RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA"

Transcript

1 RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA Individuazione delle attività sportive Premessa: Nell ambito del centro sportivo polifunzionale in oggetto trovano sede diverse attività sportive, indipendenti l una dall altra sia a livello distributivo che gestionale: un palazzetto con relativi locali servizi, un impianto natatorio, una zona Fitness, un area wellness per i trattamenti estetici integrata da una zona solarium esterna, una zona ricettivo-distributiva che comprende una zona di ristoro, una segreteria e locali igienici. La zona palazzetto: L area riservata al palazzetto, nello specifico, dispone di un regolamentare campo per l attività del basket e della pallavolo, posto al piano terra. Il campo da gioco, delle dimensioni di mt x mt 15.00, prevede una copertura curva in legno lamellare con una altezza interna massima utile di mt al colmo e di mt 7.00 minima lungo la parete vetrata posta a Ovest. Sono previsti accessi indipendenti e separati per gli atleti e per il pubblico. A completamento del campo da gioco vengono previsti i locali di servizio: un magazzino per gli attrezzi, un infermeria con bagno, locali tecnici, quattro spogliatoi per atleti e due spogliatoi per arbitri, tutti attrezzati per la fruibilità da parte di persone diversamente abili. A completamento della zona Palazzetto vengono realizzate a livello primo tribune per circa 200 spettatori, realizzate in gradoni in cemento armato prefabbricato e attrezzate con uscite di sicurezza e bagni esclusivi. L accessibilità al palazzetto avviene dall esterno tramite percorsi volutamente separati, per il pubblico tramite l ingresso porticato posto a ovest, attraverso la hall centrale di piano terra e lungo la scala esclusiva che porta alle tribune riservate di livello primo; l accesso per gli atleti avviene invece a piano terra, direttamente dal prospetto sud che comunica direttamente con il corridoio d ingresso agli spogliatoi ed ai locali di servizio. La zona natatoria: 1

2 A piano terra viene dislocata anche la zona riservata alle piscine: l area si sviluppa per una superficie coperta di circa mq 1300 e comprende una vasca regolamentare a otto corsie delle dimensioni di mt x avente altezza variabile da mt 1.40 a mt 1.80 e una vasca di mt 6.00 x per bambini con un altezza variabile da mt 0.75 a mt La zona che ospita le vasche prevede una copertura in legno lamellare con un altezza utile di circa mt 7.00 e le chiusure perimetrali costituite da facciate continue in vetro trasparente che offrono un ottimale e continuo inserimento ambientale con il contesto esistente. Esternamente si trova un area esterna attrezzata a verde per il relax estivo. In prossimità delle vasche trovano spazio due spogliatoi per gli istruttori con relativi servizi e docce, un infermeria con bagno, il magazzino e due spogliatoi per il pubblico, con bagni e docce, fruibili anche da persone diversamente abili. L intero impianto natatorio prevede apposite uscite di sicurezza ed ingressi indipendenti per utenti e istruttori. L accesso all area avviene attraverso la hall distributiva di piano terra ed un corridoio che si dirama in due percorsi separati e riservati rispettivamente il primo agli spogliatoi per gli istruttori ed il secondo agli spogliatoi riservati agli utenti delle vasche. La zona fitness: Sempre accessibile dalla hall, al piano terra si colloca la zona Fitness, estesa su una superficie complessiva di circa mq 350 e comprendente una sala di circa mq 220 per attività di pesi e corsi di vario genere, un magazzino e due spogliatoi con relativi bagni, accessibili anche da persone diversamente abili. La fruibilità di tutta l area avviene dalla grande hall di ingresso principale, attraverso un percorso esclusivo riservato agli utenti della palestra. La zona servizi: Principale nodo distributivo e maggiore spazio di fruibilità da parte del pubblico, la zona servizi di piano terra comprende l ingresso da parte del pubblico attraverso la bussola con doppia porta in vetro, un bar con i relativi servizi annessi, una superficie di circa mq 100 destinata alla zona ristoro, una segreteria-reception, i bagni per il personale e quelli per il pubblico. A completamento di questo spazio viene, infine, collocato a livello primo l esclusivo soppalco ristoro/relax a vista sulla grande hall e accessibile da una scala riservata. La zona servizi è il centro direzionale per tutte le attività sportive di piano terra e di piano primo, in quanto dalla medesima partono i percorsi individuali e separati verso la zona piscina, la zona fitness e i servizi del palazzetto (a piano terra), unitamente agli accessi alla zona wellness, tramite 2

3 scala e ascensore esclusivi, e alle tribune del palazzetto attraverso una scala riservata (a piano primo). La zona wellness: Al primo livello del centro polifunzionale viene collocata la zona wellness : accessibile da una scala indipendente e dall ascensore esclusivo si dispone su mq 645 e comprende una hall di ricevimento, cabine per il trattamento del corpo e del viso, una zona per il relax, un bagno turco, una sauna e due spogliatoi attrezzati con docce e bagni e fruibili da persone diversamente abili. L area wellness dispone inoltre di una superficie esterna riservata di oltre mq 100 per il solarium che ospita le vasche per l idromassaggio; la struttura è in parte coperta e in parte a cielo aperto e dispone di un uscita di sicurezza verso il piano inferiore. Il progetto Nel contesto territoriale del comune di Vittuone, nei pressi del Quartiere Leonardo da Vinci e nell ambito del Centro Sportivo Sandro Pertini è prevista la realizzazione di un nuovo Centro Sportivo. L intervento verrà realizzato su terreni messi a disposizione dall Amministrazione Comunale in luogo del campo da calcio in terra battuta attualmente esistente. Il nuovo progetto prevede, secondo l aspettativa dell Amministrazione Comunale, la realizzazione di un centro sportivo polifunzionale attrezzato per lo svolgimento delle seguenti attività: - palazzetto con campo regolamentare da pallavolo e pallacanestro e tribune per circa 200 spettatori - palestra fitness - impianto natatorio coperto dotato di due vasche, una regolamentare da 25 m e una vasca più piccola per l insegnamento ai bambini e per attività come il nuoto per disabili, per neonati, recupero fisico etc. - centro benessere - hall di ingresso comune a tutte le attività, provvista di punto di ristoro - spogliatoi divisi per settore sportivo e per sesso Per quanto riguarda la scala dimensionale il nuovo edificio, si sviluppa su una superficie coperta di mq ed una s.l.p. di mq su due livelli, all interno di un lotto di superficie mq , comprensivo di campo da calcio. La superficie a verde è di mq Il luogo su cui sorgerà il nuovo centro sportivo, ubicato non distante dal centro di Vittuone, è attualmente caratterizzato da insediamenti residenziali di tipo estensivo e da spazi con funzione pubblica. L accessibilità avviene attraverso un asse stradale principale di collegamento tra Magenta e Milano, servito da mezzi pubblici di superficie; per chi raggiunge il lotto con mezzi 3

4 privati è previsto il potenziamento dei parcheggi, già garantiti nell area, attraverso la realizzazione di nuovi posti auto e pullman e la riqualificazione delle aree a verde. Il fabbricato è composto fondamentalmente da due gusci che avvolgono due grandi spazi a doppia altezza, disposti lungo assi paralleli, slittati lungo il piano orizzontale l uno rispetto all altro in modo da seguire la conformazione del lotto su cui incidono. Il collegamento tra i due volumi principali è costituito da un terzo corpo sviluppato su due piani di altezza più modesta, baricentrico, ruotato di 45 rispetto agli altri due, in cui è situato l atrio di ingresso, perno attorno al quale si distribuiscono tutte le diverse attività che si svolgono nel centro. Gli elementi che caratterizzano tipologicamente l edificio sono prevalentemente di tipo strutturale: i gusci in legno strutturale a costituire le coperture dei volumi principali e le facciate vetrate continue, che coprono gran parte della superficie perimetrale del complesso. La copertura del palazzetto sarà realizzata mediante pannelli sandwich in legno, sorretti da una struttura a travi reticolari in legno lamellare che sbalza sui due lati lunghi, da una parte a chiudersi nel portico di ingresso al centro sportivo e dall altra a costituire una pensilina di copertura delle nuove tribune del campo da calcio. La copertura della piscina sarà anch essa realizzata mediante pannelli sandwich in legno, sorretti da una struttura a travi piene in legno lamellare sagomate a formare un guscio, bloccato da una cerniera sul lato ovest e aperto sul lato est. L intradosso delle coperture è in legno a vista così come a vista sono gli impianti tecnologici distribuiti prevalentemente a soffitto. Le superfici vetrate perimetrali sono realizzate mediante specchiature di dimensioni il più possibile omogenee su tutti i fronti e garantiscono caratteristiche prestazionali elevate, come richiesto dalla normativa vigente in termini di risparmio energetico. I tamponamenti ciechi sono realizzati nelle fasce basse, in cui è richiesta maggiore rigidezza, in prismi a vista, nella fasce più alte o nelle parti non a vista, mediante sistemi a secco o pannelli prefabbricati in CLS. Il manto di copertura sarà realizzato in alluminio naturale ed andrà a caratterizzare la pianta di copertura, che nel caso di un involucro a guscio, costituisce un prospetto orizzontale, visibile dagli edifici adiacenti. I corpi accessori come scale di sicurezza e/o volumi tecnici si sono uniformati dal punto di vista architettonico mediante l utilizzo di schermature semitrasparenti a reticoli lamelle in legno e/o in lastre in lamiera microforate. La progettazione di un opera pubblica è occasione di sperimentazione dell utilizzo di fonti di energia alternative: è così che le scelte impiantistiche sono volutamente esplicitate e talvolta costituiscono elemento tipologico, funzionale e decorativo come nel caso del sistema a pannelli fotovoltaici integrati nel vetro della facciata principale del palazzetto o la distribuzione dei pannelli solari su buona parte della copertura della piscina, a sostituzione del manto in alluminio, chiaramente individuabili dagli edifici adiacenti al centro sportivo. 4

5 L orientamento del lotto è di tipo Nord/Sud. Fatta eccezione per i mezzi di soccorso, l ingresso alle attività sportive, di tipo esclusivamente pedonale, avviene dal lato sud, su cui si attesta la facciata principale dell edificio, attraverso un vialetto inserito nel verde pavimentato in autobloccanti. Qui si verifica la prima diversificazione delle funzioni: l accesso all area calcio è immediato e frontale, mentre per le altre attività il percorso, guidato da adeguata segnaletica, piega verso ovest e segue il perimetro dell edificio passando prima sotto una pensilina e poi sotto un porticato e consente all utente, attraverso la trasparenza della parete perimetrale dell edificio, la vista delle attività svolte all interno del palazzetto. L ingresso all interno del centro avviene attraverso un percorso obliquo, marcato dal rilassamento del soffitto lungo l asse di entrata, rispetto agli ambienti a doppia altezza adiacenti, in un ambiente accogliente e spazioso in cui è situata l area ricevimento, dotata di spazi pubblici e spazi a servizio del personale. Dalla Hall di ingresso, per un raggio di 180, sono individuabili i percorsi di distribuzione alle diverse attività che si svolgono nel centro. Immediatamente adiacente alla hall e senza separazione fisica da essa, sul lato ovest, si trova uno spazio a doppia altezza, in parte soppalcato, destinato alla sosta e/o ristoro dotato di posti a sedere e di un piccolo bar; tale luogo confina mediante una parete vetrata a doppia altezza con il piano vasche e può essere sfruttato, ad esempio, come luogo di attesa e/o assistenza per i genitori che portano i figli ai corsi di nuoto. Allineato con l asse di ingresso, è situato l accesso all area piscine. Dal corridoio che raggiunge prima l area spogliatoi-istruttori, poi quella spogliatoi-visitatori, attraverso una parete vetrata, l utente ha uno scorcio sul locale adibito a palestra fitness, a sottolineare la polifunzionalità del centro. Gli spogliatoi - organizzati in modo da mantenere distinta la zona asciutta da quella bagnata - sono distinti per sesso, sono tutti costituiti da un locale spogliatoio vero e proprio attrezzato con armadietti, panche ed eventualmente - cabine a rotazione, sono dotati di un adeguato numero di servizi igienici e docce e dimensionati in modo da essere utilizzabili da parte di portatori di handicap. L ingresso al piano vasche avviene attraverso una vaschetta lavapiedi; un percorso alternativo a raso è comunque garantito per l accessibilità di persone diversamente abili. Il piano vasche è uno spazio ampio e luminoso, quasi completamente vetrato su tutti quattro i lati. Tale ambiente contenente le due vasche una da 25,00x16,50m a 8 corsie, regolamentare e una da 16,50x8,00m - sviluppate lungo l asse longitudinale del corpo di fabbrica, nei mesi estivi, si prolunga idealmente verso nord, grazie all abbattimento della facciata vetrata realizzata mediante portoni scorrevoli ad impacchettamento, in una area esterna adibita a solarium. Il lato sud confina invece visivamente con l ambiente ristoro. 5

6 L impianto natatorio è dotato di un locale magazzino e di infermeria direttamente collegati al piano vasche. Tutte le tecnologie necessarie alla gestione dell impianto natatorio sono dislocate in un vano tecnico interrato, realizzato in aderenza rispetto allo scavo fatto per la vasca regolamentare. Il riscaldamento dell acqua delle vasche verrà garantito sfruttando energie alternative quali la geotermia, eventualmente integrata attraverso il solare termico. Sul lato est (a destra) rispetto all asse di ingresso sono raggiungibili le altre tre attività che si svolgono nel centro: il palazzetto, l area fitness e l area benessere. Un primo corridoio porta all area spogliatoi atleti /arbitri palazzetto e al campo da gioco. Il campo da gioco, di dimensioni regolamentari per il gioco della pallavolo e della pallacanestro e pavimentato in legno multistrato tipo Compact Top, riscaldato da pannelli radianti a pavimento alimentati mediante energia geotermica, è orientato lungo l asse nord/sud del complesso. Due lati del campo sono delimitati da pareti perimetrali. La parete sud del campo è costituito da una facciata continua di elevate dimensioni, completamente trasparente in una fascia bassa, di altezza ca. tre metri, schermata dai raggi solari attraverso la già nominata pensilina di accesso al centro stesso, e semitrasparente nella parte alta, in cui si è previsto l utilizzo del sistema a pannelli fotovoltaici integrati nel vetro, pannelli che in questo caso fungono anche da frangisole. La parete ovest del campo nella parte alta è cieca, mentre la fascia bassa è anch essa costituita da una facciata continua trasparente, che garantisce permeabilità visiva tra il campo sportivo in cui si svolge l attività e l area esterna. I raggi solari sono schermati da elementi frangisole integrati nel sistema copertura del palazzetto, che sul lato ovest crea il già descritto portico sul percorso di accesso al centro sportivo. Illuminazione naturale diretta, particolarmente gradevole durante lo svolgimento dell attività è garantita dal lunotto vetrato presente nella fascia alta della parete nord del campo, parete che costituisce il giunto tra i due gusci che caratterizzano il complesso immobiliare. Tutti gli spogliatoi e i locali a servizio dell attività quali magazzino ed infermeria sono attestati su un corridoio disposto parallelamente al campo stesso. Sono previsti 4 corpi spogliatoi/servizi atleti e 2 corpi spogliatoi/servizi per gli arbitri, così da consentire lo svolgimento di tornei che prevedano la contemporaneità di 4 squadre. In caso di manifestazione sportiva, nella facciata sud, è garantito un ingresso esclusivo per gli atleti direttamente dall esterno; tale accesso costituisce contemporaneamente la via d esodo dall area atleti in caso di pericolo. Sulla facciata sud si attesta anche il locale magazzino a servizio del palazzetto e nelle immediate vicinanze dell uscita di sicurezza è collocato il locale infermeria, velocemente raggiungibile dai mezzi di soccorso. 6

7 Lo spazio che si crea tra il soffitto dei locali spogliatoio e le tribune soprastanti viene sfruttato per la collocazione di un vano tecnico in cui sono dislocati gli impianti di trattamento aria. Sempre partendo dalla hall di ingresso del centro sportivo, la tribuna spettatori del palazzetto è accessibile attraverso una scala adiacente al corridoio di ingresso atleti. Il percorso del pubblico alle tribune prosegue attraverso un piccolo atrio al piano superiore in cui una vetrata monolitica a tutta altezza garantisce un primo affaccio sul campo. I gradoni in CLS prefabbricato si sviluppano sul lato est del campo e sono arredati mediante seggiolini in PVC per un numero di ca. 200 spettatori. La scala di accesso costituisce anche una via d esodo dal palazzetto in caso di pericolo; un altra via d esodo è localizzata sul fronte sud, collegata ad una scala di sicurezza esterna. L area destinata all attività di palestra basket/pallavolo è completamente compartimentata rispetto alle altre attività del centro mediante pareti e porte REI120. Sul lato est dell atrio di ingresso è dislocato inoltre l accesso all area fitness, che consta di una palestra, dedicata ad attività quali per es. ginnastica, attrezzistica, recupero disabili etc dotata anch essa di spogliatoi con servizi igienici e docce esclusivi e magazzino per il ricovero di materiali e attrezzi. La palestra, ambiente destinato all attività sportiva di dimensioni più modeste in termini di superficie e di altezza rispetto agli altri, ha un orientamento est-ovest. Su entrambi questi lati presenta una parete trasparente: a ovest una vetrata interna confina, come già detto, con l area di accesso alla piscina, a est una vetrata esterna affaccia sull adiacente campo da calcio e, attraverso una porta, garantisce una (seconda) via d esodo in caso di pericolo. La pavimentazione è, come nella palestra basket, in legno multistrato e il riscaldamento è a pannelli radianti a pavimento, alimentati mediante energia geotermica. Parallelamente al corridoio di accesso all area fitness, accanto alla zona ricevimento, una scala e una ascensore garantiscono il collegamento al centro benessere ubicato al piano superiore. Qui si trova una seconda area ricevimento posta esattamente sopra e orientata lungo il medesimo asse dell atrio di ingresso sottostante, ma ruotata di 180 rispetto ad esso, baricentrica in relazione alle attività che gestisce. Tali attività sono: - zona wellness, dotata di spogliatoi esclusivi, servizi igienici e docce, che offre: sauna finlandese, bagno di vapore, docce per il raffrescamento, area relax interna e terrazza esterna, in parte coperta, in parte scoperta, in cui sono collocate tre vasche idromassaggio; - zona da completare e migliorare a discrezione del futuro gestore -concessionario. Sono altresì previsti servizi igienici e locali accessori e di servizio. 7

8 Il centro benessere, sviluppato completamente al piano superiore e quindi fisicamente distinto dal resto del complesso, dialoga con gli ambienti circostanti mediante un contatto visivo che è garantito in maniera reciproca grazie a vetrate che, dalla zona ricevimento attesa, si affacciano rispettivamente a ovest sull area ristoro, a nord sul piano vasche e a sud sulla zona di ingresso sottostante. Come già accennato nella presentazione del progetto, la realizzazione di un nuovo centro polifunzionale nelle vicinanze del centro sportivo Sandro Pertini è occasione per la riqualificazione del campo da calcio esistente, per il quale è previsto il rifacimento del manto erboso, che sarà realizzato in erba sintetica, e la formazione di una tribuna per il pubblico e di adeguati ambienti funzionali all esercizio di tale attività sportiva. La scelta progettuale prevede che il corpo di fabbrica contenente questi servizi annessi al campo da calcio esistente, venga integrato al nuovo complesso sportivo ma che sia altresì garantita, come prescritto dalla Commissione Provinciale di Vigilanza, la completa indipendenza delle attività, attraverso una separazione fisica degli ambienti e dei percorsi di accesso. L accessibilità ad un pubblico diversamente abile è garantita al piano del campo, in un area esclusiva opportunamente recintata. Una soluzione analoga per la dislocazione degli spettatori diversamente abili, si presenta anche all interno del palazzetto, nel campo da basket/pallavolo. Le tribune spettatori sono realizzate mediante gradoni prefabbricati in CLS con finitura superficiale in resina; un parapetto di protezione sarà realizzato in vetro, in modo da non ostacolare la visibilità verso il campo. Anche in questo caso sono previsti 4 blocchi spogliatoio per gli atleti e due per gli arbitri, tutti dotati di servizi igienici e docce, in modo da consentire lo svolgimento di manifestazioni che prevedano la contemporaneità di 4 squadre. Per una maggiore praticità gestionale e semplicità progettuale si è scelto di concentrare il più possibile i locali tecnologici (eccettuati quelli, già citati, destinati al trattamento dell acqua delle piscine, dislocati al piano interrato) in un volume compatto a loro destinato posto in copertura, visivamente non immediatamente individuabile, poiché assolutamente omogeneo rispetto al prospetto (est) su cui si attesta. In posizione relativamente baricentrica rispetto alle diverse attività, collocate al primo livello, centrale termica, centrale solare e macchina frigorifera, servono tutto il centro, mentre al secondo livello, in un unico vano tecnico, è concentrata gran parte delle macchine di unità trattamento aria, da cui parte una rete di canali di ventilazione che si sviluppa orizzontalmente sulla superficie di copertura dell area benessere. Come gia accennato il progetto impiantistico prevede un massiccio utilizzo di tecnologie moderne che si servono di energie alternative: già nell avvicinamento al lotto è subito individuabile la schermatura di una grande porzione della facciata principale mediante un sistema di pannelli fotovoltaici integrati nel vetro, finalizzata a garantire l approvvigionamento di energia elettrica. 8

9 Sulla superficie di copertura della piscina è prevista la posa di ca. 200mq. di pannelli solari, opportunamente orientati verso sud in modo da massimizzarne l efficienza, funzionali al riscaldamento dell acqua calda sanitaria. Nell area esterna, a nord del corpo di fabbrica, la superficie a prato destinata a solarium durante i mesi estivi è distribuito l impianto geotermico, che alimenta i pannelli radianti a pavimento, funzionali al riscaldamento delle due palestre e dell acqua delle due piscine. La realizzazione del nuovo centro sportivo polifunzionale oltre ad offrire alla cittadinanza del Comune di Vittuone una serie di nuove attività, ne apre la frequentazione anche ad un bacino di utenza di più ampio raggio; diventa dunque occasione di sviluppo alle società sportive già attive nel Comune e stimolo per la costituzione di nuove società e per maggiore interscambio e competitività sul territorio provinciale e regionale. Nel dettaglio gli interventi oggetto della presente pratica edilizia vengono ora descritti suddivisi per aree funzionali. Piano Terra Zona ingresso L ingresso, posto a ovest, si trova in posizione baricentrica rispetto al lato in cui è ubicato ed è diviso dall esterno dell edificio da una bussola vetrata composta da profilati d alluminio con vetrocamera, in cui è inserita una doppia porta scorrevole automatica. L ingresso è raggiungibile tramite un marciapiede coperto da un portico con struttura in legno lamellare, assito in legno e manto di copertura in lamiera, con andamento ondulato, che continua il suo sviluppo sopra l edificio, in direzione della palestra principale, a formare un movimento sinuoso. Nella hall d ingresso, con pavimenti in gres porcellanato, parte con controsoffitto in lastre di cartongesso e per la restante parte a doppia altezza con orditura in legno lamellare a vista, trovano ubicazione la biglietteria, nella zona retrostante della quale è ricavato un locale ad uso segreteria; quest ultimo avrà pavimenti sempre in gres porcellanato, pareti vetrate fino al controsoffitto, pareti in cartongesso, controsoffitto in lastre di cartongesso. In fianco alla segreteria si trova un blocco bagni, riservato al personale, dotato di antibagno/spogliatoio, con un wc donne/disabili e un wc uomini, con le seguenti caratteristiche di finitura: I pavimenti saranno in ceramica monocottura. Le pareti saranno rivestite con lastra di cartongesso idrorepellente e piastrelle in ceramica monocottura. 9

10 Le porte interne saranno in alluminio. Il controsoffitto sarà in pannelli smontabili di fibra minerale. Il servizio sarà dotato di lavabo sospeso con rubinetteria monoforo con comando a fotocellula, specchio per lavabo, vaso sospeso con scarico comandato da pedale.. Bar A sinistra della hall di ingresso trova ubicazione una zona destinata a bar, essa sarà pavimentata con gres porcellanato, con controsoffitto in pannelli smontabili in fibra minerale. Dal bar si raggiungono un locale retro destinato a cucina/lavaggio e un servizio con antibagno con le seguenti caratteristiche di finitura: Pareti in laminato o rivestite con lastre di cartongesso idrorepellente e piastrelle in ceramica monocottura. Porte interne in alluminio o in laminato. Controsoffitto in pannelli sormontabili di fibra minerale. Il servizio sarà dotato di lavabo sospesi con rubinetteria monoforo con comando a Direttamente dalla hall d ingresso, frontalmente al bar, si trovano i servizi riservati al pubblico, dotati di antibagno e due bagni: uno per donne/disabili ed uno per uomini, con le seguenti caratteristiche: Pareti in laminato o rivestite con lastre di cartongesso idrorepellente e piastrelle in ceramica monocottura. Porte interne in alluminio o in laminato. Il servizio sarà dotato di lavabo sospeso con rubinetteria monoforo con comando a Impianto natatorio A fianco della biglietteria, tramite un corridoio, si accede alla zona che riguarda l impianto natatorio. Dal corridoio si accede sia all ingresso diretto all area piscine, che all ingresso ai due spogliatoi istruttore, uno di fronte all altro, accessibili per disabili con le seguenti caratteristiche di finitura: Pareti in laminato o rivestite con lastre di cartongesso idrorepellente e piastrelle in ceramica monocottura. 10

11 Porte interne in alluminio o in laminato. Il servizio sarà dotato di lavabo sospeso con rubinetteria monoforo con comando a Proseguendo per il corridoio si accede, tramite il percorso asciutto, ai due spogliatoi per la piscina. Ogni spogliatoio è dotato di locale docce, zona lavabi/antibagno, wc per disabili e non. L ingresso diretto alla zona piscine avviene sia a raso, per il percorso disabili, che attraverso le vaschette lavapiedi. Gli spogliatoi e gli altri locali appena descritti hanno le seguenti caratteristiche: Pareti in laminato o rivestite con lastre di cartongesso idrorepellente e piastrelle in ceramica monocottura. Porte interne in alluminio o in laminato. Il servizio sarà dotato di lavabo sospeso con rubinetteria monoforo con comando a A fianco dei percorsi dagli spogliatoi verso la zona piscine, è accessibile il magazzino, pavimentato con ceramica monocottura antisdrucciolevole e con pareti tinteggiate con idropittura acrilica lavabile. In fianco all uscita degli spogliatoi, accessibili direttamente dall area piscine, si trova l infermeria con le seguenti caratteristiche: Pavimenti in ceramica monocottura. Il locale infermeria è dotato di un wc per disabili con le seguenti caratteristiche di finitura: Pareti rivestite con lastre di cartongesso idrorepellente e piastrelle in ceramica monocottura. Porta interna in alluminio. Il servizio sarà dotato di lavabo sospeso con rubinetteria monoforo con comando a Apparecchi sanitari per i bagni disabili con relativi accessori a norma di legge. La zona vasche è racchiusa da facciate continue su tutti i lati esterni; al suo interno si trovano due vasche: una con dimensioni regolamentari da 25 m, con profondità variabile da 1,40 m a 1,80 m, e una più piccola di dimensioni 16,50 m x 6,00 m, con profondità che varia da 0,75 a 1,00 m. 11

12 Tutta l area piscine è sormontata da una struttura con travi in legno lamellare, coperte un pacchetto in legno coibentato con doppio assito in legno e un manto di copertura in lamiera/guaina ardesiata. Le pareti non in vetro che circondano il locale sono rivestite con lastre di cartongesso idrorepellente e in piastrelle in ceramica monocottura. Le pavimentazioni sono in ceramica monocottura antisdrucciolevole. Palestra fitness a fianco della biglietteria, mediante un corridoio che affianca l ascensore e la scala verso la zona centro benessere al piano primo, si accede ad un locale destinato a palestra fitness con le seguenti caratteristiche di finitura: Pavimenti in legno tipo Compact Top composto da piano pavimentazione formato da assi in multistrato posate in senso perpendicolare alla larghezza dell ambiente, materassino fonoassorbente, pannello in legno sp. 22 mm, strato finale in legno nobile completo di lamatura e lucidatura. Parete a est integrata nella facciata principale dell edificio, in facciata continua; parete vetrata ad ovest; pareti a nord ed sud tinteggiate con idropittura acrilica lavabile; controsoffitti in lastre di cartongesso. Confinano a sud con la palestra fitness, i due spogliatoi ad essa annessi, questi hanno le seguenti caratteristiche: Ogni spogliatoio è dotato di un gruppo servizi composto da un antibagno con lavabi, due wc, uno per disabili ed uno non, ed un locale docce, con le seguenti caratteristiche di finitura: Pareti in laminato o rivestite con lastre di cartongesso idrorepellente e piastrelle in ceramica monocottura. Porte interne in alluminio o in laminato. Il servizio sarà dotato di lavabi sospesi con rubinetteria monoforo con comando a La palestra fitness è dotata anche di un magazzino con pavimenti in monocottura, pareti tinteggiate con idropittura acrilica lavabile e controsoffitto in lastre di cartongesso. Palestra principale E l ambiente principale dell edificio. 12

13 Situato nell angolo sud ovest del fabbricato, ha forma rettangolare, altezza minima interna di 7,00 m con soffitto con orditura di travi in legno lamellare dalla forma curva, coperte da un assito in legno e un manto di copertura in lamiera. La palestra è raggiungibile dagli spettatori disabili direttamente dalla hall attraverso un corridoio a piano terra. Sempre al piano terra è disponibile un wc con antibagno per il pubblico disabile con le seguenti caratteristiche: Pareti rivestite con lastre di cartongesso idrorepellente e piastrelle in ceramica monocottura. Porte interne in alluminio. Il servizio sarà dotato di lavabo sospeso con rubinetteria monoforo con comando a Apparecchi sanitari per i bagni disabili con relativi accessori a norma di legge. La palestra avrà le seguenti caratteristiche di finitura: Pavimenti in legno tipo Compact Top composto da piano pavimentazione formato da assi in multistrato posate in senso perpendicolare alla larghezza dell ambiente, materassino fonoassorbente, pannello in legno sp. 22 mm., strato finale in legno nobile completo di lamatura e lucidatura. Soffitto con orditura di travi in legno lamellare dalla forma curva, coperte da un pacchetto in legno coibentato con doppio assito e un manto di copertura in lamiera. Pareti tinteggiate con idropittura acrilica lavabile verso il lato interno. Facciate continue sul lato sud e sul lato ovest, con celle fotovoltaiche integrate nel vetro della facciata sud. Segnaletica regolamentare a terra per pallacanestro e pallavolo. Impianto pallacanestro oleodinamico completo di due tralicci, due tabelloni in cristallo stratificato sp. 8+8 mm., due protezioni sottotabellone, due telai portatabellone, due canestri reclinabili omologati, due retine, zavorra. Impianto di pallavolo trasportabile, completo di montanti in profilato di alluminio, organetto epr aggancio e tensione rete, tiranti rigidi posteriori collegati alla base, imbottiture dei montanti, rete ufficializzata FIPAV extra pesante. Impianto elettronico segnapunti per vari sport completo di segnapunti, cronometro, segnale acustico, consolle da tavolo, display, dispositivo salvatati. La zona destinata agli spogliatoi/servizi igienici riservati agli atleti ed agli arbitri, nonché al locale infermeria, è raggiungibile da quattro diversi accessi. Il principale, provenendo dall esterno dell edificio, è ubicato sul lato sud, protetto dalla pensilina. 13

14 Gli altri due accessi mettono rispettivamente in comunicazione tale zona funzionale con la palestra principale attraverso un corridoio, così da consentire un percorso diretto e protetto agli atleti ed arbitri senza commistioni con gli spazi dedicati al pubblico. L ultimo accesso collega il corridoio degli spogliatoi con la hall. Sono previsti 4 corpi spogliatoi/servizi atleti, tutti fruibili da persone disabili, così da consentire lo svolgimento di tornei che prevedano la contemporaneità di 4 squadre, e 2 corpi spogliatoi/servizi per gli arbitri, uno fruibile per disabili ed uno no, tutti dotati di camini di aerazione diretta dall esterno. Ogni corpo servizi/spogliatoi atleti e arbitri è composto da un ambiente spogliatoio e da una zona docce e servizi igienici con le seguenti caratteristiche di finitura: - Spogliatoio: Controsoffitti in pannelli smontabili di fibra minerale Porte interne in alluminio o in laminato. - Servizi igienici e docce: Pareti in laminato o rivestite con lastre di cartongesso idrorepellente e piastrelle in ceramica monocottura. Porte interne in alluminio. Il servizio sarà dotato di lavabi sospesi con rubinetteria monoforo con comando a Apparecchi sanitari per i bagni disabili con relativi accessori a norma di legge. In tale zona funzionale trova ubicazione anche il locale infermeria e di primo soccorso per gli atleti eventualmente infortunati, dotato di apposito servizio igienico per disabili. Il locale infermeria prevede le seguenti caratteristiche di finitura: Controsoffitti in pannelli smontabili di fibra minerale. Porta interne in alluminio. Il servizio igienico avrà invece le seguenti caratteristiche: Pareti rivestite con lastre di cartongesso idrorepellente e piastrelle in ceramica monocottura. Porta interna in alluminio. Il servizio sarà dotato di lavabo sospeso con rubinetteria monoforo con comando a 14

15 Apparecchi sanitari per i bagni disabili con relativi accessori a norma di legge. La palestra è dotata di un locale adibito a magazzino, posto sotto le tribune e accessibile sia dall esterno che dal corridoio che divide la palestra con i propri spogliatoi; esso è destinato al ricovero delle attrezzature sportive della palestra principale ed avrà le seguenti caratteristiche di finitura: Pavimenti in calcestruzzo lisciato. Pareti tinteggiate con idropittura acrilica lavabile. Locali materiale pulizie Sono gli ambienti destinati al ricovero delle attrezzature e dei materiali di pulizia e sono dislocati in due zona all interno della struttura. Pavimenti in ceramica monocottura. Controsoffitto in pannelli sormontabili di fibra minerale. Locali tecnici Ci sono tre locali tecnici adeguatamente posizionati all interno dell edificio con diverse caratteristiche di finitura diverse a seconda delle loro funzioni specifiche. Piano Primo Il piano primo è suddiviso in quattro zone ben distinte e raggiungibili ciascuna in maniera autonoma, senza la commistione delle varie attività: - Centro benessere, accessibile anche da persone disabili dall ascensore e dalla scala nei pressi della biglietteria al piano terra. - Tribuna palestra principale, accessibile tramite una scala che parte dalla hall d ingresso e da una scala esterna, di sicurezza, sul lato sud. - Tribuna calcio, accessibile tramite due scale esterne, una sul lato sud e una, di sicurezza, sul lato nord. - Zona locali tecnici, posta nell angolo nord est dell edificio, accessibile tramite una scala esterna sul lato nord. Centro benessere Il centro benessere è lasciato al rustico con la realizzazione delle sole strutture e dei tamponamenti esterni senza alcuna finitura interna, ad eccezione delle predisposizioni impiantistiche e dei seguenti locali che, invece, sono completi di finiture interne: - locale lavanderia, con pavimento in ceramica monocottura antisdrucciolevole, con controsoffitti in pannelli smontabili di fibra minerale, e ad un corridoio per la zona servizi/spogliatoio riservati al centro benessere. 15

16 - due spogliatoi con le seguenti caratteristiche: Controsoffitti in pannelli smontabili di fibra minerale. - servizi e locali docce degli spogliatoi con le seguenti caratteristiche di finitura: Pareti in laminato o rivestite con lastre di cartongesso idrorepellente e piastrelle in ceramica monocottura. Porte interne in laminato. I servizi saranno dotati di lavabi sospesi con rubinetteria monoforo con comando a - Tre servizi divisi in uomini, donne e disabili con le medesime caratteristiche dei servizi degli spogliatoi. - Una sauna finlandese ed un bagno turco. - area docce caratterizzata da pareti rivestite con lastre di cartongesso idrorepellente e piastrelle in ceramica monocottura, da pavimenti in ceramica monocottura antisdrucciolevole e controsoffitti in pannelli sormontabili di fibra minerale. - zona relax che si affaccia direttamente sulla hall e sulla terrazza praticabile. Le pareti di questo locale sono prevalentemente vetrate con pavimento in cemento resinato colorato e con controsoffitto in lastre di cartongesso. - zona solarium esterna al fabbricato, con la costruzione di una struttura a gradini in legno per accedere alla tre vasche/mini-spa. Soppalco spazi ricettivi Questa zona sovrasta parte della hall al piano terra ed è caratterizzata da pavimento in legno multistrato levigato e soffitto in travi di legno lamellare; la parete ovest è tinteggiata con idropittura acrilica lavabile, mentre sul lato nord, per un affaccio sulla zone piscine, si trova una facciata continua. A sud ci si può affacciare sulla hall, protetti da un parapetto in vetro e acciaio. Tribuna palestra principale Dalla scala di accesso, si arriva ad una hall/disimpegno con una parete vetrata a sud che permette di affacciarsi alla palestra principale; il pavimento è in cemento resinato colorato, il controsoffitto è in lastre di cartongesso. A sud della hall, prima di passare sulla scala che porta alla tribuna, si affiancano i servizi per il pubblico costituiti da due antibagni con lavabi e due wc, dalle seguenti caratteristiche: 16

17 Pareti in laminato o rivestite con lastre di cartongesso idrorepellente e piastrelle in ceramica monocottura. Porte interne in alluminio o in laminato. Il servizio sarà dotato di lavabi sospesi con rubinetteria monoforo con comando a La tribuna della palestra principale conterrà circa 200 posti a sedere, divisi su quattro gradoni intervallati da tre scale, è caratterizzata da un pavimento in calcestruzzo verniciato con pareti tinteggiate con idropittura acrilica lavabile. Il soffitto della tribuna è la prosecuzione dell orditura in travi lamellari della palestra sottostante. Locali tecnici Ci sono tre locali tecnici, due al chiuso, con pavimento in calcestruzzo lisciato, e uno a cielo aperto, con pavimento in calcestruzzo scopato. In fianco alle porte dei due locali tecnici chiusi parte una scala che porta ad un altro locale tecnico al piano secondo con le medesime caratteristiche di quelli al piano primo. Piano Interrato Si raggiunge un piano interrato, sottostante la sala vasche, tramite un camminamento posto ad ovest del fabbricato. Esso è composto da quattro locali tecnici, pavimentati in calcestruzzo, e da due vasche di compenso per le piscine. Per alcuni locali tecnici è prevista un aerazione naturale tramite griglie. Il Tecnico Ing. Ezio Rosa 17

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA Comune della Spezia MARIO NIRO 5S a.s. 2013/2014 RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA RELATIVA AL PROGETTO DI ABITAZIONE UNIFAMILIARE DA EDIFICARE PRESSO IL COMUNE DELLA SPEZIA, VIA MONTALBANO CT FOGLIO 60, MAPPALE

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI Nel presente fascicolo verranno definiti e trattati i seguenti argomenti: a. Parametri Urbanistici; b. Edifici e parti di Edificio; c. Standard Residenziale per Abitante;

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

RISTRUTTURAZIONE STADIO FRIULI

RISTRUTTURAZIONE STADIO FRIULI RISTRUTTURAZIONE STADIO FRIULI L obiettivo principale del progetto del nuovo Stadio Friuli è creare un impianto sportivo moderno, sicuro, sostenibile, in grado di offrire un esperienza unica per tutti

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

ALLEGATO OGGETT. la comprensiv. Auditorium. trabattello,

ALLEGATO OGGETT. la comprensiv. Auditorium. trabattello, ALLEGATO 1 OGGETT O La procedura di affidamento per il i quale si richiede la manifestazio one di interesse avrà ad oggettoo la gestione, conduzione e manutenzione, di Auditorium, Centro Congressi e Media

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp. CATTANEO & Co. - BG SC_I 01/2005 S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.it Realizzare un connubio perfetto fra

Dettagli

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G.

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. CRITERI E PROCEDURA PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO PER L INSTALLAZIONE DI

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici

Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici Allegato 1 Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici 1. Premessa 1.1 Ambito di applicazione ed efficacia. Ai sensi dell art. 9, comma 3, della legge regionale n. 19 del 2008,

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

PERSIANE FINSTRAL. Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione

PERSIANE FINSTRAL. Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione PERSIANE FINSTRAL Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione PERSIANE 2 Oscuramento e protezione visiva nel rispetto della tradizione Le persiane, oltre al loro ruolo principale di elemento

Dettagli

FIA SISTeM dal 1984 eleganza e SIcurezzA.

FIA SISTeM dal 1984 eleganza e SIcurezzA. FIA SISTeM dal 1984 eleganza e SIcurezzA. FIA SISTEM nasce nel 1984 come azienda sotto casa, occupandosi principalmente della realizzazione di impianti elettrici e di installazione e motorizzazione di

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

NOVITÀ FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 9O. Qualità dell'abitare per le esigenze più moderne

NOVITÀ FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 9O. Qualità dell'abitare per le esigenze più moderne NOVITÀ FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 9O Qualità dell'abitare per le esigenze più moderne 3 Sintesi perfetta fra isolamento termico, tecnica e design Le finestre e le porte di oggi non solo devono

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare CHE COS'È L'HACCP? Hazard Analysis and Critical Control Points è il sistema di analisi dei rischi e di controllo dei punti critici di contaminazione per le aziende alimentari. Al fine di garantire la completa

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

HOTEL SOL DON MARCO Europa > Spagna > Torre Molinos

HOTEL SOL DON MARCO Europa > Spagna > Torre Molinos HOTEL SOL DON MARCO Europa > Spagna > Torre Molinos TESTATO PER TE DA: Con l obiettivo di mettere a tua disposizione tutte le informazioni utili per una scelta consapevole Consulta le pagine che seguono

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

Tecnologia Facciate continue Finestre e porte a battente V E Finestre e porte in Alluminio-Legno Finestre e porte scorrevoli

Tecnologia Facciate continue Finestre e porte a battente V E Finestre e porte in Alluminio-Legno Finestre e porte scorrevoli www.metrawindows.it PERSIANA SCORREVOLE Sistemi oscuranti METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati METRA

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

CRITERI DI PROGETTAZIONE PER L ACCESSIBILITA AGLI IMPIANTI SPORTIVI

CRITERI DI PROGETTAZIONE PER L ACCESSIBILITA AGLI IMPIANTI SPORTIVI CRITERI DI PROGETTAZIONE PER L ACCESSIBILITA AGLI IMPIANTI SPORTIVI Premessa...Pag.2 1. Introduzione..Pag.2 1.a Definizione di barriera architettonica....pag.2 1.b Antropometria e quadro esigenziale.....pag.3

Dettagli

L8000P76 1 - LOGICA PROGETTUALE. 1.1 - Lettura e socializzazione

L8000P76 1 - LOGICA PROGETTUALE. 1.1 - Lettura e socializzazione 1 - LOGICA PROGETTUALE 1.1 - Lettura e socializzazione La vera forza di una biblioteca non dovrebbe stare nel raccogliere i libri, ma nell ospitare i lettori che li usano. E il suo involucro non dovrebbe

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI 5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI In questo capitolo, dopo aver definito il concetto di «coefficienti correttivi», verranno esaminati nel dettaglio i coefficienti di riduzione previsti dalla Circolare del Ministero

Dettagli

Relazione tecnica. Interferenze

Relazione tecnica. Interferenze Relazione tecnica L autorimessa interrata di Via Camillo Corsanego, viene realizzata nel V Municipio ai sensi della Legge 122/89 art.9 comma 4 (Legge Tognoli). Il dimensionamento dell intervento è stato

Dettagli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Bisi & Merkus Studio Associato Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Comune di castelnovo ne monti \ Progettista

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA NTA di SUA di iniziativa privata SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA.. INDICE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... pag. 2 ART. 2 ELABORATI DEL PIANO...» 2 ART. 3 DATI COMPLESSIVI DEL PIANO...» 2 ART.

Dettagli

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI PA.01 Oneri di discarica valutati a mc misurato sul volume effettivo di scavo o demolizione. Oneri di discarica MC 1.000 24.76 24.76 TOTALE 24.76 PREZZO TOTALE PER MC 24.76 Pagina 1 di 11 PA.02 Fornitura

Dettagli

FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 72. Benessere da vivere. Su misura.

FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 72. Benessere da vivere. Su misura. FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 72 Benessere da vivere. Su misura. 2 Qualità e varietà per la vostra casa Maggior comfort abitativo costi energetici ridotti cura e manutenzione minime FINSTRAL produce

Dettagli

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture LINEE GUIDA RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E L ESECUZIONE DEI LAVORI DI MANUTENZIONE IN QUOTA IN CONDIZIONI DI SICUREZZA Aprile 2007

Dettagli

Isolamento termico dall interno. Pannelli RP e soluzioni in cartongesso

Isolamento termico dall interno. Pannelli RP e soluzioni in cartongesso QUANDO ISOLARE DALL INTERNO L isolamento dall interno delle pareti perimetrali e dei soffitti rappresenta, in alcuni contesti edilizi e soprattutto nel caso di ristrutturazioni, l unica soluzione perseguibile

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

Solai osservazioni generali

Solai osservazioni generali SOLAI Struttura orizzontale posta ad ogni piano di un edificio. Ha lo scopo di sostenere il proprio peso, dei pavimenti, delle pareti divisorie e dei carichi di esercizio. Per orizzontamento si intende

Dettagli

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Protezione dal Fuoco Vetri Resistenti al Fuoco Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Chicago Art Istitute, Chicago (USA). Chi siamo Produciamo e trasformiamo vetro dal 1826. Questa

Dettagli

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati DECORAZIONE 03 Posare la carta da parati 1 Scegliere la carta da parati Oltre ai criteri estetici, una carta da parati può essere scelta in funzione del luogo e dello stato dei muri. TIPO DI VANO CARTA

Dettagli

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w www.metra.it SISTEMI PER BALCONI. THEATRON METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati METRA sono stati

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A.

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE P.R.G. VIGENTE In base alla tavola di Zonizzazione del P.R.G. vigente l area oggetto dell intervento è normata come

Dettagli

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO L innovativo sistema per la ristrutturazione delle pareti dall interno LEADER MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO Costi energetici elevati e livello di comfort basso: un problema in crescita La maggior

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE prof. ing. Pietro Capone Opere realizzate provvisoriamente allo scopo di consentire l esecuzione dell opera, la loro vita è legata

Dettagli

La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive e criticità. I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere.

La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive e criticità. I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere. La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive e criticità I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere Obiettivi

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

Ditec Valor H Porte pedonali automatiche per ambienti in atmosfera controllata

Ditec Valor H Porte pedonali automatiche per ambienti in atmosfera controllata Ditec Valor H Porte pedonali automatiche per ambienti in atmosfera controllata IT www.ditecentrematic.com Automazioni progettate per ambienti specialistici. Ditec Valor H, nella sua ampia gamma, offre

Dettagli

VIA URBANA UNA NUOVA STORIA ABITATIVA VIA URBANA UNA NUOVA STORIA ABITATIVA

VIA URBANA UNA NUOVA STORIA ABITATIVA VIA URBANA UNA NUOVA STORIA ABITATIVA VIA URBANA UNA NUOVA STORIA ABITATIVA LA MODERNA VIA URBANA RICALCA IL PERCORSO DI UN ANTICA STRADA ROMANA (IL VICUS PATRICIUS), SEDE DI RESIDENZE PATRIZIE DI EPOCA REPUBBLICANA E IMPERIALE, A CUI SI ALTERNAVANO

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

Corso d approfondimento. di Relatore. www.minergie.ch. Partner specializzati Minergie: formazione continua per progettisti

Corso d approfondimento. di Relatore. www.minergie.ch. Partner specializzati Minergie: formazione continua per progettisti Di quanto spazio necess sita l aria? Corso d approfondimento di Relatore Milton Generelli, SUPSI, Agenzia MINERGIE Svizzera Italiana, Canobbio Partner specializzati Minergie: formazione continua per progettisti

Dettagli

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA 1. La trasmittanza termica U COS'E? La trasmittanza termica U è il flusso di calore medio che passa, per metro quadrato di superficie, attraverso

Dettagli

fotovoltaico chiavi in mano

fotovoltaico chiavi in mano chiavi in mano 1 Tetto a falda - silicio monocristallino ad altissima efficienza / disponibile da 1 a 20KWp I moduli fotovoltaici più efficienti al mondo (19,5%) ed inverters di stringa SUNPOWER garantiti

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA PRESCRIZIONI TECNICHE INTEGRATIVE DELLA CIRCOLARE N. 75 DEL 3.07.67 E DELLA LETTERA CIRCOLARE N. 5210/4118/4 DEL 17.02.75, RELATIVE AI LOCALI ADIBITI AD ESPOSIZIONE

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA 1 Realizzazione Parco Commerciale Osimo (AN) STRADA CLUENTINA 57/A 62100 MACERATA Indice INTRODUZIONE ALL INTERVENTO DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO

Dettagli

KATE OTTEN Sudafrica

KATE OTTEN Sudafrica Creare edifici che nutrano lo spirito umano e ispirino l immaginazione. Raggiungere l eccellenza architettonica nel contesto specifico dell Africa. Trovare una risposta adeguata alle peculiarità di ogni

Dettagli

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi www.metrawindows.it THEATRON Linea GLASS Sistemi per Balconi METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati

Dettagli

Efficienza, comfort, e semplicità

Efficienza, comfort, e semplicità UM UM Efficienza, comfort, e semplicità La gamma UM offre diffusori con tecnologia MesoOptics. I vantaggi di questa tecnologia (altissima efficienza e distribuzione grandangolare della luce) uniti ad un

Dettagli

passione coinvolgente

passione coinvolgente passione coinvolgente Arte ed eleganza impreziosiscono gli interni di una villa appena ristrutturata. L arredo moderno incontra la creatività di artisti internazionali. progettazione d interni far arreda

Dettagli

technostuk 2-12 09/13 127

technostuk 2-12 09/13 127 technostuk 2-12 09/13 127 TECHNOSTUK 2-12 Sigillante cementizio per fughe da 2 a 12 mm. La protezione attiva di Microshield System aiuta a prevenire la crescita di batteri, funghi e muffe, che possono

Dettagli

www.mpmsrl.com pavimentazioni sine materiali protettivi milano

www.mpmsrl.com pavimentazioni sine materiali protettivi milano www.mpmsrl.com pavimentazioni re sine materiali protettivi milano Tradizione, esperienza, innovazione tecnologica. Da oltre 50 anni MPM materiali protettivi milano s.r.l opera nel settore dell edilizia

Dettagli

La Ville Radieuse di Le Corbusier

La Ville Radieuse di Le Corbusier Modelli 8: la città funzionale La Ville Radieuse di Le Corbusier Riferimenti bibliografici: - Le Corbusier, Verso una architettura, a cura di P. Cerri e P. Nicolin, trad. it., Longanesi, Milano, 1987 -

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE -

REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE - REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE - 1 2 Art. 1 - OGGETTO E DEFINIZIONI 1. Il presente regolamento disciplina la collocazione su suolo pubblico e privato delle strutture temporanee a servizio di locali ad

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790 SCHEDARIEPILOGATIVAINTERVENTO OPCMn.3779e3790 A)Caratteristicheedificio Esitodiagibilità: B-C (OPCM 3779) E (OPCM 3790) Superficielordacomplessivacoperta( 1 ) mqnum.dipiani Num.UnitàImmobiliaritotali B)Contributorichiestoaisensidi

Dettagli

3 Conto Energia. DM 6 Agosto 2010. Guida alle applicazioni innovative finalizzate all integrazione architettonica del fotovoltaico

3 Conto Energia. DM 6 Agosto 2010. Guida alle applicazioni innovative finalizzate all integrazione architettonica del fotovoltaico 3 Conto Energia DM 6 Agosto 2010 Guida alle applicazioni innovative finalizzate all integrazione architettonica del fotovoltaico 2010 - GSE Gestore dei Servizi Energetici S.p.A. consultazione.ftv@gse.it

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

VILLAGGI TURISTICI Comunicazione dell attrezzatura e dei prezzi per l anno 20

VILLAGGI TURISTICI Comunicazione dell attrezzatura e dei prezzi per l anno 20 MOD.COM/VIT COMUNE di VILLAGGI TURISTICI Comunicazione dell attrezzatura e dei prezzi per l anno 20 1 SEMESTRE (scrivere a macchina o in stampatello) 2 SEMESTRE 01 Denominazione del Villaggio Turistico

Dettagli

cimosa di sormonto autoadesiva

cimosa di sormonto autoadesiva Polietilene reticolato fisicamente sp. 8 mm nominale cimosa di sormonto autoadesiva. Massa elastoplastomerica Lato posa CARATTERISTICHE TECNICHE Acustic System 10, è un manto bistrato con cimosa adesiva,

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Allegato B COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa SETTORE 2 GESTIONE DEL TERRITORIO E DEL PATRIMONIO U.O. URBANISTICA EDILIZIA Modifica all Appendice 2 Schede norma dei comparti di trasformazione

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Nuovi ascensori per edifici preesistenti. ThyssenKrupp Elevator Italia

Nuovi ascensori per edifici preesistenti. ThyssenKrupp Elevator Italia Nuovi ascensori per edifici preesistenti ThyssenKrupp Elevator Italia Chiedete il meglio Tecnologia Design Servizio Qualità ThyssenKrupp Elevator Italia offre il proprio know-how tecnico al servizio di

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico La riparazione dell asfalto ha fatto strada. Sistemi MAPEI per la realizzazione di pavime I pannelli radianti sono

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE Piazza Mazzini, 46 16038 SANTA MARGHERITA LIGURE (GE) REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SULLE COPERTURE DELLA SCUOLA PRIMARIA A.R. SCARSELLA, DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA

Dettagli

THERMATILE & BREVETTATO. Sistema riscaldante brevettato per pavimenti e rivestimenti

THERMATILE & BREVETTATO. Sistema riscaldante brevettato per pavimenti e rivestimenti THERMATILE & BREVETTATO Sistema riscaldante brevettato per pavimenti e rivestimenti 1 Che cos è? Thermatile è l innovativo sistema brevettato di riscaldamento radiante in fibra di carbonio, di soli 4 millimetri

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

Burj al-arab. Tom Wright and Atkins

Burj al-arab. Tom Wright and Atkins Tom Wright and Atkins Esterni e dettagli costruttivi L esterno della struttura è caratterizzato da tre elementi: la pianta triangolare; l esoscheletro in acciaio; la tenda in teflon. La sagoma è poi interrotta

Dettagli

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 ESEDRA ENERGIA S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 La decennale esperienza di Esedra nel mondo delle energie rinnovabili ha dato vita alla linea

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli