COMUNE DI PESCARA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI PESCARA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE"

Transcript

1 .,.. w". ~ r ~,,.,,~. I..,. - COMUNE DI PESCARA CITTA' DI PESCARA Mi!!:da 9 ILa d'oro al Mi;!' ito C fliilofll.: COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 541 Del 09w.08M12 Oggetto: PIANO PARTICOLAREGGIATO P~P. N.7 "POLO DIREZIONA= LE H - SOTTOZONA 87 DI P.R.G... ADOZiONE L'anno duemiladodici il giorno nove del mese di agosto in prosieguo di seduta ~niziata alle ore in Pescara, nella sala delle adunanze della sede Municipale, previo invito si è rlunita la Giunta Comunale. Presiede l'adunanza l'avv. FIORILLI BERARDINO nella sua qualità di V.SINDACO e sono r~spettivamente presenti ed assenti i seguenti signori: Avv. ALBORE MASCIA LUIGI SINDACO A.Avv. FIORILLI BERARDINO V.SINDACO P RICOTT A NICOLA ASSESSORE A SANTILLI GIOVANNI ASSESSORE A ANTONELLIMARCELLO ASSESSORE P PORCARO GIOVANNA ASSESSORE P CEROLINI FORLINI GUIDO ASSESSORE P FILIPPELLO MASSIMO ASSESSORE A DELTRECCOISABELLA ASSESSORE P PALUSCI MARIAGRAZIA ASSESSORE A RENZETTI ROBERTO ASSESSORE A SECCIA EUGENIO ASSESSORE P SERRAIOCCO VINCENZO ASSESSORE P, ne risultano presenti n. 7 e assenti n. 6. Partecipa al1a seduta ~Iv. Segretario Generale Dott. MACCHIAROLA COSIMQ Assiste il Praf. ADDARIO LUIGl designato per la redazione del verbale. H Presidente, accertato che H numero dei presenti è sufficiente per dlchiarare valida la seduta, lnvita gh intervenuti a dehberare sull'oggetto sopralndicato.

2 LA GIUNTA COMUNALE Vista la rerazione ajlegata che costituisce parte integrante nel provvedimento; Visti i pareri espressi, ai sensi dell'art. 49 del D.Lgs. 18 agosto 2000 n 267, dal Dirigente del servizio interessato, e da1 Dirigente della Ragioneria, come da scheda allegata; Premesso che: il vigente P.R.G. individua, nell'ambito delle zone edificate centrali e semicentrali deua città, degli ambiti territoriali in sottozona 87 destinati ad una completa trasformazione urbanistica, finalizzata a realizzare nuovi complessi cui sono attribuite specifiche e particolari funzioni nella nuova organizzazione urbana stabilite dal P.R.G.; l'art. 37 delle Norme Tecniche di Attuazione (N.T.A.) del P.R.G. regola l'attuazione dei predetti ambiti attraverso interventi di esclusivainiziativa pubblica (Pian i Particolareggiati), oggetto di interventi urbanistici unitari, altri da approvare nelle forme di piani attuativi di iniziativa pubblica e/o privata o pubblico/privata t altri ancora da attuare attraverso Progetti Urbanistici esecutivi (P.U.E.); tra gli ambiti oggetto di Piano Particolareggiato di iniziativa pubblica è stato individuato il P.P. n. 7 upolo Direzionale", destinato alla realizzazione di un centro integrato per servizi, attività terziarie e direzionali di livello urbano, capace di accogliere insediamenti residenziali con composizione spaziale ad arto significato urbano, caratterizzato da un sistema continuo di ambiti e percorsi pedonali; il progetto può essere esteso all'intero ambito, con redazione di un unico strumento urbanistico o può riguardare i singoli sub a"lbiti "a" - Ub" individuati dal P.R.G.; 11 comparto di attuazione rappresenta il mezzo ordinario di intervento urbanistico del Piano Particolareggiato e comprende, oltre alle aree edificabili, anche quelle da destinare per te urbanizzazioni primarie e secondarie; Ritenuto di procedere all'adozione del P.P. n. 7 upolo Direzionale" relativo ai sub ambiti ~Iau e "b lj I il cui progetto è stato redatto dal Settore Programmazione del Territorio;

3 Dato atto che ir Piano Particolareggiato è costituito dal Rapporto preliminare inerej1te il procedimento della Valutazione Ambientale Strategica e dai seguenti elaborati di progetto: ELABORA TI GRAFICI Elab. 01: Stralcio zonizzazìone, vincoli e N.T.A del P.R.G. v'gente Elab. 02: Interventi urbanistici in corso di realizzazione (scala 1:2.000) Elab. 03: Perimetro di Piano su mappa catastale con elenco particelle: stato attuale (scala 1:2.000) Elab. 04: Consistenza edilizia su rilievo aerototogrammetrico: 1: :2~OOO) stato attuale (scala Elab. 05: Infrastrutture a rete: stato attuale (scala. 1:2.000) Elab. 06: Plano volumetrico Elab. 07: Planimetria di progetto (scala. 1:2~OOO) Elab. 08: Zonizzazione di progetto su base catastale (scala. 1:2.000) Elab. 08/1 : Zonizzazione di progetto su base catastale - ambiti di intervento (scala 1:2~OOO) Elab. 08/2: Progetto norma e rapporti planimetrici (scala. 1:2.000) Elab. 09: Ambiti di intervento:parametri urbanistico-edilizi di progetto Elab. 10: rnfrastrutture a rete: stato di progetto (scala. 1:24000) Elab. 11: Profili e tipologie edilizie di progetto (scala. varie) ELABORATI ILLUSTRATIVI Elab. 12: Norme Tecniche di Attuazione EJab. 13: Elenchi catastafi E1ab~14: Relazione Generale Illustrativa Elab. 15: Relazione Finanziaria Elab, 16: Relazione geologica Elab. 17: Schema di convenzione Considerato che la scheda norma prevede un'area destinata ad ;nteresse comune, mentre la proposta progettuale in esame indica Atto di Giunta COlnunale n. 541 del Pago 3 - COMUNE DI PESCARA

4 esclusivamente aree per istruzione ed un incremento delle aree destinate a verde e parcheggi; Ritenuto di condividere le variazioni proposte~ in quanto la zona è già sufficientemente servita da edifici, a carattere prevalentemente pubblico, per attività amministrative nel quartiere San Donato, sanitarie (distretto sanitario sud in costruzione), e religiose (chiesa di S. Gabriele dell'addolorata in via Rio Sparto e del B. Nunzio Sulprizio in via Salara Vecchia)~ mentre è carente di spazi aggregativi, quali parchi e giardini, e di significative aree per il parcheggio; Dato atto che il piano in esame varia la scheda norma per quanto relativo alle sole previsioni dei servizi ed attrezzature pubbliche; e come tale, ai sensi del comma 8, art. 20, della legge urbanistica regionale , n. 18t l'approvazione del Piano Particolareggiato non comporta necessità di variante ar P.R.G.; Ritenuto di procedere all'adozione del P.P. n.7 - I[Poio Direzionale" in conformità al vigente P.R.G., riservando la successiva fase di approvazione ad avvenuta pubblicazione ed ultimazione dei termini di presentazione delle osservazioni, al fine di garantire la giusta fase partecipativa attiva, in ossequio ai principi della trasparenza amministrativa e del giusto procedimento; Ritenuto altresì di procedere all'adozione del Rapporto Preliminare inerente alla procedura di Valutazione Ambientale Strategica, in quanto facente parte integrante del procedimento di adozione/approvazione del piano attuativo in questione; Considerato che la presente delibera, poiché relativo all'adozione di uno strumento avente funzione di pianificazione urbanistica t non comporta impegni di spesa, dovendo questi ultimi essere assunti in sede di attuazione del Piano Particolareggiato; Visti: il parere favorevole della Commissione urbanistica edilizia, espresso nella seduta del 31/07/2012; ai sensi dell'art. 37 del Regolamento editizio l che si allega; Atto di Giunta Comunale n. 541 de[ Pago 4 - COMUNE DI PESCARA

5 il parere della Circoscrizione Portanuova n. 31 O~,espresso nella seduta del , delibera n. 13/2012,:" Parere Contrario U, privo di motivazione, che si allega; Ritenuto che, da un canto, la carenza di motivazione di detto ultimo parere, già di per sé stesso non vincolante t costituisce un vizio di legittimità rispetto all'obbligo di motivazione contemplata dall'art. 29 del vigente Regolamento sulle Circoscrizioni di decentramento comunali e, che di altro canto prevale la volontà di questa Amministrazione di procedere ab'adozione del Piano Particolareggiato di cui trattasi, atteso l'interesse pubblico generale rappresentato da quest'ultimo; Visti, altresì: il comma 13, lett. b) del decreto legge n. 70, come convertito dalla legge n. 106 t che stabilisce che i piani attuativi 1 comunque denominat;, conformi con lo strumento urbanistico generale vigente, sono approvati dalla Giunta Comunale; l'art~ 13 della la Legge Urbanistica n.1150 e ss.mm.ii. gli artt 19 e 20 della legge urbanistica regionale t n. 18t e ss.mm.ii.; il Piano Regolatore Generale vigente, approvato con atto di Consiglio Comunale n. 94 del e successive varianti;.. la variante urbanistica di recepimento del Piano di Rischio aeroportuale nel vigente Piano Regolatore generale, approvata con atto di Consiglio Comunale n. 46 del 07.05~2012; la parte seconda del D.Lgs n. 152 UTesto Unico Ambiente U ; rart. 48, comma 2, def Decreto legislativo 18 agosto 2000 n. 267 di approvazione del Testo unico delle leggi sulrordinamento degli enti locali (T. U.E.L.) Con voto unanime favorevole espresso nehe forme di legge. DELIBERA 1. di dare atto che il Piano Particolareggiato P.P. n t1polo Atto di Giunta Comunale n. 541 del t 2 - Pago 5 - COMUNE DI PESCA RA

6 Direzionale u varia la scheda norma di comparto per quanto relativo alla previsione dei servizi; come tale, ai sens~ del Gomma 8, art. 20, della legge urbanistica regionale (L.U.R.) del n. 18, la sua approvazione non comporta necessità di variante al vigente P.R.G.; 2. dj adottare, ai sensi del comma 13 del decreto legge n come convertito dalla legge n. 106, nonché dell'art. 20 della L.U.R. del , n. 18, così come modificata ed integrata, il progetto il Piano Particolareggiato di iniziativa pubblica P.P. n. 7 "Polo Direzionale" relativo ai sub ambiti ~'a'r e ub ", costituito dai seguenti elaborati: ELABORA TI GRAFICI Elab. 01: Stralcio zonizzazione, vincoti e N.T.A del P.R.G. vigente Elab. 02: Interventi urbanistici in corso di realizzazione (scala 1:2.000) Elab. 03: Perimetro di Piano su mappa catastale con elenco particelle: stato attuare (scala 1:2.000) Elab. 04: Consistenza edilizia su rilievo aerofotogrammetrico: 1: :2.000) stato attuale (scala Elab. 05: Infrastrutture a rete: stato attuale (scala~ 1:2.000) Elab. 06: Plano volumetrico Elab. 07: Planimetria di progetto (scala. 1:2.000) Elab. 08: Zonizzazione di progetto su base catastale (scala. 1:2.000) Erab. 08/1: Zonizzazione di progetto su base catastale - ambiti di intervento (scala 1:2.000) EJab. 08/2: Progetto norma e rapporti planimetrici (scala. 1:2.000) Elab. 09: Ambiti di intervento:parametri urbanistico-edilizi di progetto Elab. 10: Elab.11: Infrastrutture a rete: stato di progetto (scala. 1:2.000) Profili e tipologie edilizie di progetto (scala. varie) Alto di Giunta COll1unale n. 541 del Pago 6 - COMUNE DI PESCARA

7 ELABORAr/ILLUSTRA TI VI Elab. 12: Norme Tecniche di Attuazione Elab. 13: Elenchi catastali Elab. 14: Relazione Generale Illustrativa Elab. 15: Relazione Finanziaria Elab. 16: Relazione geologica Elab. 17: Schema di convenzione 3. di adottare, altresì, il Rapporto Preliminare inerente alla procedura di Valutazione Ambientale Strategica, in quanto parte integrante del procedimento di adozione/approvazione del piano attuativo di cui al punto 1.; 4. di dare mandato al Dirigente del Settore Programmazione del Territorio in ordine a tutti gli adempimenti inerenti alla definizione del presente atto; 5. di precisare che il presente atto non genera incrementi di spesa né diminuzioni di entrata. LA GIUNTA COMUNALE Con separata votazione e con voto unanime palesemente espresso, nei modi e forme di legge, dichiara la presente immediatamente eseguibile~ Atto di Giunta Conlunale del Pago 7 - COMUNE DI PESCA.R_A

8 !J'::l- HI.:iCl - \=?Ot ~=' t o : 3D.. F-~' 0'-0: c:i RCDSCR l r r. HI...IIlUH To: '" CITTA DI PESCARA CIRCOSCRIZIONE "PORTA NUOVA" PROT.3l0 DEL 08/08/2012 AL DIRIGENTE SETTORE URBANISTICA Arch. Emilia Fino Trasmissìorle oarere Oggetto: Piar'10 Particolareggiato P.P. n.7 "Polo Direzionale' - Sottczona 87 djp.r~g.- Adozione Delibera di G.C. n_ 601 provvisorio del Trasmissione atti. - Richie~..a palttre SEDUTA DEL 08/08/2012 DEliBERA N. 13/2012 CONSIGLIERI PRESENTI E VOTANTI: 9 VOTI FAVOREVOLI: 2 SILVESTRE F. - DI PASQUALE M. VOTI CONTRARI: 6 TEODORO P. - PITUCCI G" - CIPOLLONE R. -IPPOLITI F_ MARINEL.LI A_ - DI BRIGIDA E. ASTENUTI: 1 AMBROSINI R. PARERE ESPRESSO: Contrario Seguirà integrazione del verbale di discussione del Consiglio Circoscrizionale relativo al parere in oggetto. IL PR Piemic ENTE Teodo o

9 Medatllia d'oro al Merito Civile Allegato alla Proposta di deliberazione G.C. N~601 provv. del Oggetto: Piano Particolareggiato P.P. n.7 "Polo Direzionale" P.R.G. ~Adozione - Sottozona B7 di PARERI AI SENSI DELL'ART. 49 DEL D.Lg.vo N.267/2000 Parere di regolarità tecnica~ anche con specifico riferimento alla garanzia della tutela della privacy nella redazione degli atti e diffusione - pubblicazione dei dati sensibili ed agli altri contenuti ai sensi ed in conformità alla delibera di C.C. n. 209 del 17/12/20 lo in materia di pubblicità legale degli atti ex art. 32 della Legge n. 69/2009, come modificato ed integrato con D.L. n. 194/09 convertito in Legge n. 25/2010: +,,+FAVOREVOLE ~ +:,t,.,+t.".f ~~... + t t t 9 ~ 9 ~,,, t t 4 t t t ~ ~ 9 ~,, t t + - t ~ ~.9....~.....,....I t t t ~, ~,, t _, t I I a Il rigente Li..~.O.\.O~Y.I la.~.l... o. B Parere di regolarità contabile: o o o : S\... o o o o o o o'1'\ o o., ~, 4 t,, t, t * ~ ~ ~ 9 ~ Li...3~.\.9t~J~. o. o o Il Dirigente... ~IkYJçAl;iJ~,R -l RlfI~ - lo

10 ç ,.. COMUNE DI PESCARA r,.,.. '."... _.. I~._. ". ~ +f'r.. r.. '. LI. \... ~_ ~ ; I r -.~ Il.l, t.!...'. ~- I ~,. + - J....'- \ I '..'..' J ; ~I 1 f"'-. -. :..,.... ' f ~i.~.1 - LI.aI... '~.,.. ~, J,-I". '...,... r"r" ,,/ ~-~l.': I \ r ",,\ I ~ = ~.,:, : V t..t T" 1. rl t ""te l''.. l Q~ 11 / '....:.. } l~.,_1 J J l' :;."' L- E" ;\.10 ~,..~~ i i..,..- - tt~,.~ I. _~ ~ ",. lj~: {\ -~ ',".~ ~ Cil:t'.à d.i ])escat"t:l Relazione L'art. 13 della legge urbanistica nazionale t n. 1150, stabilisce che le previsioni di massima del PRG debbano avere uno sviluppo attuativo mediante piani particolareggjati. In tal modo i piani particolareggiati t come del resto gli stessi i piani di lottizzazione, diverrebbero il corretto strumento per promuovere il graduale assetto delle zone abitate attraverso interventi di riqualificazione urbanistica, oppure la loro espansione, con organici quartieri residenziarì, moderni centri d,rezionali, ecc. In tale ottica, quindi~ le previsioni generali e di massima del PRG t estese alrintero territorio comunale e per un periodo di tempo Hlimitato, trovano concreta attuazione particolareggiata e di dettaglio mediante piani attuativi riferiti a precise porzioni del territorio e limitate nel tempo (dieci anni). Possiamo, quindi, affermare che il piano particolareggiato serve ad attuare le previsioni del PRG; in tal senso è un piano di attuazione e va realizzato in un determinato lasso di tempo (il termine massimo è dieci anni); serve ad espropriare le aree necessarie (quindi è un p;ano di esproprio soggetto a scadenza); serve, infine, a regolare l'attività edificatoria nefla zona interessata (ha una funzione regoratrice valida nel tempo indeterminato del PRG)o rn tale ottica il PRG vigente ha individuato tre ambiti urbani, collocati in aree centrali e semicentrali, nella zona nord che sud deua Città, assoggettati a piano particolareggiato di iniziativa pubblica (PP1 - ulona Centrale~t e PP2 - uzona Portuale" e PP7 -- upolo Direz'onale")~ che per caratteristiche ed ubicazione, sono destinati ad una completa trasformazione urbanistica. Dette aree sono individuate dal PRG a sottozona 87: Trasformazione Integrale (art. 37 deue NTA del PRG vigente). Il com parto di attuazione rappresenta il mezzo ordinario di intervento urbanistico del piano particolareggiato e contiene oltre alle aree edificabili anche quelle destinate per le urbanizzazioni primarie e secondarie_ Nella formazione del piano particolareggiato è consentito, ad eccezione del PP1 e dell'ambito Uc~Jdel PP2, la riutilizzazione delle superfici utili esistenti soggette, comunque, a precise limitazioni. La proposta di piano particolareggiato che viene sottoposta per radozione è relativa al PP7 - "Polo Direzionale ll, sub ambiti ua" e ub" o I parametri urbanistico-edilizi hanno come riferimento quelli indicati neua relativa scheda norma, allegata alle NTA del PRG. Gli elementi costitutivi del piano COMUNE DI PESCARA - Proposta di Giunta Comunale 7

11 .'fii.,." d'-i) C.ltt~, " esc~lra particolareggiato COMUNE DI PESCARA sono fissati dag'i artt. 19t 20 e 21 della L.U.R. 18/83 e ss.mm.ii.. La proposta di piano particolareggiato individua una superficie territoriale catastate pari a mq , di cui mq nel sub Ha'l e mq nel sub Ctb" complessivamente disponibili per il calcolo derla superfic~e lorda edifica bile di progetto, e mq mq. di superfici già pubbliche comprendenti le aree di risulta derl'ex tracciato ferroviario e quelle costituenti il piazzale Papa Paolo VI, sul quale il PRG ha previsto una nuova rotatoria stradale con funzione di raccordo tra ia c.d. Iistrada pendolo" e via Rio Sparto - via San Donato. L~ambito del PP7 è interessato in parte dal Piano di Rischio Aeroportuale, approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 195 del L'area è quella individuata dal sub ambito Uaj; ~ relativamente alla porzione che si estende tra la via Tiburtìna e via Lago di Campotosto. Tale porzione è attualmente compresa alilinterno della zona di tutela uc", dove non sono consentiti ìnsediamenti ad elevato affollamento e, in generale) obiettivi sensibili. La scelta operata dal piano di localizzare esternamente a tale zona di tutela gli edifici ad alta concentrazione vo1umetrica rende la proposta di Piano compatibile con le limitazioni dettate dal suddetto Piano di Rischio. che per la zona di tutela IIC n prevede (art. 6 N.T. del P.di R.): L'ambito territoriale, classificato coma zona di tutela C..., ha la dest;nazione stabilita dagli strumenti urbanistici vigenti. In tale zona di tutela sono consentiti gli interventi oggetto di comparii edificatori e di strumenti attuativi avviati (ambiti di trasformazione ;ntegrale). Sono altresi realizzabili gli intetventi previsti nei comparii e negli strumenti attubtivi non ancora avviati eliminando le previsioni di spazi pubblici destinati per tistruzione e/o riservate per le attività collettive, nonché quelle per sedi di Enti Pubblici locali, regionali, nazionali. Anche per questa zona occorre evitare la concentrazione di volumetrie di tipo re~jdenziale, al fine di impedire che si creino puntuali incrementi di carico antropico. In sede di redazione del Piano Parlicolareggiato denominato P.P. n. 7 Jrpolo Direziona/e 1 ' sub ambito a), l'ulteriore superficie di progetto, dovuta dalla riuti/izzazione delle volumetrie esistenti J va trasferita nella percentuale minima del 70% nelle aree d'intelvento esterne alla zona di tutela. Sono comunque sempre consentite in questa zona le variazioni di destinazione verso l'uso non residenziale. Le attività edmm erc;a li e terziarie devono conservare un carattere locale; occorre quindi evitare una concentrazione sia di cubature che di selvizi che possa elevarle a rango territoriale. COMUNE DI PESCARA...Proposta di Giunta Comuna~e8

12 ~ - ~. c,.''d;lt ~,.tta., ~I.Pe.sc~ll~~l COMUNE DI PESCARA L'intero perimetro del PP7 risultai inoltre, esterno alla nuova zona di tuteja, denominata "0", regolata dal Regolamento ENAC per la costruzione e l'esercizio degli Aeroporti, così come modificato dallo stesso ENAC con emendamento n. 7 del 20 ottobre 2011 (Avviso pubblicato in G.U. n. 261 del 9 novembre è per la gran parte costituita 2011).L'area da suoli non edificati. Negli ult~mi anni, infatti~ morte attività produttive sono state dismesse e, di conseguenza, diversi fabbricati sono stati demoliti. La qualità degri edifici attualmente presenti, in generale, è scadente. Nell'edificato è riscontrabije una forte disomogeneità tipologica e moriologica. Sono presenti fabbricati ad uso commerciale ed artigianale in molti casi dismessi, un centro sportivo ed edifici residenziali plurifamiriari di massimo tre piani. A seguito di una ricognizione sulla consistenza, sull'uso e sulle condizioni fisiche dei fabbricati esistenti l (pari a circa mq di superficie lorda di cui mq già demoliti), si è potuto ipotizzare la demolizione degli edifici più degradati util izzati. e non Per gli ambiti!la" e "b", il PRG vigente prevede che fa superficie demorita può essere parzialmente recuperata, in rapporto alle seguenti classi di indice di utilizzazione fondiaria attuale: per valori fino a 0,15 mq/mq si applica una riduzione complessiva del 20 1'0; per valori compresi tra O, 15 e D,3D mq/mq si applica una riduzione complessiva del 30%; 40%. per valori superiori a mq/mq si apprica una riduzione complessiva del Pertanto, per il sub ambito nani la superficie da recupt:1rare è pari a mq , mentre quena da conservare risulta di mq Per il sub ambito ub ll non si prevede la conservazione di alcuna superficie esistente mentre quella recuperata~ essendo Ilambito quasi totalmente inedificato, è di soli mq Ltarea d'intervento, strategicamente inserita nella struttura urbana deua Città, si estende fra il quartiere di San Donato e quello di Pescara Portanuova t ed è circoscritta dal rilevato ferroviario, dalla casa circondariale 1 dalla Strada Comunale Piana. La presenza di grandi "vuoti" urbani, coincidenti con fe aree libere della ex Fonderia Camprone e con querle inedificate lungo via Comunale Piana, costituisce una COMUNE or PESCARA - Proposta df Giunta Comunale 9

13 ... C. ~ '1-,",~ltt:~I. (.1,I).esc~l:t -a COMUNE DI PESCARA eccezionale occasione per ridefinire t alrinterno di una nuova forma urbana, il rapporto tra il costruito e i grandi spazi pubblici rappresentati da percorsi pedonali e aree destinate a piazze) e dal verde. I diversi temi presenti hanno richiesto una impostazione progettuale unitaria, che meglio potesse evidenziare questi rapporti privilegiati. I manufatti si articolano, si compenetrano e si definiscono con riferìmento a questo principio: ta adozione di tipi insediativi capaci, per forma e "scala architettonicat" di interpretare una idea di città costruita sulla relazione tra manufatti architettonici e grandi spazi della vita di relazione e della natura. Il piano particolareggiato prevede, lungo via Comunale Piana, lato est t due grandi aree d'insediamento e una terza da destinare ad attrezzature scorastiche. Si prevede rinsediamento di numero 14 corpi di fabbrica t prevalentemente residenziali, per un numero minimo di duecentottanta unità abitative. La tiporogia in linea adottata è stata definita in relazione al contesto morfologico, rappresentato I > darla edilizia esistente in zona e si sviluppa massimo su cinque livelli residenziali, oltre il piano terra destinato ad autorimessa. Gli edifici sono organizzati intorno ad un ampio "giardino lineare,t ~di forma rettangolare, costruito con aiuole squadrate; tipiche del giardino all'italiana~ che funge da asse della composizione. NeUa parte centrale una vasca di forma quadrata raccoglie 1'acqua, che zampilla dalle numerose fontane lungo il suo perimetro. E 1 uno spazio che invita al passeggio o ad un uso ricreativo. Il giardlno termina con due ampie piazze aperte, sede degli edifici direzionali/culturali e commerciali. Si prevedono, su1 lato nord, due edifici a torre su massimo dieci e dodici livelli fuori terra, e due corpi di forma quadrata su due livelli; le autorimesse sono ubicate nel p;ano interrato definito daua piazza: su, lato nord sono previsti un edificio a torre su quindici livelli fuori terra ed una piastra commerciale di forma rettangolare su tre livelli. Anche in questo caso le autorimesse sono ubicate nel piano interrato. Completano l'insediamento altri quattro edifici in linea residenziali sul lato ovest di via Comunale Piana, della stessa consistenza di quelli lato est, e due per attività terziarie. Le aree destinate a parcheggi pubblici sono state locauzzate nella parte più interna~ tra il complesso direzionale e il verde sull'ex tracciato ferroviario, e lungo il c.d. upendolo u, in prossimità del costruendo Distretto Sanitario sud. Altre tre aree di minore entità le troviamo su via Comunale Piana e Via Salara. E' previsto l'ampliamento della predetta via Comunare Piana, che presenta un COMUNE DI PESCARA - Proposta di Giunta Comunale lo

14 ~ ~. ( -",it.. ""L-t t...d'" p..1.' esc,"ll~~l COM-UNE DI PESCARA tracciato leggermente ondulato J con funzione di mitigare ~a ve10cità dei flussi veicolari, articolato con ampi marciapiedi alberati e piste ciclabili. Il PP7 prende atto del tracciato del c.d. upendolo" fino a via Rio Sparto, in corso di completamento, con funzìone di raccordo tra due grandi nuclei urbani: quello del quartiere nord di Pescara Colli-Ospedale CivHe e l'altro del quartiere sud di San Donato. Il progetto assegna grande importanza al ruolo del trasporto pubblico; previsto in sede propria, per una migliore soluzione di accesso al quartiere e alle attività che andranno ad insediarsi. LJarea compresa tra la 58. Tiburtina e via Lago di Campotosto è costituita da tre zone di nuova concentrazione volumetrica: quena per le attività commerciali lungo la via Tiburtina, quella centrale per il residenziale e raltra più a est destinata ad ospitare attività terziarìe e residenziali. ~ ; I La nuova viabilità interna di servizio ai fabbricati residenziali e ar verde pubblico si articola in modo da collegare via Salara Vecchia con la predetta via Tiburtina. La zona destinata a verde pubblico funge anche da filtro tra la zona residenziale e quella commerciale. L'altra area a verde, su via Lago di Campotosto, si snoda lungo l'ex tracciato ferrovjario, con funzione di conegamento tra i due sub ambiti Sono previsti quattro edifici residenziali in linea, su cinque livelli fuori terra oltre al piano terra, due edifici a blocco anch'essi su cinque livelji oltre il piano terra ed una piastra commerciale su due livelli fuori terra. Va precisato che la scheda di Piano regolatore prevede per il PP7 untarea destinata ad interesse comune 1 mentre 'a proposta in esame indica un incremento delle aree a verde e a parcheggto. La zona, del resto, è già sufficientemente servita da edifici, a carattere prevalentemente pubblico I per attività amministrative nef quartiere San Donato, sanitarie (distretto sanitario sud in costruzione), e religiose (chiesa di S. Gabriere deu'addolorata in via Rìo Sparto e di B~ Nunzio Sulprizio in via Salara Vecchia), mentre è carente di spazi aggregativi qualì parchi e giardini e di significative aree per il parcheggio. Pertanto, il piano particolareggiato in esame varia il PRG per quanto relativo alle sole destìnazioni delle aree per servizi ed attrezzature pubbliche (da attrezzature dì interesse comune a verde pubblico e parcheggi); come tafe, ai sensi del comma 8 1 art. 20, della legge regionale 12 aprile 1983, n. 18, t'approvazione del piano particolareggiato non comporta necessità di COMUNE DI PESCARA - Proposta di Giunta Comuna~e Il

15 C.ittà (11.Pesc~l'ra COMUNE DI PESCARA variante al piano regolatore. I piani attuativi di iniziativa pubblica, infatti, possono variare il P.R~G. entro i seguenti limiti inerenti al comprensorio adeguamentr perimetrali oggetto dello stesso: viabilità servizi e attrezzature pubbliche articolazione degli spazi e deue locazioni parametri edilizi. Lo stato attuale delle reti si presenta incompjeto t frammentario e non organizzato in modo razionale. Il piano particolareggiato prevede un notevole investimento in infrastrutture e sottoservizi a rete, anche con dismissioni di tratti non idonei alle esigenze del progetto e con eliminazione di tutte le tratte aeree elettriche. Il comma 1 dell'art. 20 della L.U.R. precisa che nei comuni situati in zone sismiche il parere del competente ufficio tecnico regionale; prescritto dall'art. 13 della legge , n. 64 (ora sostituito dall'art. 89 del DPR 380 de' 2001, Testo unico dell'edilizia), non è rìchiesto, Qve questo sia stato già acquisito in sede di pianificazione generale. Il comma 13 del decreto legge n. 70, come convertito dalla legge n. 106, stabilisce che; in caso di inerzia da parte delle Regioni in materia di riconversione urbana, i piani attuativi, comunque denominati, conformi con lo strumento urbanistico generate vigente, sono approvati dalla Giunta Comunale. Poiché~ ad oggi, la Regione Abruzzo non è ancora intervenuta dettando, ne' merito, una disciplina a favore della riqualificazione urbana e il piano particolareggiato in adozione è volto ad un migliore utilizzo del territorio già urbanizzato, couegando la trasformazione urbanistica ad un concreto intervento di miglioramento qualitativo delle risorse ambientali, la presente proposta di delibera viene sottoposta all'esame deua Giunta Comunale. PDAI COMUNE Dt PESCARA - Proposta di Giunta Comunafe 12

16 ~_~ ~_._h_r '_"_"" _.. -~ "~- ~ perimetro area d"intervento _ edifici di progetto o in fase di ultimazion8...",.-,..'."...-."... I L"J ~_. \ t, '- \.,,J ~ L--r. A'l'O!,l I.~, :::.i..i l.~.,l', r f':'" 11- \ '~ \ 'h ' ' "."' '\.~. (.. - -_.. ~I - ~ '" - II.~-. "... I..,. -.' ~ I [". r-- 1 ~,!\t r t\ \ ~Ji ~,'1). ~,} ~'-i I-~' _:- - (~L \ \\ l...,.' ~, l!~,, ~,.,.1tJ \ \.:'.11.1 l). -'" 9-08.,. ~ ~.~,.., Q I.,.. ~r"}.. "'- IIV..5.~j.::~:_~!.;-... :::_--_._~~-, ~""",,,"'.I-"""""....,.... MOBilITA' 'Viabilità di previsione PRG t L",",.', ~~I" TE c "-~~~~~rt'at ~.\&:J'~"~\--s~J~:. """,.... 'Pof.,'- ; ~ ~...~ ~. OMPONENTI ING. GIAMBATTISTA BlASETTI ~',COrIJAt~DANTE VV.FF..,... GEOt.. Dt\VIDE D'ERRICO RO SOMS~NI ~ A ~ ~ ~, ~ w Il.. lilot iii 1-"'.1'....".~~L. _ '.,._,... ~...~~ -;:;:::-_._ ~;:t~~""~.,.,..~ ", '..I,,.~"". 1.i ' _". ~,'...'~...-..do,......,.., /

17 I! I / -., i, CITTA' DI PESCARA SETrrORE PROGRAMMAZIONE DEL TEltRll 1 0RIO IL SINDACO _Luigi Albore Mascia., :-{ -, -.,.SSESSORE SVILU'PPO e TUTELA DEL TERRlTOlUO Marcello A ntonelli INAMENTO.~f(', -. ' GRUPPO DI LAVORO, I~-:' P ROG_ETTISTI Arch. _Piergiorgio _D'Angelo '~. UFFICIO TECNICO: P6L Ing. GelJL _Danilo Cris%go Massimo Di Cintio Edgarllo Scurti Arch. Francesca Marzetti Dotl.s.fa Maria Gabriella Marchesani PIANO PARTICOLAREGGIATO N.7 sub ambiti "a" e "b" Oggetto elaborato: Interventi urbanistici R.U~P.: Arch. Valer;ano Mergiotti in corso' di realizzazione SU'PPORTO AI.~R.U.P.: Studio tecnico SA.UD PROJECTS ~j1 adottato: approvato: / file name : scala: tav. : ()')

18 ~---~~.----.;._ I... '~~~ ',/r_..";,'.= CITTA' DI PESCARA S-ETTORE PROGRAMMAZlONE DE_L T_ERRITO_R'IO ,.' N o 20 ~---_. I.~. --.,. ~, N;':;-"..... l IL SINDACO + Luigi Albore Mascia ASSESSORE SVII.JUP-PO e TUTELA DEL TERRITOlUO M arce/lo A nlone/li NTO,.~. GRUPPO DI L VORO " ~I:..._.-.. -,.~ , ,,. ----~PRQ9_~III TI.._.,_..,---..,-,,--,.,-,,.".."..,,--_ r--,.. Arch. Piergiorgio D'Angelo - ~ U-FFICIO TECNICO: P.L Ing. Geo16 Dani/o Cri'iologo Massimo Di Cintio Edgardo Scurti Arcll. Francesca Marzetti Dottssa Maria Gabriella Marc/,esani R.U.-P.: Arch. Valeriano Mergiotti PIANO PARTICOLAREGGIATO N.7 sub ambiti "a" e "b" Oggetto elaborato : Stralcio zonizzazione, vincoli e N.T.A. del P.R.G. vigente SUPPORTO AL R.U.:P~: Studio tecnico SAUD PROJECTS ~A~~ adottato: approvato:. file name : scala: tav. : 01

19 'J" "l" -'. I:.. CITTA' DI PESCARA S,ETTORE PROGRAMI\1AZIONE DEL TERRITORIO IL SINDACO Luigi Albore Mascia \,e,~. ;1 ~ '~, " '....,,\., ;, I "..N., ~, ~SSESSOltE SVILUPPO e TUTELA DEL TERRITORIO Marcello A"tonelli I COORD NAMENTO Arc. l I" GRUPPO DI LAVORO.,.LI~Y-'~. ~,.". I -li ~.- ", l, I." 17 Il" ''l'-....-rl I.b.~ 101I, _"':I:l-~"I" _. :.-!i~.:v""""l~- "., PROGETTISTI Arcll. Piergiorgio D'Angelo U.FFICIO TECNICO: P.L Danilo Crisologo Ing. Ma~'simo Di Cintio Geol. Edgardo Scurt; ~ PIANO PARTICOLAREGGIATO N.? subambiti "a" e"b" Arch. Francesca Marzetti Dott+ssa Maria Gabriella Marchesani R.U.P.: Arcll. Valeriano Mergiotti. SUPPORTO AL 'R~U~P.: Studio tecnico SA un PROJECTS ~ Oggetto elaborato: Perimetro di Piano su mappa catastale con elenco particelle: stato attuale adottato: approvato: file name : scala: tav ~: 03 1.,., f\f\{\

20 ",'t~ X.,. CITTA' DI PESCARA..,. SETTORE PROGRA"MMAZIONE DEL TERRrrolUO IL SINDACO Luigi Alhore Masei., _ 'Il1o.' ASSESSO.RE SVILUPPO e TUTELA DEL TERRITORIO Marcello Alltonelli COORD NAl\1ENTO Archa GRUPPO DI LAVORO PROGETTISTI Afe/,. Piergiorgio D'Altgelo UFFICIO TECNICO: P.l Danilo Crisologo Ing. Massimo Di Cintio Geol. Edgardo Scurt; Arch. Francesca Marzetti Dott.ssa Maria Gabriella Marchesani PIANO PARTICOLAREGGIATO N.7 sub ambiti "a" e ttb" Oggetto elaborato: R.U~P.: Arch, Valeriano Mergiotti S"UPPORTO AL R.U,P.: Studio tecnu:o SA UD PROJECl'S s..~uj;} Consistenza edilizia su riliev( aerofotogrammetrico: stato attuale adottato: approvato: file name : scala: 1-1 ~OOO tav. : {)L

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Nr. 263 di Mercoledi 7 Dicembre 2011 Oggetto: Determinazione dei valori minimi delle aree edificabili ai fini dell'imposta

Dettagli

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA NTA di SUA di iniziativa privata SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA.. INDICE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... pag. 2 ART. 2 ELABORATI DEL PIANO...» 2 ART. 3 DATI COMPLESSIVI DEL PIANO...» 2 ART.

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

COMUNE DI MARUGGIO. (Provincia di Taranto) REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI MARUGGIO. (Provincia di Taranto) REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE COMUNE DI MARUGGIO (Provincia di Taranto) N. 231 del Reg. delib. REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE Oggetto: Riqualificazione dell area comunale in Campomarino denominata Parco Comunale Via

Dettagli

COMUNE DI ABBIATEGRASSO

COMUNE DI ABBIATEGRASSO Delibera N. 35 del 14/02/2013 COMUNE DI ABBIATEGRASSO Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: PROMOZIONE APPROFONDIMENTI SULL'EDILIZIA SOCIALE AI FINI DELL' AGGIORNAMENTO DEL P.G.T.. L'anno

Dettagli

COMUNE DI P E:SCARA. Numero 646 Del 08/08/2013. Generale Avv. Langiu Antonello

COMUNE DI P E:SCARA. Numero 646 Del 08/08/2013. Generale Avv. Langiu Antonello ~.~ COMUNE DI P E:SCARA C.ITTA' DI Mli!d "gli.d'oro P'ESCARA.ill Merfl:o C iiiile COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 646 Del 08/08/2013 Oggetto: REVOCA DELIBERAZIONE G~C. N.638

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 37 del 16.12.2013 OGGETTO: Legge Regionale N. 1 Del 03/01/1986, Art. 8. Alienazione di terreni di proprietà collettiva di uso civico edificati o edificabili.

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Allegato B COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa SETTORE 2 GESTIONE DEL TERRITORIO E DEL PATRIMONIO U.O. URBANISTICA EDILIZIA Modifica all Appendice 2 Schede norma dei comparti di trasformazione

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

N. 68/11 del 19 ottobre 2011

N. 68/11 del 19 ottobre 2011 COPIA EDUCATORIO DELLA PROVVIDENZA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE OGGETTO: N. 68/11 del 19 ottobre 2011 ADEGU DEGUAMENTO ALLA NORMATIVA A DI PREVENZIONE INCENDI ENDI: : IMPIANTO

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011 COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011 ================================================================= OGGETTO: CORREZIONE ERRORE MATERIALE

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO IMMEDIATAMENTE ESEGUIBILE Deliberazione n. 217 del 14/11/2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO CESSIONE IN PROPRIETÀ DI AREA GIÀ CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE NELL AMBITO DEL

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

Deliberazione di Giunta Comunale

Deliberazione di Giunta Comunale Comune di Selargius Numero Data Prot. 155 25/05/99 Deliberazione di Giunta Comunale Oggetto: LAVORI DI ADEGUAMENTO E MESSA A NORMA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI DEGLI EDIFICI SCOLASTICI. APPROVAZIONE PROGETTO

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

... DELIDERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE

... DELIDERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE CITTÀ DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani... DELIDERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE n.ili: del 2 8 MRR. 2014 OGGETTO: Concessione di no 2 borse di studio intilolate alla memoria del dotto Mauri zio Vi

Dettagli

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE di FORMIA Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.77 del 17.04.2015 OGGETTO: DELIBERA G.M. 68 DEL 10.04.2015 - APPROVAZIONE PROPOSTA RENDICONTO 2014 E RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 26 DEL 27.10.2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 26 DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg.

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg. COMUNE DI PALMANOVA Provincia di Udine Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Copia N. 120 Reg. OGGETTO: Integrazione del G.C. 34 dd. 11.04.2012 "Servizi pubblici a domanda individuale 2012 - determinazione

Dettagli

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA PROVINCIA DI VERONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 70 O G G E T T O AFFIDAMENTO INCARICO ALLA SIG.RA CARLA GANZAROLI DEL COMUNE DI LEGNAGO PER PRESTAZIONI

Dettagli

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE PROVINCIA DI FIRENZE AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE Variante normativa al Regolamento Urbanistico vigente di adeguamento al "regolamento di attuazione dell'articolo 144 della L.R. n. 1/2005

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE 1) Inquadramento della variante In attuazione delle previsioni del Piano Regolatore Generale vigente dal 10 marzo 2005 il Consiglio Comunale di Ghisalba

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 OGGETTO: Recepimento verbale commissione trattante aziendale del 15.10.2013. L anno Duemilatredici, il giorno ventiquatto del mese di

Dettagli

Norme del Documento di Piano

Norme del Documento di Piano Norme del Documento di Piano SOMMARIO: ART. 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 3 ART. 2. CONTENUTO DEL DOCUMENTO DI PIANO... 4 ART. 3. RINVIO AD ALTRE DISPOSIZIONI DIFFORMITÀ E CONTRASTI TRA DISPOSIZIONI, DEROGHE...

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

COMUNE di F AE N Z A

COMUNE di F AE N Z A All. G COMUNE di F AE N Z A Settore Territorio ADOZIONE ATTO C.C. n. 73 del 10.02.2010 PUBBLICAZIONE BUR n. 54 del 31.03.2010 APPROVAZIONE ATTO C.C. n. 290 del 21/11/2011 PUBBLICAZIONE BUR n. del ATTI

Dettagli

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013)

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013) Municipio Roma V (ex VI e VII) Unità di Direzione Servizio di Assistenza agli Organi Istituzionali Ufficio Consiglio Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI

Dettagli

Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi.

Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi. VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 1 2 OGGETTO: Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi. L anno 2012 (Duemiladodici) addì 27 (Ventisette) del mese

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 64 del Reg. Delib. N. 6258 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Scarpari N. 433 REP.

Dettagli

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N 26 del 30/09/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI DELL'IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) - ANNO 2014 L'anno 2014, addì trenta

Dettagli

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA Codice ente Protocollo n. 10388 DELIBERAZIONE N. 33 in data: 28.10.2014 Soggetta invio capigruppo Trasmessa al C.R.C. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

CAPO I ORDINAMENTO DELLE COMPETENZE A REGIME

CAPO I ORDINAMENTO DELLE COMPETENZE A REGIME Legge regionale n.20 del 21 agosto 1991. Riordino delle competenze per l'esercizio delle funzioni amministrative in materia di bellezze naturali. (B.U. 11 novembre 1991, n. 12). (vedi circolare prot. n.

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIAROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/71 del 30 dicembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Proroga delle scadenze temporali previste dall'art. 12 del "Regolamento

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 COMUNE DI TAINO Provincia di Varese Prot. N. 3207 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Copia N. 6 del 28/04/2014 OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 L'anno

Dettagli

COMUNE DI CARUGATE PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO ALLEGATO 1 - PIANO DEI SERVIZI

COMUNE DI CARUGATE PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO ALLEGATO 1 - PIANO DEI SERVIZI COMUNE DI CARUGATE PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO ALLEGATO 1 - PIANO DEI SERVIZI NORMATIVA TECNICA RELATIVA ALLA COMPONENTE COMMERCIALE DEL PGT (L.R. 12/05 e smi) IN FUNZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

COAWYE PERC,1. (Provincia di Siracusa) COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE LA GIUNTA MUNICIPALE

COAWYE PERC,1. (Provincia di Siracusa) COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE LA GIUNTA MUNICIPALE COAWYE PERC,1 (Provincia di Siracusa) COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. i Registro Delibere OGGETTO: Prosecuzione fino al 31/12/2014 n. 12 contratti di lavoro di diritto privato a tempo determinato

Dettagli

COMUNE DI VENEZIA. Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale

COMUNE DI VENEZIA. Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale COMUNE DI VENEZIA Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale N. 87 DEL 14 MAGGIO 2015 E presente il COMMISSARIO STRAORDINARIO: VITTORIO

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

P.R.G. PIAZZOLA SUL BRENTA COMUNE DI NORME DI ATTUAZIONE PADOVA. Versione aggiornata AGOSTO 2009

P.R.G. PIAZZOLA SUL BRENTA COMUNE DI NORME DI ATTUAZIONE PADOVA. Versione aggiornata AGOSTO 2009 COMUNE DI PIAZZOLA SUL BRENTA P.R.G. PADOVA Versione aggiornata AGOSTO 2009 NORME DI ATTUAZIONE PROGETTAZIONE arch. Vasco Camporese arch. Piergiorgio Tombolan COLLABORATORI TECNICI arch. Italo Tussardi

Dettagli

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A.

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE P.R.G. VIGENTE In base alla tavola di Zonizzazione del P.R.G. vigente l area oggetto dell intervento è normata come

Dettagli

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 140 del 25.09.2013 OGGETTO:Accordo tra Comune di Sarzana e Consorzio Sviluppo Sarzana per la realizzazione dell'edizione 2013 del L anno duemilatredici,

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Legge Regionale 28 giugno 2013 n. 15 - Disposizioni transitorie in materia di riordino delle province Legge Regionale 12 marzo 2015 n. 7 - Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Provincia di Bologna COPIA n. 28 del 30.04.2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Il giorno 30 aprile 2014 alle ore 20.30 nella sala consiliare del Municipio, previa l'osservanza di tutte le formalità

Dettagli

V ar i a nt e spec if ic a ai s ens i de l l a rt. 17 c o mm a 8 de l l a L.R. 56 /7 7 e s.m.i.

V ar i a nt e spec if ic a ai s ens i de l l a rt. 17 c o mm a 8 de l l a L.R. 56 /7 7 e s.m.i. Inquadramento generale e obiettivi delle modifiche La Variante specifica art. 17 comma 7 definita nei suoi obiettivi generali come anticipatoria di alcuni contenuti della variante Strutturale Qualità è

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n. 13 47100 Forlì Unità Segreteria mariateresa.babacci@comune.forli.fo.it

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

Deliberazione n. 18 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO COMUNALE

Deliberazione n. 18 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO COMUNALE Protocollo RC n. 21857/08 Anno 2008 VERBALE N. 9 Deliberazione n. 18 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO COMUNALE Seduta Pubblica del 12 febbraio 2008 Presidenza: CORATTI L anno duemilaotto,

Dettagli

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 COMUNE DI VIGONZA UNITA OPERATIVA TRIBUTI GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 Il decreto legge 21 maggio 2013 n 54 ha sospeso il versamento dell'acconto IMU per alcuni

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

Su segnalazione dello Studio Legale Associato Fontana Ferrari di Brescia.

Su segnalazione dello Studio Legale Associato Fontana Ferrari di Brescia. Su segnalazione dello Studio Legale Associato Fontana Ferrari di Brescia. Commento di B. Bosetti In seguito a ricorso straordinario al Capo dello Stato, è annullato il Piano di Governo del territorio (PGT)

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI:

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI: COMUNE DI FINALE EMILIA (Provincia di Modena) P.zza Verdi, 1 41034 Finale Emilia (Mo) Tel. 0535-788111 fa 0535-788130 Sito Internet: www.comunefinale.net SERVIZIO URBANISTICA E EDILIZIA PRIVATA AUTOCALCOLO

Dettagli

P.R.G.C. DI MATTIE - REL. ILLUSTRATIVA - VAR. IN ITINERE ALLA VAR. STRUTTUR. E DI ADEG. AL P.A.I. - D.C.C.20/ 28.09.2011

P.R.G.C. DI MATTIE - REL. ILLUSTRATIVA - VAR. IN ITINERE ALLA VAR. STRUTTUR. E DI ADEG. AL P.A.I. - D.C.C.20/ 28.09.2011 0 INDICE RELAZIONE ILLUSTRATIVA RI 2 1) PRESENTAZIONE. 3 2) LO STRUMENTO URBANISTICO DEL COMUNE DI MATTIE.. 3 3) LE MOTIVAZIONI DELLA VARIANTE ATTUALE. 4 4) I REQUISITI FORMALI DEGLI ATTI Dl VARIANTE.

Dettagli

INCENTIVI PER ATTIVITA DI PROGETTAZIONE E DI PIANIFICAZIONE

INCENTIVI PER ATTIVITA DI PROGETTAZIONE E DI PIANIFICAZIONE II Commissario delegato per la ricostruzione - Presidente della Regione Abruzzo STRUTTURA TECNICA DI MISSIONE Azioni di supporto ai Comuni colpiti dal sisma del 6 aprile 2009 INCENTIVI PER ATTIVITA DI

Dettagli

COMUNE DI VITTORIA REVISIONE PIANO REGOLATORE GENERALE PROGETTO: UFFICIO TECNICO COMUNALE - SETTORE URBANISTICA - ATTUAZIONE

COMUNE DI VITTORIA REVISIONE PIANO REGOLATORE GENERALE PROGETTO: UFFICIO TECNICO COMUNALE - SETTORE URBANISTICA - ATTUAZIONE . REGIONE SICILIA COMUNE DI VITTORIA Provincia di Ragusa REVISIONE PROGETTO: UFFICIO TECNICO COMUNALE - SETTORE URBANISTICA - ARCH. NUNZIO BARONE (Capogruppo) ARCH. EMILIO GIANSANTI ING. EMANUELE GULINO

Dettagli

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 404 PARTE PRIMA L E G G I - R E G O L A M E N T I DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Art. 2 (Finalità) 1. La Regione con la promozione della progettazione di qualità ed il ricorso alle procedure concorsuali,

Dettagli

Dott. Andrea Pagliari Naturalista Via Mandolossa, 20-25064 Gussago (BS) tel. 347 2451447 mail andrea.pagliari@gmail.com

Dott. Andrea Pagliari Naturalista Via Mandolossa, 20-25064 Gussago (BS) tel. 347 2451447 mail andrea.pagliari@gmail.com Dott. Andrea Pagliari Naturalista Via Mandolossa, 20-25064 Gussago (BS) tel. 347 2451447 mail andrea.pagliari@gmail.com tel. 335 5860896 mail massimilianoperazzoli@yahoo.it SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 2 ANALISI

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa COMUNE DI LARI Provincia di Pisa DETERMINAZIONE N. 519 Numerazione servizio 201 Data di registrazione 17/12/2009 COPIA Oggetto : DECRETO DI ESPROPRIO RELATIVO A PROCEDIMENTO ESPROPRIATIVO PER PUBBLICA

Dettagli

IL METODO SPEDITIVO NEL SIT PER L EMERGENZA DA RISCHIO CHIMICO- INDUSTRIALE. Pasquale DI DONATO

IL METODO SPEDITIVO NEL SIT PER L EMERGENZA DA RISCHIO CHIMICO- INDUSTRIALE. Pasquale DI DONATO IL METODO SPEDITIVO NEL SIT PER L EMERGENZA DA RISCHIO CHIMICO- INDUSTRIALE Pasquale DI DONATO Cos è il Metodo Speditivo? Controllo di attività comportanti rischi di incidente rilevante è regolato da:

Dettagli

A / SCHEDA DI ANALISI UNITA URBANISTICA PAESISTICA A tipologia unità insediativa Superficie territoriale stimata mq. 123.000

A / SCHEDA DI ANALISI UNITA URBANISTICA PAESISTICA A tipologia unità insediativa Superficie territoriale stimata mq. 123.000 Scheda n. 7 AMBITO DI RIQUALIFICAZIONE A 2 A / SCHEDA DI ANALISI UNITA URBANISTICA PAESISTICA A tipologia unità insediativa Superficie territoriale stimata mq. 123.000 Residenziale a blocco Superficie

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE 2 A INIZIATIVA DELLA CONCERNENTE: NORME SUL GOVERNO DEL TERRITORIO Art. 1 Finalità Art. 2 Obiettivi della pianificazione territoriale e urbanistica Capo I Soggetti del governo del territorio Art. 3 Collaborazione

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 039 del Consiglio comunale. OGGETTO: nomina del Revisore dei Conti del Comune per il triennio 2014 2017.

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 039 del Consiglio comunale. OGGETTO: nomina del Revisore dei Conti del Comune per il triennio 2014 2017. Comune di Folgaria Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

COMUNE DI SUELLI. Settore Tecnico SETTORE : Cirina Sergio. Responsabile: 697 NUMERAZIONE SETTORIALE N. 266 NUMERAZIONE GENERALE N. 29/10/2013.

COMUNE DI SUELLI. Settore Tecnico SETTORE : Cirina Sergio. Responsabile: 697 NUMERAZIONE SETTORIALE N. 266 NUMERAZIONE GENERALE N. 29/10/2013. COMUNE DI SUELLI SETTORE : Responsabile: Settore Tecnico Cirina Sergio NUMERAZIONE GENERALE N. 697 NUMERAZIONE SETTORIALE N. 266 in data 29/10/2013 OGGETTO: CIG: Z660B2D707 LIQUIDAZIONE ACCONTO FATTURA

Dettagli

VERBALEDror"**"xtzol?;?îfÈiftc4r-NTACOMUN

VERBALEDror**xtzol?;?îfÈiftc4r-NTACOMUN COMUNE DI MAGLIANO VETERE. 84050 MAGLIANO VETERE (SA) C.so Umberro t @ 0974/s92A32 _992076 COPIA VERBALEDror"**"xtzol?;?îfÈiftc4r-NTACOMUN OGGETTO: Approvazione Progetto esecutivo di efficientamento energetico

Dettagli

Decreto del Commissario Straordinario

Decreto del Commissario Straordinario Decreto del Commissario Straordinario N. 8 del Reg. Data 30/07/2014 OGGETTO: PROGETTO ESECUTIVO PER INTERVENTI DI PREVENZIONE ANTICENDIO NELLA FORESTA DEMANIALE REGIONALE DEL MONTE CARPEGNA - PSR MARCHE

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA (aggiornata a gennaio 2014) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... pag. 3 IL PIANO CASA IN TOSCANA... pag. 4 INTERVENTI DI AMPLIAMENTO....pag. 5 INTERVENTI DI DEMOLIZIONE

Dettagli

DOSSIER SU STANGIONI - bozza CONTESTO URBANISTICO-INSEDIATIVO... 2 PREVISIONI DEL PIANO URBANISTICO COMUNALE... 2 PIANO PAESAGGISTICO REGIONALE...

DOSSIER SU STANGIONI - bozza CONTESTO URBANISTICO-INSEDIATIVO... 2 PREVISIONI DEL PIANO URBANISTICO COMUNALE... 2 PIANO PAESAGGISTICO REGIONALE... DOSSIER SU STANGIONI - bozza Dossier Su Stangioni CONTESTO URBANISTICO-INSEDIATIVO... 2 PREVISIONI DEL PIANO URBANISTICO COMUNALE... 2 PIANO PAESAGGISTICO REGIONALE... 4 LA STRADA STATALE 554 COME LIMITE...

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9 Indice Parte Prima Premessa... pag. 2 Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3 Parte Seconda A) Definizioni. pag. 9 B) Disposizioni riguardanti aspetti generali. 10 C) Disposizioni in materia di

Dettagli

COMUNE DI MENDATICA Provincia di Imperia

COMUNE DI MENDATICA Provincia di Imperia COMUNE DI MENDATICA Provincia di Imperia COPIA DETERMINAZIONE DEL SEGRETARIO N. 66 DEL 02/08/2014 L anno DUEMILAQUATTORDICI addì DUE del mese di AGOSTO Oggetto: Aggiudicazione provvisoria del 1 Lotto per

Dettagli