OPERATORIMORFOLOGICIELEMENTARI MAUROENNAS,ENRICOPIERONI (Luglio-Agosto,1995)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "OPERATORIMORFOLOGICIELEMENTARI MAUROENNAS,ENRICOPIERONI (Luglio-Agosto,1995)"

Transcript

1 OPERATORIMORFOLOGICIELEMENTARI MAUROENNAS,ENRICOPIERONI (Luglio-Agosto,1995) CentrodiRicerca,SviluppoeStudiSuperioriinSardegna GruppodiModellisticaAmbientaleeGeosica

2 EditedbyM.Ennas PrintedonMarch,1996 CRS4 CentrodiRicerca,SviluppoeStudiSuperioriinSardegna. CenterforAdvancedStudies,ResearchandDevelopmentinSardinia. WorkcarriedoutwiththenancialcontributionofSardiniaRegionalAuthorities. LavoroeseguitocolcontributodellaRegioneAutonomadellaSardegna. INTERNALREPORT

3 Questebrevinotefannopartediunostudiopreliminaredidigitalimageprocessing,nalizzato allaricercadistrategieecaciperl'analisidisezionisismichemigrate,inseritoall'internodiuna tesidilaureaincentratapiuingeneralesullaelaborazionedidatigeosici. L'analisidelleimmaginiassistitadall'utilizzodelcalcolatoreeun'importantebranca dell'informatica,dellamatematicaedell'ingegneriadell'informazione.ilsistemavisivoumano PREFAZIONE. disfareadeguatamenteleesigenzediadabilitarichieste;sonodegliesempiconcretiilcontrollo dellaqualitadeiprodottiindustriali(pezzimeccanici,prodottialimentari...),sistemiintelligenti visivoumano.esistono,comunque,contestimoltospecicineiqualilemacchineriesconoasod- approssimazione,presentadelledicolta.nonostantelecapacitadicalcolodeicalcolatorisiano semprecrescentiancoranonsiriesconoadaveredeisistemichepossanocompetereconilsistema alcalcolatoredeglialgoritmichepermettanodisimularelavisioneumana,seppurecongrande chisottoformadiradiazionedall'ambienteesterno.untalesistemanaturalepuoelaborare manifestaun'incredibilecapacitadielaborazionedeidaticheglipervengonoattraversoglioc- monitoraggioambientaleedinambitomilitare. diispezioneinambitobio-medico,sistemidiriconoscimentodiimmaginiradarneisettoridel grossemolididatirapidamente,congrandeessibilitaesenzasforzoapparente.programmare mettereinatto. Un'immaginerappresentaunaseriedimisuresuunbenprecisoinsiemedioggettichecomplessivamentecostituisconounascena(siaessaunpaesaggio,unaradiograaounafotodasatellite). cheilcontenutoinformativodiun'immaginepuoessereesplicitatoadiversilivelli,dierential variaredelsetdicaratteristichechesivoglionoevidenziareedalleassociazionichesiintendono evidentementedallanaturadell'applicazioneallaqualesifariferimento.piuinparticolarediremo formativodell'immaginestessa;qualiaspettidevonoessereevidenziatiinunaimmagine,dipende L'obbiettivoprimariodell'elaborazionedelleimmaginiequellodirendereesplicitoilcontenutoin- essereadottateperrisolvereunprecisoproblema. diapplicazioneditalitecnicheedellaparticolaritadellesoluzionichedivoltainvoltadevono Ilgrandenumeroditecnicheperl'elaborazionedelleimmaginietestimonedellavastitadeisettori daoggetti(misuredibandasullospettroelettromagneticonell'indagineradio-astronomica),oppuremisuredellariessionediondesonore(negliapparatiultrasonicibiomedicienell'indagine sismica)oancoramisurediconcentrazionedideterminatielementichimiciinuncampione. unacaratteristicalocalediinteresse.comunementesonomisuresull'intensitadellaluceriessa Talimisurevengonoeseguitegeneralmentesuporzionidell'immagine(segmenti),evidenziando Nelseguitoverrannoapprofonditedelletecnicheelementarifondatesullamorfologiamatematica,checisonosembrateinteressantinelcontestospecicodell'indaginegeosica,inparticolare nell'elaborazionediimmaginidisezionisismiche.

4 dell'elaborazionedelleimmagini,ilsuoimpiantomatematicosifondaprincipalmentesullateoria diconfronto;taliconnessionidipendono,oltrechedallageometriadellastrutturadaevidenziare, anchedallasuaposizioneall'internodell'immaginedaesaminare. Solorecentementelamorfologiamatematicahaacquisitodignitadidisciplinaclassicanell'ambito ometricadiun'immaginealnedirendereevidentilesueconnessionitopologicheconunelemento L'ideasullaqualesifondalamorfologiamatematicae,essenzialmente,l'esamedellastrutturage- INTRODUZIONE. degliinsiemiedassumeinseconcettidialgebra,topologiaegeometria. Glistudioriginaririsalgonoagliannisessantaesonodovutiallavorodiduericercatoridella ScuolaMinerariaParigina(EcoleParisiennedesMinesdeFontainebleau),GeorgeMatheron tualmentel'impiantoconcettualedellamorfologiamatematicavieneapplicatoconsuccessoinun vastoambitochecomprendedisciplinequaliladiagnosticamedicael'istologia,edepresente ejeanserra,iqualisioccupavanoditematichelegateallapetrograaeallamineralogia.at- deglialgoritmiimplementatisuibm-sp2. maginia256livellidigrigio.leimmaginiriportatenelseguitosonostateottenutedall'esecuzione PerformanceFortran,operantisuimmaginibinarieeverraindicatalaloroestensioneadim- immagini. Nelseguitoverrannobrevementecaratterizzatialcunioperatoridibasedellamorfologiamatematica,verrannomostratealcunesempliciimplementazioni,realizzateinFORTRAN90eHigh comecorredodibasedeipiusvariatipacchettiapplicativichesioccupanodielaborazionedelle delleinformazioni.taliinformazionipotrannoesserelogiche(indicantil'appartenenzaomeno concettonelcontestodellateoriadegliinsiemi.tenteremodicostruireunadenizionechesi Nelnostrocasoconsidereremoinsiemiparticolaridipuntidelpianoaiqualivengonoassociate adattialleimmaginibinarieeadunaeventualeestensioneadimmaginiapiulivellidigrigio. Ilconcettodiimmagineenotointuitivamenteadognuno.Nelseguitosifaraspessoriferimento adoperatoriapplicatialleimmagini,daciodiscendelanecessitadichiarireeformalizzaretale INSIEMIEDIMMAGINI. adundeterminatosottoinsieme)odivalore(indicantiproprietadell'oggettoinquestionecomeil colore). Possiamocaratterizzareognipuntodell'insiemecostituentel'immagineconunatriplettaordinata (n;m;l),nellaqualeiprimidueelementirappresentanolecoordinatedelpianodiscretizzato adessoassociata(livello). Un'immaginebinariapotraessereespressainterminidiprodottocartesiano()trainsiemi: (n;m)2n2,individuantiunivocamenteilpuntod'immagine,eilterzoindicantel'informazione confrontandoilivellidipuntiaventistessecoordinate;nelcasobinariopossonoapplicarsioperatori Gliinsiemiunione([)edintersezione(\)possonoottenersi,operandosuinsiemicosicostruiti, analogamente,perun'immaginea256tonidigrigioavremo: Ig=f0::Ngf0::Mgf0::255g Ibin=f0::Ngf0::Mgf0;1g; booleaniailivellil2f0;1g. 1

5 (erosion),detteanchesommaesottrazionediminkowski,edinoltrel'operatorehitormiss. Leoperazionielementaridellamorfologiamatematicasonoladilatazione(dilation),l'erosione (structuringelement);ciosiottieneapplicandodeglioperatoricheagisconosuognipuntoh2a. didimensionenota,attraversol'utilizzodiun'immaginebpiupiccoladettaelementostrutturante richedaun'immaginebinariaae,doveconesiindical'insiemedituttelepossibiliimmagini L'obiettivodellamorfologiamatematicaequellodiestrarreinformazionitopologicheegeomet- OPERATORIELEMENTARI. ha256livellidigrigio,percuil'applicazionedeglioperatorimorfologicideveessereprecedutada unaopportunabinarizzazione(ottenutamedianteunbinarizzatoreridge-valley,(fig.3)). Vengonofrequentementeindicaticomeoperatorielementariancheletrasformazionidiapertura (opening)edichiusura(closing)ottenutidall'opportunacombinazionedelletrasformazionidi erosioneedilatazione. Nelseguitoconsidereremoimmaginibinarieicuipuntiassumonovalorinell'insiemefNero= particolare,abbiamosceltocomeimmaginediinputun'improntadigitale.taleimpronta(fig.2) 0;Bianco=1g.Negliesempiabbiamoutilizzatodeipatternsdidimensione512512pixelsedin ConsideriamounreticolodiformaquadrataeperognisuoelementodeniamoN-vicinanza(Nneighbourhood)l'insiemedeipuntidelreticoloadiacentiadunssatopuntoP. N-VICINANZA. colarecorrispondeadunanestra33conpuntodiriferimentocentrale.generalnente,nella pratica,vieneutilizzatounelementostrutturantediquestotipoacausadelsuobassocostocomputazionale.inquestomodosipuoformulareunaprimadenizionedierosioneedilatazione, elementostrutturanteuncerchiounitariodiraggiopariadunpunto,chenellageometriareti- relativaadimmaginibinarie,interminidi8-vicinanza:pererosiones'intendel'insiemedeipunti FIG.1.8-vicinanzae4-vicinanza Nelseguitociriferiremoadun'8-vicinanza(Fig.1).Inquestocontestoconsideriamocome l'insiemedeipuntidelreticoloche,osonoelementidell'oggettooppurehannotrailoro8-vicini dell'oggetto,icui8-vicinisonotuttielementidell'oggetto;colterminedilatazioneinvecesiindica almenounelementodell'oggetto. 2

6 FIG.2.Immagined'ingresso(256livellidigrigio). FIG.3.Immagined'ingressobinarizzata. 3

7 intorno)consisteinunltraggiodell'informazioneinessocontenutapermezzodiopportune diun'immaginetramiteoperatorilocali(cheagisconosuunpuntotraendoinformazionidalsuo dicatividellapresenzaoassenzadiunoggettorispettoallosfondo(valorilogici)oppuredeilivelli digrigioodicolore(valorinumerici)propridiognipuntodell'immagineconsiderata.l'analisi adognipuntodicoordinate(n;m),appartenentealreticolopiano,unvalore;talivalorisonoin- Un'immaginepuoesseredenitacomeunafunzionebidimensionalediscretaf(n;m)cheassocia OPERATORILOCALICOMEFILTRI. rispondeatuttiglieettiadunltraggiolinearebidimensionale,matematicamenterappresentato dallaconvoluzionetral'immagined'ingressoe\l'immagineltro": forma: \immaginisonda"h(n;m),dimensionaterispettoall'intornochesidesideraanalizzare.ciocor- tenendocontodelfattocheunaqualunquefunzionediscretabidimensionalepuoesprimersinella fout(n;m)=xixjfin(i;j)h(n?i;m?j)=xixjfin(n?i;m?j)h(n;m); Inquestomodol'immaginepuoritenersicostituitadauninsiemedivaloriimpulsivi(unoper ognipunto)elaconvoluzione(fig.4)tral'immagineiningressofin(n;m)elarispostaimpulsiva delltroh(n;m)puospiegarsiinterminiditraslazionedelpianod'immaginenelledirezionidegli g(n;m)=xixjg(i;j)(n?i)(n?j): elementidelltroesuccessivasommadeiprodotti quadrato 5x5 Tutti = P(0,0)=2 P(0,4)=4 P(0,2)=1 P(4,0)=6 P(4,4)=8 glioperatorielementaridellamorfologiamatematica. puntiutilizzandoglioperatoridellalogicabooleana;equestalaviachesisegueperimplementare Similmenteaquantoavvieneperilltraggiobidimensionale,sipossonotrasformareinsiemidi FIG.4.Convoluzionediunreticolo55con5deltadiDirac

8 Deniamol'erosionediAdapartediB(dettaanchedierenzadiMinkowski)nelmodoseguente: dovebhrappresentalatraslazionedell'immaginebsulpuntoh2a: A B=fh2EjBhAg; EROSIONE. (Fig.5);essapuoessereespressaancheinunaltromodo: Essarappresental'insiemedeipuntihpercuiB,centratoinh,einteramentecontenutoinA Bh=fb+hjb2Bg: L'erosioneeunoperatoreinvarianterispettoallatraslazione, (Ah A B=\ B)=[A b2ba?b; nonlocontengonointeramente. Inpratical'elementostrutturantescorresuognipuntodell'immagineeliminandoglielementiche edinoltretaleche: XY)X AY B]h; A: FIG.5.a)Binarizzazione;b)Erosione;c)Doppiaerosione. 5

9 Nell'implementazioneFORTRAN90siefattousodelladirettivaimplicita alpuntodiriferimento;sutalipianivieneapplicatol'operatorelogico.and.chepermette,punto perpunto,diindividuareglielementidell'insiemeintersezione. traslandoipianid'immaginelungoleottodirezioniindividuatedall'elementostrutturanteattorno SUBROUTINEErosion(BinImage,nx,ny,OutImage) CSHIFT(array;shift;dim); cminkowski'ssubtrationalmorphologicaloperator cusingunitarycircleasstructuringelement cforbinarizedimages!hpf$distribute(block,block) c********************************************************************** CHARACTER,DIMENSION(0:nx-1,0:ny-1),INTENT(OUT)::OutImage CHARACTER,DIMENSION(0:nx-1,0:ny-1),INTENT(IN)::BinImage INTEGER, LOGICAL,DIMENSION(0:nx-1,0:ny-1) INTENT(IN)::nx, ::BinImage, ::LogImage, TmpImage1, OutImage!HPF$DISTRIBUTE(block,block) c********************************************************************** & CHARACTER,PARAMETER ::LogImage, ::black=char(0), ny white=char(255) WRITE(*,*)'Eroding...' LogImage=MERGE(.TRUE.,.FALSE.,BinImage.EQ.black) TmpImage1=TmpImage1.AND.cshift(LogImage,shift=-1,dim=1) cshift(logimage,shift=1,dim=1) TmpImage1, c********************************************************************* TmpImage=TmpImage1.AND.cshift(TmpImage1,shift=1,dim=2) TmpImage=TmpImage.AND.cshift(TmpImage1,shift=-1,dim=2) TmpImage=TmpImage.AND.LogImage OutImage=MERGE(black,white,TmpImage) ENDSUBROUTINEErosion 6

10 strutturantesiainvarianterispettoallariessione(br=b)avremopiusemplicemente: avendodenitobr=f?bjb2bg,riessionedibrispettoall'origine;nelcasoincuil'elemento DeniamodilatazioneosommadiMinkowski: AB=fh2EjBrh\A6=;g; DILATAZIONE modoseguente: cioeabel'insiemedituttiipuntidiposizioneh,percuibhedahannoalmenounpunto incomune.ancheladilatazionerisultainvarianteallatraslazioneedinoltrepuoesprimersinel AB=fh2EjBh\A6=;g; unpuntoincomunecona: dilatazionediadapartedib.inpratical'elementostrutturantebscorresull'immaginedi riferimentoaestendendoildominiodiquest'ultimaalleporzionid'immaginechehannoalmeno AB=[ b2bab; strutturantecircolareunitario. Nelcasoinesameladilatazioneestataeseguitaalmassimoduevolteconsecutiveconelemento FIG.6.a)Binarizzazione;b)Dilatazione;c)Doppiadilatazione. 7

11 d'immaginiel'implementazionedell'algoritmosonoriportatinelseguito. attornoalpuntodiriferimento;sutalipianivieneapplicatol'operatorelogico.or.chepermette, cminkowski'sadditionalmorphologicaloperator puntoperpunto,diindividuareglielementidell'insiemeunione.ladichiarazionedegliarrays dim),traslandoipianid'immaginelungoleottodirezioniindividuatedall'elementostrutturante Nell'implementazioneFORTRAN90siefattousodelladirettivaimplicitaCSHIFT(array,shift, cusingunitarycircleasstructuringelement cforbinarizedimages SUBROUTINEDilation(BinImage,nx,ny,OutImage)!HPF$DISTRIBUTE(block,block) c************************************************************************* CHARACTER,DIMENSION(0:nx-1,0:ny-1),INTENT(IN)::BinImage CHARACTER,DIMENSION(0:nx-1,0:ny-1),INTENT(OUT)::OutImage LOGICAL,DIMENSION(0:nx-1,0:ny-1) ::BinImage, ::LogImage, OutImage INTEGER, INTENT(IN)::nx, TmpImage1,!HPF$DISTRIBUTE(block,block) CHARACTER,PARAMETER ::black=char(0), c************************************************************************* & ::LogImage, ny write(*,*)'dilating...' LogImage=MERGE(.TRUE.,.FALSE.,BinImage.EQ.black) white=char(255) TmpImage1=TmpImage1.OR.cshift(LogImage,shift=-1,dim=1) cshift(logimage,shift=1,dim=1) TmpImage1, TmpImage=TmpImage1.OR.cshift(TmpImage1,shift=1,dim=2) c********************************************************************* TmpImage=TmpImage.OR.cshift(TmpImage1,shift=-1,dim=2) TmpImage=TmpImage.OR.LogImage OutImage=MERGE(black,white,TmpImage) ENDSUBROUTINEDilation 8

12 avendoindicatoconacilcomplementaredia: Dilatazioneederosionesonooperatorinegativinelsensoche: partedell'elementostrutturanteriesso).ilcomportamentodualepuoessereespressoanchein Ciosignicacheladilatazionedell'immaginehalostessoeettodell'erosionedellosfondo(da (AB)c=Ac Ac=fa2Eja=2Ag: (Br)c: Esistonodelleprecisecondizionidireversibilitachenonvengonoquiriportate.Ebenemetterein unaltrosenso: evidenzacomel'erosioneeladilatazionediunoggettobinarioqualsiasisianoottenibilimediante manipolazionenumericadellesequenzedicifredelcodicedelcontorno. chelareversibilitaomenoditalitrasformazionidipendeesclusivamentedallaformadell'oggetto. Siponeilproblemadellareversibilitadelletrasformazionidierosioneedilatazioneesiverica perognicoppiadiimmaginix;ye. YBX,YX B; cona,bnumeriedx,yarray,consentedicostruireglistencilsimmetricibidimensionaliin Cennosull'ottimizzazionedeiCSHIFT. Lasempliceosservazionechel'operatoreCSHIFTeunoperatorelineare: manieraottimizzata,minimizzandolesommeelecomunicazionitraiprocessori. Adesempioperungenericostencilsimmetrico33,matematicamenteesprimibilecome: f(x;y)=a00g(x;y) +a01[g(x+1;y)+g(x?1;y)] CSHIFT(aX+bY)=aCSHIFT(X)+bCSHIFT(Y) alpostodellaimplementazioneimmediata, cheimplica12cshift,8sommee4moltiplicazioni,epossibilediminuireilnumerodeicshift f=a00g+a01[cshift(g;dim=1;shift=1)+cshift(g;dim=1;shift=?1)]+ +a11[g(x+1;y+1)+g(x?1;y?1)+g(x+1;y?1)+g(x?1;y+1)] +a10[g(x;y+1)+g(x;y?1)] utilizzandosolo4cshift,5sommee4moltiplicazioni. utilizzandodegliarraytemporanei,nelseguentemodo: f=f+cshift(t;dim=1;shift=?1)+cshift(t;dim=1;shift=1) f=a00g+a10t t=a01g+a11t t=cshift(g;dim=2;shift=1)+cshift(g;dim=2;shift=?1) 9

13 diremoinvecechefalliscea(missesa)se:bh\a=;: DiremocheBhcolpisceA(hitsA)se:Bh\A6=;; HITORMISS L'operatoreHitorMissvienedenitoapartiredaunelementostrutturanteBscomponibilein nellaterminologiapropriadell'elaborazionedelleimmaginidiremocheacelosfondo duesottoelementib1eb2talicheb=b1[b2: cona;be;ovvero:a(b1;b2)=fh2ejb1ha;b2hacg; dell'immaginea.risultaevidentechepera\b6=;l'immaginerisultantedall'applicazione dell'operatorehitormissevuota.l'operatorehitormisspuoessereespressoinaltritermini B1\B2=; ecoicideconl'erosioneperb2=;: comesegue: A(B1;B2)=(A B1)\(Ac B2); FIG.7.a)Binarizzazione;b)HitorMiss;c)DoppioHitorMiss; 10

14 seguente: conb=b1[b2edinoltreb1\b2=;,cioeottenibilescegliendoibi,adesempio,nelmodo LaroutineinFORTRAN90estataottenutaapplicandol'espressioneseguente: H=AB=A(B1;B2)=(A B1)\(AB2)c dell'operatorebooleanoornelmodoseguente: inmodochel'unionetragliinsiemidipuntiimmaginepossanoessererealizzatitramitel'utilizzo B=B1:OR:B2: 0101A deglioperatoridilatazioneederosionenelmodoseguente: Questaesolounatralesceltepossibilipercostruireilnostrooperatore. Glioperatoridiapertura(Opening)echiusura(Closing)siottengonodallasemplicecombinazione Apertura: APERTURAECHIUSURA inquantosiappoggiaalleprecedenti: nonsonoreversibili.l'implementazionefortran90deidueoperatorieestremamentesemplice Leparentesievidenzianolasuccessionedelleoperazioni,vistocheerosioneedilatazioneingenere Chiusura: AB=(A AB=(AB) B)B Apertura B CALLDilation(BinImage,nx,ny,TempImage) CALLErosion(TempImage,nx,ny,OutImage) Chiusura CALLErosion(BinImage,nx,ny,TempImage) Analogamente,avremo: CALLDilation(TempImage,nx,ny,OutImage) Glioperatoridiapertura(Fig.8)edichiusura(Fig.9)sonoapplicazioniidempotenti,nelsenso cheun'applicazioneripetutadell'operatorenonintroducecambiamentinell'output. 11

15 FIG.8.Apertura. FIG.9.Chiusura. 12

16 siapiugrandediunpuntoedinparticolareciriferiremoalcerchiodiraggiounitariodenito precedentemente. faremounapanoramicadelleproprietapiuinteressantiassumendochel'elementostrutturante Glioperatorimorfologicielementaripossiedonoungrandenumerodiproprietache,sfruttate opportunamente,permettonodiestrarrecaratteristiched'interessedaun'immagine.nelseguito PROPRIETADEGLIOPERATORIMORFOLOGICIAPPLICATI ALLEIMMAGINIBINARIE Ladilatazioneecommutativamanonloel'erosione: Ciononeunproblemaperchenellapraticahasensosoloerodereunoggettopiugrandeconuno piupiccolo. AB=BA;A BC!A BA B6=B C A: (2) (1) dell'immaginecomplementareeugualealcomplementodell'erosionedell'immagineoriginaleeil ottenutecomplementandomembroamembro(ac[a=e);cioequivaleadirecheladilatazione complementodell'erosionedelcomplementodiaeugualealladilatazionedia. AcB=(A A BAAB: B)c;AB=(Ac B)c; (4) (3) Nelseguitoindicheremoconl'esponente(n)l'n-ripetione(iterazione)diunoperatoremorfologico: conm<n.erosioneedilatazionesonotrasformazionimonotone: (AB)(n)(AB)(m); B)(n)(A B)(m); (6) (5) Ciopuoesprimersiinaltriterminidicendochelarelazionetraoggettieinvarianterispetto chiusura. all'erosione,alladilatazione,eallesequenzeditalioperazioni,comeadesempiol'aperturaela A1A2!A1BA2B B (7) (A1\A2)B(A1B)\(A2 (9) (8) segnodiuguaglianza. Se(A1\A2B)einvertibile,l'ordinedelleoperazionididilatazioneediintersezionetrainsiemi noninuiscesulrisultato,cioequivaleadirechetraimembridell'espressioneprecedentevaleil 13

17 AvremocheAi equivaleafh2aj(bha1)\(bh2)g. B=fh2AjBhAg,coni=1;2eh2(Ai (A1[A2) (A1\A2) B(A1 B)[(A2 B)\(A2 B) B).Indenitivah2(A1\A2) (10) avremo,infatti,cheaib=fh:bh\ai6=0gconi=1;2eh2(aib). (A1[A2)B=(A1B)[(A2B) (11) Ledueproprietaseguentisonodigrandeimportanzapraticapoichesudiessesibasanodegli algoritmivelociperlarealizzazionedioperatorimorfologicineisistemicommerciali. A(B1[B2)=(AB1)[(AB2) (12) eequivalenteafhj(b1ha)\((b2ha). conseguenteallaproprietadicommutativitadelladilatazione. essendoa B=fh2AjBihAgconi=1;2eh2(A A B1)[(A Bi;ciosignicacheh2A B2) (B1[B2) (13) susseguentioperazionilogichetratalipianid'immaginepuntoperpunto. Inbaseaquesteproprieta,dilatazioneederosionepossonoessererealizzatemediantetraslazione dell'immagine(fig.10),nelledirezioniimpostedallageometriadell'elementostrutturante,e (14) puntib=b1[b2[b3;avremochel'erosionea direzionei=1;2;::;8econsideriamo,peresemplicare,l'elementostrutturantecostituitodatre AedAichesiottiene,traslandoAnelledirezionii,ovvero: modernisistemidielaborazione.indichiamoconailatraslazionedell'oggettoadiunpuntoin Letraslazionidelleimmaginieleoperazionilogichesudiessesonoestremamenteecientinei FIG.10.Traslazionidiagonale,lateraleeverticale. A B=A\A1\A2\A3 Biecostituitadaipuntidiintersezionetra 14 (15)

18 originale.analogamenteavremo:ab=a[a1[a2[a3 Nellalogicabooleanaciosignicaapplicarel'operatoreANDtraimmaginitraslateedimmagine adirechel'elementostrutturanteedeltipo: el'operatorebooleanocorrispondenteall'unionerisultaesserel'or. Neinostriesempidiimplementazioneabbiamoutilizzatodeicerchidiraggiounitario,cioequivale (16) nellaqualebirappresentailpuntoi-esimodell'elementostrutturanteb. B=8[i=1Bi; edelladilatazione: Un'altraproprietadegnadinotaelacosidettaregoladiconcatenamento(chainrule)dell'erosione FIG.11.Elementostrutturante. turantebidimensionaleb,puoessererealizzatamedianteunasequenzadeglistessioperatori utilizzandoelementistrutturantimonodimensionalib1;b2:::bkchesoddisfanolacondizione: Inbaseaquestaproprietal'erosioneeladilatazionediun'immagine,tramiteunelementostrut- (AB1)B2=A(B1B2) B2=A (B1B2) (17) B=B1B2:::Bk: (18) taggi: Questoequivaleadesplorarel'immagineperrigheepercolonneecomportadeglievidentivan- Esistonosistemihardwarechepermettonounaccessoaidatid'immagineablocchi,per Ilpesocomputazionalecresceinragionedi2LanzichediL2,doveLelalunghezzadel l'implementazioneoltrechepotenziarel'ecacia. cerchiostrutturante; righeopercolonne(cioetipicodellearchitettureparallele),equestofacilitanotevolmente 15 B B1 B5 B2 B3 B4 B6 B7 B8

19 valgonoleseguentiproprietadiaperturaedichiusura: Considerando,comedaipotesipreliminare,unelementostrutturantediversodaunpuntoisolato, ABA ABA (19) (Fig.12)realizzatotramitedierenzadiimmagini: valoridigrigionegativi.unesempioequellorelativoadunestrattoredicontornomorfologico possanoesseresottratte,puntoperpunto,l'unaall'altra,senzachel'immaginerisultanteassuma inqualicasidelleimmaginidiverse,ottenutemediantel'applicazionedioperatorimorfologici, Questedueproprietadevonolaloroimportanzaalfattochepossonoessereutilizzateperstabilire EC=(AB)?(A B); (21) (20) chiaramente,ledimensionidell'elementostrutturantedeterminanolospessoredeicontorniestratti. Altreproprietainteressantisono:AB=(AB)B FIG.12.Estrazionemorfologicadeicontorni. AB=(AB)B (22) Diremocheun'immagineAen-erosaseestataottenutadallaiterazionedinoperazionidi erosionepossonoesserecombinatitraloroedapplicatiripetutamenteall'immaginedaanalizzare. eettodiunasingolaaperturaochiusura.echiarocheglioperatorielementarididilatazioneedi unaaperturaereversibilmenteerodibile;ovverounasequenzadiapertureodichiusurehalostesso erosioneescriveremoa(?n);analogamentediremocheun'immagineaen-dilatataseestata Ciopuoesprimersidicendocheilrisultatodiunachiusuraereversibilmentedilatabileequellodi (23) ottenutadallaiterazionedinoperazionididilatazioneelaindicheremocona(n). 16

20 Valgonoleproprieta: A(?n)A(?m) A(n)A(m) (24) pern>m. Regolandoilnumerodiiterazionisipossonoottenerediversieettidiltraggio.Inparticolaresi Inoltrerisulta: (A(n))(?m)A(?n)(m) (26) (25) cheproduceun'immaginepiugrossolana(particolarimenodeniti);l'eettopassaaltosiottiene ottieneuneettopassabassoconunasequenzadeltipo: con: HPF=A?A(?r)(r) LPF=A(r)(?r) (27) semprepern>m. chefornisceun'immaginecheconservailsolodettaglioagranane;innel'eettopassabanda siottienenelmodoseguente:bpf=(a(n))(?n)?(a(m))(?m) (29) (28) 17

21 FIG.13.Passabassomorfologicodirangodue. FIG.14.Passaaltomorfologicodirangounitario. 18

22 ConsideriamoilcasodiunafunzionebidimensionalediscretaaNlivellidigrigio,esezioniamola conunpianoortogonalealpiano(n;m)inmododaridurreilproblemaalcasomonodimensionale(adesempioconsiderandounasolarigaocolonnaanzichel'immaginecomplessiva);quindi sezioniamoorizzontalmente(parallelamentealpianodell'immagine),incorrispondenzadiogni ESTENSIONEA256LIVELLIDIGRIGIO livellodigrigio.ognisezionesi,allivellodigrigioi,con(i=1;2;:::;n),generaun'immagine binariaai.l'immaginecomplessivaadnlivellipuovedersicomerisultantediun'operazione dellastrisciad'immagine,avremo:a=a\a?1\:::\a1 cherappresental'immagineanlivellidigrigio.consideriamo,comeinprecedenza,b logicaassimilabileadun\and"(vericadell'esistenzadeilivellisottostanti)tralostratoal un'elementostrutturantecircolarediraggiounitario,chesezionato(casomonodimensionale) denitivadetta(x)(1n)lafunzionecheassociailivellidigrigioalleposizioniall'interno livellopiualtoeilivellisottostantisemprepresenti;inrealtasitrattadicontareilnumerodi risultaun\cerchio"unitariodi3x1punti,avremocheognisingolaimmaginebinariaaiverra stratibinarisovrappostiedassociare,perognipunto,talevaloreallivellodigrigioeettivo.in componedistratidiimmaginibinarieerose: erosadab,dandoluogoaa(?1) i.conseguentementel'immagineatonidigrigioa(?1)erosasi Procedendoinmodoanalogoperladilatazione,avremo: Ciocorrispondeadeseguireunaoperazionediminimoinunanestradidimensionipariaquelle dell'elementostrutturanteb. A(?1)=A(?1) A(?1)=minx2BA(x) \A(?1)?1\:::\A(?1) 1 puntosupianitraslati. L'usodeglioperatoridimaxheminh(conh2A)estatosuggeritoperlaprimavoltada Glistessiconcettibasesonoestendibiliaglioperatoricompostiequindidalpuntodivistaimplementativodovremorealizzaredelleroutinechedeterminanoilmassimoedilminimopuntoper NakagawaedaRosenfeld(1978);talioperatorisonobasatisullalogicafuzzyesullateoriadegli insiemidaessaispirata.glioperatoriequivalentiall'intersezione(\)eall'unione([),nellalogica A(1)=maxx2BA(x): fuzzysonorappresentatipropriodamaxheminh.datedueimmagini,aeb,atonidigrigio: A[B()maxh(A;B): A\B()minh(A;B) 19

23 Ciochesiottieneeriportatonellegureseguenti: Operatorecappelloacilindro.Riveladettaglistrutturalichiariescuri,comeadesempio lineeoppureoggettididimensioniinferioriadunlimitepressatoedilcuicontrastosuperaun Nelseguitoverrannoricordati,brevemente,alcunitraipiunotiesemplici. datovaloredisoglia.scriveremoun'espressionedeltipo: merevoledioperatoricomposti,dicomplessitavariabile,cherisolvonoproblematicheparticolari. Accantoaglioperatorimorfologicielementarioperantisuilivellidigrigioabbiamounaserieinnu- FIG.15.Dilatazione,erosione,aperturaechiusuradiimmaginia256livellidigrigio dallavariazionedeilivellidigrigio.l'operatoreestraequelleporzionidellafunzionedeilivellidi direchexdcontieneisolidettaglichiarididimensioniminimeminoridid,inquantoall'immagine originariainingressovienesottrattalasuaapertura.l'altezzahelasoglia.analogamente grigiocheperforanoilcappellomentrelasuabasescivolasullafunzione.indenitiva,possiamo nellaqualed=2r+1,conrraggiodelcerchiounitario.possiamoimmaginareunafunzionea formadicappelloacilindrotophat(d,h)didiametrodedaltezzah,chescorresulrilievocostituito Xdh=Xd=A?[A(?r)](r)seXd>h potremoscrivere: altrimenti chemiraadestrarredettagliscuri. Xdh=Xd=[A(r)](?r)?AseXd>h 0 20 altrimenti

24 espressione: mentodell'elementostrutturanteconsiderato,ipuntiscurisieliminanoutilizzandolaseguente operatoridimassimoeminimoconvenzionaliinquantotrascuranol'eettodelvalorediriferi- piuchiariepiuscuri(rumoreimpulsivo).talipuntivengonoforzatiadassumereilvaloredi alivellidigrigioepossibilecostruiredeisemplicialgoritmiperl'eliminazionedeipuntiisolati grigiopiuprossimoaquellodeivicini.denendoglioperatorimaxbeminb,dierentidagli Eliminazionedipuntiisolati.Apartiredall'erosioneedalladilatazioneapplicateadimmagini nellequalimaxp(a1;a2)rappresentailmassimovaloredeipuntidimedesimaposizionedelledue immaginia1eda2. Analogamenteperipuntiisolatiscuri: Ah=minp[A;maxB(A)]: Unasemplicesequenzadipassidielaborazioneperrealizzarel'estrazioneedilcolormappingdei contornidiun'immagineemostratainfig.16efig.17. Ad=maxp[A;minB(A)]; IMMAGINE IN INPUT BINARIZZATORE RIDGE-VALLEY DILATAZIONE EROSIONE grigio,basatasuoperatorimorfologicielementari.21 FIG.16.Sequenzadipassiperrealizzarel'evidenziazionedelcontornosuun'immaginea256livellidi Estrazione del = Dilatazione - Erosione MAPPA DEI COLORI

25 _ D + dell'evidenziazionedelcontornosuun'immaginea256livellidigrigio,basatasuoperatorimorfologici elementari. FIG.17.Sequenzadiimmaginiinuscitaadognipassodellacatenadielaborazioneperlarealizzazione 22

26 disparatiambitiapplicativi.ciopermettediavvalersidelleconoscenzeedell'esperienzamaturata pochiconcettidibasechelideniscono,epossibilericavareunavarietadioperatoriutilineipiu inunqualunquesettorepersvilupparesoluzionieuristicheaproblemilegatiall'estrazionedi caratteristichedaun'immagine.inparticolare,epossibileotteneredeglialgoritmiversatilie velocichebensiadattanosiaadunprimoapprocciodianalisidelleimmagini,cheall'estensione L'utilizzodeglioperatorimorfologicielementaririsultadigrandeinteresseinquanto,apartiredai CONCLUSIONI. aproblematichedicrescentecomplessita.laversatilitadeglialgoritmimorfologicipermettedi Lavelocitadeglialgoritmiedovutaall'utilizzodell'algebrabooleana(nelcasobinario)oalla descrivereunampiospettrodiproblemi,aspesedellacomplessitadelladescrizionetopologica. soluzioneaiproblemidiestrazionedellecaratteristichechedivoltainvoltadevonoessereaffrontati.sitrattadicostruireunsetdifunzionicheoperanoabassolivello(suisingolipixel)banoesseresviluppatideglistrumentidibase(lowlevelvision),capacidicooperare,perfornire edecace. Ciocheemergeconchiarezzael'esistenzadiunastrettadipendenzadellestrategieutilizzabili dall'obiettivod'interesseedaimezziadisposizione.taledipendenzaportaapensarechedeb- esaminare,eadaccorgimentidivariogenerechepossonoessereimplementatiinmodosemplice determinazionidimassimieminimi(nelcasoanllivellidigrigio)nellecongurazionidipixelda l'utilizzodialgoritmifastfouriertrasform),l'utilizzodioperatorilocaliperl'estrazionedei prendono,oltreall'analisimorfologica,letecnichediltraggiospazialeefrequenziale(tramite dipendenza)econsentireilriconoscimentodiformesudominibidimensionalietridimensionali. contorni,l'analisidellatessituratramiteletecnichestatisticheclassiche,lamodellizzazionedelle Lestategieutilizzatenell'ambitodell'elaborazionedigitaledelleimmaginidibassolivellocom- all'usodellatrasformatadihoughoingenereall'analisidispaziparametriciderivati,costituiscono immaginimediantel'utilizzodiwavelet.tuttequestetecnicheinsiemeadaltre,qualiquellelegate perrenderepossibileunaanalisialivellointermedio(insiemidipixelaggregatidaunaqualche l'ambitopiugeneralenelqualecisidevemuoverenellafasepreliminaredianalisidelleimmagini. 23

27 Nelseguitovengonodescrittiiprocessidiquantizzazionedelledirezioniedisogliaturache Illtrodenominatoridge-valleyeunbinarizzatoremoltoeciente,originariamenteutilizzato, insistemiaparallelismomassiccioperlaclassicazionedelleimprontedigitali,dall'fbi(federal istichetramiteunltrolocaleesuunaclassicazionetramitetrasformatadikerounen-loevea mezzodiretineurali,progettatodallanist(nationalinstituteofstandardtechnology). BeurauofInvestigation).Talesistemadiriconoscimentoebasatosullaestrazionedellecaratter- APPENDICE:BINARIZZAZIONERIDGE-VALLEY. dell'algoritmoinfortran90-hpf.perciascunpixel(p)dell'immaginevengonocalcolatele concorronoallabinarizzazione,enellepaginesucessivevienepropostaun'implemantazione deipixelindicaticoni: sommelungoledirezionitrasversalisi,coni=0;1;:::;7,dovesirappresentelasommadeivalori sogliaturalocaleeconfrontodellesommetrasversali. unaformaaccettabileinbiancoenero.essa,nelcasoinesame,sibasasuuncompromessotra 5050P SogliaLocale.Vienecalcolatalasoglialocaleedinbaseadessailpixeld'uscitavieneposto Sogliatura.Labinarizazzionedell'immaginediinputsiproponediridurreilivellidigrigioad biancoseilsuovaloredigrigioesuperioreaquellomediocalcolatosulleottodirezionitrasversali: Confrontoconlesommetrasverse.Ipixelsd'uscitavienepostobiancoselamediadella massimaedellaminimasommatrasversaepiugrandedellamediaditutteledirezionitrasverse: Smax+Smin>14Xisi 4S>18Xisi (2) (1) Soluzionedicompromesso.StockeSwongerrealizzandouncompromessotraiduemodidi procedereappenavisti,hannoricavato,peripixeldioutput,laseguenteformula: analogosipuoapplicareadunpixelpostoinunpromontorioscuro. mentevallichiareepromontoriscuririportandosommeinferioriallaprecedente.ragionamento mentetalevalle,mentrelealtresettedirezionitaglierannotalezonaattraversandoalternativa- chiara,alloraunadellesueottosommetrasversesaramassimainquantoattraverseracompleta- Ilmotivodiquestomododiprocederevaricercatonelfattoche,seunpixelsitrovainunavalle bianchi(inunavalle)abbianoladirezionedellamassimatraleottosommeindicate.indenitiva, aciascunpixelvieneassociataunadirezionequantizzatainottolivelli(i=0;:::;7). dellaminimasommatraquelleappartenentiall'insiemedellesommetrasverseeciascunodeipixel dall'fbi)cherisultaessereun'estensionedelbinarizzatoreridge-valley.aseguitodellabinarizzazione(fig.3),possiamoassumerecheognipixelnero(suunpromontorio)abbialadirezione 4S+Smax+Smin>38Xisi (3) Possiamoindicarequestoltrocomeuncercatoredidirezioni(moltosimileaquelloutilizzato 24

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

DAL PROBLEMA AL CODICE: ATTRAVERSO LO PSEUDOCODICE

DAL PROBLEMA AL CODICE: ATTRAVERSO LO PSEUDOCODICE DAL PROBLEMA AL CODICE: ATTRAVERSO LO PSEUDOCODICE Il problema Un computer è usato per risolvere dei problemi Prenotazione di un viaggio Compilazione e stampa di un certificato in un ufficio comunale Preparazione

Dettagli

PIANO ANNUALE A.S.2014/15 agg. 5/9/2014 1 lunedì collegio docenti 8.15 10.15

PIANO ANNUALE A.S.2014/15 agg. 5/9/2014 1 lunedì collegio docenti 8.15 10.15 PIANO ANNUALE A.S.2014/15 agg. 5/9/2014 1 lunedì collegio docenti 8.15 10.15 adempimenti di inizio anno 15 lunedì C.di C. 3AG 13.30 14.15 programmazione - visite studio - varie solo docenti 15 lunedì C.di

Dettagli

Risolvere un problema significa individuare un procedimento che permetta di arrivare al risultato partendo dai dati

Risolvere un problema significa individuare un procedimento che permetta di arrivare al risultato partendo dai dati Algoritmi Algoritmi Risolvere un problema significa individuare un procedimento che permetta di arrivare al risultato partendo dai dati Il procedimento (chiamato algoritmo) è composto da passi elementari

Dettagli

Decomposizioni di uno schema, Decomposizioni che preservano i dati (loss-less joins) Prof.ssa Rosalba Giugno

Decomposizioni di uno schema, Decomposizioni che preservano i dati (loss-less joins) Prof.ssa Rosalba Giugno Decomposizioni di uno schema, Decomposizioni che preservano i dati (loss-less joins) Prof.ssa Rosalba Giugno Decomposizione di uno schema Dato uno schema relazionale R={A1,A2, An} una sua decomposizione

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

Esempi di algoritmi. Lezione III

Esempi di algoritmi. Lezione III Esempi di algoritmi Lezione III Scopo della lezione Implementare da zero algoritmi di media complessità. Verificare la correttezza di un algoritmo eseguendolo a mano. Imparare a valutare le prestazioni

Dettagli

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011 1 Trasformazioni Geometriche 1 Roberto etroni, 2011 Trasformazioni Geometriche sul piano euclideo 1) Introduzione Def: si dice trasformazione geometrica una corrispondenza biunivoca che associa ad ogni

Dettagli

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Microeconomia venerdì 29 febbraio 2008 La struttura della lezione

Dettagli

Alla pagina successiva trovate la tabella

Alla pagina successiva trovate la tabella Tabella di riepilogo per le scomposizioni Come si usa la tabella di riepilogo per le scomposizioni Premetto che, secondo me, questa tabella e' una delle pochissime cose che in matematica bisognerebbe "studiare

Dettagli

SCOMPOSIZIONE IN FATTORI DI UN POLINOMIO

SCOMPOSIZIONE IN FATTORI DI UN POLINOMIO SCOMPOSIZIONE IN FATTORI DI UN POLINOMIO Così come avviene per i numeri ( 180 = 5 ), la scomposizione in fattori di un polinomio è la trasformazione di un polinomio in un prodotto di più polinomi irriducibili

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

I costi nel breve periodo

I costi nel breve periodo I costi di produzione e la funzione di offerta Breve e lungo periodo Il breve periodo è quell orizzonte temporale nel quale l impresa può variare solo parzialmente l impiego degli input esempio: l impresa

Dettagli

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Lezione 1 Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Definizione di utente e di programmatore L utente è qualsiasi persona che usa il computer anche se non è in grado di programmarlo

Dettagli

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO SIMULAZINE DI PRVA D ESAME CRS DI RDINAMENT Risolvi uno dei due problemi e 5 dei quesiti del questionario. PRBLEMA Considera la famiglia di funzioni k ln f k () se k se e la funzione g() ln se. se. Determina

Dettagli

Anello commutativo. Un anello è commutativo se il prodotto è commutativo.

Anello commutativo. Un anello è commutativo se il prodotto è commutativo. Anello. Un anello (A, +, ) è un insieme A con due operazioni + e, dette somma e prodotto, tali che (A, +) è un gruppo abeliano, (A, ) è un monoide, e valgono le proprietà di distributività (a destra e

Dettagli

INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI

INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI Prima di riuscire a scrivere un programma, abbiamo bisogno di conoscere un metodo risolutivo, cioè un metodo che a partire dai dati di ingresso fornisce i risultati attesi.

Dettagli

Esponenziali elogaritmi

Esponenziali elogaritmi Esponenziali elogaritmi Potenze ad esponente reale Ricordiamo che per un qualsiasi numero razionale m n prendere n>0) si pone a m n = n a m (in cui si può sempre a patto che a sia un numero reale positivo.

Dettagli

- La denuncia di inizio, di modifica e di cessazione dell attività delle società

- La denuncia di inizio, di modifica e di cessazione dell attività delle società Registro Imprese - La denuncia di inizio, di modifica e di cessazione dell attività delle società - I trasferimenti di sede da altra provincia Come descrivere l attività Sintetica, chiara e concreta SI

Dettagli

1 Configurazioni SOL per export SIBIB

1 Configurazioni SOL per export SIBIB Pag.1 di 7 1 Configurazioni SOL per export SIBIB Le configurazioni per l export dei dati verso SIBIB si trovano in: Amministrazione Sistema > Import-Export dati > Configurazioni. Tutte le configurazioni

Dettagli

Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica

Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica soggetti decisionali autonomi con obiettivi (almeno parzialmente) contrapposti guadagno di ognuno dipende dalle scelte sue e degli altri Giocatori razionali

Dettagli

I numeri complessi. Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli

I numeri complessi. Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli I numeri complessi Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli 1 Introduzione Studiare i numeri complessi può sembrare inutile ed avulso dalla realtà;

Dettagli

Introduzione all elettronica

Introduzione all elettronica Introduzione all elettronica L elettronica nacque agli inizi del 1900 con l invenzione del primo componente elettronico, il diodo (1904) seguito poi dal triodo (1906) i cosiddetti tubi a vuoto. Questa

Dettagli

Teoria degli insiemi

Teoria degli insiemi Teoria degli insiemi pag 1 Easy Matematica di dolfo Scimone Teoria degli insiemi Il concetto di insieme si assume come primitivo, cioè non riconducibile a concetti precedentemente definiti. Sinonimi di

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

Seconda Legge DINAMICA: F = ma

Seconda Legge DINAMICA: F = ma Seconda Legge DINAMICA: F = ma (Le grandezze vettoriali sono indicate in grassetto e anche in arancione) Fisica con Elementi di Matematica 1 Unità di misura: Massa m si misura in kg, Accelerazione a si

Dettagli

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Archimede ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Sia ABCD un quadrato di

Dettagli

Ancora sull indipendenza. Se A e B sono indipendenti allora lo sono anche

Ancora sull indipendenza. Se A e B sono indipendenti allora lo sono anche Ancora sull indipendenza Se A e B sono indipendenti allora lo sono anche A e B Ā e B Ā e B Sfruttiamo le leggi di De Morgan Leggi di De Morgan A B = Ā B A B = Ā B P (Ā B) = P (A B) = 1 P (A B) = 1 (P (A)

Dettagli

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA ANUGA COLONIA 05-09 OTTOBRE 2013 Ragione Sociale Inviare a : all'attenzione di : Padiglione Koelnmesse Srl Giulia Falchetti/Alessandra Cola Viale Sarca 336 F tel. 02/86961336 Stand 20126 Milano fax 02/89095134

Dettagli

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo Politica fiscale Politica fiscale è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo polit fiscale 2 Saldo complessivo B s Entrate

Dettagli

Manipolazione di testi: espressioni regolari

Manipolazione di testi: espressioni regolari Manipolazione di testi: espressioni regolari Un meccanismo per specificare un pattern, che, di fatto, è la rappresentazione sintetica di un insieme (eventualmente infinito) di stringhe: il pattern viene

Dettagli

STRUTTURE (O COSTRUTTI) DI CONTROLLO

STRUTTURE (O COSTRUTTI) DI CONTROLLO Le strutture di controllo Le strutture di controllo STRUTTURE (O COSTRUTTI) DI CONTROLLO determinano l ordine con cui devono essere eseguite le istruzioni sono indipendenti dalla natura delle istruzioni

Dettagli

Le trasformazioni geometriche

Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni affini del piano o affinità Le similitudini Le isometrie Le traslazioni Le rotazioni Le simmetrie assiale e centrale Le omotetie

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Gli algoritmi. Gli algoritmi. Analisi e programmazione

Gli algoritmi. Gli algoritmi. Analisi e programmazione Gli algoritmi Analisi e programmazione Gli algoritmi Proprietà ed esempi Costanti e variabili, assegnazione, istruzioni, proposizioni e predicati Vettori e matrici I diagrammi a blocchi Analisi strutturata

Dettagli

su web che riportano documentazione e software dedicati agli argomenti trattati nel libro, riportandone, alla fine dei rispettivi capitoli, gli

su web che riportano documentazione e software dedicati agli argomenti trattati nel libro, riportandone, alla fine dei rispettivi capitoli, gli Prefazione Non è facile definire che cosa è un problema inverso anche se, ogni giorno, facciamo delle operazioni mentali che sono dei metodi inversi: riconoscere i luoghi che attraversiamo quando andiamo

Dettagli

Gli array. Gli array. Gli array. Classi di memorizzazione per array. Inizializzazione esplicita degli array. Array e puntatori

Gli array. Gli array. Gli array. Classi di memorizzazione per array. Inizializzazione esplicita degli array. Array e puntatori Gli array Array e puntatori Laboratorio di Informatica I un array è un insieme di elementi (valori) avente le seguenti caratteristiche: - un array è ordinato: agli elementi dell array è assegnato un ordine

Dettagli

CRYPTSETUP RAPIDO. man cryptsetup

CRYPTSETUP RAPIDO. man cryptsetup CRYPTSETUP RAPIDO La presente guida non vuole essere completa, si tratta solo della somma degli appunti utilizzati per creare e gestire una zona cifrata ove salvare i documenti. La distribuzione di riferimento

Dettagli

RICORSIONE - schema ricorsivo (o induttivo) si esegue l'azione S, su un insieme di dati D, mediante eventuale esecuzione di

RICORSIONE - schema ricorsivo (o induttivo) si esegue l'azione S, su un insieme di dati D, mediante eventuale esecuzione di RICORSIONE - schema ricorsivo (o induttivo) si esegue l'azione S, su un insieme di dati D, mediante eventuale esecuzione di esempio CERCA 90 NEL SACCHETTO = estrai num Casi num 90 Effetti CERCA 90 NEL

Dettagli

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA 1 ATTREZZI MATERIALI 2 Tavoletta compensato Misure: 30cmx20-30 cm spellafili punteruolo cacciavite Nastro isolante Metro da falegname e matita Lampadine da 4,5V o 1,5V pinza

Dettagli

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali 1 Numeri naturali La successione di tutti i numeri del tipo: 0,1, 2, 3, 4,..., n,... forma l'insieme dei numeri naturali, che si indica con il simbolo N. Tale insieme si può disporre in maniera ordinata

Dettagli

Tipicamente un elaboratore è capace di trattare domini di dati di tipi primitivi

Tipicamente un elaboratore è capace di trattare domini di dati di tipi primitivi TIPI DI DATO Tipicamente un elaboratore è capace di trattare domini di dati di tipi primitivi numeri naturali, interi, reali caratteri e stringhe di caratteri e quasi sempre anche collezioni di oggetti,

Dettagli

Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master

Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master Industry Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master Dispositivi utilizzati: - 2 LOGO! 0BA7 (6ED1 052-1MD00-0AB7) - Scalance X-208 LOGO! 0BA7 Client IP: 192.168.0.1 LOGO! 0BA7 Server IP:

Dettagli

I file di dati. Unità didattica D1 1

I file di dati. Unità didattica D1 1 I file di dati Unità didattica D1 1 1) I file sequenziali Utili per la memorizzazione di informazioni testuali Si tratta di strutture organizzate per righe e non per record Non sono adatte per grandi quantità

Dettagli

DAL PROBLEMA AL PROGRAMMA

DAL PROBLEMA AL PROGRAMMA 1. I PROBLEMI E LA LORO SOLUZIONE DAL PROBLEMA AL PROGRAMMA L'uomo, per affrontare gli innumerevoli problemi postigli dallo sviluppo della civiltà, si è avvalso della scienza e della tecnica, i cui destini

Dettagli

Il luogo delle radici (ver. 1.0)

Il luogo delle radici (ver. 1.0) Il luogo delle radici (ver. 1.0) 1 Sia dato il sistema in retroazione riportato in Fig. 1.1. Il luogo delle radici è uno strumento mediante il quale è possibile valutare la posizione dei poli della funzione

Dettagli

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte)

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte) Corso di Geometria I (seconda parte) anno acc. 2009/2010 Cambiamento del sistema di riferimento in E 3 Consideriamo in E 3 due sistemi di riferimento ortonormali R e R, ed un punto P (x, y, z) in R. Lo

Dettagli

CINECA - NOTE TECNICHE per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) PARTE I e II*

CINECA - NOTE TECNICHE per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) PARTE I e II* CINECA - NOTE TECNICHE per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) PARTE I e II* Indice 1. Informazioni generali 2. Parte I: obiettivi, gestione e risorse del Dipartimento

Dettagli

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento.

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. Excel: le funzioni Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. DEFINIZIONE: Le funzioni sono dei procedimenti

Dettagli

In base alla definizione di limite, la definizione di continuità può essere data come segue:

In base alla definizione di limite, la definizione di continuità può essere data come segue: Def. Sia f una funzione a valori reali definita in un intervallo I (itato o ilitato) e sia un punto interno all intervallo I. Si dice che f è continua nel punto se: ( )= ( ) Una funzione f è continua in

Dettagli

Il principio di induzione e i numeri naturali.

Il principio di induzione e i numeri naturali. Il principio di induzione e i numeri naturali. Il principio di induzione è un potente strumento di dimostrazione, al quale si ricorre ogni volta che si debba dimostrare una proprietà in un numero infinito

Dettagli

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni Funzioni Le funzioni Con il termine funzione si intende, in generale, un operatore che, applicato a un insieme di operandi, consente di calcolare un risultato, come avviene anche per una funzione matematica

Dettagli

Le Stringhe. Un introduzione operativa. Luigi Palopoli

Le Stringhe. Un introduzione operativa. Luigi Palopoli Le Stringhe p.1/19 Le Stringhe Un introduzione operativa Luigi Palopoli ReTiS Lab - Scuola Superiore S. Anna Viale Rinaldo Piaggio 34 Pontedera - Pisa Tel. 050-883444 Email: palopoli@sssup.it URL: http://feanor.sssup.it/

Dettagli

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA 1. RICHIAMI SULLE PROPRIETÀ DEI NUMERI NATURALI Ho mostrato in un altra dispensa come ricavare a partire dagli assiomi di

Dettagli

#$%&$'%'&%% ($)&*$%% +* ($) % //(*%(*" ))*))( *!* %*& ($,0$. *%

#$%&$'%'&%% ($)&*$%% +* ($) % //(*%(* ))*))( *!* %*& ($,0$. *% !" " //(*%(*" ))*))( *!* *(*/-*%(*2,&2 %*&!" #$%&$'%'&%% ($)&*$%% +* ($) %,%,-.%*" ($)&*$/% ')( ($,0$. *% ($,1% 2 ...4 #$%...4 &...5...6...7...8 Le aree estrattive provinciali... 8 Il contesto territoriale...

Dettagli

TASSI DI ASSENZA, MAGGIOR PRESENZA E ASSENTEISMO NETTO DEL PERSONALE DIPENDENTE DIVISO PER AREE DIRIGENZIALI (compresi i Dirigenti)

TASSI DI ASSENZA, MAGGIOR PRESENZA E ASSENTEISMO NETTO DEL PERSONALE DIPENDENTE DIVISO PER AREE DIRIGENZIALI (compresi i Dirigenti) CAMERA DI COMMERCIO NUMERO UNITA' DI PERSONALE 333 333 333 329 332 332 329 328 363 365 360 358 1.256 996 896 1.691 879 1.089 1.736 3.368 1.157 817 1.049 1.543 B) GIORNI LAVORATI COMPLESSIVI 5.709 5.962

Dettagli

La somma di 12 e 30 è 42

La somma di 12 e 30 è 42 Nuovo Esercizio Supponendo che: all operazione somma corrisponda il numero 1 all operazione differenza corrisponda il numero 2 all operazione modulo corrisponda il numero 3 all operazione divisione intera

Dettagli

L utilizzo delle emoticon con altri strumenti di customer satisfaction. Relatore Susi Ribon Capo Settore Servizi all Utenza

L utilizzo delle emoticon con altri strumenti di customer satisfaction. Relatore Susi Ribon Capo Settore Servizi all Utenza L utilizzo delle emoticon con altri strumenti di customer satisfaction Relatore Susi Ribon Capo Settore Servizi all Utenza L Agenzia delle Entrate La sua funzione strategica, a servizio dei cittadini e

Dettagli

Cenni su algoritmi, diagrammi di flusso, strutture di controllo

Cenni su algoritmi, diagrammi di flusso, strutture di controllo Cenni su algoritmi, diagrammi di flusso, strutture di controllo Algoritmo Spesso, nel nostro vivere quotidiano, ci troviamo nella necessità di risolvere problemi. La descrizione della successione di operazioni

Dettagli

Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali.

Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali. CAPITOLO 7 Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali. Esercizio 7.1. Determinare il rango delle seguenti matrici al variare del parametro t R. 1 4 2 1 4 2 A 1 = 0 t+1 1 A 2 = 0 t+1 1

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

AA 2006-07 LA RICORSIONE

AA 2006-07 LA RICORSIONE PROGRAMMAZIONE AA 2006-07 LA RICORSIONE AA 2006-07 Prof.ssa A. Lanza - DIB 1/18 LA RICORSIONE Il concetto di ricorsione nasce dalla matematica Una funzione matematica è definita ricorsivamente quando nella

Dettagli

Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello

Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello Maurizio Palesi Maurizio Palesi 1 Introduzione Obiettivo della sintesi logica: ottimizzazione delle cifre di merito area e prestazioni Prestazioni:

Dettagli

DISTRIBUZIONI DI VARIABILI CASUALI DISCRETE

DISTRIBUZIONI DI VARIABILI CASUALI DISCRETE DISTRIBUZIONI DI VARIABILI CASUALI DISCRETE variabile casuale (rv): regola che associa un numero ad ogni evento di uno spazio E. variabile casuale di Bernoulli: rv che può assumere solo due valori (e.g.,

Dettagli

Definizione. File di dati. Insieme di record omogenei memorizzati in memoria di massa. Record. Bianchi. Anna Roma 1980. Verdi. Luca Milano 1960.

Definizione. File di dati. Insieme di record omogenei memorizzati in memoria di massa. Record. Bianchi. Anna Roma 1980. Verdi. Luca Milano 1960. File di dati Definizione File di dati Insieme di record omogenei memorizzati in memoria di massa Bianchi Verdi Neri Verdi Anna Roma 1980 Luca Milano 1960 Andrea Torino 1976 Paola Bari 1954 Record Operazioni

Dettagli

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara Esercizi di Algebra Lineare Claretta Carrara Indice Capitolo 1. Operazioni tra matrici e n-uple 1 1. Soluzioni 3 Capitolo. Rette e piani 15 1. Suggerimenti 19. Soluzioni 1 Capitolo 3. Gruppi, spazi e

Dettagli

Istruzioni per il controllo di ciclo - ciclo a condizione generica

Istruzioni per il controllo di ciclo - ciclo a condizione generica Istruzioni per il controllo di ciclo - ciclo a condizione generica Permette di ripetere l esecuzione di un blocco di istruzioni finchè non viene verificata una condizione logica. Sintassi istruzione_1...

Dettagli

TECNICHE DI SIMULAZIONE

TECNICHE DI SIMULAZIONE TECNICHE DI SIMULAZIONE MODELLI STATISTICI NELLA SIMULAZIONE Francesca Mazzia Dipartimento di Matematica Università di Bari a.a. 2004/2005 TECNICHE DI SIMULAZIONE p. 1 Modelli statistici nella simulazione

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Risposte canoniche e sistemi elementari Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it pag. 1

Dettagli

Esistenza di funzioni continue non differenziabili in alcun punto

Esistenza di funzioni continue non differenziabili in alcun punto UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA Esistenza di funzioni continue non differenziabili in alcun punto Relatore Prof. Andrea

Dettagli

Come si indica un punto? Un punto si indica (distingue) con una lettera maiuscola dell alfabeto italiano.

Come si indica un punto? Un punto si indica (distingue) con una lettera maiuscola dell alfabeto italiano. Il punto Il punto è un elemento geometrico fondamentale privo di dimensioni ed occupa solo una posizione. Come si indica un punto? Un punto si indica (distingue) con una lettera maiuscola dell alfabeto

Dettagli

Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia

Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia La diversità tra gli agenti economici è alla base della nascita dell attività economica e, in generale, lo scambio di beni e servizi ha

Dettagli

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Definizione 1. Un sistema lineare di m equazioni in n incognite, in forma normale, è del tipo a 11 x 1 + + a 1n x n = b 1 a 21 x 1 + + a 2n x n = b 2 (1) = a m1 x 1 + +

Dettagli

Le difficoltà cui fanno fronte i giovani italiani per trovare un lavoro rischiano di compromettere gli investimenti nell istruzione.

Le difficoltà cui fanno fronte i giovani italiani per trovare un lavoro rischiano di compromettere gli investimenti nell istruzione. Il rapporto dell OCSE intitolato Education at a Glance: OECD Indicators è una fonte autorevole d informazioni accurate e pertinenti sullo stato dell istruzione nel mondo. Il rapporto presenta dati sulla

Dettagli

Le Geometrie non euclidee

Le Geometrie non euclidee Le Geometrie non euclidee Un introduzione elementare Riccardo Dossena Liceo Scientifico G. Novello Codogno (LO) 12 marzo 2015 Euclide di Alessandria Euclide (circa 300 a.c.) Euclide di Alessandria 1 Epoca:

Dettagli

Integrazione numerica

Integrazione numerica Integrazione numerica Lucia Gastaldi Dipartimento di Matematica, http://dm.ing.unibs.it/gastaldi/ Lezione 6-20-26 ottobre 2009 Indice 1 Formule di quadratura semplici e composite Formule di quadratura

Dettagli

Allegato A Documentazione introduttiva all utilizzo della SAM regionale nel periodo di cantiere

Allegato A Documentazione introduttiva all utilizzo della SAM regionale nel periodo di cantiere 1 La matrice di contabilità sociale (SAM): uno strumento per la valutazione. Appendice A Documentazione introduttiva all utilizzo della SAM regionale nel periodo di cantiere IPI, 2009 Sono vietate le riproduzioni

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Per realizzare un programma in VB

Per realizzare un programma in VB Per realizzare un programma in VB E necessario eseguire nell ordine i seguenti passi: 1) Dato un problema, disegnare la tabella delle variabili 2) Determinare l algoritmo risolutivo con la pseudocodifica

Dettagli

CAMPIONE DELL URSS MKKKKKKKKN I/@?@7@?0J I@#@?,#@?J I#@+$#@?$J I@?@?"?$3J I?@?@?@'@J I")&?@%@?J I?"!@?"!"J I@?@-2-6?J PLLLLLLLLO

CAMPIONE DELL URSS MKKKKKKKKN I/@?@7@?0J I@#@?,#@?J I#@+$#@?$J I@?@??$3J I?@?@?@'@J I)&?@%@?J I?!@?!J I@?@-2-6?J PLLLLLLLLO CAMPIONE DELL URSS Alla fine di novembre del 1956 cominciò a Tbilisi la semifinale del 24 campionato dell Urss. Tal vi prese parte. Aspiravano al diritto di giocare il torneo di campionato, tra gli altri,

Dettagli

LA MATEMATICA PER LE ALTRE DISCIPLINE. Prerequisiti e sviluppi universitari G. ACCASCINA, G. ANICHINI, G. ANZELLOTTI, F. ROSSO, V. VILLANI, R.

LA MATEMATICA PER LE ALTRE DISCIPLINE. Prerequisiti e sviluppi universitari G. ACCASCINA, G. ANICHINI, G. ANZELLOTTI, F. ROSSO, V. VILLANI, R. LA MATEMATICA PER LE ALTRE DISCIPLINE Prerequisiti e sviluppi universitari a cura di G. ACCASCINA, G. ANICHINI, G. ANZELLOTTI, F. ROSSO, V. VILLANI, R. ZAN Unione Matematica Italiana 2006 Ho continuato

Dettagli

Fortran per Ingegneri

Fortran per Ingegneri Fortran per Ingegneri Lezione 5 A.A. 0/04 Ing. Davide Vanzo davide.vanzo@unitn.it Ing. Simone Zen simone.zen@unitn.it ufficio: Laboratorio didattico di modellistica ambientale ( piano) Tel interno: 488

Dettagli

Esercizi Capitolo 5 - Alberi

Esercizi Capitolo 5 - Alberi Esercizi Capitolo 5 - Alberi Alberto Montresor 19 Agosto, 2014 Alcuni degli esercizi che seguono sono associati alle rispettive soluzioni. Se il vostro lettore PDF lo consente, è possibile saltare alle

Dettagli

Metodi statistici per l economia (Prof. Capitanio) Slide n. 4. Materiale di supporto per le lezioni. Non sostituisce il libro di testo

Metodi statistici per l economia (Prof. Capitanio) Slide n. 4. Materiale di supporto per le lezioni. Non sostituisce il libro di testo Metodi statistici per l economia (Prof. Capitanio) Slide n. 4 Materiale di supporto per le lezioni. Non sostituisce il libro di testo Dipendenza di un carattere QUANTITATIVO da un carattere QUALITATIVO

Dettagli

Unità 1. I Numeri Relativi

Unità 1. I Numeri Relativi Unità 1 I Numeri Relativi Allinizio della prima abbiamo introdotto i 0numeri 1 naturali: 2 3 4 5 6... E quattro operazioni basilari per operare con essi + : - : Ci siamo però accorti che la somma e la

Dettagli

Introduzione allo Scilab Parte 3: funzioni; vettori.

Introduzione allo Scilab Parte 3: funzioni; vettori. Introduzione allo Scilab Parte 3: funzioni; vettori. Felice Iavernaro Dipartimento di Matematica Università di Bari http://dm.uniba.it/ iavernaro felix@dm.uniba.it 13 Giugno 2007 Felice Iavernaro (Univ.

Dettagli

Università degli studi di Pavia Facoltà di Economia a.a. 2014-2015

Università degli studi di Pavia Facoltà di Economia a.a. 2014-2015 Università degli studi di Pavia Facoltà di Economia a.a. 2014-2015 Corso di Economia Aziendale II modulo Capitolo 4 Lo scambio monetario e i valori scaturenti da esso 1 Stru%ura del corso Introduzione

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

Limiti e forme indeterminate

Limiti e forme indeterminate Limiti e forme indeterminate Edizioni H ALPHA LORENZO ROI c Edizioni H ALPHA. Ottobre 04. H L immagine frattale di copertina rappresenta un particolare dell insieme di Mandelbrot centrato nel punto.5378303507,

Dettagli

Capitolo 10 Costi. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 10 Costi. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 10 Costi COSTI Per poter realizzare la produzione l impresa sostiene dei costi Si tratta di scegliere la combinazione ottimale dei fattori produttivi per l impresa È bene ricordare che la categoria

Dettagli

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001 Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 000-00 Problema Sia AB un segmento di lunghezza a e il suo punto medio. Fissato un conveniente

Dettagli

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA.

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. Prerequisiti I radicali Risoluzione di sistemi di equazioni di primo e secondo grado. Classificazione e dominio delle funzioni algebriche Obiettivi minimi Saper

Dettagli

Logaritmi ed esponenziali

Logaritmi ed esponenziali Logaritmi ed esponenziali definizioni, proprietà ITIS Feltrinelli anno scolastico 2007-2008 A cosa servono i logaritmi I logaritmi rendono possibile trasformare prodotti in somme, quozienti in differenze,

Dettagli

Catalogo Tecnico 2012 OLA 20

Catalogo Tecnico 2012 OLA 20 Catalogo Tecnico 2012 OLA 20 Catalogo Tecnico 2012 OLA 20 CATALOGO TECNICO SCARICATO DA WWW.SNAIDEROPARTNERS.COM IL CATALOGO È SOGGETTO AD AGGIORNAMENTI PERIODICI SEGNALATI ALL INTERNO DI EXTRANET: PRIMA

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

Equazioni non lineari

Equazioni non lineari Dipartimento di Matematica tel. 011 0907503 stefano.berrone@polito.it http://calvino.polito.it/~sberrone Laboratorio di modellazione e progettazione materiali Trovare il valore x R tale che f (x) = 0,

Dettagli

ALLEGATO N. 2 STANDARD TECNICI DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO

ALLEGATO N. 2 STANDARD TECNICI DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO ALLEGATO N. 2 STANDARD TECNICI DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO 1 INDICE 1) ASPETTI GENERALI 2) CONTENUTO DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO 2.1) OPERAZIONI 2.2) RAPPORTI 2.3) LEGAMI TRA SOGGETTI 3) CRITERI

Dettagli

EQUAZIONI non LINEARI

EQUAZIONI non LINEARI EQUAZIONI non LINEARI Francesca Pelosi Dipartimento di Matematica, Università di Roma Tor Vergata CALCOLO NUMERICO e PROGRAMMAZIONE http://www.mat.uniroma2.it/ pelosi/ EQUAZIONI non LINEARI p.1/44 EQUAZIONI

Dettagli