Relazioni. e Bilancio. Consolidato

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazioni. e Bilancio. Consolidato"

Transcript

1 Relazioni e Bilancio Consolidato AL 31 DICEMBRE 2011

2 api holding S.p.A. Sede legale: Via Salaria Roma Capitale Sociale Euro ,00 i.v. C.C.I.A.A. R.E.A. Roma Codice Fiscale e Registro Imprese Roma n Partita IVA

3 Sommario Organigramma api holding S.p.A. 4 Il Consiglio di Amministrazione 7 1 Relazione del Consiglio di Amministrazione al 31 dicembre Relazione al 31 dicembre Il contesto macro economico 11 Il mercato di riferimento 12 Il settore elettrico 12 Il settore petrolifero 15 Andamento delle principali partecipate 16 La gestione economica 25 La gestione finanziaria 31 I rapporti con le imprese controllate e collegate 33 Fatti di rilievo dopo la chiusura dell esercizio 34 2 Bilancio Consolidato al 31 dicembre CONTO ECONOMICO CONSOLIDATO 39 SITUAZIONE PATRIMONIALE FINANZIARIA CONSOLIDATA 40 RENDICONTO FINANZIARIO CONSOLIDATO 41 MOVIMENTI NELLE VOCI DI PATRIMONIO NETTO 42 Principi contabili e note esplicative 44 Note esplicative alle voci di Conto Economico 67 Note esplicative alle voci di Stato Patrimoniale 76 3 Relazione del Collegio Sindacale Relazione della Società di Revisione Prospetto riepilogativo dei dati essenziali al Bilancio 117 Stato Patrimoniale IAS/IFRS 118 Conto economico IAS/IFRS 119

4 api holding S.p.A. Roma Fin. Bra. S.A. Lussemburgo 99,98% api anonima petroli italiana S.p.A. Roma 51,31% api holding S.p.A. 48,51% Fin. Bra. S.A. api real estate S.r.l. Roma 51,31% api holding S.p.A. 48,51% Fin. Bra. S.A. api raffineria di Ancona S.p.A. Falconara Marittima (AN) 100% anonima petroli italiana S.p.A. api energia S.p.A. Falconara Marittima (AN) 98,84% api anonima italiana S.p.A. 1,16% api holding S.p.A. ISI 2003 S.r.l. in liquidazione Roma 100,00% apisoi service S.r.l. in liquidazione Ancona 50,00% Finbra Real Estate S.r.l. Roma 100,00% Courmayer Montblanc Funivie S.p.A. Aosta 1,65% api services Ltd Londra 99,99% apioil Ltd Bermuda 99,99% Festival S.r.l. Roma 100,00% Dialco S.r.l. Bari 100,00% apifin S.r.l. in liquidazione Roma 100,00% G.R.C. S.r.l. Roma 100,00% Saccne rete S.r.l. Messina 50,00% Ip Services S.r.l. Roma 100,00% Abruzzo Costiero S.r.l. Pescara 30,00% Apisem S.r.l. Lecce 50,00% SGR S.p.A. Roma 0,78% Petroven S.r.l. Marghera 10,00% Marina Fiera di Genova GE S.p.A. Genova 4,70% Immobiloil S.r.l. Roma 3,12% Apimak Sh.pk. Macedonia 52,00% apibenzin d.o.o. Croazia 50,00% Civita servizi S.r.l. Roma 2,33%

5 api nòva energia S.r.l. Roma 100,00% cer S.p.A. Roma 100,00% nòvawind Sud S.r.l. Roma 100,00% nòvasol Calabria S.r.l. Belvedere Marittimo (CS) 100,00% Ambienta SGR S.p.A. Milano 0,60% nòvawind Sicilia S.r.l. Palermo 100,00% s.e.r S.p.A. Palermo 50,10% s.e.r. 1 S.p.A. Roma 2,00% apinòva energia S.r.l. 96,00% s.e.r. S.p.A. nòvasol Puglia S.r.l. Foggia 100,00% nòvasol Centro S.r.l. Roma 100,00% nòvasol Sicilia S.r.l. Palermo 100,00% Opera sca Lussemburgo 1,10% F.I.T. S.p.A. Londra 2,91% Sator S.p.A. Roma 1,09% italsilicon S.p.A. Roma 41,50% WAS S.r.l. Bologna 50,00% sunshire S.r.l. Tolentino (MC) 100,00% SAB Sr.l. Roma 50,00% sòlergys S.p.A. Roma 51,00% SAB Mozambiqque S.A. Mozambico 100,00% SAB S.r.l. nòvabra ES S.A. Espirito Santo (BRA) 100,00% nòvaagri soc. agr. a.r.l. Roma 100,00% Biotrade S.p.A. Strongoli 50,00% Ecoenergia S.r.l. Foggia 51,00% Biomasse Italia S.p.A. Crotone 50,00%

6

7 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Cav. Lav. Dott. Aldo Maria Brachetti Peretti Dott. Ferdinando Maria Brachetti Peretti Dott. Ugo Brachetti Peretti Sig.ra Mila Peretti Dott. Umberto Scarimboli Sig.ra Benedetta Brachetti Peretti Sig.ra Chiara Brachetti Peretti Avv. Ferdinando Carabba Tettamanti (Presidente) (Vice Presidente/Amm. Delegato) (Vice Presidente) (Consigliere) (Vice Presidente Esecutivo) (Consigliere) (Consigliere) (Consigliere) COLLEGIO SINDACALE Dott. Pier Andrea Frè Torelli Massini Dott. Mario Casini Dott. Fabrizio Scanu Dott. Stefano Crisci Dott. Mirko Pezzulich (Presidente) (Sindaco Effettivo) (Sindaco Effettivo) (Sindaco Supplente) (Sindaco Supplente) SEDE SOCIALE Via Salaria, Roma SOCIETÀ DI REVISIONE Reconta Ernst & Young S.p.A.

8

9 1 Relazione del Consiglio di Amministrazione al 31 dicembre 2011

10

11 Relazione al 31 dicembre 2011 Relazioni e Bilancio Consolidato 2011 api holding S.p.A. Signori Azionisti, il bilancio relativo all esercizio 2011, che sottoponiamo alla Vostra approvazione, evidenzia un utile pari ad Euro Nel rimandare, per una più approfondita analisi, al bilancio ed alla nota esplicativa il compito di illustrare i criteri contabili utilizzati e gli elementi quantitativi rilevati, riteniamo opportuno rappresentarvi l andamento dei mercati di riferimento ed i dati più rilevanti relativi alle nostre principali partecipate. 11 Relazione del Consiglio di Amministrazione Il contesto macro economico L anno appena concluso è stato caratterizzato da un economia mondiale complessivamente in crescita, con un incremento del PIL globale pari al 4%, ma in netto rallentamento rispetto all incremento pari al 5,1% del Come in passato, si conferma una forte eterogeneità fra i paesi emergenti a quelli industrializzati; per i primi, infatti, sostenuti dalla domanda interna, la crescita è risultata pari al 6,4%, mentre per i paesi industrializzati è stata molto più contenuta, complessivamente pari all 1,6%. Nell Area Euro il 2011 è stato caratterizzato dall intensificarsi della crisi del debito sovrano che, dopo aver toccato Grecia, Irlanda e Portogallo, ha iniziato ad estendersi in maniera sempre più preoccupante anche a Spagna ed Italia mettendo a rischio l intera tenuta dell Area Euro e generando una forte volatilità ed incertezza sui mercati finanziari. Tale difficile contesto ha portato gli investitori a preferire attività finanziarie più sicure (flight to quality) determinando un differenziale molto elevato fra titoli di Stato ritenuti affidabili, in particolare americani e tedeschi, e titoli più rischiosi. Il differenziale sui rendimenti (spread) dei titoli di stato italiani rispetto a quelli tedeschi, ha raggiunto nel mese di novembre la cifra record di 548 basis point. A sostegno di tale difficile situazione, l Eurogruppo è intervenuto attraverso il Fondo Salva Stati (EFSF) mettendo a disposizione, insieme al FMI, capitali per 78 Mld di euro al Portogallo e prevedendo un ulteriore sostegno a favore della Grecia per 130 Mld a patto però che quest ultima approvi ulteriori pesanti misure di austerità. Nel corso dell anno inoltre l EFSF è stato potenziato da 250 a 440 Mld di Euro e riformato nel vertice del 21 luglio per dotarlo di maggiore flessibilità; tali modifiche riguardano principalmente la possibilità del fondo di ricapitalizzare le banche e di muoversi sul mercato secondario acquistando obbligazioni emesse da qualsiasi paese appartenente all Unione Monetaria che venga a trovarsi in circostanze eccezionali. All interno di questo scenario estremamente incerto, la BCE ha comunque deciso, nella prima parte dell anno, di alzare il tasso ufficiale di sconto dall 1% all 1,50% nelle riunioni del 7 aprile e del 7 luglio; tale intervento, dopo quasi due anni di tassi fermi all 1%, è stato posto in essere a seguito dei timori inflattivi dovuti al forte aumento del prezzo delle materie prime. Negli ultimi mesi dell anno, invece, la situazione sempre più incerta e preoccupante nell area Euro ha indotto la BCE a riportare di nuovo i tassi di sconto all 1%, attraverso due successivi interventi il 3 novembre e l 8 dicembre. A partire dall estate inoltre la BCE ha ripreso l acquisto di titoli di Stato, soprattutto italiani e spagnoli all interno del Security Market Programme (SMP) allo scopo di ridurre il differenziale sempre più ampio fra i rendimenti dei titoli di Stato Tedeschi e quelli dei paesi in maggiori difficoltà. La Banca Centrale ha infine programmato due aste di rifinanziamento illimitato alle banche (LTRO) a 36 mesi all 1% ed ha ampliato la gamma di titoli da fornire come collaterale di garanzia. La prima LTRO, posta in essere il 21 dicembre si è conclusa con l assegnazione di 489 Mld, di cui 116 Mld richiesti da banche italiane. La seconda è invece prevista per il prossimo 29 febbraio.

12 12 api holding S.p.A. Relazioni e Bilancio Consolidato 2011 Ancora molto espansiva la politica monetaria della FED che lasciato il livello dei FED FUNDS invariato fra lo 0% 0,25% per tutto il 2011; la FED ha infatti ribadito anche nell ultima riunione del 13 dicembre che tale livello dei tassi verrà mantenuto fermo almeno fino metà del Nel mese di settembre la FED ha inoltre introdotto la cosiddetta operation twist, ossia l acquisto, fino a giugno 2012, di Titoli governativi a scadenza tra 6 e 30 anni e la vendita di Titoli di durata inferiore a 3 anni. Tale operazione ha come scopo quello di appiattire la curva dei rendimenti. Sul mercato valutario, l Euro/Dollaro dopo essersi indebolito nei primi giorni dell anno fino a toccare il livello di 1,2903 ha poi iniziato ad intraprendere un trend rialzista a partire da metà gennaio fino a raggiungere il livello massimo di 1,4822 il 4 maggio scorso; il motivo di tale apprezzamento dell Euro è riconducibile fondamentalmente all andamento del differenziale tassi Euro/Usa soprattutto dal momento in cui la BCE ha lasciato intendere la possibilità di ulteriori graduali aumenti dei tassi, di cui si è avuta una prima dimostrazione nel mese di aprile; ad incidere su tale trend anche l aumento del prezzo del petrolio in seguito alle tensioni politiche verificatesi nei paesi nord africani. Nei mesi estivi l acuirsi delle problematiche sul debito sovrano e l incertezza sui piani per la gestione della crisi stessa hanno portato l Euro/Dollaro ad avere un trend molto volatile con un forte indebolimento soprattutto nel mese di settembre passando dal livello di 1,4285 Euro/Dollaro (il primo settembre) a quello di 1,3181 Euro/Dollaro (il 4 ottobre), con un deprezzamento di oltre 8% in un solo mese. Dopo un leggero recupero avvenuto nel mese di ottobre, l Euro è tornato di nuovo a deprezzarsi a seguito della mancanza di decisioni da parte dell Eurogruppo sul problema greco fino a raggiungere il livello minimo di 1,2889 il 29 dicembre scorso. Sul mercato delle commodities, la grave crisi geopolitica scoppiata nei paesi nord africani ha comportato un forte aumento del prezzo del Brent Bwave che, da 93,33 USD/bbl (dollari/barile) del 7 gennaio, è arrivato a 125,41 USD/bbl l 11 aprile. Il prezzo si è poi ridimensionato a seguito degli eventi catastrofici occorsi in Giappone fino al livello di 104,51 USD/bbl il 27 giugno scorso. A partire dall estate il prezzo del petrolio ha avuto un andamento molto volatile compreso fra il massimo di 119,90 USD/bbl il 14 giugno ed il minimo di 100,44 USD/bbl il 4 ottobre. Nel corso dell anno, lo straordinario aumento dell avversione al rischio ha determinato una continua crescita del prezzo dell oro che ha raggiunto il 5 settembre scorso il valore massimo di 1900 USD/Oncia. IL MERCATO DI RIFERIMENTO IL SETTORE ELETTRICO Per il secondo anno consecutivo la domanda di elettricità ha registrato un incremento. I dati provvisori sul fabbisogno di energia elettrica nell anno 2011 fanno segnare un incremento dello 0,6% rispetto al 2010, che a sua volta aveva chiuso con un +3,2% rispetto al Il totale dell energia richiesta in Italia nel 2011 ammonta a 332,3 miliardi di kwh (kilowattora). Anno 2011 valori previsionali GWh Variazioni % Produzione idroelettrica ,4% Produzione termoelettrica ,6% Produzione geotermica ,2% Produzione eolica ,7% Produzione fotovoltaica ,0% Totale produzione netta ,5% Energia destinata ai pompaggi ,5% Produzione netta destinata al consumo ,1% Importazione ,0% Esportazione ,7% Saldo estero ,3% Fabbisogno ,6%

13 Relazioni e Bilancio Consolidato 2011 api holding S.p.A. Nel 2011 la domanda di energia elettrica è stata soddisfatta per l 86,3% con produzione nazionale (di cui 64,7% termoelettrica, 14,3% idroelettrica, 2,9% eolica, 2,8% fotovoltaica e 1,6% geotermica) e per la quota restante (13,7%) dal saldo dell energia scambiata con l estero. In dettaglio, la produzione nazionale netta (289,2 miliardi di kwh) è in diminuzione dello 0,5% rispetto al 2010; in calo le fonti idroelettrica (-11,4%) e termoelettrica (-1,6%) mentre registrano un aumento le fonti di produzione geotermoelettrica (+5,2%), eolica (+5,7%) e fotovoltaica (+394%). In particolare risulta esponenziale la crescita delle installazioni del fotovoltaico. I dati ufficiali indicano una potenza installata al 31 dicembre 2011 di poco inferiore i MW (megawatt) a fronte di un obiettivo del Piano d Azione Nazionale al 2020 di MW, con circa MW di nuove installazioni nel solo 2011, ovvero +367% rispetto la potenza installata nell intero anno È utile precisare che dei MW, circa MW sono riferiti ad impianti in esercizio nel 2011 ma che hanno ultimato la costruzione entro il 31 dicembre 2010 e che godono quindi degli incentivi del II Conto Energia secondo quanto previsto dalla Legge 129/10 (c.d. Salva Alcoa). Sul fronte eolico la potenza cumulata a fine 2011 ha raggiunto i MW, con un incremento del 18,3% rispetto al 2010, corrispondente a MW installati nell anno. Complessivamente a fine 2011 risultano installati in Italia circa MW riferiti ad impianti a fonte rinnovabile. Secondo le prime stime, tale potenza, sommata alle previsioni di nuove installazioni relative al primo semestre 2012, sembrerebbe sufficiente a coprire l obiettivo del riferito alla quota di consumi finali da soddisfare tramite fonti rinnovabili pari a circa 100 TWh (terawattora). 13 Relazione del Consiglio di Amministrazione Aspetti Normativi Per il settore delle fonti rinnovabili il 2011 è stato un altro anno estremamente importante, con numerosi interventi normativi che avranno un rilevante effetto nel futuro. La novità principale è rappresentata dal decreto legislativo di recepimento della direttiva 2009/28/CE (D. Lgs. 28/2011) sulla promozione dell'uso dell'energia da fonti rinnovabili. Come ben noto, la direttiva introduce un obiettivo vincolante di penetrazione delle rinnovabili sui consumi di energia primaria dell Unione Europea pari al 20%, da raggiungersi gradualmente ma tassativamente entro l anno Tale obiettivo viene declinato a livello di Stati Membri, attribuendo così all Italia un target nazionale del 17% di produzione di rinnovabili sui consumi di energia primaria entro il 2020, a cui si accompagna in subordine un obbligo di raggiungimento di una quota del 10% di uso di biocarburanti sul totale dei consumi imputabili al settore trasporti. D. Lgs. 28/2011 di recepimento della direttiva 2009/28/CE Sulla base della delega concessa al governo dal Parlamento con legge 96/2010, il Consiglio dei Ministri ha emanato un decreto legislativo avente ad oggetto il recepimento della direttiva 2009/28/CE, pubblicato definitivamente in data 28 marzo 2011 (D. Lgs. 28/2011). Il decreto, ponendosi l obiettivo di definire strumenti, meccanismi, incentivi e quadro istituzionale, finanziario e giuridico per il raggiungimento degli obiettivi al 2020 in materia di quota complessiva di energia da fonti rinnovabili sul consumo totale di energia e nei trasporti, introduce una vera rivoluzione per il settore. Più precisamente il decreto prevede, per gli impianti alimentati da fonti rinnovabili che entreranno in esercizio, anche a seguito di rifacimento totale o parziale e di ripotenziamento, dopo il 31 dicembre 2012, la sostituzione dello strumento incentivante del certificato verde con un nuovo meccanismo basato su incentivi assegnati tramite contratti di diritto privato di lungo periodo con il GSE ( contratto feed-in ) il cui valore è definito mediante asta a ribasso. Il valore base dell asta (ovvero il valore massimo ottenibile) varia per tecnologia, taglia e data di entrata in esercizio dell impianto e verrà adattato in ragione dell evoluzione tecnologica (aggiornamento previsto con cadenza triennale).

14 14 api holding S.p.A. Relazioni e Bilancio Consolidato 2011 Una volta aggiudicato e definito l incentivo caratteristico del singolo contratto feed-in, la tariffa sarà costante e rimarrà valida per una durata commisurata alla vita media utile convenzionale della specifica tipologia di impianto. Le procedure d asta, effettuate con cadenza periodica, sono riferite a un contingente di potenza da installare per ciascuna fonte o tipologia di impianto. Gli impianti in esercizio entro il 31 dicembre 2012, continueranno invece a godere dei certificati verdi (CV) fino al La quota d obbligo dei CV continuerà a crescere fino al 2012, anno in cui raggiungerà il 7,55%, mentre a partire dal 2013 tale quota verrà ridotta gradualmente fino ad annullarsi nel Per biomasse e bioliquidi sostenibili, l incentivo tiene conto della tracciabilità e della provenienza della materia prima, nonché dell esigenza di destinare prioritariamente le biomasse legnose all utilizzo termico e i bioliquidi sostenibili per i trasporti. Ad arricchire il già complesso quadro di riferimento in materia di bioenergie, interviene inoltre la trasposizione nell ordinamento nazionale dei criteri di sostenibilità. Tali criteri nascono dalla volontà di incentivare l utilizzo dei soli bioliquidi ritenuti appunto sostenibili, laddove per sostenibili si intendono quei bioliquidi non prodotti da materie prime coltivate in terreni di particolare pregio (quali foreste primarie e altri terreni boschivi, aree designate per scopi di protezione della natura, o che presentano un elevato stock di carbonio) ed in grado di garantire, lungo tutto il proprio ciclo di vita, dalla coltivazione del seme alla produzione di energia, una riduzione delle emissioni di gas serra pari almeno al 35% rispetto all utilizzo delle fonti fossili. I bioliquidi che non saranno in grado di rispondere a questi requisiti, non saranno contabilizzati tra le fonti rinnovabili nel raggiungimento dei target al 2020 e non potranno beneficiare degli incentivi. Risoluzione anticipata Convenzioni CIP 6/92 A fine maggio 2011 il Consiglio dei Ministri ha approvato il Decreto Legislativo di recepimento delle direttive 2009/72/CE, 2009/73/CE e 2008/92/CE in materia di apertura dei mercati dell energia elettrica e del gas. Il provvedimento riordina i suddetti mercati con l introduzione di norme volte a tutelare maggiormente i consumatori, aumentare la sicurezza degli approvvigionamenti e promuovere la concorrenza e la completa apertura dei mercati. Ricordiamo che in attuazione dell art. 30, comma 20 della legge 23 luglio 2009, n. 99, il Ministero dello Sviluppo Economico ha emesso, su proposta dell Autorità per l energia elettrica ed il gas, il decreto 2 dicembre 2009 che stabilisce i meccanismi per la risoluzione anticipata e volontaria delle cosiddette convenzioni CIP 6, relative agli impianti alimentati da combustibili di processo o residui o recuperi di energia e impianti ad essi assimilati alimentati da combustibili fossili. Con successivo decreto del 2 agosto 2010 il Ministero ha definito le modalità di risoluzione anticipata e di liquidazione del corrispettivo, per i soli impianti alimentati da combustibili fossili. Per gli impianti alimentati da combustibili di processo i decreti saranno predisposti nel corso del Per quanto riguarda il gruppo api si rileva che la società api energia S.p.A., dopo aver ottenuto l autorizzazione dalle banche finanziatrici, ha siglato l adesione vincolante della risoluzione anticipata in data 6 febbraio Certificati Verdi Le negoziazioni sul Mercato dei Certificati Verdi, nel 2011, si sono chiuse registrando un volume di titoli scambiati nel corso delle 47 sessioni organizzate dal GME (Gestore Mercato Elettrico) pari a titoli, in aumento rispetto ai CV scambiati nel 2010, per un controvalore totale di circa 340 milioni di euro (217 milioni di euro nel 2010). Il prezzo medio ponderato dei CV scambiati nelle sessioni di mercato è stato pari a 82,25 /MWh (euro/megawattora) (84,41 /MWh l anno scorso). In considerazione di quanto determinato dalla delibera AEEG/11/2012/R/efr del il prezzo di cessione dell energia elettrica, registrato nell anno 2011, è fissato in 74,72 /MWh e di conseguenza il prezzo di ritiro dei certificati verdi di competenza 2011 risulta essere pari a 82,12 /CV.

15 Il SETTORE PETROLIFERO Relazioni e Bilancio Consolidato 2011 api holding S.p.A. Anche nel corso del 2011 si è assistito ad una crescita delle quotazioni internazionali del greggio. Dal 1998 ad oggi, l incremento è stato del 773%, concentrato soprattutto negli ultimi anni: la media tra il è stata infatti di 24,3 USD/bbl, contro i 77,3 del periodo La media del Brent nei primi dodici anni del nuovo secolo sale a 57,2 USD/bbl contro i 18 degli anni 90 (+218%). In media a fine 2011 il costo Cif del greggio importato nei Paesi Ocse si è attestato a 108,8 USD/bbl, contro i 78,1 del 2010 e i 60,4 del In termini percentuali la crescita è stata di circa il 37%. Se nella seconda parte del 2011 il rialzo delle quotazioni è stato conseguente alla dinamica di crescita della domanda, più spinta rispetto all offerta, a partire da marzo ha influito anche la sospensione della produzione libica che ha trascinato il prezzo oltre i 120 USD/bbl. Nella seconda parte del 2011 la quotazione ha oscillato nella banda USD/bbl. Il rallentamento economico, particolarmente evidente nel secondo semestre del 2011, ha prodotto nella domanda petrolifera totale una moderata crescita dello 0,8% rispetto al 2010, giungendo a 89,0 milioni barili/giorno, (+0,7 milioni barili/giorno), contro una crescita media di 1,1 milioni barili/giorno nel decennio La flessione in Europa è stata dell 1,9%, pari a circa 0,4 milioni barili/giorno. Il fabbisogno dei paesi Ocse è stato di 45,6 milioni barili/giorno, tornando a contrarsi dell 1,2%, contro l aumento eccezionale dell 1,1% dell anno 2010, con un peso sul totale di circa il 51% (contro il 62% del 2000). Quello dei paesi non-ocse, meno influenzati dalle turbolenze finanziare dei Paesi occidentali, è stato invece di 43,4 milioni barili/giorno, in progresso del 3,0% e con un peso sul totale del 48% (contro il 38% del 2000). La differenza dei consumi delle due aree si attesta attualmente sui 2 milioni di barili/giorno, contro i 19 milioni di barili/giorno di dieci anni fa. Continuano a trainare la domanda dei paesi non Ocse (+2,9%), l ex Urss (+5,4%), la Cina (+4,7%) e l America Latina (+2,5%). L offerta totale nel 2011 si è attestata a 88,5 milioni barili/giorno, +1,1% rispetto al 2010, nuovamente rimanendo inferiore alla domanda: la primavera araba e la mancata produzione libica in gran parte dell anno hanno infatti prodotto tensioni negli approvvigionamenti. A supportare l aumento sono stati soprattutto i paesi Opec (+2,7% rispetto al 2010, pari a +0,9 milioni barili/giorno), in particolare l Arabia Saudita che, incrementando di circa 1 milione di barili/giorno la propria produzione, pari a oltre l 11% in più, ha cercato di coprire i quantitativi libici mancanti. Per quanto riguarda le quotazioni internazionali dei prodotti, esse non sono state immuni dalle tensioni che hanno caratterizzato il Le quotazioni Platts della benzina in media annua si sono attestate intorno a 990 dollari/tonnellata, il 34% in più rispetto al Il gasolio, sempre in media, è stato quotato sui 971 dollari/tonnellata (+40% rispetto al 2010). La corsa al rialzo di entrambi i prodotti è stata praticamente continua, con picchi di maggiore tensione in primavera e poi soprattutto a fine Il 2011 è stato un anno estremamente negativo per i margini di raffineria che hanno rilevato un notevole peggioramento, attestandosi ai livelli più bassi degli ultimi 20 anni e mediamente pari a neanche 1 USD/bbl per le lavorazioni più complesse. A seguito della generalizzata contrazione dei consumi petroliferi con un calo del 2,5% rispetto al 2010, si segnala che la benzina ha continuato la flessione iniziata nel 2004, perdendo ulteriori 601 mila tonnellate. La somma di benzina e gasoli presenta un decremento dell 1,2% rispetto ai valori del 2010 (benzina 6%; gasolio +0,8%). L olio combustibile per uso termoelettrico perde ulteriormente terreno con un -23,2% (-0,3 milioni di tonnellate). Il gasolio riscaldamento con un -15,7% si attesta su valori di poco inferiori a 1,6 milioni di tonnellate. 15 Relazione del Consiglio di Amministrazione

16 16 api holding S.p.A. Relazioni e Bilancio Consolidato 2011 Il sistema di raffinazione nel 2011, ha risentito pienamente della crisi strutturale di eccesso di offerta rispetto alla domanda interna e al calo delle esportazioni dei suoi prodotti, che ha portato alla sospensione dell attività e alla trasformazione in polo logistico integrato la raffineria di Cremona riducendo la capacità effettiva totale italiana a 103 milioni di tonnellate. Nel complesso gli impianti sono stati usati a tassi dell 84% (riferito al greggio e ai semilavorati d importazione). Le lavorazioni sono ammontate complessivamente a 86,0 milioni di tonnellate (-5,6%). Nella materia prima trattata sono diminuiti sia il greggio (-5,9%) che i semilavorati esteri (-6,3%). Le esportazioni dei prodotti hanno registrato una diminuzione di circa 1,9 milioni di tonnellate (-6,3%). La fattura petrolifera nel 2011 si è attestata a 34,9 miliardi di euro, circa 6,5 miliardi in più rispetto all anno precedente, nonostante il calo dei consumi stimato del 2,5%. Il forte aumento delle quotazioni del greggio importato (+39%) è stato attenuato solo parzialmente dal miglioramento del cambio /USD, euro/dollaro, (+5,2%), per cui nel 2011 è stato superato l esborso record dell ultimo decennio, toccato nel 2008 (32,5 miliardi in valori nominali, 34,3 in termini reali). La fattura energetica si stima in aumento di oltre 9,1 miliardi di euro rispetto al 2010, sui 62,1 miliardi di euro (+17%). Un valore che corrisponde al 3,9% del Pil (3,4% nel 2010). Il petrolio pesa per il 56% dell esborso complessivo, mentre il gas per il 33%. ANDAMENTO DELLE PRINCIPALI PARTECIPATE Settore petrolifero api anonima petroli italiana S.p.A. L esercizio 2011 si chiude con un utile dopo tasse di euro 22 milioni verso un utile di 49 milioni dell esercizio precedente. Significativo anche per l esercizio 2011 l effetto delle variazioni di magazzino. Il risultato al netto degli effetti straordinari, in flessione rispetto al precedente esercizio, risente dell effetto dei margini di raffinazione particolarmente sfavorevoli che passano da -0,4 a -1,5 USD/bbl. L andamento operativo 2011, nel confronto con il 2010, ha visto una diminuzione della quota mercato rete al 9,86% (10,3% nel 2010) con volumi in contrazione del 7,83% in un mercato in calo del 3,71%. I margini unitari per il 2011 sono stati superiori a quelli del 2010 nonostante le maggiori pressioni competitive sul fronte dei prezzi. Sul mercato extrarete, in forte calo nei comparti principali, le vendite complessive sono diminuite del 14,4%. I gasoli sono diminuiti del 16,1% (con un mercato in aumento del 3%) per la difesa dei margini ed il contenimento dell esposizione finanziaria sui clienti potenzialmente a rischio. I bitumi sono diminuiti dell 11,2% (in un mercato in crescita del 4,7%) mantenendo anche in questo canale la massima attenzione ai margini. Mentre i lubrificanti, in un mercato in lieve diminuzione (-0,6%) hanno fatto registrare un incremento verso il 2010 del 2,6% migliorando leggermente la quota mercato. Il MOL contabile registra un utile di 76 milioni. Gli ammortamenti, in linea con il 2010, sono pari a 27 milioni di euro. Il risultato operativo (EBIT) è pari a 49 milioni di euro (0 milioni di euro nel 2010). La posizione finanziaria netta negativa passa da 685 milioni di euro a 717 milioni di euro per effetto dei maggiori fabbisogni della controllata api raffineria.

17 api raffineria di ancona S.p.A. Relazioni e Bilancio Consolidato 2011 api holding S.p.A. L esercizio 2011 si chiude con una perdita di euro 35,2 milioni, verso una perdita di 20,6 milioni del 2010, risultato che aveva però beneficiato di euro 3,7 milioni pre-tax di recuperi straordinari, rispetto ad 1 milione di questo esercizio. Anche quest anno l esercizio risente dell effetto dei margini di raffinazione particolarmente sfavorevoli con la conseguente riduzione dei programmi di lavorazione, passati da tonnellate del 2010 a del Le minori lavorazioni hanno determinato una riduzione dei ricavi legati al compenso di lavorazione con la controllante, api anonima petroli italiana S.p.A., e l applicazione del minimo garantito contrattuale pari a 3,5 EUR/bbl. Il risultato dell esercizio risente pesantemente dell aumento dei prezzi di acquisto delle fonti energetiche, parzialmente bilanciato dal contenimento dei costi operativi direttamente associati all esercizio degli impianti. In conseguenza di tale contrazione si è potuto rilasciare per euro 1 milione il fondo appositamente costituito nel 2006 per l onerosità del contratto O&M dell impianto IGCC, di cui non si è reso necessario l utilizzo nell esercizio. Il risultato prima degli ammortamenti, oneri finanziari e imposte (EBITDA) è passato da euro 5,1 milioni del 2010 ad euro -4,7 milioni del Gli ammortamenti sono stati pari a euro 34 milioni e registrano un incremento di euro 1,4 milioni rispetto all esercizio precedente. L utile operativo pertanto diminuisce da -27,5 milioni di euro a -38,8 milioni di euro. Gli oneri finanziari sono stati pari a 7,4 milioni di euro, con un peggioramento di euro 3 milioni per effetto della crescita dei tassi di interesse e del maggior indebitamento rispetto all esercizio precedente. 17 Relazione del Consiglio di Amministrazione Settore elettrico api nòva energia S.r.l. api nòva energia, nel corso del 2011 ha concentrato i propri sforzi sul supporto agli investimenti già in corso, delle principali società controllate (SER, sunshire, nòva agri e Biomasse Italia), con l obiettivo di perseguire la crescita nel settore della green energy, dando inoltre impulso alle attività di sviluppo interno come il rigassificatore (LNG), le nuove centrali nel sito industriale di Falconara (CCGT) e i numerosi progetti eolici e fotovoltaici. Il risultato positivo del 2011 pari ad euro 6,5 milioni (risultato IAS pari ad euro 6,2 milioni) verso una perdita di euro 3,8 milioni nel 2010, è dovuto principalmente ai dividendi riconosciuti dalla consociata Biomasse Italia. In termini quantitativi la potenza lorda totale delle società operanti nel settore rinnovabili tra autorizzata ed operativa è passata dai 415,2 MW del 2010 a 425,4 MW del 2011 (326 MW eolico, 27,4 MW fotovoltaico, 72 MW biomasse) assicurando così un posizionamento di rilievo nel panorama nazionale.

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa Silvia Morelli Unità Statistiche silvia.morelli@gse.it Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Il problema energetico: stato e prospettive Indice

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Le fonti rinnovabili in Italia

Le fonti rinnovabili in Italia Le fonti rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa LEGAMBIENTE - Comuni rinnovabili 2010 Roma, 23 marzo 2010 www.gse.it 2 Indice Le attività del Gestore dei Servizi Energetici

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa ALTHESYS Presentazione IREX Annual Report 2013 GSE Roma, 18 aprile 2013 Non solo energia elettrica INDICE

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Scaglioni di potenza (kw) 1

1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1

Scaglioni di potenza (kw) 1<P 3 3<P 6 6<P 20 20<P 200 200<P 1.000 P>1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1 Tariffe per la copertura degli oneri sostenuti dal GSE per lo svolgimento delle attività di gestione, di verifica e di controllo, inerenti i meccanismi di incentivazione e di sostegno, a carico dei beneficiari

Dettagli

1.Produzione e costo dell energia in Italia

1.Produzione e costo dell energia in Italia 1.Produzione e costo dell energia in Italia L Italia é ai primi posti in Europa per consumo energetico annuo dopo Germania, Regno Unito e Francia. Il trend dal 2000 al 2008 mostra un aumento del consumo

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 20 gennaio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore dei Servizi Elettrici, SPA Dpr 26 ottobre

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE Nuovo collegamento sottomarino a 500 kv in corrente continua SAPEI (Sardegna-Penisola Italiana) SCHEDA N. 178 LOCALIZZAZIONE CUP:

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO Relazione tecnica alla deliberazione 20 dicembre 2012, 570/2012/R/efr Mercato di incidenza:

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento al 31 dicembre 2013 Marzo 2014 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile

Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile POR FESR LAZIO 2007-2013 Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile FAQ Quesito n. 1 Il Bando PSOR al punto n delle premesse definisce impianti

Dettagli

Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER

Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER 15 giugno 2015 Il Decreto di incentivazione delle FER non fotovoltaiche in via di emanazione dal Ministero dello Sviluppo Economico dovrebbe

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA Prof. Federico Rossi UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Polo Scientifico Didattico di Terni PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI DLgs 16 marzo 1999 n. 79 (Decreto Bersani):

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA

LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA GESTORE DEI SERVIZI ELETTRICI GSE SPA Direzione Operativa www.gse.it www.gsel.it 2 Commercializzazione dell energia energia elettrica

Dettagli

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012 DIPARTIMENTO PER L'ENERGIA Direzione generale per la sicurezza dell'approvvigionamento e le infrastrutture energetiche DIV. VII - Statistiche ed analisi energetiche e minerarie BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA Da produttore/grossista a utente non domestico - Prezzo di mercato prevalente della componente energia e della commercializzazione al dettaglio

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior tutela

Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior tutela Indagine conoscitiva sui prezzi dell energia elettrica e del gas come fattore strategico per la crescita del sistema produttivo del Paese Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

dello Svilupp Il Ministro concerto con di energia attuazione attuazione; successive dell'energia per di criteri e

dello Svilupp Il Ministro concerto con di energia attuazione attuazione; successive dell'energia per di criteri e Il Ministro dello Svilupp po Economico di concerto con IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE ACQUISITO il concerto del Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico COMUNICATO Energia: da aprile ancora in calo la bolletta elettricità, -1,1%, e forte riduzione per il gas -4,0% sull anno risparmi per 75 euro

Dettagli

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio.

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Un complesso avvio delle policy di sostegno alle rinnovabili La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Inefficace

Dettagli

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN **

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN ** Il Consiglio di Amministrazione di Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna S.p.A. approva il Bilancio Consolidato Intermedio al 31 marzo 2015: Traffico passeggeri in crescita del 4,5% nel primo trimestre

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

STATO DI UTILIZZO E INTEGRAZIONE DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE

STATO DI UTILIZZO E INTEGRAZIONE DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE RELAZIONE 277/2014/I/EFR STATO DI UTILIZZO E INTEGRAZIONE DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI Relazione sullo stato dei servizi 12 giugno 2014 1 1. QUADRO

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

www.energystrategy.it 1

www.energystrategy.it 1 www.energystrategy.it 1 C è ancora un mercato italiano del fotovoltaico? Quanto è importante la gestione degli asset? Cosa vuol dire fare gestione degli asset e chi la fa oggi in Italia? www.energystrategy.it

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Art.5 Piani regionali.

Art.5 Piani regionali. Norme per l attuazione del Piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell energia, di risparmio energetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili di energia (legge 9/1/1991 n 10) TITOLO I Norme

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA Scheda 6 «Agricoltura e Agroenergie» ALTRE MODALITA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA COMPONENTE TERMICA DELL ENERGIA Dopo avere esaminato con quali biomasse si può produrre energia rinnovabile è

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Scambio sul posto. www.gse.it. www.gsel.it

Scambio sul posto. www.gse.it. www.gsel.it Scambio sul posto www.gse.it www.gsel.it 2 Lo scambio sul posto: ammissione al contributo La Deliberazione ARG/elt n. 74/08 (TISP) prevede che lo scambio sul posto sia erogato dal GSE su istanza degli

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Si autorizza la riproduzione a fini non commerciali e con citazioni della fonte

Si autorizza la riproduzione a fini non commerciali e con citazioni della fonte Si autorizza la riproduzione a fini non commerciali e con citazioni della fonte Indice Introduzione... 2 Definizioni... 3 Quadro di sintesi sugli impianti a fonti rinnovabili in Italia... 5 Numerosità

Dettagli

< 3-4 metri/secondo. 3-4 metri/secondo. 4-5 metri/secondo. 5-6 metri/secondo. 6-7 metri/secondo. 7-8 metri/secondo.

< 3-4 metri/secondo. 3-4 metri/secondo. 4-5 metri/secondo. 5-6 metri/secondo. 6-7 metri/secondo. 7-8 metri/secondo. Chi abita in una zona ventosa può decidere di sfruttare il vento per produrre energia elettrica per gli usi domestici. In modo simile al fotovoltaico godrà di incentivi per la realizzazione, ma prima è

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro.

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro. Torino, 10 maggio 2013 COMUNICATO STAMPA RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE DEL GRUPPO SIASS AL 31 MARZO 2013 PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA D SOCIETÀ INTERAMENTE CONTROLLATA HOLDING PIEMONTE

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli