2/2014 IN QUESTO NUMERO/ Accesso alla professione. Previdenza complementare FUTURa Opportunità. Fondi europei. Expo 2015 droni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2/2014 IN QUESTO NUMERO/ Accesso alla professione. Previdenza complementare FUTURa Opportunità. Fondi europei. Expo 2015 droni"

Transcript

1 geocentro fondazione Geometri Italiani ANNO VI / ottobre - dicembre 2014 GEOCENTRonline Rivista dei Geometri e dei Geometri Laureati 2/2014 IN QUESTO NUMERO/ Accesso alla professione Percorso di studi Previdenza complementare FUTURa Opportunità fondo rotativo Fondi europei bando di concorso Expo 2015 droni

2

3 E geocentroonline sommario 5 EDITORIALE Protagonisti del rinnovamento F GEOCENTRonline rivista dei Geometri e Geometri Laureati iniziative 19 Un Bando di Concorso per EXPO 2015 fondi europei 23 Liberi di far crescere la propria attività 7 INTERVENTI Professione geometra M. Savoncelli focus 27 Il drone dietro l angolo associazioni 31 GEO.VAL. ESPERTI sbarca anche in Sicilia 11 INTERVENTI Previdenza complementare F. Amadasi 34 DENTRO IL COLLEGIO Collegio Pordenone 36 PROGETTI Residenza Principe 38 NORME & LEGGI Le società tra professionisti (STP) opportunità 15 I Geometri al servizio dei Comuni Dicembre 2/2014 GEOCENTRO ONLINE Rivista dei Geometri e dei Geometri Laureati Editore: Fondazione Geometri Italiani Direttore Editoriale: Maurizio Savoncelli Direttore Responsabile: Antonella Tempera Comitato Di Redazione: Cristiano Cremoli, Marco Nardini, Cesare Galbiati, Diego Buono Grafica e impaginazione: Arianna Berti, Agicom Srl Illustrazioni: freepick.com, Shutterstock Concessionaria di Pubblicità: Agicom Srl Registrazione al Tribunale di Roma N. 196 del 23/07/2014 La rivista è pubblicata sfogliabile online sui siti geometrinrete e può essere scaricata integralmente in formato PDF. È vietata la riproduzione, anche parziale, di articoli, fotografie e disegni senza la preventiva autorizzazione.

4

5 editoriale Antonella Tempera Direttore Responsabile Protagonisti del rinnovamento Quando una scelta di rinnovamento con le sfide e le incognite che comporta viene ripagata alla prova dei fatti dall accoglienza del pubblico per cui è stata pensata, credo che la soddisfazione per il risultato raggiunto sia legittima come anche la gratitudine per coloro che hanno apprezzato il progetto, attraverso i loro feedback positivi, e per chi ha contribuito a realizzarlo. Detto ciò, mi sembra però doveroso voltare in fretta questa pagina e concentrarsi sulle prossime da scrivere: l ambizioso obiettivo che si propone Geocentro cioè offrire ai geometri uno strumento di qualità per le loro esigenze di informazione e aggiornamento impone un atteggiamento di costante confronto rispetto a situazioni che sono sempre in divenire e una continua ricerca di soluzioni a problemi posti tanto dalla realtà dei fatti che dalla loro comunicazione. In altre parole: la nave è stata felicemente varata, ma il viaggio che intende affrontare è molto lungo, e a quello bisogna pensare! In questo numero, considerata l attuale situazione di difficoltà economica, ci è sembrato inevitabile dare spazio al tema delle opportunità della professione: di questo si occupano i contributi dedicati alla collaborazione fra Geometri e Comuni, all accesso ai finanziamenti europei e all impiego dei droni. Non meno delicate e di attualità sono poi la questione della scuola, come motore propulsore per far ripartire la professione e preparare i geometri di domani, e quella della previdenza complementare: le considerazioni dei Presidenti del Consiglio e della Cassa, nei loro interventi, aiutano a metterne meglio a fuoco vantaggi e opportunità. Da ultimo mi sia concesso rinnovare insieme ai ringraziamenti per l accoglienza riservata al nuovo Geocentro anche l appello agli iscritti a cogliere al meglio le opportunità del nuovo formato: in particolare a sfruttare le risorse di interazione offerte dal digitale per diventare, oltre che semplici lettori, protagonisti del rinnovamento. geocentronline

6

7 interventi Maurizio Savoncelli Presidente del Consiglio Nazionale Geometri e Geometri Laureati (CNGeGL) Professione geometra UN PERCORSO DI STUDI SPECIFICO, ABILITANTE E DI LIVELLO UNIVERSITARIO Ancor prima di essere una priorità del Consiglio Nazionale, l evoluzione del titolo di studio per l accesso alla professione di geometra è un impegno responsabilmente assunto con i Collegi, con i Presidenti e con gli iscritti, quelli di oggi e quelli di domani: in un contesto di profonda trasformazione del sistema produttivo, le opportunità di lavoro possono diventare stabili e durature solo per quanti dispongono di un consolidato bagaglio culturale e di competenze tecniche e specifiche di eccellenza. geocentro nline

8 interventi Al primo punto del programma elettorale Innovazione e operatività presentato a Rimini in occasione dell ultimo Congresso nazionale del CNGeGL, si legge: Nell ambito della generale riforma sull accesso alle professioni e al fine di garantire ai cittadini prestazioni professionali di eccellenza, riteniamo indispensabile elevare il titolo di studio per l accesso alla professione e consolidare la qualifica D, riconosciuta dalla direttiva europea sul Riconoscimento delle qualifiche professionali (2005/36/CE). Oggi, chi ha sottoscritto quell impegno ha motivo di essere soddisfatto: con la presentazione del progetto al Ministro dell Istruzione Stefania Giannini, l obiettivo di attivare già dal prossimo anno il primo corso post secondario professionalizzante di valenza universitaria appare più che mai concreto e raggiungibile. TG1 Economia: Riforma accesso alla professione. Interviste al Ministro dell Istruzione Stefania Giannini e a Maurizio Savoncelli, Presidente CNGeGL Intervista Italia Oggi: Geometri sempre più qualificati Convegno 27 novembre 2014 L incontro istituzionale dello scorso 5 novembre presso la sede del MIUR ha fornito l occasione per descriverne in dettaglio i principali punti di forza: la possibilità di immettere direttamente nel mercato del lavoro ragazzi giovani (22 anni) già altamente qualificati; il raccordo con le indicazioni in materia di professioni fornite dall Europa (che nel prossimo futuro tenderanno a configurarsi sempre più come un vincolo); la valorizzazione della territorialità, giacché il progetto prevede che il corso post diploma si svolga all interno dell Istituto tecnico di provenienza, dove sono già presenti aule, laboratori, docenti, personale ATA. Mi permetto di sottolinearne altri tre: il curriculum bloccato, che significa che ciascuna università interessata al progetto non potrà presentare piani di studio differenti da quello proposto dalla Categoria: una misura severa ma necessaria per tutelare la specificità di un indirizzo che e siamo al successivo punto di forza abilita direttamente alla professione di geometra. Infine, la capacità di colmare le attuali lacune della preparazione tecnico-scientifica propria della professione causate dal riordino dei cicli della scuola secondaria di secondo grado (entrata in vigore nel 2010) e della scarsa focalizzazione sulle competenze professionali di lauree triennali e ITS. Questo nuovo percorso, al contrario, sarà autenticamente d indirizzo: potrà essere scelto da chi sin dal principio ha le idee chiare su cosa vorrà fare in futuro. Definiti gli elementi di contesto, entriamo nel dettaglio del progetto. Il Corso è strutturato in prosecuzione verticale con l istru- geocentro nline

9 zione secondaria di secondo grado CAT e prevede la collaborazione con università tradizionali e telematiche (già numerose le manifestazioni d interesse); l attivazione è subordinata ad una serie di passaggi presso le sedi ministeriali sui quali siamo già operativi. La previsione di tempi relativamente brevi ci consente di auspicare che i prossimi (nonché primi) diplomati CAT possano scegliere questo percorso sin dal prossimo anno. Contestualmente, per dare continuità alla Categoria, va avanti il binario tradizionale: il geometra diplomato al vecchio ITG affronterà il percorso per accedere all esame di abilitazione alla libera professione, aperto anche ai cosiddetti professionisti di ritorno generati dalla crisi economica e ai dipendenti pubblici ai fini dell avanzamento di carriera. In considerazione di tutti questi elementi, è plausibile immaginare che la messa a regime del nuovo sistema (un solo binario di accesso) possa avvenire in un arco temporale di anni. Infine, per chi della vecchia guardia avesse il desiderio di tornare tra i banchi, è allo studio un sistema di valutazione dei crediti utili al conseguimento del titolo del nuovo ordinamento legati all esperienza professionale. SCELGO IL CAT, E POI? Facciamo il punto.? Con l entrata in vigore della riforma di riordino dei cicli della scuola secondaria di secondo grado, nel 2010 l Istituto Tecnico per Geometri è stato sostituito dall Istituto Tecnologico Profilo Costruzioni, Ambiente e Territorio (C9). Il percorso, di durata quinquennale, è articolato in un biennio propedeutico e un triennio d indirizzo. Conseguito il diploma d istruzione tecnica, lo studente può: inserirsi direttamente nel mondo del lavoro presso pubblici impieghi, aziende e studi privati; accedere all università; continuare gli studi nel sistema d istruzione e formazione tecnica superiore; svolgere il tirocinio formativo presso professionisti con requisiti a norma di legge, accedere all esame di abilitazione alla libera professione di geometra e, previo superamento, iscriversi all Albo professionale. Tutto chiaro? Non proprio, se è vero come sostengono non pochi dirigenti scolastici che nel passaggio da ITG a CAT il numero delle iscrizioni è calato a causa della mancanza d informazioni sulle prospettive di lavoro. Con l obiettivo di fare chiarezza, il 27 novembre il CNGeGL ha organizzato a Roma un incontro di formazione e aggiornamento sulle tematiche dell orientamento scolastico dedicato a dirigenti e docenti d indirizzo CAT del Lazio. L incontro, presso la sede della Cassa Italiana di Previdenza e Assistenza Geometri, è stato trasmesso in streaming presso le sedi dei Collegi che, per l occasione, hanno ospitato i rappresentanti degli analoghi istituti locali interessati all argomento. Professione geometra geocentro nline

10

11 interventi Fausto Amadasi Presidente della Cassa Italiana di Previdenza ed Assistenza dei Geometri Liberi Professionisti (CIPAG) Previdenza complementare Progettare il futuro, oggi. Il tema della previdenza complementare (o di secondo pilastro) è un capitolo fondamentale della politica del welfare integrato finanziario che, da anni, la CIPAG sta promuovendo in favore degli associati. Nell ottica dell ampliamento dei servizi agli iscritti, infatti, è chiara a tutti l importanza di garantire un dignitoso tasso di sostituzione a fine carriera, tale cioè da lasciare sostanzialmente immutato nel tempo lo stile di vita. In questa partita decisiva, la CIPAG può rivendicare con orgoglio l iter lungimirante (e complesso) che l ha portata ad essere la prima Cassa di Previdenza Privatizzata a realizzare e gestire in autonomia un proprio Fondo di Previdenza Complementare. Per analizzare le ragioni che hanno portato la Cassa ad effettuare questa scelta di integrazione della tradizionale politica previdenziale occorre mettere a fuoco le linee di sviluppo che intende attuare in tempi brevi. Che la questione della tutela del professionista a fine carriera sia diventata uno dei temi più delicati nel mondo del lavoro è un fatto sotto gli occhi di tutti ormai da troppo tempo anche perché sempre più spesso si incrocia con altri nodi fondamentali del sistema previdenziale pubblico - e la previdenza complementare è così diventata uno degli argomenti di maggior sollecitazione politica verso le Casse. geocentronline

12 interventi Già a partire dagli anni 90, le riforme del sistema generale rese necessarie dall aumento della durata della vita media e dal rallentamento della crescita economica hanno abbassato a soglie preoccupanti il cosiddetto tasso di sostituzione, cioè il rapporto percentuale fra la prima annualità completa della pensione e l ultimo reddito annuo prima del pensionamento. Di fatto, la forbice sempre più divaricata fra ultimo stipendio e pensione ha imposto di ricorrere a misure compensative la previdenza complementare o di secondo pilastro, appunto grazie alle quali accantonare volontariamente una parte dei risparmi della vita lavorativa per affiancare, in alternativa ad un aumento molto pesante dei contributi obbligatori, una pensione integrativa a quella corrisposta dalla previdenza obbligatoria. A differenza di quest ultima, tuttavia, la previdenza complementare rappresenta a tutti gli effetti un opportunità di risparmio, a cui lo Stato riconosce agevolazioni fiscali vantaggiose. Altra differenza sostanziale è che, nel caso della previdenza complementare, lo Stato ha fatto per così dire un passo indietro, lasciando al privato (Assicurazioni, Banche, Casse private di categoria etc.), il compito di colmare il vuoto. La questione come è chiaro tocca da vicino tutti i professionisti, ma è importante sottolineare che risulta tanto più essenziale per i più giovani fra loro. In prospettiva, infatti, la previdenza di secondo pilastro è destinata ad assumere rilievo sempre maggiore ed è dunque importante contribuire fin dall inizio della carriera lavorativa: rimandare, anche di pochi anni, l inizio dei versamenti significa infatti ridurre considerevolmente l ammontare della pensione complementare. COVIP Fondo Pensione FUTURA La CIPAG è stata fra le prime Casse di Previdenza a studiare ed elaborare uno strumento da offrire ai suoi associati come soluzione per questo fondamentale punto del welfare integrato e ad attuare una procedura di iscrizione collettiva con diritto di recesso per tutti gli iscritti di età inferiore ai 30 anni contribuendo agli oneri di iscrizione. Ma cos è in definitiva una Previdenza Complementare di categoria e quali sono i vantaggi di aderirvi? Vale la pena entrare nel dettaglio della genesi del Fondo di Previdenza FUTURA e delle regole che lo governano. Le due tappe fondamentali del lungo iter vanno rintracciate nel decreto legislativo n. 252 (2005), che ha assegnato il ruolo di completamento della tutela pensionistica a quelle che, fino ad allora, erano state considerate soltanto forme accessorie di previdenza e nella decisiva svolta nel 2010 quando a coronamento di una stretta collaborazione con la COVIP sono state approvate le necessarie modifiche allo Statuto della CIPAG ed al correlato Regolamento di attuazione delle norme statutarie. Il risultato è stato, appunto, il Fondo Pensione FUTURA che, in tema di previdenza complementare, geocentro nline

13 offre una serie di indubbi vantaggi agli associati CIPAG (e ai familiari fiscalmente a loro carico). Ricordiamo infatti che, oltre ad essere libera e volontaria per legge, l adesione al fondo offre significative agevolazioni fiscali: dalla deducibilità di quanto versato al fondo con un limite massimo di euro l anno a una tassazione agevolata dei rendimenti fra il 9 e il 15% (contro il 20% o 26% applicato anche ai rendimenti delle Casse Previdenziali) da applicarsi sul risultato netto maturato in ciascun periodo d imposta. Inoltre, nella fase di contribuzione non ci sono vincoli legislativi al versamento, quindi l aderente può scegliere autonomamente il contributo in base alle proprie disponibilità. Ancora, la normativa consente elevata flessibilità nella gestione della propria posizione qualora si verifichino impreviste situazioni per le quali sia necessario interrompere o riscattare la contribuzione (acquisto e ristrutturazione prima casa, spese sanitarie, etc.). Senza contare che è sempre fornita all aderente la possibilità di accedere online all area riservata in cui monitorare la propria posizione previdenziale in tempo reale. Tuttavia, nonostante questi indubbi vantaggi, rimangono ancora punti di criticità da risolvere e margini di miglioramento su cui è necessario lavorare, in sinergia con le altre Casse private, naturalmente, ma anche con l attuale governo. Proprio per risolvere questi ostacoli e promuovere l accesso alla previdenza complementare abbiamo incontrato il Sottosegretario del Ministero dell Economia Pier Paolo Baretta al quale abbiamo portato la nostra proposta nello spirito di una collaborazione fra governo e Casse tecniche di previdenza che promuova, da una parte, garanzie e tutele per gli iscritti, dall altra progetti concreti e attuabili per far ripartire il sistema paese. Al centro dell incontro è stato posto il percorso normativo che conduca le Casse alla costituzione della previdenza di secondo pilastro, finanziata con una percentuale del contributo integrativo (da 0,5% a 1%), al fine di avviare la posizione di previdenza complementare. Tale percentuale di contributo non finirebbe nel calderone delle provvidenze straordinarie ma in una posizione individuale del professionista iscritto. Il provvedimento, come è chiaro, costituirebbe un agevolazione per i professionisti in quanto nella sua forma contributiva rispetto alla previdenza di I Pilastro evita il rischio politico derivante dai cambi normativi. Inoltre, si tratterebbe di una riforma a costo zero dunque immediatamente attuabile che garantirebbe al professionista le agevolazioni previste dalla normativa sulla previdenza complementare (anticipazioni, integrazioni, deducibilità fiscale). Ci auguriamo che tale proposta venga accolta tra gli emendamenti della Legge di stabilità. Previdenza complementare geocentro nline

14 Il primo Fondo di Previdenza Complementare tagliato su misura per te e per i tuoi familiari

15 opportunità Ilario Tesio Consigliere CIPAG al servizio i geometri dei Comuni Nel quadro della XXXI assemblea ANCI, l incontro dal titolo Federalismo Demaniale e Sblocca Italia organizzato a Milano il 7 Novembre c.a. da Fondazione Patrimonio Comune (FPC) e IFEL è stata la cornice istituzionale per fare il punto della collaborazione tra CIPAG ed ANCI ma soprattutto per valutare, sulla base dei primi feedback, l iniziativa del Fondo Rotativo messo a disposizione dalle Casse Tecniche, risolverne i punti di criticità e individuarne gli sviluppi. geocentro nline

16 formazione sul territorio così da creare un offerta di liberi professionisti adeguati, preparati e competenti, in grado di supportare le Pubbliche Amministrazioopportunità Fondo Rotativo Fondazione Patrimonio Comune (FPC) Dal primo protocollo d intesa siglato nel 2009 fra CIPAG, CN- GeGL e ANCI molti passi decisivi sono stati compiuti perché questa collaborazione si traducesse concretamente in qualità, affidabilità, tecnologie e soluzioni avanzate per l edilizia abitativa e la valorizzazione del patrimonio immobiliare dei Comuni. Così nel 2012 CIPAG e Fondazione Geometri Italiani sono divenuti soci sostenitori della Fondazione Patrimonio Comune (FPC) struttura tecnica costituita da ANCI per supportare gli Enti locali nel censimento e nella valorizzazione e dismissione del patrimonio immobiliare. Già nel 2013 tale attività è divenuta operativa con la procedura online di codifica, censimento e valorizzazione del patrimonio immobiliare di proprietà pubblica (VOL), sviluppata insieme alla Cassa Depositi e Prestiti. Risale invece alla primavera di questo 2014 il varo dell altra fondamentale iniziativa cui si accennava. La FPC ha avviato, infatti, con CIPAG, EPPI e con la Fondazione Geometri Italiani uno specifico provvedimento denominato Fondo Rotativo per la regolarizzazione degli immobili, finalizzato al supporto tecnico e finanziario dei Comuni nelle fasi di verifica, censimento, regolarizzazione e valorizzazione del loro patrimonio immobiliare. Si tratta di un Fondo di rotazione di 3 milioni di euro per anticipare i pagamenti ai professionisti che presteranno la loro opera per le Pubbliche Amministrazioni convenzionate, nell ambito della verifica e regolarizzazione dei beni immobiliari pubblici presenti sul territorio. È evidente che il Fondo Rotativo rappresenta per i Geometri una nuova opportunità di lavoro e di accesso al credito mentre per i Comuni si rivela uno strumento di sostegno soprattutto nell ambito della procedura del Federalismo demaniale: accedendo al Fondo, i Comuni possono infatti beneficiare di un anticipo sulle spese da sostenere per le attività di due diligence, di regolarizzazione amministrativa, di stima degli interventi manutentivi, di diagnosi energetica degli immobili (audit di primo livello) ed eventualmente di stima di carico in bilancio. Questo anticipo sarà restituito dai Comuni, ad avvenuta valorizzazione degli immobili. Va a questo proposito ricordato che, per assicurare l efficacia dello strumento, CIPAG e CNGeGL si sono anche preoccupati di realizzare un attività di geocentro nline

17 ni nelle attività di censimento e valorizzazione. A questo fine è stata anche creata una banca dati qualificata per la registrazione dei professionisti, fondata su parametri oggettivi di territorialità, professionalità e formazione, per garantire alle richieste della Pubblica Amministrazione i professionisti dal profilo più adatto. I geometri al servizio dei Comuni Allo stato attuale delle cose, i feedback fatti pervenire alla Fondazione nel corso di questi mesi da parte dei Comuni coinvolti nel processo dimostrano da una parte che l iniziativa di FPC ha colto nel segno e funziona; dall altra che i professionisti sul territorio si sono fatti trovare preparati e all altezza delle richieste dell Amministrazione pubblica. Al tempo stesso, tuttavia, l esperienza maturata rende consapevoli di alcune criticità per cui è urgente trovare una soluzione. Limitandoci alle principali, ricordiamo: 1. La necessità, da parte del Comune, di trovare un capitolo di bilancio per regolarizzare le spese sostenute in quest ambito; 2. Da parte dell Ente che richiede una proprietà immobiliare dallo Stato o demanio in vista della sua valorizzazione, è necessario che ci sia una chiara progettualità e, vorrei dire, un assunzione di responsabilità; in moto economie oggi immobilizzate. Come tutte le macchine di nuova concezione, tuttavia, ha bisogno di modifiche e migliorie, per apportare le quali è fondamentale, innanzitutto, il dialogo fra Privato e Pubblico. Ma al di là di questo e al di là di slogan e promesse, ci auguriamo che il Pubblico vorrà anche ascoltare davvero le richieste espresse dal mondo dei professionisti e della realtà. I Geometri all assemblea Anci: 1/ interviste 2/ Incontri Istituzionali e proposte 3. Infine è fondamentale semplificare il percorso della collaborazione fra Comuni e FPC che, ora come ora, a causa delle troppe complicazioni burocratiche, è simile piuttosto ad una vera corsa ad ostacoli! In sostanza, la macchina ora esiste e il suo motore è promettente e, come si dice, performante per accogliere la sfida di rimettere geocentro nline

18

19 iniziative Marco Nardini Consigliere CNGeGL un bando di concorso per EXPO 2015 In occasione dell evento dell Expo, che si terrà a Milano dal 1 maggio al 31 ottobre 2015, la Fondazione Geometri Italiani ha indetto un Bando di Concorso a premi, riservato a tutti i geometri iscritti all Albo e ai praticanti, per la presentazione di progetti, studi, realizzazioni e prototipi che meglio interagiscono con i temi dell Expo: sicurezza alimentare, riqualificazione urbana e rurale, sostenibilità e biodiversità, cooperazione, conservazione e creatività ed innovazioni tecnologiche. geocentro nline

20 iniziative Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita : ispirandosi al tema dell Expo Milano 2015 la categoria, attraverso la Fondazione Geometri Italiani, ha bandito un concorso per la presentazione di progetti, studi, realizzazioni o prototipi che meglio interagiscono con i temi dell Esposizione, con l intento di coinvolgere gli iscritti nella diffusione della cultura ecologica attraverso la partecipazione consapevole alla salvaguardia del Pianeta, a garanzia delle future generazioni. L iniziativa, infatti, si prefigge di stimolare la partecipazione, in particolare dei giovani, con proposte tecnologiche mirate all innovazione del sistema alimentare e quindi dell agricoltura in generale. Un mezzo per acquisire e ampliare la visibilità del geometra, indispensabile per competere in differenti contesti nazionali e internazionali. Scarica il Bando di Concorso I temi oggetto del concorso sono tutti di ampio respiro: Sicurezza alimentare, Riqualificazione urbana e rurale, Sostenibilità e biodiversità, Conservazione e Creatività, Innovazioni tecnologiche, Cooperazione. Tra gli argomenti indicati nel bando, tutti attinenti la nostra professione, desidero soffermarmi sulla Cooperazione internazionale. geocentro nline

21 Un settore complesso e articolato, poco conosciuto dai nostri professionisti, che potrebbe rappresentare un mezzo efficace per ampliare gli sbocchi della nostra categoria. Nata come approccio di tipo collaborativo per sostenere lo sviluppo nei paesi più svantaggiati del mondo, oggi offre possibilità lavorative a giovani competenti e fortemente motivati in ambiti di intervento che comprendono, tra gli altri, la sicurezza alimentare e il progresso rurale, la valorizzazione del territorio e del patrimonio culturale dei Paesi in via di sviluppo. Contiamo sull ampia partecipazione dei geometri italiani a questa iniziativa, basata sulla consapevolezza che le nuove tecnologie, i nuovi prodotti e i nuovi processi produttivi sono nati con l intento di migliorare il benessere e la qualità della vita, semplificare attività altrimenti complesse o incrementare la possibilità di comunicare, di conoscere e di aumentare le esperienze che ci vengono offerte. Una strada interessante per le opportunità professionali che il futuro potrà offrire, ma soprattutto necessaria per rispondere alle esigenze di mercato e aprire nuove prospettive di lavoro di fronte all inasprirsi del contesto economico congiunturale e alla crisi di settore nel nostro Paese che impongono, anche alla nostra categoria, di uscire dai confini. Un Bando di Concorso per EXPO 2015 geocentro nline

22

23 fondi europei Laura Caserta Advisor sviluppo attività per l internazionalizzazione liberi di far crescere la propria attività I fondi europei Horizon 2020 e Cosme a portata di mano geocentro nline

24 fondi europei Commissione Europea Finanziamenti comunitari COSME HORIZON 2020 Per chi ha iniziato il mestiere sul tecnigrafo, con squadretta e compasso, per poi arrivare al PC e agli strumenti di misurazione laser, sentirsi dire che si è attori di sviluppo economico sarà scontato. Insomma l autoconsapevolezza del proprio valore di professionista ce la si è costruita sul campo, con fatica e cocciutaggine. Ora però, lo afferma anche la Commissione Europea e fa di più, assimilando il libero professionista, sia esso geometra o giornalista, alla piccola e media impresa. Questo si traduce in una grandissima opportunità: l accesso ai finanziamenti comunitari. Si parla di cifre importanti: 2,3 miliardi di euro per la competitività delle PMI e professioni con COSME e 80 miliardi per ricerca e innovazione con HORIZON da qui al Occorre però fare un passo indietro, per chiarezza e per capire quali passi sono stati fatti. Dal 2010 il lavorio dietro le quinte è stato tanto e c è stato chi ha promosso e vigilato sulle scelte comunitarie e sul concretizzare le opportunità; in primis il Presidente della CIPAG Fausto Amadasi, che ha preteso di partecipare al tavolo delle libere professioni a Bruxelles e di definire le esigenze dei geometri e il Presidente del CNGeGL geocentro nline

25 Maurizio Savoncelli, che non ha mollato la presa. Entrambi affiancati da partner professionali e da GEOWEB. Il risultato di questi anni di lavoro preliminare fa sì che i geometri oggi siano in pole position per intercettare le opportunità dei nuovi bandi, dato che la squadra che si è spesa per ottenere questa possibilità è molto attiva, affiatata e già in azione per mettere a regime velocemente le fasi successive. Liberi di far crescere la propria attività Dal punto di vista organizzativo, dal livello europeo si è passati ad un piano nazionale, per poi scendere a quello regionale: sono già state inviate, lo scorso luglio, lettere alle Regioni per stabilire un incontro con le realtà istituzionali del territorio e si stanno, parallelamente, individuando dei geometri referenti locali, affinché facciano da tramite con i colleghi interessati a richiedere i contributi. In concreto, si sta immaginando un piano d azione a tappe serrate, il cui primo passo è appunto stato l approccio con le Regioni, a cui seguiranno meeting con i referenti degli assessorati competenti all aggiudicazione dei fondi strutturali, per individuare progetti di reale interesse per la comunità e di effettiva ricaduta sociale. In altre parole, si sta mettendo a punto un sistema snello e semplice affinché ogni geometra possa informarsi delle reali opportunità e conseguentemente presentare le richieste di finanziamento. Ma non basta: sta per partire una serie d incontri informativi e formativi nelle più importanti città italiane e via web; un roadshow studiato e organizzato in collaborazione con GEOWEB per dare l opportunità ai professionisti di prendere confidenza con la materia e interloquire direttamente con chi supporterà l iter per l assegnazione dei finanziamenti. L aggiornamento tecnico e scientifico, nuova liquidità per innovare, è un propulsore vitale alle proprie attività e, in questo momento di crisi, un beneficio irrinunciabile. L appello è dunque di approfittarne! geocentro nline

26

27 fo cus Serafino Frisullo Consigliere CNGeGL il drone dietro l angolo L uso dei droni (SAPR) sta aprendo nuovi mercati, ma è necessario sapere bene che in materia di volo esistono regole precise. Anche per questi apparecchi. L uso dei droni, ma chiamiamoli d ora in poi SAPR Sistemi Aeromobili a Pilotaggio Remoto, dopo aver rivoluzionato l aviazione militare, sta entrando prepotentemente in molte altre attività professionali nelle quali è utile, se non indispensabile, il monitoraggio ambientale dall alto. Sono due i driver di questo sviluppo: il primo è il miglioramento delle prestazioni dei SAPR, con un conseguente abbassamento dei prezzi; il secondo è rappresentato dalla possibilità di dotarsi a prezzi accessibili di sistemi e sensori di monitoraggio, da installare sui SAPR. Il tutto si sta traducendo nella possibilità di fornire servizi, da parte dei professionisti, di controllo e monitoraggio dall alto a prezzi più geocentronline

FONDAZIONE PATRIMONIO COMUNE. ROMA maggio 2012

FONDAZIONE PATRIMONIO COMUNE. ROMA maggio 2012 FONDAZIONE PATRIMONIO COMUNE ROMA maggio 2012 mercoledì 30 maggio 2012 COS E Soggetto giuridico -ENTE- con Fondatore unico(anci), costituito con atto del 17 aprile scorso, il cui statuto prevede all art.

Dettagli

I Geometri al servizio dei Comuni

I Geometri al servizio dei Comuni al servizio dei Comuni cassa italiana previdenza e assistenza geometri >> Storia di una collaborazione Nel 2009 la Cassa Italiana di Previdenza ed Assistenza dei Geometri liberi professionisti (CIPAG),

Dettagli

Dai valore al tuo domani. fondo pensione

Dai valore al tuo domani. fondo pensione Dai valore al tuo domani fondo pensione fondo pensione E grande la soddisfazione per aver raggiunto l'obiettivo di realizzare il primo Fondo di Previdenza Complementare di categoria gestito da una Cassa

Dettagli

Il mercato dell involucro edilizio in Italia

Il mercato dell involucro edilizio in Italia Osservatorio Economico Uncsaal Il mercato dell involucro edilizio in Italia Serramenti Metallici Facciate Continue Anno 2008 Scenari 2009 Gennaio 2009 Commissione Studi Economici Uncsaal Coordinatore Carmine

Dettagli

Tavolo. Crescita ed equità

Tavolo. Crescita ed equità Tavolo Crescita ed equità Roma 19 giugno 2007 Le Organizzazioni dell artigianato e del commercio, preso atto delle linee di intervento indicate nella relazione del Ministro del Lavoro e della Previdenza

Dettagli

La tutela dei soggetti deboli sul mercato del lavoro. Ammortizzatori sociali Giovani Donne

La tutela dei soggetti deboli sul mercato del lavoro. Ammortizzatori sociali Giovani Donne La tutela dei soggetti deboli sul mercato del lavoro Ammortizzatori sociali Giovani Donne AMMORTIZZATORI SOCIALI La riforma punta al rafforzamento degli ammortizzatori sociali ed alla estensione delle

Dettagli

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno?

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno? Lo sviluppo dei Talenti per la crescita. Un confronto tra aziende e istituzioni ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano L Italia cerca talenti. Sembra incredibile, ma in uno scenario di crisi del mercato

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE GEOMETRI E GEOMETRI LAUREATI

CONSIGLIO NAZIONALE GEOMETRI E GEOMETRI LAUREATI CONSIGLIO NAZIONALE GEOMETRI E GEOMETRI LAUREATI Piazza Colonna 361 00187 Roma www.geometrinrete.it PROFILO ISTITUZIONALE Il Consiglio Nazionale Geometri e Geometri Laureati è istituito con D. Lgs. Luogotenenziale

Dettagli

Un nuovo orizzonte per la tutela e la sicurezza del lavoro nei cantieri edili

Un nuovo orizzonte per la tutela e la sicurezza del lavoro nei cantieri edili Supplemento 1.2009 7 Un nuovo orizzonte per la tutela e la sicurezza del lavoro nei cantieri edili Gian Carlo Muzzarelli* Sommario 1. Tutela e sicurezza del lavoro nei cantieri edili. 2. I cardini della

Dettagli

Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa

Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa 1. Premessa Le criticità e le difficoltà che incontrano i giovani ad entrare

Dettagli

Corsi di formazione per iscrizione ad elenco professionisti abilitati al rilascio della certificazione energetica di cui all art. 30 della L.R. 22/07.

Corsi di formazione per iscrizione ad elenco professionisti abilitati al rilascio della certificazione energetica di cui all art. 30 della L.R. 22/07. Anno XXXIX - N. 27 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA Parte II 2.07.2008 - pag. 3778 Nazionale per la Protezione dell Ambiente, nonché l art. 11 lett. j), che affida all ARPAL l espletamento delle

Dettagli

L applicazione nel settore pubblico

L applicazione nel settore pubblico L applicazione nel settore pubblico Gli obiettivi di efficienza energetica nel settore pubblico sono individuati dal capo IV del Decreto Legislativo 115/2208 che all art.12 individua nella persona del

Dettagli

116] Basilicata Regione Notizie

116] Basilicata Regione Notizie 112 116] Basilicata Regione Notizie Basilicata Regione Notizie[116 LA CARTA DI MATERA UN IMPEGNO COMUNE PER CONSOLIDARE LE ATTIVITÀ DI CONTROLLO E VALUTAZIONE NELLE ASSEMBLEE LEGISLATIVE DOCUMENTO APPROVATO

Dettagli

ORDINE DEL GIORNO CONSIGLIO NAZIONALE. riunitosi a Roma il 24 luglio 2013

ORDINE DEL GIORNO CONSIGLIO NAZIONALE. riunitosi a Roma il 24 luglio 2013 ORDINE DEL GIORNO CONSIGLIO NAZIONALE riunitosi a Roma il 24 luglio 2013 Il Consiglio nazionale ringrazia il Vice Presidente Vicario Alessandro Cattaneo del proficuo lavoro svolto nel periodo di reggenza,

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni dipartimento di scienze politiche MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni VI edizione A.A. 2014/2015 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA. Sono diversi anni che la nostra economia attraversa una fase di grande e diffusa difficoltà.

RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA. Sono diversi anni che la nostra economia attraversa una fase di grande e diffusa difficoltà. CONVEGNO IL FUTURO DEL LAVORO SI CHIAMA FORMAZIONE Roma, 19 aprile, Auditorium Parco della Musica RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA Sono diversi anni che la nostra economia attraversa

Dettagli

Vincenzo Acunto Direttore generale Groma

Vincenzo Acunto Direttore generale Groma Gestione del patrimonio immobiliare Il nuovo quadro dopo la riforma del 2013 Dall amministratore di condominio al building manager Nel corso di un convegno organizzato a Milano da Groma, società di gestione

Dettagli

CON-DIVIDERE LA SOSTENIBILITA PROGETTO PILOTA

CON-DIVIDERE LA SOSTENIBILITA PROGETTO PILOTA CON-DIVIDERE LA SOSTENIBILITA PROGETTO PILOTA SINTESI PROGETTO Perché il progetto VERSO CONDOMINI ATTENTI ALL AMBIENTE E AL RISPARMIO DELLE RISORSE Con-divivere la sostenibilità attraverso il coinvolgimento

Dettagli

Documento delle parti sociali sullo schema di provvedimento di attuazione della riforma della previdenza complementare

Documento delle parti sociali sullo schema di provvedimento di attuazione della riforma della previdenza complementare Documento delle parti sociali sullo schema di provvedimento di attuazione della riforma della previdenza complementare Premessa Lo schema del provvedimento approvato dal Consiglio dei Ministri il 1 luglio

Dettagli

Le Casse Tecniche per la semplificazione della previdenza privata: 10 proposte per il Governo

Le Casse Tecniche per la semplificazione della previdenza privata: 10 proposte per il Governo Le Casse Tecniche per la semplificazione della previdenza privata: 10 proposte per il Governo Fausto Amadasi Presidente CIPAG Sala delle Colonne, Camera dei Deputati MILANO 17 MAGGIO 2013 ROMA 23 LUGLIO

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI IN PIEMONTE Documento riassuntivo per cittadini, tecnici e notai

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI IN PIEMONTE Documento riassuntivo per cittadini, tecnici e notai 09 Direzione Ambiente Politiche Energetiche Versione ridotta - 01/10/2009 LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI IN PIEMONTE Documento riassuntivo per cittadini, tecnici e notai VERSIONE RIDOTTA 01/10/2009

Dettagli

Geo SCHOOL. COSTRUZIONE, AMBIENTE e TERRITORIO «C.A.T. 2.0» formazione per giovani imprenditori. progetto pilota per lo sviluppo

Geo SCHOOL. COSTRUZIONE, AMBIENTE e TERRITORIO «C.A.T. 2.0» formazione per giovani imprenditori. progetto pilota per lo sviluppo Provincia di Viterbo Consiglio Nazionale Geometri e Geometri Laureati Geo www.lucasalce.com COSTRUZIONE, AMBIENTE e TERRITORIO «C.A.T. 2.0» progetto pilota per lo sviluppo della professione del geometra

Dettagli

PROPOSTE PER IL RINNOVO CONTRATTUALE PER GLI ADDETTI DELLE AZIENDE DEL TESSILE ABBIGLIAMENTO E CALZATURIERO INDUSTRIA

PROPOSTE PER IL RINNOVO CONTRATTUALE PER GLI ADDETTI DELLE AZIENDE DEL TESSILE ABBIGLIAMENTO E CALZATURIERO INDUSTRIA PROPOSTE PER IL RINNOVO CONTRATTUALE PER GLI ADDETTI DELLE AZIENDE DEL TESSILE ABBIGLIAMENTO E CALZATURIERO INDUSTRIA 1 Premessa Il rinnovo del Contratto Nazionale del Tessile Abbigliamento e Calzaturiero

Dettagli

MASTER DI I LIVELLO I DRONI PER LA GESTIONE DELL AGROECOSISTEMA, DEL TERRITORIO E DEL PAESAGGIO

MASTER DI I LIVELLO I DRONI PER LA GESTIONE DELL AGROECOSISTEMA, DEL TERRITORIO E DEL PAESAGGIO MASTER DI I LIVELLO I DRONI PER LA GESTIONE DELL AGROECOSISTEMA, DEL TERRITORIO E DEL PAESAGGIO Titolo del corso: I DRONI PER LA GESTIONE DELL AGROECOSISTEMA, DEL TERRITORIO E DEL PAESAGGIO. Aula: la composizione

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA OSSERVATORIO INTEGRATO D AREA IN MATERIA DI PREVENZIONE E RECUPERO DEL DISAGIO MINORILE

PROTOCOLLO D INTESA OSSERVATORIO INTEGRATO D AREA IN MATERIA DI PREVENZIONE E RECUPERO DEL DISAGIO MINORILE PROTOCOLLO D INTESA OSSERVATORIO INTEGRATO D AREA IN MATERIA DI PREVENZIONE E RECUPERO DEL DISAGIO MINORILE E DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA ISTITUZIONI SCOLASTICHE DEL TERRITORIO DI SCORDIA AZIENDA UNITÀ

Dettagli

GUIDA ESPLICATIVA NEI NUOVI DECRETI PER LA REDAZIONE DELL APE

GUIDA ESPLICATIVA NEI NUOVI DECRETI PER LA REDAZIONE DELL APE GUIDA ESPLICATIVA NEI NUOVI DECRETI PER LA REDAZIONE DELL APE Dal 1 ottobre 2015 entrano in vigore i nuovi decreti attuativi in materia di prestazione e certificazione energetica. Cosa cambia concretamente?

Dettagli

RI-CONOSCERE E VALORIZZARE LE ESPERIENZE NEL DAP

RI-CONOSCERE E VALORIZZARE LE ESPERIENZE NEL DAP DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA ISTITUTUTO SUPERIORE DI STUDI PENITENZIARI RI-CONOSCERE E VALORIZZARE LE ESPERIENZE NEL DAP MODELLO DI CANDIDATURA Istituto Superiore di Studi Penitenziari,

Dettagli

Commissione Parlamentare di controllo sull'attività degli enti gestori di forme obbligatorie di previdenza e assistenza sociale

Commissione Parlamentare di controllo sull'attività degli enti gestori di forme obbligatorie di previdenza e assistenza sociale Commissione Parlamentare di controllo sull'attività degli enti gestori di forme obbligatorie di previdenza e assistenza sociale Audizione su Indagine conoscitiva sulla funzionalità del sistema previdenziale

Dettagli

Aspetti fiscali sulla previdenza complementare

Aspetti fiscali sulla previdenza complementare Stampa Aspetti fiscali sulla previdenza complementare admin in LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: ASPETTI FISCALI Come è noto, la riforma, attuata con il Decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252, in vigore

Dettagli

AUDIZIONE INFORMALE AC. 2426

AUDIZIONE INFORMALE AC. 2426 CAMERA DEI DEPUTATI VII COMMISSIONE CULTURA, SCIENZA E ISTRUZIONE AUDIZIONE INFORMALE AC. 2426 DECRETO LEGGE MAGGIO 2014, N. 83 (DISPOSIZIONI URGENTI PER LA TUTELA DEL PATRIMONIO CULTURALE, LO SVILUPPO

Dettagli

PERCHE LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

PERCHE LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE PERCHE LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE IL RUOLO SOCIO ECONOMICO Simona Orfella MAGGIO 2013 IL CONTESTO GENERALE Difficoltà finanziarie ed economiche paesi europei Instabilità politica Misure fiscali severe

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni dipartimento di scienze politiche MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni V edizione A.A. 2013/2014 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

FORMAZIONE CONTINUA: IL FUTURO DEL GEOMETRA

FORMAZIONE CONTINUA: IL FUTURO DEL GEOMETRA FORMAZIONE CONTINUA: IL FUTURO DEL GEOMETRA L aggiornamento, che sarà requisito indispensabile per il mantenimento dell iscrizione all Albo, garantirà la capacità del professionista nei confronti della

Dettagli

Dimezzare i consumi negli edifici condominiali

Dimezzare i consumi negli edifici condominiali Dimezzare i consumi negli edifici condominiali Un incentivo per muovere interventi di riqualificazione edilizia e energetica nei complessi edilizi attraverso lo strumento delle Esco. PREMESSA Circa 24

Dettagli

E sperienze di cittadinanza democratica con bambini, ragazzi e giovani

E sperienze di cittadinanza democratica con bambini, ragazzi e giovani E sperienze di cittadinanza democratica con bambini, ragazzi e giovani NOVEMBRE 2010 S ommario Premessa pag. 4 Un impegno che ha una storia pag. 6 La proposta 2010/2011 pag. 8 Concittadini pag. 10 Fasi

Dettagli

ITS, OLTRE LA META DEI DIPLOMATI TROVA LAVORO: LO RILEVA INDAGINE CENSIS/CNOS-FAP

ITS, OLTRE LA META DEI DIPLOMATI TROVA LAVORO: LO RILEVA INDAGINE CENSIS/CNOS-FAP ITS, OLTRE LA META DEI DIPLOMATI TROVA LAVORO: LO RILEVA INDAGINE CENSIS/CNOS-FAP A pochi anni dalla loro creazione, è possibile analizzare i primi risultati sugli Istituti Tecnici Superiori. Ad oggi si

Dettagli

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE CIPAG IL FONDO PENSIONE FUTURA

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE CIPAG IL FONDO PENSIONE FUTURA LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE CIPAG IL FONDO PENSIONE FUTURA Problem Setting Perché è importante disporre in vecchiaia di un assegno pensionistico adeguato? Come garantire nel tempo agli iscritti un dignitoso

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE UNEBA EDUCAZIONE AL RISPARMIO ENERGETICO E AL RICICLO DEI RIFIUTI

PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE UNEBA EDUCAZIONE AL RISPARMIO ENERGETICO E AL RICICLO DEI RIFIUTI PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE UNEBA EDUCAZIONE AL RISPARMIO ENERGETICO E AL RICICLO DEI RIFIUTI L UNEBA vuole sottolineare che l ambiente è sempre più al centro delle strategie di sviluppo della comunità

Dettagli

------ Tuttavia, la previdenza complementare si sta sviluppando lentamente e, a dieci anni dall avvio, necessita di ulteriori impulsi.

------ Tuttavia, la previdenza complementare si sta sviluppando lentamente e, a dieci anni dall avvio, necessita di ulteriori impulsi. COMUNICATO STAMPA COVIP: la crisi dei mercati finanziari ha sottoposto i fondi pensione a una prova severa, ma il sistema della previdenza complementare ha tenuto. A marzo 2009 sono 4,9 milioni gli iscritti

Dettagli

INTERVENTO INTRODUTTIVO. di Emilio Tonini. Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena

INTERVENTO INTRODUTTIVO. di Emilio Tonini. Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena INTERVENTO INTRODUTTIVO di Emilio Tonini Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena Buongiorno a tutti e un cordiale benvenuto a questa 4 edizione del forum internazionale Montepaschi Vita che,

Dettagli

Relazione Presidente Carlo Paolo Beltrami. Assemblea Annuale di venerdì 9 ottobre ore 18.00

Relazione Presidente Carlo Paolo Beltrami. Assemblea Annuale di venerdì 9 ottobre ore 18.00 Relazione Presidente Carlo Paolo Beltrami Assemblea Annuale di venerdì 9 ottobre ore 18.00 Gentili ospiti Signore e Signori, Autorità e colleghi Costruttori, vi ringrazio della vostra presenza oggi alla

Dettagli

Rete per il Lavoro. Piano esecutivo. Modello Sperimentale di Collaborazione Pubblico-Privato per la Gestione delle Politiche del Lavoro

Rete per il Lavoro. Piano esecutivo. Modello Sperimentale di Collaborazione Pubblico-Privato per la Gestione delle Politiche del Lavoro Convenzione Italia Lavoro S.p.A. Agenzia per l Inclusione Sociale per la sperimentazione di modelli di collaborazione pubblico-privato nelle politiche attive del lavoro e la costituzione della Rete Locale

Dettagli

I COMUNI INCONTRANO REGIONE LOMBARDIA Roberto Scanagatti Presidente ANCI Lombardia

I COMUNI INCONTRANO REGIONE LOMBARDIA Roberto Scanagatti Presidente ANCI Lombardia I COMUNI INCONTRANO REGIONE LOMBARDIA Roberto Scanagatti Presidente ANCI Lombardia Lombardia - Milano Incontro importante per condividere analisi individuare bisogni e problemi dei Comuni condividere iniziative

Dettagli

FESTIVAL DELLA FAMIGLIA

FESTIVAL DELLA FAMIGLIA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO AGENZIA PER LA FAMIGLIA, LA NATALITÀ E LE POLITICHE GIOVANILI FESTIVAL DELLA FAMIGLIA La Famiglia come risorsa per la crisi economica Se cresce la Famiglia, cresce la Società

Dettagli

ATTUAZIONE DEGLI INDIRIZZI EMERSI DAL CONGRESSO STRAORDINARIO ANDARE OLTRE PROGETTO CNPI-UNIVERSITA

ATTUAZIONE DEGLI INDIRIZZI EMERSI DAL CONGRESSO STRAORDINARIO ANDARE OLTRE PROGETTO CNPI-UNIVERSITA CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI E DEI PERITI INDUSTRIALI LAUREATI P R E S S O I L M I N I S T E R O D E L L A G I U S T I Z I A ATTUAZIONE DEGLI INDIRIZZI EMERSI DAL CONGRESSO STRAORDINARIO

Dettagli

PROVINCIA DI PIACENZA

PROVINCIA DI PIACENZA PROVINCIA DI PIACENZA DI SVILUPPO E QUALIFICAZIONE DEI SERVIZI EDUCATIVI PER BAMBINI N ETA 0-3 ANNI INDIRIZZI GENERALI PER IL TRIENNIO 2001-2003 Approvato con atto C.P. 29.10.2001 n.133 Ufficio Politiche

Dettagli

LIFE09ENVIT000188-EnvironmentalCOoperation model for Cluster - Acronimo: ECO-CLUSTER

LIFE09ENVIT000188-EnvironmentalCOoperation model for Cluster - Acronimo: ECO-CLUSTER -EnvironmentalCOoperation model for Cluster - Acronimo: ECO-CLUSTER Linee Guida Modello di gestione ambientale ECO-CLUSTER: requisiti del Comitato di gestione Comune di Collagna Responsabile dell azione

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

IL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEI DIRIGENTI SCOLASTICI

IL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEI DIRIGENTI SCOLASTICI SI.VA.DI.S. IL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEI DIRIGENTI SCOLASTICI Criteri generali CRITERI GENERALI PER LA COSTRUZIONE E LO SVILUPPO DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEI DIRIGENTI SCOLASTICI (SI.VA.DI.S.) 1. Sistema

Dettagli

CNEL Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro La crisidegli affitti e il Piano di edilizia abitativa

CNEL Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro La crisidegli affitti e il Piano di edilizia abitativa CNEL Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro La crisidegli affitti e il Piano di edilizia abitativa Osservazioni e Proposte Assemblea 21 luglio 2010 1 21 luglio 2010 Indice Premessa...3 Introduzione...4

Dettagli

5. AREA PEDAGOGICO DIDATTICA

5. AREA PEDAGOGICO DIDATTICA I.C. MAHATMAGANDHI,VIA CORINALDO 41 ROMA 5. AREA PEDAGOGICO DIDATTICA - Continuità- Integrazione Orientamento Nido-Infanzia Infanzia- Primaria Primaria- Secondaria - Diversità, integrazione e inclusione

Dettagli

RELAZIONE INTRODUTTIVA ALLA INIZIATIVA CGIL FP INCA DEL 26 NOVEMBRE RENDIMENTI PENSIONI TFR TFS E FONDI COMPLEMENTARI PERSEO - SIRIO

RELAZIONE INTRODUTTIVA ALLA INIZIATIVA CGIL FP INCA DEL 26 NOVEMBRE RENDIMENTI PENSIONI TFR TFS E FONDI COMPLEMENTARI PERSEO - SIRIO RELAZIONE INTRODUTTIVA ALLA INIZIATIVA CGIL FP INCA DEL 26 NOVEMBRE RENDIMENTI PENSIONI TFR TFS E FONDI COMPLEMENTARI PERSEO - SIRIO Care compagne e cari compagni, sono molte le ragioni che ci hanno convinto

Dettagli

UNIVERSITA DI BOLOGNA FACOLTA DI ECONOMIA Convegno su Mercati finanziari, risparmio e trasparenza

UNIVERSITA DI BOLOGNA FACOLTA DI ECONOMIA Convegno su Mercati finanziari, risparmio e trasparenza UNIVERSITA DI BOLOGNA FACOLTA DI ECONOMIA Convegno su Mercati finanziari, risparmio e trasparenza Intervento di Antonio Finocchiaro Presidente della COVIP Previdenza e trasparenza Bologna, 19 ottobre 2012

Dettagli

TRE STRADE PER CAMBIARE. La professione e il welfare

TRE STRADE PER CAMBIARE. La professione e il welfare 2014 26 SETTEMBRE > TORINO 03 OTTOBRE > VENEZIA-MESTRE 04 OTTOBRE > AREZZO 09 OTTOBRE > RAGUSA 15 OTTOBRE > NUORO 24 OTTOBRE > LAMEZIA TERME TRE STRADE PER CAMBIARE. La professione e il welfare CNPI Consiglio

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA

PROTOCOLLO D INTESA TRA PROTOCOLLO D INTESA TRA La Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per i Diritti e le Pari Opportunità, di seguito denominato Dipartimento, c.f. n. 80188230587, con sede in Roma, Largo Chigi,

Dettagli

1. IDENTITA DELL ISTITUTO

1. IDENTITA DELL ISTITUTO Piano dell offerta formativa - 1-1. IDENTITA DELL ISTITUTO L Istituto tecnologico per le costruzioni, l ambiente ed il territorio ( ex Istituto Geometri) tende a formare una figura professionale capace

Dettagli

FORMARE I FORMATORI AL TEMPO DELLA CRISI. INTERVISTA A GIUSI MICCOLI 1

FORMARE I FORMATORI AL TEMPO DELLA CRISI. INTERVISTA A GIUSI MICCOLI 1 FORMARE I FORMATORI AL TEMPO DELLA CRISI. INTERVISTA A GIUSI MICCOLI 1 (A CURA DI PAOLO VIEL 2 ) QUALE È LA SITUAZIONE DELLA FORMAZIONE OGGI IN ITALIA? La crisi economica e finanziaria che da alcuni anni

Dettagli

RELAZIONE DEL PRESIDENTE

RELAZIONE DEL PRESIDENTE RELAZIONE DEL PRESIDENTE Carissimi Dottori Commercialisti, Carissimi Ragionieri Commercialisti, Carissimi Esperti Contabili, a Voi tutti rivolgo un cordialissimo saluto, a nome del Consiglio dell Ordine

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI: LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA. Decreto Legislativo 19 agosto 2005, n. 192 (Direttiva 2002/91/CE)

EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI: LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA. Decreto Legislativo 19 agosto 2005, n. 192 (Direttiva 2002/91/CE) EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI: LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA Decreto Legislativo 19 agosto 2005, n. 192 (Direttiva 2002/91/CE) La certificazione energetica Domanda di energia nel 2000 nei Paesi UE

Dettagli

L Infermiere Coordinatore e la Professione Sanitaria di Infermiere

L Infermiere Coordinatore e la Professione Sanitaria di Infermiere . COORDINAMENTO NAZIONALE CAPOSALA Abilitati alle Funzioni Direttive dell'assistenza Infermieristica Regione Sicilia L Infermiere Coordinatore e la Professione Sanitaria di Infermiere A.G. La professione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE Corso di Laurea Magistrale in Scienze della Politica e del Governo TESI DI LAUREA in Management Pubblico FORMAZIONE E RECLUTAMENTO DEI

Dettagli

Misure e incentivi per l efficienza energetica

Misure e incentivi per l efficienza energetica Misure e incentivi per l efficienza energetica Docente incaricato in Economia e Gestione delle Imprese Dipartimento B.E.S.T. - Politecnico di Milano Indice 1. Finanziaria 2007. Agevolazioni per il risparmio

Dettagli

Relazione del Presidente Ing. Bruno Tani. Incontro sindacale per il. Roma, 18 gennaio 2010

Relazione del Presidente Ing. Bruno Tani. Incontro sindacale per il. Roma, 18 gennaio 2010 Relazione del Presidente Ing. Bruno Tani Incontro sindacale per il rinnovo del CCNL Gas Acqua Roma, 18 gennaio 2010 Pagina 1 di 11 Buongiorno a tutti, siamo qui per dare l avvio alla trattativa per il

Dettagli

Schema di Regolamento sulle modalità di adesione alle forme pensionistiche complementari

Schema di Regolamento sulle modalità di adesione alle forme pensionistiche complementari Schema di Regolamento sulle modalità di adesione alle forme pensionistiche complementari Il presente documento, recante lo schema del nuovo Regolamento sulle modalità di adesione alle forme pensionistiche

Dettagli

I nuovi Istituti Tecnici

I nuovi Istituti Tecnici La riforma del Sistema di Istruzione Secondaria Superiore I nuovi Istituti Tecnici Riorganizzazione ordinamenti scolastici Principali riferimenti normativi: Legge 6 agosto 2008 n. 133 Conversione in legge,

Dettagli

Gli Ingegneri italiani, riuniti nel 60 Congresso Nazionale in Venezia PREMESSO PRESO ATTO RICONOSCIUTA CONSIDERATO

Gli Ingegneri italiani, riuniti nel 60 Congresso Nazionale in Venezia PREMESSO PRESO ATTO RICONOSCIUTA CONSIDERATO MOZIONE CONGRESSUALE 60 CONGRESSO NAZIONALE INGEGNERI VENEZIA 2 ottobre 2015 Gli Ingegneri italiani, riuniti nel 60 Congresso Nazionale in Venezia PREMESSO che il Paese deve ancora uscire dalla crisi economica

Dettagli

Master Universitario di secondo livello

Master Universitario di secondo livello Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Master Universitario di secondo livello IN Management della riqualificazione urbana: strumenti per il recupero, la gestione e la valorizzazione del

Dettagli

La prima ragione è che Firenze rappresenta un campo di analisi e sperimentazione ideale

La prima ragione è che Firenze rappresenta un campo di analisi e sperimentazione ideale La riqualificazione energetica del patrimonio edilizio esistente rappresenta una sfida fondamentale per diverse ragioni e con benefici molteplici che possono innescarsi. Per il settore delle costruzioni,

Dettagli

SCUOLA il provvedimento in sintesi

SCUOLA il provvedimento in sintesi la buona SCUOLA il provvedimento in sintesi Un offerta formativa più ricca e flessibile per gli studenti. Un piano straordinario di assunzioni per oltre 100.000 insegnanti. risorse stabili per la formazione

Dettagli

URBANPROMO SOCIAL HOUSING 2013. Social housing e qualità dell abitare

URBANPROMO SOCIAL HOUSING 2013. Social housing e qualità dell abitare URBANPROMO SOCIAL HOUSING 2013 Torino, 7 novembre 2013 Social housing e qualità dell abitare Innovazione, sperimentazione e retrofit energetico A Torino, il 7 novembre 2013, nell ambito di Urbanpromo Social

Dettagli

riqualificare risparmiare guadagnare

riqualificare risparmiare guadagnare riqualificare risparmiare guadagnare Il valore da proteggere Spesa annua per il riscaldamento domestico Francia 1150 Spagna 1116 Germania 1104 Ambiente, Energia e Casa. Tre parole unite da un unico comune

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO ORGANIZZATIVO CORSI di MASTER di I e II LIVELLO. Corso di Master e suoi Organi

REGOLAMENTO DIDATTICO ORGANIZZATIVO CORSI di MASTER di I e II LIVELLO. Corso di Master e suoi Organi Allegato 1CM REGOLAMENTO DIDATTICO ORGANIZZATIVO CORSI di MASTER di I e II LIVELLO Corso di Master e suoi Organi 1. Per l anno accademico. 2014/2015 è attivato il Corso di Master di I livello in: Progettazione

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca LINEE DI INDIRIZZO Partecipazione dei genitori e corresponsabilità educativa Pagina 1 di 8 Premessa La nostra Costituzione assegna alla famiglia e alla scuola la responsabilità di educare e di istruire

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIPARTIMENTO PER L UNIVERSITA, L ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE E PER LA RICERCA Direzione Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo Studio Ufficio IV Il Processo di Bologna Lo Spazio

Dettagli

visto il Contratto collettivo nazionale di lavoro relativo al personale dipendente del comparto Scuola sottoscritto il 26 maggio 1999;

visto il Contratto collettivo nazionale di lavoro relativo al personale dipendente del comparto Scuola sottoscritto il 26 maggio 1999; Protocollo d intesa tra Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (di seguito denominato Ministero) e Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (di seguito

Dettagli

EDITORIALE. I Fondi strutturali e la nuova programmazione europea. Brunetta Baldi

EDITORIALE. I Fondi strutturali e la nuova programmazione europea. Brunetta Baldi EDITORIALE 505 I Fondi strutturali e la nuova programmazione europea Brunetta Baldi L avvio del ciclo 2014-2020 della politica di coesione europea merita una riflessione che trova spazio in questo numero

Dettagli

A.N.F.E. Delegazione Regionale Sicilia. Paolo Genco. [ Saluti e discorso introduttivo. Acireale 29 novembre 2014]

A.N.F.E. Delegazione Regionale Sicilia. Paolo Genco. [ Saluti e discorso introduttivo. Acireale 29 novembre 2014] 2014 A.N.F.E. Delegazione Regionale Sicilia Paolo Genco [ Saluti e discorso introduttivo 2014] Acireale 29 novembre Sua Eccellenza Reverendissima Monsignor Raspanti, vescovo di Acireale 2 Gentili Signore

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE (L39) REGOLAMENTO DI TIROCINIO

CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE (L39) REGOLAMENTO DI TIROCINIO CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE (L39) REGOLAMENTO DI TIROCINIO 1 La declaratoria della classe di Laurea 39 prevede che il Curriculum del Corso di laurea, oltre a rispettare i minimi indicati dalla

Dettagli

Uilca Previdenza News

Uilca Previdenza News Uilca Previdenza News La crisi: un occasione per il rilancio dei fondi La crisi che ha caratterizzato gli ultimi mesi e che probabilmente vivremo per gran parte del 2009 rappresenta, per i fondi pensione

Dettagli

Percorso Video Game. Percorsi per la Laurea Magistrale in Informatica. Obiettivi generali. Sbocchi professionali

Percorso Video Game. Percorsi per la Laurea Magistrale in Informatica. Obiettivi generali. Sbocchi professionali Percorsi per la Laurea Magistrale in Informatica Percorso Video Game Docenti di riferimento: Dr. Dario Maggiorini, Dr. Laura Anna Ripamonti Sede di erogazione: Milano Obiettivi generali Il mercato dei

Dettagli

All Assessore alle Autonomie Locali Paolo Panontin

All Assessore alle Autonomie Locali Paolo Panontin Trasmesso via mail Udine, 4 novembre 2014 Sede e Segreteria: presso Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della provincia di Udine via Paolo Canciani n. 19, 33100 UDINE Al

Dettagli

Con grande tempestività il

Con grande tempestività il GEOMETRI: IL FUTURO IN GIOCO Vittorio Meddi Il parere dei geometri del Lazio sui punti focali per il futuro della professione: iscrizione all Albo dei pubblici dipendenti e nuove strategie per la definizione

Dettagli

Sintesi dell intervento

Sintesi dell intervento La programmazione dell efficientamento energetico comunale: alcune riflessioni. Marcello Magoni (Dastu Politecnico di Milano) con la collaborazione di Rachele Radaelli (Dastu Politecnico di Milano) e Chiara

Dettagli

ORIENTAMENTI PER L APPLICAZIONE DEL COMMUNITY-LED LOCAL DEVELOPMENT IN ITALIA

ORIENTAMENTI PER L APPLICAZIONE DEL COMMUNITY-LED LOCAL DEVELOPMENT IN ITALIA ORIENTAMENTI PER L APPLICAZIONE DEL COMMUNITY-LED LOCAL DEVELOPMENT IN ITALIA I. Le principali sfide da affrontare con il CLLD Il Community-led local development (CLLD) è uno strumento normato dai regolamenti

Dettagli

esercitata sui bilanci pubblici dall espulsione

esercitata sui bilanci pubblici dall espulsione 44 FOCUS INVESTIMENTI SOCIALI IL PACCHETTO DI INVESTIMENTI SOCIALI PER LA CRESCITA E LA COESIONE È LO STRUMENTO CREATO DALL UNIONE EUROPEA PER CONTRASTARE LA POVERTÀ E L EMARGINAZIONE SOCIALE. L ARTICOLO

Dettagli

Mediazione Civile. Parere e note al testo del DLgs approvato dal Consiglio dei Ministri in data 28 ottobre 2009

Mediazione Civile. Parere e note al testo del DLgs approvato dal Consiglio dei Ministri in data 28 ottobre 2009 Mediazione Civile Parere e note al testo del DLgs approvato dal Consiglio dei Ministri in data 28 ottobre 2009 dicembre 2009 A cura della Commissione Arbitrato e Conciliazione Presidente Flavia Silla Componenti

Dettagli

Nella crescita sociale l Istituto vuole aiutare lo studente ad aprirsi:

Nella crescita sociale l Istituto vuole aiutare lo studente ad aprirsi: OFFERTA FORMATIVA FINALITÁ EDUCATIVE GENERALI Nel corso dei cinque anni d articolazione dei corsi, l Istituto intende garantire agli studenti una formazione integrata che armonizzi la crescita personale,

Dettagli

MISSIONE, COMPITI E FUNZIONI DEL CONSORZIO FORESTALE

MISSIONE, COMPITI E FUNZIONI DEL CONSORZIO FORESTALE MISSIONE, COMPITI E FUNZIONI DEL CONSORZIO FORESTALE 9 10 ALTRE FUNZIONI SULLA MISSIONE DEL NUOVO CONSORZIO FORESTALE La forma organizzativa e statutaria sino ad ora principalmente usata dalla proprietà

Dettagli

IX COMMISSIONE PERMANENTE

IX COMMISSIONE PERMANENTE Giovedì 25 giugno 2015 176 Commissione IX IX COMMISSIONE PERMANENTE (Trasporti, poste e telecomunicazioni) S O M M A R I O INTERROGAZIONI: 5-04354 Capone: Disagi per i cittadini derivanti dalla chiusura

Dettagli

Progetto 105x210 19-02-2007 15:07 Pagina 2 TFR. Scegliere oggi pensando al domani

Progetto 105x210 19-02-2007 15:07 Pagina 2 TFR. Scegliere oggi pensando al domani Progetto 105x210 19-02-2007 15:07 Pagina 2 TFR Scegliere oggi pensando al domani Progetto 105x210 19-02-2007 15:07 Pagina 4 Cara lavoratrice, caro lavoratore come certamente saprai, dal primo gennaio è

Dettagli

Agenda Locale COMUNE DI PASIANO DI PORDENONE 20-20-20 PIANO D AZIONE LOCALE

Agenda Locale COMUNE DI PASIANO DI PORDENONE 20-20-20 PIANO D AZIONE LOCALE COMUNE DI PASIANO DI PORDENONE Agenda Locale 21 20-20-20 PIANO D AZIONE LOCALE COMUNE DI PASIANO DI PORDENONE INDICE PREMESSA 3 ENERGIA 4 IL PIANO D AZIONE: L ENERGIA 5 1. COMUNICAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE...

Dettagli

ECOPOLO A Scuola di Energia

ECOPOLO A Scuola di Energia ECOPOLO A Scuola di Energia Istituzione presso l Istituto Rosselli di Aprilia di un polo didatticoinformativo sulle tematiche dell energia sostenibile. (Sintesi) Luglio 2013 Premessa L energia è un tema

Dettagli

Premio per l'innovazione 2013 - CNR idee che ci aiutano a stare meglio

Premio per l'innovazione 2013 - CNR idee che ci aiutano a stare meglio Premio per l'innovazione 2013 - CNR idee che ci aiutano a stare meglio Sezione A proponente Numero univoco progetto: 291729731485 Anagrafica Promotore Codice univoco progetto 291729731485 Componenti totali

Dettagli

LA QUALITÀ DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE PER LA QUALITA DELLA VITA FORUMPA 2005 Intervento di apertura del Ministro Mario Baccini Roma, 9 maggio 2005

LA QUALITÀ DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE PER LA QUALITA DELLA VITA FORUMPA 2005 Intervento di apertura del Ministro Mario Baccini Roma, 9 maggio 2005 LA QUALITÀ DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE PER LA QUALITA DELLA VITA FORUMPA 2005 Intervento di apertura del Ministro Mario Baccini Roma, 9 maggio 2005 Autorità, Signore, Signori, il tema centrale di Forum

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 02.12.2008 N. 1601 Certificazione energetica degli edifici: elenco dei professionisti e corsi di formazione.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 02.12.2008 N. 1601 Certificazione energetica degli edifici: elenco dei professionisti e corsi di formazione. Anno XXXIX - N. 53 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA Parte II 31.12.2008 - pag. 6892 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 02.12.2008 N. 1601 Certificazione energetica degli edifici: elenco dei

Dettagli

AUDIZIONE ANCE SULLA LEGGE DI STABILITÀ 2014-2016

AUDIZIONE ANCE SULLA LEGGE DI STABILITÀ 2014-2016 435 AUDIZIONE ANCE SULLA LEGGE DI STABILITÀ 2014-2016 30 Ottobre 2013 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente Forza Italia EXECUTIVE SUMMARY

Dettagli

Azimut Previdenza A CIASCUNO IL SUO FUTURO.

Azimut Previdenza A CIASCUNO IL SUO FUTURO. Azimut Previdenza A CIASCUNO IL SUO FUTURO. CON AZIMUT PREVIDENZA IL FUTURO TIENE SEMPRE IL TUO STESSO PASSO. Il tuo futuro previdenziale è un cammino che inizia già da oggi. Scegli di affrontarlo con

Dettagli

PRSE 2012-2015 Progetto speciale di interesse regionale Toscana Turistica Sostenibile e Competitiva Fase 2

PRSE 2012-2015 Progetto speciale di interesse regionale Toscana Turistica Sostenibile e Competitiva Fase 2 PRSE 2012-2015 Progetto speciale di interesse regionale Toscana Turistica Sostenibile e Competitiva Fase 2 ALL. A Accordo per l adesione alla fase applicativa degli Osservatori Turistici di Destinazione

Dettagli

ATTI, NON PAROLE AGENDA21. Agenda 21

ATTI, NON PAROLE AGENDA21. Agenda 21 a cura di Roberto Catania L istituzione di nella Provincia di Lecco ha avuto inizio nel 2003 seguendo un percorso che si potrebbe definire tradizionale. Dall istituzione del Forum generale si è passati

Dettagli