UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA SAPIENZA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA SAPIENZA"

Transcript

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA SAPIENZA DOTTORATO DI RICERCA IN PSICOLOGIA DINAMICA, CLINICA E DELLO SVILUPPO Benessere psicologico, vita universitaria e disabilità: un indagine sugli studenti universitari della Sapienza TUTOR: Prof.ssa Rosa Ferri CO-TUTOR: Prof.ssa Viviana Langher DOTTORANDA: Valentina Di Sarno A/A

2 Indice INDICE PREMESSA INTRODUZIONE 1 Parte Prima 1.BENESSERE PSICOLOGICO E DISABILITA 1.1 Benessere e suoi costrutti teorici Benessere oggettivo e soggettivo Influenza della cultura sul benessere soggettivo Il processo cognitivo e di giudizio sociale I ruoli e le relazioni sociali Benessere edonico ed eudaimonia Campi di applicazione dell eudaimonia Benessere, salute e malattia Disabilità e integrazione sociale in Italia VITA UNIVERSITARIA E DISABILITA 2.1 Vivere l Università: ricerche sulla condizione di studente universitario 2.2 Aspetti di partecipazione alla vita universitaria Assetto normativo Panoramica nazionale sulle Università in Italia Il contesto universitario di Roma Sapienza Lo sportello per i rapporti con gli studenti disabili Come si accede ai servizi Risorse per lo studente Dalla prevenzione dell insuccesso accademico dello studente disabile alla nascita del Centro Polivalente Pop s & Gias Parte Seconda 3. LA RICERCA: BENESSERE PSICOLOGICO, VITA UNIVERSITARIA E DISABILITA 3.1 Ipotesi e obiettivi Metodologia Procedure Strumenti Descrizione dei gruppi di ricerca Analisi dei dati Risultati Correlazione tra PWB e ASP Effetto delle variabili individuali socio-anagrafiche: 50 Aa) Genere 51 Ab) Età 52 Ac) Città di provenienza 52 Ad) Condizione abitativa Effetto delle variabili individuali accademiche nei gruppi 53 Ba) Settore accademico 54 Bb) Soddisfazione 54 Bc) Media degli esami 55 Bd) Corso degli studi 56 Be) Triennale/specialistica

3 Indice Effetto delle variabili contestuali di partecipazione alla vita universitaria nei gruppi 57 Ca) Frequenza ai corsi 58 Cb) Rapporto con i docenti 58 Cc) Studio con altri studenti 59 Cd) Partecipazione ad attività ricreative programmate dalla Sapienza 60 Ce) Partecipazione ad attività politiche e collettive all interno dell Università 61 RISULTATI E CONCLUSIONI 63 RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI I RIFERIMENTI LEGISLATIVI SITOGRAFIA APPENDICI VII VII

4 Premessa Premessa L interesse per il tema di questa ricerca nasce da molti anni di esperienze professionali nel campo della disabilità. In particolare, nell Anno Accademico 2007/08, in seguito ad una convenzione stipulata tra Sapienza e Laziodisu, mi è stata offerta l opportunità di partecipare alla realizzazione di un Centro Polivalente che si occupasse di svolgere un servizio di promozione ed orientamento psicosociale rivolto a studenti universitari con disabilità. Dai primi incontri con colleghi e supervisore è nata la considerazione che la condizione di studente universitario con disabilità dovesse essere analizzata all interno stesso del contesto accademico. Il passaggio dall adolescenza all età adulta, implica diverse transizioni di ruolo importanti, prima fra tutte il doversi confrontare con un contesto che fa tante nuove richieste di responsabilità, di autonomia e di maturità. In questa fase i fattori personali entrano in gioco nell interazione con le condizioni sociale e culturali della società più ampia. Durante questo importante momento di cambiamento, gli effetti interattivi delle determinanti personali e contestuali contribuiscono profondamente all organizzazione del corso della vita personale. I rapporti con i coetanei e, parallelamente quelli con i genitori, vanno incontro ad una progressiva trasformazione e ridefinizione. Le relazioni fra pari acquisiscono una sempre maggiore centralità e si configurano come un ambito privilegiato per fare esperienza di nuovi valori, idee, condotte, ruoli ed aspetti di sé. Come per le sfide precedenti, un saldo senso di efficacia personale e di benessere psicologico adeguato, hanno un effetto importante sul tipo di realtà sociale che l individuo costruisce intorno a sé. Tutto ciò viene vissuto anche dal giovane adulto disabile che in più deve confrontarsi con la perdita di quei contesti protetti, ricchi di occasioni socializzanti e di sostegno da parte degli adulti in un mondo di adulti e coetanei, che hanno caratterizzato la sua vita fino a quel momento. Nell affacciarsi ad una scelta lavorativa od una scelta di proseguire gli studi può vivere da una parte un senso di insicurezza verso l ignoto, dall altra un nuovo bisogno di autonomia e d indipendenza che nascono dal desiderio del farcela da solo.

5 Premessa Mi sono così interrogata su cosa offrisse la ricerca nell ambito dei vissuti di benessere ed autoefficacia percepiti da giovani adulti disabili che, come i colleghi normodotati, si trovano a vivere la realtà universitaria e mi sono resa conto che, pur essendo presenti nella vita quotidiana moltissime offerte e possibilità per il giovane-adulto disabile che vuole frequentare l Università, il panorama delle ricerche era scarno di indagini in questo senso. È nata così l idea di verificare, nel contesto universitario Sapienza di Roma, come fosse la situazione per gli studenti disabili. Convinta dell idea che lo studente universitario abbia caratteristiche peculiari indipendentemente dall essere portatore di una disabilità, proprio perché vivere in una realtà complessa, e spesso disorientante come quella di Roma come città, e della Sapienza come uno dei più grandi Poli Universitari d Europa, mi è sembrato importante verificarne il livello di benessere e di autoefficacia confrontandoli con un gruppo di studenti senza disabilità.

6 Introduzione INTRODUZIONE Il concetto di benessere rappresenta uno degli argomenti più attuali di discussione fra diverse discipline ed è strettamente collegato al tema della salute intesa non tanto come assenza di malattia, ma come uno stato complessivo di equilibrio tra aspetti fisici, psichici e mentali. Nel modello bio-psico-sociale (Engel, 1977), infatti, il concetto di salute non è più interpretato in termini dicotomici benessere/malessere ma in un contesto più ampio in cui la salute non è un sertirsi, ma un esserci, un essere nel mondo, un essere insieme ad altri uomini ed essere occupati attivamente e positivamente dai compiti particolari della vita (Gadamer, 1994). L assenza di malattia somatica, quindi, non coincide necessariamente con la presenza di benessere psicologico, così come la presenza di malattia somatica non significa necessariamente malessere: un individuo può trarre da un suo modo particolare di vivere la malattia anche motivi di sviluppo personale e quindi di benessere complessivo (Braibanti, 2004). Il problema di dare adeguate definizioni alla variegata costellazione di condizioni di salute, con le loro conseguenze a livello di rappresentazioni individuali e sociali, si pone in particolare nel caso delle patologie croniche e delle disabilità che sono condizioni piene di conseguenze a lungo termine sul benessere fisico, psicologico e sull integrazione sociale degli individui che con esse convivono (Delle Fave, 2005). Il poter intervenire non solo sugli aspetti fisici ma anche in tutti gli aspetti di vita della persona, pone l accento su interventi più ad ampio raggio che consentono di coinvolgere tutti i contesti che ruotano intorno all individuo e favorirne così l integrazione. Le discipline psicologiche, sociali e biomediche, dopo essersi occupate solo di come correggere e compensare i deficit individuali, prestano ora attenzione alle risorse dell individuo, ai suoi lati forti, alle sue potenzialità, come punti di leva per supportare il benessere, la crescita personale e l inserimento nella società (Bronstein et al., 2003). Nel 2001, la Commissione Salute dell'osservatorio Europeo su sistemi e politiche per la salute, stila un Rapporto in cui si legge che il benessere viene definito come "lo stato emotivo, mentale, fisico, sociale e spirituale che consente alle persone di raggiungere e mantenere il loro potenziale personale nella società". Da tale Rapporto si evince che tutti e cinque gli aspetti sono 1

7 Introduzione importanti ma ancora più importante è che questi siano tra loro in equilibrio per consentire agli individui di migliorare il loro benessere. La promozione della salute e del benessere passa così attraverso mutamenti nell'organizzazione sociale e ambientale, e sottolinea l importanza di adottare politiche pubbliche coordinate e tese a favorire e sviluppare beni e servizi più sani attraverso cambiamenti legislativi coerenti. Alla luce di quanto detto, la salute deve essere considerata una condizione di benessere fisico e psicologico, e per di più valutata a partire dal contesto socio-culturale di appartenenza dell individuo (Bickenbach et al., 1999). Il benessere va inteso, pertanto, come una condizione di armonia tra uomo e ambiente, risultato di un processo di adattamento a molteplici fattori che incidono sullo stile di vita. L esperienza universitaria pone il giovane, in un periodo della vita ancora ricco di incognite in cui non si è ancora raggiunta la piena maturità, di fronte a nuove sfide. Lo studente, infatti, si trova ad affrontare un ambiente non più protetto come quello familiare e scolastico, ma un nuovo contesto, che lascia responsabilità di gestione dei tempi e delle modalità di studio, dei rapporti con i coetanei e con i docenti, dell'organizzazione della propria giornata, sia riguardo il tempo libero che la frequenza delle lezioni. L opportunità di crescita che nasce dalla richiesta di cambiamento di questo periodo, si sviluppa attraverso la messa in pratica di comportamenti autonomi e capacità di auto-organizzazione. La vita universitaria richiede anche allo studente disabile, che non usufruisce più del sistema di sostegno previsto dalle scuole superiori, nuove responsabilità sul proprio percorso formativo. Infatti, a differenza dell organizzazione dell istruzione superiore, l Università non fornisce un sistema di tutela che garantisca il successo dell apprendimento e che abbia, anche un valore di mediazione sugli aspetti relazionali. Alle scuole superiori, infatti, è prevista la figura dell insegnante di sostegno che ha un ruolo di raccordo tra lo studente disabile, gli studenti e gli altri docenti, coinvolti nell integrazione del giovane con disabilità anche attraverso i GLH (Gruppi di Lavoro Handicap). All Università, invece, la segmentazione delle facoltà in dipartimenti ed in percorsi didattici, non prevede figure istituzionali di sostegno all integrazione né momenti 2

8 Introduzione d incontro tra docenti per analizzare il percorso accademico del singolo studente. Pertanto, il rapporto con il docente, spesso si traduce in momenti di valutazione legati all esame o al massimo in momenti di scambio durante le lezioni. I sistemi di tutela garantiti allo studente disabile da parte della struttura universitaria, sono per lo più legati ad aspetti di accessibilità e facilitazioni amministrativo-burocratiche mentre, viene lasciata allo studente, l organizzazione del proprio percorso formativo, non solo in termini di scelta d indirizzo di studi ma anche in termini di gestione delle strategie di studio. Il rapporto con i coetanei, poi, non essendo più mediato dall adulto, spinge lo studente disabile a dover attivare nuove capacità personali per instaurare relazioni significative. Il non avere più un gruppo classe di riferimento inoltre rappresenta il doversi confrontare con coetanei sconosciuti che non necessariamente sono sensibili alla condizione di disabilità. Lo studiare con altri studenti non è più un opportunità didattica dettata dall Istituzione, ma diventa una scelta del ragazzo che può decidere se gli sia utile confrontare con gli altri i contenuti appresi. L'attenzione del mondo universitario, poi, viene posta soprattutto sul successo accademico dello studente in termini di perseveranza, ovvero anni di iscrizione, continuità agli studi e prestazione, ovvero riuscita ai corsi in termini di medie dei voti accademici (Gore, 2008). Il buon esito di tale percorso accademico e di crescita, è legato però anche a fattori emotivo-affettivi quali il senso di autoefficacia e di benessere che si esplicano in termini di riconoscimento delle proprie risorse e integrazione all interno del proprio contesto di riferimento. La possibilità di partecipare attivamente alla vita sociale, diventa uno strumento privilegiato per il raggiungimento dei propri obiettivi, non solo in termini di successo accademico ma anche in termini di migliori livelli di autogestione e di benessere. L inserire, inoltre, il concetto di partecipazione sociale, rende la stessa persona disabile, soggetto attivo all interno di un concetto di condivisione che implica la responsabilità di tutti gli attori in campo. Partendo da queste premesse la tesi di seguito esposta mira ad indagare la condizione degli studenti disabili, confrontati con un gruppo di studenti non disabili, iscritti all Università Sapienza di Roma ed in particolare a verificare 3

9 Introduzione se e quali fattori individuali e sociali possano influire sul livello di benessere percepito e su un senso di autoefficacia sociale soddisfacente. Nel primo capitolo, verranno analizzati i vari costrutti teorici che fanno da cornice al concetto di benessere ed al suo legame con la disabilità. Si indagherà il capovolgimento teorico che sta alla base della ormai riconosciuta importanza di considerare, come fattore principale di integrazione sociale, il benessere della persona con disabilità nel suo contesto di riferimento. Nel secondo capitolo, si indagheranno la letteratura esistente sugli aspetti di partecipazione sociale alla vita universitaria degli studenti disabili, gli aspetti legislativi che hanno contribuito a rendere fruibile il contesto universitario per le persone con disabilità ed infine si farà un analisi di alcuni contesti universitari italiani tra cui la Sapienza. Nel terzo capitolo verrà descritta la ricerca, partendo dall ipotesi che ad influire sul benessere psicologico e sull autoefficacia dello studente disabile, non sia tanto la condizione di disabilità, quanto i fattori individuali, sociali e contestuali. Verranno specificati gli obiettivi ed analizzati i risultati ottenuti. Infine verranno presentati i commenti critici ai risultati e le conclusioni della ricerca nell ottica di promuovere interventi, mirati alle persone disabili, che tengano in considerazione la partecipazione sociale attiva degli individui con disabilità come elementi di civiltà. 4

10 Benessere psicologico e disabilità 1. BENESSERE PSICOLOGICO E DISABILITA 1.1 Benessere e suoi costrutti teorici Benessere oggettivo e soggettivo Una delle distinzioni più importanti da compiere per definire cosa significhi il termine benessere è quella tra i concetti di benessere oggettivo e benessere soggettivo. Il benessere, infatti, può essere analizzato da due fondamentali punti di vista: in particolare, se ne possono individuare indicatori oggettivi e componenti soggettive. Gli elementi oggettivi che permettono di interpretare il livello di benessere sono tradizionalmente identificati con fattori socio-demografiche (età, genere, razza, istruzione ecc.) fattori economici (reddito, status sociale, occupazione, condizioni abitative) e condizioni di salute fisica (presenza di malattie, accessibilità alle cure mediche ecc.). Tali indicatori, tipici delle scienze sociologiche ed economiche del Welfare, vengono spesso usati come predittori del benessere inteso come buona qualità della vita e soddisfazione. Il possedere o meno condizioni di vita sufficientemente agiate si ipotizza, in quest ottica, essere la base per la misurazione del benessere e di una vasta gamma di ambiti della vita. La concezione che sta alla base di questo approccio è di tipo sommatorio o bottom-up; assume, cioè, che il senso di benessere scaturisca da un qualche tipo di combinazione (somma o media) di tutti i fattori sopraelencati. Tale approccio è stato col tempo integrato con una visione globale più ampia del concetto di benessere che includesse non solo degli aspetti oggettivi, ma anche aspetti legati alla percezione che i soggetti stessi hanno di tale situazione. L interesse dei ricercatori si è infatti gradualmente orientato verso il verificare se aspetti oggettivi di vita potessero essere collegati al senso personale che ognuno ha del proprio vissuto del benessere. I risultati di numerose indagini hanno evidenziato che i giudizi di benessere dati dalle persone non differiscono in misura rilevante in base a variabili come l età, il sesso e la razza (Delle Fave, 2005). Sono state riscontrate, invece, differenze significative nei livelli di benessere percepito su variabili come l istruzione, il reddito, l attività lavorativa e la disoccupazione, le attività del tempo libero (Easterlin, 2004) e le condizioni di salute (Penny, Purves, Smith, Chambers, Smith, 1999; Afton. Hassett, Maclean., Peterson, Stuart, Buyske, Park, Savage,Li, Seligman, 2009). 5

11 Benessere psicologico e disabilità Termini come qualità della vita, benessere e vita soddisfacente identifichino effettivamente un labirinto di concetti sottilmente diversi ma interrelati fra di loro, e che le molte relazioni fra i livelli soggettivi ed oggettivi di benessere possano essere dinamicamente complessi La cultura Esistono buoni presupposti a sostegno dell'idea che il benessere soggettivo sia, fra gli altri fattori, determinato culturalmente. In realtà, il termine 'cultura' è pieno di ambiguità e complessità semantiche. In particolare, ci sono almeno tre diversi significati che possiamo assegnare al termine. In primo luogo, possiamo pensare alla cultura come ad un insieme di tratti ambientali e sociali, un insieme cioè di caratteristiche che sono associate ad un luogo specifico di sviluppo umano e sociale. Chiaramente, questi tratti possono essere coltivati e sviluppati con un certo impegno, ma a determinare la loro sedimentazione, sia a livello individuale che a livello sociale, è il fatto stesso di essere cresciuto in un contesto specifico. In questo caso, i tratti culturali sono diffusi e stabilizzati a livello sociale e inter-generazionale attraverso meccanismi di trasmissione culturale. Alcuni studi hanno voluto esplorare i fattori culturali e i valori connessi nella valutazione del benessere, cercando di esaminare se le variabili e i processi che influenzano i giudizi siano simili in tutte le culture (Diener, 1995; Kwan, Bond & Singelis, 1997; Suh et al., 1997). Si considera soprattutto l importanza delle differenze inevitabili che esistono tra culture individualistiche e culture collettivistiche (Pouliasi K, verkuyten M, 2011). Nelle prime, gli aspetti della personalità sono visti come determinanti del comportamento, di conseguenza i giudizi di soddisfazione si basano soprattutto sull esperienza emozionale recente. Nelle culture collettivistiche, i giudizi di soddisfazione si basano sia sulle emozioni, sia sul valore culturale percepito di una vita soddisfacente. In questo senso le variabili che influenzano il modo di valutare il benessere variano a secondo dei valori ritenuti importanti per quel luogo. Ad esempio si è visto come l autostima influenzi il benessere soggettivo soprattutto nelle culture individualistiche (Diener, 1995), mentre nelle culture collettivistiche è risultata importante la qualità delle relazioni sociali (Kwan et al., 1997). Sembra che ciò che cambia da un contesto culturale all altro non sia tanto la 6

12 Benessere psicologico e disabilità struttura del benessere che pare rimanere le stessa, ma le sue fonti e le strategie attraverso cui mantenerlo e che i modelli culturali per l interpretazione degli eventi di vita spingono le persone a sperimentare gradi diversi di benessere a parità di condizioni oggettive. Un secondo esempio di cultura riguarda l'acquisizione intenzionale di capacità e competenze che vanno oltre i tratti trasmessi socialmente, e che sono correlate alle dimensioni dell'auto-rappresentazione e autodeterminazione tipicamente associate alla cultura. Per esempio, intraprendere un programma di istruzione e di formazione per acquisire abilità necessarie a trovare un occupazione migliore nel mercato del lavoro o sviluppare dei tratti culturali che siano funzionali ad una migliore integrazione sociale, diventa una decisione personale di investimento. Esiste una letteratura che cerca di valutare le implicazioni sul benessere dei valori relativamente alti di acculturazione o di conseguimento di un certo grado di istruzione: studi eseguiti su studenti cinesi in Australia (Zheng, X. Sang, D. Wang, L. (2004)., ad esempio, hanno dimostrato che il livello di acculturazione ha un impatto abbastanza evidente sul benessere soggettivo indipendentemente dal modello culturale di riferimento. Recenti osservazioni condotti su campioni di popolazione in diverse nazioni con contesti culturali molto diversi fanno ritenere che in paesi con alti livelli di istruzione e di status socio-economici, si riscontra un rischio sostanzialmente più basso di infarto miocardico acuto. L'effetto è considerevolmente più debole nei paesi a reddito medio - basso. Si potrebbe spiegare questa relazione con il fatto che più alti livelli di istruzione e di acculturazione permettono agli individui di essere informati meglio e di essere consapevoli delle scelte personali che hanno un impatto positivo in termini di autodeterminazione, nonché di pratiche e abitudini a servizio della salute. C'è poi un terzo tipo di cultura, intesa come acquisizione di caratteristiche costruite intenzionalmente che hanno a che fare con le motivazioni culturali intrinseche, cioè con capacità e competenze che sono finalizzate ad un miglior accesso e fruizione di esperienze culturali. Ci si riferisce in questo caso ad attività culturali organizzate nell'ambito di specifici contesti sociali. La letteratura contiene diversi studi che sembrano fornire chiare e solide evidenze sul fatto che la partecipazione a tali attività culturali abbia degli effetti benefici sulla salute. Ad esempio, esistono evidenze sulla relazione fra partecipazione culturale e aspettative di vita, che dimostrano come l'accesso 7

13 Benessere psicologico e disabilità culturale migliori chiaramente le possibilità di sopravvivenza in campioni longitudinali (Konlaan e al., 2000, Hyppa e al., 2006, Bygren e al., 2009, Hacking e al., 2008). La relazione fra il benessere e la partecipazione ad attività culturali risiede nel fatto che questo tipo di esperienza può essere considerata importante per lo sviluppo delle disposizioni individuali e di capacità che sostanzialmente sono in grado di espandere il potenziale personale e l'autodeterminazione, strategie per il perseguimento di una vita che sia soddisfacente, l'articolazione e l'adozione di scelte di stili di vita Il processo cognitivo e di giudizio sociale La Social Cognition ha messo in luce come il modo in cui le persone percepiscono e valutano il mondo circostante ha un ruolo fondamentale nei sentimenti di benessere (Taylor, 1983). Vari studi hanno dimostrato che le persone con alti livelli di benessere soggettivo valutano come elevato il loro controllo sulle situazioni e sulle azioni, si aspettano per il futuro eventi positivi e attuano comportamenti che mirano al raggiungimento degli obiettivi costruiti (Taylor & Brown, 1988; Taylor, Shelley, Armor 1996). Numerosi contributi attestano il legame esistente tra tale convinzione di efficacia, relative ai diversi ambiti in cui si declina l esperienza individuale ed il senso di benessere, in particolare nella lunga transizione dall infanzia all adolescenza e lungo il corso di questa sino alle soglie dell età adulta (Bandura, 1997). L autore, nella sua teoria relativa all autoefficacia (self efficacy), concepisce la mente come un sistema proattivo in grado di produrre un azione trasformativa nei confronti dell ambiente e del soggetto. Egli ritiene, cioè, che la consapevolezza da parte dell individuo di poter influenzare gli eventi, consente di considerarli in maniera vantaggiosa. Il senso di autoefficacia, derivante da tale consapevolezza, si configura come un modo di rapportarsi alla realtà, che nasce e si alimenta con l esperienza e come tale rientra tra i più importanti meccanismi di autoregolazione. L autore ha, poi, dimostrato che le modificazioni in positivo della percezione della propria disponibilità di risorse, migliora il livello delle prestazioni, il tono dell umore, l efficienza dei processi di pensiero, il senso di benessere e, non ultima, la condizione stessa di salute. 8

14 Benessere psicologico e disabilità Tali modificazioni sono strettamente legate alle esperienze effettuate in specifici ambiti di attività e concorrano a favorire il benessere ed il successo (Caprara, Delle Fratte, Steca, 2002). Ricerche condotte, per esempio, su giovani adulti confermano che le convinzioni di efficacia svolgono un ruolo importante nello sviluppo dei ruoli professionali e nella scelta di carriera (Bandura, 1997; Lent, Brown, Hackett, 1994). Un elevato senso di efficacia nel perseguire obiettivi scolastici, nel rispondere alle responsabilità che esse comportano e ai ruoli professionali, si associa spesso a maggiori possibilità di carriera, maggiore interesse, migliore preparazione scolastica, maggiore determinazione nel perseguimento di obiettivi lavorativi elevati. Altre teorie del benessere, denominate teorie del giudizio o teorie dei confronti (Diener, 1984), mettono in luce come i fattori che influenzano il benessere non sono stabili nel tempo, ma variano in base alle circostanze e ai criteri personali che le persone utilizzano per valutare la propria vita. Nella teoria del confronto sociale vi è l assunto che le persone interpretano la propria vita confrontando le condizioni attuali con uno standard che è determinato dal livello delle altre persone. I soggetti che risultano favoriti dal confronto con lo standard sociale saranno soddisfatti e proveranno emozioni positive (Buunk, Gibbons, 1997 in Snyder, 2000). Tale approccio si basa sull idea che la soddisfazione per la vita non dipende solo dalla posizione assoluta da una persona, ma anche dalla posizione delle altre persone con cui ci si confronta. Queste possono essere presenti nell ambiente più immediato oppure ricercate attivamente dalla persona a seconda degli scopi che vuole raggiungere. Il soggetto in questo modo può guardare gli altri al fine di trovare motivazione ad agire e migliorare il proprio umore, ad esempio osservando chi è in condizioni più sfavorevoli di lui oppure chi si trova in circostanze superiori, ed utilizzare tali posizioni come modelli. Questo processo è particolarmente evidente, per esempio, in pazienti con malattie gravi (Buunk, Gibbons, 1997) e in anziani che cercano di adattarsi al declino associato all età (Hendrich & Ryff, 1995). Un altro approccio conosciuto come teoria degli approcci multipli deriva dalla Multiple Discrepancy Theory (Michalos, 1985). Tale modello sostiene che le persone utilizzano una serie di criteri nel valutare la propria vita. La soddisfazione dipenderebbe dalla grandezza del divario fra ciò che il soggetto possiede e ciò che vorrebbe avere, o quello che gli altri hanno, o ciò 9

15 Benessere psicologico e disabilità che pensa di meritare o di aver bisogno; la corrispondenza fra i diversi aspetti è indice di benessere. Alcune teorie affermano che i sentimenti di benessere soggettivo dipendono dal raggiungimento di determinati scopi personali o dal soddisfacimento di determinati bisogni. La teoria degli striving di Emmons (1986) mostra come questi ultimi siano scopi caratteristici e ricorrenti che la persona cerca di raggiungere e che servono ad integrare l insieme più ampio di obiettivi che la persona si pone. Anche gli obiettivi di sviluppo all interno di una comunità possono essere visti come una sfida per il soggetto e quindi un opportunità di sviluppo e di aumento della propria autostima in caso di successo. L aver superato un obiettivo, inoltre, permette di superare e risolvere con più efficacia i compiti successivi. La percezione di avere uno scopo da raggiungere e la sensazione di attuare azioni che mirano al suo avvicinamento può essere di per sé un fattore che conferisce significato alle azioni e alla vita più in generale e il suo raggiungimento può generare benessere. Ovviamente la facilità o meno con cui i soggetti raggiungono i propri scopi dipende dalle strategie e dai procedimenti messi in atto e dalla situazione. Cantor e Harlow (1994) hanno trovato che l esperienza emozionale positiva ossia una preponderanza di emozioni positive rispetto a quelle negative, dipende dalla congruenza tra gli obiettivi posti e il contesto sociale. I compiti e gli scopi che l individuo si pone cambiano nel tempo e sono influenzati non solo dalla cultura ma anche dai bisogni di ognuno; ad esempio il successo accademico può essere un compito evolutivo fra gli studenti (Cantor & Harlow, 1994). Risulta quindi importante nella valutazione del benessere tenere in considerazione i cambiamenti inevitabili nel corso della vita in relazione agli scopi e in presenza di eventi critici. Un altra concezione vicina alla precedente è rappresentata dal costrutto di esperienza ottimale o flusso di coscienza (flow) nel modello proposto da Csikszentmihalyi (1975); si parte dal presupposto che il benessere soggettivo dipenda dal coinvolgimento in attività interessanti, dove si ottiene un equilibrio tra le sfide poste dall attività e le abilità possedute dal soggetto per affrontarle. Sono attività positive e piacevoli poiché forniscono un livello ottimale di informazioni nuove e in quantità non eccessiva. Il soggetto che sperimenta una situazione di esperienza ottimale è totalmente assorbita 10

16 Benessere psicologico e disabilità dall attività al punto da ignorare il passare del tempo e isolarsi dalle condizioni circostanti. Tale teoria viene utilizzata per spiegare perché certe attività, fra cui il lavoro o le attività del tempo libero, sono fonti di benessere; il soggetto impegnato e coinvolto in attività motivanti e travolgenti si sente più soddisfatto, più utile e più attivo (Diener, et al., 1991) I ruoli e le relazioni sociali L interesse degli psicologi per il sostegno sociale, si manifesta fin dagli anni 70; si afferma l importanza delle relazioni sociali e del sostegno nel mantenimento della salute enfatizzando la loro potenzialità nel moderare o tamponare gli eventuali effetti deleteri sulla salute, di eventi psicosociali stressanti o a rischio. Sempre più studi riconoscono l importanza di ricoprire ruoli sociali. Avere un occupazione, per esempio, comporta per l individuo il ricoprire determinati ruoli e lo sviluppo dell identità corrispondente. Ricoprire molti ruoli sembra assumere una funzione protettiva. Alcune analisi qualitative hanno indicato che gli individui percepiscono le loro identità di ruolo come fonti di significato, di scopo e di guida del comportamento (Simon, Holyoak, 2002). Recenti ricerche hanno messo in luce come le donne e gli uomini che ricoprono più ruoli, segnalano livelli minori nei problemi fisici e psicologici e più alti livelli di benessere soggettivo (Barnett & Hyde, 2001). Già nel 1978 uno studio di Berkman e Syme, inoltre, dimostrava che una soddisfacente rete sociale non solo favorisce il miglior adattamento in situazioni stressanti, ma è anche in grado di diminuire i tassi di mortalità e di morbilità. Molti ricercatori, negli anni successivi, hanno confermato la relazione fra il tasso di mortalità e morbilità e misure del sostegno e dell integrazione sociale (Berkman 1995; House, Robbins & Metzener, 1982; Hystad, Carpiano, 2012). La percezione di sostegno sociale è strettamente dipendente, da una parte, dalla disponibilità di una rete di relazioni nel contesto di vita dell individuo e dal grado di integrazione sociale, e dall altra parte, dal possesso di abilità sociali necessarie per costruire e mantenere tali relazioni. Lewinsohn, Redner e Seeley (1991) hanno trovato che diverse componenti del sostegno sociale risultano associate al livello di benessere soggettivo: le persone, infatti, più soddisfatte dichiarano di avere fonti di sostegno sociale estese, contatti frequenti, maggior competenze sociali e di sentirsi soddisfatte delle relazioni con le altre persone. Risultano quindi predittivi del benessere sia 11

CAPITOLO 1. PRESUPPOSTI TEORICI:

CAPITOLO 1. PRESUPPOSTI TEORICI: CAPITOLO 1. PRESUPPOSTI TEORICI: ESPERIENZA OTTIMALE E QUALITÀ DELL ESPERIENZA SOGGETTIVA 1.1 IL BENESSERE Dal disagio all agio La percezione soggettiva del benessere La prospettiva eudaimonica: il benessere

Dettagli

1. Background. Introduzione

1. Background. Introduzione Introduzione 13 1. Background In questo volume viene presentata la versione breve 1 della Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute, nota come ICF. 2 Lo scopo generale

Dettagli

ICF CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE

ICF CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE ICF CLASSIFICAZIONE INTERNATIONAL CLASSIFICATION OF FUNCTIONING, DISABILITY AND HEALTH INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE COMMISSIONE DISAGIO E DISABILITÀ A. S. 2010- PREMESSA

Dettagli

Progetto GSK «TUTTI DIVERSI, TUTTI UGUALI» Non c'è nulla di più ingiusto che fare parti uguali fra diseguali (Don Milani)

Progetto GSK «TUTTI DIVERSI, TUTTI UGUALI» Non c'è nulla di più ingiusto che fare parti uguali fra diseguali (Don Milani) Progetto GSK «TUTTI DIVERSI, TUTTI UGUALI» Non c'è nulla di più ingiusto che fare parti uguali fra diseguali (Don Milani) L ICF-CY e l approccio biopsicosociale ai problemi dell educazione speciale Incontro

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE: L ETICA DEL PRENDERSI CURA

CORSO DI FORMAZIONE: L ETICA DEL PRENDERSI CURA CORSO DI FORMAZIONE: L ETICA DEL PRENDERSI CURA 3 MODULO: Gli sguardi si incontrano Tavola Rotonda La giusta vicinanza nella relazione di aiuto Bosisio Parini (LC), 19 marzo 2010 Relatore: Antonella DELLE

Dettagli

ADOLESCENZA? Proviamo con un Brain Storming di immagini e idee?

ADOLESCENZA? Proviamo con un Brain Storming di immagini e idee? Università degli Studi di Torino Facoltà di Scienze Politiche Sede di Biella ADOLESCENZA - ADOLESCENZE 1 ADOLESCENZA? Proviamo con un Brain Storming di immagini e idee? 2 1 3 ADOLESCENZA Qual è il periodo

Dettagli

Università degli studi di Padova OPTIMISM, HOPE AND SATISFACTION IN ADULTS WUTH AND WITHOUT INTELLECTUAL DISABILITY

Università degli studi di Padova OPTIMISM, HOPE AND SATISFACTION IN ADULTS WUTH AND WITHOUT INTELLECTUAL DISABILITY Università degli studi di Padova OPTIMISM, HOPE AND SATISFACTION IN ADULTS WUTH AND WITHOUT INTELLECTUAL DISABILITY Schirone Maria Giovanna 2011 La psicologia positiva la Psicologia Positiva non è niente

Dettagli

COMPETENZE DIGITALI. Le digital Competence Framework mi permettono di : Esplorare nuovi contesti tecnologici in modo flessibile.

COMPETENZE DIGITALI. Le digital Competence Framework mi permettono di : Esplorare nuovi contesti tecnologici in modo flessibile. COMPETENZE DIGITALI Competenze digitali o digital skills. Un approccio in 3D, un mutamento in corso. L immersività generata dagli ambienti multimediali ci sollecitano un esigenza nuova e educabile: sviluppare

Dettagli

Scuola di sci Sauze d Oulx Project Piazza Assietta 4 10050 Sauze d Oulx (TO) Tel. 0122 858942 Fax 0122 857877 info@sauzeproject.it

Scuola di sci Sauze d Oulx Project Piazza Assietta 4 10050 Sauze d Oulx (TO) Tel. 0122 858942 Fax 0122 857877 info@sauzeproject.it INSEGNAMENTO DELLO SCI ALPINO E DISABILI: L ESPERIENZA DELLA SCUOLA DI SCI SAUZE D OULX PROJECT e IL PROGETTO SciiAbiille 1 Premessa Gli effetti dell attività sportiva sul benessere fisico sono noti da

Dettagli

Conversazioni sulla comunicazione didattica

Conversazioni sulla comunicazione didattica Conversazioni sulla comunicazione didattica 1. La comunicazione didattica Un approccio ragionato sulla questione dell autostima e dell autoefficacia L uso dei rinforzi per il miglioramento dell autoefficacia

Dettagli

M1. Le definizioni di menomazione, disabilità ed handicap

M1. Le definizioni di menomazione, disabilità ed handicap L ICF è la classificazione internazionale del funzionamento della disabilità e della salute. La famiglia delle classificazioni internazionali dell OMS fornisce un modello di riferimento che consente di

Dettagli

Scuola Media di Serravalle. Progetto FILO DIRETTO. con se stessi e gli altri

Scuola Media di Serravalle. Progetto FILO DIRETTO. con se stessi e gli altri Scuola Media di Serravalle Maggi Marco Con su len t e edu ca t i vo Esper t o i n pr ocessi for m a t i vi I st r u tt or e Met od o Gor d on Progetto FILO DIRETTO con se stessi e gli altri Proposte di

Dettagli

Progetto: Interventi Psicosociali per le Demenze. Protocollo operativo:psicoterapia di gruppo per pazienti con Demenza e i loro familiari

Progetto: Interventi Psicosociali per le Demenze. Protocollo operativo:psicoterapia di gruppo per pazienti con Demenza e i loro familiari CENTRO MEDICO H. BERGER AVERSA Convenzionato con il S.S.N. Regione Campania - I.N.P.S. NEUROLOGIA-PSICHIATRIA-PSICOLOGIA-PSICOTERAPIE Sede Legale :Via Orabona n 33 Sede Operativa: Via Vito di Jasi n 16

Dettagli

Dal profilo dell'alunno alla progettazione del contesto e delle. di qualità

Dal profilo dell'alunno alla progettazione del contesto e delle. di qualità Dal profilo dell'alunno alla progettazione del contesto e delle azioni per un'inclusione scolastica di qualità Chiara Carabelli I.C. S. Fedele Intelvi Carabelli Chiara 1 indice Dalla diagnosi al profilo

Dettagli

A cura del Prof. Antonio Pignatto. ANTIFORMA S.r.l. Via M. Aurelio, 55 Milano Tel: 02 28.97.02.49 www.antiforma.it

A cura del Prof. Antonio Pignatto. ANTIFORMA S.r.l. Via M. Aurelio, 55 Milano Tel: 02 28.97.02.49 www.antiforma.it I BISOGNI DEL PAZIENTE AUDIOLESO, TRA SALUTE E DISABILITA A cura del Prof. Antonio Pignatto ANTIFORMA S.r.l. Via M. Aurelio, 55 Milano Tel: 02 28.97.02.49 www.antiforma.it ICF Un nuovo membro della famiglia

Dettagli

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

PSICOLOGIA DELL HANDICAP E DELLA RIABILITAZIONE

PSICOLOGIA DELL HANDICAP E DELLA RIABILITAZIONE PSICOLOGIA DELL HANDICAP E DELLA RIABILITAZIONE DISABILITÀ E ICF PROF. FINO BUONO SVILUPPO DEL CONCETTO DI DISABILITA DA MODELLI BASATI SUL DEFICIT A MODELLI ECOLOGICI I MODELLI MEDICI ERANO CENTRATI SULLE

Dettagli

Relazioni fra istituzioni: famiglia, scuola e rischio in adolescenza

Relazioni fra istituzioni: famiglia, scuola e rischio in adolescenza Relazioni fra istituzioni: famiglia, scuola e rischio in adolescenza Dott.ssa Manuela Bina Ph.D.* ** in collaborazione con Elena Cattelino**, Silvia Bonino*, Emanuela Calandri* *Università degli Studi

Dettagli

SINTESI SUL TEMA DELL ICF

SINTESI SUL TEMA DELL ICF STRUMENTI E TECNICHE DI INTERVENTI RIABILITATIVI Corso di Laurea in EDUCATORE PROFESSIONALE SANITARIO a.a. 2011/2012 - TERZO ANNO Facoltà di Scienze Cognitive Corso Bettini, 84 - Rovereto SINTESI SUL TEMA

Dettagli

Attività Adattata. Lezione 1. a.a. 2013-2014. Monica Emma Liubicich

Attività Adattata. Lezione 1. a.a. 2013-2014. Monica Emma Liubicich Attività Adattata Lezione 1 a.a. 2013-2014 Monica Emma Liubicich Secondo le Nazioni Unite i disabili nel mondo sono 650 milioni: 10% della popolazione In Italia circa 3.000.000, il 4,8% della popolazione

Dettagli

Tra il dire e il fare. Fabio Lucidi Dipartimento di Psicologia dei Processi di Sviluppo e Socializzazione

Tra il dire e il fare. Fabio Lucidi Dipartimento di Psicologia dei Processi di Sviluppo e Socializzazione Tra il dire e il fare Fabio Lucidi Dipartimento di Psicologia dei Processi di Sviluppo e Socializzazione Cominciamo con un esempio: prevenire l Obesità è un obiettivo strategico di molte istituzioni e

Dettagli

Quali sono? Da dove iniziamo? La diagnosi. Transizioni evolutive. shock rifiuto senso di colpa e d inadeguatezza. La comunicazione della diagnosi

Quali sono? Da dove iniziamo? La diagnosi. Transizioni evolutive. shock rifiuto senso di colpa e d inadeguatezza. La comunicazione della diagnosi Dipartimento di Scienze Pediatriche Mediche e Chirurgiche U.O.C Clinica Pediatrica Università di Messina SUPPORTO PSICOLOGICO Psicologa Dott.ssa Maria Pecoraro Da dove iniziamo? La diagnosi La diagnosi

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

Genitori con la patente

Genitori con la patente Genitori con la patente Associazione di Promozione Sociale Via Don Tonino Bello, 20 00132 ROMA Iniziativa di SOSTEGNO ALLA GENITORIALITA E PRESIDIO PSICOLOGICO RELAZIONE DESCRITTIVA A cura di Dott.ssa

Dettagli

ICF ed INCLUSIONE PROF.SSA EMANUELA D AMBROS LICEO STATALE C. PORTA ERBA

ICF ed INCLUSIONE PROF.SSA EMANUELA D AMBROS LICEO STATALE C. PORTA ERBA ICF ed INCLUSIONE PROF.SSA EMANUELA D AMBROS LICEO STATALE C. PORTA ERBA La scuola oggi presenza sempre più diffusa di alunni con Bisogni Educativi Speciali. SEN SPECIAL EDUCATIONAL NEEDS Occorre ripensare

Dettagli

SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA

SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA I. Introduzione COUNSELING E COUNSELOR Attualmente nella sua definizione più ampia, il termine Counseling indica la relazione d aiuto che si instaura tra una persona

Dettagli

HEALTH PROMOTING SCHOOL

HEALTH PROMOTING SCHOOL HEALTH PROMOTING SCHOOL Milano, 5-6-7 giugno 2007 LA PROMOZIONE DELLA SALUTE La "Carta di Ottawa sulla Promozione della Salute (Ottawa Charter for Health Promotion - First International Conference on Health

Dettagli

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Rivolto agli studenti della scuola secondaria di primo grado PREMESSE L educazione affettiva e relazionale dei giovani d oggi pone, a quanti

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

L AUTOSTIMA DEI NOSTRI FIGLI

L AUTOSTIMA DEI NOSTRI FIGLI L AUTOSTIMA DEI NOSTRI FIGLI Il ruolo della famiglia e della scuola nello sviluppo della sicurezza dei ragazzi. Centro AP - Psicologia e Psicosomatica Piazza Trasimeno, 2-00198 Roma - Tel: 06 841.41.42

Dettagli

I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI POLITICHE SUI BES/SEN IN INGHILTERRA THE EDUCATION ACT, 1944 11 CATEGORIE DI DISABILITÀ WARNOCK REPORT, 1978 INTRODUCE IL TERMINE SPECIAL EDUCATIONAL NEEDS (SEN) ANNI 2000

Dettagli

Utilizzo della Classificazione ICF Esperienza della Regione Lazio

Utilizzo della Classificazione ICF Esperienza della Regione Lazio Utilizzo della Classificazione ICF Esperienza della Regione Lazio ICF, OUTCOME e RIABILITAZIONE Perugia, 24 giugno 2011 Gabriella Guasticchi - Rita De Giuli Perché l ICF nel Sistema Informativo per l Assistenza

Dettagli

Dr Matilde Leonardi Co-Chair WHO-ICF children group Coordinatore Scientifico Progetto ICF in Italia Responsabile Progetto Disabilità INN CB

Dr Matilde Leonardi Co-Chair WHO-ICF children group Coordinatore Scientifico Progetto ICF in Italia Responsabile Progetto Disabilità INN CB L ICF e la sua filosofia Bolzano 18 novembre 2004 Dr Matilde Leonardi Co-Chair WHO-ICF children group Coordinatore Scientifico Progetto ICF in Italia Responsabile Progetto Disabilità INN CB IRCCS Istituto

Dettagli

AUTO MUTUO AIUTO cos è?

AUTO MUTUO AIUTO cos è? AUTO MUTUO AIUTO cos è? L Auto Mutuo Aiuto è un processo, un modo di trattare i problemi concreti che ciascuno si trova a fronteggiare nella propria vita: malattie, separazioni, lutti, disturbi alimentari,

Dettagli

Un percorso formativo per supportare il confronto tra insegnanti e bambini adottati

Un percorso formativo per supportare il confronto tra insegnanti e bambini adottati Un percorso formativo per supportare il confronto tra insegnanti e bambini adottati Il presente Percorso Formativo è riconosciuto dal CSA di Bologna Scuola Elementare M. Longhena (BO) 14-22 2006 Premessa

Dettagli

[Digitare il testo] Pagina 1

[Digitare il testo] Pagina 1 [Digitare il testo] Pagina 1 Il concetto di gruppo si sviluppa a partire dal 1895 con Gustave Le Bon e la Psicologia delle folle, in cui i gruppi vengono considerati come forme pericolose ed irrazionali;

Dettagli

Orizzonti e nodi critici nell approccio all adolescenza

Orizzonti e nodi critici nell approccio all adolescenza Orizzonti e nodi critici nell approccio all adolescenza Anna Rita Colasanti 25 maggio 2013 Scopo Favorire un approccio alla realtà adolescenziale proattivo e propositivo e consentire, al contempo, un distanziamento

Dettagli

Centro Territoriale per l Integrazione di Garda

Centro Territoriale per l Integrazione di Garda Centro Territoriale per l Integrazione di Garda CORSO DI FORMAZIONE: Strategie didattiche e organizzative per una didattica inclusiva Le applicazioni in ambito educativo del modello ICF. Relatore: Dr.ssa

Dettagli

ALUNNI CON BES! BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI! Indicazioni operative per promuovere l inclusione scolastica sulla base della normativa vigente

ALUNNI CON BES! BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI! Indicazioni operative per promuovere l inclusione scolastica sulla base della normativa vigente ALUNNI CON BES BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Indicazioni operative per promuovere l inclusione scolastica sulla base della normativa vigente Docente: Dott.ssa Cristina Elefante (insegnante, pedagogista) NUOVE

Dettagli

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Riflessioni di Luciano Perego (prima parte) CARATTERISTICHE DELLA MODALITÀ TRADIZIONALE PER LA GESTIONE DELLO SVILUPPO

Dettagli

ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA

ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA COMUNITA ALLOGGIO DEFINIZIONE DEL SERVIZIO La Comunità Alloggio si propone come soluzione strutturale idonea a rispondere nei casi in cui i genitori

Dettagli

PROGETTO VELA PER DISABILI

PROGETTO VELA PER DISABILI 2006 VELA PER DISABILI Entrarono tutti nell onda..gli altri surfisti lo seguirono zigzagando L onda più perfetta che avesse mai visto, prese ad avvolgerli lentamente arrotolandosi intorno a loro fino ad

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

CARTA della promozione della

CARTA della promozione della Il Forum è un'iniziativa del DSS e del DECS per migliorare la qualità della vita nella scuola CARTA della promozione della in Ticino c/o Centro didattico cantonale Viale Stefano Franscini 32 6500 Bellinzona

Dettagli

ALUNNI CON BES. 9 settembre 2014 Alessandra Scabia

ALUNNI CON BES. 9 settembre 2014 Alessandra Scabia ALUNNI CON BES (classificazione, strategie di intervento, indicazioni operative, stesura del PDP, strumenti compensativi e misure dispensative, valutazione) 9 settembre 2014 Alessandra Scabia Il Bisogno

Dettagli

I MOMENTI DI CURA: SOLO SODDISFAZIONE DI BISOGNI DI ACCUDIMENTO FISICO?

I MOMENTI DI CURA: SOLO SODDISFAZIONE DI BISOGNI DI ACCUDIMENTO FISICO? I MOMENTI DI CURA: SOLO SODDISFAZIONE DI BISOGNI DI ACCUDIMENTO FISICO? Il Lavoro di cura fisica e psichica necessaria al benessere e alla crescita del bambino è parte integrante del Progetto Educativo

Dettagli

I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO

I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO Origine Nel 1908 il filosofo, zoologo russo Kropotkin, diceva: esiste in natura la legge del mutuo aiuto, che, in un' ottica di lotta per la sopravvivenza e di evoluzione della

Dettagli

Progettazione annuale di sezione

Progettazione annuale di sezione ISTITUTO COMPRENSIVO GANDHI Via Mannocci, 23 59100 PRATO Scuola dell Infanzia Gandhi Progettazione annuale di sezione Sez. 1 ANNO SCOLASTICO 2014-15 PROGETTAZIONE ANNUALE DI SEZIONE SEZ. 1) CAMPI DI ESPERIENZA

Dettagli

EUROPEAN OSTEOPATHIC UNION LE COMPETENZE

EUROPEAN OSTEOPATHIC UNION LE COMPETENZE Capitolo 4 LE COMPETENZE La qualità principale che l osteopata professionista deve possedere e applicare nell approccio terapeutico è la competenza, caratteristica fondamentale dell iter formativo, dell

Dettagli

Incontriamoci a scuola

Incontriamoci a scuola a.s. 2014-2015 I. C. via Ferraironi Roma PROGETTO DI PSICOLOGIA SCOLASTICA Incontriamoci a scuola progetto vincitore bando Regione Lazio Promozione di nuove frontiere per l integrazione sociale Premessa

Dettagli

La motivazione del personale 2013

La motivazione del personale 2013 La motivazione del personale 2013 Federica Bandini Concetto fondamentale Necessario garantire continua compatibilità tra: Esigenze del sistema organizzativo (ente) Esigenze di individui e gruppi Assicurare

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA 2015/16

OFFERTA FORMATIVA 2015/16 SERVIZIO DI PSICOLOGIA DELL APPRENDIMENTO E DELL EDUCAZIONE IN ETÀ EVOLUTIVA UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE DI MILANO OFFERTA FORMATIVA 2015/16 www.spaee.it Sede di Milano via Nirone, 15 20123 Milano

Dettagli

DISTRURBI DELL APPRENDIMENTO: prevalenza

DISTRURBI DELL APPRENDIMENTO: prevalenza NASCITA PSICOLOGICA E ASPETTI RELAZIONALI NEI PROCESSI DI APPRENDIMENTO DISTRURBI DELL APPRENDIMENTO: prevalenza Le stime della prevalenza dei Disturbi Specifici dell Apprendimento variano dal 2 al 10%

Dettagli

FONDAZIONE OPERA SANTA RITA PRATO I SERVIZI PER L AUTISMO www.operasantarita.it

FONDAZIONE OPERA SANTA RITA PRATO I SERVIZI PER L AUTISMO www.operasantarita.it FONDAZIONE OPERA SANTA RITA PRATO I SERVIZI PER L AUTISMO www.operasantarita.it MEMORIA PER AUDIZIONE ALLA XII COMMISSIONE PERMANENTE (IGIENE E SANITÀ ) DEL SENATO L autismo è una sindrome di carattere

Dettagli

La valutazione del percorso formativo

La valutazione del percorso formativo La valutazione del percorso formativo L esperienza del biennio di Padova 1999-2000 Maria Carla Acler Premessa Il presente lavoro nasce dal desiderio di diffondere tra i colleghi l esperienza maturata all

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

Ora parleremo di: PDV sulla giftedness. Modello dei 3 anelli. Modello di Monaco. Modello differenziato plusdotazione-talento

Ora parleremo di: PDV sulla giftedness. Modello dei 3 anelli. Modello di Monaco. Modello differenziato plusdotazione-talento M. A. Zanetti Laboratorio Italiano per lo Sviluppo del Potenziale, del Talento e della Plusdotazione Dipartimento di Studi Umanistici -sezione Psicologia- Università di Pavia PDV sulla giftedness Ora parleremo

Dettagli

INCLUSIONE TUTTI UGUALI OGNUNO DIVERSO

INCLUSIONE TUTTI UGUALI OGNUNO DIVERSO INCLUSIONE Integrazione Alunni disabili DSA BES TUTTI UGUALI OGNUNO DIVERSO.LINEE GUIDA PER L INCLUSIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITA LINEE GUIDA PER L INCLUSIONE SCOLASTICA L inclusione è un

Dettagli

CERTIFICAZIONE E VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE. RELATORE: Prof.ssa VERONICO ANTONIA OLIMPIA

CERTIFICAZIONE E VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE. RELATORE: Prof.ssa VERONICO ANTONIA OLIMPIA CERTIFICAZIONE E VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE RELATORE: Prof.ssa VERONICO ANTONIA OLIMPIA PREMESSA La certificazione delle competenze, che accompagna il documento di valutazione degli apprendimenti, va

Dettagli

La psicomotricità. Ben oltre il movimento. psychomotorik schweiz psychomotricité suisse psicomotricità svizzera

La psicomotricità. Ben oltre il movimento. psychomotorik schweiz psychomotricité suisse psicomotricità svizzera Verband der Psychomotoriktherapeutinnen und -therapeuten Association des thérapeutes en psychomotricité Associazione dei terapeuti della psicomotricità psychomotorik schweiz psychomotricité suisse psicomotricità

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E DI INTEGRAZIONE DI ALUNNI DISABILI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E DI INTEGRAZIONE DI ALUNNI DISABILI Istituto Comprensivo A. Gramsci di Campalto PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E DI INTEGRAZIONE DI ALUNNI DISABILI Si tenga conto che il Protocollo è un documento che propone delle linee guida generali per gli

Dettagli

ANCHE IL LINFEDEMA SECONDARI O E MALATTIA DISABILITAN TE: UN INDICE DA PROPORRE ALL INPS

ANCHE IL LINFEDEMA SECONDARI O E MALATTIA DISABILITAN TE: UN INDICE DA PROPORRE ALL INPS ANCHE IL LINFEDEMA SECONDARI O E MALATTIA DISABILITAN TE: UN INDICE DA PROPORRE ALL INPS Dott. Maurizio Ricci U. O. Medicina Riabilitativa Azienda Ospedaliero- Universitaria Ospedali Riuniti di Ancona

Dettagli

La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD. Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico

La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD. Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico Perché parlare di gestione emotiva? ADHD è un disturbo che colpisce

Dettagli

Obiettivi relativi all area socioaffettiva. Obiettivi relativi all area cognitiva

Obiettivi relativi all area socioaffettiva. Obiettivi relativi all area cognitiva PROGETTO INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI L Istituto da parecchi anni rappresenta un importante centro di riferimento e polo progressista nelle tematiche sulla disabilità. Anche quest anno la nostra

Dettagli

Coordinatore Infermieristico Reparto Hospice Residenziale/Domiciliare Dott. Fabio Durazzo

Coordinatore Infermieristico Reparto Hospice Residenziale/Domiciliare Dott. Fabio Durazzo Coordinatore Infermieristico Reparto Hospice Residenziale/Domiciliare Dott. Fabio Durazzo L'uso del giudizio clinico nell'erogazione della cura, per consentire alle persone di migliorare, mantenere o recuperare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado

ISTITUTO COMPRENSIVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado Piano Annuale per l Inclusività A.S. 2013/14 L I.C. Tivoli 2 A.Baccelli pone particolare attenzione

Dettagli

La qualitàdel accoglienza turistica

La qualitàdel accoglienza turistica La qualitàdel accoglienza turistica Turismopertutti: l accoglienzadiqualitàel eccelenzadeiservizi Ciclodiseminariinfo-formativi Roma Febbraio-Luglio2014 Laqualitàpercepitadaicitadininelvivereilteritorio

Dettagli

Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia

Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia 1. Indicazioni Nazionali Curricolo (2012): spunti per ripensare la didattica scolastica. 2. Indicazioni

Dettagli

LE RELAZIONI DURANTE L ADOLESCENZA

LE RELAZIONI DURANTE L ADOLESCENZA ITC C. Deganutti Udine SPAZIO DEDICATO AI GENITORI SECONDO INCONTRO ESSERE GENITORI OGGI: AIUTARE I FIGLI NEL LORO PERCORSO DI CRESCITA Programma specifico FSE nr.. 13 Azione B SECONDO INCONTRO Istituto:

Dettagli

ICF : approccio educativo. Elisabetta Ghedin Facoltà di Scienze della Formazione

ICF : approccio educativo. Elisabetta Ghedin Facoltà di Scienze della Formazione ICF : approccio educativo Elisabetta Ghedin Facoltà di Scienze della Formazione LINEE GUIDA PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITA L ICF sta penetrando nelle pratiche di diagnosi condotte

Dettagli

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Infermieristica della salute mentale Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Le competenze dell infermiere in psichiatria e all interno dell equipe multi professionale La

Dettagli

Applicazione del modello del Case Management all interno di un servizio psichiatrico territoriale

Applicazione del modello del Case Management all interno di un servizio psichiatrico territoriale ARTICOLI ORIGINALI Applicazione del modello del Case Management all interno di un servizio psichiatrico territoriale A cura di Donatella Brusa* 37 Questo elaborato si colloca all interno di un cambiamento

Dettagli

MUSICA ATTIVA NELLA SCUOLA MATERNA ED ELEMENTARE

MUSICA ATTIVA NELLA SCUOLA MATERNA ED ELEMENTARE MUSICA ATTIVA SPERIMENTAZIONE MUSICALE NELLA SCUOLA MATERNA ED ELEMENTARE Fare musica è importante. Psicologi dell età evolutiva, pedagogisti, esperti del settore sono concordi nell affermare che un attività

Dettagli

Prof.ssa Emanuela D Ambros Docente di sostegno Liceo Statale C.Porta, Erba. ICF.

Prof.ssa Emanuela D Ambros Docente di sostegno Liceo Statale C.Porta, Erba. ICF. Prof.ssa Emanuela D Ambros Docente di sostegno Liceo Statale C.Porta, Erba. ICF. PARTE I: modelli culturali di riferimento e principi ispiratori. PARTE II:tre parole chiave per comprendere ICF PARTE III:

Dettagli

PROGETTO DI APPRENDIMENTO

PROGETTO DI APPRENDIMENTO PROGETTO DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE SALUTE MENTALE Settembre 2006 Il percorso di apprendimento in ambito clinico relativo al problema prioritario di salute malattia

Dettagli

Corso di formazione dei collaboratori scolastici per il servizio di assistenza di base ad alunni in situazione di handicap

Corso di formazione dei collaboratori scolastici per il servizio di assistenza di base ad alunni in situazione di handicap Agenzia per la valorizzazione dell individuo nelle organizzazioni di servizio Corso di formazione dei collaboratori scolastici per il servizio di assistenza di base ad alunni in situazione di handicap

Dettagli

Il Centro di Mediazione al Lavoro raccoglie, elabora e diffonde informazioni per i cittadini e le imprese su:

Il Centro di Mediazione al Lavoro raccoglie, elabora e diffonde informazioni per i cittadini e le imprese su: Approfondimenti Servizi alla persona: informazioni sul mondo del lavoro Il Centro di Mediazione al Lavoro raccoglie, elabora e diffonde informazioni per i cittadini e le imprese su: - percorsi formativi

Dettagli

TITOLO IV INTERVENTI DI SOSTEGNO PER IL REINSERIMENTO NELLA VITA DI RELAZIONE

TITOLO IV INTERVENTI DI SOSTEGNO PER IL REINSERIMENTO NELLA VITA DI RELAZIONE Regolamento per l erogazione agli invalidi del lavoro di dispositivi tecnici e di interventi di sostegno per il reinserimento nella vita di relazione TITOLO IV INTERVENTI DI SOSTEGNO PER IL REINSERIMENTO

Dettagli

IAMA Consulting. Costruiamo insieme a te percorsi di crescita per i tuoi Manager e i tuoi Collaboratori People Empowerment. Via Hugo, 4 20123 Milano

IAMA Consulting. Costruiamo insieme a te percorsi di crescita per i tuoi Manager e i tuoi Collaboratori People Empowerment. Via Hugo, 4 20123 Milano Costruiamo insieme a te percorsi di crescita per i tuoi Manager e i tuoi Collaboratori People Empowerment IAMA Consulting Via Hugo, 4 20123 Milano tel +39 02 72.25.31 Fax +39 02 86.46.38.09 info@iama.it

Dettagli

Profilo delle diverse tipologie di BES

Profilo delle diverse tipologie di BES Profilo delle diverse tipologie di BES Con la Direttiva Ministeriale del 27 dicembre 2012 e la CM n. 8 del 6 marzo 2013 che ha per oggetto l attuazione della direttiva Strumenti d intervento per alunni

Dettagli

SAPERE SAPER ESSERE SAPER FARE

SAPERE SAPER ESSERE SAPER FARE CORSO SULLA PSICOMOTRICITA' LA PSICOMOTRICITA E IL LUOGO DEL SAPERE SAPER ESSERE SAPER FARE CONOSCENZA DI SE' ORGANIZZAZIONE DEL MOVIMENTO COORDINAZIONE DINAMICA GENERALE PERCEZIONE E REGOLAZIONE DEL MOVIMENTO

Dettagli

2 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute

2 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute Adelaide (Australia), 5-9 aprile 1988 Conferenza Internazionale Le Raccomandazioni di Adelaide The Adelaide Recommendations 2 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute L adozione della Dichiarazione

Dettagli

Definizione di SALUTE O.M.S.

Definizione di SALUTE O.M.S. Definizione di SALUTE O.M.S. Non solo assenza di malattia ma stato di completo benessere fisico, psicologico e sociale. Non basta quindi curare ma anche prevenire, informare, sensibilizzare, promuovere

Dettagli

ICF DALLA CONDIVISIONE DEL LINGUAGGIO, ALL OSSERVAZIONE PARTECIPATA

ICF DALLA CONDIVISIONE DEL LINGUAGGIO, ALL OSSERVAZIONE PARTECIPATA La rivoluzione dell ICF: ogni persona, in qualunque momento della vita, può avere una condizione di salute che in un contesto sfavorevole diventa disabilità. M. Leonardi ICF DALLA CONDIVISIONE DEL LINGUAGGIO,

Dettagli

LA VALUTAZIONE PER L APPRENDIMENTO

LA VALUTAZIONE PER L APPRENDIMENTO LA VALUTAZIONE PER L APPRENDIMENTO Alessandra Cenerini Presidente ADi 1 ORIGINE DELLA VALUTAZIONE PER L APPRENDIMENTO Il termine è stato ufficialmente coniato dal pamphlet Valutazione per l apprendimento:

Dettagli

OPPORTUNITA DI INSERIMENTO LAVORATIVO PER I DISABILI PSICHICI

OPPORTUNITA DI INSERIMENTO LAVORATIVO PER I DISABILI PSICHICI OPPORTUNITA DI INSERIMENTO LAVORATIVO PER I DISABILI PSICHICI di Valentina Amoruso L inserimento lavorativo dei disabili psichici rappresenta, nel quadro della più generale problematica occupazionale del

Dettagli

LINEE GUIDA DEL SERVIZIO DI

LINEE GUIDA DEL SERVIZIO DI AREA WELFARE SETTORE SERVIZIO SOCIALE E SOCIO-SANITARIO LINEE GUIDA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA EDUCATIVA TERRITORIALE RIVOLTA A MINORI E AD ADULTI IN SITUAZIONE DI DISAGIO, NON AFFETTI DA HANDICAP CERTIFICATO

Dettagli

Alimentazione e stili di vita. L azione educativa della Scuola

Alimentazione e stili di vita. L azione educativa della Scuola Alimentazione e stili di vita. L azione educativa della Scuola Prof. Alessandro Vienna Roma, 20.02.13 La Scuola come volàno per l Educazione alla Salute e al Benessere La scorretta alimentazione è stata

Dettagli

Alla domanda Quali sono secondo te le Nuove Tecnologie?, le risposte degli intervistati si distribuiscono come evidenziato dal Grafico 1.

Alla domanda Quali sono secondo te le Nuove Tecnologie?, le risposte degli intervistati si distribuiscono come evidenziato dal Grafico 1. RISULTATI INTERVISTE INTERNET GENERATION Allo scopo di valutare l impatto delle KMT sui pre-adolescenti, rispetto alle dimensioni di naturalizzazione, interattività, empowerment e gap culturale, sono state

Dettagli

Modulo III. Funzioni e attività dell'assistente. per assistenti educativi

Modulo III. Funzioni e attività dell'assistente. per assistenti educativi Modulo III Funzioni e attività dell'assistente per assistenti educativi Modulo Curriculum Sommario Titolo del modulo Scopo Livello d ingresso preferibile Requisiti speciali Propositi generali Unità Risultati

Dettagli

REQUISITI DI ACCESSO FINALITÀ E OBIETTIVI FORMATIVI

REQUISITI DI ACCESSO FINALITÀ E OBIETTIVI FORMATIVI Corso di laurea Magistrale in PSICOLOGIA (D.M. 70/0 LM51) scheda informativa - piano di studi regolamento e norme didattiche - attività formative: obiettivi specifici. Scheda informativa Sede didattica:

Dettagli

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO Definizione Le finalità del colloquio Il contesto del colloquio Il ruolo dell orientatore La struttura del colloquio La fase di accoglienza Cenni sugli strumenti 1 Che cos

Dettagli

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 Le 11 competenze di base del coaching sono state sviluppate per permettere una migliore comprensione delle competenze e degli approcci utilizzati nell ambito della

Dettagli

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I.C.S. MAREDOLCE FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La nostra scuola dell Infanzia con la sua identità specifica sotto il profilo pedagogico e metodologico-organizzativo persegue: l acquisizione di capacità

Dettagli

UMANE RISORSE. Oggi si afferma che l Azienda, sia essa manifatturiera che di servizi, non è composta

UMANE RISORSE. Oggi si afferma che l Azienda, sia essa manifatturiera che di servizi, non è composta RISORSE UMANE Ricerca e selezione del personale: il colloquio e l uso dei test Francesca Carpani, Piera Ciampi, Jessica Conti, Laureanda in Scienze della Comunicazione Natalie D Alessandro, Rossella Gattone,

Dettagli

STRESS ACUTO E QUALITA DI VITA A DISTANZA

STRESS ACUTO E QUALITA DI VITA A DISTANZA ASSOCIAZIONE ReintrAs Trauma, Onlus Associazione italiana per l assistenza e il reintegro socio-lavorativo delle vittime di incidenti stradali e sul lavoro Via Pasquale Galluppi, 8-00136 Roma Tel. 06.39910668

Dettagli

Scenario Europa: esperienze di applicazione dell ICF in contesti sociolavorativi

Scenario Europa: esperienze di applicazione dell ICF in contesti sociolavorativi Scenario Europa: esperienze di applicazione dell ICF in contesti sociolavorativi 1 Carlo Ricci (Istituto Walden di Roma e Università di Bari) Premessa L impostare una prima riflessione che metta a confronto

Dettagli

VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA FORMAZIONE SULL ORGANIZZAZIONE INTERNA

VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA FORMAZIONE SULL ORGANIZZAZIONE INTERNA DIREZIONE ATTIVITA AMMINISTRATIVA SERVIZIO ORGANIZZAZIONE E GESTIONE RISORSE UMANE UFFICIO ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA FORMAZIONE SULL ORGANIZZAZIONE INTERNA Report finali

Dettagli

ALCUNE SIGLE. PDV= PROGETTO DI VITA si basa sulla

ALCUNE SIGLE. PDV= PROGETTO DI VITA si basa sulla DAL PEI AL PDV ALCUNE SIGLE PDV= PROGETTO DI VITA si basa sulla CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO, DELLA DISABILITA' E DELLA SALUTE LUNGO TUTTO L ARCO DELLA VITA (ICF) rivolto ai bambini

Dettagli