Variabili logiche e circuiti combinatori

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Variabili logiche e circuiti combinatori"

Transcript

1 Variabili logiche e circuiti combinatori Si definisce variabile logica binaria una variabile che può assumere solo due valori a cui si fa corrispondere, convenzionalmente, lo stato logico 0 e lo stato logico l. Una variabile logica è pertanto un segnale binario in quanto nella variazione dello stato logico è insita l'informazione. La posizione di un interruttore, che può essere aperto (off) o chiuso (on), con la conseguente assenza o presenza di corrente, rappresenta una variabile logica; una tensione di tipo binario, che può assumere solo due valori, quello alto (H = high) o quello basso (L = low), è un altro esempio di variabile logica. Se si hanno due variabili logiche A e B, queste sono combinabili in quattro modi diversi ( ). In generale, detto n il numero delle variabili, le combinazioni sono 2 n. Circuiti combinatori Si tratta di circuiti che presentano, in generale, più ingressi e più uscite, a ognuna delle quali corrisponde una variabile logica binaria. A ogni combinazione delle variabili logiche in ingresso, presente in un dato istante, corrisponde, nello stesso istante, una ben determinata combinazione delle variabili logiche in uscita. In altri termini, noto lo stato logico degli ingressi è noto anche quello delle uscite nello stesso istante. La funzione logica di un circuito combinatorio, ovvero il legame ingressi-uscite dello stesso, è esprimibile attraverso una tabella della verità, che riporta per ogni combinazione degli ingressi la corrispondente combinazione delle uscite. La funzione logica di un circuito può essere descritta in forma sintetica, oltre che tramite una tabella della verità, attraverso una o più espressioni logiche che sfruttano le regole dell algebra di Boole. A B C Circuito Combinatorio a) Generico circuito combinatorio Y A B C Y b) Esempio di tabella della verità nel caso di tre ingressi ed una uscita Algebra di Boole L'algebra booleana fu ideata da George Boole ( ) per la soluzione di problemi logici, come la verità o la falsità di affermazioni conseguenti ad altre secondo determinate regole. Le variabili booleane a cui corrispondono le affermazioni vere/false sono variabili binarie e possono facilmente adattarsi al livello alto o basso di una tensione o a un interruttore aperto o chiuso. Pertanto l'algebra booleana, con la sostituzione dell'affermazione vera/falsa con i valori 1/0, ben si adatta all'elettronica digitale binaria. L'algebra di Boole si basa sui seguenti assiomi: 1

2 1 1 = = = = 0 1 = = = = = 1 0 = 1 L'operatore ( ) è detto operatore di prodotto logico (AND). L'operatore (+) è detto operatore di somma logica (OR). L operatore ( ) è detto operatore di complementazione logica (NOT). Questi assiomi vanno accettati nella logica booleana e quindi non si devono interpretare secondo le regole matematiche abituali (sarebbe in questo caso assurdo porre = 1). Un'interpretazione circuitale a questi assiomi può essere data per mezzo della seguente figura: Sfruttando le regole di quest'algebra è possibile esprimere, in forma sintetica, la funzione logica di un qualunque circuito, attraverso una sua espressione logica. Ad esempio l'espressione Y = A B + C soddisfa la tabella della verità precedente (per verificarlo basta applicare a ogni possibile combinazione degli ingressi gli assiomi booleani). Dualità Se una espressione logica è vera, ovvero soddisfa gli assiomi di Boole, anche la sua duale è vera. Infatti, la prima colonna degli assiomi booleani è sostituibile alla seconda se si scambia l'operatore AND con l'operatore OR, ogni 1 con uno 0 e ogni 0 con un 1 e, viceversa, è possibile passare dalla seconda colonna alla prima. Questa proprietà è detta della dualità ed è valida per ogni espressione logica vera. Proprietà e teoremi dell'algebra di Boole Proprietà: A+B = B+A A B = B A (A+B)+C = A+(B+C) (A B) C = A (B C) (A B) + (A C) = A (B + C) (A + B) (A + C) = A + (B C) proprietà commutativa proprietà associativa proprietà distributiva 2

3 Teoremi: A + A+1=1 A 0 = 0 A+0=A A l = A A + A = 1 A = 0 A +A = A A A = A A+(A B) = A A (A + B) = A ( B) = A + ( A + = B B teorema di annullamento teorema di identità teorema dei complementi teorema di idempotenza primo teorema dell'assorbimento secondo teorema dell'assorbimento A + B = B B = A + B teorema di De Morgan Grazie alla dualità tutte le proprietà e tutti i teoremi sono esprimibili per mezzo di due relazioni. Teorema di Shannon Una estensione del teorema di De Morgan è il teorema di Shannon che afferma che il complemento di una espressione logica è ottenibile complementando le singole variabili e scambiando tra loro le operazioni di somma e prodotto. Questi teoremi sono tutti facilmente dimostrabili semplicemente verificandone la validità per ognuna delle possibili combinazioni delle variabili logiche (per la dualità basta ovviamente verificare per ogni teorema una sola espressione). Esempio: De Morgan. A B A+B A + B A B B Tali teoremi possono anche essere dimostrati per deduzione ossia provando l'identità dell'espressione mediante l'applicazione successiva di altri teoremi o proprietà. Esempio: nel caso del primo teorema dell'assorbimento, raccogliendo la A si ottiene A + (A B) = A (1 + B), ma poiché (1 + B) vale 1 per il teorema dell'annullamento e A 1 vale A per il teorema d'identità. 3

4 Funzioni logiche primarie I circuiti capaci di svolgere le operazioni logiche assiomatiche AND OR - NOT realizzano delle funzioni logiche primarie in quanto, combinando opportunamente più circuiti di questo tipo, è possibile realizzare una funzione logica comunque complessa. Funzione logica AND La funzione logica AND: simbolo classico (a), simbolo secondo le norme ANSI/IEEE (b) e tabella della verità (c). Osservando la tabella, si può notare che l'uscita è a l solo se tutte le entrate sono a 1. Funzione logica OR La funzione logica OR: simbolo classico (a), simbolo secondo le norme ANSI/IEEE (b) e tabella della verità (c). Dalla tabella della verità si nota che in questo caso si ha 1 in uscita ogni volta che si ha l in uno degli ingressi. Funzione logica NOT La funzione logica NOT realizza l'assioma della complementazione e quindi se l'ingresso è 1, l'uscita è 0 e viceversa. Funzione logica NOT: simbolo classico (a), simbolo ANSI/IEEE (b) e tabella della verità. 4

5 Il problema della minimizzazione Una certa funzione logica può essere ottenuta con diverse soluzioni circuitali, a ognuna delle quali corrisponde una diversa espressione logica; in linea generale, la soluzione circuitale migliore è quella a cui corrisponde l'espressione logica minima, ovvero è realizzabile con il numero minimo possibile di funzioni logiche primarie. Per minimizzare una espressione logica si possono applicare le proprietà dell'algebra di Boole, anche se si tratta di una tecnica "per tentativi" non sempre agevole da utilizzare. Esempio di minimizzazione: ( B + ) + AB = AC AB Y = ABC + AB + AC = AC 1 + Dove si è applicata rispettivamente la proprietà distributiva, il teorema dell annullamento e quello di identità. Dove si è applicata rispettivamente la proprietà distributiva, il teorema dei complementi e quello d identità. Altre funzioni logiche ( + B) + A( B + B) = A + = 1 Y = AB + AB + AB + AB = A B A La funzione NAND Un NAND è facilmente ricavabile facendo seguire a un AND un NOT, le uscite sono i complementi di quelle di un AND. Funzione logica NAND: simboli, equivalenza logica e tabella della verità. La funzione NOR Tale funzione si ottiene facendo seguire un NOT a un OR. In questo caso le uscite sono i complementi delle corrispondenti di un OR. Funzione logica NOR: simboli, equivalenza logica, tabella della verità. 5

6 La funzione OR esclusivo (EX-OR) L'OR esclusivo a due ingressi è un circuito capace di riconoscere se due ingressi sono diversi (uscita = 1) o sono uguali (uscita = 0). EX-OR: simbolo classico (a), ANSI/IEEE (b) e tabella della verità (c). Ad esclusione della quarta combinazione, la tabella della verità corrisponde a quella di un OR a due ingressi. Per un numero di ingressi qualsiasi n si può verificare che un'operazione di OR esclusivo fornisce l'uscita a l se è dispari il numero di l in ingresso, fornisce invece 0 in uscita se il numero di l è pari. Volendo è anche possibile definire la EX-NOR, ottenibile facendo seguire a un EX-OR un NOT; questa funzione è anche detta funzione coincidenza (Y = l se gli ingressi sono uguali). Gruppi universali EX-NOR: simbolo classico (a), ANSI/IEEE (b) e tabella della verità (c). I circuiti AND-OR-NOT costituiscono, nel loro insieme, un gruppo universale in quanto combinando opportunamente queste funzioni primarie è possibile ottenere qualunque funzione logica, comunque complessa. Anche i gruppi AND-NOT e OR-NOT sono universali, di conseguenza i NAND da soli già costituiscono un gruppo universale e così pure i NOR. Per dimostrare quest'ultima affermazione basta verificare che tutte e tre le funzioni primarie sono ottenibili con solo NAND o solo NOR. Forme canoniche Data una espressione logica è possibile minimizzarla e risalire al corrispondente circuito; procedendo in modo inverso è ovviamente possibile, noto il circuito, ricavare la sua corrispondente espressione logica. Vediamo, però, come nota la tabella della verità sia possibile risalire da questa a una espressione logica che la soddisfi, da cui ricavare il circuito. 6

7 Prima forma canonica Supponiamo di volere realizzare una rete combinatoria che soddisfi la seguente tabella della verità: A B C Y Consideriamo inizialmente le combinazioni degli ingressi a cui corrisponde un l in uscita e scriviamo per ognuna di queste un'espressione capace di dare l solo in corrispondenza della combinazione di ingresso scelta: combinazione 000: combinazione 100: Y Y = = B C B C combinazione 001: combinazione 110: Y Y = = B C B C Possiamo osservare che ogni espressione logica è stata ottenuta facendo il prodotto delle tre variabili prese complementate se valgono 0 e non complementate se valgono l. Questi singoli prodotti sono detti mintermini. Se ora si vuole ricavare l'espressione che soddisfa la tabella delle verità, basta sommare i mintermini; così facendo avremo l in uscita ogni volta che si verificherà una delle quattro combinazioni desiderate, negli altri casi l'uscita sarà 0: Questa espressione è detta prima forma canonica. Y = B C + B C + B C + B C Generalizzando si può affermare che una generica espressione logica, a n variabili di ingresso e una di uscita, è sempre esprimibile nella forma canonica somma di mintermini; questi ultimi sono tanti quante le combinazioni degli ingressi a cui corrisponde l in uscita e sono caratterizzati dal fatto di contenere tutte le variabili di ingresso tra loro moltiplicate, prese complementate se valgono 0 o non complementate se valgono l. La prima forma canonica non è però, in generale, una espressione minima, perciò si dovrà procedere ad una possibile semplificazione. Seconda forma canonica Riferendoci sempre alla precedente tabella della verità possiamo ora procedere nel modo seguente: individuato gli 0 in uscita si scrivono le espressioni capaci di dare 0 solo in corrispondenza della combinazione considerata; queste espressioni logiche vengono dette maxtermini e si ottengono sommando le tre variabili, prese complementate se valgono l e non complementate se valgono 0. L'espressione che si ottiene facendo il prodotto logico di tutti i maxtermini soddisfa la tabella della verità ed è detta seconda forma canonica ( A + B + C) ( A + B + C) ( A + B + C) ( A + B C) Y = + 7

8 Generalizzando si può dire che una generica espressione logica a n variabili di ingresso e una di uscita, è sempre esprimibile nella forma canonica prodotto di maxtermini; questi ultimi sono tanti quante le combinazioni degli ingressi a cui corrisponde 0 in uscita e sono caratterizzati dal fatto di contenere tutte le variabili in ingresso tra loro addizionate, prese complementate se valgono l o non complementate se valgono 0. Anche la seconda forma canonica non è in linea generale minima. In conclusione ogni circuito combinatorio a un'uscita è sempre esprimibile attraverso due diverse forme canoniche, eventualmente minimizzabili. Le mappe di Karnaugh Abbiamo visto come sia possibile effettuare la minimizzazione usando le regole dell'algebra di Boole, anche se tale operazione non sempre risulta agevole ed intuitiva. Un metodo sistematico che offre il vantaggio di essere particolarmente semplice e comodo e permette di arrivare partendo dalla tabella della verità o (e ciò fa lo stesso) da una espressione canonica a espressioni minime del tipo somma di prodotti o del tipo prodotti di somme è dato dalle mappe di Karnaugh che risulta particolarmente agevole per un numero di variabili non superiore a quattro. Karnaugh presuppone di conoscere la tabella della verità (o una forma canonica); tramite questa si costruisce una mappa che ne è, in forma diversa, un equivalente Ogni mappa contiene un numero di caselle pari alle 2 n combinazioni delle n variabili d ingresso. Le caselle con un lato in comune sono dette adiacenti; si devono considerare tali anche le caselle alle estremità opposte, come se la mappa si richiudesse su se stessa. Le caselle devono essere disposte in modo che passando da una qualsiasi di queste a una sua adiacente, lungo una riga o una colonna, cambi il valore di una sola variabile (è, in effetti, tale condizione che stabilisce l adiacenza o meno di due caselle assumendo così un significato non solo geometrico). Per rappresentare una funzione logica con una mappa, se si fa riferimento alla prima forma canonica, si scrive l nelle caselle che corrispondono alle combinazioni delle variabili di ingresso per le quali la funzione vale l, e nelle caselle lasciate vuote si sottintendono gli 0. In modo analogo si scrivono solo gli 0 se si fa riferimento alla seconda forma canonica. Per comprendere il metodo si supponga di dovere minimizzare la seguente funzione espressa nella prima forma canonica: Y = ABC + ABC + ABC Ricordando la definizione di mintermine si vede che le combinazioni degli ingressi a cui corrisponde 1 in uscita sono: Una volta individuate queste combinazioni è facile costruire la mappa: C\AB Consideriamo il raggruppamento indicato con il tratteggio di colore blu: a questi due 1 nella funzione canonica corrisponde la somma: ( C + C) AB Y = ABC + ABC = AB = Possiamo notare che nel raggruppamento considerato A e B non variano spostandosi da una casella all'altra, mentre C che varia corrisponde alla variabile semplificata. 8

9 Analogamente, al raggruppamento indicato con il tratteggio di colore rosso corrisponde la semplificazione: ( A + A) BC Y = ABC + ABC = BC = Anche in questo caso la variabile eliminata è quella che varia passando da una casella all'altra. In conclusione la minimizzazione porta alla seguente funzione: Y = AB + BC A questo risultato si è arrivati considerando il mintermine ABC due volte, questo è sempre possibile in quanto, per il teorema di idempotenza, la somma di più mintermini uguali non altera la funzione logica. Come minimizzare con una mappa di 1 Riassumendo, la minimizzazione con le mappe di Karnaugh, qualora siano evidenziati gli 1, si effettua nel seguente modo: a) si individuano tutti i possibili raggruppamenti rettangolari di 1 adiacenti, che ne contengano il maggior numero possibile, ma sempre in quantità potenza del 2 (l ); b) si sceglie il minimo numero di raggruppamenti possibile per considerare tutti gli 1 della mappa almeno una volta; c) a ogni raggruppamento si fa corrispondere un prodotto delle sole variabili che hanno lo stesso valore in tutte le caselle; queste variabili vanno complementate se valgono 0 e non complementate se valgono 1 (le variabili che cambiano valore spostandosi da una casella all altra dello stesso raggruppamento vanno semplificate); d) l'espressione minima è pari alla somma dei termini ricavati al punto c). Esempio: Realizzare un circuito in forma minima che soddisfi questa tabella. La funzione canonica risulta: A B C Y La forma minima risulta essere: Y = ABC + ABC + ABC + ABC + ABC C\AB Y = AB + AB + BC 9

10 Oppure equivalentemente: Per cui abbiamo C\AB Y = AC + AB + AB Nella figura seguente sono riportate due possibili soluzioni tra loro equivalenti: Esempio: C\AB Y = C + AB + A B Come minimizzare con una mappa di 0 In modo del tutto analogo si procede evidenziando gli 0: a) si individuano tutti i possibili raggruppamenti rettangolari di 0 adiacenti, che ne contengano il maggior numero possibile, ma sempre in quantità potenza del 2; b) si sceglie il minimo numero di raggruppamenti necessari, per considerare tutti gli 0 almeno una volta; c) a ogni raggruppamento si fa corrispondere una somma delle sole variabili che hanno lo stesso valore in tutte le caselle; le variabili vanno complementate se valgono l e non complementate se valgono 0; d) l'espressione minima è il prodotto dei termini ricavati al punto c). Esempio: CD\AB ( B + D) ( A + B D) Y = + 10

11 Caso con più di quattro variabili Con opportuni accorgimenti è possibile estendere il metodo anche a funzioni logiche con più di quattro variabili. Per esempio, nel caso di cinque variabili si possono considerare due sottomappe riferite alle variabili A, B, C, D, una con E = 0 e una con E = 1. I raggruppamenti nelle sottomappe vengono realizzati al solito modo, ma bisogna tener presente che gli 1 occupanti le stesse posizioni nelle due sottomappe vanno considerati adiacenti (infatti varia solo E). In pratica, si deve immaginare le due sottomappe sovrapposte in trasparenza. In sintesi: 1. Per realizzare il circuito combinatorio corrispondente a una tabella della verità è necessario ricavare un'espressione logica che la soddisfa: la prima e la seconda forma canonica sono le espressioni più facilmente ricavabili da una tabella della verità e che la soddisfano. 2. Se l'espressione logica non è minima, prima di procedere alla realizzazione del circuito corrispondente conviene minimizzarla. 3. La minimizzazione tramite l'applicazione delle regole dell'algebra di Boole può risultare difficile e comunque è scomoda; più adatto può risultare (fino a 6 variabili) l'uso delle mappe di Karnaugh. 4. Se in una tabella della verità esistono delle condizioni di indifferenza (se per una o più combinazioni d ingresso sia indifferente che l uscita risulti 0 o 1), queste vanno usate in modo da ottimizzare la minimizzazione. Laboratorio Si propone la verifica sperimentale della tabella della verità di un NAND a due ingressi. Strumenti e materiali necessari: Alimentatore stabilizzato; IC 7400 (oppure IC 4011), due resistori da 1 kohm, un resistore da 100 Ohm, un LED; Bread-board. Fasi operative: Realizzazione del circuito, come da piano di montaggio seguente; Taratura dell alimentatore e collegamento al circuito; Verifica sperimentale della tabella di verità. Circuito per la verifica della tabella della verità di una NAND, visualizzazione del livello alto. 11

12 Esercizi di verifica Cosa si intende per circuiti combinatori? I circuiti logici AND-OR-NOT costituiscono, nel loro insieme, un gruppo universale. Cosa intendiamo con quest affermazione e quali altri gruppi universali conosci? Per cosa è utili la minimizzazione? Minimizzare usando l algebra di Boole, le seguenti espressioni logiche: Y = AB + AB + AB + AB; Y = A ( B + C) + ABC + AB + C. Si proponga una realizzazione circuitale, con soli NAND, della seguente espressione logica: y = B + B C + B C D Data la seguente tabella della verità, si ricavino le corrispondenti forme canoniche (I et II), proponendone per ognuna di esse una realizzazione circuitale. A B C D Y Ricavare, utilizzando i mintermini, l espressione minima corrispondente alla precedente tabella della verità. 12

13 Realizzare il circuito combinatorio corrispondente alla seguente tabella della verità, utilizzando esclusivamente l IC 74150: A B C D Y Ricavare dalla seguenti Mappe di Karnaugh le corrispondenti funzioni minime CD\AB CD\AB

Architettura dei Calcolatori Algebra delle reti Logiche

Architettura dei Calcolatori Algebra delle reti Logiche Architettura dei Calcolatori Algebra delle reti Logiche Ing. dell Automazione A.A. 20/2 Gabriele Cecchetti Algebra delle reti logiche Sommario: Segnali e informazione Algebra di commutazione Porta logica

Dettagli

Cap. 3 Reti combinatorie: analisi e sintesi operatori logici e porte logiche

Cap. 3 Reti combinatorie: analisi e sintesi operatori logici e porte logiche Cap. 3 Reti combinatorie: analisi e sintesi operatori logici e porte logiche 3.1 LE PORTE LOGICHE E GLI OPERATORI ELEMENTARI 3.2 COMPORTAMENTO A REGIME E IN TRANSITORIO DEI CIRCUITI COMBINATORI I nuovi

Dettagli

Utilizzo I mintermini si usano quando si considererà la funzione di uscita Q come Somma di Prodotti (S. P.) ossia OR di AND.

Utilizzo I mintermini si usano quando si considererà la funzione di uscita Q come Somma di Prodotti (S. P.) ossia OR di AND. IPSI G. Plana Via Parenzo 46, Torino efinizione di Mintermine onsiderata una qualunque riga della tabella di verità in cui la funzione booleana di uscita Q vale, si definisce mintermine il prodotto logico

Dettagli

I.I.S. Primo Levi Badia Polesine A.S. 2012-2013

I.I.S. Primo Levi Badia Polesine A.S. 2012-2013 LGEBR DI BOOLE I.I.S. Primo Levi Badia Polesine.S. 2012-2013 Nel secolo scorso il matematico e filosofo irlandese Gorge Boole (1815-1864), allo scopo di procurarsi un simbolismo che gli consentisse di

Dettagli

Modulo 8. Elettronica Digitale. Contenuti: Obiettivi:

Modulo 8. Elettronica Digitale. Contenuti: Obiettivi: Modulo 8 Elettronica Digitale Contenuti: Introduzione Sistemi di numerazione posizionali Sistema binario Porte logiche fondamentali Porte logiche universali Metodo della forma canonica della somma per

Dettagli

Algebra di Boole. Le operazioni, nell algebra booleana sono basate su questi tre operatori: AND ( ), OR ( + ),NOT ( )

Algebra di Boole. Le operazioni, nell algebra booleana sono basate su questi tre operatori: AND ( ), OR ( + ),NOT ( ) Algebra di Boole L algebra di Boole prende il nome da George Boole, matematico inglese (1815-1864), che pubblicò un libro nel 1854, nel quale vennero formulati i principi dell'algebra oggi conosciuta sotto

Dettagli

Algebra di Boole. Le operazioni base sono AND ( ), OR ( + ), NOT ( )

Algebra di Boole. Le operazioni base sono AND ( ), OR ( + ), NOT ( ) Algebra di Boole Circuiti logici: componenti hardware preposti all'elaborazione delle informazioni binarie. PORTE LOGICHE (logical gate): circuiti di base. Allo scopo di descrivere i comportamenti dei

Dettagli

Algebra Booleana 1 ALGEBRA BOOLEANA: VARIABILI E FUNZIONI LOGICHE

Algebra Booleana 1 ALGEBRA BOOLEANA: VARIABILI E FUNZIONI LOGICHE Algebra Booleana 1 ALGEBRA BOOLEANA: VARIABILI E FUNZIONI LOGICHE Andrea Bobbio Anno Accademico 2000-2001 Algebra Booleana 2 Calcolatore come rete logica Il calcolatore può essere visto come una rete logica

Dettagli

Algebra Di Boole. Definiamo ora che esiste un segnale avente valore opposto di quello assunto dalla variabile X.

Algebra Di Boole. Definiamo ora che esiste un segnale avente valore opposto di quello assunto dalla variabile X. Algebra Di Boole L algebra di Boole è un ramo della matematica basato sul calcolo logico a due valori di verità (vero, falso). Con alcune leggi particolari consente di operare su proposizioni allo stesso

Dettagli

APPUNTI DI ELETTRONICA DIGITALE

APPUNTI DI ELETTRONICA DIGITALE APPUNTI DI ELETTRONICA DIGITALE ITIS MARCONI-GORGONZOLA docente :dott.ing. Paolo Beghelli pag.1/24 Indice 1.ELETTRONICA DIGITALE 4 1.1 Generalità 4 1.2 Sistema di numerazione binario 4 1.3 Operazioni con

Dettagli

Calcolatori: Algebra Booleana e Reti Logiche

Calcolatori: Algebra Booleana e Reti Logiche Calcolatori: Algebra Booleana e Reti Logiche 1 Algebra Booleana e Variabili Logiche I fondamenti dell Algebra Booleana (o Algebra di Boole) furono delineati dal matematico George Boole, in un lavoro pubblicato

Dettagli

Logica combinatoria. La logica digitale

Logica combinatoria. La logica digitale Logica combinatoria La logica digitale La macchina è formata da porte logiche Ogni porta riceve in ingresso dei segnali binari (cioè segnali che possono essere 0 o 1) e calcola una semplice funzione (ND,

Dettagli

Matematica Computazionale Lezione 4: Algebra di Commutazione e Reti Logiche

Matematica Computazionale Lezione 4: Algebra di Commutazione e Reti Logiche Matematica Computazionale Lezione 4: Algebra di Commutazione e Reti Logiche Docente: Michele Nappi mnappi@unisa.it www.dmi.unisa.it/people/nappi 089-963334 ALGEBRA DI COMMUTAZIONE Lo scopo di questa algebra

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Fondamenti di calcolo booleano

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Fondamenti di calcolo booleano Breve introduzione storica Nel 1854, il prof. Boole pubblica un trattato ormai famosissimo: Le leggi del pensiero. Obiettivo finale del trattato è di far nascere la matematica dell intelletto umano, un

Dettagli

Sintesi dei circuiti logici:

Sintesi dei circuiti logici: SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE INTERATENEO PER LA FORMAZIONE DEGLI INSEGNANTI DI SCUOLA SECONDARIA INDIRIZZO TECNOLOGICO Tesina finale di abilitazione in Elettronica ( A034 ) Sintesi dei circuiti logici: minimizzazione

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale E. Majorana

Istituto Tecnico Industriale Statale E. Majorana Istituto Tecnico Industriale Statale E. Majorana Cassino *** Corso Abilitante A034 Elettronica A.S.: 2000/2001 U.D. : Mappe di Karnaugh e minimizzazione delle reti logiche. Proposta di un piano di lavoro

Dettagli

Esercitazioni di Reti Logiche. Lezione 2 Algebra Booleana e Porte Logiche. Zeynep KIZILTAN zkiziltan@deis.unibo.it

Esercitazioni di Reti Logiche. Lezione 2 Algebra Booleana e Porte Logiche. Zeynep KIZILTAN zkiziltan@deis.unibo.it Esercitazioni di Reti Logiche Lezione 2 Algebra Booleana e Porte Logiche Zeynep KIZILTAN zkiziltan@deis.unibo.it Argomenti Algebra booleana Funzioni booleane e loro semplificazioni Forme canoniche Porte

Dettagli

Algoritmo = Dati e Azioni Sistema numerico binario Rappresentazioni di numeri binari Rappresentazione in modulo e segno

Algoritmo = Dati e Azioni Sistema numerico binario Rappresentazioni di numeri binari Rappresentazione in modulo e segno Algoritmo = Dati e Azioni Dati: Numeri (naturali, interi, reali, ) Caratteri alfanumerici (a, b, c, ) Dati logici (vero, falso) Vettori di elementi, matrici, ([1,2,3], [[1,1],[1,2], ]) Azioni o istruzioni:

Dettagli

Le Mappe di Karnaugh.

Le Mappe di Karnaugh. Le Mappe di Karnaugh. Introduzione Le mappe di Karnaugh rappresentano un metodo grafico-sistematico per la semplificazione di qualsiasi funzione booleana. Questo metodo si basa su poche regole e se applicate

Dettagli

Codifica binaria e algebra di Boole

Codifica binaria e algebra di Boole Codifica binaria e algebra di Boole Corso di Programmazione A.A. 2008/09 G. Cibinetto Contenuti della lezione Codifica binaria dell informazione Numeri naturali, interi, frazionari, in virgola mobile Base

Dettagli

Reti Logiche. Le reti logiche sono gli elementi architettonici di base dei calcolatori, e di tutti gli apparati per elaborazioni digitali.

Reti Logiche. Le reti logiche sono gli elementi architettonici di base dei calcolatori, e di tutti gli apparati per elaborazioni digitali. Reti Logiche Le reti logiche sono gli elementi architettonici di base dei calcolatori, e di tutti gli apparati per elaborazioni digitali. - Elaborano informazione rappresentata da segnali digitali, cioe

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO E L E T T R O N I C A Anno Scolastico 2014/2015 Classe III Ae Prof. Boldrini Renato Prof. Procopio Sostene

PROGRAMMA SVOLTO E L E T T R O N I C A Anno Scolastico 2014/2015 Classe III Ae Prof. Boldrini Renato Prof. Procopio Sostene PROGRAMMA SVOLTO E L E T T R O N I C A Anno Scolastico 2014/2015 Classe III Ae Prof. Boldrini Renato Prof. Procopio Sostene LIBRI DI TESTO: Autore: Conte/Ceserani/Impallomeni Titolo: ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA

Dettagli

1. Operazioni in logica binaria e porte logiche

1. Operazioni in logica binaria e porte logiche 1. Operazioni in logica binaria e porte logiche Espressione di un numero in base 10 (notare a pedice p.es del numero 21); 21 10 =210 1 +110 0 527,98 10 =5 10 2 +2 10 1 +7 10 0 +9 10 1 +8 10 2 407,563 10

Dettagli

2AE 2BE [Stesura a.s. 2014/15]

2AE 2BE [Stesura a.s. 2014/15] Monte ore annuo Libro di Testo SETTEMBRE PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE 99 ore di cui 66 di laboratorio Appunti forniti dal docente, G. Chiavola ECDL Syllabus 5.0 Guida all esame per la patente

Dettagli

MAPPE DI KARNAUGH e sintesi ottima

MAPPE DI KARNAUGH e sintesi ottima MAPPE DI KARNAUGH e sintesi ottima (prima stesura da rivedere) Sappiamo che una funzione logica può essere espressa in diverse forme, tra loro equivalenti e noi siamo già in grado di passare da una all

Dettagli

ALGEBRA DELLE PROPOSIZIONI

ALGEBRA DELLE PROPOSIZIONI Università di Salerno Fondamenti di Informatica Corso di Laurea Ingegneria Corso B Docente: Ing. Giovanni Secondulfo Anno Accademico 2010-2011 ALGEBRA DELLE PROPOSIZIONI Fondamenti di Informatica Algebra

Dettagli

PROGRAMMAZIONE MODULARE

PROGRAMMAZIONE MODULARE PROGRAMMAZIONE MODULARE ANNO SCOLASTICO 2013-2014 Indirizzo: ELETTROTECNICA - SIRIO Disciplina: ELETTRONICA Classe: 3^ Sezione: AES Numero di ore settimanali: 2 ore di teoria + 2 ore di laboratorio Modulo

Dettagli

Sommario. Teoremi Maxterm Forme Canoniche Mappe di Karnaugh Fine lezione

Sommario. Teoremi Maxterm Forme Canoniche Mappe di Karnaugh Fine lezione Algebra di Boole e Funzioni Binarie Lezione Prima Sommario Variabili Binarie Negazione Somma Logica Prodotto Logico Relazioni- proprietà Funzioni Minterm Teoremi Maxterm Forme Canoniche Mappe di Karnaugh

Dettagli

Introduzione ai microcontrollori

Introduzione ai microcontrollori Introduzione ai microcontrollori L elettronica digitale nasce nel 1946 con il primo calcolatore elettronico digitale denominato ENIAC e composto esclusivamente di circuiti a valvole, anche se negli anni

Dettagli

La Logica Proposizionale. (Algebra di Boole)

La Logica Proposizionale. (Algebra di Boole) 1 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE ANGIOY La Logica Proposizionale (Algebra di Boole) Prof. G. Ciaschetti 1. Cenni storici Sin dagli antichi greci, la logica è intesa come lo studio del logos, che in greco

Dettagli

Memorie ROM (Read Only Memory)

Memorie ROM (Read Only Memory) Memorie ROM (Read Only Memory) Considerando la prima forma canonica, la realizzazione di qualsiasi funzione di m variabili richiede un numero di porte AND pari al numero dei suoi mintermini e di prolungare

Dettagli

ELEMENTI PROGETTAZIONE LOGICA

ELEMENTI PROGETTAZIONE LOGICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA ELEMENTI PROGETTAZIONE DI LOGICA Dispense per il Corso di PROGETTAZIONE LOGICA Prof. Giuliano F. BOELLA 2 i PREMESSA Queste dispense

Dettagli

L'algebra di Boole falso vero livello logico alto livello logico basso Volts

L'algebra di Boole falso vero livello logico alto livello logico basso Volts L algebra di Boole L'algebra di Boole comprende una serie di regole per eseguire operazioni con variabili logiche. Le variabili logiche possono assumere solo due valori. I due possibili stati che possono

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

Algebra booleana e circuiti logici. a cura di: Salvatore Orlando

Algebra booleana e circuiti logici. a cura di: Salvatore Orlando lgebra booleana e circuiti logici a cura di: Salvatore Orlando rch. Elab. - S. Orlando lgebra & Circuiti Elettronici I calcolatori operano con segnali elettrici con valori di potenziale discreti sono considerati

Dettagli

Prodotto elemento per elemento, NON righe per colonne Unione: M R S

Prodotto elemento per elemento, NON righe per colonne Unione: M R S Relazioni binarie Una relazione binaria può essere rappresentata con un grafo o con una matrice di incidenza. Date due relazioni R, S A 1 A 2, la matrice di incidenza a seguito di varie operazioni si può

Dettagli

Esempi ed esercizi Aritmetica degli elaboratori e algebra di commutazione

Esempi ed esercizi Aritmetica degli elaboratori e algebra di commutazione Esempi ed esercizi Aritmetica degli elaboratori e algebra di commutazione Fondamenti di Informatica Michele Ceccarelli Università del Sannio ceccarelli@unisannio.it Angelo Ciaramella DMI-Università degli

Dettagli

STRUTTURE ALGEBRICHE

STRUTTURE ALGEBRICHE STRUTTURE ALGEBRICHE Operazioni in un insieme Sia A un insieme non vuoto; una funzione f : A A A si dice operazione binaria (o semplicemente operazione), oppure legge di composizione interna. Per definizione

Dettagli

Comparatori. Comparatori di uguaglianza

Comparatori. Comparatori di uguaglianza Comparatori Scopo di un circuito comparatore é il confronto tra due codifiche binarie. Il confronto può essere effettuato per verificare l'uguaglianza oppure una relazione d'ordine del tipo "maggiore",

Dettagli

LABORATORIO DI ARCHITETTURA DEI CALCOLATORI lezione n 2. http://digilander.libero.it/rosario.cerbone

LABORATORIO DI ARCHITETTURA DEI CALCOLATORI lezione n 2. http://digilander.libero.it/rosario.cerbone LABORATORIO DI ARCHITETTURA DEI CALCOLATORI lezione n 2 Prof. Rosario Cerbone rosario.cerbone@libero.it http://digilander.libero.it/rosario.cerbone a.a. 2007-2008 Logica Combinatoria una rete combinatoria

Dettagli

G. Pareschi ALGEBRE DI BOOLE. 1. Algebre di Boole

G. Pareschi ALGEBRE DI BOOLE. 1. Algebre di Boole G. Pareschi ALGEBRE DI BOOLE 1. Algebre di Boole Nel file precedente abbiamo incontrato la definizione di algebra di Boole come reticolo: un algebra di Boole e un reticolo limitato, complementato e distributivo.

Dettagli

Algebra booleana. Si dice enunciato una proposizione che può essere soltanto vera o falsa.

Algebra booleana. Si dice enunciato una proposizione che può essere soltanto vera o falsa. Algebra booleana Nel lavoro di programmazione capita spesso di dover ricorrere ai principi della logica degli enunciati e occorre conoscere i concetti di base dell algebra delle proposizioni. L algebra

Dettagli

Algebra Booleana ed Espressioni Booleane

Algebra Booleana ed Espressioni Booleane Algebra Booleana ed Espressioni Booleane Che cosa è un Algebra? Dato un insieme E di elementi (qualsiasi, non necessariamente numerico) ed una o più operazioni definite sugli elementi appartenenti a tale

Dettagli

Sottrazione Logica. Sottrattore Parallelo

Sottrazione Logica. Sottrattore Parallelo Sottrazione Logica Il progetto digitale deve provvedere, con sofisticate macchine combinatorie, al supporto di tutte le operazioni aritmetiche; in questa puntata ci occupiamo dei dispositivi chiamati a

Dettagli

Circuiti logici. Parte xxv

Circuiti logici. Parte xxv Parte xxv Circuiti logici Operatori logici e porte logiche....................... 729 Operatori unari....................................... 730 Connettivo AND...................................... 730

Dettagli

Dispense di elettronica digitale per il corso di LAB 2 B

Dispense di elettronica digitale per il corso di LAB 2 B Dispense di elettronica digitale per il corso di LAB 2 B Prof. Flavio Fontanelli Versione 1.2 5 aprile 2006 Copyright 2000-2005. Questo documento è protetto dalla legge sul diritto di autore, e di proprietà

Dettagli

Sistemi di Numerazione e Algebra Booleana

Sistemi di Numerazione e Algebra Booleana Sistemi di Numerazione e Algebra Booleana Laura Farinetti Claudio Fornaro Antonio Lioy Massimo Poncino Dipartimento di Automatica e Informatica Politecnico di Torino Sistemi di numerazione Il sistema di

Dettagli

Corso: Fondamenti Informatica I Prof. Paolo Nesi A.A. 2002/2003

Corso: Fondamenti Informatica I Prof. Paolo Nesi A.A. 2002/2003 Dispense Introduzione al calcolatore Corso: Fondamenti Informatica I Prof. Paolo Nesi A.A. 2002/2003 Nota: Queste dispense integrano e non sostituiscono quanto scritto sul libro di testo. 1 Sistemi di

Dettagli

Algebra di Boole ed Elementi di Logica

Algebra di Boole ed Elementi di Logica Algebra di Boole ed Elementi di Logica 53 Cenni all algebra di Boole L algebra di Boole (inventata da G. Boole, britannico, seconda metà 8), o algebra della logica, si basa su operazioni logiche Le operazioni

Dettagli

Linguaggio del calcolatore. Algebra di Boole AND, OR, NOT. Notazione. And e or. Circuiti e reti combinatorie. Appendice A + dispense

Linguaggio del calcolatore. Algebra di Boole AND, OR, NOT. Notazione. And e or. Circuiti e reti combinatorie. Appendice A + dispense Linguaggio del calcolatore Circuiti e reti combinatorie ppendice + dispense Solo assenza o presenza di tensione: o Tante componenti interconnesse che si basano su e nche per esprimere concetti complessi

Dettagli

Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello

Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello Maurizio Palesi Maurizio Palesi 1 Introduzione Obiettivo della sintesi logica: ottimizzazione delle cifre di merito area e prestazioni Prestazioni:

Dettagli

1. Operazioni binarie e loro proprietà.

1. Operazioni binarie e loro proprietà. INTRODUZIONE ALLE STRUTTURE ALGEBRICHE Lo studio delle strutture algebriche astratte innanzitutto consente economia di pensiero, mediante l'unificazione in teorie generali degli esempi particolari già

Dettagli

Teoria degli insiemi

Teoria degli insiemi Teoria degli insiemi pag 1 Easy Matematica di dolfo Scimone Teoria degli insiemi Il concetto di insieme si assume come primitivo, cioè non riconducibile a concetti precedentemente definiti. Sinonimi di

Dettagli

Lezione 3 Prof. Angela Bonifati

Lezione 3 Prof. Angela Bonifati Lezione 3 Prof. Angela Bonifati Complemento a 2 Algebra booleana Le infrastrutture hardware Esercizi sulla codifica dei numeri Eseguire le seguenti conversioni: Da base 2 e 16 in base 10: 110 2 =???? 10

Dettagli

RETI COMBINATORIE CON USCITE MULTIPLE 1 GENERALITÀ SUI CONVERTITORI DI CODICE Un uso delle porte logiche nei sistemi digitali è quello dei convertitori di codice. I codici più usati comunemente sono: binario,

Dettagli

Dispensa del corso di Informatica

Dispensa del corso di Informatica Dispensa 6-Boolean 1 Algebra Booleana Dispensa del corso di Informatica La logica George Boole (1815 1864) è stato un matematico e logico britannico, ed è considerato il padre fondatore della logica matematica.

Dettagli

Capitolo I STRUTTURE ALGEBRICHE ELEMENTARI

Capitolo I STRUTTURE ALGEBRICHE ELEMENTARI Capitolo I STRUTTURE ALGEBRICHE ELEMENTARI In matematica, per semplificare la stesura di un testo, si fa ricorso ad un linguaggio specifico. In questo capitolo vengono fornite in maniera sintetica le nozioni

Dettagli

Appunti di LOGICA MATEMATICA (a.a.2009-2010; A.Ursini) Algebre di Boole. 1. Definizione e proprietá

Appunti di LOGICA MATEMATICA (a.a.2009-2010; A.Ursini) Algebre di Boole. 1. Definizione e proprietá Appunti di LOGICA MATEMATICA (a.a.2009-2010; A.Ursini) [# Aii [10 pagine]] Algebre di Boole Un algebra di Boole è una struttura 1. Definizione e proprietá B =< B,,, ν, 0, 1 > in cui B è un insieme non

Dettagli

ALGEBRA BOOLEANA FONDAMENTI DI INFORMATICA 1. Algebra di Boole. Definizione NOT, AND, OR

ALGEBRA BOOLEANA FONDAMENTI DI INFORMATICA 1. Algebra di Boole. Definizione NOT, AND, OR Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea in Ingegneria Biomedica, Chimica, Elettrica e Meccanica FONDAMENTI DI INFORMATICA 1 http://www.diee.unica.it/~marcialis/fi1 A.A. 2010/2011 Docente: Gian

Dettagli

Lezioni di Matematica 1 - I modulo

Lezioni di Matematica 1 - I modulo Lezioni di Matematica 1 - I modulo Luciano Battaia 16 ottobre 2008 Luciano Battaia - http://www.batmath.it Matematica 1 - I modulo. Lezione del 16/10/2008 1 / 13 L introduzione dei numeri reali si può

Dettagli

Appunti di Logica Matematica

Appunti di Logica Matematica Appunti di Logica Matematica Francesco Bottacin 1 Logica Proposizionale Una proposizione è un affermazione che esprime un valore di verità, cioè una affermazione che è VERA oppure FALSA. Ad esempio: 5

Dettagli

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Definizione 1. Un sistema lineare di m equazioni in n incognite, in forma normale, è del tipo a 11 x 1 + + a 1n x n = b 1 a 21 x 1 + + a 2n x n = b 2 (1) = a m1 x 1 + +

Dettagli

LOGICA BINARIA E CIRCUITI

LOGICA BINARIA E CIRCUITI LOGICA BINARIA E CIRCUITI 1. Espressioni e calcolo algebrico. 2 2. Funzioni booleiane. 3 3. Operatori logici 5 4. Espressioni logiche. 6 5. Il teorema fondamentale 8 6. e circuiti. 9 7. Relè 10 8. Reti

Dettagli

Cenni di logica & algebra booleana

Cenni di logica & algebra booleana Cenni di algebra booleana e dei sistemi di numerazione Dr. Carlo Sansotta - 25 2 Parte Cenni di logica & algebra booleana 3 introduzione L elaboratore elettronico funziona secondo una logica a 2 stati:

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO A. SC. 2014 2015 classe III W. Conoscenze, abilità e competenze. Conoscere:

PROGRAMMA SVOLTO A. SC. 2014 2015 classe III W. Conoscenze, abilità e competenze. Conoscere: Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sardegna ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE BUCCARI MARCONI Indirizzi: Trasporti Marittimi / Apparati ed Impianti

Dettagli

Appunti sulle disequazioni

Appunti sulle disequazioni Premessa Istituto d Istruzione Superiore A. Tilgher Ercolano (Na) Appunti sulle disequazioni Questa breve trattazione non vuole costituire una guida completa ed esauriente sull argomento, ma vuole fornire

Dettagli

Indice. 1 Rappresentazione dei dati... 3

Indice. 1 Rappresentazione dei dati... 3 INSEGNAMENTO DI INFORMATICA DI BASE LEZIONE II CODIFICA DELL'INFORMAZIONE PROF. GIOVANNI ACAMPORA Indice 1 Rappresentazione dei dati... 3 1.1. Rappresentazione dei numeri... 3 1.1.1 Rappresentazione del

Dettagli

10.1 Corrente, densità di corrente e Legge di Ohm

10.1 Corrente, densità di corrente e Legge di Ohm Capitolo 10 Correnti elettriche 10.1 Corrente, densità di corrente e Legge di Ohm Esercizio 10.1.1 Un centro di calcolo è dotato di un UPS (Uninterruptible Power Supply) costituito da un insieme di 20

Dettagli

Algebra e Geometria. Ingegneria Meccanica e dei Materiali Sez (2) Ingegneria dell Automazione Industriale Sez (2)

Algebra e Geometria. Ingegneria Meccanica e dei Materiali Sez (2) Ingegneria dell Automazione Industriale Sez (2) Algebra e Geometria Ingegneria Meccanica e dei Materiali Sez (2) Ingegneria dell Automazione Industriale Sez (2) Traccia delle lezioni che saranno svolte nell anno accademico 2012/13 I seguenti appunti

Dettagli

Ambiente di apprendimento

Ambiente di apprendimento ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA MAIO LINO, PALUMBO GAETANO 3EET Settembre novembre Saper risolvere un circuito elettrico in corrente continua, e saperne valutare i risultati. Saper applicare i teoremi dell

Dettagli

Corso PAS Anno 2014. ESEMPIO. Per n = 3, Z 3 contiene 3 elementi:

Corso PAS Anno 2014. ESEMPIO. Per n = 3, Z 3 contiene 3 elementi: Corso PAS Anno 2014 Matematica e didattica 3 Correzione esercizi 1. Definizione. Sia n un fissato intero maggiore di 1. Dati due interi a, b si dice che a è congruo a b modulo n, e si scrive a b (mod n),

Dettagli

Introduzione all elettronica

Introduzione all elettronica Introduzione all elettronica L elettronica nacque agli inizi del 1900 con l invenzione del primo componente elettronico, il diodo (1904) seguito poi dal triodo (1906) i cosiddetti tubi a vuoto. Questa

Dettagli

ALGEBRA E LOGICA (v1.5)

ALGEBRA E LOGICA (v1.5) ALGEBRA E LOGICA (v1.5) Iniettività e suriettività: Per dimostrare che una funzione è iniettiva basta provare che se a1 = a2 => f(a1) = f(a2) per ogni valore di a (la cardinalità del codominio è maggiore

Dettagli

Circuiti logici combinatori

Circuiti logici combinatori Circuiti logici combinatori - Prof. G. Acciari - M.M. Mano C.R.Kime, RETI LOGICHE IV ed, Pearson Prentice Hall Cap..,.,.6,.7,.8,.9 Ing. G. Acciari - Circuiti Logici (ver..) A.A. / Circuiti logici combinatori

Dettagli

CODIFICA BINARIA. ... sono rappresentati ricorrendo a simboli che sintezzano il concetto di numerosità.

CODIFICA BINARIA. ... sono rappresentati ricorrendo a simboli che sintezzano il concetto di numerosità. I METODI DI NUMERAZIONE I numeri naturali... sono rappresentati ricorrendo a simboli che sintezzano il concetto di numerosità. Il numero dei simboli usati per valutare la numerosità costituisce la base

Dettagli

4. Operazioni binarie, gruppi e campi.

4. Operazioni binarie, gruppi e campi. 1 4. Operazioni binarie, gruppi e campi. 4.1 Definizione. Diremo - operazione binaria ovunque definita in A B a valori in C ogni funzione f : A B C - operazione binaria ovunque definita in A a valori in

Dettagli

Elenco unità capitalizzabili non presenti nello standard nazionale

Elenco unità capitalizzabili non presenti nello standard nazionale Elenco unità capitalizzabili non presenti nello standard nazionale TITOLO UNITÀ :Utilizzare le tecniche fondamentali della meccanica applicata alle macchine Definire le tecniche per la trasmissione del

Dettagli

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA 1. RICHIAMI SULLE PROPRIETÀ DEI NUMERI NATURALI Ho mostrato in un altra dispensa come ricavare a partire dagli assiomi di

Dettagli

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali 1 Numeri naturali La successione di tutti i numeri del tipo: 0,1, 2, 3, 4,..., n,... forma l'insieme dei numeri naturali, che si indica con il simbolo N. Tale insieme si può disporre in maniera ordinata

Dettagli

SISTEMA DI RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI E. Giordani

SISTEMA DI RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI E. Giordani SISTEMA DI RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI E. Giordani LEMS- Laboratorio Elettronico per la Musica Sperimentale Conservatorio di Musica G. Rossini- Pesaro,QWURGX]LRQH Tutti i FDOFRODWRUL HOHWWURQLFL

Dettagli

Alcune nozioni di base di Logica Matematica

Alcune nozioni di base di Logica Matematica Alcune nozioni di base di Logica Matematica Ad uso del corsi di Programmazione I e II Nicola Galesi Dipartimento di Informatica Sapienza Universitá Roma November 1, 2007 Questa é una breve raccolta di

Dettagli

Sommario. Addizione naturale

Sommario. Addizione naturale Sommario Introduzione Rappresentazione dei numeri interi positivi Rappresentazione dei numeri interi Operazioni aritmetiche Modulo e segno Addizione e sottrazione urale Addizione e sottrazione in complemento

Dettagli

Algebra di Boole. 1 Definizione formale

Algebra di Boole. 1 Definizione formale Algebra di Boole In matematica, informatica ed elettronica, l'algebra di Boole, anche detta algebra booleana o reticolo booleano, è un'algebra astratta che opera essenzialmente con i soli valori di verità

Dettagli

la "macchina" universale di Turing

la macchina universale di Turing la "macchina" universale di Turing Nel 1854, il matematico britannico George Boole (1815-1864), elaborò una matematica algebrica che da lui prese il nome. Nell'algebra booleana le procedure di calcolo

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

L INNOVAZIONE SCIENTIFICO-TECNOLOGICA NEI PROCESSI PRODUTTIVI

L INNOVAZIONE SCIENTIFICO-TECNOLOGICA NEI PROCESSI PRODUTTIVI L INNOVAZIONE SCIENTIFICO-TECNOLOGICA NEI PROCESSI PRODUTTIVI Scienza ed industria hanno oggi costituito legami molto forti di collaborazione che hanno portato innovazione tecnologica sia a livello organizzativo-amministrativo

Dettagli

Aritmetica: operazioni ed espressioni

Aritmetica: operazioni ed espressioni / A SCUOLA DI MATEMATICA Lezioni di matematica a cura di Eugenio Amitrano Argomento n. : operazioni ed espressioni Ricostruzione di un abaco dell epoca romana - Museo RGZ di Magonza (Germania) Libero da

Dettagli

RELAZIONI BINARIE. Proprietà delle relazioni Data una relazione R, definita in un insieme non vuoto U, si hanno le seguenti proprietà :

RELAZIONI BINARIE. Proprietà delle relazioni Data una relazione R, definita in un insieme non vuoto U, si hanno le seguenti proprietà : RELAZIONI INARIE Dati due insiemi non vuoti, A detto dominio e detto codominio, eventualmente coincidenti, si chiama relazione binaria (o corrispondenza) di A in, e si indica con f : A, (oppure R ) una

Dettagli

Reti combinatorie: Codificatori

Reti combinatorie: Codificatori Reti combinatorie: Codificatori P. Marincola (Rev..2) Come si ricorderà, i decodificatori hanno essenzialmente il compito di convertire un codice binario a n bit in un codice -su-m, dovem =2 n. In molte

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA Anno Accademico 2012/2013 REGISTRO DELL ATTIVITÀ DIDATTICA Docente: ANDREOTTI MIRCO Titolo del corso: MATEMATICA ED ELEMENTI DI STATISTICA Corso: CORSO UFFICIALE Corso

Dettagli

Esercitazione Informatica I AA 2012-2013. Nicola Paoletti

Esercitazione Informatica I AA 2012-2013. Nicola Paoletti Esercitazione Informatica I AA 2012-2013 Nicola Paoletti 4 Gigno 2013 2 Conversioni Effettuare le seguenti conversioni, tenendo conto del numero di bit con cui si rappresenta il numero da convertire/convertito.

Dettagli

MATRICI E DETERMINANTI

MATRICI E DETERMINANTI MATRICI E DETERMINANTI 1. MATRICI Si ha la seguente Definizione 1: Un insieme di numeri, reali o complessi, ordinati secondo righe e colonne è detto matrice di ordine m x n, ove m è il numero delle righe

Dettagli

STRUTTURE ALGEBRICHE

STRUTTURE ALGEBRICHE STRUTTURE ALGEBRICHE 1. Operazioni algebriche binarie Dato un insieme M, chiamiamo operazione algebrica binaria definita su M una qualunque applicazione f che associa ad ogni coppia ordinata (a, b) di

Dettagli

CAPITOLO VI CIRCUITI SEQUENZIALI ASINCRONI

CAPITOLO VI CIRCUITI SEQUENZIALI ASINCRONI CAPITOLO VI CIRCUITI SEQUENZIALI ASINCRONI 6.) Introduzione. Nel capitolo precedente sono stati presi in considerazione gli aspetti essenziali dei circuiti sequenziali ed e' stato introdotto il modello

Dettagli

Dimensione di uno Spazio vettoriale

Dimensione di uno Spazio vettoriale Capitolo 4 Dimensione di uno Spazio vettoriale 4.1 Introduzione Dedichiamo questo capitolo ad un concetto fondamentale in algebra lineare: la dimensione di uno spazio vettoriale. Daremo una definizione

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

Appunti di informatica. Lezione 2 anno accademico 2015-2016 Mario Verdicchio

Appunti di informatica. Lezione 2 anno accademico 2015-2016 Mario Verdicchio Appunti di informatica Lezione 2 anno accademico 2015-2016 Mario Verdicchio Sistema binario e logica C è un legame tra i numeri binari (0,1) e la logica, ossia la disciplina che si occupa del ragionamento

Dettagli

Insiemi con un operazione

Insiemi con un operazione Capitolo 3 Insiemi con un operazione 3.1 Gruppoidi, semigruppi, monoidi Definizione 309 Un operazione binaria su un insieme G è una funzione: f : G G G Quindi, un operazione binaria f su un insieme G è

Dettagli

Transitori del primo ordine

Transitori del primo ordine Università di Ferrara Corso di Elettrotecnica Transitori del primo ordine Si consideri il circuito in figura, composto da un generatore ideale di tensione, una resistenza ed una capacità. I tre bipoli

Dettagli

FONDAMENTI DI LOGICA DIGITALE 1 DL 3155E20 LOGICA. Blocchi funzionali. Argomenti teorici

FONDAMENTI DI LOGICA DIGITALE 1 DL 3155E20 LOGICA. Blocchi funzionali. Argomenti teorici L1 LOGICA FONDAMENTI DI LOGICA DIGITALE 1 Concetti di logica: teoremi fondamentali dell'algebra booleana Sistema binario Funzioni logiche Descrizione algebrica delle reti logiche e le tavole della verità

Dettagli