Applicazione del questionario sportivo SAF (Scala dell Autoefficacia Fisica): un ricerca pilota

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Applicazione del questionario sportivo SAF (Scala dell Autoefficacia Fisica): un ricerca pilota"

Transcript

1 Applicazione del questionario sportivo SAF (Scala dell Autoefficacia Fisica): un ricerca pilota (Dr. Emanuele Currò (Abstract) L obiettivo di questa ricerca è: 1) valutare la motivazione e la percezione di autoefficacia; 2) rilevare l importanza che queste due dimensioni assumono nella scelta e nell abbandono della pratica sportiva da parte in persone con disabilità. Questo studio si andrà a collocare in una più ampia ricerca con l obiettivo d identificare quale fattore, fra i tratti di personalità innati, l autopercezione delle attività fisiche e le barriere sociali, influenzi maggiormente i meccanismi di scelta e di abbandono dello sport in un disabile. Questo articolo riporta uno studio pilota riguardante l applicabilità del questionario SAF (Scala dell Autoefficacia Fisica) ad un campione di atleti disabili fisici. Contestualmente è stata somministrata la scala WHO- DAS II (World Health Organization Disability Assessment Schedule), per valutare il livello di disabilità degli sportivi presi in esame. I risultati ottenuti dalla somministrazione dei questionari ad un gruppo di giocatori di basket in carrozzina e ad un gruppo di controllo composto da giocatori normodotati, ha confermato l ipotesi iniziale della possibilità di utilizzo del SAF anche con atleti disabili. The application of the Sport Questionaire SAF (Scala dell Autoefficacia Fisica): a Pilot Research Abstract - E The objectives of this research are: 1) to evaluate the motivation and perception of self-efficacy; 2) to measure the importance that these two dimensions play in the choice and abandonment of sport activity by mobility challenged persons. This study is a part of a wider research which aims to identify the factor that principally determines the choice and the abandonment of sport on the part of a mobility challenged person: innate personal traits, self perception of physical activity; and social barriers. This article refers to a pilot study regarding the applicability of SAF (Scala dell Autoefficacia Fisica) to a population of athletes who are mobility challenged. The WHO-DAS II Scale was used to measure the level of disability of subjects who participated in the study. Results obtained from a group of basketball players in wheel chairs, and a control group of able-bodied athletes, confirmed the initial hypothesis of the applicability of SAF for mobility challenged subjects. Aplicación del cuestionario deportivo SAF (Scala de la Auto-eficacia Física): una búsqueda piloto Resumen - ES El objetivo de esta búsqueda es: 1) valorar la motivación y la percepción de auto-eficacia; 2) mostrar la importancia que tienen estas dos dimensiones en la elección y en el abandono de la práctica deportiva por parte de las personas minusválidas. Este estudio se sitúa en el marco de una búsqueda más amplia con el objetivo de identificar, entre los rasgos innatos de la personalidad, la auto-percepción de la actividad física y las barreras sociales, cuál es el factor que más influye en los mecanismos de elección y de abandono del deporte por parte de un minusválido. Este artículo hace referencia a un estudio piloto sobre a la aplicación del cuestionario SAF (Scala de la Autoeficacia Física) a un campeón entre los atletas minusválidos físicos. Al mismo tiempo se ha aplicado la escala WHO- DAS II (World Health Organization Disability Assessment Schedule) para valorar el nivel de minusvalía de los deportistas examinados. Los resultados obtenidos en la aplicación de los cuestionarios a un grupo de jugadores de basket en silla de ruedas y a un grupo de control compuesto por jugadores de media normal, confirman la hipótesis inicial sobre el uso

2 del SAF también con atletas minusválidos. Aplicação do questionário esportivo SAF (Escala da Autoeficiência Física): uma pesquisa piloto Abstract- PR O objetivo desta pesquisa é: 1) avaliar a motivação e a percepção de autoeficácia; 2) mostrar a importância que estas duas dimensões assumem na opção e no abandono da prática esportiva por parte de pessoas com deficiência. Este estudo será colocado em uma pesquisa mais ampla com o objetivo de identificar, dentre os traços de personalidade inatos, da autopercepção das atividades físicas e das barreiras sociais, qual é o fator que mais influi nos mecanismos de escolha e de abandono de um esporte por parte de um deficiente. Este artigo faz referência a um estudo piloto sobre a aplicação do questionário SAF (Scala dell Autoefficacia Fisica) a uma amostra de atletas com deficiências físicas. Simultaneamente se aplicou a escala WHO-DAS II (World Health Organization Disability Assessment Schedule), para avaliar o nível de deficiência dos desportistas tomados examinados. Os resultados obtidos na aplicação dos questionários a um grupo de jogadores de basket cadeirantes e a um grupo de controle composto de jogadores normais, confirmou a hipótese inicial da possibilidade da utilização do SAF também com atletas deficientes.

3 Applicazione del questionario sportivo SAF (Scala dell Autoefficacia Fisica): un ricerca pilota Introduzione egli ultimi anni, le motivazioni che determinano la scelta e l abbandono della pratica sportiva sono state oggetto di speciale attenzione da parte dei ricercatori, e misurate attraverso l uso di scale di valutazione dell autoefficacia. Questo studio pilota si colloca all interno di una più ampia ricerca che si propone d individuare le motivazioni alla base dei meccanismi di scelta e di abbandono della pratica sportiva, sia da parte di normodotati che di persone disabili. Si vuole cercare di capire quanto questi processi (scelta e abbandono) siano influenzati dai tratti di personalità innati, dalle barriere sociali (ambiente), oppure dall autopercezione delle attività fisiche apprese (autoefficacia). Si vuole dimostrare ed individuare quale di queste tre caratteristiche risulti più rilevante nel determinare questi processi. L obiettivo del lavoro qui presentato è quello di valutare se il questionario preso in considerazione, il SAF, rappresenti un adeguata scala di misura per la valutazione dei meccanismi di autoefficacia in persone con disabilità. Per questo si è analizzata la presenza o meno di differenze significative tra i due gruppi presi in considerazione, confrontando le risposte ai singoli items, per individuare quali di questi fossero eventualmente inadatti alla somministrazione ad un campione composto da atleti disabili. Dopo aver descritto i materiali ed i metodi usati per questa ricerca si discuteranno i risultati. Le conclusioni evidenziano i limiti di questo studio pilota e le possibili prospettive future.

4 Materiali e metodi Per valutare le motivazioni che determinano la scelta e l abbandono della pratica sportiva, è stata utilizzata la Scala dell Autoefficacia Fisica (SAF), adattamento per la popolazione italiana di De Lucia e Lupoli del questionario Physical Self-Efficacy (PSE), costruito da Ryckman, Robbins, Thornton e Cantrell (1982) per la valutazione della fiducia in sé stessi, in relazione con diverse abilità fisiche. Il questionario (Appendice 1) è composto da 22 items ognuno con risposte da 1 a 6 di tipo Likert comprese tra fortemente d accordo (1) a fortemente in disaccordo (6). Il questionario si divide in due sub-scale, ognuna delle quali analizza un fattore differente: la percezione dell abilità fisica (PPA), composta da 10 items, e la fiducia di autopresentazione fisica (PSPC), composta da 12 items. Contestualmente è stata somministrata la scala di valutazione della disabilità WHO-DAS II (World Health Organization Disability Assessment Schedule, 1999). Questa scala valuta le limitazioni nell attività e le restrizioni nella partecipazione vissute da un individuo, indipendentemente da una specifica diagnosi medica; così da poter meglio comprendere quali difficoltà le persone possano avere a causa delle loro condizioni di salute (Federici, Meloni, Mancini, Lauriola e Olivetti Berardinelli, 2008). (Appendice 2). La scala si propone di valutare il funzionamento dell individuo nell ambito di sei domini di attività, negli ultimi trenta giorni della vita della persona intevistata: comprensione e comunicazione (6 item)

5 mobilità (5 item) cura di sé (4 item) interazioni e relazioni con gli altri (5 item) vita domestica o attività lavorativa (8 item) partecipazione alla società (8 item). La popolazione studiata è costituita da 16 giocatori di basket di sesso maschile, 8 atleti normodotati e 8 disabili fisici, in carrozzina, di età compresa tra i 17 e i 39 anni. Il grado di disabilità dei giocatori diversamente abili viene assegnato attraverso una scala compresa tra 0,5 e 4,5, che assegna il punteggio in base alle capacità funzionali residue della persona: maggiore è il punteggio, minore è il livello della disabilità. Le analisi sono state condotte tenendo conto delle strutture fattoriali del SAF e del WHO- DAS II così come sono state riportate dall articolo di Ryckman, Robbins, Thornton e Cantrell (1982), finalizzato alla creazione del questionario in questione. Si è utilizzata l Anova ad una via, che ha permesso di analizzare la varianza fra le medie dei valori ottenuti da ciascun gruppo di somministrazione (gli atleti normodotati e quelli disabili), sia tra i due fattori della scala SAF, sia tra i singoli items che la compongono. È stato, inoltre, calcolato l indice di correlazione di Pearson a due code, per evidenziare correlazioni significative tra i due fattori del SAF ed i sei dell WHO-DAS II. Risultati Sulla base dei risultati ottenuti dall Anova ad una via, è stato riscontrato che non esiste una differenza significativa tra i due gruppi analizzati, per quanto riguarda i due fattori (PPA e PSPC) il

6 SAF. Essi, infatti, presentano, come dimostrato nella Tabella 1, medie simili (tra i gruppi) e di conseguenza una F (legge di Fisher) molto bassa. Andando a studiare le correlazioni tra i due gruppi in base ai singoli items non si sono riscontrate delle differenze significative nelle medie dei due gruppi, tranne che in tre items (2,17,22), che presentano una F molto alta, sopra il 5.0 (Tabella 2). Due di questi items, il 2 ( non sono agile e aggraziato ) e il 22 ( a causa della mia agilità sono stato in grado di fare cose che molti non potevano fare ) fanno parte della sub-scala PPA e riguardano la percezione della propria agilità. Mentre l item 17 ( non sono condizionato dall impressione che il mio fisico desta sugli altri ) risulta parte della sub-scala PSPC, e riguarda la mancanza o meno di sicurezza nel proprio fisico. Tabella 1 AOVA PSPC PPA Somma dei quadrati Gradi di libertà Radice quadrata F Sig.,271 1,271,307,588 12,378 14,884 12,649 15,023 1,023,052,823 6,055 14,433 6, Tabella 2 AOVA singoli items Dom.1 Somma dei quadrati Gradi di libertà Radice quadrata F Sig.,063 1,063,127,727

7 *Dom.2 Dom.3 Dom.4 Dom.5 Dom.6 Dom.7 Dom.8 Dom.9 Dom.10 Dom.11 Dom.12 Dom.13 Dom.14 Totae Totae 6,875 14,491 6, , ,250 5,237,038 32, ,339 45,000 15,563 1,563,304,590 25, ,848 26, , ,000 2,358,147 23, ,696 27,750 15,250 1,250,065,802 53, ,839 54, , ,563 3,121,099 47, ,384 57, , ,000,226,642 62, ,429 63,000 15,063 1,063,057,815 15, ,098 15,438 15,250 1,250,084,776 41, ,964 41,750 15,000 1,000,000 1,000 22, ,571 22,000 15,250 1,250,452,513 7,750 14,554 8, , ,000 3,252,093 38, ,768 47,750 15,063 1,063,019,893 46, ,313 46,438 15,563 1,563,175,682

8 Dom.15 Dom.16 *Dom.17 Tra gruppi Dom.18 Dom.19 Dom.20 Dom.21 **Dom.22 44, ,205 45, , ,000,361,557 38, ,768 39,750 15,000 1,000,000 1,000 18, ,286 18, , ,000 6,266,025 35, ,554 51,750 15,250 1,250,090,768 38, ,768 39,000 15,563 1,563,240,632 32, ,348 33, , ,563,375,550 58, ,170 59, , ,250 1,518,238 20, ,482 23, , ,563 9,315,009 15, ,134 26, **Differenza significativa p. < 0,01 * Differenza significativa p. < 0,05 Tabella 3 Correlazione tra i fattori del SAF e i fattori dell WHO DAS II (1) Pspc pspc ppa Comprensione Mobilità Cura di sè Interazioni Attività Partecipazione sociale 1,675(**),451,345,374,000,317,261,004,079,190,154 1,000,232,329

9 ppa Comprensione Mobilità Cura di sè Interazioni Attività Partecipazione sociale Sig. (2 code),675(**) 1,408,068,204 -,184 -,073,036,004,117,803,450,495,787,894,451,408 1,162,607(*),197,160,080,079,117,549,013,464,553,767,345,068,162 1,707(**),562(*),891(**),932(**),190,803,549,002,023,000,000,374,204,607(*),707(**) 1,635(**),754(**),625(**),154,450,013,002,008,001,010,000 -,184,197,562(*),635(**) 1,775(**),582(*) 1,000,495,464,023,008,000,018,317 -,073,160,891(**),754(**),775(**) 1,782(**),232,787,553,000,001,000,000,261,036,080,932(**),625(**),582(*),782(**) 1,329,894,767,000,010,018,000 **Correlazione significativa p. < 0,01 (2 code). *Correlazione significativa p. < 0,05 (2 code). ella Tabella 4 sono riportati i risultati del campione di atleti disabili ottenuti dall analisi delle risposte date al questionario WHO-DAS II. Si possono valutare, in base alle medie dei singoli fattori, quali soggetti si trovano al di sopra o al di sotto del livello medio di disabilità, in uno specifico ambito, e confrontare questi risultati con il punteggio della disabilità che riflette le capacità dell atleta nel basket, per valutare la coerenza della scala di misura.

10 1 Il punteggio ottenuto, sia per i singoli fattori che per quello totale, cresce in relazione inversa con il punteggio di disabilità. Prendendo in considerazione i casi limite si osserva che l atleta con il più alto punteggio sportivo (4,5) ha un punteggio di disabilità inferiore rispetto al resto del gruppo; mentre gli atleti con punteggio sportivo molto basso (1; 1,5) raggiungono un alto punteggio totale al questionario. Età Tabella 4 Disabilità (diagnosi medica) Risultati atleti disabili al WHO DAS II Punt. Disabilità Comprensione Mobilità Cura di sé Interazioni Attività Part. sociale Tot. M. 17 Spinabifida 2, * 39 Paraplegia dorsale (D10) 2, ,3* 34 Paraplegia dorsale (D5) ,5* 19 Spinabifida 2, ,2* 34 Paraplegia (D8-D9) ,3* 23 Amputazioni multiple ,8* 35 Poliomielite arti inferiori 1, * 37 Amputazione 3 medio destro 4, ,2* 7** 14.1** 5** 5.8** 10.5** 17** **Medie dei singoli fattori. *Medie totali dei soggetti. Discussione 1 Il calcolo dell indice di Pearson non ha riscontrato correlazioni significative tra i due fattori del SAF e i sei fattori dell WHO-DAS II. Si sono riscontrati comunque, in diversi fattori, valori che, sebbene non abbiano evidenziato un correlazione significativa, determinano un andamento generale comune delle due scale. Ad esempio, al crescere del valore del fattore comprensione, crescono anche i valori delle due sub-scale del SAF. Analizzando le correlazioni tra i vari aspetti delle singole scale sono state riscontrante, invece, diverse correlazioni significative. Infatti emerge una correlazione di 0,675 (p. < 0,01) tra i due fattori del SAF (PSPC e PPA). Il fattore comprensione dell WHO-DAS II risulta correlato significativamente con il fattore cura di sé con il punteggio di 0,607 (p. < 0,05); il fattore mobilità è correlato con i fattori: cura di sé 0,707 (p. < 0,01), interazioni e relazioni con gli altri 0,562 (p. < 0,05), vita domestica e lavorativa 0,891 (p < 0,01), partecipazione sociale 0,932 (p. < 0,01); il fattore cura di sé è correlato con: interazioni e relazioni con gli altri 0,635 (p. < 0,01), vita domestica e lavorativa 0,754 (p. < 0,01), partecipazione sociale 0,625 (p. < 0,01); il fattore interazioni e relazioni con gli altri con: vita domestica e lavorativa 0,775 (p. < 0,01), partecipazione sociale 0,582 (p. < 0,01); infine, il fattore vita domestica e lavorativa con partecipazione sociale 0,782 (p. < 0,01).

11 L analisi dei dati dei due gruppi di soggetti ai quali è stato somministrato il questionario ha evidenziato che non esiste una differenza significativa tra le risposte del gruppo di atleti normodotati e quelli in carrozzina, rispetto ai fattori del SAF. Questo rende possibile la somministrazione del SAF (o PSE nella versione americana) anche ad una popolazione di atleti disabili. Invece, analizzando le differenze riscontrate negli items 2 ( non sono agile e aggraziato ), 17 ( non sono condizionato dall impressione che il mio fisico desta sugli altri ) e 22 ( a causa della mia agilità sono stato in grado di fare cose che molti non potevano fare ) emergono due diverse spiegazioni: items 2 e 22. La differenza di risposte a questi due items risulta evidente in quanto riguardanti la percezione della propria agilità. Dai risultati è emerso che i giocatori normodotati hanno fornito risposte positive sulla propria agilità, mentre gli atleti in carrozzina, a causa della loro evidente disabilità che coinvolge gli arti inferiori, hanno dato risposte, in entrambi gli items, con valenza negativa. item 17. Al contrario dei due items precedenti, che mettono in evidenza le difficoltà fisiche degli atleti con disabilità, l andamento delle risposte a questo item da parte dei due gruppi sono invertite. Mentre i giocatori in carrozzina dimostrano uno scarso interesse al giudizio altrui sul proprio aspetto fisico, i normodotati risultano molto condizionati da ciò che le altre persone pensano del loro aspetto. Questo risultato può essere spiegato dalla grande importanza che lo sport disputato ad alto livello (il gruppo di atleti disabili disputa il campionato di serie A1 di basket in carrozzina) gioca

12 nel vissuto delle persone disabili. Sembra che la disabilità viene superata e messa quasi in secondo piano, quando le gratificazioni derivate dall attività sportiva sono molto forti. Una diversa interpretazione potrebbe indicare che alla base del poco interesse nei riguardi del giudizio altrui, troviamo un processo di rimozione atto a salvaguardare l equilibrio psicofisico raggiunto. Probabilmente il basso numero del campione a fatto sì che non siano state riscontrate correlazioni significative tra i due fattori del SAF e i sei fattori dell WHO-DAS II; comunque la tendenza ad un andamento comune generale tra molti dei diversi fattori delle due scale, ha evidenziato una coerenza tra i due test utilizzati per la valutazione dell autoefficacia fisica nelle persone con disabilità e non. La presenza, invece di correlazioni significative all interno delle scale, valutate indipendentemente, conferma la validità dei due questionari. Infine l osservazione dei risultati del WHO-DAS II ottenuti dai soggetti disabili ha evidenziato una proporzionalità tra i punteggi della disabilità nello sport e il punteggio del questionario, confermando, così, l ipotesi di una relazione tra le due dimensioni. Conclusione Una volta dimostrata l usabilità degli strumenti, anche su persone disabili, si potrà procedere con una più ampia indagine, finalizzata all individuazione delle motivazioni alla base dei meccanismi di scelta e di abbandono della pratica sportiva, sia da parte di normodotati che di persone disabili.

13 Va comunque sottolineato che l indagine pilota è stata svolta prendendo in considerazione uno solo sport (basket) e utilizzando un campione di soggetti poco ampio (16 soggetti). ella ricerca futura l obiettivo sarà quello di andare a valutare quanto processi di scelta ed abbandono siano influenzati da fattori motivazionali, dalle barriere sociali (ambiente), oppure dall autopercezione delle attività fisiche apprese (autoefficacia). L indagine verrà condotta su un campione di popolazione più ampio, comprendente sempre sia atleti disabili che normodotati, andando ad analizzare un maggior numero di discipline sportive.

Disinibizione in sportivi con disabilità ed extreemers

Disinibizione in sportivi con disabilità ed extreemers Disinibizione in sportivi con disabilità ed extreemers Dott. Emanuele Currò Abstract - IT L obiettivo di questa ricerca è: 1) dimostrare che il profilo di personalità di una persona con disabilità, che

Dettagli

Rapporto dal Questionari Insegnanti

Rapporto dal Questionari Insegnanti Rapporto dal Questionari Insegnanti SCUOLA CHIC81400N N. Docenti che hanno compilato il questionario: 60 Anno Scolastico 2014/15 Le Aree Indagate Il Questionario Insegnanti ha l obiettivo di rilevare la

Dettagli

e pratica sportiva: una ricerca su giovani i atleti

e pratica sportiva: una ricerca su giovani i atleti Comportamento alimentare e pratica sportiva: una ricerca su giovani i atleti ti Francesca Vitali, Daniela Senarega e Guido Amoretti Università degli Studi di Genova ASSOCIAZIONE ITALIANA DI PSICOLOGIA

Dettagli

Confronto sulle motivazioni all attività sportiva negli atleti disabili praticanti adaptive rowing e normodotati praticanti canottaggio.

Confronto sulle motivazioni all attività sportiva negli atleti disabili praticanti adaptive rowing e normodotati praticanti canottaggio. Confronto sulle motivazioni all attività sportiva negli atleti disabili praticanti adaptive rowing e normodotati praticanti canottaggio. Fossati Emanuela astrid8@tiscali.it - M. Martinelli Lo scopo di

Dettagli

L USO DELL I.C.F. PER L INTERVENTO SUI DISTURBI DI APPRENDIMENTO IN AMBITO UNIVERSITARIO: ALCUNI CASE-REPORT 1

L USO DELL I.C.F. PER L INTERVENTO SUI DISTURBI DI APPRENDIMENTO IN AMBITO UNIVERSITARIO: ALCUNI CASE-REPORT 1 L USO DELL I.C.F. PER L INTERVENTO SUI DISTURBI DI APPRENDIMENTO IN AMBITO UNIVERSITARIO: ALCUNI CASE-REPORT 1 Sabrina Castellano, Egle Giardina, Stefania Scaffidi CInAP (Centro per l Integrazione Attiva

Dettagli

Indagine sulla soddisfazione lavorativa e le condizioni di lavoro dei docenti delle scuole cantonali - 2014

Indagine sulla soddisfazione lavorativa e le condizioni di lavoro dei docenti delle scuole cantonali - 2014 Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Divisione della scuola Indagine sulla soddisfazione lavorativa e le condizioni di lavoro dei docenti delle scuole cantonali - 2014 Giugno 2015

Dettagli

LE FUNZIONI DELLA PENA E IL RISPETTO DELLE NORME SECONDO STUDENTI DI PSICOLOGIA E DI GIURISPRUDENZA. Elisabetta Mandrioli, Università di Bologna

LE FUNZIONI DELLA PENA E IL RISPETTO DELLE NORME SECONDO STUDENTI DI PSICOLOGIA E DI GIURISPRUDENZA. Elisabetta Mandrioli, Università di Bologna LE FUNZIONI DELLA PENA E IL RISPETTO DELLE NORME SECONDO STUDENTI DI PSICOLOGIA E DI GIURISPRUDENZA Obiettivi e metodo Elisabetta Mandrioli, Università di Bologna Il presente lavoro illustra i risultati

Dettagli

VALUTAZIONE DEI RISCHI COLLEGATI ALLO STRESS LAVORO- CORRELATO (D. Lgs. 81/08, art. 28 e s.m.i.) gennaio 2013 1

VALUTAZIONE DEI RISCHI COLLEGATI ALLO STRESS LAVORO- CORRELATO (D. Lgs. 81/08, art. 28 e s.m.i.) gennaio 2013 1 VALUTAZIONE DEI RISCHI COLLEGATI ALLO STRESS LAVORO- CORRELATO (D. Lgs. 81/08, art. 28 e s.m.i.) gennaio 2013 1 INDICE Premessa Le fasi del progetto di valutazione Indagine e divulgazione dei dati (Fase

Dettagli

L attività riabilitativa estensiva e di mantenimento nel Lazio Progetti avviati nel 2004

L attività riabilitativa estensiva e di mantenimento nel Lazio Progetti avviati nel 2004 Sistema Informativo per l Assistenza Riabilitativa L attività riabilitativa estensiva e di mantenimento nel Lazio Progetti avviati nel 2004 Roma, 15 luglio 2005 La Classificazione Internazionale del Funzionamento,

Dettagli

Livello di benessere organizzativo, grado di condivisione del sistema di valutazione e valutazione del superiore gerarchico

Livello di benessere organizzativo, grado di condivisione del sistema di valutazione e valutazione del superiore gerarchico 2013 Livello di benessere organizzativo, grado di condivisione del sistema di valutazione e valutazione del superiore gerarchico Sintesi dei risultati delle indagini svolte sul personale CiVIT ai sensi

Dettagli

I media. Sport, media e genere.

I media. Sport, media e genere. INTRODUZIONE Nell anno 2012/2013 la nostra scuola, il Liceo Marconi di Foggia, ci ha offerto la possibilità di partecipare ad un corso formativo al fine di ampliare la nostra conoscenza su quello che è

Dettagli

Studio sulla soddisfazione per le condizioni ambientali della propria zona di residenza e atteggiamenti pro-ambientali attuati

Studio sulla soddisfazione per le condizioni ambientali della propria zona di residenza e atteggiamenti pro-ambientali attuati Studio sulla soddisfazione per le condizioni ambientali della propria zona di residenza e atteggiamenti pro-ambientali attuati Obiettivi La seguente ricerca si inserisce nell ambito di uno studio più ampio

Dettagli

Relazione attività di Tutorato specializzato a.a. 2013/2014 I semestre

Relazione attività di Tutorato specializzato a.a. 2013/2014 I semestre Relazione attività di Tutorato specializzato a.a. 2013/2014 I semestre Nel mese di marzo, a chiusura del primo semestre, l Ufficio Orientamento e Diritto allo Studio ha monitorato il servizio di tutorato

Dettagli

Statistica Medica. Verranno presi in esame:

Statistica Medica. Verranno presi in esame: Statistica Medica Premessa: il seguente testo cerca di riassumere e rendere in forma comprensibile ai non esperti in matematica e statistica le nozioni e le procedure necessarie a svolgere gli esercizi

Dettagli

Il decision making nel Triage infermieristico in pronto soccorso: studio descrittivo multicentrico

Il decision making nel Triage infermieristico in pronto soccorso: studio descrittivo multicentrico relatore: Chiara Giurgevich Rsa Igea Il decision making nel Triage infermieristico in pronto soccorso: studio descrittivo multicentrico Disegno dello studio Studio descrittivo multicentrico Obiettivi:

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Università degli studi di Padova OPTIMISM, HOPE AND SATISFACTION IN ADULTS WUTH AND WITHOUT INTELLECTUAL DISABILITY

Università degli studi di Padova OPTIMISM, HOPE AND SATISFACTION IN ADULTS WUTH AND WITHOUT INTELLECTUAL DISABILITY Università degli studi di Padova OPTIMISM, HOPE AND SATISFACTION IN ADULTS WUTH AND WITHOUT INTELLECTUAL DISABILITY Schirone Maria Giovanna 2011 La psicologia positiva la Psicologia Positiva non è niente

Dettagli

ABSTRACT. Gli obbiettivi di questo elaborato sono:

ABSTRACT. Gli obbiettivi di questo elaborato sono: ABSTRACT Dal titolo del presente elaborato, già si può intuire che l argomento di cui si andrà a trattare è l analisi degli aspetti che ruotano intorno alla maternità multiculturale. Viene presa in considerazione

Dettagli

Fabrizio BORRI f.borri@fastwebnet.it

Fabrizio BORRI f.borri@fastwebnet.it Fabrizio BORRI f.borri@fastwebnet.it La prestazione SPORTIVA è influenzata da molteplici fattori TRA CUI L ASPETTO PSICOLOGICO Bangsbo J., 1994 ALLENAMENTO MENTALE PER AVERE SUCCESSO E RISULTATI NELLO

Dettagli

Con.D.Or. Consiglio di Orientamento Il contesto e gli obiettivi di un nuovo strumento

Con.D.Or. Consiglio di Orientamento Il contesto e gli obiettivi di un nuovo strumento Con.D.Or. Consiglio di Orientamento Il contesto e gli obiettivi di un nuovo strumento Università degli Studi di Pavia Introduzione Orientamento lungo tutto l arco di vita Momenti più significativi in cui

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

ANALISI DEL CONTESTO SCOLASTICO

ANALISI DEL CONTESTO SCOLASTICO ANALISI DEL CONTESTO SCOLASTICO Progetto VSQ Valutazione per lo Sviluppo della Qualità della scuola Profilo della scuola POPPI Codice meccanografico ARIC8R INDICE Introduzione La partecipazione al progetto:

Dettagli

ANALISI. Questionario per il personale ASI. Data Sezione del documento / Motivo della revisione Revisione 14.01.2011 Prima emissione documento A

ANALISI. Questionario per il personale ASI. Data Sezione del documento / Motivo della revisione Revisione 14.01.2011 Prima emissione documento A Pagina: 1 di 13 Data Sezione del documento / Motivo della revisione Revisione 14.01.2011 Prima emissione documento A Pagina: 2 di 13 QUESTIONARIO PER IL PERSONALE In seno all analisi SWOT, al fine di valutare

Dettagli

Stili attentivi e prestazione sportiva

Stili attentivi e prestazione sportiva Stili attentivi e prestazione sportiva Mario Lipoma 1, Donatella Di Corrado 2, Santo Di Nuovo 3, Vincenzo Perciavalle 4 1 Ricercatore di Psicologia generale, Facoltà di Scienze della Formazione, Università

Dettagli

Scala di Autoefficacia percepita nella ricerca del lavoro M. L. Farnese, F. Avallone, S. Pepe, R. Porcelli

Scala di Autoefficacia percepita nella ricerca del lavoro M. L. Farnese, F. Avallone, S. Pepe, R. Porcelli APPENDICE In collaborazione con la Facoltà di Psicologia 2 Università degli Studi di Roma Sapienza Scala di Autoefficacia percepita nella ricerca del lavoro M. L. Farnese, F. Avallone, S. Pepe, R. Porcelli

Dettagli

INVALSI English Language Test

INVALSI English Language Test INVALSI English Language Test Rapporto scuola Scuola secondaria di primo grado Settembrini - Roma Pretest 2012 APPENDICE 1. Risultati dei singoli studenti Introduzione Questo rapporto presenta i risultati

Dettagli

PARTE VI LA VALUTAZIONE INTERNA (E)

PARTE VI LA VALUTAZIONE INTERNA (E) PARTE VI LA VALUTAZIONE INTERNA (E) a cura di Domenico Cerasuolo, Manuela Furlan, Stefania Pizzini, Maria Giulia Sinigaglia INTRODUZIONE La valutazione interna riguarda la verifica della soddisfazione

Dettagli

QUALCHE INFORMAZIONE SUl SITTING VOLLEY

QUALCHE INFORMAZIONE SUl SITTING VOLLEY QUALCHE INFORMAZIONE SUl SITTING VOLLEY PREMESSA L attività ludico-motoria concorre alla formazione psico-fisica dei giovani in età scolare, anche affetti da disabilità fisiche. Il bambino o l adolescente,

Dettagli

QUESTIONARIO DI PERCEZIONE DEL SERVIZIO SCOLASTICO

QUESTIONARIO DI PERCEZIONE DEL SERVIZIO SCOLASTICO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo A. Da Rosciate via Codussi, 7 24124 Bergamo C.F. 95118530161 Tel 035243373 Fax: 035270323 e-mail: segreteria@darosciate.it

Dettagli

Scala di autoefficacia percepita nella gestione di problemi complessi M. L. Farnese, F. Avallone, S. Pepe, R. Porcelli

Scala di autoefficacia percepita nella gestione di problemi complessi M. L. Farnese, F. Avallone, S. Pepe, R. Porcelli In collaborazione con la Facoltà di Psicologia 2 Università degli Studi di Roma Sapienza Scala di autoefficacia percepita nella gestione di problemi complessi M. L. Farnese, F. Avallone, S. Pepe, R. Porcelli

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SULLE METODOLOGIE DI ALLENAMENTO NEL TENNIS

INDAGINE CONOSCITIVA SULLE METODOLOGIE DI ALLENAMENTO NEL TENNIS INDAGINE CONOSCITIVA SULLE METODOLOGIE DI ALLENAMENTO NEL TENNIS AGONISTICO IN CARROZZINA VENTURI A. 1,MARTINELLI M. 1,2. 1: Scienze Motorie, Università Cattolica di Milano 2: Centro studi e ricerche CIP

Dettagli

La scuola italiana della provincia di Bolzano

La scuola italiana della provincia di Bolzano AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIROL Italienisches Bildungsressort Landes-Evaluationsstelle für das italienischsprachige Bildungssystem PROVINZIA AUTONOMA DE BULSAN - SÜDTIROL Departimënt Educazion y formaziun

Dettagli

dott.ssa Chiara GIURGEVICH

dott.ssa Chiara GIURGEVICH dott.ssa Chiara GIURGEVICH TRIAGE Percorso dinamico, basato sull attuazione di un processo metodologico scientifico, capace di stabilire il grado di presunta gravità clinica presente in un soggetto, identificabile

Dettagli

L ICF - Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute

L ICF - Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute L ICF - Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute CHE COS È È una classificazione della salute e dei domini ad essa correlati che aiuta a descrivere i cambiamenti

Dettagli

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania È stata attivata una ricerca per misurare la conoscenza e la percezione dell efficacia del Programma attraverso

Dettagli

LA GUIDA PERICOLOSA IN ADOLESCENZA: FUNZIONI E FATTORI DI PROTEZIONE

LA GUIDA PERICOLOSA IN ADOLESCENZA: FUNZIONI E FATTORI DI PROTEZIONE Dipartimento di Psicologia Laboratorio di Psicologia dello Sviluppo LA GUIDA PERICOLOSA IN ADOLESCENZA: FUNZIONI E FATTORI DI PROTEZIONE Emanuela CALANDRI, Federica GRAZIANO Laboratorio Regionale Pensare

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integritàdelle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integritàdelle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integritàdelle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Testo revisionato e approvato dalla Commissione il 29/05/2013

Dettagli

A. TERRENI, M.L. TRETTI, P.R. CORCELLA, C. CORNOLDI, P.E. TRESSOLDI IPDA IDENTIFICAZIONE PRECOCE DELLE DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO (2002) Descrizione

A. TERRENI, M.L. TRETTI, P.R. CORCELLA, C. CORNOLDI, P.E. TRESSOLDI IPDA IDENTIFICAZIONE PRECOCE DELLE DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO (2002) Descrizione IPDA IDENTIFICAZIONE PRECOCE DELLE DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO A. TERRENI, M.L. TRETTI, P.R. CORCELLA, C. CORNOLDI, P.E. TRESSOLDI (2002) DEVELOPMENTAL assessment individuale; valutazione disturbi di apprendimento;

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SERGNANO Via al Binengo, 38-26010 SERGNANO CR) Telefono 0373/41168 Fax 0373/419397

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SERGNANO Via al Binengo, 38-26010 SERGNANO CR) Telefono 0373/41168 Fax 0373/419397 ISTITUTO COMPRENSIVO DI SERGNANO Via al Binengo, 38-26010 SERGNANO CR) Telefono 0373/41168 Fax 0373/419397 1 LO SPORT PER TUTTI L S O P O RT P T E R T UT I Progetto Tecnico per l attività di avviamento

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

Servqual: applicazioni e limiti del modello. Tonino Pencarelli

Servqual: applicazioni e limiti del modello. Tonino Pencarelli Servqual: applicazioni e limiti del modello Tonino Pencarelli servqual Il Servqual è costituito da due serie di 22 domande predefinite: la prima serie di domande misura le aspettative generiche dei clienti

Dettagli

Il tempo che dedico alla valutazione delle prove di apprendimento lo considero:

Il tempo che dedico alla valutazione delle prove di apprendimento lo considero: Progetto LLP-LDV-TOI-9-IT-8 8 ValeRIA Valutare la relazione tra insegnamenti e apprendimenti Autoriflessione del formatore sulla valutazione Il questionario è stato somministrato a 6 formatori di cui 98

Dettagli

Indagine sul personale dipendente Questionario Benessere organizzativo ANAC REPORT CONCLUSIVO

Indagine sul personale dipendente Questionario Benessere organizzativo ANAC REPORT CONCLUSIVO Direzione centrale Organizzazione Direzione centrale Risorse Umane Indagine sul personale dipendente Questionario Benessere organizzativo ANAC REPORT CONCLUSIVO DICEMBRE 2014 1 A. Premessa La somministrazione

Dettagli

Guido Re. Didattica del minivolley

Guido Re. Didattica del minivolley Guido Re Didattica del minivolley Introduzione Gli sport di squadra maggiori sono il naturale stimolo per l attività motoria e sportiva dei giovanissimi: dalle discipline sportive ufficiali derivano quelle

Dettagli

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE REPORT INDAGINE Roma, 16 maggio 2102 Comune di Cosenza RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION DEL SERVIZIO Ufficio Relazioni con il Pubblico Strumento n 9: modello report

Dettagli

RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO REPORT INDAGINE Provincia di Lecce RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO Dicembre 2013 REPORT: UFFICIO DI STATISICA FONTE DATI: UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO INDICE

Dettagli

Simona De Stasio,PhD (Università di Roma Foro Italico ) Virna Galimberti (Università Lumsa di Roma) Aldo Conforti (Università Lumsa di Roma)

Simona De Stasio,PhD (Università di Roma Foro Italico ) Virna Galimberti (Università Lumsa di Roma) Aldo Conforti (Università Lumsa di Roma) Engagement e Self-efficacy efficacy in un gruppo di insegnanti italiani. Differenze tra aree geografiche geogafc e e lvello livello di scuola Simona De Stasio,PhD (Università di Roma Foro Italico ) Virna

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

Indice. Parte Seconda -Gli strumenti per la rilevazione della capacità di comprensione della lettura

Indice. Parte Seconda -Gli strumenti per la rilevazione della capacità di comprensione della lettura L'Ocse (Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico) ha avviato nel maggio 1998 il progetto Pisa (Programme for International Students Assessment). Si tratta di una grande rilevazione internazionale,

Dettagli

- Report per i genitori che hanno partecipato alla ricerca -

- Report per i genitori che hanno partecipato alla ricerca - Valentina Tobia & Gian Marco Marzocchi (Università degli Studi di Milano-Bicocca Centro per l Età Evolutiva di Bergamo) - Report per i genitori che hanno partecipato alla ricerca - 60,2% 161 genitori da

Dettagli

Progetto BABY ALCOOL

Progetto BABY ALCOOL COMUNE DI PAVIA Università degli Studi di Pavia Dipartimento di Psicologia CASA DEL GIOVANE PAVIA Progetto BABY ALCOOL RICERCA SUGLI STILI DI VITA e CONSUMO DI ALCOLICI DEGLI STUDENTI DELLE SCUOLE DI PAVIA

Dettagli

R S U E S S E L U N G A CORBETTA

R S U E S S E L U N G A CORBETTA Analisi questionario Questa relazione nasce dalla necessità di sintetizzare ed analizzare il risultato del questionario proposto ai lavoratori Esselunga di Corbetta. Il sondaggio (anonimo) ideato e realizzato

Dettagli

Rapporto dal Questionario Insegnanti. Istituto Comprensivo. RMIC897006 - DON LORENZO MILANI - Via Marco Aurelio N 2 - GUIDONIA MONTECELIO RMIC897006

Rapporto dal Questionario Insegnanti. Istituto Comprensivo. RMIC897006 - DON LORENZO MILANI - Via Marco Aurelio N 2 - GUIDONIA MONTECELIO RMIC897006 Rapporto dal Questionario Insegnanti Istituto Comprensivo RMIC897006 - DON LORENZO MILANI - Via Marco Aurelio N 2 - GUIDONIA MONTECELIO RMIC897006 Progetto Valutazione & Miglioramento (V&M) a.s. 2012/13

Dettagli

- Cassinetto - Scuola Addestramento Tennis

- Cassinetto - Scuola Addestramento Tennis - Cassinetto - Scuola Addestramento Tennis Il Tennis e la preparazione mentale Progetto per la Stagione sportiva 2011/2012 Agosto 2011 Project Leader: Chiara Valdata Obiettivi del Progetto: Il progetto

Dettagli

Misure della dispersione o della variabilità

Misure della dispersione o della variabilità QUARTA UNITA Misure della dispersione o della variabilità Abbiamo visto che un punteggio di per sé non ha alcun significato e lo acquista solo quando è posto a confronto con altri punteggi o con una statistica.

Dettagli

ICF DALLA CONDIVISIONE DEL LINGUAGGIO, ALL OSSERVAZIONE PARTECIPATA

ICF DALLA CONDIVISIONE DEL LINGUAGGIO, ALL OSSERVAZIONE PARTECIPATA La rivoluzione dell ICF: ogni persona, in qualunque momento della vita, può avere una condizione di salute che in un contesto sfavorevole diventa disabilità. M. Leonardi ICF DALLA CONDIVISIONE DEL LINGUAGGIO,

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

Prima applicazione della metodologia relazionale

Prima applicazione della metodologia relazionale Prima applicazione della metodologia relazionale Ricerca Associazione per la Ricerca e l Intervento Sociale Nel 1984 è stata realizzata la prima ricerca che utilizzava la metodologia relazionale. L obiettivo

Dettagli

Percezione e Rappresentazione del terremoto nel bambino

Percezione e Rappresentazione del terremoto nel bambino Percezione e Rappresentazione del terremoto nel bambino Salvatore Settineri C. Mento - G. Gioffré N. Gambardella Università degli Studi di Messina Dipartimento di Neuroscienze, Scienze Psichiatriche e

Dettagli

Metodologia pag. 3 Le tendenze pag. 5 I comportamenti pag. 12. Il segmento di coloro che praticano sport e attività motorie pag.

Metodologia pag. 3 Le tendenze pag. 5 I comportamenti pag. 12. Il segmento di coloro che praticano sport e attività motorie pag. Indice Metodologia pag. 3 Le tendenze pag. 5 I comportamenti pag. 12 Il segmento di coloro che praticano sport e attività motorie pag. 14 Il segmento di coloro che hanno abbandonato lo sport e le attività

Dettagli

Università Commerciale Luigi Bocconi, Milano. Progetto Orientamento scolastico e percorsi di studio al termine delle scuole medie

Università Commerciale Luigi Bocconi, Milano. Progetto Orientamento scolastico e percorsi di studio al termine delle scuole medie Università Commerciale Luigi Bocconi, Milano Progetto Orientamento scolastico e percorsi di studio al termine delle scuole medie SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO ANGELO CANOSSI, GARDONE VAL TROMPIA La scelta

Dettagli

Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi

Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi Dipartimento di Sanità Pubblica Sezione di Medicina del Lavoro Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi Report conclusivo:

Dettagli

PSICOLOGIA COGNITIVA. Gaia Vicenzi - Psicologia Cognitiva

PSICOLOGIA COGNITIVA. Gaia Vicenzi - Psicologia Cognitiva PSICOLOGIA COGNITIVA L attribuzione causale Attribuzione causale Nel processo di formazione di impressioni siamo altresì interessati a cogliere le cause, le determinanti di un comportamento ATTRIBUZIONE

Dettagli

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Lavorare in gruppo Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Premessa La conoscenza del gruppo e delle sue dinamiche, così come la competenza nella gestione dei gruppi, deve prevedere

Dettagli

Questionario di Gradimento Seminario Il Questionario Insegnante e il Questionario Scuola: teorie, strumenti e risultati

Questionario di Gradimento Seminario Il Questionario Insegnante e il Questionario Scuola: teorie, strumenti e risultati Questionario di Gradimento Seminario Il Questionario Insegnante e il Questionario Scuola: teorie, strumenti e risultati Principali Evidenze e Risultati Sommario Introduzione... 3 Le principali caratteristiche

Dettagli

C) DIAGRAMMA A SETTORI

C) DIAGRAMMA A SETTORI C) DIAGRAMMA A SETTORI Procedura: Determinare la percentuale per ciascuna categoria Convertire i valori percentuali in gradi d angolo Disegnare un cerchio e tracciare i settori Contrassegnare i settori

Dettagli

Profili turistici Prima e seconda rilevazione Coordinatore della ricerca: Prof. Arch. Giulio Mondini

Profili turistici Prima e seconda rilevazione Coordinatore della ricerca: Prof. Arch. Giulio Mondini Progetto Visitor management Accoglienza e gestione dei visitatori Caso Studio III Reggia di Venaria Profili turistici Prima e seconda rilevazione Coordinatore della ricerca: Prof. Arch. Giulio Mondini

Dettagli

LE RISORSE UMANE E L ANALISI DEL CLIMA

LE RISORSE UMANE E L ANALISI DEL CLIMA LE RISORSE UMANE E L ANALISI DEL CLIMA Questo articolo vuole far riflettere sul perché è necessario tenere sotto controllo il clima aziendale in tutti i suoi aspetti. Infatti a seconda dello stato del

Dettagli

Incontro Gruppo RAV lettura dati INVALSI. Liceo Scientifico «A. Volta», 19 maggio 2015

Incontro Gruppo RAV lettura dati INVALSI. Liceo Scientifico «A. Volta», 19 maggio 2015 Incontro Gruppo RAV lettura dati INVALSI Liceo Scientifico «A. Volta», 19 maggio 2015 Rilevazione degli apprendimenti- Popolazione di riferimento I livelli scolari coinvolti : classi II e V della scuola

Dettagli

Marketing e Strategie. Marketing e Strategie

Marketing e Strategie. Marketing e Strategie Marketing e Strategie Marketing e Strategie INDICE 1. IL METODO DEL CHECK UP Pag. 3. 2. I RISULTATI Pag. 5 3. IL CONFRONTO CON GLI ALTRI Pag. 10 4. AREE DI MIGLIORAMENTO Pag. 12 5. PROSSIMI PASSI Pag.

Dettagli

Scuole di formazione APC e SPC Sede: Roma, viale Castro Pretorio 116, Roma Tel. 06 44704193 Articolo pubblicato su www.apc.it e su www.scuola-spc.

Scuole di formazione APC e SPC Sede: Roma, viale Castro Pretorio 116, Roma Tel. 06 44704193 Articolo pubblicato su www.apc.it e su www.scuola-spc. Qual è il destino professionale dei diplomati in psicoterapia della scuola della Associazione di Psicologia Cognitiva e della Scuola di Psicoterapia Cognitiva srl? Francesca Baietta, Michela Carreri, Daniele

Dettagli

Elaborazione dei dati su PC Regressione Multipla

Elaborazione dei dati su PC Regressione Multipla 21 Elaborazione dei dati su PC Regressione Multipla Analizza Regressione Statistiche Grafici Metodo di selezione Analisi dei dati 21.1 Introduzione 21.2 Regressione lineare multipla con SPSS 21.3 Regressione

Dettagli

La compilazione del RAV: una riflessione condivisa Milazzo 8 giugno 2015

La compilazione del RAV: una riflessione condivisa Milazzo 8 giugno 2015 Proviamo a vedere quali sono gli obiettivi finali del RAV: Migliorare gli apprendimenti, assumendo decisioni adeguate; Rendicontare le scelte compiute; Promuovere strategie innovative attraverso la partecipazione

Dettagli

LE RICERCHE DI MERCATO

LE RICERCHE DI MERCATO LE RICERCHE DI MERCATO IL MARKETING: UNA DEFINIZIONE STUDIO DELLE NORME DI COMPORTAMENTO DI UNA AZIENDA CON RIGUARDO ALLA PROGRAMMAZIONE, REALIZZAZIONE E CONTROLLO DELLE ATTIVITA DI SCAMBIO. QUESTE NORME

Dettagli

1. Background. Introduzione

1. Background. Introduzione Introduzione 13 1. Background In questo volume viene presentata la versione breve 1 della Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute, nota come ICF. 2 Lo scopo generale

Dettagli

EMPLOYABILITY ASSESSMENT SYSTEM. Università degli Studi di Verona

EMPLOYABILITY ASSESSMENT SYSTEM. Università degli Studi di Verona EMPLOYABILITY ASSESSMENT SYSTEM Università degli Studi di Verona ARGOMENTI TRATTATI Cambiamenti nel mercato del lavoro Effetti sul mercato del lavoro Veneto Modellizzazione Smart Job all interno della

Dettagli

Risultati dell indagine sul benessere dei dipendenti 2014

Risultati dell indagine sul benessere dei dipendenti 2014 Risultati dell indagine sul benessere dei dipendenti 2014 (art. 14 comma 5 - d.lgs 150/2009) sintesi dati Generali, per Area e tipologia di dipendente Le Amministrazioni pubbliche, nella prospettiva di

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI LA SAPIENZA DI ROMA FACOLTA DI PSICOLOGIA 1 LA RAPPRESENTAZIONE NELLA PUBBLICITA

UNIVERSITA DEGLI STUDI LA SAPIENZA DI ROMA FACOLTA DI PSICOLOGIA 1 LA RAPPRESENTAZIONE NELLA PUBBLICITA UNIVERSITA DEGLI STUDI LA SAPIENZA DI ROMA FACOLTA DI PSICOLOGIA LA RAPPRESENTAZIONE NELLA PUBBLICITA Responsabile di ricerca: Prof.ssa Maria D Alessio GRUPPO DI RICERCA: M. Cacioppo, S.De Stasio, G.Esposito,

Dettagli

E ancora un gioco? Dipartimento Dipendenze Az. USL8 AREZZO

E ancora un gioco? Dipartimento Dipendenze Az. USL8 AREZZO E ancora un gioco? Dipartimento Dipendenze Az. USL8 AREZZO Elisa Casini 1, Fiorenzo Ranieri 2 Campione e metodi Il campione di ricerca è costituito da 384 soggetti di età compresa tra i 16 e i 20 anni

Dettagli

Progetto Progesis Tra vantaggio e sicurezza Ancona, 24 25 maggio 2010 S C H E D E D I S O S T E G N O A L L A R I C E R C A A Z I O N E

Progetto Progesis Tra vantaggio e sicurezza Ancona, 24 25 maggio 2010 S C H E D E D I S O S T E G N O A L L A R I C E R C A A Z I O N E Progetto Progesis Tra vantaggio e sicurezza Ancona, 24 25 maggio 2010 S C H E D E D I S O S T E G N O A L L A R I C E R C A A Z I O N E a cura di Graziella Pozzo CONTENUTI SCHEDE Presentazione Scheda 1.

Dettagli

ORIZZONTI SCUOLA PROGETTO ORIENTAMENTO III MEDIA ANNO SCOLASTICO 1999/2000

ORIZZONTI SCUOLA PROGETTO ORIENTAMENTO III MEDIA ANNO SCOLASTICO 1999/2000 PROGETTO ORIENTAMENTO III MEDIA ANNO SCOLASTICO 1999/2000 Tra gli interventi di orientamento rivolti alle scuole secondarie di primo grado si può prendere in considerazione, quale esempio, il progetto

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CERA, CIOCCHETTI, PISACANE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CERA, CIOCCHETTI, PISACANE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2290 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI CERA, CIOCCHETTI, PISACANE Istituzione delle figure professionali di esperto in scienze delle

Dettagli

La Health Related Quality of Life (HRQoL): analisi dell evoluzione di un concetto

La Health Related Quality of Life (HRQoL): analisi dell evoluzione di un concetto La Health Related Quality of Life (HRQoL): analisi dell evoluzione di un concetto F. Ierardi*, L. Gnaulati*, F. Maggino^, S. Rodella*, E. Ruviglioni^ *Agenzia Regionale di Sanità della Toscana Osservatorio

Dettagli

RELAZIONE SUL PROCESSO DI AUTOANALISI E AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO

RELAZIONE SUL PROCESSO DI AUTOANALISI E AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI 1 GRADO E LICEO SCIENTIFICO Via Cupello n.2-86047 Santa Croce di Magliano (CB) Tel 0874728014 Fax 0874729822 C.F. 91040770702 E-mail

Dettagli

La valutazione degli apprendimenti nelle indagini nazionali ed internazionali

La valutazione degli apprendimenti nelle indagini nazionali ed internazionali La valutazione degli apprendimenti nelle indagini nazionali ed internazionali Workshop AIV Organizzato dal Dottorato in Valutazione dei sistemi e dei processi educativi a cura di Emanuela Bonini e Sara

Dettagli

ANALISI REPORT INVALSI 2015

ANALISI REPORT INVALSI 2015 ANALISI REPORT INVALSI 2015 RESTITUZIONE DATI DELL'ISTITUZIONE SCOLASTICA: FGEE105006 Grafico 1a- risultato complessivo della prova di Italiano Scuola Primaria - Classi seconde FGEE105006 PUGLIA SUD ITALIA

Dettagli

BORTOLUSSI: DETASSARE LE TREDICESIME AI CASSAINTEGRATI

BORTOLUSSI: DETASSARE LE TREDICESIME AI CASSAINTEGRATI BORTOLUSSI: DETASSARE LE TREDICESIME AI CASSAINTEGRATI Il costo per le casse pubbliche non dovrebbe superare i 150 milioni di euro. Secondo un sondaggio della CGIA, negli ultimi 10 anni la quota di spesa

Dettagli

IL GIOCO PROBLEMATICO: PREVALENZA, FATTORI DI PROTEZIONE E DI RISCHIO

IL GIOCO PROBLEMATICO: PREVALENZA, FATTORI DI PROTEZIONE E DI RISCHIO IL GIOCO PROBLEMATICO: PREVALENZA, FATTORI DI PROTEZIONE E DI RISCHIO Ricerca Commissionata da Lottomatica Group spa Claudio Barbaranelli Sapienza Università di Roma Centro Interuniversitario per la Ricerca

Dettagli

Produzione e tasso di cambio nel breve periodo

Produzione e tasso di cambio nel breve periodo Produzione e tasso di cambio nel breve periodo Determinanti della domanda aggregata nel breve periodo Un modello di breve periodo dell equilibrio del mercato dei beni Un modello di breve periodo dell equilibrio

Dettagli

ALLA SCOPERTA DI CERTALDO: INDAGINE SULLA REALTÀ CULTURALE DI UN GRUPPO DI ANZIANI

ALLA SCOPERTA DI CERTALDO: INDAGINE SULLA REALTÀ CULTURALE DI UN GRUPPO DI ANZIANI ALLA SCOPERTA DI CERTALDO: INDAGINE SULLA REALTÀ CULTURALE DI UN GRUPPO DI ANZIANI Paola Cavallero Dipartimento di Psicologia Università degli Studi di Firenze Barbara Bertocci Specializzanda Università

Dettagli

Workshop nazionale La valutazione di impatto sulla salute (VIS) in Italia: esperienze e prospettive

Workshop nazionale La valutazione di impatto sulla salute (VIS) in Italia: esperienze e prospettive Workshop nazionale La valutazione di impatto sulla salute (VIS) in Italia: esperienze e prospettive Roma, 28 settembre 2010, CNR La comunicazione nella e per la VIS Liliana Cori, IFC CNR Comunicare nella

Dettagli

Criteri di valutazione (domande guida per autovalutarsi)

Criteri di valutazione (domande guida per autovalutarsi) Guida allo studio e all autovalutazione Valutate la vostra proposta di la vostra preparazione sulla base dei criteri proposti e assegnatevi un : se la somma dei punteggi ottenuti è inferiore alla metà

Dettagli

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE REPORT INDAGINE Roma, 11 maggio Comune di Bisceglie RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION DEL SERVIZIO FRONT OFFICE "Accesso e utilizzo dei servizi di sportello" Strumento

Dettagli

L ATTIVITÀ MOTORIA NEL SOGGETTO ANZIANO CON LIMITATA FUNZIONE

L ATTIVITÀ MOTORIA NEL SOGGETTO ANZIANO CON LIMITATA FUNZIONE Corso di Formazione ATTIVITÀ MOTORIA ED ESERCIZIO FUNZIONALE NEI GRANDI ADULTI Milano, 5 Ottobre 2013 L ATTIVITÀ MOTORIA NEL SOGGETTO ANZIANO CON LIMITATA FUNZIONE Filippini Federico Dottore Magistrale

Dettagli

COMUNE DI MONTESPERTOLI

COMUNE DI MONTESPERTOLI OGGETTO: Questionario sul benessere organizzativo 2012 - Report Il presente documento è finalizzato all analisi dei dati scaturiti dalla compilazione dei questionari in oggetto, da parte dei dipendenti

Dettagli

MSCEIT Mayer-Salovey-Caruso Emotional Intelligence Test

MSCEIT Mayer-Salovey-Caruso Emotional Intelligence Test Mayer-Salovey-Caruso Emotional Intelligence Test John D. Mayer, Peter Salovey e David R. Caruso Adattamento italiano a cura di Antonella D'Amico e Antonietta Curci RAPPORTO INTERPRETATIVO Nominativo: Codice

Dettagli

Servizi di comunicazione relativi ad attività previste dal Piano di comunicazione del Piano Telematico dell Emilia Romagna (PITER) 2007-2009

Servizi di comunicazione relativi ad attività previste dal Piano di comunicazione del Piano Telematico dell Emilia Romagna (PITER) 2007-2009 Servizi di comunicazione relativi ad attività previste dal Piano di comunicazione del Piano Telematico dell Emilia Romagna (PITER) 2007-2009 I PRETEST DELLA CAMPAGNA ISTITUZIONALE PITER Report dei risultati

Dettagli

INDAGINE PROFESSIONI A CONFRONTO: COME I RELATORI PUBBLICI E I GIORNALISTI ITALIANI PERCEPISCONO LA PROPRIA PROFESSIONE E QUELLA DELL ALTRO

INDAGINE PROFESSIONI A CONFRONTO: COME I RELATORI PUBBLICI E I GIORNALISTI ITALIANI PERCEPISCONO LA PROPRIA PROFESSIONE E QUELLA DELL ALTRO INDAGINE PROFESSIONI A CONFRONTO: COME I RELATORI PUBBLICI E I GIORNALISTI ITALIANI PERCEPISCONO LA PROPRIA PROFESSIONE E QUELLA DELL ALTRO Analisi elaborata da Chiara Valentini e Toni Muzi Falconi SINTESI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO FAUGLIA

ISTITUTO COMPRENSIVO FAUGLIA ISTITUTO COMPRENSIVO FAUGLIA CAMBIAMENTI NEL TEMPO (1 rilevazione - 2 rilevazione) DELLE PROVE DI APPRENDIMENTO: RISULTATI Nella prova di correttezza in lettura ai bambini veniva chiesto di leggere a voce

Dettagli

Famiglia e Scuola di fronte al bambino esternalizzante : una prospettiva clinica

Famiglia e Scuola di fronte al bambino esternalizzante : una prospettiva clinica CONVEGNO 24.5.2013 UST Vicenza ADHD e altri disturbi del comportamento: Strategie educative e organizzative a scuola Famiglia e Scuola di fronte al bambino esternalizzante : una prospettiva clinica Dr.ssa

Dettagli