Algoritmi per protocolli peer-to-peer

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Algoritmi per protocolli peer-to-peer"

Transcript

1 Algoritmi per protocolli peer-to-peer Introduzione Livio Torrero 09/2009

2 Approccio client-server (1/2) Client 1 Client 3 Server Client 2 Client 4 Paradigma molto comune Un client richiede dati o servizi, un server risponde Scalabilità e affidabilità ottenuta attraverso ridondanza e sistemi di supporto (DNS ) Esempi: Web, FTP 2

3 Approccio client-server (2/2) Client 1 Client 3 Server Client 2 Client 4 Problemi: Non scala Single point of failure I server centrali devono essere amministrati I client dell overlay sono risorse non sfruttate 3

4 Approccio Peer-to-peer Peer 1 Peer 3 Peer 2 Peer 4 Il peer to peer consiste nella condivisione di risorse e servizi per scambio diretto tra i peer Il peer-to-peer è un paradigma Specifica come si fa, non cosa Può essere applicato in diversi contesti I nodi sono sia client che server i nodi sono sia produttori che consumatori di risorse Qualsiasi nodo può iniziare una connessione verso un altro 4

5 Caratteristiche delle reti peer-to-peer I nodi sono autonomi Non c è in generale una entità amministratrice centrale Le reti p2p si adattano meglio dei sistemi client/server al dinamismo delle reti I nodi si connettono e disconnettono periodicamente Le reti p2p si basano sullo sfruttamento delle risorse in eccesso dei nodi Per migliorare le prestazioni si adattano alle differenti capacità dei nodi Alcuni nodi anno notevole disponibilità di risorse Banda, potenza di calcolo, storage Altri meno Cellulari, dispositivi mobili.. Oltre a questo alcuni peer hanno connettività limitata NAT, firewall Le reti peer-to-peer sono potenzialmente reti di grandi dimensioni Potenzialmente di dimensioni mondiali 5

6 Vantaggi delle reti peer-to-peer Utilizzo efficiente delle risorse efficiente disponibili sull overlay Si rubano cicli di processore, banda, storage altrimenti inutilizzati dai nodi dell overlay Scalabilità I nodi che consumano risorse allo stesso tempo le forniscono Le risorse aggregate crescono naturalmente con l utilizzo Affidabilità Le risorse sono normalmente replicate su più nodi dell overlay Non ci sono single point of failure Facili da amministrare L overlay p2p si organizza da se Non sono necessari server per fornire le risorse/servizi In alcuni casi sono però ancora usati per l indicizzazione Le reti p2p assicurano fault-tolerance, replicazione delle risorse/servizi e bilanciamento di carico tra i nodi 6

7 Reti peer-to-peer: applicazioni Le reti peer to peer sono note per le applicazioni di file sharing Napster Gnutella Bittorrent emule.... e per le applicazioni VoIP e di Instant Messaging Skype tuttavia si usano anche per servizi di vario genere calcolo distributo Desktop grid più di di utenti) 7

8 Organizzazione dei peer (1/2) Per rendere questo possibile peer si organizzano in un overlay: L overlay è una rete sulla rete I peer si organizzano creando dei link virtuali fra loro Normalmente nell overlay esistono più copie della stessa risorsa per massimizzarne la raggiungibilità 8

9 Organizzazione dei peer (2/2) L overlay garantisce il bilanciamento del carico fra i peer L overlay garantisce l accessibilità da parte di tutti i nodi delle risorse/servizi condivise dai peer E impossibile pensare di accedere alle risorse/servizi sulla base dell indirizzo IP del nodo che le mette in condivisione Potenzialmente l indirizzo cambia ogni volta che il peer si connette ad Internet I peer possono avere indirizzi non accessibili da tutti NAT = indirizzi non univoci Firewall = limiti di connettività 9

10 Peer-to-peer: operazioni fondamentali Un nodo p2p svolge le seguenti operazioni di base: BOOT: è la fase di ingresso nell overlay peer-to-peer Cache preesistenti Configurazione statica Nodi centralizzati di bootstrap LOOKUP RISORSE/SERVIZI: come localizzo le risorse/servizi su un overlay p2p? Devo localizzare il nodo dell overlay che gestisce la risorsa/servizio Es: su quale nodo dell overlay è memorizzato il file che cerco? UTILIZZO DELLE RISORSE/SERVIZI: basato sull interazione diretta tra i peer Es: scarico un file direttamente dal nodo su cui è memorizzato E possibile pensare di classificare le reti peer-to-peer in base alla topologia dell overlay e alle metodologie di accesso alle risorse/ servizi 10

11 Classificazione infrastrutture peer-to-peer: approccio centralizzato Infrastrutture peer-to-peer Approccio centralizzato Approccio non centralizzato Prime implementazioni di infrastrutture peer-to-peer Lookup centralizzato Una volta individuata una risorsa i peer interagiscono direttamente Approccio ancora fortemente simile al client server (basate su nodi fissi) Colli di bottiglia => non scalano Single point of failure => infrastruttura fragile Esempio: Napster 11

12 Classificazione infrastrutture peer-to-peer: approccio non centralizzato Infrastrutture peer-to-peer Approccio centralizzato Approccio non centralizzato Implementazioni più evolute Non c è più un nodo di lookup centralizzato Le informazioni di lookup sono distribuite direttamente sui nodi Pro: maggiore scalabilità Lookup distribuito e reti gerarchiche Contro: maggiore complessità Se non c è più server centrale, come si trovano le risorse? 12

13 Reti peer-to-peer non centralizzate (non strutturate) Approccio non centralizzato non strutturato strutturato L approccio non strutturato non fornisce un controllo stretto sulla topologia della rete peer to peer Non esiste un directory service vero e proprio Ogni peer dell overlay conosce alcuni altri peer (cache) Non si sa se i peer in cache sono effettivamente online Uso estensivo del flooding Non ci sono vere garanzie di prestazioni Basso overhead Nel seguito verranno presentati casi di studio specifici: Gnutella, Kazaaa 13

14 Reti peer-to-peer non centralizzate (strutturate) Approccio decentralizzato non strutturato strutturato I peer si organizzano secondo una topologia precisa Esiste un directory service distribuito Ogni peer conosce alcuni nodi dell overlay attraverso cui accede a tutti gli altri I nodi in cache costituiscono una specie di mappa dell overlay Ricerche efficienti, ma quanto costa mantenere il directory service? Si pongono l obiettivo di garantire delle prestazioni Il directory service è normalmente realizzato attraverso una DHT Nel seguito verranno presentati casi di studio specifici (CHORD, Kademlia) 14

15 Le tabelle di hash: concetti base Le strutture dati sono normalmente organizzate in tabelle Le tabelle di hash sono tabelle che permettono un accesso molto efficiente ai dati Nelle tabelle di hash sono memorizzate coppie chiave valore Il valore rappresenta l informazione memorizzata sulla tabella La chiave permette l inserimento e l individuazione del dato nella tabella Le chiavi sono trasformate in indici della tabella mediante una funzione di hash Utilizzare direttamente le chiavi come indirizzi della tabella causerebbe uno spreco di spazio notevole se lo spazio delle chiavi è molto grande La funzione di hashing serve: A determinare la posizione tabella dove inserire i dati a partire dalla chiave A localizzare un dato in tabella nota la relativa chiave 15

16 Esempio di tabella di hash h(k1) h(k3) k1 k4 k2 k3 h(k2) h(k4) Le chiavi non sono più gli indirizzi delle celle, ma vengono utilizzate per calcolarli In questo modo la dimensione della tabella è inferiore alla dimensione dello spazio delle celle 16

17 Tabelle di hash: collisioni Idealmente una funzione di hash ritorna lo stesso risultato solo per 2 chiavi uguali Non esistono funzioni di hash perfette: è possibile che date due chiavi diverse la funzione ritorni il medesimo risultato In questo caso si parla di collisioni In caso di collisione sono state elaborate diverse tecniche di gestione Scansione lineare => cella successiva Concatenazione => ogni cella della tabella può contenere una lista di elementi. In caso di collisione l elemento viene inserito in coda alla lista 17

18 Le infrastrutture DHT: introduzione Le distributed hash table offrono le funzionalità tradizionali delle tabelle di hash su un insieme di nodi Sono tabelle di hash suddivise in pezzi è memorizzate separatamente sui peer Contengono coppie <chiave, valore> Il nodo che memorizza la coppia <chiave, valore> è detto nodo responsabile della chiave Hash table Overlay p2p 18

19 DHT: concetti base (1/2) Ogni algoritmo DHT è caratterizzato da una funzione distanza fra le chiavi Permette di verificare se due chiavi sono vicine Es: xor bit a bit Assegnazione delle chiavi ai nodi con load-balancing Gli identificativi dei nodi e le chiavi sono nello stesso spazio di valori Sono confrontabili Le chiavi sono assegnate a nodi vicini alle chiavi nello spazio degli ID 19

20 DHT: concetti base (2/2) Le DHT espongono i messaggi put e get Put(chiave, valore): inserisce la coppia su un nodo dell infrastruttura Il messaggio può essere inviato a qualsiasi nodo della DHT: il messaggio viene inoltrato fino al nodo responsabile per la chiave che memorizzerà il valore Get(chiave): recupera il valore associato alla chiave Il messaggio può essere inviato a qualsiasi nodo della DHT: il messaggio viene inoltrato fino al nodo responsabile per la chiave non viene raggiunto. A prescindere dal nodo che riceve la richiesta per localizzare una chiave, viene ritornato sempre lo stesso nodo 20

21 Uso delle DHT nel peer-to-peer: un naming service distribuito Le DHT nelle infrastrutture peer-to-peer sono usate per realizzare un name service distribuito A ogni risorsa/servizio è associata una chiave I peer stessi sono identificati attraverso chiavi Le DHT sono completamente decentralizzate e scalabili Ogni nodo gestisce: un insieme di chiavi che identificano delle risorse/servizi Sono le risorse/servizi di cui il nodo è responsabile E la porzione di name service distribuito di competenza del nodo una routing table Contiene le chiavi che identificano altri nodi dell overlay Se cerca una risorsa di cui non è responsabile inoltra la richiesta a uno dei nodi che conosce La routing table è costruita in modo da adattarsi alle variazioni della rete (join e leave dei nodi) Il routing avviene in base alla chiave relativa alla risorsa cercata Inoltro la richiesta alla entry della routing table la cui chiave è più vicina a quella della risorsa cercata Il confronto è possibile perché le chiavi relative alle risorse e ai nodi fanno parte dello stesso spazio 21

22 Modellazione delle reti p2p Le reti p2p vengono comunemente modellate al fine di: Stimare il traffico su di esse Caratterizzare la disponibilità delle risorse/servizi Valutare l effettiva raggiungibilità dei nodi dell overlay Le reti p2p sono modellate attraverso l uso di grafi Overlay = grafo Il grafo può essere orientato o meno Possibile applicare la teoria dei grafi all overlay per modellarne il comportamento 22

23 Diametro, raggio ed eccentricità dell overlay Utilizzati per caratterizzare le prestazioni della rete in termini di raggiungibilità dei nodi Si basano sul concetto di distanza tra due nodi Distanza tra due nodi = numero di archi presenti nel cammino più corto tra i due nodi Se due nodi fanno parte di due componenti connesse del grafo non collegate fra loro la distanza fra di loro sarà infinita Eccentricità di un nodo = massima distanza tra il nodo in oggetto e qualsiasi altro nodo dell overlay Raggio dell overlay = minima eccentricità di ogni nodo Diametro dell overlay = massima eccentricità di ogni nodo = la distanza massima esistente fra due nodi nell overlay 23

24 Il degree dei nodi Livio Torrero - Politecnico di Torino Il degree di un nodo è pari al numero di archi incidenti su quel nodo Il concetto di degree cambia a seconda che l overlay sia modellato attraverso un grafo orientato o meno Grafo non orientato: il degree di un nodo è pari alla somma dei suoi archi Ogni arco è contato due volte Grafo orientato Indegree = numero di archi entranti in un nodo Outdegree = numero di archi uscenti da un nodo 24

25 Clustering coefficient (1/2) Il clustering coefficient di un nodo indica quanto il nodo e i suoi vicini sono prossimi ad essere una clique Clustering coeff. = (numero archi esistenti tra i vicini)/(numero archi possibili tra i vicini) Vicinato di un nodo: Clustering coefficient (grafo orientato) Numero archi possibili: ( = numero vicini nodo i) 25

26 Clustering coefficient (2/2) Clustering coefficient (grafo non orientato) Il numero di archi possibili è la metà del valore precedente Clustering coefficient dell overlay 26

27 Clustering coefficient: esempi a a a 27

Contesto: Peer to Peer

Contesto: Peer to Peer Contesto: Peer to Peer Un architettura di rete P2P è caratterizzata da: Connessioni dirette tra i suoi componenti. Tutti i nodi sono entità paritarie (peer). Risorse di calcolo, contenuti, applicazioni

Dettagli

Algoritmi per protocolli peer-to-peer

Algoritmi per protocolli peer-to-peer Algoritmi per protocolli peer-to-peer Reti non strutturate: casi di studio Livio.torrero@polito (Livio.torrero@polito.it) 09/2009 Napster: introduzione Livio Torrero - Politecnico di Torino Nato come applicativo

Dettagli

Sistemi P2P Sistemi P2P Sistemi P2P Sistemi P2P Sistemi P2P Sistemi P2P

Sistemi P2P Sistemi P2P Sistemi P2P Sistemi P2P Sistemi P2P Sistemi P2P Sistemi Peer To Peer (P2P) Peer-to-Peer (P2P) File Sharing? Sistema distribuito nel quale ogni nodo ha identiche capacità e responsabilità e tutte le comunicazioni sono potenzialmente simmetriche; Gennaro

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 9

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 9 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 9 Martedì 1-04-2014 1 Applicazioni P2P

Dettagli

Algoritmi per protocolli peer-to-peer

Algoritmi per protocolli peer-to-peer Algoritmi per protocolli peer-to-peer Bittorrent (caso di studio) Livio Torrero (livio.torrero@polito.it) 09/2009 Bittorent: concetti base (1/2) La rete Bittorrent si basa su tracker Spesso integrato con

Dettagli

CdL MAGISTRALE in INFORMATICA A.A. 2014-15 corso di Sistemi Distribuiti. 8. Le architetture (prima parte) Prof. S.Pizzutilo

CdL MAGISTRALE in INFORMATICA A.A. 2014-15 corso di Sistemi Distribuiti. 8. Le architetture (prima parte) Prof. S.Pizzutilo CdL MAGISTRALE in INFORMATICA A.A. 2014-15 corso di Sistemi Distribuiti 8. Le architetture (prima parte) Prof. S.Pizzutilo I Sistemi Distribuiti Un Sistema Distribuito è un insieme di processori indipendenti

Dettagli

Capitolo 2 - parte 4. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Como 2003

Capitolo 2 - parte 4. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Como 2003 Capitolo 2 - parte 4 Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Como 2003 Agenda - Content Distribution Networks (CDN) - Peer to Peer M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2003 Cap 2-4 pag.

Dettagli

Peer to Peer non solo file sharing

Peer to Peer non solo file sharing Peer to Peer non solo file sharing Indice Prima Parte: il Peer to Peer in generale P2P: definizione Curiosità Punti di forza e di debolezza Il Free Riding Seconda Parte: classificazione del Peer to Peer

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 11

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 11 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Parte II: Reti di calcolatori Lezione 11 Martedì 14-04-2015 1 Esempio di uso di proxy Consideriamo

Dettagli

Capitolo 2 - parte 4. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella

Capitolo 2 - parte 4. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Capitolo 2 - parte 4 Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Agenda - File Transfer Protocol (FTP) - Content Distribution Networks (CDN) - Peer to Peer M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como

Dettagli

Una architettura peer-topeer per la visualizzazione 3D distribuita

Una architettura peer-topeer per la visualizzazione 3D distribuita Una architettura peer-topeer per la visualizzazione 3D distribuita Claudio Zunino claudio.zunino@polito.it Andrea Sanna andrea.sanna@polito.it Dipartimento di Automatica e Informatica Politecnico di Torino

Dettagli

CdL MAGISTRALE in INFORMATICA

CdL MAGISTRALE in INFORMATICA 05/11/14 CdL MAGISTRALE in INFORMATICA A.A. 2014-2015 corso di SISTEMI DISTRIBUITI 7. I processi : il naming Prof. S.Pizzutilo Il naming dei processi Nome = stringa di bit o di caratteri utilizzata per

Dettagli

Lezione n.1 Sistemi P2P: Introduzione

Lezione n.1 Sistemi P2P: Introduzione Università degli Studi di isa Lezione n.1 Sistemi 2: 19-2-2007 eer-to-eer Systems and Applications Capitolo 2 Università degli Studi di isa 1 INFORMAZIONI UTILI Orario corso : martedì ore 14.00-16.00 venerdì

Dettagli

(P2P) Sistemi peer-to. Cosa è il peer-to. Caratteristiche dei sistemi P2P. Valeria Cardellini Università di Roma Tor Vergata

(P2P) Sistemi peer-to. Cosa è il peer-to. Caratteristiche dei sistemi P2P. Valeria Cardellini Università di Roma Tor Vergata Sistemi peer-to to-peer (P2P) Sistemi peer-to to-peer Valeria Cardellini Università di Roma Tor Vergata Giunti agli oneri della cronaca di recente Negli anni 1999/2000 Il famoso caso Napster (sistema di

Dettagli

Naming nei Sistemi Distribuiti

Naming nei Sistemi Distribuiti Naming nei Sistemi Distribuiti Naming (1) La risoluzione dei nomi permette ad un processo di accedere ad una entità in un sistema distribuito. Un sistema di naming è necessario per avere un modello comune

Dettagli

Naming nei Sistemi Distribuiti

Naming nei Sistemi Distribuiti Naming nei Sistemi Distribuiti Naming (1) La risoluzione dei nomi permette ad un processo di accedere ad una entità in un sistema distribuito. Un sistema di naming è necessario per avere un modello comune

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI

SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI E FILE SYSTEM DISTRIBUITI 12.1 Sistemi Distribuiti Sistemi operativi di rete Sistemi operativi distribuiti Robustezza File system distribuiti Naming e Trasparenza Caching

Dettagli

Modelli e Sistemi di Elaborazione Peer-to-Peer

Modelli e Sistemi di Elaborazione Peer-to-Peer Università degli Studi della Calabria Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Matematica Modelli e Sistemi di Elaborazione Peer-to-Peer Concetti di base sul Peer-to-Peer: -

Dettagli

Reti di Calcolatori:

Reti di Calcolatori: Reti di Calcolatori: Internet, Intranet e Mobile Computing a.a. 2007/2008 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/reti/reti0708.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria. Corso di Sistemi Distribuiti. Valeria Cardellini. Anno accademico 2008/09

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria. Corso di Sistemi Distribuiti. Valeria Cardellini. Anno accademico 2008/09 Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Sistemi peer-to to-peer Corso di Sistemi Distribuiti Valeria Cardellini Anno accademico 2008/09 Sistemi peer-to to-peer (P2P) Giunti agli

Dettagli

Topologia delle reti. Rete Multipoint: ogni nodo è connesso agli altri tramite nodi intermedi (rete gerarchica).

Topologia delle reti. Rete Multipoint: ogni nodo è connesso agli altri tramite nodi intermedi (rete gerarchica). Topologia delle reti Una RETE DI COMPUTER è costituita da un insieme di elaboratori (NODI) interconnessi tra loro tramite cavi (o sostituti dei cavi come le connessioni wireless). Rete Point-to-Point:

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12 Sommario della

Dettagli

Organizzazioni virtuali di tipo Peer-to-Peer

Organizzazioni virtuali di tipo Peer-to-Peer Organizzazioni virtuali di tipo Peer-to-Peer Ing. Michele Amoretti Distributed Systems Group VI Incontro del GARR 17 Novembre 2005 Sommario - Organizzazioni virtuali - Modelli architetturali P2P - Skype

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella Una definizione di Rete Una moderna rete di calcolatori può essere definita come:

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Il File System. È la componente del S.O. che si occupa della gestione della memoria di massa e dell organizzazione logica dei dati

Il File System. È la componente del S.O. che si occupa della gestione della memoria di massa e dell organizzazione logica dei dati Il File System È la componente del S.O. che si occupa della gestione della memoria di massa e dell organizzazione logica dei dati Le operazioni supportate da un file system sono: eliminazione di dati modifica

Dettagli

TEST DI RETI DI CALCOLATORI I (9400N) anno 1999/2000

TEST DI RETI DI CALCOLATORI I (9400N) anno 1999/2000 TEST DI RETI DI CALCOLATORI I (9400N) anno 1999/2000 1) Quanti sono i livelli del modello ISO/OSI: A. 3 B. 7 C. 6 D. non è definito un numero massimo non è definito un numero massimo 2) Due entità ad un

Dettagli

Altri metodi di indicizzazione

Altri metodi di indicizzazione Organizzazione a indici su più livelli Altri metodi di indicizzazione Al crescere della dimensione del file l organizzazione sequenziale a indice diventa inefficiente: in lettura a causa del crescere del

Dettagli

RETI PEER-TO-PEER. Reti di Calcolatori. Applicazioni di Rete avanzate: Reti di Calcolatori. Sistemi Peer to Peer Griglie Computazionali

RETI PEER-TO-PEER. Reti di Calcolatori. Applicazioni di Rete avanzate: Reti di Calcolatori. Sistemi Peer to Peer Griglie Computazionali Reti di Calcolatori Applicazioni di Rete avanzate: Sistemi Peer to Peer Griglie Computazionali Corso di Reti di Calcolatori Carlo Mastroianni Reti di Calcolatori RETI PEER-TO-PEER Sistemi P2P In una rete

Dettagli

Svantaggi della Commutazione di Circuito. Commutazione di Pacchetto. Struttura di un Pacchetto

Svantaggi della Commutazione di Circuito. Commutazione di Pacchetto. Struttura di un Pacchetto Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre / Commutazione di Pacchetto Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Svantaggi della Commutazione

Dettagli

Introduzione alla rete Skype

Introduzione alla rete Skype Introduzione alla rete Skype Fulvio RISSO Un sentito ringraziamento a Livio Torrero, che ha fornito parte delle slides di questa raccolta 1 Le reti peer to peer (1) Overlay peer-to-peer I peer si organizzano

Dettagli

emule Dario Maggiari Files Sharing for dummies...or nearly... emule/edonkey Net & Protocol L' autore...

emule Dario Maggiari Files Sharing for dummies...or nearly... emule/edonkey Net & Protocol L' autore... emule Files Sharing for dummies...or nearly... By Dario Maggiari L' autore... Dario Maggiari è laureato in Informatica Applicata all'università di Pisa e frequenta i corsi della Laurea Specialistica in

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

Capitolo 11 -- Silberschatz

Capitolo 11 -- Silberschatz Implementazione del File System Capitolo 11 -- Silberschatz Implementazione del File System File system: Definizione dell aspetto del sistema agli occhi dell utente Algoritmi e strutture dati che permettono

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti. e.visciotti@gmail.com

A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti. e.visciotti@gmail.com A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti e.visciotti@gmail.com Il termine generico rete (network) definisce un insieme di entità (oggetti, persone, ecc.) interconnesse le une alle altre. Una rete permette

Dettagli

Livello di Rete. Prof. Filippo Lanubile. Obiettivo

Livello di Rete. Prof. Filippo Lanubile. Obiettivo Livello di Rete Circuiti virtuali e datagram La funzione di instradamento Costruzione della tabella di routing Algoritmi di routing adattivi: distance vector routing e link-state routing Routing gerarchico

Dettagli

Sistemi distribuiti peer-to-peer

Sistemi distribuiti peer-to-peer Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Sistemi Distribuiti Prof. Stefano Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer

Dettagli

Perché progettare sistemi P2P Breve storia del le-sharing Distributed Hash Table. P2P: Overlay. Matteo Dell'Amico. Master SIIT 1 luglio 2008

Perché progettare sistemi P2P Breve storia del le-sharing Distributed Hash Table. P2P: Overlay. Matteo Dell'Amico. Master SIIT 1 luglio 2008 Master SIIT 1 luglio 2008 Scaletta 1 Che signica P2P? Vantaggi e svantaggi Obiettivi 2 La prima generazione: Napster e Gnutella Seconda generazione: Superpeer e Kazaa I più usati (per ora): emule e BitTorrent

Dettagli

Lezione n.6. Università degli Studi di Pisa. Materiale didattico: Peer-to-Peer Systems and Applications Capitolo 5. Dipartimento di Informatica

Lezione n.6. Università degli Studi di Pisa. Materiale didattico: Peer-to-Peer Systems and Applications Capitolo 5. Dipartimento di Informatica Lezione n.6 Sistemi P2P: Gnutella Materiale didattico: Peer-to-Peer Systems and Applications Capitolo 5 1 Gnutella: il protocollo in breve Messaggi scambiati sulla Overlay Network Messaggi di keep-alive:

Dettagli

Introduzione. Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete. Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio 2-1

Introduzione. Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete. Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio 2-1 Introduzione Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete 2-1 Pila di protocolli Internet Software applicazione: di

Dettagli

Problema del naming. Modello di Naming

Problema del naming. Modello di Naming Sistemi Distribuiti Problema del naming 1 Modello di Naming Conoscenza reciproca delle entità / servizi In una relazione cliente/servitore il cliente deve avere un riferimento al servitore Problema della

Dettagli

Internet, così come ogni altra rete di calcolatori possiamo vederla suddivisa nei seguenti componenti:

Internet, così come ogni altra rete di calcolatori possiamo vederla suddivisa nei seguenti componenti: Pagina 1 di 8 Struttura di Internet ed il livello rete Indice Struttura delle reti Estremità della rete Il nucleo della rete Reti a commutazione di pacchetto e reti a commutazione di circuito Funzionalità

Dettagli

Oreste Signore, <oreste@w3.org> Responsabile Ufficio Italiano W3C Area della Ricerca CNR - via Moruzzi, 1-56124 Pisa

Oreste Signore, <oreste@w3.org> Responsabile Ufficio Italiano W3C Area della Ricerca CNR - via Moruzzi, 1-56124 Pisa http://www.w3c.it/education/2012/upra/basicinternet/#(1) 1 of 16 Oreste Signore, Responsabile Ufficio Italiano W3C Area della Ricerca CNR - via Moruzzi, 1-56124 Pisa Master in Comunicazione

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica.

Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica. Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Sistemi Distribuiti Prof. Stefano Russo Sistemidistribuiti peer-to-peer

Dettagli

FTP. Appunti a cura del prof. ing. Mario Catalano

FTP. Appunti a cura del prof. ing. Mario Catalano FTP Appunti a cura del prof. ing. Mario Catalano Il protocollo FTP 1/2 Attraverso il protocollo FTP (File Transfer Protocol) è possibile trasferire uno o più files di qualsiasi tipo tra due macchine Tale

Dettagli

Capitolo 1: Architettura dei sistemi distribuiti Introduzione

Capitolo 1: Architettura dei sistemi distribuiti Introduzione Capitolo 1: Architettura dei sistemi distribuiti Introduzione Abbiamo visto come negli ultimi anni la crescita esponenziale del Web abbia in qualche modo portato allo sviluppo di servizi fortemente centralizzati,

Dettagli

17/05/2013. Indice dei Contenuti. Ruolo del Naming nei SD. Corso Sistemi Distribuiti 6 cfu Docente: Prof. Marcello Castellano

17/05/2013. Indice dei Contenuti. Ruolo del Naming nei SD. Corso Sistemi Distribuiti 6 cfu Docente: Prof. Marcello Castellano Corso Sistemi Distribuiti 6 cfu Docente: Prof. Marcello Castellano /35 Ruolo del Naming nei SD - 3 Denominazione di entità - 4 Sistemi di Naming - 8 Tipologie di Naming - 10 Naming Semplice e Differenti

Dettagli

Laboratorio di Informatica. Le reti telematiche e Internet

Laboratorio di Informatica. Le reti telematiche e Internet Le reti telematiche e Internet Lezione 6 1 Insieme di cavi, protocolli, apparati di rete che collegano tra loro computer distinti i cavi trasportano fisicamente le informazioni opportunamente codificate

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12 Sommario della

Dettagli

AEMcom Peer2Peer Ubuntu \ Mac OS

AEMcom Peer2Peer Ubuntu \ Mac OS AEMcom Peer2Peer Ubuntu \ Mac OS La rete di AEMcom raggiunge ormai tutto il territorio della provincia di Cremona, arrivando a coprire anche alcuni comuni dei territori confinanti. AEMcom Peer2Peer nasce

Dettagli

Indirizzi Internet e. I livelli di trasporto delle informazioni. Comunicazione e naming in Internet

Indirizzi Internet e. I livelli di trasporto delle informazioni. Comunicazione e naming in Internet Indirizzi Internet e Protocolli I livelli di trasporto delle informazioni Comunicazione e naming in Internet Tre nuovi standard Sistema di indirizzamento delle risorse (URL) Linguaggio HTML Protocollo

Dettagli

Reti di Calcolatori IL LIVELLO RETE

Reti di Calcolatori IL LIVELLO RETE Reti di Calcolatori IL LIVELLO RETE D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 3-1 Il Livello RETE Servizi del livello Rete Organizzazione interna Livello Rete basato su Circuito Virtuale Livello Rete basato

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

La classificazione delle reti

La classificazione delle reti La classificazione delle reti Introduzione Con il termine rete si intende un sistema che permette la condivisione di informazioni e risorse (sia hardware che software) tra diversi calcolatori. Il sistema

Dettagli

Reti di calcolatori. Lezione del 10 giugno 2004

Reti di calcolatori. Lezione del 10 giugno 2004 Reti di calcolatori Lezione del 10 giugno 2004 Internetworking I livelli 1 fisico e 2 data link si occupano della connessione di due host direttamente connessi su di una rete omogenea Non è possibile estendere

Dettagli

Programmazione modulare 2014-2015

Programmazione modulare 2014-2015 Programmazione modulare 2014-2015 Indirizzo: Informatica Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: 5 A e 5 B Docente: Buscemi Letizia Ore settimanali previste: 4 ore (2 teoria + 2 laboratorio) Totale ore previste:

Dettagli

Architetture dei Sistemi Distribuiti

Architetture dei Sistemi Distribuiti Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Architetture dei Sistemi Distribuiti Corso di Sistemi Distribuiti Valeria Cardellini Anno accademico 2009/10 Architettura sw di un SD Definisce

Dettagli

Comunicazione tra Computer. Protocolli. Astrazione di Sottosistema di Comunicazione. Modello di un Sottosistema di Comunicazione

Comunicazione tra Computer. Protocolli. Astrazione di Sottosistema di Comunicazione. Modello di un Sottosistema di Comunicazione I semestre 04/05 Comunicazione tra Computer Protocolli Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica 1

Dettagli

* Accesso ai file remoti - trasferimento effettivo dei dati mediante RPC - aumento delle prestazioni tramite caching

* Accesso ai file remoti - trasferimento effettivo dei dati mediante RPC - aumento delle prestazioni tramite caching * Sistemi operativi di rete: ambiente composto da risorse remote accessibili esplicitamente con controllo utente. Funzioni principali (demone); - login remoto (telnet) - trasferimento di file remoti (FTP)

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI Lucidi delle Lezioni Capitolo VIII

RETI DI CALCOLATORI Lucidi delle Lezioni Capitolo VIII Prof. Giuseppe F. Rossi E-mail: giuseppe.rossi@unipv.it Homepage: http://www.unipv.it/retical/home.html UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PAVIA A.A. 2011/12 - II Semestre RETI DI CALCOLATORI Lucidi delle Lezioni

Dettagli

Reti di Calcolatori. Il software

Reti di Calcolatori. Il software Reti di Calcolatori Il software Lo Stack Protocollare Application: supporta le applicazioni che usano la rete; Transport: trasferimento dati tra host; Network: instradamento (routing) di datagram dalla

Dettagli

PROGETTAZIONE FISICA

PROGETTAZIONE FISICA PROGETTAZIONE FISICA Memorizzazione su disco, organizzazione di file e tecniche hash 2 Introduzione La collezione di dati che costituisce una BDD deve essere fisicamente organizzata su qualche supporto

Dettagli

Informatica Generale Andrea Corradini. 10 - Le reti di calcolatori e Internet

Informatica Generale Andrea Corradini. 10 - Le reti di calcolatori e Internet Informatica Generale Andrea Corradini 10 - Le reti di calcolatori e Internet Cos è una rete di calcolatori? Rete : È un insieme di calcolatori e dispositivi collegati fra loro in modo tale da permettere

Dettagli

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II)

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Implementazione del file system Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2009-10 Implementazione del File System Sommario Realizzazione del

Dettagli

Sistemi Di Elaborazione Dell informazione

Sistemi Di Elaborazione Dell informazione Sistemi Di Elaborazione Dell informazione Dott. Antonio Calanducci Lezione III: Reti di calcolatori Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Anno accademico 2009/2010 Reti di calcolatori Una rete

Dettagli

Reti diverse: la soluzione nativa

Reti diverse: la soluzione nativa Reti diverse: la soluzione nativa Quando si deve trasmettere un messaggio attraverso reti diverse, per il mezzo fisico, per il protocollo di accesso o altro, a che livello si colloca la procedura di traduzione

Dettagli

Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica. Corso di. Sistemi Distribuiti. Prof. Stefano Russo. Sistemi distribuiti peer-to-peer

Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica. Corso di. Sistemi Distribuiti. Prof. Stefano Russo. Sistemi distribuiti peer-to-peer Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Sistemi Distribuiti Prof. Stefano Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer

Dettagli

Gli indirizzi dell Internet Protocol. IP Address

Gli indirizzi dell Internet Protocol. IP Address Gli indirizzi dell Internet Protocol IP Address Il protocollo IP Prevalente è ormai diventato nell implementazione di reti di computer la tecnologia sintetizzata nei protocolli TCP- Ip IP è un protocollo

Dettagli

Reti diverse: la soluzione nativa

Reti diverse: la soluzione nativa Reti diverse: la soluzione nativa Quando si deve trasmettere un messaggio attraverso reti diverse, per il mezzo fisico, per il protocollo di accesso o altro, a che livello si colloca la procedura di traduzione

Dettagli

AEMcom Peer2Peer - Windows

AEMcom Peer2Peer - Windows AEMcom Peer2Peer - Windows La rete di AEMcom raggiunge ormai tutto il territorio della provincia di Cremona, arrivando a coprire anche alcuni comuni dei territori confinanti. AEMcom Peer2Peer nasce come

Dettagli

A intervalli regolari ogni router manda la sua tabella a tutti i vicini, e riceve quelle dei vicini.

A intervalli regolari ogni router manda la sua tabella a tutti i vicini, e riceve quelle dei vicini. Algoritmi di routing dinamici (pag.89) UdA2_L5 Nelle moderne reti si usano algoritmi dinamici, che si adattano automaticamente ai cambiamenti della rete. Questi algoritmi non sono eseguiti solo all'avvio

Dettagli

Sistemi Operativi GESTIONE DELLA MEMORIA CENTRALE. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 6.1

Sistemi Operativi GESTIONE DELLA MEMORIA CENTRALE. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 6.1 GESTIONE DELLA MEMORIA CENTRALE 6.1 Gestione della Memoria Background Spazio di indirizzi Swapping Allocazione Contigua Paginazione 6.2 Background Per essere eseguito un programma deve trovarsi (almeno

Dettagli

Controllo I/O Costituito dai driver dei dispositivi e dai gestori dei segnali d interruzione.

Controllo I/O Costituito dai driver dei dispositivi e dai gestori dei segnali d interruzione. C6. REALIZZAZIONE DEL FILE SYSTEM Struttura del file system Un file è analizzabile da diversi punti di vista. Dal punto di vista del sistema è un contenitore di dati collegati tra di loro, mentre dal punto

Dettagli

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Esperti nella gestione dei sistemi informativi e tecnologie informatiche Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Docente: Email: Sito: Eduard Roccatello eduard@roccatello.it http://www.roccatello.it/teaching/gsi/

Dettagli

Sistemi Operativi IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 9.1

Sistemi Operativi IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 9.1 IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM 9.1 Implementazione del File System Struttura del File System Implementazione Implementazione delle Directory Metodi di Allocazione Gestione dello spazio libero Efficienza

Dettagli

A2-03 Applicazioni Peer to Peer

A2-03 Applicazioni Peer to Peer A2-03 Applicazioni Peer to Peer Dopo aver esaminato le applicazioni di rete che utilizzano l'architettura clientserver, analizziamo più approfonditamente l'architettura peer-to-peer che, come abbiamo visto

Dettagli

Reti: cenni storici. Who s who

Reti: cenni storici. Who s who 1967: DoD ARPAnet 1970: ALOHAnet Reti: cenni storici 1975: TCP/IP model per internetwork 1976: Ethernet 198: TCP/UDP/IP standard per ARPAnet 1987: la rete cresce DNS 1989-1991: web guiding principles:

Dettagli

Informatica 3. LEZIONE 21: Ricerca su liste e tecniche di hashing. Modulo 1: Algoritmi sequenziali e basati su liste Modulo 2: Hashing

Informatica 3. LEZIONE 21: Ricerca su liste e tecniche di hashing. Modulo 1: Algoritmi sequenziali e basati su liste Modulo 2: Hashing Informatica 3 LEZIONE 21: Ricerca su liste e tecniche di hashing Modulo 1: Algoritmi sequenziali e basati su liste Modulo 2: Hashing Informatica 3 Lezione 21 - Modulo 1 Algoritmi sequenziali e basati su

Dettagli

Progetto di Reti di Telecomunicazione Modelli in Programmazione Lineare Problemi di flusso

Progetto di Reti di Telecomunicazione Modelli in Programmazione Lineare Problemi di flusso Progetto di Reti di Telecomunicazione Modelli in Programmazione Lineare Problemi di flusso Flusso di costo minimo È dato un grafo direzionato G = (N, A). Ad ogni arco (i, j) A è associato il costo c ij

Dettagli

Reti standard. Si trattano i modelli di rete su cui è basata Internet

Reti standard. Si trattano i modelli di rete su cui è basata Internet Reti standard Si trattano i modelli di rete su cui è basata Internet Rete globale Internet è una rete globale di calcolatori Le connessioni fisiche (link) sono fatte in vari modi: Connessioni elettriche

Dettagli

P2P Networking Tecnologie e Protocolli per Internet 2 (TPI2) rev 0.2

P2P Networking Tecnologie e Protocolli per Internet 2 (TPI2) rev 0.2 P2P Networking Tecnologie e Protocolli per Internet 2 (TPI2) rev 0.2 Electronic Engineering dept. E-mail: andrea.detti@uniroma2.it Un approccio è P2P quando chi fruisce di qualcosa offre anche qualcosa

Dettagli

Sistemi Distribuiti. Informatica B. Informatica B

Sistemi Distribuiti. Informatica B. Informatica B Sistemi Distribuiti Introduzione Che cos è un sistema distribuito? Un sistema distribuito è una collezione di computer indipendenti che appare all utente come un solo sistema coerente Da notare: le macchine

Dettagli

SISTEMI E RETI. Crittografia. Sistemi distribuiti e configurazione architetturale delle applicazioni WEB.

SISTEMI E RETI. Crittografia. Sistemi distribuiti e configurazione architetturale delle applicazioni WEB. SISTEMI E RETI Crittografia. Sistemi distribuiti e configurazione architetturale delle applicazioni WEB. CRITTOGRAFIA La crittografia è una tecnica che si occupa della scrittura segreta in codice o cifrata

Dettagli

5. Traduzione degli indirizzi di rete in indirizzi fisici: ARP

5. Traduzione degli indirizzi di rete in indirizzi fisici: ARP 5. Traduzione degli indirizzi di rete in indirizzi fisici: ARP 5.1. Introduzione Due macchine si parlano solo se conoscono l'indirizzo fisico di sottorete Due applicazioni si parlano solo se conoscono

Dettagli

i nodi i concentratori le dorsali

i nodi i concentratori le dorsali RETI LOCALI Reti di computer collegati direttamente tra di loro in un ufficio, un azienda etc. sono dette LAN (Local Area Network). Gli utenti di una LAN possono condividere fra di loro le risorse quali

Dettagli

Reti di calcolatori. Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti

Reti di calcolatori. Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti Reti di calcolatori Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti Reti di calcolatori Anni 70: calcolatori di grandi dimensioni, modello time-sharing, centri di calcolo Anni 80: reti di

Dettagli

Perché IPv6? IPv6 sta arrivando... Marco Marletta WS9, Roma, 15-18.06.2009

Perché IPv6? IPv6 sta arrivando... Marco Marletta WS9, Roma, 15-18.06.2009 Perché IPv6? IPv6 sta arrivando... IPv4 sta finendo 2 E noi non implementiamo a sufficienza le energie alternative Pensate al termine di IPv4 come al termine del petrolio Lo so, è una similitudine ormai

Dettagli

Sistemi Operativi IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM. Implementazione del File System. Struttura del File System. Implementazione

Sistemi Operativi IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM. Implementazione del File System. Struttura del File System. Implementazione IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM 9.1 Implementazione del File System Struttura del File System Implementazione Implementazione delle Directory Metodi di Allocazione Gestione dello spazio libero Efficienza

Dettagli

CAPITOLO 1 I SISTEMI OPERATIVI

CAPITOLO 1 I SISTEMI OPERATIVI CAPITOLO 1 I SISTEMI OPERATIVI Introduzione ai sistemi operativi pag. 3 La shell pag. 3 Tipi di sistemi operativi pag. 4 I servizi del sistema operativo pag. 4 La gestione dei file e il file system Il

Dettagli

Distributed P2P Data Mining. Autore: Elia Gaglio (matricola n 809477) Corso di Sistemi Distribuiti Prof.ssa Simonetta Balsamo

Distributed P2P Data Mining. Autore: Elia Gaglio (matricola n 809477) Corso di Sistemi Distribuiti Prof.ssa Simonetta Balsamo Distributed P2P Data Mining Autore: (matricola n 809477) Corso di Sistemi Distribuiti Prof.ssa Simonetta Balsamo A.A. 2005/2006 Il settore del Data Mining Distribuito (DDM): Data Mining: cuore del processo

Dettagli

Naming nei Sistemi Distribuiti

Naming nei Sistemi Distribuiti Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Naming nei Sistemi Distribuiti Corso di Sistemi Distribuiti Valeria Cardellini Anno accademico 2008/09 Ruolo del naming nei SD I nomi in

Dettagli

Componenti della rete

Componenti della rete Componenti della rete Nodi, Link e adattatori di rete (NIC) Modulazione e Multiplexing Tipologia di cavi - wireless Correzione d errore - rete affidabile Ethernet - reti ad anello - reti wireless - reti

Dettagli

Sistemi Operativi. Organizzazione logica ed implementazione di un File System

Sistemi Operativi. Organizzazione logica ed implementazione di un File System Modulo di Sistemi Operativi per il corso di Master RISS: Ricerca e Innovazione nelle Scienze della Salute Unisa, 17-26 Luglio 2012 Sistemi Operativi Organizzazione logica ed implementazione di un File

Dettagli

Livello Trasporto Protocolli TCP e UDP

Livello Trasporto Protocolli TCP e UDP Livello Trasporto Protocolli TCP e UDP Davide Quaglia Reti di Calcolatori - Liv Trasporto TCP/UDP 1 Motivazioni Su un host vengono eseguiti diversi processi che usano la rete Problemi Distinguere le coppie

Dettagli

Reti di Calcolatori. Il Livello delle Applicazioni

Reti di Calcolatori. Il Livello delle Applicazioni Reti di Calcolatori Il Livello delle Applicazioni Il DNS Gli indirizzi IP sono in formato numerico: sono difficili da ricordare; Ricordare delle stringhe di testo è sicuramente molto più semplice; Il Domain

Dettagli

Livello di Rete. Gaia Maselli maselli@di.uniroma1.it

Livello di Rete. Gaia Maselli maselli@di.uniroma1.it Livello di Rete Gaia Maselli maselli@di.uniroma1.it Queste slide sono un adattamento delle slide fornite dal libro di testo e pertanto protette da copyright. All material copyright 1996-2007 J.F Kurose

Dettagli

Tecnologie per il web e lo sviluppo multimediale. Reti di Calcolatori e Internet

Tecnologie per il web e lo sviluppo multimediale. Reti di Calcolatori e Internet Tecnologie per il web e lo sviluppo multimediale Reti di Calcolatori e Internet Luca Pulina Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Università degli Studi di Sassari A.A. 2015/2016 Luca Pulina (UNISS)

Dettagli

Reti di elaboratori. Reti di elaboratori. Reti di elaboratori INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042)

Reti di elaboratori. Reti di elaboratori. Reti di elaboratori INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042) Reti di elaboratori Rete di calcolatori: insieme di dispositivi interconnessi Modello distribuito INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042) Funzioni delle reti: comunicazione condivisione di

Dettagli

Service e Switch Recovery

Service e Switch Recovery Service e Switch Recovery Marcello Maggiora Antonio Lantieri Politecnico di Torino Agenda L infrastruttura di rete del Politecnico di Torino Aree di sviluppo: Performance, Mobilità e Reliability Alta affidabilità

Dettagli