Al Servizio del Paese

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Al Servizio del Paese"

Transcript

1 Assemblea di mandato LEGACOOP SERVIZI 2014 Al Servizio del Paese Per una nuova centralità del lavoro, nella legalità e per il cambiamento. Le proposte per i servizi alle imprese, agli enti e alle comunità. Roma, 4 e 5 novembre 2014 DOCUMENTO PROGRAMMATICO FINALE Approvato dall Assemblea di mandato di Legacoop Servizi in data 5 novembre 2014 Dati aggiornati ad ottobre 2014

2 La discussione della Commissione per il documento finale del congresso è stata proficua e appassionata. La Commissione unanimemente fa proprio e chiede a questa Assemblea di approvare il documento programmatico "Al Servizio del paese" e la relazione del Presidente, Fabrizio Bolzoni; altresì fa proprio il contributo portato dall'intervento del Presidente Nazionale di Legacoop, Mauro Lusetti. In conseguenza anche degli altri validi interventi che si sono susseguiti durante l'assemblea di Mandato, la Commissione, intende sottolineare e chiedere di focalizzare l'attenzione su alcuni grandi temi: 1. Partecipazione: la Commissione richiama espressamente la centralità del socio lavoratore, l'importanza della sua partecipazione attiva e continua negli organi societari e nelle decisioni aziendali, e il presidio del carattere di sobrietà che deve permeare la vita delle nostre Cooperative e della nostra Associazione. 2. Futuro: la Commissione sottolinea il carattere di intergenerazionalità e di parità di genere, che sono e devono sempre più divenire il fondamento stesso della cooperazione. In tal senso va sostenuto il percorso che le cooperative di servizi faranno all'interno del proprio corpo sociale per rendere concreti e attuabili i citati principi di intergenerazionalità e di parità tra generi. 3. Innovazione: la Commissione rimarca l'importanza dell'integrazione tra i diversi settori e territori, ciò anche per contribuire alla qualità delle attività per le nuove progettazioni dei servizi che verranno offerti sul mercato dalle nostre associate. Inoltre si richiama l'esigenza che la formazione dei gruppi dirigenti e di tutto il personale delle nostre cooperative, e la promozione di nuova cooperazione, debbano essere uno strumento per rispondere ai nuovi bisogni diffusi del nostro Paese. 4. Territorio: la Commissione sottolinea l'importanza del carattere nazionale che l'associazione deve avere, raggiungendo quei territori che oggi sono ancora ai margini. In tal senso, la Commissione chiede di acquisire il documento delle regioni del Sud Italia come parte integrante del programma di lavoro dell'associazione, e ritiene altresì che Legacoop Servizi debba puntare sulla collaborazione tra territori ed associazioni sorelle perseguendo nei prossimi anni o un percorso di "distrettualizzazione" tra regioni vicine ed omogenee (così come accaduto tra Legacoop Veneto e Legacoop FVG), o rafforzando l'ipotesi dell' "Area Lavoro", così da creare delle modalità di lavoro integrate e in una ottica di efficienza della gestione delle risorse. Ultimo, ma primo per importanza, rimane il tema della legalità, che non è un punto di richiamo, ma deve essere il pre-requisito e il riferimento principale che raccoglie tutte le azioni di Legacoop Servizi e dei suoi associati. 2

3 L Italia, il nostro paese: uno sguardo al contesto generale Elementi e considerazioni sull evoluzione dell ultimo quadriennio Il congresso di Ancst nel febbraio del 2010, che decretò anche il formale cambio di denominazione della nostra organizzazione in Legacoop Servizi, si svolse a distanza di circa due anni dall esplosione della crisi finanziaria internazionale, il cui inizio viene identificato generalmente tra il 2007 e il Il documento di allora, al primo capitolo, propose una analisi sulle criticità che avevano contraddistinto gli anni precedenti al 2010, identificandole in 10 punti: anche se ci fermiamo ai primi 3 o 4 (alto debito pubblico rispetto alla media dell area euro; crescita economica nettamente inferiore alla media europea; basso livello della produttività del lavoro, che è altro dal costo del lavoro) vediamo come la diagnosi corrisponda ai mali di fondo che ancora oggi e forse ancor più di ieri attanagliano il nostro paese. Vediamo alcuni indicatori. DEBITO PUBBLICO - CONFRONTO ITALIA E AREA EURO - % PIL Colonna ITALIA 116,4% 119,3% 120,7% 127,0% 132,6% AREA EURO 80,0% 85,5% 87,4% 90,7% 92,6% Fonte: Eurostat PIL - PRODOTTO INTERO LORDO - CONFRONTO ITALIA E AREA EURO Variazione % rispetto all'anno precedente Colonna ITALIA -5,5% 1,7% 0,4% -2,4% -1,9% AREA EURO -4,5% 1,9% 1,6% -0,7% -0,4% Fonte: Eurostat DISOCCUPAZIONE - CONFRONTO ITALIA E AREA EURO Colonna ITALIA 7,8% 8,4% 8,4% 10,7% 12,2% AREA EURO 9,5% 10,1% 10,1% 11,3% 11,9% Fonte: Eurostat 3

4 Una situazione critica che, seppur in termini e misure diverse, assilla imprese, lavoratori e famiglie da ormai 5-6 anni; ovviamente, le nostre cooperative, i nostri soci e le loro famiglie non sono esenti. Una crisi, dunque, che a differenza di altre, oltre ad essere molto prolungata, non intravede un settore, un ambito che possa rappresentare l alternativa, nella quale riversarsi e riconvertirsi; così, per certi versi, accadde durante altri momenti di difficoltà di comparti manifatturieri negli anni 80, 90 e primi duemila: in quel caso il terziario e i servizi assorbirono investimenti e occupazione, rappresentarono l alternativa, grazie anche a massicci processi di esternalizzazione nel settore pubblico e privato. Molto di quel terziario, oltre alla decisa crescita dei servizi prettamente di welfare e di quelli di alcuni ambiti tecnologici, era rappresentato dalle attività che svolgono tante nostre cooperative: dalle pulizie alla logistica, dai trasporti alla ristorazione, ecc Come vedremo, in realtà il fenomeno si manifesta anche oggi, con connotati diversi e, soprattutto, con un risvolto di tipo occupazionale decisamente più contenuto. La crisi, come evidenziano anche dati relativi all andamento dell anno in corso, pesa su quasi tutti i paesi europei seppur in misura anche molto diversa e quindi non sarebbe corretto ritenere chi ci ha governato l unico ed esclusivo responsabile politico (e senza analizzare, in questa sede, il tema della responsabilità più ampia del gruppo dirigente italiano in senso lato). Inoltre, non possiamo dimenticare come cooperatori, responsabili di impresa e come cittadini gli scenari internazionali di crisi e di guerra, la devastazione e l insicurezza che ne deriva, che soprattutto negli ultimi anni ci toccano sempre più da vicino, su tutti i piani, e che contribuiscono non poco ad acuire le difficoltà sociali ed economiche. Tuttavia, non si può non evidenziare come, anche in questi ultimi quattro anni, la instabilità politica ed istituzionale italiana abbia rappresentato oggettivamente un enorme problema ed una zavorra pesantissima da sopportare per il paese. Ciò non ha impedito, però, l accentuarsi della polarizzazione della ricchezza disponibile: anche in questo caso non se ne può fare una colpa esclusiva al modello italiano, essendo un fenomeno generalizzato ad altri paesi occidentali. Certamente questo non aiuta in prospettiva la tenuta del quadro sociale ed economico, che invece trarrebbe beneficio da una più equa distribuzione dei redditi e dei patrimoni. Anche se i tempi della politica sembrano a volte lunghissimi, è stato solo nel corso dell ultimo mandato della nostra associazione (quattro anni) che, fermandoci agli accadimenti principali, sono successi fatti rilevantissimi: è andato in crisi il governo con una delle maggioranze parlamentari più ampie di sempre (Berlusconi nel 2011); si sono succeduti, dopo Berlusconi, tre leader (tecnici e politici) non corrispondenti a chi si è presentato alle elezioni e si sono alternate più maggioranze parlamentari a geometria variabile; più regioni italiane e importanti comuni sono andati ad elezioni anticipate, spesso a causa delle inchieste della magistratura (anche se con fattispecie tra loro molto diverse e livelli di gravità differenti che non sarebbe corretto non evidenziare). 4

5 La Presidenza della Repubblica, di fatto, ha costituito l unico presidio stabile e di riferimento per questi anni turbolenti. Non molto migliore sarebbe il quadro che potrebbe uscire dall analisi del precedente quadriennio, tra il 2006 e il 2010, ove si assistette al naufragio del Governo Prodi e alle elezioni anticipate nel Quanto sopra riportato è funzionale non alla definizione di un giudizio politico tendente ad individuare le maggiori o minori responsabilità degli schieramenti, quanto piuttosto ad evidenziare la precarietà del sistema istituzionale e il danno enorme che ne deriva al nostro paese. L assenza di un orizzonte, che sia almeno di medio termine, comporta la frammentarietà dell azione di governo, l incoerenza delle politiche, la non assunzione di responsabilità. Ovviamente le suddette valutazioni non vogliono eludere un giudizio di merito sui vari Governi e sui governanti, che la nostra associazione ha sempre cercato di esprimere nel corso del tempo con correttezza e senza pregiudizi politici. Riteniamo, in questo senso, che una serie di oggettive responsabilità siano riconducibili per l evolversi della situazione di questi ultimi anni al Governo di centro destra insediatosi nel 2008, soprattutto per la sottovalutazione e la non volontà di riconoscere la crisi che andava, invece, consolidandosi. Questo quadro di riferimento istituzionale lo stiamo denunciando non da adesso a cascata si riversa sulla produzione legislativa di settore e sulla normativa, determinando difficoltà operative e costi elevati per il sistema economico e la sua competitività. Con riferimento al mandato che si sta chiudendo, tenendo conto che alcune problematiche partono anche da molti anni prima, possiamo individuare in termini esemplificativi ma significativi - alcune tematiche che rappresentano esempi eclatanti per quanto sopra affermato, che hanno determinato e continuano a determinare grandi difficoltà a molte imprese e a tantissime nostre cooperative: I pagamenti della Pubblica Amministrazione Il problema dei ritardi di pagamento nella PA è presente da molti anni nel nostro paese e le iniziative di denuncia della nostra, insieme alle altre organizzazioni, sono state molteplici, fino a vere e proprie dimostrazioni di piazza del Taiis nel Nonostante le normative europee e nazionali siano da anni tassative per il rispetto delle scadenze, c è stata una colpevole insensibilità istituzionale e una sottovalutazione degli effetti sulle aziende e anche sulle persone. Per venire agli ultimi due anni, dove si è tentato pur in modo complicato di affrontare almeno parzialmente il tema, uscendo dalla tentazione continua di non volere riconoscere i debiti commerciali per non innalzare il debito pubblico, i miglioramenti conseguenti il DL 35/13 sono stati molto relativi. Il CNS, che rappresenta un punto di osservazione significativo e svolge una continua azione di monitoraggio sui tempi di pagamento, ha rilevato come si sia passati da ritardi medi di 171 gg. nel febbraio 2013 a 146 gg. nel giugno

6 I primi dati campione sui contratti 2014, per capire come il D.Lgs. 192 del 2012 di recepimento della Direttiva Europea pagamenti, la n 7 del 2011, stia dispiegando i suoi effetti, danno alcune indicazioni positive, anche se si è ancora lontani dai 30 e 60 gg. Nel corso di questi anni, pertanto, le aziende hanno dovuto sopportare pesanti oneri finanziari, sottraendo risorse allo sviluppo e spesso non vedendosi riconosciuti gli interessi di mora. La normativa in tema di appalti Questo argomento rappresenta un esempio clamoroso, per alcuni aspetti, della disorganicità normativa e dei guasti che derivano dallo schema di iter conseguente l emanazione dei Decreti Legge. Dal 2008 il D.Lgs. 163/06, il Codice dei contratti, ha subito 223 interventi di modifica! Soltanto in relazione alle cause di esclusione dalle gare, in tre anni sono state apportate 22 correzioni. Tutto ciò ha creato fortissime incertezze interpretative, determinando un altissimo livello di contenzioso, con ricorsi al Tar e al Consiglio di Stato. Altri temi potrebbero essere ulteriormente portati ad esempio: la continua variazione degli orientamenti e delle norme sui servizi pubblici locali; il balletto di articoli di legge che c è stato sulla questione della responsabilità solidale; la normativa quasi schizofrenica sui tributi ambientali, che si è scaricata spesso in tensioni finanziarie per le imprese fornitrici del ciclo dei rifiuti; il Sistri, che da quattro anni sta creando problemi e costi al sistema economico e che, forse, solo in questa ultima fase pare stia imboccando un percorso di uscita dal tunnel del surreale. Tali pesanti problematiche sono state accompagnate da un irrigidimento del sistema creditizio, in molti casi incomprensibile, che ha portato anche al fallimento di aziende sane. Si tratta di un tema complesso, che certamente contribuisce a fare emergere problemi come la scarsa patrimonializzazione delle imprese (comprese le nostre cooperative), ma evidenzia anche che qualcosa non ha funzionato in questi ultimi anni e che è estremamente urgente porvi rimedio. Dal settembre 2011 al dicembre 2013 i prestiti alle imprese sono calati dell 11% circa. Nella pratica quotidiana, le modalità di questo inasprimento si manifestano, per esempio, attraverso la riduzione dei tempi di giacenza delle fatture presso gli istituti (da sei a quattro mesi) e in caso di ritardi che vadano oltre con la PA non è certo un evento eccezionale si richiede il rientro dell importo anticipato. Inoltre, viene messo in atto il principio della non concentrazione, creando difficoltà a quelle imprese che hanno la maggior parte del fatturato su uno o pochi clienti. Anche le procedure di certificazione e i costi della commissione disponibilità fondi non agevolano certo la gestione finanziaria delle aziende. Nell insieme, quindi, il sistema bancario non ha assolto - in diverse situazioni il ruolo che gli compete a sostegno dell economia reale. Altro aspetto strutturale, il differenziale tra nord e sud del paese, permane come un macigno sulla strada dell uscita dalla crisi: la maggior parte degli indicatori fotografano ancora oggi un grande divario, peculiarità italiana che fino a quando non si inizierà a vedere una inversione di rotta rappresenterà il freno al dispiegarsi di un solido percorso di recupero, sociale ed economico. Gli elementi sopra descritti, senz altro parziali, sono collocati in un quadro economico che vede il nostro paese gravato da una economia del sommerso molto estesa, valutata in alcune centinaia di miliardi e con i conseguenti mancati introiti fiscali. 6

7 A ciò si aggiungono elementi di corruzione diffusa e di presenza radicata delle organizzazioni mafiose. Sommerso, corruzione e criminalità organizzata sono, spesso, elementi fortemente intrecciati. I settori di attività nei quali operano le nostre imprese rappresentano terreno fertile per lo sviluppo di meccanismi di evasione e di infiltrazione di pratiche illegali, anche sul fronte dello sfruttamento dei lavoratori. La forma cooperativa e la figura del socio lavoratore rappresentano troppo frequentemente il mezzo per fare impresa in modo spurio e causare dumping contrattuale. Questo ha determinato anche situazioni di forte critica, di contestazione indistinta di parte dei mezzi di comunicazione, di organizzazioni sociali e, a volte, anche del sindacato verso alcune nostre associate e la nostra organizzazione, evidenziando (concedendo la buona fede) una palese incapacità di distinguere tra cooperazione vera e cooperazione spuria: la cooperazione spuria (o falsa cooperazione) che, senza dubbio, rappresenta uno dei più grandi problemi che ci sono stati in questi anni e continua ad esserci. Anche in merito a tali questioni, abbiamo già detto più volte come associazione che non siamo esenti da pecche, ma possiamo affermare - senza timore di essere smentiti che il nostro sistema di imprese rappresenta, nel suo insieme, un punto di riferimento per il rispetto delle regole e per la salvaguardia dei diritti dei soci e dei dipendenti. Non si tratta di affermazioni generiche: dove gli Osservatori sulla cooperazione, funzionano, ad esempio, confermano questa realtà; una recente indagine della Fondazione DelMonte di Modena sulle cooperative di trasporto e logistica, in una provincia ad altissima densità cooperativa, rileva come quasi esclusivamente le associate Legacoop e quelle delle altre centrali dell Aci abbiano organismi interni di controllo e siano sottoposte alla periodica revisione. Le considerazioni e gli elementi sopra descritti non sono certamente esaustivi per un tentativo compiuto di analisi socioeconomica generale, comunque rappresentano ciò con cui le nostre cooperative e i nostri soci hanno impattato in questi anni e con cui hanno dovuto fare i conti, non di rado con cui hanno dovuto combattere e scontrarsi. Il quadro è lo stesso nel quale ha operato Legacoop Servizi, la nostra associazione, per la quale come per tutte le organizzazioni di rappresentanza in questi anni si è presentata una difficoltà ulteriore: l accelerazione di un processo di ridiscussione del ruolo e della funzione di tali organizzazioni, spesso in chiave critica, nel solco di una generalizzata contestazione agli strumenti e alle rappresentazioni della politica e delle istituzioni, intesa in senso lato e quindi ricomprendente le strutture sindacali di impresa e dei lavoratori. Tali contestazioni, depurate dalle derive populistiche diffuse, evidenziano problematiche reali, che nel corso di questi anni l associazione non ha eluso e ha cercato di affrontare anche in termini molto concreti. La riflessione su tali tematiche deve essere permanente a partire dal patto associativo che, insieme, cooperative e strutture di rappresentanza devono costantemente alimentare di contenuti. L assemblea di mandato deve rappresentare un momento importante in tal senso. 7

8 I servizi alle imprese e alle comunità. Il contesto e l attività di Legacoop Servizi Principali filoni e linee di attività seguite Gli indirizzi di fondo principali approvati dal congresso del 2010, sui quali basare l attività della nostra associazione, che traevano motivazione da una analisi della situazione di cui abbiamo già riportato all inizio una serie di elementi e che, riletta oggi, evidenzia una notevole dose di lucidità, erano i seguenti: Necessità di uno sforzo inedito di rafforzamento delle imprese cooperative di settore: ciò per affrontare meglio le difficoltà competitive ma anche per cogliere le possibili nuove opportunità. Indispensabilità di una logica pluriennale nelle istituzioni con la quale affrontare i problemi strutturali del paese, uscendo dal fare e disfare dei governi che si succedono. Puntare all innalzamento dei livelli di produttività, lavorando affinché anche con la riforma dei servizi pubblici locali importanti fette di mercato possano essere oggetto di confronto concorrenziale. Puntare ad una revisione critica degli aiuti alle PMI, lavorando per fare crescere le aziende in un paese - quale il nostro - ove la bassa produttività delle piccole aziende è data in gran parte dalla insufficienza o inadeguatezza della loro struttura organizzativa. Combattere il basso livello di rispetto delle regole, promuovere la razionalizzazione e il miglioramento dei controlli; impegnarsi per contrastare l elusione fiscale e contributiva, alimentata anche dalla crisi economica; sul versante della committenza pubblica, mettere al bando le gare al massimo ribasso e privilegiare il sistema dell offerta economicamente più vantaggiosa; fare funzionare al meglio la normativa sulla responsabilità solidale dei committenti. Impegnare la cooperazione, e in particolare la nostra che è ad alta intensità di lavoro, su un miglioramento del sistema di welfare, per provvedimenti a favore del lavoro. Sollecitare l attuazione di riforme strutturali quali il federalismo fiscale e la riforma delle autonomie, che sottendono tendenziali processi di aggregazione degli enti e perciò - inevitabilmente - dei processi di concentrazione della domanda. Perseguire tenacemente, di fronte alle istituzioni e alle forze politiche e sociali, la centralità - al pari di altri settori - del comparto dei servizi, che rappresenta il 70% del PIL; chiedere attenzione dal legislatore, perché i servizi svolti in modo innovativo possono essere una leva decisiva per lo sviluppo del paese. Lavorare per il superamento della frammentazione della rappresentanza della cooperazione e di quella nel settore dei servizi; dare continuità e rafforzare strumenti come il Taiis, momento di aggregazione fra numerose organizzazioni del terziario non distributivo; innovare e consolidare il rapporto con le organizzazioni sindacali dei lavoratori. 8

9 La lettura delle azioni, delle iniziative, dei percorsi portati avanti nel quadriennio confermano che gli indirizzi approvati sono stati perseguiti: lo attestano le proiezioni pubbliche e i loro contenuti, quali le assemblee e i convegni che si sono succeduti; lo attesta il lavoro quotidiano nei rapporti con le altre associazioni; lo attesta il rapporto con i livelli istituzionali; lo confermano le iniziative dei vari ambiti settoriali. Questo significa che obiettivi e risultati siano stati pienamente raggiunti, così come auspicato e nella direzione indicata nel 2010? Ovviamente no: ci sono stati risultati parziali, con mete raggiunte e altre - le più importanti e impegnative - raggiunte solo in parte, alcune solo in piccola parte. Il contesto economico generale di crisi, di perdurante crisi, ha inevitabilmente messo sotto pressione le nostre imprese, sia quelle fornitrici della pubblica amministrazione che quelle che si confrontano prioritariamente con la committenza privata. Rispetto ad altri ambiti dobbiamo riconoscere al nostro sistema una capacità di tenuta, come si può verificare dai dati che seguono nelle prossime pagine. Venendo allo specifico degli indirizzi di attività sopra richiamati, su alcuni punti: Il livello di consapevolezza sull esigenza di un rafforzamento imprenditoriale è indubbiamente aumentato, dando luogo a processi di integrazione e collaborazione più stretti tra diverse realtà; tuttavia, complessivamente la risposta è a nostro avviso ancora insufficiente, alla luce soprattutto delle dinamiche di concentrazione della domanda che - anche in questi ultimi mesi - sembra andare verso una fortissima accelerazione. L analisi dei dati numerici delle nostre associate e la preponderanza della dimensione piccola e medio-piccola evidenzia quanto ancora possa e debba essere fatto. Occorre sottolineare il ruolo di grande rilevanza che il CNS, il nostro consorzio nazionale, ha continuato a svolgere in questi anni, consentendo a molte cooperative di potere usufruire di uno strumento che ha permesso di potere lavorare in segmenti di mercato autonomamente non raggiungibili. Il CNS, che nel 2013 ha raggiunto un fatturato di oltre 685 milioni di euro, rappresenta sicuramente una delle realtà e dei punti fermi più importanti per Legacoop Servizi e per tutto il sistema cooperativo di Legacoop. Nel confronto con le istituzioni, ai vari livelli, la sensibilità e la percezione delle problematiche che toccano i nostri ambiti di intervento scontano ancora un forte gap, culturale per alcuni aspetti e legato molto semplicemente ai rapporti di forza per altri. Due esempi: - La legislazione sugli appalti: oltre alla caotica gestione delle modifiche normative, richiamata inizialmente, è evidente come una cultura dei lavori pubblici abbia permeato e continui a influenzare il legislatore, generando seri problemi alle procedure inerenti gli appalti di servizi che, tra l altro, da alcuni anni sono maggioritari in termini di numero e risorse dedicate: se prendiamo il 2013, vediamo che: 9

10 gli appalti di lavori hanno rappresentato il 25% del totale, per un valore di 21,7 mld; gli appalti di forniture il 30,9% del totale, per un valore di 26,9 mld; gli appalti di servizi il 44,1% del totale, per un valore di 38,5 mld. Fonte: Elaborazione dati AVCP Questo orientamento ai lavori determina spesso gravi ripercussioni sul come viene trattato il fattore lavoro, scaricando in ultima istanza sui lavoratori le contraddizioni non risolte. Emblematica la vicenda che ruota attorno al famigerato art. 286 del regolamento appalti. - Gli interventi sulla revisione della spesa (spending review): i settori sui quali operano molte nostre associate pulizie, ristorazione, manutenzioni, ecc - nel corso di questi anni, in particolare nel 2012 e nel 2013, sono stati quelli sui quali si è ritenuto di scaricare buona parte dei tagli lineari della PA, senza una riflessione sul fatto che si andavano a tagliare soprattutto ore di lavoro. Forse in altri ambiti si sarebbe usata maggiore cautela (al netto degli opportuni interventi ove si sono manifestati sprechi evidenti): la crisi di una qualsiasi attività manifatturiera, anche di una piccola fabbrica, provoca una sensibilità e una attenzione sociale che le migliaia e migliaia di riduzioni di orario di lavoro o i licenziamenti nei cantieri diffusi dei servizi non causa allo stesso modo. Esempi che ci dicono che c è ancora molta strada da fare per superare ostacoli e una percezione che tende a sottovalutare l importanza e l impatto delle nostre attività. Rapportarsi con i livelli istituzionali comprende anche molte altre situazioni: ad esempio interloquire sul piano delle autonomie locali, terreno sul quale molte delle nostre articolazioni regionali hanno costruito solidi e proficui rapporti di collaborazione; sviluppare il confronto con strutture intermedie, se così possiamo definirle, come è stato con l Avcp, oggi assorbita dall Anac, e con Consip, la centrale di acquisti nazionale. Nell assemblea annuale dello scorso anno, nel dicembre 2013, abbiamo rivendicato la necessità che sul piano delle istituzioni governative venga creata una sede politica di riferimento per i servizi alle imprese e alle comunità, presso la Presidenza del Consiglio o presso il Ministero dello sviluppo 10

11 economico: se altri ambiti - come i lavori pubblici e l edilizia, l agricoltura, l industria - hanno dipartimenti o addirittura ministeri dedicati, perché non riconoscere dignità e peculiarità anche alle nostre tipologie di servizi? Questo obiettivo, da declinare rispetto al possibile, deve essere ribadito e rilanciato. Nello specifico del mercato dei servizi pubblici locali abbiamo sviluppato diverse iniziative, che abbiamo rivolto in particolare alla filiera rifiuti e che abbiamo tenuto per tutto il quadriennio alla fiera Ecomondo, a Rimini, nel contesto del padiglione cooperativo Cooperambiente: il cambio continuo di indirizzo politico, il referendum sui beni comuni, le sentenze della Corte Costituzionale non hanno consentito di dare ordine, fino ad oggi, e di aprire settori rilevanti al confronto concorrenziale, pur sotto un giusto controllo del potere pubblico. Proprio in ambito ambientale, nel ciclo dei rifiuti, ci sono state alcune interessanti eccezioni per alcune nostre cooperative nelle regioni del centro Italia, Toscana ed Umbria. Il livello dei rapporti e della collaborazione con le altre organizzazioni di rappresentanza dei servizi è stato, in questi anni, abbastanza positivo. Annoverando, la nostra associazione, una pluralità di segmenti di attività al proprio interno, anche la quantità di organizzazioni con cui intrattenere rapporti è particolarmente numerosa, con scambi e intensità degli stessi non tutti approfonditi allo stesso modo. Dobbiamo rilevare, invece, che il rafforzamento della rappresentanza interassociativa e il consolidamento del tavolo Taiis hanno, nel corso di questo quadriennio, perso vigore. Con alcune realtà del tavolo i rapporti si sono ulteriormente consolidati, ma in generale il legame e l attività si sono fortemente allentati. L obiettivo di una sinergia e di una collaborazione interassociativa permangono, a nostro avviso, validi e necessari; occorre riprendere il filo, probabilmente, e studiare un aggiornamento delle ragioni e degli strumenti dell operare insieme. Il rapporto e il confronto con i sindacati dei lavoratori, prioritariamente con Cgil-Cisl-Uil, come abbiamo affermato nel corso anche degli ultimi anni e per ultimo all assemblea dello scorso dicembre, ha rappresentato per noi un impegno costante e prioritario, senz altro continuerà ad esserlo. Non nascondiamo, però (e anche in questo senso abbiamo sollevato preoccupazioni anche nella più volte citata assemblea del 2013), l emergere di difficoltà serie nel trovare punti di incontro in alcuni settori, a partire dalla trattativa sul ccnl logistica. Se è evidente e comprensibile che la crisi economica rende più difficile fare accordi, perché le posizioni tendono ad allontanarsi, probabilmente occorre anche cercare di capire le ragioni più di fondo che (non in tutti i settori, per la verità) stanno determinando situazioni inedite. Se quelle sopra descritte sono valutazioni sulle linee generali e trasversali dell azione che è stata portata avanti dalla nostra associazione, di seguito entriamo maggiormente nel merito dei dati e dei numeri. 11

12 I dati I dati che seguono della nostra associazione dovrebbero, innanzitutto, potere trovare la possibilità di un confronto abbastanza omogeneo con un quadro di carattere generale e di scala nazionale. Si tratta di un operazione difficile e complicata, per la ampia articolazione degli ambiti di intervento e per la mancanza - a differenza di altri settori ove le statistiche sono più consolidate - di una serie storica attendibile. Un dato positivo, in questo senso, arriva dall Istat, che nel mese di giugno di quest anno ha iniziato a fornire ufficialmente dati sul Fatturato dei servizi. Per quanto affermato prima, anche la stessa Istat segnala la brevità delle serie storiche a disposizione, ma d ora in avanti questo strumento potrà essere sempre più utile e attendibile per confrontare gli andamenti generali dei nostri comparti. In questa sede, quindi, ci limitiamo a fornire un solo dato, che speriamo possa essere di buon auspicio: nel primo trimestre 2014 l indice generale del fatturato dei servizi ha registrato un aumento dello 0,2% rispetto allo stesso periodo dell anno precedente. 12

13 Nella tabella sottostante sono espressi i dati del valore della produzione al 31/12/2012 e al 31/12/2013 e la relativa variazione percentuale. SETTORI DI ATTIVITA' VALORE DELLA PRODUZIONE 2012 VALORE DELLA PRODUZIONE 2013 Var. % '12-'13 Igiene - servizi integrati - ecologia ,9% Ristorazione collettiva ,2% Trasporto merci ,6% Movimentazione merci ,1% Attività professionali ,4% Altre attività ,4% Logistica portuale ,9% Trasporto persone ,4% Servizi ai Beni culturali ,4% Vigilanza privata ,3% Gestione impianti sportivi ,0% Totale ,2% Fonte: elaborazioni Legacoop Servizi su dati Associazioni regionali Legacoop e su dati CRM Nella Tabella sottostante sono espressi i dati del numero di soci e addetti al 31/12/2012 e al 31/12/2013 e la relativa variazione percentuale. SETTORI DI ATTIVITA' N. SOCI 2012 N. SOCI 2013 Var. % '12-'13 N. ADDETTI 2012 N. ADDETTI 2013 Var. % '12-'13 Igiene - servizi integrati - ecologia ,6% ,4% Ristorazione collettiva ,1% ,4% Trasporto merci ,9% ,4% Movimentazione merci ,6% ,8% Attività professionali ,7% ,0% Altre attività ,7% ,9% Logistica portuale ,5% ,5% Trasporto persone ,1% ,5% Servizi ai Beni culturali ,5% ,5% Vigilanza privata ,0% ,4% Gestione impianti sportivi ,9% ,0% Totale ,1% ,0% Fonte: elaborazioni Legacoop Servizi su dati Associazioni regionali Legacoop e su dati CRM 13

14 Di seguito la ripartizione per settori di attività delle cooperative attive che hanno depositato il bilancio d esercizio al 31 dicembre In ragione della numerosità e della diversificazione di attività racchiuse nel settore attività professionali, si è provveduto ad una ulteriore ripartizione dello stesso. SUDDIVISIONE COOPERATIVE ADERENTI PER SETTORI DI ATTIVITA AL 31/12/2013 SETTORI D'ATTIVITA' N. COOP ATTIVITA' PROFESSIONALI N. COOP Attività professionali 618 Igiene, Servizi Integrati, Ecologia 351 Movimentazione merci e Logistica 238 Trasporto merci 216 Ristorazione collettiva 109 Servizi ai Beni culturali 84 Trasporto persone 71 Altre attività 68 Gestione impianti sportivi 59 Logistica portuale 52 Vigilanza privata e Servizi fiduciari 27 Consorzi nazionali 2 Totale 1895 Consulenza fiscale, amministrativa e gestionale 169 Informatica e attività connesse 158 Istruzione e formazione 127 Assistenza sanitaria 50 Ricerca e sviluppo 46 Consulenze tecniche 35 Pubblicità, ricerche di mercato, comunicazione 33 Totale 618 Fonte: elaborazioni Legacoop Servizi su data base anagrafico interno NUMERO DELLE COOPERATIVE ENTRATE E USCITE DAL 2008 AL Entrate Uscite Fonte: elaborazioni Legacoop Servizi su data base anagrafico Legacoop 14

Al Servizio del Paese

Al Servizio del Paese Assemblea di mandato LEGACOOP SERVIZI 2014 Al Servizio del Paese Per una nuova centralità del lavoro, nella legalità e per il cambiamento. Le proposte per i servizi alle imprese, agli enti e alle comunità.

Dettagli

RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA. Sono diversi anni che la nostra economia attraversa una fase di grande e diffusa difficoltà.

RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA. Sono diversi anni che la nostra economia attraversa una fase di grande e diffusa difficoltà. CONVEGNO IL FUTURO DEL LAVORO SI CHIAMA FORMAZIONE Roma, 19 aprile, Auditorium Parco della Musica RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA Sono diversi anni che la nostra economia attraversa

Dettagli

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio C E N S I S Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio III Quadrimestre 2008 Monitor Lazio è promosso dall Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli

DOCUMENTO DI LEGAUTONOMIE

DOCUMENTO DI LEGAUTONOMIE Convegno nazionale Senato delle autonomie/federalismo e riforma dell'ordinamento locale Roma, 14 Ottobre 2013 Tempio di Adriano Sala Convegni Piazza di Pietra Ore 9.30/14.00 DOCUMENTO DI LEGAUTONOMIE 2

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO

PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO Progetto Qualità INTESA-CCA 2014-2016 Pagina 1 PROGETTO QUALITA 2014-2016 PREMESSA: Il progetto dopo il periodo di avvio e consolidamento, in base alle osservazioni poste

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Finanze e Tesoro

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Finanze e Tesoro SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Finanze e Tesoro Segnalazione del Presidente dell'autorità Garante della Concorrenza e del Mercato in merito agli effetti pregiudizievoli per il consumatore derivanti

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi. BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Dettagli

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Convegno su Processi di decentramento e rilancio dello sviluppo. Investimenti pubblici, infrastrutture e competitività Banca Intesa

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI Matteo ARPE: Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad intervenire a questo Convegno, al quale, come

Dettagli

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula.

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. E possibile approfondire il tema consultando il sito La

Dettagli

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013 Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive summary Febbraio 2013 1 Finalità dell Osservatorio 3 Contenuto e metodologia dell indagine 3 Composizione del campione

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA DG Concorrenza. Bruxelles, 01/03/2012 COMP/DG/2012/022543

COMMISSIONE EUROPEA DG Concorrenza. Bruxelles, 01/03/2012 COMP/DG/2012/022543 COMMISSIONE EUROPEA DG Concorrenza Il direttore generale Bruxelles, 01/03/2012 COMP/DG/2012/022543 Modernizzazione degli aiuti di Stato dell UE Documento di discussione Il presente documento espone a grandi

Dettagli

Il mercato dell involucro edilizio in Italia nel 2010

Il mercato dell involucro edilizio in Italia nel 2010 Il mercato dell involucro edilizio in Italia nel 2010 Indice 2 Sintesi 3 Cos era avvenuto nel 2009 4 Cosa sta accadendo nel 2010 6 Estratto dall osservatorio Uncsaal sul primo quadrimestre 2010 Sintesi

Dettagli

Relazione del Presidente di ESA Giovanni Frangioni

Relazione del Presidente di ESA Giovanni Frangioni Relazione del Presidente di ESA Giovanni Frangioni La nostra aspettativa è creare le condizioni di una autonomia del nostro territorio riguardante il ciclo dei rifiuti, attraverso una azienda di chiaro

Dettagli

CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale

CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale Realizzato dall EURES Ricerche Economiche e Sociali in collaborazione con il Consiglio Regionale dell Economia

Dettagli

EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ

EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ Comunicato stampa EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ Le imprese associate a Eurogroup sono quasi 37 mila (+8,6% rispetto al 2006) L avanzo di gestione ante imposte è di 6,3

Dettagli

SOCIAL SUMMIT CONSULTAZIONE CON LE PARTI SOCIALI E LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI

SOCIAL SUMMIT CONSULTAZIONE CON LE PARTI SOCIALI E LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI SOCIAL SUMMIT CONSULTAZIONE CON LE PARTI SOCIALI E LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI Domenica 29 marzo 2009 Sala delle Conferenze Internazionali Ministero degli Affari Esteri Intervento del Vice Presidente

Dettagli

Programmazione e qualità della produzione statistica

Programmazione e qualità della produzione statistica Martedì 9 Novembre 2004, ore 16,45 Sala nord-ovest Sessione parallela Programmazione e qualità della produzione statistica coordinatore Giorgio Alleva Paola Baldi Il ruolo delle Regioni e degli Enti locali

Dettagli

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Riflessioni di Luciano Perego (prima parte) CARATTERISTICHE DELLA MODALITÀ TRADIZIONALE PER LA GESTIONE DELLO SVILUPPO

Dettagli

Roma, 17 Giugno 2014. Legacoop - Via G. A. Guattani, 9 - Salone Basevi

Roma, 17 Giugno 2014. Legacoop - Via G. A. Guattani, 9 - Salone Basevi FONDI COMUNITARI 2014-2020 I FONDI EUROPEI ED IL RUOLO DELLA COOPERAZIONE Roma, 17 Giugno 2014 Legacoop - Via G. A. Guattani, 9 - Salone Basevi Giorgio Gemelli Resp. Funzione Progetti interterritoriali

Dettagli

CCNL per i Dipendenti da Istituti di Vigilanza Privata 2009-2011. Un contratto per il futuro.

CCNL per i Dipendenti da Istituti di Vigilanza Privata 2009-2011. Un contratto per il futuro. CCNL per i Dipendenti da Istituti di Vigilanza Privata 2009-2011. Un contratto per il futuro. Il settore della Vigilanza Privata italiana, in tempi recenti, ha conosciuto delle innovazioni di matrice normativa

Dettagli

Monitoraggio Indicazioni (DPR 89/2009, art. 1) Modalità organizzative

Monitoraggio Indicazioni (DPR 89/2009, art. 1) Modalità organizzative Monitoraggio Indicazioni (DPR 89/2009, art. ) FORMULARIO C - Scuola primaria Hanno partecipato alla rilevazione 5.944 istituzioni scolastiche tra istituti comprensivi e circoli didattici, per la maggior

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ECONOMIA E DEL LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ECONOMIA E DEL LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE DELL ECONOMIA E DEL LAVORO Commissione istruttoria per le politiche del lavoro e dei sistemi produttivi (II) Osservazioni e proposte I servizi di gestione degli immobili: il facility

Dettagli

Presentazione 5 PRESENTAZIONE

Presentazione 5 PRESENTAZIONE Presentazione Il Rapporto sull economia romana elaborato dal Comune di Roma raggiunge quest anno la quinta edizione ufficiale (sesta, se si tiene conto di un numero zero risalente all ormai lontano 1996

Dettagli

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE di Sergio Ricci 1 IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE Intervento per il Convegno Turismo Sociale e Bilancio Sociale : contributi in un

Dettagli

Relazione Presidente Carlo Paolo Beltrami. Assemblea Annuale di venerdì 9 ottobre ore 18.00

Relazione Presidente Carlo Paolo Beltrami. Assemblea Annuale di venerdì 9 ottobre ore 18.00 Relazione Presidente Carlo Paolo Beltrami Assemblea Annuale di venerdì 9 ottobre ore 18.00 Gentili ospiti Signore e Signori, Autorità e colleghi Costruttori, vi ringrazio della vostra presenza oggi alla

Dettagli

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI Giuseppe Ricciuti. Roma, 10 giugno 2010 Lo Scenario: La recente crisi economico finanziaria che ha colpito l Italia, ha prodotto

Dettagli

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue.

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. La pubblica amministrazione è stata oggetto negli

Dettagli

CODICE ETICO. Premesse

CODICE ETICO. Premesse CODICE ETICO Premesse I. La Confederazione Generale Italiana delle Imprese, delle Attività Professionali e del Lavoro Autonomo, denominata in breve Confcommercio-Imprese per l Italia o anche Confederazione,

Dettagli

IL FORUM NAZIONALE DEI GIOVANI E IL SERVIZIO CIVILE

IL FORUM NAZIONALE DEI GIOVANI E IL SERVIZIO CIVILE IL E IL SERVIZIO CIVILE POSITION PAPER Approvato dall assemblea del 14-15 Dicembre 2013 INTRODUZIONE Il Forum Nazionale dei Giovani nella transizione italiana Il Forum Nazionale dei Giovani ha, in questi

Dettagli

Il sistema delle attestazioni SOA negli appalti pubblici: analisi e prospettive

Il sistema delle attestazioni SOA negli appalti pubblici: analisi e prospettive Il sistema delle attestazioni SOA negli appalti pubblici: analisi e prospettive Presentazione dei risultati dello studio Roma, 13 maggio 2014 www.nomisma.it Impianto metodologico OGGETTO Studio sul sistema

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE ALTA VAL TAGLIAMENTO (Comuni di: Ampezzo, Forni di Sopra, Forni di Sotto, Preone, Sauris, Socchieve) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene.

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene. EDIZIONE osservatorio UBI Banca su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Gennaio 2012 con il contributo scientifico di Fare banca

Dettagli

DISCIPLINARE IN MATERIA DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE

DISCIPLINARE IN MATERIA DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE DISCIPLINARE IN MATERIA DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Sommario Art. 1 - Principi generali Art. 2 - Tipologie di formazione, soggetti destinatari e fonti

Dettagli

X RAPPORTO SULL'APPRENDISTATO Ministero del Lavoro Isfol (scheda di sintesi)

X RAPPORTO SULL'APPRENDISTATO Ministero del Lavoro Isfol (scheda di sintesi) X RAPPORTO SULL'APPRENDISTATO Ministero del Lavoro Isfol (scheda di sintesi) Presentazione X Rapporto di monitoraggio sullo stato di avanzamento dell apprendistato, appuntamento annuale dell Isfol, che

Dettagli

RINNOVO DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI

RINNOVO DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI RINNOVO DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI OBIETTIVI E PROPOSTE dell Ordine degli Ingegneri della Provincia di Bergamo Nello svolgimento dei compiti istituzionali di garanzia pubblica e di rappresentanza

Dettagli

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI comunicato stampa PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI Le due società, attive in Lazio da alcuni anni, presentano il loro Rendiconto Sociale. Il documento rappresenta

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

Ripensare le pensioni fra passato, presente e futuro

Ripensare le pensioni fra passato, presente e futuro 1 Ripensare le pensioni fra passato, presente e futuro LE PROPOSTE DELLA CISL per un sistema pensionistico equo e sostenibile LA CISL CONTRATTA, UNISCE, PROPONE 1 2 1. La flessibilità in uscita: restituire

Dettagli

Grazie davvero al Presidente Guzzetti e grazie a tutti voi, al. Sindaco di Lucca, al Presidente della Fondazione per questo invito

Grazie davvero al Presidente Guzzetti e grazie a tutti voi, al. Sindaco di Lucca, al Presidente della Fondazione per questo invito Testo dell intervento del Presidente dell Anci Piero Fassino Grazie davvero al Presidente Guzzetti e grazie a tutti voi, al Sindaco di Lucca, al Presidente della Fondazione per questo invito e, per non

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA

MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA GRUPPO DI LAVORO CULTURA D IMPRESA MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA GRUPPO DI LAVORO CULTURA D IMPRESA Manifesto della Cultura d Impresa MANIFESTO DELLACULTURA D IMPRESA

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione PRODOTTI IN METALLO Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore; come misura dell attività si utilizza il valore aggiunto

Dettagli

CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015

CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015 CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015 Duro l impatto della crisi, ma anche dalle PMI del Sud arrivano primi segnali di ripartenza. Servono più imprese gazzelle per trainare ripresa. Più di

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 6 DICEMBRE 2005 CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA OVERVIEW CAPITOLO 1 FATTI E TENDENZE INDICE 1.1 L economia internazionale

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno?

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno? Lo sviluppo dei Talenti per la crescita. Un confronto tra aziende e istituzioni ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano L Italia cerca talenti. Sembra incredibile, ma in uno scenario di crisi del mercato

Dettagli

L ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI Lo scenario attuale e gli strumenti a disposizione per imprenditori e consulenti di impresa

L ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI Lo scenario attuale e gli strumenti a disposizione per imprenditori e consulenti di impresa L ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI Lo scenario attuale e gli strumenti a disposizione per imprenditori e consulenti di impresa La situazione dell accesso al credito per le piccole e medie imprese che costituiscono

Dettagli

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II.1 L Economia Italiana nel 2004 Gli Sviluppi Recenti Dopo la battuta d arresto avvenuta alla fine dell anno scorso, l economia italiana è tornata a crescere nel

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA FIRENZE 1 PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA IL SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO: RIFERIMENTI CONCETTUALI E NORMATIVI POSTI A CONFRONTO CON LA REALTÀ AZIENDALE FIRENZE 2 INDICE PREMESSA 3 MOTIVAZIONI

Dettagli

COMITATO TECNICO CREDITO E FINANZA

COMITATO TECNICO CREDITO E FINANZA Angelo Camilli COMITATO TECNICO CREDITO E FINANZA Linee di indirizzo 17 dicembre 2012 Scenario L offerta di credito nel Lazio si riduce progressivamente Il tasso di crescita dei prestiti alle imprese,

Dettagli

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese II Conferenza regionale sul credito e la finanza per lo sviluppo Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese David Sabatini Resp. Ufficio Finanza Il sistema industriale

Dettagli

Come costruire il piano commerciale

Come costruire il piano commerciale Come costruire il piano commerciale Definire un piano commerciale per la propria impresa è importante: quando mancano idee chiare e obiettivi, infatti, spesso l azione di vendita viene sviluppata in modo

Dettagli

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini Nota Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca On. Stefania Giannini Roma, 28 maggio 2014 Premessa Come è noto le Province si occupano del funzionamento, della manutenzione

Dettagli

CREDITO ALLE INDUSTRIE

CREDITO ALLE INDUSTRIE CREDITO ALLE INDUSTRIE COFIRE: CONSORZIO FIDI DELL INDUSTRIA DI REGGIO EMILIA ASSEMBLEA DI BILANCIO 2015. OLTRE 36 MILIONI DI EURO EROGATI NELL ESERCIZIO NETTA CRESCITA SU ANNO PASSATO. RIPRESI GLI INVESTIMENTI

Dettagli

NOTA ANCAb SUL PIANO CASA

NOTA ANCAb SUL PIANO CASA NOTA ANCAb SUL PIANO CASA Il Piano Casa del Governo, istituito dall art. 11 della legge n 133 del 2008, rivolto all incremento del patrimonio immobiliare ad uso abitativo attraverso l offerta di abitazioni

Dettagli

Osservatorio sui dati contabili delle imprese del commercio e dei servizi di vicinato: dati relativi al IV trimestre 2007

Osservatorio sui dati contabili delle imprese del commercio e dei servizi di vicinato: dati relativi al IV trimestre 2007 Osservatorio sui dati contabili delle imprese del commercio e dei servizi di vicinato: dati relativi al IV trimestre 2007 a cura di Ascom e Confesercenti Ricerca effettuata da Paolo Vaglio (Ceris-Cnr)

Dettagli

Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione

Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione - 26 maggio 2015 - Continua a crescere il numero di start-up innovative nel nostro Paese: a fine aprile avevano

Dettagli

TUTTI CONTRO LA LEGGE DI STABILITÀ DI RENZI E PADOAN

TUTTI CONTRO LA LEGGE DI STABILITÀ DI RENZI E PADOAN 976 TUTTI CONTRO LA LEGGE DI STABILITÀ DI RENZI E PADOAN 4 novembre2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà EXECUTIVE SUMMARY

Dettagli

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PREMESSA Per la prima volta quest anno la responsabilità sociale in Italia diventa un tema diffuso di dibattito

Dettagli

La flexicurity in Italia. Confronto con un modello vincente: il caso della Danimarca.

La flexicurity in Italia. Confronto con un modello vincente: il caso della Danimarca. La flexicurity in Italia. Confronto con un modello vincente: il caso della Danimarca. Nell ultimo ventennio il mercato del lavoro del nostro Paese è stato interessato da un progressivo processo di deregolamentazione

Dettagli

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43 RAPPORTO BANCHE SOMMARIO E CONCLUSIONI 3 LA CONGIUNTURA BANCARIA IN EUROPA 7 L attivo bancario 8 Gli impieghi 8 I crediti deteriorati 14 I titoli in portafoglio 17 Le azioni e partecipazioni 19 Le passività

Dettagli

NOTA SU LA BUONA SCUOLA

NOTA SU LA BUONA SCUOLA NOTA SU LA BUONA SCUOLA Roma, 23 ottobre 2014 Il documento presenta aspetti prevalentemente di tipo politico e amministrativo prefigurando una "Buona scuola" come una scuola bene amministrata, e organizzando

Dettagli

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Domenico Merlani COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Linee di indirizzo Febbraio 2013 «Sviluppo del Territorio» significa lavorare per rendere il Lazio una regione attraente localmente e globalmente

Dettagli

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI Silvano Carletti * Nei suoi primi cinque appuntamenti (l ultimo a fine settembre 2015) il Targeted Longer-Term Refinancing Operations (TLTRO)

Dettagli

di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite>> Sistemi di management

di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite>> Sistemi di management EDILIZIA di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite>> Sistemi di management DEFINIZIONE DEL SETTORE Nel settore edilizio possono essere individuati 2 micro-settori: edilizia residenziale in conto proprio:

Dettagli

CENTRALI UNICHE DI COMMITTENZA: VINCOLI E OPPORTUNITA' PER I COMUNI

CENTRALI UNICHE DI COMMITTENZA: VINCOLI E OPPORTUNITA' PER I COMUNI CENTRALI UNICHE DI COMMITTENZA: VINCOLI E OPPORTUNITA' PER I COMUNI Milano, 7 novembre 2014 LUCA PIOVACCARI Sindaco di Cotignola (RA) e Presidente dell'unione dei Comuni della Bassa Romagna I numeri della

Dettagli

LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO

LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO Associazione Nazionale Demolitori Italiani LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO Parma, 26 novembre 2005 Trascrizione dell intervento dal titolo: IL MERCATO DELLE DEMOLIZIONI ANNI 2000: DAL RECUPERO ALLA

Dettagli

Piattaforma per il Rinnovo del CCNL Imprese di Pulizia e Servizi Integrati/Multiservizi Triennio 2013/2015

Piattaforma per il Rinnovo del CCNL Imprese di Pulizia e Servizi Integrati/Multiservizi Triennio 2013/2015 Piattaforma per il Rinnovo del CCNL Imprese di Pulizia e Servizi Integrati/Multiservizi Triennio 2013/2015 PREMESSA Il rinnovo del vigente Contratto Collettivo Nazionale avvenuto il 31.05.2011 è stato

Dettagli

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione ALIMENTARE Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione L industria alimentare è piuttosto importante per l economia italiana; il valore aggiunto prodotto da questo settore rappresenta

Dettagli

AUDIZIONE. Commissione Lavoro Pubblico e Privato Camera dei Deputati LIBRO VERDE SULLE PENSIONI

AUDIZIONE. Commissione Lavoro Pubblico e Privato Camera dei Deputati LIBRO VERDE SULLE PENSIONI AUDIZIONE Commissione Lavoro Pubblico e Privato Camera dei Deputati LIBRO VERDE SULLE PENSIONI ROMA, 14 OTTOBRE 2010 I sistemi di sicurezza sociale sono sviluppati in Europa più che in altre parti del

Dettagli

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014)

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014) RESeT INTERNAZIONALE Fondo Monetario Internazionale FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE ED. IT. DI ALDO CARBONE 19 Giugno 2014 Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell

Dettagli

Acquisti pubblici: dall e-procurement opportunità per le Imprese e gli Enti

Acquisti pubblici: dall e-procurement opportunità per le Imprese e gli Enti Acquisti pubblici: dall e-procurement opportunità per le Imprese e gli Enti L utilizzo delle tecnologie applicate agli acquisti: il punto di vista delle imprese e delle stazioni appaltanti Annalisa Giachi

Dettagli

controllo da parte degli organi a vario titolo deputati al controllo dell azienda non profit, Lo scopo della raccomandazione

controllo da parte degli organi a vario titolo deputati al controllo dell azienda non profit, Lo scopo della raccomandazione I sistemi e le procedure di controllo negli enti non profit di Giorgio Gentili Sireco srl di Roma e Hepta Consulenza Srl di San Severino Marche (MC) L a Commissione aziende non profit del Consiglio nazionale

Dettagli

Capitolo 3. L amministrazione verso i cittadini e le imprese

Capitolo 3. L amministrazione verso i cittadini e le imprese Capitolo 3 L amministrazione verso i cittadini e le imprese Capitolo 3 L amministrazione verso i cittadini e le imprese 3.1 La comunicazione istituzionale Il Dipartimento della Funzione Pubblica si propone

Dettagli

La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario

La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario RUOLO E PROSPETTIVE DELLA MUTUALITÀ NEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario Placido Putzolu - Presidente FIMIV Federazione Italiana Mutualità Integrativa Volontaria

Dettagli

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO REGIONE TOSCANA L.R. 2 aprile 2009, n. 16 Cittadinanza di genere B.U. Regione Toscana 06 aprile 2009, n. 11 PREAMBOLO Visto l articolo 117, terzo, quarto e settimo comma della Costituzione; Visto l articolo

Dettagli

Meeting 2012. Osservatorio Regionale Banche-Imprese di Economia e Finanza

Meeting 2012. Osservatorio Regionale Banche-Imprese di Economia e Finanza Meeting 2012 Osservatorio Regionale Banche-Imprese di Economia e Finanza Mezzogiorni d Europa e Mediterraneo nella bufera. I giovani, Nuovi Argonauti Intervento del Presidente del Consiglio Nazionale dell

Dettagli

Commissione parlamentare di vigilanza sull anagrafe tributaria

Commissione parlamentare di vigilanza sull anagrafe tributaria Commissione parlamentare di vigilanza sull anagrafe tributaria Convegno su L Anagrafe tributaria nella prospettiva del federalismo fiscale Il sistema delle banche-dati nel contrasto all evasione fiscale:

Dettagli

PROPOSTE PER UNA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO

PROPOSTE PER UNA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO PROPOSTE PER UNA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO La riforma del mercato del lavoro costituisce una priorità dell attuale Governo. Numerosi incontri con le Parti Sociali sono stati organizzati negli ultimi

Dettagli

Esame delle proposte di legge C.5 ed abb. (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale)

Esame delle proposte di legge C.5 ed abb. (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale) CAMERA DEI DEPUTATI XI Commissione (Lavoro pubblico e privato) (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale) 27 novembre 2013 AUDIZIONI ABI 2013 AUDIZIONI ABI - 2013 Le proposte

Dettagli

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO OTTOBRE 2010 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi e dell Ufficio Lavori all Estero e Relazioni Internazionali

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Presentazione del Rapporto L economia del Molise Francesco Zollino Servizio di Congiuntura e politica monetaria Banca d Italia Università degli Sudi del Molise, Campobasso 18 giugno 215 Il contesto internazionale

Dettagli

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Indirizzo di saluto del Comandante Generale Porgo il mio saluto cordiale a tutti i delegati della Rappresentanza qui convenuti. Gli incontri

Dettagli

Il settore arredamenti tradizionali ed il credito al consumo

Il settore arredamenti tradizionali ed il credito al consumo Il settore arredamenti tradizionali ed il credito al consumo Rapporto di ricerca Ottobre 2011 (Rif. 1810v111) Indice 2 Capitolo I - La situazione attuale dei dealer e le previsioni per il prossimo futuro

Dettagli

PROPOSTA PER UNA NUOVA STRUTTURA E UNA NUOVA POLITICA DELLA CONTRATTAZIONE COLLETTIVA

PROPOSTA PER UNA NUOVA STRUTTURA E UNA NUOVA POLITICA DELLA CONTRATTAZIONE COLLETTIVA PROPOSTA PER UNA NUOVA STRUTTURA E UNA NUOVA POLITICA DELLA CONTRATTAZIONE COLLETTIVA La UIL nell assumere tra i suoi obiettivi prioritari per l'anno in corso il superamento del blocco della contrattazione

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione ENERGIA Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell energia; come misura dell attività si utilizza il valore aggiunto

Dettagli

IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO

IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO (Relazione al Convegno: Fondazioni e Banche: i sistemi economici locali Fondazione Cassa di Risparmio

Dettagli

Note brevi. Il Rapporto Giovani,imprese e lavoro 2013 1. L economia reale attraverso il contributo dei giovani

Note brevi. Il Rapporto Giovani,imprese e lavoro 2013 1. L economia reale attraverso il contributo dei giovani Note Brevi vi danno appuntamento alla seconda metà di Gennaio 2014 Note brevi n 14 / Dicembre 2013 www.cslegacoop.coop centrostudi@legacoop.coop Il Rapporto Giovani,imprese e lavoro 2013 1 L economia reale

Dettagli

SEMINARIO: Armonizzazione dei sistemi contabili e di bilancio nella P.A.: riflessioni e prospettive

SEMINARIO: Armonizzazione dei sistemi contabili e di bilancio nella P.A.: riflessioni e prospettive SEMINARIO: Armonizzazione dei sistemi contabili e di bilancio nella P.A.: riflessioni e prospettive INTERVENTO: La Riforma della contabilità delle amministrazioni pubbliche: le principali innovazioni e

Dettagli

LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro. Materiale propedeutico al seminario territoriale

LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro. Materiale propedeutico al seminario territoriale LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro Materiale propedeutico al seminario territoriale Il contesto OBIETTIVO REGIONE LOMBARDIA Costruire un Welfare in grado di porre al centro

Dettagli

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Le imprese comunicano e lo fanno utilizzando alcuni strumenti specifici. La comunicazione si distribuisce in maniera diversa tra imprese

Dettagli