Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ""

Transcript

1 ESPERIENZA DI RECUPERO RAEE R.A.E.E. ( Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche) BRENNO PINOTTI (Presidente TRED CARPI) COMUNI RICICLONI Emilia-Romagna Bologna 5 Febbraio 2010

2 DI COSA PARLIAMO BENI DUREVOLI DISMESSI (D.LGS n 22/97 22/97-Ronchi) FRIGORIFERI, CONGELATORI E SURGELATORI CONDIZIONATORI TELEVISORI PERSONAL COMPUTER LAVATRICI E LAVASTOVIGLIE. RIFIUTI DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE (RAEE) (Direttiva 2002/96/CE e D.LGS. n 151/2005) 1) GRANDI ELETTRODOMESTICI 2) PICCOLI ELETTRODOMESTICI 3) APPARECCHIATURE INFORMATICHE E PER TELECOMUNICAZIONI 4) APPARECCHIATURE DI CONSUMO 5) APPARECCHIATURE DI ILLUMINAZIONE 6) STRUMENTI ELETTRICI ED ELETTRONICI (esclusi utensili industriali fissi) 7) GIOCATTOLI ED APPARECCHIATURE PER LO SPORT E TEMPO LIBERO 8) DISPOSITIVI MEDICI (esclusi prodotti impiantati e infettati) 9) STRUMENTI DI MONITORAGGIO E DI CONTROLLO 10) DISTRIBUTORI AUTOMATICI

3 DEFINIZIONI E CLASSIFICAZIONI RAEE: i rifiuti di apparecchiature che dipendono, per un corretto funzionamento, da correnti elettriche e da campi elettromagnetici e di apparecchiature di generazione, e e, di trasferimento e e di misura di questi campi e correnti. REIMPIEGO: RICICLAGGIO: TRATTAMENTO: le operazioni per le quali i RAEE o loro componenti sono utilizzati allo stesso scopo per cui le apparecchiature erano state originariamente concepite. il ritrattamento in un processo produttivo dei materiali di rifiuto per la loro funzione originaria o per altri fini, escluso il recupero di energia. le attività eseguite dopo la consegna ad un impianto, in cui si eseguono alcune attività quali: eliminazione degli inquinanti, disinquinamento, smontaggio, frantumazione, recupero o preparazione per lo smaltimento. RAEE DOMESTICI: RAEE PROFESSIONALI: i RAEE originati da nuclei domestici o di altra origine o tipo analoghi, per natura e qualità, a quelli originati dai nuclei domestici. i RAEE non provenienti da nuclei domestici e non assimilati ai RAEE domestici.

4 DI QUANTO PARLIAMO Produzione pro capite: Kg/anno Di cui domestici: Kg/anno PRODUZIONE TOTALE ITALIA (stima 2009): Di cui domestici: ton/anno circa ton/anno circa Di cui raccolte in modo differenziato ton (3 kg. ab/anno) * e sottoposte a trattamento/recupero: La restante parte (=75%): (di cui pericolosi) in discarica o inceneritore COMPOSIZIONE RAEE DOMESTICI: REGIONE EMILIA ROMAGNA (dati 2008) Produzione presunta RAEE domestici: Attualmente a recupero: Conferite e trattate a TRED CARPI : 2/3 grandi elettrodomestici di cui 1/3 frigo/congelatori e 2/3 bianco non pericoloso ton/anno ton/anno (4 kg.ab/a) ton/anno * L obiettivo fissato dalla legge è di 4 kg. abitante/anno entro

5 DI QUALI RISCHI PARLIAMO (CONNESSI A SMALTIMENTO NON CORRETTO O A TRATTAMENTO INAPPROPRIATO) DIFFUSIONE NELL AMBIENTE DI SOSTANZE PERICOLOSE PER LA SALUTE PUBBLICA DISTRUZIONE O COMUNQUE SPRECO DI MATERIALI RIUTILIZZABILI NEL CICLO PRODUTTIVO DI NUOVI BENI, CON CONSEGUENTE DEPAUPERAMENTO DI RISORSE LIMITATE (metalli,petrolio,minerali) TRATTAMENTO NON APPROPRIATO: cannibalizzazione delle apparecchiature macinazione carcasse frigo in ambiente aperto, incompleta rimozione dei fluidi e dei componenti nocivi. SMALTIMENTO NON CORRETTO: in generale lo smaltimento effettuato unitamente ai rifiuti urbani (collocazione in discarica o termodistruzione) Il potenziale inquinante (CFC e HCFC) prodotto in Italia e lesivo dello strato di ozono stratosferico è valutabile in circa ton/anno La contaminazione i ambientale derivante da un non corretto smaltimento t dei RAEE riguarda tutte le matrici ambientali.

6 LE PRINCIPALI SOSTANZE NOCIVE PRESENTI NEI RAEE CFC/HCFC:i clorofluorocarburi e gli idroclorofluorocarburi sono presenti nei circuiti di refrigerazione di frigoriferi, congelatori e condizionatori, nonché nelle schiume poliuretaniche del rivestimento esterno (usati come espandenti delle resine). Sono in grado di raggiungere la stratosfera e di reagire con le molecole l di ozono o3 formando o2. Aumentano le radiazioni UV, causa di tumori della pelle, malattie degli occhi, indebolimento del sistema immunitario. PIOMBO: : contenuto nelle batterie e nelle saldature degli apparecchi si accumula nell ambiente ed entra nella catena alimentare. Causa danni al sistema nervoso centrale e periferico, effetti acuti e cronici a livello vascolare. CADMIO: : presente in componenti, semi conduttori, tubi catodici di vecchio tipo. È considerato cancerogeno. Causa danni irreversibili a reni e sistema osseo. MERCURIO: : lo troviamo in termosifoni, sensori, interruttori, attrezzature medicali, apparecchi di telecomunicazione. Si accumula negli organismi viventi ed entra nella catena alimentare. Causa danni al cervello e ai sistemi di coordinazione e bilanciamento. CROMO ESAVALENTE e PoliCromo Bifenili: : presenti nei ritardanti di fiamma bromurati di componenti ed AEE. Solubili in acqua, entrano nella catena alimentare. Considerati cancerogeni, causano reazioni allergiche e bronchiti asmatiche, possono attraversare la membrana cellulare e danneggiare il DNA.

7 IL QUADRO NORMATIVO Da beni durevoli dismessi (BDD) o rifiuti ingombranti (DLGS 22/97) a rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE) (D.LGS 151/05). IL NUOVO REGIME GIURIDICO Raccolta differenziata ( > 4kg-abitante/anno) in capo ai comuni. Gestione post-raccolta (ritiro+trattamento+recupero) in capo ai produttori di AEE (sistemi collettivi). Ecocontributo o Visibile Fee. Obbligo del ritiro 1 contro 1 da parte dei distributori di AEE (inapplicato). Raggiungimento di specifici obiettivi di recupero e riciclaggio per categorie di RAEE. 5 raggruppamenti funzionali (di 10 categorie). Modalità di gestione negli impianti di trattamento. Ripetute proroghe e avvio zoppo dal 1 gennaio Accordo CdC RAEE -ANCI Problemi aperti : criteri di assimilazione ai RAEE domestici, gestione da parte dei distributori, frammentazione e disomogeneità sistemi collettivi, rete CdR, ecc..

8 TRATTAMENTO E RECUPERO Disassemblaggio componenti. Bonifica (estrazione e captazione CFC, rimozione condensatori, asportazione polveri fluorescenti ). Recupero (separazione materiali riciclabili: ferro, rame, alluminio, plastiche ) Valorizzazione (finissaggio, pulitura, selezione ). SCHEMI DI PROCESSO PRINCIPALI LINEA CFC - frigoriferi, congelatori,condizionatori LINEA ELETTRONICO - apparecchiature informatiche per comunicazioni LINEA CRT - televisori e monitor

9 OLII GAS COMPRESSORI ALLUMINIO RAME FERRO INTEGRO FRIGORIFERI E CONDIZIONATOR I DA CENTRI DI RACCOLTA BONIFICA DA OLIO EGAS (CFC - PENTANO) RIMOZIONE COMPRESSORI, PARTI MOBILI E SCAMBIATORI IN RAME/ALLUMINIO ACCIAIO INTEGRO ED INOX PARTI MOBILI CFC ADSORBIMENTO CFC MACINAZIONE POLIURETANO IMPIANTO DI TRITURAZIONE POLIURETANO FERRO TRITURATO BRICCHETTATURA POLIURETANO SEPARAZION E POLIURETAN O RAME/ALLUMINIO SEPARAZION E FERRO PLASTICHE FRIGO RAFFINAZIONE PLASTICHE SEPARAZIONE PLASTICA / RAME- ALLUMINIO RIFIUTI NON RECUPERABILI

10 SCARTI ALLA BONIFICA DEL TUBO CATODICO TUBI CATODICI INIZIO LINEA TV / MONITOR RIMOZIONE CAVI E SMONTAGGIO INVOLUCRO ESTERNO RIMOZIONE TUBO CATODICO E CHASSIS ELETTRONICO DA CENTRI DI RACCOLTA SEPARAZIONE ELETTRONICO CRT DA ELETTRONICO NON CRT CAVI E FERRO PLASTICHE ESTERNE LEGNO E SCARTI SCHEDE TV CHASSIS GIOGO SCHEDE PC COMPONENTI INIZIO LINEA NO RIMOZIONE CAVI E RIMOZIONE CHASSIS ED CRT SMONTAGGIO EVENTUALI COMPONENTI INVOLUCRO ESTERNO DI VALORE

11 POLVERI FLUORESCENTI FERRO INTEGRO VETRO CONO VETRO PANNELLO RIMOZIONE POLVERI FLUORESCENTI RIMOZIONE SCHERMATURA INTERNA RIMOZIONE VETRO CONO DALLA LINEA TV / MONITOR RIMOZIONE FASCIA ANTI IMPLOSIONE PULIZIA ESTERNA (ETICHETTE - CAVI - COLLE - ECC ) RIMOZIONE CANNONE TAGLIO TUBO CATODICO FERRO INTEGRO CAVI E CONNETTORI SCARTI CANNONE VETRO B/N

12 COSA SI RECUPERA E DOVE VA A FINIRE MATERIALE FERRO E ACCIAIO PLASTICHE ALLUMINIO RAME VETRO POLIURETANO CFC e HCFC POLVERI FLUORESCENTI OLI HD, FDD, SCHEDE PROVENIENZA RAEE IN GENERE RAEE IN GENERE RAEE IN GENERE RAEE IN GENERE TELEVISORI / MONITOR FRIGO CONGELATORI CONDIZIONATORI FRIGO CONGELATORI CONDIZIONATORI TUBI CATODICI TELEVISORI FRIGO CONGELATORI CONDIZIONATORI INFORMATICA DI CONSUMO DESTINAZIONE FONDERIA SELEZIONE/RIGENERAZIONE FONDERIA FONDERIA VETRERIA / MATERIALE ALTERNATIVO/CERAMICA RECUPERO ENERGETICO SMALTIMENTO SPECIFICO SMALTIMENTO SPECIFICO RIGENERAZIONE RECUPERO METALLI

13 CONCLUSIONI E PROPOSTE Il sistema di GESTIONE dei RAEE soffre di una INSUFFICIENTE INTEGRAZIONE e condivisione di criteri ed obiettivi tra tutti i soggetti della filiera. Ciò è causa di DISSERVIZI E CRITICITA di vario genere. PER MIGLIORARE IL SISTEMA: Impostare un SISTEMA ORGANIZZATIVO INTEGRATO della fase di RACCOLTA che risponda, in maniera razionale e regolamentata, alle esigenze dei distributori, degli installatori e dei centri di assistenza tecnica. Sviluppare un programma straordinario di SVILUPPO della RETE dei CENTRI di RACCOLTA che consenta un forte incremento della raccolta dei rifiuti e quindi anche dei RAEE. Realizzare iniziative di INFORMAZIONE e SENSIBILIZZAZIONE dei cittadini e dei consumatori sulla importanza della raccolta differenziata dei RAEE. VERIFICARE le modalità di impiego dell ECO-CONTRIBUTO CONTRIBUTO RAEE da parte dei consorzi dei produttori. Proporre ANALISI di SOSTENIBILITA ambientale ed economica dei modelli di gestione dei RAEE.

14 RICHIAMI STORICI L ESPERIENZA DI TRED CARPI DA PROGETTO DI LAVORI SOCIALMENTE UTILI (1997) AD IMPRESA INDUSTRIALE DEL RECUPERO (2000) IL RAPPORTO PUBBLICO PRIVATO (CSR-AIMAG/REFRI AIMAG/REFRI-UNIECO) LO SVILUPPO TECNOLOGICO E LA QUALITA (Certificazione ISO 9001 e 14001) I RICONOSCIMENTI (Premio ERA, Premio ECOHITECH AWARD, VETRINA DELLA SOSTENIBILITA ) I GRANDI NUMERI Oltre ton. di rifiuti trattati ( di cui di RAEE contenenti CFC) ton. di materiali recuperati e reimmessi alla produzione. 20 dipendenti. 6 milioni di di fatturato (nel 2008). 200 ton di CFC/ HCFC captati e avviati a smaltimento specifico. 10 ton di polveri fluorescenti da TV e monitor. RAPPORTO CON IL TERRITORIO MISTER TRED (promozione raccolta differenziata e cultura del recupero) PARCO ECOTECNOLOGICO ( valorizzazione chiusura del ciclo) IMPIANTI APERTI (trasparenza) LE PROSPETTIVE TV AL PLASMA E LCD FRIGO A PENTANO

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

Consorzio per lo smaltimento dei RAEE domestici e professionali. COME VENGONO SMALTITI I RAEE.

Consorzio per lo smaltimento dei RAEE domestici e professionali. COME VENGONO SMALTITI I RAEE. Consorzio per lo smaltimento dei RAEE domestici e professionali.. . 1) INTRODUZIONE 2) SOSTANZE NOCIVE CONTENUTE NEI RIFIUTI ELETTRICI ED ELETTRONICI a) CFC/HCFC b) Piombo c) Cadmio d) Mercurio e) Cromo

Dettagli

Area Comunicazione R.A.E.E. cosa SONO. come SI RAccOLgONO. cosa diventano

Area Comunicazione R.A.E.E. cosa SONO. come SI RAccOLgONO. cosa diventano Area Comunicazione R.A.E.E cosa SONO come SI RAccOLgONO cosa diventano I R.A.E.E. QUALI SONO? I R.A.E.E. sono apparecchiature non funzionanti o di cui ci si vuole disfare, alimentate elettricamente o con

Dettagli

Esperienze di gestione RAEE sulla base del rapporto costi/benefici

Esperienze di gestione RAEE sulla base del rapporto costi/benefici Esperienze di gestione RAEE sulla base del rapporto costi/benefici -Esempio di classificazione delle apparecchiature da smaltire - Esempio di organizzazione del servizio di smaltimento - Costi del servizio

Dettagli

Il corretto smaltimento dei beni dell information technology Il trattamento del tubo catodico

Il corretto smaltimento dei beni dell information technology Il trattamento del tubo catodico Il corretto smaltimento dei beni dell information technology Il trattamento del tubo catodico - La natura del problema In questi anni lo sviluppo tecnologico ha portato sul mercato nuove generazioni di

Dettagli

PROGETTO LIFE N. 538 PIRR PIATTAFORMA INTEGRATA PER IL RECUPERO DEI RIFIUTI DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE

PROGETTO LIFE N. 538 PIRR PIATTAFORMA INTEGRATA PER IL RECUPERO DEI RIFIUTI DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE PROGETTO LIFE N. 538 PIRR PIATTAFORMA INTEGRATA PER IL RECUPERO DEI RIFIUTI DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE CRITERI INFORMATORI E OBIETTIVI DEL PROGETTO GABRIELE CANE AMMINISTRATORE DELEGATO

Dettagli

Via E. Segrè n.14 36034 Malo (VI) Tel./Fax 0445-581381 E-mail : info@seaecocentro.com Web : www.seaecocentro.com

Via E. Segrè n.14 36034 Malo (VI) Tel./Fax 0445-581381 E-mail : info@seaecocentro.com Web : www.seaecocentro.com S.E.A. srl Servizi Ecologici Ambientali investe costantemente in ricerca ed innovazione, ponendosi obiettivi sempre maggiori nelle percentuali di materie prime secondarie recuperate dal trattamento di

Dettagli

Schema di flusso Autorizzazioni stoccaggi e linee di trattamento Raecycle stabilimento di Cassino

Schema di flusso Autorizzazioni stoccaggi e linee di trattamento Raecycle stabilimento di Cassino Schema di flusso Autorizzazioni stoccaggi e linee di trattamento Raecycle stabilimento di Cassino Autorizzazione ex art. 208 D. Lgvo 152/2006 Det. n. G08763 del 17/06/2014 Gestione R1 A Frigoriferi Congelatori

Dettagli

IL CICLO INTEGRATO DELLA GESTIONE DEI RIFIUTI (raccolta, riciclo, recupero e smaltimento): SITUAZIONE E PROSPETTIVE

IL CICLO INTEGRATO DELLA GESTIONE DEI RIFIUTI (raccolta, riciclo, recupero e smaltimento): SITUAZIONE E PROSPETTIVE IL CICLO INTEGRATO DELLA GESTIONE DEI RIFIUTI (raccolta, riciclo, recupero e smaltimento): SITUAZIONE E PROSPETTIVE Sassari, 1 luglio 2010 MODULO 2.3 LA GESTIONE DEI RAEE 1/31 I - PREMESSA: I RAEE (1/3)

Dettagli

RAPPORTO SOSTENIBILITÀ 2014 SINTESI

RAPPORTO SOSTENIBILITÀ 2014 SINTESI RAPPORTO SOSTENIBILITÀ 2014 SINTESI ci prendiamo cura dell ambiente in cui viviamo e abbiamo i numeri per farlo GLI OBIETTIVI DI ECODOM Eccellenza ambientale, efficienza operativa ed economica sono i

Dettagli

DESCRIZIONE RIFIUTO SUL TOTEM. PUNTI Al Kg

DESCRIZIONE RIFIUTO SUL TOTEM. PUNTI Al Kg TABELLA A Allegato A Prog. TIPOLOGIA RIFIUTO CODICE CER DESCRIZIONE CER Limit. CDR : limitazione della tipologia di rifiuti conferibili al Centro di Raccolta rispetto alla tipologia descritta dal Codice

Dettagli

CERTIFICAZIONE ROHS. aggiunta nella sezione tipi di certificazione

CERTIFICAZIONE ROHS. aggiunta nella sezione tipi di certificazione LaCertificazione CERTIFICAZIONE ROHS aggiunta nella sezione tipi di certificazione In un contesto dove l'evoluzione delle apparecchiature elettriche ed elettroniche presenta una crescita esponenziale,

Dettagli

Il decreto legislativo di recepimento delle direttive 2002/95/CE, 2002/96/CE e 2003/108/CE. Rosanna Laraia SERVIZIO RIFIUTI

Il decreto legislativo di recepimento delle direttive 2002/95/CE, 2002/96/CE e 2003/108/CE. Rosanna Laraia SERVIZIO RIFIUTI Il decreto legislativo di recepimento delle direttive 2002/95/CE, 2002/96/CE e 2003/108/CE Rosanna Laraia Il Consiglio dei Ministri n. 14 del 22 luglio 2005 ha approvato il D.Lgs. di recepimento delle

Dettagli

Il network degli impianti ReMedia per il trattamento dei RAEE sul territorio italiano. Struttura operativa e performance LUGLIO 2009

Il network degli impianti ReMedia per il trattamento dei RAEE sul territorio italiano. Struttura operativa e performance LUGLIO 2009 LUGLIO 2009 Il network degli impianti ReMedia per il trattamento dei RAEE sul territorio italiano. Struttura operativa e performance Quaderni ReMedia 2 Il network degli impianti ReMedia per il trattamento

Dettagli

I RAEE: RIFIUTI DA ELETTRICHE ED

I RAEE: RIFIUTI DA ELETTRICHE ED I RAEE: RIFIUTI DA ELETTRICHE ED 10 IDEE APPARECCHIATURE ELETTRONICHE di Gaia Gusso Intervista al dottor Paolo Pipere, Responsabile Servizio Territorio, Ambiente e Cultura della Camera di Commercio Industria

Dettagli

Servizi Ambientali per Banche ed Imprese. Forum Green Economy 2014. Raccolta, Riutilizzo e Recupero dei rifiuti.

Servizi Ambientali per Banche ed Imprese. Forum Green Economy 2014. Raccolta, Riutilizzo e Recupero dei rifiuti. Servizi Ambientali per Banche ed Imprese Raccolta, Riutilizzo e Recupero dei rifiuti. Forum Green Economy 2014 Roma 4/5 giugno 2014 relatore: Moreno Lolli coordinamento: Elena Mazzoni Un po di storia 1997

Dettagli

RAEE professionali. 4_Servizi RAEE professionali.

RAEE professionali. 4_Servizi RAEE professionali. RAEE professionali 4_Servizi RAEE professionali. Servizi RAEE professionali. Indice 1. cosa sono i RAEE 2. i raggruppamenti RAEE 3. RAEE professionali: definizione e casi pratici 4. gli obblighi del produttore

Dettagli

Il sistema di gestione dei RAEE in Italia Fabrizio D Amico, Direttore Generale

Il sistema di gestione dei RAEE in Italia Fabrizio D Amico, Direttore Generale Il sistema di gestione dei RAEE in Italia e Fabrizio D Amico, Direttore Generale Federchimica, Milano 19 ottobre 2010 Una complessa normativa di riferimento... La normativa RAEE La normativa sui rifiuti

Dettagli

Manuale B2B. Guida alla corretta gestione dei RAEE Professionali e dei RPA. Documento a cura di: Via Aldo Moro, 10-25124 Brescia. www.raecycle.

Manuale B2B. Guida alla corretta gestione dei RAEE Professionali e dei RPA. Documento a cura di: Via Aldo Moro, 10-25124 Brescia. www.raecycle. Manuale B2B Guida alla corretta gestione dei RAEE Professionali e dei RPA Documento a cura di: RAEcycle Via Aldo Moro, 10-25124 Brescia www.raecycle.it Contatti servizio B2B: Mail: b2b@raecycle.it Tel:

Dettagli

COMUNE DI OSTRA ASSESSORATO ALL AMBIENTE

COMUNE DI OSTRA ASSESSORATO ALL AMBIENTE COMUNE DI OSTRA ASSESSORATO ALL AMBIENTE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 7 del 27/04/2012. INDICE Art. 1 Riferimenti Normativi Art. 2 Principi e finalità Art. 3 Campi di applicazione

Dettagli

Le problematiche del trattamento adeguato dei RAEE

Le problematiche del trattamento adeguato dei RAEE Le problematiche del trattamento adeguato dei RAEE Fabrizio D Amico Presidente CdC RAEE Forum RAEE 2014 ACCORDO TRATTAMENTO L Accordo per la qualità del trattamento dei RAEE è stato siglato nell aprile

Dettagli

RAEE PROFESSIONALI TORINO

RAEE PROFESSIONALI TORINO Provincia di Torino Area Ambiente RAEE PROFESSIONALI!&%!# ' TORINO D.Lgs. 151 del 25 luglio 2005 Attuazione delle direttive 2002/95/CE, 2002/96/CE e 2003/108/CE, relative alla riduzione dell'uso di sostanze

Dettagli

Introduzione le operazioni di trasporto dai punti vendita ai centri di raccolta comunali sono in determinati casi - a carico dei distributori

Introduzione le operazioni di trasporto dai punti vendita ai centri di raccolta comunali sono in determinati casi - a carico dei distributori Introduzione Dal 18 giugno gli acquirenti di elettrodomestici e materiale elettrico ed elettronico (dalla tv al phon, dal frigo al forno, dal telefonino al computer) potranno consegnare gratuitamente le

Dettagli

3. Grazie a tutte quelle aziende che contribuiscono a diffondere la cultura del riciclo.

3. Grazie a tutte quelle aziende che contribuiscono a diffondere la cultura del riciclo. 3. Grazie a tutte quelle aziende che contribuiscono a diffondere la cultura del riciclo. 1 2 3 DAL RIFIUTO TECNOLOGICO ALLA RIVALORIZZAZIONE UN PARTNER IDEALE PER L ECOTRATTAMENTO DEI RIFIUTI TECNOLOGICI

Dettagli

Commento al nuovo decreto RAEE

Commento al nuovo decreto RAEE Commento al nuovo decreto RAEE prof. Stefano Maglia La crescita esponenziale dei consumi di apparecchiature elettriche ed elettroniche degli ultimi anni e la sempre più rapida obsolescenza di questo genere

Dettagli

VALUTAZIONE DEI FLUSSI DI RIFIUTI IN PLASTICA IN ITALIA DERIVANTI DALLA DAL RICICLO DI ELETTRODOMESTICI

VALUTAZIONE DEI FLUSSI DI RIFIUTI IN PLASTICA IN ITALIA DERIVANTI DALLA DAL RICICLO DI ELETTRODOMESTICI Consorzio Nazionale per la Raccolta, il Riciclaggio, il Recupero dei Rifiuti di imballaggi in plastica PROGETTO: VALUTAZIONE DEI FLUSSI DI RIFIUTI IN PLASTICA IN ITALIA DERIVANTI DALLA DAL RICICLO DI ELETTRODOMESTICI

Dettagli

La nuova Normativa sul riciclo dei RAEE.

La nuova Normativa sul riciclo dei RAEE. 2 I RAEE, Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche. Frigoriferi e climatizzatori, piccoli e grandi elettrodomestici, televisori e computer, apparecchiature audio/foto/video e lampade a risparmio

Dettagli

I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA

I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA MONITORAGGIO SULLA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI E SULLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DESTINATA AL RICICLAGGIO Per poter premiare le situazioni più virtuose nella gestione

Dettagli

ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA SCUOLA DI INGEGNERIA E ARCHITETTURA

ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA SCUOLA DI INGEGNERIA E ARCHITETTURA ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA SCUOLA DI INGEGNERIA E ARCHITETTURA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA GESTIONALE LM TESI : RECUPERO DI METALLI E TERRE RARE

Dettagli

CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DI OMEGNA

CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DI OMEGNA Pagina 1 di 7 CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DI OMEGNA impianto di stoccaggio provvisorio e messa in riserva di rifiuti urbani e assimilati operante ai sensi del D.M. 08/04/2008, D.M. 13/05/2009, DL 205/2010

Dettagli

Il nuovo Pacchetto di Direttive sull economia circolare

Il nuovo Pacchetto di Direttive sull economia circolare Il nuovo Pacchetto di Direttive sull economia circolare Edo Ronchi Fondazione per lo sviluppo sostenibile Sponsor Le modifiche alle Direttive sui rifiuti del pacchetto sull economia circolare La Direttiva

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE (RICICLERIA)

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE (RICICLERIA) Versione 1.0 18/10/2011 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE (RICICLERIA) (DOCUMENTO IN VIA DI APPROVAZIONE) Art. 1 OGGETTO Il presente regolamento, adottato ai sensi del D.lgs. 3 aprile

Dettagli

SINTESI D.M. 8 Marzo 2010, n 65 RAEE Domestici

SINTESI D.M. 8 Marzo 2010, n 65 RAEE Domestici SINTESI D.M. 8 Marzo 2010, n 65 RAEE Domestici Codice Europeo Rifiuti (C.E.R.) Descrizione 200121* Tubi fluorescenti ed altri rifiuti contenenti mercurio 200123* Apparecchiature fuori uso contenenti clorofluorocarburi

Dettagli

Disciplinare per l accesso e l utilizzo del Centro di Raccolta Comune di Cordenons

Disciplinare per l accesso e l utilizzo del Centro di Raccolta Comune di Cordenons Pagina 1 di 10 Disciplinare per l accesso e l utilizzo Centro di Raccolta Comune di Cordenons Conforme alla Norma UNI EN ISO 9001:2008 Conforme alla Norma UNI EN ISO 14001:2004 Conforme alla Norma OHSAS

Dettagli

Disciplinare per l accesso e l utilizzo del Centro di Raccolta Comune di Roveredo in Piano

Disciplinare per l accesso e l utilizzo del Centro di Raccolta Comune di Roveredo in Piano Pagina 1 di 8 Disciplinare per l accesso e l utilizzo Centro di Raccolta Comune di Roveredo in Piano Conforme alla Norma UNI EN ISO 9001:2008 Conforme alla Norma UNI EN ISO 14001:2004 Conforme alla Norma

Dettagli

Rapporto sociale. La nuova vita dei RAEE. diamo voce al recupero

Rapporto sociale. La nuova vita dei RAEE. diamo voce al recupero Rapporto sociale 2010 La nuova vita dei RAEE diamo voce al recupero ecolight Rapporto 2 Sociale 2010 Secondo noi... Fare informazione attraverso i numeri. Questo lo scopo che il rapporto sociale 2010 di

Dettagli

Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004:

Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004: Appendice 1 Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004: TIPO RIFIUTO Frazione Organica dei Rifiuti Urbani (FORSU)

Dettagli

ESPERIENZE E PROGETTI

ESPERIENZE E PROGETTI Spazio a perto ESPERIENZE E PROGETTI Rifi uti da apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE): la gestione del fi ne vita e la valorizzazione dei materiali Le nuove tipologie di apparecchiature immesse

Dettagli

Il ruolo di Conai nella filiera del riciclo Qualità delle RD

Il ruolo di Conai nella filiera del riciclo Qualità delle RD San Costanzo (PU), 15 aprile 2014 Il ruolo di Conai nella filiera del riciclo Qualità delle RD Pierluigi Gorani Area Rapporti con il Territorio CONAI è il sistema privato per la gestione degli imballaggi

Dettagli

Città di Benevento. Ordinanza Sindacale n 86 del 19 Luglio 2011 IL SINDACO PREMESSO:

Città di Benevento. Ordinanza Sindacale n 86 del 19 Luglio 2011 IL SINDACO PREMESSO: Ordinanza Sindacale n 86 del 19 Luglio 2011 PREMESSO: IL SINDACO CHE con Ordinanza del Commissario Delegato per l Emergenza Rifiuti nella Regione Campania ex O.P.C.M. 3653 del 30.01.2008 n 122 del 07.05.2008

Dettagli

ECO. LAN. S.p.a. è una società pubblica costituita da 53 Comuni per un complessivo di circa 160.000 abitanti.

ECO. LAN. S.p.a. è una società pubblica costituita da 53 Comuni per un complessivo di circa 160.000 abitanti. ECO. LAN. S.p.a. è una società pubblica costituita da 53 Comuni per un complessivo di circa 160.000 abitanti. 2 LA ECO. LAN. S. P.A. SI OCCUPA DI SMALTIMENTO, RACCOLTA E TRASPORTO DEI RIFIUTI (SERVIZI

Dettagli

LA GESTIONE DEL CICLO INTEGRATO DEI RIFIUTI

LA GESTIONE DEL CICLO INTEGRATO DEI RIFIUTI LA GESTIONE DEL CICLO INTEGRATO DEI RIFIUTI 4. LA GESTIONE DEI RAEE Milano, 3 maggio 2012 1/44 LA GESTIONE DEI RAEE I II Introduzione ai RAEE Il quadro normativo di riferimento: ruoli e responsabilità

Dettagli

C O M U N E D I P A L A I A

C O M U N E D I P A L A I A C O M U N E D I P A L A I A Provincia di Pisa Servizio LL.PP. Ambiente, Protezione Civile, Sicurezza sul Lavoro, Patrimonio REGOLAMENTO COMUNALE DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ATTREZZATA Approvato

Dettagli

L Accordo Quadro Anci-Conai e la valorizzazione dei rifiuti di imballaggio

L Accordo Quadro Anci-Conai e la valorizzazione dei rifiuti di imballaggio Levanto, 9 luglio 2015 L Accordo Quadro Anci-Conai e la valorizzazione dei rifiuti di imballaggio Pierluigi Gorani Area Rapporti con il Territorio Gli imballaggi Una parte del problema 2 La crescita del

Dettagli

- Richiesta di Offerta Servizi di Trattamento anno 2015 -

- Richiesta di Offerta Servizi di Trattamento anno 2015 - - Richiesta di Offerta Servizi di Trattamento anno 2015-1. Premessa Remedia TSR s.r.l. (d ora in poi Remedia) è la società di servizi, interamente controllata da Consorzio ReMedia, che organizza e gestisce

Dettagli

LA GESTIONE DEI RAEE E IL RITIRO UNO CONTRO UNO

LA GESTIONE DEI RAEE E IL RITIRO UNO CONTRO UNO LA GESTIONE DEI RAEE E IL RITIRO UNO CONTRO UNO I - Il sistema di ritiro uno contro uno : inquadramento giuridico e problematiche emergenti IL SISTEMA DI RITIRO UNO CONTRO UNO 1 GESTIONE DEI RAEE: perché

Dettagli

APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE. Gli obblighi dei Produttori I Sistemi Collettivi L iscrizione al Registro AEE

APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE. Gli obblighi dei Produttori I Sistemi Collettivi L iscrizione al Registro AEE APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE Gli obblighi dei Produttori I Sistemi Collettivi L iscrizione al Registro AEE D. Lgs. 151/2005 Normativa RAEE D. Lgs. 152/2006 Testo Unico Ambientale NORMATIVA

Dettagli

Come preparare i RAEE B2B per il ritiro con ecor it. Prodotto da Consorzio ecor'it Tutti i diritti riservati

Come preparare i RAEE B2B per il ritiro con ecor it. Prodotto da Consorzio ecor'it Tutti i diritti riservati Come preparare i RAEE B2B per il ritiro con ecor it Vengono prodotti dei Rifiuti in ambito Abbiamo in azienda un certo numero di apparecchiature elettriche ed elettroniche, obsolete, rovinate, invendibili,

Dettagli

Noi ci crediamo. Scopri con noi come riciclare i tuoi rifiuti elettronici. Campagna di informazione ReMedia e Legambiente. Con la partecipazione di:

Noi ci crediamo. Scopri con noi come riciclare i tuoi rifiuti elettronici. Campagna di informazione ReMedia e Legambiente. Con la partecipazione di: Campagna di informazione ReMedia e Legambiente Noi ci crediamo. Con la partecipazione di: Scopri con noi come riciclare i tuoi rifiuti elettronici. In collaborazione con: DIAMO VALORE AI RIFIUTI TECNOLOGICI

Dettagli

Per produrre UNA TONNELLATA di carta da cellulosa vergine occorrono: 15 alberi 440.000 litri d acqua 7.600 kwh di energia elettrica

Per produrre UNA TONNELLATA di carta da cellulosa vergine occorrono: 15 alberi 440.000 litri d acqua 7.600 kwh di energia elettrica carta Per produrre UNA TONNELLATA di carta da cellulosa vergine occorrono: 15 alberi 440.000 litri d acqua 7.600 kwh di energia elettrica Per produrre UNA TONNELLATA di carta riciclata invece bastano:

Dettagli

LE DIRETTIVE R.A.E.E. E V.F.U. E LORO MODALITA DI ATTUAZIONE

LE DIRETTIVE R.A.E.E. E V.F.U. E LORO MODALITA DI ATTUAZIONE Tecnologie di Recupero e Riciclo dei Materiali Alberto Simboli - a.a. 2013/14 7. LE DIRETTIVE R.A.E.E. E V.F.U. E LORO MODALITA DI ATTUAZIONE I VEICOLI FUORI USO 2 LA DIRETTIVA E.O.L- VEHICLES E LA SUA

Dettagli

REGOLAMENTO INCENTIVI PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA A FAVORE DEI CITTADINI VIRTUOSI

REGOLAMENTO INCENTIVI PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA A FAVORE DEI CITTADINI VIRTUOSI COMUNE DI MELITO DI NAPOLI PROVINCIA DI NAPOLI Assessorato all Ambiente REGOLAMENTO INCENTIVI PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA A FAVORE DEI CITTADINI VIRTUOSI INDICE Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art.

Dettagli

1. Presentazione della società. 2. Perché una carta dei servizi 3. PRINCIPI FONDAMENTALI. Validità della carta

1. Presentazione della società. 2. Perché una carta dei servizi 3. PRINCIPI FONDAMENTALI. Validità della carta ! "! 1. Presentazione della società Cisterna Ambiente è l azienda partecipata dal Comune di Cisterna di Latina che gestisce nel territorio comunale i servizi ambientali e cioè la pulizia della città, la

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SD30U ATTIVITÀ 37.10.0 RECUPERO E PREPARAZIONE PER IL ATTIVITÀ 37.20.1 RECUPERO E PREPARAZIONE PER IL

STUDIO DI SETTORE SD30U ATTIVITÀ 37.10.0 RECUPERO E PREPARAZIONE PER IL ATTIVITÀ 37.20.1 RECUPERO E PREPARAZIONE PER IL STUDIO DI SETTORE SD30U ATTIVITÀ 37.10.0 RECUPERO E PREPARAZIONE PER IL RICICLAGGIO DI CASCAMI E ROTTAMI METALLICI ATTIVITÀ 37.20.1 RECUPERO E PREPARAZIONE PER IL RICICLAGGIO DI MATERIALE PLASTICO PER

Dettagli

ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa

ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa REA IMPIANTI srl Relatore: Dott. Massimiliano Monti GESTIONE DEI RIFIUTI: ASPETTI TECNICI ECONOMICI E FINANZIARI SISTEMI DI RACCOLTA Con mezzo automatizzato-monoperatore

Dettagli

Regione Abruzzo D.Lgs.151/05 RAEE. Dott. Franco Gerardini Regione Abruzzo Servizio Gestione Rifiuti

Regione Abruzzo D.Lgs.151/05 RAEE. Dott. Franco Gerardini Regione Abruzzo Servizio Gestione Rifiuti D.Lgs.151/05 RAEE Dott. Franco Gerardini Servizio Gestione Rifiuti La gestione integrata dei rifiuti Criticità del sistema regionale di gestione dei rifiuti la L.R.83/00 (contenente il PRGR) non recepisce

Dettagli

Gli impegni ambientali di BTicino

Gli impegni ambientali di BTicino i Presso la Vostra consueta Agenzia Commerciale. Sito: Questo documento si basa sulla norma ISO 14020 relativa ai principi generali delle dichiarazioni ambientali e sul rapporto tecnico ISO TR/14025 relativo

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI DIFFERENZIATI

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI DIFFERENZIATI COMUNE DI CALCI PROVINCIA DI PISA SETTORE 5 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI DIFFERENZIATI Approvato con Art. 1 DEFINIZIONE DI CENTRO DI RACCOLTA ATTREZZATO E SUA FINALITA Il centro

Dettagli

Ciclo di Gestione dei RIFIUTI

Ciclo di Gestione dei RIFIUTI 15 Aprile 2008 RICICLANDO ALL ITI Ciclo di Gestione dei RIFIUTI Ferrara Mario Sunseri LE STRATEGIE DI RIFERIMENTO STRATEGIE EUROPEE RIDUZIONE RICICLO (di materia) RECUPERO (di energia) Minimizzazione

Dettagli

La sempre maggior diffusione nelle nostre

La sempre maggior diffusione nelle nostre Il Decreto Legislativo 151 del 2005 sui RAEE: vincoli normativi, obiettivi e impegni futuri per la raccolta e il riciclo 58 RACCOLTA E TRATTAMENTO DELLE APPARECCHIATURE DI ILLUMINAZIONE di Luca Bernardi

Dettagli

Direttiva RAEE. di Gianfranco Ceresini

Direttiva RAEE. di Gianfranco Ceresini Direttiva RAEE Pubblicato il: 10/03/2004 Aggiornato al: 10/03/2004 di Gianfranco Ceresini La direttiva RAEE 2002/96/CE (modificata all articolo 9 dalla direttiva 2003/108/CE) sui rifiuti di apparecchiature

Dettagli

CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI ISTRUZIONI PER L USO

CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI ISTRUZIONI PER L USO Comune di Toscolano-Maderno CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI ISTRUZIONI PER L USO CHE COS È Il CENTRO DI RACCOLTA comunale o intercomunale (o isola ecologica ) è un area presidiata ed allestita ove si svolge

Dettagli

La gestione sostenibile dei rifiuti. Stefano Ciafani Vice Presidente nazionale di Legambiente

La gestione sostenibile dei rifiuti. Stefano Ciafani Vice Presidente nazionale di Legambiente La gestione sostenibile dei rifiuti Stefano Ciafani Vice Presidente nazionale di Legambiente Cenni sulla normativa Le prime direttive europee sui rifiuti risalgono alla seconda metà degli anni 70 1975:

Dettagli

Figura 10.1. Quotazioni delle materie prime: alluminio e rame ( /t) - Gennaio 2009/Giugno 2014. Lug 2011. Ott 2010. Ott 2011. Apr 2011.

Figura 10.1. Quotazioni delle materie prime: alluminio e rame ( /t) - Gennaio 2009/Giugno 2014. Lug 2011. Ott 2010. Ott 2011. Apr 2011. 10.1 Valutazione del contesto di mercato internazionale Nel 2012 è stata approvata la revisione della Direttiva WEEE che regola a livello comunitario la gestione dei RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche

Dettagli

Spett.le ASIT S.p.A. Largo S.Francesco, 1 05035 TERNI

Spett.le ASIT S.p.A. Largo S.Francesco, 1 05035 TERNI Spett.le ASIT S.p.A. Largo S.Francesco, 1 05035 TERNI Oggetto: Richiesta di CONVENZIONE per il conferimento dei rifiuti assimilati agli urbani presso il Centro di Raccolta del Comune di Narni sito in Strada

Dettagli

COMUNE DI BARONISSI Provincia di Salerno ASSESSORATO ALL AMBIENTE

COMUNE DI BARONISSI Provincia di Salerno ASSESSORATO ALL AMBIENTE . COMUNE DI BARONISSI Provincia di Salerno ASSESSORATO ALL AMBIENTE Allegato Delibera di Giunta Comunale n. 54 del 15.02.2010-1 - INDICE Art. 1 Riferimenti Normativi Art. 2 Principi e finalità Art. 3 Campi

Dettagli

Rapporto sulla produzione di RIFIUTI SOLIDI URBANI e sull andamento delle RACCOLTE DIFFERENZIATE

Rapporto sulla produzione di RIFIUTI SOLIDI URBANI e sull andamento delle RACCOLTE DIFFERENZIATE Provincia di Bergamo SERVIZIO AMBIENTE - OSSERVATORIO PROVINCIALE RIFIUTI Rapporto sulla produzione di RIFIUTI SOLIDI URBANI e sull andamento delle RACCOLTE DIFFERENZIATE anno 2004 Produzione Rifiuti e

Dettagli

I RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE: DALLA GESTIONE DEI RISCHI PROFESSIONALI AGLI INTERVENTI DI PREVENZIONE

I RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE: DALLA GESTIONE DEI RISCHI PROFESSIONALI AGLI INTERVENTI DI PREVENZIONE I RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE: DALLA GESTIONE DEI RISCHI PROFESSIONALI AGLI INTERVENTI DI PREVENZIONE A. GUERCIO 1, E. INCOCCIATI 1, P. FIORETTI 1, F. MARRACINO 2 1 INAIL - Direzione

Dettagli

Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi. Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011

Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi. Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011 Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011 La gestione degli imballaggi è impostata su due cardini legislativi

Dettagli

I RIFIUTI UN PROBLEMA GLOBALE NASCOSTO?

I RIFIUTI UN PROBLEMA GLOBALE NASCOSTO? I RIFIUTI UN PROBLEMA GLOBALE NASCOSTO? Le cause dell inquinamento del suolo Il suolo viene inquinato a causa di vari tipi di rifiuti: quelli solidi, liquidi e gassosi. I rifiuti solidi possono essere

Dettagli

COMUNE DI LAINATE (Provincia di Milano) Assessorato Ambiente. In collaborazione con

COMUNE DI LAINATE (Provincia di Milano) Assessorato Ambiente. In collaborazione con COMUNE DI LAINATE (Provincia di Milano) Assessorato Ambiente In collaborazione con REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI 1 INDICE Premessa

Dettagli

Oggetto: AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI STOCCAGGIO, SMALTIMENTO E RECUPERO DI RIFIUTI SPECIALI (INGOMBRANTI) PER ANNI 2.

Oggetto: AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI STOCCAGGIO, SMALTIMENTO E RECUPERO DI RIFIUTI SPECIALI (INGOMBRANTI) PER ANNI 2. sede legale: piazza Pirandello,1 92100 Agrigento tel. 0922 441956 - fax 0922 591705 uffici: piazza Trinacria zona industriale 92021 Aragona email gesaag2@virgilio.it Oggetto: AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI

Dettagli

Documento Normativo WEEELABEX. Raccolta. 2 Maggio 2011. Con il contributo finanziario del Programma LIFE della Comunità Europea

Documento Normativo WEEELABEX. Raccolta. 2 Maggio 2011. Con il contributo finanziario del Programma LIFE della Comunità Europea Documento Normativo WEEELABEX Raccolta 2 Maggio 2011 Con il contributo finanziario del Programma LIFE della Comunità Europea i Indice Prefazione... iii Introduzione... iv Raccolta... 1 1 Ambito di applicazione...

Dettagli

La gestione integrata dei rifiuti di imballaggio: una opportunità per i comuni di risparmio e miglioramento dell ambiente

La gestione integrata dei rifiuti di imballaggio: una opportunità per i comuni di risparmio e miglioramento dell ambiente La gestione integrata dei rifiuti di imballaggio: una opportunità per i comuni di risparmio e miglioramento dell ambiente Eugenio Bora Milano, 15 febbraio 2006 Rifiuti e legislazione I rifiuti sono un

Dettagli

Il destino dei RIFIUTI

Il destino dei RIFIUTI Comune di Padova Settore Ambiente Il destino dei RIFIUTI Osservatorio Ambientale sull inceneritore DEFINIZIONI RIFIUTO: Qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia

Dettagli

ATTUAZIONE DIRETTIVA 2012/19/UE SUI RAEE

ATTUAZIONE DIRETTIVA 2012/19/UE SUI RAEE D. Lgs. 49/2014 ATTUAZIONE DIRETTIVA 2012/19/UE SUI RAEE Torino, 14 aprile 2014 GIANLUCA CENCIA Direttore Federambiente RECEPIMENTO DIRETTIVA EUROPEA SUI RAEE D. Lgs. 14 marzo 2014, n. 49 Attuazione della

Dettagli

Recuperiamo materie prime sia in città sia in campagna

Recuperiamo materie prime sia in città sia in campagna Recuperiamo materie prime sia in città sia in campagna Leading in erecycling Ecco tutto quello che riceviamo Elementi fotovoltaici Batterie e accumulatori Lampade e dispositivi d illuminazione Terminali

Dettagli

LA GESTIONE DEI RAEE E L ATTIVITA DEL CONSORZIO. Torino 15/11/2007 - La gestione dei RAEE e l attività del consorzio

LA GESTIONE DEI RAEE E L ATTIVITA DEL CONSORZIO. Torino 15/11/2007 - La gestione dei RAEE e l attività del consorzio LA GESTIONE DEI RAEE E L ATTIVITA DEL CONSORZIO Indice Inquadramento normativo Campo di applicazione e principali definizioni Obblighi dei produttori, distributori e utilizzatori FAQ e principali criticità

Dettagli

Il SISTEMA RAEE IN ITALIA: ruoli e obblighi dei produttori

Il SISTEMA RAEE IN ITALIA: ruoli e obblighi dei produttori Il SISTEMA RAEE IN ITALIA: ruoli e obblighi dei produttori I PRODUTTORI IL REGISTRO NAZIONALE DEI PRODUTTORI IL VISIBLE FEE I produttori di AEE: chi sono? Il Decreto Legislativo 151 riguarda un numero

Dettagli

Una forza al servizio dell Uomo e dell ambiente

Una forza al servizio dell Uomo e dell ambiente CRS s.r.l. Via Piave, 21 10040 LEINI (TO) Tel. 011 9910270 - Fax : 011 9910992 P.IVA. - C.F. 07357640015 www.derichebourg.com Documento non vincolante - 10/2008 - www.epicea.com - Photo GettyImages - Corbis

Dettagli

Panoramica sulla pulizia e lo smaltimento

Panoramica sulla pulizia e lo smaltimento LAMPADINE LIGHTX ED EXITV NOTE IMPORTANTI PER LA SICUREZZA DELL UTENTE: Le lampadine fluorescenti contengono una piccola quantità di mercurio e, se una di queste lampadine si rompe in casa, questo mercurio

Dettagli

Milano, 3 marzo 2011 Nobody s Unpredictable

Milano, 3 marzo 2011 Nobody s Unpredictable L atteggiamento degli italiani nei confronti del recupero e riciclaggio degli elettrodomestici Milano, 3 marzo 2011 Nobody s Unpredictable METODOLOGIA E CAMPIONE Indice della presentazione 1) SCENARIO:

Dettagli

RAEE Mobile _ pag. 1 di 2

RAEE Mobile _ pag. 1 di 2 RAEE Mobile _ pag. 1 di 2 Refrigeratori e condizionatori 01 _ Apparecchiature per la refrigerazione e il condizionamento Frigoriferi; congelatori; apparecchi per il condizionamento Lavatrici e lavastoviglie

Dettagli

% RD METODI DI CALCOLO E NUOVI INDICATORI

% RD METODI DI CALCOLO E NUOVI INDICATORI % RD METODI DI CALCOLO E NUOVI INDICATORI www.arpa.veneto.it Legambiente COMUNI RICICLONI INDICATORE MULTIPARAMETRICO Non solo %RD (rifiuti avviati a recupero, compresi inerti, ingombranti a spazzamento)

Dettagli

COORDINAMENTO TRENTINO PULITO COORDINAMENTO TRENTINO PULITO

COORDINAMENTO TRENTINO PULITO COORDINAMENTO TRENTINO PULITO COORDINAMENTO TRENTINO PULITO L alternativa all inceneritore è possibile. Sistema di trattamento meccanico e riciclo, con incentivazione della raccolta differenziata (separazione umido secco / separazione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CONFSERVIZI ER: AVANTI TUTTA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO RAEE

COMUNICATO STAMPA CONFSERVIZI ER: AVANTI TUTTA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO RAEE Rimini, 27/10/05 Agli organi di informazione COMUNICATO STAMPA CONFSERVIZI ER: AVANTI TUTTA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO RAEE Dopo la prima presentazione in aprile, sono proseguiti in questi mesi

Dettagli

I rifiuti da ufficio

I rifiuti da ufficio I rifiuti da ufficio Novembre 2004 I diritti di riproduzione, di memorizzazione elettronica e di adattamento totale o parziale con qualsiasi mezzo, compresi i microfilm e le copie fotostatiche sono riservati.

Dettagli

STUDIO ED ESAME DEI DIVERSI SETTORI DI POSSIBILE INTERVENTO

STUDIO ED ESAME DEI DIVERSI SETTORI DI POSSIBILE INTERVENTO I.C. EQUAL II FASE IT-G2-VEN-022 AMBIENTERICICLA Innovazione e Sostenibilità fra Distretti e Imprese Sociali Azione 2.1 STUDIO ED ESAME DEI DIVERSI SETTORI DI POSSIBILE INTERVENTO Studio ed esame dei diversi

Dettagli

Progetto Giocando Con I Rifiuti Commento alle slide della presentazione.

Progetto Giocando Con I Rifiuti Commento alle slide della presentazione. Progetto Giocando Con I Rifiuti Commento alle slide della presentazione. Non tutte le Slide sono qui commentate in quanto ritenute non significative. Questo documento rappresenta un aiuto didattico agli

Dettagli

Costo./ton Smaltimento Selezione Ritiro. Corrispettivo./ton DESCRIZIONE

Costo./ton Smaltimento Selezione Ritiro. Corrispettivo./ton DESCRIZIONE Costo 20 RIFIUTI URBANI (RIFIUTI DOMESTICI E ASSIMILABILI PRODOTTI DA ATTIVITÀ COMMERCIALI E INDUSTRIALI NONCHÉ DALLE ISTITUZIONI) INCLUSI I RIFIUTI DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA 20 01 frazioni oggetto

Dettagli

Esa Aee. ger. Rapporto Annuale 2012 Esa Gestione Raee

Esa Aee. ger. Rapporto Annuale 2012 Esa Gestione Raee Esa Aee ger Esa Gestione Raee INDICE Presentazione del Rapporto annuale... 3 In evidenza... 4 Lo scenario... 5 Cosa sono i RAEE?... 6 Il sistema dei Raee in Italia... 7 Quadro normativo di riferimento...

Dettagli

sulla restrizione dell uso di determinate sostanze elettroniche

sulla restrizione dell uso di determinate sostanze elettroniche La Nuova Direttiva RoHS (Direttiva 2011/65/UE) sulla restrizione dell uso di determinate sostanze pericolose nelle apparecchiature elettriche ed elettroniche Mercoledì 11 aprile 2013 Evento organizzato

Dettagli

I rifiuti solidi: introduzione

I rifiuti solidi: introduzione I rifiuti solidi: introduzione Definizione sostanze od oggetti (rientranti in un definito elenco a norma di legge) di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia l obbligo di disfarsi Strategie di

Dettagli

ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA I RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE (RAEE) ASPETTI TECNICO-GESTIONALI E AMBIENTALI

ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA I RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE (RAEE) ASPETTI TECNICO-GESTIONALI E AMBIENTALI ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA GESTIONALE Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e dei Materiali TESI DI LAUREA In Valorizzazione

Dettagli

RECUPERO E TRATTAMENTO DEI RAEE Sfide per un nascente settore industriale. E. Cagno, A. Di Giulio, F. Magalini, L. Tardini e P.

RECUPERO E TRATTAMENTO DEI RAEE Sfide per un nascente settore industriale. E. Cagno, A. Di Giulio, F. Magalini, L. Tardini e P. RECUPERO E TRATTAMENTO DEI RAEE Sfide per un nascente settore industriale E. Cagno, A. Di Giulio, F. Magalini, L. Tardini e P. Trucco Con il patrocinio di: Assessorato Servizi di Pubblica Utilità Assessorato

Dettagli

Analisi prezzi medi impianti Anno 2010

Analisi prezzi medi impianti Anno 2010 Analisi prezzi medi impianti Anno 2010 Le tariffe per attività di selezione delle frazioni secche dei rifiuti urbani raccolte in maniera differenziata per tipologia e caratteristiche degli impianti Relazione

Dettagli

riciclabili per natura

riciclabili per natura Comunità montana Walser alta Valle del Lys riciclabili per natura in collaborazione con: carta vetro e ALLUMiNio imballaggi in plastica rifiuti indifferenziati apparecchi elettrici ed elettronici ingombranti

Dettagli

La Normativa di riferimento

La Normativa di riferimento CENTRO di COORDINAMENTO RAEE costituito in ottemperanza al Decreto Legislativo 25 Luglio 2005 n. 151 La Normativa di riferimento Direttive 2002/95/CE 2002/96/CE 2003/108/CE Registro, Centro di Coordinamento

Dettagli

Documento Normativo WEEELABEX. Logistica. 2 Maggio 2011. Con il contributo Finanziario del Programma LIFE della Comunità Europea

Documento Normativo WEEELABEX. Logistica. 2 Maggio 2011. Con il contributo Finanziario del Programma LIFE della Comunità Europea Documento Normativo WEEELABEX Logistica 2 Maggio 2011 Con il contributo Finanziario del Programma LIFE della Comunità Europea Indice Prefazione... iii Introduzione... iv Logistica... 1 1 Ambito di applicazione...

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO TERZO I RIFIUTI Sommario: 1. Quadro normativo di riferimento. - 2. La definizione di rifiuto. - 3. Classificazione dei rifiuti. - 4. Limiti al campo di applicazione della disciplina del D.Lgs.

Dettagli

Gli impegni ambientali di BTicino

Gli impegni ambientali di BTicino i Presso la Vostra consueta Agenzia Commerciale. Sito: Questo documento si basa sulla norma ISO 14020 relativa ai principi generali delle dichiarazioni ambientali e sul rapporto tecnico ISO TR/14025 relativo

Dettagli