MANUALE DI QUALITA' ISTITUTO ALPINO DI CHIMICA E DI TOSSICOLOGIA DI OLIVONE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MANUALE DI QUALITA' ISTITUTO ALPINO DI CHIMICA E DI TOSSICOLOGIA DI OLIVONE"

Transcript

1 ISTITUTO ALPINO DI CHIMICA E DI TOSSICOLOGIA DI OLIVONE Direttore FASV: Data: Responsabile IACT: Data: Istituto Alpino di Chimica e di Tossicologia Fondazione Alpina per le Scienze della Vita CP 147 CH-6718 Olivone T: F: E: W: Manuale di qualità MQ di 26

2 INDICE 1. PRESENTAZIONE DELL'ISTITUTO ALPINO DI CHIMICA E DI TOSSICOLOGIA 1.1 Imparzialità, integrità, indipendenza e confidenzialità Attività dell'iact Missione dell'iact Visione dell'iact Politica di qualità dell'iact ORGANIZZAZIONE E STRUTTURA Laboratorio di fitofarmacologia (LF) Strumentazione disponibile Laboratorio di chimica e di tossicologia (LCTOX Strumentazione disponibile Personale presente all' IACT SISTEMA DI QUALITA' Procedure operative standard ATTIVITA' ANALITICA Ricezione dei campioni Preparazione dei campioni Pianificazione delle analisi Svolgimento delle analisi Convalida dei risultati e rapporto di analisi Fatturazione Subappalto di analisi 18 Manuale di qualità MQ di 26

3 5. CONTROLLO QUALITA' Miglioramento continuo Riunioni di direzione Controlli di qualità interni Controlli di qualità esterni Deviazioni e azioni correttive Change control Out-of-Specification (OOS) Non conformità e CAPA (Corrective Preventive Actions) Reclami Controllo e distribuzione della documentazione Audit interni ed esterni Controllo della struttura e delle condizioni ambientali Training e qualifiche del personale dell'iact Convalida e verifica metodi Qualifica degli strumenti Convalida dei software Backup dati e archivio Acquisti 26 Manuale di qualità MQ di 26

4 1. PRESENTAZIONE DELL'ISTITUTO ALPINO DI CHIMICA E DI TOSSICOLOGIA Istituto Alpino di Chimica e di Tossicologia (IACT) Laboratorio di chimica e di tossicologia (LCTOX) Laboratorio di Fitofarmacologia (LF) Fondazione Alpina per le Scienze della Vita (FASV) CP 147 CH-6718 Olivone Telefoni : (Segretariato FASV e LCTOX) (Laboratorio LF) Fax : (Segretariato FASV e LCTOX) (Laboratorio LF) Orari di apertura : 8h00-12h00 e 13h00-17h00 Sito web FASV : Il Laboratorio di Chimica e di Tossicologia (LCTOX) e il Laboratorio di Fitofarmacologia (LF) sono due strutture separate che fanno parte dell Istituto Alpino di Chimica e di Tossicologia (IACT) della Fondazione Alpina per le Scienze della Vita (FASV) di Olivone. L'IACT fa parte della rete di laboratori di chimica e di tossicologia forense svizzeri e collabora con diversi enti e istituti nazionali e internazionali per la ricerca e lo sviluppo nell'ambito della chimica e della tossicologia. L'IACT ha una convenzione di collaborazione con l Unité de Toxicologie et de Chimie Forensiques (UTCF) del Centre Universitarie Romand de Médecine Légale (CURML). L'IACT è sostenuto dalla Direzione dell UTCF nelle persone del Direttore operativo (Dr. Marc Augsburger) e del suo sostituto (Dr. Frank Sporkert), dal direttore del CURML (Prof. Dr. med. Patrice Mangin) e dal medico legale (Dr. med. Cristian Palmiere, che fungono da supervisori e referenti scientifici. Manuale di qualità MQ di 26

5 L organigramma generale che rappresenta il contesto nel quale l IACT si iscrive in seno alla FASV é presentato di seguito: L IACT è stato creato nel 2006 per volontà del Direttore della FASV Ario Conti sulla base delle decisioni seguenti: - Contratto fra la Confederazione svizzera (Seco), il Dipartimento delle finanze e dell economia (DFE) del Cantone Ticino e la Fondazione Alpina per la Scienze della Vita di Olivone, del 25 novembre 2005; - Risoluzione del Consiglio di Stato del Cantone Ticino (Ris. 3147, 28 giugno 2005), che pone le basi, per la creazione a Olivone di un centro di competenze nel settore delle scienze della vita e l introduzione di nuove tecnologie nel settore delle analisi chimicotossicologiche; - Convenzione di collaborazione nel campo delle scienze forensi fra l Assofor, l IUML e l ESC dell Università di Losanna, del 8 luglio Manuale di qualità MQ di 26

6 Le basi giuridiche della FASV sono le seguenti : - Atto di costituzione della Fondazione Alpina per le Scienze della Vita, No. 704 del 17 giugno 2005; - Iscrizione della FASV al registro di commercio del distretto di Blenio, del ; CH ; - Statuto della Fondazione Alpina per le Scienze della Vita, modifiche approvate dal Dipartimento Federale dell'interno (UVF, Berna) il 12 settembre 2013; - Regolamento della Fondazione Alpina per le Scienze della Vita, modifiche approvate dal Dipartimento Federale dell'interno (UVF, Berna) il 12 settembre Tutti questi documenti sono disponibili presso il segretariato della FASV. 1.1 Imparzialità, integrità, indipendenza e confidenzialità L IACT non intrattiene nessuna relazione privilegiata con movimenti o organi politici, amministrativi o economici particolari. L'IACT non assume nessun compito di sorveglianza, di controllo o di ispezione; esso può agire unicamente in qualità di consulente o esperto. Il rispetto delle procedure e dell etica professionale garantisce l imparzialità e l indipendenza dell'istituto rispetto ai propri clienti, anche nel caso in cui questi ultimi intrattengono delle relazioni particolari con l IACT. Di conseguenza, il Responsabile dell IACT si impegna a trattare ogni richiesta in modo equo. Tutti i collaboratori dell IACT sono sottoposti al segreto professionale e al segreto di funzione. 1.2 Attività dell IACT Le attività principali dell IACT consistono nella rivelazione, identificazione e quantificazione di sostanze dannose, pericolose e/o farmacologicamente attive in varie matrici biologiche (tossicologia) e non (chimica). Le attività dell IACT si suddividono nei seguenti ambiti : Laboratorio di Fitofarmacologia (LF) Analisi di principi attivi e preparati farmacologicamente attivi Analisi settore farmaceutico GMP (Good Manufacturing Practice) Analisi di chimica forense (materiale non biologico) Manuale di qualità MQ di 26

7 Laboratorio di Chimica e di Tossicologia (LCTOX) Tossicologia clinica e forense su persone viventi Tossicologia comportamentale Tossicologia forense su persone decedute Etanolemie e sostanze volatili Studi di bioequivalenza e biodisponibilità Farmacocinetica Monitoraggio terapeutico dei farmaci (TDM). Le richieste d analisi provengono principalmente dalla magistratura, dalla polizia, dalle autorità amministrative e da ditte farmaceutiche. Le richieste provenienti da laboratori, medici privati, ospedali o altri enti privati o pubblici sono trattate come analisi di servizio. L IACT sviluppa e adatta i metodi d analisi che permettono la rivelazione e/o la quantificazione di nuove sostanze (xenobiotici, agenti terapeutici, stupefacenti). Questi nuovi metodi sono introdotti nelle attività di servizio. I collaboratori scientifici dell IACT concepiscono e realizzano, da soli o in collaborazione con altri laboratori svizzeri e esteri, dei progetti di ricerca in parallelo all attività di servizio. Queste attività di ricerca devono permettere all IACT di rimanere aggiornato alfine di poter meglio rispondere alle richieste dei propri mandanti. Gli obiettivi principali dell IACT sono: essere un istituto di riferimento per il Cantone Ticino nell ambito della chimica e della tossicologia; offrire prestazioni variate utilizzando tecnologie di punta; garantire l imparzialità, l integrità e la confidenzialità dei mandati ricevuti; rispettare il segreto medico-legale, il segreto di produzione e le leggi in vigore; poter contare su un gruppo di collaboratori qualificati e polivalenti; privilegiare gli aspetti di comunicazione con i richiedenti, con gli altri laboratori attivi negli stessi ambiti e con i diversi gruppi di ricerca implicati in progetti simili ai propri. Tutti questi obiettivi sono controllati dai sistemi di qualità messi a punto presso l'iact. Manuale di qualità MQ di 26

8 1.3 Missione dell IACT La missione dell IACT consiste nel fornire ai richiedenti, in tempi ragionevoli che permettono la realizzazione di analisi negli ambiti della chimica e della tossicologia, dei risultati precisi e affidabili. 1.4 Visione dell IACT Istituto Alpino di Chimica e di Tossicologia (IACT) Un team performante e comunicativo, che lavora in un clima di fiducia e di rispetto, al servizio della società, della giustizia e della medicina. Tramite la sua politica di qualità, l IACT si impegna a : Garantire dei risultati di qualità integrando le nuove tecnologie nelle analisi e lavorando con materiale adatto. Rispettare i termini, le buone pratiche di laboratorio, le misure di sicurezza e igiene, come pure gli impegni etici. Promuovere il miglioramento costante delle prestazioni assicurando la comunicazione e la gestione di eventuali problemi. Incoraggiare lo spirito di gruppo costruttivo e critico per promuovere le competenze e le prestazioni di ogni collaboratore. Incoraggiare lo sviluppo personale e la formazione continua di ogni collaboratore. Garantire e mantenere un clima di fiducia fra i collaboratori dell IACT, come pure con i propri clienti e fornitori. Affiliare i propri mandanti rispettando i valori enunciati. Garantire l indipendenza e l imparzialità dell Istituto rispetto ai propri mandanti. Manuale di qualità MQ di 26

9 1.5 Politica di qualità dell IACT La politica di qualità dell IACT deriva dalla visione e dalla missione dichiarate. Il sistema di qualità rispetta pure altri obiettivi che si iscrivono nei valori di base dell IACT. Questi obiettivi privilegiano la comunicazione diretta con i richiedenti d analisi che si esercita sotto forma di consulenze e servizi in chimica e tossicologia, ma pure di varie collaborazioni con altri laboratori nel rispetto delle regole professionali di etica e di confidenzialità. L IACT deve rendere dei servizi analitici che corrispondono all attesa legittima dei propri mandanti, in conformità con le regole e le esigenze in vigore. In particolare, l Istituto sarà attento a non porre in situazioni imbarazzanti, a causa di una mancanza di discrezione, di rigore, di qualità, di sicurezza o di efficacia, gli individui cui concernono le analisi effettuate. Il rispetto del sistema di qualità, stabilito secondo le norme ISO 17025, GMP, GLP e GCP è un obiettivo maggiore della Direzione della FASV come pure del Responsabile dell IACT. Il suo mantenimento è assicurato dai responsabili qualità e necessita l impegno personale di tutti i collaboratori che lavorano nel laboratorio. Esso implica pure la collaborazione da parte di tutti i partner (fornitori e mandanti) al loro livello rispettivo. 2. ORGANIZZAZIONE E STRUTTURA L'Istituto alpino di chimica e di tossicologia (IACT) di Olivone è composto da due laboratori distinti, il Laboratorio di fitofarmacologia (LF) situato nelle vicinanze della chiesa e il Laboratorio di chimica e di tossicologia (LCTOX) ubicato nel campus "Scienze e sport", nelle vicinanze della struttura di Gioventù e Sport di proprietà del Cantone Ticino, sempre ad Olivone. Manuale di qualità MQ di 26

10 2.1 Laboratorio di fitofarmacologia (LF) Il laboratorio di fitofarmacologia è situato in uno stabile a due piani del XIX secolo riattato per l occasione nel corso degli anni e circondato da abitazioni primarie e secondarie. Laboratorio di Fitofarmacologia (LF) Strumentazione disponibile Sistema per cromatografia liquida (HPLC) accoppiato a spettrometro di massa triplo quadrupolo (MS/MS) Sistema per cromatografia liquida (HPLC) accoppiato a spettrometro di massa singolo quadrupolo (MS) Sistema per gascromatografia (GC) accoppiato a spettrometro di massa (MS) con autocampionatore PAL/CTC Sistema per gascromatografia (GC) con rivelatore FID (Flame Ionization Detector) e NPD (Nitrogen Phosphorus Detector) Sistema per cromatografia liquida (HPLC) accoppiato a rivelatore DAD (Photodiode Array Detector) e FD (Fluorescence Detector) Sistema per cromatografia liquida (HPLC) con rivelatore UV/Vis e ED (Electrochemical Detector) Spettrometro per assorbimento atomico (AAS), dotato di fiamma e fornetto di grafite Spettrofotometro UV-Vis Spettrometro NIR (Near Infra-Red Spectroscopy) con accessorio per liquidi Polarimetro Incubatore per LAL test Liofilizzatore Manuale di qualità MQ di 26

11 Istituto alpino di chimica e di tossicologia 2.2 Bilance analitiche e di precisione Frigoriferi Congelatore (-20 C) Congelatore (-80 C) Cappa chimica Sistema automatico di produzione, accumulo e distribuzione di acqua purificata Sistema automatico di purificazione per acqua ultrapura Sistema automatico di decompressione e distribuzione di gas tecnici Attrezzature per la preparazione di campioni e il loro trattamento preliminare (sistemi di filtrazione, sistema di mineralizzazione in microonde per AAS, centrifughe, agitatori, omogenizzatori, bagni termostatici, evaporatori rotanti, sistema ultrasuoni, micropipette). Laboratorio di chimica e di tossicologia (LCTOX) Il Laboratorio di Chimica e di Tossicologia è situato al secondo piano di uno stabile a due piani creato nel Laboratorio di Chimica e di Tossicologia (LCTOX) Nome procedura Codice procedura Manuale di qualità MQ Versione Data Pagina di 26

12 2.2.1 Strumentazione disponibile Sistemi (2) per cromatografia liquida (UHPLC) accoppiati a spettrometro di massa triplo quadrupolo (MS/MS) Sistema per gascromatografia (GC) accoppiato a spettrometro di massa (MS) e rivelatore FID (Flame Ionization Detector) con autocampionatore PAL/CTC Sistema per gascromatografia (GC) accoppiato a spettrometro di massa (MS) Sistemi (2) per gascromatografia (GC) con rivelatore FID e campionamento per spazio di testa (Headspace/HS) Sistema automatico per test immunologici Sistemi (2) per purificazione dei campioni Sistemi (2) per concentrazione dei campioni Sistema automatico per concentrazione dei campioni (Workstation) Bilance analitiche e di precisione Frigoriferi Congelatori Cappe chimiche (2) Sistema automatico di produzione, accumulo e distribuzione di acqua purificata Sistema automatico di purificazione per acqua ultrapura Sistema automatico di decompressione e distribuzione di gas tecnici Attrezzature per la preparazione di campioni e il loro trattamento preliminare (centrifughe, agitatori, omogenizzatori (diversi campioni, tessuti e capelli), bagni termostatici, evaporatori rotanti, sistema ultrasuoni, micropipette). Manuale di qualità MQ di 26

13 2.3 Personale presente all'iact L'organigramma nel quale si inserisce il personale dell'iact è presentato di seguito: Personale con contratto indeterminato presente all'iact: Ario Conti (AC) Dr. PhD. Direttore della Fondazione Alpina per le Scienze della Vita : accademico specializzato con esperienza decennale nel campo della ricerca scientifica e nella gestione di un istituzione di ricerca, è implicato nella ricerca di fondi di finanziamento (attività analitica per conto terzi, borse di studio, fondazioni, ecc.) e nella definizione di collaborazioni didattiche e scientifiche con altre strutture nazionali ed internazionali. E' responsabile della pianificazione e del controllo delle attività della FASV, della ripartizione delle risorse disponibili fra le diverse attività della FASV, della conduzione scientifica e strategica della FASV, della verifica della sostenibilità economica e tecnica dei contratti con i clienti, della gestione del personale e formazione continua dei collaboratori. Manuale di qualità MQ di 26

14 Maria Teresa Pinorini (MTP) Elia Grata (EG) Davide De Piazza (DDP) Alessandra Bianchetti (AB) Nahyeli Mottini (NM) Irene D'Amore (IDA) Santina Beretta Cerboni (SBC) Morena Toschini (MT) Dr. Sci. For., tossicologa forense SSML/SGRM. Responsabile dell Istituto Alpino di Chimica e di Tossicologia (LCTOX e LF); responsabile della gestione del sistema di qualità secondo la norma ISO/IEC (responsabile assicurazione qualità) e responsabile tecnico dell ambito GMP. Accademico specializzato con esperienza pluriennale nel campo della chimica analitica e della tossicologia. Organizza le attività dei laboratori e definisce i compiti; garantisce lo svolgimento delle analisi di chimica e tossicologia forense; garantisce le analisi provenienti dal settore privato; elabora i piani dei costi, delle scadenze e delle risorse per progetti relativi all'ente pubblico e all'industria privata; conduce il personale attribuito ai laboratori nel rispetto delle disposizioni del Regolamento della FASV Dr. ès Sc., farmacista con diploma federale. Sostituto responsabile dell'iact. Accademico con esperienza analitica pluriennale nel campo della chimica analitica, della tossicologia e del doping. Esperto nel campo della spettrometria di massa; implicato nello sviluppo delle linee di ricerca e nell attività analitica. Responsabile degli studi di farmacocinetica, bioequivalenza e biodisponibilità. Collaboratore scientifico: responsabile tecnico LF. Tecnico Sanitario di Laboratorio Biomedico con vasta esperienza nel campo delle tecniche analitiche e analisi GMP. Laboratorista specializzata LCTOX: laboratorista in chimica con esperienza pluriennale nell'analisi di campioni GMP e ISO MS in Biologia, Master di secondo livello in scienze cosmetologiche. Collaboratrice scientifica. Accademico specializzato con esperienza analitica e di assicurazione qualità nell ambito ISO e GMP. Laboratorista specializzata LCTOX: laboratorista in biologia con esperienza pluriennale nell'analisi di xenobiotici in campioni biologici. Segretaria: segretaria con formazione di contabile ed esperienza nella gestione contabile di piccole imprese. Responsabile della gestione amministrativa e contabile dell istituzione (FASV). Segretaria con compiti amministrativi. Stefano Tedeschi (ST) Collaboratore esterno: Quality assurance GLP. Accademico specializzato con esperienza pluriennale nel campo dell'assicurazione qualità GMP e GLP. Manuale di qualità MQ di 26

15 3. SISTEMA DI QUALITA' L'IACT è gestito globalmente nel rispetto delle norme ISO (Accreditamento STS 563). Il Laboratorio di Fitofarmacologia (LF) è stato certificato secondo le norme GMP nel 2004: GMP N , Autorizzazione Swissmedic N , mentre il laboratorio di chimica e di tossicologia (LCTOX) è stato certificato GLP a luglio del Il laboratorio LCTOX lavora anche nel rispetto delle norme GCP. IACT ISO LF GMP LCTOX GLP/GCP 3.1 Procedure operative standard I processi di qualità in vigore presso l'iact sono descritti in procedure operative standard (SOPs). I metodi analitici non sono considerati SOPs e sono classificati separatamente. La redazione, la revisione e la distribuzione delle procedure sono compito dei responsabili del controllo qualità. L accettazione e l entrata in vigore di una nuova procedura richiede l'avvallo del direttore della struttura (o test facility manager) e del quality assurance. Le SOPs generali in vigore presso l'iact sono state compilate in modo da rispettare e integrare le esigenze di tutti i sistemi di qualità in vigore: ISO17025, GLP, GMP e GCP. Le seguenti procedure operative standard (SOPs) sono specifiche agli ambiti GLP rispettivamente GMP (vedi elenco SOPs, documento GEN-02-Allegato1). GLP: GEN14-Ricezione e registrazione campioni GLP GEN18-Gestione archivio GLP QA01-QA Programme QA01A-Preparazione QA Statement QA01B-Master Schedule QA02-Bioanalytical method validation Manuale di qualità MQ di 26

16 GMP: GEN01-Site master file GMP GEN16A-Gestione standard GMP GEN28-Gestioni dati fuori limite (OOS) GEN29-Gestione campioni GMP QA08-Convalida metodi GMP 4. ATTIVITA' ANALITICA 4.1 Ricezione dei campioni I campioni (biologici o non biologici) giungono all'iact in provenienza dai nostri clienti o tramite i loro intermediari. La campionatura non fa parte della portata dell accreditamento e della certificazione dell'iact. Il personale abilitato per la ricezione e la registrazione dei campioni GMP, GLP/GCP o ISO è stato formato a questo scopo (training). A dipendenza della loro tipologia, i campioni in arrivo entrano in un percorso GMP, GLP/GCP o ISO. Tutti i campioni sono controllati, identificati, numerati, iscritti, registrati. Ogni campione dovrebbe giungere intatto e accompagnato da una richiesta d analisi correttamente compilata. Vi sono procedure specifiche che descrivono i criteri di non conformità dei campioni in arrivo e le relative azioni intraprese. I campioni ISO sono inoltre registrati nella banca dati di gestione Gelab. Le analisi da effettuare dipenderanno dal tipo di caso, dal mandante e dalla tipologia di campione. I campioni sono depositati in attesa di analisi: a temperatura ambiente, in frigorifero o in congelatore a dipendenza del caso. 4.2 Preparazione dei campioni Alcuni campioni (in particolare biologici) devono essere trattati prima dell'analisi. Vi è una specifica procedura che descrive la preparazione di questi campioni. 4.3 Pianificazione delle analisi Un elenco delle varie analisi da effettuare è elaborato ogni settimana. Il responsabile dell'iact definisce un piano settimanale considerando la disponibilità di ogni collaboratore, la disponibilità degli strumenti e il grado di urgenza delle analisi. Il planning è discusso durante la riunione settimanale. Manuale di qualità MQ di 26

17 4.4 Svolgimento delle analisi Gli analisti registrano la loro attività in logbook o schede controllate specifiche per ogni strumento o tipologia di analisi. La preparazione di campioni, standard e reagenti è documentata in logbook o schede controllate. Ogni strumento analitico ha un logbook utilizzato per registrare l'attività dello strumento, i campioni analizzati e i campioni iniettati (standard, calibratori, bianchi, QC, ecc.). Questi logbook o schede controllate sono utilizzate per registrare le informazioni analitiche seguenti: 1. numero di analisi (run number se applicabile) 2. iniziali dell'analista/data 3. numero del caso/studio/cliente 4. identificazione del campione 5. altre informazioni pertinenti, come le condizioni strumentali o il metodo utilizzato 6. strumento/i utilizzato/i 7. standard, materiali e reagenti utilizzati. Le analisi sono svolte in accordo con le SOPs in vigore all'iact seguendo i metodi sviluppati e convalidati all'iact (GMP, GLP e ISO), metodi conosciuti (PHEur, USP, ecc.), metodi forniti dal cliente o ancora metodi pubblicati. Il principio, il materiale necessario come pure lo svolgimento di ogni procedura analitica, sono specificati nei Metodi di Analisi (MA) e nelle schede di analisi (SA) corrispondenti. La conservazione e l eliminazione dei campioni, in particolare quelli di origine biologica, sono assicurate dall IACT seguendo una specifica procedura e in accordo con le direttive cantonali e federali in materia di igiene e sicurezza. Ad analisi concluse, i campioni biologici sono congelati. Per i campioni urinari si conservano di regola al massimo 10 ml. Tutti i campioni sono conservati per almeno un anno a partire dalla data di resa del rapporto finale e salvo richiesta scritta da parte del committente. I campioni sono di regola eliminati per incinerazione. 4.5 Convalida dei risultati e rapporto di analisi Quando un'analisi è terminata, l'analista raccoglie i dati grezzi, i calcoli, le informazioni concernenti i QC in un unico dossier per il controllo e la redazione. L'analista appone le proprie iniziali / firma sui dati grezzi e annota tutte le eventuali non conformità. Tutti i dati contenuti nel dossier sono controllati quindi convalidati da una seconda persona, di regola il responsabile del laboratorio o il suo sostituto. Nel caso in cui si tratti di analisi GMP/GLP i dati sono pure vidimati dal quality assurance. Manuale di qualità MQ di 26

18 Il lasso di tempo per la resa dei risultati può variare a dipendenza dei casi : di regola è di 5 giorni per le etanolemie (ISO), di una settimana per gli stupefacenti (chimica forense, ISO) e di giorni per i Medicamenti e Droghe al Volante o per un'analisi tossicologica su persone viventi (MDV/TOX, ISO). Per i casi complessi questi lassi possono variare notevolmente. La tempistica relativa alla risoluzione di studi/progetti GMP o GLP/GCP è concordata con il cliente/committente. Per quanto concerne gli ambiti ISO, il laboratorio ha generato alcuni rapporti-tipo utilizzabili a dipendenza del caso e/o del mandante. 4.6 Fatturazione La fatturazione delle prestazioni si effettua caso per caso, a dipendenza del dossier/progetto/studio. I prezzi applicati dall IACT sono fissati per differenti enti in funzione delle analisi richieste: Analisi di carattere medico-legale: prezzi fissati dalla Direzione della FASV e approvati dal Dipartimento delle Istituzioni del Cantone Ticino. Analisi non medico-legali: prezzi fissati dall Ufficio Federale per la Salute pubblica (UFSP). Altre analisi: prezzi fissati dalla Direzione della FASV. 4.7 Subappalto di analisi Di regola le analisi si svolgono integralmente nei laboratori dell'iact. Malgrado ciò, occorre a volte ricorrere al subappalto in alcuni casi che richiedono analisi particolari o nel caso in cui vi siano problemi analitici temporanei. La scelta del subappalto si porta, per quanto possibile, su di un ente o istituzione accreditato(a). Il laboratorio subappaltante non è di regola a conoscenza delle informazioni legate al cliente/paziente, essendo queste ultime confidenziali. Il campione trasmesso è di identificato unicamente con il numero interno attribuito dall IACT. Le analisi GLP/GCP non sono di regola subappaltate. I risultati ottenuti in subappalto sono identificabili come tali nel rapporto di analisi finale, con le modalità seguenti. Se l'analisi è svolta completamente dal subappaltante, l'iact trasmette il rapporto originale del subappaltante al committente con una lettera di accompagnamento (se occorre con la traduzione dei risultati). Se solo parte di un processo analitico è svolta da un subappaltante, l'iact integra i risultati del laboratorio subappaltante nel proprio rapporto analitico o perizia (se occorre effettuando una traduzione) e allega il rapporto originale del subappaltante. Il subappalto è sempre concordato con il committente e definito per iscritto. Manuale di qualità MQ di 26

19 5. CONTROLLO QUALITA' Il responsabile del laboratorio e il quality assurance, in collaborazione con il personale presente, assicurano l evoluzione del sistema di qualità, la comunicazione delle relative informazioni e il rispetto delle procedure. Il sistema di qualità deve assicurare che l attività svolta in laboratorio sia conforme a quanto stabilito: nelle procedure di gestione dello stesso; dalle norme GMP, GLP/GCP o ISO; dalle norme legali vigenti. e che i risultati generati dal laboratorio siano precisi ed accurati. Una verifica indipendente è effettuata a scadenze regolari dal QA (in particolare per gli studi GMP/GLP). I collaboratori sono regolarmente in/formati sull'andamento dei processi di qualità ISO, GMP o GLP/GCP per quanto concerne nuove SOPs, osservazioni provenienti da audit o nuove disposizioni. 5.1 Miglioramento continuo Il miglioramento continuo è una priorità dell'iact. L'efficacia dei sistemi di qualità, compreso il management, è soggetta a valutazione continua. I metodi per l'identificazione di opportunità di miglioramento includono (ma non si limitano a): la gestione dei reclami, la gestione delle fuori specifica (OOS) e delle deviazioni, le azioni preventive e correttive, i report di audit esterni, le riunioni regolari, la formazione continua del personale, le indagini presso i clienti, le verifiche dei dati originati dai controlli di qualità esterni (proficiency testing) e la verifica periodica dei documenti relativi ai sistemi di qualità. 5.2 Riunioni di direzione La riunione di direzione dell'iact ha luogo almeno una volta l anno. Ad ogni riunione sono discussi uno o più soggetti definiti in precedenza. Le persone presenti sono : il direttore della FASV, il responsabile dell IACT e il suo sostituto, il responsabile tecnico, i responsabili qualità e la responsabile amministrativa della FASV. Gli altri partecipanti variano in funzione dei soggetti trattati. Durante questa riunione si verificano i sistemi di qualità. Si fissano degli obiettivi e si verifica l efficacia delle misure prese; si definiscono eventuali azioni correttive per continuare il miglioramento del sistema di qualità. La qualità delle prestazioni e il grado di realizzazione della politica di qualità sono verificate e discusse. Verrà redatto un verbale convalidato dal direttore della FASV e dal responsabile dell IACT. Un resoconto della riunione dell IACT verrà presentato ai collaboratori durante la riunione settimanale. Il Direttore della FASV informa inoltre i collaboratori dell'iact in merito alle decisioni prese durante le riunioni del Consiglio di Fondazione della FASV. Manuale di qualità MQ di 26

20 5.3 Controlli di qualità interni Per l'attività analitica l'iact segue le disposizioni in vigore a livello svizzero ed internazionale a dipendenza degli ambiti considerati. Nell'ambito ISO, la deviazione permessa rispetto ai valori nominali dei QC è a volte definita da specifiche direttive (vedi ad esempio direttive USTRA - Ufficio federale delle Strade). Per quanto possibile, i controlli di qualità interni utilizzati all'iact sono campioni certificati. Nel caso non fosse possibile ottenere campioni di controllo certificati, i QC interni sono preparati in laboratorio. I risultati derivanti da analisi ripetute di QC interni sono riportati su control chart che permettono di verificare l'andamento delle analisi e di anticipare eventuali problemi e/o derive. 5.4 Controlli di qualità esterni Un numero importante di controlli di qualità esterni sono effettuati volontariamente e obbligatoriamente dall IACT ogni anno, e toccano in particolare gli ambiti ISO: test immunologici, etanolemie, casi medicamenti e stupefacenti alla guida (MDV), tossicologia su persone viventi e non (TOX) e stupefacenti (chimica forense). I controlli di qualità esterni effettuati dall'iact, descritti in una specifica procedura, provengono dagli enti seguenti: Centro Svizzero per il Controllo di Qualità, Ginevra (CSCQ); Società Svizzera di Medicina Legale (SSML/SGRM), Arvecon, Gesellschaft für Toxikologische und Forensische Chemie (GTFCh), Germania ACQ Science, Société Française de Toxicologie Analytique (SFTA) Francia. Society of Hair Testing (SOHT). 5.5 Deviazioni e azioni correttive Le procedure in vigore all'iact definiscono chiaramente le azioni correttive da intraprendere nel caso in cui sia una deviazione (variazione occasionale e temporanea da uno standard stabilito nelle procedure, nei metodi o nella conduzione di uno studio). In caso di deviazione, l'analista notifica il responsabile del laboratorio e, sotto la sua guida, cerca di risolvere il problema. Dopo la risoluzione, l'analista continua l'azione correttiva fino a che l'analisi ritorni sotto controllo. La ri-preparazione e la ri-analisi di campioni è adottata nel caso in cui i dati ottenuti in precedenza siano invalidati a causa di un errore di laboratorio documentato, di un problema strumentale o a seguito dell'identificazione della causa della situazione fuori controllo. Nel caso in cui la correzione della deviazione sia condizionata da limiti imposti dallo stato dei campioni o da limiti temporali (rush work), l'analista presenta la situazione al responsabile del laboratorio che notificherà il cliente. La deviazione è annotata nel dossier e iscritta nell'elenco delle deviazioni. Manuale di qualità MQ di 26

GLI AUDIT GCP. Valentine Sforza Quality Management Associates. XI CONGRESSO NAZIONALE SSFA Roma, 6-7 marzo 2008 ARGOMENTI TRATTATI

GLI AUDIT GCP. Valentine Sforza Quality Management Associates. XI CONGRESSO NAZIONALE SSFA Roma, 6-7 marzo 2008 ARGOMENTI TRATTATI GLI AUDIT GCP Valentine Sforza Quality Management Associates 1 ARGOMENTI TRATTATI Chi lo fa Tipologie di Audit Svolgimento di un Audit Esempio di un Audit Rapporto di un Audit Valore di un Audit 2 1 CHI

Dettagli

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori Struttura della norma ISO/IEC 17025 1. Scopo 2. Riferimenti normativi 3. Termini e definizioni 4. Requisiti gestionali

Dettagli

LICEO ETTORE MAJORANA - ROMA SEZIONE 4 - SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA

LICEO ETTORE MAJORANA - ROMA SEZIONE 4 - SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 4.1 Requisiti generali LICEO ETTORE MAJORANA - ROMA Il LS Majorana ha stabilito, tiene aggiornato, attua e documenta il proprio Sistema di gestione della qualità (SGQ) in accordo con in requisiti della

Dettagli

PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ

PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE TO1 - OBITORIO CIVICO PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ Edizione 2 Approvata dal Direttore della SC Medicina Legale Emessa dal Referente

Dettagli

Procedura di gestione delle Verifiche Ispettive Interne

Procedura di gestione delle Verifiche Ispettive Interne Doc.: PQ03 Rev.: 1 Data: 26/05/03 Pag.: 1 di 5 Procedura di gestione delle Verifiche Ispettive Interne EMESSA DA: VERIFICATA DA: APPROVATA DA: Doc.: PQ03 Rev.: 1 Data: 26/05/03 Pag.: 2 di 5 Indice 1. Scopo

Dettagli

GIQAR PROCEDURA DI CERTIFICAZIONE AUDITOR

GIQAR PROCEDURA DI CERTIFICAZIONE AUDITOR GIQAR PROCEDURA DI CERTIFICAZIONE AUDITOR PREPARATO DA (M. M. Brunetti, Co-ordinatore gruppo GLP) data: REVISIONATO E APPROVATO DA (M. M. Brunetti, Co-ordinatore gruppo GLP) data: (D. Marcozzi, Co-ordinatore

Dettagli

Procedura di gestione delle verifiche ispettive interne < PQ 03 >

Procedura di gestione delle verifiche ispettive interne < PQ 03 > I I S Ettore Majorana Via A. De Gasperi, 6-20811 Cesano Maderno (MB) PQ03 Rev 2 del 23/03/04 Pag 1/5 Procedura di gestione delle verifiche ispettive interne < PQ 03 > EMESSA DA: VERIFICATA DA: APPROVATA

Dettagli

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA Pagina 1 di 5 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Scopo della presente sezione del MQ è definire le modalità e i criteri adottati dalla No Problem Parking spa per pianificare ed attuare i processi di misurazione

Dettagli

GESTIONE DELLA FORMAZIONE E

GESTIONE DELLA FORMAZIONE E 08/02/2011 Pag. 1 di 7 GESTIONE DELLA FORMAZIONE E DELL ADDESTRAMENTO DEL PERSONALE 1. SCOPO... 2 2. APPLICABILITÀ... 2 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 3.1. Norme... 2 3.2. Moduli / Istruzioni... 2 4.

Dettagli

Titolo. Istruzione operativa per l uso del Modulo DT-Mod-006: Rilievi individuati da ACCREDIA-DT e richiesta di trattamento

Titolo. Istruzione operativa per l uso del Modulo DT-Mod-006: Rilievi individuati da ACCREDIA-DT e richiesta di trattamento Titolo Sigla Istruzione operativa per l uso del Modulo DT-Mod-006: Rilievi individuati da ACCREDIA-DT e richiesta di trattamento IO-09-02-DT Revisione 02 Riservatezza 1 Data 2014-12-15 Redazione Approvazione

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI BUONE PRASSI IGIENICHE E PROCEDURE BASATE SU HACCP

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI BUONE PRASSI IGIENICHE E PROCEDURE BASATE SU HACCP Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH55 Pag. 1 di 5 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR DI S.G.Q. NEL SETTORE COSTRUZIONI E IMPIANTI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR DI S.G.Q. NEL SETTORE COSTRUZIONI E IMPIANTI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.it sigla: SH84 Pag. 1 di 5 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR

Dettagli

REQUISITI MINIMI PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO AIFA PER LA QUALITÀ NELLE SPERIMENTAZIONI A FINI NON INDUSTRIALI (NON-PROFIT)

REQUISITI MINIMI PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO AIFA PER LA QUALITÀ NELLE SPERIMENTAZIONI A FINI NON INDUSTRIALI (NON-PROFIT) DOC AIFA CTQT APRILE 2008 (ALL. 2) REQUISITI MINIMI PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO AIFA PER LA QUALITÀ NELLE SPERIMENTAZIONI A FINI NON INDUSTRIALI (NON-PROFIT) Introduzione La finalità del presente

Dettagli

GESTIONE NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE

GESTIONE NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE rev. 0 Data: 01-03-2006 pag. 1 10 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

La norma UNI EN ISO 14001:2004

La norma UNI EN ISO 14001:2004 La norma COS È UNA NORMA La normazione volontaria Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa

Dettagli

Manuale di gestione dell istituto Pagina 1 di 5 MP 5 SOSTEGNO MQ V. 2.0

Manuale di gestione dell istituto Pagina 1 di 5 MP 5 SOSTEGNO MQ V. 2.0 Manuale di gestione dell istituto Pagina 1 di 5 5 SOSTEGNO 5.0 DESCRIZIONE Il buon funzionamento dell istituto esige la gestione di tutta una serie di attività che, pur non creando direttamente valore

Dettagli

Termini e Definizioni

Termini e Definizioni Convegno L ACCREDITAMENTO DEI LABORATORI PER LA SICUREZZA ALIMENTARE Roma 25-26 ottobre 2005 GESTIONE della DOCUMENTAZIONE Petteni A. & Pistone G. Termini e Definizioni GESTIONE Attività coordinate per

Dettagli

PROCEDURA SGQ PRO-AUD. Procedura per la Gestione degli Audit del SGQ

PROCEDURA SGQ PRO-AUD. Procedura per la Gestione degli Audit del SGQ PROCEDURA SGQ PRO-AUD Procedura per la Gestione degli Audit del SGQ Rev. 02 Data 31.01.2011 INDICE GENERALE 1. SCOPO... 2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 3. RIFERIMENTI... 2 3.1 PROCEDURE CORRELATE... 2

Dettagli

CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEGLI ORGANISMI DI ABILITAZIONE

CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEGLI ORGANISMI DI ABILITAZIONE Allegato parte integrante Criteri e modalità di riconoscimento degli organismi di abilitazione dei soggetti preposti al rilascio certificazioni energetiche CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEGLI ORGANISMI

Dettagli

A.O. MELLINO MELLINI CHIARI (BS) GESTIONE DELLE RISORSE 1. MESSA A DISPOSIZIONE DELLE RISORSE...2 2. RISORSE UMANE...2 3. INFRASTRUTTURE...

A.O. MELLINO MELLINI CHIARI (BS) GESTIONE DELLE RISORSE 1. MESSA A DISPOSIZIONE DELLE RISORSE...2 2. RISORSE UMANE...2 3. INFRASTRUTTURE... Pagina 1 di 6 INDICE 1. MESSA A DISPOSIZIONE DELLE RISORSE...2 2. RISORSE UMANE...2 2.1. GENERALITÀ... 2 2.2. COMPETENZA, CONSAPEVOLEZZA E ADDESTRAMENTO... 2 3. INFRASTRUTTURE...3 4. AMBIENTE DI LAVORO...6

Dettagli

Protocollo Aziendale Catena di Custodia Tossicologia

Protocollo Aziendale Catena di Custodia Tossicologia Protocollo Aziendale Catena di Custodia Data emissione: 08/06/15 Revisione: 01 Responsabile: Dr. Stefano Venarubea Pag. 0 di 7 Pag. 1 di 7 1.1 Introduzione Il prelievo del campione è il primo passo della

Dettagli

LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA

LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA Esercitazione del 11.11.2005 Dott.ssa Michela Ferri LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 4. SISTEMA

Dettagli

PROCEDURA RELATIVA AL CONTROLLO DI QUALITÀ

PROCEDURA RELATIVA AL CONTROLLO DI QUALITÀ PROCEDURA RELATIVA AL CONTROLLO DI QUALITÀ Euro Translations ha sviluppato un sistema di gestione e controllo di qualità delle traduzioni conforme alla normativa ISO 9002. Prevediamo di completare la procedura

Dettagli

Outsourcing del Controllo Qualità dei farmaci per la Sperimentazione Clinica

Outsourcing del Controllo Qualità dei farmaci per la Sperimentazione Clinica Outsourcing del Controllo Qualità dei farmaci per la Sperimentazione Clinica Il ruolo del contratto nell allestimento ed aggiornamento del Product Specification File Rimini 10 Giugno 2009 Dr.ssa F. Iapicca

Dettagli

Effettuare gli audit interni

Effettuare gli audit interni Scopo Definire le modalità per la gestione delle verifiche ispettive interne Fornitore del Processo Input Cliente del Processo Qualità (centrale) e Referenti Qualità delle sedi territoriali Direzione Qualità

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ

MANUALE DELLA QUALITÀ MANUALE DELLA QUALITÀ RIF. NORMA UNI EN ISO 9001:2008 ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE NAZIONALE EDUCATORI CINOFILI iscritta nell'elenco delle associazioni rappresentative a livello nazionale delle professioni

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

Manuale della qualità

Manuale della qualità Sistema di gestione per la qualità Pag. 1 di 10 SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ 1. REQUISITI GENERALI L ISTITUTO SUPERIORE L. LOTTO di Trescore Balneario si è dotato di un Sistema di gestione per la

Dettagli

Gestione dei Documenti di registrazione della Qualità

Gestione dei Documenti di registrazione della Qualità In vigore dal 27.9.4 Pagina 1 di 1 ANNULLA E SOSTITUISCE: Rev. 1 REDAZIONE Firma Data 13.9.4 VERIFICA Firma Data 13.9.4 APPROVAZIONE D.I. Firma Data 2.9.4 Rev. Data Descrizione revisione Redatta Verificata

Dettagli

Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30

Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30 Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30 ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITÀ NELLO STUDIO LEGALE OBIETTIVI Master Breve di formazione personalizzata Il Master

Dettagli

Linee Guida per la stesura del Documento Tecnico

Linee Guida per la stesura del Documento Tecnico Linee Guida per la stesura del Documento Tecnico relativo alle certificazioni di prodotto agroalimentare di cui al Regolamento per il rilascio del Certificato di Conformità del prodotto agroalimentare

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE - UNI EN ISO 14001:2004

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE - UNI EN ISO 14001:2004 REG-SGA pag. 2/8 INDICE PREMESSA... 3 2 - GENERALITÀ... 3 3 - REQUISITI GENERALI PER LA CERTIFICAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE... 3 4 - RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE... 3 4.6. - STAGE1: Verifica

Dettagli

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO L autovalutazione è una valutazione che fornisce un giudizio sull efficacia e sull efficienza dell Azienda e sul grado di

Dettagli

!" # $ % # "!& Autorizzazione iniziale n. Sorveglianza n.. Estensione n..

! # $ % # !& Autorizzazione iniziale n. Sorveglianza n.. Estensione n.. Pagina 1 di 13 Autorizzazione iniziale n. Sorveglianza n.. Estensione n.. CHECK-LIST PER L ESECUZIONE DELLA VISITA DI VALUTAZIONE DEI LABORATORI CHE DEVONO ESSERE AUTORIZZATI ALL ESECUZIONE DELLA VERIFICAZIONE

Dettagli

GRUPPO DASSAULT SYSTÈMES POLITICA DI TUTELA DEI DATI PERSONALI DEI CANDIDATI

GRUPPO DASSAULT SYSTÈMES POLITICA DI TUTELA DEI DATI PERSONALI DEI CANDIDATI GRUPPO DASSAULT SYSTÈMES POLITICA DI TUTELA DEI DATI PERSONALI DEI CANDIDATI Nello svolgimento delle proprie attività, Dassault Systèmes e le sue controllate (collettivamente 3DS ) raccolgono i Dati Personali

Dettagli

DIRETTORE GENERALE. Visto lo Statuto Aziendale;

DIRETTORE GENERALE. Visto lo Statuto Aziendale; DIRETTORE GENERALE Richiamato il Decreto del Presidente della Giunta Regionale n. 100 del 31 maggio 2013 "Azienda Ospedaliero- Universitaria Careggi. Nomina del Direttore Generale"; Ricordato che con provvedimento

Dettagli

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore di Dipartimento Il Consiglio Direttivo Il Presidente 2013-09-30

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore di Dipartimento Il Consiglio Direttivo Il Presidente 2013-09-30 Titolo Sigla Prescrizioni per l accreditamento di Organismi operanti le certificazioni dei servizi di: - installazione, manutenzione o riparazione di apparecchiature fisse di refrigerazione, condizionamento

Dettagli

ISO/IEC 17025 : 2005 per i Laboratori di Prova

ISO/IEC 17025 : 2005 per i Laboratori di Prova ISO/IEC 17025 : 2005 per i Laboratori di Prova Perugia, 30 giugno 2005 D.ssa Daniela Vita ISO/IEC 17025:2005 1 Differenza tra UNI EN ISO 9001:2000 e ISO/IEC 17025:2005 La norma UNI EN ISO 9001:2000 definisce

Dettagli

L esecuzione di monitoraggi ed analisi si esplica principalmente nelle seguenti attività:

L esecuzione di monitoraggi ed analisi si esplica principalmente nelle seguenti attività: Pag. 1 /6 8 Misurazione analisi e 8.1 Generalità L Istituto pianifica ed attua attività di monitoraggio, misura, analisi e (PO 7.6) che consentono di: dimostrare la conformità del servizio ai requisiti

Dettagli

PROCEDURA 4.1 Gestione della documentazione e delle registrazioni. Redazione (referente di processo) Responsabile Sistema Qualità (RSG)

PROCEDURA 4.1 Gestione della documentazione e delle registrazioni. Redazione (referente di processo) Responsabile Sistema Qualità (RSG) PROCEDURA 4.1 Gestione della documentazione e delle registrazioni Ed.2 Rev.0 del 22/07/2014 Redazione (referente di processo) Approvazione Andrea Marchesi Responsabile Sistema Qualità (RSG) Silvio Braini

Dettagli

MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015)

MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015) MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015) 1 INDICE DEI CONTENUTI 1. INTRODUZIONE E FINALITA DEL DOCUMENTO 2. MISSIONE 3. AMBITO 4. PROFESSIONALITA

Dettagli

Gestire le NC, le Azioni Correttive e Preventive, il Miglioramento

Gestire le NC, le Azioni Correttive e Preventive, il Miglioramento Scopo Responsabile Fornitore del Processo Input Cliente del Processo Output Indicatori Riferimenti Normativi Processi Correlati Sistemi Informatici Definire le modalità e le responsabilità per la gestione

Dettagli

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI Rev. Data Causale Redazione Verifica Approvazione 00 Xx/xx/xxxx Prima emissione INDICE SCOPO DELLA PROCEDURA RESPONSABILITÀ CAMPO DI APPLICAZIONE MODALITÀ

Dettagli

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 Definizione degli indirizzi in materia di certificazione di qualità delle imprese che effettuano trasporti di merci pericolose, di derrate deperibili,

Dettagli

QUALITA' E AMBIENTE IMPEGNO DELLA DIREZIONE

QUALITA' E AMBIENTE IMPEGNO DELLA DIREZIONE QUALITA' E AMBIENTE IMPEGNO DELLA DIREZIONE La Direzione della PAPPASOLE S.p.A. (di seguito denominata "Struttura turistica") dichiara la sua ferma volontà di rendere operante il Sistema di Gestione Integrata

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE - OBITORIO CIVICO

AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE - OBITORIO CIVICO AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE - OBITORIO CIVICO PROCEDURA PR01 - n conformità, Reclami, Azioni Correttive, Azioni Preventive Edizione 2 Approvata dal Direttore della SC Medicina Legale

Dettagli

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale PREMESSA Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche

Dettagli

PROCEDURA DI SISTEMA GESTIONE E ORGANIZZAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE

PROCEDURA DI SISTEMA GESTIONE E ORGANIZZAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE Pagina 1 di 7 INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. RESPONSABILITA 4. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ 5. INDICATORI DI PROCESSO 6. RIFERIMENTI 7. ARCHIVIAZIONI 8. TERMINOLOGIA ED ABBREVIAZIONI 9. ALLEGATI

Dettagli

IL RUOLO DEL DATA MANAGER

IL RUOLO DEL DATA MANAGER Bergamo, 10 giugno 2014 La proposta di regolamento europeo sulle sperimentazioni cliniche. Nuove opportunità per i pazienti e per la ricerca IL RUOLO DEL DATA MANAGER Dr Maria Luisa Ferrari Ematologia

Dettagli

Competenze generali delle professioni sanitarie SUP. Competenze professionali specifiche del ciclo di studio in Cure infermieristiche

Competenze generali delle professioni sanitarie SUP. Competenze professionali specifiche del ciclo di studio in Cure infermieristiche Competenze finali per le professioni sanitarie SUP Versione III 9 maggio 2011 Documenti tradotti dal testo ufficiale in lingua tedesca e francese pubblicato sul sito della Conferenza dei Rettori delle

Dettagli

PROCEDURA OPERATIVA PER LA GESTIONE

PROCEDURA OPERATIVA PER LA GESTIONE Proc. 19 Pag. 1 di 7 PROCEDURA OPERATIVA PER LA GESTIONE DEGLI ADEMPIMENTI DELLA DIRETTIVA 93/42/CEE CONCERNENTE I DISPOSITIVI MEDICI 1. SCOPO... 2 2. APPLICABILITÀ... 2 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO...

Dettagli

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Le norme cosiddette organizzative definiscono le caratteristiche ed i requisiti che sono stati definiti come necessari e qualificanti per le organizzazioni al

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER IL II MODULO DEI CORSI DI FORMAZIONE PER AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA

SCHEDA REQUISITI PER IL II MODULO DEI CORSI DI FORMAZIONE PER AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373- Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu Pag. 1 di 5 SCHEDA REQUISITI PER IL II MODULO DEI CORSI DI FORMAZIONE PER AUDITOR /

Dettagli

Regolamento REACH BPL Prospettive e Progetti ArpaER Bologna, 20 giugno 2011. Il Progetto BPL di Arpa ER: differenze e sinergie con il

Regolamento REACH BPL Prospettive e Progetti ArpaER Bologna, 20 giugno 2011. Il Progetto BPL di Arpa ER: differenze e sinergie con il Regolamento REACH BPL Prospettive e Progetti ArpaER Bologna, 20 giugno 2011 Il Progetto BPL di Arpa ER: differenze e sinergie con il quadro in essere del SGQ Patrizia Vitali Arpa FC Realizzazione di un

Dettagli

GESTIONE DELLA QUALITÀ DELLE FORNITURE DI BENI E SERVIZI

GESTIONE DELLA QUALITÀ DELLE FORNITURE DI BENI E SERVIZI Pagina 1 di 10 GESTIONE DELLA QUALITÀ DELLE DISTRIBUZIONE Fornitori di beni e servizi Documento pubblicato su www.comune.torino.it/progettoqualita/procedure.shtml APPLICAZIONE SPERIMENTALE Stato del documento

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE - OBITORIO CIVICO

AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE - OBITORIO CIVICO AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE - OBITORIO CIVICO PROCEDURA PR02 - Audit Interni Edizione 1 Approvata dal Direttore della SC Medicina Legale Emessa dal Referente Aziendale per la Qualità

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ SIF CAPITOLO 08 (ED. 01) MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO

MANUALE DELLA QUALITÀ SIF CAPITOLO 08 (ED. 01) MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO INDICE 8.1 Generalità 8.2 Monitoraggi e Misurazione 8.2.1 Soddisfazione del cliente 8.2.2 Verifiche Ispettive Interne 8.2.3 Monitoraggio e misurazione dei processi 8.2.4 Monitoraggio e misurazione dei

Dettagli

Condizioni di segnalazione OPAN

Condizioni di segnalazione OPAN Condizioni di segnalazione OPAN 1. Parti contraenti, Verein für ambulante Dienste der Stadt Bern, Könizstrasse 60, casella postale 450, CH- 3000 Berna 5, di seguito denominata offerente e l'organizzazione

Dettagli

GESTIONE DELLE APPARECCHIATURE

GESTIONE DELLE APPARECCHIATURE Procedura Operativa 11/02/11 Pag. 1 di 8 GESTIONE DELLE APPARECCHIATURE PER MISURAZIONI E MONITORAGGI 1. SCOPO... 2 2. APPLICABILITÀ... 2 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 3.1. Norme... 2 3.2. Moduli /

Dettagli

ASL. Indirizzo. Recapiti: telefono telefax e-mail

ASL. Indirizzo. Recapiti: telefono telefax e-mail ASL Indirizzo Recapiti: telefono telefax e-mail VERBALE DI SOPRALLUOGO PER L ACCERTAMENTO DELL IDONEITA STRUTTURALE ED IGIENICO SANITARIA DEGLI STABILIMENTI DATA DEL SOPRALLUOGO / / ISPETTORE INCARICATO

Dettagli

Manuale Gestione Qualità

Manuale Gestione Qualità 2.0 REQUISITI GENERALI E DESCRIZIONE DEI PROSSI Groupservice ha stabilito, attuato e documentato un Sistema Gestione Qualità mantenendone l'aggiornamento e verificandone costantemente l'efficacia, nell'ottica

Dettagli

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità. ! I modelli normativi. ! I modelli per l eccellenza

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità. ! I modelli normativi. ! I modelli per l eccellenza 1 I modelli di gestione per la qualità I modelli normativi I modelli per l eccellenza Entrambi i modelli si basano sull applicazione degli otto principi del TQM 2 I modelli normativi I modelli normativi

Dettagli

La marcatura CE per le pietre naturali

La marcatura CE per le pietre naturali La marcatura CE per le pietre naturali Volargne,, 28-11-2006 Clara Miramonti Funzionario Tecnico Divisione Costruzioni UNI Norme europee armonizzate sui prodotti di pietra per pavimentazioni esterne 21

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004)

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dott. Marco SALVIA IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dr. Marco SALVIA 1 Perché gestire la variabile ambientale in azienda? 1. Perché rappresenta

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12 INDICE RESPONSABILITÀ DELLA DIREZIONE Impegno della Direzione Attenzione focalizzata al cliente Politica della Qualità Obiettivi della Qualità Soddisfazione del cliente

Dettagli

REGOLE PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA NEL SETTORE AUTOMOTIVE IN ACCORDO A ISO TS 16949

REGOLE PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA NEL SETTORE AUTOMOTIVE IN ACCORDO A ISO TS 16949 Pag. 1 di 9 DEI SISTEMI DI AUTOMOTIVE IN ACCORDO A ISO TS 16949 1 03/14 Nuova edizione ED. DATA VARIAZIONI VERIFICA APPROVAZIONE Pag. 2 di 9 ARTICOLO 1 - SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Il presente regolamento,

Dettagli

UNI EN ISO 9001:2008 Sistemi di Gestione per la Qualità: requisiti e guida per l uso

UNI EN ISO 9001:2008 Sistemi di Gestione per la Qualità: requisiti e guida per l uso SORVEGLIANZA E CERTIFICAZIONI UNI EN ISO 9001:2008 Sistemi di Gestione per la Qualità: requisiti e guida per l uso Pagina 1 di 10 INTRODUZIONE La Norma UNI EN ISO 9001:2008 fa parte delle norme Internazionali

Dettagli

Quale che sia il vostro specifico ambito, scegliere

Quale che sia il vostro specifico ambito, scegliere Consulting Line Quale che sia il vostro specifico ambito, scegliere le Persone, le Competenze e le Tecnologie più adatte si rivelerà sempre una decisione determinante. Scegliere fra le formule Body Rental

Dettagli

Procedura per la tenuta sotto controllo delle registrazioni PA.AQ.02. Copia in distribuzione controllata. Copia in distribuzione non controllata

Procedura per la tenuta sotto controllo delle registrazioni PA.AQ.02. Copia in distribuzione controllata. Copia in distribuzione non controllata Pag.: 1 di 7 Copia in distribuzione controllata Copia in distribuzione non controllata Referente del documento: Referente Sistema Qualità (Dott. I. Cerretini) Indice delle revisioni Codice Documento Revisione

Dettagli

1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 RIFERIMENTI... 2 3 SIGLE E DEFINIZIONI... 2 4 RESPONSABILITA...3 5 PROCEDURA...3

1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 RIFERIMENTI... 2 3 SIGLE E DEFINIZIONI... 2 4 RESPONSABILITA...3 5 PROCEDURA...3 del 13 11 2012 Pagina 1 di 6 INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 RIFERIMENTI... 2 3 SIGLE E DEFINIZIONI... 2 4 RESPONSABILITA...3 5 PROCEDURA...3 5.1 Programmazione delle attività...3 5.2 Documentazione...

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEI CORSI PER ESPERTO TECNICO DI MISURE Specializzazione Misure Meccaniche

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEI CORSI PER ESPERTO TECNICO DI MISURE Specializzazione Misure Meccaniche Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.it sigla: SH94 Pag. 1 di 7 PER LA QUALIFICAZIONE DEI CORSI PER 1 26.09.2002 Rev. Generale

Dettagli

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n.

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. SCHEDA n. 5 Le figure costitutive della sicurezza 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94 Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. 626/94 Il D. Lgs. del 19-9-94 n. 626 recepisce direttive comunitarie

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR INTERNI DI S.G.Q.

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR INTERNI DI S.G.Q. Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH09 Pag. 1 di 4 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR

Dettagli

Problematiche emerse durante le verifiche ispettive: il punto di vista dell Unità di Monitoraggio (U.M.)

Problematiche emerse durante le verifiche ispettive: il punto di vista dell Unità di Monitoraggio (U.M.) Problematiche emerse durante le verifiche ispettive: il punto di vista dell Unità di Monitoraggio (U.M.) Monica Capasso Ministero della salute Torino, GIQAR 2012 Definizione Formale I principi di BPL sono

Dettagli

INTRODUZIONE AL MANUALE DELLA QUALITA

INTRODUZIONE AL MANUALE DELLA QUALITA INTRODUZIONE AL MANUALE DELLA QUALITA Elaborazione Verifica Approvazione Il Responsabile Qualità Il Rappresentante della Direzione Il Dirigente Scolastico (.. ) (. ) ( ) Data Data Data Rev Causale (emis./revis.)

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO. Audit

SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO. Audit Rev. 00 del 11.11.08 1. DISTRIBUZIONE A tutti i membri dell organizzazione ING. TOMMASO 2. SCOPO Gestione degli audit interni ambientali e di salute e sicurezza sul lavoro 3. APPLICABILITÀ La presente

Dettagli

GRUPPO DASSAULT SYSTEMES POLITICA DI TUTELA DEI DATI PERSONALI RELATIVI ALLE RISORSE UMANE

GRUPPO DASSAULT SYSTEMES POLITICA DI TUTELA DEI DATI PERSONALI RELATIVI ALLE RISORSE UMANE GRUPPO DASSAULT SYSTEMES POLITICA DI TUTELA DEI DATI PERSONALI RELATIVI ALLE RISORSE UMANE Le seguenti disposizioni compongono la Politica di Tutela dei Dati relativi alle Risorse Umane del Gruppo Dassault

Dettagli

8 MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO. 8.1 Generalità 8.2 MONITORAGGI E MISURAZIONI. 8.2.1 Soddisfazione dei cliente

8 MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO. 8.1 Generalità 8.2 MONITORAGGI E MISURAZIONI. 8.2.1 Soddisfazione dei cliente 8 MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO 8.1 Generalità l I.I.S. G.Antonietti, allo scopo di assicurare la conformità del proprio Sistema di Gestione della Qualità alla norma di riferimento UNI EN ISO 9001:2008

Dettagli

Procedura n. 03 (Ed. 02) TENUTA SOTTO CONTROLLO DEI DOCUMENTI E DELLE REGISTRAZIONI

Procedura n. 03 (Ed. 02) TENUTA SOTTO CONTROLLO DEI DOCUMENTI E DELLE REGISTRAZIONI INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. DEFINIZIONI 4. GENERALITÀ 5. RESPONSABILITÀ 6. IDENTIFICAZIONE 7. REDAZIONE, CONTROLLO, APPROVAZIONE ED EMISSIONE 8. DISTRIBUZIONE 9. ARCHIVIAZIONE 10. MODIFICHE

Dettagli

Procedura Gestionale PG-10. Audit - Certificazione di Prodotto. PG-10 Rev. 02 Audit - Certificazione di prodotto. Nome file:

Procedura Gestionale PG-10. Audit - Certificazione di Prodotto. PG-10 Rev. 02 Audit - Certificazione di prodotto. Nome file: Procedura Gestionale PG-10 Indice: 1. Scopo e campo di applicazione 2. Riferimenti e definizioni 3. Responsabilità 4. Attività REV. DATA DESCRIZIONE REDATTO COMPLIANCE MANAGER Angelo Parma APPROVATO DIRETTORE

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITA Revisione: Sezione 4 SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA

MANUALE DELLA QUALITA Revisione: Sezione 4 SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA Pagina: 1 di 5 SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 4.0 SCOPO DELLA SEZIONE Illustrare la struttura del Sistema di Gestione Qualità SGQ dell Istituto. Per gli aspetti di dettaglio, la Procedura di riferimento

Dettagli

Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive

Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive Comitato SGQ Comitato Ambiente Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive Mercoledì, 23 febbraio 2005 - Palazzo FAST (Aula Morandi) Piazzale Morandi, 2 - Milano E' una

Dettagli

CORSO A CATALOGO 2011

CORSO A CATALOGO 2011 Dettaglio corso ID: Titolo corso: Tipologia corso: M A S T E R di I livello in CONSERVAZIONE E RESTAURO DEI BENI CULTURALI Attivato ai sensi del D.M. 09/99 e D.M. 270/2004 Il Master fa riferimento all'art.

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ SIF CAPITOLO 04 (ED.04) SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA'

MANUALE DELLA QUALITÀ SIF CAPITOLO 04 (ED.04) SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA' INDICE 4.1 Requisiti Generali 4.2 Requisiti Relativi alla Documentazione 4.2.1 Generalità 4.2.2 Manuale della qualità 4.2.3 Tenuta sotto controllo dei documenti 4.2.4 Tenuta sotto controllo delle registrazioni

Dettagli

IL MONITORAGGIO DELLE SPERIMENTAZIONI C L I N I C H E C O N D I S P O S I T I V I M E D I C I

IL MONITORAGGIO DELLE SPERIMENTAZIONI C L I N I C H E C O N D I S P O S I T I V I M E D I C I IL MONITORAGGIO DELLE SPERIMENTAZIONI C L I N I C H E C O N D I S P O S I T I V I M E D I C I C a r o l i n a G u a l t i e r i U. O. E n d o s c o p i a D i g e s t i v a C h i r u r g i c a U n i v e

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DELLA QUALITÀ

MANUALE DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Pag. 1 / 9 MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO Indice: 8.0 - Oggetto 8.1 - Pianificazione delle misurazioni 8.2 - Misurazione e monitoraggio delle prestazioni del sistema 8.3 - Controllo del prodotto/servizio

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 187, FATTA A GINEVRA IL 15 GIUGNO

DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 187, FATTA A GINEVRA IL 15 GIUGNO DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 155, FATTA A GINEVRA IL 22 GIUGNO 1981, E RELATIVO PROTOCOLLO, FATTO A GINEVRA IL 22 GIUGNO

Dettagli

Fabrizio Galliccia. giovedì 17 maggio 2012 DISCLAIMER

Fabrizio Galliccia. giovedì 17 maggio 2012 DISCLAIMER ATTIVITA DELL ISPETTORATO GCP SVILUPPI RECENTI E NUOVI ORIENTAMENTI IN MATERIA Fabrizio Galliccia giovedì 17 maggio 2012 DISCLAIMER I dati e i commenti contenuti in questa presentazione rappresentano il

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA (Art. 13 D.P.R. 162/99) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5. PERSONALE IMPIEGATO

Dettagli

L archivio di impresa

L archivio di impresa L archivio di impresa Mariella Guercio Università degli studi di Urbino m.guercio@mclink.it Politecnico di Torino, 25 novembre 2011 premessa L archivistica è una disciplina della complessità, aperta, basata

Dettagli

REGIONE VENETO / Segreteria regionale Sanità e Sociale- ARSS Agenzia Regionale Sanitaria e Sociosanitaria

REGIONE VENETO / Segreteria regionale Sanità e Sociale- ARSS Agenzia Regionale Sanitaria e Sociosanitaria Lista di verifica REQUITI MINIMI SPECIFICI E DI QUALITA' PER L'AUTORIZZAZIONE 1 - REQUITI ORGANIZZATIVI BSC.AU.1.0 STRUTTURA ORGANIZZATIVA BSC.AU.1.1 La BSC definisce l'organigramma e le responsabilità

Dettagli

Le procedure gestionali del SGQ di UTFUS TF GQL

Le procedure gestionali del SGQ di UTFUS TF GQL Le procedure gestionali del SGQ di UTFUS TF GQL Sommario Procedure gestionali obbligatorie secondo ISO 9001:2008; Gestione Documenti; Audit Interni; Non Conformità; Azioni di miglioramento (azioni correttive

Dettagli

Stabio, 07 maggio 2014. Al CONSIGLIO COMUNALE di S t a b i o

Stabio, 07 maggio 2014. Al CONSIGLIO COMUNALE di S t a b i o COMUNE DI STABIO MUNICIPIO Stabio, 07 maggio 2014 Al CONSIGLIO COMUNALE di S t a b i o MESSAGGIO MUNICIPALE No. 04/2014 Chiedente lo stanziamento di un credito d investimento di 50 000 Chf (iva esclusa)

Dettagli

Manuale Gestione Qualità

Manuale Gestione Qualità 6.0 GENERALITÀ La presente sezione, in base alla mappatura dei processi definita nella sezione 2 del Manuale Gestione Qualità, descrive il "monitoraggio, misurazione ed analisi" ed il "miglioramento" che

Dettagli

Regolamento sugli Audit Interni interagenziali Pag. 1 di 5

Regolamento sugli Audit Interni interagenziali Pag. 1 di 5 6.09.2012 Regolamento sugli Audit Interni interagenziali Pag. 1 di 5 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 - Oggetto e finalità del Regolamento TITOLO II AUDITOR QUALIFICATI Art. 2 - Istituzione Elenco

Dettagli

Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A.

Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A. Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A. In vigore dal 06. 07. 2011 RINA Via Corsica 12 16128 Genova - Italia tel +39 010 53851 fax +39 010

Dettagli

Approfondimento sulla ISO 29990

Approfondimento sulla ISO 29990 Approfondimento sulla ISO 29990 Lo standard ISO 29990 nasce da un progetto sul principio dell ISO 9001, volto alla creazione di uno standard dei servizi e dell organizzazione ed alla certificazione degli

Dettagli

Campagna federale per la verifica delle ditte attive nel settore delle disinfestazioni risultati per il Ticino

Campagna federale per la verifica delle ditte attive nel settore delle disinfestazioni risultati per il Ticino Campagna federale per la verifica delle ditte attive nel settore delle disinfestazioni risultati per il Ticino Introduzione La lotta a organismi infestanti quali roditori o insetti, viene spesso eseguita

Dettagli

Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base

Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base Falegname CFP Del 1 dicembre 2005 (stato: ) Proposte di modifica del 24.02.2012 30506 Falegname CFP Schreinerpraktikerin/Schreinerpraktiker Aide-menuisière/Aide-menuisier

Dettagli

Le regole per la predisposizione delle carte di lavoro: il principio di revisione n.230

Le regole per la predisposizione delle carte di lavoro: il principio di revisione n.230 Guida al controllo contabile di Fabrizio Bava e Alain Devalle * Le regole per la predisposizione delle carte di lavoro: il principio di revisione n.230 Il principio di revisione n.230 stabilisce le regole

Dettagli