Al Servizio del Paese

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Al Servizio del Paese"

Transcript

1 Assemblea di mandato LEGACOOP SERVIZI 2014 Al Servizio del Paese Per una nuova centralità del lavoro, nella legalità e per il cambiamento. Le proposte per i servizi alle imprese, agli enti e alle comunità. Roma, 4 e 5 novembre 2014 DOCUMENTO PROGRAMMATICO FINALE Approvato dall Assemblea di mandato di Legacoop Servizi in data 5 novembre 2014 Dati aggiornati ad ottobre 2014

2 La discussione della Commissione per il documento finale del congresso è stata proficua e appassionata. La Commissione unanimemente fa proprio e chiede a questa Assemblea di approvare il documento programmatico "Al Servizio del paese" e la relazione del Presidente, Fabrizio Bolzoni; altresì fa proprio il contributo portato dall'intervento del Presidente Nazionale di Legacoop, Mauro Lusetti. In conseguenza anche degli altri validi interventi che si sono susseguiti durante l'assemblea di Mandato, la Commissione, intende sottolineare e chiedere di focalizzare l'attenzione su alcuni grandi temi: 1. Partecipazione: la Commissione richiama espressamente la centralità del socio lavoratore, l'importanza della sua partecipazione attiva e continua negli organi societari e nelle decisioni aziendali, e il presidio del carattere di sobrietà che deve permeare la vita delle nostre Cooperative e della nostra Associazione. 2. Futuro: la Commissione sottolinea il carattere di intergenerazionalità e di parità di genere, che sono e devono sempre più divenire il fondamento stesso della cooperazione. In tal senso va sostenuto il percorso che le cooperative di servizi faranno all'interno del proprio corpo sociale per rendere concreti e attuabili i citati principi di intergenerazionalità e di parità tra generi. 3. Innovazione: la Commissione rimarca l'importanza dell'integrazione tra i diversi settori e territori, ciò anche per contribuire alla qualità delle attività per le nuove progettazioni dei servizi che verranno offerti sul mercato dalle nostre associate. Inoltre si richiama l'esigenza che la formazione dei gruppi dirigenti e di tutto il personale delle nostre cooperative, e la promozione di nuova cooperazione, debbano essere uno strumento per rispondere ai nuovi bisogni diffusi del nostro Paese. 4. Territorio: la Commissione sottolinea l'importanza del carattere nazionale che l'associazione deve avere, raggiungendo quei territori che oggi sono ancora ai margini. In tal senso, la Commissione chiede di acquisire il documento delle regioni del Sud Italia come parte integrante del programma di lavoro dell'associazione, e ritiene altresì che Legacoop Servizi debba puntare sulla collaborazione tra territori ed associazioni sorelle perseguendo nei prossimi anni o un percorso di "distrettualizzazione" tra regioni vicine ed omogenee (così come accaduto tra Legacoop Veneto e Legacoop FVG), o rafforzando l'ipotesi dell' "Area Lavoro", così da creare delle modalità di lavoro integrate e in una ottica di efficienza della gestione delle risorse. Ultimo, ma primo per importanza, rimane il tema della legalità, che non è un punto di richiamo, ma deve essere il pre-requisito e il riferimento principale che raccoglie tutte le azioni di Legacoop Servizi e dei suoi associati. 2

3 L Italia, il nostro paese: uno sguardo al contesto generale Elementi e considerazioni sull evoluzione dell ultimo quadriennio Il congresso di Ancst nel febbraio del 2010, che decretò anche il formale cambio di denominazione della nostra organizzazione in Legacoop Servizi, si svolse a distanza di circa due anni dall esplosione della crisi finanziaria internazionale, il cui inizio viene identificato generalmente tra il 2007 e il Il documento di allora, al primo capitolo, propose una analisi sulle criticità che avevano contraddistinto gli anni precedenti al 2010, identificandole in 10 punti: anche se ci fermiamo ai primi 3 o 4 (alto debito pubblico rispetto alla media dell area euro; crescita economica nettamente inferiore alla media europea; basso livello della produttività del lavoro, che è altro dal costo del lavoro) vediamo come la diagnosi corrisponda ai mali di fondo che ancora oggi e forse ancor più di ieri attanagliano il nostro paese. Vediamo alcuni indicatori. DEBITO PUBBLICO - CONFRONTO ITALIA E AREA EURO - % PIL Colonna ITALIA 116,4% 119,3% 120,7% 127,0% 132,6% AREA EURO 80,0% 85,5% 87,4% 90,7% 92,6% Fonte: Eurostat PIL - PRODOTTO INTERO LORDO - CONFRONTO ITALIA E AREA EURO Variazione % rispetto all'anno precedente Colonna ITALIA -5,5% 1,7% 0,4% -2,4% -1,9% AREA EURO -4,5% 1,9% 1,6% -0,7% -0,4% Fonte: Eurostat DISOCCUPAZIONE - CONFRONTO ITALIA E AREA EURO Colonna ITALIA 7,8% 8,4% 8,4% 10,7% 12,2% AREA EURO 9,5% 10,1% 10,1% 11,3% 11,9% Fonte: Eurostat 3

4 Una situazione critica che, seppur in termini e misure diverse, assilla imprese, lavoratori e famiglie da ormai 5-6 anni; ovviamente, le nostre cooperative, i nostri soci e le loro famiglie non sono esenti. Una crisi, dunque, che a differenza di altre, oltre ad essere molto prolungata, non intravede un settore, un ambito che possa rappresentare l alternativa, nella quale riversarsi e riconvertirsi; così, per certi versi, accadde durante altri momenti di difficoltà di comparti manifatturieri negli anni 80, 90 e primi duemila: in quel caso il terziario e i servizi assorbirono investimenti e occupazione, rappresentarono l alternativa, grazie anche a massicci processi di esternalizzazione nel settore pubblico e privato. Molto di quel terziario, oltre alla decisa crescita dei servizi prettamente di welfare e di quelli di alcuni ambiti tecnologici, era rappresentato dalle attività che svolgono tante nostre cooperative: dalle pulizie alla logistica, dai trasporti alla ristorazione, ecc Come vedremo, in realtà il fenomeno si manifesta anche oggi, con connotati diversi e, soprattutto, con un risvolto di tipo occupazionale decisamente più contenuto. La crisi, come evidenziano anche dati relativi all andamento dell anno in corso, pesa su quasi tutti i paesi europei seppur in misura anche molto diversa e quindi non sarebbe corretto ritenere chi ci ha governato l unico ed esclusivo responsabile politico (e senza analizzare, in questa sede, il tema della responsabilità più ampia del gruppo dirigente italiano in senso lato). Inoltre, non possiamo dimenticare come cooperatori, responsabili di impresa e come cittadini gli scenari internazionali di crisi e di guerra, la devastazione e l insicurezza che ne deriva, che soprattutto negli ultimi anni ci toccano sempre più da vicino, su tutti i piani, e che contribuiscono non poco ad acuire le difficoltà sociali ed economiche. Tuttavia, non si può non evidenziare come, anche in questi ultimi quattro anni, la instabilità politica ed istituzionale italiana abbia rappresentato oggettivamente un enorme problema ed una zavorra pesantissima da sopportare per il paese. Ciò non ha impedito, però, l accentuarsi della polarizzazione della ricchezza disponibile: anche in questo caso non se ne può fare una colpa esclusiva al modello italiano, essendo un fenomeno generalizzato ad altri paesi occidentali. Certamente questo non aiuta in prospettiva la tenuta del quadro sociale ed economico, che invece trarrebbe beneficio da una più equa distribuzione dei redditi e dei patrimoni. Anche se i tempi della politica sembrano a volte lunghissimi, è stato solo nel corso dell ultimo mandato della nostra associazione (quattro anni) che, fermandoci agli accadimenti principali, sono successi fatti rilevantissimi: è andato in crisi il governo con una delle maggioranze parlamentari più ampie di sempre (Berlusconi nel 2011); si sono succeduti, dopo Berlusconi, tre leader (tecnici e politici) non corrispondenti a chi si è presentato alle elezioni e si sono alternate più maggioranze parlamentari a geometria variabile; più regioni italiane e importanti comuni sono andati ad elezioni anticipate, spesso a causa delle inchieste della magistratura (anche se con fattispecie tra loro molto diverse e livelli di gravità differenti che non sarebbe corretto non evidenziare). 4

5 La Presidenza della Repubblica, di fatto, ha costituito l unico presidio stabile e di riferimento per questi anni turbolenti. Non molto migliore sarebbe il quadro che potrebbe uscire dall analisi del precedente quadriennio, tra il 2006 e il 2010, ove si assistette al naufragio del Governo Prodi e alle elezioni anticipate nel Quanto sopra riportato è funzionale non alla definizione di un giudizio politico tendente ad individuare le maggiori o minori responsabilità degli schieramenti, quanto piuttosto ad evidenziare la precarietà del sistema istituzionale e il danno enorme che ne deriva al nostro paese. L assenza di un orizzonte, che sia almeno di medio termine, comporta la frammentarietà dell azione di governo, l incoerenza delle politiche, la non assunzione di responsabilità. Ovviamente le suddette valutazioni non vogliono eludere un giudizio di merito sui vari Governi e sui governanti, che la nostra associazione ha sempre cercato di esprimere nel corso del tempo con correttezza e senza pregiudizi politici. Riteniamo, in questo senso, che una serie di oggettive responsabilità siano riconducibili per l evolversi della situazione di questi ultimi anni al Governo di centro destra insediatosi nel 2008, soprattutto per la sottovalutazione e la non volontà di riconoscere la crisi che andava, invece, consolidandosi. Questo quadro di riferimento istituzionale lo stiamo denunciando non da adesso a cascata si riversa sulla produzione legislativa di settore e sulla normativa, determinando difficoltà operative e costi elevati per il sistema economico e la sua competitività. Con riferimento al mandato che si sta chiudendo, tenendo conto che alcune problematiche partono anche da molti anni prima, possiamo individuare in termini esemplificativi ma significativi - alcune tematiche che rappresentano esempi eclatanti per quanto sopra affermato, che hanno determinato e continuano a determinare grandi difficoltà a molte imprese e a tantissime nostre cooperative: I pagamenti della Pubblica Amministrazione Il problema dei ritardi di pagamento nella PA è presente da molti anni nel nostro paese e le iniziative di denuncia della nostra, insieme alle altre organizzazioni, sono state molteplici, fino a vere e proprie dimostrazioni di piazza del Taiis nel Nonostante le normative europee e nazionali siano da anni tassative per il rispetto delle scadenze, c è stata una colpevole insensibilità istituzionale e una sottovalutazione degli effetti sulle aziende e anche sulle persone. Per venire agli ultimi due anni, dove si è tentato pur in modo complicato di affrontare almeno parzialmente il tema, uscendo dalla tentazione continua di non volere riconoscere i debiti commerciali per non innalzare il debito pubblico, i miglioramenti conseguenti il DL 35/13 sono stati molto relativi. Il CNS, che rappresenta un punto di osservazione significativo e svolge una continua azione di monitoraggio sui tempi di pagamento, ha rilevato come si sia passati da ritardi medi di 171 gg. nel febbraio 2013 a 146 gg. nel giugno

6 I primi dati campione sui contratti 2014, per capire come il D.Lgs. 192 del 2012 di recepimento della Direttiva Europea pagamenti, la n 7 del 2011, stia dispiegando i suoi effetti, danno alcune indicazioni positive, anche se si è ancora lontani dai 30 e 60 gg. Nel corso di questi anni, pertanto, le aziende hanno dovuto sopportare pesanti oneri finanziari, sottraendo risorse allo sviluppo e spesso non vedendosi riconosciuti gli interessi di mora. La normativa in tema di appalti Questo argomento rappresenta un esempio clamoroso, per alcuni aspetti, della disorganicità normativa e dei guasti che derivano dallo schema di iter conseguente l emanazione dei Decreti Legge. Dal 2008 il D.Lgs. 163/06, il Codice dei contratti, ha subito 223 interventi di modifica! Soltanto in relazione alle cause di esclusione dalle gare, in tre anni sono state apportate 22 correzioni. Tutto ciò ha creato fortissime incertezze interpretative, determinando un altissimo livello di contenzioso, con ricorsi al Tar e al Consiglio di Stato. Altri temi potrebbero essere ulteriormente portati ad esempio: la continua variazione degli orientamenti e delle norme sui servizi pubblici locali; il balletto di articoli di legge che c è stato sulla questione della responsabilità solidale; la normativa quasi schizofrenica sui tributi ambientali, che si è scaricata spesso in tensioni finanziarie per le imprese fornitrici del ciclo dei rifiuti; il Sistri, che da quattro anni sta creando problemi e costi al sistema economico e che, forse, solo in questa ultima fase pare stia imboccando un percorso di uscita dal tunnel del surreale. Tali pesanti problematiche sono state accompagnate da un irrigidimento del sistema creditizio, in molti casi incomprensibile, che ha portato anche al fallimento di aziende sane. Si tratta di un tema complesso, che certamente contribuisce a fare emergere problemi come la scarsa patrimonializzazione delle imprese (comprese le nostre cooperative), ma evidenzia anche che qualcosa non ha funzionato in questi ultimi anni e che è estremamente urgente porvi rimedio. Dal settembre 2011 al dicembre 2013 i prestiti alle imprese sono calati dell 11% circa. Nella pratica quotidiana, le modalità di questo inasprimento si manifestano, per esempio, attraverso la riduzione dei tempi di giacenza delle fatture presso gli istituti (da sei a quattro mesi) e in caso di ritardi che vadano oltre con la PA non è certo un evento eccezionale si richiede il rientro dell importo anticipato. Inoltre, viene messo in atto il principio della non concentrazione, creando difficoltà a quelle imprese che hanno la maggior parte del fatturato su uno o pochi clienti. Anche le procedure di certificazione e i costi della commissione disponibilità fondi non agevolano certo la gestione finanziaria delle aziende. Nell insieme, quindi, il sistema bancario non ha assolto - in diverse situazioni il ruolo che gli compete a sostegno dell economia reale. Altro aspetto strutturale, il differenziale tra nord e sud del paese, permane come un macigno sulla strada dell uscita dalla crisi: la maggior parte degli indicatori fotografano ancora oggi un grande divario, peculiarità italiana che fino a quando non si inizierà a vedere una inversione di rotta rappresenterà il freno al dispiegarsi di un solido percorso di recupero, sociale ed economico. Gli elementi sopra descritti, senz altro parziali, sono collocati in un quadro economico che vede il nostro paese gravato da una economia del sommerso molto estesa, valutata in alcune centinaia di miliardi e con i conseguenti mancati introiti fiscali. 6

7 A ciò si aggiungono elementi di corruzione diffusa e di presenza radicata delle organizzazioni mafiose. Sommerso, corruzione e criminalità organizzata sono, spesso, elementi fortemente intrecciati. I settori di attività nei quali operano le nostre imprese rappresentano terreno fertile per lo sviluppo di meccanismi di evasione e di infiltrazione di pratiche illegali, anche sul fronte dello sfruttamento dei lavoratori. La forma cooperativa e la figura del socio lavoratore rappresentano troppo frequentemente il mezzo per fare impresa in modo spurio e causare dumping contrattuale. Questo ha determinato anche situazioni di forte critica, di contestazione indistinta di parte dei mezzi di comunicazione, di organizzazioni sociali e, a volte, anche del sindacato verso alcune nostre associate e la nostra organizzazione, evidenziando (concedendo la buona fede) una palese incapacità di distinguere tra cooperazione vera e cooperazione spuria: la cooperazione spuria (o falsa cooperazione) che, senza dubbio, rappresenta uno dei più grandi problemi che ci sono stati in questi anni e continua ad esserci. Anche in merito a tali questioni, abbiamo già detto più volte come associazione che non siamo esenti da pecche, ma possiamo affermare - senza timore di essere smentiti che il nostro sistema di imprese rappresenta, nel suo insieme, un punto di riferimento per il rispetto delle regole e per la salvaguardia dei diritti dei soci e dei dipendenti. Non si tratta di affermazioni generiche: dove gli Osservatori sulla cooperazione, funzionano, ad esempio, confermano questa realtà; una recente indagine della Fondazione DelMonte di Modena sulle cooperative di trasporto e logistica, in una provincia ad altissima densità cooperativa, rileva come quasi esclusivamente le associate Legacoop e quelle delle altre centrali dell Aci abbiano organismi interni di controllo e siano sottoposte alla periodica revisione. Le considerazioni e gli elementi sopra descritti non sono certamente esaustivi per un tentativo compiuto di analisi socioeconomica generale, comunque rappresentano ciò con cui le nostre cooperative e i nostri soci hanno impattato in questi anni e con cui hanno dovuto fare i conti, non di rado con cui hanno dovuto combattere e scontrarsi. Il quadro è lo stesso nel quale ha operato Legacoop Servizi, la nostra associazione, per la quale come per tutte le organizzazioni di rappresentanza in questi anni si è presentata una difficoltà ulteriore: l accelerazione di un processo di ridiscussione del ruolo e della funzione di tali organizzazioni, spesso in chiave critica, nel solco di una generalizzata contestazione agli strumenti e alle rappresentazioni della politica e delle istituzioni, intesa in senso lato e quindi ricomprendente le strutture sindacali di impresa e dei lavoratori. Tali contestazioni, depurate dalle derive populistiche diffuse, evidenziano problematiche reali, che nel corso di questi anni l associazione non ha eluso e ha cercato di affrontare anche in termini molto concreti. La riflessione su tali tematiche deve essere permanente a partire dal patto associativo che, insieme, cooperative e strutture di rappresentanza devono costantemente alimentare di contenuti. L assemblea di mandato deve rappresentare un momento importante in tal senso. 7

8 I servizi alle imprese e alle comunità. Il contesto e l attività di Legacoop Servizi Principali filoni e linee di attività seguite Gli indirizzi di fondo principali approvati dal congresso del 2010, sui quali basare l attività della nostra associazione, che traevano motivazione da una analisi della situazione di cui abbiamo già riportato all inizio una serie di elementi e che, riletta oggi, evidenzia una notevole dose di lucidità, erano i seguenti: Necessità di uno sforzo inedito di rafforzamento delle imprese cooperative di settore: ciò per affrontare meglio le difficoltà competitive ma anche per cogliere le possibili nuove opportunità. Indispensabilità di una logica pluriennale nelle istituzioni con la quale affrontare i problemi strutturali del paese, uscendo dal fare e disfare dei governi che si succedono. Puntare all innalzamento dei livelli di produttività, lavorando affinché anche con la riforma dei servizi pubblici locali importanti fette di mercato possano essere oggetto di confronto concorrenziale. Puntare ad una revisione critica degli aiuti alle PMI, lavorando per fare crescere le aziende in un paese - quale il nostro - ove la bassa produttività delle piccole aziende è data in gran parte dalla insufficienza o inadeguatezza della loro struttura organizzativa. Combattere il basso livello di rispetto delle regole, promuovere la razionalizzazione e il miglioramento dei controlli; impegnarsi per contrastare l elusione fiscale e contributiva, alimentata anche dalla crisi economica; sul versante della committenza pubblica, mettere al bando le gare al massimo ribasso e privilegiare il sistema dell offerta economicamente più vantaggiosa; fare funzionare al meglio la normativa sulla responsabilità solidale dei committenti. Impegnare la cooperazione, e in particolare la nostra che è ad alta intensità di lavoro, su un miglioramento del sistema di welfare, per provvedimenti a favore del lavoro. Sollecitare l attuazione di riforme strutturali quali il federalismo fiscale e la riforma delle autonomie, che sottendono tendenziali processi di aggregazione degli enti e perciò - inevitabilmente - dei processi di concentrazione della domanda. Perseguire tenacemente, di fronte alle istituzioni e alle forze politiche e sociali, la centralità - al pari di altri settori - del comparto dei servizi, che rappresenta il 70% del PIL; chiedere attenzione dal legislatore, perché i servizi svolti in modo innovativo possono essere una leva decisiva per lo sviluppo del paese. Lavorare per il superamento della frammentazione della rappresentanza della cooperazione e di quella nel settore dei servizi; dare continuità e rafforzare strumenti come il Taiis, momento di aggregazione fra numerose organizzazioni del terziario non distributivo; innovare e consolidare il rapporto con le organizzazioni sindacali dei lavoratori. 8

9 La lettura delle azioni, delle iniziative, dei percorsi portati avanti nel quadriennio confermano che gli indirizzi approvati sono stati perseguiti: lo attestano le proiezioni pubbliche e i loro contenuti, quali le assemblee e i convegni che si sono succeduti; lo attesta il lavoro quotidiano nei rapporti con le altre associazioni; lo attesta il rapporto con i livelli istituzionali; lo confermano le iniziative dei vari ambiti settoriali. Questo significa che obiettivi e risultati siano stati pienamente raggiunti, così come auspicato e nella direzione indicata nel 2010? Ovviamente no: ci sono stati risultati parziali, con mete raggiunte e altre - le più importanti e impegnative - raggiunte solo in parte, alcune solo in piccola parte. Il contesto economico generale di crisi, di perdurante crisi, ha inevitabilmente messo sotto pressione le nostre imprese, sia quelle fornitrici della pubblica amministrazione che quelle che si confrontano prioritariamente con la committenza privata. Rispetto ad altri ambiti dobbiamo riconoscere al nostro sistema una capacità di tenuta, come si può verificare dai dati che seguono nelle prossime pagine. Venendo allo specifico degli indirizzi di attività sopra richiamati, su alcuni punti: Il livello di consapevolezza sull esigenza di un rafforzamento imprenditoriale è indubbiamente aumentato, dando luogo a processi di integrazione e collaborazione più stretti tra diverse realtà; tuttavia, complessivamente la risposta è a nostro avviso ancora insufficiente, alla luce soprattutto delle dinamiche di concentrazione della domanda che - anche in questi ultimi mesi - sembra andare verso una fortissima accelerazione. L analisi dei dati numerici delle nostre associate e la preponderanza della dimensione piccola e medio-piccola evidenzia quanto ancora possa e debba essere fatto. Occorre sottolineare il ruolo di grande rilevanza che il CNS, il nostro consorzio nazionale, ha continuato a svolgere in questi anni, consentendo a molte cooperative di potere usufruire di uno strumento che ha permesso di potere lavorare in segmenti di mercato autonomamente non raggiungibili. Il CNS, che nel 2013 ha raggiunto un fatturato di oltre 685 milioni di euro, rappresenta sicuramente una delle realtà e dei punti fermi più importanti per Legacoop Servizi e per tutto il sistema cooperativo di Legacoop. Nel confronto con le istituzioni, ai vari livelli, la sensibilità e la percezione delle problematiche che toccano i nostri ambiti di intervento scontano ancora un forte gap, culturale per alcuni aspetti e legato molto semplicemente ai rapporti di forza per altri. Due esempi: - La legislazione sugli appalti: oltre alla caotica gestione delle modifiche normative, richiamata inizialmente, è evidente come una cultura dei lavori pubblici abbia permeato e continui a influenzare il legislatore, generando seri problemi alle procedure inerenti gli appalti di servizi che, tra l altro, da alcuni anni sono maggioritari in termini di numero e risorse dedicate: se prendiamo il 2013, vediamo che: 9

10 gli appalti di lavori hanno rappresentato il 25% del totale, per un valore di 21,7 mld; gli appalti di forniture il 30,9% del totale, per un valore di 26,9 mld; gli appalti di servizi il 44,1% del totale, per un valore di 38,5 mld. Fonte: Elaborazione dati AVCP Questo orientamento ai lavori determina spesso gravi ripercussioni sul come viene trattato il fattore lavoro, scaricando in ultima istanza sui lavoratori le contraddizioni non risolte. Emblematica la vicenda che ruota attorno al famigerato art. 286 del regolamento appalti. - Gli interventi sulla revisione della spesa (spending review): i settori sui quali operano molte nostre associate pulizie, ristorazione, manutenzioni, ecc - nel corso di questi anni, in particolare nel 2012 e nel 2013, sono stati quelli sui quali si è ritenuto di scaricare buona parte dei tagli lineari della PA, senza una riflessione sul fatto che si andavano a tagliare soprattutto ore di lavoro. Forse in altri ambiti si sarebbe usata maggiore cautela (al netto degli opportuni interventi ove si sono manifestati sprechi evidenti): la crisi di una qualsiasi attività manifatturiera, anche di una piccola fabbrica, provoca una sensibilità e una attenzione sociale che le migliaia e migliaia di riduzioni di orario di lavoro o i licenziamenti nei cantieri diffusi dei servizi non causa allo stesso modo. Esempi che ci dicono che c è ancora molta strada da fare per superare ostacoli e una percezione che tende a sottovalutare l importanza e l impatto delle nostre attività. Rapportarsi con i livelli istituzionali comprende anche molte altre situazioni: ad esempio interloquire sul piano delle autonomie locali, terreno sul quale molte delle nostre articolazioni regionali hanno costruito solidi e proficui rapporti di collaborazione; sviluppare il confronto con strutture intermedie, se così possiamo definirle, come è stato con l Avcp, oggi assorbita dall Anac, e con Consip, la centrale di acquisti nazionale. Nell assemblea annuale dello scorso anno, nel dicembre 2013, abbiamo rivendicato la necessità che sul piano delle istituzioni governative venga creata una sede politica di riferimento per i servizi alle imprese e alle comunità, presso la Presidenza del Consiglio o presso il Ministero dello sviluppo 10

11 economico: se altri ambiti - come i lavori pubblici e l edilizia, l agricoltura, l industria - hanno dipartimenti o addirittura ministeri dedicati, perché non riconoscere dignità e peculiarità anche alle nostre tipologie di servizi? Questo obiettivo, da declinare rispetto al possibile, deve essere ribadito e rilanciato. Nello specifico del mercato dei servizi pubblici locali abbiamo sviluppato diverse iniziative, che abbiamo rivolto in particolare alla filiera rifiuti e che abbiamo tenuto per tutto il quadriennio alla fiera Ecomondo, a Rimini, nel contesto del padiglione cooperativo Cooperambiente: il cambio continuo di indirizzo politico, il referendum sui beni comuni, le sentenze della Corte Costituzionale non hanno consentito di dare ordine, fino ad oggi, e di aprire settori rilevanti al confronto concorrenziale, pur sotto un giusto controllo del potere pubblico. Proprio in ambito ambientale, nel ciclo dei rifiuti, ci sono state alcune interessanti eccezioni per alcune nostre cooperative nelle regioni del centro Italia, Toscana ed Umbria. Il livello dei rapporti e della collaborazione con le altre organizzazioni di rappresentanza dei servizi è stato, in questi anni, abbastanza positivo. Annoverando, la nostra associazione, una pluralità di segmenti di attività al proprio interno, anche la quantità di organizzazioni con cui intrattenere rapporti è particolarmente numerosa, con scambi e intensità degli stessi non tutti approfonditi allo stesso modo. Dobbiamo rilevare, invece, che il rafforzamento della rappresentanza interassociativa e il consolidamento del tavolo Taiis hanno, nel corso di questo quadriennio, perso vigore. Con alcune realtà del tavolo i rapporti si sono ulteriormente consolidati, ma in generale il legame e l attività si sono fortemente allentati. L obiettivo di una sinergia e di una collaborazione interassociativa permangono, a nostro avviso, validi e necessari; occorre riprendere il filo, probabilmente, e studiare un aggiornamento delle ragioni e degli strumenti dell operare insieme. Il rapporto e il confronto con i sindacati dei lavoratori, prioritariamente con Cgil-Cisl-Uil, come abbiamo affermato nel corso anche degli ultimi anni e per ultimo all assemblea dello scorso dicembre, ha rappresentato per noi un impegno costante e prioritario, senz altro continuerà ad esserlo. Non nascondiamo, però (e anche in questo senso abbiamo sollevato preoccupazioni anche nella più volte citata assemblea del 2013), l emergere di difficoltà serie nel trovare punti di incontro in alcuni settori, a partire dalla trattativa sul ccnl logistica. Se è evidente e comprensibile che la crisi economica rende più difficile fare accordi, perché le posizioni tendono ad allontanarsi, probabilmente occorre anche cercare di capire le ragioni più di fondo che (non in tutti i settori, per la verità) stanno determinando situazioni inedite. Se quelle sopra descritte sono valutazioni sulle linee generali e trasversali dell azione che è stata portata avanti dalla nostra associazione, di seguito entriamo maggiormente nel merito dei dati e dei numeri. 11

12 I dati I dati che seguono della nostra associazione dovrebbero, innanzitutto, potere trovare la possibilità di un confronto abbastanza omogeneo con un quadro di carattere generale e di scala nazionale. Si tratta di un operazione difficile e complicata, per la ampia articolazione degli ambiti di intervento e per la mancanza - a differenza di altri settori ove le statistiche sono più consolidate - di una serie storica attendibile. Un dato positivo, in questo senso, arriva dall Istat, che nel mese di giugno di quest anno ha iniziato a fornire ufficialmente dati sul Fatturato dei servizi. Per quanto affermato prima, anche la stessa Istat segnala la brevità delle serie storiche a disposizione, ma d ora in avanti questo strumento potrà essere sempre più utile e attendibile per confrontare gli andamenti generali dei nostri comparti. In questa sede, quindi, ci limitiamo a fornire un solo dato, che speriamo possa essere di buon auspicio: nel primo trimestre 2014 l indice generale del fatturato dei servizi ha registrato un aumento dello 0,2% rispetto allo stesso periodo dell anno precedente. 12

13 Nella tabella sottostante sono espressi i dati del valore della produzione al 31/12/2012 e al 31/12/2013 e la relativa variazione percentuale. SETTORI DI ATTIVITA' VALORE DELLA PRODUZIONE 2012 VALORE DELLA PRODUZIONE 2013 Var. % '12-'13 Igiene - servizi integrati - ecologia ,9% Ristorazione collettiva ,2% Trasporto merci ,6% Movimentazione merci ,1% Attività professionali ,4% Altre attività ,4% Logistica portuale ,9% Trasporto persone ,4% Servizi ai Beni culturali ,4% Vigilanza privata ,3% Gestione impianti sportivi ,0% Totale ,2% Fonte: elaborazioni Legacoop Servizi su dati Associazioni regionali Legacoop e su dati CRM Nella Tabella sottostante sono espressi i dati del numero di soci e addetti al 31/12/2012 e al 31/12/2013 e la relativa variazione percentuale. SETTORI DI ATTIVITA' N. SOCI 2012 N. SOCI 2013 Var. % '12-'13 N. ADDETTI 2012 N. ADDETTI 2013 Var. % '12-'13 Igiene - servizi integrati - ecologia ,6% ,4% Ristorazione collettiva ,1% ,4% Trasporto merci ,9% ,4% Movimentazione merci ,6% ,8% Attività professionali ,7% ,0% Altre attività ,7% ,9% Logistica portuale ,5% ,5% Trasporto persone ,1% ,5% Servizi ai Beni culturali ,5% ,5% Vigilanza privata ,0% ,4% Gestione impianti sportivi ,9% ,0% Totale ,1% ,0% Fonte: elaborazioni Legacoop Servizi su dati Associazioni regionali Legacoop e su dati CRM 13

14 Di seguito la ripartizione per settori di attività delle cooperative attive che hanno depositato il bilancio d esercizio al 31 dicembre In ragione della numerosità e della diversificazione di attività racchiuse nel settore attività professionali, si è provveduto ad una ulteriore ripartizione dello stesso. SUDDIVISIONE COOPERATIVE ADERENTI PER SETTORI DI ATTIVITA AL 31/12/2013 SETTORI D'ATTIVITA' N. COOP ATTIVITA' PROFESSIONALI N. COOP Attività professionali 618 Igiene, Servizi Integrati, Ecologia 351 Movimentazione merci e Logistica 238 Trasporto merci 216 Ristorazione collettiva 109 Servizi ai Beni culturali 84 Trasporto persone 71 Altre attività 68 Gestione impianti sportivi 59 Logistica portuale 52 Vigilanza privata e Servizi fiduciari 27 Consorzi nazionali 2 Totale 1895 Consulenza fiscale, amministrativa e gestionale 169 Informatica e attività connesse 158 Istruzione e formazione 127 Assistenza sanitaria 50 Ricerca e sviluppo 46 Consulenze tecniche 35 Pubblicità, ricerche di mercato, comunicazione 33 Totale 618 Fonte: elaborazioni Legacoop Servizi su data base anagrafico interno NUMERO DELLE COOPERATIVE ENTRATE E USCITE DAL 2008 AL Entrate Uscite Fonte: elaborazioni Legacoop Servizi su data base anagrafico Legacoop 14

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

RELAZIONE DEL PRESIDENTE

RELAZIONE DEL PRESIDENTE DIREZIONE LEGACOOP EMILIA ROMAGNA Europa 2020 L orizzonte della Cooperazione Conferenza economica RELAZIONE DEL PRESIDENTE BOLOGNA 26 MARZO 2015 Signori invitati, care cooperatrici e cari cooperatori,

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

L ARCI ATTORE SOCIALE DEL CAMBIAMENTO. Contributo di Filippo Miraglia alla discussione congressuale dell'arci

L ARCI ATTORE SOCIALE DEL CAMBIAMENTO. Contributo di Filippo Miraglia alla discussione congressuale dell'arci L ARCI ATTORE SOCIALE DEL CAMBIAMENTO Contributo di Filippo Miraglia alla discussione congressuale dell'arci L ARCI attore sociale del cambiamento Per fare buona politica non c è bisogno di grandi uomini,

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015 PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015 A seguito delle riunioni con le strutture regionali, sono state approfondite le tematiche relative al rinnovo

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

LA STORIA DI UN VIAGGIO ACCIDENTATO PER LE SCELTE DELLA POLITICA.

LA STORIA DI UN VIAGGIO ACCIDENTATO PER LE SCELTE DELLA POLITICA. DOV'ERA LA CGIL? Al quesito post ideologico che as silla il presidente del consiglio dei ministri, Matteo Renzi, tentiamo di dare una risposta per i fatti e non per l'ideologia. Era il 2009 e la CGIL scriveva

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 COMUNICATO STAMPA La Regione che vogliamo: la CIDA organizza il confronto con i candidati alla Presidenza della regione Toscana 29 Aprile

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM)

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM) Fabio Pammolli (Direttore CeRM) CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? 1 CeRM Competitività, Regole, Mercati Dopo anni di dibattito e anche qualche tentativo non riuscito,

Dettagli

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 La circolare del dipartimento funzione pubblica esplicativa dell articolo 4 del Decreto Legge n. 101 del 31 agosto 2013, convertito

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

IGI. Istituto Grandi Infrastrutture. Convegno. Roma, 18/03/2015. Le direttive 2014: contributo di approfondimento per il loro recepimento

IGI. Istituto Grandi Infrastrutture. Convegno. Roma, 18/03/2015. Le direttive 2014: contributo di approfondimento per il loro recepimento IGI Istituto Grandi Infrastrutture Convegno Roma, 18/03/2015 Le direttive 2014: contributo di approfondimento per il loro recepimento Le novità delle nuove direttive europee appalti e concessioni e il

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE?

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? NOTA ISRIL ON LINE N 8-2013 LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it www.isril.it LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Esiste un Italia generosa e laboriosa che tutti i giorni opera silenziosamente per migliorare la qualità della vita delle persone. E l Italia del volontariato,

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

TECO 13 Il Tavolo per la crescita

TECO 13 Il Tavolo per la crescita Componenti TECO 13 Il Tavolo per la crescita Assiot, Assofluid e Anie Automazione, in rappresentanza di un macro-settore che in Italia vale quasi 40 miliardi di euro, hanno deciso di fare un percorso comune

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA Il MERCATO Dipartimento Mercato del Lavoro del LAVORO in LOMBARDIA Legge Regionale 22 approvata il 19 settembre 2006 dal Consiglio Regionale Lombardo ll nuovo testo è migliore rispetto al precedente su

Dettagli