SEGRATE INVESTE SUI GIOVANI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SEGRATE INVESTE SUI GIOVANI"

Transcript

1 SEGRATE INVESTE SUI GIOVANI I giovani sono la nostra principale risorsa. Per questo vogliamo dar loro scuole moderne, strutture sportive in ogni quartiere, nuovi spazi di aggregazione e servizi loro dedicati che, affiancati al fondamentale ruolo educativo della famiglia, possano prevenire qualsiasi tipo di disagio. Per questo continueremo a sostenere anche il ruolo fondamentale svolto dalle parrocchie e dagli oratori. (A. Alessandrini )

2 Le opere: 7.01 Realizzare la nuova biblioteca di Segrate Centro all interno della sede, completamente riqualificata del vecchio Comune di via XXV Aprile con spazi di aggregazione per giovani e anziani, caffetteria, auditorium per concerti e conferenze, spazio espositivo e spazi per associazioni culturali del territorio. La biblioteca diventerà il motore delle attività culturali del centro città attraverso eventi di diffusione e condivisione della lettura che potranno trovare una scenografica sede anche nel vicinissimo Centroparco.

3 Obiettivi: La biblioteca pubblica fornisce servizi finalizzati a soddisfare le esigenze di istruzione, informazione, sviluppo personale e svago dei cittadini. La nuova Biblioteca consentirà di usufruire di spazi nuovi ed ampi adatti a stimolare la lettura e l approfondimento culturale grazie anche alla multifunzionalità degli strumenti a disposizione Target: Cittadini, city users, associazioni e altri stakeholder in genere Centro di responsabilità: Sezione Lavori Pubblici - Sezione Cultura, Sport e No Profit Biblioteca Comunale Risorse: Sono stati stanziati circa mila euro, via via incrementati

4 Cosa abbiamo fatto Il progetto di ristrutturazione dell ex sede municipale, approvato nel 2009 e oggetto di successive varianti, è in fase di ultimazione. A completamento dell intervento nel 2012 è stato anche approvato il progetto di riqualificazione delle aree esterne per un importo di euro. Dal vecchio Comune di via XXV Aprile nascerà un nuovo Centro civico, culturale polifunzionale. In questa nuova sede, la biblioteca, che conta su un patrimonio di circa 45 mila volumi, oltre che una consistente quantità di materiali audiovisivi e multimediali, avrà a disposizione spazi più ampi e più idonei alle proprie funzioni. Le attività aumenteranno e gli orari di apertura saranno più ampi per soddisfare pienamente i bisogni dei cittadini. La biblioteca occuperà il primo piano del Centro, dove ci saranno anche sale multimediali, lo spazio You Point dedicato ai giovani dai 15 ai 25 anni, uno spazio per le novità librarie, un area bambini e ragazzi (da 0 a 15 anni). Gli utenti avranno a disposizione internet e rete wireless e potranno leggere e ascoltare cd e dvd. La biblioteca offrirà servizio di prestito e prestito interbibliotecario, accesso a biblioteche digitali e servizi online. Fungerà inoltre da Informagiovani e reference. Continuerà a organizzare attività per bambini e ragazzi, mostre bibliografiche, incontri con autori, gruppi di lettura I nuovi spazi della biblioteca insieme al centro culturale, saranno inaugurati con una settimana di eventi dal 25 maggio al 2 giugno 2013.

5 Le opere: 7.08 Ampliare la zona esterna della piscina comunale con la realizzazione di una nuova vasca all aperto e di un area di giochi d acqua attrezzata

6 Obiettivi: L obiettivo è quello di dare ai cittadini segratesi una struttura sempre più ricca di servizi per lo sport e il tempo libero sia degli adulti che dei ragazzi. Target: Cittadini, city users, famiglie Centro di responsabilità: Sezione Lavori Pubblici - Sezione Cultura, Sport e No Profit Cosa abbiamo fatto: Il Comune ha contattato il nuovo gestore della Piscina per sondare la possibilità che lo stesso realizzi l ampliamento della zona esterna

7 Le opere: 7.09 Riqualificare la zona sportiva di Via XXV Aprile, realizzando un nuovo Palazzetto dello Sport e un campo di calcio in sintetico con spogliatoi e sede della Polisportiva Città di Segrate

8 Obiettivi: Spostare gli impianti sportivi di Segrate Centro dedicati al calcio e al calcetto in un unica struttura consentirà di liberare lo spazio attualmente occupato nel centro sportivo di via XXV Aprile. Spazio che servirà all ampliamento della piscina, la realizzazione di un parcheggio a servizio della nuova area pedonale e del nucleo commerciale e amministrativo della città, e la realizzazione di un area verde attrezzata per il gioco e lo svago dei bambini e dei giovani. Target: Giovani e cittadini Centro di responsabilità: Sezione Lavori Pubblici Risorse: Circa sono stati utilizzati per la riqualificazione del centro sportivo Pastrengo di via I Maggio e per la realizzazione di alcuni locali accessori per i servizi annessi agli spogliatoi. Il palazzetto dello sport, mentre si valuta l ipotesi di realizzazione di una nuova struttura, è stato interessato da lavori di adeguamento per circa 210 mila euro

9 Cosa abbiamo fatto: Il progetto di riqualificazione del centro di via XXV Aprile è stato suddiviso in tre fasi, in via di attuazione. Nella prima fase è stato realizzato il nuovo campo di calcio sintetico nel centro sportivo Pastrengo; nella seconda fase, si procederà a demolire i campi da calcio e da calcetto di via XXV Aprile e a spostare i campi di bocce al centro civico Cascina Nuova; nella fase tre, infine, avverrà l ampliamento della piscina e la realizzazione dell area giochi centrale.

10 Le opere: 7.10 Proseguire nella riqualificazione e manutenzione degli impianti sportivi esistenti

11 Obiettivi: Migliorare il livello qualitativo degli impianti sportivi, permettendo un miglior utilizzo degli stessi, aumentando il livello di sicurezza e riducendo i costi di gestione. Target: Cittadini e city users Centro di responsabilità: Sezione Lavori Pubblici Risorse: Nel 2010 sono stati stanziati euro per lavori di manutenzione e euro per opere di riqualificazione. Nel 2011, sono stati messi a bilancio 39 mila euro per le manutenzioni e per le riqualificazioni. Nell elenco annuale 2012 agli impianti sportivi sono stati destinati complessivamente euro, di cui di manutenzione (rifacimento recinzione campo calcio Novegro) e per la riqualificazione delle strutture

12 Cosa abbiamo fatto: Gli interventi hanno riguardato, oltre la manutenzione routinaria in diversi impianti sportivi, la sostituzione della copertura pressostatica al centro di Milano la realizzazione, al Centro Sportivo Pastrengo, di un nuovo campo di calcio in materiale sintetico a 9 giocatori e, trasversalmente, di due campi a 5 giocatori, di nuovi spogliatori e locali di servizio lavori di adeguamento del Palazzetto dello Sport la realizzazione dell alloggio del custode centro sportivo Don Giussani lo spostamento dei campi di bocce al centro civico Cascina Nuova.

13 Le azioni: 7.a Promuovere progetti di educazione alla legalità in funzione antibullismo

14 Obiettivi: Il bullismo è un fenomeno che coinvolge sempre più ragazzi delle nuove generazioni, sia come vittime sia come carnefici, in comportamenti scorretti, illegali e spesso violenti. Attivare percorsi di formazione sul tema significa agire nei contesti dove già il fenomeno purtroppo si è generato proponendo modelli di comportamento e relazionali alternativi. Inoltre intervenendo già dall infanzia è possibile prevenire il fenomeno iniziando i ragazzi alla tolleranza, alla solidarietà e alla risoluzione pacifica dei conflitti. Target: Studenti, giovani, minori, famiglie, operatori scolastici e del sociale. Centro di responsabilità: Sezione Servizi Educativi Sezione Trasporti Sezione Rendicontazione Sociale

15 Cosa abbiamo fatto: Nell ambito del servizio di trasporto scolastico sono stati organizzati corsi incentrati sulla problematica del bullismo. Nel 2010 il corso era riservato ai soli operatori del settore, mentre nel 2011 è stato organizzato un corso aperto anche a tutti i segratesi, con particolare riguardo ai genitori dei studenti delle scuole medie. Nel 2012 il contratto relativo al servizio di accompagnamento e assistenza al trasporto scolastico ha previsto la proroga del solo servizio principale, non comprendendo quindi l effettuazione di ulteriori corsi sul bullismo. L esperienza fatta nei tre anni, si è ritenuta conclusa per quello che riguarda gli aspetti puramente informativi e si è sviluppata su altri livelli coinvolgendo direttamente i ragazzi e quindi le scuole cittadine, con cuisono stati realizzati diversi progetti non solo in materia di bullismo, ma anche per educare alla legalità e a comportarsi correttamente sulle strade, far conoscere diritti e doveri, i pericoli del web, riflettere sulla criminalità organizzata, affrontare le problematiche dell adolescenza. A novembre 2012, nell ambito del bando regionale "progettare la parità, è partito il progetto "differenze in gioco, che prevede laboratori rivolti agli studenti e ai genitori delle scuole secondarie di primo grado del territorio sul tema della lotta agli stetreotipi

16 Le azioni: 7.b Promuovere progetti di educazione all utilizzo consapevole delle nuove tecnologie informatiche e dei social network

17 Obiettivi: Innovare e rendere più efficace l insegnamento e l apprendimento delle materie curricolari introducendo le nuove tecnologie nella didattica; potenziare le capacità logiche e comunicative dei ragazzi, stimolarli e migliorarne la motivazione, personalizzare i percorsi didattici e aumentare il successo formativo Target: Studenti, giovani, minori, famiglie, operatori scolastici e del sociale, famiglie Centro di responsabilità: Sezione Servizi Educativi

18 Cosa abbiamo fatto: Tutte le scuole secondarie di primo grado sono state dotate di Lavagne Interattive Multimediali (LIM), presenti al momento nel 90% delle classi. L Ente continua a investire in questa direzione. Il contributo regionale di 10 mila euro vinto dal Comune aggiudicandosi il titolo di Ente semplice 2012, è stato destinato infatti all acquisto di altre LIM. Ciò, unitamente all estensione delle aree wifi, ha favorito la fruizione delle tecnologie multimediali e ha consentito ai ragazzi di ottenere una buona alfabetizzazione digitale e di imparare a usare i nuovi strumenti telematici con un approccio multidisciplinare nello studio. Oltre a fornire le nuove LIM, il Comune ha organizzato corsi di formazione ad hoc per i docenti. Grazie ai fondi del Piano per il Diritto allo Studio, la Scuola secondaria di 1 grado Sabin ha potuto sperimentare l uso delle nuove tecnologie in tutte le classi. Ciò ha consentito ai ragazzi di ottenere una buona alfabetizzazione digitale, di imparare ad usare le tecnologie nell attività di studio, di imparare le tecniche di videoscrittura e sperimentare nei laboratori informaticoscientifici e nella produzione di microvideo. L acquisto di una work station Apple dedicata all'editing e alla produzione video ha permesso ai ragazzi di partecipare con "Trash Life" al concorso Kid Witness News di Panasonic e di entrare in finale al concorso italiano "Corti Sonici. Le tecnologie utilizzate, inoltre, sono servite per i contatti con le scuole straniere del corso a indirizzo linguistico e ad accedere al portale E- schoolnet. Le seconde e terze classi del corso A, inoltre, hanno consolidato l'attività di robotica effettuando oltre 100 ore di lezione in un anno, entrando in un percorso didattico che verrà riproposto e ampliato di anno in anno e realizzando dei veri e propri robot.

19 Le azioni: 7.c Potenziare la diffusione della conoscenza dell inglese con affiancamento di docenti madrelingua per l insegnamento in lingua straniera di alcune materie

20 Obiettivi: Migliorare la padronanza della lingua straniera per consentire ai ragazzi di esprimersi adeguatamente nelle diverse situazioni della vita quotidiana. Target: Studenti e operatori scolastici Centro di responsabilità: Sezione Servizi Educativi Cosa abbiamo fatto: Grazie ai fondi del Piano per il Diritto allo Studio hanno avuto accesso al progetto tutte le scuole secondarie di primo grado. I ragazzi con il supporto di docenti madrelingua hanno potuto svolgere attività interessanti come conversazioni di gruppo ed esposizioni orali anche in contesti ludici che hanno favorito l apprendimento e la partecipazione. Ciò ha consentito loro di sviluppare e ampliare le proprie abilità comunicative.

21 Le azioni: 7.d Valorizzare le tradizioni della storia locale implementando e arricchendo la dotazione della realtà museale cittadina di Cascina Ovi

22 Obiettivi: L obiettivo è quello di rilanciare ogni anno l attività del museo di Cascina Ovi in modo da contribuire alla diffusione dei valori culturali cittadini e in modo da sfruttare al massimo le potenzialità del centro polifunzionale a disposizione della cittadinanza. Il nuovo museo di Cascina Ovi, chiamato M.Ovi (Museo Ovi) sarà il fulcro di tutta l attività di valorizzazione della storia locale Target: Cittadini, city users, giovani, anziani, famiglie, associazioni e altri stakeholder in genere Centro di responsabilità: Sezione Cultura, Sport e No Profit Risorse: Sono stati utilizzati stanziamenti di bilancio interni, ma anche contributi concessi dalla Provincia di Milano

23 Cosa abbiamo fatto: Cascina Ovi è oggi un centro civico polifunzionale che ospita tra l altro una sala convegni, utilizzata per gli incontri con gli autori organizzati dalla Biblioteca, e un museo, nel quale è possibile allestire mostre temporanee e permanenti. In particolare il museo ha ospitato nel 2011 la mostra per i 150 anni dell Unità d Italia e la mostra dedicata ad Anna Frank, realizzata in collaborazione con il Governo olandese, la Provincia di Milano e l Anna Frank House. Nel corso del 2012 la mostra dell attività agricola, già ospitata nel 2011, è stata ampliata con l esposizione di modellini di macchine agricole, ma anche di macchine agricole vere e proprie. Ogni anno tutte le scuole cittadine sono invitate a visitare le mostre organizzate. Per promuovere il MOVI e lanciare un attività di merchandising del bookshop interno, si sta studiando un logo ad hoc

24 Le azioni: 7.d Potenziare la diffusione dei camp estivi per bambini e ragazzi

25 Obiettivi: L obiettivo è quello di fornire un supporto sempre più efficace alle famiglie nella gestione dei tempi di lavoro e dei tempi di vita. I camp estivi sono un importante strumento di conciliazione: consentono ai ragazzi di vivere un esperienza relazionale e ludica significativa e ai genitori di continuare a svolgere il proprio lavoro anche nei periodi in cui la scuola è chiusa, potendo lasciare in mani sicure i propri figli Target: Minori e famiglie Centro di responsabilità: Sezione Servizi Educativi e Sezione Servizi alla Persona - Sezione Rendicontazione Sociale Sezione Cultura, Sport e No Profit

26 Cosa abbiamo fatto: Il Comune ha già avviato con successo i camp estivi nella stagione Ai camp hanno partecipato circa 1000 ragazzi di tutte le età, coinvolti tra metà giugno e la prima settimana di settembre. Il Comune ha inoltre organizzato un Camp di Natale che ha coinvolto circa 100 bambini dal 27 al 29 dicembre 2011 e dal 3 al 5 gennaio L Amministrazione, dopo aver interpellato i cittadini attraverso un sondaggio, ha accolto la proposta di prevedere un ulteriore camp da svolgersi durante le vacanze di Pasqua, anche queste spesso momento difficile per le famiglie che lavorano. Il primo Camp di Pasqua si è svolto nella primavera del Nel 2012, il City Camp di Acquamarina Sport&Life ha avuto una media di 50 iscritti a settimana; il Blu Camp di SportManagement 25 iscritti a settimana, il CAMP RUGBY del Cus Milano Rugby 25 iscritti a settimana.

27 I servizi: Dotare tutte le classi di Lavagne Interattive Multimediali (LIM) con videoproiettore e computer centrale per innalzare il livello e la qualità dell offerta formativa

28 Obiettivi: Innovare e rendere più efficace l insegnamento e l apprendimento delle materie curricolari. Target: studenti, insegnanti, educatori. Centro di responsabilità: Sezione Servizi Educativi Cosa abbiamo fatto: Col semplice utilizzo dei relativi stanziamenti di bilancio tutte le scuole secondarie di primo grado e le scuole primarie sono state già dotate delle LIM

29 I servizi: 2. Introdurre il nuovo sistema di self service per la refezione scolastica nelle scuole ancora sprovviste Le opere: 6. Realizzare il nuovo refettorio nella scuola di Rovagnasco

30 Obiettivi: Rendere più agevole e veloce il servizio di ristorazione scolastica Target: studenti, insegnanti, educatori Centro di responsabilità: Sezione Servizi Educativi Cosa abbiamo fatto: Anche in questo caso gli stanziamenti di bilancio hanno garantito l introduzione del self service in tutte le scuole secondarie di primo grado e in cinque scuole primarie: Fermi, Redecesio, Rodari, Novegro, Rovagnasco. Presso la scuola elementare di Rovagnasco è stato realizzato, attraverso un cofinanziamento di circa fra Comune e società Sodexo, un nuovo refettorio della capienza di 280 posti.

31 I servizi: Realizzare il nuovo portale comunale con servizi online

32 Obiettivi: L obiettivo primario è fornire un servizio sempre più veloce, trasparente e interattivo. Si punta a consentire ai cittadini di accedere con molta più facilità alle informazioni e ai servizi senza doversi recare necessariamente in Comune. Si intende inoltre pubblicizzare e promuovere iniziative ed eventi in maniera efficace e integrata attraverso i media di vecchia e nuova generazione, raggiungendo target diversi, riducendo i costi di stampa e materiale cartaceo, promuovendo l informatizzazione e la digitalizzazione. Target: Cittadini, city users, imprese, associazioni, istituzioni pubbliche e private, altri stakeholder in genere Centro di responsabilità: Sezione Sistemi informatici Risorse: Cosa abbiamo fatto: Il nuovo sito del Comune è andato online a gennaio 2012 arricchito di tanti servizi accessibili direttamente da casa per rendere il rapporto dei cittadini con il Comune più agile e veloce pagamenti online di servizi scolastici (refezione, prescuola e doposcuola, retta asili nido, scuolabus) diritti di segreteria relativi all Ufficio Edilizia Privata e al SUAP, illuminazione votiva (quest ultimo è il più utilizzato) iscrizione online al nido e ai servizi scolastici in generale: refezione, Commissione Mensa, buono libro, trasporto scolastico (più di mille persone hanno gestito le operazioni senza venire in Comune) prenotazione online per il rilascio/rinnovo della carta d identità elettronica e cartacea e per il cambio di residenza (azzerando i tempi di attesa per questi servizi) In arrivo nel corso del 2013 anche la possibilità di visualizzare le multe online e pagarle tramite carta di credito

33 I servizi: Potenziare la web tv comunale

34 Obiettivi: L obiettivo è quello di realizzare un canale privilegiato di informazione espressamente dedicato al Comune e ai suoi cittadini e di strutturare una comunicazione efficace e mirata sui servizi, le attività, gli eventi dell Ente, ma anche sulle emergenze e le problematiche del territorio. Target: Cittadini, city users, imprese, associazioni, istituzioni pubbliche e private, altri stakeholder in genere Centro di responsabilità: Sezione Sistemi informatici Cosa abbiamo fatto: Gli alti costi di gestione della web tv comunale hanno portato il Comune a decidere di convogliarne i contenuti su un canale dedicato di YouTube, collegato direttamente al nuovo sito web. Questa risorsa non comporta spese e garantisce gli stessi risultati: consentirà comunque di mantenere il contatto con i cittadini utenti della Rete

35 Cosa resta ancora da fare entro il 2015: 2. Realizzare un nuovo Centro Civico a Lavanderie nello spazio del mercato coperto, dotato di aule studenti e spazi di aggregazione per i giovani 3. Realizzare una nuova piscina coperta e scoperta a Redecesio con la prospettiva di renderla centro federale del Coni 5.Completare il plesso scolastico della Leopardi in Segrate Centro con la realizzazione della scuola elementare e istituire un servizio di trasporto dedicato da tutta Segrate 7.Completare la scuola di Novegro con la realizzazione di una tensostruttura a copertura del campo basket e spogliatoi

36 Percentuale di raggiungimento degli obiettivi:

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012 ATTIVITA 2012 L ORMA Educazione e Promozione Sociale Presentazione servizi e attività Anno 2012 L Orma è una realtà che opera da più di 10 anni nel settore dell Educazione e della Promozione Sociale. Tutte

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2013

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2013 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 203 Funzion Servizi. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo Servizi 0. 02 Segreteria generale,personale e organizzazione Servizi 0. 03

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 Funzion 9 0 3 Servizio. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0 Segreteria

Dettagli

Comune di Massa Lombarda

Comune di Massa Lombarda CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AFFARI GENERALI RESPONSABILE: CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Affari Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AMMINISTRATIVA RESPONSABILE: GIANGRANDI TIZIANA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Mod B (art. 2 c. 6) SCHEDA ILLUSTRATIVA FINANZIARIA Esercizio finanziario 2015. Progetto/attività A A01 Funzionamento amministrativo generale ENTRATE

Mod B (art. 2 c. 6) SCHEDA ILLUSTRATIVA FINANZIARIA Esercizio finanziario 2015. Progetto/attività A A01 Funzionamento amministrativo generale ENTRATE A A01 Funzionamento amministrativo generale Aggr. Voce Sotto voce ENTRATE 01 Avanzo di amministrazione presunto 31.551,42 01 Non vincolato 30.426,92 02 Vincolato 1.124,50 02 Finanziamenti dello Stato 52.872,58

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089 ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 04345204 0434520089 PROT. n. 199/B19 Pordenone, 15 gennaio 2014 Ai Sigg. Genitori Oggetto:

Dettagli

SOMMARIO. 2003 Gruppo 4 - All right reserved 1

SOMMARIO. 2003 Gruppo 4 - All right reserved 1 SOMMARIO STUDIO DEL DOMINIO DI APPLICAZIONE...2 Introduzione...2 Overview del sistema...2 Specificità del progetto 2...2 Utente generico...3 Studente...3 Docente...3 Amministratore di sistema...3 GLOSSARIO...4

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

Comune di Bagnacavallo

Comune di Bagnacavallo CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: SETTORE SEGRETERIA RESPONSABILE: GRATTONI ANGELA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Settore Segreteria 1 SETTORE SEGRETERIA

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Comune di Cotignola ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - PROGETTO RPP: RESPONSABILE: UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI

Comune di Cotignola ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - PROGETTO RPP: RESPONSABILE: UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR005 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. COMUNICAZIONE UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Comune di Bagnara di Romagna

Comune di Bagnara di Romagna CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR009 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. SEGRETERIA GENERALE AREA AMMINISTRATIVA (URP E SERVIZI DEMOGRAFICI - UFFICIO SEGRETERIA) CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2012

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2012 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 0 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 38.83,47.000,00 75.86,00

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2014

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2014 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 04 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0,00 980,00 9.007,00

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 6.40,57.44,00 38.640,43

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Attività e tempi Individuazione dei parametri di accesso SI Pubblicazione bando Acquisizione /verifica /accettazione domande

Attività e tempi Individuazione dei parametri di accesso SI Pubblicazione bando Acquisizione /verifica /accettazione domande NARDÒ SOCIALE Nel 2012 si sono dettate le linee guida per l attivazione della social card da attuarsi nel 2013 con lo scopo di andare incontro alle famiglie meno abbienti fornendo generi di prima necessità

Dettagli

Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 -

Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 - Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 - L esposizione universale è, per eccellenza, il luogo delle visioni del futuro. Nutrire il pianeta, Energia per la vita è l invito

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Scheda sintetica del progetto arvore da vida

Scheda sintetica del progetto arvore da vida Scheda sintetica del progetto arvore da vida Contesto AVSI collabora con FIAT Brasile dal 2004, con il progetto di responsabilità sociale Arvore da Vida, nelle aree prossime allo stabilimento di Belo Horizonte,

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

Carta dei servizi Estate Ragazzi Estate Bambini Carta dei servizi Estate Ragazzi Estate Bambini

Carta dei servizi Estate Ragazzi Estate Bambini Carta dei servizi Estate Ragazzi Estate Bambini Carta dei servizi Servizio Attività del Tempo Libero 1 REALIZZATA A CURA DI: Servizio Attività del Tempo Libero Comune di Bolzano Michela Voltani Elena Bettini Anita Migl COORDINAMENTO PROGETTO Cristina

Dettagli

Corsi di General English

Corsi di General English Corsi di General English 2015 A Londra e in altre città www.linglesealondra.com Cerchi un corso di inglese a Londra? Un soggiorno studio in Inghilterra o in Irlanda? I nostri corsi coprono ogni livello

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2012

CONTO DEL BILANCIO 2012 CONTO DEL BILANCIO 0 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 7.640,44 750,00 8.66,48 5.343,90

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

SCUOLANEXT, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale!

SCUOLANEXT, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale! SCUOLANET, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale! SCUOLANET consente la piena digitalizzazione della scuola: completa

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Art. 1 Disposizioni generali 1.1. Per gli anni scolastici 1997-98, 1998-99 e 1999-2000, nell'autorizzazione al funzionamento

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli