque attualmente costituita da 8 Paesi: Italia, Grecia, Slovenia, Croazia, Albania, Bosnia-Erzegovina, Montenegro, Serbia. L Iniziativa si caratterizza per la compresenza di due aspetti fondamentali e di grande importanza rispetto alla sua azione: l aspetto di collaborazione intergovernativa e quello, per i Paesi IAI non-ue, di tappa intermedia di avvicinamento agli standard comunitari. Obiettivi Questi due aspetti si traducono in un duplice ruolo dell Iniziativa: 1. IAI come volano e tramite di politiche condivise e convergenti nel bacino adriatico-ionico, principalmente in settori di comune interesse quali ambiente, trasporti, sicurezza marittima, turismo, pesca, ricerca e innovazione, capacity building, e luogo di incontro per lo scambio di informazioni e di buone prassi; 2. IAI come punto di incontro, di confronto e di riferimento, in vista della realizzazione della Strategia UE per la creazione della Macroregione Adriatico-Ionica. Anche se la Strategia non gode di un fi nanziamento supplementare dell UE, una notevole quantità di fondi è già disponibile attraverso la politica regionale dell UE, altri programmi e strumenti fi nanziari europei, e varie istituzioni fi nanziarie internazionali. La Strategia contribuirà a mobilitare tutti i pertinenti

24 24 fi nanziamenti e politiche dell Unione europea ed a coordinare le azioni dell Unione europea, di paesi, regioni, istituzioni fi nanziarie, settore privato e organizzazioni non governative per promuovere uno sviluppo più equilibrato nella regione del mare Adriatico e Ionio. Indirizzi utili Sito DG REGIO Iniziativa Adriatico-Ionica IPA Adriatico CBC (Cross-Border Cooperation) Il Programma di cooperazione transfrontaliera IPA Adriatico è stato approvato nel marzo 2008 e riceve l assistenza comunitaria nell ambito della componente di cooperazione transfrontaliera dello Strumento di assistenza alla preadesione (IPA). Obiettivi L obiettivo generale dell IPA CBC è quello di potenziare le capacità di sviluppo sostenibile nella regione adriatica tramite l adozione di una strategia concertata da parte dei partner dei territori ammissibili. Tale obiettivo generale è costituito da tre obiettivi specifi ci: promozione della crescita economica sostenibile: sviluppo economico e competitività della regione saranno rilanciati grazie al sostegno all innovazione e alle nuove tecnologie, al potenziamento della ricerca e della collaborazione economica, sociale e istituzionale tra paesi membri; miglioramento dell immagine e della qualità della vita nelle regioni marittime frontaliere, attraverso una protezione e gestione condivisa delle risorse naturali e del patrimonio culturale, la salvaguardia della biodiversità, la prevenzione dei rischi e lo sviluppo del turismo sostenibile; potenziamento della coesione sociale e della collaborazione reciproca: attenzione ad un approccio condiviso rispetto al mercato del lavoro, allo sviluppo delle risorse umane, alle reti transfrontaliere, agli scambi interculturali, al fi ne di intensifi care e rendere più solide le reti materiali (es. trasporti) ed immateriali (es. comunicazione e informazione) tra membri. Paesi benefi ciari Gli Stati interessati dall IPA CBC sono: Italia, Grecia, Croazia, Slovenia, Bosnia Erzegovina, Albania, Montenegro, Serbia. Programmi UE per le PMI

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM

BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM SkyTeam Awards è uno dei maggiori vantaggi che ti offre l Alleanza SkyTeam: un solo Biglietto Premio per tante destinazioni nel mondo, anche quando l itinerario che scegli

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

GUIDA ALLA NOTIFICA ALL ESTERO DEGLI ATTI GIUDIZIARI ED EXTRAGIUDIZIARI IN MATERIA CIVILE E COMMERCIALE

GUIDA ALLA NOTIFICA ALL ESTERO DEGLI ATTI GIUDIZIARI ED EXTRAGIUDIZIARI IN MATERIA CIVILE E COMMERCIALE DIREZIONE GENERALE PER GLI ITALIANI ALL ESTERO E LE POLITICHE MIGRATORIE Ufficio IV GUIDA ALLA NOTIFICA ALL ESTERO DEGLI ATTI GIUDIZIARI ED EXTRAGIUDIZIARI IN MATERIA CIVILE E COMMERCIALE (Maggio 2014)

Dettagli

FAR INCONTRARE LE PERSONE. OGNI VOLTA UNA SFIDA UNICA

FAR INCONTRARE LE PERSONE. OGNI VOLTA UNA SFIDA UNICA FAR INCONTRARE LE PERSONE. OGNI VOLTA UNA SFIDA UNICA La Nuova Frontiera Meetings & Events: un area di spesa che secondo le nostre indagini si attesta, a livello globale, intorno ai 300 miliardi di dollari.

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Costituzione dell Organizzazione mondiale della Sanità

Costituzione dell Organizzazione mondiale della Sanità Traduzione 1 Costituzione dell Organizzazione mondiale della Sanità 0.810.1 Firmata a Nuova York il 22 luglio 1946 Approvata dall Assemblea federale il 19 dicembre 1946 2 Strumenti di ratificazione depositati

Dettagli

CHE COS E UN EXPO UNIVERSALE

CHE COS E UN EXPO UNIVERSALE CHE COS E UN EXPO UNIVERSALE Il più grande evento del mondo. Un brand universale (4 expo ogni 10 anni in 5 Continenti). Un evento nazionale e non locale. Un organizzazione non-profit degli Stati Nazionali

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

D. Da quali paesi ed in che modo la normativa ISPM15 viene già applicata?

D. Da quali paesi ed in che modo la normativa ISPM15 viene già applicata? CON-TRA S.p.a. Tel. +39 089 253-110 Sede operativa Fax +39 089 253-575 Piazza Umberto I, 1 E-mail: contra@contra.it 84121 Salerno Italia Internet: www.contra.it D. Che cosa è la ISPM15? R. Le International

Dettagli

Cooperazione internazionale. e sviluppo. La lotta alla povertà in un mondo che cambia LE POLITICHE DELL UNIONE EUROPEA

Cooperazione internazionale. e sviluppo. La lotta alla povertà in un mondo che cambia LE POLITICHE DELL UNIONE EUROPEA LE POLITICHE DELL UNIONE EUROPEA Cooperazione internazionale La lotta alla povertà in un mondo che cambia e sviluppo Sappiamo tutti che con le risorse tecnologiche, finanziarie e materiali in nostro possesso

Dettagli

Convenzione sull eliminazione di ogni forma di discriminazione nei confronti della donna

Convenzione sull eliminazione di ogni forma di discriminazione nei confronti della donna Traduzione 1 Convenzione sull eliminazione di ogni forma di discriminazione nei confronti della donna 0.108 Conclusa il 18 dicembre 1979 Approvata dall Assemblea federale il 4 ottobre 1996 2 Ratificata

Dettagli

PRUDENZA NEGLI INVESTIMENTI E NECESSITA DI INNOVARE

PRUDENZA NEGLI INVESTIMENTI E NECESSITA DI INNOVARE PRUDENZA NEGLI INVESTIMENTI E NECESSITA DI INNOVARE Milano, 12 maggio 2009 Paolo Daperno Direttore Sistemi Informativi e Organizzazione Processi illycaffè illy nel mondo la nostra offerta la mission la

Dettagli

Convenzione internazionale sull eliminazione di ogni forma di discriminazione razziale

Convenzione internazionale sull eliminazione di ogni forma di discriminazione razziale Traduzione 1 Convenzione internazionale sull eliminazione di ogni forma di discriminazione razziale 0.104 Conclusa a New York il 21 dicembre 1965 Approvata dall Assemblea federale il 9 marzo 1993 2 Istrumento

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

0.191.01. Convenzione di Vienna sulle relazioni diplomatiche. Traduzione 1. (Stato 1 febbraio 2013)

0.191.01. Convenzione di Vienna sulle relazioni diplomatiche. Traduzione 1. (Stato 1 febbraio 2013) Traduzione 1 Convenzione di Vienna sulle relazioni diplomatiche 0.191.01 Conchiusa a Vienna il 18 aprile 1961 Approvata dall Assemblea federale il 21 giugno 1963 2 Istrumento di ratificazione depositato

Dettagli

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE) é un'organizzazione indipendente di regioni e la più importante rete di cooperazione interregionale nella Grande Europa. Rappresenta 12 organizzazioni interregionali

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA

PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA Il presente documento contiene le principali misure concrete a breve-medio termine proposte dalla Commissione per contribuire a stabilizzare

Dettagli

Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO)

Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO) Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO) La presente raccolta comprende solo le voci principali della classificazione di Ratisbona relativa all arte (LH LO) INDICE LD 3000 - LD 8000

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 DATA: 29/8/2013 N. PROT: 475 A tutte le aziende/enti interessati Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 Roma, 15-16 ottobre 2013 Bruxelles,

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

L evoluzione delle relazioni tra Europa e Africa

L evoluzione delle relazioni tra Europa e Africa Europa e Africa Focus Intervista a Giovanni Bersani L evoluzione delle relazioni tra Europa e Africa a cura di Matteo Montanari Europarlamentare per quasi trent anni (1960-1989), lei ha ricoperto anche

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

La Banca europea per gli investimenti in sintesi

La Banca europea per gli investimenti in sintesi La Banca europea per gli investimenti in sintesi Come banca dell Unione europea (UE), forniamo finanziamenti e consulenza per progetti d investimento validi e sostenibili situati in Europa e nei Paesi

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Commissione per le Adozioni Internazionali

Presidenza del Consiglio dei Ministri Commissione per le Adozioni Internazionali Allegato A Legenda Elenco degli enti autorizzati per paese straniero: L asterisco (*) sta ad indicare l obbligo di accreditamento nel Paese straniero secondo una specifica procedura. In questo caso e stato

Dettagli

Culture Programme. Nuoro, 9 Novembre 2010. Marzia Santone-CCP Italy

Culture Programme. Nuoro, 9 Novembre 2010. Marzia Santone-CCP Italy Culture Programme 2007- -2013 Nuoro, 9 Novembre 2010 Marzia Santone-CCP Italy Intro From a cultural point of view Perché l UE si interessa alla cultura? Fattori simbolici L Unità nella Diversità L UE caratterizzata

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 5.7.2005 COM(2005) 304 definitivo 2005/0129 (CNS) Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

Dettagli

Convenzione contro la tortura ed altre pene o trattamenti crudeli, inumani o degradanti

Convenzione contro la tortura ed altre pene o trattamenti crudeli, inumani o degradanti Traduzione 1 Convenzione contro la tortura ed altre pene o trattamenti crudeli, inumani o degradanti 0.105 Conclusa a Nuova York il 10 dicembre 1984 Approvata dall Assemblea federale il 6 ottobre 1986

Dettagli

LE OPPORTUNITA DI FINANZIAMENTO DELL UNIONE EUROPEA PER LE IMPRESE 2014-2020

LE OPPORTUNITA DI FINANZIAMENTO DELL UNIONE EUROPEA PER LE IMPRESE 2014-2020 LE OPPORTUNITA DI FINANZIAMENTO DELL UNIONE EUROPEA PER LE IMPRESE 2014-2020 Bruxelles, 8 gennaio 2014 0 INDICE PREMESSA... 2 I - I PRINCIPALI PROGRAMMI DELL UE A SOSTEGNO DELLE IMPRESE... 3 1. I FINANZIAMENTI

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

EUROPA. un Nuovo Inizio. 2014 Presidenza Italiana del Consiglio dell Unione Europea

EUROPA. un Nuovo Inizio. 2014 Presidenza Italiana del Consiglio dell Unione Europea EUROPA un Nuovo Inizio Programma della Presidenza Italiana iglio dell unione Europea 2014 Presidenza Italiana iglio ne Europea 1 Luglio - 31 Dicembre 2014 EUROPA un Nuovo Inizio Programma della Presidenza

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Cos è la Banca europea per gli investimenti?

Cos è la Banca europea per gli investimenti? Cos è la Banca europea per gli investimenti? La BEI è la banca dell Unione europea. Come principale mutuatario e finanziatore multilaterale, eroghiamo finanziamenti e consulenze tecniche per progetti d

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

Informazioni su peso massimo, dimensioni massime e tempo di trasporto nei paesi

Informazioni su peso massimo, dimensioni massime e tempo di trasporto nei paesi Informazioni su peso massimo, dimensioni massime e tempo di trasporto nei paesi ) Tempi di recapito medi in giorni feriali (lunedi venerdi), giorno d impostazione escluso. I tempi di consegna pubblicati

Dettagli

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto.

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto. Consiglio europeo Bruxelles, 26 giugno 2015 (OR. en) EUCO 22/15 CO EUR 8 CONCL 3 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Destinatario: Segretariato generale del Consiglio delegazioni Oggetto: Riunione del Consiglio

Dettagli

Guida alle opportunità di finanziamento dell Unione europea 2014-2020

Guida alle opportunità di finanziamento dell Unione europea 2014-2020 Guida alle opportunità di finanziamento dell Unione europea 2014-2020 Il contenuto di questa pubblicazione non riflette l opinione ufficiale dell Unione europea. La responsabilità delle informazioni in

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

BANDO DEV REPORTER NETWORK

BANDO DEV REPORTER NETWORK BANDO DEV REPORTER NETWORK Premessa La Federazione Catalana delle Ong per lo Sviluppo (FCONGD), il Consorzio delle Ong Piemontesi (COP) e la Rete Rhône-Alpes di appoggio alla cooperazione (RESACOOP) realizzano

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

GUIDA AI FINANZIAMENTI EUROPEI 2014

GUIDA AI FINANZIAMENTI EUROPEI 2014 GUIDA AI FINANZIAMENTI EUROPEI 2014 A CURA DI Gian Angelo Bellati, Francesco Pareti, Roberta Lazzari, Marco Boscolo SOMMARIO 1. Introduzione a cura del Presidente di Unioncamere del Veneto - Eurosportello

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Master 2009. Executive Master PMI e Competitività. Sviluppo, Internazionalizzazione, Transizione generazionale delle Piccole e Medie Imprese

Master 2009. Executive Master PMI e Competitività. Sviluppo, Internazionalizzazione, Transizione generazionale delle Piccole e Medie Imprese Master 2009 Executive Master PMI e Competitività Sviluppo, Internazionalizzazione, Transizione generazionale delle Piccole e Medie Imprese Master Universitario di primo livello, III edizione Marzo 2009

Dettagli

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Il modello Attraverso un modello che valorizza un insieme di dati relativi ai tassi di attività e alla popolazione prevista nel prossimo ventennio

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 07.04.1998 COM (98) 222 PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO I. LO SPIRITO IMPRENDITORIALE:

Dettagli

GLI ATTI E DOCUMENTI STRANIERI Procedure per la legalizzazione di documenti e di firme.

GLI ATTI E DOCUMENTI STRANIERI Procedure per la legalizzazione di documenti e di firme. GLI ATTI E DOCUMENTI STRANIERI Procedure per la legalizzazione di documenti e di firme. 1. Normativa di riferimento Legge 20 dicembre 1966, n. 1253 Ratifica ed esecuzione della Convenzione firmata a l

Dettagli

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto.

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto. Consiglio europeo Bruxelles, 20 marzo 2015 (OR. en) EUCO 11/15 CO EUR 1 CONCL 1 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Destinatario: Oggetto: Segretariato generale del Consiglio delegazioni Riunione del Consiglio

Dettagli

VADEMECUM Finanziamenti diretti europei. Come redigere un progetto di successo

VADEMECUM Finanziamenti diretti europei. Come redigere un progetto di successo VADEMECUM Finanziamenti diretti europei Come redigere un progetto di successo redazione: Petra Sevvi, Renata Tomi Info Point Europa della Provincia autonoma di Bolzano Alto Adige Ripartizione Europa Ufficio

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PARTECIPAZIONE AI PROGRAMMI A GESTIONE DIRETTA DELL UNIONE EUROPEA (2014-2020)

LINEE GUIDA PER LA PARTECIPAZIONE AI PROGRAMMI A GESTIONE DIRETTA DELL UNIONE EUROPEA (2014-2020) LINEE GUIDA PER LA PARTECIPAZIONE AI PROGRAMMI A GESTIONE DIRETTA DELL UNIONE EUROPEA (2014-2020) PREMESSA Per l attuazione delle proprie politiche la Commissione europea finanzia un ampio numero di programmi/strumenti

Dettagli

CONVENZIONE DELL'ORGANIZZAZIONE DELL'UNITÀ AFRICANA (OUA) CHE REGOLA GLI ASPETTI SPECIFICI DEI PROBLEMI DEI RIFUGIATI IN AFRICA

CONVENZIONE DELL'ORGANIZZAZIONE DELL'UNITÀ AFRICANA (OUA) CHE REGOLA GLI ASPETTI SPECIFICI DEI PROBLEMI DEI RIFUGIATI IN AFRICA CONVENZIONE DELL'ORGANIZZAZIONE DELL'UNITÀ AFRICANA (OUA) CHE REGOLA GLI ASPETTI SPECIFICI DEI PROBLEMI DEI RIFUGIATI IN AFRICA Adottata dalla Conferenza dei Capi di Stato e di Governo dell'oua riuniti

Dettagli

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Dicembre 2011 IT Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Biodiversità In Europa quasi un quarto delle specie selvatiche è attualmente minacciato di estinzione. La biodiversità, ossia la straordinaria

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale Il Cammino verso una Regolamentazione Europea: L Approccio Modulare Employee Stock Ownership Plans (ESOP): Un veicolo per garantire la successione

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI

LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI OPUSCOLO Opportunità di ricerca transnazionale Vi interessa la ricerca europea? Research*eu è il mensile della direzione generale della Ricerca per essere

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI Dott. Nicola ZERBONI Dottore Commercialista in Milano Finanziamenti europei 2007/2013 e contrasto alle irregolarità e alle frodi nei fondi Diretta

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Investire nell Europa del 2020: la nuova strategia e le politiche di sviluppo futuro dell Ue

Investire nell Europa del 2020: la nuova strategia e le politiche di sviluppo futuro dell Ue Dossier tecnico Investire nell Europa del 2020: la nuova strategia e le politiche di sviluppo futuro dell Ue Primo dossier tecnico A cura della Direzione centrale cultura, sport, relazioni internazionali

Dettagli

Guida ai finanziamenti europei per la progettazione sociale

Guida ai finanziamenti europei per la progettazione sociale Guida ai finanziamenti europei per la progettazione sociale Schede dei principali Programmi co-finanziati dall UE per la realizzazione di progetti sociali A cura di Progetti Sociali s.r.l. Impresa Sociale

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy CONSIGLIO EUROPEO IL PRESIDENTE Bruxelles, 26 giugno 2012 EUCO 120/12 PRESSE 296 PR PCE 102 VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

IL TUO PAESE CHIAMA E NAVIGA CON

IL TUO PAESE CHIAMA E NAVIGA CON CHIAMA E NAVIGA CON IL TUO PAESE Con la nuova TIM INTERNATIONAL FULL chiami il tuo Paese da 1cent/min, parli e navighi in Italia Internet da casa e fuori con le offerte per navigare da smartphone o ADSL

Dettagli

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto COORDINAMENTO Regione VENETO LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto 1 1) CONTESTO ISTITUZIONALE, RIFORME E ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA La governabilità del sistema Paese, la sua

Dettagli

XIV legislatura I NEGOZIATI RELATIVI ALLA RIAMMISSIONE NELL'AMBITO DEL PROCESSO DI BARCELLONA. Contributi di Istituti di ricerca specializzati

XIV legislatura I NEGOZIATI RELATIVI ALLA RIAMMISSIONE NELL'AMBITO DEL PROCESSO DI BARCELLONA. Contributi di Istituti di ricerca specializzati XIV legislatura I NEGOZIATI RELATIVI ALLA RIAMMISSIONE NELL'AMBITO DEL PROCESSO DI BARCELLONA Contributi di Istituti di ricerca specializzati Settembre 2005 XIV legislatura I NEGOZIATI RELATIVI ALLA RIAMMISSIONE

Dettagli

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Traduzione 1 Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Conclusa a Parigi il 20 ottobre 2005 La Conferenza generale dell Organizzazione delle Nazioni Unite

Dettagli

Fornitura di un'unità di gestione del programma per l'attuazione del programma TradeCom II

Fornitura di un'unità di gestione del programma per l'attuazione del programma TradeCom II 2015/S 082-144972 Fornitura di un'unità di gestione del programma per l'attuazione del programma TradeCom II Bando di gara relativo a un appalto di servizi Ubicazione tutti i paesi ACP 1.Riferimento della

Dettagli

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro Indagine nazionale sulla salute e sicurezza sul lavoro Servizi di Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro PREMESSA La legge L. 833/1978 ha istituito il Sistema Sanitario Nazionale (SSN) e successive norme

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 29.6.2011 COM(2011) 500 definitivo PARTE II COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012.

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012. Il testo del protocollo di Kyoto (Protocollo Nazioni Unite in vigore dal 16.2.2005) Il protocollo di Kyoto è stato ratificato dall'italia con la legge 120 del 2002. Il protocollo entra in vigore il 16

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Si invita il Consiglio ad adottare, quali conclusioni del Consiglio, il testo riportato nell'allegato della presente nota.

Si invita il Consiglio ad adottare, quali conclusioni del Consiglio, il testo riportato nell'allegato della presente nota. Consiglio dell'unione europea Bruxelles, 10 ottobre 2014 (OR. en) 14141/14 NOTA PUNTO "A" Origine: Destinatario: Oggetto: presidenza Consiglio JAI 765 ASIM 88 FRONT 215 RELEX 826 COMIX 544 Progetto di

Dettagli