COMPENDIO DI INFORMATICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMPENDIO DI INFORMATICA"

Transcript

1 Roberto Visconti COMPENDIO DI INFORMATICA CAPITOLO 4 COMUNICAZIONE UOMO - MACCHINA : LINGUAGGI E PROGRAMMI estratto da: COMPENDIO DI INFORMATICA ediz. CALDERINI Bologna 1988 anno di revisione /11

2 COMUNICAZIONE UOMO- MACCHINA: LINGUAGGI E PROGRAMMI 4.1 INTRODUZIONE Il problema fondamentale della trasmissione di informazioni tra l'utente ed un sistema di elaborazione dati è in pratica la formulazione di codici di trasmissione opportuni, mediante i quali sia possibile comunicare un insieme di dati ed ottenere un insieme di soluzioni. In precedenza, sono già stati dati cenni sui principi di comunicazione tra uomo e macchina, consistenti nell' associazione di un determinato significato ad una serie di segnali elettrici costituenti un insieme ordinato. Si è definito con bit l'unità elementare di informazione, mediante la quale è possibile costruire informazioni più complesse. Per rappresentare una informazione complessa, quale può essere il testo di un problema, o di un messaggio, la logica suggerisce di operare usando come unità logica elementare un carattere singolo costituente un messaggio. Ad esempio, la frase: A> BDOS ERROR ON A: BAD SECTOR può essere pensata come costituita da un insieme di 30 caratteri (spazi bianchi compresi). La tecnica adottata consiste nel rappresentare i caratteri costituenti i simboli di scrittura come un insieme di bit. è necessario rappresentare : -le lettere dell'alfabeto inglese ( ABC...WYZ); -i numeri ( ); -i simboli speciali (!" $&/=?^.,..); -un insieme di caratteri di controllo necessari per il controllo delle unità periferiche; Il numero totale di simboli da codificare è all'incirca 200. Per codificarli è necessario un numero di bit tale che il numero di combinazioni diverse che si possano ottenere (e perciò distinguere l'una dall'altra) sia maggiore od eguale a 200. Per quanto visto in precedenza nel capitolo 3, possiamo scrivere: numero combinazioni NC = 2 8 = 256 è quindi necessario un insieme di 8 bit, che prende il nome di byte. Un byte viene anche chiamato carattere. Sono usati come multipli del byte il Kilobyte (Kbyte o Kb) ed il Megabyte (Mbyte o Mb), con terminologia seguente: 1 kbyte = 1024 byte = 2 10 byte 1 Mbyte = 1024 kbyte = byte = 2 10 kbytes 1 Gbyte = 1024 Mbyte = kbyte = 2 10 Mbytes 1 Tbyte = 1024 Gbyte = Mbyte = 2 10 Gbytes e così via. Mediante 1 byte risulta possibile codificare con combinazioni di bit distinte tutti i caratteri della tastiera necessari per una comunicazione, più le lettere minuscole ed eventuali simboli grafici ulteriori, fino ad esaurire le 256 configurazioni diverse possibili (contando anche lo 0 ). I codici basati sul carattere sono impiegati per effettuare la comunicazione uomo- macchina, per quanto riguarda trasmissione di informazioni, cioè dati e programmi. Uno dei primi codici ad essere impiegato, cui si è accennato nella parte relativa alla storia dell'

3 informatica, è stato il codice Hollerith, basato su schede perforate. Codici impiegati per questa funzione sono: ASCII EBCDIC BCD BAUDOT Per le operazioni numeriche, si è avvertita l'esigenza di disporre di codici che consentissero una certa possibilità di correzione di eventuali errori di trasmissione dell'informazione. Sono stati perciò ideati, accanto al sistema binario già esposto nel capitolo 3, vari codici basati su criteri opportuni, tra i quali ricordiamo: BCD AIKEN GRAY ECCESSO A 3 HAMMING Accanto ad essi, vanno ricordati i codici di rappresentazione numerica COMPLEMENTO A 1 e COMPLEMENTO A 2 che sono stati esaminati in precedenza nel capitolo 3. Il codice COMPLEMENTO A 2 ha importanza particolarmente per l'effettuazione di sottrazioni binarie mediante somme binarie. Passeremo ora in rassegna i principali codici.

4 RAPPRESENTAZIONE DI DATI ALFANUMERICI GENERALITA' La rappresentazione di dati alfanumerici viene affidata a sequenze di bit, associate ad una codifica internazionale. Detto 'n' il numero di cifre binarie che rappresentano un carattere, si dice tecnicamente che il codice è strutturato ad 'n' momenti. Ad esempio, il codice ASCII a 7 bit ha 7 momenti, perché un carattere è rappresentato con sette cifre binarie. I codici usati hanno da 5 a 8 momenti, cui corrispondono istanti di trasmissione effettiva. CODICE ASCII Il termine ASCII è acronimo di: American Standard Code for Information Interchange che significa letteralmente "codice standard americano per lo scambio di informazioni". è conosciuto anche come codice IA5 (Alfabeto Internazionale n.5) e si può trovare codificato sia a 7 che ad a 8 bit. Si tratta di un codice, pertanto, a 7/8 momenti. I 4 bit meno significativi prendono il nome di bit di cifra, mentre i 3/4 bit più significativi prendono il nome di bit di zona. La versione più usata (USASCII) è normalmente a 7 bit, più un ottavo bit usato per operazioni di controllo dell'esattezza della trasmissione, ed è basato sull' associazione di 8 bit ad ogni carattere codificabile. In alcuni casi, particolarmente quando non vi sono necessità di comunicazione, l'ottavo bit viene impiegato per la codifica di segni speciali e caratteri grafici. è questo il caso, ad esempio, dell'uso locale di un unico personal computer. Il bit più significativo assume allora il seguente significato: - 0 indica che si tratta di un carattere del set standard (denominato spesso USASCII); - 1 indica che si tratta di uno dei caratteri speciali o grafici. Ogni carattere risulta pertanto esprimibile: -in codice binario ( che è la rappresentazione effettivamente impiegata nei circuiti interni del computer); -in codice decimale; -in codice esadecimale; che sono le tre rappresentazioni di solito più usate. Ad esempio, la lettera "A" viene rappresentata in modo assolutamente equivalente dai simboli: 41H (esadecimale) 65D (decimale) B (binario) La tabella dei codici ASCII è visibile in appendice.

5 ANALISI DEL CODICE ASCII I codici da 00D a 31D costituiscono l'insieme dei caratteri di controllo, usati per controllare i dispositivi che partecipano alla comunicazione, come terminali video e stampanti. I codici da 32D a 47D rappresentano una parte dei caratteri speciali della tastiera (segni di interpunzione). I codici da 48D a 57D rappresentano i dieci numeri (da 0 a 9). Seguono altri simboli di interpunzione. Con i codici da 65D a 90D sono rappresentate le lettere dell' alfabeto inglese. Seguono altri caratteri speciali e le lettere minuscole. A decorrere da 128D in poi, possono essere rappresentati caratteri grafici e segni per la grafica in pagina testo del computer (caratteri semigrafici ). Tra i caratteri di controllo hanno particolare importanza: CR LF CARRIAGE RETURN (RITORNO CARRELLO) [0DH] [13D] LINE FEED (INTERLINEA) [0AH] [10D] che hanno il compito di separare dati, ad esempio, per realizzare la funzione di andata a capo al termine di una riga di video o di stampante. Come applicazione, consideriamo la codifica necessaria per rappresentare su video la scritta: PROVASTAMPA RIGA La codifica in codice ASCII verrebbe rappresentata con la serie di codici esadecimali: 50H 52H 4FH 56H 41H 0DH 0AH 53H 54H 41H 4DH 50H 41H 20H 52H 49H 47H 41H P R O V A S T A M P A Ъ R I G A Notare la presenza del codice 0DH CARRIAGE RETURN per realizzare l'effetto di andare sotto di una riga, del codice 0AH LINE FEED per realizzare l'effetto di caporiga della scritta STAMPA RIGA e l'uso del codice 20H - BLANK SPACE per realizzare lo spazio bianco tra la scritta STAMPA e la scritta RIGA. Altri testi possono essere composti con metodi analoghi. CODICE EBCDIC è un codice ad 8 bit, simile come struttura al codice ASCII. La sigla è acronimo di: Extended Binary Coded Decimal Interchange Code

6 Si tratta di un codice ad 8 momenti, la cui differenza sostanziale dal codice ASCII è rappresentata da un diverso raggruppamento dei codici. I quattro momenti meno significativi vengono chiamati bit di cifra, mentre i quattro più significativi sono detti bit di zona. Vengono codificati anche qui lettere, simboli di interpunzione e caratteri di controllo.

7 CODICE BCD è un codice a 6 momenti, di cui i primi 2 bit sono chiamati bit di zona, mentre gli altri 4 bit sono i bit di cifra. Si tratta di una espansione del codice BCD numerico: mediante esso è possibile rappresentare anche caratteri alfanumerici. In questo modo risulta possibile codificare 64 caratteri distinti, come visibile nella tabella acclusa in appendice. CODICE BAUDOT Si tratta di un codice che ha avuto la sua importanza in massima parte nel campo telescriventistico, che è stato il primo ad avere diffusione operativa nel campo della trasmissione di informazioni, ed è strutturato in 5 momenti. è conosciuto anche come codice IA2 (Alfabeto Internazionale n.2). è usato raramente nel campo dell' elaborazione dati, e mai in applicazioni professionali. La tendenza ttuale è quella di impiegare il codice ASCII anche nel settore telescriventistico, ormai spesso soppiantato dai moderni sistemi di posta elettronica ( ing). Si può esaminare la codifica del codice Baudot sui testi specializzati per le telecomunicazioni. RAPPRESENTAZIONE DI DATI NUMERICI I codici per la rappresentazione dei dati numerici sono analizzabili in termini di peso dei bit. Per peso di bit si intende il valore della potenza di 2 associata al valore posizionale del bit stesso. Ad esempio, il numero 101 è scomponibile in termini di potenze di 2, in base al valore posizionale delle cifre binarie: 1 * * * 2 2 Diremo che, in questo caso, i pesi dei bit impiegati sono, dal più significativo al meno significativo, Questo significa che: -0 è il peso (potenza) del bit meno significativo (Least Significative Bit, abbreviato in LSB); -1 è il peso (potenza) del secondo bit da destra; -2 è il peso (potenza) del terzo bit da destra, bit più significativo della cifra (Most Significative Bit, abbreviato in MSB). CODICE BCD Il peso dei bit del codice BCD è, per ogni nibble, il seguente: Il codice BCD (Binary Coded Decimal) serve ad esprimere un numero decimale in binario, con le stesse regole del sistema decimale al posto di quelle del sistema binario. Ad esempio, il numero 31 si esprime in codice binario con la cifra: In codice BCD, il numero 31 deve essere espresso con le stesse regole decimali, cioè vanno usati due raggruppamenti di cifre, una per indicare le decine, l'altra per le unità. Adottando la seguente convenzione per rappresentare i numeri da 0 a 9:

8 0 -> > > > > > > > > > 1001 il numero 31 viene ad essere rappresentato in questo modo: Con questi criteri, otteniamo le rappresentazioni: 114D -> D -> e così via. Il codice BCD presenta una maggiore facilità, rispetto al sistema binario, per la conversione al sistema decimale. AIKEN Il codice Aiken ha il seguente peso di bit: e richiede 4 bit per ogni cifra decimale. Con questo peso, si ottiene una codifica dei numeri da 0 a 9 come rappresentato in tabella. Valgono le stesse considerazioni fatte per il codice BCD, da cui il codice Aiken è derivato, con in più il fatto che, complementando i bit di ogni numero, si ottiene direttamente il suo complemento a 9, facilitando le operazioni di sottrazione così come il complemento a 2 facilita le sottrazioni binarie. Il codice AIKEN è detto autocomplementante, in quanto, dato un numero N, gode della proprietà che il complemento a 9 del numero N stesso (cioè il numero 9-N) si ottiene complementando tutti i bit di N. Ad esempio, dato il numero 3D = 0011B, per ottenere il numero (9-3)=6D, si complementano i bit nel seguente modo: > 1100 La codifica dei primi 10 numeri in codice Aiken è mostrata qui di seguito:

9 GRAY Il codice di Gray presenta una caratteristica che lo rende utile nei casi in cui si vuole minimizzare la possibilità di errori di comunicazione. In esso, ogni numero differisce dal precedente per la variazione di un solo bit nella configurazione. In codice binario, il numero 7 è rappresentabile da 0111, mentre il numero 8 da In codice Gray, il numero 7 è rappresentato da 0100, ed il numero 8 da Se, a causa di un guasto, viene alterato un bit durante la comunicazione, il numero 7 rischia di essere compreso dal ricevitore in questo modo: > 0101, per cui si riceve il numero 4; In codice Gray, si potrebbe avere: > 0101, per cui si riceve il numero 6, più vicino al valore 7 previsto. In generale, la probabilità di alterare completamente il valore di una cifra è minore con l'impiego del codice di Gray. La derivazione è algoritmica, nel modo seguente: 1. si prende il valore binario della cifra da convertire; 2. si effettua uno spostamento (shift) a destra, con la perdita del bit meno significativo; 3. si effettua la somma del valore ottenuto a quello binario di partenza, trascurando eventuali riporti. Ad esempio, per ottenere la codifica Gray del numero 4: -si prende il valore 0100; -si effettua lo shift a destra, per cui > -010, con la perdita dello 0 meno significativo; -si sommano ( ) = 0110, che è la rappresentazione in codice Gray del numero 4. Il codice Gray è impiegato per la stesura di serie diagnostiche per il controllo di qualità dei circuiti integrati. Una codifica più ampia è visibile in tabella. Decimale Binario

10 ECCESSO A 3 Il codice ECCESSO A 3 viene derivato dal codice BCD, sommando il numero 3 ad ogni valore BCD corrispondente. Ad esempio, il numero 0000 diventa = Il numero 0010 diventa = Una tabella più ampia di questo codice è visibile in figura. Decimale Binario CODICI RIDONDANTI Si definisce distanza di Hamming h di un codice il minimo numero di bit in cui differiscono due parole diverse del codice stesso. Un codice è detto irridondante se h=1, mentre è ridondante se h > 1. Se h=1, è intrinseco che tutte le configurazioni possibili sono state usate per codificare simboli. I codici con h > 1 sono impiegati per la rivelazione e la localizzazione di errori durante la comunicazione tra punti diversi di un sistema. In alcuni casi è possibile ottenere la rivelazione di un errore, mentre in altri è consentita la localizzazione dell'errore stesso. Detto R il numero dei bit errati, e C i bit che possono essere corretti, valgono le relazioni: R = h - 1 per i codici a sola rivelazione d'errore R = h - C - 1, dove C <= (h - 1) /2 per i codici a correzione e rilevazione CODICI A CONTROLLO DI PARITA' Sono codici con h=2, che aggiungono un bit in più P, chiamato controllo di parità, alla serie di bit che rappresentano un simbolo, in modo da far diventare pari o dispari il numero dei bit contenuti nel simbolo stesso. Ad esempio, ai 7 bit del codice USASCII è possibile aggiungere un ottavo bit (di zona) per realizzare questa funzione, come già accennato. Indicato con B il numero dei bit della codifica iniziale, si ha: parità pari -> P = (B+0) / 2 (divisione intera) parità dispari -> P = (B+1) / 2 (divisione intera) Il controllo di parità è il mezzo più semplice per verificare se la trasmissione di una informazione, codificata sotto forma di bit, è avvenuta correttamente o meno.

11 Si osserva sperimentalmente che il caso di errore più frequente e più comune nei circuiti elettronici digitali è rappresentato dalla perdita o dalla variazione di un bit durante la trasmissione. Di più rara evenienza sono i casi di perdita di due bit: ancora più rara è la probabilità di perdita di più bit. Si stabilisce allora una convenzione tra trasmettitore e ricevitore, basata sul seguente algoritmo: 1- Il ricevitore stabilisce il messaggio da trasmettere e conta il numero di volte che nel messaggio compare il simbolo "1"; 2- Se questo numero è pari, aggiunge un valore 0 al messaggio, sotto forma di bit di zona (generalmente il più significativo); 3- Se questo numero è dispari, aggiunge un valore 1 al messaggio, nella stessa posizione, facendo in modo che il numero di "1" sia sempre pari. 4- Il trasmettitore trasmette il messaggio al ricevitore; 5- Il ricevitore conta il numero di "1" presenti nel messaggio ricevuto; 6- Se il numero di "1" è pari, assume che il messaggio è corretto; 7- Se il numero di "1" ricevuto è dispari, assume che il messaggio è affetto da errore di trasmissione, in quanto: a) un bit "1" è andato perso in trasmissione, oppure: b) un bit con valore "0" è passato al valore "1" a causa di disturbi durante la trasmissione. In quest'ultimo caso, viene richiesta la trasmissione del messaggio una seconda volta, in modo automatico. E' bene specificare che la convenzione usata per l'esempio non è la sola possibile, in quanto il controllo di parità può essere fatto: -imponendo che il numero di 1 sia pari (controllo SPACE); -imponendo che il numero di 1 sia dispari (controllo MARK); Il controllo può essere fatto includendo o meno il bit di parità stesso nel messaggio (generalmente è incluso). è chiaro che il controllo di parità, o parity-check, non può coprire tutta la casistica possibile di errori, in quanto non scopre, ad esempio, la perdita simultanea di due valori "1", che lascerebbe pari il numero di bit del messaggio trasmesso nell' esempio. Tuttavia, come già detto, la qualità dei componenti usati per applicazioni di tipo industriale e di laboratorio consente, in molti casi pratici, di potersi affidare con ragionevole sicurezza al controllo di parità. Nei casi più delicati, si deve ricorrere a tecniche più raffinate, come i codici autocorrettori di Hamming. CODICI DI HAMMING Sono codici con h>2, con capacità di autocorrezione. Il codice di Hamming più conosciuto ha h=3 ed ha un numero di bit M dato da: M = N + K dove N è il numero di bit del codice irridondante da proteggere e K il numero di bit necessari per trasformare il codice irridondante in uno ridondante con h=3. I K bit di parità sono inseriti nelle posizioni con peso: K-1

12 La cifra in una determinata posizione controlla la parità su tutte quelle cifre che hanno posizione, espressa in binario, contenente il peso relativo. Come esempio, consideriamo la trasformazione del codice ASCII in codice Hamming. Si ha N=7 ; ne segue K=4 ed M=11. Indicati con P i bit di controllo parità e A i bit originari del codice ASCII, si ha la struttura: P 1 P 2 A 3 P 4 A 5 A 6 A 7 P 8 A 9 A 10 A 11 Per quanto riguarda la parità, si ha: -P 1 controlla la parità sui bit in posizione 1,3,5,7,9,11; -P 2 controlla la parità sui bit in posizione 2,3,6,7,10,11; -P 4 controlla la parità sui bit in posizione 4,5,6,7; -P 8 controlla la parità sui bit in posizione 8,9,10,11. Una serie di controlli incrociati sui valori dei bit di controllo di parità in ricezione permette di determinare se il messaggio è stato trasmesso correttamente o no (rivelazione) ed, attraverso delle procedure di intersezione, la determinazione della posizione in cui è avvenuto l'errore (localizzazione).

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN per Expert NANO 2ZN Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie Expert NANO 2ZN Nome documento: MODBUS-RTU_NANO_2ZN_01-12_ITA Software installato: NANO_2ZN.hex

Dettagli

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Corso di Calcolatori Elettronici I A.A. 2010-2011 Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Lezione 2 Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Rappresentazione dei numeri

Dettagli

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16 Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 1 alla base 16 Dato un numero N rappresentato in base dieci, la sua rappresentazione in base sedici sarà del tipo: c m c m-1... c 1 c (le c i sono cifre

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile Problemi connessi all utilizzo di un numero di bit limitato Abbiamo visto quali sono i vantaggi dell utilizzo della rappresentazione in complemento alla base: corrispondenza biunivoca fra rappresentazione

Dettagli

Elementi di informatica

Elementi di informatica Elementi di informatica Sistemi di numerazione posizionali Rappresentazione dei numeri Rappresentazione dei numeri nei calcolatori rappresentazioni finalizzate ad algoritmi efficienti per le operazioni

Dettagli

ESEMPIO 1: eseguire il complemento a 10 di 765

ESEMPIO 1: eseguire il complemento a 10 di 765 COMPLEMENTO A 10 DI UN NUMERO DECIMALE Sia dato un numero N 10 in base 10 di n cifre. Il complemento a 10 di tale numero (N ) si ottiene sottraendo il numero stesso a 10 n. ESEMPIO 1: eseguire il complemento

Dettagli

Nella prima lezione... Che cos è il Digitale. Prima parte: Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale

Nella prima lezione... Che cos è il Digitale. Prima parte: Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale !"$#%!" #% Nella prima lezione... Definizione di Informatica Cosa è una soluzione algoritmica Esempi di algoritmi cicalese@dia.unisa.it 2 Prima parte: Società dell informazione Ma cosa vuol dire società

Dettagli

Informatica Applicata

Informatica Applicata Ing. Irina Trubitsyna Concetti Introduttivi Programma del corso Obiettivi: Il corso di illustra i principi fondamentali della programmazione con riferimento al linguaggio C. In particolare privilegia gli

Dettagli

RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI. Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997

RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI. Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997 1 RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997 Numeri Binari 2 Sistemi di Numerazione Il valore di un numero può essere espresso con diverse rappresentazioni. non posizionali:

Dettagli

Codifica dei numeri negativi

Codifica dei numeri negativi E. Calabrese: Fondamenti di Informatica Rappresentazione numerica-1 Rappresentazione in complemento a 2 Codifica dei numeri negativi Per rappresentare numeri interi negativi si usa la cosiddetta rappresentazione

Dettagli

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo.

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo. DALLE PESATE ALL ARITMETICA FINITA IN BASE 2 Si è trovato, partendo da un problema concreto, che con la base 2, utilizzando alcune potenze della base, operando con solo addizioni, posso ottenere tutti

Dettagli

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Lezione 1 Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Definizione di utente e di programmatore L utente è qualsiasi persona che usa il computer anche se non è in grado di programmarlo

Dettagli

Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015

Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015 ALLEGATO A Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015 per i redditi di lavoro dipendente/assimilati e di lavoro autonomo/provvigioni e diversi Specifiche tecniche

Dettagli

Istruzioni per l uso Sartorius

Istruzioni per l uso Sartorius Istruzioni per l uso Sartorius Descrizione dell interfaccia per le bilance Entris, ED, GK e GW Indice Impiego previsto Indice.... 2 Impiego previsto.... 2 Funzionamento.... 2 Uscita dati.... 3 Formato

Dettagli

Esercitazioni su rappresentazione dei numeri e aritmetica dei calcolatori"

Esercitazioni su rappresentazione dei numeri e aritmetica dei calcolatori Esercitazioni su rappresentazione dei numeri e aritmetica dei calcolatori" slide a cura di Salvatore Orlando & Marta Simeoni " Architettura degli Elaboratori 1 Interi unsigned in base 2" Si utilizza un

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

Materiale di approfondimento: numeri interi relativi in complemento a uno

Materiale di approfondimento: numeri interi relativi in complemento a uno Materiale di approfondimento: numeri interi relativi in complemento a uno Federico Cerutti AA. 2011/2012 Modulo di Elementi di Informatica e Programmazione http://apollo.ing.unibs.it/fip/ 2011 Federico

Dettagli

Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una

Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una NUMERI INTERI E NUMERI DECIMALI Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una cassetta sono contenuti 45 penne e che una lamiera misura 1,35 m. dl lunghezza,

Dettagli

Editor vi. Editor vi

Editor vi. Editor vi Editor vi vi 1 Editor vi Il vi è l editor di testo standard per UNIX, è presente in tutte le versioni base e funziona con qualsiasi terminale a caratteri Permette di visualizzare una schermata alla volta

Dettagli

Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale

Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale Prot. n. 2012/140335 Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base

Dettagli

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali 1 Numeri naturali La successione di tutti i numeri del tipo: 0,1, 2, 3, 4,..., n,... forma l'insieme dei numeri naturali, che si indica con il simbolo N. Tale insieme si può disporre in maniera ordinata

Dettagli

Import Dati Release 4.0

Import Dati Release 4.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import Dati Release 4.0 COPYRIGHT 2000-2005 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati.questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

Potenze di 10 e il SI

Potenze di 10 e il SI Le potenze di 10 e il SI - 1 Potenze di 10 e il SI Particolare importanza assumono le potenze del numero 10, poiché permettono di semplificare la scrittura di numeri grandissimi e piccolissimi. Tradurre

Dettagli

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE E bene presentarla confrontando tra loro varie tecniche: addizione ripetuta; prodotto combinatorio (schieramenti). Rispetto a quest'ultima tecnica, grande utilità

Dettagli

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 1.1 Che cos è un algoritmo CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 Gli algoritmi sono metodi per la soluzione di problemi. Possiamo caratterizzare un problema mediante i dati di cui si dispone all inizio

Dettagli

Esercizi per il recupero del debito formativo:

Esercizi per il recupero del debito formativo: ANNO SCOLASTICO 2005/2006 CLASSE 3 ISC Esercizi per il recupero del debito formativo: Disegnare il diagramma e scrivere la matrice delle transizioni di stato degli automi a stati finiti che rappresentano

Dettagli

Esempi di problemi di 1 grado risolti Esercizio 1 Problema: Trovare un numero che sommato ai suoi 3/2 dia 50

Esempi di problemi di 1 grado risolti Esercizio 1 Problema: Trovare un numero che sommato ai suoi 3/2 dia 50 http://einmatman1c.blog.excite.it/permalink/54003 Esempi di problemi di 1 grado risolti Esercizio 1 Trovare un numero che sommato ai suoi 3/2 dia 50 Trovare un numero e' la prima frase e significa che

Dettagli

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale Radicali 1. Radice n-esima Terminologia Il simbolo è detto radicale. Il numero è detto radicando. Il numero è detto indice del radicale. Il numero è detto coefficiente del radicale. Definizione Sia un

Dettagli

L INFORMATICA RACCONTATA AI GRANDI E AI PICCINI

L INFORMATICA RACCONTATA AI GRANDI E AI PICCINI Angelo Raffaele Meo Aurora Martina Neri L INFORMATICA RACCONTATA AI GRANDI E AI PICCINI PREMESSA Questo libro è destinato ai ragazzi di età compresa tra i 10 e i 14 anni circa. Abbiamo pensato a loro perché

Dettagli

Ministero Numero assegnato dal ORDINE DI ACCREDITAMENTO DI CONTABILITA SPECIALE SU IMPEGNO ESTREMI CLAUSOLA DI APERTURA IMPEGNO

Ministero Numero assegnato dal ORDINE DI ACCREDITAMENTO DI CONTABILITA SPECIALE SU IMPEGNO ESTREMI CLAUSOLA DI APERTURA IMPEGNO Ministero Numero assegnato dal Direzione Generale Ufficio Sistema ORDINE DI ACCREDITAMENTO DI CONTABILITA SPECIALE SU IMPEGNO ESTREMI CLAUSOLA DI APERTURA IMPEGNO Esercizio Ufficio N decreto N progressivo

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE TELECOMUNICAZIONI (TLC) Tele (lontano) Comunicare (inviare informazioni) Comunicare a distanza Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Segnale non elettrico Segnale elettrico TRASMESSO s x (t) Sorgente

Dettagli

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700 Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria +24VDC VDC OUTPUT MICROPROCESS. E P IN EXH OUT Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria 7 Trattamento

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

LA MISURAZIONE DEL CARATTERE

LA MISURAZIONE DEL CARATTERE TPO PROGETTAZIONE UD 03 GESTIONE DEL CARATTERE IL TIPOMETRO LA MISURAZIONE DEL CARATTERE A.F. 2011/2012 MASSIMO FRANCESCHINI - SILVIA CAVARZERE 1 IL TIPOMETRO: PARTI FONDAMENTALI Il tipometro è uno strumento

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. 2015/4790 Approvazione della Certificazione Unica CU 2015, relativa all anno 2014, unitamente alle istruzioni di compilazione, nonché del frontespizio per la trasmissione telematica e del quadro

Dettagli

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 Manuale d'istruzioni Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 382280 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato l'alimentatore DC Programmabile 382280 della Extech.

Dettagli

Le variabili. Olga Scotti

Le variabili. Olga Scotti Le variabili Olga Scotti Cos è una variabile Le variabili, in un linguaggio di programmazione, sono dei contenitori. Possono essere riempiti con un valore che poi può essere riletto oppure sostituito.

Dettagli

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Introduzione: In questo documento troverete tutte le informazioni utili per mappare correttamente con il software ECM Titanium, partendo dalla lettura del

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Guida all utilizzo del dispositivo USB

Guida all utilizzo del dispositivo USB Guida all utilizzo del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1. Glossario... 3 2. Guida all utilizzo del dispositivo USB... 4 2.1 Funzionamento del

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 1 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Insiemi La teoria degli

Dettagli

3. TEORIA DELL INFORMAZIONE

3. TEORIA DELL INFORMAZIONE 3. TEORIA DELL INFORMAZIONE INTRODUZIONE MISURA DI INFORMAZIONE SORGENTE DISCRETA SENZA MEMORIA ENTROPIA DI UNA SORGENTE NUMERICA CODIFICA DI SORGENTE 1 TEOREMA DI SHANNON CODICI UNIVOCAMENTE DECIFRABILI

Dettagli

ESTRAZIONE DI RADICE

ESTRAZIONE DI RADICE ESTRAZIONE DI RADICE La radice è l operazione inversa dell elevamento a potenza. L esponente della potenza è l indice della radice che può essere: quadrata (); cubica (); quarta (4); ecc. La base della

Dettagli

24 : 3 = 8 con resto 0 26 : 4 = 6 con resto 2

24 : 3 = 8 con resto 0 26 : 4 = 6 con resto 2 Dati due numeri naturali a e b, diremo che a è divisibile per b se la divisione a : b è esatta, cioè con resto 0. In questo caso diremo anche che b è un divisore di a. 24 : 3 = 8 con resto 0 26 : 4 = 6

Dettagli

LA NOTAZIONE SCIENTIFICA

LA NOTAZIONE SCIENTIFICA LA NOTAZIONE SCIENTIFICA Definizioni Ricordiamo, a proposito delle potenze del, che = =.000 =.000.000.000.000 ovvero n è uguale ad seguito da n zeri. Nel caso di potenze con esponente negativo ricordiamo

Dettagli

Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello

Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello Maurizio Palesi Maurizio Palesi 1 Introduzione Obiettivo della sintesi logica: ottimizzazione delle cifre di merito area e prestazioni Prestazioni:

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni Funzioni Le funzioni Con il termine funzione si intende, in generale, un operatore che, applicato a un insieme di operandi, consente di calcolare un risultato, come avviene anche per una funzione matematica

Dettagli

Introduzione. Esempio 1. Soluzione: SPOSTA_1.BAT

Introduzione. Esempio 1. Soluzione: SPOSTA_1.BAT Introduzione Un file batch è un file di testo di tipo ASCII che contiene una sequenza di comandi DOS. I file batch devono avere estensione.bat I comandi DOS all interno dei programmi batch sono eseguiti

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI

APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI I numeri naturali I numeri interi I numeri razionali Teoria degli insiemi (cenni) ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 L insieme N dei numeri naturali 4 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Semantica operazionale dei linguaggi di Programmazione

Semantica operazionale dei linguaggi di Programmazione Semantica operazionale dei linguaggi di Programmazione Oggetti sintattici e oggetti semantici Rosario Culmone, Luca Tesei Lucidi tratti dalla dispensa Elementi di Semantica Operazionale R. Barbuti, P.

Dettagli

Programmazione C Massimo Callisto De Donato massimo.callisto@unicam.it www.cs.unicam.it/massimo.callisto

Programmazione C Massimo Callisto De Donato massimo.callisto@unicam.it www.cs.unicam.it/massimo.callisto Università degli studi di Camerino Scuola di scienze e tecnologia - Sezione Informatica Programmazione C Massimo Callisto De Donato massimo.callisto@unicam.it www.cs.unicam.it/massimo.callisto LEZIONE

Dettagli

Specifiche tecnico-funzionali per comunicazione e conservazione dati da parte dei Sistemi Controllo Accessi. INDICE

Specifiche tecnico-funzionali per comunicazione e conservazione dati da parte dei Sistemi Controllo Accessi. INDICE Specifiche tecnico-funzionali per comunicazione e conservazione dati da parte dei Sistemi Controllo Accessi. INDICE 1.1 CARATTERISTICHE DEL SUPPORTO IMMODIFICABILE E SUO FILE-SYSTEM... 2 1.2 SICUREZZA

Dettagli

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice Pseudo codice Pseudo codice Paolo Bison Fondamenti di Informatica A.A. 2006/07 Università di Padova linguaggio testuale mix di linguaggio naturale ed elementi linguistici con sintassi ben definita e semantica

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

Così come le macchine meccaniche trasformano

Così come le macchine meccaniche trasformano DENTRO LA SCATOLA Rubrica a cura di Fabio A. Schreiber Il Consiglio Scientifico della rivista ha pensato di attuare un iniziativa culturalmente utile presentando in ogni numero di Mondo Digitale un argomento

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

Appunti di Logica Matematica

Appunti di Logica Matematica Appunti di Logica Matematica Francesco Bottacin 1 Logica Proposizionale Una proposizione è un affermazione che esprime un valore di verità, cioè una affermazione che è VERA oppure FALSA. Ad esempio: 5

Dettagli

Documentazione tecnica

Documentazione tecnica Documentazione tecnica Come spedire via Post 1.1) Invio di Loghi operatore 1.2) Invio delle Suonerie (ringtone) 1.3) Invio di SMS con testo in formato UNICODE UCS-2 1.4) Invio di SMS multipli 1.5) Simulazione

Dettagli

Progetti reali con ARDUINO

Progetti reali con ARDUINO Progetti reali con ARDUINO Introduzione alla scheda Arduino (parte 2ª) ver. Classe 3BN (elettronica) marzo 22 Giorgio Carpignano I.I.S. Primo LEVI - TORINO Il menù per oggi Lettura dei pulsanti Comunicazione

Dettagli

Lezioni di Matematica 1 - I modulo

Lezioni di Matematica 1 - I modulo Lezioni di Matematica 1 - I modulo Luciano Battaia 16 ottobre 2008 Luciano Battaia - http://www.batmath.it Matematica 1 - I modulo. Lezione del 16/10/2008 1 / 13 L introduzione dei numeri reali si può

Dettagli

INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI

INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI Prima di riuscire a scrivere un programma, abbiamo bisogno di conoscere un metodo risolutivo, cioè un metodo che a partire dai dati di ingresso fornisce i risultati attesi.

Dettagli

Morris ha identificato tre diversi registri secondo i quali la comunicazione umana può essere analizzata:

Morris ha identificato tre diversi registri secondo i quali la comunicazione umana può essere analizzata: Teorie comunicative Morris ha identificato tre diversi registri secondo i quali la comunicazione umana può essere analizzata: Sintattico Livello della trasmissione del messaggio Semantico Livello della

Dettagli

if t>=0 x=1; else x=0; end fornisce, nella variabile x, il valore della funzione gradino a tempi continui, calcolata in t.

if t>=0 x=1; else x=0; end fornisce, nella variabile x, il valore della funzione gradino a tempi continui, calcolata in t. Il programma MATLAB In queste pagine si introduce in maniera molto breve il programma di simulazione MAT- LAB (una abbreviazione di MATrix LABoratory). Introduzione MATLAB è un programma interattivo di

Dettagli

Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB Ingengeria dell Automazione a.a. 2008/2009. Lab 02 Tipi semplici in C

Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB Ingengeria dell Automazione a.a. 2008/2009. Lab 02 Tipi semplici in C Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB Ingengeria dell Automazione a.a. 2008/2009 Lab 02 Tipi semplici in C Obiettivo dell esercitazione Acquistare familiarità con i tipi di dato semplici supportati

Dettagli

Compilare il primo programma. Primo programma in C. Esercizio Somma due numeri. Compilare il primo programma. Analisi. Analisi

Compilare il primo programma. Primo programma in C. Esercizio Somma due numeri. Compilare il primo programma. Analisi. Analisi Primo in C Un semplice L ambiente di sviluppo Dev-C++ Codifica del Compilazione e correzione errori Esecuzione e verifica 2 Esercizio Somma due numeri Si realizzi un in linguaggio C che acquisisca da tastiera

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Cenni sul calcolo combinatorio

Cenni sul calcolo combinatorio Cenni sul calcolo combinatorio Disposizioni semplici Le disposizioni semplici di n elementi distinti di classe k con kn sono tutti i gruppi di k elementi scelti fra gli n, che differiscono per almeno un

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n Comunicazioni elettriche A - Prof. Giulio Colavolpe Compito n. 3 3.1 Lo schema di Fig. 1 è un modulatore FM (a banda larga). L oscillatore che genera la portante per il modulatore FM e per la conversione

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti 4. Insiemi numerici 4.1 Insiemi numerici Insieme dei numeri naturali = {0,1,,3,,} Insieme dei numeri interi relativi = {..., 3,, 1,0, + 1, +, + 3, } Insieme dei numeri razionali n 1 1 1 1 = : n, m \{0}

Dettagli

Calcolo combinatorio

Calcolo combinatorio Probabilità e Statistica Esercitazioni a.a. 2009/2010 C.d.L.S.: Ingegneria Civile-Architettonico, Ingegneria Civile-Strutturistico Calcolo combinatorio Ines Campa e Marco Longhi Probabilità e Statistica

Dettagli

Teoria degli insiemi

Teoria degli insiemi Teoria degli insiemi pag 1 Easy Matematica di dolfo Scimone Teoria degli insiemi Il concetto di insieme si assume come primitivo, cioè non riconducibile a concetti precedentemente definiti. Sinonimi di

Dettagli

Fondamenti di Informatica 300 ed oltre esercizi di teoria

Fondamenti di Informatica 300 ed oltre esercizi di teoria Fondamenti di Informatica 300 ed oltre esercizi di teoria Fulvio Corno Antonio Lioy Politecnico di Torino Dip. di Automatica e Informatica v. 4.02 01/09/2009 Indice 1 Introduzione 2 1.1 Nota metodologica........................................

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA Regoli di Nepero Moltiplicazioni In tabella Moltiplicazione a gelosia Moltiplicazioni Con i numeri arabi Regoli di Genaille Moltiplicazione

Dettagli

Gare di Informatica Olimpiadi di Problem Solving per Scuole del Primo Ciclo

Gare di Informatica Olimpiadi di Problem Solving per Scuole del Primo Ciclo Giorgio Casadei Antonio Teolis Centro Studi e Ricerche di Storia e Didattica dell Informatica Dipartimento di Scienze dell Informazione Università di Bologna Gare di Informatica Olimpiadi di Problem Solving

Dettagli

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico-

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- PREMESSA... 3 1. CARATTERISTICHE FISICHE DELLE TS-CNS... 3 1.1. Fronte TS-CNS

Dettagli

Linguaggio C: introduzione

Linguaggio C: introduzione Linguaggio C: introduzione Il linguaggio C è un linguaggio general purpose sviluppato nel 1972 da Dennis Ritchie per scrivere il sistema operativo UNIX ed alcune applicazioni per un PDP-11. Il linguaggio

Dettagli

PD32. Esercitazione sull interfacciamento con un dispositivo di IO

PD32. Esercitazione sull interfacciamento con un dispositivo di IO PD32 Esercitazione sull interfacciamento con un dispositivo di IO Domanda #5 14/09/2000 Si dispone di un PD32 per effettuare il collaudo di un circuito integrato combinatorio con 5 ingressi e una uscita,

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

Gestione dei File in C

Gestione dei File in C Gestione dei File in C Maurizio Palesi DIIT Università di Catania Viale Andrea Doria 6, 95125 Catania mpalesi@diit.unict.it http://www.diit.unict.it/users/mpalesi Sommario In questo documento saranno introdotte

Dettagli

INVIO SMS CON CHIAMATA DIRETTA ALLO SCRIPT

INVIO SMS CON CHIAMATA DIRETTA ALLO SCRIPT INVIO SMS CON CHIAMATA DIRETTA ALLO SCRIPT La chiamata diretta allo script può essere effettuata in modo GET o POST. Il metodo POST è il più sicuro dal punto di vista della sicurezza. Invio sms a un numero

Dettagli

Algebra di Boole ed Elementi di Logica

Algebra di Boole ed Elementi di Logica Algebra di Boole ed Elementi di Logica 53 Cenni all algebra di Boole L algebra di Boole (inventata da G. Boole, britannico, seconda metà 8), o algebra della logica, si basa su operazioni logiche Le operazioni

Dettagli

Piattaforma Applicativa Gestionale. Import dati. Release 7.0

Piattaforma Applicativa Gestionale. Import dati. Release 7.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import dati Release 7.0 COPYRIGHT 2000-2012 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati. Questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

Manipolazione di testi: espressioni regolari

Manipolazione di testi: espressioni regolari Manipolazione di testi: espressioni regolari Un meccanismo per specificare un pattern, che, di fatto, è la rappresentazione sintetica di un insieme (eventualmente infinito) di stringhe: il pattern viene

Dettagli

Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica. Algoritmi e Strutture Dati. Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table

Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica. Algoritmi e Strutture Dati. Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica Algoritmi e Strutture Dati Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table Copyright 2006-2015 by Claudio Salati. Lez. 9a 1 Rappresentazione

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0 Documentazione Servizio SMS WEB Versione 1.0 1 Contenuti 1 INTRODUZIONE...5 1.1 MULTILANGUAGE...5 2 MESSAGGI...7 2.1 MESSAGGI...7 2.1.1 INVIO SINGOLO SMS...7 2.1.2 INVIO MULTIPLO SMS...9 2.1.3 INVIO MMS

Dettagli

I FILTRI SED, GREP (e AWK) Tratto da http://www.pluto.it/files/ildp/guide/abs/textproc.html SED

I FILTRI SED, GREP (e AWK) Tratto da http://www.pluto.it/files/ildp/guide/abs/textproc.html SED I FILTRI SED, GREP (e AWK) Tratto da http://www.pluto.it/files/ildp/guide/abs/textproc.html SED SED è un programma in grado di eseguire delle trasformazioni elementari in un flusso di dati di ingresso,

Dettagli

Rappresentazione numeri in virgola mobile

Rappresentazione numeri in virgola mobile Rappresentazione numeri in virgola mobile Un numero non intero può essere rappresentato in infiniti modi quando utilizziamo la notazione esponenziale: Es. 34.5 = 0.345 10 2 = 0.0345 10 3 = 345 10-1 Questo

Dettagli

Manuale Software. www.smsend.it

Manuale Software. www.smsend.it Manuale Software www.smsend.it 1 INTRODUZIONE 3 Multilanguage 4 PANNELLO DI CONTROLLO 5 Start page 6 Profilo 7 Ordini 8 Acquista Ricarica 9 Coupon AdWords 10 Pec e Domini 11 MESSAGGI 12 Invio singolo sms

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli