Nell Albiano basale si rinvengono: - Requienia tortilis Mainelli; - Monopleura marcida White;. - Eoradiolites rousseli ( Toucas) Douvillè.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Nell Albiano basale si rinvengono: - Requienia tortilis Mainelli; - Monopleura marcida White;. - Eoradiolites rousseli ( Toucas) Douvillè."

Transcript

1

2

3 Le aree fossilifere Nella Piattaforma Carbonatica del Matese Orientale le aree fossilifere più significative e di facile raggiungibilità si identificano nelle seguenti località: 1) - Monte La Costa; 2) - Da S.Polo Matese a Aria dell Orso; 3) - Campo Puzzo- Costa Alta; 4) - La Gallinola; 5) - La Torretta- Colle Antona; 6) - Costa Chianetta- Costa S.Angelo; 7) - Sbregavitelli; 8) - Civita di Pietraroja. 45

4 1) - Monte La Costa Monte La Costa, cartografato nella Tavoletta I.G.M. 162, III N.O. Bojano, è una propagine del Massiccio del Matese centro-settentrionale. L area di grande interesse paleontologico è quella del versante sud-orientale, dalle sorgenti di Rio Freddo al Fosso Varriconi, costituita da una serie di calcari organogeni di età Barremiano-Cenomaniano (M. Mainelli, 1983) che rappresenta una eccezione nell assetto sedimentario generale della Piattaforma Carbonatica del Matese Orientale perché non interessata dalla lacuna stratigrafica del Mediocretacico. I calcari della serie, inoltre, comprendono un grande numero di Rudiste distribuite in singolari cenosi. Sia per la quantità di esemplari, sia per l elevato numero di specie, le Rudiste di Monte La Costa rappresentano senz altro la macrofauna piu ricca fino ad ora accertata nel Cretacico inferiore-medio dell Appennino centro-meridionale. La macrofauna è costituita essenzialmente da Lamellibranchi, tra cui le Rudiste, da Gasteropodi, Antozoi, Briozoi, Brachiopodi, Foraminiferi, Alghe,ecc. Le osservazioni sugli ambienti paleoecologici distinguono i fossili delle successioni paleobiologiche in un benthos e in un plancton di piattaforma neritica in mare tropicale. Il benthos identifica organismi: -aderenti al fondo, ovvero in forme sessili, quali le Rudiste, i Coralli, i Briozoi; -aderenti al fondo ma con possibilità di piccoli spostamenti, ovvero in forme sedentarie, come i Gasteropodi del genere Patella, i Miliolidi, gli Orbitolinidi, gli Alveolinidi, le Cloroficee; -mobili sul fondo, ovvero in forme vagili, quali la maggior parte dei Gasteropodi, alcuni Bivalvi. Una seconda analisi distingue: -un dominio bentonico di ambienti caratterizzati da fondali in facies rocciosa e da fondali in facies sabbiosa e fangosa, -un dominio planctonico di mare sottile sovrapposto al benthos. Altro esame significativo rileva gli organismi fossili in comunità distribuite in habitat dei domini suindicati. La maggior parte delle comunità sono rappresentate da raggruppamenti a Rudiste e da poche comunità a Gasteropodi. Nel Barremiano è presente un abbondante fauna a Monopleure e Requienie distribuita a vari livelli nei calcari a lumachella e nei calcari gradati che testimoniano ambienti lagunari di piattaforma aperta. Le specie piu significative sono: -Requienia pietrarojensis Mainelli; -Monopleura varians Matheron. 46

5 Nell Aptiano dominano sempre Monopleure e Requienie in facies lagunari. Nell Aptiano superiore sono presenti colonizzazioni a Caprinidi in ambiente biostromale di retrobordo di piattaforma. Si trova Schiosia nicolinae Mainelli. Nell Albiano basale si rinvengono: - Requienia tortilis Mainelli; - Monopleura marcida White;. - Eoradiolites rousseli ( Toucas) Douvillè. Nel Cenomaniano inferiore i calcari bioermali e biostromali abbondano di Monopleure, Caprotine, Himerelites, Sellaea, Radiolites, con le seguenti specie particolari: -Caprotina distefanoi Parona, -Sellaea zitteli Di Stefano; -Sellaea himerensis Di Stefano; -Himerelites douvillei Di Stefano; -Himerelites gemmellaroi Di Stefano;- -Radiolites sp. Nel Cenomaniano superiore sono assenti Monopleuridi e Caprotinidi mentre la fauna recifale e biostromale è ricca di Caprine, Mitrocaprine, Caprinule, Neocaprine, Orthoptycus, Sphaerucaprine, Ichthyosarcolites, Radiolites, Sphaerulites, Sauvagesiae, Toucasie e Apricardie, con le seguenti specie particolari: -Sphaerulites foliaceus Lamarck; -Sauvagesia nicaisei (Coquand) Fischer; -Radiolites peroni (Choffat) Douvillè; -Ichthyosarcolites monocarinatus Sliskovich; -Ichthyosarcolites bicarinatus Gemmellaro; -Ichthyosarcolites tricarinatus Parona -Caprina carinata Bohm; -Shaerucaprina forojuliensis Bohm; -Neocaprina gigantea Plenicar; -Schiosia paolae Mainelli; -Toucasia danielae Mainelli -Apricardia carinata Gueranger; -Durania montislacostae Mainelli. 47

6 Monte La Costa - versante sud-orientale Successione dei calcari a Rudiste del Barremiano-Cenomaniano. - Monopleuridi-Caprotinidi - grainstone - grainstone-packestone - mudstone-wackestone - Requienidi - Caprinidi - Radiolitidi - Coralli - Gasteropodi - Ichthyosarcolites 48

7 LE RUDISTE DI MONTE LA COSTA REQUIENIDAE: Requienia-Toucasia-Apricardia MONOPLEURIDAE: Monopleura - Himerelites CAPRINIDAE: Caprina - Caprinula - Ichthyosarcolites - Mathesia - Offneria - Schiosia - Neocaprina - Mitrocaprina - Sphaerucaprina CAPROTINIDAE: Caprotina - Sellaea RADIOLITIDAE: Eoradiolites - Praeradiolites - Radiolites-Sphaerulites- Sauvagesia - Durania BERRAMIANO APTIANO ALBIANO CENOMANIANO inferiore superiore N NE pavone passerino vadolena cerque fosso macchie varriconi s. angelo cretarossa riofreddo 49

8 Neocaprima gigantea Plenicar Individuo completo nelle valve. Cenomaniano superiore di Monte La Costa 50

9 Neocaprina gigantea Plenicar Valve sinistre Cenomaniano superiore di Monte La Costa 51

10 Durania sp. Cenomaniano superiore di Monte La Costa valva sinistra aberrante valva sinistra normale 52

11 Cenomaniano di Monte La Costa Gasteropodi 53

12 Radiolites sp. - Cenomaniano inferiore di Monte La Costa Valva sinistra decorticata dello strato ornamentale, completa nel suo apparato cardinale Valve destre in sezione trasversale Sono evidenti l ornamentazione, la cavità ventrale, l apparato sifonale 54

13 Durania montislacostae Mainelli thicket individui completi Cenomaniano superiore di Monte La Costa Monopleura varians Matheron sezioni trasversali e longitudinali di valve destre e sinistre floatsone lagunare Barremiano di Monte La Costa 55

14 Cenomaniano superiore di Monte La Costa. Caprina carinata Bohm individui completi Caprina sp valve libere: a) - valva sinistra normale (sinistrogira), b) - valva sinistra anormale (mutante destrogira) a b 56

15 Orbirhynchia chelussi (Parona) matensis (Capasso) - Cenomaniano inferiore di Monte La Costa. Calcare a resti della specie, gradato normale, ciclico (tempestiti). La gradazione granulometrica diminuisce progressivamente dal basso verso l alto per dissipazione dell energia del mare. particolare della tanatocenosi a resti della specie 57

16 Toucasia danielae Mainelli Cenomaniano superiore di Monte La Costa 58

17 Schiosa nicolinae Mainelli Individuo intero Aptiano superiore di Monte La Costa Himerelites douvillei Di Stefano Valva sinistra Cenomaniano inferiore di Monte La Costa 59

18 Radiolites sp. Cenomaniano inferiore di Monte La Costa 60

19 Schiosa paolae Mainelli Cenomaniano superiore di Monte La Costa 61

20 Schiosia nicolinae Mainelli Schiosia paolae Mainelli 62

21 Schiosia nicolinae Mainelli Aptiano superiore di Monte La Costa 63

22 Eoradiolites liratus Douville (VD) Albiano di Monte La Costa Monopleura michaillensis Pich. Et Camp. Individuo completo Barremiano di Monte La Costa 64

23 Himerelites gemmellaroi Di Stefano Valva sinistra Cenomaniano inferiore di Monte La Costa Neocaprina panormitana Sirna Valva destra Cenomaniano inferiore di Monte La Costa 65

24 Durania montislacostae Mainelli Individuo completo Cenomaniano superiore di Monte La Costa Durania montislacostae Mainelli valva sinistra Cenomaniano superiore di Monte La Costa 66

25 Sellaea zitelli Di Stefano valva destra Cenomaniano inferiore di Monte La Costa Himerelites douvillei Di Stefano Valva destra Cenomaniano inferiore di Monte La Costa 67

26 Himerelites gemellaroi Di Stefano Individuo completo Cenomaniano inferiore di Monte La Costa Himerelites vultur Di Stefano Valva sinistra Cenomaniano inferiore di Monte La Costa 68

27 Himerelites zitteli Di Stefano (VS) Cenomaniano inferiore di Monte La Costa Sellaea himerensis Di Stefano (VS) Cenomaniano inferiore di Monte La Costa 69

28 Ichthysarcolites bicarinatus Parona Cenomaniano superiore di Monte La Costa Monopleura varians Matheron Barremiano di Monte La Costa 70

29 Schiosa paolae Mainelli Cenomaniano superiore di Monte La Costa Toucasia danielae Mainelli Cenomaniano superiore di Monte La Costa 71

30 Requienia tortilis Mainelli Albiano basale di Monte La Costa Eoradiolites rousselli Douvillé Albiano di Monte La Costa 72

31 Tylostoma solidum Parona Cenomaniano di Monte La Costa Cerithium paronai Schnar. Cenomaniano di Monte La Costa 73

32 Pileous chelussi Schnarr. Cenomaniano di Monte La Costa Nerita schnarrembergerii Parona. Cenomaniano di Monte La Costa 74

33 Aptyxiella preveri Parona Cenomaniano di Monte La Costa Ptigmatis oculata Parona. Cenomaniano di Monte La Costa 75

34 Chondrodonta joannae Choffat Cenomaniano superiore di Monte La Costa Neithea lapparentii Choffat Cenomaniano di Monte La Costa 76

35 Neithea acuticostata Futterer Cenomaniano superiore di Monte La Costa Orbirhynchia chelussi (Parona) matensis Capasso Cenomaniano inferiore di Monte La Costa 77

36 Heterocoenia conferta Ed. et Ha. Cenomaniano di Monte La Costa Phillocoenia compressa Ed. et Ha. Cenomaniano di Monte La Costa 78

37 Favia ambigua (Mich.) Alloiteau Cenomaniano inferiore di Monte La Costa Hepismilia globosa (Mich) Alloiteau Cenomaniano inferiore di Monte La Costa 79

38 Meandraraea arausiaca d Orb. Cenomaniano inferiore di Monte La Costa Heliopora bassanii Prever Cenomaniano inferiore di Monte La Costa 80

39 Diplocoenia dolfusii d Orb. Cenomaniano inferiore di Monte La Costa Diplocoenia roberti Prever Cenomaniano inferiore di Monte La Costa 81

40 Celenterati coloniali Cenomaniano di Monte La Costa 82

41 Aria dell Orso Monte S. Polo Colle Salva Signore Tra le quote Valle Perella Colle Morotti Quota 916 Da Monte S. Polo a Aria dell Orso 83

42 2) - Da Monte S.Polo a Aria dell Orso (Monte S.Polo; Colle Salva Signore-Valle Perella; Tra le quote 801, 844, 839; Colle Morotti; Quota 916; Aria dell Orso). Monte S.Polo Il monte, su cui si colloca l abitato di S. Polo Matese,è costituito da calcari e calcari organogeni a Rudiste, gasteropodi e coralli, in strati e banchi dello spessore complessivo di m. 500 circa. La serie, solcata da numerosissime faglie, di cui una, notevole, separa il monte da Colle Salva Signore, presenta una immersione generale di NNE ed ha un età compresa tra il Cenomaniano p.p. e il Campaniano. Qui sono considerate due brevi successioni per complessivi 50 metri circa, di età Turoniano-Senoniano, le quali, costituite da una alternanza di mudstones-wackestones e grainstones, interessano generalmente la parte abitata. Il Turoniano comprende quasi tutto il monte, il Senoniano è presente nell area della Cappella Anime del Purgatorio diroccata. La parte alta del monte, dove si colloca la chiesa di S.Pietro in Vincoli, è caratterizzata da calcari a Distefanella Parona. In particolare la roccia del basamento della Torre Campanaria è uno dei pochi lembi di calcare a Distefanella salmoiraghii Parona ancora evidente dell antico areale a Distefanella rinvenuto da F.Bassani verso la fine del secolo scorso. Il genere Distefanella fu istituito da C.F.Parona nel 1901 in onore di G.Di Stefano, eminente rudistologo siciliano, su campioni rinvenuti nelle rocce calcaree che qua e là apparivano in grossi spuntoni lungo le stradine medioevali di S.Polo Matese, fino a poco tempo fa ancora non pavimentate. C.F.Parona distinse nel genere le specie Distefanella bassanii, D. salmoiraghii, D. douvillei, D. guiscardii, determinandone l età attribuita al Turoniano superiore. Nel 1965 A.Polsak emendò il genere sulla base di più accurate indagini morfologiche della valva sinistra. Le nuove vedute della Paleontologia fanno ritenere che le specie del genere Distefanella Parona, rinvenute a S.Polo Matese sono soltanto due, Distefanella salmoiraghii Parona e D. bassanii Parona, le piu diffuse in tutto il Matese, mentre le altre due, D. douvillei e D. guiscardii, identificano fenotipi. L area presso la Cappella Anime del Purgatorio, attualmente diruta, è distinta essenzialmente da due formazioni bioermali, rappresentate da calcari biocostruiti, di età Santoniano-Campaniano, ( in parte distrutti nel tempo dall erosione e recentemente in parte distrutti dall uomo) costituiti da: - un deme a Hippurites colliciatus Woodward i cui resti si presentano in ottimo stato di conservazione; - un deme a Biradiolites sp. a pochi metri dal precedente. 84

43 Ambedue le comunità sono limitate da calcari biancastri, biogeni e biodetritici, di origine biostromale, dove, tra l altro, si rilevano - Vaccinites taburni Guiscardi; - Sauvagesia tenuicostata Polsak; - Durania samnitica Parona. Il calcare a Hippurites colliciatus Woodward - è costituito da resti ben conservati della specie in posizione di vita e sedimento carbonatico postdeposizionale; - si distingue dal calcare di origine biostromale adiacente per assenza di stratificazione e di biodetrito. I caratteri di facies accennati e della comunità identificano un bioerma tabulare formato dall accumulo biocostruito e lentiforme di resti della specie a sviluppo verticale contenuto. Gli individui viventi risiedevano nella parte superficiale del bioerma, fissati per la valva destra su quelli estinti, essendo la sinistra opercolare, in acque ad energia medio-alta. 85

44 Monte S. Polo Succesione dei calcari e calcari a Rudiste del Santoniano - Campaniano; del Turoniano superiore. 86

45 Radiolites sp. - Cenomaniano inferiore di Monte La Costa La Chiesa di S. Pietro in Vincoli di S. Polo Matese. Basamento della Torre Campanaria, costituito da calcare a Distefanella salmoiraghii Parona di età Turoniano La biofacies comprende anche resti di Sauvagesidi e Ippuritidi 87

46 Basamento della Torre Campanaria di S. Pietro in Vincoli, S. Polo Matese Calcare a Distefanella salmoiraghii Parona. Turoniano di Monte S. Polo. Particolare del calcare a Distefanella salmoiraghii Parona Vaccinites petrocoriensis Douvillé sezione trasversale Durania? sp. - struttura prismatica poligonale dello strato ornamentale, - veduta trasversale e longitudinale 88

47 Cappella diruta Anime del Purgatorio Particolare della formazione bioermale a Hippurites colliciatus Woodward del Santoniano-Campaniano 89

48 Santoniano-Campaniano di Monte S. Polo Matese (Anime del Purgatorio) Durania sannitica Parona thicket valve sinistre Hippurites colliciatus Woodward thicket valve destre In ambedue le comunità gli individui, in posizione di vita, presentano ciascuno un proprio orientamento dell apparato sifonale per non interferire sull attività vitale dei vicini. 90

49 Distefanella salmoiraghii Parona Individuo completo nella sua posizione di vita sul substrato. Turoniano del Basamento della Torre Campanaria, Chiesa di S. Pietro in Vincoli in S. Polo Matese. 91

50 Colle Salva Signore -Valle Perella Il Colle, a ridosso dell abitato di S.Polo Matese, è costituito da calcari organogeni di età Albiano-Campaniano; presenta una tettonica molto tormentata sia per le numerose faglie che lo distinguono, sia per l alta variabilità nella dislocazione delle successioni stratigrafiche. Tuttavia due successioni, bene esposte, appaiono abbastanza descrittive di tutto l aspetto stratigrafico-strutturale del Colle. La prima successione, di età Albiano-Turoniano inferiore, appare per m. 170 circa dopo km 1 circa della strada che da S.Polo Matese conduce a Fonte S.Maria; comprende anche i calcari a Rudiste e a gasteropodi di età Turoniano superiore di Valle Perella, separata dall area occidentale del Colle dalla strada summenzionata e da un fosso impostatosi su una faglia. La seconda successione, di età Turoniano-Campaniano, affiora per m. 150 circa sul taglio di un sentiero a est del Colle e comprende tutto il versante orientale, dalla collinetta a monte fin giù alla valle. La successione del versante occidentale è distinta essenzialmente da calcari bioclastici e da calcari a Rudiste s.l. ed altri molluschi, con una lacuna stratigrafica di età Albiano-Cenomaniana, caratterizzata da fenomeni paleocarsici. Le facies sono subtidali con floatstones a molluschi intercalati da grainstones-rudstones a sedimenti bioclastici. Il versante orientale è distinto da facies ruditiche e arenitiche a Rudiste, gasteropodi e coralli e comprende un esteso affioramento di circa 1000 metri quadrati di una colonizzazione bioermale a Vaccinites taburni Guiscardi Le associazioni a Rudiste comprendono Radiolitidi, Sauvagesinae, Ippuritidi, Caprinidi, gasteropodi e rari coralli. Tra i calcari di tutto il Colle si rinvengono, tra l altro, le seguenti specie: - Hippurites colliciatus Woodward; - Hippurites lapeirousei Gold.; - Hippurites nabresinensis Futterer; - Vaccinites taburni Guiscardi; - Vaccinites giganteus d Hob. Fir.; - Vaccinites gosaviensis Douvillè - Vaccinites oppeli Douvillè; - Biradiolites martelli Parona; - Bournonia bournoni Des Moulins; - Distefanella bassanii Parona; - Distefanella salmoiraghii Parona; - Distefanella exilis Mainelli; - Durania apula Parona; - Durania samnitica Parona; 92

51 - Durania austinensis Roemer; - Durania canaliculata Pejovic; - Durania spadai Parona; - Ichthyosarcolites bicarinatus Gemmellaro; - Ichthyosarcolites sp. - Ichthyosarcolites tricarinatus Parona; - Lapeirouseia juanneti Des Moulins; - Radiolites peroni Choffat; - Radiolites cremai Parona; - Sauvagesia acuticostata Adkins; - Sauvagesia garganica Parona; - Sauvagesia tenuicostata Polsak - Sauvagesia raricostata Polsak; - Plagioptychus sp. A ovest del Colle, in località Valle Perella, è presente una notevole fauna a Vaccinites, Distefanella e gasteropodi. Questi ultimi, in ottimo stato di conservazione, furono studiati da E.U.Fittipaldi nel 1900 che rinvenne le seguenti nuove specie: - Nerita delorenzoi Fittipaldi; - Nerinea bassanii Fittipaldi; - Nerinea samnitica Fittipaldi; - Nerinea tiferni Fittipaldi; - Fibula distefanoi Fittipaldi; - Actaeonella matensis Fittipaldi; - Actaeonella ellipsoides Fittipaldi. 93

52 Colle Salva Signore - Valle Perrella Successione dei calcari a Rudiste dell Albiano - Campaniano LEGENDA 1 - Radiolitidi 7 - Biradiolites wackestone - mudstone 2 - Hippuriridi 8 - gasteropodi grainstone - rudstone bioclastico 3 - Caprinidi 9 - coralli 4 - Distefanella 10 - pernidi cavità paleocarsiche 5 - Requienia 11 - frammenti di Rudiste loferiti 6 - Sauvagesia-Durania 12 - thicket, bouquet, cluster 94

53 G K Lapeirousia juanneti Des Moulins Sezioni trasversali Turoniano sup. - Santoniano di Colle Salva Signore Distefanella bassanii Parona Sezione di valva sinistra Turoniano di Colle Salva Signore 95

54 G K Patch reef a Distefanella exilis Mainelli Individui in posizione di vita. Santoniano di Colle Salva Signore 96

55 G K Distefanella exilis Mainelli Santoniano di Colle Salva Signore Individui isolati, incompleti. Schematizzazioni dell apparato mio-cardinale e delle bande sifonali. 97

56 G K Nerita taramelli Pirona Turoniano di Valle Perella Scurria alta Schnarrenberger Turoniano di Valle Perella 98

57 G K Vaccinites petrocoriensis Douvillè Turoniano di Colle Salva Signore Vaccinites gosaviensis Douvillè Santoniano - Campaniano di Colle Salva Signore 99

58 Sauvagesia nicaisei Coquand cluster valve destre in sezione trasversale Cenomaniano superiore - Turoniano inferiore di Colle Salva Signore Vaccinites sp. bouquet valve destre Turoniano di Valle Perella 100

59 Radiolites sp. Individui in posizione di vita. Sezioni longitudinali. A sinistra: in evidenza la posizione e la grandezza delle due valve, l ornamentazione, la cavità ventrale, le tabule, la commessura. A destra: in evidenza la cavità ventrale, le tabule, parte dell ornamentazione Cenomaniano superiore - Turoniano inferiore di Colle Salva Signore 101

60 Plesioptygmatis schiosensis Pirona Turoniano di Colle Salva Signore individui interi individuo in sezione longitudinale 102

61 Colle Salva Signore. Veduta del versante orientale La strada che costeggia il versante, leggermente in salita, segna la dislocazione della successione stratigrafica di m. 150 circa, dal Turoniano in basso al Campaniano in alto. 103

62 Versante sud-orientale di Colle Salva Signore Calcare a Distefanella bassani Parona sezioni trasversali individuo in sezione longitudinale 104

63 Versante sud-orientale di Colle Salva Signore In tratteggio l affioramento di una estesa formazione di calcari bioermali a Vaccinites taburni Guiscardi Particolare della formazione Vaccinites taburni Guiscardi Sezione trasversale della VD Sono evidenti la forma e la disposizione degli elementi LSE Età: Santoniano 105

64 Tra le quote L area si colloca sul confine dei territori montani di S.Polo Matese e Campochiaro; ovvero è delimitata da Colle Salva Signore, Colle Morotti e i terreni nei pressi dell abitato di Campochiaro. La particolare area è distinta da una successione di calcari e calcari organogeni a Rudiste, segnata da numerore faglie, fratture e piegamenti, essendo stata soggetta a forte compressione. Per questo l interpretazione cronostratigrafica non è sempre agevole. I calcari e calcari organogeni di superficie sono gli unici considerabili e si riferiscono ad uno spessore massimo di m 20 circa, le cui evidenze litobiostratigrafiche possono essere riferite ad una età attribuibile al Santoniano-Campaniano. Le litobiofacies rilevabili sono caratterizzate da graistone-packstone bioclastici a Rudiste e gasteropodi; mudstone-wackestone a resti di Rudiste s.l., gasteropodi in buono stato di conservazione. In particolare in tutta l area si rilevano: - Plagioptychus padadoxus Matheron, - Sauvagesia tenuicostata Polsak, - Durania sp. - Hippurites nabresinensis Futterer, - Vaccinites taburni Guiscardi, - Vaccinites gaudry Mun.Chalmas, - Durania canaliculata Pejovic, - Radiolites sp. 106

65 Tra le quote 801; 844; 839 Successione dei calcari e calcari a Rudiste del Campaniano p.p. 107

66 G K Cerithium ataxense d Orb. Santoniano di Tra le quote ,-839 Actaeonella matensis Fittipaldi Turoniano sup. Santoniano di Tra le quote

67 Colle Morotti La serie dei calcari e calcari organogeni di Colle Morotti, per complessivi m.200 circa, segnata da numerose faglie e fratture, ha una età compresa tra il Cenomaniano superiore e il Campaniano. Il Cenomaniano superiore p.p.- Turoniano p.p. è presente in località abbeveratoio, in una successione di calcari e calcari organogeni a Caprinidi dello spessore di circa 25 metri, troncata all alto da una faglia; il Coniaciano-Campaniano è evidente su tutto il Colle in spezzoni di serie. Tuttavia lungo il taglio della strada che costeggia il Colle e che conduce a Fonte Malmerunte e a Fonte S. Maria, è possibile rilevare tre brevi successioni non in continuità di tempo, separate da faglie, di cui la prima è di circa m.35 di spessore, le altre due sono rispettivamete di m 20 e m 15 di spessore Le tre serie si presentano con differenti lito-biofacies. I caratteri bio-litologici dell intero Colle sono pressappoco i medesimi indicati per il versante orientale di Colle Salva Signore, ovvero sono rappresentati da facies biolititiche (boundstones) a facies calciruditiche, calcarenitiche,calcilutitiche (grainstones,packstones,wackestones,mudstones) Le associazioni di fossili, in biocenosi e tanatocenosi, identificano per la maggior parte Rudiste, poi gasteropodi ed infine rari coralli; sono distinte secondo gli ambienti di vita e di deposizione. Tra i calcari dell intero Colle si rinvengono in particolare le seguenti Rudiste: - Caprina schiosensis Bohem; - Caprina carinata Boehm; - Distefanella bassani Parona - Hippurites accordii Sirna; - Hippurites nabresinensis Futterer; - Vaccinites taburni Guiscardi; - Vaccinites petrocoriensis Douvillè; - Durania samnitica Parona; - Lapeirousia zitteli Futt.; - Durania canaliculata Pejovic ; - Biradiolites martelli Parona; - Plagioptvchus paradoxus Matheron. 109

68 Durania canaliculata Pejovic Santoniano-Campaniano di Tra le quote 801,844,839 Hippurites nabresinensis Futterer Vaccinites taburni Guiscardi Vaccinites gaudry Mun.-Chalmas Santoniano-Campaniano di Tra le quote 801,844,

69 Colle Morotti Successione dei calcarei e calcari a Rudiste del Cenomaniano superiore-campaniano LEGENDA 1 - Radiolitidi 7 - Biradiolites 2 - Hippuritidi 8 - Lapeirousia grainstone-packestone 3 - Caprinidi 9 - gasteropodi 4 - Distefanella 10 - frammenti di Rudiste mudstone-wackestone 5 - Apricardia 11 - coralli 6 - Durania 12 - ticket, bouquet, cluster di Rudiste rudstone bioclastico 111

70 G K Durania sp. Valva sinistra, completa di ornamentazione Santoniano di Colle Morotti 112

71 G K Sauvagesia tenuicostata Polsak Valva destra Santoniano-Campaniano di Colle Morotti Durania austinensis Roemer Valva destra Campaniano di Colle Morotti 113

72 Quota 916. Quota 916 è un Colle che si colloca nei pressi di Colle Morotti, tra Fonte Malanotte e Aria dell Orso ed è costituito da una serie di calcari e calcari a Rudiste dello spessore di circa m.40, i cui strati immergono di a NE. Le litofacies dominanti sono essenzialmente due: - una è distinta da floatstones a Pelecipodi e gasteropodi a varie altezze, intervallate da packstones -wackestones a miliolidi ed altri foraminiferi, alghe ed ostracodi; - un altra è costituita da rudstones-grainstones di calcari gradati con pelecipodi, gasteropodi, rari resti di coralli, intercalati da floatstones a pelecipodi e gasteropodi. L età della successione è riferita al Turoniano. Tra i calcari si rinvengono: - Apricardia manuelae Mainelli; - Vaccinites petrocoriensis Douvillè; - Distefanella bassanii Parona; - Radiolites sp, - Nerinea schiosensis Pirona. 114

73 Quota 916. Successione dei calcari e calcari a Rudiste del Turoniano. LEGENDA 1 - Radiolitidi grainstone-packestone 2 - Hippuritidi 3 - Distefanella mudstone-wackestone 4 - Apricardia 5 - Nerinea rudstone bioclastico 6 - frammenti di Rudiste 7 - coralli 8 - thicket di Rudiste 115

74 Apricardia manuelae Mainelli Turoniano di Quota 916 e di La Gallinola 1 - esemplare completo con valve beanti alcuni caratteri dell apparato mio-cardinale 4 - floatstone lagunare con resti di: - Apricardia manuelae Mainelli, - Neitea schiosensis Sharpe 5 - calcare a: - Apricardia manuelae Mainelli, - Distefanella bassani Parona 116

75 Aria dell Orso Aria dell Orso è un monte che si eleva fino a q da q.920 circa sul suo versante meridionale, da q. 800 circa di Valle Perella sul suo versante settentrionale. Dalla sommità del monte si domina, verso oriente, tutta l area paleontologica fin qui descritta, da Monte La Costa a Monte S.Polo in parte, a Colle Salva Signore-Valle Perella, a Tra le quote , a Colle Morotti fino a Quota 916 ai suoi piedi sul lato orientale. La veduta mette in evidenza le strutture stratigrafiche della maggior parte delle unità fin ora considerate, come la uniformità nella vergenza di NNE delle successioni di Monte La Costa, Quota 916 e dello stesso Aria dell Orso ; l esteso anticlinale di Colle Salva Signore segnato da numerose faglie e pieghe; la caotica dislocazione delle successioni di Tra le quote e di Colle Morotti, le quali appaiono variamente troncate da faglie, fratture e pieghe. La serie dei calcari e calcari organogeni a Rudiste di Aria dell Orso si distingue in una monoclinale in strati e grosse bancate dello spessore complessivo di circa m 200, misurata sul suo versante meridionale dove si presenta bene esposta; è datata Albiano- Cenomaniano in relazione alle sue evidenze paleontologiche; è correlabile in parte con l Albiano-Cenomaniano di Monte La Costa; trova la sua naturale continuità nei calcari e calcari organogeni Turoniani di Quota 916, i quali a loro volta si completano in parte con quelli Coniaciano-Campaniano di Colle Morotti. Le caratteristiche sedimentologiche e paleoecologiche sono anch esse correlabili in parte con quelle di pari età di Monte La Costa, sia per i paleoambienti, sia per l elevato numero di specie. Nell Albiano le litobiofacies sono costituite essenzialmente da wackestone-packstone a Radiolitidi o Requienidi, gasteropodi e Pernidi, da grainstone-rudstone bioclastici corrispondenti a fondali di ambienti lagunari dietro il bordo della piattaforma con acque a energia medio- bassa, talora medio-alta,diversificati in zone di altofondo e zone di secche e barre. Nel Cenomaniano dominano litobiofacies di gainstone-rudstone con bioclasti bene arrotondati, floatstone a Caprinidi e Radiolitidi, wackestone a Nerineidi,corrispondenti a fondali di bordo di piattaforma. Le colonizzazioni rappresentano biocenosi a Rudiste, gasteropodi, Pernidi e pochi coralli. In particolare si rinvengono: - Monopleura marcida White, - Monopleura sp.distribuita in una comunità estesa e in uno strato di una ventina di centimetri spesso, - Himerelites douvillei Di Stefano, - Schiosia paolae Mainelli - Radiolites sp. - Durania montislacostae Mainelli - Sauvagesia nicaisei (Coquand) Fischer, - Ichtyosarcolites bicarinatus Gemmellaro, - Caprina carinata Bohm. 117

76 Aria dell Orso Successione dei calcari e calcari organogeni a Rudiste dell Albiano-Cenomaniano. 118

77 G K Ichthyosarcolites tricarinatus Parona Valva destra. Cenomaniano di Aria dell Orso 119

78 G K Sphaerucaprina woodwardi Gemmellaro Cenomaniano superiore di Colle dell Orso 120

79 Cenomaniano superiore di Colle dell Orso. Calcare a Chondrodonta joannae Choffat Sellaea himerensis Di Stefano Valve sinistre e destre 121

80 3) - Campo Puzzo- Costa Alta. Le due località sono separate dalla strada Campitello- Sella del Perrone, al km. 4 circa. Tutta l area è costituita da una successione di calcari e calcari organogeni di età Aptiano superiore-senoniano (Campaniano). I calcari dell Albiano-Aptiano superiore, distinti in strati e bancate dello spessore complessivo di m.120 circa, si rilevano da Campo Puzzo verso La Gallinola, qui denominati di Campo Puzzo ; i calcari del Cenomaniano-Campaniano, in strati e bancate dello spessore complessivo di circa 200 metri si rilevano da Campo Puzzo verso la Costa Alta. La successione di Campo Puzzo, qui denominata di Costa Alta, è caratterizzata in genere da rudstone- grainstone a bioclasti di Pelecipodi e gasteropodi, intervallati da wackestone con resti ben conservati di Rudiste, gasteropodi ed Ostreidi. Nell Aptiano superiore si rileva una colonizzazione notevole a Mathesia tertiicolloquirudistarum Mainelli, distinta in uno strato di centimetri di spessore per una lunghezza non calcolata. La comunità è sostituita lateralmente da resti ben conservati di una piccola Requienia sp. e da gasteropodi. Nella serie si rilevano inoltre: - Lithyoperna sp.; - Nerinea sp.. La successione di Costa Alta è caratterizzata da rudstone-grainstone a resti di Rudiste e gasteropodi, floatstone a Rudiste e gasteropodi. Sono presenti in particolare: - Caprina carinata Boehm - Caprinula sp; - Neocaprina gigantea Plenicar; - Ichthyosarcolites bicarinatus Gemmellaro; - Ichthyosarcolites tricarinatus Parona; - Sauvagesia nicaisei Coquand; - Sauvagesia sharpei Bayle; - Distefanella bassanii Parona - Plagioptychus paradoxus Matheron; - Hippurites sublaevis Matheron; - Hippurites sublaevis Matheron; - Vaccinites gosaviensis Douvillè; - Sauvagesia tenuicostata Polsak.; - Durania sp.; - Radiolites sp. 122

1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO... 4 3 CARATTERI DELLA CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA... 8

1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO... 4 3 CARATTERI DELLA CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA... 8 INDICE 1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO... 4 3 CARATTERI DELLA CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA... 8 4 RISULTATI DELLA SECONDA CAMPAGNA DI INDAGINI (MAGGIO 2009).. 9 4.1 Accertamenti relativi al

Dettagli

Carta M_02 Carta Geomorfologica

Carta M_02 Carta Geomorfologica Carta M_02 Carta Geomorfologica La Carta Geomorfologica è senz altro quella che ha comportato il maggiore sforzo di documentazione e di armonizzazione. Lo scopo della carta è quello di illustrare la dinamica

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA

R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA Rev Data Descrizione delle revisioni 00 05/12/2012 Emissione per approvazione. Accordo Procedimentale ex art. 15

Dettagli

NUOVA SEGNALAZIONE DI CROSTACEI DECAPODI NEL CRETACICO INFERIORE DI VERNASSO (UDINE, NE ITALIA)

NUOVA SEGNALAZIONE DI CROSTACEI DECAPODI NEL CRETACICO INFERIORE DI VERNASSO (UDINE, NE ITALIA) A. GARASSINO NUOVA SEGNALAZIONE DI CROSTACEI DECAPODI NEL CRETACICO INFERIORE DI VERNASSO (UDINE, NE ITALIA) NEW DISCOVERY OF DECAPOD CRUSTACEANS IN THE LOWER CRETACEO US OF VERNASSO (UDINE, NE ITALY)

Dettagli

3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA

3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA 3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA L analisi di seguito riguarda l intero sviluppo del litorale che ricade nei confini del Comune di Rosignano

Dettagli

Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia prerilievo di terreno (Metodo Arpa-prog.

Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia prerilievo di terreno (Metodo Arpa-prog. Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia prerilievo di terreno (Metodo Arpa-prog. MASSA) Davide Damato, Michele Morelli, Luca Lanteri, Daniele Bormioli, Rocco

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

T. Sanò e B. Quadrio. Dipartimento della Protezione Civile Ufficio Rischio Sismico

T. Sanò e B. Quadrio. Dipartimento della Protezione Civile Ufficio Rischio Sismico T. Sanò e B. Quadrio Dipartimento della Protezione Civile Ufficio Rischio Sismico Roma, 3 dicembre 2010 Descrizione del fenomeno Impostazione del problema del calcolo dell amplificazione locale Codici

Dettagli

Geofisica elitrasportata e modeling geologico 3D applicati alla valutazione delle risorse geotermiche superficiali in Sicilia Occidentale.

Geofisica elitrasportata e modeling geologico 3D applicati alla valutazione delle risorse geotermiche superficiali in Sicilia Occidentale. Geofisica elitrasportata e modeling geologico 3D applicati alla valutazione delle risorse geotermiche superficiali in Sicilia Occidentale. Santilano A. 1, Manzella A. 1, Viezzoli A. 2 Menghini A. 2, Donato

Dettagli

Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti. Charles Darwin (1809-1882)

Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti. Charles Darwin (1809-1882) Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti Charles Darwin (1809-1882) L evoluzione secondo LAMARCK (1744-1829) 1. Gli antenati delle giraffe

Dettagli

LA DEFORMAZIONE DELLE ROCCE LA TETTONICA DELLE PLACCHE

LA DEFORMAZIONE DELLE ROCCE LA TETTONICA DELLE PLACCHE Deformazione delle rocce LA DEFORMAZIONE DELLE ROCCE pieghe (sinclinali e anticlinali) faglie dirette inverse trascorrenti associate in fosse tettoniche LA TETTONICA DELLE PLACCHE Struttura della Terra

Dettagli

ROSSO AD APTICI RANGO ETÀ REGIONE. Giurassico superiore (Oxfordiano medio?-titoniano superiore) Lombardia, Canton Ticino (CH) Formazione

ROSSO AD APTICI RANGO ETÀ REGIONE. Giurassico superiore (Oxfordiano medio?-titoniano superiore) Lombardia, Canton Ticino (CH) Formazione 158 APAT - CNR - COMMISSIONE ITALIANA DI STRATIGRAFIA ROSSO AD APTICI RANGO ETÀ REGIONE Formazione Giurassico superiore (Oxfordiano medio?-titoniano superiore) Lombardia, Canton Ticino (CH) FOGLIO AL 100.000

Dettagli

Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA

Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA 2.0 Che cos è una Spiaggia Sergio G. Longhitano Dipartimento di Scienze

Dettagli

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Francesco Comiti, Daniela Campana Libera Università di Bolzano Sustainable use of biomass in South

Dettagli

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado DIREZIONE CENTRALE INFRASTRUTTURE, MOBILITÀ, PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, LAVORI PUBBLICI, UNIVERSITÀ SERVIZIO TUTELA DEL PAESAGGIO E BIODIVERSITÀ CON LA COLLABORAZIONE DEL SERVIZIO CACCIA E RISORSE ITTICHE

Dettagli

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi...

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi... GLI APPENNINI Gli Appennini sono una catena montuosa che si estende da Nord a Sud per circa 1400 chilometri lungo la penisola italiana. Le montagne degli Appennini sono montagne meno alte di quelle delle

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3 INDICE 1. Recupero ambientale..pag.2 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale....3 M.F.G. service s.a.s. di A.L Incesso 1. Recupero ambientale Istanza di ampliamento di calcare Prima

Dettagli

PROGETTO PAIKULI - IRAQ

PROGETTO PAIKULI - IRAQ Dario Federico Marletto PROGETTO PAIKULI - IRAQ RAPPORTO TECNICO SUI LAVORI PER IL CORSO DI FORMAZIONE PRESSO LA SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DI OSTIA ANTICA Intervento sul mosaico pavimentale del Cortile

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Guida Illustrata alle Risposte

Guida Illustrata alle Risposte IDRAIM sistema di valutazione IDRomorfologica, AnalisI e Monitoraggio dei corsi d'acqua Guida Illustrata alle Risposte Appendice al Manuale tecnico operativo per la valutazione ed il monitoraggio dello

Dettagli

PROGETTO CARG CASTELNOVO NE MONTI. NOTE ILLUSTRATIVE della CARTA GEOLOGICA D ITALIA alla scala 1:50.000. foglio 218

PROGETTO CARG CASTELNOVO NE MONTI. NOTE ILLUSTRATIVE della CARTA GEOLOGICA D ITALIA alla scala 1:50.000. foglio 218 NoteIllustrativeF218-24-03-04.qxd 24/03/04 17.15 Pagina 1 PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER I SERVIZI TECNICI NAZIONALI SERVIZIO GEOLOGICO D ITALIA NOTE ILLUSTRATIVE della CARTA GEOLOGICA

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

Le precipitazioni sul Veneto - Valori stagionali

Le precipitazioni sul Veneto - Valori stagionali Le precipitazioni sul Veneto - Valori stagionali Adriano Barbi, Federica Checchetto, Irene Delillo, Francesco Rech Servizio Meteorologico Teolo (PD) ARPAV, Dipartimento Regionale Sicurezza del Territorio

Dettagli

Larderello è una frazione del comune di Pomarance, in provincia di Pisa, sulle Colline Metallifere a 390 metri di altitudine. Il paese conta 850

Larderello è una frazione del comune di Pomarance, in provincia di Pisa, sulle Colline Metallifere a 390 metri di altitudine. Il paese conta 850 Larderello è una frazione del comune di Pomarance, in provincia di Pisa, sulle Colline Metallifere a 390 metri di altitudine. Il paese conta 850 abitanti ed è in parte proprietà dell'enel. Larderello produce

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI pag. 2 Nr. 1 CHIUSURA MASSICCIATA STRADALE eseguita con fornitura e messa in opera di materiale D.0001.3 di saturazione formato esclusivamente con pietrisco minuto di cava dello spessore di mm 0-2, rispondente

Dettagli

C. DONI (*) - P. DONO (*)

C. DONI (*) - P. DONO (*) 427 C. DONI (*) - P. DONO (*) PRIMA VALUTAZIONE QUANTITATIV A DELL 'INFILTRAZIONE EFFICACE NEI SISTEMI CARSICI DELLA PIATTAFORMA CARBONA TICA LAZIALE-ABRUZZESE E NEI SISTEMI DI FACIES PELAGICA UMBRO-MARCHIGIANO-SABINA

Dettagli

Risultati e considerazioni

Risultati e considerazioni 6. RISULTATI E CONSIDERAZIONI L elaborazione e la validazione del modello di suscettibilità consentono di ottenere due risultati principali. In primo luogo, sono state identificate con precisione le aree

Dettagli

SENTIERI GEOLOGICI SUL MONTE TERMINILLO

SENTIERI GEOLOGICI SUL MONTE TERMINILLO SENTIERI GEOLOGICI SUL MONTE TERMINILLO Itinerari nella geodiversità del Lazio, dai mari tropicali mesozoici ai ghiacciai del Quaternario di GIANCARLO DE SISTI Nato nel 1959, alpinista, laureato in geologia,

Dettagli

I sinkholes nelle altre regioni The sinkholes in the other regions

I sinkholes nelle altre regioni The sinkholes in the other regions Mem. Descr. Carta Geol. d It. LXXXV (2008), pp. 419-426, figg. 14 I sinkholes nelle altre regioni The sinkholes in the other regions NISIO S. (*) 1. - INTRODUZIONE I fenomeni di sinkhole nelle altre regioni

Dettagli

L influenza del suolo sulla performance viticola: DALL APPARATO RADICALE ALLA QUALITÀ DEL VINO

L influenza del suolo sulla performance viticola: DALL APPARATO RADICALE ALLA QUALITÀ DEL VINO L influenza del suolo sulla performance viticola: DALL APPARATO RADICALE ALLA QUALITÀ DEL VINO Fabrizio Battista, Federica Gaiotti, Davide Mosetti, Gilberto Bragato, Diego Tomasi CRA-VIT CENTRO DI RICERCA

Dettagli

O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI

O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI Per aberrazione intendiamo qualsiasi differenza fra le caratteristiche ottiche di un oggetto e quelle della sua immagine, creata da un sistema ottico. In altre parole, ogni

Dettagli

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE IG 01.001 IG 01.002 IG 01.003a Approntamento dell' attrezzatura di perforazione a rotazione compreso il carico e lo scarico e la revisione a fine lavori. Per ogni approntamento dellattrezzatura cad 667,35

Dettagli

PROGRESSIONE SU GHIACCIAIO DELLA CORDATA

PROGRESSIONE SU GHIACCIAIO DELLA CORDATA Dispensa informativa sulla PROGRESSIONE SU GHIACCIAIO DELLA CORDATA Nota: questa dispensa e stata realizzata a cura di M.Meroni e L.Castelli ed e frutto sia dell esperienza degli istruttori della Scuola

Dettagli

Corso di Aggiornamento Professionale INDICATORI GEOMORFOLOGICI PER L ANALISI DEL TERRITORIO: CASI DI STUDIO

Corso di Aggiornamento Professionale INDICATORI GEOMORFOLOGICI PER L ANALISI DEL TERRITORIO: CASI DI STUDIO INDICATORI GEOMORFOLOGICI PER L ANALISI DEL TERRITORIO: CASI DI STUDIO Giovedì 25 Novembre 2010 Ex Infermeria dell Abbazia di Fossanova, Priverno (LT) Indicatori geomorfologici per la caratterizzazione

Dettagli

Descrizioni dei punti IOF

Descrizioni dei punti IOF Descrizioni dei punti IOF Introduzione La corsa d orientamento è uno sport praticato a livello mondiale. L obiettivo delle descrizioni dei punti IOF è di fornire agli orientisti di tutti i paesi un mezzo

Dettagli

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso.

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso. 2. I difetti nei cristalli In un cristallo perfetto (o ideale) tutti gli atomi occuperebbero le corrette posizioni reticolari nella struttura cristallina. Un tale cristallo perfetto potrebbe esistere,

Dettagli

(omissis) ALLEGATO 5 - NORME TECNICHE GENERALI. (omissis)

(omissis) ALLEGATO 5 - NORME TECNICHE GENERALI. (omissis) Deliberazione Comitato per la tutela delle acque dall'inquinamento 04.02.1977 Criteri, metodologie e norme tecniche generali di cui all'art. 2, lettere b), d) ed e), della legge 10 maggio 1976, n. 319,

Dettagli

Earthlearningidea - http://www.earthlearningidea.com/ E o non è un fossile? Discussione a proposito di che cosa è un fossile e che cosa non lo è

Earthlearningidea - http://www.earthlearningidea.com/ E o non è un fossile? Discussione a proposito di che cosa è un fossile e che cosa non lo è Earthlearningidea - http://www.earthlearningidea.com/ E o non è un fossile? Discussione a proposito di che cosa è un fossile e che cosa non lo è Questa attività pratica può essere realizzata con immagini

Dettagli

COMUNE DI SAMBUCA DI SICILIA Provincia Regionale di Agrigento

COMUNE DI SAMBUCA DI SICILIA Provincia Regionale di Agrigento COMUNE DI SAMBUCA DI SICILIA Provincia Regionale di Agrigento INDICE PREMESSA...pag. 1 INTRODUZIONE pag. 2 PREVISIONE E PREVENZIONE... pag. 3 STRUTTURA DEL PIANO pag. 4 A. PARTE GENERALE pag. 5 A.1 DATI

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

L AMBIENTE NATURALE MONTANO e la sua EVOLUZIONE

L AMBIENTE NATURALE MONTANO e la sua EVOLUZIONE G. Sini Art. n A 14 L AMBIENTE NATURALE MONTANO e la sua EVOLUZIONE (GEOLOGIA, GEOGRAFIA FISICA, FLORA, FAUNA e ADATTAMENTI) PREMESSA Poiché siamo in Italia e le nostre più belle montagne appartengono

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

1 - PAESAGGI DISEGNATI DALL ACQUA. 1.1 - L erosione dell acqua

1 - PAESAGGI DISEGNATI DALL ACQUA. 1.1 - L erosione dell acqua 1 - PAESAGGI DISEGNATI DALL ACQUA 1.1 - L erosione dell acqua Gocce d acqua precipitano urtando con violenza il suolo coperto da detriti (foglie, rami, steli d erba,... fig. 1.1). A qualche centimetro

Dettagli

Adipo metria. Le stratigrafie. Oltre la stima della percentuale di massa grassa

Adipo metria. Le stratigrafie. Oltre la stima della percentuale di massa grassa Plico-metria, bioimpedenzio-metria, assorbimetria (a doppio raggio X) sono misure di altro dal grasso, ricondotte tramite formule alla stima della percentuale di massa grassa. Ora è finalmente disponibile

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 10. Golfo di Venezia. Rimini. Mare Adriatico Corsica. Mar Tirreno.

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 10. Golfo di Venezia. Rimini. Mare Adriatico Corsica. Mar Tirreno. ITALIA FISICA Cose da sapere VOLUME 1 CAPITOLO 10 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE A. Le idee importanti l L Italia è una penisola al centro del Mar Mediterraneo, con due grandi isole l In Europa, l

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA CENTRIFUGAZIONE La centrifugazione è un processo che permette di separare una fase solida immiscibile da una fase liquida o due liquidi

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige)

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) Dott. Huber Josef Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) La pietra dei solstizi di Montevila é un blocco di granito con un volume di ca. 1,3 m³. Ha cinque fori con un diametro di ca. 3 cm

Dettagli

1^A - Esercitazione recupero n 4

1^A - Esercitazione recupero n 4 1^A - Esercitazione recupero n 4 1 In un cartone animato, un gatto scocca una freccia per colpire un topo, mentre questi cerca di raggiungere la sua tana che si trova a 5,0 m di distanza Il topo corre

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI PA.01 Oneri di discarica valutati a mc misurato sul volume effettivo di scavo o demolizione. Oneri di discarica MC 1.000 24.76 24.76 TOTALE 24.76 PREZZO TOTALE PER MC 24.76 Pagina 1 di 11 PA.02 Fornitura

Dettagli

Pescare a mosca in Val d Ultimo. Merano

Pescare a mosca in Val d Ultimo. Merano Pescare a mosca in Val d Ultimo Merano Finalmente le vacanze ed il tempo per rilassarsi e staccare la spina. Cosa c è di più allettante di riprendere la canna da pesca e, in un tiepido giorno d estate,

Dettagli

Carta dei tipi forestali della Regione Lombardia LA BANCA DATI FORESTALE. Relatore: Michele Carta

Carta dei tipi forestali della Regione Lombardia LA BANCA DATI FORESTALE. Relatore: Michele Carta Carta dei tipi forestali della Regione Lombardia LA BANCA DATI FORESTALE Relatore: Michele Carta LA BANCA DATI Insieme di cartografie e dati descrittivi, gestite tramite GIS, di supporto alla modellizzazione

Dettagli

DICHIARAZIONE DI PRESTAZIONE (art.4 CPR 305/2011)

DICHIARAZIONE DI PRESTAZIONE (art.4 CPR 305/2011) 1) Codice di identificazione unico: 0/4-GF 85 2) Numero di tipo: SABBIA ASTICO 3) Uso previsto di prodotto: UNI EN 12620- Aggregati per calcestruzzo; rilasciato il Certificato di conformità del controllo

Dettagli

Allegato I tipi forestali. Allegato I TIPI FORESTALI NEL TERRITORIO DELLA COMUNITA MONTANA VALTELLINA DI MORBEGNO

Allegato I tipi forestali. Allegato I TIPI FORESTALI NEL TERRITORIO DELLA COMUNITA MONTANA VALTELLINA DI MORBEGNO Allegato I TIPI FORESTALI NEL TERRITORIO DELLA COMUNITA MONTANA VALTELLINA DI MORBEGNO 2 INDICE QUERCETI... 4 CASTAGNETI SU SUBSTRATI SCIOLTI... 6 CASTAGNETI SU SUBSTRATI SILICATICI... 8 ACERI-FRASSINETI

Dettagli

Modalita' di prelievo ed esecuzione di prove di laboratorio su materiale lapideo

Modalita' di prelievo ed esecuzione di prove di laboratorio su materiale lapideo Modalita' di prelievo ed esecuzione di prove di laboratorio su materiale lapideo Dott. Geol. Andrea Tralli Laboratorio Geotecnico 4 Emme Service Spa Via Zuegg, 20, 39100 Bolzano (BZ) 1. Introduzione L

Dettagli

Guida Breve alle Regole del FootGolf

Guida Breve alle Regole del FootGolf Guida Breve alle Regole del FootGolf Lo Spirito del Gioco INTRODUZIONE Il Footgolf è giocato, per la maggior parte, senza la supervisione di un arbitro. Il gioco si affida all integrità dell individuo

Dettagli

Norme Tecniche per il Progetto Sismico di Opere di Fondazione e di Sostegno dei Terreni

Norme Tecniche per il Progetto Sismico di Opere di Fondazione e di Sostegno dei Terreni 1/58 ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO Corso di aggiornamento professionale Dott. Ing. Giulio Pandini IX Corso Università degli Studi di Bergamo - Facoltà di Ingegneria Dalmine 21 novembre

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

REOXTHENE TECHNOLOGY

REOXTHENE TECHNOLOGY REOXTHENE Patented REOXTHENE TECHNOLOGY MEMBRANE IMPERMEABILIZZANTI DALLA TECNOLOGIA RIVOLUZIONARIA INNOVATIVO COMPOUND BITUME POLIMERO INCREDIBILE LEGGEREZZA (fino a 4 mm = 38 kg) MAGGIORI PRESTAZIONI

Dettagli

Centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio da 1.000 megawatt

Centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio da 1.000 megawatt Progetto «Lago Bianco» Centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio da 1.000 megawatt L energia che ti serve. Repower AG Repower è una società del settore energetico operante a livello internazionale

Dettagli

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE PROIEZIONE STANDARD ANTERO- POSTERIORE Indicazioni: traumatologia, neoplasie, alterazioni flogistiche e degenerative delle articolazioni. Posizione del paziente:

Dettagli

LA MISURAZIONE DEL CARATTERE

LA MISURAZIONE DEL CARATTERE TPO PROGETTAZIONE UD 03 GESTIONE DEL CARATTERE IL TIPOMETRO LA MISURAZIONE DEL CARATTERE A.F. 2011/2012 MASSIMO FRANCESCHINI - SILVIA CAVARZERE 1 IL TIPOMETRO: PARTI FONDAMENTALI Il tipometro è uno strumento

Dettagli

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA Indagini dirette Scavi per ricerche minerarie, energetiche e idriche; carotaggi Non si giunge oltre i 12 km di

Dettagli

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMO RESISTENTE A PETTINE Un elemento di calcestruzzo tra due fessure consecutive si può schematizzare come una mensola incastrata nel corrente

Dettagli

LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura

LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura Premessa Fra le strutture di legno, le capriate reticolari costituiscono un tipo di costruzione diffuso che sfruttano pienamente i vantaggi potenziali

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA OLTREPÒ PAVESE PINOT GRIGIO

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA OLTREPÒ PAVESE PINOT GRIGIO DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA OLTREPÒ PAVESE PINOT GRIGIO Approvata come tipologia della DOC Oltrepò Pavese con DPR 06.08.70 G.U.27.10.70 Approvato DOC con

Dettagli

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori L ergonomia al microscopio 10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori 1 Regolare correttamente l altezza della sedia. Per lavorare in maniera confortevole è importante adattare gli

Dettagli

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 0/0 - Docente: Prof. Carlo Isetti LAVORO D NRGIA 5. GNRALITÀ In questo capitolo si farà riferimento a concetto quali lavoro ed energia termini che hanno nella

Dettagli

Programmazione dell attività esplorativa

Programmazione dell attività esplorativa 2.1 Programmazione dell attività esplorativa 2.1.1 Definizione dell attività L esplorazione è la prima fase del ciclo petrolifero e comprende tutte le attività relative alla ricerca degli idrocarburi.

Dettagli

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO L innovativo sistema per la ristrutturazione delle pareti dall interno LEADER MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO Costi energetici elevati e livello di comfort basso: un problema in crescita La maggior

Dettagli

Stato attuale delle biocenosi marine nel primo seno del Mar Piccolo e considerazioni in merito alle eventuali operazioni di bonifica

Stato attuale delle biocenosi marine nel primo seno del Mar Piccolo e considerazioni in merito alle eventuali operazioni di bonifica WWF Taranto Onlus c.f.90180210735 iscrizione R. Reg. n 1341 c/o Fabio Millarte via Campania 37 74121 Taranto Tel: 3931617701 Fax: 0999942911 e-mail: taranto@wwf.it sito: www.wwftaranto.it Stato attuale

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

VARIANTE ESTERNA ALL ABITATO DI TORTONA

VARIANTE ESTERNA ALL ABITATO DI TORTONA VARIANTE ESTERNA ALL ABITATO DI TORTONA Responsabile del procedimento arch. Sergio Manto SCR Piemonte S.p.A. Referenti del R.U.P. ing. Claudio Trincianti - arch. Massimo Morello Progettisti Sina S.p.A.

Dettagli

Allegati alla Parte III (All.ti I-XI) Monitoraggio e classificazione delle acque in funzione degli obiettivi di qualità ambientale

Allegati alla Parte III (All.ti I-XI) Monitoraggio e classificazione delle acque in funzione degli obiettivi di qualità ambientale Allegato 1 (1276) Monitoraggio e classificazione delle acque in funzione degli obiettivi di qualità ambientale Il presente allegato stabilisce i criteri per il monitoraggio e la classificazione dei corpi

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

DIALOGHI SUL COMPORRE

DIALOGHI SUL COMPORRE TORRI DELL ACQUA 2 workshop di composizione assistita da computer. Seminari, lezioni e concerti dal 28 al 30 dicembre presso le Torri dell'acqua di Budrio Il fondamentale ruolo interpretato dalle Torri

Dettagli

Innesti e Tecniche di Riproduzione

Innesti e Tecniche di Riproduzione Data inizio: 7-11-2011 Alberi da frutto Innesti e Tecniche di Riproduzione Sommario Perché innestiamo? 1 Innesto a Spacco 2 Innesto a Corona 3 Innesto a Triangolo 4 Innesti a Occhio 5 Innesto a Spacco

Dettagli

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987)

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Prima regola: oltre un certo carico produttivo per ceppo la qualità diminuisce ( ) Fittezza in relazione

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

codice descrizione un. mis. pr. unit.

codice descrizione un. mis. pr. unit. 01.P24.A10.005 Nolo di escavatore con benna rovescia compreso manovratore, carburante, lubrificante, trasporto in loco ed ogni onere connesso per il tempo di effettivo impiego, della capacita' di m³ 0.500

Dettagli

SUPERCONDUTTIVITÀ. A cura di: Andrea Sosso I.N.RI.M. (IEN)

SUPERCONDUTTIVITÀ. A cura di: Andrea Sosso I.N.RI.M. (IEN) SUPERCONDUTTIVITÀ A cura di: Andrea Sosso I.N.RI.M. (IEN) Il fenomeno della superconduttività è stato osservato per la prima volta nel 1911 dal fisico olandese Heike Kamerlingh Onnes dell'università de

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

TAV.13-RELAZIONE GEOLOGICA

TAV.13-RELAZIONE GEOLOGICA Studio G E O E C O S Dott. Geol. G. MENZIO Programmazione Territoriale-Geotecnica-Idrogeologia Sede : Via Cavour 34 - SAMPEYRE (CN) Tel0175977186-Fax1782737211-Cel.3402572786-mail:geoecos@libero.it Indirizzo

Dettagli

Barriere flessibili contro le frane superficiali di versante: la soluzione vantaggiosa contro i pericoli naturali.

Barriere flessibili contro le frane superficiali di versante: la soluzione vantaggiosa contro i pericoli naturali. Barriere flessibili contro le frane superficiali di versante: la soluzione vantaggiosa contro i pericoli naturali. Barriere flessibili di protezione contro le frane superficiali in pendii instabili: -

Dettagli

VOCE DI CAPITOLATO "RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA- MENTO DA SALI -

VOCE DI CAPITOLATO RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA- MENTO DA SALI - VOCE DI CAPITOLATO "RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA MENTO DA SALI RIDUZIONE DEI SALI A LIVELLI DI SICUREZZA MEDIANTE ESTRAZIONE CON IMPACCO " DESCRIZIONE LAVORI E VERIFICA La seguente Tabella

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli