Chapter 4 Arithmetic Functions

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Chapter 4 Arithmetic Functions"

Transcript

1 Logic and Computer Design Fundamentals Chapter 4 Arithmetic Functions Charles Kime & Thomas Kaminski 2008 Pearson Education, Inc. (Hyperlinks are active in View Show mode)

2 Overview Iterative combinational circuits Binary adders Half and full adders Ripple carry and carry lookahead adders Binary subtraction Binary adder-subtractors Signed binary numbers Signed binary addition and subtraction Overflow Binary multiplication Other arithmetic functions Design by contraction Chapter 4 2

3 Circuiti Combinatori Iterativi Funzioni aritmetiche Sono applicate a vettori di variabili binarie Applicano la stessa elaborazione alle variabili d ingresso Si progetta un blocco funzionale per l elaborazione scelta e si ripete per ottenere il blocco funzionale che implementa la funzione Cell - blocco funzionale Vettore Iterativo (Iterative array) - un vettore di celle interconnesse Analogamente ai Vettori Iterativi si possono considerare Matrici Iterative a dimensioni multiple Chapter 4 3

4 Block Diagram of a 1D Iterative Array Example: n = 32 Tavola di verità con 2 32 ingressi Gli array iterativi sfruttano la regolarità del problema per rendere la sintesi praticabile Chapter 4 4

5 Functional Blocks: Addition Binary addition used frequently Addition Development: Half-Adder (HA), a 2-input bit-wise addition functional block, Full-Adder (FA), a 3-input bit-wise addition functional block, Ripple Carry Adder, an iterative array to perform binary addition, and Carry-Look-Ahead Adder (CLA), a hierarchical structure to improve performance. Chapter 4 5

6 Functional Block: Half-Adder A 2-input, 1-bit width binary adder that performs the following computations: X C S A half adder adds two bits to produce a two-bit sum The sum is expressed as a sum bit, S and a carry bit, C The half adder can be specified as a truth table for S and C + Y X Y C S Chapter 4 6

7 Logic Simplification: Half-Adder Dalle mappe di Karnaugh : S Y C Y S S = = X (X Y + X Y = X + Y) (X + Y) Y X X e C C = = X Y ( ( X Y) ) Dalle espressioni si possono ottenere diverse implementazioni Chapter 4 7

8 Half-Adder Manipolando le espressioni booleane: S = XY + X Y = XY + X Y = (XY + X )(XY + Y ) = = (XYX)(XYY) = ((X "Y)" X)"((X "Y)"Y))! C = XY! Chapter 4 8

9 Implementazioni: Half-Adder Implementazione comune: S = X Y C = X Y X Y Implementazione con porte NAND: S C X C S Y Chapter 4 9

10 Functional Block: Full-Adder A full adder is similar to a half adder, but includes a carry-in bit from lower stages. Like the half-adder, it computes a sum bit, S and a carry bit, C. For a carry-in (Z) of 0, it is the same as the half-adder: For a carry- in (Z) of 1: Z X Y C S Z X Y C S Chapter 4 10

11 Logic Optimization: Full-Adder Full-Adder Truth Table: Full-Adder K-Map: X Y Z C S S Y C Y X X Z Z Chapter 4 11

12 Espressioni Booleane: Full-Adder Dalle mappe di Karnaugh, si ottiene: La funzione S è la funzione XOR con 3 bit (Odd Function):! S = XYZ + XY Z + X YZ + X Y Z Il bit di riporto (Carry) C è 1 se sia X che Y sono 1, oppure la somma è uno e Z vale 1 (carry-in).! C = XY + XZ + YZ = XY + XYZ + XY Z + XYZ + X YZ = = XY(1+ Z) + Z(XY + X Y) S = X " Y " Z C = XY + (X " Y)Z Il termine X Y è il generatore di riporto (carry generate).! Il termine X Y is propagatore di r. (carry propagate).! Chapter 4 12

13 Implementazione: Full Adder X ey sono i numeri da sommare Z è il riporto S è la funzione dispari di X,Y e Z Il riporto C è dato da (G = Generate) OR (P =Propagate AND Z = Carry In) C = G + P Z G P Chapter 4 13

14 Sommatori Binari Per sommare gli operandi, si aggregano i segnali assieme e si utilizzano blocchi funzionali per operare sul vettore dei dati Esempio: Ripple carry adder a 4 bit: Si sommano i vettori A(3:0) e B(3:0) e si ottiene il vettore S(3:0) Note: I riporti in uscita di una cella (carry out) diventano i riporti in ingresso (carry in) per la cella successiva Descrizione Indice Var Carry In C i Addendo A i Addendo B i Somma S i Carry out C i+1 Chapter 4 14

15 4-bit Ripple-Carry Binary Adder Sommatore con riporto in cascata di 4 bit (Ripple Carry Adder) realizzato con 4 Full Adder Chapter 4 15

16 Sottrazione senza segno Sottrarre il sottraendo N dal minuendo M d = M-N Se non si verifica un prestito alla colonna precedente il bit più significativo, si ha che M N, e il risultato finale è quello corretto Se si verifica un prestito, viceversa N > M and the difference M N + 2 n is subtracted from 2 n, and a minus sign is appended to the result. Esempi: ( ) 0011 Chapter 4 16

17 Complementi Due complementi: Complemento alla base (Radix Complement) Complemento a r per la base r Complemento a 2 per numero binari E definito come r n N Complemento alla base -1 (Diminished Radix Complement) (r 1) per la base r Complemento a 1 per la base 2 E definito come (r n 1) Ν Chapter 4 17

18 Complemento a 1 Per r = 2, N = , n = 8 (8 digits): (r n 1) = = or Il complemento a 1 di è allora: Il complemento a 1 è ottenuto negando ogni singolo bit (bitwise NOT). Chapter 4 18

19 Complemento a 2 Per r = 2, N = , n = 8 (8 digits), (r n ) = or Il complemento a 2 di è: Il risultato è uguale al complemento a 1 più 1. Questa proprietà può essere sfruttata per l ottimizzazione del circuito Chapter 4 19

20 Alternate 2 s Complement Method Given: an n-bit binary number, beginning at the least significant bit and proceeding upward: Copy all least significant 0 s Copy the first 1 Complement all bits thereafter. 2 s Complement Example: Copy underlined bits: 100 and complement bits to the left: Chapter 4 20

21 Sottrazione con complemento a 2 M, N siano due numeri di n cifre senza segno, per calcolare M-N: Calcolare il complemento a 2 di N e sommarlo a M: M + (2 n N) = M N + 2 n Se M > N, la somma produce un riporto oltre la cifra più significatica (r n ) che viene trascurato; la rimanente parte fornisce il risultato M N. Se M < N, la somma non fornisce un riporto oltre la cifra più significativa. Il risultato è quindi il complemento a 2 di N-M 2 n ( N M ) Per ottenere il risultato si calcola il complemento a 2 del risultato della somma e si antepone il segno meno Chapter 4 21

22 Sottrazione con complemento a 2 (Esempio 1) s comp Il riporto di uno oltre la cifra più significativa indica che M è maggiore di N. Chapter 4 22

23 Sottrazione tramite complemento a 2 - Esempio 2 Calcolare s comp Il riporto di zero indica che N è maggiore di M e si applica la correzione Risultato = ( ) 0 2 s comp Chapter 4 23

24 Circuiti per la somma e sottrazione Chapter 4 24

25 Circuiti per somma e sottrazione Chapter 4 25

26 Interi con segno I numeri interi positivi e lo zero possono essere rappresentati con n cifre nella base r. Per rappresentare valori con segno (+ or ) è necessario un ulteriore bit (1 numero binario fornisce 2 1 = 2 ). Per convenzione la cifra più significatica viene interpretata come bit di segno: s a n 2 a 2 a 1 a 0 con: s = 0 per numeri positivi s = 1 per numeri negativi le cifre binarie a i = {0, 1} rappresentano il modulo in una forma fissata. Chapter 4 26

27 Interi con segno Le rappresentazioni con segno possono essere: Modulo e Segno (Signed-Magnitude) le n 1 cifre forniscono il modulo. Complemento e Segno (Signed-Complement) le n-1 cifre forniscono il valore del modulo se positivo il complemento del modulo se negativo. Il complemento puo essere Complemento a 1 Complemento a 2 Chapter 4 27

28 Signed Integer Representation Example r =2, n=3 Number Sign -Mag. 1's Comp. 2's Comp Chapter 4 28

29 Operazioni in modulo e segno Se i segni e l operazione (+=0;-=1) hanno parità pari: 1. Si sommano i moduli. 2. Il segno del risultato è lo stesso del primo addendo Se i segni e l operazione (+=0;-=1) hanno parità dispari: 1. Si sottrae il modulo del secondo addendo dal primo 2. Se c e un riporto prima della cifra più significativa: Si calcola il complemento a 2 del risultato Il segno del risultato è opposto a quello del primo addendo Chapter 4 29

30 Esempi Example 1: Example 2: Example 3: Riporto 1 Parità PARI Si sommano i moduli Parità dispari Si sottraggono i moduli 2 compl Segno = La parità tra i segni è pari 10 e 1 per la sottrazione; il segno è uguale a quello del primo operando Chapter 4 30

31 Operazioni in Segno e Complemento Somma: Si sommano i due valori compresi i bit di segno, si trascura il riporto ottenuto dai bit di segno per il complemento a 2; si riporta come riporto nella cifra meno significativa (endaround carry) per il complemento a 1. Se i bit di segno degli operandi erano concordi e il risultato ha un segno differente si è verificato un overflow Non si applicano computazioni ulteriori per il segno. Sottrazione: Si calcola il complemento del numero da sommare e si seguono le regole dell addizione Chapter 4 31

32 Signed 2 s Complement Examples Example 1: Example 2: Complemento a Il riporto oltre l ultima cifra viene trascurato -6 Chapter 4 32

33 Signed 1 s Complement Examples Example 1: Example 2: Complemento a Chapter 4 33

34 Overflow L Overflow ha luogo quando sono necessari n + 1 bits per memorizzare il risultato si una operazione a n bit Avviene con: Somma di operandi con lo stesso segno Sottrazione di operandi con segni diversi Segni corretti nei casi che possono portare all overflow Si può rilevare l overflow considerando se il segno è concorde con il segno del primo operando Chapter 4 34

35 Overflow Detection Signed number cases with carries C n and C n 1 shown for correct result signs: Signed number cases with carries shown for erroneous result signs (indicating overflow): Simplest way to implement overflow V = C n + C n 1 This works correctly only if 1 s complement and the addition of the carry in of 1 is used to implement the complementation! Otherwise fails for Chapter 4 35

36 Overflow Overflow NO Overflow Chapter 4 36

37 Circuito per la rilevazione Overflow Chapter 4 37

38 Other Arithmetic Functions Convenient to design the functional blocks by contraction - removal of redundancy from circuit to which input fixing has been applied Functions Incrementing Decrementing Multiplication by Constant Division by Constant Zero Fill and Extension Chapter 4 38

39 Design by Contraction Contraction is a technique for simplifying the logic in a functional block to implement a different function The new function must be realizable from the original function by applying rudimentary functions to its inputs Contraction is treated here only for application of 0s and 1s (not for X and X) After application of 0s and 1s, equations or the logic diagram are simplified by using rules given on pages of the text. Chapter 4 39

40 Contrazione Contrazione del ripple carry adder per un incremento di 1 con n = 3 Set B = 001 La cella centrale viene ripetuta se n > 3. Chapter 4 40

41 Incrementing & Decrementing Incrementing Adding a fixed value to an arithmetic variable Fixed value is often 1, called counting (up) Examples: A + 1, B + 4 Functional block is called incrementer Decrementing Subtracting a fixed value from an arithmetic variable Fixed value is often 1, called counting (down) Examples: A 1, B 4 Functional block is called decrementer Chapter 4 41

42 Decremento 1 1 Chapter 4 42

43 Moltiplicazione Chapter 4 43

44 Multiplication/Division by 2 n Moltiplicazione per 100 B 3 B 2 B 1 B 0 Shift left by 2 Divisione per 100 C 5 C 4 C 3 (a) C C 1 C 0 Shift right by 2 B 3 B 2 B 1 B C 3 C 2 C 1 C 0 C 2 1 C 2 2 (b) Chapter 4 44

45 Multiplication by a Constant Multiplication of B(3:0) by 101 B 3 B 2 B 1 B B 3 B 2 B 1 B 0 Carry output 4-bit Adder Sum C 6 C 5 C 4 C 3 C 2 C 1 C 0 Chapter 4 45

46 Zero Fill Zero fill - si riempe con zeri un operando a m bit per ottenere un operando a n-bit with n > m Tipicamente si applica alla parte MSB dell operando, può essere anche applicato alla parte LSB Example: portato a 16 bits MSB end: LSB end: Chapter 4 46

47 Estensione del segno Estensione - si aumentano il numero dei bit prima del MSB utilizzando la rappresentazione con complemento Ricopia il MSB per i bit di riempimento Esempio Operando positivo extended to 16 bits: Esempio Operando Negativo extended to 16 bits: Chapter 4 47

48 Sintesi Logica Si descrive del circuito tramite linguaggi HDL Verilog o VHDL ( Very-Hi-Speed Integrated Circuit - Hardware Description Language) Si possono descrivere operazioni parallele oltre che sequenziali Viene fornita una descrizione strutturale del circuito tramite componenti e interconnessioni Permette di rappresentare il circuito con diverse modalità e a diversi livelli di astrazione Chapter 4 48

49 Sintesi Logica Analisi Analisi della descrizione HDL per individuare errori sintattici o semantici (Verilog o VHDL : Very-Hi-Speed Integrated Circuit - Hardware description Language) Elaborazione Elabora la struttura semplificandola in una interconnessione di moduli Inizializzazione Fissa le condizioni iniziali per le variabili e i segnali del circuito Simulazione Valuta il funzionamento del circuito in funzione degli ingressi specificati dall utente in modo interattivo o in modalità batch Chapter 4 49

50 Sintesi Logica RTL:Register Transfer Logic Elenco delle componenti e delle loro conccessioni Chapter 4 50

51 Esempio 1 Chapter 4 51

52 Porta AND Chapter 4 52

53 Multiplexer Chapter 4 53

54 Convertitore BCD- 7 segmenti Chapter 4 54

55 Decoder 2-4 Chapter 4 55

56 Decoder 2-4 Chapter 4 56

57 Esempio di Descrizione Gerarchica Chapter 4 57

58 Alee A causa dei tempi di propagazione nelle porte logiche si possono avere malfunzionamenti temporanei durante i quali i valori delle uscite hanno valori non corrispondenti ai valori logici degli ingressi Alee Statiche: sono temporanee variazioni delle uscite corrispondenti alle variazioni degli ingressi che non dovrebbero produrre variazioni nelle uscite ( tipo 1 : se l uscita vale 1 ; tipo 0 : se l uscita vale 0) Alee Dinamiche: fluttuazioni nelle uscite in corrispondenza della variazione degli ingressi durante la transizione tra valori differenti delle uscite Chapter 4 58

59 Alea Statica Il valore U dovrebbe rimanere 1, mentre a causa dei differenti tempi di propagazione dei segnali, per una breve intervallo assume il valore 0 Chapter 4 59

60 Alea Dinamica Nella transizione da 0 a 1 le uscite hanno una fluttuazione a causa della propagazione dei segnali nelle porte logiche Chapter 4 60

61 Determinazione delle Alee Il problema generale delle alee viene studiato per le reti funzionanti in modo fondamentale: solo un ingresso alla volta può variare e le transizioni si susseguono dopo che il circuito raggiunge uno stato stabile f=x z+yz Si ha un alea statica se z varia da 0 a 1 o da 1 0 Si verifica un alea statica ogni volta che due mintermini adiacenti non sono coperti dallo stesso primo implicante Chapter 4 61

62 Determinazione delle alee Per circuiti multilivello, si trasforma l espressione booleana per ottenere la funzione come Somma di Prodotti applicando i seguenti teoremi dell algebra booleana: Associatività Distribuitività De Morgan e non applicando: Chapter 4 62

63 Esempio 1 Chapter 4 63

64 Esempio 2 Chapter 4 64

65 Esempio 3 f = w " x " y + w " w " y " z + y " z! Chapter 4 65

66 Esempio 4 Chapter 4 66

67 Terms of Use All (or portions) of this material 2008 by Pearson Education, Inc. Permission is given to incorporate this material or adaptations thereof into classroom presentations and handouts to instructors in courses adopting the latest edition of Logic and Computer Design Fundamentals as the course textbook. These materials or adaptations thereof are not to be sold or otherwise offered for consideration. This Terms of Use slide or page is to be included within the original materials or any adaptations thereof. Chapter 4 67

Aritmetica dei Calcolatori 2

Aritmetica dei Calcolatori 2 Laboratorio di Architettura 13 aprile 2012 1 Operazioni bit a bit 2 Rappresentazione binaria con segno 3 Esercitazione Operazioni logiche bit a bit AND OR XOR NOT IN OUT A B A AND B 0 0 0 0 1 0 1 0 0 1

Dettagli

Esempi ed esercizi Aritmetica degli elaboratori e algebra di commutazione

Esempi ed esercizi Aritmetica degli elaboratori e algebra di commutazione Esempi ed esercizi Aritmetica degli elaboratori e algebra di commutazione Fondamenti di Informatica Michele Ceccarelli Università del Sannio ceccarelli@unisannio.it Angelo Ciaramella DMI-Università degli

Dettagli

Modulo 8. Elettronica Digitale. Contenuti: Obiettivi:

Modulo 8. Elettronica Digitale. Contenuti: Obiettivi: Modulo 8 Elettronica Digitale Contenuti: Introduzione Sistemi di numerazione posizionali Sistema binario Porte logiche fondamentali Porte logiche universali Metodo della forma canonica della somma per

Dettagli

Logica combinatoria. La logica digitale

Logica combinatoria. La logica digitale Logica combinatoria La logica digitale La macchina è formata da porte logiche Ogni porta riceve in ingresso dei segnali binari (cioè segnali che possono essere 0 o 1) e calcola una semplice funzione (ND,

Dettagli

Algebra di Boole. Le operazioni base sono AND ( ), OR ( + ), NOT ( )

Algebra di Boole. Le operazioni base sono AND ( ), OR ( + ), NOT ( ) Algebra di Boole Circuiti logici: componenti hardware preposti all'elaborazione delle informazioni binarie. PORTE LOGICHE (logical gate): circuiti di base. Allo scopo di descrivere i comportamenti dei

Dettagli

Sottrazione Logica. Sottrattore Parallelo

Sottrazione Logica. Sottrattore Parallelo Sottrazione Logica Il progetto digitale deve provvedere, con sofisticate macchine combinatorie, al supporto di tutte le operazioni aritmetiche; in questa puntata ci occupiamo dei dispositivi chiamati a

Dettagli

Componenti combinatori

Componenti combinatori Componenti combinatori Reti combinatorie particolari (5.., 5.3-5.8, 5.) Reti logiche per operazioni aritmetiche Decoder ed encoder Multiplexer Dispositivi programmabili: PROM e PLA Reti combinatorie particolari

Dettagli

Codifica binaria e algebra di Boole

Codifica binaria e algebra di Boole Codifica binaria e algebra di Boole Corso di Programmazione A.A. 2008/09 G. Cibinetto Contenuti della lezione Codifica binaria dell informazione Numeri naturali, interi, frazionari, in virgola mobile Base

Dettagli

Aritmetica binaria sui numeri relativi (somme e sottrazioni) e Unità aritmetiche

Aritmetica binaria sui numeri relativi (somme e sottrazioni) e Unità aritmetiche Aritmetica binaria sui numeri relativi (somme e sottrazioni) e Unità aritmetiche Esercizi da laboratorio ed esercizi per l esame 30 ottobre 20 Reti Logiche Numeri relativi: rappresentazione in complemento

Dettagli

Aritmetica dei Calcolatori 1

Aritmetica dei Calcolatori 1 Architettura degli Elaboratori e Laboratorio 1 Marzo 2013 1 Sistema di numerazione sistema posizionale 2 rappresentazione binaria cambio di base basi potenze di 2 3 Rappresentazione binaria con segno Sistema

Dettagli

Lezione 3. Sommario. Le operazioni aritmetiche binarie. L aritmetica binaria. La somma La sottrazione La moltiplicazione

Lezione 3. Sommario. Le operazioni aritmetiche binarie. L aritmetica binaria. La somma La sottrazione La moltiplicazione Lezione 3 Le operazioni aritmetiche binarie Sommario L aritmetica binaria La somma La sottrazione La moltiplicazione 1 Definizione Si indica con il termine bit più significativo il bit più a sinistra,

Dettagli

Operazioni Aritmetiche e Codici in Binario Giuseppe Talarico 23/01/2013

Operazioni Aritmetiche e Codici in Binario Giuseppe Talarico 23/01/2013 Operazioni Aritmetiche e Codici in Binario Giuseppe Talarico 23/01/2013 In questo documento vengono illustrate brevemente le operazioni aritmetiche salienti e quelle logiche ad esse strettamente collegate.

Dettagli

Parte II Indice. Operazioni aritmetiche tra valori rappresentati in binario puro. Rappresentazione di numeri con segno

Parte II Indice. Operazioni aritmetiche tra valori rappresentati in binario puro. Rappresentazione di numeri con segno Parte II Indice Operazioni aritmetiche tra valori rappresentati in binario puro somma sottrazione Rappresentazione di numeri con segno modulo e segno complemento a 2 esercizi Operazioni aritmetiche tra

Dettagli

Cap. 3 Reti combinatorie: analisi e sintesi operatori logici e porte logiche

Cap. 3 Reti combinatorie: analisi e sintesi operatori logici e porte logiche Cap. 3 Reti combinatorie: analisi e sintesi operatori logici e porte logiche 3.1 LE PORTE LOGICHE E GLI OPERATORI ELEMENTARI 3.2 COMPORTAMENTO A REGIME E IN TRANSITORIO DEI CIRCUITI COMBINATORI I nuovi

Dettagli

APPUNTI DI ELETTRONICA DIGITALE

APPUNTI DI ELETTRONICA DIGITALE APPUNTI DI ELETTRONICA DIGITALE ITIS MARCONI-GORGONZOLA docente :dott.ing. Paolo Beghelli pag.1/24 Indice 1.ELETTRONICA DIGITALE 4 1.1 Generalità 4 1.2 Sistema di numerazione binario 4 1.3 Operazioni con

Dettagli

Sommario. Addizione naturale

Sommario. Addizione naturale Sommario Introduzione Rappresentazione dei numeri interi positivi Rappresentazione dei numeri interi Operazioni aritmetiche Modulo e segno Addizione e sottrazione urale Addizione e sottrazione in complemento

Dettagli

Memorie ROM (Read Only Memory)

Memorie ROM (Read Only Memory) Memorie ROM (Read Only Memory) Considerando la prima forma canonica, la realizzazione di qualsiasi funzione di m variabili richiede un numero di porte AND pari al numero dei suoi mintermini e di prolungare

Dettagli

Calcolatori: Algebra Booleana e Reti Logiche

Calcolatori: Algebra Booleana e Reti Logiche Calcolatori: Algebra Booleana e Reti Logiche 1 Algebra Booleana e Variabili Logiche I fondamenti dell Algebra Booleana (o Algebra di Boole) furono delineati dal matematico George Boole, in un lavoro pubblicato

Dettagli

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Corso di Calcolatori Elettronici I A.A. 2010-2011 Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Lezione 2 Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Rappresentazione dei numeri

Dettagli

Così come le macchine meccaniche trasformano

Così come le macchine meccaniche trasformano DENTRO LA SCATOLA Rubrica a cura di Fabio A. Schreiber Il Consiglio Scientifico della rivista ha pensato di attuare un iniziativa culturalmente utile presentando in ogni numero di Mondo Digitale un argomento

Dettagli

Linguaggio del calcolatore. Algebra di Boole AND, OR, NOT. Notazione. And e or. Circuiti e reti combinatorie. Appendice A + dispense

Linguaggio del calcolatore. Algebra di Boole AND, OR, NOT. Notazione. And e or. Circuiti e reti combinatorie. Appendice A + dispense Linguaggio del calcolatore Circuiti e reti combinatorie ppendice + dispense Solo assenza o presenza di tensione: o Tante componenti interconnesse che si basano su e nche per esprimere concetti complessi

Dettagli

Circuiti logici. Parte xxv

Circuiti logici. Parte xxv Parte xxv Circuiti logici Operatori logici e porte logiche....................... 729 Operatori unari....................................... 730 Connettivo AND...................................... 730

Dettagli

Algebra Booleana 1 ALGEBRA BOOLEANA: VARIABILI E FUNZIONI LOGICHE

Algebra Booleana 1 ALGEBRA BOOLEANA: VARIABILI E FUNZIONI LOGICHE Algebra Booleana 1 ALGEBRA BOOLEANA: VARIABILI E FUNZIONI LOGICHE Andrea Bobbio Anno Accademico 2000-2001 Algebra Booleana 2 Calcolatore come rete logica Il calcolatore può essere visto come una rete logica

Dettagli

4. Operazioni aritmetiche con i numeri binari

4. Operazioni aritmetiche con i numeri binari I Numeri Binari 4. Operazioni aritmetiche con i numeri binari Contare con i numeri binari Prima di vedere quali operazioni possiamo effettuare con i numeri binari, iniziamo ad imparare a contare in binario:

Dettagli

Circuiti Addizionatori

Circuiti Addizionatori Circuiti Addizionatori Corso di Reti Logiche, a.a. 2008/09 - ing. Alessandro Cilardo Si ringrazia Dario Socci per il contributo fornito alla realizzazione di queste dispense 1 Circuiti Addizionatori Gli

Dettagli

ESEMPIO 1: eseguire il complemento a 10 di 765

ESEMPIO 1: eseguire il complemento a 10 di 765 COMPLEMENTO A 10 DI UN NUMERO DECIMALE Sia dato un numero N 10 in base 10 di n cifre. Il complemento a 10 di tale numero (N ) si ottiene sottraendo il numero stesso a 10 n. ESEMPIO 1: eseguire il complemento

Dettagli

Sistemi di Numerazione

Sistemi di Numerazione Fondamenti di Informatica per Meccanici Energetici - Biomedici 1 Sistemi di Numerazione Sistemi di Numerazione I sistemi di numerazione sono abitualmente posizionali. Gli elementi costitutivi di un sistema

Dettagli

SISTEMI DI NUMERAZIONE E CODICI

SISTEMI DI NUMERAZIONE E CODICI SISTEMI DI NUMERAZIONE E CODICI Il Sistema di Numerazione Decimale Il sistema decimale o sistema di numerazione a base dieci usa dieci cifre, dette cifre decimali, da O a 9. Il sistema decimale è un sistema

Dettagli

Tecnologie e Progettazione dei sistemi Informatici e di Telecomunicazioni Scheda Recupero Estivo Obiettivo

Tecnologie e Progettazione dei sistemi Informatici e di Telecomunicazioni Scheda Recupero Estivo Obiettivo Tecnologie e Progettazione dei sistemi Informatici e di Telecomunicazioni Scheda Recupero Estivo Classe IIIG Il recupero estivo nella materia sarà valutato con un test scritto, durante i giorni dedicati

Dettagli

Rappresentazione e Memorizzazione dei Dati

Rappresentazione e Memorizzazione dei Dati Rappresentazione e Memorizzazione dei Dati Giuseppe Nicosia CdL in Matematica (Laurea Triennale) Facoltà di Scienze MM.FF.NN. Università di Catania Bit e loro Memorizzazione Definizioni Algoritmo: una

Dettagli

4 3 4 = 4 x 10 2 + 3 x 10 1 + 4 x 10 0 aaa 10 2 10 1 10 0

4 3 4 = 4 x 10 2 + 3 x 10 1 + 4 x 10 0 aaa 10 2 10 1 10 0 Rappresentazione dei numeri I numeri che siamo abituati ad utilizzare sono espressi utilizzando il sistema di numerazione decimale, che si chiama così perché utilizza 0 cifre (0,,2,3,4,5,6,7,8,9). Si dice

Dettagli

l angolo di Mr A.KEER UNITA

l angolo di Mr A.KEER UNITA l angolo di Mr A.KEER UNITA Aritmetico Logica La rassegna delle macchine combinatorie destinate al supporto delle operazioni aritmetiche non può prescindere dalle ALU, sofisticate macchine plurifunzionali,

Dettagli

Storia dell informatica

Storia dell informatica Storia dell informatica INFORMATICA INFORMATICA INTRODUZIONE PERCHE' I COMPUTER? LIMITI DELLE CAPACITA' ELABORATIVE UMANE. VELOCITA' LIMITATA 2. PESANTI LIMITI ALLA COMPLESSITA DEI PROBLEMI AFFRONTABILI

Dettagli

Le Mappe di Karnaugh.

Le Mappe di Karnaugh. Le Mappe di Karnaugh. Introduzione Le mappe di Karnaugh rappresentano un metodo grafico-sistematico per la semplificazione di qualsiasi funzione booleana. Questo metodo si basa su poche regole e se applicate

Dettagli

LABORATORIO DI ARCHITETTURA DEI CALCOLATORI lezione n 2. http://digilander.libero.it/rosario.cerbone

LABORATORIO DI ARCHITETTURA DEI CALCOLATORI lezione n 2. http://digilander.libero.it/rosario.cerbone LABORATORIO DI ARCHITETTURA DEI CALCOLATORI lezione n 2 Prof. Rosario Cerbone rosario.cerbone@libero.it http://digilander.libero.it/rosario.cerbone a.a. 2007-2008 Logica Combinatoria una rete combinatoria

Dettagli

Ingegneria del Software Testing. Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013

Ingegneria del Software Testing. Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013 Ingegneria del Software Testing Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013 1 Definizione IEEE Software testing is the process of analyzing a software item to detect the differences between

Dettagli

Circuiti logici combinatori

Circuiti logici combinatori Circuiti logici combinatori - Prof. G. Acciari - M.M. Mano C.R.Kime, RETI LOGICHE IV ed, Pearson Prentice Hall Cap..,.,.6,.7,.8,.9 Ing. G. Acciari - Circuiti Logici (ver..) A.A. / Circuiti logici combinatori

Dettagli

90.1 Sistemi di numerazione. 90.1.1 Sistema decimale. 605 Capitolo 90 Dai sistemi di numerazione all organizzazione della memoria

90.1 Sistemi di numerazione. 90.1.1 Sistema decimale. 605 Capitolo 90 Dai sistemi di numerazione all organizzazione della memoria 605 Capitolo 90 Dai sistemi di numerazione all organizzazione della memoria 90.1 Sistemi di numerazione.................................................... 605 90.1.1 Sistema decimale..................................................

Dettagli

TNCguide OEM Informativa sull introduzione di documentazione aggiuntiva nella TNCguide

TNCguide OEM Informativa sull introduzione di documentazione aggiuntiva nella TNCguide Newsletter Application 4/2007 OEM Informativa sull introduzione di documentazione aggiuntiva nella APPLICABILITÀ: CONTROLLO NUMERICO itnc 530 DA VERSIONE SOFTWARE 340 49x-03 REQUISITI HARDWARE: MC 420

Dettagli

Introduzione a Matlab

Introduzione a Matlab Introduzione a Matlab Ruggero Donida Labati Dipartimento di Tecnologie dell Informazione via Bramante 65, 26013 Crema (CR), Italy ruggero.donida@unimi.it Perché? MATLAB is a high-level technical computing

Dettagli

Rappresentazione binaria

Rappresentazione binaria Fondamenti di Informatica per la Sicurezza a.a. 2008/09 Rappresentazione binaria Stefano Ferrari UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO DIPARTIMENTO DI TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE Stefano Ferrari Università

Dettagli

Architettura dei Calcolatori Algebra delle reti Logiche

Architettura dei Calcolatori Algebra delle reti Logiche Architettura dei Calcolatori Algebra delle reti Logiche Ing. dell Automazione A.A. 20/2 Gabriele Cecchetti Algebra delle reti logiche Sommario: Segnali e informazione Algebra di commutazione Porta logica

Dettagli

Il corso di INFORMATICA

Il corso di INFORMATICA Docente: Maurizio QUARTA Il corso di INFORMATICA BIOTECNOLOGIE 25/6 6 CFU E-mail: maurizio.quarta@unisalento.it m.quarta@alice.it Tel: 832-297532 Ricevimento: martedi dalle 9.3 alle.3 altri giorni per

Dettagli

ELEMENTI PROGETTAZIONE LOGICA

ELEMENTI PROGETTAZIONE LOGICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA ELEMENTI PROGETTAZIONE DI LOGICA Dispense per il Corso di PROGETTAZIONE LOGICA Prof. Giuliano F. BOELLA 2 i PREMESSA Queste dispense

Dettagli

Prova finale di Ingegneria del software

Prova finale di Ingegneria del software Prova finale di Ingegneria del software Scaglione: Prof. San Pietro Andrea Romanoni: Francesco Visin: andrea.romanoni@polimi.it francesco.visin@polimi.it Italiano 2 Scaglioni di voto Scaglioni di voto

Dettagli

2.12 Esercizi risolti

2.12 Esercizi risolti Codifica dell'informazione 55 Lo standard IEEE prevede cinque cause di eccezione aritmetica: underflow, overflow, divisione per zero, eccezione per inesattezza, e eccezione di invalidità. Le eccezioni

Dettagli

CODIFICA BINARIA. ... sono rappresentati ricorrendo a simboli che sintezzano il concetto di numerosità.

CODIFICA BINARIA. ... sono rappresentati ricorrendo a simboli che sintezzano il concetto di numerosità. I METODI DI NUMERAZIONE I numeri naturali... sono rappresentati ricorrendo a simboli che sintezzano il concetto di numerosità. Il numero dei simboli usati per valutare la numerosità costituisce la base

Dettagli

Macchine combinatorie

Macchine combinatorie Corso di Calcolatori Elettronici I A.A. 2010-2011 Macchine combinatorie Lezione 10 Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Analisi e Sintesi di un sistema 1/2 Per analisi di

Dettagli

Combinazioni serie IL-MIL + MOT

Combinazioni serie IL-MIL + MOT Combinazioni tra riduttori serie IL-MIL e MOT Combined series IL-MIL + MOT reduction units Combinazioni serie IL-MIL + MOT Sono disponibili varie combinazioni tra riduttori a vite senza fine con limitatore

Dettagli

2AE 2BE [Stesura a.s. 2014/15]

2AE 2BE [Stesura a.s. 2014/15] Monte ore annuo Libro di Testo SETTEMBRE PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE 99 ore di cui 66 di laboratorio Appunti forniti dal docente, G. Chiavola ECDL Syllabus 5.0 Guida all esame per la patente

Dettagli

Algebra Di Boole. Definiamo ora che esiste un segnale avente valore opposto di quello assunto dalla variabile X.

Algebra Di Boole. Definiamo ora che esiste un segnale avente valore opposto di quello assunto dalla variabile X. Algebra Di Boole L algebra di Boole è un ramo della matematica basato sul calcolo logico a due valori di verità (vero, falso). Con alcune leggi particolari consente di operare su proposizioni allo stesso

Dettagli

FONDAMENTI DI LOGICA DIGITALE 1 DL 3155E20 LOGICA. Blocchi funzionali. Argomenti teorici

FONDAMENTI DI LOGICA DIGITALE 1 DL 3155E20 LOGICA. Blocchi funzionali. Argomenti teorici L1 LOGICA FONDAMENTI DI LOGICA DIGITALE 1 Concetti di logica: teoremi fondamentali dell'algebra booleana Sistema binario Funzioni logiche Descrizione algebrica delle reti logiche e le tavole della verità

Dettagli

La microarchitettura. Didattica della strumentazione digitale e sistemi a microprocessore anno accademico 2006 2007 pagina 1

La microarchitettura. Didattica della strumentazione digitale e sistemi a microprocessore anno accademico 2006 2007 pagina 1 La microarchitettura. anno accademico 2006 2007 pagina 1 Integer Java virtual machine Ogni microprocessore può avere una microarchitettura diversa, ma la modalità di funzionamento per certi aspetti è generale.

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO E L E T T R O N I C A Anno Scolastico 2014/2015 Classe III Ae Prof. Boldrini Renato Prof. Procopio Sostene

PROGRAMMA SVOLTO E L E T T R O N I C A Anno Scolastico 2014/2015 Classe III Ae Prof. Boldrini Renato Prof. Procopio Sostene PROGRAMMA SVOLTO E L E T T R O N I C A Anno Scolastico 2014/2015 Classe III Ae Prof. Boldrini Renato Prof. Procopio Sostene LIBRI DI TESTO: Autore: Conte/Ceserani/Impallomeni Titolo: ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA

Dettagli

Elementi di informatica

Elementi di informatica Elementi di informatica Sistemi di numerazione posizionali Rappresentazione dei numeri Rappresentazione dei numeri nei calcolatori rappresentazioni finalizzate ad algoritmi efficienti per le operazioni

Dettagli

Informatica Generale (Prof. Luca A. Ludovico) Presentazione 5.1 Operazioni aritmetiche nel sistema binario

Informatica Generale (Prof. Luca A. Ludovico) Presentazione 5.1 Operazioni aritmetiche nel sistema binario Operazioni aritmetiche nel sistema binario Operazioni aritmetiche basilari Le regole da imparare nel caso di una base b sono relative alle b 2 possibili combinazioni delle cifre da 0 a b- 1. Ad esempio,

Dettagli

Introduzione ai microcontrollori

Introduzione ai microcontrollori Introduzione ai microcontrollori L elettronica digitale nasce nel 1946 con il primo calcolatore elettronico digitale denominato ENIAC e composto esclusivamente di circuiti a valvole, anche se negli anni

Dettagli

RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI. Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997

RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI. Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997 1 RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997 Numeri Binari 2 Sistemi di Numerazione Il valore di un numero può essere espresso con diverse rappresentazioni. non posizionali:

Dettagli

Logica e codifica binaria dell informazione

Logica e codifica binaria dell informazione Politecnico di Milano Corsi di Laurea in Ingegneria Matematica e Ingegneria Fisica Dipartimento di Elettronica ed Informazione Logica e codifica binaria dell informazione Anno Accademico 2002 2003 L. Muttoni

Dettagli

INFORMAZIONE AGLI UTENTI DI APPARECCHIATURE DOMESTICHE O PROFESSIONALI

INFORMAZIONE AGLI UTENTI DI APPARECCHIATURE DOMESTICHE O PROFESSIONALI INFORMAZIONE AGLI UTENTI DI APPARECCHIATURE DOMESTICHE O PROFESSIONALI Ai sensi dell art. 13 del Decreto Legislativo 25 luglio 2005, n. 151 "Attuazione delle Direttive 2002/95/CE, 2002/96/CE e 2003/108/CE,

Dettagli

Le componenti fisiche di un computer: l hardware

Le componenti fisiche di un computer: l hardware Le componenti fisiche di un computer: l hardware In questa sezione ci occuperemo di come è strutturato e come funziona l hardware di un computer. In particolare, nella Sezione ci occuperemo del punto di

Dettagli

Fondamenti di Informatica

Fondamenti di Informatica Università degli Studi di Messina Facolta di Ingegneria - 98100 Messina Tel. (090) 393229 - Fax (090) 393502 Fondamenti di Informatica Ing. delle Tecnologie Industriali Docente: Ing. Mirko Guarnera 1 Sistemi

Dettagli

Logica binaria. Porte logiche.

Logica binaria. Porte logiche. Logica binaria Porte logiche. Le porte logiche sono gli elementi fondamentali su cui si basa tutta la logica binaria dei calcolatori. Ricevono in input uno, due (o anche più) segnali binari in input, e

Dettagli

Informatica. Rappresentazione dei numeri Numerazione binaria

Informatica. Rappresentazione dei numeri Numerazione binaria Informatica Rappresentazione dei numeri Numerazione binaria Sistemi di numerazione Non posizionali: numerazione romana Posizionali: viene associato un peso a ciascuna posizione all interno della rappresentazione

Dettagli

Riferimenti Bibliografici: Paolo Spirito Elettronica digitale, Mc Graw Hill Capitolo 1 Appunti e dispense del corso

Riferimenti Bibliografici: Paolo Spirito Elettronica digitale, Mc Graw Hill Capitolo 1 Appunti e dispense del corso I Circuiti digitali Riferimenti Bibliografici: Paolo Spirito Elettronica digitale, Mc Graw Hill Capitolo 1 Appunti e dispense del corso Caratteristiche dei circuiti digitali pagina 1 Elaborazione dei segnali

Dettagli

Sistemi di Numerazione e Algebra Booleana

Sistemi di Numerazione e Algebra Booleana Sistemi di Numerazione e Algebra Booleana Laura Farinetti Claudio Fornaro Antonio Lioy Massimo Poncino Dipartimento di Automatica e Informatica Politecnico di Torino Sistemi di numerazione Il sistema di

Dettagli

Comparatori. Comparatori di uguaglianza

Comparatori. Comparatori di uguaglianza Comparatori Scopo di un circuito comparatore é il confronto tra due codifiche binarie. Il confronto può essere effettuato per verificare l'uguaglianza oppure una relazione d'ordine del tipo "maggiore",

Dettagli

Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs

Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs Studenti iscritti al I anno (immatricolati nell a.a. 2014-2015 / Students enrolled A. Y. 2014-2015) Piano di studi 17-27 Novembre 2014 (tramite web self-service)

Dettagli

AVVISO n.12437. 03 Luglio 2014 --- Mittente del comunicato : Borsa Italiana. Societa' oggetto dell'avviso

AVVISO n.12437. 03 Luglio 2014 --- Mittente del comunicato : Borsa Italiana. Societa' oggetto dell'avviso AVVISO n.12437 03 Luglio 2014 --- Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto dell'avviso : -- Oggetto : Modifiche al Manuale delle Corporate Actions - Amendment to the Corporate Action -

Dettagli

drag & drop visual programming appinventor storia appinventor un esempio di drag & drop programming: Scratch

drag & drop visual programming appinventor storia appinventor un esempio di drag & drop programming: Scratch drag & drop visual programming appinventor realizzazione app per Google Android OS appinventor è un applicazione drag & drop visual programming Contrariamente ai linguaggi tradizionali (text-based programming

Dettagli

Algebra booleana e circuiti logici. a cura di: Salvatore Orlando

Algebra booleana e circuiti logici. a cura di: Salvatore Orlando lgebra booleana e circuiti logici a cura di: Salvatore Orlando rch. Elab. - S. Orlando lgebra & Circuiti Elettronici I calcolatori operano con segnali elettrici con valori di potenziale discreti sono considerati

Dettagli

1. Operazioni in logica binaria e porte logiche

1. Operazioni in logica binaria e porte logiche 1. Operazioni in logica binaria e porte logiche Espressione di un numero in base 10 (notare a pedice p.es del numero 21); 21 10 =210 1 +110 0 527,98 10 =5 10 2 +2 10 1 +7 10 0 +9 10 1 +8 10 2 407,563 10

Dettagli

RAPPRESENTAZIONE DEI NUMERI BINARI. Corso di Fondamenti di Informatica AA 2010-2011

RAPPRESENTAZIONE DEI NUMERI BINARI. Corso di Fondamenti di Informatica AA 2010-2011 RAPPRESENTAZIONE DEI NUMERI BINARI Corso di Fondamenti di Informatica AA 2010-2011 Prof. Franco Zambonelli Numeri interi positivi Numeri interi senza segno Caratteristiche generali numeri naturali (1,2,3,...)

Dettagli

(71,1), (35,1), (17,1), (8,1), (4,0), (2,0), (1,0), (0,1) 0, 7155 2 = 1, 431 0, 431 2 = 0, 862 0, 896 2 = 1, 792 0, 724 2 = 1, 448 0, 448 2 = 0, 896

(71,1), (35,1), (17,1), (8,1), (4,0), (2,0), (1,0), (0,1) 0, 7155 2 = 1, 431 0, 431 2 = 0, 862 0, 896 2 = 1, 792 0, 724 2 = 1, 448 0, 448 2 = 0, 896 2 Esercizio 2.2 La rappresentazione esadecimale prevede 16 configurazioni corrispondenti a 4 bit. Il contenuto di una parola di 16 bit può essere rappresentato direttamente con 4 digit esadecimali, sostituendo

Dettagli

I geni marker sono necessari per l'isolamento di piante transgeniche (efficienza di trasf. non ottimale), ma poi non servono più.

I geni marker sono necessari per l'isolamento di piante transgeniche (efficienza di trasf. non ottimale), ma poi non servono più. Piante transgeniche prive di geni marker I geni marker sono necessari per l'isolamento di piante transgeniche (efficienza di trasf. non ottimale), ma poi non servono più. Possibili problemi una volta in

Dettagli

Codifica binaria dei numeri relativi

Codifica binaria dei numeri relativi Codifica binaria dei numeri relativi Introduzione All interno di un calcolatore, è possibile utilizzare solo 0 e 1 per codificare qualsiasi informazione. Nel caso dei numeri, non solo il modulo ma anche

Dettagli

L'algebra di Boole falso vero livello logico alto livello logico basso Volts

L'algebra di Boole falso vero livello logico alto livello logico basso Volts L algebra di Boole L'algebra di Boole comprende una serie di regole per eseguire operazioni con variabili logiche. Le variabili logiche possono assumere solo due valori. I due possibili stati che possono

Dettagli

Foglio di calcolo. Foglio di calcolo: nomi celle

Foglio di calcolo. Foglio di calcolo: nomi celle Foglio di calcolo L'astrazione offerta da un programma di gestione di fogli di calcolo è quella di una matrice (un foglio a quadretti). Colonne: A, B, C,... Righe: 1, 2, 3,... Ogni cella ha un nome composto

Dettagli

LA NUMERAZIONE BINARIA

LA NUMERAZIONE BINARIA LA NUMERAZIONE BINARIA 5 I SISTEMI DI NUMERAZIONE Fin dalla preistoria l uomo ha avuto la necessità di fare calcoli, utilizzando svariati tipi di dispositivi: manuali (mani, bastoncini, sassi, abaco),

Dettagli

LOGIN: please, go to webpage https://studiare.unife.it and login using Your user id and password (the same as the first registration).

LOGIN: please, go to webpage https://studiare.unife.it and login using Your user id and password (the same as the first registration). Università degli studi di Ferrara IMMATRICOLAZIONE online ai corsi di DOTTORATO PhD: Instructions for ENROLMENT of the winners English version below 1) EFFETTUARE IL LOGIN: collegarsi da qualsiasi postazione

Dettagli

Introduzione. Università degli studi di Cassino. Ing. Saverio De Vito e-mail: saverio.devito@portici.enea.it Tel.: +39 081 7723364

Introduzione. Università degli studi di Cassino. Ing. Saverio De Vito e-mail: saverio.devito@portici.enea.it Tel.: +39 081 7723364 Università degli studi di Cassino Corso di Laurea in Ingegneria della Produzione Industriale Corso di Informatica Applicata Introduzione Ing Saverio De e-mail: saveriodevito@porticieneait Tel: +39 8 7723364

Dettagli

Capitolo 1 - Numerazione binaria

Capitolo 1 - Numerazione binaria Appunti di Elettronica Digitale Capitolo - Numerazione binaria Numerazione binaria... Addizione binaria... Sottrazione binaria... Moltiplicazione binaria... Divisione binaria... Complementazione... Numeri

Dettagli

Linguaggio macchina e linguaggio assembler

Linguaggio macchina e linguaggio assembler FONDAMENTI DI INFORMATICA Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine Linguaggio macchina e linguaggio assembler 2000 Pier Luca Montessoro (si veda la nota di copyright

Dettagli

La Logica Proposizionale. (Algebra di Boole)

La Logica Proposizionale. (Algebra di Boole) 1 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE ANGIOY La Logica Proposizionale (Algebra di Boole) Prof. G. Ciaschetti 1. Cenni storici Sin dagli antichi greci, la logica è intesa come lo studio del logos, che in greco

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Dispensa 05 La rappresentazione dell informazione Carla Limongelli Ottobre 2011 http://www.dia.uniroma3.it/~java/fondinf/ La rappresentazione

Dettagli

Jan M. Rabaey Anantha Chandrakasan Borivoje Nikolic. Design Methodologies. December 10, 2002

Jan M. Rabaey Anantha Chandrakasan Borivoje Nikolic. Design Methodologies. December 10, 2002 Jan M. Rabaey Anantha Chandrakasan Borivoje Nikolic Design Methodologies December 10, 2002 Digital Circuit Implementation Approaches Custom Semicustom Cell-based Array-based Standard Cells Compiled Cells

Dettagli

IL CODICE BINARIO. Il codice binario. Codifica posizionale. Aritmetica binaria

IL CODICE BINARIO. Il codice binario. Codifica posizionale. Aritmetica binaria IL CODICE BINARIO Il codice binario Codifica posizionale Aritmetica binaria www.stoianov.it 1 CODIFICA DI BASE La voce si distribuisce con onde di frequenze 20-20.000 Hz La luce sta nel ordine di 500.000.000.000.000

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI. Sincronizzazione in Java (Semafori e barriere) Patrizia Scandurra (MODULO DI INFORMATICA II) LABORATORIO

SISTEMI OPERATIVI. Sincronizzazione in Java (Semafori e barriere) Patrizia Scandurra (MODULO DI INFORMATICA II) LABORATORIO SISTEMI OPERATIVI (MODULO DI INFORMATICA II) LABORATORIO Sincronizzazione in Java (Semafori e barriere) Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2012-13 La gestione dei thread in Java

Dettagli

Il Linguaggio di Programmazione IEC 61131-3 Ladder

Il Linguaggio di Programmazione IEC 61131-3 Ladder Il Linguaggio di Programmazione IEC 61131-3 Ladder Linguaggio di Programmazione Ladder E' il più vecchio linguaggio di programmazione per PLC Si basa su simboli di provenienza "elettrica": binari di potenza

Dettagli

Codifica binaria dei numeri

Codifica binaria dei numeri Codifica binaria dei numeri Caso più semplice: in modo posizionale (spesso detto codifica binaria tout court) Esempio con numero naturale: con 8 bit 39 = Codifica in virgola fissa dei numeri float: si

Dettagli

Algoritmo = Dati e Azioni Sistema numerico binario Rappresentazioni di numeri binari Rappresentazione in modulo e segno

Algoritmo = Dati e Azioni Sistema numerico binario Rappresentazioni di numeri binari Rappresentazione in modulo e segno Algoritmo = Dati e Azioni Dati: Numeri (naturali, interi, reali, ) Caratteri alfanumerici (a, b, c, ) Dati logici (vero, falso) Vettori di elementi, matrici, ([1,2,3], [[1,1],[1,2], ]) Azioni o istruzioni:

Dettagli

Testi di Esercizi e Quesiti 1

Testi di Esercizi e Quesiti 1 Architettura degli Elaboratori, 2009-2010 Testi di Esercizi e Quesiti 1 1. Una rete logica ha quattro variabili booleane di ingresso a 0, a 1, b 0, b 1 e due variabili booleane di uscita z 0, z 1. La specifica

Dettagli

Nel seguito verranno esaminati i diversi tipi di dato e il modo in cui essi sono rappresentati all interno del calcolatore.

Nel seguito verranno esaminati i diversi tipi di dato e il modo in cui essi sono rappresentati all interno del calcolatore. In una delle molteplici possibili definizioni di informazione, questa viene fatta corrispondere a qualunque elemento, in grado di essere rappresentato e comunicato, che consenta di fornire o aumentare

Dettagli

DICHIARAZIONE DI RESPONSABILITÀ

DICHIARAZIONE DI RESPONSABILITÀ - 0MNSWK0082LUA - - ITALIANO - DICHIARAZIONE DI RESPONSABILITÀ Il produttore non accetta responsabilità per la perdita di dati, produttività, dispositivi o qualunque altro danno o costo associato (diretto

Dettagli

Architettura degli Elaboratori

Architettura degli Elaboratori Circuiti combinatori slide a cura di Salvatore Orlando, Andrea Torsello, Marta Simeoni 1 Circuiti integrati I circuiti logici sono realizzati come IC (circuiti integrati)! realizzati su chip di silicio

Dettagli

Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello

Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello Maurizio Palesi Maurizio Palesi 1 Introduzione Obiettivo della sintesi logica: ottimizzazione delle cifre di merito area e prestazioni Prestazioni:

Dettagli

By E.M. note sull'uso di GAMBAS

By E.M. note sull'uso di GAMBAS By E.M. note sull'uso di GAMBAS GAMBAS viene installato sotto Xubuntu nella directory: /usr/share/gambas2 link problema su uso dell'esempio SerialPort http://gambasrad.org/zforum/view_topic?topic_id=1057

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

I.I.S. Primo Levi Badia Polesine A.S. 2012-2013

I.I.S. Primo Levi Badia Polesine A.S. 2012-2013 LGEBR DI BOOLE I.I.S. Primo Levi Badia Polesine.S. 2012-2013 Nel secolo scorso il matematico e filosofo irlandese Gorge Boole (1815-1864), allo scopo di procurarsi un simbolismo che gli consentisse di

Dettagli

Algebra Booleana ed Espressioni Booleane

Algebra Booleana ed Espressioni Booleane Algebra Booleana ed Espressioni Booleane Che cosa è un Algebra? Dato un insieme E di elementi (qualsiasi, non necessariamente numerico) ed una o più operazioni definite sugli elementi appartenenti a tale

Dettagli