Corporate Banking Advisory & Investment Advisory

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corporate Banking Advisory & Investment Advisory"

Transcript

1 Corporate Banking Advisory & Investment Advisory This report is solely for the use of client personnel. No part of it may be circulated, quoted, or reproduced for distribution outside the client organisation without prior written approval from bfinance. This material was used by bfinance during an oral presentation; it is not a complete record of the discussion.

2 bfinance assiste i più grandi Corporate Europei nel raggiungimento dei loro obiettivi finanziari BFINANCE Fondata nel 1999, bfinance è una società di consulenza indipendente che opera nell ambito dei servizi finanziari. bfinance assiste i CFO e i CIO delle più importanti aziende corporate e società di investimento a livello internazionale offrendo loro il supporto informativo e la consulenza più opportuni per il raggiungimento dei loro obiettivi finanziari. Due ambiti distinti di azione: Corporate Banking Advisory: valutazione, ricerca e selezione delle migliori offerte di servizi bancari sul mercato, sotto il profilo della qualità funzionale e del costo, e analisi in senso globale della relazione dell azienda con i propri partner bancari. Investment Advisory: consiste nella ricerca e selezione di Gestori di Fondi di Investimento. In Italia siamo presenti dal 2006 e con una organizzazione stabile dal 2009: l approfondimento della conoscenza del mercato italiano ci ha permesso di portare risultati tangibili alle aziende italiane nostre clienti. 1

3 Il Corporate Banking Advisory di BFINANCE ha lo scopo di identificare le best banking practices Cash Management Incassi e Pagamenti Pooling Payment/Collections Factory PSD/SEPA Card Acquiring Factoring Garanzie Analisi della Redditività delle Relazioni Bancarie (RAROC) Definizione del punto di vista strategico sulle relazioni bancarie aziendali basato sul concetto di reddività legata al rischio (RAROC) utilizzato dalle banche Investment Management Selezione di Gestori di Fondi per la tesoreria corporate a breve e lungo termine e per gli investitori istituzionali Finanziamenti lead advisor per strutturazione del debito, sindacazione, mercato capitali, deconsolidamento attivo commerciale 2

4 bfinance supporta i più Grandi Corporate Europei con competenza ed esperienza PERCHE LAVORARE CON BFINANCE I NOSTRI VALORI Trasparenza: porta ad una corretta competizione e crea valore aggiunto per i nostri clienti Continuità: piena comprensione della situazione corrente e degli aspetti critici legati alle relazioni bancarie Personalizzazione: tutti I progetti sono taylor made e adattati alle esigenze dei nostri clienti Analisi interamente quantitativa e riscontrabilità oggettiva dei risultati Indipendenza completa LE COMPETENCE Siamo specialisti sulle relazioni bancarie Un team dedicato di 60 consulenti provenienti dal settore bancario, consulenziale e dalle tesorerie aziendali Approfondita e diretta conoscenza delle maggiori banche Italiane ed Internazionali e dei gestori di fondi a livello mondiale Monitoraggio costante delle evoluzioni di mercato Uffici e team dedicati a Milano, Parigi, Londra, Monaco di Baviera, Toronto e Montreal, Dubai Presenza Locale e Team dedicato in lingua italiana L ESPERIENZA 10 anni di esperienza con i più grandi Corporate Europei e Investitori Istituzionali 140 mandati di Corporate banking advisory in 40 differenti paesi nel mondo Più di 200 ricerche di Investment Advisory in quasi tutte le Asset Class per un totale di fondi investiti pari a Eur 31 billion Referenze di Mercato costituite da primari gruppi in virtualmente tutti i settori economici 3

5 bfinance ha la fiducia dei più grandi Corporate Europei ANALISI DI REDDITIVITA DELLE RELAZIONI BANCARIE Banking Relationship Analysis Banking Relationship Analysis Banking Relationship Analysis Banking Relationship Analysis Banking Relationship Analysis (RAROC/Basel II) (RAROC/Basel II) (RAROC/Basel II) (RAROC/Basel II) (RAROC/Basel II) Banking Relationship Analysis Banking Relationship Analysis Banking Relationship Analysis Banking Relationship Analysis Banking Relationship Analysis (RAROC/Basel II) (RAROC/Basel II) (RAROC/Basel II) (RAROC/Basel II) (RAROC/Basel II) 4

6 bfinance ha la fiducia dei più grandi Corporate Europei CASH MANAGEMENT DOMESTICO ED INTERNAZIONALE Global payments & collection RFP FRANCE / ITALY Benchmarking & European Cash Pooling RFP EUROPE (10 countries) Direct Debit & Global payments & collection RFP FRANCE / ITALY Direct Debit & Global payments & collection RFP (Canal+) FRANCE Global Payments & Collections RFP (incl. Cash Pooling) FRANCE / ITALY / UK Global Payments & Collections RFP FRANCE Cash Pooling, Payments & Collections Analysis ASIA (17 countries) Direct Debit & Global Payments & Collections RFP FRANCE Benchmark & Credit Card Cross Border Acquiring Global payments & collection RFP Cash Pooling, Payments & Collections RFP Global payments & collection RFP FRANCE EUROPE (5 countries) WORLD(20 countries) FRANCE / ITALY 5

7 bfinance ha la fiducia dei più grandi Corporate Europei LIQUIDITY MANAGEMENT & LONG TERM ASSET MANAGEMENT Corporate Profit Sharing Scheme All Asset Classes Corporate Enhance Money Market Funds & FoHF 100 M 650 M Corporate FoHF 275 M Corporate Enhance Money Market Funds & FoHF 170 M Corporate Pension Fund All Asset Classes Corporate Defined Benefits All Asset Classes 1000 M 500 M Corporate Government & Investment Grade Bonds 150 M Corporate Pension Fund All Asset Classes 100 M Corporate Pension Fund Equities 200 M Corporate Money Market Funds 2500 M Pension Funds Convertibles 40 M Corporate Pension Fund Equities 120 M 6

8 Il vostro contatto in bfinance Daniela Zatti Director Business Development bfinance Italia Via Gonzaga Milano I Tel: Fax: Cell: Claudio Cignoli Director Business Development Bfinance Italia Via Gonzaga Milano I Tel: Fax: Cell:

9 L Analisi delle Relazioni Bancarie Milano, 29 giugno 2010 This report is solely for the use of client personnel. No part of it may be circulated, quoted, or reproduced for distribution outside the client organisation without prior written approval from bfinance. This material was used by bfinance during an oral presentation; it is not a complete record of the discussion.

10 L Analisi delle Relazioni Bancarie (RAROC) CONTESTO Contesto macro-economico: la crisi bancaria e la pressione normativa hanno cambiato la relazione corporate-banca. Quali sono le reali conseguenze sui corporate? Cosa fare per assicurare una relazione commerciale equa e durevole in questo contesto? bfinance ha sviluppato una propria metodologia indipendente (RAROC) per fornire i mezzi e le conoscenze necessari ai corporate per creare e mantenere una relazione corretta con le proprie banche. 1

11 Analisi delle Relazioni Bancarie (RAROC), definizione, metodologia, scopo & benefici bfinance: market overview Q&A 2

12 RAROC: metodologia alla base della valutazione delle relazioni corporate da parte delle banche ANALISI DELLE RELAZIONI BANCARIE (RAROC), DEFINIZIONE L Analisi delle Relazioni Bancarie (RAROC) è un dettagliato studio del rapporto corporate-banche che ha l obiettivo di evidenziare per ciascun partner bancario le informazioni strategiche (i.e. ricavi, costi, Capitale Economico assorbito) alla base del processo decisionale. L analisi è condotta utilizzando la stessa metodologia adottata dalle banche: RAROC (Risk Adjusted Return On Capital). Per oltre due decenni, le banche hanno sviluppato modelli di RAROC al fine di misurare ricavi e rischi. RAROC = Revenues Costs EL (Expected Loss) + (risk free rate x Economic Capital) Tax Economic Capital La metodologia RAROC è basata su due ipotesi fondamentali: la perdita reale è sostituita con la Perdita Attesa (Expected Loss), i.e. la media delle perdite su crediti lungo un ciclo economico; il Capitale Economico è la misura statistica del rischio massimo che la banca assume per ogni relazione / operazione. 3

13 I modelli di RAROC guidano le decisioni delle banche in occasione dell approvazione, strutturazione e definizione del prezzo delle operazioni IN CHE MODO IL RAROC GUIDA LE DECISIONI DELLE BANCHE? RAROC Definizione del prezzo/ Strutturazione Approvazione / Rifiuto dell operazione Misurazione delle performance Pianificazione strategica Allocazione del capitale Il RAROC è uno strumento che influenza profondamente le decisioni delle banche; L ammontare di Capitale Economico assorbito dall operazione / relazione esercita una funzione fondamentale nella definizione da parte delle banche del livello di pricing ponderato per il rischio; Le decisioni si fondano sul raggiungimento di un livello minimo di redditività (i.e. RAROC minimo) calcolato in funzione dell ammontare di capitale economico assorbito dall operazione / relazione; Le banche valutano l ammontare del capitale economico assorbito da tutte le operazioni in essere con la medesima controparte con cadenza minima annuale. In funzione della classe di rischio assegnata a tale controparte, è stabilita una soglia massima di capitale economico allocabile. 4

14 L Analisi delle Relazioni Bancarie (RAROC) copre tutte le tipologie di prodotti bancari PERIMETRO DEI PRODOTTI BANCARI Categoria Famiglia Prodotto analizzato Commercial Banking Gestione della Liquidità e Finanziamenti a Breve Termine Finanziamenti a Medio/Lungo Termine Finanziamenti a breve termine Gestione della liquidità Finanziamenti a M/L termine Leasing Finanza strutturata Linee bilaterali, scoperti di conto, fidejussioni commerciali o finanziarie Depositi, Incassi e Pagamenti, Cash Pooling, Trade Finance, Forfaiting Sindacazioni, Linee Bilaterali Leasing Finanziario, Leasing Operativo, Fleet Leasing Project Financing, Asset Financing Asset Management Depositi Investimenti a Breve e Lungo Termine Programmi di Profit Sharing MMF, FoHF, CD & BMTN Investment Banking Advisory & Capital Market Debt Capital Market Equities M&A Private Placement, Emissioni obbligazionarie, Securitization, Rating Advisory Brokerage, Custody, Equity Derivatives M&A, Advisory Tassi Swaps, Options Attività di trading FX Spot, Options, Forwards Commodities Co2, Materie prime, Energy 5

15 Analisi delle Relazioni Bancarie (RAROC), definizione, metodologia, scopo & benefici bfinance: market overview Q&A 6

16 bfinance: market overview PERIMETRO DI ANALISI L esperienza di bfinance nell ambito dell Analisi delle Relazioni Bancarie (RAROC) è supportata dalla cooperazione con i maggiori corporate europei operanti in più di 40 paesi e con relazioni con più di 200 banche; I dati storici in possesso di bfinance coprono l intero ciclo economico; La redditività media della relazione corporate-banche osservata da bfinance negli ultimi 6 anni è del 12%; RAROC Perimetro di analisi di bfinance 25% A- BBB+ A+ 20% 6 20 A A- A- BBB+ NR % BB- BBB % A % 10 A- 8 BBB AA- 5% % Fonte: Analisi delle Relazioni Bancarie (RAROC), bfinance EC FPE Ulteriori studi dimostrano che la redditività media della relazione corporate-banche in Europa è pari a crca il 14% con marcate disparità tra Paesi. 7

17 Una ripartizione disuguale di ricavi, costi e capitale economico tra BtoB / BtoC (1/2) P&L DELLA BANCA Fonte: Analisi delle Relazioni Bancarie (RAROC), bfinance In base all esperienza di bfinance, le banche ricavano in media 64 milioni da ogni loro relazione corporate; bfinance ha constatato che i prodotti bancari offerti, i ricavi, la struttura del P&L e la redditività finale delle banche sono fattore del settore in cui operano i corporate. BtoB: corporate aventi come propri clienti finali altri corporate BtoC: corporate che rivolgono i propri prodotti / servizi al pubblico 8

18 Una ripartizione disuguale di ricavi, costi e capitale economico tra BtoB / BtoC (2/2) DATI PRINCIPALI 250,0 236,4 25% 200,0 20% 20% 150,0 15% 100,0 10% 12% 50,0 64,3 5% 5% - 8,0 1 6,2 Ricavi totali per corporate (M ) 0% 120 RAROC per corporate 1 7,0 6,0 6, ,0 80 4,0 60 3,0 2,0 1,0-1 2,5 0,2 Ricavi medi per corporate (M ) Bank per client Numero di banche per corporate 5 Fonte: Analisi delle Relazioni Bancarie (RAROC), bfinance 9

19 Componenti del modello di RAROC: Ricavi (1/2) STRUTTURA DEI RICAVI 3% 7% 2% 17% Le fonti di ricavo per le banche variano tra BtoB e BtoC. Il Cash Management è la principale fonte di ricavi (59%) nei rapporti BtoC-banca, mentre rappresenta solo il 17% dei ricavi delle relazioni BtoB-banca; Advisory & M&A Cash Management Debt Capital Market Deposit 31% 1% 8% BtoB I ricavi da attività che non consumano capitale economico rappresentano in media il 60% dei corporate oggetto di analisi da parte di bfinance, con un importante differenza tra le BtoB (36%) e le BtoC (77%); Equity Capital Market Export Finance Commercial Banking Leasing Long term Asset management Long term plain Vanilla lending 20% 8% 2% 7% 3% 1% 4% 7% Tuttavia, la reddività globale dei rapporti BtoC-banca / BtoB-banca non fa registrare sensibili differenze a causa dei limitati margini netti generati dalle attività offerte alla clientela BtoC. Sales Financing Short Term Lending & Guarantees Structured Finance Trading Activities 11% 3% BtoC 1% 1% 1% 3% 59% Fonte: Analisi delle Relazioni Bancarie (RAROC), bfinance 10

20 Componenti del modello di RAROC: Capitale Economico (2/2) ASSORBIMENTO DI CAPITALE ECONOMICO I finanziamenti bancari assorbono il 74% del Capitale Economico delle banche; Subordinated Loan 8% Import Documentary Credit 0% Assorbimento del capitale economico Short Term Credit Lines 8% Structured finance 9% Bilaterals 8% Leasing 2% Factoring 0% Guarantees 20% Term Loan 8% Fonte: Analisi delle Relazioni Bancarie (RAROC), bfinance Back-up Securitization 1% Trading Activities 3% Syndicated Loan 33% RAROC 160% 140% 120% 100% 80% 60% 40% 20% 0% Back-up Securitization 137% Trading Activities 47% I finanziamenti sindacati sono i prodotti bancari che assorbono la maggior parte del capitale economico delle banche, ma restano i meno remunerativi per le banche (almeno fin ora ); Le garanzie offrono alle banche una buona redditività principalmente come conseguenza del modesto assorbimento di capitale economico. Guarantees 33% Factoring 28% 20% Leasing Import Documentary Credit 14% Subordinated Loan Fonte: Analisi delle Relazioni Bancarie (RAROC), bfinance 9% 8% 7% 6% 6% 3% Bilaterals Short Term Credit Lines Structured finance Term Loan Syndicated Loan 11

21 RAROC: ieri, oggi e domani Prima del 2008 BREAKDOWN DELLA REDDITIVITA DELLE BANCHE RICAVI ,2% RAROC 15,0% 13,5% 12,0% 10,5% ,2% 9,6% 10,1% 9,0% 7,5% 400 6,0% ,6% 4,5% 3,0% 1,5% Long term Financing Long term Financing Liquidity management and payments Trading activities Asset Management Advisory and Capital Market Fonte: Analisi delle Relazioni Bancarie (RAROC), bfinance 12

22 RAROC: ieri, oggi e domani Trend attuale (1/2) L EVOLUZIONE DEL MERCATO DEI FINANZIAMENTI CAMBIERA IL P&L DELLE BANCHE Il 2009 è stato un anno di recupero di redditività per la maggior parte delle banche europee: il ROE non dovrebbe però raggiungere i picchi degli anni precedenti; Il mercato dei finanziamenti ha fatto registrare: un aumento generalizzato e significativo dei margini, una riduzione del tenor, un rafforzamento della documentazione e una preferenza delle banche per i prodotti di DCM e ECM; Source : Dealogic 13

23 RAROC: ieri, oggi e domani Trend attuale (2/2) L EVOLUZIONE DEL MERCATO DEI FINANZIAMENTI CAMBIERA IL P&L DELLE BANCHE I finanziamenti sindacati e le linee bilaterali sono i prodotti bancari che consumano la maggior parte di capitale economico: ipotizzando un «New Normal RAROC» dei finanziamenti tra il 15% e il 25% stand alone, la redditività globale della divisione CIB delle banche si avvicina al 40%; 1,40% 1,20% 1,00% 0,80% 0,60% 0,40% 0,20% 0,00% Spread & RAROC 1,30% 1,15% 0,85% 18% 13% 7% Prysmian / BBB Telecom Italia / BBB Enel / A- Spread RAROC 30,00% 20,00% 10,00% 0,00% Per quanto riguarda le attività che non consumano capitale economico, i prodotti di DCM e ECM rimangono «ben prezzati», i derivati sono più volatili dunque più cari ed anche le fidejussioni sono più care; solo il Cash Management registra condizioni stabili / leggermente in calo. Spread (bp) Fonte: Analisi delle Relazioni Bancarie (RAROC), bfinance 3YR Term Loan fully drawn Raroc 20 % Raroc 15 % Raroc 10 % Ba1 Baa3 Baa2 Baa1 A Rating Fonte: Analisi delle Relazioni Bancarie (RAROC), bfinance 14

24 RAROC: ieri, oggi e domani Il futuro (1/2) IL ROE DELLE BANCHE IN FUTURO A livello del mercato europeo, la redditività delle banche commerciali e delle investment bank è attesa tra il 4% e il 18% con medie più vicine al 12%; la redditività generata dalle attività CIB saranno in media superiori; Le banche italiane sono emerse dalla crisi globale in condizioni migliori rispetto agli istituti europei e statunitensi; Fonte: McKinsey Future if Banking Model La redditività delle banche in Italia è attesa tra il 7% e il 13% con la redditività derivante dalle attività CIB in miglioreranno fino al 15%. 16% 14% 12% 10% 8% 6% 4% 2% 0% 13% 9% 7% 1 Redditività delle banche italiane nel 2012 Fonte: Analisi delle Relazioni Bancarie (RAROC), bfinance Thomon One Banker 15

25 RAROC: ieri, oggi e domani Il futuro (2/2) bfinance ritiene che la redditività media dell attività CIB in Europa dovrebbe collocarsi intorno al 15%; LA «NUOVA NORMALITA» PER I CORPORATE NEL 2012/2014 BREAKDOWN DELLA REDDITIVITA DELLE BANCHE Sul lato dei finanziamenti, è stata ipotizzata la riduzione dell ammontare totale dei prestiti e l aumento dei margini in modo da riflettere le condizioni selettive del mercato del credito; RICAVI ,6% RAROC 18,5% 16,5% 15,0% Tale trend dovrebbe essere ancora più marcato in Italia a causa della progressiva introduzione dei modelli di valutazione del rischio secondo i principi di Basilea II: l approccio al mercato del credito da parte delle banche italiane diventerà più selettivo ed un inversione di tendenza non sarà ipotizzabile almeno fino alla ripresa economica; Basilea III dovrebbe avere, invece, un impatto limitato sulle banche italiane; ,3% x2 12,7% -10% 13,1% 13,6% 13,5% 12,0% 10,5% 9,0% 7,5% 6,0% 4,5% 3,0% 1,5% I ricavi derivanti dall attività di Cash Management dovrebbe diminuire per effetto del basso livello dei tassi e degi effetti d PSD e SEPA; Le attività che non consumano capitale economico rimarranno una risorsa «scarsa». Long term Financing Liquidity management 1 and payments Trading activities Asset Management Advisory and Capital Market Fonte: Analisi delle Relazioni Bancarie (RAROC), bfinance 16

26 Opinione degli analisti sugli effetti di Basilea III IMPATTO SULLE BANCHE ITALIANE Buona liquidità: le banche italiane hanno risentito meno della media delle banche europee dell impatto degli obiettivi su capitale e liquidità previsti da Basilea III il cui scopo è di rendere più comprensibili i dati relativi all approvvigionamento di fondi da parte delle banche; ciò è dovuto al fatto che una parte consistente del business delle banche italiane è focalizzata su attività commercial banking; Le banche italiane godono generalmente di una solida struttura finanziaria e hanno utilizzato i fondi messi a disposizione dalla BCE in modo limitato poichè già in linea con i nuovi requisiti di stabilità e solvibilità proposti da Basilea III; Adeguato mix di fonti di finanziameto: i conti correnti e i depositi rappresentano in media più del 50% delle fonti di finanziamento delle banche italiane. Inoltre, un elevata percentuale di titoli è collocata tra i clienti privati: questo tipo di finanziamento tende a rimanere costante nel tempo. Le fonti di finanziamento wholesale meno stabili e liquide rappresentano in media solo il 26%; I depositi rappresentano in media più del 50% delle fonti di finanziamento delle banche italiane; ciò spiega (almeno in parte) l elevata sensitività al livello dei tassi di interesse. 17

27 Messaggio chiave Conoscere la logica decisionale delle banche => RAROC!! Essere meno dipedenti dalle proprie banche => DISINTERMEDIARE!! Essere meno dipedenti da un unica fonte di finanziamento => DIVERSIFICARE!! Migliorare l allocazione delle attività che non consumano capitale economico => NEGOZIARE, NEGOZIARE, NEGOZIARE!! Q&A 18

28 Cash Management in Italia e Europa Milano, 29 Giugno 2010 This report is solely for the use of client personnel. No part of it may be circulated, quoted, or reproduced for distribution outside the client organisation without prior written approval from bfinance. This material was used by bfinance during an oral presentation; it is not a complete record of the discussion.

29 INTRODUZIONE Consulente indipendente, con all attivo più di 150 mandati in Europa, Asia e l America, bfinance ha potuto osservare l andamento del mercato dei pagamenti e dei servizi di cash management, sia in Italia che in Europa. Il nostro scopo è mettere in evidenza l andamento dei costi e dei servizi a seguito dei cambiamenti in atto, indicando le opportunità di mercato e i margini di miglioramento Il cash management è spesso considerato una commodity: in realtà per le banche rappresenta lo zoccolo duro della redditività e un importante leva relazionale, mentre per i corporate è un elemento di servizio di forte visibilità e criticità operative. Viene definita come un attività resilient, perché in grado di adattarsi all evoluzioni del mercato mantenendo capacità di creare reddito. Grazie da un lato alla spinta normativa dell Unione Europea verso un armonizzazione operativa e di trattamento economico e dall altro alla dinamica competitiva nel settore bancario, questo ambito operativo è soggetto a impulsi evolutivi che offrono alle imprese italiane l occasione per fare un profondo restyling delle operazioni di tesoreria e una simultanea revisione delle relazioni bancarie dal punto di vista delle condizioni e dei servizi. 1

30 INDICE Costi di cash management in Europa PSD & SEPA: reazioni in Italia Scenari futuri sui costi di cash management in Italia Scenari futuri sull operatività di tesoreria Conclusioni 2

31 INDICE Costi di cash management in Europa PSD & SEPA: reazioni in Italia Scenari futuri sui costi di cash management in Italia Scenari futuri sull operatività di tesoreria Conclusioni 3

32 Rispetto al 2003 i costi di cash management in Europa nel 2009 hanno raggiunto una maggiore omogeneità, trend crescente in virtù dei cambiamenti normativi e competitivi COSTI DI CASH MANAGEMENT IN EUROPA Studio su 4 Paesi Francia, Itali, Germania, Spagna su un campione di 100 large Corporate (> 500Mln ) soprattutto B2B. I costi di cash management calcolati da bfinance includono: Spese per operazione Calcolo del float al tasso di interesse del periodo preso in considerazione Spese di Electronic banking Spese di conto corrente e di servizi di cash pooling Risultati: base 100 = costi in Francia nel 2003 Francia Germania Italia Spagna Media dei costi osservati nel Media dei costi osservati nel

33 Tra il 2003 e il 2009 si é assistito in Francia e Germania ad un passaggio verso una struttura di prezzo più trasparente a differenza di Italia e Spagna TIPOLOGIE DI SPESE- SITUAZIONE 2003 FRANCIA GERMANIA SPAGNA ITALIA 10% 20% 20% 10% 30% 20% 40% 40% 20% 50% 70% 30% 40% Float Spese unitarie incassi e pagamenti TIPOLOGIE DI SPESE- SITUAZIONE 2009 FRANCIA GERMANIA SPAGNA ITALIA 10% 10% 10% 15% 20% 20% 10% Spese tipiche del sistema bancario nazionale Altre spese (electronic banking, cash pool, ) 20% 90% 80% 50% 65% 5

34 Gli elevati costi di cash management in Italia sono spiegati fino al 2009 da 4 principali fonti di ricavo per le Banche FOCUS ITALIA 2009: COSTI IMPRESA B2B/B2C Float : il costo del float é legato direttamente all evoluzione dei tassi e si è quindi ridotto negli ultimi anni 8% 4% 3% 5% RIBA / RID Float 38% spese di scrittura Spese di scrittura: per ogni linea di estratto conto, le banche applicano una commissione che é in media un euro per scrittura 10% 12% insoluti carte bonifici domestici Cambiali altri* Commissioni su incassi RiBa, RID e Carte di Credito: questi metodi di pagamento risultano per il momento avere le commissioni interbancarie tra le piu alte in Europa (es. Commissione interbancaria RID: 25cts in Italia, 12cts in Francia, 2cts in Spagna, e 0cts in Germania) 20% Commissioni proporzionali sui trasferimenti esteri: questa fonte di ricavo é molto importante per le banche che lavorano con gruppi italiani che hanno presenza internazionale e che gestiscono un numero significativo di pagamenti e di incassi cross border. 6

35 INDICE Costi di cash management in Europa PSD & SEPA: reazioni in Italia Scenari futuri sui costi di cash management in Italia Scenari futuri sull operatività di tesoreria Conclusioni 7

36 La road map SEPA & PSD: un cambiamento già in atto senza una data finale TAPPE FONDAMENTALI CALENDARIO SEPA & PSD SEPA SCF 28 Gennaio Dicembre 2010 SEPA SCT SEPA SDD 28 Gennaio 2008 end date 01 Novembre 2009 End date: ? 31 Dicembre 2012? PSD PAGAMENTI 01 Marzo 2010 PSD INCASSI 05 Luglio 2010 gennaio-08 luglio-08 gennaio-09 luglio-09 gennaio-10 luglio-10 gennaio-11 luglio-11 gennaio-12 luglio-12 OGGI 8

37 In Italia le imprese non hanno ancora colto l opportunità degli strumenti SEPA STATO ATTUALE DELLA SEPA Allo scopo di determinare lo stato di avanzamento dell'azienda nell'ambito del progetto SEPA [risposte multiple possibili] la migrazione dei database di coordinate bancarie al formato BIC completata +IBAN è stata 76% la piattaforma di tesoreria (TMS) è compatibile con i formati dei pagamenti SEPA 38% non sono mai stati emessi bonifici SEPA (SCT) 38% i protocolli di comunicazione bancaria supportano i formati SEPA 19% la migrazione dei database di coordinate bancarie al formato BIC indicativamente al cinquanta per cento la migrazione dei database di coordinate bancarie al formato BIC iniziata +IBAN è completa +IBAN non è ancora 10% 10% vengono emessi regolarmente bonifici SEPA in formato XML 5% sono stati avviati i lavori in relazione al prelievo SEPA (SDD) 5% * Sondaggio bfinance condotto su un panel di aziende italiane a Gennaio

38 L atteggiamento «wait & see» delle banche ha rallentato la migrazione delle imprese verso i nuovi strumenti SEPA STATO ATTUALE DELLA SEPA Quando è previsto l'abbandono definitivo del bonifico nazionale per passare all'sct? Entro quanto tempo è prevista l'adozione dell'sdd? il bonifico nazionale è già stato abbandonato definitivamente 10% Appena le banche di cui ci serviamo lo renderanno disponibile 24% entro la fine dell'anno % Nel % nel % Nel % nel % Nel % nel 2012 o oltre 10% Nel % non so ancora 62% Non so ancora 67% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% * Sondaggio bfinance condotto su un panel di aziende italiane a Gennaio

39 INDICE Costi di cash management in Europa PSD & SEPA: reazioni in Italia Scenari futuri sui costi di cash management in Italia Scenari futuri sull operatività di tesoreria Conclusioni 11

40 Prima dell introduzione della PSD tramite i nostri progetti abbiamo ridotto del 40% i costi di cash managament dei nostri clienti IMPATTO FLOAT SUI COSTI 2009 Abbiamo riscontrato che spesso il costo del float non è incluso nel calcolo del costo globale del cash management, che tende invece a concentrarsi su alcune voci più rilevanti Le banche più grandi 1 & 2 sono risultate più conservative e più restie ad intaccare il loro margine derivante dal float Le banche di minori dimensioni hanno invece reagito con maggiore flessibilità e prontezza nell adeguarsi ai nuovi scenari di mercato Composizione costo iniziale Composizione costo finale 100% 100% 90% 90% 80% 80% 70% 70% 60% 50% 40% Float % commissioni unitarie % 60% 50% 40% Float % commissioni unitarie % 30% 30% 20% 20% 10% 10% 0% Banca 1 Banca 2 Banca 3 Banca 4 Banca 5 Banca 6 0% Banca 1 Banca 2 Banca 3 Banca 4 Banca 5 Banca 6 12

41 Le dinamiche di mercato future non sono prevedibili con certezza, ma riteniamo che le banche recupereranno nei prossimi anni una parte del margine perso con la PSD e la riduzione degli interessi Scenario conservativo : al contenimento dei costi si affianca un recupero del margine solo parziale e legato alla crescita degli interessi costi margine Scenario espansivo : al contenimento dei costi si affianca un recupero del margine dovuto sia alla crescita degli interessi che ad un aumento delle commissioni costi margine 13

42 INDICE Costi di cash management in Europa PSD & SEPA: reazioni in Italia Scenari futuri sui costi di cash management in Italia Scenari futuri sull operatività di tesoreria Conclusioni 14

43 Un approccio studiato e ponderato sulle aree di impatto e miglioramento della tesoreria AREE DI IMPATTO SOGGETTE A MIGLIORAMENTI MERCATO AREE DI BENEFICIO SEPA/PSD: SCT, SDD, Payment Factory Payment Institution Acquiring: Nuovi Operatori Multiacquiring Nuove MIF Canali Di Pagamento: Istituti di Pagamento IMEL, Poste SWIFTNET: Alliance Lite ERP / TMS XML Cash Pooling "Multibanca": Standing orders Cash Concentration Liquidity Investment: Automatismi Fattura Elettronica: Conservazione Automazione Incassi x x x x x Carte di pagamento x x x Sistemi di Pagamento & Gestione tesoreria Gestione Pagamenti x x x Autorizzazione Flussi x x x Rendicontazione x x x x Accentramento Liquidità x Gestione Liquidità x x Working Capital x 15

44 Forte spinta verso una maggiore automazione nell operatività banca / azienda e negli strumenti di pagamento E prevista una dematerializzazione del rapporto bancario grazie ai nuovi strumenti di comunicazione che faciliteranno e semplificheranno i processi aziendali: e-bam, e- invoicing, e-mandate.., con una riduzione delle operazioni cartacee di circa il 70% nei prossimi 2 anni. Le banche spingeranno verso una progressiva riduzione degli strumenti di pagamento cartaceo 1% 2% 10% % 2009 per tipologia di operazione Dati banca di italia* % 0% 1% 2% 13% % 2012 per tipologia di operazione Stime bfinance 27% 10% 10% Cambiali Assegni Circolari Bonifici Elettronici Assegni Bancari RIBA / MAV RID Bonifici Cartacei Pagamenti Carte debito POS 50% cambiali assegni bancari Assegni circolari bonifici cartacei bonifici elettronici RID/SDD/RIBA operazioni POS carte debito 34% 23% 17% Dati per retail e corporate* 16

Il supporto finanziario all interscambio a agli investimenti nei Paesi del Golfo. Gianluca Lauria Luigi Ardizzone

Il supporto finanziario all interscambio a agli investimenti nei Paesi del Golfo. Gianluca Lauria Luigi Ardizzone Il supporto finanziario all interscambio a agli investimenti nei Paesi del Golfo Gianluca Lauria Luigi Ardizzone Agenda Il sostegno all internazionalizzazione di BNL-BNP Paribas (G.Lauria) L Italian Desk

Dettagli

Orientare una compagnia di assicurazioni alla creazione di valore economico

Orientare una compagnia di assicurazioni alla creazione di valore economico Orientare una compagnia di assicurazioni alla creazione di valore economico This report is solely for the use of client personnel. No part of it may be circulated, quoted, or reproduced for distribution

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Prof. Filippo Stefanini A.A. Corso 60012 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Edile Il modello di business divisionalizzato delle banche e la contestuale

Dettagli

Pianificare, gestire e controllare. Roberto De Flumeri Offering Treasury & Credit

Pianificare, gestire e controllare. Roberto De Flumeri Offering Treasury & Credit + Pianificare, gestire e controllare Roberto De Flumeri Offering Treasury & Credit Novità del corporate treasury Nuovi processi Nuove tecnologie Nuovi bisogni 2014 domani Nuove normative 2013 2009.ieri..oggi

Dettagli

BNP Paribas. Corporate & Investment Banking in Italia. Nicola D Anselmo. Responsabile CIB Italia. Roma, 1 Dicembre 2006

BNP Paribas. Corporate & Investment Banking in Italia. Nicola D Anselmo. Responsabile CIB Italia. Roma, 1 Dicembre 2006 BNP Paribas Corporate & Investment Banking in Italia Nicola D Anselmo Responsabile CIB Italia Roma, 1 Dicembre 2006 Sommario BNP Paribas CIB in Italia prima di BNL Nuove prospettive per CIB Implementazione

Dettagli

Internazionalizzazione e servizi a supporto delle imprese Daniele Marcheselli Paolo Ciancio Desk Americhe Internazionalizzazione Imprese

Internazionalizzazione e servizi a supporto delle imprese Daniele Marcheselli Paolo Ciancio Desk Americhe Internazionalizzazione Imprese Internazionalizzazione e servizi a supporto delle imprese Daniele Marcheselli Paolo Ciancio Desk Americhe Internazionalizzazione Imprese Servizio Imprese - Direzione Marketing - Area Sales & Marketing

Dettagli

La ricchezza Private in Italia

La ricchezza Private in Italia La ricchezza Private in Italia Il contesto attuale, lo scenario futuro, le prossime sfide: una leva per la sostenibilità del sistema e la solidità del paese 14 giugno 2011 Indice 1. La ricchezza Private

Dettagli

Indice 3 PREFAZIONE. 29 Premessa

Indice 3 PREFAZIONE. 29 Premessa Indice 3 PREFAZIONE 5 INTRODUZIONE - Tendenze evolutive del rapporto banca-impresa 5 I.1 Premessa 6 I.2 Le recenti riforme dell ordinamento bancario 9 I.2.1 Le direttive del Comitato di Basilea 12 I.2.2

Dettagli

Il supporto all internazionalizzazione delle PMI Focus Egitto. Relatore: Leonardo Zuin Desk EMEA - Ufficio Sviluppo Internazionalizzazione

Il supporto all internazionalizzazione delle PMI Focus Egitto. Relatore: Leonardo Zuin Desk EMEA - Ufficio Sviluppo Internazionalizzazione Il supporto all internazionalizzazione delle PMI Focus Egitto Relatore: Leonardo Zuin Desk EMEA - Ufficio Sviluppo Internazionalizzazione Milano, 4 febbraio 2014 1 Egitto in cifre Expenditure on GDP (%

Dettagli

Telecom Italia. Verso la SEPA. CeTIF 2006. Ernesto Simonetta GRUPPO TELECOM ITALIA

Telecom Italia. Verso la SEPA. CeTIF 2006. Ernesto Simonetta GRUPPO TELECOM ITALIA 2006 Milano, Giovedì 26 Ottobre 2006 Università Cattolica del Sacro Cuore Telecom Italia Verso la SEPA Agenda 1. Gruppo Telecom Italia: accentramento della tesoreria 2. Verso la SEPA 1 Il Gruppo Telecom

Dettagli

Michelangelo Merola. Componente Focus Group Consorzio CBI. Componente Task Force del Forum Imprese per la Migrazione alla SEPA

Michelangelo Merola. Componente Focus Group Consorzio CBI. Componente Task Force del Forum Imprese per la Migrazione alla SEPA Michelangelo Merola Responsabile Servizi Finanziari di Gruppo e Gestione Tecnica dei Flussi Gestione Flussi e Contabilità Finanziaria Direzione Finanza Enel Componente Focus Group Consorzio CBI Componente

Dettagli

AL SERVIZIO DEGLI IMPRENDITORI, PER LA LORO AZIENDA E LA LORO FAMIGLIA

AL SERVIZIO DEGLI IMPRENDITORI, PER LA LORO AZIENDA E LA LORO FAMIGLIA AL SERVIZIO DEGLI IMPRENDITORI, PER LA LORO AZIENDA E LA LORO FAMIGLIA AL SERVIZIO DEGLI IMPRENDITORI, PER LA LORO AZIENDA E LA LORO FAMIGLIA Come sarà il business della mia azienda fra 5 anni? Quali sono

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Consiglio di Sorveglianza Consiglio di Gestione Mediobanca

Consiglio di Sorveglianza Consiglio di Gestione Mediobanca Consiglio di Sorveglianza Consiglio di Gestione Mediobanca Milano, 7 marzo 2008 Approvato il Piano 2009-2011 del Gruppo Mediobanca p Crescita trainata da nuove iniziative strategiche: Posizionamento europeo

Dettagli

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Advisory Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Ricerca di efficienza, gestione del capitale e dei crediti non performing Esercizio kpmg.com/it Indice Executive Summary 4 Approccio metodologico

Dettagli

ICT e sicurezza delle transazioni a servizio dell evoluzione dei sistemi di supporto alla gestione del circolante

ICT e sicurezza delle transazioni a servizio dell evoluzione dei sistemi di supporto alla gestione del circolante ICT e sicurezza delle transazioni a servizio dell evoluzione dei sistemi di supporto alla gestione del circolante Claudio Mauro Direttore RA Computer S.p.A. SIA Milano, 4 Dicembre 2012 SIA Verso il futuro:

Dettagli

DIREZIONE INVESTMENT BANKING. Il Ruolo del Nomad. Roma, 22 aprile 2009

DIREZIONE INVESTMENT BANKING. Il Ruolo del Nomad. Roma, 22 aprile 2009 DIREZIONE INVESTMENT BANKING Il Ruolo del Nomad Roma, 22 aprile 2009 Il Gruppo Montepaschi Overview Il Gruppo MPS ha perfezionato il 30 maggio 2008 l acquisizione di Banca Antonveneta divenendo il 3 gruppo

Dettagli

Incassi e pagamenti SEPA via EBA e internazionali via SWIFT

Incassi e pagamenti SEPA via EBA e internazionali via SWIFT Incassi e pagamenti SEPA via EBA e internazionali via SWIFT Università di Bergamo, 19 marzo 2014 Flavio Caricasole Responsabile Estero Commerciale e Sistemi di Pagamento flavio.caricasole@ubibanca.it PSD

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Le scelte per la media impresa tra debito e capitale

Le scelte per la media impresa tra debito e capitale IFFI 10 edizione VALORIZZARE L IMPRESA E ATTRARRE GLI INVESTITORI La liquidità dei mercati finanziari per lo sviluppo delle imprese Le scelte per la media impresa tra debito e capitale MILANO, 11 Novembre

Dettagli

L Europa dei pagamenti negli anni del turmoil SEPA PROGRESS. Le imprese Italiane di fronte alla SEPA

L Europa dei pagamenti negli anni del turmoil SEPA PROGRESS. Le imprese Italiane di fronte alla SEPA L Europa dei pagamenti negli anni del turmoil SEPA PROGRESS Roma, 16 giugno 2009 Le imprese Italiane di fronte alla SEPA Servizi di Amministrazione Ciclo Attivo - Telecom Italia SpA Membro del Consiglio

Dettagli

Storia e Missione. 1946 Fondazione

Storia e Missione. 1946 Fondazione Storia e Missione 1946 Fondazione Fondata nel 1946 da Banca Commerciale Italiana, Credito Italiano e Banco di Roma, le tre banche pubbliche di interesse nazionale Missione: contribuire alla ricostruzione

Dettagli

Profilo del Gruppo Mediobanca 30 giugno 2013

Profilo del Gruppo Mediobanca 30 giugno 2013 Mediobanca 30 giugno 2013 Storia e missione 1946 Fondazione Anni 1950-70 Sviluppo Anni 1970-80 Ristrutturazione dell industria italiana Fondata nel 1946 da Comit, Credit e Banco di Roma, le tre banche

Dettagli

+39 02 414931 +39 02 65594203. Community consulenza nella comunicazione Brunswick +39 02 89404231 + 39 02 92 88 62 04/203

+39 02 414931 +39 02 65594203. Community consulenza nella comunicazione Brunswick +39 02 89404231 + 39 02 92 88 62 04/203 Capgemini Contacts: Merrill Lynch Contacts: Raffaella Poggio Martina Corak raffaella.poggio@capgemini.com martina_corak@ml.com +39 02 414931 +39 02 65594203 Community consulenza nella comunicazione Brunswick

Dettagli

La nostra indipendenza vi garantisce scelte di gestione perfettamente obiettive

La nostra indipendenza vi garantisce scelte di gestione perfettamente obiettive AL VOSTRO SERVIZO Forte di oltre 50 anni di esperienza, PKB ha acquisito una profonda conoscenza delle esigenze di privati e famiglie, imprenditori, liberi professionisti e dirigenti. È quindi in grado

Dettagli

SOLUZIONI PER OPERARE CON L ESTERO

SOLUZIONI PER OPERARE CON L ESTERO SOLUZIONI PER OPERARE CON L ESTERO ORIENTARSI NEL BUSINESS INTERNAZIONALE L attività con l estero rappresenta un area di business di estrema importanza per molte imprese italiane. Operare nei mercati internazionali,

Dettagli

Materiali a cura degli studenti Cattelan Rachele, Marchesini Alessandra, Stupiggia Serena

Materiali a cura degli studenti Cattelan Rachele, Marchesini Alessandra, Stupiggia Serena Le imprese europee risulteranno più colpite delle imprese statunitensi? Materiali a cura degli studenti Cattelan Rachele, Marchesini Alessandra, Stupiggia Serena Da Basilea II a Basilea III Basilea II

Dettagli

Introduzione all attività bancaria

Introduzione all attività bancaria Università Bicocca - Milano Anno Accademico 2007 / 2008 Introduzione all attività bancaria Corso di Risk Management Milano, 27 Febbraio 2008 1 Organizzazione Lezioni nella fascia oraria 16,45-19,00 Ricevimenti

Dettagli

Le imprese e la SEPA Completare la migrazione entro il 1 febbraio 2016

Le imprese e la SEPA Completare la migrazione entro il 1 febbraio 2016 Comitato PagamentiItalia Le imprese e la SEPA Completare la migrazione entro il 1 febbraio 2016 Nel 2014 gli schemi di bonifico e addebito diretto SEPA (Single Euro Payments Area) hanno definitivamente

Dettagli

Indice. Prefazione, di Tancredi Bianchi XIII. Presentazione della seconda edizione, di Giancarlo Forestieri XVII

Indice. Prefazione, di Tancredi Bianchi XIII. Presentazione della seconda edizione, di Giancarlo Forestieri XVII Prefazione, di Tancredi Bianchi Presentazione della seconda edizione, di Giancarlo Forestieri XIII XVII Parte prima Il mercato, le istituzioni e gli strumenti di valutazione 1 Il sistema finanziario e

Dettagli

4 TRADE & FINANCE I-EFFICIENT

4 TRADE & FINANCE I-EFFICIENT 4 TRADE & FINANCE I-EFFICIENT La suite di prodotti 4 Trade & Finance I-Efficient copre tutta l operatività relativa all importazione ed all esportazione di merci ed alle relative forme di pagamenti. I-Efficient

Dettagli

Profilo del Gruppo Mediobanca. Sezione 1.1

Profilo del Gruppo Mediobanca. Sezione 1.1 Profilo del Gruppo Mediobanca Sezione 1.1 Storia e missione 1946 Fondazione Fondata nel 1946 da Comit, Credit e Banco di Roma, le tre banche pubbliche di interesse nazionale Missione: contribuire alla

Dettagli

Schema per il mapping delle Business Lines (Versione del 14 giugno 2005)

Schema per il mapping delle Business Lines (Versione del 14 giugno 2005) Schema per il mapping delle Business Lines (Versione del 14 giugno 2005) Premessa Il presente documento, approvato dal Comitato Guida, è una rielaborazione della tabella mapping business lines già comunicata

Dettagli

IL GRUPPO AZIMUT. Aprile 2015

IL GRUPPO AZIMUT. Aprile 2015 IL GRUPPO AZIMUT Aprile 2015 IL GRUPPO AZIMUT Azimut è la più grande realtà finanziaria indipendente attiva nel mercato del risparmio gestito italiano Dal 7 Luglio 2004 è quotata alla Borsa di Milano e

Dettagli

Indice DAL PRIMO MINIBOND ITALIANO AL FONDO PROGETTO MINIBOND ITALIA: IL RUOLO 1 DI ADVISOR DI ADB

Indice DAL PRIMO MINIBOND ITALIANO AL FONDO PROGETTO MINIBOND ITALIA: IL RUOLO 1 DI ADVISOR DI ADB Indice DAL PRIMO MINIBOND ITALIANO AL FONDO PROGETTO MINIBOND ITALIA: IL RUOLO 1 DI ADVISOR DI ADB Chi siamo Consulenza di Investimento ADB Analisi Dati Borsa mette a disposizione dei suoi Clienti il know-how

Dettagli

Overview del settore Wealth Management Luca Caramaschi Università di Parma. 6 maggio 2015

Overview del settore Wealth Management Luca Caramaschi Università di Parma. 6 maggio 2015 Overview del settore Wealth Management Università di Parma 6 maggio 2015 Overview e trend del settore Wealth Management 2 Overview del settore Wealth Management - Università di Parma - 06.05.2015 Il Mercato

Dettagli

CORSO BASE TESORERIA AITI. Il Risk Management in azienda

CORSO BASE TESORERIA AITI. Il Risk Management in azienda CORSO BASE TESORERIA AITI Il Risk Management in azienda Agenda Introduzione al Risk Management in azienda Il Rischio Liquidità (cenni) Il Rischio di Credito (cenni) Il Financial Risk Management: definizione

Dettagli

Expanding the Horizons of Payment System Development. Università Luiss «Guido Carli» Sala delle Colonne Viale Pola, 12 Roma

Expanding the Horizons of Payment System Development. Università Luiss «Guido Carli» Sala delle Colonne Viale Pola, 12 Roma Expanding the Horizons of Payment System Development Università Luiss «Guido Carli» Sala delle Colonne Viale Pola, 12 Roma Domenico Santececca Vice Direttore Generale ICBPI I sistemi di pagamento: confronto

Dettagli

Da vincolo a risorsa strategica

Da vincolo a risorsa strategica La gestione della tesoreria aziendale: Aspetti organizzativi, di previsione e di controllo della risorsa finanziaria Da vincolo a risorsa strategica Giuseppe Santoro 1 Finanza strategica Sotto questo aspetto

Dettagli

Il contributo si focalizza sugli aspetti organizzativi/ funzionali connessi allo sviluppo/ implementazione dei sistemi di rating interno

Il contributo si focalizza sugli aspetti organizzativi/ funzionali connessi allo sviluppo/ implementazione dei sistemi di rating interno IL CONTRIBUTO DI UNICREDITO ITALIANO AL PROGETTO DI RICERCA Rating interni e controllo del rischio di credito Esperienze, problemi, Soluzioni Milano - 31 marzo 2004 NEWFIN Centro Studi sull innovazione

Dettagli

Corporate e Private Banking. Sezione 2

Corporate e Private Banking. Sezione 2 Corporate e Private Banking Sezione 2 CIB Mediobanca : punti di forza Marchio affermato, forte identità aziendale Modello di business in linea con le nuove normative Approccio integrato orientato al cliente

Dettagli

Il CBI a supporto dell'innovazione delle imprese nel contesto internazionale

Il CBI a supporto dell'innovazione delle imprese nel contesto internazionale Il CBI a supporto dell'innovazione delle imprese nel contesto Liliana Fratini Passi Direttore Generale Consorzio CBI Firenze, 22 giugno 2012 Agenda della sessione n Il CBI a supporto dell'innovazione delle

Dettagli

COMUNICATO STAMPA BANCA IMI: APPROVATI I RISULTATI AL 31 MARZO 2015

COMUNICATO STAMPA BANCA IMI: APPROVATI I RISULTATI AL 31 MARZO 2015 COMUNICATO STAMPA BANCA IMI: APPROVATI I RISULTATI AL 31 MARZO 2015 Risultato netto consolidato di 228 milioni di euro, in aumento del 26% rispetto ai 181 milioni al 31 marzo 2014 Margine di intermediazione

Dettagli

Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 30.06.2015 Il Piano Industriale 2015-2017. Roma, 23.09.2015

Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 30.06.2015 Il Piano Industriale 2015-2017. Roma, 23.09.2015 Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 30.06.2015 Il Piano Industriale 2015-2017 Roma, 23.09.2015 Agenda I Profilo del Gruppo II Dinamica delle attività III Risultati di esercizio al 30.06.2015

Dettagli

Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia. Roma, 21 maggio 2013. Giovanni Sabatini

Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia. Roma, 21 maggio 2013. Giovanni Sabatini Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia Roma, 21 maggio 2013 Giovanni Sabatini Lo scenario di riferimento macro La dinamica del mercato del credito Risultati 2012 Primo trimestre 2013 Prospettive

Dettagli

Partnership di mercato ed outsourcing per affrontare le prossime sfide

Partnership di mercato ed outsourcing per affrontare le prossime sfide Partnership di mercato ed outsourcing per affrontare le prossime sfide Convegno Carte 2007 Roma, 26 novembre 2007 Giorgio Avanzi Direttore Generale CartaSi S.p.A. Le scadenze SEPA modificano scenari sino

Dettagli

Indice. Presentazione, di Roberto Ruozi. pag. xiii

Indice. Presentazione, di Roberto Ruozi. pag. xiii Presentazione, di Roberto Ruozi 1 L attività bancaria 1.1 Una definizione di banca 1.2 Le origini del sistema bancario moderno 1.3 L evoluzione del sistema creditizio nel quadro europeo: concorrenza e

Dettagli

L esperienza del Consorzio Operativo Gruppo Monte dei Paschi di Siena

L esperienza del Consorzio Operativo Gruppo Monte dei Paschi di Siena SPIN 2006 Roma, 16 giugno Il Business case per ISO 20022 L esperienza del Consorzio Operativo Gruppo Monte dei Paschi di Siena Gloriana Dall Oglio CONSORZIO OPERATIVO GRUPPO MPS Divisione ICT - Direzione

Dettagli

Consiglio di Amministrazione di Mediobanca

Consiglio di Amministrazione di Mediobanca Consiglio di Amministrazione di Mediobanca Milano, 27 ottobre 2015 Approvata la relazione trimestrale al 30/09/2015 Utile netto a 244m, miglior risultato trimestrale degli ultimi 5 anni Margine di interesse

Dettagli

Schroder ISF EURO Short Term Bond

Schroder ISF EURO Short Term Bond Pagina 1 Indice Review su mercato e fondo pag. 2 Il mercato Il fondo Cosa ci aspettiamo dal mercato e dal fondo pag. 3 Uno sguardo al mercato Le scelte strategiche I risultati di pag. 4 Descrizione del

Dettagli

MERCHANT - Loan Capital Union

MERCHANT - Loan Capital Union MERCHANT - Loan Capital Union La Società Loan Credit Union S.p.A. offre un approccio diretto alla tesoreria di impresa, intesa come area da cui trarre profitti, tramite investimenti e gestioni costituiti

Dettagli

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio Glossario Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio (nell accezione accolta nella Relazione e con esclusione dei termini entrati nel lessico comune italiano oppure inseriti in un contesto

Dettagli

PAYMENT RESEARCH PROGRAM 2009-2012

PAYMENT RESEARCH PROGRAM 2009-2012 DO YOU SEPA? 2010 PAYMENT RESEARCH PROGRAM 2009-2012 Chiara Frigerio CeTIF in collaborazione con 1 Dinamiche evolutive del business dei pagamenti Fattori Socio-culturali SEPA Evoluzione del mercato Sistemi

Dettagli

Il tramonto del risk free: flessibilità e disciplina come bussola per la navigazione

Il tramonto del risk free: flessibilità e disciplina come bussola per la navigazione c è una rotta fuori dai porti sicuri? Il tramonto del risk free: flessibilità e disciplina come bussola per la navigazione Giovanni Landi, Senior Partner Anthilia Capital Partners Anthilia Capital Partners

Dettagli

Il RAPPORTO BANCA-IMPRESA Spunti per la gestione efficiente della liquidità e la transizione a SEPA

Il RAPPORTO BANCA-IMPRESA Spunti per la gestione efficiente della liquidità e la transizione a SEPA Il RAPPORTO BANCA-IMPRESA Spunti per la gestione efficiente della liquidità e la transizione a SEPA ABI SPIN, Payment and Cash Management Napoli, 11/06/2013 Lidia Scarpelli Financial Banking Director DDway

Dettagli

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business I risultati della survey Workshop Milano,12 giugno 2012 Il campione 30 SGR aderenti, rappresentative di circa il 75% del patrimonio

Dettagli

Santander Private Banking Italia

Santander Private Banking Italia Presentazione commerciale Settembre 2010 Italia Presentazione a A.N.P.E.C. 1 Presentación del Banco Messaggio pubblicitario con finalità promozionali Una banca di cui fidarsi* > Sono molte le ragioni per

Dettagli

PSD: dalla compliance all evoluzione dell offerta bancaria nei servizi di pagamento. Paolo Zanchi Responsabile Settore Monetica, Incassi e Pagamenti

PSD: dalla compliance all evoluzione dell offerta bancaria nei servizi di pagamento. Paolo Zanchi Responsabile Settore Monetica, Incassi e Pagamenti PSD: dalla compliance all evoluzione dell offerta bancaria nei servizi di pagamento Paolo Zanchi Responsabile Settore Monetica, Incassi e Pagamenti Agenda Scenario evolutivo ed elementi di innovazione

Dettagli

RAFFORZARE L'ECOSISTEMA DEL CAPITALE DI RISCHIO: COSA HA FATTO IL FONDO ITALIANO

RAFFORZARE L'ECOSISTEMA DEL CAPITALE DI RISCHIO: COSA HA FATTO IL FONDO ITALIANO RAFFORZARE L'ECOSISTEMA DEL CAPITALE DI RISCHIO: COSA HA FATTO IL FONDO ITALIANO Roma, 28 giugno 2013 Luigi Tommasini Senior Partner Funds-of-Funds CONTENUTO Il Fondo Italiano di Investimento: fatti e

Dettagli

SDA Bocconi School of Management. seconda edizione

SDA Bocconi School of Management. seconda edizione SDA Bocconi School of Management seconda edizione l obiettivo del progetto formativo Creare condivisione, costruire e rafforzare l alleanza tra management della banca e direttori di filiale, fondata sulla

Dettagli

Il caso del Gruppo Generali

Il caso del Gruppo Generali Carlo Cavazzoni Direttore Generale Simgenia Gian Luigi Costanzo Amministratore Delegato Generali Asset Management Il caso del Gruppo Generali Sommario Θ Trend del mercato Θ L approccio di Generali al mercato

Dettagli

Finanza strutturata. Structured Loans: - semplificazione processi - automazione - governo e controllo. Luca Fontana.

Finanza strutturata. Structured Loans: - semplificazione processi - automazione - governo e controllo. Luca Fontana. Finanza strutturata Structured Loans: - semplificazione processi - automazione - governo e controllo Luca Fontana 27 Ottobre 2010 Senior Executive Banking Consultant Italy Contesto di riferimento Operazioni

Dettagli

Il CREDITO NON BANCARIO: OPPORTUNITA E LIMITI. Il fondo di debito: un nuovo protagonista del mercato finanziario italiano Roma 22 ottobre 2013

Il CREDITO NON BANCARIO: OPPORTUNITA E LIMITI. Il fondo di debito: un nuovo protagonista del mercato finanziario italiano Roma 22 ottobre 2013 Il CREDITO NON BANCARIO: OPPORTUNITA E LIMITI Giovanni Guazzarotti Servizio Studi di Struttura Economica e Finanziaria della Banca d Italia Il fondo di debito: un nuovo protagonista del mercato finanziario

Dettagli

Deutsche Bank Spa - Divisione Private & Business Clients

Deutsche Bank Spa - Divisione Private & Business Clients Deutsche Bank Spa - Divisione Private & Business Clients Modelli Organizzativi e Sistemi Informatici a Supporto del Segmento Private Banking - L Esperienza Deutsche Bank Italia Milano, 14 Ottobre 2004

Dettagli

GP Private. Servizio d'investimento commercializzato da: Sede legale e direzione generale 38122 Trento - Via Segantini, 5 +39.0461.

GP Private. Servizio d'investimento commercializzato da: Sede legale e direzione generale 38122 Trento - Via Segantini, 5 +39.0461. GP Private Servizio d'investimento commercializzato da: Sede legale e direzione generale 38122 Trento - Via Segantini, 5 +39.0461.313111 www.cassacentrale.it Messaggio pubblicitario. Non costituisce offerta

Dettagli

Portafoglio Invesco a cedola Profilo "dinamico"

Portafoglio Invesco a cedola Profilo dinamico Portafoglio Invesco a cedola Profilo "dinamico" Questo documento è riservato per i Clienti Professionali/Investitori Qualificati e/o Soggetti Collocatori in Italia e non per i clienti finali. È vietata

Dettagli

Mitigazione del rischio PMI e interventi FEI

Mitigazione del rischio PMI e interventi FEI San Miniato, 13 maggio 2011 Alessandro Tappi Head, Guarantees & Securitisation Crisi finanziaria e gestione dei rischi negli intermediari finanziari Mitigazione del rischio PMI e interventi FEI Indice

Dettagli

Agenda. La società. Industries. I servizi. Credentials. Il network. I contatti

Agenda. La società. Industries. I servizi. Credentials. Il network. I contatti Company profile Agenda La società Industries I servizi Credentials Il network I contatti 1 La società Profile KEP Consulting è una società di consulenza indipendente creata da professionisti con esperienza

Dettagli

La gestione della tesoreria anticipata. mercoledì 4 giugno 14

La gestione della tesoreria anticipata. mercoledì 4 giugno 14 La gestione della tesoreria anticipata Da Basilea 2 a Basilea 3 Credit Crunch! Ad oggi i rapporti con le banche rappresentano un area di criticità per le aziende. Con l avvicinarsi di Basilea 3 lo scenario

Dettagli

EUROMOBILIARE LIFE MULTIMANAGER ADVANCED (Tariffa 60048)

EUROMOBILIARE LIFE MULTIMANAGER ADVANCED (Tariffa 60048) EUROMOBILIARE LIFE MULTIMANAGER ADVANCED (Tariffa 60048) Reggio Emilia, 28 febbraio 2015 Oggetto: aggiornamento delle informazioni sugli OICR esterni riportate nel Documento Informativo Gentile Cliente,

Dettagli

La consulenza finanziaria del Gruppo Cariparma C.A.

La consulenza finanziaria del Gruppo Cariparma C.A. La consulenza finanziaria del Gruppo Cariparma C.A. La piattaforma a supporto delle scelte di investimento delle famiglie nel contesto di un grande Gruppo Bancario internazionale. Milano, 18 aprile 2013

Dettagli

LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE

LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE EQUILIBRI FONDAMENTALI DELLA GESTIONE ECONOMICA E FINANZIARIA 2 SAPRESTE RISPONDERE A QUESTE DOMANDE? Perché le banche concedono prestiti? Come acquisiscono fondi?

Dettagli

La consulenza Finanziaria

La consulenza Finanziaria Convegno AIPB/ODCEC La consulenza Finanziaria Dott. Federico Taddei 22/03/2012 - luogo S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Agenda Modello di servizio e analisi delle criticità Modelli di servizio

Dettagli

Il portafogliodi proprietà

Il portafogliodi proprietà Economia e Gestione degli Intermediari Finanziari Set 5 Il portafogliodi proprietà LIUC Università Cattaneo A.A. 2014-2015 Valter Lazzari I temi della lezione Il portafoglio di proprietà Trading Book Banking

Dettagli

Un new deal per il liquidity pricing

Un new deal per il liquidity pricing Un new deal per il liquidity pricing Pasquale La Ganga Banca d Italia Dipartimento di Vigilanza Bancaria e Finanziaria Ispettorato Vigilanza - Corpo ispettivo Università La Sapienza di Roma Roma, 28 febbraio

Dettagli

BANCA AKROS. Una costante attività di analisi finanziaria è alla base dei servizi specializzati che Banca Akros offre alla propria clientela.

BANCA AKROS. Una costante attività di analisi finanziaria è alla base dei servizi specializzati che Banca Akros offre alla propria clientela. BANCA AKROS Banca Akros, banca d investimento e di private banking del gruppo Banca Popolare di Milano, è un punto di riferimento per investitori istituzionali, aziende e privati che operano sui mercati

Dettagli

BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA: APPROVATO IL PIANO INDUSTRIALE 2013-2017

BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA: APPROVATO IL PIANO INDUSTRIALE 2013-2017 COMUNICATO STAMPA BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA: APPROVATO IL PIANO INDUSTRIALE 2013-2017 Il documento declina le linee strategiche e operative del Piano di Ristrutturazione presentato il 7 ottobre 2013

Dettagli

Le novità del CBI a seguito del progetto SEPA e della PSD

Le novità del CBI a seguito del progetto SEPA e della PSD SPIN 2010 Le novità del CBI a seguito del progetto SEPA e della PSD Liliana Fratini Passi Segretario Generale Consorzio CBI Membro dell Expert Group on Electronic Invoicing della Commissione Europea Roma

Dettagli

CONTENUTI DOCUMENTO. SEPA (Single Euro Payments Area) SEPA Credit Transfer. SEPA Direct Debit. Glossario

CONTENUTI DOCUMENTO. SEPA (Single Euro Payments Area) SEPA Credit Transfer. SEPA Direct Debit. Glossario LA SEPA IN BREVE CONTENUTI DOCUMENTO SEPA (Single Euro Payments Area) SEPA Credit Transfer SEPA Direct Debit SEDA Glossario 2 COS È SEPA SEPA La SEPA, Single Euro Payments Area (Area Unica dei Pagamenti

Dettagli

Il Rating e il Pricing Risk Adjusted dei nuovi finanziamenti delle banche

Il Rating e il Pricing Risk Adjusted dei nuovi finanziamenti delle banche S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO IL RAPPORTO BANCA-IMPRESA Il Rating e il Pricing Risk Adjusted dei nuovi finanziamenti delle banche ROBERTO RIZZO 21 NOVEMBRE 2014 MILANO Agenda Premessa

Dettagli

INSIEME PER L IMPRESA. La forma e la sostanza.

INSIEME PER L IMPRESA. La forma e la sostanza. INSIEME PER L IMPRESA La forma e la sostanza. 2 La cultura d impresa è un patrimonio prezioso come i capitali e le buone consulenze. BANCA D IMPRESA SI NASCE ESPERIENZA, SPECIALIZZAZIONE E ORGANIZZAZIONE

Dettagli

Tecnica bancaria programma II modulo

Tecnica bancaria programma II modulo Tecnica bancaria programma II modulo Università degli Studi di Trieste Facoltà di Economia e Commercio Deams Dipartimento di Economia Aziendale Matematica e Statistica Tecnica Bancaria 520EC Marco Galdiolo

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015

Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015 Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015 Data/Ora Ricezione 27 Marzo 2015 18:58:41 MOT - DomesticMOT Societa' : BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Identificativo Informazione Regolamentata : 55362 Nome utilizzatore

Dettagli

Rapporto ABI 2010 sul settore bancario in Italia. Roma, 24 maggio 2010. Giovanni Sabatini

Rapporto ABI 2010 sul settore bancario in Italia. Roma, 24 maggio 2010. Giovanni Sabatini Rapporto ABI 2010 sul settore bancario in Italia Roma, 24 maggio 2010 Giovanni Sabatini Agenda 1. Scenario operativo nei mercati bancari 2. Redditività 3. Analisi comparata dei risultati economici di bilancio

Dettagli

Modelli di servizio e criticità (l esperienza di Ersel SIM S.p.A.)

Modelli di servizio e criticità (l esperienza di Ersel SIM S.p.A.) LA CONSULENZA FINANZIARIA Modelli di servizio e criticità (l esperienza di Ersel SIM S.p.A.) Dott. Federico Taddei 11 maggio 2012 - Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Agenda Modello

Dettagli

Business Plan 14-16 - Indirizzi strategici e target di Gruppo. Sezione 1.4

Business Plan 14-16 - Indirizzi strategici e target di Gruppo. Sezione 1.4 Business Plan 14-16 - Indirizzi strategici e target di Gruppo Sezione 1.4 Linee guida Piano Strategico 2014-16 1 Semplificare il modello di business, ridurre l esposizione al comparto azionario 2 Confermare

Dettagli

Valutazione d azienda: Rating, Corporate Risk & Capital Management. Stefano Palladini

Valutazione d azienda: Rating, Corporate Risk & Capital Management. Stefano Palladini Valutazione d azienda: Rating, Corporate Risk & Capital Management Stefano Palladini 18 novembre 2014 Capital Management Rating Assessment Innovazioni Applicazioni Rating Esterni Corporate Banking Aziende

Dettagli

Il nuovo scenario dei servizi di International Payment, CM e Trade a supporto dei nuovi modelli di business

Il nuovo scenario dei servizi di International Payment, CM e Trade a supporto dei nuovi modelli di business Videopresentazione-ITA-P1 Le informazioni contenute in questo documento sono di proprietà di Value Partners S.p.A. e del destinatario del documento. Tali informazioni sono strettamente legate ai commenti

Dettagli

La banca quale partner per affiancare l'impresa nello sviluppo dei progetti di internazionalizzazione.

La banca quale partner per affiancare l'impresa nello sviluppo dei progetti di internazionalizzazione. Investire in Francia Nuove opportunità di insediamento e incentivi messi a disposizione dal governo francese Assolombarda Milano, 6 Aprile 2011 La banca quale partner per affiancare l'impresa nello sviluppo

Dettagli

PIANO INDUSTRIALE 2011-2013/2015

PIANO INDUSTRIALE 2011-2013/2015 COMUNICATO STAMPA PIANO INDUSTRIALE 2011-2013/2015 Qualità coniugata a redditività alla base del nuovo Piano Industriale di UBI UBI si pone come obiettivo un utile netto (escluso l effetto della PPA) pari

Dettagli

Risultati di Gruppo 2014. 12 Febbraio 2015

Risultati di Gruppo 2014. 12 Febbraio 2015 Risultati di Gruppo 214 12 Febbraio 215 Principali evidenze del 214 Superati tutti gli obiettivi di crescita per il 214: Impieghi in crescita di 1.57 milioni rispetto all obiettivo annunciato di un miliardo

Dettagli

PIANO INDUSTRIALE 2015-2017.

PIANO INDUSTRIALE 2015-2017. PIANO INDUSTRIALE 2015-2017. LINEE GUIDA DEL PIANO 1. Incremento dei ricavi attraverso una maggiore spinta sui mercati e una migliore gestione del portafoglio clienti con focus sui proventi commissionali

Dettagli

Il ruolo del credito per favorire l integrazione

Il ruolo del credito per favorire l integrazione Il ruolo del credito per favorire l integrazione Corrado Piazzalunga Direttore Regione Commerciale Ovest Forte di Bard, 26 settembre 2008 AGENDA Le caratteristiche delle imprese italiane: struttura finanziaria

Dettagli

che si riflette in una maggiore e impellente richiesta di advice

che si riflette in una maggiore e impellente richiesta di advice che si riflette in una maggiore e impellente richiesta di advice Utilizzo di un servizio di consulenza (contrattualizzato) ad un costo aggiuntivo Non si avvale di un servizio/contratto di consulenza ad

Dettagli

Funding & Capital Markets Forum 2016 Sessione Parallela C1 - Le emissioni obbligazionarie da parte delle PMI

Funding & Capital Markets Forum 2016 Sessione Parallela C1 - Le emissioni obbligazionarie da parte delle PMI Funding & Capital Markets Forum 2016 Sessione Parallela C1 - Le emissioni obbligazionarie da parte delle PMI Cristiano Galli Milano, 12 maggio 2016 Agenda I II III IV Il contesto di riferimento: ipotesi

Dettagli

"Il credito alle famiglie tra rischi, opportunità, direttiva europea e crisi finanziaria: il ruolo delle banche".

Il credito alle famiglie tra rischi, opportunità, direttiva europea e crisi finanziaria: il ruolo delle banche. "Il credito alle famiglie tra rischi, opportunità, direttiva europea e crisi finanziaria: il ruolo delle banche". Convegno Credito alle Famiglie 2009 Roma, 23.6.2009 - Palazzo Altieri Luciano Ambrosone

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Focalizzazione su efficienza operativa del Gruppo» Costi amministrativi in calo dell 1,1% a termini omogenei

COMUNICATO STAMPA. Focalizzazione su efficienza operativa del Gruppo» Costi amministrativi in calo dell 1,1% a termini omogenei COMUNICATO STAMPA PRESS OFFICE Tel. +39.040.671180 - Tel. +39.040.671085 press@generali.com INVESTOR RELATIONS Tel. +39.040.671202 - Tel. +39.040.671347 - generali_ir@generali.com www.generali.com RISULTATI

Dettagli

Seminario: La Banca Digitale e le Reti Distributive Bancarie

Seminario: La Banca Digitale e le Reti Distributive Bancarie Seminario: La Banca Digitale e le Reti Distributive Bancarie Dipartimento di Management Roma, 1 aprile 2015 Agenda Indice degli argomenti Le strategie di segmentazione nel Retail Banking (Privati, Poe

Dettagli

Strumenti a sostegno dell internazionalizzazione delle imprese. Andrea Fiori Ufficio Internazionalizzazione Imprese

Strumenti a sostegno dell internazionalizzazione delle imprese. Andrea Fiori Ufficio Internazionalizzazione Imprese Strumenti a sostegno dell internazionalizzazione delle imprese Andrea Fiori Ufficio Internazionalizzazione Imprese Milano, 3 giugno 2014 Interscambio commerciale, settore Manifatturiero Italia 5 partner

Dettagli