OCT DEL NERVO OTTICO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "OCT DEL NERVO OTTICO"

Transcript

1 PERCORSO FORMATIVO PROFESSIONE OCULISTA 2012 Newsletter per l aggiornamento e la formazione professionale continua degli oculisti ANNO SESTO, NUMERO 61, MARZO 2012 OCT DEL NERVO OTTICO RESPONSABILE SCIENTIFICO Dr. Mauro Cassinerio PROFESSIONE OCULISTA Corso accreditato presso il Ministero della Salute con il codice N

2 OCT DEL NERVO OTTICO Dr.ssa Luisa Pierro - Responsabile Servizio di Diagnostica Strumentale Unità Operativa Oculistica, ospedale San Raffaele, MI L a Tomografia Ottica a Radiazione Coerente (OCT, Optical Coherent Tomography) è una tecnica di recente acquisizione che permette di valutare in vivo modificazioni quantitative e qualitative sia della regione maculare che del nervo ottico (RNFL, Retinal Nerve Fiber Layer). Obiettivi Obiettivo della lezione è introdurre alla conoscenza di questa recente tecnica diagnostica sia per quel che concerne i principi fisici che ne sono alla base, sia per la sua applicazione clinica. La conoscenza dei principi fisici alla base del suo funzionamento è infatti ineludibile per conoscerne il corretto utilizzo. La lezione è rivolta ad allargare le competenze sull utilizzo di questo alquanto recente strumento diagnostico e ad estenderne l interesse clinico non più solo per studio della regione maculare ma anche del nervo ottico e delle patologie ad esso correlate. OCT La tecnica OCT, per la prima volta riportata nel , è stata in seguito validata per la diagnosi delle malattie maculari 2 e nel glaucoma 3. L OCT funziona in maniera simile all Ecografia, misura però la riflessione della luce e non dell onda sonora proveniente dagli strati esaminati dell occhio, retina e nervo ottico. Le immagini ad alta risoluzione, 10 micron, sono generate da un raggio laser, un diodo superluminescente a bassa coerenza e da un interferometro, con due bracci ottici, di cui uno di riferimento. Con questa tecnica il primo braccio raccoglie la luce riflessa, producendo immagini A-scan, proveniente dalla retina, il secondo utilizza uno specchio di riferimento, meccanicamente controllato. Se quest ultimo è alla stessa distanza della retina, rispetto alla sorgente laser, la lunghezza dei due percorsi ottici si eguaglia e si genera interferenza, che determina il segnale OCT, che misura appunto l interferenza tra i due raggi di luce provenienti dal tessuto esaminato. In questo modo si ottengono scansioni trasverse della retina e del nervo ottico (Fig.1). Figura 1 2

3 Figura 2 La velocità di acquisizione dell immagine con questo tipo di strumentazione è pari a circa 500 A-scan al secondo. Questo principio fisico è alla base del Time- Domain. Recentemente un nuovo tipo di OCT si è reso disponibile, lo Spectral Domain OCT (SDOCT) in cui lo specchio di riferimento rimane fermo mentre il segnale è acquisito grazie a un Spettrometro. In questo modo la luce di ritorno viene captata simultaneamente con il risultato di un aumento della velocità di acquisizione dell immagine (si arriva ad oltre A-scan al secondo) e si ottengono immagini ad altissima risoluzione (5 micron circa) (Fig.2). Recenti studi hanno dimostrato l utilità dell OCT anche nella valutazione delle malattie che compromettono il Sistema Nervoso Centrale, grazie alla possibilità di studiare, con alcuni strumenti SDOCT, le cellule ganglionari retiniche (GCC, Ganglion Cell Complex). Le cellule ganglionari, come sappiamo, costituiscono gli assoni non mielinizzati del Sistema Nervoso Centrale e si riuniscono a formare il Nervo Ottico, che si avvolge di mielina dopo aver attraversato la lamina cribrosa. Si intuisce pertanto l importanza dell esame tomografico nello studiare le malattie del sistema nervoso centrale. Applicazioni dell OCT nello studio del nervo ottico Le principali applicazioni dell OCT nello studio del nervo ottico si possono così riassumere: Valutazione in micron dello spessore delle fibre nervose peripapillari e di ogni quadrante. La precisa quantificazione dello spessore delle fibre nervose fa riferimento a un database normativo per occhi normali, divisi per sesso, età e razza, e tuttavia variabile per ogni strumento. Analisi morfometrica del disco ottico con analisi dell area del disco ottico e del rapporto Cup/Disc e del volume della rima neuronale. Valutazione dello strato del complesso ganglionare esistente tra la macula e il nervo ottico, ottenibile solo con alcuni strumenti. Prima di valutare le applicazioni dell OCT in situazioni patologiche è rilevante approfondire l affidabilità e la riproducibilità di tale metodica in occhi normali (Fig.3-4). 3 Figura 3 - Immagine OCT, B-scan del nervo ottico

4 4 Figura 4 - Immagine tomografica di nervo non patologico È stata dimostrata una buona ripetibilità intra e interoperatore per quanto riguarda la misurazione dello spessore delle fibre nervose in sede parapapillare sia con Time Domain 4,5,6 che con SDOCT, sia in occhi sani che glaucomatosi 7,8. Tuttavia, problemi di intercambiabilità sono recentemente nati con l introduzione sul mercato di altri nuovi strumenti SDOCT, per ora sei, e nuovi ne stanno per essere commercializzati, i quali, sebbene nascano da un identica impostazione tecnologica, quindi siano simili tra loro, producono risultati tra loro diversi, sia per quanto riguarda valori assoluti di spessore, sia di riproducibilità. Una valutazione di spessore delle fibre nervose dovrebbe pertanto essere sempre eseguita con lo stesso strumento. Per quanto infatti gli strumenti presentino una buona riproducibilità nelle misurazioni, è stata dimostrata la non intercambiabilità delle misurazioni di spessore ottenute con Time-domain (STDOCT, joint Spectral and Time domain OCT) rispetto allo Spectral Domain 4 e tra gli Spectral Domain tra loro, dal momento che i valori assoluti di spessore sono diversi gli uni con gli altri. Ulteriore differenziazione nasce dalla recente introduzione, in alcune strumentazioni, del programma che permette di studiare oltre allo spessore delle fibre nervose anche il complesso delle cellule ganglionari già illustrato in precedenza, più sensibile alle precoci modificazioni strutturali delle fibre nervose. Lo studio dello spessore delle cellule ganglionari è risultato per questo motivo più selettivo e quindi più utile nella diagnosi e nel monitoraggio del glaucoma e di diverse neuropatie. Patologie del nervo ottico Glaucoma Il Glaucoma è una neuropatia ottica che determina difetti del campo visivo in corrispondenza della porzione di disco ottico d a n n e g g i a t a. L assottigliamento della rima neurale e delle fibre nervose in corrispondenza del disco sono la chiave diagnostica del glaucoma. La perdita della visione nel paziente glaucomatoso è provocata dalla morte per apoptosi delle cellule ganglionari dalla papilla ottica fino alla corteccia visiva retinica e dalla degenerazione e atrofia dei loro assoni lungo il decorso. Sebbene lo studio biomicroscopico del nervo sia indispensabile, risulta altrettanto necessaria l imaging del nervo ottico per ottenere una tempestiva diagnosi di glaucoma e per individuarne la progressione. Molti sono gli strumenti a disposizione: l HRT, il GDX e appunto l OCT. Un precoce assottigliamento delle fibre nervose in corrispondenza della papilla ottica è considerato dato predittivo per pazienti con sospetto glaucoma. Inoltre lo studio dello spessore delle fibre nervose si è dimostrato utile per una precoce diagnosi e per studiare l evoluzione del glaucoma. Un recente lavoro eseguito con SDOCT 9 ha dimostrato la predittività nel glaucoma. Diversi studi hanno poi dimostrato un elevata sensitività e specificità sia del Time Doman che dello Spectral Domain 8,10,11. Un estesa analisi degli studi che hanno messo a confronto OCT, HRT, e GDX, ha dimostrato una simile capacità diagnostica di tutti questi strumenti 12. Altri studi 13,14,15 hanno tuttavia evidenziato una maggior sensitività dell OCT sull HRT, a parità di specificità. È stata inoltre dimostrata una migliore associazione tra OCT e sensitività del Campo visivo 15,16. La recente introduzione dello strato delle cellule ganglionari nello studio e nel monitoraggio del glaucoma, ha ulteriormente migliorato le capacità diagnostiche dell OCT, permettendo di valutare i danni più precoci della malattia come dimostrato recentemente 17,18,19,20. Il complesso delle cellule ganglionari dà la diretta valutazione del corpo delle cellule ganglionari, dello strato plessiforme interno e dello strato delle fibre nervose (Fig. 5-6). Una significativa correlazione tra GCC, volume nell area maculare e campo visivo è stato dimostrato nei pazienti glaucomatosi 8. Inoltre la misura dello strato delle cellule ganglionari GCC è risultato essere più sensibile per la diagnosi del glaucoma, che la valutazione della retina totale nella stessa area

5 Complesso delle cellule ganglionari Strato delle fibre nervose Strato delle cellule ganglionari Strato plessiforme interno Figura 5 - Complesso OCT B-scan delle ganglionari cellule Lo spessore delle CCG in occhi glaucomatosi senza danni al CV è risultato minore rispetto agli occhi non glaucomatosi, ma maggiore rispetto a quelli glaucomatosi con danno evidente al CV 21. Nello studio del glaucoma tuttavia non solo le fibre nervose del nervo ottico sono importanti, ma anche lo spessore maculare. Una stretta correlazione tra lo spessore maculare e il difetto campimetrico 22 è stata recentemente notata. Inoltre la modificazione dello spessore maculare si è rilevato utile soprattutto per la valutazione di paziente con glaucoma in fase avanzata 23. Riteniamo che nei prossimi anni nella diagnostica del Glaucoma, l OCT acquisterà sempre maggior rilievo. Sclerosi Multipla La Sclerosi Multipla è una malattia neurodegenerativa caratterizzata da demielinizzazione, gliosi e perdita assonale. Fino ad oggi le tecniche neuroradiologiche (RMN) si sono dimostrate fondamentali nel follow up e nella diagnosi di tale malattia. Come in precedenza scritto, sappiamo che a livello retinico esiste l unico distretto, fibre nervose e glia, privo di mielina del sistema nervoso centrale. Questo dato ci permette di capire se il danno provocato dalla malattia coinvolga anche la zona assonale, priva della mielina. Il deficit visivo è uno dei primi danni della SM, che può essere accompagnata o meno da neurite ottica. Spesso i pazienti con SM e neurite ottica hanno un buon recupero visivo, ma la demielizzazione e la perdita assonale determinano danni subdoli e duraturi. Poiché la perdita assonale, a differenza della demielinizzazione, rimane irreversibile si capisce come sia importante uno strumento in grado di diagnosticare e monitorare la malattia a prescindere dagli altri sintomi. Il danno si manifesta con una riduzione di almeno il 40% dello spessore delle fibre nervose in occhi con un quadro precedente di neurite ottica 24. Più recenti studi hanno dimostrato nel follow up a 9 anni, dopo un primo episodio di neurite, una riduzione dello spessore delle fibre di almeno il 33% 25. È stato inoltre dimostrato che nella SM, non solo gli occhi affetti da neurite presentano riduzione delle fibre nervose, ma anche gli occhi che non hanno ancora sviluppato danni neuritici. È stato dimostrato che circa il 75% dei pazienti con SM e neurite acuta perdono almeno il micron di spessore delle fibre in un periodo di circa 3-6 mesi 26. Da questi dati risulta come l OCT sia in grado non solo di aumentare le nostre conoscenze circa il meccanismo di danno neuronale, ma anche come possa essere usato per monitorare le nuove strategie terapeutiche con farmaci neuroprotettori. 5 Malattie Neuroftalmologiche Abbiamo già ricordato come la retina sia l unica postazione del corpo umano in cui gli assoni nervosi possono essere direttamente valutati. La quantificazione dello strato delle fibre nervose ottenibile con OCT ha aperto quindi negli ultimi anni una finestra sulle malattie neurologiche e neuroftalmologiche dalle neuriti ottiche alle forme ischemiche e compressive. Figura 6 - OCT e cellule ganglionari (Immagine grafica)

6 Neuropatia Ottica Ischemica Anteriore Non Arteritica Questa malattia colpisce pazienti di mezza età e anziani con problemi vascolari e fattori predisponenti. La classica presentazione di questa patologia sono l edema del nervo ottico e il relativo danno del Campo visivo. Tuttavia un edema papillare senza sintomi può a volte precedere il deficit visivo e potrebbe costituire così il primo segno della malattia. È stato provato che una danno ischemico del disco ottico può avere un effetto devastante sull integrità del nervo. La quantificazione delle fibre nervose del nervo ottico ci aiuta ad aumentare le nostre conoscenze sulla patogenesi di tale malattia. È stato dimostrato che esiste un aumento e poi una riduzione di spessore in pazienti con neuropatia ottica ischemica acuta, seguiti per circa 6 mesi 27. Inoltre, si è potuto stabilire che un disco ottico con piccola escavazione e un più piccolo rapporto cup/disc, e non l area del disco ottico, sono associati a un maggior rischio di neuropatia ottica ischemica 28. Un recente lavoro ha anche dimostrato una accuratezza nello screening di questa patologia utilizzando lo studio delle cellule ganglionari 29. Neuropatia Ottica di Leber Si tratta di una malattia genetica caratterizzata da deficit visivo acuto o subacuto che colpisce preferenzialmente uomini giovani. La malattia è stata spesso associata a mutazioni mitocondriali del DNA. La perdita selettiva delle fibre del fascio papillo-maculare è lo stadio più precoce della malattia che poi tende ad estendersi a tutto il nervo ottico che diventa atrofico. La prima manifestazione clinica è senza dolore, è monolaterale con interessamento dell occhio controlaterale a distanza di poche settimane. A livello del fondo si apprezzano teleangectasie, microangiopatia e pseudopapilledema. L OCT ha mostrato un ispessimento delle fibre nervose in tutti i quadranti ad eccezione del settore temporale, in cui 6 Figura 7 - OCT mostra l assottigliamento sia dell RNFL che del Complesso delle cellule ganglionari in paziente con Adenoma Ipofisario

7 invece si è manifestata riduzione delle fibre 30. Questo dato è spiegabile con il coinvolgimento del fascio papillomaculare localizzato nel settore temporale del nervo ottico. Dopo una prima fase di aumento di spessore delle fibre, si apprezza poi nell evolversi della malattia una riduzione di spessore delle stesse. Papilledema Un edema del disco ottico secondario a aumentata pressione intracranica è il segno classico del papilledema. L OCT è in grado di valutare l aumento di spessore delle fibre o una sua riduzione a seconda dell evolversi della patologia. Un recente studio ha dimostrato un aumento di spessore delle fibre nervose, valutato all OCT, correlato con perdita del campo visivo e nel follow up a una riduzione delle stesse 31. Emicrania La Cefalea si può dividere in due sottotipi: con aurea e senza aurea. La cefalea senza aurea è caratterizzata da ricorrenti attacchi che possono durare dalle 4 alle 72 ore. La cefalea con aurea è caratterizzata da sintomi neurologici che possono svilupparsi in 5-20 minuti ed essere seguiti appunto da cefalea. Molti sono i dubbi circa la sua patogenesi, che può variare da una riduzione del flusso cerebrale a vasospasmi locali che possono portare a danni del nervo ottico 32,33. Recentemente è stata trovata una riduzione dello spessore delle fibre nervose, con OCT, nel quadrante temporale del nervo ottico, comparata con quello di pazienti sani 34. Neuropatie Compressive Anche in queste forme, secondarie a neoformazione del Sistema nervoso Centrale con coinvolgimento delle vie ottiche, l OCT può dimostrarsi utile nel valutare eventuali segni di sofferenza a carico delle fibre del Nervo Ottico, con perdita e conseguente assottigliamento dello Strato delle fibre nervose (Fig. 7). Conclusioni In conclusione, da quanto in precedenza descritto, possiamo capire come l Indagine tomografica sia importante nella diagnosi precoce e nella stadiazione del Glaucoma e come possa invece, nelle malattie neurologiche, confermare il sospetto diagnostico e valutarne l evoluzione. Si ringrazia il dr. Jacopo Milesi per la collaborazione nella stesura del testo. 7 BIBLIOGRAFIA 1. Huang D, Swanson EA, Lin CP et al. Optical coherence tomography. Science 1991; 254: Puliafito CA et al. Imaging of macular diseases with optical coherence tomography. Ophthalmology 1995;102: Schuman JS et al. Quantification of nerve fibre layer thickness in normal and glaucomatous eyes using optical coherence tomography. Arch Ophthalmol 1995;113: Kim JS, Ishikawa H, Sung KR, et al. Retinal nerve fibre layer thickness measurement reproducibility improved with spectral domain optical coherence tomography. Br J Ophthalmology : González-García AO, Vizzeri G, Bowd C, et al. Reproducibility of RTVue retinal nerve fibre layer thickness and optic disc measurements and agreement with Stratus optical coherence tomography measurements. Am J Ophthalmology 2009;147: Menke MN, Knecht P, Sturm V, Dabov S, Funk J. Reproducibility of nerve fibre layer thickness measurements using 3D Fourier-domain OCT. Invest Ophthalmol Vis Sci Vizzeri G, Weinreb RN, Gonzalez-Garcia AO, Bowd C, Medeiros F A, Sample P A, Zangwill L M. Agreement between spectral-domain and time domain OCT for measuring RNFL thickness. Br J Ophthalmol : Mori S, Hangai M, Sakamoto A, Yoshimura N. Spectral-domain Optical Coherence Tomography Measurement of Macular Volume for Diagnosing Glaucoma. J Glaucoma Feb Garas A, Vargha P, Hollò G. Comparison of accuracy of RTVue Fourier domain OCT and the GDx-VCC/ECC polarimeter to detect glaucoma.eurj Ophthalmology 2012 Jan;22: Park SB, Sung KR, Kang SY, Kim KR, Kook MS. Comparison of glaucoma diagnostic Capabilities of Cirrus HD and Stratus optical coherence tomography. Arch Ophthalmol 2009 Dec;127 (12): Sharma P, Sample PA, Zangwill LM and Schuman JS. Diagnostic Tools for Glaucoma Detection and Management. SurvOphthalmol 2008;53 (Suppl 1) 12. LinSC, Singh K, Jampel HD et Al. Optic nerve head and retinal nerve fiber layer analysis: a report by the American Academy of Ophthalmology. Ophthalmology.2007 oct;114 (10): Leung CK, Ye C, WeinrebRN et Al Retinal nerve fiber layer imaging with spectral domain optical coherence tomography Ophthalmology 2010,vol 117, Leung CK, Cheung CY, Weinreb RN Retinal nerve fiber layer imaging with spectral domain optical coherence tomography. A variability and diagnostic performance study. Ophthalmology (7) Sung KR, Kim S, Lee Y et Al: Retinal nerve fiber layer normative classification by optical coherence tomography for prediction of future visual field loss IOVS 2011

8 16. Reis AS,Sharpe GP, Yang H et Al. Optic disc margin anatomy in patients with glaucoma and normal control with Spectral Domain Optical Coherence Tomography Ophthalmology 2012 Jan Rao HL, Kumbar T, Addeapalli UK Effect of spectrum bias on the diagnostic accuracy of spectral domain optical coherence tomograph in glaucoma Invest Ophthalmol Vis Sci 2012 Jan Cordeiro DV, Lima VC, Castro DP.Influence optic disc size on the diagnostic performance of macular ganglion cell complex and peripapillary retinal nerve fiber layer analyses in glaucoma. Clin Ophthalmol.2011; 5: Rolle T, Briamonte C, Curto D Ganglion cell complex and retinal nrrve fiber layer measured by fourier-domain optical coherence tomography for early detection structural damage in patients with preperimetric glaucoma ClinOphthalmolol 2011;5: Schultze A, Lamparter J, Pfeiffer N Diagnostic ability of retinal ganglion cell complex, retinal nerve fiber layer, and optic nerve head measurements by Fourier Domain optica coherence tomography Graefes Arch ClinExpOphthalmol 2011 Jul ;249 ((7) : Na JH, Kook MS, Lee Y Detection of macular and circumpapillary structural loss in normal hemifield area of glaucomatous eyes with localized visual field defects using spectral-domain optical coherence tomography. Graefes Arch ClinExpOphthalmol 2011 dec Boling W.,WudunnD,Cantor LB et AL. Correlation between macular thickness and glaucomatous visual fields.j Glaucoma 2011 nov Sung KR; Sun IH,NaJH,LeeJY,Lee Y Progression detection capability of macular thickness in advanced glaucomatous eyes. Ophthalmology 2011 Dec Parisi V et al. Correlation between morphological and functional retinal impairment in multiple sclerosis patients. Invest Ophthalmol Vis Sci 1999; 40: Trip SA et al. Retinal nerve fibre layer axonal loss and visual dysfunction in optic neuritis. Ann Neurol 2005; 58: Costello F, Hodge W, Pan YI, et al. Differences in retinal nerve fibre layer atrophy between multiple sclerosis subtypes. J Neurol Sci 2009; 281: Bellusci C, Savini G, Carbonelli M, et al. Retinal nerve fiber layer thickness in nonarteritic anterior ischemic optic neuropathy: OCT characterization of the acute and resolving phases. Graefes Arch ClinExpOphthalmol 2008; 246: Chan CK, Cheng AC, Leung CK, et al. Quantitative assessment of optic nerve head morphology and retinal nerve fibre layer in nonarteritic anterior ischaemic optic neuropathy with optical coherence tomography and confocal scanning laser ophthalmoloscopy. Br J Ophthalmol 2009; 93: Garas A, Kothy P, Hollo G Accuracy of the RTVue Fourier Domain optical coherence tomograph in an optic neuropathy screening trial IntOphthalmol 2011 June ;3: Barcella V, Rocca MA, Bianchi Marzoli S, Milesi J, Melzi L, Falini A, Pierro L, Filippi M. Evidence for r e t r o - c h i a s m a t i c t i s s u e l o s s i n Leber shereditaryopticneuropathy. Hum Brain Map Rebolleda G, Munoz-Negrete FJ. Follow-up of mild papilledema in idiopathic intracranial hypertension with optical coherence tomography. Invest Ophthalmol Vis Sci Killer HE, Forrer A, Flammer J. Retinal vasospasm during an attack of migraine. Retina 2003;23: Wang JJ, Mitchell P, Smith W. Is there an association between migraine headache and openangle glaucoma? Findings from the Blue Mountains Eye Study. Ophthalmology 1997;104: Martinez A, Proupim N, Sanchez M. Retinal nerve fibre layer thickness measurements using optical coherence tomography in migraine patients. Br J Ophthalmol 2008; 92:

9 QUESTIONARIO DI AGGIORNAMENTO Completare il questionario on-line alla sezione Percorso didattico del sito Internet 1. Qual è il principale utilizzo clinico dell OCT? a. Studio della regione maculare e delle retina b. Studio del nervo ottico c. Studio delle malattie neurologiche d. Tutte le precedenti 2. Qual è la principale differenza tra Time domain e Spectral Domain OCT? a. Maggior velocità di acquisizione b. Tipo di laser c. Tipo di scansione d. Lunghezza d onda 3. In quale malattia neurologica attualmente la valutazione OCT viene più frequentemente usata? a. Neuropatia ottica ischemica b. Neuromielite c. Sclerosi Multipla d. Emicrania 4. Nella valutazione dello spessore delle fibre nervose si è riscontrata una buona riproducibilità intra e interoperatore tra le varie strumentazioni? a. Ottima per tutte b. Dipende dalle strumentazioni c. Scarsa per tutte d. Varia a seconda dei settori esaminati 5. Le misurazioni di spessore delle fibre nervose sono tra loro intercambibiali? a. No b. Si c. Dipende dagli strumenti d. A seconda dei settori 6. Quale strato è fondamentale per la valutazione delle neuropatie? a. Strato delle cellule ganglionari b. Strato plessiforme interno c. Strato plessiforme esterno d. Strato delle fibre nervose 7. Nella valutazione del glaucoma è importante: a. La valutazione delle fibre nervose parapapillari b. La valutazione dello spessore maculare c. La valutazione delle cellule ganglionari d. Tutte le precedenti 8. Nel glaucoma l OCT ha valore: a. Predittivo b. Nel follow up c. Nella diagnosi precoce d. Tutte le precedenti 9. In quale neuropatia la valutazione delle fibre nervose non è diagnostico? a. Neuropatia ottica ischemica anteriore b. Sclerosi Multipla c. Emicrania d. Drusen papillari 10. Nella Sclerosi Multipla lo spessore delle fibre nervose: a. Si riduce b. Aumenta c. Rimane invariato d. Prima aumenta e poi si riduce 11. La Neuropatia Ottica Ischemica Anteriore non Arteritica è più a rischio in occhi con: a. Piccolo rapporto cup/disc b. Grande rapporto cup/disc c. Grande escavazione d. Piccola area del disco 12. Nella Neuropatia Ottica Ischemica Anteriore Non Arteritica le fibre nervose: a. Aumentano b. Si riducono c. Prima aumentano e poi si riducono d. Rimangono invariate 13. Nell Otticopatia di Leber le fibre nervose come si comportano: a. Inizialmente aumentano poi si riducono b. Si riducono c. Aumentano d. Rimangono invariate 14. Nell Otticopatia di Leber qual è il danno più precoce che si verifica: a. Perdita selettiva delle fibre nervose nel fascio papillomaculare b. Atrofia delle fibre c. Edema delle fibre nervose d. Ispessimento del fascio papillomaculare 15. Nell Emicrania quale dato OCT si può considerare Importante: a. Riduzione dello spessore delle fibre nel settore temporale b. Riduzione nel settore inferiore c. Aumento in tutti i settori d. Riduzione in tutti i settori Edizione italiana di Anno 6, Numero 61, Marzo Periodico mensile. Editore Medical Evidence Div. M&T. Strada della Moia, 1 Arese (MI) Tel Fax e -mail: Direttore responsabile S t e f a n o Macario. Redazione M a r y D e M e o. Impaginazione Stefania Marchetto. Registrazione del Tribunale di Milano n d e l 2 2 / 0 9 / La riproduzione totale o parziale, anche a scopo p r o m o z i o n a l e o pubblicitario, di articoli, note, tabelle, dati o altro di Professione Ottico deve essere preventivamente autorizzata dall Editore. All rights reserverd. None of the contents may be reproduced, stored in a r e t r i e v a l s y s t e m, o r transmittede in any formor by any means without prior written permission of the publisher. 9 Il trattamento dei dati personali che La riguardano viene svolto nell ambito della banca dati dell Editore e nel rispetto di quanto stabilito dal D.Lgs. 196 /2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali) e successive modificazioni e/o integrazioni. Il trattamento dei dati, di cui Le garantiamo la massima riservatezza, è effettuato al fine di aggiornarla su iniziative e offerte della società. I Suoi dati non saranno comunicati o diffusi a terzi e per essi Lei potrà richiedere, in qualsiasi momento, la modifica o la cancellazione, scrivendo al responsabile del trattamento dei dati dell Editore.

OCT nello studio della papilla ottica

OCT nello studio della papilla ottica Aggiornamenti in neuroftalmologia Varese, 20 maggio 2011 OCT nello studio della papilla ottica S. Donati Cos èla tomografia ottica e luce coerente (OCT) Meccanismo di Reflettività luminosa OCT e

Dettagli

Stefano Miglior. Quando e e necessario richiedere accertamenti per il glaucoma

Stefano Miglior. Quando e e necessario richiedere accertamenti per il glaucoma Stefano Miglior Quando e e necessario richiedere accertamenti per il glaucoma la normale Visita Oculistica include la valutazione dell acuita acuita visiva, l esame biomicroscopico del segmento anteriore

Dettagli

ANATOMIA E PATOLOGIA DEL NERVO OTTICO ANATOMIA ANATOMIA. Rappresenta il primo tratto delle vie ottiche

ANATOMIA E PATOLOGIA DEL NERVO OTTICO ANATOMIA ANATOMIA. Rappresenta il primo tratto delle vie ottiche ANATOMIA E PATOLOGIA DEL NERVO OTTICO Dr. Umberto Benelli U.O. Oculistica Universitaria ANATOMIA Rappresenta il primo tratto delle vie ottiche Origina dalla confluenza degli assoni delle cellule ganglionari

Dettagli

PARTE CLINICA. Tecniche di imaging e neuropatie ottiche. Tomografia a coerenza ottica. Massimo Cesareo Annalisa Anastasio Carlo Nucci

PARTE CLINICA. Tecniche di imaging e neuropatie ottiche. Tomografia a coerenza ottica. Massimo Cesareo Annalisa Anastasio Carlo Nucci Tecniche di imaging e neuropatie ottiche 201 PARTE CLINICA Tecniche di imaging e neuropatie ottiche Massimo Cesareo Annalisa Anastasio Carlo Nucci Tomografia a coerenza ottica La Tomografia a Coerenza

Dettagli

Gli screening in oftalmologia: come, quando e perche. Prof.ssa Beatrice Brogliatti, Dr. Alessandro Actis

Gli screening in oftalmologia: come, quando e perche. Prof.ssa Beatrice Brogliatti, Dr. Alessandro Actis Gli screening in oftalmologia: come, quando e perche Prof.ssa Beatrice Brogliatti, Dr. Alessandro Actis Dipartimento di Fisiopatologia Clinica - Sezione di Oftalmologia Clinica Oculistica dell Università

Dettagli

La semeiotica strumentale

La semeiotica strumentale La semeiotica strumentale Dr. Umberto Benelli U.O. Oculistica Universitaria - Pisa Pachimetria Misura spessore corneale con ultrasuoni Valori medi centrali: 520 micron FLAP = 160 180 micron ABLAZIONE CON

Dettagli

OtticaFisiopatologica

OtticaFisiopatologica Anno quindicesimo dicembre 2010 Vincenzo Parisi Fondazione Bietti-IRCCS, Roma Relazione presentata al 2 nd Siena Glaucoma Summer School 201 È un grande piacere per me essere qui per parlarvi, prendendo

Dettagli

Stefano Miglior. Quando iniziare la terapia medica SMI

Stefano Miglior. Quando iniziare la terapia medica SMI Stefano Miglior Quando iniziare la terapia medica Tradizionalmente per tanti anni si e cominciato a trattare il glaucoma quando la pressione dell occhio (IOP) era =/> 21 mm Hg conseguenza 1: si sottovalutava

Dettagli

Le fibre ottiche retiniche

Le fibre ottiche retiniche Le fibre ottiche retiniche di Amedeo Lucente Brevi note anatomo-fisiologiche Gli assoni delle cellule gangliari retiniche sono il naturale collegamento anatomico tra la retina e il sistema nervoso centrale.

Dettagli

IL GLAUCOMA. Appropriatezza nella prevenzione, diagnostica e terapia in oftalmologia. L. Mastropasqua

IL GLAUCOMA. Appropriatezza nella prevenzione, diagnostica e terapia in oftalmologia. L. Mastropasqua CLINICA OFTALMOLOGICA CENTRO di ECCELLENZA REGIONALE in OFTALMOLOGIA CERTIFICATO Membro EVICR.net UNIVERSITA G. d ANNUNZIO CHIETI-PESCARA Direttore: Prof. Leonardo Mastropasqua Appropriatezza nella prevenzione,

Dettagli

Appropriatezza nella prevenzione, diagnostica e terapia in oftalmologia. Sintesi dei contributi

Appropriatezza nella prevenzione, diagnostica e terapia in oftalmologia. Sintesi dei contributi Quaderni del Ministero della Salute volume 11 Appropriatezza nella prevenzione, diagnostica e terapia in oftalmologia Sintesi dei contributi 1. Le sfide dell oftalmologia: tra prevenzione primaria e malattie

Dettagli

INCONTRI DI STRABOLOGIA E NEUROFTALMOLOGIA BOSISIO PARINI 19 MARZO 2011

INCONTRI DI STRABOLOGIA E NEUROFTALMOLOGIA BOSISIO PARINI 19 MARZO 2011 INCONTRI DI STRABOLOGIA E NEUROFTALMOLOGIA BOSISIO PARINI 19 MARZO 2011 IL NERVO OTTICO NEL CEREBRAL VISUAL IMPAIRMENT R. Salati A. OTTICOPATIE NELL INFANZIA EPIDEMIOLOGIA B. ATROFIA OTTICA NEL CVI C.

Dettagli

Centro Oftalmologico Mediterraneo s.r.l Dir. Sanitario: Prof Bruno Lumbroso

Centro Oftalmologico Mediterraneo s.r.l Dir. Sanitario: Prof Bruno Lumbroso Centro Oftalmologico Mediterraneo s.r.l Dir. Sanitario: Prof Bruno Lumbroso www.brunolumbroso.it IL GLAUCOMA Prof. Bruno Lumbroso CHE COS'É IL GLAUCOMA? Il glaucoma é una malattia oculare causata dall'aumento

Dettagli

Informazioni sul GLAUCOMA

Informazioni sul GLAUCOMA Informazioni sul GLAUCOMA CHE COSA E IL GLAUCOMA? Il glaucoma è una malattia che colpisce il nervo ottico. Il nervo ottico è quella struttura che collega l occhio al cervello permettendoci di vedere (Vedi

Dettagli

SUPERLUMINESCENT DIODES (SLDs)

SUPERLUMINESCENT DIODES (SLDs) SUPERLUMINESCENT DIODES (SLDs) Emission spectra and L-I characteristics Capitolo 3 Applicazioni degli SLED. I LED superluminescenti vengono utilizzati in varie applicazioni in cui è richiesta una

Dettagli

Articolo originale NOVITÀ NELLA DIAGNOSI E NEL TRATTAMENTO DEL GLAUCOMA NEW APPROACHES IN THE DIAGNOSIS AND TREATMENT OF GLAUCOMA MARIO A.

Articolo originale NOVITÀ NELLA DIAGNOSI E NEL TRATTAMENTO DEL GLAUCOMA NEW APPROACHES IN THE DIAGNOSIS AND TREATMENT OF GLAUCOMA MARIO A. Italian Journal of Geriatrics and Gerontology Articolo originale Volume 1, Numero 0, 2013 NOVITÀ NELLA DIAGNOSI E NEL TRATTAMENTO DEL GLAUCOMA NEW APPROACHES IN THE DIAGNOSIS AND TREATMENT OF GLAUCOMA

Dettagli

Novità tecnologiche: ZEISS AngioPlex Angio OCT di ZEISS

Novità tecnologiche: ZEISS AngioPlex Angio OCT di ZEISS Novità tecnologiche: ZEISS AngioPlex Angio OCT di ZEISS Ing. Daniele Mantovano Direttore Marketing Oftalmologia ZEISS Italia SOC - Torre Melissa, Agenda 1 ZEISS AngioPlex per Spectral Domain e Swept Source

Dettagli

GLAUCOMA: una malattia importante da conoscere

GLAUCOMA: una malattia importante da conoscere GLAUCOMA: una malattia importante da conoscere AMBULATORIO MEDICO-CHIRURGICO DI OCULISTICA Direttore Tecnico: dott. Giacomo Sanfelici 17027 Pietra Ligure SV Via Mameli, 54 12051 Alba CN Via Gastaldi, 5

Dettagli

Centro Oftalmologico Mediterraneo s.r.l Dir. Sanitario: Prof Bruno Lumbroso

Centro Oftalmologico Mediterraneo s.r.l Dir. Sanitario: Prof Bruno Lumbroso Centro Oftalmologico Mediterraneo s.r.l Dir. Sanitario: Prof Bruno Lumbroso www.brunolumbroso.it OCT - Tomografia Ottica ad alta definizione (Spectral domain) e tridimensionale Prof. Bruno Lumbroso La

Dettagli

Varese 20 maggio 2011. DEFICIT VISIVO MONOCULARE ACUTO/SUBACUTO Analisi dei sintomi e quadri clinici Alessandra Cantarelli

Varese 20 maggio 2011. DEFICIT VISIVO MONOCULARE ACUTO/SUBACUTO Analisi dei sintomi e quadri clinici Alessandra Cantarelli Varese 20 maggio 2011 DEFICIT VISIVO MONOCULARE ACUTO/SUBACUTO Analisi dei sintomi e quadri clinici Alessandra Cantarelli Un deficit visivo ad insorgenza acuta/subacuta puo instaurarsi nel corso di poche

Dettagli

INFORMAZIONI SUL GLAUCOMA

INFORMAZIONI SUL GLAUCOMA DIPARTIMENTO - TESTA COLLO U.O. - Clinica Oculistica Direttore: Prof. Stefano Gandolfi INFORMAZIONI SUL GLAUCOMA (A cura della Dott.ssa Sally Louise Williams, Coordinatore Studi Clinici e del Dott. Nicola

Dettagli

Il glaucoma: la diagnosi. Dr.S. Santoro Dr.ssa C. Sannace

Il glaucoma: la diagnosi. Dr.S. Santoro Dr.ssa C. Sannace Il glaucoma: la diagnosi Dr.S. Santoro Dr.ssa C. Sannace Come l oculista riconosce il glaucoma? Quattro criteri sono usati per la diagnosi: Tonometria Gonioscopia e l esame della camera anteriore Oftalmoscopia

Dettagli

Presidio Ospedaliero Mazzini - Unità Operativa di Oculistica Centro Glaucoma Responsabile: Dott. Antonello Troiano Come prevenire il glaucoma- il ladro silenzioso della vista : nostra esperienza. Il Glaucoma

Dettagli

Patologie delle vie ottiche postchiamsatiche e della corteccia visiva

Patologie delle vie ottiche postchiamsatiche e della corteccia visiva Patologie delle vie ottiche postchiamsatiche e della corteccia visiva Optic radiation: anatomy Patologie delle vie ottiche postchiamsatiche e della corteccia visiva Caratterizzati da emianopsia omonima.

Dettagli

Sanità Cross-border Tre sistemi di analisi del RNFL Edema maculare diabetico

Sanità Cross-border Tre sistemi di analisi del RNFL Edema maculare diabetico Anno IV - N. 3 - Settembre/Dicembre 2013 rivista quadrimestrale di Oftalmologia Sanità Cross-border Tre sistemi di analisi del RNFL Edema maculare diabetico Glaucoma en brousse Segni e sintomi dell occhio

Dettagli

Stefano Miglior. Il glaucoma ad angolo aperto - G. Cronico SMI

Stefano Miglior. Il glaucoma ad angolo aperto - G. Cronico SMI Stefano Miglior Il glaucoma ad angolo aperto - G. Cronico Concetti fondamentali E una malattia estremamente particolare caratterizzata da una progressione lenta ma continua verso la perdita della funzione

Dettagli

Dott. Vito Basile www.vitobasileoculista.it

Dott. Vito Basile www.vitobasileoculista.it Dott. Vito Basile www.vitobasileoculista.it Funzioni visive principali Acutezza visiva Campo visivo Senso cromatico Ottotipo per lontano Ottotipo per vicino Campo visivo Seminario di Aggiornamento Professionale

Dettagli

Guida alla Pachimetria Corneale

Guida alla Pachimetria Corneale CHEratoconici ONLUS Guida alla Pachimetria Corneale A cura della dott.ssa A.Balestrazzi CHEratoconici ONLUS Pagina 1 di 8 CHEratoconici ONLUS Sommario 1. Premessa 3 2. La pachimetria corneale 3 3. Pachimetria

Dettagli

PARTE CLINICA. Tecniche di imaging nel glaucoma. Introduzione. Massimo Cesareo Annalisa Anastasio Carlo Nucci

PARTE CLINICA. Tecniche di imaging nel glaucoma. Introduzione. Massimo Cesareo Annalisa Anastasio Carlo Nucci PARTE CLINICA Tecniche di imaging nel glaucoma Massimo Cesareo Annalisa Anastasio Carlo Nucci Introduzione Il formidabile progresso scientifico degli ultimi 25 anni è stato reso possibile dalla continua

Dettagli

Diagnosi precoce e riduzione della progressione nel Glaucoma ad angolo aperto

Diagnosi precoce e riduzione della progressione nel Glaucoma ad angolo aperto IRCCS Fondazione G.B. Bietti per lo Studio e la Ricerca in Oftalmologia Documento di Consenso Italiano: Diagnosi precoce e riduzione della progressione nel Glaucoma ad angolo aperto Gruppo di Lavoro: Paolo

Dettagli

www.centrooculisticosanpaolo.org

www.centrooculisticosanpaolo.org Resp: Dott.ssa Silvia Babighian Il è una malattia grave ma spesso asintomatica e può portare alla cecità. Circa il 10% dei soggetti di età superiore a 70 anni, è affetto da glaucoma. Questa malattia può

Dettagli

SMC-FERRARA DIAGNOSTICA AVANZATA DEL GLAUCOMA

SMC-FERRARA DIAGNOSTICA AVANZATA DEL GLAUCOMA SMC-FERRARA 4 MAGGIO 2013 DIAGNOSTICA AVANZATA DEL GLAUCOMA AMBULATORIO DI DIAGNOSTICA COMPUTERIZZATA DELLA MALATTIA GLAUCOMATOSA OSPEDALE DI COMACCHIO Giuseppe Lamberti AZIENDA USL FERRARA Clinica Oculistica

Dettagli

Classificazione dei tessuti

Classificazione dei tessuti Tessuto nervoso Classificazione dei tessuti Tessuto nervoso Caratterizzato da eccitabilità e conduttività Costituito principalmente da due tipi di cellule: Cellule neuronali o neuroni che sono caratteristiche

Dettagli

SERVIZIO DI OCULISTICA

SERVIZIO DI OCULISTICA SERVIZIO DI OCULISTICA Cellula gangliare Bastoncello Nervo ottico Retina Cono Vasi sanguigni della retina Coroide Cornea Iride Pupilla Cristallino Corpo ciliare Corpo vitreo Sclera ASSOCIAZIONE ITALIANA

Dettagli

OtticaFisiopatologica

OtticaFisiopatologica OtticaFisiopatologica Anno sedicesimo marzo 2011 Luciano QUARANTA, Andrea RUSSO, Ivano RIVA USVD Centro per lo studio del Glaucoma, Ospedali Civili di Brescia Università degli studi di Brescia Relazione

Dettagli

La prevenzione delle malattie oculari a carattere sociale

La prevenzione delle malattie oculari a carattere sociale AZIENDA SANITARIA DELLA PROVINCIA DI BARI STRUTTURA COMPLESSA DI OCULISTICA PUTIGNANO-GIOIA DEL COLLE DIRETTORE DR. SEVERINO SANTORO La prevenzione delle malattie oculari a carattere sociale UNIONE ITALIANA

Dettagli

31.12.2010 ATTESO OSSERVATO ATTESO OSSERVATO 12,

31.12.2010 ATTESO OSSERVATO ATTESO OSSERVATO 12, 1) Regione: Regione Liguria 2) Titolo del progetto: 3.9.1 Allunga la Vista: progetto di prevenzione delle malattie degenerative oculari che generano rischio di cecità e ipovisione. - V edizione 3) Identificativo

Dettagli

CASO INSOLITO DI NISTAGMO: QUADRO MISCONOSCIUTO O DIAGNOSI FORTUITA

CASO INSOLITO DI NISTAGMO: QUADRO MISCONOSCIUTO O DIAGNOSI FORTUITA Bosisio Parini 14 marzo 2015 XXII INCONTRO DI STRABOLOGIA E NEUROFTALMOLOGIA CASO INSOLITO DI NISTAGMO: QUADRO MISCONOSCIUTO O DIAGNOSI FORTUITA E. Piozzi A. Del Longo S.C.Oculistica Pediatrica Azienda

Dettagli

QUESTIONARIO. 3) utilità della tecnica SITA - maggiore precisione - maggiore rapidità - evidenzia il danno periferico

QUESTIONARIO. 3) utilità della tecnica SITA - maggiore precisione - maggiore rapidità - evidenzia il danno periferico QUESTIONARIO 1) utilità della misurazione dello spessore delle fibre nervose retiniche: - precocità nel riconoscimento del danno - osservazione attraverso mezzi diottrici opachi - utilità post-chirurgia

Dettagli

Il Progetto VEDIamo INSIEME

Il Progetto VEDIamo INSIEME Associazione Sorridi Konou Konou Africa Onlus Il Progetto VEDIamo INSIEME Dott. Paolo Lepre Repubblica Democratica del Benin dal 1972 Popolazione: 9.500.000 abitanti Superficie: 42.000 km 2 Lingua

Dettagli

Lo spessore corneale come indice di valutazione del tono oculare.

Lo spessore corneale come indice di valutazione del tono oculare. Lo spessore corneale come indice di valutazione del tono oculare. Amedeo Lucente M D, libero professionista, specialista in Oftalmologia, Castrovillari-Italy. Abstract : Scopo del lavoro : a) verificare

Dettagli

DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: prof. Paolo Perri IL GLAUCOMA OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: prof. Paolo Perri IL GLAUCOMA OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: prof. Paolo Perri IL GLAUCOMA OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo ha lo scopo di informarla

Dettagli

Disturbi della vista e deficit cognitivi. Dr. Claudio Campa

Disturbi della vista e deficit cognitivi. Dr. Claudio Campa Università degli Studi di Ferrara Dipartimento di Scienze Biomediche e Chirurgico Specialistiche Clinica Oculistica Antonio Rossi Direttore Prof. Paolo Perri Disturbi della vista e deficit cognitivi Dr.

Dettagli

LA DEGENERAZIONE MACULARE LEGATA ALL ETÀ

LA DEGENERAZIONE MACULARE LEGATA ALL ETÀ LA DEGENERAZIONE MACULARE LEGATA ALL ETÀ I A P B I T A L I A O N L U S P E R A M O R E D E L L A V I S T A LA DEGENERAZIONE MACULARE LEGATA ALL ETÀ (DMLE o AMD) Campagna informativa per la prevenzione

Dettagli

PER I TUOI OCCHI INIZIA UNA NUOVA STAGIONE. Agenzia Internazionale per la Prevenzione della Cecità sezione italiana onlus

PER I TUOI OCCHI INIZIA UNA NUOVA STAGIONE. Agenzia Internazionale per la Prevenzione della Cecità sezione italiana onlus PER I TUOI OCCHI INIZIA UNA NUOVA STAGIONE. Agenzia Internazionale per la Prevenzione della Cecità sezione italiana onlus L a vista va tenuta d occhio a tutte le età, anche se non si accusano disturbi

Dettagli

occhio e visione Il glaucoma

occhio e visione Il glaucoma occhio e visione Il glaucoma Scopo di questo depliant è di fornire alcune semplici informazioni per capire cos'è il glaucoma, come viene curato e come può essere trattato con il laser od operato chirurgicamente.

Dettagli

Congress Reports R O M A, 2 9-3 0 M A R Z O 2 0 1 2

Congress Reports R O M A, 2 9-3 0 M A R Z O 2 0 1 2 Congress Reports Notizie da congressi, simposi, workshop, meeting e convegni medico-scientifici Anno XVIII - n. 1/2013 Reg. del Trib. di Roma n. 544 dell 8/11/1996 Poste Italiane S.p.A. - Spedizione in

Dettagli

WORKSHOP INTERATTIVO PAZIENTE GLAUCOMA DALLA SCIENZA ALLA LAMPADA A FESSURA Monitorare e trattare il glaucoma nel lungo termine

WORKSHOP INTERATTIVO PAZIENTE GLAUCOMA DALLA SCIENZA ALLA LAMPADA A FESSURA Monitorare e trattare il glaucoma nel lungo termine WORKSHOP INTERATTIVO PAZIENTE GLAUCOMA DALLA SCIENZA ALLA LAMPADA A FESSURA Monitorare e trattare il glaucoma nel lungo termine 10.00 Registrazione ECM 10.30 Giorgio Marchini Consegna del materiale didattico

Dettagli

Screening dei gliomi cerebrali nei pazienti con sindrome di Ollier/Maffucci: come, quando e perché?

Screening dei gliomi cerebrali nei pazienti con sindrome di Ollier/Maffucci: come, quando e perché? Screening dei gliomi cerebrali nei pazienti con sindrome di Ollier/Maffucci: come, quando e perché? Dott. Giannantonio Spena Neurochirurgo Clinica Neurochirurgica Spedali Civili e Università di Brescia

Dettagli

CORRELAZIONI CLINICHE TRA SINDROME DA APNEE NOTTURNE ED IL GLAUCOMA CRONICO AD ANGOLO APERTO

CORRELAZIONI CLINICHE TRA SINDROME DA APNEE NOTTURNE ED IL GLAUCOMA CRONICO AD ANGOLO APERTO Freely available online ISSN:2240-2594 CORRELAZIONI CLINICHE TRA SINDROME DA APNEE NOTTURNE CORRELATIONS BETWEEN OBSTRUCTIVE SLEEP APNEA SYNDROME AND CHRONIC OPEN ANGLE GLAUCOMA Salducci M 1 1 Dipartimento

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

MH e imaging cerebrale

MH e imaging cerebrale Novità dalla ricerca sulla Malattia di Huntington In un linguaggio semplice. Scritto da ricercatori. Per la comunità mondiale MH. La MH fa si che il cervello si sviluppi in modo diverso Volumi cerebrali

Dettagli

IL GLAUCOMA I A P B I T A L I A O N L U S P E R A M O R E D E L L A V I S T A

IL GLAUCOMA I A P B I T A L I A O N L U S P E R A M O R E D E L L A V I S T A IL GLAUCOMA I A P B I T A L I A O N L U S P E R A M O R E D E L L A V I S T A IL GLAUCOMA Che cos è? Campagna informativa per la prevenzione delle malattie oculari che possono compromettere la visione

Dettagli

Le Degenerazioni Miopiche

Le Degenerazioni Miopiche Le Degenerazioni Miopiche Dott.. U.O. Oculistica, Istituto Clinico Humanitas, Milano Miopia 11-36 % di tutti gli occhi sono miopi Miopia lieve (< 6.00 D) Miopia grave (>= 6.00 D): 27-33% dei miopi 1.7

Dettagli

Patologie del chiasma

Patologie del chiasma Patologie del chiasma Visual pathways in the chiasm Intracranial relationships of the optic nerve Fixation of the chiasm Patologie chiasmatiche La funzione del chiasma ottico può essere alterata dalla

Dettagli

DIAGNOSI DIFFERENZIALE IN DCM. Dott.Pasquale Cozzolino Laser in DisordiniCranioMandibolari

DIAGNOSI DIFFERENZIALE IN DCM. Dott.Pasquale Cozzolino Laser in DisordiniCranioMandibolari DIAGNOSI DIFFERENZIALE IN DCM Dott.Pasquale Cozzolino Laser in DisordiniCranioMandibolari NELL AMBITO DELLE SINDROMI DA DOLORE OROFACCIALE LA NEVRALGIA DEL DEL NERVO TRIGEMINO E UNA SINDROME NEUROOGICA

Dettagli

semplice misurato con SD-OCT

semplice misurato con SD-OCT UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Dottorato di ricerca in Imaging Molecolare XXIV ciclo Coordinatore: Prof. Marco Salvatore Dipartimento di Oftalmologia Tesi

Dettagli

REGIONE SICILIANA AZIENDA OSPEDALIERA PER L EMERGENZA CANNIZZARO Via Messina, 829 95125 Catania

REGIONE SICILIANA AZIENDA OSPEDALIERA PER L EMERGENZA CANNIZZARO Via Messina, 829 95125 Catania REGIONE SICILIANA AZIENDA OSPEDALIERA PER L EMERGENZA CANNIZZARO Via Messina, 829 95125 Catania Unità Operativa Complessa di NEUROLOGIA info@neurologiacannizzaro.com Tel: 095-7264378, FAX: 095-7264373

Dettagli

LA DEGENERAZIONE MACULARE LEGATA ALL ETA (D.M.L.E.)

LA DEGENERAZIONE MACULARE LEGATA ALL ETA (D.M.L.E.) LA DEGENERAZIONE MACULARE LEGATA ALL ETA (D.M.L.E.) Degenerazione maculare secca Degenerazione maculare emorragica umida AMBULATORIO MEDICO-CHIRURGICO DI OCULISTICA Direttore Tecnico: dott. Giacomo Sanfelici

Dettagli

OtticaFisiopatologica

OtticaFisiopatologica Anno diciottesimo settembre 2013 Differenza dello spessore corneale tra i due occhi dello stesso paziente e gravità del danno glaucomatoso Michele Iester 1, Paolo Brusini 2, Paolo Frezzotti 3, Gianluca

Dettagli

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 I Ricercatori del Centro di Genomica e Bioinformatica Traslazionale stanno lavorando a linee di ricerca legate a 1. Sclerosi Multipla 2. Tumore della Prostata

Dettagli

Definizione di ipovisione

Definizione di ipovisione Definizione di ipovisione L ipovisione è una condizione di ridotta capacità visiva, bilaterale ed irreversibile, tale da condizionare l autonomia dell individuo. L acutezza visiva o acuità visiva o visus

Dettagli

Clinica e terapia. malattie. retiniche. delle. Direttore Scientifico Alfredo Pece

Clinica e terapia. malattie. retiniche. delle. Direttore Scientifico Alfredo Pece Clinica e terapia delle malattie retiniche Direttore Scientifico Alfredo Pece Genetica LA GENETICA Cosa sta succedendo nell ambito della diagnostica e della terapia farmacologica oggi? Scoperta di geni

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail Vincenzo Maria Franco Parisi Via Spinoza 32, 00137 Roma vmparisi@gmail.com

Dettagli

SCLEROSI MULTIPLA E MALATTIE DEMINIELIZZANTI

SCLEROSI MULTIPLA E MALATTIE DEMINIELIZZANTI SCLEROSI MULTIPLA E MALATTIE DEMINIELIZZANTI DEMIELINIZZAZIONI PRIMARIE CAUSE DI DEMIELINIZZAZIONE PRIMARIA DEL SISTEMA NERVOSO CENTRALE INFETTIVE TOSSICHE Leucoencefaliti: Borrelia etc. Leucoencefalopatia

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

NEURITE OTTICA RETROBULBARE BILATERALE IN ETÀ PEDIATRICA : CASO CLINICO

NEURITE OTTICA RETROBULBARE BILATERALE IN ETÀ PEDIATRICA : CASO CLINICO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA DIPARTIMENTO DI PEDIATRIA U.O. CLINICA PEDIATRICA NEURITE OTTICA RETROBULBARE BILATERALE IN ETÀ PEDIATRICA : CASO CLINICO M.R. Politi¹, I. Conti¹, R.M. Pulvirenti¹, P.

Dettagli

Il Fattore Familiarità Prevenzione Visiva

Il Fattore Familiarità Prevenzione Visiva Il Fattore Familiarità Prevenzione Visiva E.Piozzi AMGO BOLOGNA 21/03/2015 nella Familiarità e genetica Familiarità: Genetica: situazione in cui nella storia di una famiglia ci sono stati più casi di una

Dettagli

PAPILLEDEMA E PSEUDOTUMOR CEREBRI: IL RUOLO DELL OFTALMOLOGO

PAPILLEDEMA E PSEUDOTUMOR CEREBRI: IL RUOLO DELL OFTALMOLOGO CORSO SOI #106 25 novembre 2015 PAPILLEDEMA E PSEUDOTUMOR CEREBRI: IL RUOLO DELL OFTALMOLOGO Livello intermedio Direttore: S. Bianchi Marzoli Istruttori: Stefania Bianchi Marzoli, Arturo Carta, Paola Ciasca,

Dettagli

Il trattamento delle forme aggressive

Il trattamento delle forme aggressive Il trattamento delle forme aggressive Luigi igrimaldi Fondazione Istituto t San Raffaele G. Giglio di Cefalù Un caso clinico Donna di 24 anni con anamnesi di mononucleosi infettiva all età di 14 anni e

Dettagli

PARTE CLINICA. Potenziali evocati visivi e patologie neurologiche. Introduzione e note metodologiche. Paolo Stanzione Mariangela Pierantozzi

PARTE CLINICA. Potenziali evocati visivi e patologie neurologiche. Introduzione e note metodologiche. Paolo Stanzione Mariangela Pierantozzi PARTE CLINICA Potenziali evocati visivi e patologie neurologiche Paolo Stanzione Mariangela Pierantozzi Introduzione e note metodologiche Nell uomo, i segnali elettrofisiologici in risposta a stimoli sensoriali

Dettagli

ALLEGATO A1.1 Dgr n. del pag. 1/5

ALLEGATO A1.1 Dgr n. del pag. 1/5 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A1.1 Dgr n. del pag. 1/5 RIORGANIZZAZIONE DEI CENTRI PER LA SCLEROSI MULTIPLA DELLA REGIONE VENETO SECONDO UN MODELLO HUB & SPOKE PREMESSA La sclerosi multipla

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE DI POTENZA

AZIENDA SANITARIA LOCALE DI POTENZA Regione Basilicata AZIENDA SANITARIA LOCALE DI POTENZA Ambito Territoriale Ex A.S.L. 3 LAGONEGRO. 85100 POTENZA Ospedale San Giovanni Lagonegro (PZ) U.O.C. di Medicina Interna, d Urgenza e PSA Direttore

Dettagli

Ambulatorio per la Malformazione di Chiari Spedali Civili. U.O. Neurologia II Dr. Paolo Liberini

Ambulatorio per la Malformazione di Chiari Spedali Civili. U.O. Neurologia II Dr. Paolo Liberini Ambulatorio per la Malformazione di Chiari Spedali Civili U.O. Neurologia II Dr. Paolo Liberini L UTENTE Si rivolge al Presidio di Rete per ottenere: -Il percorso diagnostico appropriato -La certificazione

Dettagli

Meeting Internazionale: EDEMA DELLA PAPILLA OTTICA

Meeting Internazionale: EDEMA DELLA PAPILLA OTTICA Meeting Internazionale: EDEMA DELLA PAPILLA OTTICA Le forme procrastinabili: i tumori C. Mosci*, F.B.Lanza* * S.C. Oculistica Oncologica, Ospedali Galliera, Genova EDEMA PAPILLARE: CAUSE NEOPLASTICHE 1)

Dettagli

s o m m a r i o Cosa troverete in questo numero p. 4

s o m m a r i o Cosa troverete in questo numero p. 4 Anno IV - N. 2 - Maggio/Agosto 2013 rivista quadrimestrale di Oftalmologia Due pesi e due misure Desametasone intravitreale I nuovi oculisti africani OCT e Glaucoma Impianti drenanti nel glaucoma La miglior

Dettagli

Lo screening per l ambliopia: risultati e problemi da risolvere L esperienza di Parma dopo 21 anni di attività

Lo screening per l ambliopia: risultati e problemi da risolvere L esperienza di Parma dopo 21 anni di attività Lo screening per l ambliopia: risultati e problemi da risolvere L esperienza di Parma dopo 21 anni di attività di Francesca Manzotti - Jelka G. Orsoni Sezione di Oftalmologia del Dipartimento di Scienze

Dettagli

L intervento di cataratta nel paziente ipermetrope

L intervento di cataratta nel paziente ipermetrope Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Chirurgia e Medicina Traslazionale Clinica Oculistica Prof. Ugo Menchini L intervento di cataratta nel paziente ipermetrope Dr.ssa Eleonora Favuzza Dr.ssa

Dettagli

Casa di Cura Suore dell Addolorata Presidio autonomo di chirurgia ambulatoriale e Day Surgery 56100 Pisa, Via Manzoni, 13. Il percorso oculistico

Casa di Cura Suore dell Addolorata Presidio autonomo di chirurgia ambulatoriale e Day Surgery 56100 Pisa, Via Manzoni, 13. Il percorso oculistico Casa di Cura Suore dell Addolorata Presidio autonomo di chirurgia ambulatoriale e Day Surgery 56100 Pisa, Via Manzoni, 13 Il percorso oculistico L Unità Funzionale di Oculistica è un struttura organizzativa

Dettagli

HTA Short Report. ARNAS- CDB Il Documentalista HTA Dott. Giuseppe Carruba. Introduzione. Tecnologia e procedure alternative

HTA Short Report. ARNAS- CDB Il Documentalista HTA Dott. Giuseppe Carruba. Introduzione. Tecnologia e procedure alternative 1 HTA Short Report Appropriatezza della Scintigrafia Miocardica Perfusionale ARNAS- CDB Il Documentalista HTA Dott. Giuseppe Carruba Indice Introduzione Tecnologia e procedure alternative Obiettivi del

Dettagli

AISM. Associazione Italiana Sclerosi Multipla

AISM. Associazione Italiana Sclerosi Multipla AISM Associazione Italiana Sclerosi Multipla La sclerosi multipla La sclerosi multipla è una malattia cronica del sistema nervoso centrale spesso progressivamente invalidante. Un processo infiammatorio

Dettagli

Prof. Pier Paolo Piccaluga Università di Bologna

Prof. Pier Paolo Piccaluga Università di Bologna Prof. Pier Paolo Piccaluga Università di Bologna DNA: la molecola della vita L'acido desossiribonucleico (DNA) è un acido nucleico, presente nel nucleo delle cellule, che contiene le informazioni genetiche

Dettagli

Che cos'è la SCLEROSI MULTIPLA

Che cos'è la SCLEROSI MULTIPLA Che cos'è la SCLEROSI MULTIPLA Sommario Che cos'è la sclerosi multipla? Chi viene colpito? Che cosa causa la sclerosi multipla? La sclerosi multipla è ereditaria? Come progredisce la malattia? IMPORTANTE:

Dettagli

GLAUCOMA. Il glaucoma può essere acuto o cronico.

GLAUCOMA. Il glaucoma può essere acuto o cronico. GLAUCOMA La parola glaucoma deriva dal greco e significa "annebbiato". Indica una situazione di offuscamento della vista quale accade nell'edema corneale a seguito di una pressione oculare cronicamente

Dettagli

LA SINDROME DI VON HIPPEL-LINDAU. Conoscere per Curare

LA SINDROME DI VON HIPPEL-LINDAU. Conoscere per Curare LA SINDROME DI VON HIPPEL-LINDAU Conoscere per Curare 1) Che cos è VHL? La sindrome di Von Hippel-Lindau è una rara malattia a carattere ereditario che determina una predisposizione allo sviluppo di neoplasie

Dettagli

MILD COGNITIVE IMPAIRMENT

MILD COGNITIVE IMPAIRMENT MILD COGNITIVE IMPAIRMENT - Rapporto del Gruppo di Lavoro Internazionale sul - Winblad B et al. (2004). Mild Cognitive Impairment: beyond controversies, towards a consensus. Journal of Internal Medicine;

Dettagli

Salute e Scienze Sclerosi multipla, SLA, Alzheimer e Parkinson: novità diagnostiche e terapeutiche

Salute e Scienze Sclerosi multipla, SLA, Alzheimer e Parkinson: novità diagnostiche e terapeutiche www.aggm.it Agenzia Giornalistica Global Media Salute e Scienze Sclerosi multipla, SLA, Alzheimer e Parkinson: novità diagnostiche e terapeutiche A Napoli il Congresso mondiale della Società Internazionale

Dettagli

Fase intraospedaliera, reti e percorsi

Fase intraospedaliera, reti e percorsi Fase intraospedaliera, reti e percorsi Parte endovascolare Il neuroradiologo interventista Trattamento endovascolare dello stroke ischemico Trattamento endovascolare dello stroke emorragico Salvatore Mangiafico

Dettagli

Conferenza dei servizi LE DISABILITA VISIVE: PREVENZIONE DIAGNOSI-TERAPIA E RIABILITAZIONE VISIVA Bracciano, 30/11-01/12 2015

Conferenza dei servizi LE DISABILITA VISIVE: PREVENZIONE DIAGNOSI-TERAPIA E RIABILITAZIONE VISIVA Bracciano, 30/11-01/12 2015 Conferenza dei servizi LE DISABILITA VISIVE: PREVENZIONE DIAGNOSI-TERAPIA E RIABILITAZIONE VISIVA Bracciano, 30/11-01/12 2015 LE DISABILITÀ VISIVE La ridotta capacità visiva nel nostro millennio determina

Dettagli

Ipertensione Arteriosa & Rischio Cardiovascolare

Ipertensione Arteriosa & Rischio Cardiovascolare CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN MEDICINA GENERALE IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE CON INTERESSE SPECIALE IN AREA CARDIOVASCOLARE Ipertensione Arteriosa & Rischio Cardiovascolare Percorso Educazionale Formativo

Dettagli

DIPARTIMENTO OFTALMOLOGIA

DIPARTIMENTO OFTALMOLOGIA CORTE DI GIUSTIZIA POPOLARE PER IL DIRITTO ALLA SALUTE II CONGRESSO NAZIONALE IL DIRITTO ALLA SALUTE: UN DIRITTO INALIENABILE CRITICITA A CONFRONTO COMMISSIONE TECNICA NAZIONALE DIPARTIMENTO OFTALMOLOGIA

Dettagli

Intervento di Capsulotomia Laser INFORMAZIONI

Intervento di Capsulotomia Laser INFORMAZIONI Intervento di Capsulotomia Laser INFORMAZIONI Gentile Signore/ Signora, Lei soffre di una opacizzazione dell involucro (capsula) che avvolge parzialmente il suo cristallino artificiale.esso è responsabile

Dettagli

Alterazioni papillari nella otticopatia glaucomatosa

Alterazioni papillari nella otticopatia glaucomatosa Alterazioni papillari nella otticopatia glaucomatosa La malattia glaucomatosa è caratterizzata da un atrofia delle cellule ganglionari e quindi dalla perdita dei loro assoni, che costituiscono il nervo

Dettagli

C U R R I C U L U M V I T A E

C U R R I C U L U M V I T A E C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome MICHELE CARBONELLI Indirizzo Telefono Fax E-mail Nazionalità Italiana Data di nascita 19-04-1976 ISTRUZIONE E FORMAZIONE Data: 2005 Specializzazione

Dettagli

Le tecnologie: schede tecniche

Le tecnologie: schede tecniche Le tecnologie: schede tecniche Il nuovo reparto di Radioterapia del Polo Oncologico Businco e Microcitemico di Cagliari si configura come un sistema altamente integrato per l implementazione di tecniche

Dettagli

La spending review Chi deve pagare l ECM Fibre ottiche retiniche

La spending review Chi deve pagare l ECM Fibre ottiche retiniche Anno III - N. 2 - Maggio/Agosto 2012 rivista quadrimestrale di Oftalmologia La spending review Chi deve pagare l ECM Fibre ottiche retiniche Edema maculare Norme rilascio patente Programma Mectizan s

Dettagli

49 Congresso Nazionale SIGG Firenze, 3-7 novembre 2004

49 Congresso Nazionale SIGG Firenze, 3-7 novembre 2004 49 Congresso Nazionale SIGG Firenze, 3-7 novembre 2004 Aumentato rischio di Mild Cognitive Impairment Amnesico in soggetti portatori dell allele ε 4 dell ApoE Valeria Cornacchiola, Roberto Monastero*,

Dettagli

Sessione 3.2 La terapia chirurgica

Sessione 3.2 La terapia chirurgica Modulo 3 La prevenzione secondaria Sessione 3.2 La terapia chirurgica durata: 30 min. 0 di 17 Obiettivi di apprendimento della sessione delineare le tecniche chirurgiche necessarie al controllo delle recidive

Dettagli

Sclerosi Multipla e Fatica: Aspetti Neurofisiologici, Psicologici, Cognitivi e Neuroriabilitativi. TRIESTE 3 e 4 APRILE 2009

Sclerosi Multipla e Fatica: Aspetti Neurofisiologici, Psicologici, Cognitivi e Neuroriabilitativi. TRIESTE 3 e 4 APRILE 2009 V Incontro Formativo di Neuropsicologica e Neuroriabilitazione Sclerosi Multipla e Fatica: Aspetti Neurofisiologici, Psicologici, Cognitivi e Neuroriabilitativi TRIESTE 3 e 4 APRILE 2009 Aula Magna OSPEDALE

Dettagli