MBS HACCP&ACQUE Easy Test Analisi microbiologiche degli alimenti Facili, Rapide ed Affidabili. Prof. Giovanni Antonini, MD, PhD

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MBS HACCP&ACQUE Easy Test Analisi microbiologiche degli alimenti Facili, Rapide ed Affidabili. Prof. Giovanni Antonini, MD, PhD"

Transcript

1 MBS HACCP&ACQUE Easy Test Analisi microbiologiche degli alimenti Facili, Rapide ed Affidabili Prof. Giovanni Antonini, MD, PhD

2 MBS Srl Costituita nel 2007 per lo sviluppo industriale del metodo analitico sviluppato nell Università Roma Tre di cui ha rappresentato il primo spin-off accademico. Il Managment aziendale è rappresentato da: Ing. Alberto Mari Amministratore Delegato Esperto in ingegneria elettronica Collabora allo sviluppo del metodo MBS dal 2003 Sig. Giuseppe Beducci Responsabile Commerciale Sales Specialist Settore Agri-Food Prof. Giovanni Antonini Responsabile Scientifico Professore Ordinario di Biologia Molecolare (Univ. Roma Tre) Inventore del metodo MBS

3 Prodotti MBS: Fiale Monouso Pronte all uso Non necessitano di: Pretrattamento del campione Presenza di un laboratorio Alcun altro reagente La presenza di batteri causa un cambiamento di colore Optional MBS-Multireader Conta automatica dei batteri

4 METODO MBS CONFRONTO I step: inoculo i step I step: omogenizzazione METODO TRADIZIONALE SU PIASTRA Ii II step: diluizioni seriali II step: incubazione III step: IiI step inoculo IV step: IV step incubazione V step: V step lettura dei delle risultati (conta piastre delle CFU sulle piastre) Il file PDF fornisce direttamente il numero dei batteri presenti III step: lettura dei risultati MBS PIASTRA (file PDF) Consumabili 1 vial Attrezzature Lavoro MR 3 step 6 piastre selettive, 6 provette, 1 beuta, pipette, acqua peptonata Omogenizzatore, cappa a flusso laminare, autoclave, termostato 5 step e 10 differenti operazioni

5 PARAGONE TRA I METODI TRADIZIONALE BIOCHIMICI GENETICI IMMUNOLOGICI Caratteristica MBS Selettivo Sensibile Quantitativo Veloce Facile Affidabile Autonomo Automatico +/- +/- +/-

6 REATTIVI SELETTIVI PER : Carica batterica totale Coliformi E. coli (compreso E. coli 0157) Enterobatteriacee Staphylococcus aureus Pseudomonas aeruginosa Salmonella spp Listeria spp Lattobacilli Bacillus cereus Enterococcus (Streptococcus) faecalis Sulphite-reducing Clostridia Clostridium perfrigens Funghi (e.g. Aspergillus spp.) Lieviti (e.g. Saccharomyces spp.)

7 VALIDAZIONE: RISULTATI STATISTICI (RISPETTO AL METODO DI RIFERIMENTO DI CONTA SU PIASTRA SECONDO LA ISO13843 E LA ISO16140) Accuratezza Analisi della varianza: Analisi della varianza ad una via: F (1.28) = (limite 1% = 4.17) Analisi della varianza a due vie: F (4.20) = 0264 (limite 1% = 2.87) La accuratezza del metodo colorimetrico MBS è paragonabile a quella ottenuta con il metodo della conta su piastra Stima dell incertezza Analisi statistica della deviazione quadratica media (RDS): metodo della conta su piastra = ; Metodo colorimetrico MBS = La incertezza dell analisi effettuata con il metodo MBS è inferiore a quella effettuata con il metodo della conta su piastra Limiti operativi affidabili Limite inferiore e superiore della corrispondenza fra i due metodi di analisi Il metodo colorimetrico MBS mostra una risposta lineare a concentrazioni batteriche fra 1 X10 6 e <10 CFU/ml

8 GRAFICI PER LA VALIDAZIONE (SECONDO ISO 16140:2003) GRAFICO DI CORRELAZIONE Il grafico mostra una buona correlazione (r=0.977) tra le ore richieste per il cambiamento di colore e la concentrazione di batteri. GRAFICO LINEARITA DELLA RISPOSTA La risposta del metodo MBS è lineare (con pendenza uguale a 1.04, simile a quella teorica di 1.00) su un grande intervallo di concentrazioni ( ). GRAFICO COMPARATIVO Il grafico mette in relazione il risultato ottenuto con il metodo MBS con il risultato ottenuto con il metodo di riferimento, su un grande intervallo di concentrazioni ( ). La linea continua con pendenza = 1.00, rappresenta la perfetta corrispondenza fra i risultati ottenuti con i due metodi.

9 CARATTERISTICHE DEL METODO MBS Nessun altro metodo concorrente possiede contemporaneamente tutte le seguenti caratteristiche: Rapidità: tempi 2 5 volte inferiori ai metodi tradizionali; Semplicità d uso: chiunque e dovunque può effettuare le analisi senza bisogno di altri reattivi o strumentazione; Sensibilità: fino al limite teorico di un solo microrganismo presente nel campione; Selettività: fino al limite sperimentale del % verso altre specie batteriche; Economicità: il costo di ogni singola analisi risulta essere molto inferiore rispetto ai metodi tradizionali che debbono essere effettuati da personale specializzato operante in laboratori di analisi attrezzati con apparecchiature specifiche.

10 Pubblicazioni scientifiche sulla validazione del metodo MBS (scaricabili gratuitamente da AJFT) G. Bottini, F. Losito, A. De Ascentis, F.R. Priolisi, A. Mari and G. Antonini Validation of the Micro Biological Survey Method for Total Viable Count and E. coli in Food Samples American Journal of Food Technology, 6: , 2011 DOI: /ajft F. Losito, G. Bottini, A. De Ascentis, F.R. Priolisi, A. Mari, G. Tarsitani and G. Antonini Qualitative and Quantitative Validation of MBS methods for Listeria spp., Salmonella spp., Enterobactericeae and Staphylococcus aureus in Food Samples American Journal of Food Technology, 7: , 2012 DOI: /ajft

11 STUDIO COMPARATIVO Controllo microbiologico su prodotti carnei ed altre matrici alimentari con il sistema MBS HACCP&ACQUE Easy Test Esperienza del lab. CQ Milano, 3 Ottobre 2013

12 I controlli microbiologici Materie prime: 40 (agar-agar; aromi, spezie, vegetali, miele, vino, oli, etc.) Su 15 di quelle si eseguono analisi microbiologiche (CBT, coli, lieviti e muffe) nel laboratorio interno per ogni lotto in arrivo Materie prime carnee: 7 (carne bovina, pollo, trippa, tonno, etc.) Su tutte si eseguono analisi microbiologiche quali CBT, Coliformi ed E. coli nel laboratorio interno per ogni lotto in arrivo. Es. sulla carne bovina su ca. 100 partite/anno eseguiamo 600 analisi Prodotti finiti: test di sterilità (37 C e 55 C) per tutti i lotti con Dextrose tryptone broth per le colture in aerobiosi e Thioglycollate medium U.S.P. per le colture in anaerobiosi incubazione alle 2 T per 48h Utilities: acque potabili, acque autoclavi, controllo superfici con tamponi per verifica pulizie, acque depuratore (analisi esterna) NO ANALISI DI PATOGENI

13 Analisi microbiologiche della carne: materiali e tempi CAMPIONE Il campione + diluente sterile (acqua peptonata) nella misura di 9 volte il peso di campione introdotto nel sacchetto: diluizione Usiamo diluizioni fino a -4 o -5 a seconda della contaminazione iniziale. Carica batterica totale mesofila aerobia (CBT) REAGENTI Plate Count Medium (Tryptone-Glucose-Yeast-Extract-Agar) (Difco Bacto Plate Count Agar ; Oxoid Plate Count Agar CMB 325 B o altri equivalenti) Petrifilm per conta totale Incubazione a 30 C ±1 C per 72h ± 3h Per l acqua incubazione a 22 C ± 2 C per 72h ± 3h ed a 36 C ± 1 C per 48h ± 3h Terminato tale periodo le petri ed i petrifilm si possono porre in frigorifero per 24/48h Coliformi totali ed E. coli REAGENTI Le Enterobatteriacee si sviluppano a 37 C su Violet Red Bile Agar in 48 ore Petrifilm per E.coli (per determinare sia i coliformi totali che gli E. coli) Petrifilm per Coliformi Incubazione dei petrifilm a 37 C ±1 C per 48h ±3h Terminato tale periodo i petrifilm si possono porre in frigorifero per 24/48h

14 Il sistema MBS MBS-HACCP&ACQUE Easy test è un metodo colorimetrico rapido di analisi microbiologica sviluppato da MBS, in collaborazione con l Università degli Studi Roma Tre, per la rilevazione e conta selettiva dei microrganismi in prodotti agroalimentari solidi o liquidi (anche acque) e su superfici, le cui caratteristiche principali sono: Misurare l attività catalitica di enzimi ossidoreduttasici del metabolismo primario permettendo quindi di stabilire una corrispondenza univoca tra attività enzimatica misurata e carica microbica presente nel campione Permettere una sensibile riduzione dei tempi di analisi, a parità di selettività rispetto alle metodiche tradizionali di riferimento basate sulla replicazione cellulare. Permettere determinazioni quantitative anche su campioni solidi senza ricorrere alla omogeneizzazione o alla determinazione dell MPN (Most Probable Number) Di facile esecuzione

15 L esperienza con il metodo MBS Dall inizio del 2013 il lab. QA sta conducendo test microbiologici in doppio con il metodo MBS e con le metodiche prima esposte per mettere a punto un sistema rapido di risposta microbiologica per le analisi sulla carne (materia prima). E stato acquistato un multilettore automatico a lettura ottica, con software incluso. Riusciamo a analizzare contemporaneamente 8 campioni. Il sistema permette la regolazione automatica della temperatura differenziale per ogni postazione. L incubatore è interfacciato ad un pc (XP, Windows 7). I report, in formato pdf, sono stampabili ed archiviabili anche sul pc ma non è possibile estrarre i dati per una valutazione statistica.

16 L esperienza con il metodo MBS Riduzione dei tempi di risposta: CBT a 30 C: 32h invece di 72h Coliformi a 37 C: 32h invece di 48h E.coli a 44 C: 40h invece di 48h

17 Dati sperimentali Analisi di materie prime vs metodo STD: 45 partite di carne: 135 analisi MBS (CBT, Coliformi totali ed Escherichia coli); 117 analisi (39 CBT, 39 Coliformi totali e 39 Escherichia coli) ovvero l 86.67% con risultato coincidente tra i due metodi; 2 analisi (CBT) ovvero 1.48% con risultato diverso tra i due metodi solo di 1 unità log; 3 analisi (2 CBT e 1 Coliformi) ovvero 2.22% con risultato diverso tra i due metodi di 3 unità log; 1 analisi (CBT) ovvero 0.74% con risultati non determinabili perché petrifilm illegibile mentre MBS dava carica 8000 ufc/g. Non tutte le analisi sono state replicate per i due metodi

18 Altre matrici analizzate Analisi di materie prime paragonate a quelle STD: 4 partite di trippa: 8 analisi MBS (CBT ed Escherichia coli): 3 analisi di E.coli con risultati corrispondenti fra i due metodi; 3 partite di tonno: 9 analisi MBS (CBT, Coliformi totali ed Escherichia coli): 3 analisi corrispondenti e le altre con 1 unità log di differenza tra i due metodi; 1 partita di prosciutto: 2 analisi MBS (CBT, Coliformi totali): 2 analisi corrispondenti tra i due metodi. Su altre matrici quali farine e spezie abbiamo eseguito poche analisi (n 2). Test sulle acque hanno dato buone performance: 12 analisi con risultato coincidente tra i metodi e 2 analisi con la differenza di 1 unità log ma le provette non contengono la quantità di campione richiesta dal metodo ufficiale.

19 Conclusioni I test sulla carne bovina hanno dati buoni risultati per facilità di campionamento, rapidità di risposta ed attendibilità del dato. I risultati (ancora preliminari) di due ring test confermano la concordanza del metodo MBS con i metodi di riferimento. Sono promettenti i risultati ottenuti nei test delle acque. Per le altre materie prime vi è la necessità di aumentare nel 2014 il numero di verifiche prima di poter dare una valutazione conclusiva. L attuale criticità è relativa alla necessità di aumentare il numero di analisi effettuate con il metodo MBS, aumentando il numero dei dispositivi ed utilizzando un nuovo software che permetta di gestire più Multilettori con un singolo PC.

20 Ringraziamo per l attenzione

Microbiologia. l analisi rapida LABORATORIOA LIMENTARE

Microbiologia. l analisi rapida LABORATORIOA LIMENTARE LIMENTARE LABORATORIOA Risparmio di tempo, costi e competenze. Questi i vantaggi dell MBS-HACCP&ACQUE Easy test, un nuovo metodo di analisi microbiologiche, sviluppato dall Università di Roma Tre, validato

Dettagli

(Auto)analisi microbiologiche in farmacia?

(Auto)analisi microbiologiche in farmacia? (Auto)analisi microbiologiche in farmacia? Prof. Giovanni Antonini Dipartimento di Biologia, Università Roma Tre PERCHE OCCORRE FARE ANALISI MICROBIOLOGICHE? Sta assumendo sempre maggiore importanza l

Dettagli

SISTEMA BASE MANUALE D USO

SISTEMA BASE MANUALE D USO MBS-HACCP&ACQUE EASY TEST SISTEMA BASE MANUALE D USO INDICE 1.1 Introduzione 3 1.2 Modalità di utilizzo 5 1.2.1 Campione solido 6 1.2.2 Campione liquido 9 1.2.3 Analisi di una superficie 12 1.2.4 Note

Dettagli

VALIDAZIONE SECONDO LE NORME ISO ED UNI-ENV-ISO DEL METODO COLORIMETRICO QUANTITATIVO MBS CONTA DI COLIFORMI IN ACQUE SUPERFICIALI

VALIDAZIONE SECONDO LE NORME ISO ED UNI-ENV-ISO DEL METODO COLORIMETRICO QUANTITATIVO MBS CONTA DI COLIFORMI IN ACQUE SUPERFICIALI VALIDAZIONE SECONDO LE NORME ISO ED UNI-ENV-ISO DEL METODO COLORIMETRICO QUANTITATIVO MBS CONTA DI COLIFORMI IN ACQUE SUPERFICIALI Le metodiche sperimentali e le analisi statistiche che vengono applicate

Dettagli

VALIDAZIONE SECONDO LE NORME ISO ED UNI-ENV-ISO DEL METODO COLORIMETRICO QUANTITATIVO MBS CONTA DI COLIFORMI IN ACQUE SUPERFICIALI

VALIDAZIONE SECONDO LE NORME ISO ED UNI-ENV-ISO DEL METODO COLORIMETRICO QUANTITATIVO MBS CONTA DI COLIFORMI IN ACQUE SUPERFICIALI VALIDAZIONE SECONDO LE NORME ISO ED UNI-ENV-ISO DEL METODO COLORIMETRICO QUANTITATIVO MBS CONTA DI COLIFORMI IN ACQUE SUPERFICIALI Le metodiche sperimentali e le analisi statistiche che vengono applicate

Dettagli

Giugno 2013 PROGETTO INDUSTRIALE. MBS SRL Via Giacomo Peroni 386 00131 Roma (IT)

Giugno 2013 PROGETTO INDUSTRIALE. MBS SRL Via Giacomo Peroni 386 00131 Roma (IT) Giugno 2013 PROGETTO INDUSTRIALE MBS SRL Via Giacomo Peroni 386 00131 Roma (IT) MBS SRL Spin-off dell Università Roma Tre, costituita nel Marzo 2007 MBS produce e commercializza MBS HACCP& ACQUE Easy Test

Dettagli

STUDIO SPERIMENTALE DI VALIDAZIONE DELLE PROCEDURE DI DISINFEZIONE CON IL SISTEMA HYGIENIO NEGLI AMBULATORI DENTISTICI

STUDIO SPERIMENTALE DI VALIDAZIONE DELLE PROCEDURE DI DISINFEZIONE CON IL SISTEMA HYGIENIO NEGLI AMBULATORI DENTISTICI STUDIO SPERIMENTALE DI VALIDAZIONE DELLE PROCEDURE DI DISINFEZIONE CON IL SISTEMA HYGIENIO NEGLI AMBULATORI DENTISTICI Indice. Introduzione Scopo Campo di Applicazione Luogo esecuzione delle prove di laboratorio

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO LABORATORIO DI SANITA PUBBLICA Via Cadorna, 8-22100 COMO

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO LABORATORIO DI SANITA PUBBLICA Via Cadorna, 8-22100 COMO LAB N 1301 Membro degli Accordi di Mutuo Riconoscimento EA, IAF e ILAC DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO LABORATORIO DI SANITA PUBBLICA Via Cadorna, 8-22100 COMO UNI EN ISO 9001:2008 IL DIRETTORE LSP

Dettagli

CHROMOGENIC COMPACT-DRY. Piastrine gelificanti con terreno disidratato per analisi microbiologiche di alimenti

CHROMOGENIC COMPACT-DRY. Piastrine gelificanti con terreno disidratato per analisi microbiologiche di alimenti CHROMOGENIC COMPACT-DRY Piastrine gelificanti con terreno disidratato per analisi microbiologiche di alimenti PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO E IMPIEGO Sul fondo delle piastrine Compact-Dry sono presenti il

Dettagli

Microbiologia delle acque reflue & Depurazione delle acque

Microbiologia delle acque reflue & Depurazione delle acque Microbiologia delle acque reflue & Depurazione delle acque 1 Acque reflue - acque di scolo di origine domestica o industriale che non possono essere smaltite in laghi o torrenti senza una preventiva depurazione

Dettagli

VALIDAZIONE DEL METODO

VALIDAZIONE DEL METODO ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE ABRUZZO E MOLISE G. Caporale - TERAMO (Italia) Rapporto di sintesi VALIDAZIONE DEL METODO FOOD SYSTEM: sistema per la ricerca e l identificazione presuntiva di germi

Dettagli

UNI EN ISO 7218:2007 Microbiologia di alimenti e mangimi per animali Requisiti generali e guida per le analisi microbiologiche

UNI EN ISO 7218:2007 Microbiologia di alimenti e mangimi per animali Requisiti generali e guida per le analisi microbiologiche elementi innovativi e conseguenti criticità Stefanetti Mariavittoria Roma, 25-26 giugno 2009 1 TEMPI DI ADEGUAMENTO al 30 novembre 2008 (dopo 12 mesi dall emanazione della norma UNI EN ISO 7218-22/11/2007)

Dettagli

CONTROLLO DEI PRODOTTI FARMACEUTICI NON STERILI: ARMONIZZAZIONE DELLE FARMACOPEE

CONTROLLO DEI PRODOTTI FARMACEUTICI NON STERILI: ARMONIZZAZIONE DELLE FARMACOPEE numero 6 febbraio 2008 CONTROLLO DEI PRODOTTI FARMACEUTICI NON STERILI: ARMONIZZAZIONE DELLE FARMACOPEE Le Farmacopee Europea, Americana e Giapponese si stanno avvicinando a grandi passi alla completa

Dettagli

DOSSIER IGIENE AMBIENTALE -HACCP- IGIENE DELLE SUPERFICI. Biolife. Biolife Italiana S.r.l. Pagina 1 di 9

DOSSIER IGIENE AMBIENTALE -HACCP- IGIENE DELLE SUPERFICI. Biolife. Biolife Italiana S.r.l. Pagina 1 di 9 DOSSIER IGIENE AMBIENTALE -HACCP- IGIENE DELLE SUPERFICI Biolife Biolife Italiana S.r.l. Pagina 1 di 9 ALTRI DOSSIER DISPONIBILI DOSSIER SALMONELLA. DOSSIER YERSINIA Coltura, identificazione, e sierologia.

Dettagli

Metodi di conta microbica

Metodi di conta microbica Metodi di conta microbica esistono differenti metodiche per la determinazione quantitativa dei microrganismi tecniche colturali e non colturali conta diretta ed indiretta il tipo di microrganismo/i ed

Dettagli

Metodi di laboratorio nel controllo microbiologico degli alimenti: classici ed innovativi

Metodi di laboratorio nel controllo microbiologico degli alimenti: classici ed innovativi Metodi di laboratorio nel controllo microbiologico degli alimenti: classici ed innovativi Torino, 10-11 Giugno 2013 S.S. Laboratorio Controllo Alimenti fabio.zuccon@izsto.it 1 Aspetti normativi Cosa tratteremo

Dettagli

Relazione tra tipologie di imballaggio e qualità del prodotto: una applicazione al settore ortofrutticolo

Relazione tra tipologie di imballaggio e qualità del prodotto: una applicazione al settore ortofrutticolo Relazione tra tipologie di imballaggio e qualità del prodotto: una applicazione al settore ortofrutticolo Rosalba Lanciotti Alma Mater Studiorum, Università di Bologna Dipartimento di Scienze e Tecnologie

Dettagli

Petrifilm. Piastre per il conteggio dei Coliformi. Guida all'interpretazione

Petrifilm. Piastre per il conteggio dei Coliformi. Guida all'interpretazione Guida all'interpretazione Petrifilm Piastre per il conteggio dei Coliformi La presente guida serve per familiarizzare con i risultati delle piastre M Petriflm per il conteggio Coliformi (CC). Per ulteriori

Dettagli

Terreni colturali e controllo di idoneità. Giornata di Studio AFI 31/03/2009 Pergola Luigi - Doppel Farmaceutici

Terreni colturali e controllo di idoneità. Giornata di Studio AFI 31/03/2009 Pergola Luigi - Doppel Farmaceutici Terreni colturali e controllo di idoneità 1 Il terreno di coltura è l unico mezzo che abbiamo (con la microbiologia tradizionale) per evidenziare la presenza di contaminazione microbica; per essere quindi

Dettagli

La determinazione quantitativa in microbiologia

La determinazione quantitativa in microbiologia La determinazione quantitativa in microbiologia La determinazione quantitativa è una tecnica microbiologica che permette di verificare il numero di microrganismi presenti in un campione, per unità di peso

Dettagli

P5.03-02 INDICE DISINFEZIONE/DECONTAMINAZIONE. Rev. 0 del 20.01.14 Pag. 1 di 8 1. SCOPO 2. RESPONSABILITA 3. RIFERIMENTI NORMATIVI

P5.03-02 INDICE DISINFEZIONE/DECONTAMINAZIONE. Rev. 0 del 20.01.14 Pag. 1 di 8 1. SCOPO 2. RESPONSABILITA 3. RIFERIMENTI NORMATIVI Rev. 0 del 20.01.14 Pag. 1 di 8 INDICE 1. SCOPO 2. RESPONSABILITA 3. RIFERIMENTI NORMATIVI 4. STRUMENTI UTILIZZATI 5. MODALITA' OPERATIVE 6. VERIFICA DECONTAMINAZIONE MODULI ALLEGATI: M01 P.5.07-01 Accettazione

Dettagli

BOZZA INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. PREPARAZIONE DEGLI INOCULI... 4 3. PREPARAZIONE DELLE UNITA DI PROVA E RACCOLTA... 4

BOZZA INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. PREPARAZIONE DEGLI INOCULI... 4 3. PREPARAZIONE DELLE UNITA DI PROVA E RACCOLTA... 4 Determinazione dell attività sanificante del sistema SUNOX (Pure Health ) indotta dal TiO 2 su superfici contaminate da Listeria monocytogenes, Staphylococcus aureus e Pseudomonas aeruginosa. RELAZIONE

Dettagli

LISTINO ANALISI MICROBIOLOGICHE LABORATORIO GENESI srl ANNO 2013

LISTINO ANALISI MICROBIOLOGICHE LABORATORIO GENESI srl ANNO 2013 LISTINO ANALISI MICROBIOLOGICHE LABORATORIO GENESI srl ANNO 2013 All.MQ_4.4_02 rev.00 del 30.03.2013 Pagina 1 di 5 MATRICE: ACQUE Metodo di prova per la fase di campionamento: IO C 03* Conta microbica

Dettagli

Valido dal 02 Marzo 2009. Rev. 1.0

Valido dal 02 Marzo 2009. Rev. 1.0 1 I N D U S T R I A L M I C R O B I O L O G Y LINEA NUTRIENT PETRI AGAR (NPA) Valido dal 02 Marzo 2009 Rev. 1.0 LICKSON S.r.l. Uffici Amm.vi e stabilimento: S.S. 189 (PA-AG) - C.da Pettineo, 90020 VICARI

Dettagli

PRELIEVO DI TAMPONI SU SUPERFICI E CARCASSE SOMMARIO

PRELIEVO DI TAMPONI SU SUPERFICI E CARCASSE SOMMARIO Pag. 1/7 SOMMARIO 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2. RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI...2 3. MATERIALE NECESSARIO...3 4. MODALITA OPERATIVE...4 5. REGISTRAZIONE E ARCHIVIAZIONE...7 6. RESPONSABILITA...7

Dettagli

Tesi di Laurea. FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di laurea in Tecniche di Laboratorio Biomedico

Tesi di Laurea. FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di laurea in Tecniche di Laboratorio Biomedico Tesi di Laurea FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di laurea in Tecniche di Laboratorio Biomedico IL CONTROLLO QUALITÀ NELLA PRODUZIONE FARMACEUTICA INDUSTRIALE: APPLICAZIONE DI UNA METODICA PER L ANALISI

Dettagli

Elenco Prove e Servizi

Elenco Prove e Servizi Pagina 1 di 7 Elenco Prove e Servizi AGGIORNAMENTO 21.09.2014 Pagina 2 di 7 Parametri PER ALIMENTI Bacillus cereus UNI EN ISO 7932:2005 Bacillus spp UNI EN 15784:2009 Conta Campylobacter spp ISO 10272-1:2006

Dettagli

S. Morabito - A. Benassi. Laboratori di prova per la sicurezza alimentare: esperienze, criticità e prospettive per l'accreditamento.

S. Morabito - A. Benassi. Laboratori di prova per la sicurezza alimentare: esperienze, criticità e prospettive per l'accreditamento. ISO 7218:2007 Microbiology of food and animal feeding stuffs-general requirements and guidance for microbiological examinations. Implicazioni per il laboratorio e per la conduzione degli audit S. Morabito

Dettagli

Casi studio/aspetti pratici delle analisi su alimenti e della ricerca di contaminanti Lucia Chiappetta

Casi studio/aspetti pratici delle analisi su alimenti e della ricerca di contaminanti Lucia Chiappetta Casi studio/aspetti pratici delle analisi su alimenti e della ricerca di contaminanti Lucia Chiappetta LE SOLUZIONI TECNOLOGICHE PER LA CARTA DI MILANO LOTTA ALLE CONTRAFFAZIONI, DIAGNOSTICA PER CONTROLLO

Dettagli

STANDARDS INTERNI DI PRODOTTI FINITI STD/PF

STANDARDS INTERNI DI PRODOTTI FINITI STD/PF MOLINI PIVETTI STANDARDS INTERNI DI PRODOTTI FINITI STD/PF Rev. 08 10/12 Pag. 1 di 2 1. IDENTIFICAZIONE E PACKAGING TIPO FARINA: 0 Biologica MARCHIO: Amor di farina CONSEGNA: SFUSA IN SACCO TIPO DI SACCO:

Dettagli

IGIENE E SICUREZZA NELLE SALE OPERATORIE. Aria, superfici, pavimenti, controlli dei processi di sterilizzazione

IGIENE E SICUREZZA NELLE SALE OPERATORIE. Aria, superfici, pavimenti, controlli dei processi di sterilizzazione IGIENE E SICUREZZA NELLE SALE OPERATORIE Aria, superfici, pavimenti, controlli dei processi di sterilizzazione Dott. ssa Maria Luisa Verona CAM - sezione di ecologia Monza, 16 maggio 2013 LE CAUSE DELLA

Dettagli

VALIDAZIONE METODI DI PROVA PROVE MICROBIOLOGICHE

VALIDAZIONE METODI DI PROVA PROVE MICROBIOLOGICHE VALIDAZIONE METODI DI PROVA PROVE MICROBIOLOGICHE 1 Il processo di validazione/qualificazione di un metodo microbiologico presuppone che i fattori critici siano adeguatamente disciplinati da indicazioni

Dettagli

Centro di saggio Certificazione M.S. 158/245/2005 DRAFT AM1379-4

Centro di saggio Certificazione M.S. 158/245/2005 DRAFT AM1379-4 Pagina: 1 di 7 DRAFT AM1379-4 VALUTAZIONE DELL ATTIVITÀ ANTIMICROBICA SU LEGIONELLA PNEUMOPHILA DI AGENTE INCORPORATO SU LAMINATO D ALLUMINIO SECONDO ASTM E 2180/01 Programma di Studio n.: AM1379 Contratto

Dettagli

GIOVANNI BATTAGLIA VIA CARAVAGGIO N 5, CAP 97100 RAGUSA (RG), ITALIA.

GIOVANNI BATTAGLIA VIA CARAVAGGIO N 5, CAP 97100 RAGUSA (RG), ITALIA. F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono abitazione 3208188756 GIOVANNI BATTAGLIA VIA CARAVAGGIO N 5, CAP 97100 RAGUSA (RG), ITALIA.

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue sucessive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

I CRITERI DI QUALITÀ NELLA SICUREZZA ALIMENTARE

I CRITERI DI QUALITÀ NELLA SICUREZZA ALIMENTARE I CRITERI DI QUALITÀ NELLA SICUREZZA ALIMENTARE Fiorenzo Pastoni* Silvia Peroli** * Coordinatore Normazione in ambito biologico, UNICHIM Milano ** UNICHIM, Ente di Normazione Italiano, Milano SICUREZZA

Dettagli

Laboratorio di microbiologia

Laboratorio di microbiologia Saverio Simeone Laboratorio di microbiologia Corso pratico di tecnica ed analisi microbiologica editrice san marco Progetto grafico, fotolito e layout: Punto & Linea Gorle (BG) Copertina: Studio Vavassori

Dettagli

CEREALI E DERIVATI. Cereali in granella Tecniche di analisi d immagine 30. Cereali e derivati. Grano duro, semola e sfarinato integrale UNI 10277

CEREALI E DERIVATI. Cereali in granella Tecniche di analisi d immagine 30. Cereali e derivati. Grano duro, semola e sfarinato integrale UNI 10277 N 01 16 sett. 13 N 0 DATA ANALISI SINGOLE ED ANALISI COMPLETE MATRICE METODI PAG. 1 di 8 PREZZO IVA esclusa. Bianconatura, striminzimento, volpatura e stima della resa in semola CEREALI E DERIVATI Cereali

Dettagli

La vera storia dei terreni di coltura e della microbiologia moderna comincia con. Robert Koch (1843-1910)

La vera storia dei terreni di coltura e della microbiologia moderna comincia con. Robert Koch (1843-1910) La vera storia dei terreni di coltura e della microbiologia moderna comincia con Robert Koch (1843-1910) Autore della teoria del germe (un germe una malattia) Autore dei celeberrimi postulati Scoprì la

Dettagli

CORSI & CONSULENZE. Audit di seconda parte presso Laboratorio di prova pubblico accreditato Regione Lazio.

CORSI & CONSULENZE. Audit di seconda parte presso Laboratorio di prova pubblico accreditato Regione Lazio. CORSI & CONSULENZE 2010 Audit di seconda parte presso Laboratorio di prova privato accreditato Regione Friuli Venezia Giulia. Verifica della conformità ai requisiti della norma UNI CEI EN ISO/IEC 17025:2005

Dettagli

Controllo e monitoraggio della sicurezza e qualità

Controllo e monitoraggio della sicurezza e qualità Strategie innovative rispondenti ai bisogni delle imprese nel comparto degli ortofrutticoli della IV gamma - STAYFRESH Controllo e monitoraggio della sicurezza e qualità Chiara Gorni, Donatella Allemand,

Dettagli

L assicurazione della qualità nei laboratori che eseguono analisi nel comparto della microbiologia ambientale: i metodi di prova

L assicurazione della qualità nei laboratori che eseguono analisi nel comparto della microbiologia ambientale: i metodi di prova ANALISI IN MICROBIOLOGIA AMBIENTALE E RISULTATI DI PROVA 9 a e 10 a Prova Interlaboratorio ISS-UNICHIM L assicurazione della qualità nei laboratori che eseguono analisi nel comparto della microbiologia

Dettagli

Sistema Bioxigen purifying air innovation RELAZIONI UNIVERSITA'

Sistema Bioxigen purifying air innovation RELAZIONI UNIVERSITA' Sistema Bioxigen purifying air innovation RELAZIONI UNIVERSITA' INDICE Pag. UNIVERSITA DI PADOVA - Medicina Ambientale Relazione sull attività microbicida di ionizzatori dell aria e misura delle emissioni

Dettagli

REG.20.2073/2005 CE CRITERI DI APPLICAZIONE. CRITERI DI IGIENE DI PROCESSO E DI SICUREZZA ALIMENTARE IZSLER FERRARA 5 novembre 2009

REG.20.2073/2005 CE CRITERI DI APPLICAZIONE. CRITERI DI IGIENE DI PROCESSO E DI SICUREZZA ALIMENTARE IZSLER FERRARA 5 novembre 2009 REG.20.2073/2005 CE CRITERI DI APPLICAZIONE CRITERI DI IGIENE DI PROCESSO E DI SICUREZZA ALIMENTARE IZSLER FERRARA 5 novembre 2009 DEFINIZIONI CRITERIO MICROBIOLOGICO: CRITERIO CHE DEFINISCE L ACCETTABILITA

Dettagli

Piastre 90 Ø mm. pag.1. Azide Agar (+ 5% sangue di montone) Brain Heart Infusion Agar. Campylobacter Selective Agar (Blaser-Wang) Candichrom II

Piastre 90 Ø mm. pag.1. Azide Agar (+ 5% sangue di montone) Brain Heart Infusion Agar. Campylobacter Selective Agar (Blaser-Wang) Candichrom II Terreni pronti in piastra Piastre 90 Ø mm Azide Agar (+ 5% sangue di montone) Terreno selettivo al sangue per cocchi Gram-positivi Bacillus cereus Selective Agar (MYP) Selettivo per l'isolamento e il conteggio

Dettagli

MONITORAGGIO MICROBIOLOGICO DEL LATTE ALLA STALLA NELLA ZONA DI PRODUZIONE DEL TRENTINGRANA

MONITORAGGIO MICROBIOLOGICO DEL LATTE ALLA STALLA NELLA ZONA DI PRODUZIONE DEL TRENTINGRANA MONITORAGGIO MICROBIOLOGICO DEL LATTE ALLA STALLA NELLA ZONA DI PRODUZIONE DEL TRENTINGRANA Franciosi E. 1, Pecile A. 2, Mazzucchi M. 2, Cavazza A. 1 1 IASMA Research and Innovation Centre - Fondazione

Dettagli

LOTTO N. 1 Indivisibile: Terreni di coltura liofilizzati e supplementi

LOTTO N. 1 Indivisibile: Terreni di coltura liofilizzati e supplementi LOTTO N. Indivisibile: Terreni di coltura liofilizzati e supplementi Cod. Prodotto s/ CAMPYLOBACTER AGAR BASE (KARMALI) Terreno di base per la preparazione di terreno per l'isolamento di Campilobacter.TERRENO

Dettagli

Controllo e monitoraggio della sicurezza e qualità

Controllo e monitoraggio della sicurezza e qualità Strategie innovative rispondenti ai bisogni delle imprese nel comparto degli ortofrutticoli della IV gamma STAYFRESH Controllo e monitoraggio della sicurezza e qualità Chiara Gorni, Donatella Allemand,

Dettagli

CAMPO DI APPLICAZIONE se non specificato intendesi I.Z.S.L.E.R.

CAMPO DI APPLICAZIONE se non specificato intendesi I.Z.S.L.E.R. MP 01/004 5 2005 METODO DI PROVA INTERNO PER LA NUMERAZIONE DELLA CARICA BATTERICA TOTALE MESOFILA IN, MANGIMI E SUPERFICI AMBIENTALI - METODO DROP PLATE (CONTA IN PIASTRA CON MICROMETODO) MP 01/006 6

Dettagli

NOTE TECNICHE CAMPIONI PER LABORATORI ARAL

NOTE TECNICHE CAMPIONI PER LABORATORI ARAL Pagina 1 Associazione Regionale Allevatori della Lombardia NOTE TECNICHE CAMPIONI PER LABORATORI ARAL Luglio 2007 Pagina 2 INDICE LABORATORIO LATTE: ANALISI LATTE QUALITA LABORATORIO LATTE: ANALISI MICROBIOLOGICHE

Dettagli

LIMITI DI CONTAMINAZIONE MICROBICA

LIMITI DI CONTAMINAZIONE MICROBICA D_025 Rev. 4:2011 07 novembre 2011 LIMITI DI CONTAMINAZIONE MICROBICA Questo documento contiene le tabelle dei limiti di contaminazione microbica, elaborate dal Laboratorio Chimico sulla base dei limiti

Dettagli

SCHEDA INSEGNAMENTO RIFERIMENTI GENERALI. Orario di ricevimento: lunedì 9-11, qualunque altro orario previo contatto telefonico

SCHEDA INSEGNAMENTO RIFERIMENTI GENERALI. Orario di ricevimento: lunedì 9-11, qualunque altro orario previo contatto telefonico Pag. 1 di 5 RIFERIMENTI GENERALI Corso di laurea: Scienze e Tecnologie Agroalimentari Curriculum: Tecnologie Agroalimentari Anno di Corso: 2 Semestre: 2 Insegnamento: Microbiologia degli alimenti CFU:

Dettagli

Fattori gestionali e ambientali che influiscono sulla qualità igienica del latte alla stalla

Fattori gestionali e ambientali che influiscono sulla qualità igienica del latte alla stalla Dipartimento di Scienze Animali, sezione di Zootecnica Agraria Fattori gestionali e ambientali che influiscono sulla qualità igienica del latte alla stalla Bava Luciana, Sandrucci Anna, Tamburini Alberto,

Dettagli

MODALITA DI PRELIEVO DEI CAMPIONI DI ACQUA SOMMARIO

MODALITA DI PRELIEVO DEI CAMPIONI DI ACQUA SOMMARIO Pag. 1/8 SOMMARIO 1. SCOPO E CAMPO D APPLICAZIONE...2 2. RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI...2 3. MATERIALE NECESSARIO...2 4. MODALITA OPERATIVE...2 4.1 PRELIEVO PER ANALISI MICROBIOLOGICHE...3 4.1.1 Quantità

Dettagli

ALLEGATO N. 5 LIMITI DI CARICHE MICROBICHE NEGLI ALIMENTI DESTINATI ALLA RISTORAZIONE COLLETTIVA

ALLEGATO N. 5 LIMITI DI CARICHE MICROBICHE NEGLI ALIMENTI DESTINATI ALLA RISTORAZIONE COLLETTIVA PROCEDURA NEGOZIATA PER L ALLESTIMENTO E LA GESTIONE TEMPORANEA DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE DELLE MENSE UNIVERSITARIE DELL ERDISU DI TRIESTE (CIG N. 3218525AD7). ALLEGATO N. 5 LIMITI DI CARICHE MICROBICHE

Dettagli

Gli adempimenti e i punti critici per le aziende agricole zootecniche

Gli adempimenti e i punti critici per le aziende agricole zootecniche Incontro aggiornamento professionale ODAF di Caserta Torcino-Ciorlano/Presenzano 20-XII-2014 Laboratorio Analisi Zootecniche srl Via Volturno snc 81012 Alvignano - Caserta tel/fax: 0823865131-3383238263

Dettagli

La sicurezza alimentare e i salumi: quali garanzie?

La sicurezza alimentare e i salumi: quali garanzie? La sicurezza alimentare e i salumi: quali garanzie? Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema Silvana Barbuti Dipartimento Microbiologia SSICA Tel. 0521 795 262 Mail: silvana.barbuti@ssica.it

Dettagli

Procedura di campionamento per clienti esterni

Procedura di campionamento per clienti esterni Procedura di campionamento per clienti esterni Rev Data emissione Motivo/Modifica 00 30/04/2013 Prima emissione 01 28/02/2014 Aggiunti riferimenti normativi sul campionamento, come da oss. ACCREDIA del

Dettagli

TEST CHIMICI ED AMBIENTALI

TEST CHIMICI ED AMBIENTALI protezione totale TEST CHIMICI ED AMBIENTALI Spett.le DF PRODUZIONI SAS di Capponi Diego & C. Via Lungo Romna, 51 24020 Casnigo (BG) VALUTAZIONE DELL ABBATTIMENTO DELLA LEGIONELLA PNEUMOPHILA INOCULATA

Dettagli

INDIRIZZO TECNOLOGICO ARTICOLAZIONE SANITARIA

INDIRIZZO TECNOLOGICO ARTICOLAZIONE SANITARIA INDIRIZZO TECNOLOGICO ARTICOLAZIONE SANITARIA PROGRAMMA (di massima) DI BIOLOGIA E MICROBIOLOGIA CONTENUTI PER LA CLASSE QUINTA TEORIA METABOLISMO ED ENERGIA Le fermentazioni BIOLOGIE MICROBICHE Biotecnologie

Dettagli

Valutazione del rischio Listeria monocytogenes e determinazione della shelf-life in ricotte salate prodotte nella regione Sardegna

Valutazione del rischio Listeria monocytogenes e determinazione della shelf-life in ricotte salate prodotte nella regione Sardegna Valutazione del rischio Listeria monocytogenes e determinazione della shelf-life in ricotte salate prodotte nella regione Sardegna Lucia Rossi L attività di Ricerca Corrente svolta dall Istituto Zooprofilattico

Dettagli

Criteri di igiene di processo e criteri di sicurezza alimentare: il quadro normativo

Criteri di igiene di processo e criteri di sicurezza alimentare: il quadro normativo Microbiologia predittiva Possibili utilizzi nell attività di controllo ufficiale degli Operatori del Settore Alimentare Criteri di igiene di processo e criteri di sicurezza alimentare: il quadro normativo

Dettagli

SCREENING MICROBIOLOGICO E TOSSICOLOGICO. Dott.ssa Donatella GIACOSA Responsabile Laboratorio Biologico SMAT SpA

SCREENING MICROBIOLOGICO E TOSSICOLOGICO. Dott.ssa Donatella GIACOSA Responsabile Laboratorio Biologico SMAT SpA SCREENING MICROBIOLOGICO E TOSSICOLOGICO Dott.ssa Donatella GIACOSA Responsabile Laboratorio Biologico SMAT SpA Un sondaggio sulle performance di alcuni agenti contaminanti Performances di alcuni agenti

Dettagli

E-MQ 1-1 ELENCO METODI DI PROVA LABORATORIO Pagina 1 di 9

E-MQ 1-1 ELENCO METODI DI PROVA LABORATORIO Pagina 1 di 9 E-MQ 1-1 ELENCO METODI DI PROVA LABORATORIO Pagina 1 di 9 MATRICE PROVA METODO Campionamento Latte e lattiero Latte e lattiero Alimenti zootecnici Alimenti zootecnici Preparazione campione per l'analisi

Dettagli

Università di Genova Facoltà di Scienze MFN Corso di studi in Scienze biologiche

Università di Genova Facoltà di Scienze MFN Corso di studi in Scienze biologiche Università di Genova Facoltà di Scienze MFN Corso di studi in Scienze biologiche Verifiche analitiche sulla qualità di materie prime, semilavorati e prodotti agroalimentari Docente: Dott.ssa Francesca

Dettagli

NECESSITA DEL CONTROLLO MICROBIOLOGICO DEGLI ALIMENTI Dott. Raffaele Marrone PhD sezione ispezione alimenti

NECESSITA DEL CONTROLLO MICROBIOLOGICO DEGLI ALIMENTI Dott. Raffaele Marrone PhD sezione ispezione alimenti NECESSITA DEL CONTROLLO MICROBIOLOGICO DEGLI ALIMENTI Dott. Raffaele Marrone PhD sezione ispezione alimenti 1. PROTEZIONE DELLA SALUTE DEL CONSUMATORE agenti patogeni responsabili di infezioni, tossine,

Dettagli

Comune di Padova. Piano analisi. Settore Servizi Scolastici. Capitolato speciale per l affidamento del servizio di ristorazione scolastica ALLEGATO E

Comune di Padova. Piano analisi. Settore Servizi Scolastici. Capitolato speciale per l affidamento del servizio di ristorazione scolastica ALLEGATO E Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Capitolato speciale per l affidamento del servizio di ristorazione scolastica ALLEGATO E Piano analisi 1 Gennaio 2012-31 Dicembre 2012 INTRODUZIONE Lo scopo

Dettagli

Modena, 28 Settembre 2011 IL METODO HACCP: CRITERI DI INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DEI CCP

Modena, 28 Settembre 2011 IL METODO HACCP: CRITERI DI INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DEI CCP Modena, 28 Settembre 2011 La valutazione del 1 e 2 principio Codex Gli strumenti e i metodi a disposizione per il Controllo Ufficiale Paolo Daminelli Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia

Dettagli

N Matrice Prova Metodo

N Matrice Prova Metodo E-MQ 1-1 ELENCO METODI DI PROVA LABORATORIO Pagina 1 di 9 Campionamento Latte e lattiero Latte e lattiero Alimenti zootecnici Alimenti zootecnici Preparazione campione per l'analisi microbiologica Preparazione

Dettagli

LINEE GUIDA PER LE BUONE PRATICHE DI LABORATORIO. ANALISI MICROBIOLOGICA DELLE ACQUE

LINEE GUIDA PER LE BUONE PRATICHE DI LABORATORIO. ANALISI MICROBIOLOGICA DELLE ACQUE LINEE GUIDA PER LE BUONE PRATICHE DI LABORATORIO. ANALISI MICROBIOLOGICA DELLE ACQUE 0. Generalità e definizioni Il controllo di qualità consiste in una serie di procedure che consentono di verificare

Dettagli

Firma Direttore del UOC Laboratorio di Prevenzione il. Firma Responsabile UOS Gestione Laboratorio il. Firma Responsabile Sezione Chimica il

Firma Direttore del UOC Laboratorio di Prevenzione il. Firma Responsabile UOS Gestione Laboratorio il. Firma Responsabile Sezione Chimica il AZIENDA SANITARIA LOCALE (A.S.L.) DELLA PROVINCIA DI MILANO 1 LABORATORIO DI PREVENZIONE Accreditato secondo la norma europea UNI CEI EN ISO/IEC 17025 "Requisiti generali per la competenza dei Laboratori

Dettagli

Aggiornamento relativo a recenti e prossime modifiche della norma ISO 6579

Aggiornamento relativo a recenti e prossime modifiche della norma ISO 6579 I Riunione ENTER-VET Legnaro, 17 dicembre 2014 Aggiornamento relativo a recenti e prossime modifiche della norma ISO 6579 Progressi nella revisione della ISO 6579 Microbiology of the food chain Horizontal

Dettagli

ELENCO N. 3 PRESTAZIONI RESE DAL LABORATORIO DI SANITA' PUBBLICA (L.S.P.)

ELENCO N. 3 PRESTAZIONI RESE DAL LABORATORIO DI SANITA' PUBBLICA (L.S.P.) Dipartimento di Prevenzione U. O. Laboratorio di Sanità Pubblica Centro Servizi Sanitari Pal. C Viale Verona 38123 Trento tel. 0461 902800 / 01 fax 0461 902815 Dal 1 maggio 2010 il tariffario delle prestazioni

Dettagli

Principali difformità riscontrate in alimenti di origine animale prodotti in RPC

Principali difformità riscontrate in alimenti di origine animale prodotti in RPC Principali difformità riscontrate in alimenti di origine animale prodotti in RPC Dr.ssa Paola Marconi Istituto Zooprofilattico Sperimentale Lazio e Toscana Il controllo sanitario nelle attività alimentari

Dettagli

L.monocytogenes atcc_19115 wild_strain_izs_n _144664 wild_strain_izs_n _162061

L.monocytogenes atcc_19115 wild_strain_izs_n _144664 wild_strain_izs_n _162061 Ditta Comune Produzione Fumagalli Industria Alimentari S.p.A. Como Prosciutto cotto Festa Sperimentazione del // Patogeno L.monocytogenes atcc_ wild_strain_izs_n _ wild_strain_izs_n _ Modalità di contaminazione

Dettagli

Vires5 Food. Scheda Tecnica. Protegge dai virus, funghi (muffe) e batteri NRA 6781239-2012

Vires5 Food. Scheda Tecnica. Protegge dai virus, funghi (muffe) e batteri NRA 6781239-2012 Vires5 Food Scheda Tecnica NRA 6781239-2012 Informazioni tecniche Per il prodotto: Vires5 Food Vires5 Food è l acqua trattata con alto livello del potenziale Redox. Questo prodotto è ottenuto ionizzando

Dettagli

LABORATORIO MULTIFUNZIONE

LABORATORIO MULTIFUNZIONE LABORATORIO MULTIFUNZIONE (Chimica Fisica Scienze) ELENCO ESPERIMENTI ATTUALMENTE DISPONIBILI ANALISI LATTE vedi Balestrieri pag. 409 e seguenti DETERMINAZIONE DELL ACIDITÀ TOTALE Si prelevano 20 ml di

Dettagli

Modificazioni microbiologiche negli insaccati. Dr. Mauro Conter

Modificazioni microbiologiche negli insaccati. Dr. Mauro Conter Modificazioni microbiologiche negli insaccati Dr. Mauro Conter 1 Salame: definizione 2 secondo il DM 21/09/2005 (MIPAF) il salame è: prodotto di salumeria costituito da carni ottenute da muscolatura striata

Dettagli

REGIONE UMBRIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE. n.. Presidente. Vice Presidente. Assessore. Assessore. Assessore. Assessore. Assessore.

REGIONE UMBRIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE. n.. Presidente. Vice Presidente. Assessore. Assessore. Assessore. Assessore. Assessore. Cod. Modulo M/3 REGIONE UMBRIA OGGETTO: DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.. presenti assenti Presidente Vice Presidente Presidente : Relatore : Direttore: Segretario Verbalizzante : LA GIUNTA REGIONALE

Dettagli

La sicurezza alimentare dai campi alla tavola: puntualizzazioni e riflessioni

La sicurezza alimentare dai campi alla tavola: puntualizzazioni e riflessioni La sicurezza alimentare dai campi alla tavola: puntualizzazioni e riflessioni Elisabetta Delibato elisabetta.delibato@iss.it Istituto Superiore di Sanità DSPVSA Microrganismi negli alimenti Ogni alimento

Dettagli

LA VERIFICA ANALITICA TELEMACO CENCI ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELL UMBRIA E DELLE MARCHE

LA VERIFICA ANALITICA TELEMACO CENCI ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELL UMBRIA E DELLE MARCHE LA VERIFICA ANALITICA TELEMACO CENCI ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELL UMBRIA E DELLE MARCHE L AUTORITA DI CONTROLLO DEVE: PREMIARE Competenza e Rigore degli OSA che applicano correttamente prevenzione

Dettagli

Allegato 04 Guida alla corretta effettuazione del prelievo e raccolta materiale biologico

Allegato 04 Guida alla corretta effettuazione del prelievo e raccolta materiale biologico egato 04 Pag. 1 di 8 del 20/09/2012 La finalità delle indagini microbiologiche è quella di diagnosticare le infezioni ed accertare i patogeni in causa, attraverso indagini dirette e /o colturali ( identificazione

Dettagli

La contaminazione microbiologica: i microrganismi. Dott. Bruno Simonetta Responsabile HACCP Azienda Grande Distribuzione Alimentare

La contaminazione microbiologica: i microrganismi. Dott. Bruno Simonetta Responsabile HACCP Azienda Grande Distribuzione Alimentare : i microrganismi Dott. Bruno Simonetta Responsabile HACCP Azienda Grande Distribuzione Alimentare I microrganismi I microrganismi di maggior impatto per quanto riguarda le contaminazioni alimentari sono:

Dettagli

Processo di accreditamento. Paolo Bianco - SINAL

Processo di accreditamento. Paolo Bianco - SINAL Processo di accreditamento Paolo Bianco - SINAL Requisiti per l accreditamento Il laboratorio deve già avere un sistema qualità conforme alla ISO/IEC 17025:2005 applicato (non solo le procedure, ma anche

Dettagli

PRINCIPI E SPIEGAZIONE DELLA PROCEDURA

PRINCIPI E SPIEGAZIONE DELLA PROCEDURA ISTRUZIONI PER L USO TERRENI DIPSLIDE PRONTI PER L USO DA-273191.00 Rev.: luglio 2003 BD BBL Dermatoslide USO PREVISTO BBL Dermatoslide è un sistema di vetrini a due lati per la rilevazione e l isolamento

Dettagli

Tuttavia, a causa di guasti o malfunzionamenti dell impianto si è dovuto, talvolta, rinunciare o posticipare il campionamento.

Tuttavia, a causa di guasti o malfunzionamenti dell impianto si è dovuto, talvolta, rinunciare o posticipare il campionamento. Tuttavia, a causa di guasti o malfunzionamenti dell impianto si è dovuto, talvolta, rinunciare o posticipare il campionamento. Figura 4.8 Cronoprogramma dei campionamenti 42 4.5 Parametri indagati 4.5.1

Dettagli

I CONTROLLI SULLE ACQUE

I CONTROLLI SULLE ACQUE IL CONTROLLO MICROBIOLOGICO DEGLI ALIMENTI: CAMPIONAMENTO,INTERPRETAZIONE DEL RISULTATO, FLUSSI INFORMATIVI e GESTIONE DELLE NC I CONTROLLI SULLE ACQUE Luciana Ropolo Torino,10 giugno 2013 Acque potabili

Dettagli

Guida ai servizi 2013 IsoLab srl Rev.6 del 06/09/2013 Pag. 1 di 11

Guida ai servizi 2013 IsoLab srl Rev.6 del 06/09/2013 Pag. 1 di 11 Pag. 1 di 11 SOMMARIO PREMESSA... 3 IMPEGNO... 4 ORARIO DI SERVIZIO... 4 MODALITÀ DI GESTIONE DEI CAMPIONI... 5 SIGNIFICATO DELL ACCREDITAMENTO ACCREDIA... 5 PROVE ACCREDITATE... 6 RICONOSCIMENTI... 6

Dettagli

Modulo: Pacchetto Igiene e la sua applicazione

Modulo: Pacchetto Igiene e la sua applicazione Materiale Didattico Modulo: Pacchetto Igiene e la sua applicazione a cura della D.Ssa Ylenia Esposito Regolamento CE 2073/2005 I controlli microbiologici i i sui prodotti alimentari Legislazione sulla

Dettagli

ATI POZZALI FRATELLI SCHEDE TECNICHE INTERVENTI CONCLUSI

ATI POZZALI FRATELLI SCHEDE TECNICHE INTERVENTI CONCLUSI SCHEDE TECNICHE INTERVENTI CONCLUSI ATI POZZALI FRATELLI - POZZALI FRATELLI Srl Casaletto Ceredano CR - STELLA BIANCA Spa Ossago Lodigiano LO - MOLINO BRESCIANO Snc Azzano Mella BS - CRAM-BIOLAB Srl Brescia

Dettagli

L esperienza del Laboratorio di Prevenzione di Lecco. Rosangela Donghi LP ASL Lecco 5 giugno 2014

L esperienza del Laboratorio di Prevenzione di Lecco. Rosangela Donghi LP ASL Lecco 5 giugno 2014 L esperienza del Laboratorio di Prevenzione di Lecco Rosangela Donghi LP ASL Lecco 5 giugno 2014 SCOPO: Implementare le prestazioni del laboratorio (Reg. 209/2013 - germogli) Validazione di un metodo per

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO SQ UNI EN ISO 9001:2000 - Certificato CSQ 9122 ASLB. LABORATORIO DI SANITÀ PUBBLICA Pagina 1 di 25

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO SQ UNI EN ISO 9001:2000 - Certificato CSQ 9122 ASLB. LABORATORIO DI SANITÀ PUBBLICA Pagina 1 di 25 LABORATORIO DI SANITÀ PUBBLICA Pagina di 5 INDICE. SCOPO pag.. CAMPO DI APPLICAZIONE pag. 3. DEFINIZIONI pag. 4. RESPONSABILITÀ pag. 5 5. MODALITÀ OPERATIVE pag. 6 5. Validazione primaria pag. 7 5. Validazione

Dettagli

Stabilizzazione degli alimenti tramite trattamenti termici

Stabilizzazione degli alimenti tramite trattamenti termici Stabilizzazione degli alimenti tramite trattamenti termici Il problema della conservazione degli alimenti è di enorme importanza per ragioni economiche, geografiche, politiche, climatiche, per l incremento

Dettagli

Antivirale, antibatterico, antifungo nanotecnologico

Antivirale, antibatterico, antifungo nanotecnologico descrizione X-Viral è una soluzione nanotecnologica pronta all uso. Viene usata per disinfettare le superfici. X-Viral si basa sulla tecnologia Bacoban, di cui ne rispetta le percentuali di principio attivo

Dettagli

Sperimentazione di un nuovo sistema di disinfezione delle Unità di Trattamento Aria. Annalisa Guerrini Firenze Consulente Scientifico

Sperimentazione di un nuovo sistema di disinfezione delle Unità di Trattamento Aria. Annalisa Guerrini Firenze Consulente Scientifico Sperimentazione di un nuovo sistema di disinfezione delle Unità di Trattamento Aria Annalisa Guerrini Firenze Consulente Scientifico Questa sperimentazione si è svolta in una Clinica Privata toscana dove,

Dettagli

Allegato N.3. Limiti di Contaminazione Microbica

Allegato N.3. Limiti di Contaminazione Microbica COMUNE DI CASTELNUOVO SCRIVIA Provincia di Alessandria SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA Allegato N.3 Limiti di Contaminazione Microbica TABELLA A CARNI BOVINE CRUDE ALIMENTO Tagli di carne refrigerata

Dettagli

DETERMINAZIONE DI ESCHERICHIA COLI

DETERMINAZIONE DI ESCHERICHIA COLI Rapporti ISTISAN 2005 DETERMINAZIONE DI ESCHERICHIA COLI 0. Generalità e definizioni Escherichia coli è stato descritto per la prima volta nel 1885 da Theodor Escherich col nome di Bacterium coli. Il microrganismo,

Dettagli

CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA SCIENZE DELLA NUTRIZIONE UMANA Programma del Corso di Microbiologia Agroalimentare AA 2014-2015

CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA SCIENZE DELLA NUTRIZIONE UMANA Programma del Corso di Microbiologia Agroalimentare AA 2014-2015 CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA SCIENZE DELLA NUTRIZIONE UMANA Programma del Corso di Microbiologia Agroalimentare AA 2014-2015 (Prof. Paola Sinibaldi Vallebona, Dott.ssa Roberta Gaziano, Dott.ssa Elisabetta

Dettagli

I.I.S. S.B.BOSCARDIN VICENZA

I.I.S. S.B.BOSCARDIN VICENZA I.I.S. S.B.BOSCARDIN VICENZA PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DEGLI OBIETTIVI DIDATTICI E MINIMI PER L INSEGNAMENTO DI BIOLOGIA, MICROBIOLOGIA E TECNOLOGIE DI CONTROLLO AMBIENTALE CLASSI QUINTE ANNO SCOLASTICO

Dettagli