TITOLO I. Disposizioni Generali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TITOLO I. Disposizioni Generali"

Transcript

1 Comune di Bari Regolamento della Pubblicità TITOLO I Disposizioni Generali Art. 1. Oggetto del Regolamento. 1. Il presente Regolamento disciplina, nell'ambito del territorio del Comune di Bari, l'esecuzione della pubblicità, le modalità per ottenere il provvedimento autorizza torio e per l effettuazione della pubblicità, in conformità alle disposizioni del Decreto Legislativo 15/11/1993 n. 507 e successive modificazioni ed integrazioni. 2. Il Regolamento si applica a tutti i mezzi pubblicitari, anche temporaneamente privi di messaggio pubblicitario, installati in luoghi pubblici o aperti al pubblico, o da tali luoghi percepibili e quindi installati su suoli privati o con servitù di pubblico passaggio, nonché a tutte le altre forme di pubblicità previste dal D.Lgs. n. 507/1993 e s.m.i. 3. Salvi i casi espressamente stabiliti da leggi statali e regionali, dal presente o da altri regolamenti del Comune, è vietato intraprendere iniziative pubblicitarie senza aver ottenuto la preventiva autorizzazione. 4. Il presente Regolamento rinvia al Piano Generale degli Impianti Pubblicitari la determinazione della tipologia e della quantità dei mezzi pubblicitari, la ripartizione della superficie dei mezzi pubblici da destinare alle affissioni di natura istituzionale, sociale o comunque prive di rilevanza economica e quella da destinare all'affissione di natura commerciale, nonché la superficie degli impianti da attribuire a soggetti privati per l effettuazione di affissioni dirette. Art.2. Quadro normativo e di riferimento. 1. Il presente Regolamento è adottato ai sensi della normativa vigente in materia ed in particolare: - Decreto legislativo 15 novembre 1993, n. 507 Revisione ed armonizzazione dell'imposta comunale sulla pubblicità e del diritto sulle pubbliche affissioni, della tassa per l'occupazione di spazi ed aree pubbliche dei comuni e delle province nonché della tassa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani a norma dell'art. 4 della legge 23 ottobre 1992, n.421, concernente il riordino della finanza pubblica ; - Decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285 Nuovo codice della strada" e s.m.i.; - Decreto del Presidente della Repubblica 16 dicembre 1992, n.495 Regolamento di esecuzione del nuovo codice della strada e s.m.i.; - Decreto Legislativo 22 gennaio 2004, n. 42 "Codice dei beni culturali e del paesaggio" e s.m.i.; - Legge 7 agosto 1990, n. 241 Nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi e s.m.i.; - Legge Regione Puglia 23 Novembre 2005 n. 15 Misure urgenti per il contenimento dell'inquinamento luminoso e per il risparmio energetico ; - Regolamento Regione Puglia 22 agosto 2006, n. 13, Misure urgenti per il contenimento dell inquinamento luminoso e per il risparmio energetico ; - Regolamento edilizio; - Delimitazione del centro abitato approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 282 del ; Art. 3. Classe del Comune - Suddivisione del territorio in categorie. Pagina 1

2 1. Agli effetti dell'applicazione dell'imposta sulla pubblicità e del diritto sulle pubbliche affissioni, il Comune di Bari, secondo quanto disposto dall'art. 2 del D.Lgs. n. 507/1993 e s.m.i., è da considerarsi appartenente alla II classe. 2. Il territorio comunale è ripartito oltre che in Centro abitato e Fuori del Centro Abitato, in Zone, così come meglio individuate e graficamente delimitate nel Piano Generale degli Impianti Pubblicitari. 3. Per ogni Zona, il presente Regolamento ed il Piano Generale degli Impianti Pubblicitari prevedono divieti e limitazioni per particolari forme pubblicitarie in relazione ad esigenze di Pubblico Interesse. Art. 4. Categoria delle località: normale e speciale. 1. Agli effetti dell'applicazione dell'imposta sulla pubblicità e del diritto sulle pubbliche affissioni, limitatamente alle affissioni di carattere commerciale, le località del territorio del Comune di Bari sono suddivise in due categorie in relazione alla loro importanza: - categoria speciale - categoria normale. 2. In esecuzione dell'art. 4, comma 1, D.Lgs. n. 507/1993 e s.m.i., risulta istituita nel Comune di Bari la categoria speciale, per la quale la maggiorazione viene stabilita con apposita delibera di Giunta Municipale. 3. La superficie complessiva delle località classificate nella categoria speciale, cosi come meglio individuate e graficamente delimitate nel Piano Generale degli Impianti Pubblicitari, non supera la percentuale del 35% di quella del Centro Abitato, delimitato ai sensi dell'art. 4 del D.Lgs n.285, mentre la superficie degli impianti per pubbliche affissioni installati in Categoria Speciale non è superiore alla metà di quella complessiva. 4. Alla categoria normale appartengono tutte le altre località del territorio comunale. Art. 5. Piano Generale degli Impianti Pubblicitari. 1. Il Piano Generale degli Impianti Pubblicitari viene redatto nel rispetto delle previsioni e prescrizioni dei vigenti strumenti urbanistici, dei divieti e dei vincoli di qualsiasi natura imposti da norme generali o da provvedimenti amministrativi, delle disposizioni del Codice della Strada e del relativo Regolamento di Esecuzione e di Attuazione. 2. Il Piano Generale degli Impianti Pubblicitari, che nel prosieguo per brevità viene denominato P.G.I.P., si basa su due principi di pianificazione. Il primo è la suddivisione del territorio in zone in cui ammettere o vietare la collocazione dei mezzi pubblicitari, definiti al successivo art. 6. Il secondo è l individuazione di una rete di strade, classificate ai sensi del Codice della Strada e sovrapposte alle zone, in cui regolamentare tipologie e gradi di ammissibilità dei mezzi pubblicitari. 3. Il P.G.I.P. viene redatto secondo i seguenti criteri: Delimitazione di Centro abitato come da Delibera di Giunta Comunale n. 282 del ; Classificazione delle Strade ai soli fini dell impiantistica pubblicitaria; Zonizzazione del territorio comunale in aree omogenee, considerate tali in base alle caratteristiche storico-paesaggistiche, urbanistico-architettoniche e/o commerciali, riportate nella "mappa di zonizzazione delle aree omogenee" e divise in Tavole grafiche allegate al P.G.I.P.; 2

3 Individuazione di aree di trasformazione quali ambiti unitari a cui ricondurre trasformazioni del territorio, attraverso piani urbanistici attuativi di iniziativa pubblica o privata (piani di lottizzazione, piani di zona, piani di recupero, progetti norma, ecc.), ovvero progetti di riqualificazione di vie o spazi pubblici (piazze, parchi, tratti di strada, interventi legati all arredo urbano, ecc.). Nell ambito di tali aree il Comune definirà l ubicazione e la tipologia dei mezzi pubblicitari da installare secondo criteri di progettazione per gruppi omogenei così come definiti al seguente art. 9. Nell ambito delle stesse aree limitatamente ai progetti di riqualificazione di vie o spazi pubblici, gli operatori pubblicitari possono presentare piani particolareggiati con preminenti finalità di pubblico interesse su aree di proprietà comunale, da approvare con apposita delibera di Giunta Comunale, in deroga al contingentamento previsto dall art. 48 comma Delimitazione delle aree da considerare di Categoria Speciale ed individuazione delle strade assoggettate a tale Categoria; Classificazione ed individuazione della tipologia dei mezzi pubblicitari; 4. Il P.G.I.P. contiene altresì: La individuazione della superficie complessiva dei mezzi pubblicitari da installarsi nel territorio comunale; La superficie da destinare ad impianti per pubbliche affissioni, tenendo presente la quantità prevista dall'art. 18 del D.Lgs. n. 507/1993 e s.m.i.; La superficie da destinare a pubblicità effettuata da parte di privati su impianti propri di tipo cartellonistica; I criteri di posizionamento, nel rispetto delle norme sul traffico e sulla circolazione e dei Regolamenti vigenti, tenendo presente le prescrizioni e i divieti del Codice della Strada e del relativo Regolamento di esecuzione; Le caratteristiche tecniche, estetiche e di arredo urbano dei mezzi pubblicitari sia su suolo pubblico che privato, con riferimento anche alle definizioni e caratteristiche del mezzo pubblicitario di cui al Codice della Strada e del richiamato Regolamento di esecuzione. 5. Le disposizioni e prescrizioni del P.G.I.P. integrano a tutti gli effetti il presente Regolamento. Art. 6. Definizione e classificazione dei mezzi pubblicitari. 1. Con la definizione di mezzi pubblicitari, ai sensi dell art. 47 del D.P.R. 16 dicembre 1992 n. 495 e s.m.i. Regolamento di esecuzione e di attuazione del nuovo Codice della Strada, si intende ogni struttura o manufatto, rigido o no, finalizzato alla pubblicità o propaganda sia di prodotti che di attività, collocata in luogo pubblico o aperto al pubblico o da tali luoghi percepibile. 2. Il presente Regolamento, in conformità alle normative vigenti, individua i seguenti gruppi tipologici di mezzi pubblicitari, le cui definizioni, dimensioni, caratteristiche e ubicazione delle singole tipologie sono stabilite nel P.G.I.P. cui si rinvia: - Tipologia A: tutti i mezzi, i sistemi e le tipologie di impianto pubblicitario, anche luminosi, realizzati allo scopo di contenere i messaggi pubblicitari direttamente o con sovrapposizione di manifesti e definibili come cartellonistica, nonché preinsegne ; 3

4 -Tipologia B: tutti i mezzi, i sistemi e le tipologie di impianto pubblicitario definibili come "impianti pubblicitari di servizio" e aventi come scopo primario un servizio di pubblica utilità nell ambito dell arredo urbano e stradale (pensiline delle fermate autobus, paline, orologi, servizi igienici, targhe viarie); -Tipologia C: ulteriori collocazioni pubblicitarie quali Pubblicità sui ponteggi e recinzioni di cantieri edili Pubblicità sui Chioschi e nelle Edicole Pubblicità nelle autostazioni e parcheggi Pubblicità sui lastrici solari Impianti di trasmissione e/o riproduzione di immagini Colonna. -Tipologia D: tutti i mezzi, i sistemi e le tipologie di impianto pubblicitario definibili come "striscioni" e "stendardi " oltre alla pubblicità tramite apposizione di "bandiere", "festoni" e totem pubblicitari temporanei ; -Tipologia E: tutti i mezzi, i sistemi e le tipologie di impianto pubblicitario, anche luminosi, definibili come "insegne di esercizio posti in opera direttamente su supporti murari o su strutture di sostegno, in aggancio o appoggio ad elementi presenti in ambito urbano e nel territorio, comprensivi dei totem pubblicitari permanenti ; -Tipologia F: tutti i mezzi, i sistemi e le tipologie di impianto pubblicitario definibili come "esposizioni semplici": a) targhe; b) vetrofanie, vetrografie; c) scritte poste in opera direttamente su supporti quali tende ed ombrelloni. 3. Le altre forme di mezzi pubblicitari, diversi dalle tipologie descritte al comma 2, sono definite come pubblicità varia, ed individuate di seguito in: 1) Pubblicità sui veicoli e su velocipedi a più di due ruote; 2) Pubblicità fonica Pubblicità con aeromobili; 3) Volantinaggio. 4) Locandine e manifesti. 4. Ogni altro mezzo pubblicitario non ricompreso nelle sopra specificate tipologie, nel rispetto delle disposizioni del presente Regolamento e del P.G.I.P. oltre che della normativa vigente in materia, sarà valutato dall Amministrazione Comunale, confortato dai pareri degli Uffici competenti interessati, ed autorizzato in via sperimentale ed a tempo determinato (non superiore ad un anno) con Delibera di Giunta Comunale. Al termine di tale periodo, verificata la compatibilità di detti mezzi pubblicitari con i presupposti del Piano, si apporterà la relativa modifica alle Norme Tecniche di Attuazione del PGIP. Art. 7. Mezzi pubblicitari permanenti e temporanei. 1. I mezzi pubblicitari considerati nel presente Regolamento sono ulteriormente classificati in funzione al tempo di permanenza sul territorio nelle seguenti categorie: - Mezzi pubblicitari temporanei; - Mezzi pubblicitari permanenti. 2. Mezzi pubblicitari temporanei. I mezzi pubblicitari temporanei sono manufatti che, indipendentemente dal supporto impiegato per l esposizione del messaggio, dalle caratteristiche costruttive e dalle modalità di posa in opera, non hanno carattere di oggettiva stabilità, la cui esposizione è finalizzata a eventi di durata limitata e comunque hanno una durata in opera non superiore a 90 nel corso dell anno solare. Alla scadenza dell autorizzazione il mezzo pubblicitario dovrà essere rimosso. 4

5 Per questi mezzi pubblicitari il P.G.I.P. stabilisce particolari norme di localizzazione territoriale, le caratteristiche di altezza, orientamento, distanza da altri elementi territoriali, strutturali e di installazione e le eventuali modalità di illuminazione dei suddetti mezzi. 3. Mezzi pubblicitari permanenti. Appartengono a questa categoria i mezzi pubblicitari la cui collocazione ha durata superiore a 90 giorni naturali e consecutivi dal rilascio dell autorizzazione. I mezzi pubblicitari permanenti sono manufatti bidimensionali, mono o bifacciali aventi una struttura di sostegno da fissare al suolo o ad edificazioni, per l esposizione di messaggi pubblicitari permanenti. Per questi mezzi pubblicitari il P.G.I.P. definisce le regole di localizzazione territoriale e di installazione, le distanze, le limitazioni, soprattutto con riferimento a dimensioni, forma, colori e disegno, con l osservanza di tutte le prescrizioni ed i divieti disposti dal Codice della Strada. Art. 8. Definizione dei singoli mezzi pubblicitari. 1. Insegna di esercizio: scritta in caratteri alfanumerici, completata eventualmente da simboli e da marchi anche di fatto, realizzata e supportata con materiali adeguati, installata nella sede dell attività cui si riferisce o nelle pertinenze accessorie alla stessa. E altresì insegna quella la cui scritta relativa all esercizio dell attività è completata con simboli e marchi di ditte diverse da quella principale, purché attinenti all attività svolta dalla medesima. Può essere luminosa sia per luce propria che per luce indiretta e deve essere realizzata con materiali non deperibili e resistenti agli agenti atmosferici. 2. Targa: scritta in caratteri alfa numerici, completata eventualmente da simboli e da marchi anche di fatto, utilizzabile solo su una facciata, integrata su supporto in metallo, pietra, legno, o materiali trasparenti, posta in opera lateralmente alla porta d ingresso dell edificio sede dell attività svolta. Non può essere luminosa per luce propria. 3. Preinsegna: indicatore direzionale, recante scritta con caratteri alfanumerici, simboli e marchi anche di fatto, completata da freccia di orientamento, realizzata su manufatto bifacciale e bidimensionale, utilizzabile su una sola o su entrambe le facce e supportata da un idonea struttura di sostegno. Non può essere luminosa, né per luce propria, né per luce indiretta. 4. Cartello: manufatto bidimensionale, supportato da un idonea struttura di sostegno, con una sola o entrambe le facce finalizzate alla diffusione di messaggi pubblicitari o propagandistici sia direttamente, sia tramite sovrapposizione di altri elementi, quali manifesti, adesivi, ecc. Il cartello, la cui superficie espositiva (escluso la cornice e i supporti) è di dimensioni minori o uguali a mq.2,80 per singola faccia, è definito plancia, mentre il cartello di dimensioni superiori a mq. 2,80, è definito cartellone e quadro gigante. 5. Bacheca: manufatto bifacciale o monofacciale supportato da un'idonea struttura di sostegno, o posto in aderenza ad una parete, finalizzato alla diffusione di messaggi di comunicazione sociale, culturale e istituzionale, ovvero commerciale tramite apposizione di manifesti, giornali o locandine. Possono essere realizzati con strutture a telaio semplice o apribile a compasso con cristallo del tipo antinfortunio; la superficie del cristallo, all interno della cornice di supporto perimetrale, deve essere unica e non suddivisa in riquadri. 6. Totem: manufatto tridimensionale autoportante con una o più facce finalizzate alla diffusione dei messaggi pubblicitari. I Totem possono essere di tipo permanente se costituiscono insegne di esercizio e di tipo temporaneo se non sono ancorati al suolo, e sono adibiti esclusivamente a pubblicizzare spettacoli ed eventi culturali e sportivi oltre che per il lancio di nuove iniziative commerciali. 7. Impianto a messaggio variabile e a messaggio animato: manufatto bidimensionale supportato da un idonea struttura di sostegno, con una sola o entrambe le facce finalizzate alla diffusione di messaggi pubblicitari o propagandistici, caratterizzati dall impiego di sistemi 5

6 automatici di tipo meccanico o con sistemi elettronico-digitali che, opportunamente interfacciati con una stazione di comando computerizzata, possono originare messaggi scritti, immagini monocromatiche, a colori, fisse o in movimento. 8. Striscione: elemento bidimensionale realizzato in materiale di qualsiasi natura, privo di rigidezza, mancante di superficie di appoggio o comunque non aderente alla stessa, e finalizzato alla promozione pubblicitaria di manifestazioni e/o spettacoli di pubblico interesse oltre che per il lancio di nuove iniziative commerciali, a carattere temporaneo collegato all evento; è caratterizzato dalla particolare lunghezza atta a permetterne il posizionamento a scavalco della sede stradale. Può essere luminoso per luce indiretta. 9. Stendardo o bandiera o festone: elemento bidimensionale realizzato in materiale di qualsiasi natura, privo di rigidezza, mancante di superficie di appoggio o comunque non aderente alla stessa, esclusivamente finalizzato alla promozione pubblicitaria di manifestazioni e/o spettacoli di pubblico interesse oltre che per il lancio di nuove iniziative commerciali, a carattere temporaneo collegato all evento; è caratterizzato dal particolare fissaggio solo su di un lato o comunque sventolante tipo bandiera. Può essere luminoso per luce indiretta. 10. Vetrofania: pellicola di materiale non rigido e di natura precaria, trasparente e non, applicata su vetro, riportante scritte in caratteri alfanumerici o simboli, marchi anche di fatto, fotografie, grafici o disegni. 11. Vetrografia: smerigliatura, mussolatura, incisione ad acido, a mola, ecc., pittura monocromatiche o colorate realizzata direttamente sulle vetrine. 12. Impianto pubblicitario di servizio: qualunque manufatto avente quale scopo primario un servizio di pubblica utilità nell ambito dell arredo urbano e stradale (come pensiline, paline, contenitori per la raccolta differenziata o cassonetti, chioschi, edicole, orologi, servizi igienici, supporti informativi, targhe viarie) recante uno spazio pubblicitario che può anche essere luminoso, sia per luce diretta che per luce indiretta e di dimensioni proporzionate al manufatto sul quale viene collocato. 13. Pubblicità sui ponteggi e recinzioni di cantieri edili : qualsiasi elemento bidimensionale monofacciale privo di rigidezza che occupa tutta o parte della superficie del ponteggio o recinzione ed è a questi opportunamente ancorato. 14. Pubblicità sui Chioschi e nelle Edicole : qualsiasi manufatto bidimensionale relativi a prodotti inerenti l attività di vendita. 15. Pubblicità nelle autostazioni e parcheggi : qualsiasi manufatto pubblicitario definito e disciplinato dal D. Lgs. 30 aprile 1992, n. 285 Nuovo codice della strada" e s.m.i. e D.P.R. 16 dicembre 1992, n.495 Regolamento di esecuzione del nuovo codice della strada e s.m.i.; 16. Pubblicità su lastrici solari : manufatto pubblicitario bidimensionale o tridimensionale collocato su coperture piane degli edifici. 17. Impianti di trasmissione e/o riproduzione di immagini : forma di pubblicità spettacolare ed innovativa consistente nel proiettare su superfici cieche degli edifici privati gigantesche immagini attraverso proiettori non laser, trasformando le stesse superfici in enormi schermi naturali. Limitatamente agli edifici pubblici tale pubblicità è ammessa anche sulle intere facciate degli edifici stessi in occasione di grandi eventi. 18. Colonna : manufatto a base circolare o triangolare fisso o girevole, retroilluminato. Art. 9. Gruppo omogeneo di mezzi pubblicitari. 6

7 1. Si definisce gruppo omogeneo di mezzi pubblicitari un insieme di mezzi pubblicitari aventi le medesime caratteristiche tipologiche, strutturali, di illuminazione e di formato, posizionati sul territorio secondo una precisa sequenza geometrica e con medesimi allineamenti, orientamenti ed altezze rispetto al suolo. La presenza di elementi territoriali di rilevanza urbana o ambientale determina l interruzione della suddetta sequenza. 2. La progettazione della pubblicità per gruppi omogenei è sempre prescritta nell ambito dei piani e dei progetti di trasformazione urbana così come definiti dall art.5, comma 3, punto 3.4. del presente Regolamento; all esterno dei suddetti ambiti, le installazioni devono comunque tendere, nei limiti del possibile, alla costituzione di gruppi omogenei. 3. Gli enti pubblici, le istituzioni pubbliche, i comitati nazionali e le fondazioni pubbliche che svolgano attività di pubblico interesse, nonché le società di gestione di servizi pubblici locali, possono presentare all Amministrazione Comunale, propri piani particolareggiati di installazione di mezzi pubblicitari su beni di loro proprietà, in deroga al contingentamento previsto dall art. 48 comma 8. TITOLO II Mezzi pubblicitari Tipologia A, B e C Autorizzazioni Art. 10. Disposizioni Generali. 1. Il presente Titolo si applica ai mezzi pubblicitari di cui alla Tipologia A, B e C indicati all art. 6 7

8 comma 2 e definiti all art. 8 commi 3, 4, 12, 13, 14, 15, 16 per la cui installazione è necessario ottenere apposito provvedimento autorizzatorio a seguito di presentazione di istanza. 2. E' vietata l'esposizione al pubblico di ogni forma di pubblicità, anche se esente da imposta, effettuata su piazze o strade comunali, o visibili da esse senza preventiva autorizzazione amministrativa del Comune, ovvero di altro ente nei casi indicati ai successivi commi 10 e Nel caso di impiantistica stradale e di cartellonistica in genere, l'istanza di autorizzazione deve essere presentata per ogni singolo impianto. 4. L'installazione di impianti pubblicitari prima della presentazione dell'istanza o nel corso del procedimento finalizzato al rilascio del provvedimento autorizzatorio comporta, oltre all'applicazione delle sanzioni amministrative e tributarie, il rigetto della relativa istanza e l'immediata rimozione del mezzo, a cura dell Amministrazione Comunale ed a spese dell'interessato. Qualora l Amministrazione Comunale dopo il rilascio del prescritto provvedimento autorizzatorio accerti che l impianto pubblicitario sia stato installato prima del rilascio dell autorizzazione stessa, dispone la decadenza di quest ultima e l'immediata rimozione del mezzo, a cura dell Amministrazione Comunale ed a spese del intestatario del titolo autorizzatorio, oltre all'applicazione delle sanzioni amministrative e tributarie. 5. Nel caso in cui l effettuazione della pubblicità, realizzata in forma permanente, preveda l occupazione di aree o suolo pubblico, la concessione del suolo pubblico ai fini pubblicitari viene rilasciata contestualmente all autorizzazione alla pubblicità dalla Amministrazione Comunale fatto salvo il versamento, a pena di decadenza, degli oneri fiscali e patrimoniali. L Amministrazione Comunale nel rilasciare o rifiutare le concessioni in argomento esplica un potere discrezionale ed insindacabile e l'eventuale provvedimento motivato di diniego o di revoca non la rende responsabile di indennizzi di qualsiasi natura o per qualsiasi causa. 6. E fatta salva altresì la necessità del previo rilascio della concessione o autorizzazione edilizia/permesso di costruire o della previa denuncia di inizio attività prescritti dalla normativa edilizia qualora gli impianti pubblicitari comportino trasformazione edilizia del territorio (es.: chioschi ecc.). E fatta salva, altresì, la previa necessità di nulla osta - autorizzazioni di cui al D.Lgs. n. 42/2004 e s.m.i. per gli impianti pubblicitari che insistono su beni culturali e su beni paesaggistici. Per gli impianti pubblicitari che insistono su strutture sanitarie, inoltre, necessita acquisire la preventiva autorizzazione del competente Ordine Professionale ai sensi della L. n. 175 del 05/02/ All interno del centro abitato in caso di installazione di mezzi pubblicitari, anche temporaneamente privi di messaggi pubblicitari che insistono su beni demaniali o patrimoniali di altre amministrazioni visibili da piazze o strade comunali, è fatta salva la necessità del previo nulla osta o concessione demaniale o altro titolo abilitativo previsto dalla legge. Inoltre, in caso di installazione di mezzi pubblicitari, anche temporaneamente privi di messaggi pubblicitari che insistono su beni, aree o strade di proprietà privata (compresi consorzi edificatori e società a partecipazione pubblica locale) o di enti pubblici economici (comprese le aziende speciali) che siano visibili da piazze o strade comunali, l autorizzazione alla diffusione pubblicitaria è rilasciata dal Comune previa esibizione dell atto di assenso o convenzione con il soggetto proprietario del bene o area o strada ove il mezzo pubblicitario insiste. 8. La pubblicità effettuata all'interno dei luoghi aperti al pubblico (ad es.: gli stadi, gli impianti sportivi, i cinema, le stazioni automobilistiche e di pubblici trasporti, i centri commerciali) e non visibile dall'esterno non è sottoposta alla preventiva autorizzazione comunale ma è soggetta alla presentazione della dichiarazione di pubblicità e al relativo pagamento dell'imposta, ove non esente. 8

9 9. L'autorizzazione all installazione di mezzi pubblicitari all'esterno del centro abitato, lungo le strade ed in vista di esse, è rilasciata dagli enti proprietari delle strade secondo le procedure di cui all'art. 53 del Regolamento di esecuzione ed attuazione del Codice della Strada nel rispetto delle disposizioni normative vigenti e del P.G.I.P. Quando i mezzi pubblicitari collocati su una strada sono visibili da una strada di ente proprietario diverso, l autorizzazione è subordinata al preventivo nulla osta di quest ultimo. L'Amministrazione Comunale, al pari degli altri enti di cui al comma 1 del predetto art. 53 del Regolamento di esecuzione ed attuazione del Codice della Strada, deve attenersi alle specifiche disposizioni in materia per le strade di propria competenza; gli enti proprietari delle strade che attraversano il territorio del Comune di Bari sono tenuti all osservanza del presente Regolamento e del P.G.I.P. e non possono adottare disposizioni normative in contrasto con esso. 10. L autorizzazione all installazione di mezzi pubblicitari su suoli di competenza demaniale, quando non visibile da strade comunali, è rilasciata dalla competente Autorità Demaniale nel rispetto delle disposizioni normative vigenti e del P.G.I.P. 11. In presenza di mezzi pubblicitari autorizzati da enti diversi dal Comune il contribuente dovrà presentare al Comune Ripartizione Tributi, unicamente la dichiarazione fiscale di cui all art. 8 D.Lgs. 507/93 e s.m.i., nonché copia autentica dell atto autorizzativo rilasciato dall ente proprietario della strada, oltre alla ricevuta attestante il contestuale pagamento dell imposta di pubblicità. La Ripartizione Tributi trasmette al competente Ufficio, l atto autorizzativo suddetto. 12. In caso di collocazione dei mezzi pubblicitari di cui al presente Titolo privi di autorizzazione o comunque in contrasto con quanto disposto dal comma 1 art. 23 del D.lgs. n. 285/1992 e s.m.i. ovvero dal presente Regolamento e dal P.G.I.P., l Amministrazione Comunale, quale ente proprietario della strada, diffida l'autore della violazione e il proprietario o il possessore del suolo privato, nei modi di legge ai sensi 13 bis del D.lgs. n. 285/1992 e s.m.i., a rimuovere il mezzo pubblicitario a loro spese entro e non oltre dieci giorni dalla data di comunicazione dell'atto. Decorso il suddetto termine, l Amministrazione Comunale provvede ad effettuare la rimozione del mezzo pubblicitario e alla sua custodia ponendo i relativi oneri a carico dell'autore della violazione e, in via tra loro solidale, del proprietario o possessore del suolo. Ai sensi dell art. 13 bis del D.lgs. n. 285/1992 e s.m.i. tutti gli organi di polizia stradale di cui all'articolo 12 del citato D.lgs., sono autorizzati in ogni caso ad accedere sul fondo privato ove è collocato il mezzo pubblicitario. 13. Al fine di garantire il decoro urbano i mezzi pubblicitari autorizzati e temporaneamente sprovvisti di pubblicità, ancorchè con imposta assolta, dovranno recare, per tutta la superficie pubblicitaria dell impianto, un foglio bianco recante la dicitura SPAZIO DISPONIBILE, il nome della Ditta e relativo recapito. 14. Per tutte le fattispecie di mezzi pubblicitari contemplate nel presente Titolo, su suolo pubblico e privato, in ragione della preponderanza degli interessi di pubblica sicurezza nella materia regolamentata, non trova applicazione l istituto di cui agli artt. 19 e 20 della Legge n. 241/1990 e s.m.i., atteso che il rilascio dell autorizzazione comunale alla collocazione di impianti pubblicitari comporta valutazioni tecniche nell ambito di limiti di contingente complessivo. Art. 11. Organi competenti al rilascio delle autorizzazioni. 1. L autorizzazione all effettuazione di tutti i mezzi pubblicitari di cui al presente Titolo, ad eccezione di quelli di cui al seguente comma 2, è rilasciata dalla Amministrazione Comunale. 2. L autorizzazione all effettuazione della pubblicità è rilasciata dal competente organo della Ripartizione Tributi per: - pubblicità temporanea di durata inferiore o uguale a 90 giorni, con esclusione della pubblicità sui ponteggi che viene in ogni caso rilasciata dal competente Ufficio; - pubblicità varia così come definita dal comma 3 dell art. 6 del presente Regolamento. In tali casi è richiesto il preventivo parere, obbligatorio e vincolante, della Ripartizione Polizia Municipale al fine della verifica del rispetto delle norme del Codice della Strada e del P.G.I.P., ad 9

10 esclusione della pubblicità a mezzo volantinaggio, pubblicità su veicoli non integrale e su aeromobili. Art. 12. Presentazione dell istanza di autorizzazione. 1. Per ottenere il rilascio del provvedimento autorizzatorio da parte dell Amministrazione Comunale, per l'installazione dei mezzi pubblicitari di cui al presente Titolo, deve essere presentata, apposita istanza in duplice copia per ciascun impianto, su moduli predisposti, corredata a pena di irricevibilità, di marca da bollo, diritti di segreteria per attività istruttoria tecnicoamministrativa e della seguente documentazione: a) estratto mappa aerofotogrammetrico in scala 1:2000, con la localizzazione del mezzo pubblicitario da installare; b) planimetria generale, in scala adeguata, indicante il posizionamento dell impianto, nonché gli allineamenti e le distanze da elementi territoriali significativi, come ad esempio i segnali stradali, gli impianti semaforici, le intersezioni, altri eventuali mezzi pubblicitari esistenti nel raggio di 300 mt.; c) piante, prospetti e sezioni quotate del mezzo pubblicitario, indicanti i materiali, i colori, l eventuale occupazione di suolo pubblico o asservito ad uso pubblico; d) bozzetto a colori del messaggio pubblicitario, completo delle scritte, dei simboli, ecc.; e) fotografie del luogo e simulazione fotografica del mezzo o impianto inserito nel luogo stesso; f) rilievo quotato della facciata dell edificio e sezione riportante le eventuali sporgenze del mezzo o dell impianto sul suolo pubblico nel caso in cui il mezzo o l impianto pubblicitario sia da installare in aderenza o da ancorare ad un edificio; g) in caso di immobile o suolo di proprietà privata, autorizzazione del proprietario dell immobile o del suolo stesso interessato dall installazione del mezzo o impianto pubblicitario ed in caso di condominio estratto del verbale di assemblea che autorizza l intervento; h) eventuali nulla osta o autorizzazioni di cui al D.Lgs. n. 42/2004 e s.m.i. per gli impianti pubblicitari che insistono su beni culturali e su beni paesaggistici; i) eventuale altra documentazione in ordine all'attività svolta richiesta dall'ufficio; 2. L istanza di autorizzazione deve essere presentata e sottoscritta da parte dell operatore pubblicitario iscritto alla C.C.I.A.A., titolare o legale rappresentante ovvero da soggetto dallo stesso incaricato, munito di delega e fotocopia del documento d identità di entrambi. 3. L'istanza deve altresì contenere l'espressa dichiarazione volta a sollevare il Comune da eventuali danni, ragioni e pretese di terzi, derivanti dalla posizione della pubblicità e l impegno del richiedente, ai sensi dell art.27 comma 3 del D.Lgs. 30/04/1992 n.285 a sostenere tutte le spese di sopralluogo e di istruttoria. 4. Nel caso in cui l'impianto pubblicitario debba realizzarsi su suolo pubblico comunale, è necessario che, nella suddetta istanza tendente ad ottenere l'autorizzazione all esposizione di pubblicità, venga contestualmente richiesta la concessione dell uso di suolo pubblico. Art. 13. Istruttoria del procedimento. 10

11 1. Entro 90 giorni dalla data di presentazione dell istanza completa di tutta la documentazione prevista dall art. 12 comma 1, l Amministrazione Comunale rilascia motivato provvedimento conclusivo di autorizzazione o di diniego. 2. Il Responsabile del Procedimento cura l'istruttoria della pratica effettuando le verifiche e i sopralluoghi necessari all'emanazione dell'atto, nel rispetto delle condizioni e dei requisiti previsti dal presente Regolamento, dal P.G.I.P. e dalle norme in vigore. 3. Nel caso di presentazione di istanza carente della documentazione richiesta all art. 12, o presentata per più impianti, la stessa istanza viene archiviata in quanto irricevibile, dandone apposita comunicazione all interessato. 4. Nel caso in cui il Responsabile del Procedimento, ai fini dell istruttoria, ritenga di dover acquisire ulteriore documentazione, ne fa richiesta all interessato. Qualora l ulteriore documentazione integrativa non sia prodotta dall interessato entro 30 giorni dal ricevimento della richiesta, l istanza viene archiviata dandone apposita comunicazione all interessato. I termini per il procedimento e l adozione del provvedimento conclusivo dello stesso sono interrotti dalla data di invio della richiesta e ricominciano a decorrere dalla data di ricezione della documentazione integrativa. 5. Quando l installazione dell impianto implichi particolari problemi legati alla viabilità o al traffico contingenti, il Responsabile del Procedimento chiede al competente ufficio il parere in ordine alla conformità del mezzo pubblicitario al Codice della Strada ed al relativo Regolamento di attuazione. Tale parere deve essere rilasciato entro 10 giorni dal ricevimento della richiesta, la quale sospende i termini del procedimento. Il parere contrario espresso dall ufficio competente è vincolante ai fini della conformità del mezzo pubblicitario al Codice della Strada ed al relativo Regolamento di attuazione. 6. All esito dell istruttoria, nel caso in cui l impianto oggetto di istanza, risulti autorizzabile, il Responsabile del Procedimento richiede all interessato ulteriore documentazione integrativa necessaria per il rilascio del provvedimento autorizzatorio. Qualora l ulteriore documentazione integrativa non sia prodotta dall interessato entro 30 giorni dal ricevimento della richiesta, l istanza viene archiviata dandone apposita comunicazione all interessato. 7. L Amministrazione Comunale, valutate le risultanze dell istruttoria, accoglie l istanza o la rigetta, con provvedimento motivato da comunicare a chi ha presentato l istanza. Art. 14. Rilascio dell autorizzazione. 1. In caso di accoglimento dell istanza, l Amministrazione Comunale rilascia l autorizzazione, che viene consegnata a chi ha presentato l istanza o a soggetto da quest ultimo delegato. L autorizzazione deve essere intestata al soggetto richiedente di cui all art. 12 comma 2, deve riportare la durata temporale prevista dal presente Regolamento e deve contenere l elaborato grafico a firma di tecnico abilitato riportante la localizzazione e le caratteristiche dell impianto pubblicitario autorizzato come da modello predisposto dall Amministrazione. La stessa autorizzazione deve essere trasmessa alla Ripartizione Tributi, ai fini dell applicazione dell imposta sulla pubblicità. 2. La Concessione d'uso di suolo pubblico comunale ai fini pubblicitari viene rilasciata dall Amministrazione Comunale, contestualmente all autorizzazione all esposizione pubblicitaria. Il provvedimento autorizzatorio, nel caso in cui venga occupato suolo pubblico deve specificare espressamente che il rilascio della concessione di tale occupazione non determina la costituzione di alcun diritto sul suolo occupato da parte del concessionario, in contrasto con interessi di natura pubblica e di carattere preminente. 11

12 3. L autorizzazione è valida solo per l ubicazione, la durata, la superficie ed il singolo impianto così come autorizzato. In ogni caso, il rilascio dell autorizzazione non esonera il titolare dall obbligo di attenersi strettamente alle leggi e regolamenti vigenti, sotto la propria esclusiva responsabilità anche nei riguardi dei diritti di terzi. 4. L'autorizzazione comunale all'esposizione pubblicitaria è rilasciata facendo salvi gli eventuali diritti di terzi e non esime gli interessati dall'acquisizione dei nulla osta di competenza di altri soggetti pubblici o privati. 5. Il rilascio dell'autorizzazione non costituisce sanatoria rispetto alla mancanza di altre eventuali autorizzazioni, nulla-osta o atti amministrativi di competenza del Sindaco, di altri Dirigenti o di altri Enti, eventualmente necessari. 6. Contestualmente al rilascio dell autorizzazione, l Amministrazione Comunale consegna al titolare della stessa un microchip identificativo dell impianto ed una targhetta di dimensioni cm. 21 x 8, sulla quale sono riportati i seguenti dati: a. Comune di Bari; b. Soggetto titolare; c. Numero e data dell autorizzazione con relativa scadenza. d. Codice dell impianto assegnato dal Comune. 7. All atto del ritiro dell autorizzazione, il titolare della stessa deve produrre una marca da bollo ed un attestazione di versamento del corrispettivo per il rilascio della predetta targa identificativa e del microchip dell impianto autorizzato. Le predette spese possono essere successivamente aggiornate con apposito provvedimento dell Amministrazione Comunale. 8. L autorizzazione deve essere esibita ad ogni richiesta della Polizia Municipale, delle Forze dell ordine competenti, nonché di altro personale autorizzato dell Amministrazione Comunale. Art. 15. Durata e rinnovo dell autorizzazione. 1. L autorizzazione all installazione dell impianto pubblicitario ha validità quinquennale ed è rinnovabile per lo stesso periodo. 2. L autorizzazione all installazione di mezzi pubblicitari su ponteggi, ha validità fino alla conclusione dei lavori e comunque per un periodo non superiore a tre anni dal titolo edilizio originario e nel caso di ponteggi su area pubblica comunque nei limiti del periodo indicato nella concessione di suolo pubblico. Non sono ammissibili rinnovi dell autorizzazione dei mezzi pubblicitari su ponteggi in caso di eventuali proroghe o rinnovi o varianti del titolo edilizio originario. Inoltre la pubblicità sui ponteggi e sulle recinzioni di cantiere non potrà essere nuovamente autorizzata prima che siano trascorsi 5 anni dal termine dell ultima esposizione pubblicitaria. A tal fine nell istanza di autorizzazione devono essere indicati gli estremi del permesso di costruire o D.I.A. o S.C.I.A., riportante la tipologia dei lavori e deve essere allegata autocertificazione del titolare dell immobile (o amministratore del condominio) attestante l ultima esposizione pubblicitaria riguardante l immobile. Per tutti gli interventi di manutenzione che non richiedono la presentazione di una pratica edilizia la validità dell autorizzazione non potrà essere superiore a 270 giorni naturali e consecutivi e la stessa non potrà essere rinnovata. In caso di lavori di ordinaria manutenzione di edifici non appartenenti alla P.A, la pubblicità sulle recinzioni o sui ponteggi può essere autorizzata per un periodo non superiore alla durata dei lavori del cantiere e comunque non superiore a 365 giorni naturali e consecutivi; in tal caso dovrà essere prodotta una relazione a firma del progettista di asseveramento dei lavori che indichi la durata degli stessi. 3. L autorizzazione all installazione dell impianto pubblicitario può essere rinnovata con 12

13 provvedimento espresso dall Amministrazione Comunale, da richiedersi con apposita istanza di rinnovo entro il 90 giorno prima della scadenza dell autorizzazione originaria. In caso di mancata presentazione dell istanza di rinnovo nei termini richiesti, l autorizzazione all installazione dell impianto pubblicitario decade alla scadenza senza necessità di disdetta e l impianto pubblicitario va rimosso immediatamente a cura e spese del titolare dell autorizzazione. In difetto si procederà alla rimozione a cura dell Amministrazione Comunale ed a spese dell interessato. 4. La richiesta di rinnovo in bollo deve contenere gli estremi dell autorizzazione originaria, nonchè l autocertificazione sottoscritta dal richiedente sotto la propria responsabilità, ai sensi della normativa vigente in materia, attestante che non è intervenuta alcuna modifica dello stato dei luoghi, la piena conformità del manufatto all autorizzazione rilasciata (ubicazione, superficie, dimensioni etc., del singolo impianto così come autorizzato), la persistenza delle condizioni di stabilità, il proseguimento dell'attività manutentiva dell impianto stesso, allegando documentazione fotografica ed il provvedimento autorizzatorio in originale da restituire. All istanza di rinnovo deve essere allegata: la dichiarazione fiscale e l attestazione dell'avvenuto pagamento della relativa imposta e di ogni altro onere eventualmente previsto; nonché congrua polizza assicurativa, anche cumulativa, per responsabilità civile in corso di validità. 5. Il procedimento per il rinnovo dell autorizzazione segue quello per il rilascio dell autorizzazione originaria. 6. Il rinnovo della Concessione d'uso del suolo pubblico comunale ai fini pubblicitari segue il rinnovo dell autorizzazione all effettuazione della pubblicità. 7. In mancanza del provvedimento espresso di rinnovo dell autorizzazione, la stessa, alla scadenza, decade, senza necessità di disdetta e l impianto pubblicitario va rimosso a cura e spese del titolare dell autorizzazione. 8. Non è concesso il rinnovo dell autorizzazione in presenza di situazione debitoria relativa ad imposta ed accessori previsti anche pregressi. Art. 16. Obblighi del titolare dell autorizzazione. 1. L'installazione dell'impianto pubblicitario di tipo permanente deve avvenire entro il termine di 60 giorni naturali e consecutivi dalla data di ritiro del provvedimento di autorizzazione, prorogabili di ulteriori 30 giorni naturali e consecutivi nel caso in cui sia richiesta motivata proroga per comprovata necessità L'istante è tenuto a presentare alla Ripartizione Tributi - Settore Pubblicità e Affissioni, entro il medesimo termine e comunque prima dell installazione, la dichiarazione fiscale di pubblicità attestante l'installazione del mezzo. A tale dichiarazione deve essere allegata, l'attestazione dell'avvenuto pagamento della relativa imposta e di ogni altro onere eventualmente previsto, pena la decadenza dell'autorizzazione. 2. Entro e non oltre 30 giorni naturali e consecutivi dall avvenuta installazione a seguito del rilascio del provvedimento autorizzatorio, è obbligatoria la presentazione da parte del titolare dell autorizzazione di una comunicazione, come da modello predisposto, con indicati gli estremi dell atto di autorizzazione, il codice dell impianto e la data di conclusione dei lavori, unitamente all autocertificazione sull avvenuta installazione del mezzo pubblicitario conformemente all autorizzazione. Allegata alla suddetta documentazione dovrà essere prodotta l attestazione dell avvenuto pagamento, nei termini prescritti, degli adempimenti fiscali dovuti e documentazione fotografica in formato digitale del mezzo pubblicitario installato. La mancata presentazione della suddetta documentazione comporta la decadenza dell autorizzazione. 3. Il titolare dell autorizzazione ha l obbligo di: 13

14 3.1. Effettuare la dovuta manutenzione (del mezzo pubblicitario e dei relativi supporti, ivi compresi gli eventuali elementi connessi di arredo urbano e di illuminazione), verificando periodicamente il buono stato del mezzo pubblicitario, nonché effettuando tutti gli interventi necessari per il mantenimento delle condizioni di sicurezza e di decoro; 3.2. Adempiere, nei termini prescritti, a tutte le disposizioni impartite dall Amministrazione comunale, sia al momento del rilascio dell autorizzazione sia successivamente, a seguito di intervenute e motivate esigenze; 3.3. Provvedere alla rimozione di quanto installato in caso di rinuncia, scadenza o decadenza ovvero in caso di revoca dell autorizzazione, a seguito di motivata richiesta da parte dell Amministrazione Comunale; 3.4. Provvedere agli adempimenti di cui al comma 1 nei confronti della Ripartizione Tributi Su ogni impianto pubblicitario autorizzato deve essere saldamente fissata, a cura e spese del titolare dell autorizzazione, la targhetta identificativa ed il microchip di cui all art. 14 comma 6, da collocare in posizione facilmente accessibile, che deve essere sostituita ad ogni rinnovo dell autorizzazione ed ogni qualvolta intervenga una variazione di uno dei dati su di essa riportati. 3.6.I titolari degli impianti pubblicitari, ancorchè autorizzati, ma privi di messaggio pubblicitario dovranno, a salvaguardia del decoro urbano, affiggere per l intera superficie dell impianto un foglio bianco recante :la dicitura SPAZIO DISPONIBILE, ed indicare la Ragione Sociale e numero telefonico della Ditta. La non osservanza di questa disposizione comporterà una sanzione amministrativa. 4. L impianto, inoltre, deve essere coperto, anche cumulativamente, da congrua polizza assicurativa per responsabilità civile in corso di validità, che deve essere consegnata a cura del titolare dell autorizzazione all Amministrazione Comunale prima del rilascio del provvedimento autorizzatorio, con obbligo di rinnovo della stessa polizza fino alla rimozione dell impianto alla scadenza dell autorizzazione stessa. 5. Il titolare dell'autorizzazione è tenuto a rispondere di tutti i danni derivanti dall'esposizione dei mezzi pubblicitari nonché è obbligato, a sollevare o comunque tenere indenne il Comune da qualsiasi azione, pretesa, richiesta, che possa essere avanzata in relazione a concessioni ed autorizzazioni di pubblicità. Altresì, senza eccezioni o limiti di sorta, è esclusa qualsiasi rivalsa nei confronti del Comune anche sottoforma di ripetizioni di imposta. 6. All atto della cessazione del mezzo pubblicitario l autorizzazione deve essere riconsegnata all Amministrazione Comunale unitamente alla targa identificativa ed al microchip dello stesso mezzo pubblicitario. 7. L'Amministrazione Comunale, previo accertamento del venir meno delle suddette condizioni, diffida il titolare dell'autorizzazione a porre in essere gli obblighi prescritti a suo carico e, in caso di inottemperanza nel termine dato, revoca l'autorizzazione e dispone l'immediata rimozione del mezzo, a cura della stessa Amministrazione ed a spese dell'inadempiente. Art. 17. Variazione dell autorizzazione. 1. La variazione dei mezzi pubblicitari che determini la modifica dell'ubicazione o della superficie esposta ovvero della tipologia del mezzo pubblicitario, su richiesta dell'intestatario dell'autorizzazione obbliga il medesimo a richiedere nuovo titolo autorizzatorio, preventivamente alla variazione stessa. Al procedimento si applicano le medesime norme valide per il rilascio dell'autorizzazione iniziale. 14

15 2. Con esclusivo riferimento alla variazione dei mezzi pubblicitari da ordinari in luminosi od illuminati, l'intestatario dell'autorizzazione è obbligato a presentare apposita richiesta con allegata la documentazione prevista dalla normativa vigente in materia da trasmettere per il parere di competenza alla Ripartizione Edilizia Pubblica e Lavori Pubblici, Settore Energia e Sicurezza degli Impianti. 3. In ogni caso, per motivi di pubblico interesse l Amministrazione Comunale ha facoltà, a suo giudizio insindacabile, di ordinare in qualunque momento la modifica dell'ubicazione o della superficie esposta ovvero della tipologia del mezzo pubblicitario, nello stesso isolato, laddove sussistano le condizioni necessarie e presupposte. In tal caso, l Amministrazione Comunale procede d ufficio alla modifica del titolo autorizzatorio originario. Al procedimento si applicano le medesime norme valide per il rilascio dell'autorizzazione iniziale. Ogni spesa connessa all'eventuale spostamento, nonché al ripristino di pareti o aree preesistenti, resta ad esclusivo e totale carico del titolare dell'autorizzazione. Qualora lo spostamento avvenga in località appartenente a categoria diversa da quella originaria, l Amministrazione comunale è tenuta ad applicare la tariffa di competenza, provvedendo, se previsto, al relativo conguaglio. Art. 18. Voltura dell autorizzazione. 1. Eventuali mutamenti nella rappresentanza legale della ditta autorizzata dovranno essere tempestivamente comunicati all Amministrazione Comunale ed alla Ripartizione Tributi Settore Pubblicità per le opportune annotazioni. 2. La voltura di autorizzazioni vigenti in presenza di subentro a seguito di atto pubblico o ad esso equiparabile è autorizzata dall Amministrazione Comunale con provvedimento espresso. L Amministrazione Comunale acconsente al subentro nell'autorizzazione solo se, con riferimento al pagamento dell'imposta di pubblicità e del corrispettivo eventualmente dovuto per canone di locazione e di eventuali oneri accessori, non sussistano morosità pregresse o il subentrante estingua interamente il debito. 3. In caso di giudizi pendenti circa la sussistenza del credito tributario è ammesso il subentro previa assunzione di garanzia da parte del subentrante per il pagamento degli stessi all esito del giudizio mediante fideiussione bancaria o assicurativa a prima richiesta. Art. 19. Revoca dell autorizzazione. 1. L'Amministrazione Comunale può sempre revocare con apposito provvedimento l'autorizzazione per motivi di pubblico interesse disponendo la rimozione di qualsiasi mezzo pubblicitario per motivi di riordino ambientale, per demolizioni o costruzioni, per ogni altra esigenza connessa allo svolgimento di un pubblico servizio o per altre cause di forza maggiore o comunque di pubblico interesse, dandone comunicazione scritta all'interessato 30 giorni prima. 2. Nei casi in cui il materiale del mezzo pubblicitario da rimuovere impedisca l'inizio o il proseguimento di lavori, e in particolare nel caso di opere pubbliche, l'ordine di rimozione è assunto con apposita ordinanza. 3. In ogni caso, la rimozione dovrà essere effettuata, entro la data che sarà precisata nell'ordine di rimozione, a cura e spese del titolare del mezzo, il quale dovrà rimuovere anche eventuali sostegni o supporti e provvedere al ripristino alla forma preesistente della sede del manufatto. Qualora l interessato non ottemperi all ordine di rimozione nei modi e nei termini stabiliti, il mezzo pubblicitario sarà considerato abusivo, con conseguente applicazione di quanto disposto nel presente Regolamento in ordine ai mezzi pubblicitari abusivi. 4. Non sussiste alcun obbligo da parte dell Amministrazione Comunale di garantire il ripristino dei mezzi pubblicitari oggetto di revoca, né nella medesima posizione né in altre località alternative. 15

16 Tuttavia, se la revoca comporta pregiudizi in danno dell intestatario dell autorizzazione, l Amministrazione Comunale, in luogo dell indennizzo, concede la facoltà di collocare il mezzo pubblicitario oggetto di revoca in nuova ubicazione, ciò al fine di conseguire la razionalizzazione ed il risparmio della spesa pubblica per il raggiungimento degli obiettivi di finanza pubblica in relazione al patto di stabilità ed ai vincoli derivanti dall appartenenza dell Italia all Unione Europea. Per quest'ultima ipotesi, spetta all'interessato produrre apposita istanza secondo le modalità previste nel presente Titolo. 5. Ogni spesa connessa all'eventuale spostamento e/o alla rimozione di cui al comma 1, nonché al ripristino di pareti o aree preesistenti, resta ad esclusivo e totale carico del titolare dell'autorizzazione. 6. Qualora lo spostamento avvenga in località appartenente a categoria diversa da quella originaria, l Amministrazione Comunale è tenuta ad applicare la tariffa di competenza, provvedendo, se previsto, al relativo conguaglio. 7. La revoca dell'autorizzazione è comunicata alla parte, con invito alla restituzione immediata dell'atto autorizzativo. 8. Quando la revoca dell'autorizzazione è provocata da causa imputabile al titolare della stessa, non è dovuto, dall'amministrazione Comunale, alcun rimborso di quanto versato a qualsiasi titolo a motivo dell'installazione del mezzo pubblicitario oggetto di revoca. Art. 20. Decadenza dell autorizzazione e provvedimenti di autotutela. 1. L'autorizzazione decade automaticamente in caso di mancata collocazione dell impianto pubblicitario entro il termine di 60 giorni naturali e consecutivi dalla data del rilascio o dalla data del rinnovo, ovvero 90 giorni naturali e consecutivi nel caso in cui sia stata chiesta motivata proroga in caso di comprovata necessità; l'autorizzazione decade altresì per i mezzi pubblicitari per i quali non viene corrisposta l imposta dovuta. 2. L'autorizzazione decade, inoltre, in caso di mancata presentazione, ad installazione avvenuta, della documentazione di cui all art. 16 comma 2, della relativa documentazione, con conseguente obbligo di immediata rimozione dell impianto pubblicitario, anche a cura dell Amministrazione Comunale e a spese del titolare dell autorizzazione. 3. L'autorizzazione decade automaticamente alla scadenza del termine della stessa. 4. L'autorizzazione decade, inoltre, per i seguenti motivi: a) se non vengono effettuati tutti i versamenti fiscali e le relative dichiarazioni, previsti dal presente Regolamento e dalla legge, nei tempi e nei modi prescritti (imposta di pubblicità, canone di locazione di impianti pubblici, tosap, eventuale canone di concessione di suolo pubblico per fini pubblicitari e relative sanzioni ed interessi); b) per difformità rispetto all'oggetto dell autorizzazione e/o per mancato rispetto delle condizioni previste nella stessa autorizzazione; c) se i mezzi pubblicitari autorizzati non sono mantenuti in perfetto stato di conservazione e funzionalità da parte del titolare dell autorizzazione. d) se l'installazione rechi grave pregiudizio o comunque leda eventuali diritti di terzi giudizialmente accertati. e) qualora l Amministrazione Comunale dopo il rilascio del prescritto provvedimento autorizzatorio accerti che l impianto pubblicitario sia stato installato prima del rilascio dell autorizzazione stessa, 16

17 disponendo l'immediata rimozione del mezzo, a cura dell Amministrazione Comunale ed a spese del intestatario del titolo autorizzatorio, oltre all'applicazione delle sanzioni amministrative e tributarie. f) qualora l Amministrazione Comunale dopo il rilascio del prescritto provvedimento autorizzatorio accerti il mancato pagamento dei versamenti dovuti a qualsiasi titolo. 5. L'autorizzazione decade per rinuncia espressa, con nessun diritto al rimborso di quanto versato in adempimento degli obblighi tributari a far tempo dalla data di rimozione dell'impianto, e con specifica preventiva comunicazione all Amministrazione Comunale ed alla Ripartizione Tributi unitamente alla documentazione dell avvenuta rimozione del mezzo pubblicitario e riconsegna del titolo originale. 6. E prevista la decadenza di tutte le autorizzazioni rilasciate fino a quel momento, nei confronti del soggetto per il quale sia stata accertata per due volte in un anno solare l installazione di impianti pubblicitari collocati, sia su suolo pubblico che privato, in assenza di autorizzazione, con conseguente obbligo di immediata rimozione di tutti gli impianti pubblicitari, anche a cura della stessa Amministrazione Comunale ed a spese del titolare delle autorizzazioni. 7. L Amministrazione Comunale può incidere sul provvedimento consolidatosi mediante provvedimenti di autotutela sia ai sensi dell art. 21 quinquies della legge n. 241/1990 per il quale trova applicazione quanto previsto dal precedente art. 19 comma 4 del presente Regolamento, sia ai sensi dell art. 21 nonies della legge n. 241/1990 e s.m.i. 8. L Amministrazione Comunale dispone la decadenza dell autorizzazione nei casi indicati nei commi predenti intimando l immediata rimozione del mezzo pubblicitario a cura e spese del titolare dell autorizzazione stessa. 9. L Amministrazione Comunale effettua idonei controlli, anche a campione, sulla documentazione prodotta ed in tutti i casi in cui sorgono fondati dubbi sulla veridicità della stessa. Qualora dal controllo emerga la non veridicità della documentazione prodotta, ai sensi del D.P.R. 445/2000 l Amministrazione Comunale, fermo restando quanto previsto dal Codice Penale e dalle leggi speciali in materia, dispone la decadenza dei benefici eventualmente conseguenti al provvedimento emanato sulla base della documentazione non veritiera. Art. 21. Rimozione dei mezzi pubblicitari. 1. Nei casi di collocazione di mezzi pubblicitari di cui al presente Titolo, privi di autorizzazione, anche a seguito di decadenza, annullamento o revoca della stessa, ovvero collocati in difformità dall autorizzazione o comunque in contrasto con quanto disposto dal comma 1 art. 23 del D.lgs. n. 285/1992 e s.m.i. e/o al presente Regolamento e/o al P.G.I.P., l Amministrazione Comunale, quale ente proprietario della strada, diffida l'autore della violazione e il proprietario o il possessore del suolo privato, ai sensi dell art. 23 comma 13 bis del D.lgs. n. 285/1992 e s.m.i. e nei modi di legge, a rimuovere il mezzo pubblicitario a loro spese entro e non oltre dieci giorni dalla data di comunicazione dell'atto. 2. Decorso il suddetto termine, l Amministrazione Comunale, ai sensi dell art. 23 comma 13 bis del D.lgs. n. 285/1992 e s.m.i., provvede con le modalità specificate nel successivo art. 38 del presente Regolamento, ad effettuare la rimozione del mezzo pubblicitario e alla sua custodia ponendo i relativi oneri a carico dell'autore della violazione e, in via tra loro solidale, del proprietario o possessore del suolo. A tal fine, ai sensi dell art. 23, comma 13 bis del D.lgs. n. 285/1992 e s.m.i., tutti gli organi di polizia stradale di cui all'articolo 12 del citato D.lgs. n. 285/1992 e s.m.i., sono autorizzati ad accedere sul fondo privato ove è collocato il mezzo pubblicitario. 3. L Amministrazione Comunale esegue, altresì, la rimozione in danno dei mezzi pubblicitari, senza necessità della previa diffida, nei casi indicati dall art. 23, comma 13 quater, del D.Lgs. n. 17

18 285/1992 e s.m.i. 4. Nei casi di rimozione indicati dai precedenti commi, l'amministrazione Comunale può, ai sensi dell art. 23, comma 13 quater.1, del D.lgs. n. 285/1992 e s.m.i., liberamente disporre dei mezzi pubblicitari rimossi in conformità al predetto articolo, una volta che sia decorso il termine di sessanta giorni senza che l'autore della violazione, il proprietario o il possessore del terreno ne abbiano richiesto la restituzione. Il predetto termine decorre dalla data della diffida, nel caso di rimozione effettuata ai sensi del comma 13-bis dell art. 23 del D.lgs. n. 285/1992 e s.m.i., e dalla data di effettuazione della rimozione, nell'ipotesi prevista dal comma 13-quater dell art. 23 del D.lgs. n. 285/1992 e s.m.i. TITOLO III Mezzi pubblicitari Tipologia E e F Art. 22. Disposizioni Generali. 1. Il presente Titolo si applica ai mezzi pubblicitari di cui alla Tipologia E e F indicati all art. 6 comma 2, per la cui installazione è necessario: - per la Tipologia E, ottenere apposito provvedimento autorizzatorio a seguito di presentazione di istanza. 18

19 - per la Tipologia F, presentare apposita comunicazione di installazione su modello predisposto dall Amministrazione. 2. Tutti i mezzi pubblicitari di cui al presente Titolo (Tipologia E e F) risultanti installati all entrata in vigore del presente Regolamento ma non rispondenti alle disposizioni dello stesso e del P.G.I.P., dovranno essere adeguati entro 36 mesi dall entrata in vigore dello stesso Regolamento, a cura e spese dei titolari dei suddetti mezzi. 3. La procedura di adeguamento di cui al precedente comma 2 seguirà quella ordinaria come disciplinata nei seguenti Capi. Art. 23. Disposizioni Particolari. Insegne di esercizio (mezzi pubblicitari Tipologia E). 1. E da ritenersi insegna di esercizio quella indicata all art. 8 comma La tipologia, le finiture, i materiali e i colori delle insegne di esercizio, devono avere caratteristiche tali da integrarsi con il contesto architettonico e non generare confusione con la segnaletica stradale. 3. Sono ammesse le insegne a messaggio variabile, con illuminazione ad intermittenza o a variazione di colore solo per la tipologia frontale, mentre sono escluse per la tipologia a bandiera. 4. Le insegne di esercizio e le altre forme pubblicitarie poste in aderenza alle pareti di edifici o nei fornici delle vetrine, ovvero collocati a bandiera, devono avere uno sviluppo dimensionale ed una superficie espositiva rapportati e proporzionati ai prospetti degli stessi fabbricati o al fronte stradale. 5. Sui prospetti degli edifici, limitatamente al piano terreno, è ammessa la sola installazione di insegne di esercizio, intese come messaggio recante la denominazione della ditta, la ragione sociale, ovvero l indicazione generica delle merci vendute, cui è possibile associare il marchio o il logo della ditta che devono essere di dimensioni contenute nell insegna. 6. Non sono ammesse insegne di esercizio sui balconi o superfici murarie oltre il piano terreno a meno di particolari e compravate esigenze da valutare in relazione alla tipologia dell edificio ed al decoro urbano. Le attività svolte ai piani superiori potranno tuttavia usufruire di targhe da collocare a lato dell ingresso del piano terreno o di vetrofanie interne ai vetri delle finestre dei locali ove si svolge l esercizio. 7. Quando nello stesso edificio siano presenti o previste più attività, la tipologia dell insegna di esercizio deve essere proposta in modo unitario nel rispetto degli elementi che caratterizzano l intera facciata. 8. Per l individuazione di esercizi sprovvisti di affacci su strade e piazze pubbliche, ovvero situati in corti, strade e vicoli ciechi o comunque ubicati in posizione non percepibile dagli spazi pubblici, è consentita l esposizione di una sola tabella non luminosa di modesto ingombro, posizionata a parete oppure sostenuta da apposita struttura, nel sito più prossimo all esercizio. 9. Sono vietate: - le insegne di esercizio od altri messaggi pubblicitari diffusi con proiettori al laser; - le insegne di esercizio di tipo polifacciale; - le insegne di esercizio su palo installato su suolo pubblico, ad eccezione degli esercizi di pubblica utilità e delle forze dell ordine. 10. La realizzazione e l installazione di insegne di esercizio sui prospetti di edifici vincolati e di quelli ubicati nelle aree vincolate devono essere risolte in maniera coerente, secondo un progetto 19

20 attento alla situazione del contesto ambientale e gli interventi sono sempre assoggettati alle relative specifiche procedure disposte dalle normative vigenti in materia. 11. Sui prospetti degli edifici a destinazione non residenziale, adibiti ad attività industriali, artigianali e commerciali, è consentita l'esposizione di insegne di esercizio e di altri mezzi di pubblicità e propaganda, di qualsiasi tipo e foggia (fermo restando quanto previsto ai commi 8 e 9), riferiti all'attività svolta nei medesimi edifici, purché il posizionamento segua criteri ordinati e coerenti con i caratteri formali architettonici presenti. Art. 24. Disposizioni Particolari. Vetrofanie Vetrografie (mezzi pubblicitari Tipologia F). 1. Sono da ritenersi vetrofanie e vetrografie quelle indicate all art. 8 commi 10 e Le vetrofanie sono inseribili all interno delle vetrate, purché la composizione e le tecniche di esecuzione vengano accuratamente studiate e descritte nel progetto. Devono essere evitate realizzazioni con lettere adesive precarie o disordinate. 3. Le vetrofanie, da applicare sulle vetrine sono sempre ammesse, a condizione che non occupino più del 50% della superficie vetrata. 4. Le vetrografie che possono connotare in modo qualificante e significativo l ambiente, devono essere sempre realizzate con progetto in coerenza con la tipologia dei serramenti preesistenti. Art. 25. Disposizioni Particolari. Targhe (mezzi pubblicitari Tipologia F). 1. E da ritenersi targa quella indicata all art. 8 comma La targa non deve contenere messaggi pubblicitari ma unicamente il nome e cognome del professionista o dello studio professionale, con eventuali titoli di studio, orari di apertura, numeri telefonici e simili. 3. Non sono ammesse targhe poste perpendicolarmente alla superficie su cui devono essere installate. 4. L installazione è ammessa in tutte le zone del territorio comunale. CAPO I Mezzi pubblicitari Tipologia E (Insegne di Esercizio) Autorizzazioni Art. 26. Disposizioni generali. 1. Il presente Capo si applica ai mezzi pubblicitari di cui alla Tipologia E indicati all art. 6 comma 20

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI Marca da Bollo 16,00 Al Sig. Presidente della Provincia di Pavia Ufficio concessioni pubblicitarie Piazza Italia, 2 27100 Pavia AUTORIZZAZIONE OGGETTO: Richiesta di autorizzazione per il posizionamento

Dettagli

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G.

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. CRITERI E PROCEDURA PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO PER L INSTALLAZIONE DI

Dettagli

COMUNE DI BARLETTA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE

COMUNE DI BARLETTA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE COMUNE DI BARLETTA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 03 del 19 gennaio 2005

Dettagli

Approvato: con delibera di Consiglio Comunale n. 30 del 21.04.2009 Revisioni: Note:

Approvato: con delibera di Consiglio Comunale n. 30 del 21.04.2009 Revisioni: Note: REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COLLOCAZIONE DI INSEGNE DI ESERCIZIO, CARTELLI, ALTRI MEZZI PUBBLICITARI, SEGNALI TURISTICI E DI TERRITORIO E SEGNALI CHE FORNISCONO INDICAZIONE DI SERVIZI UTILI Approvato:

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA SEGNALETICO INFORMATIVO E PUBBLICITARIO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA SEGNALETICO INFORMATIVO E PUBBLICITARIO COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA SEGNALETICO INFORMATIVO E PUBBLICITARIO Allegato A alla delibera del C.C. n. 5 del 08.02.2011 1 INDICE CAPO

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 138 DEL 09-11-1994 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI ED INTEGRAZIONI TESTO IN VIGORE DAL 01/01/2013

DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 138 DEL 09-11-1994 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI ED INTEGRAZIONI TESTO IN VIGORE DAL 01/01/2013 COMUNE di ROVIGO REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI CARTELLI PUBBLICITARI ED ALTRI IMPIANTI SIMILI E PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI http://www.comune.rovigo.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping)

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping) LEGGE REGIONALE 18 maggio 1999, n. 9 DISCIPLINA DELLA PROCEDURA DI VALUTAZIONE DELL'IMPATTO AMBIENTALE Testo coordinato con le modifiche apportate da: L.R. 16 novembre 2000 n. 35 Titolo III PROCEDURA DI

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 6232 LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 Semplificazioni del procedimento amministrativo. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile 2001, n. 11 (Norme sulla valutazione dell impatto ambientale),

Dettagli

REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE -

REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE - REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE - 1 2 Art. 1 - OGGETTO E DEFINIZIONI 1. Il presente regolamento disciplina la collocazione su suolo pubblico e privato delle strutture temporanee a servizio di locali ad

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI COMUNE DI TREMEZZINA REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI Approvato con deliberazione del Commissario prefettizio assunta con i poteri di Consiglio n. 19 del 02/04/2014

Dettagli

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI rev.0 -data:pagina 1 di 10 TTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: 01 COM 1- Esercizio di vicinato: (Sup di vendita fino a 250 mq.) apertura, trasferimento di sede, ampliamento della superficie, subentro, cessazione,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni.

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Il DIRETTORE DELL AGENZIA DEL DEMANIO Vista la legge 7 agosto 1990, n.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE COMUNE DI FAENZA SETTORE LAVORI PUBBLICI REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DI LAVORI DI SCAVO SU SUOLO PUBBLICO Regolamento approvato con atto C.C. verbale n. 275 del 15/11/2010 - prot. n. 44926 del 19/11/2010

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

Regolamento per l applicazione del Canone di pubblicità e del Diritto sulle Pubbliche Affissioni

Regolamento per l applicazione del Canone di pubblicità e del Diritto sulle Pubbliche Affissioni Approvato con deliberazione C.C. n. 89 del 23.07.2013 Modificato con deliberazione C.C. n. 94 del 02.10.2014. Comune di Oristano Comuni de Aristanis Regolamento per l applicazione del Canone di pubblicità

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO STATALE "M. T. CICERONE" RMPC29000G Via Fontana Vecchia, 2 00044 FRASCATI tel. 06.9416530 fax 06.9417120 Cod.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO COMUNE DI SOCCHIEVE Prov. Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO Approvato con deliberazione Del C.C. n 29 del 24/8/2007 REGOLAMENTO

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO Dipartimento Economia e Promozione della Città Settore Attività Produttive e Commercio U.O. Somministrazione, manifestazioni, artigianato e ricettive 40129 Bologna Piazza Liber Paradisus, 10, Torre A -

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA INDICE Art. 1 (Oggetto) Art. 2 (Definizioni) Art. 3 (Ambito di applicazione) Art. 4 (Istituzione dello Sportello Unico

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

meglio descritte nella relazione tecnica allegata

meglio descritte nella relazione tecnica allegata Modello 05: Spazio riservato all Ufficio Protocollo Marca da bollo 14,62 Al Dirigente del Settore II Comune di Roccapalumba Oggetto: l sottoscritt nat a ( ) il / / residente a ( ) in via n. C.F. in qualità

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI.

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 23 del 05.05.2009 MODIFICATO PUBBLICATO All Albo Pretorio per 15 giorni: - all adozione

Dettagli

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive Bollo 14,62 AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE STRUTTURE DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE (COM 4A - D.A. 8/5/2001) Ai sensi della L.r.

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI CITTÀ DI BARLETTA COMANDO POLIZIA MUNICIPALE SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI Descrizione : L apertura e il trasferimento di sede degli esercizi di somministrazione

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Condono Edilizio ROMA CAPITALE

Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Condono Edilizio ROMA CAPITALE ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici Ufficio Condono Edilizio Ufficio Diritto di Accesso Agli Atti Mod. 10/E (10.06.2013 )

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI D.P.R. 12 aprile 2006 n. 184 in relazione al capo V della L. 7 agosto 1990 n. 241 e successive modificazioni (Delibere del Consiglio dell

Dettagli

CITTA' DI ALZANO LOMBARDO

CITTA' DI ALZANO LOMBARDO CITTA' DI ALZANO LOMBARDO PROVINCIA DI BERGAMO Partita IVA 00220080162 Codice Fiscale 220080162 REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE APPROVATO CON DELIBERA C.C. N 27 DEL

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi)

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) Principali norme di riferimento 1) Legge n. 241/1990 - Nuove norme in

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT L A G E N Z I A I N F O R M A A A DELLE ENTRATE AGENZIA GENZI DELLE ENTRATE Progetto grafico: FULVIO RONCHI UFFICIO RELAZIONI ESTERNE GUIDA ALL INTERPELLO COME OTTENERE DALL AGENZIA DELLE ENTRATE LA RISPOSTA

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ'

ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ' Mod. SCIA adeguato alla L.122/2010 ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ' AL COMUNE DI Ai sensi e per gli effetti di cui all'art. 19 commi

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Regolamento Provinciale Occupazione spazi ed aree pubbliche e fasce di rispetto approvato con delibera di Consiglio Provinciale n..del..

Regolamento Provinciale Occupazione spazi ed aree pubbliche e fasce di rispetto approvato con delibera di Consiglio Provinciale n..del.. Regolamento Provinciale Occupazione spazi ed aree pubbliche e fasce di rispetto approvato con delibera di Consiglio Provinciale n..del.. CAPO I NORME GENERALI Articolo 1 Oggetto della normativa, struttura

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIPARTIZIONE TRA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E GLI INCARICATI DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL COORDINAMENTO PER LA

Dettagli

AZIENDA SOCIALE CENTRO LARIO E VALLI

AZIENDA SOCIALE CENTRO LARIO E VALLI AZIENDA SOCIALE CENTRO LARIO E VALLI Ufficio di Piano dei Servizi e degli Interventi Sociali dei Comuni appartenenti al Distretto di Menaggio REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI

Dettagli

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione 1)- PER UN VEICOLO ESPORTATO ALL'ESTERO E SUCCESSIVAMENTE REISCRITTO IN ITALIA DALLO STESSO INTESTATARIO QUALE IPT PAGA?: A - L'IPT si paga in misura proporzionale B - Non si paga IPT C - L'IPT si paga

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI Art. 1 Finalità ed ambito di applicazione Art. 2 Informazione e pubblicità Art. 3 Accesso ai documenti amministrativi Art.

Dettagli

Regol@mento edilizio ed urbanistico

Regol@mento edilizio ed urbanistico . Comune di Spoleto Direzione Pianificazione Urbanistica Regol@mento edilizio ed urbanistico.......... Il Regolamento edilizio ed urbanistico è stato adottato dal Consiglio comunale con la deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale

Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale Comune di Sanluri Provincia del Medio Campidano Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n 66 del 26.11.2004. Sommario Art.

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI ISTITUTO di ISRUZIONE SUPERIORE - Luigi Einaudi Sede Legale ed Amministrativa Porto Sant Elpidio (FM) - Via Legnano C. F. 81012440442 E-mail: apis00200g@istruzione.it Pec: apis00200g@pec.istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Premessa L accesso agli atti ed ai documenti amministrativi, introdotto nel nostro ordinamento dalla Legge 7 agosto 1990, n. 241, costituisce

Dettagli

COMUNICAZIONE EFFETTUAZIONE

COMUNICAZIONE EFFETTUAZIONE Esente da bollo N.B.: presentare almeno 10 giorni prima dell inizio SPAZIO PER ETICHETTA PROTOCOLLO COMUNALE Si consiglia di presentare in triplice copia di cui n.1 timbrata dall Ufficio PROTOCOLLO da

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati I circoli privati rappresentano, da sempre, un problema nella gestione delle attività di controllo sul territorio

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

Sportello Unico per l edilizia (SUE). Linee guida per l attuazione della fase sperimentale ai sensi della Delib.G.R. n. 37/17 del 12.9.2013.

Sportello Unico per l edilizia (SUE). Linee guida per l attuazione della fase sperimentale ai sensi della Delib.G.R. n. 37/17 del 12.9.2013. Allegato alla Delib.G.R. n. 52/20 del 23.12.2014 Sportello Unico per l edilizia (SUE). Linee guida per l attuazione della fase sperimentale ai sensi della Delib.G.R. n. 37/17 del 12.9.2013. Art. 1 Finalità

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

COMUNE DI CASTELNOVO NE' MONTI

COMUNE DI CASTELNOVO NE' MONTI COMUNE DI CASTELNOVO NE' MONTI Provincia di Reggio Emilia *$* ================================================== REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITA' E DELLE AFFISSIONI E PER L'APPLICAZIONE

Dettagli

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE PROVINCIA DI FIRENZE AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE Variante normativa al Regolamento Urbanistico vigente di adeguamento al "regolamento di attuazione dell'articolo 144 della L.R. n. 1/2005

Dettagli

Regolamento per il registro delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T.)

Regolamento per il registro delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T.) Regolamento per il registro delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T.) Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 29 del 09.06.2014 I 20099 Sesto San Giovanni (MI), Piazza della Resistenza,

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

dalla legge costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3 (Modifiche al titolo V della parte seconda della Costituzione). LEGGE REGIONALE 10 aprile 2015, n.

dalla legge costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3 (Modifiche al titolo V della parte seconda della Costituzione). LEGGE REGIONALE 10 aprile 2015, n. Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 53 suppl. del 15 04 2015 9 LEGGE REGIONALE 10 aprile 2015, n. 17 Disciplina della tutela e dell uso della costa. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITA COMMERCIALE SULLE AREE PUBBLICHE.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITA COMMERCIALE SULLE AREE PUBBLICHE. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITA COMMERCIALE SULLE AREE PUBBLICHE. TITOLO I: Norme generali e mercati Articolo 1 Ambito di applicazione Articolo 2 Definizioni Articolo 3 Finalità

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli