Finito di stampare nel Settembre 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Finito di stampare nel Settembre 2014"

Transcript

1 I programmi dell Unione Europea a sostegno delle PMI e l azione dell ICE-Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Una panoramica delle principali opportunità di finanziamento per le Piccole e Medie Imprese italiane

2 Questo prodotto è stato realizzato dall ICE - Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane, Uffi cio Partenariato industriale e Rapporti con OO.II. e Uffi cio di Bruxelles. Finito di stampare nel Settembre 2014 ICE - Agenzia 2014

3 3 Introduzione Nel corso degli anni l Unione Europea ha sviluppato molteplici programmi di fi nanziamento ed è oggi il principale donatore a livello internazionale. In linea con la strategia Europa 2020, e in continuità con il precedente Quadro Finanziario Pluriennale (QFP) la Commissione europea punta a rilanciare l economia dell UE verso un modello di sviluppo economico, più intelligente, sostenibile e solidale. Queste tre priorità intendono aiutare la crescita dell UE e degli Stati membri, per conseguire elevati livelli di occupazione, produttività e coesione sociale. Per raggiungere tali obiettivi diversi programmi di fi nanziamento sono stati previsti per il periodo per aiutare le piccole e medie imprese (PMI) europee a stimolare la loro crescita, poteziarne l innovazione e incrementarne la competitività sul mercato europeo e globale. Tali programmi forniscono molteplici opportunità alle PMI europee interessate ad operare sia nel mercato unico dell Unione europea, sia nel mercato esterno (attraverso progetti di cooperazione a loro volta suddivisi per aree geografi che e settoriali) mediante diverse forme di sostegno fi nanziario quali appalti, sovvenzioni, prestiti e, in alcuni casi, garanzie. A seconda delle loro esigenze, le PMI possono benefi ciare di: fi nanziamenti europei indiretti, la cui gestione è affi data alle autorità nazionali e regionali dei singoli Stati Membri attraverso i fondi strutturali, nonchè agli istituti fi nanziari accreditati dalla Commissione europea e dotati di risorse comunitarie, attraverso prestiti, partecipazioni azionarie, garanzie e altre forme ibride di fi nanziamento; fi nanziamenti a concessione diretta, ovvero fi nanziamenti erogati direttamente dalla Commissione europea attraverso le proprie Direzioni Generali e/o Agenzie Esecutive. Le PMI possono inoltre benefi ciare di misure di assistenza non fi nanziaria per la fornitura di servizi a sostegno delle imprese. Lo scopo della presente brochure è di offrire una panoramica informativa sulle opportunità offerte dal QFP dell UE per il periodo nelle politiche e nei settori di maggiore interesse per le PMI italiane, e presentare in forma sintetica le modalità di partecipazione ai bandi e accesso ai fi nanziamenti.

4 4 Programmi UE per le PMI

5 5 Indice I programmi dell Unione europea a sostegno delle PMI 1. L ICE-Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Le attività dell Agenzia ICE a sostegno dell accesso delle imprese italiane agli strumenti e programmi di fi nanziamento UE (Uffi cio di Bruxelles/Uffi cio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali) La Commissione europea Rappresentanza Permanente d Italia presso l Unione europea Le strategie di assistenza dell UE Panoramica sulle tipologie di fi nanziamento e le strategie di assistenza dell UE: fondi a gestione indiretta e diretta - programmi tematici e geografi ci - appalti e sovvenzioni Fondi a gestione diretta Programmi di azione esterna dell UE IPA II Strumento per l assistenza alla preadesione Instrument for Pre-accession Assistance Iniziativa Adriatico-Ionica (IAI) IPA Adriatico CBC ENI Strumento europeo per il Vicinato European Neighbourhood Instrument ENI CBC FES - Fondo europeo di sviluppo European Development Fund DCI Strumento per la cooperazione allo sviluppo Development Cooperation Instrument PI - Strumento di partenariato per la cooperazione con i Paesi Terzi Partnership Instrument Programmi Intra-comunitari destinati alle imprese Horizon Programma Quadro per la Ricerca e l Innovazione Strumento per le PMI COSME Programma per la competitività di imprese e PMI Accesso al credito Enterprise Europe Network...44

6 LIFE - Programma per l ambiente e l azione per il clima Erasmus per giovani imprenditori Europa Creativa Programma di sostegno ai settori culturale ed audiovisivo Fondi a gestione indiretta: i Fondi strutturali/cenni Istituzioni fi nanziarie partecipate dall Unione europea BEI - Banca europea per gli investimenti BERS Banca europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo FEI Fondo Europeo degli Investimenti Come accedere a programmi e fondi Come venire a conoscenza delle opportunità di fi nanziamento: le fonti d informazione Convenzione ICE-MATTM (Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare)...63 Programmi UE per le PMI

7 7

8 8 1. L ICE-Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane L ICE-Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane è un ente dotato di personalità giuridica di diritto pubblico, sottoposto ai poteri di indirizzo e vigilanza del Ministero dello Sviluppo Economico che li esercita, per le materie di rispettiva competenza, d intesa con il Ministero degli Affari Esteri e sentito il Ministero dell Economia e delle Finanze. Attività L Agenzia ICE ha il compito di agevolare, sviluppare e promuovere i rapporti economici e commerciali italiani con l estero - con particolare attenzione alle esigenze delle piccole e medie imprese, dei loro consorzi e raggruppamenti - e opera al fi ne di sviluppare l internazionalizzazione delle imprese italiane, nonché la commercializzazione dei beni e servizi italiani nei mercati internazionali. Attraverso la sede di Roma, l Uffi cio di Milano e la rete nel mondo l Agenzia svolge attività di informazione, assistenza, promozione a imprese e istituzioni, di formazione a imprese e a giovani laureati e promuove la cooperazione nei settori industriale, agricolo e agro-alimentare, della distribuzione e del terziario. L Agenzia ICE opera all estero nell ambito delle Rappresentanze diplomatiche italiane, in sinergia con le organizzazioni imprenditoriali e gli altri soggetti pubblici e privati interessati, assicurando un supporto coordinato alle imprese e reti nazionali che si impegnano nel processo di internazionalizzazione con l obiettivo di promuovere l immagine del prodotto italiano nel mondo e l Italia quale destinazione degli investimenti esteri. Nello svolgimento delle proprie attività, l Agenzia opera in stretto raccordo con le regioni, le camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura, le organizzazioni imprenditoriali e gli altri soggetti pubblici e privati interessati, ai sensi di linee guida e di indirizzo strategico in materia di promozione ed internazionalizzazione delle imprese assunte dalla Cabina di Regia istituzionale. Programmi UE per le PMI

9 9 L Agenzia ICE è on line su: sito riservato alle aziende italiane, con informazioni sui mercati esteri, sulle attività dell Agenzia ICE, sui servizi informativi e di assistenza, sulle attività promozionali; The Made in Italy Offi cial Portal - sito riservato agli operatori esteri, con informazioni sulla produzione italiana e banca dati The Made in Italy Business Directory delle aziende italiane esportatrici.

10 10 2. Le attività dell Agenzia ICE a sostegno dell accesso delle imprese italiane agli strumenti e programmi di finanziamento UE (Ufficio di Bruxelles/Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali) Per aumentare la competitività delle imprese italiane e favorire la loro partecipazione alle gare ed ai programmi fi nanziati dalla Commissione europea e dagli Organismi Internazionali, l Agenzia ICE svolge azioni di informazione, assistenza e partenariato a favore di imprese e società di consulenza italiane, per poter accrescere la loro presenza tra i principali fornitori di servizi, beni e lavori, fi nanziati con i diversi strumenti comunitari. Se, da un lato, i programmi intra-comunitari previsti a benefi cio degli Stati membri aiutano le aziende italiane nello sviluppo dei loro progetti per l acquisizione di nuove tecnologie e nuovi processi produttivi, dall altro, i programmi comunitari di cooperazione con i Paesi in adesione e con gli altri Paesi terzi danno alle imprese l opportunità di inserirsi nelle diverse aree del mondo con una presenza strategica. Le suddette attività a sostegno delle imprese italiane vengono realizzate sia dalla Uffi cio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali/Linea Affari Europei della Sede di Roma, sia dall Uffi cio di Bruxelles. La Linea Affari Europei, presso la sede ICE di Roma, svolge azioni di informazione, assistenza e networking a favore delle imprese e società di consulenza italiane, attraverso, in particolare, la realizzazione di seminari informativi all estero ed in Italia sui vari programmi e sui vari paesi e settori interessati, in particolare in occasione dell uscita dei bandi di gara, incontri informativi ed azioni di formazione, assistenza tecnica e di Institution Building per operatori esteri. Inoltre, agisce in veste di animatore e partner privilegiato per l Italia del Centro dello Sviluppo dell Impresa CDE di Bruxelles (http://www.cde.int/), in virtù del quale l Agenzia ICE assume un ruolo di intermediario e facilitatore per le istanze delle PMI italiane interessate ad accedere ai contributi del CDE e realizzando un programma di attività promozionali congiunte con l organismo comunitario, fi nalizzate a favorire lo sviluppo del partenariato fra le PMI italiane e quelle dei paesi ACP. Programmi UE per le PMI

11 11 L uffi cio di Bruxelles dell Agenzia ICE svolge, con riferimento ai numerosi programmi UE, le seguenti attività: dare informazioni a carattere generale e di primo orientamento sui diversi programmi UE previsti a sostegno delle imprese; fornire un più mirato supporto informativo, segnalando le più interessanti opportunità di fi nanziamento comunitarie attraverso una newsletter mensile, oltre che mediante la realizzazione di seminari informativi settoriali, con particolare attenzione ai programmi di aiuto esterno della UE; effettuare il monitoraggio del TED (la versione online del Supplemento alla Gazzetta uffi ciale dell Unione europea ), per l individuazione degli inviti a presentare le proposte e dei bandi di gara (servizi, lavori, forniture) di interesse per le imprese; partecipare alle sessioni informative che accompagnano il lancio dei diversi inviti a presentare proposte; prestare assistenza in fase di partecipazione alle gare mediante, tra l altro, l illustrazione delle modalità procedurali e realizzative della singola proposta nell ambito del programma comunitario di proprio interesse, nonché il supporto eventualmente necessario in fase di networking e costituzione del consorzio; fornire servizi personalizzati di assistenza e follow-up nei rapporti tra le imprese e le istituzioni comunitarie (in particolar modo, la Commissione europea), in merito ai progetti e programmi comunitari di interesse.

12 12 3. La Commissione europea La Commissione europea (Ce), fra le varie attribuzioni che le competono, gestisce il bilancio dell UE e attribuisce i fi nanziamenti. La CE è quindi il riferimento più importante per chi ha a che fare con i fi nanziamenti comunitari poiché essa gestisce l attuazione delle politiche dell Unione e l erogazione dei fondi europei attraverso i vari Programmi descritti di seguito, quali Horizon 2020, COSME, ecc.. A tale scopo la Commissione europea è strutturata in servizi chiamati Direzioni Generali (DG). Per quanto riguarda l attività imprenditoriale, la Direzione Generale Imprese ed Industria è quella dedicata a promuovere lo sviluppo delle PMI e dell economia dell UE. La Commissione, attraverso la DG Imprese ed Industria, promuove politiche di sostegno, di ricerca e sviluppo, per l innovazione e l internazionalizzazione, operando anche a favore dello sviluppo dello spirito imprenditoriale, dell artigianato e delle imprese dell economia sociale. Il documento di riferimento per le PMI è lo Small Business Act per l Europa, che gli stati membri si sono impegnati ad attuare assieme alla Commissione Europea. Altre Direzioni Generali di interesse per le PMI, in quanto impegnate nel promuovere politiche a loro favore, oppure quali veicoli per offrire opportunità d affari, sono: la DG Agricoltura e Sviluppo Rurale, la DG Energia, la DG Affari Marittimi e Pesca, la DG Ambiente, la DG Mobilità e Trasporti e la DG Azione per il Clima, per tutte le imprese dei settori indicati, la DG Allargamento e la DG Sviluppo e Cooperazione, per opportunità nei Paesi in fase di accessione all UE ed in quelli in via di sviluppo, la DG Ricerca e Innovazione, dedicata trasversalmente a tutti i settori economici. Ovviamente, per l importanza e la prevalenza della legislazione comunitaria, l attività di tutte le Direzioni Generali della Commissione Europea si rifl ette sulla conduzione di attività d impresa, sia direttamente che indirettamente. Indirizzi utili Sito della Commissione Europea Programmi UE per le PMI

13 13 4. Rappresentanza Permanente d Italia presso l Unione Europea La Rappresentanza Permanente svolge un ruolo centrale nei rapporti fra le Autorità italiane e le istituzioni dell Unione Europea sia nella condotta dei negoziati nelle apposite istanze del Consiglio dell Unione Europea, sia nella cura delle relazioni con le altre istituzioni e servizi, in particolare il Parlamento Europeo, la Commissione europea ed il Servizio Europeo per l Azione Esterna. Obiettivo principale della Rappresentanza Permanente è quello di promuovere e difendere le posizioni italiane nell ambito dell Unione Europea, in particolare (ma non solo) nelle istanze preparatorie delle riunioni del Consiglio dei Ministri. In questo quadro, la Rappresentanza Permanente partecipa all elaborazione ed alla gestione dell insieme delle politiche dell Unione Europea: mercato interno, agricoltura, pesca, politica dei consumatori, turismo, trasporti, telecomunicazioni, occupazione, industria, sanità, ricerca, ambiente, educazione, relazioni esterne, questioni fi nanziarie e di bilancio, giustizia e affari interni. La Rappresentanza Permanente assicura il monitoraggio della presenza dei funzionari italiani nelle Istituzioni europee. A questo scopo esiste un uffi cio specifi co (Uffi cio per il monitoraggio della presenza di funzionari italiani presso le istituzioni europee) che ha il compito di mantenere aggiornato il quadro dei funzionari italiani in servizio presso le Istituzioni europee a Bruxelles. Indirizzi utili Rue du Marteau, Bruxelles Tel.:

14 14 5. Le strategie di assistenza dell UE L impegno fi nanziario dell UE è essenzialmente destinato a ridurre le disparità di reddito e di condizione sociale, a promuovere la mobilità resa possibile dall apertura delle frontiere interne, a garantire libertà, sicurezza e giustizia all interno delle frontiere dell Ue e a salvaguardare la diversità culturale. Una parte dei fi nanziamenti è diretta agli stati Membri; un altra parte rilevante è diretta oltre le frontiere dell Unione. La cooperazione esterna dell UE è diretta sia ai Paesi in via di Sviluppo, sia ai paesi emergenti ed industrializzati ed include, quindi, aspetti propri della cooperazione allo sviluppo e della cooperazione cosiddetta economica, fi nanziaria, tecnica. Le misure di assistenza si basano sulla defi nizione di una programmazione pluriennale (ci troviamo attualmente nel periodo fi nanziario ) che stabilisce le priorità d azione e gli ambiti di intervento dell assistenza comunitaria in un determinato arco di tempo, attraverso lo sviluppo di programmi specifi ci. Programmi UE per le PMI

15 15 6. Panoramica sulle tipologie di finanziamento e le strategie di assistenza dell UE: fondi a gestione indiretta e diretta - programmi tematici e geografici - appalti e sovvenzioni Fondi a gestione indiretta e diretta A titolo esemplifi cativo, i diversi programmi fi nanziati dalla UE possono ripartirsi in due grandi categorie: fondi a gestione indiretta e fondi a gestione diretta. Fondi a gestione indiretta sono i fondi strutturali, destinati a realizzare le politiche di coesione economica e sociale dell UE a sostegno delle sue regioni meno sviluppate, per colmare le disparità economiche ed infrastrutturali esistenti. In tal caso, la gestione e la responsabilità dell utilizzo dei fondi viene attribuita alle autorità nazionali e regionali dei singoli Stati membri, a seguito del trasferimento a questi ultimi da parte della stessa UE delle proprie risorse fi nanziare, assegnate sulla base di appositi programmi nazionali. Invece, i fondi a gestione diretta, destinati a realizzare le politiche di intervento dell UE, sono erogati e gestiti direttamente dalla Commissione europea mediante l intervento delle proprie Direzioni Generali, delle Delegazioni dell UE nei Paesi terzi (in pratica l Ambasciata dell UE in quei paesi) e/o delle proprie Agenzie esecutive. A quest ultimo proposito si segnalano in particolare l Agenzia esecutiva per le piccole e medie imprese (EASME) e l Agenzia esecutiva per l istruzione, gli audiovisivi e la cultura (EACEA). Tuttavia, nel caso dei programmi UE di azione esterna, occorre precisare che la responsabilità della concreta gestione della gara può essere attribuita, oltre che alle Delegazioni dell UE presenti nei vari paesi benefi ciari (tale procedura viene denominata deconcentrazione ), anche alle stesse autorità dei paesi benefi ciari (in tal caso si parla di decentralizzazione ).

16 16 Programmi tematici e geografici A seconda delle diverse politiche perseguite dalla UE, i fondi a gestione diretta fi nanziano programmi che intervengono su settori ben specifi ci (ambiente, ricerca, trasporti, industria, ecc.). In tal caso, come è facilmente intuibile, tali programmi vengono defi niti tematici. Come vedremo più in dettaglio nei paragrafi successivi, per il periodo l UE ha previsto tutta una serie di programmi tematici diretti, tra l altro, al fi nanziamento della ricerca e dell innovazione (Horizon 2020), della competitività delle imprese (COSME), della salvaguardia dell ambiente (LIFE), dell istruzione e della formazione (Erasmus), della promozione della cultura e degli audiovisivi (Europa Creativa). Tuttavia, nell ambito delle proprie relazioni con i Paesi terzi, a fi anco di alcuni programmi tematici (come, ad esempio, lo Strumento per promuovere la democrazia e i diritti umani nel mondo - EIDHR), l UE ha previsto soprattutto l adozione di una serie di programmi geografi ci, i cui paesi benefi ciari vengono ricompresi all interno di determinate aree geo-economiche, la cui defi nizione è strettamente connessa alle stesse politiche perseguite dalla UE in tema di allargamento (IPA), vicinato (ENI) e cooperazione allo sviluppo (DCI) oppure ad accordi internazionali, dei quali la stessa UE è parte (FES - Fondo Europeo di Sviluppo). Modalità di erogazione fondi: appalti e sovvenzioni Riguardo, poi, le modalità di erogazione del fi nanziamento, sia nel caso di fondi a gestione indiretta, sia in quello di fondi a gestione diretta, i diversi interventi vengono realizzati mediante la pubblicazione sia di gare di appalto (Call for Tenders) per servizi, lavori e forniture, sia di inviti a presentare proposte (Call for Proposals). Nel primo caso, la realizzazione dei lavori o la fornitura dei beni e dei servizi viene fi nanziata al 100% dalla UE, mentre nel caso degli inviti a presentare proposte chi propone il progetto è chiamato a partecipare al suo co-fi nanziamento in percentuali variabili a seconda del programma (per un analisi più dettagliata, si veda il successivo capitolo 10 incentrato su come accedere a programmi e fondi). Programmi UE per le PMI

17 17 7. Fondi a gestione diretta 7.1 Programmi di azione esterna dell UE In un epoca in cui l ordine mondiale sta cambiando rapidamente e le economie emergenti come Cina, India e Brasile stanno affermando la loro infl uenza, l Europa deve essere unita e giocare un ruolo attivo nel plasmare il cambiamento globale. La Direzione Generale per lo Sviluppo e la Cooperazione - Europaid della Commissione europea gestisce i programmi di aiuto esterno dell UE e si occupa della distribuzione degli aiuti in tutto il mondo. L obiettivo generale dell azione esterna è infatti quello di garantire che l Unione europea sia all altezza delle sue ambizioni nel promuovere la democrazia, la pace, la solidarietà, la stabilità e la riduzione della povertà nei Paesi terzi, e per contribuire a salvaguardare il bene pubblico globale. Gli strumenti di fi nanziamento di azione esterna consentono inoltre all UE di rafforzare ulteriormente il suo ruolo sulla scena mondiale e promuove i suoi interessi e valori. L UE concentra il suo lavoro con i paesi partner esterni intorno a quattro priorità politiche: allargamento, vicinato, cooperazione con i partner strategici, cooperazione allo sviluppo.

18 18 Programmi di aiuto esterno dell'ue verso i paesi terzi IPA II Strumento di Preadesione Instrument for Preaccession (Paesi candidati e candidati potenziali UE) ENI Strumento europeo per il Vicinato European Neighbourhood Instrument (Paesi ai confini orientali e meridionali dell UE) DCI Strumento per la Cooperazione allo Sviluppo Development Cooperation Instrument (Paesi America Latina, Asia, Asia Centrale, Medio Oriente, Sud Africa) FES (Fondo europeo di Sviluppo) e CDE (Centro per lo sviluppo dell impresa) Paesi ACP Programmi UE per le PMI

19 19

20 20 Le principali differenze con la programmazione dello scorso settennato risiedono nei principi posti alla base della medesima: Un approccio differenziato con diverse forme di cooperazione Concentrazione della spesa Maggiore fl essibilità Semplifi cazione delle norme Maggiore attenzione ai diritti umani, alla democrazia e alla buona governance Sforzi congiunti tra Stati membri e istituzioni dell UE L importo complessivo approvato per il pacchetto delle relazioni esterne è di 51,42 miliardi di euro per il periodo , suddiviso fra i seguenti strumenti fi nanziari: Strumento per l assistenza alla pre-adesione, IPA II (Instrument for Pre-accession Assistance), Strumento europeo di vicinato, ENI (European Neighbourhood Instrument), Strumento di cooperazione e sviluppo, DCI (Development Cooperation Instrument), Strumento di partenariato, PI (Partnership Instrument), è il principale elemento di novità del pacchetto , elaborato sulla base del precedente strumento per la cooperazione con i paesi industrializzati (ICI), Strumento che contribuisce alla stabilità ed alla Pace, IcSP (Instrument contributing to Stability and Peace), Strumento per promuovere la democrazia ed i diritti umani nel mondo, EIDHR (European Instrument for Democracy & Human Rights). Un ulteriore fi nanziamento di 30,50 miliardi di euro sarà messo a disposizione per la cooperazione con i paesi dell Africa, dei Caraibi e del Pacifi co (ACP) ed i paesi e territori d oltremare (OCT), attraverso l 11 Fondo europeo di sviluppo (FES, European Development Fund), che rimarrà al di fuori del bilancio dell UE. Programmi UE per le PMI

21 IPA II Strumento per l assistenza alla preadesione (Instrument for Pre-accession Assistance) Preparato in collaborazione con i paesi benefi ciari, sulla base della positiva esperienza dello strumento precedente, l IPA II stabilisce un nuovo quadro per l assistenza alla preadesione per il periodo La novità più importante dell IPA II è il suo focus strategico. I Country Strategy Papers sono gli specifi ci documenti strategici di programmazione, realizzati per ciascun benefi ciario, per periodi pluriennali. Questi garantiranno un maggiore coinvolgimento da parte dei benefi ciari, attraverso l integrazione con le rispettive agende per le riforme e lo sviluppo. Un Multi-Country Strategy Paper affronterà le priorità della cooperazione regionale e la cooperazione territoriale. Bosnia Erzegovina Serbia Albania Montenegro Kosovo Macedonia Turchia IPA II (Strumento di preadesione per i paesi candidati)

22 22 Obiettivi L IPA II è stato concepito per rispondere al meglio alle esigenze dei paesi benefi ciari in ambito di preadesione, in modo da perseguire priorità, quali consolidamento dello stato di diritto e protezione dei diritti fondamentali, governance economica e competitività, sviluppo socio-economico, cooperazione regionale, recepimento dell acquis comunitario. Esso opererà in base a regole semplifi cate e l assistenza sarà realizzata in modo da essere più fl essibile ed in linea con gli specifi ci bisogni ed orientata ai risultati, così da conseguire: un attenzione rivolta ad un numero limitato di aree e settori; un più stretto collegamento tra le strategie per l allargamento e le priorità per l assistenza; un riferimento più stretto ai bisogni dei paesi benefi ciari, in modo da garantire l accesso all assistenza senza distinzioni, basate sullo status del paese (candidato o potenziale candidato); una riduzione degli oneri amministrativi: emanazione di documenti strategici di programmazione pluriennali Country and Multi-Country Strategy Papers alla base di una programmazione di assistenza sequenziata e ben pianifi cata, per consentire alla Commissione di concentrarsi maggiormente sugli obiettivi, piuttosto che sul meccanismo di preparazione di progetti singoli; una possibilità di sfruttare maggiori fondi e sinergie per consentire la realizzazione degli investimenti necessari da effettuare: il nuovo strumento fornirà una maggiore cooperazione con le istituzioni fi nanziarie internazionali ed altri donatori, per l utilizzo di strumenti fi nanziari innovativi; un miglioramento dell effi cacia dell assistenza, mediante una maggiore fl essibilità nell allocare i fondi a favore di azioni maggiormente orientate al risultato. Paesi benefi ciari Ex Repubblica Iugoslava di Macedonia, Islanda, Montenegro, Serbia, Turchia, Albania (paesi candidati); Bosnia-Erzegovina, Kosovo* (paesi candidati potenziali). * Tale designazione non pregiudica le posizioni riguardo allo status ed è in linea con la risoluzione 1244(1999) dell UNSC e con il parere della CIG sulla dichiarazione di indipendenza del Kosovo. Bilancio Il bilancio fi nale approvato è pari a 11,70 miliardi di euro. Questo permetterà la continuazione del lavoro di successo iniziato con il precedente IPA nel promuovere importanti riforme nei paesi candidati. Programmi UE per le PMI

23 23 Indirizzi utili Sito DG Allargamento Sito DG Allargamento IPA II Sito Europaid ricerca bandi https://webgate.ec.europa.eu/europeaid/online-services/index.cfm?do=publi.welcome&userlanguage=en IAI - Iniziativa Adriatico-Ionica L Iniziativa Adriatico-Ionica (IAI) nasce nel 2000 con la sottoscrizione, da parte dei Ministri degli Affari Esteri di 6 Paesi rivieraschi, della Dichiarazione di Ancona sulla cooperazione regionale, come strumento a sostegno della stabilità economica e politica e del processo di integrazione europea. Dal 2006 anche Serbia e Montenegro sono membri effettivi dell IAI, che risulta dunque attualmente costituita da 8 Paesi: Italia, Grecia, Slovenia, Croazia, Albania, Bosnia-Erzegovina, Montenegro, Serbia. L Iniziativa si caratterizza per la compresenza di due aspetti fondamentali e di grande importanza rispetto alla sua azione: l aspetto di collaborazione intergovernativa e quello, per i Paesi IAI non-ue, di tappa intermedia di avvicinamento agli standard comunitari. Obiettivi Questi due aspetti si traducono in un duplice ruolo dell Iniziativa: 1. IAI come volano e tramite di politiche condivise e convergenti nel bacino adriatico-ionico, principalmente in settori di comune interesse quali ambiente, trasporti, sicurezza marittima, turismo, pesca, ricerca e innovazione, capacity building, e luogo di incontro per lo scambio di informazioni e di buone prassi; 2. IAI come punto di incontro, di confronto e di riferimento, in vista della realizzazione della Strategia UE per la creazione della Macroregione Adriatico-Ionica. Anche se la Strategia non gode di un fi nanziamento supplementare dell UE, una notevole quantità di fondi è già disponibile attraverso la politica regionale dell UE, altri programmi e strumenti fi nanziari europei, e varie istituzioni fi nanziarie internazionali. La Strategia contribuirà a mobilitare tutti i pertinenti

24 24 fi nanziamenti e politiche dell Unione europea ed a coordinare le azioni dell Unione europea, di paesi, regioni, istituzioni fi nanziarie, settore privato e organizzazioni non governative per promuovere uno sviluppo più equilibrato nella regione del mare Adriatico e Ionio. Indirizzi utili Sito DG REGIO Iniziativa Adriatico-Ionica IPA Adriatico CBC (Cross-Border Cooperation) Il Programma di cooperazione transfrontaliera IPA Adriatico è stato approvato nel marzo 2008 e riceve l assistenza comunitaria nell ambito della componente di cooperazione transfrontaliera dello Strumento di assistenza alla preadesione (IPA). Obiettivi L obiettivo generale dell IPA CBC è quello di potenziare le capacità di sviluppo sostenibile nella regione adriatica tramite l adozione di una strategia concertata da parte dei partner dei territori ammissibili. Tale obiettivo generale è costituito da tre obiettivi specifi ci: promozione della crescita economica sostenibile: sviluppo economico e competitività della regione saranno rilanciati grazie al sostegno all innovazione e alle nuove tecnologie, al potenziamento della ricerca e della collaborazione economica, sociale e istituzionale tra paesi membri; miglioramento dell immagine e della qualità della vita nelle regioni marittime frontaliere, attraverso una protezione e gestione condivisa delle risorse naturali e del patrimonio culturale, la salvaguardia della biodiversità, la prevenzione dei rischi e lo sviluppo del turismo sostenibile; potenziamento della coesione sociale e della collaborazione reciproca: attenzione ad un approccio condiviso rispetto al mercato del lavoro, allo sviluppo delle risorse umane, alle reti transfrontaliere, agli scambi interculturali, al fi ne di intensifi care e rendere più solide le reti materiali (es. trasporti) ed immateriali (es. comunicazione e informazione) tra membri. Paesi benefi ciari Gli Stati interessati dall IPA CBC sono: Italia, Grecia, Croazia, Slovenia, Bosnia Erzegovina, Albania, Montenegro, Serbia. Programmi UE per le PMI

Università degli Studi di Trento ERASMUS+: NUOVE PROSPETTIVE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE. Call 2015 -KEY ACTION 1 International Credit Mobility

Università degli Studi di Trento ERASMUS+: NUOVE PROSPETTIVE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE. Call 2015 -KEY ACTION 1 International Credit Mobility Università degli Studi di Trento ERASMUS+: NUOVE PROSPETTIVE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE Call 2015 -KEY ACTION 1 International Credit Mobility 1 CALL ERASMUS+ 2015 Settore Istruzione Superiore KA1 - International

Dettagli

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

IL MINISTRO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI. di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI. di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE D.M. 28 gennaio 2009 Attuazione disposizioni di cui al comma 9, dell'art. 38, della legge n. 289/2002, concernente la determinazione del livello di reddito equivalente per ciascun Paese straniero, al reddito

Dettagli

I programmi comunitari di assistenza esterna 2014-2020

I programmi comunitari di assistenza esterna 2014-2020 I programmi comunitari di assistenza esterna 2014-2020 2007-2013 2014-2020 IPA - strumento di assistenza preadesione IPA - strumento di assistenza preadesione ENPI -Strumento europeo di vicinato e partenariato

Dettagli

LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE ALLO SVILUPPO DELL UE

LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE ALLO SVILUPPO DELL UE ROADSHOW 2015 LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE ALLO SVILUPPO DELL UE NUOVI TREND ED OPPORTUNITÀ PER LE IMPRESE ITALIANE LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE ALLO SVILUPPO DELL UE GIORGIO SQUINZI PRESIDENTE CONFINDUSTRIA

Dettagli

Obbligo di visto per gli stranieri che entrano in Ucraina. Paese Visto richiesto/non richiesto Nota *

Obbligo di visto per gli stranieri che entrano in Ucraina. Paese Visto richiesto/non richiesto Nota * Obbligo di visto per gli stranieri che entrano in Ucraina Paese /non richiesto Nota * 1. Austria Visto non richiesto per un soggiorno 2. Afghanistan DP titolari di passaporti diplomatici SP titolari di

Dettagli

Legenda dei Paesi. Classifica dell ISU 2010 e variazioni 2005-2010

Legenda dei Paesi. Classifica dell ISU 2010 e variazioni 2005-2010 Legenda dei Paesi Classifica dell ISU 2010 e variazioni 2005-2010 Afghanistan 155 h 1 Albania 64 i 1 Algeria 84 h 1 Andorra 30 h 2 Angola 146 h 2 Argentina 46 h 4 Armenia 76 Australia 2 Austria 25 i 1

Dettagli

La proposta di Accordo di Partenariato 2014-2020 e la complementarità con i Programmi Tematici a gestione diretta

La proposta di Accordo di Partenariato 2014-2020 e la complementarità con i Programmi Tematici a gestione diretta #OPENFESR Dalle idee al commento del Programma Operativo FESR 2014-2020 La proposta di Accordo di Partenariato 2014-2020 e la complementarità con i Programmi Tematici a gestione diretta Raffaele Colaizzo

Dettagli

Chiamate verso Italia e UE rete mobile. AFGHANISTAN 0,35 1,69 /min. 2,09 /min. 2,09 /min. 2,39 /min. 1,19 /min. 0,19 /cad.

Chiamate verso Italia e UE rete mobile. AFGHANISTAN 0,35 1,69 /min. 2,09 /min. 2,09 /min. 2,39 /min. 1,19 /min. 0,19 /cad. AFGHANISTAN 0,35 1,69 /min. 2,09 /min. 2,09 /min. 2,39 /min. 1,19 /min. 0,19 /cad. ALBANIA 0,35 0,99 /min. 1,39 /min. 1,39 /min. 1,69 /min. 0,00 /min. 0,19 /cad. ALGERIA* 0,35 0,99 /min. 1,39 /min. 1,39

Dettagli

Una panoramica sull organizzazione dei Programmi di finanziamento a gestione diretta dell Unione Europea. Marco Canton

Una panoramica sull organizzazione dei Programmi di finanziamento a gestione diretta dell Unione Europea. Marco Canton Una panoramica sull organizzazione dei Programmi di finanziamento a gestione diretta dell Unione Europea Marco Canton Politiche UE Programmi Assistenza Esterna Programmi Tematici Gestione centralizzata

Dettagli

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Antonella Buja Coordinatrice Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena Le diverse tipologie

Dettagli

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno La programmazione europea 2014 2020 per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno POIn (FESR) 2007-2013 - Attrattori culturali, naturali e turismo Asse II - Linea di intervento II.2.1 Intervento:

Dettagli

La cooperazione internazionale nelle attività di ricerca e innovazione

La cooperazione internazionale nelle attività di ricerca e innovazione La cooperazione internazionale nelle attività di ricerca e innovazione Dott.ssa Sabrina De Nardi Dott.ssa Sabrina De Nardi 7 settembre 2012 Servizio Ricerca e Trasferimento Tecnologico L Unione Europea

Dettagli

Innovare significa cogliere i cambiamenti, questo è il nostro DNA CHI SIAMO

Innovare significa cogliere i cambiamenti, questo è il nostro DNA CHI SIAMO CHI SIAMO Vendor propone soluzioni di Efficienza Energetica e Finanziaria per le imprese private e pubbliche, avvalendosi di un team composto da professionisti con esperienza decennale nel settore. In

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

I Finanziamenti dell Unione Europea nella Programmazione 2014-20: HORIZON 2020 e COSME. Programma Operativo Regione Piemonte FESR (POR FESR)

I Finanziamenti dell Unione Europea nella Programmazione 2014-20: HORIZON 2020 e COSME. Programma Operativo Regione Piemonte FESR (POR FESR) I Finanziamenti dell Unione Europea nella Programmazione 2014-20: HORIZON 2020 e COSME Programma Operativo Regione Piemonte FESR (POR FESR) Torino, 20 novembre 2014 Europa 2020 Europa 2020 è un documento

Dettagli

Le tipologie di finanziamento comunitario

Le tipologie di finanziamento comunitario Le tipologie di finanziamento comunitario Breve introduzione I Programmi Comunitari sono stati creati con l'obiettivo di coinvolgere, attraverso finanziamenti a fondo perduto, il settore pubblico e quello

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA A.A. 2015/2016

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA A.A. 2015/2016 UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA A.A. 2015/2016 GUIDA TASSE E CONTRIBUTI UNIVERSITARI La normativa di riferimento per quanto riguarda tutti i benefici di cui possono godere gli studenti universitari

Dettagli

Conferenze sugli investimenti nei Trasporti e Servizi Pubblici (acqua & energia)

Conferenze sugli investimenti nei Trasporti e Servizi Pubblici (acqua & energia) Conferenze sugli investimenti nei Trasporti e Servizi Pubblici (acqua & energia) Africa Occidentale e Centrale (Febbraio 2006) Africa Orientale ed Oceano Indiano (Giugno 2006) Roma, 23 Febbraio 2005 Alessandro

Dettagli

Il sostegno europeo alle PMI Horizon 2020 e COSME

Il sostegno europeo alle PMI Horizon 2020 e COSME Il sostegno europeo alle PMI Horizon 2020 e COSME ReACT4FUNDS 14 Febbraio 2014 Andrea Golfieri Support Programmes DG Enterprise and Industry Il contesto: Europa 2020 CRESCITA INTELLIGENTE CRESCITA SOSTENIBILE

Dettagli

Area Ricerca e Relazioni Internazionali Ufficio Relazioni Internazionali

Area Ricerca e Relazioni Internazionali Ufficio Relazioni Internazionali Area Ricerca e Relazioni Internazionali Ufficio Relazioni Internazionali Firenze, 18 dicembre 2012 Prot. n. 127477 - Ai Presidi di Facoltà - Ai Direttori di Dipartimento e p.c. Ai Segretari Amministrativi

Dettagli

I finanziamenti europei. Fabrizio Spada Direttore della Rappresentanza a Milano della Commissione europea

I finanziamenti europei. Fabrizio Spada Direttore della Rappresentanza a Milano della Commissione europea I finanziamenti europei Fabrizio Spada Direttore della Rappresentanza a Milano della Commissione europea Quali fondi? Chi gestisce i fondi europei? COMMISSIONE; 22% PAESI TERZI E ORG INTERNAZ; 2% STATI

Dettagli

per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno

per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno Progetto dall'iter alle reti: Implementazione Sportello Unico Rassegna delle principali possibilità di finanziamento a disposizione

Dettagli

LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013

LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 Pierandrea Zotti Roma, 28 novembre 2008 Indice LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 1. Le politiche di sviluppo economico dell Unione Europea:

Dettagli

Come accedere ai. finanziamenti dell UE. in via diretta? M. Adele Camerani Cerizza Esperta finanziamenti europei e consulente Sunesys

Come accedere ai. finanziamenti dell UE. in via diretta? M. Adele Camerani Cerizza Esperta finanziamenti europei e consulente Sunesys M. Adele Camerani Cerizza Esperta finanziamenti europei e consulente Sunesys Come accedere ai finanziamenti dell UE in via diretta? Le risorse finanziarie del bilancio comunitario messe a disposizione

Dettagli

MILANO PER IL CO-SVILUPPO

MILANO PER IL CO-SVILUPPO MILANO PER IL CO-SVILUPPO Contributi a favore della solidarietà e della cooperazione internazionale 2009-2010 Comune di Milano Il Bando Milano per il co-sviluppo del Comune di Milano Obbiettivi chiave

Dettagli

La programmazione UE 2014-2020 per una crescita sostenibile e solidale

La programmazione UE 2014-2020 per una crescita sostenibile e solidale La programmazione UE 2014-2020 per una crescita sostenibile e solidale Il Consiglio dell Unione europea ha adottato a dicembre 2013 il Regolamento relativo al Quadro Finanziario Pluriennale per il periodo

Dettagli

Museo Internazionale della Croce Rossa. Mariagrazia Baccolo Croce Rossa Italiana _ Castiglione delle Stiviere

Museo Internazionale della Croce Rossa. Mariagrazia Baccolo Croce Rossa Italiana _ Castiglione delle Stiviere Museo Internazionale della Croce Rossa Mariagrazia Baccolo Croce Rossa Italiana _ Castiglione delle Stiviere Museo Internazionale Croce Rossa Castiglione delle Stiviere 1 Il Palazzo Longhi Triulzi è della

Dettagli

2014-2020. Horizon. Decisione n.1313/2013/eu - Union Civil Protection Mechanism

2014-2020. Horizon. Decisione n.1313/2013/eu - Union Civil Protection Mechanism 2014-2020 Horizon Decisione n.1313/2013/eu - Union Civil Protection Mechanism Regolamento (UE) n. 1291/2013 che istituisce Horizon 2020 - il programma quadro di ricerca e innovazione (2014-2020) Base giuridica

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA RICHIESTA E DONAZIONE DI TECNOLOGIE SANITARIE, ARREDI E ATTREZZATURE SANITARIE E INFORMATICHE

AVVISO PUBBLICO PER LA RICHIESTA E DONAZIONE DI TECNOLOGIE SANITARIE, ARREDI E ATTREZZATURE SANITARIE E INFORMATICHE DISMISSIONI SOLIDALI Legge Regionale 11 aprile 1996, n. 19 Norme in materia di cooperazione con i Paesi in via di sviluppo e di collaborazione internazionale Deliberazione di Giunta Regionale n. 9/4 del

Dettagli

LISTA REFERENTI-PAESE PER LE BORSE DI STUDIO A STUDENTI STRANIERI & IRE. Aggiornamento del 4 giugno 2012

LISTA REFERENTI-PAESE PER LE BORSE DI STUDIO A STUDENTI STRANIERI & IRE. Aggiornamento del 4 giugno 2012 LISTA REFERENTI-PAESE PER LE BORSE DI STUDIO A STUDENTI STRANIERI & IRE. Aggiornamento del 4 giugno 2012 Uff. VII, DGSP, M.A.E. - Roma Tel. 06 3691 + Int. personale - Fax 06 3691 3790 dgsp7@esteri.it N.B.

Dettagli

Il sostegno europeo alle PMI:

Il sostegno europeo alle PMI: Il sostegno europeo alle PMI: COSME e Horizon 2020 1. La strategia Europa 2020 Il contesto: Europa 2020 CRESCITA INTELLIGENTE CRESCITA SOSTENIBILE CRESCITA SOLIDALE La programmazione finanziaria 2014-20202020

Dettagli

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE Investire nell azione per il clima, investire in LIFE UNA PANORAMICA DEL NUOVO SOTTOPROGRAMMA LIFE AZIONE PER IL CLIMA 2014-2020 istock Azione per il clima Cos è il nuovo sottoprogramma LIFE Azione per

Dettagli

Elenco Bandiere del Mondo

Elenco Bandiere del Mondo Divisione Comunicazione Visiva www.pubblicarb.it/pennoni-bandiere/ Tel. 080 534 4812 Elenco Bandiere del Mondo Bandiere Africa Produzione e vendita di bandiere in poliestere nautico bandiere africane da

Dettagli

L Unione europea: 500 milioni di abitanti, 27 paesi

L Unione europea: 500 milioni di abitanti, 27 paesi L Unione europea: 500 milioni di abitanti, 27 paesi Stati membri dell Unione europea Paesi candidati Dott.ssa Stefania Zanna La ricerca: investire nella società della conoscenza Spesa per ricerca e sviluppo

Dettagli

I crediti agevolati alle imprese miste nei PVS

I crediti agevolati alle imprese miste nei PVS L internazionalizzazione dei servizi innovativi Roma, 30 giugno 2010 I crediti agevolati alle imprese miste nei PVS Intervento del Min. Plen. Filippo Scammacca del Murgo capo dell Ufficio Finanziario della

Dettagli

Contributo per la Carta di Milano

Contributo per la Carta di Milano Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale Direzione Generale della Cooperazione allo Sviluppo (MAECI-DGCS) Contributo per la Carta di Milano Contributo n 72 Sezione tematica di

Dettagli

STUDIO ORAZI Dottori Commercialisti Revisori Contabili

STUDIO ORAZI Dottori Commercialisti Revisori Contabili STUDIO ORAZI Dottori Commercialisti Revisori Contabili Dott. Marco Orazi Dott. Michele Archetti Dott.ssa Paola Porcellana Dott.ssa Mara Zanatta Dott.ssa Francesca Lodrini Dott. Massimo Colombo Dott.ssa

Dettagli

Le tipologie di finanziamento comunitario

Le tipologie di finanziamento comunitario Le tipologie di finanziamento comunitario Breve introduzione I Programmi Comunitari sono stati creati con l'obiettivo di coinvolgere, attraverso finanziamenti agevolati, il settore pubblico e quello privato

Dettagli

ERASMUS+ AZIONE CHIAVE 1 INTERNATIONAL CREDIT MOBILITY SETTORE ISTRUZIONE SUPERIORE GESTIONE DELLA MOBILITÁ INTERNAZIONALE IN ERASMUS+

ERASMUS+ AZIONE CHIAVE 1 INTERNATIONAL CREDIT MOBILITY SETTORE ISTRUZIONE SUPERIORE GESTIONE DELLA MOBILITÁ INTERNAZIONALE IN ERASMUS+ ERASMUS+ AZIONE CHIAVE 1 INTERNATIONAL CREDIT MOBILITY SETTORE ISTRUZIONE SUPERIORE GESTIONE DELLA MOBILITÁ INTERNAZIONALE IN ERASMUS+ INTRODUZIONE La presente nota mira a fornire agli Istituti di Istruzione

Dettagli

infomarket TECNOLOGIA LAPIDEA Interscambio ITALIA-MONDO GENNAIO - DICEMBRE IMPORT EXPORT

infomarket TECNOLOGIA LAPIDEA Interscambio ITALIA-MONDO GENNAIO - DICEMBRE IMPORT EXPORT LETTURA DATI UNIONI COMMERCIALI UNIONE ECONOMICA MONETARIA (UEM12) comprende: Austria, Belgio, Finlandia, Francia, Germania, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Olanda, Portogallo, Spagna. A partire da gennaio

Dettagli

RESOCONTO 35 COMITATO IPA (Bruxelles, 5 dicembre 2012).

RESOCONTO 35 COMITATO IPA (Bruxelles, 5 dicembre 2012). Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA COMMERCIALE INTERNAZIONALE Divisione VI Europa e Mediterraneo RESOCONTO 35 COMITATO

Dettagli

Finanziamenti dell Unione europea: fonti di informazione on-line

Finanziamenti dell Unione europea: fonti di informazione on-line Finanziamenti dell Unione europea: fonti di informazione on-line Principali Fonti UE di aggiornamento Eur-Lex Legislazione in vigore e in preparazione a cura dell Ufficio delle pubblicazioni ufficiali

Dettagli

Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020. Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione

Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020. Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020 Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione 1 Il contesto globale Accelerazione e intensificazione delle

Dettagli

La programmazione 2014-2020: Integrare i fondi per il territorio e per il consumo e le produzioni sostenibili

La programmazione 2014-2020: Integrare i fondi per il territorio e per il consumo e le produzioni sostenibili La programmazione 2014-2020: Integrare i fondi per il territorio e per il consumo e le produzioni sostenibili Bologna, 14 maggio 2014 Silvia Grandi Responsabile Servizio Intese Istituzionali e Programmi

Dettagli

Approfondimento sui Programmi ENPI CBC MED ENPI Italia Tunisia

Approfondimento sui Programmi ENPI CBC MED ENPI Italia Tunisia DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO E LA COESIONE ECONOMICADIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA REGIONALE UNITARIA COMUNITARIA Dipartimento della Qualità Direzione Generale della Programmazione Sanitaria, dei Livelli

Dettagli

Allegato B alla Delibera 96/07/CONS - Telefonia fissa

Allegato B alla Delibera 96/07/CONS - Telefonia fissa Sezione 1 - Costo complessivo di una chiamata (Valori in cent, IVA inclusa) Fonia vocale 1 minuto 3 minuti Locale 0,0240 0,0720 Nazionale 0,0300 0,0900 Verso mobile TIM 0,1740 0,5220 Verso mobile VODAFONE

Dettagli

ORIZZONTE 2020. Il programma quadro di ricerca e innovazione dell'ue 2014-2020. Renzo Tomellini

ORIZZONTE 2020. Il programma quadro di ricerca e innovazione dell'ue 2014-2020. Renzo Tomellini ORIZZONTE 2020 Il programma quadro di ricerca e innovazione dell'ue 2014-2020 Renzo Tomellini Il quadro politico La strategia 'Europa 2020': indirizzata ad una crescita intelligente, sostenibile ed inclusiva

Dettagli

Domande sull Unione Europea?.....Può aiutarti!

Domande sull Unione Europea?.....Può aiutarti! Domande sull Unione Europea?.....Può aiutarti! Finanziamenti dell Unione europea: funzionamento e fonti di informazione on-line Perché una strategia per l Europa 2020? La crisi degli ultimi anni ha determinato

Dettagli

COSME 2014-2020. Fonte GUCE/GUUE L 347/33 del 20/12/2013. Ente Erogatore Commissione europea

COSME 2014-2020. Fonte GUCE/GUUE L 347/33 del 20/12/2013. Ente Erogatore Commissione europea COSME 2014-2020 Titolo Regolamento (UE) N. 1287/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio dell`11 dicembre 2013 che istituisce un programma per la competitività delle imprese e le piccole e le medie

Dettagli

infomarket l import-export italiano di tecnologia gennaio - dicembre e confronti con 2004 e 2003 IMPORT EXPORT 2003 2004 2005 2003 2004 2005

infomarket l import-export italiano di tecnologia gennaio - dicembre e confronti con 2004 e 2003 IMPORT EXPORT 2003 2004 2005 2003 2004 2005 l import-export italiano di tecnologia nelle pagine che seguono sono riportati i dati dell Istituto Italiano di Statistica (ISTAT) riguardanti le voci doganali che includono la tecnologia lapidea. Dati

Dettagli

L Impronta Ecologica delle nazioni Aggiornamento

L Impronta Ecologica delle nazioni Aggiornamento L Impronta Ecologica delle nazioni Aggiornamento E stato recentemente redatto un nuovo rapporto sulle impronte ecologiche delle nazioni, sempre a cura dei ricercatori dell associazione californiana Redefining

Dettagli

MODELLO ISTAT P.2 + P.3 MOVIMENTO E CALCOLO DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE TOTALE E STRANIERA BILANCIO DEMOGRAFICO Anno 2013

MODELLO ISTAT P.2 + P.3 MOVIMENTO E CALCOLO DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE TOTALE E STRANIERA BILANCIO DEMOGRAFICO Anno 2013 MODELLO ISTAT P.2 + P.3 MOVIMENTO E CALCOLO DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE TOTALE E STRANIERA BILANCIO DEMOGRAFICO Anno 2013 Nel modello devono essere conteggiati i MOVIMENTI ANAGRAFICI REGISTRATI in anagrafe

Dettagli

La presenza italiana in Africa subsahariana: opportunità e criticità

La presenza italiana in Africa subsahariana: opportunità e criticità La presenza italiana in Africa subsahariana: opportunità e criticità Venezia, 27 aprile 2015 Raffaele de Lutio Direttore Centrale per i Paesi dell Africa sub-sahariana Attenzione del MAECI verso l Africa

Dettagli

VERSO LA CREAZIONE DEL NUOVO STRUMENTO FINANZIARIO DI PROSSIMITÀ

VERSO LA CREAZIONE DEL NUOVO STRUMENTO FINANZIARIO DI PROSSIMITÀ Conferenza Internazionale Semestre della Presidenza Italiana dell UE IL PARTENARIATO INTERREG IONALE NELLA POLITICA DI PROSSIMITÀ: IL MEDITERRANEO ED I BALCANI Ancona, 17-18 Ottobre 2003 VERSO LA CREAZIONE

Dettagli

LE OPPORTUNITÀ DEI. Leonardo Pinna Delegazione di Confindustria Bruxelles Confindustria Emilia Romagna

LE OPPORTUNITÀ DEI. Leonardo Pinna Delegazione di Confindustria Bruxelles Confindustria Emilia Romagna LE OPPORTUNITÀ DEI FINANZIAMENTI EUROPEI Leonardo Pinna Delegazione di Confindustria Bruxelles Confindustria Emilia Romagna 26Settembre 2013 I temi Le principali i lifonti idi finanziamento i a livello

Dettagli

Tariffe wambo telefono

Tariffe wambo telefono Tariffe wambo telefono Tariffe wambo telefono Rete fissa Rete mobile Clienti wambo telefono (rete interna) 0 centesimi / min Tariffe per la Svizzera Rete fissa Rete mobile Rete fissa - chiamate illimitate

Dettagli

Corso Tecnico di redazione di progetti Europei

Corso Tecnico di redazione di progetti Europei Corso Tecnico di redazione di progetti Europei PROGRAMMAZIONE 2014-202O Si sta aprendo il cantiere della programmazione dei Fondi europei 2014-2020. L Unione Europea ha già presentato una strategia generale

Dettagli

European Institute of Public Administration - Institut européen d administration publique. Le linee di finanziamento della Commissione Europea e PCM

European Institute of Public Administration - Institut européen d administration publique. Le linee di finanziamento della Commissione Europea e PCM European Institute of Public Administration - Institut européen d administration publique Le linee di finanziamento della Commissione Europea e PCM learning and development - consultancy - research EIPA

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

La globalizzazione e le sue patologie

La globalizzazione e le sue patologie salute La globalizzazione e le sue patologie Tabella completa: www.socialwatch.org/statistics2008 Legenda (ultimi dati disponibili) migliore Al di sopra della media Al di sotto della media peggiore Dati

Dettagli

Programma Gioventù in Azione Il Servizio Volontario Europeo. Bari, 5 giugno 2012

Programma Gioventù in Azione Il Servizio Volontario Europeo. Bari, 5 giugno 2012 Programma Gioventù in Azione Il Servizio Volontario Europeo Bari, 5 giugno 2012 AZIONE 2 SERVIZIO VOLONTARIO EUROPEO Il Volontario/ I Volontari Età: tra i 18 e i 30 anni (da 16 anni se con minori opportunità)

Dettagli

OPPORTUNITA DI FINANZIAMENTO 2014-2020

OPPORTUNITA DI FINANZIAMENTO 2014-2020 POAT PROGETTO OPERATIVO DI ASSISTENZA TECNICA ALLE REGIONI DELL OBIETTIVO CONVERGENZA OPPORTUNITA DI FINANZIAMENTO 2014-2020 Castellammare del Golfo, 05 giugno 2015 COSME COSME è il Programma per la competitività

Dettagli

Interreg MED 2014-2020

Interreg MED 2014-2020 Interreg MED 2014-2020 http://interreg-med.eu/en/first-call-for-project-proposals/ Lo scorso 23 giugno a Marsiglia si è aperto ufficialmente il programma di cooperazione transnazionale Interreg MED. Queste

Dettagli

La microfinanza in America Latina: il punto di vista degli operatori del settore

La microfinanza in America Latina: il punto di vista degli operatori del settore La microfinanza in America Latina: il punto di vista degli operatori del settore Un indagine esplorativa condotta dalla Fondazione Giordano Dell Amore e dalla Rete Italia America Latina sulle sfide attuali

Dettagli

Azione 2 SERVIZIO VOLONTARIO EUROPEO. Barletta, 21 maggio 2013

Azione 2 SERVIZIO VOLONTARIO EUROPEO. Barletta, 21 maggio 2013 Azione 2 SERVIZIO VOLONTARIO EUROPEO Barletta, 21 maggio 2013 Di cosa parleremo Che cosa è il Servizio Volontario Europeo: contesto di riferimento Condizioni e aspetti specifici Come faccio a partire?

Dettagli

Scheda Bandi_H2020. Invito a presentare proposte nell ambito del programma di lavoro 2015 del partenariato pubblico-privato per le bioindustrie

Scheda Bandi_H2020. Invito a presentare proposte nell ambito del programma di lavoro 2015 del partenariato pubblico-privato per le bioindustrie Invito a presentare proposte nell ambito del programma di lavoro 2015 del partenariato pubblico-privato per le bioindustrie Topic aperti in questo bando: TOPIC BBI.D7-2015: Superare la scarsa resa dei

Dettagli

Europa, sostegno ed. ecomusei. Interessa? Partecipazione e reti. Con chi? In che ambiti? Con chi? Punti critici

Europa, sostegno ed. ecomusei. Interessa? Partecipazione e reti. Con chi? In che ambiti? Con chi? Punti critici Europa, sostegno ed Partecipazione e reti ecomusei Interessa? Cagliero, Maggi, Retilunghe. Gli ecomusei e l integrazione europea In che ambiti? Con chi? Cagliero, Maggi, Retilunghe. Gli ecomusei e l integrazione

Dettagli

Mortal. materna (ogni nati vivi) Media compon. per famiglia. Sper. vita F (anni) Increm. Sper. vita M (anni) Natalità Fecond. Cresc.

Mortal. materna (ogni nati vivi) Media compon. per famiglia. Sper. vita F (anni) Increm. Sper. vita M (anni) Natalità Fecond. Cresc. Indicatori demografici Legenda nat. = Valore dell incremento naturale in = Valore della crescita annua in % = Sanza di vita (in anni) M = Maschi F = Femmine = Tasso di natalità in = Tasso di fecondità

Dettagli

Fondi UE a gestione diretta: una panoramica dei nuovi programmi 2014-2020

Fondi UE a gestione diretta: una panoramica dei nuovi programmi 2014-2020 Fondi UE a gestione diretta: una panoramica dei nuovi programmi 2014-2020 Premessa: Negli ultimi mesi del 2011 la Commissione europea ha presentato le proposte legislative relative ai nuovi programmi di

Dettagli

L internazionalizzazione nella programmazione 2014-2020 TITOLO. 23 Ottobre 2014 Sede Unioncamere Italia Avenue Marnix 30 - Bruxelles LUOGO E DATA

L internazionalizzazione nella programmazione 2014-2020 TITOLO. 23 Ottobre 2014 Sede Unioncamere Italia Avenue Marnix 30 - Bruxelles LUOGO E DATA TITOLO LUOGO E DATA L internazionalizzazione nella programmazione 2014-2020 23 Ottobre 2014 Sede Unioncamere Italia Avenue Marnix 30 - Bruxelles ORGANIZZATORE Unioncamere Italia Relazione L evento oggetto

Dettagli

Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2008-2010

Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2008-2010 Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2008-2010 il caffè Direzione Dipartimento Promozione NOTA INTRODUTTIVA Le elaborazioni statistiche si propongono di fornire al Lettore uno strumento per

Dettagli

GUIDA ALLA NOTIFICA ALL ESTERO DEGLI ATTI GIUDIZIARI ED EXTRAGIUDIZIARI IN MATERIA CIVILE E COMMERCIALE

GUIDA ALLA NOTIFICA ALL ESTERO DEGLI ATTI GIUDIZIARI ED EXTRAGIUDIZIARI IN MATERIA CIVILE E COMMERCIALE MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI D.G.I.E.P.M. Uff. IV GUIDA ALLA NOTIFICA ALL ESTERO DEGLI ATTI GIUDIZIARI ED EXTRAGIUDIZIARI IN MATERIA CIVILE E COMMERCIALE Per eseguire correttamente dall Italia la notifica

Dettagli

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia Roberto Pretolani Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano La politica

Dettagli

Programma Gioventù in Azione Il Servizio Volontario Europeo. Venezia, 22 marzo 2012

Programma Gioventù in Azione Il Servizio Volontario Europeo. Venezia, 22 marzo 2012 Programma Gioventù in Azione Il Servizio Volontario Europeo Venezia, 22 marzo 2012 DI COSA PARLEREMO OGGI Che cosa è il Servizio Volontario Europeo: contesto di riferimento Condizioni e aspetti specifici

Dettagli

Programmazione 2014-2020: le sfide per la nuova dimensione della cooperazione territoriale europea

Programmazione 2014-2020: le sfide per la nuova dimensione della cooperazione territoriale europea Programmazione 2014-2020: le sfide per la nuova dimensione della cooperazione territoriale europea Silvia Grandi Dirigente Responsabile - Servizio intese istituzionali e programmi speciali d area sigrandi@regione.emilia-romagna.it

Dettagli

0.10 1.99. Prezzo dell operatore di servizi 1.00 1.20. incl. IVA 8% Costi unici. chf

0.10 1.99. Prezzo dell operatore di servizi 1.00 1.20. incl. IVA 8% Costi unici. chf incl. IVA 8% Costi unici Costi per noleggio dell Internet-Box Costi per noleggio del TV-Box Spese di spedizione per ordinazione 49.- 29.- 9.- Tariffe Fix (al minuto) In Svizzera Internazionale Gruppo 1

Dettagli

Oggi, più di due terzi dei paesi al mondo ha abolito la pena di morte di diritto o de facto.

Oggi, più di due terzi dei paesi al mondo ha abolito la pena di morte di diritto o de facto. DOCUMENTO ESTERNO List of Abolitionist and Retentionist Countries Elenco paesi abolizionisti e mantenitori Oggi, più di due terzi dei paesi al mondo ha abolito la pena di morte di diritto o de facto. Di

Dettagli

This project is co-- financed by the European Regional Development Fund and made possible by the INTERREG IVC programme

This project is co-- financed by the European Regional Development Fund and made possible by the INTERREG IVC programme This project is co-- financed by the European Regional Development Fund and made possible by the INTERREG IVC programme Possibilità di finanziamento per le imprese LIFE+ Programma Cip: EIE ICT PSP ENPI

Dettagli

Fame nel mondo e sicurezza alimentare: l agricoltura familiare come garanzia di sostenibilità sociale ed ambientale

Fame nel mondo e sicurezza alimentare: l agricoltura familiare come garanzia di sostenibilità sociale ed ambientale Fame nel mondo e sicurezza alimentare: l agricoltura familiare come garanzia di sostenibilità sociale ed ambientale WORLD FOOD DAY 2014 Roma - 29 Ottobre Palazzetto Mattei in Villa Celimontana Il ruolo

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Il ruolo della Regione Puglia nei Programmi Interreg

Il ruolo della Regione Puglia nei Programmi Interreg UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA Assessorato al Mediterraneo Il ruolo della Regione Puglia nei Programmi Interreg Tirana, 15-16 maggio 2006 Hotel Mondial 1 Obiettivo generale della Puglia Promozione dell

Dettagli

Nazione Tariffa per ordini > 100 Tariffa per ordini < 100 Incremento tariffa ad articolo ** Giorni Lavorativi Spedizione ******

Nazione Tariffa per ordini > 100 Tariffa per ordini < 100 Incremento tariffa ad articolo ** Giorni Lavorativi Spedizione ****** Nazione Tariffa per ordini > 100 Tariffa per ordini < 100 Incremento tariffa ad articolo ** Giorni Lavorativi Spedizione Albania 75 105 ****** multipla * Algeria 75 105 multipla 3 Angola 105 135 multipla

Dettagli

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15)

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2 DESCRIZIONE DELLA MISURA 8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2.2.1 Base Giuridica Art.

Dettagli

Luigi Antonelli Dipartimento Sviluppo e Advisory

Luigi Antonelli Dipartimento Sviluppo e Advisory Impresa e finanza insieme per le energie sostenibili Luigi Antonelli Dipartimento Sviluppo e Advisory Roma 11 febbraio 2009 Chi è SIMEST E la finanziaria del Ministero dello Sviluppo Economico, partecipata

Dettagli

Progetti finanziati dall UE: opportunità per le Organizzazioni Sindacali

Progetti finanziati dall UE: opportunità per le Organizzazioni Sindacali Progetti finanziati dall UE: opportunità per le Organizzazioni Sindacali Info Day Etui / CISL Fiesole, 31/03 01/04/2014 Il contesto di riferimento: Europa 2020 crescita intelligente investimenti efficaci

Dettagli

Fondi Europei. Una panoramica delle nuove regole finanziarie e delle opportunità di finanziamento per il periodo 2007-2013

Fondi Europei. Una panoramica delle nuove regole finanziarie e delle opportunità di finanziamento per il periodo 2007-2013 Fondi Europei Una panoramica delle nuove regole finanziarie e delle opportunità di finanziamento per il periodo 2007-2013 Dipartimento per le Politiche Europee Presidenza del Consiglio dei Ministri Contributo

Dettagli

Paesi che richiedono il certificato di vaccinazione internazionale contro la Febbre Gialla SOLO a viaggiatori provenienti da aree a rischio

Paesi che richiedono il certificato di vaccinazione internazionale contro la Febbre Gialla SOLO a viaggiatori provenienti da aree a rischio Afghanistan Albania Algeria Tabella Stati che richiedono vaccinazione contro la Febbre Gialla Paesi in cui la Febbre Gialla è endemica (alto rischio di contagio) Vaccinazione raccomandata dall'oms Paesi

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

Come trasformare un centralino analogico in una moderna centrale IP PBX

Come trasformare un centralino analogico in una moderna centrale IP PBX Come trasformare un centralino analogico in una moderna centrale IP PBX Premessa Una delle peculiarità principali della tecnologia VoIP è quella di ridurre drasticamente il peso della bolletta telefonica

Dettagli

I Bandi Europei: Eco Innovation e Intelligent Energy Europe, LIFE+

I Bandi Europei: Eco Innovation e Intelligent Energy Europe, LIFE+ 3 Workshop di R&S Opportunità finanziarie per la ricerca delle Imprese Chimiche nei settori energetici e ambientali I Bandi Europei: Eco Innovation e Intelligent Energy Europe, LIFE+ Stefano Toffanin Milano,

Dettagli

PROGRAMMA PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE 2007-2013

PROGRAMMA PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE 2007-2013 PROGRAMMA PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE 2007-2013 Il Background del Programma LLP Dichiarazione di Bologna (1999): costruzione di uno spazio europeo dell istruzione superiore Consiglio di Lisbona (2000):

Dettagli

Da telefoni telefono pubblici NV 800 800

Da telefoni telefono pubblici NV 800 800 Prezzi per le telefonate nazionali: Minuti disponibili con una scheda da 5 Euro Da telefoni Da telefoni Da telefono fisso DESTINAZIONE pubblici NV mobili NV 800 NV 800 286682 800 262525 286682 ITALIA Fisso

Dettagli

Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2009-2011

Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2009-2011 (in gestione transitoria - ex Lege 214/2011) Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2009-2011 l olio di oliva marzo 2012 Dipartimento Promozione dell'internazionalizzazione Area Agro-alimentare

Dettagli

DIARIE ESTERE IN VIGORE FINO AL 3 LUGLIO 2006 GRUPPI DI PERSONALE PAESI VALUTA A B C D E F

DIARIE ESTERE IN VIGORE FINO AL 3 LUGLIO 2006 GRUPPI DI PERSONALE PAESI VALUTA A B C D E F DIARIE ESTERE IN VIGORE FINO AL 3 LUGLIO 2006 GRUPPI DI PERSONALE PAESI VALUTA A B C D E F GRUPPO GRUPPO GRUPPO GRUPPO GRUPPI GRUPPI I II III IV V-IX X-XI AFGHANISTAN EURO 1 103,94 88,68 83,92 79,15 67,71

Dettagli

Sono passati ormai 5 mesi dallo straordinario risultato ottenuto dal nostro partito alle elezioni europee, da quella domenica in cui in tanti mi avete

Sono passati ormai 5 mesi dallo straordinario risultato ottenuto dal nostro partito alle elezioni europee, da quella domenica in cui in tanti mi avete Sono passati ormai 5 mesi dallo straordinario risultato ottenuto dal nostro partito alle elezioni europee, da quella domenica in cui in tanti mi avete che solamente come cittadini europei avremmo potuto

Dettagli

I NUOVI PROGRAMMI EUROPEI NELLE POLITICHE DI WELFARE. Milano, 11 Febbraio 2014

I NUOVI PROGRAMMI EUROPEI NELLE POLITICHE DI WELFARE. Milano, 11 Febbraio 2014 I NUOVI EUROPEI NELLE POLITICHE DI WELFARE Milano, 11 Febbraio 2014 CONTESTO DI RIFERIMENTO Nel marzo 2010 la Commissione Europea (CE) lancia la strategia EUROPA 2020 per una crescita intelligente, sostenibile

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

Procedura per presentazione domande di brevetto nazionale ed estensione in Europa e/o internazionale: costi e valutazioni

Procedura per presentazione domande di brevetto nazionale ed estensione in Europa e/o internazionale: costi e valutazioni Modiano & Partners per CAMERA DI COMMERCIO - Procedura per presentazione domande di brevetto nazionale ed estensione in Europa 13 novembre 2013 Ing. Stefano Gaggia Ing. Domenico Signori Cos è il diritto

Dettagli

30.12.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 346/5

30.12.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 346/5 30.12.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 346/5 REGOLAMENTO (UE) N. 1233/2010 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 15 dicembre 2010 che modifica il regolamento (CE) n. 663/2009 che istituisce

Dettagli