Ottobre 2011 N. 1. Notiziario EcoSafety attualmente in fase di registrazione. Il salvataggio del Sistri Le nuove scadenze e i nuovi accordi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ottobre 2011 N. 1. Notiziario EcoSafety attualmente in fase di registrazione. Il salvataggio del Sistri Le nuove scadenze e i nuovi accordi"

Transcript

1 N. 1 Ecosafety Informa Notiziario EcoSafety attualmente in fase di registrazione EDITORIALE NASCE IL NUOVO GIORNALE ONLINE DELL ECOSAFETY L Ecosafety inaugura la prima edizione di Ecosafety Informa, il notiziario mensile a cura dello staff dell Ecosafety dedicato completamente all informazione sulla sicurezza e salute nei luoghi di lavoro. Ecosafety Informa è una finestra di approfondimento sulla salute e sulla prevenzione, volta a promuovere l educazione alla salute e alla sicurezza attraverso l informazione. Sarà un aggregatore, nel senso che noi non produrremo notizie ma le racconteremo. Offriremo una selezione di fatti ed eventi di respiro nazionale e internazionale sulla sicurezza e salute nei luoghi di lavoro. Lo spazio della rubrica L Esperto Risponde servirà a dare risposta ai vostri dubbi e domande, ad ogni quesito un esperto qualificato vi risponderà e deluciderà le vostre problematiche fornendo dove è possibile la soluzione più idonea. Nasce quindi un nuovo giornale online, una nuova esperienza che intende fornire approfondimenti e informazioni per continuare ad aggiornarvi costantemente sulle novità più importanti specifiche sulla Sicurezza sul Lavoro, Formazione e Privacy, Ricerca e Sistemi di Gestione Aziendale, Sistemi di Qualità, Sorveglianza Sanitaria, Autorizzazione e Accreditamento Strutture Sanitarie, Modello ex D.Lgs. 231/01, HACCP, Attestazioni SOA, selezionate accuratamente per voi. Buona lettura! D.ssa Valentina Sellati Resp. Redazione Il salvataggio del Sistri Le nuove scadenze e i nuovi accordi T ra Sanità e incentivi alle imprese: le linee guida del Civ INAIL Il Consiglio di indirizzo e di vigilanza dell INAIL il 3 agosto ha approvato le strategie dell Istituto del prossimo triennio, definendo i criteri generali e gli obbiettivi principali che dovrà perseguire in relazione alla sanità e agli incentivi alle imprese, alla ricerca e alla valorizzazione del patrimonio immobiliare. continua a pag. 2 Privacy, primo semestre milioni di euro le sanzioni amministrative già riscosse Boom di controlli nelle strutture sanitarie, nel 2010 circa 500 ispezioni effettuate sul fronte della Sanità, come risulta dall ultima relazione annuale presentata dall Authority. continua a pag. 6 le ultime novità introdotte al testo della manovra dalla commissione Bilancio di Palazzo Madama c'é anche il salvataggio del Sistema di tracciabilità dei rifiuti, il Sistri, per il quale si è battuta con vigore il ministro dell'ambiente Stefania Prestigiacomo. L'accordo sul sistema permette di seguire i rifiuti dall'origine al luogo di destinazione attraverso l'uso del satellite. Come affermato dalla stessa Prestigiacomo: "L'approvazione all'unanimità da parte della commissione Bilancio del Senato dell'emendamento che ripristina il sistema di tracciabilità dei rifiuti speciali e pericolosi è un segnale importante per la difesa dell'ambiente e la tutela della legalità nel nostro Paese". Il Sistri in passato aveva presentato dei problemi 'operativi' tanto che era stato organizzato un 'click-day' per testare il processo informatico. "Sono convinta - ha concluso il ministro - che con l'opportuno rodaggio previsto e con gli interventi che si renderanno necessari per andare incontro agli operatori, il Sistri partirà al meglio e si rivelerà un utilissimo strumento per le aziende e per la protezione del territorio". continua a pag. 4 IN QUESTO NUMERO Inail avvia i pagamenti per il fondo vittime dell amianto Pag.3 Il salvataggio del Sistri Pag. 4 L ESPERTO RISPONDE : La culpa in eligendo del datore di lavoro Pag. 4 Autorizzazione e Accreditamento definitivo per le Strutture Sanitarie e Socio Sanitarie Pag. 5 Privacy: 4 milioni di euro le sanzioni amministrative Pag. 6 1

2 Sanità e incentivi alle imprese: le linee guida del Civ INAIL Segue dalla prima La mission dell INAIL è caratterizzata da questi grandi ambiti strategici, le due macro aeree importanti che ne fanno parte, le relazioni con la sanità e gli incentivi messi a disposizione delle imprese per lo sviluppo della sicurezza sul lavoro vedono l ottimizzazione delle risorse e lo stanziamento di incentivi per 183,6 milioni di euro per sostenere la sicurezza sul lavoro soprattutto per le piccole e medie imprese, di cui 173,6 da destinare ai bandi a sportello mentre i restanti 10 milioni saranno utilizzati per finanziare i bandi a graduatoria. Vengono confermati i bandi a sportello nonostante siano state riscontrate alcune criticità d i o r d i n e p r o c e d u r a l e, l e g a t e all addensamento degli accessi in una fascia di tempo ristretta, ma considerati dal Civ una modalità vincente in una logica di sostegno generalizzato alla crescita della sicurezza. Per questo i bandi a sportello saranno affiancati da un nuovo modello sperimentale di selezione dei progetti, con caratteristiche di efficienza tali da consentire di valutare,selezionare e incentivare iniziative di alto valore prevenzionale. Gli incentivi saranno concentrati sugli investimenti e sull adozione di modelli organizzativi e di gestione, i finanziamenti non dovranno superare i 100 mila euro e coprire fino al 50% dell investimento. Saranno privilegiati i progetti che vedranno coinvolte le parti sociali e le strutture della bilateralità, i progetti di rete, sui rischi comuni a più imprese e con forti caratteristiche di replicabilità. Per il 2012 il Civ propone l avvio di un nuovo modello di sviluppo della funzione sanitaria e l attivazione di un processo virtuoso attento all integrità psico-fisica dei lavoratori assicurati e, nello stesso tempo, capace di conseguire importanti obbiettivi economici. Garantire l erogazione di livelli integrativi di assistenza pianificando nuove strutture, migliorando le prestazioni erogate, assicurando l aggiornamento della formazione professionale dei lavoratori e potenziando la loro prevenzione (riducendo il rischio infortunistico) ed in ultimo incrementando il versante delle cure (attraverso l attivazione di percorsi di riabilitazione e reinserimento sociale che concorrano all abbattimento dei costi sociali connessi agli infortuni e alle malattie professionali). Di grande rilevanza sarà il rapporto col SSN e lo strumento cardine è l Accordo-quadro con la Conferenza permanente Stato/Regioni che è in corso che definirà meccanismi e ambiti di collaborazione, competenze e Franco Lotito, Presidente del CIV INAIL modalità di assistenza che rispettino parametri di omogeneità dei trattamenti. Approvate, dopo una discussione tutt'altro che scontata e convenzionale, le direttive che entrano nel merito, in modo organico e coordinato, di quelle 'macroaree' che la Relazione programmatica illustrava in modo necessariamente sintetico. Si tratta di provvedimenti di grande pregio, e anche di grande peso, che - come una sorta di 'bussola' - tracciano le direzioni da seguire per offrire agli assicurati, agli stakeholders e ai partner istituzionali un INAIL in grado di interpretare un ruolo sempre più qualificato ed efficace" (Comunicato stampa del 3 agosto 2011). Trattamento di decontaminazione e disinfezione dell acqua sanitaria da agenti patogeni Di recente i mezzi di comunicazione e la stampa hanno evidenziato una rilevante attenzione in merito alla contaminazione da agenti patogeni, quali ad es. la Legionella degli impianti idrici nelle strutture sanitarie-ospedaliere. Al riguardo, quale misura prioritaria di prevenzione e protezione, sono disponibili dei dispositivi di filtrazione che evitano proprio le condizioni di rischio di esposizione nei confronti di tutti i soggetti presenti negli ambienti delle citate strutture. I dispositivi di filtrazione da posizionare nei punti d acqua e/o negli snodi di una rete idrica per la rimozione dei batteri ed altri agenti biologici, si qualificano ai sensi del Titolo X (Protezione da Agenti Biologici in ambiente di lavoro) del D.Lgs. 81/2008, come misura di sicurezza di tipo collettivo. E necessario avere a disposizione tutta la documentazione tecnicoscientifica di tali dispositivi e le relative certificazioni che possano evidenziare la migliore rispondenza ai disposti del Titolo X degli Artt. 15 e 18. Come suggerisce il Dott. Roberto Lombardi, Dip. Igiene del lavoro, INAIL, per fronteggiare tale pericolo la soluzione è mettere a punto per l impianto idrico un piano di prevenzione del rischio biologico da Legionella e da altri patogeni che preveda anche l utilizzo di sistemi di disinfezione dell acqua di riconosciuta efficacia con idonee certificazione che si possano ritenere sempre quali misura di sicurezza ai sensi del D.Lgs. 81/2008 da integrare ai sopra citati sistemi di filtrazione terminali per un azione di coesione-rafforzativa sull intera linea di distribuzione dell acqua sanitaria. 2

3 Fondo per le vittime dell amianto: INAIL avvia i pagamenti L INAIL avvia i pagamenti della prestazione aggiuntiva del Fondo per le vittime dell'amianto in ottemperanza a quanto previsto dal decreto interministeriale 30 del 12 gennaio 2011 Il Fondo istituto presso l'inail dalla Legge finanziaria 2008, con contabilità autonoma e separata e finanziato con risorse provenienti dal bilancio dello Stato e dalle imprese, eroga, con decorrenza dal 1 gennaio 2008, uno speciale beneficio a favore dei lavoratori titolari di rendita diretta, anche unificata, ai quali sia stata riconosciuta, dall'i- NAIL e dall'ex IPSEMA, una patologia asbestocorrelata per esposizione all'amianto e alla fibra "fiberfrax", nonché dei loro familiari titolari di rendita a superstiti. Il beneficio consiste in una prestazione economica aggiuntiva alla rendita percepita, calcolata sulla base di una misura percentuale definita con decreto ministeriale. La prestazione è erogata d'ufficio dall'inail subordinatamente alla disponibilità delle risorse finanziarie derivanti dallo Stato e dalle imprese. Per l'accesso al beneficio, pertanto, non deve essere presentata alcuna istanza. Per gli anni 2008, 2009 e 2010, la prestazione è erogata in una unica soluzione (per il 2008 e il 2009 entro il 31 dicembre 2011, in misura pari al 20%; per il 2010 entro il 30 giugno 2012, in misura pari al 15%). Dal 2011 il beneficio sarà erogato mediante un primo acconto del 10% sui ratei di rendita, un secondo acconto e un conguaglio che saranno fissati nei successivi anni. Riguardo i pagamenti per l'anno 2010, l'erogazione della prestazione aggiuntiva avverrà successivamente al trasferimento delle risorse finanziarie da parte dello Stato e al versamento dell'addizionale da parte delle imprese. Per quanto concerne il primo acconto 2011 il conguaglio degli importi maturati a tale titolo sarà erogato sul primo rateo utile, successivamente all'avvenuto trasferimento delle risorse finanziarie da parte dello stato. La protesta delle vedove dei lavoratori vittime dell amianto dal 1965 al 1985 nel colosso navale di Fincantieri. Crolla palazzo a Barletta rabbia e polemiche A Barletta, nel cuore della Puglia, lunedì 3 ottobre, è crollata una palazzina a due piani: le vittime sono 4 operaie e una ragazzina di 14 anni. Tanta la rabbia, ma anche tante le polemiche. Il maglificio adibito nel sottoscala probabilmente non era a norma. La Procura di Trani ha aperto un'inchiesta per disastro colposo per accertare le cause che hanno determinato il crollo della palazzina nel centro di Barletta. E' stata esclusa la fuga di gas come causa del crollo, la dispersione di gas è stata successiva all'incidente. E' probabile che sia stato un cedimento strutturale a provocare il crollo dello stabile su tre piani, infatti accanto alla palazzina c'è un palazzo in ristrutturazione, un intervento che potrebbe aver messo a rischio la staticità del palazzo crollato. Qualche giorno prima dell accaduto sono stati svolti dei lavori nello scantinato dell'edificio. Non si esclude per il momento che l'intervento abbia intaccato le fondamenta. Un altro punto che gli investigatori sono chiamati a chiarire è la denuncia arrivata dai familiari delle operaie morte, secondo cui le quattro donne lavoravano nell'opificio in nero, per quattro euro all'ora.«l'inaccettabile ripetersi di terribili sciagure, laddove si vive e si lavora, impone l'accertamento rigoroso delle cause e delle responsabilità - afferma il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano in un messaggio inviato al sindaco di Barletta -si dovrà procedere con l'accertamento rigoroso delle cause e delle responsabilità. L'impegno di tutti, poteri pubblici e soggetti privati, è quello di tenere sempre alta la guardia sulle condizioni di sicurezza delle abitazioni e dei luoghi di lavoro con una costante azione di prevenzione e di vigilanza». 61ª Giornata Nazionale per le vittime degli Incidenti sul Lavoro Domenica 9 ottobre, una giornata Per non dimenticare le vittime degli incidenti sul lavoro e riflettere sull importanza di salvaguardare la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. Sotto l Alto Patronato del Presidente della Repubblica e con i Patrocini del Senato della Repubblica, della Camera dei deputati, del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e del Segretariato Sociale RAI con la Campagna di sensibilizzazione, viene commemorata dall ANMIL la 61 Giornata Nazionale per le vittime degli incidenti sul lavoro. In tutte le province d Italia eventi, manifestazioni, dibattiti e incontri ricorderanno a tutti quanto sia fondamentale insistere nelle politiche riguardanti la sicurezza sul lavoro, la prevenzione dagli infortuni ed aiutare e agevolare il reinserimento, alleviare i disagi degli infortunati e quindi delle famiglie di tutte le vittime di incidenti sul lavoro. 3

4 Il salvataggio del Sistri Le nuove scadenze e i nuovi accordi Segue dalla prima Queste le novità nel SISTRI come indicante nell'emendamento che modifica all'articolo 6 il Decreto Legge 138/2011: 2: Al fine di garantire un adeguato periodo transitorio per consentire la progressiva entrata in operatività del Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti, nonché l'efficacia del funzionamento delle tecnologie connesse al SISTRI, il Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare, attraverso il concessionario SISTRI, assicura, a decorrere dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto e sino al 15 dicembre 2011, la verifica tecnica delle componenti software e hardware, anche ai fini dell'eventuale implementazione di tecnologie di utilizzo più semplice rispetto a quelle attualmente previste, organizzando, in collaborazione con le associazioni di categoria maggiormente rappresentative, test di funzionamento con l'obiettivo della più ampia partecipazione degli utenti. 3: Entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, sono individuate specifiche tipologie di rifiuti, alle quali, in considerazione della quantità e dell'assenza di specifiche caratteristiche di criticità ambientale, sono applicate, ai fini del SISTRI, le procedure previste per i rifiuti speciali non pericolosi. 3-bis: Gli operatori che producono esclusivamente rifiuti soggetti a ritiro obbligatorio da parte di sistemi di gestione regolati per legge possono delegare la realizzazione dei propri adempimenti relativi al SISTRI ai consorzi di recupero, secondo le modalità già previste per le associazioni di categoria. Dunque il SISTRI entrerà in vigore il 9 febbraio 2012 e le imprese interessate avranno così ancora cinque mesi di tempo per entrare a pieno regime nel complicato meccanismo del sistema di controllo di tracciabilità. Inoltre, come dichiarato dal Ministro per l'ambiente, il ministero si confronterà con le rappresentanze di imprese e gestori per verificare le criticità emerse ed arrivare ad un sistema "più semplice di quello che si pensa, sicuramente più facile da utilizzare rispetto al modulo cartaceo c h e c on sente a b usi d i f f i c i l i d a r in tr a cc i a re''. Nei prossimi numeri vi informeremo sull evoluzione del SISTRI. LA CULPA IN ELIGENDO DEL DATORE DI LAVORO Desidererei sapere se, qualora dovessero riscontrarsi manchevolezze nella valutazione dei rischi in un azienda che ha provveduto a designare un Responsabile della Sicurezza, il Datore di Lavoro ha la responsabilità del reato. (S.O.) Risponde l ing. Lidia D Onofrio Il datore di lavoro di una azienda, così come è riportato nel Testo Unico in materia di salute e di sicurezza sul lavoro, è il primo garante della sicurezza dei lavoratori che operano nell azienda stessa ed ha il compito di vigilare su quanto in essa avviene sotto l'aspetto della salute e della sicurezza sul lavoro. L aver affidato ad altri la redazione del documento sulla valutazione dei rischi non esonera dalla responsabilità derivante dalla carica rivestita; né può ritenersi sussistente una delega dei compiti per la sicurezza al responsabile del servizio prevenzione e protezione...". La responsabilità penale diretta del datore di lavoro, e dei dirigenti ad esso assimilati non è affatto esclusa per la sola designazione di un responsabile per la sicurezza in quanto essi rispondono anche della eventuale manchevolezza del piano stesso sotto forma di una colpa in eligendo" (Cassazione Penale Sezione IV - Sentenza n del 24 maggio 2011)....UN PO DI LEGISLAZIONE L'art.41 della Costituzione, pur affermando che ogni soggetto può esercitare liberamente l iniziativa economica, stabilisce, quale condizione irrevocabile per svolgere tale attività, il rispetto della sicurezza, della dignità e della libertà umana. Tale concezione impegna non solo il legislatore ad emanare norme di effettiva tutela del lavoratore, ma anche i datori di lavoro ad attenersi a tale obbligo nell'organizzazione delle loro attività economiche. Inoltre il principio espresso nell'art.35 della Costituzione secondo cui La Repubblica tutela il lavoro in tutte le sue forme ed applicazioni ribadisce la garanzia al lavoro di una tutela completa, sia in estensione, che in profondità. Ed ancora, l art.32 riconosce e tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività, mentre l art.38 garantisce ai lavoratori ammalati ed infortunati adeguata assistenza e mantenimento. 4

5 VERSO L AUTORIZZAZIONE E L ACCREDITAMENTO DEFINITIVO PER LE STRUTTURE SANITARIE E SOCIO SANITARIE Ecosafety, azienda giovane ma con grande esperienza nel settore sanitario, con i suoi professionisti qualificati è al fianco delle Aziende Sanitarie nella fase di Accreditamento definitivo della Regione Lazio. Dott. Giovanni Onesti, Direttore Tecnico dell Ecosafety srl Con il decreto del Commissario Acta n 13 del 23/03/2011 Accreditamento definitivo strutture sanitarie e socio sanitarie la Regione Lazio ha dato inizio alle verifiche ispettive al fine di accreditare definitivamente le strutture sanitarie e socio sanitarie che lavorano da diversi anni con accreditamento provvisorio. In questi primi mesi di ispezioni, limitatamente al 60% delle strutture sanitarie nostre clienti (circa 90 strutture su 170), possiamo affermare che non sono state riscontrate criticità tali da precludere la chiusura dei Presidi Sanitari. Sicuramente è stato di grande rilevanza il ruolo dell Ecosafety, grazie alla quale le strutture sanitarie, che si sono rivolte alla società di consulenza, professionista nel campo dell Accreditamento sanitario, hanno sostenuto senza difficoltà le verifiche ispettive degli organi competenti, grazie all affiancamento di tecnici qualificati con comprovata esperienza che hanno effettuato nei mesi precedenti simulazioni di verifiche ispettive dell Asl, fornendo soluzioni su ogni punto vista, sicurezza/qualità/privacy, 3 aspetti congenti dell Autorizzazione e dell Accreditamento definitivo. Ecosafety ha creato un sistema assimilabile ad una joint venture che grazie all adozione di un modello organizzativo in base al D.Lgs 231 del 2001 ha permesso alle aziende su menzionate di superare senza difficoltà le verifiche ispettive. Fondamentale per di più la presenza del nostro personale tecnico qualificato che, durante le ispezioni affiancando il datore di lavoro, ha potuto sostenere e spiegare il sistema creato.in questi giorni, siamo entrati nella fase finale delle ispezioni e ci preme sottolineare ai datori di lavoro dei presidi sanitari della Regione Lazio l importanza che riveste, l affiancamento ed il sostegno di tecnici qualificati e con comprovata esperienza nel campo dell Accreditamento Sanitario. In ultimo vi ricordiamo che la L.R. n. 12 del 13/08/2011 prevede, per chi abbia dichiarato di non possedere alcuni requisiti strutturali e tecnologici previsti dal D.C.A 90/2010, l obbligo di trasmettere alla regione e alle ASL mediante la piattaforma informatica LAIT entro il 31 ottobre 2011 un piano d adeguamento e un relativo crono programma dell interventi necessari per l acquisizione dei requisiti mancanti. ARTICOLO PUBBLICATO SU IL TEMPO DEL 24 SETTEMBRE

6 Privacy, primo semestre milioni di euro le sanzioni amministrative già riscosse Segue dalla prima il presidente dell Authority Francesco Pizzetti Strutture sanitarie pubbliche e private finite nel mirino del Garante tra controlli e violazioni amministrative. Solo nel primo semestre 2011 ammontano a più di 4 milioni di euro le sanzioni amministrative già riscosse e 600 provvedimenti collegiali adottati. Dalla relazione annuale si evince come il 2010 sia stato un anno pieno di interventi per il Garante della Privacy soprattutto nell ambito della sanità, dalle Linee guida sul fascicolo sanitario elettronico alle direttive sui referti medici da inviare via mail, al parere sui decreti che danno la possibilità di prenotazione e del ritiro delle analisi in farmacia, fino ai paletti per la <<customer satisfaction >> in Sanità. Ma anche indicazioni sulla ricerca scientifica e farmacologica, sulla raccolta di dati sull HIV negli studi medici, sulla riservatezza nelle strutture sanitarie e sulla tenuta delle cartelle cliniche. Da non tralasciare l allarme che ha segnalato sui rischi del web 2.0 per la privacy dei cittadini: dove per il trattamento dei dati personali è necessaria ha spiegato il presidente dell Authority Francesco Pizzetti una informativa di rischio analoga a quelle sull uso dei farmaci o sui pericoli dell eccessiva velocità. SMARTPHONE NUOCE GRAVEMENTE ALLA PRIVACY Siamo tutti come Pollicino. Colpa degli smartphone L'allarme web arriva direttamente dal Garante della privacy, che descrive gli utenti ai tempi del Web come il piccolo della favola di Perrault che seminando sassolini lungo il cammino segnala ogni spostamento. Nulla è privato, tutto è pubblico. "Con gi smartphone ognuno di noi è, quasi sempre inconsapevolmente, un Pollicino - spiega il Garante nella sua relazione annuale in Parlamento - I rischi connessi alle loro applicazioni derivano essenzialmente dal fatto che i nostri telefonini sono costantemente localizzati, e che il gran numero di dati e informazioni in essi contenuti, dalle rubriche telefoniche all'agenda, dalle foto alle annotazioni, possono essere conosciuti, trattati, conservati, utilizzati da soggetti dei quali non abbiamo consapevolezza nè controllo". Per questo per il presidente per le nuove tecnologie serve una "informativa di rischio" simile a quelle dell'uso dei farmaci o sui pericoli dell'eccessiva pubblicità. La curiosità Stress da lavoro? La soluzione è a portata di mano La tensione sale alle stelle e l'umore va a picco? Può essere utile un massaggio: una pausa "low cost" di 15 minuti per ritrovare l'equilibrio. Un medico e un giornalista spiegano come fare in un libro di recente pubblicazione. Stressati dal lavoro? La soluzione potrebbe essere nelle mani dei vostri colleghi. Ci sono corsi in azienda, infatti, attraverso i quali si insegna al personale come fare il "massaggio da ufficio". Si tratta di una tecnica semplice, che si può imparare velocemente per poi scambiarla con i colleghi e che consente, una volta appresa correttamente, di praticare un massaggio di minuti, per migliorare l'umore durante la giornata lavorativa e combattere i sintomi dello stress. A lezione di massaggio. Il giornalista Fabrizio Buratto e il medico Giovanni Leanti La Rosa, entrambi esperti di massaggi, hanno pubblicato un libro "Massaggio da ufficio. Prevenzione e cura dello stress da lavoro", edito da Urra-Apogeo, che spiega in cosa consiste questa tecnica e i benefici che le diverse categorie professionali possono trarre da questa pratica. "Il massaggio da ufficio è un potente strumento low cost per prevenire e curare lo stress da lavoro: dura poco (10-15 minuti) e si può fare e ricevere ovunque da vestiti", spiega Leanti La Rosa -"l'azienda che offre un corso di massaggio da ufficio ai suoi dipendenti realizza un nuovo e valido modo di fare team building". Che questo sia davvero efficace per rendere i lavoratori più uniti e meno stressati è da dimostrare. Tuttavia, negli Stati Uniti - dove il massaggio da ufficio è diffuso dagli anni Ottanta, portato alla ribalta dall'americano David Palmer che introdusse la "massage chair" per praticare il massaggio da seduti - sono molte le aziende che utilizzano questa tecnica anti-stress. Un esempio? La Apple del "guru" dell'informatica Steve Jobs. Anche il bilancio aziendale ne trae vantaggio. Infine, investire di più sulla salute del lavoratore avrebbe per l'azienda ripercussioni, non solo sotto il profilo della qualità del lavoro, ma anche da un punto di vista economico. "Secondo i dati diramati nel luglio 2010 dall'agenzia Europea per la Sicurezza e la Salute sui luoghi di lavoro (OSHA) per ogni euro investito nella salute del lavoratore l'azienda ne guadagna dai 2,5 ai 4,8", afferma Fabrizio Buratto. Il massaggio stimola l'empatia e i rapporti interpersonali migliorano a tutto vantaggio della qualità del lavoro". 6

7 HACCP C è vino e vino Il vino italiano ha passato anche quest anno i dovuti controlli Il vino, un prodotto di qualità che diventa sempre più motivo di vanto e competizione con gli altri paesi e che per questo è sempre più sottoposto a controlli per la sicurezza alimentare dei consumatori. L ultimo controllo effettuato dai laboratori dell Unione Nazionale Consumatori su un campione di 127 vini controllati,solo 13 campioni di vino sono risultati positivi alla presenza di pesticidi ma decisamente inferiore a quella consentita per legge. Questi controlli fanno parte del progetto C è vino e vino che per il secondo anno consecutivo accende i riflettori sul rispetto dei requisiti dell HACCP per il vino oltre che per tutti gli altri prodotti alimentari commerc i a l i z z a t i. M a s s i m i l i a n o D o n a, segretario generale dell Unione Nazionale Consumatori ha spiegato come Il progetto ha preso il via nel 2010 ed anche quest anno è stato realizzato dall Unione con il contributo del Ministero delle Politiche Agricole,Alimentari e Forestali. Il Segretario dell Unione Nazionale Consumatori sottolinea l importanza delle segnalazioni dei consumatori come supporto per i necessari controlli atti a garantire la sicurezza di tutti i cittadini: Le indagini analitiche a carattere conoscitivo sono state come sempre compiute su campioni acquistati in alcuni esercizi commerciali di Roma e sono state realizzate a seguito delle segnalazioni giunte alla nostra Associazione da consumatori che ci hanno manifestato dubbi e talvolta preoccupazioni, evidenziando peraltro un crescente interesse nei confronti dei vini di natura biologica. Anche quest anno Il progetto C è vino e vino ha verificato la conformità di 127 tipi di vino presenti sul mercato, italiani e stranieri, in relazione ad alcuni parametri chimici di sicurezza. Alla luce dei risultati ottenuti, viene confermato il quadro sostanzialmente rassicurante già emerso dalle analisi del 2010: un dato, questo, che permette di rivolgersi con fiducia all alimento, a condizione che se ne faccia un uso moderato. SICUREZZA ALIMENTARE Il parere dell Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare (EFSA) sul controllo delle carni I metodi di ispezione attualmente usati per la carne suina non permettono di individuare immediatamente pericoli di origine alimentare, inoltre non differenziano nemmeno gli aspetti legati alla sicurezza da quelli relativi alla qualità della carne e alle patologie animali. Questa la prima conclusione cui è giunta l'autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) che ha elaborato un primo parere nell'ambito di un lavoro sull'ispezione delle carni e sui pericoli biologici e chimici legati a quest'attività. L'Efsa ha infatti completato il primo di una serie di pareri volti a modernizzare l'ispezione delle carni nell'unione europea. Riguarda appunto l'ispezione dei suini. Spiega l'autorità: "Per quanto riguarda il settore dei pericoli biologici, i pericoli di origine alimentare Salmonella, Yersinia enterocolitica, Toxoplasma gondi e Trichinella, in ragione della loro prevalenza e del loro impatto sulla salute umana, sono stati individuati tra gli obiettivi prioritari dell'ispezione della carne suina al momento della macellazione. Si è giunti alla conclusione che i metodi di ispezione attuali non consentono di individuare tempestivamente i primi tre fra i suddetti pericoli e, più in generale, non differenziano gli aspetti di sicurezza alimentare da quelli legati alla qualità delle carni, alla prevenzione delle patologie animali o ai pericoli professionali". Da qui alcune raccomandazioni, come quella di "evitare le tecniche di palpazione e/o incisione nelle ispezioni post-mortem di suini sottoposti a macellazione di routine, dato il rischio di contaminazione batterica crociata e di raccogliere ed esaminare informazioni sulla catena alimentare, durante l'allevamento e al momento della macellazione dell'animale. Nel settore dei contaminanti, sostanze chimiche preoccupanti e pericolose per la carne suina sono, diossine, bifenili policlorurati analoghi alla diossina e l'antibiotico cloramfenicolo. Allo stesso tempo, il lavoro dell'autorità è giunto alla conclusione che le sostanze chimiche, alle concentrazioni riscontrate nella detta carne, difficilmente possono rappresentare un rischio immediato o a breve termine per la salute dei consumatori. 7

FONDAZIONE RUBES TRIVA SICUREZZA, LAVORO, AMBIENTE

FONDAZIONE RUBES TRIVA SICUREZZA, LAVORO, AMBIENTE Newsletter numero 1-2015 In Primo Piano NOVITA Min. Lavoro: sicurezza elenco dei soggetti abilitati per l effettuazione delle verifiche periodiche Stress lavoro correlato, rischi psicosociali, da Eu-Osha

Dettagli

01-02 - 03-04 - VANTAGGI E BENEFICI

01-02 - 03-04 - VANTAGGI E BENEFICI Indice: 01 - Cosa è un SGSL 02 - Cosa è un MOG 03 - Differenze tra SGSL e MOG 04 - VANTAGGI E BENEFICI del SGSL e del MOG 05 - Lo SGRAVIO del Premio Assicurativo INAIL 06 - L opportunità del FINANZIAMENTO

Dettagli

VALORE INDICATORE AL 31.12.2012 VALORE INDICATORE FONTE DI

VALORE INDICATORE AL 31.12.2012 VALORE INDICATORE FONTE DI 1) Regione: Regione Liguria 2) Titolo del progetto: 2.7.1 Attuazione del Piano Regionale Amianto 3) Identificativo della linea di intervento generale: Macroarea 2 Prevenzione universale 2.7 Prevenzione

Dettagli

4. Modello in tema di tutela della sicurezza sul lavoro

4. Modello in tema di tutela della sicurezza sul lavoro 4. Modello in tema di tutela della sicurezza sul lavoro 4.1 Previsioni del d.lgs. 81/2008 Il d.lgs. n. 81 del 9 aprile 2008 ha sostanzialmente innovato la legislazione in materia di sicurezza e salute

Dettagli

NOTA. - la promozione di finanziamenti agevolati per la bonifica di edifici con presenza di manufatti contenenti amianto;

NOTA. - la promozione di finanziamenti agevolati per la bonifica di edifici con presenza di manufatti contenenti amianto; L.R. Lombardia 31 luglio 2012 n. 14 venerdì 7 settembre, 2012 NOTA E stata pubblicata sul B.U.R.L. 3 agosto 2012 n. 31 ed è in vigore dal 4 agosto, la legge con la quale la Regione Lombardia ha inteso

Dettagli

Norme per il risanamento dell ambiente, bonifica e smaltimento dell amianto

Norme per il risanamento dell ambiente, bonifica e smaltimento dell amianto LEGGE REGIONALE 29 settembre 2003, N. 17 Norme per il risanamento dell ambiente, bonifica e smaltimento dell amianto (BURL n. 40, 1º suppl. ord. del 03 Ottobre 2003 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:2003-09-29;17

Dettagli

L.R. Lombardia 31 luglio 2012 n. 14

L.R. Lombardia 31 luglio 2012 n. 14 L.R. Lombardia 31 luglio 2012 n. 14 venerdì 7 settembre, 2012 NOTA E stata pubblicata sul B.U.R.L. 3 agosto 2012 n. 31 ed è in vigore dal 4 agosto, la legge con la quale la Regione Lombardia ha inteso

Dettagli

Sicurezza nell ambiente di lavoro del professionista

Sicurezza nell ambiente di lavoro del professionista Sicurezza nell ambiente di lavoro del professionista (D.lgs. 626/1994) 1 PRINCIPI COSTITUZIONALI Art. 2 Costituzione Principi inviolabili dell uomo Libertà personale - Art. 13 Libertà di domicilio - Art.

Dettagli

Grazie per l attenzione

Grazie per l attenzione Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Legge Regionale 17 del 29 settembre 2003 Aggiornata con le modifiche apportate della Legge Regionale 14 del 31 luglio 2012 Grazie per l attenzione

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico. Il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con

Il Ministro dello Sviluppo Economico. Il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con Il Ministro dell Economia e delle Finanze Visto l articolo 252-bis del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, come sostituito dall articolo 4, comma

Dettagli

Circolare n. 15 del 1 ottobre 2015

Circolare n. 15 del 1 ottobre 2015 Circolare n. 15 del 1 ottobre 2015 Novità in materia di fatturazione elettronica, trasmissione telematica delle fatture, dei corrispettivi e dei relativi dati Indice 1. Premessa 2. Fatturazione elettronica

Dettagli

FORMAZIONE RSPP (DATORE DI LAVORO)

FORMAZIONE RSPP (DATORE DI LAVORO) LAVORO IN SICUREZZA S.R.L. - Società Unipersonale 30174 MESTRE (VE) - VIA EMILIA, 13/A int. 1 e 2 tel. 041.5442959 - fax 041.5442821 e-mail: lavoroinsicurezza@lavoroinsicurezza.it sito web: www.lavoroinsicurezza.it

Dettagli

Network sviluppo sostenibile. Il ritorno del SISTRI Il conferimento dei rifiuti ai centri di raccolta. Paolo Pipere

Network sviluppo sostenibile. Il ritorno del SISTRI Il conferimento dei rifiuti ai centri di raccolta. Paolo Pipere Network sviluppo sostenibile Il ritorno del Il conferimento dei rifiuti ai centri di raccolta Paolo Pipere Responsabile Servizio Adempimenti Ambientali Camera di Commercio di Milano Segretario Sezione

Dettagli

LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO MODULO 6 IGIENE E SICUREZZA SUL LAVORO LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Introduzione La prevenzione degli infortuni lavorativi e delle malattie professionali è stata sempre al centro dell interesse

Dettagli

Lavorare serenamente: prospettive per il futuro 6 novembre 2012

Lavorare serenamente: prospettive per il futuro 6 novembre 2012 Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) http://www.unifi.it/rls/mdswitch.html rls@unifi.it UNO 1. Introduzione Lavorare serenamente: prospettive per il futuro 6 novembre 2012 Un saluto a tutti

Dettagli

Prefettura Ufficio territoriale del Governo di Brescia

Prefettura Ufficio territoriale del Governo di Brescia COORDINAMENTO DELLE INIZIATIVE IN FAVORE DEI FAMILIARI DELLE VITTIME DI INCIDENTI SUI LUOGHI DI LAVORO PROTOCOLLO DI INTESA La Prefettura di Brescia, la Provincia di Brescia, il Comune di Brescia, l Associazione

Dettagli

CONVEGNO. Semplificazioni negli adempimenti in materia di salute e sicurezza sul lavoro.

CONVEGNO. Semplificazioni negli adempimenti in materia di salute e sicurezza sul lavoro. ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE ITALIANA AMBIENTE E SICUREZZA Sede provinciale di Taranto con la collaborazione tecnica di Porreca.it CONVEGNO Semplificazioni negli adempimenti in materia di salute e sicurezza

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 1 del 20 novembre 2008. SPISAL Servizio Prevenzione Igiene e Sicurezza negli ambienti di Lavoro

Carta dei Servizi rev. 1 del 20 novembre 2008. SPISAL Servizio Prevenzione Igiene e Sicurezza negli ambienti di Lavoro Carta dei Servizi rev. 1 del 20 novembre 2008 SPISAL negli ambienti di Lavoro Azienda ULSS n. 22 Bussolengo VR Dipartimento di Prevenzione negli Ambienti di Lavoro Sede centrale: Valeggio sul Mincio, via

Dettagli

Dal piccolo artigiano alla grande azienda troveranno in noi un servizio serio, efficiente, altamente professionale.

Dal piccolo artigiano alla grande azienda troveranno in noi un servizio serio, efficiente, altamente professionale. MEDING CONSULTING nasce dal desiderio di affermati professionisti che hanno maturato una solida esperienza nei settori della prevenzione della sicurezza nei luoghi di lavoro, nella formazione, nella medicina

Dettagli

AMIANTO, UNA SELEZIONE DI PROPOSTE DEL MOVIMENTO 5 STELLE

AMIANTO, UNA SELEZIONE DI PROPOSTE DEL MOVIMENTO 5 STELLE AMIANTO, UNA SELEZIONE DI PROPOSTE DEL MOVIMENTO 5 STELLE A.S.1783 Senato, Disegno di legge presentato dal senatore Gianluca Castaldi http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/17/ddlpres/907907/index.html

Dettagli

Il Consiglio regionale ha approvato Il Presidente della Giunta promulga. la seguente legge:

Il Consiglio regionale ha approvato Il Presidente della Giunta promulga. la seguente legge: 4 25.9.2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 45 porto multiprofessionale degli operatori è valorizzato anche in funzione dell esercizio delle attività di cui al comma 1. 3. I soggetti

Dettagli

L evoluzione normativa

L evoluzione normativa L evoluzione normativa La prima produzione normativa in tema di sicurezza sul lavoro risale alla fine del secolo XIX. Il legislatore dell epoca considerava gli infortuni sul lavoro un fattore inevitabile

Dettagli

I DATI INAIL SULL EFFICACIA DEI SGSL PER RIDURRE GLI INFORTUNI

I DATI INAIL SULL EFFICACIA DEI SGSL PER RIDURRE GLI INFORTUNI I DATI INAIL SULL EFFICACIA DEI SGSL PER RIDURRE GLI INFORTUNI l di Maria Ilaria Barra Consulenza tecnica accertamento rischi e prevenzione Direzione Generale INAIL Giuseppe Morinelli Consulenza Statistico

Dettagli

TITOLO I CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1. Finalità. Articolo 2. Definizioni

TITOLO I CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1. Finalità. Articolo 2. Definizioni TITOLO I CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Finalità 1. Le disposizioni contenute nel presente decreto legislativo costituiscono attuazione dell articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, per il

Dettagli

INAIL: in attesa del SINP introdotti due nuovi modelli per semplificare le procedure

INAIL: in attesa del SINP introdotti due nuovi modelli per semplificare le procedure 18 N. 6-26 marzo 2013 IL SOLE 24 ORE www.ambientesicurezza24.com Al via il nuovo modulo unificato di denuncia degli infortuni sul lavoro INAIL: in attesa del SINP introdotti due nuovi modelli per semplificare

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 (articolo 11, comma 2 del D.lgs. 27/10/2009, n. 150)

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 (articolo 11, comma 2 del D.lgs. 27/10/2009, n. 150) COMUNE DI CAROVIGNO ( P r o v. d i B r i n d i s i ) Via Verdi,1-72012 Carovigno (Br) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 (articolo 11, comma 2 del D.lgs. 27/10/2009, n. 150)

Dettagli

Testo Unico della sicurezza sul lavoro

Testo Unico della sicurezza sul lavoro Testo Unico Salute e Sicurezza sul Lavoro Schema del D.Lgs. approvato dal Consiglio dei ministri n. 95 del 6 marzo 2008 Il testo è ufficioso e non entra in vigore immediatamente ma deve seguire il seguente

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI - XVII LEGISLATURA. Commissione Affari sociali (XII)

CAMERA DEI DEPUTATI - XVII LEGISLATURA. Commissione Affari sociali (XII) CAMERA DEI DEPUTATI - XVII LEGISLATURA Commissione Affari sociali (XII) DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ASSISTENZA IN FAVORE DELLE PERSONE AFFETTE DA DISABILITÀ GRAVE PRIVE DEL SOSTEGNO FAMILIARE. C. 698 GRASSI,

Dettagli

d.lgs. 626/94 Sicurezza e salute dei lavoratori Vademecum per il titolare di farmacia Riepilogo adempimenti - modulistica

d.lgs. 626/94 Sicurezza e salute dei lavoratori Vademecum per il titolare di farmacia Riepilogo adempimenti - modulistica d.lgs. 626/94 Sicurezza e salute dei lavoratori Vademecum per il titolare di farmacia Riepilogo adempimenti - modulistica A cura dell ufficio legale della Federfarma INDICE 1. Ambito di applicazione p.3

Dettagli

SICUREZZA, AMBIENTE, QUALItà

SICUREZZA, AMBIENTE, QUALItà SICUREZZA, AMBIENTE, QUALItà L IMPRESA AL SERVIZIO DELLE IMPRESE Perchè scegliere di rispettare il proprio business e affidarsi a I NOSTRI SERVIZI SICUREZZA SUL LAVORO FORMAZIONE H.A.C.C.P. AMBIENTE B.ETHIC

Dettagli

Confronto Tecnico. tra la L.626/94 e la L.81/08. in tema di Sicurezza

Confronto Tecnico. tra la L.626/94 e la L.81/08. in tema di Sicurezza Confronto Tecnico tra la L.626/94 e la L.81/08 Ing. Roberto Maria Grisi Anni 30 I passaggi storici fondamentali della normativa per la sicurezza Richiami nel codice civile e penale Anni 40 Richiami generici

Dettagli

La salute nelle organizzazioni di lavoro oggi, tendenza o necessità?

La salute nelle organizzazioni di lavoro oggi, tendenza o necessità? La salute nelle organizzazioni di lavoro oggi, tendenza o necessità? Ing. Principe Biagio CONsulenza Tecnica Accertamento Rischi e Prevenzione INAIL Direzione Regionale Lombardia Indice degli argomenti

Dettagli

MODALITA ATTUATIVE E NORMATIVA

MODALITA ATTUATIVE E NORMATIVA All.1 Campagna nazionale di formazione. Criteri per l attivazione della procedura in attuazione dell art. 11, comma 1 lett. b), d.lgs. 81/2008 e s.m.i. e del decreto interministeriale 17 dicembre 2009,

Dettagli

INAIL : Meccanismi incentivanti disponibili per le imprese virtuose rispetto alla sicurezza e prevenzione nel luogo di lavoro

INAIL : Meccanismi incentivanti disponibili per le imprese virtuose rispetto alla sicurezza e prevenzione nel luogo di lavoro INAIL : Meccanismi incentivanti disponibili per le imprese virtuose rispetto alla sicurezza e prevenzione nel luogo di lavoro Reggio Emilia, 15 gennaio 2015 Dott.ssa Sandra Berselli Responsabile Processo

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI COMUNE DI BRINDISI PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-2013-2014 (Attuazione dell art.11, comma 8, lett.a, D.Lgs 27 ottobre 2009, n.150) 1. PREMESSA Con la redazione del presente

Dettagli

COMUNE DI CASTIGLIONE DEL LAGO

COMUNE DI CASTIGLIONE DEL LAGO COMUNE DI CASTIGLIONE DEL LAGO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI CASTIGLIONE DEL LAGO 1 CAPO I INDICE PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e norme di

Dettagli

Testo Unico Legge n. 1124 del 1965 Decreto Legislativo n. 38 del 2000

Testo Unico Legge n. 1124 del 1965 Decreto Legislativo n. 38 del 2000 Testo Unico Legge n. 1124 del 1965 Decreto Legislativo n. 38 del 2000 INCA PIEMONTE - 2010 1 L ASSICURAZIONE INAIL LA CAUSA VIOLENTA - L OCCASIONE DI LAVORO L INFORTUNIO IN ITINERE GLI OBBLIGHI DEL LAVORATORE

Dettagli

CONSULENZA, SICUREZZA E FORMAZIONE AL SERVIZIO DEL CLIENTE

CONSULENZA, SICUREZZA E FORMAZIONE AL SERVIZIO DEL CLIENTE CONSULENZA, SICUREZZA E FORMAZIONE AL SERVIZIO DEL CLIENTE Il contesto socio-economico richiede alle aziende di ridurre ogni voce di spesa e, di conseguenza, anche i budget per consulenza, sicurezza e

Dettagli

Oggetto Documento Unico di Regolarità Contributiva. Decreto del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale del 24 ottobre 2007.

Oggetto Documento Unico di Regolarità Contributiva. Decreto del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale del 24 ottobre 2007. DIREZIONE GENERALE DIREZIONE CENTRALE RISCHI Circolare n. 7 Roma, 5 febbraio 2008 Al Ai Dirigente Generale Vicario Responsabili di tutte le Strutture Centrali e Territoriali e p.c. a: Organi Istituzionali

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Criteri per la concessione da parte del Dipartimento della Protezione Civile dei contributi per il finanziamento di progetti presentati dalle Organizzazioni di Volontariato di Protezione Civile nel triennio

Dettagli

C O M U N E DI C A M P A G N A

C O M U N E DI C A M P A G N A C O M U N E DI C A M P A G N A PROVINCIA DI SALERNO UFFICIO INVALIDI CIVILI GUIDA ALLE PRESENTAZIONI RELATIVE ALL INVALIDITA CIVILE 1 INDICE - PRESENTAZIONE 1)- INVALIDITA CIVILE 2)-PROCEDIMENTO 3)-MODALITA

Dettagli

Via Gaetano Strambio n.5-20133 MILANO Tel. 02.57408940 - Fax 02.99989424 mail: ncteam@pec.it

Via Gaetano Strambio n.5-20133 MILANO Tel. 02.57408940 - Fax 02.99989424 mail: ncteam@pec.it NOVACONSULT TEAM CORSI DI FORMAZIONE Via Gaetano Strambio n.5-20133 MILANO Tel. 02.57408940 - Fax 02.99989424 mail: ncteam@pec.it www.novaconsult.it INDICE Premessa Corso base per lavoratori Corso di formazione

Dettagli

SICUREZZA E PREVENZIONE

SICUREZZA E PREVENZIONE SICUREZZA E PREVENZIONE La promozione della salute sul lavoro Norme, finanziamenti e campagne al servizio della sicurezza La prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali va perseguita attraverso

Dettagli

Circolare N.134 del 13 ottobre 2011. SISTRI e SCIA. Cosa è cambiato dopo la manovra di ferragosto

Circolare N.134 del 13 ottobre 2011. SISTRI e SCIA. Cosa è cambiato dopo la manovra di ferragosto Circolare N.134 del 13 ottobre 2011 SISTRI e SCIA. Cosa è cambiato dopo la manovra di ferragosto SISTRI e SCIA: cosa è cambiato dopo la manovra di ferragosto Gentile cliente, con la presente, desideriamo

Dettagli

Consiglio Regionale della Calabria IV Commissione Assetto e utilizzazione del territorio - Protezione dell ambiente

Consiglio Regionale della Calabria IV Commissione Assetto e utilizzazione del territorio - Protezione dell ambiente Consiglio Regionale della Calabria IV Commissione Assetto e utilizzazione del territorio - Protezione dell ambiente Proposta di legge Interventi urgenti per la salvaguardia della salute dei cittadini:

Dettagli

NOVACONSULT CORSI DI FORMAZIONE

NOVACONSULT CORSI DI FORMAZIONE NOVACONSULT CORSI DI FORMAZIONE Per informazioni, contattare Novaconsult Via Gaggia n 1/a - 20139 MILANO Tel. +39 02.57408940 - Fax +39 02.57407100 e-mail: info@novaconsult.it www.novaconsult.it INDICE

Dettagli

LA SORVEGLIANZA SANITARIA SUI LAVORATORI ESPOSTI AL RISCHIO CHIMICO NEL SISTEMA PREVENZIONISTICO ITALIANO

LA SORVEGLIANZA SANITARIA SUI LAVORATORI ESPOSTI AL RISCHIO CHIMICO NEL SISTEMA PREVENZIONISTICO ITALIANO LA SORVEGLIANZA SANITARIA SUI LAVORATORI ESPOSTI AL RISCHIO CHIMICO NEL SISTEMA PREVENZIONISTICO ITALIANO dott. Roberto CALISTI SPreSAL - Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro ASL 8

Dettagli

ASSOCIAZIONE AMBIENTE E LAVORO. Associazione di Protezione Ambientale di interesse nazionale (D.M. 1/3/88 - G.U. 19/5/88)

ASSOCIAZIONE AMBIENTE E LAVORO. Associazione di Protezione Ambientale di interesse nazionale (D.M. 1/3/88 - G.U. 19/5/88) ASSOCIAZIONE AMBIENTE E LAVORO Associazione di Protezione Ambientale di interesse nazionale (D.M. 1/3/88 - G.U. 19/5/88) D.L.gs 9 aprile 2008, n. 81 TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO pubblicato

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Modifiche e integrazioni introdotte al D. Lgs. 81/2008 da:

Modifiche e integrazioni introdotte al D. Lgs. 81/2008 da: Modifiche e integrazioni introdotte al D. Lgs. 81/2008 da: DL 69/2013, convertito dalla L 98/2013 (cosiddetto decreto del fare ) DL 77/2013, convertito dalla L 99/2013 (che modifica solo l art. 306) 3

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 52 DEL 1 OTTOBRE 2007

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 52 DEL 1 OTTOBRE 2007 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 17 luglio 2007 - Deliberazione N. 1292 - Area Generale di Coordinamento N. 20 - Assistenza Sanitaria N. 8 - Bilancio, Ragioneria e Tributi N. 5 - Ecologia,

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Istituto di Istruzione Superiore Classico e Artistico Terni

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Istituto di Istruzione Superiore Classico e Artistico Terni Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Istituto di Istruzione Superiore Classico e Artistico Terni CIRCOLARE N 088 [CIRC_088 - tutti - Infortuni Gestione e disciplina] Terni, li 23 settembre

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Informativa n. 5 del 12 gennaio 2010 Legge Finanziaria 2010

Dettagli

Legge del Fare. Gli speciali di

Legge del Fare. Gli speciali di Gli speciali di Legge del Fare II Decreto del Fare è diventato finalmente legge. Ecco le novità per l edilizia e la sicurezza nei luoghi di lavoro e nei cantieri Il decreto legge 21 giugno 2013, n. 69

Dettagli

Glossario minimo della protezione dei dati

Glossario minimo della protezione dei dati minimo della protezione dei dati www.garanteprivacy.it Glossario minimo della protezione dei dati N.B. Il glossario e le principali domande in tema di dati personali sono schematizzati e hanno una finalità

Dettagli

Regolamento di Ateneo per l applicazione delle norme su sicurezza e salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/2008 e del D.I. 363 del 5.8.

Regolamento di Ateneo per l applicazione delle norme su sicurezza e salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/2008 e del D.I. 363 del 5.8. Regolamento di Ateneo per l applicazione delle norme su sicurezza e salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/2008 e del D.I. 363 del 5.8.98 Art. 1 - Individuazione del Datore di lavoro e definizione

Dettagli

Trasparenza e integrità

Trasparenza e integrità Trasparenza e integrità In base al D.Lgs.33/2013 Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte della pubbliche amministrazioni e alle

Dettagli

Il ruolo dell INAIL nella prevenzione. Parma Camera del Lavoro 4 Luglio 2014

Il ruolo dell INAIL nella prevenzione. Parma Camera del Lavoro 4 Luglio 2014 Il ruolo dell INAIL nella prevenzione Parma Camera del Lavoro 4 Luglio 2014 Le competenze INAIL: una sintesi ragionata dei 10 articoli del T.U. 81 che lo riguardano 1. Gestione dell assicurazione obbligatoria

Dettagli

GUIDA ALL'AUTOLIQUIDAZIONE DEL PREMIO INAIL 2012-2013 : analisi dei punti principali

GUIDA ALL'AUTOLIQUIDAZIONE DEL PREMIO INAIL 2012-2013 : analisi dei punti principali GUIDA ALL'AUTOLIQUIDAZIONE DEL PREMIO INAIL 2012-2013 : analisi dei punti principali Come previsto dal D.P.R. 1124/1965 sono obbligati all assicurazione Inail i datori di lavoro che, nell esercizio delle

Dettagli

COMUNE DI BUSSERO. (Provincia di Milano) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012-2014

COMUNE DI BUSSERO. (Provincia di Milano) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012-2014 COMUNE DI BUSSERO (Provincia di Milano) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012-2014 (Art. 13. C. 6, lettera e) del D.Lgs. 27/10/2009 n. 150) Approvato con deliberazione Commissariale

Dettagli

Norme per il risanamento dell'ambiente, bonifica e smaltimento dell'amianto (2).

Norme per il risanamento dell'ambiente, bonifica e smaltimento dell'amianto (2). Lombardia L.R. 29-9-2003 n. 17 Norme per il risanamento dell'ambiente, bonifica e smaltimento dell'amianto. Pubblicata nel B.U. Lombardia 3 ottobre 2003, n. 40, I S.O.. L.R. 29 settembre 2003, n. 17 (1)

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Medico competente specialista in medicina del lavoro. Chi è il medico competente?

Medico competente specialista in medicina del lavoro. Chi è il medico competente? MEDICINA DEL LAVORO IL NOSTRO IMPEGNO Siamo un azienda leader nel campo della medicina del lavoro e da anni eroghiamo servizi su tutto il territorio nazionale, forti di un esperienza maturata nelle molteplici

Dettagli

FONDAZIONE TERZO PILASTRO ITALIA E MEDITERRANEO CODICE ETICO FONDAZIONE TERZO PILASTRO - ITALIA E MEDITERRANEO 1/9 VIA M. MINGHETTI 17 00187 ROMA

FONDAZIONE TERZO PILASTRO ITALIA E MEDITERRANEO CODICE ETICO FONDAZIONE TERZO PILASTRO - ITALIA E MEDITERRANEO 1/9 VIA M. MINGHETTI 17 00187 ROMA FONDAZIONE TERZO PILASTRO ITALIA E MEDITERRANEO VIA M. MINGHETTI 17 00187 ROMA Tel. 0039.06.97625591 Fax. 0039.06.98380693 mail: fondazione@fondazioneterzopilastro.it CODICE ETICO 1/9 Sommario 1.Generalità...

Dettagli

I.T.I. L. da Vinci BORGOMANERO

I.T.I. L. da Vinci BORGOMANERO Logo I.T.I. L. da Vinci BORGOMANERO Tipo di scuola: Istituto Tecnico Tecnologico ed Economico Sede: BORGOMANERO Tel: 0322.840811 fax 0322.840849 e.mail: itisleon@tin.it prevenzione e sicurezza sul lavoro

Dettagli

Art. 1. - (Finalità). Art. 2. - (Riordino della disciplina in materia di sicurezza e prevenzione negli ambienti di civile abitazione).

Art. 1. - (Finalità). Art. 2. - (Riordino della disciplina in materia di sicurezza e prevenzione negli ambienti di civile abitazione). Legge ordinaria del Parlamento n 493 del 03/12/1999 Norme per la tutela della salute nelle abitazioni e istituzione dell'assicurazione contro gli infortuni domestici. SOMMARIO NOTE TESTO Capo I - DISPOSIZIONI

Dettagli

Indicazioni operative per i RLS aziendali in caso di infortuni e malattie professionali

Indicazioni operative per i RLS aziendali in caso di infortuni e malattie professionali Indicazioni operative per i RLS aziendali in caso di infortuni e malattie professionali Il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza, in base al D.Lgs 81/08 riceve le informazioni e la documentazione

Dettagli

CIRCOLARI INAIL. Circolari INAIL. Nomina dei Componenti dell Organismo Indipendente di Valutazione della performance.

CIRCOLARI INAIL. Circolari INAIL. Nomina dei Componenti dell Organismo Indipendente di Valutazione della performance. Circolari INAIL Circolare n. 28 del 19 luglio 2010 Nomina dei Componenti dell Organismo Indipendente di Valutazione della performance. Premessa Con determinazione n 8 del 0 aprile 2010 il Presidente dell

Dettagli

SOLUZIONE s.r.l. Centro Servizi Tecnici Via Vittorio Emanuele II n 131-50134 Firenze ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI

SOLUZIONE s.r.l. Centro Servizi Tecnici Via Vittorio Emanuele II n 131-50134 Firenze ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI SOLUZIONE s.r.l. Centro Servizi Tecnici Via Vittorio Emanuele II n 131-50134 Firenze ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI Analisi fabbisogni su campione di aziende della provincia di Firenze 2007-2008 Firenze,

Dettagli

Incentivi INAIL Bando dicembre 2011

Incentivi INAIL Bando dicembre 2011 Incentivi INAIL Bando dicembre 2011 Ruolo dell INAIL ASSICURAZIONE RIABILITAZIONE PREVENZIONE DAL RUOLO ASSICURATIVO STORICO VERSO UN SISTEMA INTEGRATO DI TUTELA Sulla base dell evoluzione normativa l

Dettagli

generalità 2 importanza del miglioramento continuo 2 Impegno professionale 2 Rispetto delle persone 2 Integrità 2 Lealtà 3 Partecipazione 3

generalità 2 importanza del miglioramento continuo 2 Impegno professionale 2 Rispetto delle persone 2 Integrità 2 Lealtà 3 Partecipazione 3 Codice etico Allegato del Modello di Organizzazione e di Gestione articolo 25-septies e articolo 25 undecies del D.Lgs. 231/01 20/01/2012 Approvato dal Consiglio di Amministrazione SOMMARIO generalità

Dettagli

L INAIL nel TU della salute e sicurezza sul lavoro

L INAIL nel TU della salute e sicurezza sul lavoro L INAIL nel TU della salute e sicurezza sul lavoro D. Lgs. 81/08 D. Lgs. 106/2009 (decreto correttivo) Sede di Treviso dott. Antonio Salvati Ufficio Attività Istituzionali 1 Art. 9 c. 1 Enti pubblici con

Dettagli

SMS di pubblica utilità: le regole per il corretto uso

SMS di pubblica utilità: le regole per il corretto uso SMS di pubblica utilità: le regole per il corretto uso GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI Nella riunione odierna, in presenza del prof. Giuseppe Santaniello, vice-presidente, del prof. Gaetano

Dettagli

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Salute e Servizi Sociali Pianificazione e Programmazione delle Politiche Sociali Integrate - Servizio

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Salute e Servizi Sociali Pianificazione e Programmazione delle Politiche Sociali Integrate - Servizio CONVENZIONE TRA L ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE E LA REGIONE LIGURIA PER LA COMUNICAZIONE DELLO STATO DI RICOVERO DEI TITOLARI DI INDENNITA DI ACCOMPAGNAMENTO, INDENNITA DI FREQUENZA, ASSEGNO

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE ATTI 1979 VI COMMISSIONE CONSILIARE AMBIENTE E PROTEZIONE CIVILE PROGETTO DI LEGGE

CONSIGLIO REGIONALE ATTI 1979 VI COMMISSIONE CONSILIARE AMBIENTE E PROTEZIONE CIVILE PROGETTO DI LEGGE REGIONE LOMBARDIA IX LEGISLATURA CONSIGLIO REGIONALE ATTI 1979 VI COMMISSIONE CONSILIARE AMBIENTE E PROTEZIONE CIVILE PROGETTO DI LEGGE Modifiche e integrazioni alla legge regionale 9 settembre 2003, n.

Dettagli

Roma, 22 dicembre 2010

Roma, 22 dicembre 2010 Il Nuovo Codice dell Amministrazione Digitale Roma, 22 dicembre 2010 Executive Summary Il Nuovo Codice dell amministrazione digitale traccia il quadro legislativo entro cui deve attuarsi la digitalizzazioneit

Dettagli

La valutazione dei rischi, le procedure standardizzate e gli aspetti sanzionatori

La valutazione dei rischi, le procedure standardizzate e gli aspetti sanzionatori Dipartimento di Prevenzione Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro La valutazione dei rischi, le procedure standardizzate e gli aspetti sanzionatori Mauro BONIFACI Ordine Consulenti Lavoro di

Dettagli

NOTIZIE FLASH DAL PARLAMENTO

NOTIZIE FLASH DAL PARLAMENTO NOTIZIE FLASH DAL PARLAMENTO SOMMARIO novembre-dicembre 2012 AGGIORNAMENTO DECRETI-LEGGE Crescita-bis AGGIORNAMENTO PROGETTI DI LEGGE Legge di stabilità 2013 Delega fiscale Riforma delle professioni sanitarie

Dettagli

INTRODUZIONE. Cosa rende speciali i nostri corsi

INTRODUZIONE. Cosa rende speciali i nostri corsi SICUREZZA INTRODUZIONE Cosa rende speciali i nostri corsi Formazione e informazione sono gli elementi chiave per prendere consapevolezza dei rischi presenti nel proprio ambiente di lavoro e per predisporre

Dettagli

SALUTE PUBBLICA / SICUREZZA DEI CONSUMATORI / SICUREZZA DEI PRODOTTI ALIMENTARI

SALUTE PUBBLICA / SICUREZZA DEI CONSUMATORI / SICUREZZA DEI PRODOTTI ALIMENTARI SALUTE PUBBLICA / SICUREZZA DEI CONSUMATORI / SICUREZZA DEI PRODOTTI ALIMENTARI Libro bianco sulla sicurezza alimentare 1) OBIETTIVO Descrivere un insieme di azioni necessarie a completare e modernizzare

Dettagli

MODULO 1. Sicurezza sul lavoro e tutela della salute dei lavoratori nelle farmacie

MODULO 1. Sicurezza sul lavoro e tutela della salute dei lavoratori nelle farmacie Sicurezza sul lavoro e tutela della salute dei lavoratori nelle farmacie Normativa, organizzazione della prevenzione, diritti e doveri dei soggetti aziendali, organi di vigilanza Modulo 1 La vigente normativa

Dettagli

Direzione centrale lavoro, formazione, istruzione, pari opportunità, politiche giovanili e ricerca

Direzione centrale lavoro, formazione, istruzione, pari opportunità, politiche giovanili e ricerca Direzione centrale lavoro, formazione, istruzione, pari opportunità, politiche giovanili e ricerca Regolamento per l attivazione di tirocini ai sensi dell articolo 63 della legge regionale 9 agosto 2005,

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014 2015 2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014 2015 2016 COMUNE DI GRIZZANA MORANDI PROVINCIA DI BOLOGNA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014 2015 2016 Approvato con deliberazione della Giunta comunale n. 15 del 29/1/2014 PREMESSA Sito

Dettagli

COMUNE di ACI CASTELLO Libero Consorzio di Catania

COMUNE di ACI CASTELLO Libero Consorzio di Catania COMUNE di ACI CASTELLO Libero Consorzio di Catania Regolamento per l erogazione del servizio di mensa scolastica. 1 Indice Art. 1 Art. 2 Oggetto del Regolamento e finalità del servizio Destinatari del

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA. INDICE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA. INDICE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA. INDICE Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Definizioni Art. 3 - Finalità Art. 4 - Trattamento dei dati personali CAPO I PRINCIPI GENERALI CAPO II OBBLIGHI PER

Dettagli

Oggetto: Autoliquidazione del premio 2014/2015 del settore Navigazione. Istruzioni.

Oggetto: Autoliquidazione del premio 2014/2015 del settore Navigazione. Istruzioni. DIREZIONE CENTRALE RISCHI Ufficio Entrate Contributive Processo: Aziende Macroattività: Indirizzi normativi/operativi entrate Attività: Indirizzi normativi/operativi entrate Tipologia: Note di istruzioni

Dettagli

Regolamento per la disciplina della videosorveglianza nel territorio comunale di Longhena_. (Approvato con deliberazione di C.C. n 24 del 04.10.

Regolamento per la disciplina della videosorveglianza nel territorio comunale di Longhena_. (Approvato con deliberazione di C.C. n 24 del 04.10. Regolamento per la disciplina della videosorveglianza nel territorio comunale di Longhena_ (Approvato con deliberazione di C.C. n 24 del 04.10.2013) Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Definizioni Art. 3 - Finalità

Dettagli

Regione Piemonte - Azienda Sanitaria Locale CN2 Alba Bra. D e t e r m i n a z i o n e D i r e t t o r i a l e

Regione Piemonte - Azienda Sanitaria Locale CN2 Alba Bra. D e t e r m i n a z i o n e D i r e t t o r i a l e i:\delibere\delibere da pubblicare\delib2012\0272.doc D e t e r m i n a z i o n e D i r e t t o r i a l e NUMERO GENERALE 272 CODICE PROPOSTA BUDGET ADOTT. ANNO PROGR. 000 PER 12 0037 DATA 27 FEBBRAIO

Dettagli

Regione Lombardia. Legge Regionale n. 17 del 29-09-2003. Norme per il risanamento dell'ambiente, bonifica e smaltimento dell'amianto.

Regione Lombardia. Legge Regionale n. 17 del 29-09-2003. Norme per il risanamento dell'ambiente, bonifica e smaltimento dell'amianto. Regione Lombardia. Legge Regionale n. 17 del 29-09-2003 Norme per il risanamento dell'ambiente, bonifica e smaltimento dell'amianto. (B.U.R. Lombardia n. 40 del 3 ottobre 2003 - S.O. n.1) IL CONSIGLIO

Dettagli

Area SICUREZZA. Categoria: Aggiornamento Lavoratori

Area SICUREZZA. Categoria: Aggiornamento Lavoratori ENIAC SpA via Aurelia, 91 35010 LOREGGIA PD Tel. +39 049 9318300 Fax +39 049 9300896 - www.eniac.it - info@eniac.it - pec@eniacpec.it - C.F. e P.IVA e Reg. Imp. di PD IT01315860286 C.S. 500.000,00 i.v.

Dettagli

DATI INAIL Analisi degli infortuni sul lavoro: casi mortali al minimo storico

DATI INAIL Analisi degli infortuni sul lavoro: casi mortali al minimo storico PREVENZIONE E PROTEZIONE ARTICOLO Pubblicato il Rapporto 2013 con i dati valutati dall Istituto DATI INAIL Analisi degli infortuni sul lavoro: casi mortali al minimo storico di Valeria Rey, Ricercatore

Dettagli

Art. 9. Enti pubblici aventi compiti in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

Art. 9. Enti pubblici aventi compiti in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. Integrato con: D.Lgs. 3 agosto 2009,

Dettagli

L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Cagliari, 22 luglio 2010 ore 10.00 Intervento di apertura dei lavori del Presidente del Gruppo Giovani Imprenditori Edili Simona Pellegrini Vi

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e

Direzione Centrale Entrate. Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Roma, 24/11/2010 Circolare n. 148 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici

Dettagli

Art. 12- Informazioni rese al momento della raccolta INDICE CAPO I PRINCIPI GENERALI

Art. 12- Informazioni rese al momento della raccolta INDICE CAPO I PRINCIPI GENERALI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE DI CINQUEFRONDI (Approvato con Deliberazione di C. C. N 40 del 22 Novembre 2012) INDICE CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 - Oggetto

Dettagli

Legge regionale 16 agosto 2002, n. 22 (BUR n. 82/2002) AUTORIZZAZIONE E ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SANITARIE, SOCIO-SANITARIE E SOCIALI

Legge regionale 16 agosto 2002, n. 22 (BUR n. 82/2002) AUTORIZZAZIONE E ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SANITARIE, SOCIO-SANITARIE E SOCIALI AUTORIZZAZIONE E ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SANITARIE, SOCIO-SANITARIE E SOCIALI TITOLO I - Principi ed ambito di applicazione Art. 1 - Principi generali. 1. La Regione promuove la qualità dell assistenza

Dettagli

Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici

Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici Alcuni quesiti per chiarire dubbi interpretativi sulla formazione dei lavoratori prevista dal Testo Unico: cosa significa collaborare con gli

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE TITOLO I DISCIPLINA DEL FINANZIAMENTO DEI MOVIMENTI E PARTITI POLITICI. Art. 1 (Abolizione del finanziamento pubblico)

DISEGNO DI LEGGE TITOLO I DISCIPLINA DEL FINANZIAMENTO DEI MOVIMENTI E PARTITI POLITICI. Art. 1 (Abolizione del finanziamento pubblico) DISEGNO DI LEGGE TITOLO I DISCIPLINA DEL FINANZIAMENTO DEI MOVIMENTI E PARTITI POLITICI Art. 1 (Abolizione del finanziamento pubblico) 1. E abolito il finanziamento pubblico dei partiti. 2. I partiti e

Dettagli

Art. 1 Rivisitazione tariffario per le prestazioni ospedaliere e specialistiche ambulatoriali

Art. 1 Rivisitazione tariffario per le prestazioni ospedaliere e specialistiche ambulatoriali LEGGE REGIONALE 7 agosto 2002, n. 29 Approvazione disposizioni normative collegate alla legge finanziaria regionale relative al Settore Sanità. (BUR n. 14 dell 1 agosto 2002, supplemento straordinario

Dettagli