Schema del Corso. Requirements Engineering: Natural Language Requirements Elicitation, Specification and Quality Evaluation Part II

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Schema del Corso. Requirements Engineering: Natural Language Requirements Elicitation, Specification and Quality Evaluation Part II"

Transcript

1 Requirements Engineering: Natural Language Requirements Elicitation, Specification and Quality Evaluation Part II Giuseppe Lami Ph.D. System & Software Evaluation Centre Istituto di Scienza e Tecnologie dell Informazione CNR, Pisa Software Engineering Institute Carnegie Mellon University, Pittsburgh, PA (USA) Tel Schema del Corso Software Qualità del Software Processo Software Software Project Management Ingegneria del Software Misurare la Qualità del Software Requisiti Software Requirements Engineering Elicitation dei Requisiti: Tecniche & Tools Specifica dei Requisiti: Tecniche & Tools Qualità dei Requisiti Esperienza con i Requisiti Software Test Finale 1

2 Impatto delle attività di RE Esistono molti studi che testimoniano come la causa dei maggiori problemi in un progetto software è collegabile ai requisiti I difetti software costano all economia USA 59,5 miliardi di $, lo 0,6% del PIL Uno studio dello Standish Group rivela che le principali cause di progetti in difficoltà sono: Carenza di coinvolgimento dell utente (12,8%),, requisiti incompleti (12,3%), requisiti che cambiano (11,8%) Uno studio dell ESI condotto su un campione di 3800 organizzazioni in 17 stati europei mostra come il 50% dei problemi è relativo all area della specifica dei requisiti Un recente studio (2002) su 12 aziende software UK mostra che i soli problemi dovuti ai requisiti rappresentano il 48% del totale Un studio di B. Bohem mostra che, dato 1$ il costo della soluzione di un errore nella fase di definizione dei requisiti, tale costo diventa 200 5$ nella fase di design, 10$ in quella di codifica, $ nel testing $ dopo la delivery 50 0 req. design coding testing after-del. Requirements Engineering (RE) Definizione: processo che include tutte le attività per creare e mantenere un documento di requisiti. Le attività di base del RE sono: Studio di fattibilità del sistema Elicitation e analisi dei requisiti Specifica e documentazione dei requisiti Validazione dei requisiti [Sommerville 2001] Definizione: processo che, a livello di progetto, raccoglie, documenta e gestisce i requisiti per l intera durata del progetto [Aurum, Wohlin 2005] 2

3 Requirements Engineering Principali fasi: Elicitation Studi di fattibilità Specifica modellizzazione Negoziazione Analisi di qualità Analisi dell impatto Prioritizzazione Change management Che cos è un requisito software A feature that the system must have or a constraint it must satisfy to be accepted by the client [Bruegge, Dutoit] 1) a condition or capability needed by a user to solve a problem or achieve an objective 2) a condition or capability that must be met or possessed by a system or system component to satisfy a contract, standard, specification, or other formally imposed documents, A documented representation of a condition or capability as in 1) or2). [IEEE ] 3

4 Classificazioni dei requisiti Funzionali: che cosa il sistema farà Non-funzionali: vincoli sui tipi di soluzioni che verranno sviluppate in conformità ai requisiti funzionali (es. accuratezza, performance, security, modificabilità, ) Goal level: relativi agli obiettivi di business Domain level: relativi all area del problema Product level: relativi al prodotto Design level: che cosa costruire Primari: ottenuti (attraverso l elicitation) dagli stakeholders Derivati: derivati da quelli primari Business vs. tecnici di prodotto vs. di processo: business needs vs. come le persone interagiranno con il sistema Basati sul ruolo: cliente, utente, sistema, security Requirements Engineering Key Points Impatto dei requisiti sul destino di un progetto Attività di base del requirements engineering Requisiti definizione e classificazione 4

5 Elicitation dei Requisiti Definizione: the process of seeking, uncovering, acquiring, and elaborating requirements for computer based systems [Zowghi 2005] Using systematic techniques to proactively identify and document customer and end-user needs [CMMI] Il Processo di Elicitation dei Requisiti Scopo: raccogliere, elaborare e tracciare le esigenze del cliente in evoluzione e i requisiti lungo tutto il ciclo di vita del prodotto e/o servizio in modo da stabilire una baseline di requisiti che serva come base per la definizione dei work product necessari. Risultati attesi: Comprendere il dominio applicativo (i.e. l ambiente dove il sistema opererà) Identificare le fonti (stakeholders, documenti sui sistemi attuali, processi di business, manuali, report, ); Selezionare tecniche, approcci e tool da usare Ottenere i requisiti e le richieste dal cliente e dagli altri stakeholder; Comprendere le aspettative del cliente Trovare un accordo sui requisiti Stabilire una baseline dei requisiti del cliente Gestire i cambiamenti ai requisiti del cliente Definire un meccanismo per le query del cliente WP in input: committment/agreement, change request, customer request, customer requirements WP in output: customer requirements, change control record, analysis report 5

6 Esiste una interpretazione comune? La descrizione del prodotto è corretta? 6

7 Tecniche e tool per l elicitation Interviste Questionari Introspezione Card sorting Brainstorming JAD (Joint Application Development) Requirements workshop Etnografia Prototipazione Approcci Goal-based Scenari/Use Case Viewpoint 7

8 Tecniche e tool per l elicitation (cont.) Interviste: Tecnica tradizionale Molte informazioni in breve tempo Efficacia dipendente dall abilità dell intervistatore Strutturate: Insiemi predeterminati di domande Criticità: quali domande, quando e a chi farle Pros: rigorose e efficaci Contra: limitazione all investigazione di nuove idee Non strutturate: Conversazioni informali dove l intervistatore controlla solo la direzione della discussione Rischio di escludere interi aspetti e di sovrabbondare di dettagli su altri Si adattano bene alla fase esplorativa Tool: Volere: fornisce template per le interviste [Robertson, Robertson (1999) Mastering the requirmeents process, Addison Wesley: UK] Tecniche e tool per l elicitation (cont.) Questionari Domande aperte o chiuse Criticità: glossario condiviso Formulare le domande per evitare il rischio di risposte ridondanti o troppo lunghe Pros: ottenere in breve tempo informazioni da diversi stakeholder Contra: limtazioni sulla profondità delle informazioni raccolte Utili anche come check-list per assicurare di considerare tutti i punti importanti Introspezione All analista viene richiesto di sviluppare i requisiti sulla base do ciò che egli crede gli utenti e gli altri stakeholders vogliono e hanno bisogno Meglio se usata come punto di partenza e insieme ad altre tecniche 8

9 Tecniche e tool per l elicitation (cont.) Card sorting Viene richiesto agli stakeholder di ordinare in gruppi sulla base della propiria comprensione un mazzo di carte sulle quali sono stati riportati i nomi di entità del dominio Si chiede il motivo dell ordinamento fatto Tutte le entità del dominio devo essere incluse nelle carte Necessità di conoscenza del dominio da parte di tutti gli attori coinvolti Tool CRC Brainstorming Meeting dove partecipano rappresentanti di tutti gli stakeholders Discussione informale dove si generano più idee possibile senza focalizzarsi su nessuna di esse e senza scendere nei dettagli Utile per produrre un iniziale misson statement per il progetto e il sistema da realizzare Libero e informale, aiuta a trovare soluzioni nuove e innovative Tecniche e tool per l elicitation (cont.) JAD (Joint Application Development) Meeting fra tutti gli stakeholders ma la discussione verte non solo sui problemi da risolvere ma anche sulle possibili soluzioni a quei problemi Decisioni possono essere prese rapidamente Sessioni strutturate con step, azioni e ruoli definiti Etnografia Studio delle persone nel proprio ambiente naturale. Prevede che l analista partecipi attivamente o passivamente alle normali attività degli utenti su un intervallo temporale ampio per raccogliere informazioni su come essi operano Utili per considerare fattori dipendenti dal contesto come l usabilità e le interazioni fra gli utenti finali Efficace quando il motivo di un nuovo sistema è il risultato di problemi con gli attuali processi e procedure 9

10 Tecniche e tool per l elicitation (cont.) Prototipazione Si forniscono agli stakeholder prototipi del sistema finale per raccogliere informazioni dettagliate e feedback di rilievo. Utile quando si sviluppano interfacce uomomacchina gli stakeholders non hanno familiarità con le soluzioni disponibili Si sviluppano nuovi sistemi per applicazioni del tutto nuove Gli stakoholder sono spinti ad avere un ruolo attivo nello sviluppo dei requisiti Rischio: affezionarsi a un prototipo e non voler andare avanti Approcci goal-based Gli obiettivi di alto livello (high-level goal) che rappresentano gli obiettivi per il sistema sono decomposti (usando le relazioni AND e OR) e elaborati (con domande come e perché ) in sotto-obiettivi che man mano vengono raffinati fino a quando i requisiti sono ottenuti Riesce a rappresentare relazioni dettagliate fra entità del dominio, requisiti e obiettivi del sistema) Rischio: propagazione fino nei requisiti di eventuali errori negli obiettivi di alto livello Tool: F3, KAOS meta- model, framework i* Tecniche e tool per l elicitation (cont.) Scenari / Use Case Molto usati in req. elicitation Sono narrazioni e descrizioni specifiche di processi attuali e futuri che includono azioni e interazioni fra il sistema e l utente Occorre raccogliere tutte lo possibili eccezioni a ciascuno step Tool e tecniche specifiche: CREWS l Ecritoire, The Inquiry Cycle, SBRE, Scenario Plus USE CASE # < the name is the goal as a short active verb phrase> Goal in Context <a longer statement of the goal in context if needed> Scope & Level <what system is being considered black box under design> <one of: Summary, Primary Task, Sub-function> Preconditions <what we expect is already the state of the world> Success End Condition <the state of the world upon successful completion> Failed End Condition <the state of the world if goal abandoned> Primary, Secondary Actors <a role name or description for the primary actor>. <other systems relied upon to accomplish use case> Trigger <the action upon the system that starts the use case> Description Step Action 1 <put here the steps of the scenario from trigger to goal delivery, and any cleanup after> 2 <...> 3 Extensions Step Branching Action 1a <condition causing branching> : <action or name of sub-use case> Sub-Variations Branching Action 1 <list of variations> 10

11 Tecniche e tool per l elicitation (cont.) View point Lo scopo è quello di modellare il dominio da diverse prospettive per sviluppare una descrizione completa consistente del sistema Un sistema può essere descritto in termini della sua operatività, interfacce, implementazione Contra: non permettono di rappresentare facilmente i requisiti non funzionali Troppi viewpoint portano ad una massa di dati non gestibile Tool: VORD (Viewpoint-oriented Requirements Definition) Tecniche vs. attività dell elicitation interviste JAD etnografia prototip. goal-based scenari comprendere il dominio X X X X X X identificare fonti di requisiti X X X X X analizzare gli stakeholder X X X X X X X selezionare tecniche e approcci X X viewpoint eliciting dei requisiti X X X X X X X 11

12 Tecniche complementari e altrenative interviste JAD etnografia prototip. goal-based scenari viewpoint interviste A A A C C C JAD A A C C C C etnografia A A C C A A prototip. A C C C C C goal-based C C C C C C scenari C C A C C A viewpoint C C A C C A Requirements Elicitation Key Points Definizione del processo di Elicitation dei requisiti Tecniche per l elicitation dei requisiti 12

13 Schema del Corso Software Qualità del Software Processo Software Software Project Management Ingegneria del Software Misurare la Qualità del Software Requisiti Software Requirements Engineering Elicitation dei Requisiti: Tecniche & Tools Specifica dei Requisiti: Tecniche & Tools Qualità dei Requisiti in Linguaggio Naturale Esperienza con i Requisiti Software Test Finale Specifica dei Requisiti La prima rappresentazione dei requisiti del cliente è sempre in linguaggio naturale perché per la loro realizzazione devono essere coinvolti diversi stakeholders. Il linguaggio naturale ha il vantaggio di essere comprensibile da tutti ma lo svantaggio di essere intrinsecamente ambiguo. Quando i requisiti necessitano di essere maggiormente dettagliati, possono essere rappresentati in modo più tecnico: Modelli di sistema (UML) Metodi formali Una recente indagine indica che 79% dei documenti di requisiti sono scritti in linguaggio naturale, 16% in linguaggio naturale strutturato e solo i 5% usando linguaggi formalizzati. [Mich 2002] 13

14 La qualità dei requisiti in linguaggio naturale Definiamo un modello di qualità formato dalle caratteristiche di qualità importanti per i requisiti: Correttezza Non ambiguità Completezza Consistenza Importanza Stabilità Verificabilità Modificabilità Tracciabilità Comprensibilità Fattibilità Livello di dettaglio adeguato Caratteristiche di qualità dei requisiti - Definizioni Correttezza: i requisiti che sono implementati devono riflettere il comportamento atteso. Le cose stabilite da un requisito devono essere ritrovate nel sistema finale Non ambiguità: il requisito deve soltanto avere una possibile interpretazione. L ambiguità può dipendere dallo stakeholder Completezza: tutti gli elementi importanti che sono rilevanti per soddisfare l utente devono essere considerati Consistenza: I requisiti devo essere consistenti verso loro stessi e verso i constraint importanti Valutati per importanza: ogni requisito deve essere valutato in termini di importanza, cioè di quanto esso è essenziale per il successo del progetto Stabilità: facilità che un requisito cambi Verificabilità: tutti i requisiti devono essere verificabili, cioè esiste un processo per controllare se il requisito è soddisfatto o no 14

15 Caratteristiche di qualità dei requisiti - Definizioni Modificabilità: tutti i requisiti devono essere modificabili. Fattibilità: tutti i requisiti devono essere implementati con le risorse, la tecnologia e budget. disponibili Giusto livello di dettaglio: l informazione contenuta nel requisito permette di ottenere la giusta comprensione e di iniziare l implementazione La testabilità del software IEEE Standard Glossary La testabilità del software è considerata sia dal punto di vista costruttivo che dei requisiti. (a) the degree to which the system or component facilitates the establishment of a test criteria and the performance of tests to determine whether those criteria have been met. (b) the degree to which a requirement is stated in terms that permit establishment of test design (and subsequently test cases) and execution of tests to determine whether the requirements have been met. 15

16 Requisito testabile Quando un requisito in linguaggio naturale può essere considerato testabile? Eseguire un test significa eseguire una funzione e osservare il verificarsi di un evento. Poiché i requisiti descrivono gli eventi accettabili che un sistema può generare, allora l evento specificato nel requisito deve essere eseguibile e osservabile Definizione di verifiability dello standards IEEE 830 IEEE Recommended Practice for Software Requirements Specifications : there exist some finite cost-effective process [executable] with which a person or machine can check that the software product meets the requirement [observable]. Origini dei problemi di testabilità Cause intra-requisito: dipende da come è scritto il requisito. Per esempio l uso di termini vaghi, imprecisi, frasi troppo complesse e mal strutturate. Cause inter-requisiti: inconsistenze semantiche (contraddizioni) Inconsistenze linguistiche (entità indicate con diverse terminologie, incompletezze, difetti nella struttura del documento dei requisiti requisiti mal posizionati) Cause extra-requisito Non implementabilità tecnica Barriere dovute ai formalismi usati 16

17 Migliorare la testabilità Tecniche Restrittive Tecniche restrittive: si limita il grado di libertà nello scrivere i requisiti per ridurne il grado di ambiguità. Requisiti più precisi ma meno comprensibili Classi di tecniche: Metodi basati su linguaggio naturale semplificato Metodi basati su linguaggio naturale strutturato Approcci basati sugli scenari Metodi basati sul Linguaggio semplificato 1986 Boeing ASD Simplified Technical English Standard di scrittura per documentazione tecnica di manutenzione aerospaziale Vocabolario, grammatica e stile di scrittura Iniziative per la scrittura dei requisiti: Attempt Controlled English (ACE), sottoinsieme dell inglese abbastanzasemplice da evitare ambiguità ma che permette di definre requisiti con lo stesso livello di rigore dei linguaggi di specifica formali Natural Language Processing (NLP) è una tecnica che controlla sui requisiti in linguaggio naturale il rispetto di regole definite come il vocabolario limitato, lo stile di costruzione delle frasi. Ogni frase è valutata con un ambiguity rate Linguaggio strutturato: basato sulla definizione l uso di regole o template per la strutturazione delle descrizioni dei requisiti 17

18 Metodi basati sugli Scenari Uno scenario corrisponde ad una sequenza temporale singola di interazioni fra componenti di un sistema Testing funzionale si può basare sulla riproduzione delle condizioni degli scenari per verificare la conformità del comportamento del sistema Migliorare la testabilità Tecniche Induttive Si parte dall identificazione di problemi diffusi e si definiscono raccomandazioni e linee guida per la stesura dei requisiti Ogni azienda ha le proprie regole per un buono stile di scrittura dei requisiti 18

19 Migliorare la testabilità Tecniche Analitiche Si basano sull analisi dei documenti di requisiti e sulla individuazione dei difetti Basate su tool automatici Tool: QuARS, ARM, LOLITA,TIGER PRO Manuali Formal Inspection Formal Inspection Conosciute dopo un articolo di Fagan (1976) che ha definito e strutturato l attività di revisione di documenti facendola diventare una metodologia Processo di Formal Inspection: Inizio dell ispezione: pianificazione delle risorse e dei tempi Ricerca dei difetti: analisi e report dei difetti trovati Raccolta dei difetti: i difetti vengono discussi e raccolti in una lista definitiva Correzione: viene richiesto agli autori dei documenti di correggere i difetti La fase più critica è la raccolta difetti che è sostenuta da tecniche di Reading 19

20 Reading Techniques L obiettivo è guidare l ispettore nell acquisizione di una comprensione più approfondita del prodotto ispezionato attraverso una serie di passi e procedure Alcune tecniche: Ad hoc: nessun supporto tecnico, solo l esperienza e le conoscenze dell ispettore Basate su check-list: le check-list servono per indicare all ispettore quali argomenti e aspetti specifici andare a considerare quanto legge il documento Basate su scenari: aiutano a concentrarsi su specifici tipi di difetti o proprietà del documento. Valutazione comparativa delle tecniche di miglioramento della testabilità dei requisiti Technique Cause of Poor Testability Intra-req. Inter-req. Extra-req. Analytic Tool based Manual A B C A C B Inductive A B C Simplified NL A C C Restrictive Structured NL B B B Behavioral B A B 20

21 Tecniche linguistiche per l analisi dei requisiti in linguaggio naturale Problemi affrontabili con l uso di tecniche di Natural Language Understanding : Espressiveness: the incorrect understanding of the meaning of the requirements, specifically ambiguities and poor readability. Consistency: the presence of semantic contradictions in the NL requirements documents. Completeness: the lack of necessary information QuARS sentences.txt Syntax Parser Parsed.txt Lexical Analysis Syntactic Analysis Views derivation metrics vague weak optional subjective multiple implicit underspec Logs Indicator-related dictionaries Domain dictionaries Graphics 21

22 Risultati di un rigoroso studio empirico Le performance dell utilizzo di QuARS sono state confrontate con quelle di un revisore esperto Medesimo insieme di documenti analizzati Registrazione dei tempi di review e dei difetti trovati dal tool e dal revisore Risultati: QuaRS ha una numero medio di difetti trovati all ora 32 volte maggiore del revisore Indipendentemente dal tempo QuaRS trova una numero di difetti triplo rispetto al revisore QuARS e il revisore sono complementari: 63% dei difetti trovati dal revisore non sono trovabili da QuARS I falsi positivi possono intaccare i risultati a sfavore di QuARS (se il rapporto fra FP e difetti reali > 6, QuARS è più costoso del revisore) QuARS si dovrebbe usare prima del revisore Requirements Quality Key Points La qualità dei requisiti in linguaggio naturale: definizione delle caratterisitiche Testabilità del software e requisiti testabili Cause di scarsa testabilità dei requisiti Tecniche per il miglioramento della testabilità Un tool per la valutazione della qualità dei requisiti 22

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Unified Process Prof. Agostino Poggi Unified Process Unified Software Development Process (USDP), comunemente chiamato

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto»

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Presentazione per «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Pascal Jansen pascal.jansen@inspearit.com Evento «Agile Project Management» Firenze, 6 Marzo 2013 Agenda Due parole su inspearit

Dettagli

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione Processi (di sviluppo del) software Fase di Analisi dei Requisiti Un processo software descrive le attività (o task) necessarie allo sviluppo di un prodotto software e come queste attività sono collegate

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Metadati e Modellazione. standard P_META

Metadati e Modellazione. standard P_META Metadati e Modellazione Lo standard Parte I ing. Laurent Boch, ing. Roberto Del Pero Rai Centro Ricerche e Innovazione Tecnologica Torino 1. Introduzione 1.1 Scopo dell articolo Questo articolo prosegue

Dettagli

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema Res User Meeting 2014 con la partecipazione di Scriviamo insieme il futuro Paolo Ferrandi Responsabile Tecnico Research for Enterprise Systems Federico Bonelli Engineer Process mining & Optimization Un

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

Ricognizione di alcune Best Practice

Ricognizione di alcune Best Practice Linee guida sulla qualità dei beni e dei servizi ICT per la definizione ed il governo dei contratti della Pubblica Amministrazione Manuale di riferimento Ricognizione di alcune Best Practice applicabili

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

Il ciclo di vita del software

Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Definisce un modello per il software, dalla sua concezione iniziale fino al suo sviluppo completo, al suo rilascio, alla sua successiva evoluzione,

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

GoBus: Progettazione e Sviluppo di un App a Supporto della Mobilità

GoBus: Progettazione e Sviluppo di un App a Supporto della Mobilità GoBus: Progettazione e Sviluppo di un App a Supporto della Mobilità Gemma Catolino, Elisa D Eugenio, Davide De Chiara, Alessandro Longo Dipartimento di Studi e Ricerche Aziendali - Management & Information

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

Il Project management in IS&T L esperienza Alstom

Il Project management in IS&T L esperienza Alstom Il Project management in IS&T L esperienza Alstom Agata Landi Convegno ANIMP 11 Aprile 2014 IL GRUPPO ALSTOM Project management in IS&T L esperienza Alstom 11/4/2014 P 2 Il gruppo Alstom Alstom Thermal

Dettagli

Il Form C cartaceo ed elettronico

Il Form C cartaceo ed elettronico Il Form C cartaceo ed elettronico Giusy Lo Grasso Roma, 9 luglio 2012 Reporting DURANTE IL PROGETTO VENGONO RICHIESTI PERIODIC REPORT entro 60 giorni dalla fine del periodo indicato all Art 4 del GA DELIVERABLES

Dettagli

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ( a cura di Stefania Renna ITIL - IBM) Pag. 1 Alcune immagini contenute in questo documento fanno riferimento a documentazione prodotta da ITIL Intl che ne detiene

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine Portfolio Network Data Center Desktop & MDM ServiceDesk & Asset Active Directory Log &

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Release Management Obiettivi Obiettivo del Release Management è di raggiungere una visione d insieme del cambiamento nei servizi IT e accertarsi che tutti gli aspetti di una release (tecnici e non) siano

Dettagli

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu FRAUD MANAGEMENT. COME IDENTIFICARE E COMB BATTERE FRODI PRIMA CHE ACCADANO LE Con una visione sia sui processi di business, sia sui sistemi, Reply è pronta ad offrire soluzioni innovative di Fraud Management,

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Versione 12.6.05 Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche 1 Il contesto del discorso (dalla lezione introduttiva)

Dettagli

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza PROCESS MAPPING (2) Approcci: 2- Identificazione del processo Esaustivo (o dei processi) da analizzare Mappatura a largo spettro (es.: vasta implementazione di un ERP) In relazione al problema ad es. i

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Executive Master in. Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT

Executive Master in. Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT Executive Master in Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT OBIETTIVI Il Master ha l obiettivo di formare executive e professional nella governance dei progetti e dei servizi IT, integrando quelle

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

QUEST La certificazione per le politiche di mobilità urbana. ISIS Istituto di Studi per l Integrazione dei Sistemi MobyDixit Bologna 23.05.

QUEST La certificazione per le politiche di mobilità urbana. ISIS Istituto di Studi per l Integrazione dei Sistemi MobyDixit Bologna 23.05. QUEST La certificazione per le politiche di mobilità urbana ISIS Istituto di Studi per l Integrazione dei Sistemi MobyDixit Bologna 23.05.2013 Il progetto QUEST Gli obiettivi Offrire supporto alle città

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e'

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il continuous improvement ed e' ITIL v3 ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e' giusto che lo applichi anche a se' stessa... Naturalmente una

Dettagli

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki Conférence des Régions Périphériques Maritimes d Europe Conference of Peripheral Maritime Regions of Europe ANALYSIS PARTICIPATION TO THE FP THROUGH A TERRITORIAL AND REGIONAL PERSPECTIVE MEETING WITH

Dettagli

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale DataFix D A T A N O S T O P La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale L a necessità di fornire un adeguato supporto agli utenti di sistemi informatici

Dettagli

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe): SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE Project Management e Information Technology Infrastructure Library (ITIL V3 F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

Dettagli

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento tecnologie innovative Istituto sistemi informativi e networking Specialista ITIL Certificate of Advanced Studies www.supsi.ch/fc

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Energy risk management

Energy risk management Il sistema di supporto alle tue decisioni Energy risk management Un approccio orientato agli attori M.B.I. Srl, Via Francesco Squartini 7-56121 Pisa, Italia - tel. 050 3870888 - fax. 050 3870808 www.powerschedo.it

Dettagli

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing La best practice ITILv3 nell IT Sourcing Novembre 2009 Indice 1. Introduzione... 4 1.1. Il contesto dell outsourcing... 4 1.2. Le fasi di processo e le strutture di sourcing... 7 1.3. L esigenza di governance...

Dettagli

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tipo: Type: 5 cabine (1 main deck+ 4 lower deck) 5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tessuti: Dedar Fanfara, Paola Lenti Fabrics: Dedar Fanfara,

Dettagli

Cos è l Ingegneria del Software?

Cos è l Ingegneria del Software? Cos è l Ingegneria del Software? Corpus di metodologie e tecniche per la produzione di sistemi software. L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionale che riguarda la produzione sistematica

Dettagli

European ICT Professional Profiles

European ICT Professional Profiles CEN Workshop ICT Skills CWA European ICT Professional Profiles Il presente CEN Workshop Agreement (CWA) definisce un set di profili europei nel settore dell ICT; Usando lo European e-competence Framework

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult Terminologia Ci sono alcuni termini che, a vario titolo, hanno a che fare col tema dell intervento KM ECM BPM E20 Enterprise

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

Indicizzazione terza parte e modello booleano

Indicizzazione terza parte e modello booleano Reperimento dell informazione (IR) - aa 2014-2015 Indicizzazione terza parte e modello booleano Gruppo di ricerca su Sistemi di Gestione delle Informazioni (IMS) Dipartimento di Ingegneria dell Informazione

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone pag. 1 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Introduzione alla Business Intelligence Un fattore critico per la competitività è trasformare la massa di dati prodotti

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE L esperienza e la passione per l ingegneria sono determinanti per la definizione della nostra politica di prodotto,

Dettagli

LICEO STATALE Carlo Montanari

LICEO STATALE Carlo Montanari Classe 1 Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme Gli aggettivi e pronomi possessivi Gli articoli a/an, the Il caso possessivo dei sostantivi

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA Prova Finale GESTIONE DELLA TRANSIZIONE SECONDO LO STANDARD ITIL ITIL SERVICE TRANSITION

Dettagli

Business Process Modeling and Notation e WebML

Business Process Modeling and Notation e WebML Business Process Modeling and Notation e WebML 24 Introduzione I Web Service e BPMN sono standard de facto per l interoperabilità in rete a servizio delle imprese moderne I Web Service sono utilizzati

Dettagli

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari Narrare i gruppi Etnografia dell interazione quotidiana Prospettive cliniche e sociali ISSN: 2281-8960 Narrare i gruppi. Etnografia dell'interazione quotidiana. Prospettive cliniche e sociali è una Rivista

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 AGENDA Introduzione Valutazione dei prodotti Valutazione dell organizzazione per la sicurezza

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1 UBUNTU SERVER Installazione e configurazione di Ubuntu Server M. Cesa 1 Ubuntu Server Scaricare la versione deisiderata dalla pagina ufficiale http://www.ubuntu.com/getubuntu/download-server Selezioniare

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS?

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS? Cos è il BULATS Il Business Language Testing Service (BULATS) è ideato per valutare il livello delle competenze linguistiche dei candidati che hanno necessità di utilizzare un lingua straniera (Inglese,

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli