Rapporto annuale Censis

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rapporto annuale Censis"

Transcript

1 Rapporto annuale Censis 2013 sulla situazione sociale del paese

2 Considerazioni generali (pp. IX - XXII del volume)

3 1. Non è mai stato facile negli ultimi decenni interpretare la nostra società, di sua natura complessa e che nel tempo ha subito continui intrecci di innovazione e di regressione. La sfida interpretativa è però diventata in questo 2013 ancora più difficile. Non solo e non tanto per l'affollarsi in esso di vicende così impressive (l'esito tripolare delle elezioni politiche, la elezione-rielezione del Presidente della Repubblica, la compresenza di due pontefici, le primavere arabe, i tentativi di successione generazionale nella politica, ecc.) che avrebbero fatto sostanza di un lustro breve, più che di un lungo anno. Ma anche e specialmente perché nella dialettica sociale e politica degli ultimi mesi si sono imposte tre tematiche (e tre convinzioni) che sembrano onnipotenti nello spiegare la situazione: - la prima è che l'italia è sull'orlo del baratro o dell'abisso; - la seconda è che i pericoli maggiori derivano dal grave stato di instabilità (nazionale o internazionale, economica o politica che sia); - la terza è che non abbiamo classe dirigente adeguata a evitare il pericolo del baratro e a gestire la instabilità, e molti addirittura ritengono che essa non esista affatto. Sono così evidenti queste tre convinzioni che l'opinione pubblica ne fa la base per un'interpretazione facile e per uno sconforto continuato che traspare in ogni commento, sia elitario che popolare. Ma l'abisso non arriva, l'instabilità si ripresenta quotidianamente e la classe dirigente resta sempre inadeguata. Così fra le citate convinzioni si è andato formando un intreccio di diabolica reciproca accentuazione. La classe dirigente, infatti, tende a ricercare la sua legittimazione nell'impegno a dare stabilità al sistema, magari partendo da annunci drammatici, decreti salvifici e complicate manovre che hanno la sola motivazione e il solo effetto di far restare essa stessa la sola titolare della gestione della crisi. Ma non si costruisce nessuna classe dirigente con annunci di catastrofe emessi a ritmo continuo, con continue chiamate all'affanno, con continue affannose proposte di rigore, magari con un continuo atteggiamento pedagogico cui è sottointeso un moralistico pregiudizio nei confronti delle qualità civili della gente. Non si illumina una realtà sociale (fosse pur fatta di materiale scadente, come qualche volta si sottolinea) con questi atteggiamenti; ed è impossibile pensare a un cambiamento. La classe dirigente non può e non vuole uscire dalla implicita ma ambigua scelta di "drammatizzare la crisi per gestire la crisi": una tentazione che peraltro vale per tutti, politici come amministratori pubblici, banchieri come opinionisti. 2. Altrettanto ambigua è la propensione a credere, per alcuni addirittura la certezza, che buona parte dei nostri guai sia dovuta alla instabilità politica e istituzionale, {/CENSIS 21

4 e che quindi sia necessario perseguire, se non imporre, una alta stabilità del sistema (vale per la cultura di governo dell'europa come per l'affezione per elezioni maggioritarie capaci di creare quinquenni di stabile governo). Si tratta di una stabilità vista come valore unificante - addirittura una sorta di "pacificazione" - della vita collettiva, quasi una nostalgia del mare calmo, come immagine di ordinata e obbligata modulazione della esistenza dei vari soggetti sociali. Questa coazione alla stabilità nel momento più critico dell'anno ha portato anche a una tale paura del conflitto da sfociare in una "reinfetazione" delle forze politiche nelle responsabilità del Presidente della Repubblica. Non si è avuta però adeguata coscienza che mare calmo e reinfetazione sono grandi incubatori di disturbi esistenziali e di sistema: la reinfetazione, infatti, riduce nei singoli individui la liberazione e la maturazione delle energie vitali e delle autonomie di responsabilità dei vari soggetti; mentre il mare calmo, apparentemente calmo, è foriero non solo del ponentino romano, ma più spesso di fenomeni violenti ("dal mare nascono le piogge, le tempeste, le trombe d'aria, i maremoti", scriveva Senofane), che sul piano sociale possono essere fenomeni conflittuali senza possibilità di controllo e gestione. 3. Del resto, la coazione alla stabilità non può certamente coprire lo sconforto collettivo di fronte al permanere dei pericoli di catastrofe e della sfiducia in una inadeguata classe dirigente. E viene allora spontaneo domandarsi come si atteggia e si comporta la componente ordinaria della società (di terzo, quarto o quinto "stato" che sia) di fronte a una tale ansiogena situazione. In altri periodi sarebbe scattato il mix fra l'adattamento continuato (spesso il puro galleggiamento) e l'orgoglio di una "società civile" che si proponeva come soggetto di autonoma responsabilità collettiva; ma questa volta del mix citato ha funzionato solo la prima componente, forse con una tentazione di ulteriore acquattamento negli interessi particolari (specie delle imprese e delle famiglie) nella speranza di resistere al baratro. Mentre sempre più in ombra appare la società civile che verosimilmente ha consumato il suo orgoglio in illusorie ambizioni di una superiorità morale utilizzata come strumento politico. Oggi circolano altre e più dure tensioni: il popolo dei girotondi è sostituito, come operatore d'opinione, dai cortei antagonisti, quale che sia il valore che ad essi possiamo attribuire. Così è oggi forse giunta l'ora di non usare più una espressione ("società civile") datata e con declinante forza di identificazione e mobilitazione. 4. È naturale, come si è detto, che in questo progressivo vuoto di classe politica, di società civile e di leadership collettiva, i soggetti della vita quotidiana rischiano di restare in una solitudine senza élite, con il pericolo che si possa dare ragione a chi ha sempre sostenuto che "il popolo italiano è materia inerte, che si muove insieme e in avanti solo quando è illuminato dalla luce di una élite intelligente". Se così fosse sarebbe davvero vicino il baratro, non solo dell'economia, ma anche del disfacimento della struttura stessa della società, magari ^TCENSIS 2

5 accentuato dalla bassa qualità, anzi da una profonda crisi antropologica, delle singole molecole sociali, divenute inerti elementi di moltitudine. Rispetto a questa pessimistica prospettiva interpretativa, riproposta da quasi duecento anni nella cultura di élite, l'unica alternativa è quella di prendere fenomenologicamente atto che comunque milioni di singoli operanti nella vita quotidiana esistono e si comportano in maniera omogenea e tutto sommato coesa. Realismo vuole che si convenga che, al di là di tutti i baratri imminenti, una società italiana esiste e vive come portato storico. "La realtà è", al di là di come a diverso modo ne diamo rappresentazione; e "vive nei processi", non nella progettazione del nuovo che tanto è andata di moda negli ultimi anni. E converrà ripetere, alla luce del primato della realtà e dei processi, che la nostra identità nazionale si è costruita nei processi socio-economici e socio-politici degli ultimi duecento anni, dove i singoli cittadini si sono immersi e sono cresciuti (solo per restare al secondo Dopoguerra, i processi della ricostruzione, dell'emigrazione interna, dell'esplosione dei consumi, dell'industrializzazione di massa, della cetomedizzazione, ecc.). L'Italia di oggi sarà bella o brutta, a seconda degli occhiali con cui la si guarda, ma resta una realtà solida perché non è figlia di idee e di progetti, ma della collettiva partecipazione ai processi storici che l'hanno attraversata. 5. Se ne è avuta la prova negli ultimi anni di grave crisi: parole tante, idee tante, progetti tanti, manovre tante, ma nei fatti abbiamo avuto il dominio, tutto realistico, di un solo processo: quello della sopravvivenza. Esso ha impegnato ogni soggetto economico e sociale, e ha mostrato ancora una volta che la nostra società dà il meglio nei momenti bui, o meglio quando vive intensamente i processi che la storia le propone. Abbiamo fatto tesoro anzitutto di ciò che restava nella cultura collettiva dei valori acquisiti nello sviluppo passato, anche remoto (lo scheletro contadino, l'imprenditorialità artigiana, l'internazionalizzazione su base mercantile, ecc.); abbiamo fatto conto sulla capacità collettiva di cambiare e orientare i propri comportamenti (misura, sobrietà, autocontrollo); e abbiamo sviluppato di conseguenza la propensione a riposizionare interessi e comportamenti (nelle strategie aziendali come in quelle familiari). E su queste tre basi che il Paese ha fatto sopravvivenza rispetto ai tanti pericoli e alle tante paure del periodo, e anche all'insieme degli interventi "rigorosi e pedagogici" che tanto hanno accentuato la fatica del vivere quotidiano e la mancanza di speranza per il futuro. Il crollo atteso da molti non c'è stato, l'estate è stata migliore del previsto, e non fa scandalo che in autunno si siano affacciate autorevoli previsioni di ripresa. Non c'è una diffusa soddisfazione per tutto ciò, ma certo serpeggia una silenziosa constatazione che "ce l'abbiamo fatta". 6. Sarebbe comunque un errore adagiarsi su tale atteggiamento. Si potrebbe infatti correre il pericolo di restare impantanati nell'insieme dei comportamenti adattativi, e talvolta ambigui, con cui abbiamo perseguito la sopravvivenza. {/CENSIS 21

6 Tocca allora a coloro che fanno interpretazione, e che si vedono come sentinelle dell'evenienza, analizzare e rendere esplicito ciò che della sopravvivenza è rimasto nelle fibre intime della vita sociale. Quale tipo di realtà sociale abbiamo di fronte "dopo" la sopravvivenza? A tale proposito occorre avere il coraggio di segnalare due non entusiasmanti orientamenti di psicologia collettiva. In primo luogo, è facile notare che siamo una società più "sciapa" che nel recente passato. L'affanno degli ultimissimi anni ci ha tolto la tensione a vivere "con vigore e fervore" i processi che hanno costituito il nostro sviluppo nella seconda metà del '900. Senza "il fervore del sale", dicevano gli alchimisti, "non si può produrre alcuna mutazione degli elementi": si diventa sciapi, come collettività e forse anche come singoli. E così sembra avvenire in Italia, con la conseguenza di veder circolare troppa accidia, furbizia generalizzata, disabitudine al lavoro, immoralismo diffuso, crescente evasione fiscale, disinteresse per le tematiche di governo complessivo del sistema, passiva accettazione della impressiva comunicazione di massa. Ci si ritrae dall'impegno e si perde al tempo stesso il fervore con cui abitualmente abbiamo vissuto per decenni. Senza fervore non si diventa solo sciapi, si diventa anche malcontenti, quasi infelici. Non perché ce lo dicono le classifiche internazionali sulla qualità della vita e sul benessere dei cittadini; ma perché viviamo un grande, inatteso ampliamento delle diseguaglianze sociali. Si è rotto il grande lago della cetomedizzazione, storico perno della agiatezza e della coesione sociale; e sono così saltati i meccanismi di identità sociale; con un malcontento che è spesso rancoroso, perché non viene da motivi identitari (come avviene ad esempio in Francia, con il declino dell'orgoglio di grande nazione), ma viene dalla crisi delle precedenti collocazioni sociali e configurazioni identitarie di individui e ceti. Troppa gente non cresce, ma declina nella scala sociale; e da ciò nasce un sottile scontento, che peraltro non riesce neppure ad aggregarsi in tensioni collettive, ma resta come diffusa, inerte infelicità, spesso anche individuale. 7. "Sciapa e malcontenta" sarebbe una invitante interpretazione, capace anche di facile impressività per la comunicazione mediatica. Ma chi fa interpretazione in profondità non può rinchiudersi nelle formule, anche se impressive, e deve necessariamente guardare in controluce ciò che avviene nella realtà. In particolare, occorre capire se davvero è del tutto scomparso quel fervore che ha fatto da "sale alchemico" a quei tanti mondi vitali che hanno operato come motori dello sviluppo degli ultimi decenni. Non è inutile, in particolare, portare l'analisi su tre fondamentali domande: - quanto fervore di sale esista ancora nei soggetti e nei processi che hanno innervato il nostro modello di sviluppo; - se e dove siano in crescita altri e nuovi meccanismi di emersione di processi e soggetti di sviluppo; {/CENSIS 21

7 - se e come alcune sfide di crescente attualità (si pensi alla riforma del welfare e al processo di digitalizzazione) possano dare luogo all'esplicarsi di nuove energie e responsabilità. 8. Nessuno più di noi, che lo abbiamo conosciuto "dal principio", conosce le debolezze congenite del nostro "capitalismo molecolare", innervato da milioni di comportamenti quotidiani di individui, famiglie e imprese. Ma il modo in cui esso ha gestito la sopravvivenza degli ultimi mesi fa ritenere che possa esprimere ancora un po' di vecchia o nuova vitalità: - il radicamento sulla terra tende a innervare una crescente imprenditorialità nel mondo dell'agricoltura, dell'agroalimentare, dell'agriturismo, dell'enogastronomia, dei vari comparti emergenti della green economy, - lo spirito mercantile si è andato spostando verso una connessione stretta con l'export manifatturiero, con nuove strategie di spendita dei nostri brand di alto e medio rango; - e la vocazione al lavoro individuale (il "fai da te" magari troppo ideologizzato di recente) anima con crescente intensità il comparto artigiano e delle imprese di media serie, sperimentandosi anche sui più moderni campi innovativi, se è vero che si moltiplicano negli ultimi tempi le iniziative di artigianato digitale. È evidente che questi antichi germi, pur attivando nuovi processi, non sono in grado da soli di dare potenza a una più avanzata fase di sviluppo e di fare da traino a un sistema complesso qual è quello italiano; ma lavorarci sopra si può e si deve, con risultati che potrebbero essere più positivi di quelli promessi dalle ambizioni di fare innovazione e modernità che tanto prendono oggi l'opinione pubblica e l'azione di governo. 9. Lavorare si può e si deve anche sui processi che sono ancora allo stadio di lenta emersione. Per andare oltre la sopravvivenza si può pensare di fare conto infatti su quattro interessanti dinamiche: - il consolidarsi di una sempre più attiva responsabilità imprenditoriale femminile (nell'agroalimentare, nel turismo, nel terziario di relazione, ecc.); - l'emergere di una faticata (e non potrebbe essere altrimenti, visti i punti di partenza) soggettività degli stranieri che vivono in Italia, che si esplica sia in termini imprenditoriali (in alcune regioni la percentuale delle aziende gestite da stranieri supera il 10-12%), sia in termini di partecipazione sociale; - la presa in carico di impulsi imprenditoriali da parte del territorio, visto che al tradizionale localismo si va sostituendo una forte carica di immedesimazione fra vita locale e imprese locali (cosa che una volta valeva solo per l'olivetti); {/CENSIS 21

8 - la importanza crescente, e non solo numerica, delle centinaia di migliaia di italiani che studiano e/o lavorano all'estero (sono più di un milione le famiglie che hanno almeno un proprio componente in tale condizione) e che possono essere chiamati non a una banale e rituale invocazione al "ritorno", ma a fare un'italia orizzontalmente operante nella grande platea della globalizzazione. Sono quattro soggetti e processi che hanno una loro forza autonoma, che andrebbe però curata e potenziata con adeguati interventi di incentivazione, che potrebbero dare luogo a una stagione di economia mista che non sia prigioniera della storia passata (grandi imprese private e grandi imprese pubbliche), ma sia capace di integrare e potenziare le energie private oggi in crescita in un complessivo disegno pubblico di valorizzazione della dimensione "micro" e "dal basso" del nostro sistema. 10. In questa auspicabile tensione pubblica a suscitare e sostenere iniziative e vitalità sia individuali che collettive occorre anche domandarsi se non ci siano all'orizzonte grandi processi sociali da sfruttare. In questa prospettiva, due sono i processi da approfondire: uno caratterizzato da dinamiche in corso, l'altro di cui si colgono segnali più deboli ma incoraggianti. a) Il primo è il processo di radicale revisione del nostro welfare. È chiaro a tutti che l'impalcatura che ha caratterizzato quasi tutto il secolo scorso (la totalizzante responsabilizzazione pubblica, il welfare state) è oggi in profonda revisione e in tendenziale ridimensionamento, sia per il carattere sempre meno preciso dei bisogni da coprire, sia e specialmente per la crescente insufficienza delle risorse finanziarie pubbliche. E si moltiplicano le strade alternative di copertura dei bisogni. Così abbiamo: - la crescita del welfare privato, basato sulla crescita dell'impegno finanziario diretto dei singoli e delle famiglie e realizzato attraverso il ricorso alla spesa "di tasca propria" e/o attraverso il ricorso alla copertura assicurativa; - la crescita del welfare comunitario, dove i bisogni sociali sono coperti dall'impegno della comunità locale, che si attua attraverso la spesa degli enti locali, il volontariato, la socializzazione delle singole realtà del territorio; - l'inatteso ritorno di un welfare aziendale, che sembrava un reperto del passato e che tende a coprire bisogni specifici, nati e risolvibili all'interno delle singole imprese; - e anche l'emergere di esperienze di welfare associativo, con il ritorno a logiche mutualistiche (anch'esse fino a poco tempo fa considerate superate) e la responsabilizzazione di associazioni di categoria (specialmente nel mondo del lavoro autonomo). {/CENSIS 21

9 Se il welfare garantito dallo Stato lascia spazio a questi quattro tipi di responsabilità, è possibile che in essi possano svilupparsi nuovi spazi di imprenditorialità e di lavoro sociale, solo che si abbandoni rapidamente la propensione di quanti operano nel settore a fare esclusivo riferimento all'intervento e al finanziamento pubblico. b) Il secondo processo che permette di immaginare l'apertura di nuovi spazi imprenditoriali e di nuove occasioni occupazionali è quello della cosiddetta "economia digitale": dalle reti infrastrutturali di nuova generazione al commercio elettronico, dalla elaborazione intelligente di grandi masse di dati agli applicativi basati sulla localizzazione geografica, dallo sviluppo degli strumenti digitali ai servizi innovativi di comunicazione. Questo processo è stato, da una parte, confinato a una imponente esplosione della sua componente consumistica e a basso valore aggiunto per le nostre imprese; e, dall'altra, mediaticamente affidato a un protagonismo dell'azione pubblica, con la anche troppo enfatizzata "Agenda digitale italiana", che stenta a entrare nel vivo dell'azione amministrativa e a coinvolgere energie private, a tutti i livelli. Se lo Stato sarà capace di fare un passo indietro, rafforzando la sua capacità interna di usare le potenzialità delle reti e dei servizi digitali, senza pretendere di sostituirsi al privato nell'utilizzare web o social network per la promozione del Paese e della sua economia, è probabile che un processo così invasivo come lo sviluppo delle information technologies apra spazi per nuovi operatori privati, singoli come imprese medio-grandi. Se ne vedono i sintomi nella crescita massiccia dei cosiddetti "artigiani digitali" (quasi sempre giovani con una certa aggressività, sia pure soft, come si conviene al settore) e nell'interesse crescente per movimenti di mercato che potrebbero dare luogo a una significativa presenza di nuove aziende private strutturate. Sarebbe un passo avanti anche nel campo delle privatizzazioni, rispetto alla presenza privata nei servizi "a tariffa" per le amministrazioni pubbliche che ha caratterizzato 1'"economia mista" degli ultimi vent'anni. 11. Ma quale filo rosso, quale anima segreta dei vari processi richiamati nei precedenti paragrafi può fare da nuovo motore dello sviluppo? La risposta è riassumibile in un concetto: la connettività. Non si può pensare il futuro dello sviluppo digitale se non lo si vede come progressiva connettività (non banalmente connessione tecnica) fra i soggetti implicati nel processo; non si fa e non si può pensare il futuro del nuovo welfare (comunitario, aziendale, associativo, privato che sia) se non lo si vede come progressiva connettività di comportamenti individuali e collettivi; non si può pensare al futuro dei soggetti "nuovi" della vitalità d'impresa se non lo si constata animato da una connettività crescente di comportamenti e culture individuali e collettive; non si può pensare a una ulteriore potenza del modello che ci ha connotato per decenni, e a cui dobbiamo la sopravvivenza dell'ultimo anno, {/CENSIS 21

10 se non lo si vede animato, nei singoli segmenti prima ancora che nella dinamica complessiva, da una forte carica di connettività, più matura e sottile rispetto all'ormai stanco richiamo alla "coesione sociale" (altra espressione forse da superare). Senza capacità e cultura di connettività, non sarebbero possibili i processi di responsabilità e sviluppo; è la connettività la cifra della necessaria rimodulazione della coesistenza dei soggetti sociali. 12. I dubbi su una tale prospettiva sono tanti e tutti comprensibili. Siamo pur sempre una società a forte impronta di individualismo; di egoismo particolaristico; di resistenza a mettere insieme esistenze e obiettivi; di gusto per la contrapposizione emotiva, almeno sulle grandi questioni nazionali; di scarsa immedesimazione nell'interesse collettivo e nelle istituzioni, che dal perseguimento dell'interesse collettivo traggono ruolo e legittimazione. E non è quindi facile prevedere una progressiva, spontanea accettazione dell'obiettivo e della prassi di una crescente connettività. Eppure la speranza che ciò avvenga non è del tutto irrealistica. Non solo perché di connettività implicita ce ne è già tanta nei vari processi su cui è costruita la nostra società, ma anche e soprattutto perché la crisi antropologica prodotta dalle propensioni sopra citate (dall'individualismo alla contrapposizione emotiva) sembra aver raggiunto il suo apice e sembra destinata a un progressivo superamento. Certo, il primato della lunga deriva che anima il lavoro interpretativo ci richiama alla prudenza nel considerare tale superamento come effetto "da pendolo" più o meno ravvicinato e nell'accettare che la crisi antropologica non si risolve di punto in bianco. Ma va segnalato che i motori di tale crisi vanno perdendo la loro forza di spinta: siamo sempre più stanchi del primato del soggetto e della sua narcisistica onnipotenza; siamo sempre meno convinti che sia fatale degenerare in mucillagine; siamo sempre meno persuasi che il particolarismo, anche quando aiuta a sopravvivere, migliori la qualità della vita; cominciamo a capire che l'indulgere alle contrapposizioni non aiuta a crescere, se non si tramuta in più articolate dinamiche socio-politiche; senza contare che stiamo cominciando a capire che è meglio avere attenzione diffusa al benessere collettivo, piuttosto che farcelo imporre da poteri e parametri a noi esterni. Ci stiamo cioè rendendo conto che il tempo delle pulsioni, talvolta sregolate, è destinato a farci regredire nella civiltà collettiva. Per anni abbiamo pensato che le pulsioni venissero dalla dimensione inconscia della vita e che toccasse ai "poteri della ragione" regolarle, se non reprimerle. Oggi le pulsioni sregolate sono nella realtà sociale (addirittura nei poteri della ragione) ed è l'inconscio collettivo che ci segnala la verità, invero traumatica, dell'esigenza di ordinarle e regolarle; è l'inconscio collettivo che impone la connettività a un sistema in costante tentazione e pericolo di sregolatezza. Trattandosi di un "processo interno ai processi", la connettività è un fenomeno logicamente incardinato e operante dal basso, nella quotidianità delle cose; non è quindi capace di imprimere la propria importanza nelle sfere superiori della {/CENSIS 21

11 vita collettiva, e ancora meno è possibile usarlo come messaggio dall'alto, magari a mo' di slogan, come "sale alchemico" della lenta mutazione in corso. 13. In questa prospettiva, la crescita di connettività tende a propagarsi non verso l'alto, ma in avanti, attraverso una sempre maggiore coesistenza orizzontale di soggetti e comportamenti sociali. Una connettività che lieviti verso l'alto, verso le sfere di responsabilità istituzionale e politica, non avrebbe spazio oggi, forse sarebbe addirittura rifiutata e rimossa. Le strutture istituzionali, quelle che per storia hanno costruito il tessuto connettivo della nazione, stanno subendo una forte regressione di ruolo: non possono fare connettività perché sono crescentemente autoreferenziali e avvitate su se stesse; sono condizionate dagli interessi delle categorie e dei gruppi che le gestiscono; sono avulse dalle dinamiche che dovrebbero regolare; e si sono pericolosamente politicizzate, con il conseguente declino di quella terzietà necessaria per la gestione della dimensione intermedia fra potere e popolo. Non sono più, in altre parole, titolari della connettività del Paese. La connettività verso l'alto meno ancora può lievitare nelle ambizioni della leadership politica, che è più propensa all'enfasi di mobilitazione che al paziente lavoro di discernimento e mediazione necessario per fare connettività, scivolando di conseguenza verso l'antagonismo, la personalizzazione del potere, la vocazione maggioritaria, la sottovalutazione dell'importanza dei diversi percorsi di vitalità, la strumentalizzazione delle istituzioni, la prigionia decisionale in logiche semplificate e rigide (dalla selva dei decreti legge all'uso continuato dei voti di fiducia). Lontano da un impegno di connettività, il primato della politica (se mai ancora esistesse) diventa ogni giorno regressivo, e può succedere che in una società "sciapa" l'unico fervore sia diventato quello dell'antipolitica. 14. Se istituzioni e politica non sembrano in grado di valorizzare, o almeno accettare, la spinta a una crescente connettività nel sistema, non cadiamo nella presunzione che possa ricrearsi una spinta verso i livelli alti di responsabilità: la spinta forte sarà in orizzontale, nei vari sottosistemi di vita collettiva. Se ne è già vista la presenza nei processi che hanno consentito di superare la fase della sopravvivenza, nei processi di emersione di nuovi soggetti imprenditoriali, nel modo in cui i vari soggetti si atteggiano verso le attuali trasformazioni di sistema (revisione del welfare e sviluppo digitale). Ma se ne intuisce la traccia anche in fenomeni e processi più frammentati e poco visibili: si guardi solo nel mondo della rappresentanza degli interessi e si troveranno fenomeni nuovi e interessanti: dalla concentrazione dell'associazionismo datoriale alle reti di nuove professioni, dalle iniziative comuni sulle filiere di business (contratti d'impresa, consorzi, ecc.) al rinsaldarsi del rapporto imprese-territorio. In sintesi, la connettività avanza con la sua dinamica orizzontale, anche se poco compresa dai signori della ragione, ancora in attesa di interventi di grande innovazione che hanno cittadinanza nei loro progetti ma non nella realtà. {/CENSIS 21

12 La realtà, infatti, giorno per giorno viene palesata dalla crescita di connettività, tanto che le stesse antiche caratteristiche sistemiche della nostra società (l'equilibrio fra città e territori circostanti, la natura mista di pubblico e privato nella dinamica economica, la valorizzazione di una molteplicità che non scade a primato della moltitudine) vanno trovando una nuova e più sofisticata alimentazione proprio nella crescente connettività del sistema. A conferma che questa società, se lasciata al suo respiro più spontaneo, produce frutti più positivi di quanto pensino una opinione pubblica impaurita e una leadership politica e amministrativa forse altrettanto impaurita, ma propensa soprattutto a misurarsi sul controllo della capacità di resistenza polmonare di un sistema che ha bisogno (e voglia) di respirare, di tornare a respirare. Sarebbe cosa buona e giusta fargli "tirar fuori il fiato". ^CENSIS io

13 La società italiana al 2013 (pp del volume) La numerazione di tabelle, tavole e figure riproduce quella del testo integrale

14 7. La faticosa tenuta del sistema La messa in sicurezza delle reti familiari Negli ultimi anni le famiglie italiane hanno attuato una ridefinizione profonda della matrice dei consumi, attaccando sprechi ed eccessi in nome di una nuova sobrietà. Il 48,6% degli italiani dichiara di avere mutato intenzionalmente le abitudini alimentari cercando di risparmiare. In sostanza: - il 63,4% sceglie gli alimenti tenendo in maggiore considerazione il prezzo più conveniente; - danno la caccia alle promozioni, con il 76% degli italiani, contro il 43% della media europea, che si dichiara interessato all'acquisto di prodotti promozionali nel punto vendita; - scelgono di più i prodotti a marca commerciale, con oltre il 62% (erano il 59% nel 2012 e il 41% nel 2011) che nell'ultimo anno ne ha aumentato gli acquisti. La scelta del luogo di acquisto è strategica, tanto che decolla il commercio ambulante, con quasi unità in più nel periodo e oltre 25 milioni di italiani (di cui il 78% donne) che vanno al mercato almeno una volta alla settimana; inoltre, il 51% degli italiani (erano il 41% nel 2012) ha aumentato gli acquisti presso gli hard discount e il 24,4% pratica lo shopping online. La necessità di selezionare sta affinando il senso critico anche grazie al web, formidabile moltiplicatore di capacità di scelta. Oltre 18 milioni di italiani sono entrati in contatto con aziende che commercializzano prodotti/servizi tramite strumenti web, dal sito aziendale alla pagina Facebook dell'azienda, ai blog e forum tematici, e altro ancora: di questi, 13,7 milioni lo hanno fatto per trovare informazioni sui prodotti/servizi, quasi 5 milioni per trovare informazioni sull'azienda e oltre 4 milioni per fare confronti con altre aziende e prodotti/servizi. Altri comportamenti razionalizzatori nei consumi sono relativi alla mobilità e al fuori casa, con oltre il 53% di italiani che in ventiquattro mesi ha ridotto gli spostamenti con auto e scooter per risparmiare benzina, con il 68% che ha ridotto le spese per cinema e svago, e con il 45% che ha ridotto o rinunciato negli ultimi dodici mesi al ristorante. Ma i continui cambiamenti (aumento dell'iva prima sì, poi no, poi sì; Imu no, ma Tirse sì; addizionali locali da determinare, ecc.) non consentono alle famiglie consumatrici di effettuare le proprie previsioni di spesa. Soprattutto la pressione fiscale e le spese non derogabili vedono ormai una parte consistente delle famiglie italiane in uno stato di tensione continua, tale da rendere molto diffusa la sensazione di non essere in grado di poter far fronte a spese eccezionali. Per ben il 72,8% delle famiglie ^[ENSIS 15

15 un'improvvisa malattia grave o la necessità di significative riparazioni per la casa o per l'auto sono un serio problema. E lo stesso pagamento di tasse, tributi e bollette mette in difficoltà una quota significativa di italiani (tab. 2). Tab. 2 - Principali difficoltà per le famiglie italiane (vai. %) Far fronte a una spesa improwisa (malattia, abitazione, auto, ecc.) 72,8 Pagare tasse e tributi 24,3 Pagare bollette, rate, assicurazioni 22,6 Pagare rate del mutuo per la casa 6,8 Fonte: indagine Censis, 2013 La reale condizione economica familiare si trova però all'intreccio di reti in cui fluiscono aiuti materiali o informali. Si stimano in poco meno di 8 milioni le famiglie che hanno ricevuto dalle rispettive reti familiari una qualche forma di aiuto negli ultimi dodici mesi, ed è un supporto che coinvolge situazioni diverse come giovani single, famiglie con figli o anziani che vivono soli che hanno bisogno di acquistare assistenza; sempre all'interno delle reti informali, tra le famiglie che non sono riuscite a coprire le spese familiari con il proprio reddito, oltre 1,2 milioni hanno fatto ricorso a prestiti di amici e/o conoscenti. Le reazioni alla crisi del tessuto d'impresa La recessione agisce a tutto campo, portando alla cessazione più di un 1,6 milioni di imprese tra il 2009 e oggi, tuttavia emergono meccanismi conservativi proprio nei settori più colpiti e soprattutto nelle aree più frammentate del sistema produttivo: dal commercio al turismo, dall'artigianato ai servizi professionali, fino al piccolo terziario per le imprese. Nel piccolo commercio, che conta oltre imprese (quindi una parte cospicua dell'intero tessuto produttivo), i negozi di vicinato che operano nell'alimentare, pur essendo stati fortemente spiazzati negli ultimi anni dalla grande distribuzione, hanno registrato comunque un lieve incremento, vicino all' 1% tra il 2009 e la prima metà del Si tratta di poco più di esercizi commerciali, con proposte che spaziano dal biologico all'enogastronomia di qualità o, come accade più di frequente nei centri di medie e grandi dimensioni, con la presenza di cibi etnici o di piccoli esercizi che vengono presi in gestione da stranieri. Non è un caso, peraltro, che negli ultimi tre anni nel commercio al dettaglio il numero di titolari stranieri sia incrementato del 21%, attestandosi a oltre In questa tendenza si inquadra anche l'incremento di attività legate a un commercio più rarefatto, come quello ambulante, cresciuto tra il 2009 e il 2013 quasi dell'8% (passando da operatori a quasi ), e il commercio non in sede fissa e non ambulante, legato prevalentemente a internet e alle vendite a domicilio o tramite i canali televisivi. Gli operatori non in sede fissa sono aumentati del 23% negli ultimi tre anni e mezzo, passando da poco più di unità a quasi (tav. 1). {/CENSIS 21

16 Tav. 1 - Il settore del commercio tra crisi e riposizionamento Il piccolo commercio alimentare si trasforma Descrizione Erano nel 2008, crollati a nel 2009 subito dopo la crisi economica, oggi tornano a essere in leggera crescita attestandosi a poco più di Aumenta il numero delle panetterie, delle piccole rivendite di frutta e verdura, di rivendite di bevande e di negozi alimentari non tradizionali, come quelli di cibi etnici. Diminuisce il numero di macellerie e di prodotti alimentari tradizionali di vicinato Esercizi commerciali e vendite di prodotti biologici in aumento Se il commercio tradizionale si ridimensiona, i'ambuiantato fiorisce Crescono gli operatori del commercio online Le reti dei centri commerciali naturali L'effetto sostituzione generato dai lavoratori immigrati Tra il 2011 e il 2012 i negozi bio in Italia sono aumentati quasi del 5% attestandosi a Tra il 2008 e il 2012 l'incremento è stato dei 14%. Il fenomeno segue l'incremento delie vendite di prodotti biologici in Italia. Nell'ultimo anno le vendite di dolci e snack bio sono aumentate del 22,7%, gli ortofrutticoli freschi dei 14,6%, le uova den'11,2%, la pasta, il riso e il pane dell'8,4% La crisi ha spinto a una diffusione dei negozi ambulanti, che spesso tentano di sostituire i molti esercizi commerciali in sede fissa che chiudono. Gii ambulanti sono attualmente più di , cresciuti quasi deii'8% negli ultimi tre anni. Diminuisce i'ambuiantato alimentare (oltre operatori), ma aumenta quello che tratta prodotti tessili e dell'abbigliamento (oltre operatori) Gii operatori dei commercio online sono quasi , cresciuti dei 20% tra il 2009 e oggi. Il trend segue nuovi stili di consumo che, nonostante la crisi, vanno diffondendosi anche in Italia. Proliferano i siti internet di vendita di prodotti di qualità, daii'enogastronomia ai complementi d'arredo di design Proliferano nei centri urbani di medie e piccole dimensioni e nei centri turistici le aggregazioni di punti vendita sotto forma di centri commerciali naturali. Tra le iniziative più note: la rete di oltre 30 Ccn localizzati nelle province di Roma e Viterbo, con oltre imprese aderenti, la rete dell'area di Massa Marittima con i Ccn di Pietrasanta, Cecina Mare, Ardenza, Borgo e Calci, il distretto commerciale di Bergamo, il Ccn di Cava dei Tirreni, quello di Pescara, la rete deii'amiata in provincia di Grosseto Sembra inarrestabile, nonostante la crisi, la diffusione di piccoli esercizi commerciali gestiti da immigrati. Dal 2009 nel commercio al dettaglio il numero di titolari stranieri è cresciuto dei 21 % e nel commercio all'ingrosso dei 9%. Nei centri urbani medio-grandi proliferano gli esercizi alimentari e di frutta e verdura presi in gestione o aperti da immigrati Fonte: indagine Censis, 2013 A una difesa delle posizioni, negli anni della crisi, va anche ascritta la presenza endemica dell'abusivismo commerciale, che proprio recentemente il Censis ha stimato in occasione della Giornata della legalità indetta da Confcommercio. La quota del commercio abusivo si stima raggiunga il 7,1%, per un totale di circa esercizi commerciali, di cui il 52% in aree pubbliche o aree mercatali e il restante 48% in sede fissa. Particolarmente elevato è l'abusivismo nell'ambulantato, pari al 19,4%, mentre per i negozi è pari al 4,2%. Il giro d'affari sottratto al commercio regolare è stato valutato per il 2012 in 8,8 miliardi di euro. Altrettanto diversificate e cangianti sono le strategie messe in atto da un altro ambito produttivo di tradizione, costituito dal fitto tessuto dell'industria della tradizione italiana. Tra il 2009 e il 2012 le imprese manifatturiere operanti in 55 tra i più rilevanti e consolidati distretti produttivi storici hanno registrato una flessione del 3,8%. Il laniero di Biella, l'orafo di Valenza Po, il calzaturiero di Trani-Barletta, il distretto Verona Moda, le calzature del Brenta hanno registrato riduzioni del numero d'imprese vicine o superiori al 20%. Ma se dal punto di vista strutturale il sistema d'impresa si ridimensiona, le strategie evolvono, consentendo un miglioramento delle performance complessive. In gran parte dei distretti produttivi, infatti, a partire dal 2010 si è registrato un incremento delle esportazioni pari nel primo trimestre del 2013 a un+2,2% (tav. 2). ^CENSIS io

17 Tav. 2 - Riposizionamento e competitività dei distretti produttivi italiani I distretti produttivi I principali distretti industriali italiani si Distretti con maggiore flessione si ridimensionano sono ridimensionati in termini di nume- del numero di imprese : rosità delle imprese e degli occupati. Barletta-Trani -20%, Verona Moda Per 55 dei distretti industriali più noti la -15%; Biella -14%; Manzano -11%; flessione del numero di imprese è sta- Casarano -10% ta del 3,8% tra il 2009 e il 2012, pari a aziende uscite dal mercato L'export distrettuale Dalla fine del 2009 le esportazioni dei Variazione % tendenziale delle resta trainante distretti sono tornate a crescere, seb- esportazioni di 150 distretti produtbene nell'ultimo anno e mezzo i tassi di tivi; +2,6% (I trim. 2012); +1,9% (Il incremento sono piuttosto ridotti trim. 2012); +1,1% (III trim. 2012); +2,7% (IV trim. 2012); +2,2% (I trim. 2013) Migliorano o si mantengono stabili le performance delle imprese distrettuali Nonostante la crisi in atto, la capacità Andamento di alcuni indici di perforcompetitiva delle imprese distrettua- mance delle imprese operanti in 150 li e le loro performance economico- distretti industriali: Roi (2009) 4,0; finanziarie generalmente migliorano. Roi (2011) 4,8; Roe (2009) 1,5; Roe Più solide le strutture di medio-grandi (2011) 2,9; margini operativi netti dimensioni rispetto alle piccole (2009) 3,8; margini operativi netti (2011) 4,3 Fonte: Censis, Intesa Sanpaolo 2. Le soggettualità emergenti Le donne come nuovo ceto borghese produttivo Capacità di resistenza, ma anche di innovazione, di adattamento difensivo, ma anche di rilancio e cambiamento, sono tratti essenziali delle strategie messe in atto in questa lunga e complessa fase di crisi dalle donne attive nel mondo produttivo. Alla fine del secondo trimestre del 2013, le imprese con titolare donna iscritte al Registro delle imprese delle Camere di commercio erano , il 23,6% del totale. Le imprese femminili fanno registrare nell'ultimo anno un significativo saldo positivo (pari a quasi unità in più) e nel confronto con il totale delle imprese la variazione percentuale registrata al 30 giugno 2013 rispetto al 30 giugno 2012 risulta pari a +0,3% contro lo 0,1% complessivo. L'impresa al femminile è un fenomeno piuttosto recente (1'86% di esse è stato costituita dopo il 1990) concentrato nel 28,7% dei casi nel settore del commercio, nel 16,2% in quello dell'agricoltura, nel 9,2% nei servizi di alloggio e di ristorazione, nell'8% nelle attività manifatturiere. Anche le "imprese rosa" sono prevalentemente di piccole dimensioni, quasi il 69% ha meno di 1 addetto (mentre la media nazionale è del 67%) e prevalgono le imprese individuali, pari al 60% del totale, mentre la media nazionale è del 54%. Oltre alla resistenza, ci sono anche segnali di un percorso specifico di innovazione messo in luce da altri importanti indicatori strutturali. L'incremento più significativo nell'ultimo anno analizzato si registra per le società di capitali: unità in più, ^CENSIS io

18 con una crescita dello stock del 4,2%. E cresce anche il numero delle cooperative con titolare donna: 923 imprese in più, con un aumento nel periodo del 3,1% (tab. 5). Tab. 5 - imprese femminili iscritte al Registro delle imprese delle Camere di commercio per classi di natura giuridica: stock, saldo e andamento, giugno 2012-glugno 2013 (v.a. e var. %) Imprese registrate Saldo Var. % Società di capitale ,2 Società di persone ,1 Imprese individuali ,6 Cooperative ,1 Consorzi ,5 Altre forme ,5 Totale ,3 Fonte: elaborazione Censis su dati Unioncamere-lnfoCamere I segnali di vitalità del segmento femminile nel mondo del lavoro giungono anche da altri fronti. E noto che negli anni della crisi la partecipazione delle donne al lavoro ha conosciuto una crescita a fronte del calo che ha colpito i lavoratori maschi: tra questi ultimi gli occupati nel primo semestre del 2013 rispetto alla fine del 2010 sono diminuiti di unità, mentre le donne occupate sono aumentate di Anche dal mondo delle professioni provengono alcuni segnali incoraggianti. Gli incrementi più significativi sul dato dell'incidenza del numero delle donne iscritte agli Ordini e ai Collegi professionali sono relativi non solo alle professioni caratterizzate da una significativa femminilizzazione (prima tra tutte quella degli psicologi, nel cui ambito l'81% è rappresentato da donne). Più in generale, la presenza femminile nel campo del lavoro autonomo fa registrare tra il 2007 e il 2012 un saldo complessivamente positivo pari a +0,9%, una dinamica che lascia trapelare uno scenario ancora più ottimistico se si considera nello specifico la partecipazione delle donne come libere professioniste al mercato del lavoro, una partecipazione che tra il 2007 e il 2012 ha subito un incremento generale del 3,7%. Gli immigrati "volano" sulle ali delvintrapresa La crisi economica ha colpito anche la parte più flessibile e meno strutturata del nostro mercato del lavoro, quella costituita dai lavoratori stranieri. Di fronte alle difficoltà di trovare un lavoro dipendente, costretti a lavorare per rimanere in Italia, gli stranieri si assumono il rischio di aprire nuove imprese. Nel 2012 sono gli imprenditori nati all'estero che lavorano in Italia, con una crescita del 16,5% tra il 2009 e il 2012 e del 4,4% nel solo ultimo anno: tutto questo mentre le imprese gestite dai nostri connazionali diminuiscono del 4,4% nei quattro anni considerati e dell'1,8% nel solo ultimo anno (tab. 9). {/CENSIS 21

19 Tab. 9 - Gli imprenditori di fronte alla crisi: italiani e nati all'estero a confronto, (v.a. e var. %) Var. % Titolari d'impresa italiani ,4-1,8 Titolari d'impresa nati all'estero ,5 4,4 Totale ,3-1,1 Fonte: elaborazione Censis su dati Infocamere Se l'imprenditoria straniera rappresenta 1' 11,7% del totale, in alcuni settori la quota di immigrati è decisamente superiore alla media: è il caso delle costruzioni, dove sono il 21,2% del totale, e del commercio al dettaglio, dove rappresentano il 20%. Quello degli esercizi commerciali è un caso esemplare: di fronte alla crisi che sta colpendo i negozi italiani, che dal 2009 sono diminuiti del 3,3%, gli stranieri hanno trovato la ricetta vincente e sono cresciuti del 21,3% nel comparto al dettaglio (dove gli esercizi commerciali a titolarità straniera sono ) e del 9,1% nel settore dell'ingrosso ( in tutto). Se poi si analizza la situazione a livello locale, in valore assoluto è elevato a Roma con quasi negozi nella provincia e oltre nel capoluogo; ma sono molte le province in cui la presenza supera di gran lunga la media: è il caso, ad esempio, di Pisa, dove i negozi gestiti da immigrati rappresentano il 35,4% del totale, Catanzaro, dove sono il 34,5%, Caserta, dove la quota è del 32,7%, Prato e Pescara, dove supera il 30%. Scendendo ancora al dettaglio comunale, non mancano i territori dove i commercianti stranieri hanno superato gli italiani, o comunque si stanno avvicinando. È singolare come questo avvenga soprattutto al Sud, in aree considerate depresse e prive di altre opportunità imprenditoriali, dove evidentemente gli immigrati sono riusciti comunque a trovare spazi di attività: a Castel Volturno il 73,8% dei negozianti è immigrato, a Lametia Terme il 45,6%, a Caserta il 42,6%. Quanto alla nazionalità dei proprietari degli oltre negozi attivi, oltre sono gestiti da marocchini e più di da cinesi e senegalesi (tab. 10). Tuttavia, la vera novità non è rappresentata dall'impresa straniera di sussistenza, ma dalle aziende che invece in questi anni sono cresciute. Si tratta degli stranieri che lavorano in proprio e hanno dipendenti (italiani e/o stranieri): unità produttive che negli ultimi quattro anni, mentre quelle di italiani diminuivano del 3,6%, sono aumentate del 14,3%. Si tratta soprattutto di artigiani, sono più giovani degli italiani e provengono soprattutto da Cina, Albania e Romania. ^CENSIS io

20 Tab commercianti stranieri, per provincia e comune, 2012 (v.a., vai. % e var. %) Prime 10 province Titolari d'impresa stranieri nel commercio al dettaglio (v.a.) Prime 10 province Titolari d'impresa stranieri nel commercio al dettaglio sul totale titolari nel settore (vai. %) Primi 10 comuni Titolari d'impresa stranieri nel commercio al dettaglio (v.a.) Roma Pisa 35,4 Roma Napoli Catanzaro 34,5 Torino Milano Caserta 32,7 Milano Caserta Prato 30,6 Palermo Torino Pescara 30,5 Napoli Palermo Treviso 29,5 Genova Salerno Caltanissetta 29,4 Catania Lecce Genova 29,0 Cagliari Genova Cagliari 28,7 Lecce Cagliari Milano 27,7 Firenze Italia Italia 20,0 Var. % ,3 Fonte: elaborazione Censis su dati InfoCamere Igiovani, navigatori del nuovo mondo globale Nell'ultimo decennio il numero di cittadini che hanno trasferito la propria residenza all'estero è più che raddoppiato, passando dai circa del 2002 ai del 2012 (+115%). Ma è stato soprattutto nell'ultimo anno che l'incremento dei trasferimenti è stato particolarmente rilevante (+28,8% tra il 2011 e il 2012). Nel 54,1% dei casi, i "cancellati" avevano meno di 35 anni e sono andati ad arricchire le fila già copiose di un'italia oltre confine che ammonta a oltre 4,3 milioni di connazionali. Secondo un'indagine del Censis condotta nell'ottobre del 2013, circa famiglie italiane (il 4,4% del totale) hanno avuto nel corso del 2013 uno o più componenti residenti all'estero per più di tre mesi. A questa quota si aggiunge un altro 1,4% di famiglie in cui uno o più membri stanno progettando la partenza o sono in procinto di trasferirsi. Quasi la metà dei giovani che si trovano all'estero (il 44,8%) vive ormai stabilmente in un altro Paese. Mentre il 13,4% considera temporanea la propria presenza fuori dall'italia, legata a un periodo di formazione o di lavoro. Per un ulteriore 41,8% dei giovani connazionali all'estero il futuro appare ancora tutto da decidere: il 24,7% si trova oltre confine, ma non ha progetti molto precisi sul da farsi, se restare o ritornare; e la stessa incertezza di fondo contraddistingue quanti, pur trovandosi all'estero per un periodo di tempo limitato, si stanno però attivando per restarci (17,1%). Il fatto che una quota così consistente di italiani intenda stabilirsi all'estero è legata in gran parte alle opportunità occupazionali che contraddistinguono altri Paesi rispetto all'italia. A fronte di un 20,4% che si trova all'estero per ragioni formative, i {/CENSIS 21

21 più per seguire master e dottorati (13,3%), la maggioranza (72%) ha un'occupazione, mentre il 5,3% ne sta cercando attivamente una. Tra gli occupati, i più (57,1%) lavorano per aziende o organismi stranieri o internazionali, mentre vi è un 5,7% occupato presso un'impresa o struttura italiana con sedi all'estero. Significativa è anche la quota di lavoratori autonomi (il 9,2% del totale) che hanno un'impresa o svolgono un'attività libero-professionale: segno di come quella che in Italia sta diventando una vera e propria "impresa nell'impresa" - l'avviare un'attività in proprio - all'estero rappresenti forse un obiettivo di più accessibile portata. Chi se ne è andato lo ha fatto per darsi migliori chance di carriera e di crescita professionale: è questo il fattore considerato da ben due intervistati su tre (il 67,9%) determinante nella scelta di trasferirsi. E se la metà (51,4%) indica invece la possibilità concreta di trovare un'occupazione, il 54,3% è stato invece spinto dalla convinzione che solo all'estero si possa sviluppare un progetto di vita e migliorare la qualità del proprio vivere quotidiano. Ma importante per molti è stato anche il desiderio di fare un'esperienza di tipo internazionale, indicato al quarto posto dal 43,2% degli intervistati. Circa un quarto (il 26,5%) dichiara che è stata determinante la voglia di lasciare un Paese in cui non si trovava più bene; per una quota simile ha pesato in modo decisivo il fatto che si fosse presentata una concreta opportunità di lavoro o di formazione da parte di aziende o università. Per alcuni hanno pesato molto le ragioni affettive: il 15,2% si è trasferito per seguire una persona cara e il 12% per vivere al meglio e in piena libertà la propria dimensione di vita sentimentale, senza essere vittima di pregiudizi o atteggiamenti discriminatori, come nel caso di omosessuali o madri single (fig. 10). Fig fattori considerati decisivi nella scelta di andare all'estero (vai %) Migliorare la propria condizione professionale e le chance di carriera Voglia di migliorare la qualità complessiva della vita e poter costruire un progetto di vita Possibilità concreta di trovare un lavoro Voglia di fare un'esperienza internazionale Seguire un percorso formativo di qualità Voglia di lasciare l'italia, in cui non mi trovavo più bene Avere avuto un'opportunità di lavoro o formativa (è stata l'azienda o l'università a proporre il trasferimento) Seguire il/la compagno/a o la famiglia Imparare bene una lingua straniera Possibilità di vivere liberamente la propria vita senza essere giudicati (diritti civili, coppie omosessuali, madri single, ecc.) Andare via di casa Presenza all'estero di altre persone (amici/parenti/colleghi) Imposizioni dall'esterno (trasferimento di lavoro, altro) Fonte: indagine Censis, 2013 {JRCENSIS

22 Quello che al confronto con l'estero appare a loro il difetto più intollerabile dell'italia è l'assenza di meritocrazia a tutti i livelli, denunciata dal 54,9% degli intervistati. Un aspetto che per molti deve avere inciso fortemente sulla stessa scelta di andarsene, vista l'ampia condivisione che emerge su tale punto, prima di altre questioni che pure affliggono l'italia quali il clientelismo e la bassa qualità delle classi dirigenti (indicati dal 44,1%), la scarsa qualità dei servizi (28,7%), la scarsa attenzione per i giovani (28,2%), lo sperpero di denaro pubblico (27,4%). Colpisce anche trovare al terzo posto (lo indica il 34,2%) l'imbarbarimento culturale della gente (fig. 11). Fig problemi dell'italia considerati più intollerabili dai giovani che vivono all'estero (vai. %) L'assenza di meritocrazia a tutti i livelli I clientelismo, la bassa qualità delle classi dirigenti L'imbarbarimento culturale della gente La carenza e la scarsa qualità dei servizi Il trattamento riservato ai giovani Lo sperpero di denaro pubblico La mancanza di senso civico Il provincialismo L'oppressione della burocrazia e del fisco La bassa qualità della vita Il deterioramento delle relazioni umane Fonte: indagine Censis, Spazi semivuoti ed energìe affioranti Per un terziario oltre confine L'industria ha da tempo assimilato l'idea, fondamentale per la sua sopravvivenza ed espansione, che è necessario affrontare la globalizzazione sul suo terreno, cioè quello di conquistare posizioni all'estero. Non altrettanto si può dire della parte più consistente del nostro sistema economico, costituita dal complesso e variegato comparto terziario, che nel suo insieme rappresenta ben il 74% del Pil. L'incidenza del composito insieme dei servizi sul Pil vede l'italia in linea con quanto avviene nei grandi Paesi europei. L'incidenza è in Italia del 73,7% nel consuntivo 2012, in Germania la quota è del 68,7%, in Francia del 79%, nel Regno Unito del 77,9% e in Spagna del 70,6%, per un valore medio del 73,9%. Riclassificando le attività, tuttavia, si nota come l'italia registri un'incidenza maggiore di servizi che per varie ragioni danno minore dinamicità all'economia. La quota sul Pil di attività come l'intermediazione immobiliare, i servizi alla persona e la Pubblica Amministrazione ^[ENSIS 15

23 raggiunge infatti il 21,9% in Italia e il 18,3% nella media ponderata degli altri grandi Paesi europei. Altrettanto vale per il comparto commerciale, del turismo e della logistica, che registra un'incidenza del 20,6% contro una media del 17,9%. Al contrario, nei segmenti più propulsivi legati direttamente o indirettamente ai servizi alle imprese - dalla finanza all'informatica, alla consulenza - la quota italiana sul Pil è del 19,9% contro una media del 23%. Altrettanto vale per un segmento come la formazione e la cultura, dove siamo all'11,3% a fronte di una media del 14,7% (tab. 14). 2.a> o 3 o E E < «18 o > < 2 S E 18 t is S o ;s ti 3 o LLI d) c "O co (O ca E v> V) o e 0) c O CD c: 3 o E 'a to CO <D o -Q <0 a> ti E ICENSIS io

24 Il nostro terziario, quindi, solfre di una composizione troppo tradizionale, più al servizio della famiglia che legata ai grandi processi di trasformazione organizzativa dell'impresa, più sostenuta dalla spesa pubblica che da un'autonoma ricerca di competitività. Se escludiamo l'export di servizi che facciamo in casa, cioè il turismo e i viaggi, nel 2012 l'italia ha venduto all'estero servizi terziari per 38,9 miliardi di euro e ha importato 43 miliardi (fig. 12). Fra i grandi Paesi europei è l'unico a segnare un saldo negativo, per 4,2 miliardi di euro, a fronte del Regno Unito (che ha registrato un surplus di 90 miliardi di euro), la Germania (23,4 miliardi), la Francia (20,6 miliardi) e persino la Spagna (4,8 miliardi). C'è, inoltre, un effetto che determina la bassa crescita: il progressivo allontanamento della nostra produttività da quella delle altre grandi economie europee. Infatti, ci posizioniamo al di sotto della media dell'area dell'euro, visto che per ogni ora lavorata nel terziario in Italia si producono 32 euro, mentre nell'area dell'euro si sale a 36 euro e soprattutto in Germania a 40 euro e in Francia a 45 euro. Così come è stato per l'industria, per il terziario internazionalizzarsi vuol dire crescere dimensionalmente, acquisire una cultura europea o globale, praticare schemi organizzativi avanzati. Fig Esportazioni e importazioni di "altri servizi" (diversi da viaggi e trasporti) nei più significativi Paesi europei, 2012 (v.a. in miliardi di euro) Fonte: elaborazione Censis su dati Eurostat Una logica industriale per la cultura Nell'ultimo anno si è fatto un gran parlare dell'esigenza, per ritornare a crescere, di puntare sulle tante ricchezze, culturali, paesaggistiche e naturalistiche, di cui l'italia dispone. Eppure si ha la sensazione che, malgrado le denunce e gli appelli diffusi, questo continui a restare un obiettivo del tutto marginale nelle scelte della politica. {jfcensis il

25 Nel 2012 l'italia, primo Paese al mondo nella graduatoria dei siti Unesco, presentava una dimensione del settore culturale fortemente contenuta se comparata ad altri Paesi europei. Il numero dei lavoratori ( , pari all'1,3% del totale) coincide con la metà di quello di Regno Unito ( ) e Germania ( ), ed è molto inferiore rispetto a Francia ( ) e Spagna ( ). Anche il valore aggiunto prodotto in Italia di 12 miliardi di euro (contro i 35 miliardi della Germania e i 26 miliardi della Francia) contribuisce solo per 1' 1,1% a quello totale del Paese (meno che negli altri Paesi europei). Mentre in Spagna (+14,7%), Francia (+9,2%), Germania (+4,8%) il valore aggiunto prodotto in ambito culturale è cresciuto significativamente tra il 2007 e il 2012, da noi l'incremento è stato molto debole, pari all'i % (tab. 18). Tab Il valore occupazionale ed economico del settore culturale: confronto tra l'italia e I principali Paesi Ue, 2012 (v.a. in migliaia, miliardi di euro, vai. % e var %) 2012 Incidenza % sul totale Numeri indice (ltalia=100) Var. % Occupati (in migliaia di unità) Germania 670,0 1,6 216,5 10,9 Spagna 409,1 (*) 2,2 132,2 4,3 Francia 555,9 2,1 179,7 6,3 Italia 309,4 1,3 100,0 5,1 Regno Unito 755,0 2,6 244,0 0,7 Valore aggiunto (miliardi di euro) Germania 34,9 1,5 223,4 4,8 Spagna 17,3 (') 1,8 (') 110,8 14,7 Francia 26,7 1,5 170,8 9,2 Italia 15,6 1,1 100,0 1,0 Regno Unito 23,5 ( ) 1.5 (*) 150,3-6,3 (*) I dati si riferiscono al 2011 Fonte: elaborazione Censis su dati Eurostat A impedirne la crescita è la logica di governo del settore e modelli gestionali che ostacolano una maggiore integrazione tra pubblico e privato, e una maggiore responsabilità delle singole istituzioni culturali. Il ruolo del privato continua a essere fortemente penalizzato da un sistema di regole poco favorevole all'introduzione di meccanismi gestionali più efficienti. E il restringimento delle risorse finanziarie disponibili non riesce neppure a garantire la funzione di tutela e di salvaguardia in capo al soggetto pubblico: dal 2004 le risorse del Mibac destinate al programma ordinario di intervento sono andate prosciugandosi, passando da 201 milioni di euro ai 47,6 milioni previsti per il Basti pensare a come finora è stato gestito il parziale ingresso dei privati nella gestione dei musei. Una presenza che ha una storia molto recente ed è sostanzialmente limitata all'ambito dei cosiddetti "servizi aggiuntivi", vale a dire la prenotazione di biglietti, il bookshop, la caffetteria, gli audiolibri, ecc.: servizi che solo dal 1993, grazie alle norme promosse dall'allora ministro Ronchey, possono essere appaltati ^CENSIS io

26 all'esterno. A distanza di vent'anni, l'esito di quella che doveva essere la strada per aprire le nostre istituzioni culturali ai privati è stato abbastanza deludente. Malgrado il fatturato del settore sia aumentato (+50,6% tra il 2001 e il 2011), il volume complessivo dei ricavi resta fortemente cntenuto: 44,5 milioni di euro, di cui 10 milioni relativi a prevendite di biglietti (tab. 20). Tab Performancedei musei e delie aree archeologiche statali (gestione Mibac) e dei principali musei europei, 2011 (v.a. in migliaia e milioni di euro) Visitatori (mgl.) Totale incassi propri (mil. di euro) Di cui: da vendita biglietti (mil. di euro) Di cui: da altre fonti (es. servizi aggiuntivi) Primi 10 siti gestione Mibac per, numero di visitatori Colosseo, Roma ,4 83,5 16,5 Scavi di Pompei (Na) ,2 87,5 12,5 Galleria degli Uffizi, Firenze ,8 43,6 56,4 Galleria dell'accademia, Firenze ,9 59,1 40,9 Castel Sant'Angelo, Roma 981 3,1 100,0 0,0 Museo degli Argenti, Firenze 714 2,4 93,8 6,2 Museo Egizio, Torino 577 4,0 42,3 57,7 Reggia di Caserta 571 2,7 78,4 21,6 Galleria Borghese, Roma 506 4,9 46,1 53,9 Villa d'este, Tivoli 459 2,6 77,7 22,3 Palazzo Pitti, Firenze 406 3,1 63,9 36,1 Totale generale siti a gestione Mibac (a pagamento e gratuiti) ,0 71,2 28,8 Alcuni musei europei Louvre, Parigi ,0 53,2 46,8 British Museum, Londra ,2 7,2 92,8 National Gallery, Londra ,9 28,1 71,9 Musei Vaticani, Città del Vaticano ,3 0,0 100,0 Tate Modem, Londra ,8 12,6 87,4 Centre Pompidou, Parigi ,2 43,3 56,7 Musée d'orsay, Parigi ,2 60,3 39,7 Hermitage, San Pietroburgo ,4 79,9 20,1 Reina Sofia, Madrid ,0 60,0 40,0 Museo del Prado, Madrid ,2 52,7 47,3 Fonte: elaborazioni Censis su fonti varie ^[ENSIS 13

27 z (A Cri Tav. 5 - Fenomeni e opportunità per l'economia del territorio Ambito P roblematica/opportunità Priorità per l'italia Grandi La Commissione europea ha pubblicato nell'ottobre 2013 la carta della nuova rete infrastrutture di centrale Ten-T e dei 9 corriuui principali che formeranno le arterie dei trasporti nel mercato collegamento unico europeo. Ben 4 di questi interessano l'italia. europeo 31,7 miliardi di euro stanziati per i trasporti del quadro finanziario pluriennale che agiranno come "capitale di avviamento" per stimolare ulteriori investimenti da parte degli Stati membri e dei privati Rigenerazione urbana Efficienza energetica Domanda abitativa Fonte; Censis, 2013 Per il periodo di programmazione almeno il 5% dei nuovi fondi Fesr dovrà andare a programmi integrati di sviluppo urbano. Per l'italia si tratta di circa 2 miliardi di euro, considerando il cofinanziamento nazionale In tutta Europa è in corso una drastica riduzione degli incentivi alle rinnovabili, arrivati a livelli ormai insostenibili. Per l'italia hanno superato ormai l'ammontare di 11 miliardi di euro l'anno che pesano sulle bollette di famiglie ed imprese Ancora limitati invece i progressi sul fronte del risparmio energetico, che appare sempre più come una leva fondamentale per una politica energetica che tenga conto maggiormente di costi e benefici degli interventi. In questo ambito un ruolo fondamentale ha l'efficientamento del patrimonio edilizio L'impoverimento del ceto medio e la rigidità del mercato determinano una crescente tensione sul fronte abitativo. Dopo anni, tornano nelle piazze italiane le proteste per la casa (autunno 2013). Crescono gli sfratti per morosità Dal 2007 al 2012 le compravendite sono diminuite del 45%, nel 2013 il calo potrebbe arrivare al 50% ( abitazioni vendute). Ma secondo l'atlante Censis nel 2012 le famiglie che hanno manifestato un'intenzione ad acquistare casa sono state e solo il 53,5% è riuscito a realizzare l'acquisto Concentrare gli interventi su opere attinenti i 4 corridoi di interesse italiano: - il corridoio Baltico-Adriatico, che collegherà Vienna a Ravenna, mettendo in rete i porti adriatici; - il corridoio Mediterraneo, che taglia in orizzontale tutto il Nord Italia, da Torino a Trieste, unendo così la Francia e i Balcani; - il corridoio scandinavo-mediterraneo, che partendo dal Brennero scende fino a Roma e poi a Napoli da cui si biforca, collegando Palermo, da una parte, e Bari, dall'altra; - il corridoio alpino, che prevede il collegamento diretto di Genova e Milano con il confine svizzero Rilanciare ie città del Mezzogiorno attraverso Programmi integrati a scala di area urbana vasta gestititi direttamente dai Comuni e con implicazioni su trasporti, qualità ambientale e sociale dello spazio urbano, tessuto economico locale in termini di impieghi finali gli usi civili incidono per il 32% sul totale dei consumi energetici del nostro Paese (contro il 28% per l'industria, il 30% per i trasporti e il 2% per l'agricoltura). Il potenziale di risparmio è enorme, dato che in Italia due terzi degli edifici sono stati realizzati prima dell'entrata in vigore dei primi provvedimenti sull'efficienza energetica (1976). Gli interventi hanno un loro equilibrio economico-finanziario poiché rilanciano il settore dell'edilizia e dei componenti, generano occupazione e non dipendono dall'import di materie prime Prevedere meccanismi di accumulo di risparmio finalizzati all'acquisto di un'abitazione per le giovani generazioni e meccanismi di locazione con patto di futura vendita Ò 3? ^ Cu C DD ri, 3 u- P O ~ 3 c^ ^ = 3 o P O!/> O < P 'S. o o cc fa V. ci p o [a O O 3 P o O S= P- 3 o 3 I. 3 P O 7T P a M O o o o 3 o 5" V. o o' o P P 3 :. rt> P j p ic 00 P 5 p- = s: 0 n P % a 1 2 s. ^ _, o P - E d o Er 2 3 o o 2. tn- EL o P O Cl. o - => ere < o 2. x o OG 3 o 3 q a 3' «<TQ 5' 3 «P P S o O 3 0Q P g P- P 3 P 3 o =r o 5' o o o 3 O P P S X n P t!. 3 3 pj o C 3 ^ o f o O w = s= o - p IL O p p- = pa O N P o 3 3. 'lì. o è Jv s- s- s r: & ri s tfc Ti Si 3-9 Sì j> a g o "O D] rp

28 Dal 2007 al 2012 le compravendite di abitazioni sono diminuite del 45%, nel 2013 il calo potrebbe arrivare al 50% ( abitazioni vendute). Ma secondo VAtlante Censis della domanda immobiliare nel 2012 le famiglie che hanno manifestato un'intenzione ad acquistare casa sono state e solo il 53,5% è riuscito a realizzare l'acquisto. Del resto, il risparmio delle famiglie consente sempre meno di riprodurre quel meccanismo virtuoso che in passato ha consentito alle famiglie di fare da sé (accumulo di risparmi, mutuo, acquisto della casa). Dal 2007 al 2012 il risparmio netto annuo per famiglia è passato da euro a euro. Bisogna, dunque, prevedere meccanismi di accumulo di risparmio finalizzati all'acquisto di un'abitazione per le giovani generazioni e meccanismi di locazione con patto di futura vendita. La casa, infatti, si ripropone anche come nuova questione sociale emergente e possibile terreno di investimenti dei risparmi familiari da reddito. All'incrocio di queste due esigenze si colloca il crescente interesse per il comparto in affitto, che oggi riguarda il 14,9% delle famiglie italiane, con forti differenze fra nuclei. I nuclei giovani, per ragioni principalmente economiche, sono, infatti, più orientati verso la locazione: raggiungono quasi un quarto degli inquilini con meno di 44 anni: esattamente, il 23,8% (tab. 22). Il profilo delle famiglie in affitto fa emergere con chiarezza caratteri specifici da mettere in relazione con la difficile congiuntura attuale. La parte più rilevante di affittuari è localizzata nel Mezzogiorno (39,2%), mentre dal punto di vista della tipologia insediativa rilevanti sono sia le grandi città, con oltre abitanti (31,4%), che i piccoli comuni (31,3%). La rilevanza sociale è infine segnata dal dato reddituale: ben il 40,8% degli inquilini ha un reddito netto mensile di euro e un ulteriore 44,1% compreso fra e euro (tab. 23). Tab Titolo di godimento dell'abitazione, per età della persona di riferimento (va!. %) Proprietà ( A ) Affitto Totale Fino a 44 anni 76,2 23,8 100,0 Fra 45 e 64 anni 84,8 15,2 100,0 Oltre 65 anni 89,6 11,4 100,0 Totale 85,1 14,9 100,0 (*) Comprende anche usi "ad altro titolo" Fonte: indagine Censis, 2013 ^[ENSIS 15

29 Tab Distribuzione delle famiglie in affitto (va!. %) Per localizzazione geografica Nord-Ovest 27,3 Nord-Est 17,9 Centro 15,6 Sud e isole 39,2 Totale 100,0 Per tipo di comune Fino a abitanti 31, abitanti 15, abitanti 22,3 Oltre abitanti 31,4 Totale 100,0 Per reddito familiare (netto mensile) Fino a euro 40, euro 44, euro 14,5 Oltre euro 0,4 Totale 100,0 Fonte: indagine Censis, 2013 La funzione shock dei grandi eventi internazionali Torna il dibattito sui grandi eventi da ospitare in Italia, proprio mentre cresce nel Paese l'attenzione attorno all'expo universale di Milano che aprirà i battenti il 1 maggio 2015 e, nella attese, dovrebbe portare in sei mesi oltre 20 milioni di visitatori nel capoluogo lombardo. Ma il dibattito sui grandi eventi si rialfaccia anche in relazione all'ipotesi di una candidatura italiana alle Olimpiadi 2024, a fronte di buone chance di una localizzazione europea dopo gli appuntamenti di Rio 2016 e Tokyo In termini di eredità positiva dei grandi eventi va sottolineato come nei casi italiani importanti più recenti, il Giubileo romano, la celebrazione di Genova Capitale europea della cultura 2004 e le Olimpiadi invernali torinesi, il turismo delle rispettive città ne ha beneficiato in modo rilevante non solo nell'anno stesso dell'evento (a Torino addirittura il boom iniziò nei mesi precedenti, all'epoca dello sprint finale del restyling urbano), ma con un effetto di crescita di lungo periodo. Tanto che i valori record dei flussi turistici di quei mesi sono stati poi ampiamente superati. Al di là delle specificità delle diverse tipologie di eventi, resta il fatto che proporsi come sede e come nazione organizzatrice rappresenta per un Paese l'espressione di una forte volontà di rilancio, del desiderio di tornare a crescere. Ma i grandi eventi non servono solo a promuovere l'immagine di un Paese o a realizzare opere pubbliche, più o meno utili. Possono essere occasioni per incrementare la capacità cooperativa degli attori istituzionali e privati, per sviluppare una maggiore capacità di ^CENSIS io

30 z 5 Tav. 6 - Quadro degli eventi già programmati odi possibile svolgimento in Italia nei prossimi anni Expo Universale G8 Summit 2017 Ca aitale europea della cultura 2019 XX).Ili Giochi Olimpici Giubileo un ve sale della Chiesa cattolica 2025 Fonte: Censis Luogo Durata/periodo Nole/caratleristiche M ano, area di 1.7.rr lioni di m^ a nord-ovest delia città (Comuni d Milano e R io) Italia sede da definire Una c'rtà italiana da sceglie e tia 21 can.klature: A? -*a, Ferga no, Cag!'a\ Caserta. Città ditt sa Vali) d Dia o e Cilento. Elio Grosseto e la Wa.em.ra, LAquila, l ecce Mantova. (va'era, Pae ryo. Ke Ligia Assisi. Pisa Ravenna, R'jggo Cilabiia, Sie la. Siracusa e il S Jd-fcs I, Taranto, Urbid-Est no. Venezia co 1 il No Poìsib.'e candidatura di R"ma 0 Milano (la pres3ntazione delle candide - tue ne Ì015. la decisione c'evintivi ne 017) La mignior paite delle celebrazioni si coìcint a a Remi in particolare nere quattro jasiliche maggiori 6 mssi: dal 1 maggio al 31 ottobre 2015 D.e giorni tra giugno 'uglb Un intero anno 1S2 Paesi p.artec pan: e tre o ganizzazioni iritemaz onill. Il ema 'ijutriie i p.a eia, energ'a per a vi a' viene i lustro da 5 padiglioni tematici e da pad gli ani naziona i Vertice dei c ipi d Stato e di Governo di Usa G ap ione, Ge rrania F-anc'a R3gnu Unito. Ital a Canada e Russa Lo svegimento rioi'e ie rilevanti misure di s'cu ezza Du ante l'anno v 3n3 realizza 0 un 'tto piogramma d eventi cu tura i (sul'a tase de 1 progetto vinten e) c e de> vono valoriz-are 'e pscuibrita ce'i'a cit a ediirsdirrost a ziene della s ja c.ea'ivilà 16 giorni, tra luglio e Le O impiadi estive pevedono a partecipaz 0 le di oltre agosto a leti di 200 nazioni e lo s/olgimento di oltre 300 compet zioni Circa un an 10: dal Natale 2 2Dall'Epifania 2025 Numerosissime le celebraz io li dur arte l'anno Santo, con alcuni momenti salienti com3 il Mata'd. la settimana di Pasqua e la Giornata Mondiale della Gioventù in es:ate Q- ^ ^ CD i K -s p P N o" O 3 a FT> CD CD CD s- d P I t K' a P' CD i-i B" P -ì o o -ì o >-f CO CD O a CD i-i a I-I CD a P p -ì CD CD -i CD o p ai o CD >-f CD ai CD. 3 ai s p N o" CD ai Pi tri c x 5 ^ z O CD" 3 3 p. p P ai 3 -a RT> CD SS 0 tri o O o 3 CD -N 73 D) a o o D) TI D) CD

31 Una strategia di nicchia anche per i servizi La bilancia dei pagamenti dei servizi legali e di consulenza e di quelli pubblicitari e di ricerche di mercato presenta un deficit di 2 miliardi di euro (in peggioramento) originato, più che dall'ampiezza del flusso di import (4,8 miliardi di euro, sostanzialmente in linea, tenuto conto delle dimensioni economiche, con quello di altri Paesi europei), dalla modestia di quello dell'export: appena 2,8 miliardi di euro, che collocano l'italia all'ottava posizione tra i Paesi dell'ue, preceduta anche dalla Polonia. Il problema, in questo caso, non è solo l'assenza di imprese di origine nazionale di grandi o medie dimensioni operanti sul mercato internazionale, ma anche la scarsa frequenza dell'utilizzo dell'italia come localizzazione di attività sovranazio- Ma tra il 2009 e il 2012 l'export italiano dei servizi di ingegneria, architettura e altre consulenze tecniche è stato protagonista di una crescita impressiva, risalendo da meno di 1 miliardo di euro a più di 2,5 miliardi e portando il saldo settoriale a un attivo record di 1,2 miliardi. La crescita triennale è del 165% e il dato del 2012 supera anche i valori pre-crisi. Tuttavia il flusso dell'export italiano (diretto per più della metà fuori dall'area dell'unione europea) rimane largamente inferiore a quello dei giganti europei (Germania e Regno Unito), pur essendosi notevolmente avvicinato a quello realizzato da Francia e Spagna (tab. 24). Tab Interscambio dei servizi di ingegneria, architettura e altre consulenze tecniche, (v.a. in miliardi di euro) Andamento Italia Confronto internazionale 2011 Export Saldo Export Saldo ,4 0,7 Germania 9,8 0, ,9 0,2 Regno Unito 8,6 6, ,5 Francia 3,3-1, ,8 0,6 Spagna 3,0 1, ,4 0,7 Austria 2,6 1, ,6 1,2 Italia 2,4 0,7 Fonte: elaborazione Censis su dati Eurostat e Ice-Banca d'italia Stime recenti quantificano anche per il 2013 un ulteriore balzo in avanti nella produzione per i mercati stranieri. Grazie soprattutto alla penetrazione nel Medio Oriente e in Africa, la quota di produzione estera del settore è passata in due anni dal 32,5% al 48%, copre cioè oggi quasi la metà dei ricavi. L'aumento dell'attività internazionale si accompagna alla percezione del miglioramento della propria posizione concorrenziale basato sulla diversificazione territoriale e sullo sviluppo delle attività di promozione, oltre che sulla riduzione dei costi. ^CENSIS io

32 L'engineering italiano lascia intravedere, nella diversità delle fattispecie, alcuni elementi che lo accomunano alle più consolidate medie imprese manifatturiere. Si tratta di realtà di dimensione contenuta, ma non irrilevante (fatturato nell'ordine delle diverse decine di milioni di euro e personale nell'ordine delle diverse centinaia di unità), che non solo hanno una quota di ricavi realizzati all'estero che varia dal 40% al 90% del totale, ma presentano un'articolata (ancorché mirata) ramificazione organizzativa (si tratti di filiali o di società controllate) nei mercati rilevanti. Il settore, d'altra parte, è tra quelli che nell'economia italiana hanno dimostrato maggiore dinamismo di medio periodo; il confronto dei dati censuari relativi alle attività degli studi di architettura e d'ingegneria, collaudi e analisi tecniche fa emergere una crescita, tra il 2001 e il 2011, sia del numero delle imprese (aumentate di unità, da a ), sia degli addetti (saliti da a ), con un tasso di crescita del 68% tra i più elevati tra tutti i settori economici, che ne ha portato il peso sul totale degli addetti a salire dall'1,1% all'1,8%. L'Italia rimane dunque un Paese la cui proiezione economica internazionale resta affidata al binomio manifatturiero-turistico; qualcosa però nei servizi si è mosso, anche negli anni della crisi. E si è mosso soprattutto nelle tipologie di servizi (dal- Vengineering alla R&S) dove più che la declinante potenza nazionale ha contato la perdurante capacità delle imprese di offrire una elevata qualità tecnico-scientifica. 4. Avvitamento della politica e nuove tendenze valoriali Il ritorno del decisionismo dal centro Negli ultimi dodici mesi i governi che si sono avvicendati alla fine della scorsa Legislatura e all'inizio della nuova hanno emanato oltre 660 provvedimenti di attuazione delle varie leggi di riforma (dai decreti "Salva Italia", "Cresci Italia", "Semplifica Italia" al più recente "Decreto del fare"), mentre la quota di quelli effettivamente adottati, a ottobre 2013, è stato pari a circa un terzo. Fra i provvedimenti del Governo Monti a maggior grado di attuazione si collocano quelli relativi alla spending review (58,9%), al "Salva Italia" (53,6%), al "Cresci Italia" (50%). Per quanto riguarda invece il Governo Letta, che fra aprile e ottobre ha prodotto 213 provvedimenti, di cui più di un terzo relativi al "Decreto del fare", il dato di attuazione a ottobre è del 6,1% (tab. 27). Il paradosso della moltiplicazione degli interventi di riforma, cui però si associa la percezione diffusa di un'insufficienza di tali provvedimenti rispetto alla spirale drammatica della crisi economica e sociale, è il segnale di un'incompiuta riconfigurazione della scala e della dimensione d'intervento fra i diversi livelli di governo: europeo, nazionale, territoriale. ^[ENSIS 15

33 Tab Stato di attuazione del processo di riforma avviato dai Governi Monti e Letta al 15 ottobre 2013 (v.a.eval. %) N. provvedimenti emanati N. provvedimenti adottati Val. % attuazione al 15 ottobre 2013 Governo Monti (novembre aprile 2013) L. 214/2011 Salva Italia ,6 L. 27/2012 Cresci Italia ,0 L. 35/2012 Semplifica Italia ,3 L. 44/2012 Semplificazione fiscale ,4 L. 92/2012 Riforma del lavoro ,8 L. 94, 95 e 135/2012 Spending review I e il ,9 L. 134 e 221/2012 Sviluppo ,1 Totale ,0 Governo Letta (aprile-ottobre 2013) L. 98/2013 Decreto del fare ,5 Di. 101/2013 Razionalizzazione Pa ,0 L. 64/2013 Pagamento debiti Pa ,0 Di. 104/2013 istruzione, università, ricerca ,5 L. 99/2013 Decreto lavoro ,8 Di. 54 e 102/2013 Decreti Imu ,3 L. 112/2013 Valore cultura ,0 Totale ,1 Totale provvedimenti Monti-Letta ,9 Fonte: elaborazione Censis su dati Ministero dell'economia e delle Finanze e il Sole 24 Ore Si avverte, in particolare, una crescente asimmetria nella produzione normativa fra le varie tipologie di iniziativa legislativa. Nella precedente Legislatura, a fronte di quasi disegni di legge presentati alle Camere, erano di matrice parlamentare, contro 482 di iniziativa governativa e solo 67 di iniziativa regionale. Ma su un totale di 400 leggi approvate, solo 91 facevano capo a quelle promosse dal Parlamento, mentre quelle definite dal Governo erano pari a 304. Le Regioni hanno invece visto approvate solo 4 leggi delle 67 presentate. Se si valuta nel complesso il lavoro prodotto nelle due ultime Legislature, la quota dei Disegni di legge provenienti dal Parlamento ha raggiunto il 94,4%, contro il 4,4% di quelli del Governo. La quota delle leggi approvate si ferma però al 22,2% per il Parlamento e raggiunge il 76,6% per quelle promosse dal Governo. L'indice di approvazione delle leggi è incontrovertibile: 0,8% per il Parlamento (superato in termini di efficacia anche dalle Regioni, che presentano un indice di finalizzazione del 5,1%) e 62,2% per il Governo (tab. 28). Un ulteriore riflesso dal "protagonismo obbligato" del Governo è anche dato dall'utilizzo della decretazione d'urgenza e dal ricorso alla fiducia da parte del Governo. ^CENSIS io

34 Nella XVI Legislatura, su 123 Decreti leggi emanati si contano 106 approvati definitivamente, 38 dei quali con ricorso alla fiducia. Sostanziale la differenza del ricorso alla fiducia fra il Governo Berlusconi IV e il Governo Monti, che lo ha sostituito, nella presentazione di Disegni di legge: nel primo caso, a fronte di 241 Disegni di legge approvati, per 39 di essi si è dovuto ricorrere alla fiducia (16,2%); nel secondo caso, il rapporto fra il totale dei Disegni di legge approvati e quelli approvati con fiducia sale al 63,3%. Il Governo Letta, alla data del 15 ottobre 2013, ha emanato 17 Decreti legge, di cui 11 approvati definitivamente e 2 con ricorso alla fiducia; il tasso di approvazione con fiducia dei Disegni di legge governativa è oggi fermo al 17%. Oì? co CVJ 0) CD CD o" CM LO o" co" CD "D 0 CM CD o cvj o O CD o" o" o" o" CM o vai. v.a. <j) "fr cvj co t - co CM ^ a vai. h» LO o o "fr o" o" o" o" o 5? - 3.<» 3 ra Q = <D ut ÌS TS v.a LO co co LO co ^ (0 (O O) co o evi o o o co CM > (0 (0 a- 5 t o co "fr - O o "fr > S s E te m o ro (0 SP > X 2716 o co - CD - evi CE to (0 3 (0 (fl 8> > o o> co co cvj co t r^. CD CM CM N. <J> co Tipo di iniziativa Parlamentare Governativa Regionale Popolare Cnel Totale I {/CENSIS 21

35 La difesa del microterritorio come residuale partecipazione politica Gli italiani sono sicuramente molto meno attivi della media dei cittadini europei per quanto concerne il loro coinvolgimento nella gran parte dei processi decisionali pubblici. Basti pensare che il 56% (contro il 42% della media comunitaria) negli ultimi due anni non ha attuato nessun tipo di coinvolgimento, neppure quelli di minore impegno come, ad esempio, la firma di una petizione. Più di un quarto dei cittadini italiani manifesta una lontananza pressoché totale dalla dimensione politica, non informandosi mai o quasi mai al riguardo. Se a questa percentuale si aggiunge la quota di coloro che dichiarano di interessarsi ai fatti della politica al massimo qualche volta al mese, si supera il 40% di disinteresse a livello medio generale, con punte del 45% e del 50% nei piccoli comuni e nelle aree del Mezzogiorno. Nel giro di non più di un ventennio, si è assistito a una torsione a 360 gradi per quanto concerne le rivendicazioni locali: - è cambiato l'oggetto, passando dalla richiesta di nuove funzioni prima assenti (si pensi agli aeroporti, alle università, alla stessa domanda di nuove Province) alla difesa di funzioni storicamente presenti e oggi a rischio in alcune realtà (scuole, ospedali, uffici postali, stazioni, ecc.); - sono cambiati i protagonisti, un tempo le élite politiche, le associazioni locali, le rappresentanze imprenditoriali, oggi i cittadini e i loro comitati a difesa di strutture e servizi potenzialmente a rischio; - sono cambiate le forme dell'agire, passando dall'azione di lobbying intorno a un'idea di sviluppo alle manifestazioni organizzate, i presidi, le occupazioni per la difesa dell'esistente. Per dirlo sinteticamente, si è passati da una fase dove i territori chiedevano di essere messi nella condizione di competere ad armi pari incorporando nuove funzioni a una dove l'azione sociale si addensa intorno alla difesa di quanto si ha già, della sopravvivenza. Nella tavola 8 sono sintetizzate le questioni emerse negli ultimi anni che hanno determinato l'attivazione di nuove energie difensive in tanta parte del territorio nazionale. Se, ad esempio, una stazione dei carabinieri è l'unico presidio di polizia in un determinato territorio (come avviene per il 57% della popolazione) è chiaro che la sua chiusura provoca smarrimento, se non viene adeguatamente gestita, magari attraverso sistemi telematici di sorveglianza. Se i piccoli ospedali "tuttofare" sono inefficienti e diseconomici, questo non vuol dire che una popolazione debba rinunciare a qualsiasi forma di presidio sanitario. La sola chiusura giustificata dall'efficienza non viene accettata. ^CENSIS io

36 z vi Tav. 8 - Presidi territoriali: ridimensionamento e sindrome Kimby Numero complessivo di presidi Presidi soppressi o a rischio potenziale Le ragioni delle ipotesi di ridimensionamento Provvedimenti che hanno dato vita alle mobilitazioni I soggetti che si mobilitano 73 tu -a o Sanità 634 ospedali pubblici, 531 strutture accreditate (2010). Nel pubblici e 563 strutture accreditate) In Italia rimangono a rischio i piccoli ospedali con meno di 120 posti letto (33% del totale) Contenimento spesa pubblica, definizione di standard minimi dei servizi, dotazione di posti letto per abitante Ipotesi di riorganizzazione dei servizi ospedalieri contenuta nella prima bozza del Decreto per la spending review (2012) in seguito modificato Regioni (vogliono decidere loro come e dove razionalizzare la spesa), comitati cittadini, sindacati, sindaci dei comuni interessati Trasporto Stazioni Fs (2.258), stazioni del Sono a rischio alcuni piccoli Tagli alle risorse finanziarie Nessun intervento organico, Comitati di pendolari, sindaci dei ferroviario segmento bronze (1.200 circa, impianti regionali con bassa delle Regioni per la gestione ma ipotesi di chiusura di diver- piccoli comuni il 54% del totale) frequentazione appartenenti al del trasporto ferroviario. Scelte se stazioni minori. Si tratta di segmento bronze aziendali legate al dimensionamento del traffico e ai costi di 2005 le stazioni erano 2.407). un processo progressivo (nel gestione del servizio Servizi postali Uffici postali (12.665). Sono i comuni che dispongono di almeno un ufficio Pochi uffici sono stati chiusi (su alcuni si è intervenuto riducendo l'orario di apertura). Si sta pensando alla riconversione di alcuni uffici in presidi multiservizio Diminuzione complessiva del traffico postale, uffici collocati in aree a basso potenziale Pubblicazione presso Agcom di un elenco di uffici postali a bassa operatività e al di sotto dei criteri di economicità (luglio 2012) Comitati di cittadini, sindacati, sindaci dei piccoli comuni "O 01 rp ai cu Giustizia Tribunali (165), sezioni distaccate (220), uffici dei Giudici di pace (846) In base all'applicazione di criteri dimensionali sono stati soppressi 31 tribunali, 31 procure, 220 sezioni distaccate di tribunale, 667 uffici del Giudice di pace Riorganizzazione territoriale degli uffici giudiziari al fine di realizzare risparmi di spesa e incremento dì efficienza Attuazione in corso (con par- Comitati di cittadini, sindacati ziali modifiche) di quanto previ- pubblico impiego, ordini professto dai Decreti legislativi 155 e sionali (avvocati) 156 del settembre 2012 Ordine pubblico Stazioni dei Carabinieri (4.608) Ipotizzati accorpamenti per cir- Razionalizzazione del persoca 40 stazioni dei Carabinieri naie, questioni logistiche Solo allarmi episodici in piccoli comuni. Decreto per la spending review (2012), revisione spese, razionalizzazione nell'impiego del personale Comitati di cittadini, piccoli comuni sindaci dei Fonte: Censis, 2013 ro ijj

37 Cultura collettiva e nuove ricerche di senso Alcuni tratti della contemporaneità delineano nel nostro Paese una società impersonale: una società in cui i rapporti di consapevolezza dei singoli con la collettività, con le persone più prossime, finanche con se stessi, permangono evanescenti e instabili, appiattiti in una rappresentazione del mondo fatta di un'esasperata estetizzazione ed evasività. Ma sta succedendo qualcosa di nuovo nella cultura collettiva, che non sembra essersi dissolta completamente in un indistinto epidermico e liquido. L'anno in corso, forse anche grazie a eventi che hanno acceso i riflettori su altri aspetti (si pensi alla inattesa e carismatica elezione di Papa Francesco), sta progressivamente mostrando la trama di un altro processo di segno inverso rispetto al dilagare del soggettivismo: una sorta di lenta riscoperta di altre e più profonde dimensioni dell'esistenza. Festival e convegni all'insegna della scoperta della scienza, della letteratura, dell'arte, come pure esperienze dissepolte ad alta caratura spirituale, magnetizzano l'interesse di migliaia di persone. E che non si tratti solo di moda o di effimera curiosità viene evidenziato da una recente ricerca del Censis che mostra un forte interesse per la vita spirituale: oltre il 58% degli italiani dichiara di trarre molta energia dal prendersi cura della propria spiritualità. ^CENSIS io

38 Processi formativi (pp del volume) La numerazione di tabelle, tavole e figure riproduce quella del testo integrale

39 Il ruolo strategico dell'istruzione degli adulti In Italia uno dei nodi ancora da sciogliere è quello della insufficiente scolarità complessiva, che presenta sacche ancora significative di popolazione, anche in giovane età, con titoli di studio bassi. Da questo punto di vista, un contributo determinante può e deve essere apportato dal circuito dell'istruzione degli adulti, in corso di revisione e aggiornamento da ormai troppo tempo. Il 21,7% della popolazione italiana con più di 15 anni ancora oggi possiede al massimo la licenza elementare, e i miglioramenti registratisi nel corso degli anni sembrano dovuti soprattutto a fenomeni demografici. Per quanto si tratti di un fenomeno concentrato nelle fasce d'età più anziane, un campanello d'allarme squilla per il 2% di 15-19enni, l'i,5% di 20-24enni, il 2,4% di 25-29enni e il 7,7% di 30-59enni che non hanno mai conseguito un titolo di scuola secondaria di primo grado (tab. 2). E anche per quel 56,2% di ultrasessantenni senza licenza media (23% tra gli occupati) i vantaggi di un "ritorno a scuola" sarebbero indiscutibili per il rafforzamento del loro kit di strumenti utili ad affrontare le sfide della complessità sociale. Tab. 2 - Popolazione con bassi titoli di studio in Italia, per alcuni potenziali gruppi dell'istruzione degli adulti, 2012 (vai. %) target Popolazione di 15 anni in su senza titolo o con licenza elementare 21,7 Popolazione di anni con al più un livello di istruzione secondario inferiore 43,1 Giovani Neet di anni con al più la licenza media 43,7 Giovani di anni che hanno abbandonato precocemente gli studi (con al più la licenza media) Livelli di partecipazione ad attività educative Popolazione di anni con al più la licenza elementare che partecipa ad attività di istruzione e formazione Popolazione di anni con al più il diploma di scuola secondaria di I grado che partecipa 1 ad attività di istruzione e formazione Fonte: elaborazione Censis su dati Istat Allargando la riflessione al gradino appena superiore, quello di coloro che si sono fermati alla licenza media, la percentuale di 25-64enni in tale condizione è pari al 43,1%. Tra le classi d'età più giovani è inoltre ormai risaputo con quale lentezza si riesca a contenere il fenomeno degli abbandoni precoci degli studi, segnalati dall'indicatore europeo relativo ai 18-24enni non più in formazione e con la sola licenza media, che pur in progressiva contrazione si attesta nel 2012 sul 17,6%. Il circuito vizioso tra bassi titoli di studio, problemi occupazionali e scarsa propensione all'ulteriore formazione è, infine, testimoniato: dalla significativa incidenza tra i giovani Neet di individui con al massimo la licenza media (43,7%); dalla marginale partecipazione complessiva della popolazione adulta ad attività formative, se in possesso della sola licenza elementare (0,8% del totale) o diploma di scuola secondaria di primo grado (1,9%). Non dissimile a quella del complesso della popolazione residente, è la strutturazione per titolo di studio della popolazione immigrata, considerato che nel 2011 circa la metà (49,9%) di tale gruppo sociale risultava in possesso di un titolo di studio basso, fino alla licenza media. ^[ENSIS 15

40 Si aggiunga poi la rilevanza strategica di un'offerta d'istruzione che aiuti, da un lato, a superare gli ostacoli al riconoscimento di titoli di istruzione conseguiti all'estero, tramite la validazione delle competenze e la possibilità di percorsi individualizzati per la popolazione di origine immigrata, e dall'altro, a supportare l'integrazione linguistica e sociale dei nuovi residenti. In attesa che la riforma compia il suo cammino, il sistema Ida in questi ultimi anni ha continuato a focalizzarsi sui punti cardine del nuovo assetto, denotando un lieve disimpegno sul fronte dell'offerta di percorsi brevi e modulari, e potenziando soprattutto l'offerta per coloro che devono conseguire la licenza elementare e quella di alfabetizzazione per stranieri (tab. 3). Tab. 3 - Caratteristiche dei frequentanti i corsi di istruzione degli adulti, (v.a. e vai %') 2006/ / / / / /12 (1) Tipologia (2) Cpc 15,9 16,6 18,2 20,2 20,7 21,4 Cils 14,0 17,4 17,8 17,5 19,6 24,8 Cbm 50,9 48,0 44,6 42,3 40,0 36,9 Pdis/Dq-Csc 19,2 17,9 19,4 19,9 19,7 16,9 Genere Uomini 44,0 45,3 46,4 47,2 47,6 48,6 Donne 56,0 54,7 53,6 52,8 52,4 51,4 Età Fino a 24 anni 23,5 23,8 24,3 25,3 26,5 26, anni 73,5 72,9 72,2 71,0 69,9 69,6 Oltre 64 anni 3,0 3,3 3,5 3,7 3,6 3,7 Condizione lavorativa Occupati 49,9 47,9 44,6 43,2 41,5 38,2 Non occupati 26,0 25,9 27,3 27,3 27,3 30,3 Disoccupati 17,9 19,7 21,1 22,1 24,0 24,8 Pensionati 6,3 6,5 7,1 7,3 7,2 6,7 Livello di scolarizzazione Licenza elementare 4,2 6,3 6,8 6,5 6,6 7,4 Licenza media (o superamento del biennio di scuola superiore) 36,2 38,9 39,9 41,6 43,6 41,6 Diploma di qualifica 8,3 9,3 9,7 9,3 8,6 8,9 Diploma scuola secondaria superiore 25,9 28,6 27,2 27,0 24,8 23,7 Laurea 8,2 10,0 9,9 10,1 9,7 10,4 Nessun titolo 3,2 7,0 6,4 5,5 6,7 7,9 Scolarizzati all'estero 14, Stato di provenienza Stranieri 31,2 36,4 38,8 40,8 43,9 49,4 Italiani 68,8 63,6 61,2 59,2 56,1 50,6 Totale (1) Rilevazione sull'84,4% delle strutture potenzialmente attive (2) Cpc = corsi del primo ciclo d'istruzione; Cils = corsi a favore di cittadini stranieri per l'integrazione linguistica e sociale; Cbm = corsi brevi modulari, di alfabetizzazione funzionale; Pdis/Dq-Csc = percorsi di studio finalizzati al conseguimento del diploma d'istruzione superiore e di qualifica-corsi del secondo ciclo d'istruzione Fonte: elaborazione Censis su dati Indire-Miur {/CENSIS 21

41 Aggredire la dispersione includendo il territorio Nel nostro Paese la quota di early school leavers, seppure in tendenziale diminuzione, continua a essere significativa e in alcune aree geografiche pericolosamente endemica. Se nel 2012, a livello nazionale, la popolazione di età compresa tra i 18 e i 24 anni con al più la licenza media, o che non frequentava altri corsi scolastici o attività formative superiori ai due anni era pari al 17,6%, in alcune aree del Paese restava al di sopra della soglia del 20%: ad esempio nel complesso delle regioni meridionali (21,1%), o in Sicilia e Sardegna, dove addirittura un quarto dei 18-24enni residenti non partecipava a un percorso di studi e formazione. I dati illustrati tracciano dunque, in modo evidente, uno scenario nazionale non positivo sotto il profilo del capitale umano disponibile, distante non solo da quello europeo, dove l'indicatore appena analizzato ha un valore sensibilmente inferiore, attestandosi nel 2012 al 12,8%, ma soprattutto dal conseguimento dell'obiettivo fissato da Europa 2020, secondo il quale i giovani che abbandonano precocemente gli studi non dovranno superare la soglia del 10%. Della gravità della situazione sono da tempo consapevoli decisori politici e operatori del settore. Numerose sono, infatti, le iniziative intraprese a livello centrale e territoriale per prevenire e combattere la dispersione scolastica e formativa, nella consapevolezza che si tratti di un fenomeno con radici profonde, i cui sintomi devono essere curati sin dai primi anni di scolarizzazione dei giovani, operando anche sul loro contesto sociale di origine. I tassi sugli abbandoni al primo anno delle scuole secondarie di II grado dimostrano come l'abbandono sia un fenomeno da intercettare subitamente. Analizzando i dati in merito, si osserva che tali abbandoni, pur decrescenti dal 2009, restano comunque a livello sia nazionale, sia ripartizionale al di sopra del 10%. Infatti, in Italia nel 2011 alla fine del primo anno aveva abbandonato gli studi l'i 1,4% degli studenti iscritti. Lo stesso indicatore nelle regioni del Nord e del Centro era di poco superiore al 10% (nell'ordine, 10,4% e 10,3%), mentre le regioni meridionali si contraddistinguevano per la maggiore intensità dei rispettivi tassi di abbandono, con valori pari al 13% nel Mezzogiorno in complesso e al 14,9% nelle sole isole. L'integrazione scolastica degli alunni disabili: un processo sinergico I dati sulla distribuzione nell'anno scolastico dei alunni disabili, pari al 2,6% del totale degli alunni iscritti, attestano una loro maggiore presenza nella ripartizione settentrionale del Paese, dove si concentra il 38% del totale, seguita dal Sud e isole (35,6%) e infine dal Centro, dove la percentuale è del 19,9%. Tre sono le regioni in cui si raggiunge o si supera quota 10%: Campania (10%), Lazio (11%) e Lombardia (14,8%), seguite dalla Sicilia, dove tale soglia viene solo lambita (9,7%). Il Lazio (parimenti con l'abruzzo) si caratterizza, altresì, come la regione {JFCENSIS 3

42 in cui più alta è l'incidenza di alunni con disabilità. I dati sull'incidenza della disabilità per livello scolastico evidenziano, infine, una crescita di tale indicatore con il procedere del percorso di scolarizzazione, rilevabile in particolare nel passaggio dalla scuola dell'infanzia (1,4%) a quella primaria (3%) e, più ancora, a quella secondaria di I grado (3,8%). Dal rapporto tra il numero totale degli alunni e i posti riservati agli insegnanti di sostegno nell'organico risulta che nel corrente anno scolastico il numero medio di alunni con disabilità per docente è pari a 2 (tab. 4). co co a co CD cvj CO CD vai O h* co CD LO RV. co" CM gì co" K i c o o._ T C co o CM t co O co evi CM CM CM CM "fr co co LO CD CM CM CM CM CM CM LO CD CM CM vai. r- r-» Gì CD CM CO cvj o" CM o" CD CO co r-» gì TT O co" CM CD" rr K CO co LO CO o._ 1- c 1 co CO Gì CO LO 1- Z5 Tri co r- CM il IO CM CM CM CM co CM co co CM CM CM CM CM CM CM vai T o LO CM CD CO CO CO K CD CO CD Gì co" co" o" CD 1-0 CV c o CM o o._ i d CO o t CM gì a> io ^t CM co CO CO CM <3- CO CO 00 o LO 00 CO CO* co" co" co" CO co co tr co co co" vai. co o co TT Cvj " CM O" io IO CO CD LO co o CD co co co" CM ó> co 36,3 100,0 O._ lo CO OD CO co CM OJ CM" CM" CM ffi CD CM" CM TT t. CO Gì CM CM co' CM CM CM Gì n CM co",0 LO co R-«LO cvj O" CO O" co" vai IO CO O CD' IO CM r-- r- TT co co" CM o rf c5 co CD 100,0 O._ 1 c CO CM Ci Tt CO io O co CM co co CM co CM TT vai. CO q <35 CO CO CM o" io O CD' co co rt co co" CM o" co co 40, ro c O CT5 ed ed CO o E N o.cd 'c cd ce fcl.o Q. cd =3 > 'c/5 «E Cd Cd Cd E < CD o o LU m E Puglia Sardegna Sicilia Toscana Umbria Veneto o o.co <D T3 CO Italia I CENSIS

43 La ricorrente rilevazione del Censis sui dirigenti scolastici, che quest'anno ne ha coinvolti 2.178, ha trattato anche il tema dell'integrazione scolastica di alunni portatori di disabilità. Il quadro delineato dai dirigenti è nel complesso confortante, per quanto sussistano vincoli e criticità che possono ostacolare una piena integrazione degli alunni con bisogni speciali (tav. 2). Infatti, il 47,1% dei rispondenti ha dichiarato che nel proprio istituto l'integrazione degli alunni con disabilità non è un problema, mentre per il 29,3% (in particolar modo nelle scuole del Centro Italia: 35,6%) è un problema in via di risoluzione. Tuttavia, ancora per quasi un dirigente su quattro (23,6%) tale processo resta un problema di difficile soluzione. I principali fattori che impediscono alla disabilità di non rappresentare più una criticità per la scuola sono, nell'ordine: l'insufficiente numero di insegnanti per le attività di sostegno rispetto alla numerosità dell'utenza (70,6%), seguito, a distanza, dalla difficoltà nella gestione dei rapporti con gli altri soggetti coinvolti nel processo di inserimento - servizi socio-sanitari, enti locali, altre scuole/enti formativi, ecc. - (39,9%) e dalla inadeguata specializzazione dei docenti di sostegno rispetto alle specifiche disabilità (26,5%). Se la scarsità degli insegnanti di sostegno in rapporto all'utenza è annoverata tra gli impedimenti da circa il 70% dei rispondenti al Nord, al Centro e al Sud e isole, le difficoltà di raccordo tra la scuola e la rete dei servizi sul territorio sono denunciate soprattutto dai dirigenti scolastici delle regioni meridionali e insulari (50,5%), mentre l'inadeguata specializzazione dei docenti di sostegno in misura maggiore da quelli che operano al Nord (34,5%). Tav. 2 - Valutazione dei dirigenti scolastici sull'integrazione degli alunni con disabilità nelle loro scuole (vai. %) Non è un problema 47,1 Azioni maggiormente intraprese: Orientare l'azione dei consigli di classe/interclasse in favore della 91,9 promozione di occasioni di apprendimento, della partecipazione alle attività scolastiche degli alunni con disabilità e della collaborazione alla stesura del Piano Educativo individualizzato Coinvolgimento attivo delle famiglie 81,8 Curare il raccordo con le diverse realtà territoriali (enti locali, 80,3 enti di formazione, scuole, servizi socio-sanitari, ecc.) Un problema in via di soluzione 29,3 Principali lattori: Migliore coordinamento/integrazione dell'azione del personale 50,8 docente con quella degli insegnanti per le attività di sostegno Migliore coordinamento/integrazione dell'azione del personale 31,8 della scuola (docenti, collaboratori, assistenti) Migliore coordinamento/integrazione dei rapporti con gli altri soggetti coinvolti nel processo di inserimento (per es. servizi sociali, enti locali, ecc.) 39,4 Un problema di difficile soluzione 23,6 Principali criticità: insufficiente numero di insegnanti per le attività di sostegno, 70,6 rispetto alla numerosità dell'utenza Difficoltà nella gestione dei rapporti con gli altri soggetti coinvolti 39,9 nel processo di inserimento (per es. servizi sociosanitari, enti locali, altre scuole/enti formativi, ecc.) Specializzazione inadeguata dei docenti di sostegno rispetto alle specifiche disabilità 26,5 Fonte: indagine Censis, 2013 ^[ENSIS 5

44 L'approccio risolutivo al problema, adottato da quei dirigenti che hanno dichiarato che nei loro istituti l'integrazione degli alunni con disabilità è un problema in via di soluzione, risiede, invece, nella capacità di fare rete, sia tra le diverse professionalità della scuola - tra docenti curricolari e insegnanti di sostegno (50,8%) e tra tutti i componenti il personale scolastico docente e non (31,8%) -, sia con il territorio e gli altri attori a vario titolo responsabili dell'inserimento degli alunni disabili (39,4%). È, infine, un mix che coniuga insieme didattica, responsabilizzazione educativa delle famiglie di origine e rete del territorio quello che scaturisce dalle azioni più intraprese dai dirigenti per i quali l'integrazione degli alunni disabili è oramai derubricata a ordinaria convivenza scolastica. Infatti, il 91,9% ha orientato l'azione dei consigli di classe/interclasse in favore della promozione di occasioni di apprendimento, della partecipazione alle attività scolastiche degli alunni con disabilità e della collaborazione alla stesura del Piano educativo individualizzato; l'81,8% ha promosso il coinvolgimento attivo delle famiglie e l'80,3% ha curato il raccordo con le diverse realtà territoriali, nella consapevolezza che alla sola scuola non può essere attribuita la responsabilità assoluta dell'attuazione del diritto allo studio di questa particolare categoria di alunni. Il sistema di istruzione e formazione professionale di fronte alla sfida della sussidiarietà I percorsi triennali d'istruzione e formazione professionale (IeFp) costituiscono ormai una scelta concreta e sempre più perseguita al termine della scuola secondaria di primo grado, ai fini dell'espletamento dell'obbligo d'istruzione/diritto-dovere. Degli appena allievi dei primi corsi si è giunti ai dell'anno formativo 2011/2012, e i primi dati relativi al 2012/2013 segnalano un ulteriore incremento. Nell'ambito dell'annuale indagine sui dirigenti scolastici, il Censis ha previsto un approfondimento specifico sui percorsi di IeFp. La principale motivazione della mancata attivazione di percorsi di IeFp, soprattutto per gli istituti che non li hanno mai erogati, è riconducibile alla carenza di domanda da parte dei potenziali utenti, che, a seconda dei casi, può essere presumibilmente ricondotta o a un maggiore appeal dell'offerta di istituzioni formative o scolastiche presenti sul territorio o a una scarsa domanda di percorsi professionali in genere. Anche chi ha sperimentato nel passato tale proposta formativa segnala una domanda debole (31,8%), mentre vi è anche una quota minoritaria di rispondenti (18,2%) che ritiene che percorsi scolastici e formativi debbano rimanere distinti. Interessanti sono le opinioni dei rispondenti in merito ai bassi tassi di conseguimento della qualifica da parte degli iscritti nelle istituzioni scolastiche, prima dell'introduzione del regime di sussidiarietà. Il 29,9% dei rispondenti segnala che molti ragazzi hanno deciso di non conseguire la qualifica e proseguire nel percorso quinquennale, ma un altro 26,2% afferma che il fenomeno dipende dal fatto che i percorsi triennali realizzati negli istituti scolastici sono troppo pesanti, teorici, impegnativi. Tale affermazione può essere direttamente correlata a quella di chi evidenzia che molti ragazzi hanno preferito passare a frequentare corsi erogati dalla formazione professionale (24,4%) (tab. 7). {/CENSIS 21

45 Tab. 7 - Opinione dei dirigenti di istituti professionali con esperienza di realizzazione di percorsi di istruzione e formazione professionale sulle cause del ridotto numero di qualificati rispetto agli iscritti (vai. %) Molti ragazzi hanno deciso di non conseguire la qualifica e proseguire nel percorso 29,9 quinquennale 1 percorsi triennali realizzati negli istituti scolastici erano/sono troppo pesanti, teorici, 26,2 impegnativi Molti ragazzi hanno preferito iscriversi ai corsi della formazione professionale 24,4 È un dato che si inserisce nel più ampio problema della dispersione scolastica/ 7,3 assolvimento dell'obbligo scolastico Fenomeno non presente nell'istituto 4,3 Fonte: indagine Censis, 2013 Un altro aspetto preso in considerazione dall'indagine riguarda l'impatto dell'attivazione di percorsi triennali in regime di sussidiarietà sull'organizzazione scolastica e gli aspetti da migliorare per garantire una più efficace gestione dei corsi IeFp erogati nell'istituto. La maggior parte dei dirigenti scolastici (55,6%) si focalizza sulla necessità di elaborare metodologie didattiche più affini alla tipologia dei corsi e dell'utenza e, nell'85,2% dei casi, ritiene che sia senz'altro un aspetto da migliorare; l'impatto sull'organizzazione complessiva delle attività didattiche è segnalato dal 31,9% degli intervistati e gli attuali modelli organizzativi sono ritenuti suscettibili di miglioramento nel 73,1% dei casi. Se solo il 10,4% di dirigenti, infine, sottolinea l'impatto provocato dall'erogazione di servizi di accompagnamento e supporto per l'utenza, ciò presumibilmente dipende dal fatto che si tratta di un'attività ancora poco diffusa: non a caso ben il 74,4% dei dirigenti l'individua come aspetto da migliorare. Numerose e diversificate sembrano essere le azioni già intraprese dagli istituti professionali per incrementare il successo formativo degli iscritti ai percorsi triennali. Le azioni più diffuse sono quelle finalizzate a garantire il raccordo tra studio e lavoro, in primo luogo l'attivazione di stage (74,3%) o di percorsi in alternanza scuola/lavoro (72,9%). Un analogo livello di diffusione (72,2%) sembra caratterizzare la realizzazione di una didattica laboratoriale, seguita dalle attività di raccordo tra le competenze di base e le competenze professionalizzanti (64,6%) (tab. 9). L'università italiana: un sistema squilibrato territorialmente e con scarsa capacità di globalizzazione L'affanno che gli atenei italiani mostrano nei confronti internazionali è la conseguenza di un sistema universitario per certi versi troppo provinciale, nonostante la presenza di atenei di tradizione e di eccellenze di nicchia. Le università italiane stentano a collocarsi all'interno delle reti internazionali di ricerca; in alcuni casi sono ^[ENSIS 15

46 affette da un progressivo rinserramento entro i confini nazionali, caratterizzandosi per una prevalente connotazione locale, talvolta municipale. Tutto ciò non ne rafforza la reputazione internazionale, premessa indispensabile per originare mobilità in entrata di studenti e docenti e per attrarre capitali per investimenti in ricerca. Di ciò sono coscienti gli stessi rettori che, consultati dal Censis nel corso del 2013, hanno stilato una classifica dei fattori più efficaci per accrescere la competitività dei loro atenei (tab. 10). ^CENSIS

47 Tab fattori più efficaci per accrescere la capacità competitiva dell'ateneo, secondo i rettori (vai. %) Miglioramento della qualità dei servizi e delle strutture di supporto della didattica 73,8 Sviluppo collaborazioni internazionali nelle attività di ricerca 54,8 Sviluppo percorsi di laurea a doppio titolo/titolo aggiunto con atenei stranieri 52,4 Realizzazione ricerche di grande rilevanza scientifica 40,5 Incremento del numero di laureati in corso 38,1 Reperimento risorse per attività di ricerca 35,7 Sviluppo convenzioni con aziende/enti pubblici per la realizzazione di stage e tirocini formativi Reclutamento docenti di prestigio 33,3 Uso di metodologie didattiche innovative 28,6 Miglioramento rapporto docenti/iscritti 23,8 Sviluppo mobilità internazionale dei docenti 21,4 Offerta di percorsi differenziati per la formazione di studenti d'eccellenza 19,0 Autovalutazione performance attraverso l'applicazione di rigidi criteri valutativi 19,0 Incremento numero iscritti di eccellenza (diplomati con elevata votazione) 14,3 Fonte: indagine Censis, 2013 Se al primo posto è stato collocato il miglioramento della qualità dei servizi e delle strutture di supporto alla didattica (73,8%), nelle posizioni immediatamente successive si riscontra la presenza di altri fattori, interpretabili quali sintomi di una diffusa consapevolezza della necessità di ampliare i confini sia geografici sia intellettuali delle università italiane. Al secondo posto, con il 54,8% di preferenze, i rettori segnalano lo sviluppo di collaborazioni internazionali nelle attività di ricerca e, immediatamente dopo (52,4%), lo sviluppo di percorsi di laurea a doppio titolo/titolo aggiunto con atenei stranieri. Seguono, rispettivamente in quarta e quinta posizione, le ricerche di grande rilevanza scientifica (40,5%) e l'incremento del numero di laureati in corso (38,1%). Le criticità strutturali in precedenza illustrate sono ulteriormente aggravate dal divario territoriale tra Nord e Sud del nostro Paese. Un indicatore alquanto significativo è l'indice regionale di attrattività delle università, che nelle regioni meridionali ha un andamento decrescente di lungo periodo. Nel decennio compreso tra il 2002 e il 2012 tale indice nel Mezzogiorno passa da -20,7% a inizio periodo a -28,3% a fine periodo, incrementandosi negativamente di oltre 7 punti percentuali. Scorporando il valore delle regioni insulari, si osserva che l'indice precipita nelle isole da -10,1% nel 2002 a -26,2%, nel ^[ENSIS 15

48 Lavoro, professionalità, rappresentanze (pp del volume) La numerazione di tabelle, tavole e figure riproduce quella del testo integrale

49 Il futuro incerto del lavoro Il 2013 si chiude con la sensazione di una dilagante incertezza sul futuro del lavoro in Italia. Secondo un'indagine del Censis condotta a settembre del 2013, infatti, ben un quarto degli occupati è convinto che nei primi mesi del 2014 la propria condizione lavorativa andrà peggiorando; il 14,3% pensa che avrà a breve una riduzione del proprio reddito da lavoro e il 14% di poter perdere l'occupazione (fig. 1). Sono timori che interessano trasversalmente la popolazione italiana: non solo i giovanissimi, che più che temere una riduzione della retribuzione hanno paura di ritrovarsi senza lavoro, ma anche le fasce d'età centrali, tra le quali l'esigenza di provvedere con il proprio reddito al benessere della famiglia amplifica le ansie rispetto al futuro. Tra i 35-44enni il 13,7% è convinto che la propria posizione lavorativa sia a rischio e il 17,3% prevede una riduzione del reddito; tra i 45-54enni la paura di perdere il proprio posto di lavoro accomuna il 17,1% degli occupati. Fig. 1 - Previsioni dei lavoratori italiani sulla propria condizione lavorativa per i primi mesi del 2014, per età (vai %) Peggioramento complessivo della condizione professionale Possibilità concreta di riduzione del reddito da lavoro Possibilità concreta di perdita del posto di lavoro 25,0 26,1 25,1 24,4 Fino a 34 anni Da 35 a 44 anni Da 45 a 54 anni Da 55 a 64 anni Totale Fonte: indagine Censis, 2013 Il sentiment di sfiducia è alimentato dal deterioramento di un quadro di contesto che ha visto, soprattutto nell'ultimo anno, allargare il perimetro della crisi dalle fasce generazionali più giovani a quelle più adulte. Se anche nel 2013 è proseguita l'emorragia di posti di lavoro tra i giovani, con una perdita netta nel primo semestre di occupati (-8,1%), che si sommano al milione e mezzo circa bruciati dall'inizio della crisi, anche nella fascia d'età successiva, tra i 35 e i 44 anni, il numero degli occupati è diminuito di quasi unità, registrando una contrazione del 2,7% (tab. 1). La perdita del lavoro costituisce tuttavia solo una, benché la più grave, delle diverse problematiche con cui gli italiani sono stati costretti a confrontarsi negli ultimi anni. {JFCENSIS 1

50 Tab. 1 - Andamento degli occupati e delle persone in cerca di lavoro, per classe di età, I sem (v.a. in migliaia, vai. % e var. %) anni anni anni Totale anni Va Diff. ass Var. % ,0-4,1 16,8-1.6 Va. I sem Diff. ass. I sem Var. % I sem ,1-2, ,3 Fonte: elaborazione Censis su dati Istat Sono quasi 6 milioni gli occupati che nell'ultimo anno si sono trovati a fare i conti con una o più situazioni di instabilità e precarietà lavorativa. Un'area di disagio che rappresenta il 25,9% dei lavoratori e che può essere riconducibile all'instabilità lavorativa (che interessa una platea di 3,5 milioni di persone tra lavoratori a termine, occasionali, collaboratori e finte partite Iva) e alla sottoccupazione (relativa ai 2,8 milioni che vorrebbero lavorare più di quanto non facciano, ma non riescono per motivi che non dipendono da loro: tra questi vi sono part-time involontari, ma anche cassaintegrati). Una situazione di precarietà e incertezza che va sempre più diffondendosi tra i lavoratori, considerato che tra il 2007 e il 2012 mentre il numero totale degli occupati è diminuito (-1,4%), quello di quanti si trovano in una delle condizioni descritte è invece cresciuto dell'8,7%. E non stupisce ancora una volta constatare come siano anche in questo caso soprattutto le generazioni più giovani a farne le spese: se tra gli under 25 sono il 61,6% i lavoratori occupati con contratti flessibili, oppure sottoccupati o in cerca di altri lavori, tra i 25-34enni la percentuale si riduce a poco più di un terzo (34,4%), per arrivare attorno al 20% tra le generazioni più adulte. Ma gli occupati non sono i soli che vivono in condizione di incertezza e sfiducia rispetto al lavoro. Ai 6 milioni di lavoratori si aggiungono, infatti, più di 4,3 milioni di italiani che non riescono a trovare un'occupazione, pure desiderandola: 2,7 milioni sono quelli che cercano attivamente un lavoro, ma non riescono a trovarlo, un universo di lavoratori che dallo scoppio della crisi è quasi raddoppiato (+82% tra il 2007 e il 2012); ben 1,6 milioni sono invece coloro che, pur disponibili a lavorare hanno rinunciato a cercare attivamente un impiego perché convinti di non trovarlo. Il valore delle competenze in tempo di crisi Le difficoltà che attraversa il mercato del lavoro e i profondi cambiamenti che si registrano stanno ridando nuova centralità al valore delle competenze e dell'aggiornamento professionale dei lavoratori. Questo è solo uno dei fenomeni che trasversalmente sta facendo emergere dalla base dei lavoratori e di quanti cercano occupazione una nuova domanda di formazione e ^CENSIS io

51 aggiornamento. Il mondo del lavoro, del resto, è cambiato profondamente dall'avvio della crisi. I settori tradizionalmente forti hanno subito un pesante ridimensionamento, con un calo degli occupati tra il 2008 e il 2012 del 10,8% nelle costruzioni, 10,2% nella manifattura, 3,8% nella logistica e dell'i,3% nel commercio. Di contro, altri comparti hanno fatto registrare trend postivi: tra questi vi sono le attività professionali di tipo tecnico-scientifico (+2,3%), quelle di programmazione, consulenza informatica e affini che, seppure ricomprese in un settore sostanzialmente stabile - quello dell'informazione e comunicazione (+0,1%) - fanno registrare un deciso balzo in avanti quanto a occupati (+4,7%). Cresce la domanda di competenze informatiche, linguistiche, ma anche e soprattutto tecniche e tecnologiche. Ma su questo il nostro sistema formativo non sembra garantire adeguata risposta. Da un'indagine condotta sulle imprese guidate dai Cavalieri del lavoro emerge, nel confronto tra giovani italiani e stranieri, una preparazione tecnica non sempre all'altezza delle aspettative del mercato: soltanto il 12,2% degli imprenditori ritiene i nostri competitivi, a fronte del 65,5% che invece preferisce i giovani di altri Paesi; rispetto alla preparazione teorica, invece, la situazione si presenta speculare, e i giovani italiani sono sensibilmente più competitivi dei colleghi stranieri (lo dichiara il 47,5% degli intervistati). Ottimi studenti, che tuttavia quando entrano in azienda appaiono disorientati, in buona parte a causa dello scollamento esistente tra mercato del lavoro, da una parte, e istituzioni scolastiche e universitarie, dall'altra. E soltanto la grande capacità innovativa e creativa che si riconosce ai giovani italiani (sul piano della creatività essi sembrano avere ben pochi rivali e ben l'83,7% degli imprenditori li ritiene più competitivi) possono far fronte alle debolezze di tipo tecnico e specialistico, ormai sempre più centrali nel mercato del lavoro (fig.7). Fig. 7 - Giudizio sui giovani italiani rispetto a quelli stranieri in merito ad alcuni aspetti lavorativi da parte di un panel di Cavalieri del lavoro (vai. %) Più competitivi indifferente Più deboli Creatività Preparazione Produttività Preparazione investimento Disponibilità teorica tecnica nella carriera a trasferirsi Fonte: indagine Censis, 2013 IFCENSIS

52 Ripartire dalla scuola per valorizzare l'artigianato Il nostro Paese vanta, come pochi al mondo, una tradizione di eccellenza nella produzione artigiana; eppure, negli ultimi anni questa sembra trovare occasione di apprezzamento e valorizzazione più all'estero che non da noi. Dal 2007 al 2012 il numero delle imprese artigiane attive è diminuito significativamente, di circa unità; un dato, questo, riconducibile non tanto e non solo alla chiusura di molte aziende, quanto soprattutto alla mancata generazione di nuova classe imprenditoriale artigiana. Negli stessi anni, infatti, il contributo dei giovani all'imprenditorialità italiana è fortemente diminuito e le imprese con titolari di età inferiore ai 30 anni sono passate dal rappresentare l'8,l% del totale nel 2007 al 6,5% del 2012, registrando una perdita netta di circa imprese. La sensazione è che quello tra giovani e lavoro artigiano sia oggi un rapporto abbastanza critico, condizionato anche da un deficit di reputazione dell'artigianato presso i giovani. Secondo una recente indagine Censis-Confartigianato sugli studenti degli ultimi due anni di scuola superiore o professionale, chiamati ad esprimere il proprio parere sull'ipotesi di svolgere nel futuro un mestiere artigiano, a malapena un terzo mostra una piena apertura verso tale eventualità: 1' 11,9% è già indirizzato sulla strada di futuro artigiano, mentre il 19,4% si dichiara possibilista, considerandolo un lavoro come un altro. Un altro terzo (31,4%) condiziona la propria disponibilità alla mancanza di alternative occupazionali e si dichiara disponibile a svolgere un mestiere artigiano solo se non troverà nessun altro lavoro. Il 37,3% esprime un rifiuto categorico e incondizionato, dichiarando la propria indisponibilità a svolgere tale tipo di lavoro anche nel caso in cui non trovasse un altro impiego (tab. 6). Tab. 6 - Il favore del giovani rispetto all'ipotesi di svolgere un lavoro artigiano, per ripartizione geografica (vai %) Ripartizione geografica Pensi che nel futuro potresti svolgere un lavoro artigiano? Nord-Ovest Nord-Est Centro Sud e isole Totale SI, mi piacerebbe svolgere un lavoro artigiano 7,0 33,0 8,9 5,0 11,9 SI, è un lavoro come un altro 21,0 16,5 23,8 17,8 19,4 Solo se non trovassi altro 46,0 26,2 34,6 25,2 31,4 No, anche se non dovessi trovare un altro lavoro, non ne farei mai uno artigiano 26,0 24,3 32,7 52,0 37,3 Totale 100,0 100,0 100,0 100,0 100,0 Fonte: indagine Censis, 2013 Tra i giovani tende a prevalere un'immagine del tutto stereotipata e tradizionale del lavoro artigiano caratterizzata da: la centralità del concetto di manualità, che finisce per mettere in ombra tutti gli altri (ben il 97% degli studenti interpellati sceglie l'aggettivo "manuale" per descrivere il lavoro artigiano); la mancata percezione del carattere innovativo e tecnico di tale lavoro (solo il 51,2% dei giovani attribuisce {/CENSIS 21

53 l'aggettivo "tecnico" al lavoro artigiano e solo il 45,6% lo definisce innovativo); la conseguente immagine di un lavoro che in tutto e per tutto riporta al passato, non solo perché svolto con le mani, ma anche in quanto faticoso (89%), antico (81,9%), per molti versi umile (58,6%). Verso un sistema più organizzato di servizi alla persona Nell'ultimo decennio, tutta l'area dei servizi di cura e assistenza alle famiglie ha rappresentato per il nostro Paese un incredibile bacino di crescita occupazionale. Il numero effettivo dei collaboratori che, con formule e modalità diverse, prestano la loro attività presso le famiglie è passato da poco più di un milione del 2001 agli attuali (+53%), registrando come noto la sua crescita più significativa nella componente straniera, che oggi rappresenta il 77,3% del totale. Un recente studio realizzato da Censis e Ismu per conto del Ministero del Lavoro stima che, mantenendo stabile il tasso di utilizzo dei servizi da parte delle famiglie, la crescita della domanda porterà il numero degli attuali collaboratori da a nel 2030, determinando un fabbisogno aggiuntivo complessivo di circa unità. Se quello dei servizi di collaborazione domestica è in Italia un mercato ancora fortemente destrutturato, stanno emergendo nuove tendenze. Vi è infatti una minoranza di collaboratori, ma al Nord Italia il fenomeno inizia ad essere più diffuso, che presentano un profilo del tutto opposto a quello tradizionale: perché svolgono mansioni molto qualificate nell'assistenza e cura alle persone per cui è necessario uno specifico bagaglio di competenze (il 17,3% ha una professionalità alta); perché hanno deciso, per essere più appetibili sul mercato e lavorare in condizioni di maggiore regolarità, di iscriversi a un registro (il 23,7%); perché hanno scelto modalità organizzative del proprio lavoro meno informali e più strutturate (il 14,3% lavora presso agenzie o cooperative), e infine perché hanno avvertito l'esigenza di formarsi o presentarsi sul mercato con competenze attestate e più qualificate (tav. 1). Sono tendenze che danno conto di un'esigenza ormai sempre più manifesta del sistema di dare un assetto più organizzato e più strutturato all'offerta complessiva dei servizi, anche al fine di migliorare la qualità delle prestazioni e le condizioni di lavoro degli occupati. Ma su tale esigenza incombe la crisi. Quello per il welfare informale è un costo che grava quasi interamente sui bilanci familiari, visto che a fronte di una spesa di 667 euro al mese, solo il 31,4% riesce a ricevere una qualche forma di contributo pubblico che si configura per i più nell'accompagno (19,9%). Se complessivamente la spesa che le famiglie sostengono incide per il 29,5% sul reddito familiare, non stupisce che già oggi, in piena recessione, la maggioranza (56,4%) non riesca più a farvi fronte e sia corsa ai ripari: il 48,2% ha ridotto i consumi pur di mantenere il collaboratore, il 20,2% ha intaccato i propri risparmi, addirittura il 2,8% delle famiglie si è dovuta indebitare (tab. 8). E del resto, negli ultimi anni il numero delle famiglie ricorse ai servizi di collaborazione è andato diminuendo, passando da più di 2,5 milioni del 2010 ai del ^[ENSIS 15

54 Tav. 1 - I processi di strutturazione in atto nel settore dei servizi di collaborazione domestica Processi La specializzazione dei profili degli operatori Fenomenologie il 17,3% dei lavoratori presso le famiglia presenta un profilo specializzato nell'assistenza il 14,3% ha seguito un corso di formazione, per lo più in Italia, specifico per il tipo di lavoro che svolge La regolarizzazione del lavoro Malgrado i lavoratori completamente regolari siano solo il 34,5%, e permanga ancora una fetta di lavoro completamente sommerso (27,7%), rispetto al 2008 la quota di lavoro irregolare è diminuita significativamente C'è un progressivo consolidamento delle tutele di fatto: più della metà dei lavoratori ha riconosciute ferie, liquidazione, malattia, tredicesima L'emersione di una refe di servizi strutturata il valore riconosciuto delle competenze La volontarietà della scelta occupazionale il 14,3% dei collaboratori lavora presso le famiglie attraverso agenzie e cooperative, con cui intrattiene regolare rapporto di lavoro. Al Nord la percentuale arriva al 18,5% il 23,7% dei collaboratori è iscritto ad un albo o registro pubblico (al Nord la percentuale è del 32,5%) il 55,2% intende svolgere un corso di formazione specialistica nel settore, per accedere a lavori meglio remunerati (22,2%) o migliorare le proprie competenze (18,7%) il 28,9% (tra gli italiani il valore sale al 30,4%) svolge il lavoro di collaboratore per scelta: perché assicura buoni guadagni (10,6%), permette di lavorare in maniera flessibile (9,4%) e perché è un lavoro che piace (8,9%). A prescindere dalla motivazione della scelta, il 70% dei collaboratori intende continuare a svolgere lo stesso mestiere in futuro Fonte: indagine Censis-lsmu, 2012 Tab. 8 - Spesa che le famiglie sostengono per i servizi di collaborazione domestica e modalità con cui fanno fronte ai costi, per ripartizione geografica (v.a. in euro e vai. %) Ripartizione geografica Nord Centro Sud Totale Spesa media mensile per l'attività di collaborazione (euro) 751,4 693,1 531,1 667,8 incidenza della spesa sul reddito mensile della famiglia (vai. %) 29,1 32,4 27,7 29,5 Difficoltà delle famiglie a coprire le spese per i servizi di collaborazione domestica No 37,4 35,6 58,9 43,6 SI 63,4 64,4 41,1 56,4 Totale 100,0 100,0 100,0 100,0 Famiglie che per coprire le spese dei servizi richiesti al collaboratore Hanno intaccato una quota di risparmi 22,5 26,6 11,7 20,2 Hanno ridotto spese di altro tipo 51,9 57,9 34,9 48,2 Si sono indebitate 4,1 3,9 0,0 2,8 Fonte: indagine Censis-lsmu, 2012 ^CENSIS 6

55 L'agricoltura italiana alla prova del ricambio generazionale Nell'agricoltura è in corso da tempo un lento e profondo processo di rinnovamento, che trova origine nel ringiovanimento delle imprese. Tra il 2009 e il 2012, mentre la quota di aziende registrate alle Camere di commercio prima del 1989 è andata progressivamente assottigliandosi, riportando un calo del 12,1%, e quelle create tra il 1990 e il 2000 si sono ridotte sensibilmente (-17,1%), le aziende più giovani, nate dopo il 2000, sono invece cresciute significativamente (+15%), arrivando a rappresentare quasi il 40% del totale delle imprese agricole e agroalimentari. Il ricambio del tessuto d'impresa ha coinciso anche con il consolidarsi di una nuova generazione di giovani imprenditori, portatori di una logica di gestione e organizzazione dell'attività imprenditoriale diversa dal passato. Per quanto la loro presenza resti ancora contenuta (secondo il Censimento del 2010 solo il 10% dei conduttori ha meno di 40 anni, con punte nel Nord-Ovest del 13,4% e nelle isole del 12,3%), i giovani che decidono di fare impresa agricola rappresentano una ricchezza importante in termini di innovazione e di discontinuità: si consideri che se tra gli imprenditori con più di 40 anni la maggioranza (38%) ha al massimo la licenza elementare, e il 31,2% quella media, tra i giovani imprenditori agricoli il livello medio di istruzione cresce sensibilmente: tra i 25-39enni il 45,3% è in possesso di un diploma di scuola superiore e 1' 11,2% ha una laurea. E tra quanti decidono di intraprendere tale tipo di attività prima dei 25 anni, ben il 65,3% ha un diploma superiore e il 5,2% è già laureato (fig. 12 e tab. 10). Fig Conduttori di aziende agricole con meno di 40 anni, per area geografica, 2010 (vai. %) ,0 Nord-Ovest Nord-Est Centro Sud Isole Totale Fonte: elaborazione Censis su dati Istat FCENSIS

56 Tab Distribuzione dei capi azienda, per classe d'età e titolo di studio, 2010 (vai. %) Fino a 24 anni anni 40 anni e oltre Totale Nessun titolo 0,3 0,2 5,5 5,0 Licenza elementare 1.8 3,0 38,0 34,5 Licenza media 27,5 40,3 31,2 32,0 Secondario (diploma di qualifica o superiore) 65,3 45,3 19,6 22,3 Laurea 5, ,7 6,2 Totale 100,0 100,0 100,0 100,0 Fonte: elaborazione Censis su dati Istat ^/CENSIS

57 Il sistema di welfare (pp del volume) La numerazione di tabelle, tavole e figure riproduce quella del testo integrale

58 L'empowerment degli operatori fa la buona sanità Nella tensione alla razionalizzazione del servizio sanitario, una nuova attenzione sta maturando per l'analisi e la promozione di tutti i fattori che, all'interno dei servizi e delle organizzazioni sanitarie, possono impattare positivamente sul benessere e il clima organizzativo. Concentrarsi sugli aspetti e le azioni che possono influire sul- Vempowerment degli operatori è ancora una operazione di avanguardia, e per di più ristretta, ma è un segnale del lento ma importante affermarsi di una duplice consapevolezza: da una parte che gli operatori della sanità rappresentano uno straordinario giacimento di occupazione di qualità su cui bisognerebbe investire molto di più, dall'altro che intervenire per migliorare il benessere dei lavoratori nelle istituzioni sanitarie significa ottenere importanti risultati anche in termini di efficacia, efficienza, produttività e qualità percepita dall'utente. Dalle diverse indagini che analizzano V empowermet degli operatori sanitari, tra cui la recente sperimentazione Agenas-Censis, che si è posta l'obiettivo di individuare, sperimentare e validare un modello di valutazione dell'empowerment nelle organizzazioni sanitarie condiviso a livello nazionale, emergono alcuni elementi ricorrenti. Gli aspetti del clima organizzativo definiti più positivamente dagli operatori risultano quelli che attengono al rapporto con i pazienti, ma nelle relazioni con i colleghi e soprattutto con i superiori emergono le criticità legate alla mancata corrispondenza tra impegno, risultato e riconoscimento (fig. 1). Fig. 1 - La soddisfazione degli operatori (vai %) È soddisfatto del rapporto che stabilisce con i pazienti È soddisfatto del rapporto che stabilisce con i familiari dei pazienti C'è corrispondenza tra il lavoro che svolge e le sue competenze/profilo professionale Ha voglia di investire nuove energie per l'azienda/unità operativa ' 93,9 85,9 82,7 Si sente realizzato attraverso il lavoro 80,2 Riesce a trovare un equilibrio tra il lavoro e la sua vita privata Il suo lavoro corrisponde a quello auspicato per il suo progetto di vita 79,8 79,3 L'immagine dell'azienda all'esterno è positiva 78,2 Le sue capacità professionali sono valorizzate 62,6 Fonte: indagine Censis, 2013 {JFCENSIS 1

Considerazioni generali. (pp. IX XXII del volume)

Considerazioni generali. (pp. IX XXII del volume) INDICE Considerazioni generali 1 La società italiana al 2013 13 Processi formativi 39 Lavoro, professionalità, rappresentanze 51 Il sistema di welfare 61 Territorio e reti 71 I soggetti economici dello

Dettagli

2.3. - I giovani, navigatori del nuovo mondo globale

2.3. - I giovani, navigatori del nuovo mondo globale La società italiana al 2013 31 se, rivelano l obiettivo di soddisfare la clientela straniera e favorire l integrazione sociale ed economica. Da un lato, si è assistito al lancio da parte dei gruppi italiani

Dettagli

Indagine sulle micro, piccole e medie imprese: sintesi dei principali risultati

Indagine sulle micro, piccole e medie imprese: sintesi dei principali risultati Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la Politica Industriale, la Competitività e le Piccole e Medie Imprese ex Div. VIII PMI e artigianato Indagine sulle micro, piccole e medie imprese:

Dettagli

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES Pier Francesco Asso ECONOMIA SICILIANA Si illustrano alcuni risultati del IV rapporto di ricerca della Fondazione RES dedicato

Dettagli

TrendRA RAPPORTO CONGIUNTURALE ED ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA Anno 2014 e prime tendenze 2015.

TrendRA RAPPORTO CONGIUNTURALE ED ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA Anno 2014 e prime tendenze 2015. TrendRA RAPPORTO CONGIUNTURALE ED ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA Anno 2014 e prime tendenze 2015. Questa mattina, nel corso di una conferenza stampa a cui hanno partecipato il direttore, Massimo

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

Lavoro, professionalità, rappresentanze

Lavoro, professionalità, rappresentanze Lavoro, professionalità, rappresentanze (pp. 145 197 del volume) La numerazione di tabelle, tavole e figure riproduce quella del testo integrale Giovani imprenditori: una impresa possibile Nonostante le

Dettagli

vorrei anzitutto ringraziare la Camera di Commercio di Novara e l Università Amedeo Avogadro per avermi

vorrei anzitutto ringraziare la Camera di Commercio di Novara e l Università Amedeo Avogadro per avermi La responsabilità sociale delle imprese nel contesto del processo di internazionalizzazione e globalizzazione dei mercati Novara, 28 novembre 2005 Intervento Cari amici, vorrei anzitutto ringraziare la

Dettagli

CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO

CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO 2 NOTA ECONOMICA Tenuta del consumo di prodotti per la cura del corpo e per il benessere personale. Anche nel periodo a cavallo tra il 2009 e i primi

Dettagli

CONSORZI DI IMPRESE: UNA PROSPETTIVA IN EVOLUZIONE

CONSORZI DI IMPRESE: UNA PROSPETTIVA IN EVOLUZIONE CONSORZI DI IMPRESE: UNA PROSPETTIVA IN EVOLUZIONE Il consorzio è un opportunità di crescita per la micro e piccola impresa. Le imprese che si trovano a misurarsi in un mercato dove i competitor sono rappresentati

Dettagli

CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO

CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO 2 NOTA ECONOMICA Ripresa sostenuta dei consumi cosmetici nel 2010 nonostante le tensioni sulle propensioni d acquisto di larghe fasce di consumatori.

Dettagli

PRESENTATA OGGI A TORINO DA INTESA SANPAOLO E DAL CENTRO EINAUDI L INDAGINE SUL RISPARMIO E SULLE SCELTE FINANZIARIE DEGLI ITALIANI

PRESENTATA OGGI A TORINO DA INTESA SANPAOLO E DAL CENTRO EINAUDI L INDAGINE SUL RISPARMIO E SULLE SCELTE FINANZIARIE DEGLI ITALIANI COMUNICATO STAMPA PRESENTATA OGGI A TORINO DA INTESA SANPAOLO E DAL CENTRO EINAUDI L INDAGINE SUL RISPARMIO E SULLE SCELTE FINANZIARIE DEGLI ITALIANI 2014 Cresce la propensione al risparmio. Le famiglie

Dettagli

ITALIA TURISMO Luglio 2012

ITALIA TURISMO Luglio 2012 ITALIA TURISMO Luglio 2012 LE VACANZE DEGLI ITALIANI IN TEMPO DI CRISI Cancellati 41 milioni di viaggi e 195 milioni di giornate di vacanza in cinque anni Gli ultimi aggiornamenti sull andamento del turismo

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

La cultura manageriale per il rilancio del Paese Roma, 18 novembre 2013

La cultura manageriale per il rilancio del Paese Roma, 18 novembre 2013 Relazione dei Presidente CIDA, Silvestre Bertolini La cultura manageriale per il rilancio del Paese Roma, 18 novembre 2013 Prima di iniziare, vorrei ringraziare le autorità presenti in sala, che è sempre

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

L IMPRESA PRESENTA IL CONTO! Perché?

L IMPRESA PRESENTA IL CONTO! Perché? 1 L IMPRESA PRESENTA IL CONTO! Perché? La crisi che ormai da alcuni anni sta sconvolgendo la nostra economia ed il nostro lavoro ha colpito più di altri, alcuni comparti, caratterizzati dalla presenza

Dettagli

I soggetti economici dello sviluppo

I soggetti economici dello sviluppo I soggetti economici dello sviluppo (pp. 435 515 del volume) La numerazione di tabelle, tavole e figure riproduce quella del testo integrale Deindustrializzazione competitiva per guardare oltre la crisi

Dettagli

Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione

Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione Con il rapporto di ricerca presentato dalla Filtea al direttivo del 6 maggio

Dettagli

Tassi di crescita del tessuto imprenditoriale. Anni 2002-2012 2002 2003 2004 2005 2006* 2007* 2008* 2009* 2010* 2011*

Tassi di crescita del tessuto imprenditoriale. Anni 2002-2012 2002 2003 2004 2005 2006* 2007* 2008* 2009* 2010* 2011* Si attenua la dinamica imprenditoriale Scende, anche se di poco, per la prima volta in 10 anni il numero di imprese registrate a Torino e provincia. Cala il tasso di natalità e sale quello di mortalità.

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2016

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2016 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2016 Il fatturato dell industria italiana rimarrà su ritmi di crescita ancora superiori al 2% nell anno in corso per poi entrare in

Dettagli

Regione Campania. 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014

Regione Campania. 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014 1 Regione Campania 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014 Il saldo tra iscrizioni e cessazioni Il secondo trimestre del 2014 mostra un deciso rafforzamento numerico del sistema imprenditoriale

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 8 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 8 1. L andamento del mercato

Dettagli

NOTA STUDIO CONFESERCENTI

NOTA STUDIO CONFESERCENTI Ufficio Stampa NOTA STUDIO CONFESERCENTI IMPRESE, STUDIO CONFESERCENTI: GLI IMMIGRATI RESISTONO MEGLIO ALLA CRISI: NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2012 LE IMPRESE INDIVIDUALI CON TITOLARI EXTRA UE CRESCONO DI

Dettagli

Report agosto 2010. Una sintesi mensile dei dati e delle tendenze per una panoramica sul mondo immobiliare. a cura di Alice Ciani Responsabile CSEI

Report agosto 2010. Una sintesi mensile dei dati e delle tendenze per una panoramica sul mondo immobiliare. a cura di Alice Ciani Responsabile CSEI Una sintesi mensile dei dati e delle tendenze per una panoramica sul mondo immobiliare a cura di Alice Ciani Responsabile CSEI Indice 1. Le compravendite 2. Le locazioni 3. I mutui 4. Le ristrutturazioni

Dettagli

Dicembre 2014 Ufficio Studi Confartigianato Imprese Piemonte

Dicembre 2014 Ufficio Studi Confartigianato Imprese Piemonte Dicembre 2014 Ufficio Studi Confartigianato Imprese Piemonte Via Andrea Doria, 15-10123 Torino - Tel. 011/8127500 011/8127416 Fax 011/8125775 www.confartigianato.piemonte.it e-mail: info@confartigianato.piemonte.it

Dettagli

14. Interscambio commerciale

14. Interscambio commerciale 14. Interscambio commerciale La crescita economica del Veneto è sempre stata sostenuta, anche se non in via esclusiva, dall andamento delle esportazioni. La quota del valore totale dei beni esportati in

Dettagli

Sicurezza e cittadinanza

Sicurezza e cittadinanza Sicurezza e cittadinanza (pp. 529 568 del volume) La numerazione di tabelle, tavole e figure riproduce quella del testo integrale La criminalità oltre l emotività Negli ultimi tre anni la criminalità in

Dettagli

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO]

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] INNOVAZIONE DI MERCATO E LEVA PER LA CRESCITA I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] 1. [ INTRODUZIONE ] Capacità d innovazione e adattamento ai numerosi

Dettagli

PRIMO RAPPORTO SULLA COOPERAZIONE IN ITALIA. Giuseppe Roma DG Censis. Roma 29 novembre 2012

PRIMO RAPPORTO SULLA COOPERAZIONE IN ITALIA. Giuseppe Roma DG Censis. Roma 29 novembre 2012 PRIMO RAPPORTO SULLA COOPERAZIONE IN ITALIA Giuseppe Roma DG Censis Roma 29 novembre 2012 La forza della cooperazione nell economia italiana 80 mila cooperative Circa 1 milione 350 mila occupati (7,2%

Dettagli

Relazione. Autorità, signore, signori, amici artigiani, Vi ringrazio di. essere qui stasera, malgrado il caldo di questa serata di luglio.

Relazione. Autorità, signore, signori, amici artigiani, Vi ringrazio di. essere qui stasera, malgrado il caldo di questa serata di luglio. Relazione Autorità, signore, signori, amici artigiani, Vi ringrazio di essere qui stasera, malgrado il caldo di questa serata di luglio. L assemblea odierna non è solo un momento di verifica e di approvazione

Dettagli

Secondo trimestre 2014 e previsioni per il terzo trimestre 2014

Secondo trimestre 2014 e previsioni per il terzo trimestre 2014 Secondo trimestre 2014 e previsioni per il terzo trimestre 2014 I diritti di traduzione, memorizzazione elettronica, di riproduzione e adattamento, totale o parziale con qualsiasi mezzo, sono riservati

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Presentati oggi i risultati dello studio di UniCredit, dedicato

Dettagli

I MERCATI E LE SFIDE DELLA COMPETIZIONE Ricerca sul commercio su aree pubbliche in Emilia Romagna. Presentazione principali risultati

I MERCATI E LE SFIDE DELLA COMPETIZIONE Ricerca sul commercio su aree pubbliche in Emilia Romagna. Presentazione principali risultati I MERCATI E LE SFIDE DELLA COMPETIZIONE Ricerca sul commercio su aree pubbliche in Emilia Romagna Presentazione principali risultati Modena 12 Febbraio 2015 Metodo di analisi e obiettivi Utilizzare dati

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA

L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA E x e c u t i v e s u m m a r y L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA La fotografia La rilevanza del comparto. L industria dell olio di oliva in senso stretto contribuisce per il 3,5% al fatturato complessivo

Dettagli

Internet può aprire nuove strade di

Internet può aprire nuove strade di LA PARTECIPAZIONE VA ON LINE Internet può moltiplicare le possibilità di coinvolgersi nelle cause e di prendere iniziative, ma va usato con intelligenza di Paola Springhetti Internet può aprire nuove strade

Dettagli

Il modello lombardo visto dal Regno Unito

Il modello lombardo visto dal Regno Unito Il modello lombardo Direttore di ResPublica, Londra di Phillip Blond Le ragioni di un interesse 81 Vi sono diverse ragioni alla base del nostro interesse per la Lombardia e il suo modello di sviluppo che,

Dettagli

REAGISCO E MI RIMBOCCO LE MANICHE

REAGISCO E MI RIMBOCCO LE MANICHE INDAGINE: COME I MANAGER VIVONO LA CRISI REAGISCO E MI RIMBOCCO LE MANICHE Il sondaggio effettuato a fine anno da Astra Ricerche per Manageritalia parla chiaro: i manager sentono la crisi sulla propria

Dettagli

Programma degli interventi

Programma degli interventi Allegato 1 alla Delib.G.R. n. 46/8 del 22.9.2015 Programmazione Unitaria 2014-2020. Strategia "Creare opportunità di lavoro favorendo la competitività delle imprese". Programma di intervento 3: Competitività

Dettagli

una iniziativa promossa da Welfare, Italia: focus sul Lazio. Ridare valore alle risorse di famiglie e lavoratori Sintesi

una iniziativa promossa da Welfare, Italia: focus sul Lazio. Ridare valore alle risorse di famiglie e lavoratori Sintesi una iniziativa promossa da Welfare, Italia: focus sul Lazio. Ridare valore alle risorse di famiglie e lavoratori Sintesi Roma, 19 settembre 2013 Indice 1. L integrazione familiare dell offerta sanitaria

Dettagli

economico congiunturale

economico congiunturale indicatori Economica Numero 6 novembre-dicembre 55 Osservatorio economico congiunturale indicatori ll punto sull economia della provincia di 56 Economica Numero 6 novembre-dicembre I RISULTATI DI BILANCIO

Dettagli

OSSERVATORIO FINANZIARIO

OSSERVATORIO FINANZIARIO OSSERVATORIO FINANZIARIO SULLE SOCIETÀ VINICOLE ITALIANE Analisi dei profili reddituali e finanziari di un campione rappresentativo delle diverse tipologie di società vinicole italiane 2 edizione, 2006

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE EUROPEO OLTRE LA CRISI

MERCATO IMMOBILIARE EUROPEO OLTRE LA CRISI Grexit butta acqua sul fuoco" della ripresa, ma non la ferma MERCATO IMMOBILIARE EUROPEO OLTRE LA CRISI In Italia c'è ancora incertezza, ma piace agli investitori esteri Il no greco getta acqua sul fuoco

Dettagli

Nota congiunturale I trimestre 2002

Nota congiunturale I trimestre 2002 CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA NOVARA Nota congiunturale I trimestre 2002 a cura dell Ufficio studi 81 80 79 78 77 76 75 74 73 72 6 4 2 0-2 -4-6 -8 71-10 I/98 II/98 III/98 IV/98

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI Divisione VIII PMI e Artigianato Indagine

Dettagli

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Presentati i risultati dello studio di UniCredit, dedicato

Dettagli

TrendRa, l'indagine di CNA sull andamento economico e occupazionale dell artigianato a Ravenna

TrendRa, l'indagine di CNA sull andamento economico e occupazionale dell artigianato a Ravenna TrendRa, l'indagine di CNA sull andamento economico e occupazionale dell artigianato a Ravenna Venerdì 9 Ottobre 2015 Si intravede qualche segnale di ripresa, ma i principali indicatori economici rimangono

Dettagli

Le imprese a Bologna nel 2014. Marzo 2015

Le imprese a Bologna nel 2014. Marzo 2015 Le imprese a Bologna nel 2014 Marzo 2015 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione: Stefano Venuti e Paola Ventura Le elaborazioni sono

Dettagli

DISTRIBUZIONE DEL PRODOTTO TURISTICO ON LINE, ANALISI DI BILANCIO PER INDICI, ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DEI RICAVI E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE

DISTRIBUZIONE DEL PRODOTTO TURISTICO ON LINE, ANALISI DI BILANCIO PER INDICI, ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DEI RICAVI E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 Temi in preparazione alla maturità DISTRIBUZIONE DEL PRODOTTO TURISTICO ON LINE, ANALISI DI BILANCIO PER INDICI, ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DEI RICAVI E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE

Dettagli

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE Estratto dall Osservatorio Congiunturale sull Industria delle Costruzioni Dicembre 1985 1986 1987 1988 1989 1990 1991 1992

Dettagli

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007)

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) CRS PO-MDL 1 GLI SCENARI ECONOMICI Prima di affrontare una qualsiasi analisi del mercato del lavoro giovanile, è opportuno soffermarsi sulle caratteristiche

Dettagli

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE Estratto dall Osservatorio Congiunturale sull Industria delle Costruzioni Luglio 1985 1986 1987 1988 1989 1990 1991 1992 1993

Dettagli

PIL e tasso di crescita.

PIL e tasso di crescita. PIL e tasso di crescita. 1.1 Il lungo periodo PIL è una sigla molto usata per indicare il livello di attività di un sistema economico. Il Prodotto Interno Lordo, misura l insieme dei beni e servizi finali,

Dettagli

Il Veneto letto dai Bilanci dei Comuni IX RAPPORTO DI RICERCA NOBEL

Il Veneto letto dai Bilanci dei Comuni IX RAPPORTO DI RICERCA NOBEL Il Veneto letto dai Bilanci dei Comuni IX RAPPORTO DI RICERCA NOBEL SINTESI a cura di Giacomo Vendrame e Paolo Vallese ottobre 2008 Nobel è un progetto dell Ires Veneto promosso da Il Veneto letto dai

Dettagli

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE (febbraio 2015) Il ciclo internazionale, l area euro ed i riflessi sul mercato interno Il ciclo economico internazionale presenta segnali favorevoli che si accompagnano

Dettagli

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy INTRODUZIONE Un economia sempre più internazionalizzata: l export è il principale volano per la crescita dell economia italiana,

Dettagli

CAPITOLO 2 Struttura, evoluzione e valore del terziario

CAPITOLO 2 Struttura, evoluzione e valore del terziario CAPITOLO 2 Struttura, evoluzione e valore del terziario 2.1 Il terziario a Roma: dimensioni e tendenze evolutive 2.2 Caratteristiche della realtà romana 2.3 Le attività del terziario nel comune di Roma:

Dettagli

Per quanto riguarda l attenzione alla qualità del prodotto è stato necessario far capire alle persone quale fosse l enorme costo della non qualità.

Per quanto riguarda l attenzione alla qualità del prodotto è stato necessario far capire alle persone quale fosse l enorme costo della non qualità. Anzitutto volevo ringraziare per l opportunità che mi è stata data di presentare qui oggi la mia azienda. Noi imprenditori di solito siamo orgogliosi delle nostre creature, e quindi siamo contenti quando

Dettagli

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO Ufficio Comunicazione&Studi Confartigianato del Veneto ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO INDAGINE CONGIUNTURALE ANDAMENTO 2 SEMESTRE 2010 PREVISIONE 1 SEMESTRE 2011 In collaborazione con INDAGINE

Dettagli

Fonte: indagine UniCredit 2010 sulla fiducia I RISULTATI PRINCIPALI. Indice di fiducia complessivo

Fonte: indagine UniCredit 2010 sulla fiducia I RISULTATI PRINCIPALI. Indice di fiducia complessivo COMUNICATO STAMPA Settimo Rapporto UniCredit sulle Piccole Imprese La ricerca di nuovi mercati: la sfida delle piccole imprese fra cambiamento e tradizione Presentato a Roma, lo studio è stato dedicato

Dettagli

C E N S I S OUTLOOK ITALIA. Clima di fiducia e aspettative delle famiglie italiane 2015

C E N S I S OUTLOOK ITALIA. Clima di fiducia e aspettative delle famiglie italiane 2015 C E N S I S OUTLOOK ITALIA Clima di fiducia e aspettative delle famiglie italiane 2015 Roma, settembre 2015 1. CLIMA DI FIDUCIA, PREVISIONI PER IL FUTURO Per la prima volta, dall inizio della crisi economica,

Dettagli

COMUNE DI REGGIO EMILIA. Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 2010

COMUNE DI REGGIO EMILIA. Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 2010 Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 21 1 Pagina Pagina Pagina Demografia delle imprese reggiane Andamento congiunturale Fallimenti Pagina Pagina Protesti Credito

Dettagli

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro 2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro Nel 2004 (dopo 3 anni di crescita stagnante dovuta principalmente agli effetti degli attacchi terroristici dell 11 settembre e all

Dettagli

PIER FRANCESCO ASSO (Università di Palermo)

PIER FRANCESCO ASSO (Università di Palermo) PIER FRANCESCO ASSO (Università di Palermo) Gli indicatori di bilancio, le elaborazioni, le analisi sul passato e le previsioni per il futuro che sono contenute nel Rapporto Mediobanca - Unioncamere offrono,

Dettagli

IL LAVORO RIPARTE? POLO DI ECCELLENZA Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro. 5 Rapporto dell Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro

IL LAVORO RIPARTE? POLO DI ECCELLENZA Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro. 5 Rapporto dell Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro Provincia di LECCO POLO DI ECCELLENZA Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro 5 Rapporto dell Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro IL LAVORO RIPARTE? Marzo 2014 Il rapporto di ricerca

Dettagli

Maggio 2010. Le donne al vertice delle imprese

Maggio 2010. Le donne al vertice delle imprese Maggio 2010 Le donne al vertice delle imprese Sintesi L indagine, che analizza il ruolo delle donne nei consigli d amministrazione delle società di capitale di maggiore dimensione (le circa 30 mila società

Dettagli

MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune

MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune Forum delle Persone e delle Associazioni di ispirazione cattolica nel Mondo del Lavoro MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune I Promotori del Forum delle Persone e delle Associazioni di ispirazione

Dettagli

In Sardegna cessano 27 imprese al giorno.

In Sardegna cessano 27 imprese al giorno. MANOVRA FINANZIARIA REGIONALE 2013 VALUTAZIONI, ESIGENZE E PROPOSTE DI RETE IMPRESE ITALIA SARDEGNA Le Organizzazioni Imprenditoriali della Sardegna che si riconoscono in RETE IMPRESE ITALIA (Casartigiani,

Dettagli

Il sistema congressuale riminese nel 2010

Il sistema congressuale riminese nel 2010 UNIVERSITÀ DI BOLOGNA Polo di Rimini OSSERVATORIO CONGRESSUALE DELLA PROVINCIA DI RIMINI Il sistema congressuale riminese nel 2010 Ricerca promossa e finanziata da: 1. LA DOMANDA CONGRESSUALE ATTRAVERSO

Dettagli

I cinesi in Veneto. Una stima dei costi economici tra contraffazione e criminalità. a cura del Centro Studi Unioncamere Veneto 1/21

I cinesi in Veneto. Una stima dei costi economici tra contraffazione e criminalità. a cura del Centro Studi Unioncamere Veneto 1/21 . Una stima dei costi economici tra contraffazione e criminalità. a cura del Centro Studi Unioncamere Veneto 1/21 I cinesi fuori dalla Cina 9,3 milioni sono i cinesi emigrati nel mondo oggi, pari allo

Dettagli

La situazione congiunturale per l industria manifatturiera trevigiana al primo trimestre 2015

La situazione congiunturale per l industria manifatturiera trevigiana al primo trimestre 2015 CONGIUNTURA & APPROFONDIMENTI Report n. 7 Maggio 2015 La situazione congiunturale per l industria manifatturiera trevigiana al primo trimestre 2015 A cura dell Area Studi e Sviluppo Economico Territoriale

Dettagli

REGIONE LIGURIA Commissione Regionale Artigianato

REGIONE LIGURIA Commissione Regionale Artigianato REGIONE LIGURIA Commissione Regionale Artigianato OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL ARTIGIANATO E LA PICCOLA IMPRESA IN LIGURIA L Osservatorio Congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa in Liguria

Dettagli

Il sistema di welfare

Il sistema di welfare Il sistema di welfare (pp. 257-348 del volume) La numerazione di tabelle, tavole e figure riproduce quella del testo integrale L onda lunga della comunicazione sulla salute Il boom dell informazione sanitaria

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Novara Indicatori socio-economici -0,77% -46,1%

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Novara Indicatori socio-economici -0,77% -46,1% Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Marzo 13 NOVARA NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 13 1 Provincia di Indicatori socio-economici Figura 1 Negli ultimi dieci anni la popolazione

Dettagli

Movimprese III trimestre 2015. Natalità e mortalità delle imprese registrate presso le Camere di Commercio della Toscana

Movimprese III trimestre 2015. Natalità e mortalità delle imprese registrate presso le Camere di Commercio della Toscana Movimprese III trimestre 2015 Natalità e mortalità delle imprese registrate presso le Camere di Commercio della Toscana Firenze, Novembre 2015 Indice CAPITOLO 1: IL QUADRO GENERALE CAPITOLO 2: TIPOLOGIE

Dettagli

AUTO MUTUO AIUTO cos è?

AUTO MUTUO AIUTO cos è? AUTO MUTUO AIUTO cos è? L Auto Mutuo Aiuto è un processo, un modo di trattare i problemi concreti che ciascuno si trova a fronteggiare nella propria vita: malattie, separazioni, lutti, disturbi alimentari,

Dettagli

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Gennaio 2014 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Versione: 1.0 Quadro dell opera: Termine

Dettagli

INDICE. 1.Perché fare Qualità. 2. Qualità e non-qualità. 3. Le potenzialità del Sistema di gestione. 4. La ISO 9001:2015

INDICE. 1.Perché fare Qualità. 2. Qualità e non-qualità. 3. Le potenzialità del Sistema di gestione. 4. La ISO 9001:2015 LE NOVITA INDICE 1.Perché fare Qualità 2. Qualità e non-qualità 3. Le potenzialità del Sistema di gestione 4. La ISO 9001:2015 1. PERCHE FARE QUALITA Obiettivo di ogni azienda è aumentare la produttività,

Dettagli

Debito pubblico, perché no?

Debito pubblico, perché no? Debito pubblico, perché no? Debito pubblico, perché no? Paolo Palazzi Come un aumento generalizzato della spesa pubblica finanziata da un aumento del debito pubblico può farci uscire dall'intreccio letale

Dettagli

Il sistema di welfare

Il sistema di welfare Il sistema di welfare (pp. 255-336 del volume) La numerazione di tabelle, tavole e figure riproduce quella del testo integrale La sanità nell anno della crisi Nell anno della crisi emerge una crescita

Dettagli

CAPITOLO III. Utenti che hanno scaricato contenuti digitali da internet nell'ultimo anno a pagamento. (downloader pay)

CAPITOLO III. Utenti che hanno scaricato contenuti digitali da internet nell'ultimo anno a pagamento. (downloader pay) CAPITOLO III Utenti che hanno scaricato contenuti digitali da internet nell'ultimo anno a pagamento (downloader pay) I COMPORTAMENTI DI CONSUMO DI CONTENUTI DIGITALI IN ITALIA IL CASO DEL FILE SHARING

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 9 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 9 1. L andamento del mercato

Dettagli

Considerazioni e orientamenti di azione politica

Considerazioni e orientamenti di azione politica MANIFESTO della RETE DEL CIVISMO LOMBARDO Considerazioni e orientamenti di azione politica I più recenti risultati elettorali hanno confermato la crisi della cosiddetta Seconda Repubblica e dei partiti

Dettagli

IL SETTORE DELL'ARTIGIANATO NELLA PROVINCIA DI AREZZO

IL SETTORE DELL'ARTIGIANATO NELLA PROVINCIA DI AREZZO IL SETTORE DELL'ARTIGIANATO NELLA PROVINCIA DI AREZZO Avvertenze Il presente documento è stato realizzato da CNA FORMAZIONE srl utilizzando anche fonti istituzionali comunitarie, nazionali, regionali e

Dettagli

I Gas palestre di democrazia

I Gas palestre di democrazia I Gas palestre di democrazia Alcune riflessioni a partire da una ricerca sull associazionismo in Lombardia Francesca Forno Università degli Studi di Bergamo Gruppo di Studio e di conricerca Cittadinanza

Dettagli

LA PARTECIPAZIONE POLITICA IN ITALIA

LA PARTECIPAZIONE POLITICA IN ITALIA 29 ottobre 2014 Anno 2013 LA PARTECIPAZIONE POLITICA IN ITALIA Nel 2013, circa 5 milioni e 700 mila persone (pari al 10,8% della popolazione di 14 anni e più) hanno manifestato il proprio impegno politico

Dettagli

Osservatorio Economia e Lavoro in Emilia-Romagna. Marco Sassatelli

Osservatorio Economia e Lavoro in Emilia-Romagna. Marco Sassatelli Osservatorio Economia e Lavoro in Emilia-Romagna Marco Sassatelli Il quadro - Produzione industriale ed export - 60 Produzione Fatturato Ordini 40 20 0-20 2003 - I 2003 - II 2003 - III 2003 - IV 2004 -

Dettagli

DALLA GREEN ECONOMY 102 MLD DI VALORE AGGIUNTO (IL 10,3%) E QUASI 3 MLN DI POSTI DI LAVORO

DALLA GREEN ECONOMY 102 MLD DI VALORE AGGIUNTO (IL 10,3%) E QUASI 3 MLN DI POSTI DI LAVORO I DATI DI GREENITALY DI FONDAZIONE SYMBOLA E UNIONCAMERE DALLA GREEN ECONOMY 102 MLD DI VALORE AGGIUNTO (IL 10,3%) E QUASI 3 MLN DI POSTI DI LAVORO 372MILA IMPRESE (24,5% DEL TOTALE) PUNTANO SULLA GREEN

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

Dal volontariato al progetto

Dal volontariato al progetto Dal volontariato al progetto 10 anni di storia dell Auser in sintesi 9 Dagli inizi al consolidamento dell organizzazione (1989/1995) 1.a Le motivazioni di una nuova organizzazione L Auser nasce nell 89,

Dettagli

MOVIMPRESE I trimestre 2015

MOVIMPRESE I trimestre 2015 MOVIMPRESE estre L ANDAMENTO DEMOGRAFICO DOPO UN ANNO DIFFICILE. PRIMI SEGNALI DI UNA INVERSIONE DI TENDENZA? Il primo trimestre dell anno è di consueto caratterizzato da valori demografici negativi, a

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

10. Mercato immobiliare

10. Mercato immobiliare 10. Mercato immobiliare I prezzi relativi al mercato immobiliare residenziale, dopo un periodo di forte crescita (fig. 10.1), negli anni 90 hanno subito un decremento; poi, con la fine del decennio, la

Dettagli

Il mercato immobiliare a Bologna nel 2012. Luglio 2013

Il mercato immobiliare a Bologna nel 2012. Luglio 2013 Il mercato immobiliare a Bologna nel 2012 Luglio 2013 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di: Marisa Corazza Mappe a cura di:

Dettagli

Percorsi e storie d impresa a Roma

Percorsi e storie d impresa a Roma Percorsi e storie d impresa a Roma Esperienze, valutazioni e prospettive degli imprenditori stranieri Sintesi dei principali risultati Indagine realizzata attraverso la somministrazione telefonica o diretta

Dettagli

RINNOVO DEL CCNL PER L INDUSTRIA METALMECCANICA APERTURA DELLA TRATTATIVA DICHIARAZIONI DEL PRESIDENTE MASSIMO CALEARO Roma, 20 giugno 2007

RINNOVO DEL CCNL PER L INDUSTRIA METALMECCANICA APERTURA DELLA TRATTATIVA DICHIARAZIONI DEL PRESIDENTE MASSIMO CALEARO Roma, 20 giugno 2007 RINNOVO DEL CCNL PER L INDUSTRIA METALMECCANICA APERTURA DELLA TRATTATIVA DICHIARAZIONI DEL PRESIDENTE MASSIMO CALEARO Roma, 20 giugno 2007 Il 1 giugno abbiamo ricevuto la Vostra piattaforma per il rinnovo

Dettagli

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio C E N S I S Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio III Quadrimestre 2008 Monitor Lazio è promosso dall Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli

FESTIVAL DELLA FAMIGLIA

FESTIVAL DELLA FAMIGLIA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO AGENZIA PER LA FAMIGLIA, LA NATALITÀ E LE POLITICHE GIOVANILI FESTIVAL DELLA FAMIGLIA La Famiglia come risorsa per la crisi economica Se cresce la Famiglia, cresce la Società

Dettagli