VERIFICA OPERE IN C.A. CORPO "A"

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VERIFICA OPERE IN C.A. CORPO "A""

Transcript

1 VERIFICA OPERE IN C.A. CORPO "A" 1

2 VERIFICA PIASTRA FONDALE...3 VERIFICA RESTANTI OPERE IN C.A...9 VERIFICHE SLE

3 VERIFICA PIASTRA FONDALE Verifica a flessione Stati limiti La piastra fondale presenta uno spessore di 45 cm. La verifica viene svolta in maniera esemplificata in riferimento ad una striscia di 1ml e con le sollecitazioni massime. Di seguito è riportata in forma tabellare il valore delle massime sollecitazioni. elemento piastra fondazione sp 45 con doppia rete 18/10/10 elemento piastra fondazione sp 45 con doppia rete 16/15/15 stato limite M 11dmin [knm] - direzione x M 22dmin [knm] - direzione y rapporto M Rd(Nd)/M d verifica SLV cmb cmb 177 0,82 ok SLU- A cmb cmb 07 stato limite M 11dmax [knm] - direzione x M 22dmax [knm] - direzione y rapporto M Rd(Nd)/M d verifica SLV cmb cmb 196 0,94 ( dir y) ok SLU- A cmb cmb 07 0,69 ( dir x) ok sollecitazione flessionale minima e masssima M1-1 [knm/m] - cmb 07 sollecitazione flessionale minima M2-2 [knm/m] - cmb 07 3

4 Verifica massimo momento positivo in direzione x La verifica è condotta con riferimento alla sollecitazione pari a 132kNm/m (armatura con doppia rete 16/15/15). 4

5 Copriferro = 4cm Materiali: Calcestruzzo classe: C28/35 Rck (resistenza caratteristica cubica a compressione) = 350 dan/cmq fck (resistenza caratteristica cilindrica a compressione) = 290 dan/cmq fctm (resistenza a trazione media) = 28 dan/cmq G (modulo di elasticità tangenziale) = dan/cmq E (modulo elastico istantaneo iniziale) = dan/cmq C. Poisson (coefficiente di contrazione trasversale) = 0.12 Coefficiente di dilatazione termica = Peso specifico del calcestruzzo armato = 2500 dan/mc Barre d'acciaio ad aderenza migliorata tipo: B450C fyk (tensione caratteristica di snervamento) = 4500 dan/cmq fkt (tensione caratteristica di rottura) = 5400 dan/cmq uk (deformazione di rottura) = G (modulo di elasticità tangenziale) = dan/cmq E (modulo elastico) = dan/cmq C. Poisson (coefficiente di contrazione trasversale) = 0.30 Coefficiente di dilatazione termica = Peso specifico = 7850 dan/mc Dominio SLU: Caratteristiche limite della sezione: Nu Mxu Myu Stato Sez. kn kn m kn m -944,1 0,0 0,0 Completamente tesa 5

6 8339,1 0,0 0,0 Completamente compressa 0,0 187,7 0,0 Fibre inferiori tese 0,0-187,7 0,0 Fibre superiori tese 0,0 0,0 432,6 Fibre di sinistra tese 0,0 0,0-432,6 Fibre di destra tese Verifiche stato limite ultimo: Per ogni combinazione di carico saranno svolte le verifiche: Verifica per Mxu, Myu e Nu proporzionali (sigla verifica: P) Verifica con rapporto Mxu, Myu assegnato (sigla verifica: M) Verifica con Nu costante (sigla verifica: N) Cmb. N Mx My Tipo Nu Mxu Myu Sd/Su Verif. kn kn m kn m kn kn m kn m 1 0,0 132,0 0,0 P 0,0 187,7 0,0 0,690 OK N 0,0 187,7 0,0 0,690 Riepilogo combinazioni maggiormente gravose: Cmb. N Mx My Tipo Nu Mxu Myu Sd/Su Verif. kn kn m kn m kn kn m kn m 1 0,0 132,0 0,0 P 0,0 187,7 0,0 0,690 OK 1 0,0 132,0 0,0 N 0,0 187,7 0,0 0,690 OK Verifica massimo momento negativo in direzione x ed y La verifica è condotta con riferimento alla sollecitazione pari a 176kNm/m (armatura con doppia rete 16/15/15). Dominio SLU Caratteristiche limite della sezione: Nu Mxu Myu Stato Sez. kn kn m kn m -944,1 0,0 0,0 Completamente tesa 8339,1 0,0 0,0 Completamente compressa 0,0 187,7 0,0 Fibre inferiori tese 0,0-187,7 0,0 Fibre superiori tese 0,0 0,0 432,6 Fibre di sinistra tese 6

7 0,0 0,0-432,6 Fibre di destra tese Verifiche stato limite ultimo: Per ogni combinazione di carico saranno svolte le verifiche: Verifica per Mxu, Myu e Nu proporzionali (sigla verifica: P) Verifica con rapporto Mxu, Myu assegnato (sigla verifica: M) Verifica con Nu costante (sigla verifica: N) Cmb. N Mx My Tipo Nu Mxu Myu Sd/Su Verif. kn kn m kn m kn kn m kn m 1 0,0 176,0 0,0 P 0,0 187,7 0,0 0,940 OK N 0,0 187,7 0,0 0,940 Riepilogo combinazioni maggiormente gravose: Cmb. N Mx My Tipo Nu Mxu Myu Sd/Su Verif. kn kn m kn m kn kn m kn m 1 0,0 176,0 0,0 P 0,0 187,7 0,0 0,940 OK 1 0,0 176,0 0,0 N 0,0 187,7 0,0 0,940 OK Verifica massimo momento negativo in entrambe le direzioni Inferiormente in corridondenza dei setti in elevazione saranno previste delle armature 18/10/10, che conducono alla seguente verifica (M=296kNm): Copriferro = 4cm Materiali: Calcestruzzo classe: C28/35 Rck (resistenza caratteristica cubica a compressione) = 350 dan/cmq fck (resistenza caratteristica cilindrica a compressione) = 290 dan/cmq fctm (resistenza a trazione media) = 28 dan/cmq G (modulo di elasticità tangenziale) = dan/cmq E (modulo elastico istantaneo iniziale) = dan/cmq C. Poisson (coefficiente di contrazione trasversale) = 0.12 Coefficiente di dilatazione termica = Peso specifico del calcestruzzo armato = 2500 dan/mc Barre d'acciaio ad aderenza migliorata tipo: B450C fyk (tensione caratteristica di snervamento) = 4500 dan/cmq fkt (tensione caratteristica di rottura) = 5400 dan/cmq uk (deformazione di rottura) = G (modulo di elasticità tangenziale) = dan/cmq E (modulo elastico) = dan/cmq C. Poisson (coefficiente di contrazione trasversale) =

8 Coefficiente di dilatazione termica = Peso specifico = 7850 dan/mc Dominio SLU: Caratteristiche limite della sezione: Nu Mxu Myu Stato Sez. kn kn m kn m -1991,5 0,0 0,0 Completamente tesa 9386,5 0,0 0,0 Completamente compressa 0,0 369,7 0,0 Fibre inferiori tese 0,0-369,7 0,0 Fibre superiori tese 0,0 0,0 806,6 Fibre di sinistra tese 0,0 0,0-806,6 Fibre di destra tese Verifiche stato limite ultimo: Per ogni combinazione di carico saranno svolte le verifiche: Verifica per Mxu, Myu e Nu proporzionali (sigla verifica: P) Verifica con rapporto Mxu, Myu assegnato (sigla verifica: M) Verifica con Nu costante (sigla verifica: N) Cmb. N Mx My Tipo Nu Mxu Myu Sd/Su Verif. kn kn m kn m kn kn m kn m 1 0,0-296,0 0,0 P 0,0-369,7 0,0 0,820 OK N 0,0-369,7 0,0 0,820 Riepilogo combinazioni maggiormente gravose: Cmb. N Mx My Tipo Nu Mxu Myu Sd/Su Verif. kn kn m kn m kn kn m kn m 1 0,0-296,0 0,0 P 0,0-369,7 0,0 0,820 OK 1 0,0-296,0 0,0 N 0,0-369,7 0,0 0,820 OK Per esigenze di cantiere si dispone in corrispondenza dei setti in elevazione armatura aggiuntiva 16/15/15 (spezzoni lunghi 200cm che complessivamente nella sezione inferiore sommano di 26,8cmq > 25,4 cmq ( 18/10/10) ( come riportato nelle tavole grafiche ST03ABC). 8

9 VERIFICA RESTANTI OPERE IN C.A. Le pareti sono progettate considerando per ciascun nodo la maggiore delle aree di ferro che risultano (c.d. progettazione locale). Questa opzione riguarda sia per gli stati limite ultimi che gli stati limite di esercizio. Progettazione locale: la progettazione è stata condotta in regime di sforzo normale eccentrico (N, M), considerando un numero adeguato di sezioni generate per rotazione attorno alla normale dell elemento al nodo. Per ogni sezione i-esima sono definite le azioni Mi, Ni (circolo di Mohr) e le armature Afi,i e Afs,i (ottenute per proiezione dalle direzioni dell'armatura). Inviluppando il progetto dell'armatura per tutte le sezioni operando con proiezione inversa si è progettata la quantità di armatura inferiore e superiore. Verificando tutte le sezioni si ottiene il regime di tensione nel calcestruzzo e nell'acciaio. Operando in questo modo si evitano i problemi derivanti dai metodi semplificati (es. somme di momenti flettenti e torcenti) in quanto si verificano sezioni con azioni normali effettive. L armatura longitudinale è calcolata nei nodi. Si rimanda ai tabulati di calcolo per le sollecitazioni derivanti dall'analisi e relative verifiche puntuali. Segue in maniera graficizzata la verifica delle restanti opere in c.a. Si ricorda che la struttura in esame in c.a. appartiene ad unico blocco di fondazione a cassone in c.a (; pertanto coerentemente con quanto riportato al par 7.2. delle norme tecniche, appaiono superflue le verifiche di requisiti di duttilità, considerando anche che tutte le pareti restano in campo elastico essendo la massima tensione (valutata alla Von Mises) pari a 149daN/cmq inferiore a 164daN/cmq (resistenza dio calcolo del cls classe c28/35). verifica a pressoflessione pareti fondazione a cassone con sollecitazioni ultime proporzionali 9

10 verifica sforzo normale dei valori massimi del rapporto Nd/Nu, dove Nu viene ottenuto con riduzione del 25% di fc tensione totale Von Mises massima (slu) 10

11 tensione totale Von Mises massima (slv) VERIFICHE SLE Verifica di fessurazione Si considera come limite che la fondazione a cassone sia in condizioni ambientali ordinarie tipo XC2 - cls asciutto o permanentemente bagnato (classe resistenza min C25/30 < C28/35) - secondo le indicazioni delle norme UNI EN e NTC '08); pertanto la verifica a fessurazione rispetta il gruppo di esigenza di tipo "a", che si traduce (armature poso sensibili) nella sola verifica delle aperture delle fessure: wd w3 = 0,4mm ( comb frequente) wd w2 = 0,3mm ( comb quasi permanente) Le verifiche sono soddisfatte, essendo la maggior parte delle fessure <0,005mm (ad eccezione di alcuni sporadici punti singolari): gli elementi non evidenziati presentano apertura ->0mm. 11

12 verifica apertura fessure cls comb frequente ( verifica ok 0,40mm) verifica apertura fessure cls comb permanente ( verifica ok 0,30mm) 12

13 Verifica delle tensioni di esercizio La massima tensione di compressione del calcestruzzo σc, rispetta la limitazione seguente: c < 0,60 fck per combinazione caratteristica (rara) c < 0,45 fck per combinazione quasi permanente. Per l acciaio la tensione massima, s, per effetto delle azioni dovute alla combinazione caratteristica rispetta la limitazione seguente: s < 0,8 fyk. verifica tensione in esercizio cls comb rara ( verifica ok 1) verifica tensione in esercizio cls comb permanente ( verifica ok 1) 13

14 Fig 38: verifica tensione acciaio comb rara ( verifica ok 1) 14

Esempi guidati. Questo capitolo presenta alcuni esempi guidati sull applicazione del programma PRO_VLIM. Verranno presentati i seguenti esempi:

Esempi guidati. Questo capitolo presenta alcuni esempi guidati sull applicazione del programma PRO_VLIM. Verranno presentati i seguenti esempi: Capitolo 4 Esempi guidati Questo capitolo presenta alcuni esempi guidati sull applicazione del programma PRO_VLIM. Verranno presentati i seguenti esempi: Analisi di una sezione rettangolare in c.a. soggetta

Dettagli

IL METODO DEGLI STATI LIMITE Esempi di verifica

IL METODO DEGLI STATI LIMITE Esempi di verifica Corso sulle Norme Tecniche per le costruzioni in zona sismica (Ordinanza PCM 374/003) POTENZA, 004 IL METODO DEGLI STATI LIMITE Esempi di verifica Dott. Ing.. Marco VONA DiSGG, Università di Basilicata

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Progetto strutturale di una trave rovescia Alle travi di fondazioni

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO - V

STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO - V Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zanghì STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO - V AGGIORNAMENTO 22/09/2012 DOMINIO DI RESISTENZA Prendiamo in considerazione la trave rettangolare

Dettagli

Esempio guida n. 1: Progettazione di un telaio tridimensionale in c.a. (modellazione in 3 minuti)

Esempio guida n. 1: Progettazione di un telaio tridimensionale in c.a. (modellazione in 3 minuti) Esempio guida n. 1: Progettazione di un telaio tridimensionale in c.a. (modellazione in 3 minuti) In questa semplice esercitazione di progettazione viene eseguito il calcolo completo di una struttura in

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMO RESISTENTE A PETTINE Un elemento di calcestruzzo tra due fessure consecutive si può schematizzare come una mensola incastrata nel corrente

Dettagli

PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE SULLE CARATTERISTICHE DEI MATERIALI IMPIEGATI INDICE

PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE SULLE CARATTERISTICHE DEI MATERIALI IMPIEGATI INDICE INDICE INDICE... 1 1. Conglomerati cementizi... 2 1.1 Conglomerato cementizio magro... 2 1.2 Conglomerato cementizio per strutture di fondazione... 2 1.3 Conglomerato cementizio per strutture in elevazione...

Dettagli

CALCOLO DEL NUOVO PONTE

CALCOLO DEL NUOVO PONTE CALCOLO DEL NUOVO PONTE CARATTERISTICHE DEI MATERIALI I materiali utilizzati sono: - Calcestruzzo Rck450 = 2500 Kg/m 3 Resistenza di esercizio a flessione: f cd = 0,44*45 = 19,8 N/mm 2 = 198 Kg/cm 2 -

Dettagli

VILLA FIGOLI DES GENEYS PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE DI CALCOLO DELLE STRUTTURE 5 SETTEMBRE 2014 AZV_A1_S3_9.002_01

VILLA FIGOLI DES GENEYS PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE DI CALCOLO DELLE STRUTTURE 5 SETTEMBRE 2014 AZV_A1_S3_9.002_01 VILLA FIGOLI DES GENEYS PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE DI CALCOLO DELLE STRUTTURE 5 SETTEMBRE 2014 AZV_A1_S3_9.002_01 VILLA FIGOLI DES GENEYS PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE DI CALCOLO DELLE STRUTTURE 5

Dettagli

idomini MANUALE UTENTE

idomini MANUALE UTENTE idomini MANUALE UTENTE Introduzione al software per la determinazione dei domini di resistenza di sezioni in cemento armato e cemento armato rinforzato con FRP. COPYRIGHT idomini e tutta la relativa documentazione

Dettagli

SOLETTA SU LAMIERA GRECATA

SOLETTA SU LAMIERA GRECATA SOLETTA SU LAMIERA GRECATA (Revisione 3-01-006) Fig. 1 I solai composti in acciaio-calcestruzzo sono costituiti da una lamiera grecata di acciaio su cui viene eseguito un getto di calcestruzzo normale

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DI CALCOLO DELLE STRUTTURE E VERIFICA ALLE AZIONI SISMICHE SECONDO D.M. 96 e O.P.C.M. 3274

RELAZIONE TECNICA DI CALCOLO DELLE STRUTTURE E VERIFICA ALLE AZIONI SISMICHE SECONDO D.M. 96 e O.P.C.M. 3274 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA EDILE CORSO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI 3 PROF. MODENA ING. PIPINATO COSTRUZIONE EX NOVO DI UN CONDOMINIO

Dettagli

10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A.

10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A. 10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A. Il capitolo fa riferimento alla versione definitiva dell'eurocodice 2, parte 1.1, UNI EN 1992-1-1, recepito e reso applicabile in Italia dal DM del

Dettagli

DATI GENERALI ED OPZIONI DI CALCOLO

DATI GENERALI ED OPZIONI DI CALCOLO INDICE 1. INTRODUZIONE pag.. DATI GENERALI ED OPZIONI DI CALCOLO pag. 3. EFFETTI DELLE AZIONI pag. 4 4. VERIFICHE AGLI SLU PER CARICHI VERTICALI pag. 5 5. VERIFICHE AGLI SLU PER CARICHI TRASVERSALI pag.

Dettagli

BOZZA. Materiale muratura e verifiche per carichi verticali. Luca Salvatori. Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale. Università di Firenze

BOZZA. Materiale muratura e verifiche per carichi verticali. Luca Salvatori. Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale. Università di Firenze BOZZA Materiale muratura e verifiche per carichi verticali Luca Salvatori Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale Università di Firenze Materiale Muratura 1 Il materiale muratura Materiale complesso

Dettagli

Descrizione dei programmi scaricabili dal sito alla pagina http://www.ingegneriasoft.com/downloads.htm

Descrizione dei programmi scaricabili dal sito alla pagina http://www.ingegneriasoft.com/downloads.htm Descrizione dei programmi scaricabili dal sito alla pagina http://www.ingegneriasoft.com/downloads.htm Stru 3D Win. Preprocessore e postprocessore per Microsap, Sap90 e Sap2000. Clicca qui per scaricare

Dettagli

Indice. ET - Engineering Tools.

Indice. ET - Engineering Tools. <S.T.A. DATA srl> RINFORZI MURATURE 3 Indice Parte I ET - Engineering Tools 4 1 Area... pulsanti di controllo 6 2 Area... elenco moduli installati 7 3 Area... elenco lavori realizzati 8 4 Area... anteprima relazione 9

Dettagli

SOMMARIO. 29-ESDRT002.doc 1/43

SOMMARIO. 29-ESDRT002.doc 1/43 RELAZIONE TECNICO SPECIALISTICA DI CALCOLO STRUTTURALE SOMMARIO RELAZIONE TECNICO SPECIALISTICA DI CALCOLO STRUTTURALE...2 1.1 Normativa di riferimento...2 1.2 - Criteri di verifica...3 1.3 - Analisi dei

Dettagli

MILANOSPORT S.P.A. CENTRO SPORTIVO SAINI Viale Corelli, 136 20134 Milano. piscina 50 m NUOVA DISTRIBUZIONE IDRAULICA PROGETTO ESECUTIVO

MILANOSPORT S.P.A. CENTRO SPORTIVO SAINI Viale Corelli, 136 20134 Milano. piscina 50 m NUOVA DISTRIBUZIONE IDRAULICA PROGETTO ESECUTIVO MILANOSPORT S.P.A. CENTRO SPORTIVO SAINI Viale Corelli, 136 20134 Milano piscina 50 m NUOVA DISTRIBUZIONE IDRAULICA PROGETTO ESECUTIVO DIRETTORE TECNICO ARCH. STEFANO PEDULLA R4M engineering ELABORATO

Dettagli

COMUNE DI CARPI - CIMITERO URBANO RIPARAZIONE CON RAFFORZAMENTO LOCALE PROG. ESECUTIVO - RELAZIONE SUI MATERIALI

COMUNE DI CARPI - CIMITERO URBANO RIPARAZIONE CON RAFFORZAMENTO LOCALE PROG. ESECUTIVO - RELAZIONE SUI MATERIALI INDICE 1. DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI... 2 2. CARATTERISTICHE DEI MATERIALI NUOVI... 3 2.1. CALCESTRUZZO... 3 2.1.1. Calcestruzzo per opere di fondazione... 5 2.1.2. Calcestruzzo per opere in elevazione...

Dettagli

VERIFICA STATICA DI COLLETTORE FOGNARIO 13005 C AR 00 RT 0005 1 LOTTO FUNZIONALE

VERIFICA STATICA DI COLLETTORE FOGNARIO 13005 C AR 00 RT 0005 1 LOTTO FUNZIONALE Comune di Bollate Esecuzione di un Urban Centre Auditorium in Bollate PROJECT: 13005 DOC.NO.: 13005 C AR 00 RT0005 DATE: 29/05/2014 PAGE: 1 REV. 02 VERIFICA STATICA DI COLLETTORE FOGNARIO 13005 C AR 00

Dettagli

Certificazione di produzione di codice di calcolo Programma CAP3

Certificazione di produzione di codice di calcolo Programma CAP3 1 Certificazione di produzione di codice di calcolo Programma CAP3 1) CARATTERISTICHE DEL CODICE Titolo programma : CAP3 - Travi precompresse ad armatura pretesa, Metodo agli stati limite. Autore : ing.

Dettagli

Dalle tensioni ammissibili agli stati limite

Dalle tensioni ammissibili agli stati limite Dalle tensioni ammissibili agli stati limite Flessione composta Spoleto, 21 maggio 2004 Aurelio Ghersi Verifica di sezioni soggette flessione composta 1 Verifica tensioni ammissibili h d c n A s x σ c

Dettagli

Modelli di dimensionamento

Modelli di dimensionamento Introduzione alla Norma SIA 266 Modelli di dimensionamento Franco Prada Studio d ing. Giani e Prada Lugano Testo di: Joseph Schwartz HTA Luzern Documentazione a pagina 19 Norma SIA 266 - Costruzioni di

Dettagli

7. PROGETTO DELLE STRUTTURE DI FONDAZIONE 7.1.COLONNA - GIUNTO DI BASE

7. PROGETTO DELLE STRUTTURE DI FONDAZIONE 7.1.COLONNA - GIUNTO DI BASE 7. PROGETTO DELLE STRUTTURE DI FONDAZIONE Come per l analisi del comportamento longitudinale della struttura anche in questo caso è necessario analizzare il percorso di tensione. Esso si basa su tre passi

Dettagli

FORMULE UTILIZZATE NEI CALCOLI

FORMULE UTILIZZATE NEI CALCOLI OGGETTO LAVORI Committente: FORMULE UTILIZZATE NEI CALCOLI Il Progettista Strutturale VERIFICA DELLE RIGIDEZZE. La rigidezza iniziale (K in ) si calcola con la formula: K = GAEl 2 h 3 G1,2hEl 2 dove: E,G

Dettagli

Leonardo Principato Trosso

Leonardo Principato Trosso Leonardo Principato Trosso Software per il calcolo con i metodi delle tensioni ammissibili e agli stati limite ai sensi del D.M. 14 gennaio 2008 * Solai in cemento armato, ferro, legno e a piastra * Sbalzi

Dettagli

INDICE. 1. Premesse pag. 2. 2. Regime normativo pag. 3

INDICE. 1. Premesse pag. 2. 2. Regime normativo pag. 3 INDICE 1. Premesse pag. 2 2. Regime normativo pag. 3 3. Plinto di fondazione torre faro pag. 4 3.1 Sollecitazione massime di calcolo pag. 4 3.2 Determinazione massimi sforzi sui pali pag. 4 3.3 Dimensionamento

Dettagli

INDICE 1. GENERALITÀ 3 2. NORMATIVA VIGENTE 6

INDICE 1. GENERALITÀ 3 2. NORMATIVA VIGENTE 6 INDICE 1. GENERALITÀ 3 2. NORMATIVA VIGENTE 6 3. MATERIALI PREVISTI 6 3.1 Calcestruzzo per opere di fondazione ed impalcato 6 3.1.1 Dosatura dei materiali. 6 3.1.2 Qualità dei componenti 6 3.1.3 Prescrizione

Dettagli

ILLUSTRIAMO BREVEMENTE LE NOVITA INTRODOTTE NELLA NUOVA VERSIONE DI MASTERSAP

ILLUSTRIAMO BREVEMENTE LE NOVITA INTRODOTTE NELLA NUOVA VERSIONE DI MASTERSAP Maggio 2012 ILLUSTRIAMO BREVEMENTE LE NOVITA INTRODOTTE NELLA NUOVA VERSIONE DI MASTERSAP Come di consueto AMV fornisce tutti gli aggiornamenti in forma gratuita agli Utenti in regola con la sottoscrizione

Dettagli

PROGETTO STRUTTURE METALLICHE - PONTI Ing. Luca ROMANO, libero professionista - Albenga Direttore Tecnico I QUADRO INGEGNERIA GENOVA

PROGETTO STRUTTURE METALLICHE - PONTI Ing. Luca ROMANO, libero professionista - Albenga Direttore Tecnico I QUADRO INGEGNERIA GENOVA PROGETTO STRUTTURE METALLICHE - PONTI Ing. Luca ROMANO, libero professionista - Albenga Direttore Tecnico I QUADRO INGEGNERIA GENOVA NTC 2008: COSTRUZIONI IN ACCIAIO - PONTI 2.4 VITA NOMINALE, CLASSI D

Dettagli

Ancoraggio delle barre d armatura nel calcestruzzo

Ancoraggio delle barre d armatura nel calcestruzzo Monografia A Ancoraggio delle barre d armatura nel calcestruzzo A.1 Introduzione 1 A.2 Aderenza 2 A.3 Lunghezza di ancoraggio 4 A.4 Parametri che influenzano l aderenza 5 A.5 Progettazione secondo la normativa

Dettagli

Corso di aggiornamento professionale alle NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI MODULO 3. Relatore: Ing. Federico Carboni

Corso di aggiornamento professionale alle NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI MODULO 3. Relatore: Ing. Federico Carboni NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI MODULO 3 -COSTRUZIONI DICALCESTRUZZO- Relatore: Ing. Federico Carboni Dottore di Ricerca in Strutture e Infrastrutture presso l Università Politecnicadelle Marche Collegio

Dettagli

Relazione tecnica illustrativa e di calcolo

Relazione tecnica illustrativa e di calcolo Sommario 1 Descrizione dell intervento... 2 2 Metodologia costruttiva... 2 3 Normativa di riferimento... 2 4 Normativa adottata nei calcoli... 3 5 Calcolo degli spostamenti e delle caratteristiche della

Dettagli

Rinforzo e messa in sicurezza di strutture in muratura mediante materiali compositi.

Rinforzo e messa in sicurezza di strutture in muratura mediante materiali compositi. I materiali compositi nella riqualificazione strutturale ed antisismica. Normative, criteri di calcolo, verifiche strutturali, tecnologie ed interventi. Mantova, 4 Ottobre 2012 Rinforzo e messa in sicurezza

Dettagli

CRITERI PER IL PROGETTO DEL CONSOLIDAMENTO DI STRUTTURE IN C.A. Relatore: Prof. Ing. Paolo Spinelli Firenze, 30 novembre 2007

CRITERI PER IL PROGETTO DEL CONSOLIDAMENTO DI STRUTTURE IN C.A. Relatore: Prof. Ing. Paolo Spinelli Firenze, 30 novembre 2007 CRITERI PER IL PROGETTO DEL CONSOLIDAMENTO DI STRUTTURE IN C.A. Relatore: Prof. Ing. Paolo Spinelli Firenze, 30 novembre 2007 INTRODUZIONE La verità scomoda di Al Gore che mette in luce i pericoli per

Dettagli

NUOVO TECNOPOLO Progetto Esecutivo INDICE

NUOVO TECNOPOLO Progetto Esecutivo INDICE 1 INDICE 1. RELAZIONE DI CALCOLO VANO SCALA... 2 1.1 DESCRIZIONE DEI DATI DEL MODELLO... 2 1.1.1 INTRODUZIONE... 5 1.1.2 CARATTERISTICHE DEI MATERIALI... 6 1.1.3 DESCRIZIONE DELLE CONDIZIONI DI CARICO

Dettagli

Caratterizzazione del comportamento di resine epossidiche per il consolidamento di solai in latero-cemento

Caratterizzazione del comportamento di resine epossidiche per il consolidamento di solai in latero-cemento Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale Relazione finale del contratto di consulenza Politecnico di Milano Laterlite Caratterizzazione del comportamento di resine epossidiche per il consolidamento

Dettagli

SOMMARIO. Connettore a piolo con testa applicato a freddo mediante chiodi e viti autofilettanti.

SOMMARIO. Connettore a piolo con testa applicato a freddo mediante chiodi e viti autofilettanti. 2 SOMMARIO Connettore a piolo con testa applicato a freddo mediante chiodi e viti autofilettanti. 1. INTRODUZIONE 2. DESCRIZIONE CONNETTORI 3. PROVE DEI CONNETTORI FISSATI TRAMITE CHIODI 3.1. Descrizione

Dettagli

Fase 0: Montaggio in opera delle travi. Gli sforzi agenti sono solamente il peso proprio delle travate in acciaio.

Fase 0: Montaggio in opera delle travi. Gli sforzi agenti sono solamente il peso proprio delle travate in acciaio. DESCRIZIONE La relazione seguente riguarda l impalcato di un ponte in struttura mista acciaio-calcestruzzo.le caratteristiche di tipo generale sono fornite a priori. L opera in esame è costituita da un

Dettagli

PROVINCIA DI PISTOIA COMUNE DI QUARRATA

PROVINCIA DI PISTOIA COMUNE DI QUARRATA PROVINCIA DI PISTOIA COMUNE DI QUARRATA Realizzazione nuova passerella ciclo pedonale sul fosso quadrelli in corrispondenza del ponte sulla S.P. N. 6 Quarrata/Ponte alla trave. SOMMARIO RELAZIONE DI CALCOLO

Dettagli

Prima combinazione di carico... 39 Seconda combinazione di carico... 39 Terza combinazione di carico... 40. Inviluppo dei diagrammi dei momenti...

Prima combinazione di carico... 39 Seconda combinazione di carico... 39 Terza combinazione di carico... 40. Inviluppo dei diagrammi dei momenti... Edoardo M. Marino e Cristina Stuto Progetto di elementi strutturali in cemento armato SECONDO LE INDICAZIONI DELLE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI (D.M. 14/01/008) E DELLA NORMATIVA EUROPEA (EUROCODICE

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALE RELAZIONE DI CALCOLO

RELAZIONE TECNICA GENERALE RELAZIONE DI CALCOLO RELAZIONE TECNICA GENERALE RELAZIONE DI CALCOLO 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELL OPERA Trattasi di pensilina di copertura dell ingresso principale dell edificio scolastico in carpenteria metallica. Vista

Dettagli

Sforzo normale e flessione

Sforzo normale e flessione Capitolo 4 Sforzo normale e flessione La condizione di sollecitazione più generale che produce tensioni normali è la combinazione di sforzo normale e flessione. La flessione semplice, esaminata nel capitolo

Dettagli

STRUTTURE IN ACCIAIO

STRUTTURE IN ACCIAIO Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì STRUTTURE IN ACCIAIO D. M. 14/01/2008 NTC2008 - EUROCODICE 3 EC3 AGGIORNAMENTO 12/02/2014 Corso di PROGETTAZIONE,

Dettagli

S01. Piemonte Cuneo ALBA STABILIMENTO DI ALBA NUOVO COLLETTORE VAPORE E SERVIZI (PIPE RACK) PROGETTO ESECUTIVO DELLE STRUTTURE

S01. Piemonte Cuneo ALBA STABILIMENTO DI ALBA NUOVO COLLETTORE VAPORE E SERVIZI (PIPE RACK) PROGETTO ESECUTIVO DELLE STRUTTURE Piemonte Cuneo ALBA regione provincia comune STABILIMENTO DI ALBA NUOVO COLLETTORE VAPORE E SERVIZI (PIPE RACK) progetto ESECUTIVO DELLE STRUTTURE categoria progetto Alba (CN) committente RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

(7) Nel calcolo della resistenza di un collegamento ad attrito il coefficiente di attrito µ dipende: (punti 3)

(7) Nel calcolo della resistenza di un collegamento ad attrito il coefficiente di attrito µ dipende: (punti 3) Domande su: taglio, flessione composta e collegamenti. Indica se ciascuna delle seguenti affermazioni è vera o falsa (per ciascuna domanda punti 2) (1) L adozione di un gioco foro-bullone elevato semplifica

Dettagli

LE STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO: Progetto dei pilastri

LE STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO: Progetto dei pilastri prof. Renato Giannini LE STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO: Progetto dei pilastri (arch. Lorena Sguerri) Prescrizioni di normativa per le armature dei pilastri La normativa (D.M. 09/01/96, par.5.3.4) fornisce

Dettagli

LEZIONI N 9, 10, 11 E 12 COSTRUZIONI DI ACCIAIO: IPOTESI DI BASE E METODI DI VERIFICA

LEZIONI N 9, 10, 11 E 12 COSTRUZIONI DI ACCIAIO: IPOTESI DI BASE E METODI DI VERIFICA LEZIONI N 9, 10, 11 E 12 COSTRUZIONI DI ACCIAIO: IPOTESI DI BASE E METODI DI VERIFICA L acciaio da carpenteria è una lega Fe-C a basso tenore di carbonio, dall 1 al 3 per mille circa. Gli acciai da costruzione

Dettagli

WallVerine - Tutorial

WallVerine - Tutorial WallVerine - Tutorial 1 2013, Softing srl Riproduzione consentita citando la fonte rev 130111 2 WallVerine Tutorial Ing. Francesco Canterini Softing srl 3 4 Indice Generalità...7 Utilizzo di WallVerine...8

Dettagli

Tettoia Centro Comunale di Raccolta Rifiuti Differenziati

Tettoia Centro Comunale di Raccolta Rifiuti Differenziati Tettoia Centro Comunale di Raccolta Rifiuti Differenziati Comune di LIZZANO Ufficio di deposito: Ufficio Sismico Provinciale Committente: Comune di Lizzano Progettista delle strutture: Studio SIGMA S.r.l.

Dettagli

Calcolo di edificio con struttura prefabbricata situato in zona sismica di I categoria.

Calcolo di edificio con struttura prefabbricata situato in zona sismica di I categoria. Politecnico di Torino Calcolo di edificio con struttura prefabbricata situato in zona sismica di I categoria. III parte Pag. 1 Le componenti dell azione sismica devono essere considerate come agenti simultaneamente,

Dettagli

Indice. Prefazione. Premessa ... XXVII. Introduzione ...XXIX. Simbologia ... XXXIII. Acronimi ... XXXIX. CAPITOLO 1 I materiali ...

Indice. Prefazione. Premessa ... XXVII. Introduzione ...XXIX. Simbologia ... XXXIII. Acronimi ... XXXIX. CAPITOLO 1 I materiali ... Prefazione Premessa Introduzione Simbologia Acronimi... XXV... XXVII...XXIX... XXXIII... XXXIX CAPITOLO 1 I materiali 1.1 INTRODUZIONE...1 1.2 LE CARATTERISTICHE DEL RINFORZO...2 1.2.1 Le principali fibre

Dettagli

News - Ricerca 25 marzo 2009

News - Ricerca 25 marzo 2009 Consorzio POROTON Italia Via Gobetti 9-37138 VERONA Tel 045.572697 Fax 045.572430 www.poroton.it - info@poroton.it News - Ricerca 25 marzo 2009 Muratura armata Caratterizzazione meccanica con blocchi a

Dettagli

RELAZIONE TECNICA L area esterna all edificio che dovrà essere adibita a parcheggio interrato è attualmente destinata in parte a parcheggio privato a

RELAZIONE TECNICA L area esterna all edificio che dovrà essere adibita a parcheggio interrato è attualmente destinata in parte a parcheggio privato a RELAZIONE TECNICA L area esterna all edificio che dovrà essere adibita a parcheggio interrato è attualmente destinata in parte a parcheggio privato a servizio delle attività svolte all interno dell edificio

Dettagli

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio.

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio. Carichi unitari delle sezioni e verifica di massima Una volta definito lo spessore, si possono calcolare i carichi unitari (k/m ) Solaio del piano tipo Solaio di copertura Solaio torrino scala Sbalzo piano

Dettagli

5.1 Il metodo semiprobabilistico per gli stati limite ultimi

5.1 Il metodo semiprobabilistico per gli stati limite ultimi Geostru Software www.geostru.com geostru@geostru.com CAPITOLO 5 METODO DEGLI STATI LIMITE ULTIMI 5.1 Il metodo semiprobabilistico per gli stati limite ultimi Le brevi note che seguono riguardano i principali

Dettagli

4 COSTRUZIONI CIVILI E INDUSTRIALI

4 COSTRUZIONI CIVILI E INDUSTRIALI 4 COSTRUZIONI CIVILI E INDUSTRIALI 4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO Formano oggetto delle presenti norme le strutture di: - calcestruzzo armato normale (cemento armato) - calcestruzzo armato precompresso

Dettagli

Indice. L impostazione del calcolo strutturale, 1. Il cemento armato: metodo alle tensioni ammissibili, 21. modulo A. modulo B1

Indice. L impostazione del calcolo strutturale, 1. Il cemento armato: metodo alle tensioni ammissibili, 21. modulo A. modulo B1 III Indice modulo A L impostazione del calcolo strutturale, 1 Unità 1. Le basi del progetto e i metodi di calcolo, 2 1. La modellazione, 3 2. Le azioni sulle costruzioni, 4 Periodo di ritorno, 4 Vita nominale

Dettagli

Elementi di interposizione: Pannelli Compound. Tavelle e tavelloncini in laterizio. Perlinati in legno. Pannelli composti (gesso, sughero, osb).

Elementi di interposizione: Pannelli Compound. Tavelle e tavelloncini in laterizio. Perlinati in legno. Pannelli composti (gesso, sughero, osb). SOLAIO.. Elementi di interposizione: Pannelli Compound. Tavelle e tavelloncini in laterizio. Perlinati in legno. Pannelli composti (gesso, sughero, osb). Pignatte in laterizio. Consente molteplici soluzioni

Dettagli

DISPOSITIVI MECCANICI PER L ANCORAGGIO L LAMINE DI FRP NEGLI INTERVENTI DI RINFORZO A FLESSIONE O A PRESSOFLESSIONE DI ELEMENTI STRUTTURALI DI C.A.

DISPOSITIVI MECCANICI PER L ANCORAGGIO L LAMINE DI FRP NEGLI INTERVENTI DI RINFORZO A FLESSIONE O A PRESSOFLESSIONE DI ELEMENTI STRUTTURALI DI C.A. Materiali ed Approcci Innovativi per il Progetto in Zona Sismica e la Mitigazione della Vulnerabilità delle Strutture Università degli Studi di Salerno, 12-13 13 Febbraio 2007 DISPOSITIVI MECCANICI PER

Dettagli

1.800x0,01x(0,33+0,16)= - Sovraccarico accidentale di 400 kg/mq 400x0,33 132,00 kg/m

1.800x0,01x(0,33+0,16)= - Sovraccarico accidentale di 400 kg/mq 400x0,33 132,00 kg/m Premessa La scala si sviluppa in una gabbia, di forma rettangolare, formata da quattro pilastri posti agli spigoli e travi lungo i quattro lati. Viene realizzata secondo la tipologia di trave a ginocchio

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA Area Servizi Tecnici

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA Area Servizi Tecnici UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA Area Servizi Tecnici Progetto esecutivo di un piano intermedio da realizzarsi nell edificio C del Plesso Centrale Universitario VERIFICHE LOCALI DEI PANNELLI MURARI Messina,

Dettagli

VEMA (Verifica Elementi Muratura Armata)

VEMA (Verifica Elementi Muratura Armata) Software VEMA (Verifica Elementi Muratura Armata) (Manuale d uso - Versione 1.0.0) www.edificiinmuratura.it info@edificiinmuratura.it COPYRIGHT Tutto il materiale contenuto nella confezione (CD contenente

Dettagli

COMUNE DI RIMINI - DIREZIONE LAVORI PUBBLICI E MOBILITA URBANA - PROGETTO ESECUTIVO

COMUNE DI RIMINI - DIREZIONE LAVORI PUBBLICI E MOBILITA URBANA - PROGETTO ESECUTIVO COMUNE DI RIMINI - DIREZIONE LAVORI PUBBLICI E MOBILITA URBANA - PROGETTO ESECUTIVO PROGETTO DI MIGLIORAMENTO SISMICO DELL EDIFICIO SCOLASTICO DENOMINATO SCUOLA ELEMENTARE GIANNI RODARI (VIA QUAGLIATI

Dettagli

Allegato S-0 - Relazione di calcolo

Allegato S-0 - Relazione di calcolo Allegato S-0 - Relazione di calcolo 1. PREMESSA 1.1 Descrizione delle opere Il nuovo progetto prevede la demolizione del precedente fabbricato, la realizzazione di quattro nuovi blocchi, comprendenti ciascuno

Dettagli

Criteri per la scelta dell intervento

Criteri per la scelta dell intervento Edifici esistenti in c.a.: Esempi di intervento Giovanni Plizzari Università di Brescia plizzari@ing.unibs.it L Accademia del Costruire Gussago, 23 Marzo 2012 1/86 Criteri per la scelta dell intervento

Dettagli

REALIZZAZIONE DI OPERE IN CEMENTO ARMATO CON TUBI IN GFRP TIPO ROCKWORM

REALIZZAZIONE DI OPERE IN CEMENTO ARMATO CON TUBI IN GFRP TIPO ROCKWORM REALIZZAZIONE DI OPERE IN CEMENTO ARMATO CON TUBI IN GFRP TIPO ROCKWORM 1 1. Premessa La presente relazione ha per oggetto lo studio delle strutture in cemento armato in cui il rinforzo interno, anzichè

Dettagli

11. Criteri di analisi e di verifica

11. Criteri di analisi e di verifica 11. Criteri di analisi e di verifica Il progetto dell edificio esistente riflette naturalmente lo stato delle conoscenze al tempo della costruzione e può contenere difetti di impostazione e di realizzazione,

Dettagli

MANUALE TECNICO MURATURA ARMATA

MANUALE TECNICO MURATURA ARMATA MANUALE TECNICO MURATURA ARMATA INTRODUZIONE Il recente D.M. 14.1.2008 (N.T.C.), ha confermato ed ulteriormente migliorato le regole di progettazione per costruire in muratura armata, introdotte a livello

Dettagli

ALCUNE NOTE SULLA MODELLAZIONE FEM DELLE PLATEE DI FONDAZIONE IN C.A.

ALCUNE NOTE SULLA MODELLAZIONE FEM DELLE PLATEE DI FONDAZIONE IN C.A. Paolo Varagnolo Giorgio Pilloni ALCUNE NOTE SULLA MODELLAZIONE FEM DELLE PLATEE DI FONDAZIONE IN C.A. Ingegneri liberi professionisti Padova luglio 2010 ------------------------- Nella progettazione esecutiva

Dettagli

INDICE. Introduzione. Ambiente di lavoro. Risultati. Stati limiti ultimi per tensioni normali. Contenuto. Prefazione. di applicazione del programma

INDICE. Introduzione. Ambiente di lavoro. Risultati. Stati limiti ultimi per tensioni normali. Contenuto. Prefazione. di applicazione del programma Contenuto 1 INDICE Prefazione Introduzione 4 6 Ambito... di applicazione del programma 7 Tipologie... sezioni 8 Caratteristiche... dei materiali 10 Unità... di misura 11 Ambiente di lavoro 14 Menu... dati

Dettagli

Verifica agli stati limite: la sollecitazione di taglio

Verifica agli stati limite: la sollecitazione di taglio DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA MECCANICA E STRUTTURALE FACOLTÀ DI INGEGNERIA UNIERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO CORSO DI AGGIORNAMENTO PER GEOMETRI SU PROBLEMATICHE STRUTTURALI erifica agli stati limite: la sollecitazione

Dettagli

Esempi di applicazione

Esempi di applicazione 1 I compositi firosi vengono impiegati ogni qualvolta vi sia da assorire uno sforzo di trazione pura o di trazione prodotta dalla flessione o dal taglio. Il rinforzo a flessione viene realizzato mediante

Dettagli

RELAZIONE Ai sensi del Cap. 10.2 delle N.T.C. 2008 ANALISI E VERIFICHE SVOLTE CON L' AUSILIO DI CODICI DI CALCOLO

RELAZIONE Ai sensi del Cap. 10.2 delle N.T.C. 2008 ANALISI E VERIFICHE SVOLTE CON L' AUSILIO DI CODICI DI CALCOLO Comune di Calatabiano Provincia di Catania RELAZIONE Ai sensi del Cap. 10.2 delle N.T.C. 2008 ANALI E VERIFICHE SVOLTE CON L' AULIO DI CODICI DI CALCOLO PROGETTO PER LA MESSA IN CUREZZA DEL MURO DI CONFINE

Dettagli

Il Manuale della Presagomatura

Il Manuale della Presagomatura DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA STRUTTURALE FACOLTÀ DI INGEGNERIA CAGLIARI Barbara De Nicolo Luisa Pani ANSFER Il Manuale della Presagomatura Il Manuale della Presagomatura I PREFAZIONE La corretta esecuzione

Dettagli

1 - DESCRIZIONE GENERALE DELL OPERA

1 - DESCRIZIONE GENERALE DELL OPERA DESCRIZIONE GENERALE DELL OPERA Vengono riportate di seguito due viste assonometriche contrapposte, allo scopo di consentire una migliore comprensione della struttura oggetto della presente relazione:

Dettagli

STRUTTURE MISTE ACCIAIO-CLS Lezione 2

STRUTTURE MISTE ACCIAIO-CLS Lezione 2 STRUTTURE MISTE ACCIAIO-CLS Lezione 2 I SISTEMI DI CONNESSIONE Tipologie di connettori Calcolo della sollecitazione nei connettori Connettori a totale ripristino di resistenza Connettori a parziale ripristino

Dettagli

QUADERNO TECNICO 8 STRUTTURE DI CALCESTRUZZO PROGETTO DI EDIFICIO

QUADERNO TECNICO 8 STRUTTURE DI CALCESTRUZZO PROGETTO DI EDIFICIO PROGETTARE CON IL METODO DEGLI STATI LIMITE Francesco Biasioli QUADERNO TECNICO 8 STRUTTURE DI CALCESTRUZZO PROGETTO DI EDIFICIO SEMINARIO TECNICO LE STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO - PROGETTO ED ESECUZIONE

Dettagli

MATERIA Meccanica, Macchine ed Energia. DIPARTIMENTO DI Meccanica

MATERIA Meccanica, Macchine ed Energia. DIPARTIMENTO DI Meccanica Anno scolastico: 2014-2015 Classe: 4^BMM MATERIA Meccanica, Macchine ed Energia Insegnante: Gaspare Di Como Insegnante Compresente: Francesco Porco DIPARTIMENTO DI Meccanica PROGRAMMAZIONE SVOLTA MODULO

Dettagli

CORSO DI AGGIORNAMENTO PER GEOMETRI SU PROBLEMATICHE STRUTTURALI

CORSO DI AGGIORNAMENTO PER GEOMETRI SU PROBLEMATICHE STRUTTURALI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER GEOMETRI SU PROBLEMATICHE STRUTTURALI 1 Gennaio - Febbraio 2005 PROGETTO DI UN EDIFICIO IN MURATURA CON ALCUNI ELEMENTI PORTANTI IN C.A. PER CIVILE ABITAZIONE Ingg.. Alessio

Dettagli

La normativa suddivide i solai misti in laterocemento in due categorie:

La normativa suddivide i solai misti in laterocemento in due categorie: L.5 Comportamento statico Lo studio del comportamento statico dei solai richiede innanzitutto una corretta conoscenza della scienza delle costruzioni. Il solaio infatti è una struttura portante che all

Dettagli

ALLEGATO A. RELAZIONE TECNICA Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia

ALLEGATO A. RELAZIONE TECNICA Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia ALLEGATO A RELAZIONE TECNICA Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia 1 Prove sperimentali sull efficacia di supporti in polipropilene per piastrelle Nella presente relazione tecnica si riportano

Dettagli

SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 2 CARATTERISTICHE DELL EDIFICIO ESISTENTE E INTERVENTI PROGETTUALI... 3 3 LEGGI E NORMATIVE DI RIFERIMENTO...

SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 2 CARATTERISTICHE DELL EDIFICIO ESISTENTE E INTERVENTI PROGETTUALI... 3 3 LEGGI E NORMATIVE DI RIFERIMENTO... SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 2 CARATTERISTICHE DELL EDIFICIO ESISTENTE E INTERVENTI PROGETTUALI... 3 3 LEGGI E NORMATIVE DI RIFERIMENTO... 3 4 METODO DI VERIFICA E MATERIALI IMPIEGATI... 3 5 ANALISI DEI CARICHI...

Dettagli

ARGOMENTI DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI INDICE

ARGOMENTI DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI INDICE Giuseppe Stagnitto Erica Barzoni ARGOMENTI DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI Applicazioni ed approfondimenti del Corso di FONDAMENTI DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI Appunti a cura degli studenti INDICE I - RICHIAMI

Dettagli

16.3 Stato limite di fessurazione. 16.3.1 Generalità

16.3 Stato limite di fessurazione. 16.3.1 Generalità 16.3 Stato limite di fessurazione 16.3.1 Generalità Nel capitolo precedente si è accennato al fatto che le verifiche di resistenza delle sezioni in calcestruzzo armato si effettuano considerando il calcestruzzo

Dettagli

ANALISI DI UNA STRUTTURA IN MURATURA ESISTENTE

ANALISI DI UNA STRUTTURA IN MURATURA ESISTENTE ANALISI DI UNA STRUTTURA IN MURATURA ESISTENTE si esamina una struttura esistente, individuando carenze sugli spessori della muratura con snellezza e pressoflessione trasversale (statica e sismica) non

Dettagli

Applicazione del D.M. 2008 con PRO_SAP. 2S.I. s.r.l.

Applicazione del D.M. 2008 con PRO_SAP. 2S.I. s.r.l. Applicazione del D.M. 2008 con PRO_SAP 2S.I. s.r.l. Ing. Tommaso Mariacci mariacci@2si.it www.2si.it Ing. Gennj Venturini venturini@2si.it 20090720 Fasi dell analisi Definizione del sistema costruttivo

Dettagli

VERIFICHE RINFORZI (estensione a nuove funzionalità)

VERIFICHE RINFORZI (estensione a nuove funzionalità) DI SEGUITO ILLUSTRIAMO BREVEMENTE LE PRINCIPALI NOVITA CHE SONO STATE INTRODOTTE DI RECENTE OPPURE CHE VERRANNO INTRODOTTE NELLA VERSIONE VERIFICHE RINFORZI (estensione a nuove funzionalità) MASTERSAP

Dettagli

PAC 3D Modellatore per il calcolo 3D delle paratie

PAC 3D Modellatore per il calcolo 3D delle paratie http://www.aztec.it/prodotto.aspx?cod=aztpac3d PAC 3D Modellatore per il calcolo 3D delle paratie Il calcolo delle paratie viene generalmente condotto nell ipotesi di deformazione piana, supponendo che

Dettagli

Indice. R.07.a Relazione tecnica e di calcolo Illustrazione sintetica degli elementi essenziali del progetto. NUOVO TECNOPOLO Progetto Esecutivo

Indice. R.07.a Relazione tecnica e di calcolo Illustrazione sintetica degli elementi essenziali del progetto. NUOVO TECNOPOLO Progetto Esecutivo 1 Indice ILLUSTRAZIONE SINTETICA DEGLI ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO STRUTTURALE... 2 a) Contesto edilizio e caratteristiche del sito... 2 b) Descrizione generale della struttura e della tipologia d

Dettagli

Aztec Informatica s.r.l. RAF 10.0. Progetto e Verifica di Sezioni MANUALE OPERATIVO

Aztec Informatica s.r.l. RAF 10.0. Progetto e Verifica di Sezioni MANUALE OPERATIVO Aztec Informatica s.r.l. RAF 10.0 Progetto e Verifica di Sezioni MANUALE OPERATIVO Aztec Informatica II RAF 10.0 Resistenza al Fuoco Le informazioni contenute nel presente manuale sono soggette a modifiche

Dettagli

1.PREMESSA pag. 4. 2.RIFERIMENTI NORMATIVI pag. 6. 3.DURABILITA' STRUTTURALE pag. 7. 4.MATERIALI pag. 8. 5.INQUADRAMENTO GEOLOGICO TECNICO pag.

1.PREMESSA pag. 4. 2.RIFERIMENTI NORMATIVI pag. 6. 3.DURABILITA' STRUTTURALE pag. 7. 4.MATERIALI pag. 8. 5.INQUADRAMENTO GEOLOGICO TECNICO pag. 1.PREMESSA pag. 4 2.RIFERIMENTI NORMATIVI pag. 6 3.DURABILITA' STRUTTURALE pag. 7 3.1.Classi di esposizione pag. 7 3.1.1.Copriferri delle armature pag. 7 4.MATERIALI pag. 8 5.INQUADRAMENTO GEOLOGICO TECNICO

Dettagli

5. Unioni saldate. (filo continuo)

5. Unioni saldate. (filo continuo) 5. Unioni saldate 5.1.1 Taglio alla fiamma Cannello ossiacetilenico o ossipropilenico getto di ossigeno reazione isotermica Taglio al plasma (gas ionizzati) 5.1. Procedimenti di saldatura Si differenziano

Dettagli

Università degli studi di Cagliari. Corso di aggiornamento. Unità 4 PIASTRE IN C.A. E INSTABILITÀ

Università degli studi di Cagliari. Corso di aggiornamento. Unità 4 PIASTRE IN C.A. E INSTABILITÀ Università degli studi di Cagliari Dipartimento di Ingegneria Strutturale Corso di aggiornamento Unità 4 PIASTRE IN C.A. E INSTABILITÀ RELATORE: Ing. Igino MURA imura@unica.it 25-26 Giugno 2010 - Instabilità:

Dettagli

DESCRIZIONE DELLA STRUTTURA...

DESCRIZIONE DELLA STRUTTURA... Sommario 1 DESCRIZIONE DELLA STRUTTURA... 5 2 NOTE DI CALCOLO E DI MODELLAZIONE... 7 3 NORMATIVE UTILIZZATE... 11 4 MATERIALI IMPIEGATI... 12 4.1 STRUTTURA METALLICA... 12 4.2 UNIONI BULLONATE... 12 4.3

Dettagli

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. E. Cosenza NORME TECNICHE Costruzioni di calcestruzzo Edoardo Cosenza Dipartimento di Ingegneria Strutturale Università di Napoli Federico II 4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA. Descrizione generale dell opera

RELAZIONE ILLUSTRATIVA. Descrizione generale dell opera Ing. Sandro Rota Casale Monferrato (AL) Relazione illustrativa e di calcolo RELAZIONE ILLUSTRATIVA Descrizione generale dell opera La seguente relazione illustrativa e di calcolo è relativa ai nuovi interventi

Dettagli