Somme e sottrazioni in Immagini e Suoni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Somme e sottrazioni in Immagini e Suoni"

Transcript

1 Somme e sottrazioni in Immagini e Suoni Slide 1 ANDREA MENNUCCI Scuola Normale Superiore, Pisa Spazio vettoriale Slide Uno spazio vettoriale V è un insieme di vettori; due vettori v, w V possono essere sommati o sottratti; oppure, preso un numero reale s lr, sipuò eseguire il prodotto s v (che ha la stessa direzione di v ma è riscalato di un fattore s ; ses>0 allora s v ha lo stesso verso di v altrimenti ha verso opposto). Preso n intero positivo, l esempio principe di spazio vettoriale con n dimensioni è lr n, l insieme di tutte le n-ple di reali; due vettori di lr n possono essere, ad esempio, X =(x 1,...,x n ), Y =(y 1,...,y n ) La somma e il prodotto si eseguono componente per componente: X + Y =(x 1 + y 1,...,x n + y n ), s Y =(s y 1,...,s y n ) Y X lr è associato al piano, mentre lr 3 è associato allo spazio fisico, usando coordinate cartesiane. 1

2 Cosa è un immagine Slide 3 Prendiamo una immagine: CANALETTO, CAMPO DI RIALTO Slide 4 Ingrandiamo molto un dettaglio: notiamo dei quadratini, che sono detti pixel. Ogni pixel P è identificato da un ascissa i e un ordinata j nel piano dello schermo, e dovrebbe essere più correttamente indicato come P i,j.

3 Ogni pixel ha un colore, che è dato da una combinazione addittiva di rosso, verde e blu: questo modello del colore è indicato dalla sigla RGB (dall inglese Red Green Blue). La intensità di ognuno di questi 3 colori è indicata da un numero, che assume convenzionalmente un valore compreso fra 0 e 55. Il valore di un pixel è così rapresentato da un numero a 3 coordinate, come ad es. P =(R, G, B) = (1, 100, 76) Slide 5 Tutti i colori che si possono visualizzare sono dunque contenuti in un cubo di lato 56. Il vertice (0, 0, 0) rappresenta il nero, il (55, 55, 55) il bianco. Se consideriamo una immagine alta 400 pixel e larga 500 pixel, essa sarà specificata da = numeri compresi fra 0 e 55. Possiamo pensare che ogni possibile immagine sia un punto X =(R 1,1,G 1,1,B 1,1,R 1,,...,B 1,500,R,1,...,B 400,500) in uno spazio vettoriale lr con 600mila dimensioni. Combinazione convessa Slide 6 Consideriamo due punti X e Y in uno spazio di vettori. La differenza V = Y X è il vettore (tratteggiato nella figura) che parte dal punto X e arriva ad Y ; dunque Y = X + V. Sia ora s [0, 1] un numero reale compreso fra 0 e 1. Se moltiplichiamo s V otteniamo un vettore più corto di V, ma sempre orientato nella stessa direzione e verso; il punto Z che si ottiene come X V Z Y Z = X + s V = X + s (Y X) =X + s Y s X =(1 s) X + s Y è detto combinazione convessa dei due punti X e Y. Abbiamo visto nella formula come Z si può direttamente esprimere usando s, X, Y. Ad esempio se scegliamo s =1/, allora Z = X+Y è il loro punto medio. La famiglia di tutti i punti Z che si ottengono al variare di s [0, 1] copre tutto il segmento fra X e Y. 3

4 Combinazione convessa di immagini Abbiamo detto che una immagine può essere vista come un vettore con 600mila coordinate; se effettuiamo la combinazione convessa di due immagini, otteniamo una dissolvenza (in inglese blend). Slide 7 X=,Y=,Z= $ blend.py Cosa è un suono Slide 8 L aria che ci circonda è un fluido comprimibile, approssimativamente sottoposto alla pressione di 1 atmosfera 101kPa; una perturbazione di questa pressione si propaga nello spazio (con legge matematica simile a quella che regola la propagazione delle onde del mare, e delle onde elettromagnetiche). Il nostro orecchio percepisce queste variazioni di pressione e le trasforma in impulsi nervosi. Un microfono le trasforma in variazioni di un segnale elettrico; una cassa acustica trasforma viceversa il segnale elettrico in suono Possiamo così interporre un computer fra il microfono e la cassa acustica, ed elaborare il segnale a nostro piacimento. 4

5 La variazione di pressione rispetto alla pressione media diventa dunque una funzione f(t) del tempo; questa viene registrata come un segnale elettrico, che rappresentiamo nel grafico a sinistra. (In ordinata abbiamo il segnale, in ascissa il tempo) f(t) f(t) Slide Il segnale originale è tempo-continuo: associa ad ogni possibile tempo t un valore f(t); per registrare questo segnale in un computer (o in un CD), ci servirebbero infiniti numeri reali, e questo non è possibile. Ricorriamo al campionamento: registriamo un certo numero n di valori di corrente in ogni secondo. Il risultato si vede nel grafico a destra. Vediamo anche in questo semplice esempio che il campionamento comporta una perdità di qualità del segnale. Slide 10 Nel caso dei CD Audio, si registrano valori per ogni secondo, per ognuno dei due canali audio stereo. Per un teorema dovuto a Nyquist, un segnale campionato a Hz non può rappresentare frequenze superiori a.050hz ; queste frequenze vengono cancellate dai segnali; queste frequenze sono però ai limiti di quelle che l orecchio può sentire. 5

6 Somma e differenza Slide 11 Presi due numeri reali L e R, calcoliamo la loro media M e la loro semidifferenza S M = L + R, S = R L Conoscendo M e S, possiamo facilmente ricavare L e R come L = M S, R = M + S Applichiamo questa semplice trasformazione al canale sinistro L e destro R di un audio: in questo caso prende il nome di metodo MID-SIDE (dall inglese); questo metodo ha due importanti applicazioni. Prima applicazione del MID-SIDE: stereo surround Introduciamo un parametro s 0 reale in modo da definire due nuovi canali L = M s S, R = M + s S Ascoltiamo il suono di L, R. [$ audio.py -1] Slide 1 s =0si avrà L = R = M; verrà riprodotto la versione mono dell audio s (0, 1) si avrà un effetto mono s =1si ha il segnale stereo originale L = L, R = R s>1 si avrà un effetto stereo surround s=1,5 ~ L L M S R ~ R s=0.5 L ~ L M ~ R R PROBLEMA: COSA SUCCEDE PER s<0? [vedremo la seconda applicazione nella slide 1] 6

7 MID-SIDE come cambio di coordinate Consideriamo un istante di tempo t, e i valori dei segnali destro e sinistro R t,l t all istante t: questi valori giacciono in un quadrato nel piano; in questo piano, i corrispondenti valori M t,s t corrispondono a un sistema di coordinate ortogonali che sono ruotate rispetto alle originali. Slide 13 R S M M = L+R, S = R L L = M S, R = M + S L Abbiamo detto che i tre colori R, G, B di un pixel P giacciono in un cubo; anche in questo caso può essere utile effettuare un cambio di coordinate. cambio di coordinate di colori Slide 14 Siano R, G, B tre valori reali; definiamo Y,C r,c b come Y = R+G+B 3 C r = R G+B C b = B G Questo si inverte con R = Y + 3 C r verde Cb G B azzurro blu grigio giallo bianco Y magenta G = Y 1 3 C r 1 C b B = Y 1 3 C r + 1 C b nero Cr R rosso I tre nuovi assi Y,C r,c b sono ortogonali (ma non ortonormali). Questa è una versione semplificata della definizione ufficiale; si veda in 7

8 Per chi conosce le matrici, la trasformazione si scrive anche come Slide Y R C r = M G con M = B C b R Y G = M 1 C r con M 1 = B C b Per capire l utilità di questa trasformazione, introduciamo 3 parametri reali y,c r,c b. Prendiamo una immagine X. Possiamo costruire una nuova immagine X in questo modo: prima trasformiamo il colore di ogni pixel di X come visto sopra Y R C r C A = M GC A B poi moltiplichiamo C b Slide 16 indi ricreiamo i colori Ỹ = y Y, Cr = c r C r, Cb = c b C b R Ỹ G C A = M 1 C r C A B C b e li inseriamo nel pixel dell immagine X. [$ rgb.py -1]... Confrontiamo questa trasformazione con una più semplice, in cui, scelti tre parametri reali r, g, b, si pone R = r R, G = g G, B = b B 8

9 Slide 17 La trasformazione Y,C r,c b viene usata nei televisori a colori PAL. Un televisore in bianco e nero visualizza solo il segnale Y, cioè, solo la versione in bianco e nero del video. Quando fu deciso di passare dalla televisione in bianco e nero alla televisione a colori, furono aggiunti i segnali C r,c b. Il bottone colore del telecomando permette di aumentare i valori c r = c b (contemporaneamente). Il bottone contrasto del telecomando permette di cambiare il valore y. Slide 18 La precedente trasformazione contrae le immagini verso il nero (che è un vertice del cubo); per questo, non è facile vedere cosa essa faccia; notiamo infatti che gli assi C r,c b, se posizionati al vertice nero del cubo, escono dal cubo; per questo motivo, quando y =0, le immagini sono molto scure. Per evitare questo problema, proponiamo anche una trasformazione alternativa, in cui spostiamo gli assi dei colori al centro del cubo (il punto grigio), come in figura a lato. verde nero azzurro blu Cb G Y B giallo grigio rosso bianco magenta Cr R Questo equivale a usare le trasformazioni Ỹ = y (Y 18) + 18, Cr = c r C r, Cb = c b C b R = r (R 18) + 18, G = g (G 18) + 18, B = b (B 18)

10 Decibel I decibel sono un sistema logaritmico usato per esprimere il rapporto fra due valori x e ˆx; la formula è ( ) 10 log 10. xˆx Slide 19 I decibel sono dunque una misura relativa; se esprimiamo il valore di x in decibel, convenzionalmente dobbiamo sapere rispetto a quale ˆx esso è misurato. In acustica viene misurato il livello di pressione sonora I; in questo caso, il valore convenzionale è Î =0µP a = Pa. In fisica, la legge di Ohm P = i R lega corrente i, resistenza R e potenza P ;seî è una corrente di riferimento, e ˆP = î R allora il valore delle potenze e delle correnti espresse in decibel è legato da 10 log 10 ( PˆP ) =10log 10 ( i R î R ) ( ) i =0log 10 î Per saperne di più: Vantaggi: Molti apparecchi (filtri, amplificatori, etc.) trasformano il segnale di input in quello di output moltiplicandolo per una certa costante, detta guadagno: se esprimiamo il guadagno in decibel, allora i guadagni di strumenti in serie si sommano. Slide 0 l intensità sonora come percepita dal nostro orecchio si adatta bene a una scala logaritmica (per questo, gli strumenti che mostrano l intensità sonora sono sempre logaritmici, e similmente i regolatori di volume degli amplificatori)... Un altro uso molto comune dei decibel è nell esprimere il rapporto fra il segnale e il rumore (in inglese SNR): se ho un segnale originale S che ha una certa potenza P S e a questo si somma un rumore con una potenza P R, il rapporto segnale/rumore si esprime in decibel come SNR =10log 10 ( PS P R ) 10

11 Quantizzazione Slide 1 L unità elementare di informazione nel computer èilbit, che è una cifra binaria; 8 bit sono raggruppati in un byte: un byte può dunque rappresentare un numero intero positivo fra 0 e 8 1 = 55. Per indicare ogni colore di un pixel viene usato un byte: il colore non può dunque assumere una tonalità a piacere fra 0 e 55, ma solo una tonalità intera: diremo che il colore è quantizzato usando 8 bit. Allo stesso modo, per rappresentare un campione di un suono vengono usati byte, cioè 16 bit; uno di questi bit rappresenta il segno, gli altri 15 il valore: il campione sonoro assume valori interi fra ( 15 1) = 3767 e 15 = L audio è quantizzato usando 16 bit. Nei ragionamenti fatti fino ad ora, per semplificare, abbiamo ignorato questo fatto, e supposto che i numeri che usati per rappresentare suoni e immagini fossero numeri reali. Per risparmiare spazio, possiamo decidere di usare meno bit per rappresentare i numeri; ecco un esempio, partendo da valori espressi con 8bit 8bit 6bit 4bit bit 45 = = = = = = = = = = = = Slide In questo caso abbiamo sostituito i bit non disponibili con degli zeri: questo equivale a un arrotondamento verso il basso; un risultato migliore si ottiene con un miglior arrotondamento 8bit 6bit 4bit bit 45 = = = = = = = = = = = = infatti in questo caso l errore di arrotondamento a 4bit è ±8 mentre nel primo caso poteva essere anche di

12 Un simile sistema si può applicare anche a numeri con segno; il seguente grafico mostra come arrotondare numeri a 8bit con segno (che hanno valori fra -17 e 18) per usare solo 4 bit (cioè 16 valori): 00 quantizer r16:19 x Slide in verde il valore originale, in rosso il valore quantizzato Per esempio, riprendiamo il suono campionato visto in pagina 8, e lo quantizziamo a 4 bit (con cioè 16 possibili valori in ordinata) f(t) f(t) 4bit Slide abbiamo un ulteriore perdita di dettagli. 1

13 La perdita di dettagli è ancora maggiore se il segnale ha un volume più basso f(t) f(t) Slide per evitare questo problema, si può ricorrere allo stratagemma dello scalefactoring: alzare il volume del segnale (moltiplicando per una costante) prima di quantizzare; dopo aver elaborato il segnale, al momento di riprodurlo, il volume verrà riabbassato per tornare al volume originale. Quantizzazione come rumore Slide 6 Come possiamo capire cosa effettua la quantizzazione? Sottraendo il segnale quantizzato da quello originale! la differenza sarà tanto più piccola quanto più bit usiamo nel quantizzare; se usiamo k bit, allora il rapporto fra il più grande segnale che possiamo rappresentare e l arrotondamento sarà k che espresso in decibel di potenza sarà 0 log 10 ( k )=k 0 log 10 () 6 k Così ogni bit in più permette di avere circa 6db di miglioramento nel rapporto SNR fra segnale e rumore di quantizzazione; ad esempio, l audio dei CD ha circa 90db di rapporto SNR (che è molto di più di quello che i riproduttori CD possono rendere!). Lo scalefactoring serve dunque a ridurre il rapporto fra il segnale e il rumore di quantizzazione, per portarlo quanto più vicino possibile al valore teorico visto sopra. 13

14 Seconda applicazione del MID-SIDE: MP3 Ricordiamo la trasformazione mid-side vista nella slide 11: M = L + R, S = R L ; L = M S, R = M + S Slide 7 Nei file audio musicali, il canale S contiene meno energia ed informazione del canale M: per questo motivo i file MP3 codificano l audio non come L, R ma come M,S, e dedicano meno bit al canale S. In certi casi è possibile codificare il canale S con solo 6bit, e il canale M con 10bit, e avere un suono soddisfacente. In questo modo il file audio avrebbe una dimensione del (10 + 6)/3 = 50% dell originale (Il sistema di codifica MP3 è molto più efficace di questo: un file compresso a 18kbit è solo il 9% del file originale) [$ audio.py -] PROBLEMA: Abbiamo detto che nei computer l audio è quantizzato; negli algoritmi i valori in M,S sono arrotondati a un intero, Slide 8 allora, come possiamo avere M = int( L + R ), S = int R L L? = M S, R? = M + S 14

15 Seconda applicazione del Y,C r,c b : immagini e video Slide 9 Il nostro occhio è molto meno sensibile alle variazione di colore che alle variazione di luminosità: per questo motivo le immagini e i video non sono codificati come R, G, B ma come Y,C r,c b, e vengono dedicati più bit al canale Y e meno bit ai canali C r,c b. Questo avviene nei file JPEG, nei file DIVX, nei DVD, e (in un certo senso) anche nella comune televisione a colori. [$ rgb.py -] Codici di compressione di dati Slide 30 Quando scriviamo una informazione nel computer, dobbiamo usare dei bit; se per esempio abbiamo una stringa di 80 caratteri scelti fra a,b,c,d babaccbabaaddacbaababbacddbaaadaadabaabcaaaaacbbcababacaacdaaaabaaaabccaaaabaaaa possiamo usare bit per rappresentare un carattere, e usare 160 bit per scrivere la stringa. Se però esaminiamo più attentamente, notiamo che vi sono molte a, seguite da poche b, e meno c, d: riscriviamo la stringa usando un codice decodificabile Il risultato è x= a b c d c(x) che consta di soli 134 bit, cioè circa 1,6 bit per ogni carattere. Il trucco consiste nel usare una rappresentazione corta per le lettere più probabili, e lunga per le meno probabili. Questa idea è alla base della teoria dei codici, e si collega a idee molto interessanti come la informazione,laentropia,elaprobabilità. 15

16 Trasformate wavelet Slide 31 Abbiamo applicato l idea MID-SIDE confrontando due segnali audio L e R coordinata per coordinata ; applichiamo la stessa idea a un immagine X, ma usando di volta in volta pixel contigui. Siano dunque P e Q due pixel contigui (ognuno caratterizzato dai suoi 3 colori); definiamo M = Q P, D = Q + P Se l immagine originale è 400x500, otterremo due immagini H e L rispettivamente composta dei risultati M e D; sia H che L avranno dimensioni 00x500. P X= P P Q Q Q P P P Q Q Q P Q P Q P Q M MM L= M M M MMM H= In questa figura sono evidenziate con colori diversi due diverse operazioni mid-side. D DD D D D D D D Slide 3 X= LH= Questi a destra sono i risultati che si ottengono lavorando su pixel contigui in senso orizzantale. Notate che nelle immagini di tipo H i valori oscillano fra -18 e +18: nella loro rappresentazione si associa -18 al nero, 0 al grigio, e 18 al bianco. 16

17 Slide 33 Questi sono i risultati che si ottengono lavorando su pixel contigui in senso verticale Possiamo inoltre eseguire due operazioni midside, una orizzontale e una verticale: LL HL Slide 34 LH HH Otteniamo una scomposizione dell immagine precedente in 4 immagini dette LL HL LH e HH; queste sono poi rappresentate contigue in un quadrato. Questa si chiama trasformata wavelet di Haar dell immagine originale. La trasformata è invertibile. 17

18 Successivamente ripetiamo la cosa ma sull immagine LL: otteniamo 7 immagini, incapsulate in un quadrato secondo lo schema a destra Slide 35 LL HL LH HH HL LH HH e successivamente Slide 36 3LL 3HL 3LH 3HH HL LH HH HL LH HH 18

19 dato che l immagine originale è 56 x 56,possiamo scendere di 8 livelli 3HL 3LH 3HH HL LH HH HL Slide 37 LH HH Notiamo una cosa molto interessante: in questa immagine i punti sono quasi tutti grigi, cioèi valori sono quasi tutti zero. Esistono molte altre wavelet, in cui i metodi per calcolare la media e la differenza sono più sofisticati; ma l idea di base rimane la stessa. Negli esempi successivi useremo la wavelet CRF.... Trasformiamo il CAMPO DI RIALTO (fino a profondità5) Slide 38 Un istogramma mostra che i valori assunti dai pixel sono in genere molto piccoli: 19

20 5000 Level 1 Subband 1 [-14:135] 8000 Level 0 Subband 0 [-18:17] Slide a sinistra abbiamo l istogramma dei valori assunti dai pixel dell immagine trasformata, a destra dell immagine Campo di Rialto originale. Moderna compressione di immagini Slide 40 Mettiamo insieme tutte le idee viste oggi: la rappresentazione Y,C r,c b del colore,la trasformata wavelet,laquantizzazione,larappresentazione usando un codice dove i simboli pi ù probabili usano meno bit: queste sono alla base di una tecnica per comprimere le immagini che si chiama JPEG000. 0

21 Slide 41 A sinistra una versione ottenuta usando JPEG, e a destra una versione con JPEG000; entrambe usano circa 0,7 bit per pixel (contro gli originali 4bit per pixel). Bibliografia La compressione dei dati (testi e immagini) è trattata nel saggio: Carlini, Paolo,La compressione dei dati : dalla teoria alla pratica, Milano : Hoepli, c1998. Slide 4 La percezione visiva dell uomo è stata studiata nel testo (fondamentale): David H. Hubel, Eye, brain, and vision. American scientific library, 1988 La codifica audio MP3 è descritta (molto tecnicamente) in: K. Brandenburg, capitolo in Applications of digital signal processing, Kluwer academic publisher, 1998 Queste slide si trovano in 1

Nella prima lezione... Che cos è il Digitale. Prima parte: Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale

Nella prima lezione... Che cos è il Digitale. Prima parte: Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale !"$#%!" #% Nella prima lezione... Definizione di Informatica Cosa è una soluzione algoritmica Esempi di algoritmi cicalese@dia.unisa.it 2 Prima parte: Società dell informazione Ma cosa vuol dire società

Dettagli

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16 Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 1 alla base 16 Dato un numero N rappresentato in base dieci, la sua rappresentazione in base sedici sarà del tipo: c m c m-1... c 1 c (le c i sono cifre

Dettagli

Mini manuale di Audacity.

Mini manuale di Audacity. Mini manuale di Audacity. Questo mini manuale è parte del corso on-line Usare il software libero di Altrascuola. Il corso è erogato all'interno del portale per l'e-learning Altrascuola con la piattaforma

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE TELECOMUNICAZIONI (TLC) Tele (lontano) Comunicare (inviare informazioni) Comunicare a distanza Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Segnale non elettrico Segnale elettrico TRASMESSO s x (t) Sorgente

Dettagli

Elementi di informatica

Elementi di informatica Elementi di informatica Sistemi di numerazione posizionali Rappresentazione dei numeri Rappresentazione dei numeri nei calcolatori rappresentazioni finalizzate ad algoritmi efficienti per le operazioni

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

DAL SUONO AL SEGNO GRAFICO

DAL SUONO AL SEGNO GRAFICO Teoria musicale - 2 DAL SUONO AL SEGNO GRAFICO IL FENOMENO FISICO DEL SUONO Il suono è un fenomeno fisico generato dalla vibrazione di un corpo e percepito dal nostro sistema uditivo. La vibrazione viene

Dettagli

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 1.1 Che cos è un algoritmo CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 Gli algoritmi sono metodi per la soluzione di problemi. Possiamo caratterizzare un problema mediante i dati di cui si dispone all inizio

Dettagli

RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI. Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997

RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI. Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997 1 RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997 Numeri Binari 2 Sistemi di Numerazione Il valore di un numero può essere espresso con diverse rappresentazioni. non posizionali:

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

I db, cosa sono e come si usano. Vediamo di chiarire le formule.

I db, cosa sono e come si usano. Vediamo di chiarire le formule. I db, cosa sono e come si usano. Il decibel è semplicemente una definizione; che la sua formulazione è arbitraria o, meglio, è definita per comodità e convenienza. La convenienza deriva dall osservazione

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile Problemi connessi all utilizzo di un numero di bit limitato Abbiamo visto quali sono i vantaggi dell utilizzo della rappresentazione in complemento alla base: corrispondenza biunivoca fra rappresentazione

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA

UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA Tutti gli anni, affrontando l argomento della divisibilità, trovavo utile far lavorare gli alunni sul Crivello di Eratostene. Presentavo ai ragazzi una

Dettagli

4. Operazioni elementari per righe e colonne

4. Operazioni elementari per righe e colonne 4. Operazioni elementari per righe e colonne Sia K un campo, e sia A una matrice m n a elementi in K. Una operazione elementare per righe sulla matrice A è una operazione di uno dei seguenti tre tipi:

Dettagli

ELEMENTI DI GRAFICA IN AMBIENTE DEV-PASCAL v. 9.2

ELEMENTI DI GRAFICA IN AMBIENTE DEV-PASCAL v. 9.2 ELEMENTI DI GRAFICA IN AMBIENTE DEV-PASCAL v. 9.2 MODULI GRAPH, DOS E CRT Una volta entrati in ambiente DEV-Pascal possiamo cominciare ad editare un programma nel modo che conosciamo. Se dobbiamo far uso

Dettagli

Codifica dei numeri negativi

Codifica dei numeri negativi E. Calabrese: Fondamenti di Informatica Rappresentazione numerica-1 Rappresentazione in complemento a 2 Codifica dei numeri negativi Per rappresentare numeri interi negativi si usa la cosiddetta rappresentazione

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Lezione 1 Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Definizione di utente e di programmatore L utente è qualsiasi persona che usa il computer anche se non è in grado di programmarlo

Dettagli

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Corso di Calcolatori Elettronici I A.A. 2010-2011 Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Lezione 2 Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Rappresentazione dei numeri

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE.

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE. 1 DESCRIZIONE GENERALE. DESCRIZIONE GENERALE. L'analizzatore di spettro Mod. 2813-E consente la visualizzazione, in ampiezza e frequenza, di segnali musicali di frequenza compresa tra 20Hz. e 20KHz. in

Dettagli

L OSCILLOSCOPIO. L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei

L OSCILLOSCOPIO. L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei L OSCILLOSCOPIO L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei circuiti elettronici. Nel suo uso abituale esso ci consente di vedere le forme d onda

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

Esercitazioni su rappresentazione dei numeri e aritmetica dei calcolatori"

Esercitazioni su rappresentazione dei numeri e aritmetica dei calcolatori Esercitazioni su rappresentazione dei numeri e aritmetica dei calcolatori" slide a cura di Salvatore Orlando & Marta Simeoni " Architettura degli Elaboratori 1 Interi unsigned in base 2" Si utilizza un

Dettagli

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo.

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo. DALLE PESATE ALL ARITMETICA FINITA IN BASE 2 Si è trovato, partendo da un problema concreto, che con la base 2, utilizzando alcune potenze della base, operando con solo addizioni, posso ottenere tutti

Dettagli

GRANDEZZE SINUSOIDALI

GRANDEZZE SINUSOIDALI GRANDEE SINUSOIDALI INDICE -Grandezze variabili. -Grandezze periodiche. 3-Parametri delle grandezze periodiche. 4-Grandezze alternate. 5-Grandezze sinusoidali. 6-Parametri delle grandezze sinusoidali.

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

Lezione del 28-11-2006. Teoria dei vettori ordinari

Lezione del 28-11-2006. Teoria dei vettori ordinari Lezione del 8--006 Teoria dei vettori ordinari. Esercizio Sia B = {i, j, k} una base ortonormale fissata. ) Determinare le coordinate dei vettori v V 3 complanari a v =,, 0) e v =, 0, ), aventi lunghezza

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1.

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1. Capitolo 6 Integrali curvilinei In questo capitolo definiamo i concetti di integrali di campi scalari o vettoriali lungo curve. Abbiamo bisogno di precisare le curve e gli insiemi che verranno presi in

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

Numeri reali. Funzioni e loro grafici

Numeri reali. Funzioni e loro grafici Argomento Numeri reali. Funzioni e loro grafici Parte B - Funzioni e loro grafici Funzioni reali di variabile reale Definizioni. Supponiamo che A sia un sottoinsieme di R e che esista una legge che ad

Dettagli

Analisi Matematica di circuiti elettrici

Analisi Matematica di circuiti elettrici Analisi Matematica di circuiti elettrici Eserciziario A cura del Prof. Marco Chirizzi 2011/2012 Cap.5 Numeri complessi 5.1 Definizione di numero complesso Si definisce numero complesso un numero scritto

Dettagli

Rette e piani con le matrici e i determinanti

Rette e piani con le matrici e i determinanti CAPITOLO Rette e piani con le matrici e i determinanti Esercizio.. Stabilire se i punti A(, ), B(, ) e C(, ) sono allineati. Esercizio.. Stabilire se i punti A(,,), B(,,), C(,, ) e D(4,,0) sono complanari.

Dettagli

ELABORARE FILE AUDIO CON AUDACITY Tutorial per le prime funzionalità

ELABORARE FILE AUDIO CON AUDACITY Tutorial per le prime funzionalità ELABORARE FILE AUDIO CON AUDACITY Tutorial per le prime funzionalità INDICE 1. Caricare un file audio. p. 2 2. Riprodurre una traccia. p. 2 3. Tagliare una traccia... p. 3 4. Spostare una traccia. p. 3

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

TECNOLOGIA LCD e CRT:

TECNOLOGIA LCD e CRT: TECNOLOGIA LCD e CRT: Domande più Frequenti FAQ_Screen Technology_ita.doc Page 1 / 6 MARPOSS, il logo Marposs ed i nomi dei prodotti Marposs indicati o rappresentati in questa pubblicazione sono marchi

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys.

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys. METODO DEI MINIMI QUADRATI GIUSEPPE GIUDICE Sommario Il metodo dei minimi quadrati è trattato in tutti i testi di statistica e di elaborazione dei dati sperimentali, ma non sempre col rigore necessario

Dettagli

3. TEORIA DELL INFORMAZIONE

3. TEORIA DELL INFORMAZIONE 3. TEORIA DELL INFORMAZIONE INTRODUZIONE MISURA DI INFORMAZIONE SORGENTE DISCRETA SENZA MEMORIA ENTROPIA DI UNA SORGENTE NUMERICA CODIFICA DI SORGENTE 1 TEOREMA DI SHANNON CODICI UNIVOCAMENTE DECIFRABILI

Dettagli

12 famiglie e tipi di file (estensioni più comuni)

12 famiglie e tipi di file (estensioni più comuni) 12 famiglie e tipi di file (estensioni più comuni) Ogni file è caratterizzato da un proprio nome e da una estensione, in genere tre lettere precedute da un punto; ad esempio:.est Vi sono tuttavia anche

Dettagli

Legge del Raffreddamento di Newton

Legge del Raffreddamento di Newton Legge del Raffreddamento di Newton www.lepla.eu Obiettivo L'obiettivo di questo esperimento è studiare l'andamento temporale della temperatura di un oggetto che si raffredda e trovare un modello matematico

Dettagli

ESEMPIO 1: eseguire il complemento a 10 di 765

ESEMPIO 1: eseguire il complemento a 10 di 765 COMPLEMENTO A 10 DI UN NUMERO DECIMALE Sia dato un numero N 10 in base 10 di n cifre. Il complemento a 10 di tale numero (N ) si ottiene sottraendo il numero stesso a 10 n. ESEMPIO 1: eseguire il complemento

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

Fonica: Scheda 2. Il suono. Il rumore. (a cura di Pietro Di Mascolo)

Fonica: Scheda 2. Il suono. Il rumore. (a cura di Pietro Di Mascolo) Fonica: Scheda 2 (a cura di Pietro Di Mascolo) Il suono Possiamo definire il suono come una particolare sensazione percepita dall organo dell udito eccitato da un agente esterno. Esso ha origine dal movimento

Dettagli

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1 LA SCALA PITAGORICA (e altre scale) 1 IL MONOCORDO I Greci, già circa 500 anni prima dell inizio dell era cristiana, utilizzavano un semplice strumento: il monocordo. Nel monocordo, un ponticello mobile

Dettagli

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE NOTE PER IL TECNICO ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE da BRUEL & KJAER Le cosiddette «application notes» pubblicate a cura della Bruel & Kjaer, nota Fabbrica danese specializzata

Dettagli

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni Valori limite di Rumore e Vibrazioni Le Norme UE Protezione sul Lavoro entrano nel diritto tedesco Crescita del livello di Sicurezza e di tutela della Salute sul luogo di lavoro Le Norme relative alla

Dettagli

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte)

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte) Corso di Geometria I (seconda parte) anno acc. 2009/2010 Cambiamento del sistema di riferimento in E 3 Consideriamo in E 3 due sistemi di riferimento ortonormali R e R, ed un punto P (x, y, z) in R. Lo

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

GUIDA RAPIDA ALL USO DI DJCONTROL MP3 LE E DJUCED 18

GUIDA RAPIDA ALL USO DI DJCONTROL MP3 LE E DJUCED 18 GUID RPID LL USO DI DJCONTROL MP3 LE E DJUCED 18 Installazione Inserisci il CD-ROM. vvia il programma di installazione. Segui le istruzioni. Ulteriori informazioni (forum, tutorial, video...) disponibili

Dettagli

Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio

Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio 2 Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Il vostro sistema per la comunicazione al pubblico di facile

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

Curve di risonanza di un circuito

Curve di risonanza di un circuito Zuccarello Francesco Laboratorio di Fisica II Curve di risonanza di un circuito I [ma] 9 8 7 6 5 4 3 0 C = 00 nf 0 5 0 5 w [KHz] RLC - Serie A.A.003-004 Indice Introduzione pag. 3 Presupposti Teorici 5

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE Nell ultima notte di osservazione abbiamo visto bellissime immagini della Galassia, delle sue stelle e delle nubi di gas che la compongono.

Dettagli

Dimensione di uno Spazio vettoriale

Dimensione di uno Spazio vettoriale Capitolo 4 Dimensione di uno Spazio vettoriale 4.1 Introduzione Dedichiamo questo capitolo ad un concetto fondamentale in algebra lineare: la dimensione di uno spazio vettoriale. Daremo una definizione

Dettagli

Esercizi su lineare indipendenza e generatori

Esercizi su lineare indipendenza e generatori Esercizi su lineare indipendenza e generatori Per tutto il seguito, se non specificato esplicitamente K indicherà un campo e V uno spazio vettoriale su K Cose da ricordare Definizione Dei vettori v,,v

Dettagli

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno.

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. UPPLEVA Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. 5 anni di GARANZIA INCLUSA NEL PREZZO I televisori, i sistemi audio e gli occhiali 3D UPPLEVA sono garantiti 5 anni. Per saperne

Dettagli

Introduzione all elettronica

Introduzione all elettronica Introduzione all elettronica L elettronica nacque agli inizi del 1900 con l invenzione del primo componente elettronico, il diodo (1904) seguito poi dal triodo (1906) i cosiddetti tubi a vuoto. Questa

Dettagli

Raccolta di Esercizi di Matematica. Capitolo 8 : Modalità CAS (Computer Algebra S ystem)

Raccolta di Esercizi di Matematica. Capitolo 8 : Modalità CAS (Computer Algebra S ystem) Raccolta di Esercizi di Matematica Capitolo 8 : Modalità CAS (Computer Algebra S ystem) Contenuti: 8-1. L ordine Algebrico delle Operazioni 8-2. Problemi sulle Percentuali 8-3. Le Forme Standard e Point-Slope

Dettagli

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE 1 DIPENDENZA E INDIPENDENZA LINEARE Se ho alcuni vettori v 1, v 2,, v n in uno spazio vettoriale V, il sottospazio 1 W = v 1,, v n di V da loro generato è

Dettagli

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Definizione 1. Un sistema lineare di m equazioni in n incognite, in forma normale, è del tipo a 11 x 1 + + a 1n x n = b 1 a 21 x 1 + + a 2n x n = b 2 (1) = a m1 x 1 + +

Dettagli

Esercitazione VIII - Lavoro ed energia II

Esercitazione VIII - Lavoro ed energia II Esercitazione VIII - Lavoro ed energia II Forze conservative Esercizio Una pallina di massa m = 00g viene lanciata tramite una molla di costante elastica = 0N/m come in figura. Ammesso che ogni attrito

Dettagli

CAP X GLI INTERVALLI. Teoria musicale - 13

CAP X GLI INTERVALLI. Teoria musicale - 13 Teoria musicale - 13 CAP X GLI INTERVALLI Quando si parla di intervalli nella teoria musicale, si intende la valutazione tonale della distanza tra due note. Non si tratta quindi l argomento dal punto di

Dettagli

SOGEAS - Manuale operatore

SOGEAS - Manuale operatore SOGEAS - Manuale operatore Accesso La home page del programma si trova all indirizzo: http://www.sogeas.net Per accedere, l operatore dovrà cliccare sulla voce Accedi in alto a destra ed apparirà la seguente

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

Le trasformazioni geometriche

Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni affini del piano o affinità Le similitudini Le isometrie Le traslazioni Le rotazioni Le simmetrie assiale e centrale Le omotetie

Dettagli

Come ha detto? Pacchetto didattico sul rumore e sulle lesioni uditive. Esercizi di approfondimento 60 minuti semplici 2009-0303

Come ha detto? Pacchetto didattico sul rumore e sulle lesioni uditive. Esercizi di approfondimento 60 minuti semplici 2009-0303 Come ha detto? Pacchetto didattico sul rumore e sulle lesioni uditive Esercizi di approfondimento 60 minuti semplici Obiettivo Gli studenti sono in grado di approfondire in maniera corretta informazioni

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

Cristian Secchi Pag. 1

Cristian Secchi Pag. 1 CONTROLLI DIGITALI Laurea Magistrale in Ingegneria Meccatronica SISTEMI A TEMPO DISCRETO Ing. Tel. 0522 522235 e-mail: cristian.secchi@unimore.it http://www.dismi.unimo.it/members/csecchi Richiami di Controlli

Dettagli

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI LUCIA GASTALDI 1. Metodi iterativi classici Sia A R n n una matrice non singolare e sia b R n. Consideriamo il sistema (1) Ax = b. Un metodo iterativo per la soluzione

Dettagli

SISTEMI LINEARI QUADRATI: METODI ITERATIVI

SISTEMI LINEARI QUADRATI: METODI ITERATIVI SISTEMI LINEARI QUADRATI: METODI ITERATIVI CALCOLO NUMERICO e PROGRAMMAZIONE SISTEMI LINEARI QUADRATI:METODI ITERATIVI p./54 RICHIAMI di ALGEBRA LINEARE DEFINIZIONI A R n n simmetrica se A = A T ; A C

Dettagli

IV-1 Funzioni reali di più variabili

IV-1 Funzioni reali di più variabili IV- FUNZIONI REALI DI PIÙ VARIABILI INSIEMI IN R N IV- Funzioni reali di più variabili Indice Insiemi in R n. Simmetrie degli insiemi............................................ 4 2 Funzioni da R n a R

Dettagli

Onde e suono. Roberto Cirio. Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Anno accademico 2007 2008 Corso di Fisica

Onde e suono. Roberto Cirio. Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Anno accademico 2007 2008 Corso di Fisica Onde e suono Roberto Cirio Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Anno accademico 2007 2008 Corso di Fisica La lezione di oggi Oscillazioni e onde Sovrapposizione di onde L orecchio Fisica

Dettagli

Deviazione standard delle misure : dove è la varianza e sono gli scarti quadratici

Deviazione standard delle misure : dove è la varianza e sono gli scarti quadratici ELEMENTI DI PROBABILITA Media : migliore stima del valore vero in assenza di altre info. Aumentare il numero di misure permette di approssimare meglio il valor medio e quindi ridurre l influenza degli

Dettagli

1 Definizione: lunghezza di una curva.

1 Definizione: lunghezza di una curva. Abstract Qui viene affrontato lo studio delle curve nel piano e nello spazio, con particolare interesse verso due invarianti: la curvatura e la torsione Il primo ci dice quanto la curva si allontana dall

Dettagli

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA Fondamenti Segnali e Trasmissione Trasmissione dati su rete telefonica rete telefonica analogica ISP (Internet Service Provider) connesso alla WWW (World Wide Web)

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

Analisi Matematica I

Analisi Matematica I Analisi Matematica I Fabio Fagnani, Gabriele Grillo Dipartimento di Matematica Politecnico di Torino Queste dispense contengono il materiale delle lezioni del corso di Analisi Matematica I rivolto agli

Dettagli

AUTORIZZAZIONE DELLA SUITE DI PLUG IN SAFFIRE VST/AU Dovrete autorizzare la vostra suite di plug-in Saffire, prima di poterla utilizzare.

AUTORIZZAZIONE DELLA SUITE DI PLUG IN SAFFIRE VST/AU Dovrete autorizzare la vostra suite di plug-in Saffire, prima di poterla utilizzare. GUIDA VELOCE INTRODUZIONE Questa Guida è stata scritta per offrirvi le informazioni necessarie per iniziare ad utilizzare Saffire LE, installare il software fornito, autorizzare la suite di plug-in VST/AU

Dettagli

Così come le macchine meccaniche trasformano

Così come le macchine meccaniche trasformano DENTRO LA SCATOLA Rubrica a cura di Fabio A. Schreiber Il Consiglio Scientifico della rivista ha pensato di attuare un iniziativa culturalmente utile presentando in ogni numero di Mondo Digitale un argomento

Dettagli

Lezione 12: La visione robotica

Lezione 12: La visione robotica Robotica Robot Industriali e di Servizio Lezione 12: La visione robotica L'acquisizione dell'immagine L acquisizione dell immagine Sensori a tubo elettronico (Image-Orthicon, Plumbicon, Vidicon, ecc.)

Dettagli

vrebbe apparire uguale o molto simile

vrebbe apparire uguale o molto simile Colore I fondamenti della gestione digitale Di Mauro Boscarol Fotocamere, monitor e stampanti non interpretano in modo univoco le informazioni cromatiche di un immagine. Per ottenere una corrispondenza

Dettagli

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001 Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 000-00 Problema Sia AB un segmento di lunghezza a e il suo punto medio. Fissato un conveniente

Dettagli

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA ANDREA USAI Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Andrea Usai (D.I.S. Antonio Ruberti ) Laboratorio di Automatica

Dettagli

Fisica quantistica. Introduzione alla polarizzazione e altri sistemi a due livelli. Christian Ferrari. Liceo di Locarno

Fisica quantistica. Introduzione alla polarizzazione e altri sistemi a due livelli. Christian Ferrari. Liceo di Locarno Fisica quantistica Introduzione alla polarizzazione e altri sistemi a due livelli Christian Ferrari Liceo di Locarno Sommario La polarizzazione della luce e del fotone Altri sistemi a due livelli L evoluzione

Dettagli

Introduzione. Classificazione delle non linearità

Introduzione. Classificazione delle non linearità Introduzione Accade spesso di dover studiare un sistema di controllo in cui sono presenti sottosistemi non lineari. Alcuni di tali sottosistemi sono descritti da equazioni differenziali non lineari, ad

Dettagli