I Polinomi. Michele Buizza. L'insieme dei numeri interi lo indicheremo con Z. è domenica = non vado a scuola. signica se e solo se.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I Polinomi. Michele Buizza. L'insieme dei numeri interi lo indicheremo con Z. è domenica = non vado a scuola. signica se e solo se."

Transcript

1 I Polinomi Michele Buizza 1 Insiemi In questa prima sezione ricordiamo la simbologia che useremo in questa breve dispensa. Iniziamo innanzitutto a ricordare i simboli usati per i principali insiemi numerici. L'insieme dei numeri naturali lo indicheremo con N. L'insieme dei numeri interi lo indicheremo con Z. L'insieme dei numeri razionali lo indicheremo con Q. Per completezza scriviamo anche i simboli usati per indicare gli altri due insiemi fondamentali della matematica, ma per per il momento non verranno presi in considerazione. L'insieme dei numeri reali lo indicheremo con R. L'insieme dei numeri complessi lo indicheremo con C. Sottolineiamo poi come tutto quello che riguarda gli insiemi dovrebbe essere conosciuto e quindi qui si fa soltanto un breve riassunto. Se ci sono dei dubbi potete chiedere spiegazioni in classe. 1.1 Quanticatori Nel linguaggio matematico si cerca di usare dei simboli invece delle parole perché sono di più immediata lettura, una volta che li si conosce. Per questo useremo i seguenti simboli: signica per ogni; signica esiste;! signica esiste un unico. Questi tre simboli si dicono quanticatori. quanticatri su Wikipedia. Useremo anche altri simboli: Se questo non è chiaro basta cercare una linea verticale (o leggermente inclinata /) che signica tale che. = signica allora. Ad esempio signica se e solo se. Ad esempio è domenica = non vado a scuola. è il 25 dicembre è Natale. 1

2 1.2 Simbologia degli insiemi Qui ricordiamo i simboli fondamentali della teoria degli insiemi. Per aiutare la comprensione useremo egli esempi. Fissiamo quindi due insiemi. L'insieme A = {0, 1, 2, 3, 4, 5}, l'insieme B = {1, 3, 5, 7, 9} e l'insieme C = {1, 2, 3}. Possiamo anche descrivere gli insiemi A, B, C come segue. A = {n N n 5}, B = {numeri dispari minori di 10} e C = {x A x B} Appartenenza: Dato un insieme X qualunque e preso un suo elemento x, per dire che x appartiene a X scriveremo x X ad esempio usando l'insieme A possiamo scrivere che 3 A. Se invece un elemento x non appartiene all'insieme X scriveremo x / X; ad esempio 7 / A Sottoinsieme: Dati due insiemi X e Y, se ogni elemento di X appartiene anche a Y allora diremo che X è un sottoinsieme di Y. Possiamo anche dire che X è contenuto in Y. Scriveremo X Y Scritto con i quanticatori: X Y x X, x Y Se invece questo non è vero scriveremo X Y. possiamo dire che: C A ma A C. Usando gli insiemi A, B, C Intersezione: Dati due insiemi X e Y, un elemento appartiene alla loro intersezione se e solo se appartiene ad entrambi: quindi Nell'esempio A B = {1, 3, 5} Unione: z X Y z X e z Y X Y := {x X x Y }. Dati due insiemi X e Y, un elemento appartiene alla loro unione se e solo se appartiene ad almeno uno dei due: z X Y z X oppure z Y quindi Nell'esempio A B = {0, 1, 2, 3, 4, 5, 7, 9}. 2

3 1.2.5 Insieme vuoto: C'è un insieme particolare che è quello che non ha nessun elemento. Questo insieme è detto insieme vuoto e viene indicato con il simbolo. Ad esempio se due insiemi non hanno alcun elemento in comune, allora l'intersezione tra di essi non avrà nessun elemento. Esempio: Dierenza: \ {a, b, c, f} {d, e, g} = Dati due insiemi X e Y la dierenza è denita nel seguente modo: X\Y := {x X x / Y } Nell'esempio A\C = {0, 4, 5}. Notiamo che questa operazione non è commutativa, cioè C\A =. 2 Anello dei polinomi a coecienti interi 2.1 Nozioni preliminari Vogliamo introdurre un simbolo, la X, che nella pratica sarà la variabile (o indeterminata). Per indicare che la aggiungiamo ai numeri interi scriveremo Z[X]. Otteniamo così degli oggetti che sono formati da numeri interi e da X elevata a qualche potenza. Avremo quindi che in generale un elemento in Z[X] sarà scritto come nella seguente denizione. Denizione 2.1. L'insieme Z[X] := { a n X n + a n 1 X n a 2 X 2 + a 1 X + a 0 n N; a i Z, i = 0,..., n } si dice anello dei polinomi a coecienti interi. Vedremo tra qualche paragrafo perché lo chiamiamo anello e non semplicemente insieme. Un elemento in Z[X] si dice per l'appunto polinomo. I numeri a n, a n 1,..., a 2, a 1, a 0 si dicono coecienti del polinomio. In particolare il numero a i che è moltiplicato per X i si dice coeciente di grado i. Notiamo inoltre che se vogliamo indicare un elemento generico dell'insieme Z[X] scriviamo p(x) Z[X] Si dice monomio un polinomio del tipo p(x) = a n X n Per capire cosa intendiamo con questa scrittura che inizialmente appare oscura faremo degli esempi, ma prima notiamo che (essendo la X solamente un simbolo) ogni polinomio è determinato completamente dai suoi coecienti. e in genere usiamo la lettara p perché è l'iniziale della parola polinomio mentre la X tra parentesi indica qual'è l'incognita. 3

4 2.2 Corrispondenza tra polinomio e suoi coecienti Partiamo con un esempio dettagliato. Consideriamo il polinomio 2X 3 + X 2 3X + 5 Come detto nella denizione 2.1, indichiamo con a i il coeciente di grado i, quindi nel nostro esempio il coeciente di grado tre è 2. Scriveremo allora che a 3 = 2. Procediamo ora con il coeciente di grado due che è 1. Scriveremo allora che a 2 = 1. Continuando così avremo anche gli altri coecienti a 1 = 3 e a 0 = 5. Notiamo che il coeciente di grado uno è quello della X, infatti X = X 1. Invece il coeciente di grado zero si chiama in questo modo perchè è il coeciente di X 0, ma X 0 = 1 e quindi 5 X 0 = 5. Sottolineiamo che se non scriviamo un coeciente signica che esso è zero. Facciamo ora altri esempi scrivendo a sinistra un polinomio e a destra i suoi coecienti. 4X 3 + 5X 2 3X + 7 a 3 = 4, a 2 = 5, a 1 = 3, a 0 = 7 3X 6 + 2X 5 6X 3 + 2X 1 a 6 = 3, a 5 = 2, a 3 = 6, a 1 = 2, a 0 = 1 6X 5 3 a 5 = 6, a 0 = 3 4X 3 + X a 3 = 4, a 1 = 1 X + 1 a 1 = 1, a 0 = 0 Facciamo ora l'operazione inversa, cioè dati i coecienti scriviamo il polinomio corrispondente. a 3 = 2, a 2 = 1, a 1 = 0, a 0 = 4 X 3 = 2 X a 6 = 7, a 2 = 1, a 1 = 1, a 0 = 0 7X 6 + X 2 + X a 0 = 3, a 1 = 4, a 2 = 1 X 2 + 4X + 3 a 4 = 3, a 2 = 5, a 1 = 0, a 0 = 3 3X 4 5X a 0 = 1, a 1 = 0, a 5 = 3, a 3 = 5 3X 5 + 5X Questi esempi, che sono gli stessi fatti in classe, sono stati fatti, come già detto, per mostrare che i polinomi sono determinati completamente dai loro coecienti. 3 Operazioni tra polinomi Vogliamo qui parlare delle operazioni che si possono fare tra i polinomi. Proprio questa possibilità è il motivo per cui Z[X] non è un semplice insieme ma è un anello. Per chiarire ulteriormente questa idea facciamo una breve digressione per parlare delle operazioni che si fanno in Z. Chi si sente abbastanza forte in questo argomento può saltare il prossimo paragrafo e passare direttamente al punto Operazioni binarie in Z Le operazioni binarie in Z sono le solite, cioè l'addizione e la moltiplicazione. Si chiamano operazioni binarie perché prendiamo due elementi in Z e ne otteniamo uno. Vedremo nei rispettivi paragra come le rappresenteremo. 4

5 3.1.1 Addizione in Z Alle elementari la prima operazione che viene insegnata è l'addizione di due numeri naturali. Si spiega poi la sottrazione, ma questa è in realtã l'addizione di due numeri interi. Ad esempio se scriviamo 2 3 noi in realtã intendiamo la somma di +2 e di 3, cioè (+2) + ( 3) anche se quasi sempre usiamo la scrittura semplicata. Cerchiamo quindi di dare una chiara denizione dell'addizione. Denizione 3.1. Si dice addizione l'operazione binaria Essa soddisfa le seguenti proprietà: + : Z Z Z (a, b) a + b i) commutativa: a, b Z a + b = b + a esempio: +2 3 = = 1 ii) associativa: a, b, c Z esempio: (+1-3)-5=+1+(-3-5)=-7 (a + b) + c = a + (b + c) iii) esistenza dell'elemento neutro: esiste un unico elemento 0 Z tale che a Z esempio: -4+0=0-4=-4 a + 0 = 0 + a = a iv) esistenza dell'opposto: a Z esiste un unico elemento ( a) Z tale che a + ( a) = a + a = 0 esempio: dato +5 esiste -5 tale che = +5 5 = 0. Ripeto queste cose perché ho riscontrato dicoltà ad eseguire questa operazione senza la quale non si può fare nulla in matematica. Vi prego quindi di non farvi scrupoli nel domandare chiarimenti riguardo all'addizione e alla moltiplicazione, che sipiegheremo ora. 5

6 3.1.2 Moltiplicazione in Z Ancora una volta iniziamo a dare la denizione formale della moltiplicazione. Segnaliamo che per indicarla useremo il simbolo e non perché può confondersi facilmente con la x, simbolo che useremo frequentemente. Addirittura vedremo in seguito che col calcolo letterale potremo addirittura omettere tale simbolo (che useremo comunque sempre in caso di moltiplicazione di numeri come ad esempio 3 7) e scriveremo ad esempio ab invece che a b per intendere che moltiplichiamo a per b. Denizione 3.2. Si dice moltiplicazione l'operazione binaria Essa soddisfa le seguenti proprietà: : Z Z Z (a, b) a b v) commutativa: a, b Z esempio: 2 ( 3) = 3 2 = 6 a b = b a vi) associativa: a, b, c Z (a b) c = a (b c) esempio: ( 3 2) ( 5) = 3 (2 ( 5)) = 30 vii) esistenza dell'elemento neutro: esiste un unico elemento 1 Z tale che a Z esempio: ( 4) 1 = 1 ( 4) = 4 a 1 = 1 a = a Notiamo che nella moltiplicazione in Z non abbiamo la proprietà che corrisponde alla iv) che avevamo per l'addizione, cioè dato un elemento a Z non esiste un elemento 1 1 a Z tale che a a = 1. Proprio per questo motivo sono stati inventati i numeri razionali e vedremo come in Q esisterà sempre tale elemento che verrà chiamato inverso Relazioni tra addizione e moltiplicazione Di fondamentale importanza è la seguente proprietà che crea una connessione tra l'addizione e la moltiplicazione. viii) distributiva: a, b, c Z abbiamo che a (b + c) = a b + a c (b + c) a = b a + c a Conclusioni sulle operazioni in Z Per indicare che in Z abbiamo l'addizione e la moltiplicazione scriveremo (Z, +, ). Aggiungiamo per concludere che se consideriamo un generico insieme A con due operazioni binarie possiamo dare la seguente denizione 6

7 Denizione 3.3. Un insieme A dotato di due operazioni binarie: (A, +, ) che soddisfano tutte le proprietà elencate in precedenza (dalla i alla viii) si dice anello commutativo. Quindi (Z, +, ) è un anello commutativo. Vedremo che anche in Z[X] possiamo denire due operazioni binarie e anche in questo caso avremo che (Z[x], +, ) è un anello commutativo Teoremi fondamentali Di questa sezione chiedo soltanto che si sappiano le regole presenti nell'enunciato del teorema, ma per avere il massimo dei voti in matematica, bisogna sapere anche le dimostrazioni. Quindi le scrivo in modo da dare la possibilità alle più curiose di capire che ogni risultato in matematica deve essere provato. Sottolineo in questa sezione che anche le proprietà (i viii) di cui godono l'addizione e la moltiplicazione andrebbero dimostrate. Noi però dimostriamo solo quanto segue e speriamo che le regole qui sotto siano già conosciute. In sostanza il primo punto dice che qualsiasi cosa moltiplicata per zero è zero; il secondo che meno per più fa meno e la terza che meno per meno fa più. Teorema 3.4. Siano a, b elementi in Z. Allora (i) a 0 = 0 a = 0 (ii) ( a) b = a b (iii) ( a) ( b) = a b Dimostrazione. Le dimostrazioni possono essere scritte in una riga e se vi viene chiesto di provarle basta questa riga. Io però per chiarezza spiegherò ogni passaggio. (i) 0 + a 0 = a 0 = a (0 + 0) = a 0 + a 0 Quindi sommando da entrambi i lati a 0 otteniamo 0 = a 0 Spiegazione: la prima e la seconda uguaglianza valgono perché zero è elemento neutro per l'addizione (vedi proprietà iii) dell'addizione). La terza per la proprietà distributiva. (ii) 0 = 0 b = (a + ( a)) b = a b + ( a)b Quindi sommando da entrambi i lati ab otteniamo a b = ( a) b Spiegazione: la prima ugualianza vale per il punto precedente, la seconda per l'esistenza dell'opposto (proprietà iv) dell'addizione) la terza per la proprietà distributiva. 7

8 (iii) ( a)( b) = (a( b)) = ( (ab)) = ab Spiegazione: le prime due uguaglianza valgono per il punto precedente, l'ultima per l'esistenza dell'opposto, infatti in generale dato a Z, il suo opposto è ( a) = a. Osservazione 3.5. Sottolineiamo che il Teorema 3.4 vale per qualsiasi anello commutativo (A, +, ) e la dimostrazione è identica a quella svolta per il caso (Z, +, ). In particolare quindi, lo stesso teorema varrà per l'anello di polinomi (Z[X], +, ). 3.2 Addizione in Z[X] Possiamo ora tornare all'argomento che ci interessa, cioè le operazioni con i polinomi, iniziando con l'addizione. La situazione è molto simile a quella della denizione 3.1. Denizione 3.6. Si dice addizione in Z[X] l'operazione binaria denita nel seguente modo. Siano + : Z[X] Z[X] Z[X] (p(x), q(x)) p(x) + q(x) p(x) = a n X n + a n 1 X n a 1 X + a 0 q(x) = b m X m + b m 1 X m b 1 X + b 0 Allora, se m n, la somma di p(x) con q(x) è : p(x)+q(x) := a n X n +a n 1 X n 1 + +(a m +b m )X m + +(a 1 +b 1 )X +(a 0 +b 0 ) cioè sommiamo i coecienti dello stesso grado usando l'addizione denita in Z. Per capire meglio scriviamo l'operazione usando una tabella. + X n X n 1... X m... X 2 X 1 p(x) a n a n 1... a m... a 2 a 1 a 0 q(x) b m... b 2 b 1 b 0 p(x) + q(x) a n a n 1... a m + b m... a 2 + b 2 a 1 + b 1 a 0 + b 0 Cerchiamo di capire meglio quanto detto con un esempio. Esempio 3.7. Dati p(x) = 7X 6 X 3 + 3X 2 4X + 7 q(x) = 3X 4 X 2 + 2X 5 usando il metodo della tabella vista poco prima scriviamo 8

9 quindi + X 6 X 5 X 4 X 3 X 2 X 1 p(x) q(x) p(x) + q(x) p(x) + q(x) = 7X 6 3X 4 X 3 + 2X 2 2X + 2 In generale però, come quando nel caso dei numeri interi abbiamo una sequenza di numeri e scriviamo = 11 anche nel caso dei polinomi abbiamo una serie di termini che dobbiamo sommare. Possiamo però facilmente usare anche qui il metodo della tabella. Dopo aver preso suciente condenza con questo metodo non sarà più necessario fare tale tabella ma basterà partire dai coecienti di grado più alto e fare mentalmente la somma e scrivere direttamente il risultato. Vediamo un altro esempio. Esempio 3.8. Supponiamo di avere il seguente polinomio: p(x) = 3X 2 + X 4 5X 4X X + X 3 2 2X + X X 2X 4 Vogliamo riscriverlo, se possiamo in maniera più compatta e quindi vedremo se possiamo eseguire delle somme. Inserendo ogni monomio nella tabella avremo X 4 X 3 X 2 X quindi p(x) può essere riscritto molto più semplicemente come: p(x) = X 3 X Anche in questo caso abbiamo che l'addizione in Z[X] soddisfa le quattro proprietà che soddisfava l'addizione in Z, cioè essa è : i) commutativa; ii) associativa; iii) esistenza dell'elemento neutro (anche qui lo 0) iv) esistenza dell'opposto: p(x) Z esiste un unico elemento p(x) Z tale che p(x) p(x) = Moltiplicazione in Z[X] Deniamo ora la moltiplicazione. La denizione astratta può risultare di dicile lettura. Noi la diamo comunque. Non è necessario saperla ma è necessario riuscire ad eseguirla nella pratica. Faremo però prima molti esempi per chiarire come funziona nella pratica. 9

10 3.3.1 Moltiplicazione tra polinomi e numeri interi Partiamo innanzitutto dalla moltiplicazione di un polinomio per un numero intero. Se b Z e p(x) = a n X n + a n a 2 X 2 + a 1 X + a 0 allora p(x) b = b p(x) = b a n X n + b a n b a 2 X 2 + b a 1 X + b a 0 Esempio 3.9. Ad esempio se moltiplichiamo X 3 5X per 3 abbiamo ( 3) (X 3 5X 2 + 4) = ( 3) X 3 + ( 3)( 5X 2 ) + ( 3) 4 = 3X X 2 12 Diamo ora altri esempi saltando il passaggio intermedio. Per vericare che si è capito quanto detto, non guardare subito il risultato ma provare a svolgere l'operazione, che in questo caso in pratica consiste esclusivamente in moltiplicazioni di numeri interi. Esempio (4X 6 + 2X 2 3X 2) = 20X X 2 15X 10 ( 7) ( 3X 6 + 2X 2 ) = 21X 6 14X 2 9 (X 2 5X + 1) = 9X 2 45X + 9 ( 1) (X 3 X 2 + X 1) = X 3 + X 2 X Moltiplicazione tra monomi Se abbiamo due monomi a n X n e b m X m e li moltiplichiamo tra loro, allora Vediamo qualche esempio: Esempio a n X n b m X m = a n b m X n+m 3X 5X = 15X 2 X X = X 2 3X 2X 3 = 6X 4 2X 3 ( 11)X 7 = 22X Moltiplicazione tra un monomio e un polinomio Questo caso è molto simile al precedente. Applichiamo in sostanza la proprietà distributiva. Sia quindi p(x) = a n X n + + a 1 X + a 0 un polinomio in Z[X] e moltiplichiamolo per il monomio b m X m, avremo: b m X m (a n X n + + a 1 X + a 0 ) = a n b m X m+n + + a 1 b m X m+1 + a 0 b m X m Vediamo qualche esempio: Esempio X (5X 3 X 2 + X 1) = 5X 4 X 3 + X 2 X 3X (5X 3 X 2 + X 1) = 15X 4 + 3X 3 3X 2 + 3X X 2 (3X 6 X 3 + X 1) = 3X 8 + X 5 X 3 + X 2 2X 7 ( 4X 5 + X 3 2X 4) = 8X X 10 2X 8 8X 7 10

11 3.3.4 Moltiplicazione tra due polinomi generici Iniziamo dando la denizione generale per poi passare come al solito a numerosi esempi. Denizione Si dice moltiplicazione in Z[X] l'operazione binaria denita nel seguente modo. Siano : Z[X] Z[X] Z[X] (p(x), q(x)) p(x) q(x) p(x) = a n X n + a n 1 X n a 1 X + a 0 q(x) = b m X m + b m 1 X m b 1 X + b 0 Allora il prodotto di p(x) con q(x) è : p(x) q(x) := a n X n q(x)+a n 1 X n 1 q(x)+ +a 2 X 2 q(x)+a 1 X q(x)+a 0 q(x) cioè moltiplichiamo q(x) per ciascuno dei monomi che compongono p(x) e questa operazione la sappiamo già fare grazie all'esercizio Vediamo qualche esempio: Esempio (X 1) (X + 1) = X(X + 1) 1(X + 1) = X 2 + X X 1 = X 2 1 Esempio (X 1) (X 1) = X(X 1) 1(X + 1) = X 2 X X + 1 = X 2 2X + 1 Esempio (3X 4) (1 X) = 3X(1 X) 4(1 X) = 3X 3X X = 3X 2 + 7X 4 Esempio (2X 3 4X) (X 2 + X + 1) = 2X 3 (X 2 + X + 1) 4X(X 2 + X + 1) = 2X 5 + 2X 4 + 2X 3 4X 3 4X 2 4X = 2X 5 + 2X 4 2X 3 4X 2 4X 11

12 Anche in questo caso la moltiplicazione in Z[X] soddisfa le tre proprietà che soddisfava in Z, cioè essa è : v) commutativa vi) associativa vii) esistenza dell'elemento neutro: anche qui è 1. Abbiamo inoltre la proprietà viii) distributiva che è proprio quella che ci ha permesso di ridurre il prodotto di due polinomi nella somma del prodotto di un polinomio per monomi. Abbiamo quindi che è un anello commutativo. (Z[X], +, ) Elevazione a potenze Ovviamente come nel caso dei numeri interi n n n n n = n 5 allo stesso modo se p(x) Z[X] possiamo scrivere p(x) p(x) p(x) p(x) = p(x) 4 Ad esempio (X + 1)(X + 1)(X + 1) = (X + 1) 3. Notiamo inoltre che (p(x) n )m = p(x) n m Ad esempio (2X 2 ) 3 = 8X Prodotti notevoli Chiudiamo la sezione sulla moltiplicazione in Z[X] mostrando come si trovano i prodotti notevoli. Essi sono comodi da imparare a memoria, ma se non si ricordano basta fare la moltiplicazione in tutti i suoi passi. Non chiederò quindi di saperli a memoria, ma si dovranno saper calcolare facendo le moltiplicazioni necessarie. Anche in questo caso per maggiori informazioni consultare Wikipedia. (p + q)(p q) = p 2 q 2 (p + q) 2 = p 2 + 2pq + q 2 quindi ad esempio Esempio (2X + 7)(2X 7) = (2X) 2 (7) 2 = 4X 2 49 ( 3X 2 2X 5 )( 3X 2 + 2X 5 ) = ( 3X 2 ) 2 (2X 5 ) 2 = 9X 4 4X 10 ( X + 3) 2 = ( X) 2 + 2( X)(+3) = X 2 6X + 9 (X 2 4X) 2 = X 4 8X X 2 12

13 3.4 Forma normale di un polinomio Dopo aver visto gli esercizi sui coecienti di un polinomio (sezione 2.2) e le varie operazioni, possiamo introdurre una comoda nozione in base alla quale ogni polinomio potrà essere scritto in un modo specico. Ad esempio dato un polinomio p(x) con coecienti a 3 = 0, a 2 = 3, a 1 = 2, a 0 = 7, come fatto negli esempi precedenti scriviamo p(x) = 3X 2 + X 2 7. Non sarebbe errato scrivere p(x) = 0X 3 + 3X 2 + X 2 7 ma non lo facciamo per non complicarci la vita. Facciamo un altro esempio: sia p(x) = 3X 2 2X 7X 2, anche qui facendo le somme necessarie possiamo riscrivere il polinomio più semplicemente come p(x) = 4X 4 2X. Ancora un altro esempio: se p(x) = X(X 3) possiamo scrivere questo polinomio come p(x) = X 2 3X. Ebbene: Denizione La forma normale (o standard) di un polinomio è quella in cui sono presenti solo i monomi con coecienti non nulli ordinati (senza ripetizioni) dal grado maggiore al grado minore. Esempio Dati i polinomi sulla sinistra scriviamo a destra la loro forma normale X(0X 4 3X 3 X + 2X 3 ) X 4 X 2 X 2 (2X 3 3X 2 0X + 2X 3 ) 4X 5 3X 4 (X 2 1)(0X 3 + X 2 ) X 4 X 2 Sottolineiamo come in precedenza abbiamo praticamente sempre usato la forma normale anche se non l'avevamo esplicitato. 3.5 Grado di un polinomio Denizione Cosideriamo un polinomio p(x) Z[X] in forma normale p(x) = a n X n + a n 1 X n a 2 X 2 + a 1 X + a 0 in particolare avremo che a n 0. Si dice grado del polinomio p(x) il numero n, cioè l'esponente del monomio di massimo grado con coeciente non nullo. Per indicarlo scriveremo deg(p(x)) = n 13

14 Esempio In questo esempio scriviamo il grado di alcuni polinomi. Gli ultimi tre polinomi sono quelli dell'esempio deg(5) = 0 deg(x) = 1 deg(x n ) = n deg(2x 3 + 4) = 3 deg(1 + 2X + 3X 2 ) = 2 deg(x(0x 4 3X 3 X + 2X 3 )) = 4 deg(x 2 (2X 3 3X 2 0X + 2X 3 )) = 5 deg((x 2 1)(0X 3 + X 2 )) = 4 14

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali 1 Numeri naturali La successione di tutti i numeri del tipo: 0,1, 2, 3, 4,..., n,... forma l'insieme dei numeri naturali, che si indica con il simbolo N. Tale insieme si può disporre in maniera ordinata

Dettagli

Lezioni di Matematica 1 - I modulo

Lezioni di Matematica 1 - I modulo Lezioni di Matematica 1 - I modulo Luciano Battaia 16 ottobre 2008 Luciano Battaia - http://www.batmath.it Matematica 1 - I modulo. Lezione del 16/10/2008 1 / 13 L introduzione dei numeri reali si può

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

I numeri. Premessa: Che cosa sono e a che servono i numeri?

I numeri. Premessa: Che cosa sono e a che servono i numeri? I numeri Premessa: Che cosa sono e a che servono i numeri? Come ti sarai reso conto, i numeri occupano un ruolo importante nella tua vita: dai numeri che esprimono il prezzo degli oggetti venduti in un

Dettagli

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma.

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma. Addizione: PROPRIETA' COMMUTATIVA Cambiando l'ordine degli addendi la somma non cambia. 1) a + b = b + a PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si

Dettagli

Anello commutativo. Un anello è commutativo se il prodotto è commutativo.

Anello commutativo. Un anello è commutativo se il prodotto è commutativo. Anello. Un anello (A, +, ) è un insieme A con due operazioni + e, dette somma e prodotto, tali che (A, +) è un gruppo abeliano, (A, ) è un monoide, e valgono le proprietà di distributività (a destra e

Dettagli

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo.

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo. DALLE PESATE ALL ARITMETICA FINITA IN BASE 2 Si è trovato, partendo da un problema concreto, che con la base 2, utilizzando alcune potenze della base, operando con solo addizioni, posso ottenere tutti

Dettagli

Numeri complessi e polinomi

Numeri complessi e polinomi Numeri complessi e polinomi 1 Numeri complessi L insieme dei numeri reali si identifica con la retta della geometria: in altri termini la retta si può dotare delle operazioni + e e divenire un insieme

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le frazioni algebriche 1.1 Il minimo comune multiplo e il Massimo Comun Divisore fra polinomi........ 1. Le frazioni algebriche....................................

Dettagli

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA 1. RICHIAMI SULLE PROPRIETÀ DEI NUMERI NATURALI Ho mostrato in un altra dispensa come ricavare a partire dagli assiomi di

Dettagli

Elementi di teoria degli insiemi

Elementi di teoria degli insiemi Elementi di teoria degli insiemi 1 Insiemi e loro elementi 11 Sottoinsiemi Insieme vuoto Abbiamo già osservato che ogni numero naturale è anche razionale assoluto o, in altre parole, che l insieme dei

Dettagli

INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI

INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI Prima di riuscire a scrivere un programma, abbiamo bisogno di conoscere un metodo risolutivo, cioè un metodo che a partire dai dati di ingresso fornisce i risultati attesi.

Dettagli

MATRICI E DETERMINANTI

MATRICI E DETERMINANTI MATRICI E DETERMINANTI 1. MATRICI Si ha la seguente Definizione 1: Un insieme di numeri, reali o complessi, ordinati secondo righe e colonne è detto matrice di ordine m x n, ove m è il numero delle righe

Dettagli

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Definizione 1. Un sistema lineare di m equazioni in n incognite, in forma normale, è del tipo a 11 x 1 + + a 1n x n = b 1 a 21 x 1 + + a 2n x n = b 2 (1) = a m1 x 1 + +

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

Dimensione di uno Spazio vettoriale

Dimensione di uno Spazio vettoriale Capitolo 4 Dimensione di uno Spazio vettoriale 4.1 Introduzione Dedichiamo questo capitolo ad un concetto fondamentale in algebra lineare: la dimensione di uno spazio vettoriale. Daremo una definizione

Dettagli

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE E bene presentarla confrontando tra loro varie tecniche: addizione ripetuta; prodotto combinatorio (schieramenti). Rispetto a quest'ultima tecnica, grande utilità

Dettagli

Alla pagina successiva trovate la tabella

Alla pagina successiva trovate la tabella Tabella di riepilogo per le scomposizioni Come si usa la tabella di riepilogo per le scomposizioni Premetto che, secondo me, questa tabella e' una delle pochissime cose che in matematica bisognerebbe "studiare

Dettagli

A.1 Definizione e rappresentazione di un numero complesso

A.1 Definizione e rappresentazione di un numero complesso 441 APPENDICE A4 NUMERI COMPLESSI A.1 Definizione e rappresentazione di un numero complesso Si riepilogano i concetti e le operazioni elementari relativi ai numeri complessi. Sia z un numero complesso;

Dettagli

Teoria degli insiemi

Teoria degli insiemi Teoria degli insiemi pag 1 Easy Matematica di dolfo Scimone Teoria degli insiemi Il concetto di insieme si assume come primitivo, cioè non riconducibile a concetti precedentemente definiti. Sinonimi di

Dettagli

Prolog: aritmetica e ricorsione

Prolog: aritmetica e ricorsione Capitolo 13 Prolog: aritmetica e ricorsione Slide: Aritmetica e ricorsione 13.1 Operatori aritmetici In logica non vi è alcun meccanismo per la valutazione di funzioni, che è fondamentale in un linguaggio

Dettagli

ALGORITMI 1 a Parte. di Ippolito Perlasca. Algoritmo:

ALGORITMI 1 a Parte. di Ippolito Perlasca. Algoritmo: ALGORITMI 1 a Parte di Ippolito Perlasca Algoritmo: Insieme di regole che forniscono una sequenza di operazioni atte a risolvere un particolare problema (De Mauro) Procedimento che consente di ottenere

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti 4. Insiemi numerici 4.1 Insiemi numerici Insieme dei numeri naturali = {0,1,,3,,} Insieme dei numeri interi relativi = {..., 3,, 1,0, + 1, +, + 3, } Insieme dei numeri razionali n 1 1 1 1 = : n, m \{0}

Dettagli

Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una

Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una NUMERI INTERI E NUMERI DECIMALI Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una cassetta sono contenuti 45 penne e che una lamiera misura 1,35 m. dl lunghezza,

Dettagli

Appunti di Logica Matematica

Appunti di Logica Matematica Appunti di Logica Matematica Francesco Bottacin 1 Logica Proposizionale Una proposizione è un affermazione che esprime un valore di verità, cioè una affermazione che è VERA oppure FALSA. Ad esempio: 5

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI

APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI I numeri naturali I numeri interi I numeri razionali Teoria degli insiemi (cenni) ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 L insieme N dei numeri naturali 4 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

Il principio di induzione e i numeri naturali.

Il principio di induzione e i numeri naturali. Il principio di induzione e i numeri naturali. Il principio di induzione è un potente strumento di dimostrazione, al quale si ricorre ogni volta che si debba dimostrare una proprietà in un numero infinito

Dettagli

LA NOTAZIONE SCIENTIFICA

LA NOTAZIONE SCIENTIFICA LA NOTAZIONE SCIENTIFICA Definizioni Ricordiamo, a proposito delle potenze del, che = =.000 =.000.000.000.000 ovvero n è uguale ad seguito da n zeri. Nel caso di potenze con esponente negativo ricordiamo

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme 1. L insieme R. Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme R = R {, + }, detto anche retta reale estesa, che si ottiene aggiungendo all insieme dei numeri reali R

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 1 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Insiemi La teoria degli

Dettagli

Analisi Matematica I

Analisi Matematica I Analisi Matematica I Fabio Fagnani, Gabriele Grillo Dipartimento di Matematica Politecnico di Torino Queste dispense contengono il materiale delle lezioni del corso di Analisi Matematica I rivolto agli

Dettagli

Semantica operazionale dei linguaggi di Programmazione

Semantica operazionale dei linguaggi di Programmazione Semantica operazionale dei linguaggi di Programmazione Oggetti sintattici e oggetti semantici Rosario Culmone, Luca Tesei Lucidi tratti dalla dispensa Elementi di Semantica Operazionale R. Barbuti, P.

Dettagli

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale Radicali 1. Radice n-esima Terminologia Il simbolo è detto radicale. Il numero è detto radicando. Il numero è detto indice del radicale. Il numero è detto coefficiente del radicale. Definizione Sia un

Dettagli

LE FUNZIONI E LE LORO PROPRIETÀ

LE FUNZIONI E LE LORO PROPRIETÀ LE FUNZIONI E LE LORO PROPRIETÀ LE FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE COSA SONO LE FUNZIONI Dati due sottoinsiemi A e B non vuoti di R, una FUNZIONE da A a B è una relazione che associa ad ogni numero reale

Dettagli

Appunti sulle disequazioni

Appunti sulle disequazioni Premessa Istituto d Istruzione Superiore A. Tilgher Ercolano (Na) Appunti sulle disequazioni Questa breve trattazione non vuole costituire una guida completa ed esauriente sull argomento, ma vuole fornire

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1 LEZIONE 14 141 Dimensione di uno spazio vettoriale Abbiamo visto come l esistenza di una base in uno spazio vettoriale V su k = R, C, permetta di sostituire a V, che può essere complicato da trattare,

Dettagli

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO APPUNTI PER IL CORSO DI ANALISI MATEMATICA I G. MAUCERI Indice 1. Introduzione 1 2. La funzione esponenziale 2 3. Il numero e di Nepero 9 4. L irrazionalità di e

Dettagli

Numeri reali. Funzioni e loro grafici

Numeri reali. Funzioni e loro grafici Argomento Numeri reali. Funzioni e loro grafici Parte B - Funzioni e loro grafici Funzioni reali di variabile reale Definizioni. Supponiamo che A sia un sottoinsieme di R e che esista una legge che ad

Dettagli

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice Pseudo codice Pseudo codice Paolo Bison Fondamenti di Informatica A.A. 2006/07 Università di Padova linguaggio testuale mix di linguaggio naturale ed elementi linguistici con sintassi ben definita e semantica

Dettagli

APPLICAZIONI LINEARI

APPLICAZIONI LINEARI APPLICAZIONI LINEARI 1. Esercizi Esercizio 1. Date le seguenti applicazioni lineari (1) f : R 2 R 3 definita da f(x, y) = (x 2y, x + y, x + y); (2) g : R 3 R 2 definita da g(x, y, z) = (x + y, x y); (3)

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI 1. CONFRONTO DI CARDINALITÀ E chiaro a tutti che esistono insiemi finiti cioè con un numero finito di elementi) ed insiemi infiniti. E anche chiaro che ogni insieme infinito

Dettagli

I numeri relativi. Il calcolo letterale

I numeri relativi. Il calcolo letterale Indice Il numero unità I numeri relativi VIII Indice L insieme R Gli insiemi Z e Q Confronto di numeri relativi Le operazioni fondamentali in Z e Q 0 L addizione 0 La sottrazione La somma algebrica La

Dettagli

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti Y T T I Numeri Complessi Operazioni di somma e prodotto su Consideriamo, insieme delle coppie ordinate di numeri reali, per cui si ha!"# $&% '( e )("+* Introduciamo in tale insieme una operazione di somma,/0"#123045"#

Dettagli

SCOMPOSIZIONE IN FATTORI DI UN POLINOMIO

SCOMPOSIZIONE IN FATTORI DI UN POLINOMIO SCOMPOSIZIONE IN FATTORI DI UN POLINOMIO Così come avviene per i numeri ( 180 = 5 ), la scomposizione in fattori di un polinomio è la trasformazione di un polinomio in un prodotto di più polinomi irriducibili

Dettagli

Esercizi su lineare indipendenza e generatori

Esercizi su lineare indipendenza e generatori Esercizi su lineare indipendenza e generatori Per tutto il seguito, se non specificato esplicitamente K indicherà un campo e V uno spazio vettoriale su K Cose da ricordare Definizione Dei vettori v,,v

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Figura 2.1. A sottoinsieme di B

Figura 2.1. A sottoinsieme di B G Sammito, ernardo, Formulario di matematia Insiemi F Cimolin, L arletta, L Lussardi Insiemi Generalità Un insieme è una ollezione distinguibile di oggetti, detti elementi dell'insieme Quando un elemento

Dettagli

Linguaggio del calcolatore. Algebra di Boole AND, OR, NOT. Notazione. And e or. Circuiti e reti combinatorie. Appendice A + dispense

Linguaggio del calcolatore. Algebra di Boole AND, OR, NOT. Notazione. And e or. Circuiti e reti combinatorie. Appendice A + dispense Linguaggio del calcolatore Circuiti e reti combinatorie ppendice + dispense Solo assenza o presenza di tensione: o Tante componenti interconnesse che si basano su e nche per esprimere concetti complessi

Dettagli

10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue.

10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue. 10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue. Lo scopo principale di questo capitolo è quello di far vedere che esistono sottoinsiemi di R h che non sono misurabili secondo Lebesgue. La costruzione di insiemi

Dettagli

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi Evelina De Gregori Alessandra Rotondi al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze per la Scuola secondaria di primo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Test d'ingresso NUMERI

Dettagli

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE 1 DIPENDENZA E INDIPENDENZA LINEARE Se ho alcuni vettori v 1, v 2,, v n in uno spazio vettoriale V, il sottospazio 1 W = v 1,, v n di V da loro generato è

Dettagli

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione.

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1.1. Intorni circolari. Assumiamo come distanza di due numeri reali x e y il numero non negativo x y (che, come sappiamo, esprime la distanza tra i punti

Dettagli

Linguaggi. Claudio Sacerdoti Coen 11/04/2011. 18: Semantica della logica del prim ordine. Universitá di Bologna

Linguaggi. Claudio Sacerdoti Coen 11/04/2011. 18: Semantica della logica del prim ordine. <sacerdot@cs.unibo.it> Universitá di Bologna Linguaggi 18: Semantica della logica del prim ordine Universitá di Bologna 11/04/2011 Outline Semantica della logica del prim ordine 1 Semantica della logica del prim ordine Semantica

Dettagli

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni.

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni. MATEMATICA. Sistemi lineari in due equazioni due incognite. Date due equazioni lineari nelle due incognite x, y come ad esempio { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un

Dettagli

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE Sia I un intervallo di R e siano a = inf(i) R { } e b = sup(i) R {+ }; i punti di I diversi dagli estremi a e b, ( e quindi appartenenti all intervallo aperto

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile Problemi connessi all utilizzo di un numero di bit limitato Abbiamo visto quali sono i vantaggi dell utilizzo della rappresentazione in complemento alla base: corrispondenza biunivoca fra rappresentazione

Dettagli

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Corso di Calcolatori Elettronici I A.A. 2010-2011 Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Lezione 2 Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Rappresentazione dei numeri

Dettagli

Proof. Dimostrazione per assurdo. Consideriamo l insieme complementare di P nell insieme

Proof. Dimostrazione per assurdo. Consideriamo l insieme complementare di P nell insieme G Pareschi Principio di induzione Il Principio di Induzione (che dovreste anche avere incontrato nel Corso di Analisi I) consente di dimostrare Proposizioni il cui enunciato è in funzione di un numero

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI Le disequazioni fratte Le disequazioni di secondo grado I sistemi di disequazioni Alessandro Bocconi Indice 1 Le disequazioni non lineari 2 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora:

Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora: Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora: G.C.D.( a d, b d ) = 1 Sono state introdotte a lezione due definizioni importanti che ricordiamo: Definizione

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali.

Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali. CAPITOLO 7 Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali. Esercizio 7.1. Determinare il rango delle seguenti matrici al variare del parametro t R. 1 4 2 1 4 2 A 1 = 0 t+1 1 A 2 = 0 t+1 1

Dettagli

In base alla definizione di limite, la definizione di continuità può essere data come segue:

In base alla definizione di limite, la definizione di continuità può essere data come segue: Def. Sia f una funzione a valori reali definita in un intervallo I (itato o ilitato) e sia un punto interno all intervallo I. Si dice che f è continua nel punto se: ( )= ( ) Una funzione f è continua in

Dettagli

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ icroeconomia Douglas Bernheim, ichael Whinston Copyright 009 The cgraw-hill Companies srl COE ASSIIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ Supponiamo che il reddito mensile di Elena sia pari a Y e sia interamente

Dettagli

ESEMPIO 1: eseguire il complemento a 10 di 765

ESEMPIO 1: eseguire il complemento a 10 di 765 COMPLEMENTO A 10 DI UN NUMERO DECIMALE Sia dato un numero N 10 in base 10 di n cifre. Il complemento a 10 di tale numero (N ) si ottiene sottraendo il numero stesso a 10 n. ESEMPIO 1: eseguire il complemento

Dettagli

QUADERNI DI DIDATTICA

QUADERNI DI DIDATTICA Department of Applied Mathematics, University of Venice QUADERNI DI DIDATTICA Tatiana Bassetto, Marco Corazza, Riccardo Gusso, Martina Nardon Esercizi sulle funzioni di più variabili reali con applicazioni

Dettagli

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica A ARITMETICA I numeri naturali e le quattro operazioni Esercizi supplementari di verifica Esercizio Rappresenta sulla retta orientata i seguenti numeri naturali. ; ; ; 0;. 0 Esercizio Metti una crocetta

Dettagli

Unità 1. I Numeri Relativi

Unità 1. I Numeri Relativi Unità 1 I Numeri Relativi Allinizio della prima abbiamo introdotto i 0numeri 1 naturali: 2 3 4 5 6... E quattro operazioni basilari per operare con essi + : - : Ci siamo però accorti che la somma e la

Dettagli

4. Operazioni elementari per righe e colonne

4. Operazioni elementari per righe e colonne 4. Operazioni elementari per righe e colonne Sia K un campo, e sia A una matrice m n a elementi in K. Una operazione elementare per righe sulla matrice A è una operazione di uno dei seguenti tre tipi:

Dettagli

I numeri complessi. Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli

I numeri complessi. Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli I numeri complessi Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli 1 Introduzione Studiare i numeri complessi può sembrare inutile ed avulso dalla realtà;

Dettagli

2 Rappresentazioni grafiche

2 Rappresentazioni grafiche asi di matematica per la MPT 2 Rappresentazioni grafiche I numeri possono essere rappresentati utilizzando i seguenti metodi: la retta dei numeri; gli insiemi. 2.1 La retta numerica Domanda introduttiva

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FUNZIONI ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FUNZIONI ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FUNZIONI ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le funzioni nel discreto 3 1.1 Le funzioni nel discreto.................................. 3 1.1.1 La rappresentazione grafica............................

Dettagli

Appunti di Algebra Lineare

Appunti di Algebra Lineare Appunti di Algebra Lineare Indice 1 I vettori geometrici. 1 1.1 Introduzione................................... 1 1. Somma e prodotto per uno scalare....................... 1 1.3 Combinazioni lineari e

Dettagli

IL TEOREMA DI LIOUVILLE OVVERO PERCHÉ NON ESISTE LA PRIMITIVA DI e x2

IL TEOREMA DI LIOUVILLE OVVERO PERCHÉ NON ESISTE LA PRIMITIVA DI e x2 IL TEOREMA DI LIOUVILLE OVVERO PERCHÉ NON ESISTE LA PRIMITIVA DI e x2 CAMILLO DE LELLIS Il seguente lavoro è l elaborazione di un contributo alla conferenza tenuta dall autore il 29 settembre 2012 presso

Dettagli

Lo Spettro primo di un anello. Carmelo Antonio Finocchiaro

Lo Spettro primo di un anello. Carmelo Antonio Finocchiaro Lo Spettro primo di un anello Carmelo Antonio Finocchiaro 2 Indice 1 Lo spettro primo di un anello: introduzione 5 1.1 Le regole del gioco................................ 5 1.2 Prime definizioni e risultati

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

Raccolta di Esercizi di Matematica. Capitolo 8 : Modalità CAS (Computer Algebra S ystem)

Raccolta di Esercizi di Matematica. Capitolo 8 : Modalità CAS (Computer Algebra S ystem) Raccolta di Esercizi di Matematica Capitolo 8 : Modalità CAS (Computer Algebra S ystem) Contenuti: 8-1. L ordine Algebrico delle Operazioni 8-2. Problemi sulle Percentuali 8-3. Le Forme Standard e Point-Slope

Dettagli

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte)

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte) Corso di Geometria I (seconda parte) anno acc. 2009/2010 Cambiamento del sistema di riferimento in E 3 Consideriamo in E 3 due sistemi di riferimento ortonormali R e R, ed un punto P (x, y, z) in R. Lo

Dettagli

Lab. 1 - Introduzione a Matlab

Lab. 1 - Introduzione a Matlab Lab. 1 - Introduzione a Matlab Alcune informazioni su Matlab Matlab è uno strumento per il calcolo scientifico utilizzabile a più livelli, dalla calcolatrice tascabile, alla simulazione ed analisi di sistemi

Dettagli

Funzioni tra insiemi niti Numeri di Stirling e Bell. Davide Penazzi

Funzioni tra insiemi niti Numeri di Stirling e Bell. Davide Penazzi Funzioni tra insiemi niti Numeri di Stirling e Bell Davide Penazzi 2 Funzioni tra insiemi niti: i numeri di Stirling e Bell 1 Contare il numero delle funzioni tra insiemi 1.1 Denizioni e concetti preliminari

Dettagli

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 1.1 Che cos è un algoritmo CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 Gli algoritmi sono metodi per la soluzione di problemi. Possiamo caratterizzare un problema mediante i dati di cui si dispone all inizio

Dettagli

Esercizi svolti sui numeri complessi

Esercizi svolti sui numeri complessi Francesco Daddi - ottobre 009 Esercizio 1 Risolvere l equazione z 1 + i = 1. Soluzione. Moltiplichiamo entrambi i membri per 1 + i in definitiva la soluzione è z 1 + i 1 + i = 1 1 + i z = 1 1 i. : z =

Dettagli

IV-1 Funzioni reali di più variabili

IV-1 Funzioni reali di più variabili IV- FUNZIONI REALI DI PIÙ VARIABILI INSIEMI IN R N IV- Funzioni reali di più variabili Indice Insiemi in R n. Simmetrie degli insiemi............................................ 4 2 Funzioni da R n a R

Dettagli

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Lezione 1 Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Definizione di utente e di programmatore L utente è qualsiasi persona che usa il computer anche se non è in grado di programmarlo

Dettagli

Codifica dei numeri negativi

Codifica dei numeri negativi E. Calabrese: Fondamenti di Informatica Rappresentazione numerica-1 Rappresentazione in complemento a 2 Codifica dei numeri negativi Per rappresentare numeri interi negativi si usa la cosiddetta rappresentazione

Dettagli

I numeri reali. Note per il corso di Analisi Matematica 1. G. Mauceri. a.a. 2003-04

I numeri reali. Note per il corso di Analisi Matematica 1. G. Mauceri. a.a. 2003-04 I numeri reali Note per il corso di Analisi Matematica 1 G. Mauceri a.a. 2003-04 2 I numeri reali Contents 1 Introduzione 3 2 Gli assiomi di campo 3 3 Gli assiomi dell ordine 4 4 Valore assoluto 5 5 I

Dettagli

Geometria nel piano complesso

Geometria nel piano complesso Geometria nel piano complesso Giorgio Ottaviani Contents Un introduzione formale del piano complesso 2 Il teorema di Napoleone 5 L inversione circolare 6 4 Le trasformazioni di Möbius 7 5 Il birapporto

Dettagli

Soluzioni classiche dell'equazione di Laplace e di Poisson

Soluzioni classiche dell'equazione di Laplace e di Poisson Soluzioni classiche dell'equazione di Laplace e di Poisson Antonio Paradies Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Università degli studi di Napoli Federico II Napoli, 25 Febbraio

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

Frazioni e numeri razionali

Frazioni e numeri razionali Frazioni e numeri razionali I numeri naturali sono i primi numeri che hai incontrato, quando hai cominciato a contare con le dita. Ma vuoi eseguire tutte le sottrazioni. E allora hai bisogno dei numeri

Dettagli