LA MODELLAZIONE DEL BILANCIO IDROLOGICO DI UN GHIACCIAIO: FONDAMENTI MODELLISTICI E TEST SU UN GHIACCIAIO TROPICALE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA MODELLAZIONE DEL BILANCIO IDROLOGICO DI UN GHIACCIAIO: FONDAMENTI MODELLISTICI E TEST SU UN GHIACCIAIO TROPICALE"

Transcript

1 XXX Convegno di Idraulica e Costruzioni Idrauliche - IDRA 2006 LA MODELLAZIONE DEL BILANCIO IDROLOGICO DI UN GHIACCIAIO: FONDAMENTI MODELLISTICI E TEST SU UN GHIACCIAIO TROPICALE Stefano Endrizzi 1, Riccardo Rigon 1 (1) Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale, Università degli studi di Trento - Trento (IT) Parole chiave: Flussi suolo-atmosfera, Idrologia, Interazione suolo atmosfera, Neve, Glaciologia SOMMARIO Il modello idrologico distribuito fisicamente basato GEOtop è stato applicato per la prima volta ad un ghiacciaio per prevederne il bilancio idrologico. Il modello è in grado di stimare non solo la portata per una determinata sezione di chiusura, ma anche la distribuzione spazio-temporale della copertura nevosa, dell umidità del suolo, della temperatura della superficie, dei flussi termici, tenendo conto degli effetti topografici e della fisica della neve, e di altre variabili idrometeorologiche. In questo lavoro si discutono prevalentemente i fondamenti degli aspetti relativi all applicabilità del modello per un ghiacciaio, dei processi fisici che avvengono in presenza di neve e ghiaccio descritti nel modello e dei problemi che si presentano. E alla fine mostrata un applicazione preliminare ad un ghiacciaio tropicale (Zongo, Bolivia).

2 2 S.Endrizzi, R.Rigon 1 INTRODUZIONE GEOtop (Rigon et al., 2006) è un modello distribuito fisicamente basato del ciclo idrologico. La sua caratteristica principale è la risoluzione del sistema delle equazioni di bilancio di massa (equazione di Richards tridimensionale e varie schematizzazioni dei deflussi superficiali) e di energia (equazione del calore, solo in direzione verticale) in modo accoppiato per ogni singola cella della griglia regolare del modello digitale del terreno. Le equazioni sono risolte alle differenze finite discretizzando il suolo in layers di spessore variabile con la profondità. Il modello è stato concepito per essere un integrazione di un modello afflussi-deflussi di tipo tradizionale e di un Land Surface Model, in modo che possa non solo calcolare la portata di piena per una determinata sezione di chiusura del bacino, ma anche seguire l evoluzione nello spazio e nel tempo di un grande numero di variabili idrometeorologiche, delle quali sono rilevanti in questo studio l altezza della neve, la temperatura della superficie, i flussi di calore tra suolo e atmosfera. L evoluzione del manto nevoso e di un ghiacciaio è fortemente dipendente dagli scambi energetici con l atmosfera, che devono essere descritti con estremo dettaglio in quanto ogni errore si ripercuote immediatamente nei caratteri osservabili, come l altezza della neve e il volume del manto nevoso stesso. Un ghiacciaio di qualche chilometro quadrato di superficie, date le sue piccole dimensioni, è dunque un laboratorio naturale che permette di verificare l efficacia di un modello di scambi energetici con più facile controllabilità di quanto non avvenga in porzioni di territorio diversamente ricoperte. Prevedere l evoluzione del manto nevoso e delle superfici glacializzate è certamente utile a molti scopi applicative, in particolare per una corretta valutazione del volume della risorsa idrica disponibile al variare delle stagioni e nel corso degli anni, anche in presenza di cambiamenti climatici. 2 MODELLAZIONE DELLA NEVE Nel manto nevoso le equazioni di bilancio di massa e di energia si risolvono in modo accoppiato nello stesso modo in cui sono risolte nel suolo, sempre discretizzandole in un certo numero di layer. Tuttavia, visto che l acqua nella neve si muove principalmente per azione della gravità (Colbeck Anderson, 1982), l equazione del bilancio di massa liquida diventa molto più semplice: è monodimensionale e non ha più senso considerare la suzione. D altra parte l equazione del bilancio di energia si complica, in quanto è necessario prevedere il cambiamento di fase e definire le opportune variabili che descrivano lo stato energetico, oltre alla temperatura, il contenuto di ghiaccio e di acqua liquida nella neve. Una prima versione di GEOtop contenente l evoluzione del manto nevoso, come un unico layer, è presente in Zanotti et al. (2004). Successivamente la descrizione del manto nevoso è stata rivista ritenendo necessaria una rappresentazione multilayer della neve, come per il suolo. Il numero di layer che è stato implementato segue lo schema di Oleson et al. (2004). Per la neve le variabili di stato considerate sono, oltre alla temperatura (T), il contenuto adimensionale di ghiaccio (θ i ) e di acqua liquida (θ w ). A questi si aggiunge un ulteriore variabile che tiene conto dell età della neve, usata solo per calcolare l albedo (Tarboton e Luce, 1996). Le equazioni del bilancio di energia e di massa, per la fase liquida e per la fase solida, valide all interno del manto nevoso, sono le seguenti (tra parentesi le unità di misura usate nel modello):

3 3 La modellazione del bilancio idrologico di un ghiacciaio ( ) C "T "t + L "W f "T = " # "z k "T % ( + " Q wu w "z ' "z ) w = 1 #"W + "Q # w ) % ( Q * w "t "z ' w = k w +) r w % ( 1+) i +) r ' ) i = 1 #"W + "Q i % ( Q i = 0, * i "t "z ' (1-3) dove z è la coordinata verticale (m), con origine all interfaccia suolo-neve e positiva verso l alto, C la capacità termica volumetrica della neve (J K -1 m -3 ), t il tempo, L f il calore latente di fusione dell acqua (J kg -1 ), W (kg m -3 ) la massa di ghiaccio che scioglie (se positivo) oppure la massa d acqua che gela (se negativo), k la conducibilità termica della neve (W m -1 K -1 ), Q w la portata di acqua liquida (kg m -2 s -1 ), U w il contenuto di energia interna specifica dell acqua liquida (J kg -1 ), riferita all energia interna specifica del ghiaccio alla temperatura K, ρ w la densità dell acqua (1000 kg m -3 ), k w la conducibilità idraulica dell acqua nella neve (kg m -2 s -1 ) a saturazione, θ r il contenuto d acqua nella neve trattenuto per azione di forze capillari (normalmente tra 0.03 e 0.05 della porosità), ρi la densità del ghiaccio (917 kg m -3 ) e Q i la portata di ghiaccio (kg m -2 s -1 ), nulla in quanto si tratta di un mezzo solido. La continuità impone inoltre che " w + " i + " v =1 (4) dove θ v è il contenuto adimensionale di vapor d acqua. La capacità termica e la conducibilità termica sono calcolate come media pesata dei valori delle diverse fasi presenti (i pedici w, i e v si riferiscono rispettivamente alle fasi liquida, solida ed aeriforme): C = " w C w + " i C i + " v C v k = " w k w + " i k i + " v k v (5-6) Le equazioni (1), (2), (3) e (4) formano un sistema con 5 incognite (T, W, θ i, θ w e θ v ) che devono essere risolte contemporaneamente. Serve chiaramente un ulteriore equazione, per esempio un espressione che leghi il cambiamento di fase alla temperatura. Per ottenere questo risultato può essere usato il metodo della capacità termica apparente C a (Albert, 1983), applicato solitamente nei suoli ghiacciati, per cui il secondo secondo termine dell equazione (1) viene trasformato come segue: L f "W "t = L f "W "T "T "t (7) e poi inglobato nel primo termine che diventa "T C a "t = # % C + L f "W "T ( "T ' "t (8) Questa modellazione ha un elemento che può diventare critico da un punto di vista numerico. Infatti il cambiamento di fase di neve ad acqua e viceversa avviene quasi completamente alla temperatura di K. Questo produce valori molto elevati della derivata di W rispetto a T nell equazione (8) che deve invece essere regolarizzata. Nel modello invece si è quindi inserita la seguente relazione W " 0 se T = K ; W = 0 se T " K (9) In questo modo quando T = K il primo termine dell equazione (1) si annulla e T, rimanendo co-

4 4 S.Endrizzi, R.Rigon stante, non rientra più tra le incognite del problema. A sua volta se T K, W non è un incognita. Controlli sono necessari quando nell integrazione numerica T passa da valori inferiori a valori superiori a K e quando non sono più disponibili acqua da congelare o ghiaccio da sciogliere. All interfaccia suolo-neve (z = 0) e neve-atmosfera (z = D), dove D è l altezza del manto nevoso (m), vanno poste le condizioni al contorno: # % # % k "T "z k "T "z ( ' ( ' z= D z= 0 = )R n + H + L # "T = k soil % soil ( "z ' z= 0 (10-13) ( Q w ) z= D = P w ) E w ( Q i ) z= D = P i ) E i L equazione (10) esprime i flussi energetici tra atmosfera e neve: R n è la radiazione netta (W m 2 ), positiva se diretta verso la neve, H e L (W m 2 ) sono rispettivamente il flusso di calore sensibile e latenti, positivi se diretti verso l atmosfera. Tali flussi dipendono a loro volta anche dalla temperatura della superficie (T (D)), il che introduce un forte elemento di non linearità nel problema. L equazione (11) segue dalla continuità della temperatura nell interfaccia tra neve e suolo (k soil e T soil sono rispettivamente la conducibilità termica e la temperatura del suolo). Le equazioni (12) e (13) descrivono l alimentazione liquida e solida del manto nevoso: P w e P i (kg m 2 s 1 ) sono l intensità di precipitazione liquida e solida, E w ed E i (kg m 2 s 1 ) l intensità di evaporazione e sublimazione. Poiché di solito non vi sono misure dirette della precipitazione nevosa e risulta più spesso misurata la sola precipitazione totale, si discrimina la parte liquida da quella solida in base alla temperatura dell aria, come nella formula del U.S. Army Corps of Engineers (1956). L altezza della neve D viene modificata nel tempo tenendo conto della neve fresca accumulatasi, del metamorfismo distruttivo, gravitativo e di fusione: "D "t = P i # new F 1 F 2 F 3 (14) dove ρ new è la densità della neve fresca, per cui si utilizza una formula sperimentale dipendente dalla temperatura dell aria, F 1 è un termine che tiene conto del metamorfismo distruttivo, la compattazione che avviene per trasformazione dei cristalli di neve, F 2 tiene conto del metamorfismo gravitativo, la compattazione conseguente al peso della neve e F 3 è un indice del metamorfismo di fusione, pari a ( ) = % i( z) f z %t se F 3 = D # 0 % i z %t " i f ( z)dz ( ) < 0 ; f ( z) = 0 se ( ) % i z %t ' 0 (15) il che significa che l altezza della neve viene ridotta in modo proporzionale alla riduzione del contenuto di ghiaccio e che rimane invariata qualora ci sia un aumento del contenuto di ghiaccio per effetto di un rigelo. In questo modo è possibile simulare le croste di gelo-rigelo. Per le altre parametrizzazioni dell equazione (14) si è seguito Anderson (1976).

5 5 La modellazione del bilancio idrologico di un ghiacciaio 3 MODELLAZIONE DEL GHIACCIO Il ghiaccio è trattato come la neve, con la differenza che all interno di esso non si ammette un moto di filtrazione, ma si considera che la portata liquida uscente da ogni layer venga trasferita istantaneamente alla base del ghiacciaio dove diventa di fatto disponibile ad infiltrarsi nel suolo o a trasformarsi in deflusso superficiale. Anche se ciò costituisce una forte semplificazione, questo vuole rappresentare l effetto dei mulini e dei crepacci presenti nei ghiacciai, che permettono il trasferimento d acqua alla base in tempi molto più rapidi di quelli impiegati in un eventuale moto di filtrazione, comunque non possibile in quanto nel ghiacciaio i pori non sono interconnessi. Si trascura inoltre il runoff che avviene sulla superficie del ghiacciaio, che si assume verificarsi interamente alla base. Le equazioni precedenti valgono anche per il ghiacciaio, con le seguenti differenze: Nell equazione (2) Q w è sempre nullo, in quanto nel ghiacciaio non può verificarsi moto di filtrazione. La condizione al contorno (10) vale per il ghiacciaio qualora questo sia scoperto di neve. Qualora sia coperto di neve la continuità della temperatura impone un equazione del tipo della (11) alla base e alla superficie del ghiacciaio. Quando il ghiacciaio è scoperto valgono le condizioni al contorno (12) e (13), tuttavia il ghiacciaio non è mai alimentato da precipitazione liquida (pertanto P w è nullo) in quanto questa viene istantaneamente trasferita alla base del ghiacciaio, né da precipitazione solida (P i nullo), poiché questa contribuisce alla formazione di uno strato di neve. Quando invece il ghiacciaio è coperto da neve continuano a valere le (12) e (13), ma con valori nulli di E w e E i. Per risolvere le equazioni occorre valutare la profondità del ghiaccio. Inoltre rimane aperto il problema della trasformazione della neve in ghiaccio: deve essere definita una soglia di densità e di contenuto di ghiaccio, ma la determinazione di un valore preciso deve essere frutto di ricerche più approfondite della presente. 4 FLUSSI DI CALORE TRA GHIACCIO/NEVE/SUOLO E ATMOSFERA Gli scambi di calore con l atmosfera, presenti nella condizione al contorno (11), sono le forzanti del problema ed è necessaria pertanto una loro valutazione alquanto precisa. 4.1 Modellazione della radiazione La radiazione è normalmente l elemento fondamentale che determina lo scioglimento del manto nevoso. La radiazione netta R n (W m 2 ) è espressa dalla seguente formula (Rigon et al., 2006): R n = R SW,down ( 1" A) + # s R LW,down " R LW,up (16) dove R SW,down è la radiazione ad onde corte proveniente dall atmosfera, a sua volta suddivisa in radiazione diretta e diffusa, A è l albedo, R LW,down la radiazione ad onde lunghe proveniente dall atmosfera e R LW,up la radiazione ad onde lunghe emessa dal suolo (dalla neve neve o dal ghiaccio), considerato equivalente a un corpo grigio infinitamente profondo con temperatura uniforme e emissività ε s poco inferiore a 1 (0.99 per la neve). Pertanto: R LW,up = " s #T s 4 (17) dove σ è la costante di Stefan-Boltzmann e T s la temperatura della superficie (K). La radiazione ad onde corte può essere misurata in un punto, e poi estrapolata nell intero bacino usando

6 6 S.Endrizzi, R.Rigon questa formula: R SW,down = f " R LW,DIR,0 a" cos# a"v + R LW,DIR,0 (18) a 0 " cos# 0 a 0 " V 0 dove R LW,DIR,0 e R LW,DIFF,0 sono rispettivamente la radiazione diretta e diffusa misurate alla stazione meteorologica, a 0 e cosθ 0 l attenuazione atmosferica e il coseno dell angolo di incidenza dei raggi solari nel punto dove si trova la stazione (Iqbal, 1983), a e cosθ le stesse variabili in un generico punto del bacino, f un coefficiente che assume il valore di 0 o 1 a seconda che il punto sia in ombra o meno e V 0 l angolo di vista del cielo (sky view factor) alla stazione, cioè la frazione di cielo visibile nel punto (Blöschl et al., 1991), e V la stessa variabile in un punto generico. Gli algoritmi per calcolare V e f sono documentati in Bertoldi Rigon (2004). L angolo di incidenza tiene conto della topografia attraverso la pendenza e l esposizione, come da Iqbal (1983): cos" = cos# cos" z + sin# sin" z cos ( % ) (19) dove β è la pendenza, θ z l angolo zenitale (cioè l angolo tra il sole e lo zenit), che varia nel corso della giornata, ψ l azimut (la proiezione del raggio del sole su un piano orizzontale) e γ l aspetto (la proiezione su un piano orizzontale della normale alla superficie topografica). Gli angoli ψ e γ devono essere definiti rispetto alla medesima origine e devono avere lo stesso verso. Nel caso non siano disponibili misure di radiazione, si possono utilizzare formule di derivazione teorica per R LW,DIR,0 (Iqbal, 1983), che tuttavia presuppongono la presenza di cielo sereno, ma rimane problematico definire l attenuazione della copertura nuvolosa e la radiazione diffusa in assenza di specifiche misure. Esistono diverse formule di derivazione sperimentale (Iqbal, 1983), che utilizzano la copertura nuvolosa, dato di difficile reperibilità, soprattutto di notte. Grande problematicità pone anche la determinazione di R LW,down, per cui non esistono formule di derivazione teorica abbastanza precise. Normalmente essa si esprime come R LW,down = " ac #T a 4 f c (20) dove T a (K) è la temperatura dell aria misurata vicino alla superficie, ε ac un emissività atmosferica equivalente per cielo non coperto da nuvole e f c un coefficiente di attenuazione per la copertura nuvolosa. In letteratura sono reperibili diverse formule sperimentali che esprimono ε ac in funzione della temperatura e della pressione di vapore in aria (Brutsaert, 1975; Satterlund, 1979; Idso, 1981) e f c in funzione della copertura nuvolosa (Bolz, 1949), che tuttavia sono valide solo nelle condizioni sperimentali in cui sono state ricavate. Se non sono disponibili dati di copertura nuvolosa, questa può essere inferita dall escursione termica giornaliera (Bristow Campbell, 1984) oppure dal rapporto tra la radiazione diretta ad onde corte misurata e quella teorica in condizioni di cielo sereno, ma quest ultimo si può applicare solo di giorno. Pirazzini et al. (2000) hanno confrontato15 formule di ε ac e 6 formule di f c con misure effettuate nelle isole Svalbard e hanno ottenuto una notevole dispersione di risultati. L applicazione del modello ha mostrato inoltre come il bilancio di massa di un ghiacciaio manifesti una discreta sensibilità alle diverse formule. Un altro parametro chiave è l albedo (A) che viene calcolato per la neve secondo la teoria di Dickinson (1993), come funzione dell età della neve e dell altezza solare. L albedo del ghiacciaio scoperto può essere desunto da misure sperimentali e rientra normalmente tra 0.2 e 0.3 (Arnold et al., 1996).

7 7 La modellazione del bilancio idrologico di un ghiacciaio 4.2 Modellazione dei flussi turbolenti I flussi termici convettivi scambiati tra la superficie e l atmosfera H (flusso di calore sensibile, misurato in W m 2 ) ed E (flusso di vapor acqueo, misurato in kg m 2 s 1 ) sono principalmente trasportati per effetto della turbolenza, essendo normalmente trascurabile il trasporto molecolare, e sono espressi con una formula dipendente dal gradiente della grandezza trasportata: H = "c p UC h T s # T a E = "c p UC e q * T s ( ) (21) ( ) # q a ( ) (22) dove ρ è la densità dell aria (kg m 3 ), c p il calore specifico a pressione costante dell aria (J kg 1 K 1 ), U la velocità del vento (m s 1 ), q l umidità specifica a saturazione (kg kg -1 ), che dipende solo dalla temperatura, condizione che si suppone verificarsi subito sopra la superficie nevosa o di ghiaccio, e q a è l umidità specifica dell aria misurata alla quota in cui si misura la temperatura T a. Si suppone che avvenga sublimazione (cioè E i = E) quando T s è minore di K, evaporazione (E w = E) quando è maggiore o u- guale. Queste ultime vengono sono poi trasformate in flusso di calore latente L = L e E w + L s E i (23) dove L e e L i (J kg 1 ) sono rispettivamente il calore latente di evaporazione e di sublimazione dell acqua. C h e C e sono coefficienti di scambio turbolento che vengono calcolati usando la teoria della similarità di Monin-Obukhov (1954) (Garratt, 1992) basata sulle ipotesi che i flussi siano omogenei e quasi-stazionari, indipendenti dalla quota (come normalmente si suppone accada nello strato limite superficiale) e che gli effetti della scabrezza e dell altezza dello strato limite atmosferico siano completamente descritti dalla velocità d attrito u *. A rigore tale teoria è valida su una topografia piatta, o lentamente variabile, che è comunque piuttosto lontana da quella di un ghiacciaio. Tuttavia è normalmente applicata anche in questo contesto. I coefficienti C h e C e sono considerati uguali tra loro, assumendo, come si fa comunemente, che il trasferimento del calore sensibile tra superficie e atmosfera avvenga allo stesso modo del trasferimento di umidità. Secondo la presente teoria i profili di velocità, temperatura e umidità specifica sono i seguenti: + U = u* k ln " z % U # z 0U ' ( ) " z % " z U m # * ' + ) 0U %. - m ', # * /, T a " T s = #* k ln z ' h z ) " * h ' z h ) + * 0h '/. % z 0h ( % + ( h ) - % + ( 0 + q a " q * ( T s ) = Q* k ln # z # h z % ( " ) h # z h % ( + ) 0h. - z 0h ' * ' h % (, * '/ 0 (24) 1 (25) 0 (26) dove z U e z h sono rispettivamente le quote di misura della velocità del vento e della temperatura, z 0U e z 0h le scabrezze (roughness lengths) per la quantità di moto, il flusso di calore sensibile e il flusso di vapore, k la costante di Von Karman (0.41), Ψ h e Ψ m le funzioni di stabilità (sono usate le funzioni di Businger et al., 1971) θ, Q e Λ (lunghezza di Obukhov) sono i seguenti parametri scala:

8 8 S.Endrizzi, R.Rigon " * = H #c p u * Q * = E #u * = % u*2 T a kg" * (27) Il coefficiente di trasferimento C h si esprime nel modo seguente: C h = + " ln z % U # z 0U ' ( ) " z % " z - U m # * ' + ) 0U m, # * k 2 %. + " ' 0 ln z % " h z ' ( ) h % " - h ' + ) / # z 0h # * h, # z 0h * %. ' 0 / (28) Per la risoluzione numerica delle equazioni, partendo da un valore di Λ di primo tentativo, coerente con la stabilità (cioè maggiore di 0 se T s è minore di T a, minore di 0 in caso contrario) si risolvono le (26), (27) e (28) rispetto a u *, θ * e Q *. Si definisce a sua volta un nuovo valore di Λ e si itera fino a convergenza della lunghezza di Obukhov. La teoria di Monin-Obukhov applicata in questo modo presuppone che il limite della temperatura dell aria al tendere a 0 della distanza dalla superficie sia uguale alla temperatura del suolo T s, la skin temperature usata per i calcoli radiativi, e che questa sia lentamente variabile nel corso della giornata. Quest ultima ipotesi è piuttosto limitativa, in quanto T s manifesta una grande variabilità nel corso della giornata; tuttavia non sono stati effettuati test in numero sufficiente per verificare l accettabilità di tale ipotesi. L applicazione del metodo impone inoltre la spazializzazione della temperatura dell aria, dell umidità e della velocità del vento, noti solo per i punto dove sono localizzate le stazioni meteorologiche. 5 RISOLUZIONE NUMERICA L equazione (1) con le condizioni al contorno (11) e (12) è risolta alle differenze finite, discretizzando il dominio in layer di dimensioni crescenti con la profondità. Normalmente non si considerano più di 5 layer per la neve e 5 per il ghiaccio. Viene usato un metodo implicito che porta alla risoluzione di un sistema tridiagonale lineare, una volta linearizzati i termini di grado superiore al primo (Oleson et al., 2004). Per i dettagli si veda Endrizzi et al. (2006). Le equazioni (2), (3) e (14) sono risolte alle differenze finite con un metodo esplicito utilizzando la stessa discretizzazione usata per risolvere l equazione (1). 6 TEST DEL MODELLO CON APPLICAZIONE AL GHIACCIAIO DI ZONGO Si è fatta un applicazione preliminare di GEOtop cercando di riprodurre il bilancio idrologico del ghiacciaio di Zongo (Bolivia) nell anno idrologico 1 settembre agosto Questo ghiacciaio si estende per circa 2 km2 ad una quota compresa tra 4800 e 6000 m s.m.m. ed è localizzato a 16 gradi di latitudine sud, rientrando così tra i ghiacciai tropicali, per i quali non esistono stagioni di accumulo e di ablazione distinte come avviene per i ghiacciai alpini. Esiste invece una stagione secca e una umida che dipendono dall ENSO. Il ghiacciaio è ben monitorato dal 1991 all interno del progetto GREAT ICE del IRD (Institut de Recherche pour le Développement, Grenoble, Francia) ed è stato oggetto di altri studi idrologici (per esempio Francou et al., 1995). Oltre alla disponibilità dei dati meteorologici classici (temperatura, umidità relativa, velocità del vento) ogni 30 minuti, sono disponibili per il periodo considerato anche dati di radiazione ad onda corta e radiazione netta. Ciò ha permesso di inferire un dato di radiazione incidente ad onda lunga,

9 9 La modellazione del bilancio idrologico di un ghiacciaio senza ricorrere a formule sperimentali che potrebbero portare ad errori consistenti. Tutti i dati sono misurati in una stazione localizzata approssimativamente nel centro del ghiacciaio, per cui sono abbastanza rappresentativi. La temperatura è stata spazializzata stimando il gradiente termico dai dati di un altra stazione localizzata vicino alla fronte. Umidità e velocità del vento sono stati considerati uniformi nel ghiacciaio, anche se questo è un approssimazione abbastanza forte perché quasi mai il vento è uniforme. Per quanto riguarda il volume del ghiacciaio si sono fatte alcune ipotesi basate sulla conformazione topografica, ma la sua esatta riproduzione non è cruciale per l esperimento eseguito in quanto la variabile di interessa è la differenza di quota all inizio e alla fine dell anno idrologico, da cui si ricavano le perdite. La figura 1 riporta il bilancio annuale per fascie altimetriche effettuato con le misure (tratteggiato) e ricavato con il modello (continuo). Quest ultimo sottostima l accumulo nella parte elevata dove avviene anche accumulo da valanghe, come si nota dal massimo della curva sperimentale alla quota di circa 5600 m s.m.m.. Tuttavia nel complesso l accordo è abbastanza buono. La figura 2 mostra le componenti del bilancio idrologico secondo il modello: l alimentazione per precipitazioni (non è considerato l accumulo da valanghe), i volumi di ghiaccio e di neve sciolti e sublimati e il bilancio netto annuale per la neve e il ghiaccio. La sublimazione contribuisce a circa il 15% delle perdite della neve e a circa il 3% delle perdite del ghiaccio. Figura 1. Bilancio idrologico del ghiacciaio nell anno 1 settembre agosto 2001, ricavato dalle misure (tratteggiato) e dal modello (continuo). Il modello fornisce un accumulo netta di 213 mm, includendo sia la neve (accumulo di 678 mm) che il ghiaccio (perdita di 465 mm), quando dalle misure si è stimato un accumulo netto di 511 mm. La differenza è probabilmente in parte da attribuire ai volumi di accumulo per valanghe, in quanto riguardano la parte alta del ghiacciaio, in parte anche alle incertezze nei dati di temperatura (che sono stati estrapolati da dati misurati più in basso), di umidità e velocità del vento.

10 10 S.Endrizzi, R.Rigon Figura 2. Componenti del bilancio idrologico del ghiacciaio (compresa la copertura nevosa) secondo il modello. CONCLUSIONI Nonostante alcune incertezze nella descrizione di alcuni fenomeni fisici (radiazione ad onde lunghe, flussi turbolenti), il modello fornisce risultati abbastanza promettenti, in discreto accordo con i dati sperimentali. Ciò si giustifica probabilmente dal fatto che il peso maggiore nel bilancio di energia è esercitato dai termini radiativi, sia ad onde lunghe che ad onde corte, che nell applicazione sono stati inferiti direttamente da misure. Anche i flussi turbolenti hanno un ruolo nel bilancio, ma di peso minore. Ringraziamenti. Si ringraziano Joseph Tomasi, che ha svolto un periodo di studio all IRD in Bolivia e ha contribuito all applicazione del modello nella sua tesi di laurea, e l IRD per aver fornito i dati. BIBLIOGRAFIA M. Albert, Computer models for two-dimensional transient heat conduction, USA Cold Regions Research and Engineering Laboratory, (1983). E.A. Anderson, A point energy and mass balance model of a snow cover, Office of Hydrology National Weather Service, (1976). U.S. Army Corps of Engineers, Snow hydrology, Summary report of the snow investigations, U.S. Army Corps of Engineers, (1956). N. Arnold, I.C. Willis, M.J. Sharp, K.S. Richards, W.J. Lawson, A distributed surface energy balance model for a small valley glacier. I. Development and testing for Haut Glacier d Arolla, Valais, Switzerland, J. Glaciol. (1996), 42, pp G. Bertoldi, R. Rigon, GEOtop: A hydrological balance model. Technical description and program guide, Università di Trento E-Prints (2004). G. Blöschl, R. Kirnbauer, D. Gutknecht, Distribute snowmelt simulations in an Alpine catchment. 1. Model evaluation on the basis of snow cover patterns, Water Resour. Res. (1991), 27 (12), pp K.L. Bristow, G.S. Campbell, On the relationship between incoming solar radiation and the daily maximum and minimum temperature, Agricultural and Forset Meteorology (1984), 31, pp W. Brutsaert, On derivable formula for long-wave radiation from clear skies, Water Resour. Res. (1975), 11, pp H.M. Bolz, Die Abhaengigkeit der infraroten Gegenstrahlung von der Bewoelkung, Z. Meteorol (1949), 3, pp. 201-

11 11 La modellazione del bilancio idrologico di un ghiacciaio 203. J.A. Businger, J.C. Wyngaard, Y. Izumi, E.F. Bradley, Flux-profile relationship in the atmospheric surface layer, J. Atmos. Sci. (1971), 28, pp S.C. Colbeck, E.A. Anderson, The permeability of a melting snow cover, Water Resour. Res. (1982), 18 (4), pp R.E. Dickinson, A. Henderson-Sellers, P.J. Kennedy, Biosphere-Atmosphere transfer scheme (BATS), NCAR, (1993). S. Endrizzi, G. Bertoldi, R. Rigon, Technical description of GEOtop , in preparation (2006). B. Francou, P. Ribstein, R. Saracia, E. Tiriau, Monthly balance and water discharge of an inter-tropical glacier: Zongo Glacier, Cordillera Real, Bolivia, 16 S, Journal of Glaciology (1995), 41 (137), pp J.R. Garratt, The atmospheric boundary layer, Cambridge University Press, (1992). S.B. Idso, A set of equation for full spectrum and 8 to 14 µm and 10.5 to 12.5 µm thermal radiation from cloudless skies, Water Resour. Res. (1981), 17 (2), pp M. Iqbal, An introduction to solar radiation, Academic Press, (1983). A.S Monin, A.M. Obukhov, Basin turbulent mixing laws in the atmospheric boundary layer, Tr. Geofiz. Inst. Akad. Nauk. SSSR (1954), 24 (151), pp R. Pirazzini, M. Nardino, A. Orsini, F. Calzolari, T. Georgiadis, V. Levizzani, Parameterization of the downward longwave radiation from clear and cloudy skies at Ny Alesund (Svalbard), CNR-IBIMET, (2000). R. Rigon, G. Bertoldi, T. Over, GEOtop: A distributed hydrological model with coupled water and energy budgets, accettato per pubblicazione su Journal of Hydrometeorology, (2006). K.W. Oleson, Y. Dai, G. Bonan, M. Bosilovich, R. Dickinson, P. Dirmeyer, F. Hoffman, P. Houser, S. Levis, G. Niu, P. Thornton, M. Vertenstein, Z. Yang, X. Zeng, Technical description of the Community Land Model (CLM) NCAR, (2004). D.R. Satterlund, An improved equation for estimating longwave radiation from the atmosphere, Water Resour. Res. (1979), 15 (6), pp D.G. Tarboton, C.H. Luce, Utah energy balance snow accumulation and melt model (UEB). Computer model technical description and user s guide, Utah Water Research Laboratory and USDA Forest Service Intermountain Research Station, (1996). F. Zanotti, S. Endrizzi, G. Bertoldi, R. Rigon, The GEOtop snow module, Hydr. Proc. (2004), 18, pp

Termologia. Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti

Termologia. Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti Termologia Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti Trasmissione del calore Legge di Wien Legge di Stefan-Boltzmann Gas

Dettagli

STRUMENTO PER LA LOCALIZZAZIONE DI CAMPI EOLICI. Eolo-CISMA

STRUMENTO PER LA LOCALIZZAZIONE DI CAMPI EOLICI. Eolo-CISMA STRUMENTO PER LA LOCALIZZAZIONE DI CAMPI EOLICI Eolo-CISMA è un sistema di previsioni meteorologiche messo a punto da CISMA srl che ci permette di disporre di previsioni del potenziale eolico di un sito

Dettagli

Il metodo del Soil Conservation Service (S.C.S.) : Curve Number(CN)

Il metodo del Soil Conservation Service (S.C.S.) : Curve Number(CN) Il metodo Numero di Curva (CN), sviluppato dal Soil Conservation Service (SCS) del Dipartimento dell'agricoltura degli Stati Uniti 1, viene considerato come uno dei più importanti modelli non deterministici

Dettagli

RADIAZIONE SOLARE. 99% dell energia compresa in λ 0.15 4 µ: 9% nell uv (λ < 0.4µ) 49% nel visibile (0.4 < λ < 0.8µ) 42% nell IR (λ > 0.

RADIAZIONE SOLARE. 99% dell energia compresa in λ 0.15 4 µ: 9% nell uv (λ < 0.4µ) 49% nel visibile (0.4 < λ < 0.8µ) 42% nell IR (λ > 0. BILANCIO AL TOP DELL ATMOSFERA RADIAZIONE SOLARE 99% dell energia compresa in λ 0.15 4 µ: 9% nell uv (λ < 0.4µ) 49% nel visibile (0.4 < λ < 0.8µ) 42% nell IR (λ > 0.8µ) L intensità della radiazione solare

Dettagli

Modelli meteorologici

Modelli meteorologici Fondamenti di meteorologia e climatologia Cenni storici Vilhelm Bjerknes (1904): L evoluzione degli stati atmosferici é controllata da leggi fisiche, quindi condizioni necessarie e sufficienti per risolvere

Dettagli

IL PRE-PROCESSORE METEOROLOGICO CALMET-SMR. Una breve descrizione: caratteristiche, input, output, limiti

IL PRE-PROCESSORE METEOROLOGICO CALMET-SMR. Una breve descrizione: caratteristiche, input, output, limiti IL PRE-PROCESSORE METEOROLOGICO CALMET-SMR Una breve descrizione: caratteristiche, input, output, limiti Meteorologia per la qualità dell aria la valutazione della qualità dell aria e in particolare l

Dettagli

Il trasporto di materia. Principi di Ingegneria Chimica Ambientale

Il trasporto di materia. Principi di Ingegneria Chimica Ambientale Il trasporto di materia Principi di Ingegneria Chimica Ambientale 1 Considerazioni preliminari Il nostro studio sarà limitato a: miscele binarie miscele diluite (ossia in cui la frazione molare di uno

Dettagli

CICLO DELL ACQUA. Marco Carozzi

CICLO DELL ACQUA. Marco Carozzi CICLO DELL ACQUA Marco Carozzi Sommario Ciclo biogeochimico La molecola d acqua: breve introduzione Ciclo dell acqua ed elementi del ciclo evaporazione, evapotraspirazione, condensazione, precipitazioni,

Dettagli

L'atmosfera è sede di fenomeni termodinamici e fluidodinamici, rappresentabili con modelli matematici molto complessi.

L'atmosfera è sede di fenomeni termodinamici e fluidodinamici, rappresentabili con modelli matematici molto complessi. Premessa L'atmosfera è sede di fenomeni termodinamici e fluidodinamici, rappresentabili con modelli matematici molto complessi. Clima: condizioni atmosferiche che si ripetono; fattori essenziali del clima

Dettagli

Corretto posizionamento di strumentazione meteorologica

Corretto posizionamento di strumentazione meteorologica Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Meccanica Corso di laurea in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Fisica dell Atmosfera e del Clima Corretto posizionamento di strumentazione meteorologica

Dettagli

u metallurgiau A. Diani, L. Rossetto

u metallurgiau A. Diani, L. Rossetto ANALISI NUMERICA DELLA CONVEZIONE FORZATA DI ARIA IN SCHIUME METALLICHE A. Diani, L. Rossetto Le schiume metalliche sono una promettente classe di materiali cellulari che consistono in una interconnessione

Dettagli

NextSnow: stima delle risorse nivali e dei loro cambiamenti sulle Alpi. Umberto Morra di Cella

NextSnow: stima delle risorse nivali e dei loro cambiamenti sulle Alpi. Umberto Morra di Cella NextSnow: stima delle risorse nivali e dei loro cambiamenti sulle Alpi Contributi ARPA Valle d Aosta - E. Cremonese, G. Filippa, F. Diotri, P. Pogliotti Fondazione CIMA - S. Gabellani e R. Rudari CNR -

Dettagli

1 Giochi d ombra [Punti 10] 2 Riscaldatore elettrico [Punti 10] AIF Olimpiadi di Fisica 2015 Gara di 2 Livello 13 Febbraio 2015

1 Giochi d ombra [Punti 10] 2 Riscaldatore elettrico [Punti 10] AIF Olimpiadi di Fisica 2015 Gara di 2 Livello 13 Febbraio 2015 1 Giochi d ombra [Punti 10] Una sorgente di luce rettangolare, di lati b e c con b > c, è fissata al soffitto di una stanza di altezza L = 3.00 m. Uno schermo opaco quadrato di lato a = 10cm, disposto

Dettagli

Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI SPAZIO

Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI SPAZIO Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI SPAZIO CONTROLLO TERMICO Equilibrio termico 2 Al di fuori dell atmosfera la temperatura esterna non ha praticamente significato Scambi termici solo

Dettagli

Lezione del 5/10/2010 ora 8:30-10:30. Giuseppe Miglino matr. 209769 Domenico Florio matr.

Lezione del 5/10/2010 ora 8:30-10:30. Giuseppe Miglino matr. 209769 Domenico Florio matr. Giuseppe Miglino matr. 209769 Domenico Florio matr. Lezione del 5/10/2010 ora 8:30-10:30 INDICE della lezione del 5/10/2010 argomento: Essiccamento Introduzione 1 Il legame tra il grado igrometrico e il

Dettagli

Il radar meteorologico

Il radar meteorologico Il radar meteorologico Il radar meteorologico è uno strumento che sfrutta impulsi di onde elettromagnetiche per rilevare la presenza in atmosfera di idrometeore (goccioline d acqua, cristalli di neve o

Dettagli

La pressione atmosferica e i venti

La pressione atmosferica e i venti La pressione atmosferica e i venti Come ogni materia sottoposta all attrazione terrestre anche l atmosfera ha un peso Pressione = rapporto fra il peso dell aria e la superficie su cui agisce A livello

Dettagli

Descrizione e stima dell errore

Descrizione e stima dell errore Descrizione e stima dell errore Raccomandazioni per l analisi di accuratezza di una simulazione CFD: 1 Descrizione e stima dell errore Raccomandazioni per l analisi di accuratezza di una simulazione CFD:

Dettagli

RAPPORTO DI CALCOLO 110123-R-2522

RAPPORTO DI CALCOLO 110123-R-2522 RAPPORTO DI CALCOLO Analisi FEM VALUTAZIONE NUMERICA DEL CONTRIBUTO ALLA RESISTENZA LIMINARE DI PARETE OPACA VERTICALE ED ORIZZONTALE DI VERNICE TERMORIFLETTENTE A BASSA EMISSIVITA (UNI EN ISO 6946:2008)

Dettagli

Soluzione. Calcolo la frequenza di Brunt-Väisälä: Γ Γ=0.0127. Calcolo il periodo: = 2 =494.7. Ricavo la velocità del vento: = =10000 494.7 =20.

Soluzione. Calcolo la frequenza di Brunt-Väisälä: Γ Γ=0.0127. Calcolo il periodo: = 2 =494.7. Ricavo la velocità del vento: = =10000 494.7 =20. Problema 1 Uno flusso di aria secca scorre al di sopra di un terreno montano nel quale sono presenti due catene montuose parallele distanti 1 km nella direzione del vento. Il gradiente termico verticale

Dettagli

L H 2 O nelle cellule vegetali e

L H 2 O nelle cellule vegetali e L H 2 O nelle cellule vegetali e il suo trasporto nella pianta H 2 O 0.96 Å H O 105 H 2s 2 2p 4 tendenza all ibridizzazione sp 3 H δ+ O δ- δ+ 1.75 Å H legame idrogeno O δ- H H δ+ δ+ energia del legame

Dettagli

LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE

LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE UNIVERSITA DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI INGEGNERIA LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE AEROPORTUALI ED ELIPORTUALI LECTURE 08 METEOROLOGIA NELLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Università di Genova and CINFAI

Università di Genova and CINFAI Il ruolo del mare e dei processi microfisici nelle nuvole nei fenomeni alluvionali in Liguria Andrea Mazzino andrea.mazzino@unige.it Università di Genova and CINFAI In collaborazione con Federico Cassola

Dettagli

3.7 LA SOLIDIFICAZIONE DELL ACQUA NEI MICRO-PORI DELLE COSTRUZIONI IN ASSENZA DI PIOGGIA O DI ACQUA AMBIENTALE

3.7 LA SOLIDIFICAZIONE DELL ACQUA NEI MICRO-PORI DELLE COSTRUZIONI IN ASSENZA DI PIOGGIA O DI ACQUA AMBIENTALE μm), è estremamente benefica nel buon comportamento del materiale nei confronti della formazione del ghiaccio: infatti queste micro-bolle fungono da vasi di espansione capaci di ospitare l acqua liquida

Dettagli

I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO

I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO CENTRO NIVO METEOROLOGICO ARPA BORMIO I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO Corso 2 A- AINEVA Guide Alpine della Lombardia Bormio 25-29 gennaio 2010 A cura di Flavio Berbenni MARCATO FORTE

Dettagli

La nevicata eccezionale dell 11 marzo 2004

La nevicata eccezionale dell 11 marzo 2004 La nevicata eccezionale dell 11 marzo 2004 Roberto Barbiero Introduzione Un intensa nevicata ha interessato nella giornata dell 11 marzo 2004 molte regioni del nord Italia. Dalle prime ore della notte

Dettagli

Validazione del modello di circolazione Marina dello Stretto di Messina mediante dati acquisiti in situ

Validazione del modello di circolazione Marina dello Stretto di Messina mediante dati acquisiti in situ Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Validazione del modello di circolazione Marina dello Stretto di Messina mediante

Dettagli

Collettori solari. 1. Elementi di un collettore a piastra

Collettori solari. 1. Elementi di un collettore a piastra Collettori solari Nel documento Energia solare abbiamo esposto quegli aspetti della radiazione solare che riguardano l energia solare e la sua intensità. In questo documento saranno trattati gli aspetti

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI PRODUZIONE, TERRITORIO, AGROENERGIA LA PIOGGIA.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI PRODUZIONE, TERRITORIO, AGROENERGIA LA PIOGGIA. DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI PRODUZIONE, TERRITORIO, AGROENERGIA LA PIOGGIA Marco Acutis Corso di studi in Produzione e Protezione delle Piante e dei Sistemi del Verde L acqua Fondamentale

Dettagli

Idrogeologia. Velocità media v (m/s): nel moto permanente è inversamente proporzionale alla superficie della sezione. V = Q [m 3 /s] / A [m 2 ]

Idrogeologia. Velocità media v (m/s): nel moto permanente è inversamente proporzionale alla superficie della sezione. V = Q [m 3 /s] / A [m 2 ] Idrogeologia Oltre alle proprietà indici del terreno che servono a classificarlo e che costituiscono le basi per utilizzare con facilità l esperienza raccolta nei vari problemi geotecnici, è necessario

Dettagli

ARTIFICIAL TORNADO. ovvero. la soluzione per generare energia elettrica in modo continuo e a costo nullo sfruttando un fenomeno della natura

ARTIFICIAL TORNADO. ovvero. la soluzione per generare energia elettrica in modo continuo e a costo nullo sfruttando un fenomeno della natura ARTIFICIAL TORNADO ovvero la soluzione per generare energia elettrica in modo continuo e a costo nullo sfruttando un fenomeno della natura 1 Il controllo del fenomeno tornado creato artificialmente, consente

Dettagli

Università degli Studi di Palermo

Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica e Meccanica Università degli Studi di Palermo Corso in: SIMULAZIONE NUMERICA PER L'INGEGNERIA MECCANICA Docente: Prof. Antonio Pantano Anno Accademico

Dettagli

Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia

Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia 1.Gli stati fisici della materia 2.I sistemi omogenei e i sistemi eterogenei 3.Le sostanze pure e i miscugli 4.I passaggi di stato 5. la teoria particellare

Dettagli

5. FLUIDI TERMODINAMICI

5. FLUIDI TERMODINAMICI 5. FLUIDI TERMODINAMICI 5.1 Introduzione Un sistema termodinamico è in genere rappresentato da una quantità di una determinata materia della quale siano definibili le proprietà termodinamiche. Se tali

Dettagli

CORSO DI IDRAULICA esercizi svolti di correnti a superficie libera

CORSO DI IDRAULICA esercizi svolti di correnti a superficie libera 08/0/000 CORSO DI IDRAULICA esercizi svolti di correnti a superficie libera Prof. E. Larcan - Ing. F. Ballio collaborazione dell'ing. Sara Marcante Sulla base dell'esperienza didattica nell'ambito dei

Dettagli

RADIAZIONE SOLARE. David Chiaramonti, Daniele Fiaschi. Ultimo aggiornamento: Giugno 2006 Versione: 1.3. Radiazione Solare

RADIAZIONE SOLARE. David Chiaramonti, Daniele Fiaschi. Ultimo aggiornamento: Giugno 2006 Versione: 1.3. Radiazione Solare RADIAZIONE SOLARE David Chiaramonti, Daniele Fiaschi Ultimo aggiornamento: Giugno 2006 Versione: 1.3 Corso: ENERGIE RINNOVABILI - Classe: INGEGNERIA INDUSTRIALE, Laurea: INGEGNERIA MECCANICA Pag. 1 Radiazione

Dettagli

Impianto di Sollevamento Acqua

Impianto di Sollevamento Acqua CORSO DI FISICA TECNICA e SISTEMI ENERGETICI Esercitazione 3 Proff. P. Silva e G. Valenti - A.A. 2009/2010 Impianto di Sollevamento Acqua Dimensionare un impianto di sollevamento acqua in grado di soddisfare

Dettagli

LO STATO DEI GHIACCIAI IN TRENTINO Christian Casarotto. Comitato Glaciologico Trentino della SAT Museo Tridentino di Scienze Naturali

LO STATO DEI GHIACCIAI IN TRENTINO Christian Casarotto. Comitato Glaciologico Trentino della SAT Museo Tridentino di Scienze Naturali LO STATO DEI GHIACCIAI IN TRENTINO Christian Casarotto Comitato Glaciologico Trentino della SAT Museo Tridentino di Scienze Naturali STUDIO E DIVULGAZIONE GHIACCIAI IN TRENTINO in collaborazione con: Comitato

Dettagli

Radiazione atmosferica

Radiazione atmosferica Radiazione atmosferica Fondamenti di meteorologia e climatologia Trento, 28 Aprile 2015 Radiazione elettromagnetica La radiazione elettromagnetica puó essere vista come un insieme di onde che si propagano

Dettagli

Procedure di calcolo implicite ed esplicite

Procedure di calcolo implicite ed esplicite Procedure di calcolo implicite ed esplicite Il problema della modellazione dell impatto tra corpi solidi a medie e alte velocità. La simulazione dell impatto tra corpi solidi in caso di urti a media velocità,

Dettagli

La modellazione del permafrost alpino: metodologie, applicazioni e sviluppi

La modellazione del permafrost alpino: metodologie, applicazioni e sviluppi Progetto PermaNET permafrost long term monitoring NETwork La modellazione del permafrost alpino: metodologie, applicazioni e sviluppi ing. Matteo Dall Amico, PhD Mountain-eering Srl Prof. Dr. Riccardo

Dettagli

Massimo Rundo Politecnico di Torino Dipartimento Energia Fluid Power Research Laboratory

Massimo Rundo Politecnico di Torino Dipartimento Energia Fluid Power Research Laboratory La simulazione delle pompe oleodinamiche Massimo Rundo Politecnico di Torino Dipartimento Energia Fluid Power Research Laboratory Politecnico di Torino Dipartimento Energia Macchine a fluido Laboratorio

Dettagli

CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo

CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo Valanga = massa di neve, piccola o grande che sia, in movimento lungo un pendio (definizione AINEVA). A. La zona di distacco è il luogo dove prende

Dettagli

CALCOLI IDRAULICI DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE

CALCOLI IDRAULICI DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE CALCOLI IDRAULICI DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE Premesse La rete per l evacuazione delle acque meteoriche dal corpo stradale, viene progettata in maniera da captare la totalità delle acque piovane

Dettagli

CAPITOLO 5 IDRAULICA

CAPITOLO 5 IDRAULICA CAPITOLO 5 IDRAULICA Cap. 5 1 FLUIDODINAMICA STUDIA I FLUIDI, IL LORO EQUILIBRIO E IL LORO MOVIMENTO FLUIDO CORPO MATERIALE CHE, A CAUSA DELLA ELEVATA MOBILITA' DELLE PARTICELLE CHE LO COMPONGONO, PUO'

Dettagli

Temperatura e Calore

Temperatura e Calore Temperatura e Calore 1 Temperatura e Calore Stati di Aggregazione Temperatura Scale Termometriche Dilatazione Termica Il Calore L Equilibrio Termico La Propagazione del Calore I Passaggi di Stato 2 Gli

Dettagli

Problematiche di progettazione e sviluppo di impianti pluvirrigui

Problematiche di progettazione e sviluppo di impianti pluvirrigui Problematiche di progettazione e sviluppo di impianti pluvirrigui Prof. Ing. Virgilio Fiorotto *, Ing. Mauro Castellarin ** * Dipartimento di Ingegneria Civile, Sezione di Idraulica e Geotecnica,Università

Dettagli

4. Funzioni elementari algebriche

4. Funzioni elementari algebriche ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 4. Funzioni elementari algebriche A. A. 2013-2014 1 Funzioni elementari Sono dette elementari un insieme di funzioni dalle quali si ottengono, mediante

Dettagli

LEZIONE 1. Materia: Proprietà e Misura

LEZIONE 1. Materia: Proprietà e Misura LEZIONE 1 Materia: Proprietà e Misura MISCELE, COMPOSTI, ELEMENTI SOSTANZE PURE E MISCUGLI La materia può essere suddivisa in sostanze pure e miscugli. Un sistema è puro solo se è formato da una singola

Dettagli

Guide d onda. Cerchiamo soluzioni caratterizzate da una propagazione lungo z

Guide d onda. Cerchiamo soluzioni caratterizzate da una propagazione lungo z GUIDE D ONDA Guide d onda Cerchiamo soluzioni caratterizzate da una propagazione lungo z Onde progressive e regressive Sostituendo nell equazione d onda ( essendo Valido anche per le onde regressive Equazione

Dettagli

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto:

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto: PROBLEMA 1. Il piano tariffario proposto da un operatore telefonico prevede, per le telefonate all estero, un canone fisso di 10 euro al mese, più 10 centesimi per ogni minuto di conversazione. Indicando

Dettagli

VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10. 5.1 Introduzione

VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10. 5.1 Introduzione VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10 5.1 Introduzione Tra gli interventi finanziati dalla Regione Emilia Romagna per il 2004, ai fini della messa a punto di strumenti conoscitivi utili per

Dettagli

Idrostatica Correnti a pelo libero (o a superficie libera) Correnti in pressione. Foronomia

Idrostatica Correnti a pelo libero (o a superficie libera) Correnti in pressione. Foronomia Idrostatica Correnti a pelo libero (o a superficie libera) Correnti in pressione Foronomia In idrostatica era lecito trascurare l attrito interno o viscosità e i risultati ottenuti valevano sia per i liquidi

Dettagli

Corso di Termodinamica Applicata Esercitazione n 2

Corso di Termodinamica Applicata Esercitazione n 2 Corso di Termodinamica Applicata Esercitazione n 2 13 maggio 2013 Indice Consegna 1 1 Dati ed Ipotesi 2 2 Soluzione e Risultati 5 3 Discussione dei Risultati 20 Consegna Si consideri un impianto di condizionamento

Dettagli

1. PREMESSA... 2 2. PARAMETRI IDROLOGICI DI PROGETTO... 3 3. VERIFICHE IDRAULICHE... 5

1. PREMESSA... 2 2. PARAMETRI IDROLOGICI DI PROGETTO... 3 3. VERIFICHE IDRAULICHE... 5 INDICE 1. PREMESSA... 2 2. PARAMETRI IDROLOGICI DI PROGETTO... 3 3. VERIFICHE IDRAULICHE... 5 PROGETTO ESECUTIVO 1/9 1. PREMESSA La presente relazione descrive gli aspetti idraulici connessi con lo smaltimento

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

Forze, leggi della dinamica, diagramma del. 28 febbraio 2009 (PIACENTINO - PREITE) Fisica per Scienze Motorie

Forze, leggi della dinamica, diagramma del. 28 febbraio 2009 (PIACENTINO - PREITE) Fisica per Scienze Motorie Forze, leggi della dinamica, diagramma del corpo libero 1 FORZE Grandezza fisica definibile come l' agente in grado di modificare lo stato di quiete o di moto di un corpo. Ci troviamo di fronte ad una

Dettagli

Inserimento di distanze e di angoli nella carta di Gauss

Inserimento di distanze e di angoli nella carta di Gauss Inserimento di distanze e di angoli nella carta di Gauss Corso di laurea in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio a.a. 2006-2007 Inserimento della distanza reale misurata nella carta di Gauss (passaggio

Dettagli

Rapporto del gruppo WKP2 Ricerca effettuata nell ambito del progetto RICLIC WARM

Rapporto del gruppo WKP2 Ricerca effettuata nell ambito del progetto RICLIC WARM Dipartimento di Ingegneria Idraulica e Ambientale dell Università di Pavia Rapporto del gruppo WKP2 Ricerca effettuata nell ambito del progetto RICLIC WARM Workpackage 2: Prof.Ing.Luigi Natale Prof.Ing.Mario

Dettagli

PARTE I. I processi idrologici. Lezione VI: La formazione dei deflussi (2) Dipartimento di Ingegneria Civile

PARTE I. I processi idrologici. Lezione VI: La formazione dei deflussi (2) Dipartimento di Ingegneria Civile 1 Corso di Laurea Specialistica in N.O. Giuseppe Aronica Corso di Idrologia Tecnica PARTE I Lezione VI: La formazione dei deflussi (2) 2 La trasformazione afflussi-deflussi Problema: determinare i deflussi

Dettagli

Prova Scritta Completa-Fisica 9 CFU Corso di Laurea in Tossicologia dell ambiente e degli alimenti Novembre 2013

Prova Scritta Completa-Fisica 9 CFU Corso di Laurea in Tossicologia dell ambiente e degli alimenti Novembre 2013 Prova Scritta Completa-Fisica 9 CFU Corso di Laurea in Tossicologia dell ambiente e degli alimenti Novembre 2013 Quesito 1 Due cubi A e B costruiti con lo stesso legno vengono trascinati sullo stesso pavimento.

Dettagli

I FENOMENI TERMICI. I fenomeni termici Fisica Medica Lauree triennali nelle Professioni Sanitarie. P.Montagna ott-07. pag.1

I FENOMENI TERMICI. I fenomeni termici Fisica Medica Lauree triennali nelle Professioni Sanitarie. P.Montagna ott-07. pag.1 I FENOMENI TERMICI Temperatura Calore Trasformazioni termodinamiche Gas perfetti Temperatura assoluta Gas reali Principi della Termodinamica Trasmissione del calore Termoregolazione del corpo umano pag.1

Dettagli

Corso di Energetica degli Edifici

Corso di Energetica degli Edifici Corso di Energetica degli Edifici Docenti: Prof. Ing. Marco Dell Isola Facoltà di Ingegneria Università degli studi di Cassino Ing. Fernanda Fuoco Facoltà di Ingegneria Università degli studi di Cassino

Dettagli

ver 3.1.4 VERSIONE BASE VERSIONE AVANZATA MANUALE UTENTE (01/10/2006 12.25)

ver 3.1.4 VERSIONE BASE VERSIONE AVANZATA MANUALE UTENTE (01/10/2006 12.25) ver 3.1.4 VERSIONE BASE VERSIONE AVANZATA MANUALE UTENTE (01/10/2006 12.25) Sommario 1 DESCRIZIONE... 2 1.1 LIMITI VERSIONE DIMOSTRATIVA... 2 1.2 INSTALLAZIONE... 2 1.2.1 Installazione completa...2 1.2.2

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

LA RADIAZIONE SOLARE. Tecnica del Controllo Ambientale. Prof. Maurizio Cellura

LA RADIAZIONE SOLARE. Tecnica del Controllo Ambientale. Prof. Maurizio Cellura LA RADIAZIONE SOLARE Tecnica del Controllo Ambientale Prof. Maurizio Cellura INTRODUZIONE Il progettista deve: 1. Definire le condizioni climatiche generali e locali; 2. Ricercale le soluzioni idonee;

Dettagli

Cenni di meteorologia e valutazione oggettiva delle condizioni meteorologiche.

Cenni di meteorologia e valutazione oggettiva delle condizioni meteorologiche. Cenni di meteorologia e valutazione oggettiva delle condizioni meteorologiche. Poiché le situazioni meteo estive sulle regioni alpine e appenniniche sono mutevoli e incostanti è bene conoscere gli elementi

Dettagli

Infiltrazione - Generalità

Infiltrazione - Generalità Infiltrazione - Generalità Quando la precipitazione arriva al suolo: in parte bagna le superfici (intercezione, detenzione superficiale), in parte riempie le depressioni superficiali, in parte si infiltra

Dettagli

Analisi 2. Argomenti. Raffaele D. Facendola

Analisi 2. Argomenti. Raffaele D. Facendola Analisi 2 Argomenti Successioni di funzioni Definizione Convergenza puntuale Proprietà della convergenza puntuale Convergenza uniforme Continuità e limitatezza Teorema della continuità del limite Teorema

Dettagli

2 R = mgr + 1 2 mv2 0 = E f

2 R = mgr + 1 2 mv2 0 = E f Esercizio 1 Un corpo puntiforme di massa m scivola lungo la pista liscia di raggio R partendo da fermo da un altezza h rispetto al fondo della pista come rappresentato in figura. Calcolare: a) Il valore

Dettagli

Catene di Misura. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/

Catene di Misura. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Catene di Misura Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Piero Malcovati Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell Informazione Università di Pavia piero.malcovati@unipv.it Piero Malcovati

Dettagli

Trasformazioni di sistemi di riferimento

Trasformazioni di sistemi di riferimento Trasformazioni di sistemi di riferimento Trasformazioni di sistemi di riferimento Paolo Zatelli Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Trento Paolo Zatelli Università di Trento 1

Dettagli

4 Azioni sulle costruzioni

4 Azioni sulle costruzioni 4 Azioni sulle costruzioni Classificazione delle azioni 1/2 Si definisce azione ogni causa o insieme di cause capace di indurre stati limite in una struttura. Si definisce sollecitazione ogni effetto interno

Dettagli

Lezioni di Meccanica del Volo 2 - Modello dell atmosfera. L. Trainelli

Lezioni di Meccanica del Volo 2 - Modello dell atmosfera. L. Trainelli Lezioni di Meccanica del Volo 2 - Modello dell atmosfera L. Trainelli 1 2 Indice 1 INTRODUZIONE.......................... 3 1.1 Caratteristiche dell atmosfera.................... 3 1.2 Regioni dell atmosfera........................

Dettagli

PRINCIPI DI TRASMISSIONE DEL CALORE

PRINCIPI DI TRASMISSIONE DEL CALORE PRINCIPI DI TRASMISSIONE DEL CALORE La trasmissione del calore può avvenire attraverso tre meccanismi: - Conduzione; - Convezione; - Irraggiamento; Nella conduzione la trasmissione del calore è riconducibile

Dettagli

Elementi Finiti: stime d errore e adattività della griglia

Elementi Finiti: stime d errore e adattività della griglia Elementi Finiti: stime d errore e adattività della griglia Elena Gaburro Università degli studi di Verona Master s Degree in Mathematics and Applications 05 giugno 2013 Elena Gaburro (Università di Verona)

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA MODELLAZIONE ENERGETICA IN REGIME DINAMICO

INTRODUZIONE ALLA MODELLAZIONE ENERGETICA IN REGIME DINAMICO Dipartimento di Ingegneria Industriale MODELLAZIONE ENERGETICA IN REGIME DINAMICO La parola ai software Verona - 9 ottobre 2013 INTRODUZIONE ALLA MODELLAZIONE ENERGETICA IN REGIME DINAMICO Roberto Zecchin

Dettagli

FOTOVOLTAICO LA RADIAZIONE SOLARE

FOTOVOLTAICO LA RADIAZIONE SOLARE FOTOVOLTAICO LA RADIAZIONE SOLARE Il Sole Sfera di gas riscaldato da reazioni di fusione termonucleare che, come tutti i corpi caldi emette una radiazione elettromagnetica o solare. L energia solare è

Dettagli

Esempio Esame di Fisica Generale I C.d.L. ed.u. Informatica

Esempio Esame di Fisica Generale I C.d.L. ed.u. Informatica Esempio Esame di Fisica Generale I C.d.L. ed.u. Informatica Nome: N.M.: 1. 1d (giorno) contiene all incirca (a) 8640 s; (b) 9 10 4 s; (c) 86 10 2 s; (d) 1.44 10 3 s; (e) nessuno di questi valori. 2. Sono

Dettagli

ENERGIA SOLARE: Centrali fotovoltaiche e termosolari. Istituto Paritario Scuole Pie Napoletane - Anno Scolastico 2012-13 -

ENERGIA SOLARE: Centrali fotovoltaiche e termosolari. Istituto Paritario Scuole Pie Napoletane - Anno Scolastico 2012-13 - ENERGIA SOLARE: Centrali fotovoltaiche e termosolari L A V E R A N A T U R A D E L L A L U C E La luce, sia naturale sia artificiale, è una forma di energia fondamentale per la nostra esistenza e per quella

Dettagli

Le tecnologie geospaziali a supporto della pianificazione e della operatività dei sistemi eolici

Le tecnologie geospaziali a supporto della pianificazione e della operatività dei sistemi eolici ENERGY SOLUTIONS La forza del vento Le tecnologie geospaziali a supporto della pianificazione e della operatività dei sistemi eolici L energia è diventata una priorità nella politica europea. Fino ad oggi

Dettagli

Indica il numero delle ore giornaliere nelle quali un punto (o una superficie) è colpito dalla radiazione solare.

Indica il numero delle ore giornaliere nelle quali un punto (o una superficie) è colpito dalla radiazione solare. APPUNTI SUI PERCORSI SOLARI Bibliografia Manuale di architettura bioclimatica - Cristina Benedetti Maggioli Editore SOLEGGIAMENTO. SOLEGGIAMENTO = NUMERO DI ORE Indica il numero delle ore giornaliere nelle

Dettagli

Temperatura. V(t) = Vo (1+at) Strumento di misura: termometro

Temperatura. V(t) = Vo (1+at) Strumento di misura: termometro I FENOMENI TERMICI Temperatura Calore Trasformazioni termodinamiche Gas perfetti Temperatura assoluta Gas reali Principi della Termodinamica Trasmissione del calore Termoregolazione del corpo umano Temperatura

Dettagli

GRANDEZZE FISICHE. Prof.ssa Paravizzini M.R.

GRANDEZZE FISICHE. Prof.ssa Paravizzini M.R. GRANDEZZE FISICHE Prof.ssa Paravizzini M.R. PROPRIETA DEL CORPO SOGGETTIVE OGGETTIVE PR.SOGGETTIVE: gusto, bellezza, freschezza, forma MISURABILI PR. OGGETTIVE: massa, temperatura, diametro, ecc.. Le misure

Dettagli

RESISTENZA DEL MEZZO [W] [kw] Velocità m/s. Adimensionale Massa volumica kg/m 3. Sezione maestra m 2 POTENZA ASSORBITA DALLA RESISTENZA DEL MEZZO:

RESISTENZA DEL MEZZO [W] [kw] Velocità m/s. Adimensionale Massa volumica kg/m 3. Sezione maestra m 2 POTENZA ASSORBITA DALLA RESISTENZA DEL MEZZO: RSISTZA D MZZO R m 1 C X ρ A v Adimensionale Massa volumica kg/m 3 Velocità m/s Sezione maestra m Valori medi dei coefficienti: Superfici piane normali al moto: acqua: K9,81 60, aria: K9,81 0,08 1 K C

Dettagli

LA TERMOLOGIA. studia le variazioni di dimensione di un corpo a causa di una

LA TERMOLOGIA. studia le variazioni di dimensione di un corpo a causa di una LA TERMOLOGIA La termologia è la parte della fisica che si occupa dello studio del calore e dei fenomeni legati alle variazioni di temperatura subite dai corpi. Essa si può distinguere in: Termometria

Dettagli

Uso dei modelli di trasporto radiativo: parametri di input e di output

Uso dei modelli di trasporto radiativo: parametri di input e di output Uso dei modelli di trasporto radiativo: parametri di input e di output Henri Diémoz ARPA Valle d Aosta Tutorial UV Bologna, 1-3 dicembre 2008 premessa i modelli funzionano con i dati che inserisco io!

Dettagli

FISICA-TECNICA Miscela di gas e vapori. Igrometria

FISICA-TECNICA Miscela di gas e vapori. Igrometria FISICA-TECNICA Miscela di gas e vapori. Igrometria Katia Gallucci Spesso è necessario variare il contenuto di vapore presente in una corrente gassosa. Lo studio di come si possono realizzare queste variazioni

Dettagli

Basi di matematica per il corso di micro

Basi di matematica per il corso di micro Basi di matematica per il corso di micro Microeconomia (anno accademico 2006-2007) Lezione del 21 Marzo 2007 Marianna Belloc 1 Le funzioni 1.1 Definizione Una funzione è una regola che descrive una relazione

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

Oggetto: VERIFICA TERMICA DEL DISSIPATORE

Oggetto: VERIFICA TERMICA DEL DISSIPATORE Report fotovoltaico issue 2 Di: VINCENZO CASCIOLI Data: 11 Settembre 2008 Oggetto: VERIFICA TERMICA DEL DISSIPATORE Verifica termica del dissipatore 1 INDICE 1. PREMESSA 4 2. MODELLO SOLIDO 5 2.1 Scheda

Dettagli

CAT2007 Laurea specialistica IngEdile. Complementi di Architettura Tecnica CAT2007 I ponti termici in Edilizia. Ing. Mainini Andrea giovanni

CAT2007 Laurea specialistica IngEdile. Complementi di Architettura Tecnica CAT2007 I ponti termici in Edilizia. Ing. Mainini Andrea giovanni CAT2007 Laurea specialistica IngEdile Complementi di Architettura Tecnica CAT2007 I ponti termici in Edilizia Ing. Mainini Andrea giovanni I ponti termici 2 Considerando l involucro edilizio si è in presenza

Dettagli

Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI VEICOLI SPAZIALI

Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI VEICOLI SPAZIALI Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI VEICOLI SPAZIALI IMPIANTO ELETTRICO Potenza elettrica 2 La potenza installata varia con la complessità del veicolo Primi satelliti 1W Satellite per

Dettagli

DINAMICA DEL PUNTO MATERIALE E CONCETTO DI FORZA. Dinamica: studio delle forze che causano il moto dei corpi

DINAMICA DEL PUNTO MATERIALE E CONCETTO DI FORZA. Dinamica: studio delle forze che causano il moto dei corpi DINAMICA DEL PUNTO MATERIALE E CONCETTO DI FORZA Dinamica: studio delle forze che causano il moto dei corpi 1 Forza Si definisce forza una qualunque causa esterna che produce una variazione dello stato

Dettagli

Transitori del primo ordine

Transitori del primo ordine Università di Ferrara Corso di Elettrotecnica Transitori del primo ordine Si consideri il circuito in figura, composto da un generatore ideale di tensione, una resistenza ed una capacità. I tre bipoli

Dettagli

Meteorologia dello strato limite atmosferico

Meteorologia dello strato limite atmosferico Meteorologia dello strato limite atmosferico Giovanni Bonafè ARPA SIM Emilia Romagna Parliamo dell atmosfera. Ma di che parte dell atmosfera stiamo parlando? struttura dell atmosfera Troposfera: strato

Dettagli

Studio della qualità delle acque degli specchi d acqua tra pennelli adiacenti mediante simulazioni numeriche con modello matematico

Studio della qualità delle acque degli specchi d acqua tra pennelli adiacenti mediante simulazioni numeriche con modello matematico Regione Sardegna Comune di Capoterra (CA) Sistemazione e rinaturazione delle difese litoranee Bonifica e sistemazione della fascia costiera Progetto definitivo-esecutivo delle opere marittime Protezione

Dettagli

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Territorio ed infrastrutture di trasporto La meccanica della locomozione: questioni generali Il fenomeno dell aderenza e l equazione Dall equazione alle

Dettagli

Il vento nei modelli di clima

Il vento nei modelli di clima Il vento nei modelli di clima Alessandro Dell Aquila Sandro Calmanti ENEA UTMEA-CLIM Unità Tecnica Modellistica Energetica Ambientale Laboratorio Modellistica Climatica ed Impatti CNMCA Giovedì 29 Aprile

Dettagli

Stima dei carichi termici estivi

Stima dei carichi termici estivi Corso di IMPIANTI TECNICI per l EDILIZIA Stima dei carichi termici estivi Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it Carichi termici: Flussi termici sensibili

Dettagli