Relazioni. e Bilancio. Consolidato

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazioni. e Bilancio. Consolidato"

Transcript

1 Relazioni e Bilancio Consolidato AL 31 DICEMBRE 2011

2 api holding S.p.A. Sede legale: Via Salaria Roma Capitale Sociale Euro ,00 i.v. C.C.I.A.A. R.E.A. Roma Codice Fiscale e Registro Imprese Roma n Partita IVA

3 Sommario Organigramma api holding S.p.A. 4 Il Consiglio di Amministrazione 7 1 Relazione del Consiglio di Amministrazione al 31 dicembre Relazione al 31 dicembre Il contesto macro economico 11 Il mercato di riferimento 12 Il settore elettrico 12 Il settore petrolifero 15 Andamento delle principali partecipate 16 La gestione economica 25 La gestione finanziaria 31 I rapporti con le imprese controllate e collegate 33 Fatti di rilievo dopo la chiusura dell esercizio 34 2 Bilancio Consolidato al 31 dicembre CONTO ECONOMICO CONSOLIDATO 39 SITUAZIONE PATRIMONIALE FINANZIARIA CONSOLIDATA 40 RENDICONTO FINANZIARIO CONSOLIDATO 41 MOVIMENTI NELLE VOCI DI PATRIMONIO NETTO 42 Principi contabili e note esplicative 44 Note esplicative alle voci di Conto Economico 67 Note esplicative alle voci di Stato Patrimoniale 76 3 Relazione del Collegio Sindacale Relazione della Società di Revisione Prospetto riepilogativo dei dati essenziali al Bilancio 117 Stato Patrimoniale IAS/IFRS 118 Conto economico IAS/IFRS 119

4 api holding S.p.A. Roma Fin. Bra. S.A. Lussemburgo 99,98% api anonima petroli italiana S.p.A. Roma 51,31% api holding S.p.A. 48,51% Fin. Bra. S.A. api real estate S.r.l. Roma 51,31% api holding S.p.A. 48,51% Fin. Bra. S.A. api raffineria di Ancona S.p.A. Falconara Marittima (AN) 100% anonima petroli italiana S.p.A. api energia S.p.A. Falconara Marittima (AN) 98,84% api anonima italiana S.p.A. 1,16% api holding S.p.A. ISI 2003 S.r.l. in liquidazione Roma 100,00% apisoi service S.r.l. in liquidazione Ancona 50,00% Finbra Real Estate S.r.l. Roma 100,00% Courmayer Montblanc Funivie S.p.A. Aosta 1,65% api services Ltd Londra 99,99% apioil Ltd Bermuda 99,99% Festival S.r.l. Roma 100,00% Dialco S.r.l. Bari 100,00% apifin S.r.l. in liquidazione Roma 100,00% G.R.C. S.r.l. Roma 100,00% Saccne rete S.r.l. Messina 50,00% Ip Services S.r.l. Roma 100,00% Abruzzo Costiero S.r.l. Pescara 30,00% Apisem S.r.l. Lecce 50,00% SGR S.p.A. Roma 0,78% Petroven S.r.l. Marghera 10,00% Marina Fiera di Genova GE S.p.A. Genova 4,70% Immobiloil S.r.l. Roma 3,12% Apimak Sh.pk. Macedonia 52,00% apibenzin d.o.o. Croazia 50,00% Civita servizi S.r.l. Roma 2,33%

5 api nòva energia S.r.l. Roma 100,00% cer S.p.A. Roma 100,00% nòvawind Sud S.r.l. Roma 100,00% nòvasol Calabria S.r.l. Belvedere Marittimo (CS) 100,00% Ambienta SGR S.p.A. Milano 0,60% nòvawind Sicilia S.r.l. Palermo 100,00% s.e.r S.p.A. Palermo 50,10% s.e.r. 1 S.p.A. Roma 2,00% apinòva energia S.r.l. 96,00% s.e.r. S.p.A. nòvasol Puglia S.r.l. Foggia 100,00% nòvasol Centro S.r.l. Roma 100,00% nòvasol Sicilia S.r.l. Palermo 100,00% Opera sca Lussemburgo 1,10% F.I.T. S.p.A. Londra 2,91% Sator S.p.A. Roma 1,09% italsilicon S.p.A. Roma 41,50% WAS S.r.l. Bologna 50,00% sunshire S.r.l. Tolentino (MC) 100,00% SAB Sr.l. Roma 50,00% sòlergys S.p.A. Roma 51,00% SAB Mozambiqque S.A. Mozambico 100,00% SAB S.r.l. nòvabra ES S.A. Espirito Santo (BRA) 100,00% nòvaagri soc. agr. a.r.l. Roma 100,00% Biotrade S.p.A. Strongoli 50,00% Ecoenergia S.r.l. Foggia 51,00% Biomasse Italia S.p.A. Crotone 50,00%

6

7 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Cav. Lav. Dott. Aldo Maria Brachetti Peretti Dott. Ferdinando Maria Brachetti Peretti Dott. Ugo Brachetti Peretti Sig.ra Mila Peretti Dott. Umberto Scarimboli Sig.ra Benedetta Brachetti Peretti Sig.ra Chiara Brachetti Peretti Avv. Ferdinando Carabba Tettamanti (Presidente) (Vice Presidente/Amm. Delegato) (Vice Presidente) (Consigliere) (Vice Presidente Esecutivo) (Consigliere) (Consigliere) (Consigliere) COLLEGIO SINDACALE Dott. Pier Andrea Frè Torelli Massini Dott. Mario Casini Dott. Fabrizio Scanu Dott. Stefano Crisci Dott. Mirko Pezzulich (Presidente) (Sindaco Effettivo) (Sindaco Effettivo) (Sindaco Supplente) (Sindaco Supplente) SEDE SOCIALE Via Salaria, Roma SOCIETÀ DI REVISIONE Reconta Ernst & Young S.p.A.

8

9 1 Relazione del Consiglio di Amministrazione al 31 dicembre 2011

10

11 Relazione al 31 dicembre 2011 Relazioni e Bilancio Consolidato 2011 api holding S.p.A. Signori Azionisti, il bilancio relativo all esercizio 2011, che sottoponiamo alla Vostra approvazione, evidenzia un utile pari ad Euro Nel rimandare, per una più approfondita analisi, al bilancio ed alla nota esplicativa il compito di illustrare i criteri contabili utilizzati e gli elementi quantitativi rilevati, riteniamo opportuno rappresentarvi l andamento dei mercati di riferimento ed i dati più rilevanti relativi alle nostre principali partecipate. 11 Relazione del Consiglio di Amministrazione Il contesto macro economico L anno appena concluso è stato caratterizzato da un economia mondiale complessivamente in crescita, con un incremento del PIL globale pari al 4%, ma in netto rallentamento rispetto all incremento pari al 5,1% del Come in passato, si conferma una forte eterogeneità fra i paesi emergenti a quelli industrializzati; per i primi, infatti, sostenuti dalla domanda interna, la crescita è risultata pari al 6,4%, mentre per i paesi industrializzati è stata molto più contenuta, complessivamente pari all 1,6%. Nell Area Euro il 2011 è stato caratterizzato dall intensificarsi della crisi del debito sovrano che, dopo aver toccato Grecia, Irlanda e Portogallo, ha iniziato ad estendersi in maniera sempre più preoccupante anche a Spagna ed Italia mettendo a rischio l intera tenuta dell Area Euro e generando una forte volatilità ed incertezza sui mercati finanziari. Tale difficile contesto ha portato gli investitori a preferire attività finanziarie più sicure (flight to quality) determinando un differenziale molto elevato fra titoli di Stato ritenuti affidabili, in particolare americani e tedeschi, e titoli più rischiosi. Il differenziale sui rendimenti (spread) dei titoli di stato italiani rispetto a quelli tedeschi, ha raggiunto nel mese di novembre la cifra record di 548 basis point. A sostegno di tale difficile situazione, l Eurogruppo è intervenuto attraverso il Fondo Salva Stati (EFSF) mettendo a disposizione, insieme al FMI, capitali per 78 Mld di euro al Portogallo e prevedendo un ulteriore sostegno a favore della Grecia per 130 Mld a patto però che quest ultima approvi ulteriori pesanti misure di austerità. Nel corso dell anno inoltre l EFSF è stato potenziato da 250 a 440 Mld di Euro e riformato nel vertice del 21 luglio per dotarlo di maggiore flessibilità; tali modifiche riguardano principalmente la possibilità del fondo di ricapitalizzare le banche e di muoversi sul mercato secondario acquistando obbligazioni emesse da qualsiasi paese appartenente all Unione Monetaria che venga a trovarsi in circostanze eccezionali. All interno di questo scenario estremamente incerto, la BCE ha comunque deciso, nella prima parte dell anno, di alzare il tasso ufficiale di sconto dall 1% all 1,50% nelle riunioni del 7 aprile e del 7 luglio; tale intervento, dopo quasi due anni di tassi fermi all 1%, è stato posto in essere a seguito dei timori inflattivi dovuti al forte aumento del prezzo delle materie prime. Negli ultimi mesi dell anno, invece, la situazione sempre più incerta e preoccupante nell area Euro ha indotto la BCE a riportare di nuovo i tassi di sconto all 1%, attraverso due successivi interventi il 3 novembre e l 8 dicembre. A partire dall estate inoltre la BCE ha ripreso l acquisto di titoli di Stato, soprattutto italiani e spagnoli all interno del Security Market Programme (SMP) allo scopo di ridurre il differenziale sempre più ampio fra i rendimenti dei titoli di Stato Tedeschi e quelli dei paesi in maggiori difficoltà. La Banca Centrale ha infine programmato due aste di rifinanziamento illimitato alle banche (LTRO) a 36 mesi all 1% ed ha ampliato la gamma di titoli da fornire come collaterale di garanzia. La prima LTRO, posta in essere il 21 dicembre si è conclusa con l assegnazione di 489 Mld, di cui 116 Mld richiesti da banche italiane. La seconda è invece prevista per il prossimo 29 febbraio.

12 12 api holding S.p.A. Relazioni e Bilancio Consolidato 2011 Ancora molto espansiva la politica monetaria della FED che lasciato il livello dei FED FUNDS invariato fra lo 0% 0,25% per tutto il 2011; la FED ha infatti ribadito anche nell ultima riunione del 13 dicembre che tale livello dei tassi verrà mantenuto fermo almeno fino metà del Nel mese di settembre la FED ha inoltre introdotto la cosiddetta operation twist, ossia l acquisto, fino a giugno 2012, di Titoli governativi a scadenza tra 6 e 30 anni e la vendita di Titoli di durata inferiore a 3 anni. Tale operazione ha come scopo quello di appiattire la curva dei rendimenti. Sul mercato valutario, l Euro/Dollaro dopo essersi indebolito nei primi giorni dell anno fino a toccare il livello di 1,2903 ha poi iniziato ad intraprendere un trend rialzista a partire da metà gennaio fino a raggiungere il livello massimo di 1,4822 il 4 maggio scorso; il motivo di tale apprezzamento dell Euro è riconducibile fondamentalmente all andamento del differenziale tassi Euro/Usa soprattutto dal momento in cui la BCE ha lasciato intendere la possibilità di ulteriori graduali aumenti dei tassi, di cui si è avuta una prima dimostrazione nel mese di aprile; ad incidere su tale trend anche l aumento del prezzo del petrolio in seguito alle tensioni politiche verificatesi nei paesi nord africani. Nei mesi estivi l acuirsi delle problematiche sul debito sovrano e l incertezza sui piani per la gestione della crisi stessa hanno portato l Euro/Dollaro ad avere un trend molto volatile con un forte indebolimento soprattutto nel mese di settembre passando dal livello di 1,4285 Euro/Dollaro (il primo settembre) a quello di 1,3181 Euro/Dollaro (il 4 ottobre), con un deprezzamento di oltre 8% in un solo mese. Dopo un leggero recupero avvenuto nel mese di ottobre, l Euro è tornato di nuovo a deprezzarsi a seguito della mancanza di decisioni da parte dell Eurogruppo sul problema greco fino a raggiungere il livello minimo di 1,2889 il 29 dicembre scorso. Sul mercato delle commodities, la grave crisi geopolitica scoppiata nei paesi nord africani ha comportato un forte aumento del prezzo del Brent Bwave che, da 93,33 USD/bbl (dollari/barile) del 7 gennaio, è arrivato a 125,41 USD/bbl l 11 aprile. Il prezzo si è poi ridimensionato a seguito degli eventi catastrofici occorsi in Giappone fino al livello di 104,51 USD/bbl il 27 giugno scorso. A partire dall estate il prezzo del petrolio ha avuto un andamento molto volatile compreso fra il massimo di 119,90 USD/bbl il 14 giugno ed il minimo di 100,44 USD/bbl il 4 ottobre. Nel corso dell anno, lo straordinario aumento dell avversione al rischio ha determinato una continua crescita del prezzo dell oro che ha raggiunto il 5 settembre scorso il valore massimo di 1900 USD/Oncia. IL MERCATO DI RIFERIMENTO IL SETTORE ELETTRICO Per il secondo anno consecutivo la domanda di elettricità ha registrato un incremento. I dati provvisori sul fabbisogno di energia elettrica nell anno 2011 fanno segnare un incremento dello 0,6% rispetto al 2010, che a sua volta aveva chiuso con un +3,2% rispetto al Il totale dell energia richiesta in Italia nel 2011 ammonta a 332,3 miliardi di kwh (kilowattora). Anno 2011 valori previsionali GWh Variazioni % Produzione idroelettrica ,4% Produzione termoelettrica ,6% Produzione geotermica ,2% Produzione eolica ,7% Produzione fotovoltaica ,0% Totale produzione netta ,5% Energia destinata ai pompaggi ,5% Produzione netta destinata al consumo ,1% Importazione ,0% Esportazione ,7% Saldo estero ,3% Fabbisogno ,6%

13 Relazioni e Bilancio Consolidato 2011 api holding S.p.A. Nel 2011 la domanda di energia elettrica è stata soddisfatta per l 86,3% con produzione nazionale (di cui 64,7% termoelettrica, 14,3% idroelettrica, 2,9% eolica, 2,8% fotovoltaica e 1,6% geotermica) e per la quota restante (13,7%) dal saldo dell energia scambiata con l estero. In dettaglio, la produzione nazionale netta (289,2 miliardi di kwh) è in diminuzione dello 0,5% rispetto al 2010; in calo le fonti idroelettrica (-11,4%) e termoelettrica (-1,6%) mentre registrano un aumento le fonti di produzione geotermoelettrica (+5,2%), eolica (+5,7%) e fotovoltaica (+394%). In particolare risulta esponenziale la crescita delle installazioni del fotovoltaico. I dati ufficiali indicano una potenza installata al 31 dicembre 2011 di poco inferiore i MW (megawatt) a fronte di un obiettivo del Piano d Azione Nazionale al 2020 di MW, con circa MW di nuove installazioni nel solo 2011, ovvero +367% rispetto la potenza installata nell intero anno È utile precisare che dei MW, circa MW sono riferiti ad impianti in esercizio nel 2011 ma che hanno ultimato la costruzione entro il 31 dicembre 2010 e che godono quindi degli incentivi del II Conto Energia secondo quanto previsto dalla Legge 129/10 (c.d. Salva Alcoa). Sul fronte eolico la potenza cumulata a fine 2011 ha raggiunto i MW, con un incremento del 18,3% rispetto al 2010, corrispondente a MW installati nell anno. Complessivamente a fine 2011 risultano installati in Italia circa MW riferiti ad impianti a fonte rinnovabile. Secondo le prime stime, tale potenza, sommata alle previsioni di nuove installazioni relative al primo semestre 2012, sembrerebbe sufficiente a coprire l obiettivo del riferito alla quota di consumi finali da soddisfare tramite fonti rinnovabili pari a circa 100 TWh (terawattora). 13 Relazione del Consiglio di Amministrazione Aspetti Normativi Per il settore delle fonti rinnovabili il 2011 è stato un altro anno estremamente importante, con numerosi interventi normativi che avranno un rilevante effetto nel futuro. La novità principale è rappresentata dal decreto legislativo di recepimento della direttiva 2009/28/CE (D. Lgs. 28/2011) sulla promozione dell'uso dell'energia da fonti rinnovabili. Come ben noto, la direttiva introduce un obiettivo vincolante di penetrazione delle rinnovabili sui consumi di energia primaria dell Unione Europea pari al 20%, da raggiungersi gradualmente ma tassativamente entro l anno Tale obiettivo viene declinato a livello di Stati Membri, attribuendo così all Italia un target nazionale del 17% di produzione di rinnovabili sui consumi di energia primaria entro il 2020, a cui si accompagna in subordine un obbligo di raggiungimento di una quota del 10% di uso di biocarburanti sul totale dei consumi imputabili al settore trasporti. D. Lgs. 28/2011 di recepimento della direttiva 2009/28/CE Sulla base della delega concessa al governo dal Parlamento con legge 96/2010, il Consiglio dei Ministri ha emanato un decreto legislativo avente ad oggetto il recepimento della direttiva 2009/28/CE, pubblicato definitivamente in data 28 marzo 2011 (D. Lgs. 28/2011). Il decreto, ponendosi l obiettivo di definire strumenti, meccanismi, incentivi e quadro istituzionale, finanziario e giuridico per il raggiungimento degli obiettivi al 2020 in materia di quota complessiva di energia da fonti rinnovabili sul consumo totale di energia e nei trasporti, introduce una vera rivoluzione per il settore. Più precisamente il decreto prevede, per gli impianti alimentati da fonti rinnovabili che entreranno in esercizio, anche a seguito di rifacimento totale o parziale e di ripotenziamento, dopo il 31 dicembre 2012, la sostituzione dello strumento incentivante del certificato verde con un nuovo meccanismo basato su incentivi assegnati tramite contratti di diritto privato di lungo periodo con il GSE ( contratto feed-in ) il cui valore è definito mediante asta a ribasso. Il valore base dell asta (ovvero il valore massimo ottenibile) varia per tecnologia, taglia e data di entrata in esercizio dell impianto e verrà adattato in ragione dell evoluzione tecnologica (aggiornamento previsto con cadenza triennale).

14 14 api holding S.p.A. Relazioni e Bilancio Consolidato 2011 Una volta aggiudicato e definito l incentivo caratteristico del singolo contratto feed-in, la tariffa sarà costante e rimarrà valida per una durata commisurata alla vita media utile convenzionale della specifica tipologia di impianto. Le procedure d asta, effettuate con cadenza periodica, sono riferite a un contingente di potenza da installare per ciascuna fonte o tipologia di impianto. Gli impianti in esercizio entro il 31 dicembre 2012, continueranno invece a godere dei certificati verdi (CV) fino al La quota d obbligo dei CV continuerà a crescere fino al 2012, anno in cui raggiungerà il 7,55%, mentre a partire dal 2013 tale quota verrà ridotta gradualmente fino ad annullarsi nel Per biomasse e bioliquidi sostenibili, l incentivo tiene conto della tracciabilità e della provenienza della materia prima, nonché dell esigenza di destinare prioritariamente le biomasse legnose all utilizzo termico e i bioliquidi sostenibili per i trasporti. Ad arricchire il già complesso quadro di riferimento in materia di bioenergie, interviene inoltre la trasposizione nell ordinamento nazionale dei criteri di sostenibilità. Tali criteri nascono dalla volontà di incentivare l utilizzo dei soli bioliquidi ritenuti appunto sostenibili, laddove per sostenibili si intendono quei bioliquidi non prodotti da materie prime coltivate in terreni di particolare pregio (quali foreste primarie e altri terreni boschivi, aree designate per scopi di protezione della natura, o che presentano un elevato stock di carbonio) ed in grado di garantire, lungo tutto il proprio ciclo di vita, dalla coltivazione del seme alla produzione di energia, una riduzione delle emissioni di gas serra pari almeno al 35% rispetto all utilizzo delle fonti fossili. I bioliquidi che non saranno in grado di rispondere a questi requisiti, non saranno contabilizzati tra le fonti rinnovabili nel raggiungimento dei target al 2020 e non potranno beneficiare degli incentivi. Risoluzione anticipata Convenzioni CIP 6/92 A fine maggio 2011 il Consiglio dei Ministri ha approvato il Decreto Legislativo di recepimento delle direttive 2009/72/CE, 2009/73/CE e 2008/92/CE in materia di apertura dei mercati dell energia elettrica e del gas. Il provvedimento riordina i suddetti mercati con l introduzione di norme volte a tutelare maggiormente i consumatori, aumentare la sicurezza degli approvvigionamenti e promuovere la concorrenza e la completa apertura dei mercati. Ricordiamo che in attuazione dell art. 30, comma 20 della legge 23 luglio 2009, n. 99, il Ministero dello Sviluppo Economico ha emesso, su proposta dell Autorità per l energia elettrica ed il gas, il decreto 2 dicembre 2009 che stabilisce i meccanismi per la risoluzione anticipata e volontaria delle cosiddette convenzioni CIP 6, relative agli impianti alimentati da combustibili di processo o residui o recuperi di energia e impianti ad essi assimilati alimentati da combustibili fossili. Con successivo decreto del 2 agosto 2010 il Ministero ha definito le modalità di risoluzione anticipata e di liquidazione del corrispettivo, per i soli impianti alimentati da combustibili fossili. Per gli impianti alimentati da combustibili di processo i decreti saranno predisposti nel corso del Per quanto riguarda il gruppo api si rileva che la società api energia S.p.A., dopo aver ottenuto l autorizzazione dalle banche finanziatrici, ha siglato l adesione vincolante della risoluzione anticipata in data 6 febbraio Certificati Verdi Le negoziazioni sul Mercato dei Certificati Verdi, nel 2011, si sono chiuse registrando un volume di titoli scambiati nel corso delle 47 sessioni organizzate dal GME (Gestore Mercato Elettrico) pari a titoli, in aumento rispetto ai CV scambiati nel 2010, per un controvalore totale di circa 340 milioni di euro (217 milioni di euro nel 2010). Il prezzo medio ponderato dei CV scambiati nelle sessioni di mercato è stato pari a 82,25 /MWh (euro/megawattora) (84,41 /MWh l anno scorso). In considerazione di quanto determinato dalla delibera AEEG/11/2012/R/efr del il prezzo di cessione dell energia elettrica, registrato nell anno 2011, è fissato in 74,72 /MWh e di conseguenza il prezzo di ritiro dei certificati verdi di competenza 2011 risulta essere pari a 82,12 /CV.

15 Il SETTORE PETROLIFERO Relazioni e Bilancio Consolidato 2011 api holding S.p.A. Anche nel corso del 2011 si è assistito ad una crescita delle quotazioni internazionali del greggio. Dal 1998 ad oggi, l incremento è stato del 773%, concentrato soprattutto negli ultimi anni: la media tra il è stata infatti di 24,3 USD/bbl, contro i 77,3 del periodo La media del Brent nei primi dodici anni del nuovo secolo sale a 57,2 USD/bbl contro i 18 degli anni 90 (+218%). In media a fine 2011 il costo Cif del greggio importato nei Paesi Ocse si è attestato a 108,8 USD/bbl, contro i 78,1 del 2010 e i 60,4 del In termini percentuali la crescita è stata di circa il 37%. Se nella seconda parte del 2011 il rialzo delle quotazioni è stato conseguente alla dinamica di crescita della domanda, più spinta rispetto all offerta, a partire da marzo ha influito anche la sospensione della produzione libica che ha trascinato il prezzo oltre i 120 USD/bbl. Nella seconda parte del 2011 la quotazione ha oscillato nella banda USD/bbl. Il rallentamento economico, particolarmente evidente nel secondo semestre del 2011, ha prodotto nella domanda petrolifera totale una moderata crescita dello 0,8% rispetto al 2010, giungendo a 89,0 milioni barili/giorno, (+0,7 milioni barili/giorno), contro una crescita media di 1,1 milioni barili/giorno nel decennio La flessione in Europa è stata dell 1,9%, pari a circa 0,4 milioni barili/giorno. Il fabbisogno dei paesi Ocse è stato di 45,6 milioni barili/giorno, tornando a contrarsi dell 1,2%, contro l aumento eccezionale dell 1,1% dell anno 2010, con un peso sul totale di circa il 51% (contro il 62% del 2000). Quello dei paesi non-ocse, meno influenzati dalle turbolenze finanziare dei Paesi occidentali, è stato invece di 43,4 milioni barili/giorno, in progresso del 3,0% e con un peso sul totale del 48% (contro il 38% del 2000). La differenza dei consumi delle due aree si attesta attualmente sui 2 milioni di barili/giorno, contro i 19 milioni di barili/giorno di dieci anni fa. Continuano a trainare la domanda dei paesi non Ocse (+2,9%), l ex Urss (+5,4%), la Cina (+4,7%) e l America Latina (+2,5%). L offerta totale nel 2011 si è attestata a 88,5 milioni barili/giorno, +1,1% rispetto al 2010, nuovamente rimanendo inferiore alla domanda: la primavera araba e la mancata produzione libica in gran parte dell anno hanno infatti prodotto tensioni negli approvvigionamenti. A supportare l aumento sono stati soprattutto i paesi Opec (+2,7% rispetto al 2010, pari a +0,9 milioni barili/giorno), in particolare l Arabia Saudita che, incrementando di circa 1 milione di barili/giorno la propria produzione, pari a oltre l 11% in più, ha cercato di coprire i quantitativi libici mancanti. Per quanto riguarda le quotazioni internazionali dei prodotti, esse non sono state immuni dalle tensioni che hanno caratterizzato il Le quotazioni Platts della benzina in media annua si sono attestate intorno a 990 dollari/tonnellata, il 34% in più rispetto al Il gasolio, sempre in media, è stato quotato sui 971 dollari/tonnellata (+40% rispetto al 2010). La corsa al rialzo di entrambi i prodotti è stata praticamente continua, con picchi di maggiore tensione in primavera e poi soprattutto a fine Il 2011 è stato un anno estremamente negativo per i margini di raffineria che hanno rilevato un notevole peggioramento, attestandosi ai livelli più bassi degli ultimi 20 anni e mediamente pari a neanche 1 USD/bbl per le lavorazioni più complesse. A seguito della generalizzata contrazione dei consumi petroliferi con un calo del 2,5% rispetto al 2010, si segnala che la benzina ha continuato la flessione iniziata nel 2004, perdendo ulteriori 601 mila tonnellate. La somma di benzina e gasoli presenta un decremento dell 1,2% rispetto ai valori del 2010 (benzina 6%; gasolio +0,8%). L olio combustibile per uso termoelettrico perde ulteriormente terreno con un -23,2% (-0,3 milioni di tonnellate). Il gasolio riscaldamento con un -15,7% si attesta su valori di poco inferiori a 1,6 milioni di tonnellate. 15 Relazione del Consiglio di Amministrazione

16 16 api holding S.p.A. Relazioni e Bilancio Consolidato 2011 Il sistema di raffinazione nel 2011, ha risentito pienamente della crisi strutturale di eccesso di offerta rispetto alla domanda interna e al calo delle esportazioni dei suoi prodotti, che ha portato alla sospensione dell attività e alla trasformazione in polo logistico integrato la raffineria di Cremona riducendo la capacità effettiva totale italiana a 103 milioni di tonnellate. Nel complesso gli impianti sono stati usati a tassi dell 84% (riferito al greggio e ai semilavorati d importazione). Le lavorazioni sono ammontate complessivamente a 86,0 milioni di tonnellate (-5,6%). Nella materia prima trattata sono diminuiti sia il greggio (-5,9%) che i semilavorati esteri (-6,3%). Le esportazioni dei prodotti hanno registrato una diminuzione di circa 1,9 milioni di tonnellate (-6,3%). La fattura petrolifera nel 2011 si è attestata a 34,9 miliardi di euro, circa 6,5 miliardi in più rispetto all anno precedente, nonostante il calo dei consumi stimato del 2,5%. Il forte aumento delle quotazioni del greggio importato (+39%) è stato attenuato solo parzialmente dal miglioramento del cambio /USD, euro/dollaro, (+5,2%), per cui nel 2011 è stato superato l esborso record dell ultimo decennio, toccato nel 2008 (32,5 miliardi in valori nominali, 34,3 in termini reali). La fattura energetica si stima in aumento di oltre 9,1 miliardi di euro rispetto al 2010, sui 62,1 miliardi di euro (+17%). Un valore che corrisponde al 3,9% del Pil (3,4% nel 2010). Il petrolio pesa per il 56% dell esborso complessivo, mentre il gas per il 33%. ANDAMENTO DELLE PRINCIPALI PARTECIPATE Settore petrolifero api anonima petroli italiana S.p.A. L esercizio 2011 si chiude con un utile dopo tasse di euro 22 milioni verso un utile di 49 milioni dell esercizio precedente. Significativo anche per l esercizio 2011 l effetto delle variazioni di magazzino. Il risultato al netto degli effetti straordinari, in flessione rispetto al precedente esercizio, risente dell effetto dei margini di raffinazione particolarmente sfavorevoli che passano da -0,4 a -1,5 USD/bbl. L andamento operativo 2011, nel confronto con il 2010, ha visto una diminuzione della quota mercato rete al 9,86% (10,3% nel 2010) con volumi in contrazione del 7,83% in un mercato in calo del 3,71%. I margini unitari per il 2011 sono stati superiori a quelli del 2010 nonostante le maggiori pressioni competitive sul fronte dei prezzi. Sul mercato extrarete, in forte calo nei comparti principali, le vendite complessive sono diminuite del 14,4%. I gasoli sono diminuiti del 16,1% (con un mercato in aumento del 3%) per la difesa dei margini ed il contenimento dell esposizione finanziaria sui clienti potenzialmente a rischio. I bitumi sono diminuiti dell 11,2% (in un mercato in crescita del 4,7%) mantenendo anche in questo canale la massima attenzione ai margini. Mentre i lubrificanti, in un mercato in lieve diminuzione (-0,6%) hanno fatto registrare un incremento verso il 2010 del 2,6% migliorando leggermente la quota mercato. Il MOL contabile registra un utile di 76 milioni. Gli ammortamenti, in linea con il 2010, sono pari a 27 milioni di euro. Il risultato operativo (EBIT) è pari a 49 milioni di euro (0 milioni di euro nel 2010). La posizione finanziaria netta negativa passa da 685 milioni di euro a 717 milioni di euro per effetto dei maggiori fabbisogni della controllata api raffineria.

17 api raffineria di ancona S.p.A. Relazioni e Bilancio Consolidato 2011 api holding S.p.A. L esercizio 2011 si chiude con una perdita di euro 35,2 milioni, verso una perdita di 20,6 milioni del 2010, risultato che aveva però beneficiato di euro 3,7 milioni pre-tax di recuperi straordinari, rispetto ad 1 milione di questo esercizio. Anche quest anno l esercizio risente dell effetto dei margini di raffinazione particolarmente sfavorevoli con la conseguente riduzione dei programmi di lavorazione, passati da tonnellate del 2010 a del Le minori lavorazioni hanno determinato una riduzione dei ricavi legati al compenso di lavorazione con la controllante, api anonima petroli italiana S.p.A., e l applicazione del minimo garantito contrattuale pari a 3,5 EUR/bbl. Il risultato dell esercizio risente pesantemente dell aumento dei prezzi di acquisto delle fonti energetiche, parzialmente bilanciato dal contenimento dei costi operativi direttamente associati all esercizio degli impianti. In conseguenza di tale contrazione si è potuto rilasciare per euro 1 milione il fondo appositamente costituito nel 2006 per l onerosità del contratto O&M dell impianto IGCC, di cui non si è reso necessario l utilizzo nell esercizio. Il risultato prima degli ammortamenti, oneri finanziari e imposte (EBITDA) è passato da euro 5,1 milioni del 2010 ad euro -4,7 milioni del Gli ammortamenti sono stati pari a euro 34 milioni e registrano un incremento di euro 1,4 milioni rispetto all esercizio precedente. L utile operativo pertanto diminuisce da -27,5 milioni di euro a -38,8 milioni di euro. Gli oneri finanziari sono stati pari a 7,4 milioni di euro, con un peggioramento di euro 3 milioni per effetto della crescita dei tassi di interesse e del maggior indebitamento rispetto all esercizio precedente. 17 Relazione del Consiglio di Amministrazione Settore elettrico api nòva energia S.r.l. api nòva energia, nel corso del 2011 ha concentrato i propri sforzi sul supporto agli investimenti già in corso, delle principali società controllate (SER, sunshire, nòva agri e Biomasse Italia), con l obiettivo di perseguire la crescita nel settore della green energy, dando inoltre impulso alle attività di sviluppo interno come il rigassificatore (LNG), le nuove centrali nel sito industriale di Falconara (CCGT) e i numerosi progetti eolici e fotovoltaici. Il risultato positivo del 2011 pari ad euro 6,5 milioni (risultato IAS pari ad euro 6,2 milioni) verso una perdita di euro 3,8 milioni nel 2010, è dovuto principalmente ai dividendi riconosciuti dalla consociata Biomasse Italia. In termini quantitativi la potenza lorda totale delle società operanti nel settore rinnovabili tra autorizzata ed operativa è passata dai 415,2 MW del 2010 a 425,4 MW del 2011 (326 MW eolico, 27,4 MW fotovoltaico, 72 MW biomasse) assicurando così un posizionamento di rilievo nel panorama nazionale.

Relazioni. Consolidato

Relazioni. Consolidato Relazioni ebilancio Consolidato AL 31 DICEMBRE 2010 api holding S.p.A. Sede legale: Via Salaria 1322-00138 Roma Capitale Sociale Euro 361.200,00 i.v. C.C.I.A.A. R.E.A. Roma - 660678 Codice Fiscale e Registro

Dettagli

L Energia dell Italia

L Energia dell Italia L Energia dell Italia Abbiamo sempre offerto un servizio puntuale alla mobilità del Paese. Siamo cresciuti e oggi siamo davvero in tanti. Grazie alla forte capillarità sul territorio siamo presenti su

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

Scenari petroliferi ed energetici

Scenari petroliferi ed energetici Confindustria Siracusa Scenari petroliferi ed energetici A cura dell Area comunicazione ed organizzazione Ufficio studi e statistiche Elaborazione su dati dell Unione Petrolifera IL MERCATO PETROLIFERO

Dettagli

Gruppo IRIDE Il Consiglio di Amministrazione ha approvato i risultati dei primi nove mesi del 2009

Gruppo IRIDE Il Consiglio di Amministrazione ha approvato i risultati dei primi nove mesi del 2009 Gruppo IRIDE Il Consiglio di Amministrazione ha approvato i risultati dei primi nove mesi del RISULTATI OPERATIVI IN FORTE CRESCITA: - RICAVI: 1.625 MILIONI (1.740 NEI 9 MESI, -7%) - MARGINE OPERATIVO

Dettagli

SEZIONE 1 DATI DI SINTESI

SEZIONE 1 DATI DI SINTESI SEZIONE 1 DATI DI SINTESI Il 31 marzo 2004 ha avuto inizio l attività di contrattazione dell energia sulla borsa elettrica. Per tutto il 2004 il mercato ha funzionato come un mercato dell offerta nel quale

Dettagli

Da fossili a rinnovabili: la diversificazione come strumento di sviluppo e sostenibilità. L esperienza di api nòva energia

Da fossili a rinnovabili: la diversificazione come strumento di sviluppo e sostenibilità. L esperienza di api nòva energia Da fossili a rinnovabili: la diversificazione come strumento di sviluppo e sostenibilità. L esperienza di api nòva energia Intervento di Ferdinando Brachetti Peretti Amministratore Delegato gruppo api

Dettagli

3. ANALISI DELL OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA

3. ANALISI DELL OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA 3. ANALISI DELL OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA 3.1 LA CONGIUNTURA ELETTRICA NAZIONALE I dati relativi alla congiuntura elettrica nazionale possono essere ricavati dai seguenti rapporti: > Dati statistici

Dettagli

Relazioni. Consolidato. e Bilancio. 78 Esercizio

Relazioni. Consolidato. e Bilancio. 78 Esercizio Relazioni e Bilancio Consolidato AL 31 DICEMBRE 2011 78 Esercizio api - anonima petroli italiana s.p.a. Sede legale Via Salaria 1322-00138 Roma Capitale Sociale Euro 115.425.000,00 i.v. C.C.I.A.A. Roma

Dettagli

Enel: il CdA approva i risultati al 30 settembre 2006

Enel: il CdA approva i risultati al 30 settembre 2006 Enel: il CdA approva i risultati al 30 settembre 2006 Ricavi a 28.621 milioni di euro, +17,0% Ebitda a 6.264 milioni di euro, +4,3% Ebit a 4.885 milioni di euro, +12,4% Risultato netto del Gruppo a 2.640

Dettagli

#2y15: gennaio marzo 2015

#2y15: gennaio marzo 2015 Newsletter ASSOELETTRICA I principali dati congiunturali del settore elettrico italiano #2y15: gennaio marzo 2015 Nei primi tre mesi del 2015 i dati del settore elettrico nazionale hanno fatto registrare

Dettagli

Commento ai risultati economico-finanziari di Eni SpA

Commento ai risultati economico-finanziari di Eni SpA Commento ai risultati economico-finanziari di Eni SpA Operazioni straordinarie Nel 2010 sono state effettuate le seguenti operazioni straordinarie: - fusione di Messina Fuels SpA; l atto di fusione è stato

Dettagli

Dati statistici sull energia elettrica in Italia - 2014 Nota di sintesi CALO DELLA DOMANDA DI ELETTRICITA NEL 2014: -2,5%

Dati statistici sull energia elettrica in Italia - 2014 Nota di sintesi CALO DELLA DOMANDA DI ELETTRICITA NEL 2014: -2,5% Dati statistici sull energia elettrica in Italia - 2014 Nota di sintesi CALO DELLA DOMANDA DI ELETTRICITA NEL 2014: -2,5% I dati definitivi sul bilancio elettrico del 2014 fanno registrare una riduzione

Dettagli

Acqua, vento, terra, sole

Acqua, vento, terra, sole Acqua, vento, terra, sole Energie rinnovabili nella generazione elettrica in Italia Roberto Meregalli 12 agosto 2010 Il 2009 sarà ricordato a lungo come l annus horribilis 1 dell economia mondiale. A livello

Dettagli

Indagine conoscitiva sulla Strategia Energetica Nazionale Audizione Gestore dei Servizi Energetici

Indagine conoscitiva sulla Strategia Energetica Nazionale Audizione Gestore dei Servizi Energetici Indagine conoscitiva sulla Strategia Energetica Nazionale Audizione Gestore dei Servizi Energetici Nando Pasquali Presidente e Amministratore Delegato Commissione Attività Produttive della Camera Roma,

Dettagli

Relazione finanziaria 1 trimestre. Documentazione integrativa al comunicato stampa sull andamento della gestione al 31 marzo 2015

Relazione finanziaria 1 trimestre. Documentazione integrativa al comunicato stampa sull andamento della gestione al 31 marzo 2015 Relazione finanziaria 1 trimestre Documentazione integrativa al comunicato stampa sull andamento della gestione al 31 marzo 3 Osservazioni sull andamento della gestione Vendite e consumi interni 1 trimestre

Dettagli

#3y14: gennaio giugno 2014

#3y14: gennaio giugno 2014 Newsletter ASSOELETTRICA I principali dati congiunturali del settore elettrico italiano #3y14: gennaio giugno 2014 I dati del settore elettrico del primo semestre del 2014 appaiono in linea con quelli

Dettagli

ErgyCapital S.p.A. Sede Legale - Roma, Via Salaria, 226 Capitale sociale Euro 24.678.331,77 Registro Imprese di Roma e cod. fisc. n.

ErgyCapital S.p.A. Sede Legale - Roma, Via Salaria, 226 Capitale sociale Euro 24.678.331,77 Registro Imprese di Roma e cod. fisc. n. ErgyCapital S.p.A. Sede Legale - Roma, Via Salaria, 226 Capitale sociale Euro 24.678.331,77 Registro Imprese di Roma e cod. fisc. n. 05815170963 Iscrizione UIC ex art. 113 D.Lgs. 385/1993 n. 39.874 Sito

Dettagli

Conference Call, 21 Marzo 2005. Risultati 2004 e Q4 04

Conference Call, 21 Marzo 2005. Risultati 2004 e Q4 04 Conference Call, 21 Marzo 2005 e Q4 04 Presidente Renzo Capra Il flottante a seguito della fusione con BAS è circa il 18% Azionariato A seguito della programmata fusione con BAS Bergamo, il Comune di Brescia

Dettagli

Audizione sui Prezzi dell Energia Elettrica e del Gas 10 a Commissione Permanente del Senato

Audizione sui Prezzi dell Energia Elettrica e del Gas 10 a Commissione Permanente del Senato Audizione sui Prezzi dell Elettrica e del Gas 1 a Commissione Permanente del Senato Dott. Nando Pasquali Presidente e Amministratore Delegato GSE Roma, 18 giugno 213-1 - Il Gruppo GSE Autorità per l Elettrica

Dettagli

EUROENERGY S.P.A. Sede in Torino - Via Perugia, 56 Ufficio del Registro delle Imprese di Torino n. 10092090017 ****

EUROENERGY S.P.A. Sede in Torino - Via Perugia, 56 Ufficio del Registro delle Imprese di Torino n. 10092090017 **** EUROENERGY S.P.A. Sede in Torino - Via Perugia, 56 Ufficio del Registro delle Imprese di Torino n. 10092090017 **** RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI SULLA GESTIONE Signori Azionisti, il 2012 non è stato

Dettagli

#1y14: gennaio dicembre 2013

#1y14: gennaio dicembre 2013 Newsletter ASSOELETTRICA I principali dati congiunturali del settore elettrico italiano #1y14: gennaio dicembre 2013 I dati degli ultimi mesi del 2013 e le stime e valutazioni che se ne possono trarre

Dettagli

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6 35 3 Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie (anno 29; % sul totale mondo) 28,3 25 2 15 16,4 18,2 24,1 22, 1 5 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3, Regno Unito 5,6 8,7 Francia Germania Giappone

Dettagli

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva la relazione al 30 giugno 2009 SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

Dettagli

PLT ENERGIA APPROVA LA RELAZIONE SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2015 FORTE CRESCITA DELLA MARGINALITA : EBITDA +15,7% ED EBIT +19,4%

PLT ENERGIA APPROVA LA RELAZIONE SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2015 FORTE CRESCITA DELLA MARGINALITA : EBITDA +15,7% ED EBIT +19,4% PLT ENERGIA APPROVA LA RELAZIONE SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2015 FORTE CRESCITA DELLA MARGINALITA : EBITDA +15,7% ED EBIT +19,4% Ricavi pari a 24,3 milioni di euro (9,8 milioni di euro al primo

Dettagli

Alerion Industries S.p.A. Relazione trimestrale al 31 marzo 2003

Alerion Industries S.p.A. Relazione trimestrale al 31 marzo 2003 Alerion Industries S.p.A. Relazione trimestrale al 31 marzo 2003 Indice pag. Premessa 3 Valore e costi della produzione consolidati 4 Posizione finanziaria netta consolidata 5 Note di commento 6 Stato

Dettagli

COMUNICATO STAMPA 30 Luglio 2015

COMUNICATO STAMPA 30 Luglio 2015 COMUNICATO STAMPA 30 Luglio 2015 Il Consiglio di Amministrazione di A2A S.p.A. ha esaminato e approvato la Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2015 Margine Operativo Lordo, a 562 milioni di euro,

Dettagli

#1y15: gennaio dicembre 2014

#1y15: gennaio dicembre 2014 Newsletter ASSOELETTRICA I principali dati congiunturali del settore elettrico italiano #1y15: gennaio dicembre 2014 Nel 2014 i dati del settore elettrico nazionale evidenziano una contrazione della produzione

Dettagli

Energy Week Il mercato elettrico in Italia e il ruolo del GSE

Energy Week Il mercato elettrico in Italia e il ruolo del GSE Energy Week Il mercato elettrico in Italia e il ruolo del GSE Roma, 27 giugno 2013 Contenuti Nozioni sulla filiera elettrica Il servizio di dispacciamento e l integrazione con la borsa elettrica Il modello

Dettagli

COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2009 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY

COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2009 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2009 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY 21 ottobre 2009 Beni Stabili Gestioni S.p.A. SGR rende noto che

Dettagli

FATTURATO 2015 A 212,3 MILIONI e PRIMO TRIMESTRE 2016 A +12,6%

FATTURATO 2015 A 212,3 MILIONI e PRIMO TRIMESTRE 2016 A +12,6% COMUNICATO STAMPA FATTURATO 2015 A 212,3 MILIONI e PRIMO TRIMESTRE 2016 A +12,6 Il Presidente Dott. Iginio Liberali ha dichiarato: Nel 2015, abbiamo conseguito un risultato importante, nonostante un quadro

Dettagli

Il GSE presenta il Rapporto 2007

Il GSE presenta il Rapporto 2007 Il GSE presenta il Rapporto 2007 Prosegue in Italia la crescita di nuovi impianti a fonti rinnovabili: al 31 dicembre 2007 in esercizio 1.335 impianti incentivati con i certificati verdi e 4.841 impianti

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ERGYCAPITAL S.P.A. APPROVA I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 1

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ERGYCAPITAL S.P.A. APPROVA I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 1 COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ERGYCAPITAL S.P.A. APPROVA I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 1 Valore della produzione pari ad Euro 3,1 milioni in linea rispetto al corrispondente

Dettagli

Il settore elettrico italiano: dal Monopolio alla Concorrenza

Il settore elettrico italiano: dal Monopolio alla Concorrenza Università degli Studi di Roma "Tor Vergata" Facoltà di Ingegneria Corso di Gestione ed Economia dell Energia e Fonti Rinnovabili Il settore elettrico italiano: dal Monopolio alla Concorrenza Ing. Tiziana

Dettagli

Relazione Annuale 2010

Relazione Annuale 2010 Relazione Annuale 21 5 Luglio 211 Dr. Cosimo Campidoglio Responsabile Ricerca, Sviluppo e Monitoraggio del Mercato 2 Disclaimer All interno di questo documento: I dati relativi al 211 sono consolidati

Dettagli

INCENTIVI ALLE FONTI RINNOVABILI ELETTRICHE: COSA CAMBIA CON IL NUOVO DECRETO?

INCENTIVI ALLE FONTI RINNOVABILI ELETTRICHE: COSA CAMBIA CON IL NUOVO DECRETO? Rinnovabili: I nuovi incentivi per il settore elettrico Bolzano, 25 luglio 2012 INCENTIVI ALLE FONTI RINNOVABILI ELETTRICHE: COSA CAMBIA CON IL NUOVO DECRETO? Andrea Zaghi Centro Studi L Associazione Aper

Dettagli

Risultato influenzato dal difficile contesto di mercato e dagli oneri straordinari

Risultato influenzato dal difficile contesto di mercato e dagli oneri straordinari Fa stato il testo orale Esercizio 2011 Risultato influenzato dal difficile contesto di mercato e dagli oneri straordinari Relazione di Beat Grossenbacher, responsabile Finanze e Servizi, in occasione della

Dettagli

COMUNICATO STAMPA Milano, 12 novembre 2015 (an informal translation in English of the press release is available on Alerion website)

COMUNICATO STAMPA Milano, 12 novembre 2015 (an informal translation in English of the press release is available on Alerion website) COMUNICATO STAMPA Milano, 12 novembre 2015 (an informal translation in English of the press release is available on Alerion website) Il Consiglio di Amministrazione approva il Resoconto Intermedio sulla

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione approva la Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2015 che evidenzia:

Il Consiglio di Amministrazione approva la Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2015 che evidenzia: COMUNICATO STAMPA (redatto ai sensi della Delibera Consob n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modifiche e integrazioni) Il Consiglio di Amministrazione approva la Relazione finanziaria semestrale

Dettagli

RISULTATI CONSOLIDATI DEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015

RISULTATI CONSOLIDATI DEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 COMUNICATO STAMPA RISULTATI CONSOLIDATI DEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 VENDITE NETTE: 681,9 milioni (+33,7%) - 510,1 milioni nei primi nove mesi del 2014 EBITDA: 141,3 milioni (+33,7%) pari al 20,7% delle

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA ESAMINATI DAL CONSIGLIO I RISULTATI CONSOLIDATI DEL PRIMO TRIMESTRE GRUPPO ITALMOBILIARE: RICAVI: 1.386,4 MILIONI DI EURO (1.452,5 MILIONI NEL PRIMO TRIMESTRE

Dettagli

Indagine conoscitiva sui prezzi dell energia elettrica e del gas come fattore strategico per la crescita del sistema produttivo del paese

Indagine conoscitiva sui prezzi dell energia elettrica e del gas come fattore strategico per la crescita del sistema produttivo del paese Indagine conoscitiva sui prezzi dell energia elettrica e del gas come fattore strategico per la crescita del sistema produttivo del paese Audizione presso la 10 a Commissione permanente (Industria, commercio,

Dettagli

L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI.

L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI. L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI. www.assoelettrica.it INTRODUZIONE Vieni a scoprire l energia dove nasce ogni giorno. Illumina, nel cui ambito si svolge la terza edizione

Dettagli

Informazioni e Tendenze Immobiliari

Informazioni e Tendenze Immobiliari LUGLIO/AGOSTO 2015 NUMERO 41 Informazioni e Tendenze Immobiliari In questo numero 1 Introduzione 2 L Indagine 5: le famiglie italiane e il mercato immobiliare nelle sei grandi città la sicurezza in casa

Dettagli

Aggiornamenti normativi in materia di fonti rinnovabili

Aggiornamenti normativi in materia di fonti rinnovabili Aggiornamenti normativi in materia di fonti rinnovabili Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa Convegno Cooperative Elettriche Italiane Storiche Pozza di Fassa (TN), 7 e 8 giugno 2013 Il ruolo

Dettagli

Produzione: crescono le rinnovabili (+11,1%), si conferma primato del gas nella produzione termica (67,1%)

Produzione: crescono le rinnovabili (+11,1%), si conferma primato del gas nella produzione termica (67,1%) Nota di sintesi Dati statistici sull energia elettrica in Italia - 2010 CRESCE LA DOMANDA DI ELETTRICITA NEL 2010: +3,2% E il valore di crescita più alto del decennio 2001-2010, eguagliato l incremento

Dettagli

GAS PLUS S.p.A.: Il Consiglio di Amministrazione approva la relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2010.

GAS PLUS S.p.A.: Il Consiglio di Amministrazione approva la relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2010. Milano, 6 Agosto 2010 COMUNICATO STAMPA GAS PLUS S.p.A.: Il Consiglio di Amministrazione approva la relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2010. Significativo incremento dei volumi di gas venduto

Dettagli

Misure di incentivazione per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili

Misure di incentivazione per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Elettronica e delle Telecomunicazioni Università degli Studi di Palermo Misure di incentivazione per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili Ing. Salvatore

Dettagli

RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003

RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003 RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003 RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003 RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DEL PRIMO TRIMESTRE 2003 Scenario economico La crescita dell economia

Dettagli

Dati statistici sull energia elettrica 2009 in Italia

Dati statistici sull energia elettrica 2009 in Italia Dati statistici sull energia elettrica 2009 in Italia Introduzione 1. Premessa Terna Rete Elettrica Nazionale (Terna) cura la raccolta dei dati statistici del settore elettrico nazionale, essendo il suo

Dettagli

4 dicembre 2015. Petrolio: quotazioni della qualità Brent

4 dicembre 2015. Petrolio: quotazioni della qualità Brent Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

Università degli Studi di Perugia. Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana

Università degli Studi di Perugia. Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana Università degli Studi di Perugia Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana 2 La situazione energetica italiana Domanda e offerta di energia Consumi di energia Fonti Energetiche Rinnovabili

Dettagli

Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 30 giugno 2014.

Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 30 giugno 2014. Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 30 giugno 2014. PREMESSA Il presente documento è il bollettino informativo che il Gestore dei Servizi Energetici (GSE) elabora semestralmente

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Risultati al 31 Marzo 2010

COMUNICATO STAMPA. Risultati al 31 Marzo 2010 COMUNICATO STAMPA Risultati al 31 Marzo 2010 Vendite di cemento e di calcestruzzo preconfezionato in diminuzione rispettivamente del 19,6% e del 14,1% La domanda debole e le avverse condizioni climatiche

Dettagli

Il sistema degli incentivi per le fonti rinnovabili in Italia

Il sistema degli incentivi per le fonti rinnovabili in Italia Il sistema degli incentivi per le fonti rinnovabili in Italia Relatore: Ing. Attilio Punzo Roma, 26 novembre 2010 Sommario Ruolo del GSE nel settore elettrico Il sistema degli incentivi in Italia Incentivi

Dettagli

Relazione trimestrale sulla gestione al 31 marzo 2007

Relazione trimestrale sulla gestione al 31 marzo 2007 Relazione trimestrale sulla gestione al 31 marzo 2007 Bologna, 15 maggio 2007 Monrif S.p.A Sede in Bologna - Via Enrico Mattei n. 106 Capitale sociale 78.000.000 interamente versato Registro Imprese di

Dettagli

L ENERGIA: QUANTI E QUALI FALSI MITI DA SFATARE Non è vero che il fotovoltaico costa troppo

L ENERGIA: QUANTI E QUALI FALSI MITI DA SFATARE Non è vero che il fotovoltaico costa troppo Festival della Soft Economy - Symbola Università degli Studi di Camerino 25 Giugno 2014 L ENERGIA: QUANTI E QUALI FALSI MITI DA SFATARE Non è vero che il fotovoltaico costa troppo Andrea Zaghi Responsabile

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2009

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2009 Montefibre SpA Via Marco d Aviano, 2 20131 Milano Tel. +39 02 28008.1 Contatti societari: Ufficio titoli Tel. +39 02 28008.1 E-mail titoli@mef.it Sito Internet www.montefibre.it IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

Dettagli

11 Luglio 2012 Dr. Cosimo Campidoglio Responsabile Ricerca, Sviluppo e Monitoraggio del Mercato

11 Luglio 2012 Dr. Cosimo Campidoglio Responsabile Ricerca, Sviluppo e Monitoraggio del Mercato Relazione Annuale 211 11 Luglio 212 Dr. Cosimo Campidoglio Responsabile Ricerca, Sviluppo e Monitoraggio del Mercato 2 Disclaimer All interno di questo documento: I dati relativi al 212 sono consolidati

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Gruppo IREN: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2011.

COMUNICATO STAMPA. Gruppo IREN: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2011. COMUNICATO STAMPA Gruppo IREN: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2011. Ricavi a 3.520,1 milioni di euro (+3,8%) Margine Operativo Lordo (Ebitda) a 591,8 milioni di euro

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA ESAMINATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE GRUPPO ITALMOBILIARE RICAVI: 4.908,1 MILIONI DI EURO (+5,4) UTILE NETTO TOTALE:

Dettagli

DISPONI- BILITÀ COPERTURA TEMPORALE DATI

DISPONI- BILITÀ COPERTURA TEMPORALE DATI 1.1 Energia La dinamica dei consumi energetici è strettamente connessa all andamento della produzione e dei consumi del sistema regionale. Dalla metà degli anni 90 il consumo di energia da parte della

Dettagli

Comunicato Stampa. ricavi consolidati pari a 57,4 milioni contro 60,9 milioni al 31 dicembre 2012

Comunicato Stampa. ricavi consolidati pari a 57,4 milioni contro 60,9 milioni al 31 dicembre 2012 Comunicato Stampa In data 18 marzo 2014 si è riunito a Bologna il Consiglio di Amministrazione di Poligrafici Printing S.p.A. per l approvazione del bilancio d esercizio e consolidato al 31 dicembre 2013:

Dettagli

La variazione del mix produttivo italiano e gli effetti sul mercato elettrico

La variazione del mix produttivo italiano e gli effetti sul mercato elettrico La variazione del mix produttivo italiano e gli effetti sul mercato elettrico Dott. Ing. Massimo Rivarolo Scuola Politecnica Università di Genova DIME Sez. Maset massimo.rivarolo@unige.it Contenuti Mix

Dettagli

COMUNICATO STAMPA ASCOPIAVE: Approvato dal Consiglio di Amministrazione il resoconto intermedio di gestione del Gruppo Ascopiave al 30 settembre 2014.

COMUNICATO STAMPA ASCOPIAVE: Approvato dal Consiglio di Amministrazione il resoconto intermedio di gestione del Gruppo Ascopiave al 30 settembre 2014. COMUNICATO STAMPA ASCOPIAVE: Approvato dal Consiglio di Amministrazione il resoconto intermedio di gestione del Gruppo Ascopiave al 30 settembre 2014. Posizione Finanziaria Netta a Euro 119,6 milioni,

Dettagli

Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 31 dicembre 2013.

Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 31 dicembre 2013. Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 31 dicembre 2013. PREMESSA Il presente documento è il bollettino informativo che il Gestore dei Servizi Energetici (GSE) elabora semestralmente

Dettagli

Piano economico e finanziario 2013 e previsioni anni 2014 e 2015

Piano economico e finanziario 2013 e previsioni anni 2014 e 2015 Piano economico e finanziario 2013 e previsioni anni 2014 e 2015 SCENARIO DI RIFERIMENTO La crescita, a livello globale, continua a rallentare e tutte le principali istituzioni economiche mondiali stanno

Dettagli

Il nuovo «Conto Energia Eolico»

Il nuovo «Conto Energia Eolico» 20 Agevolazioni Finanziarie Fiscali Contributive di Fabio Noferi Dottore Commercialista, Revisore contabile - Montevarchi (Arezzo) Settore energetico Il nuovo «Conto Energia Eolico» La Finanziaria 2008

Dettagli

llx.l68 G,3 KbJbMLb É.8vv 999.yÉx lyl.ly6 8.É63 4xT W h H I G H L I G H T S Tariffe Onnicomprensive Contact Center Scambio sul Posto Conto Termico

llx.l68 G,3 KbJbMLb É.8vv 999.yÉx lyl.ly6 8.É63 4xT W h H I G H L I G H T S Tariffe Onnicomprensive Contact Center Scambio sul Posto Conto Termico SINTESI DEL Rapporto Attività 2015 4xT W h H I G H L I G H T S Conto Energia llx.l68 I M P I A N T I Monitoraggio quota FER Biocarburanti Gv,y 0 /0 G,3 KbJbMLb C I C Tariffe Onnicomprensive É.8vv I M P

Dettagli

BIOMASSE: TRAGUARDARE IL FUTURO CON L ESPERIENZA DEL PASSATO

BIOMASSE: TRAGUARDARE IL FUTURO CON L ESPERIENZA DEL PASSATO Presentazione BIOMASSE: TRAGUARDARE IL FUTURO CON L ESPERIENZA DEL PASSATO Marco Manchisi TERA Bari, Convegno Fiera del Levante, 12 Settembre 2011 V^ GIORNATA DELL ENERGIA PULITA RIFLESSIONI Il quadro

Dettagli

Evoluzione del sistema degli incentivi delle energie rinnovabili

Evoluzione del sistema degli incentivi delle energie rinnovabili Evoluzione del sistema degli incentivi delle energie rinnovabili Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa Convegno FederUtility Fonti rinnovabili ed efficienza energetica Le prospettive per le Aziende

Dettagli

Comune di San Bonifacio 23,10 % Comune di Lonigo 18,86 % Comune di Soave 18,10 % Comune di Colognola ai Colli 12,07 %

Comune di San Bonifacio 23,10 % Comune di Lonigo 18,86 % Comune di Soave 18,10 % Comune di Colognola ai Colli 12,07 % UNI.CO.G.E. S.R.L. Piazza Costituzione, 4-37047 San Bonifacio (VR) Capitale Sociale euro 34.167,90 i.v. Registro delle Imprese di Verona n. 03237330232 Codice fiscale e Partita IVA n. 03237330232 Iscrizione

Dettagli

RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003

RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003 Corso Matteotti, 9 Milano Tel. 02.780611 Partita Iva 03650800158 RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 15 MAGGIO 2003 INDICE Organi societari Gabetti Holding S.p.A....

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 20066-12-2015

Informazione Regolamentata n. 20066-12-2015 Informazione Regolamentata n. 20066-12-2015 Data/Ora Ricezione 16 Settembre 2015 15:48:48 AIM -Italia/Mercato Alternativo del Capitale Societa' : Elettra Investimenti S.p.A. Identificativo Informazione

Dettagli

Master in Gestione delle Risorse Energetiche

Master in Gestione delle Risorse Energetiche Master in Gestione delle Risorse Energetiche Workshop Safe Tra incentivi e obiettivi, come dividersi oneri e onori delle fonti rinnovabili È possibile investire sul futuro senza compromettere il presente?

Dettagli

Relazione trimestrale al 30 settembre 2005

Relazione trimestrale al 30 settembre 2005 Relazione trimestrale al 30 settembre 2005 Buzzi Unicem S.p.A. Sede: Casale Monferrato (AL) Via Luigi Buzzi 6 Capitale sociale 118.265.497,80 Registro delle Imprese di Alessandria n. 00930290044 Indice

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Gas Plus ha esaminato: Le Linee guida del prossimo Piano Industriale pluriennale

Il Consiglio di Amministrazione di Gas Plus ha esaminato: Le Linee guida del prossimo Piano Industriale pluriennale Milano, 5 Agosto 2011 COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione di Gas Plus ha esaminato: I dati consolidati del 1 semestre 2011 Le Previsioni 2011 Le Linee guida del prossimo Piano Industriale

Dettagli

VALUTAZIONI. Paesi europei e cercare di capire le cause della variabilità di questa commodity in Europa. In questo articolo

VALUTAZIONI. Paesi europei e cercare di capire le cause della variabilità di questa commodity in Europa. In questo articolo Spazio a perto VALUTAZIONI Il costo dell energia elettrica per le imprese italiane: un analisi comparata a livello europeo I costi sostenuti dalle imprese italiane per l energia elettrica sono considerati

Dettagli

Hera ti insegna un mestiere a scuola Gruppo Hera e Istituto Tecnico Industriale Statale G. Marconi di Forlì. Il pacchetto clima energia 20-20-20

Hera ti insegna un mestiere a scuola Gruppo Hera e Istituto Tecnico Industriale Statale G. Marconi di Forlì. Il pacchetto clima energia 20-20-20 Hera ti insegna un mestiere a scuola Gruppo Hera e Istituto Tecnico Industriale Statale G. Marconi di Forlì Il pacchetto clima energia 20-20-20 Sessione 1 La strategia 20-20-20: cos è e a quali problemi

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2015

COMUNICATO STAMPA APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2015 Milano, 2 novembre 2015 COMUNICATO STAMPA APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2015 Perdita consolidata pari ad euro 27,5 milioni di euro a fronte dell utile di 228,1 milioni di

Dettagli

Relazioni. Consolidato. e Bilancio. 77 Esercizio

Relazioni. Consolidato. e Bilancio. 77 Esercizio t6 Relazioni e Bilancio Consolidato AL 31 DICEMBRE 2010 77 Esercizio api - anonima petroli italiana s.p.a. Sede legale Via Salaria 1322-00138 Roma Capitale Sociale Euro 115.425.000,00 i.v. C.C.I.A.A. Roma

Dettagli

- Principali dati economico-finanziari contabili consolidati espressi in migliaia di Euro:

- Principali dati economico-finanziari contabili consolidati espressi in migliaia di Euro: MITTEL S.P.A. Sede in Milano - Piazza A. Diaz 7 Capitale sociale 66.000.000 i.v. Codice Fiscale - Registro Imprese di Milano - P. IVA 00742640154 R.E.A. di Milano n. 52219 Iscritta all U.I.C. al n. 10576

Dettagli

Energia da fonti rinnovabili nelle regioni e nelle province autonome italiane

Energia da fonti rinnovabili nelle regioni e nelle province autonome italiane Energia da fonti rinnovabili nelle regioni e nelle province autonome italiane Dati statistici 2012-2014 e monitoraggio degli obiettivi burden sharing 27 giugno 2016 1 1. Premessa In questo documento sono

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio Consolidato al 31 dicembre 2005 redatto secondo i principi contabili internazionali IAS/IFRS

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio Consolidato al 31 dicembre 2005 redatto secondo i principi contabili internazionali IAS/IFRS BANCO DI SARDEGNA S.p.A. Sede Legale Cagliari - Viale Bonaria 33 Sede Amministrativa e Direzione Generale Sassari - Viale Umberto 36 Capitale Sociale Euro 147.420.075,00 i.v. Codice fiscale e numero di

Dettagli

incentivi alla produzione di energia da fonti rinnovabili

incentivi alla produzione di energia da fonti rinnovabili incentivi alla produzione di energia da fonti rinnovabili Incentivi alla produzione di energia da fonti rinnovabili incentivi Sommario Incentivi alla Produzione di energia elettrica e termica da impianti

Dettagli

Comunicato Stampa. Il consiglio di amministrazione di Investimenti e Sviluppo S.p.A. approva il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2009

Comunicato Stampa. Il consiglio di amministrazione di Investimenti e Sviluppo S.p.A. approva il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2009 Comunicato Stampa Il consiglio di amministrazione di Investimenti e Sviluppo S.p.A. approva il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2009 Risultati consolidati al 31 marzo 2009: Ricavi netti pari

Dettagli

Workshop Fonti Rinnovabili

Workshop Fonti Rinnovabili Workshop Fonti Rinnovabili Rinnovabili: vecchi vizi e nuove virtù. Una generazione sempre più al verde? Centro Studi SAFE Auditorium GSE Roma, 23 luglio 2012 Agenda Le rinnovabili nel mondo: quadro attuale

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO DELL ESERCIZIO 2013 PROPOSTE ALL ASSEMBLEA:

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO DELL ESERCIZIO 2013 PROPOSTE ALL ASSEMBLEA: COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO DELL ESERCIZIO 2013 PROPOSTE ALL ASSEMBLEA: - DIVIDENDO DI 0,17 EURO (INVARIATO RISPETTO AL 2013) - AUTORIZZAZIONE ALL

Dettagli

Linee Guida per la redazione del Piano economico-finanziario

Linee Guida per la redazione del Piano economico-finanziario Linee Guida per la redazione del Piano economico-finanziario LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DEL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO Con la presente nota l Amministrazione Comunale fornisce alcune linee guida per

Dettagli

BIOGAS: Il futuro degli incentivi al biogas dopo il Decreto rinnovabili del marzo 2011

BIOGAS: Il futuro degli incentivi al biogas dopo il Decreto rinnovabili del marzo 2011 BIOGAS: Il futuro degli incentivi al biogas dopo il Decreto rinnovabili del marzo 2011 Informatore Agrario Cremona 29 Ottobre 2011 Sofia Mannelli Chimica Verde Bionet 1 Chimica Verde Bionet Chimica verde

Dettagli

Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 30 giugno 2015.

Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 30 giugno 2015. Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 30 giugno 2015. PREMESSA Il presente documento è il bollettino informativo che il Gestore dei Servizi Energetici (GSE) elabora semestralmente

Dettagli

TEA68TFI. materiali didattici per la seconda prova scritta delle discipline economico-aziendali COMPETENZE

TEA68TFI. materiali didattici per la seconda prova scritta delle discipline economico-aziendali COMPETENZE TEA68TFI materiali didattici per la seconda prova scritta delle discipline economico-aziendali COMPETENZE Istituti Tecnici - Settore Economico Indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing TEMA DI ECONOMIA

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati al 30 settembre 2005

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati al 30 settembre 2005 Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati al 30 settembre 2005 Crescita dei ricavi: 185,7 milioni di Euro nel trimestre (+16% su base annua) portano i ricavi nei nove mesi a 539,3

Dettagli

I principali temi. Crescita dimensionale. Reti d impresa e altre forme di alleanza. Innovazione e ricerca. Capitale umano e formazione

I principali temi. Crescita dimensionale. Reti d impresa e altre forme di alleanza. Innovazione e ricerca. Capitale umano e formazione I principali temi Crescita dimensionale Reti d impresa e altre forme di alleanza Innovazione e ricerca Capitale umano e formazione Internazionalizzazione: Esportazioni Investimenti diretti esteri Efficienza

Dettagli

POSTE ITALIANE: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RICAVI E RISULTATO OPERATIVO IN CRESCITA

POSTE ITALIANE: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RICAVI E RISULTATO OPERATIVO IN CRESCITA POSTE ITALIANE: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RICAVI E RISULTATO OPERATIVO IN CRESCITA Ricavi totali: 23,9 miliardi, +6,0% ( 22,6 miliardi al 30.09.2014) Risultato

Dettagli

(Valori in milioni di Euro) 1 SEM. 2015 1 SEM. 2014 BILANCIO 31/12/2014

(Valori in milioni di Euro) 1 SEM. 2015 1 SEM. 2014 BILANCIO 31/12/2014 Semestrale Gruppo Pininfarina Fatti di rilievo intervenuti dopo la chiusura del semestre Valutazione sulla continuità aziendale, evoluzione prevedibile della gestione Cambiano, 30 luglio 2015 Il Consiglio

Dettagli

DISPOSIZIONI INCENTIVANTI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI PER L ANNO 2008

DISPOSIZIONI INCENTIVANTI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI PER L ANNO 2008 REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE SERVIZIO AGRICOLTURA, FORESTAZIONE E PESCA DISPOSIZIONI INCENTIVANTI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI PER L ANNO 2008 (LEGGE FINANZIARIA 2008

Dettagli

IL SETTORE ENERGETICO NEL 2014 E LE PROSPETTIVE PER IL 2015. I mercati energetici internazionali e le prospettive per l Italia.

IL SETTORE ENERGETICO NEL 2014 E LE PROSPETTIVE PER IL 2015. I mercati energetici internazionali e le prospettive per l Italia. IL SETTORE ENERGETICO NEL 2014 E LE PROSPETTIVE PER IL 2015 I mercati energetici internazionali e le prospettive per l Italia Vittorio D Ermo Direttore Osservatorio Energia AIEE Aprile 2015 Sommario n

Dettagli

COMUNICATO STAMPA ESAMINATA ED APPROVATA DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE LA RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2014

COMUNICATO STAMPA ESAMINATA ED APPROVATA DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE LA RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA ESAMINATA ED APPROVATA DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE LA RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2014 TELECOM ITALIA TORNA ALL UTILE DOPO 3 ANNI UTILE NETTO CONSOLIDATO: PARI A

Dettagli