UDA N 1 -REALIZZAZIONE DI UN LIBRETTO DI USO E MANUTENZIONE DI UNO SMARTPHONE-

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UDA N 1 -REALIZZAZIONE DI UN LIBRETTO DI USO E MANUTENZIONE DI UNO SMARTPHONE-"

Transcript

1 UDA N -REALIZZAZIONE DI UN LIBRETTO DI USO E MANUTENZIONE DI UNO SMARTPHONE- DENOMINAZIONE SCUOLA ANNO SCOLASTICO: 0/05 CONSIGLIO DELLA CLASSE A DOCENTE REFERENTE: GRUPPO DI LAVORO DOCENTI: De Nicoli Quirino, De Vito Umberto, Filoni Rosanna, Bruno Vito Antonio, Giaracuni Antonia, De Giorgi Danilo, Polimeno Marcella, Petracca Eugenia, Ciardo Roberto TITOLO REALIZZAZIONE DI UN LIBRETTO DI USO E MANUTENZIONE DI UNO SMARTPHONE DESTINATARI ALUNNI DELLE CLASSI PRIME COMPETENZE DI BASE ASSE DEI LINGUAGGI Leggere, comprendere ed interpretare testi scritti di vario tipo Produrre testi di vario tipo in relazione ai differenti scopi comunicativi Utilizzare una lingua straniera per i principali scopi comunicativi ed operativi Utilizzare e produrre testi multimediali COMPETENZE SPECIFICHE Leggere testi di vario tipo anche in lingua straniera, comprendendo il significato delle informazioni. Produrre un testo regolativo, anche in lingua straniera, relativo all uso di un prodotto tecnologico, realizzato sia in versione cartacea che multimediale, utilizzando un software di produttività d ufficio. - ASSE SCIENTIFICO-TECNOLOGICO Osservare, descrivere ed analizzare fenomeni appartenenti alla realtà orme i concetti di sistema e di complessità Essere consapevole delle potenzialità delle tecnologie rispetto al contesto culturale e sociale in cui vengono applicate COMPETENZE SPECIFICHE Osservare un oggetto tecnologico di uso quotidiano al fine di ricavare le informazioni utili alla sue caratteristiche fisiche e funzionali Essere consapevole delle potenzialità e dei limiti di impiego del prodotto, riconoscendo eventuali effetti collaterali. - ASSE STORICO-SOCIALE Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una dimensione diacronica attraverso il confronto fra epoche e in una

2 COMPETENZE SPECIFICHE DISCIPLINE COINVOLTE Nucleo fondante ITALIANO Nucleo fondante LINGUA STRANIERA Nucleo fondante MATEMATICA Nucleo fondante FISICA Nucleo fondante TEC. E RAPPR. GRAFICHE Nucleo fondante STORIA Nucleo fondante ECONOMIA E DIRITTO Nucleo fondante INFORMATICA COMPETENZE DI CITTADINANZA PREREQUISITI COMPITO/PRODOTTO DA REALIZZARE culturali Comprendere l evoluzione nel campo delle comunicazioni e i relativi risvolti sociali, attraverso ricerche comparative Italiano, Storia, Lingue Straniere, Matematica, Fisica, Informatica, Tecnologia e rappresentazioni grafiche, Diritto Lessico, testualità Lessico, testualità Misure dati e previsioni, relazioni e funzioni, spazi e figure Sistema fisico Materiali Fatti, Gli ordinatori La trasformazione sociale Architettura interna di un elaboratore, Fondamenti di programmazione, Editor di testi, Foglio elettronico, Strumenti di presentazione. Imparare ad imparare. Progettare. Comunicare. Collaborare e partecipare 5. Agire in modo autonomo e responsabile 6. Risolvere problemi 7. Individuare collegamenti e relazioni 8. Acquisire ed interpretare l informazione Leggere e collegare le informazioni mediante relazioni causa-effetto Libretto di uso e manutenzione di uno smartphone RISORSE MOBILITATE

3 ABILITÀ Saper effettuare semplici misure scegliendo gli strumenti di misura più opportuni Mettere in relazione tra loro i dati di una tabella/grafico Produrre un testo regolativo Usare correttamente la lingua scritta e orale Ricercare, acquisire e selezionare informazioni in funzione del testo regolativo FISICA CONOSCENZE Principali grandezze fisiche Principali strumenti di misura Rappresentazioni grafiche e tabellari LINGUA E LETTERERATURA ITALIANA Conoscere le regole morfo-sintattiche Conoscere il linguaggio settoriale Modalità e tecniche della forma di produzione del testo regolativo TEMPI METODOLOGIA 6h totali Lezione frontale Lezione interattiva Lavoro di gruppo Simulazione STRUMENTI Esperimento LIBRI DI TESTO ARTICOLI DI GIORNALE FOTOGRAFIE DISPENSE DI APPROFONDIMENTO

4 LABORATORIO DI FISICA LABORATORIO DI MATEMATICA LABORATORIO DI INFORMATICA LABORATORIO DI ELETTRONICA LABORATORIO DI SISTEMI LIM

5 UDA N -REALIZZAZIONE DI UN LIBRETTO DI ISTRUZIONI DI UNO SMARTPHONE- FASI DI LAVORO FASE ATTIVITA DESCRIZIONE METODOLOGIA STRUMENTI TEMPI VALUTAZIONE Presentazione del compito. Organizzazione dei gruppi. Ruoli e compiti. Brain storming iniziale. Motivazione. Viene illustrato il percorso didattico, le modalità di lavoro e il prodotto da realizzare Lezione interattiva LIM e/o videoproiettore e/o PC h Andamento del brain storming mediante osservazione Reperimento di informazioni relative a prodotti similari. Discussioni su testi, immagini, grafici e tabelle. Vengono individuate le possibili fonti e specificati i dati principali e la struttura su cui devono essere innestati, con particolare riferimento alla normativa di sicurezza ed all ergonomia Lavori di gruppo, divisi per settori: caratteristiche descrittive, funzioni e modalità d uso, manutenzione e sicurezza Prodotti similari, Personal Computer(PC), Internet, Riviste 6h Andamento delle discussioni. Osservazione. Analisi, e confronto. Elaborazione dati Estrapolazione dei dati essenziali da inserire nel documento da produrre e della struttura che dovrà contenerli Lavori di gruppo, divisi per settori: caratteristiche descrittive, funzioni e modalità d uso, manutenzione e sicurezza. Personal Computer (PC) 8h Esiti della discussione. Valutazione del Processo. Produzione Realizzazione di: testo descrittivo, simbolico, regolativo, tabelle e grafici per la produzione del libretto di istruzioni. Lavori di gruppo, divisi per settori: caratteristiche descrittive, funzioni e modalità d uso, manutenzione e sicurezza. Coordinamento finale tra gruppi Personal Computer (PC) 8h Valutazione del Prodotto finale. 5 Testing Si somministra il prodotto all esterno al fine di evidenziare Somministrazione Questionario cartaceo PC e stampante 6h Valutazione della comunicazione in 5

6 l efficacia di comunicazione, anche attraverso la somministrazione di un questionario di gradimento. pubblico (campione estraneo). Valutazione del questionario prodotto in termini di: chiarezza espositiva, accessibilità, completezza dati. 6 Revisione Raccolta feedback e revisione del documento Lavori di gruppo, divisi per settori: caratteristiche descrittive, funzioni e modalità d uso, manutenzione e sicurezza Personal Computer (PC) 6h Osservazione e analisi del processo di feedback. 7 Relazione Individuale h Valutazione della comunicazione. Valutazione del testo, della coerenza e coesione della ricostruzione, delle giustificazioni delle scelte. 6

7 DIAGRAMMA DI GANTT FASI OTTOBRE NOVEMBRE DICEMBRE GENNAIO FEBBRAIO MARZO ITA ITA, INFORMATICA FISICA, TECNOLOGIA ITALIANO, INFORMATICA, TECNOLOGIA, INGLESE, DIRITTO ED ECONOMIA, STORIA 5 ITALIANO, MATEMATICA, INFORMATICA, INGLESE 6 ITALIANO, MATEMATICA, INFORMATICA, 7

8 INGLESE 8

9 COMPITO/PRODOTTO : REALIZZARE UN LIBRETTO DI USO E MANUTENZIONE DI UNO SMARTPHONE CONSEGNA Che cosa si chiede di fare: Dovrete produrre un libretto di uso e manutenzione di uno smartphone,, in lingua italiana ed in lingua inglese, da allegare al prodotto destinato alla vendita. Organizzazione: Sarete disposti in gruppi di lavoro composti da -5 persone, con compiti precisi (coordinatore, verbalizzante che scrive quanto deciso, il custode del tempo che controlla che i tempi vengano rispettati, l osservatore che aiuta il coordinatore e richiama l attenzione se si va fuori tema). Pianificazione: Dopo aver raccolto tutti i dati e le informazioni necessarie, li si dovrà analizzare e confrontare al fine di selezionare quelli ritenuti utili allo scopo. Successivamente si dovrà produrre un documento strutturato (uno per gruppo) contenente tutte quelle informazioni ritenute essenziali per l uso e la manutenzione corretti del prodotto. Criteri di Valutazione: Verrà osservato il vostro modo di lavorare, la collaborazione, il rispetto del tempo, la precisione e l impegno, la capacità di portare a termine un compito accurato. Il documento prodotto verrà valutato per: la precisione e completezza (dovrà tutte le informazioni riguardanti caratteristiche fisiche e parametri di alimentazione elettrica, caratteristiche funzionali, specifiche di sicurezza, modalità di manutenzione periodica e programmata), la correttezza linguistica, l estetica (se si presenta bene, se è bello), per la chiarezza e semplicità espositiva (deve essere compreso da chiunque intenda comprare uno smartphone), per la presenza di diverse tipologie di rappresentazione dell informazione (testo, grafici, tabelle, ecc.). Inoltre ognuno di voi dovrà scrivere una relazione che racconti il lavoro fatto, come avete proceduto, le scelte compiute ed il perché e una vostra valutazione del lavoro; anche la relazione sarà valutata per la correttezza linguistica, la completezza, la giustificazione delle scelte. Peso dell UDA: il libretto sarà valutato dagli insegnanti di Lingua Italiana, Lingua Inglese, Storia, Informatica, Tecnologia, Matematica, Economia e Diritto, Tecnologia e avrà lo stesso peso di un interrogazione. Il Consiglio di Classe, inoltre, valuterà l intero lavoro per esprimere valutazioni sull impegno, la capacità di lavorare insieme, la responsabilità e la condotta e sulla bontà complessiva del prodotto realizzato. 9

10 RUBRICA DI VALUTAZIONE La griglia è individuale e va compilata, per ogni studente, a cura dei docenti coinvolti nello svolgimento dell Unità di Apprendimento alla fine di tutte le attività previste. La griglia pertanto riassume tutte le dimensioni, oggetto di valutazione, che sono state sollecitate nel corso delle diverse fasi dell Unità di Apprendimento. Essa è pertanto organizzata in modo tale da ricomprendere i seguenti ambiti specifici di competenze: - PRODOTTO - PROCESSO - RELAZIONE - METACOGNIZIONE 0

11 LINGUAGGIO E COMUNICAZIONE CORRETTEZA, PRECISIONE E FUNZIONALITA RUBRICA DI VALUTAZIONE PRODOTTO DA VALUTARE: LIBRETTO DI ISTRUZIONI DI UNO SMARTPHONE DIMENSIONI DI OSSERVAZIONE GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELL UNITA DI APPRENDIMENTO PRODOTTO INDICATORI DESCRITTORI E LIVELLI DI PADRONANZA LIVELLO ATTRIBUITO Correttezza, completezza Il prodotto è completo in tutte le sue parti, correttamente eseguito e pienamente rispondente 5 a tutti i parametri della consegna, con soluzioni originali e spunti per il miglioramento Il prodotto è completo in tutte le sue parti, correttamente eseguito e rispondente a tutti i parametri della consegna, con soluzioni originali. Il prodotto è correttamente eseguito e completo, rispondente in modo sufficiente ai parametri della consegna Il prodotto è sostanzialmente corretto, pur presentando incompletezze in alcune parti. Il prodotto è incompleto ed eseguito in modo sommario. Precisione, funzionalità ed efficacia delle informazioni Utilizzo del linguaggio tecnico specifico Efficacia comunicativa rispetto allo scopo ed al target di riferimento Le soluzioni adottate sono precise, pienamente funzionali ed efficaci dal punto di vista 5 pratico, estetico e della convenienza Le soluzioni adottate sono precise, pienamente funzionali ed efficaci dal punto di vista pratico. Le soluzioni adottate sono precise, corrette e funzionali Le soluzioni adottate sono in gran parte corrette e funzionali, pur presentando alcune imprecisioni e debolezze sotto l aspetto della precisione. Il prodotto presenta scorrettezze esecutive e imprecisioni che ne compromettono la funzionalità. Il prodotto è completo in tutte le sue parti, correttamente eseguito e pienamente rispondente 5 a tutti i parametri della consegna, con soluzioni originali e spunti per il miglioramento Il prodotto è completo in tutte le sue parti, correttamente eseguito e rispondente a tutti i parametri della consegna, con soluzioni originali. Il prodotto è correttamente eseguito e completo, rispondente in modo sufficiente ai parametri della consegna Il prodotto è sostanzialmente corretto, pur presentando incompletezze in alcune parti. Il prodotto è incompleto ed eseguito in modo sommario. Le soluzioni adottate sono precise, pienamente funzionali ed efficaci dal punto di vista 5 pratico, estetico e della convenienza Le soluzioni adottate sono precise, pienamente funzionali ed efficaci dal punto di vista pratico. Le soluzioni adottate sono precise, corrette e funzionali

12 Utilizzo di tipologie testuali specifiche Le soluzioni adottate sono in gran parte corrette e funzionali, pur presentando alcune imprecisioni e debolezze sotto l aspetto della precisione. Il prodotto presenta scorrettezze esecutive e imprecisioni che ne compromettono la funzionalità. Vengono utilizzate le tipologie testuali più adeguate per la realizzazione, illustrazione del 5 prodotto, anche rispetto alle diverse esigenze (testo espositivo; testo argomentativo; lettera; schemi; relazione tecnica ecc.). Le strutture delle diverse tipologie vengono utilizzate in modo pertinente e flessibile, con elementi di originalità e creatività. Vengono utilizzate le tipologie testuali più adeguate per la realizzazione, illustrazione del prodotto, anche rispetto alle diverse esigenze (testo espositivo; testo argomentativo; lettera; schemi; relazione tecnica ecc.). Vengono utilizzate in modo pertinente ed efficace alcune tipologie testuali. Vengono utilizzate alcune tipologie testuali, utilizzando un linguaggio corretto, ma essenziale, non sempre calibrato sulle esigenze comunicative delle diverse fasi del lavoro. Vengono utilizzate poche tipologie testuali, non sempre calibrate sulle esigenze comunicative delle diverse fasi del lavoro e con linguaggio generico, essenziale, poco preciso. Precisazione: nell apparato di valutazione è anche previsto che l UDA sia utilizzata per la valutazione del profitto delle singole discipline coinvolte (dai singoli docenti interessati). Chiaro che la competenza è sempre oggetto di valutazione collegiale, poiché solo la visione concertata di più persone che abbiano potuto osservare l alunno in contesti significativi diversi potrà esprimere una valutazione attendibile della competenza.

13 RUBRICA DI VALUTAZIONE DEL PROCESSO (le attività assegnate durante lo svolgimento dell UDA) Attività Indicatori Descrittori Livelli Reperimento di informazioni relative Congruenza dei dati e L alunno ha effettuato la ricerca in a prodotti similari. Discussioni su attendibilità dei modo mirato, selezionando i dati testi, immagini, grafici e tabelle documenti congruenti alla consegna. I documenti consultati sono attendibili, interessanti e sollecitano la curiosità. L alunno ha effettuato la ricerca in modo mirato, selezionando i dati congruenti alla consegna. I documenti consultati sono attendibili. Analisi, Confronto e Classificazione delle informazioni Rispetto delle categorie L alunno ha effettuato la ricerca in modo mirato, selezionando dati non sempre congruenti alla consegna. I documenti consultati non sempre sono attendibili. L alunno ha effettuato la ricerca in modo superficiale selezionando dati poco congruenti alla consegna. I documenti consultati non sempre sono attendibili. Le informazioni sono state classificate in modo puntuale, preciso ed efficace Le informazioni sono state classificate in modo puntuale e preciso. Le informazioni sono state classificate in modo ordinato Le informazioni sono state classificate in modo disordinato

14 La mappa è graficamente leggibile: contiene nodi concettuali chiari, connessioni logiche e frecce di collegamento ben orientate. La mappa è graficamente leggibile: contiene nodi concettuali chiari, ma non sempre collegati logicamente. La mappa è graficamente poco leggibile: i nodi concettuali sono poco chiari e illogici Assemblare immagini/grafici/tabelle e testi Coerenza e logicità Testi e immagini sono collegati in modo logico e coerente; il risultato finale è unitario e lascia trasparire il tema conduttore Testi e immagini sono collegati in modo logico e coerente; il risultato finale è unitario. Testi e immagini, nel complesso, sono collegati in modo logico e coerente; il risultato finale è, nel complesso, unitario. Testi e immagini sono collegati in modo non sempre logico e coerente; il risultato finale è frammentario.

15 RUBRICA DI VALUTAZIONE DELLA RELAZIONE (osservazione durante i lavori di gruppo) Indicatori Descrittori Livelli Autonomia L alunno coglie subito la finalità del compito assegnato al gruppo; organizza il lavoro distribuendo gli incarichi con responsabilità; aiuta chi non ha ben capito cosa fare; si propone come relatore. L alunno coglie subito la finalità del compito assegnato al gruppo; si attiene agli incarichi affidati dal docente e li esegue con puntualità, rispettando il lavoro svolto dagli altri componenti. L alunno coglie la finalità del compito assegnato al gruppo dopo aver eseguito il lavoro; si attiene agli incarichi affidati dal docente. L alunno mostra difficoltà nel cogliere la finalità del compito assegnato al gruppo; esegue l incarico con superficialità e disattenzione Interazione orizzontale (con i compagni) L alunno è collaborativo; rispetta i compagni e interagisce con loro negli spazi opportuni, invitandoli anche ad esprimere le loro opinioni. Non assume atteggiamenti da prevaricatore. L alunno è collaborativo; rispetta i compagni e interagisce con loro negli spazi opportuni. Non assume atteggiamenti da prevaricatore. L alunno non sempre collabora; rispetta i compagni, ma esegue i compiti in modo isolato. Non assume atteggiamenti da prevaricatore. L alunno non è collaborativo; non rispetta i compagni e assume atteggiamenti da prevaricatore. 5

16 Interazione verticale (con i docenti) L alunno interagisce con i docenti in modo costruttivo: propone soluzioni; rivede le sue posizioni; si attiene alle consegne. Rispetta i ruoli e con correttezza pone domande di approfondimento. L alunno interagisce con i docenti in modo costruttivo: propone soluzioni; rivede le sue posizioni; si attiene alle consegne. Rispetta i ruoli in modo corretto. L alunno interagisce con i docenti in modo non sempre costruttivo. Rispetta i ruoli dopo i richiami. L alunno non interagisce con i docenti. Spesso, viene sollecitato a rispettare i ruoli. 6

17 RUBRICA DI VALUTAZIONE DELLA METACOGNIZIONE Indicatori Metodo di studio/lavoro Autovalutazione Descrittori L alunno è organizzato e opera con consapevolezza scelte strategiche volte al conseguimento del risultato. Motiva con obiettività le strategie attivate L alunno è organizzato e opera con consapevolezza scelte strategiche volte al conseguimento del risultato. Livelli L alunno non è sempre organizzato; persegue il risultato tentando le strategie L alunno non mostra un proprio metodo di lavoro e, spesso, il risultato non è perseguito. L alunno valuta correttamente e obiettivamente il proprio lavoro e interviene in modo opportuno per correggere eventuali imperfezioni. L alunno valuta correttamente e obiettivamente il proprio lavoro e, guidato, interviene per correggere eventuali imperfezioni. L alunno non sempre valuta correttamente e obiettivamente il proprio lavoro e, solo guidato, interviene per correggere eventuali imperfezioni. L alunno non è in grado di valutare correttamente e obiettivamente il proprio lavoro 7

18 UDA N - LA PRODUZIONE DELL OLIO D OLIVA NEL SALENTO- DENOMINAZIONE SCUOLA ANNO SCOLASTICO: 0/05 CONSIGLIO DELLA CLASSE DOCENTE REFERENTE GRUPPO DI LAVORO TITOLO DESTINATARI COMPETENZE DI BASE Asse dei linguaggi Asse Matematico Asse Storico - Sociale Asse Tecnologico Scientifico PRIMA Minerva Simona DOCENTI: Brigante Rosarianna, Cafaro Marcella, Colaci Antonella, Filieri Giovanni, Letizia Maria Antonia, Mangia Mirella, Marra Maria Antonietta, Minerva Simona, Rizzello Filomena, Venneri Angela, Simone Fernando, Frisullo Maria Grazia, Valvetri Anna Maria LA PRODUZIONE DELL OLIO D OLIVA NEL SALENTO Studenti del primo anno Leggere, comprendere ed interpretare testi scritti di vario tipo Utilizzare le tecniche e le procedure del calcolo aritmetico e algebrico rappresentandole anche sotto forma grafica Riconoscere le caratteristiche essenziali del sistema socio economico per orientarsi nel tessuto produttivo del proprio territorio Osservare, descrivere ed analizzare fenomeni appartenenti alla realtà naturale e artificiale e riconoscere nelle varie forme i concetti di sistema e di complessità COMPETENZE SPECIFICHE Saper leggere e comprendere testi specifici descrittivi informativi in L ed L Saper descrivere e analizzare un fenomeno individuando gli elementi significativi Saper individuare le caratteristiche essenziali del sistema produttivo del proprio territorio Saper leggere e interpretare testi non continui (Dati, Grafici, Tabelle ) DISCIPLINE COINVOLTE Italiano Storia - Lingua Inglese - Matematica - Fisica Chimica Economia Aziendale NUCLEO FONDANTE: Italiano - Inglese NUCLEO FONDANTE: Storia NUCLEO FONDANTE: Matematica Diritto Ed Economia Tecnologie Informative - Religione Lessico Testualità Riflessione Linguistica Fatti Ordinatori Contesto - Intenzionalità Numeri Dati e Previsioni Relazioni e Funzioni 8

19 NUCLEO FONDANTE: Economia aziendale Beni e Bisogni Attività economica NUCLEO FONDANTE: Diritto ed Economia Il sistema economico Le Categorie NUCLEO FONDANTE: Fisica Sistema fisico - Materia NUCLEO FONDANTE: Chimica Trasformazioni Composizione delle sostanze COMPETENZE DI CITTADINANZA. Acquisire e interpretare l informazione. Comunicare. Risolvere problemi. Imparare a imparare PREREQUISITI Saper leggere e comprendere un semplice testo; Saper risolvere semplici calcoli aritmetici; Riconoscere le grandezze misurabili e le relative unità di misura; Conoscere le equivalenze. COMPITO/PRODOTTO DA REALIZZARE DEPLIANT ILLUSTRATIVO SULLA PRODUZIONE DELL OLIO D OLIVA NEL SALENTO DESTINATO ALLA PROMOZIONE TURISTICA DEL TERRITORIO. RISORSE MOBILITATE Conoscenze: Lessico specifico in L e L; Simbologia dell olivo - Storia dell olivo; Grandezze fisiche e relative unità di misura e trasformazioni; Strumenti di misura - Concetto di errore nella misurazione; Varie forme di rappresentazione dei dati; Soggetti economici - Attività economica; Produzione ed i fattori produttivi; Il Consumo - Significato di Bene, Bisogno, Consumo e Risparmio; Vari tipi di beni Concetto di attività economica; Sistema omogeneo ed Eterogeneo - Miscuglio e Sostanza; Tecniche di separazione di un miscuglio Analisi organolettica di un olio d oliva; Abilità Saper determinare le caratteristiche fisico-chimiche dell Olio: Densità, Acidità; Saper valutare le differenze organolettiche delle differenti qualità di olii d oliva; Saper leggere un etichetta; Saper raccogliere e selezionare i dati; Saperli descrivere, organizzare, rielaborare e relazionare in un testo descrittivo ed espositivo in L e L; Saper eseguire la parafrasi dei testi scelti; 9

20 TEMPI Saper realizzare una semplice analisi degli stessi; Individuare i soggetti economici e determinare le caratteristiche delle varie fasi dell attività economica; Distinguere i diversi settori cui appartengono le attività produttive. Primo quadrimestre METODOLOGIA STRUMENTI Lezione frontale Lezione interattiva Lavoro di gruppo Simulazione Esperimento LIBRI DI TESTO ARTICOLI DI GIORNALE FOTOGRAFIE DISPENSE DI APPROFONDIMENTO LABORATORIO DI FISICA LABORATORIO DI MATEMATICA LABORATORIO DI INFORMATICA RICERCA IN RETE LIM 0

21 UDA N -LA PRODUZIONE DELL OLIO D OLIVA NEL SALENTO- FASI DI LAVORO FASE ATTIVITA DESCRIZIONE METODOLOGIA STRUMENTI. Motivazione Interesse Presentazione del tema Individuazione delle attività Brainstorming LIM Video-proiettore TEMPIore. Organizzazione del lavoro Definizione dei gruppi di lavoro Individuazione e Assegnazione dei compiti Lezione partecipata Materiali di ricerca. Svolgimento del lavoro disciplinare Sviluppo delle conoscenze specifiche Lezione partecipata LIM Video-proiettore. Uscita didattica Visita ad un uliveto, frantoio ipogeo, oleificio Osservazione diretta 5. Analisi disciplinare dei materiali 6. Lavori nei gruppi Gli alunni analizzano nelle varie discipline e nei diversi laboratori i materiali raccolti. Ogni singolo gruppo organizza e assembla tutte le informazioni raccolte e realizza le singole presentazioni multimediali costruendo schemi a blocchi, elaborando dati ed interpretandoli Lezione partecipata (coperative learning) (problem solving, tutoring) Attrezzatura per raccolta materiale Materiale e Informazioni raccolte durante l uscita Laboratori con appositi software 5 6 0

22 DIAGRAMMA DI GANTT FASI OTTOBRE NOVEMBRE DICEMBRE GENNAIO FEBBRAIO 5 6 X X X X X X X X

23 COMPITO/PRODOTTO : REALIZZARE UN: Depliant illustrativo sulla produzione dell olio d oliva nel Salento destinato alla promozione turistica del territorio. Realizzazione prodotto finale Ogni singolo gruppo con il materiale in suo possesso raccolto ed analizzato, redige con veste grafica originale un depliant contenente i seguenti requisiti: Titolo; Giusta impaginazione; Immagini e didascalie esplicative in L e L; Eventuali Diagrammi e/o Grafici Tempi di esecuzione 0

24 RUBRICA DI VALUTAZIONE PRODOTTO DA VALUTARE: INDICATORI DESCRITTORI LIVELLI VESTE GRAFICA Carattere adoperato Colori Immagini e/o Foto Tabelle e Grafici La veste grafica cattura l attenzione del lettore per l eccellente selezione di immagini e/o foto, colori, tabelle e grafici La veste grafica colpisce l attenzione del lettore con un appropriato uso di immagini e/o foto, colori armonici ed appropriati La veste grafica si presenta curata nella scelta dei caratteri e dei colori La veste grafica è poco accattivante e non curata CONTENUTO Il prodotto è eccellente dal punto di vista della corretta esecuzione Correttezza linguistico - espressiva in L Correttezza linguistico - espressiva in L Pertinenza dei dati FUNZIONALITÀ DEL PRODOTTO Facilità di utilizzo Immediatezza del messaggio Il prodotto è eseguito in modo corretto e puntuale Il prodotto è eseguito in modo sufficientemente corretto Il prodotto presenta lacune relativamente alla correttezza linguistica, alla coesione del testo ed alla pertinenza dei dati Il prodotto è eccellente dal punto di vista della comunicazione ed è fruibile da qualsiasi destinatario Il prodotto è discretamente leggibile e di facile utilizzo Il prodotto è sufficientemente leggibile e di facile utilizzo Il prodotto è di difficile lettura ed utilizzo

25 GRIGLIA DI CORRISPONDENZA LIVELLI VOTI Inadeguato /// Basilare 5/6 Adeguato 7/8 Eccellente 9/0 5

26 UDA N - UN VIAGGIO ATTRAVERSO LA STORIA E IL TERRITORIO: LA MAGNA GRECIA DENOMINAZIONE SCUOLA I.I.S.S. F. BOTTAZZI Casarano (LE) CONSIGLIO DELLA CLASSE DOCENTE REFERENTE GRUPPO DI LAVORO TITOLO DESTINATARI COMPETENZE DI BASE - Asse dei linguaggi ANNO SCOLASTICO: 0/05 SECONDA Coordinatore di Classe DOCENTI: Cretì Daniele, Giannuzzi Arsenio, Ferro Maria Luisa, Carichino Nicola, Branca Walter, Di Paola Maria Antonietta, Bisanti Valeria, Carlino Maria Gabriella, Isernia Maria Rosaria, Diezza Rossana, Maggio Antonio Un viaggio attraverso la storia e il territorio: la Magna Grecia Alunni del secondo anno -Padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire l interazione comunicativa verbale in vari contesti -Leggere, comprendere ed interpretare testi scritti di vario tipo -Produrre testi di vario tipo in relazione ai differenti scopi comunicativi -Utilizzare gli strumenti fondamentali per una fruizione consapevole del patrimonio artistico e letterario - Utilizzare e produrre testi multimediali. -Asse scientifico-tecnologico -Osservare, descrivere ed analizzare fenomeni appartenenti alla realtà naturale e artificiale e riconoscere nelle sue varie forme i concetti di sistema e complessità 6

27 Asse matematico -Individuare le strategie appropriate per la soluzione di problemi -Analizzare dati e interpretarli sviluppando deduzioni e ragionamenti sugli stessi anche con l ausilio di rappresentazioni grafiche, usando consapevolmente gli strumenti di calcolo e le potenzialità offerte da applicazioni specifiche di tipo informatico Asse storico-sociale -Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una dimensione diacronica attraverso il confronto fra epoche e in una dimensione sincronica attraverso il confronto fra aree geografiche e culturali -Riconoscere le caratteristiche essenziali del sistema socio-economico per orientarsi nel tessuto produttivo del proprio territorio. COMPETENZE SPECIFICHE - Asse dei linguaggi Padroneggiare la lingua italiana argomentando tesi diverse durante le attività individuali e di gruppo anche allo scopo di fornire precise indicazioni alle agenzie di viaggio consultate Leggere, comprendere e interpretare documenti storici, testi regolativi e leggi per progettare un itinerario di viaggio Produrre testi pragmatici (lettere di richiesta informazioni, , brevi comunicati) per comunicare con operatori esterni Realizzare un PPT che abbia le caratteristiche della multimedialità per rappresentare in modo originale l idea soggettiva di Mediterraneo 7

28 Asse scientifico-tecnologico Osservare, descrivere ed analizzare l ambiente mediterraneo per cogliere le trasformazioni apportate dall uomo nel tempo Asse matematico Individuare la strategia più efficace per progettare un viaggio che tocchi i Paesi più suggestivi della Magna Grecia Utilizzare i dati, rappresentarli in tabelle e grafici per ricavare informazioni utili a completare il quadro storico-economico dei Paesi del Mediterraneo. Asse storico-sociale Riconoscere le caratteristiche della Magna Grecia del passato per confrontarle con quelle attuali. Individuare la vocazione economica della Magna Grecia per determinarne i collegamenti con gli aspetti geografici Discipline coinvolte NUCLEI FONDANTI disciplina Italiano NUCLEI FONDANTI disciplina Storia Italiano-Storia, Tecnologia Informatica, Matematica, Tecnologie e tecniche di rappresentazione grafica, Diritto La testualità; il lessico; la riflessione linguistica; l educazione letteraria I fatti storici/antropologici, Il contesto La trasformazione sociale, Il rapporto sistema/organizzazione 8

29 NUCLEI FONDANTI disciplina Diritto ed Economia NUCLEI FONDANTI disciplina Matematica NUCLEI FONDANTI di Scienze NUCLEI FONDANTI di TTRG COMPETENZE DI CITTADINANZA PREREQUISITI Misure, dati e Previsioni Materia, Sistema, Vita I materiali, la tecnologia, il mondo del costruito.acquisire e interpretare l informazione. comunicare. risolvere problemi. imparare a imparare Leggere e comprendere testi espositivi. Produrre brevi testi descrittivi Osservare utilizzando i cinque sensi COMPITO/PRODOTTO DA REALIZZARE PP IL MIO MEDITERRANEO Conoscenze Storia e geografia della Magna Grecia Caratteristiche dell ambiente mediterraneo Le forme geometriche dell architettura classica RISORSE MOBILITATE Abilità Svolgere una ricerca con l ausilio di Internet Preparare l itinerario di un viaggio Collegare informazioni storiche, letterarie, scientifiche, giuridiche Contattare le agenzie di viaggio TEMPI METODOLOGIA Lezione frontale Lezione interattiva 9

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Strumee nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Giorgia Lorenzato 2011 by Mondadori Education S.p.A., Milano Tutti i diritti riservati www.mondadorieducation.it

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

STORIA CLASSI I E II

STORIA CLASSI I E II STORIA CLASSI I E II INDICATORE N 1 Descrittori di /livelli di comportamento Organizzazione delle informazioni. Riordinare graficamente e/o verbalmente i fatti vissuti e narrati, riconoscendo relazioni

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE MOD PROGRAMMAZIONEDISCIPLINARE REV.00del27.09.13 Pag1di5 PROGRAMMAZIONEDIDATTICADISCIPLINARE Disciplina:_SISTEMIELETTRONICIAUTOMATICIa.s.2013/2014 Classe:5 Sez.A INDIRIZZO:ELETTRONICAPERTELECOMUNICAZIONI

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

La costruzione di strumenti per la verifica delle competenze. LA PROVA ESPERTA

La costruzione di strumenti per la verifica delle competenze. LA PROVA ESPERTA La costruzione di strumenti per la verifica delle competenze. LA PROVA ESPERTA 1 CONCETTO DI PROVA ESPERTA Per prova esperta si intende una prova di verifica che non si limiti a misurare conoscenze e abilità,

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino raggruppa e ordina secondo criteri diversi, confronta

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA - SITUAZIONE DI PAR ARTENZA TENZA: L analisi della situazione di partenza ha mirato a rilevare il possesso di prerequisiti considerati fondamentali per l individuazione

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

ma quanto è antico quest osso?

ma quanto è antico quest osso? ATTIVITÀ: ma quanto è antico quest osso? LIVELLO SCOLARE: primo biennio della scuola secondaria di secondo grado PREREQUISITI: lettura e costruzione di grafici, concetti di base di statistica modello atomico,

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

PROGETTO EM.MA PRESIDIO

PROGETTO EM.MA PRESIDIO PROGETTO EM.MA PRESIDIO di PIACENZA Bentornati Il quadro di riferimento di matematica : INVALSI e TIMSS A CONFRONTO LE PROVE INVALSI Quadro di riferimento per la valutazione Quadro di riferimento per i

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

DSA e EES ESIGENZE EDUCATIVE DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO SPECIALI

DSA e EES ESIGENZE EDUCATIVE DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO SPECIALI DSA e EES DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO ESIGENZE EDUCATIVE SPECIALI DISTURBI SPECIFICI dell APPRENDIMENTO Interessano alcune specifiche abilità dell apprendimento scolastico in un contesto di funzionamento

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO FONTE: MARIANI L. 2000. PORTFOLIO. STRUMENTI PER DOCUMENTARE E VALUTARE COSA SI IMPARA E COME SI IMPARA.ZANICHELLI,

Dettagli

Learning 4 All. Proposta di template per la descrizione comune dei Format didattici

Learning 4 All. Proposta di template per la descrizione comune dei Format didattici Learning 4 All Proposta di template per la descrizione comune dei Format didattici Autore/i Data Versione Reviewer Ferrari L., Lovece S. 12/10/2010 1.1 Luigi Guerra, Elena Pacetti, Manuela Fabbri, Enrico

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE 12 DICEMBRE 2013 JOB MATCHPOINT Eliana Branca Direttore Scuola Superiore del Commercio del Turismo dei Servizi e delle Professioni

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Senato della Repubblica. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Senato della Repubblica. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Vorrei una legge che... Anno scolastico 2014-2015 1. Oggetto e finalità Il Senato della Repubblica,

Dettagli

Monitoraggio dei processi formativi. Genova, 2 dicembre 2011

Monitoraggio dei processi formativi. Genova, 2 dicembre 2011 Monitoraggio dei processi formativi Genova, 2 dicembre 2011 Premessa: un patto!!! Nel Protocollo d Intesa le organizzazioni formative garantiscono un progressivo miglioramento e innalzamento della qualità

Dettagli

10 passi verso i CPIA

10 passi verso i CPIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione generale per l istruzione e formazione tecnica superiore e per i rapporti con i sistemi formativi delle

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 REGIONE ABRUZZO Servizio Politica Energetica, Qualità dell aria, SINA Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 anno scolastico 2014-2015 1. PREMESSA La Regione Abruzzo - insieme al MIUR (Ministero della Pubblica

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

LA TESINA DI MATURITÀ

LA TESINA DI MATURITÀ Prof. Matteo Asti LA TESINA DI MATURITÀ INDICE 1. COS'È LA TESINA DI MATURITÀ 2. LE INDICAZIONI DI LEGGE 3. COME DEVE ESSERE LA TESINA 4. LA PRESENTAZIONE DELLA TESINA 5. GLI ARGOMENTI DELLA TESINA 6.

Dettagli