RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA"

Transcript

1 RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA Individuazione delle attività sportive Premessa: Nell ambito del centro sportivo polifunzionale in oggetto trovano sede diverse attività sportive, indipendenti l una dall altra sia a livello distributivo che gestionale: un palazzetto con relativi locali servizi, un impianto natatorio, una zona Fitness, un area wellness per i trattamenti estetici integrata da una zona solarium esterna, una zona ricettivo-distributiva che comprende una zona di ristoro, una segreteria e locali igienici. La zona palazzetto: L area riservata al palazzetto, nello specifico, dispone di un regolamentare campo per l attività del basket e della pallavolo, posto al piano terra. Il campo da gioco, delle dimensioni di mt x mt 15.00, prevede una copertura curva in legno lamellare con una altezza interna massima utile di mt al colmo e di mt 7.00 minima lungo la parete vetrata posta a Ovest. Sono previsti accessi indipendenti e separati per gli atleti e per il pubblico. A completamento del campo da gioco vengono previsti i locali di servizio: un magazzino per gli attrezzi, un infermeria con bagno, locali tecnici, quattro spogliatoi per atleti e due spogliatoi per arbitri, tutti attrezzati per la fruibilità da parte di persone diversamente abili. A completamento della zona Palazzetto vengono realizzate a livello primo tribune per circa 200 spettatori, realizzate in gradoni in cemento armato prefabbricato e attrezzate con uscite di sicurezza e bagni esclusivi. L accessibilità al palazzetto avviene dall esterno tramite percorsi volutamente separati, per il pubblico tramite l ingresso porticato posto a ovest, attraverso la hall centrale di piano terra e lungo la scala esclusiva che porta alle tribune riservate di livello primo; l accesso per gli atleti avviene invece a piano terra, direttamente dal prospetto sud che comunica direttamente con il corridoio d ingresso agli spogliatoi ed ai locali di servizio. La zona natatoria: 1

2 A piano terra viene dislocata anche la zona riservata alle piscine: l area si sviluppa per una superficie coperta di circa mq 1300 e comprende una vasca regolamentare a otto corsie delle dimensioni di mt x avente altezza variabile da mt 1.40 a mt 1.80 e una vasca di mt 6.00 x per bambini con un altezza variabile da mt 0.75 a mt La zona che ospita le vasche prevede una copertura in legno lamellare con un altezza utile di circa mt 7.00 e le chiusure perimetrali costituite da facciate continue in vetro trasparente che offrono un ottimale e continuo inserimento ambientale con il contesto esistente. Esternamente si trova un area esterna attrezzata a verde per il relax estivo. In prossimità delle vasche trovano spazio due spogliatoi per gli istruttori con relativi servizi e docce, un infermeria con bagno, il magazzino e due spogliatoi per il pubblico, con bagni e docce, fruibili anche da persone diversamente abili. L intero impianto natatorio prevede apposite uscite di sicurezza ed ingressi indipendenti per utenti e istruttori. L accesso all area avviene attraverso la hall distributiva di piano terra ed un corridoio che si dirama in due percorsi separati e riservati rispettivamente il primo agli spogliatoi per gli istruttori ed il secondo agli spogliatoi riservati agli utenti delle vasche. La zona fitness: Sempre accessibile dalla hall, al piano terra si colloca la zona Fitness, estesa su una superficie complessiva di circa mq 350 e comprendente una sala di circa mq 220 per attività di pesi e corsi di vario genere, un magazzino e due spogliatoi con relativi bagni, accessibili anche da persone diversamente abili. La fruibilità di tutta l area avviene dalla grande hall di ingresso principale, attraverso un percorso esclusivo riservato agli utenti della palestra. La zona servizi: Principale nodo distributivo e maggiore spazio di fruibilità da parte del pubblico, la zona servizi di piano terra comprende l ingresso da parte del pubblico attraverso la bussola con doppia porta in vetro, un bar con i relativi servizi annessi, una superficie di circa mq 100 destinata alla zona ristoro, una segreteria-reception, i bagni per il personale e quelli per il pubblico. A completamento di questo spazio viene, infine, collocato a livello primo l esclusivo soppalco ristoro/relax a vista sulla grande hall e accessibile da una scala riservata. La zona servizi è il centro direzionale per tutte le attività sportive di piano terra e di piano primo, in quanto dalla medesima partono i percorsi individuali e separati verso la zona piscina, la zona fitness e i servizi del palazzetto (a piano terra), unitamente agli accessi alla zona wellness, tramite 2

3 scala e ascensore esclusivi, e alle tribune del palazzetto attraverso una scala riservata (a piano primo). La zona wellness: Al primo livello del centro polifunzionale viene collocata la zona wellness : accessibile da una scala indipendente e dall ascensore esclusivo si dispone su mq 645 e comprende una hall di ricevimento, cabine per il trattamento del corpo e del viso, una zona per il relax, un bagno turco, una sauna e due spogliatoi attrezzati con docce e bagni e fruibili da persone diversamente abili. L area wellness dispone inoltre di una superficie esterna riservata di oltre mq 100 per il solarium che ospita le vasche per l idromassaggio; la struttura è in parte coperta e in parte a cielo aperto e dispone di un uscita di sicurezza verso il piano inferiore. Il progetto Nel contesto territoriale del comune di Vittuone, nei pressi del Quartiere Leonardo da Vinci e nell ambito del Centro Sportivo Sandro Pertini è prevista la realizzazione di un nuovo Centro Sportivo. L intervento verrà realizzato su terreni messi a disposizione dall Amministrazione Comunale in luogo del campo da calcio in terra battuta attualmente esistente. Il nuovo progetto prevede, secondo l aspettativa dell Amministrazione Comunale, la realizzazione di un centro sportivo polifunzionale attrezzato per lo svolgimento delle seguenti attività: - palazzetto con campo regolamentare da pallavolo e pallacanestro e tribune per circa 200 spettatori - palestra fitness - impianto natatorio coperto dotato di due vasche, una regolamentare da 25 m e una vasca più piccola per l insegnamento ai bambini e per attività come il nuoto per disabili, per neonati, recupero fisico etc. - centro benessere - hall di ingresso comune a tutte le attività, provvista di punto di ristoro - spogliatoi divisi per settore sportivo e per sesso Per quanto riguarda la scala dimensionale il nuovo edificio, si sviluppa su una superficie coperta di mq ed una s.l.p. di mq su due livelli, all interno di un lotto di superficie mq , comprensivo di campo da calcio. La superficie a verde è di mq Il luogo su cui sorgerà il nuovo centro sportivo, ubicato non distante dal centro di Vittuone, è attualmente caratterizzato da insediamenti residenziali di tipo estensivo e da spazi con funzione pubblica. L accessibilità avviene attraverso un asse stradale principale di collegamento tra Magenta e Milano, servito da mezzi pubblici di superficie; per chi raggiunge il lotto con mezzi 3

4 privati è previsto il potenziamento dei parcheggi, già garantiti nell area, attraverso la realizzazione di nuovi posti auto e pullman e la riqualificazione delle aree a verde. Il fabbricato è composto fondamentalmente da due gusci che avvolgono due grandi spazi a doppia altezza, disposti lungo assi paralleli, slittati lungo il piano orizzontale l uno rispetto all altro in modo da seguire la conformazione del lotto su cui incidono. Il collegamento tra i due volumi principali è costituito da un terzo corpo sviluppato su due piani di altezza più modesta, baricentrico, ruotato di 45 rispetto agli altri due, in cui è situato l atrio di ingresso, perno attorno al quale si distribuiscono tutte le diverse attività che si svolgono nel centro. Gli elementi che caratterizzano tipologicamente l edificio sono prevalentemente di tipo strutturale: i gusci in legno strutturale a costituire le coperture dei volumi principali e le facciate vetrate continue, che coprono gran parte della superficie perimetrale del complesso. La copertura del palazzetto sarà realizzata mediante pannelli sandwich in legno, sorretti da una struttura a travi reticolari in legno lamellare che sbalza sui due lati lunghi, da una parte a chiudersi nel portico di ingresso al centro sportivo e dall altra a costituire una pensilina di copertura delle nuove tribune del campo da calcio. La copertura della piscina sarà anch essa realizzata mediante pannelli sandwich in legno, sorretti da una struttura a travi piene in legno lamellare sagomate a formare un guscio, bloccato da una cerniera sul lato ovest e aperto sul lato est. L intradosso delle coperture è in legno a vista così come a vista sono gli impianti tecnologici distribuiti prevalentemente a soffitto. Le superfici vetrate perimetrali sono realizzate mediante specchiature di dimensioni il più possibile omogenee su tutti i fronti e garantiscono caratteristiche prestazionali elevate, come richiesto dalla normativa vigente in termini di risparmio energetico. I tamponamenti ciechi sono realizzati nelle fasce basse, in cui è richiesta maggiore rigidezza, in prismi a vista, nella fasce più alte o nelle parti non a vista, mediante sistemi a secco o pannelli prefabbricati in CLS. Il manto di copertura sarà realizzato in alluminio naturale ed andrà a caratterizzare la pianta di copertura, che nel caso di un involucro a guscio, costituisce un prospetto orizzontale, visibile dagli edifici adiacenti. I corpi accessori come scale di sicurezza e/o volumi tecnici si sono uniformati dal punto di vista architettonico mediante l utilizzo di schermature semitrasparenti a reticoli lamelle in legno e/o in lastre in lamiera microforate. La progettazione di un opera pubblica è occasione di sperimentazione dell utilizzo di fonti di energia alternative: è così che le scelte impiantistiche sono volutamente esplicitate e talvolta costituiscono elemento tipologico, funzionale e decorativo come nel caso del sistema a pannelli fotovoltaici integrati nel vetro della facciata principale del palazzetto o la distribuzione dei pannelli solari su buona parte della copertura della piscina, a sostituzione del manto in alluminio, chiaramente individuabili dagli edifici adiacenti al centro sportivo. 4

5 L orientamento del lotto è di tipo Nord/Sud. Fatta eccezione per i mezzi di soccorso, l ingresso alle attività sportive, di tipo esclusivamente pedonale, avviene dal lato sud, su cui si attesta la facciata principale dell edificio, attraverso un vialetto inserito nel verde pavimentato in autobloccanti. Qui si verifica la prima diversificazione delle funzioni: l accesso all area calcio è immediato e frontale, mentre per le altre attività il percorso, guidato da adeguata segnaletica, piega verso ovest e segue il perimetro dell edificio passando prima sotto una pensilina e poi sotto un porticato e consente all utente, attraverso la trasparenza della parete perimetrale dell edificio, la vista delle attività svolte all interno del palazzetto. L ingresso all interno del centro avviene attraverso un percorso obliquo, marcato dal rilassamento del soffitto lungo l asse di entrata, rispetto agli ambienti a doppia altezza adiacenti, in un ambiente accogliente e spazioso in cui è situata l area ricevimento, dotata di spazi pubblici e spazi a servizio del personale. Dalla Hall di ingresso, per un raggio di 180, sono individuabili i percorsi di distribuzione alle diverse attività che si svolgono nel centro. Immediatamente adiacente alla hall e senza separazione fisica da essa, sul lato ovest, si trova uno spazio a doppia altezza, in parte soppalcato, destinato alla sosta e/o ristoro dotato di posti a sedere e di un piccolo bar; tale luogo confina mediante una parete vetrata a doppia altezza con il piano vasche e può essere sfruttato, ad esempio, come luogo di attesa e/o assistenza per i genitori che portano i figli ai corsi di nuoto. Allineato con l asse di ingresso, è situato l accesso all area piscine. Dal corridoio che raggiunge prima l area spogliatoi-istruttori, poi quella spogliatoi-visitatori, attraverso una parete vetrata, l utente ha uno scorcio sul locale adibito a palestra fitness, a sottolineare la polifunzionalità del centro. Gli spogliatoi - organizzati in modo da mantenere distinta la zona asciutta da quella bagnata - sono distinti per sesso, sono tutti costituiti da un locale spogliatoio vero e proprio attrezzato con armadietti, panche ed eventualmente - cabine a rotazione, sono dotati di un adeguato numero di servizi igienici e docce e dimensionati in modo da essere utilizzabili da parte di portatori di handicap. L ingresso al piano vasche avviene attraverso una vaschetta lavapiedi; un percorso alternativo a raso è comunque garantito per l accessibilità di persone diversamente abili. Il piano vasche è uno spazio ampio e luminoso, quasi completamente vetrato su tutti quattro i lati. Tale ambiente contenente le due vasche una da 25,00x16,50m a 8 corsie, regolamentare e una da 16,50x8,00m - sviluppate lungo l asse longitudinale del corpo di fabbrica, nei mesi estivi, si prolunga idealmente verso nord, grazie all abbattimento della facciata vetrata realizzata mediante portoni scorrevoli ad impacchettamento, in una area esterna adibita a solarium. Il lato sud confina invece visivamente con l ambiente ristoro. 5

6 L impianto natatorio è dotato di un locale magazzino e di infermeria direttamente collegati al piano vasche. Tutte le tecnologie necessarie alla gestione dell impianto natatorio sono dislocate in un vano tecnico interrato, realizzato in aderenza rispetto allo scavo fatto per la vasca regolamentare. Il riscaldamento dell acqua delle vasche verrà garantito sfruttando energie alternative quali la geotermia, eventualmente integrata attraverso il solare termico. Sul lato est (a destra) rispetto all asse di ingresso sono raggiungibili le altre tre attività che si svolgono nel centro: il palazzetto, l area fitness e l area benessere. Un primo corridoio porta all area spogliatoi atleti /arbitri palazzetto e al campo da gioco. Il campo da gioco, di dimensioni regolamentari per il gioco della pallavolo e della pallacanestro e pavimentato in legno multistrato tipo Compact Top, riscaldato da pannelli radianti a pavimento alimentati mediante energia geotermica, è orientato lungo l asse nord/sud del complesso. Due lati del campo sono delimitati da pareti perimetrali. La parete sud del campo è costituito da una facciata continua di elevate dimensioni, completamente trasparente in una fascia bassa, di altezza ca. tre metri, schermata dai raggi solari attraverso la già nominata pensilina di accesso al centro stesso, e semitrasparente nella parte alta, in cui si è previsto l utilizzo del sistema a pannelli fotovoltaici integrati nel vetro, pannelli che in questo caso fungono anche da frangisole. La parete ovest del campo nella parte alta è cieca, mentre la fascia bassa è anch essa costituita da una facciata continua trasparente, che garantisce permeabilità visiva tra il campo sportivo in cui si svolge l attività e l area esterna. I raggi solari sono schermati da elementi frangisole integrati nel sistema copertura del palazzetto, che sul lato ovest crea il già descritto portico sul percorso di accesso al centro sportivo. Illuminazione naturale diretta, particolarmente gradevole durante lo svolgimento dell attività è garantita dal lunotto vetrato presente nella fascia alta della parete nord del campo, parete che costituisce il giunto tra i due gusci che caratterizzano il complesso immobiliare. Tutti gli spogliatoi e i locali a servizio dell attività quali magazzino ed infermeria sono attestati su un corridoio disposto parallelamente al campo stesso. Sono previsti 4 corpi spogliatoi/servizi atleti e 2 corpi spogliatoi/servizi per gli arbitri, così da consentire lo svolgimento di tornei che prevedano la contemporaneità di 4 squadre. In caso di manifestazione sportiva, nella facciata sud, è garantito un ingresso esclusivo per gli atleti direttamente dall esterno; tale accesso costituisce contemporaneamente la via d esodo dall area atleti in caso di pericolo. Sulla facciata sud si attesta anche il locale magazzino a servizio del palazzetto e nelle immediate vicinanze dell uscita di sicurezza è collocato il locale infermeria, velocemente raggiungibile dai mezzi di soccorso. 6

7 Lo spazio che si crea tra il soffitto dei locali spogliatoio e le tribune soprastanti viene sfruttato per la collocazione di un vano tecnico in cui sono dislocati gli impianti di trattamento aria. Sempre partendo dalla hall di ingresso del centro sportivo, la tribuna spettatori del palazzetto è accessibile attraverso una scala adiacente al corridoio di ingresso atleti. Il percorso del pubblico alle tribune prosegue attraverso un piccolo atrio al piano superiore in cui una vetrata monolitica a tutta altezza garantisce un primo affaccio sul campo. I gradoni in CLS prefabbricato si sviluppano sul lato est del campo e sono arredati mediante seggiolini in PVC per un numero di ca. 200 spettatori. La scala di accesso costituisce anche una via d esodo dal palazzetto in caso di pericolo; un altra via d esodo è localizzata sul fronte sud, collegata ad una scala di sicurezza esterna. L area destinata all attività di palestra basket/pallavolo è completamente compartimentata rispetto alle altre attività del centro mediante pareti e porte REI120. Sul lato est dell atrio di ingresso è dislocato inoltre l accesso all area fitness, che consta di una palestra, dedicata ad attività quali per es. ginnastica, attrezzistica, recupero disabili etc dotata anch essa di spogliatoi con servizi igienici e docce esclusivi e magazzino per il ricovero di materiali e attrezzi. La palestra, ambiente destinato all attività sportiva di dimensioni più modeste in termini di superficie e di altezza rispetto agli altri, ha un orientamento est-ovest. Su entrambi questi lati presenta una parete trasparente: a ovest una vetrata interna confina, come già detto, con l area di accesso alla piscina, a est una vetrata esterna affaccia sull adiacente campo da calcio e, attraverso una porta, garantisce una (seconda) via d esodo in caso di pericolo. La pavimentazione è, come nella palestra basket, in legno multistrato e il riscaldamento è a pannelli radianti a pavimento, alimentati mediante energia geotermica. Parallelamente al corridoio di accesso all area fitness, accanto alla zona ricevimento, una scala e una ascensore garantiscono il collegamento al centro benessere ubicato al piano superiore. Qui si trova una seconda area ricevimento posta esattamente sopra e orientata lungo il medesimo asse dell atrio di ingresso sottostante, ma ruotata di 180 rispetto ad esso, baricentrica in relazione alle attività che gestisce. Tali attività sono: - zona wellness, dotata di spogliatoi esclusivi, servizi igienici e docce, che offre: sauna finlandese, bagno di vapore, docce per il raffrescamento, area relax interna e terrazza esterna, in parte coperta, in parte scoperta, in cui sono collocate tre vasche idromassaggio; - zona da completare e migliorare a discrezione del futuro gestore -concessionario. Sono altresì previsti servizi igienici e locali accessori e di servizio. 7

8 Il centro benessere, sviluppato completamente al piano superiore e quindi fisicamente distinto dal resto del complesso, dialoga con gli ambienti circostanti mediante un contatto visivo che è garantito in maniera reciproca grazie a vetrate che, dalla zona ricevimento attesa, si affacciano rispettivamente a ovest sull area ristoro, a nord sul piano vasche e a sud sulla zona di ingresso sottostante. Come già accennato nella presentazione del progetto, la realizzazione di un nuovo centro polifunzionale nelle vicinanze del centro sportivo Sandro Pertini è occasione per la riqualificazione del campo da calcio esistente, per il quale è previsto il rifacimento del manto erboso, che sarà realizzato in erba sintetica, e la formazione di una tribuna per il pubblico e di adeguati ambienti funzionali all esercizio di tale attività sportiva. La scelta progettuale prevede che il corpo di fabbrica contenente questi servizi annessi al campo da calcio esistente, venga integrato al nuovo complesso sportivo ma che sia altresì garantita, come prescritto dalla Commissione Provinciale di Vigilanza, la completa indipendenza delle attività, attraverso una separazione fisica degli ambienti e dei percorsi di accesso. L accessibilità ad un pubblico diversamente abile è garantita al piano del campo, in un area esclusiva opportunamente recintata. Una soluzione analoga per la dislocazione degli spettatori diversamente abili, si presenta anche all interno del palazzetto, nel campo da basket/pallavolo. Le tribune spettatori sono realizzate mediante gradoni prefabbricati in CLS con finitura superficiale in resina; un parapetto di protezione sarà realizzato in vetro, in modo da non ostacolare la visibilità verso il campo. Anche in questo caso sono previsti 4 blocchi spogliatoio per gli atleti e due per gli arbitri, tutti dotati di servizi igienici e docce, in modo da consentire lo svolgimento di manifestazioni che prevedano la contemporaneità di 4 squadre. Per una maggiore praticità gestionale e semplicità progettuale si è scelto di concentrare il più possibile i locali tecnologici (eccettuati quelli, già citati, destinati al trattamento dell acqua delle piscine, dislocati al piano interrato) in un volume compatto a loro destinato posto in copertura, visivamente non immediatamente individuabile, poiché assolutamente omogeneo rispetto al prospetto (est) su cui si attesta. In posizione relativamente baricentrica rispetto alle diverse attività, collocate al primo livello, centrale termica, centrale solare e macchina frigorifera, servono tutto il centro, mentre al secondo livello, in un unico vano tecnico, è concentrata gran parte delle macchine di unità trattamento aria, da cui parte una rete di canali di ventilazione che si sviluppa orizzontalmente sulla superficie di copertura dell area benessere. Come gia accennato il progetto impiantistico prevede un massiccio utilizzo di tecnologie moderne che si servono di energie alternative: già nell avvicinamento al lotto è subito individuabile la schermatura di una grande porzione della facciata principale mediante un sistema di pannelli fotovoltaici integrati nel vetro, finalizzata a garantire l approvvigionamento di energia elettrica. 8

9 Sulla superficie di copertura della piscina è prevista la posa di ca. 200mq. di pannelli solari, opportunamente orientati verso sud in modo da massimizzarne l efficienza, funzionali al riscaldamento dell acqua calda sanitaria. Nell area esterna, a nord del corpo di fabbrica, la superficie a prato destinata a solarium durante i mesi estivi è distribuito l impianto geotermico, che alimenta i pannelli radianti a pavimento, funzionali al riscaldamento delle due palestre e dell acqua delle due piscine. La realizzazione del nuovo centro sportivo polifunzionale oltre ad offrire alla cittadinanza del Comune di Vittuone una serie di nuove attività, ne apre la frequentazione anche ad un bacino di utenza di più ampio raggio; diventa dunque occasione di sviluppo alle società sportive già attive nel Comune e stimolo per la costituzione di nuove società e per maggiore interscambio e competitività sul territorio provinciale e regionale. Nel dettaglio gli interventi oggetto della presente pratica edilizia vengono ora descritti suddivisi per aree funzionali. Piano Terra Zona ingresso L ingresso, posto a ovest, si trova in posizione baricentrica rispetto al lato in cui è ubicato ed è diviso dall esterno dell edificio da una bussola vetrata composta da profilati d alluminio con vetrocamera, in cui è inserita una doppia porta scorrevole automatica. L ingresso è raggiungibile tramite un marciapiede coperto da un portico con struttura in legno lamellare, assito in legno e manto di copertura in lamiera, con andamento ondulato, che continua il suo sviluppo sopra l edificio, in direzione della palestra principale, a formare un movimento sinuoso. Nella hall d ingresso, con pavimenti in gres porcellanato, parte con controsoffitto in lastre di cartongesso e per la restante parte a doppia altezza con orditura in legno lamellare a vista, trovano ubicazione la biglietteria, nella zona retrostante della quale è ricavato un locale ad uso segreteria; quest ultimo avrà pavimenti sempre in gres porcellanato, pareti vetrate fino al controsoffitto, pareti in cartongesso, controsoffitto in lastre di cartongesso. In fianco alla segreteria si trova un blocco bagni, riservato al personale, dotato di antibagno/spogliatoio, con un wc donne/disabili e un wc uomini, con le seguenti caratteristiche di finitura: I pavimenti saranno in ceramica monocottura. Le pareti saranno rivestite con lastra di cartongesso idrorepellente e piastrelle in ceramica monocottura. 9

10 Le porte interne saranno in alluminio. Il controsoffitto sarà in pannelli smontabili di fibra minerale. Il servizio sarà dotato di lavabo sospeso con rubinetteria monoforo con comando a fotocellula, specchio per lavabo, vaso sospeso con scarico comandato da pedale.. Bar A sinistra della hall di ingresso trova ubicazione una zona destinata a bar, essa sarà pavimentata con gres porcellanato, con controsoffitto in pannelli smontabili in fibra minerale. Dal bar si raggiungono un locale retro destinato a cucina/lavaggio e un servizio con antibagno con le seguenti caratteristiche di finitura: Pareti in laminato o rivestite con lastre di cartongesso idrorepellente e piastrelle in ceramica monocottura. Porte interne in alluminio o in laminato. Controsoffitto in pannelli sormontabili di fibra minerale. Il servizio sarà dotato di lavabo sospesi con rubinetteria monoforo con comando a Direttamente dalla hall d ingresso, frontalmente al bar, si trovano i servizi riservati al pubblico, dotati di antibagno e due bagni: uno per donne/disabili ed uno per uomini, con le seguenti caratteristiche: Pareti in laminato o rivestite con lastre di cartongesso idrorepellente e piastrelle in ceramica monocottura. Porte interne in alluminio o in laminato. Il servizio sarà dotato di lavabo sospeso con rubinetteria monoforo con comando a Impianto natatorio A fianco della biglietteria, tramite un corridoio, si accede alla zona che riguarda l impianto natatorio. Dal corridoio si accede sia all ingresso diretto all area piscine, che all ingresso ai due spogliatoi istruttore, uno di fronte all altro, accessibili per disabili con le seguenti caratteristiche di finitura: Pareti in laminato o rivestite con lastre di cartongesso idrorepellente e piastrelle in ceramica monocottura. 10

11 Porte interne in alluminio o in laminato. Il servizio sarà dotato di lavabo sospeso con rubinetteria monoforo con comando a Proseguendo per il corridoio si accede, tramite il percorso asciutto, ai due spogliatoi per la piscina. Ogni spogliatoio è dotato di locale docce, zona lavabi/antibagno, wc per disabili e non. L ingresso diretto alla zona piscine avviene sia a raso, per il percorso disabili, che attraverso le vaschette lavapiedi. Gli spogliatoi e gli altri locali appena descritti hanno le seguenti caratteristiche: Pareti in laminato o rivestite con lastre di cartongesso idrorepellente e piastrelle in ceramica monocottura. Porte interne in alluminio o in laminato. Il servizio sarà dotato di lavabo sospeso con rubinetteria monoforo con comando a A fianco dei percorsi dagli spogliatoi verso la zona piscine, è accessibile il magazzino, pavimentato con ceramica monocottura antisdrucciolevole e con pareti tinteggiate con idropittura acrilica lavabile. In fianco all uscita degli spogliatoi, accessibili direttamente dall area piscine, si trova l infermeria con le seguenti caratteristiche: Pavimenti in ceramica monocottura. Il locale infermeria è dotato di un wc per disabili con le seguenti caratteristiche di finitura: Pareti rivestite con lastre di cartongesso idrorepellente e piastrelle in ceramica monocottura. Porta interna in alluminio. Il servizio sarà dotato di lavabo sospeso con rubinetteria monoforo con comando a Apparecchi sanitari per i bagni disabili con relativi accessori a norma di legge. La zona vasche è racchiusa da facciate continue su tutti i lati esterni; al suo interno si trovano due vasche: una con dimensioni regolamentari da 25 m, con profondità variabile da 1,40 m a 1,80 m, e una più piccola di dimensioni 16,50 m x 6,00 m, con profondità che varia da 0,75 a 1,00 m. 11

12 Tutta l area piscine è sormontata da una struttura con travi in legno lamellare, coperte un pacchetto in legno coibentato con doppio assito in legno e un manto di copertura in lamiera/guaina ardesiata. Le pareti non in vetro che circondano il locale sono rivestite con lastre di cartongesso idrorepellente e in piastrelle in ceramica monocottura. Le pavimentazioni sono in ceramica monocottura antisdrucciolevole. Palestra fitness a fianco della biglietteria, mediante un corridoio che affianca l ascensore e la scala verso la zona centro benessere al piano primo, si accede ad un locale destinato a palestra fitness con le seguenti caratteristiche di finitura: Pavimenti in legno tipo Compact Top composto da piano pavimentazione formato da assi in multistrato posate in senso perpendicolare alla larghezza dell ambiente, materassino fonoassorbente, pannello in legno sp. 22 mm, strato finale in legno nobile completo di lamatura e lucidatura. Parete a est integrata nella facciata principale dell edificio, in facciata continua; parete vetrata ad ovest; pareti a nord ed sud tinteggiate con idropittura acrilica lavabile; controsoffitti in lastre di cartongesso. Confinano a sud con la palestra fitness, i due spogliatoi ad essa annessi, questi hanno le seguenti caratteristiche: Ogni spogliatoio è dotato di un gruppo servizi composto da un antibagno con lavabi, due wc, uno per disabili ed uno non, ed un locale docce, con le seguenti caratteristiche di finitura: Pareti in laminato o rivestite con lastre di cartongesso idrorepellente e piastrelle in ceramica monocottura. Porte interne in alluminio o in laminato. Il servizio sarà dotato di lavabi sospesi con rubinetteria monoforo con comando a La palestra fitness è dotata anche di un magazzino con pavimenti in monocottura, pareti tinteggiate con idropittura acrilica lavabile e controsoffitto in lastre di cartongesso. Palestra principale E l ambiente principale dell edificio. 12

13 Situato nell angolo sud ovest del fabbricato, ha forma rettangolare, altezza minima interna di 7,00 m con soffitto con orditura di travi in legno lamellare dalla forma curva, coperte da un assito in legno e un manto di copertura in lamiera. La palestra è raggiungibile dagli spettatori disabili direttamente dalla hall attraverso un corridoio a piano terra. Sempre al piano terra è disponibile un wc con antibagno per il pubblico disabile con le seguenti caratteristiche: Pareti rivestite con lastre di cartongesso idrorepellente e piastrelle in ceramica monocottura. Porte interne in alluminio. Il servizio sarà dotato di lavabo sospeso con rubinetteria monoforo con comando a Apparecchi sanitari per i bagni disabili con relativi accessori a norma di legge. La palestra avrà le seguenti caratteristiche di finitura: Pavimenti in legno tipo Compact Top composto da piano pavimentazione formato da assi in multistrato posate in senso perpendicolare alla larghezza dell ambiente, materassino fonoassorbente, pannello in legno sp. 22 mm., strato finale in legno nobile completo di lamatura e lucidatura. Soffitto con orditura di travi in legno lamellare dalla forma curva, coperte da un pacchetto in legno coibentato con doppio assito e un manto di copertura in lamiera. Pareti tinteggiate con idropittura acrilica lavabile verso il lato interno. Facciate continue sul lato sud e sul lato ovest, con celle fotovoltaiche integrate nel vetro della facciata sud. Segnaletica regolamentare a terra per pallacanestro e pallavolo. Impianto pallacanestro oleodinamico completo di due tralicci, due tabelloni in cristallo stratificato sp. 8+8 mm., due protezioni sottotabellone, due telai portatabellone, due canestri reclinabili omologati, due retine, zavorra. Impianto di pallavolo trasportabile, completo di montanti in profilato di alluminio, organetto epr aggancio e tensione rete, tiranti rigidi posteriori collegati alla base, imbottiture dei montanti, rete ufficializzata FIPAV extra pesante. Impianto elettronico segnapunti per vari sport completo di segnapunti, cronometro, segnale acustico, consolle da tavolo, display, dispositivo salvatati. La zona destinata agli spogliatoi/servizi igienici riservati agli atleti ed agli arbitri, nonché al locale infermeria, è raggiungibile da quattro diversi accessi. Il principale, provenendo dall esterno dell edificio, è ubicato sul lato sud, protetto dalla pensilina. 13

14 Gli altri due accessi mettono rispettivamente in comunicazione tale zona funzionale con la palestra principale attraverso un corridoio, così da consentire un percorso diretto e protetto agli atleti ed arbitri senza commistioni con gli spazi dedicati al pubblico. L ultimo accesso collega il corridoio degli spogliatoi con la hall. Sono previsti 4 corpi spogliatoi/servizi atleti, tutti fruibili da persone disabili, così da consentire lo svolgimento di tornei che prevedano la contemporaneità di 4 squadre, e 2 corpi spogliatoi/servizi per gli arbitri, uno fruibile per disabili ed uno no, tutti dotati di camini di aerazione diretta dall esterno. Ogni corpo servizi/spogliatoi atleti e arbitri è composto da un ambiente spogliatoio e da una zona docce e servizi igienici con le seguenti caratteristiche di finitura: - Spogliatoio: Controsoffitti in pannelli smontabili di fibra minerale Porte interne in alluminio o in laminato. - Servizi igienici e docce: Pareti in laminato o rivestite con lastre di cartongesso idrorepellente e piastrelle in ceramica monocottura. Porte interne in alluminio. Il servizio sarà dotato di lavabi sospesi con rubinetteria monoforo con comando a Apparecchi sanitari per i bagni disabili con relativi accessori a norma di legge. In tale zona funzionale trova ubicazione anche il locale infermeria e di primo soccorso per gli atleti eventualmente infortunati, dotato di apposito servizio igienico per disabili. Il locale infermeria prevede le seguenti caratteristiche di finitura: Controsoffitti in pannelli smontabili di fibra minerale. Porta interne in alluminio. Il servizio igienico avrà invece le seguenti caratteristiche: Pareti rivestite con lastre di cartongesso idrorepellente e piastrelle in ceramica monocottura. Porta interna in alluminio. Il servizio sarà dotato di lavabo sospeso con rubinetteria monoforo con comando a 14

15 Apparecchi sanitari per i bagni disabili con relativi accessori a norma di legge. La palestra è dotata di un locale adibito a magazzino, posto sotto le tribune e accessibile sia dall esterno che dal corridoio che divide la palestra con i propri spogliatoi; esso è destinato al ricovero delle attrezzature sportive della palestra principale ed avrà le seguenti caratteristiche di finitura: Pavimenti in calcestruzzo lisciato. Pareti tinteggiate con idropittura acrilica lavabile. Locali materiale pulizie Sono gli ambienti destinati al ricovero delle attrezzature e dei materiali di pulizia e sono dislocati in due zona all interno della struttura. Pavimenti in ceramica monocottura. Controsoffitto in pannelli sormontabili di fibra minerale. Locali tecnici Ci sono tre locali tecnici adeguatamente posizionati all interno dell edificio con diverse caratteristiche di finitura diverse a seconda delle loro funzioni specifiche. Piano Primo Il piano primo è suddiviso in quattro zone ben distinte e raggiungibili ciascuna in maniera autonoma, senza la commistione delle varie attività: - Centro benessere, accessibile anche da persone disabili dall ascensore e dalla scala nei pressi della biglietteria al piano terra. - Tribuna palestra principale, accessibile tramite una scala che parte dalla hall d ingresso e da una scala esterna, di sicurezza, sul lato sud. - Tribuna calcio, accessibile tramite due scale esterne, una sul lato sud e una, di sicurezza, sul lato nord. - Zona locali tecnici, posta nell angolo nord est dell edificio, accessibile tramite una scala esterna sul lato nord. Centro benessere Il centro benessere è lasciato al rustico con la realizzazione delle sole strutture e dei tamponamenti esterni senza alcuna finitura interna, ad eccezione delle predisposizioni impiantistiche e dei seguenti locali che, invece, sono completi di finiture interne: - locale lavanderia, con pavimento in ceramica monocottura antisdrucciolevole, con controsoffitti in pannelli smontabili di fibra minerale, e ad un corridoio per la zona servizi/spogliatoio riservati al centro benessere. 15

16 - due spogliatoi con le seguenti caratteristiche: Controsoffitti in pannelli smontabili di fibra minerale. - servizi e locali docce degli spogliatoi con le seguenti caratteristiche di finitura: Pareti in laminato o rivestite con lastre di cartongesso idrorepellente e piastrelle in ceramica monocottura. Porte interne in laminato. I servizi saranno dotati di lavabi sospesi con rubinetteria monoforo con comando a - Tre servizi divisi in uomini, donne e disabili con le medesime caratteristiche dei servizi degli spogliatoi. - Una sauna finlandese ed un bagno turco. - area docce caratterizzata da pareti rivestite con lastre di cartongesso idrorepellente e piastrelle in ceramica monocottura, da pavimenti in ceramica monocottura antisdrucciolevole e controsoffitti in pannelli sormontabili di fibra minerale. - zona relax che si affaccia direttamente sulla hall e sulla terrazza praticabile. Le pareti di questo locale sono prevalentemente vetrate con pavimento in cemento resinato colorato e con controsoffitto in lastre di cartongesso. - zona solarium esterna al fabbricato, con la costruzione di una struttura a gradini in legno per accedere alla tre vasche/mini-spa. Soppalco spazi ricettivi Questa zona sovrasta parte della hall al piano terra ed è caratterizzata da pavimento in legno multistrato levigato e soffitto in travi di legno lamellare; la parete ovest è tinteggiata con idropittura acrilica lavabile, mentre sul lato nord, per un affaccio sulla zone piscine, si trova una facciata continua. A sud ci si può affacciare sulla hall, protetti da un parapetto in vetro e acciaio. Tribuna palestra principale Dalla scala di accesso, si arriva ad una hall/disimpegno con una parete vetrata a sud che permette di affacciarsi alla palestra principale; il pavimento è in cemento resinato colorato, il controsoffitto è in lastre di cartongesso. A sud della hall, prima di passare sulla scala che porta alla tribuna, si affiancano i servizi per il pubblico costituiti da due antibagni con lavabi e due wc, dalle seguenti caratteristiche: 16

17 Pareti in laminato o rivestite con lastre di cartongesso idrorepellente e piastrelle in ceramica monocottura. Porte interne in alluminio o in laminato. Il servizio sarà dotato di lavabi sospesi con rubinetteria monoforo con comando a La tribuna della palestra principale conterrà circa 200 posti a sedere, divisi su quattro gradoni intervallati da tre scale, è caratterizzata da un pavimento in calcestruzzo verniciato con pareti tinteggiate con idropittura acrilica lavabile. Il soffitto della tribuna è la prosecuzione dell orditura in travi lamellari della palestra sottostante. Locali tecnici Ci sono tre locali tecnici, due al chiuso, con pavimento in calcestruzzo lisciato, e uno a cielo aperto, con pavimento in calcestruzzo scopato. In fianco alle porte dei due locali tecnici chiusi parte una scala che porta ad un altro locale tecnico al piano secondo con le medesime caratteristiche di quelli al piano primo. Piano Interrato Si raggiunge un piano interrato, sottostante la sala vasche, tramite un camminamento posto ad ovest del fabbricato. Esso è composto da quattro locali tecnici, pavimentati in calcestruzzo, e da due vasche di compenso per le piscine. Per alcuni locali tecnici è prevista un aerazione naturale tramite griglie. Il Tecnico Ing. Ezio Rosa 17

Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo

Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo Le opere oggetto del presente incarico saranno realizzate in tre distinti interventi funzionali nel capoluogo con la possibilità

Dettagli

Gli elementi principali che hanno guidato la progettazione sono i seguenti:

Gli elementi principali che hanno guidato la progettazione sono i seguenti: L INTERVENTO Le prime analisi di fattibilità hanno consigliato un radicale rifacimento dell impianto sportivo, considerando che l eventuale modesta incidenza della demolizione (in quanto riguarda per la

Dettagli

AREE AD INTERVENTO GARE NAZIONALI

AREE AD INTERVENTO GARE NAZIONALI Allegato F Gara tipo B Monza, agosto 2014 Gare Nazionali di medio livello AREE AD INTERVENTO GARE NAZIONALI ELENCO ZONE DI INTERVENTO gara tipo B 1. TRIBUNA D ONORE 2. CENTRO MEDICO 3. TENDA VERIFICHE

Dettagli

NUOVA PISCINA OLIMPICA COPERTA

NUOVA PISCINA OLIMPICA COPERTA Comune di Piacenza UNITÀ DI PROGETTO GRANDI PROGETTI NUOVA PISCINA OLIMPICA COPERTA RELAZIONE DESCRITTIVA Piacenza, luglio 2010 IL RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO (arch. Taziano Giannessi) Unità di

Dettagli

Temi di progetto, aspetti architettonici e dettagli.

Temi di progetto, aspetti architettonici e dettagli. Temi di progetto, aspetti architettonici e dettagli. CARATTERISTICHE MORFOLOGICHE L inserimento ambientale del progetto tiene conto degli aspetti dell intera area e degli edifici di futura nuova realizzazione

Dettagli

PORTO DI MOLFETTA - COMPLETAMENTO OPERE FORANEE E COSTRUZIONE PORTO COMMERCIALE PROGETTO ESECUTIVO INDICE

PORTO DI MOLFETTA - COMPLETAMENTO OPERE FORANEE E COSTRUZIONE PORTO COMMERCIALE PROGETTO ESECUTIVO INDICE INDICE REGIONE PUGLIA - PROVINCIA DI BARI 1 PREMESSA...2 2 OPERE A PROGETTO...2 2.1 A: CENTRO SERVIZI E I MAGAZZINI...2 2.2 B: GUARDIANIA...14 2.3 C: LOCALI TECNOLOGICI...15 2.4 D: CABINA ENEL...16 Pag.1/17

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UN LOCALE DI BAR-RISTORO Via Monte Generoso n. 71 - VARESE PROGETTO DEFINITIVO

REALIZZAZIONE DI UN LOCALE DI BAR-RISTORO Via Monte Generoso n. 71 - VARESE PROGETTO DEFINITIVO UFFICIO SPECIALE PER L EDILIZIA COMUNE DI VARESE UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA VARESE COMO REALIZZAZIONE DI UN LOCALE DI BAR-RISTORO Via Monte Generoso n. 71 - VARESE PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE

Dettagli

2. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI PROPEDEUTICI ALLA REALIZZAZIONE DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO... 4

2. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI PROPEDEUTICI ALLA REALIZZAZIONE DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO... 4 SOMMARIO 1. PREMESSA... 2 2. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI PROPEDEUTICI ALLA REALIZZAZIONE DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO... 4 3. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DELL AREA PARCHEGGI PER LA POSA

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO

PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO COMUNE DI BOLZANO Progetto: PROGETTO PER LAVORI DI ADEGUAMENTO FUNZIONALE, ANTINCENDIO E DI SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE DELLA SCUOLA ELEMENTARE RODARI IN VIA

Dettagli

1) Premessa. 2) Obbiettivi prefissati

1) Premessa. 2) Obbiettivi prefissati 1) Premessa L edificio oggetto del presente progetto e la Scuola Elementare di proprieta Comunale denominata Martiri della Liberta, ubicata in via G. del Carretto a Casale M.to. Per l anno scolastico in

Dettagli

SANTA MARIA MAGGIORE (VB)

SANTA MARIA MAGGIORE (VB) SANTA MARIA MAGGIORE (VB) Piano terra Piano primo Portone condominiale Accesso privato piano terra Piano attico Cantine Cantine Superficie Prezzo 1 2,35 10.000,00 2 3,23 10.000,00 3 3,35 10.000,00

Dettagli

RILIEVO DI MASSIMA DEGLI IMMOBILI

RILIEVO DI MASSIMA DEGLI IMMOBILI COMUNE DI CISLIANO Provincia di Milano OGGETTO: Ampliamento scuola primaria di Cisliano - CUP J81E15001290004 PROGETTO PRELIMINARE PER APPALTO INTEGRATO COMPLESSO ai sensi dell art. 53 comma 2 lett. C)

Dettagli

CAPRIATE SAN GERVASIO

CAPRIATE SAN GERVASIO CAPRIATE SAN GERVASIO VIA BERGAMO 106 Tecno TECNOGRAS S.r.l. Sede legale e Uffici: Via A. Grandi, 5 20056 Trezzo sull Adda (MI) Tel. 02/90.96.41.41 DESCRIZIONE INSEDIAMENTO LOCALIZZAZIONE L'immobile è

Dettagli

AGORA' 6 Completamento e riqualificazione del comparto orientale del Centro Direzionale di Napoli Nell area orientale della città di Napoli è partita una grande iniziativa di sviluppo. Con la firma della

Dettagli

REALIZZAZIONE NUOVO FABBRICATO BIFAMILIARE. ALLEGATO 1 Relazione tecnica

REALIZZAZIONE NUOVO FABBRICATO BIFAMILIARE. ALLEGATO 1 Relazione tecnica Cosio Valtellino, 05.06.2008 REALIZZAZIONE NUOVO FABBRICATO BIFAMILIARE ALLEGATO 1 Relazione tecnica COMMITTENTI: Sigg DEL NERO DAVIDE DEL NERO LAURA PROGETTO: geom. RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA *************

Dettagli

PREZZI, COSTI e DATI

PREZZI, COSTI e DATI Edificio Universitario 31-03-2008 14:24 Pagina 52 PREZZI, COSTI e DATI PER COSTRUIRE Edilizia pubblica: tipologie edilizie e costi Edificio universitario da 30 aule Quanto costa costruire un edificio universitario

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. A fronte delle esigenze e delle criticità riscontrate la soluzione progettuale adottata consente di ricavare:

RELAZIONE TECNICA. A fronte delle esigenze e delle criticità riscontrate la soluzione progettuale adottata consente di ricavare: Pagina 2 RELAZIONE TECNICA PREMESSA L intervento è ubicato in alcune zone distinte del piano seminterrato del fabbricato Istituti Biologici del complesso di via Volturno. Con la necessità di portare in

Dettagli

Piano Particolareggiato dell area di Largo Ascoli Piceno

Piano Particolareggiato dell area di Largo Ascoli Piceno Comune di Pesaro Piano Particolareggiato dell area di Largo Ascoli Piceno RELAZIONE TECNICA Inquadramento urbanistico L intervento rientra nel Comparto Attuativo B/C del Piano Particolareggiato in oggetto

Dettagli

ARCH BUERO KALTENEGGER. Uffici. Grosswilfersdorf (A)

ARCH BUERO KALTENEGGER. Uffici. Grosswilfersdorf (A) ARCH BUERO KALTENEGGER Uffici Grosswilfersdorf (A) _1 L entrata all edificio. È ben evidente la struttura portante a telaio, soprattutto in questa parte vetrata _2 Vista sud-est 2 Form follows climate

Dettagli

RELAZIONE TECNICA INQUADRAMENTO GENERALE

RELAZIONE TECNICA INQUADRAMENTO GENERALE Permesso di costruire Centro-Video-Gioco-Sport FABBRICATO: BOWLING RELAZIONE TECNICA INQUADRAMENTO GENERALE Il fabbricato oggetto dell attuale presentazione per il rilascio del permesso di costruire è

Dettagli

EDILIZIA A PREZZI CONVENZIONATI ERBA VIA COPERNICO. Capitolato delle opere

EDILIZIA A PREZZI CONVENZIONATI ERBA VIA COPERNICO. Capitolato delle opere EDILIZIA A PREZZI CONVENZIONATI ERBA VIA COPERNICO Capitolato delle opere Premessa Il complesso e costituito da tre edifici a destinazione residenziale, di 2 piani fuori terra e da un piano interrato adibito

Dettagli

LA STORIA DELL EDIFICIO A1 CONTESTO, TIPO INSEDIATIVO E TIPO EDILIZIO

LA STORIA DELL EDIFICIO A1 CONTESTO, TIPO INSEDIATIVO E TIPO EDILIZIO 18 - scuola in via Montona 3-5 MATRICOLA EDIFICIO.. MUNICIPIO II ARCHIVIO CONSERVATORIA POS. 2713 CATASTO foglio part. TIPO DI SCUOLA asilo nido DENOMINAZIONE ATTUALE Peter Pan DENOMINAZIONE ORIGINALE.

Dettagli

EX LIBRIS RELAZIONE ILLUSTRATIVA

EX LIBRIS RELAZIONE ILLUSTRATIVA CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA IN MARANELLO RELAZIONE ILLUSTRATIVA I vincoli dati dai confini e l esigenza di evitare costi eccessivi, ci hanno indotto a scelte il

Dettagli

INTERVENTI REALIZZATI ANNUALITA 2012. Descrizione degli interventi

INTERVENTI REALIZZATI ANNUALITA 2012. Descrizione degli interventi INTERVENTI REALIZZATI ANNUALITA 2012 Descrizione degli interventi Realizzazione campo di football americano e rugby nel Parco di san Bartolo a Cintoia. Il progetto prevede la realizzazione di un campo

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA OPERE CIVILI

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA OPERE CIVILI OPERE CIVILI 1 PREMESSA...3 DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO... 3 DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 5 OPERE CIVILI...6 SCAVI, DEMOLIZIONI E RIMOZIONI... 6 OPERE IN CEMENTO ARMATO - SCALE METALLICHE... 7 SOTTOFONDI...

Dettagli

La richiesta della Società della Canottieri

La richiesta della Società della Canottieri Progetti Igor Maglica Veduta del modello (foto Stefano Topuntoli). La richiesta della Società della Canottieri Mincio di Mantova di poter frequentare le strutture sportive esistenti in condizioni di maggiore

Dettagli

D E N O N E Y P A R K

D E N O N E Y P A R K PORDENONE C I T Y P A R K CENTRO STORICO PARCO PEDONALE SIMBOLI di PORDENONE Macrolocalizzazione Pordenone è la principale città del Friuli occidentale con i suoi 51.000 abitanti. Il centro storico si

Dettagli

2.4 RELAZIONE TECNICA DELLE OPERE ARCHITETTONICHE

2.4 RELAZIONE TECNICA DELLE OPERE ARCHITETTONICHE sportivo di via Matteotti nel Comune di Merate - CUP DEFINITIVO di cui al punto10.1.c) del disciplinare di gara 2. RELAZIONI TECNICHE SPECIALISTICHE 2.4 RELAZIONE TECNICA DELLE OPERE ARCHITETTONICHE Pagina

Dettagli

RESIDENZA SAN GIORGIO Via Roma - Locate di Triulzi - Milano

RESIDENZA SAN GIORGIO Via Roma - Locate di Triulzi - Milano RESIDENZA SAN GIORGIO Via Roma - Locate di Triulzi - Milano DESCRIZIONE DELLE OPERE LOTTO 2 EDIFICI CDEF ACCADEMIA S.G.R. S.p.A. FONDO LOMBARDO Via San Maurilio n. 13 20121 MILANO 1 DESCRIZIONE DELLE OPERE

Dettagli

DOCUMENTAZIONE DI VENDITA

DOCUMENTAZIONE DI VENDITA EDIFICI AL MAPPALE 1700 6517 ARBEDO - CASTIONE DOCUMENTAZIONE DI VENDITA PER INFORMAZIONI: FIDECONTO SA BELLINZONA TEL. 091/820.67.67 UGO BASSI SA LUGANO PREGASSONA TEL. 091/941.75.55 MAPPALE 1700 VIA

Dettagli

RESIDENZA SAN GIORGIO Via Roma - Locate di Triulzi - Milano DESCRIZIONE DELLE OPERE

RESIDENZA SAN GIORGIO Via Roma - Locate di Triulzi - Milano DESCRIZIONE DELLE OPERE RESIDENZA SAN GIORGIO Via Roma - Locate di Triulzi - Milano DESCRIZIONE DELLE OPERE 1 ACCADEMIA S.G.R. S.p.A. FONDO LOMBARDO Via San Maurilio n. 13 20121 MILANO DESCRIZIONE DELLE OPERE LOCATE DI TRIULZI

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO DIREZIONE MANUTENZIONE DEL PATRIMONIO, EDILIZIA SCOLASTICA, TURISTICO-SPORTIVA E PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI LUIGI

Dettagli

consolidata e di completamento con destinazione residenziale (art. 23 N. T. A. di P. R. G.);

consolidata e di completamento con destinazione residenziale (art. 23 N. T. A. di P. R. G.); RELAZIONE TECNICA Il Piano di Recupero interessa un ambito che comprende l edificio ad uso residenziale di Via Catania n. 126 (foglio 25, mappali 112 e 198) di proprietà ALER, noto come casa di plastica

Dettagli

Milano, Giugno 2014. Proposta Immobiliare Turate Via Salvo D Acquisto, 8/14

Milano, Giugno 2014. Proposta Immobiliare Turate Via Salvo D Acquisto, 8/14 Milano, Giugno 2014 Proposta Immobiliare Turate Via Salvo D Acquisto, 8/14 Celtic Italy Srl - all right reserved Milano,Giugno 2014 Introduzione Complesso produttivo multipiano, fronte autostrada, realizzato

Dettagli

PROGETTO PER LA GESTIONE DI STRUTTURE DI ACCOGLIENZA INTEGRATE CON SERVIZI IGIENICI PUBBLICI. Sommario

PROGETTO PER LA GESTIONE DI STRUTTURE DI ACCOGLIENZA INTEGRATE CON SERVIZI IGIENICI PUBBLICI. Sommario Sommario PARTE I DISCIPLINARE DESCRITTIVO E PRESTAZIONALE DEGLI ELEMENTI TECNICI... 5 PARTE I SEZIONE I CARATTERISTICHE GENERALI DELL INTERVENTO... 5 Art. 1 Descrizione generale dell intervento... 5 1.1

Dettagli

CENTRO SOCIO ASSISTENZIALE IN SANT ANDREA IN BESANIGO RELAZIONE DI SINTESI DELL INTERVENTO

CENTRO SOCIO ASSISTENZIALE IN SANT ANDREA IN BESANIGO RELAZIONE DI SINTESI DELL INTERVENTO RELAZIONE DI SINTESI DELL INTERVENTO 1 PREMESSA Con delibera di CC n 46 del 25/07/2007 il Comune di Coriano acquistava, per 30 anni, il diritto di superficie, sulla casa Santa Marta, per la realizzazione

Dettagli

Norbert Dalsass. Maso Lampele. Novacella

Norbert Dalsass. Maso Lampele. Novacella Norbert Dalsass Maso Lampele Novacella _1 La corte interna che si viene a creare tra due dei 3 copri di fabbrica grazie alla posizione trasversale degli stessi. Sulla destra, il corpo di fabbrica più a

Dettagli

UNA STANZA SENZA LIBRI E COME UN CORPO SENZA ANIMA

UNA STANZA SENZA LIBRI E COME UN CORPO SENZA ANIMA UNA STANZA SENZA LIBRI E COME UN CORPO SENZA ANIMA Premessa Il progetto per la nuova biblioteca comunale di Maranello si inserisce all interno di un area residenziale a ridosso del cuore della città. Attualemente

Dettagli

INTERVENTO DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA EDIFICIO VIA SEBASTIANO DEL PIOMBO 6 MILANO

INTERVENTO DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA EDIFICIO VIA SEBASTIANO DEL PIOMBO 6 MILANO INTERVENTO DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA EDIFICIO VIA SEBASTIANO DEL PIOMBO 6 MILANO CAPITOLATO D APPALTO E DESCRIZIONE LAVORI DI RIQUALIFICAZIONE PARTI COMUNI I render grafici hanno scopo puramente indicativo

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UN EDIFICIO AD USO RESIDENZIALE NEL COMUNE DI VITERBO VIA MONTE GRAPPA, 1

REALIZZAZIONE DI UN EDIFICIO AD USO RESIDENZIALE NEL COMUNE DI VITERBO VIA MONTE GRAPPA, 1 REALIZZAZIONE DI UN EDIFICIO AD USO RESIDENZIALE NEL COMUNE DI VITERBO VIA MONTE GRAPPA, 1 ESTRATTO DEL CAPITOLATO LAVORI DEMOLIZIONI Demolizione edificio esistente SCAVI E RINTERRI Scavo di sbancamento

Dettagli

DOTT. ING. ALESSANDRO ZITO

DOTT. ING. ALESSANDRO ZITO PREMESSA La presente relazione è stata predisposta secondo quanto esplicitamente indicato, per la redazione del Progetto Esecutivo, dall art. 35. Relazioni specialistiche del D.P.R. 5 ottobre 2010, n.

Dettagli

Nuotare a Cinisello Balsamo

Nuotare a Cinisello Balsamo Nuotare a Cinisello Balsamo Piano sviluppo piscine comunali novembre 2012 Daniela Gasparini 1 Gli impianti esistenti PISCINA PAGANELLIvia F.Filzi-telefono 0266048166: n.1vasca a 5 corsie mt.25,5x10,5x1,40

Dettagli

CARATTERISTICHE TECNICHE DIMENSIONALI

CARATTERISTICHE TECNICHE DIMENSIONALI CARATTERISTICHE TECNICHE DIMENSIONALI Dimensioni edificio - Volume: mc. 35.000 - Superficie: mq. 4.537 Autorimessa - Superficie: mq. 970 - Altezza: mt. 3,70 - Interrata con n 32 posti auto. Hall d ingresso

Dettagli

AL MORENA S.R.L. - PIAZZA MISSORI 3 MILANO INSEDIAMENTO RESIDENZIALE MAPPALE 462 - TRICESIMO CAPITOLATO SINTETICO DELLE OPERE

AL MORENA S.R.L. - PIAZZA MISSORI 3 MILANO INSEDIAMENTO RESIDENZIALE MAPPALE 462 - TRICESIMO CAPITOLATO SINTETICO DELLE OPERE AL MORENA S.R.L. - PIAZZA MISSORI 3 MILANO INSEDIAMENTO RESIDENZIALE MAPPALE 462 - TRICESIMO CAPITOLATO SINTETICO DELLE OPERE FONDAZIONI Fondazioni costituite da travi rovesce e platee in cemento armato,

Dettagli

EDIFICIO: Residenza LEONARDO proprietà : DOMUSMETRA srl

EDIFICIO: Residenza LEONARDO proprietà : DOMUSMETRA srl COMUNE DI VERONA PROVINCIA DI VERONA EDIFICIO RESIDENZIALE IN BIOEDILIZIA A BASSO CONSUMO ENERGETICO Piano di Lottizzazione loc. Bassone lotto B5 EDIFICIO: Residenza LEONARDO proprietà : DOMUSMETRA srl

Dettagli

REGIONE AUTONOMA FRIULI-VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI MANZANO UFFICIO LAVORI PUBBLICI

REGIONE AUTONOMA FRIULI-VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI MANZANO UFFICIO LAVORI PUBBLICI REGIONE AUTONOMA FRIULI-VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI MANZANO UFFICIO LAVORI PUBBLICI PROGETTO O.P. N^ 7/011 OPERE DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA MARCIAPIEDI E SISTEMAZIONI VIARIE PROGETTO

Dettagli

5. ANALISI SPAZIALE. Distribuzione degli spazi

5. ANALISI SPAZIALE. Distribuzione degli spazi 5. ANALISI SPAZIALE Distribuzione degli spazi L attenzione nella progettazione degli spazi si affianca alla scelta delle tecnologie più evolute per la gestione della qualità ambientale. L edificio è stato

Dettagli

STILE ITALIANO. Südtirolhaus Zona artigianale 3, I 39050 Nova Ponente (BZ) Tel. +39.0471.617120 Fax +39.0471.616159 www.suedtirolhaus.

STILE ITALIANO. Südtirolhaus Zona artigianale 3, I 39050 Nova Ponente (BZ) Tel. +39.0471.617120 Fax +39.0471.616159 www.suedtirolhaus. STILE ITALIANO di Paola Pianzola Südtirolhaus Zona artigianale 3, I 39050 Nova Ponente (BZ) Tel. +39.0471.617120 Fax +39.0471.616159 www.suedtirolhaus.it 52 casa naturale Materiali naturali, domotica friendly

Dettagli

1. PREMESSA... 2 2. ORGANIZZAZIONE GENERALE... 2

1. PREMESSA... 2 2. ORGANIZZAZIONE GENERALE... 2 1. PREMESSA... 2 2. ORGANIZZAZIONE GENERALE... 2 2.1 DESCRIZIONE DISTRIBUTIVA DEGLI AMBIENTI... 2 2.1.1 DISTRIBUZIONE FUNZIONALE AREA SERVIZI... 2 2.1.2 DISTRIBUZIONE FUNZIONALE AREA RIFORNIMENTO CARBURANTE...

Dettagli

CORSO TEORICO-PRATICO DI SPECIALIZZAZIONE ARREDAMENTO E INTERIOR DESIGN. dechiricogroupdesigners

CORSO TEORICO-PRATICO DI SPECIALIZZAZIONE ARREDAMENTO E INTERIOR DESIGN. dechiricogroupdesigners CORSO TEORICO-PRATICO DI SPECIALIZZAZIONE ARREDAMENTO E INTERIOR DESIGN dechiricogroupdesigners PROGETTO DI DUE APPARTAMENTI DA COLLEGARE SU DUE PIANI TIPOLOGIA UNITA' IMMOBILIARE: ABITAZIONE USO RESIDENZIALE

Dettagli

4 ) D E S C R I Z I O N E D E L B E N E I M M O B I L I A R E

4 ) D E S C R I Z I O N E D E L B E N E I M M O B I L I A R E 4 ) D E S C R I Z I O N E D E L B E N E I M M O B I L I A R E Il complesso immobiliare oggetto di stima è ubicato in un comparto artigianale/industriale posto nella periferia sud/est dell abitato di Gossolengo

Dettagli

PALESTRE E CENTRI SPORTIVI LINEA GUIDA

PALESTRE E CENTRI SPORTIVI LINEA GUIDA PALESTRE E CENTRI SPORTIVI LINEA GUIDA TIPOLOGIE DI SPAZI DELLE PALESTRE All interno delle palestre si distinguono le seguenti tipologie minime di spazi: Locali principali (sempre presenti): 1.locale palestra

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UN EDIFICIO AD USO RESIDENZIALE NEL COMUNE DI VITERBO VIA MONTE GRAPPA, 1

REALIZZAZIONE DI UN EDIFICIO AD USO RESIDENZIALE NEL COMUNE DI VITERBO VIA MONTE GRAPPA, 1 REALIZZAZIONE DI UN EDIFICIO AD USO RESIDENZIALE NEL COMUNE DI VITERBO VIA MONTE GRAPPA, 1 ESTRATTO DEL CAPITOLATO LAVORI SCAVI E RINTERRI Scavo di sbancamento a sezione aperta per alloggio strutture di

Dettagli

Soc...a r.l., con sede in., via., n.., CF. .., iscritto all ordine, della provincia di.., al n.. RELAZIONE TECNICA

Soc...a r.l., con sede in., via., n.., CF. .., iscritto all ordine, della provincia di.., al n.. RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Progetto per la costruzione di un edificio residenziale, in zona sottoposta a vincolo paesaggistico, composto da n.. alloggi, da realizzare nella zona di, in via, denominata. Ditta: Soc...a r.l.,

Dettagli

FAHRENHEIT 451 COMUNE DI MARANELLO CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA

FAHRENHEIT 451 COMUNE DI MARANELLO CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA FAHRENHEIT 451 COMUNE DI MARANELLO CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA La progettazione nasce dalla necessità che l intervento formuli una presenza riconoscibile come

Dettagli

RELAZIONE TECNICA PER LA COSTRUZIONE DELLA NUOVA GUARDIOLA PER IL CONTROLLO ACCESSI DEL CENTRO SPORTIVO XXV APRILE Via Cimabue, 24 Milano

RELAZIONE TECNICA PER LA COSTRUZIONE DELLA NUOVA GUARDIOLA PER IL CONTROLLO ACCESSI DEL CENTRO SPORTIVO XXV APRILE Via Cimabue, 24 Milano RELAZIONE TECNICA PER LA COSTRUZIONE DELLA NUOVA GUARDIOLA PER IL CONTROLLO ACCESSI DEL CENTRO SPORTIVO XXV APRILE Via Cimabue, 24 Milano MILANOSPORT SpA - DIVISIONE TECNICA ufficiotecnico@milanosport.it

Dettagli

Allegato A AREA DI PIAZZALE DONATELLO. stralcio Aerofotogrammetrico dell area di piazzale Donatello DESCRIZIONE. L area comprende i seguenti elementi:

Allegato A AREA DI PIAZZALE DONATELLO. stralcio Aerofotogrammetrico dell area di piazzale Donatello DESCRIZIONE. L area comprende i seguenti elementi: Allegato A AREA DI PIAZZALE DONATELLO stralcio Aerofotogrammetrico dell area di piazzale Donatello DESCRIZIONE L area comprende i seguenti elementi: a) fabbricato, adiacente all area mercatale di quartiere,

Dettagli

RELAZIONE GENERALE. 1. Descrizione dell intervento da realizzare

RELAZIONE GENERALE. 1. Descrizione dell intervento da realizzare RELAZIONE GENERALE 1. Descrizione dell intervento da realizzare 1.1 Ubicazione dell intervento L intervento prevede la realizzazione di laboratori scientifici eterogenei: laboratorio di chimica ambientale,

Dettagli

C A P I T O L A T O Documento riservato. La sua circolazione è limitata ai soggetti autorizzati.

C A P I T O L A T O Documento riservato. La sua circolazione è limitata ai soggetti autorizzati. Comitur s.r.l. Studio Tecnico : Piazza E. De Angeli, 7 20146 Milano - Tel. +39.02.48011823 Fax +39.02.463087 - E-mail: info@ferrerocostruzioni.com Premessa L'immobile di cui all oggetto è il risultato

Dettagli

Regolamento Edilizio ART. 40 Requisiti igienico-sanitarie e di fruibilità degli edifici

Regolamento Edilizio ART. 40 Requisiti igienico-sanitarie e di fruibilità degli edifici Modificato ed approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 4 del 18.03.2014 In vigore dal 15.04.2014 Regolamento Edilizio ART. 40 Requisiti igienico-sanitarie e di fruibilità degli edifici In tutti

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

NORMATIVA DI RIFERIMENTO NORMATIVA DI RIFERIMENTO D.Lgs.81/08 Tiitolo II Capo I art. 62 67 Allegato IV Linee Guida Regione Piemonte per la notifica relativa alla costruzione ampliamento o adattamento di locali e ambienti di lavoro.

Dettagli

PARTIZIONI VERTICALI

PARTIZIONI VERTICALI 1 PARTIZIONI VERTICALI DIVISORI IN CARTONGESSO MG1.1 Parete interna in cartongesso - Spessore totale 15 cm 2 - Struttura costituita da : V/S 3.2.1 montanti in profilati a C in acciaio zincato, 100 x 50

Dettagli

Ristrutturazione del campo da rugby Luciano Denti Ipotesi di fattibilità

Ristrutturazione del campo da rugby Luciano Denti Ipotesi di fattibilità SERVIZIO DECENTRAMENTO U.O. Circoscrizione Est Centro Civico: via Alcide de Gasperi, 67 59100 Prato Tel 0574.52701 Fax 0574.183.7305 circoscrizione.est@comune.prato.it Posta certificata: comune.prato@postacert.toscana.it

Dettagli

Allegato h) Relazione tecnica sul locale ad uso Caffetteria-Ristoro all interno dell ex Convento delle Oblate, via dell Oriuolo 26, Firenze

Allegato h) Relazione tecnica sul locale ad uso Caffetteria-Ristoro all interno dell ex Convento delle Oblate, via dell Oriuolo 26, Firenze Allegato h) Relazione tecnica sul locale ad uso Caffetteria-Ristoro all interno dell ex Convento delle Oblate, via dell Oriuolo 26, Firenze A. Caratteristiche del locale caffetteria ristoro. Il locale

Dettagli

Progetto Esecutivo. ELABORATO: RE_ Relazione opere edili. IL PROGETTISTA Arch. Mariangela Cimma

Progetto Esecutivo. ELABORATO: RE_ Relazione opere edili. IL PROGETTISTA Arch. Mariangela Cimma Progetto Esecutivo PON FESR Ambienti per l Apprendimento Asse II Qualità degli ambienti scolastici Obiettivo C Bando Prot. AOODGAI/7667 del 15/06/2010 I.S.I.S. Gaetano Filangieri Via Sen. Pezzullo,7 FRATTAMAGGIORE

Dettagli

Architettura Polifunzionale

Architettura Polifunzionale Architettura CENTRO COMMERCIALE Restyling Centro Commerciale Piazzagrande Località: Piove di Sacco (PD) In occasione dei 15 anni di apertura del Centro Commerciale Piazzagrande e di fronte all'esigenza

Dettagli

Le scale di accesso alle zone soppalcate sono tutte in metallo a giorno, gli infissi esterni ed interni sono in legno e, nella generalità, originari.

Le scale di accesso alle zone soppalcate sono tutte in metallo a giorno, gli infissi esterni ed interni sono in legno e, nella generalità, originari. UNITÀ IMMOBILIARE: Sita in Roma via Giacomo Venezian, 22, piano primo interno 1 con asservito posto auto via Gaetano Sacchi,19 - DESTINAZIONE D USO: abitazione Prezzo Appartamento più Garage: 870.000 Euro

Dettagli

dal 1982 Sede e uffici Via G. Mameli 15 (RE) - Tel. 0522.321666 - Fax 0522.286196 E-mail: info@iltelefono2.it - www.iltelefono2.it

dal 1982 Sede e uffici Via G. Mameli 15 (RE) - Tel. 0522.321666 - Fax 0522.286196 E-mail: info@iltelefono2.it - www.iltelefono2.it NUOVA COSTRUZIONE IN VIA RONCAGLIO - CAVRIAGO (RE) RISPARMIO ENERGETICO CERTIFICATO CLASSE B A PREZZO CONVENZIONATO CON IL COMUNE DI EURO 1.650 AL MQ. Cooperativa edilizia dal 1982 Sede e uffici Via G.

Dettagli

Edificio unifamiliare PF Pergine Valsugana,

Edificio unifamiliare PF Pergine Valsugana, 54 55 Burnazzi Feltrin/ pegoretti Edificio unifamiliare PF Pergine Valsugana, Trento intervento ampliamento destinazione residenziale AMbito privato schemi assonometrici: stato di fatto/stato di progetto

Dettagli

Residenza Matrix LUGANO. pagina 1 / 12 14.03.2014

Residenza Matrix LUGANO. pagina 1 / 12 14.03.2014 LUGANO 14.03.2014 pagina 1 / 12 UBICAZIONE pagina 2 / 12 PIANO SITUAZIONE SCALA 1:500 Via M. Boschetti Alberti Entrata autorimessa Via Giuseppe Bagutti RESIDENZA CONCHIGLIA via alla Campagna Via Ferri

Dettagli

Cave - Chiesanuova. Piastra Skateboard Via Pelosa Parco Brentella

Cave - Chiesanuova. Piastra Skateboard Via Pelosa Parco Brentella Cave - Chiesanuova Piastra Skateboard Via Pelosa Parco Brentella Il Centro Sportivo Brentella, nel quartiere n. 6 Ovest, è stato recentemente ampliato con l acquisizione di circa 20.000 metri quadrati

Dettagli

Facoltà di Economia e Commercio progetto di ristrutturazione dell edificio ex I. R. VE.

Facoltà di Economia e Commercio progetto di ristrutturazione dell edificio ex I. R. VE. Facoltà di Economia e Commercio progetto di ristrutturazione dell edificio ex I. R. VE. LA STORIA DELL EDIFICIO GENERALE La nuova sede dell Ospizio di Carità (Regio Istituto di Riposo per la Vecchiaia),

Dettagli

DESCRIZIONE TECNICA E FOTOGRAFICA LAVORI VILLAGGIO 5

DESCRIZIONE TECNICA E FOTOGRAFICA LAVORI VILLAGGIO 5 DESCRIZIONE TECNICA E FOTOGRAFICA LAVORI VILLAGGIO 5 REV. 06/2009 VILLAGGIO 5 CAPITOLATO DEI LAVORI REV. 06/2009 PREMESSE L intervento in oggetto prevede la costruzione di ville ad un piano composte da

Dettagli

DESCRIZIONE DELLE OPERE

DESCRIZIONE DELLE OPERE COMUNE di GENOVA Provincia di Genova Residenza BELVEDERE Ristrutturazione di edificio ad uso residenziale P.zza Pittaluga, 2 Nervi (GE) DESCRIZIONE DELLE OPERE Il presente documento è indicativo e lo stesso

Dettagli

Stazione Montichiari architettonici - relazione descrittiva

Stazione Montichiari architettonici - relazione descrittiva COMMITTENTE: : GENERAL CONTRACTOR: INFRASTRUTTURE FERROVIARIE STRATEGICHE DEFINITE DALLA LEGGE OBIETTIVO N. 443/01 LINEA A.V. /A.C. TORINO VENEZIA Tratta MILANO VERONA Lotto Funzionale Brescia-Verona PROGETTO

Dettagli

PIANTA Stato Attuale

PIANTA Stato Attuale Lezione del corso svolta da Laura Fabiani. Descrizione Sommaria degli interventi L unità immobiliare destinata alla ridistribuzione degli spazi in funzione di una nuova destinazione d uso è attualmte adibita

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO Comprensorio ospedale San Luigi Gonzaga di Orbassano. Laboratori C/O ex lavanderie Caratteristiche generali dell intervento Dimensioni degli spazi Normative - Tipi di opere - Materiali RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

Enrico Iascone. Guesthouse. Bologna

Enrico Iascone. Guesthouse. Bologna Enrico Iascone Guesthouse Bologna _1 Vista da sud-est del padiglione immerso nella vegetazione del bosco. Lunghe e basse finestre illuminano lo spazio della cucina, mentre un ampia vetrata si apre sulla

Dettagli

Superamento delle barriere architettoniche: progetti realizzati negli edifici della Provincia di Bologna 104

Superamento delle barriere architettoniche: progetti realizzati negli edifici della Provincia di Bologna 104 4 Superamento delle barriere architettoniche: progetti realizzati negli edifici della Provincia di Bologna 104 L abbattimento delle barriere architettoniche è l aspetto tangibile del significato di tolleranza,

Dettagli

RESIDENZA LA VIGNA Via Legobbe CH - 6710 Biasca

RESIDENZA LA VIGNA Via Legobbe CH - 6710 Biasca RESIDENZA LA VIGNA Via Legobbe CH - 6710 Biasca 9 APPARTAMENTI ECOLOGICI MINERGIE SU MISURA PER TE CONSEGNA PREVISTA FINE 2016 Appartamenti da 2 1/2 & 4 1/2 locali Gennaio 2015 LA VIGNA Progettazione,

Dettagli

COMUNE DI SIAMAGGIORE

COMUNE DI SIAMAGGIORE COMUNE DI SIAMAGGIORE OGGETTO: AFFIDAMENTO IN GESTIONE DELLA PALESTRA COMUNALE E IMPIANTI SPORTIVI CIRCOSTANTI UBICATI IN LOCALITA IS ARGIOLAS (C.I.G. Z170ABCE2F) RELAZIONE DESCRITTIVA Premesse Il Comune

Dettagli

STRUTTURA PRODUTTIVA FRONTE AUTOSTRADA BERGAMO-BRESCIA

STRUTTURA PRODUTTIVA FRONTE AUTOSTRADA BERGAMO-BRESCIA STRUTTURA PRODUTTIVA FRONTE AUTOSTRADA BERGAMO-BRESCIA GRASSOBBIO - Via Orio al Serio n.25-27 Dati tecnici e Descrizione delle caratteristiche Costruttive generali PREMESSA Trattasi di una struttura produttiva

Dettagli

CASE BELLE DA VIVERE E DA GUARDARE IN PRONTA CONSEGNA

CASE BELLE DA VIVERE E DA GUARDARE IN PRONTA CONSEGNA CASE BELLE DA VIVERE E DA GUARDARE IN PRONTA CONSEGNA RESIDENZA I VIGNETI 10 MILANO VIA RIPAMONTI 234/a TEL. 02-33610415 email: informazioni@czcase.it IL PROGETTO La Residenza I Vigneti 10 si trova in

Dettagli

Gentilissima signora Susanna Reisinger Via San Sebastiano n 6 34100 TRIESTE. Oggetto: preventivo lavori di ristrutturazione alloggi e vano scala.

Gentilissima signora Susanna Reisinger Via San Sebastiano n 6 34100 TRIESTE. Oggetto: preventivo lavori di ristrutturazione alloggi e vano scala. Gentilissima signora Susanna Reisinger Via San Sebastiano n 6 34100 TRIESTE Oggetto: preventivo lavori di ristrutturazione alloggi e vano scala. Con riferimento agli intercorsi colloqui Le comunico di

Dettagli

RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA ACQUIRENTI INTERVENTO IN TORINO - VIA BONZO 16

RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA ACQUIRENTI INTERVENTO IN TORINO - VIA BONZO 16 RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA ACQUIRENTI INTERVENTO IN TORINO - VIA BONZO 16 SCAVI E REINTERRI ESECUZIONE DI SCAVO DI SBANCAMENTO ESEGUITO CON MEZZI MECCANICI, ESECUZIONE DI SCAVO A SEZIONE OBBLIGATA

Dettagli

DESCRIZIONE INDICATIVA DELLE OPERE

DESCRIZIONE INDICATIVA DELLE OPERE Costruzioni s.r.l. Via Boccaccio n 29 20123 MILANO P.IVA 06454770964 Oggetto: REALIZZAZIONE NUOVI EDIFICI RESIDENZIALI IN COMUNE DI LENNO (CO) VIALE LIBRONICO DESCRIZIONE INDICATIVA DELLE OPERE CAPITOLATO

Dettagli

UMBRIA TPL e MOBILITA spa INTERVENTI DI SOSTITUZIONE COPERTURA ESISTENTE IN CEMENTO E AMIANTO

UMBRIA TPL e MOBILITA spa INTERVENTI DI SOSTITUZIONE COPERTURA ESISTENTE IN CEMENTO E AMIANTO COMMITTENTE: OPERA: LUOGO: UMBRIA TPL e MOBILITA spa INTERVENTI DI SOSTITUZIONE COPERTURA ESISTENTE IN CEMENTO E AMIANTO VIA DELLA PIAGGIOLA, 176 GUBBIO (PG) CONTENUTI DELLA RELAZIONE: RELAZIONE TECNICA

Dettagli

Centro-Video-Gioco-Sport. RELAZIONE TECNICA DI VARIANTE al P.d.C n.118 del 19/09/2007

Centro-Video-Gioco-Sport. RELAZIONE TECNICA DI VARIANTE al P.d.C n.118 del 19/09/2007 Centro-Video-Gioco-Sport FABBRICATI: MULTISALA FITNESS OGGETTO: RELAZIONE TECNICA DI VARIANTE al P.d.C n.118 del 19/09/2007 INQUADRAMENTO GENERALE I fabbricati oggetto dell attuale presentazione di variante

Dettagli

REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA. Comune di Caneva Provincia di Pordenone

REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA. Comune di Caneva Provincia di Pordenone REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA Comune di Caneva Provincia di Pordenone LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA PALESTRA CENTRO STUDI DI VIA MARCONI PROGETTO ESECUTIVO ALL. E: RELAZIONE TECNICA ANTINCENDIO

Dettagli

Uffici e laboratori Blaas Bolzano / monovolume architecture + design /

Uffici e laboratori Blaas Bolzano / monovolume architecture + design / 46 / Luoghi di produzione ecocompatibili Uffici e laboratori Blaas Bolzano / monovolume architecture + design / / 1/ QUALITÀ DELL AMBIENTE ESTERNO Orientamento dell edificio che favorisce il comfort interno

Dettagli

DESCRIZIONE DELLE OPERE

DESCRIZIONE DELLE OPERE DESCRIZIONE DELLE OPERE 1. STRUTTURA fondazioni continue in c.a., a travi rovesce, plinti isolati, platea; muri di cantina in cls. sp. cm. 30; pilastri e travi in c.a.; solai in laterocemento armato, la

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ELIMINAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE Legge 09.01.1989 n 13 DICHIARAZIONE DI CONFORMITA RELAZIONE TECNICA DI ACCESSIBILITA

RELAZIONE TECNICA ELIMINAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE Legge 09.01.1989 n 13 DICHIARAZIONE DI CONFORMITA RELAZIONE TECNICA DI ACCESSIBILITA Progetto di trasformazione ex Cinema Fox in Centro Culturale Comunale CENTRO CIVICO CINE FOX RELAZIONE TECNICA ELIMINAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE Legge 09.01.1989 n 13 DICHIARAZIONE DI CONFORMITA RELAZIONE

Dettagli

CITTA' DI SPINEA Provincia di Venezia

CITTA' DI SPINEA Provincia di Venezia CITTA' DI SPINEA Provincia di Venezia PROGRAMMA INTERVENTI PALESTRA BENNATI LAVORI IMPIANTI TECNOLOGICI E MESSA A NORMA SERVIZI IGIENICI COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DESCRIZIONE 1 INTERVENTO RIQUALIFICAZIONI

Dettagli

Piscina via Iseo a Milano Relazione tecnica generale RELAZIONE TECNICA GENERALE

Piscina via Iseo a Milano Relazione tecnica generale RELAZIONE TECNICA GENERALE RELAZIONE TECNICA GENERALE Sommario RELAZIONE TECNICA GENERALE... 1 1. Premessa... 3 2. Descrizione del fabbricato esistente... 3 a. Generalità... 3 b. Distribuzione interna (vedi elaborati grafici da

Dettagli

Art. 9 Manutenzione ordinaria

Art. 9 Manutenzione ordinaria Comune di Padova Settore Edilizia Privata Settore Pianificazione Urbanistica Piano Regolatore Generale Nuovo Regolamento Edilizio Comunale (Approvato con Deliberazione del C.C. n. 41 del 05/06/2006) Specifiche

Dettagli

progetto gestione scuole monza e brianza istituto d arte di giussano

progetto gestione scuole monza e brianza istituto d arte di giussano 1 Premessa Gli edifici Scolastici oggetto degli interventi fanno parte di un programma, che è stato definito con apposita convenzione tra la Provincia di Milano ed il Comune di Giussano. Scopo dell intervento

Dettagli

RELAZIONE TECNICO- ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICO- ILLUSTRATIVA STUDIO DI FATTIBILITA PER LA RISTRUTTURAZIONE E RIFUNZIONALIZZAZIONE DELLA SCUOLA MEDIA AZZARITA RELAZIONE TECNICO- ILLUSTRATIVA L immobile oggetto dello studio di fattibilità è ubicato in Via Barisano

Dettagli

REGOLAMENTO IMPIANTI SPORTIVI

REGOLAMENTO IMPIANTI SPORTIVI 1. REGOLAMENTO IMPIANTI SPORTIVI A TERRENO DI GIUOCO 1. DIMENSIONI E SEGNATURE Il terreno di giuoco deve essere un rettangolo della lunghezza di mt. 105 e della larghezza mt. 65. Solo in casi di difficoltà

Dettagli

Progetto di sviluppo delle residenze dell Università di Milano-Bicocca. Milano - Monza - Cinisello Balsamo

Progetto di sviluppo delle residenze dell Università di Milano-Bicocca. Milano - Monza - Cinisello Balsamo Progetto di sviluppo delle residenze dell Università di Milano-Bicocca Milano - Monza - Cinisello Balsamo Residenza Universitaria denominata U10.2 Piazza dell Ateneo Nuovo, 2 Milano Superficie totale Alloggi

Dettagli

Classe Energetica A ISONZO. residenza. Via Isonzo n. 4/B Nova Milanese (MB) www.gruppodigregorio.com - e Mail gruppodigregorio@gmail.

Classe Energetica A ISONZO. residenza. Via Isonzo n. 4/B Nova Milanese (MB) www.gruppodigregorio.com - e Mail gruppodigregorio@gmail. Classe Energetica A residenza ISONZO Via Isonzo n. 4/B Nova Milanese (MB) www.gruppodigregorio.com - e Mail gruppodigregorio@gmail.com PREMESSA In un edificio edificato intorno agli anni 70/80 con un ottima

Dettagli