METODI ALTERNATIVI PER LA VALUTAZIONE DI : IRRITAZIONE OCULARE, IRRITAZIONE CUTANEA E FOTO-TOSSICITA. Marisa Meloni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "METODI ALTERNATIVI PER LA VALUTAZIONE DI : IRRITAZIONE OCULARE, IRRITAZIONE CUTANEA E FOTO-TOSSICITA. Marisa Meloni"

Transcript

1 METODI ALTERNATIVI PER LA VALUTAZIONE DI : IRRITAZIONE OCULARE, IRRITAZIONE CUTANEA E FOTO-TOSSICITA Marisa Meloni

2 CONTESTO NORMATIVO ed utilizzo delle ALTERNATIVES COSMETICO REACH FARMACEUTICO DISPOSITIVI MEDICI IRRITAZIONE CUTANEA e OCULARE FOTO-TOSSICITA Protocolli Parametri Interpretazioni Sistema di Qualità-GLP SITOX 5 GIUGNO 2012

3 CONTESTO NORMATIVO : COSMETICO DIVIETO DI TEST SU ANIMALI - Prodotti cosmetici finiti - Ingredienti nei casi in cui i Metodi Alternativi sono a) convalidati b) previsti dalla legislazione EU DIVIETO DI TEST SU ANIMALI Tutti gli endpoints di Sicurezza per l uomo per i quali sono disponibili Metodi Alternativi DIVIETO DI COMMERCIALIZZARE - Prodotti cosmetici finiti testati su animali - Ingredienti testati su animali nei casi in cui i Metodi Alternativi sono a) convalidati b) previsti dalla legislazione EU Endpoints di Sicurezza per l uomo con l eccezione di Tossicità ripetuta Carcinogenesi Sensibilizzazione Tossicità riproduttiva Tossico-cinetica

4 CONTESTO NORMATIVO : CHIMICO & " Regolamento REACH :1 Giugno 2008 " Innocuità per uomo ed ambiente " Lista di saggi : Allegati VII-X-XI " Concetto di metodi idonei = Suitables " Elaborati sufficientemente bene secondo criteri per lo sviluppo di test riconosciuti a livello internazionale per l immissione di un saggio nel processo di pre-convalida

5 CONTESTO NORMATIVO : FARMACEUTICO " Nessun obbligo Normativo cogente " Esigenza per Hazard identification e Safety " Pre-clinica : in aumento " Articolo 47, DIRETTIVA 2010/63/UE del " La Commissione e gli Stati membri contribuiscono allo sviluppo e alla convalida di approcci alternativi idonei a fornire lo stesso livello, o un livello più alto d informazione di quello ottenuto nelle procedure che usano animali, ma che non prevedano l uso di animali utilizzino un minor numero di animali o che comportino procedure meno dolorose, e prendono tutte le misure che ritengono opportune per incoraggiare la ricerca in questo settore.

6 I metodi alternativi convalidati : dove non sono applicabili

7 METODO ALTERNATIVO Local Lymph Node Assay for skin sensitization (LLNA) LINEA GUIDA (inclusi in Annex V, Direttiva 67/548/EEC) OECD TG 429 (Luglio 2010) CLASSIFICAZIONE SENSIBILIZZANTE H317 (EU CLP) 3T3 NRU phototoxicity test OECD TG 432 (Aprile 2004) SKIN CORROSIVITY TEST EpiSkin TM / EpiDerm TM / Skinethic OECD TG 431 (Aprile 2004 /Novembre 2006/Giugno 2009) Rat TER skin corrosivity test OECD TG 430 (Aprile 2004) SKIN IRRITATION TEST EpiSkin TM / EpiDerm TM / Skinethic In vitro tests for percutaneous absorption OECD TG 439 (Luglio 2010) OECD TG 428 (Aprile 2004) In vitro Genotoxicity Tests OECD TG 471, 473, 476 etc. In Vitro Mammalian Cell Micronucleus test OECD TG 487 (Luglio 2010) FOTOTOSSICO (PIF!5; MPE! 0,1) CORROSIVO R35 e R34 (EU DSD) H314 (EU CLP) CORROSIVO R35 e R34 (EU DSD) H314 (EU CLP) IRRITANTE CUTANEO R38 (EU DSD) H315 (EU CLP) Bilancio di Massa dell attivo 100% ± 10% GENOTOSSICO GENOTOSSICO EU DSD (European Dangerous Substances Directive)

8 SISTEMI DI CLASSIFICAZIONE EU DSD = EUROPEAN DANGEROUS SUBSTANCES DIRECTIVE EU CLP = EUROPEAN REGULATION 1272/2008 for CLASSIFICATION, LABELLING & PACKAGING

9 IRRITAZIONE CUTANEA :OECD TG439 ALTERNATIVA DI SOSTITUZIONE DEL DRAIZE RABBIT TEST: OECD TG404 ACUTE DERMAL IRRITATION

10 DESCRIZIONE OBIETTIVO STATO MODELLO BIOLOGICO ENDPOINT IN VIVO ENDPOINT IN VITRO CAMPO DI APPLICAZIONE IMPIEGO NELLA VALUTAZIONE IRRITAZIONE PRIMARIA CUTANEA Alterazioni reversibili della pelle in seguito ad applicazione acuta Alternativa di sostituzione convalidata OECD 439 EPIDERMIDE RICOSTRUITA (3 diversi protocolli) ALTERAZIONE DELLA FUNZIONE BARRIERA, ROSSORE, EDEMA VITALITA CELLULARE con test MTT TUTTI INGREDIENTI ECCETTO AEROSOL /GAS HAZARD IDENTIFICATION R38 (EU DSD) / H315 (EU CLP)

11 METODO MODELLO BIOLOGICO IRRITAZIONE PRIMARIA CUTANEA EPISKIN CONTROLLO POSITIVO CONTROLLO NEGATIVO TEMPO DI CONTATTO ENDPOINT IN VITRO SDS 5% con RIDUZIONE 80 % VITALITA DS < 18% PBS 15MIN + 42 H POST INCUBAZIONE VITALITA CELLULARE -MTT TEST MODELLO PREDITTIVO > 50% VITALITA = NON IRRITANTE (NI) In caso di valori borderline e se 50% IL-1! RILASCIATA < 50 pg/ml (NI)

12 METODO IRRITAZIONE PRIMARIA CUTANEA MODELLO BIOLOGICO RHE SKINETHIC CONTROLLO POSITIVO SDS 5% CONTROLLO NEGATIVO PROTOCOLLO ENDPOINT IN VITRO PBS 42 min + 42H POST INCUBAZIONE VITALITA CELLULARE- MTT TEST MODELLO PREDITTIVO > 50% VITALITA = NON IRRITANTE (NI)

13 METODO IRRITAZIONE PRIMARIA CUTANEA MODELLO BIOLOGICO EPIDERM CONTROLLO POSITIVO TRITON 1% CONTROLLO NEGATIVO PROTOCOLLO PBS 60 min + 42H POST INCUBAZIONE ENDPOINT IN VITRO VITALITA CELLULARE MTT - ET 50 MODELLO PREDITTIVO > 50% VITALITA = NON IRRITANTE (NI)

14 3 METODI A CONFRONTO ESAC Replacement of Draize test for skin irritation: Cat2/No cat (EU TM B.46 & OECD TG 439)

15 CORROSIVITA CUTANEA: OECD TG 431 OECD TG 430.

16 DESCRIZIONE CORROSIVITA CUTANEA OBIETTIVO Alterazione irreversibile conseguente all applicazione acuta STATO Alternativa di sostituzione OECD 431 MODELLO BIOLOGICO ENDPOINT IN VIVO ENDPOINT IN VITRO EPIDERMIDE RICOSTRUITA PELLE RATTO Perdita FUNZIONE BARRIERA VITALITA CELLULARE /TEER CAMPO DI APPLICAZIONE INGREDIENTI (specifiche) IMPIEGO NELLA VALUTAZIONE HAZARD IDENTIFICATION R35 E R34 (EU DSD) / H314 (EU CLP)

17 IRRITAZIONE OCULARE TG OECD 405 IN VIVO DRAIZE TEST (RABBIT) Eye irritation: is the production of changes in the eye following the application of a test substance to the anterior surface of the eye, which are fully reversible within 21 days of application. EU classification: NI = non-irritant R36 (EU DSD)/ CAT 2 (EU CLP) = irritating to eyes R41 (EU DSD)/ CAT 1 (EU CLP) = risk of serious damage to eyes

18 Replacement Alternatives: ESAC statement April 2007 and ICCVAM retrospective validation Classification!"!Severe (R41)/ Irritants (R36)!! BCOP : BOVINE CORNEAL OPACITY and PERMEABILITY ICE : ISOLATED CHICKEN EYE!&

19 Irritazione oculare BCOP ed IRE applicabili solo per classificazione R41: distinzione tra fortemente irritanti ed irritanti Pre-convalida su Human Corneal Epithelium sponsorizzata da Colipa per discriminare tra irritanti e non irritanti (dal 2008).

20 IRRITAZIONE OCULARE :HCE MODEL

21 METODO MODELLO BIOLOGICO CONTROLLO POSITIVO IRRITAZIONE OCULARE HCE HUMAN CORNEAL EPITHELIUM COLIPA ECVAM PRE-VALIDATION ETANOLO CONTROLLO NEGATIVO SOLUZIONE SALINA PROTOCOLLO 1H +16H POST INCUBAZIONE ENDPOINT IN VITRO VITALITA CELLULARE MODELLO PREDITTIVO >50% NON IRRITANTE

22 FOTOTOSSICITA : OECD 432

23 DESCRIZIONE OBIETTIVO FOTOTOSSICITA 3T3 NRU Identificare composti foto-tossici in seguito ad esposizione a una dose non citotossica di radiazione UVA: 5J /cm 2 STATO Alternativa di sostituzione OECD 432 MODELLO BIOLOGICO ENDPOINT IN VITRO CAMPO DI APPLICAZIONE IMPIEGO NELLA VALUTAZIONE BALB 3T3 - fibroblasti murini Vitalità cellulare tramite Neutral Red Uptake SOSTANZE CHIMICHE IDROSOLUBILI O OPPORTUNAMENTE SOLUBILIZZATE Potenziale fototossico: PIF >2 (Photo Irritation Factor)

24 PROCEDURA

25 Confronta l effetto di una sostanza in presenza ed in assenza di UVA AD UNA SINGOLA CONCENTRAZIONE quella che determina citotossicità nel 50% delle cellule = EC 50. PIF = EC50 ( UVA) / EC50 (+UVA) SOSTANZA CON POTENZIALE FOTOTOSSICO: PIF = > 5.0 SOSTANZA CON PROBABILE POTENZIALE FOTOTOSSICO: PIF > 2.0 e < 5.0 CONTROLLO POSITIVO: CLORPROMAZINA - PIF > 6

26 SOSTANZA CON POTENZIALE FOTOTOSSICO MPE > SOSTANZA CON PROBABILE POTENZIALE FOTOTOSSICO MPE > e < SOSTANZA NON FOTOSSICA MPE < 0,1 Tale modello sopperisce ai limiti del modello PIF nei casi in cui sia impossibile ottenere una EC50. Il modello utilizza il Mean Photo Effect (MPE), una misura basata sul confronto delle curve complete concentrazione-risposta. = MAGGIORE SENSIBILITA Per l applicazione di tale modello si utilizza il Photo Prediction software versione 2.0* *(Holzhutter, 2002) In Vitro Phototoxicity Testing: Development and Validation of a New Concentration Response Analysis Software and Biostatistical Analyses Related to the Use of Various Prediction Models"

27 LIMITI DEL METODO OECD 432 OECD TG 432 : 3T3BALB NRU-PHOTOTOXICITY ASSAY su monostrato di fibroblasti murini ha alcune riconosciute non è adatto a valutare concentrazioni superiori a 1000 µg /ml non è adatto a valutare miscele complesse di ingredienti o formulazioni a causa della loro non solubilità nel mezzo acquoso che porterebbe ad artefatti e/ o precipitazione della sostanza e quindi risultati non attendibili è un sistema biologico eccessivamente semplificato rispetto alla complessità della reazione fototossica epidermica e non permette di tenere conto della distribuzione ed assorbimento della sostanza applicata topicamente. La linea guida OECD TG 432 indica chiaramente che : in casi di risultati di potenziale fototossico discordanti ed in generale per la valutazione di prodotti finiti sia necessario confermare il dato ottenuto con il 3T3-NRU utilizzando un modello biologico diverso.

28 FOTOTOSSICITA Il metodo Episkin Phototoxicity Assay utilizza epidermide umana ricostruita in vitro Medina et al.2001 : Assessment of the Phototoxic Potential of Compounds and Finished Topical Products Using a Human Reconstructed Epidermis In vitro molecular toxicology, vol 14 N 3 Liebsch et al : 2005 Alternative Methods for Cosmetic testing ( Editors Chantra Esckes and Valerie Zuang ) chapter 3.8 Uv-induced effects ATLA 33 Suppl Lelievre et al Toxicology in vitro The Episkin phototoxicity assay (EPA): Development of an in vitro tiered strategy using 17 reference chemicals to predict phototoxic potency Una riduzione della vitalità cellulare > 25% nei tessuti irradiati classifica il prodotto come foto-tossico.

29 GLP LA COMPLIANCE GLP E SEMPRE RICHIESTA QUANDO IL METODO ALTERNATIVO CONVALIDATO O IN CORSO DI CONVALIDA VENGA UTILIZZATO IN STUDI PER LA CLASSIFICAZIONE REGOLATORIA O PER LA REGISTRAZIONE

30 IMPLEMENTAZIONE DELLE OECD TG Organization for Economic Cooperation and Development 1. INTRODUCTION 2. INITIAL CONSIDERATIONS 3. PRINCIPLE OF THE TEST METHOD 4. DESCRIPTION OF THE METHOD 5. PROCEDURE 6. DATA AND REPORTING 7. LITERATURE 8. DEFINITIONS IMPLEMENTAZIONE LINEE GUIDA NEL CENTRO DI SAGGIO > SOP

31 PROCEDURE OPERATIVE STANDARD DIREZIONE DEL CENTRO DI SAGGIO ESPERIENZA AZIENDALE Aggiornamento continuo Capitalizzare esperienza aziendale Creazione di competenze e responsabilità Ruolo del QA: - integrità dei dati - compliance TECNICI SOP Strumento di training Standardizzazione Monitoraggio CN e CP Tracciabilità degli studi Successo della convalida interna

32 I metodi alternativi anche nella Ricerca QUID MENSURA MENSURATUR UT QUOD NON MENSURATUR Galileo Galilei, Misura quello che è misurabile e rendi misurabile ciò che non lo è

Metodi in vitro richiesti per la classificazione H4 e H8 Laura Turco

Metodi in vitro richiesti per la classificazione H4 e H8 Laura Turco Metodi in vitro richiesti per la classificazione H4 e H8 Laura Turco Istituto Superiore di Sanità Dipartimento Ambiente e Prevenzione Primaria Reparto Meccanismi di Tossicità Roma laura.turco@iss.it «La

Dettagli

Tabella 1: Metodi alternativi in vitro ed ex vivo validati.

Tabella 1: Metodi alternativi in vitro ed ex vivo validati. 1 Tabella 1: Metodi alternativi in vitro ed ex vivo validati. Saggio Modello Stato di Validazione Riferimenti Normativi IRRITAZIONE CUTANEA EpiSkin SIT model EpiDerm TM EpiDerm TM OECD TG 439 (2010; updated

Dettagli

Dispositivi Medici. Aggiornamenti. La sicurezza dei dispositivi medici: aggiornamenti regolatori e scientifici. Dispositivi Medici

Dispositivi Medici. Aggiornamenti. La sicurezza dei dispositivi medici: aggiornamenti regolatori e scientifici. Dispositivi Medici Aggiornamenti La sicurezza dei dispositivi medici: aggiornamenti regolatori e scientifici Laura Ceriotti e Marisa Meloni Vitroscreen la parte del corpo coinvolta (es. pelle, mucose, sangue, tessuto/ossa).

Dettagli

Rossetto ad alto contenuto in acqua. Meristemi del riso Contribuiscono al ringiovanimento. La rivista è online 16 (3) 2013 Mag/giu COSMETIC TECHNOLOGY

Rossetto ad alto contenuto in acqua. Meristemi del riso Contribuiscono al ringiovanimento. La rivista è online 16 (3) 2013 Mag/giu COSMETIC TECHNOLOGY La rivista è online 16 (3) 2013 Mag/giu 3 Mag/Giu 2013 ISSN 1127-6312 Bimestrale. Spedizione in abbonamento postale. 70%. Filiale di Milano. EURO 13.35 Oryza sativa Metodi alternativi Cere Rossetto ad

Dettagli

LA SPERIMENTAZIONE ANIMALE ED I METODI ALTERNATIVI: STATO DELL ARTE

LA SPERIMENTAZIONE ANIMALE ED I METODI ALTERNATIVI: STATO DELL ARTE LA SPERIMENTAZIONE ANIMALE ED I METODI ALTERNATIVI: STATO DELL ARTE Ferrari Maura Centro di Referenza per i Metodi Alternativi Cura e Benessere degli Animali da Laboratorio Istituto Zooprofilattico Sperimentale

Dettagli

Aggiornamento delle etichette e delle schede di sicurezza per i produttori di sostanze e a cascata per tutti gli utilizzatori a valle.

Aggiornamento delle etichette e delle schede di sicurezza per i produttori di sostanze e a cascata per tutti gli utilizzatori a valle. Aggiornamento delle etichette e delle schede di sicurezza per i produttori di sostanze e a cascata per tutti gli utilizzatori a valle. Salve,Dottore/ssa il mese di dicembre vede l entrata in vigore del

Dettagli

VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO: IL NUOVO MODELLO INFORIK della Regione Piemonte

VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO: IL NUOVO MODELLO INFORIK della Regione Piemonte VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO: IL NUOVO MODELLO INFORIK della Regione Piemonte L impatto del REACh e del CLP nel modello di valutazione Torino, 16 Novembre 2013 Claudia Sudano Registration, Evaluation,

Dettagli

Il regolamento CLP sulla classificazione ed etichettatura delle sostanze pericolose Debora Romoli

Il regolamento CLP sulla classificazione ed etichettatura delle sostanze pericolose Debora Romoli Il regolamento CLP sulla classificazione ed etichettatura delle sostanze pericolose Debora Romoli ISPRA Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Regolamento CLP Il Parlamento europeo

Dettagli

Dal 1 giugno 2015 il Reg. CLP si applica anche alle miscele

Dal 1 giugno 2015 il Reg. CLP si applica anche alle miscele Edizione Giugno 2015 In questo numero... Aggiornamenti legislativi - Regolamento CLP - Isotiazolinoni e parabeni - Report 2014 sull attività del RAPEX Nuovi servizi - Regolamento CLP: approccio analitico

Dettagli

La classificazione CLP nelle miscele

La classificazione CLP nelle miscele La classificazione CLP nelle miscele Maria Alessandrelli Centro Nazionale Sostanze Chimiche Istituto Superiore di Sanità Workshop L APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO REACH: SVILUPPI SUGLI SCENARI DI ESPOSIZIONE

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO

SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO FORMAZIONE PERSONALE IISS "Camillo Golgi" SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO D. Lgs. 81/2008 1 D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 coordinato con il Decreto legislativo n. 106/2009 TESTO UNICO SULLA SALUTE

Dettagli

Storia delle alternative alla sperimentazione animale

Storia delle alternative alla sperimentazione animale Storia delle alternative alla sperimentazione animale Russel e Burch (1959): Il modello delle 3R Smyth (1978): Alternative alla sperimentazione animale EEC (1986): Direttiva del Consiglio 86/609 Consiglio

Dettagli

La bellezza responsabile

La bellezza responsabile Bologna, 30 marzo 2007 La bellezza responsabile Responsabilità dell industria ed evoluzione delle norme sui cosmetici Stefano Dorato UNIPRO La Direttiva 76/768/CEE sui prodotti Cosmetici rappresenta una

Dettagli

La classificazione, l etichettatura e l imballaggio delle sostanze chimiche e delle miscele: gli aspetti applicativi rilevanti del Regolamento CLP

La classificazione, l etichettatura e l imballaggio delle sostanze chimiche e delle miscele: gli aspetti applicativi rilevanti del Regolamento CLP La classificazione, l etichettatura e l imballaggio delle sostanze chimiche e delle miscele: gli aspetti applicativi rilevanti del Regolamento CLP Paola Di Prospero Fanghella Istituto Superiore di Sanità

Dettagli

Generalità sul contesto normativo: cosa significa lavorare in GMP e in GLP

Generalità sul contesto normativo: cosa significa lavorare in GMP e in GLP Generalità sul contesto normativo: cosa significa lavorare in GMP e in GLP Le aziende farmaceutiche operano in un ambiente molto regolamentato I prodotti farmaceutici sono progettati e sviluppati in modo

Dettagli

GHS CLP La nuova classificazione ed etichettatura dei prodotti chimici pericolosi

GHS CLP La nuova classificazione ed etichettatura dei prodotti chimici pericolosi GHS Cosa significa A causa dei possibili effetti negativi che i prodotti chimici possono avere sull uomo e sull ambiente, nel mondo alcuni stati e regioni hanno regolamentato la loro classificazione (identificazione

Dettagli

Sostanze chimiche pericolose: classificazione ed etichettatura

Sostanze chimiche pericolose: classificazione ed etichettatura Eva Pietrantonio Fulvio D Orsi Sostanze chimiche pericolose: classificazione ed etichettatura Come cambia la regolamentazione delle sostanze pericolose dalla direttiva 67/548/CEE al Regolamento 1907/2006

Dettagli

NUOVA GENERAZIONE DI FUNGICIDI PER LA PROTEZIONE DELLE PELLI: UTILIZZO DI PRINCIPI ATTIVI PROTETTI

NUOVA GENERAZIONE DI FUNGICIDI PER LA PROTEZIONE DELLE PELLI: UTILIZZO DI PRINCIPI ATTIVI PROTETTI NUOVA GENERAZIONE DI FUNGICIDI PER LA PROTEZIONE DELLE PELLI: UTILIZZO DI PRINCIPI ATTIVI PROTETTI Luca Ramadori THOR SPECIALTIES SRL Via Puccini, 30 I-21010 Besnate (VA) ITALY Telefono: +39 0331 279311

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE)

(Testo rilevante ai fini del SEE) 9.12.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 324/13 REGOLAMENTO (UE) N. 1152/2010 DELLA COMMISSIONE dell 8 dicembre 2010 recante modifica, ai fini dell adeguamento al progresso tecnico, del regolamento

Dettagli

Individuazione e classificazione dei rifiuti pericolosi

Individuazione e classificazione dei rifiuti pericolosi Individuazione e classificazione dei rifiuti pericolosi Paolo Pipere Responsabile Servizio Ambiente ed Ecosostenibilità Camera di Commercio di Milano Classificazione dei rifiuti I criteri di classificazione

Dettagli

Classificazione ed etichettatura come strumenti di valutazione e comunicazione del pericolo: il Regolamento CLP e prime applicazioni

Classificazione ed etichettatura come strumenti di valutazione e comunicazione del pericolo: il Regolamento CLP e prime applicazioni 12 a GIORNATA della SICUREZZA sul LAVORO VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO ai sensi del D.Lgs. 81/08 Stato dell arte e prospettive Classificazione ed etichettatura come strumenti di valutazione e comunicazione

Dettagli

Le nuove regole di classificazione ed etichettatura secondo il regolamento 1272/2008 - CLP - impatto sulle altre normative

Le nuove regole di classificazione ed etichettatura secondo il regolamento 1272/2008 - CLP - impatto sulle altre normative Le nuove regole di classificazione ed etichettatura secondo il regolamento 1272/2008 - CLP - impatto sulle altre normative Paola Di Prospero Fanghella Centro Sostanze Chimiche Istituto Superiore di Sanità

Dettagli

REPORT METODO UNI EN ISO 10993-10: 2010

REPORT METODO UNI EN ISO 10993-10: 2010 Università degli Studi di Ferrara Microbiologia Via Luigi Borsari, 46 44121 FERRARA Referente scientifico: Prof. P.G. BALBONI REPORT METODO UNI EN ISO 10993-10: 2010 Valutazione biologica in vitro in base

Dettagli

FUCHS per GHS. Globally Harmonized System

FUCHS per GHS. Globally Harmonized System FUCHS per GHS Globally Harmonized System GHS Globally Harmonized System Lo sviluppo del Globally Harmonized System sulla classificazione ed etichettatura dei composti chimici, o GHS è stato intrapreso

Dettagli

Il Sistema Globale armonizzato (GHS) di Classificazione e Etichettatura

Il Sistema Globale armonizzato (GHS) di Classificazione e Etichettatura Paola Di Prospero Fanghella Istituto superiore per la Ricerca e la Protezione Ambientale Ministero del Lavoro, Salute e Politiche Sociali In collaborazione con: Ministero dell Ambiente e della Tutela del

Dettagli

Etichettatura delle sostanze chimiche e miscele

Etichettatura delle sostanze chimiche e miscele Etichettatura delle sostanze chimiche e miscele Il regolamento CLP introduce le modalità di Comunicazione dei pericoli per mezzo dell etichettatura che assieme alla Scheda di dati di sicurezza, così come

Dettagli

I metodi alternativi alla sperimentazione animale: stato dell'arte e sviluppi suggeriti dalla nuova Direttiva. Laura Gribaldo

I metodi alternativi alla sperimentazione animale: stato dell'arte e sviluppi suggeriti dalla nuova Direttiva. Laura Gribaldo I metodi alternativi alla sperimentazione animale: stato dell'arte e sviluppi suggeriti dalla nuova Direttiva Laura Gribaldo Institute for Health and Consumer Protection (IHCP) Ispra (Va), Italy Bologna

Dettagli

Regolamento cosmetici: ripercussioni sugli ingredienti

Regolamento cosmetici: ripercussioni sugli ingredienti Regolamento cosmetici: ripercussioni sugli ingredienti Giornata Mapic Milano, 3 maggio 2013 Paola Granata Federchimica Contenuti Background (tempistica, pilastri, novità) Impatti del nuovo Regolamento

Dettagli

Elementi dell etichetta del regolamento CLP

Elementi dell etichetta del regolamento CLP Elementi dell etichetta del regolamento CLP Il regolamento CLP (Classification, Labelling and Packaging of substances and mixtures) introduce nuovi simboli, indicazione e nuove regole di classificazione

Dettagli

Sicurezza dei prodotti cosmetici

Sicurezza dei prodotti cosmetici Sicurezza dei prodotti cosmetici Il ruolo dell Università - formazione e ricerca Università degli Studi di Torino Dipartimento di Scienza e Tecnologia del Farmaco 22 maggio 2014 Dott. ssa Elena Ugazio

Dettagli

Il Reach questo (s)conosciuto

Il Reach questo (s)conosciuto Il Reach questo (s)conosciuto Il regolamento CLP ed i rifiuti: i nuovi criteri di classificazione Udine 27 novembre 2015 Giovanni Cherubini Laboratorio Unico Regionale ARPA FVG Che cosa è il Regolamento

Dettagli

Workshop sui Cosmetici Il Cosmetic Product Safety Assessment

Workshop sui Cosmetici Il Cosmetic Product Safety Assessment Workshop sui Cosmetici Il Cosmetic Product Safety Assessment Focused Courses FIRENZE - Starhotel Michelangelo 13 Marzo 2014 www.pec-courses.org Perchè partecipare Il Nuovo Regolamento Europeo 1223/2009

Dettagli

Presentazione REACH & CLP

Presentazione REACH & CLP Presentazione REACH & CLP In breve Anno 2011 Azienda con sistema gestione qualità certificato UNI EN ISO 9001:2008 Nr 50 100 9099 REACH Il REACH Registration, Evaluation, Authorisation of Chemicals è il

Dettagli

Il dossier di registrazione, il CSR e la notifica della classificazione

Il dossier di registrazione, il CSR e la notifica della classificazione Il dossier di registrazione, il CSR e la notifica della classificazione Raffaella Butera Servizio di Tossicologia IRCCS Fondazione Maugeri e Università degli Studi di Pavia raffaella.butera@unipv.it Esperienza

Dettagli

UNIVERSITÀ DI BOLOGNA

UNIVERSITÀ DI BOLOGNA ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA LA VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA DEL PRODOTTO COSMETICO FINITO Andrea Tarozzi Dipartimento di Farmacologia - Facoltà di Farmacia Seminario PER FARE DELLA BELLEZZA

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto 1.2 Usi identificati pertinenti della sostanza o della miscela e usi sconsigliati

Dettagli

History. Mission. Storia. Mission

History. Mission. Storia. Mission Storia C.A.O. nasce dalla stretta collaborazione tra INT.E.G.RA. e il gruppo RES PHARMA sviluppatasi dall anno 2000. L esigenza di RES PHARMA di documentare: la sicurezza e l efficacia dei propri ingredienti

Dettagli

BPL E NBF NEL LABORATORIO DI SVILUPPO ANALITICO: DUE SISTEMI DI QUALITÀ O UN SISTEMA INTEGRATO? LA VALUTAZIONE DEL QUALITY ASSURANCE

BPL E NBF NEL LABORATORIO DI SVILUPPO ANALITICO: DUE SISTEMI DI QUALITÀ O UN SISTEMA INTEGRATO? LA VALUTAZIONE DEL QUALITY ASSURANCE BPL E NBF NEL LABORATORIO DI SVILUPPO ANALITICO: DUE SISTEMI DI QUALITÀ O UN SISTEMA INTEGRATO? LA VALUTAZIONE DEL QUALITY ASSURANCE Fernanda Motta, Emilia F. Corbascio Cell Therapeutics Europe S.r.l.,

Dettagli

EFFICACIA E SICUREZZA

EFFICACIA E SICUREZZA Resana, 19 Ottobre 2007 TEST PRESTAZIONALI DI EFFICACIA E SICUREZZA Valentina Nardo Laboratorio prestazionale COSMETICI 1 TEST PRESTAZIONALI TEST DI EFFICACIA TEST DI SICUREZZA 2 TEST DI EFFICACIA Per

Dettagli

Relazione sulla Sicurezza Chimica (CSR): panoramica su requisiti e strumenti

Relazione sulla Sicurezza Chimica (CSR): panoramica su requisiti e strumenti Relazione sulla Sicurezza Chimica (CSR): panoramica su requisiti e strumenti Raffaella Butera Servizio di Tossicologia IRCCS Fondazione Maugeri e Università degli Studi di Pavia raffaella.butera@unipv.it

Dettagli

SISTEMI ALTERNATIVI alla SPERIMENTAZIONE ANIMALE. Annalaura Stammati

SISTEMI ALTERNATIVI alla SPERIMENTAZIONE ANIMALE. Annalaura Stammati SISTEMI ALTERNATIVI alla SPERIMENTAZIONE ANIMALE Annalaura Stammati Dipartimento Ambiente e connessa Prevenzione Primaria, Istituto Superiore di Sanità, Roma Introduzione La direttiva europea 86/609 (Council

Dettagli

I prodotti fitosanitari Criteri e strumenti per la programmazione dei controlli Milano, 30 ottobre 2009

I prodotti fitosanitari Criteri e strumenti per la programmazione dei controlli Milano, 30 ottobre 2009 I prodotti fitosanitari Criteri e strumenti per la programmazione dei controlli Milano, 30 ottobre 2009 Evoluzione del quadro normativo delle sostanze chimiche: il Regolamento CLP sulla nuova classificazione,

Dettagli

Confronto dei criteri di classificazione tra regolamento CLP e ADR 2015

Confronto dei criteri di classificazione tra regolamento CLP e ADR 2015 Confronto dei criteri di classificazione tra regolamento CLP e ADR 2015 Milano, 25 Marzo 2015 ADR : Da Norma internazionale a norma nazionale Accordo Europeo relativo al trasporto internazionale di merci

Dettagli

Leggere attentamente l etichetta e la Scheda di 2Sicurezza (SDS)

Leggere attentamente l etichetta e la Scheda di 2Sicurezza (SDS) Leggere attentamente l etichetta e la Scheda di 2Sicurezza (SDS) Come si legge un etichetta L etichetta di un agrofarmaco deriva dalla valutazione di numerosi studi effettuati sul prodotto inerenti aspetti

Dettagli

Le sostanze chimiche i preparati pericolosi e i metodi di saggio

Le sostanze chimiche i preparati pericolosi e i metodi di saggio Paolo Izzo Paola Di Prospero Fanghella Le sostanze chimiche i preparati pericolosi e i metodi di saggio Palombi Editori Presentazione Questo libro presenta la serie completa dei metodi di saggio nella

Dettagli

Metodi alternativi in vitro: utilizzo della linea cellulare stabilizzata di pesce RTG-2 (Rainbow Trout Gonad)

Metodi alternativi in vitro: utilizzo della linea cellulare stabilizzata di pesce RTG-2 (Rainbow Trout Gonad) Workshop: Le attività di ricerca ISPRA nell ambito del Regolamento REACH ISPRA via Curtatone 3, Sala Fazzini, 13 dicembre 2010 Metodi alternativi in vitro: utilizzo della linea cellulare stabilizzata di

Dettagli

La Normativa attuale: aggiornamenti ed ambiti di intervento

La Normativa attuale: aggiornamenti ed ambiti di intervento La Normativa attuale: aggiornamenti ed ambiti di intervento 11 dicembre 2015 GERARDO CARICATO Responsabile Registrazioni SOMMARIO Panoramica sulle normative in vigore CLP: cosa è cambiato nelle nostre

Dettagli

Modelli in vitro per la predizione dei rischi da contaminazioni ambientali

Modelli in vitro per la predizione dei rischi da contaminazioni ambientali Modelli in vitro per la predizione dei rischi da contaminazioni ambientali Monica Vaccari Area Tossicologia Sperimentale CTR Cancerogenesi Ambientale e Valutazione del Rischio CONTAMINANTE AMBIENTALE STIMOLO

Dettagli

L evoluzione dei modelli di valutazione del rischio da agenti chimici pericolosi in ambito nazionale in conformità ai Regolamenti REACH e CLP.

L evoluzione dei modelli di valutazione del rischio da agenti chimici pericolosi in ambito nazionale in conformità ai Regolamenti REACH e CLP. COORDINAMENTO INTERREGIONALE DELLA PREVENZIONE IN SANITA L evoluzione dei modelli di valutazione del rischio da agenti chimici pericolosi in ambito nazionale in conformità ai Regolamenti REACH e CLP. Celsino

Dettagli

Limiti di concentrazione specifici

Limiti di concentrazione specifici QUESITO N 4 Una società produce una miscela con la seguente composizione: SOSTANZA % p/p Classificazione in accordo al CLP Classificazione in accordo alla DSD Sostanza 1 10 Irritante pelle C.2, H315 Xi,

Dettagli

CLASSIFICAZIONE SOSTANZE E PREPARATI PERICOLOSI CLP 1272/2008 GHS

CLASSIFICAZIONE SOSTANZE E PREPARATI PERICOLOSI CLP 1272/2008 GHS CLASSIFICAZIONE SOSTANZE E PREPARATI PERICOLOSI CLP 1272/2008 GHS REGOLAMENTO CLP Riguarda la CLASSIFICAZIONE. L ETICHETTATURA e L IMBALLAGGIO delle sostanze e delle miscele pericolose Il Regolamento 1272/2008

Dettagli

Fitofarmaci: valutazione del rischio tossicologico per la salute umana

Fitofarmaci: valutazione del rischio tossicologico per la salute umana I FITOFARMACI: I RISCHI PER L UOMO L E PER L AMBIENTEL Fitofarmaci: valutazione del rischio tossicologico per la salute umana Emma Di Consiglio Istituto Superiore di Sanità-Roma emma.diconsiglio@iss.it

Dettagli

Sino ad oggi occorreva basarsi sulle frasi di rischio R desumibili dalle SDS (Schede di sicurezza) a corredo delle sostanze pericolose.

Sino ad oggi occorreva basarsi sulle frasi di rischio R desumibili dalle SDS (Schede di sicurezza) a corredo delle sostanze pericolose. Franco CIOCE Esperto Qualificato di Radioprotezione - II grado n 1275 dell elenco nazionale Consulente ADR/RID/ADN Trasporto Merci pericolose Tecnico Competente in Acustica Ambientale Membership of Via

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/7 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto Denominazione commerciale: Molybdenum Standard: 10000 µg/ml Mo in 1% NH4OH

Dettagli

4/2013. La Fucoxantina negli Integratori. Attività di Ω-3 PUFA nella Sindrome di Rett. La rivista è online. Omega-3. Fucoxantina.

4/2013. La Fucoxantina negli Integratori. Attività di Ω-3 PUFA nella Sindrome di Rett. La rivista è online. Omega-3. Fucoxantina. L INTEGRATORE NUTRIZIONALE Poste Italiane SpA. Spedizione in abbonamento postale DL 353/2003 (conv. in L. 2702/2004 N 46) Art 1, comma 1 DCB Milano - ISSN 1127-6320 EURO 20.00 16 (4) 2013 Set/Dic La rivista

Dettagli

CONFERENZA NAZIONALE SUL REGOLAMENTO REACH Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali-settore salute

CONFERENZA NAZIONALE SUL REGOLAMENTO REACH Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali-settore salute CONFERENZA NAZIONALE SUL REGOLAMENTO REACH Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali-settore salute Il regolamento CLP n. 1272/2008 CE e la connessione con il REACH Paola Di Prospero

Dettagli

Il Regolamento sulla Classificazione, Etichettatura ed Imballaggio (CLP) delle sostanze e delle miscele: l impatto sull industria cosmetica.

Il Regolamento sulla Classificazione, Etichettatura ed Imballaggio (CLP) delle sostanze e delle miscele: l impatto sull industria cosmetica. Il Regolamento sulla Classificazione, Etichettatura ed Imballaggio (CLP) delle sostanze e delle miscele: l impatto sull industria cosmetica. Ilaria Malerba Servizio Sicurezza Prodotti Bologna, 16 Aprile

Dettagli

Etichettatura ed imballaggio delle miscele pericolose (prodotti fitosanitari) ai sensi di quanto previsto dal Regolamento CLP

Etichettatura ed imballaggio delle miscele pericolose (prodotti fitosanitari) ai sensi di quanto previsto dal Regolamento CLP Titolo intervento: Etichettatura ed imballaggio delle miscele pericolose (prodotti fitosanitari) ai sensi di quanto previsto dal Regolamento CLP Relatore: Dr. Celsino Govoni Il Regolamento C.L.P. (Classification,

Dettagli

Pericolo e rischio: Regolamento CE 1272/2008, etichetta, scheda di sicurezza e deposito. Legnago 20 maggio 2015

Pericolo e rischio: Regolamento CE 1272/2008, etichetta, scheda di sicurezza e deposito. Legnago 20 maggio 2015 Pericolo e rischio: Regolamento CE 1272/2008, etichetta, scheda di sicurezza e deposito Legnago 20 maggio 2015 Il Regolamento CLP Il Regolamento 1272/2008 (CLP - Classification, Labeling and Packaging)

Dettagli

15 Ottobre 2012 (I ediz.) 7 Novembre 2012 (II ediz.) 18 Marzo 2013 (III ediz.) Emanuela Andreini e Gaetano Garramone

15 Ottobre 2012 (I ediz.) 7 Novembre 2012 (II ediz.) 18 Marzo 2013 (III ediz.) Emanuela Andreini e Gaetano Garramone Corso I Regolamenti europei REACH e CLP: formazione per addetti ai lavori in materia di registrazione Schede dati di sicurezza ed etichette di pericolo La classificazione ed etichettatura delle sostanze

Dettagli

Le novità per il settore degli agrofarmaci

Le novità per il settore degli agrofarmaci Il Regolamento CE n. 1272/2008 (CLP) relativo alla classificazione, all'etichettatura e all'imballaggio delle sostanze e delle miscele. Le novità per il settore degli agrofarmaci Maria Grazia Camisa -

Dettagli

COMBI SAS IgG-IEF (1 Ab) (10x10) 05750753 viene fornito con i seguenti componenti:

COMBI SAS IgG-IEF (1 Ab) (10x10) 05750753 viene fornito con i seguenti componenti: COMBI SAS IgG-IEF (1 Ab) (10x10) 05750753 viene fornito con i seguenti componenti: Codice ID Cod. forn. Unità Q.tà Descrizione MSDS 05757522 102201 PZ 1 SAS-MX IGG-IEF GEL KIT 102201 STAINING DISHES 05750101

Dettagli

TABELLA DI COMPARAZIONE CRITERI CLASSIFICAZIONE RIFIUTI PERICOLOSI

TABELLA DI COMPARAZIONE CRITERI CLASSIFICAZIONE RIFIUTI PERICOLOSI TABELLA DI COMPARAZIONE CRITERI CLASSIFICAZIONE RIFIUTI SI DESCRIZIONE LIMITI CE DESCRIZIONE LIMITI CE 1 Esplosivo sostanze e preparati che possono esplodere per effetto della fiamma o che sono sensibili

Dettagli

Episol WALL C. SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA di: Episol WALL C

Episol WALL C. SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA di: Episol WALL C SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA di: Episol WALL C Data di revisione: venerdì 14 novembre 2014 1 SEZIONE 1: Elementi identificatori della sostanza o della miscela e della societàimpresa: 1.1 Identificatore

Dettagli

IL RISCHIO CHIMICO, CANCEROGENO, MUTAGENO

IL RISCHIO CHIMICO, CANCEROGENO, MUTAGENO Via Cassala 88 Brescia Tel. 030.47488 info@cbf.191.it Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 e successive modifiche e integrazioni IL RISCHIO CHIMICO, CANCEROGENO, MUTAGENO CHE COS E IL RISCHIO CHIMICO?

Dettagli

Scheda di Dati di Sicurezza ai sensi dei Regolamenti (CE) N. 1907/2006 e (UE) N. 453/2010

Scheda di Dati di Sicurezza ai sensi dei Regolamenti (CE) N. 1907/2006 e (UE) N. 453/2010 Pagina: 1/5 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa - 1.1 Identificatore del prodotto - - Codice scheda/revisione: Codice scheda 0199 - Revisione: 0-1.2 Usi pertinenti

Dettagli

FOTO SENSORE PER PROVE DI TOSSICITÀ.

FOTO SENSORE PER PROVE DI TOSSICITÀ. CHIMICA & Luigi Campanella, Cecilia Costanza Dipartimento di Chimica Università di Roma La Sapienza luigi.campanella@uniroma1.it cecilia.costanza@uniroma1.it FOTO SENSORE PER PROVE DI TOSSICITÀ. APPLICAZIONE:

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza

Scheda di dati di sicurezza Pagina 1 di 5 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto 1.2. Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

alla prova del reach Tema: REACH Autore: Costanza Rovida

alla prova del reach Tema: REACH Autore: Costanza Rovida I metodi sostitutivi alla prova del reach Il legislatore gira la testa dall altra parte, e così i test sostitutivi non vengono utilizzati neppure quando esistono: per pigrizia, ignoranza, disattenzione,

Dettagli

SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 KNAUF STUCCO IN PASTA PER MURO/LEGNO

SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 KNAUF STUCCO IN PASTA PER MURO/LEGNO SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Revisione: 30.11.2012 Versione n 00 Versione sostituita: n -- 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/7 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto Articolo numero: 80006640, 4206526, 4206502 1.2 Usi pertinenti identificati

Dettagli

Le novità per il settore degli agrofarmaci

Le novità per il settore degli agrofarmaci Il Regolamento CE n. 1272/2008 (CLP) relativo alla classificazione, all'etichettatura e all'imballaggio delle sostanze e delle miscele. Le novità per il settore degli agrofarmaci - Agrofarma - Il Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO COSMETICO E PROFUMI Dr. Giulio Pirotta neogiul@tin.it

REGOLAMENTO COSMETICO E PROFUMI Dr. Giulio Pirotta neogiul@tin.it REGOLAMENTO COSMETICO E PROFUMI Dr. Giulio Pirotta neogiul@tin.it LEGISLAZIONI DI RIFERIMENTO Regolamento 1223/2009/CE Cosmetici Regolamento 1907/2006/CE REACH Regolamento 1272/2008/CE CLP Regolamento

Dettagli

Verona, 23 maggio 2012

Verona, 23 maggio 2012 Verona, 23 maggio 2012 Test sperimentali per la valutazione di end-point specifici ai fini della classificazione di pericolosità di prodotti di consumo (es. cosmetici, detergenti, biocidi) e rifiuti Federica

Dettagli

ClO2 Tristel. Informazioni per la Salute e la Sicurezza. Health & Safety ed. 2014 1

ClO2 Tristel. Informazioni per la Salute e la Sicurezza. Health & Safety ed. 2014 1 ClO2 Tristel Informazioni per la Salute e la Sicurezza Health & Safety ed. 2014 1 Introduzione Il ClO2 è un gas molto solubile in acqua, 10 volte più del cloro, composto da un atomo di cloro e due di ossigeno.

Dettagli

APPLICABILE DAL 1 GIUGNO 2015

APPLICABILE DAL 1 GIUGNO 2015 CLASSIFICAZIONE E CARATTERISTICHE DEI RIFIUTI A PARTIRE DAL 1 GIUGNO 2015 Guida alla classificazione dei rifiuti Se un rifiuto è classificato con codice CER pericoloso assoluto, esso è pericoloso senza

Dettagli

Adempimenti per gli utilizzatori di sostanze (Downstream users) Schede di sicurezza (SDS) Recupero sostanze UTILIZZATORE (DU)

Adempimenti per gli utilizzatori di sostanze (Downstream users) Schede di sicurezza (SDS) Recupero sostanze UTILIZZATORE (DU) REACH Adempimenti per gli utilizzatori di sostanze (Downstream users) Schede di sicurezza (SDS) Recupero sostanze Frosinone- 8 Maggio 2008 Dr Roberto Monguzzi 1 UTILIZZATORE (DU) Chi sono i DOWNSTREAM

Dettagli

Verifica del rispetto dei requisiti essenziali Marcatura CE dei prodotti

Verifica del rispetto dei requisiti essenziali Marcatura CE dei prodotti SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO SUI DISPOSITIVI MEDICI 24 FEBBRAIO 2011 MILANO AFI e SSFA Barbara Paiola AFI Milano Classificazione del dispositivo Verifica del rispetto dei requisiti essenziali Marcatura CE

Dettagli

TEST PREDITTIVO di IPOALLERGENICITÁ mediante PATCH TEST APERTO a 72 ORE

TEST PREDITTIVO di IPOALLERGENICITÁ mediante PATCH TEST APERTO a 72 ORE Rapporto di prova 130/15/01 Pag. 1/12 Milano, 22 giugno 2015 TEST PREDITTIVO di IPOALLERGENICITÁ mediante PATCH TEST APERTO a 72 ORE METODO: Ref. T25C COMMITTENTE: ANDREA GALLO di LUIGI srl Via Erzelli,

Dettagli

Agenti chimici: il regolamento CLP

Agenti chimici: il regolamento CLP Informazioni sulla tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori Gennaio 2013 Pillole di sicurezza A cura del RSPP e dell Unità Organizzativa a Supporto del Servizio di Prevenzione e Protezione

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza

Scheda di dati di sicurezza Data di stampa: 06.10.2014 Pagina 1 di 7 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto N. del materiale: 42,0411,8021 42,0411,8022 1.2.

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA PRODOTTO CHIMICO PER USO INDUSTRIALE ACIDO SUCCINICO

SCHEDA DI SICUREZZA PRODOTTO CHIMICO PER USO INDUSTRIALE ACIDO SUCCINICO Versione 4 Data revisione 01.09.2010 SCHEDA DI SICUREZZA PRODOTTO CHIMICO PER USO INDUSTRIALE Conforme al Regolamento CE n. 1907/2006 ACIDO SUCCINICO 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA E DELLA SOCIETÀ NOME

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 / ISO 11014

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 / ISO 11014 Pagina: 1/5 * SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto Denominazione commerciale: Hilti Firestop Mortar CFS-M RG CP 636 1.2 Usi

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza

Scheda di dati di sicurezza Pagina: 1/5 * SEZONE 1: dentificazione della sostanza o della miscela e della società/ impresa 1.1 dentificatore del prodotto 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/7 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto Articolo numero: 5145C 1.2 Usi identificati pertinenti della sostanza o della

Dettagli

L allegato alla scheda dati di sicurezza e gli scenari espositivi per le sostanze registrate

L allegato alla scheda dati di sicurezza e gli scenari espositivi per le sostanze registrate Safety Day Symposium 2011 Milano, 9 novembre 2011 L allegato alla scheda dati di sicurezza e gli scenari espositivi per le sostanze registrate Raffaella Butera Servizio di Tossicologia IRCCS Fondazione

Dettagli

ETICHETTATURA DELLE SOSTANZE PERICOLOSE F A B I O G R A N D A C C I R S P P

ETICHETTATURA DELLE SOSTANZE PERICOLOSE F A B I O G R A N D A C C I R S P P ETICHETTATURA DELLE SOSTANZE PERICOLOSE CON NOZIONI DI TECNICA DELLA COMUNICAZIONE F A B I O G R A N D A C C I R S P P I primi modi di comunicare che conosciamo sono stati i seguenti: Tracciare segni sul

Dettagli

Il Regolamento CLP e la nuova Scheda di Sicurezza

Il Regolamento CLP e la nuova Scheda di Sicurezza U.O.Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Il Regolamento CLP e la nuova Scheda di Sicurezza Piacenza 01/06/2011 A cura di Anna Bosi IL REGOLAMENTO N. 1272/2008 (CLP) Il Regolamento Europeo per la Classification

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA MATERIALE Conforme al Regolamento Europeo N 453/2010 Uso dentale

SCHEDA DI SICUREZZA MATERIALE Conforme al Regolamento Europeo N 453/2010 Uso dentale 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA 1.1 Identificazione del prodotto Codice Prodotto: Denominazione Prodotto: Descrizione prodotto: FF/39025, FG/39029, FH/39013, FI/39019,

Dettagli

SCHEDA DATI DI SICUREZZA

SCHEDA DATI DI SICUREZZA secondo la Direttiva (EU) No. 1907/2006 Pagina: 1 Data di compilazione: 04.07.2011 Revisione: 15.03.2013 N revisione: 4 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa

Dettagli

CORSO REGIONALE COSMETICI Regolamento CE 1223/09

CORSO REGIONALE COSMETICI Regolamento CE 1223/09 CORSO REGIONALE COSMETICI Regolamento CE 1223/09 L attività del controllo analitico: il laboratorio regionale Bologna, 7 maggio 2013 Giorgio Fedrizzi giorgio.fedrizzi@izsler.it Reparto Chimico degli Alimenti

Dettagli

: VIAKAL Fresco Profumo - SPRAY

: VIAKAL Fresco Profumo - SPRAY Data di pubblicazione: 19/12/2013 Data di revisione: Versione: 1.0 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Tipo di prodotto chimico

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/7 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto Articolo numero: 5190-8591 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o

Dettagli

Certificazione BPL della tecnica qrt- PCR applicata all espressione genica della CD54 e CD86 su cellule THP-1. Marisa Meloni e Barbara De Servi

Certificazione BPL della tecnica qrt- PCR applicata all espressione genica della CD54 e CD86 su cellule THP-1. Marisa Meloni e Barbara De Servi Certificazione BPL della tecnica qrt- PCR applicata all espressione genica della CD54 e CD86 su cellule THP-1 Marisa Meloni e Barbara De Servi INDICE La tossicologia in vitro e la BPL La tossico-genomica

Dettagli

Paola Castellano. Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione Generale delle Relazioni Industriali e dei Rapporti di Lavoro

Paola Castellano. Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione Generale delle Relazioni Industriali e dei Rapporti di Lavoro Paola Castellano Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione Generale delle Relazioni Industriali e dei Rapporti di Lavoro 1 L impatto sulla legislazione a valle: prime indicazioni esplicative

Dettagli

Esempi di buone pratiche ai fini della prevenzione degli incidenti rilevanti nella gestione dei rifiuti pericolosi

Esempi di buone pratiche ai fini della prevenzione degli incidenti rilevanti nella gestione dei rifiuti pericolosi Esempi di buone pratiche ai fini della prevenzione degli incidenti rilevanti nella gestione dei rifiuti pericolosi Alessandra Pellegrini Direzione Centrale Tecnico Scientifica «Il rischio di incidente

Dettagli

CLP: le nuove regole per la classificazione, l etichettatura e l imballaggio dei prodotti chimici. Dott. chimico Giuliano Marchetto

CLP: le nuove regole per la classificazione, l etichettatura e l imballaggio dei prodotti chimici. Dott. chimico Giuliano Marchetto CLP: le nuove regole per la classificazione, l etichettatura e l imballaggio dei prodotti chimici Dott. chimico Giuliano Marchetto REGOLAMENTO CLP Perché il ( CLP ) GHS Sostanza X: tossicità acuta orale

Dettagli

SCHEDA DATI DI SICUREZZA

SCHEDA DATI DI SICUREZZA Pagina: 1 Data di compilazione: 19/11/2014 N revisione: A1 Sezione 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Nome del prodotto: 1.2. Usi

Dettagli

SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA secondo il Regolamento (CE) Num. 1907/2006 Versione 5.1 Data di revisione Data di stampa

SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA secondo il Regolamento (CE) Num. 1907/2006 Versione 5.1 Data di revisione Data di stampa SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA secondo il Regolamento (CE) Num. 1907/2006 Versione 5.1 Data di revisione Data di stampa 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA O DELLA MISCELA E DELLA SOCIETÀ / IMPRESA 1.1 Identificatori

Dettagli