DISABILITA UDITIVE E DEL LINGUAGGIO: IMPLICAZIONI NELL APPRENDIMENTO E NELLA VITA DI RELAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DISABILITA UDITIVE E DEL LINGUAGGIO: IMPLICAZIONI NELL APPRENDIMENTO E NELLA VITA DI RELAZIONE"

Transcript

1 DISABILITA UDITIVE E DEL LINGUAGGIO: IMPLICAZIONI NELL APPRENDIMENTO E NELLA VITA DI RELAZIONE Dott. Marco Gubernale ULSS n. Ass. La Nostra Famiglia di Conegliano (TV) Polo I.R.C.C.S. E. Medea del Veneto La letteratura scientifica, recente e non, appare ricca di interventi che enfatizzano una sostanziale integrità del profilo cognitivo in caso di sordità - anche profonda - dell età evolutiva non in comorbilità ad altri quadri clinici, tale da correlare favorevolmente con il potenziale di apprendimento: a titolo di esempio, alcuni dati empirici evidenziano che sul versante dell apprendimento dei prerequisiti del pensiero matematico le performances dei bambini ipoacusici sono quantitativamente sovrapponibili a quelle dei pari sani, seppure connotati da aspetti qualitativi più specifici riguardanti la dimensione semantica del numero. Di converso, emerge una minore coesione per quanto riguarda le variabili più propriamente comportamentali e relazionali. In particolare, tra gli spunti che spesso appaiono maggiormente critici per le agenzie formative, si apprezzano modalità comportamentali che assimilano sindromi disattentivo-impulsive che, seppure reattive al quadro clinico generale, attenuano l efficacia dell intervento pedagogico. Dunque, la sfida attuale della disabilità uditiva sul terreno specifico dell apprendimento scolastico e delle abilità sociali richiede la definizione di un approccio multidisciplinare, consapevole delle variabili neuropsicologiche ed emotive in gioco, capace di elaborare creativamente settino appropriati per stimolazioni didattiche multimediali e di stabilire prese in carico rivolte, con le specificità individuali, alla globalità della famiglia. QUALCHE PREGIUDIZIO del mondo scolastico, ma non solo... C O N V E G N O R E G I O N A L E DEFICIT SENSORIALE IMPLICAZIONI NELLO SVILUPPO COGNITIVO E RELAZIONALE Pierino è sordo, quindi, muto Pierino è sordo, quindi si esprime solo con i gesti Pierino è sordo, quindi il suo QI è inferiore alla norma. DISABILITÀ UDITIVE E DEL LINGUAGGIO: IMPLICAZIONI NELL APPRENDIMENTO E NELLA VITA DI RELAZIONE Marco Gubernale Neuropsicologia Clinica dello Sviluppo - Psicopatologia dell Apprendimento...Il bambino sordo è scarsamente recuperabile sul piano didattico e socio-educativo... IN REALTA La questione è radicalmente differente, e maggiormente articolata Treviso, 2 aprile 27 VARIABILI OGGETTIVE Vs. SOGGETTIVE Mentre il Deficit uditivo consiste nella deprivazione assoluta o parziale di un senso E di per sé non implica handicap Il concetto di Disabilità - che veicola uno o più handicap - dipende dal Valore che la società e la cultura attribuiscono all abilità deficitaria EFFETTO CRUCIALE Sulla complessità delle richieste dell Apprendimento scolastico SPOSTAMENTO DEL BIAS CONCETTUALE Dal Soggetto ipoacusico come protagonista e nucleo della disabilità Al Contesto che agisce l apprendimento scolastico Dotazioni della scuola ordinaria relativamente alle conoscenze, competenze, strumenti, didattiche e metodologie necessarie per ottimizzare l interazione Passaggio frettoloso di consegne tra Istituti speciali e Scuola ordinaria Attraverso la ridefinizione delle Risorse potenzialmente destinabili al Bm con IC

2 QUATTRO AMBITI CRUCIALI Formazione degli Insegnati relativamente alla peculiarità del deficit uditivo In genere non è prevista una formazione di base Appropriatezza delle metodologie didattiche Consapevolezza e by pass dello stile cognitivo Coinvolgimento delle persone adulte sorde nel processo educativo: Contributo insostuibile alle analisi delle problematiche che riguardano i Bm sordi Preziosa fonte di confronto, anche per lo sviluppo personologico Riflessione e ampliamento delle opportunità di apprendimento anche per i normoacusici SHIFT Da Cosa a Come insegnare Enfasi sulla conoscenza delle peculiarità cognitive del soggetto ipoacusico Utilità di curricoli formativi specifici ed accessibili Similmente alla pedagogia del bm normoudente Lytle RR, Rovins MR. Reforming deaf education. A paradigm shift from how to teach to what to teach, Am Ann Deaf. 17 Mar;142(1): Da......A.. [J.G. SPURZHEIM, Outlines of Phrenology (1832)] PROCESSI COGNITIVI PERCEZIONE MEMORIA ATTENZIONE LINGUAGGIO F.ni ESECUTIVE IMAGERY APPRENDIMENTO PERCEZIONE Percezione visiva IMAGERY Rappresentazione mentale dello spazio ATTENZIONE Selettiva, Sostenuta, Distribuita Spaziale Visiva, Uditiva MEMORIA BT, LT WM Procedurale Vs. Dichiarativa Memoria Semantica e Organizzazione delle conoscenze Memoria autobiografica, Episodica, Prospettica LINGUAGGIO Comprensione e Produzione dell eloquio Organizzazione del Lessico Blinguismo Pragmatica della comunicazione e Linguaggio metaforico EMOZIONI Espressione-Riconoscimento Regolazione PSICOLOGIA DELL APPRENDIMENTO Rappresentazione dello spazio

3 APPROCCI ALLA VALUTAZIONE DELLA FUNZIONALITA COGNITIVA? Metafora del Computer (p.e. Lindsay, Norman, 177).? Teoria della Human Information Processing? Distinzione funzionale tra Processi cognitivi e Pattern neurali relativamente alle specifiche prestazioni cognitive? Concetto di Mente modulare(fodor, 183)? I processi cognitivi presuppongono specifiche Unità operativeche i quali forniscono un contributo peculiare all esecuzione di un compito complesso.? Da Piaget(136)...? Sviluppo mentale in un ottica Costruttivista?...A critiche all approccio computer-morfico? Flavell(17), approccio Metacognitivo: enfasi sulla capacità della mente umana di riflettere e d influenzare se stessa? Variabili: Compito, Strategie, Personologiche? Attualmente? Scenario articolato di interfaccia tra Neuroscienze,Intelligenza artificiale, Neuropsicologia, Psicologia sperimentale INTENTI DELLA VALUTAZIONE DELLA FUNZIONALITA COGNITIVA IN AMBITO CLINICO Misurare il ritmo della maturazione delle funzioni cognitive superiori Profilo Quantitativo: Intelligenza, Crescita mentale Profilo Qualitativo Documentare il trend evolutivo in caso di affezioni che minacciano lo sviluppo il SNC Definire le determinanti del rischio dismaturativo Definire i differenti livelli di sensibilità delle aree coinvolgibili dall intervento abilitativoriabilitativo Valore prognostico SCELTA DI UN TEST PER LA VALUTAZIONE DELL INTELLIGENZA (I) Conoscenza dei fattori generali dello sviluppo, quindi del livello di risorse cognitive disponibili; Conoscenza del livello di prestazione evidenziata rispetto a una distribuzione di punteggi di riferimentoe di conseguenza la valutazione del grado di difficoltà del soggetto nel risolvere determinati compiti SCELTA DI UN TEST PER LA VALUTAZIONE DELL INTELLIGENZA (II) GUIDELINES PER LA SCELTA DEL REATTIVO Range cronologico del paziente Dominio funzionale da indagare Livelli di validità e attendibilità psicometriche Consenso della comunità scientifica Utilizzo per confronto entro livelli di età, ed entro altre caratteristiche psicologiche o socioculturali Utilizzo per i follow-up clinici CRITERIO DIAGNOSTICO DELLA DISCREPANZA

4 QI DI DEVIAZIONE Indica la distanza di ciascun soggetto dalla media della popolazione, espressa in termini di deviazione standard della distribuzione La prestazione del soggetto viene confrontata con quella di un campione con medesime caratteristiche con m e S specifiche, che restano piuttosto stabili a differenti livelli di età Media=1, s=15 GENERALITA SULLO STATUS COGNITIVO DEL BAMBINO IPOACUSICO Sbilanciamento Visuospaziale>Verbale Funzionalità esecutiva Pensiero rigido, stereotipato Modalità risolutive concrete Carenze nella memoria Memoria verbale in genere Strategica Carenze nel linguaggio orale Strumentale Efficacia informativa Pragmatica comunicativa Effetti sull apprendimento scolastico Lettura e scrittura Calcolo meno vulnerabile DISTURBI DI APPRENDIMENTO (Bunch & Melnyk, 18) Vol.1,No. 2,25 The Cognition and Behaviour of Children with Cochlear Implants, Children with Hearing Aids and Their Hearing Peers: A Comparison Sonya Khana, Lindsey Edwardsb, Dawn Langdona Abstract Hearing impairment has been associated with cognitive deficits. It is not yet clear whether cochlear implants enable children to reduce or overcome these deficits. This study examined whether hearing impaired children with cochlear implants differed from hearing impaired children without cochlear implants or fromhearing children. The three age-matched groups were compared on a non-verbal measure of cognition, the LeiterInternational Performance Scale-Revised (LIPS-R), and a measure of behaviour, the Child Behaviour Checklist (CBCL). Apart from their scores on the Attention Sustained Subtest of the LIPS-R,the performance of the implanted group and the hearing group closely corresponded, while the hearing impaired children without cochlear implants performed below the level achieved by both these groups. There were no differences between any groups on the CBCL. It was concluded that hearing impaired children with cochlear implants were able to perform atthe same non-verbal cognitive level as hearing children....students diagnosed with learning disabilities and hearing loss are generally found to be in the average or above averagerange of intelligence displaying skills and abilities in many different ways while displaying specific learning deficitsthat restrict accomplishments. They are described as exhibiting unusual learningcharacteristics considered atypical of students who are deaf and hard of hearing in general; these greatly affect their progress. These students are not progressing academicallyin comparison to the documented parameters of delayed language and concept learning found in the general population of students who are deaf or hard of hearing... COMORBILITA Sordità e Insufficienza mentale Malattie con insulto traumatico o internistico al SNC Grave prematurità Effetto sinergico delle alterazioni Sordità e alterazioni del Comportamento Cmp collerico, oppositivo e impulsivo ADHD +DOC......Organizzazione psicopatologica preclinica Sordità e manifestazioni a sfondo Autistico Reazioni di pseudoadattamento al mutismo Permanenza del rifiuto al contatto, stereotipie, isolamento... Disabilità associate DIFFICOLTA IN SENSO EMOTIVO- RELAZIONALE Scarsa competenza nel riconoscimento e nella definizione delle emozioni, anche dal punto di vista causale Difficoltà nella sintesi di un nucleo personologico proprio e stabile Difficoltà nell interazione con coetanei ed adulti, senso di isolamento nella relazione Scarsa autonomia affettiva, dipendenza Insicurezza e ridotta autostima. APPROCCIO ALLA VALUTAZIONE COGNITIVA NEL BAMBINO SORDO...The examiner who is unfamiliar with hearing-impaired children and the issue of hearing impairments in general may be able to get a score, perhaps even an accurate score. The central issues, however, are interpretationof that score and treatment plan design. An examiner with greater expertise related to the child's problem will simply be able to better understand the etiology, course, and treatments. It's a matter similar to seeing a psychiatrist for heart problems. While the psychiatrist can perhaps obtain relevant EKG and other test scores, I personally would feel better in the hands of a cardiologist!... Kamphaus R.W., (13): Clinical Assessment of Children's Intelligence: A Handbook for Professional Practice, p. 4 RASSEGNA DEI REATTIVI UTILIZZABILI Universal Nonverbal Intelligence Test (UNIT) (Bracken & McCallum) LeiterInternational Performance Scale Revised Wechsler Intelligence Scale for Children Fourth Edition (WISC-IV) individually administered clinical instrument for assessing the intellectual ability of children aged 6 years through 16 years, 11 months. Griffith s mental development scale Kaufman Assessment Battery for Children (K-ABC) (Alan S. Kaufman & NadeenL. Kaufman)- assesses the intelligence and achievement of 2 ½ -12 ½ -year-old children. The Test of Nonverbal Intelligence-Third Edition (TONI-III) (Linda Brown, Rita J. Sherbenou, Susan K. Johnson) Language free measure of cognitive ability. Comprehensive Test of Nonverbal Intelligence (CTONI) (Donald D Hammill, NilsA Person, J. Lee Wiederholt) also a language free measure of cognitive ability. Cognitive Assessment System (CAS) (Jack Naglieri, J.P. Das) an assessment battery designed to evaluate cognitive processing in children 5-17 years of age. Derived from the Planning, Attention, Simultaneous, and Successive (PASS) theory. BayleyScale III The BattelleDevelopmental Inventory (BDI) (Jean Newborg, John R. Stock, Linda Wnek) a standardized individually administered assessment battery of keydevelopmental skills in children from birth to 8 years-of-age. Benton Visual Retention Test (BVRT) (Abigail Benton Sivan) assessment of short term visual memory. Test of Visual Motor Integration (VMI) (Keith E. Beery)-A developmental sequence of geometric forms to be copied with paper and pencil to assess visual perception and motor coordination

5 Sviluppo intellettivo non Verbale Range quantitativo nella norma Nella norma Modalità elaborative fluide Capacità di problem solving strategico non verbale SCALA LEITER - R Batteria VR Figure Ground Pensiero categorizzante Reti concettuali di significanti non verbali Maggiore articolazione della funzionalità visuospaziale Estrazione del dettaglio Vp......Spiccata connettività dei pattern gestaltici SCALA LEITER - R Batteria VR Figure Ground SCALA LEITER - R Batteria VR Repeated Patterns SCALA LEITER - R Batteria VR Repeated Patterns Approccio Psicolinguistico allo Sviluppo Verbale Linguaggio Componente psico-emotiva Componente neurosensoriale Variabili socio-culturali Pensiero Linguaggio Sviluppo intellettivo Verbale I Lacune della competenza strumentale Riduzione dello span verbale a BT attivo e passivo Attenuazione dellcapacità di elaborazione sequenziale Fonologia rallentata e metafonologia acquisita in ritardo Ridotta velocità e automatizzazione nei compiti di accesso al lessico Riduzione degli automatismi della decodifica Con effetto sulle componenti strategiche... Soprattutto attive Sviluppo intellettivo Verbale II...E su quelle a carattere rappresentazionalesimbolico Pensiero concreto Vs. astratto Ipotesi sulla connettività categoriale verbale Ridotta evolutività del linguaggio interno...è più difficile pensare senza usare le parole e questo diminuisce la partecipazione alle esperienze proprie ed altrui... Gradiente Strumentale-Strategico Comprensione della lettura

6 DIFFICOLTA SUL PIANO COGNITIVO... Lessico limitato, soprattutto in senso multidimensionale Difficoltà nel pensiero verbale strategico: Elaborazione del nesso causale Modalità elaborative concrete Pensiero verbale irrigidito Ragionamento ipotetico-deduttivo ridotto Ridotta competenza comunicativa...specificamente LEGATE ALL USO DELLA LINGUA Errori di natura strumentale: omissioni, sostituzioni, aggiunte in senso morfologico e in particolare con preposizioni, articoli, pronomi e forme verbali Povertà lessicale recettiva ed espressiva, con vocabolario rigido Errori nella comprensione dei testi contenenti frasi passive reversibili, pronomi, preposizioni e nomi al plurale Produzione di frasi più brevi e semplificate dal punto di vista sintattico Memoria I Le cose si compl l interazione LNG-App app più compl da interpr Maggiore coinvolgimento del codice Visuospaziale/Verbale-fonologico nei processi mnesici primari Teoria del Doppio codice Nei compiti di App informazioni sequenziali è privilegiato il codice verbale Limitatamente al tipo di compito affrontato Sembra che i sordi non siano più abili quando utilizzano il codice visivo al posto di quello verbale Differenze funzionali tra sordi segnanti e non (+) Capacità di identificare espressioni emotive facciali (+) Compiti di mental imaginery A. Paivio, Mental representations: A dual coding approach, Clarendon Press, Oxford, 186. D. Conlin, A. Paivio, The associative learning of the deaf: the effects of word imagery and signability, in Memory and Cognition, 3, 175, J.D.Bonvillian, Effects of signability and imagery on word recall of deaf and hearing students, in Perceptual and Motor skill, 56, 183, Attenzione Prevalenza di ADHD sovrapponibile a quella dei bm normoudenti Maggiore Impulsività che non esita sistematicamente in ADHD Ipoacusia ereditaria Rischio non elevato Ipoacusia acquisita Incremento del rischio Etiopatogenesi medica Verosimile componente ambientale? Aumento dei casi se comorbilità ad altre disabilità Hindley P, Kroll L., Theoretical and epidemiological aspects of attention deficit and overactivity in deaf children, J Deaf Stud Deaf Educ, 18 Winter; 3(1): Bailliy D., Dechoulydelenclave MB, Lauwerier L., Hearing impairment and psyhopatological disorders in children and adolescents: Review of the recent literature, Encephale, 23 lug-aug; 2: Memoria II Ricorso ai codici verbale o figurale per rappresentare determinate situazioni in f x del tipo di compito o delle specificità e stili evocativi individuali Ruolo cruciale delle modalità di apprendimento Estrazione di un contesto concettuale Codifica efficace fondata sul significato Organizzazione dei setting di apprendimento Pool di fattori causali Tipo di compito Fitting del soggetto Strategie applicate Metariflessione Motivazione Attenzione II Variabili non cognitive Egocentrismo Scarsa tolleranza della frustrazione Insicurezza Aggressività Variabili più propriamente cognitive Carenza di processi strategici Limitata pianificazione Profilo Simil-ADHD Ruolo cruciale del genitore IC E PERFORMANCE SCOLASTICA I SCUOLA DELL INFANZIA Possesso delle abilità di Lettura e Scrittura Dipendenza dalla Labiolettura Enfasi sulle componenti di controllo del processo Regole dei giochi Verifica e generalizzazione Partecipazione a setting di conversazione Supporto iconico Contesto interattivo LA SCUOLA ELEMENTARE Accurato bilancio iniziale PRCR-2 IPDA Ritmo di apprendimento delle componenti Strumentali privo di differenze cruciali Arrichimento del lessico Comprensione Secondo ciclo Storia e geografia Progettualità della scuola e della famiglia Se IC precoce, motivazione + e buona tenuta del contesto Evitare Insegnante di sostegno Diversamente, PEI

7 IPOTESI SULLA SPECIFICITA DEL PROFILO COGNITIVO Lo sviluppo dell'intelligenza numerica nel bambino ipoacusico: Ipotesi sulla competenza matematica Vs. verbale e sul bilancio cognitivo globale Genovese E., Galizia R., Gubernale M., Arslan E. e Lucangeli D. (25): Mathematical Vs. reading and writing disabilities in deaf children: a pilot study on the developmnent of numerical knowledge, Cognition and Learning in Diverse Settings, Advances in Learning and Behavioral Disabilities, Vol 18, INTELLIGENZA NUMERICA Pool di funzioni cognitive specificamente dedicate a compiere operazioni mentali con e mediante il numero (Lucangeli e Tressoldi 22, Lucangeli 23) Capacità di comprendere e definire la realtà contestuale attraverso la quantità Abilità innate Dominio funzionalmente autonomo Lucangeli D e Tressoldi P.E. Lo sviluppo della conoscenza numerica: alle origini del capire i numeri, GIORNALE ITALIANO DI PSICOLOGIA / a. XXIX, n. 4, dicembre 22 Lucangeli D. (23): L Intelligenza Numerica, vol. 1, Gardolo (TN), ed. Erickson PRINCIPALI DIMENSIONI EVOLUTIVE COMPETENZE DELL INFANZIA PREVERBALE Facoltà congenita di rappresentazione della numerosità di insiemi < tre elementi (Winn 1, Geary 15) ACQUISIZIONE DELLE ABILITA DI COUNTING Capacità di codificare le quantità mediante il sistema verbale numerico (Gelman & Gallistel 178, Fuson & Hall, 183) LETTURA E SCRITTURA DEL NUMERO Successo nell accesso al sistema simbolico dei numeri (Hughes 182) Marker specifici (Lucangeli, Tressoldi e Fiore 18) Wynn, K. (1). Numerical competence in infants, in Donlan C.the development of mathematical skills. Study in developmental Psycology. Psychology Press, Howe. Gelman, R. & Gallistel, C.R. (178). The child s understanding of number. Harvard University Press, Cambridge. Lucangeli D., Tressoldi P.E. e Fiore C (18): Test ABCA, Gardolo (TN), ed. Erickson DEFINIZIONE DEL QUESITO SPERIMENTALE 1.1 ANALISI DELLE RELAZIONI FUNZIONALI TRA SVILUPPO DEL LINGUAGGIO E DELL INTELLIGENZA NUMERICA: INTERAZIONE oppure INDIPENDENZA FUNZIONALE TRA I DUE DOMINI COGNITIVI? DEFINIZIONE DEL QUESITO SPERIMENTALE 1.2 FENOMENOLOGIA CLINICA DEL BAMBINO IPOACUSICO IL RITARDO EVOLUTIVO LINGUISTICO RAPPRESENTA UNA SITUAZIONE DI EXPERIMENTUM NATURAE UTILE PER OTTENERE LA MISURA PIU PURA POSSIBILE DELLO SVILUPPO DELL IN DEFINIZIONE DEL QUESITO SPERIMENTALE 2 INDIVIDUAZIONE DELLE CARATTERISTICHE DELLA COGNIZIONE NUMERICA IN CASO DI IPOACUSIA SEVERA O PROFONDA ANALISI DELLA RELAZIONE QUALITATIVA TRA PROFILO INTELLETTIVO NON VERBALE E INTELLIGENZA NUMERICA Prove PRCR-Numero per l Intelligenza Numerica Stima della capacità di compiere operazioni con e attraverso il numero in età prescolare Livello intellettivo non verbale Batteria Leiter-R Campione di 11 bambini con IC Età mesi, µ= 53 mesi Durata del compenso 7-48 mesi, µ= 25 mesi Prove SIGNIFICATIVITA DEL CONFRONTO TRA MEDIANE 1 - Scrittura 2A - Enumerazione 3 - Lettura di numeri 4 - Corrispondenza nome numero 5 - Comparazione numeri Minimo Massimo Mediana normali Mediana sordi Test mediana sign.tà,6,74,27,38,7 Campione di 61 bm normoudenti Età 6-72 mesi 6 - Corrispondenza numeri quantità 7 - Confronto numerosità 11 - Seriazione B ,47,66,74

8 TREND DELLA MEDIANA M edian a degli ind ic i no rm alizza ti delle pro ve di IN Bambini normali Bambini sordi CONFRONTO QUALITATIVO TRA PROFILI CORRELAZIONALI 1,2 BAMBINI NORMALI 1 indice normalizzato,8,6 E tà 1, 1 1,,226,253 2A,1,226 1,,253,25,332,2 15 3,253,253 1,,745,482,3,24,52,438 4,745 1,,48,42,231,223,531,385 5,25,482,48 1,,47,258,258,266 6,332,3,42,47 1,,286,2 4,28 7,231 1,,24 6,24,223,258,286 1,,47,32 1,52,531,258,24,246,47 1,, ,215,438,385,266,28,32,311 1,,4,2 1 - Scrittura 2A - Enumerazione 3 - Lettura di numeri 4 - Corrisp. nome numero 5 - Comparazione numeri 6 - Corrisp. numeri quantità 7 - Confronto numerosità - Presintassi B 1 - Seriazione A 11 - Seriazione B Età 1,,531,62 Dura ta,531 1, 1 1,,55 7 2A 1,,65,782, , ***,525,557 4,62,557 1, 5,525 1, 6 1,,656 7,65,557 1,,741,56 1, 1,782,656,741 1,,835 Prove intelligenza numerica PROFILO COGNITIVO Esiti della batteria Leiter-R Prove Media Media camp.ne t QI 1 17,8,17 Rf 1 2,5,18 Vf 1 17,8,16 FG 1 13,2 <,1 FC 1 12,5,2 M 1 12,3 SO 1,6,73 RP 1 8,6,23 PC 1 1,5,6 C 1 11,1,23 PROFILO CORRELAZIONALE Entro lo status cognitivo Età Durata QI Rf Vf FG FC M SO RP PC C Età 1,,713 Durata,713 1, QI 1,,845,66,666,868,76,637,823,624 Rf,845 1,,52,737,16 Vf,66 1,,7,,82 FG,666 1,,55,561 FC,868,52,55 1,,78,56 M,76,7,78 1, SO,637,737 1,,52 RP,823,16,561,56 1, PC, 1,,82 C,624,82,52,82 1, PROFILO CORRELAZIONALE Status intellettivo Intelligenza numerica QI Rf Vf FG FCM SO RP PC C 1 - Scrittura,684,814 2A - Enumerazione,657, Lettura di numeri 4 - Corrispondenza nome numero 5 - Comparazione numeri 6 - Corrispondenza numeri quantità, Confronto numerosità - Presintassi B 1 - Seriazione A,611,63,747, Seriazione B,834,87,87,63 IPOTESI SULLE CAPACITA DI COMPARAZIONE NUMERI ARABICI Se... Il bambino ipoacusico non riesce ad esprimere il giudizio quantitativo mediato dal paragone delle quantità espresse con un codice simbolico...allora Possiamo ipotizzare una specifica modifica della funzionalità dei processi per la rappresentazione astratta del numero entro il sistema semantico PROFILO CORRELAZIONALE PRCR-N (Minore coesione tra le rispettive abilità) Assenza della relazione Durata/IN Diversamente dal linguaggio La competenza Numerica non appare sensibile alle modifiche funzionali del versante Linguistico ALCUNE CONCLUSIONI I Emergono evidenze a favore dell esistenza di competenze cognitive Linguistiche e Numeriche funzionalmente autonome Più specificamente si prospettano due scenari, in funzione del livello di osservazione dei dati ottenuti:

9 Analisi sul versante QUANTITATIVO Evidenze a favore dell Indipendenza funzionale tra i rispettivi domìni cognitivi linguistico Vs. numerico Vs. Intellettivo non verbale Elevata sovrapponibilità dei profili IN e QI IN non beneficia dell evoluzione del Linguaggio Analisi sul versante QUALITATIVO Evidenze a favore di anomalie nello sviluppo del sistema di Rappresentazione astratta dei numeri, sede dei connotati enciclopedico-funzionali del numero Insufficienze nella elaborazione del numero come simbolo delle quantità Profilo evolutivo incompleto......e sbilanciato a favore dell elaborazione degli attributi visuopercettivi IN + QI + Lng + IN + QI + APPARE VEROSIMILE CHE I BAMBINI IPOACUSICI RICORRANO COATTIVAMENTE AL GIUDIZIO PERCETTIVO PER ACCEDERE AL SEMANTE NUMERICO CONCLUSIONI II Poichè... Sul piano Visuopercettivo emergono modalità di pensiero Flessibile e Creativo (Rf = e QI/Rf), nonchè Categorizzante (PC/C)...e... Queste abilità non vengono reclutate per intelligere le quantità a livello simbolico...ipotizziamo che Le differenze qualitative originino da un iposviluppo dei livelli simbolici (e specifici per dominio?) della HIP Grazie per l attenzione Dott. MARCO GUBERNALE Laureato in Psicologia con orientamento neuropsicologico presso l Università di Padova, ha conseguito il Master in Psicopatologia dell apprendimento. Ha pubblicato alcuni saggi sullo sviluppo delle competenze matematiche nei bambini con impianto cocleare. Attualmente è Referente neuropsicologico all IRCCS Medea di Conegliano, Ricercatore presso il Servizio di Audilogia-Foniatria dell Università di Padova-ALSS di Treviso e docente a contratto presso l Università della Valle d Aosta.

ESISTE LA DISCALCULIA? 0011 0010 1010 1101 0001 0100 1011

ESISTE LA DISCALCULIA? 0011 0010 1010 1101 0001 0100 1011 Proposte didattiche scuola del infanzia e primaria 00 000 00 0 000 000 0 Ambito matematico Tiziana Turco - Psicologa - Insegnante Formatrice AID ESISTE LA DISCALCULIA? 00 000 00 0 000 000 0 3000 docenti

Dettagli

Tutti pronti per la scuola?

Tutti pronti per la scuola? Dott.ssa Grazia Nonne Tutti pronti per la scuola? L'Intelligenza Numerica alla scuola dell'infanzia: prevenzione e potenziamento. Corso di Formazione La matematica non fa paura Fonni 3-4 Settembre 2015

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI CON ADHD

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI CON ADHD I S T I T U TO C O M P R E N S I V O S TATAL E D I S O S S AN O Via San Giovanni Bosco, 4 36040 SOSSANO (VI) Tel. 0444/885284 viic89000e@istruzione.it viic89000e@pec.istruzione.it www.icsossano.it C.F.

Dettagli

Master Universitario di primo livello METODOLOGIA DELL INTERVENTO LOGOPEDICO NEI DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO

Master Universitario di primo livello METODOLOGIA DELL INTERVENTO LOGOPEDICO NEI DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO Master Universitario di primo livello METODOLOGIA DELL INTERVENTO Direttore: Prof. Alessandro MARTINI OBIETTIVI DEL MASTER Il Master è finalizzato al conseguimento di conoscenze e competenze specifiche

Dettagli

Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento?

Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento? Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento? Considerati parte della famiglia dei Disturbi Evolutivi Specifici, i Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA) affliggono alcune specifiche abilità che

Dettagli

Le difficoltà/disturbi

Le difficoltà/disturbi Le difficoltà/disturbi Scuola primaria 25-30% dei bambini presenta difficoltà nel calcolo e un 30-35% nei problemi (Lucangeli, 2005- Commissione Nazionale). Scuola superiore Indagine OCSE Pisa (2009) ha

Dettagli

I Disturbi Specifici dell Apprendimento. A cura della dott.ssa Stefania Desotgiu

I Disturbi Specifici dell Apprendimento. A cura della dott.ssa Stefania Desotgiu I Disturbi Specifici dell Apprendimento A cura della dott.ssa Stefania Desotgiu Programma degli incontri I Incontro I Disturbi Specifici dell Apprendimento (DSA) e la Dislessia Introduzione ai DSA (caratteristiche

Dettagli

Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche. nei bambini in età prescolare

Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche. nei bambini in età prescolare Istituto di Riabilitazione ANGELO CUSTODE PARLARE E CONTARE ALLA SCUOLA DELL INFANZIA Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche nei bambini in età prescolare Dott.ssa Liana Belloni Dott.ssa Claudia

Dettagli

EMANUELE GAGLIARDINI ABILITA COGNITIVE

EMANUELE GAGLIARDINI ABILITA COGNITIVE EMNUELE GGLIRDINI ILIT COGNITIVE Programma di potenziamento e recupero Vol. 5 COGNIZIONE NUMERIC 4 4 4 4 La serie di volumi bilità cognitive è dedicata a specifici processi e abilità mentali (Percezione

Dettagli

BES e DSA: Lettura della relazione diagnostica

BES e DSA: Lettura della relazione diagnostica BES e DSA: Lettura della relazione Dott.ssa Anna Bruno Psicologa Psicoterapeuta Dott.ssa Chiara Izzo Logopedista Chi effettua la diagnosi? DISABILITÀ Servizio pubblico specialistico che ha in carico il

Dettagli

LA MATEMATICA Devi esserci proprio portata! i capito nulla! Io non ci ho mai

LA MATEMATICA Devi esserci proprio portata! i capito nulla! Io non ci ho mai LA MATEMATICA portata! Devi esserci proprio portata Io Io non non ci ci ho ho mai mai capito capito nulla nulla! La situazione in Italia Scuola elementare: 5 bambini per classe con difficoltà di calcolo

Dettagli

DALLA DIAGNOSI AL PDP. TORINO 12 NOVEMBRE 2015 Dott.ssa Azia M Sammartano

DALLA DIAGNOSI AL PDP. TORINO 12 NOVEMBRE 2015 Dott.ssa Azia M Sammartano DALLA DIAGNOSI AL PDP TORINO 12 NOVEMBRE 2015 Dott.ssa Azia M Sammartano SU COSA CI SI BASA PER LA DIAGNOSI? QUALI BASI? QUALI TEST? QUALI ANALISI? Le basi! Criterio della discrepanza! Il principale criterio

Dettagli

ANALISI DELLE DIAGNOSI di Disturbo Specifico dell Apprendimento

ANALISI DELLE DIAGNOSI di Disturbo Specifico dell Apprendimento ANALISI DELLE DIAGNOSI di Disturbo Specifico dell Apprendimento Chiara Trubini Consultorio CEAF di Vimercate, Comune di Ornago e Università di Parma trubini.chiara@libero.it F 81.0 Disturbo specifico

Dettagli

Istituto di Riabilitazione ANGELO CUSTODE

Istituto di Riabilitazione ANGELO CUSTODE Istituto di Riabilitazione ANGELO CUSTODE PARLARE E CONTARE ALLA SCUOLA DELL INFANZIA Dott.ssa Liana Belloni Dott.ssa Claudia Fucili Dott.ssa Roberta Maltese 1 I Disturbi Specifici dell Apprendimento LESSIA

Dettagli

LO SVILUPPO COGNITIVO

LO SVILUPPO COGNITIVO LO SVILUPPO COGNITIVO Corso di Disabilità Cognitive Prof. Renzo Vianello Università di Padova power-point per le lezioni, a cura di: Manzan Dainese Martina Riccoldo Monica Argomenti trattati Problemi metodologici

Dettagli

LO SVILUPPO COMUNICATIVO E LINGUISTICO NEI BAMBINI SORDI: LE LORO STORIE. Francesca Baruffaldi, Maria Cristina Caselli

LO SVILUPPO COMUNICATIVO E LINGUISTICO NEI BAMBINI SORDI: LE LORO STORIE. Francesca Baruffaldi, Maria Cristina Caselli LO SVILUPPO COMUNICATIVO E LINGUISTICO NEI BAMBINI SORDI: LE LORO STORIE Francesca Baruffaldi, Maria Cristina Caselli Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione ISTC - CNR Trento, 21 maggio 2011

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI CON ADHD

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI CON ADHD ISTITUTO COMPRENSIVO n. 19 Santa Croce VERONA Via S.Felice Extra 15/a 37131 Verona Tel.045 526583 - Fax 045 8402228 vric89100p@istruzione.it www.comprensivo19.it PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI

Dettagli

Disturbi Specifici dell apprendimento. Dott.ssa Valentina Genitori D Arrigo Psicologa e Psicoterapeuta

Disturbi Specifici dell apprendimento. Dott.ssa Valentina Genitori D Arrigo Psicologa e Psicoterapeuta Disturbi Specifici dell apprendimento Dott.ssa Valentina Genitori D Arrigo Psicologa e Psicoterapeuta Con il termine Disturbi Specifici dell Apprendimento (DSA) vengono indicate una serie di difficoltà

Dettagli

I DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO E LA SCUOLA: LA PROSPETTIVA PSICOPEDAGOGICA

I DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO E LA SCUOLA: LA PROSPETTIVA PSICOPEDAGOGICA I DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO E LA SCUOLA: LA PROSPETTIVA PSICOPEDAGOGICA A cura di C.M. Gentile Psicologo, Coordinatore Osservatorio Provinciale contro i Fenomeni della D.S. e per la promozione

Dettagli

Tipologie di BES e problemi diagnostici di confine con i DSA

Tipologie di BES e problemi diagnostici di confine con i DSA Lab.D.A. Laboratorio sui Disturbi dell Apprendimento Galleria Berchet, 3 Padova Direttore: Prof. Cesare Cornoldi Tipologie di BES e problemi diagnostici di confine con i DSA www.labda-spinoff.it 0498209059/3284366766

Dettagli

La concezione del ritardo mentale/disabilità intellettiva

La concezione del ritardo mentale/disabilità intellettiva La concezione del ritardo mentale/disabilità intellettiva Definizione (Associazione Americana Ritardo Mentale 2002): il ritardo mentale è una disabilità caratterizzata da limitazioni significative sia

Dettagli

NEPSY Second Edition

NEPSY Second Edition NEPSY Second Edition 3 Autori Marit Korkman, Ursula Kirk e Sally Kemp Data di pubblicazione 2011 Range di età Da 3 a 16 anni Tempo di somministrazione 90 minuti ca. per i soggetti in età prescolare 2-3

Dettagli

Disturbi Specifici del Linguaggio - DSL - Dott.ssa Camilla Fagetti Psicologa Psicoterapeuta

Disturbi Specifici del Linguaggio - DSL - Dott.ssa Camilla Fagetti Psicologa Psicoterapeuta Disturbi Specifici del Linguaggio - DSL - Dott.ssa Camilla Fagetti Psicologa Psicoterapeuta Novate, 20 Aprile 2015 Programma 1 parte Competenza linguistica Sviluppo linguistico Indici di riferimento Parlatori

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 La programmazione educativa, redatta dal Presidente del Gruppo H e stilata dalla Docente F/S per le attività a sostegno

Dettagli

Corso di aggiornamento per insegnanti sull apprendimento matematico dott.ssa Claudia Lipari

Corso di aggiornamento per insegnanti sull apprendimento matematico dott.ssa Claudia Lipari Direzione Didattica Gioacchino Gesmundo A.A. 2009-2010 Corso di aggiornamento per insegnanti sull apprendimento matematico dott.ssa Claudia Lipari Secondo incontro- 8/2/2010 Programma: Primo incontro:

Dettagli

CORSO DI PSICOLOGIA DELL EDUCAZIONE

CORSO DI PSICOLOGIA DELL EDUCAZIONE CORSO DI PSICOLOGIA DELL EDUCAZIONE A.A. 2012-2013 SCIENZE INFERMIERISTICHE POLO DI PISA II ANNO V LEZIONE Dott.ssa Chiara Toma I DISTURBI DELLO SVILUPPO Disturbi del linguaggio Autismo e disturbi pervasivi

Dettagli

STRUMENTI PER LA DIAGNOSI DI DSA. Bruna Codogno UST Belluno CTI di Belluno 20 febbraio 2013

STRUMENTI PER LA DIAGNOSI DI DSA. Bruna Codogno UST Belluno CTI di Belluno 20 febbraio 2013 STRUMENTI PER LA DIAGNOSI DI DSA Bruna Codogno UST Belluno CTI di Belluno 20 febbraio 2013 PRINCIPALI DIFFICOLTA NEL PORRE LA DIAGNOSI (ICD-10) 1. Distinguere il disturbo dalle normali variazioni del rendimento

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

La Dislessia Evolutiva

La Dislessia Evolutiva La Dislessia Evolutiva Dislessia Evolutiva (DE) Disabilità specifica dell apprendimento di origine neurobiologica. Si manifesta quando un bambino non sviluppa, o sviluppa con molta difficoltà, la capacità

Dettagli

Educazione Pedagogia Didattica in un asilo nido Lo scenario psicologico. Dott.ssa Adriana Lafranconi 11 marzo 2013

Educazione Pedagogia Didattica in un asilo nido Lo scenario psicologico. Dott.ssa Adriana Lafranconi 11 marzo 2013 Educazione Pedagogia Didattica in un asilo nido Lo scenario psicologico Dott.ssa Adriana Lafranconi 11 marzo 2013 PIAGET VYGOTSKY NELSON Bambino diverso dall adulto Bambino diverso dall adulto Continuità

Dettagli

Difficoltà e Disturbi Specifici dell Apprendimento

Difficoltà e Disturbi Specifici dell Apprendimento DISTURBI DELL'APPRENDIMENTO Quando è difficile imparare ad apprendere. Difficoltà e Disturbi Specifici dell Apprendimento DSA DIFFICOLTA d APPRENDIMENTO Deficit cognitivi RM D. strumentali D. Psicopat.

Dettagli

Valutazione e Riabilitazione nei Disturbi Specifici dell Apprendimento. Gruppo di Lavoro di Neuropsicologia 4 ottobre 2008

Valutazione e Riabilitazione nei Disturbi Specifici dell Apprendimento. Gruppo di Lavoro di Neuropsicologia 4 ottobre 2008 Valutazione e Riabilitazione nei Disturbi Specifici dell Apprendimento 4 ottobre 2008 Il principale criterio necessario per effettuare una diagnosi di DSA è quello della discrepanza tra abilità nel dominio

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

INTRODUZIONE AI DISTURBI DELL APPRENDIMENTO

INTRODUZIONE AI DISTURBI DELL APPRENDIMENTO INTRODUZIONE AI DISTURBI DELL APPRENDIMENTO Chiara Cantiani Psicologa Dottore di ricerca in Psicologia chiara.cantiani@bp.lnf.it chiara.cantiani@lanostrafamiglia.it IRCCS «E. Medea» Associazione La Nostra

Dettagli

La fatica di imparare: i disturbi di apprendimento

La fatica di imparare: i disturbi di apprendimento La fatica di imparare: i disturbi di apprendimento Ci sono bambini che faticano a studiare, ad apprendere per avere un risultato scolastico soddisfacente. In alcuni casi si tratta di ragazzini che non

Dettagli

Patologia del linguaggio in età evolutiva

Patologia del linguaggio in età evolutiva Patologia del linguaggio in età Ritardi e evolutiva disordini di acquisizione del linguaggio Disturbi del linguaggio Quadri clinici molto eterogenei : disturbi del linguaggio secondari le difficoltà linguistiche

Dettagli

Conoscere i Disturbi Specifici dell Apprendimento

Conoscere i Disturbi Specifici dell Apprendimento Mira, 27 marzo 2015 Conoscere i Disturbi Specifici dell Apprendimento Dott.ssa Barbara Longhi Psicologa Psicoterapeuta Ulss13 Servizio Età Evolutiva Cosa sono i DSA? Disturbi dello sviluppo che riguardano

Dettagli

4. Disturbo Specifico di Apprendimento

4. Disturbo Specifico di Apprendimento 4. Disturbo Specifico di Apprendimento Disturbo Specifico di Apprendimento Testi di riferimento: Cornoldi C. (a cura di), Difficoltà e disturbi dell'apprendimento, Ed. Il Mulino, Collana "Strumenti", Bologna,

Dettagli

APPLICAZIONE DI UN TRATTAMENTO METACOGNITIVO DI GRUPPO PER BAMBINI AFFETTI DA DISTURBO DA DEFICIT DELL ATTENZIONE CON

APPLICAZIONE DI UN TRATTAMENTO METACOGNITIVO DI GRUPPO PER BAMBINI AFFETTI DA DISTURBO DA DEFICIT DELL ATTENZIONE CON APPLICAZIONE DI UN TRATTAMENTO METACOGNITIVO DI GRUPPO PER BAMBINI AFFETTI DA DISTURBO DA DEFICIT DELL ATTENZIONE CON IPERATTIVITÀ E DI UN PERCORSO DI PARENT TRAINING RIVOLTO AI GENITORI Laura Vanzin,

Dettagli

Come leggere una diagnosi

Come leggere una diagnosi Come leggere una diagnosi Maristella Scorza Università di Modena e Reggio Emilia maristella.scorza@unimore.it Protocollo Diagnostico La segnalazione La raccolta anamnestica La valutazione clinica L interpretazione

Dettagli

Tecnologie per la riduzione degli handicap - Laurea in Pedagogia

Tecnologie per la riduzione degli handicap - Laurea in Pedagogia Provate a leggere Probabilmente risulterà difficile leggere queste poche righe. Qualcuno si appellerà agli errori di stampa. Effettivamente abbiamo sostituito qualche lettera, omesso qualcosa, aggiunto

Dettagli

DSA e/o BES. La comprensione del testo. Proposte didattiche Barbara Carretti barbara.carretti@unipd.it

DSA e/o BES. La comprensione del testo. Proposte didattiche Barbara Carretti barbara.carretti@unipd.it Lab.D.A. Laboratorio sui Disturbi dell Apprendimento Galleria Berchet, 3 Padova Direttore: Prof. Cesare Cornoldi DSA e/o BES. La comprensione del testo. Proposte didattiche Barbara Carretti barbara.carretti@unipd.it

Dettagli

DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO. Dislessia disgrafia disortografia - discalculia

DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO. Dislessia disgrafia disortografia - discalculia DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO Dislessia disgrafia disortografia - discalculia Come si sviluppa un abilità Predisposizione innata: le funzioni superiori si insediano nell uomo per sola esposizione

Dettagli

N. Caldarola *, A. M. Antonucci **, C. D Amato ** e I.C. Mammarella

N. Caldarola *, A. M. Antonucci **, C. D Amato ** e I.C. Mammarella XX CONGRESSO NAZIONALE AIRIPA, I DISTURBI DELL APPRENDIMENTO PRATO 21-22 OTTOBRE 2011 N. Caldarola *, A. M. Antonucci **, C. D Amato ** e I.C. Mammarella * Dipartimento di Psicologia Generale, Università

Dettagli

Testo di riferimento

Testo di riferimento Testo di riferimento Realizzazione di strumenti di documentazione e comunicazione tra scuola e servizi socio-sanitari con l utilizzo dell ICF come linguaggio comune per la descrizione del funzionamento

Dettagli

La Valutazione Neuropsicologica in età Evolutiva

La Valutazione Neuropsicologica in età Evolutiva La Valutazione Neuropsicologica in età Evolutiva Cos è la Neuropsicologia E la disciplina che studia i rapporti tra cervello e funzioni cognitive. Disciplina che studia i rapporti tra il cervello (strutture

Dettagli

Psicologia dello Sviluppo Cognitivo (LABORATORIO) 1 lezione Elena Gandolfi

Psicologia dello Sviluppo Cognitivo (LABORATORIO) 1 lezione Elena Gandolfi Psicologia dello Sviluppo Cognitivo (LABORATORIO) 1 lezione Elena Gandolfi L intelligenza Cos è l intelligenza? Non è un abilità cognitiva unitaria Non è un abilità cognitiva generale Non è innata Non

Dettagli

Osservatorio Lettoscrittura. Strumenti per l identificazione, il trattamento didattico e il monitoraggio delle difficoltà nella lettoscrittura

Osservatorio Lettoscrittura. Strumenti per l identificazione, il trattamento didattico e il monitoraggio delle difficoltà nella lettoscrittura Osservatorio Lettoscrittura Strumenti per l identificazione, il trattamento didattico e il monitoraggio delle difficoltà nella lettoscrittura Lettura dei bisogni di funzionamento B.E.S. Lettura dei bisogni

Dettagli

N.ARTIC. TITOLO ARGOMENTO ORDINE DI NOTE SCUOLA 001 * Ascolto è crescere Per alunni stranieri,

N.ARTIC. TITOLO ARGOMENTO ORDINE DI NOTE SCUOLA 001 * Ascolto è crescere Per alunni stranieri, N.ARTIC. TITOLO ARGOMENTO ORDINE DI NOTE SCUOLA 001 * Ascolto è crescere Per alunni stranieri, con sostegno e casi di bullismo 002 Insieme per crescere Troppo teorico 003 Costruire una comunità accogliente

Dettagli

B.E.S. Anno 2014. Fortunata Daniela Vetri. Daniela Vetri

B.E.S. Anno 2014. Fortunata Daniela Vetri. Daniela Vetri B.E.S. Anno 2014 Fortunata Daniela Vetri Daniela Vetri DISTURBI SPECIFICI D APPRENDIMENTO D. S. A. FONTI NORMATIVE LEGGE 8 OTTOBRE 2010 N. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici d apprendimento

Dettagli

AMBULATORIO MULTIDISCIPLINARE DELL APPRENDIMENTO

AMBULATORIO MULTIDISCIPLINARE DELL APPRENDIMENTO AMBULATORIO MULTIDISCIPLINARE DELL APPRENDIMENTO Gruppo di lavoro Dott. Piergiorgio Miottello, Neuropsichiatra infantile - Direttore Sanitario Dott. Michela Bontorin, Psicologa - Psicoterapeuta Dott. Renzo

Dettagli

DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO AGGIORNAMENTO: OLTRE I DISTURBI DELL APPRENDIMENTO Corso di formazione per docenti Scuole Cattoliche Scuole Primarie e Secondarie di I grado Dott.ssa Michela Rampinini

Dettagli

I disturbi specifici dell apprendimento: dall identificazione precoce agli interventi di recupero. Autore: Letizia Moretti Editing : Enrica Ciullo

I disturbi specifici dell apprendimento: dall identificazione precoce agli interventi di recupero. Autore: Letizia Moretti Editing : Enrica Ciullo I disturbi specifici dell apprendimento: dall identificazione precoce agli interventi di recupero Autore: Letizia Moretti Editing : Enrica Ciullo Corso Dsa - I disturbi specifici dell apprendimento: dall

Dettagli

Diapositive relazione dr Andrea Biancardi. Reggio Emilia, 30/1/2009

Diapositive relazione dr Andrea Biancardi. Reggio Emilia, 30/1/2009 Diapositive relazione dr Andrea Biancardi Reggio Emilia, 30/1/2009 Componenti strutturali e componenti evolutive dello sviluppo cognitivo Componenti strutturali/evolutive nell elaborazione numerica e nel

Dettagli

CLINICA DELLE DIFFICOLTÀ E DEI DISTURBI DI APPRENDIMENTO IN ETÀ EVOLUTIVA E ADULTA

CLINICA DELLE DIFFICOLTÀ E DEI DISTURBI DI APPRENDIMENTO IN ETÀ EVOLUTIVA E ADULTA CLINICA DELLE DIFFICOLTÀ E DEI DISTURBI DI APPRENDIMENTO IN ETÀ EVOLUTIVA E ADULTA Interpretazione dei DSA: dai documenti di consenso al DSM-5 Dott.ssa Rosalba Carnevale Clinica delle difficoltà e dei

Dettagli

PERCORSI MATEMATICI AMBIENTE DIDATTICO NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. di Caterina Scapin

PERCORSI MATEMATICI AMBIENTE DIDATTICO NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. di Caterina Scapin PERCORSI MATEMATICI AMBIENTE DIDATTICO NELLA SCUOLA DELL INFANZIA di Caterina Scapin Ci sono delle attività che producono COMPETENZE Alcune COMPETENZE sono predittive di DIFFICOLTA - DISTURBO DISLESSIA

Dettagli

WORKSHOP: Prove di screening per l individuazione precoce delle difficoltà di apprendimento

WORKSHOP: Prove di screening per l individuazione precoce delle difficoltà di apprendimento WORKSHOP: Prove di screening per l individuazione precoce delle difficoltà di apprendimento dott.ssa Maria Grazia Lamparelli psicologa psicoterapeuta Tolmezzo, 9 settembre 2011 art.3 comma 3 L.170/10 E

Dettagli

Correlazione tra i disturbi specifici del linguaggio e DSA

Correlazione tra i disturbi specifici del linguaggio e DSA Correlazione tra i disturbi specifici del linguaggio e DSA Dr. B. Rizzo Troina 13 Settembre 2013 U.O.C di ORL & Foniatria - IRCCS OASI MARIA SS. - ONLUS, TROINA Direttore Dr.V.Neri DISTURBI SPECIFICI DEL

Dettagli

Riconoscimento e categorizzazione delle emozioni nei Disturbi dello Spettro Autistico

Riconoscimento e categorizzazione delle emozioni nei Disturbi dello Spettro Autistico UNIVERSITÀ DI PADOVA Scuola di Specializzazione in Psicologia Clinica Riconoscimento e categorizzazione delle emozioni nei Disturbi dello Spettro Autistico TESI DI SPECIALIZZAZIONE Relatore Prof. Daniela

Dettagli

Osservare: sembra facile!

Osservare: sembra facile! Milano 7 maggio 2011 Strumenti di valutazione funzionale nei percorsi di vita delle persone con autismo. Introduzione Susanna Villa IRCCS Eugenio Medea Associazione La Nostra Famiglia Conegliano (TV).

Dettagli

IL BAMBINO E LE DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO. A cura di Sofia Carbonero Fabia Genoni

IL BAMBINO E LE DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO. A cura di Sofia Carbonero Fabia Genoni IL BAMBINO E LE DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO A cura di Sofia Carbonero Fabia Genoni I DISTURBI DEL FUNZIONAMENTO MOTORIO Disprassia I DISTURBI DELL APPRENDIMENTO I DISTURBI DI LINGUAGGIO Articolazione linguaggio

Dettagli

Disturbi dello Sviluppo (DS): approccio riabilitativo in età scolare

Disturbi dello Sviluppo (DS): approccio riabilitativo in età scolare Disturbi dello Sviluppo (DS): approccio riabilitativo in età scolare Caterina D Ardia Neuropsichiatria Infantile Università Sapienza, Roma Disturbi dello Sviluppo Sono Disturbi che accompagnano la persona

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

Lo sviluppo delle capacità di calcolo e di comprensione del numero La DISCALCULIA EVOLUTIVA

Lo sviluppo delle capacità di calcolo e di comprensione del numero La DISCALCULIA EVOLUTIVA Università degli Studi di Firenze Facoltà di Scienze della Formazione Laboratorio di Matematica Lo sviluppo delle capacità di calcolo e di comprensione del numero La DISCALCULIA EVOLUTIVA Gianluca Perticone

Dettagli

Intelligenza. Testi di riferimento: Coon, Mitterer (2011) Psicologia generale. UTET Cap. 10

Intelligenza. Testi di riferimento: Coon, Mitterer (2011) Psicologia generale. UTET Cap. 10 Intelligenza Testi di riferimento: Coon, Mitterer (2011) Psicologia generale. UTET Cap. 10 Definizione Capacità generale di agire in maniera finalizzata, di pensare razionalmente e di interagire in modo

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA I DISURBI SPECIFICI DEL LINGUAGGIO Relatrice: Chiar. ma Prof.ssa Annalisa SCANU Candidata:

Dettagli

ABILITA DI CALCOLO. Maria Carmela Valente Laura Landi Mortara 21 giugno 2012

ABILITA DI CALCOLO. Maria Carmela Valente Laura Landi Mortara 21 giugno 2012 ABILITA DI CALCOLO Maria Carmela Valente Laura Landi Mortara 21 giugno 2012 I contributi di ricerca nell ambito della lettura e della scrittura dei numeri portano a concludere che: I meccanismi di riconoscimento

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER GLI ALUNNI CON DISTURBI DA DEFICIT DELL ATTENZIONE E COMPORTAMENTALI

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER GLI ALUNNI CON DISTURBI DA DEFICIT DELL ATTENZIONE E COMPORTAMENTALI PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER GLI ALUNNI CON DISTURBI DA DEFICIT DELL ATTENZIONE E COMPORTAMENTALI Art.5 D.M. n 5669 del 12.7.2011; Linee guida per il diritto allo studio degli studenti con DSA a.s..

Dettagli

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati.

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati. ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI LINGUA STRANIERA CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazione in lingua straniera Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE

Dettagli

COMITATO PROMOTORE (AID) M. Marchiori, R. Iozzino, E. Savelli, C. Termine, C. Turello

COMITATO PROMOTORE (AID) M. Marchiori, R. Iozzino, E. Savelli, C. Termine, C. Turello COMITATO PROMOTORE (AID) M. Marchiori, R. Iozzino, E. Savelli, C. Termine, C. Turello Associazione Culturale Pediatri Associazione Federativa Nazionale Ottici Optometristi Associazione Italiana Ortottisti

Dettagli

Story Task) nella valutazione dei

Story Task) nella valutazione dei L utilizzo del MCAST (Manchester Child Attachment Story Task) nella valutazione dei bambini con ADHD Dott.ssa Antonella Marianecci - antonellamarianecci@yahoo.it Dott.ssa Francesca Manaresi - francesca.manaresi@fastwebnet.it

Dettagli

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I.C.S. MAREDOLCE FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La nostra scuola dell Infanzia con la sua identità specifica sotto il profilo pedagogico e metodologico-organizzativo persegue: l acquisizione di capacità

Dettagli

Quando decidi di crescere? LE DIFFICOLTA EMOTIVO-RELAZIONALI

Quando decidi di crescere? LE DIFFICOLTA EMOTIVO-RELAZIONALI Quando decidi di crescere? LE DIFFICOLTA EMOTIVO-RELAZIONALI Le difficoltà emotivo-relazionali in ambito evolutivo Tutti quei segnali di disagio e di sofferenza, che coinvolgono la dimensione emotiva e

Dettagli

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casal Bianco PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO COORDINATO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

LA DISLESSIA: come riconoscerla, cosa fare in classe. -Dott.ssa Valentina Gloria, Psicologa -Dott.ssa Lara Orsolini, Psicologa

LA DISLESSIA: come riconoscerla, cosa fare in classe. -Dott.ssa Valentina Gloria, Psicologa -Dott.ssa Lara Orsolini, Psicologa LA DISLESSIA: come riconoscerla, cosa fare in classe -Dott.ssa Valentina Gloria, Psicologa -Dott.ssa Lara Orsolini, Psicologa 1. I disturbi specifici dell apprendimento possono scomparire FALSO I Disturbi

Dettagli

Il calcolo a mente. Abbiamo bisogno di ordinare i nostri oggetti mentali con un ordine prestabilito e stabile se vogliamo conservarli in mente.

Il calcolo a mente. Abbiamo bisogno di ordinare i nostri oggetti mentali con un ordine prestabilito e stabile se vogliamo conservarli in mente. Il calcolo a mente Se per la matematica è indifferente come sei mele siano disposte sul tavolo per continuare a essere sei, per la nostra mente è diverso. Abbiamo bisogno di ordinare i nostri oggetti mentali

Dettagli

DIFFICOLTA DI CALCOLO E DISCALCULIA EVOLUTIVA. Osservatorio Locale Bagheria

DIFFICOLTA DI CALCOLO E DISCALCULIA EVOLUTIVA. Osservatorio Locale Bagheria DIFFICOLTA DI CALCOLO E DISCALCULIA EVOLUTIVA Osservatorio Locale Bagheria Molti studenti incontrano difficoltà nell apprendimento della matematica. Due spiegazioni: 1. Difficoltà di calcolo 2. Disturbo

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA

PROTOCOLLO DI INTESA PROTOCOLLO DI INTESA tra la Regione Veneto e l Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto PER LE ATTIVITA DI IDENTIFICAZIONE PRECOCE DEI CASI SOSPETTI DI DSA 4 settembre 2014 Alessandra Scabia Obiettivi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI 1 di 6 26/01/2015 11.38 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI 1. QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

DISLESSIA E DISORTOGRAFIA dalla diagnosi alla presa in carico

DISLESSIA E DISORTOGRAFIA dalla diagnosi alla presa in carico DISLESSIA E DISORTOGRAFIA dalla diagnosi alla presa in carico dr. Antonio Salandi Neuropsichiatra Infantile IRCCS EUGENIO MEDEA Associazione La Nostra Famiglia - Bosisio Parini antonio.salandi@bp.lnf.it

Dettagli

TEATRO (Percorso interdisciplinare)

TEATRO (Percorso interdisciplinare) TEATRO (Percorso interdisciplinare) PAROLE CHIAVE= Insegnante regista-alunno protagonistamolteplicità di linguaggi-sfondo trasversale Il teatro è arte e con questo linguaggio gli alunni possono avere esperienze

Dettagli

Facoltà degli studi umanistici Corso di laurea in Scienze della Formazione Primaria. Costantino Marina.

Facoltà degli studi umanistici Corso di laurea in Scienze della Formazione Primaria. Costantino Marina. Facoltà degli studi umanistici Corso di laurea in Scienze della Formazione Primaria. Costantino Marina. Matricola: 143561. Anno:2013/2014. 1 L intelligenza numerica. Costantino Marina. Abstract Questa

Dettagli

DISTURBI SPECIFICI DELL'APPRENDIMENTO

DISTURBI SPECIFICI DELL'APPRENDIMENTO DISTURBI SPECIFICI DELL'APPRENDIMENTO R e l a t r i c e : D o t t. s s a C r i s t i n a E l e f a n t e (insegnante, pedagogista) email: elefantecristina@yahoo.it DSA definizione La principale caratteristica

Dettagli

Discalculia o apprendimento difficile? Prospe4ve a confronto dalla Ricerca alla Scuola. Prof Mario Perona

Discalculia o apprendimento difficile? Prospe4ve a confronto dalla Ricerca alla Scuola. Prof Mario Perona Discalculia o apprendimento difficile? Prospe4ve a confronto dalla Ricerca alla Scuola Prof Mario Perona Quanti sono i bambini con difficoltà in matematica? 5 bambini per classe con difficoltà di calcolo

Dettagli

I disturbi specifici dell apprendimento: dall identificazione precoce agli interventi di recupero. Autore: Letizia Moretti Editing : Enrica Ciullo

I disturbi specifici dell apprendimento: dall identificazione precoce agli interventi di recupero. Autore: Letizia Moretti Editing : Enrica Ciullo I disturbi specifici dell apprendimento: dall identificazione precoce agli interventi di recupero Autore: Letizia Moretti Editing : Enrica Ciullo Corso Dsa - I disturbi specifici dell apprendimento: dall

Dettagli

Apprendimenti relativi ai numeri nei bambini prescolari (apprendimento informale)

Apprendimenti relativi ai numeri nei bambini prescolari (apprendimento informale) Dott.ssa Patrizia Nagliati Psicologo Neuropsicologia Cognitiva e Psicopatologia dell apprendimento Formatore AID LA DISCALCULIA EVOLUTIVA E un disturbo delle abilità numeriche e aritmetiche che si manifesta

Dettagli

F 81 Disturbi evolutivi specifici delle abilità scolastiche

F 81 Disturbi evolutivi specifici delle abilità scolastiche GESUNDHEITSBEZIRK MERAN COMPRENSORIO SANITARIO DI MERANO Krankenhaus Meran Ospedale di Merano Fachambulanz für psychosoziale Gesundheit Ambulatorio Specialistico F 81 Disturbi evolutivi specifici delle

Dettagli

DSA. I disturbi specifici di apprendimento. Metodologie e didattica inclusiva. Dott.ssa Sabrina Di Tullio

DSA. I disturbi specifici di apprendimento. Metodologie e didattica inclusiva. Dott.ssa Sabrina Di Tullio DSA I disturbi specifici di apprendimento Metodologie e didattica inclusiva Dott.ssa Sabrina Di Tullio DSA Non vanno confusi con le difficoltà di apprendimento; Interessano abilità specifiche in soggetti

Dettagli

Dislessia e mappe semantiche

Dislessia e mappe semantiche Dislessia e mappe semantiche Sperimentazione formale dell uso di Knowledge Master per l apprendimento dello studente dislessico Sarah Traversin Cos è la dislessia È un Disturbo Specifico dell Apprendimento

Dettagli

Modelli evolutivi e cognitivi dei processi di lettura scrittura e calcolo. Corso formazione di base sui DSA

Modelli evolutivi e cognitivi dei processi di lettura scrittura e calcolo. Corso formazione di base sui DSA Modelli evolutivi e cognitivi dei processi di lettura scrittura e calcolo Corso formazione di base sui DSA LE COMPONENTI DI ELABORAZIONE DEL SISTEMA COGNITIVO X SISTEMA COGNITIVO CENTRALE X MODULI X TRASDUTTORI

Dettagli

Abilità numeriche e di calcolo: la discalculia nella scuola primaria

Abilità numeriche e di calcolo: la discalculia nella scuola primaria Abilità numeriche e di calcolo: la discalculia nella scuola primaria Sassuolo (MO) 29 ottobre 2009 Abilità numeriche e abilità di calcolo Sistema dei numeri compiti sottesi alla capacità di capire le quantità

Dettagli

IL LAVORO CON I DSA NELLA CLINICA E NELLA SCUOLA: COMPITI ED OBIETTIVI DI CIASCUNO MULTIDISCIPLINARE

IL LAVORO CON I DSA NELLA CLINICA E NELLA SCUOLA: COMPITI ED OBIETTIVI DI CIASCUNO MULTIDISCIPLINARE I Bambini con DSA nella scuola: dalla Legge 170 alle pratiche didattiche quotidiane IL LAVORO CON I DSA NELLA CLINICA E NELLA SCUOLA: COMPITI ED OBIETTIVI DI CIASCUNO NELL OTTICA DI UN INTERVENTO MULTIDISCIPLINARE

Dettagli

misurazione dell intelligenza

misurazione dell intelligenza DIAGNOSTICA PSICOLOGICA lezione! Paola Magnano paola.magnano@unikore.it misurazione dell intelligenza alcune riflessioni sul concetto di intelligenza Intelligenza generale, determinata e misurata oggettivamente

Dettagli

Aurora 2000 staff formativo

Aurora 2000 staff formativo FormAzione Aurora 2000 fa parte del Consorzio Provinciale SIS e della rete nazionale CGM - Welfare Italia, il cui obiettivo è quello di favorire l inclusione sociale e lo sviluppo nel territorio dell area

Dettagli

PRIMO BIENNIO DELLE SCIENZE UMANE

PRIMO BIENNIO DELLE SCIENZE UMANE PRIMO BIENNIO DELLE SCIENZE UMANE Le competenze sono state definite dal Dipartimento di Scienze Umane tenendo presenti sia le Competenze chiave di cittadinanza sia le Competenze base (4 assi), sia le Competenze

Dettagli

MASTER ANNUALE Difficoltà e Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA)

MASTER ANNUALE Difficoltà e Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA) MASTER ANNUALE Difficoltà e Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA) Presentazione Il Master offre la possibilità di acquisire conoscenze approfondite e competenze operative per lavorare con bambini e

Dettagli

Maltreatment is associated with specific impairment in executive functions: a pilot study

Maltreatment is associated with specific impairment in executive functions: a pilot study The Cognitive Developmental Research Unit, Department of Psychology, University of Oslo Journal of Traumatic Stress Maltreatment is associated with specific impairment in executive functions: a pilot study

Dettagli

I Disturbi Specifici di Apprendimento: inquadramento generale. Luisa Lopez Alessandra Luci Roberta Penge

I Disturbi Specifici di Apprendimento: inquadramento generale. Luisa Lopez Alessandra Luci Roberta Penge I Disturbi Specifici di Apprendimento: inquadramento generale Luisa Lopez Alessandra Luci Roberta Penge Competenze attentive e mnestiche Competenze simboliche Competenze linguistiche Competenze visuo-grafiche

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Presentazione, dig.gulotta...

INDICE SOMMARIO. Presentazione, dig.gulotta... INDICE SOMMARIO Presentazione, dig.gulotta... xi Capitolo 1 DANNO NON PATRIMONIALE E DANNO BIOLOGICO DI NATURA PSICHICA: DEFINIZIONI E CRITERI DI VALUTAZIONE (di G.B. Camerini-G. Sergio) 1. Responsabilita`

Dettagli

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN DIFFICOLTÀ E DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO:

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN DIFFICOLTÀ E DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO: CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN DIFFICOLTÀ E DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO: DALL INDIVIDUAZIONE ALL INTERVENTO EDUCATIVO-DIDATTICO Finalità del corso: Formare operatori dell ambito psicologico, socio-sanitario,

Dettagli