L attività del SAI? ANFFAS PAVIA Onlus

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L attività del SAI? ANFFAS PAVIA Onlus"

Transcript

1 L attività del SAI? ANFFAS PAVIA Onlus Porto l esperienza del nostro SAI? Premetto: è un SAI? che mi permetto di definire artigianale, se paragonato ad altri SAI? qui presenti. Artigianale sì, ma nel senso migliore del termine: il nostro servizio è espressione di professionalità diverse che concorrono a renderlo un punto riconosciuto e riconoscibile della rete dei servizi per disabili del nostro territorio. IL SAI? COSA C ERA PRIMA Già prima del SAI? ANFFAS Pavia accoglieva e informava le famiglie sui principali temi legati alla disabilità (servizi, diritti, agevolazioni, ecc.), grazie all attività di una socia amica, assistente sociale a riposo, sostenuta e affiancata dalla Presidente di allora, l una e l altra di fatto realizzavano già la presa in carico della famiglia per la risoluzione dei problemi, l informazione, l ascolto, l assistenza nei momenti di difficoltà (cito testualmente le parole di R. Speziale, evento formativo territoriale, Milano, 17 ottobre 2008). L assistente sociale era in particolare molto attenta al tema della protezione giuridica della persona disabile maggiorenne. Un simile contesto ha consentito al SAI? di attecchire facilmente (penso alle difficoltà incontrate da altre associazioni a far decollare il SAI? a causa di un contesto interno per così dire non propizio, non era il nostro caso!). LA COSTITUZIONE DEL SAI? Il SAI? prende ufficialmente avvio nel gennaio 2007 come progetto sperimentale cofinanziato dalla Fondazione Comunitaria della Provincia di Pavia. Nel settembre dello stesso anno abbiamo firmato una convenzione con il Piano di Zona del Distretto di Pavia che è tuttora in essere. NeI 2006 infatti, la volontà di avviare formalmente il SAI?, ci aveva indotto a partecipare a un bando della nostra Fondazione Comunitaria per progetti di utilità sociale (la stessa Fondazione ci ha poi cofinanziato anche per il secondo anno di attività). In effetti mi sembra di aver capito che molti SAI? hanno iniziato con modalità simili alle nostre partecipando cioè a bandi su progetto.

2 Per scrivere il Progetto abbiamo fatto un analisi del contesto nel quale saremmo andati ad operare. Nel Piano di Zona del Distretto sociale di Pavia, annualità , target disabili, si esprimeva la volontà di organizzare ( ) un punto unitario informativo/divulgativo dei servizi per disabili esistenti sul territorio, finalizzato al bisogno di fornire un adeguata informazione sulla rete dei servizi ad oggi insufficiente e non coordinata. Il SAI? che andava a nascere poteva dunque potenzialmente intercettare il bisogno informativo e di orientamento non solo dei soci Anffas, ma anche della altre famiglie del territorio, e poteva nel tempo diventare quel punto unitario informativo/divulgativo che mancava nella realtà del Distretto. Il SAI? come già detto all inizio, al suo avvio poteva contare sull esperienza maturata dall A.S. volontaria. Anche l impulso dato dal Nazionale è stato comunque decisivo, in particolare laddove prevedeva che i SAI? fossero programmaticamente aperti alla generalità delle famiglie e dei cittadini interessati e non solo ai soci. Stando così le cose, ci si è sforzati di rendere il SAI? un servizio più strutturato, facendo sì che non fosse solo espressione e prodotto della libera iniziativa e della buona volontà di un volontariato peraltro molto qualificato, pertanto all assistente sociale volontaria già presente, è stato affiancata la sottoscritta, operatore Anffas retribuito, in veste di responsabile. ATTIVITA - Accoglienza e Ascolto; - Informazione sulla normativa esistente, sui diritti esigibili in particolare relativamente a: la nostra associazione; accertamento delle condizioni di invalidità, di handicap e disabilità e benefici economici connessi, (in proposito faccio presente che non ci occupiamo dell invio telematico all INPS delle domande di invalidità ma informiamo e poi rinviamo gli interessati alla rete dei patronati cittadini tutti ben preparati sull argomento); rete dei servizi sanitari e socio sanitari esistenti; inclusione scolastica e lavorativa; agevolazioni fiscali, principali applicazioni della l. 104; trasporti e mobilità; abbattimento barriere architettoniche; vacanze e tempo libero; dopo di noi durante noi ; protezione giuridica. Anticipo che, dall anno scorso, tra le informazioni varie, non manca mai il tema delle verifiche straordinarie INPS. - Orientamento tra i servizi esistenti con supporto nei contatti con gli stessi; - Consulenza in materia di protezione giuridica con particolare riguardo alla legge sull amministrazione di sostegno: accompagnamento alla presentazione del ricorso, supporto all amministratore di sostegno nell esercizio del suo ruolo e così anche per il tutore.

3 -ORGANIZZAZIONE -LE RISORSE -ECONOMICHE Per due anni abbiamo goduto del contributo della Fondazione Comunitaria della Provincia di Pavia (2 bando 2006 e 1 bando 2007). E stata firmata nel settembre 2007 una convenzione con il Piano di Zona del Distretto di Pavia soggetta a rinnovi annuali sempre più faticosi e sempre meno remunerativi. Stiamo aspettando da circa un anno di firmare una convenzione con un altro Piano di Zona, nei fatti già collaboriamo coi servizi sociali di quel distretto quindi la sottoscrizione della Convenzione ci era parsa un punto di arrivo ma è tutto fermo. -PROFESSIONALI C è la sottoscritta, responsabile SAI?, (laurea in giurisprudenza e in scienze dell educazione), che assicura la continuità e la regolarità del servizio e funge da raccordo tra le varie figure che fanno capo al SAI? Due assistenti sociali a riposo, socie-amiche, presenti in sede ciascuna una mattina a settimana Dà il proprio contributo anche il collaboratore amministrativo ANFFAS: interviene nel primo contatto telefonico, gestisce il front-office, rinvia alla sottoscritta o alle assistenti sociali quando presenti, e collabora nella stesura dei rendiconti periodici dei tutori ed amministratori di sostegno. Possiamo contare poi sull ulteriore apporto, minore per quantità ma non per qualità, di due socie, in veste di consulenti: la Presidente Regionale che, come sapete, è esperta di servizi alla persona e interviene se richiesta per problematiche di solito molto complesse che coinvolgono i servizi del territorio e un altra, socia che è pure referente Ledha, per problematiche di inclusione scolastica. -STRUTTURALI Un ufficio presso la sede legale. -ACCESSO E TEMPI DI RISPOSTA L apertura del SAI? per ora coincide con gli orari di apertura al pubblico dell ufficio Anffas (dal lunedì al venerdì, dalle 9.00 alle 13.00). L accesso può essere diretto, libero o su appuntamento; telefonico; tramite posta elettronica. Io, quale responsabile, sono di norma sempre presente, se non impegnata come coordinatore delle CSS. La risposta telefonica viene data di regola per questioni semplici di immediata soluzione, altrimenti si cerca di rinviare al colloquio diretto, al massimo entro una/due settimane, cercando di orientare l utente tra i vari operatori SAI? disponibili (un assistente sociale si occupa prevalentemente di protezione giuridica, la seconda si occupa di invalidità, inclusione lavorativa, di rapporti coi servizi ).

4 Se non è possibile risolvere il problema in un unico colloquio, se ne fissa un secondo e così via (è sicuramente questo il caso della consulenza per il ricorso per l amministrazione di sostegno e per l accompagnamento all esercizio del ruolo di amministratore di sostegno/tutore). -STRUMENTI Ci siamo dati una carta del servizio che è stata revisionata una volta quando èstata introdotta la seconda assistente sociale. Il primo contatto con l utente viene registrato utilizzando una scheda informativa, i successivi contatti mediante un altra scheda. Gli utenti che non sono soci ANFFAS, ai sensi della legge sulla privacy, ricevono copia dell informativa e firmano il consenso al trattamento dei dati, anche nel caso di contatti telefonici cerco di ricordarmi sempre di chiedere il consenso al trattamento dei dati. Viene redatto un foglio periodico di aggiornamento sulle principali novità normative (dalla modifica della l. 104 al bando del piano di zona per il buono badanti) e non solo. IL SAI? INFORMA inviato ai soci con le periodiche spedizioni, viene reso disponibile per tutti sul sito web dell Associazione. All inizio di ogni anno viene presentata al Consiglio Direttivo una relazione esauriente a consuntivo dell attività dell anno appena terminato. Una relazione più sintetica è inviata anche all Ufficio di Piano. La gestione informatizzata dei dati a fronte del costante aumento della mole di lavoro rimane per ora una criticità su cui lavorare. - PROMOZIONE e PUBBLICIZZAZIONE Nel 2007 l allora Assessore all istruzione del Comune di Pavia aveva inviato una lettera ai genitori i cui figli, iscritti nelle scuole d infanzia e primarie della città, avevano la certificazione di alunno con handicap segnalando l avvio del Servizio sottolineando la caratteristica di servizio pubblico non rivolto cioè, in via esclusiva agli associati. In quell anno avevamo inviato materiale illustrativo del SAI? ai pediatri pavesi, avevamo affisso nostri manifesti nei CDD e presso i servizi sociali. Eravamo andati a illustrare il Progetto allo Sportello Fragilità della nostra ASL e avevamo pure partecipato ad una trasmissione radiofonica locale. Nel 2008 c era stata la conferenza stampa per la presentazione ufficiale del servizio alla cittadinanza alla presenza dell allora Assessore ai servizi sociali, del dirigente dei servizi sociali e del Responsabile del Piano di zona. Sempre nel 2008 avevamo portato la nostra esperienza sull amministrazione di sostegno nell ambito di un corso di formazione organizzato sull argomento dal nostro Centro Servizi del Volontariato.

5 L anno scorso abbiamo illustrato la nostra esperienza secondo il paradigma dei diritti umani con particolare riferimento alla Convenzione Onu su diritti delle persone con disabilità, nell ambito di un seminario organizzato dall Università degli Studi di Pavia. E all inizio di quest anno ci siamo ritagliati uno spazio di confronto con gli operatori scolastici impegnati in un corso di aggiornamento quali assistenti all autonomia di alunni con handicap. - DIAMO I NUMERI riferiti all attività Chi si è rivolto al SAI? Nell anno appena trascorso si sono rivolti al servizio n. 127 utenti, il numero si riferisce agli utenti distinti, dal conteggio cioè sono esclusi i nominativi doppi, riferiti a tutti quegli utenti che sono stati registrati più volte perché hanno fatto molteplici accessi. Gli utenti soci sono stati 70, i non soci 57. Riteniamo che sia consolidata definitivamente la tendenza a riconoscere al SAI? la valenza di servizio pubblico aperto alla generalità dei cittadini, secondo la definizione della Direttiva PCM 27 gennaio Quanto al genere: l utenza è stata prevalentemente femminile (92 utenti donne). - Disabili Ai 127 utenti hanno corrisposto n. 107 disabili (a cui vanno aggiunti n. 2 disabili che si sono rivolti al servizio chiedendo per se stessi). - Provenienza delle persone disabili per Piano di Zona La maggior parte delle persone disabili (59) provenivano dal Piano di Zona di Pavia; 7 richieste riguardavano persone fuori provincia. - Relazione dell utente con la persona disabile Quanto alla relazione con la persona disabile: le persone più attive sono stati i parenti. Con le madri sempre al primo posto (57), seguite dai padri, (23), dalle sorelle (7), fratelli (4), da altri parenti (13). Si sono rivolti al SAI? altri 19 utenti che non hanno con il disabile un legame di parentela. 3 si sono dichiarati volontari, 2 si sono dichiarati amici della persona con disabilità. Gli altri 14 utenti erano operatori o rappresentanti di enti pubblici e privati. Ed infine n.2 persone con disabilità hanno chiesto per se stesse ed una persona ha chiesto per sé pur non essendo disabile. - Utenti non soci Gli utenti non soci sono stati non soci dopo i contatti con il servizio hanno deciso di aderire all Associazione. Servizio pubblico: ( ) anche quelli svolti in regime di concessione o mediante convenzione, volti a garantire il godimento dei diritti della persona, costituzionalmente tutelati, alla salute, all assistenza e previdenza sociale, all istruzione.

6 Nondimeno 3 di questi neo soci rientrano nel novero delle famiglie giovani (tra queste, una neo socia ha ben due figli disabili, entrambi minori) che sono da qualche anno a questa parte al centro del pensiero e dell agire associativo, tanto a livello nazionale quanto a livello locale. E un segnale incoraggiante per la nostra associazione. - Come gli utenti non soci hanno conosciuto il SAI? Hanno risposto alla domanda come ha conosciuto il SAI? in 30, la maggior parte ha dichiarato di essere arrivato al servizio principalmente con il passaparola - Cosa è stato chiesto al SAI? Ben 48 richieste sono state ricondotte al settore della protezione giuridica, con particolare attenzione all istituto giuridico dell amministrazione di sostegno. 47 richieste sono state registrate tra le varie, tra queste vanno segnalate: le richieste relative al bonus straordinario, ai sensi della l. 185/08, argomento di cui peraltro il SAI? si era già interessato nel 2008, e concentrate nei primi mesi dell anno poiché, in via generale la scadenza per l erogazione era fissata al 31 marzo (6) ; quelle avanzate da maggio in avanti, relative ad un altro argomento molto caldo, ovvero le visite straordinarie INPS sulla sussistenza dei requisiti sanitari per l erogazione delle provvidenze economiche connesse all invalidità civile, ai sensi della l. 133/08, (10); quelle relative alla compartecipazione al costo dei servizi (6) e quelle sulla pensione di reversibilità ai superstiti inabili (4), in uno di questi casi, abbiamo potuto sperimentare direttamente una discreta disponibilità del funzionario INPS competente. 22 richieste hanno riguardato il tema dei servizi (sociali, sociosanitari e sanitari) esistenti sul territorio e rivolti alle persone disabili. 15 richieste sono state ricondotte all argomento che riguarda la persona disabile adulta e la sua famiglia del dopo di noi durante noi. 13 richieste sono state registrate alla voce riconoscimento invalidità civile/l. 104/92 e L. 68/99; in 12 casi il servizio è intervenuto sul tema dell inclusione scolastica; in 6 sul tema dei diritti discendenti dalla L. 104/92; altre 6 richieste hanno toccato il tema della formazione professionale o del lavoro; altre 5 richieste hanno portato il SAI? a rispondere sul tema delle agevolazioni fiscali per le persone con disabilità; in 2 casi il SAI? si è espresso in tema di trasporti, in altri 3 sul tema del tempo libero/vacanze. 2 richieste erano relative agli ausili, 1 alla normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche. - Le risposte Il SAI? ha informato, orientato/supportato, fatto consulenza, talvolta semplicemente ascoltato poiché la prima immediata modalità di accoglienza è proprio quella dell ascolto. In un caso particolare il Servizio non si è fermato alla considerazione che una certa richiesta era formalmente non accoglibile, poiché per provenienza e contenuto esulava completamente dal nostro ambito, ma ha ritenuto di occuparsene comunque facendo prevalere

7 la logica sostanziale della solidarietà tra famiglie della quale è espressione, (la richiesta proveniva sì da un genitore socio ma questi chiedeva per una propria vicenda che nulla aveva a che fare con la disabilità del proprio figlio). Se il numero degli utenti casualmente è rimasto invariato rispetto al 2008, il numero delle prestazioni erogate si è incrementato significativamente proprio a causa delle richieste multiple provenienti da uno stesso utente L attività del SAI? è stata anche quest anno prevalentemente di carattere informativo (129). C è stata poi una significativa attività di orientamento tra i servizi esistenti sul territorio e di supporto nei contatti con gli stessi (21). Per supporto intendiamo contatto diretto del SAI? con il servizio competente: in alcuni casi siamo intervenuti presso l ente in nome e per conto dell interessato, in altri siamo intervenuti preparando per così dire il terreno per un successivo contatto dell utente. In 56 casi abbiamo rendicontato l attività del SAI? sotto la voce consulenza, riferita principalmente alla questione della protezione giuridica della persona disabile maggiorenne. In 24 casi si è trattato di accompagnare le persone interessate (tutori e amministratori di sostegno) alla redazione della relazione/rendiconto annuale da presentare al giudice tutelare. In un caso la consulenza ha offerto alla famiglia gli attrezzi per svolgere autonomamente tutto l iter per la nomina dell amministratore di sostegno a beneficio del figlio. In due casi abbiamo accompagnato direttamente la famiglia alla nomina di un genitore quale amministratore di sostegno per il figlio. In un caso abbiamo effettuato una consulenza alla presentazione del ricorso che formalmente è stato presentato da un legale parente del beneficiando. Alla voce consulenza vanno altresì iscritti una serie di colloqui volti ad approfondire insieme ai tutori e/o amministratori tutti gli aspetti connessi all esercizio del ruolo diversi dalla presentazione del rendiconto. E utile altresì ricordare ancora una volta che il Servizio non ha esaurito la propria attività operando come sportello informativo di settore, ma in alcuni casi, per garantire una vera ed efficace presa in carico ha ritenuto di doversi attivare per primo, senza aspettare di essere interpellato Per es. nel caso del bonus straordinario, abbiamo ritenuto di non aspettare che fossero i genitori degli ospiti delle nostre CSS a venir bussare alla nostra porta per sapere se ne avevano diritto, ma abbiamo ritenuto doveroso contattarli informandoli sul loro eventuale diritto. Lo stesso, abbiamo fatto nel 2010 contattando le persone che pensavamo essere interessate al buono famiglia della Regione e al buono badanti del nostro Piano di Zona.

8 - Verifiche straordinarie INPS 2009 Accenno brevemente all attività SAI? connessa alle verifiche straordinarie 2009 e ad una vicenda in particolare. Le verifiche straordinarie INPS, dal mese di maggio 2009 in avanti hanno interessato tantissimi disabili, compresi gli ospiti delle nostre Comunità. Abbiamo subito scritto al Nazionale chiedendo un loro intervento nelle sedi opportune perché venissero chiariti molti dubbi relativi alla prassi quanto meno al fine di rendere esigibile il diritto per i disabili le cui patologie rientravano nell elenco di cui al D.M. 2 agosto 2007 ad essere esonerati dall ennesima inutile visita: la nostra richiesta non ha avuto seguito. Abbiamo allora interpellato formalmente la funzionaria INPS della sede di Pavia che sapevamo avere responsabilità sulle visite in raccordo con la commissione medico-legale: nessuna risposta. Abbiamo rotto noi questo silenzio con una lettera aperta all INPS, uscita su la Provincia Pavese nella quale si denunciava da una parte il grave disagio patito dalle persone con disabilità e dalle famiglie coinvolte nelle visite, un disagio non solo materiale (tempi di attesa, modalità di svolgimento delle visite,ecc.), ma dovuto anche all assoluta mancanza di informazioni chiare. Abbiamo ricostruito la prassi delle visite cercando di informare il più correttamente le famiglie interessate ma anche altre associazioni locali. Su impulso di una madre e di un padre che ci avevano significato il disagio provocato dall utilizzo ripetuto di un aggettivo nei confronti del figlio nel verbale dell INPS che gli aveva confermato la sussistenza dei requisiti sanitari, abbiamo chiesto e ottenuto un parere all ufficio legale di Ledha. Secondo il legale poteva configurarsi il reato di diffamazione a carico dell INPS. Abbiamo quindi aiutato la famiglia a confezionare una lettera per l INPS dove si chiedeva all ente, in sede di autotutela, di togliere da quel verbale quel termine potenzialmente diffamatorio. Abbiamo interessato della vicenda anche il Nazionale che in questo caso non ha fatto mancare il proprio contributo. L INPS infine ha riformulato il verbale. Alla luce di tutto quello che sta accadendo con l INPS, quella è stata forse una vittoria di Pirro, ma non per quella famiglia che ha visto ri-conosciuta/riaffermata la dignità del figlio, vero è che quel medico non ha più usato un simile vocabolo in altri verbali. Pavia, 15/11/10 Per il SAI? Elisabetta Carini

AVVIO NUOVO ANNO SCOLASTICO 2010/2011: PROMEMORIA

AVVIO NUOVO ANNO SCOLASTICO 2010/2011: PROMEMORIA AVVIO NUOVO ANNO SCOLASTICO realizzato a cura dell Area Comunicazione e Politiche sociali Anffas Onlus 2010/2011: PROMEMORIA a cura dell Area comunicazione e politiche sociali Anffas Onlus Prima dell inizio

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI - servizio di assistenza educativa alunni con disabilità associazione L abilità Onlus CARTA DEI SERVIZI

CARTA DEI SERVIZI - servizio di assistenza educativa alunni con disabilità associazione L abilità Onlus CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI relativa a servizio di assistenza educativa per gli alunni con disabilità frequentanti scuole dell infanzia, primarie, secondarie di primo e secondo grado statali e paritarie milanesi

Dettagli

AFFRONTARE UNA LESIONE CEREBRALE ACQUISITA:

AFFRONTARE UNA LESIONE CEREBRALE ACQUISITA: Unità Spinale Unità Gravi Cerebrolesioni A.ULSS n.6 Vicenza AFFRONTARE UNA LESIONE CEREBRALE ACQUISITA: GUIDA AI DIRITTI ALL ASSISTENZA E AI SERVIZI TERRITORIALI L obiettivo di questa guida è aiutare le

Dettagli

Ultime notizie nel campo dell Invalidità civile e della legge 104/92

Ultime notizie nel campo dell Invalidità civile e della legge 104/92 Ultime notizie nel campo dell Invalidità civile e della legge 104/92 12 maggio 2012 Dr.ssa Fabrizia Capitani Assistente Sociale Azienda Ospedaliero-Universitaria S. Orsola- Malpighi Bologna La procedura

Dettagli

23.1 NOZIONI GENERALI

23.1 NOZIONI GENERALI 23 - HANDICAP 23.1 NOZIONI GENERALI Secondo la legge 1 una persona è disabile, ovvero ha un handicap, quando è affetta da un minorazione (fisica, psichica o sensoriale) che provochi difficoltà di apprendimento,

Dettagli

www.handylex.org Permessi lavorativi: nuove disposizioni INPS

www.handylex.org Permessi lavorativi: nuove disposizioni INPS www.handylex.org Carlo Giacobini, Responsabile del Centro per la documentazione legislativa, Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare - Direzione Nazionale Permessi lavorativi: nuove disposizioni

Dettagli

Laboratorio Servizi nell area DISABILI

Laboratorio Servizi nell area DISABILI Laboratorio Servizi nell area DISABILI 1 Studio sui servizi alla persona disabile a Roma Luglio 2007 Nella legislazione italiana, la tutela assistenziale del cittadino disabile si è avuta: 1. Negli anni

Dettagli

21 - HANDICAP. 6 ha disposto che le persone, affette da sindrome di Down 7, possano essere dichiarate in. 9 dall altro, non essendo

21 - HANDICAP. 6 ha disposto che le persone, affette da sindrome di Down 7, possano essere dichiarate in. 9 dall altro, non essendo 21 - HANDICAP 21.1 NOZIONI GENERALI Secondo la legge 1 una persona è disabile, ovvero ha un handicap, quando è affetta da un minorazione (fisica, psichica o sensoriale) che provochi difficoltà di apprendimento,

Dettagli

(Ludovico Adalberto De Grigiis)

(Ludovico Adalberto De Grigiis) Invalidi: abolizione del ricorso amministrativo e decadenza (Articolo di Ludovico Adalberto De Grigiis) Invalidità civile: stop ai ricorsi amministrativi e decadenza dal diritto trascorsi 6 mesi dalla

Dettagli

4 INCONTRO NAZIONALE A.I.G. Associazione Italiana GIST Onlus. 26 febbraio 2011 Fondazione IRCCS Istituto Nazionale Tumori Aula Magna

4 INCONTRO NAZIONALE A.I.G. Associazione Italiana GIST Onlus. 26 febbraio 2011 Fondazione IRCCS Istituto Nazionale Tumori Aula Magna 4 INCONTRO NAZIONALE A.I.G. Associazione Italiana GIST Onlus 26 febbraio 2011 Fondazione IRCCS Istituto Nazionale Tumori Aula Magna I diritti del malato oncologico Silvia Bettega Servizio Sociale Adulti

Dettagli

UNA FAMIGLIA X UNA FAMIGLIA trasformare una buona prassi in una buona politica

UNA FAMIGLIA X UNA FAMIGLIA trasformare una buona prassi in una buona politica UNA FAMIGLIA X UNA FAMIGLIA trasformare una buona prassi in una buona politica Roma, 17/01/2013 Fondazione PAIDEIA onlus www.fondazionepaideia.it; info@fondazionepaideia.it Verso una nuova forma di affido

Dettagli

LA RIFORMA INPS SULL INVALIDITA CIVILE Brescia, 19.06.10 INVALIDITA CIVILE, HANDICAP E DISABILITA : DEFINIZIONI E ACCESSO AI DIRITTI

LA RIFORMA INPS SULL INVALIDITA CIVILE Brescia, 19.06.10 INVALIDITA CIVILE, HANDICAP E DISABILITA : DEFINIZIONI E ACCESSO AI DIRITTI BRESCIA onlus DESENZANO onlus VALLECAMONICA onlus LA RIFORMA INPS SULL INVALIDITA CIVILE Brescia, 19.06.10 INVALIDITA CIVILE, HANDICAP E DISABILITA : DEFINIZIONI E ACCESSO AI DIRITTI Simona Rapicavoli

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO "A. PACINOTTI" SAN CESARIO s/p (MO) P.zza A. Moro, 35 - - Tel./Fax - 059/ 93 01 79

ISTITUTO COMPRENSIVO A. PACINOTTI SAN CESARIO s/p (MO) P.zza A. Moro, 35 - - Tel./Fax - 059/ 93 01 79 ISTITUTO COMPRENSIVO "A. PACINOTTI" SAN CESARIO s/p (MO) P.zza A. Moro, 35 - - Tel./Fax - 059/ 93 01 79 REGOLAMENTO ISCRIZIONI SCUOLA DELL INFANZIA A. S. 2014-2015 Art. 1 Commissione Iscrizioni Al fine

Dettagli

La Procedura InvCiv2010 un anno dopo ovvero gli aggiornamenti della normativa

La Procedura InvCiv2010 un anno dopo ovvero gli aggiornamenti della normativa Associazione Crescere con la sindrome di Turner e altre Malattie Rare ONLUS ex art. 10 c. 8 dlgs n 460/1997 La Procedura InvCiv2010 un anno dopo ovvero gli aggiornamenti della normativa 4 giugno 2011 A

Dettagli

RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO

RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO Con la presente proposta di legge si propone principalmente l attuazione da parte della Regione Toscana delle previsioni legislative contenute nell articolo 6 comma 1 del Decreto

Dettagli

LE PRECEDENZE PER L HANDICAP

LE PRECEDENZE PER L HANDICAP MOBILITA PER L A.S. 2014/2015 LE PRECEDENZE PER L HANDICAP NOTA BENE LE NOVITÀ INTRODOTTE PER L A.S. 2014/2015 Assistenza ai familiari disabili (precedenza V) La precedenza è riconosciuta per i figli disabili,

Dettagli

Una rete che cresce. Al centro la persona Guida ai servizi di Sol.Co. Mantova

Una rete che cresce. Al centro la persona Guida ai servizi di Sol.Co. Mantova Una rete che cresce. Al centro la persona Guida ai servizi di Sol.Co. Mantova solidar Chi siamo La mission Sol.Co. Mantova (Solidarietà e Cooperazione) è un consorzio di cooperative sociali impegnate nella

Dettagli

LA PROTEZIONE GIURIDICA DELLE PERSONE FRAGILI

LA PROTEZIONE GIURIDICA DELLE PERSONE FRAGILI LA PROTEZIONE GIURIDICA DELLE PERSONE FRAGILI CONTESTO NORMATIVO LEGGE N. 6 / 2004 - art. 1: finalità tutelare, con la minore limitazione possibile della capacità di agire, le persone prive in tutto o

Dettagli

Vademecum in caso di infortunio sul lavoro

Vademecum in caso di infortunio sul lavoro Vademecum in caso di infortunio sul lavoro Questo documento vuole essere un ausilio a tutti i lavoratori si trovassero nella necessità di denunciare un infortunio, una malattia professionale, un danno

Dettagli

2) Persone ricoverate a tempo pieno e che si trovano in stato vegetativo o con prognosi infausta a breve termine;

2) Persone ricoverate a tempo pieno e che si trovano in stato vegetativo o con prognosi infausta a breve termine; L INPS, con circolare n. 155 del 3/12/2010, ha dettato le prime istruzioni in materia di permessi per l assistenza ai portatori di handicap in situazione di gravità. Questi gli aspetti più interessanti:

Dettagli

La successione ereditaria

La successione ereditaria La successione ereditaria La successione ereditaria è legata ad un evento triste e spesso rimosso dai propri pensieri: la morte; essa è, però, ineludibile, per questo a tutti sarebbe utile conoscere i

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI PER IL LAVORO DELLA PROVINCIA DI COMO CENTRI IMPIEGO DELLA PROVINCIA DI COMO

CARTA DEI SERVIZI PER IL LAVORO DELLA PROVINCIA DI COMO CENTRI IMPIEGO DELLA PROVINCIA DI COMO CARTA DEI SERVIZI PER IL LAVORO DELLA PROVINCIA DI COMO CENTRI IMPIEGO DELLA PROVINCIA DI COMO APPIANO GENTILE CANTU COMO ERBA MENAGGIO COLLOCAMENTO MIRATO DISABILI 0 L DELLA PROVINCIA DI COMO Dal 1999

Dettagli

SISTEMA DI SICUREZZA SOCIALE

SISTEMA DI SICUREZZA SOCIALE SISTEMA DI SICUREZZA SOCIALE INSIEME DI FORME DI INTERVENTO PUBBLICO DIRETTE AL BENESSERE DEL CITTADINO. E COSTITUITO DA UNA SERIE DI INTERVENTI DI CARATTERE PREVIDENZIALE O ASSISTENZIALE. Settore assistenza

Dettagli

ISCRIZIONE ALLA SCUOLA DELL INFANZIA E FORMAZIONE DELLE SEZIONI

ISCRIZIONE ALLA SCUOLA DELL INFANZIA E FORMAZIONE DELLE SEZIONI ISCRIZIONE ALLA SCUOLA DELL INFANZIA E FORMAZIONE DELLE SEZIONI (1). Questa istituzione scolastica ha 13 sezioni di scuola dell infanzia, così collocate: 4 sezioni scuola Diaccioni 4 sezioni scuola Calamoresca

Dettagli

PROPOSTA PROGETTUALE PER LA REALIZZAZIONE DEI CENTRI ANTIVIOLENZA FORMULARIO PROGETTO

PROPOSTA PROGETTUALE PER LA REALIZZAZIONE DEI CENTRI ANTIVIOLENZA FORMULARIO PROGETTO PROPOSTA PROGETTUALE PER LA REALIZZAZIONE DEI CENTRI ANTIVIOLENZA FORMULARIO PROGETTO La Giunta Regionale della Campania indirizza il seguente Riparto agli Ambiti territoriali del territorio campano, che

Dettagli

Questionario scuola. 1 ciclo di istruzione. Anno Scolastico 2014/15

Questionario scuola. 1 ciclo di istruzione. Anno Scolastico 2014/15 Questionario scuola 1 ciclo di istruzione Anno Scolastico 2014/15 PROPOSTE DI INTEGRAZIONE del gruppo di lavoro sul RAV riunitosi il 2 ottobre 2015 presso il Convitto Nazionale Vittorio Emanuele II di

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO E PRINCIPI GENERALI L affidamento familiare, rappresenta uno strumento prioritario di aiuto al minore e alla sua famiglia,

Dettagli

Carta dei Servizi del Consultorio UCIPEM Cremona- Fondazione ONLUS

Carta dei Servizi del Consultorio UCIPEM Cremona- Fondazione ONLUS Carta dei Servizi del Consultorio UCIPEM Cremona- Fondazione ONLUS Via Milano, 5/c 26100 Cremona Tel. 0372 20751/34402 Fax 0372-1960388 Codice fiscale 80011480193 Partita Iva 01273220192 mail: segreteria@ucipemcremona.it

Dettagli

Comune di Campobello di Mazara Provincia Regionale Trapani II SETTORE- SERVIZI SOCIO-CULTURALI

Comune di Campobello di Mazara Provincia Regionale Trapani II SETTORE- SERVIZI SOCIO-CULTURALI Comune di Campobello di Mazara Provincia Regionale Trapani II SETTORE- SERVIZI SOCIO-CULTURALI CARTA DEI SERVIZI II SETTORE SOCIO-CULTURALE Anziani Minori Disabili Casa Donne Inclusione sociale IL COMUNE

Dettagli

Indagine sui bisogni e sulla qualità della vita delle persone diversamente abili

Indagine sui bisogni e sulla qualità della vita delle persone diversamente abili Indagine sui bisogni e sulla qualità della vita delle persone diversamente abili 1. Questionario familiare 2. Questionario per la persona disabile Questionario n Zona Il questionario le è stato consegnato

Dettagli

(Prototipo di) PIATTAFORMA PROGRAMMATICA per lo sviluppo di un nuovo modello di welfare locale

(Prototipo di) PIATTAFORMA PROGRAMMATICA per lo sviluppo di un nuovo modello di welfare locale (Prototipo di) PIATTAFORMA PROGRAMMATICA per lo sviluppo di un nuovo modello di welfare locale La piattaforma che qui si propone è stata elaborata in forma di prototipo proprio perché vuole essere una

Dettagli

INVALIDITA, HANDICAP, DISABILITA PROVVIDENZE AI SENSI DELLA LEGGE n. 104/1992

INVALIDITA, HANDICAP, DISABILITA PROVVIDENZE AI SENSI DELLA LEGGE n. 104/1992 INVALIDITA, HANDICAP, DISABILITA PROVVIDENZE AI SENSI DELLA LEGGE n. 104/1992 1) Premessa - legislazione di riferimento Il legislatore, con la legge n. 104/1992 ha attribuito un complesso di provvidenze

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA DISTRETTUALE PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DISABILI

ACCORDO DI PROGRAMMA DISTRETTUALE PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DISABILI 1 ACCORDO DI PROGRAMMA DISTRETTUALE PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DISABILI Distretto di Correggio (Comuni di Campagnola Emilia, Correggio, Fabbrico, Rio Saliceto, Rolo, San Martino in Rio)

Dettagli

Permessi per l assistenza alle persone con disabilità

Permessi per l assistenza alle persone con disabilità Permessi per l assistenza alle persone con disabilità Con l emanazione della Circolare n. 13 del 6 dicembre 2010, il Dipartimento della Funzione Pubblica detta le disposizioni applicative dell art. 24

Dettagli

Il SAI? Servizio di Accoglienza e Informazione

Il SAI? Servizio di Accoglienza e Informazione ANFFAS LOMBARDIA ONLUS Sede Legale e Operativa: via Livigno, 2 20158 MILANO Tel. 02.6570425 fax 02.6570426 Email: info@anffaslombardia.it Sito Internet: www.anffaslombardia.it Codice Fiscale: 97339800159

Dettagli

Disabili e loro familiari Artt.3,4 e 33 L.104/92

Disabili e loro familiari Artt.3,4 e 33 L.104/92 Disabili e loro familiari Artt.3,4 e 33 L.104/92 La legge riconosce ai lavoratori disabili e ai loro familiari il diritto di fruire, in presenza di determinate condizioni, di permessi retribuiti o di congedi

Dettagli

REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI

REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI ALLEGATO E DGR 535/2015 (estratto) REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI LINEE DI INDIRIZZO IN MATERIA DI PARTECIPAZIONE E ASCOLTO DEI MINORENNI Servizio Famiglia, Minori e Pari Opportunità

Dettagli

COMUNE DI PULA Provincia di Cagliari

COMUNE DI PULA Provincia di Cagliari COMUNE DI PULA Provincia di Cagliari BANDO DI SELEZIONE CRITERI PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AMMISSIONE AL PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA ANNUALITA 2013.

Dettagli

Le agevolazioni per le persone disabili:

Le agevolazioni per le persone disabili: Le agevolazioni per le persone disabili: percorso attraverso le principali normative ed i servizi per le persone con disabilità. Come accedere: per accedere ai servizi ed alle agevolazioni legate alla

Dettagli

LE MINORAZIONI CIVILI INVALIDITÀ, CECITÀ, SORDITÀ CIVILI E LEGGE 104/92

LE MINORAZIONI CIVILI INVALIDITÀ, CECITÀ, SORDITÀ CIVILI E LEGGE 104/92 LE MINORAZIONI CIVILI INVALIDITÀ, CECITÀ, SORDITÀ CIVILI E LEGGE 104/92 1 Le minorazioni civili L invalidità è la difficoltà a svolgere alcune funzioni tipiche della vita quotidiana o di relazione a causa

Dettagli

MOBILITA PER L A.S. 2016/2017 IPOTESI DI CCNI 10 febbraio 2016 LE PRECEDENZE PER L HANDICAP

MOBILITA PER L A.S. 2016/2017 IPOTESI DI CCNI 10 febbraio 2016 LE PRECEDENZE PER L HANDICAP MOBILITA PER L A.S. 2016/2017 IPOTESI DI CCNI 10 febbraio 2016 PERSONALE DOCENTE LE PRECEDENZE PER L HANDICAP LE PRINCIPALI NOVITÀ INTRODOTTE PER L A.S. 2016/2017 Il sistema delle precedenze è regolamentato:

Dettagli

comma 2 : in alternativa possono chiedere al datore di lavoro di usufruire di 2 ore di permesso giornaliero retribuito fino al compimento del 3 anno

comma 2 : in alternativa possono chiedere al datore di lavoro di usufruire di 2 ore di permesso giornaliero retribuito fino al compimento del 3 anno GUIDA PER IL RICONOSCIMENTO DELLO STATO DI HANDICAP (LEGGE 104/92) La legge sull handicap prevede interventi volti concretamente a prevenire e rimuovere le condizioni invalidanti che impediscono lo sviluppo

Dettagli

LE PRECEDENZE PER L HANDICAP

LE PRECEDENZE PER L HANDICAP MOBILITA PER L A.S. 2013/2014 CCNI 11 MARZO 2013 O.M. n. 9 del 13 marzo 2013 LE PRECEDENZE PER L HANDICAP NOTA BENE LE NOVITÀ INTRODOTTE PER L A.S. 2013/2014 Campo di applicazione del sistema delle precedenze

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA AVVISO PUBBLICO

COMUNE DI CAPOTERRA AVVISO PUBBLICO COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari 6 Settore Servizi Sociali AVVISO PUBBLICO approvato con Determinazione del Responsabile del Settore n 467 del 06/06/2013 PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI

Dettagli

in collaborazione con

in collaborazione con in collaborazione con Ogni individuo ha diritto ad un tenore di vita sufficiente a garantire la salute e il benessere proprio e della sua famiglia con particolare riguardo all alimentazione, al vestiario,

Dettagli

LE MINORAZIONI CIVILI INVALIDITÀ, CECITÀ, SORDITÀ CIVILI E LEGGE 104/92

LE MINORAZIONI CIVILI INVALIDITÀ, CECITÀ, SORDITÀ CIVILI E LEGGE 104/92 LE MINORAZIONI CIVILI INVALIDITÀ, CECITÀ, SORDITÀ CIVILI E LEGGE 104/92 1 Le minorazioni civili L invalidità è la difficoltà a svolgere alcune funzioni tipiche della vita quotidiana o di relazione a causa

Dettagli

COMUNE DI VALDISOTTO (Provincia di Sondrio)

COMUNE DI VALDISOTTO (Provincia di Sondrio) OGGETTO: Esame ed approvazione Regolamento del servizio di affidamento familiare. IL CONSIGLIO COMUNALE Premesso che la legge 08 novembre 2000, n. 328 Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato

Dettagli

Verso la creazione di UN SISTEMA PER LA PROTEZIONE GIURIDICA DELLE PERSONE FRAGILI

Verso la creazione di UN SISTEMA PER LA PROTEZIONE GIURIDICA DELLE PERSONE FRAGILI Assessorato alla formazione professionale, programmazione socio-sanitaria, servizi sociali, rapporti con il volontariato, associazioni e terzo settore, politiche familiari Verso la creazione di UN SISTEMA

Dettagli

DG Prevenzione Sanitaria Ufficio VII Lavori in corso sul sistema disabilità

DG Prevenzione Sanitaria Ufficio VII Lavori in corso sul sistema disabilità DG Prevenzione Sanitaria Ufficio VII Lavori in corso sul sistema disabilità Presso la Conferenza Unificata fra lo Stato, le Regioni, le Province Autonome e le Autonomie Locali era stato istituito, nel

Dettagli

Roma, 8.3.2012 Agli Iscritti ex Enam c/o loro Scuole Primarie e dell Infanzia

Roma, 8.3.2012 Agli Iscritti ex Enam c/o loro Scuole Primarie e dell Infanzia DIREZIONE CENTRALE CREDITO E WELFARE Roma, 8.3.2012 Agli Iscritti ex Enam c/o loro Scuole Primarie e dell Infanzia Oggetto: Attività di assistenza magistrale (ex Enam) Situazione attuale delle prestazioni

Dettagli

PROGETTO PER L INTEGRAZIONE E L INCLUSIONE DEGLI ALUNNI DISABILI

PROGETTO PER L INTEGRAZIONE E L INCLUSIONE DEGLI ALUNNI DISABILI ISTITUTO D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G. Alberti INDIRIZZI : AREA ECONOMICA:Amministrazione Finanza e Marketing / IGEA Turismo/ ITER LICEO SCIENTIFICO: Scienze Applicate/Liceo ScientificoTecnologico

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Allegato A alla deliberazione di C.C. n. 46 del 09/10/2015 IL SEGRETARIO COMUNALE Dott.ssa Maria Teresa Vella 1 REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI INDICE Art. 1 - Oggetto PREMESSA Art.

Dettagli

RIPOSI E PERMESSI PER LAVORATORI PORTATORI DI HANDICAP E PER FAMILIARI CHE ASSISTONO PORTATORI DI HANDICAP LAVORATORE PORTATORE DI HANDICAP

RIPOSI E PERMESSI PER LAVORATORI PORTATORI DI HANDICAP E PER FAMILIARI CHE ASSISTONO PORTATORI DI HANDICAP LAVORATORE PORTATORE DI HANDICAP RIPOSI E PERMESSI PER LAVORATORI PORTATORI DI HANDICAP E PER FAMILIARI CHE ASSISTONO PORTATORI DI HANDICAP LAVORATORE PORTATORE DI HANDICAP La persona handicappata maggiorenne in situazione di gravità

Dettagli

Uffici di Promozione Sociale dell Ambito Territoriale XXII

Uffici di Promozione Sociale dell Ambito Territoriale XXII Uffici di Promozione Sociale dell Ambito Territoriale XXII Gli UPS Riferimenti normativi Con il nuovo titolo V della nostra Costituzione (legge costituzionale 3/01) si iscrivono per la prima volta nella

Dettagli

Appropriatezza prescrittiva nell Assistenza Integrativa e Protesica INVALIDITA CIVILE: perché e quali vantaggi Dott. Lorenzo Brusa Dott.ssa Laura Signorotti CHI E L INVALIDO CIVILE Si considerano mutilati

Dettagli

1 di 6 20/02/2013 08:45

1 di 6 20/02/2013 08:45 1 di 6 20/02/2013 08:45 [ i ] Informazioni accessibilità [ t ] Tasti di accesso [ l ] Ascolta la pagina corrente [ 1 ] Contrasto normale [ 2 ] Contrasto medio [ 3 ] Contrasto elevato [ 4 ] Testo normale

Dettagli

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI Il tema della disabilità mette a prova tutti i passaggi dei cicli di vita delle persone. Attraverso le vicende biografiche di chi attraversa questa particolare condizione è possibile

Dettagli

ISSN 2284-3531 Ordine internazionale e diritti umani, (2014), pp. 390-395.

ISSN 2284-3531 Ordine internazionale e diritti umani, (2014), pp. 390-395. OSSERVATORIO SULLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA N. 2/2014 2. MATERNITÀ SURROGATA: LA NORMATIVA DELL UNIONE EUROPEA NON CONTEMPLA IL DIRITTO DI UNA MADRE COMMITTENTE AD OTTENERE UN CONGEDO RETRIBUITO

Dettagli

ALLEGATO E LINEE GUIDA. Sportelli informativi per immigrati INDICE PRESTAZIONI OFFERTE DAGLI SPORTELLI INFORMATIVI

ALLEGATO E LINEE GUIDA. Sportelli informativi per immigrati INDICE PRESTAZIONI OFFERTE DAGLI SPORTELLI INFORMATIVI ALLEGATO E Sportelli informativi per immigrati LINEE GUIDA INDICE 1. PREMESSA 2. FINALITA E CARATTERISTICHE 3. DESTINATARI E MODALITA DI ACCESSO 4. DESCRIZIONE DEL SERVIZIO 5. OBIETTIVI SPECIFICI DEL SERVIZIO

Dettagli

Assessorato alle Politiche Sociali. Partner dei cittadini. socialmenteutile GUIDA AI SERVIZI 2009/2010

Assessorato alle Politiche Sociali. Partner dei cittadini. socialmenteutile GUIDA AI SERVIZI 2009/2010 Assessorato alle Politiche Sociali Comune di Cagliari Partner dei cittadini socialmenteutile GUIDA AI SERVIZI 2009/2010 Breve guida per tutti i cittadini ai servizi sociali del Comune di Cagliari Comune

Dettagli

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività)

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) I dati si riferiscono all anno scolastico 2013/2014 Approvato nel Collegio dei Docenti del 13 giugno 2014 1 Gli alunni certificati in base alla Legge 104/1992 Tabella

Dettagli

COMUNE DI SCIACCA (Provincia di Agrigento) CAPOFILA DEL DISTRETTO SOCIO-SANITARIO AG 7. Assistenza Domiciliare

COMUNE DI SCIACCA (Provincia di Agrigento) CAPOFILA DEL DISTRETTO SOCIO-SANITARIO AG 7. Assistenza Domiciliare COMUNE DI SCIACCA (Provincia di Agrigento) CAPOFILA DEL DISTRETTO SOCIO-SANITARIO AG 7 Assistenza Domiciliare Avviso Pubblico Per i dipendenti e pensionati pubblici, iscritti all INPS Gestione Dipendenti

Dettagli

Famiglia e solidarietà sociale

Famiglia e solidarietà sociale 20 21 Famiglia e solidarietà sociale e dei prezzi in vigore. Le RSA sono diffuse su tutto il territorio regionale. Sul sito www.famiglia.regione.lombardia.it si può accedere a un area nella quale vengono

Dettagli

Settore Socio-Educativo. Assistenza domiciliare. Fattori della qualità. Competenza Professionalità degli operatori. Indicatori di qualità

Settore Socio-Educativo. Assistenza domiciliare. Fattori della qualità. Competenza Professionalità degli operatori. Indicatori di qualità Settore Socio-Educativo Fattori della qualità Indicatori di qualità Competenza Professionalità degli operatori Grado di soddisfazione degli utenti: 70% di soddisfazione del campione esaminato. Monitoraggio

Dettagli

Compilazione della scheda iscrizione e biografia linguistica (modello di seguito allegato).

Compilazione della scheda iscrizione e biografia linguistica (modello di seguito allegato). PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E INSERIMENTO DEGLI ALUNNI STRANIERI Premessa Il Protocollo di Accoglienza (PdA) presenta le procedure (approvate e condivise dal Collegio Docenti) che il nostro Istituto attua

Dettagli

ALUNNO CON DISABILITA

ALUNNO CON DISABILITA D.G. Famiglia e Solidarietà Sociale ALUNNO CON DISABILITA NUOVE MODALITA PER L INDIVIDUAZIONE AL FINE DELL INTEGRAZIONE SCOLASTICA NORMATIVA LEGGE 104/92 DPR 24 FEBBRAIO 1994 LEGGE 289/2002 ART.35 COMMA

Dettagli

Finalmente il secondo comma dell articolo 25 della legge 114/2014 sopprime questa ridondanza.

Finalmente il secondo comma dell articolo 25 della legge 114/2014 sopprime questa ridondanza. Patente e guida Ottenere l idoneità alla guida per una persona con disabilità è spesso un percorso ad ostacoli. La sua idoneità e l eventuale uso di particolari adattamenti vengono stabiliti da una commissione

Dettagli

PROGETTO CENTRO ANTIVIOLENZA PER DONNE E MINORI. RIMODULAZIONE

PROGETTO CENTRO ANTIVIOLENZA PER DONNE E MINORI. RIMODULAZIONE PROGETTO CENTRO ANTIVIOLENZA PER DONNE E MINORI. RIMODULAZIONE PAG.1 DI 10 INDICE SISTEMATICO 1. OBIETTIVI GENERALI 5 2. OBIETTIVI SPECIFICI 5 3. TEMPI E MODALITÀ DI ATTUAZIONE 6 3.1. INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE

Dettagli

Questionario scuola 1 ciclo di istruzione Anno Scolastico 2014/15

Questionario scuola 1 ciclo di istruzione Anno Scolastico 2014/15 Questionario scuola 1 ciclo di istruzione Anno Scolastico 2014/15 INVALSI Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione Via Borromini, 5 Villa Falconieri 00044

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO DI SOLIDARIETA CONTRO LA CRISI

REGOLAMENTO DEL FONDO DI SOLIDARIETA CONTRO LA CRISI REGOLAMENTO DEL FONDO DI SOLIDARIETA CONTRO LA CRISI ARTICOLO 1 OGGETTO E FINALITA Il presente Regolamento definisce i criteri e disciplina le modalità di erogazione del Fondo di Solidarietà contro la

Dettagli

PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO

PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N. 42/11 DEL 4.10.2006 PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO 1 - Introduzione Il programma Ritornare a casa è finalizzato

Dettagli

Definizione presente nel verbale: "invalido con totale e permanente inabilità lavorativa (artt. 2 e 12, L. 118/1971): 100%".

Definizione presente nel verbale: invalido con totale e permanente inabilità lavorativa (artt. 2 e 12, L. 118/1971): 100%. Invalido al 100% Definizione presente nel verbale: "invalido con totale e permanente inabilità lavorativa (artt. 2 e 12, L. 118/1971): 100%". Di seguito riportiamo in estrema sintesi i benefici, e le relative

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO REVOCA DEI BENEFICI PREVISTI PER L ASSISTENZA DI UN CONGIUNTO DISABILE QUESITO (posto in data 27 giugno 2014) Sono un dirigente medico ospedaliero a tempo indeterminato. La mia Azienda mi ha

Dettagli

Invalidi civili e portatori di handicap. Decreto semplificazioni: importanti novità

Invalidi civili e portatori di handicap. Decreto semplificazioni: importanti novità Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Numero 97 Settembre 2014 Invalidi civili e portatori di handicap Decreto semplificazioni: importanti novità Il decreto legge n 90/2014 convertito dalla

Dettagli

DISCIPLINA PER L APPLICAZIONE DEL MODELLO DI DICHIARAZIONE ICEF

DISCIPLINA PER L APPLICAZIONE DEL MODELLO DI DICHIARAZIONE ICEF Allegato A) alla deliberazione del Comitato Esecutivo n. *** dd. **.11.2015 DISCIPLINA PER L APPLICAZIONE DEL MODELLO DI DICHIARAZIONE ICEF INDIVIDUAZIONE DEGLI ELEMENTI VARIABILI DA CONSIDERARE NELLA

Dettagli

BUONUSCITA PIÙ MAGRA PER IL PERSONALE DELLA SCUOLA

BUONUSCITA PIÙ MAGRA PER IL PERSONALE DELLA SCUOLA BUONUSCITA PIÙ MAGRA PER IL PERSONALE DELLA SCUOLA Svantaggi e penalizzazioni per i dipendenti pubblici col passaggio dal TFS al TFR di Stefania Maria Cleopatra 30 dicembre 2010 sinergie di scuola a legge

Dettagli

PERMESSI PER L'ASSISTENZA A PORTATORI DI HANDICAP IN SITUAZIONE DI GRAVITÀ

PERMESSI PER L'ASSISTENZA A PORTATORI DI HANDICAP IN SITUAZIONE DI GRAVITÀ FABINFORMA B.C.C. Notiziario a cura del Coordinamento Nazionale Banche di Credito Cooperativo PERMESSI PER L'ASSISTENZA A PORTATORI DI HANDICAP IN SITUAZIONE DI GRAVITÀ L'INPS, con circolare n. 155 del

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Istituto di Istruzione Superiore Classico e Artistico Terni

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Istituto di Istruzione Superiore Classico e Artistico Terni Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Istituto di Istruzione Superiore Classico e Artistico Terni CIRCOLARE N 053 [CIRC_053 - tutti - assistenza di base alunni disabili] Terni, li 16

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009 Servizi Socio-Sanitari AZIENDA ULSS N. 22 Bussolengo (VR) Unità Complessa Disabilità Direttore Dott. Gabriele Bezzan Funzionario Dott.ssa Liliana Menegoi Segreteria

Dettagli

COMUNE DI MASSA MARITTIMA PROVINCIA DI GROSSETO

COMUNE DI MASSA MARITTIMA PROVINCIA DI GROSSETO REGOLAMENTO SERVIZI PER LA PRIMA INFANZIA E COLONIA MARINA PER MINORI TITOLO I OGGETTO E FINALITA art. 1 oggetto del regolamento art. 2 tipologie dei servizi TITOLO II I NIDI D INFANZIA art. 3- descrizione

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA TRA COMUNE DI FIRENZE E Azienda ASL 10 DI FIRENZE PREMESSA

ACCORDO DI PROGRAMMA TRA COMUNE DI FIRENZE E Azienda ASL 10 DI FIRENZE PREMESSA ACCORDO DI PROGRAMMA TRA COMUNE DI FIRENZE E Azienda ASL 10 DI FIRENZE PREMESSA - Il Comune è l Ente titolare delle funzioni in materia di servizi sociali ai sensi dell art. 9 L.142/90 - Il Comune gestisce

Dettagli

AFFIDAMENTI CRITERI APPLICATIVI DEL CONSORZIO

AFFIDAMENTI CRITERI APPLICATIVI DEL CONSORZIO C.I.S.A. Consorzio Intercomunale Socio Assistenziale Comuni di: Rivoli Rosta Villarbasse AFFIDAMENTI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N 79-11035 del 17/11/2003 (B.U. R. 11/12/2003 n 50) CRITERI APPLICATIVI

Dettagli

LINEE D INDIRIZZO REGIONALE PROGETTO ETA LIBERA INVECCHIAMENTO ATTIVO - EDIZIONE 2011 -

LINEE D INDIRIZZO REGIONALE PROGETTO ETA LIBERA INVECCHIAMENTO ATTIVO - EDIZIONE 2011 - LINEE D INDIRIZZO REGIONALE PROGETTO ETA LIBERA INVECCHIAMENTO ATTIVO - EDIZIONE 2011 - 1. AZIONI DI PROTEZIONE delle persone anziane con fragilità fisiche e sociali: Azione 1.1 Consolidamento del Call

Dettagli

LEGISLAZIONE ITALIANA DI RIFERIMENTO SULLA DISABILITA (a cura di Angelo Fabbri)

LEGISLAZIONE ITALIANA DI RIFERIMENTO SULLA DISABILITA (a cura di Angelo Fabbri) LEGISLAZIONE ITALIANA DI RIFERIMENTO SULLA DISABILITA (a cura di Angelo Fabbri) Ogni cittadino italiano dovrebbe conoscere la nostra Costituzione, con questo voglio ricordare solo pochi articoli inerenti

Dettagli

SERVIZIO SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI AMBITO DISTRETTUALE 1.3 (SSC) MUGGIA-SAN DORLIGO DELLA VALLE/DOLINA

SERVIZIO SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI AMBITO DISTRETTUALE 1.3 (SSC) MUGGIA-SAN DORLIGO DELLA VALLE/DOLINA SERVIZIO SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI AMBITO DISTRETTUALE 1.3 (SSC) MUGGIA-SAN DORLIGO DELLA VALLE/DOLINA UFFICIO DI DIREZIONE - la funzione di gestione del servizio sociale di comuni direzione del Servizio

Dettagli

FONDI DI PREVIDENZA LE TABELLE PER IL CALCOLO DEI TRATTAMENTI CON DECORRENZA 2014

FONDI DI PREVIDENZA LE TABELLE PER IL CALCOLO DEI TRATTAMENTI CON DECORRENZA 2014 FONDI DI PREVIDENZA LE TABELLE PER IL CALCOLO DEI TRATTAMENTI CON DECORRENZA 2014 Si rinnova anche per il 2014 il tradizionale appuntamento con le nuove tabelle per il calcolo dei trattamenti previdenziali

Dettagli

Il PATRONATO INCA CGIL RINGRAZIA E SALUTA I PARTECIPANTI

Il PATRONATO INCA CGIL RINGRAZIA E SALUTA I PARTECIPANTI Il PATRONATO INCA CGIL RINGRAZIA E SALUTA I PARTECIPANTI 1 Legge 104/92 e successive integrazioni Legge quadro per l assistenza l integrazione sociale e i diritti delle persone disabili Permessi e congedi

Dettagli

Firma anche tu. entro il 30 aprile

Firma anche tu. entro il 30 aprile Anno VI - Supplemento al n 10 di Diversbilità - Marzo 2008 - Registrazione Tribunale di Vicenza n 1068 del 27.11.2003 - Direttore responsabile: Francesco Brasco Editore: ANMIC Vicenza - Redazione: Vicenza,

Dettagli

Piazza Regina Margherita, 27 12017 Robilante (Cuneo)

Piazza Regina Margherita, 27 12017 Robilante (Cuneo) Costituita dai Comuni di: Beinette, Boves, Chiusa di Pesio, Entracque, Limone Piemonte, Peveragno, Pianfei, Roaschia, Robilante, Roccavione, Valdieri, Vernante Piazza Regina Margherita, 27 12017 Robilante

Dettagli

Art. 1 Principi. Art. 2 Finalità

Art. 1 Principi. Art. 2 Finalità LEGGE REGIONALE 21 agosto 2007, n. 20 Disposizioni per la promozione ed il sostegno dei centri di antiviolenza e delle case di accoglienza per donne in difficoltà. (BUR n. 15 del 16 agosto, supplemento

Dettagli

Premessa. Il Contesto culturale. Finalità

Premessa. Il Contesto culturale. Finalità Premessa Il Contesto culturale. Da molti anni l Istituto Martini, pone al centro della sua azione formativa, l attenzione allo studente e alle famiglie coniugando metodologie di apprendimento moderne a

Dettagli

Comune di Marigliano Prov. di Napoli VII SETTORE-POLITICHE SOCIALI TEL.081/8858340

Comune di Marigliano Prov. di Napoli VII SETTORE-POLITICHE SOCIALI TEL.081/8858340 Comune di Marigliano Prov. di Napoli VII SETTORE-POLITICHE SOCIALI TEL.081/8858340 BENEFICI ECONOMICI A FAVORE DEGLI INVALIDI CIVILI INDICE: LE FASI DEL PROCEDIMENTO L ACCERTAMENTO SANITARIO DELL ASL DOVE

Dettagli

Assistenza ai disabili di Laura Marino Content manager di www.dottorlex.it

Assistenza ai disabili di Laura Marino Content manager di www.dottorlex.it Assistenza ai disabili di Laura Marino Content manager di www.dottorlex.it Nel corso dell ultimo anno, le agevolazioni lavorative e gli incentivi per favorire l assistenza alle persone disabili sono stati

Dettagli

Roma, 11/05/2001. Alla Segreteria degli Organi Collegiali S E D E. Ai Dirigenti Generali Centrali e Compartimentali LORO SEDI

Roma, 11/05/2001. Alla Segreteria degli Organi Collegiali S E D E. Ai Dirigenti Generali Centrali e Compartimentali LORO SEDI Roma, 11/05/2001 Alla Segreteria degli Organi Collegiali S E D E Istituto nazionale Di previdenza Per i dipendenti Dell amministrazione Pubblica DIREZIONE CENTRALE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI SETTORE PENSIONI

Dettagli

Servizio accoglienza studenti con disabilità Carta dei Servizi (Approvata dal Consiglio di Amministrazione Adunanza Ordinaria Del 22 luglio 2011)

Servizio accoglienza studenti con disabilità Carta dei Servizi (Approvata dal Consiglio di Amministrazione Adunanza Ordinaria Del 22 luglio 2011) Servizio accoglienza studenti con disabilità Carta dei Servizi (Approvata dal Consiglio di Amministrazione Adunanza Ordinaria Del 22 luglio 2011) Art. 1 Principi generali Il Servizio Accoglienza Studenti

Dettagli

Le persone a cui voglio più bene sono la mia mamma e il mio papà.

Le persone a cui voglio più bene sono la mia mamma e il mio papà. Le persone a cui voglio più bene sono la mia mamma e il mio papà. La mia mamma mi consola quando piango, mi coccola alla sera prima di andare a dormire e mi sgrida quando non faccio bene i compiti o passo

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI PER GLI STUDENTI DIVERSAMENTE ABILI. 1. Finalità e Principi Generali

CARTA DEI SERVIZI PER GLI STUDENTI DIVERSAMENTE ABILI. 1. Finalità e Principi Generali CARTA DEI SERVIZI PER GLI STUDENTI DIVERSAMENTE ABILI 1. Finalità e Principi Generali L Università degli Studi di Bari Aldo Moro, nell intento di promuovere pari opportunità di formazione e di studio,

Dettagli

Ai Coordinatori Regionali INCA Ai Direttori Compr.li INCA Agli Uffici Zona INCA All Ufficio Handicap CGIL Alle Categorie CGIL LORO SEDI

Ai Coordinatori Regionali INCA Ai Direttori Compr.li INCA Agli Uffici Zona INCA All Ufficio Handicap CGIL Alle Categorie CGIL LORO SEDI PATRONATO INCA CGIL Sede Centrale Area danni da lavoro e sanità 00198 Roma - Via Giovanni Paisiello 43 Telefono 06-855631 - Fax 06-85352749 Internet : http: //www.inca.it E-mail : politiche-socio-sanitarie@inca.it

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli