SOMMARIO LUMINARA SAN MICHELE DRAGONI REGATA DI SAN RANIERI CALCI SAN MARTINO DELFINI MATTACCINI STORIA DEL GIOCO DEL PONTE SANTA MARIA SANT ANTONIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SOMMARIO LUMINARA SAN MICHELE DRAGONI REGATA DI SAN RANIERI CALCI SAN MARTINO DELFINI MATTACCINI STORIA DEL GIOCO DEL PONTE SANTA MARIA SANT ANTONIO"

Transcript

1 Magazine 3 SOMMARIO PAG. 5 LUMINARA PAG. 21 SAN MICHELE PAG. 43 DRAGONI PAG. 9 REGATA DI SAN RANIERI PAG. 13 STORIA DEL GIOCO DEL PONTE PAG. 17 I GIUDICI IL CARRELLO PAG. 19 ALBO D ORO I COMANDI PAG. 25 CALCI PAG. 29 DELFINI PAG. 32 SANT ANTONIO PAG. 38 SAN FRANCESCO PAG. 41 SATIRI PAG. 47 SAN MARTINO PAG. 51 MATTACCINI PAG. 55 SANTA MARIA PAG. 59 SAN MARCO PAG. 63 LEONI Finegil Editoriale S.p.A. IL TIRRENO Livorno - V.le Alfieri, 9 Tel. 0586/ Direttore responsabile BRUNO MANFELLOTTO Condirettore NINO SOFIA Vicedirettore ROBERTO BERNABÒ Stampa MEDIAGRAF Padova Foto PUNTO REFLEX Testi IMMAGINI COMUNICAZIONE Impaginazione grafica GRAFICA & IDEE Livorno

2 Magazine 5 LUMINARA Quella della Luminara di San Ra nie ri è una tra di zio ne che ha ra di ci lun ghe seco li. Stan do ai ma no scrit ti del l epo ca, la pri ma edi zio ne certa del la festa ri sa le in fat ti al Il 25 mar zo di quell an no Cosimo III dei Medici di spo se la col lo ca zio ne del l ur na di cri stal lo con te - nen te il corpo del Pa tro no nella cap pel la del Duo mo, da poco ter mi na ta e che con se - guen te men te ac qui sì ap pun to il nome di cap pel la di San Ranie ri. La tra sla zio ne della reli quia at tra ver so l abi ta to fu ce le bra ta dai cit ta di ni il lu mi - nan do stra de e facciate: da lì avreb be avu to origine l usanza del l Il lu mi na zio ne, de no - mi na zio ne ori gi na ria poi modi fi ca ta in Lu mi na ra ver so la fine dell Ottocento. San Ranieri nacque a Pisa nel 1128; dopo una giovinezza tra scor sa in ma nie ra mondana, si dedicò ad opere e pe ni ten ze. Fu due volte in pel le gri nag gio a Ge ru sa lemme e quindi si ritirò nel mo na ste ro di San Vito a Pisa. Ma il pa tro no di Pisa non era solamente un per so - nag gio in tri so di misticismo e san ti tà, ma anche un uomo del suo tem po calato perfet ta men te nella re al tà della sua città. Come pre mes sa alla bio gra fia del san to, si capi sce quanto San Ranieri fosse in se ri to nel l am bien te re li - gio so e ci vi le di Pisa; pro va di ciò il fat to del l im me dia ta dif fu sio ne della sua ve ne ra - zio ne fin dal ritorno dalla Terra san ta. La Luminara era dunque il giu sto omag gio dei pisani a questo figlio di Pisa. In re al tà, però, sem bra che quello di il lu mi na re il cor so dell Arno e i prin ci pa li quartieri della città fosse un costume già da mol to tem po pra ti ca to dai pisani per sot to li ne a re una ri cor ren za par ti co lar men te lie ta. Solo suc ces si va men te tale tra di zio ne si sarebbe lega ta in modo esclu si vo alla ri cor ren za del San to pro tet - to re. Dopo la prima edi zio ne uf fi cial men te do cu men ta ta del 1668, la Lu mi na ra venne ri pe tu ta ogni tre anni, a meno di cir co stan ze ec ce zio na li che ne giu sti fi cas se ro l al le - sti men to an che al di fuori del cadenzario stabilito. Se gui - ro no de cen ni di edi zio ni fastose, fino all ultimo quar

3 Magazine 7 to dell Ottocento, quando la cattiva congiuntura economica costrinse l Amministrazione a sospendere l organizzazione dello spettacolo. La tradizione riprese, con fatica, dal 1886, su iniziativa del circolo giovanile cattolico, con allestimenti che, pur inevitabilmente in tono minore, richiamavano la partecipazione ed il contributo anche finanziario della comunità. Ma il ripristino vero e proprio non giunse che nel 1937, insieme a quello del Gioco del Ponte. Da allora vi sono state altre due interruzioni: la prima, più lunga, dovuta alla seconda guerra mondiale e protrattasi ben oltre la fine del conflitto, fino al 1952; la seconda dal 1966 al 1969, a causa dell alluvione del 66, in cui crollarono ampi tratti del lungarno ed il ponte Solferino. Diverse le edizioni che meritano di entrare nella storia della città. Nel 1724 si svolse una Luminara dove niente fu lasciato al caso, tanto che se ne trova ampie tracce in molti documenti conservati nell Archivio Capitolare. Nel 1819 fu celebrata in via straordinaria per l arrivo dell imperatore Francesco I. Nel 1853 furono illuminate anche le fabbriche del Duomo, campanili e battistero per l intervento della Corte Toscana. Ma pochi anni dopo, con i mezzo l unità di Italia, la Luminara toccò uno dei suoi punti più bassi. Di recente ricordiamo la Luminara straordinaria del settembre 1989 in occasione della visita a Pisa del Papa Giovanni Paolo II. In occasione della Luminara, in programma appunto la sera prima di San Ranieri, i lungarni sono illuminati con dei lampanini (diminutivo di lampana che in vernacolo pisano significa lampada) posti su appositi sostegno che vengono affissi sui palazzi a tratteggiarne i contorni. Il lampanino è un bicchiere di vetro contenente olio che serve ad alimentare lo stoppaccino. Il sostegno su cui vengono appesi si chiama biancheria per il suo colore bianco.

4 Magazine 9 REGATA DI SAN RANIERI Una regata diversa dalle altre. Il Palio di San Ranieri diventa un momento di ri e vo ca zio ne sto ri ca in una ma ni fe sta zio ne senza ugua li me tri controcorrente e poi al tri dieci, gli ul ti mi, contro la for za di gra vi tà iner pi - can do si sul canapo per coglie re il paliotto della vittoria. Sta tutta qui la regata del 17 giu gno in Arno tra i quattro quartieri sto ri ci del la città: San Mar ti no (bar ca rossa), San Francesco (barca gial la), San ta Ma ria (bar ca cele ste) e San t An to nio (bar ca verde). Le bar che sono frega te ad otto vogatori più un ti mo nie re ed un mon ta to re inca ri ca to di sa li re sul canapo fino in cima al pen no ne collocato su un bar co ne an co ra to in mez zo al l Ar no al l al tez za del la Pre fet tu ra. E per l ulti mo clas si fi ca to, come vuo le la tra di zio ne, viene as se gna ta una cop pia di pa pe ri banchi in segno di scherno. Già perché la re ga ta di San Ranieri non è vin ta da chi ta glia per pri mo il tra guar do, ma da chi riesce a strap pa re il pa liot to di colo re az zur ro del la vit to ria. Ecco dun que che può ac ca de re che l equi pag gio che giun ge per primo al bar co ne si fac cia bef fa re dal se con do, ma ga ri di stan zia to, però più abile sul ca na po con il suo mon ta to re. Solo il pa liot to dà la vit to ria, il re sto non con ta. Da due anni la re ga ta di San Ra nie ri è tor na ta ve ra men te un Palio come vuo le la tra di zio ne. Le im bar ca zio ni, che par to no dal pon te della fer ro via, hanno la pos si bi li tà, a par ti re dal pun to in cui il fiu me pas sa di fron te alla sede della Guar dia di Fi nan za, di ta glia re, ossia cam bia re cor sia ri spet to a quella di partenza. Ciò rende la sfida si cu ra men te più ac ce sa e im pre ve di bi le, con il ri schio, per cia scun equipag gio, di in trec cia re i propri remi a quelli degli av ver sa ri, ri ma nen do così im pa la ti. La regata di San Ranieri di scen de da gli antichi palii me die va li, ossia dal le corse, solitamente di cavalli, che si svol ge va no in occasione di festività par ti co la ri come quella dell Assunta. Il premio era co sti tu i to da un drappo di seta, lana o vel lu to, simi le a quelli che or na va no le ce ri mo nie di ac co glien za a per so nag gi im por tan ti, re o im pe ra to ri, e che avevano ap pun to il nome di palio.

5 Magazine 11 LE STATISTICHE DEL PALIO DI SAN RANIERI Dal 1991 il palio di San Ranieri ha visto il dominio assoluto della Celeste di Santa Maria. Un filotto di vittorie che ha strappato il precedente record che apparteneva alla Verde di Sant Antonio imbattuta dal 1960 al Nonostante questo incredibile exploit, Santa Maria deve ancora inseguire proprio Sant Antonio nel numero complessivo di vittorie: 21 la Celeste contro le 24 della Verde. Barca Verde che però non vince ormai dal lontano Un altro triste primato spetta alla rossa di San Martino che dal 1996 ha sempre chiuso all ultimo posto (con relativi paperi come vuole la tradizione); addirittura l anno scorso non ha preso parte alla regata per squalifica. La prima edizione si disputò nel 1934; fino alla sospensione per la guerra la parte di Tramontana era rappresentata da San Francesco e Porta a Piagge; nel 1947 alla ripresa viene introdotta Santa Maria al posto di Porta a Piagge. La regata di San Ranieri ha avuto negli anni alcune interruzioni, come si può notare dall albo d oro. La prima fu nel 1953 quando i quattro quartieri non si misero d accordo dopo le roventi polemiche dell anno prima in cui fu data la vittoria d ufficio a Sant Antonio. Poi tre anni di interruzione (dal 1967 al 1969) a causa dell alluvione. Il periodo più buio della manifestazione fu negli anni Settanta quando una serie di interruzione rischiarano di far cadere nell oblio il palio; nel 1973 non fu disputata per la concomitanza con le Repubbliche Marinare, nel 1975 e 1976 per motivi di ordine pubblico dovuti alle elezioni e nel 1977 ancora per le Repubbliche Marinare. Ma negli anni Ottanta la regata torna ad appassionare i pisani che ogni anno affollano i lungarni. Nelle ultime edizioni, poi, la regata è tornata ad essere un palio senza perciò le corsie che tante polemiche hanno suscitato negli anni. Per identificazione con il trofeo consegnato al vincitore, le stesse competizioni - sia in terra che in acqua - assunsero nel tempo la denominazione di palii. Il bottino per i concorrenti poteva tuttavia essere più ricco del simbolico drappo in stoffa, e includere la consegna di capi di bestiame: un bue, un montone, un maiale, un gallo e, per l ultimo arrivato, un papero. La tradizione della regata per la festa dell Assunta, affermatasi nei secoli di Pisa repubblica marinara, conobbe alterne vicende a partire dall inizio del dominio fiorentino, nel Addirittura si ricorda una edizione, quella del 1440, fatta disputare dai fiorentini per festeggiare la loro vittoria contro i milanesi avvenuta ad Anghiari il 29 giugno di quell anno. Al vincitore fu dato in premio un vitello coperto di scarlatto con l armo della Repubblica fiorentina da una parte e quella del Comune di Pisa dall altra. Nel 1494 furono i pisani che in segno di giubilo per la promessa di uscire dal dominio di Firenze fatta loro dal Carlo VIII vollero disputare in Arno un palio. Ma il destino è a volte cinico e dopo la definitiva conquista di Pisa da parte di Firenze nel 1509 la regata fu definitivamente abolita. La ripresa avvenne nel 1635 e attraverso vari ritocchi al regolamento si giunse al 1718, anno in cui per la prima volta il Palio venne dedicato a San Ranieri anziché all Assunta. L arrivo odierno ha origine nel 1737 quando fu deciso di porre in traguardo sul lungarno Mediceo su richiesta del duca di Montelimar ospitato in uno dei palazzi lì situati; e da quel momento l arrivo fu sempre mantenuto in prossimità del palazzo dei Medici (l odierna Prefettura). Edizioni straordinarie della Regata si svolsero nel 1763 per la nomina a Granduca di Pietro Leopoldo, nel 1801 in omaggio al re Ludovico d Etruria, nel 1839 per il congresso degli scienziati, nel 1864 per il centenario Galileiano. Ma tra le edizioni speciali la più speciale fu quella del 1860 quando i barcaioli pisani corse spontaneamente una regata in onore dei genovesi che il 22 aprile avevano restituito le catene del porto di Pisa.

6 Magazine 13 STORIA DEL GIOCO DEL PONTE Il Gioco del Ponte di Pisa può, senza timore di smentita, es se re annoverato tra le più belle ri e - vo ca zio ni storiche del mondo. E non pec chia mo certo di partigianeria nel l af fer ma re questo. Basta guardare il cor teo con gli oltre 700 figuranti per af fer ma re che siamo di fronte a qualcosa di gran dio so. Se poi a questo ag giun gia mo la splendida scenografia dei lun gar ni, il paragone con altre rievocazioni del ge ne re appare molto forzato. L unica cosa che nel corso del tempo ha subi to cam bia men ti è la sfida vera e pro pria; prima a mani nude, poi con di ver si tipi di carrel li. Una sfida complessa che af fa sci na da una parte e rende il Gioco poco adatto ai nostri giorni in cui tutto deve essere consumato, tutto deve svolgersi velocemente. Ma noi pisani il Gioco pia ce così. Perché alle spalle del Gioco del Ponte non ci sono false tradizioni, ma c è la storia. La gran de storia di Pisa. E dunque fac cia mo un tuffo nel passato per capire come nasce il Gioco del Pon te. Una delle te o rie sulla genesi del Gio co ne in di vi dua infatti l antecedente di ret to nel com bat ti - men to detto del Maz za scu do, vero e proprio scontro armato tra due Fa zio ni (Gallo e Gazza, sud di vi se a loro volta in squadre), i cui soldati avevano il capo coperto da un elmo (do ra to per la Parte del Gallo e rosso per quella della Gazza). Gli avversi schie ra men ti si affrontavano in piazza dei Cavalieri (allora degli Anziani ), attac can do con una mazza e parandosi con uno scu do, da cui il nome del torneo. Vinceva chi riusciva a cacciare i nemici dal cam po di contesa. Occorre dire co mun que che sull ipotizzato rapporto di filiazione tra Mazzascudo e Gioco del Ponte molto si è discusso e le posizioni ri man go no contrastanti. Una cosa è cer ta, comunque: la sfida sul ponte - quale che sia l origine - non rimase nel tem po identica a se stessa, ma subì va ria zio ni, riguardanti il nome delle fazioni, il numero di squadre e combattenti, gli emblemi utilizzati, la durata e le mo da li tà dei combattimenti. Il Gioco del Pon te, con tale denominazione, iniziò ad essere disputato con regolarità si cu ra - men te a partire dal 1560: ed è dopo questa data che si iniziano a reperire informazioni più abbondanti e in te res san ti. Nel Seicento il Gioco si svolgeva il 17 gennaio (giorno di Sant Antonio Abate) e ad un certo punto fu in tro dot to l uso di disputarne due ogni anno: il primo (sempre il 17 gennaio) era detto Battagliaccia e veniva considerato una sorta di prova; il secondo, chiamato Battaglia generale, si svolgeva in data da stabilire di volta in vol ta e so li ta men te era pre sen - ta to come spettacolo in onore di ospiti illustri in visita a Pisa. Prima del la Bat ta glia generale, cia scu na delle due Par ti, Tra mon ta na e mez zo gior no,

7 Magazine 15 riuniva il proprio consiglio di guerra che provvedeva ad eleggere gli ufficiali, chiamati ad impartire gli ordini, sia per il corteo sia per lo scontro sul ponte. Lo stato maggiore comprendeva - oltre al generale, al luogotenente, al maestro di campo, ai sei capitani di squadra e all ambasciatore - alcuni deputati con il compito di assicurare la disciplina e il buon andamento del confronto. Fra essi, anche uno incaricato di misurare il tempo di combattimento, il cui massimo era fissato inizialmente in due ore, poi opportunamente ridotte a 45 minuti. In questa versione seicentesca, si lottava corpo a corpo ed i combattenti erano protetti da una specie di caso chiamato morione, nonché da imbottiture di feltro. L arma usata era il targone (oggi esibito in parata), uno scudo di legno a forma di foglia di ulivo, con la parte larga per difendersi e la punta per attaccare. Funzione particolare spettava poi ai celatini (4 o 6 per squadra), così chiamato perché indossavano una celata, ovvero un elmo senza visiera: loro compito era di gettarsi nella mischia cercando di afferrare per le gambe gli avversari e di farli prigionieri. Nel giorno della contesa le schiere, composte da contadini e rappresentanti dell artigianato minuto, ascoltavano la Messa come segno di benedizione prima di sfidarsi; e importanti erano i vincoli di solidarietà che si istituivano tra i soldati quando erano legati da rapporti di parentela e di amicizia. E peraltro nel corso di questo secolo che il Gioco, originariamente improntato ad una visione cavalleresca dello scontro, assume un significato più marcatamente agonistico, facendo emergere e poi prevalere il carattere ludico e competitivo della sfida. Per un lunghissimo periodo la manifestazione si svolse puntualmente, con regolarità. La rivalità e gli scontri tra Mezzogiorno e Tramontana presero però a degenerare e nel 1785 il granduca Pietro Leopoldo di Toscana ne decise la soppressione. In seguito venne disputato eccezionalmente nel 1807 per poi ricomparire solo più di un secolo dopo, nel Dopo poche edizioni un altra sospensione fu imposta dalla seconda guerra mondiale, che fece di nuovo calare il sipario sul Gioco nel periodo dal 1939 al 47. In quell anno fu organizzata (all interno dell Arena Garibaldi) una sorta di prova in vista della ripresa vera e propria, che avvenne nel 1950, sul nuovo ponte di Mezzo, contemporaneamente inaugurato. Fu in quell occasione che, per ragioni di sicurezza, si decise per la prima volta di rinunciare al confronto nella forma dello scontro frontale fra le due schiere di combattenti, giudicato troppo pericoloso. Ai targoni venne quindi sostituito un carrello scorrevole su rotaie e spinto dai combattenti contro la parte avversa. Nasceva insomma la versione regolamentare che conosciamo oggi, ripresa fin dal 1982, anno d inizio dell era contemporanea del Gioco del Ponte.

8 Magazine 17 I GIUDICI I giudici come vuole il regolamento del Gioco sono tre; a nominarli l Anziano Rettore. Partecipano alla sfilata che precede i combattimenti nel loro corteo, appunto denominato Corteo dei Giudici. Una volta che le Parti hanno raggiunto le proprie tende nelle rispettive piazze, i giudici si recano dall Anziano Rettore per chiedere l autorizzazione ad aprire ufficialmente il Gioco. Il sindaco di Pisa, che riveste la carica di Anziano Rettore, prende dal cuscino del Paggio la bandiera con lo stemma di Pisa che consegna loro come simbolo del passaggio di autorità. Adesso tutto ciò che accade sul ponte è sotto l insindacabile giudizio dei tre giudici. I giudici sul ponte hanno compiti diversi; il mossiere invita le squadre a salire sul ponte nel termine stabilito, un altro con un colpo di pi- stola da inizio al combattimento, il terzo sblocca la leva che tiene fermo il carrello. Resta inteso che durante le sfide i giudici possono intervenire fino a sospenderle ove vi siano validi motivi. Al termine del Gioco i tre giudici tornano dall Anziano Rettore per comunicare ufficialmente il risultato delle sfide. IL CARRELLO I l carrello è posto su un binario nel centro del ponte di Mezzo e viene spinto dai combattenti disposti per due in cinque file in ogni lato; o meglio il carrello presenta all esterno dieci bracci ad ogni lato per parte per mezzo dei quali i venti combattenti di Tramontana e Mezzogiorno spingono in avanti dalle opposte direzioni. Quando questo si trova in posizione di sosta, al centro del ponte, è agganciato da un dente di arresto che viene sbloccato al momento del via dei giudici. Nelle parti terminali è situata una bandierina il cui abbattimento, determinato dalla spinta del carrello, decreta la fine del combattimento e la vittoria della squadra che ha portato appunto all abbattimento dello stendardo avversario. Il carrello che vediamo adesso sul ponte è stato introdotto nel 1982 alla ripresa del Gioco. Nei primi anni Ottanta i combattenti usavano una sola spalla per spingere, poi la tecnica è stata affinata ed oggi vengono usate entrambe le spalle. Fino allo sospensione negli anni Sessanta il carrello era molto diverso. Si trattava di una sorte di gabbia in cui i combattenti venivano praticamente rinchiusi. Ovviamente nell antichità il carrello non esisteva e la sfida era un vero e proprio corpo a corpo con l utilizzo dei targoni. La novità principale dell edizione 2004 è la data. Non più la tradizionale ultima domenica di giugno ma, questa volta, la penultima: il 20. Una decisione dettata da esigenze organizzative visto che proprio il 27 è la data degli eventuali ballottaggi delle elezioni amministrative e quindi questo avrebbe impedito all amministrazione comunale l organizzazione logistica dei due eventi. Quindi Tramontana e Mezzogiorno si sfidano domenica prossima, senza diretta televisiva e senza tribune visto anche in questo caso l impossibilità di montarle considerato San Ranieri. Una edizione quindi con tante novità, compreso il numero di combattimenti. Dopo due anni a tre combattimenti, l edizione 2004 torna con la formula a cinque sfide introdotta qualche anno fa per eliminare il pareggio o l eventuale bella. Quindi cinque combattimenti ed un solo accorpamento tra due magistrature. Ma perché questo nuovo cambiamento? La risposta è semplice: per dare nuova linfa al Gioco. La formula delle tre sfide, infatti, era stata adottata per ridurre i tempi della manifestazione e quindi mantenere vivo l interesse del pubblico fino alla fine considerando anche l edizione notturna. Se da una parte lo scopo era stato raggiunto, quella della minore durata, dall altra si stava perdendo lo spirito delle singole magistrature che dovrebbero animare la manifestazione per tutto l anno. Gli accoppiamenti, per forza di cose, finivano per privilegiare la squadra più forte lasciando all altra spesso un ruolo di comprimaria. Quindi LA SFIDA ANTICIPATA AL 20 GIUGNO si torna indietro con le magistrature quindi nuovamente protagoniste nella diffusione del Gioco nei quartieri sperando che la decisioni porti nuovo entusiasmo alla manifestazione principe del Giugno Pisano. Negli ultimi anni si è assistito ad un dominio di Tramontana soprattutto nell edizione e a tre combattimenti. Mezzogiorno è chiamato ad interrompere la serie negativa. Per quanto riguarda i due comandi, quest anno il sindaco di Pisa in veste di Anziano Rettore si è limitato a nominare un Commissario per Parte. Il Commissario ha poi provveduto alle nomine delle altre cariche che però, formalmente, sono solo facenti funzioni. Per quanto riguarda il corteo, con il ritorno a cinque combattimenti le squadre sfileranno di nuovo con venti combattenti ognuno dotato di braccialetto di riconoscimento che viene tagliato al momento di salire al carrello. La decisione di accorpare una squadra spetta ai singoli Comandi. I cortei partiranno dalle rispettive piazze (Mezzogiorno da piazza XX Settembre insieme al corteo dei Giudici e Tramontana da piazza Garibaldi) alle 18,30. Tradizionale percorso dei quattro lungarni compresi tra il ponte della Fortezza ed il ponte Solferino; rientro nelle rispettive tende ed allineamento dei gruppi armati. Dopo lo scambio delle sfide da parte degli ambasciatori e la sbandierata augurale, l Anziano Rettore (cioè il sindaco) darà il via ufficiale alla sfida consegnando la bandierina di Pisa ai tre giudici. I combattimenti inizieranno intorno alle 20,15.

9 Magazine 19 ALBO D ORO COMANDO DI TRAMONTANA Commissario: Lorenzo Bani Generale: Maria Teresa Rossi Luogotenente: Mario Cerrai Consigliere civile: Gianfranco Micheletti Consigliere militare: Lillo Tonini Cancelliere militare: Luciano Lucchesi Ambasciatore: Walter Bolondi Cavaliere Alfiere: Simone Soldani Maestro di Campo: Fabrizio Bagnoli Maggiore Sergente: Tiziano Bigagli Comandante Celatini: Fabrizio Di Nasso Comandante Guardie al campo senza corazza: Marco Vaglini Comandante Guardie al campo con corazza: Stefano Gianfaldoni Ufficiale di Piazza: Massimo Barbieri COMANDO DI MEZZOGIORNO Commissario: Alberto Zampieri Generale: Vito Ardito Luogotenente: Cesare Cai Consigliere civile: Paolo Orsucci Ambasciatore: Maurizio Ferrucci Cavaliere Alfiere: Giovanni Del Bravo Maestro di Campo: Federico Nuti Maggiore Sergente: Roberto Pollera Comandante Celatini: Roberto Fiaschi Comandante Guardie al campo senza corazza: Mauro Mantegna Comandante Guardie al campo con corazza: Roberto Riccetti Ufficiale di Piazza: Tommaso Conte

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia Una voce oco a / Barbiere di Siviglia Andante 4 3 RÔ tr tr tr 4 3 RÔ & K r # Gioachino Rossini # n 6 # R R n # n R R R R # n 8 # R R n # R R n R R & & 12 r r r # # # R Una voce oco a qui nel cor mi ri

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

PRONTI PER L INVERNO 2014-2015

PRONTI PER L INVERNO 2014-2015 PRONTI PER L INVERNO 2014-2015 Automobile Club Reggio Emilia Non rimanere bloccato... usa il trasporto pubblico con MI MUOVOCARD o tieni in tasca il tuo biglietto multicorsa MI MUOVO CARD Abbonamenti mensili

Dettagli

Il villaggio delle fiabe

Il villaggio delle fiabe Il villaggio delle fiabe Idea Progetto bambini 2^ A A. Mei Costruzione Direzione dei lavori maestre L idea di partenza Il DADO è un cubo. Noi siamo molto curiosi e ci siamo posti questa domanda: Come sono

Dettagli

02. Nomi particolari. Nomi con plurale particolare. Gruppo in -a. Alcuni nomi in -a sono maschili e hanno il plurale in -i.

02. Nomi particolari. Nomi con plurale particolare. Gruppo in -a. Alcuni nomi in -a sono maschili e hanno il plurale in -i. Nomi con plurale particolare Gruppo in -a Alcuni nomi in -a sono maschili e hanno il plurale in -i. poeta (m) poeti problema (m) problemi programma (m) programmi I nomi in -ista sono maschili e femminili.

Dettagli

Dante Alighieri. Dal Codice Riccardiano 1040 Firenze, Biblioteca Riccardiana

Dante Alighieri. Dal Codice Riccardiano 1040 Firenze, Biblioteca Riccardiana Dante Alighieri Dal Codice Riccardiano 1040 Firenze, Biblioteca Riccardiana 1 Biografia di: Dante Alighieri Nacque a Firenze nel 1265 da una famiglia della piccola nobiltà fiorentina e la sua vita fu profondamente

Dettagli

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n.

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n. INDICE pag. FEDERAZIONE ITALIANA RUGBY PREMESSA 3 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA Under 14/12/10/ 8/ 6 TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5 TABELLA RIASSUNTIVA n. 2 6 REGOLAMENTO U14 8 REGOLAMENTO U12

Dettagli

Tácticas. Guerra. Torneo Imperivm e Sfida Civitas. Torneo Imperivm. 1. Registrazione. 2. Schermata principale. 3. Livelli

Tácticas. Guerra. Torneo Imperivm e Sfida Civitas. Torneo Imperivm. 1. Registrazione. 2. Schermata principale. 3. Livelli Tácticas de Guerra Torneo Imperivm e Sfida Civitas Torneo Imperivm 1. Registrazione 2. Schermata principale 3. Livelli 4. Se lo vuoi, ti guidiamo passo passo Sfida Civitas Torneo Imperivm Questa modalità

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE C'era una volta un cane che non sapeva abbaiare. Non abbaiava, non miagolava, non muggiva, non nitriva, non sapeva fare nessun verso. Era un cagnetto solitario, chissà come

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

Scacchi ed enigmistica

Scacchi ed enigmistica Scacchi ed enigmistica Di Adolivio Capece Sciopero della fame in massa Visto che con un capo avean da fare col qual non si potea più ragionare nessuno, ad un tratto, s'è più fatto avanti e han smesso di

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario Prot. Novara, 20 luglio 20 OGGETTO: CALENDARIO DEGLI IMPEGNI DI SETTEMBRE 20 Date Impegni Orario 1 settembre Collegio Docenti :00 2 settembre Prove studenti con giudizio sospeso (vedi elenco) 8:30 3 settembre

Dettagli

conquista il mondo in pochi minuti!

conquista il mondo in pochi minuti! conquista il mondo in pochi minuti! Il gioco di conquista e sviluppo più veloce che c è! Il gioco si spiega in meno di 1 minuto e dura, per le prime partite, non più di quindici minuti. Mai nessuno ha

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

Le schede di Sapere anche poco è già cambiare

Le schede di Sapere anche poco è già cambiare Le schede di Sapere anche poco è già cambiare LE LISTE CIVETTA Premessa lo spirito della riforma elettorale del 1993 Con le leggi 276/1993 e 277/1993 si sono modificate in modo significativo le normative

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

PROGETTAZIONE ARTISTICA PER L IMPRESA. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano

PROGETTAZIONE ARTISTICA PER L IMPRESA. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano IO E PROGETTAZIONE ARTISTICA PER L IMPRESA Accademia di Belle Arti di Brera - Milano Il diploma accademico di primo livello è equipollente alla laurea triennale. La scuola, a livello universitario, intende

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Decorati al Valor Militare

Decorati al Valor Militare Cantalice ai suoi figli Caduti per la Patria nella Grande Guerra 1915 1918 Decorati al Valor Militare Caporale BOCCHINI Felice di Luigi - del 146 Reggimento fanteria, nato a Cantalice il 15 ottobre 1895,

Dettagli

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 30 Titolo: Presunte avventure di Lucrezia e Cesare Dimensioni: 50 cm x 35 cm Costo: 2625 euro Tavola

Dettagli

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia Ricostruire la storia La terra di Punt Tuthmosi II ebbe, come tutti gli altri faraoni, molte mogli, ma la sua preferita era Hatshepsut, da cui però ebbe soltanto figlie femmine. Alla morte di Tuthmosi

Dettagli

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 PERIODO TEMPORALE CONSIDERATO Viene considerata tutta l attività svolta dalla prima settimana di novembre 2012 (5 11 novembre 2012 ), all ultima

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città 1 Ciao!! Quando guardi il cielo ogni volta che si fa buio, se è sereno, vedi tanti piccoli punti luminosi distribuiti nel cielo notturno: le stelle. Oggi si apre l immaginario Osservatorio per guardare...

Dettagli

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Qualche giorno dopo la fine della competizione olimpica di judo è venuto il momento di analizzare quanto successo a Londra. Il mondo del

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Screening I elementare La scuola fa bene a tutti anno scol. 2010-2011 Marialuisa Antoniotti Claudio Turello

Screening I elementare La scuola fa bene a tutti anno scol. 2010-2011 Marialuisa Antoniotti Claudio Turello Screening I elementare La scuola fa bene a tutti anno scol. 2010-2011 Marialuisa Antoniotti Claudio Turello "La scuola fa bene a tutti" 1 La trasparenza di una lingua L U P O /l/ /u/ /p/ /o/ C H I E S

Dettagli

Al Comune di Padova Settore Servizi Sportivi Ufficio Impianti Sportivi Viale N. Rocco, 60 35135 PADOVA

Al Comune di Padova Settore Servizi Sportivi Ufficio Impianti Sportivi Viale N. Rocco, 60 35135 PADOVA Spazio Marca da bollo Al Comune di Padova Settore Servizi Sportivi Ufficio Impianti Sportivi Viale N. Rocco, 60 35135 PADOVA Spazio Protocollo Oggetto: Richiesta concessione temporanea Impianto Sportivo

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE SOMMARIO pag.4 Sintesi della normativa pag.6 LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: disposizioni per

Dettagli

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA ANUGA COLONIA 05-09 OTTOBRE 2013 Ragione Sociale Inviare a : all'attenzione di : Padiglione Koelnmesse Srl Giulia Falchetti/Alessandra Cola Viale Sarca 336 F tel. 02/86961336 Stand 20126 Milano fax 02/89095134

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Graduatoria di Istituto I Fascia Personale Docente Scuola Primaria ORIC80400X Data Produzione Graduatoria Definitiva: 23/09/2014 Co. Pr ef er.

Graduatoria di Istituto I Fascia Personale Docente Scuola Primaria ORIC80400X Data Produzione Graduatoria Definitiva: 23/09/2014 Co. Pr ef er. Graduatoria di Istituto I Fascia Personale Docente Scuola Primaria ORIC80400X Data Produzione Graduatoria Definitiva: 23/09/2014 Co Tipo d. Incl. Po Posto Tip o Ris sto Cognome Nome Data Nascita Prov.

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

QUATTRO TOPI NEL FAR WEST!

QUATTRO TOPI NEL FAR WEST! QUATTRO TOPI NEL FAR WEST! GERONIMO STILTON Testi di Geronimo Stilton. Coordinamento editoriale di Piccolo Tao. Editing di Certosina Kashmir e Topatty Paciccia. Coordinamento artistico di Gògo Gó in collaborazione

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

La Guardia Imperiale in Star Quest

La Guardia Imperiale in Star Quest La Guardia Imperiale in Star Quest Gli squadroni della Guardia Imperiale sono composti da 10 soldati ed hanno questa composizione: 1 Sergente armato di pistola laser e spada catena: Combattimento a distanza

Dettagli

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi Evelina De Gregori Alessandra Rotondi al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze per la Scuola secondaria di primo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Test d'ingresso NUMERI

Dettagli

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche:

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche: PREMESSA Insignita della Medaglia d Argento al Valor Militare della Resistenza, Pistoia, al pari di altre città toscane, è stata teatro di avvenimenti tragici, la maggior parte dei quali intercorsi tra

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 Art. 1 PRINCIPI GENERALI Il football a 9 contro 9 Master (o 7 contro 7) verrà giocato secondo le regole del regolamento ufficiale NCAA per i campionati a 11 giocatori,

Dettagli

SANTA MESSA IN ONORE ED ALLA PRESENZA DI SUA EMINENZA REVERENDISSIMA IL CARDINALE LUIGI DE MAGISTRIS CAGLIARI, 22-02-2015

SANTA MESSA IN ONORE ED ALLA PRESENZA DI SUA EMINENZA REVERENDISSIMA IL CARDINALE LUIGI DE MAGISTRIS CAGLIARI, 22-02-2015 ORDINE DEI SANTI MAURIZIO E LAZZARO Delegazione Gran Magistrale della Sardegna SANTA MESSA IN ONORE ED ALLA PRESENZA DI SUA EMINENZA REVERENDISSIMA IL CARDINALE LUIGI DE MAGISTRIS CAGLIARI, 22-02-2015

Dettagli

LA STORIA DI UN VIAGGIO ACCIDENTATO PER LE SCELTE DELLA POLITICA.

LA STORIA DI UN VIAGGIO ACCIDENTATO PER LE SCELTE DELLA POLITICA. DOV'ERA LA CGIL? Al quesito post ideologico che as silla il presidente del consiglio dei ministri, Matteo Renzi, tentiamo di dare una risposta per i fatti e non per l'ideologia. Era il 2009 e la CGIL scriveva

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza

BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza AN001 Centro di Ateneo di Documentazione - Polo Villarey - Facoltà

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

RETE REP BBUCA A. ASPETTIDELL10lTOCENTO NELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO. Paola Magnarelli. Nella rete repubblicana

RETE REP BBUCA A. ASPETTIDELL10lTOCENTO NELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO. Paola Magnarelli. Nella rete repubblicana Collana di studi storici sammarinesl NE RETE REP BBUCA A ASPETTIDELL10lTOCENTO NELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO Paola Magnarelli Nella rete repubblicana Aspetti dell'ottocento nella Repubblica di Sal) Marino

Dettagli

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle.

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle. Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su Nello sperduto villaggio di Tabula, alcuni abitanti sono affetti da licantropia. Ogni notte diventano lupi mannari e, per placare i loro istinti,

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE GUARINO VERONESE REGOLE DEL DIBATTITO ARGOMENTATIVO

ISTITUTO SUPERIORE GUARINO VERONESE REGOLE DEL DIBATTITO ARGOMENTATIVO ISTITUTO SUPERIORE GUARINO VERONESE REGOLE DEL DIBATTITO ARGOMENTATIVO NO SI REGOLE DEL DIBATTITO ARGOMENTATIVO Per cominciare Che cosa è un dibattito argomentativo 1. Un dibattito argomentativo è un dialogo

Dettagli

ALTRE PAROLE PER DIRLO. Diamo corpo e parola alla forza delle donne NOVEMBRE GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE

ALTRE PAROLE PER DIRLO. Diamo corpo e parola alla forza delle donne NOVEMBRE GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE 25 foto di Sophie Anne Herin GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE ALTRE PAROLE PER DIRLO Diamo corpo e parola alla forza delle donne Libere di scegliere Libere di desiderare Libere di

Dettagli

GARA CICLISTICA per ELITE e UNDER 23

GARA CICLISTICA per ELITE e UNDER 23 GARA CICLISTICA per ELITE e UNDER 23 domenica 7 Ottobre 2012 - ore 9.45 GORLE - BERGAMO ARRIVEDERCI alla 42a Settimana Ciclistica Bergamasca dal 2 al 7 settembre 2013 REGOLAMENTO SPECIALE DI CORSA SU STRADA

Dettagli

Prossime gare ECCELLENZA - Girone UNICO Giorn Squadre Data Ora Campo R 8. A.S.D.POL. TIRLI IN MAREMMA - POL. TORNIELLA lun ROCCASTRADA

Prossime gare ECCELLENZA - Girone UNICO Giorn Squadre Data Ora Campo R 8. A.S.D.POL. TIRLI IN MAREMMA - POL. TORNIELLA lun ROCCASTRADA ultati ECCELLENZA - GIRONI - Girone UNICO R 5 A.S.D.POL. TIRLI IN MAREMMA - ATLETICO GROSSETO 2012 1-1 R 6 GAVORR TIRRENO CARRELLI SER - C.C. e SPORT POLVEROSA 1-2 Squadra P.Ti G V N P RF RS DR CD Pen

Dettagli

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini.

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini. A) Le feste italiane Naturalmente la più grande festa per i bambini e gli italiani è Natale. In Italia non mancano mai l albero di Natale, il presepio e molti regalini: la sera della Vigilia, il ventiquattro

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N.

1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N. 1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N. A) Disposizioni generali [1] Il vincolo di tesseramento degli atleti in favore delle società è temporaneo e la sua durata e l eventuale

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

Invece n da stu paes, come sempre, ston i solt casen, il centro è sempre pulito ed in periferia stie na latren.

Invece n da stu paes, come sempre, ston i solt casen, il centro è sempre pulito ed in periferia stie na latren. Cari lettori Oggi della pulizia del nostro paese vi voglio parlare, che per come funziona, troppo cara ce la fanno pagare. Pe quanda solt co senec ne fasce pagà de rummat, Putignan er a iess nu paes, splendente

Dettagli

1. Instruzioni d uso 2

1. Instruzioni d uso 2 1. Instruzioni d uso 2 1.0 Prefazione Leggere attentamente queste instruzione d uso per utilizzare in modo ottimale tutte le funzioni dell interruttore orario. Il progetto di questo interruttore orario

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

È senz altro riduttivo definire il libro di Antonello Ciervo come un saggio introduttivo. Si

È senz altro riduttivo definire il libro di Antonello Ciervo come un saggio introduttivo. Si Università degli studi di Roma La Sapienza, Dipartimento di Economia e Diritto, 17 dicembre 2013. Seminario organizzato nell ambito del Dottorato di Diritto pubblico dell economia dell Università degli

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

STANDARD DI COMPOSIZIONE INDIRIZZI

STANDARD DI COMPOSIZIONE INDIRIZZI STANDARD DI COMPOZIONE INDIRIZZI EDIZIONE APRILE 2009 La corretta scrittura dell indirizzo da apporre sugli oggetti postali contribuisce a garantire un recapito rapido e sicuro. Per le aziende l indirizzo

Dettagli

N on discuterò qui l idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste

N on discuterò qui l idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste L obbedienza non è più una virtù di Lorenzo Milani lavorare per la pace leggere scrivere TESTO INFORMATIVO- ESPOSITIVO livello di difficoltà Lorenzo Milani (Firenze, 1923-1967) Sacerdote ed educatore,

Dettagli

Unità uno. barche e vento. I colori. Le parti del corpo. I numeri. da 11 a 20 La casa Chi è? La casa (2) Gli animali.

Unità uno. barche e vento. I colori. Le parti del corpo. I numeri. da 11 a 20 La casa Chi è? La casa (2) Gli animali. Unità uno I numeri da 0 a 10 Che tempo fa? 1 I colori Le parti del corpo I numeri da 11 a 20 La casa Chi è? La casa (2) Gli animali Gli animali (2) I giorni, i mesi, le stagioni barche e vento Da dove

Dettagli

-AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015

-AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015 -AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015 Arcore 26/03/2015 REGOLAMENTO Art. 1 - ORGANIZZAZIONE Il GILERA CLUB ARCORE con sede in Arcore via N. Sauro 12 (mail : motoclubarcore@gmail.com) e il MOTO CLUB BIASSONO con

Dettagli

CONCERTO/ SPETTACOLO MUSICALE SULLA GRANDE GUERRA

CONCERTO/ SPETTACOLO MUSICALE SULLA GRANDE GUERRA CORO VALCAVASIA Cavaso del Tomba (TV) CONCERTO/ SPETTACOLO MUSICALE SULLA GRANDE GUERRA chi siamo Il progetto sulla grande guerra repertorio discografia recapiti, contatti Chi siamo Il coro Valcavasia

Dettagli

LIBRO DELLE REGOLE UFFICIALI Versione 8.0

LIBRO DELLE REGOLE UFFICIALI Versione 8.0 EDIZIONE IN ITALIANO LIBRO DELLE REGOLE UFFICIALI Versione 8.0 Indice Informazioni sul gioco... 1 1 2 3 Come Iniziare Per duellare hai bisogno delle seguenti cose... 2 Carte del Gioco Carte Mostro... 6

Dettagli

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO Annuncio della Pasqua (forma orientale) EIS TO AGHION PASCHA COMUNITÀ MONASTICA DI BOSE, Preghiera dei Giorni, pp.268-270 È la Pasqua la Pasqua del Signore, gridò lo

Dettagli

feeling feeling rf Bedienungsanleitung Operating Manual Mode d emploi Instruzioni per l uso Instrucciones de uso Manual de instruções

feeling feeling rf Bedienungsanleitung Operating Manual Mode d emploi Instruzioni per l uso Instrucciones de uso Manual de instruções feeling feeling rf D GB F E P NL CZ Bedienungsanleitung Operating Manual Mode d emploi nstruzioni per l uso nstrucciones de uso Manual de instruções Bedieningshandleiding Návod k obsluze 2 42 82 122 162

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 *è stato invitato a partecipare; da confermare 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE - Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30-11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

Riflessioni a margine dei Campionati Italiani di kendo, Novara 2010

Riflessioni a margine dei Campionati Italiani di kendo, Novara 2010 Riflessioni a margine dei Campionati Italiani di kendo, Novara 2010 di Luca Navaglia Campionati Italiani dunque. Saprete già i risultati (Serena Ricciuti, Giuseppe Giannetto e Kodokan Alessandria). Per

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale. Art. 1 Servizio di Polizia Municipale

Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale. Art. 1 Servizio di Polizia Municipale Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale Art. 1 Servizio di Polizia Municipale 1. I comuni svolgono le funzioni di polizia locale. A tal fine, può essere appositamente

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO

ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO Le comunicazioni che seguono sono suggerimenti che serviranno ad una buona gestione della Manifestazione e ad ottenere una uniformità interpretativa in tutte le gare. Sono suggerimenti

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli