La vita sarà letteraturizzata. Ovvero, oggi Zeno Cosini avrebbe un suo blog?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La vita sarà letteraturizzata. Ovvero, oggi Zeno Cosini avrebbe un suo blog?"

Transcript

1 Alice Flemrová La vita sarà letteraturizzata. Ovvero, oggi Zeno Cosini avrebbe un suo blog? Il 4 aprile del 1928 doveva cominciare per il vegliardo Zeno Cosini un era novella. Un era dedicata al raccoglimento. Zeno Cosini ha trovato nel raccoglimento e nella scrittura la sua pacifica protesta contro il tempo che passa lasciando dietro di sé giorni, anni, decenni, tutti uguali, senza importanza. Ed è stata anche la protesta di un uomo che nacque a sproposito, perché nella sua giovinezza si rispettavano solo i vecchi e nella sua vecchiaia tutto il rispetto spettava invece ai giovani, e così lui è passato per la vita senza essere rispettato mai. Il vecchio Zeno vedeva nella scrittura soprattutto l unica possibilità di riaffermare la propria esistenza, di ritrovare il suo posto al sole. Poter brontolare sulla carta è stata una vera e propria salvezza per il personaggio che già alla fine della Coscienza si è trovato nell ombra: Il sole non illuminò me! Quando si è vecchi si resta all ombra anche avendo dello spirito (Svevo 1962, 942). Le sue ultime pagine, infatti, ci parlano piuttosto del suo presente, quello che è stato viene sempre messo in confronto con quello che è e a volte le dimensioni temporali si confondono, si mescolano nel tempo misto della coscienza. Così succede che Zeno scambia una giovane ragazza per la figlia di vecchio Dondi, una sua coetanea, e Augusta deve metterlo a posto nel tempo : La figlia del vecchio Dondi a quest ora ha la tua età. Chi dunque salutasti tu? La Dondi era di sei anni più vecchia di me. Ah! Ah! Ah! (Svevo 1968, 134). Nei frammenti del quarto romanzo perciò Zeno non si avventura troppo nel passato, non va a correggere le tappe della vita che aveva già descritte. Non c è un perché. Zeno non esita a riconoscere la vita descritta, fissata, raccontata, come più vera di quella vissuta. E ora che cosa sono io? Non colui che visse ma colui che descrissi. Oh! L unica parte importante della vita è il raccoglimento. Quando tutti lo comprenderanno con la chiarezza ch io ho tutti scriveranno. La vita sarà letteraturizzata. Metà dell umanità sarà dedicata a leggere e studiare quello che l altra metà avrà annotato. E il raccoglimento occuperà il massimo tempo che così sarà sottratto alla vita orrida vera. E se una parte dell umanità si ribellerà e rifiuterà di leggere le elucubrazioni dell altra, tanto meglio. Ognuno leggerà se stesso. E la propria vita risulterà più chiara o più oscura, ma si ripeterà, si correggerà, si cristallizzerà. (Svevo 1968, 372) 1 Partendo quindi da questa nota citazione tratta dal testo che doveva essere il seguito della Coscienza di Zeno 2 (rimasto purtroppo in forma di frammento perché, a distanza di cinque mesi dall inizio della stesura, il 13 settembre 1928, l autore muore) cercheremo di 1 Citazioni tratte dall edizione di Opera Omnia curata da Bruno Maier sono lasciate anche con eventuali errori di ortografia così come appaiono nei volumi. 2 Il fatto è dimostrato non solo dalla accurata analisi filologica dell intero testo (cfr. p. es. Contini 1980) ma anche dalla notizia che dà Svevo stesso nella lettera del 16 maggio 1928 a Benjamin Crémieux quando scrive:...mi sono messo a fare un altro romanzo, Il Vecchione, una continuazione di Zeno. Ne scrissi una ventina di pagine e mi diverto un mondo. Non ci sarà niente di male se non arriverò a terminarlo. Intanto avrò riso di gusto una volta di più nella mia vita. (Svevo, 1966, ) 1

2 esplorare il rapporto tra la vita e la letteratura nell opera di Svevo. Dal brano citato risulta evidente ciò che abbiamo appena accennato: Zeno Cosini ha scoperto il piacere del raccoglimento, ha trovato il gusto di registrare e organizzare la propria vita, guardata attraverso il prisma del presente non guastato, a sua volta, dalle ansie e dalle preoccupazioni per il futuro. Tale scoperta del personaggio letterario va però collegata alla definitiva riconciliazione dell autore con quella ridicola e dannosa cosa che si chiama letteratura (Svevo 1968, 818), eliminata dalla sua vita, almeno a detta di lui stesso, nel dicembre del Che questa rottura non sia stata definitiva, visto che l industriale Schmitz continua a scribacchiare anche durante il cosiddetto periodo del silenzio, che si prolunga fino al 1919 l anno in cui Svevo comincia a scrivere Zeno, lo hanno già segnalato nei loro studi critici Renato Barilli (2003 [1972]), Mario Lavagetto (1975) e Giancarlo Mazzacurati (1982). Sappiamo quindi che Svevo abbandona la letteratura, cioè la scrittura istituzionalizzata, per entrare in clandestinità e dedicarsi ad essa in forma privata. Quando però, dopo circa vent anni, vediamo il sessantaduenne Ettore Schmitz correre di nuovo in cerca di un editore (Svevo 1968, 689), è chiaro che Italo Svevo esce dall illegalità. Concentriamoci allora su questo binario Svevo-Schmitz e letteratura-scrittura sul quale si muove la vita e l opera dell originale autore triestino, perché questa binarietà risulta fondamentale per capire come e per quali strade l empiria della vita quotidiana entra nell immaginario dell autore e di seguito nell espressione letteraria. Sono del parere che proprio questo complesso processo, che non va assolutamente liquidato in nome di una casualità autobiografica, sia uno dei principali e costanti temi dell opera sveviana, sicuramente alla pari con il tema della malattia con cui, tra l altro, è in uno strettissimo legame: disagio-malattia è il motivo per il quale Schmitz-Svevo scrive, per il quale risulta così morbosamente attaccato alla penna, fuori della quale, a suo dire, non c è salvezza (ibidem, 808). L opinione secondo cui la produzione letteraria di Svevo abbia quasi sin dall inizio un carattere metaletterario e sia estremamente attenta al rapporto tra la vita orrida vera e la sua versione letteraturizzata che possiamo intendere anche nel senso di trascritta in lettere si basa sui seguenti fatti. In primis: Ettore Schmitz sceglie sin dall inizio uno pseudonimo (Samigli, Svevo) nel tentativo di separare l io privato dall io pubblico. E come vedremo la differenza tra la parola di Schmitz e quella di Svevo, così marcante all inizio, cioè ai tempi dei primi due romanzi, pian piano scomparirà del tutto. In secundis: molti dei suoi personaggi si dedicano alla letteratura (Arturo, Alfonso, Emilio) o alla scrittura (Zeno) e, ovviamente, ne parlano. A tale scopo possiamo ricordare per esempio la scrittura a quattro mani raccontata nel primo romanzo di Svevo. Il fatto che Alfonso e Annetta tentino di scrivere un romanzo viene presentato come una riflessione sul tema come nasce il testo letterario che ci informa anche sulle mode, sui gusti e sulle convinzioni letterarie dell epoca, in questo caso rappresentate da Annetta. La ragazza si dimostra un critico severo nei confronti del capitolo scritto da Alfonso: È però grigio, molto grigio. Chi vuole che legga volentieri queste filze di pensieri senza interruzione e senza ornamento? E poi ella racconta troppo poco; descrive continuamente anche quando crede di raccontare. (Svevo 1962, 237) Renato Barilli fa osservare che la superficiale figlia del banchiere non ha tutti i torti:...annetta non era poi del tutto stupida: i suoi giudizi saranno ripetuti da molti altri lettori, e non sempre dei più sprovveduti: i pretesi romanzi di Svevo (e di Musil, Proust, Broch ecc.) sono troppo grevi perché in essi l ethos, la descrizione psicologica supera di troppo il mythos, l intreccio, tradendo il significato originario del romanzo.... (2003, 66) Vediamo quindi che Svevo inserisce già nel suo primo romanzo quella che potremmo chiamare la dichiarazione della propria poetica. Inoltre va ricordato che mentre i personaggi 2

3 sveviani con ambizioni letterarie di solito falliscono sia nella vita, sia come letterati, Zeno troverà nella scrittura, alla quale si accosta per motivi terapeutici, il modo per realizzare se stesso. I dati e gli scritti che ci permettono di associarci al parere di Carlo Mazzacurati e degli altri critici citati e di considerare il periodo del silenzio di Svevo quale periodo in cui l autore resuscita dalle ceneri della nociva letteratura la benefica scrittura terapeutica, alla quale ricorre per poter esercitare una sorta di igiene mentale, sono parecchi. Li troviamo soprattutto frugando tra le pagine del diario e nell epistolario. Vediamo ora almeno gli esempi più lampanti. Il due ottobre del 1899, prima della rottura del 1902, e comunque già dopo la tiepida accoglienza del romanzo Senilità, lo scrittore esprime la propria fede nello scribacchiare quotidiano: Io credo, sinceramente credo, che non c è miglior via per arrivare a scrivere sul serio che di scribacchiare giornalmente. Si deve tentar di portare a galla dall imo del proprio essere, ogni giorno un suono, un accento, un residuo fossile o vegetale di qualche cosa che non sia puro pensiero, che sia o non sia sentimento, ma bizzarria, rimpianto, un dolore, qualche cosa di sincero, anatomizzato, e tutto e non di più. Altrimenti facilmente si cade, il giorno in cui si crede d esser autorizzati di prender la penna in luoghi comuni e si travia quel luogo proprio che non fu a sufficienza disaminato. Insomma fuori della penna non c è salvezza. Chi crede di poter fare il romanzetto facendone la mezza pagina al giorno e null altro, si inganna a partito. (Svevo 1968, 816) Un anno più tardi, il 6 giugno 1900, confessa in una lettera alla moglie Livia la propria recidiva letteraria: Deve esserci nel mio cervello una ruota che non sa cessare di fare romanzi che nessuno volle leggere e si ribella e gira vertiginosamente te presente e te assente (Svevo 1966,196). Nel 1906, quando quella ridicola e dannosa cosa che si chiama letteratura doveva essere già abbandonata o addirittura dimenticata, Ettore sembra attratto dall idea di fissare la vita in parole, anche se ancora non gli piace l immagine di una umanità inondata dalle autobiografie: Non rimpiango di non aver goduto abbastanza ma sinceramente rimpiango di non aver fissato tutto questo periodo di tempo. Del resto, guai se ci fossero molti altri che sentissero come me! Povera umanità! Quante autobiografie! (Svevo 1968, 822). Per non perdere di vista la binarietà, va segnalato che l autore delle precedenti citazioni è Ettore Schmitz che scrive lettere, che annota nei diari. Ma anche Italo Svevo dà in questo periodo segni di vita. Anche se la datazione precisa non è sempre certa sappiamo che tra il 1899 e il 1919 sono nate alcune delle opere sveviane: per esempio le commedie Il marito, Il terzetto spezzato, i racconti Lo specifico del dottor Menghi, Marianno, Cimutti, In Serenella oppure Ombre notturne che poi diventerà Il vino generoso 3. È vero che molti dei lavori sono rimasti incompiuti, ma se ci atteniamo alle informazioni forniteci nel Diario di Elio Schmitz da suo fratello Elio, scomparso già nel 1886, vediamo che Ettore era solito, sin dall inizio della sua carriera letteraria, non portare a termine i propri scritti: Come si vede, Ettore non la lasciava finire mai un discorso. E come al solito lo fa con tutto, con le sue commedie come coi suoi articoli di giornale non finì di scrivere neppure questo dialogo... (Maier 1973, 220). 3 Cfr. la lettera a B. Crémieux del 15 marzo 1922: Invece Vino generoso è una roba molto vecchia. Io credo persino che Joyce l abbia letta nel 1914 ( Svevo 1966, 839). Se è così abbiamo un motivo in più per sostenere che il personaggio di Zeno (ancora con nomi diversi) è maturato nel suo autore per molto tempo. 3

4 Dunque la frammentarietà e l incompiutezza non vanno ascritte alla crisi creativa di Svevo né alla sua rottura con la letteratura. Non ci sono dubbi però che Schmitz-Svevo attraversava in quel periodo una crisi e nutriva in sé notevoli dubbi sulla propria vena artistica e prima di tutto sul senso dell attività letteraria. Come esempio basta citare la famosa lettera alla figlia Letizia, scritta a Murano il 10 aprile 1908 (Svevo 1966, ) in cui le racconta la favola di due falegnami, uno che lavorava dalla mattina alla sera e faceva dei bellissimi armadi che piacevano a tutti e l altro che considerava troppo faticoso il mestiere tradizionale e così s era messo a descrivere gli armadi, ascoltato e pagato da tutti. Per divertire ancora di più la gente cominciò ad allontanarsi nelle sue descrizioni dalla realtà, dall immagine reale degli armadi veri. Alla fine pretendeva di aver conosciuto degli armadi vivi; la gente, ovviamente, voleva averli e per questo andava a chiederli al vero falegname. Abbasso i poeti! (ibidem) grida Ettore Schmitz nella speranza di spiegare alla figlia l antipatia verso i descrittori degli armadi sapendo però che tra loro deve inevitabilmente inserire anche se stesso. Solo che Italo Svevo pian piano prende in lui il sopravvento, come un Mr. Hyde del crimine letterario, e Schmitz non solo impara ad apprezzare gli armadi descritti, ma dalle pagine citate all inizio possiamo dedurre che finirà col preferirli a quelli reali, a patto che siano descritti in modo sincero. Ed eccoci di nuovo negli anni Venti, da dove siamo partiti. Ora però bisogna spingerci oltre la frontiera del 1899 per ritrovare il cosiddetto primo Svevo, scoprire il suo rapporto con il secondo Svevo, cioè quello degli anni Venti, e verificare se il primo Svevo veramente doveva morire perché potesse nascere il secondo. Riteniamo ora inutile comparare i primi due romanzi con il terzo. Questo lavoro è già stato affrontato molte volte e la critica sveviana è più o meno concorde nel ritenere che lo scrittore non abbia cambiato la sostanza (temi, motivi, personaggi), bensì il modo di raccontarla. Ed è Ettore Schmitz a scrivere il 13 giugno 1917 nel suo diario: Morirono definitivamente tante cose e persone che furono sì importanti per me, che me ne rammarico intensamente. Come sono pallide quelle cose e quelle persone! Son ridotte a concetti astratti e forse sbagliati. Io stesso finirei col credere di essere stato sempre come sono oggi, mentre pur ricordo degli odii e degli amori che non ho più. Ho il dubbio però che mutando di desideri non mi muto essenzialmente. Forse l essenziale è il modo. Ma avendo annotato tanto poco, non posso verificarlo. (Svevo 1968, 828) Sempre fedeli alla nostra idea binaria, proviamo quindi a collegare il primo ed il secondo Svevo con l aiuto di Ettore Schmitz: guarderemo gli scritti del periodo prima del 1899 firmati da lui. Tra quelli che si sono conservati risulta molto interessante il Diario per la fidanzata, scritto da Ettore nel 1896 per la futura moglie Livia Veneziani. In questo libriccino egli non fa altro che scribacchiare giornalmente e portare a galla dall imo del proprio essere bizzarrie, rimpianti, dolori, qualche cosa di sincero... In queste pagine, piene di ultime sigarette e di rigurgiti di gelosia, in queste pagine, dove la macchina introspettiva dello scrivente va a pieno ritmo dall inizio fino all ultima riga, ritroviamo una voce familiare, una voce che ci fa subito pensare a Zeno Cosini, cioè a un personaggio che ha tutti i numeri per essere antipatico infatti, leggendo il diario apprezziamo il coraggio che ha la futura sposa nel legarsi a un uomo che dimostra coerenza soltanto nel manifestare buoni propositi destinati ad essere regolarmente disattesi e che, invece, riesce a conquistarci con la sua sincerità che non va giudicata secondo i criteri della verità dei fatti narrati. Così Ettore un giorno ( ) rivela ho un desiderio di fumare, di bere, di dedicarmi a tutti i vizii per punire te [Livia]... che finora non hai colpa (Svevo 1968, 768); due giorni dopo esprime il ferreo proposito di sacrificare a Livia il vizio del fumo, ma il giorno seguente scrive: Nella gioia di saperti tanto 4

5 mia, definitivamente mia dovetti fare qualche cosa e mi misi a fumare non appena abbandonato il telefono (ibidem, 769). Inoltre dichiara la propria indifferenza per tutto meno che per la sigaretta: La mia indifferenza per la vita sussiste sempre: anche quando godo della vita te da canto, mi resta nell anima qualche cosa che non gode con te a che m avverte: Bada non è tutto come a te sembra e tutto resta comedia perché calerà presto il sipario. Di più l indifferenza per la vita è l essenza della mia vita intellettuale. In quanto è spirito o forza, la mia parola non è altro che ironia ed io ho paura che il giorno in cui a te riuscisse di farmi credere nella vita (è cosa impossibile) io mi troverei grandemente sminuito. [...] Ho un grande timore che essendo felice diverrei stupido e, viceversa poi, son felice (quale compassione ti faccio) soltanto quando sento movermi nella grossa testa delle idee che credo non si movano in molte altre teste. (Ibidem, ) 4 ed anche la propria inettitudine che si manifesta nel desiderio spontaneo di togliersi dalla lotta per la vita: Io non sono buono di conquistare nulla. Io non voglio conquistare nulla. Io voglio avere e tenere senza sforzo. Altrimenti la vita diventa per me disaggradevole, piena di responsabilità e di minaccie. Se non posso avere e tenere senza sforzo, io volentieri rinunzio, senza esitazione rinunzio. (Ibidem, 776) Un altro testo dove troviamo l autoritratto di Ettore Schmitz (che non prende nulla sul serio) e il ritratto di sua moglie (che invece prende sul serio tutto) e dove troviamo soprattutto il tono autoironico e allo stesso tempo permaloso dello scrivente che ci fa subito pensare a una datazione non troppo lontana dalla nascita ufficiale di Zeno Cosini, ma che è invece del 1897, si intitola Cronaca della famiglia. In questo breve scritto, dedicato Alla moglie, Ettore Schmitz analizza la sua sposa mettendola a confronto con se stesso. Con tono lievemente altezzoso e lievemente invidioso parla del mondo di lei che è pieno di certezze, diritti e obblighi, che è concentrato sul presente e non conosce la nostalgia per il passato, che le dà molta felicità e infelicità e che, anzitutto, riesce a stupirla, meravigliarla; parla, insomma, del mondo della salute non molto diverso da quello di Augusta, la moglie di Zeno. Parlando di sé Schmitz di nuovo sottolinea la propria indifferenza, i suoi perenni dubbi: A me il dubbio perenne non solo sull essere o non essere ma anche sul mio e tuo dà tanta mortale indifferenza che tutto quanto mi può succedere potrà addolorarmi, irritarmi, anche farmi piangere ma non stupirmi! [...] Ella invece ode ogni giorno 4 Walter Pedullà a proposito di questo testo scrive: Si dice che, qualunque cosa tocchi, Svevo la trasformi in racconto. Ebbene, ce n è uno (un racconto psicologico) anche in questa lettera che contiene un autoritratto (visto dall interno) e una vicenda: che procede attraverso sorprese, colpi di scena, paradossi, imprevista conclusione. In mezza pagina c è un tipico racconto sveviano [...] che stavolta va a finire bene per il personaggio: un intellettuale sempre lui indifferente e ironico che cerca e trova nella propria testa la felicità, sia pure precaria (2001, 21-22). Pedullà compara la pagina del diario privato firmato da Schmitz con la narrativa di Svevo senza fare differenza tra la fiction (la letteratura) e la non-fiction (la scrittura). È infatti nelle intenzioni della nostra idea binaria dimostrare quanto sia fragile e osmotica la frontiera tra le due dimensioni e che i testi privati di Schmitz vanno considerati un indubbio laboratorio della scrittura sveviana. Per trovare un personaggio sveviano che scopre la felicità nella propria testa, basta leggere la commedia La rigenerazione, in cui il vecchio Giovanni Chierici dice alla cameriera Rita: Tu non la sai, ma si può pensare tutto a questo mondo. Basta volere e si può credere che il polo nord sia andato al polo sud. Poi resta tutto come prima ma si è pensata una cosa straordinaria e perciò si diventa forti e veri padroni di se stessi e del mondo. Intendi? (Svevo 1986, 413). 5

6 delle cose nuove che la stupiscono e la rendono pensierosa. Non dubbi, veh! Per quelli non c è posto. La preghiera a tempo debito è ascoltata lassù, molto spesso non è esaudita ma allora l uomo ha la coscienza d aver fatto tutto quello che doveva e può stare tranquillo. (Ibidem, 67) L unica cosa che suscita in lui stupore è il fatto che due persone così differenti possano stare insieme. Confessa di essersi sposato quasi per fare un esperimento sociologico, di essere stato convinto che chi tra loro due avrebbe dovuto cambiare non era certo lui. E si rende conto che la moglie è invece immune ai suoi tentativi di cambiarla, di convincerla delle sue idee. La moglie apparentemente non vuole convincere nessuno, comunque con il suo modo di prendere tutto e tutti sul serio riesce a far fare al marito che tra l altro ammette la mia casa assomiglia più a lei che a me (ibidem, 68) quello che vuole lei. E il marito Ettore non si ribella, accetta il ruolo di buon marito così come l accetterà il marito Zeno: Insomma mia moglie, i miei suoceri, le cugine, i cugini dicono ch io sono un buon marito e il peggio si è che quando me lo dicono io non mi adiro (ibidem). Se poi aggiungiamo alcune informazioni trovate nelle lettere inviate a Livia nei primi anni del matrimonio ( ), come per esempio quelle che riguardano notevoli somme di denaro perse in Borsa: Tutti mi picchiano, tutti mi pestano: Io poi faccio delle bestialità, perdo dei denari in borsa fumo, mi rovino insomma in salute, borse, come marito, padre, impiegato e letterato (ibidem, 72-73), possiamo comporre un profilo psicologico di Zeno Cosini più o meno completo. E non ci riferiamo solo alle coincidenze dei fatti o alla presenza dei nuclei narrativi ellaborati poi nel terzo romanzo ma anche e in primo luogo allo specifico stile e al tono autoironico degli scritti che risalgono al periodo in cui nasceva Senilità, il secondo romanzo del nostro autore. Va ricordato che Senilità, così come del resto quasi tutta l opera di Svevo, ha uno sfondo autobiografico. Solo che in quel periodo Svevo ancora considerava la letteratura un territorio sacrosanto dove regnano delle regole prestabilite e delle strutture ufficiali, un territorio vietato alla voce narrante di un Io inaffidabile. Allora, prendendo atto del fatto che l autore del Diario per la fidanzata e della Cronaca di famiglia è Ettore Schmitz e che i testi vanno letti come scritture private, dobbiamo dubitare delle parole dello stesso Ettore Schmitz il quale, trent anni più tardi, scrive a Eugenio Montale a proposito della Coscienza:...è un autobiografia e non la mia (ibidem, 779). O per essere più precisi, siamo d accordo: l autobiografia non è la sua, però Zeno Cosini è lui e non solo nel senso del bovarismo di Flaubert. Nella lettera citata lo scrittore spiega che ha cercato di convincere se stesso di essere Zeno così come ha cercato di cacciare nel proprio passato tutte le sue avventure che possono somigliare alle mie solo perché la rievocazione di una propria avventura è una ricostruzione che facilmente diventa una costruzione nuova del tutto quando si riesce a porla in un atmosfera nuova (ibidem). Ora, se leggiamo questa dichiarazione di metodo nell ottica del famoso scritto del 5 giugno 1927 in cui Svevo a proposito della verità romanzesca dice: Chi legge un romanzo deve avere il senso di sentirsi raccontare una cosa veramente avvenuta. Ma chi lo scrive maggiormente deve crederci anche se sa che in realtà mai si svolse così. L immaginazione è una vera avventura. Guardati dall annotarla troppo presto perché la rendi quadrata e poco adattabile al tuo quadro. Deve restare fluida come la vita stessa che è e diviene. Quando è, non sa come diverrà, ma quando è divenuta ricorda come è stata, ma non col medesimo sentimento di quando fu. Allora appena si crea l intonazione, e l immaginazione e la vita egualmente si fanno armoniche ricordando. [...] L immaginazione è meno monotona della realtà solo perché vi si muovono le creature che dalla realtà nacquero ma isolate dal nostro desiderio, dalla nostra passione. (Svevo 1968, 831) 6

7 possiamo sostenere che il binario Schmitz-Svevo confluisce felicemente nel personaggio di Zeno Cosini che si è definitivamente appropriato della parola in cui ha saputo far combaciare la scrittura privata e la letteratura. Questo perché, nonostante il fatto che Zeno sia entrato nella storia letteraria con l etichetta di bugiardo, la sua parola è diventata sincera (poiché si è nutrita dell empiria del quotidiano) e nello stesso tempo originale (l empiria veniva infatti costantemente elaborata dall immaginazione). E poiché mi sento in dovere di rispondere alla domanda posta nel titolo della mia relazione, torniamo ancora un attimo alla citazione da cui siamo partiti. Certo che leggendo l idea della futura letteraturizzazione della vita dobbiamo riconoscere a Svevo indubbie doti di chiaroveggenza e, nello stesso tempo, dobbiamo smascherare il suo proclamato pessimismo. Almeno in questo caso si è dimostrato un grande ottimista. Come sappiamo, il suo progetto di letteraturizzazione della vita considerava il raccoglimento il suo postulato imprescindibile. La letteraturizzazione in corso oggigiorno purtroppo spesso sembra essere una parodia dell idea sveviana.tutti scrivono, annotano, si confessano, senza però aver capito che l unica parte importante della vita è il raccoglimento. La fase del raccoglimento viene di frequente bypassata : chi non vuole perder tempo, chi non sa che cosa sia, chi non ha la minima idea di come si debba fare. Nonostante ciò mi sembra che la possibilità di una scrittura semiprivata pubblicabile senza la necessità di cercare un editore sarebbe per Svevo, probabilmente celato dietro l identità di Zeno Cosini, davvero seducente. E poi, non dimentichiamo che il vegliardo Zeno è spinto allo scrivere della sua vita non tanto dalla voglia di evocare, di raccontare, di rivivere, quanto dall imperioso bisogno di lasciare un segno, di farsi valere, quindi dalla paura esistenziale del nulla. Perciò l ipotesi del blog mi sembra abbastanza probabile. In ogni caso sono convinta che il karma del blogger sarebbe alto. Bibliografia Barilli R [1972], La linea Svevo-Pirandello, Milano, Mondadori. Contini G Il quarto romanzo di Svevo, Torino, Einaudi. Lavagetto M. 1975, L impiegato Schmitz e altri saggi su Italo Svevo, Torino, Einaudi. Maier B (cur.) Diario di Elio Schmitz, Milano, dall Oglio editore. Mazzacurati G Dentro il silenzio di Svevo: crisi morte e metamorfosi della letteratura, in Il secondo Svevo, Napoli, Liguori, pp Pedullà W Le armi del comico, Milano, Mondadori. Svevo I. 7

8 1962 Opere, Milano, dall Oglio editore Epistolario, Opera Omnia, I, Milano, dall Oglio editore Racconti, saggi, pagine sparse, Opera Omnia, III, Milano, dall Oglio editore [1986] Teatro, Milano,Garzanti. 8

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Sono gocce, ma scavano il marmo

Sono gocce, ma scavano il marmo Sono gocce, ma scavano il marmo di Alberto Spampinato G occiola un liquido lurido e appiccicoso. Cade a gocce. A gocce piccole, a volte a goccioloni. Può cadere una sola goccia in due giorni. Possono caderne

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

Ho vivamente apprezzato la tua recente

Ho vivamente apprezzato la tua recente 35 Le illusioni e i desideri sono illuminazione Ho vivamente apprezzato la tua recente visita e la tua costante preoccupazione per le numerose persecuzioni che mi sono capitate. Poiché ho subìto queste

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Tu non ricordi la casa dei doganieri

Tu non ricordi la casa dei doganieri Percorso L autore Eugenio Montale 4. Le occasioni, La bufera e altro, Satura e l ultima produzione testi 13 13 Eugenio Montale Le occasioni La casa dei doganieri in Tutte le poesie, Mondadori, Milano,

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE 2015-2016 CORSO ANNUALE 2015-2016 SILVIA PALLINI Credo che ogni creatura che nasce su questa nostra Terra, sia un essere meraviglioso, unico e

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi AR IO NE PARLO DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi Ti aiuta a tenere sotto controllo la tua artrite reumatoide e a trarre il massimo beneficio dalla terapia Visita www.arioneparlo.it

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

1 Decidi come finisce la frase.

1 Decidi come finisce la frase. No mamma no A1/A2 anno di produzione: 1993 durata: 18 genere: commedia regia: Cecilia Calvi sceneggiatura: Cecilia Calvi fotografia: Franco Lecca montaggio: Valentina Migliaccio interpreti: Isa Barsizza,

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI VALENTINO DOMINI L attacco iniziale, prima azione di affrancamento della coppia controgiocante, è un privilegio e una responsabilità: molti contratti vengono battuti o realizzati proprio in rapporto a

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

CIO CHE SPINGE L UOMO

CIO CHE SPINGE L UOMO CIO CHE SPINGE L UOMO RIFLESSIONI E PROSPETTIVE SU COME PERCEPIAMO IL MONDO INTORNO A NOI COSA CI SPINGE? Cosa ci fa agire, cosa ci fa scegliere un alternativa piuttosto che un altra, cosa ci attrae e

Dettagli

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO San Bernardo (1090-1153) Jean Gerson (1363-1429) S. Bernardo (1090-1153) Bernardo ha formato la sua saggezza basandosi principalmente sulla Bibbia e alla scuola della Liturgia.

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale.

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Vite a mezz aria Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Giuseppe Marco VITE A MEZZ ARIA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Lettera pastorale per la Quaresima 2012 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera pastorale va letta in chiesa

Dettagli

Inizio della vita di Hyde e prime malefatte-si trasforma in Hyde

Inizio della vita di Hyde e prime malefatte-si trasforma in Hyde 1 STRUTTURA FABULA: Primi esperimenti del Dr Jekyll -Jekyll nasce nel 18.. Jekyll ha divergenze con Lanyon -Poole comincia a lavorare come maggiordomo da Jekyll nel 1860 circa Jekyll scopre la dualità

Dettagli

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi Capitolo primo 1. Se tu te ne sei scordato, egregio signore, te lo ricordo io: sono tua moglie. Lo so che questo una volta ti piaceva e adesso, all improvviso, ti dà fastidio. Lo so che fai finta che non

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

IV domenica di Quaresima - Anno A 2014

IV domenica di Quaresima - Anno A 2014 IV domenica di Quaresima - Anno A 2014 Dal Vangelo secondo Giovanni 9, 1.6-9.13-17.34-38 In quel tempo, Gesù passando vide un uomo cieco dalla nascita. Sputò per terra, fece del fango con la saliva, spalmò

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada Dal lato della strada Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava giusto e anche responsabile. Quello che non capivo è perché

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là,

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, Un uomo che dorme Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, dove la memoria identifica senza sforzo

Dettagli

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 2 L Siamo alla domanda fondamentale, alla provocazione più forte perché va diritta al cuore della mia vita, della tua, di ogni uomo che,

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO Annuncio della Pasqua (forma orientale) EIS TO AGHION PASCHA COMUNITÀ MONASTICA DI BOSE, Preghiera dei Giorni, pp.268-270 È la Pasqua la Pasqua del Signore, gridò lo

Dettagli

Nel ventre pigro della notte audio-ebook

Nel ventre pigro della notte audio-ebook Silvano Agosti Nel ventre pigro della notte audio-ebook Dedicato a quel po di amore che c è nel mondo Silvano Agosti Canti Nel ventre pigro della notte Edizioni l Immagine Nel ventre pigro della notte

Dettagli