DOLOMITI ENERGIA SPA BILANCIO 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOLOMITI ENERGIA SPA BILANCIO 2014"

Transcript

1 Bilancio d esercizio 2014

2

3 B I L A N C I O D U E M I L A Q U A T T O R D I C I

4 4 DOLOMITI ENERGIA SPA BILANCIO 2014

5 B I L A N C I O D U E M I L A Q U A T T O R D I C I Dolomiti Energia Bilancio d esercizio 2014 DOLOMITI ENERGIA SpA Capitale Sociale Euro interamente versato Via Manzoni 24 Rovereto N Registro Imprese di Trento C.F. E P.IVA Bilancio d esercizio al 31 dicembre 2014 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Presidente Vicepresidente Consiglieri OSS RUDI CATTONI DIEGO GANAPINI WALTER BRIOSI ANTONELLO CARLI MARCELLO FRANCESCHI GIORGIO COLAONE FRANCESCO ZENI MARISA PAOLAZ NICOLUSSI LEO PERONI AGOSTINO CAROLLO MADDALENA Amministratore Delegato MERLER MARCO COLLEGIO SINDACALE Presidente Sindaci effettivi Società di revisione MANZANA GIACOMO BOMBARDELLI ALBERTO POSTAL ANNA PricewaterhouseCoopers SpA

6 6 DOLOMITI ENERGIA SPA BILANCIO 2014

7 B I L A N C I O D U E M I L A Q U A T T O R D I C I indice RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE 15 BILANCIO DOLOMITI ENERGIA SpA 59 STATO PATRIMONIALE E CONTO ECONOMICO 60 NOTA INTEGRATIVA 63 RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE 121 RELAZIONE DELLA SOCIETÀ DI REVISIONE 124 BILANCIO CONSOLIDATO GRUPPO DOLOMITI ENERGIA 127 STATO PATRIMONIALE E CONTO ECONOMICO 128 NOTA INTEGRATIVA 132 RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE 183 RELAZIONE DELLA SOCIETA DI REVISIONE 185

8 8 DOLOMITI ENERGIA SPA BILANCIO 2014 Signori Azionisti, lo scenario internazionale nel corso del 2014 ha visto una ripresa dell attività economica negli Stati Uniti e nel Regno Unito e dall altra un rallentamento dell economia in Cina e nelle economie emergenti oltre a un deterioramento della situazione economica e finanziaria in Russia sulla cui economia pesano le sanzioni imposte dall Occidente a seguito della crisi dell Ucraina e della caduta del prezzo del greggio negli ultimi mesi dell anno. La volatilità dei mercati finanziari internazionali è salita nel corso del 2014 a seguito delle reazioni a un contesto macroeconomico internazionale e dell area Euro sfavorevole, accentuate anche dal quadro politico instabile della Grecia. I mercati finanziari hanno risentito di ciò portando un aumento dei tassi di interesse sui titoli greci con valori superiori al 15% e una leggera flessione delle borse europee. Negli ultimi mesi dell esercizio 2014 gli unici mercati azionari che hanno registrato incrementi sono stati quelli degli Stati Uniti e del Giappone beneficiari rispettivamente, di un buon andamento dell economia americana e della nuova fase espansiva di politica monetaria avviata dalla banca del Giappone; mentre nei primi mesi del 2015 anche i mercati azionari europei hanno avuto segnali di ripresa in conseguenza alla politica monetaria espansiva della BCE. La crescita economica nell area Euro rimane modesta e per la prima volta da ottobre 2009 si è registrata una inflazione con valori negativi (deflazione). Questa debole ripresa economica dell area Euro è sicuramente soffocata dalla stagnazione del commercio internazionale e dal contesto geopolitico caratterizzato dalle tensioni tra Russia e Ucraina e dalla forte espansione di movimenti estremisti nel Medio Oriente e nel Nord Africa con possibili ripercussioni dirette sul mercato delle commodities energetiche. Lo scenario economico nazionale, nonostante un lieve rialzo dei consumi delle famiglie, ha visto il livello del PIL in calo dello 0,4% su base annua dovuto principalmente al protrarsi della caduta degli investimenti e all andamento sfavorevole del commercio internazionale sulle esportazioni. Anche il mercato del gas naturale ha visto, almeno fino a metà anno, una conferma del trend ribassista già in atto a fine 2013, salvo registrare un significativo recupero delle quotazioni nell ultimo trimestre, seguendo un andamento stagio-

9 nale che, seppure assente negli ultimi anni, è strutturale considerando l aumento della domanda per i fabbisogni termici nel periodo invernale. Pertanto la componente relativa al prezzo della materia prima incorporata nelle tariffe AEEGSI si è ridotta, almeno come media aritmetica, in maniera significativa passando da un valore medio di 37,81 c /Smc del 2013 ad un valore di 31,1 c /Smc. Tuttavia tale riduzione è meno evidente se si confrontano il valore di fine 2013 (34,2 c /Smc) rispetto al valore di dicembre 2014 (31,4 c /Smc), proprio a causa della ripresa dei prezzi nell ultimo trimestre dell anno. La forte riduzione della domanda di gas naturale sia sul mercato nazionale che su quello europeo (dove la domanda è scesa dell 11% rispetto al 2013), ha causato, complice anche un potenziamento delle infrastrutture di importazione (gasdotti e rigassificatori), il mantenimento sul mercato di una situazione di eccesso di offerta che è stata ulteriormente accentuata dal clima mite che ha caratterizzato tutto il Tuttavia è necessario sottolineare nuovamente gli effetti ancora imprevedibili delle situazioni di crisi che si sono verificate sullo scenario internazionale. In particolare sul mercato del gas hanno pesato i timori legati alla disponibilità delle forniture russe per il contenzioso Russia Ucraina che hanno prodotto, e stanno continuando a produrre, una forte volatilità sui prezzi derivante dall instabilità della situazione a partire dall autunno Un significativo impatto potrà inoltre arrivare dalla situazione di estrema tensione presente in Libia, con i relativi rischi di interruzione delle forniture di gas provenienti da quel paese. Per quanto riguarda il mercato elettrico, il 2014 ha confermato il trend di riduzione dei prezzi già registrato nel 2013, portando il valore del PUN medio annuo a 52 /MWh, con una riduzione di oltre 10 /MWh rispetto all anno precedente e di ben 23 /MWh rispetto al La caduta dei prezzi è stata particolarmente accentuata nella prima parte dell anno, complice anche l elevata idraulicità e la conseguente forte disponibilità di energia idroelettrica, portando i prezzi del periodo marzo-agosto a valori inferiori ai 47 /MWh con una ulteriore riduzione del differenziale fra ore piene e ore vuote che si è quasi del tutto annullato, o come già visto negli anni scorsi, addirittura invertito nel mese di agosto. Da settembre in poi, sicuramente in parte trascinata anche dall aumento dei prezzi del gas, si è verificata una inversione di tendenza dei prezzi spot che sono risaliti in particolare nelle ore piene, allargando in maniera significativa il differenziale fra le varie fasce orarie. Si con- RELAZIONE SULLA GESTIONE 9

10 10 DOLOMITI ENERGIA SPA BILANCIO 2014 solida inoltre la tendenza di concentrazione delle ore con i prezzi maggiori nel pomeriggio/sera (orario in cui viene meno, soprattutto durante i mesi invernali, l apporto degli impianti fotovoltaici). Va ricordato a questo proposito che la fine del meccanismo incentivante per i nuovi impianti fotovoltaici, stabilita a luglio 2013, ha ridotto praticamente a zero i nuovi impianti installati (90 MW nel 2014 contro i MW del 2013 e i del 2011, anno in cui è stata installata oltre la metà di tutta la potenza disponibile dati GSE) anche se in termini di produzione il 2014 ha segnato un progresso del 10% circa a seguito della disponibilità di tutti gli impianti entrati in esercizio durante l anno precedente. In questo contesto economico il Gruppo chiude l esercizio 2014 con risultati eccellenti e difficilmente replicabili superiori al 79,3% a livello di utile netto consolidato rispetto all esercizio precedente che assomma ad Questa particolare situazione si è creata grazie all elevata idraulicità che ha portato a una produzione degli impianti idroelettrici del Gruppo in Trentino superiore del 59% rispetto alla produzione media storica e anche grazie alla quota di componenti arretrati relativi alla tariffa di distribuzione elettrica ricevuti da Set Distribuzione oltre che agli effetti sulla fiscalità differita derivanti dalla sentenza della Corte di Cassazione dell 11 febbraio 2015 che ha dichiarato incostituzionale l addizionale IRES (la cosiddetta Robin Tax ). Il Gruppo nel 2014 ha prodotto GWh di energia elettrica (2.393 nel 2013), di cui ben GWh di origine idroelettrica, ha distribuito GWh di energia elettrica (2.342 nel 2013), milioni di metri cubi di gas metano (287 nel 2013), 31,1 milioni di metri cubi di acqua (33,1 milioni nel 2013), ha venduto 560,2 milioni di metri cubi di gas (481,5 milioni nel 2013), GWh di energia elettrica (4.471 nel 2013) e raccolto tonnellate di rifiuti ( nel 2013). Il valore della produzione nel 2014 è pari a milioni, con un incremento del 0,9% rispetto all esercizio precedente. L EBITDA ha raggiunto nell esercizio 2014 il valore di 307,8 milioni di euro segnando un incremento del 14% rispetto all anno precedente. Da evidenziare l ottimo risultato ottenuto anche in termini di miglioramento della posizione finanziaria netta, a conferma di un trend positivo che ha sempre caratterizzato l andamento del Gruppo in termini di capacità di autofinanziamento e di generazione di cassa. Questi risultati, uniti a una solida struttura finanziaria, consentono anche quest anno la distribuzione di un dividendo in cre-

11 scita del 16% rispetto al 2013: 0,11 euro per azione rispetto ai 0,095 del Complessivamente si tratta di 41 milioni di dividendi che in gran parte andranno, attraverso Voi Soci, a beneficio della collettività. A livello societario numerose sono state le operazioni che hanno coinvolto le varie società del Gruppo. In primis va ricordata l operazione di permuta che ha portato alla cessione ad A2A della quota detenuta in Edipower ricevendo in permuta le azioni di Dolomiti Energia portando così la quota di partecipazione al capitale sociale di Dolomiti Energia all 8,09% di azioni proprie. Nel corso dell anno si è poi assistito all allargamento del perimetro del Gruppo attraverso la costituzione di alcune società: Dolomiti GNL Srl, partecipata al 60%, volta alla realizzazione di infrastrutture per lo stoccaggio, la distribuzione e la vendita di gas naturale liquefatto; Dolomiti Energy Saving Srl, partecipata al 51%, volta alla realizzazione di interventi e supporto ai clienti in tema di efficienza energetica all interno di processi industriali in tutto il territorio nazionale e Dolomiti Ambiente Srl, partecipata al 100%, costituita al fine di concentrare in un unica società le attività relative alla raccolta dei rifiuti in vista di un possibile futuro affidamento delle attività di gestione ad una società in house posseduta interamente dai Comuni di Trento e Rovereto. A cavallo fra fine 2014 ed inizio 2015 si è inoltre conclusa l operazione di acquisto di metà della quota già di Enel nella società S. Floriano Energy che ha portato la partecipazione al 50%. Il 2014 ha dato il via al progetto Hydrotour Dolomiti il cui obiettivo è quello di rendere accessibili al pubblico, mediante visite guidate e percorsi divulgativi alcuni impianti di produzione idroelettrica del Gruppo. Il progetto, assolutamente innovativo in Italia, è partito a maggio 2014 con il primo impianto, la Centrale di Santa Massenza e ha visto la partecipazione di oltre persone con un crescente interesse da parte di un pubblico di diversa estrazione e provenienza. Visto il positivo riscontro nei prossimi mesi l iniziativa verrà estesa anche ad altri impianti del Gruppo sul territorio trentino. Il 2014 è l anno in cui Dolomiti Energia ha condiviso con l Aquila Basket un grande progetto con il basket trentino il cui risultato è stato sicuramente positivo anzi, eccellente: non solo per i risultati straordinari sul campo da gioco ma per un percorso che ha reso Dolomiti Energia Basket Trentino ambasciatrice in tutta Italia del Gruppo Dolomiti Energia, con gratificanti ritorni di notorietà per il marchio dell energia trentina e per tutto il nostro territorio provinciale. Il Gruppo ha consolidato la propria posizione nel settore della distribuzione RELAZIONE SULLA GESTIONE 11

12 12 DOLOMITI ENERGIA SPA BILANCIO 2014 dell energia elettrica mediante il contratto di affitto con il Comune di Palù del Fersina per la gestione della rete e nel settore commerciale mediante l aggiudicazione della seconda gara promossa da Altroconsumo denominata Abbassa la bolletta per la fornitura di energia elettrica ad oltre clienti residenziali su tutto il territorio nazionale. Da settembre 2014 è partita una nuova iniziativa destinata alla fidelizzazione dei clienti forniti sul mercato libero denominata Club vantaggi Trenta che riserva ai clienti una serie di convenzioni esclusive per ottenere sconti e promozioni in vari settori. A livello nazionale si sono registrati gli effetti positivi, in termini di incremento dei volumi, dell aggiudicazione della gara CONSIP 6 per la fornitura alla Pubbliche Amministrazioni nelle aree geografiche del Trentino, Veneto, Lombardia ed Emilia Romagna. Per quanto concerne il settore della distribuzione l Autorità per l Energia Elettrica il Gas ed i Servizi Idrici (AEEGSI) ha confermato l eccellenza della società Set Distribuzione in termini di qualità e continuità del servizio; grazie a queste ottime prestazioni è stato riconosciuto a Set un significativo beneficio economico. Il Gruppo ha perseguito, anche per il 2014, l obiettivo del costante miglioramento della qualità del servizio e della soddisfazione dei clienti ponendo al primo posto la volontà di rapportarsi alla clientela con modalità sempre più rispondenti alle esigenze ed alle peculiarità della realtà trentina, ritenendo ciò un elemento di distinzione da valorizzare come punto di forza nei confronti dei competitor. Fra le iniziative introdotte con tale obiettivo ricordo il consolidamento dell orario di apertura al pubblico degli sportelli commerciali e l avvio di un nuovo servizio di informazione tramite SMS. Il servizio 30 SMS, completamente gratuito, consente ai clienti di essere puntualmente aggiornati sullo stato delle proprie forniture. Gli investimenti effettuati nel 2014 ammontano a 42 milioni di euro, in lieve diminuzione rispetto all anno precedente e riguardano principalmente gli interventi sulle reti per migliorare sempre più la qualità del servizio e ottimizzare la gestione della distribuzione di energia, gas e acqua su tutto il territorio servito dal Gruppo. La situazione normativa del settore della distribuzione del gas non ha consentito purtroppo lo sviluppo di nuove iniziative e pertanto gli investimenti sono destinati all ammodernamento delle infrastrutture esistenti e al completamento dei lavori derivanti dagli obblighi convenzionali ancora in vigore. Anche nel 2014 l Organismo di Vigilanza e la Funzione Internal Audit hanno svolto con puntualità il loro compito di vigilanza e supporto al vertice aziendale

13 RELAZIONE SULLA GESTIONE 13 pianificando e seguendo interventi finalizzati alla verifica e al miglioramento di processi e flussi informativi relazionando periodicamente al Consiglio di Amministrazione e al Collegio Sindacale circa gli esiti delle verifiche svolte. Rimane stretta e costruttiva la collaborazione con le altre Società di servizi provinciali con un rapporto improntato alla trasparenza e alla leale collaborazione così come rimane costante l attenzione e l impegno profuso dal Gruppo a favore del territorio in cui opera e a sostegno delle diverse realtà e iniziative sportive, sociali e culturali presenti in provincia. Coscienti di poter contare sulle stabili basi costruite e sulla lungimiranza ed il sostegno di Voi Signori Azionisti, siamo certi che le future sfide potranno essere affrontate con successo. La Vostra soddisfazione, quella dei clienti, dei dipendenti, e di tutta la comunità, unitamente all esigenza di tutelare le risorse naturali a disposizione e di migliorare l impatto presente e futuro sull ambiente continueranno ad essere obiettivi primari del Gruppo. L anno 2014 è stato un anno molto importante per la Vostra società, infatti dopo un periodo di necessario e strutturale consolidamento delle operazioni straordinarie che hanno caratterizzato l importante crescita dell azienda degli scorsi anni, è arrivato il tempo di delineare nuove linee di indirizzo per la crescita e lo sviluppo per gli anni a venire. In quest ottica nel corso del 2014 è stato predisposto un piano industriale e strategico di sviluppo per il prossimo triennio, calato in un quadro macroeconomico caratterizzato da una straordinaria complessità ed incertezza. Sono fiducioso, e so con ciò di esprimere anche il pensiero di tutto il Consiglio di Amministrazione, che assieme riusciremo condividere un percorso di crescita, per la soddisfazione dei Soci tutti in primis ma anche di tutta la nostra comunità, consci che la Vostra società è ormai riconosciuta come solido soggetto di riferimento e motore di sviluppo non solo a livello locale ma anche sul panorama nazionale. In conclusione, a nome del Consiglio di Amministrazione, esprimo i ringraziamenti più sentiti a Voi Signori Azionisti per il Vostro continuo supporto e per il clima di reciproca fiducia ed armonia fondamentale per affrontare con serenità il futuro. Il Presidente Rudi Oss

14 14 DOLOMITI ENERGIA SPA BILANCIO 2014 S T R U T T U R A S O C I E T A R I A 74,5% 81,2% DOLOMITI TRADING 98,7% 57 DOLOMITI AMBIENTE 100% DOLOMITI GNL DOLOMITI ENERGY SAVING 60% 51% * 33,3% SF ENERGY* *consolidata proporzionalmente al 31 dicembre 2014

15 RELAZIONE SULLA GESTIONE 15 Relazione sulla gestione La presente relazione è stata predisposta in conformità al Codice Civile ed ai principi contabili emessi dall Organismo Italiano di Contabilità (OIC) e, ove mancanti e in quanto applicabili, ai principi emanati dall International Accounting Standard Board (IASB). La presente relazione, come anche il Bilancio, considera l attività del Gruppo Dolomiti Energia svolta nel Fatti di rilievo del periodo ANDAMENTO GENERALE ECONOMIA L attività economica accelera negli Stati Uniti, ma sulle prospettive della crescita globale gravano rischi di un ulteriore rallentamento dell economia cinese e di un deterioramento della situazione economica e finanziaria in Russia, sulla cui economia pesano le sanzioni imposte dall Occidente a seguito della crisi ucraina e la brusca caduta negli ultimi mesi dell anno del prezzo del greggio. La crescita economica nell area euro rimane modesta e per la prima volta da ottobre 2009 si è registrata una inflazione con valori negativi (deflazione). Rimane difficile la situazione della Grecia, che, anche a causa del cambio di governo seguito alle elezioni dello scorso 25 gennaio, ha avuto negli ultimi mesi una fase di forte instabilità sul cui esito è difficile, ad oggi, fare previsioni. A seguito di tale tendenza la BCE ha attivato una serie di misure di politica monetaria i cui effetti positivi, attesi in particolare

16 16 DOLOMITI ENERGIA SPA BILANCIO 2014 sull economia reale, andranno verificati con attenzione nei prossimi mesi. Vanno inoltre segnalati sullo scenario internazionale i forti elementi di instabilità introdotti in particolare dalla già citata complessa situazione dell Ucraina oltre che dalla forte espansione di movimenti estremisti nel Medio Oriente e nel Nord Africa con possibili ripercussioni dirette sul mercato delle commodities energetiche. In Italia la debolezza degli investimenti, che risente degli ampi margini di capacità inutilizzata ancora disponibili, è stata solo in parte contrastata da una contenuta ripresa dei consumi portando ad una ulteriore, seppure modesta, riduzione del PIL che è risultato in calo dello 0,4% su base annua (fonte Istat dato corretto per tener conto degli effetti di calendario). Anche la produzione industriale risulta in riduzione (quasi 1% sul 2013 stime Banca d Italia) anche se la discesa appare rallentata e nei primi mesi del 2015 si intravede qualche timida inversione del trend. Sul mercato del lavoro si registra qualche segnale di ripresa, con un aumento del numero degli occupati a partire in particolare dalla seconda metà dell anno (anche se limitato allo 0,1% nel secondo trimestre e allo 0,2% nel terzo trimestre). Tale dinamica non si è pero tradotta in una riduzione del tasso di disoccupazione, che è salito ulteriormente sfiorando il 13% nel terzo trimestre 2014, a causa dell incremento delle persone in cerca di occupazione (tasso di attività). Il mercato finanziario non ha risentito degli sviluppi politici della situazione in Grecia, ma ha beneficiato delle attese di interventi espansivi da parte della BCE registrando una significativa riduzione dello spread fra i titoli italiani e tedeschi che nei primi mesi del 2015 è sceso sotto la soglia dei 100 bps, con un evidente effetto positivo sui conti pubblici, anche se la situazione del mercato del credito rimane sempre difficile segnando una ulteriore contrazione dei prestiti bancari concessi alle imprese. Guardando più nello specifico ai mercati energetici, nel 2014 si è registrata una ulteriore riduzione della domanda di energia elettrica che, in base ai dati provvisori forniti da Terna, ha raggiunto il livello di 309 TWh a fronte dei 318,5 TWh dell anno precedente con una riduzione del 3%, che sommata a quella registrata nel 2013 porta in soli 2 anni ad una riduzione dei consumi di 19 TWh, pari ai consumi 2014 dell intera Sicilia. A livello territoriale nel 2014 le flessioni più consistenti si registrano nel Nord-Ovest (-5,7%) e in Sicilia (-3,4%) mentre il Triveneto registra una flessione dei consumi più contenuta rispetto all andamento nazionale (-0,7%). Dal lato della produzione, grazie soprattutto al contributo agli impianti idroelettrici favoriti dall andamento meteorologico, si conferma il trend di crescita delle fonti rinnovabili, la cui produzione cresce del 7% circa rispetto al 2013, mentre si riduce ulteriormente del 10% la produzione termoelettrica. In questo modo il contributo delle fonti rinnovabili sul totale della produzione netta italiana (fonte dati provvisori Terna) raggiunge il 38,1% del totale, rispetto al 34,2 del 2013 e al 29% del 2012, aumentando di quasi 10 punti in soli due anni. L andamento del mercato elettrico, in particolare per quanto riguarda la produzione, ha avuto un risvolto diretto anche sul mercato del gas naturale, che ha visto una ulteriore significativa riduzione del quantitativo di gas metano consumato in Italia che ha raggiunto i 61,5 miliardi di Smc, con un calo di oltre l 11% rispetto all anno precedente. Per trovare un anno con un livello dei consumi più basso, come si può vedere dal grafico della pagina seguente, è necessario tornare indietro al 1997 ultimo anno in cui i consumi erano rimasti sotto la soglia dei 60 miliardi di Smc.

17 RELAZIONE SULLA GESTIONE 17 Questa forte diminuzione è dovuta sia al calo degli utilizzi termoelettrici (-14,3%) sia alla consistente riduzione del prelievo delle reti di distribuzione (-14,5%) dovuto soprattutto all andamento dei consumi termici che si sono sensibilmente ridotti a seguito delle temperature miti registrate sia a inizio 2014 che negli ultimi mesi dell anno. ATTIVITÀ DEL GRUPPO Per quanto riguarda il Gruppo Dolomiti Energia l esercizio si chiude con risultati straordinariamente positivi e probabilmente irripetibili, superiori di circa il 79,3% a livello di utile netto consolidato rispetto all esercizio precedente, grazie in particolare ad una idraulicità molto elevata che ha portato ad una produzione degli impianti idroelettrici del Gruppo in Trentino superiore del 59% alla produzione media storica. Al raggiungimento di questo risultato hanno contribuito inoltre alcune partite positive di natura straordinaria quali la seconda e ultima quota di componenti arretrati relativi alla tariffa di distribuzione elettrica ricevuti dalla società del Gruppo SET e gli effetti sulla fiscalità differita derivanti dalla sentenza della Corte di Cassazione che in data 11 febbraio 2015 ha dichiarato incostituzionale l addizionale IRES ( Robin Tax ). Vanno segnalati anche i buoni risultati complessivamente ottenuti, nonostante le difficoltà della situazione macroeconomica, da tutte le aree operative in cui le società del Gruppo operano, nonostante qualche difficoltà registrata nel comparto della vendita per la necessità di prevedere consistenti accantonamenti al fondo svalutazione crediti, come meglio evidenziato di seguito nella nota integrativa. Da segnalare anche il progressivo miglioramento della posizione finanziaria netta che negli ultimi tre anni si è ridotta di circa un terzo, confermando il trend positivo che caratterizzato in questi anni l andamento del Gruppo in termini di capacità di autofinanziamento e di generazione di cassa. Riguardo agli eventi principali che hanno coinvolto il Gruppo, appare opportuno evidenziare prima di tutto l operazione di permuta, formalizzata in data 3 settembre 2014, che ha portato alla cessione ad A2A di tutta la quota detenuta in Edipower secondo le modalità meglio specificate di seguito. E importante ricordare inoltre che nel corso dell anno il perimetro delle società controllate è mutato con la costituzione di alcune società Dolomiti GNL, partecipata al 60%, Dolomiti Energy Saving, partecipata al 51% e Dolomiti Ambiente partecipata al 100% le cui attività sono meglio precisate nei paragrafi successivi. Nel comparto della distribuzione gas il Gruppo Dolomiti Energia sta seguendo con grande attenzione l evoluzione del contesto normativo con l obiettivo, oltre che di garantire il mantenimento delle attività in essere, di individuare eventuali opportunità di crescita che si dovessero presentare, anche se va registrato che appare ancora molto incerta la tempistica relativa visto che le scadenze previste a breve sono state ulteriormente posticipate. Riguardo al comparto della produzione idroelettrica, è opportuno segnalare l ottimo riscontro ottenuto dall iniziativa denominata Hydrotour Dolomiti che ha l obiettivo di rendere accessibili al pubblico, in maniera guidata e strutturata, alcuni dei più importanti impianti di produzione appartenenti alle società del Gruppo. Il progetto, assolutamente innovativo almeno in Italia, è partito a maggio 2014 con il primo impianto, la centrale di S. Massenza, e ha visto la partecipazione di oltre persone con un crescente interesse da parte di

18 18 DOLOMITI ENERGIA SPA BILANCIO 2014 persone di diversa estrazione e provenienza. Visto il positivo riscontro il Gruppo si propone di estendere tale iniziativa anche ad altri impianti con l obiettivo di far conoscere ad un pubblico più ampio possibile le attività del Gruppo e di migliorare il sistema di relazioni con il territorio in cui gli impianti sono inseriti. Nel campo dei servizi pubblici locali i comuni di Trento e Rovereto hanno proseguito, con il supporto di alcuni consulenti esterni sia in materia giuridica che economico-tecnica, gli approfondimenti e le analisi riguardo all affidamento delle attività di gestione dei servizi idrici e di raccolta rifiuti ad una società in house da loro interamente posseduta. Tale processo registrerà probabilmente un fisiologico rallentamento durante il 2015 a seguito della scadenza e del relativo rinnovo dei Consigli Comunali di Trento e Rovereto previsto per il 10 maggio prossimo. Va segnalato tuttavia a questo proposito che alcuni comuni appartenenti alla Comunità della Rotaliana (Lavis, Zambana, Nave S. Rocco e Roverè della Luna) hanno deciso di affidare il servizio di gestione dei relativi acquedotti, precedentemente in capo a Dolomiti Reti, a AIR in una logica di riunificazione di tale servizio nell ambito territoriale di riferimento. A seguito delle dimissioni presentate in data 8 maggio dal consigliere Paolo Battocchi e in data 4 luglio dal consigliere Renato Ravanelli, in data 29 agosto il Consiglio di Amministrazione ha cooptato nel Consiglio di Amministrazione della Società Marisa Zeni e Agostino Peroni, dopo aver preso atto della indisponibilità degli altri candidati inseriti nella lista da cui erano stati eletti i consiglieri dimissionari, già comunicata in occasione di una precedente cooptazione. Va inoltre segnalato che in data 5 novembre il consigliere Walter Ganapini ha rassegnato le proprie dimissioni da componente del Comitato Esecutivo, pur rimanendo all interno del Consiglio di Amministrazione per sopraggiunti impegni personali e il Consiglio di Amministrazione ha provveduto in data 14 novembre a sostituirlo con il consigliere Agostino Peroni. Nel corso dell anno l Organismo di Vigilanza della Società, incaricato di vigilare sull adeguatezza, efficacia e rispetto del Modello 231, ha proseguito nella sua attività di vigilanza, relazionando periodicamente al Consiglio di Amministrazione e al Collegio sindacale circa gli esiti delle verifiche svolte sui processi sensibili e le attività progettuali aziendali seguendo con attenzione anche l evoluzione della relativa normativa che ha previsto un ulteriore allargamento della tipologia di reati compresi nell ambito del d.lgs. 231/01 e s.m. e un conseguente aggiornamento del modello di controllo. Con riferimento alle attività sul sistema di controllo aziendale, nel corso dell esercizio la funzione Internal Audit ha svolto la propria attività di supporto al vertice aziendale, pianificando e eseguendo interventi finalizzati alla verifica e al miglioramento di ambiti, processi, flussi informativi ritenuti critici per il conseguimento degli obiettivi aziendali, informando il Consiglio di Amministrazione e il Collegio Sindacale circa i rilievi emersi e le iniziative di miglioramento promosse e i relativi risultati. Con riguardo alle operazioni, che meritano una menzione, effettuate direttamente o dalle altre Società controllate o partecipate, si rileva quanto segue:

19 RELAZIONE SULLA GESTIONE 19 Dolomiti Energia Come già anticipato in precedenza, il Consiglio di Amministrazione di Dolomiti Energia ha deciso di esercitare l opzione di cessione della quota detenuta in Edipower rappresentata da azioni pari al 8,54% della società. Come previsto contrattualmente in cambio della azioni Edipower, A2A ha ceduto le azioni dalla stessa detenute in Dolomiti Energia ( azioni, pari al 7,91% del capitale, oltre al pagamento di un conguaglio di di euro. A seguito di quanto previsto dall opzione e previa delibera assembleare del 30 aprile 2014 Dolomiti Energia ha pertanto incrementato il numero di azioni proprie possedute che risulta pari al 31 dicembre 2014 a L operazione non ha comportato effetti sul conto economico dell esercizio in quanto la cessione è avvenuta ad un valore pari al valore di carico della partecipazione. Al fine di rafforzare la visibilità del brand a livello nazionale a partire dalla stagione 2014/2015, Dolomiti Energia è diventata il main sponsor della squadra di basket Aquila Trento che ha partecipato per la prima volta al campionato di serie A con il nome di Dolomiti Energia Trento, ottenendo risultati molto lusinghieri sia dal punto di vista sportivo (con la qualificazione alla fase finale di Coppa Italia alla fase del girone di andata) che dal punto di vista di promozione dell immagine societaria. Società elettrica trentina (SET) In data 23 dicembre 2014 il comune di Palù del Fersina ha affidato la gestione della rete nel proprio Comune a SET tramite un contratto di affitto, nelle more di una possibile operazione di cessione della stessa a seguito di alcuni approfondimenti di carattere regolatorio che sono in corso. I risultati dell esercizio hanno beneficiato in maniera rilevante di quanto previsto dalle delibere 152 e 154 del 2014 dell AEEG. Con tali delibere la società recepisce in pieno ed in modo strutturale tutti gli effetti positivi della revisione tariffaria. Si segnala che non è ancora stato attivato quanto previsto dal piano della distribuzione in merito al riassetto azionario di SET in quanto i relativi accordi fra la Provincia, i Comuni trentini e gli attuali azionisti di SET non sono ancora stati formalizzati. Trenta/Multiutility Trenta è risultata aggiudicataria anche della seconda gara promossa da Altroconsumo denominata Abbassa la bolletta per la fornitura di energia elettrica a oltre clienti residenziali su tutto il territorio nazionale. Con efficacia 1 dicembre 2014 è stata completata l operazione di fusione di Multiutility.net spa in Multiutility spa al fine di razionalizzare e semplificare la struttura organizzativa. Dolomiti Trading Al fine di aumentarne la capacità operativa e di rendere coerente la denominazione con il resto del Gruppo, Trentino Trading, società controllata al 100%, è stata ridenominata in Dolomti Trading e contestualmente il capitale sociale è stato aumentato da a 2 milioni di euro.

20 20 DOLOMITI ENERGIA SPA BILANCIO 2014 Dolomiti GNL È stata costituita il 19 giugno 2014, con l apporto di un partner privato, con lo scopo di operare nella realizzazione di infrastrutture per lo stoccaggio, la distribuzione e la vendita del GNL, gas naturale sotto forma liquida, nelle situazioni in cui non è possibile raggiungere i clienti con le reti di distribuzione di gas naturale gassoso. Si tratta di una nicchia di mercato del tutto nuova ma potenzialmente in crescita, in particolare in alcune applicazioni (zone montane, autotrazione). Attualmente si trova in fase di start up con l obiettivo di mettere in funzione entro il 2015 la prima infrastruttura di fornitura di GNL. Dolomiti Energy Saving È stata costituita il 3 novembre 2014, con un partner tecnologico leader in questa fascia di mercato, con l obiettivo di realizzare interventi di efficienza energetica all interno di processi industriali sia nella provincia di Trento che su tutto il territorio nazionale e in generale di supportare i clienti industriali del Gruppo sui temi dell efficienza energetica. Anche questa società si trova in fase di start up e si è posta l obiettivo di realizzare entro il 2015 il suo primo intervento. Dolomiti Ambiente È stata costituita il 28 ottobre 2014, al fine di concentrare in questa società le attività relative alla raccolta rifiuti e alla gestione dei CRM nei comuni di Trento e Rovereto, anche in vista di una possibile cessione ai Comuni stessi sulla base di quanto già ricordato in precedenza. Con efficacia 1 gennaio 2015 è stato quindi conferito in tale società il relativo ramo di azienda prima gestito direttamente dalla Capogruppo.

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Bilancio Consolidato e Separato

Bilancio Consolidato e Separato Bilancio Consolidato e Separato 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE Gruppo Hera Bilancio Consolidato e Separato

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA Da produttore/grossista a utente non domestico - Prezzo di mercato prevalente della componente energia e della commercializzazione al dettaglio

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

Dal kw risorse per la competitività

Dal kw risorse per la competitività Dal kw risorse per la competitività Soluzioni di efficienza e ottimizzazione energetica dalla PMI alla grande impresa Salvatore Pinto AD Presidente Axpo Italia SpA Axpo Italia SpA Da fornitore a partner

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

ACEL Service S.r.l. BILANCIO D ESERCIZIO al 31.12.2014

ACEL Service S.r.l. BILANCIO D ESERCIZIO al 31.12.2014 Sede in Lecco - Via Amendola, n 4 Capitale Sociale 2.473.194 interamente versato Registro Imprese di Lecco n 02686430139 Rea C.C.I.A.A. di Lecco n 295486 BILANCIO D ESERCIZIO al 31.12.2014 Bilancio 2014

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario 9 Signori azionisti, il 2005 è stato per Manutencoop Facility Management S.p.A. un anno di particolare impegno: il completamento delle

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico COMUNICATO Energia: da aprile ancora in calo la bolletta elettricità, -1,1%, e forte riduzione per il gas -4,0% sull anno risparmi per 75 euro

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA Enel Produzione SpA Concorso nazionale Le buone pratiche sulla manutnzione sicura Campagna Ambienti di lavoro sani e sicuri 2010-2011 Napoli, 27 Ottobre 2011 Villa Colonna Bandini Stefano Di Pietro Responsabile

Dettagli

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro.

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro. Torino, 10 maggio 2013 COMUNICATO STAMPA RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE DEL GRUPPO SIASS AL 31 MARZO 2013 PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA D SOCIETÀ INTERAMENTE CONTROLLATA HOLDING PIEMONTE

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 20 gennaio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore dei Servizi Elettrici, SPA Dpr 26 ottobre

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO Premessa Il Centro Servizi Culturali Santa Chiara propone annualmente una Stagione di Teatro che si compone di differenti

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO Relazione tecnica alla deliberazione 20 dicembre 2012, 570/2012/R/efr Mercato di incidenza:

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO)

PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO) INFORMATIVA AL PUBBLICO Terzo Pilastro di Basileaa 2 SITUAZIONE AL 31/12/2 2014 PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO) Il primo gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova

Dettagli

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE 2006 AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE Capitale sociale E 60.908.120 interamente versato Sede legale in Milano, via Bernina 7 Registro delle Imprese di Milano n. 264551

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 Nucleo di Valutazione RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 (ex art. 5, comma 21 della Legge 24 dicembre 1993 n. 537) - GIUGNO 2015 - DOC 07/15 Sommario: 1. Obiettivi e struttura

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

Allegato A TESTO INTEGRATO

Allegato A TESTO INTEGRATO TESTO INTEGRATO DELLE DISPOSIZIONI DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI TRASMISSIONE, DISTRIBUZIONE E MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA Periodo di regolazione 2008-2011

Dettagli

Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior tutela

Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior tutela Indagine conoscitiva sui prezzi dell energia elettrica e del gas come fattore strategico per la crescita del sistema produttivo del Paese Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA

LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA GESTORE DEI SERVIZI ELETTRICI GSE SPA Direzione Operativa www.gse.it www.gsel.it 2 Commercializzazione dell energia energia elettrica

Dettagli