2/2014 IN QUESTO NUMERO/ Accesso alla professione. Previdenza complementare FUTURa Opportunità. Fondi europei. Expo 2015 droni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2/2014 IN QUESTO NUMERO/ Accesso alla professione. Previdenza complementare FUTURa Opportunità. Fondi europei. Expo 2015 droni"

Transcript

1 geocentro fondazione Geometri Italiani ANNO VI / ottobre - dicembre 2014 GEOCENTRonline Rivista dei Geometri e dei Geometri Laureati 2/2014 IN QUESTO NUMERO/ Accesso alla professione Percorso di studi Previdenza complementare FUTURa Opportunità fondo rotativo Fondi europei bando di concorso Expo 2015 droni

2

3 E geocentroonline sommario 5 EDITORIALE Protagonisti del rinnovamento F GEOCENTRonline rivista dei Geometri e Geometri Laureati iniziative 19 Un Bando di Concorso per EXPO 2015 fondi europei 23 Liberi di far crescere la propria attività 7 INTERVENTI Professione geometra M. Savoncelli focus 27 Il drone dietro l angolo associazioni 31 GEO.VAL. ESPERTI sbarca anche in Sicilia 11 INTERVENTI Previdenza complementare F. Amadasi 34 DENTRO IL COLLEGIO Collegio Pordenone 36 PROGETTI Residenza Principe 38 NORME & LEGGI Le società tra professionisti (STP) opportunità 15 I Geometri al servizio dei Comuni Dicembre 2/2014 GEOCENTRO ONLINE Rivista dei Geometri e dei Geometri Laureati Editore: Fondazione Geometri Italiani Direttore Editoriale: Maurizio Savoncelli Direttore Responsabile: Antonella Tempera Comitato Di Redazione: Cristiano Cremoli, Marco Nardini, Cesare Galbiati, Diego Buono Grafica e impaginazione: Arianna Berti, Agicom Srl Illustrazioni: freepick.com, Shutterstock Concessionaria di Pubblicità: Agicom Srl Registrazione al Tribunale di Roma N. 196 del 23/07/2014 La rivista è pubblicata sfogliabile online sui siti geometrinrete e può essere scaricata integralmente in formato PDF. È vietata la riproduzione, anche parziale, di articoli, fotografie e disegni senza la preventiva autorizzazione.

4

5 editoriale Antonella Tempera Direttore Responsabile Protagonisti del rinnovamento Quando una scelta di rinnovamento con le sfide e le incognite che comporta viene ripagata alla prova dei fatti dall accoglienza del pubblico per cui è stata pensata, credo che la soddisfazione per il risultato raggiunto sia legittima come anche la gratitudine per coloro che hanno apprezzato il progetto, attraverso i loro feedback positivi, e per chi ha contribuito a realizzarlo. Detto ciò, mi sembra però doveroso voltare in fretta questa pagina e concentrarsi sulle prossime da scrivere: l ambizioso obiettivo che si propone Geocentro cioè offrire ai geometri uno strumento di qualità per le loro esigenze di informazione e aggiornamento impone un atteggiamento di costante confronto rispetto a situazioni che sono sempre in divenire e una continua ricerca di soluzioni a problemi posti tanto dalla realtà dei fatti che dalla loro comunicazione. In altre parole: la nave è stata felicemente varata, ma il viaggio che intende affrontare è molto lungo, e a quello bisogna pensare! In questo numero, considerata l attuale situazione di difficoltà economica, ci è sembrato inevitabile dare spazio al tema delle opportunità della professione: di questo si occupano i contributi dedicati alla collaborazione fra Geometri e Comuni, all accesso ai finanziamenti europei e all impiego dei droni. Non meno delicate e di attualità sono poi la questione della scuola, come motore propulsore per far ripartire la professione e preparare i geometri di domani, e quella della previdenza complementare: le considerazioni dei Presidenti del Consiglio e della Cassa, nei loro interventi, aiutano a metterne meglio a fuoco vantaggi e opportunità. Da ultimo mi sia concesso rinnovare insieme ai ringraziamenti per l accoglienza riservata al nuovo Geocentro anche l appello agli iscritti a cogliere al meglio le opportunità del nuovo formato: in particolare a sfruttare le risorse di interazione offerte dal digitale per diventare, oltre che semplici lettori, protagonisti del rinnovamento. geocentronline

6

7 interventi Maurizio Savoncelli Presidente del Consiglio Nazionale Geometri e Geometri Laureati (CNGeGL) Professione geometra UN PERCORSO DI STUDI SPECIFICO, ABILITANTE E DI LIVELLO UNIVERSITARIO Ancor prima di essere una priorità del Consiglio Nazionale, l evoluzione del titolo di studio per l accesso alla professione di geometra è un impegno responsabilmente assunto con i Collegi, con i Presidenti e con gli iscritti, quelli di oggi e quelli di domani: in un contesto di profonda trasformazione del sistema produttivo, le opportunità di lavoro possono diventare stabili e durature solo per quanti dispongono di un consolidato bagaglio culturale e di competenze tecniche e specifiche di eccellenza. geocentro nline

8 interventi Al primo punto del programma elettorale Innovazione e operatività presentato a Rimini in occasione dell ultimo Congresso nazionale del CNGeGL, si legge: Nell ambito della generale riforma sull accesso alle professioni e al fine di garantire ai cittadini prestazioni professionali di eccellenza, riteniamo indispensabile elevare il titolo di studio per l accesso alla professione e consolidare la qualifica D, riconosciuta dalla direttiva europea sul Riconoscimento delle qualifiche professionali (2005/36/CE). Oggi, chi ha sottoscritto quell impegno ha motivo di essere soddisfatto: con la presentazione del progetto al Ministro dell Istruzione Stefania Giannini, l obiettivo di attivare già dal prossimo anno il primo corso post secondario professionalizzante di valenza universitaria appare più che mai concreto e raggiungibile. TG1 Economia: Riforma accesso alla professione. Interviste al Ministro dell Istruzione Stefania Giannini e a Maurizio Savoncelli, Presidente CNGeGL Intervista Italia Oggi: Geometri sempre più qualificati Convegno 27 novembre 2014 L incontro istituzionale dello scorso 5 novembre presso la sede del MIUR ha fornito l occasione per descriverne in dettaglio i principali punti di forza: la possibilità di immettere direttamente nel mercato del lavoro ragazzi giovani (22 anni) già altamente qualificati; il raccordo con le indicazioni in materia di professioni fornite dall Europa (che nel prossimo futuro tenderanno a configurarsi sempre più come un vincolo); la valorizzazione della territorialità, giacché il progetto prevede che il corso post diploma si svolga all interno dell Istituto tecnico di provenienza, dove sono già presenti aule, laboratori, docenti, personale ATA. Mi permetto di sottolinearne altri tre: il curriculum bloccato, che significa che ciascuna università interessata al progetto non potrà presentare piani di studio differenti da quello proposto dalla Categoria: una misura severa ma necessaria per tutelare la specificità di un indirizzo che e siamo al successivo punto di forza abilita direttamente alla professione di geometra. Infine, la capacità di colmare le attuali lacune della preparazione tecnico-scientifica propria della professione causate dal riordino dei cicli della scuola secondaria di secondo grado (entrata in vigore nel 2010) e della scarsa focalizzazione sulle competenze professionali di lauree triennali e ITS. Questo nuovo percorso, al contrario, sarà autenticamente d indirizzo: potrà essere scelto da chi sin dal principio ha le idee chiare su cosa vorrà fare in futuro. Definiti gli elementi di contesto, entriamo nel dettaglio del progetto. Il Corso è strutturato in prosecuzione verticale con l istru- geocentro nline

9 zione secondaria di secondo grado CAT e prevede la collaborazione con università tradizionali e telematiche (già numerose le manifestazioni d interesse); l attivazione è subordinata ad una serie di passaggi presso le sedi ministeriali sui quali siamo già operativi. La previsione di tempi relativamente brevi ci consente di auspicare che i prossimi (nonché primi) diplomati CAT possano scegliere questo percorso sin dal prossimo anno. Contestualmente, per dare continuità alla Categoria, va avanti il binario tradizionale: il geometra diplomato al vecchio ITG affronterà il percorso per accedere all esame di abilitazione alla libera professione, aperto anche ai cosiddetti professionisti di ritorno generati dalla crisi economica e ai dipendenti pubblici ai fini dell avanzamento di carriera. In considerazione di tutti questi elementi, è plausibile immaginare che la messa a regime del nuovo sistema (un solo binario di accesso) possa avvenire in un arco temporale di anni. Infine, per chi della vecchia guardia avesse il desiderio di tornare tra i banchi, è allo studio un sistema di valutazione dei crediti utili al conseguimento del titolo del nuovo ordinamento legati all esperienza professionale. SCELGO IL CAT, E POI? Facciamo il punto.? Con l entrata in vigore della riforma di riordino dei cicli della scuola secondaria di secondo grado, nel 2010 l Istituto Tecnico per Geometri è stato sostituito dall Istituto Tecnologico Profilo Costruzioni, Ambiente e Territorio (C9). Il percorso, di durata quinquennale, è articolato in un biennio propedeutico e un triennio d indirizzo. Conseguito il diploma d istruzione tecnica, lo studente può: inserirsi direttamente nel mondo del lavoro presso pubblici impieghi, aziende e studi privati; accedere all università; continuare gli studi nel sistema d istruzione e formazione tecnica superiore; svolgere il tirocinio formativo presso professionisti con requisiti a norma di legge, accedere all esame di abilitazione alla libera professione di geometra e, previo superamento, iscriversi all Albo professionale. Tutto chiaro? Non proprio, se è vero come sostengono non pochi dirigenti scolastici che nel passaggio da ITG a CAT il numero delle iscrizioni è calato a causa della mancanza d informazioni sulle prospettive di lavoro. Con l obiettivo di fare chiarezza, il 27 novembre il CNGeGL ha organizzato a Roma un incontro di formazione e aggiornamento sulle tematiche dell orientamento scolastico dedicato a dirigenti e docenti d indirizzo CAT del Lazio. L incontro, presso la sede della Cassa Italiana di Previdenza e Assistenza Geometri, è stato trasmesso in streaming presso le sedi dei Collegi che, per l occasione, hanno ospitato i rappresentanti degli analoghi istituti locali interessati all argomento. Professione geometra geocentro nline

10

11 interventi Fausto Amadasi Presidente della Cassa Italiana di Previdenza ed Assistenza dei Geometri Liberi Professionisti (CIPAG) Previdenza complementare Progettare il futuro, oggi. Il tema della previdenza complementare (o di secondo pilastro) è un capitolo fondamentale della politica del welfare integrato finanziario che, da anni, la CIPAG sta promuovendo in favore degli associati. Nell ottica dell ampliamento dei servizi agli iscritti, infatti, è chiara a tutti l importanza di garantire un dignitoso tasso di sostituzione a fine carriera, tale cioè da lasciare sostanzialmente immutato nel tempo lo stile di vita. In questa partita decisiva, la CIPAG può rivendicare con orgoglio l iter lungimirante (e complesso) che l ha portata ad essere la prima Cassa di Previdenza Privatizzata a realizzare e gestire in autonomia un proprio Fondo di Previdenza Complementare. Per analizzare le ragioni che hanno portato la Cassa ad effettuare questa scelta di integrazione della tradizionale politica previdenziale occorre mettere a fuoco le linee di sviluppo che intende attuare in tempi brevi. Che la questione della tutela del professionista a fine carriera sia diventata uno dei temi più delicati nel mondo del lavoro è un fatto sotto gli occhi di tutti ormai da troppo tempo anche perché sempre più spesso si incrocia con altri nodi fondamentali del sistema previdenziale pubblico - e la previdenza complementare è così diventata uno degli argomenti di maggior sollecitazione politica verso le Casse. geocentronline

12 interventi Già a partire dagli anni 90, le riforme del sistema generale rese necessarie dall aumento della durata della vita media e dal rallentamento della crescita economica hanno abbassato a soglie preoccupanti il cosiddetto tasso di sostituzione, cioè il rapporto percentuale fra la prima annualità completa della pensione e l ultimo reddito annuo prima del pensionamento. Di fatto, la forbice sempre più divaricata fra ultimo stipendio e pensione ha imposto di ricorrere a misure compensative la previdenza complementare o di secondo pilastro, appunto grazie alle quali accantonare volontariamente una parte dei risparmi della vita lavorativa per affiancare, in alternativa ad un aumento molto pesante dei contributi obbligatori, una pensione integrativa a quella corrisposta dalla previdenza obbligatoria. A differenza di quest ultima, tuttavia, la previdenza complementare rappresenta a tutti gli effetti un opportunità di risparmio, a cui lo Stato riconosce agevolazioni fiscali vantaggiose. Altra differenza sostanziale è che, nel caso della previdenza complementare, lo Stato ha fatto per così dire un passo indietro, lasciando al privato (Assicurazioni, Banche, Casse private di categoria etc.), il compito di colmare il vuoto. La questione come è chiaro tocca da vicino tutti i professionisti, ma è importante sottolineare che risulta tanto più essenziale per i più giovani fra loro. In prospettiva, infatti, la previdenza di secondo pilastro è destinata ad assumere rilievo sempre maggiore ed è dunque importante contribuire fin dall inizio della carriera lavorativa: rimandare, anche di pochi anni, l inizio dei versamenti significa infatti ridurre considerevolmente l ammontare della pensione complementare. COVIP Fondo Pensione FUTURA La CIPAG è stata fra le prime Casse di Previdenza a studiare ed elaborare uno strumento da offrire ai suoi associati come soluzione per questo fondamentale punto del welfare integrato e ad attuare una procedura di iscrizione collettiva con diritto di recesso per tutti gli iscritti di età inferiore ai 30 anni contribuendo agli oneri di iscrizione. Ma cos è in definitiva una Previdenza Complementare di categoria e quali sono i vantaggi di aderirvi? Vale la pena entrare nel dettaglio della genesi del Fondo di Previdenza FUTURA e delle regole che lo governano. Le due tappe fondamentali del lungo iter vanno rintracciate nel decreto legislativo n. 252 (2005), che ha assegnato il ruolo di completamento della tutela pensionistica a quelle che, fino ad allora, erano state considerate soltanto forme accessorie di previdenza e nella decisiva svolta nel 2010 quando a coronamento di una stretta collaborazione con la COVIP sono state approvate le necessarie modifiche allo Statuto della CIPAG ed al correlato Regolamento di attuazione delle norme statutarie. Il risultato è stato, appunto, il Fondo Pensione FUTURA che, in tema di previdenza complementare, geocentro nline

13 offre una serie di indubbi vantaggi agli associati CIPAG (e ai familiari fiscalmente a loro carico). Ricordiamo infatti che, oltre ad essere libera e volontaria per legge, l adesione al fondo offre significative agevolazioni fiscali: dalla deducibilità di quanto versato al fondo con un limite massimo di euro l anno a una tassazione agevolata dei rendimenti fra il 9 e il 15% (contro il 20% o 26% applicato anche ai rendimenti delle Casse Previdenziali) da applicarsi sul risultato netto maturato in ciascun periodo d imposta. Inoltre, nella fase di contribuzione non ci sono vincoli legislativi al versamento, quindi l aderente può scegliere autonomamente il contributo in base alle proprie disponibilità. Ancora, la normativa consente elevata flessibilità nella gestione della propria posizione qualora si verifichino impreviste situazioni per le quali sia necessario interrompere o riscattare la contribuzione (acquisto e ristrutturazione prima casa, spese sanitarie, etc.). Senza contare che è sempre fornita all aderente la possibilità di accedere online all area riservata in cui monitorare la propria posizione previdenziale in tempo reale. Tuttavia, nonostante questi indubbi vantaggi, rimangono ancora punti di criticità da risolvere e margini di miglioramento su cui è necessario lavorare, in sinergia con le altre Casse private, naturalmente, ma anche con l attuale governo. Proprio per risolvere questi ostacoli e promuovere l accesso alla previdenza complementare abbiamo incontrato il Sottosegretario del Ministero dell Economia Pier Paolo Baretta al quale abbiamo portato la nostra proposta nello spirito di una collaborazione fra governo e Casse tecniche di previdenza che promuova, da una parte, garanzie e tutele per gli iscritti, dall altra progetti concreti e attuabili per far ripartire il sistema paese. Al centro dell incontro è stato posto il percorso normativo che conduca le Casse alla costituzione della previdenza di secondo pilastro, finanziata con una percentuale del contributo integrativo (da 0,5% a 1%), al fine di avviare la posizione di previdenza complementare. Tale percentuale di contributo non finirebbe nel calderone delle provvidenze straordinarie ma in una posizione individuale del professionista iscritto. Il provvedimento, come è chiaro, costituirebbe un agevolazione per i professionisti in quanto nella sua forma contributiva rispetto alla previdenza di I Pilastro evita il rischio politico derivante dai cambi normativi. Inoltre, si tratterebbe di una riforma a costo zero dunque immediatamente attuabile che garantirebbe al professionista le agevolazioni previste dalla normativa sulla previdenza complementare (anticipazioni, integrazioni, deducibilità fiscale). Ci auguriamo che tale proposta venga accolta tra gli emendamenti della Legge di stabilità. Previdenza complementare geocentro nline

14 Il primo Fondo di Previdenza Complementare tagliato su misura per te e per i tuoi familiari

15 opportunità Ilario Tesio Consigliere CIPAG al servizio i geometri dei Comuni Nel quadro della XXXI assemblea ANCI, l incontro dal titolo Federalismo Demaniale e Sblocca Italia organizzato a Milano il 7 Novembre c.a. da Fondazione Patrimonio Comune (FPC) e IFEL è stata la cornice istituzionale per fare il punto della collaborazione tra CIPAG ed ANCI ma soprattutto per valutare, sulla base dei primi feedback, l iniziativa del Fondo Rotativo messo a disposizione dalle Casse Tecniche, risolverne i punti di criticità e individuarne gli sviluppi. geocentro nline

16 formazione sul territorio così da creare un offerta di liberi professionisti adeguati, preparati e competenti, in grado di supportare le Pubbliche Amministrazioopportunità Fondo Rotativo Fondazione Patrimonio Comune (FPC) Dal primo protocollo d intesa siglato nel 2009 fra CIPAG, CN- GeGL e ANCI molti passi decisivi sono stati compiuti perché questa collaborazione si traducesse concretamente in qualità, affidabilità, tecnologie e soluzioni avanzate per l edilizia abitativa e la valorizzazione del patrimonio immobiliare dei Comuni. Così nel 2012 CIPAG e Fondazione Geometri Italiani sono divenuti soci sostenitori della Fondazione Patrimonio Comune (FPC) struttura tecnica costituita da ANCI per supportare gli Enti locali nel censimento e nella valorizzazione e dismissione del patrimonio immobiliare. Già nel 2013 tale attività è divenuta operativa con la procedura online di codifica, censimento e valorizzazione del patrimonio immobiliare di proprietà pubblica (VOL), sviluppata insieme alla Cassa Depositi e Prestiti. Risale invece alla primavera di questo 2014 il varo dell altra fondamentale iniziativa cui si accennava. La FPC ha avviato, infatti, con CIPAG, EPPI e con la Fondazione Geometri Italiani uno specifico provvedimento denominato Fondo Rotativo per la regolarizzazione degli immobili, finalizzato al supporto tecnico e finanziario dei Comuni nelle fasi di verifica, censimento, regolarizzazione e valorizzazione del loro patrimonio immobiliare. Si tratta di un Fondo di rotazione di 3 milioni di euro per anticipare i pagamenti ai professionisti che presteranno la loro opera per le Pubbliche Amministrazioni convenzionate, nell ambito della verifica e regolarizzazione dei beni immobiliari pubblici presenti sul territorio. È evidente che il Fondo Rotativo rappresenta per i Geometri una nuova opportunità di lavoro e di accesso al credito mentre per i Comuni si rivela uno strumento di sostegno soprattutto nell ambito della procedura del Federalismo demaniale: accedendo al Fondo, i Comuni possono infatti beneficiare di un anticipo sulle spese da sostenere per le attività di due diligence, di regolarizzazione amministrativa, di stima degli interventi manutentivi, di diagnosi energetica degli immobili (audit di primo livello) ed eventualmente di stima di carico in bilancio. Questo anticipo sarà restituito dai Comuni, ad avvenuta valorizzazione degli immobili. Va a questo proposito ricordato che, per assicurare l efficacia dello strumento, CIPAG e CNGeGL si sono anche preoccupati di realizzare un attività di geocentro nline

17 ni nelle attività di censimento e valorizzazione. A questo fine è stata anche creata una banca dati qualificata per la registrazione dei professionisti, fondata su parametri oggettivi di territorialità, professionalità e formazione, per garantire alle richieste della Pubblica Amministrazione i professionisti dal profilo più adatto. I geometri al servizio dei Comuni Allo stato attuale delle cose, i feedback fatti pervenire alla Fondazione nel corso di questi mesi da parte dei Comuni coinvolti nel processo dimostrano da una parte che l iniziativa di FPC ha colto nel segno e funziona; dall altra che i professionisti sul territorio si sono fatti trovare preparati e all altezza delle richieste dell Amministrazione pubblica. Al tempo stesso, tuttavia, l esperienza maturata rende consapevoli di alcune criticità per cui è urgente trovare una soluzione. Limitandoci alle principali, ricordiamo: 1. La necessità, da parte del Comune, di trovare un capitolo di bilancio per regolarizzare le spese sostenute in quest ambito; 2. Da parte dell Ente che richiede una proprietà immobiliare dallo Stato o demanio in vista della sua valorizzazione, è necessario che ci sia una chiara progettualità e, vorrei dire, un assunzione di responsabilità; in moto economie oggi immobilizzate. Come tutte le macchine di nuova concezione, tuttavia, ha bisogno di modifiche e migliorie, per apportare le quali è fondamentale, innanzitutto, il dialogo fra Privato e Pubblico. Ma al di là di questo e al di là di slogan e promesse, ci auguriamo che il Pubblico vorrà anche ascoltare davvero le richieste espresse dal mondo dei professionisti e della realtà. I Geometri all assemblea Anci: 1/ interviste 2/ Incontri Istituzionali e proposte 3. Infine è fondamentale semplificare il percorso della collaborazione fra Comuni e FPC che, ora come ora, a causa delle troppe complicazioni burocratiche, è simile piuttosto ad una vera corsa ad ostacoli! In sostanza, la macchina ora esiste e il suo motore è promettente e, come si dice, performante per accogliere la sfida di rimettere geocentro nline

18

19 iniziative Marco Nardini Consigliere CNGeGL un bando di concorso per EXPO 2015 In occasione dell evento dell Expo, che si terrà a Milano dal 1 maggio al 31 ottobre 2015, la Fondazione Geometri Italiani ha indetto un Bando di Concorso a premi, riservato a tutti i geometri iscritti all Albo e ai praticanti, per la presentazione di progetti, studi, realizzazioni e prototipi che meglio interagiscono con i temi dell Expo: sicurezza alimentare, riqualificazione urbana e rurale, sostenibilità e biodiversità, cooperazione, conservazione e creatività ed innovazioni tecnologiche. geocentro nline

20 iniziative Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita : ispirandosi al tema dell Expo Milano 2015 la categoria, attraverso la Fondazione Geometri Italiani, ha bandito un concorso per la presentazione di progetti, studi, realizzazioni o prototipi che meglio interagiscono con i temi dell Esposizione, con l intento di coinvolgere gli iscritti nella diffusione della cultura ecologica attraverso la partecipazione consapevole alla salvaguardia del Pianeta, a garanzia delle future generazioni. L iniziativa, infatti, si prefigge di stimolare la partecipazione, in particolare dei giovani, con proposte tecnologiche mirate all innovazione del sistema alimentare e quindi dell agricoltura in generale. Un mezzo per acquisire e ampliare la visibilità del geometra, indispensabile per competere in differenti contesti nazionali e internazionali. Scarica il Bando di Concorso I temi oggetto del concorso sono tutti di ampio respiro: Sicurezza alimentare, Riqualificazione urbana e rurale, Sostenibilità e biodiversità, Conservazione e Creatività, Innovazioni tecnologiche, Cooperazione. Tra gli argomenti indicati nel bando, tutti attinenti la nostra professione, desidero soffermarmi sulla Cooperazione internazionale. geocentro nline

21 Un settore complesso e articolato, poco conosciuto dai nostri professionisti, che potrebbe rappresentare un mezzo efficace per ampliare gli sbocchi della nostra categoria. Nata come approccio di tipo collaborativo per sostenere lo sviluppo nei paesi più svantaggiati del mondo, oggi offre possibilità lavorative a giovani competenti e fortemente motivati in ambiti di intervento che comprendono, tra gli altri, la sicurezza alimentare e il progresso rurale, la valorizzazione del territorio e del patrimonio culturale dei Paesi in via di sviluppo. Contiamo sull ampia partecipazione dei geometri italiani a questa iniziativa, basata sulla consapevolezza che le nuove tecnologie, i nuovi prodotti e i nuovi processi produttivi sono nati con l intento di migliorare il benessere e la qualità della vita, semplificare attività altrimenti complesse o incrementare la possibilità di comunicare, di conoscere e di aumentare le esperienze che ci vengono offerte. Una strada interessante per le opportunità professionali che il futuro potrà offrire, ma soprattutto necessaria per rispondere alle esigenze di mercato e aprire nuove prospettive di lavoro di fronte all inasprirsi del contesto economico congiunturale e alla crisi di settore nel nostro Paese che impongono, anche alla nostra categoria, di uscire dai confini. Un Bando di Concorso per EXPO 2015 geocentro nline

22

23 fondi europei Laura Caserta Advisor sviluppo attività per l internazionalizzazione liberi di far crescere la propria attività I fondi europei Horizon 2020 e Cosme a portata di mano geocentro nline

24 fondi europei Commissione Europea Finanziamenti comunitari COSME HORIZON 2020 Per chi ha iniziato il mestiere sul tecnigrafo, con squadretta e compasso, per poi arrivare al PC e agli strumenti di misurazione laser, sentirsi dire che si è attori di sviluppo economico sarà scontato. Insomma l autoconsapevolezza del proprio valore di professionista ce la si è costruita sul campo, con fatica e cocciutaggine. Ora però, lo afferma anche la Commissione Europea e fa di più, assimilando il libero professionista, sia esso geometra o giornalista, alla piccola e media impresa. Questo si traduce in una grandissima opportunità: l accesso ai finanziamenti comunitari. Si parla di cifre importanti: 2,3 miliardi di euro per la competitività delle PMI e professioni con COSME e 80 miliardi per ricerca e innovazione con HORIZON da qui al Occorre però fare un passo indietro, per chiarezza e per capire quali passi sono stati fatti. Dal 2010 il lavorio dietro le quinte è stato tanto e c è stato chi ha promosso e vigilato sulle scelte comunitarie e sul concretizzare le opportunità; in primis il Presidente della CIPAG Fausto Amadasi, che ha preteso di partecipare al tavolo delle libere professioni a Bruxelles e di definire le esigenze dei geometri e il Presidente del CNGeGL geocentro nline

25 Maurizio Savoncelli, che non ha mollato la presa. Entrambi affiancati da partner professionali e da GEOWEB. Il risultato di questi anni di lavoro preliminare fa sì che i geometri oggi siano in pole position per intercettare le opportunità dei nuovi bandi, dato che la squadra che si è spesa per ottenere questa possibilità è molto attiva, affiatata e già in azione per mettere a regime velocemente le fasi successive. Liberi di far crescere la propria attività Dal punto di vista organizzativo, dal livello europeo si è passati ad un piano nazionale, per poi scendere a quello regionale: sono già state inviate, lo scorso luglio, lettere alle Regioni per stabilire un incontro con le realtà istituzionali del territorio e si stanno, parallelamente, individuando dei geometri referenti locali, affinché facciano da tramite con i colleghi interessati a richiedere i contributi. In concreto, si sta immaginando un piano d azione a tappe serrate, il cui primo passo è appunto stato l approccio con le Regioni, a cui seguiranno meeting con i referenti degli assessorati competenti all aggiudicazione dei fondi strutturali, per individuare progetti di reale interesse per la comunità e di effettiva ricaduta sociale. In altre parole, si sta mettendo a punto un sistema snello e semplice affinché ogni geometra possa informarsi delle reali opportunità e conseguentemente presentare le richieste di finanziamento. Ma non basta: sta per partire una serie d incontri informativi e formativi nelle più importanti città italiane e via web; un roadshow studiato e organizzato in collaborazione con GEOWEB per dare l opportunità ai professionisti di prendere confidenza con la materia e interloquire direttamente con chi supporterà l iter per l assegnazione dei finanziamenti. L aggiornamento tecnico e scientifico, nuova liquidità per innovare, è un propulsore vitale alle proprie attività e, in questo momento di crisi, un beneficio irrinunciabile. L appello è dunque di approfittarne! geocentro nline

26

27 fo cus Serafino Frisullo Consigliere CNGeGL il drone dietro l angolo L uso dei droni (SAPR) sta aprendo nuovi mercati, ma è necessario sapere bene che in materia di volo esistono regole precise. Anche per questi apparecchi. L uso dei droni, ma chiamiamoli d ora in poi SAPR Sistemi Aeromobili a Pilotaggio Remoto, dopo aver rivoluzionato l aviazione militare, sta entrando prepotentemente in molte altre attività professionali nelle quali è utile, se non indispensabile, il monitoraggio ambientale dall alto. Sono due i driver di questo sviluppo: il primo è il miglioramento delle prestazioni dei SAPR, con un conseguente abbassamento dei prezzi; il secondo è rappresentato dalla possibilità di dotarsi a prezzi accessibili di sistemi e sensori di monitoraggio, da installare sui SAPR. Il tutto si sta traducendo nella possibilità di fornire servizi, da parte dei professionisti, di controllo e monitoraggio dall alto a prezzi più geocentronline

Dai valore al tuo domani. fondo pensione

Dai valore al tuo domani. fondo pensione Dai valore al tuo domani fondo pensione fondo pensione E grande la soddisfazione per aver raggiunto l'obiettivo di realizzare il primo Fondo di Previdenza Complementare di categoria gestito da una Cassa

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive

Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive Dipartimento della Pubblica Sicurezza Stagione sportiva 2011/2012 Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive Determinazione n. 26/2012 del 30 maggio 2012 L Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI Deliberazione del Consiglio nazionale dell Ordine dei giornalisti 9 luglio 2014 1. Canale unico di accesso alla professione Per esercitare l attività professionale

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 -

Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 - Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 - Dal 1 maggio al 31 ottobre 2015 Milano ospiterà l Esposizione Universale dal tema Nutrire il Pianeta, Energia per

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Entrate Roma, 10/04/2015 Circolare n. 72 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 REGIONE ABRUZZO Servizio Politica Energetica, Qualità dell aria, SINA Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 anno scolastico 2014-2015 1. PREMESSA La Regione Abruzzo - insieme al MIUR (Ministero della Pubblica

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi.

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi. Carissimi Soci, anche quest anno di vita associativa si avvia gradualmente a conclusione con moltissimi obiettivi raggiunti, moltissime iniziative a tutela e promozione della nostra Professione concluse

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense Sezione generale 1. Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha adottato un regolamento specifico per i praticanti avvocati? Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha approvato con

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli