L ANIMA NASCOSTA DEI MISTERI di Elia RUBINO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L ANIMA NASCOSTA DEI MISTERI di Elia RUBINO"

Transcript

1

2 L ANIMA NASCOSTA DEI MISTERI di Elia RUBINO Curvi ma fieri, grondanti sudore nonostante, a volte, il tempo non sia dei migliori. Per alcuni è una devozione, trasmessa di generazione in generazione. Senza di loro i misteri non potrebbero camminare e, a volte, ballare su nel cielo che si diverte ad osservare questi angeli danzare tra le nuvole. I portatori dei Misteri, hanno una storia come tutti gli altri attori di questo rito antichissimo. Nella sua Storia di Campobasso che quest anno compie 55 anni, il Gasdia li chiama Vastasi, ricollegandoli agli antichi vastasos greci transitati nei portatori medievali: i cosiddetti bastasii. Eppure questi uomini, deputati al trasporto dei Misteri nel giorno del Corpus Domini, hanno una loro interna gerarchia che ci riporta alle origini di questi quadri viventi. Citati in tanti documenti, a partire dal 1700, soprattutto nei libri di introiti ed esiti (i pochi che si riescono a trovare) delle Confraternite che nell anno corrente erano deputate all organizzazione dei Misteri, i portatori, mi piace più chiamarli così, venivano scelti dal cappellano, cioè dalla persona della confraternita che era stata deputata alla vestizione e alla manutenzione del mistero. Eh già, in questa linea tradizionale, trasmessa fedelmente fino ad oggi, resta il sistema organizzativo. Esiste un addetto alla vestizione: il cappellano, appunto, che si prende carico (nei secoli passati anche con un piccolo rimborso spese ) della cura del Misterio e un gruppo di persone da lui selezionati che porterà l ingegno processionalmente. Andiamo a spulciare in queste carte antiche, fortunatamente sopravvissute e conservate presso l archivio di Stato di Campobasso e della Curia arcivescovile e scopriremo delle simpatiche notizie. La squadra aveva la stessa composizione tecnica dei giorni odierni: come dire, squadra vincente non si cambia! Il cappellano, i portatori, in numero variabile in relazione alla pesantezza del Mistero e due persone che avevano il I vastasi o portatori dei Misteri secondo il Gasdia Libro degli esiti di Santa Maria della croce compito di portare gli scanni per posare i misteri e, con il passare del tempo (agli inizi del 1800) si aggiunge la figura dello spedaliere, una sorta di factotum che cura ogni eventuale problema durante la processione dei Misteri. Ognuna di queste figure tecniche viene retribuita dalla confraternita. Il sistema è semplice: la confraternita di turno che organizza i Misteri (già perchè vale la pena di ricordarlo, c era il famoso criterio dell alternanza per evitare i litigi legati alla precedenza) destina una somma per l allestimento dei quadri viventi, la riparazione delle macchine, la messa in opera degli ingegni e dei costumi dei figuranti, oltre a queste spese preventiva un capitolo fisso dedicato ai portatori. Per ogni mistero la cifra è affidata al cappellano che provvederà, a fine manifestazione, ad elargire il compenso pattuito ad ogni portatore. Certo è che se leggiamo le cifre per i compensi i conti... non tornano, ma rappresentano forse il criterio diverso che ogni cappellano aveva nell elargire il piccolo rimborso spese ai singoli portatori. Ad esempio, nel documento del 1809 del libro degli esiti di Santa Maria della Croce, ecco le spese per i fieri portatori: per il mistero di san Michele...a 12 persone che han portato il mistero per la città: ducati per il mistero di San Rocco...a 13 uomini che han trasportato il mistero per il mistero dell Assunzione di Maria Vergine... a 28 uomini che han portato il mistero per la città: ducati Insomma ognuno si regolava come credeva. E adesso divertiamoci un pò a vedere quale era il rimborso spese per una fatica che, di certo, ti lasciava stremato per tutto il giorno seguente...ahi Ahi Ahi... non essendo la matematica finanziaria il mio forte, preferisco sospendere qui il ragionamento e magari chiedere aiuto ad un numismatico che si avventuri in questo nuovo mistero. Un altra simpatica notazione riguarda le spese che ogni anno si attribuivano ad alcuni figuranti dei Misteri, probabilmente gli unici adulti a cui veniva corrisposto un piccolo rimborso: in genere erano, a buon motivo, i diavoli e alcuni figuranti di altri misteri. Verba volant scripta manent... E proprio il caso di dirlo: leggendo accuratamente libri di conti possiamo ricostruire, anche se a volte guidati dall immaginazione, il clima di festa ma anche di tensione che si irradiava nei giorni precedenti, quando i cappellani erano assorti in un lavoro di controllo e restauro di costumi e del montaggio dei ferri degli ingegni. Una cosa certa è la passione di questi uomini che, seguendo una tradizione plurisecolare, si immergevano, ieri come oggi, in un rito dal sapore antico che identificava il popolo e lo rendeva unito. Ecco i portatori nel 1904 nell articolo di Enrico Petrella su Il Secolo XX n.6 Lettera aperta al Maresciallo COSMO TEBERINO di Gennaro VENTRESCA Caro Maresciallo, mi prendo innanzitutto la licenza di darti del tu. Proprio per sentirti e farmi sentire più vicino. Ricordarti è un dovere civile, ma soprattutto sentimentale. La tua figura solida e leggera, rispecchiava il senso dell arte dei Misteri, di cui sei stato tutto, non solo il custode. Hai avuto modo, nei tuoi anni gioiosi, di sperimentare sulla tua bella e coriacea pelle la durezza del sistema. Ma alla fine hai vinto, grazie alla tua tenacia e alla caparbietà di vero campobassano. Mi sento di indicarti come missionario di un artigianalità che va scomparendo e dalla quale la tua passione è sempre partita e sulla quale si è sempre fondata. Nel corso dei miei anni, in cui per amore e per mestiere mi sono occupato della Sagra dei Misteri, mi sono trovato di fronte un uomo semplice e concreto, animato da una passione profonda per quel che faceva. Da te, caro Maresciallo, ho tratto più di una semplice lezione di vita. Ti ho soprattutto ammirato come tenace progettista e realizzatore della custodia degli ingegni del Di Zinno. Ci sono certamente cose più significative che rendono gli uomini grandi, ma tu, nel tuo piccolo, hai fatto sì che in tanti potessimo trarre una esemplare lezione di artigianalità e di vita. Il tuo modo di vestire dimesso e pratico, la barba di due giorni sul viso, il baffo ingiallito dal fumo delle infinite sigarette, il tuo modo di parlare diretto e comunicativo, il tuo dialetto comprensivo e la simpatia infettiva mi hanno regalato un amicizia disinteressata, sino all ultimo istante. Sono certo che ogni volta che si riscaldano i ferri in via Trento vorresti correre, per dare una mano d aiuto ai tuoi figli a cui così bene hai insegnato il latino. Ti piacerebbe chiudere per la seconda volta la tua vita nel giorno tanto atteso, per non essere solo, e morire in - Foto: Kerem compagnia di tutti i presenti che, forse senza accorgersene, sono stati sempre tuoi ferventi ammiratori. Il Maresciallo Cosmo Teberino 2

3 Da solo ma mai solo... di Giovanni TEBERINO Silenziosa Campobasso. I fiocchi copiosi della neve di marzo coprono il respiro delle nostre anime e ne quietano gli affanni. Il Museo è vuoto, freddo, gli Ingegni silenziosi e, in questo stupore dell anima si scrive con più serena partecipazione... Il giardino del Museo innevato (marzo 2015) La mente mi riporta al Corpus Domini dello scorso anno. La sveglia è stata la solita: molto presto alle 5,00, quest anno un pò diversa e anche mia madre è più emozionata degli altri anni. Il primo caffè, indosso la divisa dell Associazione e scendo le scale, poi il solito rituale che non manca mai, il segno della croce all uscita del portone e uno sguardo al cielo per vedere il tempo e non solo... Si parte e questa volta al mio fianco il sedile è vuoto: mi assale un emozione sconosciuta. La prima tappa alle 5,30 non è stata il solito giro della città che facevo insieme a mio padre, ma l entrata del cimitero cittadino: con mio fratello, mia sorella, mio cognato, mio nipote e qualche amico, abbiamo voluto dare il buon Corpus Domini a mio padre, scomparso da pochi mesi. Mentre cammino lungo i viali, tra il cinguettio degli uccelli, tornano alla mente tanti ricordi e aneddoti legati ai Misteri. Ecco, siamo giunti dinanzi alla lapide: l emozione si palesa in tutti i presenti, il silenzio maestoso dell alba si unisce ai nostri pensieri, si rimescola nei ricordi e dona attimi che nessuno dimenticherà. Ancora un saluto e, con le lacrime agli occhi iniziamo, anche quest anno, a vivere il rito antico... Sono le 6.00 ed ad attendermi davanti al Museo già trovo tutti gli amici con la divisa ufficiale dell Associazione. L apertura del cancello del Museo quest anno è toccata a me e, oltrepassandolo, ho sentito qualcuno che mi dava il coraggio e la carica giusta, anche perchè dopo 41 anni come figurante sui Misteri avevo deciso che era arrivato il tempo di scendere e cedere il posto a mio nipote Giulio che continua la tradizione di famiglia. Dopo tanti anni insieme, si avverte la gioia del giorno di festa ma anche un lieve velo di tristezza, uno di noi ci guarda dal cielo. E il momento della foto di rito, quest anno fatta prima della sistemazione dei Misteri nel piazzale e sullo sfondo un grande striscione con l immagine di mio padre che sembra darci la carica e la tranquillità fondamentale per affrontare i tanti stress del giorno: uno sguardo all agnello che salirà sull Abramo, il caffè e cornetto per tutti gli associati non può mancare e si iniziano a portare nel piazzale i cinque Misteri e sistemare gli altri all interno in ordine di sfilata, altri volontari sistemano sedie e altare per la celebrazione della messa officiata dal Vescovo. Tutti i membri dell Associazione hanno un compito e ogni cosa viene fatta con precisione ma, soprattutto, con passione. Si iniziano ad addobbare i Misteri con frasche, grano, fiori, a sistemare i vestiti su ogni Mistero: sembra quasi tutto pronto... La neve scende calma e silenziosa e l alma qua contempla e z arriposa don Antonio Pizzi...Il tempo vola e sono le 7.30, è arrivata anche mia madre che non riesce a trattenere l emozione. Il piazzale si è riempito di bambini, genitori, fotografi: l emozione inizia a farsi sentire e così alle 8.00, gli amici dell Associazione sono tutti allineati davanti ai Misteri e fanno da ala al passaggio del Vescovo pronto per la Santa Messa. Le letture sono affidate ai bambini protagonisti dei Misteri e il momento più toccante è il ricordo per il Custode dei Misteri, oltre alle parole di padre Giancarlo. Le truccatrici dei diavoli già sono pronte e con loro i tanti fotografi che vogliono immortalare l evento; un lungo applauso conclude la santa messa. Sono le 9.00 e inizia la fase più delicata: la vestizione. Per ogni Mistero ci sono sempre due addetti che se ne prendono cura dall inizio alla fine: sono persone semplici, esperte e discrete. I bambini si fanno imbrigliare nei seggiolini, si controlla la comodità e pronti con i vestiti a coprire le imbracature e imbottiture, qualche piuma staccata dalle ali inizia a svolazzare e salire su in cielo. Fuori dal cancello è un gran casino di curiosi. I portatori sono entrati nel piazzale e le Forze dell Ordine iniziano a far largo. Nella confusione si sentono i tre spari che avvisano alla città che anche quest anno il rito si compie: la banda intona il solito motivo, il Mosè. Tutto è pronto: il capo squadra del primo Mistero sistema i portatori, un suono di fischietto tutti si scansano. Battendo la bacchetta sulla base, al grido di scannétt allért uno.. due.. e tre... il Mistero si alza e si posiziona sugli scanni per gli ultimi dettagli e raccomandazioni. Con dieci minuti di anticipo parte il primo Mistero tra gli applausi e la gioia della gente, e a seguire tutti gli altri. Seguo tutta la processione facendo avanti e indietro controllando un po tutto, e eccoli tutti allineati davanti il Palazzo di Città e la benedizione del Vescovo dal balcone poi lentamente uno alla volta rientrano nella casa dei Misteri. Tutto sembra sia andato per il meglio, l andrenalina era altissima fin al rientro dell ultimo Mistero al Museo e alla chiusura del grande portone. È stato un Corpus Domini diverso e molto particolare non solo per me, ma con la sicurezza che tu, dall alto ci guardavi e, con noi, trepidavi ed ansimavi nel vedere toccare il cielo i tanti piccoli angeli... La neve continua a posarsi lieve sulla città e dal Museo i Misteri sembrano incantati nel vedere il Castello Monforte in un ricamo di pietre imbiancate. Anche quest anno la mattina del Corpus Domini, alle 5,30 uscirò da casa da solo, ma nel cuore la tua presenza sarà sempre costante... L interno del Museo sala Cosmo Teberino 3

4 Maria Maddalena, via che conduce a Gesù Nella sacra rappresentazione che il giorno del Corpus Domini si esprime per le vie di Campobasso attraverso la La Sagra dei Misteri, tra Santi e diavoli, con l eccezione della Madonna (Assunta ed Immacolata), spicca una sola figura femminile: Maria Maddalena. Infatti tra tutti gli altri Santi (Isidoro, Crispino, Gennaro, Abramo, Antonio, Leonardo, Rocco, Michele e Nicola), l unica donna è proprio Maria Maddalena. Vale la pena soffermarsi su questa figura perché non a caso potrebbe essere stata in origine inserita tra i Misteri. Tutte le sacre rappresentazioni di un tempo sono state infatti concepite allo scopo di far comprendere il messaggio evangelico o comunque religioso al popolo analfabeta, attraverso l immagine visiva. Bisogna innanzi tutto puntualizzare che la Santa Maria Maddalena campobassana non è certamente né la anonima peccatrice che unse di aromi profumati i piedi di Gesù e li asciugò con i suoi lunghi capelli, né la Maria di Betania sorella di Lazzaro e Marta; si tratta invece di Maria di Magdala che, secondo l evangelista Luca, fu da Gesù liberata da sette spiriti e della quale, prima della crocifissione, si fa menzione nei Vangeli solo una volta per questo motivo. Maria Maddalena, dopo l ascensione di Gesù, come altri discepoli, intraprese la sua opera di evangelizzazione sbarcando in Provenza e, secondo la leggenda, stabilendosi in una grotta dove visse in penitenza per una trentina di anni; da qui, presagendo la sua imminente morte, raggiunse San Massimino, Vescovo di Aiax, tra le cui braccia spirò dopo avere da lui ricevuto il sacramento della Eucarestia. A ciò ispirandosi, agli inizi della seconda metà del Settecento, Paolo Saverio Di Zinno ha concepito il Mistero di Santa Maria Maddalena nel momento in cui San Massimino ne vede l anima ascendere al cielo dopo la morte. La presenza di Maria Maddalena nella sequenza di santi che, insieme alla Madonna, precedono il quadro finale che è Gesù, raffigurato come Sacro Cuore, quale significato potrebbe quindi assumere? Il cristianesimo, in primis quello orientale, ha sempre considerato Maria Maddalena uguale agli apostoli, pur essendo una donna; anzi, rispetto a di Francesco STANZIONE IL RICORDO Un diavolo tra gli angeli Un volto familiare, anche se temuto: il diavolo di San Michele, con quella faccia mostruosamente simpatica inveiva e ironizzava su tutti. Chi lo ha conosciuto ne ha vissuto anche le esperienze che si divertiva a raccontare, tra aneddoti e storie colorite. Dal 1977 Giulio Creopolo, classe 1954, aveva ricoperto quel ruolo: il diavolo di San Michele. Amava prendere in giro tutti, come era nel carattere del personaggio che con orgoglio impersonava, lui che nella vita ne aveva passate di tutti i colori. Lo ricordo già da bambino, quando veniva a trovare mio padre e insieme, tra una sigaretta e i ricordi della sfilata dell anno prima, ridevano felici alla vita. Era sempre presente e nella grande sfilata dei Misteri dal Santo Padre nel 1999, si diede un bel da fare per essere di valido supporto nell organizzazione. Il 1998 l ultimo anno che Giulio salì sui misteri. Negli ultimi anni i problemi di salute lo attanagliavano ma voleva essere lo stesso presente per vedere i Misteri prender vita. Dopo la morte di mio padre, il maresciallo come piaceva chiamarlo, non lo ho più visto passare al Museo dei Misteri. Un giorno, casualmente, lo incontrai per strada e mi disse, con una voce sofferente, che non riusciva a varcare più quel cancello: erano troppi i ricordi che lo assalivano. E così, senza insistere, lo salutai. Chi avrebbe mai detto che quella era l ultima volta che lo avrei visto. Nei primi giorni di dicembre, freddi come non mai, la notizia: Giulio Creopolo, il Diavolo di San Michele, se n è andato per sempre. Era un personaggio, Giulio, nel suo stile di vita, nel suo sorriso allegro, con quella Giulio Creopolo questi, viene definita la discepola perfetta, in virtù del suo incondizionato seguire Gesù che in un linguaggio odierno potremmo definire senza se e senza ma senza rinnegamenti (Pietro) e senza dubbi (Tommaso), avendo compreso la Verità meglio di tutti gli altri. Maria di Magdala e Maria di Nazareth sono inoltre, tra i personaggi dei Misteri, gli unici che sono stati vicini a Gesù durante la sua vita terrena; la prima discepola perfetta, la seconda donna perfetta. Gesù, dalla Croce, affida sua madre a S. Giovanni, che incarna tutta l umanità, consacrandolo suo figlio, ma nel contempo rendendo la Madonna madre di quella stessa umanità, e accanto alla Madonna, in quei momenti, vi è Maria Maddalena, il modello al quale ispirarsi per poter essere degni seguaci di Cristo, ma anche colei a cui per primo Gesù si è manifestato dopo essere risorto, colei che può essere considerata la fondatrice del cristianesimo in quanto annunciatrice della resurrezione; due donne, insomma, attraverso le quali, per vie diverse ma convergenti, si arriva a Gesù. Poiché tutto ciò che avviene nel mondo non avviene mai a caso, sarà stata allora la Divina Provvidenza a far sì che nel giorno del Corpus Domini, tra i Misteri, vi sia la presenza sinergica di Maria Maddalena con la Madonna, a porgere ai campobassani il messaggio che si può arrivare a Gesù solo seguendo il loro esempio? Poliorama Pittoresco del 1850 di Giovanni TEBERINO sigaretta in bocca seduto accanto a mio padre, con la sua ironia per anni aveva preso in giro tutti quanti. Ora, ne sono sicuro, sorride Giulio e anche se tantissimi non ricorderanno il suo volto, vederlo truccato da diavolo, ne sono sicuro, riporterà alla mente di tanti questo uomo Giulio Creopolo nel ruolo del Diavolo che per più di venti anni ha animato il Mistero di San Michele con quella ironia che, sicuramente, era anche parte della sua vita. Ciao Giulio e, con tutti noi, continua a vivere nella sfilata dei Misteri. Prima i Misteri (1768) poi gli Stati Uniti d America (1776) di Franco DI BIASE Come ogni anno Giovanni Teberino mi ha chiesto di scrivere qualcosa per il Corpus Domini (Cuorps Domene) ovviamente già la sola richiesta gratifica il mio essere campobassano. Purtroppo non è la sola cosa che può permettere al Corpus Domini Campobassano di crescere ancora di più. Per crescita certamente non mi riferisco a quella religiosa, ci mancherebbe, a me piacerebbe che la città di Campobasso fosse identificata, ancora di più, dalla Sagra Dei Misteri. Campobasso la città del diavolo. Il diavolo dei misteri. Qualche anno fa s iniziò con maschere in terracotta, ma tutto finì nell oblio, tutto dimenticato. Anche a livello di amministrazione comunale, mai si è avuto, non dico un assessore, ma un consigliere delegato alla Sagra dei Misteri, ma anche alla processione del Venerdì Santo, due eventi che coinvolgono l intera città ma ancora sottoutilizzati. Pensiamoci a fondo, ragioniamoci, creiamo un marchio, sissignori proprio un marchio: il marchio dei Misteri. Pensiamo a qualcosa di vivo, qualcosa che ci faccia vivere, parlare, partecipare i Misteri per tutto l anno. Ogni attività campobassana potrebbe/dovrebbe avere le foto dei Misteri. Magari anche foto d epoca, poiché li allestiamo dal 1768, problemi non ne dovremmo avere per recuperare materiale. Mai, per esempio, si è pensato di organizzare una gara di cucina per la sagra dei misteri, una gara tra piazzaioli, per la Sagra dei Misteri. Abbiamo una Sagra patrimonio dell umanità, ma non abbiamo le spaghett a la Sant Rocc, le penn du diaul l criuole e San Crispin. In epoca egemonizzata da Master Chef dovrebbe essere molto facile, tranne se il mio carissimo amico partecipa al concorso con i suoi eccezionali (?) petti di pollo in padella.lasciamo perdere.. Stesso discorso potrebbe essere legato alle pizze la pizza Abramo suonerebbe bene, per esempio. Un popolo si riconosce da quello che mangia, ma soprattutto da quello che ha fatto per arrivare a mangiare. Abbiamo una storia di tradizione, solo limitatamente alla Sagra dei Misteri, che parte da lontano dal La dichiarazione d indipendenza deli Stati Uniti d America è datata ed ho detto tutto Peppino De Filippo in Totò, Peppino e la malafemmina. In pratica. per andare dove dobbiamo andare, per dove dobbiamo andare?. Sappiamo da dove veniamo, facciamone tesoro e costruiamoci un futuro utilizzando la nostra storia. Ne abbiamo, di storia, ma abbiamo bisogno anche di costruirci un futuro. 4

5 Le vie percorse dai Misteri 7 giugno 2015 Corpus Domini ore ore ore ore ore Santa messa nel piazzale del Museo; inizio vestizione Misteri; Processione dei Misteri per le vie della Città; Benedizione dei Misteri dal Palazzo di Città; rientro dei Misteri al Museo. LUNGHEZZA PERCORSO mt 3450 M) 1) 2) 3) 4) 5) 6) 7) 8) 9) MUSEO USCITA via Trento via Milano via Monforte via Torino via Marconi via S. Antonio Abate via largo S. Leonardo via Cannavina via Ferrari 10) 11) 12) 13) 14) 15) 16) 17) 18) 19) via p.za Cesare Battisti via Mazzini via Umberto I p.za Cuoco via Cavour c.so Bucci p.za Pepe c.so Vittorio Emanuele II p.za Vittorio Emanuele II c.so Vittorio Emanuele II 20) via Scatolone 21) viale Regina Elena B ) p.za Vittorio Emanuele II - Municipio BENEDIZIONE 22) via de Attellis 23) via Roma 24) via Trieste 2) via Milano 1) via Trento M ) MUSEO RIENTRO

6 Quattro chiacchiere con Giovanni Teberino ad un anno dalla sua discesa dai Misteri La manifestazione del 2014 è stata la prima, dopo 41 anni, senza lo storico interprete del Sant Isidoro di Paolo GIORDANO Sono due i cognomi indissolubilmente legati ai Misteri del Corpus Domini campobassano! Il primo è, ovviamente, Di Zinno, quello del loro geniale creatore, l altro è Teberino, cioè della famiglia che, da buona parte del secolo scorso, si occupa della manutenzione degli Ingegni nel Museo dei Misteri di via Trento. Tutto ebbe inizio nel 1913, con la partecipazione come figurante di Antonietta Benducci, la mamma di Cosmo Teberino, a ragion veduta ricordato -quest ultimo- come indiscussa Memoria Storica della processione. Egli, infatti, dedicò la sua intera vita ai Misteri, prima come interprete (dal 1933 al 1949) ) e poi come attento e solerte custode delle macchine ideate da Paolo Saverio Di Zinno, fino al 28/10/2013 quando In paradisum deducant te angeli (titolo del fumetto edito nel 2014). I suoi tre figli (Liberato, Antonietta e Giovanni), nonché i nipoti Maria Sole (Teberino) e Giulio (Grosso), oltre ad essere capisaldi dell Associazione Durante la Processione del 2014 Misteri e Tradizioni, curano amorevolmente, sotto ogni loro aspetto, le 13 opere del Di Zinno, perché arrivino pronte ed efficienti all appuntamento del Corpus Domini. Tutti hanno indossato i panni di almeno un personaggio dal 1968 al Nel 2014 solo la terza generazione era in scena e, forse, nel 2015 nessun Teberino sfilerà: ci sarà di sicuro Giulio, il cui cognome, però, è Grosso! Con la sfilata del 2013, dopo 41 anni, ha concluso il suo ciclo Giovanni, il terzogenito di Cosmo, consegnando (in senso letterale) il bastone di Sant Isidoro, che fu anche di suo padre, al nipote Giulio. Ad un anno dalla sua prima assenza chiediamo a Giovanni come ha vissuto la Processione Indubbiamente è stata una novità seguire i Misteri dal basso, tra la folla, i portatori e lo staff di tecnici che affianca il corteo. Ma la scelta era stata opportunamente meditata. Del resto, anche negli anni precedenti, pur essendo tra Santi ed Angeli, mi informavo costantemente su come si stesse svolgendo la manifestazione. Insomma il naturale passaggio ad un nuovo ruolo. Diciamo di sì! Nei panni di Sant Isidoro non mi era possibile coordinare le operazioni ed in me cresceva tale esigenza. Anche per questo ho pensato fosse meglio scendere, lasciando spazio ad altri. Per un triste scherzo del Destino la decisione è coincisa con la scomparsa di papà Cosmo. Le due cose non erano in origine collegate tra loro. Chi avrebbe mai potuto prevedere la dipartita di papà? In effetti, a posteriori, il mio nuovo ruolo è divenuto una sorta di passaggio di consegne. Credeva iniziasse un periodo di meritato riposo? Non proprio di riposo... ma meno totalizzante! Addirittura comperai una macchina fotografica. Probabilmente nell inconscio credevo che avrei potuto fare il turista : ho scattato solo 3 foto! Un altro è stato lo strumento veramente utile: una radio con cui seguire (senza intromettermi però) i - Foto: Michele Montano dialoghi tra i 7 8 radioamatori della F.I.R. (Federazione Italiana Ricetrasmettitori) che seguono il corteo. Il loro apporto è fondamentale per essere tempestivamente informati su ciò che accade sui singoli Misteri, su eventuali intoppi, sulle soste e sulle ripartenze insomma sono essenziali alla buona riuscita dell evento. E così lei ha potuto essere ovunque. E stato come un padre... discreto ma sempre presente. E una definizione impegnativa... ma non mi dispiace, spero solo di essere all altezza. Ma certo che lo è lo è stato e lo sarà! Anche se si dice che si sia rivelato alquanto autoritario, prendendo in mano svariate situazioni, alcune delle quali proprio durante l uscita dei Misteri dal Museo. E vero! Quest anno siamo partiti con circa 10 minuti d anticipo. Si, a ben pensarci, sono stato autoritario ed autorevole, ma quando necessita non sono forse queste le peculiarità di un buon genitore? I tempi vanno rispettati, è una specie di catena di montaggio. Si prepara un Mistero e, mentre questo parte... sugli altri, di seguito, si continua l allestimento, perché escano a loro volta. Se si cincischia si perde il ritmo. E nel passato? Si perdeva il ritmo! Chi se ne occupava? C era autogestione, per cui mancando un coordinatore, era inevitabile, malgrado la buona volontà di ognuno, qualche disguido. Ma ci rendiamo realmente conto di cosa significhi organizzare un Mistero? Personaggi da posizionare, accessori, vestiti. E poi, malgrado la preparazione psico fisica preliminare, subentrano emozione e paure, specialmente per i neofiti. E nel 2014? Nel 2014 è stata una processione veloce, proprio perché non si è perso tempo con ingiustificati ritardi. Ma per veloce non intendo una corsa, bensì un andamento ordinato ed armonioso. Inoltre il pubblico vede solo gli Ingegni con i portatori, ma attorno ad essi vi è un apparato che, oltre ai radioamatori ed alle forze dell ordine, include 5 bande musicali, sanitari e tecnici, quali un fabbro ed un falegname, con 5 scale sempre pronte (3 in legno e 2 in alluminio) insomma delle importanti professionalità che devono essere nascoste, ma presenti ed operative, senza interferire con l evento in sé. L ultimo pensiero (anche se ingenera tristezza) deve essere rivolto al grande assente Cosmo Teberino. Proviamo ad immaginare quale sarebbe stata la sua soddisfazione nel riscontrare in lei un così appassionato erede. Per averlo vicino sul gilet avevo appuntato la mostrina dei Vigili Urbani, quella che portava sulla sua divisa e E poi? Nella tasca di quel gilet avevo infilato il libretto della Messa celebrata in suo ricordo. La cosa mi era sfuggita di mente e non ricordavo più di averlo lì. Una fotografia, scattatami durante le fasi preparatorie della partenza, mi ha rivelato che l immagine di papà era ben visibile ed io, inconsapevolmente, l ho avuta con me per tutto il tempo. Insomma è stato mio inseparabile compagno durante tutta quell importante giornata! - Foto: Giulio Sagradini Durante la Messa celebrata da Mons. Bregantini 6

7 I MISTERI NEGLI ANNI 50 di Andrea DAMIANO Partecipare alla processione di Misteri come figurante è un ricordo che resta indelebile nella memoria anche a distanza di decenni. Chiacchierando con chi sessanta anni fa ha avuto l opportunità di salire sugli Ingegni è stato possibile raccogliere differenti testimonianze accomunate tutte dalla stessa gioia che traspariva ancora evidente negli occhi e nelle parole nonostante il tempo passato. Ho avuto la possibilità di andare sui Misteri perché il cugino di mio padre si occupava della vestizione di tre Ingegni. Si può dire che per la mia famiglia era una consuetudine partecipare alla Processione dei Misteri e oltretutto, a differenza degli altri figuranti, non dovevamo pagare il vestitore per occupare uno dei posti disponibili. Avevo 11 anni quando ho interpretato Maria Maddalena e per l occasione avevo sciolto i miei lunghi capelli castani. La mattina della Processione mi h a n n o accompagnata ben presto nel cortile della Casa della Scuola perché i preparativi erano molto laboriosi. Bisognava infatti fasciare ben stretti i bambini ai ferri per evitare che con le oscillazioni potessero farsi male e il cugino di mio padre si assicurava scrupolosamente che tutto fosse fatto a regola d arte. Quel giorno faceva tanto caldo e ricordo che mia nonna, nonostante l età, seguì il Mistero durante tutta la Processione portando bibite e acqua da darmi se ne avessi avuto bisogno. È stata la prima e unica volta sui Misteri ma ricordo ancora il senso di libertà che ho provato durante la Processione. Mi sarebbe piaciuto che anche mio figlio potesse salire sui Misteri ma le preoccupazioni di mio marito non mi hanno permesso di realizzare questo piccolo desiderio. (Marianna Sanginario) Per due anni consecutivi sono stato sul Mistero di San Nicola, la prima volta, a quattro anni, comodamente seduto sulla panchina presente sulla base e in seguito promosso sul ferro nel ruolo dell angelo. Mio padre teneva molto alla tradizionale Processione dei Misteri e credo che si sia dovuto impegnare molto per farmi partecipare perché c era molta richiesta. Credo che la scelta del Mistero non sia stata del tutto casuale visto che mio padre si chiamava Nicola e che anche lui da bambino aveva interpretato l angelo sullo stesso Mistero. Ero molto piccolo e i ricordi di quelle giornate sono sostenuti e confermati da alcune fotografie che tengo gelosamente incorniciate. Ciò che non potrò mai dimenticare è la costante presenza di mio padre vicino al Mistero pronto ad intervenire in caso di necessità e il piacevole dondolìo che mi accompagnava per tutto il tempo della Processione. Non sono riuscito a far vivere la stessa esperienza di figuranti ai miei figli ma sicuramente ho trasmesso loro la mia passione per i Misteri e sono contento di aver contribuito a realizzare il sogno di mia nipote Giorgia che è salita per due anni sul Mistero (Andrea Guidone) Fino a quando l età e la corporatura me lo hanno consentito ho partecipato alla Processione dei Misteri. Per diversi anni ho sempre interpretato il ruolo di un angelo ma su Misteri diversi: la Faglia (Mistero di Sant Isidoro n.d.r.), San Crispino e Abramo. Mia nonna, nei giorni precedenti la Processione, preparava dei cuscini da sistemare sui ferri dei Misteri per evitare che mi facessi male ma, invece di imbottirli con la lana, li riempiva con la segatura. Questa, infatti, era il materiale che Mistero di S. Nicola Programma del 1954 Antonietta De Santis, classe 1928, meglio conosciuta semplicemente come la Signorina, si è occupata per circa cinquant anni della - Foto: Nicola Felice da sinistra: Ferdinando Di Nonno, Renato Castaldi, Cosmo Teberino, Antonietta De Santis Il racconto dei protagonisti La Signorina dei Misteri manutenzione dei costumi indossati dai figuranti dei Misteri fino a quando, circa quindici anni fa, ha passato il testimone ed il suo carico di esperienza all omonima Antonietta Teberino. Da ragazza avrei preferito continuare gli studi ma, non potendomelo permettere, decisi di imparare il mestiere di sarta. Un giorno gli organizzatori della Processione dei Misteri mi chiesero se volevo dare una mano con i costumi ed io accettai volentieri. All epoca i Misteri erano conservati in alcuni locali della Scuola Elementare di via Roma e qualche mese prima del Corpus Domini venivano montati e sistemati nella palestra. Io mi occupavo di rammendare e lavare i costumi e, vista la scarsità di mezzi e spazi, ero costretta il più delle volte a stirarli sui banchi degli alunni. Fortunatamente ad alleviare la fatica provvedeva la custode della scuola che molto gentilmente veniva a trovarmi portandomi un caffè. Per poter conservare meglio i costumi chiesi a un mio zio falegname di realizzare delle casse di legno che vengono ancora oggi utilizzate. La mattina del Corpus Domini c era molta confusione durante la vestizione e io cercavo di rendermi utile consegnando spille da balia a chi ne avesse bisogno. A volte capitava che qualcuno non sopportando la mia presenza o le mie osservazioni, si rivolgesse a me con un inequivocabile De Santis, ma non ti sai fare gli affari tuoi?. Ricordo con piacere che quando terminava la Processione ricevevo in omaggio il cestino di fiori che era stato messo sul Mistero di Sant Isidoro. Nel 1959, quando fu realizzato il Mistero del Sacro Cuore, mi più di ogni altro si distribuiva uniformemente nel cuscino e garantiva una migliore protezione dal ferro. Ricordo che mia nonna cuciva i cuscini in casa e poi andava a provarli sui ferri per accertarsi che fossero della misura giusta e non troppo gonfi. La sera prima della Processione mi accompagnavano da una parrucchiera che provvedeva ad acconciarmi i capelli a boccoli. Sfortunatamente, per ottenere un buon risultato per il giorno seguente, ero costretta a portare i bigodini per tutta la notte e questo, insieme all eccitazione, mi impediva di dormire serenamente. Chiunque interpretava un angelo doveva realizzare un cuore di cartone che veniva personalizzato cucendoci sopra dei gioielli d oro, in particolare collane. Nonostante ci fosse il rischio di perdere qualcosa di prezioso si faceva a gara per realizzare il cuore più ricco d oro anzi, chi non ne possedeva molto, lo chiedeva in prestito ad amici e parenti. Stare sui Misteri suscitava in me emozioni contrastanti per cui l iniziale paura di trovarmi a diversi metri da terra, che sopportavo per obbedienza ai miei genitori, si trasformava in una grande soddisfazione quando, durante la sfilata, vedevo gli spettatori applaudire al passaggio del Mistero. In un certo senso mi sentivo importante. (Lina Petrella) occupai di cucire tutti i costumi con delle stoffe appositamente acquistate a Roma. Non è stato facile svolgere questa attività, anzi a volte è stata una vera sofferenza, ma l ho fatto sempre volentieri perché i Misteri sono belli! Foto: Giovanni Teberino da sinistra: Antonietta Teberino, Andrea Damiano, Libera Morena, Antonietta De Santis 7

8

9

10 CUORPESDÒMMENE La Processione dei Misteri nella poesia di Giuseppe Altobello di Paolo GIORDANO Giuseppe Altobello ( ) è principalmente conosciuto quale uomo di scienza: medico, naturalista e zoologo. La Clinica Altobello, sorgeva nell attuale piazza della Vittoria in Campobasso, laddove oggi si elèva il transatlantico Di Penta (progetto dell architetto Davide Pacanowski). All interno della casa di cura era conservata una collezione faunistica, allestita con gusto scenografico, attualmente divisa tra Ozzano Emilia e Bologna. L antico edificio, unitamente al Sannita di Enzo Puchetti, costituiva uno scorcio affascinate della Campobasso anni 30, romanticamente testimoniato dalle foto d epoca. Giuseppe Altobello fu, comunque, anche poeta e, nello specifico, poeta dialettale. Nelle sue opere fissò le voci del dialetto campobassano, una lingua con tante vivide luci della parola latina, tentando di salvarlo dall abbandono. I suoi scritti forniscono valido materiale d indagine agli studiosi, sia di glottologia che di tradizioni popolari, evocando feste ed ambienti/scenari di vita quotidiana. In qualità di ufficiale medico partecipò alla Grande Guerra ( ). La sua partecipazione al conflitto ispirò Da lu fronte, lettere de nu campuasciane. Cola, figlio di Minghe Cunzulette (pseudonimo adoperato dall Altobello stesso) racconta Giuseppe Altobello al fronte la sua esperienza bellica attraverso una narrazione dal basso, cioè quella di un inconsapevole e semplice ragazzo meridionale: una prospettiva diametralmente opposta a quella dell ermetico Ungaretti, intellettuale ed interventista. Tornando al poeta dialettale, che volle cantare la sua Campobasso e le tradizioni ad essa legate, in occasione della Solennità del Corpus Domini non ci si può esimere dal soffermarsi nel gustare la trilogia Cuorpesdòmmene. Sono tre i componimenti che illustrano questa festa nostra senza uguali al mondo, poiché non v è altrove alcuno che ne sia degno. Con estrema efficacia l autore, denotando la piena padronanza del linguaggio, trasmette al lettore la tangibile sensazione del movimento de le ngegne che nzuòcchele nzuòcchele molleggiàn molleggiando percorrono strade inerpicandosi per scale. Luuate a spalle dai portatori sfilano Angeli e Santi, il cui regno è nel Cielo. Nell elencare i 12 Misteri (ignorando il SS Cuore di Gesù realizzato nel 1959) egli fa sì che le scene della processione si materializzino davanti agli occhi. Tutt intorno, come descritto nella seconda lirica, fermento ed agitazione per l importante giornata. Le meglie gente stendono coperte dalle finestre e si apprestano a rinnovare la tradizione di regalare biscotti a serti (mescuotte a scerte) interagendo con i figuranti. L Altobello, che chiaramente rievoca i ricordi della fanciullezza, rammenta quando con gli amici rimanevano con le vocche aperte nell ammirare la folla entusiasta e partecipe, nonché la bellezza di quei momenti. Gli spettatori si posizionavano dappertutto (ngopp a le titte p ogne casarella) non potendo esimersi dall accorrere, attratti dal richiamo più caratteristico e secolare della Manifestazione, ovvero quello di chille cu le cornacelle che invitavano la tunzella a seguirli... perché venisse al tronetto d oro! Nella terza ed ultima poesia non più ricordi d infanzia, ma constatazioni del suo presente (siamo nei primi decenni del 1900). Non più religiosa partecipazione, ma una mal disposizione tra l orgiastico e l irriverente: si sale sui Misteri satolli come maiali. Poi, il sole cocente fa il resto: si suda, si dorme e ci si lamenta. Scene sconcertanti per noi contemporanei e ben lontane dal serio impegno dei tempi attuali! E la denuncia di una deriva di costumi, che l Altobello -sicuramente- coglie a tutti i livelli. E ne aumenta l efficacia il pensiero di figure angeliche, come Santi e Madonne, precipitate in un abisso di degrado con lu stommeche gonfio cumme mbolla. Immancabile il conclusivo rimpianto dei tempi passati: a tiempe miè l Abrame e lu Sebete pur stando a terra (tale è la loro posizione sul carro) partecipavano digiuni. Ma nce sta cchiu chella dducazijone tanto che si va sazi anche alla comunione ed è inevitabile che alla fine, irreversibile epilogo, si abbia da arrabuscià. Non è da escludere che Giuseppe Altobello, oltre alle reali cattive abitudini dei figuranti dei Misteri, abbia voluto stigmatizzare un malcostume più ampio e di ben altra natura. E se oggi, per quanto riguarda la sfilata del Corpus Domini, tutto avviene nel totale rispetto del buon senso e dell evento in sé, in altri ambiti c è sempre, purtroppo, qualcuno che ze satolla cumm a maiale nfine a che ne vuonne... in troppi si satollano come maiali fino a che ne voglion! Archivio Chiodini Il villino Altobello in stile liberty - Ph. Chiodini I Nzuòcchele nzuòcchele ecchele le ngegne, la festa nostra che nze trova guale e nze ne trova n auta, naturale, pecchè ngopp a stu munne nen zo degne. Luuate a spalle, appena date segne, geranne vije e po nghiananne scale passene nnanze tutte tale e quale Angele e Sante ch ànne nciele regne: l Assunta, S. Gennare, Sant Antuone, San Necola, San Rocche pellegrine, Abrame, San Lunarde che sta ntrone, passa cuscì la Faglia e San Crispine, la Matalena, la Cuncezzione, Sante Mechele Arcangele divine. I Molleggiando molleggiando ecco gli ingegni, - la festa nostra che non ha l eguale e non ce n e un altra, è naturale, - perché su questo mondo non son degni. Levati a spalla, appena c è il segnale, - girando strade e poi salendo scale passano innanzi tutti somiglianti Angeli e Santi che hanno in cielo il regno: - L Assunta, S. Gennaro, Sant Antonio, - San Nicola, San Rocco pellegrino, - Abramo, San Leonardo che sta in trono, - passa così la Faglia e San Crispino, - la Maddalena, la Concezione, - San Michele Arcangelo divino. II Da la matina tu verive sperte le meglie gente chjene d accurtezza a spanne a le funestre le coperte, a caccià fore tutta la recchezza, a fa provviste de mescuotte a scerte per farle arrijalà cumm era avvezza e nu remanavame a vocche aperte pe rreguardà la folla e la bellezza. Ngopp a le titte p ogne casarella vedive dappertutto gente fore a sentì chille cu le curnacelle che doppe na fischiata fatta a core Oi tunzella, attaccavene tunzella, viene, vietènne a la seggetta d ore! II Dalla mattina tu vedevi in giro la miglior gente piena di accortezza a stendere coperte alle finestre, - a metter fuori tutta la ricchezza, - a far provviste di biscotti a serti per farli regalar com era avvezza e noi rimanevamo a bocca aperta per rimirar la folla e la bellezza. Su per i tetti per ogni casetta vedevi dappertutto gente fuori a sentir quelli con le corna in fronte che dopo una fischiata fatta in coro O donzella, attaccavano donzella, - vieni, vienitene al tronetto d oro! III Mo nz arriva a fa juorne che la folla de Angele de Sante e de Maronne già prima d esse appesa ze satolla cumm a maiale nfine a che ne vuonne: cu stu sole che coce e che l ammolla arriva nu mumente ca nne puonne, lu stommeche ze sbotta cumme mbolla e quacche sante chiagne o piglia suonne. A tiempe miè l Abrame e lu Sebete che stanne sempe nterra, vu sapete, scennevene addijune a ngopp a llà. Ma nce sta cchiù chelle dducazijone, ze va magnate a la cummunijone e ze capisce ch hanna arrabuscià. III Or non arriva giorno che la folla di Angeli di Santi e di Madonne prima d esser appesa si satolla come maiali fino a che ne voglion: - con questo sole che scotta e che li ammolla arriva che non ne possono più, - lo stomaco si gonfia come bolla e qualche santo piange o piglia sonno. Ai miei tempi l Abramo ed il Sebeto che stanno sempre a terra, lo sapete, - scendevano digiuni da lì sopra. Ma non c e più quella educazione- si va sazi alla comunione e si capisce che han da vomitare. 10

11 MISTERI: GLI ASPETTI POSITIVI E I NEGATIVI Attenzione: l articolo potrebbe richiedere una seconda rilettura! di Stefano DI MARIA Nell ottimismo c è magia. Nel pessimismo non c è nulla. Non me lo ricordo chi lo diceva, ma non è fondamentale; quello che conta è il fascino che si porta dentro questo aforisma. Io mi sento spesso ottimista e sono portato a pensare e a guardare tutto in positivo: le persone, le giornate, la città, i dettagli e tutto il resto. Una volta, però, mi sono avventurato in un esercizio provando a vedere il negativo di una cosa stupenda: il negativo dei Misteri. Perché l ho fatto? Perché uno è abituato a vederne sempre l aspetto positivo: i colori, gli abiti bianchi, i visi delicati dei bambini ed il cielo azzurro. Ma è solo osservando un certo tipo di fotografie che ci si rende conto che non è tutto come la realtà ci mostra. Era una tarda serata di settembre, quando ancora le giornate tirano per i raggi il sole e lo costringono a rimanere in giro per l aria fino all ora di cena. Son salito nella mia soffitta buia, ho tolto il cartone che eclissa la luce dell abbaino ed ho sovrapposto le mie fotografie al cielo nembo. Incredulo, ho richiuso tutto e mi sono seduto davanti al quattordicesimo mistero: un piano di legno, un ramo di ferro alto e sottile ed una lampada che certe volte si surriscalda e mi ci scotto se la tocco. Così ho preso la mia foto e l ho montata in cima a questo mistero e, nel buio, un immagine è scesa sul piano di legno. Ho messo della carta sensibile alla luce ed ho iniziato a contare il tempo necessario per imprimere l immagine. Subito dopo, per vedere qualcosa, ho accompagnato la carta nel fluido magico della fotografia: il rivelatore. Lì dentro si compone l immagine come farebbe un artista con i suoi acquerelli. Qui, però, senza pennelli: un puntino d argento affianco all altro, ognuno con la sua storia. La fantasia e la poesia sono la mia rovina perché mi alimentano di sentimento e distrazione e così, al primo tentativo, ho perso il conto del tempo ed ho Disegno: Stefano Di Maria tirato fuori una foto tutta nera. E via a ripetere tutto. Stavolta giocavo con le mani sotto la luce per non far scurire troppo le ombre e per far venir fuori le ali senza fare annerire il viso dei portatori. Manco questa foto era uscita: mai più questa carta di produzione russa!. Il vinile di Ella Fitzgerald e di Jobim del 1981 raggiungeva la fine dei suoi giri ed io continuavo a contare: Zero-uno, zero-due, zero-tre. Pian piano la bacinella delle foto buone cominciava a riempirsi ma per arrivare a tredici, una foto per mistero, ci voleva ancora un po di lavoro. Oltre il tetto sentivo il traffico che cominciava a ripartire ed io stavo stampando, appunto, l ultimo mistero, quello del Sacro Cuore di Gesù. Mi sono riavvicinato all abbaino ed ho trovato un cielo più chiaro di quello che avevo lasciato prima di iniziare a giocare con le foto. Era mattina ed il tempo era volato! Neanche a pensarlo che subito iniziava a strillare la sveglia che non avevo disattivato la sera. Eccomi vicino alla sveglia con gli occhi un po assonnati ma ERA STATO TUTTO UN SOGNO: il negativo dei negativi è che se la macchina fotografica ha lo sportello difettoso basta un colpo, si apre e si brucia il rullino. A me, giugno scorso, è successo così e nella realtà ho perso tutte le fotografie. Ma siccome vi ho raccontato che sono un tipo ottimista, proverò a rifare gli scatti alla prossima sfilata! Fine. Anzi, niente fine: se la descrizione non è stata chiara ai non esperti di fotografia analogica cercherò di spiegarmi meglio qui: il quattordicesimo mistero è un ingranditore per la stampa delle fotografie partendo dal rullino e tutta la storia, frutto di fantasia, è ambientata nella camera oscura dove sviluppo i negativi e stampo le mie foto come faceva una volta mio padre. Campobasso vista dai Misteri Quando qualcuno dice di voler visitare la mia città di solito rispondo subito suggerendogli di venire a Campobasso nel giorno del Corpus Domini. È l unico giorno dell anno, infatti, in cui è possibile veder sfilare per le strade e i vicoli della città i meravigliosi ingegni di Di Zinno. Ma non è soltanto per questo che consiglio di trascorrere una giornata nel capoluogo del Molise in occasione Corpus Domini. La verità è che penso che in questo giorno Campobasso sia più bella! Ha una luce e un atmosfera diversa. Me ne accorgo già al mattino, poco dopo l alba, quando esco di casa per andare al Museo dei Misteri: a quell ora, quando l aria è ancora freschissima e ti riempie il petto, per strada non c è quasi nessuno, tutti stanno ancora dormendo. Anche tra le bancarelle regna il silenzio. In giro si vedono solo gli addetti alla pulizia delle strade e, se si scorge qualcuno muoversi in fretta, gli si riconosce addosso il gilet dell Associazione Misteri e Tradizioni. Poi i saluti, i preparativi, le ultime sistemazioni ai Misteri, la santa messa, la frenesia dei bambini, le ultime raccomandazioni, i baci delle mamme. Corre tutto veloce, quasi non ce ne si accorge, ed anche questa volta sono pronto, almeno per qualche ora, ad essere un Santo. Un saluto al Caporale e alla squadra di portatori e scannétt allért! Il Mistero viene alzato da terra e un brivido mi attraversa la schiena. La processione dei Misteri comincia! E allora torno a guardare la città: ormai l aria è tiepida, il sole illumina le case e le strade iniziano a riempirsi. Si arriva a Porta Sant Antonio abate e Campobasso si mostra in tutto il suo splendore: i vicoli stretti gremiti di gente, le urla, gli applausi, i sorrisi. Manciate di dolciumi e collanine di caramelle piovono dalle finestre e dai balconi carichi di persone. Qui si percepisce tutta la partecipazione e l affetto e dei campobassani per i Misteri. E dopo i vicoletti arrivare a Largo San Leonardo è stupefacente. Entrare in questa piazza dà l effetto di un esplosione. Un esplosione di luci, di colori, di suoni, di emozioni. Poi ancora strade e piazze. Si avverte l aria di festa, tutto è più allegro. Le persone che circondano i Misteri sono ormai migliaia. Campobasso sembra addirittura più grande. Salire sui Misteri è per me un onore e un privilegio: è un onore portare avanti un antica tradizione campobassana che dura da più di due secoli ed è un privilegio perché solo in pochi hanno potuto ammirare Campobasso dai Misteri. E vi assicuro che guardandola dal Mistero la città appare ancora più bella! Vorrei che tutti potessero vedere Campobasso dai Misteri... di Antonio Vinciguerra ma, lassù, i posti a sedere sono meno di un centinaio e per di più, la maggior parte, sono riservati ai bambini che sono piccoli, leggeri e belli! E per tutti quelli che sono grandi, pesanti e meno belli? C è qualche speranza? C è una buonissima notizia: alla sfilata dei misteri del 2014 l associazione In Vista ha fatto suo il desiderio di tanti ed ha montato delle piccolissime telecamerine, GoPro, su alcuni Misteri realizzando delle meravigliose inquadrature video che mai si sono viste. Questi giovani campobassani appassionati di fotografia sono riusciti nell impresa di riportare in un video le emozioni che vivono gli angioletti quando si preparano nelle prime ore del Corpus Domini, quando passano per la città dondolando, ascoltando la musica briosa del Mosè di Rossini, scaldandosi con il sole e gli applausi del pubblico e colorandosi di vestiti vivaci, fiori, trucchi e cielo. E, ancora, le telecamerine sono state lì a riprendere la simpatia straripante dei portatori, il loro passo armonico, i volti sorridenti dei Campobassani e dei forestieri, le vetrine, le finestre e tutto ciò che il corteo travolge fino al rientro al Museo. Proprio al termine del percorso, le GoPro sono ancora lì a riprendere i bambini che scendono dalle nervature artistiche dei Misteri per riabbracciare i genitori e, con loro, per andare a prendersi il pacco regalo appositamente confezionato dalla grande famiglia del Museo Misteri e Tradizioni. Tutto questo in un cortometraggio fresco, ricco e che allontana la noia e che di colpo riavvicina lo spettatore alla sua infanzia e al suo sogno di salire su uno dei Misteri. Domanda: ma l anno scorso qualcuno si sarà accorto di queste GoPro montate sugli ingegni? Pare proprio che Di Zinno avesse già pensato anche predisporre i posticini per la tecnologia! di Stefano Di Maria 11 11

12 TORNARE SUI MISTERI di Letizia BINDI Si dice spesso che le etnografie non finiscono mai. E così che capita anche a me da qualche tempo con i Misteri del Corpus Domini di Campobasso dei quali mi sono occupata con maggiore continuità tra il 2005 e il 2009 fino all uscita del volume Volatili Misteri. Festa e città a Campobasso (Armando, Roma, 2009) che ne rappresentò, almeno per quella fase, l esito scientifico più organico. Mi capita di tornare a occuparmi di questa festa e di cosa essa rappresenta nello spazio urbano campobassano e più complessivamente nello scenario patrimoniale molisano, a partire dalla sollecitazione a candidare questo sistema festivo e patrimoniale alla Lista del patrimonio immateriale UNESCO proveniente da alcune figure di spicco della realtà politica regionale come l On. Laura Venittelli insieme all intera Delegazione Parlamentare molisana, alcuni amici e sostenitori come la dott.ssa Francesca Carnevale, Biblioteche dell Ateneo molisano e il Geom. Nicola Vitale della Soprintendenza Regionale per i Beni Culturali. Il gruppo promotore della Candidatura è composto da una serie di istituzioni quali la Regione e la Fondazione Molise Cultura, il Comune, la Provincia di Campobasso e la stessa Curia Arcivescovile, ma in primo luogo dall Associazione Misteri e Tradizioni che da decenni di questa festa si è fatta carico e consente al cerimoniale annualmente di ripetersi. Ai tempi del mio primo lavoro di indagine etnografica avevo spesso messo in rilievo le spinte provenienti dalla comunità così come dai diversi soggetti istituzionali presenti sulla scena urbana a mettere in valore la festa attraverso adeguate strategie di valorizzazione e tutela. Nel 2007 ci si era provato con una qualche concretezza. Tornammo, poi, sull idea nel 2009 quando iniziammo a proporre e a ragionare sull ipotesi di una Rete europea dei Corpus Domini, sulla scia di una riflessione che frattanto andavo svolgendo con altri colleghi italiani ed europei sulle reti della Settimana Santa tra Spagna, Italia, Portogallo e altri Paesi europei, ma anche stavolta ci fermammo dinanzi a intoppi di tipo organizzativo e burocratico. Oggi, a distanza di sei anni, mentre mi trovo impegnata su un altrettanto ambivalente e appassionante fronte di ricerca etnografica quali le Carresi del Basso Molise, ecco che di nuovo mi trovo a ragionare sulla possibilità di una candidatura alla Lista del Patrimonio Immateriale UNESCO dei Misteri nel quadro politico, economico e culturale modificato di questi anni. E un processo ormai avviato che si muove tra aspirazioni collettive e regia politica dei processi patrimoniali: la mia posizione in questo processo resta stretta tra la volontà di aiutare le comunità di eredità a tutelare e valorizzare le loro pratiche condivise al meglio e la tensione etnografica verso i processi decisionali circa la messa in valore dei patrimoni culturali intesa come occasione nuova di visibilità delle comunità, ma anche dei poteri politici presenti sulla scena festiva. Ho accolto con grande piacere, ma per ciò stesso anche con grande senso di responsabilità la proposta di coordinare dal punto di vista scientifico la candidatura, insieme con Katia Ballacchino, che da sempre mi affianca in questa come in altre etnografie molisane e che è una giovane studiosa esperta di processi patrimoniali e di candidature UNESCO nel nostro Paese. Ho proposto al Comitato istituzionale promotore di questo processo patrimoniale una rete europea di celebrazioni del Corpus Domini tra Spagna, Portogallo e Paese Basco sia francese che spagnolo che presentano una grande ricchezza e ridondanza, persino, sul piano performativo come, d altronde, è anche per i Misteri campobassani. Il lavoro sta procedendo in questi mesi con una forte volontà di tutti i soggetti coinvolti e con una rinnovata attenzione alle comunità di pratica, alla gente campobassana che in vario modo partecipa alla festa e la sente come sua, rappresentativa dell identità urbana. Ciò che mi fa più piacere di questa nuova fase del mio lavoro accanto alla comunità cittadina campobassana è aver ritrovato con facilità i rapporti e le sintonie profonde stabilite con gli amici dell Associazione Misteri e Tradizioni, a conferma di ciò che promisi loro, in primis al compianto Maresciallo Cosmo Teberino, una delle prime volte che andai in visita al Museo dei Misteri, allora da poco inaugurato, cioè che non sarei mai stata una di quei giornalisti, studiosi o cultori che venivano a vedere la festa per poi scriverne di fretta senza più tornare. Ho svolto quel lavoro tra il 2006 e il 2009 in modo il più possibile continuativo e partecipato, ma anche discreto cercando di cogliere gli aspetti forti della vita di questa comunità di festa e cercando al tempo stesso di spiegare il valore fondante che i Misteri ancor oggi rivestono per Campobasso nel sistema festivo più generale (la Processione del Venerdì Santo ad esempio, la ripetizione dei Misteri da parte delle comunità molisane in Argentina). Continuo oggi, con entusiasmo, convinta che essa abbia rappresentato allora e continui a rappresentare oggi una porta di accesso eccellente per la comprensione profonda delle dinamiche culturali, sociali e politiche di questa città e di questa Regione, nella quale lavoro da dieci anni e che ormai sento un po anche la mia. I Misteri, dal basso di Katia BALLACCHINO Molti anni fa Letizia Bindi maestra, collega e amica da sempre mi offrì l opportunità di collaborare al suo lavoro antropologico che allora andava svolgendo sui Misteri. Un esperienza che andava ad intrecciarsi con una mia etnografia parallela su una festa campana I Gigli di Nola che, intanto, in questi anni, ha ottenuto attraverso una candidatura di rete l iscrizione nella Lista Rappresentativa UNESCO del Patrimonio Culturale Immateriale. Per me quella fu una occasione preziosa, innanzitutto per affinare lo sguardo sul mio terreno di ricerca grazie alla comparazione tra le due feste che coinvolgevano entrambe macchine cerimoniali portate a spalla, ma soprattutto fu per me importante affiancare Letizia Bindi nella documentazione di questo straordinario rituale comunitario che si ripete ogni anno in un esplosione corale di tensioni ed emozioni. Oggi, a distanza di molti anni, e con l esperienza maturata in diversi terreni di ricerca patrimoniali in più Regioni, tra cui lo stesso Molise, intendo come un atto di dovere di restituzione preziosa il poter offrire il mio piccolo contributo di valorizzazione di quello stesso rito che tanto stimolò allora la mia curiosità, a partire dalle riflessioni antropologiche di Letizia convertite nel volume Volatili Misteri che consegna alla scrittura la ricchezza di questa festa. Secondo la recente Convenzione UNESCO del 2003, il Patrimonio Immateriale, intangibile o volatile, è inteso a livello internazionale come l insieme degli elementi riconosciuti da comunità e gruppi umani come parte del proprio patrimonio culturale. Una rivoluzione, quella unescana, che pone al centro della prospettiva culturale il riconoscimento dei valori locali da parte innanzitutto delle comunità e che impone come caratteristica fondamentale un imperativo partecipativo da parte loro. Non esiste, quindi, patrimonio senza i protagonisti che lo pensano, lo praticano e lo vivono e senza che siano loro stessi a definirne il valore. A partire da queste riflessioni, quindi, il mondo scientifico e associativo, il mondo religioso, le istituzioni regionali, provinciali e comunali, ma soprattutto le molte anime della comunità locale protagonista sono chiamate a partecipare in prima persona alla definizione della loro stessa storia, locale e non, attraverso la riflessione comune sulla complessità del rito e sul suo valore contemporaneo, oggi più che mai al cuore di dibattiti nazionali e internazionali. I Misteri rappresentano un momento topico per il tessuto urbano e per le diverse generazioni che nella loro rappresentazione pubblica si riconoscono e attraverso cui veicolano i loro valori e le loro pratiche tradizionali trasmesse di padre in figlio. I Misteri, però, sono già un patrimonio e da subito, a prescindere dai riconoscimenti sovralocali e legittimanti, come tale vanno trattati. Bisogna occuparsene con cura e attenzione, con grande senso critico e con rispetto per ciò che narrano. Dal basso i Misteri vanno guardati e dal basso vanno documentati e valorizzati. Tra la gente, nella comunità, nell Associazione che li tiene in vita, con le famiglie che forniscono loro le ali, con i figuranti che danno loro i volti e con i portatori che offrono loro il movimento tra le strade cittadine. Oggi che mi viene chiesto ancora di collaborare su questo terreno, di costruire un inventario di questo prezioso bene, non posso, dunque, che dire si. Se il si, però, è inteso come una buona pratica da individuare e progettare insieme, a partire da una catalogazione condivisa con la città, che dovrà essere impostata sulle orme dei singoli individui che credono nella ritualizzazione di quel che praticano ogni anno e in tutte le loro emozioni patrimoniali che nel giorno di festa esplicitano. L UNESCO, in questo senso, può e deve diventare innanzitutto un opportunità per attribuire insieme valore, per ascoltare le voci diverse e, perché no, anche conflittuali fra loro, per tentare di produrre una strada condivisa percorribile e sostenibile che passi per gli uomini e le donne, gli anziani e i bambini che ogni anno sostanziano i Misteri di colori e voci. E forse, al di là dei risultati internazionali che troppo spesso purtroppo hanno esiti che non dipendono solo ed esclusivamente dal nostro valore o dal nostro lavoro già poter aprire un inventario scientifico nazionale il più possibile partecipato, può intendersi come un prezioso primo passo nella traduzione all esterno e nella restituzione della rilevanza culturale e del valore comunitario che un bene unico come i Misteri indubbiamente merita. 12

13 La Grazia di San Michele... il Re Ferdinando II a Campobasso nel 1832 di Elia RUBINO Affascinanti Misteri: li puoi amare... od odiare, in alcuni sporadici casi, ma di certo non ne resti indifferenti. La carica di stupore e di ingegno che emanano ti avvolge, come il clima di festa in cui sono immersi. Da secoli trasmettono la radice di una tradizione religiosa che, anche se in questo senso, da molti desacralizzata, continua a mantenere integro l obiettivo che essi perseguono: stupire e meravigliare. Nel corso dei secoli sicuramente visitatori illustri avranno fermato la propria attenzione su questo evento festivo che da tempo lontano e non sicuramente databile, con evoluzioni e trasformazioni, si mantiene vivo di generazione in generazione. I misteri sono del popolo e il popolo fa i Misteri. Mi piace allora soffermarmi, in questa breve riflessione, su alcune testimonianze di chi ha visto, con occhi di estraneo, gli ingegni ideati dallo scultore campobassano Di Zinno, ma che sono frutto, senza dubbio, di un processo di fissazione di una tradizione plurisecolare che era peculiarità di Campobasso. Nella storia dei Misteri brilla per maestà la visita del Re di Napoli Ferdinando II che, di ritorno dagli Abruzzi, fece tappa a Campobasso dal 12 al 15 settembre Nell Elogio di Alfonso Filippone letto dall Avvocato Giuseppe de Rubertis alla Reale Società economica di Molise il giorno 26 agosto 1856 è riportata la descrizione delle macchine che precedono la processione del Corpus Domini a Campobasso da parte dell erudito campobassano. Dunque il Re volle vedere questa sfilata di persona, avendone sentito parlare in modo entusiastico. La decisione di rito spettò agli amministratori dei Luoghi Pii di Campobasso che, come cita uno storico locale, Michele D Alena: considerando che pel decoro della città e per dare all ottimo dei Re un trattamento, era indispensabile la vestizione dei Misterii, ne ordinarono la processionale uscita. Un particolare ricordo di questo evento straordinario lo troviamo in un opera inedita di Vincenzo Eduardo Gasdia. Questo storico straordinario a cui Campobasso non ha reso i giusti onori di ricercatore, ha pubblicato due volumi della storia di Campobasso nel In un suo carteggio con il sindaco di Campobasso dell epoca aveva annunciato il proposito di pubblicare altri volumi riguardanti la città, dando un piano dell opera in sei volumi ( tre sulla storiadue su un codex che racchiudeva pergamene e atti andati perduti per l incendio nel 1943 all archivio del comune di Campobasso da parte dei tedeschi e un ultimo era un volumetto di cronaca locale dei primi anni del 900 a Campobasso). Per varie vicissitudini che non sto qui a raccontare, i volumi del Gasdia non vennero mai pubblicati e lo scrittore di certosina e paziente metodologia, destinò all archivio dell Abbazia di Montecassino in cui aveva studiato da giovane, le sue opere e i suoi notevoli appunti. Nella Busta 64 del fondo nei suoi appunti racconta di aver udito la testimonianza di Ferdinando de Socio che, ospite in casa Salottolo, ex casa del feudatario a San Leonardo, assiste ad un episodio particolare. Ve lo riporto per cronaca ma anche per far capire come i Misteri erano considerati da tutti (e siamo nel 1832) una parte sacra della propria esistenza. La Salottolo vuole aiutare un povero promettente ragazzo. Il re osserva nel monocolo di topazio. San Michele porge al re infilata alla punta di sua spada una supplica. Spavento del re (che si vede una spada puntata) intervento della benefattrice. Il re si placa. Ascolta. Forse legge. Il re osserva che la grazia che l hanno fatta chiedere all arcangelo e così conclude: Sanmichele è fa i grazzie, nun ne dimanna ( San Michele le grazie le fa non le chiede) Il ragazzo - conclude l aneddoto riportato dal Gasdia - fu mandato nel Real collegio degli Scolopi a Rieti e divenne un valente matematico. Dunque potremmo sottolineare: misteri regali e misteri papali se pensiamo che questi quadri viventi, macchine, ingegni, hanno ispirato l Angelus del 29 giugno 1999 a Roma, quando Giovanni Paolo II dipinse i Misteri di Campobasso come prodotto della religiosità dell uomo. Un tesoro da conservare sempre più, un regale tesoro a cui purtroppo, soprattutto la classe politica, non presta e riserva la giusta attenzione; eh già, ben si coniuga a questo nostro discorso il commento dell Avvocato De Rubertis prima citato: Ci occupiamo delle cose più lontane, dell antichità; e trascuriamo quelle che sono a noi le più vicine. IN NOMINE DOMINI - I Misteri diventano gioco di Valeria Profeta Giocare per imparare, divertirsi in compagnia per condividere l interesse e l amore per le tradizioni della propria città: con questo fine è stato ideato e realizzato un gioco da tavolo che mira a rafforzare nelle giovani generazioni il senso dell appartenenza ad una comunità che si riconosce e ritrova le sue radici nell antica tradizione dei Misteri. Il titolo del gioco, In nomine Domini alla scoperta dei Misteri di Campobasso, rimanda alla mistione di sacro e profano che è tipica di ogni cultura popolare e che segna particolarmente la processione degli ingegni del Di Zinno, perché questi quadri viventi sfilano per le vie della città nel giorno in cui ricorre una delle principali solennità della Chiesa cattolica, quella del Corpus Domini, in un atmosfera che non è di silenzioso raccoglimento, ma al contrario di partecipazione chiassosa e divertita all evento da parte della popolazione di Campobasso e dei paesi limitrofi. Lanciare i dadi sulla mappa del gioco In nomine Domini significa percorrere i luoghi storici della città ed ecco che la Chiesa di S. Antonio Abate, Porta Mancini, Piazzetta Palombo, il Fondaco della Farina e poi ancora la Chiesa di S. Leonardo o di S. Bartolomeo fino al Disegno: Luigi De Michele Copertina del nuovo gioco Castello Monforte ci vengono incontro, richiamandoci al tesoro di memorie individuali e collettive che ciascun monumento gelosamente conserva per noi e per quelli che verranno dopo di noi. Partecipare al gioco significa altresì immergersi non solo con la fantasia, ma anche con l aiuto dell inserto storico che arricchisce il gioco stessonella Campobasso dei secoli precedenti, dilaniata al suo interno dalla contrapposizione spesso violenta tra le Confraternite dei Crociati e dei Trinitari, alle quali era affidata l organizzazione delle feste e delle processioni cittadine, tra cui la sfilata degli ingegni del Di Zinno. Procedendo lungo il percorso della mappa del gioco, ci si imbatte nei personaggi che, la mattina del Corpus Domini, popolano e rivitalizzano gli ingegni, dai diavoli alla dunzella, agli angeli, agli instancabili portatori, in una veste tipografica colorata e movimentata che contribuisce al buon umore di chi si sfida a colpi di dadi. Giocare per conoscere e riconoscersi, si diceva: è certo un mezzo efficace per chiamare i più piccoli all amore per un patrimonio comune da conservare e tramandare. Il gioco è disponibile presso il Museo dei Misteri a Campobasso con un contributo di 3,00 euro

14 Tutta la verità sui bambini che volano di Gennaro VENTRESCA La nostra città ha più di una pecca. Ma per carità non aggiungetele anche quella di appendere i bambini ai rami metallici costruiti dal Di Zinno. Come qualcuno le ha addebitato, forse più per partito preso che per stare dalla parte di quei fanciulli che nel giorno del Corpus Domini vengono messi come ninnoli sull albero di Natale, per la degna riuscita della Sagra dei Misteri. Nonostante sia stato spiegato da decenni, o, forse meglio, da secoli, che i minorenni più che essere costretti dal fanatismo dei genitori a far parte della sfilata sono loro stessi a fare la scelta, ogni anno, puntuale come l innamorato al primo appuntamento, ecco che ritorna la solita polemica. I bambini si innamorano a prima vista dei Misteri, al punto da provare di primo acchito una punta d invidia per chi, felice e sorridente, viene portato a spalle dai ciclopici portatori. Così il rito si ripete, mettendo addirittura in imbarazzo gli organizzatori, costretti a compiere una severa selezione, al momento di stilare l elenco dei nuovi protagonisti. Negletti e spesso trascurati da altri settori della loro vita breve, i bambini sentono di voler essere protagonisti. Non hanno neppure aspettato che fosse il papà o la mamma a fare il primo passo: hanno scelto - Foto: Carmen Fanelli Particolare del Mistero dell Immacolata Concezione loro di salire su quelle braccia di lega elastica. E quando, a fine corsa, il cronista di turno, e gli stessi genitori hanno chiesto loro la sensazione di quel lungo volo hanno riferito di essersi commossi, sino a spingere il cuore alle tonsille, per poi cacciarlo in fondo all esofago. Certo, ci sono anche alcune eccezioni: qualcuno di quei bambini sospesi, ogni tanto, becca un colpo di calore, dà di stomaco, chiede di scendere almeno per qualche minuto, viene colto da un improvviso bisogno di dover fare la pipì. Indossano parrucca e barba, vestono le alucce angeliche, volano anche a cinque metri di altezza, conservano sul capo coroncine, scorrazzano a spalla per il centro storico e poi per le larghe strade della città. Il sole, quando rispetta il calendario, cuoce non solo i bambini, ma anche gli attori più tosti e smaliziati dell allegra quadriglia che va sotto il nome dei Misteri. Sono lì, sotto il balcone del Sindaco, a salutare amici e parenti e a sorridere per gli scatti dei fotografi e degli innumerevoli selphi, sulle pedane mobili, gli attori dei Misteri. Sono fieri del loro travestimento in santi e angioli. L entusiasmo dei cittadini per le scene di fede li ripaga di ogni sacrificio. Perché, da qualsiasi angolo si voglia osservare la scena, è chiaro che nasconda comunque una sopportabile tortura. Specie per chi è più vicino al cielo. Dall alto della loro postazione i figuranti hanno il privilegio di allungare l occhio dove gli altri non arrivano. Finendo in gloria, tra gli applausi scroscianti del pubblico. Che racchiudono ammirazione e affetto. Lasciamo perdere la favola della partecipazione, qui ai Misteri è come a una gara contro il rivale della fatica. E alla fine si ha la sensazione piena della vittoria. Alla base di un risultato deve esserci la preparazione. E loro si sono preparati bene, con scrupolo, come tanti atleti prima di affrontare una gara elettrizzante. Poi l arrivo in via Trento, nell enorme rimessa dove gli Ingegni andranno a riposare per altri dodici mesi. Via l imbracatura, un lungo sospiro di sollievo alla fine del tour. Si abbracciano i parenti, ci si guarda intorno e si fantastica già sulla prossima recita. Sperando di far parte nuovamente di quel plotone di minorenni che verrà prescelto dai fratelli Teberino, responsabili della sfilata. Misteri e Tradizioni di Angelo PASSARELLI Il giorno del Corpus Domini a Campobasso è festa, festa vera, è una festa che serve a sancire, qualora ancora ve ce ne fosse il bisogno, un legame stretto, indissolubile fatto di amore e passione tra i Misteri, strutture metalliche amorfe ma pur sempre rappresentative di un credo sentito, e tutta la gente di Campobasso. Il giorno del Corpus Domini con partenza alle ore 10,00 dal Museo dei Misteri inizia la sfilata per le vie della città dei Misteri ideati dal Campobassano Di Zinno nel lontano Dietro questa manifestazione c è un segreto, un segreto mai svelato fatto di silenzi e fede un segreto ovattato, mai afferrato appieno c è la volontà di uomini e donne di credere possibile il ripetersi ogni anno di un miracolo perché l uscita dei Misteri per la sfilata è legato al lavoro sconosciuto e silenzioso di persone semplici e vere legate all amore per questo evento all amore per quello che rappresentano che hanno significato nel tempo questa manifestazione di fede e amore di religiosità vera,sentita nel profondo. La fede e l amore per le tradizioni, la voglia di onorare i propri antenati, i loro culti e le loro passioni nonchè il desiderio innato in tutti di esternare la propria di fede e preghiera hanno fatto si che di anno in anno quella della sfilata dei Misteri per le vie della città sia diventata manifestazione imprescindibile della vita di tutti i Campobassani. Orgoglio quindi misto a religiosità per si fatta tradizione e amore senza ritegno per quella che è stata definita Meraviglia d Italia. Le tradizioni regalano, quando vissute con semplicità e fede con amore vero, regalano momenti unici fatti di gioia e consapevolezza, di trasporto e voglia di concedersi al nostro prossimo. La sfilata cadenzata per le vie di Campobasso al suono del Mose del Rossini ti regalano un brivido lungo la schiena, ti fanno partecipe del passar del tempo nell affermare e confermare anno dopo anno di un patto indissolubile con il nostro Creatore, ti regala una strada agevole da percorrere per entrare in sintonia con te stesso, ti fanno protagonista di un rapporto sentito e vero con il Supremo. Le tradizioni allora vissute nel profondo, comprese nella loro vera essenza di patto eterno, vivo, sentito, sono e saranno sempre fondamenta per rapporti interpersonali sinceri, base di una società sana e viva e a coloro che nel tempo sanno proporsi come baluardi a difesa delle stessi siano dati gli strumenti e le occasioni per portarle sempre a livelli tali da creare stupore, ammirazione voglia di rivederle ogni anno nel loro magico splendore di sempre. Le tradizioni anima immortale del popolo stesso possono e sanno farlo senza che ciò sia palese sanno creare amore voglia di essere migliori e veri, le tradizioni sanno farci migliori nella fede e nella pace che sempre cerchiamo in tutto, in noi stessi pur a volte non sapendolo o non riconoscendolo. Misteri e Tradizioni sono allora legati al filo sottile del tempo, legati al volere invisibile di sentirsi parte del modo, del Creatore sanno quindi risvegliare sentimenti sopiti, voglia di amare se stessi e gli altri di voler essere semplicemente essere migliori. Mistero che sfila nel centro storico - Foto: Lucio Paduano 14

15 SCANNETT ALLERT La prima volta di un bolsenese alla Processione dei Misteri di Roberto BASILI Da circa 30 anni faccio parte, insieme ad altri appassionati, dell Associazione Antichissima Rappresentazione dei Misteri di S.Cristina di Bolsena che si occupa di allestire annualmente la tradizionale manifestazione dei quadri viventi ma non avevo idea che a centinaia di chilometri di distanza esistesse una manifestazione omonima. Qualche anno fa il fortuito incontro con alcuni membri dell Associazione Misteri e Tradizioni di Campobasso ha creato il presupposto per un interessante e proficuo gemellaggio culturale fra le due Associazioni che mi ha permesso di accettare con piacere il cortese invito dei fratelli Teberino ad assistere, o meglio partecipare, alla Processione dei Misteri del 22 giugno Nell invito, infatti, era precisato che avrei dovuto indossare il gilet associativo che avevo ricevuto in regalo in un precedente incontro e questo mi ha permesso di vivere la manifestazione non da semplice spettatore ma da vero, seppur inesperto, addetto ai lavori. Ho potuto così partecipare a tutte le fasi salienti della giornata: dall allestimento delle macchine alla Santa Messa, dalla vestizione alla Processione dei Misteri. Tra le cose che mi hanno più colpito di quella giornata ricordo in particolare la scrupolosa efficienza dell organizzazione: i fratelli Teberino coordinavano il tutto con la loro costante ma discreta presenza; ogni vestitore faceva indossare i costumi ai figuranti con meticolosa precisione; ciascuna squadra di portatori mostrava una perfetta coordinazione non solo nel corso della sfilata ma soprattutto al momento delle soste e delle ripartenze. Queste ultime mi hanno particolarmente impressionato per la rapidità del movimento, un rito di pochi secondi, annunciato dal grido SCANNETT ALLERT che dava il comando per sollevare in alto il Mistero e fargli riprendere il suo cammino trionfale. Ma il momento più emozionante è stato senza dubbio il passaggio della Processione nelle strette strade del centro storico dove i Misteri rasentano i balconi delle case e gli spettatori affacciati alle finestre possono offrire caramelle e cioccolatini ai bambini sistemati nei posti più alti che allungano le mani al cielo come veri angioletti. Grazie agli amici dell Associazione Misteri e Tradizioni ho avuto la possibilità di vivere un esperienza indimenticabile e sono tornato a casa consapevole di aver ricevuto molto e dato poco. Membri dell Associazione insieme all amico di Bolsena Roberto DIFFUSIONE GRATUITA IN COPIE anche su - Foto: Damiano Giuseppe ANNO XXII - N. 2 7 GIUGNO 2015 Edito dalla G.E.F.IM. sas via P. di Piemonte n CAMPOBASSO tel/fax 0874/ REG. SPECIALE STAMPA: Trib.CB n. 203/93 Direttore Responsabile: Stefano CASTELLITTO Progetto Grafico: Gianfranco CICCONE MISTERI E MERLETTI Cuori sui Cuori Grafica: Francesca Di Iorio di Mariassunta FEDELE I Misteri vantano, da qualche anno, preziosi e speciali addobbi su molti carri: il solino di Abramo, la tovaglia dell altare della Maddalena, i fiori del Cuore di Gesù, le bordure del vestito dell Immacolata. Perché sono speciali? Perché sono lavorati a tombolo, l antica arte molisana, in particolare isernina, tanto antica e tanto conosciuta in tutto il mondo. Le nostre risorse umane e territoriali, in ambito artigianale ed artistico, potenziate perché unite ad un vissuto di valori sempre attuali, danno grande lustro alla manifestazione. Ogni anno si pensa a migliorare la qualità dell evento aggiungendo valore a valore così che, con il naso all insù, si resti sempre più meravigliati di ciò che ogni occhio attento coglie. Quest anno anche il Mistero dell Assunta, così caro alla scrivente, si è abbellito di preziosi cuori a tombolo che saranno tenuti in aria, con grazia, da tanti angioletti. I cuori, nel loro rosa splendente, portano la mente a sognare il colore di quelle nuvolette che videro, in un mattino unico, l Assunta lasciare il grigiore della tomba per ascendere verso la luce del cielo, incontro al Cristo. HANNO SCRITTO: Katia Ballacchino, Roberto Basili, Letizia Bindi, Andrea Damiano, Franco Di Biase, Stefano Di Maria, Mariassunta Fedele, Paolo Giordano, Lucio Paduano, Angelo Passarelli, Valeria Profeta, Elia Rubino, Francesco Stanzione, Giovanni Teberino, Gennaro Ventresca, Antonio Vinciguerra. HANNO FOTOGRAFATO: Archivio Associazione Misteri e Tradizioni, Archivio Chiodini, Giuseppe Damiano, Carmen Fanelli, Nicola Felice, Carlo Fiorilli, Kerem, Michele Montano, Antonio Ruccolo, Giulio Sagradini, Giovanni Teberino. HA DISEGNATO: Luigi De Michele. Un particolare ringraziamento a tutti gli Sponsor per la loro disponibilità e sensibilità. La collaborazione al giornale è gratuita. Associazione Misteri e Tradizioni Campobasso vietata la riproduzione totale o parziale di testi e foto contenuti nel giornale, senza il consenso scritto dell Associazione e/o degli Autori. 15

16

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen Modo di recitare il Santo Rosario Segno della Croce Credo Si annuncia il primo Mistero del giorno Padre Nostro Dieci Ave Maria Gloria Si continua fino a completare i 5 misteri del giorno Preghiera finale

Dettagli

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 2 L Siamo alla domanda fondamentale, alla provocazione più forte perché va diritta al cuore della mia vita, della tua, di ogni uomo che,

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA Confesso tutta la mia difficoltà a presentarvi questo brano che ho pregato tante volte. La paura è quella di essere troppo scontata oppure di dare troppe cose per sapute.

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen PREGHIERE DEL MATTINO Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Ti adoro Ti adoro, mio Dio e ti amo con tutto il cuore. Ti ringrazio di avermi creato, fatto cristiano e conservato in questa

Dettagli

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale.

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Vite a mezz aria Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Giuseppe Marco VITE A MEZZ ARIA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

Al giorno d oggi per dare un significato alla nostra vita, occorre dedicare + spazio e + tempo per pensare a noi stessi perché come ci suggerisce il

Al giorno d oggi per dare un significato alla nostra vita, occorre dedicare + spazio e + tempo per pensare a noi stessi perché come ci suggerisce il Al giorno d oggi per dare un significato alla nostra vita, occorre dedicare + spazio e + tempo per pensare a noi stessi perché come ci suggerisce il pensiero di Enzo Bianchi conosciamo più cose fuori di

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

Nel ventre pigro della notte audio-ebook

Nel ventre pigro della notte audio-ebook Silvano Agosti Nel ventre pigro della notte audio-ebook Dedicato a quel po di amore che c è nel mondo Silvano Agosti Canti Nel ventre pigro della notte Edizioni l Immagine Nel ventre pigro della notte

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO LETTERALE e quando ha SIGNIFICATO METAFORICO (FIGURATO). Questa non

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Andrea Bajani Tanto si doveva

Andrea Bajani Tanto si doveva Andrea Bajani Tanto si doveva Quando muoiono, gli uccelli cadono giù. Non se ne accorge quasi nessuno, di solito, salvo il cacciatore che l ha colpito e il cane che deve dargli la caccia. Il cacciatore

Dettagli

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO Annuncio della Pasqua (forma orientale) EIS TO AGHION PASCHA COMUNITÀ MONASTICA DI BOSE, Preghiera dei Giorni, pp.268-270 È la Pasqua la Pasqua del Signore, gridò lo

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli