-{ ',6m\ i ewr r-4r H L.J L i i r. i,, \ * ìc+\ r. '$, \-<\ +: 'L,*,1 1-;. '- Tì ;'i' " 5a i i':: -'.:-+ STATUTO ASSOCAZ ''OGG E DOMAN' ARTTCOLO COSTfUZONE SEDE E ' costj" name="description"> -{ ',6m\ i ewr r-4r H L.J L i i r. i,, \ * ìc+\ r. '$, \-<\ +: 'L,*,1 1-;. '- Tì ;'i' " 5a i i':: -'.:-+ STATUTO ASSOCAZ ''OGG E DOMAN' ARTTCOLO COSTfUZONE SEDE E ' costj">

J, ), I. lj \l. 19.l oe1o11n3!a. t- I. è t3 É '** -* I 1l Mantenere vivo ed operante if vincolo che. >-{ ',6m\ Lt Asscclazione ha durata illimitata'

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "J, ), I. lj \l. 19.l oe1o11n3!a. t- I. è t3 É '** -* I 1l Mantenere vivo ed operante if vincolo che. >-{ ',6m\ Lt Asscclazione ha durata illimitata'"

Transcript

1 L t" t.r Lii: Hitt4 - ji ì,1ìl >-{ ',6m\ i ewr r-4r H L.J L i i r. i,, \ * ìc+\ r. '$, \-<\ +: 'L,*,1 1-;. '- Tì ;'i' " 5a i i':: -'.:-+ STATUTO ASSOCAZ ''OGG E DOMAN' ARTTCOLO COSTfUZONE SEDE E ' costj tuita un'associazione senza "agg' e Domani" con sede in Roma DENOMNAZONE s,coo d1_ 19. oe1o11n3!a Essa è discipinata da pre s en-e statuto, da codice civie e dae vígenti eggr in è t3 É '** -* p"-*- Lr; 1r fa'.{ J \ ì "), ) J \ ti { J, ), / materia.,t -,. ARTCOLO 2 DURATA Lt Assccazione ha durata iimitata' ARgrcoo 3 f t- L'Associazione territoriae SCOPO E OGGETTO SOC.ATE non ha frni di nazionae. Essa si propone prrncrpae i perseguimento- g-t f-99"""ti i Lucro ed opera fini: in via escusiva ambito c *J -- 1 Mantenere vivo ed operante if vincoo che Personae dea Corte dei contt; \ 2J rutg_-a1e T La dignità, i diritti e g1i interessi i. socr assicurando ir ri spett o vaorizzando mo ra i,j,;i é<nèrt Fn z a p cf e s - o a 3 ) Promu o V e i i n e r S C amb io di esperienze e notizie tra r i^?e L-- t- i dei rsonaie dea Ccír'Le cìei Conti e tra i soci r rri-a t P! L cro i n^róc< nei Le comun prospettive, anche sensib: i zzando. opinione pubblica e solecit ando polé9!9 f

2 1 nte rvento ne.r pr ncipa i dea Pubbica amminr str azrafie; 4) Promuovere formativi regì-onai j nazionai, europei / rnr-e rnaz i ona i d'intesa con istituzioni competenti; 5) Promuovere ed attua re ogni iniziaciva, r n <oro nn uvar i i! LLa, n: sindacafe e contrattuafe per tuteare 1 c- ri-uto a conservare integro i potere dr acquisto de trattamento di d:- ogni atra azione ucie per a turea del, or:i -::a::.=:::c prevrdenz 1a e der soci de reativo trattamento economico/ ne-f 'ottca di un adeguamento costante dei trattamenti de Personae dea corte dei cont e dei- soci are dinamiche safariai; Assumere ini ziative di caratte re so idari stico as s i stenz ia e, soci ae, dr vo-ontariatoricreativo, cuturae e sportivo drettantistico, compresa a dicat-,rca a favore deg i iscr-i-tti e di terzi promuovendo que e airivi:à f inal:rzzar.e a-l'ut.tlizzo del, espe:ienza, anche professionae, degi iscrrtti sia per i singoo che per gruppi / contribuendo a migioramento dea quaità dea vita de Personae dea Corte dei Conti dei soci L/ Associazione per rf persequimento dee proprie frnartà può esercitare, tra 'aftro: - racco-ta fondi attraverso fa sensibri zzazrane dea pubbica opinione, anche medante offerte di beni di modco

3 r i va ore dr SCTV-LZ 4.1 sovventor in ccncomi t anz a di ceebrazioni ra aa\rrantq campagine d sensbir zzazíone; - at t rvità strumentai anche dr natura economica quee rcnai princtpai ="i J -- ( J r( :. ) L'Asscciazione, ne rispecco de-le f ina i-uà riporcate/ polla avvaie:sl di coaborazionr con soggettr sia pubbici, s1a prì vatj favorendo a riquardo a nascita di convenzron accordi " o'] L'Associazione, infi ne, potrà rea-i zzare attività di trpo divugativo inf orm.at ivo qua r titoo merament e s emp i f r. "t 11 ",_ n o n =:3""_t.,vo _O9b! r 9111o11t, seminari e corsi di formazione. convegn]. r \ j_)- G! f ARrrcoto 4 A.FLAZTONE E.ADESONE 'A.ssocràzrone può partecipare, t rami t- e affi iaz ione adesione, ad atre associazioni enti ovvero atre entità con fna ità anaoghe ae ne rispetto dee de1 presente statuto, a condizione di reciprocià, F -::regnandcsi ad osservare far osservare ai propri soci fo regoamentari de'enre cui si afilia ad adempiere agl event-uali oneri tm i Car a:--=:= : ra:.)r:,-co che ne derivano. Di cae parcecipaztor.e e dea sua retoca deciderà i Consigo Direttivo (.'.- ARîCO]O 5 socr

4 Associaziore e aperte a LLtco Personafe dea Corte der conti, sia in servizio che in quíescenza, a tur-c i cooro c',e, interessatr aa reajizzazíone defe frnaìità istituzionaii svo gono a propr,ia accività presso a Corce dei Conti ar parenti/affin:, de soci fondatorr ordinari. L' adesione a'associazione è voontaria eci avv'ene secondo -e modartà di cu1 dl cr1--aacr /A ar soci che aderiscono al1'associazione sr dividono in: 1) soci fondacori, cooro che ha::::c.=:--ec'-ca--c al-la costituzione de-' Associazione; 2) soci ordinari, cooro che aderisco::c s*ccessivamente afa costituzione de'associazione e che '::-,edono impegnarsi per i1 consequimento degi scopi a cui domanda dr adesione è stata accettata da Consiqttc Direttivo; 3 ) soci onorari o benemerit-i, cooro c!-:e vengono insignrti di tae quaifica, Per volontà de'assenbea/ rappresentati i prrmi da personaì-tà det mondo de1e stituzioni, dea cu-tura, defa scienza, de'arte, def'economia e dea finanza ovvero i secondi perché hanno contribuito in maniera determinante con a oro opera o r1 Loro sostegno ideae od economico aa vita de11'associazione,' 4) soci aggregati, si considerano tai i parenti/affn de:- soci fondatori e dei soci ordinari ed j-f personae esterno a'isttuto che svolge a propria attvità Presso Le sedi de1a Corte dei conti

5 Tu-.ti j socj in rego-a ccn Ì veì:sam.en:o cee quore socai r hanno di ri tto di voto, ad eccezone dei minorenni r p r ' app rovazione dee modificazioni deo Statuto/ nonchè per Ld nomina degi organ dire'-crvj de'associazione, p r 'approvazione der branci e per ogni atra previsione di cui ) a presente Statuto. Per ciascun socio non V acuna disparità di trattamento af,interno de'associazione ARTCOLO 6 MODA-TA/ DT A{MSSONE DEr SOCr L'ammissione socro subord-inata aa presentazione di *S ò apposita d.omanda scrr,tta da parte degi interessati con { successt-vo versamento dea quota annuae 1n caso di iscrizone. Sue domande di ammssone SA pronuncra i1 ConsiqJ- i o Direttivo entro novanta gorn. e eventuai reiezioni non debbono essere motívate 1 Seg:retario Genera-e cura ' istruttoria de-e domande successivamente 'annotazione dei nuovi aderenti ne- ibro soca L' escusa a temporaneità dea partecipazione a_a vta ( as socatva ART]COT.O 7 PERDTA, DEL].À, QUÀTFCA D SOCTO La quaità di socio s perde per decesso, per escusione, per decadenza o per recesso. recesso da parte der soci deve essere comunicato in forma r-s U GÎ-$ì \-ry

6 scr r tta a tassociazrone almeno tre mesr Prrma deic scadere de'anno in corso' T,'escusione dei è deiberata da'assembea' se non per gravi motv: pef comportamento cont rastante con g dei'associ-azione; ner nersistenti vioazioní deg.r obbqhi statlrtari regoamentarr; 3) quando n quaunque modo, 1 r raa î - * a materiai al' Associazione; 4) per indegnrtà ' socio decade automaticamente in caso i' inancato versamento dea quota associativa per anni due ' socí non in regoa con i pagamento cee quote associative n.n DOSSOno partecpare ale riunion- de'assemblea. Essi non sono elettori e non possoiro essere eletti ae cariche associative ' Prrma dr procede re a'escusione devono essere contestati Per iscritto a socio gi addebiti che ao stesso vengono moss1, consentendo facottà di t"pfit. tttt^" 'rpotesr dr decadenza per a quae L'escLusione "hu P* perfeziona automaticamente con i decorrere de termrne previsto Per i Daoamento soco receduto o escuso non ha ] dirirto ata restituzrone de e ouote associative versate quota conributo associativo nón ouò essere trasferito se non per causa di morte e non è ri-valutabie

7 i Tutr i soci hanno diritto: ARTrCoto 8 DTRTT E DO\/ERT DE SOC partecipare effettivanente aa vita de, 1: a partecipare a1 'Assemb_ea con diritto imi cazionj prevì-ste per t soci minorenni n particoare hanno drrrtto a partecipare a d Ì- {è ^+ se sq 3e# + qq rrè,j:à { q \ì =s+ù,w -T- 'J J "'.b ( 'ú scciazione; ii j) vor? con re, \ : rj - \.. pprovazione "i ; "k'$ \--> )J ) \'.a QJ \a ) /-''t u-r :!. (+ \) LA ae modificazioni deto Statuto de re go ament i aa nomna deg i o;:gan1 di rett ivi de'associazione a ' approvaz i one dei bianci annuai o-tre che ad ogni atra qr".s=919- dircu a presente Statuto; 3) ad accedere afe cariche associative con e imitazioni previste per i soci minorenni;? Ị à 4,'3 /.'* w*p 02.tr "{ A\ prendere visone di tutti ^ì ga.l drtr derberat i e di tutta t- Ld documentazione reatva d.ld gesttone de,associazione con possibiità di ottenerne 5) Tutti i soci sono tenuti: copr a "{,\) 11 ( \ aaqti ]- - os s ervare presente statuto, Si eventuai +) int e rni e de- ibe ra z i oni egamente adottate organi associativi; 7 ) a frequentare 1'Assocazione, co-aborando con Si organi ) \- ['.- i per a reai zzazíone rjo a f i n - ì + + j - T-- et a.ja t *"-- uu!!s _+_.o_a_o associac_ive,. mantenere sempre un comportamento corretto nei confronti -rt:fgf:" e _a non attuare iniziative che si rjvetino an f- ccnt.rasto coa e aspirazioni che ne an].mano r / -+r r ALLVA --i i

8 9 ) a versare 1a quota associativa annuae e e uteriori quole o contriburi oejberari e richiesti per gr scopi as soc ativi ARTCOLO 9 ORGA}Í DELT,' ASSOCAZ ONE Sono Organi de'associazione: 1 ) 'AssembLea de soci,' 2) i Consigio direttivo; 3) i Presidente de'associazione; 4) Vice-presidenti; s) f Segretario generae,' 6) 1 Co-egro dei revisori egai dei conti o revisore unico; 1) Coegio dei probiviri L'eezione degi orqani de1'associazione non può essere vincoata e si avvae di críteri- di massima -ibertà di partecipazione sj-a ai fini- de'efettorato passivo che attvo. ARTCOLO 10 ASSEMB,EA DE SOC L'Assembea è composta da tutti i soci ed è Ì'organo sovrano de'associazione. L'Assembea è presieduta da Presidente de'associazione. Hanno diritto dr intervenire aì'assembea utti cooro che sono in regoa con i paqamento dea quota o contrj-buto as soci ativo Ogni socio potrà farsi rappresentare in Assembea da un aftro

9 -]-- - s?cro cojr d9_ega "r3_!t3 og.1 socio non porr:à i o o,,ru det eqhe. - -: ARTrcoLo 11 i t-.- t- it CONVOCAZONE DE],T,' ASSEMBLEA 1 j L, nssembj ea :- si _"_-_ r-unasce in seduta ordinaria, su - t -P:=19:"!?_11.1g- 1.. _"._rj: a'anno per Lt r de -" Bi ;n^i i e ogniquavota o stesso proc j rta^+^ ^ ConsiOf io direttivo_ --?_"L1eno un decimo deg_i f _assocari, con richiesta mnt t- _- + -:.::..,- iavata/ ne ravvisino L'Assenìbf ea ordinaria r :jì-i''1o n^r Èi, opportunttà. - -'11ttt_t- ] ggi_.t1111:zione ed in parricoìare: t- 1- gqe -9-1j!1"g-:111!r i y9_e pre ve nr i vo ; 2\ oaa^o r 1'. :'=9!: + _redente/_ : componen-_ j * de Consigio direttivo, de_l Coegio del revisori dei ^.n!j uvrua e Oe, Coeqio dei probiviri; 3) derbera variaz ioni; si eventuai rego ament i interni 1e,d \{ --.> \ = [q (y 3 r',.t)."y tj 3-4,/, \ '.U -r- J /&.tx t< _t 4, ),ú i.{ r; 4) provvede a trasferimento dea sede de' associazione ne medesimo Comune di queo indicato,. g._!g=g rr11 _5 r a e sct us i one di associai Se nón v!! gravi motivi,- _9) a._f.1..1 su tutte e quest. - -j- -on- a:tine::t e. a ges t i one!o9111., che it Consigr io u!,'.1 i -^++: r c L L-t.vo -- rr te rrà d_r sottopore, _i 01 s \,1 N compresa ai scci Ìa determinazione di quote o contribui straordinari

10 L'Assembea straordinaria deibera: sue modifrche de atto costitutivo e dello statuto; 2) su trasferimento dea sede de'associazione n Comune diverso da quelo indicato; suo sciogimento de-'associazione a devouzione de suo patrimonio. 4) Sra 'AsSembea ordinaria che quela straordinaria sono presiedute da Pres idente sua assenza uno dei Vicepre sident r in assenza di questí, da componente de Consigio direttívo piu anziano di et,a Le convocazron sono effettuate mediante avviso scritto da recapitarsi ai soci ameno quindici giorn ( rrdottr sette giorni caso d convocazione urgente ) prima detta data de1a riunione contenente ordine de giorno, uogo, daa e orario dea prima e de1a eventuae seconda con"oca esserefissataprimachesianotrascorsitregiorni(ridottia uno in caso d convocazione urgente) da-a prima convocazone,oinaternativamedianteanaogoavvisoda affiqgersi a'abo cea sede sociae ameno trenta g:.ornì prima de-a de'assembea. convocaz ione de1},assembeasiaordinariachestraordinariapotràessere effettuata secondo uteriori modaità, aggiunta a quea anzidetta, che Consrgio Direttivo comprese forme mezzí eettronic quai e-mai1, s1!, s:-mi r, purche tutt con avviso di ricezrone. n drfetto di

11 j convocazi-one formae odr mancato ríspetto Cei termini d1 preavv so / s aranno uguamente va i de e adunanze cui partecipano dr pe rsona per de-ega Lurr i soc Consigro Direttivo e r Coegro dei Revisori dei Conti KCV SOT- UÌCO. J ) (J.f \\t <.+ù \,ó É'è) "-a':t ART]COLO 12 VA.DTA/ DE,L' ASSEMBLEA Assembea ordinari a vaidamente costí tui ta 1n pr]-ma one quando sia pr:esenie o radpresentata ameno uno dei soci aventi drritto. n seconda convocazione 'Assembea ordj-nar:ia è vaidamente costituita quaunque sia!^ soc intervenut o rappresentati L'Assemb-ea straordinari a è vaidamente costituita Ln prr-ma convocazrone quando sia presente a tota-ità dei soci avent diritto à"1 14 ù ; seconda convocazione i tre quarti dei soci ARTCOLO 13 VOTA.ZON Le de iberaz íoni de11 'Assembea sono vaide quando sano approvate daa magqioranza assouta dei presenti, eccezion fatta per 1e deiberazioni r i gua rdant i a modifica de'atto occorre co s tit ut ivo e deo s Latuto/ per e qua i r voo i.\-} favorevoe dea maggioranza degi aventi diritto a voto per de- berazione riouardante sciogimento de 'Associazione Lò reativa devouzione de1 pat.rimonio resid.uo, per 1a quae è necessaria a presenza dei t::e quarti

12 dei soci aventi drritto ít voio favorevole dr tutt i presenti. Ne e deiberazioni dr approvazione de biancio rlìn quee che riguardano La ioro responsabr Lca Si ammnistratori non hanno voto. ARTCOLO 14 VERBALZZAZONE Le deberazioni adottate da1'assembea dovranno essere riportate su apposito rbro dei verbai a cura de segretario generae e da questi sottoscritte insieme a Presidente. Le deibere assembeari devono essere rese pubbiche ai soci mediante affissione a'abo dela sede o con 1e stesse modaità previste per, avviso d:- convocazione dee Assemb-ee ovvero tramite atre forme pubbicitarie renute idonee a ta fne ARTCOO 15 CONSTG,O DTRETTVO consrgio direttivo è ' organo di amministrazione de11, Associazione. Esso è composto da 15 ( quindici ) a 25 vent"lmdg*g) membri/ compreso il Presidente, efettr da'assembea dei soci fra i soci medesmi con escusione di queti minorenni membri de ConsígLio direttivo rimangono in carica tre anni e sono rì-eeggibi Ne1 caso in cu:-, Per dimissioni o atre cause/ uno o piu dei componenti r Consígio direttivo decadano dal'incarco, Cons i g1 io medesimo puo provvedere aa oro sostituzíone nominando i

13 i prrm t? r_ "o eettr, che rimanqono in carica fino ao -..9dT. 1?f in_tero consigrio. Ner1. impossibì-rrtà di attuare d:_tta 1?1.-!_o ne caso in gr decada orr:e a metà dei membri de Consigio, Ì' Assembfea deve.gr"?q:.9 d Ld Cons ig i o 11.1!!1."- ":*Ì"g a suo interno i Segretario generae.a consrgio direttvo sono attriburte 1e seguenti funzioni: de1 iberare 'ammissone dei soci ne propone L'esus:-one a'assembea;?* t::9ry_t:..uzione dete deiberazioni det'assemb-ea; 3) curare f'osservanza dee prescrizioni statutarie e degi eventuai regoamenti ; 4 ) qi:!r:!9rry 9t1 eventua 1 regoamenti che dr vota n vota S1 renderanno necessar- / facendof i approvare daf 'Assembea dei soci,. 5 ) predisporre i bi_ancio preventivo e consuntivo,. 6) provvedere agi affari di ordinaria amministrazione che non siano di competenza de-'assembea dei soci ivi comdresa a determinazione dea quota associativa annuae,. 1 \ provvedere a trasferire a sede def 'Associazione ne medesimo Comune r consigro direttivo è presieduto da presidente o in caso di sua assen da dei uno Vice-presidentr e, in assenza di 9't1919.,,, qg]_ ggmponenre det Consigio pii_r anziano di erà.!_o11q j-o _ direttrvo si riunisce ameno quattro vote U anno

14 L ei ogniquavota i Pre s idente 1c ritenga opportuno ----^ a magg aranzè de- consig, re:i ne fac.ia r. _-niesca. Assume _e presenza deia maggioranza oei ] r a/o revo i e maggroranza ntervenlr i pari t à preva e Presidente, pre s en za ibe re r ne rent- i str:aordinaria amministrazione e delbere vengono assunte con voto dea maqqioranza dej. component rf Consig r o Diretti-vo in carica. Le convocazioni devono essere effettuate medi- ante avv so scri tto / ette ra a1 tra modaità equipoente anche in forma eettronica ( fax, e-mai / sms ) recapi t ars i ameno gr on. dea riunione, contenente ordine de giorno, ia.a ed orario deìa seduta n difetto di convocazione a ij i u1 r:aldlu rispetro der termini di preavviso/ sarai:rc uqua:nente varde e runaon cui partecipano tutti de Consigio direttivo. verbai d ogn adunanza de1 Ccrsigio/ redatti a cura de segretario generae e sottoscr,iri daro stesso e chi i'ra presieduto La r].un t one / vengoc conservati aqi atti. L'ingiustificata assenza di un consigt i ere a piu di tre de- Cons i g1 io ccnporta a sua immedi ata decadenza daa carica Consigiere decaduio non è immediatamente rieeggibie A,RCOLO 16

15 Pre s r Oen,e è eer--,c Ca Consigi' o di-rettivo a maggroranza der vot, "qit j=-_. _.9q=s ntante ra r:r a rra -!!9q!! ^cq^ctazone, nonche P::e s' de::-,e ceì 'Assembea der soci de Consigro di rettt CASO dr SUA ASSCNZA ì-mpedimento e funz'i cn' spettano ad uno dei Vice-Presidentr o, rn assenza, a1 membro de ConsigLio prir anziano d' età P::e s idente ha a firma sociae sug- r attr che impeqnano 'Associazione sia ne1 ri guardi de1 soci che dei erzi Pres idente cura 'esecuzrone dee deiberazi-oni de Consrgio direttivo e, in caso d'urgenza, ne assume i Poerr chiedendo ratifica ao stesso det provvedimenti adottatr nea i:iunione immediatamente success:.va' che eqí dovrà conteséuamente convocare. ARTCOLO 17 \/CE PRESDENT Vice presidenti rappresentano 'Associazione LN tutti CASL 1n cu1 i1 Presidente sia :-mpos sibi itato faro, quando abbano ricevuto apposita deega da Presidente stesso' ARTCOLO 18 T. SEGRETARO GENER.LLE Segretarr.o Generae è scefto dat Consigio Direttivo tra suo11 membrt Eq i di rrge sri uffí ci di segrete r1a def'associazrone, i d:, sbri go dete questioni correnti arqar\1zza L a Ìogistica/ attenendosi -i ^ di re tt ive impart iteg i da Presidente. 1 Segretari o Generae firma a

16 corrispondenza r:otre.e -1 Jte9"- oqni atrc incarico che di vo ca in vcta gli da Presi dente e che o "i"r'jt -ufs:-guo Statuto glr riconosce ' Egi è r:esponsabie cìea struttura tecnicoamminisirativa cassa e dei beni Put e della -Lesoreria' dea consistenza di rendiconra::e periodicamente al Consj-g1io Direttivo surre mocaità ed sui tetmi"i di i*pieqo (eeson.me del, Associazrone nero svorgimento del'attività sociaìe ' Fornisce a Consigtio q11*trro " t ala predisposizione de biancio preventivo e consuntivo' ARTCO],O 19 co,lecro DE REVSOR DX-C9XTr r î:-=qj : cer ="'-=oti d"i tonti è t " L effettrvr e od rìienì-or r-., --r c!-e o ratenga due memcri suppenti :':::'- :"'--' opportuno d'a'assemcea ordinaria ancre ira i non soci. CoLegio nomina al proprio interno un Presidente ' Ameno i1 Presidente deve essere iscritto ne Reqis-ro dei Revi sori egati dei to"!i r- ^^---^rro egae tale organo corpete 1r uurlrv!! deicontiequej-odilegittimitàdell'associazione.adesso si applicano in via anaogica e previsioni de codice civie in materia, compatibifmente con 1a nat scopo di ucrc de'ente ' n particoare ha i compito di controare a gesione amministrativa e contabie del,associazione, con particoare riguardo aa consistenza di cassa ed a'operato del Segretario generae nele sue

17 f unzioni di tesorer:i a. Può pairtecrpare/ senza dirtto dí voto, riunioni iei Consigio direttivo e del'assembea. Aa dr cascun eserc1 z1o rev sorr predi sporranno re i az ione dl bífanc:-o preventrvo consunt tvo, nairr ar::ro o a'assembea de soci -e risutanze cei e v--rif iche effettua,e ne corso d'anno ri-lasciando apposito parere ] Coegío der Revisori resta 1n car.ca per tre esercizi Ld scadenza coincide con d data de'assembea convocata per 'approvazione de biancio reativo a terzc esercizio deì1a sua carica Quaora vengano mancare uno o p1ù membri, i Coegio deve essere reintegratc aatraverso a convocazione de-'assembea f'eezj oi:e iei mancanti che rimarranno in carica fino aa scadenza de11' originario CoLegio. Quaora venga a mancare a naggioranza dei componenti i Coeqio dovrà essere nomnato ne-a sua interezza La carica di componente dei revj-sori dei conti è incompatbie con ogni atra carica sociae. rl COLLEGO DE PROBVR Coegio dei probivirj- è composto da cinque membr, di cui due suppementi, nominati- daf'assembea dei soci, aventi dr ri tto a voto/ tra soci stessi membri de Coegio durano in carica tre anni e sono rieeggibir Coegio è preseduto Presidente eetto maggoranza tra 1 suor componenti Coegio dei Probi-vi ri, di propria inizj-ativa

18 ri chi e sta s cri tta organo Associazione s ngo í soc/ decide,su1e cont rove rs L e che dovessero inso rgere fra gr oroan dei'associazi-one, 'Associazíone ed g ade re nt i Esso sì Pronuncra sempre ins indacabi mente, anche merito dd interpretazione delo statuto e dei regoamenti ' Coegío S1 r1un s ce SU richiesta de Pres ídente SU ri chíesta congiunta di due membri Le riunioni sono vaide se partecpa 1a maggi o ranz a dei membri effettivi Coegio deìibera magqroranza assouta dei suoi component, in caso di parità, a decisione viene rinviata ad una nuova riunione che deve svo gers i forma totalitaria dimissioni dece s so sempre it Consig io di rett provvedere sostituzione de componente. La car:r ca ii membro de coegio dei probiviri è incompatrbie con ogni carica sociae GRATUTA' DEGL NCARCH] Tut.te e cariche menzionate na nréqèniè Statuto sono normamente gratuite, savo rirnbo r s o deìe spese debitamente documentate sostenute 1n nome per conto del 'Associazrone nór ^/a u/ v YU- 'assovimento di uno specifico incari co, ove preventivamente autorizzate da Consrgio Direttivo. ARTCOLO 22 P.ATRMONO ENTR.ATE

19 patrimono,-^^ --t - / n^^^^ ^ rndrvisibife, Jo ssso - r-s5ùe-azon e 1,e risorse.concmiche per i proprjo funzronamenco e o svc i qimento deìle proprie atrvt à L'Associazione oer ouo utir avanzi dr gestione ma non può in nessun casc procedere aa distribuzione, anche in modo indiretto, degi stessi nonchè di fondr/ riserve o capitae durante 1a vita del'associazone medesima, a meno che a destinazione a distribuzione non siano imposte per egge patrimonio sociae e costituito da: fondo io-,azione iniziae derívante da versamenti elre- oar soci fondatorí de'associazione come indicato ne'atto Costitutivo; 5) beni rnobi immobii pe rvenut 1 a rassociazione quasiasi titolo; 6) contributi dei propri soci; 1) contrì-buti, erogazioni, donazioni e -asciti diversi. Le entrate de'associazione sono costituite da: L ) 1e quote associative annuai versate dai soci come s.t-abiito da1 Consigio Direttivo;,\ o crrnro a i contributi straordj,nari versati dai soci come - s-labrrto dal'assembea dei soci; prcvent i de rivanti da'esercizio delle attività previste da presente statuto; sociae,' proventi derivanti dai redditi prodotti da patrmonro

20 il ricavato derivante da11' eventuae organì- zzaztone dr raccote Pubbirche Cr fondi effettuate occasionamente; 6) fe eventuai erogazaon/ donaz ioni 1 rbera ítà Lasciti da parte di sogqetti pubbici e/o privatr; 1) ogni altra entrata che concorra ad ncrementare t attivo soci ae versamenti der soc sono da considerarsi finanzianentr foncìo perduto, non ripetibití, non essendo previsto acun rimborso né in sede d sciogiment.o de'associazjone, né in caso di morte o recesso de socio' ARTCOLO 23 ESERCZTO SOCÀ,E L'esercizio sociae decorre da genna'o a 3i d:ce:rcre o: j ogni anno. Entro quattro mesi daa frne di cgni esercizro verrà PredisPosto da Consigio direttivo bi anci o consuntivo composto da o stato patrimoniae, da conto economco data situazone finanz i ari a, ed i bi anci o preventivo crì^-ó<qa ese rc z o presentare per 'approvazione n Assembea Ove particoari motivi o richiedano, i1, b-iancio potrà essere approvato ne termine di sei mesi da termine de' esercizio.f bianci devono restare d.po.icuti presso a sede de1'associazione a disposizione dr tutti soci daa data di convocazione de'assembea' físsata Per a oro approvazrone ARTTCOLO 24

21 SCOGT,MENTO Lo sciogimento del'associazione è cielibera-o da'assembea nomrnate uno piu iquidatorì, gi amminisi,ratcri socì :qvi*#aàe ffi i-tr #-NTRATffi srfiexsf{h FR#1fi${*Aiff! s tabi Lendone pote r i deiberare sufa de stinaz ione i del'eventuae residuo attivo deì patrrinonio sociae,._ dopo e operazioni dj- rqurdazione. in so di sc i-ogi.menuo per quaunque causa, L 'Associaz- r L suo patrimonio ad atre organizzaz:c: r:cne c anaoghe ovvero senr j to i'organismo di controo sffi E$R& =:,-ccl.: 3, cornma 190, dela eqge 23 dicembre :996 n 662 e savo diversa destnazione jmposta oa-l-a regge L*, vigente a momento deo sciogimento. ARÎCOLO 25 RNVO Per quanto non espressamente previsto da presente Statuto si appicano e disposizioni contenute ne codice e nele eggi vrgenti in materia F b r- F' F.fii *q i,; ffi ', \e.deè ' i Minibtèrò "w F{: F{ ' : ihftff,iùftiiifirririrîrfir 0 t t i i i

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede)

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) 1) E costituita, nel rispetto del Codice Civile, della Legge 383/2000 e della normativa in

Dettagli

Le pensioni dal 1 gennaio 2014

Le pensioni dal 1 gennaio 2014 Argomento A cura deo Spi-Cgi de Emiia-Romagna n. 1 gennaio 2014 Le pensioni da 1 gennaio 2014 Perequazione automatica 2014 pensioni, assegni e indennità civii assistenziai importo aggiuntivo per anno 2013

Dettagli

BANDO DI GARA D' APPALTO. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitale Dipartimento

BANDO DI GARA D' APPALTO. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitale Dipartimento , ROMA CAPTALE '21M~ BANDO D GARA D' APPALTO SEZONE ) AMMNSTRAZONE AGGUDCATRCE. N PUBBLCAZONE DAL~...1:Jj~jM.~ A L _.2 /~L-MZ: = 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitae Dipartimento

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART.

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART. STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART. 1 E costituita, nello spirito della Costituzione della Repubblica

Dettagli

STATUTO DELLA S.I.A.

STATUTO DELLA S.I.A. STATUTO DELLA S.I.A. Art. 1 È costituita a tempo indeterminato una Associazione sotto la denominazione Società Italiana di Agopuntura S.I.A. Art. 2 La Società Italiana di Agopuntura ha lo scopo di dare

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti STATUTO del CNCP Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE E costituita ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile un Associazione di rappresentanza,

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

BANDO DI GARA D'APPALTO. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitale Dipartimento

BANDO DI GARA D'APPALTO. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitale Dipartimento Po) AA/AZ ft.'f ROMA CAPTALE BANDO D GARA D'APPALTO SEZONE ) AMMNSTRAZONE AGGUDCATRCE. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitae Dipartimento Sviuppo nfrastrutture e Manutenzione

Dettagli

Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione

Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione Articolo 1 - Costituzione E' costituita una Associazione denominata: Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione (CIIP)

Dettagli

J yy > Jxx. l o H A R A R B

J yy > Jxx. l o H A R A R B oitecnico di Torino I cedimento di una struttura soggetta a carichi statici può avvenire in acuni casi con un meccanismo diverso da queo di superamento dei imiti di resistena de materiae. Tae meccanismo

Dettagli

Roma, 18 settembre 2014. Claai

Roma, 18 settembre 2014. Claai .:.ontratto Coettivo Nazionae di Lavoro per i dipendenti dae imprese artigiane esercenti Servizi di puizia, Disinfezione, Disinfestazione, Derattizzazione e Sanificazione Roma, 18 settembre 2014 Caai Si

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via 1 ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via Pitagora n. 7 alle ore 20,00 si sono riuniti i Sigg.: - Iacobellis

Dettagli

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta)

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 Articolo -1 Denominazione e sede sociale STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 - E costituita con sede in. ( ) Via un Associazione sportiva, ai sensi degli art. 36 e ss. Codice Civile denominata

Dettagli

ARTICOLI GENERALI Articolo 1 (Denominazione) Articolo 2 (Sede Legale) Articolo 3 (Finalità e attività) costruzione di un centro

ARTICOLI GENERALI Articolo 1 (Denominazione) Articolo 2 (Sede Legale) Articolo 3 (Finalità e attività) costruzione di un centro 1 ARTICOLI GENERALI Articolo 1 (Denominazione) È istituita per opera dei coniugi GASPARINI LUCIANO e PRAVATO CANDIDA, l Associazione UNA NUOVA SPERANZA O.N.L.U.S. con sede in Mirano (VE) Scaltenigo Via

Dettagli

tramite della Segreteria della scuola), trasmissione dei verbali e degli atti al

tramite della Segreteria della scuola), trasmissione dei verbali e degli atti al L verbae n"..8j... Ogg, se marzo duemaqundc, ae ore 13.00, s è runta nea sede d questa sttuzone Scoastca a commssone Eettorae così composta RBEZZO ASSUNTA Presdente; VAL SABNA Segretaro, FATORELLO GAMPETRO

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ISCRIZIONE DI UN ASSOCIAZIONE AL REGISTRO REGIONALE DEL VOLONTARIATO

LINEE GUIDA PER L ISCRIZIONE DI UN ASSOCIAZIONE AL REGISTRO REGIONALE DEL VOLONTARIATO LINEE GUIDA PER L ISCRIZIONE DI UN ASSOCIAZIONE AL REGISTRO REGIONALE DEL VOLONTARIATO Giunta Regionale d Abruzzo Ufficio Pari Opportunità Via Leonardo da Vinci, 6-67100 L Aquila Tel. 0862.363374 3424

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

S T A T U T O ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. Affiliata FIPSAS - CONI

S T A T U T O ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. Affiliata FIPSAS - CONI S T A T U T O Art. 1 - Al fine di collaborare con g1i Organi preposti alla tutele dell ambiente lagunare, nonché per conservare e razionalizzare le attività sportive che in esso vengono svolte durante

Dettagli

5. Limiti di funzione.

5. Limiti di funzione. Istituzioni di Matematiche - Appunti per e ezioni - Anno Accademico / 6 5. Limiti di funzione. 5.. Funzioni imitate. Una funzione y = f(x) definita in un intervao [ a b] imitata superiormente in tae intervao

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA Mid Industry Capital S.p.A Sede Legale Galleria Sala dei Longobardi 2, 20121 Milano Cod. Fisc. e P.IVA R.I. Milano 05244910963, R.E.A. Mi 1806317, Capitale Sociale Euro 5.000.225 i.v. CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1

REGOLAMENTO. Articolo 1 REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina, a norma di quanto disposto dallo Statuto, le norme applicative per l organizzazione ed il funzionamento del CRAL e dei suoi organismi, e stabilisce, in prima

Dettagli

BLOCCO TEMATICO DI ESTIMO. Standard Internazionali di Valutazione (IVS) Market Comparison Approach (MCA) calcolo dei prezzi marginali

BLOCCO TEMATICO DI ESTIMO. Standard Internazionali di Valutazione (IVS) Market Comparison Approach (MCA) calcolo dei prezzi marginali BLOCCO TEMATICO DI ESTIMO Standard Internazionai di Vautazione (IVS) Market Comparison Approach (MCA) cacoo dei prezzi marginai Docente: geom. Antonio Eero CORSO PRATICANTI 205 I PREZZI MARGINALI I prezzo

Dettagli

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia Una voce oco a / Barbiere di Siviglia Andante 4 3 RÔ tr tr tr 4 3 RÔ & K r # Gioachino Rossini # n 6 # R R n # n R R R R # n 8 # R R n # R R n R R & & 12 r r r # # # R Una voce oco a qui nel cor mi ri

Dettagli

Statuto ATTO ESENTE IN MODO ASSOLUTO DA DALL IMPOSTA DI BOLLO AI SENSI DEL dpr642/72 art.27bis

Statuto ATTO ESENTE IN MODO ASSOLUTO DA DALL IMPOSTA DI BOLLO AI SENSI DEL dpr642/72 art.27bis Statuto ATTO ESENTE IN MODO ASSOLUTO DA DALL IMPOSTA DI BOLLO AI SENSI DEL dpr642/72 art.27bis Art. 1 - Denominazione E' costituita nel rispetto del codice civile e della L 383/2000 l'associazione di promozione

Dettagli

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario Prot. Novara, 20 luglio 20 OGGETTO: CALENDARIO DEGLI IMPEGNI DI SETTEMBRE 20 Date Impegni Orario 1 settembre Collegio Docenti :00 2 settembre Prove studenti con giudizio sospeso (vedi elenco) 8:30 3 settembre

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIAROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/71 del 30 dicembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Proroga delle scadenze temporali previste dall'art. 12 del "Regolamento

Dettagli

OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA SEGGIANO D.O.P. (EX CONSORZIO OLIVASTA SEGGIANESE)

OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA SEGGIANO D.O.P. (EX CONSORZIO OLIVASTA SEGGIANESE) STATUTO DI CONSORZIO DI TUTELA VOLONTARIO OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA SEGGIANO D.O.P. (EX CONSORZIO OLIVASTA SEGGIANESE) ART. 1 (Denominazione e Sede) E costituito il Consorzio tra produttori di Olio extravergine

Dettagli

RELAZIONE TECNICA PROTEZIONE CONTRO I FULMINI. di struttura adibita a Ufficio. relativa alla

RELAZIONE TECNICA PROTEZIONE CONTRO I FULMINI. di struttura adibita a Ufficio. relativa alla II I RELAZIONE TECNICA t relativa alla PROTEZIONE CONTRO I FULMINI di struttura adibita a Ufficio. sita nel comune di AF.EZZO (AR) PROPRIET A' AP{EZZO MULTISERVIZI SRL Valutazione del rischio dovuto al

Dettagli

Stefano Falorsi. di seconda e quinta elementare rispettivamente di numerosità e N. I test somministrati alle

Stefano Falorsi. di seconda e quinta elementare rispettivamente di numerosità e N. I test somministrati alle Nota metooogica sua strategia i campionamento e sistema nazionae i vautazione ee competenze per e cassi secona e quinta e primo cico ea scuoa primaria Stefano Faorsi. Obiettivi I Sistema Nazionae i Vautazione

Dettagli

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio;

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio; 5) GESTIONE DELL UFFICIO SVILUPPO TURISTICO, CULTURALE, RICETTIVO VALLI JONICHE Comuni di Pagliara, Mandanici, Itala, Scaletta Zanclea, Ali Terme, Ali, Nizza di Sicilia, Roccalumera, Fiumedinisi. S T A

Dettagli

TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE OGGETTO E DURATA

TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE OGGETTO E DURATA TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE OGGETTO E DURATA ARTICOLO 1 - DENOMINAZIONE Ai sensi dell Art. 113 del Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267, come modificato dal comma 1 dell art. 35 delle legge 28/12/2001

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Statuti CAS Sezione Bregaglia

Statuti CAS Sezione Bregaglia Statuti CAS Sezione Bregaglia Art. 1 Costituzione Sotto il nome Club Alpino Svizzero (detto in seguito CAS) Sezione Bregaglia è costituita un associazione retta dal presente statuto e dagli art. 60 e seguenti

Dettagli

La legge sul Volontariato della Regione Lazio

La legge sul Volontariato della Regione Lazio La legge sul Volontariato della Regione Lazio Legge 29 del 1993 Art. 2 Attività ed organizzazioni di volontariato 1. Ai sensi dell'art. 2 della legge n. 266 del 1991: a) l'attività di volontariato disciplinata

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in, alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito da in persona di ), e, nato a, il, residente in, alla

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 23 novembre 1944, n. 382

DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 23 novembre 1944, n. 382 DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 23 novembre 1944, n. 382 Norme sui Consigli degli Ordini e Collegi e sulle Commissioni centrali professionali Pubblicato nella Gazzetta ufficiale n. 98 del 23 Dicembre

Dettagli

VBA. Il Visual Basic for Application. Funz ioni

VBA. Il Visual Basic for Application. Funz ioni VBA Il Visual Basic for Application Le funz ioni Le procedure Funz ioni µ E pos s ibile (e cons igliato) s comporre un problema i n sotto- problemi e combinar e poi assieme le s oluz i oni per ottenere

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

CAPITOLO I - COSTITUZIONE

CAPITOLO I - COSTITUZIONE CAPITOLO I - COSTITUZIONE ART. 1- FONDAZIONE E' fondata per coloro che aderiscono e aderiranno al presente statuto, che prende vigore immediato, un' associazione per la pratica e la diffusione del Viet

Dettagli

OPERA PIA ASILO SAVOIA Istituzione Pubblica di Assistenza e Beneficenza

OPERA PIA ASILO SAVOIA Istituzione Pubblica di Assistenza e Beneficenza OPERA PIA ASILO SAVOIA Istituzione Pubblica di Assistenza e Beneficenza ESTRATTO DAL VERBALE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Il giorno 24 del mese di febbraio dell anno 2015 in seduta ordinaria come da

Dettagli

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE.

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. Parte prima Premessa Il presente accordo assume la disciplina generale

Dettagli

REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39)

REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39) DELIBERAZIONE n.806 del 01/07/2014 REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39) DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE n.806 del 01/07/2014 Proposta

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

Il villaggio delle fiabe

Il villaggio delle fiabe Il villaggio delle fiabe Idea Progetto bambini 2^ A A. Mei Costruzione Direzione dei lavori maestre L idea di partenza Il DADO è un cubo. Noi siamo molto curiosi e ci siamo posti questa domanda: Come sono

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

Punte a cannone. Hartner 2007. Made in Germany SEF MECCANOTECNICA. E mail: sef@sefmecc.it Web : www.sefmeccanotecnica.it

Punte a cannone. Hartner 2007. Made in Germany SEF MECCANOTECNICA. E mail: sef@sefmecc.it Web : www.sefmeccanotecnica.it Made in Germany Hartner 2007 Punte a cannone SEF MECCANOTECNICA SEE Via degi Orefici - Bocco 26 40050 FUNO (BO) ITALIA Te. 051 66.48811 Fax 051 86.30.59 FILIALE I MILANO Piazzae Martesana, 6 20128 Miano

Dettagli

PROGRAMMA DI RlQUALIFICAZIONE URBANA E SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRlTORlO PRUSST CALIDONE. COLLEGIa DI VIGILANZA P.R.U.S.S.T.

PROGRAMMA DI RlQUALIFICAZIONE URBANA E SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRlTORlO PRUSST CALIDONE. COLLEGIa DI VIGILANZA P.R.U.S.S.T. PRUSST "CALDONE" Programma di Riqualificazione Urbana e Sviluppo So sren i bi le del Terr it o r i o Collegio d i Vigilanza Via Traianc.tc- 821 ne-benevento. Tel.:0824/21549 Fax:0824/25432 Email: collegiodivigilanza@virgilio.it

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/60 del 12 novembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Servizio Idrico Integrato - Approvazione della revisione tariffaria

Dettagli

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale 1 - Individuazione qualifiche e numero di rapporti di lavoro a tempo parziale Il rapporto di lavoro a tempo parziale, anche se a tempo

Dettagli

STUDIO SULL' EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL' INDUSTRIA DELLA COSTRUZIONE DI MACCHINE NON ELETTRICHE IN ITALIA

STUDIO SULL' EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL' INDUSTRIA DELLA COSTRUZIONE DI MACCHINE NON ELETTRICHE IN ITALIA C0MMISSIOHE DELLE COMUNITÀ EUROPEE DIRE!ZIONE GENERALE DELLA CONCORRENZA IV/A._3 STUDIO SULL' EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL' INDUSTRIA DELLA COSTRUZIONE DI MACCHINE NON ELETTRICHE IN ITALIA - Costruzione

Dettagli

Allegato 'l. (denominazione sede d6lla scuola)

Allegato 'l. (denominazione sede d6lla scuola) Allegato 'l (denominazione sede d6lla scuola) 1ll veabale deve essere redatlo in UNICO originale, che dovra ess rc depos ato paesso la segreteria dell'istituzbne scolastica. Una copia detto stesso, tramite

Dettagli

PROGETTO PON SICUREZZA 2007-2013 Gli investimenti delle mafie

PROGETTO PON SICUREZZA 2007-2013 Gli investimenti delle mafie PROGETTO PON SICUREZZA 27-213 Gli investimenti delle mafie SINTESI Progetto I beni sequestrati e confiscati alle organizzazioni criminali nelle regioni dell Obiettivo Convergenza: dalle strategie di investimento

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O

COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O 1. Costituzione In applicazione della normativa nazionale ed europea al fine di: - Promuovere le politiche di pari

Dettagli

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L.

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L. INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N. 11971 RELATIVE AL PATTO PARASOCIALE FRA EQUILYBRA CAPITAL PARTNERS S.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE

Dettagli

STATUTO DEL CONSORZIO TRA I COMUNI DI BORGARO TORINESE E CASELLE TORINESE

STATUTO DEL CONSORZIO TRA I COMUNI DI BORGARO TORINESE E CASELLE TORINESE STATUTO DEL CONSORZIO TRA I COMUNI DI BORGARO TORINESE E CASELLE TORINESE ART. 1- DENOMINAZIONE E NATURA DEL CONSORZIO 1. Il Consorzio già esistente tra i Comuni, nel cui territorio ricade la Frazione

Dettagli

V _ TAS. C o n fo rm e a l i a N o rm a U N I E N I SO 1 4 0 0 1 : 2 0 04

V _ TAS. C o n fo rm e a l i a N o rm a U N I E N I SO 1 4 0 0 1 : 2 0 04 V _ TAS G e s t i o n e e co n t ro l l o d e l l a p ro g e tta z i o n e C o n f o rm e a l i a N o rm a U N I E N I S O 9 0 0 t ; 2 0 0 8 C o n fo rm e a l i a N o rm a U N I E N I SO 1 4 0 0 1 : 2

Dettagli

\ l o n g a r e \ RE5 INDICE - TITOLO PRIMO - NORME GENERALI

\ l o n g a r e \ RE5 INDICE - TITOLO PRIMO - NORME GENERALI \ l o n g a r e \ RE5 INDICE - TITOLO PRIMO - NORME GENERALI ART. 1 - OGGETTO DEL REGOL AMENTO EDI L I ZI O E RI CHI AMO AL L E DI SPOSI ZI ONI DI L EGGE E REGOL AMENTI - TITOLO SECONDO - DISCIPLINA DEGLI

Dettagli

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013 L accertamento delle cause di scioglimento ai sensi dell art. 2484 c.c. e gli adempimenti pubblicitari conseguenti per Società di Capitali e Cooperative. 1 L art. 2484 c.c., rubricato Cause di scioglimento,

Dettagli

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg.

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg. COMUNE DI PALMANOVA Provincia di Udine Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Copia N. 120 Reg. OGGETTO: Integrazione del G.C. 34 dd. 11.04.2012 "Servizi pubblici a domanda individuale 2012 - determinazione

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

Statuto della "Federazione Tessile e Moda" in forma abbreviata "SMI Sistema Moda Italia" TITOLO I - COSTITUZIONE, SEDE, SCOPI

Statuto della Federazione Tessile e Moda in forma abbreviata SMI Sistema Moda Italia TITOLO I - COSTITUZIONE, SEDE, SCOPI Statuto della "Federazione Tessile e Moda" in forma abbreviata "SMI Sistema Moda Italia" TITOLO I - COSTITUZIONE, SEDE, SCOPI ARTICOLO 1 - COSTITUZIONE E DENOMINAZIONE E' costituita la Federazione delle

Dettagli

Comune di Casal di Principe Provincia di caserta Settore finanziario

Comune di Casal di Principe Provincia di caserta Settore finanziario Comune di Casal di Principe Provincia di caserta Settore finanziario Rep. Part n.. ~H?ii".del!~:.~!i.:.

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI La Parrocchia Art. 1. La parrocchia è una persona giuridica pubblica, costituita con decreto dell Ordinario Diocesano (can. 515,3 ), riconosciuta

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

Sportello Unico Immigrazione NORMATI VA I N MATERI A DI I MMI GRAZI ONE

Sportello Unico Immigrazione NORMATI VA I N MATERI A DI I MMI GRAZI ONE Sportello Unico Immigraione NORMATI VA I N MATERI A DI I MMI GRAZI ONE 38172&(175$/('(//$/(**(%266,),1,( &+(1(66812 675$1,(5262**,251,,1,7$/,$6(1=$815(*2/$5( &2175$772',/$9252('81$//2**,2$'(*8$72 '/JV1

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA

CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA STATUTO FEDERALE CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA APPROVATO CON DELIBERA PRESIDENTE CONI N. 130/56 E RATIFICATO DALLA GIUNTA C.O.N.I. IL 4/9/2012 INDICE

Dettagli

Corso di matematica classe quinta-anno 2010-2011-Giunti scuola- Annarita Monaco 1

Corso di matematica classe quinta-anno 2010-2011-Giunti scuola- Annarita Monaco 1 Corso di matematica classe quinta-anno 2010-2011-Giunti scuola- Annarita Monaco 1 352*(77$=,21(','$77,&$ 3UHVHQWD]LRQH: Consolidiamo la conoscenza dei numeri naturali, decimali e interi relativi, dei procedimenti

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

$UW 5(*2/$0(172 (',/,=,2 ±,QWHUYHQWL GL ULVWUXWWXUD]LRQH XUEDQLVWLFD H QXRYD

$UW 5(*2/$0(172 (',/,=,2 ±,QWHUYHQWL GL ULVWUXWWXUD]LRQH XUEDQLVWLFD H QXRYD &2081(',&$625$7(6(03,21( 3URYLQFLDGL9DUHVH $UW5(*2/$0(172(',/,=,2±,QWHUYHQWLGLULVWUXWWXUD]LRQHHGLOL]LD La domanda di Permesso di Costruire dev essere corredata dai seguenti documenti in duplice copia:

Dettagli

La modulistica per le organizzazioni di volontariato

La modulistica per le organizzazioni di volontariato Centro Servizi per il Volontariato della provincia di Bologna La modulistica per le organizzazioni di volontariato ST RUMENTI PER IL VOLONT ARIAT O La modulistica per le organizzazioni di volontariato

Dettagli

Z>,n zorrr Reg. Gen. IL CAPO AREA AA.GG

Z>,n zorrr Reg. Gen. IL CAPO AREA AA.GG Piazza Toselli n. 1-96010 Buccheri (SR) Tel. 0931880359 - Fax 0931880559 DETERMINA DEL CAPO AREA AFFARI GENERATI DETERMINAN,/UóDEL Z>,n zorrr Reg. Gen. Oggetto: Liquidazione fatîure a ll'associazio ne

Dettagli

C O M U N E.Di FO R M TA

C O M U N E.Di FO R M TA C O M U N E.Di FO R M TA P r o v in c ia di L a t in a SETTO RE : POLIZIA LOCALE E SERVIZI SOCIALI SERVIZIO : UFFICIO SCUOLA e d i r i t t o a l l o s t u d i o 1 2 FEB. 2015 N. 3 o D e t e r m in a z

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

1.3 - DAT I T ECNICI, DIMENSIONI E AT T ACCHI IDRAU LICI

1.3 - DAT I T ECNICI, DIMENSIONI E AT T ACCHI IDRAU LICI nfo g e ne rai. - T T, T T U L T 9 0 n 4 " L" T T T T T T T T T T 4 T T 4 Q u a d ro c o m a n d i p ia c o n tro o fia a o rtin a d i p u iz ia T a n d a ta ris c a d a m e n to T ito rn o ris c a d a

Dettagli

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d);

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO il Regolamento delle attività culturali, sociali e ricreative degli studenti, emanato con decreto rettorale

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

SELEZIONI INTERNE PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI N.5 POSTI DI OPERATORE TECNICO SPECIALIZZATO-AUTOMEZZI, N.

SELEZIONI INTERNE PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI N.5 POSTI DI OPERATORE TECNICO SPECIALIZZATO-AUTOMEZZI, N. Azienda Ospedaliera Nazionale SS. Antonio e Biagio e Cesare Arrigo Alessandria Via Venezia, 16 15121 ALESSANDRIA Tel. 0131 206111 www.ospedale.al.it asoalessandria@pec.ospedale.al.it C. F. P. I. 0 1 6

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

1 Soggetti obbligati alla presentazione del Modello UNICO Enti non commerciali ed equiparati 7 2 Compilazione del frontespizio 10

1 Soggetti obbligati alla presentazione del Modello UNICO Enti non commerciali ed equiparati 7 2 Compilazione del frontespizio 10 genzia ntrate UNICO Enti non commerciali ed equiparati 2014 Dichiarazione degli enti non commerciali residenti e delle società ed enti non residenti equiparati soggetti all Ires - Periodo d imposta 2013

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI D.P.R. 12 aprile 2006 n. 184 in relazione al capo V della L. 7 agosto 1990 n. 241 e successive modificazioni (Delibere del Consiglio dell

Dettagli