Filtraggi nel dominio spaziale

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Filtraggi nel dominio spaziale"

Transcript

1 Applicazioni pratiche della visione artificiale Parte 1.6 OpenCV Curato da: Ing. Francesco La Rosa Università di Messina Facoltà di Ingegneria Corso di Calcolatori II A.A. 2003/2004 Ing. Giancarlo Iannizzotto Filtraggi nel dominio spaziale I filtraggi nel dominio spaziale sono trasformazioni che operano su un intorno del pixel servendosi di immagini di dimensioni uguali a quelle dell intorno stesso. Tali immagini prendono il nome di filtri, maschere, finestre, kernel o template. I valori in esse contenuti sono detti coefficenti. 1

2 Filtraggi nel dominio spaziale Il meccanismo consiste nello spostamento del filtro da un pixel all altro; per ciascun pixel (x,y) la risposta sarà calcolata secondo delle regole predefinite. Filtraggi nel dominio spaziale Nei filtri lineari la risposta è data dalla somma dei prodotti dei coefficienti del filtro per i corrispondenti pixel dell immagine. Per una maschera 3x3 (la più piccola significativa) la risposta nel punto (x,y) è data da: R = w 1 f(x-1,y-1) + w 2 f(x-1,y) + + w 5 f(x,y) + + w 8 f(x+1,y)+ w 9 f(x+1,y+1) 2

3 Filtraggi nel dominio spaziale Comportamento ai bordi Quando il centro di una maschera si avvicina al bordo dell immagine una o più delle sue righe possono trovarsi al di fuori del piano dell immagine. Le possibili contromisure sono: Limitare il movimento della maschera fino ad una distanza non minore della metà della sua dimensione, ottenendo un immagine risultante più piccola. Utilizzare solo la parte di maschera interamente contenuta nell immagine, in tal modo i pixel di bordo saranno stati processati con una maschera parziale. Aggiungere righe e colonne di zeri all esterno dell immagine e rimuoverle alla fine del processo. Anche in questo modo saranno però presenti degli effetti di bordo Filtri spaziali di Smoothing I filtri di smoothing (arrotondamento) possono essere lineari o non-lineari e sono usati per la riduzione del rumore o per il blurring (offuscamento) di piccoli dettagli prima dell estrazione degli oggetti principali. I filtri lineari sono solitamente filtri medi (anche detti passa-basso). Questi addolciscono le brusche transizioni riducendo il rumore, ma creano uno smoothing dei contorni spesso indesiderato. Eliminano o riducono dettagli di dimensione minore o confrontabile con quella della maschera. 3

4 Smoothing Esempi Lineari: Blur ( ) Non lineari Mediano ( ) Massimo ( ) Minimo ( ) iplblur void CProvaDoc::OnFilterBlur() { IplImage *src, *src_gray, *dst; char path[256]; memset(path,0,256); OPENFILENAME fn; fn.lstructsize = sizeof(openfilename); fn.hwndowner = NULL; fn.lpstrfilter = NULL; fn.lpstrfile = path; fn.nmaxfile = 256; fn.lpstrfiletitle = NULL; fn.lpstrinitialdir = NULL; fn.lpstrtitle = NULL; fn.flags = NULL; fn.lpstrdefext = "bmp"; fn.hinstance = DLLhinst; fn.lpfnhook = NULL; fn.lpstrcustomfilter = NULL; fn.lcustdata = NULL; if(!getopenfilename(&fn) return ; 4

5 iplblur src=load_iplimage(path); CvSize size_src=cvsize(src->width,src->height); src_gray=cvcreateimage(size_src,src->depth,1); dst=cvcreateimage(size_src,src->depth,1); iplcolortogray(src,src_gray); iplblur(src_gray,dst, 3, 3, 1,1); //effettuo bluring su src_gray named_window("window dst",1); // apro una finestra //denominata window dst show_iplimage("window dst",dst); iplblur named_window("window_gray",1); show_iplimage("window_gray",src_gray); wait_key(0); } destroy_window("window dst"); destroy_window("window_gray"); cvreleaseimage (&src); cvreleaseimage (&src_gray); cvreleaseimage (&dst); 5

6 iplblur iplmedianfilter! srcimage The source image. dstimage The resultant image. ncols Number of columns in the neighborhood to use. nrows Number of rows in the neighborhood to use. anchorx, anchory The [x, y] coordinates of the anchor cell in the neighborhood. In this coordinate system, the top left corner would be [0, 0] and the bottom right corner would be [ ncols-1, nrows-1]. 6

7 iplmedianfilter iplmedianfilter 7

8 iplcolormedianfilter void iplcolormedianfilter(iplimage* srcimage, IplImage* dstimage, int ncols, int nrows, int anchorx, int anchory); Discussion The previously described function iplmedianfilter() processes R, G, and B color planes of an image separately, and as a result any correlation between color components is lost. If you want to preserve this information, use the iplcolormedianfilter() function instead. For each input pixel, this function computes differences between red, green, and blue components of pixels in the neighborhood area of size nrows by ncols and the input pixel. After scanning all neighborhood area, the function sets the output value for pixel i as the value of the neighborhood pixel with the smallest distance to i. iplcolormedianfilter 8

9 iplminfilter! Discussion The function iplminfilter() sets each pixel in the output image as the minimum value of all the input image pixel values in the neighborhood of size nrows by ncols with the anchor cell at that pixel. This has the effect of decreasing the contrast in the image. iplminfilter 9

10 iplmaxfilter! Discussion The function iplmaxfilter() sets each pixel in the output image as the maximum value of all the input image pixel values in the neighborhood of size nrows by ncols with the anchor cell at that pixel. This has the effect of increasing the contrast in the image. iplmaxfilter 10

11 Filtri spaziali di Sharpening Lo scopo principale è evidenziare i dettagli di un immagine o incrementare quelli che sono stati offuscati durante il processo di acquisizione. Se per arrotondare i dettagli (smoothing) ci si è serviti della media che è dopotutto una forma di integrazione allora per esaltarli (sharpening) ci si servirà di alcune forme di derivazione. Filtri spaziali di Sharpening Nei filtri derivativi l intensità della risposta è proporzionale al grado di discontinuità dell immagine nel punto in cui è applicata. La differenziazione accentua i bordi e altre discontinuità (come il rumore) e trascura le aree a lenta variazione dei livelli di grigio. 11

12 Filtri spaziali di Sharpening I filtri derivativi del secondo ordine sono più sensibili alle brusche transizioni e sono utilizzati per l enhancement dei dettagli. Quelli del primo ordine sono indicati nei processi di edge-detection e extraction. Sharpening Esempi Enhancement Laplacian Edge-detection Prewitt 12

13 Laplaciano void cvlaplace (IplImage* src, IplImage* dst, int aperturesize=3); src Input image. dst Destination image. aperturesize Size of the Laplacian kernel. Discussion The function Laplace calculates the convolution of the input image src with the Laplacian kernel of a specified size aperturesize and stores the result in dst. Laplaciano 13

14 Custom Funzioni utili: IplConvKernel* iplcreateconvkernel(int ncols, int nrows, int anchorx, int anchory, int* values, int nshiftr); void iplconvolve2d(iplimage* srcimage, IplImage*dstImage, IplConvKernel** kernel, int nkernels, int combinemethod); void ipldeleteconvkernel(iplconvkernel* kernel); Custom Enhancement basato sul Laplaciano int values[]={0,-1,0,-1,5,-1,0,-1,0}; IplConvKernel* kernel= iplcreateconvkernel(3,3,1,1,values,0); iplconvolve2d(src_gray, dst, &kernel, 1, IPL_SUM); g( x, y) = f ( x, y) [ f ( x + 1, y) + f ( x 1, y) + + f ( x, y + 1) + f ( x, y 1)] + 4 f ( x, y) = 5 f ( x, y) [ f ( x + 1, y) + f ( x 1, y) + + f ( x, y + 1) + f ( x, y 1)]

15 Custom Enhancement basato sul Laplaciano iplfixedfilter int iplfixedfilter(iplimage* srcimage, IplImage* dstimage, IplFilter filter); srcimage The source image. dstimage The resultant image. filter One of predefined filter kernels. Discussion The function iplfixedfilter() is used to convolve the input image srcimage with a predefined filter kernel specified by filter. The resulting output image is dstimage. 15

16 iplfixedfilter The filter kernel can be one of the following: IPL_PREWITT_3x3_V IPL_PREWITT_3x3_H IPL_SOBEL_3x3_V IPL_SOBEL_3x3_H IPL_LAPLACIAN_3x3 IPL_LAPLACIAN_5x5 IPL_GAUSSIAN_3x3 IPL_GAUSSIAN_5x5 //error? IPL_HIPASS_3x3 IPL_HIPASS_5x5 IPL_SHARPEN_3x3 Prewitt iplfixedfilter(src_gray, dst, IPL_PREWITT_3x3_V); IPL_PREWITT_3x3_V A gradient filter (vertical Prewitt operator). iplfixedfilter(src_gray, dst, IPL_PREWITT_3x3_H); IPL_PREWITT_3x3_H A gradient filter (horizontal Prewitt operator). 16

17 Prewitt Horizontal Prewitt Vertical 17

18 CvCam Introduction CvCam è un modulo software cross-platform per il processamento di stream video acquisiti tramite videocamere digitali. E implementato come una dynamic link library (DLL) per Windows ed una shared object library (so) per sistemi linux. Fornisce una semplice ed utile interfaccia (API) per la lettura ed il controllo dello stream video, consentendo il processamento dei frame acquisiti e la visualizzazione dei risultati. CvCam è distribuito all interno di OpenCV. Common Usage Il modo più semplice di usare CvCam per acquisire da una sola sorgente video: #include cvcam.h //include del file header cvcam.h void callback(iplimage* image);//funzione per elaborare i frame void CAcquisisciDoc::OnGo() { int ncams = cvcamgetcamerascount( ); //restituisce il numero di videocamere disponibili nel sistema cvcamsetproperty(0, CVCAM_PROP_ENABLE, CVCAMTRUE); //Seleziona la prima videocamera trovata cvcamsetproperty(0,cvcam_prop_render, CVCAMTRUE); //lo stream viene renderizzato //da questa sorgente. cvnamedwindow("window", CV_WINDOW_AUTOSIZE); //apro una finestra denominata window 18

19 Common Usage... HWND MyWin=get_hwnd_byname("window"); // identifico tramite MyWin la window cvcamsetproperty(0, CVCAM_PROP_WINDOW, &MyWin); //Seleziono una window per il video rendering cvcamsetproperty(0, CVCAM_PROP_CALLBACK, callback); //la callback processerà ogni frame... Common Usage... cvcaminit( ); //rende attivi i settings cvcamstart( );//ha inizio lo stream video per tutte le //videocamere abilitate } //Your app is working cvwaitkey(0); cvcamstop( ); //stop dello stream video cvcamexit( ); //libera le risorse usate da cvcam cvdestroywindow("window"); 19

20 Common Usage Callback //Disegno linee blu orizzontali lungo l immagine void callback(iplimage* image) { IplImage* image1 = image; int i,j; assert (image); for(i=0; i<image1->height; i+=10) //scorri righe { for(j=(image1->widthstep)*i; j<(image1->widthstep)*(i+1); j+=image1->nchannels) //scorri colonne {... Common Usage Callback... image1->imagedata[j] = (char)255; image1->imagedata[j+1] = 0; image1->imagedata[j+2] = 0; //B=255, G=0, R=0. } //fine for interno }//fine for esterno }//fine funzione 20

21 Altre funzioni SelectCamera int nselected=cvcamselectcamera(null); Visualizza un pop-up menu che consente la selezione della camera desiderata; Può essere usata al posto della funzione cvcamgetcamerascount. Altre funzioni SelectCamera 21

22 SetProperty cvcamsetproperty(nselected,cvcam_prop_render, CVCAMTRUE); //selezioniamo la sorgente scelta dal pop-up menu //nselected contiene l indice della sorgente scelta SetProperty Dimensioni dell immagine acquisita //inizializzo larghezza e lunghezza dell'immagine int width=320; int height=240; //stabilisco le dimensione dell'immagine restituita cvcamsetproperty(nselected, CVCAM_RNDWIDTH,&width); cvcamsetproperty(nselected, CVCAM_RNDHEIGHT,&height); 22

23 cvcamgetproperty cvcamgetproperty(nselected,cvcam_cameraprops, NULL); cvcamgetproperty apre una window per i settaggi della camera. cvcamgetproperty 23

24 cvcamgetproperty cvcamgetproperty(nselected,cvcam_videoformat, NULL); cvcamgetproperty apre una finestra per i settaggi del formato video cvcamgetproperty 24

25 Un alternativa IplImage *img; void CAcquisisciDoc::OnCAMGO() { CvCapture * video; video=cvcapturefromcam(0); cvnamedwindow("image",cv_window_autosize); img=cvqueryframe(video); Un alternativa } while(cvwaitkey(5)!= 27) { cvshowimage("image",img); img=cvqueryframe(video); } cvdestroywindow("image"); cvreleasecapture(&video); 25

26 PlayAvi int ok=0; IplImage *image1; void CAcquisisciDoc::OnEseguiAvi() { HWND hwnd=get_hwnd_byname("cvcam window"); //identifico tramite MyWin la window cvnamedwindow("window gray", CV_WINDOW_AUTOSIZE); //apro una finestra denominata window PlayAvi cvcamplayavi(null,&hwnd,0,0,callback); cvwaitkey(0); cvdestroywindow("cvcam window"); cvdestroywindow("window gray"); cvreleaseimage(&image1); ok= 0; } 26

27 PlayAvi (Callback) void callback(iplimage* image) { if (!ok){ image1 = cvcreateimage( cvsize(image->width,image->height), IPL_DEPTH_8U,1); image1->origin=1; ok=1; } PlayAvi (Callback) iplcolortogray(image,image1); cvshowimage("window gray",image1); }//fine callback N.B.: le IplImage utilizzate per memorizzare i frame hanno il parametro origin posto ad 1, la funzione cvcreateimage per default pone tale parametro a 0. 27

28 WriteAvi (un altra soluzione) IplImage *img; CvAVIWriter * VideoFile; void CAcquisisciDoc::OnAviWriteGO() { CvCapture * video; //seleziono il file.avi da aprire char path[256]; memset(path,0,256); WriteAvi (un altra soluzione) OPENFILENAME fn; fn.lstructsize = sizeof(openfilename); fn.hwndowner = NULL; fn.lpstrfilter = NULL; fn.lpstrfile = path; fn.nmaxfile = 256; fn.lpstrfiletitle = NULL; fn.lpstrinitialdir = NULL; fn.lpstrtitle = NULL; fn.flags = NULL; fn.lpstrdefext = "avi"; fn.hinstance = DLLhinst; fn.lpfnhook = NULL; fn.lpstrcustomfilter = NULL; fn.lcustdata = NULL; if(!getopenfilename(&fn)) return 28

29 WriteAvi (un altra soluzione)... video=cvcapturefromavi(path); //capture del video dal.avi selezionato cvnamedwindow("image",cv_window_autosize); img=cvqueryframe(video); CvSize size=cvsize(img->width,img->height); VideoFile=cvCreateAVIWriter( "C:\\prova.avi", -1, 15, size );... WriteAvi (un altra soluzione) } while(img!=null) { cvshowimage( image, img); cvwritetoavi( VideoFile, img ); img=cvqueryframe(video); } cvdestroywindow("image"); cvreleaseaviwriter(&videofile); cvreleasecapture(&video); cvreleaseimage(&img); 29

Corso di Visione Artificiale. Filtri parte I. Samuel Rota Bulò

Corso di Visione Artificiale. Filtri parte I. Samuel Rota Bulò Corso di Visione Artificiale Filtri parte I Samuel Rota Bulò Filtri spaziali Un filtro spaziale è caratterizzato da un intorno e un'operazione che deve essere eseguita sui pixels dell'immagine in quell'intorno.

Dettagli

Introduzione all elaborazione di immagini Part II

Introduzione all elaborazione di immagini Part II Introduzione all elaborazione di immagini Part II Obiettivi delle tecniche di elaborazione di immagini: miglioramento di qualità (image enhancement) ripristino di qualità o restauro (image restoration)

Dettagli

Guida all uso dell ambiente di sviluppo 1 integrato o IDE. JCreator LE 4.50

Guida all uso dell ambiente di sviluppo 1 integrato o IDE. JCreator LE 4.50 Guida all uso dell ambiente di sviluppo 1 integrato o IDE JCreator LE 4.50 Inizializzazione: creazione del nuovo progetto e del file sorgente in ambiente JCreator Al lancio del programma si apre la finestra

Dettagli

Università degli Studi di Catania Corso di Laurea Magistrale in Informatica Multimedia 2013/14. Cantarella Danilo. OpenCV Android

Università degli Studi di Catania Corso di Laurea Magistrale in Informatica Multimedia 2013/14. Cantarella Danilo. OpenCV Android Università degli Studi di Catania Corso di Laurea Magistrale in Informatica Multimedia 2013/14 Cantarella Danilo Introduzione OpenCV (Open Source Computer Vision Library) è una libreria disponibile per

Dettagli

Esercitazione 05. Sommario. Packet Filtering [ ICMP ] Esercitazione Descrizione generale. Angelo Di Iorio (Paolo Marinelli)

Esercitazione 05. Sommario. Packet Filtering [ ICMP ] Esercitazione Descrizione generale. Angelo Di Iorio (Paolo Marinelli) Sommario Esercitazione 05 Angelo Di Iorio (Paolo Marinelli)! Packet Filtering ICMP! Descrizione esercitazione! Applicazioni utili: " Firewall: wipfw - netfilter " Packet sniffer: wireshark!"#!$#!%&'$(%)*+,')#$-!"#!$#!%&'$(%)*+,')#$-

Dettagli

Operatori locali su immagini digitali

Operatori locali su immagini digitali Operatori locali su immagini digitali Definizione degli operatori locali Filtri di smoothing Filtri di sharpening Filtri derivativi Operatori locali Questi operatori sono usati per: miglioramento della

Dettagli

MODULO 4: FOGLIO ELETTRONICO (EXCEL)

MODULO 4: FOGLIO ELETTRONICO (EXCEL) MODULO 4: FOGLIO ELETTRONICO (EXCEL) 1. Introduzione ai fogli elettronici I fogli elettronici sono delle applicazioni che permettono di sfruttare le potenzialità di calcolo dei Personal computer. Essi

Dettagli

Portale Materiali Grafiche Tamburini. Grafiche Tamburini Materials Portal

Portale Materiali Grafiche Tamburini. Grafiche Tamburini Materials Portal Portale Materiali Grafiche Tamburini Documentazione utente italiano pag. 2 Grafiche Tamburini Materials Portal English user guide page 6 pag. 1 Introduzione Il Portale Materiali è il Sistema Web di Grafiche

Dettagli

Morphological Image processing

Morphological Image processing Morphological Image processing Morfologia matematica La parola morfologia comunemente denota una parte della biologia che tratta con la forma e la struttura di organismi In analogia al termine biologico

Dettagli

Guida utente User Manual made in Italy Rev0

Guida utente User Manual made in Italy Rev0 Guida utente User Manual Rev0 made in Italy Indice/Index Informazioni generali General Info... 3 Guida Rapida per messa in funzione Start Up procedure... 3 Login Login... 3 Significato dei tasti Botton

Dettagli

0.6 Filtro di smoothing Gaussiano

0.6 Filtro di smoothing Gaussiano 2 Figura 7: Filtro trapezoidale passa basso. In questo filtro l rappresenta la frequenza di taglio ed l, l rappresenta un intervallo della frequenza con variazione lineare di H, utile ad evitare le brusche

Dettagli

Telerilevamento. Esercitazione 1. Esplorare dati EO, image enhancement

Telerilevamento. Esercitazione 1. Esplorare dati EO, image enhancement Telerilevamento Esercitazione 1 Esplorare dati EO, image enhancement Aprire ERDAS IMAGINE. Cliccare sull apposita icona per aprire un immagine SPOT5 acquisita il 10 settembre 2006 sulla area della città

Dettagli

Tutorial di HTML basato su HTML 4.0 e CSS 2

Tutorial di HTML basato su HTML 4.0 e CSS 2 Claudia Picardi Tutorial di HTML basato su HTML 4.0 e CSS 2 Informatica II per Scienze e Turismo Alpino Docenti: Viviana Patti e Claudia Picardi 4 Tabelle 4.1 La struttura di una tabella Elementi principali

Dettagli

Stabilizzazione Video. Video Digitali

Stabilizzazione Video. Video Digitali Stabilizzazione Video Video Digitali Stabilizzazione video STABILIZZARE:assicurare il mantenimento di una condizione di equilibrio constante,generalmente identificabile nell'assenza di oscillazioni o variazioni

Dettagli

RICONOSCIMENTO DI TARGHE AUTOMOBILISTICHE

RICONOSCIMENTO DI TARGHE AUTOMOBILISTICHE PROGETTO DEL CORSO DI VISIONE E PERCEZIONE PARTE 2 RICONOSCIMENTO DI TARGHE AUTOMOBILISTICHE Scopo del progetto Il progetto ha come obiettivo quello di riconoscere il testo di una targa automobilistica

Dettagli

Corso di Laurea in Matematica, Università di Roma La Sapienza Corso di ANALISI NUMERICA Esercitazioni in Laboratorio, 16 Maggio 2011

Corso di Laurea in Matematica, Università di Roma La Sapienza Corso di ANALISI NUMERICA Esercitazioni in Laboratorio, 16 Maggio 2011 Corso di Laurea in Matematica, Università di Roma La Sapienza Corso di ANALISI NUMERICA Esercitazioni in Laboratorio, 16 Maggio 2011 Foglio 4: Metodi diretti per i sistemi lineari Scrivere un programma

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Sviluppo di Algoritmi per Asservimenti Visivi Basati su Geometria Epipolare con Libreria Open Source Intel

Dettagli

5.2 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE

5.2 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE 5.2 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE Base offre la possibilità di creare database strutturati in termini di oggetti, quali tabelle, formulari, ricerche e rapporti, di visualizzarli e utilizzarli in diverse modalità.

Dettagli

LEZIONI DI HTML. Come costruire il proprio sito con pochi strumenti e tanta creatività...

LEZIONI DI HTML. Come costruire il proprio sito con pochi strumenti e tanta creatività... LEZIONI DI HTML Come costruire il proprio sito con pochi strumenti e tanta creatività... FORMATTARE IL CARATTERE Per formattare titoli interni del documento web possiamo utilizzare i tag , ,...,

Dettagli

Guida in linea. lo 1. TIC - Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione - Prof. Franco Tufoni - 1 -

Guida in linea. lo 1. TIC - Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione - Prof. Franco Tufoni - 1 - 1-1 - Introduzione Microsoft Excel 2000 è una applicazione software che può essere usata come: Foglio elettronico. Database. Generatore di grafici. Capittol lo 1 Introduzione e Guida in linea Si può paragonare

Dettagli

XnView. Visualizzatore/Convertitore di formato per immagini. Guida di riferimento alle funzionalità principali

XnView. Visualizzatore/Convertitore di formato per immagini. Guida di riferimento alle funzionalità principali XnView Visualizzatore/Convertitore di formato per immagini Guida di riferimento alle funzionalità principali Questa guida è stata realizzata dall'aiuto in linea di XnView ed ha lo scopo di essere un riferimento

Dettagli

Progetto Automi e Linguaggi Parser svliluppato con JLex e cup

Progetto Automi e Linguaggi Parser svliluppato con JLex e cup Progetto Automi e Linguaggi Parser svliluppato con JLex e cup Sviluppato da Santoro Carlo Maurizio Matricola:0108/528 Sviluppo terminato il: 18/06/06 TRACCIA DEL PROGETTO Si costruisca, utilizzando la

Dettagli

dall argomento argomento della malloc()

dall argomento argomento della malloc() Allocazione dinamica Quando? Tutte le volte in cui i dati possono crescere in modo non prevedibile staticamente a tempo di sviluppo Un array con dimensione i fissata a compile-time non è sufficiente È

Dettagli

Comandi principali del linguaggio HTML (Hyper Text Markup Language)

Comandi principali del linguaggio HTML (Hyper Text Markup Language) Comandi principali del linguaggio HTML (Hyper Text Markup Language) Caratteristiche di HTML HTML è un linguaggio di formattazione (markup) di documenti ed è il linguaggio base per produrre documenti per

Dettagli

Informazioni generali sul corso

Informazioni generali sul corso abaroni@yahoo.com Informazioni generali sul corso Reporting direzionale Obiettivi del corso h Creare reports con DI 2 Pagina C.1 Argomenti h Cap. 13 Interruzione e Vista struttura h Cap. 14 Sincronizzazione

Dettagli

DRU-100C Videocamera Digitale USB Manuale Utente

DRU-100C Videocamera Digitale USB Manuale Utente DRU-100C Videocamera Digitale USB Manuale Utente Rev.01 (Agosto,2000) M20000806 Stampato a Taiwan Indice Generale INTRODUZIONE...1 INSTALLAZIONE DELL'HARDWARE...2 INSTALLARE LA VIDEOCAMERA... 2 INSTALLAZIONE

Dettagli

WWW.ICTIME.ORG. NVU Manuale d uso. Cimini Simonelli Testa

WWW.ICTIME.ORG. NVU Manuale d uso. Cimini Simonelli Testa WWW.ICTIME.ORG NVU Manuale d uso Cimini Simonelli Testa Cecilia Cimini Angelo Simonelli Francesco Testa NVU Manuale d uso EDIZIONE Gennaio 2008 Questo manuale utilizza la Creative Commons License www.ictime.org

Dettagli

Adobe InDesign MiniTUTORIAL Come impostare una brochure con Indesign

Adobe InDesign MiniTUTORIAL Come impostare una brochure con Indesign Adobe InDesign MiniTUTORIAL Come impostare una brochure con Indesign Credo sia utile impostare fin da subito le unità di misura. InDesign > Unità e incrementi Iniziamo poi creando un nuovo documento. File

Dettagli

APPUNTI DI HTML (TERZA LEZIONE)

APPUNTI DI HTML (TERZA LEZIONE) Il web è costituito non da testi ma da ipertesti. APPUNTI DI HTML (TERZA LEZIONE) I link ci permettono di passare da un testo all altro. I link sono formati da due componenti: IL CONTENUTO "nasconde" il

Dettagli

Utilizzare il NetBeans GUI Builder. Dott. Ing. M. Banci, PhD

Utilizzare il NetBeans GUI Builder. Dott. Ing. M. Banci, PhD Utilizzare il NetBeans GUI Builder Dott. Ing. M. Banci, PhD Lavorare con i Beans Queste slide ci guidano nel processo di creazione di un bean pattern nel progetto NetBeans 15 Giugno 2007 Esercitazione

Dettagli

FlukeView Forms Documenting Software

FlukeView Forms Documenting Software FlukeView Forms Documenting Software N. 5: Uso di FlukeView Forms con il tester per impianti elettrici Fluke 1653 Introduzione Questa procedura mostra come trasferire i dati dal tester 1653 a FlukeView

Dettagli

Microsoft Excel. Sommario. Cosa è un foglio elettronico. L interfaccia Utente. La cartella di Lavoro. Corso di introduzione all informatica

Microsoft Excel. Sommario. Cosa è un foglio elettronico. L interfaccia Utente. La cartella di Lavoro. Corso di introduzione all informatica Corso di introduzione all informatica Microsoft Excel Gaetano D Aquila Sommario Cosa è un foglio elettronico Caratteristiche di Microsoft Excel Inserimento e manipolazione dei dati Il formato dei dati

Dettagli

EXCEL PER WINDOWS95. sfruttare le potenzialità di calcolo dei personal computer. Essi si basano su un area di lavoro, detta foglio di lavoro,

EXCEL PER WINDOWS95. sfruttare le potenzialità di calcolo dei personal computer. Essi si basano su un area di lavoro, detta foglio di lavoro, EXCEL PER WINDOWS95 1.Introduzione ai fogli elettronici I fogli elettronici sono delle applicazioni che permettono di sfruttare le potenzialità di calcolo dei personal computer. Essi si basano su un area

Dettagli

Obiettivi del corso. Creare, modificare e formattare un semplice database costituito da tabelle, query, maschere e report utilizzando Access 2000.

Obiettivi del corso. Creare, modificare e formattare un semplice database costituito da tabelle, query, maschere e report utilizzando Access 2000. ECDL Excel 2000 Obiettivi del corso Creare, modificare e formattare un semplice database costituito da tabelle, query, maschere e report utilizzando Access 2000. Progettare un semplice database Avviare

Dettagli

Esercitazione n. 11: Sito web con Kompozer

Esercitazione n. 11: Sito web con Kompozer + Strumenti digitali per la comunicazione A.A 2013/14 Esercitazione n. 11: Sito web con Kompozer Scopo: Creare un sito Web che fornisce informazioni su un negozio di articoli sportivi chiamato Championzone.

Dettagli

HTML 6. I frame. Sintassi di base. I frame e DOCTYPE FRAME. ...head...

HTML 6. I frame. Sintassi di base. I frame e DOCTYPE FRAME. ...head... <FRAMESET lista_attributi> <FRAME SRC= URL lista_attributi> FRAME HTML 6 I frame Danno la possibilità di creare finestre multiple all'interno della finestra del browser Si riesce a suddividere la pagina in più sezioni indipendenti, ma che si possono influenzare

Dettagli

Fondamenti di Informatica T-1 CdS Ingegneria Informatica a.a. 2011/2012. Introduzione a Visual Studio 2005/2008/2010

Fondamenti di Informatica T-1 CdS Ingegneria Informatica a.a. 2011/2012. Introduzione a Visual Studio 2005/2008/2010 Fondamenti di Informatica T-1 CdS Ingegneria Informatica a.a. 2011/2012 Introduzione a Visual Studio 2005/2008/2010 1 Outline Solution e Project Visual Studio e linguaggio C Visual Studio schermata principale

Dettagli

TEST: Hardware e Software

TEST: Hardware e Software TEST: Hardware e Software 1. Che tipo di computer è il notebook? A. da tavolo B. generico C. non è un computer D. Portatile 2. Come è composto il computer? A. Software e Freeware B. Freeware e Antivirus

Dettagli

Il linguaggio HTML - Parte 2

Il linguaggio HTML - Parte 2 Corso IFTS Informatica, Modulo 3 Progettazione pagine web statiche (50 ore) Il linguaggio HTML - Parte 2 Dott. Chiara Braghin braghin@dti.unimi.it Elenchi all interno di Un elenco è una sequenza

Dettagli

GUIDA UTENTE BILLIARDS COUNTER (Vers. 1.2.0)

GUIDA UTENTE BILLIARDS COUNTER (Vers. 1.2.0) ------------------------------------------------- GUIDA UTENTE BILLIARDS COUNTER (Vers. 1.2.0) GUIDA UTENTE BILLIARDS COUNTER (Vers. 1.2.0)... 1 Installazione Billiards Counter... 2 Primo avvio e configurazione

Dettagli

Introduzione al Linguaggio C

Introduzione al Linguaggio C Introduzione al Linguaggio C File I/O Daniele Pighin April 2009 Daniele Pighin Introduzione al Linguaggio C 1/15 Outline File e dati Accesso ai file File I/O Daniele Pighin Introduzione al Linguaggio C

Dettagli

Livelli di astrazione

Livelli di astrazione Realizzare Classi Astrazione Perdita di dettaglio Utile nella descrizione, progettazione, implementazione e utilizzo di sistemi complessi Dettagli trascurabili vengono incapsulati in sottosistemi più semplici

Dettagli

2. INSTALLAZIONE (su Ubuntu) Da terminale è necessario digitare i seguenti comandi, come specificato all'indirizzo [1].

2. INSTALLAZIONE (su Ubuntu) Da terminale è necessario digitare i seguenti comandi, come specificato all'indirizzo [1]. OPENCV 1. INTRODUZIONE OpenCV è una libreria open source in C++ per l'image processing e la computer vision La libreria è costituita da funzioni principalmente progettate per l'elaborazione di immagini

Dettagli

Tale attività non è descritta in questa dispensa

Tale attività non è descritta in questa dispensa Fondamenti di informatica Oggetti e Java ottobre 2014 1 Nota preliminare L installazione e l uso di Eclipse richiede di aver preliminarmente installato Java SE SDK Tale attività non è descritta in questa

Dettagli

Database e Microsoft Access. Ing. Antonio Guadagno

Database e Microsoft Access. Ing. Antonio Guadagno Database e Microsoft Access Ing. Antonio Guadagno Database e Microsoft Access Un Database non è altro che un insieme di contenitori e di strumenti informatici che ci permette di gestire grossi quantitativi

Dettagli

GNred Ver1.5 Manuale utenti

GNred Ver1.5 Manuale utenti GNred Ver1.5 Manuale utenti [ultima modifica 09.06.06] 1 Introduzione... 2 1.1 Cos è un CMS?... 2 1.2 Il CMS GNred... 2 1.2.1 Concetti di base del CMS GNred... 3 1.2.2 Workflow... 3 1.2.3 Moduli di base...

Dettagli

Lezione 4. Enea Cippitelli e.cippitelli@univpm.it Samuele Gasparrini s.gasparrini@univpm.it

Lezione 4. Enea Cippitelli e.cippitelli@univpm.it Samuele Gasparrini s.gasparrini@univpm.it Corso di Tecnologie per le Telecomunicazioni Utilizzo del sensore Kinect in ambiente Matlab Lezione 4 Enea Cippitelli e.cippitelli@univpm.it Samuele Gasparrini s.gasparrini@univpm.it 1 Outline Skeletal

Dettagli

Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica. Programmazione I - corso B a.a. 2009-10. prof.

Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica. Programmazione I - corso B a.a. 2009-10. prof. Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica Programmazione I - corso B a.a. 009-10 prof. Viviana Bono Blocco 9 Metodi statici: passaggio parametri, variabili locali, record

Dettagli

5.6.1 REPORT, ESPORTAZIONE DI DATI

5.6.1 REPORT, ESPORTAZIONE DI DATI 5.6 STAMPA In alcune circostanze può essere necessario riprodurre su carta i dati di tabelle o il risultato di ricerche; altre volte, invece, occorre esportare il risultato di una ricerca, o i dati memorizzati

Dettagli

Laboratorio di Programmazione 1. Docente: dr. Damiano Macedonio Lezione 18 31/03/2014

Laboratorio di Programmazione 1. Docente: dr. Damiano Macedonio Lezione 18 31/03/2014 Laboratorio di Programmazione 1 1 Docente: dr. Damiano Macedonio Lezione 18 31/03/2014 Funzioni: Dichiarazione e Definizione La dichiarazione di una funzione serve a comunicare al compilatore quali sono

Dettagli

rif.: ma-mp-color ver. 10.0.1 del 16/2/2010

rif.: ma-mp-color ver. 10.0.1 del 16/2/2010 Modulo P rif.: ma-mp-color ver. 10.0.1 del 16/2/2010 Manuale del modulo Color Grayscale per la linea di sistemi di visione artificiale HQV / Vedo. Questo manuale illustra le modalità di impiego del modulo

Dettagli

3 Lavorare con i livelli

3 Lavorare con i livelli INTRODUZIONE 3 Lavorare con i livelli I livelli costituiscono un elemento essenziale nella programmazione di un filmato FLASH. Mentre i fotogrammi individuano la sequenzialità, i livelli definiscono la

Dettagli

SwanMosaic. Guida Rapida. (C) 2000-2005 Ct Software. Via del Monte, 1080 47023 Cesena (FO) Tel 0547 64 65 61 - Fax 0547 300 877. www.comm-tec.

SwanMosaic. Guida Rapida. (C) 2000-2005 Ct Software. Via del Monte, 1080 47023 Cesena (FO) Tel 0547 64 65 61 - Fax 0547 300 877. www.comm-tec. SwanMosaic ver 1.02 Pag. 1 SwanMosaic Guida Rapida Versione 1.02 (C) 2000-2005 Ct Software Via del Monte, 1080 47023 Cesena (FO) Tel 0547 64 65 61 - Fax 0547 300 877 SwanMosaic ver 1.02 Pag. 2 Menu Project:

Dettagli

VETLib. Video Elaboration & Transmission Library. h t t p : / / l n x. e w g a t e. n e t / v e t l i b / 21/03/2006 A.A.

VETLib. Video Elaboration & Transmission Library. h t t p : / / l n x. e w g a t e. n e t / v e t l i b / 21/03/2006 A.A. h t t p : / / l n x. e w g a t e. n e t / v e t l i b / Video Elaboration & Transmission Library VETLib 21/03/2006 Presentation built 1.0.2.83 Laureando: Alessandro Polo A.A. 2004-2005 Relatore: Francesco

Dettagli

Fogli Elettronici: MS Excel. Foglio Elettronico

Fogli Elettronici: MS Excel. Foglio Elettronico Parte 6 Fogli Elettronici: MS Excel Elementi di Informatica - AA. 2008/2009 - MS Excel 0 di 54 Foglio Elettronico Un foglio elettronico (o spreadsheet) è un software applicativo nato dall esigenza di:

Dettagli

Radio Frequency Identification Systems

Radio Frequency Identification Systems Work--Tag passiivii Miinii--Conttrrollllerr USB CPR..PR50 & CPR..MR50 Manualle iinsttallllaziione Come tutti i dispositivi della Famiglia Work-Tag i controller operano con transponders di frequenza operativa

Dettagli

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005 Appunti sugli Elaboratori di Testo D. Gubiani Università degli Studi G.D Annunzio di Chieti-Pescara 19 Luglio 2005 1 Cos è un elaboratore di testo? 2 3 Cos è un elaboratore di testo? Cos è un elaboratore

Dettagli

Gestione home page. Intranet -> Ambiente Halley -> Gestione homepage

Gestione home page. Intranet -> Ambiente Halley -> Gestione homepage Gestione home page egovernment L home page del portale Halley egovernment permette all Amministrazione di pubblicare contenuti e informazioni e di organizzarle in blocchi. Questa struttura per argomenti

Dettagli

Le immagini digitali. Le immagini digitali. Caterina Balletti. Caterina Balletti. Immagini grafiche. Trattamento di immagini digitali.

Le immagini digitali. Le immagini digitali. Caterina Balletti. Caterina Balletti. Immagini grafiche. Trattamento di immagini digitali. 1 Le immagini digitali Le immagini digitali Università IUAV di venezia Trattamento di immagini digitali immagini grafiche immagini raster immagini vettoriali acquisizione trattamento geometrico trattamento

Dettagli

Il menu File contiene tutti i comandi relativi alle seguenti operazioni:

Il menu File contiene tutti i comandi relativi alle seguenti operazioni: 1 - FILE FIGURA 1.1 Il menu File contiene tutti i comandi relativi alle seguenti operazioni: - apertura e salvataggio di disegni nuovi ed esistenti; - spedizione di disegni tramite email; - collegamento

Dettagli

OSSIF WEB. Manuale query builder

OSSIF WEB. Manuale query builder OSSIF WEB Manuale query builder - Maggio 2010 1) Sommario 1) SOMMARIO... 2 INTRODUZIONE... 3 Scopo del documento... 3 Struttura del documento... 3 Descrizione dell interfaccia grafica... 3 SELEZIONE DI

Dettagli

Introduzione. Costruzione di Interfacce Primi passi in OpenGL. Sierpinski Gasket. Sierpinski gasket. Event driven programming. Stuttura del programma

Introduzione. Costruzione di Interfacce Primi passi in OpenGL. Sierpinski Gasket. Sierpinski gasket. Event driven programming. Stuttura del programma Introduzione Costruzione di Interfacce Primi passi in OpenGL cignoni@iei.pi.cnr.it http://vcg.iei.pi.cnr.it/~cignoni Abbiamo visto Cosa significa rendering L approccio object viewer Mettiamo in pratica

Dettagli

Software per la diagnostica dei file batch

Software per la diagnostica dei file batch Software per la diagnostica dei file batch Premessa Il software per la diagnostica dei file batch è riservato alle società di ingegneria che effettuano comunicazione mediante file batch. L applicativo

Dettagli

1. Soluzione esercizio XYZ SpA

1. Soluzione esercizio XYZ SpA 1. Soluzione esercizio XYZ SpA 2. Oggetti fstream e loro uso Si vuole realizzare un piccolo sistema informativo a supporto dell'attività dell'ufficio dipendenti della società XYZ SpA. Tale società opera

Dettagli

Sistemi Elettronici e informatici in ambito Radiologico // Informatica Medica parte c A.A. 2014-15

Sistemi Elettronici e informatici in ambito Radiologico // Informatica Medica parte c A.A. 2014-15 Sistemi Elettronici e informatici in ambito Radiologico // Informatica Medica parte c A.A. 2014-15 Agostino ACCARDO Dipartimento di Ingegneria e Architettura 040-5587148 accardo@units.it Testi di riferimento:

Dettagli

Studio e implementazione di un OCR per auto-tele-lettura dei contatori di gas e acqua

Studio e implementazione di un OCR per auto-tele-lettura dei contatori di gas e acqua POLITECNICO DI MILANO Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Dipartimento di Elettronica e Informazione Studio e implementazione di un OCR per auto-tele-lettura dei contatori di gas e acqua AI & R Lab

Dettagli

Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6

Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6 Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6 Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione Anno 2009/2010 Syllabus 5.0 Microsoft PowerPoint è un software progettato

Dettagli

Lezione 6 Introduzione a Microsoft Excel Parte Terza

Lezione 6 Introduzione a Microsoft Excel Parte Terza Lezione 6 Introduzione a Microsoft Excel Parte Terza I grafici in Excel... 1 Creazione di grafici con i dati di un foglio di lavoro... 1 Ricerca del tipo di grafico più adatto... 3 Modifica del grafico...

Dettagli

Metodologie Informatiche Applicate al Turismo

Metodologie Informatiche Applicate al Turismo Metodologie Informatiche Applicate al Turismo 9. HTML Parte II Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it Corso di Laurea in Scienze

Dettagli

Sicurezza nelle reti

Sicurezza nelle reti Sicurezza nelle reti Manipolazione indirizzi IP 1 Concetti Reti Rete IP definita dalla maschera di rete Non necessariamente concetto geografico Non è detto che macchine della stessa rete siano vicine 2

Dettagli

MANUALE D USO SOFTWARE FATTURA WEB. Committente CANTATORE GIANLUCA

MANUALE D USO SOFTWARE FATTURA WEB. Committente CANTATORE GIANLUCA MANUALE D USO SOFTWARE FATTURA WEB Committente CANTATORE GIANLUCA INTRODUZIONE Il sistema software in oggetto, di seguito denominato software, è stato implementato su espressa richiesta del committente,

Dettagli

Gestione Rapporti (Calcolo Aree)

Gestione Rapporti (Calcolo Aree) Gestione Rapporti (Calcolo Aree) L interfaccia dello strumento generale «Gestione Rapporti»...3 Accedere all interfaccia (toolbar)...3 Comandi associati alle icone della toolbar...4 La finestra di dialogo

Dettagli

15 operazioni con winzip 8.1

15 operazioni con winzip 8.1 PREMESSA 15 operazioni con winzip 8.1 Marco Riani Con questo programma si può creare un archivio in cui i file vengono memorizzati in formato compresso e saranno decompressi automaticamente al momento

Dettagli

Manuale scritto da Fuso Federico 4 A Anno scolastico 2011/2012 Parte 1

Manuale scritto da Fuso Federico 4 A Anno scolastico 2011/2012 Parte 1 Manuale scritto da Fuso Federico 4 A Anno scolastico 2011/2012 Parte 1 Chi può riuscire a creare pagine HTML? La realizzazione di pagine web non eccessivamente sofisticate è alla portata di tutti, basta

Dettagli

Miglioramento dell analisi di immagine in GRASS tramite segmentazione

Miglioramento dell analisi di immagine in GRASS tramite segmentazione Segmentazione in GRASS Miglioramento dell analisi di immagine in GRASS tramite segmentazione Alfonso Vitti e Paolo Zatelli Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Trento Italy FOSS4G-it

Dettagli

Metodi Computazionali della Fisica Secondo Modulo: C++

Metodi Computazionali della Fisica Secondo Modulo: C++ Metodi Computazionali della Fisica Secondo Modulo: C++ Settima Lezione Andrea Piccione () Metodi Comptazionali della Fisica - Secondo Modulo: C++ Milano, 07/01/08 1 / 25 Utilizzo delle classi di ROOT GUI

Dettagli

Corso di Visione Artificiale. Immagini digitali. Samuel Rota Bulò

Corso di Visione Artificiale. Immagini digitali. Samuel Rota Bulò Corso di Visione Artificiale Immagini digitali Samuel Rota Bulò Immagini digitali Un immagine viene generata dalla combinazione di una sorgente di energia e la riflessione o assorbimento di energia da

Dettagli

Firewall e NAT A.A. 2005/2006. Walter Cerroni. Protezione di host: personal firewall

Firewall e NAT A.A. 2005/2006. Walter Cerroni. Protezione di host: personal firewall Firewall e NAT A.A. 2005/2006 Walter Cerroni Protezione di host: personal firewall Un firewall è un filtro software che serve a proteggersi da accessi indesiderati provenienti dall esterno della rete Può

Dettagli

LA GESTIONE DELLE VISITE CLIENTI VIA WEB

LA GESTIONE DELLE VISITE CLIENTI VIA WEB LA GESTIONE DELLE VISITE CLIENTI VIA WEB L applicazione realizzata ha lo scopo di consentire agli agenti l inserimento via web dei dati relativi alle visite effettuate alla clientela. I requisiti informatici

Dettagli

ORGANIZZAZIONE MODULARE E PER UNITÀ FORMATIVE

ORGANIZZAZIONE MODULARE E PER UNITÀ FORMATIVE ORGANIZZAZIONE MODULARE E PER UNITÀ FORMATIVE AREA DELLE COMPETENZE INFORMATICHE (Ore 96) U.F.C. n. 1 CONCETTI TEORICI DI BASE DELLA TECNOLOGIA DELL INFORMAZIONE Far acquisire conoscenze sulle componenti

Dettagli

Linguaggio HTML (2) Attributi di Per variare lo stile di carattere rispetto al default, si possono utilizzare tre attributi:

Linguaggio HTML (2) Attributi di <FONT> Per variare lo stile di carattere rispetto al default, si possono utilizzare tre attributi: Linguaggio HTML (2) Attributi di Per variare lo stile di carattere rispetto al default, si possono utilizzare tre attributi: SIZE= numero per modificare le dimensioni Es:

Dettagli

La riduzione dei dati da CCD

La riduzione dei dati da CCD Hands on Universe, Europe Pesiamo una galassia La riduzione dei dati da CCD Alessandra Zanazzi e Marilena Spavone Città della Scienza Scpa Onlus e Fondazione IDIS - Città della Scienza Logo disegnato da

Dettagli

12 - Introduzione alla Programmazione Orientata agli Oggetti (Object Oriented Programming OOP)

12 - Introduzione alla Programmazione Orientata agli Oggetti (Object Oriented Programming OOP) 12 - Introduzione alla Programmazione Orientata agli Oggetti (Object Oriented Programming OOP) Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica,

Dettagli

L ambiente di sviluppo Android Studio

L ambiente di sviluppo Android Studio L ambiente di sviluppo Android Studio Android Studio è un ambiente di sviluppo integrato (IDE, Integrated Development Environment) per la programmazione di app con Android. È un alternativa all utilizzo

Dettagli

Grafica Digitale. Concetti di base della computer grafica. Oliviero Neglia

Grafica Digitale. Concetti di base della computer grafica. Oliviero Neglia Grafica Digitale Concetti di base della computer grafica Oliviero Neglia Per grafica digitale intendiamo quell'insieme di processi che ci permettono di creare, modificare e visualizzare immagini attraverso

Dettagli

Introduzione all uso del Software Cisco Packet Tracer

Introduzione all uso del Software Cisco Packet Tracer - Laboratorio di Servizi di Telecomunicazione Introduzione all uso del Software Cisco Packet Tracer Packet Tracer? Che cosa è Packet Tracer? Cisco Packet Tracer è un software didattico per l emulazione

Dettagli

RECentral Mac I675. Italiano. User Manual

RECentral Mac I675. Italiano. User Manual RECentral Mac I675 Italiano User Manual RECentral Mac RECentral Mac è il vostro compagno preferito per la cattura di video in qualità HD. L'interfaccia è di stile e facile da usare, e consente di accedere

Dettagli

M257SC. Scanner per lastre Scanner for slabs

M257SC. Scanner per lastre Scanner for slabs M257SC Scanner per lastre Scanner for slabs M257SC Scanner per lastre utilizzato per la creazione di foto digitali a colori ad alta defi nizione e per il rilevamento dei dati dimensionali. Per ogni lastra

Dettagli

GERARCHIE RICORSIVE - SQL SERVER 2008

GERARCHIE RICORSIVE - SQL SERVER 2008 GERARCHIE RICORSIVE - SQL SERVER 2008 DISPENSE http://dbgroup.unimo.it/sia/gerarchiericorsive/ L obiettivo è quello di realizzare la tabella di navigazione tramite una query ricorsiva utilizzando SQL SERVER

Dettagli

PROGRAMMAZIONE PER DISCIPLINE INFORMATICA CLASSE

PROGRAMMAZIONE PER DISCIPLINE INFORMATICA CLASSE Elaborazione testi Il computer e i file La Tecnologia dell Informazione PROGRAMMAZIONE PER DISCIPLINE INFORMATICA CLASSE 5 a SCUOLA PRIMARIA Competenz e Uso di nuove tecnologie e di linguaggi multimediali

Dettagli

Visual Basic for Applications (VBA) Francesco Brun Fondamenti di Informatica a.a. 2014/2015

Visual Basic for Applications (VBA) Francesco Brun Fondamenti di Informatica a.a. 2014/2015 Francesco Brun Fondamenti di Informatica a.a. 2014/2015 Scopo di questo approfondimento Lo scopo di questo approfondimento è rispondere alla domanda: e se nella vita mi troverò a dover utilizzare un linguaggio

Dettagli

idaq TM Manuale Utente

idaq TM Manuale Utente idaq TM Manuale Utente Settembre 2010 TOOLS for SMART MINDS Manuale Utente idaq 2 Sommario Introduzione... 5 Organizzazione di questo manuale... 5 Convenzioni... Errore. Il segnalibro non è definito. Installazione...

Dettagli

1 D MANUALE UTENTE. Windows 8. v20140117

1 D MANUALE UTENTE. Windows 8. v20140117 SG 31 SG 1 D 3110DN MANUALE UTENTE Windows 8 v20140117 Ricoh SG 3110DN PowerDriver V4 Manuale Utente PowerDriver-v4 è dotato di un interfaccia software facile da usare che consente agli utenti di accedere

Dettagli

Introduzione a Visual Studio 2005

Introduzione a Visual Studio 2005 Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB Ingengeria Elettronica e Telecomunicazioni a.a. 2008/2009 Introduzione a Visual Studio 2005 Outline Solutions e Projects Visual Studio e il linguaggio C Visual

Dettagli

METODI per effettuare previsioni con analisi di tipo WHAT-IF

METODI per effettuare previsioni con analisi di tipo WHAT-IF METODI per effettuare previsioni con analisi di tipo WHAT-IF 1. TABELLA DATI Una tabella di dati è un intervallo che mostra come la modifica di alcuni valori nelle formule ne influenza i risultati. Le

Dettagli

strutturare dati e codice

strutturare dati e codice Puntatori e passaggio parametri strutturare dati e codice Tipo di dati int * Pi ; Op. dereferenziazione j = *Pi ; Op. indirizzo Pi = &i ; By value int f(int i) ; a = f(b) ; By address int f(int * Pi) ;

Dettagli

Sono uno strumento di composizione efficace per combinare più foto in una sola immagine e per effettuare correzioni locali di colori e toni.

Sono uno strumento di composizione efficace per combinare più foto in una sola immagine e per effettuare correzioni locali di colori e toni. Maschere di Livello Maschere di livello Le maschere di livello sono utili per nascondere porzioni del livello a cui vengono applicate e rivelare i livelli sottostanti. Sono uno strumento di composizione

Dettagli

HTML HTML. HyperText Markup Language. Struttura di un documento. Gli elementi essenziali di un documento HTML sono i seguenti TAG: ...

HTML HTML. HyperText Markup Language. Struttura di un documento. Gli elementi essenziali di un documento HTML sono i seguenti TAG: <HTML>... HTML HyperText Markup Language Struttura di un documento HTML Gli elementi essenziali di un documento HTML sono i seguenti TAG: ... ... ... Struttura di un documento

Dettagli

NECA Guida rapida all'importazione dei prodotti nel Carrello tramite file Excel

NECA Guida rapida all'importazione dei prodotti nel Carrello tramite file Excel NECA Guida rapida all'importazione dei A cura di Unità Organizzativa Strategia IT e Business Intelligence Milano, 11/6/2014 I N D I C E P r e m e s s a E s p o r t a z i o n e d e l f i l e c o n l ' e

Dettagli