QUASI QUASI INVESTO IN Scelte di investimento e risparmio - Fondamenti di teoria finanziaria -

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "QUASI QUASI INVESTO IN Scelte di investimento e risparmio - Fondamenti di teoria finanziaria -"

Transcript

1 QUASI QUASI INVESTO IN Scelte di investimento e risparmio - Fondamenti di teoria finanziaria - Materiale a cura di Cristiano Iacopozzi VIGNOLE 16 APRILE 2012

2 PARTE I: PRINCIPI GENERALI FINANZA 2

3 PRINCIPI DI TEORIA FINANZIARIA OBIETTIVI di INVESTIMENTO RELAZIONE RISCHIO/ RENDIMENTO/ ORIZZONTE TEMPORALE ASSET CLASS PRIMARIE REGOLE DI INVESTIMENTO 3

4 PRINCIPI DI TEORIA FINANZIARIA OBIETTIVI di INVESTIMENTO: DIFESA NOMINALE del CAPITALE DIFESA REALE del CAPITALE ACCRESCIMENTO MODERATO del POTERE D ACQUISTO AUMENTO SIGNIFICATIVO del POTERE D ACQUISTO 4

5 PRINCIPI DI TEORIA FINANZIARIA OBIETTIVI di INVESTIMENTO l inflazione: Nell obbiettivo di conseguire un rendimento competitivo con l inflazione, bisogna ricordare attentamente che l inflazione ha una proprietà particolarmente negativa per l investitore, ovvero l inflazione tende ad aumentare a tasso composto. Ad esempio se per due anni l inflazione risulta pari al 5%, al termine del secondo anno l aumento dei prezzi al consumo non sarà stato pari al 10%, ma al 10,25%. 5

6 PRINCIPI DI TEORIA FINANZIARIA OBIETTIVI di INVESTIMENTO l inflazione: Considerato che l inflazione si autoalimenta a tasso composto, è indispensabile che gli investitori mettano in atto una regola aurea per la gestione del proprio portafoglio finanziario, ovvero: REINVESTIRE I FLUSSI FINANZIARI NELLO STESSO STRUMENTO FINANZIARIO CHE LI HA GENERATI 6

7 PRINCIPI DI TEORIA FINANZIARIA OBIETTIVI di INVESTIMENTO: 1) DIFESA NOMINALE del CAPITALE: significa inserire in portafoglio strumenti finanziari caratterizzati da una volatilità contenuta, che consentano su un orizzonte annuale di conseguire almeno la certezza del recupero del capitale investito. Ciò significa che la quota delle asset class rischiose (azionario ed obbligazioni con rischio emittente) non dovrebbe superare il 5% del portafoglio. 7

8 PRINCIPI DI TEORIA FINANZIARIA OBIETTIVI di INVESTIMENTO: 2) DIFESA REALE del CAPITALE: corrisponde alla necessità di ottenere un rendimento almeno in linea con quello dell inflazione su un orizzonte non superiore ai 3 anni. Per raggiungere un simile risultato, si dovrebbe inserire in portafoglio, preliminarmente provvedendo all eliminazione del rischio specifico, di una quota compresa tra il 15% ed il 25% di asset class rischiose (azionario e rischio emittente). 8

9 PRINCIPI DI TEORIA FINANZIARIA OBIETTIVI di INVESTIMENTO: 3) ACCRESCIMENTO MODERATO del POTERE D ACQUISTO del CAPITALE: significa puntare al conseguimento nel medio periodo (5 anni), di un rendimento superiore di almeno l 1% a quello prodotto dall inflazione. Per ottenere questo risultato occorre inserire una quota di attività rischiose all incirca pari al 40%. 9

10 PRINCIPI DI TEORIA FINANZIARIA OBIETTIVI di INVESTIMENTO: 4) ACCRESCIMENTO SIGNIFICATIVO del POTERE D ACQUISTO del CAPITALE: in questo caso si punta a conseguire un rendimento superiore di almeno 3 punti percentuali a quello dell inflazione, presumibilmente in un orizzonte di investimento lungo ( 7 anni). Per ottenere tale risultato occorre inserire una quota di attività rischiose nell ordine del 55%/60% del portafoglio ed effettuare anche una gestione tattica del portafoglio, ovvero cercare di cogliere le tendenze di medio/breve termine dei mercati finanziari, mediante l effettuazione di opportuni switch all interno del portafoglio. 10

11 PRINCIPI DI TEORIA FINANZIARIA RELAZIONE RISCHIO/ RENDIMENTO/ ORIZZONTE TEMPORALE: ORIZZONTE TEMPORALE (o HOLDING PERIOD): il periodo al termine del quale si intende valutare la performance del portafoglio 11

12 PRINCIPI DI TEORIA FINANZIARIA RELAZIONE RISCHIO/ RENDIMENTO/ ORIZZONTE TEMPORALE: RENDIMENTO ATTESO RENDIMENTO ATTESO: il rendimento stimato al momento dell effettuazione dell investimento, da non confondere con il rendimento ex post, cioè con il rendimento ottenuto al termine dell orizzonte temporale prescelto 12

13 PRINCIPI DI TEORIA FINANZIARIA RELAZIONE RISCHIO/ RENDIMENTO/ ORIZZONTE TEMPORALE: RISCHIO: si definisce come la possibilità che il rendimento ex post diverga da quello ex ante. 13

14 PRINCIPI DI TEORIA FINANZIARIA RELAZIONE RISCHIO/ RENDIMENTO/ ORIZZONTE TEMPORALE: RISCHIO SISTEMATICO RISCHIO SISTEMATICO: è la componente di rischio non diversificabile, legata all andamento del mercato nel suo complesso. Solitamente a maggiore rischio sistematico dovrebbe corrispondere un maggiore rendimento atteso 14

15 PRINCIPI DI TEORIA FINANZIARIA RELAZIONE RISCHIO/ RENDIMENTO/ ORIZZONTE TEMPORALE: RISCHIO SPECIFICO RISCHIO SPECIFICO: è la componente di rischio diversificabile, legata all andamento della singola azienda. In quanto diversificabile, essa non prevede alcuna remunerazione, quindi non è sensato assumersi il rischio specifico, ma è opportuno procedere alla sua eliminazione/riduzione, mediante l inserimento in portafoglio di un adeguato numero di titoli non correlati (almeno 10 consentono di eliminare il 90% del rischio specifico), cioè caratterizzati da performance indipendenti l uno dall altro. 15

16 PRINCIPI DI TEORIA FINANZIARIA RELAZIONE RISCHIO/ RENDIMENTO/ ORIZZONTE TEMPORALE: Rendimento (in sigla E(r)) Rischio (in sigla σ) 16

17 PRINCIPI DI TEORIA FINANZIARIA RELAZIONE RISCHIO/ RENDIMENTO/ ORIZZONTE TEMPORALE: E(r) σ E(r) σ Orizzonte Temporale (H.P.) 17

18 PRINCIPI DI TEORIA FINANZIARIA RELAZIONE RISCHIO/ RENDIMENTO/ ORIZZONTE TEMPORALE: Più esattamente: E(r) cresce linearmente al crescere dell orizzonte temporale: se quindi il rendimento atteso a 1 anno è il 3%, a 2 anni sarà il 6%, per quanto bisognerebbe ricordarsi di applicare la regola del reinvestimento dei flussi intermedi, ovvero di ottenere il tasso composto di cui si è parlato alla diapositiva 5 σ cresce invece in maniera quadratica al crescere dell orizzonte temporale: se la volatilità a 1 anno è il 3%, a 2 anni sarà 3 x 2, a 3 anni 3 x 3 e così via dicendo. 18

19 PRINCIPI DI TEORIA FINANZIARIA RELAZIONE RISCHIO/ RENDIMENTO/ ORIZZONTE TEMPORALE: In base alle considerazioni della diapositiva precedente, si intuisce perché, all estendersi dell orizzonte temporale di investimento, aumentano le probabilità di conseguire rendimento più competitivi in funzione delle aspettative di ogni singolo investitore. 19

20 PRINCIPI DI TEORIA FINANZIARIA MISURAZIONE RENDIMENTO ATTESO: LIQUIDITA E OBBLIGAZIONI: si misura con il TRES (Tasso di Rendimento Effettivo a Scadenza), ovviamente solo per i titoli a tasso fisso, step up/down e zero coupon. AZIONI: non è misurabile a priori per le singole azioni, si può solo stimare per gli indici di borsa con il reciproco del P/E (E/P x 100). COMMODITIES: non è misurabile a priori. 20

21 PRINCIPI DI TEORIA FINANZIARIA ASSET CLASS PRIMARIE: In tutto le ASSET CLASS PRIMARIE sono 4 (di cui 2 doppie), ovvero: LIQUIDITA o CASH OBBLIGAZIONI o BONDS (suddivise in OBBLIGAZIONI ESPOSTE AL SOLO RISCHIO TASSO ed OBBLIGAZIONI ESPOSTE AL SOLO RISCHIO EMITTENTE) AZIONARIO o EQUITY (suddiviso in AZIONARIO BLUE CHIP e AZIONARIO SMALL CAP) COMMODITIES o MATERIE PRIME 21

22 PRINCIPI DI TEORIA FINANZIARIA ASSET CLASS PRIMARIE LIQUIDITA definizione: Si fa riferimento ad obbligazioni caratterizzate da: ASSENZA di RISCHIO di CAMBIO ASSENZA di RISCHIO EMITTENTE ASSENZA di OPZIONI (in gergo si parla di obbligazioni cosiddette Plain Vanilla) TASSO FISSO o STEP UP con vita residua inferiore a 3 anni e TASSO VARIABILE PLAIN VANILLA a prescindere dalla scadenza 22

23 PRINCIPI DI TEORIA FINANZIARIA ASSET CLASS PRIMARIE LIQUIDITA prodotti finanziari: Obbligazioni Bancarie TV Plain Vanilla e Tasso Fisso/Step Up 3 anni BTP con vita residua inferiore a 3 anni BOT/CTZ/CCT (in quest ultimo titolo preferire scadenze non superiori ai 3 anni) Fondi di LIQUIDITA (categoria Assogestioni LAE) e Fondi MONETARI (categoria Assogestioni OEB) 23

24 PRINCIPI DI TEORIA FINANZIARIA ASSET CLASS PRIMARIE OBBLIGAZIONI ESPOSTE AL RISCHIO DI TASSO - definizione: Si fa riferimento ad obbligazioni caratterizzate da: ASSENZA di RISCHIO di CAMBIO ASSENZA di RISCHIO EMITTENTE ASSENZA di OPZIONI (in gergo si parla di obbligazioni cosiddette Plain Vanilla) TASSO FISSO o STEP UP con vita residua superiore a 3 anni 24

25 PRINCIPI DI TEORIA FINANZIARIA ASSET CLASS PRIMARIE OBBLIGAZIONI ESPOSTE AL RISCHIO DI TASSO prodotti finanziari: Obbligazioni Bancarie Tasso Fisso/Step Up con vita residua superiore a 3 anni BTP con vita residua superiore a 3 anni Fondi OBBLIGAZIONARI senza rischio cambio ma con duration sopra 2 anni (sicuramente la categoria Assogestioni OEM e da verificare su ogni singolo prodotto la categoria OIG) 25

26 PRINCIPI DI TEORIA FINANZIARIA ASSET CLASS PRIMARIE OBBLIGAZIONI ESPOSTE AL RISCHIO EMITTENTE definizione: Si tratta di obbligazioni caratterizzate dal rischio emittente (generalmente emittenti governativi con rating inferiore a BBB e emittenti societari con rating inferiore a A), cioè dalla possibilità che l emittente non sia in grado di onorare i propri impegni in termini di pagamento del capitale e/o degli interessi pattuiti contrattualmente. Solitamente su questa classe di attività sarebbe opportuno evitare il rischio specifico, cioè sarebbe preferibile non investire su un singolo emittente, ma diversificare il rischio acquistando un paniere sufficientemente ampio (almeno 10) di emittenti non correlati. 26

27 PRINCIPI DI TEORIA FINANZIARIA ASSET CLASS PRIMARIE AZIONARIO BLUE CHIP definizione: Si tratta di titoli di capitale (azioni ordinarie, privilegiate, risparmio e speciali) mediante le quali l investitore partecipa agli utili di un azienda. Le azioni BLUE CHIP sono quelle a maggiore capitalizzazione, solitamente con valore di mercato superiore a 1 miliardo di Euro. 27

28 PRINCIPI DI TEORIA FINANZIARIA ASSET CLASS PRIMARIE AZIONARIO BLUE CHIP prodotti finanziari: AZIONI ad ELEVATA CAPITALIZZAZIONE FONDI AZIONARI 28

29 PRINCIPI DI TEORIA FINANZIARIA ASSET CLASS PRIMARIE AZIONARIO SMALL CAP definizione: Si tratta di titoli di capitale (azioni ordinarie, privilegiate, risparmio e speciali) mediante le quali l investitore partecipa agli utili di un azienda. Le azioni BLUE CHIP sono quelle a maggiore capitalizzazione, solitamente con valore di mercato inferiore a 1 miliardo di Euro. 29

30 PRINCIPI DI TEORIA FINANZIARIA ASSET CLASS PRIMARIE AZIONARIO SMALL CAP prodotti finanziari: AZIONI a RIDOTTA CAPITALIZZAZIONE FONDI AZIONARI con specializzazione sulle SMALL CAP (se sono presenti almeno il 70% di small cap area Euro, è prevista anche una tassazione agevolata al 5%) 30

31 PRINCIPI DI TEORIA FINANZIARIA ASSET CLASS PRIMARIE COMMODITIES definizione: Si tratta di strumenti finanziari con i quali si investe in beni reali, come le materie prime. 31

32 PRINCIPI DI TEORIA FINANZIARIA ASSET CLASS PRIMARIE COMMODITIES prodotti finanziari: ETC/ETF aventi come sottostante le commodities o indici di commodities CERTIFICATES aventi come sottostante le commodities FONDI/SICAV specializzati sulle materie prime e/o su azioni minerarie 32

33 PRINCIPI DI TEORIA FINANZIARIA ASSET CLASS PRIMARIE sintesi rendimento atteso/volatilità: ASSET CLASS E(r) σ LIQUIDITA CPI 0,25%/0,50% BOND R. TASSO CPI + 1% 3,50%/4,00% BOND R. EMITT. CPI + 3,5% 10%/11% AZIONARIO B.C. CPI + 4% 15%/17% AZIONARIO S.C. CPI + 5% 13%/14% COMMODITIES CPI 22%/24% 33

34 PRINCIPI DI TEORIA FINANZIARIA REGOLE GENERALI PER INVESTITORI RETAIL: 1. RISCHIO di CAMBIO 10% 2. LIQUIDITA almeno 15% 3. PESO ATTIVITA RISCHIOSE (AZIONARIO + RISCHIO EMITTENTE) = PESO LIQUIDITA 4. PESO ATTIVITA RISCHIOSE = 100% - ETA INVESTITORE 34

35 PRINCIPI DI TEORIA FINANZIARIA REGOLE GENERALI PER INVESTITORI RETAIL: 5. COMPONENTE OBBLIGAZIONARIA ALMENO PER IL 50% SUL RISCHIO TASSO 6. COMPONENTE AZIONARIA ALMENO PER IL 50% SULLE BLUE CHIP E SENZA RISCHIO CAMBIO 7. REGOLA DEL 10 (ovvero almeno 10 titoli non correlati) SU ATTIVITA NON CORRELATE, CON IL FINE DI ELIMINARE IL RISCHIO SPECIFICO 8. PESO COMMODITIES 10%, LIMITANDO L OPERATIVITA A INVESTITORI CON ELEVATE DISPONIBILITA (da non meno di Euro in su) 35

36 TIPOLOGIE DI TASSI DI INTERESSE I TASSI IN FUNZIONE DELLA SCADENZA: a) TASSI a BREVE: durata fino a 12 mesi b) TASSI a MEDIO/BREVE: durata 1-3 anni c) TASSI a MEDIO/LUNGO: durata 3-7 anni d) TASSI a LUNGO: durata oltre i 7 anni 36

37 TIPOLOGIE DI TASSI DI INTERESSE I TASSI IN FUNZIONE DELLA SCADENZA: Tipicamente i tassi a medio/breve finiscono per seguire l andamento dei tassi a breve, per cui è sufficiente il monitoraggio del segmento a breve termine per avere una visione dell intero segmento 1-3 anni. Similmente, i tassi a medio/lungo seguono generalmente l andamento dei tassi a lungo termine, per cui in questo caso seguire l andamento dei tassi sul segmento oltre i 7 anni è sufficiente per avere una visione complessiva della dinamica dei tassi oltre i 3 anni. 37

38 TIPOLOGIE DI TASSI DI INTERESSE TASSI a BREVE benchmark: La scadenza benchmark sul segmento a breve è rappresentata dalla scadenza 3 mesi (2 anni sul segmento a medio/breve). Quindi i principali tassi a breve di riferimento sono: INTERBANCARIO: Euribor 3 mesi (Unsecured), Eurepo 3 mesi (Secured) GOVERNATIVO: Bot 3 mesi (Italia), Bubill 3 mesi (Germania/Area Euro) 38

39 TIPOLOGIE DI TASSI DI INTERESSE TASSI a BREVE determinazione: I tassi a breve, salvo situazioni di particolare crisi finanziaria e/o di liquidità, riflettono l azione di politica monetaria della Banca Centrale, che ne condiziona il livello attraverso la gestione dei tassi ufficiali (nel caso dell area Euro, il tasso di rifinanziamento o tasso REPO fissato dalla B.C.E.) 39

40 TIPOLOGIE DI TASSI DI INTERESSE TASSI a BREVE formazione: Nella fissazione dei tassi ufficiali la B.C.E. (meno altre banche centrali, che, a differenza della B.C.E. hanno un mandato diverso, orientato non solo al mantenimento della stabilità dei prezzi, ma anche alla crescita economica), tende a seguire l andamento dell inflazione corrente, in funzione della quale ha l obiettivo di mantenerla al di sotto, ma vicino al 2,0%. 40

41 TIPOLOGIE DI TASSI DI INTERESSE TASSI a LUNGO benchmark: La scadenza benchmark sul segmento a lungo è rappresentata dalla scadenza 10 anni (5 anni sul segmento a medio/lungo). Quindi i principali tassi a lungo di riferimento sono: INTERBANCARIO: IRS 10 anni GOVERNATIVO: BTP 10 anni (Italia), BUND 10 anni (Germania/Area Euro) 41

42 TIPOLOGIE DI TASSI DI INTERESSE TASSI a LUNGO determinazione: La fissazione dei tassi a lunga, a differenza dei tassi a breve, è meno facilmente influenzabile dalla politica monetaria (salvo l adozione di strumenti eccezionali, come l allentamento quantitativo o Quantitative Easing), ma gli stessi altro non sono che il riflesso dell incrocio tra domanda e offerta, quindi altro non sono che l espressione delle ASPETTATIVE di MERCATO. 42

43 TIPOLOGIE DI TASSI DI INTERESSE TASSI a LUNGO formazione (1): L andamento dei tassi a lunga, in condizioni normali, riflette la dinamica di due componenti: 1. Le ASPETTATIVE di INFLAZIONE 2. Il TASSO di CRESCITA REALE del PIL: questo rappresenta una sorta di costo opportunità, comprensivo del fatto che chi investe in obbligazioni a lungo termine, rinuncia al rendimento di investimenti alternativi, come ad esempio le azioni, l immobiliare o l economia reale 43

44 TIPOLOGIE DI TASSI DI INTERESSE TASSI a LUNGO formazione (2): In presenza di rischio cambio e/o emittente, il livello dei tassi a lunga 10-ali può incorporare altre 2 variabili: 3. PREMIO per il RISCHIO di CAMBIO: poche sono le valute escluse, quelle a maggiore dimensione, cioè USD, EUR, JPY, in misura minore GBP e CHF 4. PREMIO per il RISCHIO EMITTENTE: questo viene solitamente misurato dal livello dello spread rispetto ad un rendimento privo di rischio (cosiddetto risk free) tipicamente caratterizzato da rating AAA 44

45 TIPOLOGIE DI PREMIO PER IL RISCHIO DEFINIZIONE DI PREMIO PER IL RISCHIO: Con il termine di PREMIO al RISCHIO si è soliti fare riferimento all extra-rendimento richiesto da una qualunque attività finanziaria caratterizzata da una certa tipologia di rischiosità rispetto al rendimento offerto dai titoli di stato a elevato rating (possibilmente AAA) con scadenza breve (3 mesi). Più in particolare si possono individuare le seguenti tipologie di premio per il rischio: 1) PREMIO per la RINUNCIA alla LIQUIDITA, meglio identificabile come il TASSO REALE, ovvero l extrarendimento offerto da obbligazioni a lungo termine (tipicamente le obbligazioni governative 10- ali con rating AAA); 2) PREMIO per il RISCHIO EMITTENTE, meglio identificabile come l extra-rendimento offerto da obbligazioni con basso merito di credito (specialmente quelle con rating inferiore alla BBB-) rispetto ad obbligazioni aventi pari scadenza e collocate da emittenti con rating AAA; 45

46 TIPOLOGIE DI PREMIO PER IL RISCHIO DEFINIZIONE DI PREMIO PER IL RISCHIO: 3) PREMIO per il RISCHIO AZIONARIO, ovvero l extrarendimento offerto dal mercato azionario, individuato nell indice guida espressivo dell andamento delle blue chip rispetto al rendimento offerto da obbligazioni governative AAA a lungo termine (tipicamente la scadenza 10-ale); 4) PREMIO per il RISCHIO AZIONARIO SMALL CAP, individuato dall extra-rendimento offerto dalle azioni a bassa capitalizzazione, meglio note come small cap, rispetto al rendimento offerto dalle cosiddette blue chip. Solitamente la soglia di individuazione delle small cap è posta pari ad una capitalizzazione massima di 1 miliardo di dollari (1 miliardo di Euro in Eurolandia): il più noto indice Usa di misurazione dell andamento delle small cap è l indice Russell 2000; 46

47 IL P/E RENDIMENTO ATTESO INDICI DI BORSA: L indicatore più noto per il calcolo del rendimento atteso di un indice di borsa è il cosiddetto EY (Earning Yield), ottenuto come: EY = 1/P/E indice x 100 dove P/E indice = Σ K i /Σ E i dove K i = capitalizzazione della i-esima società inclusa nell indice di borsa E i = utile/perdita normalizzato (cioè depurato dalle componenti straordinarie/non ricorrenti) registrata dalla i-esima società inclusa nell indice di borsa 47

48 IL P/E DEFINIZIONI: EY = Earning Yield BY = Bond Yield (rendimento titolo di stato governativo 10-ale) ERP = Premio al rischio azionario E 0 = Utile medio normalizzato indice di borsa a t 0 P/E max tollerabile = 1/BY x 100 P/E equilibrio = 1/(BY+ERP) x 100 P/E corrente = P/E calcolato come P/E indice = Σ K i /Σ E i 48

49 IL P/E CASISTICHE: 1) P/E corrente > P/E massimo tollerabile potenziale bolla speculativa o comunque strutturale sopravvalutazione 2) P/E corrente < P/E equilibrio strutturale sottovalutazione 3) P/E equilibrio < P/E corrente < P/E massimo tollerabile sopravvalutazione ma assenza di bolla speculativa 49

50 IL P/E DINAMICHE P/E: SCENARIO 1: 1 il P/E tende a salire nel tempo partendo da livelli inferiori al P/E di equilibrio per poi raggiungere anche livelli di sopravvalutazione o di vera e propria bolla speculativa. La crescita del P/E trova alimento nella presenza di tassi di interesse sotto controllo ed in un elevata visibilità degli utili attesi. SCENARIO 2: 2 il P/E tende a scendere nel tempo risentendo della presenza di tassi di interesse in graduale rialzo, che portano ad uno schiacciamento sia del P/E di equilibrio che di quello massimo tollerabile. SCENARIO 3: 3 il P/E non è molto significativo perché gli utili delle società sono scadenti o comunque il P/E corrente si posiziona su valori molto elevati e tali da rendere le valutazioni di borsa mediamente sopravvalutate nonostante la presenza di tassi di interesse bassi. 50

51 IL P/E RELAZIONI CETERIS PARIBUS: 1) BY P/E 2) ERP P/E 3) E P/E 51

52 IL P/E ESEMPIO 1: 1 calcolare il livello di E che rende in equilibrio la valutazione dell indice di borsa con BY = 4% e ERP = 3%. Poiché P/E equilibrio = 1/(BY+ERP) x 100 avremo che P/E equilibrio = 1/(4%+3%) x 100 =14,29 Se, nell esempio precedente P/E corrente fosse 17 il mercato azionario sarebbe sopravvalutato, se fosse 30 (cioè maggiore dell inverso di 4%, ovvero di 25) sarebbe in bolla, se fosse 10 sarebbe sottovalutato 52

53 IL P/E ESEMPIO 2 ESEMPIO 2: scegliere il livello di BY che rende sottovalutato un P/E di 20, dato ERP pari al 2%. a) BY = 2% b) BY = 3% c) BY = 5% d) BY = 6% In questo caso EY risulta pari al 5%, quindi affinchè il mercato azionario risulti sottovalutato, occorre che la somma (BY+ERP), sia inferiore al 5%, quindi la risposta giusta è a). Se BY fosse il 3%, allora la valutazione sarebbe in equilibrio, se fosse il 5%, saremmo al massimo tollerabile, se fosse al 6%, saremmo in bolla (ovvero il rendimento atteso dell investimento azionario, risulterebbe inferiore a quello obbligazionario). 53

54 IL P/E ESEMPIO 3 ESEMPIO 3: quale dovrebbe essere la variazione degli utili che da t o a t 1, consente al mercato azionario di passare in equilibrio stanti gli attuali dati a t o e ipotizzando che le altre variabili (ERP, P e BY non varino). BY = 4% ERP = 4% E o = 20 P = 400 Per essere in equilibrio occorre che il rendimento del mercato azionario passi dal 5% attuale (20 x 100/400) all 8% (la somma di BY ed ERP), quindi è indispensabile che E 1 passi a 32 (l 8% di 400), ciò implica un aumento del 60% degli utili (da 20 a 32) da t o a t 1. 54

55 IL P/E ESEMPIO 4 ESEMPIO 4: nell esempio precedente, quanto dovrebbe variare ERP nell ipotesi che gli utili da t o a t 1 passino da 20 a 25 e che BY resti stabile per portare il mercato in equilibrio, nell ipotesi che P resti stabile a 400? BY = 4% ERP = 4% E o = 20 P = 400 Se E 1 = 25, allora EY 1 diventa il 6,25% (25 x 100/400), quindi occorre che la somma di BY ed ERP a t 1 sia 6,25, ovvero con BY sempre pari al 4%, è necessario che ERP scenda dal 4% al 2,25%. 55

56 PARTE II: LE OBBLIGAZIONI 56

57 LE OBBLIGAZIONI DEFINIZIONE: Un obbligazione è un titolo di credito, che conferisce al possessore, il diritto al rimborso del capitale alla scadenza (con l eccezione delle obbligazioni perpetue) e la corresponsione di una remunerazione periodica o alla scadenza delle stesse 57

58 LE OBBLIGAZIONI TIPOLOGIE: In relazione alle modalità di corresponsione degli interessi: titoli a tasso fisso; titoli a tasso variabile; titoli indicizzati garantiti come capitale ma con rendimento aleatorio, generalmente riconducibili ai cosiddetti titoli strutturati. titoli con interessi solo alla scadenza: si parla di titoli zero-coupon e di titoli onecoupon; titoli con cedola periodica: essa può essere a tasso fisso o a tasso variabile; titoli misti in cui gli interessi vengono corrisposti in parte sotto forma di cedola ed in parte alla scadenza (solitamente si tratta di titoli strutturati). 58

59 TIPOLOGIE: In relazione all emittente: LE OBBLIGAZIONI titoli pubblici: sono obbligazioni emesse o garantite da governi; titoli sovranazionali: l emittente è un ente sovranazionale (es. Bei, Birs, Bers etc.); titoli corporate: l emittente è una società privata; titoli bancari: l emittente è un azienda di credito. 59

60 CLASSIFICAZIONE: La distinzione di base è tra: COVERED BOND LE OBBLIGAZIONI OBBLIGAZIONI SENIOR OBBLIGAZIONI SUBORDINATE o JUNIOR 60

61 COVERED BOND: LE OBBLIGAZIONI COVERED BOND COVERED BOND: il possessore dell obbligazione ha una doppia garanzia, in quanto il prestito obbligazionario è garantito anche da un «pacchetto» di mutui segregati, ovvero da un portafoglio di crediti erogati dalla banca emittente il prestito obbligazionario, che, in caso di default della banca, vengono riservati all esclusivo soddisfacimento dei possessori dei covered bond. Gli obbligazionisti possessori di covered bond, possono essere così considerati una sorta di creditori privilegiati. 61

62 COVERED BOND: LE OBBLIGAZIONI COVERED BOND COVERED BOND: per le loro caratteristiche, i covered bond finiscono quindi per essere molto meno rischiosi di una comune obbligazione senior. Ciò fa sì che, a parità di scadenza, un covered bond presenti rendimenti più bassi rispetto ad un titolo emesso dallo stesso emittente, oltre a presentare solitamente un rating più elevato. 62

63 LE OBBLIGAZIONI OBBLIGAZIONI SENIOR: OBBLIGAZIONI SENIOR OBBLIGAZIONI SENIOR: il possessore dell obbligazione è un creditore ordinario, ossia ha diritto ad essere soddisfatto dopo solo le categorie di creditori privilegiati, mentre ha precedenza su tutte le categorie di creditori subordinati. 63

64 LE OBBLIGAZIONI OBBLIGAZIONI SENIOR tipologie: La principale distinzione è tra: PLAIN VANILLA STRUTTURATI 64

65 LE OBBLIGAZIONI OBBLIGAZIONI SENIOR Plain Vanilla: Con tale termine si è soliti fare riferimento ad obbligazioni che non contengono al loro interno alcuna componente derivata, come ad esempio un opzione. Tra le obbligazioni Plain Vanilla, la principale distinzione è tra: - VARIABILI o INDICIZZATE - a TASSO FISSO o PREDETERMINATO 65

66 LE OBBLIGAZIONI OBBLIGAZIONI SUBORDINATE: Si definiscono subordinate le obbligazioni nelle quali i creditori vengono soddisfatti, in caso di eventi estremi come la liquidazione, soltanto dopo che siano state soddisfatte tutte le altre categorie di creditori, privilegiati ed ordinari. 66

67 LE OBBLIGAZIONI OBBLIGAZIONI SUBORDINATE elementi distintivi: Gli elementi caratterizzanti un obbligazione subordinata sono sostanzialmente 3: - POSTERGAZIONE in caso di default - Possibile SOSPENSIONE/ANNULLAMENTO FLUSSI CEDOLARI - ASSORBIMENTO delle PERDITE 67

68 LE OBBLIGAZIONI OBBLIGAZIONI SUBORDINATE elementi distintivi: Le obbligazioni subordinate consentono alle banche emittenti di realizzare, entro certi limiti riconosciuti dalle Autorità di Vigilanza, un incremento del patrimonio. Questo, infatti, in base alle disposizioni del Comitato di Basilea, può essere suddiviso tra: -PATRIMONIO di BASE o TIER I: si suddivide in Core Tier I e Tier I allargato. -PATRIMONIO SUPPLEMENTARE. 68

69 LE OBBLIGAZIONI OBBLIGAZIONI SUBORDINATE elementi distintivi: PATRIMONIO di BASE O TIER 1 = CAPITALE SOCIALE + RISERVE + OBBLIGAZIONI TIER 1 CORE TIER 1 = CAPITALE SOCIALE + RISERVE + OBBLIGAZIONI TIER 1 CASHES (si tratta di una particolare tipologia di obbligazioni Tier PATRIMONIO SUPPLEMENTARE = PATRIMONIO di BASE + OBBLIGAZIONI TIER 2 (UPPER e LOWER) e OBBLIGAZIONI TIER 3 (limitatamente per la quota di patrimonio assorbita dal rischio di mercato) 69

70 LE OBBLIGAZIONI OBBLIGAZIONI SUBORDINATE elementi distintivi: Per la banca emittente le obbligazioni subordinate consentono di incrementare il patrimonio utile a fini di vigilanza, senza dover chiedere ulteriori risorse ai propri azionisti, peraltro offrendo una remunerazione maggiorata rispetto a quella delle comuni obbligazioni. Per il sottoscrittore, le obbligazioni subordinate consentono di diversificare il portafoglio (è preferibile che siano destinate ad investitori con elevate disponibilità patrimoniali e che rappresentino una percentuale non significativa del portafoglio) assumendosi una parziale esposizione al rischio aziendale 70 della banca emittente.

71 PARTE III: LA VALUTAZIONE DELLE OBBLIGAZIONI 71

72 INDICATORI DI RISCHIO/RENDIMENTO RENDIMENTO NOMINALE: Si ottiene semplicemente come rapporto tra cedola e valore nominale cioè: R.N. = cedola x 100 V.N. Proprio per la sua modalità di calcolo il rendimento nominale è scarsamente significativo e, agli effetti pratici, trascurabile. 72

73 INDICATORI DI RISCHIO/RENDIMENTO RENDIMENTO IMMEDIATO: Rappresenta un miglioramento rispetto al rendimento nominale, perché ottenuto rapportando la cedola al corso secco del titolo. Anch esso però presenta un limite non indifferente, dovuto al fatto che trascura la componente di rendimento legata alla differenza tra prezzo di mercato e prezzo di rimborso. A fini pratici si applica nei seguenti casi: 1. quando si presuppone l uguaglianza tra prezzo d acquisto e di vendita; 2. nella selezione dei titoli a tasso variabile (il prezzo dovrebbe infatti mantenersi costante); 3. per determinare la redditività periodica corrisposta dalla cedola. 73

74 INDICATORI DI RISCHIO/RENDIMENTO RENDIMENTO IMMEDIATO: TITOLI CON CEDOLA ANNUA: R.IMM.= cedola x 100 c.secco TITOLI CON CEDOLA SEMESTRALE: R. IMM. = [(1 + ced.1) x (1 + ced.2) 1] x100 c.sec. c.sec. 74

75 INDICATORI DI RISCHIO/RENDIMENTO RENDIMENTO EFFETTIVO (TRES): o o Tale indicatore tiene esattamente conto di tutte le entrate e uscite finanziarie generate da un titolo. E una misura completa della redditività, poiché confronta quello che si spende inizialmente (Prezzo Tel Quel d Acquisto) con tutti i futuri incassi offerti da un titolo. Nella pratica quindi il rendimento effettivo rappresenta un rendimento a scadenza poiché tiene conto di due fonti di reddito: REDDITI STACCATI (cedole) REDDITI INCORPORATI (differenza tra prezzo d acquisto e di rimborso) 75

76 INDICATORI DI RISCHIO/RENDIMENTO RENDIMENTO EFFETTIVO: A livello di calcolo il TRES corrisponde a quel tasso che, utilizzato per scontare i futuri flussi di cassa, ne rende la loro somma uguale al prezzo tel quel, ovvero: P.T.Q.A.= C 1 /(1+TRES) T1 + C 2 /(1+TRES) T2 + (C N +V.R.)/(1+TRES) Tn Nella pratica il calcolo del rendimento effettivo non si rende necessario, perché regolarmente reperibile o sulla stampa specializzata o sugli information provider. 76

77 INDICATORI DI RISCHIO/RENDIMENTO RENDIMENTO EFFETTIVO: In base alla formula precedente si evince che il rendimento effettivo ha un utilizzo diverso a seconda della tipologia di titolo preso in considerazione: TITOLI ZERO COUPON: corrisponde esattamente al rendimento a scadenza calcolato secondo l interesse composto; TITOLI A TASSO FISSO: non è del tutto esatto poiché ipotizza il reinvestimento delle cedole allo stesso tasso durante la vita residua del titolo; TITOLI A TASSO VARIABILE: ha scarsa significatività perché gli incassi futuri non sono conosciuti a priori e può essere trascurato ai fini operativi. 77

78 INDICATORI DI RISCHIO/RENDIMENTO RENDIMENTO EFFETTIVO: Secondo la formula vista in precedenza il prezzo tenderà a scendere allorché il rendimento effettivo sale (con l ovvia eccezione dei titoli a tasso variabile, per i quali tale relazione è sfumata o non ha addirittura molta rilevanza, poiché la cedola si adegua alle variazioni dei tassi di mercato). In particolare la reazione del prezzo sarà tanto maggiore quanto più lunga è la durata del titolo e minore l importo delle cedole pagate (quindi il titolo più reattivo in assoluto alle variazioni dei rendimenti di mercato è rappresentato dallo zero coupon con scadenza trentennale tali titoli non vengono emessi dallo stato ma da emittenti privati come le banche). 78

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 Iscritta all Albo delle Banche al n. 6175.4 Capogruppo del Gruppo CARIGE iscritto all albo dei

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI. 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati

INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI. 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati 1.1.1. I titoli di capitale Acquistando titoli di capitale

Dettagli

Corso di Matematica finanziaria

Corso di Matematica finanziaria Corso di Matematica finanziaria modulo "Fondamenti della valutazione finanziaria" Eserciziario di Matematica finanziaria Università degli studi Roma Tre 2 Esercizi dal corso di Matematica finanziaria,

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore Le reverse convertible Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice Introduzione 3 Le reverse convertible 4 Cos è una reverse convertible

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche BTP Italia: settimana emissione Dal 20 al 23 ottobre 2014 si tiene il collocamento del settimo BTP Italia, titolo di stato indicizzato all inflazione italiana (ex tabacco) e pensato prevalentemente per

Dettagli

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018 Banco Popolare Società Cooperativa - Sede legale in Verona, Piazza Nogara, n. 2 Società capogruppo del Gruppo bancario Banco Popolare Iscritta all albo delle banche al n. 5668 Capitale sociale, al 31 marzo

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità Il gruppo finanziario belga KBC ha chiuso i primi 9 mesi del 2012 con un utile netto

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

Le due facce dell investimento

Le due facce dell investimento Schroders Educational Rischio & Rendimento Le due facce dell investimento Per essere buoni investitori non basta essere buoni risparmiatori. La sfida del rendimento è tutta un altra storia. È un cammino

Dettagli

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni.

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni. GLOSSARIO ACCUMULAZIONE DEI PROVENTI Ammontare dei dividendi che sono stati accumulati a favore dei possessori dei titoli ma che non sono stati ancora distribuiti. ARBITRAGGIO Operazione finanziaria consistente

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa QUANT Bond Perché investire nel QUANT Bond? 1 Logica di investimento innovativa Partiamo da cose certe Nel mercato obbligazionario, una equazione è sempre vera: Rendimento = Rischio E possibile aumentare

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Titoli di debito Giugno 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi;

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi; Capitolo 3 Prodotti derivati: forward, futures ed opzioni Per poter affrontare lo studio dei prodotti derivati occorre fare delle ipotesi sul mercato finanziario che permettono di semplificare dal punto

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. *** Nota informativa per i potenziali aderenti

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Tipologie di strumenti finanziari

Tipologie di strumenti finanziari Tipologie di strumenti finanziari PRINCIPALI TIPOLOGIE DI STRUMENTI FINANZIARI: Azioni Obbligazioni ETF Opzioni 1 Azioni: definizione L azione è un titolo nominativo rappresentativo di una quota della

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

DOCUMENTI INFORMATIVI

DOCUMENTI INFORMATIVI Sede sociale: Cortona, Via Guelfa, 4 Iscritta all albo delle Banche al n. matr. 506.6.0 Capitale sociale e riserve al 31/12/2013 32.044.372,37 i.v. Numero di iscrizione al Registro delle Imprese di AREZZO

Dettagli

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE BancoPostaFondi SGR BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE del Fondo Comune d Investimento Mobiliare Aperto Armonizzato denominato BancoPosta Obbligazionario

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE BANCO POPOLARE S.C. SERIE 307 STEP UP CALLABLE 31.01.2013 31.01.2018 ISIN IT0004884216. "BANCO POPOLARE Società Cooperativa

CONDIZIONI DEFINITIVE BANCO POPOLARE S.C. SERIE 307 STEP UP CALLABLE 31.01.2013 31.01.2018 ISIN IT0004884216. BANCO POPOLARE Società Cooperativa CONDIZIONI DEFINITIVE relative all offerta delle Obbligazioni BANCO POPOLARE S.C. SERIE 307 STEP UP CALLABLE 31.01.2013 31.01.2018 ISIN IT0004884216 da emettersi nell ambito del programma di offerta e/o

Dettagli

I principali prodotti derivati. Elementi informativi di base. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

I principali prodotti derivati. Elementi informativi di base. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore I principali prodotti derivati Elementi informativi di base Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice I - Premessa 3 II - Cosa sono i prodotti derivati 4 III - I principali prodotti

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

CONVENZIONE QUADRO TRA

CONVENZIONE QUADRO TRA PROVINCIA DI PESARO E URBINO CONVENZIONE QUADRO Espletamento dei servizi finanziari connessi all emissione di prestiti obbligazionari ed altri servizi finanziari accessori e servizio di advisory per la

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ Società del Gruppo ALLIANZ S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: SCHEDA SINTETICA

Dettagli

A) Informazioni generali. 1. L Impresa di assicurazione

A) Informazioni generali. 1. L Impresa di assicurazione A) Informazioni generali 1. L Impresa di assicurazione Parte I del Prospetto d Offerta - Informazioni sull investimento e sulle coperture assicurative Parte I del Prospetto d Offerta Informazioni sull

Dettagli

«Dexia Crediop Obbligazioni legate all Inflazione con floor 28.03.2012 di nominali massimi Euro 250.000.000»

«Dexia Crediop Obbligazioni legate all Inflazione con floor 28.03.2012 di nominali massimi Euro 250.000.000» Sede legale e amministrativa: Via Venti Settembre, 30 00187 Roma Tel. 06.4771.1 Fax 06. 4771.5952 Sito internet: www.dexia-crediop.it n iscrizione all Albo delle Banche: 5288 Capogruppo del Gruppo bancario

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato con delibera n.

Dettagli

Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico

Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico Chiara Vita T Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico Il presente Fascicolo informativo, contenente: Scheda sintetica Nota informativa Condizioni contrattuali

Dettagli

Gestione Separata Sovrana

Gestione Separata Sovrana Gestione Separata Sovrana Investment pack Aggiornamento al 31/01/2015 Composizione degli asset per classi di attivo DURATION DI PORTAFOGLIO 6,33 AUM (in mln ) 651,48 805,61 848,22 821,06 2 Dettaglio delle

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione Il monitoraggio della gestione finanziaria nei fondi pensione Prof. Università di Cagliari micocci@unica.it Roma, 4 maggio 2004 1 Caratteristiche tecnico - attuariali dei fondi pensione Sistema finanziario

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

Capitale raccomandato

Capitale raccomandato Aggiornato in data 1/9/212 Advanced 1-212 Capitale raccomandato da 43.8 a 6.298 Descrizioni e specifiche: 1. E' una combinazione composta da 3 Trading System automatici 2. Viene consigliata per diversificare

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

SOLUZIONE UNIT Edizione 2011

SOLUZIONE UNIT Edizione 2011 YOUR Private Insurance SOLUZIONE UNIT Edizione 2011 Offerta pubblica di sottoscrizione di YOUR Private Insurance Soluzione Unit Edizione 2011 (Tariffa UB18), prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit

Dettagli

La valutazione implicita dei titoli azionari

La valutazione implicita dei titoli azionari La valutazione implicita dei titoli azionari Ma quanto vale un azione??? La domanda per chi si occupa di mercati finanziari è un interrogativo consueto, a cui cercano di rispondere i vari reports degli

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

INA ASSITALIA S.p.A. CRESCIAMO INSIEME. deve essere consegnato al Contraente prima della sottoscrizione della proposta di assicurazione.

INA ASSITALIA S.p.A. CRESCIAMO INSIEME. deve essere consegnato al Contraente prima della sottoscrizione della proposta di assicurazione. INA ASSITALIA S.p.A. Impresa autorizzata all esercizio delle Assicurazioni e della Riassicurazione nei rami Vita, Capitalizzazione e Danni con decreto del Ministero dell Industria del Commercio e dell

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

INDICE NOTA DI SINTESI...

INDICE NOTA DI SINTESI... INDICE NOTA DI SINTESI................................................................................ Caratteristiche del fondo................................................................................................

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti.

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. LINEA INVESTIMENTO GUIDA AI PRODOTTI Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti!

Dettagli

Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CM)

Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CM) Certezza Più Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CM) Il presente Fascicolo Informativo, contenente la Scheda Sintetica, la Nota Informativa,

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla IDEMDJD]LQH 1XPHUR 'LFHPEUH %52 (56 21/,1( 68//,'(0 nel 2002, il numero di brokers che offrono la negoziazione online sul minifib è raddoppiato, passando da 7 nel 2001 a 14. A novembre due nuovi brokers

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del prezzo... 4 1.2.2

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile.

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. Signori Azionisti, come illustrato nella Relazione sulla

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli