Nell Albiano basale si rinvengono: - Requienia tortilis Mainelli; - Monopleura marcida White;. - Eoradiolites rousseli ( Toucas) Douvillè.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Nell Albiano basale si rinvengono: - Requienia tortilis Mainelli; - Monopleura marcida White;. - Eoradiolites rousseli ( Toucas) Douvillè."

Transcript

1

2

3 Le aree fossilifere Nella Piattaforma Carbonatica del Matese Orientale le aree fossilifere più significative e di facile raggiungibilità si identificano nelle seguenti località: 1) - Monte La Costa; 2) - Da S.Polo Matese a Aria dell Orso; 3) - Campo Puzzo- Costa Alta; 4) - La Gallinola; 5) - La Torretta- Colle Antona; 6) - Costa Chianetta- Costa S.Angelo; 7) - Sbregavitelli; 8) - Civita di Pietraroja. 45

4 1) - Monte La Costa Monte La Costa, cartografato nella Tavoletta I.G.M. 162, III N.O. Bojano, è una propagine del Massiccio del Matese centro-settentrionale. L area di grande interesse paleontologico è quella del versante sud-orientale, dalle sorgenti di Rio Freddo al Fosso Varriconi, costituita da una serie di calcari organogeni di età Barremiano-Cenomaniano (M. Mainelli, 1983) che rappresenta una eccezione nell assetto sedimentario generale della Piattaforma Carbonatica del Matese Orientale perché non interessata dalla lacuna stratigrafica del Mediocretacico. I calcari della serie, inoltre, comprendono un grande numero di Rudiste distribuite in singolari cenosi. Sia per la quantità di esemplari, sia per l elevato numero di specie, le Rudiste di Monte La Costa rappresentano senz altro la macrofauna piu ricca fino ad ora accertata nel Cretacico inferiore-medio dell Appennino centro-meridionale. La macrofauna è costituita essenzialmente da Lamellibranchi, tra cui le Rudiste, da Gasteropodi, Antozoi, Briozoi, Brachiopodi, Foraminiferi, Alghe,ecc. Le osservazioni sugli ambienti paleoecologici distinguono i fossili delle successioni paleobiologiche in un benthos e in un plancton di piattaforma neritica in mare tropicale. Il benthos identifica organismi: -aderenti al fondo, ovvero in forme sessili, quali le Rudiste, i Coralli, i Briozoi; -aderenti al fondo ma con possibilità di piccoli spostamenti, ovvero in forme sedentarie, come i Gasteropodi del genere Patella, i Miliolidi, gli Orbitolinidi, gli Alveolinidi, le Cloroficee; -mobili sul fondo, ovvero in forme vagili, quali la maggior parte dei Gasteropodi, alcuni Bivalvi. Una seconda analisi distingue: -un dominio bentonico di ambienti caratterizzati da fondali in facies rocciosa e da fondali in facies sabbiosa e fangosa, -un dominio planctonico di mare sottile sovrapposto al benthos. Altro esame significativo rileva gli organismi fossili in comunità distribuite in habitat dei domini suindicati. La maggior parte delle comunità sono rappresentate da raggruppamenti a Rudiste e da poche comunità a Gasteropodi. Nel Barremiano è presente un abbondante fauna a Monopleure e Requienie distribuita a vari livelli nei calcari a lumachella e nei calcari gradati che testimoniano ambienti lagunari di piattaforma aperta. Le specie piu significative sono: -Requienia pietrarojensis Mainelli; -Monopleura varians Matheron. 46

5 Nell Aptiano dominano sempre Monopleure e Requienie in facies lagunari. Nell Aptiano superiore sono presenti colonizzazioni a Caprinidi in ambiente biostromale di retrobordo di piattaforma. Si trova Schiosia nicolinae Mainelli. Nell Albiano basale si rinvengono: - Requienia tortilis Mainelli; - Monopleura marcida White;. - Eoradiolites rousseli ( Toucas) Douvillè. Nel Cenomaniano inferiore i calcari bioermali e biostromali abbondano di Monopleure, Caprotine, Himerelites, Sellaea, Radiolites, con le seguenti specie particolari: -Caprotina distefanoi Parona, -Sellaea zitteli Di Stefano; -Sellaea himerensis Di Stefano; -Himerelites douvillei Di Stefano; -Himerelites gemmellaroi Di Stefano;- -Radiolites sp. Nel Cenomaniano superiore sono assenti Monopleuridi e Caprotinidi mentre la fauna recifale e biostromale è ricca di Caprine, Mitrocaprine, Caprinule, Neocaprine, Orthoptycus, Sphaerucaprine, Ichthyosarcolites, Radiolites, Sphaerulites, Sauvagesiae, Toucasie e Apricardie, con le seguenti specie particolari: -Sphaerulites foliaceus Lamarck; -Sauvagesia nicaisei (Coquand) Fischer; -Radiolites peroni (Choffat) Douvillè; -Ichthyosarcolites monocarinatus Sliskovich; -Ichthyosarcolites bicarinatus Gemmellaro; -Ichthyosarcolites tricarinatus Parona -Caprina carinata Bohm; -Shaerucaprina forojuliensis Bohm; -Neocaprina gigantea Plenicar; -Schiosia paolae Mainelli; -Toucasia danielae Mainelli -Apricardia carinata Gueranger; -Durania montislacostae Mainelli. 47

6 Monte La Costa - versante sud-orientale Successione dei calcari a Rudiste del Barremiano-Cenomaniano. - Monopleuridi-Caprotinidi - grainstone - grainstone-packestone - mudstone-wackestone - Requienidi - Caprinidi - Radiolitidi - Coralli - Gasteropodi - Ichthyosarcolites 48

7 LE RUDISTE DI MONTE LA COSTA REQUIENIDAE: Requienia-Toucasia-Apricardia MONOPLEURIDAE: Monopleura - Himerelites CAPRINIDAE: Caprina - Caprinula - Ichthyosarcolites - Mathesia - Offneria - Schiosia - Neocaprina - Mitrocaprina - Sphaerucaprina CAPROTINIDAE: Caprotina - Sellaea RADIOLITIDAE: Eoradiolites - Praeradiolites - Radiolites-Sphaerulites- Sauvagesia - Durania BERRAMIANO APTIANO ALBIANO CENOMANIANO inferiore superiore N NE pavone passerino vadolena cerque fosso macchie varriconi s. angelo cretarossa riofreddo 49

8 Neocaprima gigantea Plenicar Individuo completo nelle valve. Cenomaniano superiore di Monte La Costa 50

9 Neocaprina gigantea Plenicar Valve sinistre Cenomaniano superiore di Monte La Costa 51

10 Durania sp. Cenomaniano superiore di Monte La Costa valva sinistra aberrante valva sinistra normale 52

11 Cenomaniano di Monte La Costa Gasteropodi 53

12 Radiolites sp. - Cenomaniano inferiore di Monte La Costa Valva sinistra decorticata dello strato ornamentale, completa nel suo apparato cardinale Valve destre in sezione trasversale Sono evidenti l ornamentazione, la cavità ventrale, l apparato sifonale 54

13 Durania montislacostae Mainelli thicket individui completi Cenomaniano superiore di Monte La Costa Monopleura varians Matheron sezioni trasversali e longitudinali di valve destre e sinistre floatsone lagunare Barremiano di Monte La Costa 55

14 Cenomaniano superiore di Monte La Costa. Caprina carinata Bohm individui completi Caprina sp valve libere: a) - valva sinistra normale (sinistrogira), b) - valva sinistra anormale (mutante destrogira) a b 56

15 Orbirhynchia chelussi (Parona) matensis (Capasso) - Cenomaniano inferiore di Monte La Costa. Calcare a resti della specie, gradato normale, ciclico (tempestiti). La gradazione granulometrica diminuisce progressivamente dal basso verso l alto per dissipazione dell energia del mare. particolare della tanatocenosi a resti della specie 57

16 Toucasia danielae Mainelli Cenomaniano superiore di Monte La Costa 58

17 Schiosa nicolinae Mainelli Individuo intero Aptiano superiore di Monte La Costa Himerelites douvillei Di Stefano Valva sinistra Cenomaniano inferiore di Monte La Costa 59

18 Radiolites sp. Cenomaniano inferiore di Monte La Costa 60

19 Schiosa paolae Mainelli Cenomaniano superiore di Monte La Costa 61

20 Schiosia nicolinae Mainelli Schiosia paolae Mainelli 62

21 Schiosia nicolinae Mainelli Aptiano superiore di Monte La Costa 63

22 Eoradiolites liratus Douville (VD) Albiano di Monte La Costa Monopleura michaillensis Pich. Et Camp. Individuo completo Barremiano di Monte La Costa 64

23 Himerelites gemmellaroi Di Stefano Valva sinistra Cenomaniano inferiore di Monte La Costa Neocaprina panormitana Sirna Valva destra Cenomaniano inferiore di Monte La Costa 65

24 Durania montislacostae Mainelli Individuo completo Cenomaniano superiore di Monte La Costa Durania montislacostae Mainelli valva sinistra Cenomaniano superiore di Monte La Costa 66

25 Sellaea zitelli Di Stefano valva destra Cenomaniano inferiore di Monte La Costa Himerelites douvillei Di Stefano Valva destra Cenomaniano inferiore di Monte La Costa 67

26 Himerelites gemellaroi Di Stefano Individuo completo Cenomaniano inferiore di Monte La Costa Himerelites vultur Di Stefano Valva sinistra Cenomaniano inferiore di Monte La Costa 68

27 Himerelites zitteli Di Stefano (VS) Cenomaniano inferiore di Monte La Costa Sellaea himerensis Di Stefano (VS) Cenomaniano inferiore di Monte La Costa 69

28 Ichthysarcolites bicarinatus Parona Cenomaniano superiore di Monte La Costa Monopleura varians Matheron Barremiano di Monte La Costa 70

29 Schiosa paolae Mainelli Cenomaniano superiore di Monte La Costa Toucasia danielae Mainelli Cenomaniano superiore di Monte La Costa 71

30 Requienia tortilis Mainelli Albiano basale di Monte La Costa Eoradiolites rousselli Douvillé Albiano di Monte La Costa 72

31 Tylostoma solidum Parona Cenomaniano di Monte La Costa Cerithium paronai Schnar. Cenomaniano di Monte La Costa 73

32 Pileous chelussi Schnarr. Cenomaniano di Monte La Costa Nerita schnarrembergerii Parona. Cenomaniano di Monte La Costa 74

33 Aptyxiella preveri Parona Cenomaniano di Monte La Costa Ptigmatis oculata Parona. Cenomaniano di Monte La Costa 75

34 Chondrodonta joannae Choffat Cenomaniano superiore di Monte La Costa Neithea lapparentii Choffat Cenomaniano di Monte La Costa 76

35 Neithea acuticostata Futterer Cenomaniano superiore di Monte La Costa Orbirhynchia chelussi (Parona) matensis Capasso Cenomaniano inferiore di Monte La Costa 77

36 Heterocoenia conferta Ed. et Ha. Cenomaniano di Monte La Costa Phillocoenia compressa Ed. et Ha. Cenomaniano di Monte La Costa 78

37 Favia ambigua (Mich.) Alloiteau Cenomaniano inferiore di Monte La Costa Hepismilia globosa (Mich) Alloiteau Cenomaniano inferiore di Monte La Costa 79

38 Meandraraea arausiaca d Orb. Cenomaniano inferiore di Monte La Costa Heliopora bassanii Prever Cenomaniano inferiore di Monte La Costa 80

39 Diplocoenia dolfusii d Orb. Cenomaniano inferiore di Monte La Costa Diplocoenia roberti Prever Cenomaniano inferiore di Monte La Costa 81

40 Celenterati coloniali Cenomaniano di Monte La Costa 82

41 Aria dell Orso Monte S. Polo Colle Salva Signore Tra le quote Valle Perella Colle Morotti Quota 916 Da Monte S. Polo a Aria dell Orso 83

42 2) - Da Monte S.Polo a Aria dell Orso (Monte S.Polo; Colle Salva Signore-Valle Perella; Tra le quote 801, 844, 839; Colle Morotti; Quota 916; Aria dell Orso). Monte S.Polo Il monte, su cui si colloca l abitato di S. Polo Matese,è costituito da calcari e calcari organogeni a Rudiste, gasteropodi e coralli, in strati e banchi dello spessore complessivo di m. 500 circa. La serie, solcata da numerosissime faglie, di cui una, notevole, separa il monte da Colle Salva Signore, presenta una immersione generale di NNE ed ha un età compresa tra il Cenomaniano p.p. e il Campaniano. Qui sono considerate due brevi successioni per complessivi 50 metri circa, di età Turoniano-Senoniano, le quali, costituite da una alternanza di mudstones-wackestones e grainstones, interessano generalmente la parte abitata. Il Turoniano comprende quasi tutto il monte, il Senoniano è presente nell area della Cappella Anime del Purgatorio diroccata. La parte alta del monte, dove si colloca la chiesa di S.Pietro in Vincoli, è caratterizzata da calcari a Distefanella Parona. In particolare la roccia del basamento della Torre Campanaria è uno dei pochi lembi di calcare a Distefanella salmoiraghii Parona ancora evidente dell antico areale a Distefanella rinvenuto da F.Bassani verso la fine del secolo scorso. Il genere Distefanella fu istituito da C.F.Parona nel 1901 in onore di G.Di Stefano, eminente rudistologo siciliano, su campioni rinvenuti nelle rocce calcaree che qua e là apparivano in grossi spuntoni lungo le stradine medioevali di S.Polo Matese, fino a poco tempo fa ancora non pavimentate. C.F.Parona distinse nel genere le specie Distefanella bassanii, D. salmoiraghii, D. douvillei, D. guiscardii, determinandone l età attribuita al Turoniano superiore. Nel 1965 A.Polsak emendò il genere sulla base di più accurate indagini morfologiche della valva sinistra. Le nuove vedute della Paleontologia fanno ritenere che le specie del genere Distefanella Parona, rinvenute a S.Polo Matese sono soltanto due, Distefanella salmoiraghii Parona e D. bassanii Parona, le piu diffuse in tutto il Matese, mentre le altre due, D. douvillei e D. guiscardii, identificano fenotipi. L area presso la Cappella Anime del Purgatorio, attualmente diruta, è distinta essenzialmente da due formazioni bioermali, rappresentate da calcari biocostruiti, di età Santoniano-Campaniano, ( in parte distrutti nel tempo dall erosione e recentemente in parte distrutti dall uomo) costituiti da: - un deme a Hippurites colliciatus Woodward i cui resti si presentano in ottimo stato di conservazione; - un deme a Biradiolites sp. a pochi metri dal precedente. 84

43 Ambedue le comunità sono limitate da calcari biancastri, biogeni e biodetritici, di origine biostromale, dove, tra l altro, si rilevano - Vaccinites taburni Guiscardi; - Sauvagesia tenuicostata Polsak; - Durania samnitica Parona. Il calcare a Hippurites colliciatus Woodward - è costituito da resti ben conservati della specie in posizione di vita e sedimento carbonatico postdeposizionale; - si distingue dal calcare di origine biostromale adiacente per assenza di stratificazione e di biodetrito. I caratteri di facies accennati e della comunità identificano un bioerma tabulare formato dall accumulo biocostruito e lentiforme di resti della specie a sviluppo verticale contenuto. Gli individui viventi risiedevano nella parte superficiale del bioerma, fissati per la valva destra su quelli estinti, essendo la sinistra opercolare, in acque ad energia medio-alta. 85

44 Monte S. Polo Succesione dei calcari e calcari a Rudiste del Santoniano - Campaniano; del Turoniano superiore. 86

45 Radiolites sp. - Cenomaniano inferiore di Monte La Costa La Chiesa di S. Pietro in Vincoli di S. Polo Matese. Basamento della Torre Campanaria, costituito da calcare a Distefanella salmoiraghii Parona di età Turoniano La biofacies comprende anche resti di Sauvagesidi e Ippuritidi 87

46 Basamento della Torre Campanaria di S. Pietro in Vincoli, S. Polo Matese Calcare a Distefanella salmoiraghii Parona. Turoniano di Monte S. Polo. Particolare del calcare a Distefanella salmoiraghii Parona Vaccinites petrocoriensis Douvillé sezione trasversale Durania? sp. - struttura prismatica poligonale dello strato ornamentale, - veduta trasversale e longitudinale 88

47 Cappella diruta Anime del Purgatorio Particolare della formazione bioermale a Hippurites colliciatus Woodward del Santoniano-Campaniano 89

48 Santoniano-Campaniano di Monte S. Polo Matese (Anime del Purgatorio) Durania sannitica Parona thicket valve sinistre Hippurites colliciatus Woodward thicket valve destre In ambedue le comunità gli individui, in posizione di vita, presentano ciascuno un proprio orientamento dell apparato sifonale per non interferire sull attività vitale dei vicini. 90

49 Distefanella salmoiraghii Parona Individuo completo nella sua posizione di vita sul substrato. Turoniano del Basamento della Torre Campanaria, Chiesa di S. Pietro in Vincoli in S. Polo Matese. 91

50 Colle Salva Signore -Valle Perella Il Colle, a ridosso dell abitato di S.Polo Matese, è costituito da calcari organogeni di età Albiano-Campaniano; presenta una tettonica molto tormentata sia per le numerose faglie che lo distinguono, sia per l alta variabilità nella dislocazione delle successioni stratigrafiche. Tuttavia due successioni, bene esposte, appaiono abbastanza descrittive di tutto l aspetto stratigrafico-strutturale del Colle. La prima successione, di età Albiano-Turoniano inferiore, appare per m. 170 circa dopo km 1 circa della strada che da S.Polo Matese conduce a Fonte S.Maria; comprende anche i calcari a Rudiste e a gasteropodi di età Turoniano superiore di Valle Perella, separata dall area occidentale del Colle dalla strada summenzionata e da un fosso impostatosi su una faglia. La seconda successione, di età Turoniano-Campaniano, affiora per m. 150 circa sul taglio di un sentiero a est del Colle e comprende tutto il versante orientale, dalla collinetta a monte fin giù alla valle. La successione del versante occidentale è distinta essenzialmente da calcari bioclastici e da calcari a Rudiste s.l. ed altri molluschi, con una lacuna stratigrafica di età Albiano-Cenomaniana, caratterizzata da fenomeni paleocarsici. Le facies sono subtidali con floatstones a molluschi intercalati da grainstones-rudstones a sedimenti bioclastici. Il versante orientale è distinto da facies ruditiche e arenitiche a Rudiste, gasteropodi e coralli e comprende un esteso affioramento di circa 1000 metri quadrati di una colonizzazione bioermale a Vaccinites taburni Guiscardi Le associazioni a Rudiste comprendono Radiolitidi, Sauvagesinae, Ippuritidi, Caprinidi, gasteropodi e rari coralli. Tra i calcari di tutto il Colle si rinvengono, tra l altro, le seguenti specie: - Hippurites colliciatus Woodward; - Hippurites lapeirousei Gold.; - Hippurites nabresinensis Futterer; - Vaccinites taburni Guiscardi; - Vaccinites giganteus d Hob. Fir.; - Vaccinites gosaviensis Douvillè - Vaccinites oppeli Douvillè; - Biradiolites martelli Parona; - Bournonia bournoni Des Moulins; - Distefanella bassanii Parona; - Distefanella salmoiraghii Parona; - Distefanella exilis Mainelli; - Durania apula Parona; - Durania samnitica Parona; 92

51 - Durania austinensis Roemer; - Durania canaliculata Pejovic; - Durania spadai Parona; - Ichthyosarcolites bicarinatus Gemmellaro; - Ichthyosarcolites sp. - Ichthyosarcolites tricarinatus Parona; - Lapeirouseia juanneti Des Moulins; - Radiolites peroni Choffat; - Radiolites cremai Parona; - Sauvagesia acuticostata Adkins; - Sauvagesia garganica Parona; - Sauvagesia tenuicostata Polsak - Sauvagesia raricostata Polsak; - Plagioptychus sp. A ovest del Colle, in località Valle Perella, è presente una notevole fauna a Vaccinites, Distefanella e gasteropodi. Questi ultimi, in ottimo stato di conservazione, furono studiati da E.U.Fittipaldi nel 1900 che rinvenne le seguenti nuove specie: - Nerita delorenzoi Fittipaldi; - Nerinea bassanii Fittipaldi; - Nerinea samnitica Fittipaldi; - Nerinea tiferni Fittipaldi; - Fibula distefanoi Fittipaldi; - Actaeonella matensis Fittipaldi; - Actaeonella ellipsoides Fittipaldi. 93

52 Colle Salva Signore - Valle Perrella Successione dei calcari a Rudiste dell Albiano - Campaniano LEGENDA 1 - Radiolitidi 7 - Biradiolites wackestone - mudstone 2 - Hippuriridi 8 - gasteropodi grainstone - rudstone bioclastico 3 - Caprinidi 9 - coralli 4 - Distefanella 10 - pernidi cavità paleocarsiche 5 - Requienia 11 - frammenti di Rudiste loferiti 6 - Sauvagesia-Durania 12 - thicket, bouquet, cluster 94

53 G K Lapeirousia juanneti Des Moulins Sezioni trasversali Turoniano sup. - Santoniano di Colle Salva Signore Distefanella bassanii Parona Sezione di valva sinistra Turoniano di Colle Salva Signore 95

54 G K Patch reef a Distefanella exilis Mainelli Individui in posizione di vita. Santoniano di Colle Salva Signore 96

55 G K Distefanella exilis Mainelli Santoniano di Colle Salva Signore Individui isolati, incompleti. Schematizzazioni dell apparato mio-cardinale e delle bande sifonali. 97

56 G K Nerita taramelli Pirona Turoniano di Valle Perella Scurria alta Schnarrenberger Turoniano di Valle Perella 98

57 G K Vaccinites petrocoriensis Douvillè Turoniano di Colle Salva Signore Vaccinites gosaviensis Douvillè Santoniano - Campaniano di Colle Salva Signore 99

58 Sauvagesia nicaisei Coquand cluster valve destre in sezione trasversale Cenomaniano superiore - Turoniano inferiore di Colle Salva Signore Vaccinites sp. bouquet valve destre Turoniano di Valle Perella 100

59 Radiolites sp. Individui in posizione di vita. Sezioni longitudinali. A sinistra: in evidenza la posizione e la grandezza delle due valve, l ornamentazione, la cavità ventrale, le tabule, la commessura. A destra: in evidenza la cavità ventrale, le tabule, parte dell ornamentazione Cenomaniano superiore - Turoniano inferiore di Colle Salva Signore 101

60 Plesioptygmatis schiosensis Pirona Turoniano di Colle Salva Signore individui interi individuo in sezione longitudinale 102

61 Colle Salva Signore. Veduta del versante orientale La strada che costeggia il versante, leggermente in salita, segna la dislocazione della successione stratigrafica di m. 150 circa, dal Turoniano in basso al Campaniano in alto. 103

62 Versante sud-orientale di Colle Salva Signore Calcare a Distefanella bassani Parona sezioni trasversali individuo in sezione longitudinale 104

63 Versante sud-orientale di Colle Salva Signore In tratteggio l affioramento di una estesa formazione di calcari bioermali a Vaccinites taburni Guiscardi Particolare della formazione Vaccinites taburni Guiscardi Sezione trasversale della VD Sono evidenti la forma e la disposizione degli elementi LSE Età: Santoniano 105

64 Tra le quote L area si colloca sul confine dei territori montani di S.Polo Matese e Campochiaro; ovvero è delimitata da Colle Salva Signore, Colle Morotti e i terreni nei pressi dell abitato di Campochiaro. La particolare area è distinta da una successione di calcari e calcari organogeni a Rudiste, segnata da numerore faglie, fratture e piegamenti, essendo stata soggetta a forte compressione. Per questo l interpretazione cronostratigrafica non è sempre agevole. I calcari e calcari organogeni di superficie sono gli unici considerabili e si riferiscono ad uno spessore massimo di m 20 circa, le cui evidenze litobiostratigrafiche possono essere riferite ad una età attribuibile al Santoniano-Campaniano. Le litobiofacies rilevabili sono caratterizzate da graistone-packstone bioclastici a Rudiste e gasteropodi; mudstone-wackestone a resti di Rudiste s.l., gasteropodi in buono stato di conservazione. In particolare in tutta l area si rilevano: - Plagioptychus padadoxus Matheron, - Sauvagesia tenuicostata Polsak, - Durania sp. - Hippurites nabresinensis Futterer, - Vaccinites taburni Guiscardi, - Vaccinites gaudry Mun.Chalmas, - Durania canaliculata Pejovic, - Radiolites sp. 106

65 Tra le quote 801; 844; 839 Successione dei calcari e calcari a Rudiste del Campaniano p.p. 107

66 G K Cerithium ataxense d Orb. Santoniano di Tra le quote ,-839 Actaeonella matensis Fittipaldi Turoniano sup. Santoniano di Tra le quote

67 Colle Morotti La serie dei calcari e calcari organogeni di Colle Morotti, per complessivi m.200 circa, segnata da numerose faglie e fratture, ha una età compresa tra il Cenomaniano superiore e il Campaniano. Il Cenomaniano superiore p.p.- Turoniano p.p. è presente in località abbeveratoio, in una successione di calcari e calcari organogeni a Caprinidi dello spessore di circa 25 metri, troncata all alto da una faglia; il Coniaciano-Campaniano è evidente su tutto il Colle in spezzoni di serie. Tuttavia lungo il taglio della strada che costeggia il Colle e che conduce a Fonte Malmerunte e a Fonte S. Maria, è possibile rilevare tre brevi successioni non in continuità di tempo, separate da faglie, di cui la prima è di circa m.35 di spessore, le altre due sono rispettivamete di m 20 e m 15 di spessore Le tre serie si presentano con differenti lito-biofacies. I caratteri bio-litologici dell intero Colle sono pressappoco i medesimi indicati per il versante orientale di Colle Salva Signore, ovvero sono rappresentati da facies biolititiche (boundstones) a facies calciruditiche, calcarenitiche,calcilutitiche (grainstones,packstones,wackestones,mudstones) Le associazioni di fossili, in biocenosi e tanatocenosi, identificano per la maggior parte Rudiste, poi gasteropodi ed infine rari coralli; sono distinte secondo gli ambienti di vita e di deposizione. Tra i calcari dell intero Colle si rinvengono in particolare le seguenti Rudiste: - Caprina schiosensis Bohem; - Caprina carinata Boehm; - Distefanella bassani Parona - Hippurites accordii Sirna; - Hippurites nabresinensis Futterer; - Vaccinites taburni Guiscardi; - Vaccinites petrocoriensis Douvillè; - Durania samnitica Parona; - Lapeirousia zitteli Futt.; - Durania canaliculata Pejovic ; - Biradiolites martelli Parona; - Plagioptvchus paradoxus Matheron. 109

68 Durania canaliculata Pejovic Santoniano-Campaniano di Tra le quote 801,844,839 Hippurites nabresinensis Futterer Vaccinites taburni Guiscardi Vaccinites gaudry Mun.-Chalmas Santoniano-Campaniano di Tra le quote 801,844,

69 Colle Morotti Successione dei calcarei e calcari a Rudiste del Cenomaniano superiore-campaniano LEGENDA 1 - Radiolitidi 7 - Biradiolites 2 - Hippuritidi 8 - Lapeirousia grainstone-packestone 3 - Caprinidi 9 - gasteropodi 4 - Distefanella 10 - frammenti di Rudiste mudstone-wackestone 5 - Apricardia 11 - coralli 6 - Durania 12 - ticket, bouquet, cluster di Rudiste rudstone bioclastico 111

70 G K Durania sp. Valva sinistra, completa di ornamentazione Santoniano di Colle Morotti 112

71 G K Sauvagesia tenuicostata Polsak Valva destra Santoniano-Campaniano di Colle Morotti Durania austinensis Roemer Valva destra Campaniano di Colle Morotti 113

72 Quota 916. Quota 916 è un Colle che si colloca nei pressi di Colle Morotti, tra Fonte Malanotte e Aria dell Orso ed è costituito da una serie di calcari e calcari a Rudiste dello spessore di circa m.40, i cui strati immergono di a NE. Le litofacies dominanti sono essenzialmente due: - una è distinta da floatstones a Pelecipodi e gasteropodi a varie altezze, intervallate da packstones -wackestones a miliolidi ed altri foraminiferi, alghe ed ostracodi; - un altra è costituita da rudstones-grainstones di calcari gradati con pelecipodi, gasteropodi, rari resti di coralli, intercalati da floatstones a pelecipodi e gasteropodi. L età della successione è riferita al Turoniano. Tra i calcari si rinvengono: - Apricardia manuelae Mainelli; - Vaccinites petrocoriensis Douvillè; - Distefanella bassanii Parona; - Radiolites sp, - Nerinea schiosensis Pirona. 114

73 Quota 916. Successione dei calcari e calcari a Rudiste del Turoniano. LEGENDA 1 - Radiolitidi grainstone-packestone 2 - Hippuritidi 3 - Distefanella mudstone-wackestone 4 - Apricardia 5 - Nerinea rudstone bioclastico 6 - frammenti di Rudiste 7 - coralli 8 - thicket di Rudiste 115

74 Apricardia manuelae Mainelli Turoniano di Quota 916 e di La Gallinola 1 - esemplare completo con valve beanti alcuni caratteri dell apparato mio-cardinale 4 - floatstone lagunare con resti di: - Apricardia manuelae Mainelli, - Neitea schiosensis Sharpe 5 - calcare a: - Apricardia manuelae Mainelli, - Distefanella bassani Parona 116

75 Aria dell Orso Aria dell Orso è un monte che si eleva fino a q da q.920 circa sul suo versante meridionale, da q. 800 circa di Valle Perella sul suo versante settentrionale. Dalla sommità del monte si domina, verso oriente, tutta l area paleontologica fin qui descritta, da Monte La Costa a Monte S.Polo in parte, a Colle Salva Signore-Valle Perella, a Tra le quote , a Colle Morotti fino a Quota 916 ai suoi piedi sul lato orientale. La veduta mette in evidenza le strutture stratigrafiche della maggior parte delle unità fin ora considerate, come la uniformità nella vergenza di NNE delle successioni di Monte La Costa, Quota 916 e dello stesso Aria dell Orso ; l esteso anticlinale di Colle Salva Signore segnato da numerose faglie e pieghe; la caotica dislocazione delle successioni di Tra le quote e di Colle Morotti, le quali appaiono variamente troncate da faglie, fratture e pieghe. La serie dei calcari e calcari organogeni a Rudiste di Aria dell Orso si distingue in una monoclinale in strati e grosse bancate dello spessore complessivo di circa m 200, misurata sul suo versante meridionale dove si presenta bene esposta; è datata Albiano- Cenomaniano in relazione alle sue evidenze paleontologiche; è correlabile in parte con l Albiano-Cenomaniano di Monte La Costa; trova la sua naturale continuità nei calcari e calcari organogeni Turoniani di Quota 916, i quali a loro volta si completano in parte con quelli Coniaciano-Campaniano di Colle Morotti. Le caratteristiche sedimentologiche e paleoecologiche sono anch esse correlabili in parte con quelle di pari età di Monte La Costa, sia per i paleoambienti, sia per l elevato numero di specie. Nell Albiano le litobiofacies sono costituite essenzialmente da wackestone-packstone a Radiolitidi o Requienidi, gasteropodi e Pernidi, da grainstone-rudstone bioclastici corrispondenti a fondali di ambienti lagunari dietro il bordo della piattaforma con acque a energia medio- bassa, talora medio-alta,diversificati in zone di altofondo e zone di secche e barre. Nel Cenomaniano dominano litobiofacies di gainstone-rudstone con bioclasti bene arrotondati, floatstone a Caprinidi e Radiolitidi, wackestone a Nerineidi,corrispondenti a fondali di bordo di piattaforma. Le colonizzazioni rappresentano biocenosi a Rudiste, gasteropodi, Pernidi e pochi coralli. In particolare si rinvengono: - Monopleura marcida White, - Monopleura sp.distribuita in una comunità estesa e in uno strato di una ventina di centimetri spesso, - Himerelites douvillei Di Stefano, - Schiosia paolae Mainelli - Radiolites sp. - Durania montislacostae Mainelli - Sauvagesia nicaisei (Coquand) Fischer, - Ichtyosarcolites bicarinatus Gemmellaro, - Caprina carinata Bohm. 117

76 Aria dell Orso Successione dei calcari e calcari organogeni a Rudiste dell Albiano-Cenomaniano. 118

77 G K Ichthyosarcolites tricarinatus Parona Valva destra. Cenomaniano di Aria dell Orso 119

78 G K Sphaerucaprina woodwardi Gemmellaro Cenomaniano superiore di Colle dell Orso 120

79 Cenomaniano superiore di Colle dell Orso. Calcare a Chondrodonta joannae Choffat Sellaea himerensis Di Stefano Valve sinistre e destre 121

80 3) - Campo Puzzo- Costa Alta. Le due località sono separate dalla strada Campitello- Sella del Perrone, al km. 4 circa. Tutta l area è costituita da una successione di calcari e calcari organogeni di età Aptiano superiore-senoniano (Campaniano). I calcari dell Albiano-Aptiano superiore, distinti in strati e bancate dello spessore complessivo di m.120 circa, si rilevano da Campo Puzzo verso La Gallinola, qui denominati di Campo Puzzo ; i calcari del Cenomaniano-Campaniano, in strati e bancate dello spessore complessivo di circa 200 metri si rilevano da Campo Puzzo verso la Costa Alta. La successione di Campo Puzzo, qui denominata di Costa Alta, è caratterizzata in genere da rudstone- grainstone a bioclasti di Pelecipodi e gasteropodi, intervallati da wackestone con resti ben conservati di Rudiste, gasteropodi ed Ostreidi. Nell Aptiano superiore si rileva una colonizzazione notevole a Mathesia tertiicolloquirudistarum Mainelli, distinta in uno strato di centimetri di spessore per una lunghezza non calcolata. La comunità è sostituita lateralmente da resti ben conservati di una piccola Requienia sp. e da gasteropodi. Nella serie si rilevano inoltre: - Lithyoperna sp.; - Nerinea sp.. La successione di Costa Alta è caratterizzata da rudstone-grainstone a resti di Rudiste e gasteropodi, floatstone a Rudiste e gasteropodi. Sono presenti in particolare: - Caprina carinata Boehm - Caprinula sp; - Neocaprina gigantea Plenicar; - Ichthyosarcolites bicarinatus Gemmellaro; - Ichthyosarcolites tricarinatus Parona; - Sauvagesia nicaisei Coquand; - Sauvagesia sharpei Bayle; - Distefanella bassanii Parona - Plagioptychus paradoxus Matheron; - Hippurites sublaevis Matheron; - Hippurites sublaevis Matheron; - Vaccinites gosaviensis Douvillè; - Sauvagesia tenuicostata Polsak.; - Durania sp.; - Radiolites sp. 122

Carannante G., D Argenio B., Dello Jacovo B., Ferreri V., Mindszenty A, Simone L., 1988, Studi sul carsismo cretacico dell Appennino Campano.

Carannante G., D Argenio B., Dello Jacovo B., Ferreri V., Mindszenty A, Simone L., 1988, Studi sul carsismo cretacico dell Appennino Campano. Bibliografia Accordi G., Carbone F., Sirna G., 1982, Relationships among tectonic setting substratum and benthonic communities in the upper Cretaceous of north-eastern Matese (Molise, Italy). Geologica

Dettagli

Cenni storico-geologici sul Carso isontino

Cenni storico-geologici sul Carso isontino MUSEO CARSICO GEOLOGICO E PALEONTOLOGICO Ass. ONLUS Via VALENTINIS 86, 34074 Monfalcone Cenni storico-geologici sul Carso isontino Inquadramento geografico Il Carso isontino è delimitato a nord-ovest dalla

Dettagli

TECNICHE GEOLOGICHE TRADIZIONALI NELLA RICERCA DI NUOVI GIACIMENTI DI PIETRE ORNAMENTALI IN PUGLIA

TECNICHE GEOLOGICHE TRADIZIONALI NELLA RICERCA DI NUOVI GIACIMENTI DI PIETRE ORNAMENTALI IN PUGLIA n 1/2-2005 pagg. 29-40 TECNICHE GEOLOGICHE TRADIZIONALI NELLA RICERCA DI NUOVI GIACIMENTI DI PIETRE ORNAMENTALI IN PUGLIA Alessandro Reina 1 & Luigi Buttiglione 2 1 Iscritto n 213 ORG - Puglia Ricercatore

Dettagli

La cartografia della successione triassico-giurassica. F. Jadoul

La cartografia della successione triassico-giurassica. F. Jadoul IL TERRITORIO DI BERGAMO NELLA NUOVA CARTOGRAFIA GEOLOGICA Museo Civico di Scienze Naturali BERGAMO La cartografia della successione triassico-giurassica F. Jadoul Foglio Lecco Foglio Clusone Foglio Breno

Dettagli

LETTURA e INTERPRETAZIONE delle CARTE GEOLOGICHE

LETTURA e INTERPRETAZIONE delle CARTE GEOLOGICHE LETTURA e INTERPRETAZIONE delle CARTE GEOLOGICHE Una carta geologica è la registrazione di come sono distribuite sulla superficie terrestre rocce di età e natura diverse; essa è anche, e soprattutto, una

Dettagli

BREVI NOTE ILLUSTRATIVE DELLA CARTA GEOLOGICA DEL CARSO CLASSICO ITALIANO

BREVI NOTE ILLUSTRATIVE DELLA CARTA GEOLOGICA DEL CARSO CLASSICO ITALIANO BREVI NOTE ILLUSTRATIVE DELLA CARTA GEOLOGICA DEL CARSO CLASSICO ITALIANO a cura di F. Cucchi & C. Piano con Francesco Fanucci, Nevio Pugliese, Giorgio Tunis, Luca Zini tratte da: Progetto GEO-CGT - Cartografia

Dettagli

Il Marmo di Cautano Tradizione e Innovazione

Il Marmo di Cautano Tradizione e Innovazione LA MARMORERA CAUTANESE- COMUNE di CAUTANO - AMBIENTE MEDITERRANEO Il Marmo di Cautano Tradizione e Innovazione I marmi di Vitulano e Cautano nel contesto geologico dell Appennino meridionale Alessio Langella

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Scienze Geologiche

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Scienze Geologiche UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Scienze Geologiche STUDIO STRATIGRAFICO DI SUCCESSIONI MESOZOICHE DEL DOMINIO SUDALPINO AFFIORANTI

Dettagli

ELABORATI CARTOGRAFICI di Riferimento geologico

ELABORATI CARTOGRAFICI di Riferimento geologico / COMMITTENTE: Comune di VARENNA Provincia di Lecco PROGETTO: Costruzione di una nuova rotatoria all intersezione di viale Polvani con la strada provinciale 72 in comune di Varenna Progetto definitivo

Dettagli

Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti

Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti (da BINI, 1990) Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti La descrizione dettagliata di sezioni

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO CORSO DI LAUREA P.T.U.A. GEOGRAFIA TRUPIA GIUSEPPE 192376 STUDIO DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI VALVERDE

POLITECNICO DI MILANO CORSO DI LAUREA P.T.U.A. GEOGRAFIA TRUPIA GIUSEPPE 192376 STUDIO DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI VALVERDE POLITECNICO DI MILANO CORSO DI LAUREA P.T.U.A. GEOGRAFIA TRUPIA GIUSEPPE 192376 STUDIO DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI VALVERDE 1 COMUNE DI VALVERDE Il comune di Valverde si trova in provincia di Pavia e

Dettagli

FENOMENI FRANOSI. Nomenclatura delle frane

FENOMENI FRANOSI. Nomenclatura delle frane FENOMENI FRANOSI I fenomeni franosi o movimenti di versante sono movimenti di materiale (roccia, detrito, terra) lungo un versante. Essi rientrano nella categoria più generale dei movimenti di massa, ovvero

Dettagli

INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO

INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO Il territorio comunale di Capestrano è compreso, dal punto di vista cartografico, nel Foglio della Carta Geologica di Italia n. 146 Sulmona scala 1 : 100.000 e nel Foglio della

Dettagli

ATTI DEL MUSEO CIVICO DI STORIA NATURALE DI TRIESTE ISSN: 0365-1576

ATTI DEL MUSEO CIVICO DI STORIA NATURALE DI TRIESTE ISSN: 0365-1576 ATTI DEL MUSEO CIVICO DI STORIA NATURALE DI TRIESTE ISSN: 0365-1576 Atti Mus. civ. Stor. nat. Trieste STUDIO PRELIMINARE DI REPERTI OSSEI DI DINOSAURI DEL CARSO TRIESTINO TIZIANA BRAZZATTI (*) & RUGGERO

Dettagli

I FOSSILI DEL CARSO FOSILI NA KRASU

I FOSSILI DEL CARSO FOSILI NA KRASU I FOSSILI DEL CARSO FOSILI NA KRASU Progetto cofinanziato dal Programma di iniziativa comunitaria INTERREG III A Italia-Slovenia 2000-2006 Projekt sofinancira Program evropske pobude INTERREG IIIA Italija-Slovenija

Dettagli

6. Stratigrafia e tettonica

6. Stratigrafia e tettonica Di cosa parleremo Le rocce che costituiscono la crosta terrestre portano scritta al loro interno la storia della regione in cui si trovano. La stratigrafia e la tettonica forniscono le chiavi di lettura

Dettagli

CALCARE DI BARI. C. SINONIMIE E PRIORITÀ: calcare di Mola [2], [7], [1], [14] (cfr. COMMENTI ).

CALCARE DI BARI. C. SINONIMIE E PRIORITÀ: calcare di Mola [2], [7], [1], [14] (cfr. COMMENTI ). CARTA GEOLOGICA D ITALIA 1:50.000 - CATALOGO DELLE FORMAZIONI 31 CALCARE DI BARI A. NOME DELLA FORMAZIONE: Calcare di Bari Sigla: CBA Formalizzazione: originariamente non indicata. Autore/i: VALDUGA A.

Dettagli

1. PREMESSA...2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO...3. 2.1. Caratteri geologici generali...3 3. INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 4. CARTOGRAFIA PAI...

1. PREMESSA...2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO...3. 2.1. Caratteri geologici generali...3 3. INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 4. CARTOGRAFIA PAI... RELAZIONE GEOLOGICA E GEOMROFOLOGICA SOMMARIO 1. PREMESSA...2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO...3 2.1. Caratteri geologici generali...3 3. INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 4. CARTOGRAFIA PAI...8 5. CONCLUSIONI...11

Dettagli

CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE

CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE Premessa (I) Le carte geologiche danno evidenza alla geologia di un territorio, illustrando in estrema sintesi la sostanza di cui questo è fatto. Esse vengono

Dettagli

Amministrazione Provinciale di Siena - Ufficio di Piano per il PTCP ALLEGATO 4:

Amministrazione Provinciale di Siena - Ufficio di Piano per il PTCP ALLEGATO 4: ALLEGATO 4: STABILITÀ DEI VERSANTI: METODOLOGIA DA ADOTTARE COME STANDARD PROVINCIALE PER LA REALIZZAZIONE DELLA CARTA DELLA STABILITÀ POTENZIALE INTEGRATA DEI VERSANTI AI SENSI DELLA DCR 94/85. Allegato

Dettagli

La Paleofrana di Aulla: uno studio comparato dei modelli geologici, geomorfologici e di resistività

La Paleofrana di Aulla: uno studio comparato dei modelli geologici, geomorfologici e di resistività UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea Specialistica in Geologia Applicata Centro di GeoTecnologie La Paleofrana di Aulla: uno studio comparato

Dettagli

Sistemi Informativi Territoriali. Paolo Mogorovich www.di.unipi.it/~mogorov

Sistemi Informativi Territoriali. Paolo Mogorovich www.di.unipi.it/~mogorov Sistemi Informativi Territoriali Paolo Mogorovich www.di.unipi.it/~mogorov Nozioni di Cartografia Esempi di lettura di carte Tratto da La lettura delle carte geografiche di Aldo Sestini Firenze, 1967 1

Dettagli

- 1 - 1) PREMESSA Progettazione Preliminare della Variante alla S.S. n.7 Appia

- 1 - 1) PREMESSA Progettazione Preliminare della Variante alla S.S. n.7 Appia - 1-1) PREMESSA A seguito dell incarico ricevuto dalla Mandataria dell ATI Politecnica-Satpi, Politecnica Società Italiana d Ingegneria con sede in Via dei Mille n. 24 nella città di Bologna, viene redatta

Dettagli

NOTE SUL FENOMENO CARSICO NEL MASSICCIO DEL MONTE CANIN (Alpi Giulie Occidentali, Italia)

NOTE SUL FENOMENO CARSICO NEL MASSICCIO DEL MONTE CANIN (Alpi Giulie Occidentali, Italia) Alh Convegno In1.l~ sul carso dr alta montagna Imperra, 30 aprile-4 maggio 1982 1 (1 983). 427-435 FULVIO GASPARO (*) NOTE SUL FENOMENO CARSICO NEL MASSICCIO DEL MONTE CANIN (Alpi Giulie Occidentali, Italia)

Dettagli

Lega Navale Italiana Sezione di Amalfi SETTORE ECOLOGIA

Lega Navale Italiana Sezione di Amalfi SETTORE ECOLOGIA Lega Navale Italiana Sezione di Amalfi SETTORE ECOLOGIA Il Settore Ecologia della Lega Navale - Sezione di Amalfi nasce con l obiettivo di contribuire alla tutela dell ambiente marino della Costiera Amalfitana

Dettagli

Modello geotecnico della città di Santiago de Cuba

Modello geotecnico della città di Santiago de Cuba 32 Convegno Nazionale Modello geotecnico della città di Santiago de Cuba Zulima C. Rivera Álvarez (1), Julio García Peláez (2), Dario Slejko (3), Angel Medina (4) 1 National Centre of Seismological Researches,

Dettagli

ITG A. POZZO LICEO TECNOLOGICO MORFOLOGIA FLUVIALE. INDIRIZZO: Costruzioni, Ambiente, Territorio - opzione B GEOLOGIA E TERRITORIO

ITG A. POZZO LICEO TECNOLOGICO MORFOLOGIA FLUVIALE. INDIRIZZO: Costruzioni, Ambiente, Territorio - opzione B GEOLOGIA E TERRITORIO ITG A. POZZO LICEO TECNOLOGICO MORFOLOGIA FLUVIALE INDIRIZZO: Costruzioni, Ambiente, Territorio - opzione B GEOLOGIA E TERRITORIO Classe 4^ - 3 ore settimanali Schede a cura del prof. Romano Oss Come tutti

Dettagli

Il Castello del borgo di Grotteria tracce di storia medioevale fra gli affioramenti messiniani della Locride, Calabria Jonica Meridionale.

Il Castello del borgo di Grotteria tracce di storia medioevale fra gli affioramenti messiniani della Locride, Calabria Jonica Meridionale. Il Castello del borgo di Grotteria tracce di storia medioevale fra gli affioramenti messiniani della Locride, Calabria Jonica Meridionale. Angela Alfieri, Domenico Carrà, Giuseppe Lanzo, Domenico Monteleone,

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA ROCCA (CORTILE) SALA A

INTRODUZIONE ALLA ROCCA (CORTILE) SALA A INTRODUZIONE ALLA ROCCA (CORTILE) 01 LA ROCCA Il paese di Rocca di Cave sorge in una magnifica posizione panoramica a ridosso delle mura della torre di avvistamento che i monaci benedettini edificarono

Dettagli

I MARMI DI ROCCA BIANCA

I MARMI DI ROCCA BIANCA I MARMI DI ROA BIANA SE Rocca Bianca Risalendo la Val Germanasca, fin dai primi chilometri, è possibile vedere davanti a sé FAGLIA MIASISTO A GRANATO (guardando quindi verso S), la parete nord-orientale

Dettagli

La geologia e la geomorfologia del territorio di Alzano Lombardo. Dott. Luca Tucciarelli

La geologia e la geomorfologia del territorio di Alzano Lombardo. Dott. Luca Tucciarelli La geologia e la geomorfologia del territorio di Alzano Lombardo Dott. Luca Tucciarelli Alzano 13/5/2010 Le placche terrestri La deriva dei continenti Breve storia geologica del territorio alpino 300 MA

Dettagli

SCHEMA STRATIGRAFICO E TETTONICO DEL CARSO ISONTINO. Maurizio Tentor, Giorgio Tunis, Sandro Venturini

SCHEMA STRATIGRAFICO E TETTONICO DEL CARSO ISONTINO. Maurizio Tentor, Giorgio Tunis, Sandro Venturini SCHEMA STRATIGRAFICO E TETTONICO DEL CARSO ISONTINO Maurizio Tentor, Giorgio Tunis, Sandro Venturini Riassunto. In questo lavoro preliminare viene schematizzata la successione stratigrafica del Carso isontino

Dettagli

9. La morena. Il fianco destro orografico della Val Martello (carta geologica 2) 8. Le strie glaciali

9. La morena. Il fianco destro orografico della Val Martello (carta geologica 2) 8. Le strie glaciali Il fianco destro orografico della Val Martello (carta geologica 2) 8. Le strie glaciali L azione erosiva del ghiacciaio, in senso stretto, viene indicata con il termine esarazione; una delle forme caratteristiche

Dettagli

TORNIMPARTE CAMPO FELICE RIFUGIO SEBASTIANI

TORNIMPARTE CAMPO FELICE RIFUGIO SEBASTIANI TORNIMPARTE CAMPO FELICE RIFUGIO SEBASTIANI La partenza è da Villagrande di Tornimparte (880 m s.l.m.) lungo la strada provinciale SP1 Amiternina; dopo 400 metri circa in falsopiano svoltare a sinistra

Dettagli

AUTORITA DI AMBITO TERRITORIALE OTTIMALE ATO2 - MARCHE CENTRO - ANCONA

AUTORITA DI AMBITO TERRITORIALE OTTIMALE ATO2 - MARCHE CENTRO - ANCONA AUTORITA DI AMBITO TERRITORIALE OTTIMALE ATO2 - MARCHE CENTRO - ANCONA SERVIZIO DI REDAZIONE DELLE INDAGINI E DEGLI STUDI FINALIZZATI ALLA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO D AMBITO PER I COMUNI DELL ATO MARCHE

Dettagli

PIANO DIRETTORE REGIONE PUGLIA. SOGESID S.p.A. Unità Operativa di Bari RELAZIONE GENERALE

PIANO DIRETTORE REGIONE PUGLIA. SOGESID S.p.A. Unità Operativa di Bari RELAZIONE GENERALE COMMISSARIO DELEGATO PER L'EMERGENZA AMBIENTALE PRESIDENTE DELLA REGIONE PUGLIA (Ordinanza del Ministro dell'interno n 3184 del 22/3/2002) ATTIVITA' CONNESSSE ALLA REDAZIONE DEL PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE

Dettagli

02 - Indagine geologica e idraulica

02 - Indagine geologica e idraulica Rotatoria sulla SR435 Lucchese all intersezione con via Falciano nel Comune di Buggiano Progetto definitivo Relazione geologica ed idraulica 02 - Indagine geologica e idraulica CARATTERIZZAZIONE GEOLOGICA

Dettagli

COMUNE DI CANEVINO ALLEGATO A PROVINCIA DI PAVIA

COMUNE DI CANEVINO ALLEGATO A PROVINCIA DI PAVIA PROVINCIA DI PAVIA COMUNE DI CANEVINO ADEGUAMENTO DELLO STUDIO GEOLOGICO, IDROGEOLOGICO E SISMICO AI SENSI DELLA D.G.R. N. 8/1566 E DELLA D.G.R. N. 8/7374 CRITERI ED INDIRIZZI PER LA DEFINIZIONE DELLA

Dettagli

STORIA GEOLOGICA D ITALIA

STORIA GEOLOGICA D ITALIA STORIA GEOLOGICA D ITALIA PERMIANO-TRIASSICO 300-250 Ma Il Triassico (250 Ma) che cominciò con una grande estinzione di massa, fu l epoca nella quale si avviarono i grandi cambiamenti geografici ed evolutivi

Dettagli

4. PROGETTO INTERVENTI DI CONSOLIDAMENTO

4. PROGETTO INTERVENTI DI CONSOLIDAMENTO STUDIO DI GEOLOGIA ASSOCIATO -------------------------------------------------------------------------------------- oggetto: relazione geologico-tecnica per il progetto di consolidamento della Rupe di

Dettagli

I.2 Inquadramento geomorfologico

I.2 Inquadramento geomorfologico I.2 Inquadramento geomorfologico I.2.1 Domini geologici e lineamenti strutturali principali Il territorio della Provincia Autonoma di Trento è caratterizzato dal punto di vista geologico dalla presenza

Dettagli

COMUNE DI BORGOMASINO. Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario

COMUNE DI BORGOMASINO. Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI BORGOMASINO Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario Giugno 2012 dott. geol. Mirco Rosso

Dettagli

strada Comunale in località Fosso Martelli in agro del comune di Irsina è stato interessato

strada Comunale in località Fosso Martelli in agro del comune di Irsina è stato interessato 1. PREMESSA In seguito alle forti piogge verificatesi negli ultimi due inverni un tratto di circa 30 m della strada Comunale in località Fosso Martelli in agro del comune di Irsina è stato interessato

Dettagli

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Opere in terra Caratteristiche di un terreno Compressibilità e costipamento delle terre Portanza sottofondi e fondazioni stradali Instabilità del corpo

Dettagli

INDAGINI INTEGRATE PER LA MITIGAZIONE DEL RISCHIO IN UN AREA DI FALESIA DELLA SICILIA MERIDIONALE (SCIACCA-AGRIGENTO)

INDAGINI INTEGRATE PER LA MITIGAZIONE DEL RISCHIO IN UN AREA DI FALESIA DELLA SICILIA MERIDIONALE (SCIACCA-AGRIGENTO) SCIACCA INDAGINI INTEGRATE PER LA MITIGAZIONE DEL RISCHIO IN UN AREA DI FALESIA DELLA SICILIA MERIDIONALE (SCIACCA-AGRIGENTO) Emanuele Siragusa & Antonio CIMINO* siragusa-emanuele@libero.it; antonio.cimino@unipa.it

Dettagli

V.I.A. Valutazione di Impatto Ambientale

V.I.A. Valutazione di Impatto Ambientale V.I.A. Valutazione di Impatto Ambientale Rilascio di permesso di ricerca idrocarburi Faenza RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALL ISTANZA DI PERMESSO DI RICERCA DI IDROCARBURI LIQUIDI E GASSOSI DENOMINATA FAENZA

Dettagli

Escursione interdisciplinare 16-21 sett. 2002. BANFI GABRIELE mat.609876

Escursione interdisciplinare 16-21 sett. 2002. BANFI GABRIELE mat.609876 Dinamica del territorio ed evoluzione recente del paesaggio in un transetto attraverso l Appennino Centro-Meridionale:Bacino di Rieti, Sarno, Vesuvio e Campi Flegrei Escursione interdisciplinare 16-21

Dettagli

Relazione geotecnica A-06

Relazione geotecnica A-06 Relazione geotecnica A-06 Elaborato A-06.doc Settembre 2009 1 Emissione Ing. Cosimo Convertino Ing. Nicola Mori Ing. Remo Chiarini INDICE 1. Introduzione... 3 2. Inquadramento generale dell area di intervento...

Dettagli

1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO... 4 3 CARATTERI DELLA CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA... 8

1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO... 4 3 CARATTERI DELLA CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA... 8 INDICE 1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO... 4 3 CARATTERI DELLA CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA... 8 4 RISULTATI DELLA SECONDA CAMPAGNA DI INDAGINI (MAGGIO 2009).. 9 4.1 Accertamenti relativi al

Dettagli

Carta M_02 Carta Geomorfologica

Carta M_02 Carta Geomorfologica Carta M_02 Carta Geomorfologica La Carta Geomorfologica è senz altro quella che ha comportato il maggiore sforzo di documentazione e di armonizzazione. Lo scopo della carta è quello di illustrare la dinamica

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Dipartimento di Fisica e Scienze della Terra. Corso di Laurea Triennale in Scienze Geologiche (L34)

Università degli Studi di Parma. Dipartimento di Fisica e Scienze della Terra. Corso di Laurea Triennale in Scienze Geologiche (L34) Università degli Studi di Parma Dipartimento di Fisica e Scienze della Terra Corso di Laurea Triennale in Scienze Geologiche (L34) Proposte per la realizzazione di Tirocinio e Prova Finale A.A. 2014-2015

Dettagli

DI GABBIA ADOLFO E FIGLIO S.R.L. Via dello Struggino 24 loc. Picchianti 57121 Livorno (LI)

DI GABBIA ADOLFO E FIGLIO S.R.L. Via dello Struggino 24 loc. Picchianti 57121 Livorno (LI) DI GABBIA ADOLFO E FIGLIO S.R.L. Via dello Struggino 24 loc. Picchianti 57121 Livorno (LI) VERIFICHE GEOLOGICHE E IDROGEOLOGICHE A SUPPORTO DELLARICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE EX ART. 208 D.LGS. 152/06 SEDE:

Dettagli

10.1 Analisi litostratigrafica e zonazione litotecnica dell area

10.1 Analisi litostratigrafica e zonazione litotecnica dell area 10. RICONOSCIMENTO E LOCALIZZAZIONE DELLE DIFFERENTI STRUTTURE 1D PRESENTI ALL INTERNO DEL CENTRO STORICO DELLA CITTÀ DI PALERMO: EFFETTI ATTESI SULLA RISPOSTA SISMICA LOCALE R. Catalano, M.S. Giammarinaro

Dettagli

BASILICATA. Direttiva 92/43/CEE - DPR 357/97 AREA 6. Bosco Cupolicchio (Albano di Lucania, San Chirico Nuovo e Tolve)

BASILICATA. Direttiva 92/43/CEE - DPR 357/97 AREA 6. Bosco Cupolicchio (Albano di Lucania, San Chirico Nuovo e Tolve) BASILICATA Direttiva 92/43/CEE - DPR 357/97 AREA 6 Bosco Cupolicchio (Albano di Lucania, San Chirico Nuovo e Tolve) Relazione Preliminare sugli aspetti Geologici generali del sito a cura della Geologa

Dettagli

COMUNE DI SAN CALOGERO VIBO VALENTIA

COMUNE DI SAN CALOGERO VIBO VALENTIA COMUNE DI SAN CALOGERO VIBO VALENTIA Oggetto: Progetto per la coltivazione di una cava di calcare nel Comune di. San Calogero loc. San Pietro COMMITTENTE Edil Sibio di Sibio Cosma Damiano Relazione Tecnica

Dettagli

Per frana si intende il movimento di una massa di terreno, roccia o detrito lungo un versante sotto l azione predominante della gravità.

Per frana si intende il movimento di una massa di terreno, roccia o detrito lungo un versante sotto l azione predominante della gravità. Sono 236 i comuni marchigiani a rischio frane o alluvioni, ossia il 99% del totale. Il nostro territorio è talmente fragile che bastano ormai semplici temporali, per quanto intensi, per provocare, nel

Dettagli

DATI DI SINTESI GS Giudizio sintetico

DATI DI SINTESI GS Giudizio sintetico PALERMO 1 Percentuale edifici in muratura 34% 2 Materiali: Tipi Tufo Calcareo (calcarenite): domina nei terreni su cui si è sviluppato l abitato e rappresenta da sempre la pietra più utilizzata a Palermo.

Dettagli

Rocce metamorfiche Metamorfismo:

Rocce metamorfiche Metamorfismo: Rocce metamorfiche Metamorfismo: variazione mineralogica e strutturale delle rocce allo stato solido in risposta a condizioni chimiche e fisiche differenti da quelle in cui si è formata la roccia originaria.

Dettagli

RILEVAMENTO GEOLOGICO TECNICO a cura di V. Francani vincenzo.francani@polimi.it

RILEVAMENTO GEOLOGICO TECNICO a cura di V. Francani vincenzo.francani@polimi.it RILEVAMENTO GEOLOGICO TECNICO a cura di V. Francani vincenzo.francani@polimi.it Indice 1 CLASSIFICAZIONE DELLE ROCCE... 2 2 LA SISTEMATIZZAZIONE DELLE DISCONTINUITÀ... Errore. Il segnalibro non è definito.

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA STRADA PROVINCIALE N 115 TRONCO: Cimitero di Igliano in località Cornati CONSOLIDAMENTO FRANA PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA 1) PREMESSA 2) INTERVENTI PROPOSTI 3) CENNI DI GEOLOGIA 4)

Dettagli

Catena alpino-himalayana

Catena alpino-himalayana Catena alpino-himalayana Stadi di evoluzione nella formazione delle Alpi Paleogeografia 150 Milioni di anni fa (Giurassico) L Atlantico settentrionale non era ancora aperto e il mare Tethys (oceano Ligure-piemontese

Dettagli

Comune di Favignana località Torretta Cavallo

Comune di Favignana località Torretta Cavallo REGIONE SICILIANA CORPO REGIONALE DELLE MINIERE SERVIZIO GEOLOGICO E GEOFISICO STUDIO SULL EROSIONE DELLA COSTA Il Dirigente dell U.O.B n. 3 Dr.ssa Geol. Daniela Alario Comune di Favignana località Torretta

Dettagli

I n d i c e STUDIO MOSCA GEOLOGIA

I n d i c e STUDIO MOSCA GEOLOGIA I n d i c e -1- PREMESSA:... 2-2- METODOLOGIA:... 5-3-... 9 3.1. Generalità... 9 3.2. Stratigrafia:... 9 3.3. Tettonica:... 16 3.4. Il territorio Formazioni geologiche di interesse minerario:... 17 3.5.

Dettagli

PROVE IN SITU E MONITORAGGIO STRUTTURALE DI UN EDIFICIO IN CEMENTO ARMATO

PROVE IN SITU E MONITORAGGIO STRUTTURALE DI UN EDIFICIO IN CEMENTO ARMATO PROVE IN SITU E MONITORAGGIO STRUTTURALE DI UN EDIFICIO IN CEMENTO ARMATO R. Pucinotti, C. Siciliano Dipartimento di Meccanica e Materiali Facoltà di Ingegneria -Università degli Studi Mediterranea di

Dettagli

Rilievi e profili altimetrici da foto interpretazione, collab. DIAP Sapienza Università di Roma

Rilievi e profili altimetrici da foto interpretazione, collab. DIAP Sapienza Università di Roma RESPONSABILE SCIENTIFICO Lucina Caravaggi DIAP Sapienza Università di Roma COORDINATORE SCIENTIFICO Susanna Menichini DIAP Sapienza Università di Roma URBANISTICA E ARCHITETTURA Cristina Imbroglini Progetto

Dettagli

Titerno. Piano di Sviluppo Socio-Economico. Comunità Montana. - Aggiornamento- Redatto da: Agenzia di Sviluppo Consorzio G.A.L.

Titerno. Piano di Sviluppo Socio-Economico. Comunità Montana. - Aggiornamento- Redatto da: Agenzia di Sviluppo Consorzio G.A.L. Comunità Montana Titerno Piano di Sviluppo Socio-Economico - Aggiornamento- Redatto da: Agenzia di Sviluppo Consorzio G.A.L. Titerno Piazza Mercato 8 82034 Guardia S. (Bn) tel. 0824.865.865 Fax 0824.865.866

Dettagli

Capitolo Primo INQUADRAMENTO GEOLOGICO

Capitolo Primo INQUADRAMENTO GEOLOGICO Capitolo Primo INQUADRAMENTO GEOLOGICO 1.1 - L Appennino Meridionale La genesi della Catena dell Appennino Meridionale inizia nell Oligocene Superiore-Miocene Inferiore (Monaco e Tortorici, 1998) e deriva

Dettagli

PROGETTO CARG AVEZZANO. NOTE ILLUSTRATIVE della CARTA GEOLOGICA D ITALIA alla scala 1:50.000. foglio 368

PROGETTO CARG AVEZZANO. NOTE ILLUSTRATIVE della CARTA GEOLOGICA D ITALIA alla scala 1:50.000. foglio 368 1 NOTE ILLUSTRATIVE della CARTA GEOLOGICA D ITALIA alla scala 1:50.000 foglio 368 AVEZZANO a cura di: E. Centamore (1) Geologia del substrato U. Crescenti (2) Biostratigrafia F. Dramis (3) Geologia del

Dettagli

INTERVENTI SISTEMAZIONE IDRAULICA S.P. N. 57 "VARAZZE-CASANOVA-ALPICELLASTELLA S. MARTINO"

INTERVENTI SISTEMAZIONE IDRAULICA S.P. N. 57 VARAZZE-CASANOVA-ALPICELLASTELLA S. MARTINO INTERVENTI SISTEMAZIONE IDRAULICA S.P. N. 57 "VARAZZE-CASANOVA-ALPICELLASTELLA S. MARTINO" LAVORI: Intervento n. 36: adeguamento idraulico attraversamenti Rio Galli, copertura ial km 0+000, ponticello

Dettagli

Terme, con delibera della G.M. N 133 del 26 febbraio 2002, per la redazione della

Terme, con delibera della G.M. N 133 del 26 febbraio 2002, per la redazione della INTEGRAZIONE ALLE INDAGINI GEOGNOSTICHE E RIVISITAZIONE DEL MODELLO GEOLOGIGICO RELATIVAMENTE ALL URBANIZZAZIONE DEL PIP COMMERCIALE 1 LOTTO FUNZIONALE I sottoscritti geologi Anna Garippa e Gianluca Tullio,

Dettagli

SOLUZIONI COSTRUTTIVE 2

SOLUZIONI COSTRUTTIVE 2 LIBRO I Fondazioni e sostegni FONDAZIONI Scheda N : SOLUZIONI COSTRUTTIVE 2 Libro I Casi particolari Fondazioni sotto pressione L incidenza dell acqua che non riesce a risalire liberamente al di sopra

Dettagli

Venerdì 25 GIUGNO 2010

Venerdì 25 GIUGNO 2010 di Antonello Cedrone Consulente in Risorse Energetiche e Ambientali Venerdì 25 GIUGNO 2010 Conferenze dedicate alla biodivertità al fine di individuare misure di tutela e conservazione INDICE Il presente

Dettagli

I N D I C E 1 PREMESSA...1 2 CARATTERIZZAZIONE GEOLOGICA CON DESCRIZIONE DELLA CARTA GEOLITOLOGICA (G1)...2 SUCCESSIONE LITOIDE PREQUATERNARIA...

I N D I C E 1 PREMESSA...1 2 CARATTERIZZAZIONE GEOLOGICA CON DESCRIZIONE DELLA CARTA GEOLITOLOGICA (G1)...2 SUCCESSIONE LITOIDE PREQUATERNARIA... I N D I C E 1 PREMESSA...1 2 CARATTERIZZAZIONE GEOLOGICA CON DESCRIZIONE DELLA CARTA GEOLITOLOGICA (G1)...2 SUCCESSIONE LITOIDE PREQUATERNARIA...2 I Calcari di Aurisina (CA, età: Cenomaniano superiore

Dettagli

ITINERARIO 1: IL FIUME, LE CASCATE, IL LAGO: DALLE MARMORE AL LAGO DI PIEDILUCO

ITINERARIO 1: IL FIUME, LE CASCATE, IL LAGO: DALLE MARMORE AL LAGO DI PIEDILUCO ITINERARIO 1: IL FIUME, LE CASCATE, IL LAGO: DALLE MARMORE AL LAGO DI PIEDILUCO IL LAGO DI PIEDILUCO Nel Quaternario il Fiume Velino e il Fiume Nera furono protagonisti del modellamento morfologico dell

Dettagli

COMUNE DI BOTTICINO PROVINCIA DI BRESCIA AMMINISTRAZIONE COMUNALE AGGIORNAMENTO PER IL P.G.T STUDIO GEOLOGICO DEL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI BOTTICINO PROVINCIA DI BRESCIA AMMINISTRAZIONE COMUNALE AGGIORNAMENTO PER IL P.G.T STUDIO GEOLOGICO DEL TERRITORIO COMUNALE 604 relazione geologica.doc Agostino Pasquali Coluzzi geologo Giuseppe Pasquali Coluzzi ingegnere Marco Venturini geologo studio tecnico associato Pasquali Coluzzi Rapporto Conclusivo Relazione geologica

Dettagli

1. PREMESSA... 1 2. GEOLOGIA E LINEAMENTI TETTONICI DELL AREA... 5 3. MORFOLOGIA ED IDROGRAFIA SUPERFICIALE... 9

1. PREMESSA... 1 2. GEOLOGIA E LINEAMENTI TETTONICI DELL AREA... 5 3. MORFOLOGIA ED IDROGRAFIA SUPERFICIALE... 9 INDICE 1. PREMESSA... 1 2. GEOLOGIA E LINEAMENTI TETTONICI DELL AREA... 5 3. MORFOLOGIA ED IDROGRAFIA SUPERFICIALE... 9 4. CARATTERI IDROGEOLOGICI DELL AREA... 12 5. STRATIGRAFIA E CARATTERI GEOTECNICI...

Dettagli

DALLE CARTE ALLE SEZIONI GEOLOGICHE

DALLE CARTE ALLE SEZIONI GEOLOGICHE DALLE CARTE ALLE SEZIONI GEOLOGICHE PROFILO TOPOGRAFICO Il profilo topografico, detto anche profilo altimetrico, è l intersezione di un piano verticale con la superficie topografica. Si tratta quindi di

Dettagli

ITINERARIO 6. LE MARINE DI GAGLIANO DEL CAPO Baia del Ciolo, Marina di Novaglie

ITINERARIO 6. LE MARINE DI GAGLIANO DEL CAPO Baia del Ciolo, Marina di Novaglie ITINERARIO 6 LE MARINE DI GAGLIANO DEL CAPO Baia del Ciolo, Marina di Novaglie LA BAIA DEL CIOLO La Baia del Ciolo è un piccolo fiordo molto frequentato durante il periodo estivo. Affacciandosi dall alto

Dettagli

S E D I M E N T I e S T R U T T U R E S E D I M E N T A R I E

S E D I M E N T I e S T R U T T U R E S E D I M E N T A R I E S E D I M E N T I e S T R U T T U R E S E D I M E N T A R I E Sergio Longhitano Dipartimento di Scienze Geologiche Università degli Studi della Basilicata E-Mail: longhitano@unibas.it STRATIFICAZIONE CUNEIFORME

Dettagli

Variazioni del profilo di fondo alveo

Variazioni del profilo di fondo alveo Assetto Schedatura morfologico dei tratti e idraulico fluviali Fiume: Parma Ordine: II sx/dx Po: Destra P Lunghezza tratto (Km): 7, Tratto: PO_46 - PR_ confluenza Parma in Po - ponte stradale a Est di

Dettagli

Visita geologica al Parco delle Acque Minerali di Imola

Visita geologica al Parco delle Acque Minerali di Imola Visita geologica al Parco delle Acque Minerali di Imola Giovedì 24 ottobre alle 10:00 ci siamo recati al Parco delle Acque Minerali per studiarne la geologia. Quando siamo arrivati, un geologo ci ha accolto

Dettagli

Misure di portata nei canali della Piana del Fucino

Misure di portata nei canali della Piana del Fucino Università degli Studi di Roma La Sapienza Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laura in Scienze Geologiche Tesina di Laurea Sperimentale in Rilevamento Geologico Tecnico Misure

Dettagli

PIANO DI BACINO STRALCIO ASSETTO IDROGEOLOGICO (PAI)

PIANO DI BACINO STRALCIO ASSETTO IDROGEOLOGICO (PAI) Autorità di Bacino della Puglia PIANO DI BACINO STRALCIO ASSETTO IDROGEOLOGICO (PAI) RELAZIONE DI PIANO Capitolo I Il Piano di Bacino come Strumento di Pianificazione Territoriale... 1 I.1 Il Piano di

Dettagli

Relatore: Tesista : Dott. Fabio Mantovani. Giulia Ricciardi

Relatore: Tesista : Dott. Fabio Mantovani. Giulia Ricciardi Misure di resistività finalizzate allo studio ed alla modellazione della villa romana rinvenuta in località Torraccia di Chiusi (comune di San Gimignano) Relatore: Tesista : Dott. Fabio Mantovani Giulia

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

VERIFICA STRUTTURALE E PROGETTO DI CONSOLIDAMENTO

VERIFICA STRUTTURALE E PROGETTO DI CONSOLIDAMENTO Università degli Studi di Roma La Sapienza Prima Facoltà di Architettura L.Quaroni C.d.L. Specialistica Architettura Restauro dell Architettura A.A. 2006/2007 CORSO DI COMPORTAMENTO DEI MATERIALI MURARI

Dettagli

MISURE DI TUTELA E CONSERVAZIONE -relazione geologica- AREA 4

MISURE DI TUTELA E CONSERVAZIONE -relazione geologica- AREA 4 RETE NATURA 2000 REGIONE BASILICATA DIRETTIVA 92/437CEE DPR 357/97 MISURE DI TUTELA E CONSERVAZIONE -relazione geologica- AREA 4 IT9210142 LAGO PANTANO DI PIGNOLA Dott.ssa SARLI Serafina INDICE PREMESSA

Dettagli

LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE

LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE UNIVERSITA DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI INGEGNERIA LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE AEROPORTUALI ED ELIPORTUALI LECTURE 08 METEOROLOGIA NELLA PROGETTAZIONE

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. UBICAZIONE E STATO DI FATTO L area interessata è localizzata a Ovest del capoluogo lungo il corso del rio Stanavazzo.

RELAZIONE TECNICA. UBICAZIONE E STATO DI FATTO L area interessata è localizzata a Ovest del capoluogo lungo il corso del rio Stanavazzo. RELAZIONE TECNICA Il Comune di Predosa ha conferito incarico ai sottoscritti ing. Italo BRUNO con recapito in Novi Ligure Via Manzoni n. 14. per la redazione del progetto di Consolidamento ponte e difesa

Dettagli

De Medici di Ottajano Prof. Giovan Battista Università degli Studi di Napoli Federico II

De Medici di Ottajano Prof. Giovan Battista Università degli Studi di Napoli Federico II De Medici di Ottajano Prof. Giovan Battista Università degli Studi di Napoli Federico II Sopralluogo effettuato in data 3 e 4 febbraio in aree comprese nei comuni di Vallata, Vallesaccarda, Bisaccia, Lacedonia

Dettagli

... ".. .. ".,. '... .. " ... ... .. " ...'...,. "... " BRIN.DISI LECCE -MARUGGIO " ", ,,. '" ". '. '",., " ".. " NOTE ILLUSTRATIVE

... .. .. .,. '... ..  ... ... ..  ...'...,. ...  BRIN.DISI LECCE -MARUGGIO  , ,,. ' . '. ',.,  ..  NOTE ILLUSTRATIVE CARTA GEOLOGICA D'ITALIA ': 1, ~ ii..........~..............,............... '....,,,' '.., '., ~'lt.,.. h,n- Je.. ' 1Il',......, ~.. ~,,..,....0'....................., '. ~... 'Q-6 -a...n l.o... 'l~ 3'..,.....o,...,.

Dettagli

Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino

Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino Dai dati di scavo è stato possibile ipotizzare quanto segue: Fase I: IX-X sec.

Dettagli

Acque dalle rocce: una risorsa e un valore locale da tutelare

Acque dalle rocce: una risorsa e un valore locale da tutelare Acque dalle rocce: una risorsa e un valore locale da tutelare Maria Teresa De Nardo, Stefano Segadelli (Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli, RER) Luca Marcone (Autorità di Bacino Interregionale Marecchia-Conca)

Dettagli

RIASSETTO DEL NODO FERROVIARIO DI BARI RIDUZIONE DELLE INTERFERENZE TRA LINEE FERROVIARIE E TERRITORIO

RIASSETTO DEL NODO FERROVIARIO DI BARI RIDUZIONE DELLE INTERFERENZE TRA LINEE FERROVIARIE E TERRITORIO STUDIO DI PREFATTIBILITA VOLUME III COORDINAMENTO GENERALE ING. U. SGAMBATI COORDINATORI DI PROGETTO ING. C. LISTORTI ING. R. D ORAZIO CONTRIBUTI SPECIALISTICI ARCH. M. D INCECCO ING. U.RICCI ING. P. MARCELLINO

Dettagli

L ACQUEDOTTO DI PRATO BAGLIONI MASSIMO GLANZER. Gruppo Speleologico Bergamasco Le Nottole. La miniera di Astino. (Bergamo)

L ACQUEDOTTO DI PRATO BAGLIONI MASSIMO GLANZER. Gruppo Speleologico Bergamasco Le Nottole. La miniera di Astino. (Bergamo) L ACQUEDOTTO DI PRATO BAGLIONI MASSIMO GLANZER Gruppo Speleologico Bergamasco Le Nottole La miniera di Astino (Bergamo) Le Nottografie 2006 GRUPPO SPELEOLOGICO BERGAMASCO LE NOTTOLE Le Nottografie La miniera

Dettagli

Inquadramento geografico e geologico

Inquadramento geografico e geologico RELAZIONE Premessa Nell ambito del progetto di rinaturazione e ripascimento di un tratto di costa compreso tra La Maddalena Spiaggia e Cala d Orri, lungo il litorale di Capoterra (Ca), è stata eseguita

Dettagli

APPENDICE 1 : DESCRIZIONE DEI DATI IDROLOGICI

APPENDICE 1 : DESCRIZIONE DEI DATI IDROLOGICI APPENDICE 1 : DESCRIZIONE DEI DATI IDROLOGICI A1.1. I Dati Pluviometrici All'interno della zona in indagine, che comprende i bacini del versante jonico e tirrenico ed alcuni bacini interni del versante

Dettagli

Lago (Comune di Montefiorino)

Lago (Comune di Montefiorino) Lago (Comune di Montefiorino) 12 Lineamenti generali L area di interesse è compresa tra la S.P. 32 in località Tolara-Serradimigni e il Torrente Dragone; in particolare, i siti di maggiore rilievo sono

Dettagli

Corpo idrico sotterraneo: Rocca Busambra

Corpo idrico sotterraneo: Rocca Busambra Corpo idrico sotterraneo: Rocca Busambra b) Caratteristiche geografiche, geologiche, idrogeologiche Localizzazione geografica e morfologica del corpo idrico Il corpo idrico di Rocca Busambra comprende

Dettagli

Teoria della tettonica delle placche

Teoria della tettonica delle placche Teoria della tettonica delle placche Un po di storia L idea di una Terra mobile nasce nel 1910 ad opera di Wegener (pubblicazione in forma completa 1915) Egli osservò la concordanza delle coste atlantiche

Dettagli