un epidemia silente con immensi costi umani, sociali ed economici Laoura Lazouras, a nome del Gruppo dei 77, Nazioni Unite, 2006

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "un epidemia silente con immensi costi umani, sociali ed economici Laoura Lazouras, a nome del Gruppo dei 77, Nazioni Unite, 2006"

Transcript

1

2 Considerando la diffusione che il diabete sta avendo anche nei Paesi in via di sviluppo, si può prevedere che tra 5 anni non ci saranno più risorse sufficienti al mondo per poter contenere questo grave fenomeno. Senatore Antonio Tomassini, Presidente della XII Commissione Igiene e Sanità della Repubblica, Italian Changing Diabetes Barometer Forum, Aprile 2008 un epidemia silente con immensi costi umani, sociali ed economici Laoura Lazouras, a nome del Gruppo dei 77, Nazioni Unite, 2006 una grave malattia che rappresenta un grande fardello per tutta l Unione Europea Parlamento Europeo, milioni di persone nel mondo sono affette da diabete raggiungeranno i 380 milioni entro il 2025 International Diabetes Federation, 2006 Tre quarti delle persone con diabete sono affetti da diabete di tipo 2; in due terzi dei casi si sarebbe potuto prevenire la malattia La verità è che adesso tutti noi stiamo pagando un prezzo collettivo per la mancata assunzione di una responsabilità condivisa Primo Ministro della Gran Bretagna Tony Blair, 2006 Se non facciamo qualcosa, non saremo perdonati da chi vivrà una vita più breve e più povera di quanto non si meritasse Presidente degli Stati Uniti d America Bill Clinton, 2007

3 Diabete: problema globale, problema nazionale Cosa può fare l Italia? Ogni anno viene diagnosticato il diabete a mila persone in Italia Ogni anno mila persone in Italia soffrono di attacchi di cuore a causa del diabete Ogni anno oltre 20 mila persone in Italia sono colpite da insufficienza renale a causa del diabete 5-6 mila persone in Italia subiranno l amputazione degli arti a causa delle complicanze del diabete Quasi un milione di persone in Italia ha il diabete ma non sa di averlo, e quindi attualmente non riceve alcun trattamento Possiamo cambiare il diabete Possiamo prevenire il diabete nella maggior parte delle persone Possiamo controllare il diabete in coloro cui è stato diagnosticato Possiamo prevenire molta della sofferenza associata al diabete Possiamo aiutare le persone con diabete a vivere a lungo e in salute Ma dobbiamo agire adesso Questo documento fornisce informazioni chiave per impegnarsi in uno dei principali dibattiti sanitari del XXI secolo. Elaborato da Novo Nordisk e dal Dr. Antonio Nicolucci - Capo Dipartimento di Farmacologia Clinica e Epidemiologia, Consorzio. Mario Negri Sud, S. Maria Imbaro (Chieti)

4

5 La sfida di una pandemia nel 2007, 246 milioni di persone nel mondo avevano il diabete, pari al 6% della popolazione di età compresa tra i 20 e i 79 anni. Le stime ci dicono che questa cifra raggiungerà i 380 milioni entro il 2025

6 La crescita del diabete e le sue cause Il diabete sta aumentando in modo così drammatico che presto i sistemi sanitari avranno difficoltà a farvi fronte. L incremento, in tutto il mondo, dell obesità in età infantile sta al diabete e alla cronicizzazione della malattia come lo scioglimento dei ghiacciai sta al cambiamento climatico: è un segnale di avvertimento dei tempi a venire. Il diabete sta aumentando in tutto il mondo ad una velocità allarmante.il numero delle persone cui viene diagnosticato il diabete è in aumento. Con l allungamento dell aspettativa di vita, stiamo assistendo ad un rapido incremento della prevalenza. La International Diabetes Federation (IDF) stima che 246 milioni di persone nel mondo, pari al 6% della popolazione di età compresa tra i 20 e i 79 anni, avevano il diabete nel Secondo le stime, entro il 2025 questa cifra toccherà i 380 milioni, ovvero il 7,3% della popolazione adulta mondiale. Nel frattempo, ad un ampia percentuale di persone affette, il diabete non è diagnosticato o è diagnosticato troppo tardi per poter gestire la malattia in modo da evitare le costose complicanze ad essa associate. Questo rapido incremento è alimentato dall invecchiamento della popolazione e dalla sempre maggiore diffusione di stili di vita non salutari, caratterizzati da cattiva alimentazione e diminuzione dell attività fisica. Dall adozione di stili di vita non salutari deriva l incremento dell obesità (definita come indice di massa corporea IMC superiore a 30) che a sua volta aumenta significativamente il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2. Nonostante i continui sforzi in questo senso, non esiste una cura definitiva per il diabete. Tuttavia è possibile gestire il fardello della malattia in maniera efficace e ridurre i fattori di rischio. Affrontare la sfida posta dal diabete di certo non è semplice, ma l impegno da parte di un ampio spettro di soggetti e la diffusione di informazioni chiare che illuminino il cammino lo rendono possibile. Senza informazioni o azioni, saremo come sonnambuli diretti verso una pandemia che è possibile prevenire. Indice di massa corporea e rischio di diabete di tipo 2 Rischio relativo < >35 Indice di massa corporea Fonte: Hu, F.B et al

7 La crescita del diabete in Italia Prevalenza del diabete L obesità in Italia Sottopeso Normopeso Sovrappeso Obesi Diagnosticato Non diagnosticato Prevalenza in Italia del diabete diagnosticato, non diagnosticato e totale Diagnosticato Non diagnosticato In Italia, oltre 3,5 milioni di persone, pari al 6% della popolazione, soffre di diabete, ma la malattia è stata diagnosticata solo nel 4,5% dei casi, pari a circa 2,6 milioni. Questo significa che quasi un milione di persone ha il diabete ma non è sottoposto ad alcun trattamento. Si stima che entro il 2010 in Italia ci saranno più di 4,5 milioni di persone con il diabete. In Italia, il 34,2% degli adulti è soprappeso e il 9,8% è obeso. Si stima che ci siano oltre 4,7 milioni di obesi e il loro numero è cresciuto del 9% in soli 5 anni.

8

9 L impatto del diabete le persone con diabete necessitano di trattamenti medici per tutta la vita e presentano un rischio significativamente maggiore di soffrire di gravi complicanze, che comprendono attacco cardiaco, ictus, insufficienza renale, cecità e ulcere che portano all amputazione degli arti inferiori

10 Cos è il diabete? Il diabete è una malattia cronica e invalidante che necessita di trattamenti per l intero corso della vita e predispone a numerose gravi e costose complicanze. Il diabete è una malattia cronica che colpisce i meccanismi mediante cui il corpo trasforma il glucosio assunto con cibi dolci o amidacei. Esiste in due forme principali chiamate diabete di tipo 1 e diabete di tipo 2. A prescindere dal tipo, le persone affette necessitano di trattamenti medici per tutta la vita e presentano un rischio significativamente maggiore di soffrire di gravi complicanze che comprendono attacco cardiaco, ictus, insufficienza renale, cecità e ulcere che portano all amputazione degli arti inferiori. Nel diabete di tipo 1, il pancreas non è in grado di produrre insulina (l ormone che rende il glucosio utilizzabile dalle cellule del corpo per liberare energia). Il diabete di tipo 1 è trattato mediante iniezioni di insulina e l attento bilanciamento di alimentazione (che fornisce il glucosio) e attività fisica (che lo consuma). Un eccessiva diminuzione del livello di glucosio nel sangue può portare alla perdita di conoscenza. D altra parte, se il livello di glucosio rimane troppo elevato, il corpo utilizza come fonte di energia le riserve di tessuto adiposo anziché il glucosio. La conseguenza è il rilascio di acidi e chetoni tossici che possono portare al coma e al decesso. Nel diabete di tipo 2, il pancreas produce una limitata quantità di insulina, e l insulina prodotta non funziona correttamente. Il diabete di tipo 2 può essere controllato, inizialmente, mediante sana alimentazione, perdita di peso corporeo e aumento dell attività fisica. Tuttavia, la maggior parte delle persone affette da diabete di tipo 2 necessitano di una terapia con compresse che stimolano la produzione di insulina, migliorano l utilizzo dell insulina disponibile, o rallentano il tasso di assorbimento del glucosio da parte dell apparato digerente. Può anche verificarsi (e di frequente questo eventualmente accade) che le persone con diabete di tipo 2 necessitino di una terapia insulinica. Perché non se ne sente parlare di più? Nonostante la prevalenza in rapida crescita e l escalation dei costi per il trattamento di questa malattia, il diabete non riceve l attenzione urgente che meriterebbe. La malattia è ancora gravemente trascurata nelle segnalazioni, in parte perché molte persone con diabete di tipo 2 non sono consapevoli di esserne affette e quindi non cercano aiuto per quelli che percepiscono come sintomi di scarsa rilevanza fino a quando non ne abbiano sofferto per anni. Inoltre, il diabete spesso non è registrato come causa del decesso laddove la causa principale di morte potrebbe essere una delle complicanze tipiche del diabete, quali attacco cardiaco, ictus o insufficienza renale. Cosa comporta il diabete dal punto di vista individuale? Quando a una persona viene diagnosticato il diabete, la malattia diventa necessariamente parte della sua vita. Poiché ad oggi non esiste una cura definitiva, la persona con diabete deve gestire quotidianamente l equilibrio tra alimentazione, farmaci e attività fisica. Ciò comporta molti problemi e porta spesso a depressione. Ecco perché è importante che le persone con diabete abbiano accesso a informazioni esaurienti ed accurate, all acquisizione delle competenze pratiche di cui necessitano, e a un adeguato supporto psicosociale che le aiuti a conquistare controllo e sicurezza.

11 Diabete Malattia cronica nella quale il livello di glucosio nel sangue è troppo elevato perché la produzione di insulina è assente o insufficiente. Sintomi Stanchezza, perdita di peso, aumento della sete, aumento della minzione, offuscamento della vista. Complicanze Dall elevato livello di glucosio nel sangue possono derivare gravi complicanze, alcune delle quali sono illustrate qui. Tuttavia, nella maggior parte dei casi, è possibile prevenire e ritardare tali complicanze grazie a una diagnosi precoce e un trattamento efficace. Cecità Rischio: Una delle principali cause di cecità in età adulta. Il diabete è una causa preminente di cecità. Trattamento efficace: Riduce il grave deterioramento di più di un terzo. Ictus Rischio: Fino 4 volte più probabile. Trattamento efficace: Riduce l ictus di più di un terzo. Attacco cardiaco Rischio: Aumentato del 300%, mentre la cardiopatia è fino a 4 volte più probabile. Trattamento efficace: Porta ad una riduzione dell insufficienza cardiaca di oltre il 50%. Insufficienza renale totale Rischio: 3 volte più probabile che nella popolazione normale. Un trattamento efficace è in grado di ridurre le costose complicanze del diabete fino al 50% Trattamento efficace: Riduce le cause di insufficienza renale di più di un terzo. Amputazione Rischio: Causa principale di amputazioni degli arti inferiori non a seguito di eventi traumatici. Trattamento efficace: Riduce il numero di amputazioni mentre un efficace educazione riduce il numero di ulcere ai piedi.

12 L impatto del diabete in Italia Ogni anno mila persone sono colpite da attacco cardiaco a causa del diabete Circa 18 mila persone sono colpite da ictus a causa del diabete Oltre 20 mila persone soffrono di insufficienza renale a causa del diabete 5-6 mila persone subiscono l amputazione degli arti inferiori a causa del diabete persone in un anno sono morte in Italia a causa del diabete. (Annuario ISTAT 2002) Il nostro obiettivo è che le persone con diabete mantengano il loro livello di glucosio nel sangue (HbA1c) al di sotto del 7%. Si stima che il 48% delle persone trattate presso i servizi di diabetologia raggiunga tale obiettivo. (Annali AMD 2008)

13

14

15 I costi del diabete Si stima che la cura e le strategie di prevenzione del diabete siano costate, nel 2007, 232 miliardi di dollari nel mondo, una cifra destinata a raggiungere i 302,5 miliardi di dollari entro il 2025 Il diabete comporta anche costi indiretti, per l economia e per i singoli, di gran lunga superiori ai costi delle cure mediche

16 Costi diretti ed indiretti del diabete Oltre all enorme fardello di sofferenza per coloro che ne sono colpiti, il diabete rappresenta, per pazienti, famiglie e l economia in generale, un enorme fardello economico. Vi sono evidenze che dimostrano che la diagnosi precoce del diabete e l erogazione di una cura appropriata riducono realmente i costi per il servizio sanitario diminuendo la probabilità o ritardando lo sviluppo di costose complicanze. I costi del diabete pesano notevolmente sia sui singoli sia sull economia generale, e sono in aumento. Il diabete impone un fardello sempre più pesante su entrambi, a causa dei costi diretti per l erogazione di cure mediche nonché dei costi indiretti sulla società per la perdita di produttività e per l assistenza sociale, oltre alle perdite finanziarie a carico dei singoli. In molti Paesi, la spesa sanitaria è aumentata più velocemente di quanto il PIL pro capite sia cresciuto, ed assorbe una fetta sempre maggiore del budget di governi, datori di lavoro e singoli. Si stima che le cure e le strategie di prevenzione del diabete nel 2007 siano costate 232 miliardi di dollari, una cifra destinata a raggiungere i 302,5 miliardi entro il A causa della crescita della prevalenza delle malattie non trasmissibili rispetto a quelle infettive, le crescente pressione sulla spesa sanitaria statale potrebbe causare una concorrenza critica per le risorse finanziarie all interno dei budget sanitari e tra i diversi servizi pubblici. Nei Paesi industrializzati, fino a tre quarti della spesa per le cure del diabete è assorbita dal trattamento delle complicanze mediche (quali ictus e insufficienza renale) negli ospedali. Nel mondo in via di sviluppo, invece, la valutazione dei costi è distorta dal fatto che molte persone non si possono permettere trattamenti e cure e di conseguenza non ne usufruiscono, e dal fatto che una parte molto consistente delle attività economiche si svolge mediante baratto o transazioni commerciali non documentate. Impedendo alle persone con diabete e a chi si prende cura di loro di svolgere un attività lavorativa, la malattia colpisce il cuore della capacità di guadagnarsi da vivere degli individui. Il diabete comporta anche costi indiretti a carico dell economia e del singolo, costi che possono superare di gran lunga quelli per le cure mediche. Anche quando le persone con diabete sono in grado di lavorare, la malattia può incidere sulla loro capacità di farlo al pieno delle proprie possibilità. Per esempio, devono assentarsi dal lavoro per malattia o per sottoporsi a trattamenti ospedalieri, e in seguito incorrono in pensionamento precoce per invalidità e morte prematura. Queste persone la loro esperienza e le loro competenze acquisite sono una perdita per la forza lavoro. Il costo del diabete in termini di produttività nazionale è grande, ed è proporzionalmente maggiore nelle economie meno sviluppate. A livello personale, chi ha il diabete, se deve abbandonare il lavoro, subisce perdite di reddito. Anche i famigliari che eventualmente se ne prendono cura perdono reddito. Gran parte dei Paesi industrializzati dispongono di sistemi di assistenza medica e/o servizi sanitari statali. Di conseguenza, alla sofferenza fisica causata dal diabete non si aggiunge la pressione finanziaria. Tuttavia, in molti Paesi in via di sviluppo, le persone con diabete sono tenute a sostenere personalmente i costi per le proprie cure mediche. Ad esempio, per coprire questi costi è necessario fino al 25% del reddito familiare in India, mentre il 30% delle famiglie povere in Cina attribuisce la propria condizione ai costi sanitari. Persino negli U.S.A. ben 3 milioni di persone con diabete potrebbero trovarsi con una copertura insufficiente a garantire loro una assistenza sanitaria ragionevole, o con assistenza nulla. Ridurre i costi è possibile Recentemente, numerose prove hanno dimostrato che un trattamento potenziato, essendo in grado di ritardare l insorgenza di complicanze, migliora le prospettive a lungo termine della persona con diabete. Un trattamento più efficace nelle fasi iniziali aumenta marginalmente i costi in partenza, ma li riduce nel lungo termine poiché ritarda o previene la necessità di ricorrere ai trattamenti ospedalieri necessari a curare un ampia gamma di complicanze. Si è inoltre dimostrato che un trattamento intensivo con diversi farmaci antidiabetici riduce la mortalità associata al diabete del 50% nel corso di 13 anni, e porta ad un risparmio economico dopo appena 4 anni.

17 Accertamenti precoci e migliori trattamenti allungano e migliorano la vita Età alla diagnosi Complicanze minori Complicanze minori Complicanze maggiori Riferimento (HbA1c = 9.1%) Complicanze minori Complicanze maggiori Trattamento migliore (HbA1c = 7.0%) %* 25-60%* Accertamento precoce & trattamento migliore %* 25-65%* * Riduzione media del rischio Fonte: CORE/IMS basato su una coorte UKPDS con prima diagnosi all età di 52 Nota: Accertamento precoce & trattamento simulati su una popolazione di pazienti privi di complicanze al momento della diagnosi. Migliore trattamento simulato su una popolazione di pazienti trattati con HbA 1c a target pari a 7,0.

18 I modelli di simulazione computerizzata possono gettare ulteriore luce sulla questione permettendoci di comprendere più approfonditamente come sia possibile influenzare al meglio le decisioni relative al trattamento. Una delle simulazioni prende come punto di partenza l UKPDS (UK Prospective Diabetes Study 1998) che ha mostrato l esistenza di un rapporto significativo tra miglior controllo della glicemia e ridotto o ritardato sviluppo di complicanze legate al diabete. La simulazione ha impiegato dati provenienti da pazienti inglesi e il modello CORE (CDM), un modello ampiamente validato di economia sanitaria sviluppato per predire i risultati in pazienti con diabete di tipo 1 o di tipo 2. È stato possibile effettuare calcoli sul miglioramento del decorso del diabete grazie all erogazione di cure efficaci. La simulazione mette a confronto due casi ipotetici rappresentati da due uomini, John e Peter, cui il diabete è stato diagnosticato all età di 52 anni. John, cui la malattia è stata diagnosticata quasi per caso in occasione di un altra indagine medica, al momento della diagnosi presentava già dei sintomi. Il trattamento del suo diabete è gestito mediante visite occasionali al dottore e la sua HbA1c (la misura della glicemia durante un periodo di alcune settimane) è di 9,0%. Sulla base delle evidenze esistenti su cosa accade generalmente alle persone con diabete, ci si può aspettare che John cominci a soffrire di complicanze dopo 8-10 anni (a anni), mentre la sua aspettativa di vita dal momento della diagnosi è di 16 anni (68 anni d età). D altra parte, il diabete di Peter è stato diagnosticato prima che si manifestassero sintomi, in occasione di un controllo di routine presso il medico di base. Nel suo caso, trattamento e monitoraggio si svolgono mediante regolari consulti trimestrali e la sua HbA1c è di 7,0%. Sebbene abbia ricevuto la sua diagnosi alla stessa età di John, Peter può sperare in 13 anni di buona qualità della vita prima di soffrire di complicanze (a anni) e la sua aspettativa di vita è di 19 anni (fino a anni d età). Questi casi non sono poco comuni. Di tutte le persone con diabete, circa un terzo vive un esperienza simile a % quella di John, un terzo a quella di Peter, e le rimanenti una via di mezzo tra i due. Per Peter, il rischio di complicanze è fino a 70% inferiore e in una fase più avanzata perché l accertamento precoce e un migliore trattamento della malattia portano ad una vita migliore e più lunga. Il nostro obiettivo deve essere far sì che un numero maggiore di persone con diabete in tutto il mondo possano godere di questo livello di assistenza. L investimento iniziale fa risparmiare denaro in futuro Oltre agli effetti sui singoli colpiti dal diabete, i costi per il trattamento sono un reale problema per chi eroga i servizi sanitari. Monitoraggi e trattamenti più efficaci, come quelli ricevuti da Peter, presentano un costo iniziale maggiore, ma permettono un migliore controllo. Poiché la maggior parte dei costi generati dal diabete è rappresentata dal trattamento delle complicanze, in realtà i costi complessivi di Peter saranno inferiori. Accertamento precoce e trattamento migliore riducono i costi sanitari totali Costi delle cure per l intero corso della vita 0 John Costi delle complicanze Costo di gestione Riferimento (HbA 1c =9.1) Peter Accertamento precoce & trattamento migliore (HbA 1c =7.0) Attuazione di terapia farmacologica antidiabetica Terapia farmacologica antidiabetica Nota: Accertamento precoce & trattamento simulati su una popolazione di pazienti privi di complicanze al momento della diagnosi. Migliore trattamento simulato su una popolazione di pazienti trattati con HbA1c a target pari a 7,0. Fonte: CORE/IMS basato su una coorte UKPDS con prima diagnosi all età di 52

19 Un trattamento potenziato come quello offerto a Peter sarà leggermente più costoso all inizio per via dei farmaci e della loro somministrazione. Tuttavia, mantenendosi in salute più a lungo, egli non sarà afflitto dalle complicanze del diabete così presto o, comunque, non con il grado di gravità prevedibile in caso di trattamento meno efficace. Serve tempo affinché gli effetti del cambiamento diventino visibili, tuttavia, applicando lo scenario del trattamento potenziato alla popolazione nel suo complesso, si raggiunge un punto di equilibrio dopo circa 6-8 anni. In seguito, l efficace gestione del diabete porta ad una riduzione complessiva dei costi assistenziali. Di conseguenza, l investimento nella buona gestione del diabete si fonda su una solida base economica. In altre parole, un trattamento precoce e migliore riduce i costi. Redditività dell investimento nel trattamento potenziato (simulazione situazione GB mio mio mio mio mio mio 0 1 anno dopo il cambiamento 10 anno dopo il cambiamento 20 anno dopo il cambiamento Trattamento di riferimento Trattamento potenziato Fonte: IMS Health: Medical Ambition II - Supplemento: Estensione a pazienti con nuova diagnosi, Basilea, Svizzera, 2007

20 I costi del diabete Spesa sanitaria per malattia Spesa diretta per la cura del diabete 100 Totale 75 Cancro 50 55% Malattie cardiache Diabete % 18% 20% Ricoveri ospedalieri Assistenza in day-hospital Farmaci antidiabetici (antidiabetici orali + insulina) Altri farmaci Il diabete costa 5 miliardi di euro l anno, ma la maggior parte della spesa è rappresentata dal trattamento delle complicanze della malattia, molte delle quali possono essere prevenute. Il diabete costa ulteriori 235 milioni di euro l anno in termini di impatto sui singoli e sull economia generale a causa della perdita di produttività Secondo le stime, il costo totale del trattamento del diabete aumenterà del 50% nei prossimi anni (stime riferite agli U.S.A.)

21

22

23 Cosa si può fare? Interventi adeguati permettono di arrestare il rapido aumento dei casi di diabete di tipo 2 e aiutare le persone con diabete a convivere con la malattia, anziché soffrirne

24 La prevenzione funziona È possibile prevenire fino al 90% dei casi di diabete di tipo 2 e quindi prevenire molta della sofferenza associata alle complicanze del diabete. Evidenze decisive mostrano che le misure di prevenzione hanno effetti positivi lungo tutto il viaggio nel diabete di tipo 2. Gli interventi necessari sono numerosi. Fermare il diabete La prevenzione primaria consiste nell incoraggiare l adozione di uno stile di vita salutare, che comprenda un alimentazione bilanciata e di buona qualità e una moderata attività fisica, tali da minimizzare il rischio di sviluppare il diabete e da evitare la diagnosi di diabete di tipo 2. Si tratta di combattere l obesità contrastando gli stili di vita occidentali sedentari. Fermare le costose complicanze del diabete La prevenzione secondaria consiste nell individuare il prima possibile le persone con diabete, fornendo loro un educazione su stili di vita salutari, nonché un migliore supporto terapeutico al fine di prevenire lo sviluppo delle complicanze. Necessita di un serrato monitoraggio dei progressi e in particolare degli indicatori chiave dell insorgenza delle complicanze, come ad esempio lo screening per la retinopatia. Stili di vita Età alla diagnosi Complicanze minori Complicanze maggiori PPOPOLAZIONE Fattori di rischio IGT/IFG 52 Trattamento di riferimento Trattamento potenziato Età alla diagnosi Complicanze minori Complicanze maggiori Interventi medici Il diagramma rappresenta l intero ciclo del diabete di tipo 2 tra la popolazione nel suo complesso, laddove gli interventi sugli stili di vita possono essere molto efficaci nella gestione dell incidenza dei fattori di rischio attraverso gli stadi di pre-diabete (alterata tolleranza al glucosio o IGT / Alterata glicemia a digiuno o IFG) per la diagnosi e, in seguito, il trattamento e il rischio di complicanze.

25 Fermare il diabete Prevenzione primaria Assicurare l impegno richiesto dalla complessa rete di supporto necessaria ad incoraggiare la popolazione nel suo complesso a vivere in modo più salutare presenta difficoltà sia in termini politici, sia in termini pratici, ma è possibile e può essere efficace. Laddove misure dirette all intera popolazione potrebbero apparentemente costituire una sfida eccessiva, è possibile individuare le persone che presentano fattori di rischio o pre-diabete, e un simile intervento può prevenire o ritardare l insorgenza del diabete. Studi recenti (Waugh M et al; Colagiuri S, Walker AE; Gillies C L et al) sono giunti alla conclusione che lo screening per diabete e pre-diabete nella popolazione di età superiore ai 40 risulta economicamente vantaggioso, e che un intervento precoce, condotto non appena si rilevi la condizione di pre-diabete, produce un risparmio significativo della spesa sanitaria nel lungo termine. Il pre-diabete è definito dall OMS come alterata tolleranza al glucosio (IGT) o alterato glucosio a digiuno (IFG), e rappresenta una condizione in cui i livelli di glicemia (zucchero nel sangue) sono superiori alla norma ma non sufficientemente elevati da giustificare una diagnosi di diabete. Avere il pre-diabete espone ad un rischio maggiore di sviluppare il diabete di tipo 2. Se si ha il pre-diabete, si è anche maggiormente esposti al rischio di sviluppare malattie cardiovascolari. La prevenzione: Qual è l evidenza? Lo studio Programma di Prevenzione del Diabete (DPP, del 2002), condotto in 27 località degli U.S.A. e che ha coinvolto tremila pazienti in soprappeso più o meno grave, ha mostrato che le persone con pre-diabete possono prevenire lo sviluppo del diabete di tipo 2 modificando il proprio stile di vita apportando cambiamenti all alimentazione e aumentando i livelli di attività fisica o mediante l assunzione dei farmaci. È addirittura possibile riportare i livelli di glicemia entro l intervallo normale. 30 minuti al giorno di attività fisica moderata accompagnati ad una riduzione di peso corporeo del 5-10% hanno ridotto l incidenza del diabete del 58%, mentre nei pazienti trattati con metformina (una terapia orale antidiabetica ampiamente impiegata subito dopo la diagnosi) l incidenza del diabete si è ridotta del 31% rispetto al placebo. I partecipanti di età pari o superiore ai 60 anni hanno ridotto il proprio rischio del 71%. Lo studio cinese Da Qing (1997), che ha coinvolto persone affette da diabete con un età media di 45 anni, ha dimostrato che interventi incentrati esclusivamente sull alimentazione e interventi incentrati esclusivamente sull attività fisica sono associati ad una riduzione rispettivamente del 31 e 46% del rischio di sviluppare il diabete di tipo 2 durante il follow-up durato 6 anni. Lo studio finlandese sulla prevenzione del diabete (2003) ha coinvolto oltre 500 uomini di mezza età e soprappeso che presentavano un elevato rischio di sviluppare il diabete. Dopo quattro anni, coloro i quali hanno migliora l alimentazione e aumentato la propria attività fisica hanno mostrato una riduzione del 58% dell incidenza del diabete. Nei casi in cui si è raggiunto l 80% degli obiettivi di alimentazione, esercizio fisico e perdita di peso, i pazienti non hanno sviluppato il diabete di tipo 2. Anche il Programma Indiano di Prevenzione del Diabete (IDPP, 2006) ha esaminato la possibilità che la progressione del diabete sia influenzata da interventi sullo stile di vita e dalla terapia con metformina. Il rischio relativo di sviluppare il diabete è risultato ridotto del 28,5% con modifiche allo stile di vita, e del 26,4% con la metformina. Sebbene alcuni gruppi presentino un rischio più elevato di sviluppare il diabete, questi studi hanno dimostrato la significativa riduzione dell incidenza del diabete mediante modifiche dello stile di vita e assunzione di farmaci a prescindere dall appartenenza etnica. La prevenzione primaria è possibile.

26 Fermare le costose complicanze del diabete Prevenzione secondaria Lo studio UK Prospective Diabetes (UKPDS, 1998) ha dimostrato in maniera definitiva che un trattamento efficace del diabete è in grado di ridurre notevolmente complicanze del diabete quali l attacco cardiaco (oltre il 50%), l ictus (oltre un terzo) e il grave deterioramento della vista (fino al 33%). Un trattamento efficace comporta un serrato monitoraggio e controllo dei livelli di glicemia, pressione arteriosa e lipidi (i grassi, come il colesterolo). L UKPDS ha accertato che la gestione simultanea di più di un fattore ha un effetto maggiore rispetto alla somma degli effetti derivati dalla gestione separata di ogni fattore. Comunque, il diabete è una malattia progressiva. Persino con una gestione efficace, la malattia progredisce di anno in anno e, per mantenere un buon controllo, è necessario apportare modifiche ai regimi di cura. Rischio di attacco cardiaco in rapporto a glicemia e pressione arteriosa Rischio di attacco cardiaco <6 <130 Glicemia (HbA1c) Pressione arteriosa sistolica Fonte: Stratton et al. (2006) Mentre gli sforzi per trovare una cura definitiva al diabete proseguono incessantemente, è possibile ridurre notevolmente gli effetti della malattia. Da questa riduzione, come illustrato in precedenza, consegue una diminuzione dei costi. Inoltre, se pazienti e medici operano in stretta collaborazione, insieme essi possono cambiare il diabete assicurando che la persona affetta conviva con la malattia, anziché soffrirne.

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Prevalenza e incidenza delle complicanze del diabete: studio DAI

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Prevalenza e incidenza delle complicanze del diabete: studio DAI ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Prevalenza e incidenza delle complicanze del diabete: studio DAI Flavia Lombardo (a), Stefania Spila Alegiani (a), Marina Maggini (a), Roberto Raschetti (a), Angelo Avogaro

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta U.O. Diabetologia, Policlinico Le Scotte Università di Siena GLI INDICATORI: DEFINIZIONE L indicatore è un informazione, quantitativa

Dettagli

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3 Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita Serie N. 3 Guida per il paziente Livello: medio Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita - Serie 3 (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c.

Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c. Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c. Data e Sede: 1-2 dicembre 2010 - Roma Evento ECM N N. rif. ECM 10033589 crediti 9 Programma e

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

1.4.11 ANNI POTENZIALI DI VITA PERSI (APVP) PRIMA DI 75 ANNI PER SE SSO E CAUSE PRINCIPALI

1.4.11 ANNI POTENZIALI DI VITA PERSI (APVP) PRIMA DI 75 ANNI PER SE SSO E CAUSE PRINCIPALI Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento della sanità e della socialità Ufficio del medico cantonale Servizio di promozione e di valutazione sanitaria 1.4.11 ANNI POTENZIALI DI VITA PERSI (APVP) PRIMA

Dettagli

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol?

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol? alcol Qual è la dimensione del problema? L alcol è una sostanza tossica per la quale non è possibile identificare livelli di consumo sicuri, anche a causa delle differenze individuali legate al metabolismo

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo Roberto Carloni Claudio Culotta Le politiche internazionali: l OMS World Declaration and Plan of Action on Nutrition Health for all

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

Ipertiroidismo. Serie n. 15a

Ipertiroidismo. Serie n. 15a Ipertiroidismo Serie n. 15a Guida per il paziente Livello: medio Ipertiroidismo - Series n. 15a (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera, dal Prof. Gary Butler

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3 Compito Categoria Numero di partenza Posizione Tempo: 10 minuti Leggere attentamente il questionario allegato. Rispondere alle domande sul tema. Nel contempo si tratta di risolvere un caso pratico. Per

Dettagli

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE SOMMARIO pag.4 Sintesi della normativa pag.6 LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: disposizioni per

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO Generalità (per informazioni specifiche sui singoli corsi (date, sedi,) consultare il sito del provider

Dettagli

Risultati dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa

Risultati dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa www.unil.ch/share Risultati dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa Cosa accadrà in futuro? Il passo successivo dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa sarà completare la base dati già

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

COMMISSIONE AZIENDALE DEL FARMACO PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO

COMMISSIONE AZIENDALE DEL FARMACO PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO COMMISONE AZIENDALE DEL FAMACO POCEDUA SULLA PESCIZIONE DI FAMACI PE INDICAZIONI N AUTOIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FAMACO 1. SCOPO/OBIETTIVO Informare il Personale Medico dell Aziende Sanitarie della

Dettagli

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie La nefropatia cronica Una guida per i pazienti e le famiglie Iniziativa NKF-KDOQI (Kidney Disease Outcomes Quality Initiative) della National Kidney Foundation L'iniziativa Kidney Disease Outcomes Quality

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

Questa pubblicazione presenta

Questa pubblicazione presenta Un Quadro Un Quadro Questa pubblicazione presenta un quadro delle più importanti caratteristiche dei programmi Social Security, Supplemental Security Income (SSI) e Medicare. Potrete trovare informazioni

Dettagli

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. Controlla il peso e mantieniti sempre attivo Il peso corporeo Il nostro peso corporeo rappresenta l'espressione tangibile del bilancio energetico

Dettagli

La disassuefazione dal fumo

La disassuefazione dal fumo Piano regionale del Veneto per la prevenzione delle malattie legate al fumo La disassuefazione dal fumo Obiettivi Nei paesi industrializzati occidentali gli interventi che riducono i danni da fumo sono

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Dott.ssa Lorenza Donati Convegno Agli albori della salute: prevenzione

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE 2013 GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE IDENTIFICAZIONE DI PAZIENTI AD ALTO RISCHIO DI CARDIOTOSSICITA RADIOINDOTTA (RIHD) A cura di: Monica Anselmino (coordinatrice) Alessandro Bonzano Mario

Dettagli

Diabete di tipo 2 ed Obesità. Serie N.16

Diabete di tipo 2 ed Obesità. Serie N.16 Diabete di tipo 2 ed Obesità Serie N.16 Guida per il paziente Livello: facile Diabete di tipo 2 ed Obesità - Serie 16 (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera,

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO Come effettuare il monitoraggio dei nostri allenamenti? Spesso è difficile misurare il livello di sforzo di una particolare gara o sessione di allenamento. Come vi sentite?

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona?

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Nel Western Australia, la legge permette di redigere una dichiarazione anticipata di trattamento per stabilire quali cure si vogliono

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

SALUTE 2020. Un modello di politica europea a sostegno di un azione trasversale al governo e alla società a favore della salute e del benessere

SALUTE 2020. Un modello di politica europea a sostegno di un azione trasversale al governo e alla società a favore della salute e del benessere SALUTE 2020 Un modello di politica europea a sostegno di un azione trasversale al governo e alla società a favore della salute e del benessere Pubblicato in inglese dall WHO Regional Office for Europe

Dettagli

La sanità e l assistenza sanitaria nel 2015

La sanità e l assistenza sanitaria nel 2015 IBM Global Business Services IBM Institute for Business Value La sanità e l assistenza sanitaria nel 2015 Sanità Evoluzione dei modelli di erogazione dei servizi sanitari IBM Institute for Business Value

Dettagli

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari Gli indicatori socio-sanitari sanitari 1 1 INDICATORI SOCIO-SANITARI Misurare: EFFICACIA (rispetto degli obiettivi prefissati) EFFICIENZA (rispetto delle azioni e risorse impegnate) del sistema ospedaliero

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

TUTELA DELLA SALUTE E ACCESSO ALLE CURE

TUTELA DELLA SALUTE E ACCESSO ALLE CURE luglio 14 TUTELA DELLA SALUTE E ACCESSO ALLE CURE Anno 13 Quella italiana è una popolazione che invecchia, in cui le patologie croniche sono sempre più diffuse. Rispetto al 5, diminuiscono malattie respiratorie

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

IL GOVERNATORE CUOMO ANNUNCIA LE ATTIVITÀ DI RIPROGETTAZIONE DI MEDICAID CHE CONSENTONO DI RISPARMIARE MILIARDI DEI CONTRIBUENTI

IL GOVERNATORE CUOMO ANNUNCIA LE ATTIVITÀ DI RIPROGETTAZIONE DI MEDICAID CHE CONSENTONO DI RISPARMIARE MILIARDI DEI CONTRIBUENTI Per la diffusione immediata: 29/06/2015 IL GOVERNATORE ANDREW M. CUOMO Stato di New York Executive Chamber Andrew M. Cuomo Governatore IL GOVERNATORE CUOMO ANNUNCIA LE ATTIVITÀ DI RIPROGETTAZIONE DI MEDICAID

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI Che cos è la depressione? LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI La depressione è un disturbo caratterizzato da un persistente stato di tristezza che può durare mesi o addirittura anni. Può manifestarsi

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli