OPERATORIMORFOLOGICIELEMENTARI MAUROENNAS,ENRICOPIERONI (Luglio-Agosto,1995)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "OPERATORIMORFOLOGICIELEMENTARI MAUROENNAS,ENRICOPIERONI (Luglio-Agosto,1995)"

Transcript

1 OPERATORIMORFOLOGICIELEMENTARI MAUROENNAS,ENRICOPIERONI (Luglio-Agosto,1995) CentrodiRicerca,SviluppoeStudiSuperioriinSardegna GruppodiModellisticaAmbientaleeGeosica

2 EditedbyM.Ennas PrintedonMarch,1996 CRS4 CentrodiRicerca,SviluppoeStudiSuperioriinSardegna. CenterforAdvancedStudies,ResearchandDevelopmentinSardinia. WorkcarriedoutwiththenancialcontributionofSardiniaRegionalAuthorities. LavoroeseguitocolcontributodellaRegioneAutonomadellaSardegna. INTERNALREPORT

3 Questebrevinotefannopartediunostudiopreliminaredidigitalimageprocessing,nalizzato allaricercadistrategieecaciperl'analisidisezionisismichemigrate,inseritoall'internodiuna tesidilaureaincentratapiuingeneralesullaelaborazionedidatigeosici. L'analisidelleimmaginiassistitadall'utilizzodelcalcolatoreeun'importantebranca dell'informatica,dellamatematicaedell'ingegneriadell'informazione.ilsistemavisivoumano PREFAZIONE. disfareadeguatamenteleesigenzediadabilitarichieste;sonodegliesempiconcretiilcontrollo dellaqualitadeiprodottiindustriali(pezzimeccanici,prodottialimentari...),sistemiintelligenti visivoumano.esistono,comunque,contestimoltospecicineiqualilemacchineriesconoasod- approssimazione,presentadelledicolta.nonostantelecapacitadicalcolodeicalcolatorisiano semprecrescentiancoranonsiriesconoadaveredeisistemichepossanocompetereconilsistema alcalcolatoredeglialgoritmichepermettanodisimularelavisioneumana,seppurecongrande chisottoformadiradiazionedall'ambienteesterno.untalesistemanaturalepuoelaborare manifestaun'incredibilecapacitadielaborazionedeidaticheglipervengonoattraversoglioc- monitoraggioambientaleedinambitomilitare. diispezioneinambitobio-medico,sistemidiriconoscimentodiimmaginiradarneisettoridel grossemolididatirapidamente,congrandeessibilitaesenzasforzoapparente.programmare mettereinatto. Un'immaginerappresentaunaseriedimisuresuunbenprecisoinsiemedioggettichecomplessivamentecostituisconounascena(siaessaunpaesaggio,unaradiograaounafotodasatellite). cheilcontenutoinformativodiun'immaginepuoessereesplicitatoadiversilivelli,dierential variaredelsetdicaratteristichechesivoglionoevidenziareedalleassociazionichesiintendono evidentementedallanaturadell'applicazioneallaqualesifariferimento.piuinparticolarediremo formativodell'immaginestessa;qualiaspettidevonoessereevidenziatiinunaimmagine,dipende L'obbiettivoprimariodell'elaborazionedelleimmaginiequellodirendereesplicitoilcontenutoin- essereadottateperrisolvereunprecisoproblema. diapplicazioneditalitecnicheedellaparticolaritadellesoluzionichedivoltainvoltadevono Ilgrandenumeroditecnicheperl'elaborazionedelleimmaginietestimonedellavastitadeisettori daoggetti(misuredibandasullospettroelettromagneticonell'indagineradio-astronomica),oppuremisuredellariessionediondesonore(negliapparatiultrasonicibiomedicienell'indagine sismica)oancoramisurediconcentrazionedideterminatielementichimiciinuncampione. unacaratteristicalocalediinteresse.comunementesonomisuresull'intensitadellaluceriessa Talimisurevengonoeseguitegeneralmentesuporzionidell'immagine(segmenti),evidenziando Nelseguitoverrannoapprofonditedelletecnicheelementarifondatesullamorfologiamatematica,checisonosembrateinteressantinelcontestospecicodell'indaginegeosica,inparticolare nell'elaborazionediimmaginidisezionisismiche.

4 dell'elaborazionedelleimmagini,ilsuoimpiantomatematicosifondaprincipalmentesullateoria diconfronto;taliconnessionidipendono,oltrechedallageometriadellastrutturadaevidenziare, anchedallasuaposizioneall'internodell'immaginedaesaminare. Solorecentementelamorfologiamatematicahaacquisitodignitadidisciplinaclassicanell'ambito ometricadiun'immaginealnedirendereevidentilesueconnessionitopologicheconunelemento L'ideasullaqualesifondalamorfologiamatematicae,essenzialmente,l'esamedellastrutturage- INTRODUZIONE. degliinsiemiedassumeinseconcettidialgebra,topologiaegeometria. Glistudioriginaririsalgonoagliannisessantaesonodovutiallavorodiduericercatoridella ScuolaMinerariaParigina(EcoleParisiennedesMinesdeFontainebleau),GeorgeMatheron tualmentel'impiantoconcettualedellamorfologiamatematicavieneapplicatoconsuccessoinun vastoambitochecomprendedisciplinequaliladiagnosticamedicael'istologia,edepresente ejeanserra,iqualisioccupavanoditematichelegateallapetrograaeallamineralogia.at- deglialgoritmiimplementatisuibm-sp2. maginia256livellidigrigio.leimmaginiriportatenelseguitosonostateottenutedall'esecuzione PerformanceFortran,operantisuimmaginibinarieeverraindicatalaloroestensioneadim- immagini. Nelseguitoverrannobrevementecaratterizzatialcunioperatoridibasedellamorfologiamatematica,verrannomostratealcunesempliciimplementazioni,realizzateinFORTRAN90eHigh comecorredodibasedeipiusvariatipacchettiapplicativichesioccupanodielaborazionedelle delleinformazioni.taliinformazionipotrannoesserelogiche(indicantil'appartenenzaomeno concettonelcontestodellateoriadegliinsiemi.tenteremodicostruireunadenizionechesi Nelnostrocasoconsidereremoinsiemiparticolaridipuntidelpianoaiqualivengonoassociate adattialleimmaginibinarieeadunaeventualeestensioneadimmaginiapiulivellidigrigio. Ilconcettodiimmagineenotointuitivamenteadognuno.Nelseguitosifaraspessoriferimento adoperatoriapplicatialleimmagini,daciodiscendelanecessitadichiarireeformalizzaretale INSIEMIEDIMMAGINI. adundeterminatosottoinsieme)odivalore(indicantiproprietadell'oggettoinquestionecomeil colore). Possiamocaratterizzareognipuntodell'insiemecostituentel'immagineconunatriplettaordinata (n;m;l),nellaqualeiprimidueelementirappresentanolecoordinatedelpianodiscretizzato adessoassociata(livello). Un'immaginebinariapotraessereespressainterminidiprodottocartesiano()trainsiemi: (n;m)2n2,individuantiunivocamenteilpuntod'immagine,eilterzoindicantel'informazione confrontandoilivellidipuntiaventistessecoordinate;nelcasobinariopossonoapplicarsioperatori Gliinsiemiunione([)edintersezione(\)possonoottenersi,operandosuinsiemicosicostruiti, analogamente,perun'immaginea256tonidigrigioavremo: Ig=f0::Ngf0::Mgf0::255g Ibin=f0::Ngf0::Mgf0;1g; booleaniailivellil2f0;1g. 1

5 (erosion),detteanchesommaesottrazionediminkowski,edinoltrel'operatorehitormiss. Leoperazionielementaridellamorfologiamatematicasonoladilatazione(dilation),l'erosione (structuringelement);ciosiottieneapplicandodeglioperatoricheagisconosuognipuntoh2a. didimensionenota,attraversol'utilizzodiun'immaginebpiupiccoladettaelementostrutturante richedaun'immaginebinariaae,doveconesiindical'insiemedituttelepossibiliimmagini L'obiettivodellamorfologiamatematicaequellodiestrarreinformazionitopologicheegeomet- OPERATORIELEMENTARI. ha256livellidigrigio,percuil'applicazionedeglioperatorimorfologicideveessereprecedutada unaopportunabinarizzazione(ottenutamedianteunbinarizzatoreridge-valley,(fig.3)). Vengonofrequentementeindicaticomeoperatorielementariancheletrasformazionidiapertura (opening)edichiusura(closing)ottenutidall'opportunacombinazionedelletrasformazionidi erosioneedilatazione. Nelseguitoconsidereremoimmaginibinarieicuipuntiassumonovalorinell'insiemefNero= particolare,abbiamosceltocomeimmaginediinputun'improntadigitale.taleimpronta(fig.2) 0;Bianco=1g.Negliesempiabbiamoutilizzatodeipatternsdidimensione512512pixelsedin ConsideriamounreticolodiformaquadrataeperognisuoelementodeniamoN-vicinanza(Nneighbourhood)l'insiemedeipuntidelreticoloadiacentiadunssatopuntoP. N-VICINANZA. colarecorrispondeadunanestra33conpuntodiriferimentocentrale.generalnente,nella pratica,vieneutilizzatounelementostrutturantediquestotipoacausadelsuobassocostocomputazionale.inquestomodosipuoformulareunaprimadenizionedierosioneedilatazione, elementostrutturanteuncerchiounitariodiraggiopariadunpunto,chenellageometriareti- relativaadimmaginibinarie,interminidi8-vicinanza:pererosiones'intendel'insiemedeipunti FIG.1.8-vicinanzae4-vicinanza Nelseguitociriferiremoadun'8-vicinanza(Fig.1).Inquestocontestoconsideriamocome l'insiemedeipuntidelreticoloche,osonoelementidell'oggettooppurehannotrailoro8-vicini dell'oggetto,icui8-vicinisonotuttielementidell'oggetto;colterminedilatazioneinvecesiindica almenounelementodell'oggetto. 2

6 FIG.2.Immagined'ingresso(256livellidigrigio). FIG.3.Immagined'ingressobinarizzata. 3

7 intorno)consisteinunltraggiodell'informazioneinessocontenutapermezzodiopportune diun'immaginetramiteoperatorilocali(cheagisconosuunpuntotraendoinformazionidalsuo dicatividellapresenzaoassenzadiunoggettorispettoallosfondo(valorilogici)oppuredeilivelli digrigioodicolore(valorinumerici)propridiognipuntodell'immagineconsiderata.l'analisi adognipuntodicoordinate(n;m),appartenentealreticolopiano,unvalore;talivalorisonoin- Un'immaginepuoesseredenitacomeunafunzionebidimensionalediscretaf(n;m)cheassocia OPERATORILOCALICOMEFILTRI. rispondeatuttiglieettiadunltraggiolinearebidimensionale,matematicamenterappresentato dallaconvoluzionetral'immagined'ingressoe\l'immagineltro": forma: \immaginisonda"h(n;m),dimensionaterispettoall'intornochesidesideraanalizzare.ciocor- tenendocontodelfattocheunaqualunquefunzionediscretabidimensionalepuoesprimersinella fout(n;m)=xixjfin(i;j)h(n?i;m?j)=xixjfin(n?i;m?j)h(n;m); Inquestomodol'immaginepuoritenersicostituitadauninsiemedivaloriimpulsivi(unoper ognipunto)elaconvoluzione(fig.4)tral'immagineiningressofin(n;m)elarispostaimpulsiva delltroh(n;m)puospiegarsiinterminiditraslazionedelpianod'immaginenelledirezionidegli g(n;m)=xixjg(i;j)(n?i)(n?j): elementidelltroesuccessivasommadeiprodotti quadrato 5x5 Tutti = P(0,0)=2 P(0,4)=4 P(0,2)=1 P(4,0)=6 P(4,4)=8 glioperatorielementaridellamorfologiamatematica. puntiutilizzandoglioperatoridellalogicabooleana;equestalaviachesisegueperimplementare Similmenteaquantoavvieneperilltraggiobidimensionale,sipossonotrasformareinsiemidi FIG.4.Convoluzionediunreticolo55con5deltadiDirac

8 Deniamol'erosionediAdapartediB(dettaanchedierenzadiMinkowski)nelmodoseguente: dovebhrappresentalatraslazionedell'immaginebsulpuntoh2a: A B=fh2EjBhAg; EROSIONE. (Fig.5);essapuoessereespressaancheinunaltromodo: Essarappresental'insiemedeipuntihpercuiB,centratoinh,einteramentecontenutoinA Bh=fb+hjb2Bg: L'erosioneeunoperatoreinvarianterispettoallatraslazione, (Ah A B=\ B)=[A b2ba?b; nonlocontengonointeramente. Inpratical'elementostrutturantescorresuognipuntodell'immagineeliminandoglielementiche edinoltretaleche: XY)X AY B]h; A: FIG.5.a)Binarizzazione;b)Erosione;c)Doppiaerosione. 5

9 Nell'implementazioneFORTRAN90siefattousodelladirettivaimplicita alpuntodiriferimento;sutalipianivieneapplicatol'operatorelogico.and.chepermette,punto perpunto,diindividuareglielementidell'insiemeintersezione. traslandoipianid'immaginelungoleottodirezioniindividuatedall'elementostrutturanteattorno SUBROUTINEErosion(BinImage,nx,ny,OutImage) CSHIFT(array;shift;dim); cminkowski'ssubtrationalmorphologicaloperator cusingunitarycircleasstructuringelement cforbinarizedimages!hpf$distribute(block,block) c********************************************************************** CHARACTER,DIMENSION(0:nx-1,0:ny-1),INTENT(OUT)::OutImage CHARACTER,DIMENSION(0:nx-1,0:ny-1),INTENT(IN)::BinImage INTEGER, LOGICAL,DIMENSION(0:nx-1,0:ny-1) INTENT(IN)::nx, ::BinImage, ::LogImage, TmpImage1, OutImage!HPF$DISTRIBUTE(block,block) c********************************************************************** & CHARACTER,PARAMETER ::LogImage, ::black=char(0), ny white=char(255) WRITE(*,*)'Eroding...' LogImage=MERGE(.TRUE.,.FALSE.,BinImage.EQ.black) TmpImage1=TmpImage1.AND.cshift(LogImage,shift=-1,dim=1) cshift(logimage,shift=1,dim=1) TmpImage1, c********************************************************************* TmpImage=TmpImage1.AND.cshift(TmpImage1,shift=1,dim=2) TmpImage=TmpImage.AND.cshift(TmpImage1,shift=-1,dim=2) TmpImage=TmpImage.AND.LogImage OutImage=MERGE(black,white,TmpImage) ENDSUBROUTINEErosion 6

10 strutturantesiainvarianterispettoallariessione(br=b)avremopiusemplicemente: avendodenitobr=f?bjb2bg,riessionedibrispettoall'origine;nelcasoincuil'elemento DeniamodilatazioneosommadiMinkowski: AB=fh2EjBrh\A6=;g; DILATAZIONE modoseguente: cioeabel'insiemedituttiipuntidiposizioneh,percuibhedahannoalmenounpunto incomune.ancheladilatazionerisultainvarianteallatraslazioneedinoltrepuoesprimersinel AB=fh2EjBh\A6=;g; unpuntoincomunecona: dilatazionediadapartedib.inpratical'elementostrutturantebscorresull'immaginedi riferimentoaestendendoildominiodiquest'ultimaalleporzionid'immaginechehannoalmeno AB=[ b2bab; strutturantecircolareunitario. Nelcasoinesameladilatazioneestataeseguitaalmassimoduevolteconsecutiveconelemento FIG.6.a)Binarizzazione;b)Dilatazione;c)Doppiadilatazione. 7

11 d'immaginiel'implementazionedell'algoritmosonoriportatinelseguito. attornoalpuntodiriferimento;sutalipianivieneapplicatol'operatorelogico.or.chepermette, cminkowski'sadditionalmorphologicaloperator puntoperpunto,diindividuareglielementidell'insiemeunione.ladichiarazionedegliarrays dim),traslandoipianid'immaginelungoleottodirezioniindividuatedall'elementostrutturante Nell'implementazioneFORTRAN90siefattousodelladirettivaimplicitaCSHIFT(array,shift, cusingunitarycircleasstructuringelement cforbinarizedimages SUBROUTINEDilation(BinImage,nx,ny,OutImage)!HPF$DISTRIBUTE(block,block) c************************************************************************* CHARACTER,DIMENSION(0:nx-1,0:ny-1),INTENT(IN)::BinImage CHARACTER,DIMENSION(0:nx-1,0:ny-1),INTENT(OUT)::OutImage LOGICAL,DIMENSION(0:nx-1,0:ny-1) ::BinImage, ::LogImage, OutImage INTEGER, INTENT(IN)::nx, TmpImage1,!HPF$DISTRIBUTE(block,block) CHARACTER,PARAMETER ::black=char(0), c************************************************************************* & ::LogImage, ny write(*,*)'dilating...' LogImage=MERGE(.TRUE.,.FALSE.,BinImage.EQ.black) white=char(255) TmpImage1=TmpImage1.OR.cshift(LogImage,shift=-1,dim=1) cshift(logimage,shift=1,dim=1) TmpImage1, TmpImage=TmpImage1.OR.cshift(TmpImage1,shift=1,dim=2) c********************************************************************* TmpImage=TmpImage.OR.cshift(TmpImage1,shift=-1,dim=2) TmpImage=TmpImage.OR.LogImage OutImage=MERGE(black,white,TmpImage) ENDSUBROUTINEDilation 8

12 avendoindicatoconacilcomplementaredia: Dilatazioneederosionesonooperatorinegativinelsensoche: partedell'elementostrutturanteriesso).ilcomportamentodualepuoessereespressoanchein Ciosignicacheladilatazionedell'immaginehalostessoeettodell'erosionedellosfondo(da (AB)c=Ac Ac=fa2Eja=2Ag: (Br)c: Esistonodelleprecisecondizionidireversibilitachenonvengonoquiriportate.Ebenemetterein unaltrosenso: evidenzacomel'erosioneeladilatazionediunoggettobinarioqualsiasisianoottenibilimediante manipolazionenumericadellesequenzedicifredelcodicedelcontorno. chelareversibilitaomenoditalitrasformazionidipendeesclusivamentedallaformadell'oggetto. Siponeilproblemadellareversibilitadelletrasformazionidierosioneedilatazioneesiverica perognicoppiadiimmaginix;ye. YBX,YX B; cona,bnumeriedx,yarray,consentedicostruireglistencilsimmetricibidimensionaliin Cennosull'ottimizzazionedeiCSHIFT. Lasempliceosservazionechel'operatoreCSHIFTeunoperatorelineare: manieraottimizzata,minimizzandolesommeelecomunicazionitraiprocessori. Adesempioperungenericostencilsimmetrico33,matematicamenteesprimibilecome: f(x;y)=a00g(x;y) +a01[g(x+1;y)+g(x?1;y)] CSHIFT(aX+bY)=aCSHIFT(X)+bCSHIFT(Y) alpostodellaimplementazioneimmediata, cheimplica12cshift,8sommee4moltiplicazioni,epossibilediminuireilnumerodeicshift f=a00g+a01[cshift(g;dim=1;shift=1)+cshift(g;dim=1;shift=?1)]+ +a11[g(x+1;y+1)+g(x?1;y?1)+g(x+1;y?1)+g(x?1;y+1)] +a10[g(x;y+1)+g(x;y?1)] utilizzandosolo4cshift,5sommee4moltiplicazioni. utilizzandodegliarraytemporanei,nelseguentemodo: f=f+cshift(t;dim=1;shift=?1)+cshift(t;dim=1;shift=1) f=a00g+a10t t=a01g+a11t t=cshift(g;dim=2;shift=1)+cshift(g;dim=2;shift=?1) 9

13 diremoinvecechefalliscea(missesa)se:bh\a=;: DiremocheBhcolpisceA(hitsA)se:Bh\A6=;; HITORMISS L'operatoreHitorMissvienedenitoapartiredaunelementostrutturanteBscomponibilein nellaterminologiapropriadell'elaborazionedelleimmaginidiremocheacelosfondo duesottoelementib1eb2talicheb=b1[b2: cona;be;ovvero:a(b1;b2)=fh2ejb1ha;b2hacg; dell'immaginea.risultaevidentechepera\b6=;l'immaginerisultantedall'applicazione dell'operatorehitormissevuota.l'operatorehitormisspuoessereespressoinaltritermini B1\B2=; ecoicideconl'erosioneperb2=;: comesegue: A(B1;B2)=(A B1)\(Ac B2); FIG.7.a)Binarizzazione;b)HitorMiss;c)DoppioHitorMiss; 10

14 seguente: conb=b1[b2edinoltreb1\b2=;,cioeottenibilescegliendoibi,adesempio,nelmodo LaroutineinFORTRAN90estataottenutaapplicandol'espressioneseguente: H=AB=A(B1;B2)=(A B1)\(AB2)c dell'operatorebooleanoornelmodoseguente: inmodochel'unionetragliinsiemidipuntiimmaginepossanoessererealizzatitramitel'utilizzo B=B1:OR:B2: 0101A deglioperatoridilatazioneederosionenelmodoseguente: Questaesolounatralesceltepossibilipercostruireilnostrooperatore. Glioperatoridiapertura(Opening)echiusura(Closing)siottengonodallasemplicecombinazione Apertura: APERTURAECHIUSURA inquantosiappoggiaalleprecedenti: nonsonoreversibili.l'implementazionefortran90deidueoperatorieestremamentesemplice Leparentesievidenzianolasuccessionedelleoperazioni,vistocheerosioneedilatazioneingenere Chiusura: AB=(A AB=(AB) B)B Apertura B CALLDilation(BinImage,nx,ny,TempImage) CALLErosion(TempImage,nx,ny,OutImage) Chiusura CALLErosion(BinImage,nx,ny,TempImage) Analogamente,avremo: CALLDilation(TempImage,nx,ny,OutImage) Glioperatoridiapertura(Fig.8)edichiusura(Fig.9)sonoapplicazioniidempotenti,nelsenso cheun'applicazioneripetutadell'operatorenonintroducecambiamentinell'output. 11

15 FIG.8.Apertura. FIG.9.Chiusura. 12

16 siapiugrandediunpuntoedinparticolareciriferiremoalcerchiodiraggiounitariodenito precedentemente. faremounapanoramicadelleproprietapiuinteressantiassumendochel'elementostrutturante Glioperatorimorfologicielementaripossiedonoungrandenumerodiproprietache,sfruttate opportunamente,permettonodiestrarrecaratteristiched'interessedaun'immagine.nelseguito PROPRIETADEGLIOPERATORIMORFOLOGICIAPPLICATI ALLEIMMAGINIBINARIE Ladilatazioneecommutativamanonloel'erosione: Ciononeunproblemaperchenellapraticahasensosoloerodereunoggettopiugrandeconuno piupiccolo. AB=BA;A BC!A BA B6=B C A: (2) (1) dell'immaginecomplementareeugualealcomplementodell'erosionedell'immagineoriginaleeil ottenutecomplementandomembroamembro(ac[a=e);cioequivaleadirecheladilatazione complementodell'erosionedelcomplementodiaeugualealladilatazionedia. AcB=(A A BAAB: B)c;AB=(Ac B)c; (4) (3) Nelseguitoindicheremoconl'esponente(n)l'n-ripetione(iterazione)diunoperatoremorfologico: conm<n.erosioneedilatazionesonotrasformazionimonotone: (AB)(n)(AB)(m); B)(n)(A B)(m); (6) (5) Ciopuoesprimersiinaltriterminidicendochelarelazionetraoggettieinvarianterispetto chiusura. all'erosione,alladilatazione,eallesequenzeditalioperazioni,comeadesempiol'aperturaela A1A2!A1BA2B B (7) (A1\A2)B(A1B)\(A2 (9) (8) segnodiuguaglianza. Se(A1\A2B)einvertibile,l'ordinedelleoperazionididilatazioneediintersezionetrainsiemi noninuiscesulrisultato,cioequivaleadirechetraimembridell'espressioneprecedentevaleil 13

17 AvremocheAi equivaleafh2aj(bha1)\(bh2)g. B=fh2AjBhAg,coni=1;2eh2(Ai (A1[A2) (A1\A2) B(A1 B)[(A2 B)\(A2 B) B).Indenitivah2(A1\A2) (10) avremo,infatti,cheaib=fh:bh\ai6=0gconi=1;2eh2(aib). (A1[A2)B=(A1B)[(A2B) (11) Ledueproprietaseguentisonodigrandeimportanzapraticapoichesudiessesibasanodegli algoritmivelociperlarealizzazionedioperatorimorfologicineisistemicommerciali. A(B1[B2)=(AB1)[(AB2) (12) eequivalenteafhj(b1ha)\((b2ha). conseguenteallaproprietadicommutativitadelladilatazione. essendoa B=fh2AjBihAgconi=1;2eh2(A A B1)[(A Bi;ciosignicacheh2A B2) (B1[B2) (13) susseguentioperazionilogichetratalipianid'immaginepuntoperpunto. Inbaseaquesteproprieta,dilatazioneederosionepossonoessererealizzatemediantetraslazione dell'immagine(fig.10),nelledirezioniimpostedallageometriadell'elementostrutturante,e (14) puntib=b1[b2[b3;avremochel'erosionea direzionei=1;2;::;8econsideriamo,peresemplicare,l'elementostrutturantecostituitodatre AedAichesiottiene,traslandoAnelledirezionii,ovvero: modernisistemidielaborazione.indichiamoconailatraslazionedell'oggettoadiunpuntoin Letraslazionidelleimmaginieleoperazionilogichesudiessesonoestremamenteecientinei FIG.10.Traslazionidiagonale,lateraleeverticale. A B=A\A1\A2\A3 Biecostituitadaipuntidiintersezionetra 14 (15)

18 originale.analogamenteavremo:ab=a[a1[a2[a3 Nellalogicabooleanaciosignicaapplicarel'operatoreANDtraimmaginitraslateedimmagine adirechel'elementostrutturanteedeltipo: el'operatorebooleanocorrispondenteall'unionerisultaesserel'or. Neinostriesempidiimplementazioneabbiamoutilizzatodeicerchidiraggiounitario,cioequivale (16) nellaqualebirappresentailpuntoi-esimodell'elementostrutturanteb. B=8[i=1Bi; edelladilatazione: Un'altraproprietadegnadinotaelacosidettaregoladiconcatenamento(chainrule)dell'erosione FIG.11.Elementostrutturante. turantebidimensionaleb,puoessererealizzatamedianteunasequenzadeglistessioperatori utilizzandoelementistrutturantimonodimensionalib1;b2:::bkchesoddisfanolacondizione: Inbaseaquestaproprietal'erosioneeladilatazionediun'immagine,tramiteunelementostrut- (AB1)B2=A(B1B2) B2=A (B1B2) (17) B=B1B2:::Bk: (18) taggi: Questoequivaleadesplorarel'immagineperrigheepercolonneecomportadeglievidentivan- Esistonosistemihardwarechepermettonounaccessoaidatid'immagineablocchi,per Ilpesocomputazionalecresceinragionedi2LanzichediL2,doveLelalunghezzadel l'implementazioneoltrechepotenziarel'ecacia. cerchiostrutturante; righeopercolonne(cioetipicodellearchitettureparallele),equestofacilitanotevolmente 15 B B1 B5 B2 B3 B4 B6 B7 B8

19 valgonoleseguentiproprietadiaperturaedichiusura: Considerando,comedaipotesipreliminare,unelementostrutturantediversodaunpuntoisolato, ABA ABA (19) (Fig.12)realizzatotramitedierenzadiimmagini: valoridigrigionegativi.unesempioequellorelativoadunestrattoredicontornomorfologico possanoesseresottratte,puntoperpunto,l'unaall'altra,senzachel'immaginerisultanteassuma inqualicasidelleimmaginidiverse,ottenutemediantel'applicazionedioperatorimorfologici, Questedueproprietadevonolaloroimportanzaalfattochepossonoessereutilizzateperstabilire EC=(AB)?(A B); (21) (20) chiaramente,ledimensionidell'elementostrutturantedeterminanolospessoredeicontorniestratti. Altreproprietainteressantisono:AB=(AB)B FIG.12.Estrazionemorfologicadeicontorni. AB=(AB)B (22) Diremocheun'immagineAen-erosaseestataottenutadallaiterazionedinoperazionidi erosionepossonoesserecombinatitraloroedapplicatiripetutamenteall'immaginedaanalizzare. eettodiunasingolaaperturaochiusura.echiarocheglioperatorielementarididilatazioneedi unaaperturaereversibilmenteerodibile;ovverounasequenzadiapertureodichiusurehalostesso erosioneescriveremoa(?n);analogamentediremocheun'immagineaen-dilatataseestata Ciopuoesprimersidicendocheilrisultatodiunachiusuraereversibilmentedilatabileequellodi (23) ottenutadallaiterazionedinoperazionididilatazioneelaindicheremocona(n). 16

20 Valgonoleproprieta: A(?n)A(?m) A(n)A(m) (24) pern>m. Regolandoilnumerodiiterazionisipossonoottenerediversieettidiltraggio.Inparticolaresi Inoltrerisulta: (A(n))(?m)A(?n)(m) (26) (25) cheproduceun'immaginepiugrossolana(particolarimenodeniti);l'eettopassaaltosiottiene ottieneuneettopassabassoconunasequenzadeltipo: con: HPF=A?A(?r)(r) LPF=A(r)(?r) (27) semprepern>m. chefornisceun'immaginecheconservailsolodettaglioagranane;innel'eettopassabanda siottienenelmodoseguente:bpf=(a(n))(?n)?(a(m))(?m) (29) (28) 17

21 FIG.13.Passabassomorfologicodirangodue. FIG.14.Passaaltomorfologicodirangounitario. 18

22 ConsideriamoilcasodiunafunzionebidimensionalediscretaaNlivellidigrigio,esezioniamola conunpianoortogonalealpiano(n;m)inmododaridurreilproblemaalcasomonodimensionale(adesempioconsiderandounasolarigaocolonnaanzichel'immaginecomplessiva);quindi sezioniamoorizzontalmente(parallelamentealpianodell'immagine),incorrispondenzadiogni ESTENSIONEA256LIVELLIDIGRIGIO livellodigrigio.ognisezionesi,allivellodigrigioi,con(i=1;2;:::;n),generaun'immagine binariaai.l'immaginecomplessivaadnlivellipuovedersicomerisultantediun'operazione dellastrisciad'immagine,avremo:a=a\a?1\:::\a1 cherappresental'immagineanlivellidigrigio.consideriamo,comeinprecedenza,b logicaassimilabileadun\and"(vericadell'esistenzadeilivellisottostanti)tralostratoal un'elementostrutturantecircolarediraggiounitario,chesezionato(casomonodimensionale) denitivadetta(x)(1n)lafunzionecheassociailivellidigrigioalleposizioniall'interno livellopiualtoeilivellisottostantisemprepresenti;inrealtasitrattadicontareilnumerodi risultaun\cerchio"unitariodi3x1punti,avremocheognisingolaimmaginebinariaaiverra stratibinarisovrappostiedassociare,perognipunto,talevaloreallivellodigrigioeettivo.in componedistratidiimmaginibinarieerose: erosadab,dandoluogoaa(?1) i.conseguentementel'immagineatonidigrigioa(?1)erosasi Procedendoinmodoanalogoperladilatazione,avremo: Ciocorrispondeadeseguireunaoperazionediminimoinunanestradidimensionipariaquelle dell'elementostrutturanteb. A(?1)=A(?1) A(?1)=minx2BA(x) \A(?1)?1\:::\A(?1) 1 puntosupianitraslati. L'usodeglioperatoridimaxheminh(conh2A)estatosuggeritoperlaprimavoltada Glistessiconcettibasesonoestendibiliaglioperatoricompostiequindidalpuntodivistaimplementativodovremorealizzaredelleroutinechedeterminanoilmassimoedilminimopuntoper NakagawaedaRosenfeld(1978);talioperatorisonobasatisullalogicafuzzyesullateoriadegli insiemidaessaispirata.glioperatoriequivalentiall'intersezione(\)eall'unione([),nellalogica A(1)=maxx2BA(x): fuzzysonorappresentatipropriodamaxheminh.datedueimmagini,aeb,atonidigrigio: A[B()maxh(A;B): A\B()minh(A;B) 19

23 Ciochesiottieneeriportatonellegureseguenti: Operatorecappelloacilindro.Riveladettaglistrutturalichiariescuri,comeadesempio lineeoppureoggettididimensioniinferioriadunlimitepressatoedilcuicontrastosuperaun Nelseguitoverrannoricordati,brevemente,alcunitraipiunotiesemplici. datovaloredisoglia.scriveremoun'espressionedeltipo: merevoledioperatoricomposti,dicomplessitavariabile,cherisolvonoproblematicheparticolari. Accantoaglioperatorimorfologicielementarioperantisuilivellidigrigioabbiamounaserieinnu- FIG.15.Dilatazione,erosione,aperturaechiusuradiimmaginia256livellidigrigio dallavariazionedeilivellidigrigio.l'operatoreestraequelleporzionidellafunzionedeilivellidi direchexdcontieneisolidettaglichiarididimensioniminimeminoridid,inquantoall'immagine originariainingressovienesottrattalasuaapertura.l'altezzahelasoglia.analogamente grigiocheperforanoilcappellomentrelasuabasescivolasullafunzione.indenitiva,possiamo nellaqualed=2r+1,conrraggiodelcerchiounitario.possiamoimmaginareunafunzionea formadicappelloacilindrotophat(d,h)didiametrodedaltezzah,chescorresulrilievocostituito Xdh=Xd=A?[A(?r)](r)seXd>h potremoscrivere: altrimenti chemiraadestrarredettagliscuri. Xdh=Xd=[A(r)](?r)?AseXd>h 0 20 altrimenti

24 espressione: mentodell'elementostrutturanteconsiderato,ipuntiscurisieliminanoutilizzandolaseguente operatoridimassimoeminimoconvenzionaliinquantotrascuranol'eettodelvalorediriferi- piuchiariepiuscuri(rumoreimpulsivo).talipuntivengonoforzatiadassumereilvaloredi alivellidigrigioepossibilecostruiredeisemplicialgoritmiperl'eliminazionedeipuntiisolati grigiopiuprossimoaquellodeivicini.denendoglioperatorimaxbeminb,dierentidagli Eliminazionedipuntiisolati.Apartiredall'erosioneedalladilatazioneapplicateadimmagini nellequalimaxp(a1;a2)rappresentailmassimovaloredeipuntidimedesimaposizionedelledue immaginia1eda2. Analogamenteperipuntiisolatiscuri: Ah=minp[A;maxB(A)]: Unasemplicesequenzadipassidielaborazioneperrealizzarel'estrazioneedilcolormappingdei contornidiun'immagineemostratainfig.16efig.17. Ad=maxp[A;minB(A)]; IMMAGINE IN INPUT BINARIZZATORE RIDGE-VALLEY DILATAZIONE EROSIONE grigio,basatasuoperatorimorfologicielementari.21 FIG.16.Sequenzadipassiperrealizzarel'evidenziazionedelcontornosuun'immaginea256livellidi Estrazione del = Dilatazione - Erosione MAPPA DEI COLORI

25 _ D + dell'evidenziazionedelcontornosuun'immaginea256livellidigrigio,basatasuoperatorimorfologici elementari. FIG.17.Sequenzadiimmaginiinuscitaadognipassodellacatenadielaborazioneperlarealizzazione 22

26 disparatiambitiapplicativi.ciopermettediavvalersidelleconoscenzeedell'esperienzamaturata pochiconcettidibasechelideniscono,epossibilericavareunavarietadioperatoriutilineipiu inunqualunquesettorepersvilupparesoluzionieuristicheaproblemilegatiall'estrazionedi caratteristichedaun'immagine.inparticolare,epossibileotteneredeglialgoritmiversatilie velocichebensiadattanosiaadunprimoapprocciodianalisidelleimmagini,cheall'estensione L'utilizzodeglioperatorimorfologicielementaririsultadigrandeinteresseinquanto,apartiredai CONCLUSIONI. aproblematichedicrescentecomplessita.laversatilitadeglialgoritmimorfologicipermettedi Lavelocitadeglialgoritmiedovutaall'utilizzodell'algebrabooleana(nelcasobinario)oalla descrivereunampiospettrodiproblemi,aspesedellacomplessitadelladescrizionetopologica. soluzioneaiproblemidiestrazionedellecaratteristichechedivoltainvoltadevonoessereaffrontati.sitrattadicostruireunsetdifunzionicheoperanoabassolivello(suisingolipixel)banoesseresviluppatideglistrumentidibase(lowlevelvision),capacidicooperare,perfornire edecace. Ciocheemergeconchiarezzael'esistenzadiunastrettadipendenzadellestrategieutilizzabili dall'obiettivod'interesseedaimezziadisposizione.taledipendenzaportaapensarechedeb- esaminare,eadaccorgimentidivariogenerechepossonoessereimplementatiinmodosemplice determinazionidimassimieminimi(nelcasoanllivellidigrigio)nellecongurazionidipixelda l'utilizzodialgoritmifastfouriertrasform),l'utilizzodioperatorilocaliperl'estrazionedei prendono,oltreall'analisimorfologica,letecnichediltraggiospazialeefrequenziale(tramite dipendenza)econsentireilriconoscimentodiformesudominibidimensionalietridimensionali. contorni,l'analisidellatessituratramiteletecnichestatisticheclassiche,lamodellizzazionedelle Lestategieutilizzatenell'ambitodell'elaborazionedigitaledelleimmaginidibassolivellocom- all'usodellatrasformatadihoughoingenereall'analisidispaziparametriciderivati,costituiscono immaginimediantel'utilizzodiwavelet.tuttequestetecnicheinsiemeadaltre,qualiquellelegate perrenderepossibileunaanalisialivellointermedio(insiemidipixelaggregatidaunaqualche l'ambitopiugeneralenelqualecisidevemuoverenellafasepreliminaredianalisidelleimmagini. 23

27 Nelseguitovengonodescrittiiprocessidiquantizzazionedelledirezioniedisogliaturache Illtrodenominatoridge-valleyeunbinarizzatoremoltoeciente,originariamenteutilizzato, insistemiaparallelismomassiccioperlaclassicazionedelleimprontedigitali,dall'fbi(federal istichetramiteunltrolocaleesuunaclassicazionetramitetrasformatadikerounen-loevea mezzodiretineurali,progettatodallanist(nationalinstituteofstandardtechnology). BeurauofInvestigation).Talesistemadiriconoscimentoebasatosullaestrazionedellecaratter- APPENDICE:BINARIZZAZIONERIDGE-VALLEY. dell'algoritmoinfortran90-hpf.perciascunpixel(p)dell'immaginevengonocalcolatele concorronoallabinarizzazione,enellepaginesucessivevienepropostaun'implemantazione deipixelindicaticoni: sommelungoledirezionitrasversalisi,coni=0;1;:::;7,dovesirappresentelasommadeivalori sogliaturalocaleeconfrontodellesommetrasversali. unaformaaccettabileinbiancoenero.essa,nelcasoinesame,sibasasuuncompromessotra 5050P SogliaLocale.Vienecalcolatalasoglialocaleedinbaseadessailpixeld'uscitavieneposto Sogliatura.Labinarizazzionedell'immaginediinputsiproponediridurreilivellidigrigioad biancoseilsuovaloredigrigioesuperioreaquellomediocalcolatosulleottodirezionitrasversali: Confrontoconlesommetrasverse.Ipixelsd'uscitavienepostobiancoselamediadella massimaedellaminimasommatrasversaepiugrandedellamediaditutteledirezionitrasverse: Smax+Smin>14Xisi 4S>18Xisi (2) (1) Soluzionedicompromesso.StockeSwongerrealizzandouncompromessotraiduemodidi procedereappenavisti,hannoricavato,peripixeldioutput,laseguenteformula: analogosipuoapplicareadunpixelpostoinunpromontorioscuro. mentevallichiareepromontoriscuririportandosommeinferioriallaprecedente.ragionamento mentetalevalle,mentrelealtresettedirezionitaglierannotalezonaattraversandoalternativa- chiara,alloraunadellesueottosommetrasversesaramassimainquantoattraverseracompleta- Ilmotivodiquestomododiprocederevaricercatonelfattoche,seunpixelsitrovainunavalle bianchi(inunavalle)abbianoladirezionedellamassimatraleottosommeindicate.indenitiva, aciascunpixelvieneassociataunadirezionequantizzatainottolivelli(i=0;:::;7). dellaminimasommatraquelleappartenentiall'insiemedellesommetrasverseeciascunodeipixel dall'fbi)cherisultaessereun'estensionedelbinarizzatoreridge-valley.aseguitodellabinarizzazione(fig.3),possiamoassumerecheognipixelnero(suunpromontorio)abbialadirezione 4S+Smax+Smin>38Xisi (3) Possiamoindicarequestoltrocomeuncercatoredidirezioni(moltosimileaquelloutilizzato 24

Cos è un Calcolatore?

Cos è un Calcolatore? Cos è un Calcolatore? Definizione A computer is a machine that manipulates data according to a (well-ordered) collection of instructions. 24/105 Riassumendo... Un problema è una qualsiasi situazione per

Dettagli

Morfologia e Image Processing

Morfologia e Image Processing Morfologia e Image Processing Multimedia Prof. Battiato Morfologia Matematica Nell ambito dell image processing il termine morfologia matematica denota lo studio della struttura geometrica dell immagine.

Dettagli

CALCOLO COMBIN I A N T A O T RIO

CALCOLO COMBIN I A N T A O T RIO CALCOLO COMBINATORIO Disposizioni Si dicono disposizioni di N elementi di classe k tutti quei gruppi che si possono formare prendendo ogni volta k degli N elementi e cambiando ogni volta un elemento o

Dettagli

Morphological Image processing

Morphological Image processing Morphological Image processing Morfologia matematica La parola morfologia comunemente denota una parte della biologia che tratta con la forma e la struttura di organismi In analogia al termine biologico

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

DAL PROBLEMA AL CODICE: ATTRAVERSO LO PSEUDOCODICE

DAL PROBLEMA AL CODICE: ATTRAVERSO LO PSEUDOCODICE DAL PROBLEMA AL CODICE: ATTRAVERSO LO PSEUDOCODICE Il problema Un computer è usato per risolvere dei problemi Prenotazione di un viaggio Compilazione e stampa di un certificato in un ufficio comunale Preparazione

Dettagli

Prof. Giuseppe Chiumeo. Avete già studiato che qualsiasi algoritmo appropriato può essere scritto utilizzando soltanto tre strutture di base:

Prof. Giuseppe Chiumeo. Avete già studiato che qualsiasi algoritmo appropriato può essere scritto utilizzando soltanto tre strutture di base: LA STRUTTURA DI RIPETIZIONE La ripetizione POST-condizionale La ripetizione PRE-condizionale INTRODUZIONE (1/3) Avete già studiato che qualsiasi algoritmo appropriato può essere scritto utilizzando soltanto

Dettagli

STRUTTURE ALGEBRICHE

STRUTTURE ALGEBRICHE STRUTTURE ALGEBRICHE 1. Operazioni algebriche binarie Dato un insieme M, chiamiamo operazione algebrica binaria definita su M una qualunque applicazione f che associa ad ogni coppia ordinata (a, b) di

Dettagli

!"! #"$%! & % '( ' )! * +!,-%./'%! ,-%./'%! ,* 0/! ,-., )! ,12 3./ 4% 2(,/'3%' ', / ',/', / ' 2. 3. !" # $ %#&%#&" '() * & (+,--). $" % /% & ( 0 4 ( %3 ' % 3! 5 +, /! 3 % ' $ -. 4 )! 4 % %, /) 1% * 3(!

Dettagli

./#0 +,11,.&, ! " #$ % & ''() ' '*+"&,'*$() -$$!*) $'# ''() ' '*+

./#0 +,11,.&, !  #$ % & ''() ' '*+&,'*$() -$$!*) $'# ''() ' '*+ ! #$ % & ''() ' '*+&,'*$() -$$!*) $'# ''() ' '*+.+*(./#0 +,11,.&, ! # $ % & ''() ' '*+&,'*$() -$$!*) $'# ''() ' '*+.+*(./#0+,11,.&, ,21#3,,/1./#0+,11,.&, 3 5 21 22 2 25 26 27 28 30 30 30 31 39 1 1 57

Dettagli

Risolvere un problema significa individuare un procedimento che permetta di arrivare al risultato partendo dai dati

Risolvere un problema significa individuare un procedimento che permetta di arrivare al risultato partendo dai dati Algoritmi Algoritmi Risolvere un problema significa individuare un procedimento che permetta di arrivare al risultato partendo dai dati Il procedimento (chiamato algoritmo) è composto da passi elementari

Dettagli

Differenza in punti percentuali 25,0 20,0 15,0 10,0 5,0 0,0 -5,0 -10,0 -15,0 -20,0. B3_a. A5_f. B3_d. B3_b. A5_i. A5_a. A5_e. A5_h. A5_d. A5_b.

Differenza in punti percentuali 25,0 20,0 15,0 10,0 5,0 0,0 -5,0 -10,0 -15,0 -20,0. B3_a. A5_f. B3_d. B3_b. A5_i. A5_a. A5_e. A5_h. A5_d. A5_b. A1 A2 A3 A4 A5_a A5_b A5_c A5_d A5_e A5_f A5_g A5_h A5_i B1 B2 B3_a B3_b B3_c B3_d B4 B5 B6 B7 B8 B9 B10 B11 B12 B13 B14 C1 C2 C3 C4 C5 C6 Differenza in punti percentuali Media punteggi classe per ambito

Dettagli

Applicazioni con EXCEL alle decisioni finanziarie

Applicazioni con EXCEL alle decisioni finanziarie Applicazioni con EXCEL alle decisioni finanziarie Appunti per il corso di Metodi decisionali per l'azienda B Corso di laurea in statistica e informatica per la gestione delle imprese a.a. 2001-2002 Stefania

Dettagli

I SISTEMI TRIFASE SIMMETRICI ED EQUILIBRATI E MISURA DI POTENZA DI UN SISTEMA TRIFASE SIMMETRICO ED EQUILIBRATO CON IL METODO ARON

I SISTEMI TRIFASE SIMMETRICI ED EQUILIBRATI E MISURA DI POTENZA DI UN SISTEMA TRIFASE SIMMETRICO ED EQUILIBRATO CON IL METODO ARON "#$%##$&'$#'$ '# $%##$ &'$ # $ ( A.A. 2008/2009 Indirizzo Tecnologico Classe di abilitazione: A035 TESI DI SPECIALIZZAZIONE I SISTEMI TRIFASE SIMMETRICI ED EQUILIBRATI E MISURA DI POTENZA DI UN SISTEMA

Dettagli

B.1 PREPARAZIONE 0,00 B.1.1 Progettazione dell'intervento (b.1.1.a+b.1.1.b+b.1.1.c) 0,00 B.1.1.a Personale dipendente costo medio orario n.

B.1 PREPARAZIONE 0,00 B.1.1 Progettazione dell'intervento (b.1.1.a+b.1.1.b+b.1.1.c) 0,00 B.1.1.a Personale dipendente costo medio orario n. Unione pea Fondo Sociale peo A. Contributo pubblico 0,00 B. COSTI DIRETTI DELL'OPERAZIONE O DEL PROGETTO B.1 PREPARAZIONE 0,00 B.1.1 Progettazione dell'intervento (b.1.1.a+b.1.1.b+b.1.1.c) 0,00 B.1.1.a

Dettagli

Luigi De Giovanni Esercizi di modellazione matematica Ricerca Operativa

Luigi De Giovanni Esercizi di modellazione matematica Ricerca Operativa Piani di investimento Un finanziere ha due piani di investimento A e B disponibili all inizio di ciascuno dei prossimi cinque anni. Ogni euro investito in A all inizio di ogni anno garantisce, due anni

Dettagli

""#" " $" " " "#" "#"

#  $   # # ! ""#" " $" " " "#" "#"! ! "!#$%&'#$%!"$#%($%% $ )! """#!$ % #""#!&!#"# $'! (!# ( ")(' $$*($(' ' #!!$# +""#!# # #&& #"# #( +, + (' # #,'(,#,,#,'(, %# -#+'&+'&& #('!! # #(' (# #&.$/ %("!$ ( "# (&($ 0 "&

Dettagli

EV-GREEN FUND FONDO EUROPEO DI GARANZIA

EV-GREEN FUND FONDO EUROPEO DI GARANZIA EV-GREEN FUND FONDO EUROPEO DI GARANZIA Strategia t per repentino sviluppo autotrazione t elettrica in Europa (comprensiva di strategia di produzione energia da fonti rinnovabili) ROAD-MAP 2014-20302030

Dettagli

RELAZIONI BINARIE. Proprietà delle relazioni Data una relazione R, definita in un insieme non vuoto U, si hanno le seguenti proprietà :

RELAZIONI BINARIE. Proprietà delle relazioni Data una relazione R, definita in un insieme non vuoto U, si hanno le seguenti proprietà : RELAZIONI INARIE Dati due insiemi non vuoti, A detto dominio e detto codominio, eventualmente coincidenti, si chiama relazione binaria (o corrispondenza) di A in, e si indica con f : A, (oppure R ) una

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

PIANO ANNUALE A.S.2014/15 agg. 5/9/2014 1 lunedì collegio docenti 8.15 10.15

PIANO ANNUALE A.S.2014/15 agg. 5/9/2014 1 lunedì collegio docenti 8.15 10.15 PIANO ANNUALE A.S.2014/15 agg. 5/9/2014 1 lunedì collegio docenti 8.15 10.15 adempimenti di inizio anno 15 lunedì C.di C. 3AG 13.30 14.15 programmazione - visite studio - varie solo docenti 15 lunedì C.di

Dettagli

Esempi di algoritmi. Lezione III

Esempi di algoritmi. Lezione III Esempi di algoritmi Lezione III Scopo della lezione Implementare da zero algoritmi di media complessità. Verificare la correttezza di un algoritmo eseguendolo a mano. Imparare a valutare le prestazioni

Dettagli

Esercitazioni di Reti Logiche. Lezione 2 Algebra Booleana e Porte Logiche. Zeynep KIZILTAN zkiziltan@deis.unibo.it

Esercitazioni di Reti Logiche. Lezione 2 Algebra Booleana e Porte Logiche. Zeynep KIZILTAN zkiziltan@deis.unibo.it Esercitazioni di Reti Logiche Lezione 2 Algebra Booleana e Porte Logiche Zeynep KIZILTAN zkiziltan@deis.unibo.it Argomenti Algebra booleana Funzioni booleane e loro semplificazioni Forme canoniche Porte

Dettagli

Alcuni Preliminari. Prodotto Cartesiano

Alcuni Preliminari. Prodotto Cartesiano Alcuni Preliminari Prodotto Cartesiano Dati due insiemi A e B, si definisce il loro prodotto cartesiano A x B come l insieme di tutte le coppie ordinate (a,b) con a! A e b! B. Es: dati A= {a,b,c} e B={,2,3}

Dettagli

Modelli con vincoli di tipo logico

Modelli con vincoli di tipo logico Modelli con vincoli di tipo logico Le variabili decisionali possono essere soggette a vincoli di tipo logico, più o meno espliciti. Ad esempio: vincoli di incompatibilità tra varie alternative: se localizziamo

Dettagli

INTRODUZIONE. Gli operatori della morfologia binaria sono operatori fra insiemi definiti a partire dell immagine binaria.

INTRODUZIONE. Gli operatori della morfologia binaria sono operatori fra insiemi definiti a partire dell immagine binaria. Capitolo 7 - Operatori Morfologici per Immagini Binarie INTRODUZIONE Gli operatori della morfologia binaria sono operatori fra insiemi definiti a partire dell immagine binaria. L immagine binaria, I, viene

Dettagli

Servizio ISEE Invio comandi alla carta

Servizio ISEE Invio comandi alla carta Servizio ISEE Invio comandi alla carta Versione 1.1 04/12/2012 RTI Funzione Nome Redazione Approvazione Capo progetto RTI (Aruba) Esperto di dominio (Actalis) Capo progetto CMS (Engineering) Esperto architetture

Dettagli

Calendario Corsi di Recupero Estivo - A.S. 2014/2015

Calendario Corsi di Recupero Estivo - A.S. 2014/2015 LINGUA E LETTERE ITALIANO 3B+4A CAT ABATE MARCELLA GEO. EC. ESTIMO 3B+4B CAT TURCONI ADEGLIO GEO. EC. ESTIMO 3A+4A CAT ALBE' RAFFAELE INGLESE 1A+B+C TURISTICO ALBERTALLI NICOLETTA mercoledì 24 giugno 2015

Dettagli

Architettura dei Calcolatori Algebra delle reti Logiche

Architettura dei Calcolatori Algebra delle reti Logiche Architettura dei Calcolatori Algebra delle reti Logiche Ing. dell Automazione A.A. 20/2 Gabriele Cecchetti Algebra delle reti logiche Sommario: Segnali e informazione Algebra di commutazione Porta logica

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ATTUAZIONE DEL PIANO ANNUALE DI FORMAZIONE PROFESSIONALE ANNUALITA 2011-2012

AVVISO PUBBLICO PER L ATTUAZIONE DEL PIANO ANNUALE DI FORMAZIONE PROFESSIONALE ANNUALITA 2011-2012 PROVINCIA DI CAGLIARI PROVINCIA DE CASTEDDU SETTORE PUBBLICA ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE AVVISO PUBBLICO PER L ATTUAZIONE DEL PIANO ANNUALE DI FORMAZIONE PROFESSIONALE ANNUALITA 2011-2012 Allegato

Dettagli

SERVIZIO NOVITA MONDIALE

SERVIZIO NOVITA MONDIALE BW - 29 ottobre 2014 Il bellissimo album jjjhhhhhhhhhhhhhhhhhhhh ad anelli, idoneo per il diretto inserimento dei fogli a 22 fori che accolgono le più importanti emissioni ufficiali dedicate a Jorge Mario

Dettagli

La selezione binaria

La selezione binaria Andrea Marin Università Ca Foscari Venezia Laurea in Informatica Corso di Programmazione part-time a.a. 2011/2012 Introduzione L esecuzione di tutte le istruzioni in sequenza può non è sufficiente per

Dettagli

Corso PAS Anno 2014. ESEMPIO. Per n = 3, Z 3 contiene 3 elementi:

Corso PAS Anno 2014. ESEMPIO. Per n = 3, Z 3 contiene 3 elementi: Corso PAS Anno 2014 Matematica e didattica 3 Correzione esercizi 1. Definizione. Sia n un fissato intero maggiore di 1. Dati due interi a, b si dice che a è congruo a b modulo n, e si scrive a b (mod n),

Dettagli

Qualche approfondimento sul quartiere San Donato

Qualche approfondimento sul quartiere San Donato Qualche approfondimento sul quartiere San Donato Nelle pagine successive - Inquadramento generale del Quartiere San Donato - Qualche cenno sulla storia della pianificazione del Quartiere - Tra memoria

Dettagli

Decomposizioni di uno schema, Decomposizioni che preservano i dati (loss-less joins) Prof.ssa Rosalba Giugno

Decomposizioni di uno schema, Decomposizioni che preservano i dati (loss-less joins) Prof.ssa Rosalba Giugno Decomposizioni di uno schema, Decomposizioni che preservano i dati (loss-less joins) Prof.ssa Rosalba Giugno Decomposizione di uno schema Dato uno schema relazionale R={A1,A2, An} una sua decomposizione

Dettagli

per l affidamento in concessione del Servizio di Tesoreria

per l affidamento in concessione del Servizio di Tesoreria Spett.le Comune di Prato Piazza del Comune, 2 59100 Prato Marca da bollo Procedura aperta per l affidamento in concessione del Servizio di Tesoreria - Gara n. 548. Mod. 4 (modello per la presentazione

Dettagli

C.A.V. S.p.A. Concessioni Autostradali Venete SERVIZIO DI PULIZIA AUTOSTRADALE E GESTIONE RIFIUTI - PROGRAMMA 2015 MESE MESE DI GENNAIO MESE DI FEBBRAIO SETTIMANA 1 2 3 4 5 6 7 8 9 v s d l ma me g v s

Dettagli

Misure forestali e sistemazioni idraulico-forestali Legge regionale 7 febbraio 2000 n. 7, artt. 24 e 25

Misure forestali e sistemazioni idraulico-forestali Legge regionale 7 febbraio 2000 n. 7, artt. 24 e 25 Misure forestali e sistemazioni idraulico-forestali Legge regionale 7 febbraio 2000 n. 7, artt. 24 e 25 PREMESSA La Regione Lombardia, con deliberazione di Giunta regionale del 28 novembre 2003 n. 7/15276,

Dettagli

Algebra Booleana ed Espressioni Booleane

Algebra Booleana ed Espressioni Booleane Algebra Booleana ed Espressioni Booleane Che cosa è un Algebra? Dato un insieme E di elementi (qualsiasi, non necessariamente numerico) ed una o più operazioni definite sugli elementi appartenenti a tale

Dettagli

BILANCIO PREVENTIVO ECONOMICO 2015 SCHEMI ECONOMICI Ex Dlg.s 118/2011 CE secondo DM 20/03/2013 Delibera n. 184 del 14/7/2015 Azienda USL di Ferrara Previsione economica 2015 CONTO ECONOMICO Importi Euro

Dettagli

! '"##)+*%#,%% '"##,%,**&-

! '##)+*%#,%% '##,%,**&- ! "##$%&""%#% '"##(($!()*! '"##)+*%#,%% %**, '"##,%,**&- &&*(%&.//01.//2 0 3 **(4%%*,,*),4%* *%*#!,,**(4%%!*5&!#!##%& 6 #-%,!77*,,**(4%% *'!4%%*,,**(4%% #7*##%*%&#&%(**&(7*#%**,,**(4%% #&%,%444%**,,**(4%%

Dettagli

AUTOPARCO TOSCANA ENERGIA ATTUALE CLASSE DI MERITO/TARIFFA ANNO 1 IMM

AUTOPARCO TOSCANA ENERGIA ATTUALE CLASSE DI MERITO/TARIFFA ANNO 1 IMM ATTUALE I A ag 914 zr 2680 benzina autocarro t/cose 1995 Tariffa Fissa Tariffa Fissa max. bg 995 gp 3500 gasolio autocarro t/cose 1999 Tariffa Fissa Tariffa Fissa ap 061 cw 3225 gasolio autocarro t/cose

Dettagli

MODULO DI MATEMATICA. di accesso al triennio. Potenze. Proporzioni. Figure piane. Calcolo di aree

MODULO DI MATEMATICA. di accesso al triennio. Potenze. Proporzioni. Figure piane. Calcolo di aree MODULO DI MATEMATICA di accesso al triennio Abilità interessate Utilizzare terminologia specifica. Essere consapevoli della necessità di un linguaggio condiviso. Utilizzare il disegno geometrico, per assimilare

Dettagli

SPECIFICHE E LIMITI DI EXCEL

SPECIFICHE E LIMITI DI EXCEL SPECIFICHE E LIMITI DI EXCEL Un "FOGLIO DI CALCOLO" è un oggetto di un programma per computer costituito da un insieme di celle, organizzate in righe e colonne, atte a memorizzare dati ed effettuare operazioni

Dettagli

METODOLOGIA PER LA MISURAZIONE E LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE DEI DIPENDENTI E DEI TITOLARI DI POSIZIONE ORGANIZZATIVA

METODOLOGIA PER LA MISURAZIONE E LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE DEI DIPENDENTI E DEI TITOLARI DI POSIZIONE ORGANIZZATIVA MTODOLOGIA PR LA MISURAZION LA VALUTAZION DLLA PRFORMANC DI DIPNDNTI DI TITOLARI DI POSIZION ORGANIZZATIVA Approvato con determinazione del Direttore Generale n 55 del 20/10/2011 1 INDIC PART I DISPOSIZIONI

Dettagli

Preconsuntivo al Preventivo al. 31/12/2014 Variazione. Preconsuntivo al. Preventivo al. 31/12/2014 Variazione 31/12/2014.

Preconsuntivo al Preventivo al. 31/12/2014 Variazione. Preconsuntivo al. Preventivo al. 31/12/2014 Variazione 31/12/2014. Conto Economico (D.Lgs. 23/6/211 n. 118) Anno: 214 Nome dell'azienda 98 A.O. DELLA VALTELLINA E DELLA VALCHIAVENNA Dati in /1. Anno: 214 Preventivo Codice SCHEMA DI CONTO ECONOMICO PreConsuntivo Totale

Dettagli

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011 1 Trasformazioni Geometriche 1 Roberto etroni, 2011 Trasformazioni Geometriche sul piano euclideo 1) Introduzione Def: si dice trasformazione geometrica una corrispondenza biunivoca che associa ad ogni

Dettagli

AEROPORTO DI MILANO MALPENSA

AEROPORTO DI MILANO MALPENSA ENTE NAZIONALE PER L'AVIAZIONE CIVILE AEROPORTO DI MILANO MALPENSA MAPPE DI VINCOLO LIMITAZIONI RELATIVE AGLI OSTACOLI E AI PERICOLI PER LA NAVIGAZIONE AEREA (Art. 707 commi 1, 2, 3, 4 del Codice della

Dettagli

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Microeconomia venerdì 29 febbraio 2008 La struttura della lezione

Dettagli

Organizer Mind - Guida per l utilizzatore

Organizer Mind - Guida per l utilizzatore !"# $! $%! $ & ' ( (& )*+,-.*,+/01+23456*.,/.53.*213*5*.78,1+91..25,271+)55,:,5;78..*73+555,.27/.+-..*,3/,78. +*5,73

Dettagli

Ottimizzazione Combinatoria

Ottimizzazione Combinatoria Ottimizzazione Combinatoria Esercitazione AMPL A.A. 2009-2010 Esercitazione a cura di Silvia Canale contatto e-mail: canale@dis.uniroma1.it Università di Roma La Sapienza Dipartimento di Informatica e

Dettagli

BILANCIO D ESERCIZIO 2014 dell Azienda USL della Romagna. Bilancio d esercizio aziendale. Stato Patrimoniale e Conto Economico

BILANCIO D ESERCIZIO 2014 dell Azienda USL della Romagna. Bilancio d esercizio aziendale. Stato Patrimoniale e Conto Economico BILANCIO D ESERCIZIO 2014 dell Azienda USL della Romagna Bilancio d esercizio aziendale Stato Patrimoniale e Conto Economico Allegato A alla Deliberazione n. 379 del 30/04/2015 Ausl della Romagna Bilancio

Dettagli

1. Elementi di Calcolo Combinatorio.

1. Elementi di Calcolo Combinatorio. . Elementi di Calolo Combinatorio. Prinipio Base del Conteggio Supponiamo he si devono ompiere due esperimenti. Se l esperimento uno può assumere n risultati possibili, e per ognuno di questi i sono n

Dettagli

Misure forestali e sistemazioni idraulico-forestali Legge regionale 7 febbraio 2000 n. 7, artt. 24 e 25

Misure forestali e sistemazioni idraulico-forestali Legge regionale 7 febbraio 2000 n. 7, artt. 24 e 25 Misure forestali e sistemazioni idraulico-forestali Legge regionale 7 febbraio 000 n. 7, artt. 4 e 5 PREMESSA La Regione Lombardia, con deliberazione di Giunta regionale del 30 luglio 004 n. 7/8396 ha

Dettagli

LEAF Leasing & Factoring S.p.A VIALE GIULIO RICHARD N. 7 20143 MILANO MI P.I. 05058150961 - C.F. 05058150961

LEAF Leasing & Factoring S.p.A VIALE GIULIO RICHARD N. 7 20143 MILANO MI P.I. 05058150961 - C.F. 05058150961 A LEAF Leasing & Factoring S.p.A STATO PATRIMONIALE ATTIVO A10 CASSA E DISPONIBILITA' 1010100001 CASSA CONTANTI 1010100002 CASSA ASSEGNI 1010100003 CASSA VALORI BOLLATI 1010100004 CONTO INCASSI TOTALE

Dettagli

Dispense di elettronica digitale per il corso di LAB 2 B

Dispense di elettronica digitale per il corso di LAB 2 B Dispense di elettronica digitale per il corso di LAB 2 B Prof. Flavio Fontanelli Versione 1.2 5 aprile 2006 Copyright 2000-2005. Questo documento è protetto dalla legge sul diritto di autore, e di proprietà

Dettagli

TIPO VEICOLO TARGA HP/Q/Posti Aliment KW Data Immatr. INC. FURTO VALORE TARIFFA B/M

TIPO VEICOLO TARGA HP/Q/Posti Aliment KW Data Immatr. INC. FURTO VALORE TARIFFA B/M AUTOCARRO FIAT COMASCO 200B1-900T RE 308383 15 Q.li BENZINA 35 CV 1978 FISSA AUTOCARRO IVECO AY 228 BR 35 Q.li Rimorch. 28 Q.li DIESEL 76 24/09/1998 FISSA AUTOCARRO IVECO AY 229 BR 35 Q.li Rimorch. 28

Dettagli

DOMINI A FATTORIZZAZIONE UNICA

DOMINI A FATTORIZZAZIONE UNICA DOMINI A FATTORIZZAZIONE UNICA CORSO DI ALGEBRA, A.A. 2012-2013 Nel seguito D indicherà sempre un dominio d integrità cioè un anello commutativo con unità privo di divisori dello zero. Indicheremo con

Dettagli

Operazioni morfologiche

Operazioni morfologiche Elaborazione dei Segnali Multimediali a.a. 2009/2010 Operazioni morfologiche L.Verdoliva Le tecniche di enhancement studiate finora si basano tipicamente su operazioni di tipo lineare, tuttavia spesso

Dettagli

15. Antico gioco russo

15. Antico gioco russo 15. Antico gioco russo In un antico gioco russo, attraverso i risultati casuali ottenuti dall allacciamento di cordicelle, i giovani cercavano una previsione sul tipo di legame che si sarebbe instaurata

Dettagli

Alla pagina successiva trovate la tabella

Alla pagina successiva trovate la tabella Tabella di riepilogo per le scomposizioni Come si usa la tabella di riepilogo per le scomposizioni Premetto che, secondo me, questa tabella e' una delle pochissime cose che in matematica bisognerebbe "studiare

Dettagli

F O G L I O E L E T T R O N I C O

F O G L I O E L E T T R O N I C O Università degli Studi di Foggia Facoltà di Economia Corso di ELABORAZIONE AUTOMATICA DEI DATI PER LE DECISIONI ECONOMICHE E FINANZIARIE Classe XVII a.a. 2003/2004 Prof. Crescenzio Gallo F O G L I O E

Dettagli

Requisiti normativi, standard, template

Requisiti normativi, standard, template Schemi di rappresentazione delle procedure Costituiscono al tempo stesso modalità di analisi (o descrizione) e di progettazione. Sono schemi di rappresentazione utilizzati anche per descrivere i workflow.

Dettagli

iter*conoscendi*facultatis iter*conoscendi*facultatis demaieutica

iter*conoscendi*facultatis iter*conoscendi*facultatis demaieutica demaieutica demaieutica iter*conoscendi*facultatis demaieutica iter*conoscendi*facultatis by de*maieutica*by*neolapis v.lo*del*redentore,*4*a*31050*san*biagio*di*callalta*(tv)*italy Tel.*+39*A*0422893197*/*Fax*+39*A*0422893794

Dettagli

STRUTTURE ISOSTATICHE REAZIONI VINCOLARI ED AZIONI INTERNE

STRUTTURE ISOSTATICHE REAZIONI VINCOLARI ED AZIONI INTERNE ESERCIZI SVOLTI O CON TRACCIA DI SOLUZIONE SU STRUTTURE ISOSTATICHE REAZIONI VINCOLARI ED AZIONI INTERNE v 1.0 1 I PROVA DI VALUTAZIONE 15 Novembre 2006 - Esercizio 2 Data la struttura di figura, ricavare

Dettagli

SCOMPOSIZIONE IN FATTORI DI UN POLINOMIO

SCOMPOSIZIONE IN FATTORI DI UN POLINOMIO SCOMPOSIZIONE IN FATTORI DI UN POLINOMIO Così come avviene per i numeri ( 180 = 5 ), la scomposizione in fattori di un polinomio è la trasformazione di un polinomio in un prodotto di più polinomi irriducibili

Dettagli

Esercitazione Informatica I AA 2012-2013. Nicola Paoletti

Esercitazione Informatica I AA 2012-2013. Nicola Paoletti Esercitazione Informatica I AA 2012-2013 Nicola Paoletti 4 Gigno 2013 2 Conversioni Effettuare le seguenti conversioni, tenendo conto del numero di bit con cui si rappresenta il numero da convertire/convertito.

Dettagli

I PROBLEMI ALGEBRICI

I PROBLEMI ALGEBRICI I PROBLEMI ALGEBRICI La risoluzione di problemi è una delle attività fondamentali della matematica. Una grande quantità di problemi è risolubile mediante un modello algebrico costituito da equazioni e

Dettagli

DAL DIAGRAMMA AL CODICE

DAL DIAGRAMMA AL CODICE DAL DIAGRAMMA AL CODICE Un diagramma di flusso Appare, come un insieme di blocchi di forme diverse che contengono le istruzioni da eseguire, collegati fra loro da linee orientate che specificano la sequenza

Dettagli

Fasi del ciclo di vita del software (riassunto) Progetto: generalità. Progetto e realizzazione (riassunto)

Fasi del ciclo di vita del software (riassunto) Progetto: generalità. Progetto e realizzazione (riassunto) Università degli Studi di Roma La Sapienza Facoltà di Ingegneria Sede di Latina Laurea in Ingegneria dell Informazione Fasi del ciclo di vita del software (riassunto) Corso di PROGETTAZIONE DEL SOFTWARE

Dettagli

BUSINESS PLAN Attraverso l'analisi dei dati degli ultimi due bilanci di esercizio e l'inserimento di alcuni dati previsionali, verrà elaborato

BUSINESS PLAN Attraverso l'analisi dei dati degli ultimi due bilanci di esercizio e l'inserimento di alcuni dati previsionali, verrà elaborato BUSINESS PLAN Attraverso l'analisi dei dati degli ultimi due bilanci di esercizio e l'inserimento di alcuni dati previsionali, verrà elaborato un Business plan completo di Bilancio previsionale, Rendiconto

Dettagli

Introduzione a Visual Basic Lezione 1 Concetti base e istruzioni condizionali

Introduzione a Visual Basic Lezione 1 Concetti base e istruzioni condizionali a Visual Basic Lezione 1 Concetti base e istruzioni condizionali Mario Alviano Introduzione all informatica Università della Calabria http://alviano.net/introinfo A.A. 2008/09 Introduzione Un esempio:

Dettagli

Indice per materia... IX Indice delle abbreviazioni... XVII Indice bibliografico... XXI Indice dei materiali... XXXV

Indice per materia... IX Indice delle abbreviazioni... XVII Indice bibliografico... XXI Indice dei materiali... XXXV Sommario Indice per materia... IX Indice delle abbreviazioni... XVII Indice bibliografico... XXI Indice dei materiali... XXXV PARTE PRIMA: CONSIDERAZIONI GENERALI... 1 1 Introduzione... 3 2 Definizione...

Dettagli

Fondamenti di Informatica II

Fondamenti di Informatica II Fondamenti di Informatica II Ilaria Castelli castelli@dii.unisi.it Università degli Studi di Siena Dipartimento di Ingegneria dell Informazione A.A. 2009/2010 I. Castelli Introduzione, A.A. 2009/2010 1/8

Dettagli

Progetto e ottimizzazione di reti 2

Progetto e ottimizzazione di reti 2 Progetto e ottimizzazione di reti 2 Esercitazione AMPL A.A. 29-2 Esercitazione a cura di Silvia Canale contatto e-mail: canale@dis.uniroma.it Università di Roma La Sapienza Dipartimento di Informatica

Dettagli

x 4 x> 2 (x +2) 2 > 4 x 8 S < : x> 3 (x+3) 2 <3 x x 2 x> 4 (x +4) 2 > 2 x x 5 x> 1 (x+1) 2 <5 x

x 4 x> 2 (x +2) 2 > 4 x 8 S < : x> 3 (x+3) 2 <3 x x 2 x> 4 (x +4) 2 > 2 x x 5 x> 1 (x+1) 2 <5 x ) DOMINIO FUNZIONE. ² Determinare il dominio della funzione f() = ln +. Deve essere +> cioe > ( +) > > +5>0 quindi 0 ² Determinare il dominio della funzione f() = ln. Deve essere >+ cioe f g S +7+ 0 quindi

Dettagli

Con la presente si trasmette l atto n 347 del 27/04/2015 di approvazione del bilancio preventivo 2015 composto da:

Con la presente si trasmette l atto n 347 del 27/04/2015 di approvazione del bilancio preventivo 2015 composto da: REGIONE LOMBARDIA DIREZIONE GENERALE SANITA U.O ECONOMICO FINANZIARIO E SISTEMI DI FINANZIAMENTO STRUTTURA BILANCI,COSTI E EQUILIBRIO ECONOMICO FINANZIARIO DI SISTEMA Piazza Città di Lombardia, 1 20124

Dettagli

Appunti di Sistemi Elettronici

Appunti di Sistemi Elettronici Prof.ssa Maria Rosa Malizia 1 LA PROGRAMMAZIONE La programmazione costituisce una parte fondamentale dell informatica. Infatti solo attraverso di essa si apprende la logica che ci permette di comunicare

Dettagli

ASSURANCE BROKER S.R.L.

ASSURANCE BROKER S.R.L. ASSURANCE BROKER S.R.L. Sede Legale VIA ZOE FONTANA 220 ROMA (RM) Iscritta al Registro Imprese di ROMA C.F. e n. iscrizione 09649681005 Iscritta al R.E.A. di ROMA al n. 1179490 Capitale Sociale Euro 100.000,00

Dettagli

Lezioni di Algebra Lineare III. Applicazioni lineari e matrici Struttura algebrica delle soluzioni dei sistemi lineari

Lezioni di Algebra Lineare III. Applicazioni lineari e matrici Struttura algebrica delle soluzioni dei sistemi lineari Versione ottobre novembre 2008 Lezioni di Algebra Lineare III. Applicazioni lineari e matrici Struttura algebrica delle soluzioni dei sistemi lineari Contenuto 1. Applicazioni lineari 2. L insieme delle

Dettagli

Ricerca Operativa e Logistica

Ricerca Operativa e Logistica Ricerca Operativa e Logistica Dott. F.Carrabs e Dott.ssa M.Gentili A.A. 20/202 Lezione 6-8 Rappresentazione di funzioni non lineari: - Costi fissi - Funzioni lineari a tratti Funzioni obiettivo non lineari:

Dettagli

ALGEBRA I: ARITMETICA MODULARE E QUOZIENTI DI ANELLI

ALGEBRA I: ARITMETICA MODULARE E QUOZIENTI DI ANELLI ALGEBRA I: ARITMETICA MODULARE E QUOZIENTI DI ANELLI 1. CLASSI DI RESTO E DIVISIBILITÀ In questa parte sarò asciuttissimo, e scriverò solo le cose essenziali. I commenti avete potuto ascoltarli a lezione.

Dettagli

Cap. OPERE DA LATTONIERE

Cap. OPERE DA LATTONIERE Cap. V OPERE DA LATTONIERE PAG. 1 5.2 OPERE COMPIUTE Prezzi medi praticati dalle ditte del ramo per ordinazioni dirette (di media entità) da parte del committente, escluse assistenze murarie, compresi

Dettagli

ALGEBRA E LOGICA (v1.5)

ALGEBRA E LOGICA (v1.5) ALGEBRA E LOGICA (v1.5) Iniettività e suriettività: Per dimostrare che una funzione è iniettiva basta provare che se a1 = a2 => f(a1) = f(a2) per ogni valore di a (la cardinalità del codominio è maggiore

Dettagli

ALLEGATO A. Nota informativa sui servizi di posta elettronica, messaggi SMS e

ALLEGATO A. Nota informativa sui servizi di posta elettronica, messaggi SMS e ALLEGATO A Nota informativa sui servizi di posta elettronica, messaggi SMS e L'Università Cattolica del Sacro Cuore, in aggiunta alle consuete modalità postali, utilizza la posta elettronica, la tecnologia

Dettagli

Comune di Praiano Provincia di Salerno Costa d Amalfi ANTICA PLAGIANUM

Comune di Praiano Provincia di Salerno Costa d Amalfi ANTICA PLAGIANUM Allegato A L A V O R I TABELLA SINTETICA DELLE CATEGORIE CATEGORIE GENERALI OG 1 Edifici civili e industriali OG 2 Restauro e manutenzione dei beni immobili sottoposti a tutela. OG 3 Strade, autostrade,

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

Algoritmi. Maurizio Palesi. Maurizio Palesi 1

Algoritmi. Maurizio Palesi. Maurizio Palesi 1 Algoritmi Maurizio Palesi Maurizio Palesi 1 Cos è Risolvere un problema significa individuare un procedimento che permetta di arrivare al risultato partendo dai dati Un algoritmo è un metodo per la soluzione

Dettagli

!"#$%&'()*%+, 8-914:27);)<90/)=>?@ )@A?@)B5)*)CA;@)B5 D4E2146F1GH)"F1I27 J2EK),F)62EK)IL,-),-/ %1F44M:L4ELB3L0217)#0,/102,LF023)%F0N/1/0E/)

!#$%&'()*%+, 8-914:27);)<90/)=>?@ )@A?@)B5)*)CA;@)B5 D4E2146F1GH)F1I27 J2EK),F)62EK)IL,-),-/ %1F44M:L4ELB3L0217)#0,/102,LF023)%F0N/1/0E/) !"#$%&'()*%+, &&&&&&&&&&&&!"#$%&'()*)+,- )./0/123)&44/5637 8-914:27);)?@ )@A?@)B5)*)CA;@)B5 D4E2146F1GH)"F1I27 J2EK),F)62EK)IL,-),-/ %1F44M:L4ELB3L0217)#0,/102,LF023)%F0N/1/0E/) O/P0L0G)Q20:4E2B/)O/5FE12E7)

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

Motors. Motori IEC con rotore a gabbia. Panoramica di transcodifica per i numeri di ordinazione delle serie di motori 1LA7/1LA9 in 1LE1

Motors. Motori IEC con rotore a gabbia. Panoramica di transcodifica per i numeri di ordinazione delle serie di motori 1LA7/1LA9 in 1LE1 Motori IEC con rotore a gabbia Panoramica di transcodifica per i numeri di ordinazione delle serie di motori 1LA7/1LA9 in Supplemento al catalogo D 81.1 2008 Motors Motori IEC con rotore a gabbia Codici

Dettagli

Appunti del corso di Informatica 1 (IN1 Fondamenti) 2 Introduzione alla programmazione

Appunti del corso di Informatica 1 (IN1 Fondamenti) 2 Introduzione alla programmazione Università Roma Tre Facoltà di Scienze M.F.N. Corso di Laurea in Matematica Appunti del corso di Informatica 1 (IN1 Fondamenti) 2 Introduzione alla programmazione Marco Liverani (liverani@mat.uniroma3.it)

Dettagli

Con la presente si trasmette l atto n 117 del 13/02/2015 di approvazione del bilancio preventivo 2015 composto da:

Con la presente si trasmette l atto n 117 del 13/02/2015 di approvazione del bilancio preventivo 2015 composto da: REGIONE LOMBARDIA DIREZIONE GENERALE SANITA U.O ECONOMICO FINANZIARIO E SISTEMI DI FINANZIAMENTO STRUTTURA BILANCI,COSTI E EQUILIBRIO ECONOMICO FINANZIARIO DI SISTEMA Piazza Città di Lombardia, 1 20124

Dettagli

20133 Milano via Venezian, 1 tel. 02 2390.1 codice fiscale 80018230153 partita IVA 04376350155

20133 Milano via Venezian, 1 tel. 02 2390.1 codice fiscale 80018230153 partita IVA 04376350155 FONDAZIONE IRCCS ISTITUTO NAZIONALE DEI TUMORI 20133 Milano via Venezian, 1 tel. 02 2390.1 codice fiscale 80018230153 partita IVA 04376350155 PROT. N. PG/U 0001435 13/02/ REGIONE LOMBARDIA DIREZIONE GENERALE

Dettagli

09/10/2013. Potente strumento con cui elaborare calcoli e rappresentare i risultati. Giuseppe Guarino

09/10/2013. Potente strumento con cui elaborare calcoli e rappresentare i risultati. Giuseppe Guarino Potente strumento con cui elaborare calcoli e rappresentare i risultati 1 coordinata contenuto Fogli di Lavorio Zoom 2 3 4 5 Utilizzo avanzato 6 + + + 7 Risultato 8 Risultato Risultato 9 1) Larghezza colonne

Dettagli

Presidio Qualità di Ateneo

Presidio Qualità di Ateneo Premessa Le Commissioni Paritetiche di Scuola (CP) previste dal D.Lgs. 19/2012 e dal DM 47/2013 devono redigere annualmente una Relazione che, attingendo dalle SUA-CdS, dai risultati delle rilevazioni

Dettagli

1. INTRODUZIONE ALL INFORMATICA. LA RAPPRESENTAZIONE DELLE INFORMAZIONI

1. INTRODUZIONE ALL INFORMATICA. LA RAPPRESENTAZIONE DELLE INFORMAZIONI LICEO SCIENTIFICO STATALE F. LUSSANA BERGAMO PROGRAMMA SVOLTO Disciplina: INFORMATICA Docente: LUCARELLI STEFANIA Classe: PRIMA Sezione: O Anno Scolastico 2013/2014 1. INTRODUZIONE ALL INFORMATICA. LA

Dettagli

Modelli Input/Output Teoria ed Applicazioni

Modelli Input/Output Teoria ed Applicazioni Corso di LOGISTICA TERRITORIALE www.uniroma2.it/didattica/lot_2012 DOCENTE prof. ing. Agostino Nuzzolo Modelli Input/Output Teoria ed Applicazioni Introduzione Si deve all economista Wassily Leontief l

Dettagli

Regione del Veneto. Pag. 1 di 10 10/08/2010 15.08

Regione del Veneto. Pag. 1 di 10 10/08/2010 15.08 Pag. 1 di 10 10/08/2010 15.08 Regione del Veneto Analisi 32 (C.E.P.A. T2) Azienda ULSS 112 Tempo 2010 ALL ALL ALL Z990000000 (RISULTATO DI ESERCIZIO) -89.114.059,92 0,00-89.114.059,92 F990000000 (Risultato

Dettagli

FIDIA S.p.A. STATO PATRIMONIALE al 30 giugno 2001 (valori espressi in migliaia di Euro) A) CREDITI VERSO SOCI PER VERSAMENTI - - - ANCORA DOVUTI

FIDIA S.p.A. STATO PATRIMONIALE al 30 giugno 2001 (valori espressi in migliaia di Euro) A) CREDITI VERSO SOCI PER VERSAMENTI - - - ANCORA DOVUTI STATO PATRIMONIALE ATTIVO A) CREDITI VERSO SOCI PER VERSAMENTI - - - ANCORA DOVUTI B) IMMOBILIZZAZIONI I) Immobilizzazioni immateriali BI1) Costi d'impianto e ampliamento - - - BI2) Costi di sviluppo -

Dettagli