SOMMARIO LUMINARA SAN MICHELE DRAGONI REGATA DI SAN RANIERI CALCI SAN MARTINO DELFINI MATTACCINI STORIA DEL GIOCO DEL PONTE SANTA MARIA SANT ANTONIO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SOMMARIO LUMINARA SAN MICHELE DRAGONI REGATA DI SAN RANIERI CALCI SAN MARTINO DELFINI MATTACCINI STORIA DEL GIOCO DEL PONTE SANTA MARIA SANT ANTONIO"

Transcript

1 Magazine 3 SOMMARIO PAG. 5 LUMINARA PAG. 21 SAN MICHELE PAG. 43 DRAGONI PAG. 9 REGATA DI SAN RANIERI PAG. 13 STORIA DEL GIOCO DEL PONTE PAG. 17 I GIUDICI IL CARRELLO PAG. 19 ALBO D ORO I COMANDI PAG. 25 CALCI PAG. 29 DELFINI PAG. 32 SANT ANTONIO PAG. 38 SAN FRANCESCO PAG. 41 SATIRI PAG. 47 SAN MARTINO PAG. 51 MATTACCINI PAG. 55 SANTA MARIA PAG. 59 SAN MARCO PAG. 63 LEONI Finegil Editoriale S.p.A. IL TIRRENO Livorno - V.le Alfieri, 9 Tel. 0586/ Direttore responsabile BRUNO MANFELLOTTO Condirettore NINO SOFIA Vicedirettore ROBERTO BERNABÒ Stampa MEDIAGRAF Padova Foto PUNTO REFLEX Testi IMMAGINI COMUNICAZIONE Impaginazione grafica GRAFICA & IDEE Livorno

2 Magazine 5 LUMINARA Quella della Luminara di San Ra nie ri è una tra di zio ne che ha ra di ci lun ghe seco li. Stan do ai ma no scrit ti del l epo ca, la pri ma edi zio ne certa del la festa ri sa le in fat ti al Il 25 mar zo di quell an no Cosimo III dei Medici di spo se la col lo ca zio ne del l ur na di cri stal lo con te - nen te il corpo del Pa tro no nella cap pel la del Duo mo, da poco ter mi na ta e che con se - guen te men te ac qui sì ap pun to il nome di cap pel la di San Ranie ri. La tra sla zio ne della reli quia at tra ver so l abi ta to fu ce le bra ta dai cit ta di ni il lu mi - nan do stra de e facciate: da lì avreb be avu to origine l usanza del l Il lu mi na zio ne, de no - mi na zio ne ori gi na ria poi modi fi ca ta in Lu mi na ra ver so la fine dell Ottocento. San Ranieri nacque a Pisa nel 1128; dopo una giovinezza tra scor sa in ma nie ra mondana, si dedicò ad opere e pe ni ten ze. Fu due volte in pel le gri nag gio a Ge ru sa lemme e quindi si ritirò nel mo na ste ro di San Vito a Pisa. Ma il pa tro no di Pisa non era solamente un per so - nag gio in tri so di misticismo e san ti tà, ma anche un uomo del suo tem po calato perfet ta men te nella re al tà della sua città. Come pre mes sa alla bio gra fia del san to, si capi sce quanto San Ranieri fosse in se ri to nel l am bien te re li - gio so e ci vi le di Pisa; pro va di ciò il fat to del l im me dia ta dif fu sio ne della sua ve ne ra - zio ne fin dal ritorno dalla Terra san ta. La Luminara era dunque il giu sto omag gio dei pisani a questo figlio di Pisa. In re al tà, però, sem bra che quello di il lu mi na re il cor so dell Arno e i prin ci pa li quartieri della città fosse un costume già da mol to tem po pra ti ca to dai pisani per sot to li ne a re una ri cor ren za par ti co lar men te lie ta. Solo suc ces si va men te tale tra di zio ne si sarebbe lega ta in modo esclu si vo alla ri cor ren za del San to pro tet - to re. Dopo la prima edi zio ne uf fi cial men te do cu men ta ta del 1668, la Lu mi na ra venne ri pe tu ta ogni tre anni, a meno di cir co stan ze ec ce zio na li che ne giu sti fi cas se ro l al le - sti men to an che al di fuori del cadenzario stabilito. Se gui - ro no de cen ni di edi zio ni fastose, fino all ultimo quar

3 Magazine 7 to dell Ottocento, quando la cattiva congiuntura economica costrinse l Amministrazione a sospendere l organizzazione dello spettacolo. La tradizione riprese, con fatica, dal 1886, su iniziativa del circolo giovanile cattolico, con allestimenti che, pur inevitabilmente in tono minore, richiamavano la partecipazione ed il contributo anche finanziario della comunità. Ma il ripristino vero e proprio non giunse che nel 1937, insieme a quello del Gioco del Ponte. Da allora vi sono state altre due interruzioni: la prima, più lunga, dovuta alla seconda guerra mondiale e protrattasi ben oltre la fine del conflitto, fino al 1952; la seconda dal 1966 al 1969, a causa dell alluvione del 66, in cui crollarono ampi tratti del lungarno ed il ponte Solferino. Diverse le edizioni che meritano di entrare nella storia della città. Nel 1724 si svolse una Luminara dove niente fu lasciato al caso, tanto che se ne trova ampie tracce in molti documenti conservati nell Archivio Capitolare. Nel 1819 fu celebrata in via straordinaria per l arrivo dell imperatore Francesco I. Nel 1853 furono illuminate anche le fabbriche del Duomo, campanili e battistero per l intervento della Corte Toscana. Ma pochi anni dopo, con i mezzo l unità di Italia, la Luminara toccò uno dei suoi punti più bassi. Di recente ricordiamo la Luminara straordinaria del settembre 1989 in occasione della visita a Pisa del Papa Giovanni Paolo II. In occasione della Luminara, in programma appunto la sera prima di San Ranieri, i lungarni sono illuminati con dei lampanini (diminutivo di lampana che in vernacolo pisano significa lampada) posti su appositi sostegno che vengono affissi sui palazzi a tratteggiarne i contorni. Il lampanino è un bicchiere di vetro contenente olio che serve ad alimentare lo stoppaccino. Il sostegno su cui vengono appesi si chiama biancheria per il suo colore bianco.

4 Magazine 9 REGATA DI SAN RANIERI Una regata diversa dalle altre. Il Palio di San Ranieri diventa un momento di ri e vo ca zio ne sto ri ca in una ma ni fe sta zio ne senza ugua li me tri controcorrente e poi al tri dieci, gli ul ti mi, contro la for za di gra vi tà iner pi - can do si sul canapo per coglie re il paliotto della vittoria. Sta tutta qui la regata del 17 giu gno in Arno tra i quattro quartieri sto ri ci del la città: San Mar ti no (bar ca rossa), San Francesco (barca gial la), San ta Ma ria (bar ca cele ste) e San t An to nio (bar ca verde). Le bar che sono frega te ad otto vogatori più un ti mo nie re ed un mon ta to re inca ri ca to di sa li re sul canapo fino in cima al pen no ne collocato su un bar co ne an co ra to in mez zo al l Ar no al l al tez za del la Pre fet tu ra. E per l ulti mo clas si fi ca to, come vuo le la tra di zio ne, viene as se gna ta una cop pia di pa pe ri banchi in segno di scherno. Già perché la re ga ta di San Ranieri non è vin ta da chi ta glia per pri mo il tra guar do, ma da chi riesce a strap pa re il pa liot to di colo re az zur ro del la vit to ria. Ecco dun que che può ac ca de re che l equi pag gio che giun ge per primo al bar co ne si fac cia bef fa re dal se con do, ma ga ri di stan zia to, però più abile sul ca na po con il suo mon ta to re. Solo il pa liot to dà la vit to ria, il re sto non con ta. Da due anni la re ga ta di San Ra nie ri è tor na ta ve ra men te un Palio come vuo le la tra di zio ne. Le im bar ca zio ni, che par to no dal pon te della fer ro via, hanno la pos si bi li tà, a par ti re dal pun to in cui il fiu me pas sa di fron te alla sede della Guar dia di Fi nan za, di ta glia re, ossia cam bia re cor sia ri spet to a quella di partenza. Ciò rende la sfida si cu ra men te più ac ce sa e im pre ve di bi le, con il ri schio, per cia scun equipag gio, di in trec cia re i propri remi a quelli degli av ver sa ri, ri ma nen do così im pa la ti. La regata di San Ranieri di scen de da gli antichi palii me die va li, ossia dal le corse, solitamente di cavalli, che si svol ge va no in occasione di festività par ti co la ri come quella dell Assunta. Il premio era co sti tu i to da un drappo di seta, lana o vel lu to, simi le a quelli che or na va no le ce ri mo nie di ac co glien za a per so nag gi im por tan ti, re o im pe ra to ri, e che avevano ap pun to il nome di palio.

5 Magazine 11 LE STATISTICHE DEL PALIO DI SAN RANIERI Dal 1991 il palio di San Ranieri ha visto il dominio assoluto della Celeste di Santa Maria. Un filotto di vittorie che ha strappato il precedente record che apparteneva alla Verde di Sant Antonio imbattuta dal 1960 al Nonostante questo incredibile exploit, Santa Maria deve ancora inseguire proprio Sant Antonio nel numero complessivo di vittorie: 21 la Celeste contro le 24 della Verde. Barca Verde che però non vince ormai dal lontano Un altro triste primato spetta alla rossa di San Martino che dal 1996 ha sempre chiuso all ultimo posto (con relativi paperi come vuole la tradizione); addirittura l anno scorso non ha preso parte alla regata per squalifica. La prima edizione si disputò nel 1934; fino alla sospensione per la guerra la parte di Tramontana era rappresentata da San Francesco e Porta a Piagge; nel 1947 alla ripresa viene introdotta Santa Maria al posto di Porta a Piagge. La regata di San Ranieri ha avuto negli anni alcune interruzioni, come si può notare dall albo d oro. La prima fu nel 1953 quando i quattro quartieri non si misero d accordo dopo le roventi polemiche dell anno prima in cui fu data la vittoria d ufficio a Sant Antonio. Poi tre anni di interruzione (dal 1967 al 1969) a causa dell alluvione. Il periodo più buio della manifestazione fu negli anni Settanta quando una serie di interruzione rischiarano di far cadere nell oblio il palio; nel 1973 non fu disputata per la concomitanza con le Repubbliche Marinare, nel 1975 e 1976 per motivi di ordine pubblico dovuti alle elezioni e nel 1977 ancora per le Repubbliche Marinare. Ma negli anni Ottanta la regata torna ad appassionare i pisani che ogni anno affollano i lungarni. Nelle ultime edizioni, poi, la regata è tornata ad essere un palio senza perciò le corsie che tante polemiche hanno suscitato negli anni. Per identificazione con il trofeo consegnato al vincitore, le stesse competizioni - sia in terra che in acqua - assunsero nel tempo la denominazione di palii. Il bottino per i concorrenti poteva tuttavia essere più ricco del simbolico drappo in stoffa, e includere la consegna di capi di bestiame: un bue, un montone, un maiale, un gallo e, per l ultimo arrivato, un papero. La tradizione della regata per la festa dell Assunta, affermatasi nei secoli di Pisa repubblica marinara, conobbe alterne vicende a partire dall inizio del dominio fiorentino, nel Addirittura si ricorda una edizione, quella del 1440, fatta disputare dai fiorentini per festeggiare la loro vittoria contro i milanesi avvenuta ad Anghiari il 29 giugno di quell anno. Al vincitore fu dato in premio un vitello coperto di scarlatto con l armo della Repubblica fiorentina da una parte e quella del Comune di Pisa dall altra. Nel 1494 furono i pisani che in segno di giubilo per la promessa di uscire dal dominio di Firenze fatta loro dal Carlo VIII vollero disputare in Arno un palio. Ma il destino è a volte cinico e dopo la definitiva conquista di Pisa da parte di Firenze nel 1509 la regata fu definitivamente abolita. La ripresa avvenne nel 1635 e attraverso vari ritocchi al regolamento si giunse al 1718, anno in cui per la prima volta il Palio venne dedicato a San Ranieri anziché all Assunta. L arrivo odierno ha origine nel 1737 quando fu deciso di porre in traguardo sul lungarno Mediceo su richiesta del duca di Montelimar ospitato in uno dei palazzi lì situati; e da quel momento l arrivo fu sempre mantenuto in prossimità del palazzo dei Medici (l odierna Prefettura). Edizioni straordinarie della Regata si svolsero nel 1763 per la nomina a Granduca di Pietro Leopoldo, nel 1801 in omaggio al re Ludovico d Etruria, nel 1839 per il congresso degli scienziati, nel 1864 per il centenario Galileiano. Ma tra le edizioni speciali la più speciale fu quella del 1860 quando i barcaioli pisani corse spontaneamente una regata in onore dei genovesi che il 22 aprile avevano restituito le catene del porto di Pisa.

6 Magazine 13 STORIA DEL GIOCO DEL PONTE Il Gioco del Ponte di Pisa può, senza timore di smentita, es se re annoverato tra le più belle ri e - vo ca zio ni storiche del mondo. E non pec chia mo certo di partigianeria nel l af fer ma re questo. Basta guardare il cor teo con gli oltre 700 figuranti per af fer ma re che siamo di fronte a qualcosa di gran dio so. Se poi a questo ag giun gia mo la splendida scenografia dei lun gar ni, il paragone con altre rievocazioni del ge ne re appare molto forzato. L unica cosa che nel corso del tempo ha subi to cam bia men ti è la sfida vera e pro pria; prima a mani nude, poi con di ver si tipi di carrel li. Una sfida complessa che af fa sci na da una parte e rende il Gioco poco adatto ai nostri giorni in cui tutto deve essere consumato, tutto deve svolgersi velocemente. Ma noi pisani il Gioco pia ce così. Perché alle spalle del Gioco del Ponte non ci sono false tradizioni, ma c è la storia. La gran de storia di Pisa. E dunque fac cia mo un tuffo nel passato per capire come nasce il Gioco del Pon te. Una delle te o rie sulla genesi del Gio co ne in di vi dua infatti l antecedente di ret to nel com bat ti - men to detto del Maz za scu do, vero e proprio scontro armato tra due Fa zio ni (Gallo e Gazza, sud di vi se a loro volta in squadre), i cui soldati avevano il capo coperto da un elmo (do ra to per la Parte del Gallo e rosso per quella della Gazza). Gli avversi schie ra men ti si affrontavano in piazza dei Cavalieri (allora degli Anziani ), attac can do con una mazza e parandosi con uno scu do, da cui il nome del torneo. Vinceva chi riusciva a cacciare i nemici dal cam po di contesa. Occorre dire co mun que che sull ipotizzato rapporto di filiazione tra Mazzascudo e Gioco del Ponte molto si è discusso e le posizioni ri man go no contrastanti. Una cosa è cer ta, comunque: la sfida sul ponte - quale che sia l origine - non rimase nel tem po identica a se stessa, ma subì va ria zio ni, riguardanti il nome delle fazioni, il numero di squadre e combattenti, gli emblemi utilizzati, la durata e le mo da li tà dei combattimenti. Il Gioco del Pon te, con tale denominazione, iniziò ad essere disputato con regolarità si cu ra - men te a partire dal 1560: ed è dopo questa data che si iniziano a reperire informazioni più abbondanti e in te res san ti. Nel Seicento il Gioco si svolgeva il 17 gennaio (giorno di Sant Antonio Abate) e ad un certo punto fu in tro dot to l uso di disputarne due ogni anno: il primo (sempre il 17 gennaio) era detto Battagliaccia e veniva considerato una sorta di prova; il secondo, chiamato Battaglia generale, si svolgeva in data da stabilire di volta in vol ta e so li ta men te era pre sen - ta to come spettacolo in onore di ospiti illustri in visita a Pisa. Prima del la Bat ta glia generale, cia scu na delle due Par ti, Tra mon ta na e mez zo gior no,

7 Magazine 15 riuniva il proprio consiglio di guerra che provvedeva ad eleggere gli ufficiali, chiamati ad impartire gli ordini, sia per il corteo sia per lo scontro sul ponte. Lo stato maggiore comprendeva - oltre al generale, al luogotenente, al maestro di campo, ai sei capitani di squadra e all ambasciatore - alcuni deputati con il compito di assicurare la disciplina e il buon andamento del confronto. Fra essi, anche uno incaricato di misurare il tempo di combattimento, il cui massimo era fissato inizialmente in due ore, poi opportunamente ridotte a 45 minuti. In questa versione seicentesca, si lottava corpo a corpo ed i combattenti erano protetti da una specie di caso chiamato morione, nonché da imbottiture di feltro. L arma usata era il targone (oggi esibito in parata), uno scudo di legno a forma di foglia di ulivo, con la parte larga per difendersi e la punta per attaccare. Funzione particolare spettava poi ai celatini (4 o 6 per squadra), così chiamato perché indossavano una celata, ovvero un elmo senza visiera: loro compito era di gettarsi nella mischia cercando di afferrare per le gambe gli avversari e di farli prigionieri. Nel giorno della contesa le schiere, composte da contadini e rappresentanti dell artigianato minuto, ascoltavano la Messa come segno di benedizione prima di sfidarsi; e importanti erano i vincoli di solidarietà che si istituivano tra i soldati quando erano legati da rapporti di parentela e di amicizia. E peraltro nel corso di questo secolo che il Gioco, originariamente improntato ad una visione cavalleresca dello scontro, assume un significato più marcatamente agonistico, facendo emergere e poi prevalere il carattere ludico e competitivo della sfida. Per un lunghissimo periodo la manifestazione si svolse puntualmente, con regolarità. La rivalità e gli scontri tra Mezzogiorno e Tramontana presero però a degenerare e nel 1785 il granduca Pietro Leopoldo di Toscana ne decise la soppressione. In seguito venne disputato eccezionalmente nel 1807 per poi ricomparire solo più di un secolo dopo, nel Dopo poche edizioni un altra sospensione fu imposta dalla seconda guerra mondiale, che fece di nuovo calare il sipario sul Gioco nel periodo dal 1939 al 47. In quell anno fu organizzata (all interno dell Arena Garibaldi) una sorta di prova in vista della ripresa vera e propria, che avvenne nel 1950, sul nuovo ponte di Mezzo, contemporaneamente inaugurato. Fu in quell occasione che, per ragioni di sicurezza, si decise per la prima volta di rinunciare al confronto nella forma dello scontro frontale fra le due schiere di combattenti, giudicato troppo pericoloso. Ai targoni venne quindi sostituito un carrello scorrevole su rotaie e spinto dai combattenti contro la parte avversa. Nasceva insomma la versione regolamentare che conosciamo oggi, ripresa fin dal 1982, anno d inizio dell era contemporanea del Gioco del Ponte.

8 Magazine 17 I GIUDICI I giudici come vuole il regolamento del Gioco sono tre; a nominarli l Anziano Rettore. Partecipano alla sfilata che precede i combattimenti nel loro corteo, appunto denominato Corteo dei Giudici. Una volta che le Parti hanno raggiunto le proprie tende nelle rispettive piazze, i giudici si recano dall Anziano Rettore per chiedere l autorizzazione ad aprire ufficialmente il Gioco. Il sindaco di Pisa, che riveste la carica di Anziano Rettore, prende dal cuscino del Paggio la bandiera con lo stemma di Pisa che consegna loro come simbolo del passaggio di autorità. Adesso tutto ciò che accade sul ponte è sotto l insindacabile giudizio dei tre giudici. I giudici sul ponte hanno compiti diversi; il mossiere invita le squadre a salire sul ponte nel termine stabilito, un altro con un colpo di pi- stola da inizio al combattimento, il terzo sblocca la leva che tiene fermo il carrello. Resta inteso che durante le sfide i giudici possono intervenire fino a sospenderle ove vi siano validi motivi. Al termine del Gioco i tre giudici tornano dall Anziano Rettore per comunicare ufficialmente il risultato delle sfide. IL CARRELLO I l carrello è posto su un binario nel centro del ponte di Mezzo e viene spinto dai combattenti disposti per due in cinque file in ogni lato; o meglio il carrello presenta all esterno dieci bracci ad ogni lato per parte per mezzo dei quali i venti combattenti di Tramontana e Mezzogiorno spingono in avanti dalle opposte direzioni. Quando questo si trova in posizione di sosta, al centro del ponte, è agganciato da un dente di arresto che viene sbloccato al momento del via dei giudici. Nelle parti terminali è situata una bandierina il cui abbattimento, determinato dalla spinta del carrello, decreta la fine del combattimento e la vittoria della squadra che ha portato appunto all abbattimento dello stendardo avversario. Il carrello che vediamo adesso sul ponte è stato introdotto nel 1982 alla ripresa del Gioco. Nei primi anni Ottanta i combattenti usavano una sola spalla per spingere, poi la tecnica è stata affinata ed oggi vengono usate entrambe le spalle. Fino allo sospensione negli anni Sessanta il carrello era molto diverso. Si trattava di una sorte di gabbia in cui i combattenti venivano praticamente rinchiusi. Ovviamente nell antichità il carrello non esisteva e la sfida era un vero e proprio corpo a corpo con l utilizzo dei targoni. La novità principale dell edizione 2004 è la data. Non più la tradizionale ultima domenica di giugno ma, questa volta, la penultima: il 20. Una decisione dettata da esigenze organizzative visto che proprio il 27 è la data degli eventuali ballottaggi delle elezioni amministrative e quindi questo avrebbe impedito all amministrazione comunale l organizzazione logistica dei due eventi. Quindi Tramontana e Mezzogiorno si sfidano domenica prossima, senza diretta televisiva e senza tribune visto anche in questo caso l impossibilità di montarle considerato San Ranieri. Una edizione quindi con tante novità, compreso il numero di combattimenti. Dopo due anni a tre combattimenti, l edizione 2004 torna con la formula a cinque sfide introdotta qualche anno fa per eliminare il pareggio o l eventuale bella. Quindi cinque combattimenti ed un solo accorpamento tra due magistrature. Ma perché questo nuovo cambiamento? La risposta è semplice: per dare nuova linfa al Gioco. La formula delle tre sfide, infatti, era stata adottata per ridurre i tempi della manifestazione e quindi mantenere vivo l interesse del pubblico fino alla fine considerando anche l edizione notturna. Se da una parte lo scopo era stato raggiunto, quella della minore durata, dall altra si stava perdendo lo spirito delle singole magistrature che dovrebbero animare la manifestazione per tutto l anno. Gli accoppiamenti, per forza di cose, finivano per privilegiare la squadra più forte lasciando all altra spesso un ruolo di comprimaria. Quindi LA SFIDA ANTICIPATA AL 20 GIUGNO si torna indietro con le magistrature quindi nuovamente protagoniste nella diffusione del Gioco nei quartieri sperando che la decisioni porti nuovo entusiasmo alla manifestazione principe del Giugno Pisano. Negli ultimi anni si è assistito ad un dominio di Tramontana soprattutto nell edizione e a tre combattimenti. Mezzogiorno è chiamato ad interrompere la serie negativa. Per quanto riguarda i due comandi, quest anno il sindaco di Pisa in veste di Anziano Rettore si è limitato a nominare un Commissario per Parte. Il Commissario ha poi provveduto alle nomine delle altre cariche che però, formalmente, sono solo facenti funzioni. Per quanto riguarda il corteo, con il ritorno a cinque combattimenti le squadre sfileranno di nuovo con venti combattenti ognuno dotato di braccialetto di riconoscimento che viene tagliato al momento di salire al carrello. La decisione di accorpare una squadra spetta ai singoli Comandi. I cortei partiranno dalle rispettive piazze (Mezzogiorno da piazza XX Settembre insieme al corteo dei Giudici e Tramontana da piazza Garibaldi) alle 18,30. Tradizionale percorso dei quattro lungarni compresi tra il ponte della Fortezza ed il ponte Solferino; rientro nelle rispettive tende ed allineamento dei gruppi armati. Dopo lo scambio delle sfide da parte degli ambasciatori e la sbandierata augurale, l Anziano Rettore (cioè il sindaco) darà il via ufficiale alla sfida consegnando la bandierina di Pisa ai tre giudici. I combattimenti inizieranno intorno alle 20,15.

9 Magazine 19 ALBO D ORO COMANDO DI TRAMONTANA Commissario: Lorenzo Bani Generale: Maria Teresa Rossi Luogotenente: Mario Cerrai Consigliere civile: Gianfranco Micheletti Consigliere militare: Lillo Tonini Cancelliere militare: Luciano Lucchesi Ambasciatore: Walter Bolondi Cavaliere Alfiere: Simone Soldani Maestro di Campo: Fabrizio Bagnoli Maggiore Sergente: Tiziano Bigagli Comandante Celatini: Fabrizio Di Nasso Comandante Guardie al campo senza corazza: Marco Vaglini Comandante Guardie al campo con corazza: Stefano Gianfaldoni Ufficiale di Piazza: Massimo Barbieri COMANDO DI MEZZOGIORNO Commissario: Alberto Zampieri Generale: Vito Ardito Luogotenente: Cesare Cai Consigliere civile: Paolo Orsucci Ambasciatore: Maurizio Ferrucci Cavaliere Alfiere: Giovanni Del Bravo Maestro di Campo: Federico Nuti Maggiore Sergente: Roberto Pollera Comandante Celatini: Roberto Fiaschi Comandante Guardie al campo senza corazza: Mauro Mantegna Comandante Guardie al campo con corazza: Roberto Riccetti Ufficiale di Piazza: Tommaso Conte

GIOCO DEL PONTE. Sabato 26 Giugno 2010 SVOLGIMENTO GENERALE DELLA MANIFESTAZIONE

GIOCO DEL PONTE. Sabato 26 Giugno 2010 SVOLGIMENTO GENERALE DELLA MANIFESTAZIONE GIOCO DEL PONTE Sabato 26 Giugno 2010 SVOLGIMENTO GENERALE DELLA MANIFESTAZIONE L INIZIO DELLE OPERAZIONI DI VESTIZIONE DEI FIGURANTI E FISSATO ALLE ORE 17.30. Le sedi di vestizione sono ubicate: Presso

Dettagli

ESULTI IL CORO DEGLI ANGELI (Praeconium Paschale - Exultet)

ESULTI IL CORO DEGLI ANGELI (Praeconium Paschale - Exultet) Voce Organo Anno: 2002 Album: Veglia pasquale Solenne qd = 60 E sul ti il co ro de ESULTI IL CORO DEGLI ANGELI (Praeconium Paschale - Exultet) gliian ge li, e sul ti l'as-sem ble a ce Musica di: Marco

Dettagli

Gruppo di lavoro per i B.E.S. D.D. 3 Circolo Sanremo. Autore: Marino Isabella P roposta di lavoro per le attività nei laboratori di recupero

Gruppo di lavoro per i B.E.S. D.D. 3 Circolo Sanremo. Autore: Marino Isabella P roposta di lavoro per le attività nei laboratori di recupero Competenza/e da sviluppare GIOCO: SCARABEO CON SILLABE OCCORRENTE: MATERIALE ALLEGATO E UN SACCHETTO PER CONTENERE LE SILLABE RITAGLIATE. ISTRUZIONI Saper cogliere/usare i suoni della lingua. Saper leggere

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA - PARTE PRIMA - N

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA - PARTE PRIMA - N 22-10-2004 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA - PARTE PRIMA - N. 143 25 CIRCOLARE DELL ASSESSORE ALLA PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE, POLITICHE ABITATIVE, RIQUALIFICAZIONE URBANA, pro to

Dettagli

VDS-EX4 VDS-EX8 KIT ESPANSIONE PERIFERICA VDS. Istruzioni INSTALLAZIONE. Ma nua le n 17540 Rev. -

VDS-EX4 VDS-EX8 KIT ESPANSIONE PERIFERICA VDS. Istruzioni INSTALLAZIONE. Ma nua le n 17540 Rev. - KIT ESPANSIONE PERIFERICA VDS VDS-EX4 VDS-EX8 Istruzioni INSTALLAZIONE Ma nua le n 17540 Rev. - Le informazioni presenti in questo manuale sostituiscono quanto in precedenza pubblicato. Sicep si riserva

Dettagli

REGOLAMENTO TECNICO (Artt.1, 7 Reg. Gen.) Testo emendato dal Consiglio degli Anziani e approvato all unanimita, nella seduta del 23/01/2012

REGOLAMENTO TECNICO (Artt.1, 7 Reg. Gen.) Testo emendato dal Consiglio degli Anziani e approvato all unanimita, nella seduta del 23/01/2012 REGOLAMENTO TECNICO (Artt.1, 7 Reg. Gen.) Testo emendato dal Consiglio degli Anziani e approvato all unanimita, nella seduta del 23/01/2012 CAPO PRIMO DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1: Oggetto del Regolamento

Dettagli

RICEVITORE TELEFONICO A 2 LINEE SD-T2

RICEVITORE TELEFONICO A 2 LINEE SD-T2 RICEVITORE TELEFONICO A 2 LINEE SD-T2 Ma nua le di IN STAL LA ZIO NE ED USO Ma nua le N 12110 Rev. B spa Le informazioni presenti in questo manuale sostituiscono quanto in precedenza pubblicato. Sicep

Dettagli

Anno maggio 2004 N. 64

Anno maggio 2004 N. 64 Par te prima - N. 11 Spe di zio ne in ab bo na men to po sta le - Fi lia le di Bo lo gna Euro 0,41 art. 2, com ma 20/c - Leg ge 662/96 Anno 35 25 maggio 2004 N. 64 Som ma rio LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI

Dettagli

Aprite le porte a Cristo Inno al beato Giovanni Paolo II

Aprite le porte a Cristo Inno al beato Giovanni Paolo II oro e Org rite le orte a risto Inno al beato Giovanni Paolo II Marco Frisina q=60 F ri te le orte a ri sto! Non ab bia te a u salan 5 Organo 5 7 ca te il vo stro cuo re al l' re di Di o ri te le orte a

Dettagli

Fo glio d in stal la zio ne

Fo glio d in stal la zio ne Fo glio d in stal la zio ne Ma nua le n 18682 Rev. - Questo apparecchio è studiato per funzionare con impianti elettrici da 12Vcc con Negativo a massa. Prima di installarlo controllare la tensione della

Dettagli

Il dente cadente. Testo : Maria Cristina Meloni - Musica : Andrea Vaschetti. b œ œ œ œ œ œ œ.

Il dente cadente. Testo : Maria Cristina Meloni - Musica : Andrea Vaschetti. b œ œ œ œ œ œ œ. Solista Ú c Il dente cadente Testo : Maria Cristina Meloni - Musica : Andrea Vaschetti 104 ( Introd Pianoforte ) Mi Mi n Coro c Mi Que - sto è il rap del den - te ca - den - te Œ r del j la - scia spa

Dettagli

IL FIGLIOL PRODIGO =60 LA- MI- DO7+ DO7+ MI- SI7 MI- LA- SI7 SI7 MI- SOL SI7 SOL SOL LA- MI- LA-

IL FIGLIOL PRODIGO =60 LA- MI- DO7+ DO7+ MI- SI7 MI- LA- SI7 SI7 MI- SOL SI7 SOL SOL LA- MI- LA- 7+ IL FIGLIOL PRODIGO 7+ G =60 a d D MI MIop LA p Counità Cenacolo p La - ciai un gior - no il io pa - to a - ve - vo a d D l l l l ol-di e tan-ti o-gni da co - pra - re. Ed u - na e- ra il cuo-re i-o

Dettagli

Bambini nel mondo Testo: Classe IV B - Scuola Primaria - Velo d Astico - I Circolo Arsiero Insegnante: Carla Lain

Bambini nel mondo Testo: Classe IV B - Scuola Primaria - Velo d Astico - I Circolo Arsiero Insegnante: Carla Lain Società del Quartetto - Amici della Musica di Vicenza Scrivi che ti canto - Vicenza 00/05 Sez 1 - II remio Bambini nel mondo Testo: Classe IV B - Scuola rimaria - Velo d Astico - I Circolo Arsiero Insenante:

Dettagli

Quattro canti natalizi per coro misto a cappella

Quattro canti natalizi per coro misto a cappella A R O Z C C A N T E Quattro canti natalizi er coro misto a caella 2013 Il messaggio di Gabriele La mezzanotte alin scoccò Gli uccelli eran uggiti agando sotto il cielo da un canto oolare basco sorano contralto

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI

3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI 3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI SIGNORI E PRINCIPI Fra la metà del Duecento e il Quattrocento, nell'italia settentrionale e centrale > numerose signorie. Molti signori, dopo avere preso il potere con la

Dettagli

PALLAMANO. Un po di storia

PALLAMANO. Un po di storia PALLAMANO Un po di storia La pallamano è un gioco bello e dinamico, inventato in Germania alla fine dell Ottocento. Sembra che tragga origine da un gioco denominato Pallaporta. E nata come sport da giocarsi

Dettagli

IL GIOCO STRATEGICO PER LA CONQUISTA DEL MONDO (DA 3 A 6 GIOCATORI)

IL GIOCO STRATEGICO PER LA CONQUISTA DEL MONDO (DA 3 A 6 GIOCATORI) IL GIOCO STRATEGICO PER LA CONQUISTA DEL MONDO (DA 3 A 6 GIOCATORI) Con abilità, calma, coraggio, una buona strategia e un po di fortuna si può arrivare alla conquista del mondo. Potrete occupare ogni

Dettagli

Lino Spazzolino. Testo : Maria Cristina Meloni - Musica : Andrea Vaschetti. (Introd. Pianoforte : Fa Sol Fa. no un ti. so - che.

Lino Spazzolino. Testo : Maria Cristina Meloni - Musica : Andrea Vaschetti. (Introd. Pianoforte : Fa Sol Fa. no un ti. so - che. Solista Ú 99 c Lino Spazzolino Testo : Maria Cristina Meloni - Musica : Andrea Vaschetti (Introd. Pianoforte : Fa Sol Fa ) Coro c 1. 2... Lam7 Do7 Fa7 Mi7. Li - Son no tan - lo ti i spaz - mo - zo - li

Dettagli

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto)

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) La Repubblica è una forma di governo. La Repubblica è un modo per governare uno Stato. Nella Repubblica romana c era un Senato e c erano

Dettagli

136 Il Regno ` è realt ` à, preghiamo che venga

136 Il Regno ` è realt ` à, preghiamo che venga 136 Il Regno è realt à, preghiamo che venga (Rivelazione 11:15; 12:10) Capo 2 Sol Do Sol La Re La O Geo - va, e - ter - no tu sei, mae - Il tem - po che Sa - ta - na ha tra In - nal - za - no gli an -

Dettagli

Acqua, sapone, dentifricio e spazzolino

Acqua, sapone, dentifricio e spazzolino Solista Coro Ú 111 c c Acqua, sapone, dentifricio e spazzolino Testo : Maria Cristina Meloni - Musica : Andrea Vaschetti (Introd Pianoforte Fa Do Sol Do ) Do Fa Ó Œ j Œ A Ac-qua, sa - po - ne, den - ti

Dettagli

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia Una voce oco a / Barbiere di Siviglia Andante 4 3 RÔ tr tr tr 4 3 RÔ & K r # Gioachino Rossini # n 6 # R R n # n R R R R # n 8 # R R n # R R n R R & & 12 r r r # # # R Una voce oco a qui nel cor mi ri

Dettagli

La storia di Victoria Lourdes

La storia di Victoria Lourdes Mauro Ferraro La storia di Victoria Lourdes Diario di un adozione internazionale La storia di Victoria Lourdes Diario di un adozione internazionale Dedicato a Monica e Victoria «La vuoi sentire la storia

Dettagli

CAPITOLO VII IL SACRIFICIO DI FILIPPO MERLINO A NASSYRIA

CAPITOLO VII IL SACRIFICIO DI FILIPPO MERLINO A NASSYRIA CAPITOLO VII IL SACRIFICIO DI FILIPPO MERLINO A NASSYRIA Filippo Merlino Nato a Sant Arcangelo il 25/02/1957, era entrato nei carabinieri a soli 17 anni. Maresciallo Maggiore comandava la stazione dei

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it 1. Del sogno dell essere sognatore Il primo dovere di un buon Capo è non accontentarsi, essere il più esigente possibile nella

Dettagli

Revisione dei bilanci delle Aziende sanitarie Esiti del progetto Certificazione dei bilanci delle Aziende sanitarie e provvedimenti relativi

Revisione dei bilanci delle Aziende sanitarie Esiti del progetto Certificazione dei bilanci delle Aziende sanitarie e provvedimenti relativi Parte seconda - N. 47 Spedizione in abbonamento postale - Filiale di Bologna Euro 5,33 art. 2, comma 20/c - Legge 662/96 Anno 36 22 aprile 2005 N. 69 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 16 febbraio 2005,

Dettagli

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo.

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo. Estate_ Era una giornata soleggiata e piacevole. Né troppo calda, né troppo fresca, di quelle che ti fanno venire voglia di giocare e correre e stare tra gli alberi e nei prati. Bonton, Ricciolo e Morbidoso,

Dettagli

L albero di cachi padre e figli

L albero di cachi padre e figli L albero di cachi padre e figli 1 Da qualche parte a Nagasaki vi era un bell albero di cachi che faceva frutti buonissimi. Per quest albero il maggior piacere era vedere i bambini felici. Era il 9 agosto

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 44 Seduta del 28 settembre 2006 IL CONSIGLIO COMUNALE VISTI i verbali delle sedute del 12.06.06 (deliberazioni n. 23, 24, 25, 26, 27), del 4.07.2006 (deliberazioni

Dettagli

Attività a Tema in Branca L/C

Attività a Tema in Branca L/C in Branca L/C Queste note fanno seguito al laboratorio sulle del 13 marzo 2013 a Roma e riprendono il sussidio, ormai introvabile, concepito nel 1973 e rivisto nel 1982. Le nascono nella Branca Lupetti

Dettagli

NAGO TORBOLE PERIODICO D INFORMAZIONE DEL COMUNE DI NAGO TORBOLE ANNO 18 - N. 2 - DICEMBRE 2012. Notizie

NAGO TORBOLE PERIODICO D INFORMAZIONE DEL COMUNE DI NAGO TORBOLE ANNO 18 - N. 2 - DICEMBRE 2012. Notizie NAGO TORBOLE PERIODICO D INFORMAZIONE DEL COMUNE DI NAGO TORBOLE ANNO 18 - N. 2 - DICEMBRE 2012 Notizie 17 Cari cittadini di Nago e di Torbole, La Giunta comunale Grazie agli uffici comunali 18 personaggio

Dettagli

1. Scrivere ad amici e parenti

1. Scrivere ad amici e parenti 1. Scrivere ad amici e parenti In questo capitolo ci concentreremo sulle lettere per le persone che conosciamo. Normalmente si tratta di lettere i cui argomenti sono piuttosto vari, in quanto i nostri

Dettagli

I bambini vengono costretti a lavorare

I bambini vengono costretti a lavorare Un continente segnato dalle violenze, dai soprusi e dalle ingiustizie. Il destino di schiavitù che nei secoli scorsi ha colpito l'africa non si è esaurito nemmeno nel Terzo millennio. Nell'Ottocento, uomini

Dettagli

DATA TRACKING SYSTEM DTS-4

DATA TRACKING SYSTEM DTS-4 DATA TRACKING SYSTEM DTS-4 Ma nua le di IN STAL LA ZIO NE ED USO Sof twa re Ver. 1.10 Ma nua le n 17389Rev. - Le informazioni presenti in questo manuale sostituiscono quanto in precedenza pubblicato. Sicep

Dettagli

COMUNE DI CAPISTRANO

COMUNE DI CAPISTRANO COMUNE DI CAPISTRANO GRUPPO BANDISTICO CITTA DI CAPISTRANO I Raduno Bandistico Città di Capistrano, 8 Agosto 2012 a Capistrano (VV) (Calabria). Con la partecipazione dei gruppi bandistici: L Associazione

Dettagli

ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO

ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO I primi Giochi Easy : Il Palleggio ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO Insalata Mista. (stimolare l abitudine all utilizzo del palleggio) Dal palleggio in libertà tuttocampo dei bambini, dividere il campo in

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

Sedotta dal mondo del POKER. il punto G del gioco SPECIALE ENADA. Il gioco ritorna in fiera. POKER FACE High Stakes con Fabrizio Baldassari

Sedotta dal mondo del POKER. il punto G del gioco SPECIALE ENADA. Il gioco ritorna in fiera. POKER FACE High Stakes con Fabrizio Baldassari NUMERO 04 MARZO 2010 il punto G del gioco ZERO ASSOLUTO CASINÒ DI SANREMO SPECIALE ENADA SPECIALE ENADA Il gioco ritorna in fiera POKER FACE High Stakes con Fabrizio Baldassari numero 04 marzo 2010 PAMELA

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Aldo Messina. Il Comune e l Istituto Comprensivo Saveria Profeta di Ustica aderiscono alla Giornata del Tricolore.

Aldo Messina. Il Comune e l Istituto Comprensivo Saveria Profeta di Ustica aderiscono alla Giornata del Tricolore. La Giornata Nazionale della Bandiera( Festa del Tricolore)èstata istituita dalla legge n. 671 del 31 dicembre 1996, intendendo celebrare il bicentenario della nascita a Reggio Emilia del tricolore italiano,

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

In questo articolo non ci sono veri e propri errori di battitura, eppure, come dimostrano le

In questo articolo non ci sono veri e propri errori di battitura, eppure, come dimostrano le In queste pagine ci sono alcuni miei lavori di correzione e revisione bozze. Non si tratta di una raccolta di refusi, perché sistemare gli errori di battitura e la grammatica non è altro che il lavoro

Dettagli

Benvenuto a questa nuova giornata da passare nell ufficio di mamma e papà promossa dall ateneo di Roma 3. L anno scorso ci siamo divertiti facendo

Benvenuto a questa nuova giornata da passare nell ufficio di mamma e papà promossa dall ateneo di Roma 3. L anno scorso ci siamo divertiti facendo Benvenuto a questa nuova giornata da passare nell ufficio di mamma e papà promossa dall ateneo di Roma 3. L anno scorso ci siamo divertiti facendo delle attività molto interessanti e simpatiche! Anche

Dettagli

GLI SCACCHI IN GIOCO I CORSI DI PATRIZIA APETINO. Gli scacchi un occasione per crescere insieme!

GLI SCACCHI IN GIOCO I CORSI DI PATRIZIA APETINO. Gli scacchi un occasione per crescere insieme! GLI SCACCHI IN GIOCO I CORSI DI PATRIZIA APETINO Gli scacchi un occasione per crescere insieme! Ancora una volta devo ringraziare Facebook che mi ha dato l opportunità di conoscere e fare amicizia con

Dettagli

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali.

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali. il testo: 01 L Impero romano d Oriente ha la sua capitale a Costantinopoli. Costantinopoli è una città che si trova in Turchia, l antico (vecchio) nome di Costantinopoli è Bisanzio, per questo l Impero

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

L acqua si infiltra. Scuola Primaria- Classe Prima. Dante - Pontedera- I. C. Pacinotti - Insegnante Natalina Grasso

L acqua si infiltra. Scuola Primaria- Classe Prima. Dante - Pontedera- I. C. Pacinotti - Insegnante Natalina Grasso L acqua si infiltra Scuola Primaria- Classe Prima Dante - Pontedera- I. C. Pacinotti - Insegnante Natalina Grasso Schema per costruire il diario di bordo riguardo a precise situazioni di lavoro scelte

Dettagli

REGOLAMENTO PALIO DEL SANTO ANELLO

REGOLAMENTO PALIO DEL SANTO ANELLO REGOLAMENTO PALIO DEL SANTO ANELLO (Versione 3.0 aggiornata al 09/06/2014) NORME GENERALI Art. 1 Gli arcieri che parteciperanno alla gare dovranno presentarsi rigorosamente in costume storico. Non potranno

Dettagli

Minivolley: un età d oro per sviluppare, con i giochi, l entusiasmo di stare con gli amici in palestra

Minivolley: un età d oro per sviluppare, con i giochi, l entusiasmo di stare con gli amici in palestra 1 Minivolley: un età d oro per sviluppare, con i giochi, l entusiasmo di stare con gli amici in palestra Giochi di motricità generale con l utilizzo della palla. Dopo aver organizzato la palestra in tanti

Dettagli

BT-887 BT-436 IRS-CB IRS-CM

BT-887 BT-436 IRS-CB IRS-CM BT-887 IRS-CB BT-436 IRS-CM Manuale UTENTE BT-436 Sof twa re Ver. 1.1.1 BT-887 Sof twa re Ver. 1.2.2 IRS-CB Sof twa re Ver. 1.0.3 IRS-CM Sof twa re Ver. 1.0.3 Ma nua le n 18306 Rev. - Le informazioni presenti

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

1 TORNEO MASCHILE DI MINIVOLLEY DELLA SCUOLA DI PALLAVOLO LUBE

1 TORNEO MASCHILE DI MINIVOLLEY DELLA SCUOLA DI PALLAVOLO LUBE 1 TORNEO MASCHILE DI MINIVOLLEY DELLA SCUOLA DI PALLAVOLO LUBE La manifestazione si svolgerà presso il PALASPORT FONTESCODELLA DI MACERATA DOMENICA 7 NOVEMBRE 2010 Il ritrovo è fissato alle ore 13:15 Lo

Dettagli

VADEMECUM PER TUTORI VOLONTARI DI MINORI D ETÀ

VADEMECUM PER TUTORI VOLONTARI DI MINORI D ETÀ UFFICIO PROTEZIONE E PUB BLI CA TUTELA DEI MINORI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Centro interdipartimentale di ricerca e servizi sui diritti della persona e dei popoli VADEMECUM PER TUTORI VOLONTARI

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

IRS-8B. Ma nua le di IN STAL LA ZIO NE ED USO. Sof twa re Ver. 1.05 Ma nua le N 19096 Rev. -

IRS-8B. Ma nua le di IN STAL LA ZIO NE ED USO. Sof twa re Ver. 1.05 Ma nua le N 19096 Rev. - IRS-8B Ma nua le di IN STAL LA ZIO NE ED USO Sof twa re Ver. 1.05 Ma nua le N 19096 Rev. - Le informazioni presenti in questo manuale sostituiscono quanto in precedenza pubblicato. Sicep si riserva il

Dettagli

Programma giochi 14 novembre 1999. Viaggio in cina

Programma giochi 14 novembre 1999. Viaggio in cina Programma giochi 14 novembre 1999 Viaggio in cina La muraglia cinese (1) Pallone Questo gioco serve per fare le squadre. Tutti i giocatori si piazzeranno nella posizione B1. Un animatore si piazzerà invece

Dettagli

PALIO DEI COLORI Insieme per la luce nel mondo

PALIO DEI COLORI Insieme per la luce nel mondo PALIO DEI COLORI Insieme per la luce nel mondo Il Comitato organizzatore del Palio dei Colori, sotto l egida dell Unità Pastorale Beata Vergine del Rosario di Cisano Bergamasco (BG), con la collaborazione

Dettagli

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA GENNAIO 1 17 2 3 18 19 4 20 5 6 21 22 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 23 24 25 26 27 28 29 30 31 Vedo davanti a me tante facce, vedo dei neri,...dei bianchi, dei gialli, dei mezzi neri come me, ma tutti insieme,

Dettagli

1. Siamo a Firenze nel secolo. Adesso leggi l'inizio della storia della famiglia dei Medici e rispondi alle domande

1. Siamo a Firenze nel secolo. Adesso leggi l'inizio della storia della famiglia dei Medici e rispondi alle domande La Firenze dei medici: la famiglia e il Rinascimento Il luogo è Firenze, ma di quale secolo parliamo? Guarda queste tre immagini legate al titolo e decidi a quale secolo si riferiscono: a) XIX sec. d.

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

Museo del Risorgimento:

Museo del Risorgimento: Museo del Risorgimento: Il giorno 14 gennaio la classe 3C ha visitato il museo del Risorgimento. Il museo, prima di diventare tale,è stato la residenza di casa de Marchi, il quale una volta morto, ha donato

Dettagli

1 tabellone di gioco 4 set di carte (4 colori diversi, numerati da 1 a 20) 8 cani (2 di ogni colore) 1 blocco di fogli di scommessa Soldi Regolamento

1 tabellone di gioco 4 set di carte (4 colori diversi, numerati da 1 a 20) 8 cani (2 di ogni colore) 1 blocco di fogli di scommessa Soldi Regolamento GREYHOUNDS (Levrieri) Componenti 1 tabellone di gioco 4 set di carte (4 colori diversi, numerati da 1 a 20) 8 cani (2 di ogni colore) 1 blocco di fogli di scommessa Soldi Regolamento L'obiettivo del gioco

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

PRIMA PARTE CELEBRAZIONE EUCARISTICA

PRIMA PARTE CELEBRAZIONE EUCARISTICA PRIMA PARTE CELEBRAZIONE EUCARISTICA ATTO PENITENZIALE 1 SIGNORE, PIETÀ (Picchi) Largamente (q = 44) &4 2 & S Si tà. - gno - re, pie - tà. TSi - gno - re, pie - SCri J J - sto, pie - & 8 3 8 1 8 4 J J

Dettagli

SEI BRAVO A SCUOLA DI CALCIO ANNO 2012 2013 FASE PROVINCIALE 2 GIUGNO 2013

SEI BRAVO A SCUOLA DI CALCIO ANNO 2012 2013 FASE PROVINCIALE 2 GIUGNO 2013 SEI BRAVO A SCUOLA DI CALCIO ANNO 2012 2013 FASE PROVINCIALE 2 GIUGNO 2013 TEMA DELLA MANIFESTAZIONE CALCIARE PER SEGNARE INDICAZIONI GENERALI Si ricorda che la manifestazione è una festa regionale/provinciale

Dettagli

elmeg ICT Istru zio ni per l'uso Ita lia no

elmeg ICT Istru zio ni per l'uso Ita lia no elme ICT Istru zio ni per l'uso Ita lia no Dichiarazione di conformità e rcatura CE Ques to dis po si ti vo è con for me al la di ret ti va co mu ni ta ria R&TTE 5/1999/CE:»Di ret ti va 1999/5/CE del Par

Dettagli

Capitolo 1. Ivo e Caramella 1. Completa il fumetto di Ivo con le parole della lista. 2. Leggi quello che dice Ivo, disegna e scrivi.

Capitolo 1. Ivo e Caramella 1. Completa il fumetto di Ivo con le parole della lista. 2. Leggi quello che dice Ivo, disegna e scrivi. Capitolo Ivo e Caramella Completa il fumetto di Ivo con le parole della lista. DIECI NNI È IL MIO CNE MI CHIMO IN CMPGN CIO! IO IVO. HO. ITO. CRMELL! Leggi quello che dice Ivo, disegna e scrivi. COMINRE

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

LA CASA DI NONNA ITALIA

LA CASA DI NONNA ITALIA dai 9 anni SERIE BLU scuola primaria LA CASA DI NONNA ITALIA UN RACCONTO SULLA COSTITUZIONE AUTORE: P. Valente SCHEDE DIDATTICHE: P. Valente ILLUSTRAZIONI: M. Bizzi PAGINE: 128 PREZZO: 7,50 ISBN: 978-88-472-1409-5

Dettagli

Introduzione. Gentile lettore,

Introduzione. Gentile lettore, Le 5 regole del credito 1 Introduzione Gentile lettore, nel ringraziarti per aver deciso di consultare questo e-book vorrei regalarti alcune indicazioni sullo scopo e sulle modalità di lettura di questo

Dettagli

UN GIOCO STRATEGICO DI ATTACCO E DI CONQUISTA (DA 3 A 6 GIOCATORI ETA : PER GIOVANI E ADULTI)

UN GIOCO STRATEGICO DI ATTACCO E DI CONQUISTA (DA 3 A 6 GIOCATORI ETA : PER GIOVANI E ADULTI) UN GIOCO STRATEGICO DI ATTACCO E DI CONQUISTA (DA 3 A 6 GIOCATORI ETA : PER GIOVANI E ADULTI) CONTENUTO Ogni scatola comprende: 1 tabellone rappresentante l Europa suddivisa in 6 Imperi e 44 Territori,

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

Cooperazione e innovazione

Cooperazione e innovazione Tecnopolo Reggio Emilia - 16 novembre 2015 Cooperazione e innovazione Roberto Grassi - Manta Communications - Hopenly La bonaccia è lo stato di stallo che inchioda la navicella corsara, leggera, veloce,

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

Ogni gara del Palio avrà il seguente punteggio:

Ogni gara del Palio avrà il seguente punteggio: Palio delle Contrade Ceresaresi Regolamento e appuntamenti - edizione 2015 Lo scopo del Palio è quello di unire tutti gli abitanti dei Borghi in un clima di festa nell ambito della rievocazione storica.

Dettagli

CEN TRA LI NA RADIO MULTIPROTOCOLLO MONODIREZIONALE 8 ZONE MPR-CM MPR-CME

CEN TRA LI NA RADIO MULTIPROTOCOLLO MONODIREZIONALE 8 ZONE MPR-CM MPR-CME CEN TRA LI NA RADIO MULTIPROTOCOLLO MONODIREZIONALE 8 ZONE MPR-CM MPR-CME Ma nua le di IN STAL LA ZIO NE ED USO Sof twa re Ver. 1.07a Ma nua le N 12451 Rev. D spa Le informazioni presenti in questo manuale

Dettagli

Bombardamenti a Brindisi

Bombardamenti a Brindisi BRINDISINI LA MIA GENTE Bombardamenti a Brindisi Giovanni Membola Via Cittadella, e al fondo Via Santa Aloy, all alba del 8 novembre 1941 Cosimo Guercia Le abitazioni bombardate Roberto Guadalupi Bombardamenti

Dettagli

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Progetto Guggenheim: Arte segni e parole I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Composizione di segni Prove di scrittura Disegnare parole e frasi Coltivare

Dettagli

Regolamento del Consiglio dei Ragazzi di Castel Maggiore

Regolamento del Consiglio dei Ragazzi di Castel Maggiore Regolamento del Consiglio dei Ragazzi di Castel Maggiore Articolo 1 Nell'ambito del programma amministrativo rivolto alla formazione civica delle bambine e dei bambini, delle ragazze e dei ragazzi e al

Dettagli

IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA

IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA Associazione culturale per la promozione del Teatro Musicale contemporaneo P.Iva 04677120265 via Aldo Moro 6, 31055 Quinto di Treviso - Tv IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA TERZA VERSIONE autore:

Dettagli

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte.

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte. RELIGIONE I Fenici erano un popolo molto religioso: erano politeisti, cioè credevano in molti dei. Questi dei erano i fenomeni naturali: la pioggia, i tuoni, i fulmini, i fiumi, i mari, le stagioni, la

Dettagli

CIAO, SONO LA BEFANA. TI VOGLIO RACCONTARE UNA DELLE TANTE STORIE CHE RACCONTANO SU DI ME. E COME TUTTE LE STORIE LA MIA COMINCIA CON

CIAO, SONO LA BEFANA. TI VOGLIO RACCONTARE UNA DELLE TANTE STORIE CHE RACCONTANO SU DI ME. E COME TUTTE LE STORIE LA MIA COMINCIA CON NON SONO TANTO BELLA. HO UN NASO LUNGO E BITORZOLUTO, MA SONO TANTO, TANTO BUONA. CIAO, SONO LA BEFANA. TI VOGLIO RACCONTARE UNA DELLE TANTE STORIE CHE RACCONTANO SU DI ME. E COME TUTTE LE STORIE LA MIA

Dettagli

ITALIA TURISMO Luglio 2012

ITALIA TURISMO Luglio 2012 ITALIA TURISMO Luglio 2012 LE VACANZE DEGLI ITALIANI IN TEMPO DI CRISI Cancellati 41 milioni di viaggi e 195 milioni di giornate di vacanza in cinque anni Gli ultimi aggiornamenti sull andamento del turismo

Dettagli

Quadri rossi. Una conversazione sull arte a dieci anni

Quadri rossi. Una conversazione sull arte a dieci anni Quadri rossi. Una conversazione sull arte a dieci anni Luca Mori Questo articolo presenta i passaggi salienti di una conversazione tra bambini di quinta elementare sulla percezione dell opera d arte 1,

Dettagli

Regolamento Scuola di Cavalleria Storica

Regolamento Scuola di Cavalleria Storica Regolamento Scuola di Cavalleria Storica Parlare oggi, di Cavalli e Cavalieri nella storia e sopratutto parlare di Cavalieri Medioevali, ci rievoca nei nostri pensieri immagini stereotipati d uomini senza

Dettagli

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002 . Associazione di insegnanti e ricercatori sulla didattica della storia Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno 5 marzo 2002 Ho comunicato ai bambini che avremo

Dettagli

La numismatica (dal latino numisma, a sua volta dal greco: νόμισμα - nomisma - cioè moneta) è lo studio scientifico della moneta e della sua storia,

La numismatica (dal latino numisma, a sua volta dal greco: νόμισμα - nomisma - cioè moneta) è lo studio scientifico della moneta e della sua storia, La numismatica (dal latino numisma, a sua volta dal greco: νόμισμα - nomisma - cioè moneta) è lo studio scientifico della moneta e della sua storia, in tutte le sue varie forme, dal punto di vista storico,

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

Pio Lando Di Stefano, un arzillo nonnino di novanta anni, ha vissuto gli orrori della seconda guerra Mondiale ed ha

Pio Lando Di Stefano, un arzillo nonnino di novanta anni, ha vissuto gli orrori della seconda guerra Mondiale ed ha Libertà. Per capire il significato di questa parola, bisogna conoscere il significato della parola opposta: prigionia. Questo termine significa essere prigionieri, schiavi, servitori di un padrone. Non

Dettagli

FERIE DELLE MESSI 19-20 - 21 giugno 2015

FERIE DELLE MESSI 19-20 - 21 giugno 2015 FERIE DELLE MESSI 19-20 - 21 giugno 2015 L Associazione Cavalieri di Santa Fina, il cui nome onora Fina dei Ciardi, la giovinetta morta in odore di santità il 12 marzo 1253 e diventata compatrona di San

Dettagli

VISITA A PALAZZO CISTERNA A TORINO

VISITA A PALAZZO CISTERNA A TORINO VISITA A PALAZZO CISTERNA A TORINO Martedì, 1 marzo siamo andati a Palazzo Cisterna di Torino. Questo palazzo, tanti anni fa, era di proprietà di Amedeo I di Savoia, duca d Aosta, re di Spagna e sua moglie

Dettagli

Donna Ì : un milione di no

Donna Ì : un milione di no Ì : un milione di no IL NOSTRO TEAM Siamo un trio ma siamo anche una coppia di fidanzati, due fratelli, due amici che da qualche anno convive e condivide esperienze di vita ma anche interessi sociali e

Dettagli

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania Cara Arianna, ciao, io sono Federica D.L. e abito a Latina e frequento la scuola elementare dell IC Don

Dettagli

Palio dei Rioni REGOLAMENTO

Palio dei Rioni REGOLAMENTO Palio dei Rioni REGOLAMENTO Palio: per Palio si intende la competizione amichevole delle squadre dei rioni. Per RIONE parte della città facente capo ad una delle seguenti Chiese: San Rocco, Madonnina,

Dettagli

il Mensile PERIODICO NAZIONALE DI INFORMAZIONE, ATTUALITA E CULTURA

il Mensile PERIODICO NAZIONALE DI INFORMAZIONE, ATTUALITA E CULTURA NON GETTARMI! CONSERVA QUESTO GIORNALE: POTRAI PARTECIPARE A UN GRANDE CONCORSO NON GETTARMI! CONSERVA QUESTO GIORNALE: POTRAI PARTECIPARE A UN GRANDE CONCORSO Copia Omaggio 0.50 Euro ANNO VI, N. 2 - FEBBRAIO

Dettagli