La vita sarà letteraturizzata. Ovvero, oggi Zeno Cosini avrebbe un suo blog?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La vita sarà letteraturizzata. Ovvero, oggi Zeno Cosini avrebbe un suo blog?"

Transcript

1 Alice Flemrová La vita sarà letteraturizzata. Ovvero, oggi Zeno Cosini avrebbe un suo blog? Il 4 aprile del 1928 doveva cominciare per il vegliardo Zeno Cosini un era novella. Un era dedicata al raccoglimento. Zeno Cosini ha trovato nel raccoglimento e nella scrittura la sua pacifica protesta contro il tempo che passa lasciando dietro di sé giorni, anni, decenni, tutti uguali, senza importanza. Ed è stata anche la protesta di un uomo che nacque a sproposito, perché nella sua giovinezza si rispettavano solo i vecchi e nella sua vecchiaia tutto il rispetto spettava invece ai giovani, e così lui è passato per la vita senza essere rispettato mai. Il vecchio Zeno vedeva nella scrittura soprattutto l unica possibilità di riaffermare la propria esistenza, di ritrovare il suo posto al sole. Poter brontolare sulla carta è stata una vera e propria salvezza per il personaggio che già alla fine della Coscienza si è trovato nell ombra: Il sole non illuminò me! Quando si è vecchi si resta all ombra anche avendo dello spirito (Svevo 1962, 942). Le sue ultime pagine, infatti, ci parlano piuttosto del suo presente, quello che è stato viene sempre messo in confronto con quello che è e a volte le dimensioni temporali si confondono, si mescolano nel tempo misto della coscienza. Così succede che Zeno scambia una giovane ragazza per la figlia di vecchio Dondi, una sua coetanea, e Augusta deve metterlo a posto nel tempo : La figlia del vecchio Dondi a quest ora ha la tua età. Chi dunque salutasti tu? La Dondi era di sei anni più vecchia di me. Ah! Ah! Ah! (Svevo 1968, 134). Nei frammenti del quarto romanzo perciò Zeno non si avventura troppo nel passato, non va a correggere le tappe della vita che aveva già descritte. Non c è un perché. Zeno non esita a riconoscere la vita descritta, fissata, raccontata, come più vera di quella vissuta. E ora che cosa sono io? Non colui che visse ma colui che descrissi. Oh! L unica parte importante della vita è il raccoglimento. Quando tutti lo comprenderanno con la chiarezza ch io ho tutti scriveranno. La vita sarà letteraturizzata. Metà dell umanità sarà dedicata a leggere e studiare quello che l altra metà avrà annotato. E il raccoglimento occuperà il massimo tempo che così sarà sottratto alla vita orrida vera. E se una parte dell umanità si ribellerà e rifiuterà di leggere le elucubrazioni dell altra, tanto meglio. Ognuno leggerà se stesso. E la propria vita risulterà più chiara o più oscura, ma si ripeterà, si correggerà, si cristallizzerà. (Svevo 1968, 372) 1 Partendo quindi da questa nota citazione tratta dal testo che doveva essere il seguito della Coscienza di Zeno 2 (rimasto purtroppo in forma di frammento perché, a distanza di cinque mesi dall inizio della stesura, il 13 settembre 1928, l autore muore) cercheremo di 1 Citazioni tratte dall edizione di Opera Omnia curata da Bruno Maier sono lasciate anche con eventuali errori di ortografia così come appaiono nei volumi. 2 Il fatto è dimostrato non solo dalla accurata analisi filologica dell intero testo (cfr. p. es. Contini 1980) ma anche dalla notizia che dà Svevo stesso nella lettera del 16 maggio 1928 a Benjamin Crémieux quando scrive:...mi sono messo a fare un altro romanzo, Il Vecchione, una continuazione di Zeno. Ne scrissi una ventina di pagine e mi diverto un mondo. Non ci sarà niente di male se non arriverò a terminarlo. Intanto avrò riso di gusto una volta di più nella mia vita. (Svevo, 1966, ) 1

2 esplorare il rapporto tra la vita e la letteratura nell opera di Svevo. Dal brano citato risulta evidente ciò che abbiamo appena accennato: Zeno Cosini ha scoperto il piacere del raccoglimento, ha trovato il gusto di registrare e organizzare la propria vita, guardata attraverso il prisma del presente non guastato, a sua volta, dalle ansie e dalle preoccupazioni per il futuro. Tale scoperta del personaggio letterario va però collegata alla definitiva riconciliazione dell autore con quella ridicola e dannosa cosa che si chiama letteratura (Svevo 1968, 818), eliminata dalla sua vita, almeno a detta di lui stesso, nel dicembre del Che questa rottura non sia stata definitiva, visto che l industriale Schmitz continua a scribacchiare anche durante il cosiddetto periodo del silenzio, che si prolunga fino al 1919 l anno in cui Svevo comincia a scrivere Zeno, lo hanno già segnalato nei loro studi critici Renato Barilli (2003 [1972]), Mario Lavagetto (1975) e Giancarlo Mazzacurati (1982). Sappiamo quindi che Svevo abbandona la letteratura, cioè la scrittura istituzionalizzata, per entrare in clandestinità e dedicarsi ad essa in forma privata. Quando però, dopo circa vent anni, vediamo il sessantaduenne Ettore Schmitz correre di nuovo in cerca di un editore (Svevo 1968, 689), è chiaro che Italo Svevo esce dall illegalità. Concentriamoci allora su questo binario Svevo-Schmitz e letteratura-scrittura sul quale si muove la vita e l opera dell originale autore triestino, perché questa binarietà risulta fondamentale per capire come e per quali strade l empiria della vita quotidiana entra nell immaginario dell autore e di seguito nell espressione letteraria. Sono del parere che proprio questo complesso processo, che non va assolutamente liquidato in nome di una casualità autobiografica, sia uno dei principali e costanti temi dell opera sveviana, sicuramente alla pari con il tema della malattia con cui, tra l altro, è in uno strettissimo legame: disagio-malattia è il motivo per il quale Schmitz-Svevo scrive, per il quale risulta così morbosamente attaccato alla penna, fuori della quale, a suo dire, non c è salvezza (ibidem, 808). L opinione secondo cui la produzione letteraria di Svevo abbia quasi sin dall inizio un carattere metaletterario e sia estremamente attenta al rapporto tra la vita orrida vera e la sua versione letteraturizzata che possiamo intendere anche nel senso di trascritta in lettere si basa sui seguenti fatti. In primis: Ettore Schmitz sceglie sin dall inizio uno pseudonimo (Samigli, Svevo) nel tentativo di separare l io privato dall io pubblico. E come vedremo la differenza tra la parola di Schmitz e quella di Svevo, così marcante all inizio, cioè ai tempi dei primi due romanzi, pian piano scomparirà del tutto. In secundis: molti dei suoi personaggi si dedicano alla letteratura (Arturo, Alfonso, Emilio) o alla scrittura (Zeno) e, ovviamente, ne parlano. A tale scopo possiamo ricordare per esempio la scrittura a quattro mani raccontata nel primo romanzo di Svevo. Il fatto che Alfonso e Annetta tentino di scrivere un romanzo viene presentato come una riflessione sul tema come nasce il testo letterario che ci informa anche sulle mode, sui gusti e sulle convinzioni letterarie dell epoca, in questo caso rappresentate da Annetta. La ragazza si dimostra un critico severo nei confronti del capitolo scritto da Alfonso: È però grigio, molto grigio. Chi vuole che legga volentieri queste filze di pensieri senza interruzione e senza ornamento? E poi ella racconta troppo poco; descrive continuamente anche quando crede di raccontare. (Svevo 1962, 237) Renato Barilli fa osservare che la superficiale figlia del banchiere non ha tutti i torti:...annetta non era poi del tutto stupida: i suoi giudizi saranno ripetuti da molti altri lettori, e non sempre dei più sprovveduti: i pretesi romanzi di Svevo (e di Musil, Proust, Broch ecc.) sono troppo grevi perché in essi l ethos, la descrizione psicologica supera di troppo il mythos, l intreccio, tradendo il significato originario del romanzo.... (2003, 66) Vediamo quindi che Svevo inserisce già nel suo primo romanzo quella che potremmo chiamare la dichiarazione della propria poetica. Inoltre va ricordato che mentre i personaggi 2

3 sveviani con ambizioni letterarie di solito falliscono sia nella vita, sia come letterati, Zeno troverà nella scrittura, alla quale si accosta per motivi terapeutici, il modo per realizzare se stesso. I dati e gli scritti che ci permettono di associarci al parere di Carlo Mazzacurati e degli altri critici citati e di considerare il periodo del silenzio di Svevo quale periodo in cui l autore resuscita dalle ceneri della nociva letteratura la benefica scrittura terapeutica, alla quale ricorre per poter esercitare una sorta di igiene mentale, sono parecchi. Li troviamo soprattutto frugando tra le pagine del diario e nell epistolario. Vediamo ora almeno gli esempi più lampanti. Il due ottobre del 1899, prima della rottura del 1902, e comunque già dopo la tiepida accoglienza del romanzo Senilità, lo scrittore esprime la propria fede nello scribacchiare quotidiano: Io credo, sinceramente credo, che non c è miglior via per arrivare a scrivere sul serio che di scribacchiare giornalmente. Si deve tentar di portare a galla dall imo del proprio essere, ogni giorno un suono, un accento, un residuo fossile o vegetale di qualche cosa che non sia puro pensiero, che sia o non sia sentimento, ma bizzarria, rimpianto, un dolore, qualche cosa di sincero, anatomizzato, e tutto e non di più. Altrimenti facilmente si cade, il giorno in cui si crede d esser autorizzati di prender la penna in luoghi comuni e si travia quel luogo proprio che non fu a sufficienza disaminato. Insomma fuori della penna non c è salvezza. Chi crede di poter fare il romanzetto facendone la mezza pagina al giorno e null altro, si inganna a partito. (Svevo 1968, 816) Un anno più tardi, il 6 giugno 1900, confessa in una lettera alla moglie Livia la propria recidiva letteraria: Deve esserci nel mio cervello una ruota che non sa cessare di fare romanzi che nessuno volle leggere e si ribella e gira vertiginosamente te presente e te assente (Svevo 1966,196). Nel 1906, quando quella ridicola e dannosa cosa che si chiama letteratura doveva essere già abbandonata o addirittura dimenticata, Ettore sembra attratto dall idea di fissare la vita in parole, anche se ancora non gli piace l immagine di una umanità inondata dalle autobiografie: Non rimpiango di non aver goduto abbastanza ma sinceramente rimpiango di non aver fissato tutto questo periodo di tempo. Del resto, guai se ci fossero molti altri che sentissero come me! Povera umanità! Quante autobiografie! (Svevo 1968, 822). Per non perdere di vista la binarietà, va segnalato che l autore delle precedenti citazioni è Ettore Schmitz che scrive lettere, che annota nei diari. Ma anche Italo Svevo dà in questo periodo segni di vita. Anche se la datazione precisa non è sempre certa sappiamo che tra il 1899 e il 1919 sono nate alcune delle opere sveviane: per esempio le commedie Il marito, Il terzetto spezzato, i racconti Lo specifico del dottor Menghi, Marianno, Cimutti, In Serenella oppure Ombre notturne che poi diventerà Il vino generoso 3. È vero che molti dei lavori sono rimasti incompiuti, ma se ci atteniamo alle informazioni forniteci nel Diario di Elio Schmitz da suo fratello Elio, scomparso già nel 1886, vediamo che Ettore era solito, sin dall inizio della sua carriera letteraria, non portare a termine i propri scritti: Come si vede, Ettore non la lasciava finire mai un discorso. E come al solito lo fa con tutto, con le sue commedie come coi suoi articoli di giornale non finì di scrivere neppure questo dialogo... (Maier 1973, 220). 3 Cfr. la lettera a B. Crémieux del 15 marzo 1922: Invece Vino generoso è una roba molto vecchia. Io credo persino che Joyce l abbia letta nel 1914 ( Svevo 1966, 839). Se è così abbiamo un motivo in più per sostenere che il personaggio di Zeno (ancora con nomi diversi) è maturato nel suo autore per molto tempo. 3

4 Dunque la frammentarietà e l incompiutezza non vanno ascritte alla crisi creativa di Svevo né alla sua rottura con la letteratura. Non ci sono dubbi però che Schmitz-Svevo attraversava in quel periodo una crisi e nutriva in sé notevoli dubbi sulla propria vena artistica e prima di tutto sul senso dell attività letteraria. Come esempio basta citare la famosa lettera alla figlia Letizia, scritta a Murano il 10 aprile 1908 (Svevo 1966, ) in cui le racconta la favola di due falegnami, uno che lavorava dalla mattina alla sera e faceva dei bellissimi armadi che piacevano a tutti e l altro che considerava troppo faticoso il mestiere tradizionale e così s era messo a descrivere gli armadi, ascoltato e pagato da tutti. Per divertire ancora di più la gente cominciò ad allontanarsi nelle sue descrizioni dalla realtà, dall immagine reale degli armadi veri. Alla fine pretendeva di aver conosciuto degli armadi vivi; la gente, ovviamente, voleva averli e per questo andava a chiederli al vero falegname. Abbasso i poeti! (ibidem) grida Ettore Schmitz nella speranza di spiegare alla figlia l antipatia verso i descrittori degli armadi sapendo però che tra loro deve inevitabilmente inserire anche se stesso. Solo che Italo Svevo pian piano prende in lui il sopravvento, come un Mr. Hyde del crimine letterario, e Schmitz non solo impara ad apprezzare gli armadi descritti, ma dalle pagine citate all inizio possiamo dedurre che finirà col preferirli a quelli reali, a patto che siano descritti in modo sincero. Ed eccoci di nuovo negli anni Venti, da dove siamo partiti. Ora però bisogna spingerci oltre la frontiera del 1899 per ritrovare il cosiddetto primo Svevo, scoprire il suo rapporto con il secondo Svevo, cioè quello degli anni Venti, e verificare se il primo Svevo veramente doveva morire perché potesse nascere il secondo. Riteniamo ora inutile comparare i primi due romanzi con il terzo. Questo lavoro è già stato affrontato molte volte e la critica sveviana è più o meno concorde nel ritenere che lo scrittore non abbia cambiato la sostanza (temi, motivi, personaggi), bensì il modo di raccontarla. Ed è Ettore Schmitz a scrivere il 13 giugno 1917 nel suo diario: Morirono definitivamente tante cose e persone che furono sì importanti per me, che me ne rammarico intensamente. Come sono pallide quelle cose e quelle persone! Son ridotte a concetti astratti e forse sbagliati. Io stesso finirei col credere di essere stato sempre come sono oggi, mentre pur ricordo degli odii e degli amori che non ho più. Ho il dubbio però che mutando di desideri non mi muto essenzialmente. Forse l essenziale è il modo. Ma avendo annotato tanto poco, non posso verificarlo. (Svevo 1968, 828) Sempre fedeli alla nostra idea binaria, proviamo quindi a collegare il primo ed il secondo Svevo con l aiuto di Ettore Schmitz: guarderemo gli scritti del periodo prima del 1899 firmati da lui. Tra quelli che si sono conservati risulta molto interessante il Diario per la fidanzata, scritto da Ettore nel 1896 per la futura moglie Livia Veneziani. In questo libriccino egli non fa altro che scribacchiare giornalmente e portare a galla dall imo del proprio essere bizzarrie, rimpianti, dolori, qualche cosa di sincero... In queste pagine, piene di ultime sigarette e di rigurgiti di gelosia, in queste pagine, dove la macchina introspettiva dello scrivente va a pieno ritmo dall inizio fino all ultima riga, ritroviamo una voce familiare, una voce che ci fa subito pensare a Zeno Cosini, cioè a un personaggio che ha tutti i numeri per essere antipatico infatti, leggendo il diario apprezziamo il coraggio che ha la futura sposa nel legarsi a un uomo che dimostra coerenza soltanto nel manifestare buoni propositi destinati ad essere regolarmente disattesi e che, invece, riesce a conquistarci con la sua sincerità che non va giudicata secondo i criteri della verità dei fatti narrati. Così Ettore un giorno ( ) rivela ho un desiderio di fumare, di bere, di dedicarmi a tutti i vizii per punire te [Livia]... che finora non hai colpa (Svevo 1968, 768); due giorni dopo esprime il ferreo proposito di sacrificare a Livia il vizio del fumo, ma il giorno seguente scrive: Nella gioia di saperti tanto 4

5 mia, definitivamente mia dovetti fare qualche cosa e mi misi a fumare non appena abbandonato il telefono (ibidem, 769). Inoltre dichiara la propria indifferenza per tutto meno che per la sigaretta: La mia indifferenza per la vita sussiste sempre: anche quando godo della vita te da canto, mi resta nell anima qualche cosa che non gode con te a che m avverte: Bada non è tutto come a te sembra e tutto resta comedia perché calerà presto il sipario. Di più l indifferenza per la vita è l essenza della mia vita intellettuale. In quanto è spirito o forza, la mia parola non è altro che ironia ed io ho paura che il giorno in cui a te riuscisse di farmi credere nella vita (è cosa impossibile) io mi troverei grandemente sminuito. [...] Ho un grande timore che essendo felice diverrei stupido e, viceversa poi, son felice (quale compassione ti faccio) soltanto quando sento movermi nella grossa testa delle idee che credo non si movano in molte altre teste. (Ibidem, ) 4 ed anche la propria inettitudine che si manifesta nel desiderio spontaneo di togliersi dalla lotta per la vita: Io non sono buono di conquistare nulla. Io non voglio conquistare nulla. Io voglio avere e tenere senza sforzo. Altrimenti la vita diventa per me disaggradevole, piena di responsabilità e di minaccie. Se non posso avere e tenere senza sforzo, io volentieri rinunzio, senza esitazione rinunzio. (Ibidem, 776) Un altro testo dove troviamo l autoritratto di Ettore Schmitz (che non prende nulla sul serio) e il ritratto di sua moglie (che invece prende sul serio tutto) e dove troviamo soprattutto il tono autoironico e allo stesso tempo permaloso dello scrivente che ci fa subito pensare a una datazione non troppo lontana dalla nascita ufficiale di Zeno Cosini, ma che è invece del 1897, si intitola Cronaca della famiglia. In questo breve scritto, dedicato Alla moglie, Ettore Schmitz analizza la sua sposa mettendola a confronto con se stesso. Con tono lievemente altezzoso e lievemente invidioso parla del mondo di lei che è pieno di certezze, diritti e obblighi, che è concentrato sul presente e non conosce la nostalgia per il passato, che le dà molta felicità e infelicità e che, anzitutto, riesce a stupirla, meravigliarla; parla, insomma, del mondo della salute non molto diverso da quello di Augusta, la moglie di Zeno. Parlando di sé Schmitz di nuovo sottolinea la propria indifferenza, i suoi perenni dubbi: A me il dubbio perenne non solo sull essere o non essere ma anche sul mio e tuo dà tanta mortale indifferenza che tutto quanto mi può succedere potrà addolorarmi, irritarmi, anche farmi piangere ma non stupirmi! [...] Ella invece ode ogni giorno 4 Walter Pedullà a proposito di questo testo scrive: Si dice che, qualunque cosa tocchi, Svevo la trasformi in racconto. Ebbene, ce n è uno (un racconto psicologico) anche in questa lettera che contiene un autoritratto (visto dall interno) e una vicenda: che procede attraverso sorprese, colpi di scena, paradossi, imprevista conclusione. In mezza pagina c è un tipico racconto sveviano [...] che stavolta va a finire bene per il personaggio: un intellettuale sempre lui indifferente e ironico che cerca e trova nella propria testa la felicità, sia pure precaria (2001, 21-22). Pedullà compara la pagina del diario privato firmato da Schmitz con la narrativa di Svevo senza fare differenza tra la fiction (la letteratura) e la non-fiction (la scrittura). È infatti nelle intenzioni della nostra idea binaria dimostrare quanto sia fragile e osmotica la frontiera tra le due dimensioni e che i testi privati di Schmitz vanno considerati un indubbio laboratorio della scrittura sveviana. Per trovare un personaggio sveviano che scopre la felicità nella propria testa, basta leggere la commedia La rigenerazione, in cui il vecchio Giovanni Chierici dice alla cameriera Rita: Tu non la sai, ma si può pensare tutto a questo mondo. Basta volere e si può credere che il polo nord sia andato al polo sud. Poi resta tutto come prima ma si è pensata una cosa straordinaria e perciò si diventa forti e veri padroni di se stessi e del mondo. Intendi? (Svevo 1986, 413). 5

6 delle cose nuove che la stupiscono e la rendono pensierosa. Non dubbi, veh! Per quelli non c è posto. La preghiera a tempo debito è ascoltata lassù, molto spesso non è esaudita ma allora l uomo ha la coscienza d aver fatto tutto quello che doveva e può stare tranquillo. (Ibidem, 67) L unica cosa che suscita in lui stupore è il fatto che due persone così differenti possano stare insieme. Confessa di essersi sposato quasi per fare un esperimento sociologico, di essere stato convinto che chi tra loro due avrebbe dovuto cambiare non era certo lui. E si rende conto che la moglie è invece immune ai suoi tentativi di cambiarla, di convincerla delle sue idee. La moglie apparentemente non vuole convincere nessuno, comunque con il suo modo di prendere tutto e tutti sul serio riesce a far fare al marito che tra l altro ammette la mia casa assomiglia più a lei che a me (ibidem, 68) quello che vuole lei. E il marito Ettore non si ribella, accetta il ruolo di buon marito così come l accetterà il marito Zeno: Insomma mia moglie, i miei suoceri, le cugine, i cugini dicono ch io sono un buon marito e il peggio si è che quando me lo dicono io non mi adiro (ibidem). Se poi aggiungiamo alcune informazioni trovate nelle lettere inviate a Livia nei primi anni del matrimonio ( ), come per esempio quelle che riguardano notevoli somme di denaro perse in Borsa: Tutti mi picchiano, tutti mi pestano: Io poi faccio delle bestialità, perdo dei denari in borsa fumo, mi rovino insomma in salute, borse, come marito, padre, impiegato e letterato (ibidem, 72-73), possiamo comporre un profilo psicologico di Zeno Cosini più o meno completo. E non ci riferiamo solo alle coincidenze dei fatti o alla presenza dei nuclei narrativi ellaborati poi nel terzo romanzo ma anche e in primo luogo allo specifico stile e al tono autoironico degli scritti che risalgono al periodo in cui nasceva Senilità, il secondo romanzo del nostro autore. Va ricordato che Senilità, così come del resto quasi tutta l opera di Svevo, ha uno sfondo autobiografico. Solo che in quel periodo Svevo ancora considerava la letteratura un territorio sacrosanto dove regnano delle regole prestabilite e delle strutture ufficiali, un territorio vietato alla voce narrante di un Io inaffidabile. Allora, prendendo atto del fatto che l autore del Diario per la fidanzata e della Cronaca di famiglia è Ettore Schmitz e che i testi vanno letti come scritture private, dobbiamo dubitare delle parole dello stesso Ettore Schmitz il quale, trent anni più tardi, scrive a Eugenio Montale a proposito della Coscienza:...è un autobiografia e non la mia (ibidem, 779). O per essere più precisi, siamo d accordo: l autobiografia non è la sua, però Zeno Cosini è lui e non solo nel senso del bovarismo di Flaubert. Nella lettera citata lo scrittore spiega che ha cercato di convincere se stesso di essere Zeno così come ha cercato di cacciare nel proprio passato tutte le sue avventure che possono somigliare alle mie solo perché la rievocazione di una propria avventura è una ricostruzione che facilmente diventa una costruzione nuova del tutto quando si riesce a porla in un atmosfera nuova (ibidem). Ora, se leggiamo questa dichiarazione di metodo nell ottica del famoso scritto del 5 giugno 1927 in cui Svevo a proposito della verità romanzesca dice: Chi legge un romanzo deve avere il senso di sentirsi raccontare una cosa veramente avvenuta. Ma chi lo scrive maggiormente deve crederci anche se sa che in realtà mai si svolse così. L immaginazione è una vera avventura. Guardati dall annotarla troppo presto perché la rendi quadrata e poco adattabile al tuo quadro. Deve restare fluida come la vita stessa che è e diviene. Quando è, non sa come diverrà, ma quando è divenuta ricorda come è stata, ma non col medesimo sentimento di quando fu. Allora appena si crea l intonazione, e l immaginazione e la vita egualmente si fanno armoniche ricordando. [...] L immaginazione è meno monotona della realtà solo perché vi si muovono le creature che dalla realtà nacquero ma isolate dal nostro desiderio, dalla nostra passione. (Svevo 1968, 831) 6

7 possiamo sostenere che il binario Schmitz-Svevo confluisce felicemente nel personaggio di Zeno Cosini che si è definitivamente appropriato della parola in cui ha saputo far combaciare la scrittura privata e la letteratura. Questo perché, nonostante il fatto che Zeno sia entrato nella storia letteraria con l etichetta di bugiardo, la sua parola è diventata sincera (poiché si è nutrita dell empiria del quotidiano) e nello stesso tempo originale (l empiria veniva infatti costantemente elaborata dall immaginazione). E poiché mi sento in dovere di rispondere alla domanda posta nel titolo della mia relazione, torniamo ancora un attimo alla citazione da cui siamo partiti. Certo che leggendo l idea della futura letteraturizzazione della vita dobbiamo riconoscere a Svevo indubbie doti di chiaroveggenza e, nello stesso tempo, dobbiamo smascherare il suo proclamato pessimismo. Almeno in questo caso si è dimostrato un grande ottimista. Come sappiamo, il suo progetto di letteraturizzazione della vita considerava il raccoglimento il suo postulato imprescindibile. La letteraturizzazione in corso oggigiorno purtroppo spesso sembra essere una parodia dell idea sveviana.tutti scrivono, annotano, si confessano, senza però aver capito che l unica parte importante della vita è il raccoglimento. La fase del raccoglimento viene di frequente bypassata : chi non vuole perder tempo, chi non sa che cosa sia, chi non ha la minima idea di come si debba fare. Nonostante ciò mi sembra che la possibilità di una scrittura semiprivata pubblicabile senza la necessità di cercare un editore sarebbe per Svevo, probabilmente celato dietro l identità di Zeno Cosini, davvero seducente. E poi, non dimentichiamo che il vegliardo Zeno è spinto allo scrivere della sua vita non tanto dalla voglia di evocare, di raccontare, di rivivere, quanto dall imperioso bisogno di lasciare un segno, di farsi valere, quindi dalla paura esistenziale del nulla. Perciò l ipotesi del blog mi sembra abbastanza probabile. In ogni caso sono convinta che il karma del blogger sarebbe alto. Bibliografia Barilli R [1972], La linea Svevo-Pirandello, Milano, Mondadori. Contini G Il quarto romanzo di Svevo, Torino, Einaudi. Lavagetto M. 1975, L impiegato Schmitz e altri saggi su Italo Svevo, Torino, Einaudi. Maier B (cur.) Diario di Elio Schmitz, Milano, dall Oglio editore. Mazzacurati G Dentro il silenzio di Svevo: crisi morte e metamorfosi della letteratura, in Il secondo Svevo, Napoli, Liguori, pp Pedullà W Le armi del comico, Milano, Mondadori. Svevo I. 7

8 1962 Opere, Milano, dall Oglio editore Epistolario, Opera Omnia, I, Milano, dall Oglio editore Racconti, saggi, pagine sparse, Opera Omnia, III, Milano, dall Oglio editore [1986] Teatro, Milano,Garzanti. 8

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Un racconto di Guido Quarzo Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Una gita in Un racconto di Guido Quarzo è una bella fortuna che la scuola dove Paolo e Lucia frequentano la seconda elementare, ospiti

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) PER COMINCIARE: IL TESTO, I TESTI Es, Misto (Verbale/Non verbale) Fumetto Verbale Non verbale (Visivo/Acustico)

Dettagli

l intervento, la ricerca che si sta progettando)

l intervento, la ricerca che si sta progettando) Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il motivo è quello di lasciare a tutti un pensiero sull essere felici. Definizione chiara e coerente degli obiettivi

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

Paolo DÊAmbrosio. La finestra sul mare. una storia del Sud

Paolo DÊAmbrosio. La finestra sul mare. una storia del Sud Paolo DÊAmbrosio La finestra sul mare una storia del Sud Paolo D Ambrosio La finestra sul mare Proprietà letteraria riservata 2011 Paolo D Ambrosio Kion Editrice, Terni Prima edizione luglio 2011 ISBN

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo#

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo# LA#SCOPERTA##!!!!!!Giardino#dei#Gius5# #####Associazione#Gariwo# CHI#SONO#I#GIUSTI#,#PROF?## LA#NOSTRA#SCELTA## Un#nome#fra#tuC#con5nuava#a# tornare#con#insistenza## !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Educare#al#coraggio#civile#!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Svetlana#Broz#

Dettagli

Impariamo a volare...

Impariamo a volare... Impariamo a volare... Francesca Maccione IMPARIAMO A VOLARE... www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesca Maccione Tutti i diritti riservati L amore è longanime, è benigno, l amore non ha invidia,

Dettagli

Newsletter dell associazione La Casa sull Albero, anno VI, mese di maggio 2016. ..il musical

Newsletter dell associazione La Casa sull Albero, anno VI, mese di maggio 2016. ..il musical Newsletter dell associazione La Casa sull Albero, anno VI, mese di maggio 2016 Ci vuole tutta una città per.....il musical Cari tutti, piccoli e grandi. Questa lettura e questo invito sono per ciascuno

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Gruppo G.R.E.M Piemonte e Valle d Aosta Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Il kit, pensato per l animazione di bambini, ragazzi e adulti sul tema famiglia è così composto: - 1 gioco

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

Per il nostro incontro mensile ho riflettuto su alcune intuizioni che, nella preghiera, hanno preso corpo pensando a voi:

Per il nostro incontro mensile ho riflettuto su alcune intuizioni che, nella preghiera, hanno preso corpo pensando a voi: 1 Lettera di don Fausto alle GIOVANI COPPIE Carissimi amici, mi capita spesso di pensare a voi, di affidare al Signore qualche vostra confidenza, di condividere con voi la gioia e la fatica e questo mi

Dettagli

CONCORSO : REGOLIAMOCI

CONCORSO : REGOLIAMOCI CONCORSO : REGOLIAMOCI Per studenti tra gli 8 e i 13 anni. Sceneggiatura film : IL SOLE I.C. Marino S. Rosa Napoli Classe II E IL SOLE Nella reception di una clinica molto famosa Christian che ha subito

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Adorazione Eucaristica

Adorazione Eucaristica Adorazione Eucaristica Pregare come i Santi I santi sono coloro che hanno creduto e vissuto con amore il mistero di Cristo. Essi hanno saputo vivere nel difficile nascondimento la preghiera, sottratta

Dettagli

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato Due sequenze tratte da due film assai diversi e lontani nel tempo: Charlot soldato di Charlie Chaplin (1918) e L attimo fuggente di Peter

Dettagli

Copyright 2010 Tiziana Cazziero

Copyright 2010 Tiziana Cazziero Voltare Pagina Copyright 2010 Tiziana Cazziero Tiziana Cazziero VOLTARE PAGINA Romanzo Al mio compagno, la persona che mi sopporta nei miei momenti bui. PRIMA PARTE Buongiorno mamma. Buongiorno a te

Dettagli

L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la

L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la Il vero Amore L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la maggior parte delle nostre azioni, inoltre credo che esso sia la cosa più bella che Dio ci ha donato,

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare.

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare. 1.1. Ognuno di noi si può porre le stesse domande: chi sono io? Che cosa ci faccio qui? Quale è il senso della mia esistenza, della mia vita su questa terra? Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... MODULO 3

PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... MODULO 3 PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... pazza! MODULO 3 Fino ad ora abbiamo lavorato sulla consapevolezza, identificando le 4 chiavi che ci servono per aver successo nel nostro

Dettagli

Mariantò cronaca di una vita!

Mariantò cronaca di una vita! Mariantò cronaca di una vita! Maria Antonietta Di Falco MARIANTÒ CRONACA DI UNA VITA! www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Maria Antonietta Di Falco Tutti i diritti riservati Dedicato alla mia meravigliosa

Dettagli

Sin dalla nostra nascita, la camera da letto è testimone della nostra vita, delle nostre trasformazioni, delle gioie e dei dolori.

Sin dalla nostra nascita, la camera da letto è testimone della nostra vita, delle nostre trasformazioni, delle gioie e dei dolori. CAMPO FAMIGLIE 2010 SI SEPPE CHE GESU ERA IN CASA LA CAMERA DA LETTO Luogo dell intimità Quando preghi entra nella tua camera Mt. 6,6 IL SIGNIFICATO ANTROPOLOGICO Sin dalla nostra nascita, la camera da

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

I Rapporti Alternativi nelle Letture di Cayce!

I Rapporti Alternativi nelle Letture di Cayce! I Rapporti Alternativi nelle Letture di Cayce *** Una delle controversie più forti di questi tempi sul sesso, forse anche di tutti i tempi, riguarda la ricerca di relazioni sessuali al di fuori del matrimonio.

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

Cosa ti porti a casa?

Cosa ti porti a casa? 8. L o p i n i o n e d e i r a g a z z i e d e l l e r a g a z z e Cosa ti porti a casa? A conclusione dell incontro di restituzione è stato richiesto ai ragazzi di riportare in forma anonima una valutazione

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Iscritto per: Scuola Secondaria Primo Grado Motto di iscrizione: Raccontami e dimenticherò-mostrami

Dettagli

Seconda parte Trovami

Seconda parte Trovami Seconda parte Trovami Dal diario di Mose Astori, pagina 1 Dovrei iniziare questo diario inserendo la data in cui sto scrivendo, e poi fare lo stesso per ogni capitolo successivo, in modo da annotare il

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione "Il Primo Ebook In Italia Che Ti Svela Gratuitamente Tutti Gli Errori Che Commetti Durante La Seduzione" Istruzioni passo per passo... Parte 1 Dal 1 al 10 1 I 47

Dettagli

Centro Internazionale di Scrittura Drammaturgica La Loggia

Centro Internazionale di Scrittura Drammaturgica La Loggia 35 Centro Internazionale di Scrittura Drammaturgica La Loggia Centro Internazionale di Scrittura Drammaturgica La Loggia internet: www.teatrinodeifondi.it e-mail: cisd@teatrinodeifondi.it Gertjan Durmishi

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

Pretendi il tuo raccolto

Pretendi il tuo raccolto Domenica, 11 marzo 2012 Pretendi il tuo raccolto Galati 6:7-10- Non vi ingannate, non ci si può beffare di Dio; perchè quello che l'uomo avrà seminato, quello pure mieterà. Perchè chi semina per la sua

Dettagli

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE Tratto da: M. Cecconi, La morte raccontata ai bambini: il ciclo della vita. Intervista ad Angela Nanetti, Il Pepeverde n. 10, 2001, pp. 10 11. Copyright INTERVISTA ALLA SCRITTRICE ANGELA NANETTI LA MORTE

Dettagli

IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny

IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny لش حن لطح ح ل ة ر كام ل ك يالني IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny traduzione italiana riga per riga, parola per parola curata da Pier Luigi Farri plfarri@vbscuola.it 1 Due buoni fratelli. Sciantah

Dettagli

Il libro vuole invitare i giovani che ancora cercano il loro cammino ad una conoscenza più intima e approfondita della vita di padre Mario Borzaga,

Il libro vuole invitare i giovani che ancora cercano il loro cammino ad una conoscenza più intima e approfondita della vita di padre Mario Borzaga, Saggistica Aracne Il libro vuole invitare i giovani che ancora cercano il loro cammino ad una conoscenza più intima e approfondita della vita di padre Mario Borzaga, missionario Oblato di Maria Immacolata.

Dettagli

LA PERLA IL TESORO PREZIOSO

LA PERLA IL TESORO PREZIOSO LA PERLA E IL TESORO PREZIOSO In quel tempo, Gesù disse alla folla: Il regno dei cieli è simile a un tesoro nascosto in un campo; un uomo lo trova e lo nasconde di nuovo, poi va, pieno di gioia, vende

Dettagli

Maria Teresa Serafini COME SI LEGGE (E SCRIVE) UN RACCONTO

Maria Teresa Serafini COME SI LEGGE (E SCRIVE) UN RACCONTO Maria Teresa Serafini COME SI LEGGE (E SCRIVE) UN RACCONTO STRUMENTI BOMPIANI 2009 RCS Libri S.p.A. Via Mecenate 91-20138 Milano I edizione Strumenti Bompiani maggio 2009 ISBN 978-88-452-5929-6 INDICE

Dettagli

Survey Internazionale sulla Famiglia Risultati italiani

Survey Internazionale sulla Famiglia Risultati italiani Survey Internazionale sulla Famiglia Risultati italiani L indagine Obiettivo Indagare l opinione delle utenti di alfemminile sul concetto di famiglia al giorno d oggi. Date ottobre 2011 Numero di rispondenti

Dettagli

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No.

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No. Intervista 1 Studente 1 Nome: Dimitri Età: 17 anni (classe III Liceo) Luogo di residenza: città (Patrasso) 1. Quali fattori ti hanno convinto ad abbandonare la scuola? Io volevo andare a lavorare ed essere

Dettagli

Scegliere cosa fare dopo la terza media era quindi per lui una questione un po complicata, anche se non troppo preoccupante.

Scegliere cosa fare dopo la terza media era quindi per lui una questione un po complicata, anche se non troppo preoccupante. I RAGAZZI E LE RAGAZZE RACCONTANO Daniele Quando aveva 13 anni Daniele viveva vicino a Milano con la sua famiglia: mamma, papà e Emanuele, il fratello maggiore, con cui andava molto d accordo; anzi, possiamo

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Lettera alle Mamme_Layout 1 11/09/2015 17:10 Pagina 1 Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia

Dettagli

RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI

RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI WWW.FISIOPROGRAM-INTENSIVE.COM Come accendere e coltivare la tua passione per la Fisioterapia: Nell articolo precedente FISIOTERAPISTI MOTIVATI

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Priority mom Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Cosa posso fare per interrompere subito la violenza? rivolgiti alle Forze dell Ordine o al Servizio Sociale più vicino chiedi aiuto al Centro

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia per conoscere l intervento della giustizia minorile Indice:

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

apertamente, scambiarsi idee, ragionare sui valori, allargare i propri orizzonti, raccontare la propria giornata e perché no? anche pregare tutti

apertamente, scambiarsi idee, ragionare sui valori, allargare i propri orizzonti, raccontare la propria giornata e perché no? anche pregare tutti Presentazione Diventare genitori è sicuramente un immenso dono di Dio, da accogliere con partecipazione e buona volontà. Purtroppo nessuno insegna ad una coppia di neo-genitori come educare i propri figli;

Dettagli

IDEE PER LO STUDIO DELLA MATEMATICA

IDEE PER LO STUDIO DELLA MATEMATICA IDEE PER LO STUDIO DELLA MATEMATICA A cura del 1 LA MATEMATICA: perché studiarla??? La matematica non è una disciplina fine a se stessa poichè fornisce strumenti importanti e utili in molti settori della

Dettagli

L AUTORE DEL MESE DI DuDag

L AUTORE DEL MESE DI DuDag L AUTORE DEL MESE DI DuDag E Novecento di Baricco, ma senza speranza! Ha la capacità dei russi di raccontare le umane cose, ma non c è un briciolo di salvezza nella sua scrittura (Alcuni commenti a Il

Dettagli

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World LOCUZIONI AL MONDO Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World 2 Sommario 1. La decisione della SS. Trinità al tuo

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

"Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli

Fratello Lupo Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Fratello Lupo - 2003 n.2 "Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Caro Fra Beppe, ti ringrazio della lettera che mi hai scritto, e come vedi ti do mie notizie. Io qui sto lavorando

Dettagli

Il prossimo progetto

Il prossimo progetto Il prossimo progetto Probabilmente avrei dovuto usare una pietra più chiara per il pavimento. Avrebbe sottolineato la dimensione naturale della hall di ingresso, o forse è sbagliato il legno, anche se

Dettagli

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 per l Omelia domenicale a cura dell Arcivescovo Mons. Vincenzo Bertolone XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 Non più sofferenza ma amore Introduzione La parabola discendente di queste due

Dettagli

I criteri della scelta e della riforma

I criteri della scelta e della riforma I criteri della scelta e della riforma La preghiera ha il fine di vincere se stessi, vincere la propria ignoranza, la propria pigrizia mentale per conoscere il Signore. Ogni preghiera deve essere mirata

Dettagli

1. RIVELATO IN GESU CRISTO

1. RIVELATO IN GESU CRISTO SCHEDA 4 (per operatori) 1. RIVELATO IN GESU CRISTO Nota introduttiva L incontro sulla figura di Gesù ha lo stesso stile narrativo del precedente. Se Dio è origine del bisogno d amore e della capacità

Dettagli

Tutto ciò che sappiamo di noi due

Tutto ciò che sappiamo di noi due Colleen Hoover Tutto ciò che sappiamo di noi due Traduzione di Giulia De Biase Proprietà letteraria riservata Copyright 2012 by Colleen Hoover Italian language rights handled by Agenzia Letteraria Italiana,

Dettagli

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video)

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) TNT IV Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) Al fine di aiutare la comprensione delle principali tecniche di Joe, soprattutto quelle spiegate nelle appendici del libro che

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Canzoncina. Di qui potete vedere Come sia innocuo il bere. Canto di un amata.

Canzoncina. Di qui potete vedere Come sia innocuo il bere. Canto di un amata. Canzoncina I. C era una volta un tizio A diciottanni prese il vizio Di bere, e per questa china Lui andò in rovina. Morì a ottantant anni e il perché È chiaro a me e a te. 2. C era una volta un piccolo,

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Domande frequenti sull elaborazione del lutto

Domande frequenti sull elaborazione del lutto Domande frequenti sull elaborazione del lutto La situazione in cui ti trovi è straordinaria e probabilmente molto lontano da qualsiasi esperienza tu abbia avuto prima. Quindi, potresti non sapere cosa

Dettagli

DBT SKILLS TRAINING ABILITÀ DI REGOLAZIONE EMOZIONALE

DBT SKILLS TRAINING ABILITÀ DI REGOLAZIONE EMOZIONALE DBT SKILLS TRAINING ABILITÀ DI REGOLAZIONE EMOZIONALE Maria Elena Ridolfi Regolazione emozionale: obiettivi COMPRENDERE LE EMOZIONI RIDURRE LA VULNERABILITA EMOZIONALE RIDURRE LA SOFFERENZA EMOZIONALE

Dettagli

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.)

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) Questa è la storia di una donna perseguitata da un eco di una memoria, un sogno

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada NOME... COGNOME... CLASSE... DATA... Dal lato della strada 5 10 15 20 25 30 35 40 Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava

Dettagli

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 1. Io non so pregare! È una obiezione comune; tuttavia, se vuoi, puoi sempre imparare; la preghiera è un bene importante perché chi impara a pregare impara a

Dettagli

LA COMUNITÀ DELLE ORIGINI

LA COMUNITÀ DELLE ORIGINI UNITA PASTORALE BEATA TERESA di CALCUTTA Parrocchie di: PIEVE MODOLENA-RONCOCESI-S. PIO X-CAVAZZOLI Anno Pastorale 2013-14 Progetto Pastorale per Educarci alla vita Fraterna e di Comunione. L Unità Pastorale:

Dettagli

2. Il Denaro è la radice di ogni sorta di cose dannose. Per questo i capi religiosi e le organizzazioni religiose lo tengono stretto.

2. Il Denaro è la radice di ogni sorta di cose dannose. Per questo i capi religiosi e le organizzazioni religiose lo tengono stretto. 1. La Mafia ormai sta nelle maggiori città italiane dove ha fatto grossi investimenti edilizi, o commerciali e magari industriali. A me interessa conoscere questa accumulazione primitiva del capitale mafioso,

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

Le metafore della scienza. di Tommaso Castellani. S. Ho saputo che hai fatto un seminario intitolato Le metafore della scienza.

Le metafore della scienza. di Tommaso Castellani. S. Ho saputo che hai fatto un seminario intitolato Le metafore della scienza. Le metafore della scienza di Tommaso Castellani Un dialogo tra: F. Un fisico che fa ricerca all università. I. Un fisico che si occupa di insegnamento a scuola. S. Uno studente sulla strada della fisica.

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

Pompei, area archeologica.

Pompei, area archeologica. Pompei, area archeologica. Quello che impressione è l atteggiamento di queste persone nell ultimo momento di vita. Cercano di coprirsi da qualcosa. Si intuisce che il motivo principale della causa è il

Dettagli

Proposta di intervento rieducativo con donne operate al seno attraverso il sistema BIODANZA

Proposta di intervento rieducativo con donne operate al seno attraverso il sistema BIODANZA Proposta di intervento rieducativo con donne operate al seno attraverso il sistema BIODANZA Tornare a «danzare la vita» dopo un intervento al seno Micaela Bianco I passaggi Coinvolgimento medici e fisioterapiste

Dettagli

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE - di Deepak Chopra Sette esercizi spirituali per portare la pace all interno delle tua vita e nel mondo che ti circonda. L approccio alla trasformazione personale

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli