20 febbraio 2013: - Revisione della schedaa1-b e A1-c e impostazione della scheda A2

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "20 febbraio 2013: - Revisione della schedaa1-b e A1-c e impostazione della scheda A2"

Transcript

1 Denominazione del Corso di Studio: SCIENZE BIOLOGICHE Classe: L-13 Sede: UNIVERSITA DI PISA Gruppo di Riesame: Prof.ssa Isabella Sbrana (Responsabile QA per il CdS e Responsabile del Riesame per il Dipartimento di Biologia) Prof. Alberto Castelli (Presidente del CdS e responsabile QA per il CdSM di Biologia Marina) Dott.ssa Paola Schiffini (Tecnico Amministrativo con funzione di coordinatore dell Unità didattica) Sig.ra Silvia D Amato Avanzi (Rappresentante degli Studenti nel Gruppo di Riesame) Sono stati consultati inoltre: Dott. Gianni Bedini (Responsabile QA per il CdSM di Conservazione ed Evoluzione) Dott. Graziano Di Giuseppe (Responsabile QA per il CdS di Biotecnologie) Dott.ssa Mercedes Garcia Gil (Responsabile QA per il CdSM di Biologia Applicata alla Biomedicina) Prof.ssa Marta Pappalardo (Responsabile QA per il CdS di Scienze Ambientali e Naturali) Dott. Lorenzo Peruzzi (Responsabile QA per il CdS di Scienze Ambientali e Naturali) Dott.ssa Arianna Tavanti (Responsabile QA per il CdSM di Biotecnologie Molecolari e Industriali) Prof. Robert Vignali (Responsabile QA per il CdSM di Biologia Molecolare e Cellulare) Il Gruppo di Riesame si è riunito, per la discussione degli argomenti riportati nei quadri delle sezioni di questo Rapporto di Riesame, operando come segue: 08 febbraio 2013: Definizione dei criteri di valutazione per la procedura di revisione del corso di studio nel triennio 2009/ / / febbraio 2013: - Scadenze per la presentazione del Rapporto di Riesame - Discussione dati emersi dalla prima analisi, - Impostazione della scheda A1 20 febbraio 2013: - Revisione della schedaa1-b e A1-c e impostazione della scheda A2 27 febbraio 2013: - Revisione della schedaa2-b e A2-c e impostazione della scheda A3 Presentata e discussa in Consiglio del Corso di Studio il e in Consiglio di Dipartimento il Sintesi dell esito della discussione con il Consiglio del Corso di Studio Si riporta la delibera N. 35 del Verbale della Seduta del Consiglio dei Corsi di Studio aggregati in Scienze Biologiche del Il Presidente presenta ai membri del consiglio le modalità con cui sono stati compilati i Rapporti di riesame 2013 per i corsi di laurea afferenti al consiglio e invita la Prof.ssa Sbrana, responsabile della Commissione Valutazione del Consiglio aggregato, Coordinatore delle attività di Riesame per il Dipartimento di Biologia e Responsabile QA di BIO-L a presentare le attività svolte e in particolare quanto riferito a BIO-L. La Prof.ssa Sbrana presenta il Rapporto di Riesame di BIO-L (All. 1) mettendo in evidenza punti di forza e

2 criticità del Corso di laurea e delineando gli interventi correttivi attuabili direttamente dal Consiglio aggregato e dal Dipartimento di Biologia per affrontare le criticità evidenziate; si apre una discussione al termine della quale il Presidente propone di approvare il Rapporto di riesame Il Consiglio approva all unanimità. Si riporta di seguito lo stralcio della delibera N. 62 del Verbale della Seduta del Consiglio del Dipartimento di Biologia del Il Presidente ricorda ai membri del consiglio che i Rapporti di riesame dei singoli corsi di laurea sono stati inviati a tutti i membri del consiglio in data in modo che potessero prenderne visione prima della discussione e che tali rapporti sono stati approvati nei relativi Consigli di Corsi di studio aggregati che si sono tenuti nel giorno 5 marzo u.s. (vedi delibere allegate nn. 8-15). Il Presidente chiede quindi alla Prof. I. Sbrana, Responsabile del riesame per i Corsi di Studio afferenti al Dipartimento, di illustrare i risultati del lavoro del Gruppo di Riesame. La Prof.ssa Sbrana spiega quali sono i dati che sono stati analizzati per redigere i rapporti, come da allegato n. 16 e specifica che il Gruppo del riesame si è riunito quattro volte per definire i criteri di valutazione e discutere i dati. Passa quindi ad illustrare i dati utilizzati per la stesura dei rapporti mettendo in evidenza i punti di forza e di debolezza ed evidenziando le problematiche comuni ai Corsi di studio afferenti al Dipartimento. Si apre una breve discussione inerente a quanto presentato relativa soprattutto alle azioni correttive proposte dai singoli Corsi di studio alla fine della quale il Presidente pone in votazione i Rapporti di riesame. I Rappresentanti degli studenti chiedono che il Rapporto di Riesame di Scienze Biologiche (B IO-L) venga posto in votazione separatamente. OMISSIS Il Presidente chiede al consiglio di pronunciarsi in merito al Rapporto di Riesame di Scienze Biologiche (BIO- L). Il Consiglio approva a maggioranza con l astensione dei rappresentanti degli studenti: Silvia D Amato Avanzi, Marco Conti, Eleonora Mizzoni. I Rappresentanti degli studenti precisano come motivazione dell astensione che vedono con favore l attivazione dei corsi di recupero e l indicazione della costituzione di un corso di ateneo aperto agli studenti esclusi dai test di Medicina e delle Professioni Sanitarie e intenzionati a riprovare i test stessi negli anni successivi, indicati al punto A1-c della scheda di riesame, ma non approvano la definizione di debiti formativi a carico degli studenti anche se correlati con i corsi di recupero. Letto e approvato seduta stante. A1 - L INGRESSO, IL PERCORSO, L USCITA DAL CDS a - RISULTATI DELLE AZIONI CORRETTIVE ADOTTATE IN PRECEDENZA Il punto a della scheda A1 non è richiesto per Riesame Iniziale 2013 b - ANALISI DELLA SITUAZIONE, COMMENTO AI DATI Scheda A1-b Il CdS in Scienze Biologiche (BIO-L) ha registrato nel tempo una variazione considerevole nel numero degli immatricolati, che sono stati 658 nell a.a e, successivamente all introduzione del numero programmato a 350 posti, 260 e 261 rispettivamente negli a.a e La riduzione degli immatricolati a numeri ben inferiori a quelli programmati è un dato comune non solo per i corsi paralleli

3 degli altri atenei, ma anche in generale per tutti i corsi a numero programmato. La presenza di studenti con una buona votazione alla maturità (>=90/100) è intorno al 23% e di studenti provenienti dai licei è intorno al 70%; gli studenti provenienti da fuori regione sono il 32%, con una forte prevalenza di studenti dell Italia meridionale e delle isole. Questi dati testimoniano la buona attrattività del CdS. In tutti e tre le coorti il tasso di uscita è stato consistente (mediamente circa 50%); è da notare però una chiara tendenza alla riduzione ( % per il passaggio al secondo anno, 53-46% per il passaggio al terzo anno), probabile effetto della istituzione del numero programmato. Si registrano prevalentemente trasferimenti ad altri CdS (66% complessivo), indicativi della forte presenza di studenti interessati ai corsi di Medicina e delle professioni sanitarie ma rimasti esclusi ai test di accesso. A tale fenomeno è in gran parte da imputare l elevato numero di studenti inattivi ( % nel primo anno), che al secondo anno risulta dimezzato. I cfu acquisiti dagli studenti attivi sono mediamente 21 al primo anno e 35 al secondo; per la coorte del 2009, unica considerabile, gli studenti fuori corso sono l 81% degli iscritti all ultimo anno di corso; i laureati sono stati 19, di cui 15 in corso, con una votazione media di 107,4. Esiste pertanto un problema di avanzamento delle carriere che, oltre dipendere dalla presenza di studenti interessati a Medicina, sembra legato a una difficoltà generale: nel test di verifica delle conoscenze iniziali del 2009 ed anche nel test selettivo del 2010 e del 2011 una proporzione rilevante di studenti ha infatti realizzato punteggi limitati per la matematica di base, ottenendo debito, e nelle altre materie (biologia, chimica, fisica). La limitata preparazione iniziale può quindi costituire un serio ostacolo al superamento degli esami; in questa situazione la presenza al primo anno di una propedeuticità di cinque corsi per gli esami del secondo anno, istituita per favorire un percorso formativo coordinato e produttivo, può a sua volta incidere producendo ulteriore ritardo della progressione degli studi. Complessivamente l attrattività del CdS verso studenti provenienti da altre regioni e l elevato numero di iscritti, che ha prodotto nel passato un numero di laureati paragonabile a quello dei maggiori atenei, sono punti di forza da salvaguardare. Sono da migliorare gli aspetti riguardanti la preparazione iniziale degli studenti, il numero di studenti inattivi e la progressione delle carriere. c AZIONI CORRETTIVE PROPOSTE versione da utilizzare per il solo Riesame Iniziale 2013 Scheda A1-c 1) Preparazione iniziale degli studenti. Le lacune verificate condizionano pesantemente la capacità degli studenti di superare gli esami con la tempistica programmata e di laurearsi con il giusto bagaglio di conoscenze e competenze. Si prevede di attuare un duplice intervento correttivo diretto agli studenti del primo anno (con conseguenze positive a catena per gli anni successivi): a) fissazione di un debito legato al punteggio totale ottenuto al Test selettivo, cosa che rappresenterà uno stimolo a un maggiore impegno preparatorio su tutte le materi di base; b) alleggerimento del vincolo delle propedeuticità al primo anno, cosa che permetterà agli studenti con maggiori difficoltà di disporre di un po più di tempo per il recupero delle lacune iniziali. Le modifiche suggerite devono essere accompagnate da opportuni strumenti di recupero. Si prevede di intervenire sia a livello di gruppo, con la programmazione di pre-corsi/corsi di sostegno, sia a livello individuale, attraverso la pianificazione dell attività di tutorato. 2)Trasferimenti, studenti inattivi. La criticità osservata è in gran parte imputabile alla specificità dei corsi di Biologia di fungere da serbatoio per l iscrizione di studenti interessati ai corsi a numero chiuso, in prevalenza dell area medica, rimasti esclusi all accesso. Il CdS richiederà all Ateneo di farsi carico del problema attraverso l istituzione di un corso ad hoc per tali studenti intenzionati a riprovare il test.

4 A2 L ESPERIENZA DELLO STUDENTE a RISULTATI DELLE AZIONI CORRETTIVE ADOTTATE IN PRECEDENZA Il punto a della scheda A2 non è richiesto per Riesame Iniziale 2013 b - ANALISI DELLA SITUAZIONE, COMMENTO AI DATI E ALLE SEGNALAZIONI Scheda A2-b Da anni nell ateneo la didattica è valutata dagli studenti tramite questionari riguardanti sia i singoli insegnamenti del CdS che l organizzazione (punteggio da 1(negativo) a 4 (positivo). Per BIO-L nei tre anni dalla sua istituzione le valutazioni sulla didattica frontale sono state molto simili e con orientamento generale positivo. Sono stati considerati positivamente (media >3) e sono punti di forza del CdS: la coerenza tra programma ufficiale e svolgimento dei corsi, il materiale didattico, la chiarezza ed efficacia del docente, il carico di studio in relazione ai crediti assegnati, la chiarezza delle informazioni sulle verifiche, la presenza e puntualità dei docenti alle lezioni e ai ricevimenti. In particolare hanno ottenuto una buona valutazione l interesse per i contenuti dei corsi e il giudizio complessivo sugli insegnamenti (mediamente 3,1). Un giudizio al limite della positività (mediamente 2,5) è invece stato dato alla adeguatezza delle conoscenze iniziali dello studente rispetto a quelle richieste, dato coerente con la limitata preparazione degli studenti al momento del test iniziale (vedi scheda A1-b). Similmente omogenei negli anni ma sostanzialmente più critici sono risultati alcuni aspetti della organizzazione (mediamente < 2,5 che consideriamo aree da migliorare: la tollerabilità del carico di studio complessivo, l organizzazione degli insegnamenti, la disponibilità del calendario di lezioni, di esami e di informazioni sul sito web, la disponibilità della rete informatica, l adeguatezza dei laboratori. La valutazione della accessibilità e adeguatezza delle biblioteche è invece molto migliorata nel tempo. Il giudizio complessivo sulla organizzazione didattica è comunque discreto (2,7). Le criticità evidenziate sono in gran parte indicative delle difficoltà di gestione di un CdS inizialmente infruttuosamente sovraffollato (v. A1-b), ma anche della difficile situazione organizzativa associata alla numerosità complessiva degli studenti (afferenti a tre CdS e cinque CdSM) che utilizzano le stesse aule, laboratori, segreteria. Gli esiti dei questionari sono stati annualmente discussi dal Gruppo di Autovalutazione poi in Commissione didattica e/o Consiglio aggregato dei corsi di Biologia. In seguito a segnalazioni di situazioni critiche il presidente è in alcuni casi intervenuto, ad es. in merito a particolari difficoltà nel superamento degli esami. La commissione Orientamento negli anni passati ha organizzato incontri e laboratori per gli studenti delle scuole medie superiori e la settimana Open week durante la quale gli studenti hanno assistito a lezioni e partecipato a conferenze, eventi interattivi, visite ai laboratori. Un responsabile del programma di mobilità internazionale Erasmus ha gestito l assistenza agli studenti e gli accordi tra unità di ricerca. c AZIONI CORRETTIVE versione da utilizzare per il solo Riesame Iniziale 2013 Scheda A2-c 1) Organizzazione degli insegnamenti, informazioni sul web, calendario di lezioni ed esami. Si prevede di attuare un migliore coordinamento tra i programmi dei corsi, incrementandone la conoscenza e visibilità per gli studenti e il corpo docente attraverso l affidamento diretto a ciascun docente della pubblicazione dei programmi sul sito web del CdS. Il sito web è in fase di riorganizzazione, cosa che produrrà una razionalizzazione dei contenuti e faciliterà il reperimento di informazioni. Potranno essere ottenuti ulteriori miglioramenti attuando modalità di controllo da parte della segreteria didattica sul rispetto da parte del docente della attuazione e della tempistica delle comunicazioni sul sito web (inizio del corso, presentazione del programma, date degli esami etc.).

5 2) Tollerabilità del carico di studio e orientamento in ingresso. Si prevede di incidere positivamente su questo aspetto facendo in modo che gli studenti siano maggiormente consapevoli del carico di lavoro e del metodo di studio che il corso universitario richiede. Sarà pertanto resa più efficace l azione di collegamento con i dirigenti delle scuole medie superiori da cui provengono gli immatricolati del CdS, intrapresa nell ultimo anno dal gruppo di Autovalutazione. L obiettivo è di far si che studenti e professori delle scuole siano maggiormente informati su quali sono le richieste di conoscenze iniziali, i contenuti dei test di selezione, i programmi e l organizzazione dei corsi. A3 L ACCOMPAGNAMENTO AL MONDO DEL LAVORO a - RISULTATI DELLE AZIONI CORRETTIVE ADOTTATE IN PRECEDENZA Il punto a della scheda A3 non è richiesto per Riesame Iniziale 2013 b - ANALISI DELLA SITUAZIONE, COMMENTO AI DATI Scheda A3-b Il CdS BIO-L è un corso di laurea di tipo metodologico con l obiettivo di impartire un ampia preparazione scientifica di base, che trova generalmente il suo naturale completamento in una laurea magistrale; non vi sono al momento statistiche in proposito. Il CdS è in continuazione con i due precedenti corsi di laurea triennali BIM e EBI -dm509, di tipo professionalizzante, istituiti con l obiettivo di impartire conoscenze spendibili sul piano professionale subito dopo la laurea; per questi sono disponibili statistiche di ingresso dei laureati nel mercato del lavoro, ottenute con l indagine del Progetto Stella sui laureati a 12 mesi dalla laurea. I dati, cumulati con quelli degli altri due corsi triennali NAT e AMB -dm509 e quindi riferibili complessivamente ai laureati dell area biologica, indicano un crescente livello di occupazione dal 2008 al 2011: rispettivamente 13%, 15,4%, 20,9% e 27,5%; parallelamente diminuiscono i laureati che continuano lo studio. Sarebbe importante avere dei confronti esterni per comprendere in che misura ciò sia indicativo della cresciuta potenzialità di occupazione in relazione alla formazione acquisita oppure della crescente crisi economica che ha imposto una restrizione al numero delle iscrizioni universitarie anche specialistiche/magistrali. La percentuale di occupati è comunque variabile per le diverse LT, mostrando in ordine decrescente: AMB, NAT, EBI e BIM. Per gli anni 2010 e 2011 sono disponibili indicazioni sulla coerenza tra tipo di occupazione e competenze acquisite durante gli studi; mediamente gli occupati indicano una buona o discreta coerenza nell 30% per AMB, nello 0% per NAT, nel 25% per EBI e 25% per BIM. E da evidenziare che per i CdS citati era previsto un tirocinio formativo realizzabile all esterno dei dipartimenti universitari presso ditte private o enti pubblici e privati con cui sono state stipulate convenzioni o lettere di intenti (vedi elenco strutture esterne, convenzioni e lettere di intenti del Dipartimento di Biologia). Un Comitato di Indirizzo, comprendente docenti e operatori del mondo del lavoro, ha operato con l obiettivo di stabilire dei contatti, discutere obiettivi formativi, acquisire proposte di miglioramento. L azione del C.I. si è dimostrata molto valida e rappresenta un punto di forza del CdS; si consideri in particolare l attività di organizzazione annuale per gli studenti delle scienze biologiche della giornata Infoday di presentazione da parte di operatori pubblici e privati delle possibilità e tipologie di occupazione. Consapevoli della difficile situazione economica consideriamo il monitoraggio degli sbocchi occupazionali come una importante area da migliorare.

6 c AZIONI CORRETTIVE PROPOSTE versione da utilizzare per il solo Riesame Iniziale 2013 Scheda A3-c 1)Sbocchi occupazionali. Anche se per BIO-L non è programmata una attività il tirocinio formativo, è stato stabilito che il corso di Laboratorio di Biologia Sperimentale possa essere svolto presso laboratori esterni ai dipartimenti. Si propone di implementare le relazioni con enti esterni al fine di favorire l occupabilità dei laureati utilizzando al meglio tutti i contatti finora stabiliti nell ambito della ex facoltà di SMFN e dell attuale dipartimento di Biologia. 2)Si propone inoltre di attuare un più diretto e continuo monitoraggio degli sbocchi occupazionali. Sarà riattivato il Progetto Giovani (da verificare in Consiglio) che negli anni passati ha condotto una indagine sui laureati triennali e specialistici ottenendo informazioni più dettagliate sulla effettiva tipologia di occupazione, gli enti/ditte interessati, i commento/giudizi sulla relazione tra progettazione formativa e competenze dei laureati.

20 febbraio 2013: - Revisione della relazione per la scheda A1-b e A1-c e impostazione della relazione per la scheda A2-b

20 febbraio 2013: - Revisione della relazione per la scheda A1-b e A1-c e impostazione della relazione per la scheda A2-b Denominazione del Corso di Studio: Scienze Naturali e Ambientali Classe: L-32 Sede: Università di Pisa Gruppo di Riesame: Prof.ssa. Marta Pappalardo (Docente CdS) Responsabile della QA CdS per il Dipartimento

Dettagli

Rapporto di Riesame Iniziale 2013

Rapporto di Riesame Iniziale 2013 Rapporto di Riesame Iniziale 2013 Corso di laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica Classe LM33 Ingegneria Meccanica Università degli Studi di Cagliari Denominazione del Corso di Studio: Ingegneria Meccanica

Dettagli

SCIENZE E TECNOLOGIE AGROALIMENTARI (STAgAl)

SCIENZE E TECNOLOGIE AGROALIMENTARI (STAgAl) RIESAME DEL CORSO DI LAUREA SCIENZE E TECNOLOGIE AGROALIMENTARI (STAgAl) Classe L-26 Scienze e tecnologie alimentari Denominazione del Corso di Studio: SCIENZE E TECNOLOGIE AGROALIMENTARI (STAgAl) Classe:

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO Rapporto del Riesame iniziale 2013 Corso di Laurea Magistrale in Laurea Magistrale in Chimica Industriale Dipartimento di riferimento: Dipartimento di Chimica Classe: LM-71 Scienze e Tecnologie della Chimica

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA Rapporto di Riesame Iniziale relativo all a.a. 2011/12 Denominazione del Corso di Studio: Scienze Forestali e Ambientali Classe: LM73 Sede: Potenza Gruppo di Riesame:

Dettagli

Rapporto di Riesame Iniziale 2013

Rapporto di Riesame Iniziale 2013 Rapporto di Riesame Iniziale 2013 Denominazione del Corso di Studio: Corso di laurea in Fisioterapia Classe: L/SNT2 Professioni sanitarie della riabilitazione Sede: Cagliari Commissione di Riesame Prof.

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA Rapporto di Riesame Iniziale relativo all a.a. 2011/12 Denominazione del Corso di Studio: Scienze e Tecnologie Alimentari Classe: LM70 Sede: Potenza Indicare chi

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL RAPPORTO ANNUALE DI RIESAME CdS

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL RAPPORTO ANNUALE DI RIESAME CdS Pagina 1 di 6 A1 L INGRESSO, IL PERCORSO, L USCITA DAL CDS a AZIONI CORRETTIVE GIÀ INTRAPRESE ED ESITI In questa sezione vanno illustrati i risultati raggiunti a seguito delle azioni correttive proposte

Dettagli

Nota di accompagnamento ANVUR al primo Rapporto di Riesame

Nota di accompagnamento ANVUR al primo Rapporto di Riesame Nota di accompagnamento ANVUR al primo Rapporto di Riesame Si mette a disposizione degli atenei lo schema del primo Rapporto di Riesame contenente le indicazioni operative e le informazioni che dovrebbero

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

RAPPORTO DI RIESAME 2015

RAPPORTO DI RIESAME 2015 RAPPORTO DI RIESAME 2015 Denominazione del Corso di Laurea Magistrale: Lingue e Letterature Moderne Classe: (LM-37) Lingue e Letterature Moderne Europee e Americane Sede: Università della Calabria Dipartimento

Dettagli

Rapporto di Riesame Iniziale Anno 2015

Rapporto di Riesame Iniziale Anno 2015 Rapporto di Riesame Iniziale Anno 2015 SCUOLA DI SCIENZE AGRARIE, FORESTALI, ALIMENTARI ED AMBIENTALI (SAFE) Denominazione del Corso di Studio : Scienze e Tecnologie Agrarie Classe : LM69 Sede : Potenza

Dettagli

Rapporto di Riesame. Gruppo di Riesame

Rapporto di Riesame. Gruppo di Riesame Rapporto di Riesame Denominazione del Corso di Studio : Laurea Triennale in Matematica Classe : L-35 Sede : Dipartimento di Matematica e Informatica, Università degli Studi di Perugia Primo anno accademico

Dettagli

Il Riesame nei Corsi di laurea delle professioni sanitarie

Il Riesame nei Corsi di laurea delle professioni sanitarie Il Riesame nei Corsi di laurea delle professioni sanitarie Bruno Moncharmont Bologna, 12 settembre 2014 Assicurazione della qualità nell istruzione superiore Dichiarazione di Bologna, 19 giugno 1999 Dichiarazione

Dettagli

Commissione Didattica Paritetica Linee guida per la Relazione Annuale

Commissione Didattica Paritetica Linee guida per la Relazione Annuale Commissione Didattica Paritetica Linee guida per la Relazione Annuale 12 ottobre 2015 1 QUALITA 2 IL PROCESSO AVA DELLA DIDATTICA.. Un circolo virtuoso Programmazione 2 Valutazione Monitoraggio Corso di

Dettagli

1 Elenco a titolo di esempio, dimensione e composizione non obbligatorie, adattare alla realtà dell Ateneo

1 Elenco a titolo di esempio, dimensione e composizione non obbligatorie, adattare alla realtà dell Ateneo Denominazione del Corso di Studio : Tecniche della Riabilitazione psichiatrica Classe : SNT2 Sede Policlinico Bari, Dipartimento di Scienze Mediche di Base, Neuroscienze ed Organi di Senso Primo anno accademico

Dettagli

Presidio Qualità di Ateneo

Presidio Qualità di Ateneo Premessa Le Commissioni Paritetiche di Scuola (CP) previste dal D.Lgs. 19/2012 e dal DM 47/2013 devono redigere annualmente una Relazione che, attingendo dalle SUA-CdS, dai risultati delle rilevazioni

Dettagli

Rapporto Annuale di Riesame 2014 - Scienze Naturali

Rapporto Annuale di Riesame 2014 - Scienze Naturali Rapporto Annuale di Riesame 2014 - Scienze Naturali www.scienzenaturali.unimore.it Denominazione del Corso di Studio: SCIENZE NATURALI Classe : (L-32; D.M.270/04) Sede: Dipartimento di Scienze Chimiche

Dettagli

11/11/2014: discussione sulla organizzazione del rapporto e sua compilazione

11/11/2014: discussione sulla organizzazione del rapporto e sua compilazione Schede tipo per la Redazione dei Rapporti di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : Storia e Civiltà Europee Classe : LM 84 Sede: Potenza, Dipartimento di Scienze Umane Primo anno accademico

Dettagli

Istruzione operativa per la redazione dei Rapporti di Riesame (annuale e ciclico)

Istruzione operativa per la redazione dei Rapporti di Riesame (annuale e ciclico) 2014 Istruzione operativa per la redazione dei Rapporti di Riesame (annuale e ciclico) Presidio di Qualità di Ateneo Università degli Studi della Tuscia Rev. 2 approvata (15 Dicembre 2014) 0 INDICE 1.

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

RAPPORTO DI RIESAME 2015

RAPPORTO DI RIESAME 2015 RAPPORTO DI RIESAME 2015 LAUREA MAGISTRALE IN ECONOMIA E DIRITTO DI IMPRESA Coordinatore del corso Prof. Carmelo Intrisano Denominazione del Corso di Studio : ECONOMIA E DIRITTO DI IMPRESA Classe : LM-77

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Chimiche

Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Chimiche Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Chimiche Articolo 1 - Denominazione del Corso e Classe di appartenenza È istituito presso l Università degli Studi della Basilicata il Corso

Dettagli

Barbara Pes Manager didattico Facoltà di Economia. Un analisi dei rendimenti della didattica delle Facoltà: punti di forza e di debolezza*

Barbara Pes Manager didattico Facoltà di Economia. Un analisi dei rendimenti della didattica delle Facoltà: punti di forza e di debolezza* Barbara Pes Manager didattico Facoltà di Economia Un analisi dei rendimenti della didattica delle Facoltà: punti di forza e di debolezza* I Manager didattici hanno il principale obiettivo di facilitare

Dettagli

RAPPORTO DI RIESAME ANNUALE 2015

RAPPORTO DI RIESAME ANNUALE 2015 RAPPORTO DI RIESAME ANNUALE 2015 CORSO DI LAUREA IN CHIMICA (CLASSE L-27) DIPARTIMENTO DI RIFERIMENTO CHIMICA UGO SCHIFF SCUOLA DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Via della Lastruccia 3 50019 Sesto

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Chimica

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Chimica Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Chimica Articolo 1 - Denominazione del Corso e Classe di appartenenza È istituito presso l Università degli Studi della Basilicata il Corso di Laurea in Chimica,

Dettagli

Presentato, discusso e approvato in Consiglio del Corso di Studio in data: 27 Gennaio 2014 delib. n.6

Presentato, discusso e approvato in Consiglio del Corso di Studio in data: 27 Gennaio 2014 delib. n.6 Rapporto annuale di Riesame a.a. 2013/2014 Denominazione del Corso di Studio: CONSULENZA PROFESSIONALE ALLE AZIENDE Classe: LM-77 Sede: Dipartimento di Economia e Management via Ridolfi,10 Pisa Primo anno

Dettagli

Guida alla compilazione del Rapporto di Autovalutazione

Guida alla compilazione del Rapporto di Autovalutazione Roma, gennaio 2011 Guida alla compilazione del Rapporto di Autovalutazione associato al Modello CRUI per l'aq dei CdS universitari di Alfredo Squarzoni GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE

Dettagli

Università degli Studi di SIENA

Università degli Studi di SIENA Page 1 of 6 Università degli Studi di SIENA Relazione del NdV Indicazioni e raccomandazioni home Appendice degli Allegati 4. Descrizione e valutazione delle modalità e dei risultati della rilevazione dell'opinione

Dettagli

Verbale della seduta del Comitato Direttivo CBUI del 06 Giugno 2014

Verbale della seduta del Comitato Direttivo CBUI del 06 Giugno 2014 Verbale della seduta del Comitato Direttivo CBUI del 06 Giugno 2014 Risultano presenti: prof. R. Angelini, prof. G. Antonini, prof. A. Castelli, prof.ssa C. Cioni, prof.ssa M. Crispino, prof.ssa M. I.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA Dipartimento di Chimica, Biologia e Biotecnologie LAUREA IN CHIMICA MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/15 È istituito presso l Università degli Studi di Perugia il Corso

Dettagli

1 Elenco a titolo di esempio, dimensione e composizione non obbligatorie, adattare alla realtà dell Ateneo

1 Elenco a titolo di esempio, dimensione e composizione non obbligatorie, adattare alla realtà dell Ateneo Denominazione del Corso di Studio : Comunicazione linguistica e interculturale - 1323714 Classe: L-12 Sede: Bari, Via Garruba 6/B (Dipartimento di Lettere Lingue Arti. Italianistica e culture comparate)

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia Medicine and Surgery (Classe LM-41 Medicina e Chirurgia)

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia Medicine and Surgery (Classe LM-41 Medicina e Chirurgia) Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia Medicine and Surgery (Classe LM-41 Medicina e Chirurgia) (dall Anno Accademico 2015-2016) Art. 1 Definizioni Ai fini del presente

Dettagli

Presentata e discussa in Consiglio del Corso di Studio il: 04 marzo 2013

Presentata e discussa in Consiglio del Corso di Studio il: 04 marzo 2013 Denominazione del Corso di Studio: Igiene Dentale Classe: L-SNT3_1323438 Sede: Bari Gruppo di Riesame: Prof. Paolo LIVREA (Presidente - Decano del CdS) Responsabile del Riesame Prof. Raffaele CAGIANO (Coordinatore

Dettagli

Rapporto di Riesame - Novembre 2014 Corso di Laurea in Economia e Gestione dei Servizi Turistici Classe L18 Scienze dell economia e della gestione

Rapporto di Riesame - Novembre 2014 Corso di Laurea in Economia e Gestione dei Servizi Turistici Classe L18 Scienze dell economia e della gestione Rapporto di Riesame - Novembre 2014 Corso di Laurea in Economia e Gestione dei Servizi Turistici Classe L18 Scienze dell economia e della gestione aziendale Università degli Studi di Cagliari Facoltà di

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO in Scienze e Tecniche Psicologiche dei Processi Mentali CLASSE L 24, ai SENSI DEL D.M. 270/2004 A.A. 2014-2015 TITOLO I - SCIENZE

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA A.A. 2014-2015

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA A.A. 2014-2015 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA A.A. 2014-2015 REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN Consulenza pedagogica e coordinamento di interventi formativi CLASSE LM- 85 (Scienze pedagogiche) AI SENSI

Dettagli

Quadro dei Titoli Italiani

Quadro dei Titoli Italiani Crediti Formativi Universitari 1 CFU pari 25 ore di lavoro per lo studente 8 ore di lezione frontale oppure 12 ore di laboratorio o esercitazione guidata oppure Quadro dei Titoli Italiani 3+2 Laurea 180

Dettagli

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE. ai fini del sistema AVA sezione 1 parte 4 anno 2014 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA NUCLEO DI VALUTAZIONE

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE. ai fini del sistema AVA sezione 1 parte 4 anno 2014 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA NUCLEO DI VALUTAZIONE RELAZIONE DEL ai fini del sistema AVA sezione 1 parte 4 anno 2014 (ai sensi del D.Lgs. 19/2012 art.12 e 14 e della L.370/99 art.1 c.2) Riunione Nucleo di Valutazione 14/04/2014 Il Nucleo di Valutazione

Dettagli

Docenti tutor Prof. Luigi Anastasia, Dott.ssa Angela Montaruli, Dott.ssa Eliana Roveda, Dott. Roberto Codella, Dott.

Docenti tutor Prof. Luigi Anastasia, Dott.ssa Angela Montaruli, Dott.ssa Eliana Roveda, Dott. Roberto Codella, Dott. UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/15 LAUREA IN SCIENZE MOTORIE, SPORT E SALUTE (Classe L-22) immatricolati dall'a.a. 2014/2015 GENERALITA' Classe di laurea di appartenenza:

Dettagli

NUOVO SITO WEB DEL CORSO DI STUDIO 12/05/2014 1

NUOVO SITO WEB DEL CORSO DI STUDIO 12/05/2014 1 NUOVO SITO WEB DEL CORSO DI STUDIO 1 LA CURA DEL SITO GARANTISCE BUONA COMUNICAZIONE Il sito web del CdS èla finestra comunicativa verso le parti interessate, sia interne che esterne Il Presidente del

Dettagli

Regolamento Didattico del

Regolamento Didattico del Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale in FARMACIA (Classe LM-13 Farmacia e Farmacia Industriale) Approvato nella seduta del Consiglio del Dipartimento di Farmacia del 30/06/2015 Art. 1 -

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL CORSO DI STUDIO TRIENNALE IN «SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE» DM 270/04 RIFORMATO

PRESENTAZIONE DEL CORSO DI STUDIO TRIENNALE IN «SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE» DM 270/04 RIFORMATO PRESENTAZIONE DEL CORSO DI STUDIO TRIENNALE IN «SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE» DM 270/04 RIFORMATO CONSIGLIO DI CORSO DI STUDIO I Consigli di Corso di Studio sono costituiti da tutti i docenti che insegnano

Dettagli

Denominazione del Corso di Studio Classe Sede Primo anno accademico di attivazione: Gruppo di Riesame 18 dicembre 2014, 8 gennaio 2015,

Denominazione del Corso di Studio Classe Sede Primo anno accademico di attivazione: Gruppo di Riesame 18 dicembre 2014, 8 gennaio 2015, Denominazione del Corso di Studio: LINGUE E LETTERATURE MODERNE EUROPEE E AMERICANE Classe: LM-37 Sede: Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Dipartimento di Scienze Umane, Sociali

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE

REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE SEZIONE I - NORME GENERALI E COMUNI CAPO I - DENOMINAZIONE E ORGANI Art. 1 - Denominazione dei corsi di laurea e classi di riferimento Art.

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN BIOLOGIA MOLECOLARE

CORSO DI LAUREA IN BIOLOGIA MOLECOLARE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA DIPARTIMENTO DI BIOSCIENZE CORSO DI LAUREA IN BIOLOGIA MOLECOLARE LAUREA MAGISTRALE CLASSE LM-6 BIOLOGIA ANNO ACCADEMICO 2015-2016 OBIETTIVI FORMATIVI Obiettivi formativi

Dettagli

Tab. 1 Iscritti al test/iscritti/immatricolati. Tab. 2 Provenienza geografica degli immatricolati al 1 anno [n e %]

Tab. 1 Iscritti al test/iscritti/immatricolati. Tab. 2 Provenienza geografica degli immatricolati al 1 anno [n e %] Corso di Studio: Laurea in Ingegneria Edile-Architettura Classe: LM- Architettura e Ingegneria Edile-Architettura Sede: Pavia RAPPORTO DI RIESAME INIZIALE 21 APPENDICE AL RAPPORTO DI RIESAME -21 Tab. 1

Dettagli

Scuola di Scienze e Tecnologie. corso di laurea (I livello) Matematica e applicazioni

Scuola di Scienze e Tecnologie. corso di laurea (I livello) Matematica e applicazioni Scuola di Scienze e Tecnologie corso di laurea (I livello) Matematica e applicazioni L-35 3 anni sede UNICAM: Camerino crediti complessivi da acquisire: 180 www.unicam.mat.it www.sst.unicam.it/sst/ Presentazione

Dettagli

Sono stati consultati inoltre: Collegio docenti CdS

Sono stati consultati inoltre: Collegio docenti CdS Denominazione del Corso di Studio: SCIENZE DEL TURISMO E DEI PATRIMONI CULTURALI (STPC) Classe: LM-49 - Progettazione e gestione dei sistemi turistici Sede: MATERA Gruppo di Riesame: Prof. Emmanuele Curti

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ISTITUZIONE E L ATTIVAZIONE DEI CORSI DI STUDIO AI SENSI DEL D.M. 270/04 OBIETTIVI GENERALI OBIETTIVI SPECIFICI

LINEE GUIDA PER L ISTITUZIONE E L ATTIVAZIONE DEI CORSI DI STUDIO AI SENSI DEL D.M. 270/04 OBIETTIVI GENERALI OBIETTIVI SPECIFICI LINEE GUIDA PER L ISTITUZIONE E L ATTIVAZIONE DEI CORSI DI STUDIO AI SENSI DEL D.M. 270/04 primo livello: OBIETTIVI GENERALI - incrementare il numero dei laureati - ridurre gli abbandoni avvicinando la

Dettagli

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/2015

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/2015 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA DIPARTIMENTO DIIES Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/ 1 Premessa L offerta formativa del DIIES dell Università degli Studi

Dettagli

Regolamento didattico del corso di studio MAGISTRALE in Economia e Management Marittimo Portuale

Regolamento didattico del corso di studio MAGISTRALE in Economia e Management Marittimo Portuale Regolamento didattico del corso di studio MAGISTRALE in Economia e Management Marittimo Portuale Art. 1 Premessa e ambito di competenza Art. 2 Requisiti di ammissione. Modalità di verifica Il presente

Dettagli

Laurea in Ingegneria Civile RELAZIONE ANNUALE. della Commissione Paritetica Docenti Studenti del CdS ANNO 2012

Laurea in Ingegneria Civile RELAZIONE ANNUALE. della Commissione Paritetica Docenti Studenti del CdS ANNO 2012 Università degli Studi di Cagliari Corso di Studi in Ingegneria Civile Laurea in Ingegneria Civile RELAZIONE ANNUALE della Commissione Paritetica Docenti Studenti del CdS ANNO 2012 QUADRO A - Analisi e

Dettagli

DOSSIER. Laurea Magistrale in

DOSSIER. Laurea Magistrale in DOSSIER Laurea Magistrale in Biologia e Tecnologie Cellulari Siti attuali: http://elearning2.uniroma1.it/course/index.p hp?categoryid=640 http://corsidilaurea.uniroma1.it/biologia-etecnologie-cellulari/il-corso

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Regolamento didattico del corso di studio per il conseguimento della laurea in Fisica Art.1 - Norme generali...1 Art.2 - Obiettivi formativi...1 1. Obiettivi specifici del corso...1 2. Risultati di apprendimento

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale Interclasse in e delle Telecomunicazioni Classi di Laurea LM-27 e LM-29 a.a.201-2014 TITOLO I Dati generali ARTICOLO

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE DELLA COMMISSIONE PARITETICA ( CP) DEL DIPARTIMENTO DI MECCANICA, MATEMATICA E MANAGEMENT ( DMMM)

RELAZIONE ANNUALE DELLA COMMISSIONE PARITETICA ( CP) DEL DIPARTIMENTO DI MECCANICA, MATEMATICA E MANAGEMENT ( DMMM) RELAZIONE ANNUALE DELLA COMMISSIONE PARITETICA ( CP) DEL DIPARTIMENTO DI MECCANICA, MATEMATICA E MANAGEMENT ( DMMM) (Approvata nella seduta del 20 DICEMBRE 2013) RELAZIONE ANNUALE DELLA COMMISSIONE PARITETICA

Dettagli

- Università degli Studi di Sassari - Dipartimento di Scienze Biomediche

- Università degli Studi di Sassari - Dipartimento di Scienze Biomediche - Università degli Studi di Sassari - Dipartimento di Scienze Biomediche MANIFESTO DEGLI STUDI - Anno Accademico 2015/2016 Valido per gli studenti immatricolati nell a.a. 2015/2016 Corso di Laurea in SCIENZE

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN FISICA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN FISICA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN FISICA Classe L-30 Scienze e Tecnologie Fisiche Modificato nel settembre 2014 1 Art.1 Norme generali 1. Il Regolamento Didattico

Dettagli

Presidenza Università degli Studi di Milano Dipartimento di Biologia Tel. 0250314788-0250314870 Fax 0250314781 0250314871

Presidenza Università degli Studi di Milano Dipartimento di Biologia Tel. 0250314788-0250314870 Fax 0250314781 0250314871 Collegio dei Biologi delle Università Italiane Presidenza Università degli Studi di Milano Dipartimento di Biologia Tel. 0250314788-0250314870 Fax 0250314781 0250314871 VERBALE DELLA RIUNIONE DEL COMITATO

Dettagli

Rapporto di Riesame Novembre 2014 Struttura e indicazioni i

Rapporto di Riesame Novembre 2014 Struttura e indicazioni i Rapporto di Riesame Novembre 2014 Struttura e indicazioni i operative Nota di metodo Per le sezioni A1, A2 e A3 il quadro Azioni già intraprese ed esiti si documentano le azioni e gli esiti delle stesse,

Dettagli

Master Universitario di II livello. Regolamento didattico

Master Universitario di II livello. Regolamento didattico Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Scienze Farmaceutiche Master Universitario di II livello IN Tecnologie Farmaceutiche e Attività Regolatorie Regolamento didattico ART. 1 - ISTITUZIONE

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE

CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE (Appartenente alla classe di laurea L-2 Biotecnologie) Titolo di ammissione Diploma di maturità. Durata 3 anni Modalità di accesso Il numero massimo di studenti iscrivibili

Dettagli

Decreto n. 65468 (997) Anno 2011. Il Rettore

Decreto n. 65468 (997) Anno 2011. Il Rettore Area dei Servizi alla Didattica e alla Ricerca Ufficio Convenzioni e Rapporti con le Istituzioni e con il Territorio Il Rettore Decreto n. 65468 (997) Anno 2011 VISTI gli articoli 16 e 17 del decreto del

Dettagli

Verbale della seduta del Comitato Direttivo CBUI del 10 Ottobre 2013

Verbale della seduta del Comitato Direttivo CBUI del 10 Ottobre 2013 Collegio dei Biologi delle Università Italiane Il Presidente Prof. Giovanni Antonini Verbale della seduta del Comitato Direttivo CBUI del 10 Ottobre 2013 Risultano presenti: prof. G. Antonini, prof. A.

Dettagli

Schede tipo per la Redazione dei Rapporti di Riesame - frontespizio

Schede tipo per la Redazione dei Rapporti di Riesame - frontespizio Schede tipo per la Redazione dei Rapporti di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio :Logopedia Classe :L/SNT2 Sede : Bari Altre eventuali indicazioni utili: Dipartimento di Scienze Mediche

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN Scienze per la formazione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA MANIFESTO DEGLI STUDI DEI CORSI DELLA SCUOLA DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE NATURALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA MANIFESTO DEGLI STUDI DEI CORSI DELLA SCUOLA DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE NATURALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA MANIFESTO DEGLI STUDI DEI CORSI DELLA SCUOLA DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE NATURALI Anno Accademico 2014/2015 Scuola di Scienze MFN Manifesto degli Studi A.A. 2014/2015

Dettagli

Corso di Laurea Specialistica in FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO

Corso di Laurea Specialistica in FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO Corso di Laurea Specialistica in FARMACIA (Classe 14/S Farmacia e Farmacia Industriale) REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1 - Il Corso di Laurea Specialistica in Farmacia afferisce alla Facoltà di Farmacia. Art.

Dettagli

Corso di Laurea Specialistica in INFORMATICA

Corso di Laurea Specialistica in INFORMATICA Corso di Laurea Specialistica in INFORMATICA Finalità Formare laureati specialistici in grado di effettuare la pianificazione, la progettazione, lo sviluppo, la direzione dei lavori, la stima, il collaudo

Dettagli

Preparazione Relazione Annuale

Preparazione Relazione Annuale UNIVERSITA TELEMATICA PEGASO SEMINARIO RIUNIONE CONGIUNTA COMMISSIONE PARITETICA DOCENTI-STUDENTI DIPARTIMENTO SCIENZE UMANE COMMISSIONE PARITETICA DOCENTI-STUDENTI DIPARTIMENTO SCIENZE GIURIDICHE ED ECONOMICHE

Dettagli

Relazione sulle opinioni degli studenti frequentanti sulle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. 73)

Relazione sulle opinioni degli studenti frequentanti sulle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. 73) Relazione sulle opinioni degli studenti frequentanti sulle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. 73) anno accademico 2013/2014 Aprile 2015 Il Nucleo di Valutazione di Ateneo dell

Dettagli

ALLEGATI. laureandi, dei laureati e dei docenti sulla didattica. Schede per la raccolta dell opinione degli studenti, dei

ALLEGATI. laureandi, dei laureati e dei docenti sulla didattica. Schede per la raccolta dell opinione degli studenti, dei Allegato I Allegato II Allegato III Allegato IV Allegato V Allegato VI Allegato VII Allegato VIII Allegato IX Allegato IX bis ALLEGATI Composizione e Requisiti per i Presidi della Qualità Scheda Unica

Dettagli

ALLEGATI. Indicatori e parametri per la valutazione periodica delle. ricerca e delle attività di terza missione

ALLEGATI. Indicatori e parametri per la valutazione periodica delle. ricerca e delle attività di terza missione ALLEGATI Allegato I Allegato II Allegato III Allegato IV Allegato V Allegato VI Allegato VII Allegato VIII Allegato IX Allegato IX bis Allegato X Composizione e Requisiti per i Presidi della Qualità Scheda

Dettagli

Regolamento della prova finale

Regolamento della prova finale UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL MOLISE FACOLTÀ DI SCIENZE UMANE E SOCIALI Corso di Studio in Scienze della Comunicazione Regolamento della prova finale 1. CONSIDERAZIONI GENERALI L esame finale rappresenta

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE A.A. 2014/15

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE A.A. 2014/15 FACOLTA DI INGEGNERIA E ARCHITETTURA Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Civile REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE A.A. 2014/15 SOMMARIO DATI GENERALI... 1 Art. 1 -

Dettagli

Conferenza di Ateneo sulla Didattica La valutazione della qualità della didattica 26 febbraio 2015 Dipartimento di Filosofia Comunicazione Spettacolo

Conferenza di Ateneo sulla Didattica La valutazione della qualità della didattica 26 febbraio 2015 Dipartimento di Filosofia Comunicazione Spettacolo Conferenza di Ateneo sulla Didattica La valutazione della qualità della didattica 26 febbraio 2015 Dipartimento di Filosofia Comunicazione Spettacolo All interno del Dipartimento di Filosofia, Comunicazione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI Facoltà di Economia Corso di Laurea in Economia e Gestione dei Servizi Turistici

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI Facoltà di Economia Corso di Laurea in Economia e Gestione dei Servizi Turistici UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI Facoltà di Economia Corso di Laurea in Economia e Gestione dei Servizi Turistici Il giorno 4 Marzo 2011 alle ore 1.00, presso la sala riunioni al 2 piano dell Istituto

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA Corso di Laurea in Tecnica della Riabilitazione Psichiatrica (Abilitante alla Professione del Tecnico della Riabilitazione Psichiatrica) 1. Aspetti generali e definizione

Dettagli

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in INGEGNERIA BIOMEDICA

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in INGEGNERIA BIOMEDICA Università degli Studi di Firenze Laurea Magistrale in INGEGNERIA BIOMEDICA D.M. 22/10/2004, n. 270 Regolamento didattico - anno accademico 2014/2015 1 Premessa Denominazione del corso Denominazione del

Dettagli

L Ordine degli studi è aggiornato al 15 Luglio 2013 ORDINE DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ECONOMIA, MANAGEMENT E FINANZA (LM-56)

L Ordine degli studi è aggiornato al 15 Luglio 2013 ORDINE DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ECONOMIA, MANAGEMENT E FINANZA (LM-56) L Ordine degli studi è aggiornato al 15 Luglio 2013 ORDINE DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ECONOMIA, MANAGEMENT E FINANZA (LM-56) ANNO ACCADEMICO 2013-2014 La presente pubblicazione ha carattere puramente

Dettagli

CORSO DI MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO in TECNOLOGIE FARMACEUTICHE E ATTIVITA REGOLATORIE

CORSO DI MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO in TECNOLOGIE FARMACEUTICHE E ATTIVITA REGOLATORIE CORSO DI MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO in TECNOLOGIE FARMACEUTICHE E ATTIVITA REGOLATORIE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA IN COLLABORAZIONE CON CONSORZIO INTERUNIVERSITARIO DI TECNOLOGIE FARMACEUTICHE

Dettagli

8. G. DIMAURO...P... 19. G. PANI... 10. A. FARINOLA...P... 21. S. PIZZUTILO... P...

8. G. DIMAURO...P... 19. G. PANI... 10. A. FARINOLA...P... 21. S. PIZZUTILO... P... CONSIGLIO DEI CORSI DI STUDIO IN INFORMATICA DEL 27 APRILE 2009 Il Consiglio dei Corsi di Studio in Informatica convocato per lunedì 27 Aprile 2009, alle ore 11.00 presso la sala Consiglio del Dipartimento

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI Nota: per le modalità concorsuali si prega cortesemente di fare sempre riferimento al Bando di Concorso A. A. 2005-2006 Parte A Informazioni generali Proposta d istituzione

Dettagli

Facoltà: Scienze e Tecnologie

Facoltà: Scienze e Tecnologie Facoltà: Scienze e Tecnologie Sede segreteria studenti: Corso Mazzini 210, 63100 Ascoli Piceno Sportello segreteria studenti a San Benedetto del Tronto Viale Scipioni 6, San Benedetto del Tronto (AP) Tel.:

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO (art. 12 - D.M. 22 ottobre 2004 n. 270)

REGOLAMENTO DIDATTICO (art. 12 - D.M. 22 ottobre 2004 n. 270) U N IVERSITÀ DEGLI STUDI DI P AVIA D IPARTIMENTO DI FISICA REGOLAMENTO DIDATTICO (art. 12 - D.M. 22 ottobre 2004 n. 270) CORSO DI LAUREA IN FISICA Classe L-30 Coorte a.a. 2015/2016 PARTE PRIMA DISPOSIZIONI

Dettagli

VERBALE RIUNIONE COMITATO DI COORDINAMENTO MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN

VERBALE RIUNIONE COMITATO DI COORDINAMENTO MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN VERBALE RIUNIONE COMITATO DI COORDINAMENTO MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN DIDATTICA DELLE SCIENZE PER INSEGNANTI DELLA SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO: UNA FORMAZIONE QUALIFICATA PER

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN. Comunicazione pubblica, digitale e d impresa Public, Digital and business communication

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN. Comunicazione pubblica, digitale e d impresa Public, Digital and business communication UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN Comunicazione pubblica, digitale e Public, Digital and business communication CLASSE LM-59 DELLE LAUREE MAGISTRALI Anno accademico

Dettagli

Area B Percorso formativo

Area B Percorso formativo Area B Percorso formativo Il Corso di Studio deve assicurare agli studenti attività formative che conducano, tramite contenuti, metodi e tempi adeguatamente progettati e pianificati, ai risultati di apprendimento

Dettagli

Articolo 5 Progetto Formativo

Articolo 5 Progetto Formativo REGOLAMENTO DI ATENEO SUI MASTER UNIVERSITARI (emanato con D.R. n. 41 2015, prot. n. 999 I/3 del 19.01.2015) Articolo 1 Ambito del Regolamento 1. In attuazione dell articolo 1, comma 15, della legge 14

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

Relazione sul soddisfacimento dei requisiti necessari dei corsi di studio della Facoltà di Ingegneria. Anno Accademico 2008-2009

Relazione sul soddisfacimento dei requisiti necessari dei corsi di studio della Facoltà di Ingegneria. Anno Accademico 2008-2009 Relazione sul soddisfacimento dei requisiti necessari dei corsi di studio della Facoltà di Ingegneria Anno Accademico 2008-2009 Premessa Con il recente D.M. n. 544/2007, il MiUR ha definito i requisiti

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERFACOLTA IN INFORMAZIONE ED EDITORIA (CLASSE LM-19)

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERFACOLTA IN INFORMAZIONE ED EDITORIA (CLASSE LM-19) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERFACOLTA IN INFORMAZIONE ED EDITORIA (CLASSE LM-19) Art. 1 Premessa ed ambito di competenza. Il presente Regolamento, in conformità allo Statuto

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

IL RETTORE. VISTO il Regolamento Didattico di Ateneo (R.D.A.) emanato con D.R. n. 2440 del 16 luglio 2008 e s.m.i.;

IL RETTORE. VISTO il Regolamento Didattico di Ateneo (R.D.A.) emanato con D.R. n. 2440 del 16 luglio 2008 e s.m.i.; DR/2013/3422 del 28/10/2013 Firmatari: MANFREDI GAETANO U.S.R. IL RETTORE VISTO lo Statuto di Ateneo emanato con Decreto Rettorale n. 2897 del 04.09.2013; VISTO il Decreto Ministeriale 22 ottobre 2004

Dettagli

Corso di laurea triennale in Disegno industriale e multimedia classe L-4 a.a. 2013-2014 Rapporto 2014

Corso di laurea triennale in Disegno industriale e multimedia classe L-4 a.a. 2013-2014 Rapporto 2014 Corso di laurea triennale in Disegno industriale e multimedia classe L-4 a.a. 2013-2014 Rapporto 2014 Direttore del corso: prof.ssa Laura Badalucco Servizio Quality Assurance e gestione banche dati ministeriali

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tre REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI STUDIO DI INGEGNERIA

Università degli Studi di Roma Tre REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI STUDIO DI INGEGNERIA Università degli Studi di Roma Tre REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI STUDIO DI INGEGNERIA SEZIONE I NORME GENERALI E COMUNI CAPO I CORSI DI STUDIO Art. 1 Corsi di Studio (CdS) attivati nel Dipartimento

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI AGRARIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI AGRARIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI AGRARIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN Scienze e Tecnologie Agrarie e degli Alimenti (interclasse L-25 - Scienze e Tecnologie Agrarie

Dettagli

Marketing Management - serale

Marketing Management - serale Marketing Management - serale Master Universitario di primo livello Facoltà di Economia X edizione Anno Accademico 2013/2014 Presentazione La gestione delle relazioni con i mercati è elemento fondamentale

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE MODALITA DI SVOLGIMENTO DELLA PROVA FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DELLA LAUREA E DELLA LAUREA MAGISTRALE

REGOLAMENTO DELLE MODALITA DI SVOLGIMENTO DELLA PROVA FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DELLA LAUREA E DELLA LAUREA MAGISTRALE Allegato al D.R. n 735 del 2 maggio 2006 REGOLAMENTO DELLE MODALITA DI SVOLGIMENTO DELLA PROVA FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DELLA LAUREA E DELLA LAUREA MAGISTRALE 1 CONSIDERAZIONI GENERALI L esame finale

Dettagli